Issuu on Google+

Anno 2 - Numero 5 - Agosto 2011 - periodico mensile www.ischianews.com

â‚Ź 1,50

Copia Omaggio Free Copy

Emozioni Ischitane

Ischia Emotions


www.

GIOB 2011

Avviso ai naviganti: su

.com

trovate l’Ischia più esclusiva 1

7

2

3

5

4

Spazio pubblicitario a pagamento

Per organizzare le vostre vacanze ad Ischia scegliete onischia.com, il portale di prenotazione online più completo ed esclusivo della rete. Potrete: 1 Prenotare senza spese aggiuntive e pagare direttamente in albergo. 2 Scegliere tra una selezione di strutture, dal Bed & Breakfast all’hotel 5 stelle lusso, alle migliori tariffe del momento. 3 Organizzare il trasferimento con un’assistenza dall’aeroporto e dalla stazione fino all’albergo. 4 Scoprire e sfruttare le offerte speciali esclusive onischia.com 5 Organizzare il vostro tempo libero scegliendo tra le tante escursioni giornaliere o il ristorante giusto per una serata speciale. 6 Scegliere il parco termale o la SPA dove ritrovare il benessere del corpo e della mente. 7 Consultare l’elenco dei principali eventi. 8 Scoprire tutti i segreti di questa superba isola. In più, chiamando il Servizio Clienti allo 081 333 9337 riceverete le risposte che cercate in tempo reale.

8

6


Spazio pubblicitario a pagamento

Nel comune di Barano d’Ischia a circa 300 mt sul livello del mare, si preserva la Fonte dedicata alle Ninfe Nitrodi. Non appena raggiungerete il “boschetto sacro” dove è situata la sorgente, vi sarà facile pensare di aver fatto un percorso indietro nel tempo...... Questo è uno dei luoghi più suggestivi e meno contaminati di Ischia ed oggi è senz’altro ancora simile a quello frequentato dai romani ben duemila anni fà - numerosi reperti qui rinvenuti ed esposti al Museo Archeologico di Napoli testimoniano la presenza di una scuola di idrologia medica fin dal I sec. a.c.. Immergetevi in un angolo di macchia mediterranea con la possibilità di godere delle docce di acqua sorgiva (28°) che vi lascerà la pelle ed i capelli lisci e vellutati come non mai. Questa acqua è da sempre utilizzata per le sue qualità cicatrizzanti sia interne che esterne, per la cura di acne, foruncoli ed in genere per qualsiasi problema della cute. Il Parco attrezzato nel massimo rispetto della natura circostante, il flusso continuo della sorgente, il sole e le piante officinali, la folta macchia mediterranea, con fichi, ulivi, mirto, lavanda, rosmarino, agrumi, fichi d’india, timo, valeriana, salvia, lentisco, alloro...affacciati sullo scorcio più selvaggio dell’Isola d’Ischia..... vi ritroverete dopo pochi minuti in pieno relax, avvolti dalla natura, rivitalizzati e in uno stato di benessere psicofisico intenso. Nel Parco è possibile anche gustare granite preparate con acqua di Nitrodi e tisane a base di erbe officinali scelte per le loro virtù terapeutiche scientificamente accertate. Per preparare gli infusi, dolcificati esclusivamente con miele di Ischia, si utilizzano esclusivamente erbe raccolte nel Parco annesso alla Fonte delle Ninfe di Nitrodi alle prime luci dell’alba, nel momento balsamico delle varie specie di piante prescelte come raggiungerci / how to reach us in auto: Seguire indicazioni per Barano - Sorgente di Nitrodi - in Bus: Linee CD - CS, in estate spiaggia dei maronti Linea 11 By car: To reach the Spring by car follow the main road round the island. Nearby there is a large free car park. By bus: take the lines CD and CS and in the summer take line 11 from Maronti beach.

www.fonteninfenitrodi.com • info@fonteninfenitrodi.com

Entrata / Entrance - €10,00/12,00


68

Sommario

Summary 7

In copertina: Forio vista da Punta Caruso - foto di Enzo Rando

Cover: Forio seen from Punta Caruso - photo by Enzo Rando

50

Editoriale

Editorial

Emozioni Ischitane ... 7 - Tra cielo e mare

Ischia Emotions ...

- Between sky and sea

Personaggi Ugo Calise

Characters

- Na Voce, Na Chitarra E ‘O Poco ‘E Luna - Na Voce, Na Chitarra E ‘O Poco ‘E Luna

Eventi

28

Tradizioni Traditions Sant'Alessandro

14

Epomeo in sella

19

La Cicala

38

- Due millenni di storia e tradizioni - Two thousand years of history - Arte, scultura e tradizione - Art, sculpture and tradition - The cicada of past times

GIARDINI Events

Premio Ischia di Fotografia 50 - Parte del progetto “Ischia Foto Workshop” - Part of the "Ischia Photo Workshop"

Gardens

Giardini Ravino 23

- Riunire in sè tante specie vegetali - Getting together many plant species

Giardini Eden

68

- I due volti del Giardino... - The two faces of the garden


23 Direttore responsabile Enrico Deuringer

Redazione Alessia Impagliazzo Clementina Petroni Giuseppe Mazzella Lidia Ianuario Luigi Orlandi Peppino Brandi Maurizio Orlacchio

10

Hanno collaborato Bianca Patalano Katia Serio

28

Impaginazione Maria Mattera Dmitry Tereshchenko

14

Traduzioni

Milena Barbieri

Foto

33

Enzo Rando Malvarosa edizioni Archivio Ischia News S.r.l. Alessia Impagliazzo Delta Studio Archivio Premio Ischia di Fotografia

Editore Ischia News S.r.l. www.ischianews.com Registrazione Tribunale di Napoli R.G. 8733/09 Iscrizione al ROC n. 20937 I.V.A. assolta dall'editore Printed in: Grafica Montese Snc (NA) Copyright Ischia News S.r.L 2011 Tutti i diritti riservati. E’ vietata la riproduzione dell’uso anche parziale di testi, illustrazioni e foto.

19 Luoghi

Places

L'agriturismo di Peppe 'e zi' cumpare 10 - Sul Monte Cotto, in quello scenario naturale... - On mount Cotto, in that natural setting...

La Colombaia di Luchino Visconti 33 - Di rara suggestione, immersa nel bosco di Zaro - A rare beauty, surrounded by the wood of Zaro

Villa Teresa

40

- Per riscoprirsi Venere di Milo! - To rediscover Venus de Milo!

Giardino Mediterraneo

78

- Qui, dove il vino è di casa... - Here, where the wine is one of the family...

RUBRICHE

Columns

Calendario eventi 44 Cartina - Strada del vino 48 Luoghi di Interesse 60 Parchi Termali 73 Prodotti tipici 76 Mangiar bene 79 Ristoranti 84 Wedding 89 Autobus ad Ischia 90 Numeri utili 92 Orari marittimi 94


Emozioni ischitane …

C

apita spesso di avere il desiderio di estraniarsi. Di cercare la completa solitudine per ritrovare se stessi. Un modo per sfuggire alla confusione e al chiasso che nei luoghi di villeggiatura ci circonda, specialmente nel mese di agosto. Ma Ischia è diversa! Perché riesce ad esprimere il suo fascino anche durante l’affollamento estivo grazie alla straordinaria varietà dei suoi paesaggi. Così, dalle spiagge ampie e assolate alle riposanti pinete, dalla campagna alle verdi colline fino alle balze rocciose del dominante monte Epomeo, la cui vetta raggiunge i 789 metri sul livello del mare, l’isola offre la possibilità di godere della più variegata scelta di ritempranti passeggiate e attraenti escursioni. Infatti, allontanandosi di poco dall’Ischia più affollata e rumorosa si può scoprire un’altra isola più genuina ed attraente che nelle case e nelle cose svela la misura di chi le ha create e proporzionate. Come sulla marina, all’ombra del Castello, i pescatori di Ischia Ponte continuano a costruire nasse e a rammagliare reti, trascorrendo una vita serena e longeva, nella casta e feconda umanità del loro borgo marinaro, aperti a scambiarsi le umili e sapienti notizie nel prevedere il mutarsi dei venti e delle condizioni del mare. Come sulle pendici del Monte Epomeo, i contadini continuano a scambiarsi le altrettanto umili e sapienti notizie della conduzione della terra e del maturare dei vini nei cellai, scavati nel tufo della montagna. Un’Ischia diversa che

di Enrico Deuringer

Ischia Emotions by Enrico Deuringer

O

ften people have the desire to cut themselves off and to be completely alone. One way to avoid the confusion and chaos that in holiday resorts surrounds us, especially in August. But Ischia is different! Because it is able to express its charm during the summer crowds thanks to the extraordinary variety of its landscapes. It is all magic, from the sunny beaches to the wide and restful pinewoods and from green hills of the countryside to the rocky crags of the majestic Epomeo, whose peak reaches 789 meters above sea level. The island offers the opportunity to enjoy the most varied

choice of invigorating walks and attractive tours. In fact, moving away from the island, you can discover another island, more genuine and attractive with homes and things that show the people’s behaviour. In the shadow of the Castle of Ischia Ponte, fishermen continue to build fish traps and nets, spending a peaceful life and long - lived in their humanity, in chastity and fruitful fishing, open to exchange learned information in predicting the changing of the winds and sea conditions. As the slopes of Mount Epomeo, farmers continue to exchange humble and wise information for the


8 non manca di emozionare, negli anni, anche il suo più assiduo frequentatore! …Come d’incanto infatti, nei giorni scorsi, allontanandomi sulla monorotaia dalla piccola e verde macchia che avvolge la casa colonica dove anticamente si spremevano le uve nei suoi palmenti, e spingendomi verso la sommità della tenuta, ecco svelarsi ai miei occhi un panorama da sogno. Tra cielo e mare potevo vagare con lo sguardo dal Castello Aragonese al caratteristico porto ischitano, ricavato dai Borboni aprendo al mare un cratere vulcanico, dalle isole di Vivara e Procida fino al golfo di Napoli e al Vesuvio. Un breve viaggio in monorotaia verso la sommità della terrazza del Giardino del Mediterraneo, così soprannominato dal suo scopritore e cultore, il caro amico e vignaiolo Corrado D’Ambra, che non poteva trovare nome più appropriato per questo luogo dell’anima! Anche se mi piace pensare che

management of the land and the maturing of the wines in cellars, dug in tuff . An island different, Ischia does not fail to excite, over the years, its most frequent visitor! As if by magic, the monorail took me further and further away from the small green bush, that surrounds the house where once the grapes were pressed in its wine-press, and I went towards the top of the farmhouse. In front of my eyes appeared a breathtaking view.

I could wander from sea to sky, looking at the Castello Aragonese and the picturesque port of Ischia, built by the Bourbons by opening a volcanic crater to the sea including the islands of Procida and Vivara to the Gulf of Naples and Vesuvius. A short monorail trip to the top of the terrace of the Mediterranean Garden, so nicknamed by its discoverer and lover, the dear friend and winemaker Corrado D'Ambra,


9 la bella denominazione di Corrado sia ascrivibile a tutta l’isola che è ancora in grado di mantenere inalterate le sue più belle attrattive dall’assalto di quei vacanzieri che non rispettano la bellezza dei luoghi. Una escursione, la mia, non solo per ammirare all’imbrunire un panorama mozzafiato, ma anche per godere dei piaceri della tavola della terrazza del Giardino del Mediterraneo, dove grazie all’arte culinaria dello Chef Umberto Castellaccio, solo su prenotazione, si può degustare una cena straordinaria, dove le fragranze dell’orto si amalgano con i prodotti del mare e della terra per restituire quei sapori della tradizione ischitana che, esaltati dai vini delle Cantine Pietratorcia, non mancheranno di emozionare, con la sua scoperta, tutti quei vacanzieri, veramente intenzionati a conoscere Ischia fin nel profondo!

who could not find more appropriate name for this amazing place! I like to think that the good name of Corrado is attributable to the entire island which is still able to maintain its greatest attractions despite the arrival of those tourists who do not respect the beauty of the area. My excursion is able not only to admire a breathtaking sunset, but also to enjoy the pleasures of the table on the terrace

of the Mediterranean Garden, where, thanks to the culinary art of Chef Umberto Castellaccio, by appointment only, you can taste extraordinary dinner. The fragrances of the garden combine with seafood and the flavors of the earth to return to the tradition of Ischia, enhanced by the wine cellars of Pietratorcia, will not fail to excite all the holidaymakers who want really to know Ischia in depth!

Belvedere dal Giardino medeterraneo Panorama from the Mediterranean


L'agriturismo di Peppe `e zi' cumpare ‌ di Peppino Brandi


11

U

na levataccia! Alle sei, ora della sveglia per anziani e contadini - avrei voluto tanto considerarmi della seconda fascia ma, purtroppo, gravito irrimediabilmente nella prima - ero già sveglio e giravo per casa con l’intento di trovare la giusta ‘mise’, mentre il caffè della fedele napoletana profumava la cucina. Era accaduto che un paio di giorni prima mi ero incontrato con Peppino Vuoso tra l’Olmitello e la Cava Scura, io, con in braccio il ‘divo Adriano’ mio nipote, mi stavo preparando per un salutare bagno mattutino e Peppino di ritorno dall’Olmitello con due galloni della preziosa acqua utile per le funzioni renali e che sgorga da un pisciarello naturale proprio dalla viva falda tufacea; Peppino ‘e zi’ cumpare, così è chiamato familiarmente, ha un principio di gotta che cura con pantagrueliche bevute. Ho preso a sfotterlo dicendo che aveva la malattia dei ricchi, quelli che abusano di carni rosse, e poteva andare fiero di questa malattia che aveva caratterizzato la vita di Papi ed Imperatori in età rinascimentale. Forzoso sorriso di compiacenza da parte di Peppino, ho avuto netta la sensazione che non avesse gradito, e poi l’invito: “Visto che stai andando per cantine, ora che hai superato la sessantina, (non ho raccolto, in effetti si riferiva ad un detto popolare che vuole l’uomo che ha doppiato la sessantina dedicarsi più alle bevute di vino che non a saltare la cavallina…), degnati di visitare il mio agriturismo sul Monte Cotto e vedrai la più bella vigna dell’isola sistemata in quello scenario naturale, dirimpetto a Capri, che va dalla guardiola alla parata del farmacista”. Non potevo tirarmi indietro, appuntamento alle Pianole di Testaccio – una depressione naturale a cui fanno da corona il monte Cotto quello di Barano e le rampe del pendio dei gelsi, ore sei e trenta per andare su con un trattorino. Peppino, figlio della buon’anima di zi’ Nicola , è una persona gradevole e spontaneamente generosa, gran lavoratore nel campo dell’edilizia ed amante della terra. Ha messo su un ‘fondo’ di oltre cinque ettari che occupano quella lingua di terra che va dalla Guardiola quasi sino alla parata del Farmacista e che si affaccia sulla scarrupata di Barano tra la ‘preta crespa’, un gruppettino di scogli e l’antica sorgente del Succellaro, oggi praticamente scomparsa a causa del bradisismo che ha interessato quella zona, ma che trova in Iasolino un mentore di eccezione. Nella sua pubblicazione secentesca quella ‘De’ rimedi naturali‘ - Giulio Iasolino era un medico e filosofo calabrese che per primo studiò le acque termominerali del nostro scoglio - riferisce che quelle del Succellaro sono le più indicate per la cura delle affezioni della pelle, era talmente salutare che veniva detta ‘acqua a’ rogna’ capace, cioè, di curare anche questa fastidiosa patologia infiammatoria della cute ed, infatti, ‘le villiche di quelle contrade

The Farm of Peppe of Zì Cumpare By Peppino Brandi

W

h a t a struggle! It is six o'clock, the alarm time for the elderly and farmers. I would have wanted to consider myself much of the second tier (the farmers) but sadly, inevitably gravitate to the first (the elderly). I was already awake and hung around the house with the intent to find the right 'place', when the coffee of the true Neapolitan tradition perfumed the kitchen. Some days before I met Peppino Vuoso between Olmitello and Cava Scura, while holding the 'divine Adriano' in arms, my nephew, I was preparing myself for a healthy morning bath and Peppino retured from Olmitello with two gallons of precious water useful for kidney function. Peppino of zi' Cumpare, so he is familiarly called, has a principle of gout to care with gargantuan drinking. I started to make fun of saying he had the disease of the rich, like who abuse red meat, and he could be proud of this disease that had characterized the life of Emperors and Popes during the Renaissance. Forced smile of complacency on the

part of Peppino, I had the feeling that he had not liked, and then the invitation: "Since you're going to wineries, now that you are over sixty, (a popular saying which considers the over 60 men intent more to drink wine than to jump ...), deign to visit my farm at Monte Cotto and you will see the most beautiful vineyards of the island settled in that Natural scenario, facing Capri, the parade that goes from the guardhouse of the pharmacist". I could not draw back, to the appointment at Pianola in Testaccio a natural depression which encircles mountain Cotto in Barano and the ramps of the slope of the mulberry trees, at half past six I went on by a tractor. Peppino, the Zi 'Nicola’s son, is a pleasant person and spontaneously generous, hard worker in the building and lover of the land. He has built an area of more than five hectares occupying the strip of land that extends from Guardiola almost to the parade of drug, overlooks the Scarrupata of Barano between the ‘preta


12 hanno una carnagione fresca e vellutata come una pesca perché amano immergersi spesso in quelle fonti’. Si riferiva alla donzelle di Testaccio, Chiummano, Vatoliere, Piedimonte e Schiappone oltre che Barano e Buonopane. La Guardiola è una postazione di avvistamento, sulla specie delle fortificazioni cosiddette ‘Casamatta’ risalente alla seconda guerra mondiale, ve ne sono ancora un paio con ruderi di locali adibiti alle esigenze della postazione di militari e che oggi sono utilizzati dai contadini, appollaiata sulla parte più alta del Monte Cotto dalla quale si gode una veduta incredibile. Sembra un balconcino che affaccia su Capri. Mentre ad ovest il terreno si perde tra le propaggini della parata del farmacista. Di questa ho un ricordo diretto perché agli inizi degli anni cinquanta il farmacista di Barano, dottor Garofalo, pose mano ad una intensa piantumazione di alberi d’alto fusto tra cui pini ed eucalipti con il chiaro intento di realizzare la cosiddetta ‘parata’ per andare a caccia di tortore richiamate dalla folta macchia di verde. Era il tempo della caccia libera e la locale sezione dei cacciatori annoverava molti iscritti. Ma pochi ebbero la ventura di andare a caccia. La macchia si formò solo molti anni dopo e molti seguaci di Diana avanti negli anni e pieni di acciacchi, nonostante le cure del farmacista, si dedicavano, come Turgheniev, alle ‘Memorie di un cacciatore’. “Ecco da qua inizia il mio agriturismo” disse Peppino mostrandomi un fazzoletto di terra di tre o quattromila metri quadrati, ben ridossato e, quindi, al riparo dei micidiali venti di scirocco, con decine di piante di limoni, aranci, ed agrumi vari. Ecco svelato l’arcano! Peppino intendeva per agriturismo una piantagione di agrumi. Mi guardai bene dal contraddirlo ed iniziammo a percorrere in lungo ed in largo il terreno, tenuto, in verità, in maniera egregia. Lunghi filari di uve bianche e rosse distanziati lo spazio di un trattore per consentirne un’agevole manutenzione. E tra i filari migliaia e migliaia di piante di pomodori pronti per essere imbottigliate. Trovai due filaretti di viti con su dei grappoli di uva ‘zizza e vacca’ e ‘curnicella’, le mie predilette, già pronte all’uso e che subito colsi deponendole nel cesto di cui Peppino mi aveva dotato. E alle loro spalle,

fresca’, a small group of rocks and the ancient source of Succellaro now virtually disappeared because of bradyseism that affected the area. In the seventeenth century publication 'De' natural remedies' - Giulio Iasolino, a Calabrian physician and philosopher who first studied the waters of our thermo - rock of Succellaro, tells about the most suitable treatment for diseases of the skin, so greeting that was called 'water of scabies' able to cure this annoying inflammatory disease of the skin and, in fact,' the peasants of those countries have a fresh and smooth complexion like a peach because they love to immerse themselves often in those sources. Guardiola is the location of sighting, the species of fortifications called 'Casamatta' dating back to World War II, there are still a few ruins with remains of the military station and which today are used by farmers on the highest part of Monte Cotto, which boasts an incredible view. It looks a balcony overlooking Capri. To the west the land is lost among the foothills of the parade of the pharmacist. In the early fifties,

I remember that the pharmacist, Dr. Garofalo of Barano put his hand to an intensive planting of tall trees such as pines and eucalyptus, with the clear intention of making the so - called 'Parade' to go hunting of doves called by the thick patch of greenery. It was the time of free hunting and hunters have a large number of local branch members. But a few people had the good fortune to go hunting. The stain was formed only after many years and many old followers of Diana full of afflictions, despite treatment of the pharmacist, dedicated, as Turgenev, to 'Memoirs of a hunter'. "That's! From here begins my farm," said Peppino showing me a piece of land of three or four thousand square meters, well sheltered from the deadly sirocco winds, with dozens of lemon trees, orange trees, and various citrus fruits. Solved the mystery! Peppino wanted to farm a plantation of citrus fruits. I took care not to contradict him and began to travel the far and wide, indeed, extremely well. Long rows of white and red grapes are set apart to allow easy maintenance. And among the rows there are thousands


13 ben nascosto alla vista, ma con un’esposizione invidiabile l’unico filare di uva “ cugliunera “ con dei grappoli turgidi…,era un naturale omaggio al proprio nome. Ora il lettore non sia troppo malizioso ed intrigante nel chiedermi il perché ed il percome del nome di quest’uva (con evidente riferimento alle gonadi maschili), e del fatto che tra tutte le qualità, io mi sia, soffermato solo su queste tre. ‘Intelligenti pauca’ mi avrebbe suggerito il mio antico professore di latino…Il sole incominciava a picchiare, erano circa le dieci e mezzo, quando Peppino mi ha portato nella cantina scavata nel tufo verde e dove si godeva di una frescura ristoratrice. Avevo nello stomaco solo quel caffè di inizio racconto e, come si usa dire in termini agresti, il fianco destro batteva. Non ci vedevo dalla fame e, per converso, non ascoltavo Peppino nelle sue declamazioni di botti, palmenti, mosti e quant’altro. Finalmente la frase che attendevo: “Adesso preparo ‘nu’ muzzucone’. Pane raffermo bagnato, una cipolla dolce, una testa d’aglio tagliata in quattro per aromatizzare, dei bei pomodori ricchi di succo, del basilico profumatissimo e riccio riccio, la qualità chiamata napoletana, sale, olio, due foglioline di mentuccia e…vai col mambo. Per qualche minuto si sentiva solo l’intenso tubare proveniente dalla vicina colombaia e lo gnamm gnamm delle nostre mandibole. Due bicchieroni di ‘saccapanna’, acqua insaporita dalle vinacce, hanno spento la sete. Siamo usciti all’aperto per dare un ultimo sguardo a quello spettacolo naturale e devo dire che a stomaco pieno era diventato, se possibile, tutto più bello. “Ed allora che ne dici” mi fa Peppino. Ho atteso un momento e, lanciando lo sguardo intorno, cercavo l’aggettivo più calzante e subito si affollavano alla mente, sgomitando tra di loro per avere il diritto ad essere prescelto: meraviglioso, stupendo, incredibile,incantevole, indescrivibile, spettacolare, stupefacente, mirabile, indicibile, unico, strabiliante, straordinario, quando Peppino mi ha dato di gomito “E allora?“ “Bello, molto bello“ ho risposto, imboccando la via del ritorno e lasciando i miei aggettivi a scazzottarsi tra di loro…

Uva "Curnicella"

"Curnicella" grape

and thousands of tomato plants ready to be bottled. I found two screws of the bunches of grapes 'zizza and cow' and 'curnicella', my favorite, ready for use immediately. I put all in the basket which Peppino gave me. And behind, hidden from view, but enviable exposure, there was the only row of grapes "cugliunera" with clusters... it was a natural homage to its name. Now the reader is not too nasty and intriguing in asking wherefore the name of this grape (with obvious reference to the male gonads), and the fact that among all the qualities, focused on only these three ones. 'Intelligent pauca’ I would suggest my old Latin teacher ... The sun was beginning to beat, it was about half past ten, when Peppino led me to the cellar dug into the green tuff and where we enjoyed a refreshing coolness. I had in the stomach only the coffee and, as they say in rural, the right flank pumped. I could not see straight and, conversely, did not listen to Peppino in his declamations of barrels, wine presses, grape and more. Finally I was waiting for the sentence:

"Now I prepare 'nu' muzzucone ' wet bread, a sweet onion, a head of garlic cut into four to flavor, nice rich tomato juice, fragrant basil and curly curl, the quality called Neapolitan, salt, oil, two leaves of mint and go with ... mambo. For some minutes it was only the gnamm gnamm of our jaws coming from the nearby dovecot. Two glasses of 'saccapanna', flavored water from the marces, extinguished thirst. We went outside to have a last look at the spectacle of nature and I have to say that everything had become more beautiful. "And so, what do you thing about it?" Peppino said me. I waited for a moment and looked around, I tried the most fitting adjective and immediately occurred to me many words, jostling each other for the right to be chosen: wonderful, amazing, incredible, beautiful, indescribable, spectacular, amazing, unique, , extraordinary, when Peppino nudged me, "And so?" "Nice, very nice" I replied, taking the way to come back and letting my adjectives to punch each other ...


Gli abiti della Storia nella sfilata di S. Alessandro di Giuseppe Mazzella


15

I

l dottor Franco Napoleone, già direttore sanitario dell’Ospedale Anna Rizzoli di Lacco Ameno, ha oggi 73 anni e da 30 anni porta avanti con gli amici dell’Associazione Pro Loco S. Alessandro Rosaria Buono, Gilberto Buono, Giovanni Cervera, Renato Troise, Teresa Cuomo, la sfilata in costumi delle grandi epoche storiche dell’isola d’Ischia che si tiene nel giorno della festività di San Alessandro venerdì 26 agosto impegnando circa 300 figuranti partendo dalla colonizzazione greca dell’VIII secolo a.C. , passando per il Rinascimento, incentrato sulle figure della poetessa Vittoria Colonna e suo marito Signore d’Ischia, Don Ferrante d’Avalos, cui fanno da contorno i principi di sangue reale ed i nobili di alto rango ma anche il popolo minuto di contadini e pescatori ed ancora il periodo borbonico con i regnanti Carlo III e Ferdinando IV ed il decennio francese – 1806 - 1915 – con Gioacchino Murat e la restaurazione con Ferdinando II. Circa due millenni della storia di Ischia, l’isola Madre dei Golfi di Napoli e Gaeta, vengono rappresentati con figure in abiti d’epoca rigorosi in modo da far conoscere la grande importanza storica di Ischia, attraverso la rievocazione dei suoi principali protagonisti, agli isolani ed ai turisti di ogni parte del mondo. Il lungo corteo parte da Ischia Ponte o Borgo di Celsa alle ore 18 per attraversare le strade principali della Città d’Ischia e giungere fino al piccolo ed antichissimo Borgo di San Alessandro che risale al XII secolo con la sua piccola cappella gentilizia della antica famiglia Di Manzi poi divenuta Di Manso che risale al XIII secolo e che la piccola comunità, costituita ancor oggi da 50 famiglie e da alcuni affezionati ospiti, ha alcuni fa a sue spese restaurato con estremo rispetto per la Storia tanto che tutto il piccolo Borgo è oggi sottoposto a vincolo storico oltre a quello ambientale. Franco Napoleone – che vive qui da sempre mi accoglie in una ventosa giornata di luglio nella piccola stradina che da S. Alessandro porta al Porto, realizzato da Re Ferdinando di Borbone nel 1854, e che un tempo era la sola stradina che portava fino a Casamicciola. In questo Borgo negli anni ‘30 del ‘900 il grande naturalista tedesco Paolo Buchner scelse la sua casa e decise di portare alla luce la storia e le particolarità dell’isola d’Ischia con tanta passione che il lavoro di ricerca fu continuato dal figlio Giorgio (1914 - 2005), archeologo, che negli anni ‘50 scoprì nella Baia di San Montano la città di Pithecusa, la prima colonia greca dell’Occidente con il ritrovamento della “Coppa di Nestore” che reca la più antica testimonianza

The clothes of history in the parade of S. Alessandro

M

r. Franco Napoleone, former medical director of Anna Rizzoli Hospital in Lacco Ameno, today is 73 years old and for 30 years is leader of the association Associazione Pro Loco S. Alessandro and with his friends Rosaria Buono, Gilberto Buono, Giovanni Cervera, Renato Troise and Teresa Cuomo, organizes the parade in costumes of the great eras of the Island of Ischia, which takes place on the occasion of the St. Alexander day on Friday, August 26 with about 300 people. It starts with the Greek colonization in the VIII century BC, through the Renaissance, focusing on the figures of the poet Vittoria Colonna and her husband Lord of Ischia, Don Ferrante d' Avalos. There are princes of royal blood and the blue bloods but also the lower classes of peasants and fishermen and, finally, the period of the Bourbon kings Charles III and Ferdinand IV and the French decade - 1806 - 1915 - with Joachim Murat and with the Restoration with Ferdinand II. About two thousand years of history of Ischia, the Mother Island of the Gulfs of Naples and Gaeta, is represented by figures in stringent costumes

by Giuseppe Mazzella

demonstrating the historical significance of Ischia, through the evocation of its main protagonists, the islanders and tourists from all over the world. The long procession starts from the village of Ischia Ponte and Celsa at 18 o’clock and crosses the main streets of the City of Ischia arriving in the small and ancient village of San Alessandro dating back to the twelfth century with its small chapel of the ancient family of Manzi which, then, changed the name in Di Manso, dating back to the thirteenth century. The small community, still consists of 50 families and a few loyal guests, to this day, has respect for the history so much that the little village is now subjected as a historic building as well as the environment. Franco Napoleonewho lives here always - welcomed me in a windy day in July in the small street that from S. Alessandro leads to the Port, built by King Ferdinand of Bourbon in 1854, and was once the only road that led up to Casamicciola. In the 1930s in this village, the great German naturalist Paul Buchner established his house and decided to bring to light the history and peculiarities


16 di scrittura greca dell’Occidente e che oggi fa bella mostra nel Museo Archeologico nella settecentesca Villa Arbusto a Lacco Ameno che Giorgio Buchner tenacemente volle. A Giorgio Buchner l’Associazione San Alessandro dedicherà a partire dall’anno accademico 2011/2012 una borsa di studio di 1500 euro per un neolaureato in archeologia dell’Università Federico II di Napoli come mi informa Franco Napoleone. “La nostra iniziativa è promossa dagli abitanti e frequentatori del Borgo di San Alessandro per il solo amore verso la nostra isola e la sua grande storia ed affinchè tutti, ischitani e turisti, possano amare ancor meglio la nostra terra stupenda nella sua natura ed affascinante nella sua storia” mi dice Franco che sottolinea che “solo quest’anno abbiamo ricevuto un contributo di 10mila euro per interessamento del consigliere regionale Domenico De Siano dalla Regione Campania tramite l’Azienda di Cura e Soggiorno”. Ma come è nata questa sfilata di costumi d’epoca che è il più importante evento dell’agosto ischitano? “Una trentina di anni fa mentre ammiravo una mostra di artigianato locale vidi una turista acquistare un bellissimo asciugamano di tela. Rimasi attratto dalla contrattazione che una ragazza, avendola ereditata ma non valutando il valore storico, faceva con la turista. La ragazza con faciltà vendeva un’opera costata sacrifici alla sua bisnonna e quindi andava sottratto un patrimonio storico alla nostra isola e decisi quindi di comprare tutti gli asciugamani e così nacque l’idea di presentare una sfilata di abiti con accessori di epoche passate testimoni

of the Island of Ischia with deep passion. The research was continued by his son George (19142005), archaeologist, who over the 1950s discovered at the Bay of San Montano, the city of Pithaecusa, the first Western Greek colony, and the "Cup of Nestor", the oldest Greek writing of the West that today is exhibited in the Archaeological Museum of the eighteenth century, Villa Arbusto in Lacco Ameno. Starting from 20011/2012 academic year , the Association St. Alessandro will offer to a new graduate in archeology at the Federico II University of Naples a scholarship of 1500€, tells me Franco. "Our initiative is promoted by the residents and visitors of the Village of St. Alessandro only for the love of our island and its great history and so that everyone,

islanders and tourists may love our country even more beautiful and fascinating in its nature and history”, says Franco. He stresses that "only this year, we received a contribution of 10 thousand Euros thanks to the interest of regional councilor Dominico De Siano and Regione Campania by the Company of Care and Stay. " But how was this parade of costumes born? It represents the most important event of the island of Ischia in August. "Thirty years ago admiring an exhibition of local handicrafts, I saw a tourist that bought a beautiful cloth towel. I was soon attracted to a girl that transacted the sale of the towel with a tourist, having inherited it but not considering the historical value of the towel. The girl, with easy, sold the historical heritage of our island taken away by her great-grandmother and then I decided to buy all the towels and so was born the idea of presenting a parade of dresses with accessories witnesses of the past ages”, explains Franco. He also announces that this year there will be a partnership with the community in the province of Castelvetro in Modena with 25 people in vintage costumes and people come from Procida in Greek old clothes to celebrate the heroine of Alphonse de Lamartine


17 (1790-Paris 1869) that the writer - who visited Ischia three times in 1812, in 1820 and 1844– sets on the nearby island that since has called the “island of Graziella” ..

dell’operosità e del gusto dei nostri antenati” mi racconta Franco Napoleone che mi annuncia anche che quest’anno ci sarà un gemellaggio con la comunità di Castelvetro in provincia di Modena con 25 figuranti in costumi d’epoca ed arriveranno da Procida anche 15 “Grazielle” nell’antico abito detto “alla greca” per celebrare l’eroina di Alphonse de Lamartine (1790 - Parigi 1869) che lo scrittore - che soggiornò ad Ischia tre volte nel 1812, nel 1820 e nel 1844 in una villa sulla collina della Sentinella a Casamicciola - fa vivere nella vicina isola che da allora è chiamata “l’isola di Graziella”.. La sfilata dei costumi d’epoca si ferma al 1854 e cioè all’apertura del Porto da parte dei Borboni ma forse quest’anno in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia ci sarà anche Giuseppe Garibaldi che nel 1864 soggiornò a Casamicciola nella villa Zavota per un ciclo di cure termali effettuate presso le Terme di Luigi Manzi in Piazza dei Bagni del Gurgitello. Garibaldi segna la fine del vecchio Regno autonomo di Napoli e l’inizio della nuova Italia unita. La sfilata quindi accrescerà la sua importanza storica e spettacolare. Ci saranno anche gli sbandieratori della Città di Cava dei Tirreni. Insomma per circa tre ore – dalle 18 alle 21 – in un percorso di circa 5 chilometri passeranno due millenni di storia e di tradizioni. È una Storia “non più scottante quale i contemporanei l’hanno sentita”, come direbbe Fernando Braduel, poiché è lontana “dalle collere, dai sogni e dalle illusioni” di chi l’ha vissuta ma è enormemente educativa al tempo della società di Internet che cancella, con la stessa velocità con la quale viaggia, la Memoria negli uomini e nelle donne per la loro terra che “li nutre e li sostiene”. Oggi come ieri.

The parade of old costumes stops in 1854 when the Bourbons opened the port. Maybe this year on the occasion of 150 anniversary of the unification of Italy, there will also the Giuseppe Garibaldi’s interpretation, who in 1864 lived in Casamicciola in the Zavota house to make a series of thermal treatments at the Terme di Luigi Manzi in Piazza dei Bagni del Gurgitello. Garibaldi marks the end of the old Kingdom of Naples and the beginning of new united Italy. The

parade will increase its historical importance. There will be also the flag flyers come from the Town of Cava dei Tirreni. In short, for about three hours - from 18 to 21 – along a way of 5 km approximately, will pass two millennia of history and traditions. ‘It is a more different Story compared to that one felt by contemporaries - quoting Fernando Braduel - because it is far away from anger, dreams and illusions" of the people has lived it in the past. Nowadays it is enormously educational, at the time of Internet, that cancels hastily the memory of men, women and their land that "feeds and sustains them." Today like yesterday.


Epomeo in sella di Alessia Impagliazzo


20

T

ra le fotografie del mio album non manca di certo quella che immortala la mia prima visita al Monte Epomeo. Capelli a caschetto, quattro anni o poco più, sorridente, a cavalcioni su un asino per raggiungere la vetta. Una tappa obbligatoria per chi vuole conoscere Ischia, conosciuta da sempre come isola di terra. Una meta apparentemente irraggiungibile ed aspra, dove la rigogliosa vegetazione cede il passo al tufo verde, ricreando un luogo di meditazione e di energia unico. Da qui è possibile raccogliere il sole nel palmo di una mano, immenso al tramonto, con i colori dell’arancio e le sue sfumature che dipingono l’orizzonte. Con l’indice si possono toccare tutti i punti, delineando il perimetro dell’isola. Basta spingere lo sguardo un po’ più in la, per vedere Capri con la penisola sorrentina, Pozzuoli, il Litorale Domitio. Ecco anche Ponza e Ventotene. Si può seguire lo stivale a perdita d’occhio fino al Circeo. Il mese scorso, dopo le piogge, era visibile persino l’Appennino. Raggiungere l’Epomeo con gli animali da soma è una tradizione che si è ripetuta di generazione in generazione per anni. I nonni spesso ne parlano ricordando simpatici aneddoti. Basti pensare che

Epomeo in the saddle by Alessia Impagliazzo

A

mong the pictures of my album there are photos about my first visit to Mount Epomeo. My hair into a bob, four years or so, smiling astride a donkey to reach the summit. It is a must for discovering Ischia, known always as an island of land. Epomeo is a seemingly unattainable place, where the lush vegetation lets pass to the green tuff, creating a place of meditation and energy only. From here you are on cloud a nine, immense at sunset, with colors of orange and its nuances to paint the skyline. With the finger you can touch all the points, outlining the perimeter of the island. Glance at Capri and the Sorrento peninsula, Pozzuoli, the Domitian coast. Here also Ponza and Ventotene. You can follow the ‘boot’ (so-called Italy) out of sight until the Circeo. Last month, after the rains, even the Apennines

were visible. Reaching Epomeo with pack animals is a tradition that has been repeated from generation to generation for years. Grandparents often speak about it remembering funny anecdotes. Suffice it to say that while in Lacco Ameno Angelo Rizzoli was already talking about tourism, the population of Serrara was still rural. They walked on foot and often the main means of transport were donkeys and horses. There was only one coach that ran twice a day. During the summer, when farmers didn’t work the land, the men took to the streets with the animals and guided the tourists on Mount Epomeo. Then there was the donkey man that tasked of ensuring order and establishing priorities. It was a sought-after role, that often it was cause of quarrel. The visits were so frequent that people took turns at doing it. From dusk until dawn people could get on and off up


21 mentre a Lacco Ameno Angelo Rizzoli parlava già di turismo, a Serrara la popolazione era ancora contadina. Si camminava spesso a piedi e i principali mezzi di trasporto erano quelli in sella a muli, asini e cavalli. C’era solo una Corriera che girava due volte al giorno. Nel periodo estivo, quando non si lavorava nei campi, gli uomini scendevano in piazza con gli animali e guidavano i turisti sul Monte Epomeo. Allora esisteva il capo ciucciaro al quale era affidato il compito di garantire l’ordine e stabilire le precedenze. Era un ruolo ambito, tant’è vero che spesso si faceva anche a botte. Le visite erano così frequenti che ci si dava il turno. Dal tramonto fino all’alba si poteva salire e scendere fino ad undici volte. Cerco di immaginare, di immedesimarmi, ma oggi, che questa tradizione è andata scemando, mi risulta un po’ difficile. Ecco perché mi ha entusiasmata l’iniziativa Epomeo in sella che ho scoperto per caso guardando una brochure. Con Simona, un’amica di Bologna, e Noelle decidiamo di infilare jeans e scarpe comode. Il punto d’incontro è il piazzale del negozio di souvenir Miscillo alle 19.00. Orario consono per godere del tramonto ed evitare saune. E’ lì che scegliamo le nostre compagne di viaggio a quattro zampe. Il mio istinto spinge verso Conchita, Noelle sceglie Gianna, Simona Jessy. A guidarci saranno gli amici di Epomeo in Sella. Cicerone d’eccezione Agostino Iacono. E’ lui con Giuseppe Zabatta ed Eugenio Iacono ad aver fondato questa associazione. Ad aiutarli i giovanissimi Cristian, Emmanuel, Giuseppe, il Colonnello e persino alcune ragazze, come Iolanda, Ilaria, Silvia e Teresa.

to eleven times. I try to imagine, to identify myself, but nowadays, this tradition has waned. That's why I was excited about the initiative of Epomeo ride that I discovered by accident by looking in a brochure. With Simona, a friend of Bologna, and Noelle we decide to put jeans and comfortable shoes. We choose as meeting point the square of the gift shop Miscillo at 19.00. Appropriate timetable for enjoying the sunset and avoiding saunas. And there, we choose our four-legged traveling companions. My instinct drew me to Conchita, Noelle

Durante il nostro percorso, mentre Conchita cerca insistentemente di mangiare dell’erba, attraversiamo il bosco di castagni che fa da ombrello con le folte chiome. Notiamo anche il pioppo argentato, le querce. Più in la, il primo belvedere e ancora qualche ginestra, che da giugno colora la macchina verde di un giallo intenso. Questi luoghi mi fanno venire subito in mente la gustosa “menesta maretata” della signora Mercede, che a Serrara troverete al bar Epomeo. E’ lei che custodisce la saggia cultura contadina. Il segreto di questa bontà è racchiuso in un misto di erbe selvatiche dai nomi apparentemente sconosciuti come u’ Papagn’, a’ cinagular’, a borrace, tunz’ e paparastiell’.

chooses Gianna, Simona Jessy. As guide, the friends of Epomeo in the saddle. Special Cicero: Agostino Iacono. He with Giuseppe Zabatta and Eugenio Iacono found this association. To help them, the young Cristian, Emmanuel, Giuseppe, and even some girls, like Yolanda, Ilaria, Silvia and Teresa. Along the way, while Conchita insistently tries to eat grass, we cross the forest of chestnut trees that serves as umbrella with bushy hair. We also note the silver poplar, the oaks. Not far away, there is the first viewpoint and a few brooms, which colors the green area in June of a deep

Belvedere dal Monte Epomeo Panorama from Mount Epomeo


22 La nostra sosta è poco prima della vetta dove si trova la Chiesa più antica dell’isola, dedicata a S. Nicola di Bari scavata nel tufo. Accanto l’eremo ristrutturato ed ampliato nel 1754 da Giuseppe D'Argouth, all'epoca capitano del Castello Aragonese, che sopravvisse all’attacco di soldati nemici facendo voto e ritirandosi insieme ai compagni d'armi qui, dove morì il 17 Agosto del 1778. E’ tutto chiuso e diroccato, ma ascoltiamo attente quanto ci raccontano le nostre guide. Procediamo poi per il punto più alto, aspettando che il sole si tuffi e sparisca all’orizzonte, mentre scattiamo delle foto e chiacchieriamo. Agostino siede a cavalcioni con naturalezza sulle rocce a nido d’ape, modellate dal tempo. Si vede che questo luogo gli appartiene, che questo verde, il profumo dell’aria fresca, i rumori del bosco, gli riempiono lo sguardo e anche il cuore. Ha voglia di far rivivere questo luogo, di impegnare attivamente i giovani, di recuperare le tradizioni. Cominciamo la discesa. Sono le 21.00. Nonostante l’ora, ci balena per la testa l’idea di aspettare l’alba, dormendo almeno una notte sul Monte Epomeo, proprio come si faceva diversi anni fa. Noelle ed io ci guardiamo divertite, pensando che sarà senz’altro una delle cose da fare la prossima estate quando Simona ritornerà.

Info utili

yellow. These places make me immediately think of the tasty "Menesta Maretata" of Mrs. Mercede, who you will find at the Epomeo bar in Serrara. She keeps the wise peasant culture. The secret of this goodness is contained in a mixture of wild herbs with unknown names such as u 'Papagno', 'cinagular', a canteen, tunz 'and paparastiell'. Our stop is just before the summit where there is the oldest church of the island dedicated to St. Nicola di Bari dug into the tuff. Beside there is the chapel renovated and enlarged in 1754 by Giuseppe D'Argouth, at that time captain of the Aragonese Castle, which survived the attack of enemy soldiers by voting and retreating with his comrades in arms here, where he died on August 17, 1778. It is all closed and demolished, but we listened

carefully to what our guides tell us. We then proceed toward the highest point, waiting for the sun dips and disappears on the horizon, while we take pictures and chat. Agostino sits astride on the rocks honeycomb, shaped by time. It is evident that this place belongs to him, that this green, the smell of fresh air, the sounds of the forest fill the eye and heart. He wants to revive this place, to engage young people, to restore the traditions.We begin the descent at 21.00 p.m. Despite the hour, the thought of waiting for the dawn flashed through my mind, sleeping at least one night on Mount Epomeo, just like several years ago. Noelle and I were amused, thinking it will certainly be one of the things to do when Simona comes back next summer.

Useful info

Via Epomeo, 22 - 80070 - Serrara Fontana (NA) tel.: +39 081999566 / +39 328.46.12.073 - 333.25.21.882

Via Epomeo, 22 - 80070 - Serrara Fontana (NA) tel.: +39 081999566 / +39 328.46.12.073 - 333.25.21.882

A richiesta, una navetta vi preleverà dal centro di Serrara per accompagnarvi al Miscillo souvenir.

On request, a shuttle will pick you up from the center of Forio and escorted to Miscillo souvenirs.


Giardini Ravino di Lidia Ianuario


24

R

iunire in sé tante specie vegetali, presenti in tutto il mondo, in un unico luogo e permettere, a ricercatori e appassionati, di poterne apprezzare le caratteristiche senza dover andare da una parte all’altra della Terra. È questa la peculiarità dei Giardini Ravino, uno degli esempi maggiori di biodiversità nonché uno dei giardini botanici più famosi a livello europeo. Insigniti del Premio dell’Osservatorio Parlamentare Europeo e del Consiglio d’Europa – Commissione Turismo per «aver saputo coniugare la tradizione del patrimonio botanico raccolto dal Capitano di Marina Giuseppe D’Ambra con la modernità di una struttura attenta ai temi sociali ed ambientali. Contribuendo in questo modo alla promozione di un’isola incantata e unica in Italia» nell’anno 2010, tali giardini sono un vero e proprio spettacolo della natura, nati da un sogno, frutto di un lavoro durato un quinquennio. Al di là del tempo occorso per la cessione del terreno – da notare che al posto dei giardini vi era un vigneto a mezzadria – il passaggio ad orto botanico è stato lento e graduale. Con amorevole cura, dopo aver regalato le viti all’azienda agricola Pietratorcia, che rappresenta una tradizione per l’Isola d’Ischia, il marinaio di lungo corso, come ama definirlo semplicemente il figlio, Giuseppe D’Ambra decise che era giunto il momento di mostrare a terzi la sua collezione privata di piante, molte provenienti dai turisti tedeschi, affinché anche altri potessero beneficiare della loro bellezza e peculiarità. La movimentazione del terreno, i lavori a porte chiuse, finalmente hanno portato alla creazione di quelli che oggi costituiscono i Giardini Ravino, aperti al pubblico nel 2006, la cui Terrazza dei Grusoni è caratteristica per il riflesso della luce del sole, al tramonto, sulle spine, che conferisce un particolare colore rossiccio alle piante. Tra le varie specie, le piante succulente europee (così vengono definite quelle piante i cui tessuti riescano ad immagazzinare notevoli quantità d’acqua), dette impropriamente “piante grasse”, ne sono solo due: Sempervivum e Sedum. Le prime costituiscono un genere di circa 40 specie, appartenenti alla famiglia delle Crassulacee, ed hanno il tipico sviluppo a rosette; le seconde, invece, comprendenti circa 600 varietà di specie, non sono solo succulente ma anche “xerofile” o “xerofite” – termine, quest’ultimo, che deriva dai tipici ambienti in cui riescono

Ravino Gardens by Lidia Ianuario

G

etting together many plant species, found throughout the world in one place to allow researchers and enthusiasts to be able to appreciate the features without having to go from side to side of the Earth. This is the peculiarity of the Ravino Gardens, one of the greatest examples of biodiversity and one of the most famous botanical gardens in Europe. The Garden awarded the Prize of the Observatory and the European Parliamentary Assembly

of the Council of Europe – Commission for Tourism and "has been able to combine the botanical tradition collected by the ship's captain, Giuseppe D'Ambra with the modern standards set in conscientious environmental and social issues. All this is contributing to the promotion of an enchanted island and unique in Italy". Since 2010 these gardens are a true spectacle of nature, born from a dream, the result of a job lasted five years. Beyond the time spent


25 a resistere tali vegetali, caratterizzati da profonda siccità – e utilizzate come piante ornamentali per il loro gradevole aspetto. Tutte le altre piante, invece, sono d’importazione, in particolari l’Aloe, le cui proprietà terapeutiche sono ben note e conosciute già dall’antichità, infatti è a tale pianta che si deve la cura delle ferite alla spalla di Alessandro Magno, ferite avvenute nella battaglia dell’Idaspe, combattute sulle rive dell’Indo nel 326 a.C. Una pianta, l’aloe, ad avere la più alta concentrazione di molecole d’ossigeno, concentrazione che conferisce alla stessa le sue salutari proprietà. Accanto all’aloe, primeggiano le Opuntie (il cui nome deriva dal greco “Opus”, ossia “Opunte”, l’antica capitale della Locride), genere di piante della famiglia delle Cactaceae, tra cui il famosissimo fico d’India, la cui importazione è dovuta a Cristoforo Colombo. Una pianta proveniente dall’America meridionale, il cui nome fu usato da Plinio Il Vecchio. Tra le Agavi, invece, genere di piante monocotiledoni, appartenente alla famiglia delle Agavaceae, quella che balza agli occhi è la Regina Vittoria, caratterizzata da margini non spinosi ma taglienti, che è una delle più piccole. Di non trascurabile rilievo, inoltre la Chorisia speciosa,

for the sale of the land - where instead of gardens there was a share-cropping vineyard - the transformation into a botanical garden has been slow and gradual. With loving care, after having given the screws to the Pietratorcia farm, which is a tradition for the island of Ischia, the long-time sailor, so called by his son, Giuseppe D'Ambra decided it was time to show outside his private collection of plants come from German, so that also others could benefit from their unique beauty. The change of the ground, the work behind closed doors, eventually offers the image of Ravino Gardens today, open to the public in 2006, whose Terrace of the Grusoni is very particular for the reflection of sunlight at sunset giving a reddish color to the plants. Among the various species, the European succulent plants (so defined those plants are able to store large amounts of water), improperly called "succulent", there are only two: Sempervivum and Sedum. The former consists of about 40 species, belonging to the family of Crassulaceae, and have the typical developing into rosette, and the latter, however, including about 600 varieties of species, not only succulent but

also "xerophilous" or "xerophytic" - term, the latter, which derives from the typical environments in which they are able to resist, characterized by deep drought - and used as ornamentals for their attractive appearance. All other plants, however, are imported, and in particular Aloe, whose therapeutic properties are well known since ancient times. It is the plant that cured the wounds to the shoulder of Alexander the Great, occurred in the battle of Idaspe, fought on the banks of the Indus in 326 BC. Aloe plant has the highest concentration of oxygen molecules, the concentration that gives it its healing properties. Besides aloe, the excel Opuntia (whose name derives from the greek "Opus", the ancient capital of Locride), genus of plants belonging to the family Cactaceae, including the famous prickly pear, whose importation was due to Christopher Columbus. A plant from South America, whose name was used by Pliny the Elder. Among the Agaves, however, genus of monocotyledonous plants, belonging to the family Agavaceae, that one stand up a mile is Queen Victoria, characterized by sharp margins, which is one of the smallest. Of equal importance is Chorisia


26 oggi nota come “Ceiba speciosa”, albero della famiglia delle Bombacaceae (Malvacee secondo la classificazione APG), la cui succulenza è nel fusto. Descrivere tutte le specie vegetali dei Giardini Ravino, sarebbe un peccato, in quanto bisogna attraversarli, per un’estensione di 6.000 mq circa, per rendersi conto dell’idea geniale del suo ideatore. Non solo si ammireranno le varietà mostruos, crestate e variegate, ma si potrà partecipare alle numerose iniziative. I Giardini Ravino, aperti dalle 9.00 al tramonto, e fino al 30 agosto anche di sera, dalle ore 20.30 alle ore 23.30 (per i gruppi di minimo 10 persone è richiesta la prenotazione al n° 329.4983923), sono infatti la sede del G.A.S. (Gruppo di Acquisto Solidale) “Megalesia” e dell’associazione “Tommaso Cigliano”, il cui scopo è la conoscenza e diffusione della medicina omeopatica, nonché di eventi in collaborazione con l’organizzazione mondiale “Medici Senza Frontiere”, premio Nobel per la pace 1999, per sensibilizzare su tematiche e problematiche socio-sanitarie. I Giardini Ravino si propongono infatti di essere una fucina di idee per la promozione del turismo ecosostenibile, non essendo solo ancorati al

speciosa, known today as "Ceiba speciosa," tree belonging to the Bombacaceae family (Malvaceae according to the classification APG) very succulent in stem. Describe all the plant of Ravino Gardens, would be a shame, because you have to cross them, for an extension of 6,000 square meters, to realize the idea of his genius creator. You will be amazed also by the variety mostruos, crested and variegated, but you can participate in many initiatives. Ravino Gardens, open from 9.00 am to sunset, and until August 30 also in the evening, from 20.30 to 23.30 (for

groups of 10 or more reservations are require - 329.4983923), are in fact the seat of GAS (Group Purchasing Solidarity) "Megalesia" and association "Tommaso Cigliano", whose purpose is the diffusion of knowledge and homeopathic medicine, as well as events in collaboration with the world organization "Doctors Without Borders", (Nobel Prize Peace 1999), to raise awareness of health and social issues. The Ravino Gardens intend to be a source of ideas for the promotion of the sustainable tourism. It is not bounded

Pachycereus pringlei, Pachycereus pasacana


concetto tradizionale di giardino botanico ma estendendolo ed arricchendolo di nuovi e più ampi contenuti, fino a comprendere una serie di servizi annessi, quali: esposizioni, mostre d’arte, artigianato, fotografia, rassegne editoriali, rappresentazioni sceniche, proiezioni, concerti, conferenze e convegni. Come arrivare in autobus o in automobile I Giardini Ravino sono situati nel comune di Forio. Un luogo facilmente raggiungibile sia in autobus che in automobile. La fermata dista pochi metri dal giardino. La tratta è coperta dalle linee 21, 22, 23, 24. Per colori i quali preferiscono muoversi in auto, lungo la strada ampi parcheggi pubblici vi permetteranno di poterla lasciare comodamente.

Info utili Indirizzo: S.S. 270 (loc. Citara) - 80075 Forio (Na) Tel. +39 329.4983923 - www.ravino.it Aperto: da Marzo a Novembre lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 9:00 al tramonto Ingresso: € 9,00

by the traditional concept of a botanical garden, but it wants to enrich with new and expanded contents in order to encompass a range of related services,

Galleria "Moby Dick" "Moby Dick" gallery

such as exhibitions, art exhibitions, crafts, photography, editorial reviews, stage performances, screenings, concerts, conferences and conventions.

How to reach it by bus and car The Ravino Gardens are located in the town of Forio. A place easily accessible by bus and car. The bus stop is just a short walk from the garden. The route is served by the bus lines 21, 22, 23, 24. Whoever prefers to move by car, along the street there are ample car parks.

Useful info Address: S.S. 270 (loc. Citara) - 80075 Forio (Na) Tel. +39 329.4983923 - www.ravino.it Open: March to November, Monday, Wednesday, Friday, Saturday and Sunday from 9:00 am to sunset Admission: € 9,00


Na Voce, Na Chitarra E 'O Poco 'E Luna: Ugo Calise di Maurizio Orlacchio


29

I

l sei Agosto del 1994 l’isola d’Ischia perdeva forse il personaggio che più d’ogni altro ha saputo coniugare la cultura musicale partenopea con il jazz, la semplicità ischitana con l’onda ribelle della beat generation, impersonificata dai vari Kerouac, Ginsberg che si richiamavano molto al “cool jazz” degli anni cinquanta / sessanta Beat come ribellione, beat come battito, beat come ritmo, quello del be bop, quella del motown che in quel periodo ispirarono parecchi giovani “on the road” e diversi jazzisti, che con Ugo Calise ebbero modo di confrontarsi. Jazz&Serenate: un binomio che ha permesso a tanti artisti, anche d’oggi, di esplorare un nuovo “sound”, infatti nello stesso periodo che Ugo Calise si divertiva nello scoprire il “jazz alla napoletana” ecco Stan Getz, Antonio Jobim e Joao Gilberto che dal Brasile propongono la Bossa Nova con “The girls from Ipanema” che ne è divenuto il simbolo planetario. Anni di cambiamenti sociali che la musica amplificò e fece sì che l’onda lunga di questo nuovo “sound” arrivasse nei posti più remoti della terra. Nello stesso periodo, a migliaia di chilometri di distanza sull’isola d’Ischia, con le sue bellezze e sapori autentici, il profumo inebriante dei fiori, gli scenari ancora incontaminati delle spiagge e del suo mare, in questo contesto paradisiaco iniziava ad illuminarsi la stella di questo compositore, arrangiatore, cantautore, capace di farsi apprezzare dai mostri sacri del jazz classico, come Chet Baker che nel 1988 decise di registrare alcuni lavori con l’artista isolano, ma la prematura scomparsa del genio dell' Oklahoma in una stanza d’albergo d’Amsterdam fermò il tutto. I primi contatti con la musica Calise li ebbe ascoltando le esibizioni delle bande di paese di Oratino, suo paese natale, con il loro repertorio di brani classici e le musiche del folklore popolare in occasione di ricorrenze religiose o di feste di piazza che il padre Aniello, stimatissimo dottore, amava. Questa base “popolare” lo porterà ad affermarsi come classico cantante di “posteggia” accompagnando Don Edoardo all’epoca primo violino del Teatro San Carlo. Una coppia che conquistò soprattutto i soldati americani in servizio a Napoli, che ascoltavano estasiati la “fusion” tra la musica classica napoletana arrangiata con lo stile jazz di Joe Venuti. L’aria “ribelle” di Ugo, sempre abbronzato e con camicie sgargianti, lo resero ben presto un personaggio che si esibiva nei ristoranti più rinomati di Napoli, e questa “euforia”, insieme alle grandi capacità tecniche, diedero ragione a Don Edoardo, che si accorse presto del talento del suo allievo, cosicché, in poco tempo il nome di Ugo Calise divenne molto familiare tra i musicisti partenopei dell’epoca. Dopo quest’apprendistato

Na Voce, Na Chitarra E 'O Poco 'E Luna: Ugo Calise by Maurizio Orlacchio

O

n August 6th 1994 the island of Ischia lost perhaps the only character who has been able to combine the Neapolitan musical culture to jazz, the simplicity of Ischia with the features of the rebel beat generation, personified by various Kerouac, Ginsberg referring to the "cool jazz" of the 1950’s / 60’s. Beat as rebellion, beat as the debate, beat as rhythm, that of be - bop, one of Motown at that time inspired many young people "on the road" and various jazz musicians, who with Ugo Calise had a chance to compete. Jazz & Serenades: a combination that has allowed many artists, even today, to explore a new "sound", in fact, in the same period Ugo Calise amused to discover the "Jazz in the Neapolitan", here is Stan Getz, Antonio Jobim and Joao Gilberto Brazil to propose the Bossa Nova with "The Girls from Ipanema" that has become the global symbol. Years of social changes that the music amplified and caused the long wave of this new "sound" came in the most remote places on earth. During the same period, thousands of miles away on

the island of Ischia, with its beauty and authentic tastes, the heady scent of flowers, the uncontaminated sceneries of beaches and sea, in this heavenly context began to rise up the light of this composer, arranger, songwriter, able to be appreciated by the superstars of the jazz classic, like Chet Baker who in 1988 decided to record some work with the artist of the island, but the untimely death of the genius' of Oklahoma in a Hotel room of Amsterdam stopped everything. The first contact with music arrived with the performances of bands Oratino country, his hometown with their repertoire of classical pieces of music and folklore on the occasion of religious festivals and street parties that father Aniello, esteemed doctor, loved. This "popular" basis will lead him to assert itself as a classical singer with Don Edoardo at the time of the first violin in the San Carlo Theatre. A couple that particularly captured American soldiers serving in Naples, who listened enraptured the "fusion" of classical music arranged with the Neapolitan - style jazz of Joe Venuti. The “rebel" Ugo, always tanned and


30 Ugo ritornò nella sua amata Ischia, che cercava di riprendersi dalla guerra appena conclusa con la liberazione da parte degli americani, ed è in quel periodo postbellico che avvenne il grande incontro con un’altra icona jazzistica che da lì a venire segnò pagine importanti nel palcoscenico del jazz italiano, quel Romano Mussolini che con la madre Rachele era stato mandato in esilio a Forio nel Palazzo Covatta sul porto di Forio. Il loro primo “incontro strumentale” avvenne nel Ristorante “Il Saturnino” da Filippo amante del jazz classico dopo una goliardica serata. Dopo l’amnistia concessa da Togliatti nel 1947 Romano partecipò con Calise alla nascita dello “Star Jazz” un quartetto che debuttò alla “Conchiglia” nel 1948 davanti ad un pubblico estasiato. Da quel momento la stella di Ugo brillerà per molti anni fino a conquistare Angelo Rizzoli che lo volle al Pignatiello come gran cerimoniere per le star che a quei tempi fecero conoscere l’Isola d’Ischia al mondo del jet set. La passione per il jazz fece di “Calais”(cosi era conosciuto soprattutto tra gli amici americani) una sorta di trait d'union tra la musica napoletana e le nuove sonorità che arrivavano dall’altro continente, una passione che Ugo coniugava con la sua proverbiale capacità di brillante intrattenitore, una simpatia contagiosa che gli permise di far conoscere Ischia al mondo. Il contatto con personaggi dello “star system” dell’epoca portò Ugo ad una ulteriore crescita professionale avendo la possibilità di potersi esibire nella terra madre del jazz, New York, fino ad arrivare sulle reti televisive americane dove fu ospite di Perry Como nel suo “Perry Como Show”, l’equivalente dell’odierno Larry King Show. Ma la stella di Ugo Calise viene ricordata sopratutto grazie alla grande intuizione che ebbe nel far cantare uno dei suoi pezzi più famosi ad un anonimo giovincello dal tono di voce sensuale che da lì a poco sarebbe divenuto una star internazionale: Peppino Di Capri. "Nun e' peccato" è ancora oggi un brano che emoziona per la sua emotività, ma la vera novità

Ugo Calise con William e Susana Walton Ugo Calise with William and Susana Walton

with garish shirts, soon made him a character who was performing in the most renowned restaurants in Naples, and this "euphoria", along with great technical skills, gave reason to Don Edward. In a short time the name of Ugo Calise became very familiar among the Neapolitan musicians of the time. After this apprenticeship Ugo returned to his beloved Ischia, trying to recover from the war just ended with the liberation by the Americans, and at that time happened the great post - war meeting with another jazz icon who represents important pages in the Italian jazz scene, Romano Mussolini, who with his mother Rachele was sent into exile in Forio Covatta Palace in the port of Forio. Their first "encounter instrumental" took place in the restaurant "Il Saturnino" by Filippo, lover of classical jazz after a goliardic evening. After the amnesty granted by Togliatti in 1947 Romano with Calise attended the birth of the "Star Jazz" a quartet that debuted at the "Conchiglia" in 1948 before an ecstatic audience. Since then the star of Ugo will shine for many years until to win Angelo Rizzoli, who wanted him at Pignatiello as master of ceremonies for the stars that were known at that time the island of Ischia

in the world's jet set. The passion for jazz made of "Calais" (so he was known, especially among our American friends) a sort of hyphen between the Neapolitan music and new sounds coming from the other continent, a passion that Ugo preferred with the proverbial ability of brilliant entertainer, a contagious sympathy which enabled him to raise awareness of Ischia in the world. Being in contact with the characters of the "star system" led Ugo to afurther professional growth by being able to perform in the motherland of jazz, New York, until reaching the American television where he was a guest in "Perry Como Show", the equivalent character of today's Larry King Show. But the star of Ugo Calise is remembered above all thanks to the great performance of his most famous pieces to an anonymous youngster from the sensual tone of voice that would soon become an international star: Peppino di Capri "Nun e' peccato" is a song that still moves to its emotions, but the real news that is remembered by many people was when Calise composed Na Voce, Na Chitarra E 'O Poco 'E Luna. Well, it was the first time in the history that a great classic Neapolitan song immediately


31 che viene ricordata dai molti addetti ai lavori fu quando Calise compose Na Voce, Na Chitarra E 'O Poco 'E Luna. Ebbene, fù la prima volta nella storia della canzone napoletana che un gran classico inizia subito con il ritornello secondo la formula tipicamente "calisiana" del ritornello strofa - ritornello - inciso come ci ricorda Stefano Russo l’ultimo allievo del maestro. Da questo momento in poi le serate al “Rancio Fellone” di Ischia divennero un appuntamento mondano con Ugo che si divertiva nelle sue vesti di chansonnier, serate spensierate con le barche che arrivavano dalla terraferma per scoprire questo “menestrello della serenata” che amava la musica perché, come disse in un intervento al Perry Como Show, grazie alla musica aveva imparato ad amare e quasi ogni sera oltre ai suoi richiestissimi capolavori improvvisava diverse interpretazioni sempre con quel tocco magico che si coniugava a meraviglia con il jazz newyorkese. Quando il sei Agosto del 1994 il maestro salì sul treno che lo doveva riportare ad Oratino, il paese natale, forse sapeva che come quel treno lo aveva portato neonato alla scoperta del mondo anni addietro cosi adesso ripeteva il percorso inverso con la voce di Don Eduardo che da buon padre di famiglia gli ricordava spesso “Ugo attento, troppi soldi fanno dimenticare le note e le note per un artista valgono più delle banconote, e tu sei più che un artista .. …..”

starts with the refrain, according to the formula typically "calisiana" the chorus-verse-chorusetched Stefano Russo reminds us as the last student of the master. From this moment on, the evenings at the "Rancio Fellone" in Ischia became a fashionable meeting with Ugo who enjoyed in his robes of chanson, carefree evenings with boats which arrived from the mainland to discover this "minstrel "who loved music because, as he said in a speech at the Perry Como Show, thanks to music he had learned to love and almost every night in addition to its soughtafter masterpieces, improvised

interpretations always with that magical touch that was combined well with the New York jazz. In was August 6th 1994 when the master get on the train to Oratino, the native country. Maybe he knew that as the train took him to discover the world when he was baby many years before, so now it repeated in the opposite direction with the voice of Don Eduardo to be a good father like he reminded him often. "Ugo was careful, too much money make you forget the notes and the notes for an artist worth more than money, and you are more than an artist .. ... .. "

Ugo Calise con Romano Mussolini alla fisarmonica

Ugo Calise with Romano Mussolini on the accordion


La Colombaia di Luchino Visconti di Alessia Impagliazzo


34

S

e vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi". È questa una delle frasi chiave de “Il Gattopardo”, film di Luchino Visconti, opera che ha segnato la storia del cinema italiano ed internazionale. Specchio della realtà siciliana, splendida e sontuosa illustrazione del sogno ottocentesco del grande regista, che fa rivivere il passato in un presente artefatto.

"

Le atmosfere sfarzose del gran ballo verranno rievocate in un finale d’eccezione al termine del Festival Luchino Visconti Forever (10 luglio - 7 agosto) il 6 agosto in una location d’eccezione. L’appuntamento è a Forio, nell’anfiteatro della villa La Colombaia, palcoscenico naturale di verzura, storica residenza estiva del Maestro. Venti coppie di cultori di danze ottocentesche volteggeranno come Claudia Cardinale e Burt Lancaster sulle note di un'orchestra diretta dal M° Luca Iacono, grazie alla regia di Bruno Garofalo e ai costumi di Mariagrazia Nicotra. “Perché Luchino Visconti è essenzialmente e sempre musica”, come ricorda il musicologo Sergio Segalini, direttore artistico del Festival. Indimenticabile la colonna sonora di Nino Rota che accompagnò la scena del ballo, girata a Palazzo Gangi, a Palermo. Luci, suoni, colori. Arazzi, specchi e l’illuminazione non artificiale di migliaia di candele, richiese ben trentasei giorni di riprese e fece guadagnare il Nastro d’Argento per la migliore scenografia. Il coordinatore generale dell’evento, Massimo Bottiglieri, con Nicola Savio e Antonio Castaldi, ha annunciato che La Colombaia sarà immersa in un'atmosfera risorgimentale. Non mancheranno servitori in livrea e comparse in divisa. Agli ospiti sarà offerto un aperitivo musicale ispirato alle leccornie riviste sul grande schermo come il timballo di maccheroni. Immersa nel bosco di Zaro, la Villa rappresenta da sempre una location di rara suggestione e bellezza. Una magia regalata dal candore del bianco che spicca nella rigogliosa macchia verde. È affascinante perdersi e ritrovarsi in questo luogo. Negli ampi spazi circostanti, prima l’anfiteatro naturale, poi lungo la gradinata, ai piani superiori, per raggiungere il Caffè Letterario.

La Colombaia of Luchino Visconti by Alessia Impagliazzo

I

" f we want everything remains the same, everything must change." And 'This is one of the key phrases of "The Leopard", a film by Luchino Visconti, a work that has marked the history of Italian and international cinema. The book is the mirror of the Sicilian reality, beautiful and magnificent illustration of the nineteenthcentury dream of the great director, who relives the past in a artifact present.

music", remembers the musicologist Sergio Segalini, artistic director of the Festival.

The opulent atmosphere of the grand ball will be recalled in a grand finale at the end of the Festival Luchino Visconti Forever (July 10 to August 7), on August 6 in an exceptional location. The appointment is in Forio, in the amphitheater of the villa La Colombaia, natural setting of greenery, the historic summer residence of the Master.

The general coordinator of the event, Massimo Bottiglieri, with Nicola Savio and Antonio Castaldi have announced La Colombaia a monument ‘immersed’ in the Renaissance age. There will be also appearances in uniform. Guests will be offered a drink inspired by the music delicacies re-watching on the big screen as the timbale of macaroni.

Twenty pairs of students of nineteenth-century dances will hover like Claudia Cardinale and Burt Lancaster accompanied by the orchestra conducted by Maestro Luca Iacono, thanks to the direction of Bruno Garofalo and customs of Mariagrazia Nicotra. "Because Luchino Visconti is essentially always

Memorable soundtrack by Nino Rota accompanies the ballroom scene, filmed at the Palazzo Gangi, in Palermo. Light, sound, color. Tapestries, mirrors and non-artificial lighting of thousands of candles, spent thirty-six days of shooting and earned the Best Art Direction Silver Ribbon.

Immersed in the wood of Zaro, the Villa has always a location of rare charm and beauty. A magic donated by the whiteness of white that stands out in the lush green spot. It is beautiful lost and find themselves in this fascinating place: in the wide open spaces, before the amphitheater and after down the stairs, upstairs, to reach


35 Di concerto con la Sovrintendenza, la vecchia vetrata dell’ascensore dello stabile, ormai dismesso, è stata riutilizzata per vestire di colori vivaci il bancone, mentre la parte superiore è stata decorata con le maioliche rinvenute durante la ristrutturazione. Un’esposizione permanente e foto d'epoca cedono il passo a locandine, bozzetti, sceneggiature e abiti di scena, mentre porte e finestre a sesto acuto, con richiami azzurri, incorniciano un panorama suggestivo, a picco sul mare e sulla costa rocciosa. È piacevole curiosare tra gli scaffali del Caffè Letterario. Esposti, impilati e in bella mostra titoli italiani ed esteri che riguardano il grande regista e che la Fondazione La Colombaia sta collezionando. Sul divano di pelle marrone, delizioso pezzo d’antiquariato, alcune pubblicazioni come “Tempo”, “Domenica del Corriere” ed “Epoca”. Si accendono i riflettori dunque, sulla villa che per molti anni è rimasta nel degrado e nell'abbandono, alla mercé dei vandali. Da quando è stata acquisita a patrimonio pubblico dal Comune di Forio, con la presidenza del primo cittadino Franco Regine, la Fondazione continua a lavorare per dare dignità ad un luogo di interesse mondiale, per far si che diventi un punto di riferimento per la cultura, la formazione, l'arte e la comunicazione nel segno di Luchino Visconti.

the Literary Cafe. In agreement with the Superintendent, the old glass elevator of the building, now disused, was reused to bright with colors the counter, while the upper part was decorated with tiles found during the renovation. A permanent and old photograph exhibition hands over to posters, sketches, scripts and costumes, while doors and windows with pointed arches reminiscent blue frame and picturesque view, overlooking the sea and the rocky coast. It is nice to browse among the shelves of the Literary Cafe. Exposed, stacked and on display there are Italian and foreign qualifications concerning the great director and that the La Colombaia

Foundation has been collecting. On the sofa in brown leather, lovely antique pieces, some publications like "Tempo", "Domenica del Corriere" and "Epoca". It is therefore the villa in the spotlight that has remained for many years in the deterioration and abandonment, at the mercy of vandals. Since it was acquired by the public property of the municipality of Forio, under the chairmanship of Mayor Franco Regine, the Foundation continues to work to bring dignity to a place of a global interest, to make it a point of reference for the culture, training, art and communication in the sign of Luchino Visconti. Not everyone knows, for example, that

Luchino Visconti con Suso Cecchi D’ Amico Luchino Visconti with Suso Cecchi D’Amico


36 Non tutti sanno, per esempio, che dal 2003 le ceneri del Maestro riposano nel giardino della Villa li dove coltivava splendide ortensie, una volontà del regista esaudita a ventisette anni dalla sua scomparsa. Il Festival Luchino Visconti Forever ha arricchito la sua programmazione con una serie di interessanti appuntamenti come “Leggere il cinema di Visconti” con Lucianna De Falco, un percorso di tre appuntamenti, in collaborazione con Gaspare Di Stefano, Gianluca Castagna e Laura Jacobbi. La lettura scenica del cinema del grande regista, accompagnata dalle immagini e dalla musica di film come “Morte a Venezia”, “Bellissima” e “Rocco e i suoi fratelli” ha conquistato pubblico e stampa. Anche la mostra per i 150 anni, le proiezioni, e gli eventi culturali che hanno preso il via da maggio non sono passati di certo inosservati. Nella pace di questo luogo, che racchiude in se un rifugio e una location filmica incredibile, basta chiudere gli occhi, riaprirli per sentirsi al grande ballo, proprio come Angelica.

Museo Villa Colombaia Villa Colombaia museum

since 2003 the ashes of the Master rest in the garden of the villa where he cultivated beautiful hydrangeas, a will of the director satisfied twenty-seven years after his death. Luchino Visconti's The Forever Festival has enriched its programme with a series of interesting events such as " Leggere il cinema di Visconti " with Lucianna De Falco, a trip of three events, in collaboration with Gaspare Di Stefano, Gianluca and Laura Castagna Jacobbi. The staged

reading of the great movie, accompanied by pictures and music from films like "Death in Venice", "Beautiful" and "Rocco and His Brothers" has captured public and press. Even the 150 anniversary of the event, projections, and cultural events that have get under way on May, have not gone unnoticed. In the peace of this place which combines a refuge and an amazing film location, you have to just close your eyes, open them to feel the big ball, just like Angelica.


37

Location A Zaro, nel Comune di Forio, tra il mare, il cielo e il fitto bosco, è incastonata La Colombaia, storica residenza estiva di Luchino Visconti. Alla morte del grande regista, per un lungo periodo, la Colombaia, villa di grande suggestione e bellezza è rimasta nel degrado e nell'abbandono. Dichiarata di interesse culturale e architettonico dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, al termine di una campagna di sensibilizzazione che ha unito un vasto movimento di opinione animato da intellettuali, artisti e parlamentari italiani ed europei è stata acquisita a patrimonio pubblico diventando un punto di riferimento per la cultura, la formazione, l'arte e la comunicazione nel segno di Luchino Visconti. Dall'11 agosto 2003 le ceneri del Maestro riposano nel giardino della Villa laddove lui stesso coltivava splendide ortensie, una volontà del regista esaudita a ventisette anni dalla sua scomparsa.

Info utili Via Francesco Calise, 130 - 80075 - Forio (NA) Segreteria organizzativa: marita.francescon@hotmail.com; luciaregine@libero.it Simone Verde tel.: +39 328.0839465 www.pida.it Linee bus: 1, 2, CD, CS, 24 Sarà previsto un servizio navetta

Mezza Torre vista dalla Colombaia Mezza Torre seen from La Colombaia

Location In Zaro, in the town of Forio, between sea, sky and a thick wood, is set La Colombaia, Luchino Visconti’s summer residence. On the death of the great director, for long time the residence has been abandoned. La Colombaia has considered as cultural interest by the Ministry of Heritage and Culture and at the end of a campaign that has collected a wide range of opinions by intellectuals, artists and Italian and European parliamentarians, La Colombaia has become part of the Cultural Heritage as reference point for culture, education, art and communication in the sign of Luchino Visconti. Since August 11th 2003, the mortal remains of the Master, rest in the garden of the Villa, where he grew beautiful hydrangeas, a desire of the director, fulfilled twenty - seven years after his death.

Useful info Via Francesco Calise, 130 - 80075 - Forio (NA) Assistant: marita.francescon@hotmail.com; luciaregine@libero.it Simone Verde tel.: +39 328.0839465 www.pida.it Bus lines: 1, 2, CD, CS, 24 We provide a free shuttle service


La cicala del tempo che fu di Clementina Petroni


39

Q

uanti di noi hanno vissuto emozioni dolci ed entusiasmanti, nelle lunghe controre di luglio, ascoltando il melodioso canto delle cicale? Eravamo fanciulli e si usava mettere delle coperte a terra nel portico, o fuori ai terrazzi, con la speranza di dormire più freschi negli assolati pomeriggi estivi. L'odore dello zolfo e dei fichi maturi riempivano l'aria, la campagna lussureggiante era pervasa da quel suono intenso, vibrante che trasmetteva serenità e continuità. L'atmosfera era ovattata, misteriosa. Noi bambini, eravamo curiosi di sapere come mai quel minuscolo animale non si stancava mai di cantare. Spesso lo cercavamo tra i filari di viti, con la speranza di catturarlo, ma non ci riuscivamo. Gli adulti ci raccontavano che il canto veniva fuori dallo sfregamento delle zampine le une sulle altre, e ciò, affermavano, contribuiva a maturare l'uva e il grano. Mentre le cicale cantavano senza sosta, la tranquillità pomeridiana era interrotta solo dallo stridore delle ruote di qualche carretto, o dalla voce del gelataio ambulante che vendeva i coni a cinque lire. Era quello il momento più bello della giornata per noi ragazzi, che attendevamo impazienti l'ora del tardo pomeriggio, per uscire in strada a comprare il gelato e poi correre a giocare a nascondino, a guardia e ladri, ed altri molteplici giochi. La strada si animava all'improvviso con voci di mamme, bambini festosi e allegri, mentre il vecchio Biagio il gelataio, indaffarato ma felice, svuotava i contenitori del pistacchio, della cioccolata, del limone, i soli tre gusti che conoscevamo. Intanto si attendeva la vendemmia "la grande festa", quando finalmente i contadini raccoglievano i frutti di un intero anno di lavoro. La madre terra li ricompensava per l'amore che essi le avevano dimostrato. In autunno, la campagna si ravvivava di altri suoni, voci e canti. Le cicale, che ci avevano tenuto compagnia per settimane, finivano il loro ciclo e lasciavano un gran vuoto. Negli ultimi anni, quest'inno alla natura è sempre più affievolito e stanco, in alcune zone quasi non si percepisce più, con le centinaia di rumori roboanti. L'Habitat è sempre più povero e mortificato. Questi misteriosi animaletti sembra vogliano lanciare un messaggio: "Non c'è più spazio per le melodie della natura, in un mondo dove, il frastuono e il caos della civiltà moderna hanno ormai preso il sopravvento".

The cicada of past times by Clementina Petroni ow many people H have felt intense emotions in the

summer days, listening to the melody of cicadas? We were young when used to put blankets on the ground outside terraces, to sleep better being more fresh in sunny summer evenings. The smell of sulphur and the mature figs was in the air, the lush countryside was characterized by intense and vibrant sensations of serenity and continuity. The atmosphere was muted and mysterious. We were curious to know why that tiny animal (the cicada) never was tired of singing. Often we looked for the small animal among the rows of vines, in the hope to seize it, but unsuccessfully. Adults told that the singing was due to the rubbing of the little legs and this fact contributed to ripen grapes and wheat. While cicadas sang nonstop, the quiet afternoons were interrupted only by the screech of the wheels of a cart, or by the voice of the stallholder ice-cream seller and his cones at the cost of 5£. It was the most wonderful moment of the day, and we, impatient, waited for the afternoon to go

out and buy ice cream and then to play hide and seek, cops and robbers and other various games. The road suddenly lived up with mum’s voices and happy children, while the old ice-cream seller, Biagio, busy but happy, empted the containers of pistachio, chocolate and lemon, the only three savours we knew. In the meanwhile we waited for the grape harvest, the ‘great feast’, and finally the farmers harvested the fruits of the entire year of work. The Mother Earth rewarded them for the love that they had shown. In fall, the campaign was full of different sounds, voices and songs of peasants and the cicadas that stayed with us for weeks, ended their season and left a great vacuum. Recently this hymn to nature has increasingly weakened and tired, in some areas has almost disappeared because of the numerous noises of the city. The Habitat is increasingly poor. This mysterious animals seem to send a message: “there is not space for melodies of nature in a world where the noise and chaos of the modern civilization have got the upper hand”.


Per riscoprirsi Venere di Milo,

Centro Terme e Benessere Villa Teresa di Lidia Ianuario


U

na struttura moderna, ma con un’esperienza comprovata; l’accurata scelta di linee cosmetiche; la cordialità e il sorriso dello staff altamente specializzato; il concepire il benessere psico-fisico già nelle piccole cose, come l’uso di prodotti monouso, per un igiene impeccabile, il medico in sede. È questa in sintesi l’immagine del Centro Terme e Benessere di Villa Teresa, nella splendida Baia di Citara, le cui proprietà dell’acqua, alcalina e ferrosa, sono note già dai tempi antichi. Per chi vuole rigenerare mente e corpo è una tappa obbligata nell’isola d’Ischia: basta semplicemente scegliere il trattamento di cui usufruire: il massaggio con le conchiglie calde o il fango, proveniente dalle condutture e raccolto in recipienti, con le più moderne attrezzature. Dopo la doccia, subito ci si immerge nella poesia del bagno termale, per poi abbandonarsi a dieci minuti di raffreddamento del corpo. Infine, perché non coccolarsi nel centro estetico? Villa Teresa, aperto tutti i giorni dalle h 7.00 alle h 14.30 e dalle h 17.00 alle h 19.30, con orari diversi la domenica (h 8.30 – h 13.00 e h 17.00 – h 19.30) per riscoprirsi Venere di Milo! Come arrivare in autobus o in automobile Il Centro Benessere Villa Teresa è situato nel comune di Forio. Un luogo facilmente raggiungibile sia in autobus che in automobile percorrendo la strada principale che circonda l'isola. La fermata dista pochi metri dal centro. La tratta è coperta dalle linee 1, CS, CD. Per colori i quali preferiscono muoversi in auto, il parco dispone di un ampio parcheggio a disposizione della clientela.

Info utili Indirizzo: Baia di Citara - 80075 Forio (Na) Tel. +39 081907126 - Fax +39 081907594 www.villateresa.it - info@villateresa.it

41 To rediscover Venus De Milo, Spa and Wellness Center Villa Teresa by Lidia Ianuario

A

modern but with proven experience structure, the careful choice of cosmetic lines, the friendliness and the smile of highly specialized staff to conceive the psychophysical wellness already in the little things, such as the use of disposable products for an impeccable hygiene and a doctor in loco. This is a summary picture of the Spa and Wellness Center of Villa Teresa, in the beautiful Bay of Citara, whose the properties of water, alkaline, and iron, have been known for ancient times. For those who want to regenerate mind and

body is a must in the island of Ischia: simply choosing the treatment in use: massage with hot shells or mud, coming from the pipes and collected in containers with most modern equipment . After the shower, once you are immersed in the poetry of the thermal bath, then surrender to ten minutes of cooling the body. Finally, why not pamper yourself in beauty salon? Villa Teresa is open every day from 7.00 to h 14.30 h and from 17.00 to h 19.30 h, at different times on Sundays (8.30 h - h 13.00 h 17.00 - h 19.30) to rediscover the Venus de Milo!

How to reach it by bus and car The wellness center Villa Terea is situated in the town of Forio. place easily accessible by bus or by car along the main road that encircles the island. The bus stop is just a short walk from the center. The route is served by the bus lines 1, Cs, Cd. Whoever prefers to move by car, the park has a large parking available to customers.

Useful info Address: Baia di Citara - 80075 Forio (Na) Tel. +39 081907126 - Fax +39 081907594 www.villateresa.it - info@villateresa.it


Calendario eventi agosto • Ai Giardini Ravino: Le architetture di Attilio ed Ernesto Lapadula - Mostra fotografica dedicata a Le architetture di Attilio ed Ernesto Lapadula, a cura di Filippo Lapadula, in collaborazione con il PIDA (Premio Internazionale Ischia di Architettura). La mostra si protrarrà fino alla metà di agosto. • Fiabe senza storie Ahmad Alaa Eddin: Mostra 1 - 21 agosto Galleria del Monte Forio Feriali 9.00 - 12.00 / 17.00 - 20.00 Ingresso libero • Dal 6 al 29 agosto – Palazzetto dello sport F. Taglialatela: 21° Expo Ischia – Fiera dell’Europa Mediterranea: tutte le sere dalle 19.00 alle 24.00 – Ingresso € 4.00 • Dal 23 luglio al 30 agosto – ad Ischia ponte, Castello Aragonese – Mostra di Sergio Unia, sculture e disegni.

Per visualizzare il calendario degli eventi aggiornato in tempo reale su qualsiasi applicazione-calendario che supporti il formato iCal (es. i-Phone, Laptops, PC etc.) digita il seguente indirizzo:

http://www.ischianews.com/calendarioeventi

· 22.00 Ischia - Parco Nenzi Bozzi di Ischia Porto (Corso Vittoria Colonna, Piazzetta San Girolamo): "I Te Vurria Vasà" Spettacolo di melodie e danze napoletane.

Mercoledì 3 agosto 2011 · 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Open A (26 luglio- 3 agosto). · 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Torneo B (27 luglio- 3 agosto). · 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero

Giovedì 4 agosto 2011

Lunedì 1 agosto 2011

· 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero

· 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Open A (26 luglio- 3 agosto).

· 19.00 Ischia – Biblioteca Antoniana: Pietro Greco presenterà il libro "Corpi in trappola: vite e storie tra i rifiuti"

· 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Torneo B (27 luglio- 3 agosto).

Venerdì 5 agosto 2011

· 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero · 21.30 Forio – Giardini Ravino: Lunedì letterari, le autrici Stefania De Matola e Laura Pacelli offriranno dei saggi d’interpretazione della scrittura del pubblico presente.

Martedì 2 agosto 2011 · 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Open A (26 luglio- 3 agosto).

· 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno con l’esibizione degli Strani Tipici in una sorta di cabaret d’improvvisazione teatrale. · 21.30 Lacco Ameno - Piazza Santa Restituta: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Concerto per i 150 anni dell’Unità d’Italia, Orchestra Filarmonica Nazionale Ucraina di Dnepropetrovsk. · 21.30 Casamicciola Terme – Osservatorio Geofisico: Non solo Varietà – Spettacolo di musica e danze napoletane. Ingresso Libero

· 14.30 Forio - Hotel Terme Galidon: 3° Festival Scacchistico Internazionale Torneo B (27 luglio- 3 agosto).

Sabato 6 agosto 2011

· 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero

· 18.00 Casamicciola Terme - Hotel Marina: Mostra Itaca di Marco Cecchi. Dalle 18.00 alle 22.00. Ingresso libero


Coming events · 21.00 Forio – Villa La Colombaia: Festival Luchino Visconti Forever - Gran Ballo del Gattopardo – ricostruzione del famoso ballo nell'anfiteatro della villa di Visconti.

Domenica 7 agosto 2011 · 21.00 Forio – Villa La Colombaia: Festival Luchino Visconti Forever - Proiezione del film “Il Gattopardo” restaurato. · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno - Luigi Mennella accompagnerà con chitarra e voce la passeggiata serale ai Giardini Ravino · 21.00 Ischia – Stadio Rispoli: Peter Pan Il Musical, con le musiche originali di Edoardo Bennato. Poltronissime numerate euro 15,00 poltrona non numerata euro 10,00 · 21.30 Lacco Ameno – Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Vernissage della Mostra personale di Raffaele Iacono.

Lunedì 8 agosto2011 · 21.30 Forio – Giardini Ravino: Lunedì letterari, le autrici Stefania De Matola e Laura Pacelli offriranno dei saggi d’interpretazione della scrittura del pubblico presente.

Martedì 9 agosto 2011 · 22.00 Ischia - Parco Nenzi Bozzi di Ischia Porto (Corso Vittoria Colonna, Piazzetta San Girolamo): "I Te Vurria Vasà" Spettacolo di melodie e danze napoletane.

Mercoledì 10 agosto 2011 · 21.30 Lacco Ameno – Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - “Napoli in bianco e nero” Luigi De Filippo racconta la sua Napoli attraverso aneddoti, poesie e canzoni · 22.30 Lacco Ameno – Negombo - Tony Colombo in concerto con la partecipazione di Lino Barbieri info: 081 986390

Giovedì 11 agosto 2011 · 19.00 Serrara Fontana – Piazza IV Novembre: 36° Sagra del vino e Sausicciata – Sfilata di costumi contadini, concerto della Nuova Tammorra Organizzata, discoteca con Dj Andy T e Faustino Vocalist.

Venerdì 12 agosto 2011 · 18.00 Casamicciola – Lido la brezza: “Carola Pisaturo dj set” Il sound dei set di Carola, è un'eterogenea commistione di house, funk e techno, genuinamente mediterranea. · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno con l’esibizione degli Strani Tipici in una sorta di cabaret d’improvvisazione teatrale.

Sabato 13 agosto 2011 · 21.30 Ischia – Piazzetta S.Girolamo: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Nello Mascia in “Te lo faccio vedere chi sono io..” Con Lalla Esposito · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Simone Schettino in “Scusate se insisto” info: 081 986390

Domenica 14 agosto 2011 · 20.00 Serrara Fontana - Belvedere di Serrara: Il Festival delle cose Buone, XXXI edizione, sfilata folkloristica allestita con abiti che riproducono i costumi locali, attrezzi da lavoro dell’epoca ed animali, spettacolo musicale, show cabarettistico dell'esilarante Massimo Cannizzaro e discoteca sotto le stelle, con degustazione del panino con salsiccia e melanzane, insalata cafona e vino serrarese. · 20.30 Lacco Ameno – Pazza Rosario: Solenni festeggiamenti in onore di Maria SS. Assunta - S. Messa solenne celebrata dal Direttore Diocesano per la Pastorale giovanile Rev. Cristian Solmonese · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno - Luigi Mennella accompagnerà con chitarra e voce la passeggiata serale. · 22.00 Lacco Ameno – Pazza Rosario Gaetano Maschio e la compagnia Instabile del Torrione - Forio presentano : "II nostro canto Libero" - Intramontabili canzoni, produzione poetica, sketch comici e gran finale con la rappresentazione del III atto di Zappatore

Lunedì 15 agosto 2011 · 07.30 Serrara Fontana - Passeggiata ecologica – Raduno presso il Ristorante Il Bracconiere ed escursione nei Boschi della Falanga per Case di pietra, Fosse della neve fino a Pietra Pirciata. · 21.30 Forio – Giardini Ravino: Lunedì letterari, le autrici Stefania De Matola e Laura Pacelli offriranno dei saggi d’interpretazione della scrittura del pubblico presente.


46 · 24.00 Lacco Ameno - Solennità dell'Assunzione di Maria al cielo: Fuochi pirotecnici.

Martedì 16 agosto 2011 · 19.00 Barano – Chiesa S.Rocco: Festa di San Rocco, Santo patrono del comune di Barano. · 20.30 Forio – Piazza S. Leonardo (Panza): Sagra del Vino – Spettacoli musicali, allegria, gligliata e vino locale. · 22.00 Ischia - Parco Nenzi Bozzi di Ischia Porto (Corso Vittoria Colonna, Piazzetta San Girolamo): "I Te Vurria Vasà" Spettacolo di melodie e danze napoletane. · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Carlo Buccirosso in “Il Miracolo di Don Ciccillo” con la partecipazione di Valentina Stella info: 081 986390

Mercoledì 17 agosto 2011 · 20.30 Forio – Piazza S. Leonardo (Panza): Sagra del Vino – Spettacoli musicali, allegria, gligliata e vino locale. · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Peppino Di Capri in concerto info: 081 986390

Giovedì 18 agosto 2011 · 20.30 Forio – Piazza S. Leonardo (Panza): Sagra del Vino – Spettacoli musicali, allegria, gligliata e vino locale. · 21.30 Casamicciola – Osservatorio Geofisico: Non solo Varietà – Spettacolo di musica e danze napoletane. Ingresso Libero

Venerdì 19 agosto 2011 · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno con l’esibizione degli Strani Tipici in una sorta di cabaret d’improvvisazione teatrale. · 21.30 Monte di Procida – Laboratorio delle Arti: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - “Viva il SUD” di Carlo D’Angiò. Le canzoni della Nuova Compagnia di Canto Popolare…e dintorni · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Sal Da Vinci in concerto info: 081 986390

Sabato 20 Agosto 2011 · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Biaggio Izzo in “Guardami guardami” info: 081 986390

Domenica 21 agosto 2011 · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al

sereno - Luigi Mennella accompagnerà con chitarra e voce la passeggiata serale ai Giardini Ravino · 21.30 Barano: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro Concerto Blu – Omaggio a Domenico Modugno

Lunedì 22 agosto 2011 · 21.30 Forio – Giardini Ravino: Lunedì letterari, le autrici Stefania De Matola e Laura Pacelli offriranno dei saggi d’interpretazione della scrittura del pubblico presente.

Martedì 23 agosto 2011 · 22.00 Ischia - Parco Nenzi Bozzi di Ischia Porto (Corso Vittoria Colonna, Piazzetta San Girolamo): "I Te Vurria Vasà" Spettacolo di melodie e danze napoletane.

Mercoledì 24 agosto 2011 · 21.30 Barano - Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Echi di Villa Arbusto all’ombra dei Maronti “Suoni e voci del Mediterraneo” Mimmo Maglionico in concerto · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Da Anno Zero Rai 2 Marco Travaglio in “Anestesia totale” con la partecipazione di Isabella Ferrari info: 081 986390

Giovedì 25 agosto 2011 · 21.30 Lacco Ameno - Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Rassegna “Piano & Jazz” Stefano Bollani e Danish Trio. · 22.30 Lacco Ameno – Negombo – Peppe Iodice in “Pazzo scatenatissimo Show” con la partecipazione di Luigi Snichelotto info: 081 986390

Venerdì 26 agosto 2011 · 18.00 Ischia – Castello Aragonese: Festa di S. Alessandro – Dal Castello Aragonese si svolgerà la sfilata del costume ischitano che unitamente ai gruppi storici percorreranno le vie del centro storico per raggiungere il Borgo di S. Alessandro ove si degusteranno specialità del borgo. · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno con l’esibizione degli Strani Tipici in una sorta di cabaret d’improvvisazione teatrale. · 21.30 Lacco Ameno - Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Rassegna “Piano & Jazz” Stefano Bollani & Hamilton De Hollanda.


Sabato 27 agosto 2011 · 21.30 Lacco Ameno - Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro - Rassegna “Piano & Jazz” Stefano Bollani e Quintetto “I Visionari”

Domenica 28 agosto 2011 · 21.00 Forio – Giardini Ravino: Notti al sereno - Luigi Mennella accompagnerà con chitarra e voce la passeggiata serale ai Giardini Ravino · 21.30 Lacco Ameno – Villa Arbusto: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro – “Non di solo amore” di e con Cristina Donadio

Lunedì 29 agosto 2011 · 21.30 Forio – Giardini Ravino: Lunedì letterari, le autrici Stefania De Matola e Laura Pacelli offriranno dei saggi d’interpretazione della scrittura del pubblico presente. · 21.30 Lacco Ameno – Piazza Santa Restituta: Villa Arbusto: un’isola nel Mediterraneo tra musica e teatro – Concerto Viva Verdi, Orchestra Ciaikowski.

Martedì 30 agosto 2011 · 22.00 Ischia - Parco Nenzi Bozzi di Ischia Porto (Corso Vittoria Colonna, Piazzetta San Girolamo): "I Te Vurria Vasà" Spettacolo di melodie e danze napoletane. · 21.00 Ischia - Torre del Molino di Ischia Porto: "Un Mare di Stelle" Conferenza pubblica del professor Roberto Gilmozzi (European Southern Observatory, Monaco di Baviera, Germania) sui Grandi Telescopi del futuro. · 22.00 Ischia - Torre del Molino di Ischia Porto: "Un Mare di Stelle" osservazione con i telescopi dalla terrazza della Torre del Molino con gli astronomi dell'Associazione Astrocampania.

Venerdì 2 settembre 2011 · 21.00 Lacco Ameno – Villa Arbusto: Serate Settembrine – Gino Rivieccio in “Fifty fifty” con il gruppo musicale Vox Antiquaria

Sabato 3 settembre 2011 · 17.30 Forio – Giardini La Mortella: Duo Palmizio-Firsova - Pianoforte · 21.00 Lacco Ameno – Villa Arbusto: Serate Settembrine – Spettacolo musico teatrale “Musica e farsa”scritto e diretto dal M° Ignazio Panariello a cura della Compagnia Teatrale Sylva Maris


EVENTI 36 ISCH A NEWS&


Premio Ischia di Fotografia


U

n colibrì che stringe una mosca nel becco. Basta un click per cogliere un’immagine irripetibile. È un attimo si sa, stimolato da curiosità e sensibilità artistica. La tecnica si può apprendere, naturalmente, al “Premio Ischia di Fotografia”, per esempio. L’evento, parte del progetto “Ischia Foto Workshop”, che promuove la fotografia, coinvolgendo professionisti e amanti dell’arte fotografica italiani ed internazionali.

Organizzato da Publimedia, con la supervisione del fotografo pubblicitario Rosario Facciolla, l’appuntamento, giunto alla sua quarta edizione, si articola in due sezioni. Una puramente formativa, destinata ai workshop, seguita dai relatori Rosario Facciolla, Claudio Marconato e Giuseppe Andretta dal 14 al 17 aprile; una destinata al concorso fotografico, che premierà i vincitori il 29 settembre, a Sant’Angelo, in occasione della Festa di San Michele. La giuria, presieduta dal professionista Giuseppe Alario e composta da critici, giornalisti ed esperti di immagine, assegnerà i premi. In palio fotocamere reflex Nikon D3100, una tavoletta grafica Wacom Intuos 4, un Color Checker X-rite e altri strumenti professionali, messi a disposizione da sponsor prestigiosi come Nikon, Epson, Wacom, X-rite, 360way.it e X-connection. I temi scelti vanno dal paesaggio alla natura, dal folklore all’architettura, dall’archeologia alle foto panoramiche, con uno spazio destinato ai soggetti ischitani. Connubio imprescindibile, quello tra immagine e territorio, che produrrà senz’altro ancora una volta una splendida cartolina per l’isola verde. di Alessia Impagliazzo

51

Ischia Prize for Photography by Alessia Impagliazzo

A

hummingbird that holds a fly in its beak. One click to capture a unique image. It is only a moment, stimulated by curiosity and artistic sensibility. The technique can be learned, of course, on the occasion of the "Ischia Prize for Photography," for example. The event is part of the "Ischia Photo Workshop", which promotes photography, involving professionals and lovers of Italian and international photography. Organized by Publimedia, under the advertising photographer Rosario Facciolla supervision, the event, now in its fourth edition, is divided into two sections. One purely educational, aimed at workshops, followed by the speakers Facciolla Rosario, Claudio Giuseppe Andretta Marconato from April

14th to 17th, and one for the photo contest that will award the winners Sept. 29, at Sant'Angelo, on the occasion of the Feast of St. Michele. The jury, chaired by Giuseppe Alario, professional and composed of critics, and journalists and experts in image, will award the prizes. Nikon D3100, a Wacom Intuos 4, an X-rite ColorChecker and other professional cameras will put up as prize, available from prestigious sponsors such as Nikon, Epson, Wacom, X-rite, and X-360way.it connection. The themes range from landscapes to nature, architecture, folklore, archeology with panoramic photos and space for people of Ischia. Essential mix of the territory and image and that will create no doubt once again a beautiful postcard for the green island.

Per informazioni: PubliMedia Via Chiaia, 252 - 80121 - Napoli www.ischiafotoconcorso.it info@ischiafotoconcorso.it tel.: 081 7944078 - cell.: 337.94.11.11


Scheda_IschiaNews&Eventi.pdf

1

29/06/11

11.42

Titolo

Ischia & Nino di Costanzo

Autori

Rossana Foglia, Vito Verde, Nino di Costanzo

Pagine 250

Prezzo 5 19,00

Lingua Italiano e Inglese

C

M

Y

ischia

la cucina di territorio

CM

CY

K

978-88-903407-5-8

Codice EAN

9 788890 340758

Formato

15,5x21 cm

Confezione

Copertina morbida Distribuzione per le librerie A.L.I. Libri

MY

MY

Codice ISBN

Ischia & Nino di Costanzo prefazione di Gianni Mura

I piatti tradizionali della cucina ischitana, incredibilmente, non sanno di mare ma di terra. La pietanza tipica per eccellenza, nota in tutto il mondo, è il famoso coniglio all’ischitana: un coniglio speciale, allevato in fosse scavate sottoterra e nutrito semplicemente con carote, che va cucinato in vecchie casseruole di rame e insaporito con gli aromi dell’isola. Altrettanto golose, le zuppe a base di legumi e verdure che sanno mettere in risalto la ricchezza dei campi a ridosso del monte Epomeo. Il pesce, seppure pescato in grandi quantità, fa capolino tra una zuppa e una frittura di paranza, ma si difende bene grazie alla sua fragranza e al suo aroma davvero straordinario.

Da tutto ciò e da molto altro ancora è nato un volume di oltre 80 ricette strutturato per stagioni che racconta il meglio della cucina dell’isola del benessere, nota ovunque per i suoi centri termali, il suo mare azzurro, le sue grandi spiagge dorate, i suoi boschi e le sue frizzanti notti mondane. Di alcune delle ricette è proposta anche la possibile variante elaborata dall’astro nascente della cucina internazionale, lo chef Nino Di Costanzo, attualmente insignito della seconda stella Michelin. Un volume unico, che si fregia dell’autorevole introduzione di Gianni Mura, appassionato frequentatore dell’isola, corredato di magnifiche immagini, che non può mancare nella valigia di ogni viaggiatore.

Malvarosa Travel Una collana di libri raffinati dedicati ai turisti che vengono in visita nelle nostre città e ai cultori della cucina di un tempo che sanno strizzare l’occhio alle innovazioni moderne degli chef più quotati. Libri molto “saporiti”, da mangiare con gli occhi, che raccontano la cucina di una volta, riproponendo i piatti gustosi che mamme e nonne preparavano con amore e dedizione per la loro famiglia. Tutti i libri della collana prevedono traduzioni in inglese e tedesco.


l’ombrellone ? Shall we eat under the beach umbrella? di Rossella Guarracino


54

E

oggi cosa preparo di buono? A quante di voi è capitato di restare per qualche minuto imbambolate davanti alla borsa frigo color arancione chiedendovi quale potesse essere lo spuntino migliore per la vostra giornata al mare? Le idee scarseggiano, la voglia di mettersi a cucinare, anche. Allora che ne dite di fare qualcosa di fresco, leggero e saporito che si prepara in un attimo? Adoro tramezzini e panini (confesso che vivrei solo di quello), ma in genere non li preparo perché so che sono troppo calorici e troppo poco sani. E così, cambio rotta e mi dirigo verso ricche insalate piene di qualunque cosa, macedonie di frutta condite con succo di limone e piccoli rustici ammazza fame. Da bere porto una bella bottiglia di te verde al limone; lo preparo la sera prima mettendo in infusione due bustine in un litro d’acqua calda; lo insaporisco con 3-4 cucchiaini di zucchero e il succo di mezzo limone, poi lo lascio raffreddare bene in frigorifero per tutta la notte: al mattino è pronto per entrare nella solita borsa frigo color arancione e venire al mare con noi. Per mio figlio, invece, scelgo generalmente merende sanissime a base di yogurt e tisane dissetanti. Insomma, trascorrere un’intera giornata in spiaggia può essere l’occasione per concedersi il lusso di un piatto sano, leggero e pieno di brio che vi aiuterà a conservare la linea e a sentirvi piene di energia e di buonumore.

Piccoli Babà Da Spiaggia Small Beach Baba

Ingredienti per 4 persone: + 200 g di farina + 2 uova + 200 ml di latte intero + 100 g di prosciutto crudo tritato finemente + 70 g di parmigiano grattugiato + 70 g di caciotta stagionata grattugiata + 2 cipollotti tritati + prezzemolo + 1 bustina di lievito + 1 cucchiaino di zucchero + olio evo + sale PROCEDIMENTO: • Mettete un filo d’olio in una padella e scaldatelo un pochino; unite i cipollotti e lasciateli appassire a fuoco dolce. Spegnete e lasciate intiepidire.

La mia altern ativa al panino al pr osciutto è un babà ch e sa d i prosciutto, m a anche d i formaggi o e di cipo llina fr esca. Si prepara in un attimo, si cuoce in po chi minuti ed è un otti mo spuntino d i metà mat tina.

• Versate il composto liquido su quello solido e amalgamate con cura.

• Mescolate in una terrina la farina con un pochino di sale, lo zucchero, il lievito, il prosciutto, i formaggi grattugiati e i cipollotti con il loro olio.

• Trasferite negli stampini da babà mignon che avrete precedentemente imburrato e infarinato e metteteli in forno già caldo a 180° per circa 15-20 minuti.

• In un’altra terrina mescolate le uova con il latte.

• Lasciateli intiepidire prima di gustarli.

hat nice thing shall I make today? How many of you are stunned W for a few minutes in front of the icebox orange wondering what could be the best snack for one day on the beach? The ideas are scarce, the urge to start cooking, too. Well, do you want to prepare something fresh, light and tasty ready in a minute? I love sandwiches (I confess that I would live only on this one), but generally I do not prepare them because I know they have too many calories and are too unhealthy. And so, I change course and choose salads filled with anything, fruit salads dressed with lemon juice and small rustic to appease hunger. A nice bottle of green tea with lemon to drink; I prepare the night before putting two bags in a quart of hot water flavored with 3-4 teaspoons of the sugar and the juice of half a lemon, then leave to cool well in the fridge for all night: the morning is ready to enter the usual mini orange bag and go to the seaside with us. For my son, however, usually I choose the most wholesome snacks made with yogurt and refreshing herbal tea. In short, spending an entire day on the beach can be an opportunity to enjoy the luxury of a healthy dish, light and full of verve that will help to get back own figure and feel full of energy and good mood.


PROCEDIMENTO: • Mettete il cus cus in una terrina; aggiungete il cumino e il trito di erbe aromatiche. Coprite con 125 ml di acqua bollente e lasciate riposare per 10 minuti. Trascorso questo tempo, insaporite il cus cus con il succo e la scorza grattugiata del limone e un filo d’olio.

Colazione al Prosciutto Breakfast Ham

• Sistemate i pomodorini su un foglio di carta forno, cospargeteli con un pochino di sale grosso e irrorateli generosamente d’olio. Passateli in forno molto caldo per 10 minuti circa, fino a renderli rugosi e morbidi. • Affettate la cipolla e riducetela ad anelli. Passate gli anelli nella farina ricoprendoli uniformemente, poi friggeteli in olio ben caldo. croccanti, sollevatele con un mestolo forato e asciugatele su carta assorbente da cucina. • Distribuite le fette di prosciutto nei piatti e componete i piatti aggiungendo il cus cus, qualche pomodorino e gli anelli di cipolla fritti. Insaporite a piacere con un pochino di pepe e con un filo d’olio.

ri, pomo do Mettete i nelli a s e g li il cus cu e tr a in d i cipo ll ri d iversi o it n conte r varne per conse ori e p sa intatti i nze. Al te s si le con iare, d i mang momento le vostre te compone nte irettame d insalate i. nei piatt

Ingredienti per 4 persone: + 8 fette di prosciutto cotto + 500 g di pomodori ciliegini + 90 g di cus cus precotto + mix di erbe aromatiche (citronella, cerfoglio, menta, timo limonato) + la scorza e il succo di 1 limone

+ cumino + 1 cipolla bianca + farina q. b. + olio evo + sale + pepe


56

PROCEDIMENTO:

Pomodoro e Mozzarella Tomato and Mozzarella

• Tagliate a spicchi i pomodori e privateli dei semi. Metteteli in un colino e lasciateli sgocciolare in modo che perdano tutta l’acqua di vegetazione. Poi infilzateli sui rametti di rosmarino. • Completate il vostro spiedino aggiungendo su ciascun rametto di rosmarino un bocconcino di mozzarella. • Sistemate gli spiedini in piccole ciotoline e conditeli con un filo d’olio, un pizzico di sale e abbondante pepe macinato al momento. • Mettete per 4-5 minuti in forno caldo e lasciate che lo spiedino assorba il profumo del rosmarino. • Servite subito.

Ingredienti per 4 persone: + 4 bocconcini di mozzarella + 4 pomodori maturi + 4 rametti di rosmarino + olio + sale + pepe

La caprese è di sicuro l’insalat a italiana più conosciuta, al pari delle blasonat issime “colleghe” fran cesi. La versione ch e vi proponiamo è più profumata e scenografica, ideale per uno spuntin o veloce in terraz za.


57

PROCEDIMENTO: • Mettete nel bicchiere del mixer gli aromi, lo zenzero, l’aglio, il peperoncino, la scorza e il succo del limone, la salsa di soia e qualche grano di sale grosso. Frullate fino a ottenere una crema.

Pollo al profumo di Citronella Scent of Chicken Citronella

• Posizionate il petto di pollo su un foglio di carta forno e cospargetelo con la crema aromatica. Chiudete il cartoccio e mettetelo in forno caldo a 180°. Lasciate cuocere per 25-30 minuti, spegnete e fate raffreddare completamente. • Intanto, mettete le mandorle in una padella antiaderente con un pochino di sale grosso e fatele tostare. • Al momento di servire in tavola, affettate il pollo e mettetelo in una terrina con la rucola e le mandorle tostate. • Insaporite con il fondo di cottura del pollo, mescolate e verificate di sale. • Portate in tavola.

Ingredienti per 4 persone: + 1 petto di pollo intero + 50 g di mandorle pelate + 2 rametti di citronella + 1 rametto di salvia + 1 rametto di rosmarino + 2 spicchi d’aglio + zenzero fresco

+ 1 peperoncino piccante + la scorza e il succo di 1 limone + salsa di soia + olio evo + sale, sale grosso + rucola

La citronella è un aro ma decis la buona ri ivo per d i ques ta spuscita insalata d i lend ida perché le repo llo freschezza gala Preparatela e corpo. mattina presla lasciate che to e aro mi si insi g li n nella carne uino con tutta calma.


PROCEDIMENTO: • Riunite in una ciotola le olive denocciolate e tagliate a pezzetti, i capperi dissalati, il formaggio tagliato a tocchetti, il prezzemolo tritato e le foglioline di basilico. Mescolate. • Lavate i peperoni, tagliateli in due nel senso della lunghezza ed eliminate le parti bianche e i semi; conditeli con sale, pepe, un filo d’olio e una fogliolina di basilico. • Cuocete le farfalle in abbondante acqua salata e scolatele al dente; passatele rapidamente sotto l’acqua corrente per interromperne la cottura, conditele con il condimento preparato e usatele per farcire i mezzi peperoni.

Farfalle all'Insalata

• Mettete in frigo e fate riposare per un paio d’ore. Servite ben freddo aggiungendo ancora poco pepe macinato al momento e un filo d’olio.

Farfalle with Salad

Ingredienti per 4 persone: + 320 g di farfalle + 2 peperoni gialli + 100 g di caciocavallo + una manciata di olive nere + una manciata di capperi

+ prezzemolo, basilico + peperoncino + olio evo + sale

Facciamo un po’ di scena anche in ! spiaggia? Perché no ne Usate il pepero co me piatto contenitore per la vostra insalata di pasta e ve drete che successo.


59 Small Beach Baba My alternative to ham sandwich is a ham baba, but also with cheese and fresh chives. It is ready in a second, it is a great morning snack. INGREDIENTS - 4 servings: + 200 g flour + 2 eggs + 200 ml whole milk + 100 g of raw ham, finely chopped + 70 g of grated Parmesan cheese + 70 g of grated seasoned caciotta + 2 onions chopped + parsley + 1 package yeast + 1 teaspoon sugar + extra virgin olive oil + salt DIRECTIONS: • Put oil in a frying pan and heat up it a little, add the onions and let them dry on a low heat. Turn off and let cool. • Stir the flour into a bowl with a little salt, sugar, ham, grated cheese and onions with their oil. • In another bowl mix the eggs with milk and with the liquid mix thoroughly. • Transfer in cookie cutters the baba that have previously buttered and floured, and put them in a preheated oven at 180 degrees for 15-20 minutes. • Let it cool before to taste.

Breakfast Ham Put the tomatoes, cus cus, and the onion rings in three different containers to preserve the flavors and textures intact. When eating, you dial directly into your salad dishes. INGREDIENTS - 4 servings: + 8 slices cooked ham + mix of aromatic herbs (citronella, chervil, mint, thyme flavoured whipped lemon) + cumin + peel and juice of lemon + 1 white onion + flour + extra virgin olive oil + salt, pepper DIRECTIONS: • Put cus cus in a bowl, add the

cumin and herbs. Cover with 125 ml of boiling water and let stand for 10 minutes. After flavour cus cus with the juice and grated peel of lemon and a drizzle of olive oil. • Arrange the tomatoes on a baking paper, sprinkle with a little salt and sprinkle generously with oil. Cook for 10 minutes, until soft and wrinkled. • Slice the onion and reduce it to ring. Rub the rings in the flour evenly covering them, then fry in hot oil. • Spread the ham slices on plates and dishes by adding cus cus, tomato and onion rings. Season with oil.

Tomato and Mozzarella The caprese salad is certainly the most famous Italian dish, like the blasonatissime "colleagues" in France. The version that we propose is more fragrant and scenic, perfect for a quick snack on the terrace. INGREDIENTS - 4 servings: + 4 slices mozzarella + 4 ripe tomatoes + 4 sprigs of rosemary + oil + salt, pepper DIRECTIONS: • Cut into slices tomatoes and remove the seeds. Put them in a strainer and let drain until lose all the water. • Add rosemary on every morsel of mozzarella. • Arrange the skewers in small bowls and serve with a drizzle of olive oil, a pinch of salt and plenty of freshly ground pepper. • Put in a hot oven for 4-5 minutes and let it absorb the scent of rosemary skewer.

Scent of Chicken Citronella The citronella has decisive flavor for the success of this wonderful chicken salad because it gives its freshness and essence. Prepare it at your leisure in the morning and let the aromas in the flesh creep quietly. INGREDIENTS - 4 servings: + 1 whole chicken breast + 50 g peeled almonds + 2 sprigs of citronella

+ + + + + + + + + +

1 sprig of sage 1 sprig of rosemary 2 cloves of garlic fresh ginger 1 hot pepper peel and juice of lemon soy sauce extra vergin olive oil salt, coarse salt rocket

DIRECTIONS: • Put the spices in the glass of the mixer, ginger, garlic, chilli, zest and lemon juice, soy sauce and a few grains of salt. Blend until creamy. • Place the chicken breast on a sheet of parchment paper and sprinkle with cream aroma. Close the foil and place in oven at 180 degrees. Cook for 25-30 minutes, turn off and let cool. • Meanwhile, place the almonds in a pan with a little salt and toast. • Slice the chicken and put it in a bowl with the arugula and toasted almonds. • Season the sauce with the chicken, mix and check salt.

Farfalle with Salad Let's do some scene on the beach! Why not? Use the pepper as a container for your salad, pasta and you will see what success. INGREDIENTS - 4 servings: + 320 g of farfalle + 2 yellow peppers + 100 g of cheese + a handful of black olives + a handful of capers + parsley, basil + chilli + Extra Vergin Olive Oil + salt DIRECTIONS: • Combine in a bowl pitted and chopped olives, the capers, cheese cut into cubes, parsley and basil. • Wash the peppers, cut in half lengthways and remove the white parts and seeds, season with salt, pepper and a drizzle of olive oil and basil leaves. • Cook farfalle in salted water until al dente and drain, mash quickly under running water to stop cooking, season them with the sauce and use them to stuff peppers. • Refrigerate for two hours. Add oil.


Luoghi di interesse

Le principali attrattive turistiche dell’isola

Castello Aragonese Situato a Ischia Ponte Apertura: tutto l’anno tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30 Botteghino Castello Aragonese tel.: +39 081.992834 Ingresso ordinario: € 10,00 Linee bus: 15 - 7

Located in Ischia Ponte Opening hours: every day from 09.00 to 19.30 Box office tel.: +39 081.992834 Full price: € 10,00 Bus lines: 15 – 7

Il Castello Aragonese è per molti versi l’emblema dell’isola d’Ischia. Visitarlo è senz’altro un obbligo ed un vero piacere. E’ un luogo di incantevole bellezza, lontano dalle strade affollate e dai rumori del centro abitato. Tra monumenti, ruderi e terrazze dalla vista mozzafiato, sembrerà di essere tornati indietro nel tempo, immersi nella bellezza della natura selvatica e nel fascino della storia. Sorge su un isolotto di roccia trachitica collegato al versante orientale dell’isola d’Ischia da un ponte in muratura lungo 220 mt. La base rocciosa è geologicamente definita “cupola di ristagno” ed equivale ad una bolla di magma consolidatasi nel corso di fenomeni eruttivi di più vasta portata. Raggiunge un’altezza di 113 mt. s.l.m. e presenta una superficie di circa 56.000 mq.

The Castello Aragonese is the symbol of the island of Ischia. It is a pleasure visiting it. It is an amazing place, far away from crowded streets and sounds of the centre. Among monuments, ruins and breathtaking terraces, it seems to come back to the past, immersed in the beauty of the wild and charm of history. The Castello Aragonese rises on a little island of trachytic rock linked to the eastern slope of the island of Ischia via a walled bridge of 220 meters in length. The rocky base is geologically defined as “a dome of stagnation” and is equivalent to a bubble of magna which solidified throughout eruptions of vast ranges. It reaches a height of 113 m above sea level and presents a surface area of 56,000 square meters.

Villa Arbusto


What to see

The main tourist attractions of the island

Giardini La Mortella Via Francesco Calise, 39 - 80075 - Forio (NA) Aperto: da Aprile ad Ottobe, il Martedì, Giovedì, Sabato e Domenica dalle 9.00 alle 19.00 Ingresso: Adulto - € 12,00; "Over 70" - € 10,00 tel.: +39 081.986220 - fax: +39 081.986237 Linee bus: 1, 2, CD, CS, 24 www.lamortella.org

Via Francesco Calise, 39 - 80075 - Forio (NA) Open: from April to October, on Tuesdays, Thursdays, Saturdays and on Sundays, from 9.00 to 19.00 Entrance: Full price - € 12,00; "Over 70" - € 10,00 tel.: +39 081.986220 - fax: +39 081.986237 Bus lines: 1, 2, CD, CS, 24 www.lamortella.org

Un incantevole giardino sub-tropicale ricco di angoli suggestivi, fontane, ruscelli, vedute panoramiche sul mare. Innumerevoli collezioni di piante rare come ninfee giganti, orchidee, palme, cycas, felci ad albero. Serre tropicali e voliera. All’interno è visitabile il museo William Walton, famoso compositore inglese del novecento, che è vissuto qui con la moglie Susana, creatrice del giardino. A disposizione dei visitatori una sala da tè, shop, parcheggio gratuito. Il giardino è accessibile per i disabili. Durante l’anno si svolge un ricco programma di concerti di musica classica in collaborazione con i conservatori e scuole di musica nazionali ed internazionali.

An enchanting sub-tropical garden enriched with water features and breathtaking vistas on the bay. It hosts many important collections of rare plants such as giant water lilies, orchids, palm trees, cycads, tree ferns. Three tropical glasshouses and a bird house can be visited.

Corso Angelo Rizzoli, 210 - 80076 - Lacco Ameno (NA) Orari di apertura: - inverno (01-10/31-05): 9.30 - 13.00 / 15.00 - 18.30 - estate (01-06/30-09): 9.30 - 13.00 / 16.00 - 19.30 Giorno di chiusura: Lunedì tel.: +39 081.996103 - fax: +39 081.3330288 Ingresso: Adulti - € 5,00 ; "Over 65" - € 3,00 Studenti e residenti dell'isola - € 1,00 Linee bus: CD, CS, 1, 2 www.pithecusae.it

Corso Angelo Rizzoli, 210 - 80076 - Lacco Ameno (NA) Opening: - winter (01/10 – 31/05) at 9.30 – 13.00/15.00 – 18.30 - summer (01/06 - 30/09) at 9.30 – 13.00/16.00 – 19.30 Closed on Mondays tel.: +39 081.996103 - fax: +39 081.3330288 Entrance: Full price - € 5,00; Senior "Over 65" - € 3,00 Students and residents – € 1,00 Bus lines: CD, CS, 1, 2 www.pithecusae.it

Villa Arbusto, così detta dal toponimo della località documentato fin dal `600, è situata in un'incantevole posizione panoramica sull'altura prospiciente la piazza S. Restituta, di fronte al promontorio di Monte di Vico, il sito dell'acropoli di Pithecusae, mentre a pochi passi a ridosso del parco si trova il quartiere metallurgico dell'VIII sec. a.C. in località Mazzola. La masseria dell'Arbusto fu acquistata nel 1785 da Don Carlo Aquaviva, Duca di Atri, di antica famiglia nobile abruzzese, che vi costruì un Casino di campagna. Il museo, con un ampio giardino retrostante, contiene reperti archeologici e culturali di rara bellezza ed importanza come la ormai famosissima Coppa di Nestore.

Villa Arbusto, (such is the name since it was the name of the area documented since the 1600s) is situated in an enchanting panoramic location on the high ground facing the S. Restituta square, in front of the promontory of Monte di Vico, the site of the acropolis Pithecusae. A few steps behind the park there is the metallurgical district from the 8th century B.C. in the Mazzola area. The Arbusto farm was bought in 1785 by Don Carlo Acquaviva family. Here is constructed a country casino (which is the actual villa) with a big garden at the back. The museum contains archaeological and cultural finds of a rare beauty and importance, the famous Nestor’s Cup.

The famous British composer William Walton lived here with his wife Susana, who created the garden: a small museum displays documents, photos and objects related to the composer. The garden is wheel-chair accessible, there is a tea house, shop and free parking. Chamber music concerts are held on the weekends in collaboration with several Italian and international music schools.


Luoghi di interesse

Le principali attrattive turistiche dell’isola

Giardini Ravino S.S. 270 (loc. Citara) Aperto: da Marzo a Novembre, lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle ore 9:00 al tramonto. Ingresso ordinario: € 9,00 tel.: +39 329.4983923 - www.ravino.it Linee bus: 1, 9, CD, CS

S.S. 2710 (loc. Citara) Open from: March to November, on Monday, Wednesday, Friday, Saturday and Sunday from 9,00 a. m. - to the Sunset. Full price: € 9,00 tel.: +39 329.4983923 - www.ravino.it Bus lines: 1, 9, CD, CS

Un parco botanico tropicale mediterraneo nel golfo di Napoli I Giardini Ravino nascono dalla passione botanica di Giuseppe D'Ambra, un sogno trasformato in realtà con i suoi 5000 esemplari inseriti in uno scenario di flora mediterranea. Visitare i Giardini Ravino significa ammirare barriere architettoniche armoniosamente combinate con Saguari, Cactus, Aloe, Agaves and Opunzie. I Giardini Ravino sono anche un laboratorio di sapere e sostenibilità, ospitando diverse esposizioni culturali. Nel 2010, i Giardini Ravino sono stati insigniti del Premio OPE (Osservatorio Parlamentare Europeo e del Consiglio d’Europa), come miglior azienda del Sud Italia riguardo il turismo sostenibile.

A tropical-Mediterranean botanical garden in the gulf of Naples

La Colombaia

The Ravino Gardens are the result of Giuseppe D'Ambra botanical passion, a dream come true thanks to its 5000 specimens set in a Mediterranean flora scenery. Visiting the Ravino Gardens means to admire architectural features among giant Saguari, cactus, Aloe, Agaves and Opunzie. The gardens represents also a laboratory of culture and sustainability, hosting many artistic exhibitions. In 2010, the Ravino Gardens have been awarded of the prize OPE (European Parliamentary Observatory) as the best South Italy firm about the sustainable tourism.


What to see

The main tourist attractions of the island La Colombaia

VILLA ARBUSTO Giardini La Mortella

CASAMICCIOLA TERME ISCHIA PORTO

FORIO Castello Aragonese

ISCHIA PONTE

Giardini Ravino

SERRARA FONTANA

BARANO

S. ANGELO

Via Francesco Calise, 130 - 80075 - Forio (NA) Aperto: Maggio - Ottobre, da martedì a domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16.00 alle 20.00 Ingresso: Adulti - € 5,00; gratuito per residenti e ridotto per possessori Artecard tel.: +39 081.987115 - www.fondazionelacolombaia.it Linee bus: 1, 2, CD, CS, 24

Via Francesco Calise, 130 - 80075 - Forio (NA) Open: May - October, from Tuesdays to Sundays from 10.00 to 13.00 and from 16.00 to 20.00 Full price: Adult - € 5,00; free for residents and reduced price for Artecard holders tel.: +39 081.987115 - www.fondazionelacolombaia.it Bus lines: 1, 2, CD, CS, 24

La Colombaia è la storica residenza estiva del grande regista Luchino Visconti. Costruita a cavallo tra la fine del 1800 e i primi del 1900, è stata acquisita al patrimonio pubblico dopo anni di battaglie ed è oggi la sede di una Fondazione che poggia su quattro pilastri istituzionali: il Comune di Forio, la Provincia di Napoli, la Regione Campania e l’Università degli studi di Parma. La Fondazione La Colombaia di Luchino Visconti, realizza proprie produzioni, organizza eventi culturali, interviene a sostegno di progetti di valorizzazione della cultura e dei beni culturali, gestisce il Museo Visconti e i centri di documentazione collegati. La Colombaia offre una mostra permanente di foto dell’opera del Maestro ed un caffè letterario aperto tutte le sere, lunedì escluso.

La Colombaia is the historic summer residence by the famous director Luchino Visconti. Built in the end of the 17th century and the early 20th century, it has been included in the public heritage after many years of battles, nowadays is the seat of the Foundation of four institutional authorities: the municipality of Forio, the Province of Naples, the Regione Campania and the Università degli studi di Parma. The Foundation La Colombaia by Luchino Visconti, realizes own productions, organizes cultural events, manages the Museo Visconti and the information center. Cinema Centre par excellence, La Colombaia offers a permanent photo exhibition by the master and a literary café open every night, except for Mondays.


Luoghi di interesse

Muoversi in libertà ad Ischia, l'Isola Verde

L

’Isola di Ischia è la più grande delle tre isole che chiudono a cerchio il golfo di Napoli. A renderla famosa è una fitta coltre di vegetazione che fascia i fianchi dei monti e si insinua nelle gole più impervie, da cui l’appellativo per eccellenza di Isola Verde. Un’isola in grado di ammaliare da sempre i suoi ospiti con un paesaggio dai forti contrasti. E lui, il Monte Epomeo, caratterizzato dai tufi verdi, che imponente, quasi voglia proteggere l’isola, offre allo sguardo una vista unica e sensazionale del golfo di Napoli. Per godere di questo spettacolo, basta seguire gli antichi sentieri e passeggiare all’ombra dei nostri magnifici boschi, su costoni a strapiombo ssul mare. Sul versante Sud - Ovest dell'isola nasce il Bosco dei Frassitelli, contraddistinto da acacie di dimensioni contenute, ma unico per posizione e vegetazione. Verso Nord, lungo i verdi pendii, si giunge poi allo splendido Bosco della Falanga, dove è facile incontrare conigli selvatici, falchi ed in autunno raccogliere funghi porcini e castagne in abbondanza. La Falanga è anche ricca di storia, reperti fossili marini sono stati ritrovati qui, a dimostrazione del fatto che

Casa di pietra nel Bosco della Falanga Falanga wood, House of stone

T

he Island of Ischia is the largest of the three islands around the Gulf of Naples. It is famous for the luxuriant flora, from mountains to the deep gorges, for this reason called the Green Island. An island to admire for its very suggestive landscapes. And it, Monte Epomeo, characterized by green tuffs, that imposing, seems to protect the Island. On the top, it is possible to admire a unique and breathtaking view of the Gulf

of Naples. Follow the old paths and walks, in the shadow of our woods, as a sheer drop from the cliff to the sea. To the South West of the island Bosco dei Frassitelli (Frassitielli Wood) rises, a wood with acacia and unique for position and vegetation. To the North, along green slopes, you arrive in the splendid Bosco della Falanga (Falanga Wood), where it is easy to find wild rabbits, hawks and collect mushrooms and chestnuts in Autumn.


What to see

Free to move on the Green Island l’isola è emersa dal mare e che la formazione del Monte Epomeo è dovuta alla spinta del magma dalle profondità della terra. I segni dell’uomo sono senz’altro evidenti e ben conservati, infatti, non è difficile imbattersi nelle famose Case di Pietra, scavate interamente nella roccia tufacea. Questi insediamenti costituiscono un esempio particolarmente significativo di architettura rupestre come dimostrato da alcune costruzioni quali ‘La Pietra Mosca’, ‘La Casa sul Masso’, ‘La Casa di Pietra del Cuotto’, ‘La Casa Greca’, sita a pochi passi dalla Baia di Sorgeto. Miniere d’oro, così il medico Jasolino aveva ribattezzato le sorgenti termali dell’isola. Una sorgente miracolosa, quella di Nitrodi, le cui acque, dalle proprietà terapeutiche, si inseriscono in un ambiente tipicamente mediterraneo. Inoltre, particolare interesse riveste il fenomeno delle Fumarole, getti di vapore che provengono dal sottosuolo grazie all'attività vulcanica dell'isola. Ad Ischia, tale fenomeno può essere osservato alla Spiaggia delle Fumarole, che si trova poco distante da Sant'Angelo. Quest’escursione è ideale per chi vuole fare le cosiddette sabbiature, ricoprendosi totalmente di sabbia e lasciando fuori solo la testa. Sono particolarmente indicate per chi soffre di dolori reumatici. Infine

The Falanga is also rich in history, marine finds, to demonstrate that the island has come up from the sea and the Monte Epomeo formation is the result of the magma force. The signs of man are certainly evident and well preserved, in fact, it is not difficult to bump into the famous Case di Pietra (Houses of Stone), dug into the rock. These settlements are a clear example of a rural architecture like some builds show, ‘La Pietra Mosca’, ‘La Casa sul Masso’,

‘La Casa di Pietra del Cuotto’, ‘La Casa Greca’, set on near the Sorgeto Bay. ‘Gold mines’, in this way the Doctor Jasolino called the thermal springs of the island. A miraculous spring, Nitrodi, with its healthy waters take part in this Mediterranean atmosphere. Particularly interesting is the Fumarole phenomenon, vapor jets coming from the subsoil thanks to the volcanic activity of the island. In Ischia,

Vista di Forio dal belvedere del Giardino Esotico

Panorama of Forio from the view of Giardino Esotico


Luoghi di interesse

Muoversi in libertà ad Ischia, l'Isola Verde

un aspetto molto caratteristico delle Fumarole è dato dalla possibilità di cuocere gli alimenti (in genere uova sode, pollo e patate) sfruttando le alte temperature della sabbia. Ed ancora la Baia di Sorgeto, contraddistinta da scogli vulcanici, sorgenti bollenti e minerali, sauna e vapori terapeutici, il tutto racchiuso in uno scenario incantevole e ancora selvaggio. E l’incantesimo continua… Lo spettacolo delle coste ischitane è maestoso, specie lungo il dorso meridionale, il cui versante sfoggia un paesinopresepe proteso sul mare, Sant’Angelo, antico borgo di pescatori, con le sue piccole case ancora aggrappate alla roccia, in un’autentica oasi di pace incontaminata. O ancora Forio, cittadina ricca di vasti arenili, stradine caratteristiche e antiche architetture mediterranee tra cui le Torri, di cui le più importanti ‘Il Torrione’, ‘La Torre Costantina’, ‘La Torre di C.so Umberto’, ‘Il Torone’, sorte tutte a difesa delle numerose invasioni turche, che spinsero gran parte della popolazione a rifugiarsi sull’isolotto del Castello Aragonese, sito nel comune di Ischia. Lì si sviluppò la città, mentre sulla restante parte dell’isola, detta ‘Isola Grande’, non vi erano che piccoli villaggi dove la popolazione viveva tra il pericolo delle invasioni straniere e la paura dei terremoti ed eruzioni allora molto frequenti. E fu così che si sviluppò un piccolo borgo, il Borgo di Celsa.

Sorgenti termali della Baia di Sorgeto Hot spings of Sorgeto bay

this phenomenon can be seen from the Spiaggia delle Fumarole (Fumarole Beach), near to Sant'Angelo. This excursion is ideal for who wants to make the so called sunbaths, covering with sand your body, except for head. Suitable for rheumatic diseases. Finally a characteristic aspect of Fumarole is cooking (eggs, chicken and potatoes)

Scogli di Punta Caruso Punta Caruso rocks

using the high sand temperatures. The Bay of Sorgeto, with volcanic rocks, boil and mineral springs, sauna and therapeutic vapors, all in a charming and wild scenery. And the charm to be continued… The show of the Island coasts is majestic, especially to the South side, boasting a countrycrib on the sea, Sant’Angelo, ancient fishermen suburb, with its houses dug


What to see

To move freely on the Green Island A pochi passi l’isola propone una vera e propria oasi di verde. Quattro pinete, Nancy Bozzi, pineta degli Artisti e delle Orchidee, degli Atleti e Mirtina, ricche di pini e querce secolari. Ed in ultimo, ai suoi visitatori Ischia offre panorami di rara bellezza grazie agli splendidi belvedere come quello di Serrara, del Giardino Esotico, di San Nicola e del Soccorso, tutti mozzafiato. Denominato Mese del Sole, giugno è il mese del relax e del benessere! Ogni spiaggia dell’isola possiede un fascino diverso, Cava dell’Isola, per esempio, è una spiaggia giovane e sportiva, con una zona per il beach volley, e Citara, un’immensa baia nel verde dove assistere al tramonto è uno spettacolo assoluto. San Francesco, spiaggia per spiriti romantici, incastonata nella pietra di Punta Caruso, un’immensa colata lavica consigliata agli animi più avventurosi, data la sua natura selvaggia che la contraddistingue come una delle zone più belle dell’isola. Ma se avete tanto viaggiato per cercare il sud, eccolo qui, ai Maronti, un paradiso di sole e di mare. Ed ancora San Montano, incantevole insenatura contraddistinta da sabbia fine e bassi fondali. Proseguendo verso est, tra le spiagge più panoramiche dell’isola, con vista sul Castello Aragonese, si colloca Cartaromana e più a nord la spiaggia degli Inglesi. Oltre a queste, moltissime altre, tutte da scoprire dato la loro unicità!

into the rock, in a real peaceful and unpolluted oasis. Forio, ancient small town rich in wide beaches, picturesque streets, and ancient and Mediterranean architecture. The towers raised to defend against pirate invasions. The most important towers are ‘Torrione’, ‘La Torre Costantina’, ‘La Torre di C.so Umberto’, ‘Il Torone’. During the pirates invasions, people found refuge on the islet of the Castello Aragonese, located in the municipality of Ischia. There, the town rises, while the rest of the island, called ‘Isola Grande’, was populated by

small villages and people felt the frequent invasion’ danger and the quakes and eruptions fear. So, a small suburb come up, the Borgo di Celsa. Just a short-walk, the island offers a real green oasis. Four pinewoods, Nancy Bozzi, pineta degli Artisti e delle Orchidee, degli Atleti e Mirtina, rich in pines and hundred-year old oaks. Finally, Ischia offers to own guests a breathtaking panorama thanks to the amazing viewpoints, like Serrara, Giardino Esotico, San Nicola and Soccorso!

Baia di San Montano San Montano bay


Giardini Eden.

Molto pi첫 di un Resort...

di Luigi Orlandi


R

elax, riservatezza e esclusività. Sono questi gli elementi primi che rendono oggi assolutamente unica una struttura come il Giardino Eden, autentico angolo di paradiso (di nome e di fatto) a due passi dal Castello Aragonese, in zona Cartaromana. Anni fa il complesso si segnalava in quanto attrezzato parco termale ove trovare ristoro dagli affanni della quotidianità e godere delle ben note proprietà purificanti dell’acqua. Ben quattro sono infatti le piscine d’acqua termale da cui trarre sollievo e benessere, circondate dalla rigogliosa vegetazione dei giardini e da un efficiente pool bar. Dal 1999 la nuova gestione, sulla scia dei rivolgimenti che hanno investito il comparto - turismo sull’Isola Verde, ha deciso di far cambiare decisamente pelle al Giardino Eden. Oggi è infatti un lido esclusivo e raffinato, con sole sette camere, di cui quattro con finestra e tre con terrazzino. Per i più piccoli è a disposizione una junior suite, deliziosa e confortevole, anch’essa dotata di terrazzino. Ecco perché alloggiare qui rappresenta quasi un “privilegio” per quei pochi che, battendo sul tempo gli altri, riescono ad assicurarsi il proprio posto anche per un breve soggiorno. Il Giardino ha un doppio volto: di giorno, stabilimento balneare casual ed informale, completamente attrezzato e corredato di un pontile - scoglio per prendere il sole “come sulla coperta di una nave”; di sera, incantevole ed elegante ristorante sul mare. Punta molto lo chef Ciro Calise sulla qualità e l’efficienza del servizio ristorazione, cresciuto davvero tanto negli ultimi anni. “La mia idea è quella di portare in tavola il mare – ci racconta sorridente – senza rinunciare alla creatività cui solo in cucina posso dare libero sfogo”. Piatto forte sono le cozze alla griglia, una tanto gustosa quanto semplice portata nata qui e vanamente imitata altrove: solo lo chef Ciro conosce infatti la vera ricetta che esalta e conserva intatti i sapori del mare generoso. “Durante il giorno il ristorante prepara di solito qualcosa di fresco da servire alla clientela – prosegue Ciro – ed il tutto si svolge in un clima di totale distensione e giovialità. Nulla deve poter turbare la quiete dei nostri ospiti, ed anche

69

Eden Garden. Much more than a resort... by Luigi Orlandi

R

elaxation, privacy and exclusivity. These are the primary elements that today make the Eden Garden a unique structure, a real paradise (in word and deed) just a short walk from the Castello Aragonese, in the area of Cartaromana. Many years ago, the complex was considered as equipped thermal park where you can find refreshment by the stress in everyday life and enjoy the well - known water purifying properties. In fact, there are four pools of thermal water from which to draw solace and comfort, surrounded by lush gardens and a pool bar. Since 1999, the new management, according the upheavals that have affected the tourism sector of the Green Island, has decided to change significantly the aspect of the Garden. Today is indeed a refined and exclusive

bathing establishment, with only seven rooms, four with window and three with balcony. For children there is a junior suite, lovely and comfortable, also with balcony. It is the reason why to stay here is almost a "privilege" for those who, beating to the draw, are able to get availability even for a short stay. The Garden has a double face: in the morning, bathing casual and informal establishment, completely furnished and equipped with a rocky - pier for sunbathing "like the deck of a ship", at night, charming and elegant restaurant overlooking the sea. The chef is focusing on quality and efficiency of the catering service, developed so much recently. "My idea is to bring to the table the sea - tell us smiling - without forgetting


70 quando si organizzano dei piccoli momenti di animazione collettiva, lo si fa nel pieno rispetto della tranquillità altrui.” Uno di questi momenti è l’arrivo dei pescatori ischitani dal mare, a bordo delle tipiche barchette che utilizzano quotidianamente per la piccola pesca. Dopo il loro approdo, vengono offerti agli ospiti del Giardino Eden (tanto ai visitatori occasionali quanto ai clienti più affezionati) dei frutti di mare freschissimi, liberati dai gusci proprio dinanzi ai loro occhi: un’esperienza caratteristica ed indimenticabile di contatto diretto e suggestivo con il mare e le sue meraviglie. Altrettanto caratteristico è il servizio barca “taxi - boat”, che per pochi euro conduce al resort i visitatori, letteralmente rapiti dalla bellezza del paesaggio di cui godono lungo questa breve escursione. Si salpa in via Pontano e, sembrerà strano o quanto meno curioso, il taxi - boat rappresenta il modo più facile – e più divertente, aggiungiamo noi! – per

creativity in the kitchen where I can give vent". Main dishes are grilled mussels, as simple as tasty. It was born here and imitated elsewhere: only chef Ciro knows the true recipe that preserves and enhances the flavors of the generous sea. "During the day the restaurant usually prepare something fresh to serve its customers – explains Ciro - and all takes place in an atmosphere of total relaxation and conviviality. Nothing must disturb the quiet of our guests, and also when we organize the collective moments of entertainment, we respect the peace of others". One of these moments

is the arrival of fishermen from the sea of Ischia, on board the boats they use every day for fishing. After their landing, guests of the Eden Garden are offered (both to the casual visitors to loyal customers) fresh seafood, freed by shells before their eyes: an unforgettable and suggestive experience in contact with sea and wonders. Equally typical is the service boat "taxi - boat", which leads to the resort for a few euros, visitors literally are overwhelmed by the beauty of the landscape they enjoy along this short hike. It sails on via Pontano and the taxi - boat is the


71 raggiungere questa meravigliosa struttura. Privacy e raffinatezza; sono questi gli ingredienti del successo del Giardino Eden, meta sempre più gradita ai numerosi vip che sbarcano durante la bella stagione sulle isole dell’arcipelago campano con i loro lussuosissimi yacht. Alcuni di essi sono ormai clienti affezionati del resort, ed in particolar modo del ristorante, che di sera offre uno spettacolo davvero unico. Il Castello Aragonese illuminato, che si staglia superbo nel buio, visto dalla terrazza sul mare sembra star lì proprio per chi – beatamente discorrendo con amici e parenti – consuma in completa riservatezza una cenetta favolosa al lume di candela. Provate soltanto ad immaginarlo... Che dire poi dell’ormai richiestissimo “tavolo 7”, praticamente un balconcino che galleggia sull’acqua, con una vista - mare mozzafiato. Per i più romantici, per le coppie in cerca di qualcosa di assolutamente speciale e fuori dal comune, vi è infine la possibilità

easiest way - and more fun to reach this wonderful property! Privacy and refinement, these are the ingredients of the success of the Eden Garden, a place increasingly pleasing thanks to the many celebrities who land on islands during the summer with their luxury yachts. Some of them are now regular customers of the resort, and particularly of the restaurant, offering a truly unique show. The Aragonese Castle, standing proud in the dark, rises up from the terrace on the sea and seems to just stand there for people - happily chatting with friends and family - in complete confidentiality consumes

a fabulous dinner by candlelight. Just try to imagine ... think about the sought - after "table 7", practically floating on a balcony with a breathtaking sea - view. For the more romantic couples looking for something very special and unusual, then there is the possibility (on request, of course) to dine in privacy on the rock, by candlelight, with a private waiter accompanied by melodious sound of the mandolin. Here at Eden it is a format, "dinner on the rock" in fact, indescribable moment of intimacy in a unique landscape setting: the 6 - courses according to chef's imagination at all. More and more it has


72 (su prenotazione, ovviamente) di cenare in intimità sullo scoglio, a lume di candela, con un cameriere interamente dedicato ed al suono melodioso del mandolino. Qui all’Eden se n’è fatto un format: “la cena sullo scoglio” appunto, momento di intimità indescrivibile in una cornice paesaggistica irripetibile: 6 le portate, tutte a fantasia dello chef. Sempre più luogo di rifugio dalla frenesia dei nostri impegni, il Giardino Eden si segnala infine per la cortesia e la disponibilità dell’intero staff, dalla prima accoglienza ai saluti di congedo: l’ideale per chi abbandona ogni tanto il frastuono della città alla ricerca del benessere perduto in momenti di assoluto relax.

Come arrivare in autobus o in automobile Il Parco Eden è situato nel comune di Ischia, in località Cartaromana. Un luogo facilmente raggiungibile sia in autobus che in automobile. La fermata dista pochi metri dal parco. La tratta è coperta dalle linee C12, C13. Per raggiungere questa meravigliosa struttura, caratteristico è il servizio barca “taxi - boat”, si salpa in via Pontano.

Info utili Indirizzo: Via Nuova Cartaromana, 68 80077 Ischia (Na) Tel. e Fax +39 081985015 - www.ilgiardinoeden.it Aperto da fine Aprile ad inizio Ottobre Ingresso - € 18,00 / € 20,00

become a place of refuge from the bustle of our commitments, the Eden Garden , lastly, distinguishes by the courtesy and availability of staff, from the welcome to

greetings: ideal for those who occasionally leaves the hubbub of the city in search of being lost in moments of absolute relaxation.

How to reach it by bus and car The Eden Park is situated in the town of Ischia, loc. Cartaromana. A place easily reachable by bus and car. The bus stop is just a short walk from the park. The route is served by bus lines C12 and C13. To reach this wonderful structure, taxi boat service from via Pontano is available.

Useful info Address: Via Nuova Cartaromana, 68 80077 Ischia (Na) Tel. e Fax +39 081985015 - www.ilgiardinoeden.it Open from late April to early October Entry - € 18,00 / € 20,00


Thermal parks

Charming gardens where enjoing the benefits of the fountain of Eternal Youth

Parchi termali

Dolci giardini incantati, dove godere degli effetti benefici delle fonti dell'eterna giovinezza

1. Parco Termale Romantica

2. Parco Termale Giardini Poseidon

Via Ruffano, 11 - Sant’Angelo tel.: 081 999216 www.romantica.net

Via Giovanni Mazzella, Citara - Forio tel.: 081 9087111 www.giardiniposeidonterme.com

Aperto: dal 21 Aprile al 1 Novembre 2011 Dalle 09.00 alle 19.00 Ingresso - € 10,00 Affascinanti aiuole di coloratissimi fiori, imponenti alberi tropicali, terrazzi panoramici e invitanti piscine. Il Parco Termale Romantica è situato in un paradiso naturale tra l’incantevole paesino di S. Angelo e la collina sovrastante. L'ingresso comprende l'utilizzo di: 5 piscine termali a varie temperature; 2 piscine termali a temperatura ambiente; 1 piscina d'acqua dolce; 1 vasca idromassaggio; 2 vasche giapponesi e 2 vasche Kneipp indoor per la terapia circolatoria; lettini ed ombrelloni sulle terrazze delle piscine; sauna; aquagym; fitness corner; parcheggio. Centro termale convenzionato S.S.N per fangobalneo terapia, inalazioni. Aerosol. Moderno centro benessere con pacchetti personalizzati. Bar “Spa Caffè”. Ristorante panoramico “Capricci d’Ischia”. Open from April 21th to November 1st 2011 From 9,00 to 19,00 Ticket - € 10,00 Wonderful and colourful flower beds, large tropical trees, panoramic terraces and inviting pools. The Parco Termale Romantica is situated in a natural idyllic spot between the charming village of Sant’ Angelo and the hill above. The entry includes the use of 5 thermal pools at different temperatures, 2 thermal pools at room temperature, one fresh water pool, one hydromassage pool, two Japanese pools and two Kneipp indoor pools for the blood circulation, sunbeds and beach umbrellas at the terraces and pools, sauna, gym in water, fitness, parking. S.S.N. agreed thermal establishment, mud therapy, inhalations, aerosol. Modern wellness center with optionally packages. Bar “Spa Caffè", panoramic restaurant “Capricci d’Ischia".

Aperto dal 16 Aprile al 31 Ottobre 2011 Dalle 09.00 alle 19.00 Ingresso - € 30,00 / € 33,00 Oggi, in quasi cinquant’anni, i Giardini Termali Poseidon sono diventati il caposaldo del Termalismo made in Ischia, il parco  è situato nella bellissima baia di Citara, ove sono state costruite, secondo i più moderni dettami della medicina e della tecnica, 22 piscine termali curative. Ogni Piscina ha una propria temperatura costante da 20° C a 40° C e, data l’abbondanza, l’acqua viene costantemente rinnovata, cosa effettivamente unica. Completano l’offerta una grande spiaggia privata attrezzata con sdraio, ombrelloni e lettini prendisole, sauna, massaggi subacquei, gruppi Kneipp, percorso circolatorio giapponese e ristoranti vari di cui uno ubicato in una bellissima grotta di tufo locale, boutique ecc. Open from April 16th to October 31st 2011 From 09,00 to 19,00 Ticket - € 30,00 / € 33,00 Nowadays, in almost 50 years, the Giardini Poseidon, have become the Thermal’s milestone in Ischia, the park is situated in the beautiful bay of Citara, where we find the 22 pools, built in accordance with the modern and medical standards. Every pool has its own constant temperature ranging from 20° and 40°, and being the water very abundant, the water is constantly replenished, so it’s always clear and limpid. At our guests disposal, we offer sun-beds and beach umbrellas, sauna, underwater massages, kneipp and Japanese treatments for the blood circulation and many restaurants whose one set on a beautiful cave of local tuff.


Parchi termali Dolci giardini incantati, dove godere degli effetti benefici delle fonti dell'eterna giovinezza

3. Parco Termale Negombo Baia di S. Montano – Lacco Ameno tel.: 081 986152 www.negombo.it

Aperto: dal 21 Aprile al 16 Ottobre 2011 Dalle 08:30 alle 19:00 Ingresso - € 30,00 / € 33,00 Una spiaggia finissima, quattordici piscine tra marine, termali e terapeutiche dove nuotare o rilassarsi accarezzati dagli idromassaggi. Un Reparto Termale con bagno turco, piscina coperta e i più moderni trattamenti estetici-curativi. Bar e ristoranti davanti al mare. Giardini panoramici dove, secondo le stagioni, ammirare fioriture copiosissime, odorare fragranze mediterranee, cogliere frutti di stagione. Uno shop per piacevoli acquisti. E soprattutto la possibilità per ogni cliente di appropriarsi di un angolo riservato dove sentirsi l’ospite privilegiato di un giardino delle meraviglie. Open from April 21st to October 16th 2011 From 09,00 to 19,00 Ticket - € 30,00 / € 33,00 A fine sand, fourteen marine, thermal and therapeutic pools where you can swim or relax yourself with the hydro-massages. A thermal zone with Turkish bath, indoor pool and the modern aesthetical-healthy treatments. Bars and restaurants in front of the sea. Panoramic gardens where, depending on the seasons, you can admire the numerous blossoms, Mediterranean smelling and pick seasonal fruits from the trees. A pleasant shopping and the possibility to choose a private area to feel really guest of a wonderful garden.

3

5 4

2

6 1

4. Parco Termale il Castiglione Via Castiglione, 62 tel.: 081 982551 www.termecastiglione.it

Aperto dal 23 Aprile al 24 Ottobre Dalle 09.00 alle 19.00 Ingresso - € 26,00 Situato in una verdeggiante conca naturale che degrada verso il mare e circondato da una vasta macchia di vegetazione mediterranea che crea una gradevole atmosfera di quiete e tranquillità. Il Parco Termale Castiglione dispone di 10 piscine di cui 8 termali con una gradazione dell’acqua, continuamente filtrata dai moderni impianti automatici, che va dai 30° - 40° C, oltre alla piscina olimpica (mt. 25 x mt. 14) alimentata da acqua di mare e di una spiaggia privata. Parco e piscine. Il Parco dispone anche di piscine Kneipp, sauna naturale, idromassaggi ed un reparto per cure termali dove è possibile praticare fangobalneoterapia, cure inalatorie e massoterapia con l’assistenza di terapisti qualificati e medici specialisti. Le cure termali sono convenzionate con il S.S.N. Open from April 23rd to October 24th 2011 From 9.00 to 19.00 Ticket - € 26,00 Situated in a natural green conch which declines toward the sea and is surrounded by a wide area of Mediterranean vegetation which creates a pleasant atmosphere of peace and tranquillity, the Castiglione has 10 pools, of which 8 are thermal, with water deriving from the nearby spring, and at a temperature of 30° and 40° C. The park has also Kneipp pools, a natural sauna, hydro-massages and an area for thermal treatments which allow for mud-bath therapy, respiratory treatments and massage therapy with the assistance of qualified therapists and specialized doctors, operating within the national health service.


Thermal parks Charming gardens where enjoing the benefits of the fountain of Eternal Youth

5. ‘O Vagnitiello Via Bagnitiello, 75 – Casamicciola Terme tel.: 081 996164 www.vagnitiello.it

Aperto: dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2011 Dalle 09.00 alle 19.00 Ingresso - € 12,00 / € 15,00

6. Fonte delle Ninfe Nitrodi Via Pendio Nitrodi – Barano www.fonteninfenitrodi.com

‘O Vagnitiello è un piccolo ed esclusivo angolo di paradiso, dove si respira aria di relax e benessere grazie alle benefiche ed antichissime acque e saune naturali che fanno da cornice alle 8 camere.

Aperto: dal 1 Maggio al 31 Ottobre 2011 Dalle 09.00 alle 19.00 Ingresso - € 10,00 / € 12,00 Alla Fonte di Nitrodi già i greci e i romani erano di casa. Le acque erano considerate sacre e, venivano usate sotto la protezione di Apollo e delle Ninfe Nitrodi. Come mostrano le numerose raffigurazoni votive trovate sul posto e ora conservate al museo nazionale di Napoli.

Il parco offre trattamenti speciali per i clienti che preferiscono trascorrere ore di completo relax in un’atmosfera del tutto naturale. Dotato inoltre, di sala ristorante, ideale per il vostro break all’ombra del caldo sole dell’isola verde.

L’acqua è classificata:minerale naturale ipotermale solfata. Proprietà terapeutiche riconosciute dal Ministero della Salute con decreto 3509 del 9 ottobre 2003.

Affacciato su una caratteristica insenatura, la vista unica sul mare renderà indimenticabile il vostro soggiorno. Open from May 1st to October 31st 2011 From 9,00 to 19,00 Ticket - € 12,00 / € 15,00

‘O Vagnitiello is a small and exclusive corner of paradise, where the relaxing air and wellness, with the healthy and ancient waters and natural hot springs, surround the 8 rooms.

Oggi si può godere della tranquillità del luogo, ci si può bagnare sotto le bocche di erogazione, perché così l’acqua dà il meglio di sé. E dopo essersi asciugati al sole sentire sulla pelle un magico benessere.

Open from May 1st to October 31st 2011 From 9,00 to 19,00 Ticket - € 10,00 / € 12,00 In the past this spring was known by Greeks and Romans. The waters were considered sacred and under the Apollo’s protection. As the numerous votive representations show, nowadays museum-peaces. Today you can enjoy the quiet and the tranquillity of the place, you can bath under the natural showers and after feel a magic sensation of wellness. The water is qualified as ipothermal natural mineral sulphate. Therapeutic property recognized by the Board of Health under the law 3509 October 2003.

The park offers special treatments to guests that prefer to spend relaxing hours in a complete natural atmosphere. Moreover, it has restaurant, ideal for your break in the shadow of the warm sun of the green island. Overlooking a picturesque inlet, the unique sea-view will make your holiday unforgettable.

Per la vostra pubblicità Info: 081.4972323 www.ischianews.com


Prodotti Tipici Prodotti tipici Arte, artigianato e sapori dell’Isola d’Ischia

Arte, artigianato e sapori dell’Isola d’Ischia

Ischia Thermae Via Monsignor Schioppa, 17 80075 - Forio d'Ischia (NA) tel.: 081 997745 - fax: 081 997644 www.ischiathermae.com Oggi l’unica e la più antica ditta ad utilizzare come materia prima nei prodotti cosmetici, i fanghi dell'Isola d'Ischia provenienti dalle fangaie di proprietà di famiglia, site sul monte Epomeo, al centro dell'Isola. Dal 1892 Ischia Thermae usa le speciali proprietà dei fanghi trattati con acqua termale al fine di preparare pregiatissime maschere per il viso e per il corpo. Da una piccola isola nel Mediterraneo, la Ischia Thermae si propone di dare la possibilità a tutti coloro che lo desiderano di trovare, presso la nostra sede di Ischia, i prodotti all'avanguardia basati sulla moderna cosmetologia unita sempre all’effetto prodigioso delle acque termali dell'isola.

Nowadays the only and the most ancient Firm to use the precious natural mud of the island of Ischia, deriving directly from the thermal springs set on the Monte Epomeo, in the central part of the island. Since 1892 Ischia Thermae uses the special properties of clay together with thermal waters in the

masks. From a small island preparation of highly-valued face and body of the Mediterranean Sea, Ischia Thermae offers everyone the possibility to find our special products with the continuous news in the vanguard combining the modern cosmetology and the healthy thermal waters of the island.

Naturischia C.so Vittoria Colonna, 246 80077 - Ischia (NA) tel.: 081 982112 e-mail: info@naturischia.it www.naturischia.it Naturischia nasce nel 1985, anno in cui l’obiettivo di trasformare i pregiati agrumi in deliziosi liquori diventa una splendida realtà. Inizia da lì l’avventura dei fratelli Pierpaolo, Luciano e Gianni Di Meglio. Cavalli di battaglia della produzione Naturischia sono sicuramente “Rucolì”, intrigante amaro al sapore di rucola, e “Limonì”, immancabile limoncello verace, best - seller in questi anni per i tanti consensi maturati. Ad essi s’affiancano le numerose creme a base di frutta ed il gustoso “Bacio d’Ischia”, delicato mix di limone, granella di nocciola e cioccolato. Sull’onda del successo, la produzione Naturischia investe oggi anche il mondo dei dolciumi, per i quali si registra un importante flusso di spedizioni in tutta Europa.

NaturIschia was born in 1985 when the intention of turning the precious citrus fruits of the island into delicious liqueurs, becomes a beautiful reality. The brothers Pierpaolo, Luciano and Gianni Di Meglio set their own enterprise going. Strong point in the NaturIschia production is the ‘Rucolì’, intriguer bitter which leaves a rocket taste in mouth. Not to be missed ‘Limonì’,

best seller during these years thanks to many appreciations, and many fruit based creams (apple, strawberry, nut and much more). Singular refined liqueur is the so-called ‘Bacio d’Ischia’, a mix of lemon, pieces of nougats and chocolate. Nowadays the NaturIschia production invests successfully in candy with export sales also in Europe.


Local products Art, craft and flavours of the island of Ischia

Dolci Capricci Via Provinciale Lacco, 20 80076 - Lacco Ameno (NA) tel.: 081 3330116

Chiudete gli occhi e lasciate che sia il gusto a guidare i vostri sensi, già dal primo gesto vi accorgerete che c’è qualcosa di diverso, sarà la leggerezza a sorprendervi, contemporaneamente, l’olfatto sarà inebriato da un aroma intenso ed equilibrato. Ma è nel palato che ci sarà un’esplosione di sapori, la fragranza della sfoglia, la dolcezza del babba’, la freschezza della crema pasticciera, le fragoline innamorate della panna fresca, mmhh … che bontà! Claudio e Silvana, vi aspettano per allietarvi con l’antica tradizione pasticciera Napoletana.

Close your eyes and let your senses free to guide you. At firts sight there is something special, maybe the soft flavours combined with intense aromas. There will be an explosion of tastes in mouth, with the fragrance of pastry,

the sweetness of babà, the freshness of custard cream, strawberries in love with fresh cream…it is simply delicious! Claudio and Silvana wait for you to cheer with the ancient Neapolitan confectionary tradition.

Ischia Salumi Via Angelo Migliaccio, 46 80070 - Barano d’Ischia (NA) (a 150 mt. dalla Sorgente Nitrodi) tel.: 081 906011 - www.ischiasalumi.it

Chi ha detto che la tradizione gastronomica dell’Isola d’Ischia è fatta solo di ottimo pesce fresco, frutti di mare, crostacei e vino d.o.c.? Ischia Salumi, è una piccola azienda a conduzione familiare, i suoi prodotti, genuini, sono rispettosi della più antica tradizione contadina ischitana. Tutto passa per le mani di Giuseppe Di Costanzo e figli, che rappresentano la terza e la quarta generazione di una famiglia da sempre dedita a questa attività un po’ insolita per un “posto di mare”. Quale garanzia migliore sulla Vostra tavola?

Who said the gastronomic tradition of the Island is made of only excellent fresh fish, seafood, crustacean and AOC wine? Ischia Salumi is a small family business, its products, genuine, respect the most ancient rural island tradition.

All is controlled by us, and we take part in the third and fourth generation of a family that all along conducts this activity, even if unusual for a ‘sea place’. What better security on your tables?


Azienda Agricola

Farmhouse

The most typical and characteristic dishes of the culinary tradition of Ischia

I piatti più tipici e caratteristici della tradizione gastronomica ischitana

Giardino Mediterraneo

Via Nuova dei Conti, 43 80077 – Ischia (NA) tel.: 081 3334376 per prenotazioni: 3351319722 / 3669921531 e-mail: info@ilgiardinomediterraneo.it www.ilgiardinomediterraneo.it

rede della tradizione vinicola targata E Corrado d’Ambra, l’azienda agricola Giardino Mediterraneo rappresenta oggi

un vero e proprio punto di riferimento per la produzione del buon vino sull’Isola Verde. Autentiche specialità sono infatti il "Biancolella" ed il "Per’ ‘e Palummo", ricavati dalle uve di cinque contadini dell'isola retribuiti a pianta e non più a chilo. Ancora oggi la vinificazione avviene in un cellaio del 1805 dove restano inalterati i "segni" e le tracce dell'antico sistema di lavorazione. Oltre alla vendita diretta dei vini è possibile gustare i piatti più tipici e caratteristici della tradizione gastronomica ischitana. Citiamo così la squisita carne di coniglio e le fresche verdure di stagione, perfette da assaporare (a pranzo o a cena) sulla panoramicissima ed esclusiva terrazza di cui è dotata la struttura. Ad essa si accede percorrendo un tratto in salita di circa 100mt su di una monorotaia, un vero spasso per chi visita l’azienda per la prima volta. In alternativa un percorso di 164 scalini che attraversa tutto il vigneto. È opportuno però ricordare al turista che qui non è il vino a fare da spalla alla cucina, ma l’esatto contrario. Le pietanze servono principalmente ad accompagnare e favorire la degustazione del pregiato nettare, indiscusso protagonista qui dove intatto si conserva il ricordo della vita frugale degli avi. Qui dove il vino è di casa, è questione di culto. di Luigi Orlandi

H

eir to the tradition of wine by Corrado d’Ambra, the farm Mediterranean Garden is now a real point of reference for the production of good wine on the Green Island. Authentic dishes are in fact the "Biancolella", "Per’ 'e Palummo", derived from grapes of five farmers, paid for plant and not a kilo. Even today, the wine is made in a cellar, unchanged over the time, where remain the "signs" and traces of the processing system. In addition to direct sales of wines, you can taste the most typical and characteristic dishes of the culinary tradition of Ischia. We quote the so delicious rabbit meat and fresh

seasonal vegetables, perfect to enjoy (lunch or dinner) the panoramic terrace of the structure. It is accessible along an uphill stretch of about 100m by a monorail, a real delight for visitors that visit the farm for the first time. Alternatively, there is a path of 164 steps across the whole vineyard. It should be remembered that the real specialty is the cuisine and not the wine. The dishes are mainly used to accompany and encourage the tasting of the precious nectar, the undisputed star here, where it keeps intact the memory of the ancestors. Here, where the wine is at home, it is a matter of worship.


To eat well

Unique and genuine ingredients created by able chef respecting the ancient tradition of the island

Mangiar bene

Ingredienti unici e genuini elaborati da abili chef nel rispetto dell’antica tradizione isolana

Forio

Ischia

Scampi al limone

Scampi with lemon

picco sulla baia di Citara, luogo per eccellenza A in cui è possibile guardare il sole tuffarsi nell’acqua al tramonto, l'Oasis conquista per la

location e l’ospitalità. Dalla pizza, ad una cena tra amici e persino nelle occasioni più speciali, il menù offre un’ampia scelta di piatti, che rispettano la gastronomia di casa nostra. In ogni arte la semplicità è essenziale” recitava Schopenhauer. Immagino che si riferisse anche alla gastronomia, visto che questo è il motto dello chef Piero, conosciuto in cucina, tra una padellata e l’altra, impegnato com’è a organizzare, decorare, impiattare. Questa mattina, proverò un primo estivo, gli Scampi al limone. Scampi al limone. Disposti l’uno di fronte all’altro, gli scampi sembrano quasi in posa per lo scatto. A solleticare il mio appetito è un’emulsione molto leggera e profumata di limoni, rigorosamente d’Ischia, come tiene a sottolineare lo chef. Uno degli ingredienti chiave della ricetta, con l’olio extravergine, preferibilmente toscano, e il pesce. La pasta al dente termina la sua cottura in padella. Limoni grattugiati e prezzemolo spiccano ancora di più sul piatto nero di portata. La forma squadrata mi cattura e incornicia ancora meglio il mio pranzo. Ormai è tardi, ma la prossima volta non mancherò di assaggiare anche il primo “Finocchi e vongole”, che ho notato sbirciando nel menù. Vino: Biancolella

di Alessia Impagliazzo

Ristorante Pizzeria Oasis à la carte - € 36,00 / € 55,00 Baia di Citara 80075 - Forio tel.: 081 907227 www.ristoranteoasis.it

verlooking the O Citara Bay, place par excellence where you can

admire the sun and have bath at sunset, the Oasis charms for its hospitality and best position. From pizza to a dinner with friends, the menu offers a wide selection of dishes that follow our local gastronomy. In any art, simplicity is essential" explained Schopenhauer. I think he referred to food, and this is the motto of chef Piero, known in the kitchen, between a pan and the other, busy trying to organize and decorate dishes. This morning, I will try a summer first course, scampi with lemon.

Scampi with lemon. Arranged opposite each other, the scampi seem to pose for the shot. My appetite is very light. Fragrant emulsion of lemon of Ischia, like affirms the chef, is one of the key ingredients of the recipe, with extra virgin olive oil, preferably Tuscan, and fish. The pasta finishes cooking in its pan. Grated lemon and parsley on the black plate stand out even more. The square-shaped frames and catch even better my lunch.It's too late, but next time I will be the first to taste "Fennel and clams," I noticed peeking at the menu. Wine: Biancolella


Mangiar bene Ingredienti unici e genuini elaborati da abili chef nel rispetto dell’antica tradizione isolana

Timballo "alla Chiarito"

The ‘Chiarito’ Timbale

del promontorio che affaccia da t the headland Inuncorrispondenza lato sulla Baia di Sorgeto, dall’altro su quella di A overlooking the bay S. Angelo, a soli 800mt dal centro di Panza troviamo il ristorante ”Punta Chiarito”. Aperto da aprile ad ottobre sia a pranzo che a cena (in quest’ultimo caso solo su prenotazione), il locale si consiglia per un primo ed indimenticabile incontro con i sapori caratteristici della tradizione enogastronomica isolana, vera protagonista con i suoi piatti semplici e gustosissimi, ingredienti rigorosamente freschi ed autoprodotti. Eccezionali le specialità di mare, come il risotto alla pescatora. Timballo “alla Chiarito”. Un cuore di spaghetti al pomodoro con mozzarella è racchiuso all’interno delle saporite melanzane che conchiudono il timballo. Davvero originale a vedersi, una volta assaggiato non delude le aspettative. È una vera esplosione di gusto il timballo “alla Chiarito”, grazie soprattutto all’alta qualità degli ingredienti, a partire dai pomodori e dalle melanzane, rigorosamente coltivate in via diretta dal contadino dell’azienda, Nicola Impagliazzo. Vino: Rosso “Ruffano” di produzione propria di Luigi Orlandi

Ristorante Punta Chiarito à la carte - € 30,00 / € 60,00 Via Sorgeto, 51 80075 - Forio tel.: 081 908102 www.puntachiarito.it

of Sorgeto and S. Angelo, just 800m from the center of Panza, the restaurant "Punta Chiarito" rises. Open from April to October for lunch and dinner (by reservation only at dinner), the restaurant is recommended for an unforgettable encounter with the characteristic flavors of the island's gastronomic tradition, with its real star dishes that are simple and delicious with fresh ingredients and strictly self-produced. Exceptional are seafood specialties such as risotto

with fish and seafood sauce. The ‘Chiarito’ Timbale. A composition of spaghetti with tomatoes and mozzarella is enclosed within the savory eggplant to form the timbale. Truly original to see, once tasted, it doesn’t disappoint. It is a real explosion of taste the ‘Chiarito’ Timbale, thanks to the high quality of ingredients, from tomatoes and eggplants, carefully cultivated directly from the farmer, Nicola Impagliazzo. Wine: Red "Ruffano" own production


To eat well Unique and genuine ingredients created by able chef respecting the ancient tradition of the island

El Chico

M

olti tedeschi la chiamano amichevolmente “Signora Salat”, perché le sue insalate sono davvero gustose. La signora Anna è l’anima del ristorante La Rondinella, nella splendida Baia di San Francesco, che gestisce con i figli Maria, Gianluca e il genero Pietro da quando il marito Michele non c’è più. Dopo aver preso la tintarella, indossando pareo e copricostume, in pomeriggio per un gelato, oppure durante le ultime luci del tramonto, qui sarete sempre i benvenuti. El Chico. Finalmente ho assaggiato il piatto dell’estate che tanto mi consigliava la signora Anna. Adesso non posso che darle ragione. Hanno un gusto fresco e leggero questi vermicelli, conditi con cozze e scorzette di limone, a cui da un tono di sapidità la caciotta a scaglie, aggiunta alla fine per evitare che si sciolga. La mia porzione è abbondante, ma non mi sento affatto appesantita. Lo chef, Sandy, ha mangiato una portata simile a Santo Domingo, nel suo paese, per questo ha deciso di battezzato con un nome un po’ latino. Ma attenzione, perché c’è una variante rispetto all’originale, anzi, forse più d’una. Oltre al formaggio un ingrediente segreto che lo chef non svela, per costringermi amorevolmente a ritornare. Intorno a me qualcuno sbircia incuriosito, colpito dalla preparazione del piatto. Per lo scatto Sandy ha aggiunto un limone intagliato, semplice da realizzare, ma di sicuro effetto. Ecco quando i dettagli fanno la differenza. Vino: Frassitelli di Alessia Impagliazzo

Ristorante La Rondinella à la carte - € 15,00 / € 40,00 Via T. Cigliano, 106 (San Francesco) 80075 - Forio tel.: 081 987788

El Chico any Germans call it friendly ‘Ms Salat’, because her salads are really tasty. Ms Anna is the soul and the essence of La Rondinella restaurant, in the splendid bay of San Francesco. She runs the structure with her sons Maria, Gianluca and son-in-law Pietro, since her husband’s death. After getting a tan, they wear beachrobe and bathing-costume and in the afternoon go out for an ice-cream or during the last sunlight you’re always welcome here. El Chico. I have finally tasted the dish of the summer on Mrs. Anna’s suggestion. I couldn't but admit she was right. These noodles are fresh and light, served with mussels and lemon peel and a tone of flakes of caciotta, added

M

to the end to keep it from melting. My portion is plentiful, but I do not feel overburdened. The chef, Sandy, ate a similar dish in Santo Domingo, in his own country, so he decided to baptized with a Latin name. But be careful, because there is a variant of the original, perhaps more than one. In addition to the cheese there is an unknown secret ingredient that the chef does not reveal. Someone peeks intrigued around me, impressed by the preparation of the dish. Sandy added a carved lemon, simple to implement, but certainly effective. That's when details make the difference. Wine: Frassitelli


Mangiar bene Ingredienti unici e genuini elaborati da abili chef nel rispetto dell’antica tradizione isolana

Antipasto di Mare

N

on esiste un signor Cocò, ma un Salvatore Di Meglio che faceva, il pescatore. Da un po’ ha smesso, ma è importante che continui a conoscere i pescatori. Capelli a spazzola, faccia grintosa da lottatore bulgaro, ha inaugurato il ristorante nel ‘63, in uno degli scorci più belli dell’isola, proprio ai piedi del Castello Aragonese. Il locale è composto da una sala a vetrate su tre lati ed una terrazza, con vista sul mare e sul Castello Aragonese. Facciamo le cose che fanno, un po’ tutti sull’isola. Spaghetti con le vongole, con le cozze, pesce all’acquapazza, frittura di paranza, e questa è proprio buona. Antipasto di mare. È il mare a decidere come comporre un perfetto e leggero antipasto. Lo sa bene lo chef Antonio, che al polipo grigliato e marinato in salsa di limone abbina tonno alle erbette (rigorosamente di produzione propria), salmone marinato con sale, zucchero ed agrumi, e delle semplici alici “olio e limone”. Il piatto viene servito a tavola con delle verdurine fresche, come zucchine e carote, ed una salsa all’arancia. Sfizioso infine il gamberetto marinato all’aceto di lamponi che, poggiato su una piccola bruschetta di pomodoro, suggella il piatto. Vino: Bianco “Frassitelli” dell’Epomeo di Luigi Orlandi

Ristorante da Cocò à la carte - € 36,00 / € 55,00 Piazzale Aragonese 80077 – Ischia tel.: 081 981823 www.ristorantecocoischia.com

Sea's Antipasto uitable for celebrations, weddings, events and every type of occasion, Cocò Mare represents the historical bathing place with the homonym restaurant at the Castello Aragonese feet. The beach service (with direct access to the sea) and the typical boat which you can arrive in Ischia Ponte with, are the elements of this amazing but simple structure. The location is one of the most suggestive of the entire island, overlooking the splendid sea where the Castello reflects. Open six months during the year, Cocò Mare is the best choice to spend evenings by candlelight or relaxing days to the

S

seaside. Sea’s Antipasto. It is the sea to decide how to compose a perfect and light hors d'oeuvres. Chef Antonio knows that octopus, grilled and marinated in lemon sauce, combines with tuna and herbs (home production), salmon marinated with salt, sugar and citrus, anchovies and easy "oil and lemon." The dish is brought to the table with fresh vegetables such as zucchini and carrots, and an orange sauce. Finally, delicious shrimp marinated in raspberry vinegar, which, resting on a small tomato bruschetta, seals the plate. Wine: White "Frassitelli" of Epomeo


To eat well Unique and genuine ingredients created by able chef respecting the ancient tradition of the island

Coniglio alla cacciatora

S

e desiderate spingervi fino alla vetta più alta di Ischia, parliamo del Monte Epomeo, godendo di un panorama incredibile mentre gustate specialità di terra, allora dovete sostare a Il Bracconiere. Carmela, Franca, Michele e Leonardo vi daranno il benvenuto in un ambiente rustico, ma accogliente. Troverete in bella mostra strumenti di ogni sorta, come bilance per pesare la polvere da sparo e ciò che serviva a sigillare le cartucce, attrezzi rubati alla campagna e alle cantine, collezionati nel corso degli anni. Nel 1974 papà Leonardo e suo figlio Salvatore decisero di cominciare quest’avventura aprendo le porte de Il Bracconiere ai cacciatori che frequentavano quella zona, da allora il ristorante si è evoluto restando però fedele alla filosofia di sempre. Coniglio alla Cacciatora. Chi desidera conoscere i sapori veraci e tradizionali dell’isola verde, non può non ordinare il Coniglio alla cacciatora. Se in passato era destinato ai giorni di festa, perché non tutti potevano permettersi di allevarlo, oggi è diventato il protagonista indiscusso dei pranzi domenicali di molte famiglie ischitane. Ognuno custodisce la sua ricetta, ognuno ha il suo ingrediente segreto, che tramanda di generazione in generazione. Servito nel tegame di coccio e insaporito, oltre che da un’intera testa d’aglio vestita, dalla cipolla, potrete accompagnarlo alle patatine fritte della casa e all’insalata. Scoprirete sapori completamente nuovi. Chi non vuole rinunciare al primo, potrà chiedere di condire la pasta con il suo sugo. Un piatto più completo di così...

Vino: Biancolella o Frassitelli. di Alessia Impagliazzo

Ristorante Bracconiere à la carte - € 25,00 / € 40,00 Via Falanga 80070 - Serrara Fontana tel.: 081 999436 fax: 081 999436

Rabbit stewed in a tomato, wine and herb sauce want to go up to Iareftheyoutalking summit of Ischia, we about Monte

Sunday dinners for many families of Ischia. Everyone enshrines the recipe, everyone has their own secret ingredient, which passes on from generation to generation.Served in a pan and flavored, as well as an entire head of garlic and onion, you can accompany it with French fries and home salad. You will discover entirely new flavors. Who does not want to give up the first course, can ask to dress the pasta with rabbit sauce. You won't find a more complete dish…

Epomeo, to enjoy an extraordinary panorama while you taste specialties made of land products, so you must stop at Bracconiere. Carmela, Franca, Michele and Leonardo welcome you in a rural atmosphere, but hospitable. You’ll find all you want, like balance to weigh gunpowder and the necessary to seal shells, stolen tools from country and cellars, collected during the years. In 1974 daddy Leonardo and his son Salavatore decided to share Wine: Biancolella or this adventure opening up Frassitelli. the Bracconiere doors for the local hunters, so since then the restaurant has changed but maintained the same philosophy. Rabbit stewed in a tomato, wine and herb sauce. Whoever wants to know the true and traditional flavors of the green island, cannot forget the rabbit stewed in a tomato, wine and herb sauce.If in the past it was prepared only during holidays because not everyone could be able to afford to raise it, nowadays it has become the undisputed star of the


Ristoranti Ingredienti unici e genuini elaborati da abili chef nel rispetto dell’antica tradizione isolana

1. Bar Ristorante Il Fortino Via Fortino, 37 - Forio tel.: 081 5078003 - www.ristoranteilfortino.it

à la carte - € 20,00 / € 60,00 Nel punto più bello e suggestivo nella zona nord ovest della splendida isola d’Ischia. Con terrazza sul mare dalla quale lo sguardo si apre, a destra, sulla baia di San Francesco e, a sinistra, sulla storica e particolare cittadina di Forio col suo porto, il Torrione, la chiesa del Soccorso, i suoi spettacolari tramonti rossi e il misterioso raggio verde. Dalla terrazza ci si può specchiare nel mare cristallino o, di sera, osservare il fondo illuminato delle acque e riposarsi nella fresca brezza marina. Una visita al FORTINO, è d’obbligo per completare la vacanza ad Ischia. In the most beautiful and suggestive spot of the northwestern area of the splendid island of Ischia. It has a patio by the sea from which you can see to the right the bay of San Francesco and to the left the historic and characteristic town of Forio with its port, the Torrione, the church Il Soccorso, and its spectacular red sunsets and mysterious green flash. From the terrace you can admire the crystal sea or, in the evening observe the illuminated background of the waters and relax with the pleasant sea breeze. Come to visit us…you’ll be welcome.

2. Ristorante Zi Carmela Via Mons. Filippo Schioppa, 27 - Forio tel.: 081 998423 - www.zicarmela.com

à la carte - € 25,00 / € 55,00 Qui troverai sempre un menù tradizionale, prodotti freschi, professionalità e una calorosa ospitalità. La filosofia del ristorante è: “Il gusto della tradizione”, dalla ricerca del pesce più fresco, all’uso sapiente di pomodorini, zucchine ed erbe aromatiche della campagna della mamma dello chef, signora Filomena. Chef Nicola, è un uomo che cucina per passione e per gli amici, e per fortuna anche per i clienti  del ristorante. La cucina si basa sulle ricette di nonna Carmela, a cui dal 1954 si ispirano le pietanze del ristorante  Zì Carmela, di delizie e di autentici capolavori dell’arte culinaria, tutti preparati con le materie prime che soltanto Ischia può offrire. Here you will found traditional menu, fresh products, professionalism and hospitality. The restaurant’s philosophy is: “the taste for the tradition”, from the research of fresh fish, to the sage use of tomatoes, courgettes and aromatic herbs came from the farmland of the chef’s mother, Mrs Filomena. Chef Nicola is a man who cooks with passion for his friends, and luckily for customers. The cuisine is based on grandmother Carmela’ recipes, to which the restaurant’s dishes refer since 1954, delights and real masterpieces of culinary art, all prepared with special materials which only Ischia can offer.


Restaurants Unique and genuine ingredients created by able chef respecting the ancient tradition of the island

3. Ristorante Il Delfino Corso A. Rizzoli, 116 – Lacco Ameno tel.: 081 900252 - www.ildelfino.eu

à la carte - € 30,00 / € 60,00 Uno dei locali storici di Lacco Ameno, fondato nel 1920, da Giuseppe Ballirano, il cosidetto Don Peppino. Oggi il ristorante viene gestito dal figlio Mimì ma è già pronta la terza generazione ad inserirsi e a far continuare l’attività ristorativa creata da Don Peppino. Il ristorante è a carattere familiare e da sempre vengono usati prodotti freschi e genuini, dal pesce fresco di giornata alle verdure che offre l’isola. La nostra cucina usa come base olio extra vergine di oliva delle migliori marche e i famosi pomodorini freschi detti ‘ceraselle’.

The restaurant is one of the historic locals in Lacco Ameno, founded in 1920, by Giuseppe Ballirano, called Don Peppino. Nowadays the restaurant is managed by his son Mimì, the third generation that continues this gastronomic activity. The restaurant offers genuine and fresh products, from the fresh fish to the vegetables of the island. Our cuisine uses the better extra virgin olive oil and the famous little tomatoes, called ‘ceraselle’.

4. Ristorante Pizzeria Da Luca Panza Centro - Forio tel.: 081 907846 - www.tuttopizzadaluca.it

à la carte - € 10,00 / € 30,00 Se avete voglia di mangiare pizza a volontà, pagando sempre lo stesso prezzo, allora dovete assolutamente andare a mangiare al Ristorante Pizzeria Da Luca, uno dei luoghi di culto, per la pizza, presenti sull’ Isola d’Ischia. Due ampie sale, una dedicata completamente ai giovani, il “TUTTO PIZZA SHOW”, con buona musica, e tutta la pizza che vuoi pagando sempre 10,00 euro. Ad una condizione però! La regola vale solo se riuscirete a mangiarla per intero, senza lasciare neppure una briciola! If you want to eat pizza endless, paying always the same price, then, you must absolutely go to ‘Ristorante Pizzeria da Luca’, a cult of pizza place, present on the island of Ischia. Two wide halls, one dedicated completely to youth, the “TUTTO PIZZA SHOW”, with nice music and all pizza you want paying only and always 10,00 euro. But on one condition: you must eat the entire pizza, don't leave a crumb!


Ristoranti Ingredienti unici e genuini elaborati da abili chef nel rispetto dell’antica tradizione isolana

5. Ristorante il Capannaccio Via Baiola, 128 – Forio tel.: 081 987571 - www.ristoranteilcapannaccio.it

à la carte - € 10,00 / € 40,00 Nell'antica Via Baiola, a metà tra le località Fango e Monterone, si trova il Ristorante Il Capannaccio. Nato nel 1973 da un'idea dello stesso proprietario il "Capitano" Francesco, questo locale offre una sosta gastronomica e allo stesso tempo culturale in quanto ospita moltissimi attrezzi rurali legati alla tradizione contadina Foriana. La cucina propone un'ottima pizza, piatti legati alla tradizione isolana con qualche leggera rivisitazione ed una vasta scelta di carni cotte sulla brace di legna.

6. Ristorante La Casereccia Via Baiola, 193 - Forio tel.: 081 887756 - www.lacasereccia.com

à la carte - € 20,00 / € 50,00 Coccolati dall’aria ischitana vi lascerete tentare dalle specialità che “Mamma - Tina” preparerà ogni giorno per voi, con la possibilità di menù personalizzati per ogni vostra esigenza. Il Ristorante offre il meglio della cucina tipica “Ischitana”, ed in particolare quella tipica “Foriana”. I prodotti scelti con cura quotidianamente si uniscono a quelli prodotti direttamente come vino, olio, pane, frutta, verdure e quant’altro la natura benevola di quest’isola riesce a donarci.

In the ancient Via Baiola, halfway between Fango and Monterone, the restaurant Il Capanaccio is set.

The air of the island will able to captivate you by the Mamma Tina’s specialities and you’ll have the possibility to choose different menu.

Born in 1973 by its owner captain Francesco, this local offers a gastronomic halt and at the same time a cultural moment thanks to the show of many rural tools of the peasant Forian tradition. The cuisine offers a very good pizza, dishes of the local tradition of Ischia and a vast range of meats cooked in oven or grilled meat.

The restaurant offers the best of the island cuisine and especially the Forio’s one. The products, well chosen, go well with the local wines, oils, bread, fruit, vegetables and all the nature gives to our island.


Restaurants Unique and genuine ingredients created by able chef respecting the ancient tradition of the island

7. Ristorante Visconti Via Edgardo Cortese, 18 - Ischia tel.: 081 991110 - www.ristorantevisconti.it

à la carte - € 36,00 / € 60,00 Il ristorante Visconti offre un ambiente intimo, elegante ed accogliente nel centro cittadino di Ischia. Un locale unico, dove la qualità sposa la raffinatezza, guidato dalle giovani mani dello Chef Crescenzo Scotti, abile a coniugare la tradizione con le moderne tecniche di cottura. Il gioco di luci soffuse renderà le serate particolari e speciali, per qualsiasi evento della tua vita. The Ristorante Visconti offers a private setting, elegant and welcoming in the city centre of Ischia. An unique restaurant, where quality combines with sophistication, conducted by Chef Crescenzo Scotti’ hands, able to join tradition with modern cooking techniques. The play of soft lightings will make evenings particularly special for every type of event of your life.

8. Ristorante Bellavista Via Montecorvo, 75 – Forio tel.: 081 997221 - www.bellavistaischia.it

à la carte - € 15,00 / € 35,00 Una bella terrazza sulle colline sovrastanti la baia di Citara, dove rilassarsi a guardare il bel panorama ed i fantastici tramonti, sotto un pergolato di glicine e vite e la simpatia di Francesco. Molto accogliente anche la sala interna, ricca di sculture ed attrezzi della tradizione contadina isolana. La cucina riprende tradizioni e antichi sapori, arricchita solo negli ultimi decenni dalla ricerca minuziosa di prodotti biologici e locali. Ottima la produzione di vino bianco e rosso dalla vigna Bellavista. Buoni gli antipasti a base di verdure di stagione e la pasta fresca fatta in casa. A beautiful terrace on the hills above the bay of Citara, where you can relax yourself and enjoy the fabulous sunsets, under the wisteria and the liking of Francesco. Very welcoming the inside, rich in sculptures and tools of the peasant tradition. The cuisine includes local and ancient dishes, only recently enriched with the modern organic products. Very good white and red wine-production by Bellavista vineyards. Good seasonal vegetables antipasti and fresh home made pasta.


Sposarsi ad Ischia Rendi il tuo giorno speciale indimenticabile

Il matrimonio al Paradiso Hotel Paradiso Terme & Resort Via Giuseppe, 10 - Forio d’Ischia tel.: 081 907014 - fax: 081 907913 www.hotelparadisoterme.it info@hotelparadisoterme.it

Paradiso Terme & Resort S.p.A, a Forio d’Ischia, è la struttura ideale per una sposa amante della cura del particolare, senza dimenticare la semplicità di una giornata, il matrimonio, che non ha bisogno di altri ingredienti che: la presenza dei propri cari; una cucina tipica e genuina, che valorizzi i sapori ischitani; la possibilità di scegliere tra una romantica sala interna, coi tavoli predisposti a mezzaluna, e la piscina esterna, per circa 220 invitati; l’accontentare grandi e piccini, mediante l’animazione, inclusa nel pacchetto offerto. Il tovagliato, dai colori tenui, lascia spazio alla fantasia di quanti desiderano sbizzarrirsi nella personalizzazione di menù e segnaposto, ma lo staff è lì per far divenire realtà ogni desiderio,

"Your Wedding in Paradise"

P

entertainment, included in the package.

aradiso Terme & Resort S.p.A, in Forio d'Ischia is the ideal structure for a wife who prefers the attention to details, not to mention the simplicity of a day, the marriage, which needs no other ingredients: the presence of loved ones, a typical and genuine cuisine, which enhances the flavors of Ischia, the choice of a romantic dining room, with tables arranged in a crescent-shaped, and the outdoor swimming pool for about 220 guests to accommodate children and adults, through the

The tablecloths, in soft colors, lets your imagination run wild from the choice of menu to the placeholder, but the staff is there to make every wish come true, offering advice when you need. The structure allows the cutting of the wedding cake at a panoramic terrace, where you can share the last moments of the day with friends and relatives, before ‘diving’ into the fabulous suites, with sea views, offered by the married couple.

offrendo consulenza quando richiesta. Lacco Ameno

La struttura permette il taglio della torta nuziale su una panoramica terrazza, dove condividere gli ultimi momenti della giornata con amici e parenti,

Tritone Casamicciola Terme

Forio

prima di immergersi nella favola della suite, con

Serrara Fontana

vista mare, offerta agli sposi. di Lidia Ianuario

Ischia

Barano

Paradiso Romantica


Wedding in Ischia Make your special day unforgettable

"Come hai sempre sognato" Incastonato nella suggestiva baia di San Francesco, tra l'immobile linea dell'orizzonte ed il verde abbraccio del Monte Epomeo, l'Hotel Terme Tritone gode di un panorama davvero incantevole. Con la sua ampia sala ristorante affacciata sul mare è capace di ospitare fino a 200 persone, la terrazza e l'elegante bar dal panorama superlativo,la professionalità e l'entusiasmo del suo staff, offre la cornice unica ed ideale per rendere indimenticabile il vostro giorno più bello.

"A dream come true" Placed in the suggestive bay of San Franesco, between the line of the horizon and the green mountain Epomeo, the Hotel Terme Tritone enjoys a real charming panorama. It has a wide restaurant room overlooking the sea, can house 200 guests, the terrace and the elegant bar with a breathtaking view and a qualified staff. At your beautiful day our aim is to ensure your wedding is truly unforgettable.

HOTEL TERME TRITONE RESORT & SPA Via Cesotta, 24 - 80075 - Forio (NA) tel.: 081 987471 | fax: 081 987664 www.hoteltritoneischia.it

Il giorno più romantico della Tua vita. Sentirsi sollevata tre metri sopra il cielo, come il titolo del famoso romanzo di Federico Moccia, è lo stato d’animo di ogni donna innamorata, ma poter guardare negli occhi la nostra dolce metà, attorniati dalla vegetazione rigogliosa e dai tavolini di amici e parenti del Ristorante Eden è un sogno che si può vivere solo al Park Hotel Terme & Romantica, meravigliosa struttura ricettiva ideata appositamente per coloro che fanno dell’amore, uno dei valori fondamentali della propria vita. Sorto nel 1963, l’albergo, di anno in anno migliorato e perfezionato, va incontro alle esigenze di ogni coppia, potendo scegliere tra un ventaglio di soluzioni diverse: il Ristorante Belvedere, nel caso il tempo non sia clemente, con ben 260 coperti; il Parco Termale, adatto a matrimoni con 500 invitati; la Suite Blu, per chi ama riservatezza ed intimità. Personalizzazione, esclusività e buona cucina: queste le tre caratteristiche del Park Hotel Terme e Romantica!

"Your very romantic special day" Feeling raised three feet above the sky is the state of mind of every woman in love. But you can look your better in the eyes, surrounded by lush vegetation and tables with friends and relatives at Eden Restaurant. You have the sensation to be suspended in midair, it is a dream that you can only live at the Park Hotel & Terme Romantica, wonderful accommodation designed for those who make love something holy in matrimony, one of the fundamental values of life. Founded in 1963, the hotel, year after year improved and perfected, it should meet the needs of each couple, being able to choose among a range of different solutions: the Belvedere Restaurant, in case the weather is bad, with some 260 seats; the Thermal Park, suitable for weddings with 500 guests, the Blue Suite, for those who like privacy and intimacy. Personalization, exclusivity and good food: these are the three characteristics of the Park Hotel Terme Romantica!

Romantica Wedding & Banqueting Via Ruffano, 11 – Serrara Fontana tel.: 081 999216 | fax: 081 999070 www.romantica.net – info@romantica.net Facebook: Romantica Wedding & Banqueting


Autobus ad Ischia EAVBUS

Socio Unico Ente Autonomo Volturno Srl

LINEA 7 ISCHIA PORTO - ISCHIA PONTE - ISCHIA PORTO Partenze da Ischia porto dalle 06.30 alle 00.15 ogni 30/15 min. LINEA 7P ISCHIA PORTO - INCROCIO VIA SEMINARIO - VIA PONTANO - ISCHIA PORTO Partenze da Ischia porto dalle 09.10 alle 22.20 ogni 30 min.

LINEA CS - Circolare Sinistra: ISCHIA PORTO - CASAMICCIOLA - LACCO AMENO - FORIO - C.GRADO - SERRARA-FONTANA - BARANO - VARIANTE ESTERNA - ISCHIA PORTO Partenze da Ischia porto dalle 04.20 alle 03.30 ogni 30/15 min. LINEA CD - Circolare Destra: ISCHIA PORTO - VARIANTE ESTERNA - BARANO - FONTANA - SERRARA - CAVA GRADO - FORIO - LACCO AMENO - CASAMICCIOLA - ISCHIA PORTO Partenze da Ischia porto dalle 04.20 alle 03.30 ogni 30/15 min. LINEA 1 ISCHIA PORTO - CASAMICCIOLA - LACCO AMENO - FORIO - C.GRADO (S.ANGELO) Partenze da Ischia porto dalle 05.10 alle 04.45 ogni 30/15 min. LINEA 1 CAVA GRADO (S.ANGELO) - FORIO - LACCO AMENO - CASAMICCIOLA - ISCHIA PORTO Partenze da S.Angelo dalle 06.00 alle 05.45 ogni 30/15 min. LINEA 2 ISCHIA PORTO - CASAMICCIOLA - LACCO AMENO - FORIO - CITARA (Giardini Poseidon) Partenze da Ischia porto dalle 08.10 alle 20.10 ogni 30/15 min. LINEA 2 CITARA (Giardini Poseidon)- FORIO - LACCO - CASAMICCIOLA - ISCHIA PORTO Partenze da Citara dalle 08.52 alle 20.52 ogni 30/15 min.

LINEA 8 ISCHIA PORTO - VIA DELLE TERME P.EROI - PALAZZETTO - S.MICHELE - S.ANTUONO - CAMPAGNANO e viceversa Partenze da Ischia porto dalle 07.00 alle 18.00 ogni 60 min. LINEA 15 PORTO - PALAZZETTO - ISCHA PONTE - VIA PONTANO - PALAZZETTO - SANT’ANTUONO PILASTRI - PORTO - VIA QUERCIA - PORTO Partenze da Ischia Porto dalle 05.50 alle 22.40 ogni 60/80 min. LINEA C12 PORTO - P.EROI - CARTAROMANA S.MICHELE - CAMPAGNANO - S.ANTUONO - PILASTRI - PORTO Partenze da Ischia Porto dalle 07.10 alle 01.00 ogni 50/60 min. LINEA C13 PORTO - VIA DELLE TERME - PILASTRI - S.ANTUONO - CAMPAGNANO - S.MICHELE CARTAROMANA - P.EROI - PORTO Partenze da Ischia Porto dalle 05.45 alle 00.10 ogni 50/60 min. LINEA 21 CITARA - CIMITERO - MONTERONE FANGO - MONTERONE - FORIO PORTO - CITARA Partenze da Citara dalle 07.40 alle 23.30 ogni 50 min. LINEA 22 CITARA - FORIO PORTO - MONTERONE - FANGO - MONTERONE - FORIO PORTO - CITARA Partenze da Citara dalle 08.00 alle 23.50 ogni 50 min. LINEA 23 CITARA - PANZA - CITARA SOCCORSO - FORIO PORTO - CITARA Partenze da Citara dalle 08.55 alle 15.10 ogni 30/60 min. LINEA 24 CITARA - CIMITERO - SOCCORSO - FORIO PORTO - S.FRANCESCO - FORIO PORTO CITARA - PANZA - CITARA Partenze da Citara dalle 09.10 alle 20.10 ogni 50 min.


LINEA 3 ISCHIA PORTO - P.ZZA MARINA - P.ZZA BAGNI - LA RITA - P.ZZA MAIO - FANGO e viceversa Partenze da Ischia porto dalle 05.25 alle 00.35 ogni 60/70 min.

LINEA 9 CITARA (Giardini Poseidon) - PANZA - SERRARA - FONTANA Si effettua dal 16 giugno al 5 settembre. Partenze da Citara dalle 09.50 alle 19.00 ogni 60 min.

LINEA 4 P.ZZA MARINA - P.ZZA BAGNI - LA RITA - PIAZZA MAIO - VIA PRINCIPESSA MARGHERITA - PIAZZA MARINA Partenze da Piazza Marina dalle 06.45 alle 01.15 ogni 35 min.

LINEA 10 FIAIANO - PIEDIMONTE - TESTACCIO - MARONTI e viceversa Si effettua dal 16 giugno al 5 settembre. Partenze da Fiaiano dalle 08.15 alle 19.55 ogni 30/55 min.

LINEA 5 ISCHIA PORTO - PILASTRI - PIEDIMONTE - TESTACCIO - MARONTI e viceversa Partenze da Ischia porto dalle 05.45 alle 01.00 ogni 30/10 min.

LINEA 11 SERRARA - FONTANA - BUONOPANE - BARANO - TESTACCIO - MARONTI E e viceversa Si effettua dal 16 giugno al 5 settembre. Partenze da Serrara dalle 08.30 alle 18.45 ogni 15/70 min.

LINEA 6 ISCHIA PORTO - PILASTRI - PIEDIMONTE - FIAIANO e viceversa Partenze da Ischia porto dalle 05.50 alle 00.15 ogni 30/10 min.

TITOLO DI VIAGGIO - UNICO

LINEA 14 P.MARINA - PIAZZA BAGNI - LA RITA - PIAZZA MAIO - FANGO - FORIO - CITARA - FORIO - FANGO - PIAZZA MAIO - PIAZZA MARINA Partenze da P.zza Marina dalle 06.55 alle 20.45 ogni 20/80 min. LINEA 16 P.ZZA MARINA - P.ZZA S.PASQUALE - CRETAIO - PIAZZA BAGNI - VIA PRINCIPESSA MARGHERITA - PIAZZA MARINA - LACCO AMENO - 167 - FANGO - 167 - LACCO AMENO - PIAZZA MARINA Partenze da P.zza Marina dalle 07.20 alle 00.40 ogni 30/70 min.

Tourist Card Ticket valid 90 minutes Ticket valid 24 hours Ticket valid 2 days Ticket valid 3 days Ticket valid 7 days One-way ticket (buy on board)

€ 1,40 € 4,50 € 7,00 € 9,00 € 18,00 € 1,80

Tariffe per residenti e pendolari Biglietto valido 60 minuti Biglietto Giornaliero Biglietto intera rete valido 14 giorni (*) Abbonamento mensile intera rete

€ 1,10 € 3,20 € 19,20 € 33,00

Tariffe per non residenti ed altri Biglietto 90 minuti Biglietto Giornagliero Biglietto valido 2 giorni Biglietto valido 3 giorni Biglietto valido 7 giorni * Abbonamento mensile intera rete **

€ 1,40 € 4,50 € 7,00 € 9,00 € 18,00 € 42,60

Biglietto - Corsa semplice (acquisto su bus)

€ 1,80

* con documento di riconoscimento ** con tessera rilasciata dalla SEPSA

Orari in vigore dal 01/08/2011


Numeri Utili 

Useful numbers

Lacco Ameno · Cantone. Corso Angelo Rizzoli, 77

tel. 0815071489 / 0815071577

· San Leonardo. Via prov. Panza, 1

TAXI

Ischia Porto · Via De Luca Alfredo tel. 081992493 · Piazza degli Eroi tel. 081992550 · Via Mirabella tel. 081991067 · Piazzetta San Girolamo tel. 081993720

Forio

tel. 081989355

· Monterone. Via G. Castellaccio, 53

tel. 081900224

Forio · Migliaccio. Corso Regine Francesco, 61

· Via C. Colombo tel. 081997367 · Piazza Medaglia d’ Oro tel. 081997085 · C.so Umberto I tel. 081997482 · Piazza G. Mattera tel. 081997450 · Via San Leonardo Panza tel. 081907251

Lacco Ameno

tel. 081907064

Serrara Fontana · Della Fonte. Piazza pp. Iacono, 8

tel. 081999320

· Sant’ Angelo - Via Chiaia delle Rose, 10

tel. 081999973

Barano · Garofano. Piazza San Rocco, 15

tel. 081990012

· Isola Verde. Via Di Meglio, 8

tel. 081906516 cell. 3476535608

AZIENDA SANITARIA LOCALE

· Piazza Girardi tel. 081995183 · Piazza Pontile tel. 081994310

local health authority

Serrara Fontana

Ischia

· Piazzetta Sant’ Angelo tel. 081999899

· A.S.L. Via De Luca Antonio, 20 tel. 800284270

Casamicciola · Arrivo Porto Turistico tel. 081900369 · Piazza Marina tel. 081994800 · Piazza Bagni tel. 081900881

GUARDIA MEDICA

· Assistenza Integrata di Psichiatria.

emergency medical service

Via Fondo Bosso, 20 - tel. 081985156

· Centro di Salute Mentale.

Via Mazzella Michele, 11 - tel. 0815070711

Casamicciola · A.S.L. Via De Gasperi, 23

Barano – Ischia – Serrara

· tel. 081983292

Lacco Ameno

Casamicciola – Forio – Lacco Ameno

Centrallino - tel. 081980292

· Laboratorio Analisi Primario.

· tel. 081998655 / 081998855

Via Fundera, 2 - tel. 081980439

Guardia Medica Assistenza Anziani Emergency medical service for the elderly

Forio · Medicina Legale.

· Via prov. Panza, 68 tel. 0813332013

Guardia Medica Turistica Emergency medical service for tourist

Barano d’ Ischia · Dist. 57 Ass. Psichiatrica.

· Via prov. Panza, 68 tel. 081998989

FARMACIE

Via prov. Panza, 68 - tel. 081997730

Via Corrado Buono, 39 - tel. 081906392

Via Corrado Buono, 1 - tel. 081905781

· Ufficio Sanitario.

pharmacies

Ischia Porto · Sant’ Anna. Via M. Mazzella tel. 081991624 / 081985089

AMBULATORI VETERINARI ambulatory veterinarians Ischia Porto · Dott. Mario Mariani.

· Internazionale. Corso Vittoria Colonna, 179 tel. 0813331275 / 0813334147

· Dr.ssa Tiziana Costabile. Via Acquedotto, 83

Forio · Dott. Lucia Cigliano.

tel. 081902634

Casamicciola · De Luise. Piazza Marina, 1 - tel. 081994060

Via Quercia - tel. 081982529

S.S. 270 Forio Lacco, 11 - tel. 081988249

· Dott. Alessandro Impagliazzo.


93

Via Statale, 278 - tel. 081909057

Barano · Dott. Pasquale Sbrogna.

Via Starza, 22 - tel. 081905193

ALTRI NUMERI UTILI Isola d’ Ischia · Soccorso Stradale (A.C.I) - tel. 081984038 · Eliporto tel. 08150772545 · EAV Bus. Via M. Mazzella - tel. 081991808 Ischia · Comune di Ischia Centralino.

Via Isolino, 1 - tel. 0813333111

USEFUL NUMBERS Isola d’Ischia · Roadside assistance (A.C.I) - tel. 081984038 · Heliport - tel. 08150772545 · EAV Bus. Via Michele Mazzella - tel. 081991808

Ischia · Main switchboard of the municipality Via Isolino, 1 - tel. 0813333111 · U.R.P. (P.R. office) Via De Luca, 153 - tel. 081983335 · Civil defence Via De Luca, 50 - tel. 081982397

· U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico).

· Carabinieri - Emergency service tel. 112 Via Casciaro 22 tel. 081991065 / 081981062

· Protezione Civile.

· State police - Emergency service tel. 113 Via delle Terme, 80 tel. 0815074711

· Carabinieri. - Pronto Intervento tel. 112

· Customs Office Lieutenancy Via L. Mazzella - tel. 081991109

· Polizia di Stato - Soccorso Pubblico - tel. 113

· Port Authority. Sea district office - tel. 0815072811

Via De Luca, 153 - tel. 081983335 Via De Luca, 50 - tel. 081982397

Via Casciaro, 22 tel. 081991065 / 081981062 Via delle Terme, 80 tel. 0815074711 / 0817941111

· Guardia di Finanza Comando di Tenenza.

Via L. Mazzella - tel. 081991109

· Capitaneria di Porto

Ufficio Circondariale Marittimo. Via Isolino, 10 - tel. 0815072811

Casamicciola · Municipio - tel. 0815072511 · Carabinieri - tel. 081994480 · Approdo Turistico

Cala degli Aragonesi - tel. 081980686 Marina di Casamicciola - tel. 0815072545 3338887975

Lacco Ameno · Comune - tel. 0813330811 · Comando Vigili Urbani - tel. 081900185 · Ospedale Anna M. Rizzoli.- tel. 08150779111 Forio · Municipio - num. verde 800258151 · Comando Vigili Urbani - tel. 081997542 · Giardini La Mortella - tel. 081986220 Serrara Fontana · Municipio. Via Roma - tel. 081999626 · Comando Vigili Urbani - tel. 081999136 Barano · Municipio - tel. 081906711 · Polizia Municipale - tel. 081905764 · Stazione Carabinieri - tel. 081906463

Casamicciola · Main switchboard of the municipality Vicolo Paradisiello, 1 - tel. 0815 072511 · Carabinieri Via Pozzillo, 1 - tel. 081994480 · Marina di Casamicciola - tel. 0815072545 3338887975

Lacco Ameno · Main switchboard of the municipality Piazza Santa Restituta - tel. 0813330811 · Traffic police headquarters - tel. 081900185 · Hospital "Anna Maria Rizzoli" - tel. 08150779111

Forio · Main switchboard of the municipality Piazza Municipio - green line 800258151 · Traffic police headquarters - tel. 081997542 · Giardini La Mortella tel. 081986220

Serrara Fontana · Main switchboard of the municipality Via Roma - tel. 081999626 · Traffic police headquarters - tel. 081999136

Barano · Main switchboard of the municipality Via Corrado Buono, 1 - tel. 081906711 · Municipal Police - tel. 081905764


Tabella

94 Dalla terraferma verso l'Isola d'Ischia Partenza 04:10 05:50 06:25 06:40 07:10 07:30 07:35 07:50 08:00 08:20 08:25 08:40 08:55 09:00 09:10 09:30 09:35 09:35 09:35 09:40 09:55 09:55 10:00 10:05 10:30 10:30 10:30 10:35 10:40 11:00 11:45 11:45 12:05 12:10 12:30 12:30 12:50 13:10 13:10 13:30 13:45 13:50 13:55 14:25 14:30 14:30 14:30 15:00 15:10 15:30 15:35 15:40 15:45 16:15 16:20 16:30 16:45 16:50 16:55 16:55 17:00 17:30 17:35 17:55 18:15 18:15 18:30 18:35 18:45 18:55 19:00 19:20 19:20 19:30 19:35 20:10 20:25 20:25 20:30 20:30 21:30 21:55 23:00

Arrivo 05:20 06:50 08:00 07:40 07:50 08:00 08:25 08:35 09:00 09:20 09:35 10:00 10:30 09:20 09:50 10:15 10:25 10:35 10:55 10:50 10:50 11:00 10:30 11:25 11:05 11:10 11:40 10:50 12:15 11:40 12:15 12:55 13:05 13:10 13:10 13:30 13:40 13:30 14:00 14:40 14:00 14:50 15:15 15:05 15:20 15:40 16:05 16:10 16:00 16:20 16:05 17:10 16:00 16:45 17:20 17:30 17:05 18:10 17:45 18:05 17:20 19:00 18:35 18:55 18:45 19:00 19:40 19:05 19:40 19:55 20:15 19:40 20:50 19:50 20:35 21:30 20:55 21:05 21:30 21:30 22:50 23:25 23:20

Imbarco POZ POZ NPM POZ NAM PRO NAB NAB NAB NAB POZ NPM NPM PRO NAM SOR NAB POZ NAB NAB NAB POZ PRO NPM PRO NAB NAB PRO NPM NAM PRO POZ NAB NAB NAM NAB NAB PRO NAB POZ PRO POZ NPM PRO NAB NAB NPM POZ NAB NAB PRO NPM PRO NAM NAB POZ PRO NPM NAB NAB PRO NPM NAB NAB NAM NAB POZ PRO NAB POZ NPM PRO NPM PRO NAB NAB NAM PRO NAB POZ NPM NPM PRO

Scalo PRO PRO

PRO

PRO

ISC ISC PRO PRO

ISC PRO

NAM PRO

PRO

PRO

ISC PRO PRO

PRO

PRO

ISC PRO NAM

PRO PRO

PRO

NAM

PRO PRO PRO

Destinazione ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC FOR CAS CAS ISC ISC CAS ISC ISC ISC ISC FOR FOR ISC CAS ISC ISC CAS ISC FOR ISC ISC ISC ISC CAS FOR ISC ISC CAS ISC CAS ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC FOR ISC CAS ISC ISC ISC ISC ISC ISC CAS ISC ISC ISC ISC FOR CAS ISC FOR ISC ISC ISC CAS ISC CAS ISC ISC CAS ISC ISC FOR ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC

Compagnia Medmar Medmar Caremar Medmar Alilauro Caremar Alilauro Caremar Alilauro Snav Medmar Medmar Caremar Snav Alilauro Alilauro Alilauro Medmar Alilauro Alilauro Caremar Caremar Caremar Medmar Caremar Alilauro Alilauro Caremar Caremar Alilauro Caremar Medmar Alilauro Alilauro Alilauro Snav Alilauro Snav Caremar Medmar Caremar Caremar Medmar Caremar Alilauro Alilauro Caremar Medmar Caremar Alilauro Caremar Caremar Caremar Alilauro Snav Medmar Caremar Medmar Alilauro Alilauro Snav Caremar Alilauro Alilauro Alilauro Caremar Medmar Caremar Snav Caremar Medmar Snav Caremar Caremar Alilauro Alilauro Alilauro Caremar Caremar Medmar Medmar Caremar Caremar

Mezzo TR TR TR TR AL TR AL AL AL AL TR TR TR AL AL AL AL TR AL AL AL TR TR TR TR AL AL AL TR AL TR TR AL AL AL AL AL AL AL TR AL TR TR TR AL AL TR TR AL AL TR TR AL AL AL TR TV TR AL AL AL TR AL AL AL AL TR TR AL TR TR AL TR TV AL AL AL TR AL TR TR TR TV

Nota FER FER

marittimi

FER FER EST FER

MG VL

GD

EST

EST

GD EST GD

EST

VSD

EST GD

Legenda imbarcazioni Sigla Mezzo AL Aliscafo TR Traghetto TV Traghetto Veloce Legenda note SiglaN ota GD Da Giovedì a Domenica LV Da Lunedì a Venerdì MG Da Martedì a Giovedì VL Da Venerdì a Lunedì EST Dal 15/06 Al 15/09 POND al 21/06 al 07/09 SNAD al 25/07 al 31/08 M/ND al 26/06 al 06/09 SNVD al 26/06 al 31/08 DSFD iretto Sabato e Festivi CAS Domenica da-per Casamicciola EL Escluso lunedì ESA Escluso Sabato ESF Escluso Sabato e festivi FERF eriale FRNF eriale con Servizio Navetta FESF estivo FNVF estivo con Servizio Navetta FMGF ino al 14/06 PAS Pasquale REG Regionale resR esiduale Festivo SD Sabato e Festivi SN Servizio Navetta MGF Solo il Mar. Gio. Sab. Dom. LMS Solo Lun. Mer. Sab. LUN Solo Lunedì MGV Solo Mart. - Giov. - Ven. SAB Solo Sabato VEN Solo Venerdì VSD Venerdì, Sabato e Festivi

Ultimo aggiornamento: Last update:

28-0-2011


Orari Legenda porti Sigla Porto ANZ Anzio NPM Calata Porta Massa CAP Capri CAS Casamicciola FIU Fiumicino FOR Forio FOM Formia ISC Ischia NAB Napoli Beverello NAM Napoli Mergellina PON Ponza POZ Pozzuoli PRO Procida SAL Salerno SOR Sorrento VEN Ventotene Legenda biglietterie Alilauro Ischia Ischia 0814972242 info@alilauro.it Alilauro Forio Forio 0814972255 info@alilauro.it Alilauro Beverello Napoli Beverello 0815513236 0814972252 info@alilauro.it Alilauro Mergellina Napoli Mergellina 0814972249 0817614909 info@alilauro.it Medmar Beverello Ischia 0813334411 info@medmarnavi.it Snav Casamicciola Casamicciola 3487013471 info@snav.it Snav Beverello Napoli Beverello 0814285555 0814285259 info@snav.it Caremar Traghetti Ischia 081984818 081991953 travholi@tin.it Caremar Beverello Napoli Beverello 0815513882 0815522011 travholi@tin.it Caremar prenotazioni Napoli Beverello 892 123 0810171998 Caremar Pozzuoli Pozzuoli 0815262711 0815261335 punzo.a@virgilio.it

95 Dall'Isola d'Ischia verso la terraferma Partenza 02:30 04:30 06:30 06:35 06:40 06:45 06:45 06:50 07:00 07:10 07:10 07:45 08:00 08:10 08:25 08:30 08:30 08:35 08:45 08:50 09:00 09:20 09:40 09:40 10:00 10:10 10:30 10:40 10:40 11:00 11:10 11:20 11:20 11:45 12:00 12:00 12:30 12:30 13:00 13:15 13:30 13:45 13:45 13:50 14:00 14:00 14:15 14:15 14:30 15:00 15:05 15:20 15:20 15:30 15:50 16:15 16:15 16:30 16:40 17:00 17:00 17:00 17:15 17:15 17:20 17:35 17:35 17:40 17:40 18:30 18:50 19:00 19:00 19:00 19:20 19:30 19:30 20:10

Arrivo 03:40 05:30 07:40 07:25 08:00 07:15 08:15 07:35 08:00 07:25 08:15 09:05 08:40 09:10 09:25 09:00 09:25 09:25 10:10 09:35 10:10 10:00 09:55 10:35 10:40 11:20 11:50 11:00 11:30 12:00 12:20 12:00 12:15 12:10 12:15 13:00 13:05 14:00 14:10 14:05 14:40 14:00 14:35 15:10 14:30 15:05 14:30 15:15 15:50 15:40 16:15 15:50 16:50 16:40 16:40 16:30 17:15 17:30 17:20 17:40 18:10 18:20 17:45 18:50 18:05 18:00 18:35 17:55 18:35 19:30 20:10 19:40 20:05 20:10 20:20 20:00 21:00 21:35

Imbarco ISC ISC CAS ISC ISC ISC ISC ISC FOR CAS CAS ISC ISC ISC FOR ISC ISC ISC ISC ISC FOR ISC CAS CAS ISC CAS ISC ISC ISC FOR ISC ISC ISC ISC ISC ISC CAS CAS FOR ISC CAS CAS CAS ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC FOR ISC ISC ISC FOR ISC ISC CAS ISC ISC ISC ISC ISC ISC CAS CAS FOR ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC ISC

Scalo PRO

PRO

PRO

PRO

ISC

PRO

PRO

PRO PRO ISC

PRO

NAM PRO

PRO ISC

PRO

PRO

PRO PRO

NAM PRO PRO

Destinazione POZ POZ POZ NAB NPM PRO NPM NAB NAB PRO NAB NPM NAM POZ NAB PRO POZ NAB NPM NAB NAB NAB PRO NAB NAM POZ NPM NAM NAB NAB POZ PRO POZ NAB PRO NAB PRO NPM NAB NAB POZ PRO NAB NPM NAM NAB PRO NAB NPM NAM POZ PRO NPM NAB NAB PRO NAB NAB NAB NAM POZ NPM PRO NPM SOR PRO POZ PRO NAB NAB NPM NAM POZ NAB NAB PRO NPM NPM

Compagnia Medmar Medmar Medmar Alilauro Medmar Caremar Caremar Caremar Alilauro Snav Snav Medmar Alilauro Medmar Alilauro Caremar Caremar Alilauro Caremar Caremar Alilauro Alilauro Snav Snav Alilauro Medmar Medmar Alilauro Alilauro Alilauro Medmar Caremar Caremar Alilauro Caremar Caremar Caremar Caremar Alilauro Alilauro Medmar Snav Snav Caremar Alilauro Alilauro Caremar Caremar Medmar Alilauro Medmar Caremar Caremar Alilauro Alilauro Caremar Caremar Alilauro Alilauro Alilauro Medmar Medmar Caremar Caremar Alilauro Caremar Caremar Snav Snav Alilauro Medmar Alilauro Medmar Alilauro Caremar Caremar Caremar Caremar

Mezzo TR TR TR AL TR TR TR AL AL AL AL TR AL TR AL TR TR AL TR AL AL AL AL AL AL TR TR AL AL AL TR TR TR AL AL AL TR TR AL AL TR AL AL TR AL AL AL AL TR AL TR TR TR AL AL AL AL AL AL AL TR TR TR TR AL TR TR AL AL AL TR AL TR AL AL TR TR TR

Nota FER FER

FER

GD FER VL

EST

EST EST

EST

GD EST

EST EST

EST EST

VSD GD

EST


_ Un nuovo itinerario Campania>Artecard per scoprire i tesori dell’isola. Cultura, natura, benessere, trasporti e servizi turistici: tutta Ischia in una card. _ A brand new Campania>Artecard itinerary to help you explore the treasures of the island of Ischia. Culture, nature, wellness, transportation and tourist services: all of Ischia with one card. Info www.campaniartecard.it 800 600 601 +39 06 39967650

Tutta Ischia in una card! All of Ischia with one card!

in collaborazione con


Ischia News ed Eventi - Agosto emozioni ischitane