Page 27

Nostra Signora della Cavallosa: un luogo di pace nel verde della natura

Un Santuario nella campagna tortonese BENEDETTA ACRI

@FernGully89

della Madonna; quello a destra è dedicato a San Domenico, raffigurato con una statua di pregio. Intorno al Santuario, oltre a fiori e piante di ogni genere, troviamo il gruppo della Pietà; il monumento a San Paolo della Croce, fondatore dei Padri Passionisti, nativo di Ovada; ed un crocifisso a ricordo della Missione (20-25 aprile 1976) predicata dai Padri Passionisti Ermanno Lodi ed Elia Trentin. Un luogo non solo di preghiera, ma pieno di storia e d’arte, una piccola perla nella quiete in cui il tempo sembra fermarsi.

C

on la bella stagione la voglia di passeggiate a piedi o in bici immersi nel verde assale un po’ tutti. Perché non approfittarne per scoprire posti nuovi e suggestivi? Uno di questi è il Santuario di Nostra Signora della Cavallosa, poco distante da Tortona, tra le frazioni Passalacqua e Torre Garofoli. Ricercato per matrimoni e cerimonie, questo modesto Santuario si erge a margine di una stradina di campagna ed è dedicato alla Madonna “Vergine delle Grazie”. Le Feste tradizionali celebrate sono il Lunedì di Pasqua con la Processione e il Santo Natale con la Messa di Mezzanotte. La tradizione vuole che nel 1700 ad una fanciulla muta dispersa nei boschi apparve su di una pianta trasformata in trono di luce la Vergine Maria con il Bambino, che le sorrise e chiese di erigere in quel luogo una cappella, donandole la parola. L’evento è raffigurato nel mosaico dell’abside, opera di Piero Dalle Ceste con un mosaico di Odorico. Esso fa parte dei lavori di miglioramento voluti nel 1965 da don Amedeo Borasi, come il pavimento in marmo Botticino e il portone d’ingresso in rovere di Slavonia. La “Cavallosa” era la tenuta di Domenico Romagnoli: visto il sempre crescente afflusso di fedeli, decide di donare il terreno all’amico don Carlo Milanese per ampliare la cappella, inaugurata nel 1912 con il campanile a due campane. Nelle due navate troviamo i preziosi altari barocchi: quello a sinistra, circondato dagli Ex-Voto, proviene da Lu Monferrato e ha una cornice marmorea che racchiude l’immagine

Domenica 14 giugno 49ª Sagra delle Ciliegie nel cuore della Val Grue

La Bella di Garbagna tra arte e musica BENEDETTA ACRI

@FernGully89

U

na bomboniera immersa nella natura di un’amena valle della provincia alessandrina. È Garbagna, paese della Val Grue che ogni anno ospita numerosi ed importanti appuntamenti. Abbiamo incontrato Paolo Nicolini, neopresidente della Pro Loco, attivissima sul territorio: “gli eventi clou della stagione saranno domenica 14 giugno 49ª Sagra delle Ciliegie e domenica 11 ottobre 46ª Sagra delle Castagne.”. Il paese vanta l’unico presidio Slow Food italiano inerente alla ciliegia: la “Bella di Garbagna”. Il borgo ha un’anima artistica: “riproporremo il 13 giugno il “Sabato del Villaggio” con mostre pittoriche nei cortili del centro storico. Focus l’inaugurazione della rassegna dell’artista Aldo Gentilini”. La Sa-

gra delle Ciliegie ha lo spirito delle feste paesane: “dalle 11 piazza Principe Doria, cuore del borgo, ospiterà stand gastronomici di tipicità: minestrone di verdure fresche, salamini alla piastra e varie prelibatezze a base di ciliegia, come le “Belle” cotte al Timorasso. I produttori locali venderanno direttamente i frutti. Inoltre, le vie di Garbagna saranno animate da stand enogastronomici e di artigianato, oltre che da musica: l’intrattenimento non mancherà”. Novità di quest’edizione uno speciale francobollo creato per l’occasione e l’annullo postale: “le cartoline vendute saranno annullate con timbro in loco da dei rappresentanti delle Poste Italiane, diventando così oggetti da collezione”. Alle 16.30 presso la chiesa parrocchiale di San Giovan-

ni Battista Decollato si terrà un concerto d’organo del maestro Fabio Re organizzato dal Lions Club Curone Grue. L’incasso sarà devoluto alla ristrutturazione della Tela della Peste. Oltre alle celebri sagre, si susseguiranno eventi di varia natura, tra cui il 28 giugno “Garbagna Trail Montebore”, gara sportiva per la prima volta nel paese; “Galeotto fu il libro”, letture dantesche il 12-20-27 giugno e il 4 luglio; il 15 agosto “Le Muse. Dal barocco al rock”, concerto diretto dal maestro Andrea Albertini; il 29 agosto serata di prosa dialettale della Compagnia Teatrale Garbagnola; il Mercatino delle Pulci il 21 giugno, il 26 luglio, il 23 agosto e il 20 settembre dalle ore 8 in Piazza Doria. È proprio vero che spesso sono le piccole realtà a dare le più grandi soddisfazioni.

#ioloraccolgo

“U

n giorno stavo leggendo un libro placidamente disteso su di un prato sul Lungo Ticino a Pavia. Ad un tratto ho alzato la testa e mi sono accorto di essere circondato da rifiuti: cartacce, cicche di sigaretta e bottigliette di bibite. Allora ho ripulito tutto e, prima di andarmene, ho scattato una foto, condividendola su Twitter con l’hahstag #ioloraccolgo. Da lì è partita l’idea di condividere questo gesto”. Ecco, come a volte, possono nascere le campagne virali: un po’ per caso e un po’ per un guizzo della mente. È questa la storia di Alessandro De Chirico, nato a Genova ma cresciuto a Ronco Scrivia, studente di Comunicazione Professionale e Commerciale all’Università di Pavia, che ci ha presentato la sua campagna social #ioloraccolgo, un’iniziativa volta a sensibilizzare le persone non solo a non inquinare, ma anche “a rimuovere i rifiuti altrui, condividendo poi la foto sui social network, così da essere protagonisti”. Un’idea quindi meritoria e praticamente a “costo zero” dunque? “Beh meritoria me lo auguro – dice il nostro interlocutore – Per il costo zero bisogna sfatare il mito che l’uso della rete sia assolutamente green”. Quindi hai pensato a una sorta di “onere di compensazione”? “Se il progetto prenderà piede, e sto notando molto interesse in giro per l’Italia, con tweet da Torino e anche da Roma – risponde Alessandro De Chirico – mi piacerebbe poter, grazie ai proventi raccolti con i banner, piantare degli alberi, così da combattere la CO2 che ho prodotto con l’attività sulla rete”. (m.n.)

Inchiostro Fresco - Giugno 2015  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you