Page 1

LA SCUOLA MEDIA CASTELLI IN AZIONE

2

Edizione 2014-2015

La Scuola Media G. Castelli si definisce ‘aperta’. Anche l’integrazione col territorio contribuisce a questa sua identità. Per questo la Scuola è attenta a cogliere le sollecitazioni formative proposte da enti e associazioni territoriali. Parallelamente si fa promotrice di iniziative culturali destinate al territorio.

INVALSI: Qui siamo sopra la media Lo dicono i risultati del test Invalsi 2014 Meglio della media del Piemonte, ma anche di quella nazionale. E’ un lusinghiero risultato quello raggiunto dai nostri ragazzi nelle prove Invalsi 2014, sia in Italiano che in Matematica. I numeri parlano chiaro: 66 il punteggio nella prova di italiano per il Piemonte, 75 quello raggiunto dai nostri studenti di terza l’anno scorso; 60 il punteggio medio nazionale nella prova di matematica, 64 quello ottenuto dai ragazzi del Castelli. La buona prova non è frutto del caso, ma di una progettazione didattica per competenze. Uno stimolo a fare ancora meglio!   





  



   



       





 

 

 

 

    

 

 

 





 

 

 

    

 

 









  

   







              

Un’esplosione di colori Parola d’ordine: liberare la fantasia. Le prime dell’Istituto, il 5 dicembre, sono andate in visita alla Gam, la Galleria d’arte moderna di Torino. Prima i ragazzi hanno visitato le sale osservando alcune opere d’arte moderna e contemporanea e poi si sono misurati con la tecnica del collage rielaborando il loro profilo.

Piccoli scienziati crescono I ragazzi di terza in cattedra per svelare i segreti della natura ai compagni della primaria. Perché imparare in allegria si può La stanza è buia, ma all’improvviso, sulle pareti, appaiono le costellazioni e le galassie, tra la meraviglia generale. E’ partito così, con un colpo a effetto, il laboratorio di scienze tenuto dai ragazzi di terza nella Giornata di scuola aperta del 29 novembre per i giovani allievi della primaria venuti in visita al Castelli. Per rendere tutto più realistico, ai bambini sono stati forniti dei guanti in lattice da scienziato e un cartellino con il proprio nome da attaccare sulla maglietta. Il laboratorio era organizzato in "isole": quella di chimica dove si sono fatti esperimenti sui colloidi, quella di elettromagnetismo e quella di astronomia. L’entusiasmo contagioso degli alunni più grandi, la passione e il calore con cui hanno accolto i bambini hanno fatto sì che tutto si svolgesse in un clima festoso e coinvolgente. Alla fine, la scienza è bella e divertente ed è capace di stupirci con la sua semplicità!

Quando il gruppo fa la forza

Da studio assistito a laboratorio dell’apprendimento E la motivazione cresce C’è Matteo che si mette alla postazione pc e manda ai compagni l’email con i compiti del giorno. Simone e Federico che ripetono la lezione sui Promessi Sposi perché domani c’è la verifica. Sofia e Sara che suonano il flauto, creando un sottofondo gradevole. Manuel, Tommaso e Marta che s’interrogano reciprocamente sui verbi irregolari di spagnolo. E’ un pomeriggio come tanti nell’aula dedicata allo studio assistito, un’ora e mezza in cui i ragazzi fanno i compiti condividendo dubbi, problemi, ansie da compito in classe. Qui non regna il proverbiale silenzio da biblioteca: lo studio individuale, in completa autonomia, è l'obiettivo da raggiungere al termine di un lungo percorso e non il prerequisito di partenza. Del resto, qui la logica è quella di fare del gruppo un punto di forza, non un elemento di disturbo. Questo nella convinzione che studiare e fare i compiti insieme sviluppa importanti competenze in ciascun alunno. Quindi non ragazzi semplicementi convogliati in un'unica aula con un docente che vigila, ma un gruppo di compagni che impara a lavorare unitamente. Il laboratorio compiti è anche un'occasione particolare per adottare strategie di tipo inclusivo, soprattutto dal punto di vista delle relazioni, per creare, attraverso l'apprendimento, coesione tra coetanei e motivazione allo studio. Il clima che si è respirato in questi mesi, infatti, è positivo e costruttivo: stare a scuola al pomeriggio e impegnarsi con serietà diventa piacevole grazie al forte senso di appartenenza ad un gruppo di lavoro compatto e motivato a imparare. Quindi – perché no – evviva i compiti!

Pag. 1

Newsletter castelli 02  

La scuola media castelli in azione

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you