Issuu on Google+

Il Presidente della Regione Luca Zaia vendemmia il primo grappolo di Dorona a Venissa

Il Sindaco di Venezia Orsoni e il Presidente de La Biennale Baratta, vendemmiatori d’eccezione, insieme a Bisol, Boscaini, Cecchetto e ai ragazzi dell’AIPD.

Bisol trionfa tra le 4 grandi Maison di Champagne nel tempio di Harrods a Londra. RELIO “Prosecco, ora Glera, metodo classico”. Venissa Bisol apre la prenotazione delle 4.880 bottiglie numerate. Desiderio di Bisol nº 1-2011 - Direttore Responsabile: Daniela Pierobon. Editore e Redazione: Venixpress by immagicgroup.com, Stampa: Mediagraf SpA, - Registrazione Tribunale di Treviso n° 56 del 1marzo 2007.


AntonioBisol

N

ato a Valdobbiadene il 3 luglio 1933. Diplomato Ragioniere e Perito Commerciale, nel 1955 avviò la prima spumantizzazione di Prosecco e Cartizze Bisol. Ha ricoperto la carica di Presidente del Consorzio Tutela Prosecco di Conegliano Valdobbiadene. Forte di una tradizione vitivinicola secolare, è stato Presidente Revisore dei conti dell’Istituto Italiano Spumante Metodo Classico Talento e tra i fondatori di Grandi Vini Group. Ha ricevuto il premio “Fedeltà al Lavoro e Progresso Economico”.

GianlucaBisol

N

ato a Treviso il 9 aprile 1966. Ha studiato Marketing ed Economia a Ca’ Foscari e Sociologia della Comunicazione a Urbino. In seguito ha partecipato a numerosi corsi professionali di degustazione.

I

l suo motto è: “La forza del Prosecco risiede nella sua capacità di farsi conoscere non come Status Symbol, ma come un LifeStyle Symbol, ed in questo rappresenta perfettamente un modo di vivere moderno ed informale”.

I

EliseoBisol

N

ato a Valdobbiadene il 10 aprile 1938. Diplomato Enotecnico, nel 1960, si è impegnato come direttore tecnico e della produzione dell’azienda agricola, già con i fratelli più anziani Claudio, Aurelio ed Antonio. “Il vigneto e la cantina dovrebbero essere un binomio imprescindibile per ottenere i migliori risultati: poca uva di alta qualità e tecnologia all’avanguardia. Poco ma buono è ciò che vogliono i nostri affezionati clienti... ed è anche il nostro motto!”.

2 - Desiderio

l suo motto è: “Il legame che da generazioni ci unisce alle nostre colline a volte dolci a volte impervie ci porta a coltivarle con passione, sicuri che il frutto ne compenserà ogni sacrificio; siamo perciò convinti che per quanto sia onerosa, la qualità ripaga sempre!”.

Photo: Francesco Galifi

Eliseo Bisol

(vicepresidente)

Photo: Mattia Mionetto

(direttore generale)

Gianluca Bisol

I

N

ato a Conegliano il 18 novembre 1975. Ha conseguito il diploma di Enotecnico presso la storica scuola enologica di Conegliano. Laureato come Dottore Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari presso la facoltà di Agraria dell’Università degli studi di Udine. Dal 2005 segue l’area tecnica viticolo enologica dell’azienda di famiglia.

I

l suo motto è: “Ogni giorno c’è almeno una nuova opportunità per migliorare”.

Photo: Francesco Galifi

Alberto Bisol

Photo: Francesco Galifi

(direttore amministrativo)

l suo motto è, da responsabile amministrativo: “Puntando sempre all’eccellenza... i conti tornano!”.

ato a Valdobbiadene il 9 gennaio 1975. Diplomato al Liceo Scientifico di Valdobbiadene.

(direttore tecnico)

I

N

DesiderioBisol

Desiderio Bisol

ato a Valdobbiadene il 16 febbraio 1978. Diplomato Perito Agrario, con specializzazione in Viticoltura ed Enologia. Si occupa di amministrazione dal suo ingresso in azienda. Ha inoltre conseguito la Laurea in Relazioni Pubbliche e Pubblicità.

Photo: Francesco Galifi

N

ClaudioBisol

(direttore della produzione)

AlbertoBisol

Claudio Bisol

Photo: Jola Lipka

(presidente)

Antonio Bisol

Photo: Francesco Galifi

l suo motto è: “Innovazione e ricerca all’insegna della qualità”.


RELIO “Prima

Prosecco, ora Glera: metodo classico, gusto unico”

Un omaggio alla memoria di Aurelio Bisol. Una produzione limitatissima, da prenotare subito

H

anno compiuto tre anni e cinque mesi le bottiglie di Spumante Bisol che, tappate a maggio 2007, sono state aperte lo scorso giugno. E sono le prime prodotte con il “metodo classico”, ossia ottenute dalla rifermentazione in bottiglia. “Si tratta di uno Spumante speciale, perfetto per gli amanti delle particolarità, quello realizzato alla francese - spiega Desiderio Bisol - Le prime sperimentazioni in azienda risalgono agli anni ‘60 ad opera di mio zio Eliseo”.

L

a speciale produzione con metodo classico prevede, anziché lo Chardonnay o il Pinot bianco o nero, l’impiego di sola uva Glera (o Prosecco) altamente selezionata in vigna. “Ciò che si ottiene da questa lavorazione è un prodotto elegante, che piace molto all’assaggio, contraddistinto da finezza olfattiva, con una nota di Spumante evoluto e che in bocca rimane a lungo delicato – aggiunge Desiderio Bisol - La sperimentazione ci ha portato ad ottenere un vino raffinato, interessante, di assoluto livello, apprezzato nel corso di assaggi alla cieca e paragonato con successo alle grandi bollicine da invecchiamento italiane e francesi”. Da segnalare per questa speciale “bollicina” la sua persistenza infinita, per una sicura longevità nel tempo. “Ciò che si coglie già è una nota di morbidezza in bocca, a scapito del gusto fruttato tipico del metodo italiano ma a favore di un’evoluzione che gli intenditori ricercano nelle bollicine d’autore – conclude Bisol - è un vino che dona particolare lustro all’azienda, unica a realizzarlo; è molto più di un riferimento di Prosecco tradizionale, ma una sua interessante evoluzione”.

RELIO ERA IL NOME CONFIDENZIALE CON IL QUALE VENIVA CHIAMATO AURELIO BISOL, UOMO STIMATO E AMATO PER IL SUO GRANDE SPESSORE UMANO E CHE HA DEDICATO TUTTA LA VITA ALLA VIGNA CREANDO UN'ECCEZIONALE SIMBIOSI CON I VIGNETI DELLA FAMIGLIA BISOL. IL VITIGNO GLERA, INTERPRETE DI QUESTO VINO, VIENE TRADIZIONALMENTE ALLEVATO NELLE NOSTRE COLLINE. L’OBIETTIVO DI QUESTO PRODOTTO, PER ARRIVARE AL QUALE ABBIAMO DEDICATO 25 ANNI DI RICERCA, PRIMA CON ELISEO E POI CON DESIDERIO, È QUELLO DI TENTARE DI RAGGIUNGERE IL DIFFICILE EQUILIBRIO TRA I PROFUMI VARIETALI E QUELLI EVOLUTIVI, OSSIA TRA IL FRUTTATO CLASSICO TIPICO DEL PROSECCO E I SENTORI DEL LIEVITO E DELLA SUA LISI.

VITIGNO 100% Glera da zona vocata tradizionalmente ESPOSIZIONE DEI VIGNETI Sud / Sud-Ovest ALTIMETRIA DEL VIGNETO 270/300 metri s.l.m. SISTEMA DI ALLEVAMENTO Doppio capovolto alla valdobbiadenese EPOCA DI RACCOLTA DELLE UVE Le uve vengono lasciate sulla pianta il più a lungo possibile; la vendemmia si effettua verso i primi di ottobre GRADAZIONE ALCOLICA 12 % vol GRADAZIONE ZUCCHERINA 3,5 grammi per litro ACIDITÀ TOTALE 5 grammi per litro ESTRATTO SECCO 19,5 grammi per litro SERVIZIO Va servito ad una temperatura di 9°C SUGGERIMENTI Eccellente come aperitivo, si sposa egregiamente con tutti i piatti di pesce COME INDICARE SULLA LISTA DEI VINI Relio Bisol Metodo Classico Vendemmia 2006

Relio Bisol Metodo Classico

IL COLORE È GIALLO PAGLIERINO CARICO CON RIFLESSI DORATI, IL PERLAGE È VIVACE, PERSISTENTE E DI ESTREMA FINEZZA. IL PROFUMO PARTE DA UNA BASE DI CROSTA DI PANE DATA DALL’EVOLUZIONE FINE IN BOTTIGLIA, CON UN DELICATO RICORDO DI FRUTTA MATURA E FIORI ESSICCATI. IL SAPORE È SAPIDO, PIENO, EQUILIBRATO, CON UNA LEGGERA NOTA MINERALE INTEGRATA IN UN’ESTREMA DELICATEZZA.

Desiderio - 3


6 giugno - I edizione di Gustovivo: una giornata all’insegna del buon gusto veneto e veneziano, promossa dal Master in Cultura del Cibo e del Vino di Ca’ Foscari e dai suoi partner.

Cena a Verzegnis (UD)

Ottobre 2010 - Gianluca Bisol e Paul Robin Krugman, famoso economista statunitense ed editorialista del New York Times, vincitore del Nobel per l’economia 2008.

Gustovivo - Tenuta Duca di Dolle a Rolle di Cison di Valmarino

World Business Forum - Milano

Lifestyle

2 Novembre - Il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali On. Giancarlo Galan con Gianluca Bisol, direttore generale di Bisol, in occasione della cena durante la quale sono state degustate etichette Bisol, nel ristorante Al Fogolar.

Photo: Giulia Mariotto

Benvenuta Vendemmia - Rolle

Settembre 2010 - Jeio è stato degustato in occasione della Vernice londinese della mostra d’arte del noto artista Damien Hirst.

19 settembre - Benvenuta Vendemmia al Duca di Dolle.

5 settembre - Gianluca Bisol e Matteo Bisol conducono un trade tasting a Shanghai, dove il Prosecco Bisol riscuote sempre maggior successo. Photo: EMW WINES

Novembre 2010 - Tasting Annuale di Alpe Adria Weinhandlung.

Photo: TV CONSULTING&PRODUCTION

Settembre 2010 - Gianluca Bisol è stato invitato in Europarlamento a Bruxelles in occasione della giornata Parlamento Europeo delle Imprese.

Nord Est Capitale Europea della Cultura 2019 - Padova

5 ottobre 2010 - Ristorante Il Punto/ Berlino. Il Consorzio per la tutela del formaggio Gorgonzola punta sulla Germania e sceglie l’eccellenza Bisol per brindare in occasione dell’evento berlinese.

Bisol a Bruxelles

Evento Gorgonzola Bisol per Gorgonzola Dop

Photo: Consuelo Donetto

noSO2, lo spumante senza solforosa

Photo: www.shionart.it

Alpe Adria Weinhandlung - Austria

Park Hyatt - Shanghai

Damien Hirst Exibition - London

Photo: Evgeni Utkin

20 Ottobre 2010 - Gianluca Bisol è intervenuto in occasione del convegno Nord Est Capitale Europea della Cultura 2019, il ruolo del governo delle relazioni presso il Centro Porsche Padova.


Photo: Cristina Zanin

3 Settembre - Il Presidente della Regione Luca Zaia vendemmia il primo grappolo di Dorona a Venissa. Photo: Regione Veneto

Coppa del Mondo di Sci - La Villa

Vendemmia dell’Uva d’Oro Mazzorbo Burano

WINE & Music - Padova

22 settembre - WINE & Music, un evento voluto dalla dinamica Camilla Rossi Chauvenet di Massimago 1883 - azienda vitivinicola veronese tutta al femminile - che ha visto esibirsi il pianista Gerardo Felisatti. Bisol è stato ospite dell’evento.

19 dicembre 2010 - Bisol crea in esclusiva un’edizione limitata di Cru Crede Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG per celebrare il 25mo anniversario della Coppa del Mondo di Sci della Gran Risa.

10 agosto - Una serata magica con concerti d’autore, degustazioni di Prosecco Bisol, Jeio e Belstar e passeggiate guidate sotto le stelle presso il rifugio più alto della provincia di Treviso.

Dedica John Podesta per Antonio Bisol, presidente della Bisol

San Lorenzo Rifugio Posa Puner di Miane

Photo: EMW WINES

Ottobre 2010 - Antonio, Desiderio e Matteo Bisol hanno incontrato a Venissa John Podesta, Presidente Center for American Progress, ex capo di Gabinetto del Presidente Clinton.

Vernissage della Mostra Supply Side Economy presso la Maison de l’Italie Parigi

15 settembre - Gianluca Bisol a Shanghai presso Park Hyatt brinda con il Prosecco Jeio di Bisol.

3 dicembre - Il Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Jeio brut è stato degustato in occasione del Vernissage della Mostra Supply Side Economy presso la Maison de l’Italie di Parigi. Nella foto il sommelier Giorgio Fragiacomo.

San Martino in Cantina

Park Hyatt - Shanghai

artwork: mimicocodesign.it Photo: fototipi.it

13/14 Novembre - Brindisi finale in cantina storica in occasione del weekend alla scoperta delle colline del Prosecco durante San Martino in Cantina.

13 novembre - Alberto Bisol consegna l’omaggio Bisol alla presenza del Sindaco di Assisi a Paola ed Alessandro Gassman, ospiti d’onore di Primo Piano sull’Autore, la Rassegna del Cinema Italiano. Photo: Pietro Coccia

Vendemmia dell’Uva d’Oro Mazzorbo Burano

Primo Piano sull’Autore - Assisi

Photo: Silvia Vettoretti

3 Settembre - Il Presidente della Regione Luca Zaia ha dato il via alla prima vendemmia dell’Uva d’Oro, o Dorona. Photo: Regione Veneto

Photo: Matteo Carponi


Orsoni e Baratta Venissa Zaia, vendemmiano l’uva d’oro Bisol apre la prenotazione delle 4.880 bottiglie numerate.

Photo: Francesco Galifi e su gentile concessione Ag. Quba

enezia, luogo magico, caleidoscopio artistico e culturale, vivace per le sue genti. La laguna, corona della città sull’acqua, teatro di conquiste, fucina di ingegnosa creatività, terra di commercio e di sfide tecniche e sociali, luogo in cui si avverte una remota energia, confine di scambio tra terra e acqua. Luce e terreno sorprendentemente soffici rendono l’ambiente biologicamente unico, ovattato, morbidamente caldo e sapido.

Uno scenario che fu utilizzato dai primi mercanti veneziani per piantare anche la vite, madre di quella merce tanto preziosa quanto pesante da trasportare, il vino. E l’attore che meglio esprime questa scenografia è uno solo: la vite Dorona. Un vitigno a bacca gialla, che dopo i lustri della Serenissima Repubblica di Venezia, ha sopportato un periodo di inesorabile declino finchè uno staff di professionisti ed enti regionali, concertati dalla famiglia Bisol, ha riportato alla luce la varietà che, con tutta probabilità, nutriva i veneziani 1000 anni fa. Oggi, grazie alla collaborazione di Winemaking, gruppo viticolo-enologico che fa capo a Roberto Cipresso, la famiglia Bisol assume un ruolo determinante nella riscoperta del più suggestivo Vino di Venezia. Si chiama Venissa: un vino figlio del vigneto più vicino al mare del mondo, frutto di una varietà ancestrale riaddomesticata nella città più romantica di sempre, esempio del liquido magico che accompagnava Casanova nelle conquiste amorose. Un vino dal colore profondo, dorato e brillante, che svela al naso delle sofficissime fragranze di spezie mediterranee ed erbe officinali emerse da uno sconvolgente iodio di base, evidenza di origine, lasciando poi intuire alla beva un ingresso di velluto, fresco ma trattenuto da una polpa gialla, armonica e speziata che fa riaprire gli occhi dopo una finissima sapidità. Intuire il sapore che probabilmente accompagnava l’antica Venezia, contenuto nel vetro che Murano ha per primo prodotto nella storia d’occidente dopo le prime prove siriane, è un’esperienza di grande suggestione perché molto simile ad un viaggio nel tempo. 6 - Desiderio

per il vino di Venezia “v

enezia entra nel Gotha dell’agricoltura eroica nazionale”. Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia, che, nella tenuta Venissa di Mazzorbo, ha dato il via alla prima vendemmia dell’Uva d’Oro, o Dorona.

Vendemmia dell’Uva d’Oro a Venissa - Mazzorbo Burano

V

C’erano anche il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, il presidente de La Biennale Paolo Baratta, i ragazzi con sindrome di down dell’Associazione Italiana Persone Down, gli anziani di Burano e Mazzorbo, che coltivano gli orti realizzati all’interno dell’area di Venissa, Gianluca Bisol e Giorgio Cecchetto delle omonime aziende e Raffaele Boscaini di Masi Agricola. Presenti anche gli studenti del Master in Cultura del Cibo e del Vino dell’Università Ca’ Foscari. La vendemmia del 3 settembre è stata un’occasione per riscoprire le radici dell’enologia veneta e per conoscere le piante della laguna e i prodotti degli orti di Mazzorbo, valorizzati nelle creazioni della Chef Paola Budel.


Al Relais Duca di Dolle premiati i vincitori del Premio Bisol Photo: Giulia Mariotto

Inarrestabile successo del Prosecco: Bisol trionfa tra le 4 grandi Maison di Champagne nel tempio di Harrods a Londra

D

Il Prosecco Bisol e Jeio accompagna la musica italiana negli States

Gianluca Bisol premia i vincitori del Premio Bisol

Bisol ha indetto un concorso per gli studenti del Master in Cultura del Cibo e del Vino di Ca’ Foscari per studiare le opportunità di sviluppo che offre il Web ad un’impresa del settore vitivinicolo. Gianluca Bisol e Roberto Stevanato hanno premiato Giulia De Marco, Giada Maria Simioni, Isabella Chiarion Casoni, Giulia Mariotto, Monica Zanier, Andrea Covolo e Giuseppe Sponchia.

Boccaletto e Zorzi premiati. Sgarbi omaggia l’amico Rizzi. Photo: Mattia Mionetto

Gianluca Bisol accanto alla colonna Bisol nell’area Wines & Spirts di Harrods

a novembre Bisol è l’unico Prosecco in esposizione nell’innovativa area Wines & Spirits di Harrods: si tratta di una vetrina di grande visibilità, quella finora storicamente dedicata ai soli Champagne. Il brand Bisol troneggia nello spazio creatogli appositamente tra gli champagnes di Dom Perignon, Veuve Cliquot, Taittinger e Pommery. Sono ben cinque le etichette Bisol disponibili ai visitatori di Harrods: Jeio Valdobbiadene Brut, Bisol Crede , Bisol Cartizze, Bisol Talento Metodo Classico Riserva 2001 e Jeio Rosé, recente medaglia d’oro al Mondial du Rosé in Photo: Mattia Mionetto Francia. Alistair Viner, Wine Buyer di Harrods, spiega: “Il nostro obiettivo è condividere la nostra vera passione per il vino, avvicinarlo al pubblico, educare al vino e rendere i più grandi vini accessibili a tutti. Abbiamo selezionato Bisol perché rappresenta la qualità e l’eccellenza, siamo onorati di accoglierlo nella nostra collezione esclusiva di vini”. Gianluca Bisol, commenta: “È una svolta per Bisol e per tutto il mondo del Prosecco”. Secondo la rivista britannica Harpers Wine & Spirits del settembre 2009, la Gran Bretagna sta entrando nel decennio del Prosecco, abbandonando quello dello Champagne. “Il Prosecco sta conquistando sempre più palati tra gli appassionati del regno, secondo l’ultima ricerca sui consumatori condotta da Wine Intelligence”, dichiara Harpers. “La nuova relazione UK Landscape Wine 2010 sul mercato del vino dimostra che il 15% dei 28 milioni di britannici appassionati del vino ora ama il Prosecco, con un incremento rispetto all’8% del 2007”. E l’articolo prosegue: “i consumatori dicono di apprezzarlo perché ha un sapore piacevole, ha costi accessibili, ma un’immagine raffinata”. Richard Halstead, Direttore Esecutivo di Wine Intelligence, afferma: “Se l’ultimo decennio è stato quello dello Champagne, credo di poter sostenere con sicurezza che quello appena iniziato sarà il decennio del Prosecco”. “La Gran Bretagna è un mercato che ama il Prosecco e continua a dimostrarlo”, afferma Gianluca Bisol. “Devo ringraziare il nostro importatore per la Gran Bretagna, Bibendum Wine Limited, grazie al quale abbiamo registrato un aumento del 46,6% nelle esportazioni in questo Paese rispetto al 2009. I mercati emergenti ci stanno premiando: quest’anno Bisol ha visto un aumento delle esportazioni in Cina di ben il 168%. Entro 10 anni, il Prosecco potrebbe rappresentare un terzo del totale dei vini esportati dall’Italia in tutto il mondo, per un giro d’affari totale di oltre 1 miliardo di euro”.

Gianluca Bisol insieme ai vincitori del Premio Rizzi

Il Premio Rizzi va a Francesca Boccaletto, autrice di un servizio su Cima da Conegliano, pubblicato su Il Treviso. Una scelta, voluta da Vittorio Pierobon e dagli altri giurati, che vuole lanciare un segnale di attenzione verso i giornalisti che attraversano un momento difficile. Ad Alvise Zorzi, storico e scrittore, l’Associazione Paolo Rizzi ha conferito il Premio alla carriera. Jeio e Bisol alla Casa dei Carraresi

Lifestyle Simbol: collante che lega Hit Week a Bisol. L’azienda di Valdobbiadene ha proposto in esclusiv a i brand di punta, Bisol e Jeio, protagonisti dei brindisi di Hit Week 2010, la manifestazione che in ottobre ha portato a New York e a Los Angeles le performance dal vivo di Elisa, Einaudi, Allevi, Negrita.

Jeio in mostra alla Casa dei Carraresi

“Vedere abbinati i simboli del più autentico lifestyle italiano é musica per le mie orecchie - ha commentato Gianluca Bisol, direttore generale - La melodia della canzone italiana e la sensualità del gusto del Prosecco stanno conquistando la simpatia in ogni angolo del pianeta. Con Bisol, continuiamo il nostro percorso di qualità presentando negli Stati Uniti un Made in Italy fresco e dinamico”. “L’eccellenza totale - ha dichiarato Francesco Del Maro, l’ideatore della manifestazione - Siamo legati alle bollicine dell’az ienda veneta dalla stessa filosofia: non semplici prodotti ma esperienze sensoriali inimitabili”.

Un’edizione limitata di Jeio Cuvée Extra Dry e Jeio Rosé, dedicata a “Il Pittore e La Modella, da Canova a Picasso” in mostra fino al 13 marzo a Treviso. L’etichetta omaggia il quadro di Cesare Mussini “Raffaello che spoglia per la prima volta la Fornarina”, una delle opere protagoniste della mostra. Voluta dal presidente di Fondazione Cassamarca, On. Dino De Poli e curata dal prof. Nico Stringa, l’esposizione si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, e con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Veneto, Provincia di Treviso, Comune di Treviso. Per informazioni: www.ilpittoreelamodella.it

Desiderio - 7


I nostri contatti Bisol

Desiderio & Figli Azienda Agricola Tel: +39 0423 900138 www.bisol.it

Relais

Duca di Dolle

Tel: +39 0438 975809 www.ducadidolle.it

Jeio

Tel. +39 0423 900512 www.jeio.it

Belstar

Tel: +39 041 2778632 www.belstar.it

Venissa

Ristorante/Ostello Tel: +39 041 5272281 www.venissa.it


Newsletter Bisol