2 minute read

“Women in Health”, progetto CECRI

dal CECRI

“Women in Health”, progetto CECRI protagonista all’Ambasciata inglese

Advertisement

Con la relazione dell’infermiera Maddalena De Maria, del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione-Università di Tor Vergata, il Centro di Eccellenza di OPI Roma è stato tra i protagonisti di “Women in Global Health”, evento voluto dall’Ambasciata inglese della Capitale, per celebrare i successi e ascoltare dalle professioniste della salute quanto è stato messo in campo in questi due anni di sfida sanitaria causata dal COVID-19. Martedì 15 marzo, a Villa Wolkonsky, residenza del neo Ambasciatore, Ed Llewellyn, l’Assegnista di ricerca dell’ateneo romano è intervenuta nella sezione “Le donne in prima linea nella ricerca sanitaria”, con lo studio finanziato dal CECRI: “The Nurse in the Mirror: gender image and stereotypes of Nursing Profession”, per offrire una riflessione sulla donna e un excursus storico sulla Professione. Non è un caso, infatti, se la Storia dell’assistenza infermieristica si intrecci con quella femminile, visto che in Italia, già dagli inizi del ’900 (proprio grazie all’impulso della Riforma voluta da Florence Nightingale) nacque l’esigenza di creare una moderna assistenza costituita da elementi del “gentil sesso”. Oggi, circa il 76% degli infermieri italiani è donna, anche se tale percentuale non si riflette nella ridistribuzione delle cariche, perchè solo il 26% delle infermiere è presidente di Ordini Professionali; il 51% quelle con ruoli accademici e il 59% quelle impegnate nel Management in healthcare. Nella professione infermieristica, si percepisce ancora una diversa opportunità di assurgere a ruoli apicali, a seconda del genere a cui si appartiene: tale “gender gap”, derivante anche da un preesistente stereotipo, potrebbe ridursi attivando politiche di sostegno, perseverando nell’innalzamento culturale in generale e della Professione in particolare. Non è un caso, infatti, se, negli ultimi 20 anni, proprio l’innalzamento culturale dovuto alla formazione universitaria, abbia concorso a ridurre anche la distanza tra medico e infermiere. A discorrere sul tema, Sue Ann Costa Clemens, Dirigente dell’Institute for Global Health University of Siena, Visiting Professor in Global Health presso l’Università di Oxford, Dipartimento di Pediatria e Sally Jackson, consulente indipendente per la Salute globale. Nella seconda parte, sul tema “Pianeta sano, persone sane”, sono intervenute: Carolyn Stephens, professore onorario di Salute urbana, Unità di pianificazione dello sviluppo di Bartlett dell’UCL; Nicole De Paula, fondatrice e direttrice esecutiva di Women Leaders for Planetary Health e Simona Seravesi, consulente per la Salute globale ed ex Consigliere del G20 Sherpa Office, Ufficio del Presidente del Consiglio. Introduzioni di Susan Hopkins, consulente medico capo, Agenzia per la Sicurezza sanitaria del Regno Unito e della scienziata italiana Ilaria Capua, Direttore di One Health Center of Excellence, University of Florida. Ha condotto la giornalista del “Guardian”, Angela Giuffrida.