Issuu on Google+

Speciale Elezioni: 8, 9 e 10 maggio 2012 “Un Paese sta in piedi solo nella misura in cui è capace di investire nell'educazione dei propri giovani”

Noi di

Ateneo Studenti– Lista Aperta siamo un gruppo di studenti a cui

interessa

prendere sul serio la nostra esperienza universitaria, non in nome di un’ideologia rivoluzionaria o di un interesse partitico, ma perché è qui che noi incontriamo professori appassionati all’insegnamento, compagni con i quali condividere l’esigenza di conoscere, siamo noi stessi protagonisti di iniziative culturali (come l’incontro con l’astronauta Paolo Nespoli o con il dottor Zomegnan, il viaggio al CERN di Ginevra o al Parlamento europeo di Bruxelles), di orientamento e di aiuto allo studio. È proprio in forza di questa positività presente che ha senso, all’interno di un’amicizia coinvolgente, continuare a lavorare e vivere questa realtà a 360 gradi. La rappresentanza studentesca è il primo strumento concreto con cui possiamo dare il nostro contributo e incidere positivamente nell’Ateneo e nella nostra facoltà in modo da migliorali: una buona didattica, delle strutture adeguate dove fare lezione, dei bagni puliti, un buon sistema di diritto allo studio, ecc… L’8, il 9 e il 10 maggio ci saranno le ELEZIONI STUDENTESCHE per il rinnovo di tutti gli organi accademici:  gli appena costituiti Consigli di dipartimento e i Consigli di corso di laurea  gli organi centrali (Consiglio di Amministrazione, Senato Accademico, CTS dell’ARDSU, CUS, e il Consiglio degli studenti). L’interesse per i bisogni reali degli studenti, e non per un’ideologia politica, ci permette di essere una lista fuori dagli schemi, apartitica, in grado di riunire persone di vari orientamenti politici, affrontando l'esperienza della rappresentanza in maniera libera e originale, aperta al dialogo e al lavoro con tutti. Proprio per questo, ti chiediamo di votarci alle elezioni dell’ 8, 9 e 10 maggio!


PROGRAMMA ELETTORALE In questo periodo di crisi, avvertiamo la necessità di ripartire dall’educazione e dai giovani ed è quindi decisivo che lo Stato investa su un’Università che metta al centro noi studenti e tutto il contesto che ruota attorno a noi. Gli studenti sono la risorsa, non il "problema" dell'Università e del Paese! Il nostro essere apartitici e fuori dagli schemi, ci permette di non dover rendere conto a nessun partito o sindacato delle decisioni assunte e delle scelte operate. Vogliamo costruire qualcosa di nuovo e originale in Università a partire dagli studenti e dalla realtà che viviamo. Scegliamo un ATENEO in cui i protagonisti siano gli STUDENTI: questo è ciò in cui crediamo, questa è l’Università che abbiamo in mente!

A) Un Ateneo a misura di Studente 1) Didattica e Valutazione: Purtroppo stiamo assistendo ai tagli all’offerta didattica, causati dallo scarso finanziamento statale. Ci impegneremo per mantenere la più ampia offerta didattica possibile e, dove sia necessaria una razionalizzazione, chiederemo che siano salvaguardati i corsi di laurea con maggiore valenza culturale. Ci impegneremo affinchè i requisiti di accesso alle lauree magistrali non siano troppo stringenti e soprattutto gli eventuali sbarramenti non abbiano valore retroattivo. La valutazione è un ottimo strumento per migliorare la didattica, anche se gli attuali questionari risultano poco efficienti e inadatti alle necessità dei singoli Corsi di Laurea. Lavoreremo in tutti gli organi per far fronte a questa situazione, anche rendendo pubblici i risultati la valutazione. 2) Tasse: Abbiamo assistito ad un aumento delle tasse per molti studenti, in particolare per coloro che (spesso per disinformazione) non presentano richiesta di riduzione delle tasse: continueremo ad opporci ad ogni provvedimento che miri ad aumentare le tasse universitarie (senza che a questo segua un reale incremento dei servizi offerti) e ci impegneremo a pubblicizzare la modalità di compilazione del RID. 3) Protagonismo Studentesco: Un'università viva deve favorire il protagonismo degli studenti, singoli o associati. La valorizzazione della loro presenza attiva e creativa non può essere considerata una gentile concessione dell'istituzione. Anche nell’erogazione di alcuni servizi essenziali alla comunità universitaria (orientamento, tutorato, servizi editoriali e librari, alloggi) gli studenti possono dare un contributo decisivo, mettendo a frutto le loro capacità. Ad esempio, gli spazi “abbandonati” (come il SEU) possono essere riaperti attraverso il coinvolgimento diretto degli studenti, andando così ad ampliare i servizi erogati. Continueremo a proporre iniziative (come l’incontro con l’astronauta Paolo Nespoli e il dott. Angelo Zomegnan) e viaggi (come al CERN a Ginevra o al Parlamento europeo a Bruxelles) culturali, come opportunità di approfondimento che partono dalla libera iniziativa di noi studenti. 4) Orientamento al lavoro e tirocini formativi: E’ importante incrementare i momenti pratici e professionalizzanti di formazione, complementari alle lezioni. 5) Uniformazione del sistema bibliotecario: Chiederemo la possibilità per ogni studente di accedere a tutti i servizi bibliotecari d’Ateneo con una sola iscrizione. 6) CUS: Quello che proponiamo al "Comitato per lo Sport Universitario" è: continuare a migliorare l’offerta di impianti e discipline esistenti, vigilando sulla realizzazione dei progetti approvati e valutando la realizzazione di nuove strutture; rimuovere gli aspetti burocratici riguardanti il tesseramento al CUS stesso (iscrizione contestuale a quella accademica) e digitalizzare l’iscrizione ai tornei che vengono organizzati, per snellire le file alla segreteria; far aprire all'interno del CUS una Sala Studio con accesso alla rete wireless del centro Serra; richiedere la costruzione di una struttura adibita all'attività di sala: corsi di ballo, tennistavolo, arti marziali, aerobica, etc... 7) L’Urgenza dell’Internazionalizzazione: Nell'attuale contesto, sempre più "globalizzato", diventa ancor più cruciale la capacità di stabilire rapporti e scambi con gli atenei stranieri. E' necessario incentivare le possibilità di soggiorni di studio all'estero (favorendo le mete oltreoceano), aumentare il numero delle convenzioni, semplificare i


procedimenti burocratici per il riconoscimento degli esami sostenuti ed incrementare i contributi per gli studenti.

B) Diritto allo Studio 1) Borse di Studio: L’erogazione delle borse di studio rappresenta una parte fondamentale ed irrinunciabile del sistema del Diritto allo Studio. Obiettivo fondamentale è il mantenimento del 100% delle borse di studio erogate effettivamente rispetto agli aventi diritto. 2) Residenze Studentesche: Cercheremo di permettere a tutti i vincitori dell’alloggio l’effettiva e rapida assegnazione dello stesso, magari con l’allestimento di nuovi alloggi. 3) Servizio Ristorazione: Nelle mense universitarie vorremmo introdurre la possibilità per tutti gli studenti di fare colazione a prezzi agevolati. Inoltre proporremo il miglioramento della qualità della mensa, sia attraverso la riduzione dei tempi d’attesa sia nella qualità e varietà del cibo offerto. Ci proponiamo anche di rivedere la fasciazione della mensa, chiedendo l’introduzione di almeno un’ulteriore fascia che, in ossequio del criterio della progressività contributiva, abbassi il costo del pasto per gli studenti meno abbienti. 4) Attività culturali: Cercheremo di incrementare i momenti culturali e ricreativi offerti dal DSU (biglietti agevolati per spettacoli teatrali o cinematografici, fondi per attività studentesche, ecc.). 5) Diritto allo studio senza barriere: ci continueremo ad impegnare per l’abolizione di ogni tipo di barriera che ostacoli una piena integrazione o limiti la reale possibilità di un pieno accesso agli studi. Il Diritto allo Studio dovrebbe incentrarsi su quattro principi: generalità, per essere rivolto a tutti, equità, per continuare a tutelare i “meritevoli benchè privi di mezzi”, sussidiarietà, perché dovrebbe valorizzare le realtà presenti sul territorio, libertà di scelta, per favorire la mobilità e lo scambio di esperienze.”

C) La Città Universitaria 1) Carta “Studenti Universitari”: Vorremmo potenziare i servizi che attualmente offre la “Cartapiù”, in modo da usufruire di sconti, servizi e agevolazioni presso gli esercizi della città di Pisa che aderiscano all'iniziativa. 2) Trasporti: Per migliorare e velocizzare gli spostamenti di noi studenti, è fondamentale aumentare la rete dei trasporti all'interno della città ed, in particolare: potenziare il servizio cittadino dei trasporti anche in orario notturno, e intensificare il collegamento tra la stazione centrale e le varie facoltà; stipulare convenzioni con le Ferrovie dello Stato, per rendere i viaggi meno costosi; per agevolare gli studenti che si spostano in automobile sarebbe importante rivedere le convenzioni esistenti con la PISAMO (società comunale che gestisce la mobilità di Pisa), per i parcheggi limitrofi alle facoltà.

D)

Dottorandi

1) borse: incrementare la qualità e la quantità delle borse di dottorato 2) aumento della qualità dell’offerta didattica formativa, con corsi di formazione specifici da organizzare anche in collaborazione con altre Università nazionali e internazionali 3) essendo presenti al CNSU tramite il CLDS, abbiamo la possibilità di interrogare direttamente il ministro sul futuro dei nostri dottorandi, in particolare su sblocchi delle assunzioni e possibilità di poter continuare l’attività di ricerca negli anni successivi al dottorato in maniera dignitosa e continuativa


Contatti Facebook: Ateneo Studenti-Lista Aperta Pisa Mail: info@ateneostudentipisa.org


Programma 2012