Issuu on Google+

U.O.C. Ortopedia e Traumatologia Ospedale Santa Maria delle Croci

RAVENNA (Direttore Dott. Alberto Belluati)

Comparto operatorio ortopedia Coordinatore: C. Dominici TNT Vs TRILAMINATO QUALE SCELTA.


Per la prevenzione delle INFEZIONI del sito chirurgico è fondamentale curare tutto ciò che avviene nelle fasi PRE-INTRA-POST operatorio.


ASEPSI


TECNOLOGIA


MATERIALI


EQUIPE


FERITA


93/42/CEE • La 93/42/CEE è una Direttiva del consiglio della Comunità Economica Europea del 14 giugno 1993, che si applica ai dispositivi medici. • La Direttiva stabilisce che, a partire dal 15 giugno 1998, i fabbricanti di dispositivi medici possono immettere in commercio solo prodotti conformi ai requisiti essenziali previsti dalla stessa direttiva e recanti la marcatura CE, al fine di non compromettere la sicurezza e la salute dei pazienti, degli utilizzatori e dei terzi.


Dispositivo Medico • Si definisce dispositivo medico qualsiasi strumento, apparecchio impianto, sostanza o altro prodotto, utilizzato da solo o in combinazione compreso il software informatico impiegato per il corretto funzionamento, e destinato dal fabbricante ad essere impiegato nell’uomo a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo, terapia….purchè non eserciti l’azione principale nel e sul corpo umano, cui è destinato la cui funzione possa essere coadiuvata da tali mezzi.


Requisiti degli Standard Europei Questi requisiti sono specificati nella serie degli standard Europei contenuti nella SN EN 13795 che ha portato all’importante definizione di quale rendimento deve essere fornito dai tessuti chirurgici. I tessili per sala operatoria (camici chirurgici, teli chirurgici e le divise clean air) devono rispettare - la barriera microbica - la purezza - un minimo rilascio di particelle -la resistenza dei tessili per sala operatoria.


Caratteristiche professionali dei tessuti chirurgici

riutilizzabili • • • • •

Maggiori prestazioni Maggiore sicurezza Maggiore flessibilità Maggiore confort Maggiore servizio


Tessuti Tecnici ad effetto barriera Tessuti tecnici: •

•

Micr ofib re di poli este re Micr ofib re


I teli poliestere Sono tessuti al alta densità di filamenti, sono costruiti con una fibra sintetica. Le principali caratteristiche: • Effetto barriera per batteri e virus • Leggerezza • Bassissimo linting • Traspirabilità • Antistaticità del tessuto


I tessuti laminati I tessuti laminati a loro volta si dividono in: • Monocomponenti PTFE Teflon • Compositi ( composizione dei materiali accoppiati) TTR


Il politetrafluoroetilene PTFE • È un monomero base composto da atomi di fluoro e carbonio saldamente legati fra di loro. • Sottile pellicola • Gommosa • Delicata • Restistente al calore • Ininfiammabile

• Biocompatibile • Anallergenico • Membrana impermeabile permette il passaggio delle molecole di vapore ma non lascia passare le molecole d’acqua. • Termoregolazione per il pz • Traspirabilità per l’equipe


Trilaminato (TTR) Il trilaminato è il laminato tessile a tre strati che è dotato di una speciale membrana in politetrafluoroetilene espanso, inserita fra due strati esterni di fili di poliestere.

• Funzione protettiva • Barriera assoluta al passaggio di liquidi • Effetto traspirante • Discreta assorbenza • Insolubilità in tutti i solventi sotto i 300 °C • Inalterabile nei passaggi dal caldo al freddo • Rende confortevole il tessuto


I tessuti tecnici riutilizzabili TTR, microfibra e trilaminati, sono conformi alla Normativa UNI EN 13795, assicurano comfort e sicurezza sia per l’operatore che per il paziente

2


I TRILAMINATI TESSUTO - MEMBRANA - TESSUTO

5


Caratteristiche TTR • Le telerie in TTR, se correttamente utilizzate sono garantite per 70/80 cicli di sterilizzazione.


Si effettua efficacemente una riparazione sul laminato con appositi materiali (patches) che sono di facile e sicura applicazione e impermeabili come il tessuto originale.


KIT TTR UTILIZZATI IN S.O RAVENNA • • • • • • •

Camice alta protezione Camice protezione standard KIT chirurgia anca KIT avviamento KIT estremità KIT arti KIT protesica ginocchio


Requisiti del confezionamento • I dispositivi dovranno essere confezionati in idonei imballaggi, per garantire un efficace barriera contro l’umidità, la polvere, il deterioramento dei prodotti, consoni al trasporto e allo stoccaggio.


Kit Sterili


CONFEZIONE KIT


TracciabilitĂ  confezionamento


R P01 05 Settori Operatori - Unità Operativa: Blocco Operatorio

DATA

Sala n.

REGIONE INCISIONE

inf strum.

ANAGRAFICA (etichetta)

Intervento N.

Cognome Nome Data di nascita

Tipo di intervento:

inf di sala inf anestes. II° inf strum.

Reparto provenienza:

PRIORITA’  Elezione  Urgenza  Emergenza

II° inf di sala II° inf anestes.

Rintracciabilità materiale ETICHETTE CONTAINER

Rintracciabilità materiale ETICHETTE STRUMENTARIO CHIRURGICO IMBUSTATO

Rintracciabilità materiale GARZE LAPAROTOMICHE – TAMPONI - ALTRO


TOT INTERVENTI 2011 •

2545 INTERVENTI


• 1488 INTERVENTI TRAUMA


•260 PTA

•80PTG


717 INTERVENTI ANESTESIA LOCALE: 391 interv. Programmati 326 interv. Urgenza


TIPOLOGIE DI INTERVENTO 400 350 300 250

PTA PTG TRAUMA INT.MIN.

200 150 100 50 0

1째 Trim.

2째 Trim.

3째 Trim.

4째 Trim.


Utilizzo teleria 600 500 400 TTR TNT

300 200 100 0

1째 Trim. 2째 Trim. 3째 Trim. 4째 Trim.


QUALE SCELTA?????


SALUTI S.O ORTOPEDIA RAVENNA


TNT Vs TRILAMINATO quale scelta .pdf