Issuu on Google+

â‚Ź 2,80

Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB SIENA

Magazine

Valentina Agnoletto

Professione: bellissima

...non solo Venezia A nessuno importa eppure tutti ne parlano La mia arte, un grande gioco per bambini


Mostra Fotogra多ca - PAD2VA ragazzi.elisa@libero.it

Elisa Ragazzi


i Tarapini Bijoux di Natalia Bovi natalia.bovi@email.it

3


4

S. Vito lo Sapo - Sicilia


sieze the moment

5


6


S. Giorgio (VE) - Alcuni turisti inglesi indossano la maschera dei reali 7


8


Burano (VE)

9


SOMMARIO Il fuoco, archetipo del calore

La mia arte, un grande gioco per bambini

14

18

Banda CittĂ  del Palio

25 10


Valentina Professione: bellissima

32 ...non solo Venezia

40 A nessuno importa però tutti ne parlano

50

11


“Esaudiamo i desideri delle donne�

54 Opposti che si uniscono perfettamente

60

Facebook: croce e delizia dei suoi frequentatori

64 SOMMARIO 12


Cari lettori, Intervista continua il suo viaggio, affascinante, a volte complesso, ma sempre pieno di stimoli, nuovi ed entusiasmanti. In questo nostro numero autunnale (il quarto dall’inizio dell’anno) abbiamo inteso parlare molto di cultura e di tradizione, nonchĂŠ commentare e mostrarvi la bellezza dei nostri straordinari luoghi, italiani. Ci dimentichiamo sempre piĂš di quale straordinario patrimonio artistico, culturale, ed anche ambientale sia presente nel nostro Paese. Di quale immenso potenziale rappresenti, che dobbiamo tutelare ed amare, perchĂŠ la riscoperta di tutto ciò può costituire un viatico importante - proprio in tempi FRVuGLIĂ€FLOLGDOSXQWRGLYLVWDVRFLDOHHGHFRQRPLFRĂ‹VEDJOLDWRLQIDWWLDIIHUPDUHFRPH fanno molti (anche qualcuno del nostro governo, neanche tanto velatamente), che solo gli economisti o gli ingegneri, o pochi altri “scienziatiâ€? possano trovare lavoro ed essere produttivi (termine davvero tremendo riferito ad una persona) nonchĂŠ riuscire a realizzare qualcosa di importante per sĂŠ e per gli altri. (GHFFRFKHqLPSRUWDQWHFRQRVFHUHDUWLVWLEUDYLVVLPLFKHFRQJUDQGHVDFULĂ€FLRUHDOL]]DQR opere importantissime. Ed ecco perchĂŠ negli scorsi numeri abbiamo dato spazio a giovani DUWLVWLIRWRJUDĂ€´SKRWRLPPDJLQLVWLÂľDSHUVRQHFKHFRQLOORURHVWURODFUHDWLYLWj QHDQFKH da lontano questi personaggi avevano quella freddezza glaciale dei nostri beneamati tecnici al governo) ma anche tanta preparazione, meritano di essere conosciuti e di poter portare avanti i loro progetti, soprattutto quando questi hanno le carte in regola per andare lontano. Inoltre, importante era, secondo noi, dare spazio ai temi dei diritti civili, umani; al diritto di amare, senza pregiudizi nè razzismi vari. Tutto questo, ma molto altro ancora, troverete nel nuovo magazine che vi state apprestando a leggere; perciò vi auguriamo una buona lettura, impegnata ma anche distesa, e vi LQYLWLDPRFRPHDOFXQLGLYRLJLjIDQQRHGKDQQRIDWWRDVFULYHUFLSHUFRPPHQWDUHJOL DUWLFROLOHIRWRHVSULPHUHJLXGL]LHGRSLQLRQL1HVDUHPRFRQWHQWLHDSSURĂ€WWHUHPRGLWDOL occasioni per arricchirci professionalmente ed umanamente.

La redazione di

Magazine

13


il fuoco archetipo del calore

I

di Nicola Bano

l fuoco e la legna sono, da sempre, l’archetipo del calore, del benessere, della casa, della cucina, della famiglia. Ma il fuoco è anche un elemento di aggregazione: il focolare domestico, il falò, il fuoco rituale, il barbecue. E, in¿ne, il fuoco è un elemento estetico: ricercato, volatile, eppure solido, pesante. Bene¿co ma anche pericoloso, il fuoco è l’elemento che l’uomo utilizza per scaldare gli ambienti in cui vive ¿n dalla più remota antichità, mentre la legna, combustibile per eccellenza ¿no almeno all’epoca post industriale, è l’elemento che più di tutti viene associato all’idea stessa di fuoco.

14

La meccanizzazione del riscaldamento, con la comparsa delle prime caldaie e la sostituzione della legna prima con il carbone e successivamente – in epoca relativamente recente – con altri combustibili fossili (gasolio, GPL, metano), hanno portato ad un cambiamento tecnologico epocale nel riscaldamento degli ambienti in cui l’uomo vive, sostituendo la ¿amma viva ad un calore trasportato per mezzo dell’acqua, da un generatore di calore ad un elemento radiante che, scaldando l’aria, permette di mantenere gli ambienti ad una temperatura costante. Con la diffusione dei combustibili fossili e delle caldaie a gas, la legna, come elemento primario per il riscaldamento, è stata messa da parte o relegata a funzioni puramente estetiche e marginali: eleganti caminetti o stu-


fe, che però svolgono una funzione spesso più decorativa che funzionale, se si considera per intero il bilancio energetico delle abitazioni. Ultimamente, però, la legna (e i suoi derivati) stanno tornando ad imporsi sul mercato, grazie a forme e tecnologie diverse, più evolute. A causa dell’aumento costante del prezzo dei combustibili fossili e grazie allo sviluppo di nuove ed ef¿cienti tecnologie per lo sfruttamento delle biomasse, si stanno riscoprendo elementi dal sapore antico, e la ¿amma viva sta tornando al centro del sistema-casa, con modalità più evolute. Sfruttando al meglio il potere calori¿co della legna, grazie ad impianti ad alto contenuto di tecnologia, che ottimizzano i consumi, è possibile gestire l’intero fabbisogno di un’abitazione (riscaldamento e acqua calda sanitaria) andando ad integrare o a sostituire le caldaie a gas metano o GPL, e consentendo notevoli risparmi, grazie anche agli incentivi erogati dal governo. Stufe e camini hanno subito infat-

ti un’evoluzione tecnologica considerevole, introducendo sistemi all’avanguardia per la regolazione della temperatura, il caricamento automatico del combustibile e la gestione integrata con altri elementi dell’impianto. È quindi possibile riscoprire tutto il fascino della ¿amma viva, mescolando questo sapore antico a rese che arrivano anche al 90%. Il principio di funzionamento è un mix tra quello delle stufe/camini tradizionali e quello della caldaia a metano, che scalda l’acqua e la distribuisce a tutti i radiatori della casa. Il combustibile può essere la legna o, più di moda in questo periodo, il pellet, ricavato dagli scarti del legno (come la segatura) compressi in forma di piccoli cilindri del diametro di pochi millimetri. Esistono poi dei generatori combinati legna/pellet, legna/gas, legna/gasolio, che consentono di combinare combustibili diversi per avere una maggiore af¿dabilità nel caso in cui, ad esempio, si resti senza pellet in casa.

L’investimento per installare una termostufa è paragonabile a quello necessario per cambiare una vecchia caldaia con una allineata alle ultime normative. Inoltre, i generatori a legna e a pellet, se in sostituzione di una caldaia a gas o gasolio, possono accedere alle detrazioni ¿scali del 55% (prorogate sicuramente ¿no a giugno 2013 - attualmente il decreto che dovrebbe ride¿nire gli incentivi ¿scali è allo studio del senato), purché rispettino una serie di condizioni tecniche sulle quali i produttori o rivenditori sono obbligati a fornire tutte le informazioni al cliente. Queste tecnologie, di cui l’Italia è uno dei maggiori produttori, sono sempre più diffuse proprio perché convengono anche da un punto di vista economico e – pur essendo per certi punti di vista più scomodi rispetto alla caldaia tradizionale – consentono notevoli risparmi in bolletta.

15


Pubbliredazionale

Borgo di Barigianino “Un sogno chiamato vacanza”

Adagiato sotto le pendici del bellissimo parco naturale della Montagnola Senese, a pochi chilometri dalle più famose città toscane (Siena, Lucca e Firenze), tra le zone del Chianti e del Brunello di Montalcino si trova il Borgo di Barigianino... un sogno chiamato vacanza. Quando arriverete al Borgo di Barigianino ad accogliervi troverete tutta la famiglia al completo. Michela cura l’amministrazione e il Marketing del Borgo. La mamma Davidica normalmente la troverete davanti DLIRUQHOOLLQWHQWDDSUHSDUDUHJXVWRVLSLDWWLWLSLFLGHOOD]RQDRDFXUDUHLÀRULGHLJLDUGLQL/·DUUHGDPHQWR e lo stile degli appartamenti è tutto merito del papà Guido e del fratello Alberto. GLI APPARTAMENTI Gli appartamenti del Borgo vi offrono tutte le comodità mantenendo il sapore degli antichi casolari toscani. Sarete immersi nei colori e nei profumi dell’affascinante terra toscana.

16


LA PISCINA ,OĂ€RUHDOO¡RFFKLHOORGHO%RUJRGL%DULJLDQLQRqVLFXUDPHQWHODSLVFLQD Di nuovissima costruzione si armonizza perfettamente con l’ambiente circostante, integrandosi con la parete di roccia che la sovrasta. Ăˆ dotata di una vasca grande centrale, di una vasca piccola con sedute laterali e idromassaggio; e di una vasca con effetto geyser collocata dentro una grotta naturale.

Borgo di Barigianino Loc. Barigianino 53018 - Rosia (SI) 7HO)D[8IĂ€FLR0LFKHOD michela@barigianino.com - www.barigianino.com

17


arte

La mia , un grande gioco per bambini

A

di Roberto Roverselli

ndreina è nata in Svizzera da genitori italiani per poi trasferirsi ad Arezzo quando era ancora molto piccola. Se L’arte fosse il risultato dell’inÀuenza delle terre che sentiamo nostre, quella di Andreina sarebbe una miscela davvero singolare. La nascita in Svizzera potrebbe portare in dote quell’attenzione per

i cambiamenti molto importante in un artista che non voglia rinchiudersi in se stesso. Le famiglie di provenienza dei genitori: una del sud e l’altra del nord-est potrebbero essere sinonimo di fantasia ed estro come di determinazione laboriositĂ  e pazienza. Di certo l’essersi fermata nella Toscana, terra d’arte in tutti i secoli passati, non può che essere la degna chiusura del cerchio. Sul sagrato della chiesa dello Spirito Santo di Indicatore ad Arezzo si estende la prima parte del mosaico realizzato da Andreina. La seconda, giĂ  progettata, inondando di colori anche la navata centrale e le due laterali, renderĂ  il tappeto musivo il piĂš grande d’Europa. Quando le chiediamo come si sia avvicinata all’arte lei risponde: “Parto dal milleduecento?â€? Ăˆ con questa frase e con un sorriso che Andreina ci racconta la sua avventura nel mondo dell’arte, iniziata quando era giovanissima (ndr). ÂŤSono una delle classiche ragazze FKHDPDGLVHJQDUHÂżQGDSLFFRODHFKH decide di frequentare l’istituto d’arte e

Andreina Giorgia Carpenito

18

SRL OœDFFDGHPLD GHOOH %HOOH$UWL ,QL]LR HO SRLXQSHUFRUVRFRQODSDUWHFLSD]LRQH UW D YDUL JUXSSL GL SLWWRUL QHO VHWWRUH VH GHO GHVLJQHGLRSHUHGLRJJHWWLVWLFDª FD La tua produzione artistica si div divide tra sacra e profana. Parliamo prima rim del sacro, com’è avvenuto l’inconon tro che ti ha portato a lavorare nella a chiesa di Indicatore? Š6WUDQDPHQWH LO PLR SDUURFR 'RQ 6DQWL &KLRFFLROL q XQR GHL SRFKLVVLPL sacerdoti che ancora continuano a dare OHEHQHGL]LRQLGHOOD3DVTXD9HQHQGR LQ FDVD PLD VL DFFRUJH GL XQœRSHUD HVSRVWD VX XQD SDUHWH H SHQVD EHQH GœLQYLWDUPL SHU XQ FROORTXLR FKH GXUD GDROWUHTXLQGLFLDQQL ª Quale incipit ha portato negli anni alla realizzazione del piÚ grande mosaico d’Europa? Š4XHVWD q XQD FKLHVD FKH GRYHYD HVVHUHGHPROLWDSHUFKpVRIIULYDGLYDULH FDUHQ]HVWUXWWXUDOL'RQ6DQWLVLDFFROOz LOJUDQGHLPSHJQRHODULVWUXWWXUzDQFKH VH OD QRVWUD FKLHVD HVVHQGR PROWR JLRYDQHQRQXVXIUXLYDGœLQFHQWLYLRGL VRYYHQ]LRQL 6L UHVH FRQWR SHUz FKH SHUUHQGHUHODFKLHVDXQDFDVDDSHUWD WD


Particolare della vetrata

DWXWWLHUDJLXVWRUHQGHUODDFFRJOLHQWH Possiamo dire che in tal senso il nostro qVWDWRXQLQFRQWUR³IDWDOH´'DOuVRQR QDWHWDQWLVVLPHRSHUHFKHSRLVLVRQR VYLOXSSDWHQHOOœDUFRGHJOLDQQLª Concorre a rendere originale la chiesa, il fatto che tutte le opere sono state realizzate da un solo artista. Quale ordine hai seguito per le realizzazioni? Š6RQR QDWH VHPSUH FRPH XQD QHFHVVLWj RJJHWWLYD $G HVHPSLR OD UHDOL]]D]LRQH GHOOD SDOD OLJQHD FKH q VWDWD OD PLD SULPD RSHUD Ê XQD SDOD GL  PT UHDOL]]DWD VX GHL SDQQHOOL GL OHJQR HG q VWDWD UHDOL]]DWD SHU HOLPLQDUHODOXFHFKHLPSHGLYDDLIHGHOL GLSUHJDUHª La vetrata ha una struttura particolare, ce la puoi descrivere? Š$QFKHODYHWUDWDqVWDWDFUHDWDSHUXQ HVLJHQ]D FRQFUHWD GLPLQXLUH OD OXFH Noi ci trovavamo davanti a 160 mq di YHWUR ELDQFR /D SULQFLSDOH GLI¿FROWj SHU XQD SLFFROD SDUURFFKLD q UHSHULUH L PDWHULDOL ,O FRPXQH YHWUR FRORUDWR DYUHEEHDYXWRGHLFRVWLWURSSRHOHYDWL 0LqYHQXWDOœLGHDGLXWLOL]]DUHGHLFRORUL D SLRPER FKH YHQJRQR FRWWL D  gradi e che rendono la nostra vetrata XQLFD D OLYHOOR LWDOLDQR DQFKH SHUFKp VRQRGHLFRORULRSDOHVFHQWL,YHWULFRVL GLSLQWLWUDVIRUPDQRODOXFHGLJLRUQRH anche di notte diventando un grande GHO PRQGR , GLSLQWL DOOœLQWHUQR GHOOD FDSSHOOD GHVFULYRQR OœLQFRQWUR FRQ DIIUHVFRª *HV H GHVFULYRQR TXHOOR FKH q So che a collegare tutte le opere c’è l’umano: quello che l’uomo ha vissuto VXOOD WHUUD DWWUDYHUVR 'LR /D SDUWH XQ¿ORWHRORJLFR Š7HRORJLFDPHQWH q VWDWR VHJXLWR XQ DOWD LQYHFH FRQ OD UDSSUHVHQWD]LRQH ¿ORQH FKH YLHQH HVSUHVVR DWWUDYHUVR GHOOœ$SRFDOLVVH GL 6DQ *LRYDQQL L VLPERORJLH UHOLJLRVH +R FHUFDWR GL 144 mila saliti in cielo che vengono UDFFRQWDUH DWWUDYHUVR OD SLWWXUD OD UDI¿JXUDWL VXO SRUWRQH DWWUDYHUVR  VFXOWXUDHLOFRORUHTXHOORFKHqOœXPDQR IRUPHOOHLQWHUUDSROLFURPDGHVFULYRQR HLOGLYLQR1HOODSDUWHEDVVDDWWUDYHUVR TXHOORFKHqLOGLYLQRª OHYHWUDWHODSHQWHFRVWHODFUHD]LRQH

Qui hai realizzato il mosaico piÚ JUDQGHGœ(XURSD Š,Q TXHVWL TXLQGLFL DQQL GL ODYRUR OœXOWLPD RSHUD UHDOL]]DWD q TXHVWR JUDQGH PRVDLFR $QFKH TXL LO SUR EOHPD SULQFLSDOH HUD TXHOOR HFR QRPLFR 3HQVDQGR D *DXGL  ,O 3DUFR * HOO /D &DVD %DWOOy DEELDPR LP maginato un mosaico realizzato con PDWHULDOHGLVFDUWR4XHVWRPDWHULDOHq DUULYDWRPDJDULQRQFRQOHQDYLFRPH DYHYDIDWWRLOJUDQGHDUFKLWHWWRPDFRQ

19


Il mosaico dall’ingresso della chiesa di Spirito Santo di Indicatore ad Arezzo

20

FDPLRQFLQLGDSLFFROHD]LHQGHGHOWHU ULWRULR6RQRDUULYDWLLQL]LDOPHQWHGXH camion di mattonelle di scarto che noi DEELDPR GRYXWR VHOH]LRQDUH 'D TXHO PRPHQWRLQSRLFLVLDPRWURYDWLGDYDQWL DLPDWHULDOLSLGLVSDUDWLSLFRORUDWLH SL YDUL SHU GLPHQVLRQL SHU TXDOLWj H SHUTXDQWLWjÂŞ

FKH FL KDQQR YLVWL SURWDJRQLVWL FRQ questo mosaico che sembra essere il SL JUDQGH GÂś(XURSD H SUREDELOPHQWH GLYHQWHUjLOSLJUDQGHGHOPRQGRÂŞ

1RQVLHWHSDVVDWLLQRVVHUYDWL Š4XHVWœRSHUD KD GHVWDWR OœLQWHUHVVH GHOODVWDPSDHGHOODFULWLFDWDQWRFKHFL KDFRQYLQWRDSURSRUUHTXHVWRSURJHWWR /œDEELDPR SRUWDWR LQ LWLQHULQJ LQ YDULH FLWWjLWDOLDQHWUDFXL)HUUDUDDO3DOD]]R GHOOD5DFFKHWWDXQEHOOLVVLPRSDOD]]R FKH ULVDOH DO  GRYH QRL VLDPR VWDWL RVSLWDWL H DEELDPR SUHVHQWDWR LQ FRQIHUHQ]D OœLQWHUR SURJHWWR 'RSR GL FKHVLDPRVWDWLLQYLWDWLDO0$5PXVHR della citta di Ravenna che ci ha inserito QHO&,'0GDWDEDVHLQWHUQD]LRQDOHGHO PRVDLFR 'RSR LQ DOWUL SRVWL HVSRVLWLYL

Il mosaico è dedicato alla visione del profeta Ezechiele che ha immaginato che da oriente, nel tempio, esca quest’acqua che si espande e tutto ciò che tocca si trasforma in vita e tutto diventa paradisiaco

Andreina parla spesso al plurale, coinvolgendo idealmente nel suo

lavoro e nelle sue esperienze tutti coloro che l’hanno sostenuta. Per primo, senza dubbio, Don Santi con il quale si è creato un rapporto non privo dei classici contrasti tra committente curioso e artista geloso del proprio lavoro in fase di realizzazione. Contrasti schietti e decisamente produttivi. Che effetto ti fa questo possibile primato? Š'LFLDPRFKHOœLGHDFKHSRVVDHVVHUH LO SL JUDQGH GHO PRQGR PL DIIDVFLQD GD XQD SDUWH H PL LQTXLHWD GDOOœDOWUD SHUz SHQVR LQFXULRVLVFD FROXL FKH KD OD YRJOLD H OD SRVVLELOLWj GL YHQLUH D YHGHUOR $ PH VHPEUD WDQWR SLFFROR LQYHFHVRQRPTHOœLQWHURVYLOXSSR SUHYHGH XQ DPSOLDPHQWR GL  PT 1RL VSHULDPR GL ULXVFLUH D SRUWDUH D WHUPLQH TXHVWœRSHUD FRQ LO FRQWULEXWR GL WXWWL SHU IDUOD GLYHQWDUH DSSXQWR XQœRSHUD GL WXWWL 3HU ULXVFLUH D FUHDUH XQ TXDOFRVD FKH QRQ q SL GL FKL OœKD


FRQFHSLWD PD FKH SXz GLYHQWDUH GL GL IURQWH H FHUFR VHPSUH GL FRJOLHUH TXHOORFKHqOœDVSHWWRSLSRVLWLYRQRQ WXWWLHGDSSDUWHQHUHDOWHUULWRULRª lasciandomi travolgere da quello che Ho visto tra le tue opere delle uova GL EUXWWR FL FLUFRQGD &RVL KR YROXWR trasformare la mia arte in un grande dipinte. Š3HU LO FRPSOHWDPHQWR GHO PRVDLFR JLRFR SHU EDPELQL 8Q JUDQGH SDUFR FKHUDJJLXQJHUjLPTKRUHDOL] dove riconoscersi e dove fare uscire il ]DWRSHUODUDFFROWDIRQGLGHOOHXRYD SURSULR EDPELQR TXHOOR FKH q GHQWUR GL VWUX]]R LQFLVH H GLSLQWH H GHL SLDWWL GL QRL 7UDVIRUPR OH VLPERORJLH FKH IDQQRSDUWHGHOODQRVWUDDGROHVFHQ]D LVWRULDWLGLFULVWDOOR 5LSRUWDQR OH VLPERORJLH GHO PRVDLFR OD QRVWUD LQIDQ]LD TXLQGL FXRUL OH FKH VDUj FRVWUXLWR LQ IXWXUR 4XHVWR ERFFKH FKH SDUODQR H FKH PXWDQR LQ SHU IDU VL FKH RJQL SHUVRQD SRVVD VRUULVLLQHPR]LRQL³LQWUHFFLDWH´FRQGHL QHOOœDFTXLVLUH XQœRSHUD GD FROOH]LRQH numerata e inserita in un archivio DOOœLQWHUQR GHOOD FKLHVD GLYHQWDUH SDUWHFLSHHVRVWHQLWRUHGHOSURJHWWRª

FRORULYLYDFLVVLPL /œDUWLVWDqLOJLRUQDOLVWDYLVLYRGHOWHPSR FKH QRL YLYLDPR H SXUWURSSR DOFXQH YROWH VL WUDVIRUPD LQ PRGD 3HU PH OD FHQWUDOLWjGHOOœXRPRqIRQGDPHQWDOHH quindi distinguerlo dall’essere che gli q DFFDQWR q LPSRUWDQWH GLVWLQJXHUOR DWWUDYHUVRODIRUPDHLOFRORUHª Le tue opere sembrano giochi per EDPELQL Š&L VRQR L 7RWHPERFFD &L VRQR OH ODPSDGH OH WDUWDUXJKH H L SHVFL

Parliamo un po’ di te. Qual è stato il tuo percorso artistico? Š1HO  OD PLD SULPD PRVWUD UHDOL]]DWD DO &DVWHOOR GL 3RUFLDQR Ê VHJXLWR XQ SHUFRUVR OXQJKLVVLPR FKH PL KD SRUWDWR LQ FRQWDWWR FRQ SLWWRUL GHO WHUULWRULR LQ SDUDOOHOR DJOL VWXGL SUHVVR OœDFFDGHPLD GHOOH %HOOH $UWL H OHUHDOL]]D]LRQLQHOFDPSRGHOGHVLJQ +RUHDOL]]DWRFRPHGHVLJQHUDFFHVVRUL H RJJHWWLVWLFD YDULD GL DUUHGDPHQWR +R GLVHJQDWR ERUVH VFDUSH RFFKLDOL e gioielleria con qualsiasi tecnica di ODYRUD]LRQHHGHVHFX]LRQH ,OPLRSHUFRUVRqLQL]LDWRGDJLRYDQLV VLPD GDQGRPL QRQ VROR XQ EDJDJOLR SHU TXDQWR ULJXDUGD OH WHFQLFKH GL ODYRUD]LRQHRSSXUHODFRQRVFHQ]DGHL PDWHULDOLPDDQFKHTXHOODFKHqOœDUWH FRQWHPSRUDQHD7XWWRTXHVWRPLKDLQ VHULWRLQXQFRQWHVWRFKHPLKDSRUWDWR DOOD UHDOL]]D]LRQH GL RSHUH LQ WHVVXWL ¿ODWL ¿QHPHQWH LQWUHFFLDWL VX VWUXWWXUH LQPHWDOORª Quali lati del tuo carattere sono piÚ evidenti nelle tue opere? Š,R VRQR XQD SHUVRQD PROWR YLYDFH H HQWXVLDVWD GHOOD YLWD $PR FKL PL VWD

Totem: Andreina nel suo studio

21


Formelle in terra policroma sul portone

SXRLSRVL]LRQDUHRYXQTXHLQHVWHUQRR LQLQWHUQR&DPELDQRDSSDUHQWHPHQWH LQ LGHQWLWj PD LQ UHDOWj PDQWHQJRQR questa voglia di gioco che ognuno di noi dovrebbe conservare anche in età DGXOWDª Quale mostra tra quelle in cui hai esposto ti ha lasciato un ricordo particolare? Š6RQR VWDWD SUHVHQWH LQ PRVWUH D 7RULQR D 0RQWHFDUOR D 0LODQR H LQ DOWUH YDULH FLWWD LWDOLDQH PD TXHOOD GHOOD TXDOH KR XQ JUDQ EHO ULFRUGR q TXHOOD DOOD %RUVD 0HUFL GL )HUUDUD /D PLD LVWDOOD]LRQH q VHUYLWD D FUHDUH OD VFHQRJUD¿D FKH SRL KD LQFRUQLFLDWR OD V¿ODWD GL &KLDUD %RQL H $OH[DQGUD )HGH 8QD V¿ODWD IUL]]DQWH H PROWR colorata dove gli abiti interagivano con OHRSHUHFKHDYHYRHVHJXLWR/DFRVD SL VLPSDWLFD q VWDWD LO JLRUQR GRSR TXDQGR OH RSHUH VRQR VWDWH WUDVIHULWH H KDQQR DWWUDYHUVDWR OD VWUDGD 6L q IHUPDWR LO SXEEOLFR VL VRQR IHUPDWH le macchine sia che il semaforo fosse VWDWR YHUGH R URVVR 7XWWL YHGHYDQR DWWUDYHUVDUHOHPLHRSHUHFRORUDWLVVLPH FRQ³DWWDFFDWH´GHOOHSHUVRQH 6HPEUDYD TXDVL XQ KDSSHQLQJ XQD LVWDOOD]LRQHPXOWLPHGLDOHGHOPRPHQWR PHQWUH YHQLYDQR WUDVSRUWDWH LQ XQD delle sale dell’imbarcadero al castello GL)HUUDUDª

giganti che ci immergono in una atmosfera fantastica di gioco e che ci fanno ricordare i cartoni animati FKH YHGHYDPR GD EDPELQL &L IDQQR VRJQDUH  DQFKH SHUFKp  VHFRQGR PH FKLXQTXH DEELD XQD GHOOH PLH RSHUH GHYHULWURYDUVLVSHFXODUPHQWHLQHVVD

22

GHYH WUDVIRUPDUVL H GHYH JLRFDUVL /H PLH RSHUH QRQ VRQR VROR FRPSRQL ELOLPDVRQRGHOOHRSHUHFKHSRVVRQR HVVHUH JHWWDWH SHU WHUUD ULFRPSRVWH danno un senso della tattilitĂ  LPSRUWDQWH VL WUDVIRUPDQR DWWUDYHUVR ODOXFHĂŠXQJLRFRFKHFRQWLQXDHWXOH

Quali sono gli artisti da cui trai ispirazione? Š3HU TXDQWR ULJXDUGD OH RSHUH GL DUWH VDFUDODIRQWHGœLVSLUD]LRQHSHUOœXOWLPD RSHUD HVHJXLWD LO PRVDLFR q VWDWR *DXGL 3HU TXDQWR ULJXDUGD OœDUWH PRGHUQD XQR GHL PLHL DUWLVWL LVSLUDWRUL q VWDWR %RHWWL FKH KD LQL]LDWR FRQ LO ¿ODWR Ê DIIDVFLQDQWH WUDVIRUPDUH OD SURSULD WDYROR]]D &RPXQHPHQWH immaginiamo una tavola di legno dove DSSRJJLDUHWXWWLLFRORULFKHIXRULHVFRQR


GDOWXEHWWR4XLLQYHFHSDUOLDPRGLXQ FRORUHDOWHUQDWLYRFKHSHUzXJXDOPHQWH VL WUDVIRUPD LQ DUPRQLD /ÂśDUWLVWD FKH q XQ LQGLYLGXDOLVWD KD OD QHFHVVLWj GL rendersi singolare e di trovare uno VWUXPHQWRSURSULRGLUDSSUHVHQWD]LRQH FKH OR GLVWLQJXD GDJOÂśDOWUL 3HU PH TXHVWR q VWDWR LPSRUWDQWH 0L KD LQFXULRVLWRLQL]LDOPHQWHSRLqGLYHQWDWR XQ PRQGR 8Q PRQGR LQ FXL LR YDGR alla ricerca di tante tecniche e tanti PDWHULDOLÂŞ Quali scelte stanno dietro alle tue opere “profaneâ€?? Š1RQKRPDLLPPDJLQDWRGLFRQFHSLUH XQÂśRSHUD GÂśDUWH ÂżQH D VH VWHVVD 6HFRQGR PH q VHPSUH OD FROOHWWLYLWj FKH FUHD DUPRQLD 4XLQGL WDQWH

RSHUH FKH YHQJRQR SRL XWLOL]]DWH SHU VFHQRJUD¿H SHU DPELHQWD]LRQH R SHU LO WHDWUR 2SHUH FKH KDQQR OD FDSDFLWj GL WUDVIRUPDUVL H GLYHQWDUH in ogni occasione qualcosa di diverso D VHFRQGD GL FRPH WX OH FRPSRQL Tra l’altro queste hanno suggerito in PROWL FDVL GHOOH FXULRVLWj GD SDUWH GHO SXEEOLFR$ YROWH OH KD LPPHGHVLPDWH in dei barattoli chiedendosi cosa IRVVHUR R FRVD FL IRVVH GHQWUR $OWUH l’idea ingegnosa e geniale di bambini che hanno realizzato non so cosa H FRQ JUDQGH GLI¿FROWj 4XHVWR PL ID ULSHQVDUH DOOD ELHQQDOH GHO  TXDQGRDOSDGLJOLRQH,WDOLDXQDVLJQRUD PLVLDYYLFLQDHPLFKLHGH³0DVHFRQGR OHLOœHVWLQWRUHIDSDUWHGHOOœLVWDOOD]LRQHR qXQRSHUD¿QHDVHVWHVVD"´ª

Però l’arte moderna non sempre è IDFLOPHQWHDSSUH]]DELOH Š/œDUWH FRQWLQXD DG HVVHUH XQœHVSUHVVLRQH GL QLFFKLD $WWUDYHUVR LO QRVWUR SHQVLHUR LO QRVWUR FXRUH LO QRVWUR PRGR GL WUDVIRUPDUH H UDS SUHVHQWDUH XQœRSHUD FROOHWWLYD LQ YHFH OœDUWH GRYUHEEH HVVHUH DSHUWD DWXWWL'RYUHEEHHVVHUHXQDIRUPDGL HVSUHVVLRQHLQFXLLGHQWL¿FDUVL0DJDUL con linguaggi diversi e ognuno di noi GRYUHEEHWURYDUHLOSURSULRSHUHVSULP HUVLHSHUUHQGHUHODQRVWUDYLWDXQSRœ ³DUWLVWLFD´ª

Bocche

23


Senza fine di Natalia Bovi natalia.bovi@email.it 24


tradizione

storia cultura

Banda CittĂ  del Palio di Aldo Oliva

“I media locali potrebbero dare molto piĂš risalto alle nostre iniziative, agli eventi in cui siamo presenti, in breve, alla banda cittĂ  del Palioâ€?. Con questa frase del Presidente della banda cittĂ  del Palio, Avvocato Paolo Giannini, iniziamo la nostra conversazione. Affabile ed ospitale, il presidente ci accoglie in un caldo venerdi sera d’estate (circostanza - le emozionanti prove della banda, che si tengono ogni martedi e venerdi) alla fortezza medicea. Presidente, in breve, mi dica cosa è per lei la Banda cittĂ  del Palio. Š/DEDQGDFLWWjGHO3DOLRqXQDIDQWDV

La banda affonda le sue radici nel 1200, quando non si chiamava banda, ma “concerto�. Solo nel 1800 comincia ad assumere i connotati di “banda strumentale�

WLFDFUHDWXUDXQJLRLHOORGLWXWWDODFLWWj GL 6LHQD GL FKL VL VHQWH DIIH]LRQDWR D TXHVWD FLWWj H DO 3DOLR q XQ VLPEROR XQ TXDOFRVD GL VWRULFR VWUDRUGLQDULD PHQWH DQWLFR H SLHQR GL WUDGL]LRQL GL YDORUL GL XPDQLWj H VRFLDOLWj /D PX VLFD q XQ TXDOFRVD GL SHU Vp VWUDRU GLQDULR Fœq PROWD ¾PDJLDœ QHOOD QRVWUD EDQGDHQRLFHUFKLDPRGLWUDVPHWWHUOD LQRJQLQRVWUDSHUIRUPDQFHª Si spieghi meglio: come mai dice che i media locali non vi danno grande spazio? Š3RWUHEEHUR IDUH PROWR GL SL 1HOOD VHUDWD PDJQL¿FD GHO  $JRVWR LO FRQFHUWR FKH DQWLFLSD LO IDPRVR 3DOLR GHOOœ$VVXQWDGHO$JRVWRQGU HUDQR

Foto di Giugno Brocchi

25


Bisogna attendere il 1827, quando il complesso musicale viene chiamato “banda civica�. Nel 1829 avviene la prima esibizione pubblica in Piazza del Campo, a Siena

26


Foto fonte: www.bandacittadelpalio.it

27


Foto di Giugno Brocchi

Il giorno del Palio, la Fanfara con i suoi tamburini di palazzo, per un totale di ÀJXUDQWL scandiscono il ritmo di tutto il corteo storico

SUHVHQWL FHQWLQDLD H IRUVH PLJOLDLD GL SHUVRQH DG RFFKLR H FURFH VHFRQGR QRL GL ,QWHUYLVWD DOPHQR   0D GRSR TXHVWD FRVD VWUDRUGLQDULD FLRq OÂśDIIHWWRGLWXWWLLVHQHVLOÂśLQWHUHVVHFKH YL q VWDWR QHL FRQIURQWL GHOOD QRVWUD EDQGD H GHOOD QRVWUD HVLEL]LRQH KD WURYDWR OÂśLQGRPDQL SRFKLVVLPR VSD]LR VXL JLRUQDOL ORFDOL 1RQ OR ULWHQJR JLXVWLVVLPR /D QRVWUD q XQD EDQGD R PHJOLR XQD JUDQGH IDPLJOLD FKH VL VDFULÂżFD FRQ DPRUH SHU OD PXVLFD

H SHU OD VXD FLWWj VLDPR RUJRJOLRVL e felici di quello che abbiamo fatto e TXLQGL YRUUHPPR SL DWWHQ]LRQH GD SDUWHGHLPHGLDª La banda è aperta tutti, o solo ai senesi? La senesità è un elemento imprescindibile per farvene parte? Š1R 1RL DEELDPR DFFROWR H VXRQDQR FRQ QRL DQFKH DGHVVR WDOYROWD R GL IUHTXHQWH SHUVRQH QRQ RULJLQDULH GL 6LHQDQRQGL6LHQDRDQFRUDUDJD]]LH

UDJD]]HVWUDQLHUH/RULWHQLDPRIRQWHGL DUULFFKLPHQWRFXOWXUDOHHSRLQRLVLDPR DSHUWLYHUVRWXWWLFLXQLVFHOœDPRUHSHU 6LHQDHSHUODPXVLFDPDQRQFLVRQR DIIDWWR SUHJLXGL]L SHU SHUVRQH GLYHUVH GD QRL LQ WHUPLQL GL FXOWXUD UHOLJLRQH UD]]DFLWWjGLDSSDUWHQHQ]DHFFª Che iniziative avete preso, per cercare di invogliare maggiormente i giovani alla musica? Si sa, l’educazione musicale spesso è trascurata, e non trova grande spazio nei programmi scolastici attuali... Š$ WDO SURSRVLWR DEELDPR RUJDQL]]DWR GXUDQWH WXWWR OœDQQR VFRODVWLFR FRQ LO FRQWULEXWRGHOODUHJLRQH7RVFDQDGHOOH OH]LRQL GL PXVLFD GHOOH DWWLYLWj PXVL

Nel 1968 la banda partecipò, a Barcellona, al Grande concorso di bande europee dove VLFODVVLÀFzSULPD assoluta 28 Foto di Giugno Brocchi


FDOL QHJOL LVWLWXWL VFRODVWLFL GHOOD FLWWj SURSULRSHUIDUDYYLFLQDUHLSLJLRYDQL DOOD PXVLFD H VHQVLELOL]]DUOL PDJ giormente. /D FRVD FL KD IDWWR PROWR SLDFHUH SHUFKp DEELDPR ULVFRQWUDWR XQ EXRQ LQWHUHVVDPHQWR GD SDUWH GHL giovani studenti e una grande energia HYRJOLDGLIDUHGDSDUWHORURÂŞ Fate anche una scuola di musica? 6L,QUHDOWjqGDOFKHHVLVWHXQD VFXRODGLPXVLFD /D VFXROD GHOOD QRVWUD EDQGD ULSHU corre i metodi delle scuole classi che con insegnanti che vantano tutti XQÂśHVSHULHQ]D SOXULHQQDOH PRVVL GD IRUWL PRWLYD]LRQL GHWWDWH GDOOD JUDQGH SDVVLRQHFKHOLOHJDDOODORUREDQGDH DOODFLWWjGL6LHQD

“La nostra è una banda, o meglio, una grande famiglia, che si VDFULĂ€FDFRQDPRUHSHU la musica e per la sua cittĂ â€?

Questo, ma molto altro ancora, è la Banda città del Palio, che salutiamo.

Foto fonte: www.bandacittadelpalio.it

Lo spazio ai giovani è una prerogativa, come dimostra la presenza di piccoli musicisti in erba (per esem-

pio nella foto tratta dal concerto in Piazza del Campo del 30 Giugno scorso) e un po’ piÚ grandi. Ma i giovani sono molti. Š6L QRQ VROR KDQQR SDUWHFLSDWR FRQ grande successo e soddisfazione da SDUWH QRVWUD H ORUR GXH JLRYDQL UD JD]]H XQ VRSUDQR H XQ PH]]R VR SUDQRFKHVLVRQRHVLELWHQHOFRQFHUWR GHO$JRVWRLQSH]]LGLI¿FLOLHKDQQR ULFHYXWRPROWLDSSODXVL ÊVWDWDSHUORURXQDHVSHULHQ]DPROWR HPR]LRQDQWHHDQFKHSHUQRL VLWUDWWD GL)HGHULFD&DVVDWLH%HDWULFH)DQHWWL JLRYDQL UDSSUHVHQWDQWL GHOOœ,VWLWXWR 6XSHULRUH GL 6WXGL 0XVLFDOL 5LQDOGR )UDQFL DOOLHYH GHOOD SURIHVVRUHVVD $QDVWDVLD 7RPDV]HZVND 6FKHSLV ndr).

La banda cittĂ  del Palio diretta magistralmente dal maestro Luciano Brigidi 29


Pubbliredazionale

HOTEL

Al Picchetto “Verrete per curiositĂ , Sarete conquistati dalla qualitĂ , Ritornerete per il piacere.â€?

L’atmosfera che respirerete al Picchetto sarà unica ed indimenticabile. Sarete circondati dal meglio che questa terra offre. L’Albergo Ristorante è situato nei pressi di Monticiano, nella bella Val di 0HUVHD.PGDOOD&RVWD7LUUHQLFDHD.PGD6LHQD/DSRVL]LRQHFHQWUDOHULVSHWWRDWXWWDOD Provincia di Siena è un’ottima base di partenza per la visita delle piÚ rinomate mete turistiche della toscana meridionale. Alcune di queste: San Galgano, Montalcino, Val d’Orcia, Monte Amiata, la Maremma e Sant’Antimo. Potrete gustare piatti sia della tipica cucina toscana sia della tradizionale cucina italiana, interpretati e preparati dalle mani esperte dei nostri Chef. La struttura è dotata di due ambienti di ristorazione: ‡ 8Q VLPSDWLFR EDU  ULVWRUDQWH VWLOH DQQL œ GRYH SRWUHWH IHUPDUYL H VFHJOLHUH VH DSSUH]]DUH OH nostre prelibatezze in zona bar o farvi servire e coccolare dal nostro staff in un ambiente del tutto originale. ‡8QULVWRUDQWHFODVVLFRLGHDOHSHUSDVVDUHXQDSLDFHYROHVHUDWDDGDPPLUDUHOHRSHUHSUHVHQWLQHOOD sala e gustare i piatti accompagnati da una buona scelta di vini.

L’intera struttura ricettiva è distribuita su piÚ fabbricati disposti a quadrato che formano una corte interna sistemata a giardino e a luogo di intrattenimento. La maggior parte delle camere hanno un piccolo terrazzo affacciato sulla corte. La particolarità della struttura è che tutte le camere godono di una notevole luminosità, sono servite tutte da un ballatoio di collegamento in modo da avere l’uscita direttamente sull’esterno.

30


/¡$OEHUJR SXz FRQWDUH VX  FDPHUH ognuna arredata diversamente, con vista sulla campagna circostante, sul limitare GHOÀXPH0HUVHFKHGjQRPHDOOD9DOOH Le camere sono tutte dotate di TV, aria condizionata, frigobar. Vengono accettate prenotazioni per soggiorni di pensione completa o mezza pensione. L’Albergo accetta gite scolastiche e comitive turistiche. Dispone di un ampio parcheggio per i pullman che consente di accedere direttamente alla struttura. Lo staff del Picchetto è pronto a soddisfare le diverse esigenze di chi apprezza il piacere della tavola accompagnato da una buona dose di creatività, ma senza per questo trascurare la tradizione. Siamo disponibili per ricevimenti di ogni genere e per allietarvi le serate organizziamo eventi (musica dal vivo, spettacoli...).

Hotel Al Picchetto S.S. 223 loc. Ponte a Macereto - 53015 Monticiano (Siena) Tel. Fax +39 0577 757017 - www.alpicchetto.it

31


Valentina, professione: bellissima Testo di Francesca Lena

32


Foto di David Prando

33


U

na EHOOD GRQQD QRQ q FROHL GL FXL si lodano le belle gambe o le EUDFFLD PD TXHOOD LO FXL DV SHWWR FRPSOHVVLYR q GL WDOH EHOOH]]D GD WRJOLHUH OD SRVVLEL OLWjGLDPPLUDUHOHVLQJROHSDUWL´ 6HQHFD  Questo è quello che mi è venuto in mente quando ho incontrato Valentina (accanto a lei sembravo un “puffoâ€? ndr). Bisogna ammettere che i suoi genitori si sono veramente impegnati quando l’hanno concepita. Ha un viso dolcissimo, ed un’aria un po’ imbronciata, a tratti da bambina. Ăˆ molto alta, e lei lo mette ancora piĂš in evidenza portando tacchi altissimi, valorizzando

34

cosÏ le sue perfette gambe. Anche le donne piÚ invidiose guardandola non noterebbero un difetto. Ho visto gli sguardi degli uomini che ci passavano accanto, tutti la guardavano estasiati, alcuni rimanevano a bocca aperta, tant’è che ad uno ho consigliato di chiudere la bocca altrimenti correva il rischio di trovarsela piena di moscerini. Ammetto, la cosa mi ha divertito, non capita tutti i giorni di uscire con una modella. A parte tutte queste considerazioni è stato anche piacevolissimo parlare assieme a lei. Nonostante il lavoro che fa, lei sostiene di essere timida, a me ha dato piÚ

Ho molta cura del mio corpo, a prescindere dal lavoro che faccio la sensazione di essere una ragazza riservata, infatti, ad alcune domande che le ho rivolto, prima di rispondermi mi guardava, della serie‌ devo proprio dirlo? Due note essenziali prima di iniziare, nome: Valentina Agnoletto, nata a

Dolo (Ve) il 20 ottobre 1989, vive tra Fossò e Milano, diplomata designer di moda, con all’attivo anche un master per diventare shoes designer. Ăˆ stata Âżnalista a Miss Italia 2009 ed ex candidata velina. Fidanzato: sĂŹ, ma top secret. - Certo, che per essere cosĂŹ giovane ne ha giĂ  fatta di strada. Come ha iniziato? Š+R LQL]LDWR GD SLFFROD TXDVL SHU JLRFRHFRQLOWHPSRqGLYHQWDWRLOPLR ODYRURÂŞ - Come mai la scelta di Milano e non Roma come base per lavorare? ÂŤ6RQRXQDSHUVRQDSUHFLVDSXQWXDOH KR ELVRJQR GL SURJUDPPDUPL GL VD SHUH HVDWWDPHQWH FRVD GHYR IDUHÂŤ H D5RPDODJHQWHKDWHPSLGLYHUVLHG io non riesco a tenere i loro ritmiÂť - Ha partecipato alle selezioni per diventare velina a Striscia, nel 2008 q DUULYDWD DGGLULWWXUD LQ ÂżQDOH OH sarebbe piaciuto fare la velina?ÂŤCertamente sarebbe stata un’ottima YHWULQD SHU IDUVL FRQRVFHUH PD RQHVWDPHQWH QRQ q XQR GHL PLHL RELHWWLYL$PHSLDFHPROWRLOPLRODYRUR sto cercando di farmi conoscere nel UHVWR GÂś(XURSD FRVD QRQ IDFLOH SHU QRL LWDOLDQH q PROWR SL IDFLOH SHU OH


VWUDQLHUHFKHPDJDULQHOORUR3DHVHQRQULXVFLYDQRDIDUHOH PRGHOOHHLQ,WDODVRQRGLYHQWDWHIDPRVHÂť - A chi vorrebbe assomigliare? ÂŤ$ QHVVXQD PL DUUDEELR PROWLVVLPR TXDQGR PL GLFRQR FKH DVVRPLJOLR D 0RQLFD %HOOXFFL VLFXUDPHQWH q XQD EHOOLVVLPD GRQQDPDLRVRQRLRHVRQRXQLFDFRVuÂť - Prima parlava di obiettivi, oltre a volersi affermare all’estero, e “fareâ€? la bellissima cos’altro? ÂŤ0L SLDFHUHEEH DIIHUPDUPL FRPH GHVLJQHU QHO FDPSR GHOOH FDO]DWXUH OH VFDUSH PL SLDFFLRQR PROWLVVLPR H GLVHJQDUOH VDUHEEH LO PDVVLPR XQ SDLR GL EHOOH VFDUSH DL SLHGL GL XQD GRQQD EHK IDQQR OD GLIIHUHQ]D 3XUWURSSR q XQ PRQGR FKLXVLVVLPR  QRQ VRQR GLVSRVWL D GDUWL VSD]LR QRQ YRJOLRQR insegnarti nullaÂť. - Mi fa piacere notare che pur essendo una modella non è scheletrica, quindi non è vero che il mondo della moda non accetta le donne “normaliâ€?, o no? ÂŤ,QVRPPDVLHQRSHUzLRPLSLDFFLRFRVuODPLDDOWH]]DPL DLXWDDRVFLOODUHGLXQSDLRGLFKLOLLQSLRLQPHQR1RQIDFFLR GLHWH SDUWLFRODUL PL SLDFH PDQJLDUH IDFFLR XQD YLWD VDQD FXURLOPLRFRUSRFRPHGRYUHPPRIDUHWXWWLDSUHVFLQGHUHGHO lavoro che si faÂť

35


Spesso la paragonano a Monica Bellucci e lei si arrabbia molto: “Ovvio che la Bellucci è splendida, ma io sono io e non voglio essere etichettataâ€? - La sua bellezza le ha creato dei problemi con le amiche?ÂŤĂˆ XQ DUJRPHQWR FKH QRQ PL SLDFH DIIURQWDUH QRQ KR XQD YHUD DPLFD R PHJOLR ÂżQR D TXDOFKH WHPSR ID FUHGHYRGLDYHUODSRLÂŤQRQFUHGRSL QHOOÂśDPLFL]LD PL VRQR VHQWLWD PROWH YROWHXVDWD/DPLDPLJOLRUHDPLFDSHU LOPRPHQWRqODPLDFDUOLQD&KDQHOÂť - Noto che è un argomento che la far star male, parliamo d’altro, per i maschietti piĂš curiosi ha un compagno?ÂŤ6u PD QRQ PL FKLHGD FKL q SHUFKp non lo dicoÂť - E non insisto, sono d’accordo che in alcuni casi la vita privata deve rimanere tale. C’è una parte del suo corpo che le piace di piĂš o di meno?ÂŤ1R GHYR GLUH FKH PL DPR PROWR ÂłWXWWD´ - Oltre alla crisi economica che il nostro Paese sta purtroppo attraversando, oltrre ai giovani che non riescono a trovare lavoro, un altro argomento molto dibattuto è l’omosessualitĂ , lei che ne pensa? ÂŤ1RQ YHGR TXDOH VLD LO SUREOHPD ognuno di noi deve essere libero di YLYHUH OD SURSULD VHVVXDOLWj FRPH ULWLHQH SL RSSRUWXQR 2 PHJOLR GHYH IDUHTXHOORFKHORUHQGHIHOLFH/HFRVH GL FXL GRYUHPPR RFFXSDUFL VRQR EHQ altreÂť E, per citare una donna conosciuta e famosa, Simona Ventura, mi sono trovata di fronte una professionista “fatta e Âżnitaâ€?, nonostante i suoi 22 anni.

36


37


38


39


...non solo Venezia Viaggio alla scoperta delle isole veneziane, vere e proprie oasi di pace. Secolari sedi di manicomi o di floride colture, ogni isola ha la sua storia da raccontare. Testo e Foto di Elisa Ragazzi

40


BURANO Famosa

per

la

produzione

artigiana dei merletti, le origini di questa tradizione tessile, nata nel XVI secolo, è legata ad una romantica leggenda. Si dice che la regina dei mari, colpita dal grande amore di un pescatore per una ragazza dell’isola, cercò di sedurre il giovane con il canto delle sue sirene. L’innamorato riuscì a resistere alla tentazione e ricevette in cambio, per la sua sposa, un meraviglioso velo tessuto con la schiuma del mare. Le amiche della donna, invidiose per la bellezza del dono, cercarono di riprodurlo, dando inizio a questa pregiata lavorazione. Se volete una casa fuxia o blu elettrico trasferitevi a Burano, dove i colori delle abitazioni lasciano senza

i

turisti

parole.

Le

colorazioni

impiegate

sull’isola

vivaci

probabilmente

sempre

servivano

per

aiutare i pescatori a ritrovare la XZWXZQI KI[I VWVW[\IV\M TI Å\\I nebbia dei canali; pare, inoltre, che

ogni

famiglia

sia

legata

tradizionalmente ad un preciso colore.

41


MURANO Nel 1295, con un decreto della Serenissima Repubblica, si decise di trasferire per ragioni di sicurezza la lavorazione del vetro a Murano. Venezia, all’epoca, era costituita da abitazioni

prevalentemente

di legno, ed i frequenti incendi delle fornaci dei vetrai rischiavano di polverizzare l’intera città. La

lavorazione

ha

origini

del

molto

probabilmente

vetro

antiche,

legate

ai

Fenici e alle popolazioni del Mediterraneo

e

dell’Antica

Persia. Murano è diventato uno dei più grandi centri di produzione vetraria attorno al XIV secolo. Da allora i mastri vetrai hanno saputo

42


conservare i segreti di questa preziosa arte custodendola e tramandandola gelosamente di XILZMQVÅOTQW La tecnica di lavorazione più complessa dell’isola è impiegata nella produzione delle tipiche ¹5]ZZQVMº6I\MI\\WZVWITTIÅVMLMTT¼ Y]M[\Q piccoli capolavori vengono realizzati mescolando e manipolando minuscole quantità di vetro allo stato molle. Ancora oggi le spose veneziane amano unire i confetti della propria bomboniera al “goto de fornasa”. Questo prodotto artigianale era il bicchiere che i maestri vetrai utilizzavano per dissetarsi, ed era realizzato impiegando gli scarti della lavorazione. Con il tempo, il “goto” è diventato un vero e proprio marchio di fabbrica delle diverse botteghe, che hanno deciso di trasformare questo oggetto in un simbolo caratterizzante.

43


S.MICHELE Tra Venezia e Murano vi è San Michele. 8MZ^WTMZMLQ6IXWTMWVMVMQXZQUQLMTT¼  quest’isola si è trasformata di un grande cimitero monumentale. Prima di allora i defunti venivano sepolti nei sagrati o all’interno delle numerose chiese di Venezia. Nel cimitero, suddiviso in diverse aree a seconda della religione e della confessione, riposano diversi personaggi illustri.

S.ERASMO Seconda per estensione dopo Venezia, S.Erasmo è il regno delle Apecar (quasi ogni abitante ne possiede una). Isola a vocazione agricola, S.Erasmo è conosciuta anche come “l’orto di Venezia”; in questo piccolo paradiso campi e vigne si susseguono, creando il paesaggio ideale per tranquille e piacevoli passeggiate.

44


S.SERVOLO S.Servolo è stato a lungo sede di un ospedale psichiatrico criminale; ospita ora un università internazionale e grandi sale congressi. Qui è possibile visitare su prenotazione l’interessante “Museo della Follia”, nella quale sono raccolte le memorie dell’isola e dei pazienti che l’hanno abitata. /TQ MLQÅKQ LMTT¼Q[WTI [WVW KQZKWVLI\Q LI ]V XIZKW# QT [QTMVbQW M TI bellezza di questo posto ispira molti degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti, che ha qui una sua piccola succursale.

45


GIUDECCA Chiamata

originariamente

“Spinalonga”,

la

Giudecca è sede di una delle più importanti chiese del

veneziano,

il

“Redentore”.

Progettata

da

Palladio, è stata costruita per volontà del Doge come ZQVOZIbQIUMV\WXMZTIÅVMLMTTIOZIVLMMXQLMUQILQ peste che nel 1575-1577 causò la morte di un terzo dei veneziani. Dopo quasi cinque secoli, la terza domenica di luglio, questa chiesa è sede di una delle più grandi feste tradizionali della città. Il monastero di frati cappuccini che gestiscono la parrocchia si affaccia su un giardino molto bello che è possibile visitare su richiesta.

Oggi enorme hotel di lusso, il Molino Stucky è stato una grande industria di prodotti da NWZVWKW[\Z]Q\IVMOTQIVVQ\ZMV\ILMTT¼ LI un giovane imprenditore svizzero. La Chiesa delle Zitelle è sull’isola della /Q]LMKKI-ZM\\I^MZ[WTIÅVMLMT»T¼MLQÅKQW religioso comprendeva un ospizio per giovani povere. In questo luogo si educavano ragazze in età da marito (“zitelle”) senza dote. Non solo personaggi ricchi e famosi come Elton John hanno casa in quest’isola. Lungo la Sacca Fisola, area ottenuta in epoca recente JWVQÅKIVLWXIZ\MLMTTI4IO]VI^Qv]VQV\MZW quartiere popolare molto vivace.

46


LIDO Sede del Casinò e del più antico Festival del Cinema, il Lido è una località balneare a tutti gli effetti. Spiagge private e libere fanno la gioia di giovani, anziani e famiglie. Ogni estate i veneziani non possono proprio ZQV]VKQIZM IT KW[\W[W INÅ\\W LQ ]VI ¹KIXIVVIº Si tratta di piccole cabine con veranda dove cambiarsi, giocare all’ombra o mangiare seduti su un tavolino da campeggio. Condivise spesso da gruppi familiari o di amici, queste costruzioni sul mare costituiscono il pilastro delle estati veneziane. Nell’isola c’è un Ospedale piuttosto grande. Da circa sette anni molte cliniche e reparti del compartimento ospedaliero sono stati chiusi ed abbandonati. Tra rovine e spazzatura, in questo posto surreale, si possono ancora trovare resti della precedente attività.

47


S. GIORGIO L’isola di S.Giorgio Maggiore ospita l’omonima chiesa, famosa per le tavole di Tiziano. Palladiana, simile al Redentore, è gestita da secoli dai monaci benedettini che qui vi risiedono. Il campanile della chiesa di S.Giorgio è molto simile a quello di S.Marco. Chi l’ha progettato intendeva ricreare con questi due monumenti religiosi i pilastri di un arco immaginario d’entrata alla città.

48


Nel cuore della Toscana, nella terra dei vini e delle Crete, nella terra delle tradizioni e della cultura popolare, nella terra del Palio, potrete trovare accoglienza da Lorenzini rooms. Saremo felici di ospitarvi nel nostro Bed and Breakfast Lorenzini rooms 1, una piccola e confortevole struttura situata nel centro storico di Siena a pochi passi da Piazza del Campo, ideale per chi vuole concedersi relax e tranquillità senza rinunciare alle comodità del centro storico. Potrete passeggiare per le vie di Siena e lasciare l’auto nel parcheggio pubblico situato vicino al Bed and Breakfast o raggiungere a piedi i mezzi pubblici e le linee extra - urbane per raggiungere anche le altre città toscane. Bed and Breakfast “Lorenzini rooms” Via G. Duprè, 101 ‡ Via Aretina, 158 53100 Siena info@lorenzinirooms.com ‡ (+39) 339 8925080 ‡ tel. e fax (+39) 0577 180082

www.lorenzinirooms.com

Handmade Jewelry and Lampwork Beads www.etsy.com/shop/FairysoulCreations


S

arà che i francesi sono sempre stati più avanti di noi: probabilmente. Sarà che l’egemonia culturale cattolico-retrograda oltralpe si respira con un’aria meno pesante: forse. Sarà che la situazione politica francese è meno ingarbugliata (usiamo un eufemismo) della nostra: sicuramente. Fatto sta che i diritti per le coppie di fatto, da noi abortiti prima ancora di essere votati, in Francia sono una realtà da diversi anni e, mentre il nostrano Bersani

50

annuncia balbettante dei “presidi giuridici” per le coppie omosessuali (cosa vorrà dire?), Hollande ha promesso matrimoni ed adozioni alle coppie omosessuali entro il primo semestre del 2013. Una cosa semplice, chiara, concisa, cristallina. Due parole: matrimonio e adozioni. Si può essere d’accordo o no, ma almeno non è un pasticcio come i nostri PACS o i DICO, acronimi dal suono grottesco il cui unico risultato è stato quello di dividere i partiti e scatenare risse verbali in aula. Ma si sa, qui da noi è sempre tutto molto WPƒJVTWSPJH[VZMVJH[VPUKLÄUP[V

Le iperboli linquistiche della politica italiana hanno il classico odore del “tanto fumo e niente arrosto”. Un fumo che puzza anche un po’ di ipocrisia e di contentino - me lo si conceda - e così, ancora una volta, come nella miglior tradizione italiota, non se ne farà niente, o meglio, non si andrà oltre il barlume di qualJOLWYVTLZZH]HSPKHNP\Z[VÄUVHSSH ÄULKLSSHJHTWHNUHLSL[[VYHSL Il problema vero è che non si riesce ancora, negli ambienti del potere (nemmeno in quelli della sinistra moderata), a parlare di omosessualità come di un semplice


A nessuno importa eppure tutti ne parlano L’unica cosa certa è che non si riesce a considerare l’omosessulaità come un semplice dato di fatto di Nicola Bano

dato di fatto. Non si riesce ancora a concepire le coppie omosessuali come una realtà oggettiva, una realtà che riguarda decine di migliaia di cittadini, che non sono di serie B, e nemmeno di serie C, come qualcuno vorrebbe ancora oggi affermare. Che il nostro sia il Paese delle stranezze lo sappiamo tutti. Così, mentre un omosessuale dichiarato governa una regione come la Puglia e un presidente del consiglio che ha fatto parlare di sé in tutto il mondo per le feste “piccanti” che organizzava in casa sua si potrebbe ri-

legi della casta, il terrorismo, i pre[P WLKVÄSP SH [HZZHaPVUL WPƒ HS[H HS mondo e gli stipendi tra i più bassi d’Europa, abbiamo subito l’avvento del precariato, i disastri dell’amministrazione pubblica elefantiaca e la burocrazia faraonica, i referendum ignorati e le leggi popolari chiuse nel cassetto, gli affari sporchi del Vaticano e la distruzione del sistema scolastico, i terremoti, le accise D’altronde noi italiani abbiamo ac- sulla benzina e il bunga bunga, ma JL[[H[V SH WYLZLUaH KLSSH THÄH le coppie omosessuali, per carità! abbiamo accettato l’entità della Sia mai! Il nostro è un Paese di gencorruzione, delle leggi ad perso- te per bene! Bisogna preservare la nam, abbiamo quasi digerito i privi- famiglia! candidare alle elezioni per la sesta volta, in parlamento non si è riusciti, in tanti anni, ad ottenere nemmeno una legge sulle coppie di fatto. Nemmeno una legge che punisse l’omofobia. No, nemmeno quella! Perché gli omosessuali non hanno bisogno di leggi speciali: gli omosessuali, in Italia, non esistono. Un esempio lampante di amnesia selettiva di comodo.

51


Qualcuno però dovrebbe spiegarmi in che modo le unioni omosessuali potrebbero intaccare l’istituzione della famiglia. Davvero, non lo capisco. Se l’omosessualità diventasse un fatto perfettamente normale, gli eterosessuali, al contrario, non si sposerebbero più?

introduzione dei matrimoni per gli omosessuali potrebbe distruggere l’istituzione della famiglia.

Quando si parla di adozioni, poi, l’ipocrisia dell’Italietta raggiunge le sfumature del grottesco: “Un bambino ha il diritto di crescere con una madre e un padre” affermano tutti “Amore no, sposarsi ormai è ‘na i nostri illuminati professionisti della robba da froci”, risponderebbe il politica (e non solo). Certo, questa ]LYV THZJOPV P[HSPJV HSSH ÄKHUaH[H affermazione è assolutamente inosperanzosa, mentre seduto sul diva- pinabile, o meglio, lo sarebbe in un no in canottiera a bere birra e man- mondo ideale. giare pizza dal cartone dell’asporto, distruggerebbe i sogni di lei, che già Ma vorrei che questi fautori della si vedeva di bianco vestita a varca- morale cristiano-pedagogica facesre la navata principale della chiesa. sero un giretto in qualche orfanatroNo, cadere nella stereotipizzazione ÄV HMYPJHUV L H]LZZLYV PS JVYHNNPV è sempre un esercizio pericoloso e di dire a quei bambini che, certo, indegno: questo, ovviamente, è va- dove sono non hanno nessuna prolido in entrambi i sensi di marcia e spettiva di una vita felice, e che, quindi io, che non amo gli stereotipi, senza ombra di dubbio medicine, TPYPÄ\[VKPWLUZHYLJOLS»L]LU[\HSL cibo, istruzione e vestiti sono cose

52

indispensabili ma, purtroppo, sono beni concessi solo ai bambini che hanno la fortuna di trovare due genitori di sessi diversi che li vogliano adottare e portare in un paese sviluppato. Per carità, meglio lasciar morire quei bambini di fame, o di qualche malattia, che permettere a due uomini (o due donne) di adottarli, dando loro la possibilità di una vita migliore. Il discorso non fa una piega. Così si continua a pensare di poter imporre dei valori etici ad un’intera nazione, la quale non è minimamente interessata alla questione e continuerebbe comunque a vivere la sua vita, come ogni giorno, pacatamente oltraggiata da ben altri problemi come la crisi, la disoccupazione o lo spread.


www.etsy.com/shop/FairysoulCreations

53


Marco, Paolo e Lucia Spinelli

“Esaudiamo i desideri delle donneâ€? Mineralcenter, l’atelier del gioiello: arredamento elegante e rafÂżnato, grandi tavoli in cristallo, per accogliere le loro creazioni e si evince subito che i protagonisti assoluti sono i gioielli. Come nasce la vostra storia? ÂŤRisale a quarantadue anni fa la nasci

54

WD GHO JUXSSR 0LQHUDOFHQWHU D]LHQGD IRQGDWDGD0DULR6SLQHOOL5LFHUFDWRUH FROOH]LRQLVWDHJUDQGHDSSDVVLRQDWRGL PLQHUDORJLDHJHPPRORJLDqGDVHP SUHXQXRPRGLJUDQGLYHGXWHHDSHU WR DOOÂśLQQRYD]LRQH /H HVSORUD]LRQL H le ricerche in ambito mineralogico in PROWHPLQLHUHGHOPRQGRORLQGXFRQR

D VYLOXSSDUH FRQ LO SURSULR SRRO IDPL OLDUH XQœLPSUHVD FRPPHUFLDOH PROWR singolare che si estenderà negli anni a venire nei settori della gemmologia e della gioielleriaª Da Mineralcenter a Spinelli Gioielli (mission aziendale), come convivono passato e presente di questo esempio made in Italy? 63,1(//, *,2,(//, UDSSUHVHQWD LO trait d’union con le nostre origini e le SDVVLRQL FKH FL KDQQR VSLQWR DG LQ WUDSUHQGHUH XQLWDPHQWH TXHVWR OXQJR SHUFRUVR WHFQLFRDUWLJLDQDOH /œRULHQ WDPHQWR GHO JUXSSR q GL PDQWHQHUH IHUPRTXHVWRSULQFLSLRGLFUHVFLWDHGL IDU WHVRUR GHOOH HVSHULHQ]H PDWXUDWH JLRUQRSHUJLRUQRPDFRQXQRVJXDUGR al futuroª


S

ono presenti nelle collezioni Spinelli Gioielli alcune opere che meritano di essere ammirate. H2Rock che è un collier interamente realizzato con cristalli di acquamarina naturale di elevata selezione gemmifera e la collezione “Cinetici” che ha avuto particolare rilievo e riconoscimenti internazionali. Tra questi l’anello “Evoluzione” vincitore del primo premio al Tahitian Pearl Trophy. La ricerca, che è per loro un'importante componente di sviluppo e di crescita, convive ed interagisce con la tradizione. La realizzazione del Laboratorio di Analisi Gemmologiche all'interno dell'azienda ha contribuito a sviluppare l'aspetto scienti¿co e professionale della stessa. Questa è la dimostrazione che le Gemme e la loro selezione rappresentano il loro principale obiettivo.

55


Lucia Spinelli e il tenore Hèctor Hernàndez

da sx : Angelo Montrone Assessore allo Sport Comune di Abano Terme Sabrina Baldan Cons. Comunale / Grandi Eventi e Manifestazioni sp. Mauro Voltolina Presidente Consorzio Terme Euganee Lisetta Sabbion Propr. Hotel President Abano Terme Lucia Paolo Marco Spinelli

UHXQœRSHUDVHQ]DWHPSRHFKHGHEED essere quindi osservata sotto questo DVSHWWR $O GL Oj GHO YDORUH LQWULQVHFR FKH q GDWR GDL PHWDOOL QRELOL H GDOOH JHPPH XWLOL]]DWH VRQR SUHVHQWL GHL contenuti artigianali legati allo stile e alla manifattura non facilmente leg JLELOL /œHVSHULHQ]D DUWLJLDQDOH OœLQQR YD]LRQH VLD WHFQLFD FKH VWLOLVWLFD OD PRGDODFUHD]LRQHVXPLVXUDHLOJX VWR VRQR WXWWL HOHPHQWL LPSUHVFLQGLELOL SHUODUHDOL]]D]LRQHGHOOHQRVWUHRSH Capacità tecnica e artistica, tradi- UH3DUWLFRODUHDWWHQ]LRQHYLHQHGDWDDO Cliente e al lavoro eseguito su richie zione o ricerca verso il futuro? (œ TXHOOR DUWLVWLFR OœHOHPHQWR JXLGD VWD GRYH LQ XQD SLDFHYROH DWPRVIH QHOOD UHDOL]]D]LRQH GHL QRVWUL JLRLHOOL UD WURYDQR VSD]LR OH LGHH H OD ULFHUFD &UHGLDPR FKH ,O JLRLHOOR GHEED HVVH creativaª Siete due fratelli e una sorella, lavorate insieme: la vostra unione funziona? $YYDQWDJJLDWL GD XQD QDWXUDOH SUH GLVSRVL]LRQH SHU LO SURSULR UXROR GL FRPSHWHQ]DODYRUDWLYDLOQRVWURWHDP ³IUDWHUQR´KDWURYDWRSHUOXQJRWHPSR XQDVSRQWDQHDHLVWLQWLYDFRHVLRQHWUD L YDUL DPELWL FUHDWLYR H SURJHWWXDOH DPPLQLVWUDWLYR GL PDUNHWLQJ H FRP mercialeª

56

Voi siete molto attenti al cliente, ed è per questo che avete oraganizzato il Gem Cocktail? /œHYHQWR GHO *HP &RFNWDLO q VWDWR FRQFHSLWRSHUSRWHUPDQLIHVWDUHGHOOH LPSRUWDQWLQRYLWjLQHUHQWLLOPRQGRGHO OHSHUOH,O³IRUVHQRQWXWWLVDQQRFKH´ KD LQFXULRVLWR H VHQ]D HIIHWWL VSHFLDOL VRQR VWDWL HVSRVWL GHL FDSRODYRUL GHO OD QDWXUD GD SRWHU WRJOLHUH LO ¿DWR ,O ULVFRQWURGDSDUWHGHOODFOLHQWHODqVWD WR VRUSUHQGHQWH H PROWR YLYR q VWDWR OœLQWHUHVVHSHULOWHPDHOHLQIRUPD]LRQL SURSRVWHª Cosa trova il cliente da voi e quali sono i vostri progetti per il futuro in


questo mercato cosĂŹ globalizzato, ma allo stesso tempo in continua evoluzione? ÂŤ/D QRVWUD SLFFROD LPSUHVD RSHUD maggiormente nel mercato interno FRQXQXQLFRSXQWRYHQGLWDDG$ED QR7HUPH7XWWDYLDODQRVWUDFOLHQWH ODqLQWHUQD]LRQDOHGDOODSULYLOHJLDWD FOLHQWHODLWDOLDQDDOPHUFDWRHXURSHR D&LQD5XVVLDH3DHVL$UDEL/DUL FHUFDQRQVLIHUPDHGqLQFRQWLQXD HYROX]LRQH &RQWLQXLDPR ULYROJHUH un vivo interesse nei confronti delle SLVLQJRODULPDQLIHVWD]LRQLDVVRFLD te al mondo del design e del lusso VLDLQ,WDOLDFKHDOOÂśHVWHURHDOORVWHV VRWHPSRVLVYLOXSSDQRGHLSURJHWWL GLFROODERUD]LRQHFRQ$UWLVWLH*DOOH ULHVLDLQ,WDOLDFKHDOOÂśHVWHURÂŞ )/

57


Pubbliredazionale

Pensare che era partito tutto dalla necessità di un gruppo di amici che facevano correre i propri cani in un ampio spazio, idea trasformatasi poi in un’originale attività. Dopo un’attenta ricerca nel territorio padovano hanno trovato di recintare un campo agricolo adatto a farci giocare i loro cani. Solo dopo

58

gli è venuto in mente di trasformare questo spazio in un parco che offrisse diverse attività da fare insieme al proprio animale, cosi hanno costruito una piscina di 8 metri per 5 profonda 1 metro e 35 centimetri, con una piattaforma rialzata centrale su cui i cani possono riprendere ¿ato o prendere con¿denza dell’ acqua appena entrati in vasca. A bordo piscina ci sono ombrelloni e lettini, dove i proprietari possono accomodarsi a prendere il sole. Una soluzione ideale per chi ha dovuto trascorrere l’estate in città, ma non ha voluto rinunciare né alla tintarella né alla compagnia del proprio

animale domestico. Nell’ampio prato verde, invece, c’è posto per seguire lezioni di disc dog, agility e molte altre attività, specialmente educative, altrimenti dif¿cili in parchi pubblici, con la garanzia della presenza e della guida di istruttori professionisti. Per questo inverno i ragazzi di Dogland hanno in mente nuovi progetti, proprio perchè questo parco di divertimenti sia fruibile tutto l’anno. Per il momento questa struttura ci risulta essere l’unica in Italia, quindi i proprietari propongono, a chi volesse farlo, un franchising dove mettono a disposizione attrezzatura e licenza, e quindi poter avere un Dogland in qualsiasi città. Dogland, inoltre, ha attivato una partnership con la trattoria Milan-Stardust, che è proprio di ¿anco al parco: per il pranzo o uno spuntino padroni e cani sono i benvenuti.


A DOGLAND trovate: Piscina Campo agility Giochi di attivazione mentale Disc dog Fly ball Preparazione atletica Dog parking (abbeveratorio) Giochi per cani da presa (boomer ball, tug of war, high jumb) Corsi di handling Parcheggio gratuito Videosorveglianza Istruttore cino¿lo professionista Vasta gamma di giochi per tutte le razze canine Abbonamenti parco più piscina Adiacente al parco una trattoria dove il tuo cane sarà benvenuto Serate e ¿ne settimana manifestazioni ed eventi

PADOVA DOGLAND Via Rosa Luxemburg 1 35020 ALBIGNASEGO (PD) Tel. - 333 8505757 www.padovadogland.it padova.dogland@gmail.com

59


MOTORI

a cura di Francesca Lena

Opposti che si uniscono perfettamente

Si prevede un bel settembre, quindi non potevamo esimerci dal presentarvi un altro cabrio, e che cabrio! E poi, onestamente è un’auto che si può guidare tutto l’anno. Abbiamo potuto ammirare che gioiellino ha creato la casa di Stoccarda: la Porsche 911 cabriolet, dove si nota subito che design e tecnica sono inseparabili. Proprio come il comfort e lo sport;

60

non sono una contraddizione e tanto meno una forma di compromesso. Bensì opposti che si uniscono perfettamente Accontenta anche i tradizionalisti, la Porsche 911 Cabriolet è stata dotata di una linea molto simile a quella delle generazioni che l’hanno preceduta e non ha perso i classici cromosomi identi¿cativi, come i

gruppi ottici anteriori rotondi, quelli posteriori in posizione orizzontale, la linea ad arco del tetto, le forme bombate e muscolose. La Porsche 911 Cabriolet gode di un design più sottile, più pulito, meno marcato, più elegante, meno grossolano che in passato. Il passo allungato di 100 mm migliora la stabilità di guida e la dinamica in curva. Un’immagine d’insieme sportiva,


ribadita anche dall’altezza ridotta della vettura e dalla carreggiata allargata anteriormente, nei modelli 911 Carrera di 46 mm e nei modelli 911 Carrera S addirittura di 52 mm. Grazie al passo allungato, anteriormente ora sono disponibili 25 mm in più nella zona delle gambe. Nuova è anche la posizione aerodinamicamente ottimizzata degli specchi retrovisori esterni, collocati ora direttamente sulle porte. A cosa serve ciò? A darle maggiore agilità. Dotata di tetto in tessuto che si ripiega in undici secondi. Le luci diurne

a LED di nuovo disegno aggiungono un ulteriore tocco di aggressività. I progettisti Porsche hanno creato un rinnovato ambiente interno la cui costruzione prende spunto dalla Porsche Carrera GT. Il driver è ora ancora più strettamente integrato con l’abitacolo grazie alla consolle centrale che sale verso la parte anteriore, con la leva del cambio o il selettore marce montati in posizione rialzata, particolarmente vicina al volante, come sulle vetture da competizione. Si possono trovare classici elementi Porsche: il quadro strumenti a cinque indicatori circo-

lari, contagiri centrale con schermo ad alta risoluzione integrato e blocchetto di accensione a sinistra del volante. Non cambia molto a livello meccanico: il motore è ancora là dov’è sempre stato e dove deve essere secondo la tradizione di questa vettura, cioè nella zona posteriore. 911 cabriolet viene dotata di un motore 3,4 litri boxer benzina a sei cilindri da 350 cavalli (Carrera) e di un motore 3,8 litri boxer benzina a sei cilindri da 400 cavalli (Carrera S), abbinati soltanto alla trazione posteriore e ad un cambio a sette marce.

61


Free-Channel e lo streaming Lo streaming è una tecnologia abbastanza recente, straordinaria, in quanto alla possibilità di raggiungere potenzialmente milioni e milioni di persone, in tutto il mondo. La tecnologia della trasmissione di eventi o programmi via web, e, precisamente via streaming, a differenza della diffusione tradizionale via etere, permette potenzialmente di inviare a tutti, nel mondo il proprio Àusso, il proprio segnale, cioè di raggiungere, in teoria, chiunque nell’intero pianeta si colleghi al sito e acceda alla programmazione.

Free-channel è una web-radio tv, e trasmette proprio cosi: via web, e in streaming. Abbiamo già sperimentato, anche grazie ad una importante esperienza maturata in quasi un anno e mezzo di trasmissione, con oltre 60000 accessi sul nostro sito www.free-channel.it, lo streaming anche per eventi in diretta, o per meglio dire, Live. Ad esempio, negli ultimi tempi, grazie all’esclusivista degli eventi stessi, la società di comunicazioni Videobyte srl (www.videobyte.it)

abbiamo realizzato svariate dirette, per esempio, in primavera, abbiamo trasmesso la festa del motore dalla località Casetta, in provincia di Siena, e, ultimamente, molto importanti sono stati i due concerti trasmessi della Banda città del Palio, il 30 giugno e il 14 agosto.

Anche in autunno prevediamo novità, e, molto probabilmente, altri eventi live, da seguire in diretta su free-channel.it. Seguici e scopri le novità e i nuovi eventi che trasmetteremo, e se vuoi contattarci per le dirette, per ulteriori informazioni, scrivici a info@free-channel.it Ti risponderemo al più presto ed in modo esaustivo!

Stiamo partendo con il nuovo palinsesto autunnale. Pertanto, non perderti la nostra programmazione ogni giorno dalle 21.00 alle ore 24.00, dal lunedì al venerdì, e, per eventi speciali, anche nei weekend.


FREECHANNEL WEB RADIO TELEVISION ‡ ‡ ‡ ‡

Canale radio-tv su internet aperto a tutti Streaming live per eventi televisivi in diretta Servizi videofotogra¿ci per ogni evento Postproduzioni videogra¿che

S.S. 223 loc. Ponte a Macereto 53015 Monticiano (Siena) info@free-channel.it

www.free-channel.it 63


a cura di Donna Saba

Croce e delizia dei suoi frequentatori Rubiamo solo un paio di righe alla nosta amica donna Saba, esperta di galateo, prima che vi indichi le regole di bon ton sul social network più famoso e frequentato: Facebook. È la croce e delizia dei suoi frequentatori. Fb, così viene abbreviato, per molti è diventato una droga. Sono quelli che la mattina insieme al caffè fanno un giro nel social per leggere cosa c’è di nuovo e mandano messaggi di buongiorno con le immagini più disparate, dalla semplice tazzina di caffè con brioche, a foto di cuccioli di cani o gatti o luoghi paradisiaci che non hanno, ovviamente, mai visto personalmente. Nella vita reale non è così (per fortuna aggiungiamo noi): provate ad immaginare se la mattina mentre pensate già alle mille cose che dovete fare durante la giornata vi attaccaste al telefono per augurare a tutti i vostri amici il buongiorno (non esiste persona su facebook che non abbia meno di 300 amici). Andiamo per ordine: le richieste d’amicizia. Provate a pensare che un emerito sconosciuto vi bussi alla porta di casa e vi chieda: “Vuoi essere mio amico?” Come la vedete? La frase: DFRVDVWDLSHQVDQGR" Se qualcuno vi

64

chiede a brucia pelo cosa pensi, nove volte su dieci o rispondete nulla o se non siete di buon umore, la risposta è: fatti i fatti tuoi… e in più attenti a chi legge i vostri pensieri! SuperÀuo dire che fb per un single è come una miniera d’oro. Si può anche chattare, ma c’è chi lo fa con tre o quattro persone contemporaneamente, non crediamo che riusciremmo a parlare mai, nella vita vera, con più di una persona allo stesso momento. L’ultima invenzione di fb? Il diario, odiato da quasi tutti, ci sono persone che neppure quando erano adolescenti ne avevano uno. Certo, scritto così per coerenza tutti dovremmo cancellarci da fb, ma siamo convinti che il suo inventore Mark Zuckerberg, in primis, non prevedeva questo successo incredibile, e secondariamente, forse, facebook serve per confrontarsi, per far arrivare più velocemente una notizia (vedi il terremoto in Emilia, dello scorso maggio, la notizia è giunta prima dell’ansa), per dare sostegno ed aiuto a chi ne ha bisogno, alla ¿ne ha un suo perché.


L’ultima invenzione di Fb? Il diario, odiato da quasi tutti. Ci sono persone che neppure quando erano adolescenti ne avevamo uno Ora, passiamo la “tastiera” all’esperta. Come si diceva, ogni comunità si dà delle regole, anche se nonscritte e codi¿cate, nel tempo assumono valori che non ammettono deroghe nei confronti dei partecipanti al gruppo. E’ il caso di Facebook, per il quale si sta formando un “galateo” nato dalle esigenze e dalla sensibilità degli iscritti, che è bene conoscere per salvare la propria reputazione. Le principali “regole” che attualmente sono seguite dal popolo di Facebook sono state codi¿cate da :ired, che le elenca sotto forma di “errori da evitare”.

Attenzione agli auguri E’ una precauzione importante soprattutto per gli amici “virtuali”; ovvero nei confronti dei pro¿li che non corrispondono a persone che si frequentano nella vita reale. Scrivere sui pro¿li degli altri per le festività classiche o per il compleanno, inviando doni digitali e altri messaggi è azione che deve essere ben ponderata, in base a quanto è stretto il rapporto con l’amico virtuale, limitandola ad un solo messaggio per ricorrenza.

Gestire le offerte di amicizia Come ha previsto, Mark Zuckerberg, ri¿utare un’amicizia è segno di scortesia, quindi per non inserire una persona tra i propri amici senza che si offenda è preferibile ignorare la richiesta, mettendola tra quelle “in attesa di approvazione”, dove resterà a tempo inde¿nito. Si evita quindi di dover rispondere alla imbarazzante domanda “Perchè mi hai ri¿utato l’amicizia su Facebook”, fonte di inevitabile imbarazzo. La differenza tra il ri¿uto e l’attesa di conferma è talmente forte che sul web si trovano consigli su come fare per vedere se l’amico interpellato ha ri¿utato la richiesta di amicizia (sul suo pro¿lo compare l’indicazione “Aggiungi agli amici”) oppure l’ha messa in stand-by (compare “Amicizia in attesa di approvazione”).

una cena tra amici, dove non si parla per tutta la sera dello stesso argomento.

Sei gradi di separazione E’ nota l’ipotesi che, comunque si scelgano due persone nel mondo, esse sono collegate da soli “sei gradi di separazione”. Tenere conto di questo dato nel determinare la privacy del proprio pro¿lo: se lo si lascia visibile agli “amici degli amici”, si possono veri¿care episodi incresciosi. Infatti le “amicizie in comune” possono raggiungere persone con le quali non si vorrebbero condividere notizie o con¿denze che potrebbero irritare o dispiacere.

Attenti alle vacanze Condividere una vacanza con i propri amici virtuali è bello, ma è una questione di darsi dei limiti: una o due foto e qualche commento può andare bene, diverso se si postano decine di informazioni al giorno. Con il rischio, inoltre, di essere rintracciati e raggiunti da qualche amico presente in zona, con il quale non si desidera avere un contatto così “da vicino”. Rispettare la privacy degli altri: i tag (foto, presenza in un luogo, status) sono un elemento molto pericoloso nel rapporto tra persone. Infatti, chi viene “taggato” potrebbe avere imbarazzi con i propri contatti Facebook, magari perché ha mentito su dove realmente era, e allora la “classica” strategia di “negare ¿no all’evidenza” fallisce totalmente.

Evitare di scrivere in maiuscolo. Leggere un testo in maiuscolo è meno agevole che leggerlo in minuscolo. Per questo motivo le maiuscole sono limitate ai titoli o ad altri brevi testi, al massimo una riga o poche parole. Già dall’avvento delle email, scrivere in maiuscolo un intero testo è considerato l’equivalente di mettersi ad urlare: un’azione maleducata, da evitare accuratamente. Lavoro e vita privata devono essere tenuti distinti. L’esistenza di numerosi social network dedicati alle relazioni professionali non è stata intaccata dall’avvento di Facebook: perché tutti sanno che il lavoro si gestisce su una piattaforma diversa da quella su cui si racconta l’ultima vacanza, si condividono le canzoni preferite e si dicono, a volte, un po’ di sciocchezze. Tenere separati i due “mondi” è il modo migliore per non avere problemi.

(YLWDUHGLULSHWHUVLDOO¶LQ¿QLWR Che siano le puntate di un serial tv o le azioni della squadra del cuore, è bene variare i propri interventi, non essere monotematici, si sarebbe giudicati dei “¿ssati”. Per scrivere su Facebook ci vuole fantasia, varietà di argomenti da condividere, ironia: esattamente come ad

65


Staff di

Magazine

Direttore Responsabile

Aldo Oliva direttore@aldooliva.net Condirettore

Francesca Lena francesca.lena@gmail.com Fotoreporter – Reportage -Servizi

Elisa Ragazzi ragazzi.elisa@libero.it Clima e Ambiente

Nicola Bano nicola-bano@alice.it 5HVSRQVDELOHJUD¿FR

Volete ricevere Intervista magazine in abbonamento, comodamente a casa vostra, dovunque vi troviate, in Italia o nel resto del mondo? Basta inviare una mail a: abbonamenti@intervista.ws oppure mandaci un fax al seguente numero: 049 628974 In maniera semplice e veloce vi spiegheremo come fare. Non vi deluderemo!

Alice Calore Allegro allegroa@alice.it In questo numero: Francesca Lena, Elisa Ragazzi, Nicola Bano, Aldo Oliva, Roberto Roverselli Foto di copertina di David Prando Foto di copertina Toscana fonte: www.bandacittadelpalio.it Redazione Siena: Piazzetta Vecchia, 4 - MONTICIANO Redazione Padova: Via Giovanni XXIII, 21 - NOVENTA PADOVANA Per la vostra pubblicità su Intervista Magazine, contattare: pubbli@intervista.ws Stampa: Poligra¿ca S.r.l., via Friuli 29, Dalmine (BG) www.quippe.it EDITORE Find out edizioni, Piazzetta Vecchia, 4 53015, Monticiano (Siena) www.intervista.ws “Iscritto al registro degli operatori di comunicazione al numero 21716 . Iscr. del 1 dicembre 2011”

66

Anno I - n.4 - Settembre/Ottobre 2012 Chiuso in redazione il 31 Agosto 2012


Diventa MANAGER

di Ti senti innovativo, innovatore, “creatore di soluzioni”? Hai un’ottima capacità di problem solving? Hai idee esaltanti, positive e concrete allo stesso tempo? Vuoi metterti alla prova? Contattaci! Potresti far parte del nostro Staff! Se hai gli stimoli giusti non esitare! Info@intervista.ws

,00 €3

€2 2,8 80

Magazin

g

A

Mag

azin

e

v. in (con

A B SIEN a 1, DC 1, comm

27/02 /20

s.p.a. - Sp

=HSLU[P (NUVSL UH [[V

Italiane

7YVMLZ ZPVUL! ILSSPZ ZPTH

006639

2000

3

Poste

UVUZ VSV=LU LaPH

3 0020 09

Magazine

- D.L.

stale

nto Po boname e in Ab

3 002009 006639

09

20 3 00

2

00

20

IYLSS LLSS V

39 0066

J YPU0U *L0U[ SWYV NYVZZV* *PPUH UH

edizion

bb in A one dizi

Spe

a. -

s.p.

liane

e Ita

Post

ta ot ib r a G r te t is o o rv ni ep te In nto tor A ho p .. a.

U; n¹P rra e YKP[ ¸:V gu n: e la e a t r g t a is l t o or an d ep R fgh ha i A J la

353/2

20003

003 (co

ale

- D.L

Poste Italian

nv. in L.

3/20

03

e s.p.a. - Sped

UP VaPV <UHK PLT [HK VUUHJOOLZH JVZH]\VS Z L W MH [LT \UH HSH ¸3V OHUUV KL[[V YLN L PU O [L J SL]PZPVUL¹ V HU aaV PLSZ[ [H J)H V \U Ä HNH ÄUL ZL[[PTHU :HU KLS <UY H PWL LK\UVT LYYH

Post

i ahstr r Sa ae M

46) ar t.

+HQQHUH 9VUJPVU

04 n°

izione in Abbo

20 04 /02/ L. 27

z

. 35

a

aV U L Y 3V [HUu 7H

ento

g

e

onam

M

a

in

) ar n° 46

t. 1,

namento Posta

com

ma

1, D

CB

le - D.L. 353/2

SIE

NA

003 (conv.

in L. 27/02

/2004 n° 46)

Ma

e

in az

a 1, DCB SIEN

60 1,

art. 1, comm

e

(ULZZ \U [\[[PUL VPTWVY[HL WW\YL 3HTPH W HYSHUV HY[L\ UNYHU KLNPV JVWLY IHTI PUP

Visita il nostro o sito www.intervista.wss Visita la nostra pagina su Facebook cebook (Intervista magazine) e diventa nostro fan


Bijoux di Natalia Bovi natalia.bovi@email.it

Donna di cuori


Intervista Magazine 4