Page 10

Internet

www.bluenotemilano.it Inaugurato alcuni anni fa sul modello dello storico jazz club di New York, il Blue Note è diventato presto un punto di riferimento per tutti gli appassionati milanesi e non del mainstream e del modern jazz internazionale. Lo trovate in via Borsieri, nel cuore del quartiere Isola.

di Garibaldi-Repubblica. Qui cambierà lo skyline della città: giardini, nuovi poli culturali, un parco, un Museo della Moda e, soprattutto, grattacieli. Uno dei luoghi tipici dell’Isola, la Stecca degli Artigiani, ex fabbrica utilizzata nei suoi anni migliori per attività artigianali, culturali e ricreative, è già stata demolita, a seguito di uno sgombero, nel 2007. Il dibattito è in corso, come anche la lotta per preservare l’identità del quartiere, attraverso associazioni che cercano di mediare tra il patrimonio passato e i rischi delle trasformazioni future. È impossibile non notare, ora, nel farsi un giro tra le vie dell’Isola, il contrasto tra le palazzine basse al di qua dei binari e i giganti a specchio, a cui verrà aggiunto tanto verde, promettono gli architetti, due passi più in là. Il quartiere sembra più indifeso, piccolo, compatto, e forse anCase di ringhiera, botteghe di artigiani, locali cora più unito nei storici, negozietti vintage. È l’Isola di Milano, confronti delle trasforex quartiere popolare dal passato intenso e mazioni che già molte ricco di fascino... ora alle prese con il nuovo volte nella sua storia ha dovuto affrontare. “skyline” della città Probabilmente diverrà Se questa è la storia dell’Isola, un luogo ancora più ambìto, perché vicino il suo presente deve fare i al nuovo polo mondano e operativo della conti con la citata Città della Milano in costruzione. E diventerà ancora Moda e del Design che il Copiù caratteristico, perché così diverso dagli mune ha deciso di costruire edifici che svetteranno verso il cielo. La proprio a due passi dal quarsperanza è che rimanga sempre un’Isola. E tiere, nell’area finora irrisolta possibilmente felice.

» di Valentina Gerig; immagine tratta da www.skyscrapercity.com

10

In questa atmosfera familiare, che rimanda a certi scritti di Giovanni Testori, i cortili e i pianerottoli sono ancora spazi di condivisione confidenziale. Il passeggio tra le discoteche e i locali notturni alla moda, appena dopo il ponte di Garibaldi, in Corso Como, sembrano appartenere a un’altra città. Gli artigiani continuano a essere il cuore dell’Isola: le botteghe, gli antiquari, i sempre più introvabili ferramenta costellano le vie del quartiere. Resistono alla concorrenza di Porta Ticinese anche i negozietti di modernariato e abiti vintage. La sera, poi, l’Isola si anima grazie a ristorantini e locali. Tra questi alcuni celebri jazz club come il mitico Blue Note, in cui si sono esibiti e si esibiscono tuttora personaggi leggendari della musica jazz e, proprio a due passi, il Nord Est Café.

Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti Italia, 1960 Uno dei film cult del regista italiano. L’ascesa e la caduta di una famiglia di immigrati del Sud è ambientata in una casa di ringhiera, tipica abitazione popolare di Milano caratteristica dell’Isola.

»

Luoghi

Il nome lo deve alle sue caratteristiche topografiche: il quartiere Isola di Milano è infatti una sorta di città nella città, poiché i binari della Stazione di Porta Garibaldi lo separano dal resto del tessuto circostante. Il fascino di essere un’isola – non a caso viene paragonato al Greenwich Village di New York – aumenta, poi, se si conosce la sua storia. Il quartiere Isola è un quartiere popolare sorto tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, adiacente allo scalo merci e ad alcune industrie storiche. Ha vissuto innumerevoli trasformazioni, di cui una è tuttora in corso: il nuovo polo chiamato Città della Moda in costruzione nelle immediate vicinanze. Del suo passato, l’Isola ha conservato soprattutto lo spirito operaio, creativo, artigianale e poliedrico. Si è sbarazzato invece della fama di zona poco raccomandabile, conservandone solo il fascino, diventando anzi uno dei quartieri più ambiti da chi cerca casa a Milano. Ed è proprio l’architettura delle abitazioni a rappresentare uno degli elementi più caratteristici dell’Isola: case di ringhiera, a ballatoio, palazzine degli anni Trenta e Quaranta tipiche del razionalismo milanese, prefabbricati, botteghe artigianali.

L’Isola nella città che sale

Le vecchie case dell’Isola sovrastate dai grattacieli del Polo Garibaldi

Film

Profile for Ticino7

Ticino7  

Numero 39 - Settimanale della Svizzera italiana

Ticino7  

Numero 39 - Settimanale della Svizzera italiana

Profile for infocdt
Advertisement