Page 1

BRESCIA

ACI Brescia Notizie Periodico di Aci Brescia anno 3 numero 1 marzo 2018

N TIZIE

In viaggio col bebè

Che fare quando il sole e la voglia di una gita chiamano? Attrezzarsi. Ecco come

Aprile, al “via” Desenzano del Garda La Dea, quel certo il Rally 1000 Miglia Ed è subito vacanza “Désirée Spéciale" A Salò tutto pronto per vivere la 42a edizione di una delle più coinvolgenti sfide dell’anno

Il fascino delle onde dolci del lago, dei tramonti che non si scordano, del piacere della buona tavola

Citroen DS, una leggenda senza età, che apparve al Salone dell’Automobile di Parigi nel 1955


Aci Gold, la tessera che offre il top dell'assistenza Oltre ai servizi di soccorso stradale in Italia e all’estero nei paesi UE e di auto sostitutiva in caso di immobilizzo di qualunque veicolo tu sia a bordo, Aci Gold ti offre anche: Medico Pronto per te e i tuoi familiari a casa e in viaggio Assistenza pediatrica e cardiologica in Italia

In situazioni di emergenza, prestazioni professionali 24h su 24h di falegname, fabbro, idraulico, elettricista

In caso di immobilizzo veicolo per errato rifornimento carburante pulizia serbatoio gratis (previo soccorso ACI)

PER INFORMAZIONI GLI UFFICI ACI BRESCIA SONO DISPONIBILI: da lunedi a venerdi ore 8,30 - 17 tel. 030 23 97307/335 - fax 030 2397341 email: soci@aci.brescia.it


ACI BRESCIA FOCUS

BRESCIA

N TIZIE

“C

A TU PER TU CON IL PRESIDENTE on il 2018 si aprirà una nuova stagione per l'Automobile Club di Brescia: mi interessa concludere un lavoro che ho documentato nelle varie assemblee dell'Ente e che ha avuto un consenso unanime. Vorrei sottolineare il raggiunto pareggio di bilancio. L'Aci di Brescia non ha problemi, è proprietario del 40 per cento dell'immobile di via XXV Aprile, assieme all'Aci nazionale, e abbiamo in corso un contatto serio per la cessione dell'immobile, in vendita o in affitto a un serissimo acquirente e di prestigio.

Abbiamo realizzato tutto quanto serve per la celebrazione della prossima Mille Miglia. Inoltre, come Aci Brescia rivitalizzato un marchio storico che abbiamo dal 1920, proprietà esclusiva nostra: la Coppa delle Alpi, inserita nel programma del campionato italiano Grandi Eventi dell'Automobile Club d'Italia, in collaborazione con Aci Storico e con diverse altre realtà. Toccheremo Lombardia, Francia, Svizzera, Austria, seguendo itinerari storici che ci portano attraverso i luoghi della Grande Guerra.

Il Presidente Piergiorgio Vittorini: “Siamo in fase molto avanzata per la pratica di riconoscimento della Città di Brescia e della Mille Miglia come patrimonio materiale dell'Unesco”.

È stata inventata 'Mille Miglia Green', un progetto al quale credevano in pochi, era una iniziativa doverosa. Grazie alla collaborazione con il Comitato Regionale Lombardo dell'Automobile Club una manifestazione che unisce i quattro laghi più importanti d'Italia: Garda, Iseo, Maggiore e Como. Il programma è definito, con manifestazione in piazza Duomo e chiusura a Monza. E sono già disponibili gli sponsor necessari a questa prima manifestazione, che deve essere considerata una anteprima che si terrà a luglio.

Siamo in fase molto avanzata per la pratica di riconoscimento della Città di Brescia e della Mille Miglia come patrimonio materiale dell'Unesco, proprio per il valore che ha avuto la motorizzazione nei rapporti tra le persone. In occasione della prossima Mille Miglia abbiamo come Ente sponsorizzato iniziativa che dovrebbe portare a realizzare un nuovo reparto agli Spedali di Brescia, per una risonanza magnetica destinata a diagnosi in oncologia infantile.

Inoltre con la nomina in Aci Sport, Brescia è entrata nel 'governo' di tutti gli eventi motoristici. E questo è molto importante per il futuro, anche quello più vicino”.

3


ACI BRESCIA SPAZIO SPORT

tizie LINE: tizie.it o n N O a i c E no I Bres ANCH cibrescia C A a IAL: www. C O S E ANCH ACI BRESCIA SPAZIO SPORT Pag. 6 - Mille Miglia 2018, si scaldano i motori Pag. 8 - Il presidente di Aci Brescia, avv. Vittorini, eletto nella giunta di Aci Sport Pag. 10 - I campioni del volante premiati da Aci Brescia Pag. 10 - “Criterium Bresciano Regolarita ̀ 2018”, riflettori accesi sulle gare Pag. 11 - Aprile, al “via” a Salo ̀ la 42a edizione del Rally 1000 Miglia ACI BRESCIA EDUCAZIONE STRADALE Pag. 12 - Primi in Italia... Esempio per l’Europa

BRESCIA

SOMMARIO N TIZIE ACI Brescia Notizie anno 3 - numero 1 - marzo 2018 Periodico di ACI Brescia inviato gratuitamente a tutti i Soci e ad Enti vari

Editore: Automobile Club Brescia

Direttore responsabile: Angelo Centola

Progetto grafico e redazione: Meccanica delle Idee snc di Elena Landi e Roberto Barucco www.meccanicadelleidee.it

Registrato presso il Tribunale di Brescia al n. 7/2015 il 3 giugno 2015

Direzione e Amministrazione: Brescia via Enzo Ferrari 4/6 tel. 030 2397327/319 - segreteria@aci.brescia.it

Stampa: Grafica Sette, Bagnolo Mella (Bs) via G. Piamarta, 59/61 www.graficasette.it Spedizione via web e in abb. post. 70% - Filiale di Brescia

4

ACI BRESCIA WORK IN PROGRESS Pag. 14 - Salò, un servizio in più per il territorio Pag. 14 - Leno, numeri positivi per la nuova Delegazione ACI BRESCIA TERRITORIO Pag. 15 - Scegliete la delegazione più vicina a voi

ACI BRESCIA IN VIAGGIO Pag. 16 - Desenzano del Garda, ed ̀ e subito vacanza

ACI BRESCIA PASSIONE D’EPOCA Pag. 18 - “Beta Montecarlo”, la Fiat che divenne Lancia nel giro d’una notte Pag. 19 - Citroen DS, una leggenda senza età ACI BRESCIA BLOG Pag. 20 - Una ‘rotonda’ sul ring...

ACI BRESCIA SERVIZI Pag. 21 - Rinnovo della patente, Aci Brescia ti aiuta Pag. 22 - Aci Brescia mette al sicuro la patente Pag. 23 - In viaggio col bebè Pag. 25 - Conosci i servizi di Aci Gold? Pag. 26 - Le tessere Aci a Brescia ACI BRESCIA RELAX Pag. 30 - Libri & Musica di ieri e di domani


IL DIRETTORE RISPONDE

BRESCIA

N TIZIE

ACI BRESCIA: IL DIRETTORE RISPONDE

“I

l 2018 si conferma, per AC Brescia, un anno ricco di iniziative e di aspettative per i nostri associati.

I servizi: la Delegazione di Leno costituisce una realtà consolidata in ambito territoriale; l'ufficio di Salò sta sempre più assumendo un ruolo di riferimento per gli automobilisti e i soci della sponda occidentale del Garda. La Sede di via Enzo Ferrari garantisce quotidianamente le richieste degli stakeolders che sono soliti avvalersi dei servizi erogati dalla sede, grazie ad un personale efficiente e preparato.

Il Direttore di Aci Brescia, Angelo Centola: “AC Brescia: punto di riferimento e protagonista nel territorio di eventi ed iniziative legati al tema della Mobilità”.

Lo sport: riconfermato il 42° Rally 1000 miglia campionato italiano WRC il 27 e 28 aprile, nella splendida cornice di Salò: quest' anno, e per il futuro, una delle prove principali sarà intitolata ad Eligio Butturini, storico fondatore del Rally 1000 Miglia negli anni '70. A fine ottobre è prevista la riedizione dell'8° rally 1000 miglia storico e, in estate, è prevista una "sorpresa" in Vallecamonica.

Sicurezza ed educazione stradale: confermati i progetti nelle scuole quali "passo sicuro" e "due ruote sicure" . È confermata la riproposizione della 2a edizione de "La mia città ideale", concorso a premi per gli istituti scolastici della provincia bresciana, su tematiche legate alla sicurezza ed educazione stradale. In merito a tali argomenti, fondamentale la collaborazione con le Istituzioni locali quali la Prefettura, la Polizia Stradale, il Coni e la Polizia locale, con i quali l'Ente è stato impegnato nella realizzazione della 1a edizione dell'Oscar dell’ educazione stradale, presso il centro San Filippo di Brescia. Un'ulteriore iniziativa, per il 2018, è legata ad un progetto concreto, in città, legato agli attraversamenti pedonali, con proposte realizzabili di miglioramento per la messa in sicurezza dei pedoni. Servizi ai soci: oltre ai servizi previsti nella tessera Aci, AC Brescia, presso il punto di San Polo, ha provveduto ad ampliare la propria offerta di servizio con l'apertura, da fine dicembre 2017, della stazione di lavaggio per auto, oltre alla erogazione del carburante ai soci e agli automobilisti bresciani.

AC Brescia: punto di riferimento e protagonista nel territorio di eventi ed iniziative legati al tema della Mobilità.

5


ACI BRESCIA SPAZIO SPORT Fotografie di repertorio pgc Aci Brescia

Prenderà il “via” mercoledì 16 maggio la trentaseiesima edizione della rievocazione della Mille Miglia. Il classico percorso verso Roma e ritorno terminerà a Brescia il sabato con tappe a Cervia-Milano Marittima, Roma e Parma. Quattro giorni di viaggio attraverso l’Italia più bella: passaggi nelle tradizionali località della Corsa e ritorni attesi da tempo. 6

N

MILLE MIGLIA 2018 SI SCALDANO I MOTORI ovantuno anni dopo la prima delle ventiquattro edizioni di velocità, disputate dal 1927 al 1957, e delle tre con la formula dei rally dal 1959 al 1961, mercoledì 16 maggio 2018 prenderà il via la trentaseiesima rievocazione della Mille Miglia, che sarà la sessantatreesima competizione automobilistica caratterizzata dalla Freccia Rossa. La data, come da tradizione, anticipa di una settimana il Gran Premio di Monaco di Formula Uno. Rispettando la tradizione nata nel 1927, il percorso prenderà il via e terminerà a Brescia, attraversando mezza Italia prima e dopo

il giro di boa a Roma. Ogni anno, il percorso subisce modifiche allo scopo di tornare a far transitare la Mille Miglia in località nelle quali era assente da qualche anno: nel 2018, proseguendo con la medesima filosofia, sono state apportate alcune variazioni al tracciato.

Come avviene dal 2016, la Mille Miglia sarà disputata in quattro tappe per altrettante giornate ma, importante novità del 2018, la corsa - anziché il giovedì prenderà il via un giorno prima, mercoledì 16, e torMercoledì nerà in Viale Venezia nel 16 maggio 2018 pomeriggio di sabato 19 sarà al “via” maggio. la trentaseiesima Poco più tardi, sul palco di Piazza della Loggia, la preedizione del vincitore della rievocativa della miazione gara darà il via alla lunga Mille Miglia Notte della Mille Miglia.

(Fonte: comunicato stampa)


La prima tappa, con partenza nel primo pomeriggio di mercoledì 16 maggio, dopo il passaggio a Desenzano e Sirmione, al Parco Sigurtà di Valeggio Sul Mincio e a Mantova, Ferrara e Comacchio, si concluderà a Cervia-Milano Marittima. Il giorno dopo, giovedì 17 maggio, dopo i passaggi a Pesaro e nella Repubblica di San Marino e l’attraversamento di magnifiche località come Arezzo, Cortona e Orvieto, la seconda tappa porterà i concorrenti a Roma, per la consueta passerella notturna nell’Urbe, tanto gradita dai concorrenti e dal pubblico. Venerdì 18, il percorso dalla capitale resterà pressoché invariato fino a Siena. Tra le novità dell’edizione 2018, ci saranno il passaggio a Lucca e lungo la Versilia. Terminati i lavori di ripristino dell’antica strada, la Mille Miglia potrà finalmente percorrere il tratto dell’edizione del 1949, tra Sarzana e il Passo della Cisa. Comprese le edizioni rievocative, il 1949 fu l’unico anno nel quale la Freccia Rossa valicò la Cisa: quello del 2018 anno sarà quindi un ritorno atteso 59 anni. La terza tappa sarà conclusa nuovamente a Parma, che gli scorsi anni ha sempre riservato un’entusiastica accoglienza alla Freccia Rossa: da qui, il sabato mattina, la carovana si rimetterà in viaggio verso Brescia, Risalendo verso l’arrivo, la lunga carovana della Freccia Rossa attraverserà Lodi, proseguendo verso Nord. Preso atto dell’estremo gradimento sia degli equipaggi sia del foltissimo pubblico, la Mille Miglia tornerà a disputare alcune prove all’interno dell’Autodromo Nazionale di Monza per proseguire poi attraverso Bergamo e la Franciacorta, continuando nell’opera di promozione del territorio bresciano iniziata con il Garda due giorni prima.

ACI BRESCIA SPAZIO SPORT

BRESCIA

PERCORSO E TAPPE

N TIZIE

7


ACI BRESCIA SPAZIO SPORT

Un riconoscimento alla tradizione sportiva bresciana e all'ottimo lavoro messo in campo dalla struttura dell'Automobile Club

IL PRESIDENTE DI ACI BRESCIA, AVV. VITTORINI, ELETTO NELLA GIUNTA DI ACI SPORT

Fotografie di repertorio pgc Aci Brescia

I

l Consiglio Genedi appassionati e cam‘Aci Brescia rale di Aci Italia pioni d'Europa. Prestiè rappresentato in giosi sono gli eventi nella seduta dello Consiglio Generale organizzati e promossi scorso 31 gennaio Aci, ha ottenuto da Automobile Club di 2018 ha eletto l'avvocato Pier- la vice presidenza Brescia: il Rally 1000 Migiorgio Vittorini, il Trofeo Vallecamodi Aci Storico e, glia, presidente di Aci nica (Malegno – Ossimo in ultimo, Brescia, componente della – Borno), la Coppa delle è presente in Giunta Sportiva di Aci Alpi e la mitica Mille MiGiunta Sportiva’ glia, grande evento interSport. Si tratta di un grande riconazionale di regolarità noscimento per l'Aci breclassica. sciano, in considerazione degli oltre Si tratta di un importante apprezzaduemila licenziati Aci Sport, che ne mento da parte della Federazione Aci fanno il club più sportivo e più numeroso per il positivo ed efficace lavoro messo in

8

campo dall'Ente, presieduto dal Presidente Vittorini in questi anni. I risultati lo stanno a testimoniare: Aci Brescia è rappresentato in Consiglio Generale Aci, ha ottenuto la vice presidenza di Aci Storico e, in ultimo, è presente in Giunta Sportiva, organismo decisionale dello sport automobilistico a livello nazionale.

La decisione del Consiglio Generale rappresenta un riconoscimento alla tradizione sportiva bresciana e all'ottimo lavoro messo in campo dalla struttura dell'Automobile Club. (reda)


SHOP

ACI BRESCIA SHOPPING

Editore: Promos Edizioni Confezione: rigida cartonata | Pagine: 344 Per i Soci Aci Brescia scontato a 40,00 euro anzichè 50,00 euro

N TIZIE

LIBRERIA DEL SOCIO

Editore: Festina Lente Edizioni Confezione: brossura | Pagine: 144 Per i Soci Aci Brescia scontato a 15,00 euro anziché 20,00 euro

Il libro celebra la storia di un rally mitico come il 1000 Miglia che, nel suo albo d’oro, annovera i migliori interpreti del rallysmo italiano degli ultimi quarant’anni.

BRESCIA

Una delle competizioni più amate dagli appassionati di automobilismo e più apprezzate dai piloti, la Malegno-Ossimo-Borno, raccontata in un’entusiasmante storia a fumetti.

Questi e altri fantastici gadget “Rally 1000 Miglia” e “Cronoscalata Trofeo Vallecamonica” si possono acquistare nell’Ufficio Soci di Aci Brescia in via Enzo Ferrari 4 tel. 030 2397335

9


Fotografie di repertorio pgc Aci Brescia

ACI BRESCIA SPAZIO SPORT

I CAMPIONI DEL VOLANTE PREMIATI DA ACI BRESCIA

Premiati per come hanno rappresentato Brescia nelle varie discipline automobilistiche e portato il simbolo della bresciani nel mondo: “E’ la nostra riconoscenza per i piloti bresciani e quanto rappresentano per l’automobilismo agonistico”, ha confermato il Direttore di Aci Brescia, Angelo Centola. “Non dimentichiamo - ha ricordato il Presidente Piergiorgio Vittorini - che qui abbiamo il più elevato numero di tesserati agonistici degli Aci italiani”. Tra i premiati, per i suoi 57 anni di licenza e sempre in Aci Brescia, il pilota Luciano Dal Ben. Una carriera, la sua, carica di riconoscimenti e grandi soddisfazioni. Lungo l’elenco dei premiati: Giorgio Taglietti, per la vicinanza forte ad Aci Brescia, per il rally Stefano Albertini e Danilo Fappani, Luca Bottarelli, Manuel Fenoli, Gianluca Saresera. Nella categoria rally storici Claudia Sora, Massimo Giuliani, Marco Superti, Battista Brunetti. Pista e velocità hanno visto premiati: la giovane promessa Leonardo Lorandi, Bruno Ferrari, Simone Niboli, Alberto Cerqui, Eric Scalvini. Salita: Mauro Soretti, Tiziano Romano e Renato Ambrosi. Kart: Luca Corberi, Andrea Tonoli. Premio al “futuro” per Andrea Mabellini (altra giovane speranza). Regolarità auto storiche: Pierluigi Fortin-Laura Pilè campioni italiani di regolarità di auto storiche e ai vincitori delle delle gare Aci sport: Alessandro Girardi, Simonetta Mastellini, Federica Bignetti Bignett, Luisa Ciatti, Sergio Bacci, Romano Bacci, Angelo Seneci, Emanuele Bonera. Premiati Andrea Vesco e Andrea Guerini, trionfatori Mille Miglia 2017 la scuderia Mirabella Mille Miglia.

10

“CRITERIUM BRESCIANO REGOLARITÀ 2018” RIFLETTORI ACCESI SULLE GARE

I Comitati Organizzatori, con i rispettivi responsabili: Andrea Vesco per VECARS, Luigi Ragazzoni per OLD WHEELS CAR CLUB COMPETITION, Domenico Battagliola per SCUDERIA 3T, Luigi Faini per KRONOS, Maurizio Rampello per EMMEBI 70, Gianpietro Belussi per LUMEVENTI, istituiscono e, con il patrocinio di Automobile Club Brescia, organizzano nel corso dell’anno sportivo 2018 un Criterium automobilistico di regolarità classica per auto storiche denominato “Criterium Bresciano Regolarità”.

Il Criterium è organizzato nel rispetto delle norme sportive e tecniche di ACI Sport, alle quali farà riferimento, e comprende un massimo di 7 gare non inserite in circuiti e/o challenge analoghi. Saranno previsti trofei e riconoscimenti per i primi 3 Conduttori bresciani classificati; la prima Conduttrice bresciana classificata; il primo Conduttore bresciano classificato di ciascuno dei 3 Gruppi (premio non cumulativo con i precedenti); la prima Scuderia bresciana licenziata ACI 2018; il primo equipaggio bresciano (Conduttore e Navigatore) under 30.

Verrà inoltre istituito il Premio Speciale AC Brescia, non cumulativo con i precedenti, riservato al miglior Conduttore (o equipaggio) tesserato e licenziato presso AC Brescia partecipante a tutte e 7 le gare del Criterium.


ACI BRESCIA SPAZIO SPORT

BRESCIA

Fotografie di repertorio pgc Aci Brescia

N TIZIE

APRILE, AL “VIA” A SALÒ LA 42a EDIZIONE DEL RALLY 1000 MIGLIA

T

utto pronto per vivere nuovamente una delle più coinvolgenti sfide dell'anno: è quasi al “via” a Salò la 42a edizione del Rally 1000 Miglia, prevista nell'ultima settimana di aprile, precisamente venerdì 27 e sabato 28.

Questa gara sarà il momento ufficiale di apertura del Campionato Italiano Rally WRC edizione 2018. Si riconferma così, al massimo livello, la vocazione sportiva di Aci Brescia che, ancora una volta, ha potuto contare sulla preziosa collaborazione della Città di Salò, dove saranno collocati sia l'arrivo, sia la partenza. L'anno scorso il podio andò a Stefano Albertini, insieme con il compagno di scu-

deria Danilo Fappani (nella fotografia). “Vorrei sottolineare con piacere il grande e forte binomio che si è concretizzato dice il Direttore di Aci Brescia, Angelo Centola - con la Città di Salò, che ci ospita anche in questa occasione e con la nostra realtà.

Sarà una grande tappa del campionato Wrc, perché ci saranno più partecipanti, splendide vetture e prove speciali di assoluto interesse.

Nel Bresciano la risposta degli appassionati è stata fortissima. A livello mediatico la diretta televisiva della prova speciale ‘spettacolo’, nel 2017 ha fatto registrare un picco altissimo di audience, tanto da classificarsi ai vertici delle trasmissioni più seguite. Cercheremo di replicare nel migliore dei modi”.

CLASSIFICA FINALE EDIZIONE 2017

1. Albertini-Fappani (Ford Fiesta Wrc) in 1.22’31.3; 2. Perico-Turati (Ford Fiesta Wrc) a +51.7; 3. Fontana-Arena (Hyundai I20 Wrc) a +1’32.1; 4. Miele-Castiglioni (Citroen DS3 Wrc) a 1’35.4; 5. Porro-Cargnelutti (Ford Focus Wrc) a +1’.59.2; 6. Testa-Bizzocchi (Ford Fiesta Wrc) a +2’38.7; 7. ”Pedro”-Baldaccini. (Hyundai I20 Wrc) a +4’08.5; 8. Bianco-Lamonato (Skoda Fabia Wrc) a +4’58”7; 9. Bergantino-Grimaldi (Ford Fiesta Wrc) a +5’51.1; 10. Niboli-Fenoli (Skoda Fabia R5) a +6’36.9.

Per saperne di più: www.rally1000miglia.it

11 11


ACI BRESCIA EDUCAZIONE STRADALE

PRIMI IN ITALIA… ESEMPIO PER L’EUROPA Che i bresciani siano bravi, ma schivi nel mostrare i propri meriti, è ormai arcinoto. Una bella conferma ci viene dalla rete scolastica “LE QUATTRO ESSE” (Sempre Sicuri Sulla Strada) che in questi giorni ha visto concretizzare i propri sforzi. 12

I

Nella città belga di Mechelen rapprel progetto “Dal Codice della sentanti di Enti, Associazioni, Università, strada…ad un codice di vita”, creato da un pool di docenti Polizie Locali ed altri portatori di interesse coordinato dalla prof.ssa Tiziana da tutto il nostro continente hanno potuto Pasini, sotto la guida dell’Isticosì conoscere le proposte del network bresciano. tuto Tartaglia Olivieri, era già Grande il successo della presentazione stato premiato dal Ministero dell’Istrudella piattaforma, detta “Imbocca la zione come miglior prodotto destinato strada…dell’italiano”, deall’educazione stradale stinata ad avvicinare all’ nelle scuole, e per questo italiano i tanti alunni finanziato. Riconosciuto che giungono nel nostro Ma la notizia più impordall’ETSC Paese e vengono inseriti tante è giunta quando come unico prodotto nelle scuole senza conol’ETSC (European Transcolastico idoneo scere la nostra lingua. sport Safety Council) lo ha indicato come unico ad essere presentato I docenti della rete hanno prodotto scolastico idoneo al primo Seminario immaginato, e creato, ad essere presentato al Europeo sull’Educa- uno strumento che è in grado di accompagnare primo Seminario Europeo zione Stradale questi ragazzi all’acquisull’Educazione Stradale.


ACI BRESCIA EDUCAZIONE STRADALE

BRESCIA

N TIZIE

sizione dei primi rudimenti dell’italiano attraverso il Codice della Strada. Le strade, infatti, sono un ambiente comune, che pressoché tutti conoscono; ma le loro regole non sono altrettanto comuni. Quale modo migliore, quindi, per avvicinare i bambini e gli adolescenti che mostrare loro immagini, ascoltare la pronuncia di parole e frasi, far compilare esercizi, che aumentino il vocabolario ma insieme li spingano ad imparare, e magari condividere con i loro coetanei in classe, le regole del traffico?

Lo strumento è stato definito dalla giuria che ha selezionato i progetti del seminario come “universale”, dal momento che il medesimo metodo, modificando la lingua, può essere adottato ovunque. Un esempio è il Principato del Lussemburgo, che già ha rivolto alla rete una richiesta di utilizzo della piattaforma, intuendone le utili applicazioni anche per gli adulti. Nel solco della sua tradizione nel campo dell’educazione stradale la scuola bresciana ha raccolto così gli ennesimi riconoscimenti. Il Tartaglia, d’altronde, non è nuovo a simili onori, se si pensa, ad esempio, al premio ottenuto, ancora una volta come migliore scuola europea, nel concorso mondiale di Renault sempre sull’educazione stradale indetto solo pochi anni fa. Se l’incidentalità stradale nel bresciano tende a calare, anche la scuola apporta il suo importante contributo.

ACI BRESCIA: IL “CAR WASH” È OPERATIVO

È operativa la struttura destinata all’autolavaggio che aumenterà la gamma di possibilità offerte ai possessori della tessera Aci. Aci Brescia infatti accresce ancora la sua gamma di potenzialità per l’associato, con il nuovo autolavaggio situato proprio a poca distanza dalla sede cittadina di Via Ferrari. L’impianto, moderno e già ampiamente fruibile, è un valore aggiunto a quanto la tessera di Socio Aci offre per quanto riguarda il rifornimento di carburante.

13


ACI BRESCIA WORK IN PROGRESS

Fotografie di repertorio pgc Aci Brescia

“U

UN SERVIZIO IN PIÙ PER IL TERRITORIO

Funziona a pieno ritmo la nuova sede Aci di Salò

n servizio che Aci Brescia offre con grande piacere a Salò e al suo territorio. Nel segno della massima attenzione e della vicinanza all’automobilista”, così il Direttore Angelo Centola ha salutato, lo scorso dicembre, l’inaugurazione della nuova sede in provincia, aperta in via Francesco Zane al civico 4, alla presenza del sindaco di Salò, Gianpiero Cipani.

“La nuova sede, progettata con attenzione, è moderna, ben attrezzata e fruibile. Anche molto comoda per quanto riguarda i parcheggi”, ha aggiunto Centola. E infatti è collocata proprio di fronte al grande piazzale Pedrazzi, destinato anche al mercato del sabato. La succursale è di circa 200 metri quadrati di superficie, ben arredata e con ampie vetrate. “L’ufficio è guidato da Marco Tosoni, Aci Brescia vuole offrire con puntualità tutti i suoi classici servizi,

LENO, NUMERI POSITIVI PER LA NUOVA DELEGAZIONE

14

“Siamo molto soddisfatti della delegazione Aci di Leno. I numeri sono positivi, anche quelli relativi alle nuove tessere. E questo ci conforta”. Così il Direttore di Aci Brescia, Angelo Centola, commenta i primi risultati relativi agli uffici aperti nella Bassa, proprio nel cuore del paese, a pochi metri dalla piazza e dalla posta. “Qui sono presenti i maggiori servizi Aci, come il ‘Bollo Sicuro’ o la prenotazione per il rinnovo della patente, servizi che svolgiamo sempre con la massima attenzione al cliente e al socio Aci, grazie all’apporto di Diego Monteverde, che gestisce questa realtà davvero a misura d’uomo”. L’area d’interesse non è solo Leno, ma riguarda anche i Comuni dei dintorni, come Ghedi, Bagnolo Mella, Manerbio. “C’è molta richiesta di tessere Aci - commentava Monteverde - come ‘Gold’ e ‘Sistema’. Inoltre possiamo avere il medico in sede e questa è una ulteriore comodità per il rinnovo patenti”.

come rinnovo patenti o passaggi di proprietà o consulenze per il bollo auto. E ci occupiamo anche di licenze sportive, oltre a mettere a disposizione lo sportello telematico e tutta la nostra professionalità, anche per il servizio associativo. Come dicevo, sempre dalla parte dell’automobilista”. Soddisfatto anche il sindaco Gianpiero Cipani: “Mancava da molto tempo un ufficio Aci che potesse offrire questi servizi. La nuova sede è un centro importante e rappresenta un vantaggio per il territorio e anche per Valtenesi, Valle Sabbia e Alto Garda, una zona molto estesa, che si traduce in più di centomila utenti che gravitano su Salò”. La sede di Salò sarà a disposizione dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.

Il medico per rinnovo patenti sarà presente il venerdì alle 15.


SCEGLIETE LA DELEGAZIONE PIÙ VICINA A VOI

Ai propri soci Aci Brescia offre assistenza capillare sul territorio tramite la presenza di una fitta rete di delegazioni, dove è possibile espletare pratiche automobilistiche, pagare le tasse sui veicoli, acquistare prodotti associativi. Brescia Sede Via E. Ferrari 4 - Tel. 030 2397327 / 319 segreteria@aci.brescia.it Delegazione di Bovezzo Via Canossi 10 - 25073 Bovezzo (BS) Tel. 030 5107304 - Fax: 030 5107305 bs060@delegazioni.aci.it Delegazione di Breno Piazza Vittoria 1 - 25043 Breno (BS) Tel/Fax 0364 320820 bs013@delegazioni.aci.it Delegazione di Brescia Due Via Luigi Rizzo 1 - 25124 Brescia (BS) Tel. 030 2428802 - Fax: 030 2475406 bs064@delegazioni.aci.it Delegazione di Brescia Nord (via Triumplina) Via Triumplina 131 - 25136 Brescia (BS) Tel. 030 2010304 - Fax 030 2096733 bs071@delegazioni.aci.it Delegazione di Brescia Piazzale Pola P.le Pola 1 - 25128 Brescia (BS) Tel. 030 3384421 - Fax 030 5105042 bs034@delegazioni.aci.it

Delegazione di Brescia Tre (Campo Marte) Via G. Rossetti 2/26 - 25128 Brescia (BS) Tel. 030 3701049 - Fax 030 3386719 bs055@delegazioni.aci.it Delegazione di Castenedolo Via Matteotti 152 - 25014 Castenedolo (BS) Tel. 030 3384421 - Fax 030 2732035 bs067@delegazioni.aci.it Delegazione di Chiari Via San Sebastiano 40 - 25032 Chiari (BS) Tel/Fax 030 7002523 bs058@delegazioni.aci.it Delegazione di Darfo Boario Terme Piazzale Donatori di Sangue 8 25047 Darfo Boario Terme (BS) Tel. 0364 531544 - Fax 0364 526042 bs030@delegazioni.aci.it Delegazione di Desenzano del Garda Via Mezzocolle 6 25015 Desenzano del Garda (BS) Tel. 030 9141171 - Fax 030 9912605 bs015@delegazioni.aci.it Delegazione di Edolo Viale Derna 1 - 25048 Edolo (BS)

ACI BRESCIA TERRITORIO

BRESCIA

Benvenu t in Aci Br i escia!

N TIZIE

Tel. 0364 72841 bs065@delegazioni.aci.it Delegazione di Gambara Piazza XXV Aprile 25020 Gambara (BS) Tel. 030 956725 - bs031@delegazioni.aci.it Delegazione di Gardone Val Trompia Via Matteotti 153 25063 Gardone Val Trompia (BS) Tel 030 8912979 Fax 030 8349406 bs047@delegazioni.aci.it Delegazione di Gavardo Via della Ferrovia 12 25085 Gavardo (BS) Tel 0365 373331 - Fax 0365 373331 bs072@delegazioni.aci.it Delegazione di Iseo Via Canneto 22 - 25049 Iseo (BS) Tel/Fax 030 9868594 bs049@delegazioni.aci.it Delegazione di Leno Via Venticinque Aprile 6 25024 Leno (BS) Tel 030 9038654 - Fax 030 9038273 delegazioneleno@aci.brescia.it Delegazione di Lumezzane Via M. D’azeglio 1 25065 Lumezzane (BS) Tel. 030 827333 - Fax 030 827333 autoscuolelumezzane@gmail.com Delegazione di Montichiari Via G. A. Poli 31- 25018 Montichiari (BS) Tel/Fax 030 961053 - studiorbellandi@pec.it Delegazione di Orzinuovi Via Montagna - 25034 Orzinuovi (BS) Tel. 030 941636 - Fax 030 9940231 bs063@delegazioni.aci.it Delegazione di Palazzolo sull’Oglio Via C. Battisti 3 25036 Palazzolo Sull’Oglio (BS) Tel. 030 743520 - Fax 030 731745 bs022@delegazioni.aci.it Delegazione di Rovato Via XX Settembre 49 Tel: 030 7721536 Fax: 030 7721620 bs040@delegazioni.aci.it Delegazione di Sabbio Chiese Via S. Moretti 20 - 25070 Sabbio Chiese (BS) Tel. 0365 895899 - Fax 0365 895899 bs041@delegazioni.aci.it Delegazione Salò Via Francesco Zane 4 - 25087 Salò (Bs) Tel. 0365 42344 - Fax 0365 41712 bs074@delegazioni.aci.it Delegazione di Travagliato Via Ziliani 49 - 25039 Travagliato (BS) Tel. 030 6863744 - Fax 030 6864302 bs033@delegazioni.aci.it Delegazione di Villa Carcina Via G. Marconi 67/b 25069 Villa Carcina (BS) Tel./Fax 030 8981713 bs073@delegazioni.aci.it

15


ACI BRESCIA IN VIAGGIO

DESENZANO DEL GARDA ED È SUBITO VACANZA

I bresciani Desenzano lo conoscono bene, ne amano angoli caratteristici e strade, passeggiano sul suo lungolago, lo vivono d’estate come in inverno. Perché da queste parti eventi e capacità attrattiva non vengono mai meno.

16

D

Benaco si allarga e la costa assume caesenzano, “Dese” per i ratteristiche marine, davvero pare di bresciani, non è solo una meta possibile del fuoriessere in vacanza. porta o della gita del saI bresciani Desenzano lo conoscono bato. E’ un luogo consolibene, ne amano angoli caratteristici e dato nella tradizione e strade, passeggiano sul suo lungolago, lo vivono d’estate come nelle abitudini, dotato di una tale individualità in inverno. Perché da e forza attrattiva che, sia Un luogo consolidato queste parti eventi e canella tradizione pacità attrattiva non pure a una manciata di chilometri dalla città, e nelle abitudini, vengono mai meno. conserva intatto tutto il dotato di una tale E’ il fascino delle onde dolci del lago, è vero, di fascino del Garda, dello individualità e forza alcuni tramonti che non splendido lago mediterattrattiva che con- si scordano, delle ombre raneo e della vacanza. Anche in poche ore di vi- serva intatto tutto il lunghe sull’imbarcadero, sita. Perché qui, dove il fascino del Garda dei traghetti in movi-


Vediamo laggiù Piazza Malvezzi, che significa passeggio e vetrine, turismo e vocazione cosmopolita, il Duomo, omaggio a quel Rinascimento che vivacizzò la città capoluogo e la provincia. Godiamoci la visione di quell’ “Ultima cena” del Tiepolo che vale da sola la gita a Desenzano e le tele del Celesti, capaci di catturare l’anima. E poi concediamoci il rito del lungolago, magari nel tardo pomeriggio, dell’incontrare volti e amici, giù fino all’ingresso del paese e poi di nuovo indietro, sul ponte che da sempre racconta un passaggio costante di persone e allegria.

MENÙ DEL GARDA IL PIACERE DELLA TAVOLA A DESENZANO

N TIZIE

Tradizioni e identità si fondono con la sobrietà e la ricerca di sapori schietti, netti. È il frutto della cultura contadina dell’entroterra gardesano, che gravita sul territorio mantovano e veronese e della millenaria tradizione legata alla pesca e alle necessità di sopravvivenza quotidiana del passato. Motivi tutti validi che, uniti, portano ad elaborare piatti come il “brodo di giuggiole”, che non è solo un modo di dire, ma una realtà gustosa e particolare, capace di stupire il palato. Procediamo per gradi in un nostro menù ideale: apriamo con un bel piatto di sardine e una degustazione di frittura di pesce. E in silenzio, lasciamo che la sapidità del cibo ci conquisti. Un primo, delicato bicchiere di Lugana è la compagnia ideale. Passiamo con sistematica metodicità a un luccio alla barcaiola. Ne vale la pena, anche se questa leccornia ha la capacità di saziarci. Meditiamo su cottura e sapore e creiamo ancora uno spazio, forse ci sta anche un baccalà in umido. Il Lugana, divenuto complice della nostra uscita, si unisce bene, anche al baccalà, non necessita nemmeno il ricorso a un “rosso”. Se vi va, tuttavia, un Garda classico qui è il re. In stagione anche un bel chiaretto. Sosta ponderata e, deposto il calice, tempo di piccoli peccati di gola, come il “chisol” o il “pà dei morcc”, sempre seguendo il corso delle stagioni. Del brodo di giuggiole abbiamo già accennato. Chiudiamo in bellezza con una grappa, essenza dei vini locali. E salutiamo, deambulando lenti dopo la contesa culinaria, Desenzano e la sua accattivante tavola. Una rapida occhiata al porto, alle barche che dondolano all’ormeggio aspettando la prossima uscita e al traghetto che parte lento con il suo carico di turisti e viaggiatori, verso le sponde del medio e alto Garda. È già tempo di una visita alla Villa Romana: più di duecento metri quadrati di mosaici policromi a testimonianza di un passato illustre. E ancora, tornando ancora indietro nel tempo, alle palafitte del Paleolitico,

ACI BRESCIA IN VIAGGIO

Le offerte turistiche locali sono davvero tante, percorriamo insieme alcune mete, diremmo obbligate. Il panorama che si gode dal Castello, antico baluardo e ora luogo destinato a lunghi sguardi gettati su colline e lago. Scendiamo più in basso, ammirando le forme del cinquecentesco Palazzo Todeschini, dove il Porto Vecchio e la Darsena sono tutt’uno con i racconti che viaggiano, portati dalle onde del Benaco. Narrano di leggende e mercanti, basti pensare che nel 1200 proprio quel porto vide le contrattazioni sul grano, il commercio, fu luogo di intensi scambi. Un vero “hub” diremmo oggi. I porticati e le piazze sono comunque e sempre una sorpresa, il centro un piacere, specialmente in alcuni orari e alcune stagioni. A voi scoprirle, tornando e ritornando a Desenzano, per carpirne i segreti e, se ci si riesce, anche lo spirito, nobile e spensierato.

BRESCIA

mento. Di un certo ritmo di vita che qui rallenta, si fa gradevole per scivolare nei riti dell’aperitivo serale, accelerare nella notte, abbronzarsi al sole d’estate. Desenzano vale tutto questo e si fa perdonare con la sua bellezza anche quelle code, inevitabili di sabato e domenica, che sono parte del rito tutto bresciano del “facciamo un giro al lago, oggi?”.

ecco il Museo Civico Archeologico Rambotti, altro luogo fortemente evocativo. Qui c’è un aratro completo risalente a duemila anni prima di Cristo, in piena età del bronzo.

È già sera. Tempo di assaporare i piatti tipici gardesani, godendo appieno della notte di Desenzano e cercando, ancora una volta, la sua anima.

(reda)

GIOSUÈ CARDUCCI E DESENZANO

“Sono superbo, iracondo, villano, soperchiatore, fazioso, demagogo, anarchico, amico insomma del disordine ridotto a sistema; e mi è forza fare il cittadino quieto e da bene”. Giosuè Carducci. Amante del buon cibo e del buon vino. E Desenzano lo sa bene, tanto che in una osteria locale venne sistemata una sorta di epigrafe, che diceva più o meno così: “Qui Giosuè Carducci, nei mesi di luglio e ottobre, degli anni 1882-85, spesso libero da scocciatori, per sedare l’ardore dello spirito, per sciogliere l’amaro degli affanni, per temprare il vigore e la grazia; ilare e di buon umore attingeva dai vini vigore e grazia”.

17


ACIBRESCIA PASSIONE D’EPOCA

“Beta Montecarlo”: quando vide la luce, nel 1969, era semplicemente la “Sport Giovane”

Q

uestione di mani e piedi. Altro che studio di marketing, computer e via discorrendo. Le mani e i piedi, ed è tutto vero, erano quelle di Gianni Agnelli, Sergio Pininfarina e del direttore del Centro Stile Pininfarina, Renzo Carli.

Era il 1975, nel bel mezzo di un sabato sera di fine inverno. Quel prototipo di X1/20 disegnato su commissione Fiat è bello, piace, ma c’è ancora qualcosa che non convince i leader del mercato automobilistico. Eppure gli ingredienti ci sono tutti, costi competitivi, due posti “secchi”, motore centrale. Sportività pura. Però… Questione di intuizione, geniale, e manualità: i tre presero dal magazzino una calandra Lancia. Iniziarono a piegarla, manipolarla, ammorbidirla, adattarla. Poi, finalmente soddisfatti, se ne andarono, lasciandola sul musetto della, ormai non più Fiat, X1/20. Così trasformata la trovarono i tecnici, al loro ritorno negli stabilimenti, al mattino del lunedì. Ora era una Lancia. E che Lancia. Nasceva così, come a margine d’un racconto, la leggenda della Lancia Beta Montecarlo. La Fiat che divenne Lancia nel giro d’una notte. Averla, guidarla, per i maggiorenni dell’epoca, era una specie di sogno proibito. Solo guardarla evocava competizioni e assi del volante. Figuriamoci poter stringere quel piccolo volante, dopo essersi infilati nell’abitacolo, non importa se della versione coupé o spider, che calzava quasi su misura, rasoterra, con il motore prati-

18

LA FIAT CHE DIVENNE LANCIA NEL GIRO D’UNA NOTTE

camente dietro la schiena. Sportività pura, giovani, che la volevano non solo per le dicevamo, motore due litri a completare prestazioni, di tutto rispetto, ma per l’inla gamma delle vetture nate nel segno sieme estetico, centratissimo. Tanto afdella Casa di Chivasso. fascinante da meritarsi, nel 1976, Quando vide la luce, sotto forlo “Style Award”, il premio ma di studio e prototipo, nel per la più bella auto in com1969, era semplicemente Averla, guidarla, mercio. la “Sport Giovane”, già con per i maggiorenni Per chi ama i dati tecnici, una precisa destinazione. senza dilungarci in schede dell’epoca, era Adesso era la Beta Mondettagliate, ricordiamo che una specie di tecarlo, forte del motore il motore, derivato dalla sogno proibito Beta 1.8, era di 1995 cc per trasversale posteriore. Collaudata nell’appena inaugurata 118 Cv (almeno per la prima e avveniristica galleria del vento serie, poi venne portato a 120 Pininfarina e nello stesso stabilimento Cv) con una coppia massima di 16,8 kgm interamente assemblata e progettata. a 3.500 giri. Tradotto in pratica: su strada I vantaggi della Montecarlo erano tanti: prometteva (e manteneva) “tiro” e agilità competitiva e potente, agile, adatta ai e una tenuta a tutta prova. Appunto, giovani, con soluzioni d’avanguardia, pensportività, con una buona dose di aerodisiamo solo alla capote riposta nel rollbar namica, aiutata dall’altezza della vettura o al parabrezza a filo della carrozzeria. (poco meno di 120 cm.) e dal musetto fiO, ancora, al cofano motore, incernierato lante. su un lato, per consentire un veloce Gli anni passarono, ma non la Beta Monaccesso. Una vettura che pareva pronta tecarlo, ormai divenuta, verso il 1979, per le gare, dalla facile manutenzione solo “Montecarlo”, per caratterizzarne al perché con meccanica di serie, dai costi meglio grinta e potenza. Nuovi cerchi in relativamente bassi di gestione. Da “inlega, volante, varie migliorie, la regolazione dossare”, godendosi l’abitacolo, più che dello schienale, saranno altri aspetti di vivibile, una volta seduti, con davanti questa versione di fine anni Settanta e agli occhi la strumentazione, corretta e tali resteranno fino alla conclusione della valida e le imbottiture della plancia, delle produzione, nei primissimi anni Ottanta. portiere, del mobiletto centrale, secondo Splendida Montecarlo, così valida ancora lo stile dell’epoca. oggi da richiedere ancora poca manutenUna “sportiva” accessibile, tanto che la zione, a testimonianza della bontà originale ricerca di un modello usato, pochi anni del progetto e garantire, invece, tante dopo, era ancora alta, soprattutto tra i emozioni e soddisfazioni.


“S

N TIZIE

CITROEN DS, UNA LEGGENDA SENZA ETÀ ulla DS, si viaggiava come seduti in un salotto”. “Comodissima, silenziosa, bilanciata e stabile. Mai vista una vettura così”. “Grande auto, in tutti i sensi. Affrontare la strada era un piacere”. “Andava pure forte e teneva bene la strada”. Ne sa qualcosa l’ispettore Ginko del fumetto Diabolik, sempre alla sua guida, anche durante gli inseguimenti del “re del terrore”.

“Era davvero una Dea, trasformò la storia dell’automobile”. E fu proprio così, non solo fino al 1975, anno dell’uscita di scena della celebre Citroen DS, che apparve al Salone dell’Automobile di Parigi nel 1955, ma pure dopo. Giusto perché la Dea, “déesse" in francese oppure “Désirée Spéciale", sigla meno nota, fece battere il cuore a migliaia di automobilisti anche negli anni Ottanta e poi come vettura da collezione, ambitissima nelle versioni speciali “chez Henri Chapron”, grande carrozziere francese, fino ai nostri giorni. Un vero mito, capace di vincere nel 2003 un concorso americano che la collocò al terzo posto tra le auto più rivoluzionarie della storia. Con lei la “Ford T” e la Mini. Fu un punto di riferimento nell’evoluzione del mondo dei motori. Non poteva essere altrimenti: le novità tecnologiche che aveva introdotto, fin dal suo debutto, hanno aspetti validi anche oggi. Nacque, come progetto, per sostituire la leggendaria Traction Avant, a livello di ipotesi se ne discusse già prima del Secondo conflitto

ACIBRESCIA PASSIONE D’EPOCA

BRESCIA

La Dea, quel certo “Désirée Spéciale"

mondiale. Vgd, “Vehicule à Grande Diffu(capace di aumentare la sicurezza del guision”, fu la sigla a lei dedicata. L’idea inidatore in caso di incidente). Innovazioni e ziale era semplice, grande aerodinamica e soluzioni pratiche si fondevano insieme, abitabilità, leggerezza. Dopo la guerra si amperometro da un lato e pomello per pensò a una vettura del tutto nuova. Era azionare manualmente i tergicristalli in già il tempo di un prototipo chiamato con caso di guasto. E pure quella finezza rapaffetto “ippopotamo”: il cofano anteriore si presentata dalla presenza di una cateapriva del tutto, anzi si spalancava ed evonella: una volta azionata consentiva di cava proprio uno sbadiglio enorme. coprire il radiatore e salvarlo dal ghiaccio, Le novità erano le carenature, ad aumendurante la sosta notturna in climi rigidi. tare la penetrazione aerodinamica, le soAl primo modello ne seguirono altri, tra spensioni idropneumatiche, oggi una vera questi ricordiamo la ID, versione meno accelebrità, le “frecce” sul montante postecessoriata e meno costosa, la splendida, seriore, i faretti circolari in coda. Non manducente e ricercatissima (anche oggi, dai cavano i freni a disco anteriori, altra collezionisti) versione cabriolet, la rarisinteressante e valida soluzione. Nel 1967 sima “Prestige”, la ricca, esclusiva “Pallas” sarebbe arrivata anche la carenatura dei e ancora la DS21, con motore di 2175 cc cafanali anteriori. Il motore era un tradiziopace di portare l’auto fino a 175 km/h. La nale 1.9 litri. L’ammiraglia era quasi DS20, la “Break”, station wagon di fine pronta a presentarsi al suo pubblico. anni Sessanta, poteva ospitare fino a otto Debuttò nel 1955 e fu sconvolgente: amore persone. Non mancò nemmeno la versione a prima vista per molti, totale negazione a iniezione elettronica, velocità massima, per altri. Ne vennero ordinati, sulla carta, 188 km/h. E tra le innovazioni ci furono solo durante la presentazione, circa ottananche i fari orientabili. Fu un crescendo tamila esemplari. entusiasmante fino al 1975. L’ultima, vera “Bella, sicura, solida”, era il comDea (non la versione Break Ambulance mento ricorrente. “Sedili coche concluse la sua produzione nel modissimi, in velluto. 1976), uscì dagli stabilimenti il Debuttò Anzi sembrava di gui24 aprile di quell’anno. Era nel 1955 dare sul velluto”. La una DS23 i.e. Pallas. Ora apstrumentazione era partiene al DS Club de e fu sconvolgente: d’avanguardia, amore a prima vista France. anche stilisticaper molti, A cura di Roberto Barucco mente, proprio come totale negazione il volante monorazza

per altri

19


ACI BRESCIA BLOG

‘‘C’

UNA “ROTONDA” SUL RING…

ero prima io”. “No, toccava a me, siamo nella ‘rotonda’ non vede?”. “Ma no! Avevo la precedenza”. “Nemmeno per sogno”. E la “rotonda”, come sentiamo spesso dire, “europea”, diviene terreno di scontro. Con buona pace di ogni rotonda sul mare, la “rotatoria” è ancora oggi, a distanza di anni dall’adozione sulle italiche strade, un luogo, a dir poco, di confronto. È utile, questo è innegabile, serve a smaltire code e traffico, annulla l’effetto semaforo, rallenta la velocità di transito e accresce la sicurezza, “citiamo quella di via Oberdan, a nord della città sottolinea il Direttore di Aci Brescia, Angelo Centola - vero esempio positivo”. Contribuisce a ridurre l’inquinamento ambientale: “È innegabile che una rotatoria sia molto efficace, minori tempi

20

di attesa con il motore acceso - prosegue in retromarcia una volta all’interno Centola - si traducono in minori emisdella rotatoria e pure sorpassare allesioni, inquinamento ridotto, migliore gramente da destra o da sinistra. qualità dell’aria. Certo, vanno rispetNorme generali che valgono anche per tate le regole del Codice della Strada”. gli incroci? Ricordiamole: dare la preChe ancora oggi sono, a volte, difficili cedenza a destra negli incroci privi di da assimilare. La rotatoria non è un segnalazioni è obbligatorio, anche in terreno di conquista, dove avvitarsi presenza del segnale “Intersezione con in base alla legge del più forte. “Prima precedenza a destra”. E, non dimentidi immettersi è meglio moderare la chiamo, dare la precedenza a destra e velocità - ribadiscono i siti specializzati a sinistra ai veicoli circolanti su rotaie, - usare la massima prudenza”. E conveicoli in emergenza con sirena in funtrollare come si muovono gli altri utenzione, uscendo da sentieri, mulattiere, ti, automobilisti, moparcheggi e passi cartociclisti e ciclisti. rabili. E pure quando È innegabile Le regole? Quella gesi effettua la retromarche una rotatoria nerale di dare la precia o l’inversione o da sia efficace: minori fermi ci si immette nel cedenza a destra vale, tempi di attesa con traffico. Sono solo albisogna dare la precedenza a chi arriva da cune regole che ricoril motore acceso, sinistra solo in presendiamo, un poco di “rimigliore qualità za della scritta “Dare passo” non fa mai dell’aria. Certo, vanno male. Evita visite dal precedenza”. E, attenzione, perché è capi- rispettate le regole del carrozziere e stress. (reda) Codice della Strada tato, vietato muoversi


ACI BRESCIA SERVIZI

BRESCIA

N TIZIE

Rinnovo patente: Aci Brescia ti aiuta

L

a normativa attuale prevede che ad ogni rinnovo il titolare della patente debba sostenere una visita medica di idoneità e che la Motorizzazione Civile debba rilasciare una nuova patente con la foto del titolare aggiornata. Questa patente sarà inviata a cura della Motorizzazione Civile all'indirizzo del titolare (o in Agenzia) tramite posta assicurata. Per sostenere la visita medica è

La patente di guida è scaduta, sta scadendo? Per evitare sorprese e multe salate, rivolgetevi appena possibile all’Aci Brescia o a una sua Delegazione sul territorio. Agli sportelli sapranno informarvi dettagliatamente sulla documentazione necessaria, sulla tempistica, la visita medica e come affrontare l’esame per il rinnovo del titolo di guida.

necessario presentarsi di persona in Aci Brescia con i seguenti documenti: - patente scaduta o in scadenza - carta d’identità e codice fiscale - 3 foto formato tessera Il medico che effettua la visita attesta l'idoneità collegandosi immediatamente via web con la Motorizzazione Civile ed indicando, se del caso, alcune prescrizioni riguardanti il titolare della patente o gli eventuali adattamenti al veicolo. Al termine sarà rilasciata al richiedente la ricevuta ottenuta dalla Motorizzazione Civile che attesta l'avvenuta con-

ferma di idoneità con cui sarà possibile circolare al massimo per 60 giorni nell'attesa che arrivi la nuova patente. Orario visita medica per rinnovo patente: da lunedì a venerdì alle ore 16. Non è necessaria alcuna prenotazione.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Area pratiche auto all’indirizzo praticheauto@aci.brescia.it oppure allo 030 2397 307-335.

21


ACI BRESCIA SERVIZI

AUTOMOBILE CLUB BRESCIA presenta

E T N E T A P

Aci Brescia mette al sicuro la patente

all’Automobile Club Brescia il

CORSO RECUPERO PUNTI è RIMBORSATO! È un servizio offerto con

A

LD ACI GO

utomobile Club Brescia offre una grande opportunità: il rimborso totale di un corso di recupero punti (come previsto dall’art. 126 bis Codice della Strada) per coloro che attiveranno o rinnoveranno l’associazione. Automobile Club Brescia è stato autorizzato dal Ministero dei Trasporti ad organizzare corsi di recupero punti per i

22

TEMA S I S I C A soci e non, presso la propria sede. Le iscrizioni al primo corso di recupero punti sono aperte. I corsi svolti, in collaborazione con personale di Polizia locale, hanno come scopo il binomio tra maggior approfondimento delle tematiche contenute nel Codice della Strada e la sensibilizzazione alla sicurezza stradale. I corsi avranno la durata, per le patenti B, di dodici ore e, per le patenti superiori, di diciotto ore. L'Automobile Club Brescia, per coloro in possesso della tes-

Serie di multe per eccesso di velocità? Sanzioni? Tra i servizi offerti dalle tessere Aci Gold e Aci Sistema ci sono anche i corsi di recupero punti. Un vantaggio in più per gli associati, che possono contare su un’assistenza diretta, in collaborazione con il personale della Polizia locale: corsi che possono contare, per gli associati, sul rimborso totale della quota di partecipazione.

sera associativa prima dell'evento che ha causato la decurtazione del punteggio della patente, rimborserà totalmente la quota di partecipazione allo stesso corso. Il rimborso del recupero punti è un servizio contenuto in tutte le tipologie associative Aci. Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Area soci all’indirizzo soci@aci.brescia.it oppure telefonare ai numeri 030 2397 307/335.


ACI BRESCIA SERVIZI

BRESCIA

N TIZIE

A

IN VIAGGIO COL BEBÈ

In fondo basta una carrozzina pieghevole e qualche pupazzo, no? No. E ci si sbaglia davvero se si pensa di affrontare, visto che la bella stagione è qui, un viaggio in questa maniera con il piccolo, meraviglioso, nuovo arrivato o arrivata, in famiglia.

uto, autobus turistico, treno, nave, aereo... I mezzi per spostarsi, oggi, sono una vera infinità, ma quando si tratta del veicolo più diffuso, l'automobile, i consigli non sono mai abbastanza. Perché la vacanza, il fine settimana, il “fuoriporta”, non si trasformi, in breve, in uno stress continuo. Non è così, neomamme e neopapà, alle prese con il rito del biberon o della pappa diurna e notturna? Lui, il piccolo, adorabile, meraviglioso, irascibile (come Braccio di ferro), protagonista delle nostre vite, detta, spesso, ritmi e leggi non scritte della nostra giornata, dalla casa al lavoro e viceversa. Figuriamoci quando si tratta di automobile. Che fare allora, quando il sole e la voglia di una gita chiamano? Attrezzarsi. E, soprat-

tutto, cercare di ascoltare (in tutti i sensi) quali siano le esigenze del neonato, mese dopo mese. Diciamo in quel periodo che va dal pannolino al “blablabla”, dal latte al bavaglione o, se preferite, da “pappa nanna” al gattonare implacabile verso spigoli e gambe dei tavoli. In automobile in quelle tre, quattro ore di viaggio, a volte anche più, verso la meta delle vacanze, si vive come in barca e si possono consumare rotture clamorose o sviluppare affinità impensate. Si consumano riti consolidati, si litiga per le strade sbagliate, il navigatore non aggiornato, si sbadiglia, ci si stiracchia e si mangiucchia. E si condisce tutto con la sosta in autogrill. Almeno, così era fino a ieri. Ma con il piccolo, come per magia, tutto cambia: ora, dall'esistenza tranquilla e consolidata si approda alla necessità primaria, organizzarsi. O si è perduti.

Che cosa serve in auto? Soprattutto attenzione e pazienza. E rispetto delle norme di legge del Codice della Strada. Il seggiolino è fondamentale. Ce ne sono di varie misure, strutture, materiali e rivestimenti, ma la caratteristica di base è la sicurezza, il rispetto costruttivo delle normative comunitarie, la solidità, l'efficacia. Si tratta spesso di spendere qualcosa in più, valutare con attenzione e documentarsi, senza fermarsi alla prima occasione, per non andare incontro a brutte sorprese e amarezze o peggio, poi. Il piccolo prima di tutto. Quindi, non sottovalutare il rischio anche se si procede a passo d'uomo: il bambino, anche per una frenata banale, rischia tanto e può farsi molto male se viene tenuto in maniera approssimativa o, peggio, in braccio o disteso sul sedile posteriore a pisolare. Quindi, ben siste-

23


ACI BRESCIA SERVIZI

QUELLO STARNUTO CHE NON T’ASPETTI…

Bella stagione e allergie vanno di pari passo, per il bambino e per l’adulto. E una serie di starnuti inaspettata, che ci fa scoprire improvvisamente allergici a qualcosa, può essere un serio problema alla guida. Che fare allora? Ovviamente la pulizia dell’abitacolo è fondamentale: bisogna cambiare, con periodicità stretta, il filtro antipolline. Quasi tutte le automobili di nuova concezione ne sono dotate, ma il fatto che ci sia non vuol dire che sia sempre efficace. Il filtro funziona se pulito. Quindi, cambiarlo quando arriva la stagione della fioritura, è salutare. Una bella passata, con spray, spazzolino e aspirapolvere all’interno dell’auto, negli angoli più nascosti e soprattutto in bocchette d’areazione e condotti, fin dove siano accessibili, è molto utile. Spesso si formano, nei condotti, in particolare in quelli serviti dal climatizzatore, muffe che portano a odori sgradevoli. Altro capitolo è quello relativo al fumo nell’abitacolo. Lasciamo a parte le considerazioni sulla salute e sulle conseguenze del tabagismo, ma ricordiamo che il fumo di sigaretta o sigaro produce odori cattivi, si “infila” nel tessuto dei sedili, crea persino una patina sui vetri e sul parabrezza. Pulizia e lavaggio dell’auto, in questo caso, con una certa frequenza, sono fondamentali, proprio per evitare che l’aria divenga ancor più malsana, unendo fumo interno a inquinamento esterno e pollini vari. Pulire bene anche se si hanno animali e i cuccioli viaggiano con noi e in auto c’è pure un bambino. Ricorrere a procedure di sanificazione è una scelta intelligente, anche utilizzando i prodotti spray usa e getta dedicati al “fai da te”. Ce ne sono di diverso tipo, si attivano e si lasciano in auto fino a esaurimento. Sono davvero utili. Ora che l’abitacolo è pulito, si viaggia, con il ricircolo inserito e il climatizzatore acceso. I pollini rimangono fuori, almeno una buona parte di questi e il problema risulta meno invasivo. E, se l’allergologo ha riscontrato dopo i vari test, quali siano le allergie che ci riguardano, farsi consigliare l’antistaminico o il medicinale più adatto per noi, per evitare sonnolenza o rallentamento dei riflessi mentre si è alla guida. mato nel seggiolino, fissato con le cinghie nella posizione più corretta, senza giubbotti ingombranti o altro. Si parte? No. I pupazzi e i giochi sono un “fondamentale”. Appendeteli al seggiolino (quasi tutti hanno luoghi appropriati) o al vostro poggiatesta. Possono risolvere parecchi momenti d'impasse in viaggio e distrarre il cucciolo. Pensare per tempo almeno a un paio di borse: una per i ricambi. Perché non dimentichiamo che in quelle ore in auto può accadere fisiologicamente di tutto e non sempre troveremo un locale attrezzato con una nursery. Allora, pannolini, creme emollienti e detergenti, disinfettanti, anche per le vostre mani, salviette, un body di scorta, una tutina per ogni emergenza, un cappellino (si scorda spesso), spray per il naso, qualche cerottino, una piccola forbice a punte smussate, una pinzetta, calzine di scorta. Ah, e un telo pieghevole, un poco imbottito e impermeabile. Presto ne capirete l'utilissima funzione, specialmente se, fermi in area di sosta, dovrete cambiare il neo-

24

nato sul sedile posteriore della vostra auto. E' una dote minima, ogni mamma e papà possono arricchire di contenuti la borsa, che di colpo non appare mai abbastanza capiente. La seconda borsa sarà invece dedicata a cibi e bevande: acqua naturale e pura il più possibile, biberon, almeno un paio, una o due confezioni di latte liquido (se si allatta in maniera artificiale), già pronto per essere scaldato anche in un bar con il getto del vapore della macchina per il caffè, biscottini granulati da sciogliere nel suddetto latte, omogeneizzati alla frutta o al suo gusto preferito, cucchiaini di plastica morbida, salviette detergenti, bavaglio (utilissimo), ciuccio, meglio due e per i più esigenti e già in fase svezzamento, anche pappe pronte da riscaldare. Completa la dotazione un thermos, immancabile e se riuscite anche lo scaldabiberon da collegare alla presa a 12 volt dell'auto. Vedrete, risolve molto. E non dimenticate i “suoi” farmaci. Il resto, cibo e scorte varie, lo comprerete sul posto, a meno che non progettiate un

trekking in tenda in solitario. Si parte? Non ancora. Non dovrà mancare una classica tracolla o, se preferite e vi sentite più a vostro agio, anche uno zainetto. Se vi spostate con la carrozzina potrete agganciare la tracolla ai manici. Oppure riporla anche sotto, dove ci sono appositi spazi. O anche portarla con voi e il piccolo se il tragitto a piedi è breve e optate per tenerlo in braccio. Dettaglio sul seggiolino: con gli attacchi Isofix, che i neopapà hanno iniziato da tempo ad apprezzare e, alcuni, temere in maniera riverenziale a livello di installazione, si ruba spazio al sedile posteriore. Montateli con attenzione, altrimenti non riuscirete a ribaltare, in caso di necessità, quei sedili che sono frazionati a 2/3 e 1/3. Sperimentato in prima persona. Finita qui? No, ci sarebbe la valigia del neonato, ma qui ci dilungheremmo in un vero elenco senza fine, entrando in un territorio di solito ben difeso dalla leonessa di casa. Basti dire che ai capi di abbigliamento vanno uniti quegli accessori che, per magia, non ci sono mai quando si arriva, come un lettino pieghevole da campo. Allora si parte. Quasi. Il “materiale” da viaggio e primo impiego c'è? Bene, ma non tralasciate la “sua” storia sanitaria e il libretto pediatrico. Torniamo all'auto e al piccolo viaggiatore: nell'abitacolo prevedete lo specchietto panoramico, da attaccare con ventosa al parabrezza. Serve a tenerlo sempre d'occhio. Un paio di utili portaoggetti di plastica o similari, quelli da appendere al lato posteriore dei sedili: sono ottimi dispenser e salvano anche la tappezzeria da pedatine, vomitini e lanci di cibi vari. Non dimenticate le tendine parasole a ventosa, per i vetri laterali e posteriori. E una selezione delle sue musiche preferite: una certa familiarità sonora, in viaggio, non fa male. Sostate almeno ogni due ore, fatelo riposare un poco e riposatevi pure voi, rinfrescatelo e cambiatelo. Ricordate che prima viene il bimbo e che i ritmi da seguire, ora e per parecchio tempo, saranno i suoi, non i vostri, vacanza o meno che sia. Che altro aggiungere? Che sarà spesso inevitabile il montaggio di un buon, solido box sul tetto, ne abbiamo parlato nel numero precedente. Vedrete che tornerà utile. Anzi, utilissimo. E, come sempre, (reda) buon viaggio!


ACI BRESCIA SERVIZI

BRESCIA

N TIZIE

Conosci i servizi di Aci Gold? La tessera che offre il top dell'assistenza

Con ACI Gold hai: il soccorso stradale gratuito in Italia e all'estero nei paesi U.E., in Svizzera, Norvegia, Serbia, Montenegro, Marocco, Tunisia "all'auto associata": tutte le volte che ne hai bisogno in Italia, anche se non sei a bordo; "a te": 2 volte, su qualunque veicolo viaggi (auto, moto, camper) in Italia, anche se non è il tuo; "all'estero": 2 volte su qualunque veicolo viaggi. E in caso di immobilizzo di "qualsiasi veicolo sul quale sei a bordo": Auto sostitutiva fino a 3 giorni o trasporto dell'auto a casa; Auto sostitutiva fino a 30 giorni (per furto dell'auto associata); Servizi accessori: albergo, taxi, spese di viaggio; Pulizia serbatoio per errato rifornimento carburante (previo soccorso ACI). Con ACI Gold hai inoltre servizi più ricchi: Medico Pronto per te e i tuoi familiari a casa e in viaggio; Assistenza pediatrica e cardiologica in Italia.

Interventi a domicilio: In situazioni di emergenza, prestazioni professionali 24h su 24h di: falegname, fabbro, idraulico e elettricista. E in più: Tutela Legale e Rimborso corsi per recupero punti patente; Show your Card! Sconti in Italia e all'estero; Tariffe di soccorso stradale scontate per i soci per interventi di soccorso e assistenza stradale non inclusi nella tessera. ACI Gold familiare* - Costo annuale: 79,00 Euro La tessera ACI Gold scontata per i familiari conviventi (il coniuge o il convivente di fatto, i figli e i genitori) del socio. PER INFORMAZIONI GLI UFFICI ACI BRESCIA SONO DISPONIBILI: da lunedi a venerdi ore 8,30 - 17 tel. 030 23 97307/335 - fax 030 2397341 email: soci@aci.brescia.it

25


ACI BRESCIA SERVIZI

LE TESSERE ACI A Brescia

ACI Gold Costo annuale: 99,00 Euro LA PIÙ RICCA DI SERVIZI, PER TE, LA TUA FAMIGLIA, IL TUO VEICOLO ACI Gold ti offre il top dell'assistenza al veicolo e dell’assistenza medico-sanitaria per te e la tua famiglia, in Italia e all’estero, a casa e in viaggio.

ACI Sistema Costo annuale: 75,00 Euro TUTTE LE SOLUZIONI IN VIAGGIO PER TE E IL TUO VEICOLO

PER INFORMAZIONI GLI UFFICI ACI BRESCIA SONO DISPONIBILI: da lunedi a venerdi ore 8,30 - 17 tel. 030 23 97307/335 fax 030 2397341 soci@aci.brescia.it

ACI Sistema ti offre l’assistenza medico-sanitaria in Italia e all’estero e tutti i servizi di assistenza al veicolo.

ACI Club Costo annuale: 35,00 Euro LA PRIMA SOLUZIONE ALLE TUE ESIGENZE DI MOBILITÀ La nuova ACI Club è più ricca di servizi e soluzioni alla mobilità, ti garantisce un soccorso stradale in Italia, su qualsiasi mezzo ti trovi.

ACI Storico Aderente Costo annuale + quota annuale di associazione al Club ACI Storico: 209,00 Euro LA TESSERA VINTAGE DIVENTA TESSERA "ADERENTE" DEL CLUB ACI STORICO DEDICATA AGLI AMANTI DELLE AUTO E MOTO D'EPOCA La tessera socio "Aderente" assicura tutti i servizi della tessera Vintage: assistenza a 10 veicoli, 3 soccorsi stradali gratuiti in Italia e all’estero, fino a 50 km di traino, abbonamento a "Ruoteclassiche" e altri benefici. La prima adesione al Club ACI Storico come socio "Aderente" costa 109 euro di quota annuale più 100 euro di iscrizione una tantum.

26


ACI BRESCIA SERVIZI

BRESCIA

N TIZIE

L’Aci ti ricorda la scadenza della tua patente

Riservato ai tesserati ACI Brescia

Per eliminare ogni rischio di dimenticarsi il rinnovo della patente entro i tempi stabiliti, l’Automobile Club Brescia offre un servizio gratuito di “segreteria”. Compila il tagliando di seguito riportato, ritaglialo e spediscilo agli Uffici dell’Automobile Club Brescia, oppure recapitalo presso la Delegazione Aci più vicina. I tuoi dati, custoditi nel pieno rispetto della privacy, verranno inseriti in un apposito archivio e serviranno per farti pervenire la segnalazione relativa alla scadenza della tua patente, in tempo utile per il rinnovo.

FONDAZIONE POLIAMBULANZA E ACI BRESCIA

Il sottoscritto

Un accordo per la salute degli occhi

ADESIONE AL SERVIZIO AVVISO SCADENZA PATENTE GUIDA Nato a

Il

In via

n.

Residente a Tessera sociale n.

Titolare di patente di guida n. Rilasciata da

In data

Valida fino a

CAP Categoria

Aderisce all’iniziativa con cui l’Automobile Club Brescia provvederà a inviare all’indirizzo di cui sopra e prima della scadenza di validità, l’avviso per il rinnovo della patente di guida. L’avviso verrà inviato a mezzo posta ordinaria. L’automobile Club Brescia non assume alcuna responsabilità per l’eventuale mancato recapito postale del suddetto avviso. Data

Firma

Il consenso al trattamento dei dati personali (ex legge 675/96) è stato prestato al momento della sottoscrizione della tessera sociale.

Corsi di recupero punti patente

Compila, ritaglia e spedisci il presente tagliando agli Uffici dell’Automobile Club Brescia Il sottoscritto Nato a

Il

In via

n.

Residente a Tessera sociale n.

Titolare di patente di guida n.

CAP Categoria

Valida fino a

L’OMAGGIO SOCIALE

̀ e interessato a conoscere le modalità relative al recupero dei punti della patente. Chiede di essere contattato (indicare una X sulla modalità prescelta) urgentemente (tramite telefono al numero ) tramite invio con posta ordinaria tramite e-mail all’indirizzo Data

Firma

Il consenso al trattamento dei dati personali (ex legge 675/96) è stato prestato al momento della sottoscrizione della tessera sociale.

27


Ed. Adelphi, Collana Gli Adelphi

NARRATIVA “Il buio oltre la siepe” di Harper Lee

Premio Pulitzer per la narrativa nel 1961, questa storia è un ritratto drammatico di una parte della società americana. La trama prende spunto dal caso degli Scottsboro Boys, nove adolescenti afroamericani, che vennero accusati, ingiustamente, di stupro. Ne derivò la vicenda, collocata nel profondo Sud degli States, in Alabama, al tempo della Grande Depressione degli anni Trenta. Ed. Feltrinelli, Collana Universale economica

I CLASSICI “La felicità domestica” di Lev Tolstoj

Con grande finezza e attraverso uno sguardo molto moderno, il romanzo racconta le incomprensioni, le incrinature sempre più profonde nei rapporti coniugali e il loro sfociare nel distacco e nell’indifferenza reciproca. Tolstoj in queste pagine adotta per la prima volta il punto di vista della donna. Fazi Editore, Collana Le Strade

FRESCHI DI STAMPA “Me and the Devil” di Maria Elena Cristiano

Se non fosse l’uomo a proporre al Diavolo la sua anima in cambio di fama, successo e denaro, ma fosse Satana a invaghirsi dell’anima di un mortale, cosa accadrebbe? Ne parla “Me and the Devil”, il nuovo romanzo di Maria Elena Cristiano, che trae spunto dalla leggenda che aleggia attorno alla figura di uno dei padri del blues, Robert Johnson, divenuto improvvisamente celebre nella prima metà degli anni Trenta. Ed. Delos Digital, Collana Odissea Digital

30

LIBRI&MUSICA DI IERI E DI DOMANI

ACI BRESCIA RELAX

MOTORI E DINTORNI “Lo zen e l'arte della manutenzione della motocicletta”di Robert M. Pirsig L’America “on the road” non delude mai e questo è un viaggio del corpo e dell’anima. La domanda è conseguente all’iniziazione spirituale: c’è chi guida la motocicletta e non sa come funziona, chi invece no. C’è differenza? «Il Buddha, il Divino, dimora nel circuito di un calcolatore o negli ingranaggi del cambio di una moto con lo stesso agio che in cima a una montagna o nei petali di un fiore». E siamo a cavallo, rombante, tra storia, avventura e misticismo. Un grande classico.

“Arrivedorci”, il lungo addio di Elio e le Storie Tese

Dopo il nuovo album, da aprile arriva il tour per salutare tutti

Ci hanno accompagnato per anni e anni. Pare davvero strano che Elio e Le Storie Tese abbiano, almeno a quanto si apprende dalle varie realtà che trattano musica, deciso di fermarsi qui, con il brano “Arrivedorci” (proposto a Sanremo), concludendo una storia a suon di note lunga trentotto anni. Un brano che è anche il titolo di quello che si presenta, forse, come l’ultima creazione discografica del gruppo, uscita il 9 febbraio per Friends & Partner/Artist First.

L’album potrà essere acquistato in versione Cd (doppio) e in vinile (4 Lp e un 45 giri) a tiratura limitata. Si potrà avere anche la Release T-Shirt, grazie al SuperFanPack proposto su Music First.

Nell’ennesima e, ribadiamo il forse, conclusiva fatica di Elio e le Storie Tese, la tracklist è piuttosto interessante: non ci saranno solo il brano “Arrivedorci”, ma l’ulteriore inedito “Il circo discutibile”. E, per gustare appieno sound e ritmo dell’eclettica band, si potrà godere della registrazione di musiche e canzoni proposte durante il Concerto d’Addio di Assago, del dicembre scorso.

Una sorta di saluto complessivo, prodromo alla nuova sfida itinerante, il Tour d’Addio, in previsione a partire dal prossimo 20 aprile, ovviamente e rigorosamente dal vivo. Una sorta di “giro d’Italia” degli Eelst, per salutare tutti. E dire addio. O solo “arrivedorci…”?. Un poco, e non a caso, come nel corto di Stanlio e Ollio, quando da una vecchia vettura stracarica, salutavano tutti, mentre erano in procinto di partire: ricordate? “Arrivedorci… Addio!”, chiosava Stanlio. Poi, dalle parti del 30 giugno, ma diciamolo ancora come formula scaramantica, forse, arriverà la parola “fine” su una carriera straordinaria o l’”arrivedorci” continuerà ancora per un poco…


ACI BRESCIA RELAX

BRESCIA

N TIZIE

Domattina sarà pronta la mia nuova tessera...

Effetto...“Aci Gold”.

31


AUTOMOBILE CLUB BRESCIA Via Enzo Ferrari 4/6 - 25134 Brescia - Tel. 030 2397307/335 - Fax 030 2397341 soci@aci.brescia.it - www.brescia.aci.it

Il tuo Club: Tessere Aci Corsi recupero punti Assistenza legale per i soci Bollo auto - bollo sicuro Pratiche auto Passaggi di proprietà Conto proprio - conto terzi Rinnovo patente Duplicato patente Medico in sede per rinnovo patente

Per informazioni l’Ufficio Soci è disponibile: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17 Tel. 030 2397307/335 - Fax 030 2397341

Profile for ACI

ACI Brescia Notizie - n°1 2018  

Periodico dell'ACI Brescia - marzo 2018

ACI Brescia Notizie - n°1 2018  

Periodico dell'ACI Brescia - marzo 2018

Profile for italia-it