Issuu on Google+

UN BILANCIO … CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI Il consueto appuntamento consiliare per l’approvazione della relazione previsionale e programmatica, del bilancio pluriennale 2011/2013 e del bilancio di previsione anno 2011, ha messo a nudo tutta l’incapacità politica e programmatica di questa amministrazione. Si sa … con la manovra Tremonti, incentrata prevalentemente sulla riduzione della spesa, dunque dei trasferimenti dallo Stato verso gli enti locali, anche il Comune di Muro Lucano ha subito tagli drastici … e questa circostanza … avrebbe dovuto imporre un atteggiamento di maggiore contenimento delle spese … ma … l’amministrazione comunale … alla contrazione dei trasferimenti risponde con un aumento delle spese voluttuarie. Cominciamo proprio da queste ultime che, grazie all’acume politico dei nostri amministratori incideranno in maniera consistente sul bilancio comunale: € 50.000,00 a favore dei due membri dello staff e nessun incremento per gli stipendi dei dipendenti comunali …€ 80.000,00 per le indennità di carica, a cui in campagna elettorale la squadra Mariani aveva giurato di rinunciare ingannando i cittadini muresi… € 93.000,00 per far fronte alla perdita del contributo regionale, previsto nell’ambito dei Progetti PIOT, a favore del Comune di Muro Lucano, per la realizzazione dell’evento “la Notte della Luce… ( somma che non sarà più erogata dalla Regione Basilicata)…€ 21.000,00 per manifestazioni turistiche ( panini salsicce e… forse bersaglieri) … € 16.000,00 a favore delle attività teatrali, forse … del teatrino della politica murese. Per far quadrare i conti, poi … è stato necessario prevedere dei tagli, i più consistenti … niente poco di meno che … all’istituzione scolastica … € 3.250,00 in meno alla scuola dell’infanzia… € 15.500,00 in meno alla scuola primaria…€ 7.000,00 alla scuola secondaria… per finire con meno € 40.000,00 all’assistenza scolastica, al servizio trasporto e refezione …Ulteriori tagli poi sono stati previsti per i servizi di biblioteca e museo : € 3.000,00 … e per il settore sportivo e ricreativo: € 16.000,00 … per non parlare poi dei servizi di prevenzione e riabilitazione e del mondo dell’associazionismo, a cui il nostro sindaco non ha destinato neppure un euro. L’ultimo colpo di scure è poi toccato al servizio viabilità e cicolazione stradale … che ha subito un decremento di € 65.000,00 … a beneficio delle strade comunali che risultano … tutte in perfetto stato. Passiamo poi alle entrate previste, che appaiono più illusorie che reali : € 426.500,00 derivanti dall’alienazione di aree per attività produttive … lotti ancora di proprietà della Regione Basilicata (ex Esab), che il Comune ha intenzione di acquistare e rivendere … per i quali al momento non è stato stipulato nemmeno il contratto preliminare, sebbene il Sindaco in maniera spudorata si ostini a sostenere falsamente il contrario! … € 40.000,00 per i proventi derivanti dal rilascio del permesso di costruire, ovviamente sempre all’esito dell’approvazione del Piano strutturale e del Regolamento Urbanistico … le cui tavole, tutti stiamo ancora aspettando di vedere esposte nel teatrino comunale, come promesso, da ormai due anni. Passiamo infine allo SCHEMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE E AL PIANO DELLE ALIENAZIONI IMMOBILIARI (allegati al bilancio)…IL PRIMO…immodificato nel tempo, sempre lo stesso da circa sette anni, con in testa la realizzazione dell’ex Ospedale Diocesano, da due anni in attesa di essere cantierizzato e il maciapiede di Pontegiacoia che il sindaco non ha voluto candidare ai finanziamenti previsti dell’Anas nell’ambito dei progetti per la sicurezza stradale, ritendendo che fosse prioritario il progetto relativo alla realizzazione di quella strada che da San Luca sale verso contrada Cerrito… IL SECONDO, IL PIANO DELLE ALIENAZIONI IMMOBILIARI che, lungi dall’essere una risorsa per aumentare le entrate comunali attraverso l’alienazione di beni non più strumentali alle funzioni dell’ente … diventa, nelle mani del nostro sindaco, un utile strumento per distribuire prebende ai propri peones... Un bilancio, quello approvato dall’assise murese frutto di scelte irrazionali e di un’azione amministrativa inefficiente e inefficace che porterà la comunità sull’orlo di un precipizio. Muro Lucano, 16 luglio 2011 f.i.p.

Il Gruppo Consiliare “Insieme per la Rinascita”


Un Bilancio che fa acqua