Page 1

PROVINCIA DI NAPOLI

Progetto Esecutivo PON FESR “Ambienti per l’Apprendimento” Asse II “Qualità degli ambienti scolastici” Obiettivo C Bando Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010 I.S.I.S. “Gaetano Filangieri” Via Sen. Pezzullo,7 – FRATTAMAGGIORE (NA)

ELABORATO: FO_ Fascicolo dell’opera_D. Lgs 81/2008 IL COORDINATORE PER LA SICUREZZA FASE DI PROGETTAZIONE Arch. Mariangela Cimma

I


FASCICOLO DELL’OPERA INDICE: PREMESSA E NOTE DI CONSULTAZIONE............................................................................................. III CAPITOLO I:

MODALITÀ PER LA DESCRIZIONE DELL'OPERA E L’INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI INTERESSATI ............................................................................................................. IV SCHEDA I: DESCRIZIONE SINTETICA DELL’OPERA ED INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI INTERESSATI .............................................................................. IV CAPITOLO II: INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI, DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA E DI QUELLE AUSILIARIE...................................................... VI SCHEDE II-1: MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA ED AUSILIARIE ................................ ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. SCHEDE II-2: ADEGUAMENTO DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA ED AUSILIARIEERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. SCHEDA II-3: INFORMAZIONI SULLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA NECESSARIE PER PIANIFICARE LA REALIZZAZIONE IN CONDIZIONI DI SICUREZZA E MODALITÀ DI UTILIZZO E DI CONTROLLO DELL’EFFICIENZA DELLE STESSE ................................... XVII CAPITOLO III: INDICAZIONI PER LA DEFINIZIONE DEI RIFERIMENTI DELLA DOCUMENTAZIONE DI SUPPORTO ESISTENTE ........................................................................................... XVIII SCHEDA III-1: ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI ALL’OPERA NEL PROPRIO CONTESTO ........................................................XXI SCHEDA III-2: ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI ALLA STRUTTURA ARCHITETTONICA E STATICA DELL’OPERA ...........................XXII SCHEDA III-3: ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI AGLI IMPIANTI DELL’OPERA ............................................................................ XXIV ALLEGATI: ............................................................................................................................. XXV 1 - SCHEMI GRAFICI ....................................................................................................................... XXV 2 – PARTICOLARI TECNICI ESECUTIVI/COSTRUTTIVI ........................................................................ XXV 3 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA ............................................................................................ XXV 4 - DOCUMENTAZIONE TECNICA..................................................................................................... XXV

II


PREMESSA e NOTE DI CONSULTAZIONE Secondo quanto prescritto dall’art.91 del D.Lgs.81/2008, il Fascicolo dell’Opera è preso in considerazione all’atto di eventuali lavori successivi sull’opera stessa e contiene “le informazioni utili ai fini della prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori” durante i lavori di manutenzione dell’opera. Il Fascicolo è utilizzato per informare le imprese di manutenzione sulle modalità d’intervento ai fini della sicurezza. Il gestore dell’opera è il soggetto coinvolto maggiormente nell’utilizzo del Fascicolo. Il Fascicolo accompagna l’opera per tutta la sua durata di vita. Il Fascicolo deve essere aggiornato in corso di costruzione (a cura del Coordinatore per l’Esecuzione) e durante il periodo di esercizio dell’opera, in base alle eventuali modifiche apportate sulla stessa (a cura del Committente). Il Fascicolo è strutturato in conformità all’allegato XVI del D.Lgs.81/2008 ed è suddiviso in tre capitoli: CAPITOLO I –

Descrizione sintetica dell’opera e l’indicazione dei soggetti coinvolti (Scheda I)

CAPITOLO II – Individuazione dei rischi, delle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera e di quelle ausiliarie, per gli interventi successivi prevedibili sull’opera, quali le manutenzioni ordinarie e straordinarie, nonché per gli altri interventi successivi già previsti o programmati (Schede II-1, II-2 e II-3). Le misure preventive e protettive in dotazione dell’opera sono le misure preventive e protettive incorporate nell'opera o a servizio della stessa, per la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori incaricati di eseguire i lavori successivi sull’opera. Le misure preventive e protettive ausiliarie sono, invece, le altre misure preventive e protettive la cui adozione è richiesta ai datori di lavoro delle imprese esecutrici ed ai lavoratori autonomi incaricati di eseguire i lavori successivi sull’opera. Al fine di definire le misure preventive e protettive in dotazione dell’opera e quelle ausiliarie, sono presi in considerazione i seguenti elementi: a) accessi ai luoghi di lavoro; b) sicurezza dei luoghi di lavoro; c) impianti di alimentazione e di scarico; d) approvvigionamento e movimentazione materiali; e) approvvigionamento e movimentazione attrezzature; f) igiene sul lavoro; g) interferenze e protezione dei terzi. Il Fascicolo fornisce, inoltre, le informazioni sulle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera, necessarie per pianificarne la realizzazione in condizioni di sicurezza, nonché le informazioni riguardanti le modalità operative da adottare per: • utilizzare le stesse in completa sicurezza; • mantenerle in piena funzionalità nel tempo, individuandone in particolare le verifiche, gli interventi manutentivi necessari e la loro periodicità. CAPITOLO III – Riferimenti alla documentazione di supporto esistente (schede III-1, III-2 e III-3). Parte delle schede riportate nel presente documento saranno completate e/o aggiornate dal Coordinatore per l'Esecuzione con le informazioni reperibili durante l’esecuzione dell’opera. Inoltre, il documento potrà essere integrato con ogni altra documentazione utile quale foto, schemi esecutivi, schede di componenti, etc..

III


CAPITOLO I: Modalità per la descrizione dell'opera e l’individuazione dei soggetti interessati SCHEDA I:

DESCRIZIONE SINTETICA DELL’OPERA ED INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI INTERESSATI

Descrizione sintetica dell’opera

L'opera si propone di rispondere ad una serie di esigenze indispensabili per un corretto svolgimento delle attività scolastiche e per una sostenibile gestione del plesso. In particolare: o Ridurre i consumi energetici per il riscaldamento dell’edificio diminuendo le dispersioni sia attraverso la sostituzione dei telai e delle vetrature dei serramenti esterni sia attraverso il rifacimento del pacchetto di copertura laddove lo stesso è notevolmente degradato; o Completare il sistema di impianto, attrezzature e componenti relativi alla normativa antincendio, in particolare: adeguare la rete idrica antincendio e sostituire tutte le porte interne ed esterne laddove possibile. Attualmente molte porte aprono verso i corridoi ingombrandone il flusso ed alcune non sono fruibili dalle persone diversamente abili; o Intervenire sulle facciate esterne, in particolare quella principale (SUD), sia al fine di proteggere la strutture portante sia per migliorare il livello di decoro dell’istituzione; o Utilizzare al meglio i locali al piano seminterrato mediante il loro recupero funzionale e manutentivo destinandoli a diventare spazi polifunzionali più utili all’istituzione scolastica; o Migliorare le finiture di alcuni spazi interni ed esterni al momento scarsamente fruibili a causa dell’obsolescenza di alcuni componenti (es. pavimentazioni sconnesse, intonaci fatiscenti, infissi obsoleti); o Recuperare la palestra, infatti essa per le condizioni di degrado manutentivo ed impiantistico che vive non è utilizzata, inoltre si intende dotare la stessa anche degli arredi e degli attrezzi necessari nonché della tracciatura dei campi.

CARATTERISTICHE GENERALI DELL'OPERA Ubicazione cantiere: Durata presunta dei lavori: Data presunta inizio lavori: Numero totale presunto imprese / lavoratori autonomi: Numero massimo imprese e lavoratori autonomi contemporanei: Entità presunta del cantiere (in uomini/giorno) : Ammontare presunto dei lavori:

Via Senatore Pezzullo Frattamaggiore (NA) 90 giorni consecutivi 12 maggio 2014 1 (affidatario) 2 700 € 423.797,00

SOGGETTI INTERESSATI

Committente:

RUP:

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE GAETANO FILANGIERI” Indirizzo: Via Senatore Pezzullo n°7 Città: Frattamaggiore (NA) CAP: 80027 Telefono/Fax: 081 835 47 31 Prof.ssa Giuseppina Cafasso Indirizzo: Via Sen. Pezzullo n° 7 IV

n°7


Città: Frattamaggiore (NA) CAP: 80027 Telefono/Fax: 081 835 47 31 Assistente al RUP:

Arch. Massimo Manna Indirizzo: Via Battistello Caracciolo n. 57 Città: Napoli CAP: 80136 Telefono: 3286942363

Direttore dei Lavori:

arch. Mariangela Cimma Indirizzo: Piazzetta Durante n°2 Città: Napoli CAP: 80129 Telefono: 3477813593

Progettista:

arch. Mariangela Cimma Indirizzo: Piazzetta Durante n°2 Città: Napoli CAP: 80129 Telefono: 3477813593

Impresa Affidataria:

Da individuare a seguito di affidamento lavori

Impresa subappaltatrice o mandante:

Da individuare a seguito di affidamento lavori

Coordinatore sicurezza in fase di esecuzione: arch. Mariangela Cimma Indirizzo: Piazzetta Durante n°2 Città: Napoli CAP: 80129 Telefono: 3477813593 Coordinatore sicurezza in fase di progettazione:

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

arch. Mariangela Cimma Indirizzo: Piazzetta Durante n°2 Città: Napoli CAP: 80129 Telefono: 3477813593

Data: 01-04-2014

V


CAPITOLO II: Individuazione dei rischi, delle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera e di quelle ausiliarie La Scheda II-1 è redatta per ciascuna tipologia di lavori prevedibile, prevista o programmata sull’opera, descrive i rischi individuati e, sulla base dell’analisi di ciascun punto critico (accessi ai luoghi di lavoro, sicurezza dei luoghi di lavoro, ecc.), indica le misure preventive e protettive in dotazione dell’opera e quelle ausiliarie. La scheda è corredata, quando necessario, con tavole allegate, contenenti le informazioni utili per la miglior comprensione delle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera ed indicanti le scelte progettuali effettuate allo scopo, come la portanza e la resistenza di solai e strutture, nonché il percorso e l’ubicazione di impianti e sottoservizi. Quando la complessità dell’opera lo richieda, le suddette tavole sono corredate da immagini, foto o altri documenti utili ad illustrare le soluzioni individuate. La Scheda II-2 è identica alla Scheda II-1 ed è utilizzata per eventualmente adeguare il Fascicolo in fase di esecuzione dei lavori ed ogniqualvolta sia necessario a seguito delle modifiche intervenute in un’opera nel corso della sua esistenza. Tale scheda sostituisce la Scheda II-1, la quale è comunque conservata fino all’ultimazione dei lavori. La Scheda II-3 indica, per ciascuna misura preventiva e protettiva in dotazione dell’opera, le informazioni necessarie per pianificarne la realizzazione in condizioni di sicurezza, nonché consentire il loro utilizzo in completa sicurezza e permettere al committente il controllo della loro efficienza.

VI


SCHEDE II-1: Codice scheda:

MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA ED AUSILIARIE

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-1

Tipologia dei lavori:

ESECUZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

Tipo di intervento

Rischi individuati

Esecuzione di scavi, posa tubazioni, reinterri, ripristini, fissaggi di cassette alle murature e posa di idranti a colonna soprasuolo. Le opere interessano tutte le aree esterne e parzialmente anche i fabbricati

Interferenze con le attività dei lavoratori Contatto con macchine operatrici Tagli, colpi, lesioni durante l’uso di utensili manuali Elettrocuzione per le lavorazioni in corso Esposizione al rumore Investimento da mezzi meccanici Movimentazione manuale dei carichi ingombranti e pesanti Esposizione a vibrazioni Esposizione a prodotti tossici

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Trattasi di interventi su viabilità interna all’area protetta e recintata per la chiusura dell'anello dell'impianto antincendio. Uniche interferenze col personale presente. Punti critici: Possibilità di caduta nelle zone di scavo Sicurezza dei luoghi di lavoro Approvvigionamento e movimentazione materiali

Approvvigionamento e movimentazione attrezzature

Igiene sul lavoro. Prodotti pericolosi

Interferenze e protezione di terzi

Tavole allegate:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Nell’area non sono presenti servizi e/o dotazioni di sicurezza. L’approvvigionamento e la movimentazione di materiali risulta agevole per la presenza di comoda viabilità di accesso L’approvvigionamento e la movimentazione di attrezzature risulta agevole per la presenza di comoda viabilità di accesso Nell'edificio sussistono servizi a disposizione delle maestranze che possono essere utilizzati anche dal personale addetto ai lavori di manutenzione Non sussistono allo stato attuale dispositivi o attrezzature atte ad evitare interferenze con terzi e per la loro protezione di terzi

Verranno poste in opere transennature e passerelle Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie

Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie

In alternativa possono essere disposti W.C. chimici e baraccamenti con servizi in prossimità

Le protezioni per terzi potranno essere garantite con transennature o recinzioni che impediscano l’accesso alla zona di lavoro

Planimetrie e rilievi quotati dello stato di fatto con documentazione fotografica.

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

VII


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-2

Tipologia dei lavori:

INTERVENTI IMPIANTI CONDIZIONAMENTO

Tipo di intervento

Rischi individuati

Smontaggio vecchi impianti, rimontaggio, ampliamenti ed adeguamenti degli impianti esistenti

Interferenze con le attività dei lavoratori Contatto con macchine operatrici Tagli, colpi, lesioni durante l’uso di utensili manuali Elettrocuzione per le lavorazioni in corso Esposizione al rumore Investimento da mezzi meccanici Movimentazione manuale dei carichi ingombranti e pesanti Esposizione a vibrazioni Esposizione a prodotti tossici

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Trattasi di interventi limitati alla palestra. Uniche interferenze col personale presente. Punti critici: Possibilità di caduta nelle zone di scavo Sicurezza dei luoghi di lavoro Approvvigionamento e movimentazione materiali

Approvvigionamento e movimentazione attrezzature

Igiene sul lavoro. Prodotti pericolosi

Interferenze e protezione di terzi

Tavole allegate:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Nell’area non sono presenti servizi e/o dotazioni di sicurezza. L’approvvigionamento e la movimentazione di materiali risulta agevole per la presenza di comoda viabilità di accesso L’approvvigionamento e la movimentazione di attrezzature risulta agevole per la presenza di comoda viabilità di accesso Nell'edificio sussistono servizi a disposizione delle maestranze che possono essere utilizzati anche dal personale addetto ai lavori di manutenzione Non sussistono allo stato attuale dispositivi o attrezzature atte ad evitare interferenze con terzi e per la loro protezione di terzi

Verranno utilizzati trabattelli o scale doppie mobili Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie

Non sussistono misure preventive e protettive ausiliarie

In alternativa possono essere disposti W.C. chimici e baraccamenti con servizi in prossimità

Le protezioni per terzi potranno essere garantite con transennature o recinzioni che impediscano l’accesso alla zona di lavoro

Planimetrie e rilievi quotati dello stato di fattocon documentazione fotografica.

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

VIII


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-3

Tipologia dei lavori:

MANUTENZIONE SULLE FACCIATE

Tipo di intervento

Rischi individuati

Finestre; Tinteggiature; Rivestimento esterno; Verifica stabilità elementi in facciata (intonaci,cornicioni, parapetti ed elementi a sbalzo).

Caduta di persone dall’alto. Caduta di oggetti e di attrezzature dall’alto. Scivolamento in piano. Rottura di materiali. Polveri e schizzi. Contatti e/o inalazione prodotti pericolosi.

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Vedere relazioni tecniche allegate alla documentazione progettuale Punti critici:

Accessi ai luoghi di lavoro

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

E’ necessario prevedere un’opera provvisionale (ponteggio e/o trabattello) o eseguirlo mediante auto cestello. Per i lavori in quota è necessario prevedere idonee opere provvisionali, va inoltre impedito il transito di persone sottostante l’opera provvisionale perimetrando la zona stessa. I lavoratori che eseguiranno l’attività manutentiva devono essere dotati di regolari DPI, in particolare: • idonea imbracatura, cintura di sicurezza costituita da fascia addominale, bretelle, cosciali e da anelli di ancoraggio in schiena con funi di trattenuta, marchiata “CE”; • guanti, casco con stringinuca e scarpe di sicurezza con puntale antischiacciamento e suola in gomma antiscivolo di tipo flessibile Installazione di uno o più quadri elettrici corredati da regolare certificato di conformità. Le prolunghe utilizzate dovranno essere a norma. La committenza darà indicazioni sui punti di allaccio idrico. Sarà da valutare caso per caso. Nel caso venga utilizzato un impalcato del ponteggio, esso, non dovrà essere sovraccaricato Uso di servizi igienici messi a disposizione dalla Committenza Segnalazioni lavori – protezione percorsi utenti del fabbricato con delimitazione alla base delle aree di lavoro

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Sicurezza dei luoghi di lavoro

Impianti di alimentazione idrica ed elettrica

Approvvigionamento e movimentazione materiali e attrezzature

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Interferenze e protezione di terzi

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Tavole allegate:

Planimetrie e rilievi quotati dello stato di fattocon documentazione fotografica.

Igiene sul lavoro. Prodotti pericolosi

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

IX


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-4

Tipologia dei lavori:

INTERNI

Tipo di intervento

Rischi individuati

Tinteggiature; Modifiche pareti di distribuzione in terna; Manutenzione infissi (verniciatura, sostituzione di vetri ecc.); Intonaci pavimenti rivestimenti. a) Verifica/Controllo visivo b) Manutenzione ordinaria c) Manutenzione straordinaria d) Rifacimento/sostituzione totale

Caduta di persone dall’alto. Caduta di oggetti e di attrezzature dall’alto. Folgorazione Scivolamento in piano. Rottura di materiali. Polveri e schizzi. Contatti e/o inalazione prodotti pericolosi.

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Vedere relazioni tecniche allegate alla documentazione progettuale Punti critici:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Subordine alle autorizzazioni e disposizioni del committente. Per l’accesso a parti in quota l’operatore dovrà dotarsi di opere provvisionali trabattello, o scale doppie. Per i lavori in quota è necessario prevedere idonee opere provvisionali, con regolari parapetti, va inoltre impedito il transito di persone sottostante l’opera provvisionale. Le zone di intervento saranno sempre perimetrate e segnalate e precluse ai non addetti ai lavori. I lavoratori che eseguiranno l’attività manutentiva devono essere dotati di regolari DPI. Le prolunghe utilizzate dovranno essere a norma. La committenza darà indicazioni sui punti di allaccio idrico. Sarà da valutare caso per caso. Nel caso venga utilizzato un impalcato del ponteggio, esso,non dovrà essere sovraccaricato. Informazione movimentazione manuale carichi. Uso di servizi igienici messi a disposizione dalla Committenza Delimitazione aree di lavoro e di carico e scarico materiali compresi quelli di risulta.

Accessi ai luoghi di lavoro

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Sicurezza dei luoghi di lavoro

Impianti di alimentazione idrica ed elettrica

Approvvigionamento e movimentazione materiali e attrezzature

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Interferenze e protezione di terzi

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Tavole allegate:

Planimetrie e rilievi quotati dello stato di fattocon documentazione fotografica.

Igiene sul lavoro.

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

X


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-5

Tipologia dei lavori:

OPERE IN FERRO

Tipo di intervento

Rischi individuati

L’intervento consiste nella verniciatura delle grate antieffrazione

Caduta di persone dall’alto. Caduta di oggetti e di attrezzature dall’alto. Scivolamento in piano. Polveri e schizzi. Contatti e/o inalazione prodotti pericolosi.

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Punti critici:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

I lavori da eseguire in elevazione andranno effettuati utilizzando adeguate opere provvisionali opportunamente poste in opera ed isolando l’area di intervento dal resto dell’immobile in modo che gli studenti non possano accedervi. Nel caso sia necessario operare in elevazione gli addetti dovranno proteggersi rimanendo imbracati ed ancorati a parte stabile, oltre ad utilizzare tra battelli a norma e fissati al momento dell’utilizzo.

Accessi al luogo di lavoro

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Sicurezza dei luoghi di lavoro

Impianti di alimentazione e di scarico

Approvvigionamento e movimentazione materiali

Le attrezzature saranno alimentate utilizzando terminali in dotazione al fabbricato, protetti da salvavita magnetotermico Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Approvvigionamento e movimentazione attrezzature

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Igiene sul lavoro. Prodotti pericolosi

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Interferenze e protezione di terzi

I materiali andranno depositati in appositi spazi (segnalati e delimitati), la movimentazione andrà fatta il più possibile con mezzi meccanici o manualmente. I mezzi meccanici si muoveranno entro percorsi identificati e segnalati, manovrati da personale idoneo

Il cantiere deve essere organizzato evitando interferenze con le attività lavorative presenti, in particolare modo con le attività didattiche della scuola.

Tavole allegate: Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

XI


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-6

Tipologia dei lavori:

MANUTENZIONE INFISSI

Tipo di intervento

Rischi individuati

L’intervento presuppone la manutenzione della parte vetrata , delle guarnizioni siliconiche e da quant’altro si può deteriorare con il tempo: per questo la manutenzione può essere suddivisa in 2 tipi di intervento: le misure preventive e le manutenzioni periodiche. Le misure preventive prevedono la pulizia periodica delle parti vetrate e delle guarnizioni e ove presenti degli avvolgibili con revisione e ingrassatura delle parti meccaniche, mentre la manutenzione periodica prevede il ripristino delle parti siliconate e la sostituzione di guarnizioni deteriorate dalle intemperie e la sostituzione di parti deteriorabili, quali cinghie per gli avvolgibili.

Caduta dall'alto Contatto con materiali allergeni Tagli, abrasioni Caduta di materiali dall'alto

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

I serramenti sono realizzati in alluminio anodizzato con vetri multistrato e ove presente anche l’avvolgibile a motore. Per la manutenzione si procederà con l’utilizzo di tra battelli mobili da posizionare in corrispondenza degli infissi sotto esame e mediante lo spostamento degli stessi si procederà alla manutenzione. Punti critici:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

I lavori da eseguire in elevazione andranno effettuati utilizzando adeguate opere provvisionali opportunamente poste in opera ed isolando l’area di intervento dal resto dell’immobile in modo che gli studenti non possano accedervi. Nel caso sia necessario operare in elevazione gli addetti dovranno proteggersi rimanendo imbracati ed ancorati a parte stabile, oltre ad utilizzare tra battelli a norma e fissati al momento dell’utilizzo.

Accessi al luogo di lavoro

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Sicurezza dei luoghi di lavoro

Impianti di alimentazione e di scarico Approvvigionamento e movimentazione materiali Approvvigionamento e movimentazione attrezzature Igiene sul lavoro.

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Prodotti pericolosi

Interferenze e protezione di terzi

Sollevare carichi pesanti almeno in due persone; conoscere comunque le tecniche ergonomiche corrette per la movimentazione dei carichi.

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Nell'eventuale uso di additivi nocivi per la pulizia prendere sempre visione delle specifiche schede di sicurezza del prodotto. Il cantiere deve essere organizzato evitando interferenze con le attività lavorative presenti, in particolare modo con le attività didattiche della scuola.

Tavole allegate: Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

XII


Codice scheda:

Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-1-7

Tipologia dei lavori:

IMPERMEABILIZZAZIONE COPERTURA

Tipo di intervento

Rischi individuati

L’intervento presuppone il completo rifacimento dell'impermeabilizzazione della copertura piana con relativo svellimento della precedente impermeabilizzaizone e rifacimento del massetto di posa.

Caduta dall'alto Contatto con materiali allergeni Tagli, abrasioni Caduta di materiali dall'alto

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Punti critici:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

I lavori da eseguire in elevazione andranno effettuati utilizzando adeguate opere provvisionali opportunamente poste in opera ed isolando l’area di intervento dal resto dell’immobile in modo che gli studenti non possano accedervi. Nel lavoro in quota è obbligatorio adottare idonea opera provvisionale (ponteggio, ponte a sbalzo, ecc.). Verificare che i ponti siano regolarmente allestiti e usati. In presenza di dislivelli superiori a 2 metri, per l'esistenza d'aperture, provvedere ad applicare parapetti regolamentari. Le scale doppie non devono superare i 5 metri di altezza; verificare l'efficienza del dispositivo che limita l'apertura della scala. Verificare la planarità del mezzo di lavoro utilizzato e la resistenza del terreno su cui è poggiato per evitarne ribaltamenti. Vietare lavorazioni in luoghi aperti e in elevato durante la manifestazione di precipitazioni atmosferiche. Assicurare la bombola del gas GPL a punti solidi della copertura e proteggerla dai raggi solari. Durante l'uso della fiamma allontanare i materiali infiammabili. Durante colata di materiale incandescente adottare idonee difese nei confronti degli operatori che coordinano le operazioni da terra. Utilizzare prese CEE ovvero prese domestiche solo per lavori di breve entità presenti all'interno del luogo di lavoro. Le prolunghe devono avere grado di protezione IP 67. Utilizzare macchine e apparecchi elettrici conformi ai requisiti del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. V, Parte II, punto 5.16. Nei lavori all'aperto è vietato l'uso di utensili elettrici portatili a tensione superiore a 220 V verso terra (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. VI, punto 6).

Accessi al luogo di lavoro

Parapetto in c.a. di altezza 80 cm.

Sicurezza dei luoghi di lavoro

Per lavori di breve durata è possibile allacciarsi all'impianto elettrico domestico.

Impianti di alimentazione e di scarico

XIII


Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Approvvigionamento e movimentazione materiali

Non è prevista alcuna specifica misura preventiva

Approvvigionamento e movimentazione attrezzature

Ventilare e illuminare adeguatamente l'ambiente di lavoro (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. IV, punti 1.9 e 1.10). Igiene sul lavoro. Prodotti pericolosi

I materiali di risulta devono essere conferiti a discarica autorizzata per la tipologia specifica del rifiuto. Utilizzare attrezzature per movimentazione carichi aventi caratteristiche conformi al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. V , parte II, punti 3 e 4. Movimentare i materiali utilizzando le apposite attrezzature in modo conforme al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. VI, punto 3. Movimentare i materiali a mano, nel rispetto di quanto indicato al Titolo VI del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.. Acquisire e consultare la scheda tecnica dei prodotti utilizzati. Vietare qualsiasi deposito sopra opere provvisionali, eccettuato quello temporaneo di materiale necessario allo svolgimento del lavoro. Accatastare i materiali senza sovraccaricare la struttura di copertura. Individuare e delimitare l'area di stoccaggio materiali di risulta. Portare a terra i materiali di risulta tramite convogliatori a norma. Verificare che le caratteristiche delle attrezzature da lavoro utilizzate, rispondano ai requisiti di cui al D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Allegato V. Verificare che l'uso delle attrezzature di lavoro risponda alle disposizioni dettate dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Allegato VI. Utilizzare le attrezzature di lavoro mobili e/o semoventi nel rispetto di quanto prescritto dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., Allegato VI, punto 2. Acquisire e consultare la scheda tecnica e manuali d'uso e manutenzione delle attrezzature utilizzate. Vietare la movimentazione dei ponti quando su di essi si trovano lavoratori o sovraccarichi (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. VI, punto 4). Vietare qualsiasi deposito sopra opere provvisionali, eccettuato quello temporaneo di attrezzi necessari allo svolgimento del lavoro. Adottare convogliatori di materiali di risulta dotati di imbocco anticaduta e aventi bocca di scarico posta ad altezza inferiore a 2 m da terra. Attenersi scrupolosamente alle misure riportate nelle schede di sicurezza dei prodotti adoperati. Ventilare e illuminare adeguatamente l'ambiente di lavoro laddove possibile utilizzando sistemi portatili idonei e sicuri (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. IV, punti 1.9 e 1.10).

XIV


Interdire accessi esistenti alla zona interessata dai lavori.

Interferenze e protezione di terzi

Difendere i lavoratori dalla presenza di agenti nocivi (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., All. IV, punto 2). Nei luoghi di lavoro all'aperto osservare tutte le prescrizioni dettate dall'All. IV, punto 1.8, del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., necessarie al mantenimento di condizioni lavorative sicure anche dal punto di vista igienico-sanitario. Allontanare dalla zona di lavoro in appositi contenitori gli stracci sporchi o imbevuti di sostanze infiammabili quali vernici e solventi. Provvedere alla pulizia costante del pavimento dai materiali di risulta, evitando la creazione di ostacoli e camminamenti instabili per gli operatori. Proteggere qualsiasi tipo di apertura sul vuoto con idonee barriere anti-caduta. Delimitare la zona di lavoro e disporre idonea segnaletica. Nei lavori eseguiti in elevato, impedire caduta utensili tenendoli entro apposite guaine e/o assicurandoli all'operatore. Adottare idonee schermature dell'area di lavoro atte a difendere terzi dalla proiezione di schizzi e/o materiali. Interdire l'area sottostante ai lavori ovvero realizzare idonea protezione contro la caduta di oggetti dall'alto. Delimitare l'area sottostante il tiro dei materiali.

Tavole allegate: Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data: 01-04-2014

XV


SCHEDE II-2: Codice scheda:

ADEGUAMENTO DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA ED AUSILIARIE Oggetto della manutenzione:

SCHEDA II-2- ........

Tipologia dei lavori:

(Eventualmente compilata in fase di esecuzione)

Tipo di intervento

Rischi individuati

…………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………… …………………………………………………………………………………… ……………………………………………………………………………………

• • • • • •

…………………………………………………………………….. …………………………………………………………………….. …………………………………………………………………….. …………………………………………………………………….. …………………………………………………………………….. ……………………………………………………………………..

Informazioni per imprese esecutrici e lavoratori autonomi sulle caratteristiche tecniche dell’opera progettata e del luogo di lavoro:

Punti critici:

Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera:

Misure preventive e protettive Ausiliarie:

Accessi al luogo di lavoro

Sicurezza dei luoghi di lavoro

Impianti di alimentazione e di scarico

Approvvigionamento e movimentazione materiali

Approvvigionamento e movimentazione attrezzature

Igiene sul lavoro . Interferenze e protezione di terzi

Tavole allegate:

Il responsabile della compilazione:

Firma:

Data:

XVI


SCHEDA II-3:

INFORMAZIONI SULLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN DOTAZIONE DELL’OPERA NECESSARIE PER PIANIFICARE LA REALIZZAZIONE IN CONDIZIONI DI SICUREZZA E MODALITÀ DI UTILIZZO E DI CONTROLLO DELL’EFFICIENZA DELLE STESSE

Codice scheda:

SCHEDA II-3-1: MANUTENZIONE INFISSI

Misure preventive e protettive di sicurezza e di tutela della salute generali in dotazione all’opera previste Informazioni generali per pianificarne la realizzazione in sicurezza

Modalità di utilizzo delle condizioni di sicurezza

A1

Verifiche controlli

Non vi sono particolari misure di protezione generali, ma in occasione degli interventi di manutenzioni si procederà a mettere a disposizione dei lavoratori attrezzature adeguate al lavoro da svolgere e fornire le dovute istruzioni sulle modalità d'uso. Delimitare l'area di lavoro con mezzi di segnalazione. L’eventuale trabattello deve essere in buono stato e montato correttamente. Un operatore delimita e segnala la zona di lavoro. Vietare l'accesso alle persone non addette ai lavori. Vietare l'avvicinamento all'area di lavoro ad altri mezzi meccanici. E' consentito l'uso di utensili elettrici portatili e di attrezzature elettriche mobili purché dotati di doppio isolamento e certificati tali da istituto riconosciuto. Vietare categoricamente gettare materiali dall'alto. È vietato depositare materiali sugli impalcati, salvo quantità minime e temporanee.

PERIODICITA' 4 MESI

• • e • • •

A2

Infissi Pulizia vetri Pulizia avvolgibili Stuccature silicone Pulizia motore avvolgibile (se presente)

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Interventi di manutenzione

PERIODICITA' 5 ANNI

• • • • • •

Infissi Sostituzione di guarnizioni Sostituzioni di cinghie avvolgibile Revisione motore avvolgibile (se presente) Sostituzione stecche avvolgibile Revisione parti meccaniche avvolgibile con sostituzione di molle ecc.

Data: 01-04-2014

XVII


Scheda II-3-2 Informazioni sulle misure preventive e protettive in dotazione dell’opera necessarie per pianificare la realizzazione in condizioni di sicurezza e modalità di utilizzo o di controllo dell’efficienza dello stesso Codice scheda 01 Misure preventive e protettive in dotazione dell’opera previste

Informazioni necessarie per pianificarne la realizzazione in sicurezza

Modalità di utilizzo in condizioni di sicurezza

Verifiche e controlli da effettuare

Periodicità

Posizione definita in modo Verificare lo stato di da poter agganciare il conservazione (ruggine) moschettone prima di lasciare la scala o di essere esposto al rischio caduta dall’alto (vedi disegno allegato)

Annuale effettuata da tecnico competente/ relazione scritta

Linea vita con Struttura controllata da Punto di aggancio Verificare lo stato di assorbitore di energia professionista per scelta individuato come da conservazione (ruggine) fissaggio disegno allegato Prova tenuta al carico Posizionata durante il Utilizzo max 3 persone previsto rifacimento della copertura con ponteggio presente Ancoraggi tetto per Montati con ponteggio Utilizzatore aggancia la Verificare lo stato di scale presente scala conservazione (ruggine)

Annuale effettuata da tecnico competente/ relazione scritta

Ancoraggio rotante con Struttura controllata da occhiello per aggancio professionista per scelta moschettone fissaggio dell’imbracatura Deve essere posto in opera Carico max 15 kN con le protezioni ancora in esercizio, con barre filettate e legante chimico

Cancelli automatici a telecomando (intesi come segregazione cantiere in caso di manutenzioni esterne) Presa autoprotetta e Quanto previsto per la stagna sull’ultimo realizzazione dell’impianto pianerottolo elettrico

Soggetto ad Verifica dello stato autorizzazione del conservazione committente proprietario automatismi

Interventi di manutenzione da effettuare Protezione ruggine

anti Quando necessario

In caso di caduta sostituire il sistema

Prima dell’uso

Prima dell’uso Prima dell’uso

di Annuale e

Protezione ruggine

con

anti Quando necessario

Vedi libretto manutenzione cancello

Verifica dello stato di Prima Sostituzione conservazione cassetta dell’utilizzazione e funzionamento e prova

XVIII

con

Periodicità

Quando deteriorata non

o


dell’interruttore

differenziale trimestrale

funzionante

Fornitura elettrica per Quanto previsto per la Soggetto ad Verifica dello stato di uso utensili realizzazione dell’impianto autorizzazione del conservazione e elettrico committente proprietario funzionalità degli impianti

Prima Sostituzione dell’utilizzazione impianti e prova differenziale trimestrale

parti

di Quando deteriorati o non funzionanti

Interruttori magneto Quanto previsto per la Soggetto ad Verifica dello stato di termici differenziali realizzazione degli impianti autorizzazione del conservazione e committente proprietario funzionalità degli impianti

Prima Sostituzione dell’utilizzazione impianti e prova differenziale trimestrale

parti

di Quando deteriorati o non funzionanti

Saracinesche Quanto previsto per la Soggetto ad Verifica dello stato di Annuale. intercettazione acqua e realizzazione degli impianti autorizzazione del conservazione e gas committente proprietario funzionalità degli impianti

Sostituzione impianti

parti

di Quando deteriorati o non funzionanti

Fornitura idrica per usi Quanto previsto per la Soggetto ad Verifica dello stato di Prima igienici realizzazione dell’impianto autorizzazione del conservazione e dell’utilizzazione elettrico ed idraulico committente proprietario funzionalità degli impianti

Sostituzione impianti

parti

di Quando deteriorati o non funzionanti

XIX


CAPITOLO III: Indicazioni per la definizione dei riferimenti della documentazione di supporto esistente All'interno del fascicolo sono indicate le informazioni utili al reperimento dei documenti tecnici dell’opera che risultano di particolare utilità ai fini della sicurezza, per ogni intervento successivo sull’opera, siano essi elaborati progettuali, indagini specifiche o semplici informazioni; tali documenti riguardano: a) il contesto in cui è collocata; b) la struttura architettonica e statica; c) gli impianti installati. Per la realizzazione di questa parte di fascicolo sono utilizzate come riferimento le successive schede: Scheda III-1 - Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all'opera nel proprio contesto Scheda III-2 - Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi alla struttura architettonica e statica dell'opera Scheda III-3 - Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi agli impianti dell'opera

XX


SCHEDA III-1: Codice scheda:

ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI ALL’OPERA NEL PROPRIO CONTESTO

SCHEDA III-1

Elaborati tecnici per i lavori di: Manutenzione straordinaria IS Filangieri Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all’opera nel proprio contesto RELAZIONE GENERALE RELAZIONE OPERE EDILI RELAZIONE IMPIANTISTICHE

OPERE

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO FASCICOLO DELL'OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL’OPERA CAPITOLATO D’APPALTO

SPECIALE

CRONOPROGRAMMA

Nominativo e recapito dei soggetti che hanno predisposto gli elaborati tecnici

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Data del documento

Collocazione degli elaborati tecnici

Ufficio tecnico IS Filangieri Amministrazione Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri

Note

IS IS IS IS IS IS IS

Data: 01-04-2014

XXI


SCHEDA III-2:

ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI ALLA STRUTTURA ARCHITETTONICA E STATICA DELL’OPERA

SCHEDA III-2

Codice scheda:

Elaborati tecnici per i lavori di: Manutenzione straordinaria IS Filangieri Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all’opera nel proprio contesto INQUADRAMENTO URBANISTICO PIANTA PIANO SEMINTERRATO – RILIEVO STATO ATTUALE PIANTA PIANO RIALZATO – RILIEVO STATO ATTUALE PIANTA PIANO PRIMO – RILIEVO STATO ATTUALE PIANTA PIANO SECONDO – RILIEVO STATO ATTUALE PIANTA PIANO COPERTURE – RILIEVO STATO ATTUALE SEZIONE A-A’ PROSPETTO EST

E

C-C’,

SEZIONE B-B’ , PROSPETTI NORD E SUD

Nominativo e recapito dei soggetti che hanno predisposto gli elaborati tecnici

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

PIANO -

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

PIANTA PIANO RIALZATO PROGETTO

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

PIANTA SEMINTERRATO PROGETTO

PIANTA PIANO PRIMO PROGETTO

Data del documento

Collocazione degli elaborati tecnici

Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico IS Filangieri Amministrazione Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico IS Filangieri Amministrazione Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri

Note

IS

IS IS IS IS IS IS

IS IS

XXII


PIANTA PIANO SECONDO PROGETTO PIANTA PIANO COPERTURA - PROGETTO SEZIONE A-A’ PROSPETTO EST

E

C-C’,

SEZIONE B-B’ , PROSPETTI NORD E SUD ABACO E DETTAGLI INFISSI INTERNI ABACO E DETTAGLI INFISSI ESTERNI DETTAGLI INTERVENTI IN COPERTURA DETTAGLI INTERVENTI PALESTRA DETTAGLI INTERVENTI BLOCCO SERVIZI IGIENICI OVEST

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico IS Filangieri Amministrazione Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri Ufficio tecnico Filangieri

IS IS IS IS IS

IS IS IS

Data: 01-04-2014

XXIII


SCHEDA III-3: Codice scheda:

ELENCO E COLLOCAZIONE DEGLI ELABORATI TECNICI RELATIVI AGLI IMPIANTI DELL’OPERA

SCHEDA III-3

Elaborati tecnici per i lavori di: Manutenzione straordinaria IS Filangieri Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all’opera nel proprio contesto IMPIANTO ANTINCENDIO: CHIUSURA ANELLO IMPIANTO ANTINCENDIO: RILEVAZIONE INCENDI ARCHIVI PIANO SEMINTERRATO E RIALZATO IMPIANTO ANTINCENDIO: RILEVAZIONE INCENDI ARCHIVI, SCHEMA FUNZIONALE IMPIANTO IDRICO BLOCCO SERVIZI IGIENICI OVEST IMPIANTO ELETTRICO BLOCCO SERVIZI IGIENICI OVEST

Nominativo e recapito dei soggetti che hanno predisposto gli elaborati tecnici

Data del documento

Collocazione degli elaborati tecnici

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593 Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Ufficio Filangieri Ufficio Filangieri

tecnico

IS

tecnico

IS

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Ufficio Filangieri

tecnico

IS

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Ufficio tecnico IS Filangieri Amministrazione Ufficio tecnico Filangieri

Arch. Mariangela Cimma Cell.: 3477813593

Il responsabile della compilazione: Arch. Mariangela Cimma

Firma:

Note

IS

Data: 01-04-2014

XXIV


ALLEGATI: La sezione Allegati è relativa a ogni documentazione utile disponibile anche durante l’esecuzione dell’opera, quale: foto, schemi esecutivi, schede di componenti, etc. Essa sarà completata in particolare dal coordinatore per l'esecuzione Es: 1 - Schemi grafici 2 – Particolari tecnici esecutivi/costruttivi 3 - Documentazione fotografica 4 - Documentazione tecnica

XXV

Fo fascicolo dell'opera  

ELABORATI GENERALI

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you