Page 1

II° Congresso per Infermieri di Camera Operatoria

TAVOLA ROTONDA LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA: GLI ALOGENATI IL PUNTO DI VISTA DEL COORDINATORE INFERMIERISTICO

San Marino 27/28 settembre 2011 Centro Congressi Hotel Palace DOTT..

G. Mancini – Jesi (An)


DI COSA PARLIAMO ????

2


Safe Surgery Saves Lives

4


IL COORDINATORE INFERMIERISTICO •

la situazione ed i bisogni in Italia stanno cambiando come in tutta Europa, è necessario orientare continuamente i curricola e la professione: questo è il compito di chi vuole essere leader: Il Coordinatore Infermieristico deve leggere e monitorare quanto avviene al fine di definire i diversi aspetti dell’assistenza necessaria per poter dare delle risposte, sicure e chiare sulla sicurezza a tutto il personale 6


LA DIRIGENZA INFERMIERISTICA IN BLOCCO OP. Tante forze opposte stanno intralciando il cammino alla professionalizzazione Ancora non si vedono i risultati dei cambiamenti derivanti dalla nuova formazione sulla Salute dei Cittadini. Manca, o e povera, la ricerca nel campo disciplinare, ancora non si è compreso che è attraverso la ricerca che si produce conoscenza.

7


salvatoregiampiccolo @msn.com

RIPENSARE LA SALA OPERATORIA


Evoluzione della Professione

salvatoregiampiccolo@msn.com salvatoregiampiccol

8째 Corso per infermieri di


salvatoregiampiccolo @msn.com

Prevenzione Infezioni Sanificazione Antisepsi Sterilizzazione Comportamenti

Sicurezza paziente (in alcuni casi) = PROBLEMA DIRIGENZA INFERMIERISTICA DI SALA OPERATORIA (Necessaria)

8째 Corso per infermieri di


CAMBIAMENTO •

ü ü

ü ü ü

L’istituzione del master di 1° livello in funzioni di coordinamento, avviato con l’AA 2000/2001, ha saputo colmare il vuoto formativo, ridando spessore alla funzione dirigenziale di questo Professionista al fine di: gestire: persone, relazioni, situazioni, risorse materiali, pianificare: interventi assistenziali infermieristici in armonia con gli obiettivi aziendali, formazione sul campo, organizzare al meglio tempi, modi, procedure, coordinare risorse, progetti interdisciplinari, verificare il raggiungimento degli obiettivi

11


IL CONTESTO LAVORATIVO: DALLA S.O. AL BLOCCO OP. •

• • •

La camera operatoria rappresenta una delle realtà più complesse dal punto di vista organizzativo presenti nel mondo sanitario. Questo infatti è un settore caratterizzato da: Elevata tecnologia; Forte interazione tra i vari professionisti coinvolti nel processo di cura; Elevata complessità assistenziale dovuta sia all’instabilità delle funzioni vitali della persona ma anche all’intensità, globalità, complessità, tempestività e continuità delle prestazioni erogate 12


IL COODINATORE DEL BLOCCO OPERATORIO •

Ruolo, funzioni e attività del caposala del blocco operatorio, inteso come Dirigente di primo livello, è una posizione unica, di snodo, all’interno del sistema azienda. In questa figura professionale si realizza il passaggio dall’area tecnico-operativa all’area gestionale Si abbinano e si confrontano le preoccupazioni di clienti interni, esterni, infermieri e personale di supporto con quelle dell’organizzazione: Direzione Medica, Direzione Generale Questa figura va continuamente ridefinita giorno dopo giorno.


PAZIENTE AL CENTRO

salvatoregiampiccolo

8째 Corso per infermieri di


OBIETTIVO § § § § §

§

Migliorare il lavoro; Eliminare (ridurre) le possibilità di rischio; Ridurre i costi; Migliorare i rapporti tra persone; Favorire l’inserimento e la crescita del personale; Migliorare l’ambiente di lavoro e quindi la soddisfazione degli operatori;


Il coord. Infermieristico in B. O. Quale compito ? ü organizzare il cambiamento; ü incentivare la comunicazione: ü far acquisire la motivazione; ü perseguire la qualità dell’assistenza; ü organizzare la formazione; ü implementare un sistema informatico di gestione delle sale operatorie; ü predisporre protocolli per l’accoglienza del Paziente; ü Promuovere la sicurezza ambientale; 16/04/13

16


PERICOLI E FATTORI DI RISCHIO •

Da molti anni sono noti i rischi per il paziente che deve essere sottoposto ad anestesia, questo ha stimolato la ricerca di composti ad azione anestetizzante più maneggevoli e meno tossici. Un’attenzione relativamente scarsa è stata invece dedicata al problema dei possibili effetti per la salute dall’esposizione professionale ad anestetici volatili. Si stima che circa il 10 % degli addetti risultano esposti a gas anestetici utilizzati in Sala Op. (Anestesisti, Chirurghi Infermieri) Ecco necessario il monitoraggio ambientale che si effettua in due fasi, il campionamento e l’analisi.

17


COME SI PREVIENE • • • • •

Ricambio dell’aria; Aspirazione localizzata; Monitoraggio ambientale; Controllo sulle prese e sulle apparecchiature; Adeguata manovre anestesiologiche;

Attenta acquisizione dei dispositivi Medici e di farmaci; Efficace commissione HTA (nella commissione il coordinatore del blocco operatorio

18


CONCLUSIONI •

• • • • • • •

Pertanto per fare tutto questo ecco la necessità della collaborazione delle multi professionalità dell’Ospedale: Direzione medica di Presidio; Medico Anestesista; Farmacista; Servizio di protezione e prevenzione; Servizio di Igiene/ Ingegneria Clinica; Servizio legale Coordinatore Infermieristico

A LORO LA PAROLA 19


Grazie Dell’ascolto 20

LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA-GLI ALOGENATI IL PUNTO DI VISTA DEL COORDINATORE INFERMIERISTICO  

2 convegno