Page 1

e i r o m e M a t s i t r a n d ’u

IVO DAVID


e i r o m e M a t s i t r a n d ’u

IVO DAVID FLORIDA, USA


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

COVER ILLUSTRATIONS Ivo David: "Self portrait with easel" Oil on canvas: 24"x36"- Private collection (USA)

"MEMORIE D’UN ARTISTA" First Edition 1994 Edition II Ponte- Italo /Americano N.Y., New York, ( USA) 2nd Edition, 2012 ABC Printing Company Vero Beach, Florida, (USA) Copyright C. 1999 Ivo David Registration Copyright Office Library of Congress Washinghton, D. C. TXu000924610 1999 All rights reserved. No part of this publication, including any of the illustrations, may be reproduced or transmitted in any form or by any means, electronic or mechanical, including photocopying, recording or by any information storage and retrieval system, without permission in writing from the publisher, except by the the reviewer who may quote brief passages in a review. Printed in the United States of America II


e i r o m e M a t s i t r a n u d’

IVO DAVID


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO, QUATTRO MESI, CON LA MADRE, 1935

IV

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

OLGA CLARICE DAVID

D’UN

ARDUINO DAVID

Alla memoria di mia moglie Nancy R. David, di mia madre Olga Clarice David e di mio padre Arduino David, grande artista di pittura e disegno, che ..."m’insegnó l’Arte per non farmi morire..."

NANCY R. DAVID MOGLIE DI IVO DAVID

IVO A 1 ANNO DI ETÀ CON LA MADRE.

V

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

AL, SILVIO, BRUNO AND IVO (JOHN DAVID IN BACKGROUND)

NANCY AND IVO DAVID 1963

GRAN MOTHER GIUSEPPINA VARRICCHIO IN LEPORE AND GRAN FATHER MARIO LEPORE I NONNI DI SAN LEUCIO DEL SANNIO, PROV. BENEVENIO, ITALIA AL AND EVA

VI


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "OMAGGIO A DANTE ALIGHIERI" COLLEZIONE PRIVATA, NY (USA)

VII

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "FARMERS,CRAMBURY NEW JERSEY’’ OIL ON CANVAS, 24’’X30’’,1996 YVONNE AND SILVIO DAVID COLLECTION, FL (USA)

VIII

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "LE DEJEUNIER SUR LA PLAGE" REVISED 2001 CHARCOAL SKETCH (SEE ORIGINAL OIL PAINTING PG.108)

IX

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: PRELIMINARY SELF PORTRAIT OIL ON CANVAS 2012,18"X24" PRIVATE COLLECTION, (USA)

X

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

LETTER OF THANKS, 1962 JACQUELINE F. KENNEDY WHITE HOUSE, WASHINGTON, DC IVO DAVID: "L'ARLECCHINO THE JESTER" WATER COLOR 1960 ON PAPER JACQUELINE KENNEDY COLLECTION WASHINGTON, DC (USA)

IVO DAVID NEAR HIS "MOTHER AND CHILD" (GOLD LEAFS ON BOARD) GALLERIA DEL PONTE NAPOLI, IT 1960 JF KENNEDY COLLECTION WHITE HOUSE, WASHINGTON, DC (USA)

IVO DAVID NELLA GALLERIA DEL PONTE A NAPOLI CON (S-D) GIUSEPPE GAMBARDELLA, GUSTAV LO RUSSO, IVO DAVID, ANTONIO RUSSO ARTISTI.

XI


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "SCRUPINE TREE 3RD AVE NAPLES, FL" OLIO SI TELA 24''X30'' 2012 ARTIST'S COLLECTION

XII

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

INDICE PREFAZIONE............................ Orazio Tanelli.............................XVIII PREMESSA................................ IVO DAVID...................................XXI

GIUDIZI CRITICI Mario Albertazzi, Michele Alemanno, Carlo Barbieri, Rosalba Masone Beltrame, Pietro Bertuccelli, Ninnj Di Stefano Busá, Franco Calabrese, Paul Courget, José Van Roy Dalí, Rudy De Cadaval, Francesco Di Napoli, Mario Fratti, Corrado Gizzi, Pino Lombardi, Carmine Manzi, Vincenzo Rossi, Antonia Mastrocristino Sirena, Michele Sisca, Orazio Tanelii, Filippo Tintoretto, Carlo Viola, Carmelo R. Viola, Catherine Wall, Saverio Scutellá, Lucio Zinna CANTI SANNITI Italia mia................................................................................................. 5 Ricordo di mio padre............................................................................. 7 San Nicola Manfredi.............................................................................. 9 Canto del ritorno................................................................................. 11 Il silenzio della valle............................................................................. 13 Visione della morte ........................................................................... 15 Come Paul Gauguin............................................................................ 17 La pace francescana............................................................................ 19 Voglio tornare...................................................................................... 21 Freme la mia anima d’artista.............................................................. 23 Ritorno all’infanzia............................................................................... 25 AlmaTellus............................................................................................ 27 La voce del vento................................................................................ 29 Cimitero sannita................................................................................... 31 Elegie Americane Ricordo della mia terra........................................................................ 37 La mia libertà....................................................................................... 39 Amore della solitudine........................................................................ 41

XIII


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Canto dell’esule................................................................................... 43 Sogno d’un artista............................................................................... 45 Ricerca esotica..................................................................................... 47 Paesaggi dell’anima............................................................................ 49 Lidi utopici............................................................................................ 51 La tua pelle........................................................................................... 53 Il crepuscolo......................................................................................... 55 Ricordi di guerra.................................................................................. 57 L’Italia d’oggi........................................................................................ 59 Mito d’infanzia..................................................................................... 61 Sicilian Queen of Beauty..................................................................... 63 Thank You, Grobachev........................................................................ 65 RAPSODIE DELLA TERRA Letter Prof. Corrado Gizzi....................................................................... Rapsodia natalizia................................................................................ 71 Sentiero d’infanzia............................................................................... 73 Il profumo della tua bellezza.............................................................. 75 La pioggia............................................................................................ 77 Dipingo di notte.................................................................................. 79 Fantasia di un artista........................................................................... 81 Pasqua di Resurrezione....................................................................... 83 Infanzia sannita.................................................................................... 85 Sogno e realtà...................................................................................... 87 Insufficienza dell’arte........................................................................... 89 La vecchiaia.......................................................................................... 91 La furia del vento .............................................................................. 93 Il giardino di Mnemosine.................................................................... 95 L’autunno.............................................................................................. 97 La vita.................................................................................................... 99

XIV

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La mia arte.......................................................................................... 101 Vita d’un genio................................................................................... 103 I miei sogni......................................................................................... 105 Giorno di gioia................................................................................... 107 Firenze Hotel Carolus........................................................................ 109 Un antico amore................................................................................ 111 Ignaro della vita................................................................................. 113 Non posso sorridere.......................................................................... 115 Giovane amore.................................................................................. 117 Labellezza della mia donna.............................................................. 119 Una favola antica............................................................................... 121 Destino dei figli.................................................................................. 123 Canto d’emigrante............................................................................ 125 La speranza........................................................................................ 127 La zingara nella grotta....................................................................... 129 La notte di Venerdì Santo................................................................. 131 Colombo............................................................................................ 133 II ritorno.............................................................................................. 135 Natale a New York............................................................................. 137 Al poeta Orazio Tanelli...................................................................... 139 TRADUZIONI E POESIE DEDICATE AD IVO DAVID Al pittore Ivo David di Orazio Tanelli............................................... 147 Il vero Natale di Orazio Tanelli......................................................... 148 Paesaggio montano di Orazio Tanelii.............................................. 149 A Ivo David cantore del colore di Ninnj Di Stefano Busa.............. 150 O Ivo David, Artiste quintessential ! di Catherine Wall.................. 151 To The Founder of Fusionism di Orazio Tanelii............................... 152 Ode to Ivo David di Catherine Wall................................................. 153

XV

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

All’Artista Ivo David di Santina Arigoni Tatar.................................. 154 Al pentristro Ivo David di Corrado Lepore Reviziis Enrico Mingo.155 Je veux revenir di Ivo David Trad. Paul Courget............................. 156 Mon Italy di Ivo David, Trad. Paul Courget...................................... 157 Je me souviens de mon pére di Ivo David, Trad. Paul Courget.... 158 Jeune amour di Ivo David, Trad. Paul Courget............................... 159 Enfance Samnite di Ivo David, Trad. Paul Corget........................... 160 Le parfum de ta beauté di Ivo David, lrad. Paul Courget.............. 161

XVI

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Caron Dimonio Il dipinto Caron Dimonio eseguito da Ivo David, è una delle tante illustrazioni della Divina Commedia alla quale l’artista italo-americano ha dedicato più di un decennio. Caronte è uno dei tanti personaggi danteschi raffigurati nel suo stile fusionistico. Cfr. Inferno, III, 82-117. Il gigantesco nocchiero domina tutta la scena delle anime trasportate all’Inferno. I peccatori sono nudi, sbandati e confusi, anche a causa del movimento vorticoso delle acque. Il Nocchiero, vecchio bianco per antico pelo e con gli occhi di brace, ruota su se stesso per percuotere fortemente le anime infernali. Cosicché, Caronte forza le anime a salire sulla barca, percuotendole col remo. Osservando il dipinto più attentamente, si nota un ponticello che conduce alla città del male. Nella parte

XVII

Caron Dimonio bassa del quadro vPe raffigurato Dante svenuto, steso al suolo e sostenuto da Virgilio. Alla sinistra si eleva una conchiglia mostruosa di grandi proporzioni come un gigante astratto che guarda le anime dall’alto. Infine, le montagne fusionistiche formano lo sfondo del dipinto e sono traforate da porte infernali che conducono i peccatori ai diversi gironi.


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

PREFAZIONE Con molto piacere e viva partecipazione presentiamo questa silloge poetica di Ivo David, noto artista italo-americano, che è nato a San Leucio (Benevento) il 22 novembre 1934, ma ha trascorso l’infanzia e la prima giovinezza a San Nicola Manfredi (BN). Ivo David risiede nella città di Vero Beach, Florida ed è conosciuto più come pittore che come poeta. I testi poetici qui contenuti, riveduti e aggiornati, indicano la sua vocazione artistica anche nel campo della lirica. Il volume è corredato da riproduzioni dei suoi quadri, schizzi e fotografie che ci fanno conoscere l’uomo e l’artista. I giudizi critici, formulati da scrittori nazionali e internazionali, sono rivolti più alla sua arte pittorica che alla sua poesia, ma sono essenziali per comprendere il suo mondo e la sua personalità. La raccolta di queste poesie ci farà conoscere Ivo David sia come poeta che come pittore, fondatore e promotore del Fusionismo sin dal 1956. Fra i molti premi da lui ricevuti bisogna menzionare il Primo Premio della Follia di New York ottenuto per la presentazione del suo capolavoro Diana dopo il bagno. David è membro onorario dell’Accademia dei Micenei, dell’Accademia di Paestum e dell’Accademia Internazionale delle Belle Arti del Périgord di Bordeaux. Con molta ricerca ed assiduo lavoro siamo riusciti fortunatamente a scavare, raccogliere e mettere insieme queste poesie scritte dal pittore-poeta in differenti periodi della sua vita qui negli USA e in differenti stati d’animo. Non siamo riusciti, però, a stabilire il loro ordine cronologico, poiché i testi originali non contengono nessuna indicazione di data. Abbiamo strutturato il libro seguendo la tematica: i Canti con le memorie dell’infanzia; le Elegie con la problematica sociale; le Rapsodie con il canto nostalgico della fedeltà alla terra. Le sue poesie sono ricche di un linguaggio che è capace di scavare nei meandri più profondi della sua psiche umanistica e libertaria. Questi testi dimostrano chiaramente come egli sia un uomo di profondi sentimenti, uno studioso di letteratura e filosofia, un intellettuale che non ha mai abbandonato la sua arte preferita: la pittura. La sua venuta in America nel 1962 non è stata affatto un passo indietro nel mondo dell’arte, poiché egli era già molto conosciuto in Italia e venne invitato qui proprio per partecipare ad una mostra a New York. Una volta rimasto negli Stati Uniti, dov’era il resto della sua famiglia, Ivo David ha saputo elevarsi in questo mondo di contraddizioni e di burocrazia. Le più note gallerie gli richiedono di esibire i suoi dipinti, le più note accademie lo invitano a diventare loro membro. La sua tecnica paesaggistica si rivela sia nella sua arte pittorica che nella sua poesia. Da un’attenta lettura di queste Memorie d’un artista ci si

XVIII


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

rende conto del suo sentimento proteso verso il paesaggio, il recupero del mito dell’infanzia, la tematica antibellica, l’analisi della problematica sociale in rapporto al proprio io. Le immagini poetiche hanno un valore cromatico così come chi le possa ritrarre sulla tela mediante i colori e nella poesia mediante le parole. La sua tematica poetica e pittorica contiene un messaggio etico che non si esaurisce in un vano spiritualismo, ma scandisce gli elementi essenziali per il recupero dei valori umanistici, libertari e morali che oggigiorno vanno sempre più alla deriva. Un alto significato simbolico e catartico emerge da queste poesie scritte col cuore di artista, con la nostalgia della terra natia, con l’intenzione di non rinunciare al passato, alla storia, alla Bibbia, all’etica cristiana, alla ragione, al sentimento, alla pace, alla libertà. Ivo David, in tal modo, risulta poeta del colore e pittore della poesia, così come è stato spesso affermato di lui e della sua arte fusionistica da parte di molti critici qui negli Stati Uniti ed all’estero. Questi testi poetici di Ivo David si distinguono per l’incisività del linguaggio, l’icasticità delle immagini, il contenuto altamente esistenziale e la costante ricerca della libertà. I ricordi diventano sacra liturgia nel tempio della memoria e conducono al mito dell’infanzia che si evolve mediante un linguaggio metaforico ed emblematico. Nel suo mondo utopico la libertà e la speranza coesistono e si integrano in uno spazio che non ha limiti cronologici né margini temporali, in una visione cosmica che non ha un principio né una fine. Il microcosmo diventa macrocosmo: la memoria rompe i margini della siepe alla laguna, dilata il microcosmo dell’anima, proiettando gli ideali umanisticoesistenziali in un futuro inafferrabile, in uno spazio atemporale accessibile solo nelle visioni apocalittiche. Come nella pittura lo strumento dell’artista Ivo David è il colore, così nella poesia è la parola: essa nasce nella terra della libertà con nuovi significati e nuove connotazioni, con nuovi valori semantici e nuove risonanze mitiche. Ma il ritorno alla realtà (specialmente alla problematica sociale) indica un’odissea umanistica che si svolge al di qua dell’utopia della libertà, al di qua della ricerca di "virtù e conoscenza"; il nostro poeta-artista ha avuto il coraggio di attraversare le Colonne d’Ercole per avventurarsi nel mondo metafisico della Trascendenza, per raggiungere un oceano ignoto alla ricerca di un mondo utopico di felice memoria dantesca nell’esaltato mito di Ulisse. Egli però non ha avuto il coraggio di tornare indietro e riabbracciare la "bella Italia amate sponde". Cosicché l’esilio volontario è diventato il tormento del naufrago in cerca di nuove scogliere, l’indagine del pescatore che non può ritrovare il lido del paese natio. Alla nostalgia della patria lontana si amalgama il sentimento del tempo che, tramite la memoria, fa recuperare al poeta quei valori autentici che erano insiti in lui nella primavera della vita. —Orazio Tanelli Docente Universitario Verona, New Jersey - USA XIX


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "L'ESAME DELLA FEDE (DETTAGLIO) OLIO SU TELA 1990 24"X36", 1990 ILLUSTRAZIONE DELLA DIVINA COMMEDIA, PARADISO CANTO XXV PRIVATE COLLECTION

XX

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

PREMESSA Queste poesie, se cosí esse si possono chiamare, sono il frutto del mio "estro d’artista"come molti dicono, "un artista che ha veduto e vede le cose proprio attraverso uno spettro differente di quello del vero poeta". lo sono il primo ad affermare che valgono poco o almeno non tanto quanto il mio cuore e la mia anima avrebbero desiderato. Queste riminiscenze o ricordi sono state abbozzate tempo fa quando la nostalgia della mia bella Italia offuscava la mia mente ed opprimeva il mio animo; esse furono da me scribacchiate per nessuna occasione o ricorrenza speciale. Allora il mio cuore cosí volle dettarle alla mia mente quale suo Autore. Il mio "estro d’artista" si spazia nell’infinito ammirando tutto ciò che mi circonda in questo mio esilio volontario dimenticandosi delle contingenze e delle convenienze. Ora, con i colori e disegni, fondo sulla tela I miei Sogni con la Realtá. Pur vivendo una vita artistica a volte difficile con molte colpe e molti errori, ancora credo, che certi critici d’arte e di letteratura, più tardi, si pentiranno o per le cose che hanno detto o per l’indifferenza che hanno usato verso di me e la mia arte, Io ancora posseggo una certa vitalità che é la sola mia "raison d’être" per coloro che apprezzano il mio stile ed il carattere spirituale delle mie convinzioni artistiche. Ivo David

XXI


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID AFFIANCATO DAL DOTT MASSIMO PIVETTI E L'ARTISTA ALESSANDRO VANNINI SI CON GRATULA CON LA CITTA` DI FIRENZE E CON GLI ARTISTI ALLA BIENNALE D'ARTE 2007

IVO DAVID WITH ART HISTORIAN, CURATOR AND AUTHOR, PROF JOHN THOMAS SPIKE, DURING A CRITIQUE SESSION ON IVO DAVID'S ART AT THE 2003 BIENNALE INTERNAZIONALE DELL'ARTE CONTEMPORANEA, FIRENZE, ITALIA

XXII


Giudizi critici


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ivo David alla Les Malamut Art Gallery, Union, NJ Alla presenza di autorevoli rappresentanti del mondo della cultura, dell’arte, della politica, del giornalismo e di un numeroso pubblico è stata organizzata alla Les Malamut Art Gallery, Union, NJ (USA) una grande mostra personale del Maestro Ivo David. La mostra è intitolata The Fusionism, 1956, a One-Man show of recent paintings by Ivo David. Dal filmato ho visto quadri non visti prima; nell’insieme una stupenda impressione per quella suntuosità del colore che procede di pari passo con la sinuosità sensuale della linea tipica davidiana. Non è tuttavia un colore reale; esso ha sempre un richiamo psicologico. Nei quadri esso è un elemento essenziale, studiato, e calibrato, non è un colore descrittivo, ma introspettivo che racconta un’emozione interiore. I richiami picassiani volutamente presenti nella sua pittura fusionista (cfr. Manifesto del Fusionismo, 1956) fa sì che spesso, la pittura non sia rappresentativa, ovvero una pittura presentativa (di presenza). Il cielo, così spesso dominante, è l’elemento mediterraneo che cova nell’inconscio. É cioè un’esperienza di solarità che è diventata interiorità. I dipinti Davidiani non vanno solo guardati, ma letti per cogliere quell’affondamento psichico da cui sono generati e che è un elemento tipico di tutta la pittura di questo vulcanico artista che si serve del colore per creare immagini oniriche, non reali, con ritorni all’infanzia, alla terra natia, ai valori degli avi, al senso irruente della sua propria natura. É quello di Ivo David un mondo di evocazione dei fantasmi costruiti come immagini in dimensione emotiva, costruiti come una realtà, diversa da quella reale, vera, ma sentita come reale. É una pittura quindi che attesta un disegno di fondo, un’inquietitudine costantemente operativa, una tensione spirituale che punta al lontano, all’infinito, alla divinità, a un mondo senza barriere, senza recinti. Spesso il dentro e il fuori si confondono volutamente in un gioco per cui le masse debordano verso l’esterno e l’esterno trova il sistema d’incamminarsi verso l’interno. Tutto questo è una necessità psicologica. Il colore è l’arma potente di cui Ivo David si serve e possiede un senso e una coscienza eccezionale della magia proprio del suo disegno di inconfondibile valore,

IVO DAVID: "WALL STREET NEW YORK" OIL ON CANVAS 10"X20" ROSALBA BELTRAME COLLECTION - MILANO, ITALY tutto suo, personale nello stile col quale dà vita al pensato, al mondo interiore che urge e vuole avere propria entità, una propria autonomia. Per l’artista Ivo David non esiste un’avventura più emozionante di quella del dipingere. Il colore è veramente il suo canto continuo della fantasia mossa dalle emozioni come la sinuosità delle onde marine sempre in movimento. —Rosalba Musone Beltrame

EnfanceSamnite Enfant, j’écrasais les jeunes figues suous les dents, et je mettais des fleurs dans les cheveux des femmes. Le gibier volait bas sur le tabac de Benevento et les paysans arrivaient à la vigne. Enfant, je mangeais les amandes vertes, je suivais les couleuvres dans la haie, je lancais des cailloux sur les crapauds. Les chars armés et les autos blindées faisaient trembler mon pays, les femmes avaient peur de s’afficher aux fenêtres. En vain les mêmes femmes attendaient sur le seuil le retour des fils et des maris. —Ivo David trad. par Paul Courget

XXIV

L’opera di Ivo David Da recensioni, riviste e fascicoli, da periti della pittura e dalle foto del suo lavoro gentilmente inviatemi dall’ottimo accademico Ivo David ho potuto osservare che questo esimio artista è stato ed è un pittore di avanguardia e che la sua arte si è affermata in Europa e che si afferma sempre più in America. Il suo genio s’impone alle discussioni come originale, attraente ed interessante. Certo, ho osservato che il bravissimo Ivo ha un gran cuore, una conoscenza dell’arte di tutti i tempi, dell’umanità e una grazia squisita nella fusione dell’arte sua nelle tele che ve le fa assaporare tutte, in tutte le piccole parti — come nel suo Cristoforo Colombo — e vi prende tutti. Sarebbe impossibile una disanima di tutti i lavori di David e so che ha ricevuto i più ambiti premi in molti paesi. Chi scrive è uno dei più recenti ammiratori che si compiace della produzione dei suoi quadri che pare segnino davvero il periodo aureo del valoroso artista. —Fiorentino De Marzo


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

ALBERTAZZI, MARIO: Ivo David è un pittore erudito, sagace osservatore della vita umana il quale ha il gran merito di non appesantire, non stancare, anzi di chiarire le sue tesi, la sua filosofia... Ci troviamo di fronte ad un pittore di straordinarie capacità nella cui esperienza surrealistica sono sempre presenti il pensiero e la ragione, il che gli impedisca di raggiungere l’assurdo, il grottesco e la caricatura. (Pg. 118) ALEMANNO, MICHELE: Ivo David insegue sensazioni; il momento allucinante di visioni che si agganciano a turbolenti stati d’animo, si estrinseca in soggetti e tematiche che si rifanno a profondi e reconditi meccanismi esistenziali. Impulsivo e irruento, il colore si mescola in effetti potenti che impongono la simbiosi spirito/materia in luminescenze ricche di forti contrasti sapientemente fusi e adeguati. Gli spunti danteschi e biblici sembrano, in realtà, motivi per liberarsi da invisibili prigioni interiori, dove ogni fuga diventa conquista, pagata con la possente emotività di chi avverte le dimensioni dell’impossibile e i limiti della umana comprensione. BARBIERI, CARLO: Alla Gallerìa del Ponte, il giovane Ivo David, che è alla prima personale di pittura, già mostra di sapersi indirizzare nel senso giusto, accantonando le prove più acerbe, perseguenti fini illustrativi, ed anche ambizioni simbolistiche. Egli ora tende a ben altri risultati in un’orbita specificamente coloristica, nella sensibile interpretazione degli aspetti del reale. BELTRAME MASONE, ROSALBA: L’arte di Ivo David, cosí come l’osservo nel quadro di "New York Times Square" (oil on canvas, 24x30), offre l’impressione di un gigantesco movimento. New York è ridotto a dimensioni lillipuziane là in fondo, dove prende le mosse il messaggio di un vivere senza soste lenitive, ma per spinte e risospinte, a scatti, nei vicoli, nel chiasso, nella massa, nel caos. Nel mondo della velocità gli uomini sono diventati robot cui è negato il conforto del sogno. Si eleva sulla sinistra l’occhio strabico del semaforo con il suo linguaggio scattante, alto sulla fila assordante polverosa accaldata delle macchine. Ma sul lato destro del dipinto s’impone l’onirico, il surreale, l’inconscio: una specie di giostra con cavalli lunari, fiabeschi, che portano alberi colorati, festosi, con frutti, fiori e stelle. (Pg. XXIV) BERTUCCELLI, PIETRO: Dalle pieghe del tessuto poetico-pittorico di Ivo David emerge la validità della stesura dei testi e della presentazione estetico-ideologica che costringe la mente a profonde meditazioni ed avvia il lettore alla sicurezza dialettica ed espressiva di cui il Nostro è rinomato maestro. L’evocazione accurata, pregna di senso simbolico e metaforico, rivela la sua maturità classica e moderna, l’elaborata ispirazione poetica di Ivo David, che ci spinge a seguire il corso ampio ed attrattivo della sua esistenza e della sua vocazione artistica, esposta con sapiente intuito e penetrante psicologia. BUSÁ, NINNJ Di STEFANO: La linfa, la luce, l’emozione, alle quali Ivo David attinge colore e vita sono racchiuse nel profondo di una spiritualità emotiva originante dalla psiche, e via via, si snoda attraverso tratti sperimentalistici per raggiungere il maturo equilibrio e la visione onirica di una tematica metafisica cosmica ed universale. L’elaborato poeticoXXV


I VO

MEMORIE

D A V ID

Cultura

14

D’UN

AR T I S T A

Domenica 31 ottobre 2010

Il pittore sannita Ivo David tra Italia e Stati Uniti

I colori vibranti delle profondità del cuore • Carmine MAnzi Ivo David è pittore concettuale, tutto da studiare, perché è soltanto col penetrare appieno nella vastità del suo mondo che si riesce a leggere la sua pittura. Una pittura che a prima vista già impressiona per la forza avvincente dei suoi colori: colori accesi, vibranti, che sembrano nascere dal profondo della terra e dal profondo dell’animo, pronti a sposare la bellezza ma anche la sofferenza che la vita porta con sé. Orazio Tanelli che la sua Arte mette a nudo con l’autorità che gli deriva dalla sua introspezione critica, quando dice che il David legge nel libro della natura il mistero della vita, la viltà della morte e la speranza nell’oltretomba, traccia, in effetti, quelle che sono le componenti della sua pittura, pone l’accento sul carattere metafisico delle sue composizioni, sulle valutazioni cromatiche che egli compie nei suoi lunghi colloqui con la grandezza dell’inconscio. Anche se è dal 1962 che David vive negli Stati Uniti - e quindi una quasi immedesimazione è avvenuta col mondo che lo ospita - l’Artista non tradisce tuttavia la sua origine italiana, meridionale, sannitica. Il fusionismo di cui ben si vanta di essere il creatore, avendone firmato il Manifesto nel 1956, non dico che è da spiegare con il suo temperamento irrequieto, di grande vagabondo, ma certamente le acquisizioni ideologiche derivanti da questo impatto continuo con le diverse realtà ambientali hanno contribuito nel conferire alla sua ricerca i motivi umani e spirituali di una più intima adesione con la realtà. Che sia un Artista aperto, pronto nel recepire contemporaneamente gli influssi culturali del mondo classico e del mondo contemporaneo, lo mostrano, inoltre, l’eclettismo delle sue opere ed il

facile e continuo suo amalgamare delle diverse realtà, pur restando in fondo se stesso, un pittore originale e fantastico, che riesce a scavare nei più profondi meandri della psiche e nei segreti più reconditi del subconscio - come afferma ancora il Tanelli - per ricavare quelle forme e quei colori che rappresentano un vero messaggio dell’anima. Sarà che egli possiede dentro di sé una carica di spiritualità che è inesauribile; sarà che egli ha appreso molto dallo studio dei grandi, dalla mitologia e dalle Sacre Scritture, Ivo David afferma in ogni creazione questa sua specie di avversione al meccanicismo e ad ogni sorta di materialismo, pur rimanendo soggiogato, invece, dal mito dei giganti danteschi, quasi che essi conferiscano alla sua pittura un senso di aulico, di cardinale. Eppure, il suo linguaggio, quello che deriva da questa fusione operata così alla perfezione tra il classico ed il moderno, è di una forza espressiva forse unica, in cui non si avverte che una unica voce, sempre liricamente sostenuta dai moti e dai richiami impercettibili del suo animo. Se si osserva bene, il senso del meraviglioso, del misterioso, del trascendente non risulta mai appannato od incrinato dalle ombre del dubbio; la sua pennellata scorre sempre limpida ad assecondare la luce del pensiero e si fa portavoce della ricchezza delle sue tensioni e di tutte le sue aspirazioni. D’accordo con Tanelli anche quando afferma nel suo "trattato" che David ritrova la pace e la libertà nella propria coscienza e che le sue tele fremono e vibrano sotto la tensione estrema dei colori vivi e primari che si amalgamano su linee rotonde e traducono le immagini violente della realtà per reagire agli avvenimenti esteriori che creano dolore ed angoscia: perché Ivo David non è il

XXVI

pittore di facciata, preoccupato di apparire nella sua integrità fusionale e nella sua ansia volitiva e trascendentale; egli non è il pittore che trova nelle piccole cose l’appagamento al grido interiore della sua coscienza - e sarebbe anche troppo poco per un Artista della sua elevatura ma Ivo David lancia invece la sua anima oltre il colore e, solo quando ha certezza dell’avvenuta fusione col mistero, esclama allora la sua soddisfazione, che è anche gioia e commozione. Eccezionale in alcune sue tele, fino al raccapriccio, la sua collocazione, soprattutto per la spontaneità e per l’impianto dei colori, resta in primo piano e il suo nome fa onore all’Italia, sua terra d’origine, e all’America, che è la sua fortunata terra di adozione.


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

pittorico risulta pertanto parte integrante del suo patrimonio interiore e individuale più che classico ed erudito. CALABRESE, FRANCO: Ivo David ha trovato, in Dante, l’ispirazione ideale per esprimere il suo fusionismo astratto, mirabile connubio artistico fra antico e moderno, che l’artista sigla con immagini e scene drammatiche e luminose, man mano che si trapassa dal regno del peccato infernale a quello dell’ espiazione purgatoriale e, infine, alla redenzione celeste dell’Empireo... Ivo David, con l’intelligenza creativa e la sofferenza, la genialità e il coraggio, la fede e la volontà, il sentimento e la perseveranza, tipiche doti della gente del nostro Sud, ha saputo dare la scalata al Destino, regalando all’umanità, dispersa e ondivaga, un magico raggio di luce e di speranza. COURGET, PAUL: La quête artistique d’Ivo David est tournée vers la condition humaine et sociale, perçue et évoquée dans la dimension eschatologique de la vie et de la mort. II s’inspire des tendances pictoriales contemporaines (cubisme, surréalisme, fauvisme, dadaisme, futurisme, expressionisme, impressionisme, art abstrait...), mais ne devient pas esclave d’elles, au contraire, il les domine toutes, gràce au fusionisme des couleurs qui est une technique nouvelle, authentique et originale. DALÍ, JOSÉ VAN ROY: L’eco del Fusionismo - fondato da Ivo David nel 1956 - giunse in Italia quando ero ancora un adolescente... L’Opera di questo pittore - quasi per machiavellico estro della natura, insito nella sua capace tecnica - associa magistralmente l’immediata brillantezza cromatica di Miró alla ricercatezza culturale di Dalí; i capaci tratti di Van Gogh alle metafisiche impronte di De Chirico, i tocchi impercettibili di Rembrandt e la minuziosa insoddifazione di Cézanne alla giusta dose cangiante e raffinata di Renoir... Salvador Dalí affermò: "Da chi non vuole imitare nessuno non viene fuori nulla!" Ritengo pertanto l’impegno di Ivo David e l’amore per la pittura con cui egli si è affermato nel mondo, una giusta risposta alle "preconizzazioni paterne" su Ivo David, ed una conferma al suo ruolo di mediatore poetico, fondatore e propagatore di un "Fusionismo Universale". DE CADAVAL, RUDY: L’immagine che Ivo David propone è sempre collocata all’interno di uno spazio perfettibile, con un movimento che dal centro si espande verso l’esterno, per ripiegarsi subito dopo su se stesso, in una condizione meditativa che alla fase di riflessione aspira. Quel graffiare il colore, l’insistere sulle vibrazioni più intime, il drammatizzare la visione fino all’enfasi barocca, nel timore che il discorso piano non possa essere sufficiente a documentare la tensione interiore dell’artista. (Pg. XXX) DE NAPOLI FRANCESCO: Il significato profondo del messaggio espressivo di Ivo David è dato, a mio avviso, dalla sua disarmante immediatezza, dalla capacità assoluta di decifrare immagini sottratte alla temporalità sublimata nel suo movimento. L’Artista sa perpetrare, grazie alla magica plasticità della forme, momenti e caratteri particolarrriente emblematici e densi di contenuto con inspiegabile naturalezza e semplicità, nonostante avverta tutta la precarietà dell’esistere. XXVII


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Lettera del Prof. Gizzì ad Ivo David Fondatore Casa di Dante in Abruzzo Caro David, ricevo la tua graditissima lettera con i ringraziamenti per i miei auguri pasquali, a suo tempo inviati a te e alla tua famiglia. Ti ringrazio per la tua proverbiale sensibilità. Ti avevo richiesto in omaggio al Museo Dantesco Fortunato Bellonzi in Torre de Passeri due suggestivi oli su tela: l’interpretazione pittorica del Canto I del Purgatorio (l'incontro di Dante con Catone l’Uticense) e l’interpretazione del Canto XXV del Paradiso (esame della Fede di Dante). Purtroppo, con non poco dispiacere tuo e mio, il terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo, e L’Aquila in particolare e di cui sicuramente hai sentito parlare, ha seriamente danneggiato il complesso monumentale che comprende anche il "Museo Bellonzi". Le ultime mostre sono state allestite in Pescara. Una ditta ha preso l’impegno di ristrutturare il Castello, l’edificio che ha subito i maggiori danni, ma non ancora riceve il via. Spero di poter vedere il Castello nelle condizioni in cui era prima del sisma. Ma nutro molti dubbi. Se si dovesse avverare il miracolo, sarà mia premura scriverti per concordare la sistemazione dei tuoi due oli. Ti ringrazio ancora per i tuoi sentimenti fraterni nei miei riguardi, auguro un sereno avvenire a te e alla tua famiglia e ti prego di gradire la rinnovaa mia stima, l’incondizionata mia ammirazione per il tuo magico pennello, per la tua penna e per la tua personalità che ha pochi confronti. Un forte abbraccio. —Coìrado Gizzì

XXVIII


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

FRATTI MARIO: L’esilio volontario di Ivo David lo conduce a sentieri di libertà e al recupero dell’infanzia trascorsa nel beneventano, e alla memoria della prima giovinezza trascorsa a Napoli fra i suoi amici ( Gustav Lo Russo, Renato Bardone, Filippo Tintoretto, Domenic Cotugno, Giuseppe Arena) che con lui sviluppavano la pittura in termini fusionistici. L’originalità e l’autenticità della sua arte non escludono un ritorno al Surrealismo e all’Arte Astratta, correnti che egli supera mediante una nuova tecnica cromatica che fa di Ivo David uno dei principali protagonisti della pittura contemporanea. (Pg. 116) GlZZI CORRADO: L’artista Ivo David, partito da posizioni classicheggianti, è approdato ad uno stile personalissimo, teorizzato nel suo Manifesto del Fusionismo, divulgato nel 1956. Dopo una vasta e varia produzione, egli si è imposto un programma ambizioso, cioè quello di illustrare ed interpretare la Divina Commedia. Egli ricerca soggetti d’interesse universale che possano contribuire a rivestire di fascino l’invenzione pittorica. LOMBARDI , PINO: Il David affronta temi etico-filosofici con valenza-evocativa e con stile icastico basato sul "Fusionismo", sua tecnica fondata nel 1956. I dipinti sono di una freschezza cromatica, eccezionale. L’originale corrente fusionistica è il Fulcro Ispirante del suo pensiero poeticopittorico. Si può così osservare in un suo dipinto abbastanza grande di dimensione un’illustrazione della Divina Commedia cui rappresenta San Bernardo in preghiera verso la Vergine nell’alone della luce eterna: "...Vergine Madre, Figlia del Tuo Figlio/umile e alta più che creatura...". Spettacolare quanto emozionante. L’artista si riporta ai valori della preghiera dantesca assimilati dallo stile fusionistico. La sua produzione sta nelle composizioni grafiche-cromatiche, in special modo nel rilievo della Divina Commedia, "Dante e David", che danno al suo carattere la libertà pittoricapoetica-artistica. Molto si è detto della sua capacità e validità artistica. La realtà della sua tematica di pittore-poeta, lo porta a molti felici dovuti conferimenti. I suoi lavori sono in molte collezioni nazionali e internazionali. Finanche diverse compagnie commerciali ammirano la sua consultanza artistica. I suoi capolavori riflettono l’idea di Tiziano, Goya, Valerquez, Monet, Gauguin; ma l’immagine è figurativamente adattata dall’originalità cromatica di bellezza contemporanea...". (Pg. 76) MANZI, CARMINE: Ivo David è pittore concettuale, tutto da studiare, perchè è soltanto col penetrare appieno nella vastità del suo mondo che si riesce a leggere la sua pittura. Una pittura che a prima vista già impressiona per la forza avvincente dei suoi colori: colori accesi, vibranti, che sembrano nascere dal profondo della terra e dal profondo dell’animo, pronti a sposare la bellezza ma anche la sofferenza che la vita porta con sé.... Il suo linguaggio, quello che deriva dalla fusione operata cosí alla perfezione tra il classico ed il moderno, è di una forza espressiva forse unica, in cui non si avverte che una unica voce, sempre liricamente sostenuta dai moti e dai richiami impercettibili del suo animo. Se si osservano bene i suoi dipinti, il senso del meraviglioso, del misterioso, del trascendente non risulta maí appannato o incrinato dalle ombre del dubbio; la sua pennelleta scorre sempre limpida ad assecondare la luce del pensiero e si fa portavoce della ricchezza delle sue tensioni e di tutte le sue aspirazioni. (Pg. XXVI) XXIX


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ivo David ed il concetto d’intervento sulla realtà Che il concetto di intervento sulla realtà sia alla base della ricerca pittorica di Ivo David, ci pare componente linguistica abbastanza evidente. Un concetto di intervento che all'analisi attorno ai significati tributivi dell’opera somma una metodologia che tende ad imprimere un vitalismo d’azione proprio a quei significati. Ne consegue quella sensazione di accanimento impietoso attorno all'immagine, quel modo di portare il racconto tutto in primo piano, scandito nell’evidenza dei tempi e nell’approfondimento delle ragioni stesse del fare. Il risultato è un linguaggio niente affatto facile, talvolta burrascoso, in bilico tra il romanticismo d’origine ed i residui di una cultura che all’impressionismo paga tutti i tributi. A monte c’è l’amore per la pittura (nel senso artigianale del termine), per la pagina narrativa ricca di annotazioni pronte a suggerire soluzioni formali ambigue nelle possibilità di lettura (nel senso letterario del termine); e le implicazioni linguistiche non possono ignorare le radici di un siffatto discorso: non fosse altro per i chiari riferimenti a Birolli ed al suo concetto di moralità. Una situazione culturale, cioè, che non rinnega le derivazioni e che, al limite, potrebbe apparire in ritardo, se riferita, appunto, alla collocabilità storica d’origine. Eppure un simile discorso rimane, a suo modo, interessante per due ragioni: l’impegno d’analisi riferito alla condizione esistenziale dell’uomo, e il tentativo di riconquistare una dimensione razionale all’interno delle contraddizioni stesse che la vicenda

dell’uomo può suggerire. Da qui il temperamento di Ivo David; questo cimentarsi con l’immagine figurale piena di sviluppi nervosi e scattanti; l’impegno nell’ipotesi narrativa ispirata ad un mondo di "figure" che nascono non da fantasmi interiori ma da personaggi veri, analizzati nella fase di impatto con la realtà; questo impulso di connotazione dell’idea attraverso l’ipotetica "lineaforza". Un temperamento, dunque, attento alle ragioni sentimentali che determinano l’angoscia dell’uomo ed il conseguente tentativo di portare quest’uomo fuori dalla gabbia (baconiana) che l’opprime. E ciò senza debolezze, salvo l’ingenuità di un impulso che nel martoriare la materia vorrebbe superare la fase di sedimentazione dell’immagine a vantaggio di un’ipotesi intuitiva. Cioè, l’evidente mancanza di fiducia verso gli altri con il risultato dell’esasperazione dei mezzi (che definisce "fusionismo") espressivi, quasi a voler dimostrare l’estraneità del personaggio-uomo ai fenomeni che intorno accadono e l’opprimono. Un modo romantico, dunque, di suggerire la disponibilità all’impegno storico che si traduce in una posizione dialettica nei confronti dei due poli della ricerca: quello gestuale e materico caro alla poetica informale e quello della scansione quasi geometrica della superficie. Perché l’immagine che David propone è sempre collocata all’interno di uno spazio perfettibile, con un movimento che dal centro si espande verso l’esterno, per ripiegarsi

XXX

subito dopo su se stesso, in una condizione meditativa che alla fase di riflessioni aspira. La materia, in tal modo, si fa protagonista. Quel graffiare il colore, l’insistere sulle vibrazioni più intime, il drammatizzare la visione sino all’enfasi barocca, nel timore che il discorso pieno non possa essere sufficiente a documentare la tensione interiore dell’artista. Il mistero laico della vita si riaffaccia, allora, in un recitativo pieno di rantoli e di misteri, a confermare quell’amore con rabbia che sembra caratterizzare la posizione di Ivo David nei confronti dell’uomo. L’odio-amore diventa, cioè, aggressione e difesa ad un tempo, nell’impossibilità di ritrovare altre ipotesi risolutive fuori dalla condizione contingente. La sincerità di una siffatta scelta certamente può giustificare quella verbosità e quella mancanza di contenimento del gesto che potrebbe infastidire gli ammalati di estetismo. RUDY DE CADAVAL


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

ROSSI, VINCENZO: I lavori di Ivo David rivelano intima coerenza nella formulazione e nello svolgimento delle forme e dei segni e nella distribuzione dei colori e della luce: sia le tecnica che le tematiche sono coerenti, anche se la storia interiore non manca di segni e momenti contrastanti, i quali, però, come accade per i grandi spiriti, indicano una crisi di svolgimento, di crescita, e non una contraddizione. In tutto il corpus creativo davidiano non si riscontra la presenza di fratture, di hiatus, di rinnegamento di se stesso, bensì una costante ricerca tecnica e sostanziale in una forte matrice filosofico-letteraria: la sua sincerità di ispirazione è sempre toccante, suggestiva e coinvolgente. SCUTELLÁ, SAVERIO: Ivo David, sotto l’impulso dell’ideologia idealista e delle toorie spiritualistiche, s’ispagna alla realizzazione di soggetti fusionistici che stanno ad affermare la validità della sua arte vista allo spettroscopio di ogni Trattazione Soggettivistica. Entrando con piena convinzione nei suoi soggetti sacri, quali il "Battesimo di Gesù", sentiamo l’opera meno drammatica ma schietta nella sua concezione e neila sua esecuzione. Ne "L’Ultima Cena" la scena si svolge in una trattoria fra due gruppi rivali, "Il Cireneo", invece, contiene un’arte drammatica che incide sul dramma sacro senza misericordia. In tutte le sue opere le espressioni congeniali si amalgamano con la fantasia originale ed inventiva che rende soggetti sui generis mediante una meravigliosa tecnica espressionistica. SIRENA, MASTROCRISTINO ANTONIA: Ivo David has found the vision of creation through the spirit of what God has endowed in his poetic inspiration as a gift of talent and originality. His art originates new forms of expressions geared to spiritual subjects containing a divine message to mankind. Ivo David has overcome the wonder of the arts, found his way in this world and has triumphed in his own soul to express the creation that has penetrated and conceived his spirit. SlSCA, MlCHAEL: Ivo David’s art, in its historical development, goes back to his first beginnings in Italy, where the painter started a long series of technical revolutions and innovations that we call modern art, and forward to Surrealists, Impressonists and Expressionists, who represent so well the disturbed experiences of our century. TANELLI, ORAZIO: La poesia di Ivo David è una metafora onirica che accetta l’onnipotenza del sogno, ma non rinuncia alla fedeltà alla terra e alla storia così come avviene spesso nelle poetiche utopistiche e surrealiste di evasione: il sogno sublima il culto di certi valori autentici, etici, tradizionali, che oggi vanno alla deriva. La sua arte si evolve alla presenza della ragione nel recupero della cultura e nell’eredità dei nostri padri, senza togliere nulla alla forza fantastica della commozione, al sentimento del tempo, all’amore per la natura. il paesaggio è evocato in una maniera idillica e crepuscolare come se il poeta contemplasse gli elementi agresti per la prima volta. (Pg. 126, 141) TlNTORETTO, FILIPPO: Ivo David è un pittore istintivo che ha saputo trovare in se stesso la forza di esprimersi e di convogliare esperienze impressionistiche ed espressionistiche in un atto talvolta sorprendente ed ardito ad un tempo. Sa cogliere gli aspetti più consoni XXXI


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

"Il Fuslonismo" Opere recenti di IVO

DAVID

alla Biennale Intemazionale dell’Arte Contemporanea Fortezza da Basso, Città di Firenze 1-9 dicembre, 2007

Ivo David, Dance of the Dryads (Aft. Fiorentino Rosso), oil on canvas Fusionism, cm. 76 x 91, 2006

XXXII

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

alla propria sensibilità e fissarli in rapide e sintetiche emozioni di colore (nature morte, fiori, paesaggi). Liberandosi man mano da certe esperienze analitiche e da insistenze cromatiche di sapore ottocentesco, rivela finalmente nella Madonna col Bambino la presenza della immagine con sorprendente brevità di segno e di colore; mentre in Trasparenze la sonorità del colore assume una validità spaziale. VIOLA, CARLO: Da uno sguardo sommario dei dipinti esposti alla Galleria del Ponte, ci si accorge subito che questo giovanissimo pittore, presentato da Filippo Tintoretto, è un romantico, un romantico dei tempi nostri, intendiamoci, il quale si oblia negli spettacoli della natura, e riesce a realizzarli sulla tela con uno slancio impressionistico espressionistico, non poche volte con una certa vigoria espressiva. VlOLA, R. CARMELO: Senza dubbio, Ivo David possiede una non comune potenzialità artistico-poetica di tipo figurativo. Ha quindi delle buone motivazioni soggettive per costruirvi sopra un ennesimo "ismo". A questo punto, l’analisi biosociale, prescindendo dalle valutazioni squisitamente tecniche, si distingue in due parti: a) quello che il pittore dice della propria produzione; b) quello che la sua produzione dice ai destinatari. WALL, CATHERINE: Ivo David’s art is originial, authentic, innovative, robust, full of ethic values. His technique reveals a great experience in the subject, where the perception comes from reality but the overall look of the paintings takes the viewers to a metaphysical world of dreams. All his paintings are well balanced, stressed with impulsive colors, containing a spiritual and ethic lesson about behavior and life. He incorporates his youthful and worldly experience into bold, decorative and daring energetic brush strokes unequalled by his contemporaries. ZINNA, LUCIO: Il Fusionismo di Ivo David é un inno (non retorico) alla libertá dell’arte, perché essa sia lievito e arra della libertá stessa dell’uomo. E chiaro, nel Manifesto Fusionista persino il ruolo sostanzialmente eversivo dell’artista nei riguardi dell’establishment, quale che sia, che non vuol dire "anarchismo" o "disubbidienza civile". "Liberta’ con ragione", dice David, poiché la ricerca dell’artista non é solo una ricerca di forme e di colori, é anche ricerca della verità, interpretazione dell’universo, ermeneutica viva. Scienza e coscienza si fondono nell’atto creativo.

XXXIII


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "L’ARCO DI TRAIANO A BENEVENTO" OLIO SU TELA ,18"X14",1989 COLLEZIONE PRIVATA (USA)

XXXIV

D’UN

AR T I S T A


Canti sanniti


I VO

MEMORIE

D A V ID

16-30 Settembre 1990

reportage 3

D’UN

AR T I S T A

ATTUALITÀ E CULTURA

Omaggio al mio grande maestro Salvador Dalì di Ivo David

Il mio grande maestro di pittura, il grande artista catalano Salvador Dalì (1904-1989), è passato a miglior vita, ma il suo genio e la sua opera restano all’umanità come l’eredità di un visionario difficile a sorpassarsi. Molto è stato scritto su di lui e qui non sto a ripetere le opinioni altrui, né gli ironici giudizi di alcuni vitelloni, invidiosi e provinciali, che non sono riusciti a capire la sua arte né a fermare il suo genio, sempre infuriato e sdegnoso, sempre ebbro ed esaltato nella divina arte della pittura, nell’arcana malia della esistenza. Salvador Dalì è un genio frainteso, un artista nel sangue e nell’anima, un eccentrico che non accetta le norme e i limiti del vivere comune, condanna il convenzionalismo dell’uomo mediocre e bandisce dalla sua ideologia il conformismo dell’aristocrazia borghese. Il suo atteggiamento provocatorio, controverso e controcorrente mi è stato sempre di stimolo nella elaborazione dei miei dipinti, nella creazione della mia arte fusionistica. Con le sue rappresentazioni illusionistiche, eseguite con una tecnica virtuosistica tra le più consumate, il nostro artista catalano invade l’evocazione figurativa dell’inconscio, penetra nel mondo psicanalitico di Freud e di Jung. Il suo mondo artistico, carico di emotività ossessionante e di suggestioni inquietanti, presenta gli oggetti quasi sempre con strani paradossi e dicotomie ontologiche: crani e braccia separati dai corpi, nubi in forme di strumenti musicali, la Torre di Pisa puntellata con un cucchiaio, la Venere diMilo con i cassetti, avvicinandosi così a Max Ernst e René Magritte, e superandoli con la sua originalità e la sua inventività. Il mio maestro d’arte e pittura, versatile ed esuberante, lucido ed intuitivo, è un grande

innovatore nell’arte figurativa che con lui diventa magica illusione, fulminea espressione della realtà fìsica e metafisica, imbevuta della sua personalità prorompente e della sua fantasia straordinaria. Profeta della propria arte, creatore del proprio mito, Salvador Dalì è approdato al palcoscenico del protagonismo pittorico moderno con aggressività e determinazione ossessionante; poiché è stato capace di mettere i suoi bisogni estetici al di sopra dei doveri e diritti degli uomini, al di sopra delle convenzionalità sociali e religiose. Nel 1989 il grande artista catalano incontra la mòrte all’età di 85 anni. Era, infatti, nato l’undici maggio 1904 a Figueras (provincia di Gerona, nella Catalogna settentrionale), figlio di Salvadore Dalì y Cuzì, notaio e funzionario statale, e di Felipa Domenich. Nella morte egli ha trovato quei colori chiari e quei toni evanescenti che non ha voluto trovare nella vita: tali colori hanno sempre ceduto ai rossi impulsivi e ai blu accesi nel fuoco ardente dei sogni eterni, delle chimere effimere, delle illusioni leopardiane più che foscoliane. Il mito di Dalì è diventato leggenda, la sua vita un modello stravagante di ricerca della libertà: nel 1989 egli rivolge un supremo addio alle cose della terra per recarsi nell’etere olimpico dei geni. Nel tremolio della marina onirica e metafisica Dalì incontra la morte fra il colore dei fiori, l’amore di Gala, il verde delle colline catalane in cui il suo genio artistico ritrova l’ultimo canto della vita che gli sfugge. Ma la sua arte rimarrà immortale così come è immortale la sua anima iberica. Dalì non ha avuto mai paura della visione della morte, che egli incontra a testa alta nel chiaroscuro del crepuscolo, là dove i girasoli di Van Gogh

Salvador Dalì in una foto di Julien Quideau abbassano la testa verso l’occidente. Le sue Dieci ricette di immortalità scandiscono fra l’altro le seguenti asserzioni: "Ho preso la decisione di farmi mettere in conserva subito dopo il mio decesso per attendere la scoperta che permetterà un giorno all’umanità di fare rivivere il geniale Dalì... Aspetterò nell’elio liquido senza impazienza. Non mi dispiacerebbe che l’umanità dichiarasse un giorno che la mia persona è sacra e che ogni generazione si passasse la fiaccola del mio corpo in evoluzione! Dalì errante fino alla estinzione dei sistemi solari, che delirio superbo! Così la gente di tutti i tempi e di tutti i paesi sarebbe fregata". Ho avuto anch’io l’inclinazione naturale alla pittura ed al disegno. Ed ebbi la grande gioia d’incontrare a Roma nel 1954 l’estroverso artista Salvador Dalì, che poi divenne il mio maestro e la

2

mia guida. Allora io avevo solo 20 anni, da allora sono stato affascinato ed influenzato dalla sua arte astratta ed illusionista ed ho perfezionato la tecnica pittorica dei miei dipinti fusionisti. Allora egli stava preparando 102 watercolors per illustrare la Divina Commedia di Dante. Ora è da due anni che anch’io mi sono accinto ad illustrare il poema dantesco, dopo essermi cimentato per tanti anni con la mitologia, la storia, la letteratura, il paesaggio, la Sacra Scrittura, l’uomo, la società. Nella realizza zione della tecnica pittorica di questi miei recenti quadri danteschi (ed anche in quelli di prima), mi rendo conto che ron oesso fare a meno delle direttive pittoriche e delle guide umanistiche impartitemi dal suo grande genio. Ecco il perché di quest’omaggio e di quest’apologia al grande Salvador Dalì.


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

If you are mediocre, even if you make a great effort to paint very very badly, people will still see you are mediocre... Never, never, never, never, has the excess of money, of publicity, of success, or of popularity made me feel, even for a quarter of a second, like committing suicide... on the contrary, I love it all. —Salvador Dalí

3

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: PIAZZA DELLA SIGNORIA, FIRENZE, IT OIL ON CANVAS 14X18,1989 PRIVATE COLLECTION, NY (USA)

4

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Italia mia a tua materna immagine emerge dai pallidi bagliori d’una notte d’esilio che dilata i margini alla laguna. Laddove l’orizzonte bacia l’azzurro del mare come novello Ulisse abbraccio il tuo emblema d’amore che mi sfugge nel tremolio di Van Gogh i girasoli. Cristo, il tuo corpo gelido è portato dalle Pie Donne verso la tomba della resurrezione e nell’immagine della Veronica riscontro anche il mio volto. Anch’io risorgerò con Te fra gli uomini del Sud che affondano l’aratro nelle zolle seminano i campi di speranza, mentre le vecchie donne attendono il ritorno del marito legano le nodose mani con la corona del santo Rosario.

5

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

ARDUINO DAVID: "BATTESIMO DI SAN GIOVANNI" SAN NICOLA MANFREDI,1950 CHIESA MADRE BN, ITALIA ARDUINO DAVID: (IVO DAVID'S FATHER) "GLI ANGELI", 1950 AFFRESCO AL DL SOPRA DELL'ALTARE MAGGIORE SAN NICOLA MANFREDI, PROV. BENEVENTO, ITALIA

ARDUINO DAVID ARDUINO DAVID" (IVO DAVID'S FATHER) "IL MARTIRIO DL SAN BARTOLOMEO" AFFRESCO, CIRCA 1950, SOFFITTA DELLA CHIESA MADRE DL MONTEROCCHETTA, PROV. BENEVENTO, ITALIA

6


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ricordo di mio padre rdito e fiero ti ricordo, o Padre mio, che dai monti Carsi scendesti ai crinali dei colli Sanniti e poi andasti alla terra di nessuno. Qui ti raggiunsi perchè m’insegnasti l’arte per non farmi morire. Il mio pennello scorrerà sulla tela fin quando la luce del crepuscolo mi troverà in piedi nel mio lavoro quotidiano nel ricordo della cara Mamma. Da voi ho appreso un messaggio d’onestà la fedeltà alla madre terra il credo metafisco nell’aldilà.

7


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "SAN NICOLA MANFREDI LA PIAZZA" OLIO SU TELA, 36"X40" 1965 FERDINANDO E ANTONIETTA FRANCISCO COLLECTION, NJ (USA)

8

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

San Nicola Manfredi enni dalla terra di San Leucio per infondere le linfe dell’adolescenza nelle zolle apriche di San Nicola. La tua torre domina le case basse nell’umiltà del popolo sannita nella fertile campagna aprica popolata di vigne ed oliveti. I contadini partono prima dell’aurora quando l’alba semina il grano nella purezza del tuo suolo amato. Le cicale scandiscono le ore meridiane sulla scorza degli alberi nei rintocchi dell’orologio della Chiesa. I dipinti di mio padre sono là oggetto di venerazione. Ancora al mattino l’emigrante parte verso ignoti lidi verso terre ostili. Porta seco l’anima della sua infanzia. Anch’io ignaro di strani presagi attraverso l’oceano col canto del ritorno che m’invita a salire al calvario dove innalzerò la bandiera della mia libertà.

9


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "IL VESCOVATO VICO EQUENSE NAPOLI ITALIA" OLIO SU TELA 18"X24" MARIA E PASQUALE ARPINO COLLECTION, NJ (USA)

10

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Canto del ritorno ome un piccione viaggiatore salgo fin dove la montagna bacia il cielo. Vengo lassù dove il tremolio delle acque è ancora alle origini limpide della fonte. Canto la nostalgia del mio ritorno come uccello delle altitudini, bevo l’odore puro delle tue pietre, terra mia natia. Da quest’esilio raccolgo la saggezza della tua voce, mi esalto nel tuo nobile retaggio sannita.

11

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "FISHERMAN AT RIVERSIDE PARK, VERO BEACH, FL" OIL ON CANVAS, 24"X30", 2008 STEPHEN AND SANDY GRINDE COLLECTION, NASHVILLE, TN (USA)

12

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Il silenzio della valle i è passata l’ansia di chiedere il perchè d’ogni cosa. I miei sogni inseguono i tuoi sentieri ornati d’erba e di rosmarino

laddove il silenzio della valle respira il profumo del tabacco si diffonde sulle croci inchiodate al cimitero.

A me bastano pochi colori, un pennello ed una vecchia tela per ritrarre l’ombra dei canneti, il verde dei salici nella valle, i fiori dei mandorli a primavera, l’effige della mia ansia tumultuosa che si appaga nel ricordo della mia terra.

13


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Biennale Internazionale dell’ Arte Contemporanea "Il FUSIONISMO" Opere Recenti di: IVO

DAVID alla Biennale intern asionale dell'Arte Contemporanea Fortezza da Basso, Citta' di Firenze • 3-11 dicembre, 2005 •

IVO DAVID: "FISHERMAN AT PANICE PORTUGAL" OIL ON CANVAS, 24"X36",1980 HOWARD SCHWARTZ, ESQ. COLLECTION, NJ (USA)

14

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Visione della morte a morte è una certezza che mi assale al crepuscolo nell’ansia della libertà. Nel cielo fioriscono le stelle che alimentano i sogni in una notte d’illusione senza fine, senza rancore. La morte mi libera dalla paura di esistere in questa pianura del cimitero dove i singulti dei defunti vagano come spettri nelle profonde radici della sera. Il cuore del merlo ancora batte fra le zanne della tagliola. In questo labirinto minoico della vita la notte raccoglie il pigolio dei passeri: nei nidi sotto le tegole nascono i piccioni impauriti dalla voce rauca dei corvi. Il silenzio inghiotta la mia anima nei bisbigli delle foglie, nel chiarore autunnale delle stelle. Io mi attristo nel cuore della notte che conduce Dalì negli spazi metafisici.

15


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "BAG LADY" OIL ON CANVAS, 20" X30",1987 KATHI AND LAWRENCE FERRARA COLLECTION, NJ (USA)

16

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Come Paul Gauguin ome te attraverso gli spazi infiniti per recarmi fra gli indigeni per fuggire questo mondo d’odio e di rancori. Non si ode più il cinguettio dei passeri ora che una nuova primavera di colori mi annuncia il sentiero dell’esilio che non conduce alla statua della libertà. Scivola sulla terra il verme, striscia la serpe fra i ciottoli del fiume. La lupinella è più bassa dei papaveri che crescono nel colore dell’iride dominano le biondi messe sannite.

17


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID: "SAN FRANCESCO RICEVE LE STIGMATE" OLIO SU TELA, 2008 ILLUSTRAZIONE DELLA DIVINA COMMEDIA, PARADISO CANTO XI COLLEZIONE PERMANENTE DEL MUSEO DANTESCO FORTUNATO BELLONZI IN ABRUZO, ITALIA

18


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La pace francescana i avete insegnato il saluto di pace e bene nell’umiltà serafica che più non trovo in quest’esilio. Dall’erba esce la vipera nelle corti si uccide la libertà. Io porgo l’orecchio all’acuto sibilo del vento per ascoltare la voce della madre terra che ancora ci rende fratelli per raccogliere un canto nelle gole delle pietre, nelle ombre eloquenti dei miei canneti. L’occhio del pittore spazia nell’infinito orizzonte dove canto l’amore fraterno, la pace francescana che trovo nell’umiltà dei miei contadini. Il trifoglio meco piega le ginocchia per pregare al Creatore di questo mistero.

19


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

VITAM EXCOLERE PER ARTES

Amore per la povertà, San Francesco rinuncia ai suoi beni paterni e temparali dinanzi al vescovo Guido.

San Francesco predica agli uccelli nella "solitudine campestre sotto il grande albero".

San Francesco sana miracolosamente il lebbroso dell’anima e del corpo.

San Francesco in umiltà abbraccia il lebbroso per lavare le piaghe del suo corpo e quelle dell’anima.

San Francesco riceve le Stimmate sulla costa del monte della Verna.

San Francesco muore disteso sulla terra nuda.

Ivo David, illustre artista italo-americano e fondatore del Fusionismo, vive a Vero Beach in Florida e per molto tempo si è dedicato alla illustrazione della Divina Commedia. Qui pubblichiamo sei schizzi sul canto XI del Paradiso dedicato al Santo di Assisi. Tali schizzi sono stati eseguiti con matita sanguigna, di colore ocre-rossastro.

CORRADO GIZZI, (CATALOGO DEL MUSEO DANTESCO CON CRTICHE D’ARTE) “DANTE E SAN FRANCESCO” CON SKCHIZZI DEL PARADISO CANTO XI DI IVO DAVID MUSEO FURTUNATO BELLONZI CASA DI DANTE IN ABRUZZO, ITALIA

20


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Voglio tornare oglio tornare ai paesaggi di querce e di tabacco dove i pioppi dondolano come giocattoli dove i grattacieli sono solo fantasia. Vedo la lepre balzare fra le viti, sento l’odore del sambuco e del rosmarino. Voglio tornare alla terra degli oleandri dove l’aria aprica si dilata sulle case, la vita palpita di libertà nella voce del vento. Qui mi ferisce il rumore di strani motori, mi percuotono il cuore i metalli che rotolano sull’asfalto, sul cemento nell’inesorabile ora del risveglio. Qui non vedo nude fanciulle scendere nel candore del fiume. Qui non odo la campana che a sera da lontano invita alla preghiera.

21


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: CHARCOAL SKETCH ON PAPER, 2007 ARTIST'S COLLECTION

22

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Freme la mia anima d’artista orrei riattraversare i miei luoghi Sanniti, paesaggi dell’anima immortalati nelle mie tele. Vorrei tornare a Napoli, a Roma, a Caserta per stringere la mano ai miei amici, per ritrovare i miei vecchi amori. Vorrei tornare nel Friuli dove sono le radici di mio padre che coltivò la mia anima d’artista. Al mattino freme il mio cuore allo spettacolo arcano dell’alba; la sera il mio spirito si rifugia nei sogni onirici che attraversano l’oltretomba dantesca sui sentieri di Ulisse. Sento il pigolio dei passeri nel giardino il rumore delle macchine nelle autostrade. Al crepuscolo m’invade la nostalgia se una lucciola vagabonda freme nella memoria della mia terra natía, nel pianto atavico di quest’esilio.

23


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "BESSINGER FARM THE OLD OAK TREE" OIL ON CANVAS 24"X30", 2006 NANCY PERRY COLLECTION, FL (USA)

IVO DAVID: "THE 4 COWBOYS IN ARCADIA" (DETAIL) OIL ON CANVAS, 2012 CAREN AND FRITZ RUMMERY COLLECTION, FL (USA)

24

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ritorno all’infanzia el limbo dantesco ho evocato il mito della mia infanzia. Domani il mio pennello dipingerà il mio corpo fanciullo che cerca vimini fra i ciottoli del fiume. Ricordo i tedeschi che dilaniarono il mio paese, gli studi fatti a malavoglia, i compagni che mi deviarono, gli amici che io deviai. Non mi piace vestire da balilla se la libertà si soffoca nel grido della guerra. Non mi piace giocare alla barriera se i sassi volano nell’aria e colpiscono la testa dei bimbi. Odio la guerra che rende l’uomo crudele fin dall’infanzia. Canto la mia infanzia ribelle: i salici dondolano al passaggio delle rondini che puntuali ritornano a primavera alla mia terra sannita. Non ho dimenticato la via del ritorno in questo di lacrime ultimo esilio che recide la furia del vento, scandisce l’oscuro colore del mare in tempesta. Ora a sera ritorno al focolare dell’infanzia per ascoltare le favole della nonna per dire una preghiera con mamma e papà. 25


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "BANYAN TREE, FT PIERCE FL" OIL CANVAS 22"X28", 2008/09 LUCY AND RICHARD HOPE COLLECTION, FL (USA)

26

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Alma Tellus na lama di fuoco avvolge l’orizzonte laddove i Sanniti sconfissero i Romani. Le Forche Caudine esaltano la forza del mio popolo testimoniano la civiltà della mia gente. Ora piove a dirotto nelle zolle riarse dell’Alma Tellus. La mia anima si purifica all’odore dell’erba, la mia passione giovanile finisce in due rossi capezzoli che cedono ai denti dell’amore. Ed io bacio di nuovo le aurore e i tramonti della mia terra, sento l’odore dei fiori alpestri nei campi infuocati dal solleone in questo ferragosto che conduce nel sogno la mia anima lavata dalla pioggia.

27


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "IL DUOMO DI MILANO INTERNO" OLIO SU TELA ,18"X14", 1989 PATRICIA DAVID COLLECTION, NJ (USA)

28

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La voce del vento a voce del vento tra le foglie scuote le ferite del mio sangue fa cadere i fiori dei mandorli a primavera. E nevica in questa bianca primavera che mi conduce all’innocenza dell’infanzia. Cerco nei luoghi solitari la mia libertà, trovo sulla tela il genio di mio padre. Io abiterò fra i morti sanniti dove un’epigrafe immortalerà la mia arte manderà ai posteri il mio testamento. Artista di due mondi, non voglio essere cittadino di questa terra in cui il negro non mangia alla mensa dei bianchi.

29


I VO

MEMORIE

D A V ID

16-29 Febbraio 1992

CRONACA E CULTURA

D’UN

AR T I S T A

reportage 5

Un connubio di arte e poesia analizzato dal catalogo dell’Electa

Signorelli e Dante di Ivo David Il prof, Corrado Gizzi mi ha gentilmente inviato il catalogo dell’ultima mostra che ha avuto luogo a Torre dei Passeri (Pescara): Signorelli e Dante (Electa, Milano 1991, pp. 310) un vero capolavoro che analizza il connubio della poesia dantesca con l'arte signorelliana. Ciò mi ha indotto ad un ritorno allo studio di Signorelli e di Dante da me già condotto tanti anni fa in Italia quando frequentavano l’Accademia delle Belle Arti di Napoli e quando insegnavo a Caserta disegno e storia dell’arte. Il volume di Gizzi sorpassa ogni altro saggio da me letto su tale soggetto: gli articoli puntuali ed autorevoli di numerosi critici d’arte, le illustrazioni signorelliane della Divina Commedia, gli altri dipinti del grande pittore di Cortona (1445-1523), tutto concorre ad una lettura agevole ed intelligente allo stesso tempo. Allievo probabile di Piero della Francesca, Signorelli si interessò precocemente anche alla cultura fiorentina, specie al Pollaiolo. A questo periodo giovanile, che si concluse con la chiamata a Roma per dipingere nella Cappella Sistina (Testaménto e Morte di Mosè-Flagellazione). Tornato in patria vi si affermò come maestro pienamente originale con una serie di capolavori i cui vari stimoli culturali (con prevalenza di quelli della cultura fiorentina) si armonizzano in una visione stupendamente organizzata, tra le più alte espressioni dell’intellettualismo italiano del Quattro-cento. Le molte opere che seguirono, specialmente le illustrazioni del Purgatorio, registrano un’ulteriore moltiplicazione delle figure e un loro articolarsi in composizioni sempre più complesse, con una evidente tendenza superare i limiti del classicismo e della cornice. Tale ricerca trovò il so sbocco naturale nell’attività del Signorelli nei grandiosi cicli di Monte Oliveto Maggiore e, soprattutto, della Cappella di San Brizio nel Duomo di Orvieto: Storie dell’Anticristo, Resurrezione della Carne, Beati, Avvento del Paradiso, Inferno. Fra i dipinti successivi bisogna menzionare ameno la Comunione degli Apostoli, la Deposizione e l’Assunta. Lo studio della Divina Commedia ha indotto Luca Signorelli a produrre dei dipinti e degli affreschi veramente meravigliosi, chenon hanno niente da invidiare alla pittura di Michelangelo di cui egli è un precursore. La

maestà delle immagini, le contorsioni delle figure, la robustezza degli arti umani, gli sfondi classicheggianti di cattedrali e città rinascimentali, l’esaltazione della plasticità e dell’energia del corpo umano, l’armonia globale delle varie rappresentazioni, all’interno di composizioni severamente drammatiche, rappresentano, infatti un puntuale precedente della precedente della pittura michelangiolesca. Non penso di errare se affermo che Signorelli ha superato il suo maestro Piero della Francesca, il cui intento era di stabilire un equilibrato accordo fra l’uomo e là natura, la fiaba gotica, con metro epico e classico, e nel clima del rinascimento, ciò con i nuovi mezzi di questo, assurge ad una idealizzata potenza figurativa che ha un proprio senso di armonia. Signorelli, di temperamento opposto al maestro, vede esclusivamente l’uomo nei suoi valori dinamici e lo rappresenta nell’atto del movimento dell’antico Discobolo. Infatti, per influsso del formalismo pollaiolesco, a forme sbalzate, Luca Signorelli, specialmente nelle illustrazioni dantesche, raggiunge sempre una salda construsione volumetrica, in cui Ie figure sono articolate areicolate e mosse specialmente quando sono realizzate nel tessuto anatomico del seminudo. Nelle illustrazioni dantesche, eseguite da Luca Signorelli, la luminosità s’intorbida in un chiaroscuro che genera un rilievo animitto nei piani e sorretto dalla linea generatrice di moto: non c’è staticità, ma dinamicità nelle rappresensazióni sia dei Dannati che dei Beati e specialmente nell’affresco colossale de La Resurrezione della carne (Duomo di Orvieto). L’orientamento fiorentino di Luca è ancora più chiaro negli affreschi della sacrestia della Cura a Loreto: nella cupola, biondi angeli musicanti e danzanti hanno un’intensa vita e panneggi dalle pieghe spezzate: gravi Dottori e gli Evangelisti al di sotto, e i fieri Apostoli abbinati nelle pareti, prendono ampiezza monumentale. Fra questi si inserisce la Conversione di San Paolo, di una drammaticità generata da subita luce che determina con la linea il movimento delle figure disposte su piani degradanti. Nelle pale d’altare, d’illuminazione calda e dorata, le figure si corrispondono, ma per le varietà di atteggiamenti appariscono contrastanti.

30

Ivo David: "Dante Alighieri" interpretazione fusionistica olio su tela, 22x34 Di gran lunga superiori sono gli affreschi della cappella di San Brizio nel Duòmo di Orvieto, la cui volta, già iniziata dall’Angelico, fu completata dal Signorelli con gruppi piramidali di figure che rappresentano le gerarchie dell’Olimpo cristiano. Sulle pareti egli rappresentò le Storie dell’Anticristo, di cui spesso Dante parla nella Divina commedia, i Profeti che predicano il finimondo, e la Fine dell’umanità, che è folla prorompente come una fiumana o un torrente in discesa. Nella mia gioventù io ho avuto l’onore ed il privilegio i ammirare tali affreschi che ho trovato bellissimi e molto espressivi da tutti i punti di vista. Infatti, nella Resurrezione della carne, per l’arte del Signorelli, l’uomo purificato dalla morte ha una pausa serena nell’elevarsi a Dio. Numerose figure statiche ed altre in movimento popolano il cielo afoso dell’Inferno dove un congestionato groviglio di nudi tragicamente e dinamicamente raffigura le passioni che esplodono di nuovo nel dramma della pena eterna, secondo la legge del contrappasso dantesco. Altri nudi bellissimi sono nella Chiamata degli eletti e nel Paradiso, un po’ soverchiati invero dàlia schiera grandeggiante degli angeli. Sono molto grato al prof. Corrado Gizzi, illustre promotore di mostre di artisti in relazione a Dante, poiché mi ha dato l’opportunità di leggere il voluminoso catalogo Signorelli e Dante, un pittore ed un poeta che eccellono per il connubio dei mito vtosico e della Sacra Scrittura. La potenza espressiva dantesca non perde vigore nell’arte del rude cortonese che brillantemente ha illustrato episodi dell’A verno classico ed i primi undici canti del Purgatorio.


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Cimitero sannita ui monti sanniti la luna inventa tremuli sogni nella notte. Le serpi strisciano fra le tombe, le lumache salgono lente sulle lapidi. Nel cimitero del paese leggo nomi di congiunti con volti noti e con nomi sanniti. Fra i miei defunti farò dimora per trovare la mia libertà immortale. Fra le fitte siepi dei rovi cercherò i nidi d’uccelli; annegherò i piedi nudi nel trifoglio, dove l’anima ritrova la sua infanzia nell’odore di menta e di sambuco.

31


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

IVO DAVID: "TIVOLI PANORAMA" OLIO SU TELA, 1985 COLLEZIONE PIERO BECCARINI CRESCENZI E FAMIGLIA TIVOLI, ROMA ,ITALIA

IVO DAVID: "TIVOLI PANORAMA #2" OLIO SU TELA, 24"X30",1985 COLLEZIONE, TITINA AND GEN. AM. NICOLA LUPOLI, ROMA, ITALIA

32

AR T I S T A


Elegie americane


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID: “L’ESAME DELLA FEDE” OLIO SU TELA, 24”X36”, 2011 ILLUSTRAZIONE DELLA DIVINA COMMEDIA, PARADISO CANTO XXV (PROP. IN FASE DI NEG.JCOLLEZIONE MUSEO DANTESCO FORTUNATO BELLONZI IN ABRUZZO, ITALIA

34


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

O, Ivo David, inquesta Terra non vi sono strade di malva la luna non cala sulle chiome del tabacco fra le verdi corolle dei crinali sannti. Sono un’alga in naufragio fra gli alti marosi che si stagliano sul livido orizzonte d’un quadro di Van Gogh. Il bacio dell’addio alla terra natia segna la doglia dell’esilio misura la sabbia nella gola della clessidra! —Orazio Tanelli

35

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "SAN NICOLA MANFREDI, LA PIAZZA" OLIO SU TELA, 30"X 40", 1965 FERDINAND AND ANTONIETTA FRANCISCO COLLECTION, NJ (USA)

36

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ricordo della mia terra a fantasia crea felci gigantesche nelle forre della memoria nella psiche dei canti danteschi. Hanno l’aspetto mostruoso questi grattacieli nel Cocito infernale impresso sulla tela. Vorrei perdermi fra le querce di Benevento in cerca d’una strega, una zingara che mi dica il mio destino di esule mi legga il palmo della mano, le carte della sorte nell’oracolo sibillino. Il tempo misura il ritmo del cuore il respiro delle stagioni in una notte di luna. Qui non vedo i tuoi occhi di smeraldo, fanciulla sannita con la chioma al vento. Italia mia, terra d’oleandri e sambuchi, radice e culla della mia infanzia. I tuoi tramonti dissipano la nebbia della notte, le chimere leopardiane nella psiche dell’infanzia, mentre le giovani stelle sono prigioniere dei miei dipinti sui paesaggi d’una terra utopica.

37


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "THE IMMIGRANTS, NY" 1967 OIL ON BOARD 29"X48" ARTIST'S COLLECTION, FL (USA)

38

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La mia libertà iente può fermare la mia ricerca di libertà nascosta nel volo d’un gabbiano che attraversa torrenti e monti impervi. Sono piccione viaggiatore che vagabonda nel mondo dei sogni, dilata gli orizzonti alla laguna, penetra le siepi in fiore dove palpita la vita nel nido dei passeri nell’insidia d’una serpe che divora. La strega sventola una bandiera rossa che non può affratellare le genti indigeni. Ma dai cavalli marini emerge il presagio dell’esilio scende una bandiera tricolore che sventola sulla terra ausonica. Io, Ivo David, cantore della libertà, ti inseguo fra l’erba sotto i mandorli in fiore in questa primavera che non teme le ortiche pungenti. le unghie dei falchi: la farfalla si posa sui cardi.

39


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: THE KISS IN CENTRAL PARK NEW YORK OIL ON CANVAS 24"X36", 2002 ANA AND ROBERT OECHSLIN JR., NJ (USA)

40

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Amore della solitudine on ho paura del silenzio dei ciclamini nel cimitero se sulla tela mi svelano il mistero della vita, la solitudine di Gauguin sulle spiagge di Haiti. Il grano riarso ancora ondeggia nelle messi gialle di Van Gogh ora che i girasoli fioriscono al solleone e sovrastano i papaveri rossi sotto i ciliegi in fiore. Non ho paura della morte se sulla tela inseguo il mio destino solitario in un sentiero che conduce al cimitero. LĂ , sotto i cipressi, raccolgo la saggezza dei miei patriarchi, ammiro i volti dei miei antenati. I defunti hanno un linguaggio biblico che contiene un messaggio di onestĂ , la fiducia antica dei miei avi, la fedeltĂ  alla terra dei miei patriarchi.

41


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "NEW YORK CENTRAL PARK" OIL ON CANVAS, 24"X30" 2004 ARTIST'S COLLECTION

42

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Canto dell’esule l vento trasporta una nuova serenata tra i pioppi della valle. La tramontana viene da ponente fa dondolare questi grattacieli che non sanno reggersi in piedi come la trottola dell’infanzia sul selciato della vigna, fra i verdi uliveti. Il dramma dell’esilio conduce sul calvario di una terra senza ideali e senza confini non ha il nettare dei baci al risveglio delle prime stelle. Per me l’alba segna l’inizio d’una nuova via crucis che conduce l’esule su spiagge utopiche mentre la farfalla ancora succhia il nettare bagnato di rugiada.

43


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Biennale Internazionale dell’ Arte Contem p oranea

IVO DAVID: “SUSAHNNA AND THE ELDERLY” OLIO SU TELA, 30”X35”, 1999 2007, ESIBITO ALLA BIENNALE INTERNAZIONALE DI FIRENZE, ITALIA

44


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Sogno d’un artista ella dimensione onirica della mia arte io popolo il bosco di ninfe e di chimere sulla tela pongo il fiore dell’amore fra le labbra di ragazze mitiche nel seno di liane fra i mirti. La mia Diana non s’infila le calze la mattina ma nuda rincorre i cacciatori sotto le stelle nuda danza con le baccanti all’ombra dei garrubi del Gargano nell’incanto magico d’una terra di fiabe. Qui la procellaria dell’esilio sfida i flutti in tempesta sotto il ponte di Brooklyn nell’amena festa di San Gennaro a Mulberry Street, Piccola Italia. Il naufrago finisce contro gli scogli della montagna del Purgatorio.

45


I VO

MEMORIE

D A V ID

Fra le numerose illustrazioni della Divina Commedia eseguite dall’illustre pittore Ivo David abbiamo scelto questo schizzo che rappresenta a perfezione la sua arte fusionistica. L’artista italoamericano si è ispirato all’episodio di Casella, musicista che rappresenta nel Purgatorio l’amicizia umana. Su richiesta di Dante, suo amico, Casella canta e tutti gli spiriti l’ascoltano deliziati: “Dapoppa stava il celestial nocchiero, / tal che purea beato per iscripto; / e più di cento spirti entro sediero”’. Ecco cosa ha scritto il Prof. Corrado Gizzi che ha scelto questo schizzo ora in possesso del Museo Dantesco Fortunato Bellonzi: “Carissimo Ivo, mi è giunta dall’ America una gradita, prestigiosa e impagabile sorpresa: la tua incantevole interpretazione del Canto II del Purgatorio e propriamente l’episodio dell’ Angelo nocchiero e di Casella. L’opera sarà da me conservata tra le cose più care e arricchirà e impreziosirà il Museo Dantesco Fortunato Bellonzi, in cui verrà esposta in permanenza”. L’autorevole giudizio critico del prof. Gizzi, rinomato dantista e critico artistico di ben nota reputazione, non ci consente di fare ulteriori commenti. —Prof. Antonio Cece

D’UN

AR T I S T A

Ivo David: Schizzo su tela 40.6 cm.x 50.8 cm. Dante Alighieri, Purgatorio II, v. 44 Collezione permanente del Museo Fortunato Bellonzi Torre de Passeri, Pescara, Italia

46


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ricerca esotica ulla pelle delle ragazze cerco bianche robinie trovo giacinti e narcisi sul loro seno nudo che sublima il silenzio impulsivo dei miei quadri. Rembrandt e Mirò sotto il ponte ascoltano le cicale assordanti, il mormorio d’un’acqua che non scorre. Le carovane degli zingari attraversano il tratturo della mia anima che sogna le pecore che una volta transumavano lungo gli antichi tratturi. É una visione onirica questa d’un cieco errante che vede con gli occhi omerici sa intuire le carezze di Argo privilegia il mugolio del gatto. Le tele gialle di Van Gogh non contengono i limoni dove il Vesuvio risplende nelle ginestre in fiore. Affondo audace il piede nel cratere morbido del vulcano per sentirmi vicino al cuore dell’universo.

47


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "BEACH AND SKY, VERO BEACH, FL" OIL ON CANVAS, 18"X 24", 2008 LILLIAN AND VIC DIAZ COLLECTION, FL (USA)

48

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Paesaggi dell’anima e querce ornano i Monti Sibillini, mentre passeggio sulla battigia di Margellina: Al Vomero e a Forcella incontro i miei amici vagabondi. Crescono gialli i limoni a Caserta, La notte oscura mi spinge a dipingere, in luce cambia le ombre sulla tela. Se potessi accarezzare la chioma di Diana, toccare il suo corpo con le mani mi sentirei come un dio sul Monte Olimpo. Vorrei toccare la mia terra come un’ostia sacra, ritrovare il candore ribelle di bimbo che andava a scuola come per gioco. Vorrei tornare fra i miei contadini per scivolare nello stradone della vigna per sentire le donne cantare gli stornelli. Da bimbo guardavo sulla neve i pettirossi infreddoliti i passeri che gemevano nella tagliola. Sentivo il bacio della vita nell’alba primaverile dell’infanzia.

49


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “RIVERSIDE PARK VERO BEACH, SCENE 17TH STREET” BRUCE FLOYD MITTON COLLECTION, FL (USA)

50

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Lidi utopici ra su viali solitari vorrei condurre la mia anima smaniosa di silenzi, di infinità. Cercare un quadro di Dalì nell’amplesso dell’aurora, nel viso di Gala più rosa. Trovare una barca che scivoli su acque di coralli dove i pesci s’innamorano; cercare un fiore tra la neve, una gonna scarlatta tra la folla. Arrivare alla scogliera d’una terra utopica dove l’azzurro del cielo si confonde col mare l’onda bacia la battigia la conchiglia nella solitudine della risacca.

51

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

THE IDEOLOGY OF IVO DAVID A BOOK WRITTEN BY: ORAZIO TANELLI: “THE FUSIONISM OF IVO DAVID A SEARCH FOR FREEDOM IN ART” EDITOR: IL PONTE ITALO- AMERICANO, NEW YORK, 2005

52

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La tua pelle ra i filari dei pioppi l’estate accende i papaveri i raggi solari baciano la tua pelle. La luce spoglia le fanciulle nel ruscello, nella nudità dell’acqua che avvolge le loro forme snelle. Il mio sole si ferma nel profumo della tua chioma. La tua pelle s’infiamma ai dolci baci tra l’odore del muschio il crepitar del fieno e della paglia. Il velluto della tua gonna ritraggo sulla tela incantata come la chioma della mia terra dove sui crisantemi cade la prima neve, dove cadono le foglie anche se il vento tace nel chiarore della sera.

53


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID: “THE VIOLET SALESMAN” EXHIB1TED 2005 AT THE INTERNATIONAL BIENNIAL OF CONTEMPORARY ART CITY OF FLORENCE (ITALY) OIL ON CANVAS, 24”X30”, 1996 AUSONIO (AL) DAVID COLLECTION, NJ (USA)

54


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Il crepuscolo uardo le lucciole che al crepuscolo creano visioni sul paesaggio beneventano. Vorrei fermare il tempo nella brezza che sussurra sui mandorli in fiore, nelle rondini che volano ebbre di luce verso il profumo della mia terra, dove l’arcobaleno crea miracoli di colorì. Vorrei contare i tuoi capelli d’oro per misurare la gioia del tempo infinito, mentre tu, fanciulla sannita, mi inviti sul prato, raccogli viole. Al crepuscolo l’erba diviene bionda sotto il pennello di Van Gogh.

55


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “DOWNTOWN VERO BEACH MARKET” OIL ON CANVAS, 24”X48”, 2009 RICHARD L LAMBERT COLLECTION, FL (USA)

56

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Ricordi di guerra icordo i tedeschi che imponevano timore al mio paese. Le finestre chiuse ascoltavamo il rumore dei carri armati. Ricordo gli aerei che svolazzavano nella valle come le Arpie nella selva dei suicidi. Ricordo le campane che suonavano il coprifuoco atterrivano i bimbi. Il Duce gridava vittoria in cielo, terra e mare dai gradini d’un palazzo bianco. Allora i sogni di gloria si dilatavano nelle dighe della ragione, nei merletti delle donne d’Etiopia nel fuoco della sabbia del deserto.

57


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "FIORI CAMPESTRI" OLIO SU TELA, 1985 COLLEZIONE DR. BRUNO BECCARINI CRESCENZI E FAMIGLIA, SIENA, ITALIA

58

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

L’Italia d’oggi e reti del ragno non prendono più gli astri lontani d’una antica gloria. L’Italia è ridotta in frantumi, nessuno canta l’Inno di Mameli. La guerra ci ha dato vuote medaglie ha distrutto i palazzi e le vigne ha abbattuto le chiese e gli oliveti. Ora nel viale ombroso la rosa non fiorisce non odo la voce d’Italia sferzata dalle dure catene delle brigate rosse. La droga e la malavita sono più forti del governo che nella democrazia garantisce troppi diritti e pochi doveri.

59

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "NEW YORK CITY BLACKOUT 1965" OIL ON CANVAS 36"X48" ANTHONY AND MARYELLEN FORGIONE COLLECTION - NJ (USA)

IVO DAVID: “RICORDI D’INFANZIA" (PRELIMINARY SKETCH) OIL ON CANVAS, 18”X24”, 1979 ARTIST’S COLLECTION, (USA)

60

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Mito d’infanzia ’infanzia spensierata ed allegra è interrotta da una sirena che turba la pace della notte. L’orologio scandisce le ore delia guerra, le campane annunziano il coprifuoco. E tu risorgi, Cristo, il mattino di Sabato Santo. In un cespuglio di rosmarino è il mio ricordo del nido pieno di cardellini. I mietitori cantavano nei biondi campi, le fanciulle vendemmiavano nella vigna, le donne cantavano stornelli mentre le olive cadevano nel grembiule. Ed io, fanciullo spensierato, giocavo solitario fra i maggesi. Non sapevo che la tramontana si accaniva sui pioppi faceva cadere i nidi delle gazze. Ora nei miei sogni rivedo i grigi olivi benedetti della mia terra fiorita di lucciole a sera.

61


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "SAN GIOVANNI DEGLI EREMITI, PALERMO, ITALIA" OIL ON CANVAS 14"X18",1989 MICHAEL SISCA COLLECTION, NY (USA)

62

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Sicilian Queen Of Beauty u, regina di bellezza, porti al Nord il profumo del tuo Sud il candore esotico della tua Sicilia. Gli uccelli sbandati volano nel cielo vermiglio, sui limoni gialli di Trinacria nella Conca d’Oro che sovrasta Monte Pellegrino. Sui fichidindia della terra edenica affondo il piede audace nei tuoi occhi magici nel cratere fumicante dell’Etna per cercare nel tuo viso rare orchidee la libertà fra manti di trifoglio che ornano i crinali dell’Isola del Sole. Nella tua chioma trovo la battigia dell’anima dove rare conchiglie formano corolle edeniche fra le verdi alghe di Polifemo raccolgono l’ombra mitica dei Monti Peloritani. Ma strane zanzare penetrano il silenzio dei dubbi, acuiscono il rumore della città. A Milano non crescono i girasoli di Van Gogh, fra i grattacieli di Manhattan muoiono le ginestre in fiore. E tu, anima vagabonda del Sud, mi attendi sui binari d’un treno senza ferrovia, d’una terra senza chimere. Gialli i limoni resistono fra il gelo dell’inverno nella fedeltà dei campi che ti videro fanciulla innamorata in quella stazione dell’infanzia dove ancora si agitano fazzoletti sui binari dell’esilio, nel calvario dell’emigrazione. Tua sorella ti spinge nella solitudine esistenziale alla ricerca di miti e di terre utopiche nel candore ribelle d’una fanciulla sicula nei sogni che dilatano le lagune. Nelle notti allucinate ritrovi il volto dei genitori più umili e comprensivi, votati al dialogo nella primavera dell’infanzia, nel candore dei mandorli in fiore. La folla ti ammira sulla passarella della bellezza, ma non conosce il tuo cuore infranto, i tuoi sogni svaniti e dilaniati nella solitudine del canto delle cicale al solleone.

63


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “VENICE, ITALY, SANTA MARIA DELLA SALUTE” OIL ON CANVAS, 30”X 24”, 1989 PRIVATE COLLECTION, SYRACUSE, NEW YORK, NY (USA)

64

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Thank You, Gorbachev! ou came from Privolnoye to Washington To win your country a race. In the square The crowd stood cheering by. You woe able to hold aloft The challenging cup of a new freedom. It was a victory, not a defeat Now the historic stillness will be broken, But the laurel will never wither. The irony of the political congratulations Contains the richness of historic paradoxes. The garland of success is briefer than glory. The road to immortality longer than lifetime But not larger than the pathos of death. The vast Eurasia is no longer hidden From the rest of us In a red veil of deep mystery. The Cuckchy Peninsula, A short cold step from Alaska, Is now united by a long humane Fusionistic embrace. A man came from Russia To win his country a race. With impulsive heroic Fusionistic brush I see You removing that red Mysterious veil. Thank you, Gorbachev!

65


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “THE PROM AT JAYCEE PARK VERO BEACH” OIL ON CANVAS 24”X36”, 2011 STEPHEN AND SANDY GRINDE COLLECTION, NASHVILLE, TN (USA)

66

D’UN

AR T I S T A


Rapsodie della terra


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “FLOWER PICKERS” OIL ON CANVAS, 22”X24”, 2007 LUCY AND RICHARD HOPE, FL (USA)

68

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

Nella tua terra, Ivo David, fanciulle sannite, al vento sparse le chiome, ti porteranno anfore di miele. Lá i galli ancora cantano il risveglio del sole al sonno dei bimbi. —Orazio Tanelli

69

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “OH, HEAR THE ANGEL VOICES” OIL ON CANVAS AUSONIO (AL) DAVID COLLECTION, NJ (USA)

70

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Rapsodia natalizia i bruciano il cuore

sette spade in questa terra d’esilio e di gelido silenzio. La neve disperde nel volo degli angeli il Natale del mio destino il trauma dell’emigrazione. In questa notte santa in cui Gesù torna a nascere i pioppi della mia terra dondolano al libeccio i bimbi attendono i regali all’Epifania. Il canto delle cornamuse e delle zampogne è un ricordo nello scrigno della memoria la strada dell’infanzia che vide la guerra. Ma il destino del sole nasce ancora ad oriente per redimere la notte cupa come l’abisso. Così il corpo si agita nel letto dell’esilio, mentre l’anima solinga cerca ali di uccelli sulla tela, voli d’angeli in una terra utopica, nella musica pastorale del Santo Natale.

71


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “STILL LIFE WITH FRUIT”, 1962 OIL ON CANVAS GENA DAVID COLLECTION, NJ (USA)

72

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Sentiero d’infanzia a mia strada è segnata dalla voce dei pioppi che dondolano come le canne al vento, come i grattacieli di questa metropoli. Nel sentiero dell’infanzia il suono dei timpani si espande nella valle ricolma di mandorli in fiore, raggiunge i crinali dei colli sanniti, dove profumano i campi d’erica e di rosmarino. Il tuo paesaggio mi avvince l’anima che sulla tela incide sogni d’amore. E tu mi sei lontana, terra mia natia, dove la libertà non ha ieri né domani, dove vivono gemme sulla scorza della vita, dove le fanciulle sannite sfogliano le rose lungo i sentieri fioriti di ginestre.

73


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

IVO DAVID: "TRINITY CHURCH, NEW YORK” OIL ON CANVAS 24”X30”, AUSONIO (AL) DAVID COLLECTION, NJ (USA) ON TEMPORARY LOAN TO NEW YORK UNIVERSITY STENHARDT, NEW YORK, NY (USA)

74

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Il profumo della tua bellezza l fianco della costa il profugo del sambuco e dell’oleandro penetra i fiori di acacia e si disperde fra i mandorli a primavera. Gli aromi agresti non sovvertono l’ordine delle cose ma viaggiano nell’aria aprica dove le rondini volteggiano poi migrano ai confini d’una terra indigena e selvaggia. Eppure mi fulminano il profumo della tua bellezza, lo splendore del tuo paesaggio, la fiducia antica della tua gente, terra mia natia. Mi folgora la luce della tua immagine che presto dipingerò sulla tela per rendere immortale la tua anima di bimba in un campo fiorito.

75


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “PRAYER OF SAINT BERNARD” OLI ON CANVAS, 4.0’X5.0’, 1990. ILLUSTRAZION DELLA DIVINA COMMEDIA, PARADISO CANTO XXXIII PRIVATE COLLECTION, (USA)

76

D’UN

AR T I S T A

"Vergine Madre, figlia del tuo figlio, umile e alta piú che creatura, termine fisso d'etterno consiglio"


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La pioggia ra la grandine raschia la porta di casa come la zampa del mio Simone, che mi saluta al ritorno da un giorno d’intenso lavoro. E sono contento d’aver fatto il mio dovere ora che il postino mi porta le notizie della mia terra. Se la terra è morbida di pioggia vorrei abbracciare l’universo intero in un amplesso d’amore e di perdono o vorrei piantare nel fango le mie inutili illusioni di gloria. La pioggia scende nel selciato sulla ringhiera del cortile sulla mia anima assetata d’amore. Il vento schiaffeggia il basilico sulla veranda, ma non toglie il profumo nel viso della rnia donna. Il cane mi lecca le mani ed il mio sogno raggiunge il cuore dell’universo.

77

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "JAYCEE PARK, VERO BEACH" OIL ON CANVAS, 18"X24", 2010 MADELINE O. KALIL COLLECTION, FL (USA)

78

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Dipingo di notte uando la luna è alta nel cielo il mio studio è popolato di miti e di tele. Lavoro ai miei quadri fino a notte inoltrata. Spesso mi sorprende il canto del gallo al risveglio del mattino al primo sole. E non mi stanca questa di inutili sogni vaga chimera che mi conduce nel sentiero della metafisica. Da lontano il vento porta l’abbaiare dei cani che risveglia in me i ricordi dell’infanzia sannita. La luna, chiara nella notte, agita un’illusione di gloria fra questi grattacieli che sfidano il firmamento come la Torre di Babele. Eppure l’alba dissipa le ombre della notte, mena i contadini alla campagna, spinge le pecore sull’antico tratturo. Ma io resto con te, arte mia immortale, ora che la luce del giorno disperde i sogni nell’oblio così come il vento spoglia i rami delle foglie gialle e scopre i nidi vuoti sugli alberi infreddoliti.

79

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "THE RESURRECTION OF CHRIST" OIL ON CANVAS, 24’’X30" CARLOS AND MINDY SANTOS COLLECTION, NJ (USA)

80

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Fantasia di un artista ella mia fantasia l’erba è insanguinata di papaveri, il grano è dominato da girasoli, ma i tuoi occhi hanno il colore del fiume, l’umiltà dell’allodola che volteggia nell’arcobaleno. Non ho i colori per ritrarre la tua fedeltà a quest’umile esule: tu mi convinci di non galoppare su puledre indigene, negre e mulatte, che si avvingono al collo per strapparmi baci di dollari. Tra i fili della memoria la tua immagine di sposa, Nancy mia cara, appare nello splendore della Madonna, alla mensa sublime della Sacra Famiglia. Le lucciole a sera raggiungono la nostra finestra semiaperta e lampeggiano il sogno d’amore che proviene dai cespugli in fiore. Con te, Nancy mia cara, l’eternità è un attimo che non muore in questo sogno d’amore che ci avvince e non si estingue nel tempo d’addio.

81


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “YELLOW HOUSE AVE 'D' FORT PIERCE” ACRYLIC ON CANVAS, 24”X30” (1ST PRIZE WINNER VBAC, 2013 FL) ARTIST'S COLLECTION

82

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Pasqua di Resurrezione ll’alba d’un mattino primaverile le pie donne si recarono alla tomba di Cristo. L’angelo annunciò la resurrezione e mi disse: Ivo, svegliati e cammini. Da allora, come novello Lazzaro, torna il figliuol prodigo alla mensa dell’Ultima Cena, per mangiare con Te il cibo immortale degli angeli. Ora non sono stanco di volare se il battaglio della campana è legato nei giorni di passione. La raganella gira per i vicoli del paese per annunciare di nuovo la morte di Cristo. Nella Sua morte io ritrovo la vera Vita: la mia fede mi dice che dopo la morte verrà la resurrezione, che è miracolo divino, sconfìtta della morte. Ed io esulto nel miracolo della mia arte nel mistero della Resurrezione: attendo qui fra le siepi in fiore il segno della vittoria di Cristo in una primavera che non ha estate in una gioventù che non conosce la vecchiaia in un’eterna stagione di alberi in fiore.

83


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “ORANGE PICKERS” OIL ON CANVAS, 24”X30”, 2010 ROBERT L. STOTT, JR. COLLECTION, FL (USA)

84

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Infanzia sannita a bimbo schiacciavo i giovani fichi sotto i denti, mettevo i fiori nei capelli delle donne. Le cacce volavano basse sul tabacco beneventano atterrivano i contadini nella vigna. Da bimbo mangiavo i mandorli verdi, inseguivo i serpi nella siepe, scagliavo i sassi sui rospi. I carri armati e le autoblinde facevano tremare il mio paese, le donne avevano paura di affacciarsi alle finestre. Poi le stesse donne attendevano sulla soglia invano il ritorno dei figli e dei mariti. A quell’età la gioia di vivere non mi premuniva del dolore nell’età matura, non mi faceva pensare alla terra dell’esilio. I tedeschi bevevano vino dalle botti ricolme, uccidevano i maiali in piazza, violentavano le donne nelle grotte.

85


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “FERRY STREET NEWARK, NJ, AT PENN FEDERAL BANK” OIL ON CANVAS (DETAIL) 24”X30”, 1987 CARLOS AND MINDY SANTOS COLLECTION, NJ (USA)

86

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Sogno e realtà ra la pena del lavoro è pena di vita, ma il ricordo non si cancella nella pellicola del sogno immortale. Allora correvo come un puledro sui prati in fiore, rincorrevo le farfalle sotto la siepe, mangiavo le more e le trigne, giocavo con le bimbe fra i cespugli fioriti della costa. Allora la mia vita era un gioco di libertà nell’infanzia spensierata: ora nei fili della memoria le lucciole sono ricordi delle sacre reliquie del tempio dove arcano è l’amore di mamma e papà. Ora la mia vita è la mia arte che mi salva dal naufragio jaspersiano.

87


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “RIVERSIDE BOAT LAUNCHING, VERO BEACH” OIL ON CANVAS, 24”X30”, 2008 BRUCE FLOYD MITTON COLLECTION, FL (USA)

88

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Insufficienza dell’arte a penna non è capace di scavare nel crogiolo sacro della memoria: i lacerti dell’infanzia si confondono con i ricordi di guerra. Non trovo i colori adatti per dipingere un bimbo nella primavera in fiore. La parola non sa esprimere la gioia dell’amore materno, l’orgoglio d’un padre artista. Lo scrigno della memoria resta inespresso sulla tela e sulla carta: una sacra reliqua protegge i ricordi nel sentiero dell’eternitá, nel reame metafisico dei sogni. La sabbia marina è passata rapidamente nel collo della clessidra sulla battigia: la vita non ha un significato ora che ho perduto i miei genitori in questa di lacrime terra straniera.

89


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “BEFORE THE STORM” (DETAIL) OIL ON CANVAS, PRIVATE COLLECTION

90

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La vecchiaia enectus ipse morbus diceva Cicerone. Il dolore presente mi conduce al sentiero radioso dell’infanzia quando mi nascondevo con le bimbe sotto la paglia, quando ignaro della guerra dormivo nelle grotte di pecore e di capre. Ora una luce bianca sulla quiete del mare mi dice che la vecchiaia si avvicina e leggo il mio destino nel cavo d’una conchiglia marina. Un giorno non lontano il mio spirito si libererà da questa parete di vetro, da questo labirinto somatico che imprigiona la mia libertà. Allora metterò nuove radici nella mia terra di oleandri dove gli alberi più si sprofondano nella zolla e più la loro cima si protende verso il cielo.

91


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “IL POETA ESULE” OIL ON CANVAS, 24”X30”, 1990 FRANCA AND ORAZIO TANELLI COLLECTION, NJ (USA)

92

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La furia del vento l vento taglia le canne che serviranno per le viti così come la memoria strozza la gola alle parole in questo della vita ultimo volo verso l’azzurro d’un nuovo mattino, verso l’assoluto impenetrabile. Allora la luce apocalittica solleverà gli oceani, le anime riprenderanno il loro corpo nella valle di Josaphat per il giudizip universale. La paura nucleare ci spinge verso il cataclisma, in un mondo di autodistruzione. Non vedo l’alba d’una nuova ecologia in questa ‘’aiuola che ci fa tanto feroci". Eppure la pietà della terra addolcirà il senso delle cose nell’alba salvifica d’una nuova speranza. Allora non avrò più bisogno di parole inutili che decifrino il destino dell’uomo, spieghino il mistero della morte, tradiscano dell’infanzia i miei ricordi.

93

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "LOVE KISSES IN CENTRAL PARK" OIL ON C 24"X36", 1985 ARTIST'S COLLECTION

94

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Il giardino di Mnemosine el giardino di Mnemosine ritrovo il ricordo di mio padre e di mia madre. Quanti sacrifici hanno fatto per i loro figli in Italia ed in questa di Colombo benedetta terra. Rivedo mio padre dipingere nel suo studio, visitato da gente altilocata; rivedo mia madre in cucina che prepara il nostro pasto quotidiano. Rivedo pure i contadini che seminano il grano, i mietitori che raccolgono covoni, le spigolatrici che prendono le spighe cantando stornelli paesani. Rivedo pure le donne che colgono le ulive, gli uomini che vanno a caccia, i bimbi che giocano nel fienile. Ed io da questa terra lontana canto l’attesa dell’eterna primavera nel giardino di Mnemosine.

95

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “BEFORE THE STORM” (DETAIL) OIL ON CANVAS PRIVATE COLLECTION

96

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

L’autunno ra il ramo perde le foglie gialle che volteggiano come fiocchi di neve nell’aria fredda della stagione dei morti. Di pioggia gonfia una nuvola sul mio destino mi dice che l’azzurro diventa corallo, l’astuzia è segno di poca intelligenza. Oltre la siepe il gallo silvano cerca la libertà delle marine, il respiro di nuovi orizzonti si espande nell’attesa del Santo Natale.

97

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “I PRIMI PASSI”1998 OLIO SU TELA, 24"X30" EXB.MUSEE D’UNET FRANCE

98

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La vita a vita è un fiume che scorre verso l’oceano infinito, un gioco in cui si può vincere o si può perdere. Sparge il vecchio letizia di scibile ora che l’orizzonte già s’imbruna e cadono le ombre alle colline. Non è più tempo di salpare per nuove frontiere né tempo di amare e di crescere: l’età ha raggianto il prato antico tra i muri di case scalcinate dalla guerra e dal terremoto, ove la memoria del passato è fissata nelle pietre e nelle statue che indicano la rabbia delle bufere. Ma calma fra le brughiere si avvicina la sera, nuda sulle criniere galoppa ed avanza la notte.

99

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "CRISTOFORO COLOMBO" OIL ON CANVAS, 36"X48", 1991 ARTIST'S COLLECTION (USA)

100

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La mia arte ra la mia arte attende al varco il giudizio dei posteri: io ho raggiunto un bivio che conduce all’immortalità o all’infamia. Mi sconvolge l’indifferenza degli uomini con i quali non riesco a comunicare. La palma della mia vittoria non è il successo nelle gallerie, ma la mia stessa arte fusionistica che incide sul destino del genio di Dalì illumina la certezza della mia sorte. L’apatia è un muschio invischiato al muro scalcinato dall’invidia che cade al primo vento, crepita al primo tuono, finisce nella nudità della vita e della morte.

101


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "FROM SOUTH BEACH VERO BEACH" OIL ON CANVAS, 24"X30" 2006 MR. & MRS. DAVID LAHTY COLLECTION, MI (USA)

102

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Vita d’un genio l genio non annega la sua arte nel rumore della folla, nel silenzio della mediocrità, nella vanagloria del senso comune. La mia arte offre al prossimo la salvezza e la speranza, eleva il mio io nella sublimità dei cieli empirici di Dante. Il genio cerca il suo destino nel suono della conchiglia di Venere, nei colori dei girasoli di Van Gogh, nella delicatezza della "Primavera" di Botticelli, nell’ "Olympia" di Manet, nella "Eva" di Gauguin, nel "David" di Michelangelo. La campana suona a festa annuncia la Resurrezione del Genio all’alba fiorita del Sabato Santo.

103


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

IVO DAVID: "LADY WITH PARASOL" OIL ON CANVAS, 24"X30", AUSONIO (AL) DAVID COLLECTION, NJ (USA) ON TEMPORARY LOAN TO NEW YORK UNIVERSITY STEINHARDT, NEW YORK, NY (USA)

104

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

I miei sogni sogni vivono ancora nel subconscio dell’artista, nella maturità del poeta-fanciullo, anche quando la ragione tende ad opprimere le illusioni, a dissuadere a guardare il cielo senza pianto e senza rancore. II mondo non è una prigione, se nella mia arte io trovo la mia libertà, nella passione il mio sogno d’amore, nella tela le immagini della mia fantasia. Giovane è la mia arte nel gioco dei colori che fondono il sacro col profano, il mistico col sensuale, la terra ed il cielo. E non mi soddisfa la luce dei tuoi occhi verdi, fanciulla sannita che raccogli viole sulle rive del Calore.

105

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "FIRENZE LA CATTEDRALE" OIL ON CANVAS 14"X18", 1989 LUCILLE AND JOHN TOSCONO COLLECTION, PVE, CA (USA)

106

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Giorno di gioia iunto nella piazza di S. Maria Novella Era già mezzogiorno Quando il mio telefonino squilló Una voce profonda Quasi rauca diceva: Ivo sono Roberta E son appena arrivata Alla stazione Centrale. Mi diressi fremente di gioa Correndo tra le folle Entrai la grande sala d’aspetto E tra il frastuono dei binari E le voci delle genti Fu come trovarmi In uno stupendo giardino. La riconobbi subito Splendente come una stella Le andai vicino, la chiamai Per nome ci abbracciammo Con un forte bacio Ci avviammo verso il Duomo Tra la folla che ci ignorava Quanto era avvenente Col suo leggiadro incidere nel lungo ondeggiante cappottino finamente modellato ci sperdemmo tra le genti assenti mentre le fresche piante e I fiori dolcemente mormoravano.

107


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "LE DEJEUNER SUR LA PLAGE" OIL ON CANVAS, 30"X36", 2000 ANA AND ROBERT OECHSLIN COLLECTION, NJ (USA)

108

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Firenze Hotel Carolus uella notte lontana Nere nuvole minacciavano Il cielo il vento inpetuoso L’alba non voleva tornare Ecco il mio telefonino squilla Rispondo subito: Ciao sono "la zingara" Roberta Viaggio con l’autobus Questa mattina arriverò da te A Firenze alle 10:00 La sua valiggetta su ruote Era come una sua compagna Cercai di aiutarla Mi disse che non era necessario Era abituata a trasportarla Il suo lungo viaggio L’avewa stancata un po’ Conosceva il mio hotel C’era stata già’ prima con me Il giorno seguente ripartí Con un bacio mi disse: Ciao. Feb. 2. 2004

109


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

ALLA BIENNALE INT. ARTE CONTEMPORANEA 2007 FIRENZE (DA S) IVO DAVID CON I CRITICI D'ARTE "MASSIMO PIVETTI E STEFANO FRANCOLINI"

IVO DAVID A FIRENZE NELLO STUDIO DEL PITTORE ALESSANDRO VANNINI, 2007

110

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Un antico amore a luce dei tuoi occhi mi penetra l’anima e guizza tra le siepi in fiore, si espande la tua voce tra il profumo di mentuccia e di rosmarino. Il profumo della terra promana dal tuo corpo sensuale: non posso resistere alla tentazione. Questa fuga d’alberi in festa che insegue la mia partenza popola la mia giovane fantasia d’emigrante in cerca di nuove terre. Una volta tu mi aspettavi sotto un lampione, vestita a festa, inzuppata dalla pioggia, ed io tremai guando ti diedi il primo bacio stringendo il tuo corpo al mio in un amplesso tenero ed infinito. Allora anche il mio corpo ebbe l’odore della terra.

111

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "SELF PORTRAIT" PRELIMINARY SKETCH ON CANVAS

112

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Ignaro della vita a bimbo non sapevo l’inganno della serpe nel nido, l’intrico del falco nella siepe, la violenza della volpe nel pollaio, la gioia del gatto fra i topi. Come per gioco il ragno afferrava le mosche nella ragnatela. Come per gioco i tedeschi saccheggiavano il mio paese. Il gatto giocava col topo prima di ucciderlo. L’uccello soffriva ancora vivo tra le morse della tagliola. La rondine piangeva nel mio tiretto. La lucertola strisciava sulla terra, sanguinava per la coda spezzata. L’innocuo piccione cadeva sotto un colpo di fucile. La guerra imponeva nei bimbi la crudeltà verso le bestie, la violenza contro se stessi. Ora io anticipo gli inganni in un paese di mare, colgo il significato della vita che non conoscevo da bimbo, spezzo l’incanto di quel gioco che mi rendeva felice.

113

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID: "THE 4 COW BOY OF ARCADIA" OIL ON CANVAS, 2012 CAREN AND FRITZ RUMMERY COLLECTION, FL (USA)

IVO DAVID: "CAMPAGNA NAPOLETANA" MIX TECNIQUE , 1960 COLLEZIONE GIGINO E TITINA DI GIOVANNI PORPORA, P.E. GROSSETO (ITALIA)

114


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Non posso sorridere on posso più tornare a sorridere come un bimbo che cade fra la neve, non si fa male, ma si rialza nella risata del giullare perchè ha la bocca piena di miele, i piedi scalzi nel viaggio favoloso del tempo. Non posso più sorridere tra gente indigena che mi tratta come uno straniero mi schernisce per i miei accenti. Non posso più sorridere se la mia arte non è apprezzata da questi manigoldi che pensano solo al dollaro.

115


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

L'Adorazione dei Magi Private Collection (USA)

IL FUSIONISMO DI IVO DAVID ( PROF.MARIO FRATTI,1989 LA FOLLIA DI NEW YORK)

116

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Giovane amore l tempo dell’amore mi sorprese a sera sui prati del paese natio, al lungomare della città partenopea. La mia mano tremava nella mano della mia fanciulla innamorata, trovava il miele dell’amore il sapore della terra natia la gioia del sesso nel tatto. La luna ci spiava di dietro una nuvola incantata e vuota di pioggia, quando ci unimmo nell’amplesso.

117


I VO

MEMORIE

D A V ID

AMERICA

Oggi

MAGAZINE

ARTE

D’UN

AR T I S T A

domenica 24 dicembre 1989

31

Il "fusionista" Ivo David vive a Union, in New Jersey

Classico, moderno o tutti e due? "Ricche varianti e tecnica del chiaroscuro” le armi del pittore di origini beneventane di

Mario Albertazzi

Ivo David è un noto pittore residente a Union, New Jersey, venuto negli Usa dalla provincia di Benevento. Parlare di un artista come questo che ha dedicato la vita all'indominabile spirito della creatività umana, è tirare in ballo tutto un mondo di cultura che spazia dal classico al moderno. In questa pittura la tecnica artistica come ha giustamente osservato Orazio Tanelli - “propone certe immagini reali (uomini, donne, paesaggi di flora e fauna soggetti danteschi, palazzi e ponti di New York...) che poi vengono utilizzate per esprimere la parodia della realtà stessa sia nella geografìa che nella storia, sia ridia loro forma somativa che in quella psichica”.

il pittore era partito”.

Troppa carne al fuoco? Apparentemente, soltanto. David è un pittore erudito, sagace osservatore della vita umana il quale ha il gran merito di non appesantire, nonstancare, anzi di chiarire le sue tesi, la sua filosofìa. In che modo? Con la sintesi fusionistica del classico col moderno, col paradosso, la potenza espressiva e rappresentativa dei suoi colori e ancora parafrasando Tanelli con la “ricchezza delle sue varianti, la tecnica del chiaroscuro, le espressioni vitali e dinamiche dei suoi personaggi” (non importa se “Giuseppe Verdi” o “Maiali appesi”, “Il figliol prodigo” o “La Madonna del mellone”, “Sancho Panza” o “Il giornalaio”, “Ugolino” o “Farinate”, “Carorite” o “Paolo e Francesca”).

In questa sintesi fusionistica, improntata ad una visione metafisica del reale che senza volere essere pedanti richiama, un po’ la filosofìa idealistica propugnata prima da Hegel e poi in Italia da Gentile e Croce, risiede la migliore produzione pittorica di David.

La realtà viene scomposta nei suoi elementi primordiali per poterla poi trasferire, trasfondere e trasportare, e quindi ricomporla in una dimensione metaforica ed onirica di alto valore artistico. Così senza scomodare troppo Sigmund Freud, “le immagini divengono l’espressione della psiche mediante il colore, i dettagli sono strumenti ed espedienti che conducono al sogno, cioè ad una visione onirica e poetica della stessa realtà; dalla quale originariamente

E' facile dire che i maestri di Ivo David, sono Rembrandt, Dalì, Chagall, Gauguin, Modigliani, De Chirico, Guttuso e Van Gogh.

In questa sua pittura si snodano (ci rifacciamo nuovamente a Tanelli) ideologie libertarie e radicali in un succedersi di analogie surrealistiche, che non hanno fine a se stesse come nell’estetica dell’arte per l’arte ma contengono un messaggio sociale. Ed è qui che a nostro modesto avviso l’arte di David si fa specialmente importante; un messaggio che è augurale di amore e di speranza.

Da essi, come ancora nota Tanelli, David ha appreso a reagire, in nome della natura-ragione-libertà, contro la pompa classica della composizione, la purezza tradizionale della linea e, la nobiltà teatrale dei comportainenti, la fredda sobrietà de colori. Ecco perché si

118

fanno specialmente ammirare opere come "Pané duro", “Scene campestri o “Festa di San Gennao a Mulbery Street”. C'e in "Pane duro” un immediato riferimento a Van Gogh ante Provenza, quando il grande olandese era ancora fermo sulla fatica dell’uomo e non inseguiva ancora la meraviglie della natura o si preferisce quando egli cercava Dio attraverso l'uomo, non attraverso la Natura di cui l’uomo - il fortunato uomo del Sud era un beneficiato. David è vicino a Rembrandi “per il colore e la potenza espressiva, il vigore dell’armonia delle luci e delle ombre. De Chirico è riscontrabile in certe ambiguità atmosferiche, in certe forme che suscitano un senso di angoscia, simboleggiano l’incertezza dell’uomo moderno, i suoi timori, la sua solitudine. In “Diana dopo il bagno” e "I primi passi”, "Giuseppe Verdi”, “Beethoven", Ivo David si rifá a Signorelli, Masaccio e Botticelli “fusi” con Dali, Magritte e altri surrealisti del nostro secolo. Ci troviamo di fronte ad un pittore di straordinarie capacità nella cui esperienza surrealistica sono sempre presenti il pensiero e laragione, il che gli impedisce di raggiungere l’assurdo, il grottesco e la caricatura.


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La bellezza della mia donna uando finimmo la mia bella donna mi parve tutta soddisfatta e le lucevano gli occhi pel piacere provato. Era stata giustamente da me esaltata ed eccitata m’avea data tutta la sua beltà prostata s’era ella completamente era così pura veramente bella. Bisogna aver cuore che palpiti occhio acuto per guardarla per poi sentirla ammirarla. Quante cose belle sono intorno a noi. Chi le sente? Chi le vede? Chi resta stupefatto attonito ad ammirarle? Un’aurora risplendente un fulgido tramonto un bosco chiomato leggermente sussurando all’aura che tira un volo di uccelletti un usignuolo trilla dolce è la notte profumata un cespuglio di rose nel rigoglio un’aiuola olezzante di viole cose belle del modo della vita ma chi pone mente? Passa il volgo sciocco e non ammira così avviene quasi sempre della bellezza della donna che spesso capita nelle mani di chi non sa apprezzarla ammirarla ed amarla. 119

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Friends and Collectors of Ivo David

120


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Una favola antica vevano il sapore di una favola antica la tua bocca di miele il tuo seno di latte fra i sentieri di ginestre nei Campi Flegrei. E il Vesuvio dormiva nell’incanto della città dell’amore. Sotto la luna di Napoli sfiorai i tuoi capelli d’oro che avevano il profumo della terra e mi sentii come un dio olimpico nella favola dell’amore, nel ricordo di Psiche. Ora la memoria di te coincide con l’immagine di mia madre giovane che con mio padre inventava il destino di un bimbo. Ho raffigurato te nel ritratto di mia madre, un’antica Madonna che redime il dolore degli uomini, mi salva dal male della vita.

121

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Friends and Collectors of Ivo David

122


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Destino dei figli li uccellini volano dal nido anzitempo così come i figli lasciano le case per avventurarsi sulle rive di frontiere dove le voci ed i pianti contengono la voce dei genitori. Figli che rimangono confitti alle ringhiere di bordo. E tu che passi, figlio d’emigrante, fermati un istante innanzi alla mia lapide e contempla il mio destino: ricordati di chi passò per queste terre prima di te con un dollaro insanguinato in tasca. Ricordati di chi attraversò questa frontiera d’emigrazione prima di te e vi piantò un olivo che ora è una croce. Tra le ossa dei miei morti di questa nuova terra non troverai le mie, dissipate nell’oceano verso i lidi italici, disperse dall’oblio del tempo.

123


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Friends and Collectors of Ivo David

Ingrid Bergman-Rossellini con Ivo David L’artista italo-americano Ivo David assieme ad Ingrid-Bergman Rossellini ad una conferenza al Ramapo College del New Jersey sulla cinematografia italiana. Prof. Rossellini, della Columbia University, ha discusso la carriera del padre e della madre ed i migliori film da loro realizzati. Durante un susseguente rinfresco tenutosi allo Sharpe Theater, Prof. Rossellini si è incontrata con l'artista Ivo David, appena tornato dalla Biennale di Firenze. Lei non solo ha elogiato il grande successo artistico di David a Firenze, ma si è anche congratulata caldamente con lui.

124


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Canto d’emigrante l vento della storia non si piega al gioco traumatico dell’emigrazione, ma spinge le ceneri dei defunti sulla chioma enorme della terra natia. E tu, viandante, che leggi il mio nome sulla lapide, IVO DAVID, ARTISTA FUSIONISTA, fermati un momento e pensa senza pregare: le tue stesse ossa si riuniranno alle mie sotto i cipressi del nostro cimitero dov’è la lapide di tuo nonno, dove sono le donne che vinsero il tuo cuore dov’è la terra che diede linfa alla tua carne. La pietà del sole asciugherà l’erba dal pianto, l’occhio della civetta berrà l’ombra della notte, i morti si ameranno più dei vivi.

125


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID

ACCADEMICO DEL PERIGORD L’illustre artista Ivo David, residente a Union, New Jersey, è stato recentemente insignito dei prestigioso titolo di Accademico del Périgord per i suoi meriti nella pittura e per essere il fondatore del Fusionismo sin dal 1956.

Assieme al suo Manifesto del Fusionismo, riteniamo che le illustrazioni della Divina Commedia eseguite da Ivo David lo pongono nei filone della migliore pittura contemporanea e lo inseriscono nei più specializzati testi di storia dell’arte.

Il dottore Paul Courget, presidente dell’Accadèmie des Lettres et des Arts du Périgord di Bordeaux, ha informato con molto orgoglio il nostro artista italo* americano della nomina suddetta, indicandogli pure che alcuni articoli relativi aìla sua arte fusionistica sono stati tradotti in francese e saranno pubblicati negli Annales delia stessa Accademia.

Fra i soggetti danteschi illustrati da Ivo David ci piace menzionare i seguenti: "La Città di Dite", "L’innominato dantesco", "Paolo e Francesca", "Farinata", "Il conte Ugolino*, "Caronte e la sua navicella", "Le sozze Arpie", "Dante e Virgilio", "Dante e Beatrice", "Caro nte", "Gli avari e prodighi". DAVID ha trovato in Dante il più grande maestro del fusionismo, la sintesi dell’umano col divino.

Ivo David è stato sempre fedele alla sua vocazione fusionistica mediante una tecnica cromatica che fonde i miti con fa realtà contemporanea, il paesaggio con la storia, la Sacra Bibbia con personaggi odierni, i paesi sanniti con la grande metropoli di New York. Fra i suoi numerosi dipinti ci piace menzionare: "Diana dopo il bagno**, "Il Cireneo", "Verdi", J,Dantew, "Beethoven", Tane duro", "Omaggio a Van Gogh", "Minosse", "Le Pie Donne", "La deposizione di Cristo dalla Croce". I suoi grandi maestri sono stati Dall, Masson, Mirò, Rembrandt, Magritte, Breton, Chagall, Picasso, Kandinsky e De Chirico.

ORAZIO TANELLI

ORAZIO TANELLI

Miti nella Divina Commedia

Il nostro artista italo-americano ora, da due anni in realtà, si sta cimentando con la Divina Commedia, nella quale ì miti classici si amalgamano con la storia del nostro Rinascimento, la storia di Firenze diventa storia contemporanea. E’ questo un lavoro monumentale che consiste di quasi cento dipinti e che farà riscuotere molto successo al nostro artista quando saranno esibiti in una mostra personale probabilmente a New York. Le sue ricerche sui soggetti danteschi superano ogni aspettativa: lo odierna, il realismo óqìY Inferno, il chiaro-scuro del Purgatorio, la spiritualità metafisica del Paradiso.

126

EDIZIONI IL PONTE ITALO/AMERICANO NEW YORK 1999


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La speranza a speranza non muore mai se la vita continua nel cimitero, se l’arte mi rende immortale. Da bimbo ho imparato un pò d’umiltà negli sfollati di guerra, nei palazzi abbattuti dal terremoto, nella vigna distrutta dalla grandine, nel rosso d’un cocomero sull’erba. Il contadino sparge il seme fra le zolle nel rito sacro d’un’antica liturgia: la sua fiducia è nella fedeltà alla terra.

127

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “STILL LIFE WITH FRUIT AND VINE JAR” OIL ON CANVAS, 1962 LUCILLE AND BRUNO DAVID COLLECTION, NJ (USA)

IVO DAVID: “STILL LIFE WITH FRUIT” OIL ON CANVAS, 1962 GENA DAVID COLLECTION, NJ (USA)

128

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

La zingara nella grotta ’eresia della vita finisce nel grembo della madre terra che contiene la follia dell’arte, la musica dell’amore a primavera. L’infanzia è una siepe di rose senza spine: nella culla si odono ancora le nenie sannite della giovane madre, che allontana la fattura della strega, il malocchio dello zingaro. Dalle grotte dove le capre ruminano sento il lamento degli Ebrei che finiscono in un forno crematorio. La zingara con i capelli lunghi allatta il bimbo nella grotta di tufo sotto l’incubo delle bombe, nel timore della morte.

129

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “LA PRIMA CADUTA SOTTO LA CROCE” OLIO SU TELA, 36”X48”, 1966 ON LOAN TO FR. VINCENZO MONELLA SETON HALL UNIVERSITY CENTER OF ITALIAN CULTURE, E.O., NJ (USA)

130

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

La notte di Venerdì Santo cani abbaiano la notte di Venerdì Santo quando Gesù morto è portato in processione per i vicoli di San Nicola Manfredi: "Ferite, ferite, ferite quest‘anima, ferite quest’anima, che causa ne fu". Allora il popolo aveva fede nei valori eterni della vita, cantava la speranza dopo la morte, piangeva il pianto dell’amore: "Oh fieri flagelli del mio buon Signore!" Oggi Cristo muore ogni giorno sui marciapiedi delle città; nelle corti d’ingiustizia altri cristi vengono coronati di spine, vengono condotti in catene al Calvario della Crocifissione. Ed io mi commuovo dinanzi al volto di Cristo impresso nel velario della Veronica: "Sì vago è il tuo tormento bel volto del mio Bene!" La Via Crucis continua in chiesa dove i contadini si percuotono il petto: "Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa!" La loro resurrezione è un’utopia che si disperde nelle pagine bianche della storia dove non c’è spazio per l’esule, non c’è inchiostro per l’emigrante. Il destino dell’esule è l’oblio. 131


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “CRISTOFORO COLOMBO “ OLIO SU TELA, 36”X48”, 1992 COLLEZIONE DELL'ARTISTA, NY (USA)

132

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Colombo utto il giorno a Genoa giocar con barche solea quel bimbo. Immense nuove Terre sognava ad occhi aperti, vedea stranieri cieli aldilà dell’orizzonte, folle dai più chiamato il gonfio ocean blue navigava con gli occhi. Neri eran gli occhi suoi, parean ancor più neri di rosso luccichio i riccioli dei capelli che il ciglio suo carezzan; grandi occhi di bimbo, profondi, scrutano già dietro l’orizzonte. Cariche di ricchezze numerose nel porto approdan d’itala gioventú differenti navi con insegne. Profondo il presagio premea del suo "concetto il succo" di un ricco prospero futuro, apportator di gioia il chiasso era con la confusione mercantile, l’andarvieni di uomini e il tremolar della marina. S’alzan le vele larghe s’apron qual fior gigante di fusionistìco stile; della carrucola il cigolìo stridean le nodose fune l’ancor, pronte per ripartir al "ricevere da Euro maggior briga". Studiò molti libri apprese più degli Avi suoi; delle sue idee a tutti solea parlare provare volea loro il vero. Portava sempre in cor quel desio e ciò che di "tanta speme resta" finì la sua gioventù coi riccioli neri l’ardore suo ferventemente non finì. Scioglieva già gli ormeggi con uomini di sì poca fede, il lor "naviglio" bagnato era dall’onde. Sentiva "dentro brillar" il suo coraggio unica guida solo amico fedele. Colombo balzava fuori dall’alta nostra civiltà, terra toccava e strani i riti per qual novello dio che per stupor le genti rosse compierò, e, dall’Alto l’etereo immoto Sole irradiava lor tutti. 133

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID AND PRESIDENT OF BIENNALE CELONA, 2007

IVO INTRODUCING HIS PAINTINGS TO THE PUBLIC AT THE BIENNALE OF FLORENCE, ITALY.

134


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Il ritorno bbaiano i cani al ritorno del padrone, muovono la coda e fanno festa. Lasciatemi tornare alla mia terra natia dove ti abbraccerò, fanciulla sannita, nello stradone della vigna che bimbo mi protesse dalle bombe e diede linfa al mio sangue nelle vene. Al mio ritorno brinderò con voi, contadini della mia terra sannita, fedeli custodi della civiltà agricola, che avete avuto il coraggio di restare, avete resistito alla tentazione di salpare per treni di frontiera. Lasciatemi tornare alla mia terra dove le canne ondeggiano al vento per un antico rito liturgico che unisce indissolubilmente l’uomo alla culla della sua infanzia.

135


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "NATALE A NEW YORK CON GLI HOMELESS" OLIO SU TELA 30"X40",1990 COLLEZIONE DELL'ARTISTA.

136

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Natale a New York con gli "Homeless" Natale. Che notte fredda New York, Brooklyn, Manhattan. La lussuria, i cristalli e gli Angeli qui tutto rimarrà. Lenta, lenta, lenta la neve cade. Giungere le terre mai vorrebbe. Perché celar le cose coprir d’un freddo manto gli "Homeless" ?

137


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

IVO DAVID: “INCONTRO DI DANTE E VIRGILIO CON CATONE D’UTICA” ANTI-PURGATORIO CANTO I - ILLUSTRAZIONE DELLA DIVINA COMMEDIA OLIO SU TELA 24”X36”, 1975 PROP. COLLECTION MUSEO DANTESCO-CASA DI DANTE- F. BELLONZI, PESCARA (ITALIA)

138


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

Al poeta Orazio Tanelli i scrivo dal mio studio mentre la mia mente è in contatto col mio amico Cerbero. Credimi che i demoni non sono stati creati da Dio, così buono per sua natura eterna. Iddio non creò il diavolo, ma uno spirito puro, angelico. Poi Lucifero diventò cattivo per le sue gravi colpe commesse. Si ribellò all’autorità di Dio e fu condannato all’Inferno. Diventò traditore e padre tentatore dei nostri padri: il bis-bis-bisnonno di David, Giuda, San Paolo e San Tommaso. Ma tu, poeta sublime, in volontario esilio come me, non potrai mai sperare ch’io dia a Lucifero sulla tela una poltrona comoda nel Cocito dantesco. Le sue unghie penetranti saranno attaccate dal duolo e dal fuoco, lui griderà dall’ira al puzzo del fumo, bestemmierà tutti e le sue unghie. Allora io riderò quasi impazzito dalla gioia riderò ancora di più e lo spingerò sempre più dentro nelle infuocate zone dei colori sulla tela. I pennelli caldi del mio Fusionismo non scioglieranno il ghiaccio delle Malebolge, ma manterranno Lucifero nel fuoco eterno, perpetuo, luminescente, doloroso in compagnia della mia tavolozza. Eppure ... non mi ribellerò a Diol

139


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "JUNGLE TRAIL" OIL ON CANVAS AWARD WINNER ART BY THE SEA VERO BEACH ART CLUB 2013

140

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

AR T I S T A

reportage

31/X/89

Nelle opere del pittore Ivo David

La sintesi fusionistica del classico col moderno di Orazio Tanelli La pittura di Ivo David è frutto di una elaborata ricerca di impasti che si attua attraverso immagini icastiche sublimate dalla carica del colore e solidificate da presenze eterogenee che cercano di decifrare quello che c’è di inesprimibile nella realtà. Questa è solo un pretesto per arrivare all’esperienza surrealistica nella quale, però, sono sempre presenti il pensiero e la ragione. Mai si raggiunge l’alogicità, l’assurdo, il grottesco, la caricatura. La realtà viene scomposta nei suoi elementi primordiali per poterla poi trasfondere e trasportare, e quindi ricomporla in una dimensione metaforica ed onirica di alto valore artistico. Così le immagini divengono l’espressione della psiche mediante il colore, i dettagli sono strumenti ed espedienti che Ivo David conducono al sogno, cioè ad una visione onirica e poetica della stessa realtà, dalla quale originariamente il pittore era partito. Mediante il suo cromatismo Ivo David sorpassa la forma originaria definita in nitidi contorni e ci propone una pittura autentica ed originale che esalta la vibrazione della luce, la funzione del chiaroscuro, il ritmo del movimento, senza compiacersi affatto di certe sfumature femminee che ci ricordano l’arte barocca e quella del rococò. Ecco perché i suoi divi e maestri sono Rembrandt, Dalì, Chagall, Gauguin, Koch, Blake, Modigliani, De Chirico, Guttuso e Van Gogh. Da essi David ha appreso a reagire, in nome della naturaragione-libertà, contro la pompa classica della composizione, la purezza tradizionale delle linee, la nobiltà teatrale dei comportamenti, la fredda sobrietà dei colori. Per cui oggi molti ammirano la potenza espressiva e rappresentativa dei suoi colori, la ricchezza delle sue varianze, la tecnica del chiaroscuro, le espressioni vitali e dinamiche dei suoi personaggi, il vigore dell’armonia delle luci e delle ombre, la sintesi fusionistica del classico col moderno («Pane duro», «Scene campestri», «I maiali appesi», «Festa di S. Gennaro a Mulberry Street, N.Y.», «Il lago di Verona, N.J.»).

In questa pittura la tecnica artistica propone certe immagini reali (uomini o donne, paesaggi di flora o di fauna, soggetti danteschi, palazzi e ponti di New York...) che poi vengono utilizzate per esprimere la parodia della realtà stessa sia nella geografia che nella storia, sia nella loro forma somatica che in quella psichica. Il pretesto realistico non è mai fine a sé, per cui David è ben lontano dalla tecnica neorealistica del nostro Primo Novecento. L’uso dei colori in una maniera originale e r con impulso forte conduce il nostro pittore a certi accostamenti icastici nei quali le sovrapposizioni croma tiche riescono a produrre effetti che trasportano in dimensioni oniriche, iperuraniche, ma mai fuori della razionalità. Il pensiero e la ragione sono sempre presenti nei suoi lavori pittorici, per cui David non raggiunge mai l’assurdità grottesca e alogica che ultimamente si è rivelata in certi pittori avanguardisti, radicali, anarchici. David condanna la pittura surrealistica che esclude il pensiero e la ragione. La parodia degli oggetti, è da lui attuata con intelletto ed intuito, con sentimento e passione: potremmo definire la sua pittura un’arte integrale che esprime tutta la personalità dell’artista, dalle sue ambizioni libertarie ed

141

individualistiche alla critica di certi tessuti sociali. I lacerti della pittura integrale sono amalgamati mediante la tecnica fusionistica, cheMon è un miscuglio di vari espedienti artistici, anzi si rivela unitaria ed originale. Infatti, la personalità dell’artista non si può scindere nei suoi vari aspetti (romantici ed ideologici) senza rivelare il tutto, cioè sentimento e ragione, passione e concetti, realtà e sogni. Cosicché, David evolve seriamente le sue immagini in certe contorsioni somatiche e psicologiche che rivelano, a volte, la sofferenza della condizione umana, ma più spesso esaltano la gioia di vivere, la magia arcana del paesaggio, la fedeltà alla terra, cioè, l’attaccamento indisso lubile ed incondizionato alla natura naturans. Gli elementi cromatici evocano, a volte, certi lati negativi dell’assetto sociale, dell’ecologia, dell’ambiente, dell’umano vivere e morire. Cosicché, sin dall’inizio in Italia la sua pittura è diventata ricerca di libertà e di verità attraverso i colori molto forti e smaglianti: egli ricerca vasti spazi che possano dilatare questa «aiuola che ci fa tanto feroci» (direbbe Dante) per ambientare le proprie aspirazioni umanistiche ed artistiche in dimensioni planetarie e utopistiche. La miglior produzione pittorica di David è tutta improntata ad una visione metafisica del reale, che risente un po’ della filosofia idealistica propugnata prima da Hegel e poi in Italia da Gentile e Croce. Ragion per cui, nella sua pittura si snodano ideologie libertarie e radicali in un succedersi di analogie surrealìstiche, che non hanno fine a sé come nell’estetica dell’arte per l’arte, ma contengono un messaggio sociale, un valore catartico, un presagio augurale di amore e di speranza, di redenzione e di salvezza («Il buon Samaritano», «San Michele», «La resurrezione di Lazzaro», «Il figliuol prodigo», «La deposizione di Cristo dalla Croce», «Il lavaggio dei piedi», «Il Battesimo di Cristo», «La Madonna del mellone», «L’ultima Cena», «La natività»).


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: "TUKER COVE, FT. PIERCE, FL" (DETAIL) OIL ON CANVAS, 20"X24", 2010 SARA AND DR. KENNETH D. TUCK COLLECTION, VA (USA)

142

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

pittura di Ivo David s’impone allo spettatore per la spontaneità dei colori, la varietà tematica, il messaggio etico, l’originalità del disegno, l’autenticità dell’ispirazione poetica. Egli si potrebbe definire poeta deila pittura e

Recensione al fusionismo pittorico di Ivo David di Mario Fratti

D

opoaver lettogli articoliapparsinella Follia di New York (luglio-agosto 1989) relativi alla pittura di David, il Dr. Orazio Tanelli mi ha inviato il suo manoscritto Il fusionismo pittorico di Ivo David che ha suscitato grande interesse e curiosità in me. LaricercadiTanellisibasasullabiografia di Ivo David e sulla sua arte pittorica. Proveniente dalla scuola di Renato Bordone e di omenico Cotugno, David si è da tempo affermato anche in America dove emigrò nel 1962e dove vive ad Union, New Jersey, con sua moglie Nancy. Il libro è strutturalmente diviso in quattro parti: la prima parte parla della biografia, discussa in maniera cronologica e critica sull’origine e lo sviluppo dell’arte davidiana; la seconda parte discute il Fusionismo del pittore italo-americano, mettendo in rilievo la sua tematica, la sua tecnica artistica, ed i vari sviluppi cromatici che conducono al surrealismo, all’espressionismo ed al trans-espressionismo. Il capitolo più importante mi sembra quello che pubblica il Manifesto del Fusionismo che sottolinea la capacità teorica e innovatrice dell’artista. La terza parte contiene le illustrazioni davidiane della Divina Commedia, un soggetto tanto caro sia all’autore del libro che all’artista italoamericano. La quarta parte indaga l’ideologia di Ivo David che sembra andare a pari passo con quella tanelliana nella ricerca della libertà, della giustizia sociale e di una dimensione onirica della realtà. Infine il libro è arricchito da numerose fotografie dell’artista con i suoi amici pittori ed eccellenti riproduzioni dei suoi quadri più significativi al fine di apprezzarne il disegno e l’uso dei colori. Non mancano la lista delle mostre, i giudizi critici, la bibliografia e la lista dei collezionisti. Al termine di un’attenta lettura del Fusionismo di Ivo David ci sentiamo in grado di affermare che questo pittore italo-americano emerge come mito e protagonista della propria arte e si pone al di sopra di un folto numero di artisti che non sono stati innovatori né hanno saputo distaccarsi dal classicismo ottocentesco. Ivo David, fondatore del Fusionismo fin dal lontano 1956, ha superato sé stesso con le più recenti illustrazioni della Divina Commedia: fra queste ci piace menzionare Paolo e Francesca, Avari e prodighi, Farinata, Il conte Ugolino, Ulisse e Diomede, Catone, La città di Dite, Lucifero nel Cocito. In esse egli rivela profonda conoscenza dell’opera dantesca e nello stesso tempo il suo messaggio etico è contenuto in ogni dipinto, eseguito con colori impulsivi e con tecnica originale. Per quanto concerne l’ideologia di Ivo David,

si conclude facilmente che il suo esilio volontario lo conduce a sentieri di libertà ed al recupero dell’infanzia trascorsa nel beneventano, ed alla memoria della prima giovinezza trascorsa a Napoli fra i suoi amici (Lo Russo, Bordone, Tintoretto, Cotugno) che con lui sviluppavano la pittura in termini fusionistici. L’originalità ed autenticità della sua arte non escludono un ritorno al Surrealismo e all’Arte Astratta, correnti che egli supera mediante una nuova tecnica cromatica che fa di Ivo David uno dei principali protagonisti della pittura contemporanea. Riallacciandosi ai grandi maestri (Mirò, Dalì, Van Gogh, Gauguin, Rembrandt, Cézanne, Renoir, De Chirico), David crea la propria estetica pittorica messa bene in evidenza dal Tanelli: cosicché egli supera De Pisis e Carrà, Morandi e Mafai, Sironi e Soffici, De Chirico e Guttuso. Con la parola “supera” vogliamo semplicemente indicare che sorpassa o va oltre la loro tecnica e la loro tematica, pur seguendo le orme di Blake e Koch, Sassu e Guttuso, Rossetti e Dorè per quanto concerne le sue illustrazioni della Divina Commedia che sono l’opera sua più recente e più impegnativa. La sua ideologia pone le basi filosofiche ad un movimento (Il Fusionismo Astratto) di cui si parlerà molto nei prossimi anni di esplorazione artistica e poetica. La pittura di Ivo David è un’arte ascensionale che usa la realtà solo come pretesto per poi raggiungere dimensioni surrealistiche e metafisiche. Il suo idealismo filosofico deriva dai suoi studi classici su Vico, Kant, Gentile, Croce e soprattutto Hegel. Poi egli si è orientato verso Schopenhauer, Kierkegaard, e la filosofia della liberazione (Marcuse, Horkheimer, Adorno, Fromm, Freud). Le basi estetiche ed ideologiche di Ivo David sono anche incorporate nel suo Manifesto del Fusionismo, registrato nella Congress library di Washington, D. C. Nota ci è la serietà dell’autore del libro, il Dr. Orazio Tanelli, che conosciamo come poeta e scrittore e come Direttore della Follia di New York. Qui il Tanelli rivela la sua conoscenza dell’arte pittorica e della storia dell’arte oltre alla sua capacità critica letteraria. A nostro giudizio, Ivo David non poteva trovare un migliore scrittore che mettesse nella giusta luce la sua opera pittorica riallacciandola anche ai grandi che gli sono stati maestri: Dalì, Van Gogh, Modigliani, Gauguin, Rembrandt, Mirò, Renoir, Degas, Cezanne, Koch, Blake e molti altri ai quali si è ispirato; senza peccare di “plagiarismo”, naturalmente. Si è sempre figli dei maestri che ci han preceduto. Non ci resta che attendere là pubblicazione di questo libro per vedere l’artista italo-americano arrivare all’apice della sua gloria. È ora presente in decine di mostre in Italia ed all’estero. La

LA FOLLIA DI NEW YORK: NOVEMBRE-DICEMBRE 1989

143

AR T I S T A

pittore della poesia. Ivo David Academician of the Micenei Ivo David was recently notified by the president of the International Academy of the Micenei, Prof. N.H. Michele Alemanno, of his acceptance as a member in the renowned Institute of Arts, Sciences and Culture. His cultural credits and artistic merits were well analyzed and evaluated by the Academic Nominating Committee that unanimously decided to admit him among the best qualified artists of the Twentieth Century. The motivation for his election as Academician of the Micenei contains these appraisals written by the President of the Academy: “Fully recognized as the official Founder of Fusionism since 1956, Ivo David is in a constant pursuit of sensations; the hallucinating moments of his visions are fused with the turbulent conditions of the soul in an artistic synthesis which takes place in subject matters and themes deeply rooted in hidden existential soil. The impulsive and irruent color mingles itself with powerful results which constitutes the synthesis of the spirit with the matter in some rich effects of light strongly and efficiently contrasting in the impulsive colors on the canvas. Really, the biblical-mythological and Dantean illustrations seem to be the artistic tools used by Ivo David to free himself from invisible inner jails, where every escape becomes a conquest, reached through the powerful feelings of the artist who envisions the dimensions of the impossible and the limits of human understanding!’ Prof. N.H. Michele Alemanno, President of the Academy of the Micenei.

Paul Courget e Ivo David in un incontro a Bordeaux prima della sua mostra al Museo Unet, France.


I VO

MEMORIE

D A V ID

IVO DAVID: “E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE” ILLUSTRAZIONE DELLA DIVINA COMMEDIA CANTO XXXIV OLIO SU TELA, 24”X36” COLLEZIONE DELL’ARTISTA

144

D’UN

AR T I S T A


Traduzioni e Poesie dedicate ad Ivo David


I VO

MEMORIE

D A V ID

IL POETA

146

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Al pittore Ivo David Allora, Ivo David, tu perdevi tempo perchè eri giovane e la vita era lunga. Il cerchio senza fine se ne andava velocemente nei granelli della clessidra sulla battigia dei colorì di Chagall, nello spazio infinito di Bréton, negli occhi espressivi di Nancy. Per te, Ivo David, l’amore alla pittura è sempre pane quotidiano che ti conduce alla metafisica ti salva dalla fame biologica; un sogno viene e va dal libro della natura in cui tu leggi il mistero della vita, la viltà della morte, la speranza nell’oltretomba. La libertà è un fiume che scorre verso l’oceano ignoto. Nelle tue stelle metafisiche si protende la tua vita, capricciosa e ribelle, nell’immenso cielo dantesco: per me la libertà è la poesia, una stella troppo lontana che possa illuminare il nostro destino di esuli, in questa di lacrime ultima spiaggia. Ma tu, pittore dell’inconscio, Ivo David, fondi le realtà eterogenee sulla tela, ritrai felici i fiori a primavera, danzi come un puledro sannita al soffio di zeffiro, sui paesaggi fusionistici, mitici e biblici, di New York, di New Jersey e del Beneventano, con i tuoi sentimenti del subconscio. Come te, Ivo David, beati gli uccelli volano giocando nell’aria aprica; come te e Nancy, liberi i pesci s’innamorano fra le alghe marine.

147

—Orazio Tanelli

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

DEDICATA A IVO DAVID

Il vero Natale Gli angeli di Natale hanno le ali spezzate: hanno rubato i fiori di campo per decorare l’umido musco d’un inutile presepe. Sulla radura ventosa sono legato all’albero maestro per resistere alle tentazioni delle sirene che m’invitano alle ignote alghe coralline d’un remoto mare che più non conosco. Il vento schiaffeggia gli alberi nudi che invano proteggono il giaciglio dei poveri. Il rumore della storia non fa nascere Cristo. Amo le umili viole d’un mondo edenico! Amo il mistero della povertà in un’alba che annuncia la nascita del Salvatore! Nel freddo inverno la speranza ha il colore dei coralli la notte dei poveri senza luna e senza stelle. —Orazio Tanelli

148

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

DEDICATA A IVO DAVID

Paesaggio montano Nel sogno le rocce di tufo sono statue inondate di luce. Il giorno invola dalle grotte le tenebre oniriche d’una notte senza speranza, le bombe devastano la mia campagna. Sotto un cielo rosso le foglie temono il duro inverno. Il tardo autunno gonfia la riva profuma l’aria d’incenso laggiù nella valle. Sulla spiaggia di Termoli nelle ali d’un gabbiano ripongo la speranza del domani. Olezzano i tuoi capelli al vento. Attraverso paesaggi di viole come un uccello migratore che non sa la sua mèta. Cerco la mia donna fra gl’indigeni di quest’altra terra. Non mi ferma questo mare in burrasca, né temo questi monti ciclopici con gli occhi arrossati di rabbia e di sangue. Ora gli alcioni aggrediscono i grattacieli di New York. —Orazio Tanelli

149

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

A Ivo David cantore del colore Da te si sprigiona l’espressione onirica che sulla tela scandisce il flusso della storia. Il magma ti zampilla incandescente ti decora l’augusta fronte di materiale inconscio nello spazio dei sogni. Nella casa del colore attraversa l’atratta sincronia dei suoi elementi la memoria onirica. Chagall, Bréton, dal mitico cromatismo hanno forgiato il biblico linguaggio. La tua arte, Ivo David, risente dell’esule passo che s’inerpica sui colli d’Itaca e gioca con l’immenso. Il trascendente vive l’infinito nell’immanenza divinatoria della tua arte fusionistica. E Zeffiro asperge lo scibile della tua metafisica parola nella ricerca della libertà. —Ninnj Di Stefano Busá

150

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

O Ivo David, Artiste quintessentiel! Créateur du Fusionisme! Poète, Artiste qui peint en tons de riches abondances toi qui a su dès ta plus lointaine enfance que ta desdnée à l étranger sera à jamais liée au chromatisme et à la decorarion des toiles. Formé par celui qui a embelli bien des lieux sacrés du vieux pays, dorénavant tes soirées sous les étoiles s’écouleront à tracer ou à rimer, paisiblement entrelacée, dans les jardins de la Nouvelle Jersey. O sannitique poète, toi qui, avec mélancholie, chante des champs d’oliviers de la Mediterranée, des gazouilleurs périllants dans les verts bocages, et de florissants vergers où butinent les abeilles... et amourettes aux mamelles débordantes, aux lèvres souriantes et accueillantes — fraiches pétales de roses vermeilles — tu es devenu sage... et tu as tourné la page. Ne songe plus aux jours qui semblaient heureux, à ta nonchalante jeunesse quand tu étais insoucieux. Laisse donc le passe dans le passe demeurer.... Hélas, cette vie de bohème n’est qu’un passage éphémère, que tu n’oublies pas d’incorporer sur cette terre avec tes pinceaux impérieusement tracés dans d’inoubliables personages dantesques... et de colorer les caractères humains et mythologiques. Cher Poète et Peintre Quintessentiel! Cesse de rèver du jour d’un impossible retour... Pinccau ou piume en main, n’attends pas le lendemain, reste imbué de ton méder inspirél La vocation dont Dieu t’a imposée finira par te glorifier et te rendre immortel en inscrivant ta renommée parmi les divinités! —Catherine Wall 151

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

To The Founder of Fusionism Ivo David, you contemplate Chagall’s flying lovers in the rationality of nightmare in the poetry of the unconscious. Your Fusionism creates surrealist hallucinations in the world of Dante on the convas of your exile. The rigor of your compositions resides in your freedom along the seashore of Catone’s Purgatory. Ivo David, you are the poet of the color the artist of poetry. Every embrace of your art depends on the silence of night in your search for freedom in the quest for love. Your brush constantly reinvents our world of sorrow and exhaltation, as if it is the first time you see it without sunglasses, the same wonder you felt at your bohemian adolescence. Your faith does not deprive you of your Franciscan humility on the road leading to Damascus: the light of God is inside yourself. The fusionism of your artistic kaleidoscope destroys the geometric balance of Euclid, but does not deprive you of faith and reason, since one mythology does not preclude another. Dreams are sacred in the temple of your heart in your nocturnal landscapes or even on those bathed in sunlight. Your brush strikes the poetic choice: the essential words of your impulsive colors sing of the burning bush of Moses the purification of Manfredi the glory of St. Francis of Assisi. Here, in this land of voluntary exile, your artistic nightmare contains the dreams of the Italian landscapes, the pride of our glorious Renaissance. Let’s fly together, Ivo David, to the roots of our Italian youth to the cradle of the world’s civilization.

—Orazio Tanelli 152

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Ode to Ivo David O painter of a thousand styles Traveling through thousands of miles You have assimilated ages and pages: Dalí, Chagall, Rembrandt, Gauguin,Van Gogh, De Chirico Kant, Hegel, Croce, Marx, Kierkegard, Gentile, Vico Expressionism, impressionism... Cubism, surrealism, fauvism, futurism Your friends and masters throughout the ages. With an unparalleled technique A Fusionism that’s unique, You have created your own expressions Through your oneiric impressions... Formed your own ideology Drawing from history, theology, mythology... In bold lines and glowing colors Depicting chromatic sounds and swirling odors Your canvases enliven through color manipulation And image sublimation. You have inscribed your style and emblem Through paintings, authentic and original Immortalizing the immortal Playing with characters and places Giving them twentieth century faces. And through your search for the global You are making art universal. —Caterina Wall

153

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

All’artista Ivo David Smaglianti colori le tele tue riflettono, per illuminare l’ideale che celano; l’arte tua, il tuo Io in esse si rifugiano ragione e sentimento esse racchiudono. Armoniose le immagini si susseguono, in estetiche onde, fluttuanti appaiono; un simbolo rivelano, un messaggio sociale in una ridda unitaria, originale. I chiari e scuri, tinteggianti, si rincorrono creativa potenza essi nascondono, espressivi, vitali vibrazioni rimbalzano nel "Fusionismo" da te creato. L’artistica, soggettiva tua personalità al tocco del pennello, vivida si fa, in delicate sfumature si evolve, metafisica visione l’avvolge. Scaturita così è quest’Arte tua, o Ivo; con te nata e cresciuta, redenzione sintetizza, quella redenzione sublime che porta all’Amor vero in unisono squisito di vita morale. —Santina Arigoni Tatar

154

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Al pentristo Ivo David Tiam, Ivo David, vian tempon vi eluzis, car juna vi estis kaj longa la vivo. La rondo senfina flugadis rapide tra la polveroj klepsidraj sur la sablon lau Chagallaj koloroj en la spacon senliman de Breton en la lumajn okulojn de via Nancy. Por vi, Ivo David, l’amo al pentrado estas pano ciutaga vin kondukanta al Metafiziko, vin savanta de l’biologia malsato; iras kaj venas revo el Libro de l’Naturo, kie vi legas la Misteron de l’Vivo, la timo de l’Morto, la espero al Transmondo. L’ amo al pentrarto igas neniun malforta, neniam deprimas, neniam detruas, neniam pereas. Libero estas rivero kuranta al Nekonata Oceano. Al viaj metafizikaj steloj sopiras Via vivo, kaprica kaj ribela, en la senfina Danteska Cielo; Ivo David, Libero lau mi estas Poezio, stelo tro fora por igi luma mian destinon de ekzilito kaj la vian en ci lasta plago de larmoj. Sed vi, pentristo de l’Nekonscio, Ivo David, per la kurago fontanta el Nancy, vi surtoligas la disajn realajojn, printempe florojn felicajn vi pentras, vi dancas kiel cevalido Samnia ce l’zefira venteto, sur fandigemaj pejzagoj, mitaj kaj bibliaj, pri Novjorko, Novjerzgo kaj Beneventio’, kun giaj subkonsciaj sentoj. Samkiel vi, Ivo David, la birdoj flugas beate ludante en aero sunplena; liberaj kiel vi, enamigas la fisoj inter la maraj algoj. —La itallingvan originalon verkis Orazio Tanelli —Esperantigis Corrado Lepore Reviziis Enrico Mingo 155

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Je veux revenir Je veux revenir aux paysages de chênes et de tabac où les peupliers se balancent comme des joujoux, où les gratte-ciel sont seulement imaginaires. Je vois le lièvrè bondir au milieu des vignes, je sens l’odeur du sureau et du rosmarin. Je veux revenir á la terre des lauriers-roses où l’air ensoleillé s’étend sur les maisons et la vie palpite de liberté dans la voix du vent. Ici me blesse le bruit des moteurs étrangers, me meurtrissent le coeur les métaux qui roulent sur l’asphalte, sur le ciment, á l’heure inexorable du réveil. Ici je ne vois pas de jeunes filles nues descendre dans la candeur du fleuve. Ici je n’entend pas la cloche qui, le soir, invite de loin à la prière. Ivo David. Extrait du numéro de JanvierFévrier 1999 du Il Ponte-Italo-Americano. Trad. Paul Courget. Académie du Périgord, France

156

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

Mon Italie Ton image maternelle émerge des faibles lueurs d’une nuit d’exil qui élargit ses bords jusqu’à la lagune. Là où l’horizon s’unit au bleu de la mer, comme un nouvel Ulysse j’embrasse ton emblème d’amour qui me fuit dans le scintillement des tournesols de Van Gogh. Christ, ton corps glacé est porté par les Pieuses Femmes vers la tombe de la résurrection, et dans l’image de la Véronique je rencontre aussi mon visage. Moi aussi je ressusciterai avec Toi parmi les hommes du Sud qui enfongent la charrue dans les mottes et ensemencent les champs d’espoir, pendant que les vieilles femmes en attendant le retour du mari unissent leurs mains noueuses à la couronne du Saint Rosaire. Ivo David Extrait du numero de JanvierFévrier 1999 du Il Ponte-ItaloAmericano. Trad. Paul Courget. Académie du Périgord, France

157

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

Je me souviens de mon pére... Hardi et fier, je me souviens de toi, ô mon pére qui, des monts Carsi descendis vers les faîtes des collines Samnites et puis t’en allas à la terre de personne. Là, je te rejoiqnis pour que tu m’enseiqnes l’art afin de ne pas me faire mourir. Mon pinceau courra sur la toile jusqu’à ce que la lumière du crépuscule me trouvera debout dans mon travail quotidien et dans le souvenir de la chère Maman. De vous j’ai appris un message d’honnêteté, la fidélité à la terre mère, le crédo metaphysique dans l’au-delà. Ivo David Trad. Paul Courget. Académie du Périgord, France Extrait du numéro de JanvierFévrier 1999 du Ponte Italo-Americano.

158

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

Jeune amour Le temps de l’amour me surprit un soir, sur les prés du pays natal, au bord de mer de la ville partenopéenne. Ma main tremblait dans la main de la jeune fille amoureuse, elle trouvait le miel de l’amour, la saveur de la terre natale, la joie du sexe au toucher. La lune nous épiait de derrière un nuage enchanté et vide de pluie, quand nous nous unîmes dans l’étreinte. Ivo David Extrait Ponte Italo-Americano Janvier-Février 1999. Trad. Paul Courget. Académie du Périgord, France

159

D’UN

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Enfance Samnite Enfant, j’écrasais les jeunes figues sous les dents, et je mettais des fleurs dans les cheveux des femmes. Le gibier volait bas sur le tabac de Benevento et les paysans arrivaient à la vigne. Enfant, je mangeais les amandes vertes, je suivais les couleuvres dans la haie, je lançais des cailloux sur les crapauds. Les chars armés et les autos blindées faisaient trembler mon pays, les femmes avaient peur de s’afficher aux fenêtres. En vain les mêmes femmes attendaient sur le seuil, le retour des fils et des maris. Ivo David extrait du N° 9-10/93 du Il Ponte Italo-Americano Trad. Paul Courget Académie du Périgord, France

160

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

D’UN

Le parfum de ta beauté Au flanc de la côte, le parfum du sureau et du laurier-rose pénètre les fleurs des acacias et se répand parmi les amandiers, au printemps. Les arômes agrestes ne bouleversent pas l’ordre des choses, mais voyagent dans l’air ensoleillé où les hirondelles voltigent, puis émigrent aux confins d’une terre indigène et sauvage. Et pourtant, me foùdroie le parfum de ta beauté, la splendeur de ton paysage, la foi ancienne de tes gens, ma terre natale. La lumière de ton image m’illumine, que bientôt je peindrai sur la toile pour rendre immortelle ton âme d’enfant dans un champ fleuri. Ivo David (Dans "La Follia di New York" 11-12-I990) Trad. Paul Courget Académie du Périgord, France

161

AR T I S T A


I VO

MEMORIE

D A V ID

162

D’UN

AR T I S T A


IVO DAVID A painter and poet born in Italy, Ivo David is the founder of the artistic movement “The Fusionism, ‘56” originat­ing in Europe. His first original Manifesto of Fusionism, ‘56 and his book of poems “Memories of an Artist” are registered with the Library of Congress in Washington, DC. He received his first art lesson from his beloved father, Arduino David who was an artist in Italy. In 1960, he had his first exhibition at the Galleria del Ponte in Naples, Italy. He currently resides in Vero Beach, Florida USA.

$29.95 www.ivodavidfineart.com Phone: 1-772-770-9076

Memorie d'un artista - Ivo David, 2013  
Memorie d'un artista - Ivo David, 2013  

L raccolta di queste poesie ci fara` conoscere Ivo David sia come poeta che come pittore internazionale....Questi testi poetici di Ivo David...

Advertisement