Page 3

bene ma razzolano male. I politici, specialmente in campagna elettorale, si mostrano sempre vicini alle donne e agli uomini delle forze di polizia ma purtroppo, a quanto pare, nella realtà non investono neanche un euro sul comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico. In parlamento tutti litigano ma quando si tratta di approvare norme sui vitalizi, sulle indennità parlamentari, escono fuori le c.d. “maggioranze trasversali”. E’ arrivato il momento di REAGIRE e fare la cosa più giusta contro una politica sorda che non intende investire un centesimo sulla sicurezza dei cittadini. FACCIAMO RICORSO E RIPRENDIAMOCI I NOSTRI DIRITTI. Per sinteticità non si elencano i vari motivi che hanno portato al blocco degli stipendi con accessori, ci si limita solo a ricordare che tali blocchi retribuitivi ultra annuali - decisi in via autoritativa ed unilaterale dallo Stato- si traducono in un tributo implicito (o forse del tutto esplicito) originato da mancati aumenti stipendiali circoscritto ad una specifica platea di contribuenti invece che alla totalità degli stessi. Orbene, poiché i poliziotti non possono pagare per tutti (anche per i politici), il Si.P.Pe. propone a tutte le donne e agli uomini delle forze di polizia aderire all’iniziativa: “IL GOVERNO MI BLOCCA LO STIPENDIO? IO FACCIO RICORSO” Poiché questa nostra iniziativa non è finalizzata al procacciamento di tessere ma è una naturale conseguenza che ci induce ad opporci all'indifferenza della politica, il Si.P.Pe. ha deciso di estendere il ricorso a TUTTI (Corpo Forestale dello Stato, Polizia Penitenziaria e Polizia di Stato). 14/12/2013

*****

PISA Droga nel carcere: Don Bosco, entrava dai colloqui.

Brutta

sorpresa ieri mattina durante una maxi perquisizione nel carcere di Pisa: gli agenti della Polizia Penitenziaria, unitamente al gruppo cinofili, hanno rinvenuto sostanze illecite all'interno delle camere detentive. "Queste cose - commenta il vice segretario generale del Si.P.Pe. Romeo Chierchia - avvengono perché le carceri Italiane sono piene e la stragrande maggioranza dei detenuti sono extracomunitari e ciò penalizza il controllo e l'osservazione da parte di chi espleta la funzione dell'ordine e sicurezza delle carceri". La droga con molta probabilità veniva introdotta nel reparto colloqui, quando i familiari andavano a trovare i detenuti nel penitenziario pisano. "Il risultato aggiunge Chierchia è encomiabile. Il lavoro degli operatori di Polizia Penitenziaria, nonostante che siano sottoposti a turni massacranti, costretti a lavorare in un ambiente difficile, magari a centinaia di chilometri da casa, hanno dato il massimo per mantenere alto il buon nome dell'istituto penitenziario, visto il recente passato negativo". Intanto la politica, salvo qualche eccezione, appare al vice segretario abbastanza distante dai problemi della realtà carceraria. "Mi fanno ridere - ironizza il vice segretario generale - prendiamo il provvedimento cosiddetto 'svuota carceri' rappresenta una goccia nel mare. Se si vuole davvero affrontare il problema del sovraffollamento serve una legge

di amnistia non serve l'indulto. Il Parlamento deve assumersi questa responsabilità davanti al Paese. Il carcere deve essere l'ex-trema ratio alla quale il giudice deve ricorrere quando non ha altre alternative. Bisogna anche pensare ad altri strumenti e personalmente suggerisco 'la cauzione' per alcuni reati. La classe politica non può restare inerte di fronte anche alle tante condanne in sede comunitaria che il nostro Paese subisce per le condizioni disumane in cui si trovano i nostri detenuti. Se andiamo avanti così le prossime condanne saranno per lo sfruttamento del lavoro degli agenti di Polizia Penitenziaria costretti a lavorare duramente per coprire più posti di servizio contemporaneamente e a volte anche quattro posti consecutivi, con le conseguenze, in termini di salute, stress e tensione e senza riconoscere il giusto equilibrio economico". 13/12/2013 Fonte www.inTOPIC.it.

*****

SONDRIO Lorenzo Saccucci è il nuovo Segretario Locale del Si.P.Pe..

Lorenzo Saccucci (nella foto) ha accettato di assumere l'incarico di Segretario Locale del Si.P.Pe. presso il penitenziario di Sondrio. Lo annuncia Angelo Montuori vice segretario generale del Si.P.Pe. "La crescita del Si.P.Pe. è ormai sotto gli occhi di tutti dichiara Montuori - specie nella regione Lombardia. Lorenzo Saccucci è un altro tassello che si

Fonte www.inTOPIC.it.

Ai sensi dell'articolo 7, comma 3, del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, inform@sippe è una pagina web che non costituisce un prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e non si avvale delle provvidenze previste dalla legge 7 marzo 2001, n. 62. Per maggiori informazioni leggi disclaimer del sito. Copyright © 2013 Si.P.Pe. Tutti i diritti sono riservati.

Inform@sippe 0009  

Opuscolo informativo del Si.P.Pe. ad uso interno

Inform@sippe 0009  

Opuscolo informativo del Si.P.Pe. ad uso interno

Advertisement