Issuu on Google+


       

     

                     



         

    

  





Correlate



 

          

 



 

































          

         





           

  

                      

       

 

                                          

  







                              

art



                                                                                                                                                                           

       

                   ���                                                                                  

                           



 

 

  

 





            



                                                                                                                                                                          

                         





                                                          

 



                                                                    



                



          

         

                                           

                                                           

           

 

 





                    

 

POLITICA INDUSTRIALE




   





 

                                                                                                                                                           

 



  

     

   

   

 

 




I N T E R V I S TA

SERENA ART 04.qxp:LAY OUT Attico 195x275

18-01-2010

17:42

Pagina 1

Immobiliare Serena,l’impegno di costruire e fare abitare meglio, rispettando l’ambiente. Vincenzo Bagli è presidente di Immobiliare Serena Srl, società che negli ultimi anni si è segnalata per un impegno a tutto tondo nei confronti dell’edilizia sostenibile e del risparmio energetico. Difatti, oltre a realizzare abitazioni dall’alta efficienza energetica e dal basso impatto ambientale, che utilizzano fonti rinnovabili e non sono allacciate alla rete del gas metano, Serena ha in corso una campagna di autocompensazione ambientale che ha lo scopo di regalare 5.000 nuovi alberi ai territori in cui è intervenuta; nell’ultimo triennio ha già messo a dimora più di 1.500 piante. Signor Bagli, cosa significa per un costruttore essere attento alla cosiddetta “sostenibilità”? Sostanzialmente, per ciò che mi riguarda, è un concetto riassunto benissimo dalla sua prima formulazione, che risale al rapporto Brundtland del 1987 e, in sostanza, dice che lo sviluppo sostenibile è tutto ciò che consente di soddisfare i nostri attuali bisogni, senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri. Poi, se si pensa che il nostro settore è chiamato direttamente in gioco da una delle maggiori cause dei cambiamenti climatici, ossia dal riscaldamento e raffrescamento delle abitazioni, allora diventa chiaro come i costruttori abbiano una grande responsabilità. Tuttavia, non è una questione legata solo all’“ecologia”. Ciò che secondo me bisogna riuscire a far comprendere a chi acquista una casa è che, prima di ogni altra cosa, un’abitazione ben fatta è in grado di risparmiare energia e, allo stesso tempo, accresce il benessere e la comodità di chi vi abita. Oltre ad abbattere notevolmente le spese per il suo mantenimento. È questa la chiave di volta per cambiare la cultura dell’abitare e contribuire, in modo tangibile, alla salvaguardia dell’ambiente e al futuro dei nostri figli. E nelle vostre case, che soluzione adottate? Innanzitutto, prima ancora di parlare di impianti, bisogna tenere a mente che la prima condizione per il risparmio energetico è nella corretta realizzazione del cosiddetto “involucro edilizio”. Una casa ben costruita, insomma, dev’essere correttamente isolata in ogni sua parte: muri, tetto, pavimenti, serramenti, etc. E, prima ancora, dovrebbe essere progettata con la migliore esposizione possibile e la più efficace distribuzione degli ambienti, in maniera da ottimizzare l’apporto di calore proveniente dall’esterno. Una volta fatto questo, per il riscaldamento, il raffrescamento e l’acqua calda sanitaria ci affidiamo a impianti geotermici.

È una risorsa pulita, rinnovabile e molto affidabile. D’altronde, abbiamo incominciato a lavorare con il geotermico già cinque o sei anni fa, quando la scelta era in Italia ancora pionieristica: una bella scommessa, soprattutto quando penso che i primi nostri impianti testati con il sistema acqua/acqua sono stati quelli del Borgo Antico di Cormano, un quartiere di circa 10.000 metri quadrati (in cui, tra l’altro, siamo riusciti a fare a meno anche del gas metano, consigliando l’utilizzo di piastre a induzione al posto delle normali cucine). È stata un’impresa coraggiosa. Nonostante sia ancora sottoutilizzata, adesso anche in Italia si inizia a sentir parlare più spesso di geotermia: ma senza la giusta esperienza si rischia di commettere errori. Per esempio, si può credere che basti prendere le soluzioni sviluppate nelle aree di lingua tedesca (dove in effetti sono molto “avanti”) e applicarle qui da noi così come sono. Invece, già in Lombardia le caratteristiche climatiche cambiano sensibilmente, e quei modelli progettuali devono essere necessariamente riadattati (basti pensare al problema dell’umidità). Ma più di tutto, ripeto, è importante il riscontro dei clienti: chi ha scelto e abita già le nostre case non tornerebbe più indietro, in case “normali”. Ci si rende conto presto che una nostra abitazione fa semplicemente vivere meglio. E poiché progettiamo e utilizziamo impianti funzionanti prevalentemente con fonti energetiche naturali e rinnovabili, le nostre case, oltre a far vivere in maniera più salubre, fanno risparmiare in ogni senso: ambiente e portafoglio. Mi pare che proprio dal concetto di “esperienza sul campo” sia nato anche Consorzio Bioenergia, che la vede fra i fondatori… Esatto. Consorzio Bioenergia nasce proprio dall’idea, condivisa con gli altri fondatori (anch’essi impegnati dalla fine degli anni ’80 nel settore dell’edilizia sostenibile e del risparmio energetico), di mettere insieme le rispettive esperienze per poter garantire a 360 gradi il miglior servizio tecnico/progettuale capace di rispondere a ogni esigenza legata all’efficienza energetica in qualsiasi habitat o fabbricato, attraverso l’uso razionale di energia ricavata da fonti rinnovabili. E, non ultimo, con il proposito di rispondere alla crescente curiosità di tutti – dal pubblico più vasto e differenziato ai manager pubblici e privati, ai nuovi professionisti del settore – su questi temi e, quindi, di far fronte alla sempre più evidente necessità di divulgarli nella maniera più corretta e chiara possibile.


Supplemento al numero odierno di Corriere della Sera - Direttore Ferruccio de Bortoli - RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Quotidiani. - A cura di Trovocasa - Anno V - N. 4 Sped. Abb. Post. Comma 26 Art. 2 Legge 549/95 - Milano - Non può essere distribuito separatamente da Corriere della Sera

SCEGLIE PER VOI CASE SEMPLICEMENTE BELLE

pagina 6

XXXXXXXX, xxxxx xxxxxxxxx xxxxxxx, pagina 00

ELEGANzA E SOSTENIBILITà

Cormano

XXXXXXXX, xxxxx xxxxxxxxx xxxxxxx, pagina 00

XXXXXXXXX, xxxxxxxxx xxxx, pagina 00


Borgo Antico Il futuro degli ecoquartieri è già qui

O

asi verde di terreni agricoli compresa tra i Comuni di Novate Milanese e Cormano, il Parco della Balossa si estende su un territorio di 150 ettari in cui la conservazione e la valorizzazione dell’ambiente e dell’attività rurale si inseriscono in un disegno più ampio che prevede la creazione di parchi pubblici, piste ciclabili, reti del verde e infrastrutture in grado di migliorare la qualità della vita, stabilendo in tal modo una continuità fra il Parco Nord e il Parco delle Groane. Alle porte del Parco, Borgo Antico è il vittorioso traguardo raggiunto con tenacia e serietà da un gruppo immobiliare che, su questo progetto, si è guadagnato la fiducia e la collaborazione di Legambiente per la gestione dei consumi energetici condominiali. Lo sviluppo di una nuova cultura del “buon costruire”, qui passa attraverso le competenze artigianali e l’impiego di materiali tradizionali associati a tecniche costruttive d’avanguardia e alla costante sperimentazione di soluzioni per il risparmio energetico che includono l’utilizzo di fonti rinnovabili. IL GIUDIZIO DI PREGIO. Borgo Antico, è una vera e propria cittadella ecocostenibile che concretizza in discorso architettonico d’attualità il futuro degli ecoquartieri. Alimentato esclusivamente da impianti a energia rinnovabile, non allacciato alla rete del gas, inserito con coerenza estetica e progettuale in un contesto/filtro tra la dimensione urbana e quella naturale, Borgo Antico dimostra, nei fatti, come l’edilizia “intelligente” possa addirittura determinare la riqualificazione del territorio. Su una superficie di 10.000 mq sorgono 24 villette a schiera in classe B, una villa singola e un complesso di appartamenti e attici prossimo all’ultimazione, entrambi in classe A, che per il riscaldamento/raffrescamento e per la produzione dell’acqua calda sanitaria, sono alimentati da impianti a energia geotermica, che, sfruttando le caratteristiche naturali del nostro territorio, non producono alcun impatto ambientale, rivolgendosi alla risorsa pulita e sempre disponibile dell’acqua di falda, sfruttandone la temperatura costante durante l’intero arco dell’anno. Le case non sono allacciate alla rete del gas metano grazie alla scelta di piastre a induzione, che completano un progetto all’insegna della sostenibilità. Con la posa dei pannelli fotovoltaici, già predisposta, le emissioni di CO2 potranno essere diminuite, garantendo al quartiere un apporto annuale di 120 mila kHw di energia rinnovabile. PERCHÉ SI. Le unità proposte sono gli splendidi attici di palazzine a sviluppo orizzontale, concepite per garantire indipendenza e privacy ai residenti. Le unità si compongono di soggiorno, ampia cucina abitabile, due camere, bagno, camera padronale con bagno privato; cantina e box doppio

Eleganza, benessere e sostenibilità

6 TrovoCasa Pregio

in autorimessa completano la distribuzione. Aperte al verde dell’esclusivo contesto, tutte godono di quadrupla esposizione. Una grande terrazza a loggia coperta, una semicoperta e una balconata, in dotazione a ciascun attico, rendono ottimale il rapporto tra spazio interno ed esterno. DA VALUTARE. Alle porte di Milano, l’area è servita dalla piccola e grande rete di distribuzione commerciale, dai mezzi pubblici – il nuovo capolinea della M3 si trova a pochi minuti di distanza – e dalle principali arterie stradali.

Lo Staff di Trovocasa Pregio

CITTÀ

Cormano (MI) ZONA

Parco della Balossa SUPERFICIE

Attici 110 mq, terrazzi a loggia coperta 50 mq circa DISPOSIZIONE

Quadrilocali esposti sui 4 lati, composti da: soggiorno, cucina abitabile, 2 camere, bagno, camera

2

padronale con bagno privato, balconata, terrazza a loggia coperta e terrazza semicoperta. Cantina e box auto doppio in autorimessa CLASSE ENERGETICA/EPh

A 17,02 kWh/m2a PIANO

1° PREZZO

Trattative riservate

1 2 Borgo Antico rivela un’anima ecosostenibile racchiusa in soluzioni funzionali, dalle finiture ricercate; come per le facciate in mattone crudo anticato, che hanno il sapore della tradizione costruttiva, o il doppio tetto in legno lamellare ad altissima prestazione termoisolante, realizzato con materiali ecocompatibili. Le cornici, le soglie e davanzali in pietra naturale contribuiscono a creare una raffinata bicromia e ad impreziosire il complesso di dettagli architettonici curati 3 Alle porte del Parco della Balossa e a un passo dalla città, l’esclusivo complesso realizza un vero ecoquartiere alimentato da impianti a energia geotermica, risorsa “pulita” sempre disponibile 4 Per incrementare la qualità ambientale interna ed esterna del complesso, la distribuzione degli attici lascia grande spazio alla luce e alla cura delle finiture

1


CORmAnO

1

3

ImmObILIARE SEREnA

4

Via Po 32 – 20032 Cormano tel. 02 663085211 www.immobiliareserena.eu TrovoCasa Pregio 7


    

 



 

                           

                                                                                  

 



  

   

 

 

 


Supplemento al numero odierno di Corriere della Sera - Direttore Ferruccio de Bortoli - RCS Quotidiani Spa - A cura di Trovocasa - Anno IV - N. 7 Sped. Abb. Post. Comma 26 Art. 2 Legge 549/95 - Milano - Non può essere distribuito separatamente da Corriere della Sera

SCEGLIE PER VOI CASE SEMPLICEMENTE BELLE

pagina 4

uNA CITTAdELLA ECOSOSTENIBILE

XXXXXXXX, xxxxx xxxxxxxxx xxxxxxx, pagina 00

Cormano

XXXXXXXX, xxxxx xxxxxxxxx xxxxxxx, pagina 00

XXXXXXXXX, xxxxxxxxx xxxx, pagina 00


«TrovoCasa Pregio», allegato al «Corriere della Sera» del 7 luglio 2010.

Supplemento al numero odierno di Corriere della Sera - Direttore Ferruccio de Bortoli - RCS Quotidiani Spa - A cura di Trovocasa - Anno III - N. 7 Sped. Abb. Post. Comma 26 Art. 2 Legge 549/95 - Milano - Non può essere distribuito separatamente da Corriere della Sera

SCEGLIE PER VOI CASE SEMPLICEMENTE BELLE

Cusano Milanino

UNA NUOVA ESPERIENZA ABITATIVA pagina 3

RODANO, zero-energy building, pagina 5

MONZA, un centro direzionale intorno al business, pagina 6

PESCHIERA BORROMEO, le Corti Fiorite, pagina 8


«TrovoCasa Pregio», allegato al «Corriere della Sera» del 7 luglio 2010.

CUSANO MILANINO

1

2 1 3 Residenza dei Fiori, di classe energetica A+, è alimentata da impianti a energia geotermica e fotovoltaico che non producono alcun impatto ambientale. Il dialogo con il contesto naturale avviene tramite ampie terrazze e balconi dalla caratteristica pavimentazione

CITTÀ

Cusano Milanino (MI) ZONA

Milanino SUPERFICIE

Appartamento 120 mq, terrazzo coperto 85 mq DISPOSIZIONE

2 4 Il verde e le aree comuni sono state realizzate con la massima coerenza d’insieme, anche per quanto riguarda il design illuminotecnico, affidato a led a bassissimo consumo

Ampio soggiorno, cucina abitabile, camera padronale con bagno privato, 2 camere, bagno, terrazzo a loggia coperta e 2 balconi. Box doppio e cantina privata PIANO

1° PREZZO

Trattativa riservatata

3

Residenza dei Fiori,una nuova esperienza abitativa IL GIUDIZIO DI PREGIO. Fra viali alberati e piste ciclabili, Residenza dei Fiori si integra nel verde di Milanino, primo esperimento italiano di città-giardino sul modello inglese. Con i suoi tre piani fuori terra, il complesso si evidenzia per il disegno raffinato ed essenziale dell’insieme, testimone dell’attenzione posta in ogni dettaglio costruttivo. Maestri artigiani sono gli artefici dei dettagli in marmo e delle decorazioni trompe l’oeil del vano scala e dell’ascensore. Questa solida eleganza architettonica cela un’anima verde, di classe A+. L’impianto geotermico associato al fotovoltaico provvede al fabbisogno energetico senza arrecare danno all’ambiente. PERCHÉ SI. L’unità proposta si distingue per la tripla

IMMOBILIARE SERENA

esposizione interna che le garantisce massima riservatezza. L’appartamento si compone di un’ampia e luminosa zona giorno – soggiorno e cucina abitabile –, aperta su uno splendido terrazzo a loggia coperta che prolunga il living all’aperto, verso un giardino organizzato ad arte e magistralmente curato. La zona notte si compone di tre camere e due bagni. Cantina e box doppio privato in autorimessa completano le dotazioni. DA VALUTARE. Residenza dei Fiori rappresenta una concreta occasione per vivere un’esperienza abitativa unica, che unisce soddisfazione estetica, benessere e responsabilità ambientale.

Lo Staff di Trovocasa Pregio

4

Via Po 32 - 20032 Cormano tel. 02 663085211 sito web: www.immobiliareserena.eu TrovoCasa Pregio 3


Supplemento al numero odierno di Corriere della Sera - Direttore Ferruccio de Bortoli - RCS Quotidiani Spa - A cura di Trovocasa - Anno III - N. 8 Sped. Abb. Post. Comma 26 Art. 2 Legge 549/95 - Milano - Non può essere distribuito separatamente da Corriere della Sera

pagina 4

UNA CITTADELLA ECOSOSTENIBILE UNA CITTADELLA ECOSOST

XXXXXXX, xxxxx, pagina xx Supplemento al numero odierno di Corriere della Sera - Direttore Ferruccio de Bortoli - RCS Quotidiani Spa - A cura di Trovocasa - Anno III - N. 8 Sped. Abb. Post. Comma 26 Art. 2 Legge 549/95 - Milano - Non può essere distribuito separatamente da Corriere della Sera

SCEGLIE PER VOI CASE SEMPLICEMENTE BELLE SCEGLIE PER VOI CASE SEMPL

ASSAGO, naturalmente XXXXXXX, xxxxx, pagina axxMilano, pagina 5

Cormano Corm

XXXXXXX, pagina xxa Milano, ASSAGO, xxxxx, naturalmente pagina 5

XXXXXXX, xxxxx


CORMANO

1

2 CITTÀ

Cormano (MI) ZONA

Parco di Cormano e Novate Milanese SUPERFICIE

abitabile, 2 camere, bagno, camera padronale con bagno privato, 2 balconate, terrazza a loggia coperta. Cantina e box auto doppio in autorimessa

Appartamenti 100 mq, terrazzi a loggia coperta 45 mq ca.

PIANO

DISPOSIZIONE

PREZZO

Quadrilocali composti da: soggiorno, cucina

1° Trattative riservate

1 2 4 L’esclusivo complesso rivela un’anima ecosostenibile racchiusa in soluzioni funzionali, dalle finiture ricercate. Lo spazio interno delle abitazioni si apre al verde esterno creando scorci suggestivi 3 Borgo Antico si qualifica per l’attenzione posta al rispetto dell’ambiente e al risparmio energetico che sarà potenziato con l’installazione di due impianti fotovoltaici

3

Borgo Antico,una cittadella ecosostenibile IL GIUDIZIO DI PREGIO. Borgo Antico è un quartiere residenziale di circa 10.000 mq, incorniciato dal grande parco locale di Cormano e Novate Milanese. Il complesso, che ha già ottenuto importanti riscontri, comprende 24 villette a schiera e una villa singola, ultimate e consegnate, e un complesso di 4 palazzine di 2/4 piani fuori terra, in fase di ultimazione. L’intero Borgo è alimentato da impianti a energia geotermica, risorsa “pulita” sempre disponibile e le abitazioni, fornite di piastre a induzione, non sono allacciate alla rete del gas. PERCHÉ SI. In armonia con il contesto verde, gli appartamenti proposti si trovano al primo piano di palazzine a sviluppo orizzontale, concepite per garantire indipendenza e privacy ai

IMMOBILIARE SERENA 4 TrovoCasa Pregio

residenti. Le unità si compongono di soggiorno, ampia cucina abitabile, due camere, bagno, camera padronale con bagno privato; cantina e box doppio in autorimessa completano le dotazioni. Tutte godono di quadrupla esposizione e di una grande terrazza a loggia coperta, oltre a due balconate. La cura e l’eccellenza delle finiture incrementano la qualità ambientale interna ed esterna del complesso. DA VALUTARE. Alle porte di Milano, l’area è servita dalla piccola e grande rete di distribuzione commerciale, dai mezzi pubblici e dalle principali arterie stradali.

Lo Staff di Trovocasa Pregio

4

Via Po 32 - 20032 Cormano tel. 02 663085211 sito web: www.immobiliareserena.eu


SERENA_PAG2:Layout 2

2-04-2009

9:07

Pagina 1

Sostenibilità Ambientale Immobiliare Serena ha già piantato oltre 1.000 alberi a sostegno dell’ambiente e ha già proposto di contribuire con altrettanti mille al progetto “10 alberi per ogni abitazione costruita e 10 alberi per ogni pianta abbattuta” Immobiliare Serena ha promosso e partecipa al progetto di Sostenibilità per l’ambiente dal nome “10 alberi per ogni abitazione costruita, 10 alberi per ogni pianta abbattuta”.

Immobiliare Serena ha contribuito attivamente al progetto, realizzando nei comuni di Cusano Milanino e Cormano opere di piantumazione a sostegno dell’ambiente.

G

ià nel 2004, con la donazione fatta al comune di Cormano (Mi) di un appezzamento di terreno attrezzato con un centinaio di alberi piantumati, Immobiliare Serena forniva tangibile prova del proprio fattivo contributo allo sviluppo sostenibile. Tra il 2005 e il 2006, riusciva a raddoppiare il proprio risultato mettendo a dimora nei propri terreni altre 200 nuove essenze arboree. Immobiliare Serena, nell’ambito territoriale dove esercita la propria attività, si era posta il traguardo di festeggiare i primi dieci anni di attività piantando 1.000 alberi entro il 2010. Tale obiettivo, con l’aiuto e la collaborazione del Consorzio Parco delle Groane, oggi è stato abbondantemente superato. Nei giorni scorsi, infatti, Immobiliare Serena ha terminato la messa a dimora di ulteriori 900 alberi, ubicandoli nei

propri terreni agricoli posti all’interno del nuovo “Parco della Balossa”, un’area agricola quasi tutta di proprietà privata che si estende per oltre 120 ettari all’interno della grande metropoli nord milanese. Nel 2007, nel solco di ciò che può definirsi ormai una tradizione imprenditoriale, Immobiliare Serena ha dato corso alla campagna di sensibilizzazione ambientale “10 alberi per ogni abitazione costruita, 10 alberi per ogni pianta abbattuta”, proponendo di donare ai comuni di Cormano e Cusano Milanino (Mi), altri 1.000 alberi allo scopo di sostenere l’ambiente arricchendo il verde pubblico. Questa campagna è stata un altro successo. Entrambe le amministrazioni dei due comuni hanno aderito positivamente all’iniziativa tanto che nel territorio comunale di Cusano Milanino (MI), all’interno del Parco del Grugnotorto-Villoresi, sono già stati piantumati c.a. 300 alberi e si prevede che

entro la fine del 2009, saranno piantati anche quelli destinati al territorio comunale di Cormano, non appena l’Amministrazione avrà individuato un sito appropriato. Secondo le stime fatte dal dott. Agronomo M. Raimondi, Responsabile Tecnico delle Attività legate al Settore del Verde, Ecologia e Ambiente di Immobiliare Serena, è emerso che ognuna delle piante donate, raggiunta la maturità fisiologica, sarà in grado di assorbire ogni anno 7,3 tonnellate di anidride carbonica e produrre 4,4 tonnellate di ossigeno. Ogni migliaio di alberi piantati sarà in grado di ridurre il contenuto atmosferico di anidride carbonica di circa 7.300 tonnellate l’anno e produrre 4.400 tonnellate di preziosa riserva di ossigeno, sufficiente a soddisfare il fabbisogno annuale di 14.000 persone (www.immobiliareserena.eu/news.html). “Vivere in un ambiente sano è un diritto di tutti: salvaguardare e usufruire in

modo sostenibile tutto ciò che la natura ci ha donato, non può essere prerogativa di pochi ma è un assoluto dovere di ognuno di noi a cui non ci si potrà più sottrarre” dichiara Vincenzo Bagli, Presidente e Amministratore Delegato di Immobiliare Serena. “Tutti hanno preso atto che è necessario porre rimedio alle problematiche ambientali: realizzare opere di piantumazione è il modo più adeguato per contrastare il cambiamento climatico del pianeta ed è contestualmente il modo più efficiente per sostenere l’ambiente in cui viviamo e di cui siamo parte” termina Bagli, a testimonianza che anche nel delicato settore delle costruzioni si può fare impresa senza dover necessariamente speculare ad ogni costo e a discapito di chiunque. Immobiliare Serena ha terminato la messa a dimora di ulteriori 900 alberi, ubicandoli nei propri terreni agricoli posti all’interno del nuovo “Parco della Balossa”.

Foto del Parco della Balossa: il parco, gestito dai Comuni di Novate Milanese e Cormano che lo hanno costituito, dispone di un piano territoriale che disciplina l’uso delle aree, in armonia fra conservazione della natura, agricoltura e turismo. L’ente Parco della Balossa avrà il compito di acquistare i terreni, rimboschire le aree nude, migliorare i boschi e tutelare la natura


    

 

  

                                     

 



  

    

  

  

 






1/2

2/2


IMPRESA

L’edilizia a impatto zero conviene anche dal punto di vista economico

Costruire rispettando

ambiente e bilancio

di Elisa Busnelli

B

IOEDILIZIA, BIOARCHITETTURA,

bioprogettazione. Curiosa questa radice “bio” che, collocata davanti a una parola, ha l’effetto immediato di nobilitarla in senso ecologico. Da qualche tempo ha fatto la sua comparsa anche nel mondo delle costruzioni. Sembra basti poco. Ma come sempre dietro un nome c’è molto di più. Di cosa si tratta, dunque? «Costruire in modo ecosostenibile non è un vezzo soggettivo, ma un criterio dal quale non si deve più prescindere», ha dichiarato di recente il Presidente della Lombardia Formigoni. Non si tratta affatto di un fenomeno marginale, quindi. Nell’ambito delle iniziative della Comunità europea in relazione ai cambiamenti climatici (impegni assunti col protocollo di Kyoto) e alla sicurezza dell’approvigionamento energetico (“Libro verde” della Commissione), esiste una direttiva, la 2002/91/CE, già attuata in Italia con il Dlgs 192/2005, sul rendimento energetico nell’edilizia. L’UE infatti dipende sempre più da fonti esterne di energia, mentre sono in aumento le emissioni di gas a effetto serra. L’edilizia, in particolare, è uno dei comparti produttivi a maggior impatto ambientale, per l’assorbimento di elevate quantità di energia prodotta (in Italia il 45% del totale) e per la produzione abbondante di rifiuti e agenti inquinanti (il 50%). Influire sul reperimento dell’energia certo è difficile, ma si può agire almeno sulla domanda: ridurre la quantità consumata migliorando l’efficienza energetica è un primo possibile passo in risposta al problema. Ecco spiegato perché, nel nostro continente e ora anche del nostro Paese, sono sempre più numerosi gli edifici e le infrastrutture che vengono progettati incorporando tecnologie volte a ridurre l’impatto ambientale. È dunque questo l’intento della |

52

|

LUGLIO 2008

|

CORRIEREDELLEOPERE

|

bioedilizia, o edilizia “a impatto zero”, secondo l’espressione che efficacemente indica il suo scopo ultimo. In questo settore compiere scelte indirizzate verso la “sostenibilità” si traduce, in fase progettuale ed esecutiva, in un approccio basato sull’attenzione per la salute e il benessere umani da un lato, e sulla corretta gestione dell’ambiente e del territorio dall’altro. Per raggiungere questi due obiettivi, non indipendenti, è necessario ricorrere ad una progettazione multidisciplinare che attinga a diverse competenze professionali, visti i tanti elementi cui occorre porre attenzione. Tra questi, innanzitutto, l’efficienza energetica e il conseguente bilancio relativo al biossido di carbonio emesso, la qualità dei materiali impiegati, la permeabilità dei suoli, l’utilizzo intelligente dell’acqua e la gestione


IMPRESA

BIOCOSTRUZIONI Gli edifici realizzati da Immobiliare Serena Srl si distinguono da sempre per l’attenzione all’ecosostenibilità e al risparmio energetico

nessere e una buona socialità tra gli abitanti sono, infine, requisiti rilevanti. Cosa significa concretamente tutto questo? Per quanto riguarda il risparmio energetico e delle risorse, per cominciare, è fondamentale ridurre al minimo la necessità di riscaldamento invernale e condizionamento estivo, realizzando ambienti termicamente isolati, nonché correttamente orientati. L’orientamento, poi, incide sull’illuminazione, consentendo dunque un ulteriore risparmio di energia elettrica. Anche per la risorsa idrica esistono accorgimenti finalizzati a ridurre al minimo il consumo giornaliero procapite e a recuperare le acque di scarico o piovane per usi diversi da quello potabile, una volta filtrate e depurate. Essenziale, inoltre, il ruolo dei pannelli fotovoltaici che generano l’elettricità e degli impianti solari che producono l’acqua calda. Per finire, una realizzazione di qualità non può non considerare l’importanza dell’impiego di materiali da costruzione e di finitura che non contengano sostanze dannose per la salute dell’uomo e il cui impatto sull’ambiente sia minimo, che siano al tempo stesso durevoli e facilmente riciclabili e che, possibilmente, provengano da luoghi vicini a quelli dell’utilizzo.

I vantaggi economici

dei rifiuti sia di cantiere che domestici.

Le “regole” per l’edificio ecologico Per essere tale un edificio ecologico deve, anzitutto, limitare il più possibile il proprio impatto ambientale e quello dei materiali impiegati; deve, inoltre, utilizzare risorse naturali riproducibili e riciclabili, minimizzando invece l’impiego di risorse scarse o inquinanti. È importante, poi, che sia esteticamente gradevole e ben inserito nel contesto urbanistico del quartiere e della città e che sia costruito senza distruggere aree verdi. Anche garantire la salubrità degli ambienti, il be-

È logico, a questo punto, domandarsi se questa edilizia sia o meno conveniente e quale sia la situazione italiana a proposito. La progettazione “verde” nel nostro Paese è un mercato che ad oggi non supera ancora il 5% dell’edilizia totale, ma la tendenza è notevolmente in crescita, come testimoniato dalla nascita di ditte produttrici di materiali ecologici, dal fiorire di fiere di settore e, soprattutto, dai numerosi incentivi volti a favorirla: attualmente in Italia sono 135 gli enti locali, tra i quali grandi città come Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, che prevedono agevolazioni o sconti per una biocostruzione e anche processi burocratici alleggeriti. L’Italia, inoltre, è il partner più coinvolto nel progetto europeo “SHE” (Sustainable Housing in Europe), iniziato nel mese di marzo 2003 e coordinato da Federabitazione Europe, che si propone di realizzare 714 alloggi “verdi” insieme a Portogallo, Francia e Danimarca. Nell’ambito delle realizzazioni “abitative”, che consideriamo a titolo esemplificativo ma che ovviamente non è l’unico interessato, costruire “ecologicamente” porta sì un costo aggiuntivo stimato attorno all’8% rispetto al metodo tradizionale, ma nel medio-lungo periodo tale spesa viene |

CORRIEREDELLEOPERE

|

LUGLIO 2008

|

53

|


IMPRESA

ammortizzata e, non solo, offre persino vantaggi economici, con risparmi che possono arrivare fino al 50% su acqua, luce e gas (solamente grazie a un buon isolamento termico il risparmio medio sulla bolletta del gas è circa del 25%), oltre che un maggiore comfort climatico e acustico. In tutta la Penisola, ad esempio, esistono già numerosi “ecocondomini”, che permettono di ammortizzare qualsiasi spesa aggiuntiva nel giro di 5-10 anni al massimo. Si consideri che al Nord per un appartamento di 100 mq, sommando le spese per acqua e depurazione, energia elettrica e riscaldamento, si spendono ogni anno 1.385 euro; nella casa ecologica si ha un risparmio del 42,8%. Al Centro e al Sud i valori non si discostano di molto, con un risparmio rispettivamente del 41,8% e del 41,4%. L’efficacia della bioedilizia, come si è detto, si mostra anche nell’edificazione di residenze di altro tipo, oltre che di uffici, capannoni industriali, infrastrutture. Gli esempi a riguardo non mancano.

“Bioimprenditori” È stata recentemente ultimata, ad esempio, “la prima cittadella ecosostenibile a zero emissioni”, un complesso di 24 villette “a impatto zero”, situato a Cormano (MI), dove ha sede l’Immobiliare Serena Srl che lo ha realizzato. La caratteristica più innovativa del progetto è lo sfruttamento dell’energia geotermica, utilizzando la quale è possibile produrre e fornire a tutte le unità abitative acqua calda sanitaria, riscaldamento e raffrescamento. L’efficienza del sistema, determinata anche dalla scelta dei materiali e delle tecniche costruttive, è garantita: tutti i lotti infatti hanno ottenuto una “Certificazione Energetica” in classe B. Si tratta di un attestato di rendimento energetico (espresso secondo una scala che va dalla classe A alla classe G) obbligatorio per i nuovi edifici, che migliora la trasparenza del mercato immobiliare e che consente inoltre di accedere a incentivi e agevolazioni statali. Nelle costruzioni in corso l’Immobiliare, che da sempre si distingue per un’attenzione tutta particolare al risparmio energetico, all’ecosostenibilità e all’impegno sociale, sta operando per raggiungere addirittura la classificazione energetica in classe A e i suoi obiettivi non si limitano all’autosufficienza energetica, ma anche a fare dell’utilizzo delle risorse energetiche rinnovabili una fonte di reddito. È proiettato verso gli stessi scopi il primo capannone industriale ad alte performance energetiche realizzato nel | 54 |

LUGLIO 2008

|

CORRIEREDELLEOPERE

|

PRIMATO Quello della ditta Tebo Spa è il primo capannone ad alte performance energetiche realizzato in Italia

nostro Paese: è quello inaugurato lo scorso aprile per la ditta Tebo Spa, società italiana che opera nel settore delle soluzioni elettroniche. Lo stabilimento di San Lazzaro di Savena (BO), di circa 2.500 mq, 400 dei quali dedicati agli uffici, dispone anzitutto di un “involucro” di muri e infissi coibentati che permettono un isolamento superiore al 50% rispetto ai livelli di legge, rendendo necessaria molta meno energia per riscaldare o rinfrescare gli ambienti; la gran parte di questa, oltretutto, è prodotta senza emissione di CO2, in quanto generata grazie alla copertura fotovoltaica integrata nel tetto. Esistono, poi, un impianto solare per la produzione di acqua calda sanitaria, un sistema geotermico per il raffreddamento e il riscaldamento del capannone e un sistema di illuminazione per ciascun posto di lavoro ottimizzato in funzione della luminosità naturale. L’investimento totale da parte di Tebo raggiungerà a fine 2008 i 4 milioni di euro, una “scommessa” pari a due terzi del fatturato. Perché investire tanto denaro ed energie in un progetto così impegnativo e apparentemente contrario alle logiche economiche? In realtà costruire in modo compatibile con l’ambiente si rivela addirittura vantaggioso: il risparmio energetico previsto dovrebbe essere di 100.000 kilowattora elettrici l’anno; inoltre, se Tebo otterrà dal Comune l’autorizzazione a realizzare un parco fotovoltaico accanto alla nuova struttura, potrà arrivare alla piena autonomia energetica. E magari anche oltre: un impianto di questo tipo può persino diventare una fonte di rendita, dal momento che l’energia prodotta in eccesso può essere venduta all’Enel in conto energia. �


area per la comunicazione & ufficio stampa comunicazione@immobiliareserena.eu sito istituzionale www.immobiliareserena.eu blog altrocantiere.immobiliareserena.eu facebook facebook.com/immobiliareserena twitter twitter.com/immserena



Immobiliare Serena - rassegna stampa