Page 32

Toccata e fuga alla scoperta del patrimonio enologico del messinese, terra di separazione tra Ionio e Tirreno: due mari generosi che regalano alla viticoltura del territorio il clima ideale per valorizzare al meglio alcuni tra i più importanti autoctoni della Trinacria. a cura di Giuseppe Caprì

Sommelier e appassionato comunicatore del mondo del vino e del cibo

32

l territorio della provincia di Messina ha una lunghissima storia vitivinicola e se oggi può fregiarsi di essere una delle zone più ricche dell’antica Trinacria dal punto di vista propriamente enologico, lo deve anche a condizioni pedoclimatiche molto favorevoli. Ubicata lungo l’estremo lembo nordorientale dell'isola, questa ridente provincia non ha soltanto infatti la fortuna di essere l’unica ad essere bagnata da due mari (a nord il Tirreno e sul lato orientale, attraverso lo Stretto, lo Ionio) ma anche di godere anche dell’influenza benefica di ben due catene montuose, i Monti Peloritani e i Nebrodi. Condizioni ottimali per chiunque voglia perpetrare una viticoltura di qualità.

I piaceri della vite v dicembre 2017  
New
Advertisement