__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

Periodico semestrale dell’Automobile Club Treviso Anno 1 | Numero 1 | Aprile 2021

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale Aut. n° 1109/2021 del 15.04.2021 - Periodico Regime Libero

01 Pag/6

Le rotatorie e il loro corretto utilizzo

Pag/8

Intervista al Sindaco di Treviso Mario Conte

Pag/20

I veicoli elettrici ed ibridi in Provincia di Treviso


Dialogo Vicinanza Sostegno Passione

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.


Il saluto del Presidente

“Cari Soci, un sentito saluto di benvenuto sulle pagine del nostro primo numero di ACI TREVISO INFORMA, un contatto più diretto fra l’Automobile Club e Voi! Grazie all’iniziativa del direttore dott. Angelo Centola, ritengo che questa rivista sia un importante strumento di comunicazione e di informazione per quanto riguarda le numerose attività dell’Ente. Quattro anni sono trascorsi dal mio insediamento alla Presidenza dell’Ente: quattro anni importanti in cui ACI TREVISO ha voluto posizionarsi nel proprio territorio quale soggetto promotore di iniziative sportive/turistiche e di sensibilizzazione in ambito dell’educazione stradale. La Marca Classica, per esempio, gara di regolarità automobilistica, la cui prima edizione si è tenuta nel 2018, è stata la manifestazione sportiva che è riuscita più direttamente a porre l’Ente in contatto con la realtà territoriale ed economica della provincia. L’apprezzata organizzazione firmata ACI Treviso e l’ottima direzione di gara affidata al componente del Consiglio Direttivo, Stefano Torcellan, ha consentito di essere promossa alla qualifica di Campionato Italiano di Categoria. L’ultima edizione del 2020, nonostante le restrizioni imposte dal covid-19, si è regolarmente tenuta nel mese di settembre con successo di partecipanti (ben 84 equipaggi) di cui una sessantina quelli al via della regolarità Classica, mentre poco più di venti erano iscritti alla formula della regolarità turistica. Colline e campagne della provincia di Treviso hanno fatto da sfondo agli autentici gioielli di veicoli storici fra i quali spiccavano la Lancia del 1929 (equipaggio Sisti e Gualandi) la coetanea Alfa Romeo (equipaggio Patron Scara-

muzzi) . All’equipaggio vincitore (fratelli Scapolo) ed all’equipaggio femminile sono stati assegnati 2 orologi Tag Heuer Carrera messi in palio dalla Gioielleria De Wrachien di Treviso, oramai uno dei main sponsor ACI TREVISO. Sempre nell’ambito sportivo, nel mese di febbraio 2020, si sono tenute le premiazioni degli sportivi ACI TREVISO (per i risultati 2019) presso il BHR Hotel che si è rivelato esser la sede maggiormente rispondente alle esigenze di ACI TREVISO. Le premiazioni costituiscono un momento particolarmente sentito dagli sportivi che, infatti, in numerosi hanno partecipato per ricevere il loro meritato riconoscimento . Già perchè, per i pochi che ancora non lo sapessero, ACI TREVISO vanta, con soddisfazione, campioni a livello nazionale di tutto rispetto. Proprio per favorire e coltivare questa passione per il mondo sportivo, ACI TREVISO organizza con regolarità corsi di prima licenza e di commissario di percorso che da quest’anno si terranno presso la nuova sede di fronte all’attuale di viale Verdi 23 : trattasi di un’ampia sala in grado di contenere almeno 20 posti a sedere con megaschermo ususfruibile per ogni iniziativa che si rendesse utile per i soci e gli sportivi e per tutti i cittadini (ragion per cui, fra gli altri, per esempio, si tengono corsi recupero punti, corsi per patenti speciali per agenti di polizia locale). Nel settembre 2019 ACI TREVISO è stata coprotagonista della giornata dello sport: una vera e propria pista per mini kart per ragazzi è stata realizzata in piazza Matteotti a Treviso, con grande successo ed affluenza di giovani, curiosi anche di sperimentare il simulatore di guida messo a disposizione, dall’autoscuola Start di Mogliano Veneto, una delle nostre più affermate delegazioni.

3


Sempre nel 2019 precisamente il 01.06.2019 ACI TREVISO nell’ambito della campagna “#RISPETTIAMOCI” è stata presente al Giro d’Italia ed ha premiato la maglia rosa Damiano Cima, ovviamente omaggiandolo della tessera Gold, asso vincente sotto tutti i profili e che consiglio vivamente . Proprio sul concetto di rispetto reciproco, non solo fra automobilisti e ciclisti ma anche in ogni ambito della circolazione stradale, ACI TREVISO ha svolto e svolge costante attività di educazione stradale con progetti dedicati ai ragazzi, ma anche agli adulti ed anziani poichè tutti noi, indistintamente, abbiamo bisogno di esser sempre aggiornati sulle nuove norme della circolazione stradale. Sotto il profilo dell’operatività, l’orario continuato in ACI TREVISO, ha consentito di ri-

spondere alle esigenze della clientela che, in pausa pranzo, può rivolgersi alle bravissime operatrici per ogni pratica: dalla tessera aci, al passaggio di proprietà di un veicolo, al rinnovo patente, al pagamento del bollo auto. Proprio tutte le iniziative tenutesi in questi ultimi anni, hanno costituito lo stimolo per pensare al futuro con fiducia ed ottimismo, con l’obiettivo di esser sempre più presenti nella realtà economica turistica e sociale della provincia di Treviso con iniziative volte a favorire l’indotto economico soprattutto post covid. Il sottoscritto, unitamente al Direttore ed a tutto il Personale ACI TREVISO, rimane, come sempre, a Vostra completa disposizione.”

Avv.Michele Beni Presidente Automobile Club Treviso

Sommario

Periodico di Aci Treviso

Aci Treviso Informa

Editore/ Automobile Club Treviso Viale Giuseppe Verdi, 23, 31100 Treviso (TV) Direttore Responsabile/ Angelo Centola Progetto grafico/ Seven Media www.sevenmedialab.it Registrazione del Tribunale di Treviso n. 758 del 15 febbraio 2021 Direzione e Amministrazione/ Viale Verdi , n° 23/C - 31100 Treviso Tel. 0422 547801-56070 direzione@acitv.it Stampa/ Grafica Sette www.graficasette.it

4

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale Aut. n° 1109/2021 del 15.04.2021 - Periodico Regime Libero

01 Poste italiane spa- Spedizione in abbonamento postale - 70% - Tv - abbonamento annuo e 0,50

Periodico semestrale dell’Automobile Club Treviso Numero 1 - Aprile 2021 inviato in abbonamento ai Soci e ad Enti vari

Anno 1 | Numero 1 | Aprile 2021

Pag/6

Le rotatorie e il loro corretto utilizzo

Pag/8

Indice 3 5 6 7 8 12 13 14 17 19 20 24 25 26 28

Intervista al Sindaco di Treviso Mario Conte

Pag/20

I veicoli elettrici ed ibridi in provincia di treviso

Il saluto del Presidente Lettere al Direttore A fianco dell’automobilista Infortunistica stradale Le nostre interviste Rally della Marca La Marca Classica Musicale L’offerta al passo con i tempi di Sara Vita Centromarca Banca Mobilità ambientale Vita associativa Delegazioni sul territorio Energia pulita per i soci ACI Eccellenze del territorio


Gli automobilisti ci scrivono

Gli automobilisti ci scrivono

Lettere al Direttore

Domanda n. 1

Domanda n. 2

Egregio Direttore, sono una delle “ vittime” della patente a punti. Inutile recriminare sul come è accaduto che abbia perso ben dieci punti della patente, una svista che mi è costata cara. Ciò che più mi preme ora è recuperare l’integrità della mia patente e vorrei saper come fare. Le sono grato per l’attenzione e le invio i miei più cordiali saluti.

Egregio Direttore, tre anni fa ho venduto, tramite procura ad un autosalone, una Alfa Romeo Giulia. Dopo tre anni sono stato contattato da un autodemolitore per firmare la demolizione del veicolo. Su mia richiesta il demolitore mi ha fatto avere copia del libretto di circolazione in cui è contenuto il nuovo nominativo. Al PRA, però, il veicolo è intestato ancora a me. Cosa mi consiglia di fare? Cordiali saluti.

Antonio F. – Treviso

Michele P. - Oderzo (Tv)

Risposta n. 1

Risposta n. 2

Innanzitutto Le rivolgo il mio “in bocca al lupo” per ripristinare il suo punteggio iniziale. Veniamo alla domanda. Quando non sono esauriti del tutto, è possibile recuperare fino a 6 punti per la patente A e B, 9 punti per i titolare di patente C e D. Questo è possibile frequentando corsi presso le autoscuole e i soggetti autorizzati (D. lgs. n. 9 del 2002). L’Automobile Club Treviso è compreso tra questi ultimi. Le ricordo, altresì, che si ottiene la ricostruzione del punteggio iniziale di 20 punti, se per due anni consecutivi non si commettono violazioni che implicano ulteriori decurtazioni. Per ovviare al suo “inconveniente” le propongo di mettersi in contatto con il nostro Ufficio Soci (tel. 0422.56070 tasto 1 – e-mail: soci@acitv.it) per avere informazioni più dettagliate sui corsi che l’A.C. Treviso propone ai propri associati e agli automobilisti in generale. Cordiali saluti.

Una situazione “ingarbugliata”. Cerchiamo di venirne a capo. C’è un tassello che manca: la non trascrizione al PRA dell’atto di vendita da parte dell’autosalone, con il quale atto lo stesso intesta il veicolo all’acquirente. Per risolvere tale situazione occorre agire in questo modo: recarsi presso l’Automobile Club Treviso in viale Verdi 23/C e, attraverso una “dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà” (art. 47 DPR 445/2000), presentare una istanza per “perdita di possesso ai fini fiscali”. In tal modo otterrà che su quel veicolo venga meno ogni forma di sua responsabilità (bolli, multe ecc…) connessa allo stesso veicolo in argomento, a partire dal momento di presentazione della formalità al PRA (Pubblico Registro Automobilistico). Cordiali saluti.

Angelo Centola Direttore A.C. Treviso direzione@acitv.it

5


A fianco dell’Automobilista

Le rotatorie e il loro corretto utilizzo È sotto gli occhi di coloro che vivono di mobilità: negli ultimi tempi nel territorio trevigiano sono proliferate le rotatorie. La finalità principale che si vuole perseguire con la realizzazione di una rotatoria è quella di diminuire l’incidentalità, il rumore, l’inquinamento nelle intersezioni viarie. L’Italia è arrivata molto in ritardo a questa scelta, ma si sta adeguando agli standard europei. Francia, Gran Bretagna, Svezia e Norvegia hanno adottato questo strumento già da tempo. In Francia l’uso delle rotatorie cominciò a divenire sistematico all’inizio degli anni ’80, e nel 1995 esistevano già 15.000 rotatorie (il 20% situate fuori dai centri urbani), con un ritmo di crescita di 1.000 rotatorie all’anno. Negli anni 2000 il numero di rotatorie raggiunge oltre 40.000 unità. Tale progressione, da sola, testimonia i risultati raggiunti con l’introduzione delle rotatorie al posto degli incroci ordinari : - 75% di incidenti con feriti, - 95% di incidenti con morti. Si evince da questi dati l’elevato risparmio di vite umane e di costi privati e sociali. A mò di esempio riportiamo uno studio comparato, fatto sempre in Francia negli anni 2000, sui coefficienti di incidentalità: - incrocio tradizionale 7,9 incidenti (media mensile), - rotatoria 1,5 incidenti (media mensile).

6

I criteri di costruzione delle rotatorie variano sensibilmente e spesso risultano essere ottimi strumenti di arredo urbano (a parte qualche eccesso pacchiano). La tendenza europea è quella di ridurre il diametro della rotatoria a pochi metri, in quanto da studi effettuati dimostrano che le rotatorie più piccole sono dotate di un eccellente sicurezza, di gran lunga superiore a quella delle rotatorie di maggior dimensione. Il discorso è diverso per le rotatorie extraurbane dove un raggio di curvatura troppo ridotto penalizzerebbe eccessivamente i mezzi pesanti. Altri criteri raccomandati sono quelli di garantire la visibilità dei veicoli già impegnati nella rotatoria con diritto di precedenza a 15 m. dall’anello e l’isola rotazionale non deve

presentare alcun ostacolo rigido in grado di bloccare brutalmente un conducente che abbia perso il controllo del mezzo. Bisogna però ricordare che l’introduzione del nuovo tipo di intersezione trova molti automobilisti impreparati: “Aci Treviso Informa”, in questo numero vuol proporre qualche consiglio a coloro che “si imbattono nell’uso” delle rotatorie. Cosa fare nei pressi della rotatoria. Quando si giunge nella rotatoria, in fase di entrata, occorre rallentare, verificare la presenza di veicoli che già impegnano la rotonda, fornire la precedenza agli stessi e poi immettersi conseguentemente senza bisogno di segnalare questa manovra a coloro che ci seguono. In fase di ingresso quando le corsie lo consentono è possibile circolare per file parallele. Cosa fare all’interno della rotatoria. La maggior parte delle rotatorie esistenti sono realizzate secondo il modello francese, pertanto quando ci si trova al loro interno si ha diritto di precedenza rispetto ai veicoli in entrata anche se questi ultimi provengono da destra o da strade di secondaria importanza. Eventuali diverse modalità di circolazione sono segnalate attraverso l’apposizione di cartelli stradali e di strisce longitudinali. In particolare, nelle rotatorie a due corsie di scorrimento è buona norma impegnare la corsia esterna (quella più ampia) nel caso in cui si debba poi subito svoltare a destra; viceversa è opportuno impegnare la corsia interna (cioè quella più stretta) nel caso in cui si debba percorrere larga parte della rotatoria o si debba effettuare una inversione rispetto al senso di marcia in entrata. Ogni manovra effettuata all’interno della rotonda e, comunque, ogni qualvolta la si debba lasciare per immettersi in una ramificazione laterale, è obbligatorio segnalare tale intenzione attraverso indicatori di direzione.

A cura della redazione di Aci Treviso Informa


Una recente sentenza del Tar della Liguria ha sottolineato che l’autista che rimane coinvolto in un grave sinistro stradale in autostrada va incontro, quasi automaticamente, al provvedimento di revisione della patente. E ciò a prescindere dalla sua responsabilità nel sinistro e dall’accertamento di eventuali problematiche di carattere fisico o psichico. Ciò che risulta rilevante è che l’entità o la dinamica della scontro possano far nutrire dubbi in merito alla persistenza, in capo al conducente, dei requisiti psicofisici prescritti dalla legge o dell’idoneità tecnica necessaria per il rilascio della patente di guida. Si pensi, ad esempio, ad una persona che, pur accorgendosi di un automobilista proveniente contromano, non abbia i riflessi pronti per frenare in tempo ed evitare lo scontro.

del codice della strada da cui consegue la sospensione della patente di guida (si pensi alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti) • quando il conducente minorenne commette una violazione del codice della strada da cui consegue la sospensione della patente di guida.

Nello specifico questo può accadere qualora la pubblica amministrazione rilevi una condotta di guida non adeguata al codice della strada. Il caso in questione riguarda un automobilista che è incappato in un grave incidente stradale, provocando anche il ferimento della propria consorte. L’interessato si era subito adoperato a presentare ricorso al collegio contro il conseguente provvedimento di revisione della patente ma con esito negativo. Il provvedimento di revisione della licenza di guida, adottato ai sensi dell’art. 128 del codice stradale è infatti sempre obbligatorio nei seguenti casi:

Diversamente, l’obbligo di revisione è da considerarsi illegittimo. Infatti, pur non essendo necessarie violazioni stradali o condotte di guida particolari, risulta indispensabile che la Motorizzazione o il Prefetto documentino ed argomentino adeguatamente le proprie decisioni. Nel caso specifico, le valutazioni sintomatiche operate dall’amministrazione sono risultate esenti da vizi e la condotta di guida dell’automobilista è apparsa palesemente pericolosa.

• quando il conducente è stato coinvolto in un incidente stradale se ha determinato lesioni gravi alle persone e a suo carico sia stata contestata la violazione di una norma

Infortunistica stradale

L’incidente grave in autostrada comporta la revisione della patente

Va precisato però, che tale provvedimento è contraddistinto da ampia discrezionalità ed è rivolto, come accennato in precedenza, a verificare la reale idoneità tecnica del conducente considerando quindi, caso per caso, le circostanze concrete e dovrà essere sempre motivato: dovranno cioè essere spiegate le ragioni della sussistenza dei suddetti dubbi.

Va ricordato infine che si tratta di un provvedimento che non ha carattere sanzionatorio e che ben potrebbe aggiungersi alla multa dovuta proprio alla violazione del codice della strada.

Giulio Marchesoni MGM Sviluppo

7


Le nostre interviste

Intervista al Sindaco di Treviso Mario Conte D. Sindaco Conte, cosa è stato fatto e cosa c’è da fare in tema di mobilità a Treviso? R. La rete stradale di Treviso, come quella della maggior parte delle città medio piccole italiane, presenta caratteristiche fisiche e geometriche purtroppo spesso in contrasto con la funzione di penetrazione dai comuni contermini. Questo porta a flussi di traffico importanti, a volte anche di mezzi pesanti, che non si sposano con le dimensioni ridotte delle strade soprattutto nella parte centrale dei quartieri. Questo vale per S. Antonino, S. Pelajo ma anche S. Giuseppe, S. Bona, e molti altri. Gli interventi di messa in sicurezza quindi li abbiamo declinati in diverse tipologie: - piste ciclabili dove ci sono gli spazi per separare le bici dalle auto (è in progettazione avanzata il percorso ciclopedonale di via S. Antonino nel tratto dal confine alla Chiesa e in seguito procederemo con il resto dell’asse stradale, lo stesso dicasi per via Castagnole. Verrà inoltre realizzata la separazione fisica delle ciclabili di viale Europa a protezione degli studenti) - moderazione del traffico dove non ci sono gli spazi. Fino ad ora sono state realizzate più di 50 piastre rialzate lungo la viabilità sia secondaria che principale con grande soddisfazione dei cittadini che continuano a chiederci di realizzarne altre a protezione delle strade dove le velocità veicolari purtroppo sono eccesive. - messa in sicurezza e fluidificazione di intersezioni: ad esempio stiamo progettando la rotatoria tra via Zanella e via Brigata Marche, stiamo allargando l’intersezione tra via Bernardi e la Noalese.

8

- realizzazione di zone residenziali, cioè zone in cui vigono particolari regole di circolazione: limite di velocità 30 km/h e precedenza a bici e pedoni anche e soprattutto in assenza di marciapiedi. Ne abbiamo già realizzate in molti

Mario Conte Sindaco di Treviso

ambiti della città: via Saccardo e strade laterali nel quartiere di S. Zeno, via D’Azeglio e laterali a nord del Put, via Amalfi e via Genova a nord di viale della Repubblica e il comparto di strade laterali sud di via Ellero. In questi ambiti i pedoni, le bici e i residenti sono i protagonisti e gli altri veicoli possono entrare ma rispettando la precedenza a queste componenti. Un particolare cenno va fatto alla eccezionale situazione che ci siamo trovati a gestire nell’ultimo anno. Il covid ha portato una riduzione degli spostamenti in auto e l’opportunità di sfruttare gli spazi urbani per offrirli alle persone e non più alle auto. Ormai parlare di viabilità è riduttivo. Bisogna parlare di mobilità delle persone e non di viabilità per i veicoli. Ed è per questo che rivestono una particolare importanza tutti gli interventi che pur non concretizzandosi con nuove infrastrutture stradali offrono nuove opportunità per migliorare il modo di spostarsi. Un esempio è l’attenzione per la mobilità elettrica: l’Amministrazione da tempo offre la sosta gratuita negli stalli di sosta a pagamento per i veicoli elettrici e.5 ibridi plug in e, grazie al piano delle colonnine di ricarica per veicoli elettrici, sono già state installate nel nostro territorio 36 colonnine e presto arriveremo a 44. E poi c’è la Ciclopolitana a me particolarmente cara: la rete delle principali ciclabili esistenti con la relativa segnaletica, in corso di attuazione. D. Come si caratterizza l’azione della sua giunta in tema di mobilità, intesa a 360º, nel territorio comunale? R. Il progetto più ambizioso di questa amministrazìone è i l PUMS. Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è


un piano strategico di lungo periodo (10 anni) che nasce per soddisfare i bisogni di mobilità delle persone al fine di migliorare la qualità della vita in città nel medio - lungo termine. Il PUMS interviene su tutte le forme di trasporto, pubbliche e private, passeggeri e merci, motorizzate e non motorizzate, di circolazione e sosta ed ha lo scopo di migliorare e rendere più efficiente la mobilità delle persone in modo sostenibile sia in termini ambientali che economici e sociali. Ormai stiamo arrivando alla proposta definitiva di piano con la definizione di più di 50 interventi che riguardano: la messa in sicurezza dei punti più pericolosi, la fluidificazione del traffico e la rifunzionalizzazione di assi stradali critici (come viale della Repubblica) - la previsione di alcuni nuovi collegamenti stradali; - I’ampliamento della ciclopolitana; - la realizzazione di alcuni nuovi collegamenti ciclabili strategici; - l’individuazione deglì interventi finalizzati al miglioramento del trasporto pubblico per renderlo una valida alternativa all’uso dell’auto privata. Oggi, a Treviso, il trasporto pubblico viene usato praticamente solo da studenti, anziani e chi non ha un’auto a disposizione. Vogliamo cambiare questo paradigma e offrire un servizio competitivo; - il miglioramento dell’accessibilità alle scuole con la messa in sicurezza dei percorsi ciclabili e la riorganizzazione delle aree di salita e discesa degli studenti dai bus. - la definizione di aree di carico e scarico merci per le cargo bike in modo da sviluppare sempre più questo tipo di trasporto merci in città; il ridisegno del bike sharing di Treviso, rinnovando il sistema esistente ed integrandolo con uno free floating; la possibilità di ampliare il panorama della mobilità urbana con la micromobilìtà (monopattini in sharing) la riqualificazione di alcune aree e il riassetto della sosta in centro in modo da dare più spazio ai pedoni soprattutto nelle vie dello shopping e più respiro alla sosta dei residenti dove è opportuno eliminare il traffico di attraversamento del centro storico. Trovare insomma un equilibrio tra le componenti apparentemente in contrasto (ad esempio le difficoltà per la sosta dei residenti e la necessità di garantire l’accessibilità alla città per gli utenti di servizi e attività commerciali. Il piano sarà pronto a breve e, una volta adottato, sarà pubblicato per 60 giorni per la raccolta delle osservazioni da parte di tutti. Ci stiamo

lavorando da quasi 2 anni fino a che il Covid ha rallentate alcune attività) nel corso dei quali ci sono stati diversi momenti di partecipazione con i portatori di interesse e con i cittadini. Siamo arrivati alla definizione di un piano ‹davvero interessante e soprattutto realizzabile e sostenibile perché punta a proporre opere essenziali e interventi efficaci ed efficienti. Lo scopo è fare di Treviso nei prossimi 10 anni a venire una città dove si viva sempre meglio e ciò deve valere sia per i cittadini residenti che per gli utenti della città in modo da darle nuova vita. In sintesi gli obiettivi del piano sono: - Accessibilità (possibilità per tutti di raggiungere ogni servizio e ogni luogo in modo agevole) - Sicurezza stradale (riduzione dell’incidentalità) - Tutela ambientale (incentivando l’uso dei modi di trasporto sostenibili e riducendo i fenomeni di congestione del traffico) - Qualità della vita (la città che vogliamo è più accogliente ed inclusiva per tutti. Dare ordine e qualità allo spazio urbano ha un valore non solo viabilistico ma anche e soprattutto sociale e di conseguenza economico) Contiamo di approvare il piano nei prossimi mesi e poi daremo il via all’attuazione degli interventi. Alcuni interventi li stiamo già approntando. D. Sempre in tema di mobilità, qual è l’argomento che le sta più “a cuore” da quando è Sindaco? R. La ciclabilità. Treviso è la seconda città in Italia per uso della bicicletta e la bici fa parte del nostro dna, tutti vanno in bicicletta perché in un territorio come il nostro è comodo, veloce, pratico, sano ed economico. Credo che proprio la bici sia il mezzo che può dare una svolta per la riduzione dell’uso dell’auto per gli spostamenti interni al Comune. Una grande quota di spostamenti che hanno origine e destinazione interna al nostro territorio comunale hanno una lunghezza inferiore a 3km: questo ci fa capire che una gran parte di questi può essere svolta in bici. Quello che noi come amministratori dobbiamo fare è creare le condizioni per rendere questo processo fattibile in breve tempo, Come? Creando percorsi ciclabili veloci e sicuri dove c’è spazio per farli, intervenendo con la moderazione delle velocità veicolari dove non c’è spazio da riservare esclusivamente alle bici, educando i ragazzi e

9


tutti i cittadini alla consapevolezza che in bici a Treviso si può andare praticamente dappertutto, perché le distanze sono contenute e tutto è connesso. Questo è proprio l’obiettivo della Ciclopolitana: rendere evidente che le nostre ciclabili, nonostante i loro limiti e difetti, legatì perlopiù dalla carenza di spazio e dalla presenza lungo le strade di attività, passi carrai, parcheggi, ecc ecc, sono una vera rete: spesso la distanza tra il nostro punto di partenza e la nostra destinazione è a portata di bici, o addirittura di piedi. Basta rendersene conto e provare a lasciare a casa l’auto. L’altro aspetto interessante della mobilità ciclabile che può offrire enormi opportunità al nostro territorio è ìl cicloturismo.

10

Abbiamo recentemente ottenuto un finanziamento molto cospicuo per la progettazione del PARFUM: un circuito ciclabile di collegamento lungo i fiumi ed i parchi naturali di Treviso finalizzato al potenziamento dell’attrattività della nostra città in termini di cicloturismo legato non solo allo sport ma anche a natura e biodiversità, enogastronomia, arte e cultura. L’obiettivo è quello di fare della città di Treviso un polo attrattore per un turismo di qualità, basato sulla valorizzazione del territorio e delle tradizioni, il rispetto per l’ambiente naturale ed il benessere della persona. Il circuito collega i percorsi ciclabìlì esistenti di rilevanza nazionale e comunitaria (percorso Monaco - Venezia, percorso Torino - Venezia e percorso Treviso - Ostiglia) con i parchi naturali del nostro territorio (parco del Sile e parco dellp Storga), gli altri siti naturalistici di rilevante valore ambientale (area naturalistica del Botteniga, laghetti, ecc), le attrazioni culturali e artistiche del centro storico (museì civici, esposizioni, manifestazioni, ecc), offrendo la possibilità di scoprire le delizie dei nostri prodotti enogastronimici e le eccellenze della nostra terra (radicchìo, asparago, Prosecco, ecc), e di partecipare agli eventi sportivi più interessanti (Gran Fondo Pinarello, Giro l’Italia, Campionati di rugby ecc). Il percorso così costruito attrarrà nuovi investimenti nel settore della ristorazione e alberghiero (bici- hotel...), servizi per il cicloturistno (noleggio bici, agenzie viaggi specializzate, servizi navetta per biketour, aree attrezzate, negozi abbigliamento sporii », negozi di biciclette. . .), per lo sport (ciclismo, canottaggio, tennis, ecc), e offrirà l’opportunità di concretre sinergie tra il settore del turismo, dello sport, agroalimentare. dell’enogastronomia e ricettivo in generale, del benessere della persona, della cultura e dell’arte. Stiamo dando il via alle progettazioni e a breve creeremo una cabina di regia per definire strategie, azioni e obiettivi operativi. In seguito, mediante una call pubblica verrà creato un

tavolo di confronto per raccogliere idee e proposte dal settore sia pubblico che privato e ampliare così i beneficiari. D. In ultimo. Quali sono i progetti nell’immediato futuro? R. Ecco le principali opere da realizzare per una mobilità sempre migliore nella città di Treviso: • Rotatorie da Pino su viale della Repubblica; • Rotatoria tra via Zanella e vìale Brigata Marche; • Ciclabile di collegamento tra Selvana e Fiera; • Protezione pista ciclabile viale Europa (è in corpo la progettazione esecutiva) lnterventì più semplici: • Mini rotatoria tra via Zermanese e via del Mozzato, oltre ad altri interventi di moderazione del traffico e messa in sicurezza (LLPP) della viabilità. Grazie Sindaco Conte. Buon lavoro!

A cura della redazione di Aci Treviso Informa

NUOVA PARTNERSHIP CON MGM GESTIONE SINISTRI DEDICATA AI SOCI ACI TREVISO ED AI LORO FAMILIARI • Nessuna spesa di consulenza per tutta la fase stragiudiziale fino alla chiusura del sinistro • Assistenza legale in caso di necessità Struttura di professionisti a Vostra disposizione in loco: Per informazioni o necessità: Tel. 338 4817993, comunicando il proprio numero di tessera ACI MGM Sviluppo S.r.l. Viale IV Novembre, 100 - 31100 Treviso (TV) Tel. 0422 1723040 - info@mgmsviluppo.it


PRATICHE AUTO E RINNOVO PATENTI Presso Aci Treviso trovi la soluzione a tutti i tuoi problemi. Il nostro personale qualificato ti aiuterà in ogni tua esigenza. Orario continuato - dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.00. PER INFO

Automobile Club Treviso Viale Verdi 23/C - 31100 - Treviso - T. 0422 547801 - 56070 www.treviso.aci.it - praticheauto@acitv.it


Sport Automobilistico 12

Nelle foto un’immagine dell’ultima edizione 2019 del Rally della Marca

Rally della Marca 2021 Tanta voglia di stupire Importanti novità per il 37° Rally della Marca, in programma tra venerdì 9 e sabato 10 luglio 2021. In prima battuta c’è da segnalare un cambio “epocale” al vertice del comitato organizzatore, perché i coniugi Gigi ed Elena Brunetta dopo tre lustri di appassionata gestione hanno ceduto le cariche sportive al nuovo Motor Group guidato da Giacomo Fumei e il brand commerciale a Giandomenico Basso e Francesco Stefan. “Un passaggio di consegne in buonissime mani - sottolinea brunetta - capaci di dare un futuro certo e ulteriore vigore alla corsa creata nell’ormai lontano 1983 dal compianto gianni pelliccioni, mitico direttore dell’automobile club treviso”. In secondo luogo, lo spostamento della base operativa da Montebelluna (2019) a Conegliano rappresenta un ritorno quasi alle origini della corsa (le uniche due edizioni in riva al Monticano furono quelle del 1984 e 1986) e un incremento di visibilità per il Prosecco di Vonegliano Valdobbiadene, lungo la dorsale che unisce le capitali del marchio docg, territorio riconosciuto come patrimonio Unesco.

Nelle foto i vincitori della edizione 2019 Luca Pedersoli - Anna Tomasi nostri licenziati Aci Sport. Complimenti!

Novità anche per quanto riguarda l’articolazione delle prove speciali, con il succulento antipasto di “Monte Cesen” da quasi 18 km al crepuscolo di venerdì 9 luglio. Poche gare quest’anno, ancora condizionato dal “format covid”, potranno offrire percorsi dipanati su due giorni. L’indomani, sabato 10 luglio, previsti due giri su “Monte Tomba”, “Monte cesen” e “Arfanta”, con rientro a conegliano per la cerimonia di premiazione. Facendo debiti scongiuri, l’auspicio degli organizzatori è che il pubblico possa tornare a godersi la splendida sfida valida per il campionato italiano wrc.

A cura della redazione di Aci Treviso Informa


Sport Automobilistico

Nelle foto alcuni momenti dell’edizione 2020 de La Marca Classica

La Marca Classica 2021 Regolarità Classica Aci Treviso si sta preparando alla edizione 2021 de La Marca classica, che si svolgerà il 25 e 26 settembre prossimi. La conferma,per il 2021, di validità di campionato italiano di categoria è il miglior messaggio per l’ottimo lavoro effettuato dallo staff organizzativo della edizione 2020. Molte le novità per il 2021, alla scoperta di nuovi itinerari che un territorio magico, come la Marca trevigiana, sa restituire agli appassionati della specialità delle auto storiche. Vi aspettiamo a settembre per vivere insieme le bellezze e le eccellenze della Marca! Nella foto a lato, l’equipaggio Beni - Tomasi al 3° posto nella classifica di media all’ultima Winterace svoltasi a Cortina il 5 e 6 marzo scorsi. Un ottimo risultato per il nostro Presidente con una navigatrice di eccezione! Un ringraziamento alla polizia locale di Treviso, nella foto con il Presidente Beni e il Vice Presidente Torcellan, per il fondamentale supporto assicurato durante la scorsa edizione.

13


Musica e dischi

Francesca Michielin FEAT “Feat - Stato di natura”, l’album uscito l’anno scorso in pieno lockdown, era il manifesto della sua versatilità. Un progetto coerente nella sua incoerenza, con un messaggio di base netto: “Oggi nella musica le etichette di genere non esistono più”. È riuscita a far convivere in un unico disco Gazzè e Charlie Charles, Giorgio Poi e Shiva, i Maneskin e Carl Brave, spaziando dal pop all’indie, dall’urban alla trap, dal cantautorato al rock. Al progetto vanno ad aggiungersi ora nuovi episodi, che lo arricchiscono. “Fuori dagli spazi”, il repack sanremese del disco, parte con “Chiamami per nome”, il duetto con Fedez nato dopo il lockdown, quando la cantautrice veneta e il rapper milanese - duo da 8 Dischi di platino con “Cigno nero” e “Magnifico”, tra il 2013 e il 2014 - si sono ritrovati in studio dopo una diretta su Instagram e hanno ricominciato a cantare insieme. Alla scrittura del brano hanno partecipato anche Mahmood (già autore per la Michielin di “Cheyenne”, il singolo che nell’autunno del 2019 diede ufficialmente il “la” a “Feat”), Dargen D’Amico, Davide Simonetta e Alessandro Raina.

14

C’è poi “Cattive stelle”, il singolo con Vasco Brondi uscito prima del Festival di Sanremo: “Da quando ci siamo visti la prima volta, circa sei anni fa, ci siamo trovati subito e abbiamo coltivato negli anni l’idea di trovare il brano perfetto per lavorare assieme. E ancora: il duetto con Colapesce su “Pole position” e quello con Mecna su “Se fossi”. Il rapper, vero nome Corrado Grilli, nella vita fa anche il grafico. Porta proprio la firma di Mecna la copertina del repack, che ritrae Francesca Michielin come una supereroina o una giovane fata: “Da piccola non ho mai colorato dentro agli spazi. Usavo pennarelli di qualsiasi sfumatura, anche quelli che stavano finendo, perché davano un’idea ‘vissuta’ all’insieme. A undici anni ho

iniziato a disegnare manga, e un po’ anche a sentirmi un manga, precisamente una ninja, era per me un modo per affrontare la realtà che spesso mi sembrava difficilissima - spiega lei la forza me l’hanno data sempre la fantasia e gli incontri, incontri di persone diversissime da me. Mi hanno ispirata a cercare dentro di me punti di contatto ma anche di scontro. Perché la diversità è sorpresa, è ricchezza, è confronto. E la diversità accende, appunto, la fantasia. Volevo celebrare la collettività, che è eterogenea per definizione, una collettività “fuori dagli spazi”, perché ora che la musica sta riprendendo lentamente i suoi spazi sonori, questo titolo di unioni, di feat, vuole essere un augurio a uscire dalla comfort zone, dai muri di casa, a ritrovarci e abbracciarci presto”.

A cura della redazione di Aci Treviso Informa TRACKLIST 01. CHIAMAMI PER NOME 02. CATTIVE STELLE - feat. Vasco Brondi 03. MONOLOCALE - feat. Fabri Fibra 04. YO NO TENGO NADA - feat. Dardust feat. Elisa 05. SE FOSSI - feat. Mecna 06. STAR TREK - feat. Carl Brave 07. CHEYENNE - feat. Charlie Charles 08. POLE POSITION - feat. Colapesce 09. SPOSERÒ UN ALBERO - feat. Gemitaiz 10. LA VIE ENSEMBLE - feat. Max Gazzè 11. ACQUA E SAPONE - feat. Takagi & Ketra Fred De Palma 12. LEONI - feat. Giorgio Poi 13. GANGE - feat. Shiva 14. RISERVA NATURALE - feat. Coma_Cose 15. STATO DI NATURA - feat. Måneskin


CON ACI GOLD

servizi nuovi e più ricchi !!!

BOLLO SICURO

ACI paga il bollo* per te e ti manda la ricevuta a casa * È un servizio offerto ai Soci dell’Automobile Club Treviso

CON ACI GOLD E ACI SISTEMA servizi nuovi e più ricchi !!!

PATENTE BLINDATA

All’Automobile Club Treviso il CORSO RECUPERO PUNTI è RIMBORSATO* ! * il rimborso totale di un CORSO DI RECUPERO PUNTI (come previsto dall’art. 126 bis Codice della Strada) per coloro che attiveranno o rinnoveranno l’associazione.


SARADANAIO Scegli il risparmio che parla al futuro.

Sara Vita, come te, pensa al domani e ti offre due piani di risparmio per poter realizzare i tuoi desideri o quelli di chi ami. Saradanaio ti permette, con versamenti periodici mese per mese, di costruire un capitale sicuro attraverso una Gestione Separata dedicata. Saradanaio Bi-Fuel, invece, è il tuo piano di risparmio dalla doppia potenza! Il capitale che accumulerai nel tempo verrà investito sia in Fondi Interni, che permettono di cogliere le opportunità dei mercati finanziari, sia in una Gestione Separata dedicata. Saradanaio Bi-Fuel ti aiuterà a far crescere i tuoi risparmi scegliendo, in ragione della tua propensione al rischio, tra diverse linee di investimento (dalla più prudente alla più evoluta).

Qualunque sia il tuo progetto, con Sara Vita il tuo domani prende forma.

Prima della sottoscrizione leggere il set informativo disponibile in agenzia e su sara.it

Per i Soci condizioni speciali: chiedi in agenzia


Pensare al futuro di una persona cara - sia essa un figlio, un nipote, un congiunto o una qualsiasi altra persona non legata da vincoli di parentela - è un’esigenza che sta crescendo nel tempo e si innesta in un contesto socio-economico spesso caratterizzato da dinamiche contrapposte: a crescenti riduzioni delle tutele pubbliche e difficoltà nel trovare stabilità lavorativa, si affianca una costante salita dello stock della ricchezza finanziaria detenuta dalle famiglie italiane. Tutti gli operatori attivi nella gestione del risparmio si trovano da tempo a operare in un contesto economico repentinamente e drammaticamente mutato a seguito della crisi sanitaria scatenata dalla pandemia, riconducibile alla comparsa del Covid-19. Nonostante le decisioni di politica monetaria espansionistica prese a livello europeo e mondiale, la situazione finanziaria resta caratterizzata da una crescente incertezza, che ha avuto e sta avendo ripercussioni sulle scelte di consumo e di risparmio delle famiglie. Da sempre le famiglie italiane si contraddistinguono per la loro elevata capacità di risparmio, tendenza che in momenti di crisi come quello che stiamo vivendo viene peraltro amplificata: questa peculiarità non viene spesso però accompagnato dalla capacità di scegliere tra le varie soluzioni di investimento presenti sul mercato del risparmio, ognuna con caratteristiche differenti in termini di rischiosità, di rendimenti attesi e di orizzonte temporale di

Assicurazioni

L’offerta al passo con i tempi di Sara Vita riferimento. Il risultato è quello di veder crescere a dismisura il livello della liquidità presente sui conti correnti. Quanto sopra è del resto confermato dalle evidenze pubblicate, ad esempio, nel recente “L’assicurazione italiana 2019-2020” di ANIA, documento in cui si evidenzia come, a fronte di un generale rallentamento nella crescita del reddito disponibile delle famiglie italiane nel 2019 rispetto a quanto registrato nel 2018 (in termini reali 0,6% vs 0,8%), si registra un aumento della propensione al risparmio (7,7% vs 7,5%) delle stesse, che ha portato lo stock totale delle attività finanziarie detenute dalle stesse a circa 4.440 mld di Euro, di cui la quota più elevata (un terzo dell’intero ammontare) risulta “parcheggiata” in strumenti liquidi, spesso infruttuosi. L’utilizzo più appropriato di questa elevata liquidità secondo logiche di necessaria diversificazione tra le opportunità offerte dal mercato, nella consapevolezza di una continua personalizzazione del giusto mix tra rischio e rendimento, è oggi alla base del supporto consulenziale offerto dai diversi professionisti operanti nel mondo delle polizze Vita, che ben si coniuga con la crescente esigenza di tutela, tipica del settore assicurativo. Sara Vita dispone di un catalogo prodotti che abbraccia tutta la principale offerta presente oggi sul mercato, capace di soddisfare le fondamentali esigenze assicurative della famiglia italiana attraverso l’opera di consulenza dei suoi Agenti dislocati su tutto il territorio nazionale.

I prodotti di tutela di Sara Vita comprendono sia le classiche polizze Temporanee con prestazione erogabile solo in caso di decesso dell’assicurato (per qualunque causa, compreso il Covid 19) sia forme più innovative che prevedono, in alternativa laddove il decesso non sia avvenuto, la restituzione dei premi pagati alla scadenza del contratto. Queste forme di tutela sono adatte per scongiurare difficoltà economiche al venir meno del principale percettore di reddito nella famiglia e spesso consentono, mediante una piccola spesa annua, di affrontare “il non si sa mai” in modo più razionale e di destinare le ulteriori disponibilità finanziarie in modo maggiormente fruttuoso. 17


Il principale prodotto di investimento di Sara Vita è Money Up, un prodotto a premio unico con prevede anche la possibilità di poter effettuare versamenti aggiuntivi nel corso del contratto. Si caratterizza come uno strumento molto sicuro attraverso la garanzia finanziaria di restituzione del capitale investito e consente la crescita costante dello stesso anno per anno a seguito dei rendimenti riconosciuti dalla Gestione Separata Fondo Più cui è collegato. L’offerta nell’ambito del risparmio garantito e sicuro è rappresentata dal prodotto Saradanaio, un prodotto a premi periodici pagabili a scelta del cliente anche mensilmente con addebito diretto in Banca, la cui prestazione alla scadenza del piano di versamenti dipendente sia dai rendimenti della Gestione Separata Fondo Più sia dai bonus di fedeltà riconosciuti nel corso del contratto. Il prodotto prevede, inoltre, delle prestazioni accessorie sia in caso di decesso dell’assicurato sia in caso di riconoscimento della sua invalidità. Ad arricchire l’offerta dedicata alle esigenze di investimento e risparmio delle famiglie è presente la gamma di prodotti “Bi-Fuel”, prodotti che si caratterizzano per la presenza di soluzioni a maggior contenuto finanziario, che hanno l’obiettivo di rispondere alle esigenze della clientela alla ricerca di un giusto mix tra la sicurezza e la redditività. In questo ambito l’offerta di Sara Vita presenta Sara Bi-Fuel, Saradanaio Bi-Fuel, Sara Bi Fuel-PIR (prodotto agevolato fiscalmente dalla normativa vigente). Completa la gamma di offerta di Sara Vita, la soluzione previdenziale Libero Domani, che gode degli interessanti benefici fiscali (sia nella fase di versamento dei contributi che in quella di erogazione delle prestazioni): si caratterizza per l’estrema flessibilità nei versamenti, per la possibilità di arricchire la prestazione con una maggiore copertura in caso di decesso dell’aderente e per la sicurezza, essendo collegata alla Gestione Separata Futuro & Previdenza, Gestione appositamente costituita per le forme di previdenza della Società.

Versamento dei contributi che in quella di erogazione delle prestazioni): si caratterizza per l’estrema flessibilità nei versamenti, per la possibilità di arricchire la prestazione con una maggiore copertura in caso di decesso dell’aderente e per la sicurezza, essendo collegata alla Gestione Separata Futuro & Previdenza, Gestione appositamente costituita per le forme di previdenza della Società. L’offerta di Sara Vita si presenta quindi completa e rispondente alle esigenze delle fami-

glie italiane, oggi sempre di più alla ricerca di soluzioni che possano coniugare in modo chiaro e semplice la voglia di sicurezza e di rendimento. Il supporto degli Agenti di Sara Vita, presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale, è infine alla base dell’attività fondamentale di consulenza professionale che quotidianamente consente ai clienti di comprendere e apprezzare nel dettaglio le caratteristiche dei diversi prodotti a catalogo e di individuare quelli più adatti alle proprie specifiche necessità.

Di seguito, in estrema sintesi, le agevolazioni previste per i Soci ACI: • Saratutelavita (se abbinata alla Garanzia Infortuni): capitale caso morte triplicato se l’assicurato muore per incidente stradale • Money Up e Saradanaio: maggior rivalutazione delle prestazioni (*) • Sara Bi-Fuel e Sara Bi-Fuel PIR: riduzione dei caricamenti applicati al premio • Saradanaio Bi-Fuel: riduzione dei caricamenti applicati al premio e maggior rivalutazione delle prestazioni (per la sola componente Rivalutabile) (*)

(*) rendimento trattenuto da Sara Vita che passa da 1,3% all’1,2%

18

Agenzie SARA in provincia Treviso - Viale Verdi 23D - ag5530@saraagenzie.it; Conegliano - Via Maggiore G. Piovesana 118 - ag5531@saraagenzie.it


Fronteggiare tempestivamente il fabbisogno di liquidità delle imprese, per garantirne la continuità produttiva, e mettersi a fianco delle famiglie per dare loro sostegno e sicurezza. Con questi obiettivi CentroMarca Banca Credito Cooperativo di Treviso e Venezia ha operato attivamente, durante quest’ultimo anno caratterizzato da un’emergenza senza precedenti, mettendo in luce il suo alto valore mutualistico e sociale. Fin dall’inizio della pandemia ha attivato una task-force per soddisfare le necessità del territorio. Ha provveduto alla sospensione di mutui e di finanziamenti delle famiglie e delle imprese e ha stanziato dei particolari plafond che hanno consentito nuovi finanziamenti per le PMI. CMB è stata inoltre Banca apripista di Treviso Fund, iniziativa premiata a Firenze nell’ambito del Festival dell’Economia Civile, e si è messa a disposizione delle piccole e medie imprese che, attraverso il coinvolgimento dei comuni nelle aree di competenza, sono riuscite ad ottenere particolari agevolazioni di finanziamento.

Collaborazioni

Centromarca Banca, Sinergia con il territorio e sostegno concreto alla comunità “CMB è una Banca locale, molto attenta alle tematiche sociali e al sostegno del proprio territorio. Grazie ai risultati economici che l’Istituto ha conseguito nel corso degli anni possiamo e vogliamo continuare a dare il nostro supporto a famiglie ed imprese” - commenta il Direttore Generale di CMB Claudio Alessandrini”. In uno scenario di emergenza CMB, in coerenza con l’identità mutualistica di Banca locale, ha confermato il suo valore cooperativo legato allo sviluppo e al sostegno del “terzo settore”. Ha supportato il mondo della cultura, della solidarietà, della sanità; le attività sportive, la ricerca, il settore dell’istruzione, l’ambiente e, non ultimo, ha attivato, attraverso la sua Fondazione CMB, dei crowdfunding sociali, a favore degli ospedali e delle Caritas di Treviso e Venezia che hanno coinvolto migliaia di cittadini.

“Siamo una Banca di valori che genera valore, diventando espressione diretta di quella comunità che in noi si identifica e a cui si affida da 130 anni” conclude il Presidente di CentroMarca Banca Tiziano Cenedese.

Nella foto il Presidente Tiziano Cenedese e il Direttore Generale Claudio Alessandrini 19


Mobilità ambientale

I veicoli elettrici ed ibridi in Provincia di Treviso Fin poco tempo, fa chi si accingeva ad acquistare un’auto, oltre naturalmente a fattori come la marca, l’estetica, il prezzo, dal punto di vista tecnico del funzionamento del motore aveva pochi, ma consolidati nel tempo, punti fermi: motore ciclo “otto”, alimentato a benzina, motore ciclo “diesel” alimentato a gasolio, qualche possibilità in più per i motori a benzina, con interventi meccanici sul propulsore a cura di aziende specializzate, per ottenere la doppia alimentazione a GPL oppure a Gas Metano. Il tutto comunque era estremamente rassicurante, in quanto le modalità di guida e gestione del veicolo, al di là di combustibili diversi e poco altro, erano alla portata di tutti, e come

detto molto costanti e standardizzate nel tempo.

20

Ora le cose sono completamente diverse. Ed aggiungiamo l’estrema velocità temporale in cui questa affermazione è diventata realtà. Per rendersene conto, basta osservare in modo diverso le incessanti pubblicità che tutte le case automobilistiche fanno veicolare quotidianamente sui principali mass media, tv, giornali, social network, smartphone, ecc : termini come mild hybrid, plug-in, frenata rigenerante, emissioni di CO2, motori asincroni, adas, guida assistita 2° livello, wallbox, pacco batterie, e tanti altri sono entrati nella nostra quotidianità di automobilisti, tanto da immaginare non più semplicissima la scelta di una propulsione, anche in relazione ad incentivi statali di “spessore” (migliaia di euro in media) tali da condizionare queste nostre scelte. Senza entrare troppo nel dettaglio di queste innovazioni tecnologiche, ancora più sconcertanti perché si stanno succedendo a ritmi estremamente veloci, in questo articolo ci soffermiamo brevemente sulle nuove tipologie di

propulsione disponibili sul mercato, ed analizziamo la loro diffusione statistica nei Comuni della Provincia di Treviso con dati (archivio ACI-PRA) al 31 dicembre del 2020, quindi con dati molto recenti. Ho estratto poi gli stessi dati per alimentazione, suddivisi per le Provincie delle Regione Veneto, sempre al 31 dicembre 2020. I veicoli con alimentazioni “anche” elettrica si possono suddividere nelle seguenti categorie: 1) Veicoli con propulsione MILD-HYBRID: è la soglia d’ingresso dell’elettrificazione di un propulsore e tecnicamente è molto semplice, al posto dell’alternatore è presente un moto-generatore collegato con una cinghia al propulsore tradizionale (che può essere sia diesel sia

a benzina), durante le decelerazioni e nelle frenate recupera l’energia cinetica e l’accumula in una piccola batteria, questa energia poi viene riutilizzata per “assistere” soprattutto in accelerazione tramite un’aggiunta di coppia il motore tradizionale. Non è possibile con questa soluzione la marcia totalmente elettrica. La soluzione è molto economica e tecnicamente semplice, il risultato è normalmente un consumo ridotto di combustibile ed una diminuzione delle emissioni di CO2. 2) Veicoli con propulsione PLUG-IN HYBRID: il motore termico è supportato da un altro (o più di uno) motore elettrico, alimentato da una batteria di media capacità ricaricabile anche da una presa di corrente esterna. Questa tecnologia, ed in base alla capacità della batteria (misurata in Kwh) collocata a bordo, consente di percorrere di norma fino a 75 Km in modalità di marcia totalmente elettrica e quindi a zero emissioni, in base allo stile di guida e alla richiesta di potenza. A batteria scarica, l’auto “ritorna” una normale vettura alimentata esclusivamente dal motore termico.


3) Veicoli con propulsione FULL HYBRID: I due motori (termico ed elettrico) possono funzionare sia da soli oppure in sinergia tra loro (il tutto gestito da efficientissime centraline elettroniche), non è necessaria nessuna ricarica esterna in quanto il sistema provvede a ricaricare autonomamente la batteria sfruttando il surplus di potenza fornita dal motore termico in determinate condizioni o tramite la frenata rigenerativa. 4) Veicoli con propulsione ELETTRICA: in questo caso nessun “ibrido”, il propulsore è esclusivamente elettrico (uno o più motori elettrici, a seconda della potenza disponibile e dell’eventuale trazione a quattro ruote motrici) ed è alimentato da una batteria con (questa volta) grande capacità di accumulo di energia, poiché è proprio la disponibilità di energia, oltre all’efficienza del sistema complessivo di propulsione, che determina l’autonomia del veicolo, vero “punto di caduta” di questa categoria, anche alla luce di una ancora non capillare presenza sul territorio delle colonnine pubbliche di ricarica, con tensioni erogate tanto più elevate quanto più ridotto deve diventare il tempo di inutilizzo del veicolo per ricaricare le batterie (si va dai 2,3 Kwh della presa casalinga con tempi di ore per ricaricare la batteria fino ai 150 Kwh delle colonnine a corrente continua di nuova generazione che consentono di caricare centinaia di Km in qualche decina di minuti. Fin qui una breve guida delle novità tecnologiche ormai presenti in tutti i listini di tutte le marche automobilistiche. Vediamo ora se e come queste novità hanno condizionato il mercato del parco circolante nei Comuni della Provincia di

Treviso (per i dettagli vedere TABELLA 1). In complesso, fino al 31 dicembre 2020 circolavano nell’intera Provincia 972 auto completamente elettriche, 9.813 ibride/benzina e 1.107 ibride/gasolio (le classificazioni attuali non permettono di distinguere tra le varie tipologie di ibride, come viste dallo schema precedente). Di per sé, potrebbero non sembrare molte, alla luce dell’intero parco circolante della Provincia che ammonta a 777.466 veicoli (in particolare, la categoria elettriche più ibride coprono solo il 1,52 % del totale), in realtà, proprio perché si tratta di categorie ad alta tecnologia resa disponibile da relativamente poco tempo molto più interessante è il confronto con l’anno precedente (2019): le elettriche nel 2020 sono cresciute del 100 % (da 484 a 972), le ibride benzina del 46 % (da 6.717 a 9.813), le ibride gasolio del 137 % (da 467 a 1.107). E le previsioni per il 2021, se supportate da adeguati incentivi pubblici (nazionali e/o regionali) all’acquisto non potranno che incrementare, di nuovo a due o tre cifre, i dati di vendita. Per la Regione Veneto (vedasi TABELLA 2), in linea di massima l’incidenza percentuale è similare a Treviso (la somma delle elettriche e delle ibride – 65.877 veicoli – rapportata ai 4.203.029 veicoli circolanti ha un’incidenza del 1,56 %), in ITALIA questo valore scende a 1,18 % (totale elettriche e ibride 627.313 complessivo circolante 52.750.339).

Alessandro Trifirò ACI – Direzione Sistemi Informativi ed Innovazione

TABELLA 1 TREVISO E PROVINCIA - Veicoli circolanti al 31/12/2020 suddivisi per Alimentazione BENZ

B/GPL

B/MET

B/OLIO ELETTR GASOL

IBRIDO GPL BENZINA/ ELETTRICO

IBRIDO GASOLIO/ ELETTRICO

METANO

MISCELA NON DEFINITO

NON ALIMENTATI

TOTALE

ALTIVOLE

1.882

311

84

26

7

2.696

13

48

7

19

70

27

1.560

6.750

ARCADE

1.147

241

21

9

3

1.530

7

38

4

12

54

13

808

3.887

ASOLO

2.312

335

75

22

13

3.431

17

73

15

25

95

136

1.847

8.396

BORSO DEL GRAPPA

1.470

236

60

28

3

2.150

6

37

11

15

106

21

1.250

5.393

BREDA DI PIAVE

1.880

484

111

31

4

2.799

18

80

5

41

62

103

1.379

6.997

CAERANO DI SAN MARCO

2.064

357

164

20

11

2.691

18

64

7

41

69

113

1.546

7.165

CAPPELLA MAGGIORE

1.262

135

29

21

6

1.473

7

53

7

7

61

16

895

3.972

CARBONERA

3.049

719

221

44

15

3.186

15

143

6

80

89

27

1.761

9.355

CASALE SUL SILE

3.518

767

133

36

11

4.224

22

128

18

37

98

41

1.875

10.908

CASIER

3.303

645

126

24

10

3.421

24

159

13

32

99

30

1.612

9.498

CASTELCUCCO

618

65

11

12

1

793

2

12

4

4

47

11

529

2.109

CASTELFRANCO VENETO

9.044

1.388

368

69

59

11.137

47

397

61

161

293

272

6.442

29.738

CASTELLO DI GODEGO

1.769

260

72

12

7

2.539

12

81

9

28

66

71

1.308

6.234

21


TABELLA 1 TREVISO E PROVINCIA - Veicoli circolanti al 31/12/2020 suddivisi per Alimentazione

22

BENZ

B/GPL

B/MET

B/OLIO ELETTR GASOL

IBRIDO GPL BENZINA/ ELETTRICO

IBRIDO GASOLIO/ ELETTRICO

METANO

MISCELA NON DEFINITO

NON ALIMENTATI

TOTALE

CAVASO DEL TOMBA

710

110

16

18

1

1.054

3

36

6

5

49

50

703

2.761

CESSALTO

767

154

38

8

-

1.374

9

22

4

6

34

14

744

3.174

CHIARANO

827

160

28

7

3

1.333

10

13

4

10

25

34

562

3.016

CIMADOLMO

731

119

20

14

4

1.568

5

32

1

10

33

277

744

3.558

CISON DI VALMARINO

706

88

23

4

-

889

5

16

1

3

27

5

621

2.388

CODOGNE'

1.218

187

30

14

3

2.066

9

39

10

14

51

32

1.096

4.769

COLLE UMBERTO

1.464

182

41

26

5

1.870

6

69

8

10

68

39

990

4.778

CONEGLIANO

8.982

1.202

250

94

38

11.077

58

447

107

126

396

188

6.056

29.021

CORDIGNANO

1.800

215

29

23

2

2.438

15

74

6

10

150

49

1.337

6.148

CORNUDA

1.565

230

72

15

3

2.218

12

67

7

23

59

35

1.343

5.649

CROCETTA DEL MONTELLO

1.641

235

73

23

6

2.092

17

50

8

32

118

29

1.448

5.772

FARRA DI SOLIGO

2.119

273

50

38

16

3.174

9

86

13

23

126

41

1.982

7.950

FOLLINA

881

121

21

16

4

1.236

4

29

4

15

45

5

844

3.225

FONTANELLE

1.223

230

34

19

2

2.267

11

44

4

16

69

40

1.108

5.067

FONTE

1.366

222

36

22

6

2.140

9

30

6

13

47

57

1.280

5.234

FREGONA

782

108

21

8

4

942

2

26

1

10

46

6

598

2.554

GAIARINE

1.387

173

44

20

8

2.243

7

56

11

12

62

36

1.293

5.352

GIAVERA DEL MONTELLO

1.324

243

30

18

9

1.815

9

56

2

4

85

48

1.126

4.769

GODEGA DI SANT'URBANO 1.442

222

38

24

4

2.250

8

54

6

13

72

48

1.233

5.414

GORGO AL MONTICANO

949

185

34

14

2

1.481

7

22

5

14

35

41

781

3.570

ISTRANA

2.268

545

91

23

12

3.154

20

85

8

29

86

112

1.509

7.942

LORIA

2.133

327

98

20

6

3.439

10

65

6

22

93

217

1.919

8.355

MANSUE'

1.230

133

36

26

-

1.911

4

47

6

10

62

68

1.032

4.565

MARENO DI PIAVE

2.434

365

69

29

9

3.586

24

79

16

19

136

59

1.822

8.647

MASER

1.323

234

68

19

10

2.023

5

39

7

22

99

364

1.125

5.338

MASERADA SUL PIAVE

2.332

499

87

31

8

3.109

12

70

9

31

135

26

1.503

7.852

MEDUNA DI LIVENZA

711

86

22

10

5

987

6

27

4

2

29

11

508

2.408

MIANE

897

99

25

16

2

1.159

6

33

1

3

64

8

863

3.176

MOGLIANO VENETO

7.235

1.511

306

53

26

7.589

58

377

29

117

199

65

4.079

21.644

MONASTIER DI TREVISO

1.086

194

79

10

3

1.646

6

62

5

17

34

20

682

3.844

MONFUMO

372

34

7

5

3

493

-

10

2

2

30

3

326

1.287

MONTEBELLUNA

8.543

1.295

338

92

36

9.811

46

581

45

106

374

81

5.963

27.311

MORGANO

1.033

297

42

13

2

1.541

7

43

2

11

61

45

776

3.873

MORIAGO DELLA BATTAGLIA

648

86

18

16

6

996

5

28

6

4

29

31

591

2.464

MOTTA DI LIVENZA

2.395

354

56

28

7

3.985

15

86

6

11

85

151

1.900

9.079

NERVESA DELLA BATTAGLIA

1.793

303

49

24

8

2.770

14

65

8

19

124

226

1.652

7.055

NON DEFINITO TV

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

19

19

ODERZO

5.045

694

204

60

31

7.416

43

249

39

50

191

191

3.349

17.562

ORMELLE

899

219

37

21

4

1.824

17

38

3

9

39

34

799

3.943

ORSAGO

944

140

17

11

2

1.295

5

29

3

9

33

13

718

3.219

PAESE

5.957

1.339

201

57

22

6.860

38

281

21

58

219

160

3.642

18.855

PEDEROBBA

1.910

290

68

25

8

2.588

12

84

10

18

180

48

1.772

7.013

PIEVE DEL GRAPPA

1.585

209

55

20

6

2.449

15

48

8

19

83

21

1.613

6.131

PIEVE DI SOLIGO

3.041

408

103

30

12

4.357

28

104

8

26

141

54

2.514

10.826

PONTE DI PIAVE

1.956

395

99

29

1

3.120

15

69

5

18

45

73

1.365

7.190

PONZANO VENETO

3.626

673

122

36

21

4.277

20

193

15

46

166

73

2.205

11.473


PORTOBUFFOLE'

BENZ

B/GPL

B/MET

B/OLIO ELETTR GASOL

GPL

IBRIDO BENZINA/ ELETTRICO

IBRIDO GASOLIO/ ELETTRICO

METANO

MISCELA NON DEFINITO

NON ALIMENTATI

TOTALE

159

29

9

3

253

-

10

2

2

4

167

647

2

7

POSSAGNO

512

68

8

8

2

1.037

-

13

-

5

47

427

509

2.636

POVEGLIANO

1.307

304

45

17

4

1.760

15

64

4

13

58

21

848

4.460

PREGANZIOL

4.663

1.058

174

33

17

4.754

32

209

11

59

128

60

2.442

13.640

QUINTO DI TREVISO

2.686

582

83

28

6

3.433

20

95

11

26

91

104

1.827

8.992

REFRONTOLO

466

61

15

7

-

703

3

19

2

6

25

3

373

1.683

RESANA

2.378

410

121

17

6

3.364

18

77

9

40

106

72

1.712

8.330

REVINE LAGO

538

85

11

13

2

649

6

9

1

8

46

1

514

1.883

RIESE PIO X

2.901

492

86

25

9

4.046

19

83

7

33

108

180

2.051

10.040

RONCADE

3.694

736

132

39

22

4.558

20

148

26

59

133

71

2.481

12.119

SALGAREDA

1.558

308

78

17

3

2.596

17

50

8

88

53

1.057

1.133

6.966

SAN BIAGIO DI CALLALTA

3.223

708

166

41

10

4.739

23

116

7

33

118

98

2.128

11.410

SAN FIOR

1.924

265

37

35

5

2.997

14

79

4

26

91

127

1.311

6.915

SAN PIETRO DI FELETTO

1.420

176

38

26

6

1.678

3

71

12

16

112

13

1.090

4.661

SAN POLO DI PIAVE

1.062

234

35

19

4

1.996

12

32

6

20

39

63

899

4.421

SANTA LUCIA DI PIAVE

2.312

373

78

26

7

2.961

12

92

15

29

121

33

1.598

7.657

SAN VENDEMIANO

2.765

306

75

32

13

3.832

14

104

17

30

116

37

1.872

9.213

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI

1.679

247

48

13

8

2.738

12

40

13

12

81

62

1.497

6.450

SARMEDE

794

95

19

12

3

986

7

20

1

11

32

8

670

2.658

SEGUSINO

509

75

10

12

2

670

-

18

1

12

33

10

430

1.782

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA

1.525

205

43

22

3

2.283

14

65

4

6

97

65

1.411

5.743

SILEA

2.881

507

120

18

13

3.503

19

148

14

34

88

128

1.740

9.213

SPRESIANO

3.006

595

102

38

22

4.715

20

125

7

115

128

254

1.933

11.060

SUSEGANA

3.544

515

145

26

27

6.563

30

213

28

43

136

340

2.557

14.167

TARZO

1.182

142

34

27

2

1.434

8

24

3

10

62

4

1.032

3.964

TREVIGNANO

2.826

570

90

41

5

3.481

25

122

13

18

129

20

2.046

9.386

TREVISO

22.287

4.258

915

162

115

22.032

168

1.222

118

321

689

292

13.188

65.767

VALDOBBIADENE

2.701

325

51

49

12

3.778

23

99

11

10

193

23

2.494

9.769

VAZZOLA

1.610

213

50

16

9

2.713

14

61

10

14

81

83

1.259

6.133

VEDELAGO

4.179

852

205

42

13

5.430

34

124

13

70

154

82

3.018

14.216

VIDOR

916

112

34

16

4

1.587

2

31

7

5

49

20

798

3.581

VILLORBA

5.767

1.055

209

61

41

6.956

60

273

20

87

158

120

3.387

18.194

VITTORIO VENETO

7.189

890

169

64

28

8.406

39

306

31

74

272

120

5.378

22.966

VOLPAGO DEL MONTELLO

2.777

508

77

36

15

3.422

21

130

6

36

141

111

2.136

9.416

ZENSON DI PIAVE

469

67

19

6

-

597

7

17

2

3

23

6

338

1.554

ZERO BRANCO

2.765

658

94

23

12

4.081

22

131

10

26

115

313

1.882

10.132

TOTALE

228.772 39.415

8.325

2.553

972

300.713

1.607 9.813

1.107

2.949

9.600

8.544

163.096

777.466

TABELLA 2 TREVISO E PROVINCIA - Veicoli circolanti al 31/12/2020 suddivisi per Alimentazione BENZ

B/GPL

B/MET

B/OLIO

ELETTR

GASOL

GPL

IBRIDO BENZINA/ ELETTRICO

IBRIDO GASOLIO/ ELETTRICO

METANO

MISCELA

NON DEFINITO

NON ALIMENTATI

TOTALE

BELLUNO

54.233

4.703

620

1.033

115

76.037

188

1.792

195

221

3.310

1.051

36.289

179.787

PADOVA

247.614

60.025

17.924

2.537

1.052

283.387

1.630

11.375

1.180

5.148

9.721

8.081

163.218

812.892

ROVIGO

49.604

16.149

14.947

617

158

74.519

721

1.675

246

3.272

2.144

2.040

43.427

209.519

TREVISO

228.772

39.415

8.325

2.553

972

300.713

1.607

9.813

1.107

2.949

9.600

8.544

163.096

777.466

VENEZIA

196.953

43.065

9.347

1.959

703

216.091

1.346

7.498

840

2.686

6.491

7.674

123.193

617.846

VERONA

247.066

52.577

26.907

2.889

1.165

298.085

1.543

10.270

1.195

8.667

9.895

9.048

165.296

834.603

VICENZA

232.016

38.600

10.320

5.048

1.130

291.855

1.061

12.208

1.188

3.116

15.964

7.242

151.168

770.916

TOTALE

1.256.258 254.534

88.390

16.636

5.295

1.540.687 8.096

54.631

5.951

26.059

57.125

43.680

845.687

4.203.029

23


Vita associativa

Estratto delibera Indizione delle elezioni Il Consiglio Direttivo - con il presente atto procede alla indizione dell’Assemblea dei soci che provvederà alla elezione degli organi dell’Automobile Club Treviso (Consiglio Direttivo e n. 2 (due) componenti effettivi il Collegio dei Revisori dei Conti) per il quadriennio 2021 – 2025; - L’assemblea sarà convocata, presso la sede dell’Ente in viale Verdi 23B - Treviso, in prima convocazione il 26 maggio 2021 alle ore 9.00 regolarmente costituita con la presenza di almeno la metà più uno dei soci aventi diritto al voto, e in seconda convocazione il 27 maggio 2021 alle ore 17.00 qualunque sia il numero dei soci partecipanti; - Stabilisce che l’ordine del giorno sarà il seguente: 1. Elezione degli Organi dell’Ente: Consiglio Direttivo e n. 2 (due) componenti effettivi del Collegio dei Revisori dei Conti, per il quadriennio 2021 – 2025; - Stabilisce che potranno partecipare al voto i soci con tessera in corso di validità alla data della presente delibera (3 febbraio 2021), e che manterranno la qualità di socio alla data di svolgimento della Assemblea stessa; - Stabilisce, altresì, la costituzione di un solo seggio elettorale presso la sede dell’AC Treviso viale Verdi 23B, con apertura dalle ore 17.00 alle ore 21.00; - Stabilisce che il termine ultimo per la presentazione di eventuali liste e candidature presso la Direzione dell’Automobile Club, da parte dei soci, è fissato alle ore 12.00 di lunedì 12 aprile 2021; La presente delibera completa può essere consultata sul sito dell’Ente www.treviso.aci.it ed è affissa sull’albo sociale presso la sede dell’Automobile Club Treviso.

Treviso 3 febbraio 2021

Il Presidente 24

f.to Michele Beni


“Grazie alla collaborazione dell’ACI di Treviso, la Sezione ANA di Treviso ha potuto rilevare dall’ATER Treviso 6 mezzi per integrarli nel parco mezzi Protezione Civile ANA TV. Un ringraziamento al Direttore ACI Treviso Angelo Centola, per questa prima collaborazione, che ci ha permesso di raggiungere gli obiettivi con risultati sopra le aspettative e grazie al suo prezioso contributo abbiamo risolto con rapidità le varie problematiche.

Attività associativa

Ringraziamento all’Automobile Club Treviso del Presidente dell’Associazione Alpini di Treviso Marco Piovesan:

Sono certo che avremo modo di proseguire questo felice rapporto di collaborazioni tra ACI ed Alpini.

Scegli la tessera più adatta a te Una tessera per ogni esigenza di mobilità: per chi viaggia in Italia e all’estero, per chi si muove con la famiglia, per i più giovani, per chi è appassionato alle auto storiche.

La tessera che ti offre il top dell’assistenza per te e la tua famiglia

La tessera per chi usa spesso l’auto

La tessera alla persona per la mobilità smart

La tessera per la tua passione d’epoca

Aci Treviso e la sua rete di Delegazioni sul territorio • A.C.I. delegazione di Castelfranco Veneto PRATICAR SNC DI GUIDOLIN ENZO E C. - Via dei Pini 4 - 31033 Castelfranco Veneto - tv015@delegazioni.aci.it • Delegazione di Asolo PICCOLO DANIELA - Via Strada Muson 2 - 31011 Asolo - tv014@delegazioni.aci.it • Delegazione di Conegliano AGENZIA ITALIA S.P.A. - Viale Venezia 13/b - 31020 San Vendemiano - tv010@delegazioni.aci.it • Delegazione di Istrana SECCO GIANNINA - Via Nazario Sauro 3/a - 31036 Istrana - tv037@delegazioni.aci.it • Delegazione di Mogliano Veneto START SRL - Piazza Trevisanato 7 - 31021 Mogliano Veneto - tv@041@delegazioni.aci.it • Delegazione di Montebelluna BURAN SAS DI BURAN C. E C. - Piazza Aldo Moro 17 - 31044 Montebelluna - tv033@delegazioni.aci.it • Delegazione di Spresiano BURAN S.A.S. DI BURAN CLAUDIO E C. - Via Dante Alighieri 17 - 31027 Spresiano - tv033@delegazioni.aci.it • Delegazione di Treviso AGENZIA FIERA DI GIOPPATO DONATELLA - Viale Quattro Novembre 53 - 31100 TREVISO - tv036@delegazioni.aci.it • Delegazione di Valdobbiadene ACI VALDOBBIADENE -FRANCESCHINI TIZIANA - Via Piva 56 - 31049 Valdobbiadene - tv017@delegazioni.aci.i

25


Le iniziative di ACI Treviso

Al servizio del territorio

Partnership

Nella foto alcuni momenti dei corsi per patenti di servizio organizzati dall’Automobile Club in collaborazione con la Polizia Locale di Treviso

Energia pulita per i soci ACI Alperia, il terzo produttore italiano di energia da fonti idroelettriche, adesso anche a Treviso Si dice che le scelte di oggi determinano come sarà il nostro domani e se si pensa a tutti quei comportamenti e abitudini che hanno un impatto sull’ambiente questo è particolarmente vero. Negli ultimi anni questa consapevolezza è cresciuta tant’è che, al momento di scegliere una nuova macchina, sempre più utenti stradali optano per veicoli a trazione elettrica. Eppure, se si vuole operare una scelta sostenibile al 100%, è importante che anche l’energia che alimenta il nostro veicolo e in generale la nostra abitazione venga prodotta in maniera ecosostenibile. Ma cos’è esattamente l’energia pulita e come funziona?

26

L’energia pulita, detta anche energia verde, è energia prodotta a partire esclusivamente da fonti rinnovabili. Fra le energie green rientrano ad esempio quelle che sfruttano la forza del

sole, del vento e dell’acqua, ovvero quelle prodotte dai sistemi fotovoltaici o impianti eolici e dall’impiego di centrali idroelettriche. Questo tipo di produzione non soltanto preserva le risorse naturali, che essendo “rinnovabili” non si consumano per definizione, ma solitamente avviene senza emissioni di CO2. L’utilizzo di energia verde è quindi fondamentale per la tutela del pianeta ed è auspicabile che in futuro questo tipo di energia vada a sostituire quella prodotta dalla combustione di materiali non rinnovabili quali carbone, petrolio, oli infiammabili e combustibili di natura fossile, che comportano l’aumento di CO2 nell’atmosfera. Come posso ricevere l’energia verde ed essere sicuro che l’energia che mi viene fornita è effettivamente energia pulita? Per avere una fornitura di energia verde per la propria abitazione, non occorre alcun tipo


la propria casa fanno sì che la quota parte di energia verde immessa in rete diventi sempre più importante. Per rendersi conto di quanto questo tipo di scelta possa fare la differenza, basta immaginare quello che succederebbe se tutti, consumatori e aziende, scegliessero di utilizzare esclusivamente energia verde: la quantità di energia “sporca” in rete diventerebbe pari a zero, con conseguente diminuzione delle emissioni di CO2. L’energia verde di Alperia anche a Treviso

di intervento sull’impianto elettrico o sul contatore, basta infatti scegliere un fornitore di energia che garantisca una fornitura di energia proveniente da fonti rinnovabili e assicurarsi che tale “energia verde” sia certificata. L’energia verde certificata è l’energia la cui provenienza è garantita da certificati elettronici, chiamati Garanzie di Origine, che ne attestano in maniera certa la provenienza da fonti rinnovabili. Questi certificati vengono rilasciati dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE), cioè l’organo che è stato indicato dallo stato italiano per incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili. E come funzionano i certificati? Come dicevamo l’energia verde certificata è energia elettrica derivante da fonti rinnovabili la cui provenienza è garantita dalle Garanzie di Origine (GO). La Garanzia di Origine (GO) è una certificazione elettronica che attesta la natura rinnovabile delle fonti utilizzate dagli impianti di produzione energetica qualificati IGO e che viene rilasciata dal Gestore dei Servizi Energetici, l’organo individuato dallo stato italiano per perseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale. Non si tratta quindi di certificati “cartacei” nel senso comune del termine, ma di titoli che vengono poi annullati dal fornitore in funzione dell’energia consumata dai propri clienti. Scegliere energia verde fa la differenza Nel caso di forniture che prevedono l’erogazione di energia verde al 100%, il fornitore di energia si impegna a far sì che, per ogni richiesta di energia da parte dei propri clienti, venga immessa nel bacino energetico nazionale, cioè la rete, da cui attingono tutti gli utenti, una quantità equivalente di energia verde. Gli utenti che scelgono di ricevere energia pulita per

I soci ACI di Treviso che vogliono una fornitura 100% green per la propria abitazione ora hanno la possibilità di rivolgersi in loco a uno dei principali fornitori di energia verde a livello nazionale. Il provider energetico altoatesino Alperia, che da oltre 120 anni offre servizi energetici all’insegna della sostenibilità, ha infatti aperto un energy corner nel centro commerciale Tiziano a Treviso per supportare i propri clienti in zona. In Veneto Alperia è presente anche a Venezia, Padova, Vicenza e Verona. A contraddistinguere Alperia è proprio il suo DNA verde: oltre a essere fornitore, la società, che gestisce 34 centrali idroelettriche tutte dislocate in Alto Adige, è uno dei maggiori produttori di energia da fonte rinnovabile in Italia. Anche il gas fornito da Alperia è gas verde certificato, questo significa che Alperia si impegna a compensare le emissioni di gas a effetto serra generate dall’utilizzo del gas attraverso investimenti in progetti a tutela del clima. Ma l’impegno green di Alperia è un impegno a 360°, solo per fare un esempio, la bolletta viene inviata esclusivamente in modalità digitale, in maniera tale da evitare l’utilizzo della carta e abbattere le emissioni di CO2 legate al trasporto. Pochi mesi fa la multiutility è del resto stata premiata come “Best Green Brand” a livello mondiale nell’ambito dell’International Charge Energy Award 2020 tenutosi in Islanda, risultando prima tra finalisti provenienti da Stati Uniti, Germania e Norvegia. Scegliendo l’energia 100% green di Alperia, i soci ACI hanno quindi la possibilità di accedere a offerte competitive, con la garanzia di contribuire attivamente alla tutela del clima. Per maggiori informazioni:

Energy Corner Alperia Centro Commerciale Tiziano Via Postumia Ovest 76 31048 Olmi TV www.alperia.eu

27


Eccellenze del territorio

Intervista a Piero Garbellotto, Presidente Imoco Volley

Nella foto il Presidente Garbellotto

28

Imoco una realtà importante al livello nazionale ed europeo: quale il segreto?

la mobilità vista da chi pratica la pallavolo: quali idee?

Un grande gioco di squadra che coinvolge tutte la nostra organizzazione, dalla squadra allo staff alla dirigenza. Con Pietro Maschio, il co-presidente, abbiamo cercato da imprenditori fin dal primo giorno di trasporre il modello di lavoro delle nostre aziende nello sport e la ricetta si è rivelata vincente: programmazione, lungimiranza, coinvolgimento del territorio sono stati i nostri ingredienti principali. Avere circa 200 sponsor che ci sostengono e il pubblico numero uno d’Italia fin dal primo anno con un record nell’ultima annata che si è giocata con la gente sugli spalti di oltre 101.000 presenze al Palaverde è un grande orgoglio e una grande responsabilità per noi, rappresentiamo tutto un territorio e cerchiamo di farlo al meglio, finora i risultati ci danno ragione e siamo contenti che il nostro “volley-prosecco” sia vincente e apprezzato come esempio in Italia e nel Mondo.

Noi siamo sempre in viaggio, le trasferte fanno parte della vita normale delle squadre sportive e ovviamente la mobilità è per noi molto importante. Noi dirigenti poi che non viaggiamo nel pullman della squadra maciniamo chilometri per seguire in tutta Italia le nostre Pantere visto che io e Pietro Maschio seguiamo tutte le partite, ben vengano nuove idee visto che il nostro è uno sport dinamico e sempre in evoluzione. è molto probabile che le sue giocatrici abbiano tutte la patente: sono brave automobiliste? Si, raramente ci sono stati problemi, anche perchè forniamo la nostra squadra di vetture di alto livello grazie al nostro sponsor Autopolar che le fa viaggiare con vari modelli di Volvo. Le ragazze ogni giorno percorrono il tragitto Conegliano-Palaverde per gli allenamenti quindi per ragioni di comodità e sicurezza le


Nella foto Paola Egonu

dotiamo di mezzi sicuri e si sono dimostrate tutte abili automobiliste, sono donne molto autonome e non hanno alcun problema alla guida. qual è la percezione del mondo Aci nel mondo della pallavolo? e nel caso specifico nel suo team? A volte è sucesso di avere la necessità di chiamare il servizio ACI per qualche incoveniente automobilistico e la nostra segreteria ha sempre avuto ottimi riscontri in termini di efficenza e tempestività un saluto ed un messaggio per i lettori di Aci Treviso informa. Vi aspettiamo al Palaverde quando si potrà, non vediamo l’ora di poter giocare con il pubblico, ci manca tantissimo, speriamo davvero di avervi presto con noi. Nella foto la squadra dell’Imoco Volley al completo

A cura della redazione di Aci Treviso Informa

Per i soci ACI: WSE conviene! • Orario lezioni flessibili • Ritmo personalizzato • Obiettivo linguistico garantito • Metodologia naturale e comunicativa • Frequenza flessibile • Certificazioni linguistiche internazionali • Inizio dei corsi: ogni giorno • Possibilità di trasferimento e/o sospensione del corso

Per info sui corsi / Viale della Repubblica, 12/1 31020 Villorba, Treviso (TV) Tel. 0422 300840 - Info@wsetreviso.it

29


l’Aci ti ricorda la scadenza della tua patente

I simpatici omaggi per i Soci di Aci Treviso

Per eliminare ogni rischio di dimenticarsi il rinnovo della patente entro i tempi stabiliti, l’Automobile Club Treviso offre un servizio gratuito di “segreteria”. Compila il tagliando di seguito riportato, ritaglialo e spediscilo afli Uffici dell’Automobile Club Treviso, oppure racapitalo presso la Delegazione Aci più vicina. I tuoi dati, custoditi nel pieno rispetto della privacy, verranno inseriti in una apposito archivio e serviranno per frti prevenire la segnalazione relativa alla scadenza della tua patente, in tempo utile per il rinnovo.

ADESIONE AL SERVIZIO AVVISO SCADENZA PATENTE GUIDA Il sottoscritto ................................................................................................................. Nato a ......................................................................... il ............................................... Residente a ....................................................................................................................

La simpatica shopper logata Aci Treviso

In via .................................................................... n. .................. CAP ....................... Tessera sociale n. .......................................................................................................... Titolare di patente di guida n. ......................................................... Categoria .......... Rilasciata da .......................................................................... In data ........................... Valida fino a ................................................................................................................... Aderisce all’iniziativa copn cui l’Automobile Club Treviso provvederà ad inviare all’indirizzo di cui sopra e prima della scadenza di validità, l’avviso per il rinnovo della patente di guida. L’avviso verrà inviato mezzo posta ordinaria. L’Automobile Club Treviso non assume alcuna responsabilità per l’eventuale mancato recapito postale del suddetto avviso.

Il portachiavi con logo

Data ............................................ Firma ........................................................................ Il consenso al trattamento dei dati personali (GDPR n.679-2016) è stato prestato al momento della sottoscrizione della tessera sociale.

Corsi di recupero punti patente Compila, ritaglia e spedisci il presente tagliando agli Uffici dell’Automobile Club Treviso.

La penna multiuso

Il sottoscritto ................................................................................................................. Nato a ......................................................................... il ............................................... Residente a .................................................................................................................... In via .................................................................... n. .................. CAP ....................... Tessera sociale n. .......................................................................................................... Titolare di patente di guida n. ......................................................... Categoria .......... Valida fino a ...................................................................................................................

Il bel telo da mare

é Interessato a conoscere le modalità relative al recupero dei punti della patente. Chiede di essere contattato (Indicare una X sulla modalità prescelta)

Urgentemente (Tramite telefono al numero ..........................................................) Tramite invio con posta ordinaria Tramite e-mail all’indirizzo ...................................................................................... Data ............................................ Firma ........................................................................ Il consenso al trattamento dei dati personali (GDPR n.679-2016) è stato prestato al momento della sottoscrizione della tessera sociale.

30

L’utile parchimetro


IL TUO CLUB √ Tessere ACI √ Licenze ACI Sport √ Corsi recupero punti √ Assistenza legale per i soci √ Bollo auto sicuro √ Pratiche auto √ Passaggio di proprietà conto proprio e conto terzi √ Rinnovo patente √ Duplicato patente √ Medico in sede per rinnovo patente

PER INFO UFFICIO SOCI T. 0422 547801 - 56070 soci@acitv.it Automobile Club Treviso Viale Verdi 23/C 31100 - Treviso www.treviso.aci.it


L’energia verde fa bene a te e alla natura. Da più di 120 anni produciamo energia pulita dalle risorse idroelettriche del nostro territorio. Scegli le offerte luce e gas green di Alperia e contribuisci ad un futuro più sostenibile.

Consigliato da ACI Treviso

Alperia è a Treviso! Centro commerciale Tiziano

www.alperia.eu

Profile for ACI

ACI Treviso Informa  

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded