Issuu on Google+

¤ HOUSE ORGAN DEL GRUPPO MALTAURO

CIVILTÀ del

COSTRU IRE

Direzione generale Business unit lavori Italia Business unit lavori Estero speciale Eire

ANNO 3

- N° 6

Giugno 2010


LA SPERANZA DI UN VIRTUOSO SVILUPPO

La gestione della finanza del mondo globalizzato ha provocato, durante gli ultimi anni, una catastrofe di proporzioni spaventose. Una miscela micidiale di speculazione, mancanza di controlli, irresponsabilità politica e gestionale, avidità e banditismo, ha generato ed innescato una crisi di dimensioni storiche e senza precedenti. La crisi, nata per fatti puramente finanziari, ha prima colpito e devastato il mondo del credito e poi s’è allargata alle economie sovrane più deboli e più esposte dalla fragilità dei conti nazionali di competenza. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: perdita di milioni di posti di lavoro, tagli indiscriminati ma necessari alle provvidenze e agli investimenti, sacrifici reali e pesanti per tutti, grave rallentamento dello sviluppo e perdita della speranza nel futuro per le giovani generazioni. I risultati di una dissennata gestione dell’”economia di carta” hanno perciò provocato veri, concreti e tangibili disastri sull’”economia reale” e sulla vita di milioni di persone. Spero che tutto ciò serva, almeno, a fare una profonda riflessione sul valore e sulla necessità di porre, ora più che mai, l’accento sulla produzione, sul lavoro, sulla capacità di realizzare beni e servizi. In tal senso questo grande gioco internazionale, che sembra così lontano e così drammaticamente enorme, tocca anche noi, la nostra organizzazione, il nostro quotidiano sviluppo. Siamo tutti chiamati a dare un contributo di serietà e di concretezza, aspettandoci, forse, di poter ritrovare una maggior dignità operativa ed un maggior ascolto da parte di chi ci amministra e governa il mondo. C’è bisogno, bisogno vero e sentito, di rimettere al centro il lavoro, la capacità del singolo, la forza e l’energia di un’organizzazione compatta. C’è bisogno di una politica che sappia rilanciare il nostro settore, vittima troppo spesso di scandali e deviazioni, e che invece indirizzi le forze sane, l’impegno onesto, la capacità del fare concreto e serio. Solo in questo modo potremo ritrovare l’attrattività per i giovani, la speranza per il futuro e la possibilità di un rinnovato sviluppo. Questo paese ha un’enorme bisogno di nuove infrastrutture e di una moderna dotazione di servizi e di rete logistica. È l’ennesima grande occasione per trasformare una sciagurata visione di “commercio del denaro” in una virtuosa nuova potenzialità di sviluppo. Speriamo, che si possa imparare dagli eventi negativi e che le lezioni della storia non siano, ancora una volta, buttate al vento. Enrico Maltauro

Deposito carburanti Porto di Augusta - Siracusa

1

A Direzione generale

§


a

re

ni

a

bilanci annuali

Lo sforzo fatto dal nostro gruppo nel 2009 è stato, ancora una volta, importante. È stato uno sforzo di crescita e di presenza sul mercato, in un momento in cui l’economia reale ha segnato una grave recessione. Se si pensa al quadro pesantemente negativo internazionale, alla situazione del settore, al momento che il mercato delle costruzioni vive in Italia, di certo noi abbiamo resistito con caparbietà: basti pensare che nel 2009, gli investimenti del settore deflazionati in termini reali, in Italia, sono ritornati a quelli rilevati nel 2000. E le previsioni per il 2010 concordano nello stimare una ulteriore flessione, bruciando ancora centinaia di migliaia di posti di lavoro. In questa situazione il nostro bilancio consolidato ha registrato un fatturato che ha raggiunto i 500 milioni di Euro, in crescita dell’11% rispetto all’anno precedente, con un EBITDA in crescita a 43 milioni circa di Euro. Questo incremento di fatturato si è accompagnato anche ad un incremento del portafoglio, che ci fa sperare in una tenuta della produzione anche nel 2010. Questi risultati, è necessario aggiungere, se in controtendenza rispetto all’andamento generale, non ci lasciano di certo soddisfatti dal punto di vista della marginalità e della redditività, che sono ancora modesti in relazione allo sforzo profuso. Risultano molti, infatti, i problemi da affrontare: la situazione del mercato immobiliare in generale, la contrazione del settore dei prefabbricati, il ritardo ormai cronico dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione. E le manovre che il governo ormai è costretto ad attuare in questo periodo di certo non aiuteranno né gli investimenti pubblici né il settore delle costruzioni. In questa situazione generale le ricette solite ed il programma che ci siamo già dati devono diventare ancora più stringenti; per poter tenere la quota di mercato raggiunta e l’equilibrio finanziario è fondamentale continuare a considerare prioritaria la produzione, i margini che ne derivano, con una attenzione sempre maggiore ai costi ed alle implicazioni finanziarie. “Cash is the king” dicono gli anglosassoni, e questo periodo sarà dominato da questo tema e dalla nostra capacità di mettere al primo posto le commesse ed il fattore produttivo. Proseguiamo con impegno, ancora più forte, con unità d’intenti… e con un po’ di fiducia, nella consapevolezza del duro cammino che ancora ci aspetta. Gianfranco Simonetto Public

390

78%

390

Private

Private

100

20%

100

Real estate

Real estate

7

1.4%

7

Concession

Concession

EBITDA (mil.€)* RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE,

3

0.6%

3

Public

20% 1.4%

%

Pubblico

390

78%

390

Privato

100

20%

100

7

1.4%

7

3

0.6%

3 0.6% Produzione 2009

tot: 500 (per settore attività)

tot:

tot: 500ED AMMORTAMENTI tot: ONERI FINANZIARI

500

500

43 (mil. €) % Tipologia

Tipologia

Privato Immobiliare

ni

Concessioni

(mil. €Tipologia ) %

1.755 Pubblico 62%

Pubblico

re

ia

(mil. €)

78%

(mil. €)

Concessioni Portafoglio Ordini

%

Typology

%

Immobiliare

(mil. €)

Typology

(mil. €)

Tipologia

62% 1.755Pubblico

8%

221

8%

Private

56

2%

56

2%

Real estate

802

28%

802

28%

Concession

Privato

Concessioni

2.834

Italia

tot:

2.834

Estero

%

78%

100

20%

10%

Immobiliare

%

Typology

90%

Italy

10%

Abroad

generale A Direzione Concessioni

Immobiliare

Private Real estate

7

1.4%

3

0.6%

(mil. €)

Privato

Public

390

1.755 Valori della produzione 2009 Pubblico

90%

%Typology

tot:

% Typology

62%

(mil. €)

62% 1.755 Public

1.755

39025

78%

100

20%

221 56

7

1.4%

3

0.6%

802

2007 500

2.834 2008

tot:

8% Private

221

2%

56

28%

802

Real estate Concession 2009

tot:

2.834

*Redatto in conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS

Typology

(mil. €)

%

1.755

62%

Public

221

8%

Private

2%

Real estate

28%

Concession

%

90%

Italy

221

8%

56

2%

56

802

28%

802

10%

Abroad

§

Concessioni

(mil. €)

(mil. €) % % 38 Typology

Concession

500

tot:

Tipologia

Pubblico Privato

Immobiliare Concessioni

Tipologia Tipologia

Public

221 Privato

Immobiliare

tot:

Typology (mil. €)

§

2


NOVITA’ IN TRINACRIA, GRANDI RISULTATI NEL CENTRO E AL NORD Sono davvero importanti i traguardi raggiunti e considerevoli i progetti iniziati dalla Business Unit Italia tra il 2009 e il primo semestre del 2010. La recente inaugurazione della TorreB ristrutturata per Beni Stabili a Milano presso la Stazione Garibaldi, il via dell’opera di ampliamento dell’Istituto Europeo Oncologico (che prevede nello specifico la progettazione e realizzazione dei nuovi laboratori sperimentali) e il proseguimento dei lavori per la nuova sede della Facoltà di Lettere a Trento sono alcuni significativi esempi. Ancora, in Centro Italia proseguono a pieno ritmo i lavori per l’ampliamento dell’Acquedotto a Montedoglio in provincia di Arezzo, la costruzione del nodo Termini della Metropolitana di Roma e dei vari lotti della Metropolitana di Napoli. Numerose le novità che riguardano la Sicilia. Qui proseguono le opere marittime per il Porto di Catania e la Ferrovia Circumetnea, gli interventi al deposito carburanti del Porto di Augusta, oltre che la ristrutturazione e l’ampliamento dell’aeroporto di Pantelleria. Sono, invece, in fase iniziale il Parco Eolico in provincia di Messina e la concessione per l’Efficetamento Energetico dell’Università di Catania.

struttura aperta per la nuova facoltà di lettere a trento L’ Università degli Studi di Trento ha affidato all’Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro S.p.A. i lavori di realizzazione della Nuova Facoltà di Lettere che sorgerà in via Tomaso Gar a Trento. All’interno della nuova struttura, che si svilupperà in un’area precedentemente adibita a parcheggio, sono previsti spazi per i servizi di ateneo necessari allo svolgimento delle attività didattiche. Verranno realizzati anche un’aula magna da 415 posti e due piani interrati destinati a parcheggi con circa 230 posti auto. All’insegna dell’integrazione con il territorio e la città si è voluto imprimere agli edifici il carattere di struttura aperta, priva di recinzioni esclusive, attraverso linguaggi architettonici innovativi ma coerenti con il contesto esistente. L’intervento prevede grandi corti interne, aperte e protette da velari trasparenti, contribuendo anche a contenere il consumo energetico dell’ediUniversità di Trento ficio, favorendo il recupero del calore, l’illuminazione e la ventilazione naturale. L’edificio è dotato di facciate “curtain wall” a “doppia pelle” ventilata per le aree funzionali e a “pelle singola” per le aree comuni. Ciò consente di schermare acusticamente e termicamente in maniera idonea le diverse aree funzionali, garantendo un’ottimizzazione dei consumi energetici, pur mantenendo condizioni ideali di illuminazione naturale.

MATERIALI INNOVATIVI E OPERAZIONI SOFISTICATE PER L’ACQUEDOTTO DI AREZZO

Acquedotto di Arezzo

3

I lavori consistono nel completamento di una linea di acquedotto per l’irrigazione di aree agricole che convoglierà nei mesi estivi una portata continua di oltre 14 mc/sec. Il tratto di competenza Maltauro è il II Lotto, che comprende l’ultimazione della condotta per una lunghezza complessiva di circa 5 km, nel tratto da Rigutino a Montecchio. Le principali attività eseguite consistono nella fornitura e posa di tubazioni in acciaio dalle misure significative (i diametri infatti partono da un minimo di 2000 mm per circa 1500 ml, fino a un massimo di 3000 mm per circa 1600 ml). La posa delle condotte avviene entro uno scavo in trincea della profondità variabile dai 6,00 ai 10,00 ml a seconda del diametro delle tubazioni e dell’andamento altimetrico dei terreni. Particolare attenzione viene dedicata alla posa nelle zone in corrispondenza degli attraversamenti stradali più importanti e della linea ferroviaria (Firenze-Roma); qui è stata adottata la tecnica dello spingi tubo mediante l’infissione di tubi guaina in acciaio passanti con funzione di contenimento della condotta all’interno. L’intervento più importante è relativo ad uno spingi tubo di 140 m situato nel centro di Rigutino per il passaggio della condotta di diametro 3000 mm. Per il contenimento dei terreni adiacenti allo scavo sono state eseguite delle berlinesi composte da pali trivellati del diametro di 800 mm, per un totale di 3400 ml.

Business Unit Lavori Italia

b Business unit lavori italia

§


LIBIA, CAPO VERDE, TANZANIA E KENYA I BALUARDI MALTAURO In casa Maltauro continua la crescita del “settore estero”, che nell’anno passato e in quello in corso si impone in modo significativo sul bilancio generale dell’Impresa. Capo Verde, Tanzania, Kenya e Libia i principali mercati di sbocco del Gruppo. è proprio nel Nord Africa, in Libia appunto, che, grazie a scelte importanti e coraggiose l’azienda ha affermato la propria presenza. è stato stipulato un contratto con l’ente libico O.D.A.C. per la realizzazione di un nuovo centro universitario a Tripoli. Proseguono i lavori per la costruzione del nuovo ospedale a Benghasi e le attività di montaggio delle opere elettromeccaniche dell’impianto di depurazione di Al Abyar. A Capo Verde procedono i lavori per l’acquedotto di Mindelo. Per quanto riguarda invece l’opera in corso sull’isola di Fogo è stato completato l’allestimento del cantiere e sono in corso i lavori di intervento sulla strada, iniziati a febbraio. Vanno avanti i lavori in Tanzania, dove sono state introdotte delle varianti al progetto in corso, per permettere il deflusso delle acque meteoriche. Le modifiche prevedono l’innalzamento della sede stradale di circa 1,50 m per una lunghezza di 1,5 km; il completamento dell’opera è previsto per la Ospedale di Benghasi fine dell’anno. In Kenya i lavori della strada di Narok sono stati sostanzialmente completati a febbraio. L’introduzione di una variante su una lunghezza di circa 2 km necessaria per evitare l’allagamento della sede stradale in caso di piogge eccezionali, come successo nel periodo natalizio, comporterà un’estensione dei termini contrattuali di circa 7 mesi. La consegna delle opere è prevista per settembre.

Strada Maai- Mahiu Narok Road - Kenia

Impianto di depurazione Al-Abyar Benghasi

Nuovo Hangar “Liatec” all’aeroporto di Abou Aisha è stato inaugurato il 28 aprile scorso alla presenza delle autorità libiche e dell’ambasciatore e del console italiani. Il nuovo hangar per elicotteri commissionato da Liatec (Libyan Italian Advanced Technology Company), prestigiosa società di proprietà di AgustaWestland - Gruppo Finmeccanica - è l’orgoglio di Maltauro. Grande la soddisfazione dell’intero staff per aver realizzato nei tempi previsti un progetto di tale importanza, che consisteva nella costruzione di un imponente complesso industriale per il rimessaggio e le linee di assemblaggio finale di elicotteri e piccoli aerei, attività che vanno ad aggiungersi alle preesistenti di manutenzione e addestramento svolte da Liatec.

Hangar Liatec - Tripoli

Business Unit Lavori Italia

Christmas is a time in which businesses draw up their financial reports for the past year and their forecasts for the future. Obviously, reflections cannot avoid takinglavori into account theestero general economic situation in Italy and abroad. unit c Business As such, it is hard not to foresee further difficulties that this recession will impose on a market, such as the building industry - which in Italy is chro§

§

4


ECOSOSTENIBILITà E BIOARCHITETTURA IMMOBILIARE Il Gruppo Maltauro conferma la sua partecipazione ad Eire 2010 e con l’occasione presentarà, in partnership con Est Capital e con il Fondo Real Stone, numerose iniziative immobiliari dislocate in tutto il nord Italia.

Città Caldogno Si tratta di un importante Project Financing che interessa un’area a pochi chilometri a nord di Vicenza. Progettata, costruita e gestita in concessione per trent’anni dal Gruppo Maltauro, l’opera ha visto sorgere un centro sportivo con impianti natatori coperti e scoperti, campi da calcio, tennis e calcetto nonché edifici commerciali e residenziali, per un totale di circa 130.000 mq di superficie. L’idea nasce per soddisfare al massimo le esigenze di oggi, ossia avere qualità e comodità a misura d’uomo. Città Caldogno rappresenta, dunque, il luogo ideale in cui vivere, fare dello sport nel tempo libero e usufruire di una serie di servizi, tutto dislocato nel raggio di 300 metri.

Centrale Mazzoni

Città Caldogno

Centrale Mazzoni Nata dall’accurato restauro dello storico edificio industriale progettato dall’architetto razionalista Angiolo Mazzoni, l’opera, che prende il suo nome, ha visto sorgere una trentina di pregevoli appartamenti di diverse metrature. Tutti collocati a pochi passi dalla stazione ferroviaria Santa Lucia a Venezia e a 5 minuti da Piazzale Roma. Centrale Mazzoni si pone nel mercato immobiliare come la soluzione ideale per chi frequenta assiduamente Venezia per lavoro o, vista la posizione e l’accurata scelta di restauro, come valido investimento per una seconda casa.

Centrale Mazzoni

Centrale Mazzoni

5

d speciale eire

§


Palazzo Celtis È ubicato in una zona centrale del Comune di Selvazzano Dentro, a pochi chilometri dalla città di Padova e rappresenta un interessante intervento immobiliare, sia di tipo residenziale che commerciale. Ciò che caratterizza maggiormente Palazzo Celtis, particolare edificio di forma curvilinea e dinamica, è l’elevata qualità architettonica, unita ad innovative soluzioni ecosostenibili all’insegna della bioarchitettura, perfettamente in sintonia con le nuove tendenze della “qualità dell’abitare”. Tutti gli alloggi avranno, oltre ad ampie terrazze abitabili e finiture di pregio, un’impiantistica centralizzata, contraddistinta da soluzioni ecosostenibili e tecnologicamente all’avanguardia. Completerà il progetto la realizzazione di una piazza destinata ad essere sia fulcro dei collegamenti tra le varie costruzioni e la strada, sia piacevole luogo di sosta e di ritrovo.

Palazzo Celtis

Palazzo Celtis

Palazzo Celtis

Via Allegri, Casa dell’ Acero È nata da un importante progetto curato dallo studio Cibic&Partners e sorge in una pregevole zona residenziale nel centro storico di Vicenza. Casa dell’Acero consta di 15 unità immobiliari di varie metrature, caratterizzate da ampie terrazze e giardini di proprietà, con finiture, dotazioni impiantistiche e soluzione architettoniche curate nei minimi dettagli.

Via Allegri, Casa dell’Acero

d speciale eire

§

§

6


Indirizzi Sedi Maltauro:

ITALIA n

ESTERO

Vicenza

n

Viale dell’Industria, 42 C.P. 795 U.P. Vicenza Centro Tel. +39 (0)444336111 Fax +39 (0)444961541 maltauro@maltauro.com

n n

Roma

Via G. Saliceto, 1/C Tel. +39 (0)644234738 Fax +39 (0)644258222 ufficio.roma@maltauro.com n

Catania

Kenia – Nairobi

Libia – Tripoli

Khalat El Forjan P.O.Bob 2293/12422 Tel 00218 (0)215825770 Fax 00218 (0)214903534 maltauro@maltauro.com

Tanzania – Dar es Salaam

Plot. N4/1&4/2 Mabibo Nelson Mandela Road P.O.Box 35508 Tel +255 (0)222451730 Fax +255 (0)222451731 info@mssjv.co.tz

civiltà del costruire §

n

Off Ring Road – Centenary House P.O. Box 38514 Tel +254 (0)204453802 Fax +254 (0)204453804 maltauro.nairobi@gmail.com n

Blocco Buttaceto – Z.I. Tel +39 (0)95592036 Fax +39 (0)95592134 csinfrastrutture@maltauro.com

Capo Verde – Praia Isola di Santiago

C.P. 8/A Achada S. Antonio Tel +238 (0)2647491 Fax +238 (0)2647503 maltauro@maltauro.com

PERIODICO AZIENDALE DEL GRUPPO MALTAURO

Gruppo Maltauro, Viale dell’Industria 42, 36100 Vicenza - Tel. 0444-336111 Fax 0444-961541 www.maltauro.com - maltauro@maltauro.com

Semestrale del Gruppo Maltauro, Anno 3 - n. 6; Direttore responsabile: Daniela Pierobon. Edizione e redazione: Venixpress by immagicgroup Tel. 041 535 27 11. Coordinamento e collaborazione alla redazione: A. Boschieri. Foto: Andrea Pozzobon/Andyvision. Stampa: Mediagraf Spa; Aut. Trib. Vicenza n. 1155 del 09-11-07. Finito di stampare nel mese di Giugno 2010.


Maltauro Newsletter