__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 17

I

CENTRO GIOVANI INFERNETTO: UN CENTRO LAICO PER “FARE INSIEME”

l CENTRO GIOVANI INFERNETTO è un’Associazione di Promozione Sociale rivolta ai ragazzi, per dare loro “la possibilità di incontrarsi e di svolgere una serie d’attività”, e, più in generale, destinata “a tutta la società del quartiere, per promuoverne la formazione, la cultura e lo sviluppo”, come afferma Giampiero Vitullo, Presidente del Centro, nonché docente e psicologo dell’Istituto Mozart. La necessità di creare uno spazio d’aggregazione si era manifestata nell’ambito di alcune riunioni con le associazioni di quartiere, tuttavia, a richiedere espressamente l’apertura di un “centro giovani” sono stati due alunni della Mozart, durante una seduta presso l’aula consiliare del XIII Municipio. Nel giugno del 2012, il Comitato di Quartiere del Macchione ha messo a disposizione alcuni locali, permettendo la nascita del Centro in una delle “poche sedi laiche disponibili, una sede che - ricorda Vitullo - è in prestito”. Finora, sono state promosse diverse iniziative, spesso associate alle feste di quartiere, quali il Progetto “Crea10” (presentato ai ragazzi del liceo Democrito), la Festa della Creatività (che si è svolta il 30 settembre, senza ricorrere a graduatorie finali) e la Festa della Logica e Giochi della mente (il 1° dicembre), che hanno avuto successo tra i giovani. Nonostante i tagli alla Scuola e la mancanza di fondi, il futuro del Centro non sembra compromesso, in quanto, ai vari eventi gratuiti, si aggiungono dei progetti (il corso d’inglese per ragazzi, o le attività del sabato) per i quali è previsto il pagamento di un piccolo contributo, in un “connubio tra cose a pagamento e cose che non lo sono”, ma andando incontro “a chi ha situazioni d’indigenza forti”, precisa Vitullo. Le attività si svolgono con la collaborazione d’insegnanti di ruolo, catechisti, animatori, o altre persone qualificate che abbiano del tempo da offrire. Il Centro, però, non si rivolge solo ai ragazzi, ma anche agli adulti: organizzando gruppi d’incontro in una proprietà di via Nardini e coin-

di Alice Passamonti

volgendo i genitori nelle attività dei figli, il che rappresenta un’esperienza di scambio costruttiva e positiva. Molte sono, inoltre, le speranze per il futuro: riuscire a premiare periodicamente i ragazzi del Progetto Crea10, fare bookcrossing, avviare i gruppi d’ascolto del sabato e attivare il corso gratuito per genitori. CENTRO GIOVANI INFERNETTO nasce come un luogo in cui dare fiducia ai ragazzi e credere in loro e in cui i giovani possono esprimersi e apprendere il rispetto verso il prossimo, attraverso il “fare insieme” (“Il mio sogno è che il sabato mattina ci vediamo qui e facciamo il pane”), ma vuole anche essere un punto di ritrovo per intere famiglie del quartiere. Il modello di riferimento, per certi versi, appare l’oratorio, con la convinzione, però, che non debba essere necessariamente

il sacerdote a proporre dei percorsi di comunità. “Sto pensando ad un altro tipo di società — sostiene Vitullo in cui al centro c’è la famiglia. La famiglia diventa il possibile tramite per creare dei centri, che possono essere poi legati anche alla Chiesa”. Per avere maggiori informazioni riguardo ai corsi attivi, e per conoscere le iniziative promosse fino ad oggi, si può consultare il sito del Centro Giovani Infernetto: «www.infernettocentrogiovani.sitiwebs.com».

17

Profile for Esse  Editore

infernetto magazine n°28  

Tutte le informazioni sul tredicesimo municipio

infernetto magazine n°28  

Tutte le informazioni sul tredicesimo municipio

Advertisement