Issuu on Google+

Gentile Dirigente scolastico, gentile Insegnante, anche quest’anno INFORMADARTE prosegue le attività di laboratori sull’arte con la scuola dell’infanzia. Per l’anno scolastico 2010 – 2011 propone una offerta differenziata di progetti, per adattarsi il più possibile alle esigenze della programmazione didattica. L’offerta prevede quattro tipi di progetti, a seconda della durata.

A- BREVE DURATA 1 INCONTRO p.11 La magia della luce p.12 SALUTI E BACI da Bruno Munari! p.13 L’impronta come traccia di sè p.14 Un foglio + un foglio = ? p.15 Recicl-arti! p.16 FILO: storia di un libro illeggibile B- BREVE DURATA 2 INCONTRI p.17 La materia, visita alla GNAM di Roma p.18 L’arte e la città, visita alla GNAM di Roma p.19 Musica maestro! C- MEDIA DURATA 3 INCONTRI p. 20 La texture p. 21 Il colore p. 22 Il segno p. 23 Il movimento

p. 24 Lo spazio p. 25 La ceramica p. 26 Ritratto e Autoritratto D-LUNGA DURATA 4-5-6 INCONTRI p. 27 Arte e cibo p. 28 La traccia p. 29 Gli elementi: acqua e terra p. 30 Gli elementi: aria e fuoco p. 31 L’aria e gli animali p. 32 L’acqua e gli animali p. 33 La terra e gli animali p. 34 In viaggio con Munari E- CORSI PER INSEGNANTI p. 35 Corso in didattica dell’arte

1


PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI Tel 0645448648 fax 0645448648 ore 9.30 - 13.30 Legale rappresentante Francesca Pacini 328 9587150 Coordinatrice, rapporti con le scuole Claudia Teodonio 349 3569159 sito internet: www.informadarte.it www.myspace.com/informadarte www.informadarte.blogspot.com e-mail: informadarte@informadarte.it

2


Presentazione Informadarte, costituita da Storici dell’arte, nasce nel 1996 con l’intento di promuovere la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico attraverso iniziative di vario genere (visite guidate, laboratori, mostre, conferenze, pubblicazioni, etc.). A tal fine collabora con Istituzioni pubbliche e private nell'ideazione e organizzazione di eventi culturali. Tra le attività svolte, uno spazio privilegiato è assegnato alla didattica dell’arte sia nelle scuole dell’infanzia primarie e secondarie, che all'interno dei servizi educativi dei musei e nelle biblioteche. Le esperienze didattiche si rivolgono in particolar modo a bambini e ragazzi, affiancando momenti di laboratorio - in cui i partecipanti familiarizzano con i principi tecnici ed espressivi del linguaggio visivo - a visite a collezioni permanenti, mostre e luoghi d'interesse storico-artistico. In collaborazione con enti pubblici e privati, ha partecipato a numerose iniziative tra cui: 1996/2010: laboratori didattici di prima alfabetizzazione artistica e di storia dell’arte, presso molteplici istituti scolastici di Roma e provincia, visite animate presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, l’Istituto Nazionale per la Stampa e la Calcografia, Il Museo Nazionale degli Strumenti Musicali, presso Beni Culturali e luoghi d’interesse storico artistico; 2010 settembre- ottobre: si svolgerà il terzo “Corso in didattica dell’arte” per insegnanti, educatori, operatori museali, studenti e interessati, e consistente in 6 incontri terorico-laboratoriali sulla sintassi dei linguaggi dell'arte contemporanea. Ci si soffermerà sui temi del colore, del segno e della materia, per poi analizzare i sistemi di rappresentazione dello spazio e l’uso dell’oggetto. Il corso si concluderà con la visita animata alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna; 2010 17-18 e 24-25 aprile: collaborazione, come operatori didattici in ambito laboratoriale, con il Museo Praz di Roma, in occasione de LA SETTIMANA DELLA CULTURA. 2010 Marzo e Marzo 2009: partecipazione a LA SETTIMANA DELLA CULTURA presso l’Istituto San Leone Magno di Roma. Laboratori didattici sul tema dei diritti dei bambini e sul tema del libro, partendo dalla lettura del libro FILO, di Fabio De Poli e Andrea Rauch, La Biblioteca Junior.

3


2010 20 febbraio – 28 febbraio: partecipazione all’evento Sistema Mare, tenutosi presso la Nuova Fiera di Roma, collaborando alle attività di animazione per l’infanzia durante i nove giorni dell’evento. 27 ottobre 2009 - 22 marzo 2010: corso di 5 lezioni di didattica dell'arte nell'ambito di un corso d'aggiornamento per insegnanti elementari presso la Giunti, tenute dalla socia Raffaella Giardina. Ogni lezione è collegata ad un'attività di didattica della lingua italiana: textures, collage surrealista, assemblaggi polimaterico, metamorfosi e ritratto cubista, i temi degli incontri. luglio 2009: soggetto e sceneggiatura del multimediale per bambini “UN GIGANTE DELL’ARTE: STORIA DEL DAVID DI MICHELANGELO”, in fase di realizzazione a cura di Tecvision Sistemi Multimediali s.r.l. Un appassionante viaggio nel tempo alla scoperta dell’opera e della vita del grande maestro del Rinascimento Italiano. 17 luglio 2009: L’Associazione Informadarte partecipa a rEstate AR PARCO evento organizzato presso il Parco Pasolini di Viale Venezia Giulia a Roma dall’Associazione di Promozione Sociale Fusolab, il Laboratorio socio culturale Tana liberi tutti e l’Aiasp- Casa dei diritti dei popoli. Una festa popolare per tutti, quattro giorni di iniziative rivolte a giovani, anziani, bambini e adulti, durante la quale organizza il laboratorio sui RITRATTI ispirati all’opera di Enrico Baj. 2 aprile e 7 maggio 2009: partecipazione all’evento "IL GIOVEDÌ LA CASA È DEI BAMBINI", evento patrocinato dalla PROVINCIA DI ROMA, che si ripeterà il 1°giovedì di ogni mese presso la Casa Internazionale delle Donne. Durante il pomeriggio del 2 aprile è stata presentata la guida: "PAGINE BABY, quando nasce un genitore", a cura di RANA ELETTRICA, la prima guida pensata per bambini e usata dai genitori, dai nonni, dagli zii, dalle maestre, mentre l'associazione Informadarte ha proposto il laboratorio artistico per bambini "FACCIAMO IL RITRATTO A MAMMA E PAPÀ!"; durante il pomeriggio del 7 maggio presentazione e lettura del libro per bambini di AMYEL GARNAOUI “Venere e il drago, i capolavori degli Uffizi raccontati ai ragazzi”, Gallucci Editore, a seguire laboratorio artistico “FACCIA DI MEDUSA!”, costruzione di uno scudo di Medusa per pietrificare i nemici. 19 aprile e 17 maggio 2009: partecipazione a L’ALTRA DOMENICA!, presso la Città dell’Altra Economia, ex campo boario di Testaccio, laboratori per le giornate del RIUSO E RICICLO e TURISMO RESPONSABILE, rispettivamente con laboratorio RI-USO AD ARTE! e visita al MACRO FUTURE.

4


Marzo 2009: partecipazione a LA SETTIMANA DELLA CULTURA presso l’Istituto San Leone Magno di Roma. Laboratori didattici sul tema del libro, partendo dalla lettura del libro FILO, di Fabio De Poli e Andrea Rauch, La Biblioteca Junior. Da marzo 2009: collaborazione con il baby parking L’ALLEGRA BRIGATA, sito in via R. La Crociera, n.21, 00133, Roma, zona Tor Vergata, con l’ideazione di laboratori didattici per bambini 3-11 anni. Da gennaio 2009: laboratori d’arte per le scuole primarie di primo grado in collaborazione con la Casa Editrice Giunti, presso la libreria GIUNTI AL PUNTO, piazza SS. Apostoli 59/65, Roma. Letture, visone di diapositive e laboratori artistici. 13 e 14 dicembre 2008: evento per bambini “Fai l’albero con noi!”, promosso dal sistema delle Biblioteche di Roma e dal Comune di Roma, Assessorato alle politiche culturali e della comunicazione Municipio Roma III, presso la Biblioteca Villa Leopardi di Roma nei giorni 14 e 15 dicembre. Laboratori didattici per la creazione di un albero d’artista con Anna Minopoli. novembre 2008: Programma nazionale Scuole Aperte, promosso da Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale – Ufficio II; Informadarte partecipa con laboratori pomeridiani di arti figurative presso l’istituto scolastico G. Mazzini di Roma, plesso XX Settembre. 13 e 14 settembre 2008: laboratori per bambini presso la manifestazione NOTTI CANGIANTI - Blu - Rosso Bianco… immergerti nel colore, nello stand de La Città del Sole. Organizzata dall’Associazione Culturale Poliorama, con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma e col patrocinio della Provincia, della Regione Lazio e del IX Municipio La manifestazione si è svolta a Piazza re di Roma, un progetto culturale e popolare allo stesso tempo all’insegna della magia di tre colori che hanno ispirato momenti e opere fondamentali nella storia moderna e contemporanea. 2008, da settembre ad oggi: ILLUMINARTI ALLA CITTÀ DEL SOLE, laboratori d’arte per bambini presso il punto vendita CITTÀ DEL SOLE di via Buonarroti, 6, Roma. 2008, da giugno-ad oggi: laboratori di prima alfabetizzazione artistica e laboratori tematici, presso la libreria per bambini IL BRUCALIBRO, via Nemorense 39B, Roma.

5


maggio 2008: Programma nazionale Scuole Aperte, promosso da Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale – Ufficio II; Informadarte partecipa con laboratori pomeridiani di arti figurative presso l’istituto scolastico G. Mazzini di Roma. 2008, 29 marzo: Prima presentazione della guida per bambini “I dipinti della Galleria Borghese” presso la libreria Mel Ragazzi, a P.zza SS. Apostoli 29° a Roma, con la Partecipazione del Prof. Claudio Zambianchi, docente di Storia dell’Arte Contemporanea a La Sapienza di Roma. 2008 febbraio: II° Corso in didattica dell’arte per insegnanti delle scuole primarie del Comune di S. Ninfa (TP) sulle tematiche di: Segno, Colore e Ritratto. Tre incontri teorico-laboratoriali per insegnanti mirati alla fruizione, da parte delle scolaresche, dell’aula laboratorio del Museo Nino Cordio di S. Ninfa (TP). da dicembre 2007 ad oggi: laboratori e visite animate presso il Museo nazionale degli strumenti musicali di Roma, con l’ideazione e la collaborazione di Simone Branchesi, didatta della musica; 2007 novembre: ciclo di laboratori sul tema del “Ritratto e Autoritratto” presso la libreria-bistrot Agave di Roma, accostati all’esposizione Istantanee, Donne ritratte a Roma, di FRANNY THIERY; 2007 - 2008: ideazione e prossima pubblicazione della guida per bambini “Nino Cordio: la mano dell’artista il sorriso del bambino”, per conto del Museo Nino Cordio di S. Ninfa (TP), con un testo di Andrea Camilleri; 2006 - 2008: accreditamento del progetto SEGNO GESTO E MOVIMENTO, riservato agli alunni della scuola primaria di I° e II° e secondaria di I°, nell’ambito dell’iniziativa “Città come scuola” promossa dal Comune di Roma Dipartimento Politiche Educative e Scolastiche, e svolto presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. 2006 - 2007: Pubblicazione della guida per bambini: “I dipinti della Galleria Borghese”, finanziata dalla Regione Lazio, con illustrazioni di Francesca Irene Thiery e presentazione del Prof. Claudio Zambianchi dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza”; 2006 - 2007: in conformità con la Convenzione di tirocinio, formazione e orientamento con l’Università degli Studi di “Roma Tre” si svolgono stage per studenti con curriculum storico-artistico, nell’espletamento delle attività svolte dall’Associazione e validi per il raggiungimento di crediti formativi; 6


2006 novembre - 2007 gennaio: si è svolto il primo “Corso in didattica dell’arte” per insegnanti, educatori, operatori museali, studenti e interessati, e consistente in 6 incontri terorico-laboratoriali sulla sintassi dei linguaggi dell'arte contemporanea. Ci si è soffermati sui temi del colore, del segno e della materia, per poi analizzare i sistemi di rappresentazione dello spazio e l’uso dell’assemblaggio. Il corso si è concluso con la visita animata alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna; 2006, 7 e 8 ottobre: iniziativa pubblica “Piccoli artisti in piazza” svolta presso il parco di Villa Torlonia, patrocinata dal Municipio Roma III e dalla Regione Lazio, consistita nella realizzazione collettiva, da parte dei bambini, di due strutture in divenire ispirate ai celebri igloo dell’artista contemporaneo Mario Merz; 2004 - 2005: in conformità con la Convenzione di tirocinio, formazione e orientamento con l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, si svolgono stage per studenti con curriculum storico-artistico, nell’espletamento delle attività svolte dall’Associazione e validi per il raggiungimento di crediti formativi; 2004 – 2005 ottobre - maggio: realizzazione del progetto denominato “La scuola in stazione: storie di treni, stazioni e viaggiatori”. L’attività didattica, rivolta alle scuole elementari e medie di Roma e provincia, svolta in collaborazione con le Ferrovie dello Stato presso la Stazione Termini di Roma, consisteva in un percorso strutturato in una visita animata all’interno della stazione e si concludeva con un laboratorio in uno spazio attrezzato; 2003 Aprile – maggio: visite animate e laboratori didattici per le scuole presso l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma, per conto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; 2002 Aprile – maggio: laboratori didattici sull’opera dell’artista Giuseppe Penone presso lo Spazio Espositivo per l’Arte Contemporanea di Tor Bella Monaca (Istituto Comprensivo “Via dell’Archeologia”) progetto promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma; 2002 Ottobre – giugno: laboratori sulle tecniche del disegno, incisione e stampa presso l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma; 2001 Settembre: pubblicazione del catalogo “Ateliers. Artisti e bambini al castello Colonna di Genazzano”; 2001 Marzo – giugno: laboratori per bambini “Il sarcofago misterioso e Figura in due stanze”, con l’artista Andrea Fogli e mostra finale presso l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma; 7


2000 - 2001: ottiene l’approvazione del Provveditorato agli Studi di Roma per corsi di formazione per insegnanti della scuola materna ed elementare; 2000 - 2001 febbraio - novembre: realizza il laboratorio didattico per le scuole legato alla mostra di David Tremlett, curata da Daniela Lancioni nella Spazio Espositivo per l’Arte Contemporanea di Tor Bella Monaca, in collaborazione con l’associazione Beat ’72 e il Comune di Roma; 2000 dicembre: laboratori con gli artisti Andrea Fogli, Laura Calmieri e Marina Pareis con mostra finale “Ateliers”, nel Castello Colonna di Genazzano; 2000 aprile - ottobre: organizza il servizio informativo e di accoglienza al pubblico nella serie di mostre “Tirannicidi” presso l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma; 2000 Maggio - giugno: laboratori con gli artisti Felice Levini e Maurizio Savini con mostra finale “Ateliers” nel Castello Colonna di Genazzano; 2000 gennaio - aprile: serie di 4 laboratori su Colore, Texture e Segno presso la Biblioteca Flaminia; 1999 dicembre: con la Regione Lazio realizza una serie di laboratori presso le scuole del Comune di Genazzano, attraverso un lavoro comune tra gli artisti Baldo Diodato, Anna Monopoli, Daniele Monaci, Claudio Calmieri e gli studenti; 1999-2000 febbraio - novembre: laboratorio didattico per le scuole legato alla mostra di Giacinto Cerone, curata da Daniela Lancioni nello Spazio Espositivo per l’Arte Contemporanea di Tor Bella Monaca, con l’Associazione Beat ’72; progetto promosso dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma; 1999 Dicembre: progetta e organizza l’installazione di quattro alberi di Natale d’artista nelle strade di Genazzano; 1999 settembre: promuove due laboratori presso lo stand della Biblioteca Centrale per ragazzi nell’ambito de “La città in tasca”, organizzato dal Comune di Roma a Parco degli Scipioni; 1999 aprile - giugno: gestisce l’attività didattica per le scuole elementari e medie per la mostra “I love pop, Europa - Usa anni ’60. Mitologie del quotidiano” presso il Chiostro del Bramante a Roma; 8


1999 gennaio: collabora all’ideazione e all’organizzazione della performance di Renato Mambor con un gruppo di bambini, in occasione della mostra personale dell’artista presso l’Istituto Nazionale per la Grafica a Roma; 1998 giugno - settembre: su incarico della Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Roma sperimenta il modello di Laboratorio Didattico per ragazzi presso la Galleria Borghese; 1998 gennaio - febbraio: su incarico della Galleria Nazionale d’Arte Moderna elabora e sperimenta il modello di Laboratorio Didattico per le scuole elementari, in relazione all’esposizione “Marcel Duchamp ed altri iconoclasti, anche”; 1997 - 1998: ottiene l’approvazione del Provveditorato agli studi di Roma per un corso di formazione per insegnanti alle scuole elementari; 1997 giugno - luglio: promuove le visite guidate con laboratorio “A caccia di Scipione l’Africano” presso lo stand della Biblioteca Centrale per Ragazzi, nell’ambito de “La città nascosta”, organizzato dal Comune di Roma a Parco degli Scipioni; 1997 marzo - dicembre: promuove alcuni laboratori per ragazzi sul mosaico nell’ambito dell’iniziativa “Illustriamo Roma”, della Biblioteca Centrale per ragazzi; 1997 gennaio - aprile: su incarico della Galleria Nazionale d’Arte Moderna elabora e sperimenta il modello di Laboratorio Didattico per le scuole elementari, in relazione all’esposizione “Alighiero e Boetti: l’opera ultima”; 1996 giugno - luglio: promuove il laboratorio “Giochiamo con l’arte” presso lo stand della Biblioteca Centrale per ragazzi nell’ambito de “La città in tasca”, organizzato dal Comune di Roma a Villa Borghese e Valle Giulia; 1996 aprile: in collaborazione con L’Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Roma, promuove il laboratorio “Il rettangolo del gioco” nell’ambito della mostra “I cento linguaggi dei bambini”, presso il Museo della Civiltà di Roma.

9


Informadarte propone inoltre: •

VISITE GUIDATE E LABORATORI RELATIVI ALLE MOSTRE IN CORSO NELL’ANNO 2010/2011 E ALLE COLLEZIONI PERMANENTI DEI PIÙ IMPORTANTI MUSEI DI ROMA

SERVIZIO DI CONSULENZA E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER INSEGNANTI

CONSULENZA E PARTECIPAZIONE A PROGETTI PER LA SCUOLA, BANDI E CONCORSI A CARATTERE CULTURALE ED ARTISTICO

NUOVI PROGETTI DI LABORATORIO DA CONCORDARE CON I DOCENTI, RELATIVAMENTE AI PROGRAMMI SCOLASTICI IN CORSO, E PROGETTI EXTRA SCOLASTICI (PRESCUOLA-DOPOSCUOLA)

CORSI IN DIDATTICA DELL’ARTE RIVOLTI A PERSONALE DOCENTE DELLE SCUOLE DELL’INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE, PRIVATI E STAGE RICONOSCIUTI PER STUDENTI UNIVERSITARI

PERCORSI LABORATORIALI DA PROGETTARE E CONCORDARE PER LIBRERIE, BIBLIOTECHE, STRUTTURE PRIVATE DEDICATE ALL’INFANZIA (LUDOTECHE, BABY PARKING, ASILI PRIVATI, ETC.)

LABORATORI CON ARTISTI

SI ORGANIZZANO LABORATORI CREATIVI PER FESTE DI COMPLEANNO, IN CASA, IN LIBRERIA O AL PARCO, DELLA DURATA MASSIMA DI 2 ORE.

Inoltre, a richiesta, alla fine del ciclo dei laboratori, si allestiscono mostre dei lavori svolti con i bambini.

10


LA MAGIA DELLA LUCE DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ In questo laboratorio ci dedichiamo allo studio della luce e del colore, e giochiamo con dei fenomeni percettivi, analizzando quelli più comuni. Cosa serve per vedere? Siamo sicuri che bastino solo gli occhi? Quando siamo al buio ad esempio cosa vediamo? E se le immagini, le ombre e le luci fossero solo elaborazioni del nostro cervello? Impareremo a distinguere tra oggetti trasparenti, lucidi e traslucidi; ad osservare come si formano le ombre; a distinguere tra sorgenti di luce naturale e artificiale, e corpi illuminati; a scoprire come è formata la luce, come si propaga, cosa fa quando incontra un corpo, se cambia o viene assorbita. LABORATORIO Dopo un'introduzione sul tema della luce accendiamo il proiettore e, con dei teli, lasciamo che i bambini si trasformino in fantasmi. Osserviamo come vari oggetti (mani, stoffe, carte trasparenti, plastiche, cristalli, retine, ecc.) diversi per forma, trasparenza e colore, reagiscono davanti alla luce e come si proiettano. Classifichiamo poi le ombre in base ai segni prodotti. Si possono catturare le ombre con un pastello bianco su un foglio bianco. Per rivelare la sagoma disegnata basterà passarci sopra del colore a tempera: avremo creato il primo quadro colorato delle ombre! Infine verrà dato a ogni bambino un quadrato di cartone dipinto con la fluorina per giocare col buio e con la luce, catturando per un attimo l'ombra di mani e oggetti. 11


12


SALUTI E BACI DA BRUNO MUNARI! DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ L’obiettivo del laboratorio è rendere omaggio all’artista Bruno Munari (1907-1997) da poco festeggiato per il centenario della sua nascita. Il metodo di lavoro, ispirato alla sua opera, stimola la creatività attraverso la manipolazione di oggetti e immagini del quotidiano per la creazione di nuovi oggetti fantastici, in cui fantasia e immaginazione saranno il filo conduttore. LABORATORIO Ma chi era Bruno Munari? Si parte dall’idea di una valigia di questo grande artista e maestro ritrovata per caso, un viaggio immaginario per ricostruire oggetti personali, appunti, ricordi di una persona davvero speciale! Partendo poi dall’analisi del libro Saluti e baci, ed. Corraini, si realizzerà una cartolina surreale ritagliando e incollando immagini di altre cartoline, Potremo far sbizzarrire la nostra fantasia attraverso strambe associazioni di idee ed immagini impossibili. Infine, con indirizzo e francobollo, potremo indirizzarle e spedire a chi vogliamo le cartoline realizzate!

13


L’IMPRONTA COME TRACCIA DI SE’ DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Sin dall’epoca dei primi uomini, che vivevano in sintonia con la natura, si sono lasciate tracce, sulla sabbia, la neve, il fango e la pietra. E prima degli uomini chi? Anche gli animali, le piante, le intemperie e le catastrofi naturali… E noi esseri umani, così come gli animali, siamo stati capaci leggere le tracce e di interpretarle a nostro favore e, sempre per primi, gli abbiamo dato un significato magico. Lasciare traccia di sé nel mondo, per segnarlo ed insegnare agli altri essere viventi la nostra esistenza, o per mettere paura, o per ingannare, o per ringraziarsi le divinità… Riti propiziatori per propiziarsi il cielo, o la sorte, affinché la caccia fosse buona, immagini, figure, ma prima ancora impronte… LABORATORIO Le nostre mani e i nostri piedi quante impronte possono lasciare? Le mani poggiate su cartone e poi cosparse di terre colorate (impronta in negativo) formeranno un grande quadro preistorico come i primi disegni rupestri; la mano coperta di colla e poggiata sul foglio e poi ricoperta di sabbie colorate; l’impronta della mano nella tempera bianca impressa su cartoncino nero; l’impronta sulla creta, la fuliggine sulla mano e lo scotch poggiato sopra …che bello scoprire che siamo tutti diversi!! E poi la foto di una impronta fatta precedentemente viene proiettata su un grande foglio di carta da pacchi, appeso al muro, e vengono ricalcate le linee della mano con pastello nero. Successivamente si poggia a terra il foglio e l’impronta viene ricoperta, con grandi pennelloni, da tempere colorate molto diluite.

14


UN FOGLIO + UN FOGLIO = ? DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Se 1 passo + 1 passo fanno una passeggiata, magari in un parco o sulla morbida sabbia della spiaggia, cosa farà 1 pagina + 1 pagina? Dopo la lettura del libro Un foglio più un foglio di Giuseppe Mazza e Anna Cairanti, i bambini si divertiranno a trovare mille possibilità di combinazione di oggetti ed immagini prese dalla realtà quotidiana, per scoprire così nuovi MONDI possibili e creare il proprio libro fatto di tante divertenti “equazioni artistiche” ritagliando, incollando e disegnando su fogli di cartoncino colorato e non solo...!! LABORATORIO Prima cercheremo di stimolare la fantasia dei bambini di fronte ad alcuni oggetti comuni: accostandoli, combinandoli e stravolgendoli si scoprirà insieme che ogni cosa, anche la più banale, può esser fonte di nuove ed originali idee! Successivamente ogni bambino si dedicherà alla creazione di un libro: nei loro fogli accadranno fatti, eventi, si descriveranno personaggi e racconteranno le loro storie. Usando sagome estratte a caso da una scatola, cartoncini colorati, fogli lucidi, riviste e materiale comune, la creatività del bambino verrà lasciata libera di correre all’inseguimento di tutte le associazioni di idee più fantasiose di cui sarà capace!

15


RECICL-ARTI! DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Il laboratorio intende avvicinare i bambini ai temi dell’educazione ambientale e dell’educazione alla creatività. Il ciclo naturale che regola la vita di tutti gli esseri viventi non prevede il concetto di rifiuto: ciò che viene scartato da alcuni organismi rappresenta una risorsa per gli altri. Il rifiuto è un oggetto di cui decidiamo di disfarci perché non più funzionante, perché non rispecchia più i nostri gusti o perché fuori moda… E’ quindi un prodotto “abbandonato”, che possiamo adottare e a cui dare, attraverso un gesto creativo, una nuova vita! Gli obiettivi del laboratorio sono: stimolare la fantasia e la creatività, promuovere l’utilizzo creativo dei rifiuti, far apprezzare la bellezza e versatilità dei materiali anche di scarto. LABORATORIO Sarà chiesto ai bambini di guardare attentamente i materiali: plastiche, stoffe, carte, materiali da imballaggio che tutti i giorni siamo abituati a gettare. Dopo aver osservato le caratteristiche oltre che visive, anche tattili e olfattive ci lasceremo andare con fantasia alla creazione di piccole opere tagliando, incollando e assemblando… proprio come hanno fatto tanti grandi artisti contemporanei!

16


FILO: STORIA DI UN LIBRO ILLEGGIBILE DURATA DEL LABORATORIO: 1 INCONTRO, VISITA E LABORATORIO DURATA: 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 8 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Cos’è un libro? E cosa sarà un libro illeggibile? Un libro illeggibile non ha parole da leggere, ma ha una storia visiva che si può capire attraverso la lettura dei materiali, delle forme e dei colori con cui è realizzato. Partendo dalla lettura del libro Filo di Fabio De Poli e Andrea Rauch, si sviluppa un laboratorio sulla creazione di un piccolo libro illeggibile, leggero come un filo... LABORATORIO Filo ci racconta, attraverso immagini create con la tecnica del collage, la storia di un pezzettino di filo e delle sue peripezie. Proveremo anche noi a giocare con i fili di lana: lasciandoli andare sul foglio, vedremo apparire dei bei disegni e, muovendoli potremo creare infinite varianti. Ma creeremo la nostra storia anche con ritagli di cartoncini colorati e pezzetti di stoffa, di forme e dimensioni diverse. Si potrà giocare così su un doppio livello: dall’astrazione delle forme alla creazione di un racconto di senso compiuto, che parta dalla suggestione che queste suscitano nel bambino.

17


LA MATERIA DURATA DEL LABORATORIO: 2 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO

FINALITÀ Attraverso il percorso laboratoriale si vogliono riscoprire le materie come portatrici di una complessità di valori inespressi e sviluppare la propensione ad un nuovo sguardo che agisca creativamente sull’esperienza quotidiana. Indagando le diverse caratteristiche e potenzialità dei materiali il bambino prende coscienza delle proprie percezioni sensoriali e acquisisce la capacità di fare scelte compositive che superino gli stereotipi figurativi.

COSTO DEL LABORATORIO: 16 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa) PRIMO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma La visita prevede una selezione di opere degli artisti: Fautrier, Colla, Burri, Fontana, Rotella, Manzoni, César, etc . SECONDO INCONTRO Silenzio! Parla la materia… Si allestisce l’aula per favorire una conoscenza dei materiali guidata dai sensi, attraverso l’uso di tavolette tattili. Segue una verbalizzazione sull’esperienza e la creazione di una composizione di materiali su un supporto rigido. Le opere verranno rilegate tutte insieme a formare un grande libro tattile di tutta la classe, dove a comunicare non sono le parole, ma i frammenti di materia.

18


L’ARTE E LA CITTÀ DURATA DEL LABORATORIO: 2 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 16 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Il progetto intende sollecitare il bambino a una riflessione sull’ambiente urbano: in un primo momento viene guidato alla comprensione dei diversi linguaggi con cui alcuni artisti hanno saputo esprimere il loro rapporto con la città, e successivamente viene invitato a rielaborare la sua esperienza attraverso la realizzazione di un'opera. PRIMO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma La visita sarà incentrata, all’interno del nuovo allestimento delle sale della Galleria, su una selezione di opere degli artisti quali: Balla, Scipione, Mafai, Festa, Tancredi, Turcato, Rotella ed altri del Novecento. SECONDO INCONTRO L’atmosfera della mia città Si invita a rielaborare e mettere in pratica l’esperienza fatta alla G.N.A.M. realizzando una piccola opera. Si lavora su due livelli: il primo che coinvolge il senso del tatto, attraverso l’uso di materiali le cui textures richiamano l’idea della loro città; il secondo relazionato alla loro sfera emotiva, in cui il colore diventerà espressione del loro stato d’animo e del personale legame con la propria città.

19


MUSICA MAESTRO! DURATA DEL LABORATORIO: 2 INCONTRI DURATA: 2 ORE PER CIASCUN INCONTRO

FINALITà Il percorso didattico mirerà a far conoscere gli strumenti musicali in collezione e ad acquisire una prima corretta nomenclatura delle diverse famiglie; e infine il laboratorio, dove i bambini metteranno in pratica quanto appreso nelle fasi precedenti giocando a riprodurre gli strumenti ed i loro suoni.

ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 16 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Visita al Museo degli strumenti musicali Durante percorso di visita, che si snoda tra le XVIII sale del museo, verrà fatta un’adeguata selezione degli strumenti da analizzare per ogni famiglia, verranno ascoltati brani musicali provenienti dai diversi strumenti osservati e verranno mostrati degli strumenti creati con materiali di riciclo che richiamano le sonorità di quelli in mostra. SECONDO INCONTRO Il secondo incontro si svolgerà a scuola nella propria aula, dove i bambini sperimenteranno le sonorità degli strumenti, assemblando materiali di uso comune per costruirne alcuni rappresentativi delle differenti famiglie: tamburi, maracas, kazoo, glasse armonica, bastone della pioggia, etc. L’esperienza si conclude con una “prova d’orchestra” in cui i bambini suoneranno tutti insieme gli strumenti assemblati.

20


LA TEXTURE (o trama della superficie del quadro) DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO La pelle delle cose Mediante l’esperienza tattile di diversi materiali si introduce il concetto di texture. Vengono poi discusse collettivamente le qualità di questi, creando una relazione tra la sensorialità tattile e la sua espressione verbale. In un secondo momento ogni bambino si sofferma su un singolo materiale per analizzarne le differenti potenzialità estetiche, ne cattura la texture mediante il frottage e dell’impronta. Avremo così un grande catalogo di textures da tenere in classe. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma I bambini con l’ausilio di un questionario, devono individuare, osservare e commentare alcune opere realizzate con materiali conosciuti e sperimentati durante il primo incontro. Saranno analizzate le opere di artisti quali: Picasso, Braque, Burri, Rotella, Manzoni, etc. In alternativa incontro in classe sulle sensazioni che i materiali provocano e creazione di un paesaggio tattile. TERZO INCONTRO Messaggi tattili Le proprietà dei materiali vengono associate a sensazioni, emozioni e sentimenti per creare dei “messaggi tattili”, dove sassolini, ovatta, carta vetrata, etc. diventano parole di un racconto personale da condividere con la classe.

21


IL COLORE DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Come si fa il colore? Dopo un’introduzione propedeutica alla conoscenza dei colori e l’analisi di quelli primari e secondari, si riproduce insieme la tonalità di un colore secondario. Il lavoro pratico parte dalla creazione di una sagoma colorata astratta per arrivare alla realizzazione di una disegno figurativo. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma La visita è un percorso che evidenzia la ricerca degli artisti contemporanei sulle potenzialità espressive del colore: dalle prime esperienze percettive del Divisionismo Italiano, passando per le rigorose geometrie di Mondrian, fino alle esperienze degli astrattisti, italiani come la Accardi e stranieri come Pollock, per concludere con colore evocativo di Turcato. In alternativa incontro in classe sulle emozioni che suscitano in noi i colori, e creazione di un’opera che evochi, con il solo ausilio del colore, un ricordo. TERZO INCONTRO Di che colore sei oggi? Ad ogni bambino si forniscono un paio di forbici e della carta velina da ritagliare per creare delle forme astratte o realistiche, a loro piacimento, che dovranno poi attaccare con la colla da parati e i pennelli (sovrapponendo carte di colori diversi formeranno nuovi colori secondo lo schema della “tavola dei colori”). I bambini potranno scegliere di rappresentare anche solo un’emozione, un racconto realista legato ad una sensazione provata, il ciclo delle stagioni, un’esperienza personale, un ricordo. etc. etc. 22


IL SEGNO DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Scopriamo il segno Un segno può assumere differenti valori espressivi: la sperimentazione e l’analisi di diversi strumenti e supporti ci aiuta a evidenziarli. Insieme si realizza un campionario di segni, approfondendo il legame tra segno ed emozione. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma I bambini con l’ausilio di un questionario individuano, osservano e commentano alcune opere in cui il segno è protagonista, tra le quali opere di Caporossi, Novelli, Fontana, Pollock, etc. In alternativa si gioca partendo da un segno casuale creato col pennello nero su un foglio bianco, per poi realizzare un disegno di qualcosa di riconoscibile. TERZO INCONTRO Storie di fili Il filo come strumento che ci permette di sperimentare con immediatezza la definizione di segno come traccia del movimento. La più antica storia di un filo è quella che narra di come l’eroe Teseo riuscì ad uscire dal labirinto grazie al filo rosso donatogli dalla sua amata Arianna. Proviamo a giocare anche noi con un lungo filo di lana rosso: lasciamolo andare sul foglio e vedremo apparire un segno; muovendolo possiamo creare infinite varianti. Ciascun bambino una volta scelto il segno-disegno preferito ripassa con un pennarello la traccia del filo…e la storia è fatta! 23


IL MOVIMENTO DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Rappresentiamo il movimento Si apprende l’importanza del gesto e del segno mediante un movimento che lascia una traccia, giocando al passo degli animali. Successivamente realizziamo una piccola animazione: ciascun bambino avrà un nastro colorato che muoverà nell’aria ascoltando generi diversi di musica. Questo stesso movimento verrà quindi rappresentato con diversi strumenti su un grande foglio. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma Attraverso un’accurata selezione delle opere in collezione, si analizzano le opere in cui il movimento, illusorio o reale, è protagonista, come nel caso dei Futuristi, Pollock, Calder, Arte Cinetica, etc. In alternativa visione di diapositive sugli artisti citati ed altre esperienze sul movimento, ad esempio: su un grande foglio appeso al muro lasceremo i segni di una passeggiata immaginaria! TERZO INCONTRO L’arte cinetica A scelta dell’insegnante si lavora sul concetto di movimento trasposto su una superficie bidimensionale, sull’esempio delle opere dei Futuristi osservate alla GNAM; oppure sul movimento reale attraverso la costruzione di un mobile sull'esempio dell’artista Alexander Calder.

24


LO SPAZIO DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2, LA VISITA 2 ORE ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Diamoci spazio! Tutti viviamo in uno spazio, ci muoviamo in esso e a esso ci rapportiamo. Lo spazio ci contiene, è un’entità astratta che non possiamo toccare. Ciascuno poi ha bisogno del proprio spazio, ma lo spazio è anche di tutti. Diverse esperienze pratiche permettono di approfondire il significato di spazio bidimensionale e tridimensionale. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma Percorso guidato in cui il concetto di spazio diventa argomento fondamentale per la lettura di un testo artistico: dallo spazio della galleria a quello del’opera d’arte figurativa, sino al concetto spaziale di Lucio Fontana. In alternativa visione di diapositive in aula e laboratorio sui concetti spaziali di Lucio Fontana. TERZO INCONTRO Spazio al movimento! Realizzazione di una scultura sospesa in aria sull’esempio dell’artista Alexander Calder: da fogli di plastica trasparente colorata si ricaveranno 2-3 forme geometriche che si appendono con il filo di nylon allo “scheletro” di un ombrello. Con un ulteriore lavoro si trasformerà uno spazio tridimensionale in bidimensionale. Grazie alla luce del proiettore puntata sull’ombrello si rifletteranno queste forme su un grande foglio. Ogni bambino traccia il contorno sfuggente di una o due forme riflesse. Quando tutti hanno tracciato le loro sagome, si dispone a terra il foglio e bambini ritrovano le proprie sagome e le colorano.

25


LA CERAMICA

DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Il laboratorio vuole introdurre i ragazzi all’arte della ceramica sperimentando le tecniche di base relative alle fasi di lavorazione. Attraverso la manipolazione e il modellamento dell’argilla (terra ed acqua), la sua essiccazione (aria) e la sua cottura (fuoco), si arriverà alla creazione di manufatti in ceramica, ripercorrendo un processo affascinante che racchiude in sé la forza e la magia dei quattro elementi primordiali. Dall’argilla alla ceramica, il percorso si sviluppa in 4 fasi: PRIMO INCONTRO Manipolazione dell’argilla e creazione di prime tridimensionali, come vasi (tecnica del colombino).

forme

SECONDO INCONTRO Manipolazione semplice, libera: a) su una mattonella di creta il bambino realizza delle textures tramite impronta (texture statica) e tracce (texture dinamica) b) creazione di un piccolo contenitore ottenuto tramite pressione manuale sulla creta. TERZO INCONTRO Realizzazione di un manufatto partendo da una lastra lasciata cadere sulla superficie di lavoro così da ottenere forme casuali che saranno poi interpretate e trasformate dal bambino ma che conserveranno la caratteristica di estemporaneità del gesto e del movimento dato dalla forza di gravità. 26


RITRATTO E AUTORITRATTO DURATA DEL LABORATORIO: 3 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 20 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO Cos’è il ritratto? Scopriamo il nostro volto Il volto è un insieme di espressioni, di sentimenti, di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi ti osserva. Spesso poi “parliamo con il viso” senza dire una sola parola. Ogni bambino davanti a uno specchio si eserciterà in una bizzarra ginnastica del viso: bocche spalancate, occhi sbarrati, naso arricciato, etc. I bambini eseguiranno poi un autoritratto con pezzi del volto tagliati geometricamente che assembleranno e coloreranno. SECONDO INCONTRO Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna Attraverso una selezione di opere appartenenti alla collezione della GNAM i bambini si confronteranno direttamente con ritratti ed autoritratti di grandi artisti del XX° secolo e scopriranno lo spazio museale. In alternativa i bambini eseguiranno un ritratto giocando con luce ed ombra. TERZO INCONTRO Un particolare autoritratto Durante questo incontro i bambini divisi in piccoli gruppi realizzeranno il ritratto di un personaggio assemblando materiali vari quali stoffe, fili, bottoni, oggetti, etc. sul modello dei ritratti di dame e generali eseguiti dall’artista Enrico Baj.

27


ARTE E CIBO DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO - Il cibo e la vista Sin dall’antichità il cibo è stato rappresentato artisticamente con diverse funzioni, fino al ‘600 quando frutta, vivande, selvaggina diventano un vero e proprio genere pittorico: la natura morta. Anche nell’arte contemporanea il cibo viene ampiamente utilizzato dagli artisti come materiale e linguaggio negli aspetti più diversi e simbolici. Attraverso un percorso di conoscenza di opere d’arte, si osserverà il cibo in un’ottica diversa. Segue laboratorio in cui si creano due tavolette cromatiche grandi in cui allestiscono gli alimenti passando da una sfumatura di colore ad un’altra. Infine ciascun bambino scegli dei cibi di un colore e li dispone in una scatoletta trasparente per alimenti e si disegna la natura morta colorata utilizzando vari materiali. SECONDO INCONTRO - Il cibo e il gusto Si allestisce un tavolo con frutta o verdura vera, di plastica, di cera, di marzapane, di legno…si analizzano insieme quali sono le differenze visive, olfattive e di gusto. Si assaggia il colore: i cibi frullati e assaggiati. TERZO INCONTRO - Il cibo e il tatto Passeggiata tattile con i cibi e con le tavolette di materiali vari. Si costruisce un variegato menù di cibi-materiali su un cartone da attaccare alla parete, per assonanza tattile e poi per contrasto tattile. QUARTO INCONTRO - Arte culinaria Sull’esempio dell’opera di Piero Manzoni, i bambini sceglieranno i materiali, i cibi e il colore per realizzare una composizione monocromatica improbabile, da conservare o portare a casa, in bustine di plastica sottovuoto 28


LA TRACCIA DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO – L’impronta come traccia di sé Da quando, dove e come gli uomini hanno lasciato traccia di sé? prima di tutto con le impronte! Le nostre mani, i nostri piedi quante impronte possono lasciare? Le mani poggiate tutte insieme su un grande cartone e poi cosparse di terre colorate (impronta in negativo). Tutte insieme formeranno un grande quadro preistorico come i primi disegni rupestri. Mani e piedi a confronto: traccia e impronta della mano e del piede immerse nelle terre colorate sulla carta. La mano coperta di colla e poggiata sul foglio e poi cosparsa di sabbie colorate…e a ciascuno le sue impronte!! SECONDO INCONTRO – Impronte d’artista I quadri sono forse un modo di lasciare una traccia di sé? E le sculture? E le architetture? Esempi nella storia dell’arte…ed esempi in classe, tutte le opere che creano i bambini sono tracce del loro esistere lasciate al futuro. Si lavora prima con l’impronta sulla creta alla maniera dell’artista Alighiero Boetti: le mani unite rappresentano il CUORE, l’affettività e successivamente sull’unicità dell’impronta: attraverso fuliggine e scotch ogni bimbo scoprirà che siamo tutti diversi! TERZO INCONTRO – Le tracce degli animali E prima degli uomini chi ha lasciato tracce? Anche gli animali lasciano tracce, le piante, il tempo e le catastrofi naturali. Ad ogni bambino è affidato il compito di compilare un vero campionario scientifico su un animale, reale o inventato, con tanto di disegno, orme e racconto di abitudini e habitat QUARTO INCONTRO – La traccia nella Land Art Creazione di una serie di cerchi, alla maniera di Richard Long, fatti di materiali diversi; cerchi magici, intorno a cui parlare, ballare, cantare, come fossimo antichi stregoni!

29


GLI ELEMENTI: ACQUA E TERRA DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Poiché l’esperienza per i bambini di questa fascia d’età è vissuta in prevalenza attraverso la percezione corporea, il progetto si sviluppa soprattutto sull’idea di un laboratorio di ricezione e riproposizione che ha come oggetto d’indagine gli elementi naturali. PRIMO INCONTRO: acqua 1 Introduzione al tema dell’acqua come fonte di vita e d’energia, scoperta delle sue forme e delle qualità, sperimentazione con tempera, inchiostro, acquerello e pastelli a olio mischiati con l’acqua. Segue un lavoro pratico collettivo per evocare colori e forme dell’acqua. SECONDO INCONTRO: acqua 2 Il primo lavoro ricrea l’universo marino racchiuso in contenitori trasparenti. La seconda parte è dedicata alla “voce dell’acqua”: se ne ascoltano i suoni (onde che si infrangono sugli scogli, gocce di pioggia in un bosco, un temporale, etc.) e si rappresentano graficamente con pastelli, matite, pennarelli. Costruzione di un “bastone della pioggia”. TERZO INCONTRO: terra 1 I bambini percorrono un “sentiero” fuori dall’ordinario: nell’aula viene allestito un lungo corridoio fatto di terra, sabbia, sassolini e creta. Con gli stessi materiali si crea in un contenitore un paesaggio in miniatura, da riprodurre su cartoncino con sabbia e terre colorate. QUARTO INCONTRO: terra 2 La terra a contatto col corpo: ci si trucca come gli aborigeni australiani e ci si copre il volto con una maschera d’argilla. Infine la sagoma di un corpo viene riempita da sfere di argilla, come nell’opera di A. Boetti.

30


GLI ELEMENTI: ARIA E FUOCO DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

FINALITÀ Poiché l’esperienza per i bambini di questa fascia d’età è vissuta in prevalenza attraverso la percezione corporea, il progetto si sviluppa soprattutto sull’idea di un laboratorio di ricezione e riproposizione che ha come oggetto d’indagine gli elementi naturali. PRIMO INCONTRO: aria 1 Introduzione al tema dell’aria: proiezione di immagini nell’aula e riflessione sui diversi modi di vederla, catturarla e rappresentarla. Creazione di forme leggere e trasparenti da far vibrare nell’aria. SECONDO INCONTRO: aria 2 Le forme create nel precedente incontro vengono proiettate su un grande foglio appeso alla parete e catturate con pastelli a olio e tempera color del cielo. TERZO INCONTRO: fuoco 1 Si può giocare col fuoco? A volte si può… Movimenti a lume di candela in una stanza buia, fotografati e in seguito proiettati nell’aula. Si riproduce poi l’immagine vista su un cartoncino nero, mediante materiali differenti. QUARTO INCONTRO: fuoco 2 I segni del fuoco: si creano immagini astratte su carta ignifuga con la fiamma di una candela. Si interpretano e commentano le forme ottenute. Con le carte veline e la colla vinilica si raffigurano le fiamme del fuoco, da ricomporre per creare una grande “parete infuocata”.

31


L’ARIA E GLI ANIMALI DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO: Toccare, sentire e vedere l’aria Cos’è l’aria? Come è fatta? Come si può vedere? È colorata o trasparente? Il nostro fiato è aria, calda se alitiamo, fredda se soffiamo. L’aria è intorno a noi e dentro di noi, grazie al respiro viviamo. I bambini sperimenteranno tatto, udito e vista in relazione all’aria: riempiendone dei palloncini e poi toccandoli, ascoltando il suono dell’aria, colorando attraverso lo spostamento dell’aria. SECONDO INCONTRO: Chi vive nell’aria? I bambini sono invitati a fare un elenco di chi vive nell’aria, e grazie ad essa. Successivamente si lavora sulle nuvole, chiedendo ai bimbi di riprodurle e personalizzarle ed infine ispirandoci al quadro di Magritte, Il salto pericoloso, creiamo delle cornici di cartone dipinte da mettere alle nostre finestre della classe, avremo fatto dei quadri del cielo che cambieranno ogni giorno al cambiare del tempo! TERZO INCONTRO: I cieli di Renè Magritte Si portano in classe grandi sagome di uccelli ricavate dal quadro di Magritte Il ritorno. I bambini dovranno crearvi dentro dei cieli differenti: dipingendo, lasciando impronte di materiali e incollandone di veri. Ogni sagoma si incolla poi su un cartoncino precedentemente dipinto e darà vita ad un’immagine surreale alla maniera di Renè Magritte. QUARTO INCONTRO: Il cielo è fuori e dentro di me Ispirandoci a diverse opere di Magritte si mettono dei fogli 70X100 a terra e si traccia la sagoma di un bambino, con un diverso cappello in testa. Tutto intorno e dentro la sagoma si attaccano vari materiali per creare delle immagini di uomini che contengano in sé i cieli più diversi.

32


L’ACQUA E GLI ANIMALI DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO: Forme e colori dell’acqua Quante forme e colori può assumere l’acqua! I bambini ne sperimenteranno tante: l’acqua di un contenitore viene riversata in altri di forma diversa per poi far vedere ai bambini cosa accade quando una goccia di colore diluito cade nell’acqua. Con l’inchiostro e una cannuccia, i bambini rappresenteranno su un foglio le forme che l’inchiostro ha creato nel bicchiere. SECONDO INCONTRO: Paesaggi sommersi I bambini creeranno un universo marino riempiendo dei contenitori trasparenti con liquidi di diversi colori e densità. Questi materiali non si mescolano ma si depositano a strati dal più pesante al più leggero creando giochi di trasparenze. Successivamente si crea un paesaggio subacqueo su cartoncino assorbente inumidito, facendovi sgocciolare sopra diversi colori (coline) con l’ausilio del contagocce. TERZO INCONTRO: Il magico mondo di Hiroshige Si parla degli abitanti che vivono dentro e fuori dell’acqua. I bambini, su una base di cartoncino colorato, avranno a disposizione delle fotocopie di animali marini tratte dalle opere del maestro Hiroshige che dovranno colorare con i pastelli a cera ed incollare sul cartoncino. Infine ci passeranno sopra con pennelloni e tempera molto diluita, per ricreare le sfumature delle diverse profondità marine. QUARTO INCONTRO: Il mare come artigiano Dopo aver letto alcuni brani tratti dal testo Mare come artigiano di B.Munari proprio come dei pescatori, con le nostre retine, recuperiamo da bacinelle d’acqua gli strani oggetti che il mare lascia sulla spiaggia: conchiglie, sassi ma anche pesci fatti con bottiglie di plastica riciclata che attaccheremo ad una struttura creando il nostro angolo di spiaggia!

33


LA TERRA E GLI ANIMALI DURATA DEL LABORATORIO: 4 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 25 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

PRIMO INCONTRO: Impronta come traccia di sé Da quando, dove e come gli uomini hanno lasciato traccia di sé? Le nostre mani, i nostri piedi quante impronte possono lasciare? Le mani poggiate tutte insieme su un grande cartone e poi cosparse di terre colorate (impronta in negativo). Tutte insieme formeranno un grande quadro preistorico come i primi disegni rupestri. Mani e piedi a confronto: traccia e impronta della mano e del piede immerse nelle terre colorate sulla carta. La mano coperta di colla e poggiata sul foglio e poi cosparsa di sabbie colorate…e a ciascuno le sue impronte! SECONDO INCONTRO: A caccia di tracce! Ogni animale lascia una impronta: il serpente che striscia, le orme di cervo, di cane, di orso. Come fossimo piccoli scienziati creeremo tanti campionari di orme: ci inventeremo un animale disegnandolo su un foglio con i pennarelli, imprimeremo sul foglio la sua impronta e racconteremo la storia l’habitat e le abitudini di questi animali fantastici. TERZO INCONTRO: La terra come generatrice di vita La terra genera prima di tutto le piante. Le piante stesse divengono alimento per gli altri esseri viventi: gli animali e l’uomo. Quali alimenti che mangiamo sono generati dalla terra? Prendendo spunto dal libro di B.Munari “Rose nell’insalata” bambini sperimentano il segno lasciato da vari tipi di verdure (insalata, peperoni, pomodori, sedano…) intrisi con un tampone di inchiostro. QUARTO INCONTRO: Giardini ad arte! Si affronta il tema della terra come ambiente in cui animali ed esseri umani costruiscono la loro vita. Ispirandoci al festival francese dei Giardini del futuro e ai giardini zen inviteremo i bambini ad inventare dei giardini fantastici bidimensionali attraverso la tecnica del collage. Successivamente si passerà alla realizzazione di un giardino reale ed infine di un vero prato! 34


IN VIAGGIO CON BRUNO MUNARI DURATA DEL LABORATORIO: 6 INCONTRI DURATA DI OGNI INCONTRO: 1 ORA E 1/2 ORARIO: DA CONCORDARE, TUTTO L’ANNO COSTO DEL LABORATORIO: 30 € A PARTECIPANTE (Iva inclusa)

Obiettivi e metodologia L’obiettivo del progetto è rendere omaggio all’artista Bruno Munari (1907-1997) con la realizzazione di laboratori creativi di arti visive. Il metodo di lavoro, ispirato all’opera di Munari, stimola la creatività infantile attraverso la manipolazione di oggetti ed immagini del quotidiano per la creazione di nuovi oggetti fantastici. Si parte dall’idea di un viaggio immaginario per costruire una valigia che contenga oggetti personali, appunti, ricordi, etc. In ogni incontro si costruiranno oggetti diversi assemblando materiali di vario genere: carte, stoffe, plastiche, materiali naturali e riciclati, etc. Il filo conduttore di ogni incontro sarà sempre un’opera di Munari. Alla fine degli incontri è prevista una mostra degli elaborati prodotti e commentati dai bambini. PRIMO INCONTRO - In viaggio con Munari presentazione dell’artista Bruno Munari e costruzione della valigia SECONDO INCONTRO - Un libro in valigia Munari e Rodari, storia di un incontro fantastico, e creiamo libri illeggibili TERZO INCONTRO - Una scultura da viaggio portare l’arte in valigia è facile e divertente QUARTO INCONTRO- Saluti e baci cartoline e foto ricordo da un paese immaginario mediante il collage QUINTO INCONTRO - L’inseparabile compagno di viaggio l’arte di trasformare gli oggetti trovati, usati, rotti, riciclati SESTO INCONTRO- Ricordi di viaggio si prepara la mostra finale da ripercorrere come un viaggio a ritroso... 35


L’ASSOCIAZIONE CULTURALE INFORMADARTE presenta CORSO IN DIDATTICA DELL'ARTE PER ADULTI FINALITA' Informadarte propone un corso per sensibilizzare ai linguaggi delle arti figurative, attraverso una selezione di materiali didattici scelti principalmente nel repertorio del presente, analizzando le opere di artisti contemporanei. La metodologia sottesa mira alla partecipazione diretta del soggetto che diventa agente attivo nella costruzione della propria esperienza, per attivare processi cognitivi e per sperimentare diverse tecniche espressive ed artistiche. Tali proposte stimolano l'apprendimento e il godimento dell'arte contemporanea attraverso lo sviluppo della manualità e della creatività individuale. Il metodo si basa perciò sulla stretta interdipendenza tra il momento creativo, attuato nella produzione di oggetti, e quello dell’analisi e riflessione collettiva sui risultati ottenuti. PRINCIPALI CONTENUTI Dopo un'introduzione alla didattica dell’arte si delineano le ragioni di una scelta metodologica e si precisano gli elementi sostanziali per la lettura di un'opera d'arte. Gli incontri laboratoriali si concentrano sulla sintassi del linguaggio dell'arte contemporanea soffermandosi sui temi del segno, della materia e del colore, per poi analizzare i sistemi di rappresentazione dello spazio e l’utilizzo dell’oggetto nell'arte contemporanea. Il corso si conclude con la Visita alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e piccolo laboratorio nella vicina Villa Borghese (tempo permettendo). DESTINATARI e DURATA DEL CORSO Il corso è rivolto a docenti, a studenti delle accademie e dell'università e a operatori didattici; ma è anche aperto a chiunque desideri avvicinarsi all’arte contemporanea in modo stimolante e creativo. Il corso si sviluppa in 3 incontri della durata di 4 ore circa, da svolgere di sabato pomeriggio dalle 15 alle 19, più un quarto incontro da svolgere all’interno di uno spazio museale. Le date scelte per il suo svolgimento sono: 9 ottobre, 16 ottobre, 23 ottobre e 30 ottobre. NUMERO CORSISTI Numero minimo di corsisti per l'attivazione del corso è di 10, il numero massimo di corsisti accettati è di 20 persone. COSTI Il costo dell’intero corso è di 200 €, mentre ogni singolo incontro ha un costo di 60 €. Per gli studenti il costo sarà di 150 € per l’intero ciclo o 50 € ad incontro, mentre sarà gratuito per gli stagisti universitari con cui si è già stipulato un contratto di tirocinio formativo.

36


Immagini del primo corso in Didattica dell’Arte dell’Associazione Culturale Informadarte, anno 2006 - 2007.

37


Alle scuole che prenoteranno per più di 4 classi, Informadarte effettuerà uno sconto di 2 euro a bambino su ogni ciclo di laboratori. Ricordiamo altresì che per i bambini esenti dalla retta scolastica il laboratorio sarà gratuito, previa dimostrazione dell’esenzione.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI Tel 0645448648 fax 0645448648 ore 9.30 - 13.30 Legale rappresentante Francesca Pacini 328 9587150 Coordinatrice, rapporti con le scuole Claudia Teodonio 349 3569159 sito internet: www.informadarte.it www.myspace.com/informadarte e-mail: informadarte@informadarte.it PER I GENITORI O GLI INSEGNANTI CHE LO DESIDERASSERO, È POSSIBILE ASSOCIARSI AD INFORMADARTE: Il COSTO TESSERA ASSOCIATIVA È DI 5,00€ E HA VALIDITÀ ANNUALE, DÀ DIRITTO AD ESSERE INFORMATI DI TUTTE LE NOSTRE INZIATIVE E A PARTECIPARVI CON PREZZI VANTAGGIOSI. Per ogni tessera emessa si avrà in regalo la nostra guida per bambini: “I DIPINTI DELLA GALLERIA BORGHESE”

38


OPUSCOLO SCUOLA INFANZIA 2010-2011