Issuu on Google+

Multilingual Lifestyle Magazine, Italiannews.ch - Nr. 13 Aprile-Maggio 2013, CHF- 4.-

italiannews

m u lt i l i n g u a l

lifestyle

magazine

MEGAN FOX for Armani

Fashion Week MARCELLO D'ERASMO

Dario Di Benedetto Festival Kunstwarenhaus Z端rich

2013


Parte di

italiannews

Inhalt

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

EDITORIAL

5 - Editorial by Gabriella Groppetti 7 - Editoriale by Pina Bevilacqua 9 - Editorial by Brian Basnayake

TOURISm

10 - Svizzera: il paradiso dei treni 12 - Sunstar Hotels 14 - Definitely Dubai

swatches

16 - IWC SCHAFFHAUSEN 18 - Girard-Perregaux

MODA

22 - Fashion Week woman 24 - Fashion Week man 26 - Gardenia Modeschau 2013

MUSIC

29 - NEK a Zurigo per presentare il suo nuovo album „Filippo Neviani“ 33 - Top Venti 34 - Uscite CD - Album musicali

CINEMA

36 - ITALIAN FILM COMMISSIONS 38 - Film in uscita 40 - Iron Man 3

ENOGASTRONOMIA

43 - Parla Giovanni Rana. Il re dei tortellini 47 - Gasthof Löwen 48 - Vapiano. Il gusto italiano che arriva dalla Germania 49 - Nasce in Europa la coalizione per contrastare lo sfruttamento delle risorse dei territori 50 - Marcello D'erasmo, inaugura il 9 maggio la pizzeria Ciao Italia a Zurigo

La natura sa cosa fa bene. Ecco perché ogni giorno produce per noi prodotti freschi come i cereali bio con i quali prepariamo la nostra corona del sole bio. Alla Migros sono disponibili oltre 1000 prodotti bio. Informazioni al sito www.migros.ch/bio

CULTURA

56 - Habemus papam. E si chiama Francesco! 58 - Thank you, Your Holiness and We Wish You Well, Pope Emeritus! 59 - Quo Va dis, Papa Franciscus I?

BENESSERE

62 - Trekking e meditazione serale

technologie

64 -Yallo offre la telefonia internazionale gratis

AUTO

65 - Citroen C4 Aircross 68 - Citroen DS4 70 - Soccorso stradale, nasce la prima rete italiana per auto elettriche e ibride

SPORT

71 - Dario Di Benedetto

ARTE

73 - Galleria Monteoliveto a ART MONACO '13 74 - ART MONACO'13 - L’Arte in Costa Azzurra inizia ad Aprile 76 - AFFORDABLE ART FAIR 78 - Galerie Reichlin 82 - Keller Galerie - Heidi Suter 83 - NEU: KUNSTWARENHAUS 2nd FAME 84 - VERNISSAGE: Raffaello Talò - Tonino Campà - Casula


Impressum

Editorial

Verlag

Liebe Leserinnen, liebe Leser, Falls es die Fee die drei Wünsche erfüllt gibt hätte ich momentan diese Anliegen an sie: Das Euro- und Zyperndebakel hat die Probleme mit Italiens Regierung völlig in den Hintergrund gedrängt. Ich wünsche mir (und allen Landsleuten) dass "Bella Italia" sich endlich einig wird und einen fähigen Souverän bekommt der diesen Namen auch verdient. Weiters wünsche ich mir dass es jetzt endlich wärmer wird: Im Oktober 2012 fiel erstmals Schnee. Jetzt, beim Verfassen dieses Editorials, hat der Frühlingsanfang zwar kalendarisch schon länger stattgefunden doch noch immer bewegen sich die Temperaturen um den Null-Grad-Bereich. Ein halbes Jahr lang mussten wir graue, trübe und nasse Tage ertragen, es war ein harter Winter wie er seit vielen Jahrzehnten nie mehr vorgekommen ist. Nicht nur dass fehlender Sonnenschein sich auf die Psyche auswirken und sogar Depressionen verursachen kann, es fehlen auch die "Farbtupfer" im Strassenbild. Ganze sechs Monate waren für draussen der dicke Wintermantel oder eine Steppjacke, gefütterte Stiefel und sogar Moonboots angesagt. Liebe gute Fee: Bitte richte Petrus aus dass wir lange genug diese Kälte ertragen haben. Denn unsere hübschen Frühlingskleider, die farbigen Sneakers oder luftige Sandaletten halten schon zu lange ihren Winterschlaf im Kleiderschrank und möchten endlich mal nach draussen. Eine letzte Bitte richtet sich an die Lebensmittelproduzenten: Nicht dass meine politische Gesinnung extrem Grün oder Links gerichtet oder dass ich Vegetarierin wäre doch wenn ich Esswaren kaufe muss drin sein was drauf steht. Konkret: Greife ich zum Beispiel für Bio-Eier tiefer ins Portemonnaie sollen diese von glücklichen Freilandhühnern stammen. Und wenn es ausnahmsweise mal schnell gehen muss dürfen Fertigprodukte kein undeklariertes Fleisch oder in der Retorte erzeugten Schinken oder Käse enthalten.

Antonio Campanile

Editorial Direktor Pina Bevilacqua

Testimonial

Anna Maria Schneider

Direktor Marketing/ Werbung

Antonio Campanile

Chefredaktor

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Mursia Petrachi (italienische Redaktion)

Redaktion

Sabrina Tortomano Luisa Pavesio Antonella Montesi Pietro De Seta Emanuele Iacovo Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Nica Mariella Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Luana Nocco

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Giuseppe Iacovo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto

Redaktion Chur CosimoVonghia

Antonio Sellito

Redaktion Tessin - Via Peri Lugano

Rita Albrecht Antonio Vivacca

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

Redaktion Vienna Erich Bauer

Redaktion Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore

Redaktion Rom Alfonso Benevento Michele Viola

Michele Ferrante Davorka Zguric Angela Verde

Redaktion Mailand Eugenio Forestieri

Redaktion Turin Francesco Mescia

Redaktion Sizilien Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Redaktion Apulien Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

Marketing/ Werbung News@campanile.ch

Graphics

Morena Fiorucci

Art Director Paolo Ugolini Salvatore Lodrago

Web Master Salvatore Lodrago

Fotografie

Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht

Abo-Service

Redaktion@italiannews.ch Tel. +41 44 432 57 78

Druckzentrum

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

An dieser Stelle noch ein (Glück)-Wunsch: Schon als Teenager war ich Fan von Al Bano, er sang damals noch gemeinsam mit Romina Power. Die feinfühligen Texte (Felicità, Soltanto Tu) die schöne Musik, sie bereiteten immer Freude. Demnächst wird der italienische Cantautore siebzig Jahre alt und noch immer denkt er nicht ans aufhören, zum Glück. Caro Al Bano: Vielleicht werde ich eines der Konzerte die Du demnächst in Österreich gibst besuchen und Dir einen Geburtstagskuss auf die Wange drücken. Falls ihr kleiner Wunsch, liebe Leserinnen und Leser, eine Städtereise sein sollte: Besuchen Sie doch mal Wien, die Stadt die Kunst und Kultur an jeder Ecke atmet. Einige inspirierende Artikel aus der österreichischen Metropole finden Sie in dieser Ausgabe von I News. Mit den besten Grüssen Ihre

Verlag

INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Tel. +41 44 432 57 78 Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Monatliche Ausgabe

4 INEWS

Gabriella Groppetti

INEWS 5


Impressum

Editoriale

Editore

Antonio Campanile

Direttore Editoriale Pina Bevilacqua

Testimonial

Anna Maria Schneider

Direzione Marketing&Pubblicità Antonio Campanile

Capo Redattore

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Mursia Petrachi (italienische Redaktion)

Redazione

Sabrina Tortomano Luisa Pavesio Antonella Montesi Pietro De Seta Emanuele Iacovo Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Nica Mariella Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Luana Nocco

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Giuseppe Iacovo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto

Redazione Coira (CH) CosimoVonghia

Antonio Sellito

Redazione Ticino - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Vivacca

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

Redazione Vienna Erich Bauer

Redazione Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore

Michele Ferrante Davorka Zguric

Redazione Roma Alfonso Benevento Angela Verde Michele Viola

Redazione Milano Eugenio Forestieri

Redazione Torino Francesco Mescia

Redazione Sicilia Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Redazione Puglia Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

Marketing/ Pubblicità News@campanile.ch

Grafica

Morena Fiorucci

Art Director Paolo Ugolini Salvatore Lodrago

Web Master Salvatore Lodrago

Fotografia

Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht

Abbonamenti

Redaktion@italiannews.ch Tel. +41 44 432 57 78

Tipografia

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

Casa Editrice

INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Tel. +41 44 432 57 78 Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento / soci CHF 100.Periodicità Mensile

6 INEWS

Please, sobrietà! Mentre dal 1° gennaio la ricca e prospera Svizzera taglierà gli stipendi dei super-manager, dando un segnale importante contro gli sprechi e la sperequazione, appena al di là delle Alpi, in Italia, Paese assai più aggredito dalla crisi, si continuano a sperperare le esigue risorse economiche forzosamente drenate dalle buste paga tra le più leggere o quasi d’Europa (anche perché in Italia l’inflazione negli ultime 3 anni ha divorato l’8% del potere d’acquisto e, quindi, dei salari, raggiungendo il picco massimo degli ultimi 15 anni, il 3,2%, nel 2012, con il governo Monti), con spese pazze come quelle militari (ben 598 dollari pro-capite, contro i 550 della Germania e i 441 del Giappone). Su cui pesano anche 600 generali contornati di benefit quali auto blu e attendenti. La famigerata spending review italica risparmia pure i diplomatici, che sono tanti visto che l’Italia ha ben 325 sedi estere, più di Stati Uniti (271), Russia (309), Regno Unito (261), Germania (230).L’ambasciatore italiano a Berlino, tanto per fare un esempio, guadagna il doppio della cancelliera tedesca Angela Merkel, che percepisce 9.072,43 euro netti al mese per governare la 3° potenza economica del mondo, con 80 milioni di cittadini. Tra i non toccati dalla revisione della spesa italiana ci sono anche, ad esempio, i prefetti. Attualmente circa 1440, compensi annui dai 57 mila euro ai 151 mila, arrotondabili con doppi e tripli incarichi e funzioni di amministrazione straordinarie. Ci sono i magistrati, che, pur lavorando 1.560 ore l’anno (cioè 4,2 ore al giorno), secondo un saggio di Stefano Liviadotti (quello di "La Casta" e l’Altra Casta"), guadagnano da 37.454 a 122.278 euro, pari a 3,6 volte il salario medio annuo nazionale (in Germania guadagnano da 38.829 a 86.478 euro, pari a 2,1 volte il salario medio annuo nazionale). Ci sono i manager pubblici: 757.000 euro al governatore della Banca d'Italia (contro i 200.000 dollari, ovvero 154.000 euro, percepiti dal presidente della Fed Ben Bernanke); 621.000 al capo della Polizia (contro i 141.000 dollari, ovvero 110.000 euro, percepiti dal direttore dell'FBI); 562.000 al ragioniere generale dello Stato; 536.000 al Capo di gabinetto dell'Economia… In Italia si dice che i grandi dirigenti pubblici bisogna pagarli così tanto per attirare le competenze migliori, ma le loro retribuzioni d’oro sono la causa maggiore dell’incremento della spesa per il P.I.. Mentre in questo periodo di crisi le sforbiciate stanno colpendo solo i dipendenti statali di base e feroci critiche l’intera categoria. Ingiustamente. In realtà, infatti, gli statali italiani sono ‘solo’ 58 ogni 1.000 abitanti, suppergiù quanto quelli della Germania (56) e molto meno di quelli di Svezia (135), Francia (94), Regno Unito (92). Inoltre, nella loro totalità assorbono poco più dell’11% del PIL, uno dei tassi più bassi d’Europa, dietro a Danimarca (19,2%), Svezia (14,4%), Finlandia (14,4%), Francia (13,4%), Belgio (12,6%), Spagna (11,9%), Regno Unito (11,5%). E mentre in tutta Europa stanno aumentando, in Italia sono diminuiti del 4,7% negli ultimi 3 anni e in calo costante già da 10. Insomma, la “Casta” deve necessariamente metterci del suo anche nel Belpaese. Svizzera docet. Cordiali saluti Pina Bevilacqua

INEWS 7


Impressum

Editorial

Editor

Antonio Campanile

Managing Editor Pina Bevilacqua

Testimonial

Anna Maria Schneider

Direktor Marketing/ Advertising

Antonio Campanile

Chief Editor

Gabriella Groppetti (deutsche Redaktion) Heidi Giuliani (deutsche Redaktion) Bryan Basnayake (englische Redaktion) Mursia Petrachi (italienische Redaktion)

Editorial Board Sabrina Tortomano Luisa Pavesio Antonella Montesi Pietro De Seta Emanuele Iacovo Palma Bucarelli Beatrice Feo Filangeri Gianni Motori Nica Mariella Antonella Millarte Eugenio Forestrieri Pino Laudano Luana Nocco

Thomas Lang Marco Montini Massimiliano Teramo Giuseppe Iacovo Rocco Delli Colli Gianni Barone Dalia Sgarbis Vincenzo Muni Italo Caroli Salvatore Tramontana Rita Albrecht Bruno Sonetto

Editorial Board in Chur CosimoVonghia

Antonio Sellito

Editorial Board in Ticino - Via Peri Lugano Rita Albrecht Antonio Vivacca

Ludovico Gentile Nicola Cathieni

Editorial Board in Vienna Erich Bauer

Editorial Board in Basilea Piero Esteriore Mimmo Esteriore

Michele Ferrante Davorka Zguric

Editorial Board in Rome Alfonso Benevento Michele Viola

Angela Verde

Editorial Board in Milan Eugenio Forestieri

Editorial Board in Torino Francesco Mescia

Editorial Board in Sicily Francesco Di Dario

Rita Pennisi

Editorial Board in Apulia Eustachio Cazzorla Domenico Potenza

Nicola Tramonte

Marketing/ Advertising News@campanile.ch

Graphics

Morena Fiorucci

Art Director Paolo Ugolini Salvatore Lodrago

Web Master Salvatore Lodrago

Photography

Claudio Giuliani Lino Sprizzi photos-people.ch Francis Bissat www.fb-photografie.ch Patrick Frischknecht

Abo-Service

Redaktion@italiannews.ch Tel. +41 44 432 57 78

Print

VCT - Herostrasse 9 - 8048 Zürich

Dear Readers, Although spring is already here, winter has not entirely bowed out till now. Certainly, the past winter will be recorded as one of the toughest in decades. The bright side to severe winters though, according to weather experts at least, is the long, hot summers that should follow. We will live in high expectations! March was a momentous month for Italians as indeed it was for the more than 1.2 billion Roman Catholics the world over. The besieged Italian politicians watched in amazement and, perhaps, even with a hint of envy, how the conclave of Cardinals in the Vatican elected a new Pope apparently post-haste and with unanimity. For the first time in the history of the Vatican, a Cardinal from the Americas and the first Jesuit ever was elected the Pope and head of the world’s largest religion. The new Pope Francis I hails from an Italian migrant family in Argentina; a fact that has not escaped the mystics and the romantics alike, who see powerful symbolism in the new Pontiff acting as a bridge between the old and the new world. The announcement came as a huge surprise to people all over the world and it did seem to stun the massive crowd gathered in front of the audience balcony and spilling over “St. Peter’s Square” to adjoining spaces and roads. The new Pontiff, in turn, stunned the public at large and the faithful in equal measure with his beaming personality, his unadulterated charm, his seemingly intrinsic humility and compassion for all mankind. It seems that the Cardinals decided on a spectacular choice of leader to guide and lead the Church away from the morass it had got itself entangled in and to woo the faithful back in numbers, particularly in Europe. Not far away, the small island state of Cyprus plunged into another financial crisis and impending chaos, reminding Europe that the economic and financial problems besetting Europe is hardly over. Remarkably, the island’s Greek Orthodox Church offered to step into the breach with its considerable assets, when the rest of the country revolted against the bailout conditions imposed on the country by the EU and the IMF. Suddenly it seems that the Churches all over are beginning to see the wider picture; hence, they are now prepared to take a more active role firmly on the side of the long-suffering ordinary folk. As the day gets longer and the temperature begins to soar, slowly but surely, summer will suddenly be upon us, much to our collective delight. In the meantime, we wish you a pleasant spring with many lovely surprises and enjoyable reading in the “iNEWS”. Yours sincerely, Brian Basnayake

Publisher

INews Campanile Baumgartenstr. 26 8902 Zürich – Urdorf Tel. +41 44 432 57 78 Mobile +41 79 405 39 85 Redaktion@italiannews.ch news@campanile.ch Abbonamento/ soci CHF 100.Montly issue

8 INEWS

INEWS 9


t ourism

Alla mostra di Chagall in treno Eurocity: 2 biglietti dʼingresso al prezzo di 1 Due biglietti dʼingresso al prezzo di uno per visitare la mostra “Chagall, Maestro dellʼarte moderna”, in programma al Kunsthaus, il museo dʼarte di Zurigo, fino al 12 maggio 2013. Eʼ lʼiniziativa che Trenitalia, in collaborazione con Zurigo Turismo e Swiss Travel System, riserva ai clienti che si recheranno a Zurigo con i treni Eurocity. Per usufruire della promozione è sufficiente esibire, presso lʼUfficio informazioni turistiche della Stazione Centrale di Zurigo, il proprio biglietto Eurocity da Milano o Como, entro due giorni dallʼarrivo in città. Per info www.svizzera.it/intreno

Svizzera: il paradiso dei treni

Pioneristiche, immaginifiche, nostalgiche: le ferrovie svizzere sono un concentrato di ingegno e di bellezza che rappresenta un unicum nel panorama europeo. Che costeggino laghetti o valichino passi, costituiscono ancora oggi unʼesperienza di viaggio ricca di fascino.

A tutto vapore sulla Ferrovia del Furka. Il blu del ghiacciaio del Rodano si staglia in lontananza mentre le rade nuvole di vapore creano contrasto con l'azzuro terso del cielo. La locomotiva sbuffa ritmicamente mentre sferraglia verso il ponte di Steinstafel. La Ferrovia della Furka, che collega Realp a Gletsch, fu costruita nel 1925 per collegare il Canton Uri al Vallese inerpicandosi fino 2'160 metri. Perduta la sua funzione primaria, con lʼapertura della galleria di base della Furka nel 1982, è rimasta attiva grazie allʼimpegno di tanti appassionati che la considerano una delle tratte più affascinanti della Svizzera. Da giugno a ottobre si può provare lʼesperienza di questa gita sul treno a vapore abbinandola alla visita della grotta di ghiaccio. Per info www.vallese.ch La Ferrovia del Lötschberg: 100 anni portati con orgoglio. La Ferrovia del Lötschberg non è stata solo la prima linea elettrica delle Alpi ma le attraversava anche su uno dei tratti più temerari. Ancor oggi particolarmente avvincente è il tragitto Kandersteg-Kandergrund, dove il treno deve superare in pochi chilometri ben 300 metri di dislivello. Un sentiero didattico – adatto alle famiglie - con 43 cartelli informativi si snoda quasi in parallelo con il tracciato della ferrovia illustrando i capolavori di ingegneria come il tunnel elicoidale, presso Kandergrund, e la galleria elicoidale attorno alla stazione di Mitholz. Con il motto “La BLS unisce. Ieri, oggi e domani” festeggia nel 2013 il suo centesimo compleanno. Sono previsti festeggiamenti a Frutigen e a Kandersteg nel mese di giugno e a Goppenstein a settembre con corse su carrozze storiche. Per info www.bls.ch/100 Offerta speciale per lʼestate 2013: Jungfrau VIP-Pass. Lo Jungfrau VIP-Pass, acquistabile da maggio a ottobre, è lʼideale per chi vuole esplorare la Regione della Jungfrau abbinando escursioni a piedi e in treno. Valido durante 3 giorni consecutivi permette di circolare illimitatamente su tutta la rete delle Ferrovie della Jungfrau, compresa la tratta da Kleine Scheidegg sulla Jungfraujoch con un notevole risparmio rispetto allʼacquisto del singolo biglietto. Per info www.jungfrau.ch Il treno della Valle di Joux. Inaugurata il 21 agosto 1899, la tratta Le Pont – Le Brassus percorre 14 km attraverso i pascoli e gli stagni del Giura costeggiando il lago di Joux fino a Le Sentier e Le Brassus, centri dellʼarte orologiera svizzera da circa 300 anni. Il trenino a vapore circola di domenica da giugno a settembre: si può abbinare il giro alla visita del Museo “L'Espace Horloger” di Le Sentier che illustra la storia dei cronografi e degli orologi a ripetizione con una ricca collezione. Fra le curiosità l'orologio sega, gli orologi da carrozza, l'orologio scheletro con suoneria e l'orologio da camino con calendario perpetuo. Per info www.myvalleedejoux.ch

10 INEWS

Riferimenti per il pubblico: N. verde 0080010020030 oppure tel. 027631779 www.svizzera.it

INEWS 11


t ourism

Klimaneutrale Ferien in den Schweizer Alpen

Sunstar Hotels erhält zum zweiten Mal

«myclimate-Award»

N

achdem Sunstar bereits im Jahr 2010 als weltweit erste klimaneutrale Hotelgruppe mit dem «myclimate Award» ausgezeichnet worden war, durfte das Unternehmen am 8. März 2013 an der ITB in Berlin eine weitere Auszeichnung in Empfang nehmen. Sunstar verfolgt schon seit Jahren das Ziel, auf allen Ebenen der Nachhaltigkeit überdurchschnittliche Leistungen zu erbringen. Auch für den Klimaschutz setzt das Unternehmen in seinen zehn Hotels tatkräftig verschiedenste Massnahmen um. Die Schweizer Klimaschutzstiftung «myclimate» hat während der vergangenen ITB (führende Fachmesse der internationalen Tourismus-Wirtschaft in Berlin) zum zweiten Mal Tourismus-Unternehmen mit dem «myclimate Award» ausgezeichnet, die eine Vorreiterrolle im Klimaschutz einnehmen. Sunstar hat erneut für die Sparte „Hotellerie“ den Award 2013 erhalten. Als weltweiter Pionier kompensiert Sunstar seit fünf Jahren in allen zehn Hotels die anfallenden Treibhausgas-Emissionen und erbringt zusätzliche eigene Anstrengungen im Bereich der Energieeffizienz. Dank dieser Bemühungen konnte Sunstar die Emissionen pro Logiernacht und somit auch das Kompensationsvolumen stetig senken: In den letzten fünf Jahren von 8'366 auf 5'037 Tonnen bzw. um ganze 32% von 29.0 kg auf 19.6 kg pro Übernachtung.

12 INEWS

Gelebte Nachhaltigkeit Mit gezielten Investitionen setzt die Sunstar Hotelgruppe alles daran, die Energieeffizienz laufend zu verbessern und den CO2-Ausstoss kontinuierlich zu reduzieren. So sind einige Hotels an einem Fernwärmesystem angeschlossen oder verfügen über eine Pelletheizung. Der Bezug von 100 % CO2 freiem Strom erfolgt aus erneuerbaren Energieträgern. Alle Energiesysteme werden zentral gesteuert und überwacht. Um einen noch konsequenteren Beitrag zum Klimaschutz zu leisten, hat sich Sunstar für die vollständige Kompensation des verbleibenden CO2 entschieden. CO2 Kompensation der Hotelaufenthalte Jährlich berechnet Sunstar die CO2-Emissionen. Darin ist einerseits der Ausstoss aller Energieträger (Strom, Gas, Öl, Wasser) enthalten. Andererseits auch derjenige, welcher beim Einkauf, bei der Produktion und bei der Entsorgung von Gütern und Lebensmitteln anfällt. Diese Menge wird in Zusammenarbeit mit der Klimaschutzstiftung «myclimate» in besonders ausgewählten Klimaschutz-Projekten kompensiert: „Windenergie auf der Halbinsel Çesme, Türkei“, „Effiziente Kocher in Peru“ und „Wasserkraft in Hunan, China“. Dadurch erfolgt eine Reduktion der Emissionen und erneuerbare Energien werden gefördert. Gleichzeitig entstehen durch die Projekte Arbeitsplätze für die lokale Bevölkerung. Für die Hotel-Gäste ist dieser Mehrwert kostenlos, auf eigenen Wunsch können sie zusätzlich ihre An- und Abreise gegen einen geringen Betrag kompensieren. INEWS 13


t ourism

A successful finale for DTCM at the International Tourism Bourse (ITB) 2013 in Berlin

Rupprecht-Queitsch-General-Manager-of-the-JW-Marriott-Marquis-Hotel-Dubai-and-Majid-Al-Marri-Director-of-Classification-DTCM

Over 3000 meetings for Dubai’s delegation with the participants at the Fair

Three hotels in Dubai among the best 100 hotels in the world Dubai receives 7 awards during the Fair

D

ubai’s Department of Tourism and Commerce Marketing had a successful participation at the International Tourism Fair ITB-2013 in Berlin, which concluded its works on Sunday (10 March 2013). Some 123 participants from the tourism sector in Dubai took part in the fair alongside the general directorate of residency and foreigners affairs-Dubai, Expo2020, and Dubai Events and promotions Establishment (DEPE). DTCM was represented in this event via a big delegation that included Media Relations, Business Development, cruise and MICE business, sports and event management companies; and government entities such as Dubai Convention and Events Bureau (DCEB), Dubai Cruise Terminal. Saleh Mohamed Al Geziry, the Director of Overseas promotions and Inward Mission, commended DTCM’s team and its efforts exerted to achieve one of the most successful participations by DTCM abroad. Moza Al Youha, DTCM’s director of media and advertising, said she held several meetings with German and international representatives of various advertising and media companies, to discuss promoting Dubai via electronic, print and televised adverts, and compare notes on the various advertising methods done by touristic destinations. 14 INEWS

Stand

Marco Polo Hotel

Abdullah bin Suwaidan, Deputy Director of Inward Missions, said that in 2012, DTCM hosted 245 touristic and media delegations that had 2,919 delegated from various nationalities, compared to 219 delegations in 2011 of 2,550 delegates. He added that DTCM’s participation at ITB-2013 was successful at all levels, and the participants were satisfied with the results. Whereas Asmaa mohammed, Head of Region East & West Europe - Overseas Promotions and Inward Missions, commented that DTCM’s 123 delegates held over 3000 meetings with their German and international counterparts to sign/renew agreements. She revealed that Dubai Events and Promotions Establishment held several meetings to promote the upcoming events in Dubai this year, adding that Dubai received 7 awards during the fair, which are: Best promotional film award, best representative office in Germany Award, best tourism destination in the region, and one of 10 best exhibitors at the fair award, in addition to listing 3 of Dubai’s hotels, Atlantis, Sarai Zaabel, and Gloria, among the world’s top 100 hotels.

Tyler Stellman, Head of Sport Tourism Development, said the sector saw a large interest during its participation with DTCM. He added that he had met with the Premium Events Agency to bring the world’s most renowned athletes to Dubai. As well, he met with EuroSport Agency to discuss mutual cooperation to promote sports tourism in Dubai. Mr. Stellman also revealed that an agreement was made with several German tourism companies to develop tourism related to golf, during the coming year. Suresh Babu, Senior Executive at DTCM’s Cruise Tourism department met with representatives of the top tourism companies specialized in cruise tourism to further develop relations with those companies and increase the number of cruise tourists coming to Dubai.

INEWS 15


DomaniSposi

s watches

Per il grande giorno, molte sono i momenti a cui dare importanza. Uno di questi è la creazione dell'album fotografico. La professionalità di Claudio, attraverso uno stile romantico ed originale, darà vita a creazioni uniche nel loro genere, ideali per coppie di futuri sposi che cercano uno servizio fotografico stravagante e moderno. Ogni album verrà curato personalmente in modo da realizzare un prodotto personalizzato e dedicato. Per garantire la massima qualità e durata nel tempo, le foto verranno riprodotte direttamente su carta fotografica. Di seguito vi offriamo una selezione di scatti per farvi apprezzare la qualità e la professionalità con cui il team di Claudio svolge il suo lavoro.

IWC SCHAFFHAUSEN

AGGIUNGE UN PEZZO DI STORIA ALLA CITTÀ ETERNA Dopo aver aperto diverse boutique in tutto il mondo lo scorso anno, IWC Schaffhausen mette ora le sue radici a Roma, la città eterna. Per sottolineare l’importanza del mercatoitaliano, la manifattura orologiera svizzera ha scelto Piazza di Spagna, cuore pulsante della capitale, come location della sua prima boutique italiana nonché vetrina dei suoi storici segnatempo.

L

a prima boutique di IWC sul territorio italiano apre le sue porte a Piazza di Spagna 28, un prestigioso indirizzo nel cuore di Roma. I visitatori sono invitati a scoprire l’affascinante mondo delle sei famiglie di orologi IWC, l’arte della manifattura orologiera e il fascino dell’alta orologeria. «Praticamente nessuno va a Roma senza aver visitato Piazza di Spagna. È un onore presentare i nostri capolavori meccanici, la nostra filosofia e la nostra tradizione in questa storica e prestigiosa cornice», afferma Georges Kern, CEO di IWC.

IWC SCHAFFHAUSEN Con un chiaro focus sulla tecnologia e sullo sviluppo, il marchio svizzero IWC Schaffhausen produce sin dal 1868 orologi il cui valore non teme il trascorrere del tempo. La manifattura si è affermata su scala internazionale con la propria passione per le soluzioni innovative e lo spirito pionieristico. Tra i leader mondiali nel segmento degli orologi di lusso, IWC produce capolavori di alta orologeria, che combinano tecnica ingegneristica e massima precisione con un design esclusivo.

LUSSO DISCRETO Situata all’interno di un palazzo storico di Roma, la nuova boutique si sviluppa su una superficie di 40 metri quadratiavvolta dalla luce naturale che fa il suo ingresso dalle ampievetrine: la cornice perfetta per dare risalto ai prestigiosi segnatempo della manifattura di Schaffhausen. Con l’uso del legno scuro e di altri materiali quali cromo e pelle, gli architetti di IWC hanno creato un’atmosfera elegante che riflette le chiare linee degli orologi e la prestigiosa tradizione,indissolubilmente legata al marchio IWC. DESIGN INNOVATIVO per segnatempo sempre al passo coi tempi Con un nuovo concetto di vetrina, caratterizzato dalla presenza di un grande schermo, IWC Schaffhausen si serve di immagini in movimento per illustrare i mondi tematici che accompagnano le singole famiglie di orologi. Quest’anno i riflettori saranno puntati in particolare sulla famiglia di orologi Ingenieur, nata nel segno della cooperazione con il MERCEDES AMG PETRONAS Formula One™ Team e caratterizzata da sfondi alternati che ricordano le performance delle auto da corsa così come il fascino vintage delleSilberpfeil. Oltre alla vasta collezione di orologi, i visitatori vi troveranno anche un’ampia serie di modelli esclusivi, disponibili esclusivamente nelle boutique di IWC. 16 INEWS

IWC Boutique Roma Piazza di Spagna 28 00187 Roma Tel. + 39 06 45 22 01 E-mail boutique.roma@iwc.com www.iwc.com

di r o c i r i u t I più belli i z z e r p i n o c più bassi INEWSREPORTER - Herostrasse 9 - 8048 Zürich - Tel. 079 405 39 85 - news@campanile.ch

INEWS 17


3 1 0 2 e l i r p a 8 2 , a c i n e m l 2013

www.sorrisiecanzoni.ch

s watches

t s e u g l a speci

do

i r p A . 8 2 , g a Sonnt

Dante Cigarini ore 11.30 - kath. Kirchgemeindehaus Friedhofstrasse 3 - 8640 Rapperswil-Jona

THE NEW FACE OF TRADITION DOWN-UNDER

THE WORLD’S FINEST YOUNG WATCHMAKERS IN SYDNEY

G

irard-Perregaux has brought the finest of its young watchmakers to Australia to celebrate the launch of the adventure sports collection – ‘Hawk’. For over two centuries, Girard-Perregaux has cultivated fresh, forward-thinking watchmaking minds. Its young masters, the “New Faces of Tradition,” follow in the footsteps of the illustrious personalities of the Swiss Haute Horlogerie Manufacture, paying tribute to its innovative history in nurturing a kind of creativity that has been Girard-Perregaux’s hallmark its entire existence. The Sydney visit is part of a global tour in which the talent of this exceptional group of craftsmen and craftswomen is being showcased. Having already visited, Beijing, Miami and Le glacier d’Aletsch in the Alps, it is Sydney’s time to shine as a selection of watch enthusiasts and VIPs were invited to an event at the Park Hyatt. There, the Girard-Perregaux’s watchmakers demonstrated the intricacies of the movements they are manufacturing and conducted hands-on lessons. The evening was also the occasion to showcase some of the latest timepieces from Girard-Perregaux including its new sport collection Hawk for its debut in Australia or the mesmerizing DLC Bi-Axial Tourbillon, a masterwork of technology combining two concentric cages that enable its regulating organ to make multidimensional rotations. 18 INEWS

Telefonare gratis verso l’estero! *

Fino a fine anno!

Steven Rom, CEO of Avstev, distributor of Girard-Perregaux in Australia said: “Since 1791, Girard-Perregaux has given birth to some of the most exceptional timepieces. It is a company that believes firmly in growing talent. Watchmaking is an art in movement like the young creative persons who practice it! We are very proud to welcome the young Masters and showcase their art in Australia as the Hawk makes its debut.” The new ‘Hawk’ range being presented this Friday March 8th, exudes energy in an avant-garde design. Forged by a manufacturing expertise, the launch of the ‘Sea Hawk’ and ‘Chrono Hawk’, confirms the position of Girard-Perregaux in the highly competitive world of top-level sports watches. The ‘Hawk’ collection takes inspiration from the brand’s first-generation Sea Hawk conceived in the 1940s to position itself firmly in the 21st century. With the 44mm diameter case in stainless steel, the sharp edges of the case band, the hi-tech rubber wrist strap and the clear luminescent dials, the craftsmanship is striking. About Girard-Perregaux Girard-Perregaux is a Swiss high-end watch manufacturer tracing its origins back to 1791. The history of the brand is marked by legendary watches that combine sharp design with innovative technology such as the renowned Tourbillon with three gold bridges presented by Constant Girard-Perregaux in 1889 at the Paris Universal exhibition where he was awarded a gold medal. Devoted to the creation of state-of-the-art Haute Horlogerie, GirardPerregaux is one of the very few watchmakers to unite all the skills of design and manufacture under the same roof including the forging of the “heart” of the watch, the movement. With over 80 registered patents, Girard-Perregaux is fully committed to research and development to constantly fuse its unique heritage into modern watchmaking. Girard-Perregaux is majority owned by PPR, a worldwide leading Luxury and Sport & Lifestyle group.

Passate subito a yallo!

www.yallo.ch Carte SIM e cellulari sono disponibili qui: * Fino alla fine del 2013 per telefonare gratuitamente 3 minuti al giorno verso la rete fissa dei paesi rappresentati. Offerta valida per i nuovi clienti fino al 12.05.2013 INEWS e disponibile dopo la prima ricarica. I clienti possono approfittare dell’offerta con un pagamento unico di CHF 9.– inviando un SMS con il testo «YALLO13» al numero 5511. Tutte le informazioni su www.yallo.ch

19


p ersonality

M

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

oda

Claudio Giuliani

C

laudio Giuliani nasce a Ravenna nel 1962. Dopo aver conseguito le lauree in Filosofia Psicologica e scienze della comunicazione, la passione per i viaggi e l'amore per la fotografia lo spingono ben presto a coniugare le due passioni, facendone la propria professione. La conoscenza approfondita nel campo della fotografia, ed in particolare nel settore digitale,computer grafica Hardware - Software, lo portano a lavorare in campi molto diversi, incluse collaborazioni con la National Geographic Society, Blockbuster, World Gold Council, Wind, United Bank of Swiss, Toyota, Mercedes, Gente Viaggi, Saatchi&Saatchi, The BlueZones, Airone, Bloomberg. Sue immagini sono apparse su varie pubblicazioni internazionali, tra cui National Geographic Magazine, New York Times, Los Angeles Times, Newsweek, CondèNast. Ha fotografato campagne pubblicitarie clienti quali Canon, UBS, Saatchi & Saatchi, Dolce & Gabbana, Versace, Armani, Pignatelli, Cavalli, e le sue immagini sono rappresentate dall'agenzia National Geographic Image Collection. Attualmente fa parte del progetto INEWSREPORTER. redaktion@italiannews.ch

Gardenia Modeschau 2013 milan Fashion Week 2013/2014 women

20 INEWS

VERSACE

milan Fashion Week 2013/2014 menSWEAR INEWS 21


m oda Pina Bevilacqua

Fashion Week GUCCI

È

Just Cavalli

2013/2014

proprio vero che la moda è segno dei tempi. Severa e rigorosa, cioè senza fronzoli e artifizi seduttivi, oppure molto aggressiva, cioè tutta borchie e aculei ‘da difesa’, la donna del prossimo autunno inverno presentata alla fashion week milanese, Ben corazzata da volumi armatura e dalle spalle larghe, per affrontare meglio la crisi. Una palette dominata dai colori scuri. Un trionfo di tessuti maschili (tweed e spigati, principe di galles e tartan). Il prepotente ritorno della spalla segnata e dei volumi over come per evocare gli opulenti Eighties. Vivamente raccomandata per i prossimi freddi la gonna, dalla longuette alla versione al ginocchio, fino alla mini, ma per chi non vuole rinunciare alla comodità dei pantaloni ce n’è altrettanto per tutti i gusti (aderente, vita bassa, alla caviglia, al polpaccio…). . Grande assente in passerella il piumino, che segue a ruota il declino dello sportswear. Tramontano anche skinny e legging. La Dark Lady di Gucci osa pantaloni corti e affusolati, guanti lunghi, stivali fascianti dal tacco appuntito, materiali al limite del fetish come il pitone e la pelle delle T-shirt e dei tubini, aperture estreme sul classico tailleur e il rassicurante little black dress, mentre di sera è diva nei suoi abiti di rete e raso impreziositi da ali di piume, borchie e canottiglie di vernice. 22 INEWS

FENDI

- Woman

New punk la donna Versace, stivali borchiati, inserti in vinile, chiodi e punte in argento che spuntano su kilt e vestiti aderenti. Il cappotto dalle spalle over è rosso squillante, la pelliccia bicolor giallo e oro, l'abito da sera nero e dallo spacco vertiginoso. Maxi volumi anche per Iceberg, che affronta il gran freddo con pull a blocchi di colore e intarsi, gonne sottili e pantaloni sulla caviglia. Per Blumarine, che sfodera i colori iconici della griffe (dal carne al celeste polvere, al crema) e le immancabili fantasie a fiori. Per Gabriele Colangelo, che sperimenta lane mescolate a orditi trilobati, tessuti doppiati da nylon trasparente o che scendendo si fanno frange, organza. Parola d’ordine rigore. Da Bottega Veneta, che gioca con costruzioni tridimensionali e lane infeltrite dall'effetto felpato, mentre i colori sono misurati (nero, ardesia, fumo e bianco perla) e gli abiti, con timidi spacchi laterali, al ginocchio, sotto cappotti oversize. Da Angelo Marani, che sopra meticolosi completi (anche in total white) infila larghe pellicce a micro volant di murmanski rosso o blu e cappotti a uovo con maniche a kimono in scuba, spargendo qua e là vezzose rose carminio. Addirittura ispirazione collegiale per Andrea Incontri, cappotti e gonne a trapezio, volumi a colonna, sottogonne in cotone che spuntano dall'orlo, mentre intorno al collo, sulle camicie di seta,

fiorisce un nastro-bretella che si infila nella gonna o nei pantaloni. Sobrietà anche per Rocco Barocco, giacche dalle spalle costruite, tailleur gessati, smoking mascolini, grandi giacche doppiopetto. Per Ermanno Scervino, abiti in flanella grigia illuminata di Swarovsky, da portare con capispalla maschili adorni di pelliccia sulle maniche o sul collo, con cappotti in angora, pelle, pelliccia stampa leopardo, stretti in vita e lunghi al polpaccio, con chiusura a cerniera e revers aperti, da accostare a foulard di visone e maglie dai ricami scintillanti. Per Trussardi, che azzarda stampe geometriche, animalier, che nasconde gonne a pieghe dall’orlo vivo, abitini in pelle, in chiffon, sotto cappottoni al ginocchio e trench over alla caviglia. C’è poi chi si spinge oltre, ispirandosi al guardaroba di lui. La garconne di Armani ama il nero, indossa bretelle, baschi, stivaletti bassi, tute (abbinate a bluse di voile plissé in toni pastello) e pantaloni in velluto nero (accostati a giacche perfette dai bottoni gioiello), pantaloni da smoking con la zip sulla banda (accoppiati a giacchine sfavillanti), la salopette luccicante di cristalli e ricami anche per la gran sera. La Dame Masculine di Dsquared2 calza con disinvoltura tailleur maschili completi di panciotto, cappello, gemelli maxi, papillon o cravatta, tweed e gessati, anche se per la notte esibisce leggeri corpetti ricamati a cristalli e gonne di piume o con intrecci in visone. L'alta moda romana degli anni ’50 si fa abiti a matita e gonne a ruota con piccoli caban stretti in vita da un elastico per Aquilano.Rimondi, mentre tessuti maschi (quadretti, pied-de-poule e falsi uniti) si alternano al raso e al crepe de chine con i segni delle carte da gioco (che si ritrovano anche sui tacchi delle scarpe). Contaminazioni dal guardaroba maschile anche per N21, che accosta pantaloni da uomo con la piega affilata a felpe piene di cristalli, maglie a grandi check o camicie in flanella a gonne dall'alto spacco tempestate di micro fiori in paillettes, che trasforma giacche da pompiere in capispalla con dettagli in pelliccia. Segue questo filone, con tanto di smoking rivisto per lei, pure Krizia, che per i prossimi freddi ama giocare con le spalle (dritte nei capi in tessuto, rotonde in quelli di pelle, a pagoda in certi capi d'ispirazione giapponese), con sovrapposizioni di pellicce (volpe, marmotta, mongolia) e stampe (zebrate, tigrate). Sempre più presente la pelliccia, dal visone alla volpe, dalla mongolia all'astrakan, in versione maxi o usata come stola, come prezioso décor di scolli e orli, borse e stivali. Da Fendi i visoni interagiscono con l'animalier, i profili rigati di pelo in fucsia, bianco, giallo e arancio stagliano sulle volpi, le frange imitano la pelliccia e viceversa, mentre la pelle si fa pelliccia, scomposta in mille fili colorati. Da Simonetta Ravizza, gilet di pelliccia corti o lunghi fino alle ginocchia, che si combinano, si stratificano, e pelle fine, spesso decorata da inserti geometrici a contrasto, per gonne stretch, tubini, pantaloni con pinces, top smanicati, creano un look sbarazzino. Anche le rigorose giovani donne di Marni sfoggiano pellicce di ogni tipo, sullo scollo degli abiti, il bordo delle gonne ad A, i lunghi guanti e perfino sugli stivali, portati con gli shorts e statuari giubbini. La collezione Just Cavalli Autunno/Inverno 2013-14, le maglie over in angora a collo alto e smanicate oppure in jacquard degradé animalier, arricchite da maniche di seta trapuntata, le giacche e i pantaloni in denim paillettato, le stampe ispirate alla tradizione bhutanese, le lunghe collane di seta e l’immancabile zaino sulla schiena, si ispira all’Himalaya. Mentre la proposta F/W della linea principale Roberto Cavalli, tutta dipinta, dalle scarpe alle borse, dai tessuti stampati alle fantasie plissettate, è un inno all'arte, e anche all'alto artigianato, con le pellicce unite a telaio da minuscole strisce e le pelli scintillanti di paillettes e brillanti, borchie e piccole catene. Attenzione, il geniale stilista fiorentino lascia sempre scoperte le gambe! Sorrette da geometriche pump di pitone opaco, pennellate a mano, alte 11 centimetri, con i puntali in metallo. E per la sua inguaribile seduttrice studia tuxedo con spalla insellata e doppi revers, nella stessa fantasia floreale delle bande dei pantaloni aderenti, minigonne intarsiate di microcubetti di acciaio, maglie di tweed micro paillettate, vestiti ‘armatura’ incorniciati da catene punk. Gli abiti tutti ricamati a tessere di paillettes, cristalli e pietre dure. Il bustino in filigrana d'oro portato con la mini a mosaico, motivo che ritorna sotto forma di stampa nelle tuniche, nei tubini in broccato, nelle maxi T-shirt tintinnanti di tesserine dorate, nelle bluse abbinate alle gonne svasate, negli shorts a palloncino e nelle giacchine con spalla insellata che segnano il punto vita.

E poi ancora corone dorate, orecchini a croce, medaglioni con immagini prese dagli ex voto. Scarpe con il plateau a gabbia che imprigiona fiori colorati. È una regina bizantina la donna Autunno/Inverno Dolce e Gabbana. Che lanciano il nuovo tailleur tre pezzi, con gonna corta, giacca breve e T-shirt, tutti nello stesso tessuto, spinato o tweed, così come il cappotto in pendant. Sono, invece, zarine, che indossano il colbacco di visone colorato, piumini di seta e pellicce avvolgenti, abiti sontuosi in velluto e cashmere, le donne di Etro, che caratterizza la sua collezione A/I con la rielaborazione digitale di cupole, guglie, vetrate gotiche, affreschi e arazzi. Mentre Ferragamo, il caban in alpaca sulla minigonna ad A di cavallino a nido d'ape, il maglione in mohair con anima di cashmere sulla sottanina con frange di jais, il cappotto rigoroso sull'abito corto pieno di zip,cita con ricami e sovrapposizioni tridimensionali l'effetto rete di Herzog e i celebri tagli di luce di Tadao Ando. Per la prossima stagione fredda Missoni guarda all’underwear, inventandosi il pantalone pigiama, gli abiti come tute, il caban tipo vestaglia. Echi militari, ma anche pizzi e chiffon, per Alberta Ferretti, che quando esce dall’intrigante gioco del black and white(camicia di candida crêpe stretta in vita da un fiocco nero, portata con la gonna lunga di panno pesante; la giacca di lana e cashmere dallo sparato in duchesse abbinata alla gonna di tulle e cotone plissé; l'abito bianco di chiffon stratificato o arricchito da nastri di seta e velluto) sfodera tartan grigi per cappottini sagomati con ricami floreali in tessuto, ma anche il rosso pompeiano dell'abito di feltro rosso a campana, arricchito da ricami tridimensionali, il blu del cappotto a marsina, corto davanti e sfuggito dietro, il verde dell'abito di tulle drappeggiato su feltro, il viola del tailleur con giacca a baschina e gonna a ruota dai petali tridimensionali. Dall’estroso Moschino, poi, è decisamente british mania. Così come da Massimo Rebecchi, che sperimenta mix e sovrapposizioni (tessuti lucidi e opachi, sete e tweed, flanella camouflage e pelliccia, pizzo macramè e broccato). Sapore anni ’60 da Lorenzo Riva, che muove gli abiti a ventaglio sul davanti con il plissé, gonfia il cappotto redingote con vaporose pieghe e scatena cascate d’oro sugli ampi abiti che scoprono le spalle, ma lasciano scoperte le gambe fino al ginocchio. Sembra arrivare dalla Los Angeles anni '50 la femme fatale di Frankie Morello, uno specchio a decoro di felpe,capi total black, abiti lunghi fino ai piedi in tessuto tecnico, oppure grafiche e fantasie geometriche del modernismo, come ‘l’esplosione’ di cunei rossi che invade giacche, pantaloni e shorts. Guarda all’elettropop anni Ottanta dei Kraftwerk, invece, la collezione Jo No Fui, dominata da pelle e nappa, camoscio e vernice, anche lavorati a patchwork, percorsa da maxi tasconi e zip oro. Tante zip, usate come elemento gioiello al posto dei bottoni, oltre a collane e bracciali tribali, colletti esasperati, cinture strette in vita, top che lasciano intravedere il seno, camicie con le maniche a kimono, per Gianfranco Ferré, che insegue l'eleganza internazionale della modella Lauren Hutton, anche attraverso il must have della maison, gli abiti architettura. La musa di Francesco Scognamiglio (lo stilista consacrato da Madonna, che nel 2008 indossò una sua blusa in voile nero per la copertina di “Give it to me”), tutta camicette piene di rouches e volant, lunghi abiti in seta, cappotti di lane pettinate con collo di volpe o in cavallino dalla stampa animalier, è Veronica Lake. I tipici colori degli ombretti (dai crema ai rosati, dall'amaranto al verde bosco) per l'inverno firmato Emporio Armani. Fatto di bermuda in organza, avvitati cappotti doppiopetto, gonne con stampe etniche a corolla, soffici maglie in mohair garzato, scenografici vestiti a clessidra in velluto e organza accoppiati al neoprene per la sera. Sportmax, invece, abbina una pellicola di spugna al cashmere, il feltro allo shearling rasato, il camoscio o la pelle matelassé, per la sua informale donna A/I. Paola Frani celebra il tema floreale con grandi peonie, rosoni di pizzo, fiori stilizzati e rose orientali a decoro, ma alla base della sua palette cromatica F/W c’è l’intramontabile black&white. Tutta nero e cammello, con qualche tocco pastello, l’eccentrica donna di Les Copains, che indossa la pelliccia illuminata da fili di lurex oppure in angora lavorata a scarti d'ago, le trasparenze della tela di lana, le righe (DNA del brand) con l'animalier. Insomma, tante le novità per i prossimi freddi dalla fashion parade milanese. Dove la mitica italian couture ha voluto mostrare davvero i muscoli contro la crisi e la concorrenza globale. INEWS 23


m oda

Pina Bevilacqua

Fashion Week ICEBERG

U

CORNELIANI

n uomo dalle spalle larghe, per via dell'ampio volume di giacche, giacconi, giubbotti, trench e cappotti. In materiali nuovi o, meglio, tradizionali, ma mescolati a leggeri composti tech di ultima generazione. Fianchi sottili e, quindi, pantaloni sottili, anche un po’ corti, portati pure senza calze. Più che camicia, maglione, di tutte le fogge e carature, peloso o agugliato, spazzolato o infeltrito, tricottato nella pelliccia, con grandi colli, chiusi o zippati. Quadrettati pied-de-poule e Principe di Galles saranno un must del prossimo inverno secondo le ultime passerelle milanesi, in tutte le scale e in tanti colori. Idem le scarpe grosse, con la suola a carro armato, di para o di leggere mescole sintetiche. Tanta pelliccia, gioielli, borse. Perfino minidress, mantelle, corpetti, scialli e la gonna per l’uomo Autunno/Inverno 2013/2014. È finita l’epoca del palestrato per Giorgio Armani. Che continua a smontare la formalità dell'abito maschile, allargando le spalle, ma senza forzature, esaltando il corpo, ma senza esagerare. C'è tanto velluto e rosso rubino (da accostare al nero e al grigio) nella sua collezione, fatta di giacche a scacchi colorati, di blazer grigio matelassé in maglia imbottita, portati su camicie a quadretti e cravatta, di bomber color vino in neoprene con polo coordinata, di preziosi parka in pelle trattata artigianalmente con spugna e spazzola… 24 INEWS

2013/2014

ZEGNA

Sontuosa pure la geniale collezione Roberto Cavalli, must-have il tuxedo ‘spezzato’ con il papillon, con il bottone gioiello o con le slippers lucenti di paillettes. Il lusso della sciarpa in seta, la fodera in pelliccia, il visone intarsiato, per il principe moderno di Canali, lunghi cappotti da parata, giacconi in velluto pesante e abiti doppiopetto dal sapore settecentesco, resi attuali dal taglio sartoriale, la fodera colorata a contrasto o il collo in pelliccia. Sembra un giovane sovrano anche l'uomo di Z Zegna. Che invece del cappotto usa il blazer con 3 bottoni e le spalle importanti, che sotto il gilet osa la camicia con la manica long fit dall'attitude araldica. Le pettorine in lana cotta come armature per andare in battaglia. Le borse e gli zaini rigidi come scudi per difendersi. Un po' globe-trotter, un po' principe, l’uomo Etro F/W 2013/2014, pieno di gioielli in rame. Che non rinuncia mai alla pelliccia (montone, capra, mucca o pecora), nemmeno per i suoi moon boots o la stola. Che assorbe da ogni paese che visita, accumulando nel suo armadio il loden a kimono, i fagotti nepalesi, gli stivaletti afgani, i borsoni in tessuti tibetani e lane scozzesi. Seta, velluto e pelliccia di volpe per il dandy un po’ military (per via dei bottoni di metallo sui colori scuri) di Les Hommes. Doppiopetto e field jacket-tuxedo su capi stampati a motivi grafici in bianco e nero oppure lavorati a diamante, mentre le mantelle scendono quasi fino ai piedi. Una versione impermeabile trasparente della giacca e dello spolverino la sua novità. Vagamente militare, con morbidi pantaloni alla caviglia, che lasciano intravedere calzettoni arrotolati in stivaletti stringati con la suola carro armato, pure la proposta Dsquared2. Che contrappone i tessuti poveri dei pantaloni con l'angora e l'astrakan delle giacche doppiopetto e dei cappotti al ginocchio. Di sera camicie di popeline ombreggiate da ricami in tulle nero. Papillon e spille dorate sui jeans. La collezione firmata Costume National, il chiodo di pelle, le maglie con inserti effetto pelliccia, le giacche doppiopetto con dettagli lamé, gli abiti in velluto lucido millerighe, si ispira alla sartorialità dei primi Anni '60. Anche qui domina il nero. Grande assente la cravatta. Atmosfere da notte di pioggia per Ferragamo, gommature su pelle (cioè il massimo della opulenza discreta!), il giaccotto in nappa double face con fodera di shearling rimovibile, i cappotti in panno cashmere profilati di nappa, i trench corposi stretti in vita dalla cintura. Per il sofisticato punk di John Richmond, addirittura, la gonna. Che si porta sui pantaloni attillati tipo leggins, abbinata ad anfibi e giacche classiche. Lunga fino al ginocchio con piccole borchie sull'orlo o vero e proprio kilt di pelle. Tutta la collezione punta sul nero, e sugli accostamenti audaci (blazer di rettile con pantaloni classici, pantaloni in pellami pregiati con morbide maglie, giacche sartoriali con inserti di pelle).

Il nero regna sovrano pure da Corneliani. La vecchia giacca da camera reinterpretata in chiave chic, finanche per la sera. I cappotti over di alpaca morbida o caban con un vezzoso doppio rever in materiali a contrasto (pelle, camoscio, nappa, jersey bouclé).Tutta grigio e nero la proposta uomo Autunno/Inverno firmata Ermenegildo Zegna.Il colletto grande o piccolo e chiuso, ma sempre importante. Fantasie, velluti operati e maglia tessuto. Il doppiopetto in rigato genere tight, i cappottini in alpaca spazzolino, i corpetti quasi da scherma. Geometrie di colore dipinte su un fondo total black per Iceberg. Vero cuore della collezione la maglieria, che mescola materiali naturali e tecnici. Effetto cangiante per maglie, giacche e cappotti Roccobarocco, che per i prossimi freddi inventa un smorfioso foulard colorato. Una palette di blu, con tocchi di grigio, per Coveri, abiti in velluto stampato con motivi in stile carta da parati anni '70 e bretelle lasciate cadere sui fianchi per sdrammatizzare i pantaloni formali. Un rilassante patchwork di colori (il grigio melange ghiacciato con il verde smeraldo, oppure il verde pino con il giallo uovo, il cammello, il lilla-lavanda, il verde smeraldo), volumi e materiali per l'uomo di Dirk Bikkembergs. Il cappotto sportivo che mescola grandi zip e membrane tecniche con il manto di castoro. La maglia attraversata da inserti in pelle, le mantelle in lana pesante foderate di nylon colorato. La pelliccia che torna sul davanti e sulle spalle dei maglioni, accostata a una rete in lana che ricopre schiena e maniche. Preziosità dei materiali e anima geometrica per la collezione uomo autunno/ inverno 2013-2014 di Ports 1961, giacche in tweed e chevron over check dalle spalle possenti, capispalla come armature di tessuto. Anche Daks punta sulla precisione, e su 4 colori (blu, marrone scuro, grigio e giallo mostarda). La pelle, sia liscia che trapuntata, sui revers dei cappotti. Il velluto ad addolcire i completi. Per ogni look una sciarpa, lunga fino ai piedi. Architettura razionalista per Frankie Morello, che ricopre gli abiti di marmo fiorentino, di parquet e di candide colonne. Gli interni e gli esterni degli edifici si attaccano ai vestiti e l'effetto si fa, addirittura, 3D con gli angoli delle t-shirt che sembrano scatole. Tanti i riferimenti all'architettura, come i grafismi ispirati alle forme del palazzo Ducale di Mantova o le linee ultra piatte della pelletteria, per Andrea Incontri. La comodità di cappotti over, bomber di cammello con doppia tasca, abiti pigiama. Ma pure lo scialle appoggiato sulle spalle, le lunghe camicie che si trasformano in minidress sui pantaloni lunghi. Un look comodo, innovativo, ma molto elegante, spesso sfarzoso, quello per l’uomo Fall/Winter 2013-2014, sbirciato dalle esuberanti passerelle meneghine. E se farà molto freddo, come quest’anno, poco male, con l’esercito di pellicce e caldissimi, leggerissimi, materiali tech pronto ad essere schierato, sarà comunque, dolce inverno.

JEOFFREY ROMANO

- MAn

E ben rappresentata dal gilet di broccato sotto la giacca grigia doppiopetto e sopra i pantaloni di velluto rubino. Volumi ampi, confort, un vago stile montanaro, soprattutto il classico rivisitato in chiave tecnologica, per la sua seconda linea, Emporio Armani. Asciutti calzoni in jersey di lana o neoprene corti alla caviglia e un po' scesi sul cavallo. Capispalla su maglie oversize, perfino in lapin tricottato. Lo smoking di velluto, con giacca nera e pantaloni blu Klein. Lo zaino di montone da portare ovunque. Il giallo come colore novità. Spalle larghe e fianchi stretti da Versace.Una collezione lussuosa, esagerata. Il cappotto in cashmere bianco spazzolato, la giacca smoking in seta jacquard con la camicia di merletto, il vestito a gigantesche macchie di giraffa, il completo di pelle marrone e nera con importanti impunture imbottite e grandi zip sui fianchi oppure di jeans dipinto a mano con riccioli rococò, fiori e disegni astratti, i corpetti tipo schermidore con impunture a disegno medusa. Nudi in bianco e nero a decor di jeans e camicie di seta, le scritte “macho” e “sex” su magliette con maniche a pipistrello, ma anche sul grigio dei blazer, ricami preziosi per la sera. Visone rasato, volpe ed agnellino effetto breitschwanz sulle spalle. Ai piedi mocassini in camoscio decorato da borchie, grosse scarpe quasi classiche ma con una linguetta dorata a mo’ di scudo. Cravatte zebrate,cinturini e fibbie, gioielli a gogò, chiamati, però, “amuleti”. INEWS 25


m oda

Gardenia Modeschau 2013

W

er exklusive Design-Entwürfe bis hin zu Italian-Chic liebt, wird in der Traditionsboutique Gardenia, in mitten der pulsierenden Stadt Zürich, sicher fündig.

Seit drei Jahrzehnten setzt Josy Verzi, Inhaberin der Boutique Gardenia, auf trendige, hochexklusive Markenartikel für Sie und Ihn. Das Team Gardenia ist ständig bemüht Mode und Accessoires der begehrtesten italienischen und internationalen Fashion-Designer auszusuchen, damit Sie stets zwischen den besten und schönsten Teilen von den aktuellsten Kollektionen auswählen können. Die Devise lautet im frisch, renovierten Laden ganz klar: "Klasse statt Masse"! Seit dem Umbau erstrahlt nun die Boutique in neuem Glanz. Alles unter Dach und Fach, oder besser gesagt alles unter einem Dach. Denn wer auf der Suche nach Schnäppchen ist, kann das Check-Out, dass sich seit neustem im Untergeschoss befindet, durchstöbern und sich dabei bei einem feinen "Ristretto" fachkundig beraten lassen. www.gardenia.ch 26 INEWS

INEWS 27


italiannews

M

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

usic

the tango dancers Plaza Major, Madrid, Spain photo Lino Sprizzi Š 2010 28 INEWS

INEWS 29


m usic

NELLA FOTO DA SINISTRA, L'EDITORE ANTONIO CAMPANILE, LA GIORNALISTA LUANA NUOCCO, NEK, DIRETTORE INEWS-SWISS-IT TV BRUNO SONETTO E IL CAMERAMAN ANTONIO CERVINO.

NEK a Zurigo per presentare il suo nuovo album

i

„Filippo Neviani“

News – Musica ha incontrato NEK per un intervista presso gli studi televisivi della SRF di Zurigo, giovedì, 28 Marzo 2013. In smagliante forma NEK ha parlato del suo nuovo album “Filippo Neviani”, nome di battesimo di NEK ed ha documentato in forma smagliante la nascita del singolo “Congiunzione astrale”. La vena artistica di NEK ha sfornato 10 nuovi brani inediti che vedremmo in uscita il 16 Aprile 2013, a quattro anni di distanza dall’ultimo disco. Per Filippo, che ha alle spalle oltre 20 anni di carriera questo sarà l’11esimo album in studio. Insomma, manca ormai poco per riascoltare la voce di uno dei cantanti che ha fatto la storia della musica italiana. Un cantante conosciuto in tutto il mondo e che ha venduto oltre 8 milioni di dischi. Alla domanda, perché il titolo “Filippo Neviani” NEK spiega di aver promesso a suo padre di portare avanti in uno dei suoi album il nome della famiglia, appunto Neviani. Questo sarà un tributo alla sua carriera iniziata in Italia e poi esplosa anche all’estero, soprattutto in Spagna. “Filippo Neviani” è “l’album più personale che abbia mai fatto nel corso della mia carriera”, spiega NEK con voce fiera. Non ci resta allora che acquistare il suo nuovo lavoro e ammirare la sua calda voce… Nella prossima uscita di iNews pubblicheremo l’intervista integra di questo magnifico incontro.

Per iNews: Intervista di: Luan a Nocco

Fotografo: Giuseppe Iacopo Media Partner: Antonio Campanile Direzione Artistica SW-IT.TV Antonio Cervino e Bruno Sonetto

NEK CON IL NOSTRO FOTOGRAFO GIUSEPPE IACOVO

30 INEWS

INEWS 31


TOP20

m usic italiannews

M

ITALIAN

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

usic 1 2 3

Per ulteriori informazioni e iscrizioni potete rivolgervi direttamente al gruppo Musica è.

Pasquale: Tel: 078 7738605 - Claudio: Tel: 079 3619658 - Bruno: Tel: 079 6014722 - Stefania: Tel: 079 4391047 e mail: musica-e@bluewin - il nostro sito http://musica-e.jimdo.com/

Le prove avranno inizio a Giugno

DELTA MACHINE Depeche Mode (Columbia/Mute) Sony Music #PRONTOACORRERE Marco Mengoni (Sony Music) AMO Renato Zero (Tattica) IndipendenteMente

4

TRILOGIA 1983/89. LIVE 2013 Litfiba (TEG) Sony Music

5

SIG. BRAINWASH/L'ARTE DI ACCONTENTARE - Fedez (Epic) Sony Music

6

GIOIA Modà (Ultrasuoni) Artist First

7

VIOLETTA. LE CANZONI INEDITE Vari (EMI Marketing)

8

THE NEXT DAY David Bowie (Columbia) Sony Music

9

SANREMO 2013 Vari (Rhino) W.M.I.

10

HAPPY MISTAKE Raphael Gualazzi (Sugar) W.M.I.

11 12 13

italiannews

M

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

usic

CANTABILE Nicola Piovani (Sony Classical)

BACKUP 1987-2012 Jovanotti (Universal) HOT PARTY SPRING 2013 Vari (Universal)

14

BATTISTI 70MO Lucio Battisti (Numero Uno) Sony Music

15

SOTTO CASA Max Gazzè (EMI)

16

HITMANIA CHAMPIONS 2013 Vari (Universo) Universal

17

OLD ROCK Eric Clapton (Universal)

18

PASSIONE Andrea Bocelli (Sugar) W.M.I.

19

DALLA IN JAZZ Lucio Dalla (Okeh) Sony Music

20

RICREAZIONE SANREMO EDITION Malika Ayane (Sugar) W.M.I. INEWS 33


m usic

AlfonsoBenevento Benevento Alfonso

Ketty Passa & Toxic Tuna /

Lucio Battisti /

Marco Mengoni

Patty Pravo /

Esce il nuovo album della deejay e veejay milanese Ketty Passa e della sua band Toxic Tuna. “Cantakettypassa”, atmosfera pop con venature ska e reggae, energia contagiosa, è anticipato dal singolo “Ultimo Tango” e contiene 11 brani, che raccontano la fine di alcune storie d’amore. L’album, autoprodotto dagli stessi interpreti, vanta importanti collaborazioni, tra cui Ferdi, batterista dei Casino Royale e di Giuliano Palma & The Bluebeaters. La Passa è una giovane artista trasversale, nata e cresciuta con la musica rock, che negli anni ha saputo anche apprezzare la grande musica cantautorale italiana. Dal 2007 si esibisce in dj set, riproponendo il tipico sound degli anni d’oro di new wave, grunge, hard-rock, metal e punk. Ketty lavora come deejay anche in radio e TV.

Da “Un'Avventura” a “Fiori Rosa, Fiori Di Pesco”, “Mi Ritorni In Mente”, “Emozioni”, “Dieci Ragazze”, “Balla Linda”, “Acqua Azzurra, Acqua Chiara”, “Il Tempo Di Morire”,“Io Vivrò (Senza Te)”, “Non E' Francesca”, “Anna”, “Pensieri E Parole”, “29 Settembre”, “La Spada Nel Cuore”, “Il Mio Canto Libero”, “I Giardini Di Marzo”, “Luci-Ah”, “Io Vorrei...Non Vorrei...Ma Se Vuoi”, “Ancora Tu”, “La Canzone Del Sole”, “Anche Per Te”, “Amarsi Un Po'”, “Si, Viaggiare”, “Nessun Dolore”, “Una Donna Per Amico”,”Una Giornata Uggiosa”, “Con Il Nastro Rosa”, “Arrivederci A Questa Sera”. In occasione del 70° dalla nascita di Lucio Battisti (che vide la luce esattamente un giorno dopo Lucio Dalla!), ''Lucio Battisti 70mo'' riunisce in 4 CD i successi del grandissimo artista e qualche rarità, in spagnolo e inglese.

Dopo la vittoria al 63esimo Festival di Sanremo, con il brano “L’essenziale”, a 2 anni da “Solo 2.0”, Marco Mengoni rilascia “Prontoacorrere”. L’album contiene classiche ballad,ma anche brani elettronici o soul black. In tutto 15 inediti, compreso il brano sanremese, già disco di platino. Al progetto, registrato tra Milano e Los Angeles, hanno collaborato grandi nomi della musica italiana, come Gianna Nannini e Pacifico (che hanno firmato “Bellissimo”), Cesare Cremonini (“La valle dei re”), Ivano Fossati (“Spari nel deserto”), e internazionale, del calibro di Mark Owen dei Take That (“Prontoacorrere”), Evan Bogart, autore di Jennifer Lopez e Rihanna, Steve Robson, firma di James Blunt. «In questo lavoro ci sono tutte le mie facce di oggi», dice il cantautore. Che a maggio rappresenterà l’Italia all'Eurovision Song Contest.

Il 30 aprile ricorre il 40° anniversario dalla pubblicazione dell’album “Pazza Idea” (1973), uno tra i più significativi della carriera di Patty Pravo. Che per l’occasione si regala un’imperdibile raccolta, “Meravigliosamente Patty”. Il triplo Best Of, che arriva a 2 anni dall’album “Nella Terra Dei Pinguini” (2011), contiene oltre 40 canzoni tra le più belle della pluriquarantennale carriera dell’artista. Nel progetto anche l’inedito in dialetto napoletano “’Na canzone”, scritto per Patty da Paolo Morelli degli Alunni del Sole. E, come bonus track, il successo radiofonico del 2012 “La Luna” (per la prima volta su cd). Oltre a un booklet di circa 60 pagine con materiali fotografici inediti e tanti aneddoti, raccontati direttamente dalla inossidabile, intramontabile, Strambelli.

Roberto Ciotti /

Simonetta Spiri /

Speedliner /

Zurzi /

«Non sono solo le certezze quotidiane che mancano, ma quelle di fondo, le convinzioni,gli ideali». Ecco come spiega “Equilibrio precario”, il suo ultimo album da solista, Roberto Ciotti. Invitato a suonare in tutto il mondo, il bluesman romano, con quel suo stile chitarristico e quell’inimitabile suono della voce, è considerato da molti critici il rappresentante più autorevole del “Blues Mediterraneo”, uno dei migliori chitarristi blues d’Europa, un punto di riferimento per gli amanti del rock blues latino. Il virtuoso chitarrista e cantautore capitolino, che ha iniziato ascoltando Jimi Hendrix dal vivo e i primi dischi d'importazione, che dal blues acustico è arrivato al rock blues, ha già prodotto 15 album e colonne sonore cinematografiche divenute ormai un cult come “Marrakech Express” e “Turnè”.

A distanza di 4 anni dal suo debutto discografico, torna Simonetta Spiri, con “Quella che non vorrei”. Un sound very pop con arrangiamenti rhythm and blues e 11 brani, legati dal filo conduttore dei sentimenti, per un progetto dalla forte valenza autobiografica. La giovane cantautrice sassarese si è molto impegnata per rappresentare al meglio questo suo periodo, di svolta artistica, di maturità e di consapevolezza di fronte alle tante prove della vita che ha dovuto affrontare. Il disco è stato anticipato da singoli come "Aura", "Dopo mi uccidi" e "Altrove", sempre in buona posizione nelle classifiche radio, iTunes (stazionando per settimane fra le prime 20), Youtube (superando le 200 mila visualizzazioni).In estate Simonetta partirà per un tour italiano e per la prima volta si esibirà anche all’estero.

Disco d’esordio per gli Speedliner. Anticipato dal singolo “Assente”, esce “Flash”. Dieci inediti, fermi sullo scatto del momento come magiche istantanee (del resto Speedliner è un vecchio modello di Polaroid). Una riflessione sull'alienazione quotidiana, sulle crisi interiori e relazionali, ma anche un messaggio di speranza e la voglia di non ripetere gli errori del passato. Un lavoro che si ispira alla new-wave, al synth-pop e all'indie-rock, il tutto in un mix sapientemente personalizzato dal gruppo bresciano. Nata a Desenzano, sul Lago di Garda, nel 2010, dall’incontro di Zak e Jimbo,componenti dei The Oranges (garage rock’n’roll band). Che produce un inedito songwriting di natura socio cantautorale, a metà tra la new wave e il pop rock d’oltremanica.

Cantakettypassa

Equilibrio precario

34 INEWS

Lucio Battisti 70mo

Quella che non vorrei

/ Prontoacorrere

Flash

Meravigliosamente Patty

Mocciosetti lovers

Tante belle novità nel vivace panorama musicale del Belpaese. Anche Daniele Zurzolo in arte Zurzi, nuova realtà del pop torinese, fa il suo esordio discografico con il frizzante singolo “Ciao”. Il brano è il primo estratto dall’album "Mocciosetti lovers", in uscita, ed è accompagnato da un videoclip molto ironico e divertente ideato dall’artista stesso. Dopo aver fondato diversi gruppi musicali e aver fatto tanta gavetta, l’originale cantautore e musicista piemontese propone ora il suo lavoro solista. Un progetto realizzato in collaborazione con i componenti della sua ultima band, gustoso, fresco e dissacrante. Una musica che prende ispirazione dal classico rock'n’roll americano, a cui si uniscono elementi british e testi e melodie della musica pop e d'autore italiana. INEWS 35


c inema

partynews presented by

partypictures beaCh babeS

Die SweDiSh houSe Mafia Sagt gooDbye!

L’ITALIAN

FILM COMMISSIONS,

ATTRAVERSO IL SUO PRESIDENTE SILVIO MASELLI, SOSTIENE LA BATTAGLIA PER LA SOPRAVVIVENZA DELLA FRIULI VENEZIA GIULIA FILM COMMISSION. Rilancio delle politiche di sostegno alla produzione audiovisiva in Friuli Venezia Giulia” è il tema che si affronterà,martedì 26 marzo, al convegno organizzato dalla FVG Film Commission all’Hotel Savoia Excelsior Palace a Trieste. Tre tavoli di approfondimento su altrettante tematiche per discutere sui diversi aspetti della produzione audiovisiva, sia nazionale che regionale.

“Zone di cinema: enti pubblici e territori al servizio della produzione audiovisiva” è l’argomento che sarà affrontato da Nicola Borrelli (Direttore Generale Cinema - Ministero Beni e Attività Culturali), Riccardo Tozzi (Presidente ANICA), Cecilia Valmarana (Rai Cinema), Guido Cerasuolo (Presidente APE - Associazione Produttori Esecutivi-), Martha Capello (Presidente AGPC - Associazione Giovani Produttori Cinematografici-). L’incontro sarà moderato da Silvio Maselli, Presidente Italian Film Commissions.

Si tratta di un appuntamento per discutere sul mondo dell’audiovisivo in Friuli Venezia Giulia - tra potenzialità, necessità e prospettive - alla vigilia delle prossime elezioni regionali. Un’opportunità per sottolineare l’importanza di un settore che a partire dal 2000, con la nascita di FVG Film Commission, ha creato indotto, professionalità e impresa, oltre ad un importante ritorno di immagine territoriale, ma che ora vive un momento di assoluta incertezza.

Infine, “Cinema made in FVG: piccole imprese per una grande impresa - Il caso Zoran”, è il tema che vedrà protagonisti Matteo Oleotto (regista), Antonella Perrucci (ALA FVG -Associazione Lavoratori Audiovisivo-), Michele Codarin (Confartigianato Udine), Jozko Rutar (Direttore Slovenian Film Centre). Moderatore sarà Paolo Vidali (Direttore Fondo Regionale Audiovisivo FVG).

A sostenere le iniziative avviate dalla FVG Film Commission ci sarà anche il Presidente dell’Italian Film Commissions Silvio Maselli, che parteciperà al primo dei temi previsti nella giornata: “Film Commission & Film Fund, La migliore offerta: marketing territoriale e benefici economici”. A seguire, moderato da Paolo Di Maira (Direttore Cinema & Video International), sono previsti gli interventi di Andrea Rocco - Direttivo EUFCN (European Film Commission Network), Federico Poillucci (Presidente Friuli Venezia Giulia Film Commission). 36 INEWS

Die drei Jungs der Swedish House Mafia haben ihre Trennung zwar schon Monate zuvor angekündigt, doch irgendwie wollten es ihre Fans bislang nicht wahrhaben. Nun fand am Ultra Music Festival in Miami ihre letzte gemeinsame Show vor tausenden Besuchern statt. Wer am Ultra als Headliner auftreten darf, hat es in der EDM-Szene ganz nach oben geschafft. Für die Swedish House Mafia war es aber zeitgleich der beste Moment, ihr gemeinsames Projekt ehrenvoll zu beenden und sich künftig den Solo-Karrieren zu widmen. Das Trio feierte weltweit grosse Erfolge mit Hits wie «One» oder «Don’t You Worry Child». Ganz spurlos scheint die Auflösung an den Dreien allerdings nicht vorbeigegangen zu sein: «Viele schöne Erinnerungen schiessen mir durch den Kopf», twitterte Sebastian Ingrosso kurz nach dem Ultra Auftritt. Doch man soll bekanntlich dann aufhören, wenn es am schönsten ist und so waren ihre letzten Worte: «We Came. We Raved. We Love. We Thank You. Goodnight!» Das Ultra Music Festival geht bereits seit 15 Jahren in Miami über die Bühne und gehört zu den bekanntesten Events der EDM-Szene mit Gigs von den Besten der Besten. Auch dieses Jahr gaben sich wieder DJs und Producer wie Deadmau5, Tiësto, Avicii, Calvin Harris oder der Schweizer Luciano die Klinke in die Hand.

beaCh boyS

weitere bilder unter: usgang.ch/pictures

Silvio Maselli

INEWS 37


c inema Alfonfo Benevento

11 September 1683

Aspromonte

Cose cattive

La migliore offerta

C’è già stato un 11 settembre destinato ad influenzare il destino del mondo, o quanto meno d’Europa. Quello del 1683, quando la Lega Santa, compattata dall’eroico frate cappuccino Marco da Aviano (proclamato poi Beato dalla Chiesa Cattolica), in una Vienna assediata dai turchi, con una memorabile battaglia,riuscì a vincere le truppe dell'impero ottomano, pronte ad invadere il nostro Continente. “11 September 1683” è un film di Renzo Martinelli, pluripremiato regista, vincitore anche di un David di Donatello. La spettacolare pellicola, che naturalmente verrà distribuita anche all’estero, vanta pure un cast d’eccezione, potendo contare su Murray Abraham ed Enrico Lo Verso, tra gli altri. Firma l’avvincente colonna sonora il grande compositore e pianista Roberto Cacciapaglia.

Un tipico imprenditore del Nord Italia si precipita in Calabria per far firmare un importante contratto al fratello musicista, in tournée in Aspromonte. Dopo il primo incontro, il fratello sparisce e l’industriale, temendo che sia stato rapito come succedeva negli anni Ottanta, comincia a cercarlo disperatamente. La spasmodica ricerca si trasforma per lui in un’occasione per riflettere sul senso della vita e sui rapporti umani. E per lo spettatore nell’opportunità di ammirare l’emozionante bellezza delle terra calabrese. Interessante prova d’esordio del regista italo tunisino Hedy Krissane “Aspromonte”. Che, seguendo il solco del rovesciamento dei luoghi comuni, già tracciato dalla commedia italiana ancor prima di “Benvenuti al Sud”, racconta la Calabria dell’ospitalità, dei paesaggi mozzafiato,della cultura.

La storia di quattro ragazzi che si ritrovano in uno sperduto paesino di montagna a ritirare il premio di "Evil Things" (un concorso virtuale in cui ha la meglio chi posta un video davvero cattivo). E invece entrano in un incubo. Una specie di reality show che li porterà verso l’autodistruzione. Ripreso e buttato in Rete senza pietà. Animato da un fantomatico Maestro,che in un posto misterioso e isolato dirige un gioco perverso, fatto di torture e umiliazioni fisiche incredibili, tanto che gli spettatori pensano sia un gioco. Un’operazione coraggiosa per il panorama cinematografico tricolore il thriller horror indipendente sulla internet generation “Cose cattive”. Il primo lungometraggio diretto da Simone Gandolfo. Il primo prodotto da Luca Argentero, che partecipa anche al film con un cameo.

Non da del tu nemmeno al suo migliore amico Virgil Oldman. Un sessantatreenne colto e solitario, la cui ritrosia nei confronti degli altri, specie delle donne, è pari alla maniacalità con cui esercita la professione di antiquario. Chiamato a occuparsi della dismissione del patrimonio artistico di un antico edificio, Oldman si ritroverai a giocare un'enigmatica partita con la giovane proprietaria del patrimonio, che non si fa mai vedere, probabilmente perché ha una terribile paura del mondo. Da qui nascerà una passione destinata a capovolgere l’esistenza grigia del grigio antiquario. Un film sull'arte intesa come sublimazione dell'amore, ma anche un film sull'amore inteso come frutto dell'arte, “La migliore offerta”, ultima opera, anche letteraria, di Giuseppe Tornatore. Nel cast internazionale nomi come Geoffrey Rush, Donald Sutherland, Jim Sturgess e Sylvia Hoeks.

La scoperta dell'alba

Mai Stati Uniti

Outing - Fidanzati per sbaglio

Una Domenica Notte

Caterina, figlia del professor Tessandori, ucciso a Roma, nel 1981, dalle Brigate Rosse (per aver collaborato alla stesura di una legge che tradiva la causa del proletariato), trova nella vecchia casa di vacanza della famiglia un telefono che la mette in contatto con la bambina che era trent'anni prima. Equamente divisa tra passato (gli anni Settanta) e presente, Caterina cercherà di salvare suo padre e di far luce sulle ombre della sua infanzia. Dopo l'esordio felice con “Cosmonauta”, Susanna Nicchiarelli adatta il romanzo di Walter Veltroni “La scoperta dell'alba”, riservandosi anche una parte nel film. Nel variegato cast del drammatico, che fa riferimento al doloroso contesto storico del terrorismo in Italia con vicende assolutamente inventate, anche Margherita Buy, Sergio Rubini, Lino Guanciale, Lina Sastri.

Cinque persone che non si conoscono scoprono di essere fratelli per parte di padre. Un uomo che ha sedotto e abbandonato le loro madri e che gli ha lasciato una grossa eredità, a patto che vadano tutti assieme a spargere le sue ceneri in un lago dell'Arizona, un posto che il defunto amava tanto. Così, Antonio, cameriere rovinato dal gioco, Angela, ansiosa segretaria single, Nino, ex meccanico divorziato e senza più un lavoro, Carmen, precaria con la mania dello shopping, e Michele, ingenuo giovanotto cresciuto in uno zoo, strada facendo, tra feroci litigate e improvvisi attacchi di tenerezza,impareranno a conoscersi e a volersi bene. “Mai Stati Uniti” è una tipica commedia all'italiana targata Vanzina. Nel cast Vincenzo Salemme, Ricky Memphis, Maurizio Mattioli e Ambra Angiolini.

Fingersi gay per creare un’impresa. Questa la sorte toccata a Riccardo, talentuoso designer che lavora a Milano in tutt’altro campo, e Federico, scapestrato playboy di periferia rimasto in Puglia. Venuti a conoscenza di un finanziamento a sostegno delle imprese di moda, i due amici fanno domanda. Ma il bando è riservato alle coppie di fatto e l'unico modo per ottenere le sovvenzioni e realizzare il sogno di Riccardo (aprire un atelièr) è spacciarsi per omosessuali. Uno sguardo un po’ serio e un po’ faceto sull’Italia di oggi e sul mondo dei giovani “Outing - Fidanzati per sbaglio ”, con Nicolas Vaporidis e Massimo Ghini. Scritto e diretto da Matteo Vicino, Premio per la Miglior Regia al Film Festival Internazionale di Milano 2012 per “Young Europe”.

Antonio voleva fare il regista di film horror, ma dopo il flop del suo primo lungometraggio (dovuto unicamente alla cattiva distribuzione), si sposa, mette su famiglia e, alla fine, si rassegna alla vita di provincia. Ma a quasi 50 anni il suo sogno riemerge. Antonio decide di trovare i fondi per girare una sceneggiatura a basso budget, incentrata su un solo personaggio e un’unica location. Ma scoprirà che l'orrore che lo circonda è molto più impressionante della pellicola del terrore che vuole realizzare… Una produzione cinematografica indipendente, interamente girata in Basilicata, “Una Domenica Notte”, che segna l’esordio del giovane regista Giuseppe Marco Albano. Già messosi in luce l’anno scorso, con la conquista del Nastro D’Argento, per il cortometraggio “Stand by Me”.

Un giorno che cambiò la storia

Un salto nella Storia

38 INEWS

La Calabria come non l’avete mai vista

Vanzina on the road

La Rete che uccide

Che tocca fa' pe' campà

Se l’arte diventa amore

Quando la realtà supera la fantasia

INEWS 39


c inema

È l'uomo che fa l'armatura o è l'armatura che fa l'uomo?

S

econdo film Marvel distribuito dalla Walt Disney, Iron Man 3 esce quasi un anno dopo l'uscita cinematografica di The Avengers. Questo nuovo capitolo vede lo sfacciato ma brillante industriale Tony Stark/Iron Man combattere contro un nemico senza limiti. Quando Stark vede il suo mondo distrutto per mano del suo pericoloso antagonista, intraprende una dura missione alla ricerca dei responsabi-

li. Quest'impresa metterà a dura prova il suo coraggio. Con le spalle al muro, Stark dovrà sopravvivere senza i dispositivi da lui creati, facendo affidamento solo sulle proprie forze e fidandosi solo del proprio ingegno e istinto per proteggere le persone che ama. Tornato a combattere, Stark trova la risposta alla domanda che lo ha sempre segretamente perseguitato: è l'uomo che fa l'armatura o è l'armatura che fa l'uomo?

Un film di Shane Black. Con Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Don Cheadle, Guy Pearce, Rebecca Hall. Stephanie Szostak, Yvonne Zima, Dale Dickey, Ashley Hamilton, Ty Simpkins, Bridger Zadina, Spencer Garrett, Xueqi Wang, Jon Favreau, Paul Bettany, Ben Kingsley, William Sadler, James Badge Dale, Stan Lee Titolo originale Iron Man 3. Azione - USA, Cina 2013. - Walt Disney uscita mercoledì 24 aprile 2013.

40 INEWS

INEWS 41


italiannews

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

WINE &FOOD Giovanni RANA

42 INEWS

INEWS 43


e nogastronomia

di pasta. Per questo ricorsi alle macchine, che, invece, riuscivano a produrre 10 di chili all’ora. La richiesta cresceva, ci avevo visto giusto, e avevo bisogno di macchine più veloci, ma anche di salvaguardare la qualità, che è stata sempre il mio pallino, la mia ossessione. Allora andavo e venivo da Milano, in treno, in 2°classe, alla ricerca dei macchinari più moderni. E nel ‘68 riuscii a realizzare una macchina che riproduceva esattamente il tortellino fatto a mano. Una grande conquista! E poi è stato, come dico sempre, un “crescendo rossiniano”. Ma quando si è reso conto di aver costruito qualcosa di veramente importante? Negli anni Novanta un’indagine Nielsen stimò un 20-30% di nuovi consumatori pronti a comprare pasta fresca e ripiena e le multinazionali del settore decisero di espandersi in questo mercato, facendo grossi investimenti. Mi furono offerte grandi cifre con tanti zero per comprare la mia azienda. Ma io non cedetti!! A quel tempo realizzavo una ventina di miliardi di fatturato, ma ero sostanzialmente un artigiano e tutti mi davano per spacciato. Pensavano che non ce l’avrei fatta. Ma alla fine le multinazionali non riuscirono a entrare in questo mercato e fu la mia artigianalità a vincere. Perché è diventato testimonial del suo prodotto? Per garantire con la mia persona la bontà del prodotto firmato Giovanni Rana (che non era un nome di fantasia, ero io in carne ed ossa, e potevo quindi ‘metterci la faccia’, mentre le multinazionali super industrializzate no!) e sbaragliare la concorrenza. Anche lì c’è stato chi mi prendeva per matto, ma il tempo mi ha dato ancora ragione. E l’ha trasformata in una celebrità… Beh, per strada la gente mi chiede gli autografi, i bambini mi chiamano nonno Giovanni, sono cose che certamente non capitano a tutti. E che mi fanno tanto piacere.

Ma ha girato qualche film? No. Ho avuto tante proposte, pure di recente, persino da Zeffirelli, ma ho sempre rifiutato. Non posso distogliermi dalla mia più grande missione. La sua missione? Si, il costante controllo della qualità della nostra produzione. Vede, il cuore della nostra azienda, che io chiamo il “Triangolo delle Bermude”, è costituito dal centro ricerche (una squadra di grandi professionisti coordinati da mio figlio Gian Luca, che insieme a loro studia tutte le novità), dal marketing e dal controllo qualità. Com’è il rapporto con suo figlio? Ottimo. Gian Luca sta continuando egregiamente quello che io ho iniziato. In azienda ha portato nuova linfa, nuove idee e ha saputo internazionalizzare l’azienda. Già da 15 anni ricopre il ruolo di Amministratore Delegato del Gruppo, insomma, è lui che comanda. Io controllo, guardo dall’alto della collina quello che succede sotto per intervenire se serve, come un generale. Ma lo sa che in Italia molte aziende familiari vanno in crisi proprio in occasione del cambio generazionale al vertice? Mio figlio non ha avuto problemi ad inserirsi. Devo dire che sono stato fortunato perché fare il genitore è un mestiere difficilissimo! E poi Gian Luca è cresciuto in azienda, faceva i compiti in portineria... Mi piace dire che l’ho trovato dentro il ripieno di un tortellino! In quanti Paesi esportate? Attualmente in 37 Paesi. Stiamo curando molto i Paesi dell’Est come la Russia, l’Ungheria, la Polonia. Un mercato che sta crescendo. Dove siete più presenti? Naturalmente in Italia, dove da sempre siamo leader di mercato. Inoltre siamo presenti in modo importante in paesi come Francia, Spagna, Svizzera, Germania, Gran Bretagna, Lussemburgo, Svezia e in tanti altri.

Parla Giovanni Rana Il re dei tortellini

Q

uel fidato Guzzino con cui consegnava personalmente i suoi tortellini casa per casa ne ha fatta di strada! Oltre 900 ricette di pasta fresca, ma anche sughi, per tutti i gusti, per tutte le nazionalità (più agliati per gli i consumatori inglesi, agrodolci - come quelli con cipolla caramellata e formaggio di capra- per gli Spagnoli ecc). Sette stabilimenti: 5 in Italia, 1 in Belgio e 1 in Illinois (aperto nell’ottobre scorso a pochi chilometri da Chicago), nel cuore dell’agroalimentare Usa, per lanciarsi alla conquista dell’America, un mercato da 2 miliardi di dollari. È ormai presente anche nella ristorazione, con una quarantina di prestigiosi presidi sparsi per il mondo. Il suo Gruppo tra il 2005 e il 2012 ha raddoppiato il numero di addetti, che ogni anno cresce del 12% (attualmente ha 1200 dipendenti). Nonostante la crisi, nel 2011 ha fatturato 374 milioni e poco meno di 400 l’anno scorso. Grazie anche alle capacità del figlio Gian Luca, Ad dell’azienda. Ci ha sempre creduto, persino quando gli hanno dato del matto perché aveva deciso di fare la pasta fresca. Non ha mai voluto vendere, neppure quando i competitors gli hanno offerto il doppio dei suoi ricavi, cifre con tanti zeri. Un’incredibile capacità lavorativa. Ancora adesso arriva in azienda alle 8 del mattino e come prima cosa si legge tutti i giornali. Una vera ossessione per la qualità la sua, che gli è valsa la fiducia di milioni di consumatori. Addirittura, dagli anni Novanta in poi, per garantirla ‘ci ha messo la faccia’, interpretando personalmente gli spot aziendali. Diventando pioniere pure in questo (a dire il vero, il 1° testimonial di se stesso in Italia è stato il dottor Ceccarelli, che reclamizzava il suo dentifricio, ma senza svelare che si trattava di un prodotto suo). Va molto fiero del titolo di Cavaliere del Lavoro, ricevuto nel 44 INEWS

2003 dall’allora Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi, della Laurea Honoris Causa in Relazioni pubbliche, conferitagli dall'Università IULM di Milano nel 2006, lui che ha solo il diploma di scuola elementare. Abbiamo incontrato Giovanni Rana, presidente dell’omonima azienda, leader nel mercato della pasta fresca, per farci raccontare tutto questo, cioè una bella favola italiana, impastata di creatività, cocciutaggine e intuizione. Partita da San Giovanni Lupatoto (Verona), poco più di mezzo secolo fa… Cavalier Rana, come è nata la sua azienda? La mia famiglia aveva un forno, eravamo 3 fratelli, io ero il più piccolo e a me toccava la consegna del pane in bicicletta. Era così che osservavo la società che stava cambiando. Che i negozi cominciavano a vendere la pasta fresca, perché le donne iniziavano a lavorare e non avevano più tanto tempo per farla in casa. Fu cosi che decisi di produrla. In famiglia nessuno ci credeva. Mia madre era contraria, diceva che ero matto, che il mio destino era quello di fare il panettiere. Ma i risultati raccolti da quel mio ‘marketing familiare’ mi avevano convinto. Avevo bisogno di un luogo dove iniziare la mai attività. Andai dal padre della mia fidanzata e lo convinsi a darmi uno spazio grande quanto una stanza. Dieci preziosi metri quadrati, che adattai personalmente a piccolo laboratorio. Io impastavo e la mia fidanzata faceva il ripieno. Andavo io a consegnare la pasta, con un Guzzino di seconda mano (non me lo potevo permettere nuovo). Avevamo 21 io e 17 anni la mia fidanzata. Ci sposammo poco dopo. Iniziammo a produrre i tortellini, alla carne e alla ricotta e spinaci. All’inizio ci facemmo aiutare da un paio di donne, che man mano divennero una decina. Ma in un’ora una persona può produrre un chilo, un chilo e mezzo INEWS 45


e nogastronomia E gli Stati Uniti? Sbarcare negli Stati Uniti era un sogno, e lo coltivavo fin da ragazzino. Esportavamo lì già da 5 anni, ma è difficile gestire il cibo fresco con i tempi dei trasporti *(quello aereo costa troppo e quello per mare dura troppo).* Così abbiamo costruito lo stabilimento a Bartlett in Illinois. Abbiamo anche un ristorante a New York, con 100 dipendenti,dove serviamo una media di 900 pasti al giorno e facciamo i tortellini a vista, per la gioia degli Americani. E la Svizzera? In Svizzera siamo arrivati negli anni ’90, grazie ad un nostro grossista storico. Poi c’è stato il grande incontro con le Coop ed è stato subito grande amore, perché entrambi appassionati di prodotti di alta qualità. Per noi la Svizzera è un mercato molto strategico, ragione per cui abbiamo deciso di aprirvi la nostra filiale. In Svizzera distribuiamo con grande successo la pasta fresca ripiena e liscia, i sughi freschi, i piatti pronti e le pizze con le ricette della tradizione italiana. Insomma, ce n’è per tutti i gusti! C’è qualcosa che la Svizzera dovrebbe imparare dall’Italia e viceversa? Diciamo che se si potesse unire la precisione Svizzera con la fantasia Italiana sarebbe una splendida cosa! Cavalier Rana, qual è la ricetta del suo successo? È un concerto di tanti elementi. Soprattutto la qualità, e poi la ricerca, l’innovazione. Inoltre è fondamentale coinvolgere i dipendenti, farli sentire parte del progetto. Una volta erano pochi e riuscivo a dare a ciascuno di loro una pacca sulla spalla, ma adesso sono circa 2000, calcolando pure l’indotto… Cos’è che racconta quando la invitano a parlare nelle scuole? Spiego sempre ai ragazzi che le idee valgono più del denaro. E non mi stanco mai di dire che si possono cambiare 10 mestieri e che, alla fine, è l’11° che si può rivelare quello giusto. Che bisogna sempre essere imprenditori di se stessi. Come vede il futuro dell’Italia? Sono ottimista. Ho vissuto il periodo della guerra e le difficoltà che gli Italiani hanno dovuto affrontare. Ma grazie alla creatività, all’intelligenza e alla volontà ce l’hanno fatta. Insomma, risorgeremo, e tra 2, 3 anni non ci ricorderemo nemmeno di tutto quello che ci sta succedendo.

Gasthof Löwen

W

ir pflegen eine marktfrische mediterrane Küche. Eine grosse Palette der Italienischen Küche steht Ihnen zur Auswahl bereit. Sorgfältig ausgesucht und ebenso sorgfältig und frisch zubereitet. Ganz besonders ans Herz legen möchten wir Ihnen unsere feinen, hausgemachten Teigwaren, welche jederzeit frisch für Sie zubereitet werden und unsere Spezialitäten vom Holzgrill. Bei uns können Sie die Grösse und Zutaten Ihrer Pizza selbst wählen. Ihre Gastgeber Da Vito und Nina freuen sich,Sie in gemütlichem Ambiente überraschen und begeistern zu dürfen.

Le nostre specialità

Bistecca alla Fiorentina originale Pizza al metr cm 30, 50cm 1 o Metro

PER PRENOTAZIONI: telefono 076 232 40 26 - vitogiorgio2@gmail.com Gasthof Löwen Wehntalerstrasse 544 - 8045 Zürich - Tel. 043 960 19 69 E-Mail info@loewen-affoltern.ch

46 INEWS

Orari: Montag bis Freitag - 07:00 - 24:00 Uhr Samstag - 17:00 - 24:00 Uhr - Sonntag - 08:30 - 24:00 Uhr

INEWS 47


e nogastronomia

e nogastronomia

Il gusto italiano che arriva dalla Germania

Nasce in Europa la coalizione per contrastare lo sfruttamento delle risorse dei territori

Brenda Li Quadri

Un fast-food di qualità, ispirato alla cucina italiana

D

al famoso proverbio italiano “chi va piano va sano e va lontano”, prende il nome la catena tedesca di ristoranti con prodotti ispirati al made in Italy e all’italian lifestyle. L’idea del pasta&pizza bar viene in mente a Mark Korzilius nel 2001, che, dopo essersi laureato in economia e commercio con una tesi sul funzionamento dei McDonald’s, pensa a quanto potrebbe essere funzionale creare un nuovo concept: il fast food di qualità, con prodotti che non si sono mai prestati prima a questo tipo di cucina. Il risultato è vincente, basta dare un’occhiata ai numeri: - 97 ristoranti aperti in tutto il mondo, 45 dei quali in Germania; - 198.4 milioni di dollari di fatturato (2010); - circa 900 clienti al giorno in ogni ristorante; - scontrino medio pro-capite di €10. I menù sono ricchi e spaziano dalle classiche pasta e pizza alle insalate, alla carne, ai dessert e troviamo anche una carta dei vini piuttosto variegata. Per mantenere alta la qualità dei cibi serviti, alcuni dei prodotti quali mozzarelle, parmigiano e pomodori, sono acquistati direttamente in Italia. Ogni mese inoltre sono offerti gli specials, piatti particolari della nostra tradizione culinaria, non presenti nel menù standard. Pasta e dolci sono preparati quotidianamente all’interno dei ristoranti e, per garantire la trasparenza nelle fasi di preparazione, i clienti possono vedere i vari step nella zona dedicata, chiamata “Pasta Manifattura”. I piatti inoltre, sono preparati davanti ai clienti al momento dell’ordinazione e gli ingredienti sono posti in bella vista e ordinati in contenitori di plastica trasparente. 48 INEWS

Un’altra innovazione del brand è la “chip card” o, più comunemente carta magnetica, che viene consegnata all’ingresso. Su questa, saranno aggiunte di volta in volta le ordinazioni effettuate, e all’uscita bisognerà riconsegnarla. Anche l’arredamento è un tratto caratteristico di questa catena; affidato a un designer italiano, Matteo Thun, punta su grandi spazi aperti e su un arredamento semplice e molto “famigliare”. Ogni ristorante presenta una particolarità, consistente nella presenza di un albero di ulivo, simbolo della catena, e su ogni tavolo vi è una piantina viva di basilico o rosmarino. La catena Vapiano è in continua espansione, anche sotto forma di franchising ,e chissà se un giorno arriverà mai in Italia. Fino ad allora, non resta che cercare il ristorante più vicino e lasciarsi coccolare dal ricordo vivo della cucina italiana.

Slow Food in prima fila per chiedere ai governi dell'Unione Europea una gestione delle risorse che limiti lo spreco e riduca il costo delle materie prime permettendo la creazione di nuovi posti di lavoro

U

na coalizione di organizzazioni della società civile che comprende Slow Food, Friends of the Earth/Amici della Terra, ActionAid, Birdlife, Biofuelwatch, Compassion in World Farming e l’Ufficio europeo dell’ambiente (EEB) ha indirizzato una petizione congiunta ai governi europei e all’Ue nel suo insieme per invitare l’Europa a ridurre il suo land footprint, la sua impronta sullo sfruttamento dei terreni, definita dal consumo annuo di terre necessario per produrre cibo, tessuti, biocarburanti ecc. Alcuni studi hanno infatti evidenziato che per far fronte al suo fabbisogno di cibo, tessuti, biocarburanti ecc. l’Ue di fatto “importa” 1.212.050 chilometri quadrati di terreno agricolo [3], ed estensioni ancora più importanti sono sfruttate per fabbricare carta e altri prodotti ricavati dagli alberi, per estrarre minerali e combustibili fossili. «Il modello di sviluppo classico ha prodotto conseguenze drammatiche sulla distribuzione delle risorse del pianeta. Un sistema basato sul consumo consistente di proteine animali e su sprechi incontrollati è aberrante e sta esercitando una pressione insostenibile sulle risorse idriche e sui terreni fertili del mondo intero» dichiara Piero Sardo, Presidente della Fondazione Slow

Food per la Biodiversità. «Sulla Terra oggi si produce cibo per 12 miliardi di persone, ma il 40% di tutto il cibo prodotto diventa rifiuto prima di essersi anche solo avvicinato a qualunque tavola. Slow Food si impegna da anni per promuovere un sistema di produzione, distribuzione e consumo che contrasti gli sprechi e il land grabbing (l'acquisizione a prezzi stracciati dei terreni fertili che, soprattutto nel Sud del mondo, sta minacciando la biodiversità, la sovranità alimentare e la vita stessa delle comunità locali). Servono interventi rapidi e incisivi, anche a livello comunitario, da parte delle istituzioni, dei cittadini e della società civile." Slow Food, l’associazione Amici della Terra e le altre organizzazioni sollecitano l’introduzione di un parametro che misuri l'impronta sull'utilizzo dei terreni, accanto a quelli già considerati come princìpi guida: l’impronta di carbonio, l’impronta idrica e il consumo dei materiali. Misurare e gestire più oculatamente le risorse consentirebbe all’Europa di diventare più efficiente nel contenimento degli sprechi e nella riduzione del costo delle materie prime e permetterebbe di creare nuovi posti di lavoro in industrie attente a un consumo efficiente delle risorse. INEWS 49


e nogastronomia

MARCELLO D'ERASMO CAMPIONE DEL MONDO DELLA PIZZA NAPOLETANA STG 2012

INAUGURA IL 9 MAGGIO IL PRIMO RISTORANTE PIZZERIA CIAO ITALIA A ZURIGO

G

iorno 9 Maggio Il campione del Mondo Marcello D'Erasmo, inaugura Il primo Ristorante Pizzeria Ciao Italia alla Wallisellenstrasse 485 Zurigo 8050 che si propone di promuovere "l'Originale"cucina italiana, con i prodotti controllati made in Italy. Il concetto è molto semplice cucina originale e la sera con prenotazioni si può mangiare un Menu a sorpresa di 6 portate comprese le bevande per solo fr. 79.- e un Fr.1 a menù verrà destinato per promuovere giovani artisti. Si è proprio la concorrenza del famoso locale Birchegg di Michele Casale di Zurigo sfidandolo con la qualità e proponendo momenti di Cultura con degustazioni e la presentazione di nuovi cuochi, mentre a mezzogiorno desideriamo lanciare le nostre Pizze ultra saporite inventate dal Campione del Mondo della pizza Napoletana Marcello che proviene da una lunghissima esperienza di varie generazioni di esperienza, con le ricette tramandate dalla nonna alla mamma con l'adattamento odierno della cucina italiana. La cucina Italiana nel mondo è diventata statica e confusa dai profumi nei ristoranti all'estero, ecco perché bisogna sempre rinnovare la cucina anche all'estero per fare degustare i veri profumi e sapori della cucina italiana. Con l'impegno dei grandi chef e del campione del mondo Marcello sarà possibile. VI PRESENTIAMO BREVEMENTE MARCELLO. Marcello D’Erasmo, si è laureato campione del mondo di pizza napoletana STG 2012 vincendo il primo posto all’11° trofeo “Caputo”, tenutosi il 21, 22, 23 maggio 2012 a Nola. Con 35 anni di mestiere sulle spalle, Marcello ha superato i maestri napoletani dai quali ha imparato il mestiere e la tecnica sapendo cogliere i segreti più importanti ed apprendere i consigli migliori. 50 INEWS

Marcello si è imposto su 427 partecipanti provenienti da Italia, Giappone, Francia, Svizzera, Ucraina, Marocco, Germania, Romania, Brasile, Norvegia, Spagna, Canada, Brasile, Usa. Il trofeo fa entrare Marcello nell’olimpo dei Pizzaiuoli, come dicono a Napoli, annoverandolo di diritto nella cerchia dei migliori pizzaioli al mondo. IL concetto di "Ciao Italia" la Gastronomia Italiana si amplierà con le prossime strutture dando il nome ai chef che faranno parte del progetto debellando con la qualità i falsi ristoranti che hanno solo il tricolore senza far conoscere i cuochi e i prodotti che danno ai loro clienti. Il ristorante è pronto per festeggiare anche i divorzi che sono tanto di moda in Svizzera ma naturalmente tutte le feste come; compleanni, battesimi, cresime, comunioni e matrimoni. Durante l'anno avremo eventi gastronomici, musicali, mostre etc. Le migliori scuole alberghiere italiane utilizzeranno la nostra piattaforma per esportare i migliori cuochi all'estero. Il team e il Cuoco Italiano di origine Pugliese Lucio della CIAO ITALIA GASTRO GMBH diretto dal Sig. Massimo Paternostro e Antonio Campanile Responsabile di Marketing e Comunicazione, con grande esperienza per il lancio e aperture di ristoranti come il Molino e la promozione del famoso cuoco Peppe Zullo della Città Slow Food di Orsara di Puglia in campo internazionale che sarà presente nei prossimi eventi a presentare il suo vino e la sua originale cucina in Svizzera nelle strutture del Ristoranti Ciao Italia. RISTORANTE PIZZERIA CIAO ITALIA WALLISELLENSTR. 485 - 8050 ZURIGO - TEL. 07 307 20 20 INEWS 51


e nogastronomia

Pizza metodo azzurro

die beste Pizza der Welt

U

nsere Pizza aus eigener Produktion ist dünn, duftend und knusprig. Sie ist aus einer speziellen von uns studierten Teigmasse gemacht, die sogenannte „AzzurroMethode“, „metodo Azzurro“, um so die beste Backmethode, Leichtigkeit und Verdaulichkeit zu garantieren. Unsere übergrosse Pizza hat eine doppelte Oberfläche im Gegensatz zu den üblichen Pizzas und natürlich eine grössere Vielfalt an Zutaten, zudem wird nur Mozzarella aus reiner Kuhmilch angewendet.

Unsere Klientschaft bestätigt immer wieder folgende Aussage: „Es ist wirklich die beste Pizza, die ich jemals gegessen habe.“ Das Restaurant bietet einen Saal für jede Art von Event: Geburtstag, Kommunion, Firmung, Taufe, Hochzeit, Bankette, Jubiläen Oeffnungszeiten: Montag bis Freitag: 11.30 – 14.30 / 18.00 – 24.00 Samstag 18.00 – 24.00 / Sonntag auf Anfrage Es stehen 40 Parkplätze für unsere Klienten zur Verfügung.

RISTORANTE PIZZERIA

AZZURRO Hohlstrasse 451 8048 Zürich Tel. 044 492 48 08 natel 079 3303905 www.ristoranteazzurro.ch 52 INEWS

INEWS 53


swissgeht aus

swissgeht aus

MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS

MANGIARE BENE ESSEN MIT GENUSS

Ristorante Gasthof Löwen Vito e Nina www.loewen-affolter.ch

Restaurant Grigioni Graubünden

081 413 32 16 *

Restaurant La Carretta

081 413 38 95

ristorante molino zurigo

www.molino.ch

Restaurant, Pizzeria Padrino

081 253 03 01

Casa Ferlin

www.casaferlin.ch

Restaurant Ticino

081 253 13 07 *

Restaurant, Pizzeria La Meridiana

081 416 82 85

Da Ciro www.ristorante-ciro.ch

Restaurant Jarno

081 416 82 85 *

Il Giglio www.ilgiglio.ch

Ristorante Caruso

081 641 30 30

Grotto serta

091 945 02 35

Osteria bellavista

091 985 89 12

Trattoria vittoria

091 609 11 57

Grotto grillo

091 970 18 18

Belvedere

091 941 13 51

Grotto morchino

091 994 60 44

Osteria dei tiratori

091 943 34 95

Grotto ticinese

091 967 12 26

Cacciatori

091 605 22 36

Ristorante da candida

091 649 75 41

Ristorante cyrano

091 922 21 82

Ristorante santabbondio

091 994 85 35

Collina d‘oro

091 994 74 97

Ristorante il castagno

091 611 40 50

Il Tartufo www.iltartufo-zuerich.ch Il Gallo www.ilgallo.ch Toscano

www.ristorante-toscano.ch

Italia www.ristorante-italia.ch ristorante camino

Casa da Vinci

RISTORANTE AZZURRO

www.casadavinci.ch

Salentina www.salentina.ch Gandria www.restaurant-gandria.ch Il Camino

www.ristorante-camino.ch

Pantheon

www.ilpantheon.ch

Casa Aurelio

www.casaaurelio.ch

Ristorante la griglia

091 945 11 58

Schwan Hotel & Taverne

www.hotel-schwan.ch

La perla del lago

091 973 72 72

Il Bocciodromo

www.bocciacono.ch

Hostaria del pozzo

091 940 91 58

Il Punto

www.ristorante-punto.ch

Locanda del boschetto

091 994 24 93

mouette del mövenpick

091 923 23 33

Grotto vallera

091 647 18 91

Ristorante CIAO Möwenpick www.moevenpick-regensdorf.com RISTORANTE Azzurro

Ristorante CIAO Möwenpick

RESTAURANT MESA

Restaurant, Pizzeria La Meridiana

Gasthof Löwen - RISTORANTE CIAO ITALIA

Restaurant TICINO

www.ristoranteazzurro.ch

RISTORANTE SORRISO www.sorriso.ch TRATTORIA ITALIANA

WWW.TRATTORIA-ITALIANA.CH

RESTAURANT MESA

WWW.mesa-restaurant.ch

dal buongustaio www.dal-buongustaio.ch

P = Propietario Italiano h

54 INEWS

C = Cuoco Italiano h

S Servizio Italiano h

Q = Buona qualità h

hI = ingredienti italiani

hT = testato INEWS 55


c ultura Pina Bevilacqua

Insomma, si presenta al mondo come quello delle novità il Papa argentino. Classe 1936, sangue piemontese, figlio di un funzionario delle ferrovie e di una casalinga. Il diploma di perito chimico, la passione per il calcio e il tango, una fidanzatina. Poi la chiamata, l’ordinazione nel ’69, la laurea in Filosofia, in Teologia. Jorge Mario Bergoglio è stato lavoratore, parroco, professore (di Letteratura e di Psicologia), maestro di novizi e rettore di seminario, scrittore (“Meditaciones para religiosos”, “Reflexiones sobre la vida apostolica”, “Reflexiones de esperanza”), per ciò sa bene come va il mondo, e anche la Chiesa, l’ex cardinale di Buenos Aires, Jorge Mario Bergoglio, sempre restio ad accettare ruoli curiali. Uno che in Argentina viveva in un modesto appartamentino, che andava a fare la spesa e la sera si cucinava, uno che viaggiava in metro e non aveva la macchina. «Mi hanno preso alla fine del mondo», ha commentato a caldo Papa Francesco. Scelto al 5° scrutinio, a sorpresa (questa volta si puntava sul cardinale di Milano Angelo Scola, un Papa italiano dopo 35 anni, dato per eletto fino all'ufficializzazione dell’Habemus Papam, ma anche su quello di San Paolo Odilo Pedro Scherer, sul canadese Marc Ouellet o gli statunitensi Timothy Dolan e Sean O'Malley), e nel conclave del 2005 risultato 2°, dopo Ratzinger. Con Papa Bergoglio, venuto dall'America Latina, un continente giovane, che conosce tassi di crescita del Cattolicesimo (ma anche delle sette) e del Pil ormai inimmaginabile nel Vecchio Mondo, ma anche inconcepibili squilibri economici e sociali, da un Sud del mondo che della globalizzazione percepisce il fascino, ma anche la prepotenza annientatrice, finisce la Chiesa romanocentrica, eurocentrica, e comincia la Chiesa che si apre definitivamente al globo, con tutte le sue potenzialità e le sue sfide irrisolte, la Chiesa delle periferie, la Chiesa dei poveri, forse anche la Chiesa povera. Le grandi sfide di Papa Francesco si chiamano nuova evangelizzazione (da anni il Cattolicesimo fa i conti con la secolarizzazione e la fuga dei fedeli).

Riforma della Curia, molto attesa dopo l'affaire Vatileaks (scatenatosi per le lettere di protesta dell'ex presidente del Governatorato della Città del Vaticano, mons. Carlo Maria Vigano', che aveva intentato un'azione di pulizia nella struttura, e poi ‘degenerato’ nel clamoroso arresto del maggiordomo di Ratzinger, Paolo Gabriele, reo confesso di aver sottratto documenti riservatissimi dalla scrivania del Pontefice, mentre sullo sfondo si accendevano le tensioni tra cardinali cosiddetti "curiali" e porporati provenienti da fuori). Trasparenza dello IOR, la potentissima Banca Vaticana. Gestione dei lefebvriani (i 4 vescovi ultratradizionalisti della Fraternità di San Pio X, seguaci di mons. Marcel Lefebvre, cui Benedetto XVI ha tolto, nel 2009, la scomunica comminata da Giovanni Paolo II, ma rimasti ai margini della Chiesa perché ancora riluttanti ad accettare il Concilio Vaticano II). Pedofilia, ovvero il tema amarissimo degli abusi sessuali perpetrati dai chierici, una vicenda esplosa sotto il pontificato di Benedetto XVI, con casi negli Stati Uniti, il 1° Paese dove è emerso con forza lo scandalo, e in molti Paesi d'Europa, in primis l’Irlanda, ma anche la Germania, l’Olanda, l’Austria, l’Italia, il Belgio. È difficile dire ora cosa farà questo Papa. Duro su aborto e nozze gay, ma anche contrario all'eccessiva rigidità della Chiesa, soprattutto in materia di sessualità, e alla sua autoreferenzialità. Un Pontefice che nell’intervento alle congregazioni generali dei porporati precedenti il conclave della sua elezione ha sottolineato la necessità di un cammino di «purificazione» contro il «carrierismo». Che presentandosi nel nome di Francesco, oppositore del lusso e degli sprechi per antonomasia, ha sicuramente l’idea di una Chiesa più semplice, spirituale, vicina ai poveri, disinteressata al potere. Dopo l’incredibile addio di Benedetto XVI, sembrano esserci, dunque, tutte le premesse per un forte cambiamento di rotta, forse, addirittura, per un Concilio. Sicuramente per una nuova primavera.

Habemus papam E si chiama Francesco!

«

Senza Cristo la chiesa è una Ong», ha detto nell'omelia della sua 1° messa nella Cappella Sistina Papa Francesco. «Vorrei una chiesa povera e per i poveri!», ha detto al suo 1° Angelus, concluso con un più che familiare «Buona domenica e buon pranzo!». Affacciandosi alla Loggia dopo l'Habemus Papam, si è presentato con la veste bianca, senza i simboli del capo di Stato Vaticano, mozzetta rossa e stola (che ha indossato soltanto per benedire, togliendosela poi da solo), esordendo con un laicissimo «Buona sera!», rivolto a «fratelli e sorelle», qualificandosi semplicemente come «il vescovo di Roma» (cioè vescovo tra i vescovi, quindi più collegialità, minor governo centrale, più ecumenismo), chiedendo la benedizione prima di darla. Tanti chiari segnali da questo nuovo Pontefice. Che è volato a Roma per il conclave in 2° classe. Che non si è seduto sul tronetto bianco per ricevere l'omaggio dei cardinali in conclave, ma è rimasto in piedi. Che ha preferito la sua croce di ferro a quella d’oro preparata per il 266° successore di Pietro. Che dopo la proclamazione ha rinunciato alla macchina ufficiale targata SCV1, per tornarsene al residence dei conclavisti di Santa Marta, in Vaticano, insieme a tutti gli altri, in pulmino. 56 INEWS

Che la mattina seguente all’elezione non ha voluto la scorta per il breve pellegrinaggio alla Basilica romana di Santa Maria Maggiore (chiedendo, inutilmente, di lasciarla aperta agli altri pellegrini), e poi è passato dalla Casa del Clero, a ritirare le valigie e pagare il conto. Che al termine dell’udienza con i giornalisti ha impartito una benedizione silenziosa, per rispetto ai non credenti o credenti di altre religioni… Il 1° Papa sudamericano, il 1° che viene dalle Americhe, il 1° non europeo della storia moderna (la Chiesa Cattolica ha avuto 8 papi asiatici, a cominciare dal 1°, Pietro, e 3 papi africani, ma tutti nel 1° millennio!). Il 1° gesuita (e qualcuno si spinge anche a dire che è lui il ''papa nero'' previsto dalle profezie, facendo riferimento al fatto che il superiore generale della Compagnia di Gesù viene chiamato così per il colore della tonaca che indossa, perché è eletto a vita come il Papa e perché è a capo del più numeroso e potente ordine religioso del mondo). Il 1° a chiamarsi Francesco, come l’amatissimo Santo di Assisi, «l'uomo povero, l’uomo della pace, l'uomo che ama e custodisce il creato»,ha spiegato lo stesso Pontefice. Che è stato anche il 1° a trovarsi nella singolare situazione di poter telefonare al predecessore. INEWS 57


c ultura

c ultura

Brian Basnayake

Brian Basnayake

Thank you, Your Holiness and We Wish You Well, Pope Emeritus!

R

emember how they came in a huge drove, filling up St. Peter’s Square in the Vatican within minutes, chanting, praying, holding banners and deliriously waving to a frail and, perhaps, even weary Pope Benedict XVI as he gave his blessings to the multitude for the very last time as the Roman pontiff and Bishop of Rome? There was an extraordinary air of expectation and deep veneration in the square as the faithful showed their respect and devotion to a Pope who did the unthinkable: admitting that he is too weak to carry on with the burden of his office! The announcement that His Holiness would abdicate his divine office came from the Pope himself at a gathering of Bishops; news of the improbable spread across the globe, igniting shock, disbelief and confusion among Roman Catholics; and it took precedence above everything else that had happened on that memorable Monday, 11th February 2013. It was not an unprecedented act, but to a great many of us, it was unheard of and, therefore, unthinkable, and impossible that the infallible pontiff could abdicate his God-given office. The last time that a Pope abdicated was when Pope Gregory XII was forced to step down in 1425 to end the so-called ‘western schism’. A voluntary abdication by a Pope happened last in 1294 when Pope Celestine V, who was canonized in 1313 after his death in 1296, stepped down after instituting the right of the pontiff to abdicate. Pope St. Celestine was a pious and deeply ascetic monk who shunned power and all forms of pomp and ceremony. This year is the 700th anniversary of his canonization; the significance of this may not have escaped Pope Benedict XVI’s own deliberations on his abdication. Pope St. Celestine V’s choice has since been debated in various religious treatises and even in some works of art. However, Pope Benedict XVI’s decision - in today's hugely transformed world of instant communication and ever-increasing transparency - will not be questioned with any of the virulence and skepticism that Celestine V’s has been subjected to till this day. Instead, Benedict XVI’s choice will be acknowledged in every quarter and by admirers and detractors alike for its exemplary humility and immense courage. Although a section of the German media had initially derided the German pontiff - obviously for letting the side down - the world at large (Catholics, Christians and others) has looked upon the pontiff with immense admiration. In fact, this was the Pope who was emotionally besieged, harassed, harangued

58 INEWS

at and criticized for the wrong-doings of generations of clergy on both sides of the Atlantic. Pope Benedict XVI, ever the academic, had shown that he was always guided by the principles and beliefs of the Roman church, which he would not compromise for whatever cause or intent. His time as the Roman pontiff was beset with the problems of errant clergy and the rapidly changing social mores in the western world. Beyond the western world, Catholics and others alike hold Benedict XVI with deep reverence and even affection. Undoubtedly, sections of the media and some of the skeptics in Europe and America will continue to hold him with some disdain, either because they are unable or because they simply refuse to understand his role and his core beliefs. For Benedict XVI, the role of religion was simply not to reflect the values and mores of a given society; instead society should ideally reflect the values and fundamental beliefs of religion. The skeptics and detractors may still find it hard to accept that a Pope’s primary duty is to uphold core beliefs of the Catholic faith; his role is certainly not to change direction, whenever, at the behest of trends and whims of society. The faithful and well-wishers bade farewell to a fundamentally conservative Pope, who had not lost an iota of his credibility even after the most venomous attacks in the press and elsewhere. In the end, Benedict XVI will always be remembered for his courage and humility rather than his conservatism. Eventually, he will be credited for giving the opportunity to another prelate to usher in the reform of the Roman Curia and the institutions of the church. History will acknowledge that this one act of his pontificate ushered in, paradoxically, a period of change and consolidation of the Catholic faith. The faithful bade farewell to the Roman pontiff on the last day of February. They missed him deeply while anxiety and anticipation engulfed them until the conclave of cardinals elected a new pope. Indeed, just like the Italian state, the Roman Church is besieged with problems. However, the Vatican and the Catholic Church is far more disciplined and governable than the Italian state, and it enjoys the total confidence and devotion of the billion or so Roman Catholics - something which an Italian government cannot expect from its citizenry. Indeed that was something that the Pope knew, only too well, when he took his decision to abdicate: his faith in his flock! Arrivederci, Papa! Deus tecum, Benedictus!

Quo Vadis, Papa Franciscus I?

C

ertainly, it was partly expected that the new Pontiff, the Bishop of Rome, the Vicar of Christ on earth would be from the periphery of the Roman Church - most likely from South America. However, it was hardly expected that it would be a cardinal named Jorge Maria Bergoglio from Argentina, who would be chosen to lead the world’s largest religious community at a time of unprecedented strife within the church and outside and a pervasive air of uncertainty and even despair is engulfing the world. If the choice of the conclave of cardinals had surprised the world, the humility and warmth of the new Pope came across consequently as even more of a pleasant surprise, manifestly thrilling the enormous throng gathered in and around St Peter’s Square. From the moment he began to speak from the balcony, he enthralled the faithful in the square and those outside all around the world with his simplicity and palpable compassion. The new shepherd of the Roman Church struck a chord not just with his flock, but also, it seems, with people of other faiths and non-believers alike. This was the conclave that broke with tradition and a long-held practice: a Jesuit monk was elected the pope for the very first time, and, for the first time too, a prelate from the Americas and the southern hemisphere was chosen in preference to a European cardinal. It seemed a prudent choice at the time; now it seems it was, perhaps, an extremely bold move to diffuse the tensions within the church and to provide unquestioned leadership to the 1.2 billion Catholics the world over. Catholics everywhere (and the majority of the Christians, no doubt) were hoping for a man – a larger than life figure – who would repair the divide between the traditionalists and the modernizers, lead it away from the scandals and legal battlefields, and clean up the Vatican administration, best known as the Roman Curia. Indeed, they all hope that it all can be done by one man and that he will accomplish all that while making everyone equally and simultaneously happy! The critical question will remain: will he ever manage to do just that? Which way will he choose to go in order to bring harmony and stability to an often maligned religion that commands the fidelity of over one billion human beings all around the globe? His Holiness Pope Francis I chose his pontifical name after one of the patron saints of Italy, Francis of Assisi, (and perhaps also after one of the cofounders of the Jesuit Order, St. Francis Xavier). It was a powerful gesture to show his devotion to one of the most revered saints both in the Roman

and the reformed churches. His very utterances and his actions in the immediacy of his election and inauguration caught the imagination and respect of people all over the world and cemented the belief and expectations that he will be a champion of the poor, the marginalized - the so-called “losers” on this earth. The Pontiff signaled that he would give a different direction in the governance of his church, but would remain at heart as much a conservative as any his recent predecessors were. The pope was elected on 13 March 2013 at the height of Lent, the time of penitence in the approach to Easter. It was Pope Benedict XVI’s wish to have the new Pope elected before Easter; it was exactly the right time, for Pope Francis I, to practice and propagate his fidelity to piety, humility and for sacrifice in the service of all mankind. It is still early days of his pontificate, and yet, amidst all the gestures and signals, signs of discontent have already begun to emerge, from amongst the die-hard traditionalists.If the conclave had parted with tradition, the Pontiff, in turn, responded with a radical departure from some of the formalities and rituals that the Vatican is steeped in. Some of those actions are beginning to irritate the traditionalists. Inevitably, the question will soon arise as to how far he will please the traditionalists and how much he will accede to the modernizers. Which way will he choose to go? The Pontiff has already given some indication of his agenda; certainly, it will not please everyone, and clearly not those who believe in the status quo. His agenda will be determined by the needs of the poor and the marginalized, by the policies pursued by nations all over the world, saddled with abject poverty and bitter political and social strife. His focus will be on the pain and horror of war, poverty and utter despair; he will shift the focus away from the scandals by dealing with them pragmatically, compassionately, and with the minimum of unhelpful publicity. It will be an agenda with little concern for the indulgences of the Western societies. We will soon begin to see the path that the Pontiff wants to tread. It will be a path in keeping with the intellectual and moral rigour associated with the Jesuits, and, in keeping with this Pontiff’s personality, it will be deeply compassionate. This papacy will shift the emphasis to the periphery with its multitude of problems, perhaps at the expense of the concerns in the West. However, it may well be in the best interests of the Church and mankind as a whole? No doubt, we will in due course find out! INEWS 59


e- book

Liceo P.M. Vermigli linguistico e scientifico

Pina Bevilacqua

dal 1978

Titolo di studio rilasciato: Maturità scientifica e linguistica riconosciuta in Svizzera e nel mondo Durata del corso di studi: quattro anni Settimana corta (lun. – ven.)

SONO APERTE LE ISCRIZIONI ALL’ANNO SCOLASTICO 2013/14 Alessandra Fiori

Il cielo è dei potenti

Vi racconto cos’era la DC

U

na lunga, vorticosa, spudorata, confessione di un giovane ambizioso che, per non fare la fine del padre, avvocato squattrinato, entra in politica, ma dalla porta principale, che all’epoca si chiama Democrazia Cristiana. Il partito che, nel bene e nel male, ha governato l’Italia per circa mezzo secolo. Un periodo ancora tutto da scrivere, passato alla Storia con il nome di Prima Repubblica. Claudio Bucci, dalla provincia romana degli anni Quaranta, muove il suo personale assalto ai palazzi del potere, scalandoli ad uno ad uno, fino a raggiungere il più importante, Palazzo Chigi. Riuscendo a diventare consigliere regionale, poi onorevole, poi sottosegretario, poi, addirittura, ministro, anche se solo per un giorno. Infatti, dopo essere uscito indenne da alleanze, correnti, cene elettorali e congressi, tesserati, elettori, protettori, postulanti, finanziatori, dopo aver schivato i giochi di amici e nemici, le Brigate Rosse, la prima ondata di Tangentopoli, mentre il privato, fatto di una famiglia, una moglie bellissima, langue, cinicamente sacrificato sull’altare del prossimo obiettivo da raggiungere… cade sotto la mannaia degli avvisi di garanzia, nel ’94. Il Bucci racconta tutto questo a 70 anni, costretto alla verità da un improvviso incontro, che era sempre riuscito ad evitare. 60 INEWS

Liceo Vermigli Linguistico e Scientifico – Istituto Paritario Erismannstrasse 6, 8004 Zurigo - Tel. 0041 44 302 20 50 e-mail: info@liceo-vermigli.com - www.liceo-vermigli.com

Quasi una forma involontaria di estremo riscatto, o forse di ribellione a quello che è stato. Un romanzo scorrevole, ben congegnato e documentato, “Il cielo è dei potenti” di Alessandra Fiori. Scrittrice e giornalista romana al suo secondo lavoro. Che scrive della DC con cognizione di causa perché figlia dell’avvocato Publio Fiori, uomo DC, uno dei politici più votati di sempre nella Capitale, gambizzato dalle Br nel 1977, ex ministro nel 1° governo Berlusconi e cofondatore di Alleanza Nazionale. Anche se l’opera non può avere un valore biografico (le storie di Fiori e di Bucci sono comunque troppo diverse!). “Il cielo è dei potenti” è, invece, una delle poche testimonianze letterarie esistenti sulla Democrazia Cristiana, in cui si possono comodamente intravedere i vari astri del firmamento di allora, da Andreotti in giù. Il ritratto impietoso di un intero sistema politico, mosso quasi esclusivamente dalla ricerca della massima forma di godimento conosciuta, il potere. Un potere sempre fine a se stesso, che non tiene mai in considerazione il bene comune, ma sempre e solo il vantaggio personale, la preoccupazione di accaparrasi o mantenersi la poltrona. Uno crudo spaccato dell'Italia affamata e ambiziosa del secondo dopoguerra, che vede nella politica un'arma di riscatto e di affermazione. INEWS 61


b enessere Mariella Nica mariellanica@gmail.com

Trekking e meditazione serale

S

ono solo alla mia quarta lezione di trekking e posso dire con assoluta certezza che camminare è un’arte. E sì, sembra scontato passeggiare, muoversi in un luogo, conosciuto o sconosciuto che sia, e invece no. Il movimento naturale del nostro corpo che ci induce a spostarci è frutto di estrema perizia e richiede competenze qualificate. E quanto mi piace sedere da studentessa insieme ad altri 20 colleghi neofiti del trekking e seguire con attenzione le lezioni di esperti “camminatori”! E’ tutto merito di Sasà, il mio amico escursionista che con la sua Associazione Ulyxes ha avviato presso il Centro Meridionale di Educazione Ambientale di Sorrento, il corso della FIE (Federazione Italiana Escursionisti) per diventare Accompagnatore Escursionistico Nazionale. Un corso transgenerazionale che per un anno circa ci vedrà insieme a condividere carte, bussole e passeggiate. I requisiti? Una sana e robusta costituzione fisica, il diploma di scuola media inferiore e l’attitudine all’attività motoria all’aria aperta. Per le materie d'esame (e già, c’è anche un esame!) si parte dalla topografia e cartografia, per continuare con l’orientamento, la meteorologia, la sicurezza in montagna, il primo soccorso, accanto a elementi di ecologia del territorio, lo studio dei sentieri, la segnaletica. Indispensabili le nozioni di geologia, di botanica e di zoologia. E per tracciare i ricordi c’è anche la fotografia naturalistica. Fondamentale è conoscere l’attrezzatura adeguata per passeggiare, zaino e vestiario, e l’alimentazione. Non ci crederete, ma un supporto necessario è la psicologia, per meglio gestire le dinamiche di gruppo. Insomma, il naturale dinamismo del corpo umano è scienza; il nostro sentire con i piedi la terra che calpestiamo è filosofia; il riuscire a percepire i pensieri mentre solitari passeggiamo in campagna o dove ci pare, è meditazione. Camminare appare, dunque, quasi un gesto rivoluzionario, perché significa riappropriarsi del proprio corpo, liberarlo dai ritmi costrittivi quotidiani e ricaricarlo di energia. 62 INEWS

Le parole del mio istruttore, stasera, sono un toccasana per la mia coscienza così impigrita da questo inverno che tarda ad andare via. Riesco a seguirlo con attenzione e non perdo una virgola. Ci dice che camminare rigenera il corpo su più livelli, fisico e psichico, e quando passeggiamo liberiamo i pensieri negativi che si accumulano ristagnando nella nostra vita troppo stanziale. Insomma, ci dobbiamo muovere. E proprio in tutti i sensi. Pensiamoci: la possibilità di spostarci camminando ci fa assaporare la dimensione della libertà, che è libertà di osservare, di apprendere, di esplorare con la lentezza del nostro passo. Un’emozione che ci affranca da pensieri ipocondriaci e che rende l’attraversamento dei luoghi, un’esperienza terapeutica. Meglio camminare in compagnia o soli? Gli domando. Sono due esperienze da provare entrambe, mi dice. Quando si è da soli si impara a conoscersi dentro, si impara ad ascoltarsi. Se si desidera la compagnia è comunque preferibile partire con un gruppo di persone sconosciute, perché lo spaesamento iniziale lascia spazio a una condivisione intima che avvicina le persone, rendendole uguali nell’esperienza del camminare. In Italia, sarà per la crisi, è esplosa negli ultimi tempi un’irrefrenabile voglia di camminare, di fare trekking, di esplorare posti non ordinari, di immergersi nella natura, di assaporare anche il piacere della pioggia sul volto, la forza del vento sul corpo che resiste. E non basta un patentino di guida escursionistica per dirsi “camminatori”, bisogna abbandonarsi all’esperienza quotidiana e ascoltare e osservare chi cammina con noi. E si può fare ovunque, in campagna come in città, facendo il giro dell’isolato o con l’amico a quattro zampe con cui condividiamo la nostra vita; l’importante è muoversi. In fondo ci bastano 30-60 minuti di camminata veloce (come se stesse chiudendo l’ufficio postale, dice il mio naturopata) per eliminare le riserve di grasso, per potenziare i muscoli, migliorare il metabolismo e abbassare i livelli di colesterolo.

E poi camminare riduce notevolmente il rischio di infarto e i problemi di diabete. Si potrebbe obiettare che per lavoro si è costretti a trascorrere ore davanti a un computer, senza potersi muovere, ma anche in quel caso basta ritagliarsi due o tre momenti di moto al giorno per compensare i danni della sedentarietà. Già fare le scale a piedi è un’abitudine salutare e poco impegnativa. La pacatezza dei toni del mio istruttore di trekking rendono le due ore di lezione una vera passeggiata, il tempo vola e il desiderio di uscire a fare due passi cresce. D’altra parte è un esercizio fisico semplice e senza rischi, che non richiede sforzi legati allo scatto della corsa. Dunque, ho deciso: torno a casa a piedi. In fondo sono solo tre chilometri e la serata mi sembra tranquilla. Saluto gli amici, ci si rivede tra 15 giorni, giusto il tempo di metabolizzare le conoscenze e di esercitarle nel nostro quotidiano. Mi avvio. Certo l’aria è un tantino frizzante, forse avrei dovuto pensare a un berretto: l’umidità della nostra penisola è sempre insidiosa. Ma camminare rilassa e procedo di buona lena. Non è proprio la solare giornata di un tranquillo viale alberato e fiorito, ma il silenzio della sera accompagna comunque dolcemente i miei pensieri verso il piacevole dopo-cena che mi aspetta: sul divano a guardare Cloud Atlas, l’ultimo film dei fratelli Wachowski! Però! Non avrei mai immaginato che a quest’ora ci fosse un traffico così caotico sul corso Italia e, probabilmente, ora questi miei colpi di tosse insistenti sono il frutto dell’aria inquinata dei tubi di scarico. Cavolo. Meglio affrettare il passo. Questo venticello proprio non ci voleva. Forse la giacca è un po’ troppo leggera per la serata: alzo il bavero; tanto manca solo un chilometro. E poi passeggiare tempra. Sto sudando. Ho accelerato troppo il passo, ma basta sbottonare un po’ il collo… Ci mancavano pure gli starnuti, e neanche un’anima conosciuta che passi per uno strappo. Meglio proteggere di nuovo il collo. Diciamo che l’esperienza di rientro serale a piedi, una tre chilometri in solitaria, forse avrebbe richiesto condizioni migliori, ma intravedo finalmente casa e mi ci fiondo: ora posso rilassarmi per il mio film. Che strani questi brividi di freddo… il viso è anche un po’ arrossato…bah, sarà stata la passeggiata a passo svelto. Che tempismo mio marito: ha già il termometro in mano! Tanto è un minuto, mi dice. Ma dai! Pensa che solo camminando ho riattivato la circolazione, ho fatto stretching, ho ossigenato i miei organi. Beh, sì, ho qualche dolorino alle ossa, ma si sa, quando manca l’allenamento… “38,5°. Aspirina o Tachipirina, cara?”

INEWS 63


i -tech

italiannews

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

AUTO

yallo offre la telefonia internazionale gratis

Ancora una volta, yallo dà nuovo slancio al mercato svizzero delle telecomunicazioni: a partire da subito, i nuovi clienti del leader di mercato per le chiamate mobile dalla Svizzera verso l’estero godono di un’altra offerta a costo zero.

D

a oggi fino alla fine dell’anno, le chiamate verso la rete fissa di 33 paesi* sono gratuite ogni giorno per i primi tre minuti. Dopodiché, si applica l’incredibile tariffa di soli tre centesimi al minuto. La promozione vale per tutti i nuovi clienti che sceglieranno yallo entro il 12 maggio 2013 e si attiva subito dopo la prima ricarica del credito di conversazione. Anche gli attuali clienti yallo possono usufruire dell’interessante promozione iscrivendosi via SMS allo straordinario prezzo di CHF 9.- (basta inviare un SMS con la parola chiave YALLO13 al numero 5511). Grazie a yallo, chi effettua spesso chiamate dal cellulare verso l’estero gode da anni di grande convenienza, nella maggior parte dei casi è anche più conveniente che per le chiamate dalla rete fissa. Oggi, il leader di mercato per le tariffe con «convenienza senza confini» mette a segno un altro colpo. Oltre agli stati confinanti alla Svizzera, rientrano nei 33 paesi della promozione anche molti altri stati dell’Europa, dell’America Latina e dell’Asia, oltre all’Australia, il Canada e gli Stati Uniti*. 64 INEWS

A differenza di molti altri operatori nel settore della telefonia internazionale, i clienti yallo non dovranno farsi carico di spese supplementari, dato che yallo non addebita loro le tasse di collegamento. Grazie alla nuova struttura dei prezzi, yallo intende sottolineare chiaramente il suo orientamento e la concentrazione sul settore della telefonia internazionale. Le tariffe yallo restano comunque molto vantaggiose anche per le chiamate nazionali: la Community yallo continua a crescere e i suoi utenti possono chiamarsi a soli cinque centesimi al minuto. Alla tariffa standard di 35 centesimi al minuto, i clienti yallo possono chiamare verso tutte le reti di telefonia mobile svizzere e verso la rete fissa svizzera. Il marchio yallo è stato lanciato nel maggio 2005. Le offerte yallo sono disponibili presso tutti gli uffici postali della Svizzera, presso Mobilezone, Fust, Interdiscount, Media Markt, Saturn, Naville, in tutti i Sunrise center e presso le FFS. Il credito può essere acquistato in oltre 8 000 punti vendita della Svizzera o in Internet al sito www.yallo.ch.

Citroen C4 Aircross

Citroën DS4 2.0 HDi INEWS 65


a uto

Citroen C4 Aircross

Compatto, maneggevole e piacevole da guidare

P

iù di 100.000 nuove Citroën C4 veicoli hanno rotolato della catena di montaggio in quanto il modello è stato lanciato un anno fa. A seguito di questo successo commerciale, il Marchio è ora amplia la propria gamma C4 con un modello originale: la Citroën C4 Aircross. Questo nuovo veicolo in rassegna gli spunti convenzionali di design compatto SUV. Grazie alla combinazione di innovazione stilistica e tecnologica in una sola auto, la Citroën C4 Aircross è ideale per la vita moderna che introducono un senso di fuga nelle attività di tutti i giorni. Questo stile nuovo organismo attinge eccellenza tecnologica del Marchio, che combina la presa di un fuoristrada con la corsa e la guidabilità di una berlina. Disponibile in 2 ruote e 4 ruote motrici, a seconda del motore, la Citroën C4 Aircross sarà lanciato nella prima metà del 2012 e sarà uno dei front-runner nel suo segmento in termini di emissioni di CO2. Lo stile della Citroën C4 Aircross attinge DNA del Marchio, che combina la vitalità degli altri modelli della gamma, con lo stile di un potente fuoristrada. La designazione distintiva comprende una estremità anteriore di linee orizzontali con aperture aerodinamiche alle estremità, accentuando aspetto compatto del veicolo. I contorni del cofano, che è visibile dal posto di guida, i passaruota larghi e la sporgenza ridotta tutta aumentare l'impressione di robustezza prodotto da questo profilo unico. Particolare attenzione è andato in ogni dettaglio e ogni parte è stato progettato per combinare stile e prestazioni. Firma luce la Citroën C4 Aircross ', visibile di giorno e di notte, è formato dai LED sul davanti, che sono allineati verticalmente nelle aperture aerodinamiche. La forma delle grandi cerchi da 18 pollici e le luci posteriori, direttamente ispirato alla concept car Hypnos , è stata rielaborata per il flusso d'aria ottimale e ridotte emissioni di CO2. Il design sofisticato della Citroën C4 Aircross include indicatori luminosi negli specchietti retrovisori esterni, guide di luce nelle luci posteriori e una telecamera posteriore integrata nel profilo cromato sul portellone posteriore. Lo stile espressivo attinge spunti Citroën design distintivo.

66 INEWS

Visto di lato, l'ala rovesciata pinna di squalo, che allude anche a superfici laterali di vetro della concept car Hypnos, è decorato con una bussola cromata per dimostrare che il modello è un membro della famiglia SUV del marchio. Un veicolo intelligente con trasmissione per tutte le esigenze Con la sua ultima generazione a quattro ruote sistema di trasmissione, Citroën C4 Aircross vanta perfetta tenuta di strada in tutte le condizioni. Questa tecnologia permette alla vettura di essere guidato in modo permanente quattro ruote motrici, mentre la coppia viene distribuito in modo ottimale tra le ruote anteriori e posteriori. Utilizzando il controllo singolo posizionato dietro la leva del cambio, i conducenti possono selezionare manualmente una delle tre modalità di trasmissione per soddisfare le loro esigenze e le aspirazioni: 2WD per il consumo di carburante ottimale, 4WD, che distribuisce automaticamente la coppia tra gli assi anteriore e posteriore, o la modalità di blocco, il che aumenta la coppia trasmessa alle ruote posteriori per una maggiore aderenza in condizioni gravi.

Definizione degli standard delle emissioni di CO2 Citroën C4 Aircross soddisfa gli impegni del marchio per la tutela dell'ambiente con il suo motore HDi 110, abbinato ad un cambio a 6 marce manuale, rendendo questo modello è uno dei front-runner nel suo segmento in termini di emissioni di CO2. E il motore HDi 110 sarà disponibile con 2WD e 4WD, in modo che ognuno possa scegliere la versione che meglio si adatta al loro stile di vita. Fin dal lancio, la Citroën C4 Aircross beneficeranno anche le prestazioni del motore HDi 150 (disponibile anche con 2WD e 4WD con cambio a 6 marce manuale) e un motore da 115 CV a benzina 1.6i (disponibile nella versione 2WD con un 5 marce cambio manuale). Compatto, maneggevole e piacevole da guidare Con le sue dimensioni compatte (lunghezza 4.34m, larghezza 1.79m, 1.63m di altezza), la straordinariamente maneggevole (10,6 milioni di sterzata) Citroën C4 Aircross è di casa in città. La comodità di questo-5 posti è degno di una berlina del segmento superiore, mentre il 442-l avvio soddisfa comodamente le esigenze della vita moderna. Il telaio e le sospensioni sono stati sviluppati appositamente per un disco che è fedele ai valori Citroën, che offre il compromesso ideale tra comfort e tenuta di strada.

Fuga per una nuova mentalità Scendi in strada con la massima tranquillità. La posizione del conducente sollevata nella Citroën C4 Aircross offre una visione chiara della strada e dintorni. Gli occupanti della Citroën C4 Aircross può godere di cieli blu anche in città, grazie alla grande vetrata panoramica, che bagna la cabina in luce, contribuendo al senso dei passeggeri di benessere. Di notte, l'atmosfera è più accogliente, e il tetto panoramico è illuminato dalle guide di luce a LED integrati nel tetto. L'ergonomia della stazione di unità altamente funzionale sono progettati in modo che i conducenti può arrivare a conoscere la macchina in modo rapido e semplice per l'uso quotidiano. Per rendere l'unità e il viaggio ancora più confortevole, la Citroën C4 Aircross è pieno zeppo di attrezzature, dalla viva voce di accesso e di avviamento, il sistema di navigazione GPS con il suo touch screen, telecamera per la retromarcia, trasmissione selettore di modalità, porta USB e collegamento Bluetooth per lettori audio portatili.

INEWS 67


a uto

Citroen DS4

Assetto leggermente rialzato, porte posteriori nascoste, linee tese, design scultoreo!

C

itroën ha rilasciato i primi dettagli per la nuova Citroën DS4, una miscela unica e attraente di creatività, dinamismo, esclusività e versatilità. DS4 è il secondo modello, in linea tipicamente in stile Citroën DS. Citroën DS4 offre un mix seducente di codici di progettazione premium e un approccio coraggioso per styling automobilistico, con particolare attenzione per il piacere di guida e l'architettura del veicolo avanzata. DS4 è un modello con una moltitudine di talenti, senza sforzo rispondere ad una vasta gamma di esigenze del proprietario, migliorando nel contempo il fascino e la vitalità dell'esperienza automobilistica. Citroën DS4 unisce raffinatezza e ricercatezza con un coupé dinamico corpo, creando eccezionale versatilità e giorno per giorno la praticità in un design compatto - 4.27m (l), 1.81m (w) e 1.53m (h). Citroën DS4 offre una nuova "at-the-wheel" esperienza con sensazioni di guida senza pari e un eccezionale agile su strada di gestione. Con la sua posizione leggermente rialzata e linee tese, Citroën DS4 è un'aggiunta unica e accattivante al segmento. Finemente realizzati per trasmettere una presenza di prestigio sia dentro che fuori, Citroën DS4 offre dettagli meticolosi da attentamente applicati tocchi cromati ai materiali premium cabina - come i sedili in pelle della migliore qualità. Un ampio parabrezza panoramico, che offre una maggiore visibilità degli occupanti, illumina il driver incentrato cabina di guida, creando un ambiente luminoso e accogliente. Combinando stile coupé 2 +2 praticità porta, CITROËN DS4 offre tre sedili posteriori di dimensioni, accessibili da porte posteriori con maniglie nascoste che sono perfettamente integrati in linee fluide del corpo. Citroën DS4 benefici anche da un capiente bagagliaio 370 litri e una serie di soluzioni di storage intelligenti. Citroën DS4 viene fornito con una scelta di cinque motori raffinati ed efficienti - due motori diesel HDi e tre propulsori a benzina. Tutti i motori offrono una combinazione di prestazioni elevate - tra cui un nuovo motore a benzina 200 cv Citroën - e l'automobilismo ecologicamente sensibile. Citroën di nuovi messaggi e-HDi trasmissioni ad esempio fornire risparmio di carburante e minori emissioni di CO2.

68 INEWS

STILE UNICO Un esempio di design davvero creativo, Citroën DS4 coraggiosamente mescola un mix di riferimenti stilistici più desiderabili per creare un eccitante nuova proposta automobilistica. Marc Pinson, stilista capo DS4, commenta, "Reinterpretare spunti aperto nuove possibilità, portando soluzioni pratiche e sorprendenti alla mobilità automobilistica". Compatto e muscolare, la firma DS sul cofano è completato da una firma sorprendente luce LED attorno i fendinebbia anteriori. I LED sono illuminati sia di giorno che di notte. L'accattivante profilo, con una linea di cintura cromata che circonda scuri vetri oscurati, è arricchita da archi ruota muscolosi - che sottolineano le ruote di grandi dimensioni (fino a 19 ") - ed è coronata da una linea del tetto teso disegnato con uno spoiler per la vitalità aggiunto . La parte inferiore del paraurti posteriore è rifinita in cromo e il dettaglio orizzontale sui gruppi ottici posteriori, mette in evidenza il loro design innovativo boomerang. INTERNI SU MISURA Come con il suo esterno prestigioso, cabina Citroën DS4 trasuda potenza, dinamismo e raffinatezza. La posizione di guida è avvolgente, con bicromato di potassio-surround quadranti focalizzati direttamente verso il conducente linea degli occhi. Il caratteristico, plancia scolpita utilizza anche materiali di alta qualità per una sensazione tattile superiore. Cabina DS4 è dominato dal parabrezza panoramico che si estende all'indietro la linea del tetto. Offrendo fino a 45 ° di visibilità verso l'alto, l'area panoramica vetrata combina con la posizione leggermente rialzata Citroën DS4, per fornire una visibilità ottimizzata per il conducente, con un brillante ma intimo, ambiente arioso cabina per i passeggeri. Permettendo ai proprietari di personalizzare gli interni, DS4 è disponibile con una scelta di cinque combinazioni di pelle, tra cui bicolore opzioni. Modelli top di gamma sono dotati anche di pelle di alta qualità sul cruscotto e pannelli porta - completo con un design 'braccialetto' sui sedili, evocando i link di un cinturino.

Per un tocco di lusso, c'è dettagli cromati sulla presa d'aria circonda, quadro strumenti, leva del cambio e parti della consolle centrale. Pedali in alluminio, maniglie delle porte in pelle goffrata e l'illuminazione ambiente, sono un'ulteriore prova dell'attenzione Citroën DS4 ai dettagli di alta qualità. NATURALMENTE DYNAMIC & AGILE Con la sua posizione elevata-set, teso e agile, Citroën DS4 è ottimizzato per prestazioni dinamiche, facendo appello a chi cerca un'esperienza automobilistica coinvolgente. "Volevamo driver per sentono come se avessero la strada al punta delle dita", dice Jérémie Maestracci, project manager della DS4. Sulla strada, Citroën DS4 esercita un controllo esemplare, dando occupanti un rassicurante senso di sicurezza in tutte le circostanze. Dotata di un assemblaggio di sospensione tipo MacPherson davanti, un fascio flessibile trasversale alla direzione posteriore e idraulica con una pompa elettrica, la piattaforma è una soluzione collaudata misura per il caratteristico set-up della vettura. A seconda del livello di allestimento, DS4 è dotato di grande diametro (340 millimetri), freni a disco ventilati e, di serie, con i sistemi di controllo dedicati frenanti, tra cui ABS con ripartitore elettronico di frenata (EBD) e alla frenata di emergenza (EBA). Garantire un controllo ottimale del veicolo nelle situazioni di guida più impegnative, CITROËN DS4 offre anche un controllo intelligente della trazione con ESP. DS4 sarà lanciato con una scelta di cinque raffinati e altamente efficienti motori Euro 5. I due motori diesel HDi - un HDi 110 (disponibile anche in versione e-HDi) e HDi 160 - sono entrambi dotati di sistema antiparticolato Citroën filtro. I tre propulsori a benzina - VTi 120, THP 155 e il nuovo THP 200 - sono stati sviluppato in collaborazione con BMW. Il nuovo THP 200 - basato sul motore 1.6 litri - eroga la distribuzione flessibile di potenza e prestazioni grazie alla sua potenza (147kW), coppia abbondante (275Nm a 1700 rpm) - con basse emissioni di CO2 di soli 149g/km. Tutti i motori sono disponibili con manuali o EGS sei marce.

Particolare attenzione è stata data all'acustica della vettura, mantenendo l'atmosfera raffinata di bordo, riducendo al minimo le vibrazioni del motore, il vento e il rumore della strada. Questo è stato ottenuto specificando un parabrezza laminato panoramica con pellicola di smorzamento, sagomata materiale addizionale assorbente vano motore e migliorati barriere di tenuta sul corpo e porte. ARTE EFFICIENTE Citroën DS4 è stato progettato fin dall'inizio per avere un impatto ambientale ridotto - particolarmente evidente per la sua costruzione - utilizzando componenti di alta qualità, un processo di produzione ecologico a fuoco e l'uso di 'materiali ecologici' - circa il 15% dei 200 kg di plastica utilizzato in DS4 veicolo è derivato da «materiali verdi. Citroën DS4 può essere specificato con Citroen micro-ibrida e-HDi tecnologia, che è disponibile dal lancio nelle versioni alimentate dal motore HDi 110. Il sistema e HDi si compone di: un economico HDi Euro 5 diesel potenza dell'impianto una nuova generazione di sistema Stop & Start, che interrompe immediatamente il motore quando la vettura si ferma (semafori rossi, traffico). di seconda generazione alternatore reversibile e un indirizzo e-booster funzione che riavvia istantaneamente il motore (0.4 secondi) un alternatore controllata elettronicamente, che recupera l'energia in frenata; un sistema di cambio elettronico (EGS), con cambi marcia ottimizzate. Tutte le caratteristiche richieste, come la radio, aria condizionata e funzioni sterzo rimangono in funzione quando il motore viene fermato dal sistema. Questa tecnologia innovativa in grado di ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 fino al 15% in ambito urbano edificate.

INEWS 69


a uto

italiannews

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

SPORT Soccorso stradale,

nasce la prima rete italiana per auto elettriche e ibride

Dal Gruppo IMA Italia Assistance un network certificato, dedicato agli automobilisti green: «L’assistenza a questi veicoli ecologici richiede accorgimenti e conoscenze specifiche per evitare danni e possibili incidenti»

N

ovità nel campo dell’assistenza stradale: arriva in Italia il primo servizio dedicato ai veicoli ibridi ed elettrici. Il gruppo IMA Italia Assistance lancia il network di soccorso specializzato per le auto più ecologiche: una rete di assistenza certificata e completa, capace di intervenire per la messa in sicurezza delle auto ibride ed elettriche su tutto il territorio nazionale. «Davanti ad un mercato in profonda espansione, abbiamo predisposto un network specializzato», spiega Nicola Albarino, responsabile direzione rete fornitori di IMA Italia Assistance. «Le auto ibride ed elettriche necessitano una particolare specializzazione: non chiunque può soccorrere un automobilista in panne. Abbiamo formato ogni singolo Centro Ima con uno specifico corso per arrivare a quella che tecnicamente viene chiamata “abilitazione di livello 1”: IMA è la prima società di assistenza certificata ad avere un network interamente abilitato». Con un costo carburante elevato (il prezzo della sola benzina negli ultimi 8 anni è lievitato del 70% circa) e una crescente sensibilità ambientale imposta anche dai continui limiti alla circolazione per le auto inquinanti, l’attenzione degli automobilisti verso i veicoli elettrici e ibridi è aumentata in modo esponenziale. I dati Unrae (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri) descrivono un incremento impressionante negli ultimi dieci anni: le auto ibride ed elettriche immatricolate sono passate da 153 nel 2002 a 7.660 nel 2012; con un balzo del 40% delle vendite nei soli ultimi due anni. Il trend di crescita viene confermato anche dai primi due mesi del 2013 con 2.001 veicoli immatricolati. «È cresciuta l’attenzione che le case automobilistiche hanno messo nella progettazione di nuove soluzioni ibride, studiando soluzioni sempre più 70 INEWS

ecologiche, ma al contempo complesse, e proponendo modelli altamente innovativi», prosegue Nicola Albarino. L’ultima nata è la nuova meccanica che abbina l’alimentazione a gasolio a quella elettrica che ha visto il suo esordio nel 2011: in due soli anni le auto immatricolate sono passate da 14 a 1.487. «Sono ancora numeri piuttosto piccoli se confrontati all’intero mercato auto, ma sono numeri che evidenziano nuove esigenze e richiedono nuove soluzioni», osserva Nicola Albarino. «Nessuna auto è immune dagli imprevisti. Ma cosa fare quando si resta in panne con una macchina elettrica o ibrida? Una cosa è fondamentale sapere: non tutti possono intervenire. Non sono applicabili le modalità di intervento utilizzate per i tradizionali veicoli termici (benzina e diesel). Le auto elettriche hanno delle specifiche caratteristiche e sono diverse tra loro. Per esempio, prima di intervenire è necessaria la messa in sicurezza, quindi occorre scaricare le tensioni capacitative del veicolo. Inoltre, è vietato il traino con le ruote anteriori sospese perché si potrebbe generare corrente ad alta tensione durante il trasporto. Servono specialisti, tecnici opportunamente formati per evitare di amplificare eventuali danni o addirittura provocare incidenti». Il Gruppo IMA Italia Assistance può vantare una crescente rete capillare composta ad oggi da 500 soccorritori stradali in grado di intervenire ovunque, in modo tempestivo 24 ore su 24 in tutta Italia. «La formula “all in one” dei nostri centri - specifica Albarino - è un ulteriore elemento distintivo del network: il centro IMA, oltre a svolgere l’attività di soccorso stradale si occupa anche della riparazione del veicolo (officina e carrozzeria) e della fornitura del veicolo sostitutivo. Tutto h24. Questa è la “la carta di qualità IMA” basata su azioni di selezione, valutazione e formazione». www.imaitalia.it

Dario Di Benedetto

INEWS 71


s port

italiannews

kunst

Tonino Campà

Dario Di Benedetto Ein Ziel vor Augen

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

V

iele junge Fussballer in der Schweiz und auch in der Region träumen davon Fussball-Profi zu werden. Der Weg ist oft steinig und geht nicht direkt über eine Nachwuchs-Academy eines Super Ligisten. Viele versuchen es über einen Amateurklub. Einer davon ist Dario Di Benedetto. Hier die Geschichte eines talentierten 15-Jährigen, der es unbedingt schaffen will. An Entschlossenheit fehlt es Dario Di Benedetto nicht. Vorerst kickt die YFJuventus-Leihgabe zwar noch für die U16 von Rapperswil-Jona. Doch er will einst Fussball-Profi werden. «Welcher Fussball-Junior will das nicht?», sagt der Offensivspieler überzeugt. Bei Rappi ist Di Benedetto dafür auch in guten Händen. Nachwuchs-Chef beim Erstligisten ist immerhin Bigi Meier, der auf mehr als zehn Jahre Erfahrung als Assistent der Schweizer U21-Auswahl zurückschauen kann. Meier arbeitete bereits mit Alex Frei, Mario Eggimann und Ricardo Cabanas, aber auch den Vize-Europameistern wie Granit Xhaka, Fabian Frei und Xherdan Shaqiri. Di Benedetto investiert viel in seinen Traum. Viermal die Woche fährt er von Wollishofen, wo er mit Vater Antonio, Mutter Ornella und seiner Schwester Luana (18) zu Hause ist, nach Rapperswil zum Training. Hinzu kommen die Spiele am Wochenende. Mit Fussball hat Dario – der Vater stammt aus Salerno, die Mutter ist Sizilianerin – schon früh begonnen. Erst spielte er zum Plausch in Wollishofen, später im Alter von 9 Jahren schloss er sich den Junioren von SC YF Juventus an. Schon früh war klar, mit seiner Schnelligkeit, seinem Zug aufs Tor und einem guten Schuss, ist er in der Offensive gut aufgehoben. Und da ist er flexibel einsetzbar. «Ich fühle mich in der Position des Stürmers wohl, kann aber auch am linken und rechten Flügel eingesetzt werden», so der polyvalente Offensivspieler. Um zu beschreiben, was ihm an der Rolle gefällt, verweist er auf ein anderes Jungtalent – allerdings einige Stufen höher, als der Zürcher selber spielt. Ihm imponiert die Art von Hachim Mastour, dem 15-jährigen Supertalent der AC Milan. Der hochbegabte Offensivspieler wechselte für 500 000 Euro von Reggina Calcio zum Nachwuchs der «Rossoneri» und steht – mit nicht einmal 16 Jahren - schon auf dem Sprung in die erste Mannschaft. Aber das Spiel Mastours «er ist schnell, trickreich und enorm geschickt am Ball» gefällt Di Benedetto. Auch wenn Mastour die falschen Farben trägt, denn Di Benedetto ist Inter-Fan und hat mit den «Rossoneri» nichts am Hut. Inspiration holt sich Dario gern – wen wunderts – immer wieder in der Serie A und dann am liebsten im San Siro. Zuletzt besuchte er im Februar das Mailänder Derby (1:1). Beim Erzählen kam er kaum aus dem Strahlen heraus. «Ich werde alles tun, um meine Ziele zu erreichen», betont er noch einmal. «Demnächst will ich ein Probetraining bei GC absolvieren und hoffe, dass ich eine Chance bekomme». Aber auch wenn der junge Stürmer seine Zukunft im Fussball sieht und auch bereit ist, Risiken einzugehen, ist er kein Träumer. Er weiss, wie schwierig es ist, Profi zu werden, dass er eine Chance braucht sich zu zeigen, dass er zum richtigen Moment am richtigen Ort stehen muss und dazu auch eine Portion Glück nötig ist. Allein auf Glück will er seine Zukunft nicht aufbauen und besucht weiterhin das Gymnasium. Ausbildung und Sport beanspruchen die ganze Kraft des 15-Jährigen. Die Belastung ist gross. «Aber im Moment geht das ganz gut», sagt Di Benedetto. «Es muss gehen, denn ich will es ja so. Ich weiss, dass die Doppelbelastung immer grösser wird, je näher die Matura rückt, aber ich will das schaffen – ich muss das schaffen. Und ich will beides gut machen.» Bislang ist es gut gelaufen und bis jetzt hat Dario seine Sache gut gemacht. Nun hofft er, dass er den nächsten Schritt schaffen kann. Bei GC. An Entschlossenheit fehlt es Dario Di Benedetto nicht. You tube- Dario Di Benedetto 72 INEWS

GALLERIA MONTEOLIVETO Anche quest'anno a

ART MONACO'13

STAND J1/J2/J3/J4/J5/J6

Personal Project: GIANNETTI - VAL - VEZZOLI - BLEICHER - BOGAERT - GARON Special Project: ALVITS - BERCOVICI - BJARNASON - BOLUND - BUTTITTA - CASTILLO QUESADA - CAVANIGLIA - CHERNY - GALLEGO - GLAZER - GONZALEZ JENERS - LANTERI - MOU - PISCOPO - SANTARELLI - SHERMAN - SOINOFF SOLANO - SOSSI - SRETKOVA - VENTURINI - YIO Focus Korea by Monteoliveto Gallery & ART C- Company BACK- JUNG - H.LEE – YEO - J.LEE – KIM Personal Project Monteoliveto Gallery & Wunderkammer Gallery ACCARDI – BERARDINO - BERLENDIS - BIAGINI Special event GIGANTESCHIO de Fabrizio FONTANA (courtesy of Art and Ars Gallery) Espace SCULPTURE E2

BARTUS BARTOLOMES

Esplanade du Forum Grimaldi

GUNILLA EKHOLM

autres artistes en permanence à la galerie: ANCARANI - BARILLÀ - CIANCI - CONO – DI MAULO – FUNARO - KUJAWA NAPOLITANO – ROGERS - VAN DEN DRIESSCHE - VIGLIONE – ZARKIKH

GALLERIA MONTEOLIVETO 80134 Napoli - Piazza Monteoliveto, 11 - Telefono: 081 1932 2066 06000 Nice, Francia - 5 Rue du Lycée - Telefono: +33 4 89 00 13 12 www.galleriamonteoliveto.it INEWS 73


a rte

Michael Thompson «Veruschka»

L’Arte in Costa Azzurra inizia ad Aprile

N

el Principato di Monaco, nel mese di Aprile si svolge: un mondo pieno d’Arte in continua evoluzione, che accoglierà per l'edizione 2013 un numero record di partecipanti e visitatori, per far condividere le grandi firme internazionali, i media del mondo, le gallerie più rinomate, gli artisti noti ed emergenti, nonché i collezionisti e gli amanti dell'Arte. Allora chiudete gli occhi! Per un solo instante, immaginate un luogo ricco per bellezza e storicità, che possiede attrattive di fascino davvero uniche, più belle ed esclusive del mediterraneo. Immerso in un clima mite in ogni stagione dentro questa splendida atmosfera, benvenuti a Monaco. Ora aprite gli occhi, per vivere la più profonda emozione, esordisce gioiosamente dopo diversi mesi di lavoro, la nuova realtà mediterranea finalizzata alla promozione dell’Arte contemporanea ed alla valorizzazione del territorio tra creatività e ricerca. Un progetto che presenta una selezione eccezionale di opere contemporanee, proponendo più di cinquantadue paesi nel mondo, Art Monaco è il punto strategico ideale che fa riunire e che, si inserisce in un ampio contesto dove l’alchimia che si respira è frutto degli sforzi destinati a trasformarsi in successivi percorsi per gli artisti, che sentono l’urgenza di rompere i confini tra i vari territori. Art Monaco 2013 sta raccogliendo grandi successi, nuova, intensa, la più importante manifestazione Internazionale del mercato dell'arte, moderna e contemporanea. 74 INEWS

Uno straordinario percorso che libera energia, l’Arte diventa protagonista assoluta di un percorso, che porta al totale appagamento dei sensi e genera un’intensa emozione poetica. Questa prestigiosa edizione, diventata ormai un appuntamento imperdibile per migliaia di appassionati. La volontà di stupire, di emozionare visivamente, di coinvolgere il visitatore con grande interesse, per un incontro privilegiato tra stile, tecnica, nuovi codici e tradizione storiche che si mescolano armonicamente con il valore della contemporaneità del proprio tempo espresso da ognuno degli artisti presenti che percorrono la nobile strada per la valorizzazione di quel gusto eclettico e dal sapore internazionale, che contribuiscono ad esaltare il nome trasmettendo nel prossimo futuro quella forza d’immagine, che non cesserà mai di essere fissata nella storia: per diventare protagonisti della scena internazionale. Aggiungendo le migliori selezioni da parte degli addetti ai lavori, tentano la valorizzazione artistica, liberi dai condizionamenti del mercato di massa. Dopo l’indiscutibile successo dell’anno scorso, il risultato non è solo una fiera, ma una moltitudine di colore e materia, che danno vita ad una scia originale e innovativa. La collezione di quest'anno include delle opere rare, accuratamente selezionate, come il «Bull in Arena» di Pablo Picasso, il «Ritratto di Barbara Molasky» di Andy Warhol, «Veruschka» di Michael Thompson, «Cuore» di Elton e The Partial Space di Young-Hoon Jeong.

Pablo Picasso - «Bull in Arena»

HERWIG MARIA STARK «Return to innocence»

INEWS 75


a rte

L'artista Raffaello Talò nello Stand Monteliveto Gallery - 5 Rue du Lycèe - Nice (Fr) - www. espacemontoliveto11.com

Milano 2013 70 gallerie internazionali

Qualche cosa che piace…… Questa , una delle tantissime frasi dei visitatori e degli artisti presenti riferite alle opere e a tutta l’organizzazione della fiera che ci circonda. In questo articolo cercheremo di entrare, in punta di piedi, in uno dei tanti mondi affascinanti e stupendi, quello dell’Affordable Art Fair Milano e del significato stesso delle opere in un periodo storico che stiamo vivendo. Pensando alla situazione che stiamo attraversando, una forte crisi globale, in cui molte gallerie nazionali ed internazionali vivono; questo vuole essere una provocazione divertente in tempi difficili proponendo opere in vario stile. Dal materiale povero di riciclo, alla sofisticata poetica pop o al concettuale, dai prezzi abbordabilissimi. Circa 70 gallerie di tutto il mondo espongono le opere di artisti affermati che emergenti. Si respira oltre alle nostre gallerie anche aria di oltre confine, tra i paesi di provenienza vi sono: Singapore, Russia, Australia, Austria, Grecia, Spagna, Svizzera, Francia, Svezia, Inghilterra. Spesso si dice: “ voglio comprare qualcosa che resti………”, un’opera , qualcosa che resta come ricordo di quel momento, sopravvivendo a chi lo ha comprato e rimanendo per sempre testimone d’affetto. A “ Voi “ questo compito per dar voce a chi, in questo affascinante settore lavora e opera creando sogni. A volte chiamiamo figli le nostre creazioni, pensate quale massimo significato attribuiamo alla parola “ Arte “. Legame antico quello che noi abbiamo con le opere, tanto da accompagnare la storia dell’uomo in maniera costante nella descrizione delle sue aspirazioni e dei suoi cambiamenti. Una persona che nella sua scelta si rispecchia, custodisce i suoi sentimenti, si descrive ed è per questo che lo porta con sé. L’Affordable Art Fair è un evento 76 INEWS

giovane, dinamico e accessibile, un luogo dove si possono ammirare una miriade di opere: pittura, scultura, fotografia stampe ecc….. che hanno attirato migliaia di visitatori, superando di gran lunga le stime previste. Si è tenuta con gran successo, hanno presentato lavori esclusivamente d’arte contemporanea, differenziandosi dalle solite fiere, giocando un ruolo significativo nella vita economica e culturale della città. Frutto di scambi, contatti, incontri quotidiani fra le decine di migliaia dei presenti, che lavorano per formare un molecolare organismo in cui si respirano cose di grande qualità. Grande successo nel suo tour internazionale per la Monteoliveto Gallery sempre di più ombelico creativo della città del Vesuvio, con artisti internazionali come Gianmaria Gianetti, immerso in un’atmosfera accogliente, enfatizzata da una selezione di pezzi accuratamente selezionati, è assolutamente all’avanguardia per le opere proposte in campo internazionale. Consigli, strategie e momenti favorevoli per vivere un nuovo concetto artistico in un luogo dove respirare e scoprire le novità in anteprima, pieno di sentimenti e passioni sotto l’influsso astrale della poetica mediterranea. Si respirava una magica alchimia nella Gallery Debony Art Link di Singapore capaci di generare un complesso dialogo tra contemporaneità e tradizione con le fantastiche opere dei fratelli Mark e Gordon Hopkins. Un americano e un europeo, che con la loro ricerca arricchiscono il panorama dell’arte mondiale con esiti per una nobile strada dove percorrono quotidianamente con grande impegno, per diventare i veri protagonisti della scena artistica attuale attraverso la costruzione di un linguaggio personale identificabile e originale per una nuova narrativa. Raffaello Talò

Monteoliveto Gallery Artista Gianmaria Giannetti

InewsKunst seleziona tra le 70 gallerie internazionali la Monteoliveto Gallery (www. espaciomonteoliveto11.com) con la Debony Art Link (www.debony.com) con i fratelli Artisti Mark e Gordon Hopkins e Gianmaria Giannetti

Debony Art link Gallery Singapore Artisti Mark e Gordon Hopkins

INEWS 77


a rte

Alexander Jeanmaire und

Gabriel Mazenauer

Die Ausstellung findet in der Galerie Reichlin

in Küssnacht am Rigi statt, 20. April bis 11. Mai

Farb-Klang-Körper Auf seinem Weg in die wahre Freiheit hat ihn die Kunst von ganz alleine gefunden. Ungewöhnlich ist die Intensität mit welcher der renommierte Schweizer Kunstmaler, Alexander Jeanmaire, seine innere Stimme arbeiten lässt. Wenn ES in ihm zu malen beginnt, fügen sich kraftvolle, sehr individuelle Pastelltöne, Formen und Körper zu energiegeladenen Kompositionen mit beeindruckender Tiefe und einem stillen Geheimnis.

Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 78 INEWS

www.reichlin.ch

Schichtungen

A

F

20. April bis 11. Mai 2013

Samstag, 11. Mai 2013, 10–16 Uhr

A

Ö

Samstag, 20. April 2013, 14–19 Uhr Künstlergespräch mit Apéro

Montag bis Freitag

usstellung

usstellungseröffnung

Galerie für zeitgenössische Kunst

inissage

ffnungszeiten

Samstag

8–12 Uhr 13.30–18.30 Uhr 9–16 Uhr

Wie eine Spirale drehen sich die Schichtwerke aus Stahlstäben um die eigene Achse, treiben ein spannendes Spiel mit Licht und Schatten. Man spürt die Unerschrockenheit des jungen Schweizer Stein- und Holzbildhauers, Gabriel Mazenauer. Gerade, rechtwinklige Stücke nehmen die Dynamik von organischen Elementen auf. Gegensätze finden in Harmonie zueinander.

Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi

www.reichlin.ch

Galerie für zeitgenössische Kunst INEWS 79


a rte

Wasserwelten

in Küssnacht am Rigi

Die Ausstellung findet in der Galerie Reichlin statt.

15. Juni bis 6. Juli 2013

Márta Kucsora

Reinhard Fluri

Hubert Nanzer

Steff Lüthi

Man spürt das Prickeln der Wasserperlen auf der Haut. Mit einer ganz besonderen Technik versteht es die junge Ungarin, die in Budapest lebt und arbeitet, die Dynamik und ungezähmte Schönheit des flüssigen Elements auf die Leinwand zu bringen.

Eine alte Wasserpumpe inmitten einer wunderbaren, mediterranen Landschaft? Der Solothurner Künstler, Reinhard Fluri, liebt es, mit Ölfarbe und detailliertem Strich, aus scheinbar belanglos zusammengewürfelten Dingen, neue Welten zu kreieren.

Beeindruckend ist die Nähe zwischen Betrachter und Bild. Zwar so realistisch wie das Original, sind die Werke des Weggiser Kunstmalers, der auf Costa Rica lebt, kein Abbild irgendwelcher Landschaften. Hubert Nanzer macht die Atmosphäre sichtbar.

Gemessen an der riesigen Welt erscheint der Mensch winzig. Und doch sind es die kleinen Bronzefiguren des renommierten Ostschweizer Bildhauers, die dem Betrachter ins Auge fallen, nicht die grossen Körper oder Brunnen, auf denen sie sich befinden.

A

A

F

Ö

15. Juni bis 6. Juli 2013

Samstag, 15. Juni 2013, 14–19 Uhr Künstlergespräch mit Apéro

Samstag, 6. Juli 2013, 10–16 Uhr

Montag bis Freitag

usstellung

usstellungseröffnung

inissage

Samstag

Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi 80 INEWS

www.reichlin.ch

Galerie für zeitgenössische Kunst

Veranstalter GALERIE REICHLIN AG Grepperstrasse 8 6403 Küssnacht am Rigi www.reichlin.ch info@reichlin.ch Tel. 041 850 16 50

ffnungszeiten 8–12 Uhr 13.30–18.30 Uhr 9–16 Uhr

Galerie Reichlin AG, Küssnacht am Rigi

www.reichlin.ch

Galerie für zeitgenössische Kunst INEWS 81


a rte

Stein Anna

Emergeance

Mainardi Salvatore

5. Mai

NEU: KUNSTWARENHAUS 2nd FAME

Ausstellung Stein Anna (Paris, F) Mainardi Salvatore (Buchs,CH) 06. – 21. April 2013 Vernissage mit Apéro:

Samstag, 06. April 2013, 17.00 - 19.00 Uhr Um 17.45 Uhr Performance von Salvatore Mainardi Einführungsworte: Dr. Andrea Fischbacher, Kunsthistorikerin Musikalische Umrahmung: Miklos Lenner, Klavier

A

nfang Jahr eröffnete das Kunstwarenhaus einen zweiten Standort am Neumarkt 6 und verlegte somit den Hauptsitz in die Zürcher Innenstadt. Nun feiert der bisherige Standort Stockerstrasse am Samstag, 6. April 2013 mit dem schweizweit ersten Galerie-Outlet namens "Kunstwarenhaus 2nd Fame" Neueröffnung.

Öffungszeite:

Mittwoch bis Freitag, 14.00 bis 19.00 Uhr Samstag 11.30 bis 17.00 Uhr.

Kunstwerke, die nach einer Ausstellungsreihe nicht verkauft wurden, landeten im Lager oder im Atelier des jeweiligen Künstlers. Mitnichten sind das Ladenhüter - im Gegenteil: Oft haben sich Käufer und Werk einfach nur "verpasst". Daher verdienen es diese Werke, eine zweite Chance zu erhalten. So durchforsteten wir die Künstlerateliers und unser eigenes Kunstlager, um die verborgenen Schätze in das „Kunstwarenhaus 2nd Fame“ zu bringen. Dieses ist jeweils samstags von 11.00 - 16.00 Uhr geöffnet. Alle Werke, die ohnehin schon in einer günstigen Preiskategorie angesiedelt sind, werden dann nochmals mit 20 - 50 % Discount angeboten.

Eröffnung:

Samstag, 6. April ab 11.00 Uhr im

Keller Galerie - Heidi Suter

Selnaustraße 15 Eingang Sihlamtstraß - 8001 Zürich - Tel. +41 44 2020963 - www.kellergalerie.ch - e-mail: kellergalerie@sunrise.ch 82 INEWS

a rte

INEWS 82

Kunstwarenhaus 2nd Fame Stockerstrasse 11 - 8002 Zürich.

INEWS 83


italiannews

VERNISSAGE

FREITAG, 31. MAI 2013 18-21 UHR

kunst

SWISS MULTIKULT LIFE STYLE MAGAZINE

Kunstwarenhaus - Neumarkt 6 8001 Zürich ARTE .it

Titolo Italianità 1 tela 80x120 cm artista Antonio Campanile in arte Campà

RAFFAELLO TALÒ CA MPÀ nome d'arte di ANTONIO CAMPANILE CASULA


Italiannews Aprile