Issuu on Google+

“L’Europa è per le Donne”

“L’Europa è per le Donne”

Le proposte delle donne per una nuova economia della crescita, dello sviluppo e del benessere sociale per rafforzare le relazioni

Le proposte delle donne per una nuova economia della crescita, dello sviluppo e del benessere sociale per rafforzare le relazioni

Unione europea – America latina

Unione europea – America latina

Mercoledì 28 marzo 2012 9.00 – 13.00 Parlamento Europeo – Ufficio d’Informazione in Italia Via IV Novembre,149 - 00187 Roma

PROGRAMMA

Venerdì 30 marzo 2012 15.00 – 19.00 Parlamento Europeo – Ufficio di Milano Corso Magenta, 59 - 20123 Milano

PROGRAMMA

9.30 Apertura del Seminario Clara Albani, Parlamento Europeo, Lucio Battistotti, Commissione Europea, Gustavo Arrighi, CoSegretario EuroLat, Parlamento del MERCOSUR, Mirella Ferlazzo, Ministero dello Sviluppo Economico; Isabel Recavarren, Foro Euro-Latinoamericano delle Donne.

15.00 Apertura del Seminario Bruno Marasà, Parlamento Europeo; Matteo Fornara, Commissione Europea; Gloria Oqueli, CoPresidente de la Asamblea Parlamentaria EuroLat, Honduras, Gustavo Arrighi, CoSegretario EuroLat, Parlamento del MERCOSUR; Isabel Recavarren, Foro Euro-Latinoamericano delle Donne.

10.00 Gloria Oqueli, CoPresidente dell’Assemblea Parlamentare EuroLat, Honduras

15.30 Emma Bonino, Vice Presidente del Senato Italiano

Coordina: Graziella Rivitti, Ministero Sviluppo Economico 10.30 Il ruolo delle reti e il sistema associativo nello sviluppo delle società Anna Maria Simonazzi, Università de Roma Christin Pfeiffer, INSME, Italia Giulia Lojacono, Presidente Onoraria Delegazione AIDDA Lazio Veronica Navarra, ONILFA, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Italia Mercedes González, Membro della Delegazione EuroLat, Parlamentare del MERCOSUR, Paraguay.

Coordina: Silvia Sacchi, RCS, 16.00 La sicurezza alimentare e la gestione delle risorse naturali Francesca Zajczyk, Delegata del Sindaco di Milano alle Pari Opportunità. Comune di Milano Gloria Oqueli, CoPresidente dell’Assemblea Parlamentare EuroLat, Honduras

Coordina: Ornella Orlandoni, Ministero Affari Esteri 11.45 Nuovi modelli di sviluppo industriale internazionale per l'Italia, l'Europa e l’America Latina Francesca Tartaglia, Innovazione e sviluppo KTP Innova, Italia Mario Baccini, Parlamentare, Presidente Comitato Nazionale per il Microcredito, Italia Fabio Biancalani, Senatore, Vicepresidente Delegazione Argentina presso il Parlamento del MERCOSUR, .Parlamentare del MERCOSUR Magda Bianco, Banca d’Italia José Angel Oropeza, Direttore Regionale OIM, Italia Claudio Padua, Dirigente dell’Ufficio Promozione nelle Americhe, in Africa nei Paesi ACP e nel Medio Oriente del Ministero dello Sviluppo Economico, Direzione generale per le politiche dell’internazionalizzazione e la Promozione degli scambi. La Sessione Conclusiva e la Premiazione all’Imprenditrice con la Medaglia “Palabra de Mujer” avverrà presso la Sala Parlamentino del Ministero dello Sviluppo Economico, Via Molise, 2 dalle 15.30

16.30 La green economy e le energie rinnovabili Gabriella Chiellino, E-Ambiente, Italia Alessandra Borghetti, Rhotermica S.R.L. Lara Comi, Parlamentare Europea, Italia Coordina: Maria Antonietta Banchero, Regione Lombardia 17.15 Le PMI e l’Innovazione sociale: motori dello sviluppo e della coesione sociale Barbara Santoro, Shenker Paola Profeta, Università Bocconi Monica Pesce, PWA e RFBW Bisila Bokoko, Business Development and Corporate Social Responsability Strategist. Spagna 18.15 Migrazione e Inclusione Sociale Veronica Riniolo, Fondazione ISMU, Italia Mercedes González, Membro della Delegazione EuroLat, Parlamentare del MERCOSUR, Paraguay. Don Giancarlo Quadri, Diocesi di Milano Premiazione all’Imprenditrice con la Medaglia “Palabra de Mujer”.

Comitato Scientifico Gustavo Arrighi, Parlamento del Mercosur – Maria Antonietta Banchero, Regione Lombardia - Simonetta Cavalieri, Fondazione Bellisario – Maria Concetta Giorgi – Internazionalizzazione degli Scambi, Ministero dello Sviluppo Economico - Ricardo Lagos – Rappresentante Parlamento Centroamericano nell’UE - Ornella Orlandoni, Ministero agli Affari Esteri, Italia – Graziella Rivitti, Dipartimento per le Comunicazioni, Ministero dello Sviluppo Economico Coordina: Isabel Recavarren, Foro Euro-Latinoamericano delle Donne www.eurolat-mujeres.org foro@eurolat-mujeres.org http://www.parlamentodelmercosur.org/innovaportal/v/5632/1/secretaria/foro_eurolatinoamericano_de_mujeres.html?seccion=8


“L’Europa è per le Donne” Le proposte delle donne per una nuova economia della crescita, dello sviluppo e del benessere sociale per rafforzare le relazioni Unione europea – America latina Mercoledì 28 marzo 2012 Parlamento Europeo – Ufficio d’Informazione in Italia Via IV Novembre,149 - 00187 Roma 9.30 – 13.00 Venerdì 30 marzo 2012 Parlamento Europeo – Ufficio di Milano Corso Magenta, 59 20123 Milano 15.00 – 19.00

Il partenariato strategico tra l'Unione europea (UE) e i paesi di America Latina e Caraibi (ALC) è stato istituito a Rio de Janeiro nel 1999. Finora sono stati realizzati sei Vertici, il prossimo sarà a Santiago del Cile. Questi due attori protagonisti dell'economia mondiale hanno finora avuto pesi, crescite e velocità differenti. Quello che si è mantenuto costante in questi ultimi cinquanta anni, è la relazione stabile che si è instaurata tra i due continenti o macroregioni sia nei momenti difficili per l'America latina sia quando l’Europa ha avuto la necessità di ricorrere ad un partner fidato e sicuro. Valori e principi rafforzati da una lungimirante politica di cooperazione, che ha diluito gli effetti della politica migratoria, e che ha saputo trasmettere un modello di integrazione che l'America latina ha assunto come elemento propulsore di uno sviluppo in continua evoluzione come l’Unasur, che si propone di costruire un modello di crescita più equo ed ecosostenibile per il continente sudamericano, e come il CELAC, che riprende l’eredità del Gruppo di Rio e dei Vertici dell’America Latina e del Caraibi, per discutere le questioni di genere, creare un sistema di diffusione delle piccole e medie imprese quale elemento di coesione sociale e promuovere la sicurezza e la pace. L'evoluzione della società contemporanea non può fare più a meno della partecipazione attiva delle donne, né può rinunciare alla loro creatività, al loro modo di pensare, di essere e di operare, altrimenti si rende incompleto e zoppo qualsiasi processo di sviluppo e di crescita. La donna latinoamericana, da quaranta anni, si è inserita in modo assai visibile nella vita politica che, nella sua storia democratica, conta dodici Presidentesse

della Repubblica, sette delle quali sono state scelte e rielette per un secondo mandato. Il 42% della popolazione latinoamericana è governato da una donna. La donna europea si sta ponendo sempre più all’avanguardia dei cambiamenti, raggiungendo anche qui posizioni apicali nel mondo politico, economico e sociale. L’Italia deve parte del suo sviluppo dal dopoguerra ad oggi proprio grazie alla donna italiana. Non è di meno la nuova strategia dell’attuale governo che si prefigge come obiettivo prioritario un maggiore inserimento della donna e dei giovani nella politica e nell’economia proprio per dinamizzare lo sviluppo e la crescita che, come si è potuto constatare, sono in relazione diretta con l'avanzare delle donne nella vita pubblica e privata, requisito ormai indispensabile per garantire anche l'esercizio pieno dei loro diritti e quindi più in generale dei diritti umani. Il Foro Euro - Latinoamericano delle Donne, piattaforma internazionale il cui obiettivo è sensibilizzare, promuovere e realizzare azioni in favore del rafforzamento delle relazioni Unione Europea - America Latina, come visione trasversale di genere, si sente molto onorata di organizzare questo Seminario nell'ambito del ciclo di incontri "L'Europa è per le Donne", promosso dall'Ufficio d’Informazione del Parlamento europeo in Italia. I lavori svolti finora dal Foro Euro-Latinoamericano delle Donne sono stati inclusi nei lavori preparatori del VII Vertice Unione europea - America Latina e le proposte raccolte saranno presentate a questo Vertice affinché siano incluse nella Dichiarazione di Santiago del Cile. Il nostro Seminario si propone dunque di riunire le più importanti donne eurolatinoamericane, sotto la leadership italiana, quella di un paese fondatore dell'Unione europea, che ha un profondo vincolo storico e culturale con i paesi dell'America latina e viceversa. Questo momento di crisi e di cambiamenti è ideale per darsi mete nuove ed importanti. Nella prima sessione si confronteranno i sistemi politici e le buone pratiche in favore della maggiore partecipazione della donna nella politica; nella seconda si parlerà dell’economia latinoamericana e dell'expertise europeo diretta a generare insieme un lavoro comune per la crescita economica e commerciale delle nostre rispettive aree. Contando sul sostegno dell’Alliance Française di Lima, grazie al suo Direttore Paul Levy, che condivide i principi delle Pari opportunità, verranno premiate due Donne imprenditrici con la Medaglia “Palabra de Mujer”.

Comitato Scientifico Gustavo Arrighi, Parlamento del Mercosur – Maria Antonietta Banchero, Regione Lombardia - Simonetta Cavalieri, Fondazione Bellisario – Maria Concetta Giorgi – Internazionalizzazione degli Scambi, Ministero dello Sviluppo Economico - Ricardo Lagos – Rappresentante Parlamento Centroamericano nell’UE - Ornella Orlandoni, Ministero agli Affari Esteri, Italia – Graziella Rivitti, Dipartimento per le Comunicazioni, Ministero dello Sviluppo Economico Coordina: Isabel Recavarren, Foro Euro-Latinoamericano delle Donne www.eurolat-mujeres.org foro@eurolat-mujeres.org http://www.parlamentodelmercosur.org/innovaportal/v/5632/1/secretaria/foro_eurolatinoamericano_de_mujeres.html?seccion=8


"L'Europa è per le Donne"