Issuu on Google+


05

moon by zago Dopo uno studio dei processi produttivi, è stata realizzata questa infografica ad esplicare più semplicemente le fasi di preparazione della birra Zago, caratterizzata dall’impiego della tecnica “champenoise”.


acqua

malto d’orzo

processo produttivo

metodo champenoise

miscelazione acqua-malto: caldaia di ammostamento e bollitura

2-3 ore

90’

80C°

bollitura: caldaia di ammostamento e bollitura

filtrazione: tino di filtrazione, separazione del mosto dalle trebbie del malto., che diventano foraggio. luppolo

fermentazione del mosto: formazione alcol e anidride carbonica

lievito

3-5 giorni

raffreddamento

Whirlpool il mosto caldo è pompato ad alta velocità per la separazione del TRUB

metodo champenoise

6 10-12 mesi C°

imbottigliamento stoccaggio: la birra è pompata nei tank di maturazione sedimentazione del lievito e altri residui nel tappo

sboccatura le birre vengono stappate per rimuovere depositi e anidride carbonica in eccesso; le birre ritappate ed etichettate sono pronte per la vendita

21 giorni


06

fraitag vs luis vuitton Con questa infografica si è voluto mettere a confronto il metodo di realizzazione prodotto di due brand agli antipodi: da un lato abbiamo la società Freitag, famoso brand che produce borse utilizzando materiali riciclati, in particolare vecchi teloni impiegati per la copertura dei rimorchi; dall’altro troviamo Luis Vuitton, famosissima marca di borse e pellettile, antagonista degli animalisti per i metodi impiegati nella raccolta delle materie prime.


VS

L. VUITTON

LVMH impiega piu' di

77 000 persone. DIFFUSIONE

446 negozi esclusivi situati in 52 paesi I prodotti sono venduti senza offerte promozionali. Le vendite del gruppo sono ammontate a 17 miliardi di euro nel 2009.

il prezzo del lusso contro

L. VUITTON

GRANDE GRUPPO MULTINAZIONALE

Il marchio Louis Vuitton e' stata fondata nel 1854 da Louis Vuitton, fabbricante di valigie per l’alta società. Un secolo e mezzo dopo, l'azienda e' diventata uno dei marchi di moda piu' grandi e famosi del mondo. POTERSI PERMETTERE UNA LUIS VUITTON è il simbolo di uno status, SIGNIFICA APPARTENERE AL BEL MONDO DEI RICCHI: MA QUAL È IL PREZZO AMBIENTALE E SOCIALE CHE SI AGGIUNGERE ALLE CIFRE DA CAPOGIRO CHE UNʼACQUIRENTE LV SI TROVA, PIÙ O MENO CONSAPEVOLMENTE, A PAGARE?

1 LUSSO

L’azienda produce prodotti che, con una sapiente strategia di marketing consolidata negli anni, sono diventati STATUS SIMBOL: avere la LV è sinonimo di lusso e ricchezza, e il LUSSO È ECCESSO VA CONTRO I PRINCIPI DI MODERAZIONE PROPRI DELLA SOSTENIBILITÀ.

ARTIGIANALITÀ E TRADIZIONE

STATUS SYMBOL

TUTELA PROPRIETÀ INTELLETUALE

2

sostenibilità ECONOMICA euro

L’accanimento di LV verso la contraffazione dipende dal fatto che LA DIFFERENZA QUALITATIVA TRA ORIGINALE E COPIA NON GIUSTIFICA UNA REALE DIFFERENZA QUALITATIVA: comprando LV si paga un brand, che include le spese sostenute per promuovere il prodotto e gli stipendi dei top manager

ai

24.000 euro

RICICLO

VA L O R I

UPCYCLING

OGGETTO DI AFFEZIONE

3

sostenibilità AMBIENTALE

PVC

MATERIALE SCADENTE

CULTURA SOSTENIBILITÀ

F R E I TA G F R E I TA G F R E I TA G

2

F R E I TA G

Il PVC è trattato ulteriormente per rendere l’effetto texture, per irrigidire la borsa e renderla impermeabile. Inoltre il materiale viene serigrafato, il che comporta l’aggiunta di inchiostro e altre sostanze chimiche per la finitura. I trattamenti che il pvc riceve ne rendono impossibile il riciclo

CUOIO Il marchio LV utilizza il cuoio sia come materia principale di molti dei suoi prodotti che come inserto (i manici, le linguette esterne e la linguetta della cerniera).

MATERIALE DI RECUPERO DI UNA FILIERA VIZIOSA

Nella grande maggioranza dei casi il cuoio o "pellame per abbigliamento" è ottenuto da animali abbattuti a scopi alimentari. Anche se si tratta di un prodotto di recupero il pellame è parte del profitto di una filiera viziosa, quella dell’allevamento intensivo, che incide in particolar modo sui corsi d’acqua.

LA CONCIA AL CROMO

Molto inquintante è anche la lavorazione dei pellami per renderli adatti all’abbigliamento: la concia avviene prevalentemente attraverso il metodo della CONCIA AL CROMO e genera acque reflue con caratteristiche molto particolari e difficili da depurare a causa dell’elevata presenza di prodotti chimici e dell’elevato carico organico.

ai

418 euro

3

sostenibilità AMBIENTALE

BANNER PUBBLICITARI (PVC) FREITAG, per la realizzazione dei suoi prodotti utilizza

GLI STABILIMENTI GREEN WASHING

1 USA 1 SPAGNA 5 FRANCIA LV ha 7 stabilimenti di confezionamento dei suoi prodotti di pelletteria che si trovano in Europa (cinque in Francia e uno in Spagna) e in America (uno negli Stati Uniti).

Le intenzioni di LV di ridurre l’impatto ambientale della produzione sono state bocciate da Ethical Consumer e bollate come greenwashing per la mancata dichiarazione di obiettivi misurabili.

AIRBAG (NYLON) CAMERE D'ARIA DI RUOTE DI BICICLETTE (LATTICE, BUTILE)

LA F-FACTORY

PUBBLICITÀ INGANNEVOLE

La campagna pubblicitaria di LV intitolata "Savoir Faire” che puntava sulla fattura esclusivamente artigianale dei prodotti (borse, calze, portafogli) è stata fatta ritirare dall'Authority poiché i procedimenti descritti avvengono tramite metodi industriali.

2.TAGLIO

I materiali arrivano in fabbrica già trattati. La difficile rintracciabilità dei fornitori rende COMPLICATO VERIFICARE LʼIMPATTO AMBIENTALE DEL PROCESSO PRODUTTIVO E LA CONDIZIONE DEI LAVORATORI COINVOLTI NELLA FILIERA

F R E I TA G

produzione VICINO al Km0

VA L O R I

La sede di Freitag, la NOERD, si trova in un'area di 7500 mq ed è stata costruita su un'area industriale precedentemente contaminata e riconvertita. Si tratta di uno spazio sufficientemente ampio per ospitare la quasi totalità del processo produttivo, senza spostarsi da ZURIGO. Inoltre NOERD, trovandosi vicino ad uno dei maggiori assi autostradali della capitale elvetica, vive non casualmente accanto ai suoi principali fornitori di materia prima seconda: i camion.

FACTORY NO CONTROL

4.MADE IN

?

ESTERNO

Gran parte del lavoro svolto nelle fabbriche LV consiste quindi nell’assemblaggio di COMPONENTI OUTSOURCED...

?

IL COMMERCIO INIQUO DEI PELLAMI ESOTICI

125$ paesi di provenienza oltre 10MILA euro DOPO LA MANIFATTURA

4

MADE IN FRANCE

FREITAG ottiene il 50% del calore necessario da centrali di termovalorizzazione. Utilizza un rigoglioso giardino sul tetto per l'ispirazione e l'isolamento e paga una tassa per l'elettricità proveniente da energia solare ed idraulica. Utilizza della rete di filo metallico galvanizzato per i balconi, acciaio anodizzato per le porte, finestre particolarmente grandi e isolanti per la luce e grandi quantità di semplice cemento isolante.

F R E I TA G

350.000litri

2. LAVAGGIO

LO SFRUTTAMENTO DELLʼIMMAGINE DELLA DONNA IN UN CONTESTO DEGRADANTE

F R E I TA G

LAVORATORI

3. BAG DESIGN

4. CUCITURA e CONTROLLO

Il «taglio» da FREITAG è un lavoro artistico tecnico e artigianale. I Bag Designer creano ogni singola borsa servendosi di sagome e cutter per ritagliare dai teloni il più bel motivo in assoluto, assicurandosi poi che anche le altre componenti s’intonino.

Presso la F-abbrica vengono cuciti solo i prototipi e le borse di prova, per la cucitura vera e propria viene esternalizzata. Dopo la cucitura le borse rientratrano al Nœrd, dove vengono controllate accuratamente,selezionate e fotografate da tutti i lati per essere messe in vendita nell’online store o inviate ai punti vendita

15000l

Con 15000 litri di acqua piovana al giorno si trasforma «l‘usato» in «patinato» e il «vecchio» in «vintage». Dopo averne fatto emergere tutta l‘autentica bellezza, i teloni vengono spediti ai Bag Designer in pacchi di colori coordinati.

sostenibilità SOCIALE

4

LV ha utilizzato, a scopi pubblicitari, l’immagine di celebri modelle nei panni di prostitute. La scelta di sfruttare l’immagine della donna in una condizione degradante contrasta con il principio della sostenibilità sociale.

RISCALDAMENTO E LUCE

CICLO PRODUTTIVO 1. RICERCA MATERIALI

L’aprovvigionamento avviene contattando direttamente i produttori e facendo particolare attenzione al design dei pezzi. Per renderli adatti alla lavorazione vengono privati di occhielli e cinghie. In seguito il personale ricava dal materiale selezionato porzioni standard di 2,4 metri, che vengono ripiegate e immagazzinate

...al solo scopo di ottenere l’agognata etichettatura “MADE IN” garanzia di una qualità fasulla

sostenibilità SOCIALE LV foraggia il business iniquo e lucrativo, dei pellami esotici: una pelle di pitone reticulatus di 2,5 metri sul mercato in Indonesia costa circa 125 dollari, dopo la lavorazione può trasformarsi in cinque portafogli, due borse e due paia di scarpe, rendendo anche oltre diecimila euro.

Freitag raccoglie l'acqua piovana del tetto in una cisterna sotterranea di 350.000 litri e la utilizza per lavare le tele. L’acqua relativamente pulita dell'ultimo ciclo di lavaggio di un carico è riutilizzata per la carica seguente, etc. Quando finisce l’acqua piovana il sistema diventa misto (percentuale di acqua usata + percentuale di acqua nuova): Non avrebbe senso usare vecchie cerate e poi sprecare acqua fresca per lavarle. Secondo calcoli fatti da esperti, i risparmi d'acqua e d'energia dovrebbero permettere a Freitag di ripagare l'investimento fatto per implementare tale sistema in circa 18 anni. In più si riutilizza il calore dell'acqua utilizzata nel lavaggio per scaldare l'acqua piovana.

VA L O R I

3.ASSEMBLAGGIO

efficienza idrica ed energetica

L’ACQUA

CICLO PRODUTTIVO 1.APPROVVIGIONAMENTO MATERIALI

SOLO MATERIALI DI RECUPERO!!!!

CINTURE DI SICUREZZA (NYLON)

Non conforme ai principi della sostenibilità ambientale è anche metodo con cui gli animali vengono squoiati. Il pitone, schiacciato dal manico di un machete viene gonfiato d’acqua come un palloncino per agevolare la rimozione della pelle. In seguito viene impalato e squoiato vivo e infine buttato agonizzante sulle altre carcasse.

ALLIGATORE

MATERIALI

FINITURE

PITONE

per ottenere maggiore profitto LV utilizza per le sue borse più costose la pelle di coccodrillo. Non differentemente dal pitone, il coccodrillo viene scuoiato vivo, per non danneggiare il pellame e rendere più redditivo il singolo animale: utilizzando un grosso cesello e con una mazza viene praticato un taglio lungo la colonna vertebrale: l’animale impiega un paio d’ore a morire. LV possiede il proprio allevamento di coccodrilli in Australia.

La tote più semplice costa DAI 78 AI 98 EURO a seconda della dimensione La classica messenger costa TRA I 140 E 190 EURO a seconda della dimensione. Per il modelli di borsa più eleganti si arriva a spendere un massimo di 418 EURO con il modello MAC LAREN

TELONI DEI CAMION (PVC)

CRUDELTÀ VERSO GLI ANIMALI PER OTTENERE MAGGIORE PROFITTO

7 STABILIMENTI

I valori sposati da FREITAG non si limitano al prodotto ma vengono applicati a più livelli compresi lo studio del packaging e il design del Flagship Store in Zurigo nel tentativo di RISPETTARE LA FILOSOFIA DELLA SOSTENIBILITÀ IN OGNI FASE DI VITA DEL PRODOTTO.

CORPO DELLA BORSA

LV vende borse in pitone alimentando il commercio di questo materiale, un business dannoso per la biodiversità che comporta la riduzione del numero di specie esistenti di questo rettile. Infatti, a dispetto delle normative che prevederebbero l’uccisione dei soli pitoni di allevamento, un gran numero di rettili selvatici vengono uccisi prima di raggiungere la fase riproduttiva.

CRUDELTÀ VERSO GLI ANIMALI

Freitag non vende un semplice oggetto, bensì una nuova mentalità, un nuovo modo di vivere. Una FILOSOFIA DA CONDIVIDERE E IN CUI POTERSI RICONOSCERE. FREITAG è trasparente nella comunicazione del proprio processo produttivo e non teme di venir copiata da altri produttori perché spera di essere un esempio per il bene del pianeta e per l’educazione dei consumatori.

dai

78

euro

MATERIALE NON RICICLABILE

UN DANNO PER LA BIODIVERSITÀ

Di qui l’idea di utilizzare i vecchi teloni impermeabili dei camion per produrre borse in MATERIALE RICICLATO.

sostenibilità ECONOMICA

Le borse più economiche sono realizzate prevalentemente in PVC, che LV definisce “tela rivestita”, per cammuffarne la bassa qualità.

Il PVC, cloruro di polivinile, è un polimero plastico derivato dal petrolio il cui processo produttivo va ad incidere sull’inquinamento delle acque e attraverso gli animali acquatici giunge fino all’uomo.

I LAVORATORI

le principali delle quali sono la Germania, la Svizzera, l’Italia e il Giappone.

Il prodotto FREITAG è per sua natura unico, perchè è unico ogni telone e ogni taglio. VALORIZZARE LʼUNICITÀ DEL PRODOTTO LO TRASFORMA IN UN BENE DI AFFEZIONE che difficilmente verrà buttato al variare della moda. Il rapporto di affezione con il prodotto viene rafforzato da iniziative come il “fai-da-te” F-Cut. Si tratta di un evento in cui il cliente sceglie da sé colore e fantasia della sua borsa realizzandone personalmente il taglio.

MATERIALE INQUINANTE

Manca un quadro chiaro delle condizioni in cui lavorano gli operai coinvolti nella filiera LV. Delle notizie pervenute, a macchia di leopardo si può citare il caso dei 111 lavoratori irregolari della fabbrica di Calenzano (Firenze) scoperta nel 2013. Notizie di questo genere autorizzano a dedurre che le ragioni del profitto per LV siano prevalenti rispetto a motivazioni di tipo etico.

400 rivenditori in 20 nazioni

L’idea Freitag di utilizzare materiali che abbiano già vissuto una vita non era nuova: l'originalità dei due fratelli svizzeri è stata nella decisione di NON CAMUFFARE IN ALCUN MODO IL MATERIALE UTILIZZATO, PER FARLO SEMBRARE NUOVO, MA DI CREARE UN PRODOTTO UNICO FACENDO EMERGERE IL VALORE AGGIUNTO DELLA MATERIA PRIMA SECONDA.

F R E I TA G

3

km

130 persone. DIFFUSIONE

FUNZIONALITÁ

COERENZA

MATERIALI

Gran parte dei fornitori di LV si trovano nel SUD EST ASIATICO: il viaggio che devono affrontare questi materiali per raggiungere le fabbriche occidentali in cui avviene l’assemblaggio rendono il prodotto altamente inquinante (ECOLOGICAL RUCKSACK)

Freitag impiega oltre

valori AZIENDALI

VA L O R I

La"tela Monogram" identifica l’azienda dal 1896. Per mantenere il posizionamento, del prodotto, rivolto all’alta società, LUIS VUITTON indica, come VALORE AZIENDALE SUPREMO LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE, dando per assodato che le proprie borse siano da considerare oggetto d’arte e adottando una politica di tolleranza zero nei confronti della contraffazione.

500

Nel 1993, i Fratelli FREITAG di Davos (classe '70 e '71), studenti alla Zurich School of Design immaginarono la loro prima borsa: una postina che fondesse esigenze funzionali e design di qualità realizzata seguendo alla lettera i principi della sostenibilità ambientale. UNA BORSA BELLA, PRATICA, ECOSOSTENIBILE È POSSIBILE? LʼAZIENDA FREITAG I QUESTI ANNI HA AFFRONTATO E VINTO QUESTA SFIDA.

AZIENDA DI CARATTERE NAZIONALE

La borsa Freitag nasce da un’esigenza FUNZIONALE ispirata dalle borse dei bike messenger di Manhattan e San Francisco: creare una postina adatta alle esigenze di un ciclista urbano, RESISTENTE AL VENTO E ALLE INTEMPERIE

Questa strategia è collaudata dalla storia del brand che utilizza il proprio LEGAME CON LA TRADIZIONE come garanzia di qualità. Ma il nostro rapporto con il pianeta è cambiato rispetto alla fine dell’800: puntare sugli usi di una volta, quando le risorse sembravano infinite NON È IN LINEA CON I PRINCIPI DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE CHE PUNTA ALLʼINNOVAZIONE e alla modifica dei comportamenti per aviluppare un più equilibrato rapporto uomo/ambiente.

dai

FREITAG

il valore della sostenibilità

valori AZIENDALI

Le borse L.V hanno prezzi che variano dai 550 EURO del bauletto classico in "tela Monogram", ai 1.770 EURO della versione in pelle Empreinte e il motivo impresso del medesimo bauletto alle cifre da capogiro, 24.000 EURO per la borsa in pelle di alligatore. Prezzi certamente ingiustificati da materiali e manifattura.

F R E I TA G

SVIZZERA FRANCIA TUNISIA PORTOGALLO

I partner di lunga data in Svizzera e all'estero (Francia, Tunisia, Portogallo e Repubblica Ceca), che si occupano della cucitura delle FREITAG, sono cooperative che impiegano disabili,realizzando, sempre coerentemente con i valori del brand, l’obiettivo della sostenibilità sociale.

COMUNICAZIONE NON CONVENZIONALE: il punto vendita come amplificatore del messaggio di cultura della sostenibilità

Il punto vendita freitag di Zurigo COMUNICA CON LʼARCHITETTURA LA FILOSOFIA AZIENDALE AL CLIENTE FINALE. Composto da diciassette container dismessi e sovrapposti raggiunge l’altezza di 26 metri nel rispetto della normativa locale. I container sono finiti all’interno lasciando volutamente EVIDENTI LE TRACCE DEL PRECEDENTE UTILIZZO. L’ILLUMINAZIONE NATURALE è garantita da cinque grandi vetrate. L’EDIFICIO È INGEGNERIZZATO PER IL DISASSEMBLAGGIO: un’eventuale smantellamento della torre e il conseguente ritorno allo stato originario del sito. Allo stesso modo potrà essere pensato anche uno spostamento dello Store in altro luogo. Qui come in ogni showroom Freitag gli elementi ESPOSITORI SONO COSTITUITI UNICAMENTE DAL SISTEMA DI PACKAGING degli stessi prodotti, in scatole di cartone.

F R E I TA G

F R E I TA G


fraitag vs luis vuitton


TOTALE FILM 1° 2° 3° 4° 5° 6° 7° 8° 9° 10° 11° 12° 13° 14° 15° 16° 17° 18° 19° 20° 21° 22° 23° 24° 25° 26° 27° 28° 29° 30° 31°


07

torino film festival Il programma del Torino Film Festival racchiude numerosi titoli e infor mazioni , suddividendo i vari lungometraggi in sezioni. Queste ultime però variano di anno in anno, apparentemente senza seguire una logica. Questa infografica vuole far luce sulle motivazioni che spingono gli organizzatori ad ef fettuare tali variazioni, presentando anche un excursus storico del Festival.


ce

ni

1

ram mi spe cia li

c

1987 -

one sez

io

IVA FEST L INT

eventi speciali

retr o oma spet ggi tiva o io gg

5° e d i z ion e

ne zio di

i cial spe nti eve

89 19

ione ediz 7°

proposte spazio torino

go luo v -t li ne cia e sp mi

c

om a

19 88

6 °e

io cine m n e scuol a fatto a vid dai 1 f i e l b m o 9 a d 92 new d i Claud doc. s mbin eve irect io P ocia i scu o a n o t p i la ali le spe rs a cia ci li p r og ra m

1990 - 8° edizione

° 10

- 4° edizione 1986

li z i

en in film” “wom tto Rouch proge aperto o studi rime antep rso conco ncorso o fuori c

e

vo

GIOVANI MA NE

AZIONALE CI N ER

e zion edi 3°

o ide al v on oti om mm pr & cm

personal e

e ost op pr

1994 - 12° edizio izione ne 1 d e ° 1 995 1 n o t z e z i e r u o r o pa 3 - 13 9 9 p o i m a i mo pr 1 °e rio tslisni a n te orti i e diz n n e c o ion il c no di n spot i z i an ema i e p r o ed g in

red film gala d’a xy f nim ilm az s ion e

2° ed izi on

85 19

li i specia rammse nei occhi g o r p ro pae a testimonian ze em alt ques Rozier cin c i e a J n d o i mi-siecle anteprime azi nn no de oa nim ocar e in shorts spazio aperto L t a p n opere prim m. euro e to r tema giov o ani

198 4-

e

6 99

ne izio d e 4° 1 -

izione 1982 - 1° ed 15° ed izion 7 e 199

excursus sto

TORINO FI

dal 1982 al 20 totale film pres

en

edizione più pre m edizione con più iata sezione più dura sezio tura

1991 9 ° edi z


r me Em cin

04 20

ff °t 22

R

tflab John Hust on shima O Dor a s i ian Nag las Ray omaggio Gra Nico Rob y ert Alt ma n

mobile festa

e ond

ni

ll er Hi Walt rio Sganzerla è Rog

abrol de Ch Clau

- 23° 2005

tff

2006 - 24 ° tff

200 7

nziale confide orto nti p p a a r e am figli ma e cimeri e n ci

TO

29 °t ff 201 1tff

2010 - 28 °

e nal zio a rn te in sh iti br

ie s Filipp Focu

Robert Aldric h Latitudini lo s ant tato d fuori program m a e epr elle c i v m e os spa nto sp e e film a so z r p ec r i e s o l a Joaquin Jord a zon Tori iale a no T o ri a ital no i ital ana d pan iana c oc ora or Piero Barge ma ti llin i i Joh tal ian nC as o s a ve te s

ski lan o nP ma o R

dis lan hn Jo

08 0 2

tff

200 3

-2 1 ° tff

tff ° 6 -2

2002 - 20 °

tff

tff

- 27° 2009

- 19° 2001 video e istituz ione

docs in europ e

evento specia l premio doc e

-2 5 ° tff

12° 20° fuori concorso

ione ’animaz ma d cine

io

fals pro i racc i o eur ezion rdi o Sav pe in i spe ecli ros To sho ciali DOC ssi di rnes rts c i ne ma

9.054

is

one sez

Wil liam F rie dk in

li z i

tff 8° -1 00 e 20 tituzion

I

artissima 9

vo

17 °t ff

desk na igital ettiva ica r d sp er che retro am itti Bo dd Bu

a oni

F I LM F EST

L

013

ntati

O IN

VA

ILM FESTIVAL

199 9-

orizzonte euro pa primo piano a i l a t i n i o t c i n e m a in diret tan e in ang tv com programma s ta b pecial inc big er hours e v i d io e o s c u ola da afth io torino r a c c tre o r d z i a p s proposte sopralluoghi it vid eo Davide Ferra aliani i t r o zer c rio a n a i c o ncorso o ital lo s pec sacher festi val ch io fuo pop ri c euro spettiva o nc retro omaggio ey ors Los o h p e s o J

e

orico

tff

oe de vi

c do tff

1998 - 16 °

ia s ur tal to o i De pazi s

12 0 2

ff °t 0 -3

- 31° tff 2013


08

crepres suzette Tutti amano le crepes, ma le ricette a volte sono dif ficili da seguire. L’infografica rende questo passaggio più semplice grazie all’utilizzo di comunicazione visiva. L’animazione dell’infografica semplifica ulterior mente la lettura e rende più divertente la preparazione. Enjoy!


iulia.dimboiu@yahoo.it +39 3498369524

behance.net/iuliadimboiu


Portfilio parte2