Page 1

I volti della Puglia che produce

MECCANICA


PER INFORMAZIONI SULLE ATTIVITÀ DELLA REGIONE PUGLIA A SOSTEGNO DELLA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Puglia Sviluppo S.p.A. SPRINT Puglia SPORTELLO REGIONALE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

I v o l t i d e l l a Pug l i a c he p rod u ce

Via delle Dalie, angolo Via delle Petunie Zona Industriale – 70026 Modugno (BA) Italia Tel. +39 080 5498811 sprint@regione.puglia.it

PER INFORMAZIONI SULLE ATTIVITÀ DEL DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA MECCANICA PUGLIESE C/o Confindustria Puglia Via Demetrio Marin, 3 70125 Bari Italia Tel. +39 080 5010600 distrettomeccanica.puglia@gmail.com

1


Il settore della Meccanica 8 12 14 16 22 26 28 30 34 36 44 46 52 56 60 66 68 72 73 74 76

Un motore per l’economia Il cuore meccanico della Puglia Distribuzione geografica delle imprese della meccanica Le principali specializzazioni della meccanica Il Distretto Produttivo I Distretti Tecnologici Medis, il Distretto Meccatronico Regionale della Puglia Dhitech, il Distretto Tecnologico Pugliese High Tech Formazione e ricerca per la meccanica pugliese I luoghi della ricerca La meccatronica Alcune specializzazioni della meccatronica Agrifood e zootecnia Terra, metalli e non solo Elettromeccanica Investire in Puglia La forza della Puglia Dotazioni infrastrutturali Sistema imprenditoriale ed esportazioni Università e centri di ricerca Gli incentivi per lo sviluppo


I volti della Puglia che produce

Il settore della Meccanica Con questa breve pubblicazione la Regione Puglia presenta ai mercati internazionali ed agli investitori esteri, la meccanica, un settore produttivo d’eccellenza, strategico e trainante, che in alcuni comparti, come quello della diagnostica ferroviaria, vede la Puglia in una posizione leader a livello mondiale. Presente in regione con un tessuto industriale tradizionalmente solido e sempre più innovativo, la meccanica nel 2013 conta quasi 8mila imprese e impiega circa 50mila addetti. Ha una forza economica trainante: il solo fatturato export, che supera da solo i 2,2 miliardi di euro, rappresenta quasi il 30% dell’intero valore delle esportazioni pugliesi. Fanno parte del settore aziende di grandi e medie dimensioni alle quali si associa un’ampia rete di subfornitori specializzati. Il sistema industriale è poi affiancato da una struttura di ricerca e formazione altamente specializzata che sostiene l’innovazione e ne favorisce la crescita.

4

Alle aziende che più tradizionalmente si occupano di meccanica, si sono affiancate negli ultimi anni aziende innovative che operano soprattutto nel comparto della meccatronica, la fusione tra meccanica ed elettronica. In Puglia sono nate così produzioni di altissimo profilo nell’automotive, nei macchinari per la diagnostica della rete ferroviaria, nella progettazione e costruzione di linee automatizzate di produzione, nel campo biomedicale. Proprio le eccezionali performance pugliesi sui mercati esteri nel campo della meccatronica sono state di recente oggetto di studio da parte di alcuni istituti di ricerca. Il motivo del loro successo risiede nella grande capacità di innovare e di internazionalizzare. La Regione Puglia con le sue politiche ha sostenuto questi processi. Le imprese, infatti, hanno realizzato innovazioni anche grazie agli incentivi regionali legati ai fondi strutturali. Grazie ad essi nella programmazione 2007-2013 le aziende della meccanica e della meccatronica hanno investito più di 350 milioni di euro. Il futuro delle specializzazioni intelligenti e il sostegno regionale ad esse vede in questo settore uno degli interlocutori più attenti e strategici. 5


UN MOTORE

PER

In Puglia la meccanica, soprattutto il comparto della meccatronica, ha trovato terreno fertile per radicarsi nel territorio e crescere fino a diventare oggi una realtà internazionale. Tra gli ulivi e i muretti a secco, tra le spiagge e i piccoli porti, la Puglia infatti accoglie un ampio numero di imprese meccaniche che portano il made in Puglia in tutto il mondo.

L’ECONOMIA

Il cuore pulsante del sistema produttivo italiano, così come di tutti i Paesi occidentali, è la meccanica. Un settore che racchiude in sé tutta la forza della manifattura, dell’ingegno e della tecnologia che l’uomo è in grado di creare. Motori, sensori, macchinari industriali e agricoli, sistemi di diagnostica biomedicale, la meccanica entra in tutti gli ambiti della vita quotidiana ed è uno dei settori dove più forte è la spinta verso l’innovazione.

8

9


In Puglia si producono sistemi 3D per guidare gli interventi di biopsia e termoablazione polmonare in real time.


IL

CUORE

MECCANICO Alta capacità produttiva, esperienza consolidata, grande spinta verso l’innovazione, disponibilità di manodopera altamente specializzata, propensione all’internazionalizzazione e supporto da parte del Governo regionale, questi sono alcuni dei punti di forza della meccanica pugliese, un’eccellenza non solo del Sud Italia ma di tutto il Paese. Un settore dove la grande industria, in alcuni casi multinazionale, si affianca alla piccola e media impresa e al mondo della ricerca per la creazione di diverse filiere altamente specializzate. Agli ambiti più tradizionali, come la produzione di macchinari per l’agricoltura, l’industria alimentare, la movimentazione terra, componenti meccanici ed elettrici, la lavorazione dei metalli, si affiancano le filiere altamente innovative della meccatronica. Automazione di processi produttivi, produzione di componenti per la diagnostica delle reti ferroviarie, per i settori navale, dell’aerospazio e per quello biomedicale, questi i principali ambiti della meccatronica pugliese. 12

Presente in tutto il territorio, la meccanica si è particolarmente concentrata nella provincia di Bari, dove è sorto un vero polo di eccellenza per l’automazione industriale, i macchinari oleodinamici di perforazione e i dispositivi di controllo delle reti ferroviarie.

DELLA

PUGLIA I dati del settore della meccanica imprese attive: addetti: export:

7.974 *

49.977 *

2,295 miliardi di Euro **

* Fonte: CCIAA Bari, ANNO 2013 ** Fonte: ICE, anno 2013

13


',675,%8=,21(*(2*5$),&$ '(//(,035(6('(//$0(&&$1,&$

)2**,$





%$5, %$7

%DUOHWWD$QGULD7UDQL



%5,1',6,

/(&&( 7$5$172





)217(&&,$$%$5,$112 /(,035(6('(//$3529,1&,$',%$76212&217(**,$7( $//Ø,17(512'(//(3529,1&(',)2**,$(%$5,  14

15


Le PRINCIPALI

SPECIALIZZAZIONI impianti e macchinari per l’agricoltura, l’industria alimentare e la zootecnia

macchinari per la movimentazione della terra e l’edilizia

apparecchiature elettromeccaniche e per le telecomunicazioni

diagnostica per sistemi e materiali ferroviari 16

della

meccanica motori e componenti per autovetture

motori per imbarcazioni da diporto ad alte prestazioni MOTORI E componentistica per aeromobili

automazione industriale

apparecchiature biomedicali

17


Dettaglio di una linea per l’assemblaggio ed il test di frizioni.


Sono pugliesi i sistemi diagnostici per le reti ferroviarie adottati in tutto il mondo.


IL

Altro punto importante dell’azione del Distretto è la promozione presso le imprese della cultura dell’innovazione e della proprietà industriale.

DISTRETTO PRODUTTIVO

Il Distretto Produttivo della Meccanica Pugliese nasce con l’obiettivo di sostenere una crescita sostenibile delle aziende del settore aiutandole anche ad affrontare con sempre maggiore forza la competizione internazionale. Formazione, innovazione e internazionalizzazione sono le parole chiave che guidano il Distretto nella definizione degli strumenti a favore degli attori della meccanica pugliese: potenziamento dell’attività di ricerca industriale; creazione di protocolli per il trasferimento tecnologico e di know how tra centri di ricerca, università e aziende; sviluppo di comuni infrastrutture tecnologiche; promozione di modelli organizzativi di business di filiera; supporto alle operazioni di marketing e di internazionalizzazione delle aziende.

22

104 imprese 5 università e centri di ricerca 10 enti e associazioni di categoria

Fonte: Distretto produttivo della meccanica pugliese, ANNO 2014

23


Macchina automatica per l’assemblaggio di iniettori realizzata a Modugno (BA).


I Distretti Tecnologici sono aggregazioni pubblico – private, senza fini di lucro, che operano nel settore della ricerca applicata, del trasferimento tecnologico e della formazione. Le attività e i progetti portati avanti dai Distretti contribuiscono ad un duraturo sviluppo sociale ed economico del territorio pugliese attraverso la valorizzazione e la diffusione della conoscenza.

I Distretti Tecnologici, infatti, attraverso i propri programmi, permettono di ottimizzare le eccellenze delle strutture scientifiche della Regione e al tempo stesso di sviluppare una massa critica con competenze interdisciplinari e grandi capacità innovative favorendo quindi sia lo sviluppo economico e sociale che la creazione di nuova imprenditorialità in Puglia.

i distretti tecnologici Collegati in rete tra di loro e al contesto internazionale, i Distretti Tecnologici favoriscono la collaborazione scientifica tra le aziende leader e gli attori pubblici che operano in determinate aree tecnologiche, agendo quindi come leva per la crescita industriale di tutto il territorio.

26

I distretti di riferimento per il settore della meccanica in Puglia sono il MEDIS (Distretto Meccatronico Regionale della Puglia) e il DHITECH (Distretto Tecnologico Pugliese High Tech).

27


MEDIS,

IL DISTRETTO MECCATRONICO L’azione del MEDIS, il distretto della meccatronica pugliese, ha una triplice finalità: rendere la Puglia leader nello sviluppo di prodotti meccatronici basati sulla ricerca in grado di competere a livello globale; consolidare e sviluppare le attività di ricerca applicata per lo sviluppo di nuovi brevetti; sostenere le PMI pugliesi nello sviluppo di prodotti ad alto valore aggiunto all’interno di logiche di filiera. Il MEDIS inoltre promuove progetti di ricerca e sviluppo sulle tecnologie abilitanti, identificate come strategiche dalla Regione Puglia nel quadro delle future politiche di sviluppo: micro e nano-elettronica; fotonica; materiali avanzati; sistemi di produzione avanzati.

28

8 aziende 4 Università ed Enti di ricerca 1 associazione di categoria

REGIONALE DELLA PUGLIA I progetti di ricerca del MEDIS attivi Sistemi avanzati mini-invasivi di diagnosi e radioterapia (AMIDHERA) Tecnologie innovative per riduzione emissioni, consumi e costi operativi di motori heavy duty (INNOVHEAD) Sistemi di sicurezza meccatronici innovativi (cablati e wireless) per applicazioni ferroviarie, aerospaziali e robotiche (MASSIME)

29


Il DHITECH, il Distretto Tecnologico Pugliese High Tech, lavora per la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione trasversalmente rispetto ai diversi settori produttivi regionali. I progetti attualmente attivi riguardano principalmente le aree della microelettronica, delle biotecnologia, dell’aeronautica, dell’ICT, e della tecno-illuminazione. Grazie al coinvolgimento delle migliori aziende e centri universitari e di ricerca pugliesi ed europei, i progetti condotti dal DHITECH hanno anche una portata internazionale.

12 aziende, 5 università E centri di ricerca, 2 enti e associazioni.

DHITECH,

IL DISTRETTO TECNOLOGICO

I progetti di ricerca del DHITECH attivi Materiali nano compositi per applicazioni aeronautiche (AEROCOMP). Metodologie e tecnologie a supporto dell’innovazione nello sviluppo di nuovi prodotti in un Value Network del settore aeronautico (I-DESIGN FOUNDATION). 30

Processi di micro - e nano - fabbricazione avanzati per la realizzazione di dispositivi o apparati funzionali per applicazioni nel campo dell’elettronica, della fotonica, della micromeccanica e della biosensoristica.

Nuove sorgenti OLEDs per l’illuminazione per applicazioni nel settore automotive e dell’illuminazione artificiale.

Sviluppo di un ambiente di lavoro collaborativo “ICT-based” a supporto dello sviluppo di nuovi prodotti in ambito aerospaziale (X@WORK).

PUGLIESE HIGH TECH Realizzazione di un “Problem Solving Environment” basato su infrastruttura grid e dotato di servizi avanzati “general-purpose” applicati alla gestione di processi “domain-independent” (GRIFIN).

Progettazione e realizzazione di una soluzione tecnologica che abiliti la collaborazione sicura tra i diversi attori all’interno di una supply chain (SECURE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT). 31


Fase di cablaggio di componenti per la meccanica.


FORMAZIONE E

RICERCA

Uno dei punti di forza del settore della meccanica pugliese è la presenza nel territorio di manodopera altamente qualificata e specializzata. Tecnici e ingegneri si formano in Puglia grazie alla diversificata offerta di corsi di laurea in ingegneria delle università regionali e di istituti di formazione superiore. I numerosi dipartimenti di ingegneria e i centri di ricerca d’eccellenza (sia pubblici che privati) presenti in regione contribuiscono a creare un sistema della ricerca d’eccellenza, vero e proprio volano per lo sviluppo delle imprese e di tutto il territorio regionale. 34

Anche nell’ambito della formazione superiore la Puglia è all’avanguardia. Questo il caso dell’Istituto Tecnico Superiore per la Meccatronica di alta formazione “ITS Cuccovillo”, il primo istituto italiano fondato da attori pubblici e imprese private per creare un ponte tra formazione e lavoro. Il successo di questo nuovo modello è testimoniato dai numeri forniti dall’istituto, secondo i quali l’80% dei diplomati del 2013 ha ottenuto un contratto di lavoro appena terminati gli studi.

PER LA

MECCANICA

PUGLIESE

35


Politecnico di Bari Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente e per lo Sviluppo Sostenibile Dipartimento di Ingegneria delle Acque e Chimica Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Gestionale Dipartimento di Matematica

CNR Istituto di Tecnologie Industriali e Automazione, ITIA Sezione Bari Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l’Automazione, ISSIA Istituto per la Microelettronica e Microsistemi, IMM Sezione di Lecce National nanotechnology laboratory (NNL) Laboratorio regionale CNR-INFM Laser Innovation Technology Transfer and Training

Dipartimento di Vie e Trasporti Dipartimento Interateneo di Fisica (in comune con l’Università degli Studi di Bari)

I LUOGHI Università di Bari Dipartimento di Chimica Dipartimento di Matematica Dipartimento di Informatica Dipartimento Interateneo di Fisica (in comune con il Politecnico di Bari)

Università del Salento Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione 36

CONSORZI L.A.SER. INN (ex Centro Laser) Consorzio Sintesi

DELLA

RICERCA ENEA

Centro di Ricerche di Brindisi Unità Tecnico Scientifica Materiali e Nuove Tecnologie (MAT) Unità Tecnico Scientifica Fusione (FUS) Unità Tecnico Scientifica Tecnologie Fisiche Avanzate (FIS) 37


Ricerca e formazione hanno contribuito a portare la meccatronica pugliese a livelli d’eccellenza.


Nei laboratori delle aziende pugliesi si lavora anche allo sviluppo di sistemi di navigazione medicali innovativi.


La manodopera di alto livello è una delle chiavi del successo della meccanica pugliese.


Comparto produttivo con i più alti livelli di innovazione, la meccatronica fa da traino a tutto il settore della meccanica pugliese. Si compone principalmente di medie e grandi aziende, spesso multinazionali, che si occupano principalmente dell’automazione dei sistemi di produzione, della progettazione e della produzione di componenti meccaniche ad altissimo contenuto tecnologico. La meccatronica è funzionale ai diversi settori produttivi ed in Puglia si concentra soprattutto nel trasporto ferroviario, nell’automotive, nella nautica da diporto, nell’aerospazio e nel biomedicale.

Le multinazionali, le grandi e le medie aziende trovano in Puglia un terreno fertile grazie ad una manodopera altamente qualificata, incentivi per le imprese che investono nel territorio ed un sistema della ricerca che fa dell’integrazione tra pubblico e privato uno dei suoi punti di forza. Le imprese della meccatronica inoltre hanno da sempre avuto una grande capacità di leggere i mutamenti dei mercati e di adeguare di conseguenza la loro offerta. Questo il caso di un’azienda pugliese specializzata nella produzione di macchinari e sistemi automatizzati che ha saputo riconvertire le proprie capacità nel settore biomedicale.

LA MECCATRONICA Negli ultimi anni il Governo regionale in accordo con le aziende del settore della meccanica ha deciso di puntare sulle tecnologie abilitanti della meccatronica come perno per lo sviluppo tecnologico ed economico di tutto il settore. La nascita dei Distretti Tecnologici, l’aumento del numero di laureati nelle facoltà di ingegneria della regione e la fondazione dell’ITS Cuccovillo sono alcuni degli elementi che testimoniano gli sforzi di tutti gli attori del settore.

44

La meccatronica pugliese si esprime a livelli di eccellenza anche con realtà affermate nel panorama internazionale che lavorano nel controllo, protezione e misurazione dei campi magnetici ed elettromagnetici con importanti applicazioni anche per il settore biomedicale e farmaceutico. Altro caso di eccellenza pugliese è la produzione di sistemi di monitoraggio e diagnostica delle infrastrutture ferroviarie; una realtà produttiva partita dalla Puglia è oggi presente in tutto il mondo.

45


ALCUNE

SPECIALIZZAZIONI DELLA

MECCATRONICA

sistemi e veicoli per la diagnostica della rete ferroviaria

sistemi biomedicali

progettazione e realizzazione di componenti meccanici ed elettronici per l’automazione dei processi produttivi

costruzione di veicoli, robot e macchine industriali

46

componenti per sistemi di alimentazione combustibile per motori a combustione interna

l

motori diesel sia per autoveicoli che per imbarcazioni

l

motori Common Rail

l

sistemi di alimentazione

l

componenti per la trasmissione

l

sistemi frenanti

l

cambi

software di gestione di impianti

47


Sistema per il monitoraggio e il controllo di pneumatici.


Sistemi robotizzati per l’estrazione del DNA e dell’RNA e per il liquid handling - Modugno (BA).


Le aziende pugliesi sono particolarmente attive nella produzione di impianti per l’industria olearia, di macchine per l’agricoltura, per la zootecnia e per l’industria molitoria. Negli ultimi anni alcune aziende del comparto hanno ampliato la propria attività anche alla tutela ambientale. In risposta alle nuove esigenze di un mercato sempre più attento alla sostenibilità ambientale in Puglia si producono anche sistemi e macchinari per il trattamento delle acque e la raccolta dei rifiuti solidi urbani.

AGRIFOOD E zootecnia La produzione di impianti e macchinari per le grandi e piccole aziende del settore agroalimentare è un comparto della meccanica tradizionalmente presente in Puglia. Oggi come allora la domanda dei settori, agroalimentare e zootecnico, alimenta nuove sfide per le aziende di questo comparto. La ricerca tecnologica, infatti, contribuisce a creare impianti e macchinari sempre più versatili e rispondenti ai nuovi sistemi produttivi e alla sostenibilità ambientale.

52

53


La produzione di macchine olearie, nata per servire la domanda locale, ha raggiunto livelli di eccellenza su scala mondiale.


TERRA,

Le aziende del comparto hanno inoltre sviluppato nel tempo elevate capacità nella meccanica di precisione e nella produzione di differenti tipologie di macchinari sia per la lavorazione dei metalli sia per la perforazione e trivellazione al servizio dell’industria estrattiva di fluidi dal sottosuolo (acqua, gas e petrolio).

metalli e non solo La produzione di macchinari per la movimentazione della terra, l’edilizia e l’estrazione di pietra, ha saputo esprimere aziende leader a livello internazionale grazie alla capacità di organizzarsi in filiera produttiva e di rispondere alle nuove sfide dei mercati, sia interni che internazionali.

56

57


In Puglia si producono macchine e impianti per l’estrazione, la movimentazione e la trasformazione della pietra.


In questo campo vi sono aziende pugliesi specializzate nella produzione di diversi articoli per il broadcasting televisivo con alcune produzioni di eccellenza, tra cui l’amplificatore di potenza da 1kW per il sistema ATSC (alte tecnologie e ICT), con standard per trasmissioni numeriche adottato da Stati Uniti, Canada e alcuni Stati del Centro America. Di recente, inoltre, è cresciuta considerevolmente la produzione di antifurti, sia meccanici che elettronici, con alcune aziende che sono arrivate ad occupare posizioni di leadership a livello internazionale.

E le t t ro meccanica Il comparto pugliese dell’elettromeccanica si caratterizza per la presenza di alcune grandi aziende e numerose piccole imprese altamente specializzate. Le principali produzioni sono relative alle aree dell’illuminazione-elettricità, degli impianti termici (per i mercati residenziale, urbano e industriale), dei sistemi per la sicurezza dell’abitazione e delle apparecchiature per le telecomunicazioni.

60

61


Le produzioni altamente automatizzate sono affiancate dalle mani sapienti di tecnici specializzati.


Software e meccanica lavorano insieme per lo sviluppo di sistemi tecnologici altamente specializzati.


La Puglia si conferma una delle regioni più vitali del Sud Italia. Il modello di sviluppo per promuovere nuove sinergie tra imprese e ricerca, per migliorare le infrastrutture e la disponibilità di forza lavoro qualificata si è rivelato vincente per tutti i settori produttivi.

Il Governo regionale infatti garantisce una competenza elevata nella gestione dei rapporti internazionali e un supporto agli insediamenti stranieri.

I N V E ST I R E I N P U G L I A Punto di forza del “modello pugliese” è la garanzia di regole certe per gli operatori economici anche con la creazione di un set di incentivi per tutte le tipologie di imprese. Imprese che in Puglia sono vitali, proattive, leader in alcuni settori, aperte alla sperimentazione ma anche ricche di tradizione artigianale e internazionalizzate.

66

La posizione geografica strategica, l’impegno per la sostenibilità ambientale, il welfare all’avanguardia, la ricchezza del capitale sociale sono gli altri elementi unici che rendono la Puglia un luogo di bellezza e interesse, dove vivere e investire.

67


Un governo regionale attento alle esigenze delle imprese che investe nello sviluppo economico locale. Un clima d’affari positivo, con un sistema imprenditoriale altamente dinamico.

Una posizione geografica strategica ed un’ottima dotazione infrastrutturale.

Una forza lavoro altamente qualificata e un mercato del lavoro attivo.

LA FORZA DELLA PUGLIA Un’eccellente rete di università e centri di ricerca.

Un ATTRATTIVO sistema di incentivi, finalizzato sia ad attrarre investimenti esteri, sia a promuovere lo sviluppo imprenditoriale del sistema produttivo regionale.

Una buona qualità della vita (Apulian lifestyle). 68

69


Macchina automatica per l’assemblaggio di iniettori.


DOTAZIONI

infrastrutturali

12.000 km di strade 1.528 km di rete ferroviaria 2 aeroporti internazionali e 2 interni 9 porti tra commerciali e passeggeri 1 Interporto Il

98% della popolazione dispone

SISTEMA

imprenditoriale ED ESPORTAZIONI 332 mila imprese attive * 1 impresa ogni 12 abitanti ** 1 milione e 156 mila lavoratori attivi *** 7,9 miliardi di euro il valore delle esportazioni *** 2,039

miliardi di euro il valore delle esportazioni nel 1ยบ trimestre del 2014 ****

+18,1% rispetto allo stesso periodo del 2013)

(

di connessione a banda larga, contro il 96,5% della media nazionale *

* Fonte: Invitalia, dicembre 2013 72

* fonte: CCIAA Bari, anno 2013 ** fonti: CCIAA Bari e ISTAT, anno 2013 *** fonte: ISTAT, anno 2013 **** fonte: ISTAT, anno 2014 73


UNIVERSITĂ€

E

CENTRI DI RICERCA 4 universitĂ (3 pubbliche e 1 privata) 1 politecnico

30 reti di laboratori pubblici per la ricerca 6 Distretti Tecnologici riconosciuti dal MIUR 5 aggregazioni pubblico-private

74

75


Complessivamente la Regione Puglia ha movimentato nel proprio territorio investimenti per 3 miliardi di euro, moltiplicando per tre volte e piÚ le risorse pubbliche utilizzate, pari a 865 milioni di euro. Nella prossima programmazione dei fondi europei la Regione Puglia ha previsto di destinare al sistema produttivo piÚ di 2,4 miliardi di euro, il 44,36% dell’intero Programma operativo regionale.

GLI

INCENTIVI

Oltre alla spinta verso la sinergia fra mondo produttivo e mondo della ricerca, che ha creato sperimentazione, innovazione e trasferimento di know-how, il Governo regionale ha messo a disposizione notevoli risorse per sostenere e promuovere i vari settori economici della Puglia. Le risorse finanziarie, in gran parte provenienti dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, sono state destinate alle imprese di diverse dimensioni e presenti nei vari settori produttivi che operano in Puglia.

76

PER LO

SVILUPPO 77


contratti di programma regionali 291.772.093 euro per le imprese del manifatturiero hanno agevolato lo sviluppo di attività e progetti, rafforzato la competitività e l’attrattività del territorio e promosso l’occupazione.

Contratti di Programma Turismo Con 50 milioni di euro, lo strumento aveva l’obiettivo di favorire il processo di destagionalizzazione dei flussi turistici.

Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per Programmi Integrati di Agevolazione (PIA) 201.303.144 euro sono stati messi a disposizione per le attività manifatturiere, dei servizi e della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli con l’obiettivo di creare occupazione, stabilità sociale e dinamismo economico.

Aiuti alle medie imprese ed ai Consorzi di PMI per Programmi integrati di investimento (PIA Turismo) Con un budget di 54 milioni di euro l’intervento regionale ha favorito l’innalzamento degli standard di qualità e di classificazione dell’offerte turistica pugliese.

Aiuti agli investimenti iniziali alle microimprese e alle piccole imprese (Titolo II) Un totale di 106.855.077 euro ha permesso di agevolare lo sviluppo delle attività economiche delle imprese di piccole e piccolissime dimensioni facilitando l’accesso al credito.

Aiuti agli investimenti iniziali alle piccole imprese operanti nel settore turistico (Titolo II – Turismo) Lo strumento ha messo ha disposizione 25 milioni di euro come aiuto per le piccole e le medie imprese che svolgono attività turistico-alberghiera, di gestione degli approdi turistici e di gestione degli stabilimenti balneari e le piccole e medie imprese che realizzano nuove iniziative turistico-alberghiere riguardanti la riqualificazione di immobili di pregio storico-architettonico.

78

79


Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione L’intervento del valore di 15 milioni di euro, ha stimolato la nascita di nuove micro e piccole imprese che hanno valorizzato a livello produttivo i risultati delle ricerche condotte nell’ambito dei settori industriali strategici per lo sviluppo del territorio pugliese (Materiali avanzati, Logistica avanzata, Sistemi avanzati di manifattura ICT, Ambiente e risparmio energetico, Salute dell’uomo, Sistema agroalimentare).

Aiuti alle piccole imprese innovative operative Con una dotazione di 15 milioni di euro, l’iniziativa ha agevolato il consolidamento e la crescita delle micro e piccole imprese innovative nell’ambito dei settori industriali individuati dalla Regione Puglia (Materiali avanzati, Logistica avanzata, Sistemi avanzati di manifattura ICT, Ambiente e risparmio energetico, Salute dell’uomo, Sistema agroalimentare), attraverso il sostegno a progetti di investimento proposti da imprese già operative.

PIA piccole imprese Per incentivare le piccole imprese pugliesi più dinamiche a consolidarsi, espandersi e innovarsi sono stati messi a disposizione 49.448.032 euro.

80

Aiuti all’insediamento in aree produttive extraurbanE Il Governo regionale ha sostenuto con 10 milioni di euro i consorzi o reti di imprese per il trasferimento delle unità produttive esistenti dai centri urbani dei Comuni, con popolazione superiore a 40.000 abitanti, verso agglomerati industriali o aree di insediamento produttivo.

Avviso Internazionalizzazione È il primo intervento regionale pensato per incentivare l’internazionalizzazione delle imprese. Con una dotazione di 20 milioni di euro l’obiettivo è di aumentare il numero degli esportatori che operano in Puglia.

NIDI, nuove iniziative d’impresa L’iniziativa della Regione si rivolge a giovani, donne, disoccupati, persone che stanno per perdere l’impiego e lavoratori precari con partita Iva che vogliono aprire una nuova impresa. Con una dotazione di 54 milioni di euro, l’incentivazione, tra fondo perduto e mutuo, prevede la copertura dell’investimento dall’80 al 100%.

CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI PER L’INNOVAZIONE Con 30 milioni di euro lo strumento potenzia le attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione delle imprese micro, piccole, medie e grandi, negli ambiti tematici della strategia regionale SmartPuglia2020: Manifattura sostenibile, Salute dell’uomo e dell’ambiente e Comunità digitali, creative ed inclusive. 81


Fase di montaggio di componenti destinati a linee di produzione e test.


In Puglia si producono magazzini e archivi automatici - Putignano (BA).


PER INFORMAZIONI SULLE ATTIVITÀ DELLA REGIONE PUGLIA A SOSTEGNO DELLA INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Puglia Sviluppo S.p.A. SPRINT Puglia SPORTELLO REGIONALE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

v ol ti della Pu g l i a c he pr o d u c e

Via delle Dalie, angolo Via delle Petunie Zona Industriale – 70026 Modugno (BA) Italia Tel. +39 080 5498811 sprint@regione.puglia.it

PER INFORMAZIONI SULLE ATTIVITÀ DEL DISTRETTO PRODUTTIVO DELLA MECCANICA PUGLIESE C/o Confindustria Puglia Via Demetrio Marin, 3 70125 Bari Italia Tel. +39 080 5010600 distrettomeccanica.puglia@gmail.com

© REGIONE PUGLIA Fotografia: Michele Stallo Stampato a Settembre 2014 da Stampa Sud S.p.A. - Mottola (TA)


Intervento cofinanziato dall’UE a valere sul PO FESR Puglia 2007/2013, Asse VI, Azione 6.3.2 “Interventi di sostegno ai processi di internazionalizzazione dei sistemi produttivi locali”.

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLO SVILUPPO ECONOMICO AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L’INNOVAZIONE Servizio Internazionalizzazione Corso Sonnino, 177 70121 Bari Italia Tel. +39 080 540 47 47 Fax +39 080 540 47 43 servizio.internazionalizzazione@regione.puglia.it www.internazionalizzazione.regione.puglia.it www.regione.puglia.it www.sistema.puglia.it

Brochure meccanica ita  
Brochure meccanica ita  
Advertisement