__MAIN_TEXT__

Page 47

LA TOSCANA e la sfida delle tre "i" I Cover Story

“TEMPI CERTI E DEFINITI, LE IMPRESE CHIEDONO CHIAREZZA ”

banchina Chiesa e parte della banchina Taliercio nel porto di Marina di Carrara, come appare il bilancio del primo anno di attività in Toscana? “Il bilancio tracciato è molto buono. Abbiamo centrato tutti gli obbiettivi presentati nel business plan sia sotto il profilo dei volumi movimentati sia sotto quello dell’occupazione. Abbiamo assunto circa trenta risorse e questi risultati ci fanno certamente ben sperare per il futuro”. Avete previsto ulteriori investimenti? “A Marina di Carrara abbiamo previsto un investimento complessivo di sei milioni di euro in dieci anni. Pochi mesi fa abbiamo finalizzato l’acquisizione di due magazzini di duemila metri quadrati, inizialmente non previsti nel piano di sviluppo, al fine di fornire opportunità maggiori ai nostri clienti”. La sua azienda opera sia in Liguria sia in Toscana negli scali che fanno parte del Sistema Portuale del mar Ligure Orientale. Funziona quest’aggregazione? “Sinceramente devo dire di sì. Gli effetti positivi di questa nuova compagine superano quelli negativi. L’Autorità di Sistema sta svolgendo il ruolo di regia in maniera perfetta e si

è sviluppato un ottimo coordinamento, grazie anche alla disponibilità delle istituzioni locali. In realtà il porto di Carrara è molto vicino a quello di La Spezia come logica produttiva”. Il futuro dello scalo apuano sta nel waterfront e nell'ampliamento del porto? “L’obiettivo delle istituzioni è quello di creare a ponente la zona turistica del

“SOLO DALLA COLLABORAZIONE TRA TUTTI GLI ATTORI POSSONO ARRIVARE LE ATTESE RISPOSTE

Michele Giromini

porto e a levante tutta la zona mercantile. Condividiamo il progetto, auspicando che l’attività commerciale non venga sacrificata. E lo dico più per forma che per sostanza. Sono infatti certo che sia da parte dell’amministrazione comunale sia da parte dell’Autorità di Sistema Portuale ci sia l’obiettivo di non ridurre gli spazi commerciali. E’ necessario aumentare i traffici sia mercantili sia crocieristici. Attendiamo, inoltre, ormai da decenni, una razionalizzazione dei procedimenti che garantisca migliore istruttoria degli interventi in tema di infrastrutture poiché qualsiasi investitore ha necessità, anzitutto, di tempi certi e definiti”.

Dicembre 2019-Marzo 2020 / IES / 47 Ottobre 2019-Gennaio 2020 / IES / 45

Profile for IES

Ies Industria e Sviluppo n.3 2019 - La Toscana e la sfida delle tre "i" (infrastrutture)  

Ies Industria e Sviluppo n.3 2019 - La Toscana e la sfida delle tre "i" (infrastrutture)  

Advertisement