Page 44

vitigno ritrovato Con il “Leopoldo IGT” di Fattoria Santa Vittoria riscopriamo l’antico sapore del “pugnitello”, uno degli autoctoni toscani a bacca rossa meno conosciuti ma capace di regalare un concentrato di sensazioni inedite.

di Federico Dini 44

onosciuta e giustamente apprezzata nel mondo soprattutto per i suoi blasonati fuoriclasse a base Sangiovese e relativi cloni, la Toscana è in realtà una terra capace di regalarci tante altre grandi soddisfazioni anche attraverso i suoi autoctoni cosidetti “minori”. E’ il caso ad esempio del “Pugnitello”, una rara varietà di uve a bacca rossa che, soprattutto se vinificate in purezza, danno vita a “chicche enologiche” tutte da (ri)scoprire. Storicamente questo vitigno “nasce” ufficialmente soltanto nel 1981, quando fu rinvenuto in località Poggi del Sasso, in provincia di Grosseto. Prima di allora infatti, non esistevano fonti certe relative alla provenienza di questo vitigno, il cui

Profile for WebAndWine

I piaceri della vite v dicembre 2017  

Advertisement