Page 1

Copertina di Annalisa Fulvi

pag.

pag.

Anno 1 N. 09 /giugno 2011 - Periodico settimanale - Editore e Proprietario: eBookservice srl C.F./P.I. : 07193470965-REA: MI-1942227. Iscr. Tribunale di Milano n. 324 del 10.6.2011.

www.iocome.it

pag.

numero

autore

09

22 Kids sign: pag. i disegni

dei bambini

10 eBook: ancora

un’eresia

Maturità? 16 Che confusione

“Napule è 14 mille culure”


numero

09

“Milano in metamorph” annalisa fulvi. Artista Contemporanea. Nel suo lavoro artistico vi è un forte legame con la realtà urbana in cui vive e con la società con cui si confronta. Sempre più evidente è la crescita del fenomeno urbano e la sua centralità nell’impostazione dello schema sociale contemporaneo. Viviamo nell’era in cui la trasformazione tipica del mondo riguarda sempre più lo spazio, la sua percezione a livello fisico e virtuale, il mondo continua a urbanizzarsi, le aree metropolitane occupano sempre più spazio e tutto ciò viene accompagnato dalla constatazione di una trasformazione che non da segni di voler cessare. Le sue opere fanno parte di un processo costantemente in atto nello studio del gesto, delle sovrapposizioni cromatiche, delle trasparenze e di un segno che non nega un certo rigore nella costruzione spaziale. Raffigurazioni che oscillano tra apertura e chiusura, tra un’interiorità segreta e una verità rivelata.

GHIGGINI 1822 Via Albuzzi, 17 | Varese galleria@ghiggini.it www.ghiggini.it


in copertina

Milano in metamorph

Milano in metamorph II, 2011, tecnica mista su tela, 80x100. Annalisa Fulvi (Milano 1986)


09

numero

autori

sommario

Francesco Borrasso |

8

Una ventata d’aria fresca Cristina Bove |

14

“Napule è mille culure” Giancarlo Sali |

20

L’elisir di una vita felice

rubriche 6

Letture estive | L’intervista |

10

a Natascia Pane Il vortex |

16

Confusion 2011 di Giorgio Ginelli Estratto ‘Dizionario affettivo’ |

di Masal Pas Bagdadi Appuntamenti |

24

Sezione scrittura “ABICIZETA” 2011

22


editoriale

L’Energia delle parole Non è una novità, lo sappiamo tutti che il sole ci aiuta a sentirci meglio. Anche le parole possono farlo. Credo che proprio a questo valgano gli sforzi di Giancarlo Sali, che attraverso i suoi scritti aiuta le persone a esplorare il mare dentro se stessi per trovare il modo di valorizzarsi al meglio. Condivido quest’idea e dal mio punto di vista la fonderei addirittura con la tesi di Stefano Zamagni, che nel suo saggio Economia ed Etica affronta il tema dell’inclusione sociale e della valorizzazione della persona, partendo da questa per costruire un nuovo modello di socialità, economia e condivisione. La persona debba essere allo stesso tempo sia il punto di partenza che il fine ultimo; anche se può sembrare banale e filantropico, credo che quest’anno la storia ci abbia dimostrato come

www.iocome.it

l’indifferenza (anche dei governanti) nei confronti dell’altro non possa che essere una strada senza uscita. A mio parere, il primo modo di stare insieme e condividere, una parola; un’emozione e creare un idem sentire che ci accomuni come uomini, in cui l’identità personale possa trovare il migliore mezzo per realizzarsi a pieno. Noi che viviamo delle emozioni delle parole, chiediamo a voi lettori emozionati, di condividere le vostre sensazioni più belle consigliando le “letture estive”. Da lettore e lettore vorremmo creare un spazio, una sorta di “bacheca” su questa rivista dove voi, vi prendete il vostro spazio per consigliare un emozione attraverso un libro. L’iniziativa è aperta, vi ascoltiamo. Buona Lettura. Marika Barbanti

5


Il peccato di Pasquale Festa Campanile: la guerra, la religione, l’amore, la passione e, soprattutto, la morte. Tutto questo raccontato in modo “giusto”, senza eccessi, concessioni o parole inutili, in un italiano perfetto e chiaro. Libera scienza in libero Stato di Margherita Hack. Giustamente, dichiaratamente schierato.

Riccardo consiglia ...

Diari Breve Vorrei saper comprimere le parole nei concetti come fa Flaiano. Diario Notturno è un orbitare attorno al mondo di uno scrittore, già contemporaneo negli anni ’70. Fulmineo e bruciante vi tormenterà con aforismi e racconti brevi, con esperienze altrimenti così lontane, ma comunque intime e ordinarie. Nel Diario degli Errori sarà Flaiano a muoversi per il mondo, mostrandoci le contraddizioni del colto viaggiatore, che brama la fuga da unʼItalia mai veramente patria, se non nei riflessivi momenti di lontananza, per poi riscoprire di nuovo il senso di disagio dovuto a un rientro, alla fine, inconcludente. Flaiano è un autore esperienziale e ci offre un percorso adeguato a scoprire la nostra saggia italianità. Mai così attesa come nellʼestate di cui si attende un nuovo vento.

6

www.riccardotommasini.com

09

numero

letture estive

Michelle consiglia ...

Chi me l’ha fatta in testa? di Cerner Holzwarth, Wolf Erlbruch Un geniale libricino da tenere a portata di mano quando arrivi a casa la sera e pensi “Che giornata di merda!” Mandami a dire di Pino Roveredo Bello. Un romanzo scritto come se fosse dipinto, un quandro con colori vivi, pastosi, pennello piatto, con l’armonia simmetrica della tela di ragno. h t t p : / / w w w . a n o b i i . com/015c3387c37a7ce03d/books

Consiglia i libri estivi! Quale libro ti ha emozionato di più? Manda a

redazione@iocome.it

una mini recensione di 5 righe e il link a un tuo profilo.


numero

09

Autori Una ventata d’aria fresca Il passato e il futuro

Le regole di Kaliel Tre coppie si stanno godendo un’estate magica. Giulia e Josh, Stefano e Cristina, Sally e Andrea. L’estate è al termine e Cristina propone agli amici un gioco da fare in riva al mare: “Bisogna prendere uno specchio e portalo all’alba sulla spiaggia. Giunti lì quando il sole sta per nascere ogni persona dovrà guardare negli occhi del suo adorato e accadrà qualcosa che farà realizzare i nostri desideri”. I sei accompagnano alla lettera gli ordini di Cristina. Dopo alcuni minuti appare qualcuno dal nulla e parla ai ragazzi. Tutti e sei cadono svenuti sulla sabbia. Al risveglio, ognuno è ormai lontano e nessuno di loro riesce a ricordare cosa sia successo nell’ultimo giorno e perché si siano divisi così bruscamente dai loro rispettivi fidanzati...

8

Isbn 978-88-6438-152-7

F

rancesco Borrasso è nato a Caserta nel 1983. Già all’età di dieci anni tenta di riadattare su carta alcuni episodi di cartoni animati che guarda alla televisione. A quindici anni scrive il suo primo romanzo breve che rimane nel cassetto, lo da in pasto solo ad amici e parenti senza pensare che a quell’atto di creazione ci possa essere un seguito. Si avvicina al mondo del cinema frequentando la scuola di cinema e spettacolo napoletana Pigrecoemme. Si diploma in regia cinematografica e gira numerosi cortometraggi. Intanto, nel 2007 esordisce con il suo primo romanzo dalle tinte horror, De Arcanis a cura della casa editrice Magnetica Edizioni. Nel 2008 il suo racconto Tenebria, viene inserito nella raccolta di racconti Vaults 2008, edizioni Ferrara. Nel 2009, il racconto La notte nera, viene inserito nell’antologia Racconti sepolti, edizioni Il Foglio. Nell’Aprile 2009 esce il suo secondo romanzo che ha tinte fantastiche e gotiche, Giorni senza luce, a cura della casa editrice 0111 Edizioni. Nel dicembre 2010 esce il suo primo romanzo a

Pagine 246 • € 18,00


Francesco Borrasso

Il fulcro delle sue opere è l’uomo e il suo inconscio... distribuzione nazionale nelle librerie. Le regole di Kaliel, a cura della casa editrice Zona. Un romanzo che tratta delle paure, dei ricordi, delle difficoltà e dell’amore. Ancora una piccola influenza di paesaggi gotici si riflettono all’interno del testo. Il romanzo diventa un piccolo grande successo, ottenendo recensioni ottime su Leggere: Oubliette Magazine, Il mattino, La gazzetta di Caserta. Il liceo scientifico Garofano di Capua decide di proporlo a quattro classi in lettura e il tutto sfocia con un incontro studenti scrittore davvero emozionante. Le sue prime influenze letterarie si ispirano agli scritti di Lovecraft e Bradbury, per poi virare su modelli quali Paul Auster e Cavina. La sua eccessiva emotività dirige il suo percorso letterario a scrivere poesie sui temi più disparati. Autore dunque di prosa e poesia, ma è difficile dire dove riesca meglio. Le poesie sono potenti e come dice lo stesso autore rappresentano “lui” senza filtro. La prosa è classica, dotata di uno stile alquanto visionario, che ricorda autori

www.iocome.it

di fine Ottocento. Borrasso è un artista molto sensibile che dona alle sue opere, appunto, un velo di romanticismo, che il lettore più sensibile non può non recepire. Spesso dalle sue opere nascondono messaggi metaforici che racchiudono un dolore latente che è poi il fulcro della sua opera e la linfa per lo sviluppo dei suoi soggetti. Il suo scopo è quello di far giungere al lettore qualcosa che vada fuori dalla mera narrativa e questa è una cosa che può essere apprezzata solo da chi cerca di scavare affondo tra le sue pagine. Il fulcro delle sue opere è l’uomo e il suo inconscio, il singolo essere umano con le sue speranze, le sue rimembranze e le sue fobie. Il passato e il futuro. Temi principali di questa sua ultima opera. Borrasso è per definizioni di critici, uno scrittore Romantico, nel senso più ampio del termine. In definitiva Borrasso cerca continuamente nelle sue opere di gettar fuori dall’anima tutto quello che lo attanaglia, gioie o dolori, plasmandoli a piacimento. Un autore”nuovo” come affermato dalla critica letteraria Marzia Carocci, un autore, secondo sempre la stessa Carocci che porta nel campo letterario una ventata d’aria fresca. Francesco Borrasso

9


Literary Manager Contrappunto

A

vendo vissuto diverso tempo all’estero, a Bruxelles, dunque nel vero cuore dell’Europa, ho potuto toccare con mano quotidianamente la distanza, anche concettuale, che esiste nel campo dei diritti digitali fra l’Italia e i Paesi più ‘avanzati’ tecnologicamente del Nord Europa. La ‘Foire du livre’ di Bruxelles, per esempio, così come il ‘Salon du livre’ di Parigi, presentano da tempo spazi, quando non padiglioni, interamente dedicati alle pubblicazioni in eBook, con numerosi eReaders a disposizione del pubblico di visitatori delle due fiere. è tutt’altro che raro incontrare il libro digitale anche nelle librerie, a fianco dei ‘tradizionali’ volumi cartacei. Non parliamo poi di ciò che ho potuto constatare negli USA: tornata da poco dal BookExpo America di New York, sono stata piacevolmente ac-

10

09

numero

l’intervista

Il mondo digitale è ancora ‘eresia’.

colta da una quantità, inimmaginabile da noi in Italia, di IPad e tablets diversi. In mano ai passeggeri della metropolitana, nei bar dell’aeroporto JFK, e soprattutto nella borsa di ogni publisher e literary agent con il quale abbia lavorato in America. A New York sono stata contattata da diversi editori che, oramai già da anni, sono nati assumendo come core business proprio il libro digitale, e stiamo iniziando a compiere diversi passi in questa direzione con loro per gli scrittori che gestiamo in Italia e all’estero. Un panorama molto diverso da quello che abbiamo conosciuto in patria, dove l’editore che metta al centro dei propri interessi il mondo digitale è ancora quasi, permettimi di dirlo, ‘eresia’.


Natascia Pane

L’editoria digitale rappresenta uno dei volti del futuro... Quale normativa nazionale o europea disciplina e tutela i diritti d’autore digitali? Di questo argomento, fino a non molto tempo fa, si parlava poco, e male. Ora, nella rincorsa italiana a chi ha compreso già da tempo che l’editoria digitale rappresenta uno dei volti del futuro, è cresciuto in maniera esponenziale il movimento di discussione su questo tema, con convegni e fiere dedicate come mai prima d’ora. C’è comunque ancora un gap molto forte tra gli addetti ai lavori, che si stanno specializzando in editoria digitale e gli utenti finali, che sono

ancora in Italia davvero in numero esiguo. A livello di normativa, i punti più dibattuti sono essenzialmente due: la tutela del diritto d’autore in rapporto a internet e alle nuove tecnologie e conseguentemente il fenomeno della pirateria e la sua difficoltà di controllo con questi mezzi. La legislazione è ancora sul nascere, e questo non aiuta; ma sotto questo profilo, lo stesso nostro diritto d’autore ‘tradizionale’ italiano è davvero troppo datato. Come vengono gestiti i contratti digitali? Clausole aggiuntive o contratto ad hoc con sezione specifica? Finora, per i titoli che gestiamo per i nostri scrittori, ci siamo mossi con contratti ad hoc dedicati ai diritti digitali. Proprio per la fase embrionale di normativa dedicata alla materia, ho preferito mantenere distinti i due campi, sia per quei titoli i cui diritti digitali vengano ceduti dopo una pubblicazione cartacea, sia per quei titoli che stiamo facendo nascere direttamente in digitale. Ci sono differenze economiche e contrattuali tra diritto d’autore tradizionale e quello digitale? Si può fare un esempio? Le differenze, perlomeno quelle che abbiamo incontrato fin qui, sono a

è l’inizio ‘vero’ dell’evoluzione... www.iocome.it

11


tutti i livelli: posso dirti che il nostro approccio è quello di considerare il diritto digitale più come un’entità autonoma, che come un aspetto del diritto d’autore comunemente inteso. Con i nostri editori di riferimento nel campo, cerchiamo di strutturare e ‘riscrivere’ ad hoc gli accordi per i nostri scrittori anche in questo senso: produzione, distribuzione e promozione di un libro digitale sono un mondo davvero a parte e penso vada trattato come tale. Qual è la posizione delle case editrici su questo argomento secondo la tua esperienza? Dipende da nazione a nazione, come ti dicevo in apertura, o meglio: da continente a continente! Vorrei presto poter dire, da italiana che si muove nel mondo, che il nostro Paese raggiungerà presto una sua forte dignità anche in questo campo. Per ora, siamo ancora lontani. Aldilà delle normative, come di fatto si garantisce la tutela del diritto, solo attraverso il DRM? è stato affascinante negli States vedere quante menti informatiche si stanno unendo su questo punto per nuove prospettive di tutela, non solo giuridica ma anche tecnica, del diritto d’autore: per ora, il DRM rimane il più conosciuto. Voi quale utilizzate di solito per le vostre opere? Perché? Pregi e difetti. Finora ci è stato proposto sempre il DRM, ma è all’America che guardo per aggiornamenti anche su questo fronte.

12

Natascia Pane

09

numero

l’intervista

Ci sono stati casi in cui l’autore nonostante le clausole non è stato ben tutelato? Finora no, per fortuna; piuttosto, è sulla promozione che cerchiamo di entrare in sinergia diretta con gli editori digitali, e sugli anelli delicatissimi che compongono il processo di distribuzione. Cosa consigliereste a uno scrittore che vuole esordire con un eBook? Di diventare anzitutto un fruitore di eBook e di non affidarsi mai in nessun caso a editori che si sono solo improvvisati in questa direzione. Qual è a tuo parere la situazione legislativa in Italia, come e in che direzione vorresti che evolvesse? Potrei intrattenerti per ore! Più semplicemente, non è tanto la direzione ciò a cui pensare ora, ma il concetto stesso di evoluzione, ancora stagnante. è l’inizio ‘vero’ dell’evoluzione, che auspico anzitutto. Speriamo, nel nostro piccolo, di contribuire. Marika Barbanti


Scopri la NUOVA rivista ORA on-line!

www.iocome.it


numero

09

Autori “Napule è mille culure” Il rispetto per la libertà

A diciotto anni mi suicidai (non “tentai” il suicidio, come comunemente si dice, perché non avevo sperato né previsto di sopravvivere). “Viva per miracolo dopo un volo dal quarto piano” titolarono i giornali. A vent’anni incontrai un ragazzo gentile, dal nostro matrimonio sono nati i nostri quattro meravigliosi figli.

14

Attraversamenti verticali In Attraversamenti verticali sono contenute poesie che sintetizzano l’inerpicarsi tra le pareti della percezione sensoriale e quelle dello spirito. Ho voluto oltrepassare la soglia del mio pensiero circolare per avventurarmi in quello verticale, sperando che possa condurre oltre il dedalo della quotidianità, verso una dimensione agognata se pure ignota. Perciò ho preferito affidare le mie considerazioni ai versi, servendomi del linguaggio poetico che amo definire “esperanto dell’anima” in quanto comprensibile a tutti, condivisibile da tutti.

Isbn 978-88-7606-238-4

S

ono nata a Napoli nella strada più caratteristica, quella delle botteghe dei pastori per il presepe. È lì che ho imparato a plasmare l’argilla e poi a scolpire. Malgrado un’infanzia triste, ho sempre cercato l’aspetto gioioso della vita. Ho imparato prestissimo a leggere ed ero affascinata dalla scrittura. Non ho potuto seguire studi umanistici, verso cui ero portata, per un insieme di circostanze che non lo permisero. Intanto, però leggevo molto, di tutto, onnivoramente. Non potendo acquistare libri mi iscrivevo alle biblioteche. Dipingevo e scrivevo poesie. Alcune furono pubblicate sul quotidiano Il Mattino.

Pagine 110 • € 10,00


Cristina Bove

... ho imparato a plasmare l’argilla e poi a scolpire... spetto della diversità sia un valore fondante tra gli esseri umani”. Ancora giovanissimi trascorremmo circa tre anni a Tunisi, dove fu allestita con successo la mia prima personale di pittura. Tornati a Roma, la cura dei figli e della casa occupava le mie giornate, per cui mi ritagliavo di notte il tempo per leggere, dipingere, scolpire, scrivere. Ho partecipato ad alcune collettive. È mia la scultura in bronzo che occupa un’intera parete nell’atrio dell’hotel Sabbiadoro a S. Benedetto del Tronto. Il mio interesse principale è stato occuparmi d’arte in genere e di letteratura. Vicissitudini e traversie non hanno avuto mai la meglio sulla mia spinta creativa. Ho cercato sempre la connessione a una dimensione altra, e la mia ricerca in tal senso non è ancora finita. Ho affrontato malattie e interventi chirurgici dolorosi che hanno messo a dura prova la mia resistenza fisica e psichica. Ciononostante, con mia grande sorpresa, malgrado una salute precaria, vivo ancora e posso dedicarmi continuativamente alla mia grande passione, la poesia. Mi cito: “Mi sento testimone del mio tempo e della mia esistenza. Amo la libertà e la giustizia, penso che il ri-

www.iocome.it

Grazie a Internet ho conosciuto persone meravigliose che hanno creduto in me e ho potuto così pubblicare tre raccolte d poesia con la casa editrice Il Foglio letterario. L’apertura di un blog mi ha dato modo di avvicinare scrittori e poeti di valore la cui stima è per me il più grande riconoscimento. Devo a Renzo Montagnoli l’essere stata proposta a Gordiano Lupi, un editore che pubblica senza esigere contributo e che ha deciso di editare le mie sillogi. Sulla mia poesia, preferisco dare la parola a Francesco Marotta: “…La poetica di Cristina Bove è un attraversamento lucidissimo della grande tradizione italiana novecentesca, ma a (testa sempre molto alta), guardando ‘avanti’ e non ‘intorno’. L’intorno suggestiona e, inconsciamente, finisce per legare il ‘passo’ alla fascinazione dei modelli, dei monumenti, o dei ruderi, splendenti che popolano il paesaggio circostante; l’avanti è la fedeltà più intima e conseguente alla ‘propria’ cadenza, al timbro della ‘propria’ voce…”. Cristina Bove

15


09

numero

il vortex

Confusion 2011 L

a prova dell’esame di stato della scuola secondaria superiore coincide (si fa per dire) con l’inizio del cammino che conduce a quella condizione che, in antropologia sociale, viene definita maturità: la prova d’esame è fondamentalmente vissuta come un rito collettivo di passaggio, in cui i protagonisti hanno un ruolo precostituito e, a quanto pare, immutabile nel tempo. Da una parte i docenti i quali, negli anni a loro disposizione, hanno cercato di costruire un modello culturale che dovrebbe servire a lanciare gli studenti nel mondo del lavoro o degli studi superiori, e dall’altra, per l’appunto, gli studenti tutti schierati in attesa. Il fatto che le prove d’esame, a volte e spesso, sembrino essere in controtendenza con quello che un insegnante si è prefigurato di plasmare per i suoi studenti, credo ormai sia divenuto una regola. Mi spiego meglio. Non so quale sia l’oscuro male interiore che ha portato i docenti che elaborano le tracce ministeriali a proporre per quest’anno argomen-

16

ti decisamente retorici e decadenti a ragazzi di più o meno vent’anni, che si presume abbiano tutta una vita di speranza davanti a loro. O comunque, se non proprio di speranza, tutta una vita da costruirsi ex-novo, magari sulle macerie dei loro tredici anni passati nei banchi. Ragazzi che si sono visti proporre quest’anno, tra le quattro tracce del saggio breve un’argomento decisamente forte: “Amore, odio, passione”. Tre parole che rischiano di evocare l’amalgama della stessa pulsione. Adrenaliniche, ormonali, viscerali.


Giorgio Ginelli

Una serie di sentimenti troppo confusi nella moderna realtà... “Sviluppa l’argomento scelto o in forma di «saggio breve» o di «articolo di giornale», utilizzando, in tutto o in parte, e nei modi che ritieni opportuni, i documenti e i dati forniti”, recita la consegna per la Tipologia B. Andiamoli a vedere, questi dati forniti. Tre quadri: Gustav Klimt, Il bacio (190708); Giorgio De Chirico, Ettore e Andromaca (1917); Pablo Picasso, Gli amanti (1923). Quattro brani letterari tratti da: I promessi sposi (1840-42) di Alessandro Manzoni; La Lupa (in Vita dei campi, 1880) di Giovanni Verga; Il trionfo della morte (1894) di Gabriele D’Annunzio; Senilità (1927 con prima ed. 1898) di Italo Svevo. Contributi notevoli, senz’altro. Anche difficili. Va be’, è un esame di stato, la difficoltà potrebbe essere ammessa. Ma qui sono difficili perché ormai

www.iocome.it

retorici. Che costringono lo studente a destreggiarsi e a perdersi, invece di tirargli fuori l’intelligenza (che è il vero scopo del rito collettivo di passaggio). Ma veramente la scuola per condurre una rifles- sione su queste importanti pulsioni a un giovane di vent’anni riesce a porgere solo questi modelli? Spero vivamente che gli studenti abbiano utilizzato veramente solo “in parte” i documenti proposti; documenti che con grande fatica uno studente di vent’anni del XXI secolo (il terzo millennio) può ricondurre ai suoi concetti di amore, odio e passione. Una serie di sentimenti troppo confusi nella moderna realtà quotidiana per essere decrittati da brani di opere scritte alla fine del’800. Ad aumentare la confusione l’accostamento di tre pittori che proiettano il tema quasi alle soglie della modernità e nei quali, a onor del vero, solo una

17


devianza patologica di chi analizza può riconoscere l’odio. C’è di tutto dalla sensualità alla prosaicità con un excursus in cubismo e futurismo, ma sviscerare l’odio dai tre quadri è quasi impossibile. A differenza dei brani letterari proposti, nei quali forse tutti tranne Svevo, ne contengono una stilla.

Montale

Giorgio Ginelli

Che può fare uno studente davanti a tanta confusione? Lo si costringe a redigere un panegirico, per dimostrare così la sua padronanza della critica, oppure lo si obbliga ad arrischiati itinerari arzigogolati nei quali rischia però anche di perdere la strada. Insomma, a questo punta la traccia ministeriale avrebbe potuto essere: abbiamo pescato in archivio i nomi più consolidati e ve li abbiamo proposti. Tiratene fuori voi un senso. L’importante è parlare d’amore (perché ne abbiamo tanto bisogno) con un po’ di passione. L’odio riservatelo per noi, che siamo così contorti.

Un po’ di amore discreto e forse più prossimo al nostro millennio: da Satura (1971) di Eugenio Montale.

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino. Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio. Il mio dura tuttora, né più mi occorrono le coincidenze, le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede che la realtà sia quella che si vede. Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio non già perché con quattr’occhi forse si vede di più. Con te le ho scese perché sapevo che di noi due le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate, erano le tue.

18

09

numero

il vortex


CUCINA CHEF POMODORI DOMICILIO CARCIOFI BISCOTTI CARPACCIO FOOD CASA CURRY PESCE VILLA CATALANA CONFIDENZE CULINARIE

TONNO DESIGN RISO NERO TANDORI VASSOIO BANANA ACCOGLIENZA GAMBERI TAVOLA SPUMANTE FOTO CREATIVA SERVIZIO POMODORI VINO FIORI CIOCCOLATO MENÙ FINGER COLTELLI NOCCIOLE PIATTI FUOCO POLPETTE COUS COUS PASSIONE MERCATO CILIEGE CENA STAGIONE AZIENDA SPAGHETTI OSPITI PRIVATO PEPE AMICI

La serata

con i tuoi ospiti o gli amici

direttamente a casa Tua la professionalità e la passione di uno chef che ti cura il menù con i tuoi piatti preferiti

ti organizza la spesa viene a casa tua e cucina direttamente, accoglie i tuoi ospiti e li serve con armonia si occupa dell'ordine della tua cucina e ti fa sentire protagonista della serata rimanendo in compagnia e in allegria

Degustiamolo!!!

ROBERTO GRANDI Chef Privato mob.331 5719633 roberto@chefprivato.com

www.chefprivato.com


numero

09

Autori l’elisir di una vita felice Il risultato è sempre positivo

La sua seconda passione è la formazione e lo sviluppo delle Risorse Umane. “Oggi viviamo in una società che pubblicizza 24 ore al giorno la propria crisi e i propri fallimenti, e per riuscire a superare questo stress psicologico e materiale conseguente, dobbiamo comprendere come le risorse presenti dentro di noi vadano valorizzate per riuscire a vivere in maniera felice. Tale lavoro non viene incentivato dalle istituzioni come esse do-

20

e per il cuore

Poco meno di 300 aforismi motivazionali, di crescita personale, ma anche dolci, romantici, riflessivi sulla vita e le persone. Non manca nel testo una critica tagliente al «Sistema» e a quelle istituzioni che non aiutano di certo le persone a realizzarsi durante la propria esistenza. Non perdete l’occasione di leggere massime e consigli, che ci aiuteranno ad aprire la mente e il cuore a una vita già da domani diversa e potenzialmente più appagante.

Isbn 978-88-9655-947-5

G

iancarlo Sali, è un giovane scrittore di 30 anni. Ha sempre avuto la passione per la scrittura, all’interno di una cultura poliedrica che lo ha portato a optare per il liceo scientifico sperimentale prima, e a laurearsi brillantemente in Scienze Politiche dopo, in una facoltà che comprendeva al suo interno materie così diverse tra loro, ma allo stesso tempo tutte molto importanti per la sua formazione personale: filosofia, sociologia, storia, economia, informatica. Lavora presso una multinazionale d’informatica e nel tempo libero a disposizione scrive di calcio e di politica.

Aforismi per la mente

Copertina di ©Gianluca Giuliani Pagine 64 • € 8,00


Giancarlo Sali

“Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel Mondo”. vrebbero fare e allora sta a noi renderci disponibili a un impegno maggiore”. In concomitanza con l’uscita di questo libro, lavora altresì alla pubblicazione di due saggi: uno di sport e l’altro appunto sullo sviluppo delle risorse interne a ogni individuo. Nella vita di tutti i giorni, fa proprio il motto di Gandhi: “Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel Mondo”. Giancarlo scrive da sempre, ma la vita oltre modo frenetica nella quale si imbatte fin da subito dopo l’adolescenza, dove ha coniugato lavoro e università, hanno fatto in modo che restasse solo una passione fino a quando una persona, lo ha spinto indirettamente a rendere organica una delle tante idee editoriali che aveva, fino alla sua pubblicazione. I pensieri, i tratti emotivi e psicologici che lo hanno accompagnato nella scrittura di questo testo è stata la gioia, soltanto questa, per una soddisfazione personale che sta condividendo e che

continuerà a trasmettere a tutte le persone intorno a lui, comprese quelle con cui non ha avuto rapporti idilliaci (la dedica che trovate all’interno del libro è significativa a tale proposito) in passato. è stato difficile coniugare tutti gli impegni con la scrittura di quest’opera perché il tempo a disposizione era esiguo, ma quando si fa qualcosa con piacere e le giuste motivazioni, la fatica non si sente e il risultato è sempre positivo. Un ringraziamento particolare lo devo ai miei genitori perché se lo meritano! La distribuzione adottata per il libro è quella delle librerie on-line che hanno in catalogo l’opera. A Roma è presente in due librerie su strada. http://www.libritalia.net/shop/libri/aforismi-per-la-mente-e-per-il-cuore Giancarlo Sali

www.iocome.it

21


numero

09

estratto

Q

adulti che si prendono cura dei piccoli. Il dizionario “gioca” su due fronti, le voci dal punto di vista dell’adulto e quello del bambino in quanto vi è un rapporto di condipendeza permanente tra di loro. Non ho dubbi che i genitori siano capaci in modo del tutto naturale di provvedere ai maggiori bisogni del bambino, ma so anche che spesso si trovano in difficoltà a capire o a interpretare

uesto dizionario affronta le principali voci affettive che riguardano i bambini dalla nascita ai tre anni di età e degli adulti che si prendono cura di loro. Il materiale che espongo parte dai primi mesi di vita per dare una lettura più profonda della relazione adulto-bambino, la fascia di età presa in considerazione, da 0 a 3 anni, è quella dove si crea la base psicologica e fisica della formazione del carattere. In altre parole la possiamo definire il fondamento della “casa futura” di un individuo. Avere familiarità con il linguaggio affettivo significa capire più facilmente i bisogni del bambino che cresce, anche nelle fasi successive, ed entrare in empatia con lui. Il mio punto di vista psicologico si basa sulla consapevolezza che nei legami d’amore viscerali, in special modo quello tra genitori e figli, si trasmettono messaggi consci e inconsci involontari che condizionano il rapporto stesso. Spero di toccare nelle voci del dizionario i punti più importanti della relazione adulto-bambino per chiarire dubbi e le ansie che tormentano normalmente gli

22

Pagine 240 • € 12,00 ISBN 978-88-0975-983-1


www.iocome.it

Masal Pas Bagdadi certi comportamenti infantili che ai loro occhi risultano semplicemente capricci. Per esempio non capiscono perché il bambino pur avendo fame non mangi, o come sia possibile che il piccolo che muore di sonno non voglia dormire, e cosi via... Per affrontare bene la crescita dei piccoli bisogna essere consapevoli che il bambino dalla nascita è già un individuo a sé, capace di pensare, di sentire, e di recepire il mondo che lo circonda con le proprie “antenne” e con la propria intelligenza. Mi piacerebbe sradicare l’idea comune che basta diventare genitore per capire le esigenze complesse del bambino e farlo crescere bene. Il genitore, oltre a garantire l’amore costante, deve intuire e interpretare i messaggi che il piccolo gli trasmette per garantire il suo benessere psicofisico globale. Il bambino, per sua natura, è in continuo movimento sia psichico sia fisico ed è necessario “corrergli dietro” e adattarsi ai suoi continui cambiamenti, un comportamento che andava bene una settimana fa non funziona più la settimana dopo e bisogna inventare un’altra strategia e soprattutto capire che cosa è cambiato dentro di lui.  È un compito faticoso e contemporaneamente molto affascinante. Ci vuole una dose di curiosità e passione per entrare nel mondo intimo del bambino e scoprire che cosa desidera comunicare dietro le sue storie e i suoi atteggiamenti che spesso sono indiretti, confusi e incomprensibili per la mente adulta. In realtà diventare genitori, non garantisce automaticamente il patentino di “bravi genitori”.

Non mi stancherò di ripetere che bisogna ascoltare e accogliere i messaggi che il bambino ci comunica senza banalizzarli: il bambino nel suo disordine mentale, ci trasmette eventi esterni e interni a sé senza distinzione, ma che hanno comunque un senso per lui e che vanno interpretati. Il mio approccio ai bisogni essenziale di grandi e piccoli si è formato e raffinato con il passare degli anni diventando come un “codice” da applicare nei punti cruciali della giornata. Ho acquisito molta dimestichezza con le problematiche che incontrano i genitori con i loro bambini, e gli interventi che suggerisco sono semplici ed essenziali, tali che ogni genitore può applicarli con successo a modo suo, tenendo certamente conto delle diverse esigenze di ogni bambino. Il dizionario dà voce alle questioni che riguardano la normalità dei comportamenti  nell’adulto e nel bambino, escludendo patologie di ordine fisico o psicologico. Masal Pas Bagdadi

www.iocome.it

23


numero

09

appuntamenti

Sezione scrittura

10 luglio

Lo stage di Scrittura Narrativa si propone di offrire un’opportunità di alto perfezionamento orientata a formare autori in grado di competere e di sfruttare appieno le proprie risorse creative. Svolto in stretta interazione con gli Stage di Teatro, l’obiettivo è quello di offrire un quadro il più possibile completo e articolato sui ‘’casi’’ dello scrivere. Per questo, gli incontri spazieranno dalla narrazione pura alla scrittura per la scena (teatrale come cinematografica). Per informazioni Associazione Culturale ArteVita Via Taggia 30 - 10134 Torino. Dal 10 luglio al 31 luglio - dal 18 luglio al 31 luglio. Mobile: 333 8472925 - 338 5861729

I lavori degli allievi verranno pubblicati su rivista. Inoltre, al termine dei corsi l’allievo ritenuto più meritevole sarà premiato con un contratto di edizione che avrà ad oggetto la pubblicazione di una sua opera per i tipi di Neuma Edizioni Argomenti del corso: alla base dell’architettura narrativa; l’idea narrativa; punto di fuga; testi e sottotesti; incipit e finale; fra incipit e finale; personaggi, dialoghi, descrizioni, scene; estetica della narrazione; scrivere (per) pubblicare.

24


31

luglio

PREMIO INTERNAZIONALE DI NARRATIVA “ABICIZETA” 2011

A… ammaliami con i tuoi sogni B… batti sulla tastiera delle tue emozioni C… coinvolgimi nella musicalità dei tuoi racconti Z… zampilla ai miei occhi come solo tu sai fare

Si può partecipare con opere inedite di narrativa in lingua a tutte e due le sezioni: SEZIONE NARRATIVA BONSAI: si partecipa inviando uno massimo tre racconti bonsai. SEZIONE NARRATIVA: si partecipa inviando un’opera di narrativa. Non ci sono limiti di genere narrativo: prosa, diario, noir, fantasy, lettera, e qualunque altra forma narrativa. ORGANIZZAZIONE: inviare 1 copia cartacea, e una copia per e-mail o floppy disc o cdrom; per garantire l’anonimato le opere non dovranno avere né sigle né motti, né segni di riconoscimento. LA COMMISSIONE: sceglierà per ogni sezione fino ad un massimo di dieci finalisti. In una seconda fase verranno scelti i vincitori delle due sezioni. PREMI: al primo classificato sezione bonsai /narrativa verrà donata una targa coppa o medaglia del premio; pubblicazione di un quaderno autocopertinato di 24 pagine, recensione del testo. L’autore riceverà 50 copie del testo. Al secondo e al terzo classificato sezione bonsai/narrativa verrà donata medaglia, attestato, proposta editoriale. Dal 4 al 10 classificato sezione bonsai/narrativa : medaglia ,attestato. La premiazione sarà prevista in data ottobre 2011.

Per informazioni ABICIZETA 2011 - domenica 31 luglio alle ore 23.30 01 agosto alle ore 2.30 - Via stazione snc 04026 Tremensuoli (LT). www.memorialsparagna.com irenesparagna@gmail.com Mobile: 393.6593511- Sparagna Irene www.iocome.it


26

Io come Autore


Io Come Autore È una rivista di Ebookservice Srl Redazione-Amministrazione Direttore Responsabile: Giorgio Ginelli Responsabile Editoriale: Marika Barbanti Responsabile Approfondimenti: @eldica66 Art Director: Simona Gornati Graphic Designer: Laura Rinaldi

Via Po, 44 - 20010 Pregnana Milanese Tel. 02/93590424 - Fax 02/93595614 redazione@iocome.it Ufficio Pubblicità: Tel 02/93590424 - Fax 02/93595614 commerciale@iocome.it Avvertenza Ebookservice Srl non si assume la responsabilità

sul contenuto degli articoli che resta a carico degli autori, i quali lo inviano a titolo gratuito senza ricevere alcuna ricompensa in merito. In caso di pubblicazioni parziali del testo, resta l’impegno della Redazione di non modificare i dati o distorcerne il significato. Ebookservice Srl sarà libera di non pubblicare testi in contrasto con le leggi italiane vigenti.

Copyright Tutti i diritti di proprietà intellettuali relativi ai contributi inviati alla Redazione (testi e immagini); sono soggetti al copyright dei rispettivi autori e delle Case Editrici che ne detengono i diritti. Testi e fotografie non saranno restituiti.

www.iocome.it

27

Io Come Autore  

Rivista dedicata agli autori

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you