Page 1

{what}? Quante volte ascolti una canzone, guardi un’immagine o leggi qualcosa e la tua mente vola verso luoghi altri, diversi da dove ti trovi?! Sono cose che hai già dentro di te e che vengono stimolate. Ti regaliamo quattro biglietti per quattro viaggi in luoghi altrui.

ISSUE#0

Questo è l’esperimento: abbiamo formato quattro gruppi composti da tre persone. L’idea è questa: uno comincia (con un testo, una canzone o un’immagine) e gli altri come in una staffetta, partono da dove è arrivato l’altro per andare avanti nel processo creativo. Bisogna essere abbastanza coraggiosi per partire dalle emozioni di qualcun altro ed arrivare a parlare di sensazioni solo tue. Quello che vedrete è il risultato. Magari vi ritrovate nelle visioni dei partecipanti. In fondo sono cose che già conosci. Serve solamente lo stimolo giusto.

illustration Leonora fortunati


V

la mia gambe e ie m le e un nder o scr it to oglio pre h i T . o p he tem o pe r s e n r per qua lc lt e a r i i t d r a o p bisogn testa e avolo erché ho p , o t r st r a su l t a o P « m o t la t l e e in b bigli sbeccata. o lasciato la l ’h L ia . g » o a iv n ta z z i tir mi v a nel to la t ua t o s , a sor pres a u n t i c a L u c . o della on r isvegli ora qui c to i l t uo c a n n a i i g s a s a m u abit Ho im role. Se t a p ie m leggere le un e ci fosse s e m o c , or sa me. o con sca le di c le o d io. A r r iv n g e g c ia S v l i to per Abuntamen braccia. p p le a o n g u r , posto e. A lla di questo o a l ma r n o n fi i t a t n a i m h te del la macc r rei no le set o S . ssuno. Vo le e o n s l ’è i c n io bracc da no e lli. Invec e pe r s t r a e e p t a a t c s i ’e o d u ait giovedì doper me f r io z a p to questo s t o u t n u e e o r d a trov el mon ntar mi d e t n o c c a dov rò sedi li ndino. sot to ai nza acce e o s n a lo t r s a e f r v rò te r ni felici, cqua v uo ’a d e li nostr i gio ig I t bot iedi e sieme alle n i a n i o i t uoi p h n c a c c a n a m m la del za: scot to u na s t a n e. Su l cr u n c i c e a t n r o a s c r ue pe e a lle on è laylist. «D p e ini, che n u t d n le a b ia r o r a l’ u nel ra ar t nna, l’a lt o d a n u nte.» u na è ce, né nie s e p é n , né car ne

i o u t i o n a an c m . o t t s t i o l y c a s l u p r Sul c ell’aria le tue piedi e n

I QUARTIERI “Nebulose”

a n i h c c a m esta on so u q a e r i Vorrei di tu, perché io n «Decid scegliere.» ossimo lgia a l pr nosta e questa r ia c s la Dov rò

hé io i t u , pe r c id c e l. l i D « r g a auto cc h i n uesta ma q a e r i d Vor rei n i 50 liere.» hiede og c g e i c t s i o d s r e non sielli v i u n a po on i car t d c n e a r d p a r , t e s rezion L’auto e u na d i r e li g e c s metr i di aia. fianco i p una cor s io li m g e l c a s o , zione or ron a strada, c macchin la la l o e g d n o u L nestr in a. vo da l fi a d montagn r a la u g r e e p h c o i m e sag g ar tiva forchet te le quando p e e r li l d e a p lt e i co di mio a ledevo ch r c e i me anche n n n o a c i 4 t r o e Avev to av v rei volu A . o r e s s a s i s po s mia io padre, lo so. m o s s i, e g d g a ia , v lora la ano quei rascurato t r e mi manc v a E i ione d ssicula sensaz o H . a s e n za a u n t i h e c c e r a d ma ti cchia m i casellan A e u na ve . m e o g c a r a a it un g mia v llana rci re i n m a t r no. Case ia c io s g la n o e u n b io raz i d i re to a i voglia d n un let i a m lo e o s n ie o non v e lasciat fa l’esser i m i ha o le s r , e lo v o s e rdo ch te sono n mi r ico o n io e e due piazz umano.

to a t n e m u a to io è n g u g a p d n e u p o l I vers o t t i r i d e io vado che non vedo. e olo» com

figli con Dio, i a V « e s uars ice i che ci g n a or rei mi d ic V r e m o lm a n la man i br ut ti fi e o c u q o d n i n a e ia, qu succed er pigr iz p e t a t s ando. ’e l telecom diamo d i un e r a v o r at to ver so o it r i m d ia c o s d io va non r iu trafentato e m u a no di un è la r io a g p g a io d e d Il p la ra r tivedo e a l a nel ma n v o li n o l’ e h e c m . punto oli, co su l pa lco . Siamo s o ’è ic c m n o o c n e un fico che u na aiati, com p s i n i costo in z c l a A c . i o e n i r m t ni, co fines gr ido da l o e mi v ie t o n L e v » o i! r t m cio con «A mate sotnza e pis e g r e a, le dico m n g ’e a d t n la o o piazz so me la m anto pen avanti a t D n i . e é r h e c r id pe ne da r E sor r ido .» lo o s o n o tovoce «s ero». w or d s «Sono lib ai l a Gi as Rossel

#1 photo Luca Schettino


Vincenzo melke lanza “Carnival Massacre”

io c c a r b b a un a r u d a? s o t o n c l a u Qua q ire d l o u v e ch

C

u n a co s a e r a r u d e anto dev ne hissà qu disposizio a u t a Sono na or tanza. v remo u p a m i e s e r à s e Chis per av coni l cuore. r e p e ba essere b a e it d v a s la o pe r e sta c continua z a . S e qu o n e m d a ia c s s s i o data d pure p darci. poco op o r t darci. A n n e a m a o t a d su m ci e a a chieder i c r la r a re a p more stor ia d’a a m i s e n en saremo l’ hissà se C to. consuma gn i i faccio o m e h c e and ste le dom se fossero e e u q m o o c n i o s S i, qua r mi o gli occh r p a si abit ua a s n e e v p o p d a e o s gior n ome n , qu a s i c oi resta i p ia r ò o r e m p e e m ea c h un pro r no, ea. Un’id id l’ l a r re. I l gio o o it c b s u s o n a r d si n i l gio he ano che incer to c m n io a z i m n i a l’ : con potenz tinuo i l gior no e m o , col con c le o o s m l ia i s , già se c’è con e piove o issuto o s v i e a o m t i is a già v non s voi quanto d a ig ire con la r n a fi ls l a u f s la e su l sa enti re qua lco povolgim a ia c b i m is a v c v r io, pe impro n l’aguovo iniz n i d ’è, ma co ia m s o e c h ì s c o a c gli nte esat tame lo r e iv iv r . o pe r r iso in più r o s n u i giunta d w or d s il l o peccer i g i u l GI an

#2

illustration Eleonora Antonioni “jeux d’enfants”


on e i z a s n e s La stessa un macellaio che mi doàilluminato. retr

i u c n i o t pos n u n i i m Porta cresce l’addio. il non at to t ut to

da racc i pe r s t r a i di o P a s a pe z z c a o t r o io, mi p e quar te e z necessar r e t i d ti redamen verv ite e ar antità in u q a n u at ra cui metr i qu per sone i a le a n ropor zio anti amente p s spole gig i d a s e a c m ri osì mia co di lac patir ne c a sar tor ia rati della n i d u d i o d v i o un sac a r s lo e entre i i co Non pen dia lfat ti ch lo di t ut t i dico m fi m m i i , d più. Così h e c r e c a d a s e r p r e c i v i i a t c a t d tu r non a lfam sone ar retrate tanto, di cor na, pe delle per inese che bus più m i, c le o t i n c u n r a a a i f o t d r s li pe i secon in que amente delo: usiamo sciandom sono su l ho v isto m la definitiv , ia à e c t t re le fi la a it a d c r n i t a la o , o a à n n t le o u cit e s zione on trappo gola, to della che se n legar ti c lia a lla , in dota tenderci r a ig e s p p o r i e t r a u i k e vod , ch r i. Opp meno ca s a sbagliata vomitare questione mpianti e ebbe nem i r r e la o it ate a una r r e le e lo m o m i c s le e o n n c o n n co iscioli l conche ggio an cit tà che lampade tener ne i gelide e sot ti li str i si s t a i p e d n ia e c e c p r a i a r c c b r e ,es e a ce a re et ta a za più weekend mor si ch di impar e m i a sp h io c h c net ti sen is i r b l u i r à d i o r a i r d co he m qu a r a. to for se piscia ac sazione c n e s a s s le ne. ere La st re to, que le tabelli essione. o di r isolv t to semp r v e i llumina p e o m d r t e u r e t r c i e is amo, iellaio Mentre io pro Quando c tà par tec un mac non vogli li e ia h c quando a c o é s e h n i c r d r a e i c p e m d , e nd oble titi r i ma c i ve lo che ve i miei pr vedo accon i ves sveglia p sea e poi e i t t u la a li e n ’e i d i c ic y , r t i lato g u sta do i llimet un par e r co a le assim che ci dis oc c h i m se, finen pando a m s a li o b r g r sporco, c e e f e p r r n a e o c p s m i i r iu ld le lo so e ra i l p i che elt i i co spendere sbagliati, ucciato t in luogh l’inizio d c ia di t ut e c r le c i a a f d ib r s a s la i l po nde e di r it ollare che ci re a r ubare nta lment . e o n m a ve r m i s c v o a d it r . n e o o le n m n o le t a o lo pe r nte v i s ca dell’arcob nemmen gior nata pecialme la traspor ta s , u a t v li e r a t ofar men t ua s overò I l t ut to tr ip e psic dosso la d i a d b i, sando tr t a t c o n r i . i r t o t n e ia pia lasc so c h che piene di ntemente llineati quando a ie p a e s t i n e a h mi p e r fe t t a m e sta . maci che ogget ti or i di qu on li ig m ie r cui n no sto racconta n posto in u in i m a Port dio. cresce l’ad w or d s ELISA SECCO

H

COLAPESCe “Fiori Di Lana”

ne r i t a p i d o v a s n e p n tti i No u t i d , o t così tan i malfatti. pacch

#3 Anna Maria Saviano tecnica mista 100x70


Sembrava che anche le piante temessero nel germogliare.

Architetture.

“Q

Lentamente chiuse la valigia per l’ultima volta ed in silenzio se ne andò.

uell’odore cronico di fumo mi era così familiare; quegli occhi sperduti e profondi erano così lontani dal mio modo di essere. Eppure era un’attrazione così insana e inevitabile” lui pensò mentre prendeva le sue cose. “Accarezzarle i capelli scompigliati mi regalava un’emozione indescrivibile, sfiorarle le guance pallide in quei repentini movimenti mi faceva andare in paradiso. Dio, quanto avrei voluto sussurrarle dolcemente il mio amore in quei momenti, ma quella corda che mi si stringeva alla gola era così stretta… avrei volentieri sopportato il dolore ma sapevo che quelle parole le avrebbero fatto doppiamente male. Perché non era mia. Ho desiderato la sua pelle bianca più della primavera, del pane ancora caldo, del vento fresco che accarezza i ciliegi. Cosa avrei dato per amarla, per stringerla e per dirle che ero disposto a sanguinare tutta la vita pur di averla.

Ed invece ce ne siamo stati zitti, in quella stanza. Uno accanto all’altra a contare i nostri impercettibili respiri che a malapena si sfioravano prima di dissolversi nella soffocante aria della stanza buia. Abbiamo lasciato andare via quell’occasione che ci avrebbe cambiato la vita. You are beautiful and you are alone.” Lentamente chiuse la valigia per l’ultima volta ed in silenzio se ne andò. “Ti ho lasciato nella tua confusa rabbia in quel letto ancora caldo, dormivi irrequieta. Quanto eri bella. Quanto eri sola. E lo sarai per sempre.” sussurrò. Piccola creatura, mentre l’ombra del tuo angelo strisciava via, lentamente, sul muro bianco, non sapevi a cosa pensare. Facevi finta di dormire, mentre lui se ne andava senza coraggio. Volevi piangere, volevi fermarlo un’ultima volta, appoggiare il tuo pallido viso sulla sua forte spalla. Fissarlo con serietà per poi scoppiare a ridere insieme. Fumare l’ultima sigaretta insieme.

OSCAR CINI “O”

La casa sul lago ormai era disabitata. Sembrava che anche le piante temessero nel germogliare negli angoli del tuo appartamento. Se i muri della villa avessero potuto parlare. Forse avrebbero arrossito prima di prendere la parola e dar sfogo a tutte le loro fantasie più esilaranti. Tutte sgretolate sotto il peso del vostro amore affannato, le ante delle porte. Cara X. Era impossibile. Era inevitabile. I timidi sorrisi nell’abbracciare il vento. Nell’incrociarsi casualmente alla sera e nel far l’amore sul prato bagnato vicino la recinzione che delimitava il vostro mondo dal resto. Aspettare la primavera seduti con un fiore giallo tra le labbra sui gradini dell’ingresso. Piangere col viso nascosto dal parapetto del balcone della tua camera da letto. Essere accarezzata e consolata poi dalle tende agitate dalla brezza estiva. L’architettura del vostro amore. Il vostro affetto privo di fondamenta. Sterile. Impercettibile. Demolito dal soffio delle vostre realtà. Le emozioni decadenti avvertite nei vostri corpi freddi. Un suono sibilante nelle vostre orecchie. Sordi al richiamo della ragione. words KEI ALFANO

#4 photo Roberto preradof


Gianluigi Peccerillo

Lies - Oscar Cini

Eleonora Antonioni

È metà dancelikeshaquilleoneal più altri progetti paralleli sparsi per il web. Tutto musica, mirtilli e tuttapeperlizia.

Vive nella umida Avellino, quando non ha nulla da fare produce musica e se trova il tempo la suona anche ogni tanto. Scrive recensioni di gruppi semisconosciuti sperando che un giorno qualcuno scriva di lui.

È un’illustratrice fumettista, disegna ovunque e vive a Roma. Ha un diario e un sacco di cose da fare. Sovente dice: “il signor Atac manda i figli a scuola grazie a me” infatti è sugli autobus per tornare a casa che da libero sfogo alla sua antropologica ricerca sugli esseri umani.

http://dancelikeshaquilleoneal.tumblr.com/ Rossella Giasai Vive e lavora a Napoli, è una delle fondatrici della cheap industry. Legge un sacco di libri, cuce, colleziona orecchini, cucina solo quello che le piace e si fa troppi problemi. http://cheapindustry.blogspot.com/ http://www.cheapindustry.it/ Federica Russo Vive a Roma, ma non si sa tanto di lei. Pare che sia un art director che fa colazione con la musica, cena ingerendo pacchetti adobe e dorme fra lenzuola su cui si ripetono freneticamente i simboli command-Z. In un’altra vita era Rossella Ohara, nella prossima vorrebbe essere Mara Maionchi. http://federicarouge.tumblr.com/ Kei Alfano Vive e lavora a napoli, nonostante gli occhi a mandorla. A volte mette i dischi, trasloca e scrive le cose che le vengono in mente su dei quadernini piccolini mentre ascolta musica triste. http://divop.tumblr.com/ http://www.myspace.com/keialfano keialfano.info@gmail.com Melke - Vincenzo Lanza Canta, balla e recita tutto malissimo. Suona, passa i dischi, fa siti web e cerca di fare il simpatico.

bios

http://www.myspace.com/melkemusik melke@hotmail.it behance.net/melke http://soundcloud.com/melke http://www.lastfm.it/music/Melke

http://soundcloud.com/liesonlies http://soundcloud.com/hardtopronouncedanceteam http://soundcloud.com/signal-signal http://www.myspace.com/liesonlies http://www.myspace.com/hardtopronounce Elisa Secco Vive e lavora a Milano con poca convinzione. Convive con un unicorno e due pesci che tiene in un tupperware. Adora Boris Vian e i vecchi film francesi. Si nutre solo con pop-corn, ama il Crystall-Ball, i gatti della fortuna cinesi e Morrisey. www.elisasecco.com Luca Schettino Con la precoce perdita dei capelli decide di non voler fare il contabile tutta la vita e si mette a fare foto. Ha una visione complicata della vita, dell’amore e del suo conto in banca.

http://eleonora-antonioni.tumblr.com/ http://eleonora-antonioni.blogspot.com/ Leonora Fortunati Vive a Piacenza, ma è un po’ cittadina del mondo. È una nigga inside e come tutti i veri nigga legge prima di addormentarsi libri di cucina. Come i veri nigga ha paura del buio. Fa tante cose complicate rendendole semplici. http://www.flickr.com/photos/leonorrra La musica nel progetto #1 è de “I Quartieri” http://42records.bandcamp.com/album/i-quartierinebulose La musica nel progetto #3 è di “Colapesce” http://42records.bandcamp.com/album/colapesce

www.lucaschettinostudio.com Anna Maria Saviano È “un’artista visiva” (pare si dica così), insegnante precaria e un sacco di altre cose annesse-e-connesse freelance. Praticamente, vive di espedienti. http://www.premioceleste.it/annamariasaviano http://www.saatchionline.com/profiles/index/ id/19196 http://www.giovaniartisti.it/anna-maria-saviano La sua opera è votabile qui http://www.premioterna.it/#work/ergon

Roberto Preradrov Usa il suo vero cognome, anche se nessuno ci crede. Si diletta a fare battute che lo costringono a ridere da solo e a scattare fotografie. http://redsoxpugie.tumblr.com http://www.flickr.com/photos/29632519@N05/ design FEDERICA RUSSO

dancelikegiasai  

dancelikegiasai

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you