Issuu on Google+

Curriculum Vitae 1. Cognome: VIDALE 2. Nome:

Massimo

3. Data di nascita:

10 Aprile 1956

4. Nazionalità:

Italiana

5. Stato civile:

Sposato, con una figlia

6. Titoli di studio: Titolo

Sede Data Titolo

Laurea in Lettere e Filosofia, tesi in Archeologia Orientale sulla sequenza ceramica di Shahr-i Sokhta, Sistan, Iran (3° millennio aC) Università degli Studi di Padova 1975-1980

Sede Data

Dottorato di Ricerca in Archeologia, Rapporti tra Oriente e Occidente, tesi sulle aree di attività artigianali di Mohenjo-Daro, Sindh, Pakistan (3° millennio aC) Istituto Universitario Orientale (IUO), Napoli 1984-1987

Titolo Sede Data

Specializzazione in archeologia Greca e Romana Scuola Archeologica Italiana di Atene 1997-1998

7. Borse di studio e finanziamenti di ricerca: Sede o Istituto Tipo di finanziamento Data

Rheinische-Westfalische Technische Hochschule Aachen (hereafter RWTH), Aachen (RFT) Borsa di studio July-August 1983

Sede o Istituto Tipo di borsa Data

Smithsonian Institution (Washington DC, USA) Postdoctoral Fellowship in Material Analysis 1987-1988

Sede o Istituto Tipo di finanziamento Date

Istituto Universitario Orientale (IUO), Napoli Borsa di studio post dottorato 1991 (non utilizzata)


2

Sede o Istituto Tipo di finanziamento

Data Sede o Istituto Tipo di finanziamento Data Sede o Istituto

Ministero degli Affari Esteri Finanziamento per lo studio etnoarcheologico delle industrie contemporanee dell’agata a Khambhat (Gujarat, India) 1989-1990 NATO-CNR Borsa di studio post-dottorato “Advanced Technologies Applied to Cultural Heritage” 1992

Data

Material Society Spring Meeting, San Francisco, USA Borsa per partecipazione a convegno con presentazione di un articolo 1992

Institution Tipo di finanziamento Data

Scuola Archeologica Italiana di Atene Borsa di specializzazione 1997

Sede o Istituto Tipo di finanziamento

Ministero degli Affari Esteri Finanziamento per missione archeologica a Jiroft, Kerman, Iran 2008

Tipo di finanziamento

Data 8. Competenze principali:

Esperto dello studio archeologico della produzione artigianale nel mondo antico e di tecnologie tradizionali contemporanee; esperto di scavo stratigrafico e microstratigrafico; esperto di gestione di progetti di ricognizione archeologica e conservazione del patrimonio archeologico e culturale. 9. Occupazione attuale e collaborazioni precedenti: Archeologo presso l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, Ministero per i Beni e le Attività Culturali (ISCR, prima ICR), e professore a contratto di tafonomia e Archeologia Funeraria presso il Dipartimento di Scienze matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università “La Sapienza” di Roma. 10. Esperienze di campo (in Paesi estranei alla EU): Data Paese Novembre 1976 - IRAN Dicembre 1976; Dicembre 1977 -

Progetto Scavi di Shahr-i Sokhta (Sistan, Iran), con S. Salvatori e M. Piperno (città e necropoli del 3° millennio aC).


3 Gennaio 1978 Gennaio 1977

IRAN

1982 - 1986

PAKISTAN

Febbario -Marzo 1984

PAKISTAN

Marzo 1984

PAKISTAN

Dicembre 1987

KUWAIT

Gennaio 1989; Marzo 1990

INDIA

Febbraio 1989; Gennaio -Febbraio 1990

PAKISTAN

Gennaio 1990

PAKISTAN

Marzo-Aprile 1990

NEPAL

Febbraio -Marzo 1991; Gennaio -Febbraio 1992; Gennaio -Febbraio 1994 Marzo 1997

NEPAL

Marzo -Aprile 1998

PAKISTAN

TUNISIA

Ricognizione dell’abitato di Shahdad (Kerman, Iran), con S. Salvatori per l’IsMEO. Scoperta dell’abitato urbano e dei quartieri artigiani del 3° millennio aC Ricognizione delle aree di attività artigianali di MohenjoDaro (Sindh, Pakistan), IsMEO, Roma e RWTH, Aachen.. Dal 1984 direttore delle attività di campo. Scoperta della tecnologia dei bracciali in gres porcellanaceo (3° millennio aC). Studio etnoarcheologico delle industrie delle perle in steatite in Sindh e Baluchistan (Pakistan), in collaborazione con G.M.Shar, University of Khairpur Mirs, Sindh. Ricogniozione del sito e delle aree di attività artigianali di Chanhu-Daro (Sindh, Pakistan), con G.M.Shar della University of Khairpur Mirs, Sindh. Ricognizione di superficie delle aree di attività artigianale dell’età del Bronzo dell’isola di Failaka (Kuwait Kuwait Ministry of Information, con M.Tosi. Studio etnoarcheologico delle industrie contemporanee dell’agata di Khambhat (Gujarat, India), in collaborazione con J. M .Kenoyer, University of Wisconsin, Madison, e K. K. Bhan, M.S. University of Baroda (Gujarat, India). Codirettore del Khambhat Bead Project. Scavi ad Harappa (Punjab, Pakistan), diretti da G. Dales (University di California, Berkeley) e J. M. Kenoyer (University di Wisconsin, Madison). Scavo di quartiere di ceramisti, ca. 2500 BC. Ricognizione di superficie a Mehrgarh (Baluchistan, Pakistan). Aree di attività calcolitiche e medioevali (lapislazzuli, fornaci per calce). Ricognizione dei siti archeologici del Terai orientale (Nepal), con G.Verardi, per la Italian Archaeological Mission to Nepal. Scavi del sito medioevale di Simraongarh (Terai, Nepal), per l’Archaeological Department, H.M. Government of Nepal. Direttore dello scavo.

Missione al Museo di Lahore, Punjab (ICR e IsIAO) su richiesta dell’Ambasciata d’Italia in Pakistan. Perizia sui locali del Museo e sull’ipotesi della creazione di una scuola per artigiani locali. Indagini etnoarcheologiche sulla pesca del polpo a Jerba con vasi di terracotta, IsIAO e Associazione italiana di Etnoarcheologia. Co-Direttore.


4 Novembre 1998

TURKMENISTAN Ricognizione delle aree di attività artigianali del sito dell’età del Bronzo di Altyn Depe, con S. Salvatori, IsIAO. Collaborazione alla redazione della Mappa Archeologica del Delta del Murghab (remote sensing e GIS). Maggio 1999 TURKMENISTAN Ricognizione superficiale e studio delle aree di attività artigianali dei siti di Ilgynly Depe e Altyn Depe (Calcolitico ed età del Bronzo, con S. Salvatori, IsIAO. Collaborazione alla redazione della Mappa Archeologica dle Delta del Murghab (remote sensing e GIS). Giugno 1999 CSI (RUSSIA) Studio e campionatura di resti archeometallurgici all’ Ermitage, St. Petersburg, IsIAO. Novembre 1999 PAKISTAN Ricognizioni di superficie nella valle dello Swat (Pakistan), Italian Archaeological Mission to Pakistan, IsIAO, e Department of Archaeology, Government of Pakistan. Incaricato della redazione dell’Archaeological Map of the Swat Valley (AMSV). Ottobre PAKISTAN Ricognizione della valle del Kandak (Swat, Pakistan), for -Novembre 2000 IsIAO e Italian Archaeological Mission to Pakistan, come Marzo-Aprile primo passo della AMSV. Scoperta di più di 80 siti, 2004 redazione di mappe in GIS, e di una serie di ripari dipinti di Agosto 2005 età preistorica e buddhista. Direttore del progetto. Novembre 2001 TURKMENISTAN Ricognizione di siti tardo-neolitici nella zona di ChaachaMeana. Marzo 2002 ERITREA Ricognizione di siti paleontologici, Acheuleani e Olocenici Novembre 2003 del bacino di Buia, nella depressione Dankala (Eritrea), Luglio 2006; Istituto di Geologia dell’Università di Firenze e Museo Gennaio-Febbraio Presitorico-Etnografico “Luigi Pigorini”, Roma. GIS di 120 2007 siti Acheuleani esposti dall’erosione e valutazione dei processi formative degli accumuli di manufatti e ossa in superficie. Collaborazione alla creazione di un sistema portatile microtomografico per creazione di modelli virtuali 3D del cranio di Buia. Ricognizione di siti funerari protostorici della costa Dankala, primi studi sulle ceramiche e sull’industria in ossidiana di età olocenica. Gennaio 2003 PAKISTAN Collaborazione alla creazione di database e procedure di inventariazione elettronica per il Museo di Lahore (IsIAO). OttobreAFGHANISTAN Docente al corso di formazione “Training Course for Afghan Novembre 2004 Operators in the Field of Conservation of Archaeological NovembreCultural Heritage” (ICR), al Museo di Kabul (Afghanistan). Dicembre 2005 Corso sulla tecnologia e il degrado del mattone crudo; pronto Settembreintervento conservative sulle ceramiche di scavo. Il corso è Ottobre 2006 proseguito a Roma con lezioni sulla tecnologia ceramica, Novembre 2007 sulla metallurgia e sull’evoluzione culturale in generale. Gennaio-Febbraio IRAN Invitato dall’ICHTO, repubblica Islamica dell’Iran, alla 2005 International Conference “The Halil Rud Civilization: discussions on recent discoveries”. Ricognizione preliminare


5 del sito protostorico di Mathoutabad, Jiroft. Scavi a Mathoutabad (Jiroft, Kerman) perl’ ICHTO e l’ IsIAO, con Youssef Madjidzadeh. Nel 2009 è stato nominato Direttore dello scavo di Mathoutabad presso Konar Sandal Sud.

Gennaio-Febbraio IRAN 2006 NovembreDicembre 2006; NovembreDicembre 2007; Gennaio 2008 Gennaio 2009

11. Esperienze professionali in Paesi EU: Data Dicembre 1995

Paese GRECIA

Progetto Esame e campionatura di terre di fusione da frammenti e statue bronzee al Museo Nazionale di Atene, e ai Musei di Argo e Rodi.

1998-1999

GRECIA, SPAGNA

Collaborazione preliminare al Progetto “Carta del Rischio” dell’ICR, finanziato dalla European Commission - INTERREG II Program, 1994-1999 - ARCHI/MED -, Central and Eastern Mediterranean Space - Pilot Action for Trans-National Cooperation on Spatial Planning under art. 10 ERDF, and Medocc, - Western Medierranean and Latin Alps - in Cataloña, Spain. Coordinatore e pianificatore del budget.

12. Attività di campo e studi in Italia: Data Gennaio 1975 Ottobre 1975

1977-1979

Giugno 1979

Luglio 1979 Marzo -Aprile 1980 Luglio -Agosto 1980

Sito Progetto Piovego, Padua Scavi della necropoli della media età del Ferro del Piovego (Padova, Italy), VI-V secolo aC, Istituto di Archeologia, Università di Padova. Tra la primavera-estate del 1976 scavi in laboratorio sulle tombe asportate dal sito. Montebello Scavi a Montebello Vicentino (Vicenza), per G. Leonardi. Istituto Vicentino (VI) di Archeologia, Università di Padova, e Soprintendenza Archeologica del veneto. Scavo di laboratori artigianali (ramebronzo e ceramica), risalenti alla media età del Ferro. Montagnana Scavi a S.Zeno di Montagnana (Padova), sito protostorico (PD) perifluviale (XI-IX sec. aC), Soprintendenza Archeologica del Veneto. Saletto (PD) Scai a Saletto (Padova), sito dell’età del Ferro con fornaci romane, Soprintendenza Archeologica del Veneto. Pozzuolo del Scavi a Pozzuolo del Friuli (Udine), Soprintendenza Archeologica Friuli (UD) del Veneto. Scavo di infrastrutture artigianali (metallurgiche e ceramiche). Aosta Analsi stratigrafica e geomorfologica del sito calcolitico di S.Martin de Corleans (Aosta) con C. Balista e F. Mezzena, Soprintendenza Archeologica della Valle d’Aosta.


6 1980-1985

Tortoreto (TE)

1981-1983

Valli della Vibrata, Tordino, Salinello (TE) Santorso (VI)

Ottobre 1986; Novembre 1987

Luglio 1987

S. Pietro in Campovalano (TE)

Settembre 1987

S.Clemente al Vomano (TE)

Settembre 1988; Giugno 1989

Montebello Vicentino (VI)

Luglio 1989; Luglio 1990

Venosa (PZ)

Giugno 1991

Palse di Porcia (UD)

Aprile 1992

Venosa (PZ)

Ottobre 1998

Ostia (Roma)

2000

Paestum (SA)

Scavi a Fortellezza-Tortoreto (Teramo) Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo. Erosione e processi formative delle startigrafie. Dal 1982, co-direttore degli scavi. Ricognizione dei siti archeologici e redazione della Mappa Archeologica per la "Cooperativa Archeologia e Territorio".

Scavi a Santorso (Vicenza, Italy), abitato dell’età del Ferro con laboratori metallurgici, Soprintendenza Archeologica del Veneto; scavo delle installazioni artigianali e analisi archeometrica dei reperti. Primo riconoscimento di una forgia per la lavorazione del ferro nella protostoria italiana. Scavi a S. Pietro in Campovalano (Teramo), monastero medioevale e impianti tardo-romani, Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo. Analisi stratigrafica, protezione e ricopertura delle architetture scavate, ricostruzione in elevato di mura e baside, con Vincenzo Torrieri. Scavio a S.Clemente al Vomano (Teramo), monastero medioevale e impianti tardo-romani, Soprintendenza Archeologica dell’Abruzzo. Analisi stratigrafica, protezione e ricopertura delle architetture scavate. Nuovi scavi della necropoli dell’età del Ferro del Piovego (Padova), ), VI-V secolo aC, Istituto di Archeologia, Università di Padova. Scavo di impianto fusorio per colata di una campana alla SS. Trinità di Venosa (Basilicata) (XI secolo AD). Scavo e analisi video endoscopica dell’interno della forma di fusione con M.Micheli, Soprintendenza Archeologica della Basilicata e Istituto Centrale per il Restauro, Roma. Campionatura e studio archoemetrico di frammenti della forma di fusione e campioni metallici Analisi stratigrafica e campionatura di residui metallurgici nel sito di Palse di Porcia (Pordenone), Soprintendenza Archeologica del Friuli-Venezia Giulia. Scavo di un secondo impianto fusorio per colata di una campana alla SS. Trinità di Venosa (Basilicata) (XV secolo AD), Soprintendenza Archeologica della Basilicata e Istituto Centrale per il Restauro, Roma. Scavi alla necropoli romano-imperiale dell’Isola Sacra (Fiumicino, Ostia). Tafonomia delle sepolture e processi di disturbo, con gli antropologi del Museo “Luigi Pigorini” e la Soprintendenza archeologica di Ostia Antica. Diagnosi microstratigrafica dei processi di riapertura delle cavità tombali delle “forme”. Progetto di restauro delle superfici del “Tempio di Nettuno”: tracce di strumenti sulla pietra, ricostruzione delle tecnologie di


7

Febbraio-Giugno 2005

Regione EmiliaRomagna, Istituto per i Beni Culturali

colata del piombo in opera, studi sull’organizzazione dell’antico cantiere, scoperta di resti di un tempio precedente nelle architetture contemporanee (ICR e Soprintendenza Archeologica di Salerno). Progetto “ETNO”, ricognizione del patrimonio culturale extraEuropeo nel territorio regionale, consuletnte per l’area “Oceania”

13. Progetti speciali condotti in Italia per l’ICR-ISCR: Data Aprile 1993 -Ottobre 1995

Monumento Bronzi di Riace, Reggio Calabria (Calabria)

1994-1999, Tomba in varie occasioni imperiale di Federico III, Cattedrale di Palermo (Sicilia) Gennaio 2005 Aree monumentali Ghandhariche (Afghanistan)

Progetto Scavo di elevato dettaglio stratigrafico dell’interno delle due statue per l’asportazione totale dell’anima di fusione, condotto a controllo remoto con microtelecamere. Istituto Centrale per il Restauro e Soprintendenza Archeologica della Calabria, finanziato da FINMECCANICA. Scoperta della tecnologia di costruzione dell’anima di fusione e colata mediante metodologia diretta. Con M. Micheli. Collaborazione al progetto di parziale apertura, documentazione fotogrammetrica, campionatura non invasive del contenuto del Sarcofago in camera sterile. Istituto Centrale per il Restauro e Assessorato alla Cultura della Regione Sicilia.

In seguito al “Training course for Afghan Operators in the Field of Conservation of Archaeological Cultural Heritage” (ICR), al Kabul national Museum, ha preparato il volume “Guidelines for the conservation of Gandharan sacred areas”, poi tradotto in Dari e pubblicato a Kabul, in collaborazione con la SPACH

14. Organizzazione di mostre e collaborazioni: Data Dal Febbraio 1998

Aprile 1999

Marzo 2005

Mostra Perle orientali. La lavorazione delle pietre semipreziose nel Vicino Oriente al Museo Nazionale d'Arte Orientale, Rome, in collaborazione con Giovanna Lombardo L’argilla e il Tornio. Tecniche e tipologie vascolari iraniche dal periodo del Ferro all’età dell’Impero Sasanide, Museo Nazionale d’Arte Orientale, Rome, in collaborazione con Paola D’Amore e Giovanna Lombardo. Tesori della steppa di Astrakhan, Palazzo Venezia, Roma

Incarico o ruolo Ideatore, organizzatore

Didattica, testi, apparati grafici, radiografie XR

Traduzione in inglese delle didascalie in mostra


8 Autunno 2007

Ori dei cavalieri delle Steppe: collezioni dai Musei dell’Ucraina, Castello del Buonconsiglio, Trento

Redazione testo

15. Organizzazione di incontri scientifici: Data Maggio 1998 Giugno 2001

Incontro 1° Convegno Nazionale di Etnoarcheologia, Roma 2° Convegno Nazionale di Etnoarcheologia, Mondaino (FO), entrambi per l’associazione Italiana di Etnoarcheologia, con la partecipazione di varie Istituzioni

16. Esperienza in campo didattico: Data 1990-2003

1995-1998

1999-2002 1999-2008

Autunno 2006 2007-2009

2009-2010

Istituzione ICR, Roma, scuola nazionale per allievi restauratori

Materia Docente di Storia delle Tecniche Artigianali e Artistiche, Tecnologia Ceramica, Aspetti Etici e Organizzativi della Ricerca Storia della Produzione Artigianale e della Università di Genova, Facoltà Cultura Materiale di Conservazione dei Beni (Professore a contratto) Culturali Scuola Archeologica Italiana di Restauro e tecnologia antica, vari argomenti Atene (Grecia) Preistoria e protostoria dell’Asia Università di Bologna (Professore a contratto) (Ravenna), Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali Università di Bologna, Istituto Seminario su Etnoarcheologia , Scuola di di Archeologia Specializzazione (10 ore) Tafonomia e Archeologia Funeraria Università “La Sapienza” di Roma, Dipartimento di Scienze (Professore a contratto) matematiche, Fisiche e Naturali Archeologia delle produzioni Università degli Studi di (Professore a contratto) Padova

20. Comunicazioni scientifiche e pubblicazioni In più di 30 anni di attività, ha partecipato a numerosi incontri scientifici internazionali e Italiani di argomento archeologico e preistorico. Le sue ricerche sono state presentate, tra l’altro, nelle principali capitali o centri universitari Europei e nord-Americani, come in Pakistan. Ha pubblicato circa 220 articoli specialistici, in gran parte relative ai risultati delle sue ricerche di campo o di laboratorio in varie riviste specializzate (tra cui Nature, Paléorient, World Archaeology) e circa 200 articoli divulgativi. Dal marzo 2003 cura, per la rivista Archeo, la rubrica mensile “L’Uomo e la Materia” che aggiorna costantemente il grande pubblico sulle scoperte più recenti nel campo della storia della tecnologia antica dei vari materiali. Ha redatto decine di voci per l’Istituto della Enciclopedia Italiana,


9 Enciclopedia Treccani, Enciclopedia dell’Arte Antica, Enciclopedia Universale dell’Arte e per due diverse Enciclopedie archeologiche popolari (per De Agostini Editore, Roma, e Fabbri Editore, Milano). Tra i suoi libri si ricordano “Craft Specialization: Operational Sequences and Beyond”. A cura di S. Milliken & M. Vidale, Papers of the EAA Third Annual Meeting at Ravenna 1997, 1998, Volume IV. Bar International Series 720. “Il corallo nel gioiello etnico Indiano”, Electa Napoli, 1999 (in collaborazione con Cristina del Mare). "The archaeology of Indus crafts. Indus Craftpeople, and why we study them", Rome, 2000, IsIAO Reports and Memoirs, Series minor, IV. “L’idea di un lavoro lieve”, Saltuarie dal Laboratorio del Piovego, Padova, 2001. “Che cos’è l’Etnoarcheologia”. Carocci editore, Roma, 2004. “Ceramica e archeologia”. Carocci editore, Roma, 2007.


http://www.isiao.it/CV/Vidale%20CV%20italiano