Page 1

f r e e * n o v 2 0 1 5

in di sp ar te


www.indisparte.com


SOMMARIO

EVENTI

EVENTI IN DISPARTE

ARTISTI

NEXT

in disparte - Novembre 2015

4 - L’isola che non c’era, in centro città

Magazine free di arte e cultura Mensile - anno 1 - n. 3

8 - Peanuts in mostra a Milano

˅

12 - Una ‘maudit’ funambola della voce Direzione: Cristian Sonzogni Hanno collaborato: Giulia Regonesi, Veronica Basiricò Redazione: Via Madonna della Neve 3, Bergamo Stampa: Pixartprinting Srl - Quarto d’Altino (Ve)

16 - Sul Mincio una Capitale da copiare 22 - Osio Sotto, finestra sul Caucaso 28 - Next: tutti pazzi per Malevič

e-mail: info@indisparte.com

EDITORIALE Adesso possiamo dirlo: ci siamo anche noi. Nel variegato panorama delle proposte culturali della città, c’è un luogo nuovo tutto da vivere. Lo trovate descritto, in breve, nelle prossime pagine di questa rivista. Ma l’invito che vi facciamo è quello di provare a frequentarlo, perché solo così lo si può davvero capire. In questo numero, spazio anche ai fumetti, con i Peanuts e Lucca Comics. E alla splendida Mantova, che sarà capitale italiana della cultura nel 2016. Una città dalla quale per certi versi Bergamo ha qualcosa da imparare. Infine, fotografie e dipinti, come un piccolo antipasto su carta di quello che potete trovare a Osio Sotto e alla Gamec. Dove chi ama l’arte potrà trovare una finestra spalancata sull’Est, dal Caucaso alla Russia.

3


˅

UN’ISOLA CHE NON C’ERA, IN CENTRO CITTÀ 4

di Cristian Sonzogni

A

desso sì, adesso ci siamo. Speravamo di arrivare prima, verso l’estate. Invece abbiamo aperto in ottobre, autunno. Una stagione che in fondo si addice al nostro nome. Una stagione un po’ in dispArte, come le belle promesse lasciate maturare sotto le foglie rosse e gialle. Ci trovate in via Madonna della Neve 3, con tante proposte artistiche e culturali. In ordine sparso: musica, teatro, interviste, presentazioni di libri. Ma anche corsi, dedicati a tutte le materie, dalle lingue straniere alla fotografia, dalla dizione alla cucina. In dispArte vuole provare a diventare un punto di riferimento per quanti, in città ma non solo, si sentono un po’ orfani di un luogo che metta la cultura al centro. Potrete prendervi un caffè e leggervi un libro, e nessuno vi dirà mai che è ora di lasciare spazio ad altri. Potrete gustarvi, nel weekend, l’ampia offerta di spettacoli, col venerdì dedicato al teatro e il sabato alla musica dal vivo.


O potrete semplicemente assaporare i migliori prodotti provenienti dagli agriturismi e dalle piccole aziende d’Italia. Perché da dicembre saremo anche ristorante e take away, con poche portate (una decina nel complesso) ma tutte curatissime, e con ai fornelli lo chef Stefano Asperti, uno dei migliori del panorama orobico. Ogni prodotto, da noi, sarà una storia da raccontare, sarà un’idea da proporre, sarà motivo di aggregazione. Perché questo cercheremo, in fin dei conti. Non il business, non il successo, ma un nuovo concetto di locale che abbatta le barriere ideologiche e che sia luogo di incontro per i curiosi, per chi va sempre alla ricerca di qualcosa che non conosce. Noi per primi non conosciamo tante cose. Non conosciamo nemmeno, al momento, dove ci porterà quest’avventura, ma sappiamo bene con che spirito la affronteremo: con quello di chi ha più coraggio che paura, con quello di chi ha sempre una domanda in più rispetto alle risposte.

Per un po’ saremo un cantiere aperto, perché un progetto come questo, che peraltro cambia forma a ogni piccola virata, ha bisogno di tempo per decollare. Un cantiere dove anche i clienti potranno portare un loro contributo, con l’obiettivo comune di costruire un posto dove ci si possa sentire a casa. La programmazione verrà comunicata ogni tre mesi e vedrà sul nostro palco alcuni degli artisti più talentuosi del panorama italiano e internazionale. Non li misureremo col metro della popolarità, perché così spesso si finisce per andare fuori strada. Li misureremo col metro delle emozioni che ci provocheranno, e allora ci sarà davvero di che divertirsi. Qualche nome? Max Manfredi, Patrizia Laquidara, Federico Sirianni e Guido Catalano. Ai quali seguiranno tanti altri personaggi imperdibili, sempre proposti a prezzi popolari. In dispArte non sarà un club, non sarà orientato politicamente. Sarà trasversale nel senso più ampio del termine.

˅

5


˅ www.indisparte.com Così, sul nostro sito, presentiamo il progetto ‘in dispArte’.

6

Un luogo dove si nutre il corpo e lo spirito. Con una cucina semplice ma con prodotti di alta qualità, e con un’offerta culturale di ampio respiro. Musica, pittura, fotografia, poesia, letture, teatro e altro ancora. In definitiva, arte, nelle sue varie forme. Il ristorante culturale vuole essere uno strumento per divulgare la cultura, rendendola mai banale, mai noiosa, sempre vivace. Corredata da interviste ai protagonisti del nostro tempo. Un luogo dove si possa leggere un buon libro o condividere un’esperienza. Ma in un contesto reale, non nel senso moderno del termine ‘condivisione’, che rinchiude tutto nello spazio virtuale di un social network. Un luogo, invece, da vivere di persona durante il giorno e durante la serata, non solo per gustare i migliori prodotti provenienti da tutta Italia, ma per crescere e vivere emozioni.


Vogliamo essere inclusivi e non esclusivi, vogliamo far sì che i nostri clienti si sentano come a casa, tra amici, e per questo ci impegneremo a rendere il nostro ambiente sempre più confortevole, caldo e accogliente. Non ci fermeremo a ciò che abbiamo fatto, non daremo nulla per scontato, saremo sempre in movimento perché il rischio più grosso dei nostri giorni è quello di restare fermi ad aspettare. Il tempo di aspettare è terminato, adesso è il tempo di mettere in campo una parte di ognuno di noi, per difendere ciò che vale, ciò che per troppo tempo è stato abbandonato al suo destino. Ci hanno detto qualsiasi cosa, in questi sei mesi, ci hanno detto che Bergamo non accoglierà questo luogo con quella vivace curiosità che – dicono – sia più facile trovare in grandi città. Noi pensiamo che Bergamo viva un periodo di fermento conosciuto poche volte nella sua storia. Pensiamo che sia il momento giusto. Se lo pensate anche voi, venite a trovarci.

prima e dopo...

˅

7


˅

“ERA UNA NOTTE BUIA E TEMPESTOSA...”

Q 8

di Veronica Basiricò

uei ricordi un po’ nostalgici di quando Charlie Brown si era innamorato perdutamente della dolce ragazzina dai capelli rossi, le serate passate ad abbrustolire le “toffolette” (che per chi non le conoscesse, sono i marshmallow) oppure il simpatico compagno di giochi Snoopy il bracchetto, la cui cuccia nascondeva segretamente un tavolo da biliardo e un’opera di Van Gogh. Questi sì che sono ricordi da rispolverare. “Il fantastico mondo dei Peanuts” disegnato dal fumettista Charles M. Schulz quest’anno compie 65 anni dalla prima pubblicazione, e ha cominciato così a far sorridere ogni appassionato. Una mostra all’insegna della scoperta, della novità e anche di un tocco di nostalgia: sarà l’occasione per buttarsi nel passato attraverso alcune delle rarissime tavole originali disegnate da Schulz, provenienti da collezionisti e dalle riviste stesse su cui il fumetto veniva pubblicato.


Sarà un modo per rivedere gli episodi più divertenti dei cartoni animati più famosi del mondo e per approfondire ogni aspetto caratteriale ed emblematico dei personaggi. Dal 17 Ottobre 2015 al 10 Gennaio 2016 il Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata (in Viale Campania 12, Milano) ospita una mostra tutta dedicata a questo speciale gruppo di bambini, dando l’opportunità di scoprirne la vera storia attraverso tre itinerari: il primo sarà dedicato all’analisi dei temi caratteristici del fumetto, proponendo anche attività interattive per il pubblico; il secondo racconterà il magico cagnolino Snoopy mentre il terzo sarà interamente dedicato alla vita del disegnatore americano Charles M. Schulz, scomparso nel Duemila. Un simpatico modo per far rivivere i personaggi e per farli scoprire anche a chi non ha mai avuto occasione di conoscerli.

Orari di apertura: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00. Biglietti: intero 5,00 euro; ridotto 3,00 euro; convenzionato 4,00 euro Per festeggiare il sessantacinquesimo anniversario della nascita dei Peanuts e in occasione dell’attesissima uscita del film “Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts” (nelle sale italiane a partire dal 5 novembre), in collaborazione con BIC Licensing c’è una mostra davvero unica dedicata al gruppo di bambini più amato della storia del Fumetto, che gode del prestigioso patrocinio del Charles M. Schulz Museum di Santa Rosa (California).

˅

9


˅ LUCCA COMICS, UN 2015 DA RECORD

10

“...Sì, viaggiare!” era il tema dell’edizione 2015 di Lucca Comics & Games, il Festival internazionale dedicato al fumetto, al gioco e all’illustrazione, realizzato da Lucca Comics & Games Srl, insieme al Comune di Lucca, con il sostegno di altri enti cittadini come Provincia, Camera di Commercio e Fondazioni bancarie, che si è tenuto nel centro storico di Lucca dal 29 ottobre all’1 novembre. La manifestazione si è trasformata in una vera e propria stazione di partenza verso tutti i viaggi impossibili che solo la fantasia sa rendere possibili. Viaggi come quello visualizzato dal manifesto, realizzato quest’anno da Karl Kopinski, tra i maggiori illustratori fantasy europei, che ha saputo inventare una miscela unica tra la tradizione dell’illustrazione realistica anglosassone e le più contemporanee iconografie fantascientifiche e steampunk, a evocare atmosfere da “Domenica del Corriere” e quelle dei manifesti di villeggiatura del primo Novecento. A Kopinski è stata dedicata una personale a Palazzo Ducale, uno vero e proprio Tour artistico, dai ritratti di Coppi e Bartali ai più popolari mondi fantasy. Viaggi come quello nel tempo di Richard McGuire, cui è bastato un angolo di un soggiorno per realizzare con il graphic novel ‘Qui’, uno straordinario esperimento visuale e narrativo; a più di venticinque anni dalla sua prima pubblicazione, ‘Qui’ torna in una nuova veste: rivista, espansa, colorata, definitiva. Viaggi come quello che lo scrittore irlandese Herbie Brennan (8 milioni di copie vendute in oltre 50 Paesi) nel suo ultimo romanzo ‘La principessa degli Elfi’ ha voluto far partire proprio da Lucca Comics & Games, ambientazione suggestiva dove la protagonista (una ragazzina su una sedia a rotelle) supera i duri vincoli della sua realtà, usando Lucca come piattaforma per addentrarsi in un mondo sconosciuto, Elfenlind, tra cosplayer veri e altri decisamente più misteriosi. Continua la rivoluzione iniziata lo scorso anno, con l’aumento degli spazi fieristici, padiglioni nuovi e meglio distribuiti in centro. E sulle Mura le attività a ingresso gratuito. L’edizione 2015 ha riscosso un successo eccezionale (e a un grande successo corrispondono «grandi responsabilità», avrebbe detto qualcuno...), ma l’eccesso di successo deve essere governato. Sempre con la finalità di migliorare la vivibilità del Festival, si è reso necessario un ulteriore allargamento degli spazi fieristici, per consentire alle centinaia di migliaia di persone arrivati a Lucca in quattro giorni di poter visitare i padiglioni in condizioni di sicurezza. L’espansione non è dunque intesa a fini commerciali ma principalmente per avere corridoi più ampi nei padiglioni e una più allargata distribuzione del pubblico nel centro storico. Tra i nuovi poli nevralgici della manifestazione, segnaliamo quello che si verrà a creare nella zona Ovest della città attorno a piazzale Verdi (in cui il ristrutturato edificio dell’Ex Cavallerizza è diventato un aggregatore legato al mondo del gaming). Cresce anche The Citadel, che invade il Baluardo San Paolino con un nuovissimo padiglione che si aggiunge a quelli confermati sul Baluardo Santa Maria. Nella giornata di sabato 31 ottobre, i padiglioni sono rimasti aperti fino alle ore 21, due ore in più per consentire al pubblico di visitare meglio gli stand preferiti, nel tentativo di offrire più possibilità di orari di partenza (e meno assembramento in stazione) a chi lascia Lucca in treno. A ciò si aggiunge il potenziamento della rete di trasporti ad hoc pensati per la manifestazione: sono tornati i Comics In Bus (con più tragitti e la possibilità di acquistare il biglietto e il viaggio insieme) e gli Shuttle (che dalle città toscane porteranno in città chi ha acquistato online il biglietto aggiungendo questa opzione).


˅

11


˅

LA ‘MAUDIT’ FUNAMBOLA DELLA VOCE 12

di Giulia Regonesi

D

a anni se ne sente parlare, ma senza (per fortuna, sua e nostra) che sia mai arrivato il successo mainstream, quello che spesso ti fa perdere la rotta. Vincitrice del premio della critica nel Festival di Sanremo del 2003 e produttrice dell’album vincitore della Targa Tenco 2011 nella sezione dialettale, Patrizia Laquidara è una delle più importanti cantanti, autrici e compositrici del panorama italiano. Solo che sono in troppo pochi ad essersene accorti. Siciliana di origine ma veneta di adozione, durante le sue esibizioni gli spettatori, un po’ come le sirene che stregavano i marinai di passaggio con il suono della loro voce, vengono ammaliati con facilità dalle sue parole e dalla sua interpretazione, il tutto grazie a una voce unica, che si scopre a tratti dolce e sofisticata, ma può rivelarsi anche misteriosa e travolgente. Non per nulla viene definita per la sua scrittura una poetessa di “estrazione maudit”.


Come i poeti del movimento letterario francese, Patrizia riesce a cogliere l’essenza profonda della realtà, senza mezze misure. Come si può ben dedurre, è un’artista che sa osare, non si limita certamente a scelte scontate e di facile consumo. Ed è dotata di una percezione della realtà che possiamo definire quasi sovrannaturale, che non si ferma alle apparenze ed è capace di percepire quelle sfumature che spesso sfuggono allo sguardo comune. E proprio grazie a questa audacia che la contraddistingue, riesce a traghettare la sua musica anche in territori lontani dall’Italia: i suoi tour l’hanno portata in diverse parti del mondo, dal Giappone agli Stati Uniti, e ancora in Marocco, in Ecuador, in Lussemburgo, in Portogallo, fino in Brasile. È proprio dalle culture di questi ultimi due paesi che Patrizia è stata maggiormente influenzata durante la sua carriera, come ha ammesso in un’intervista di qualche anno fa.

“Amo la musica brasiliana - ha detto - perché è una musica che ti fa muovere i fianchi, ha ritmo e passione in ogni sua nota e la amo perché pullula di tradizione popolare. Quest’ultima è una caratteristica che ricerco nella musica: adoro i ritmi che parlano dei popoli, di mondi diversi dal mio e lo stesso vale per quella portoghese. Di questa amo soprattutto la vocalità. I portoghesi hanno grandi voci e io sono molto affascinata dal suono delle voci. La mia passione per questi due universi musicali è nata soprattutto grazie ai miei viaggi. Sono Paesi che ho frequentato molto, che ho sentito vicini fin da subito e da cui non riesco più a staccarmi. La lunga tournèe che ho messo in pista in Brasile è stata davvero fantastica. Ho cantato in vari teatri, a Rio de Janeiro, San Paulo, Belo Horizonte, Curitiba e Porto ed il pubblico e’ sempre stato molto generoso, partecipe, caloroso. Ne sono tornata rigenerata”.

˅

13


˅

DICONO DI LEI...

“Emergono i vocalizzi di Mina, la classe della Vanoni, il calore della De Sio”. (Rockit)

14

“Una delle voci più straordinarie che l’Italia abbia mai avuto” (Mescalina) “Un patrimonio inestimabile che l’Italia fatica ancora a comprendere” (Andrea Di Renzo) “Teniamocela stretta. Ne nascono poche”. (Il Sole 24 ore)


Nel suo repertorio, infatti, troviamo anche canzoni in lingua portoghese, tra cui “Noite e luar”, colonna sonora del film italiano “Manuale d’amore”. Parlando di questa sua passione per la tradizione e i popoli, non sorprende per nulla il fatto che, da artista eclettica qual è, oltre a cantare in italiano e portoghese si sia dedicata anche alla scrittura di canzoni in dialetto veneto, la sua seconda terra d’origine, in cui parla e canta di questo luogo, della sua gente e dei suoi colori. Per Patrizia Laquidara la musica è il più importante mezzo di espressione, tanto da affermare più volte di rendersi conto che un’esibizione è andata bene dal fatto di non aver pensato a nulla durante lo svolgimento del concerto, come se le canzoni prendessero un’identità propria. Attraverso i suoi testi, infatti, riesce sempre a trasmetterci i suoi pensieri e sentimenti più profondi, creando un’atmosfera da sogno, da vivere circondati da luci soffuse.

Mielato Mielato profumo soffuso è ancora qualcosa Presagio di sole / Fiocchi di lana, latte di mandorle amare / Lento chiarore / Dolce di panna e spago di lana / Filo di nylon e voce di gola / Mi hai seminata di baci e seppellita / Poi mi hai profumata di sguardi e rabbonita / Tra le tue dita di seta mi hai tradita / Poi rigirata, raggirata, malamente rammendata. Niente non fa quasi niente mi trucco da sola / Gli strappi e i raggiri / Tranquillamente posso affondarti ora / Con la lingua tra i denti / Mi hai seminata di baci e seppellita / Poi mi hai profumata di sguardi e rabbonita / Tra le tue dita di seta mi hai tradita / Poi rigirata,raggirata, malamente rammendata. - Patrizia Laquidara in concerto Sabato 5 dicembre, ore 22 - Ingresso 10 euro in dispArte, via Madonna della Neve 3 - Bergamo

˅

15


˅

SUL MINCIO UNA CAPITALE DA COPIARE 16

E

ra già, a prescindere dalla conferma, una delle Capitali della cultura in Italia. Ma nella serata di martedì 27 ottobre è arrivata pure l’ufficialità: a comunicare che sarà Mantova a ricoprire questo ruolo è stato Marco Cammelli, presidente della Giuria di Selezione che ha consegnato la busta con il nome della prescelta direttamente nelle mani del Ministro Dario Franceschini. Mantova l’ha spuntata battendo la concorrenza di altre nove città arrivate nella short list resa noto nel luglio scorso. Insieme a Mantova concorrevano al titolo Aquileia, Como, Ercolano, Parma, Pisa, Pistoia, Spoleto, Taranto e Terni. Una rivincita nemmeno tanto piccola dopo che la città dei Gonzaga si era vista di recente battuta in volata per il ruolo di Capitale europea della cultura nel 2019, quando sarà Matera a rappresentare l’Italia. All’amministrazione comunale arriverà anche un milione di euro svincolato dal patto di stabilità.


Non male per una realtà piccola ma vivace come poche, che trova durante l’anno tanti motivi per meritare una visita. Come il Festivaletteratura, quel bellissimo ‘carnevale dei libri’, che a ogni settembre riempie di parole, musica e storie le strade della città affacciata sul Mincio. Una città che vale la pena scoprire, perché finora è stata tra i tesori troppo poco esposti di un’Italia che come al solito fatica a far emergere le proprie bellezze. “C’è l’opportunità di un rilancio internazionale”, dicono dall’amministrazione comunale, e questo è sicuramente vero, ma c’è soprattutto l’occasione di far conoscere ai vicini di casa ciò che i mantovani sanno da tempo. A metà tra Lombardia ed Emilia, per certi versi la città di Virgilio è molto più emiliana che lombarda, nei tempi e nel modo di vivere. Per non parlare del dialetto. Ma in fondo è a un’ora e un quarto di strada da Bergamo, e difficilmente si può trovare posto migliore per una gita fuori porta.

Basta andare a visitare Palazzo Te, il Palazzo Ducale, fare una passeggiata in Piazza Sordello o Piazza delle Erbe. Basta farsi stordire dalla bellezza del Castello di San Giorgio, che si staglia al di là del ponte come una cartolina. Basta godersi uno spettacolo al teatro Bibiena. Poi giusto il tempo per una cena a base delle specialità del posto (tortelli di zucca, la celebre torta sbrisolona) e c’è da scommettere che si tornerà a casa con un’esperienza difficile da dimenticare. Mantova lascia al visitatore il gusto di un luogo incantato con uno sguardo al passato ma proiettato nel futuro. Un luogo dove il concetto di ‘provinciale’ diventa positivo, perché riporta a quelle tradizioni che non devono sparire, che fanno dei borghi italiani un capitale culturale senza eguali al mondo. Nel 2016, ci saranno tanti motivi in più per andarci. E Bergamo, che di Mantova può considerarsi una sorta di gemella, avrà una buona occasione per rubare qualche spunto.

˅

17


˅

18

“Sempre più mi vado facendo persuaso che di certi aspetti di noi italiani noi stessi italiani non ne sappiamo niente di niente [...]. Ora mi ritrovo a Mantova dove, in una serata di luglio, alcuni mantovani fecero la bella pensata d’organizzare una specie di “festa” della letteratura, da tenersi ogni anno sul finire dell’estate”. ANDREA CAMILLERI


˅ DAL 1997, C’È IL FESTIVALETTERATURA Dal 1997, Festivaletteratura è uno degli appuntamenti culturali italiani più attesi dell’anno, una cinque giorni di incontri con autori, reading, percorsi guidati, spettacoli, concerti con artisti provenienti da tutto il mondo, che si ritrovano a Mantova per vivere in un’indimenticabile atmosfera di festa. Al Festival partecipano narratori e poeti di fama internazionale, le voci più interessanti delle letterature emergenti, e ancora saggisti, musicisti, artisti, scienziati, secondo un’accezione ampia e curiosa della letteratura, che non si nega alla conoscenza di territori e linguaggi lontani dai canoni tradizionali. Un’attenzione particolare è rivolta ai bambini e agli adolescenti: numerosi incontri, spettacoli e laboratori sono pensati solo per i ragazzi o per adulti e ragazzi insieme. Il tutto a Mantova, una perla del Rinascimento riconosciuta dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità, dove la dimensione raccolta della città avvicina autori e lettori, permettendo a tutti di spostarsi facilmente a piedi da un appuntamento all’altro. (dal sito www.festivaletteratura.it)

19


˅

20

I GONZAGA I Gonzaga sono stati tra le più note famiglie principesche d’Europa, protagonisti della storia italiana ed europea dal XIV al XVIII secolo. Governarono Mantova, dapprima come signori, a partire dal 1328, poi come marchesi e duchi sino al 1707. Governarono inoltre il marchesato e poi ducato del Monferrato; rami cadetti governarono in Italia: il Ducato di Guastalla, il Ducato di Sabbioneta, i marchesati di Vescovato, Luzzara, Palazzolo e Castel Goffredo, Castiglione e Solferino, i principati di Bozzolo e Castiglione, la contea di Novellara; all’estero un ramo cadetto governò i ducati francesi di Nevers, Rethel, Mayenne e il principato di Arches. Mantennero un ruolo di primo piano nel contesto politico italiano ed europeo grazie ai loro ambasciatori e a un’abile politica matrimoniale, che aveva portato a rinsaldare i rapporti con l’Impero, la Spagna, la Francia e con le dinastie sovrane e le famiglie nobili più in vista del tempo. Aumentarono ancora il proprio prestigio legandosi in matrimonio nel XVII secolo con la più importante famiglia reale europea, gli Asburgo, quando Eleonora Gonzaga divenne la prima imperatrice della casata, sposandosi nel 1622 con Ferdinando II. Eleonora Gonzaga-Nevers divenne a sua volta imperatrice sposandosi con Ferdinando III. Maria Luisa di Gonzaga-Nevers elevò ancora il prestigio della casata, quando divenne per ben due volte regina di Polonia, sposandosi con Ladislao IV e Giovanni II. La famiglia diede inoltre i natali a un santo, a quattordici cardinali e a tredici vescovi della Chiesa cattolica. La loro grande fama è anche legata al fatto di aver promosso, per diverse generazioni, la vita artistica e culturale al più alto livello. La collezione artistica dei Gonzaga era celeberrima, comprendeva infatti opere degli artisti più rinomati del Rinascimento e dell’Età Barocca e venne venduta in buona parte al re d’Inghilterra Carlo I quando i sovrani di Mantova si trovarono in difficoltà economiche.


˅

21


˅

OSIO SOTTO, FINESTRA SUL CAUCASO

L 22

’Assessorato alla Cultura del Comune di Osio Sotto propone dal 7 al 15 novembre la mostra “Caucaso. Iran, Armenia, Georgia”, fotografie di Dorian Cara. In esposizione cinquanta scatti (da 26x38 cm) realizzati negli ultimi tre anni, un progetto fotografico nato all’interno della ricerca e mappatura da parte dell’autore, che è anche storico e critico d’arte, dei siti archeologici bizantini dell’area caucasica, centri significativi sia per le culture asiatiche che per quelle europee. Il reportage racconta questa regione all’intersezione tra nord e sud, est ed ovest, luogo di confini politici e fusione di popoli. Le foto, selezionate tra migliaia di scatti, si soffermano su paesaggi, architetture, religiosità e, soprattutto, sulla quotidianità e i suoi gesti, da cui emergono la fierezza e la forte identità culturale di ciascuno dei Paesi dell’area.


Cara ha cercato di fermare il tempo in micro racconti, storie di luoghi e di uomini che lì vivono, tra antiche pietre e moderni skyline, orizzonti mutevoli tra i raffinati decori di corredo alla diversità della fede. Da sempre crocevia di terre e di popoli, il Caucaso è una terra dal fascino assoluto, dove panorami etnici ed orografici riservano continue, inaspettate quanto stupefacenti sorprese. Alveo di tradizioni millenarie, dove si incontrarono la cultura cristiano-bizantina con quella arabo-mussulmana, la regione è tuttavia al centro di conflitti ancora irrisolti. Nel periodo della mostra, è previsto un incontro con l’autore dedicato ai tre Paesi ritratti, con proiezione di immagini non incluse tra quelle esposte a Osio Sotto: l’appuntamento è fissato per il giorno venerdì 13 novembre, a partire dalle ore 20.30.

Dorian Cara specializzato in legislazione dei beni culturali, si occupa di catalogazione, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale italiano ed estero. Ha scritto per diverse testate giornalistiche e pubblicato diversi volumi fotografici. Ha inoltre ideato e curato mostre d’arte contemporanea. Informazioni al pubblico Biblioteca Civica +39 035 4185904 www.bibliotecaosiosotto.it info@bibliotecaosiosotto.it Con il supporto organizzativo de il Comitato Ecologico +39 333 7473584 www.comitatoecologico.eu info@comitatoecologico.eu

˅

23


˅ OLTRE LE RICERCHE, OLTRE LE SCOPERTE

24

Le tracce che hanno originato questo progetto fotografico sono innanzitutto la personale ricerca e mappatura dei siti storico-artistici bizantini dell’area caucasica condotta da anni: elementi imprescindibili per la conoscenza delle origini e diffusione del Cristianesimo e ancor più dei monumenti architettonici religiosi che lo testimoniano. Inevitabilmente, e aggiungerei fortunatamente, i luoghi sono fatti da uomini e all’incontro con l’umanità e con la cultura diversa non bisogna fare altro che abbandonarsi, accogliendo con stupore e tensione la mediazione tra la propria curiosità e ciò che offre la realtà. Tra migliaia di scatti, la comprensibile selezione si è focalizzata su paesaggi, architetture, religiosità e quotidianità di gesti, da cui emergono fierezza e forte identità culturale di ciascuno dei Paesi dell’area, proposti in un’ottica di micro racconti che narrano l’incontro tra confini diversi, naturali e culturali, storici ed artistici, paesaggistici ed umani. I circa 1.200 km che costituiscono la catena montuosa del Caucaso, naturale congiunzione orografica tra Mar Nero e Mar Caspio, sono certamente il luogo che da sempre ha costituito il baricentro e l’incontro etnico, politico e religioso tra Nord e Sud, tra Oriente ed Occidente. Estinguere in alcuni scatti fotografici, e tanto meno in poche righe, la storia passata, presente e futura di questa magnifica parte del mondo è indubbiamente arduo e fuori contesto. Da sempre crocevia di terre e di popoli, il Caucaso è una terra dal fascino assoluto, dove panorami e gente riservano continue, inaspettate quanto stupefacenti sorprese. Alveo di tradizioni millenarie, dove si incontrarono le culture cristiano-bizantina e quelle musulmana e persiana, la regione è tuttavia da sempre al centro di conflitti ancora irrisolti. In questa grande area, costituita da due catene montuose, il Grande Caucaso, confine settentrionale, e il Piccolo Caucaso, quello meridionale, contenuta tra la Regione del Volga a Nord, i mari Caspio ad Est e Nero ad Ovest, l’Altopiano Iranico a Sud, gli esiti della storia e la diffusione dei suoi popoli sono stati diversissimi e complicati, basti pensare alle più di 50 etnie presenti. In questo spicchio di mondo coesistono, con equilibri delicatissimi, stati indipendenti e regioni a vocazione autonomista: Armenia, Azerbaijan e i territori della Repubblica di Nakhchivan e quello armeno del Nagorno-Karabakh rivendicato dall’Azerbaijan, ma di fatto indipendente, Georgia e le tre regioni da essa rivendicate ma autonome della Agiaria, dell’Abcazia e dell’Ossezia del Sud, Russia, di cui fanno parte le sette regioni federali di Karačaj-Circassia, CabardinoBalcaria, Ossezia del Nord, Inguscezia, Cecenia, Daghestan e il Territorio di Stavropol’. Turchia e Iran sono relativamente parte dell’area caucasica, poiché ai margini. Infatti, per la Turchia la connessione al Piccolo Caucaso è grazie ai monti Yalnızçam o Arsiani che segnano il confine con il Sud della Georgia, e all’estremo Est il confine è dato dal monte Ararat; mentre per l’Iran l’appendice al Piccolo Caucaso è segnata a Nord del Paese, nella provincia dell’Ovest Azerbaijan, dal canyon della Valle di Aras, naturale confine con la azera Repubblica di Nakhchivan. A questo proposito, è per me doveroso un ringraziamento così come una dedica particolare al professor Italo Furlan, docente di Arte Bizantina all’Università di Padova, scomparso lo scorso 9 gennaio a Spilimbergo (Pordenone). Grazie al suo metodo, alla sua passione, che in parte ho fatto miei, ripercorrendo quelle tracce bizantine in cui lui si muoveva con stupefacente agilità e con semplicità comunicativa, ho intrapreso il lungo quanto affascinante percorso della ricerca. Un particolare ringraziamento va soprattutto a chi mi ha accompagnato in questi anni nei diversi sopralluoghi: Mahnaz Alinaghi, Saideh Fesdeghchi e Nasser Vaghefi in Iran, Victoria Mangasian in Armenia e Irina Khutsishvili in Georgia. di Dorian Cara


˅

25


˅

26


˅

27


n e x t

28

TUTTI PAZZI PER MALEVIČ

D

al 2 ottobre 2015 al 17 gennaio 2016, la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo - ospita un’importante retrospettiva dedicata a Kazimir Malevič (Kiev, 1879 – Leningrado/San Pietroburgo, 1935), artista chiave del XX secolo, che ha attraversato uno dei periodi storico-artistici più intensi del Novecento. Curata da Evgenija Petrova (vice direttore del Museo di Stato Russo di San Pietroburgo), e Giacinto Di Pietrantonio (direttore della GAMeC),coprodotta dalla GAMeC e da GAmm – Giunti Arte mostre musei, in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, la mostra, unica nel suo genere per completezza e per l’accurata indagine storico-critica, accoglie 50 opere di Malevič accanto a lavori di importanti esponenti russi appartenenti ai movimenti artistici di inizio Novecento, oltre a documenti e filmati relativi al periodo storico di riferimento. In mostra, inoltre, il video dello spettacolo ‘Vittoria sul sole’, con la ricostruzione di 19 costumi di scena. Malevič è internazionalmente considerato parte della triade pioneristica che ha aperto le nuove strade dell’arte del XX secolo: se Picasso ha contribuito maggiormente al rinnovamento della tradizione figurativa e Duchamp di quella concettuale, Malevič è colui che ha dato vita all’egemonia della tradizione dell’arte astratta, ancor oggi determinante. La sua è stata, e continua a essere, una personalità chiave per il secolo scorso, grazie a una produzione complessa, che va oltre il solo lavoro astratto e la nascita del Suprematismo, corrente artistica fondamentale per lo sviluppo dell’arte del XX secolo. In occasione della rassegna, i Servizi Educativi della GAMeC hanno promosso il progetto ‘Tutti pazzi per Malevič’, con il fine di costruire una rete di collaborazioni tra istituzioni, associazioni, enti della Città di Bergamo e provincia, riunendoli in un network d’eccellenza. Tutti pazzi per Malevič, supportato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bergamo, vuole essere un investimento culturale di qualità sulla Città, che vede la GAMeC capofila di una nuova modalità progettuale, mirata alla valorizzazione delle risorse generate dalla mostra.


n e x t

29


n e x t

30


www.indisparte.com


in disparte 2015

in dispArte - N.3 Novembre 2015  

Magazine free di arte e cultura

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you