Issuu on Google+

24  novembre  2010   [BANDA  BARZOTTI  -­‐  PAGELLE]                                                                                             SQUADRA  (voto:6+)   Banda   Barzotti-­‐   stanchezza   fisica   e   pressione   mentale   da   primi   della   classe   hanno   condizionato   la   prima   metà  della  partita:  grossolani  errori  nei  diversi  reparti  hanno  mandato  i  barzotti  nel  pallone,  mantenendo   sempre  e  comunque  il  controllo  della  gara;  nel  secondo  tempo  la  forza  della  squadra  ha  riportato  serenità   nei  ranghi,  confermando  tutto  quello  fino  a  questo  momento  costruito:  aggressività,  forza,  velocità,  tecnica,   agilità.   La   vittoria   (due   i   gol   di   scarto   rifilati   a   “L’Idea   c’è”),   tuttavia,   è   stata   pienamente   meritata   dalla   Banda   Barzotti   che   con   un   colpo   di   coda   si   allontana   inesorabilmente   dagli   avversari   lasciandoli   lì,   tra   rammarichi  e  inutili  contestazioni.   @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@  

ALOSI  STEFANO    (voto:  7)   Il   Meticcio-­‐   Non   esiste   un   reparto   dove   non   riesce   ad   esprimere   le   sue   capacità:   attacco   o   difesa   che   sia   lui   vende  cara  la  sua  pellaccia,  castigando  gli  avversari  con  anticipi  netti  e  dribbling  asfisianti.  Come  un  indiano   apache   nel   secondo   tempo   dissotterra   l’ascia   di   guerra   e   conquista   un   gol.   Tutta   la   partita,   però,   è   condizionata   dalla   stanchezza   muscolare   che   lo   porta   a   sbagliare   un   tiro   libero.   Il   rammarico   può   essere   grande,  ma  tieni  duro  campione:  uno  sguardo  alla  classifica  ti  farà  tornare  il  sorriso.     BERTA  JACOPO  –  (voto:  6/7)   Azzecca   Garbugli-­‐   Scaltro   come   una   faina   e   veloce   come   la   folgore:   gli   avversari   non   hanno   di   che   rammaricarsi  se  non  riescono  ad  oltrepassare  il  terreno  fitto  di  trappole  innescate  da  Berta  che  ne  sa  una   più   del   diavolo:   salva   la   squadra   diverse   volte   ma   il   rivale   numero   9   è   una   spina   nel   fianco.   Si   concede   qualche   percussione   in   attacco,   ma   torna   presto   al   suo   posto   nella   retroguardia   dove   blocca   gli   attacchi   nemici.   Conquista   due   tiri   liberi   malamente   sprecati   dalla   squadra;   quello   calciato   da   lui   finisce  sui  piedi  del   portiere  che  blocca  il  suo  primo  possibile  gol  in  campionato.       GIVONE  ALESSANDRO  –    (voto:  6.5)   Tex  Willer-­‐  Cappellaccio,  speroni  e  Colt  per  il  perno  della  retroguardia  barzottiana  che  rispedisce  a  casa  i   fuorilegge  ogni  volta  che  cercano  di  intrufolarsi  nell’area  di  rigore.   Nel  pre-­‐partita  si  lascia  sfuggire  qualche   preoccupazione   circa   la   sua   condizione   fisica,   ma   quando   scende   in   campo   la   sete   di   vittoria   gli   fa   dimenticare   ogni   asperità   fisica   e   mentale,   concedendosi   anche   qualche   cavalcata   sulla   fascia,   causa   di   non   pochi  problemi  per  gli  avversari.  Salta  in  sella,  cowboy,  e  portaci  lontano  in  classifica.     MASSOLA  FEDERICO  –  (voto:6.5)   Carburante   Diesel-­‐   La   dicotomia   di   questo   formidabile   portiere   si   traduce   in   due   espressioni   della   sua   bravura  separate  da  un  baratro  tra  il  primo  ed  il  secondo  tempo  della  partita:  uno  influenzato  da  qualche   errore   e   insicurezza   tra   i   pali,   l’altro   ricco   di   salvataggi   e   parate   irresistibili.   Come   un   motore   a   gasolio,   infatti,   solo   dopo   il   rodaggio   della   prima   frazione   di   gara   Massola   riesce   a   recuperare   quella   condizione   che   ha  portato  serenità  alla  squadra.  Il  conteggio  è  di  5  reti  al  passivo,  quasi  tutte  incassate  nei  primi  25  minuti.   Prima  della  partita  si  consiglia  una  controllata  all’olio  e  una  golata  di  paraflu.       MOSCA  PEDRO’  FILIPPO  -­‐  (voto:7.5)   Pentium   II-­‐   Rapido,   preciso   e   rivoluzionario:   come   il   più   potente   dei   processori   il   Mosca   non   delude   nemmeno   questa   partita   che   conclude   con   2   golassi   dei   suoi.   La   sua   presenza   in   campo   incide   sulle   prestazioni  della  squadra  in  maniera  netta:  crea  spazi,  fa  girare  il  pallone,  realizza  giocate  incontenibili;  un   bomber   di   razza   che   approda   in   un   torneo   che   potrebbe   andargli   stretto,   ma   sicuramente   gli   assicura   di   mettere   in   mostra   le   sue   abilità.   Aziona   il   turboBoost   in   varie   occasioni   e   delega   alla   scheda   madre   i   lavori   i   casa.     SCICCHITANO  MATTEO  –  (voto:7.5)   Astrologo   Trasformista-­‐   Le   distanze   siderali   non   lo   spaventano   e   conscio   delle   sue   capacità   calcia   il   pallone   da   posizioni   improponibili;   i   vari   tentativi   finiscono   con   un   conteggio   finale   di   2   siluri   andati   a   segno   e   varie  


24  novembre  2010   [BANDA  BARZOTTI  -­‐  PAGELLE]                                                                                           bombe  intercettate  dal  portiere  avversario.  Il  nervosismo  accumulato  durante  la  settimana  muta  in  alcuni   attimi   la   sua   prestazione,   condizionando   il   gioco,   ma   tosto   recupera   e   fa   valere   il   suo   fisico.   Spostando   avversari  e  difendendo  il  pallone  con  unghie  e  denti  avvicina  tutta  la  squadra  alla  porta  rivale,  concedendosi   in   dribbling   e   tocchi   di   prima.   Sagittario:   la   prossima   partita   è   consigliata   una   camomilla   per   distendere   i   nervi  e  per  rilassare  le  tensioni.     VNOUCEK  LORENZO  –    (voto:  8)     Silvan-­‐  Il  doppio  fondo  del  suo  cilindro  sembra  infinito:  non  solo  termina  la  partita  con  2  reti  all’attivo,  ma   confeziona  pacchetti  regalo  per  i  suoi  compagni  sotto  forma  di  assist  che  hanno  del  magico.  Grande  abilità   nella  conclusione  e  visione  di  gioco  a  360  gradi  sono  solo  alcune  delle  sue  peculiarità:  qualcuno  narra  che  in   passato   fece   un   patto   col   diavolo   per   diventare   così   abile   nel   gioco   del   calcio,   ma   sono   solo   voci;   la   realtà   è   che  il  pallone  è  suo  amico  e  Vnoucek  riesce  a  domarlo  come  vuole.     p.s.-­‐Ricordati  di  togliere  la  colomba  dal  cappello!!!          


PAGELLE- Banda Barzotti - 24 Novembre 2010