Page 7

N° 01 05-05-2011

particolare, tanto che il critico letterario autore della prefazione, Luca Bonistalli, ha affermato che “sperimento con la lingua”. Ciò in quanto il linguaggio, seppur in prosa, è poetico ed evocativo, teso e intenso, musicale e incalzante, con un’attenzione particolare al complesso e ricco mondo interiore dei personaggi. Lo stesso titolo del libro Rime vaganti, fa riferimento proprio alla mia originale vena stilistica, una prosa ricca di assonanze e allitterazioni, che vanno e vengono, quando per rafforzare, quando per smorzare la tensione narrativa, rendendo ciascun racconto un universo circolare, con i propri ritmi e i propri equilibri.

Nelle mie opere cerco di descrivere e rappresentare non solo i fatti, ma anche i sottili legami che concatenano gli eventi, condizionati sia dalle circostanze oggettive che si verificano, come dallo stato d’animo e dalle particolari caratteristiche dei protagonisti. La ricerca di scavare nel variegato e multiforme mondo interiore dell’animo umano è, quindi, un tratto peculiare della mia scrittura, che non si limita a una narrazione appassionata degli accadimenti, ma approfondisce anche il lato più intimo e oscuro del complesso e spesso contraddittorio mondo dei sentimenti, inducendo il lettore a riflessioni che trascendono il mero svolgersi della trama. La narrazione diventa, dunque, il punto Io come Autore

N°01

di partenza per ulteriori e più profonde considerazioni, che non si fermano ma oltrepassano il singolo personaggio, fino a investire tematiche universali ed eternamente attuali. Narro storie tenere e violente, che si spingono a rappresentare il cuore e l’anima dei personaggi nel flusso continuo della coscienza che si materializza in parole concrete e allusive, concatenate da metafore e allegorie di denso inquietante simbolismo. Così, le azioni come i pensieri dei protagonisti, mentre vengono narrate in sequenze noir e fantasmagoriche, restano sempre sospesi tra Terra e Cielo, in una costante tensione verso il Trascendente ed è proprio questo forte richiamo all’interiorità che accomuna le vicende, sebbene molto diverse tra loro. Un altro elemento che mi caratterizza sono i dialoghi: incisivi ma allusivi, ricchi ma diretti, serrati eppure cadenzati. è un mare che avvolge, una scrittura elaborata ma senza zavorra, dove le parole quasi si toccano tanto sono forti.

Io Come Autore  

Rivista dedicata agli autori

Advertisement