Page 1

Savigliano, 5 Maggio 2011 • ANNO 153 - N° 18 • E 1,20

Giornale più antico del Piemonte

e-mail: redazione@ilsaviglianese.com Abbonamento Annuo E 42,00 - Estero E 42,00 + spese postali - Poste Italiane: Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) NO/CUNEO art. 1, comma 1 - Conto Corrente Postale N° 11755121- ASSOCIATO ALLA FIPEG Redazione: Piazza Santarosa, 21 Tel. 0172.71.39.29 Fax 0172.71.37.21 - Savigliano - Autorizzazione N.2 Tribunale Saluzzo 8/9/1946 - Direttore Responsabile: Valerio Maccagno - Pubblicità: RÉCLAME Via Pylos, 20, Savigliano Tel. 0172 71.12.79 Stampa: Editrice La Stampa - Torino. Tariffe a modulo: Commerciali E 16 - Occasionali E 17,00; Finanziari e Legali E 1,80 mm/c; Necrologie E 36,00; Economici E 0,53 p.p. Il giornale si riserva in ogni caso di rifiutare qualsiasi inserzione.

L’ANGOLO DEL PROVERBIO

Chièl la rôgna mi ij pôj ës graterôma tuti dôi dai 4300 proverbi piemontesi

CAVALLERMAGGIORE

MARENE

Lenzuola in via Bra contro lo smog

Aviaria: abbattuti 1.600 polli

a pagina 12

a pagina 16

MONASTEROLO

Bond Tutto pronto argentini: per la Sagra coppia risarcita delle Quaquare a pagina 18

A Savigliano due associazioni attaccano il Comune. E altrove...

Si litiga sugli ipermercati

La conferenza dei servizi sull’ipermercato di via Torino

Gli hanno sottratto il nuovo iPad

Furto nell’ufficio del sindaco Soave

Un moderno “iPad”

Chi l’avrebbe mai detto? Tutti pensavamo che il primo cittadino fosse al sicuro nel suo ufficio di corso Roma. E invece non è così. Infatti, nelle scorse settimane, la stanza del potere è stata violata da un ladro che, non solo è entrato, ma ha anche rubato un nuovissimo iPad di Soave. Ora è aperta la caccia, ma il malvivente sapeva dov’erano le telecamere... Servizio a pagina 4

Sulla questione dei centri commerciali che potrebbero aprire a Savigliano è di nuovo scontro. A sfoderare la spada contro il Comune sono due associazioni locali: “Stop al consumo del territorio”, che si batte contro la cementificazione dei terreni, e “Il Molo”, il sodalizio che affratella i negozi tradizionali. L’accusa è chiara: Soave e soci non sarebbero contrari all’arrivo di nuovi ipermerca-

Giornata mondiale dell’amianto: mai più morti! Servizio a pagina 7

Delfino litiga con Tremonti sull’aeroporto di Levaldigi Servizio a pagina 6

GENOLA

ti, come hanno sempre dichiarato. Lo dimostrerebbe un documento che attesta come il Comune, nonostante non fossero rispettati tutti i parametri richiesti dalla Regione, avrebbe comunque inserito le aree per gli insediamenti di grande distribuzione nel suo Piano regolatore. E non è tutto. Ora si parla di ipermercati anche a Racconigi... Servizi alle pagine 3 e 22

a pagina 19

CARAMAGNA

Prima visita del vescovo Nosiglia a pagina 19

Da noi un miracolo di Giovanni Paolo II?

Giovanni Paolo II è Beato

Domenica 1° maggio in piazza San Pietro a Roma Benedetto XVI ha proclamato Beato il suo predecessore, Karol Wojtyla. La nomina ha avuto delle “ripercussioni” anche nel Saviglianese: nel Santuario Reale a Racconigi è stata posta una statua del Papa polacco. E, intanto, si vocifera di un presunto miracolo avvenuto proprio nella nostra diocesi.... Servizi alle pagine 2 e 22

Richiesta “choc” a Racconigi

«Via dall’Asl!» I servizi sanitari a Racconigi sono in progressiva diminuzione. Stanchi di questi ridimensionamenti, i consiglieri comunali della città del castello hanno richiesto più volte un incontro con i vertici della nostra Asl Cuneo Uno per far presente le

proprie rimostranze. Ma dai palazzi del capoluogo non è giunta ancora nessuna convocazione. A Racconigi non si abbassa la guardia e sale una proposta: «Stacchiamoci dalla Cuneo e andiamo con Carmagnola». Servizio a pagina 22

Il poliambulatorio racconigese


2

savigliano

giovedì 5 maggio 2011

Papa Woityla è Beato In piazza San Pietro per ricordare Giovanni Paolo II Quando Benedetto XVI pronuncia la formula di rito “… concediamo che il Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo II, papa, d’ora in poi sia chiamato Beato e che si possa celebrare la sua festa ogni anno il 22 ottobre” e sancisce, primo Pontefice della Storia a farlo con il suo diretto predecessore, la solenne Beatificazione di Giovanni Paolo II, mi travolge l’emozione e lo scroscio di applausi, i cori dei giovani italiani “Gio-vanni Paolo” ritmati dai battimani, come allo stadio, subito riecheggiati dai “John Paul Two, we love you!” dei ragazzi anglosassoni, mi fanno fare un salto indietro nel tempo. A Tor Vergata, a quella Giornata Mondiale della Gioventù del 2000 scandita proprio da quei cori e dal canto “Jesus Christ you are my life”, che ne fu indimenticata colonna sonora insieme ad “Emmanuel”; una GMG che segnò la vita e le scelte di tante generazioni ed anche mie. A quelle “Sentinelle del mattino”, come ci chiamò Giovanni Paolo II, che, poi, l’8 aprile 2005, giorno del suo funerale, ad una voce, gridarono, tra le lacrime, il “Santo Subito!” che oggi, 1° maggio 2011 viene esaudito. Mi viene da alzare lo sguardo alla “sua” finestra del Palazzo Apostolico, e mi aspetto di vederlo ancora lì, sorridente anche nella sofferenza. Ma ora Karol Woityla “è alla finestra del Padre e ci benedice” come concluse l’omelia funebre il suo amico e collaboratore di sempre, l’allora cardinale Ratzinger, preconizzandone la Santità, e come conclude l’omelia oggi, aggiungendo “a braccio” all’ultimo istante “Tante volte ci hai benedetto in questa piazza dal Palazzo! Oggi, ti preghiamo: Santo Padre, ci benedica!”. E c’è anche il vento che sfogliò il Vangelo deposto sulla sua bara e che ora accarezza lievemente lo stendardo con il suo ritratto, scoperto nel momento della Beatificazione. Oggi, come allora, come tanti, penso al soffio dello Spirito, quello Spirito che ha do-

Un “grazie” che è preghiera

nato al Mondo, per 27 anni (1978 – 2005) il Grande Karol. E c’è un sole, imprevisto dopo ore di nuvole scure, che inizia a splendere, come ai funerali, proprio in concomitanza con l’inizio del rito. LA CELEBRAZIONE Tutta la celebrazione è intessuta del filo d’oro di questi e di mille altri ricordi, un filo sottile, ma resistente allo scorrere inevitabile del tempo… La Messa ha i ritmi lenti e caden-

LE SUORE Poi è di nuovo emozione quando avanzano due religiose: Suor Tobiana, che per 40 anni ha assistito il Papa fino agli ultimi istanti di vita, e Suor Marie Simon Pierre, la cui guarigione dal Parkinson (lo stesso che affliggeva il Papa polacco), inspiegabile per la scienza, ha costituito il primo miracolo provato attribuito a Giovanni Paolo II e ne ha determinato la Beatificazione (a tempo di record, in deroga ai tempi cano-

forte, generosa, apostolica”, il ricordo di quell’esortazione “Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!” pronunciata da Papa Karol il 22 ottobre 1978, quando si insediò. E poi la spiegazione, in polacco e in italiano, che “Con la sua testimonianza di fede, di amore e di coraggio apostolico, accompagnata da una grande carica umana, questo esemplare figlio della Nazione polacca ha aiutato i cristiani di tutto il mondo a non avere paura di dirsi cristiani, di appartenere alla Chiesa, di parlare del Vangelo. In una parola: ci ha aiutato a non avere paura della verità, perché la verità è garanzia della libertà”. Ed, infine, la conclusione con il ricordo del rapporto personale di affetto che ha legato Benedetto e Giovanni Paolo e con l’esclamazione: “Beato te,

Lo stendardo del neo beato Karol Woityla, papa Giovanni Paolo II

ministero col “Totus tuus” presente nel suo stemma episcopale e poi papale.

Suor Tobiana e Suor Marie Simon Pierre portano il reliquario

zati delle liturgie in Latino, pur arricchita com’è delle lingue delle tante genti che Giovanni Paolo II ha cercato negli anni di Pontificato, instancabilmente vissuti come il “Papa Globetrotter”, “l’Atleta di Dio”, come ebbero a chiamarlo, nel costante andare a incontrare milioni di persone, a dispetto delle consuetudini che volevano fossero i fedeli ad andare a cercare il Pontefice (“i poveri non possono viaggiare” spiegò). Il rito tocca il suo momento più emozionante, davanti ai circa due milioni di fedeli accorsi a Roma, nel racconto del cardinal Vallini, Vicario della Diocesi di Roma, che sintetizza efficacemente la vita dell’aspirante Beato, tratteggiandone le virtù, oltre che la storia, per poi formalizzare la richiesta al Papa che l’accetta. Scoppiano applausi a ripetizione, cori, sventolano bandiere di mille nazionalità – su tutte l’amata Polonia – e tutti rivedono nello stendardo il volto che hanno imparato ad amare da quel 16 ottobre 1978 quando apparve per la prima volta, Papa venuto da lontano, alla Loggia di San Pietro. L’entusiasmo è alle stelle e al cielo sale un “Grazie” che è preghiera, ma anche un grappolo di palloncini rossi con appesa proprio la scritta “Deo Gratias”.

nici, ma non all’accuratezza del processo). Portano un reliquario in legno scolpito da un artigiano romano che contiene il sangue del neo Beato, conservato per future trasfusioni quando era ricoverato al policlinico Gemelli e mai utilizzato perché sopravvenne la morte.

L’arrivo all’altare di Papa Benedetto XVI sulla “papamobile”

amato Papa Giovanni Paolo II, perché hai creduto! Continua – ti preghiamo – a sostenere dal Cielo la fede del Popolo di Dio” unita alla richiesta di continuare a benedirci. La celebrazione si conclude mentre risuonano le parole dell’inno conclusivo, struggente omaggio, appositamente composto per la solenne cePapa Benedetto XVI pronuncia l’Omelia lebrazione del 1° Rimane lì, accanto all’alta- maggio – II domenica di Pasqua re, nel silenzio che segue. Ri- o della Divina Misericordia – chiesto dalla liturgia, che diven- istituita, non a caso, mi sento ta della Parola e poi Eucaristi- di dire, proprio da Lui. Il Papa, i prelati, le tante deca, ma anche spontaneo in tutti i presenti che hanno lo sguar- legazioni di Nazioni e Regni ed do fisso, alternativamente, sul- i diplomatici presenti entrano lo stendardo e sul reliquario, nella Basilica per omaggiare il persi, di nuovo, nei ricordi, più feretro del Beato, che è stato personali ed intimi di Lui e con traslato dalle Grotte Vaticane. Posto davanti all’altare cenLui. trale, verrà collocato stabilmen«NON ABBIATE PAURA» te nella Basilica presso l’altare Arriva, poi, l’omelia di cui di S. Sebastiano, a pochi metri colpiscono molti passi, ma in dalla Pietà di Michelangelo, particolare il richiamo di Bene- icona di quella Madonna, Madetto XVI al fatto che “Giovan- dre di Cristo, cui Giovanni Paoni Paolo II è beato per la sua fede lo II consacrò se stesso ed il suo

SIGNIFICATI PROFONDI Cosa ha significato questa Beatificazione? Lo chiedo a Joaquin Navarro-Valls, portavoce del Papa Polacco per la massima parte del suo pontificato (dal 1984 al 2005, con un breve periodo fino al 2006 anche con l’attuale Pontefice) che incontro presso la Prefettura Pontificia. La risposta è lapidaria e stringente nella sua semplicità e chiarezza: “Un grande grazie per un uomo che ha saputo dire sempre SÌ al Signore in ogni momento della Sua vita”. Lo chiedo a Cristoforo e Monica Nikiforow, polacchi, amici di Karol che li sposò appena nominato Vescovo di Cra-

covia e che li immortalò tra i personaggi de “La bottega dell’orefice”, sua opera giovanile dedicata all’amore coniugale. La risposta è quella di tutti coloro che gli hanno voluto bene: “Una grande felicità, ma anche una certa tristezza per il tempo che passa senza di Lui”. Lo chiedo a Marco, giovane seminarista a Roma e studente all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum che, simpaticamente, risponde: “Ieri sera (sabato 30 n.d.r.) sono stato alla veglia al Circo Massimo fino alle 2 di notte: un’esperienza veramente spirituale. Mi è piaciuta anche più della Celebrazione di oggi, più formale, anche se quando il velo si è alzato e si è scoperto lo stendardo, questo mi ha fatto vibrare anche il fegato, proprio come quando Lui era in vita”. E intanto nostre fonti vaticane parlano di un possibile miracolo (il condizionale è più che d’obbligo, vista la delicatezza dell’argomento) proprio nella nostra Diocesi di Torino (pare una ragazza guarita inspiegabilmente da cecità) che potrebbe portare alla canonizzazione di Giovanni Paolo II. Potremo, dunque, presto chiamarlo Santo, come affermato, a margine della celebrazione, dal Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone, anche se questo già lo facciamo da sempre nel profondo del nostro cuore. Servizio e foto di Massimiliano Gosio

La folla alla celebrazione: si stima ci fossero due milioni di persone


savigliano

IL CASO

Sugli ipermercati attacco di “Molo” e ambientalisti

«Il Comune tace. E mente» Sui nuovi centri commerciali previsti in via Torino (domanda già approvata in Regione) e via Alba (domanda in discussione) il Comune sta facendo “orecchie da mercante” alle sollecitazioni che provengono da due gruppi d’opinione cittadini: il movimento “Stop al consumo di territorio”, che si batte contro il proliferare dei capannoni nelle campagne, e l’associazione “Il Molo”, che conta circa settanta negozi aderenti. Visto che il Comune si era detto «contrario» all’arrivo di un nuovo ipermercato in via Torino, nel dicembre scorso i due sodalizi avevano proposto al sindaco Sergio Soave ed all’assessore all’Urbanistica Silvio Pittavino che «con una manifestazione di volontà e coraggio, ma anche di coerenza venisse rivista la destinazione d’uso dell’ampia zona compresa tra la nuova circonvallazione per Marene e via Alba attualmente destinata dal Piano Regolatore ad area produttiva e commerciale (235.000 mq circa)». «Ci sembra che – spiegano i componenti di “Stop” e del “Molo” – se si concorda sull’inutilità dell’apertura di nuove strutture commerciali, si debba di conseguenza provvedere a variare le previsione del Piano regolatore. Attualmente, il Piano destina ad esse 3 zone, denominate “localiz-

PELLEGRINAGGIO

L’area di via Alba dove è stata presentata una nuova domanda per un ipermercato

zazioni commerciali urbane periferiche”: una a Nord, al fondo di via Torino; l’altra ad Est, nella zona fieristica di via Alba; l’ultima nelle vicinanze della Saint Gobain». Il Comune ha sempre detto che la decisione non era di sua competenza, ma della “Conferenza dei servizi” che si fa a livello regionale. «Dimenticava, però – sostengono le due associazioni – che tali aree erano state inserite, ad opera sua, nel Piano regolatore e che addirittura erano state individuate nonostante non rispettassero completamente i parametri richiesti dalla Regione. L’essersi avvalsi della facoltà di derogare da tali limiti è stata dunque una precisa scelta da parte della nostra amministrazione volta chiaramente a massimizzare le aree de-

stinate al commercio. Così riporta infatti la relazione allegata al Piano Regolatore: “Come si può rilevare, non tutti i parametri sono rispettati per ciascuna delle aree produttive miste, ma è potestà (non obbligo!) del Comune decidere se abolirne qualcuno”». Dunque, la contrarietà del Comune ai centri commerciali sarebbe solo di facciata. «La nostra lettera – lamentano ancora le due associazioni – non ha avuto risposta, in compenso abbiamo però saputo della presentazione del primo progetto per l’area di via Alba!». Dunque, “Stop al consumo di territorio” e “Il Molo” chiedono un «gentile cenno di risposta» da parte dell’amministrazione comunale, ribadendo le quattro ragioni della loro contrarietà a nuovi maxi-inse-

diamenti commerciali. La prima è «non compromettere l’equilibrio presente tra negozi di vicinato e media e grande distribuzione»; la seconda è il traffico che attirano le grandi strutture commerciali; la terza è la non compromissione dei suoli fertili, evitando uno «smisurato consumo di suolo (circa 75 giornate piemontesi tra aree già occupate ed altre occupabili); la quarta è che «occorre evitare, stante la vastità dell’area e gli ingenti capitali che essa può attrarre, il crearsi dei presupposti che costituiscono, come hanno dimostrato recenti prese di posizione della Corte dei Conti, l’occasione per il radicarsi di attività finanziate attraverso riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite gestite da organizzazioni di tipo mafioso».

Gita di Avis, Aido e Società Mutuo Soccorso

Hanno trascorso la Pasqua in Terra Santa Dal 21 al 28 aprile scorsi si è tenuto il pellegrinaggio in Terra Santa, dove abbiamo visitato i luoghi sacri in un’atmosfera surreale (compresa la S. Messa in italiano nel giorno di Pasqua), organizzato magistralmente dalla Odeon Tour per gli iscritti ad Avis, Aido, Società Mutuo Soccorso ed i simpatizzanti. Ricco il programma di viaggio: arrivo a Tel Aviv, Nazareth, Cana, Monte Tabor, Mistero di Cristo in Galilea, Betlemme, Ein Karem, Passione di Gesù (visita alla fortezza d’Antonia dove venne condannato Gesù), Chiesa del Santo Sepolcro percorrendo la Via Crucis (Via del Dolore), Muro del Pianto (zona cristiana), Monte degli Ulivi, visita panoramica di Gerusalemme, Chiesa del Padre Nostro, Chiesa Dominus Flevit dove pianse il Signore, Giardino del Getsemani, Roccia dell’Agonia, visita del Cenacolo, casa del Rabino dove Ge-

SALUTE

sù fu detenuto la sua ultima notte, tomba di S. Lazzaro, Gerico, Monte delle Tentazioni, visita alla spiaggia del Mar Morto (prova di galleggiamento), ritorno a Gerusalemme, partenza per Tel Aviv il giorno

dopo ed arrivo a Savigliano. Per concludere, vogliamo ringraziare tutti gli organizzatori, in particolare il nostro grande accompagnatore Gigi, per la cortesia e la professionalità dimostrate

durante l’intero tour, dove abbiamo vissuto un clima di grande famiglia. Grazie di tutto Gigi… e saluta per noi Pitter! I partecipanti al pellegrinaggio

I partecipanti del viaggio in Terra Santa, qui a Betlemme

Il presidente Soms Maccagno annuncia: «Presto avvieremo nuove iniziative»

“Tutto esaurito” per le visite oculistiche sul camper Ha fatto segnare il “tutto esaurito” l’iniziativa di controllo della vista organizzata martedì scorso dalla Società di Mutuo Soccorso di Savigliano, in collaborazione con la Consulta cuneese delle Soms. Il camper attrezzato per le visite oculistiche ha fatto sosta tutto il giorno in piazza Cesare Battisti, ricevendo numerose persone, soci e familiari del sodalizio saviglianese. Le visite gratuite sono state fatte dall’ortottista Valentina Peisino, con il contributo di Carla Blengio, presidente dell’Aiorao. «Sono molto soddisfatto per la riuscita dell’iniziativa – afferma soddisfatto il presidente del “Mutuo Soccorso”, Valerio Maccagno –. Abbiamo già in cantiere altri progetti di prevenzione sanitaria».

Una cinquantina di persone ha usufruito del servizio

giovedì 5 maggio 2011

3


4

savigliano

giovedì 5 maggio 2011

BREVI DALLA CITTÀ Passaporto e permesso falsi

Marocchino arrestato all’aeroporto Venerdì scorso, a Levaldigi, è atterrato un cittadino extracomunitario proveniente dal Marocco, che è stato trovato in possesso di documenti falsi ed alterati. Alla richiesta degli agenti, infatti, esibiva un passaporto che, da un’accurata verifica, risultava essere stato contraffatto: la fotografia sostituita ed i dati anagrafici alterati. Anche il permesso di soggiorno, apparentemente rilasciato dalla Questura di Parma, è risultato falso. Accompagnato in Questura, veniva identificato per E.B.A., classe 1981, pregiudicato, nei cui confronti risultava, sotto altro nome, un decreto di espulsione, eseguito dalla Questura di Massa. Il cittadino marocchino veniva pertanto tratto in arresto per uso di documenti falsi ed alterati, false attestazioni a pubblico ufficiale e violazione della vigente normativa sugli stranieri. È stato condannato per direttissima alla pena di un anno di reclusione, senza condizionale, dalla Procura di Saluzzo.

“500” bruciata alla stazione

Si pensa ad un cortocircuito

CRONACA

Furto nell’ufficio del sindaco È stato violato l’ufficio del sindaco Soave in municipio. Violato da qualcuno che il sabato di due settimane fa – in tarda mattinata o nel primo pomeriggio – si è introdotto nella stanza del primo cittadino al primo piano del Comune e vi ha asportato il nuovo iPad, con tanto di Sim telefonica, in dotazione allo stesso Soave. L’iPad, per chi non lo sapesse, è l’ultimo computer portatile della Apple con cui si può collegare ad internet ed usare altre applicazioni tra testi, foto e musica. Il responsabile del furto pare bene informato sulle “cose di palazzo”: era, infatti, a conoscenza della telecamera di sorveglianza che “copre” l’atrio d’ingresso e per questo si è mosso nascondendosi il volto grazie ad una felpa con cappuccio; inoltre, sapeva la disposizione degli uffici.

Carabinieri e Vigili del fuoco esaminano la situazione Come avevamo anticipato la scorsa settimana, nella notte del 25 aprile, una Fiat 500, parcheggiata in un’area riservata nelle vicinanze della stazione ferroviaria, ha preso fuoco e, nonostante il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco – sono giunti sul posto anche quelli di Saluzzo – l’auto è andata completamente distrutta. Sono tuttora sconosciute le cause del rogo sul quale stanno indagando i Carabinieri della Compagnia di Savigliano, anche se si pensa – molto probabilmente data la vetustà della vettura – ad un cortocircuito.

Auto contro furgone

Feriti i due giovani conducenti Sabato 30 aprile, alle ore 22.30, sulla strada provinciale per Marene, poco prima del distributore Agip, si è verificato uno scontro frontolaterale tra un furgone Fiat Iveco ed una Dacia Duster. Entrambi i conducenti – un 21enne di Verzuolo per l’Iveco ed una ragazza di 22 anni residente a Savigliano per la Duster – sono stati trasportati all’Ospedale di Savigliano con l’ambulanza del 118. In particolare, i Vigili del Fuoco, per estrarre la giovane conducente dall’auto, hanno dovuto tagliare con le cesoie l’abitacolo del mezzo.

Rubato il suo “iPad”: il ladro a volto coperto

CHIESA

mo sicuri: si è trattato di una persona estranea ai dipendenti dell’amministrazione comunale». Di più Odasso non dice o non vuol dire, aggiunge ancora che si sta portando avanti «un’attività di “intelligence” mirata e particolare». La sensazione è che si sia sulla buona strada per individuare l’autore del gesto.

Il sindaco Sergio Soave nel suo ufficio

Entrato liberamente in municipio – il sabato gli uffici sono aperti – il ladro si è diretto nella stanza di Soave, che era chiusa, forzandone la porta che la separa dalla sala del Consiglio comunale; se ne è andato facendo lo stesso percorso a ritroso. Il reato è stato subito denunciato, non appena scoper-

to, alla Polizia Locale della nostra città: «Stiamo facendo le indagini del caso – spiega il Comandante Marco Odasso – ci siamo raccordati con la Procura di Saluzzo ed anche con la stazione dei Carabinieri. Non è la prima volta che si verificano furti in municipio, ma questo è diverso, perché non è accaduto durante l’orario di lavoro. Di una cosa sia-

iPad: l’oggetto rubato

Ricordo storico della 1ª incoronazione della B.V. del Rosario

Festa della Madonna delle Rose a S. Filippo Per il Maggio Mariano nella chiesa di S. Filippo, domenica 8 maggio, sarà celebrata la Festa della Madonna delle Rose, nel ricordo storico della 1ª Incoronazione della B.V. del Rosario, Regina di Savigliano. Il programma prevede, alle ore 16, la Celebrazione comunitaria del S. Rosario. Benedizione delle Rose e Processione all’interno della chiesa. Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta dal M.R. don Gabriele Miglietta della Scuola Salesiana di Savigliano. “Santa Maria, donna del terzo giorno, strappaci dal volto il sudario della disperazione e arrotola per sempre, in un angolo, le bende del nostro peccato. A dispetto della mancanza di lavoro, di casa, di pane, confortaci col vino nuovo della gioia e con gli azimi pasquali della solidarietà. Donaci un po’ di pace!”. (Mons.Tonino Bello) CONCERTO SPIRITUALE Domenica 8 maggio, alle 17.15, nel salone di San Filippo, si terrà un Concerto spirituale in omaggio alla Madonna delle Rose.Alcuni giovanissimi saviglianesi, studenti di musica, eseguiranno composizioni classiche al pianoforte ed altri strumenti, a cura di Wally Peroni.

Per estrarre la giovane, è stata tagliata la “capote” della Duster

La Beata Vergine del Rosario è “Regina di Savigliano”

La Vergine del Rosario nel corso dei secoli a Savigliano 1200 - La devozione popolare della Madonna del Rosario affonda le sue radici nella tradizione rosariana domenicana del convento di S. Domenico. Nasce in quegli anni la prima e la più antica “Compagnia del Rosario”, il pio sodalizio che successivamente si diffonderà ovunque. 1636 - II Voto della Città di Savigliano alla Madonna del Rosario, salvata dal flagello della peste. 1636 - La Pala votiva dipinta da Giovanni Claret per incarico del Municipio e della cittadinanza saviglianese, in segno di riconoscenza per l’ottenuta liberazione dalla peste. 1636 - Piccolo stendardo in seta, a pittura e ricamo, raffigurante, da un lato, la Vergine del Rosario con i Santi Domenico e Caterina da Siena. 1651 16 marzo - Il Consiglio comunale proclama la Madonna del Rosario, Patrona principale e Regina di Savigliano. 1653 - La prima Incoronazione nella seconda domenica di maggio. 1665 - Il Gonfalone monumentale della Compagnia del Rosario “double face”, raffigurante la Madonna con il Bambino su entrambi i lati. Sullo sfondo la città di Savigliano antica. 1853 - I 15 stendardi raffiguranti i misteri del Rosario, dipinti dal Chiantore, nel 2° centenario dell’Incoronazione della Madonna. 1866 - La Madonna del Rosario, con Bambino, S. Domenico e S. Caterina: scultura in legno di Antonio Roasio di Mondovì. 1877 - Manoscritto inedito dello storiografo saviglianese, il Canonico Casimiro Turletti, sulla “Storia del S. Rosario in Savigliano” dal 1217 al 1877. 1903 4 ottobre - La seconda Incoronazione. 1907 - Affresco del Presbiterio di S. Filippo di Luigi Morgari delle due Incoronazioni della Vergine del Rosario (1653 e 1903). 1918 - II Voto dei saviglianesi alla Madonna per il ritorno dei soldati dal fronte della Grande Guerra, e la celebrazione del VII Centenario della predicazione del Rosario a Savigliano compiuta da S. Domenico. 1953 4 ottobre - La terza Incoronazione e le Celebrazioni Trecentenarie. 2000 – Il “Percorso contemplativo del Rosario” nell’interno della chiesa di San Filippo: riproduzione fedele su tela dei 15 stendardi della Compagnia del Rosario del Chiantore, nell’anno del Grande Giubileo. 2003 5 ottobre - La Stella d’oro e le Celebrazioni del VII Cinquantenario dell’Incoronazione.


savigliano

STRASAVIAN

Asta benefica alla vigilia della corsa podistica

Per te, le maglie dei campioni Diciamo la verità. C’è un meccanismo psicologico alla base del merchandising sportivo che ne ha decretato il successo. Chi – con la scritta “Del Piero” sulle spalle – non si sente un po’ il campione del mondo? Per questo le maglie delle squadre piacciono tanto: sono una sorta di maschera che per un attimo ci fa pensare di essere in grado di segnare un gran goal in uno stadio stracolmo e poi – la sera, a casa – ricevere la giusta ricompensa dalla velina catturata all’esclusivo party nella disco più trendy (nella “bella vita”, le ypsilon si sprecano). Tutti noi potremo sognare ad occhi aperti in occasione della prossima StraSavian, in programma per domenica 15 maggio (partenza ore 9.30 da piazza Santarosa). La sera prima, infatti, alle 20.30 ci sarà un gustoso “antipasto” della corsa cittadina con la partita di calcio tra Comune e Clero, allo stadio Morino. Nell’intervallo del match saranno battute all’asta le seguenti maglie autografate: Nazionale piloti di Luca Filippi (base 25 euro); Cicloturistica “Aspettando il Giro” di Rinaldo Nocentini (30 euro); Brebanca Lannutti Cuneo con le firme dei campioni

MODELLISMO

giovedì 5 maggio 2011

5

BREVI DALLA CITTÀ Patenti ritirate

Controlli dei Carabinieri In occasione delle festività pasquali, i Carabinieri della Compagnia di Savigliano hanno intensificato i controlli alla circolazione stradale, ponendo particolare attenzione alle condizioni psicofisiche dei conducenti dei veicoli. Negli ultimi giorni, sulle strade dell’area saviglianese, sono state denunciate a piede libero sei persone per guida in stato di ebbrezza alcolica: si tratta di C.S., 36 anni di Saluzzo, A.F., 48 anni di Bra, K.M., 24 anni, bosniaco abitante a Sanfrè, R.C., 31 anni di Saluzzo, B.J., 20 anni di Cervere, e O.A., 24 anni di Ruffia. Le patenti sono state immediatamente ritirate.

Lavori in Urologia

Si spostano i pazienti

Le maglie sono già esposte nella vetrina della Banca CRS in piazza del Popolo

d’Italia di volley (40 euro ciascuna, ce ne sono due); Genoa calcio, con il nome di Toni e le firme anche di Kaladze e Kharja (70 euro); Juventus calcio, con i nomi di Marchisio, Chiellini, Krasic, Buffon e Del Piero (ognuna, 100 euro); Inter, maglia da allenamento autografata da Lucio, Zanetti, Milito, Maicon, Snejider e Cambiasso (70 euro). Tutte le maglie si possono ammirare in una delle vetrine della Banca CRSavigliano in piazza del Popolo.

Avete già individuato quella su cui mettere le mani? Bene, l’appuntamento è per sabato sera, 14 maggio, allo stadio Morino. Intanto, proseguono le iscrizioni per la StraSavian, al costo di 3 euro (2 euro per gli under 14). Si chiuderanno venerdì 13 maggio alle 12 (quelle per i gruppi sabato 14 maggio, alle 17). I singoli che vorranno iscriversi ancora la mattina della StraSavian lo potranno fare, ma perderanno la pos-

sibilità di ottenere il ricco pacco gara. Per tutte le novità sulla corsa si può comunque visitare il sito www.strasavian.it. Alla StraSavian ci si può iscrivere anche presso la redazione de “Il Saviglianese”, aperta dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio. Vi aspettiamo! Il ricavato delle iniziative andrà all’Ashas (Associazione solidarietà handicappati Savigliano) per sostenerne le sue numerose – ed utili – attività. G.Ma.

Due appuntamenti con gare a livello regionale

Un piccolo circuito per grandi sfide Nei minibox dell’“Autodromo internazionale di Savigliano” già le “monoposto” si stanno scaldando perché venerdì 6 e 13 maggio, sulla pista del “Mountainslotclub” di via Chianoc n. 10 si svolgeranno appassionanti gare tra “slot cars”, ovvero i modellini di auto elettriche con cui tutti abbiamo giocato almeno una volta nella vita. Lo “slot” è infatti una forma di modellismo dinamico che utilizza le piste elettriche ed automodelli alimentati a corrente elettrica dotati di un perno o di una lama infilati in una fessura della pista. «Durante queste gare, ospiteremo altri club di appassionati – specifica il presidente Valter Bordignon – a livello provinciale e regionale». I componenti del club invitano tutte le persone interessate ad assistere alle gare, che inizieranno alle ore 21. Chissà che, partecipando alle serate, non venga voglia ad altri di “mettersi alla guida”! Per ulteriori informazioni si può chiamare il 349.4731072.

L’“Autodromo internazionale di Savigliano” ospitato nella sede di via Chianoc I.P.

È stato inaugurato sabato scorso in via Togliatti

Nuovo showroom per “TonyMotors” È stato inaugurato lo scorso sabato 30 aprile il nuovo showroom di TonyMotors in via Togliatti n. 6/a a Savigliano. Un ampio salone dedicato alla vendita delle nuove proposte di bolidi rombanti, più un’ampia officina specializzata nei marchi Suzuki e Ducati. A questo il titolare – Tony Trentanelli, che prima lavorava in strada Monasterolo – unisce la preparazione delle moto da pista e l’organizzazione delle giornate da pista: «Io arrivo dalle corse, lavoravo con il team Ducati Y2K femminile con cui ho partecipato ai campionati italiano ed europeo di velocità». In mostra la versione stradale della Desmosedici – ne esistono solo 1.500 esemplari in tutto il mondo – la motocicletta con cui Valentino Rossi sta correndo il Mondiale GP. Tra gli altri servizi di TonyMotors, il reparto gomme e il recupero dei mezzi in panne. Tony Trentanelli nei nuovi locali di via Togliatti

Da lunedì 9 maggio i letti del reparto di Urologia dell’ospedale saranno temporaneamente ospitati presso i reparti di Chirurgia generale e Ginecologia, per consentire l’avvio dei lavori di rifacimento del tetto dell’edificio che oggi ospita la struttura. Gli utenti potranno comunque continuare ad accedere, dal lato della portineria, alle sale endoscopiche ed agli ambulatori, temporaneamente sistemati al primo piano dal lato delle sale stesse. «Cercheremo di limitare al massimo i disagi per il cittadino – spiega il direttore sanitario dell’Asl Cuneo Uno Enrico Ferreri – assicurando nel contempo opere indispensabili per la salvaguardia dell’edificio.Tutta l’operazione dovrebbe concludersi nel giro di qualche mese». In un secondo tempo, i lavori proseguiranno sull’ala dell’ospedale che ospita le sale endoscopiche.

Precisazione

Errori in un articolo In relazione all’articolo “Un ritratto della giovane Maria Franca Fissore” pubblicato a pagina 7 dello scorso numero de “Il Saviglianese”, a causa di un errore nel titolo abbiamo inavvertitamente scambiato il nome della signora Fissolo (correttamente riportato nel testo) in Fissore. Inoltre, la fotografia, come erroneamente riportato nella didascalia sottostante, non si riferisce ad una piccolissima Maria Franca Fissolo, ma ad un giovane Gilbert Pietropaoli, autore dell’articolo. Ce ne scusiamo sia con i diretti interessati che con i lettori.


6

savigliano

giovedì 5 maggio 2011

BREVI DALLA CITTÀ Area ecologica di via Canavere

Condizioni precarie per l’addetta Sei mesi fa, in un servizio sulla raccolta rifiuti, avevamo già parlato delle condizioni precarie in cui deve lavorare l’addetta all’area ecologica di via Canavere. Nonostante l’appello, nulla pare essere cambiato. “Mi reco periodicamente – ci ha scritto in questi giorni un lettore – per consegnare i rifiuti differenziati e sono venuto a conoscenza che la persona addetta all’area ecologica non ha a disposizione nemmeno un piccolo locale per le necessità fisiologiche, con il disagio che ben si può immaginare...”. Ancora una volta, si chiede che “chi di dovere” si adoperi per risolvere il problema.

VivoLive su Trs

In onda Les Sanspapier Nuovo appuntamento con “VivoLive!”. Sabato 30 aprile, a tenere compagnia agli ascoltatori di TRS Radio (Fm 104.800 o su www.trsradio.it) ci saranno Les Sanspapier. Il gruppo si racconterà in diretta a Simona Solavaggione e Davide Ariaudo nel salotto di TRS Radio dalle 14 alle 15. Un momento di «musica allegra, che faccia divertire! Che metta caldo! Che aiuti a bere! Barbera e aperitivi all’anice, in un mix 100% italo-francese». Per intervenire in diretta, sms al 338.1036101 o tel. 0172.712712. E domenica “VivoLive” dall’auditorium Magazzini musicali Merula con Eden Street ed Enfasi, a partire dalle ore 16.

Pic-nic circense

Al lago La Sirenetta Una giornata di circo intorno al lago La Sirenetta, in località Solerette. È il “pic-nic circense” organizzato dall’associazione Fuma che ‘nduma (che cura le scuole di circo diffuse nella nostra zona) per domenica 8 maggio, dalle ore 10 al tramonto. «Una giornata – assicurano gli organizzatori – per stare insieme, giocare, bere e mangiare... tra piatti cinesi e tagliatelle, clave e cosce di pollo, trampoli e tiramisù, costine e monocicli!». L’evento è aperto a tutti i curiosi ed alle loro famiglie. Per un giorno ci si potrà sentire artisti di circo e provare funambolici numeri. Per informazioni, Giuseppe (tel. 333.2742858) o Bruno (tel. 335.8179373).

Opportunità per i giovani

“Esploriamo l’Europa” Martedì 10 maggio, alle ore 17.30, presso i locali dell’Informagiovani e del Centro per l’Impiego (corso Roma n. 111) si svolgerà un incontro informativo sulle opportunità in Europa di formazione, lavoro, studio e tempo libero per i giovani. Interverranno un esperto del servizio provinciale Eures (rete dei servizi pubblici all’impiego dell’Unione Europea) ed alcuni giovani saviglianesi coinvolti in precedenti esperienze di mobilità europea, oltre agli operatori della cooperativa Orso che gestiscono il servizio comunale Informagiovani. L’incontro, realizzato nell’ambito del progetto del Piano locale giovani 2011 “Lavoro Cercasi continua...”, avrà come titolo “Esploriamo l’Europa? Sì!... ma come?” ed è aperto a tutti, ad ingresso libero. Si ricorda che il 9 maggio è la Festa dell’Europa, una giornata simbolo che ricorda la dichiarazione Schuman con la quale si diede formalmente avvio all’atto di nascita dell’Europa comunitaria. Per ulteriori informazioni consultare www.igsavigliano.it, il nuovo sito del servizio Informagiovani del Comune di Savigliano oppure sul profilo Facebook “Savigliano Ig”.

Attività della Ludoteca

A maggio giochi all’aria aperta Da questa settimana le attività della ludoteca si svolgeranno nei parchi della città, per giocare insieme all’aria aperta. «Nei parchi – dicono gli addetti della ludoteca – proporremo laboratori creativi, giochi di gruppo e una merenda a cui potrete contribuire portando qualcosa da bere o da sgranocchiare». Per tutto maggio, l’orario è dalle 16.30 alle 18.30, tutti i lunedì nel parco di via Barberis e Chiarofonte, tutti i mercoledì nel parco Nenni di piazza Nizza e tutti i venerdì nei giardini di via Mussa. «In caso di pioggia ci troverete in ludoteca, in via Mutuo Soccorso n. 8» concludono gli educatori.

Mercatino delle pulci

Nelle vie e piazze del centro Se siete a caccia di un oggetto curioso, antico o raro, domenica 8 maggio in città ci sarà l’occasione giusta per voi. Dalle 9 alle 18, nelle vie e nelle piazze del centro, si svolgerà una nuova edizione del mercatino delle pulci e dell’antiquariato.

AEROPORTO

Delfino “sconcertato” dal rifiuto del ministro Tremonti

Perchè non firma la concessione? «Sono sconcertato dal fatto che Tremonti, che ha coperto milioni di deficit dell’Alitalia, che ha imposto operazioni sui nostri aeroporti maggiori a totale carico dello Stato faccia oggi il pidocchioso e lo spilorcio su una provincia che – lo sostiene il presidente Gianna Gancia in ogni occasione pubblica – è in grande credito con lo Stato. C’è un “doppiopesismo” inaccettabile». Così l’On. Teresio Delfino a margine della risposta che il sottosegretario ai Trasporti Bartolomeo Giachino aveva dato, per conto del ministro dell’economia e delle finanze Tremonti, ad un’interpellanza urgente del gruppo Udc sull’aeroporto di Levaldigi. Si chiedeva quale fosse il motivo per cui non erano stati ancora espletati da parte del Ministero dell’economia e delle finanze gli adempimenti volti a formalizzare la concessione ventennale alla società di gestione dell’aeroporto di Levaldigi e quali iniziative intendesse assumere affinchè la concessione diventasse concretamente operativa. Dopo il positivo parere di fine ottobre del ministro Matteoli manca, infatti, soltanto più il placet del dicastero economico. Anche perché – proseguiva l’interpellanza – «il ritardo dovuto al blocco della concessione ventennale non fa altro che alimentare l’attuale elemento di precarietà e non favorisce

Uno scorcio della pista dell’aeroporto di Levaldigi con sullo sfondo la torre di controllo

il pieno sviluppo dello scalo, condizionato negativamente dalla procedura di rinnovo annuale. In questi anni Levaldigi ha dimostrato di essere in continua crescita, anche grazie agli innumerevoli sacrifici sostenuti dagli enti locali coinvolti: tali sforzi, che ne hanno, a nostro avviso, scongiurato il fallimento, non possono e non devono essere vanificati per queste lungaggini immotivate». Giachino, invece, aveva posto il problema sul fatto che la Geac nel 2007, 2008 e 2009 avesse subito perdite di esercizio pari, rispettivamente, ad euro 1.452.193, 1.341.050 e 1.356.213, a fronte delle quali si è predisposto un piano per il raggiungimento dell’equilibrio economico finanziario. «Il ri-

Ciau cerea Grignè na volta… Andando in giro per mercati, ambulatori, stazioni, ristoranti, càpita di sentire che, ogni tanto… slituma cun l’italian. Ecco alcuni esempi: Quando muoio mi faccio cromare (tut ca specia!) Di fronte a queste cose rimango putrefatto! (che strì) Arriva il treno, hai blaterato il biglietto? (mej parlè poc...) Devo fare il retrocardiogramma (fa atensiun darè…) Basta! Vi state coagulando contro di me! (che bruta facenda) Anche l’occhio va dalla sua

parte... (strabic…) Avete i nuovi telefonini GPL? (na novità) Il cadavere presentava evidenti segni di decesso (o basta là!) Prima di operarmi mi fanno un’autopsia generale (auguri!) Abbiamo mangiato la trota salmonellata (dubi auguri!) Vorrei un’aspirina in supposte effervescenti (boia fauss!) Vorrei una maglia con il collo a volpino (tensiun ca mord...) Vorrei una pomata per l‘Irpef (fan ‘d tut per nen paghè...)

sultato economico relativo al 2009 presenta una maggiore perdita di circa 300.000 euro (+30%) rispetto al piano. Si è previsto allora un aumento di capitale riservato ai soci pubblici per 2.485.000 euro. Ma il decreto-legge n. 78 del 2010 vieta alle amministrazioni pubbliche di sottoscrivere, tra l’altro, aumenti di capitale e di effettuare trasferimenti straordinari, nelle società pubbliche partecipate e non quotate, quando queste siano in perdita per tre esercizi consecutivi o abbiano utilizzato riserve disponibili per ripianare perdite infrannuali». «Non abbiamo chiesto soldi al Ministro Tremonti, gli abbiamo chiesto di adempiere al suo dovere di sottoscrivere la concessione – prosegue uno “sconcertato” Delfino –. Que-

sto è un Governo che per il Cuneese concede con il contagocce i fondi per le grandi infrastrutture. La risposta del Governo è deludente e addirittura fa presagire l’intenzione di abbandonare, chiudere o ridimensionare questo aeroporto. È inaccettabile ed è una mortificazione che la Granda non merita, è una vergogna. Noi continueremo ovviamente questa battaglia, promuovendo altre iniziative in sede nazionale e locale». Il “congelamento” della concessione «ci pone in una situazione delicata – la chiosa è di Guido Botto, presidente Geac – perché vieta anche discorsi di privatizzazione. Poi il ministero cita dati del 2009 per volumi del traffico: un po’ assurdo». Paolo Biancardi

di Giacomilla

Tu non sei proprio uno sterco di santo (meno male) È andato a lavorare negli evirati arabi (bunom...) A forza di andare di corpo mi sono quasi disintegrata (povra fia) Mia nonna ha il morbo di Pakistan (l’è straniera?) La mia auto ha la marmitta paralitica (...al post di cavaj a l’a le rutele) Verrà in ufficio una stragista per il tirocinio (fè mac atensiun) Da vicino vedo bene, è da lontano che sono lesbica (parla pà!) Mi sono fatta il Leasing al viso (…che curage)

BABYPARKING

È inutile piangere sul latte macchiato (mej dejè na lavà…) Come faccio a fare tutte queste cose simultaneamente? Dovrei avere il dono dell’obliquità! (…e pendi da na part…) Sono momentaneamente in stand-bike (cun la bici ferma...) Non so a che santo riavvolgermi (‘n bel problema!)

Al via un laboratorio creativo

Alla scoperta dell’arcobaleno Si avvia mercoledì 11 maggio, presso i locali del baby parking Marameo, un nuovo laboratorio. Dopo le esperienze di psicomotricità in cui i bambini hanno avuto modo di conoscere e scoprire il proprio corpo, viene proposta la partecipazione ad un atelier espressivo e creativo dal titolo “Alla scoperta dei colori dell’arcobaleno”. Insieme a Simonetta Novarino, arte-terapeuta, i bambini esploreranno, attraverso l’uso diretto di materiale grafico pittorico, i colori dell’arcobaleno e si cimenteranno nella produzione di piccole opere. Obiettivo dell’iniziativa è sperimentarsi nell’utilizzo di nuovi materiali e scoprire le emozioni che quest’esperienza suscita. L’attività prevede un ciclo di cinque incontri di circa un’ora a partire dalle 16.30. Il laboratorio è rivolto ai bambini di età compresa tra i due anni e mezzo e i sei anni. Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi alla sede di corso Vittorio Veneto n. 50, tel. 0172.711580.


savigliano

AMIANTO

L’Aiea in piazza per sensibilizzare la gente

«Mai più causa di morte» Martedì scorso, in occasione della “Giornata mondiale della commemorazione delle vittime dell’amianto”, l’Aiea (Associazione italiana esposti amianto) è scesa in piazza del Popolo per illustrare alla gente i danni irreparabili causati dal minerale. «Nel mondo – ci ha detto il presidente dell’associazione, il nostro concittadino Armando Vanotto – muore una persona ogni 5 minuti per colpa dell’amianto che ha causato, solo in Italia, circa 4.000 decessi e migliaia di ammalati. Inoltre, il numero dei cittadini deceduti o colpiti dagli effetti dell’asbesto (altro nome della sostanza, ndr) che non hanno mai avuto a che fare direttamente con l’amianto è aumentato dal 12 al 30%. Però, nonostante quella che potrebbe definirsi una vera e propria ecatombe, le multinazionali continuano ad estrarlo, produrlo ed a farne uso. Anche la Fiat Ferroviaria produceva elementi per la coibentazione usando il pericoloso minerale». Per la morte di alcuni lavoratori, infatti, a Saluzzo si sta celebrando da mesi un processo che vede imputati tre ex direttori dello stabilimento saviglianese (di cui parliamo nell’articolo sotto). L’Aiea, nel ricordare le persone care «morte di amianto», propone – di concerto con la Fiom-Cgil provinciale – il com-

PROCESSO

7

BREVI DALLA CITTÀ Adunata Alpini a Torino

Savigliano risponde «Presente!» In occasione del raduno nazionale degli Alpini a Torino, domenica 8 maggio, il Gruppo di Savigliano parteciperà alla manifestazione. La partenza in pullman è fissata alle 6.30 davanti all’Ala di piazza del Popolo. All’arrivo a Torino, la giornata sarà libera, per assistere alla sfilata. La sera, ritrovo alle 18.30-19 per il rientro, con fermata al ristorante Lago dei Salici di Caramagna per la cena, con un ricco menu. Il capogruppo Cavallo raccomanda la massima puntualità.

Festa della Mamma

Banco di beneficienza del Gms In occasione della Festa della Mamma, il Gruppo Missione e Sviluppo Onlus organizza un banco in piazza Pieve, a favore dei missionari saviglianesi nel mondo. Orari: sabato 7 maggio, ore 16-19.30, e domenica 8 maggio, ore 8.30-12. Al banco si potrà trovare una vasta offerta di articoli artigianali di cucito (e non solo) preparati per l’occasione. «Un grazie a chi vorrà sostenere le nostre iniziative» dicono i componenti dell’associazione.

Serata Tjan Shan Il banchetto dell’Associazione italiana esposti amianto in piazza del Popolo martedì 3 maggio

pletamento della mappatura e la conseguente bonifica dei siti contaminati dall’amianto (come prevede un piano regionale varato con la legge 30 del 2008), l’attuazione di controlli veri per far applicare le leggi di sicurezza sul lavoro e la realizzazione di sportelli informativi in ciascun Comune. Vanotto ha ricordato inoltre che è stato previsto, in seguito alla richiesta dell’associazione da lui presieduta, un fondo per le vittime di 50 milioni di euro. «Attualmente – ha aggiunto Vanotto – l’Inail elargisce un riconoscimento economico

solo a chi è stato colpito da malattia professionale. Però, in accordo con i sindacati nazionali, proporremo al governo che vengano aiutati anche i cittadini vittime dell’ambiente lavorativo contaminato e le donne decedute di mesotelioma per aver lavato le tute dei loro mariti». La richiesta verrà ufficializzata giovedì 5 maggio a Roma. Altre iniziative sono in corso, tra cui una riguarda anche la nostra provincia. «Con l’assessore provinciale all’Ambiente Luca Colombatto, su nostra richiesta – conclude Vanotto – abbiamo discusso sull’opportunità di

svolgere un dibattito sulla questione che coinvolga le municipalità della provincia sul censimento, la scoibentazione del materiale contenente amianto, lo smaltimento, l’apertura di nuove discariche, la valutazione di adottare nuove tecnologie. L’Aiea chiede ai cittadini di collaborare con la nostra associazione, con il Comune, con le forze dell’ordine ogni qualvolta si presenti qualche anomalia, come amianto abbandonato, scoibentazioni non a norma di legge, seppellimento del materiale nelle fondamenta delle nuove costruzioni». Dino Pagliero

Tre ex direttori della fabbrica sotto accusa per omicidio colposo

Amianto alla Ferroviaria: a breve la sentenza? Potrebbe già arrivare a breve la sentenza per il “processo amianto” che si celebra al Tribunale di Saluzzo. «Entro l’estate fisseremo la discussione finale e quindi ci sarà la sentenza». L’ha annunciato nei giorni scorsi il giudice Fabio Franconiero, in riferimento al processo sulle sei morti bianche alla “Ferroviaria”. I decessi degli operai sono avvenuti per mesotelioma pleurico, il tumore provocato dall’inalazione di fibre d’amianto all’interno dello stabilimento per la produzione di treni. Sotto accusa per omicidio colposo ci sono i tre direttori dell’azienda: Alfredo Bacci, 63 anni di Livorno, Pietro Silvestro, 57 anni di Cuneo, ed Arturo Bonesio (presente in aula l’altra mattina), 65 anni di Torino, rispettivamente direttori dello stabilimento dal 1986 al 1990, nel corso del 1991 e dal 1991 al 1995.

giovedì 5 maggio 2011

Al Tribunale di Saluzzo si sta celebrando il “processo amianto”

Secondo l’ipotesi accusatoria sostenuta dalla procura di Saluzzo, i tre non avrebbero informato i dipendenti dei rischi connessi alle lavorazioni con l’amianto. L’altro giorno hanno deposto di fronte al giudice i consu-

lenti del Pubblico ministero e della difesa rappresentata dall’avvocato Giovannandrea Anfora di Torino. «Gli organi di vigilanza – hanno riferito in aula alcuni funzionari dell’Arpa (l’agenzia regionale per l’ambiente) –

hanno indicato più volte la fornitura di protezioni individuali per gli operai. Risulta fossero in distribuzione dagli anni ‘70, ma non ci sono invece riscontri sulla spiegazione del loro corretto utilizzo, nè sui rischi connessi al mancato uso durante le lavorazioni con l’amianto». L’avvocato Sergio Bonetto rappresenta la Fiom, ammessa come parte civile: «Abbiamo assistito ad un dibattito tra i periti sulla data in cui sarebbe cessato l’utilizzo di amianto. Per quelli dell’azienda è stato all’inizio degli anni 80, mentre per quelli della procura si arriva fino alla fine degli anni 90. È emerso che durante un’ispezione interna nel 1995 furono rinvenute diverse centinaia di chili di materiale cancerogeno in un magazzino». Il processo è stato aggiornato alle 10 di venerdì 20 maggio. Andrea Garassino

Raccolta fondi per “La rosa blu” Giovedì 5 maggio, alle ore 21, presso la sala polivalente Crosà Neira di piazza Misericordia, ci sarà una serata per rivivere le emozioni della recente spedizione alpinistica “Da qualche parte in Tjan Shan”. Durante la serata, a cui saranno presenti i tre protagonisti della spedizione – i saviglianesi Paolo Rabbia e Giorgio Berutti ed il chinalese Giacomo Para – saranno proiettate le immagini più suggestive dell’avventura. L’ingresso costa 10 euro ed i fondi raccolti saranno interamente devoluti in beneficenza alla struttura per disabili “La rosa blu”. Le prenotazioni sono aperte presso Giuggia Sport (tel. 0172.712260) oppure “La rosa blu” (tel. 0172.726209).

Mostra della Giovane Italia

Sui 150 anni del nostro Paese La storia dei 150 anni dell’Italia raccontata attraverso le vicende dei personaggi che l’hanno vissuta, ripercorrendo le date salienti ed i cambiamenti del costume che hanno caratterizzato “il nostro essere italiani”. È l’intento della mostra allestita dai ragazzi della “Giovane Italia” (gruppo giovanile del Popolo della Libertà) che sarà visitabile da venerdì 6 a domenica 8 maggio alla sala Miretti di piazza Santarosa. L’inaugurazione avverrà venerdì 6 maggio, alle ore 18, alla presenza delle autorità politiche.


8

savigliano

giovedì 5 maggio 2011

BREVI DALLA CITTÀ Via Crucis dei ragazzi

Accompagnata dall’abate don Paolo

Venerdì santo, 22 aprile, si è tenuta nel centro della città la Via Crucis dei bimbi e dei ragazzi. Accompagnati liturgicamente dall’abate di Sant’Andrea don Paolo Perolini, i ragazzi sono transitati anche in piazza Santa Rosa, dove la processione si è fermata per un momento di preghiera e di canti. Nutrita sia la partecipazione dei giovani che quella dei loro genitori.

Due progetti di “30 e lode”

Presentati al Salone del libro Al Salone internazionale del libro che si tiene a Torino (Lingotto fiere), giovedì 12 maggio, alle 16, nella “sala arancio” verranno presentati due progetti realizzati dalla cooperativa “30 e lode” di Savigliano. Il primo è “Pagine di Piemonte”, con il quale la coop saviglianese ha avviato la commercializzazione di volumi prodotti dalle piccole case editrici del Piemonte nei supermercati della regione. Partito nel 2008, ora si avvale di 15 centri di distribuzione. Il secondo è “I segna libri – Pagine di Piemonte” che, con le stesse caratteristiche del precedente, utilizza un marchio ed un “corner espositivo” diverso nbella grafica. Servirà ad inserire i libri dei piccoli editori nei musei e nelle strutture turistico-alberghiere. Alla presentazione – Editori del Piemonte e GDO. Un nuovo mercato per la piccola editoria – interverranno Alberto Sinigaglia, presidente dell’Ordine dei Giornalisti piemontesi, Claude Pasco (Leclerc-Conad), Umberto Pecchini (“Le Terre dei Savoia”), Franco Ardizaia (Iper – Novacoop), Valter Martiny (Aie), Eugenio Pintore (Biblioteche e Archivi Regione), Lucetta Paschetta (Trenta e lode distribuzione).

Soggiorno ad Ibiza

Organizza il Cif Il Centro italiano femminile, in collaborazione con la “Cisalpina Tours”, organizza un soggiorno ad Ibiza, dal 12 al 19 giugno, con escursioni facoltative. Le iscrizioni sono aperte presso la sede del Cif in via Savio n. 9, dalle ore 10 alle ore 11, il martedì ed il venerdì, versando un acconto di 100 euro. La quota di partecipazione in formula di pensione completa e bevande incluse è di 640 euro per le associate Cif e di 660 euro per gli aggregati. Si avvisa, inoltre, che mercoledì 11 maggio, alle ore 17, ci sarà l’incontro di preghiera con Suor Anna presso la chiesa della Sacra Famiglia.

VIABILITÀ

I detriti del nuovo tunnel “stoccati” anche in città

Alla Falf i “rifiuti” del Tenda bis Anche a Savigliano potranno essere stoccate e trattate le “anidriti” che deriveranno dagli scavi per il nuovo traforo del Tenda. Se ne occuperà, infatti, la Falf di Levaldigi, il cui titolare Massimo Fea ha spiegato: «siamo autorizzati al recupero di rifiuti speciali non pericolosi come appunto sono le “anidriti”, che sono impossibili da depositare in un luogo qualunque. Si stoccano al coperto, poi si forma una mescola con sabbia e ghiaia per creare un cemento non strutturale. Una quindicina di imprese interessate al Tenda bis ci ha già contattati per delucidazioni». La Falf, infatti, è una delle tre aziende – le altre sono la Bra Servizi e l’associazione temporanea di imprese tra Estrazioni Gesso di Murisengo in provincia di Alessandria e la Eco Impianti di Asti – a cui potrà rivolgersi chi, tra i 27 partecipanti alla gara, vincerà l’appalto per il Tenda bis. La proposta delle tre aziende era stata fatta dall’Anas ed è stata individuata ed accolta dalla Conferenza dei servizi della Regio-

SOLIDARIETÀ

La vecchia galleria del Tenda sarà presto affiancata da una nuova “canna”

ne Piemonte. Le “anidriti” verrebbero portate in pianura via rotaia, trasporto questo a cui anche il Comune di Limone è favorevole e “possibilista”, a condizione che «venga allargato e sistemato il sottopasso ferroviario di viale Valleggia». Infine, a livello

di viabilità stradale, nella Conferenza dei servizi il Comune ha anche ottenuto il via libera l’allargamento e la messa in sicurezza della strada comunale dal bivio di Bragard a Limonetto a Quota 1400. Paolo Biancardi

L’associazione risponde al numero telefonico nazionale “15.22”

Contro la violenza sulle donne c’è “Mai+Sole” “Non sei sola contro la violenza di ogni giorno. Chiama il 15.22. È l’ora di reagire”. Lo slogan è quello della campagna antiviolenza del Ministero delle Pari opportunità per presentare la rete nazionale del 15.22 di cui è anche parte l’associazione saviglianese senza fini di lucro “Mai+Sole” presieduta da Adonella Fiorito. «Siamo un centro costituito da donne che si occupano di violenza alle donne, violenza fisica, psicologica, sessuale, economica – spiega la Fiorito –. Inoltre si occupa di violenza assistita in qualsiasi forma essa si possa esprimere. “Mai+Sole” gestisce l’accoglienza sia telefonica che diretta di donne, adolescenti, bambine e bambini che hanno subito o subiscono violenza. Garantisce inoltre l’ospitalità presso centri territoria-

li di accoglienza, case delle donne». Chi si rivolge a voi? «Accogliamo donne sole, o con figli, che a loro volta subiscono direttamente o indirettamente maltrattamenti ed abusi, con interventi di protezione e di accoglienza presso case rifugio dove i minori vengono ospitati insieme alle madri. Forniamo un primo punto di appoggio e di riferimento per donne che subiscono qualsiasi tipo di violenza, che vivono situazioni di disagio e difficoltà a causa di queste violenze e crea una relazione di sostegno con il territorio». Come si svolge la vostra attività? «Mettiamo in atto progetti finalizzati a prevenire e a contrastare qualsiasi tipo di violenza. Il centro fornisce strumenti ed informazioni circa i diritti, le risorse e le strategie per intraprendere

un percorso di uscita dalla violenza. “Mai +Sole” si impegna a garantire, alle donne che si rivolgono al centro, anonimato e segretezza ed intraprende eventuali azioni che riguardano le donne, solo con il loro consenso. Inoltre si impegna attivamente affinché le singole donne che decidono di denunciare pubblicamente la violenza subita non vengano strumentalizzate dai mass media». Per tutte queste attività, “Mai+Sole” è stata accreditata per il 5x1000 già negli anni scorsi ricevendo 1.489,70 euro nel 2008 e 2.438,64 euro nel 2009. Chi volesse destinare a questa associazione il proprio 5x1000 non deve far altro che segnare, nello spazio apposito sulla propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale di “Mai+Sole”: 95019460047. Pa.Bi.


savigliano

SCUOLA

Il professor Rosso in Francia con i ragazzi del “Mucci”

Scambio culinario con la Francia Bavarese al Parmigiano Reggiano con salsa alla barbabietola, flan di cime di rapa con salsa all’acciuga, Vialone Nano con radicchio di Chioggia, Castelmagno e miele d’acacia come antipasti. Coniglio grigio di Carmagnola al Nebbiolo d’Alba e cacao e tortino di patate Macario come secondi. Semifreddo al gianduja con coulisse di frutti di bosco come dessert. Un menù di tutto rispetto, che rievocando la tradizione culinaria nostrana, è sbarcato in Francia. Per l’esattezza, nel liceo “Lèom Blum” di Draguignan, che dal 28 marzo scorso al 1° aprile, ha potuto conoscere e gustare i piatti tipici del Bel Paese, preparati dai giovani colleghi dell’alberghiero “Velso Mucci” di Bra, per poi contraccambiare a sua volta nell’istituto ospitato, la

Il professor Luca Rosso

settimana successiva. Ad accompagnarli, il prof. Luca Rosso, tarantaschese di nascita e saviglianese d’adozione, che ci ha raccontato la sua esperienza: «La collaborazione con i cugini francesi – ha detto – si è dimostrata molto produttiva, ed è avvenuta grazie all’attuazio-

ne del progetto Interreg (promosso dall’Unione europea per facilitare l’integrazione tra gli Stati membri ed i rapporti commerciali e sociali tra gli stati dell’Unione ed i Paesi confinanti, ndr), fortemente caldeggiato dalla mia dirigente scolastica Brunella Margutta». Progetto, questo, che ha coinvolto ben sei istituti, di cui tre in Piemonte (il Bobbio di Carignano, il Mucci di Bra e lo Steiner di Torino), e tre della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, con l’obiettivo di armonizzare i percorsi formativi degli allievi attraverso una maggiore conoscenza reciproca del settore agro-alimentare, ma anche, e soprattutto, delle lingue e delle culture diverse. «Andare a Draguignan ed accogliere successivamente i suoi studenti è stata un’esperienza tanto bella, quanto interessante – ha

affermato il “prof” – perché ha consentito uno scambio reciproco ai vari livelli, mettendo tutti i partecipanti nelle condizioni di conoscere i punti comuni nella gestione quotidiana delle problematiche, e portando altresì al superamento di pregiudizi a favore dell’integrazione europea». Ma non solo. Il programma Interreg utilizza gli interscambi tra le aree frontaliere dei Paesi comunitari anche al fine di incoraggiare attività sia economiche che lavorative, oggi più che mai messe a dura prova dalla crisi. Per questo, Luca ha concluso: «Spero di poter ripetere questa avventura, auspicando per il futuro una maggiore presenza di tecnici ed esperti, che possano sostenere questi progetti, in modo da superare una volta per tutte le criticità e i limiti legislativo-burocratici». Valentina Barbuto

giovedì 5 maggio 2011

9

BREVI DALLA CITTÀ Formazione volontari Avo

Due incontri all’ospedale Due incontri di formazione per volontari Avo (Associazione volontari ospedalieri Onlus) si terranno mercoledì 11 e martedì 17 maggio, alle 20.45, presso la sala congressi dell’ospedale. Nel primo incontro – “Psicologia dell’invecchiamento” – saranno relatori i dottori Paolo Toselli e Barbara Gè; nel secondo – “Testimoni di speranza” – parlerà don Piero Ricciardi, parroco del duomo di Fossano. «Sono invitati a partecipare – spiegano dal Consiglio Avo – i volontari Avo nuovi e veterani, oltre agli eventuali simpatizzanti da tutte le sezioni della zona di Savigliano».

Processione di Pasqua

Cena aperta a chi ha partecipato L’Arciconfraternita della Pietà propone a tutti coloro che hanno partecipato a vario titolo (portatori, figuranti, collaboratori, cantori, aiutanti) alla solenne Processione di Pasqua, a tutti i loro familiari, amici nonchè simpatizzanti, il tradizionale appuntamento della cena conviviale che quest’anno avrà luogo giovedì 12 maggio, alle ore 20, presso la Trattoria “La Cascina” di strada Oropa n. 11 a San Salvatore. Si richiede gentilmente di dare sollecita adesione contattando Piero Lenta (tel. 0172.21720), Roberto Pio (0172.21773), Francesco Porrera (333.9198096) o Giuseppe Ramello (0172.21531).

“Amici dei fiori”

Visita al roseto di Villa Reale CAVALLOTTA

Tutto il calendario dei festeggiamenti patronali in frazione

Tanti appuntamenti per la Festa di San Grato È tempo di festa alla Cavallotta: si celebra il patrono San Grato. Ecco il programma dei divertimenti e delle funzioni religiose. Martedì 10, mercoledì 11, martedì 17, mercoledì 18 e giovedì 19 maggio, ore 21, gara a scopa “memorial Valter Rosso”.

Venerdì 20 maggio, ore 21, 11ª festa della birra con il gruppo “Out & Bass” e l’animazione di dj Barby. Sabato 21 maggio, ore 14, gara a bocce a coppie sorteggiate (escluse categorie A e B); ore 21, 11ª festa della birra con l’animazio-

La messa in onore del patrono San Grato sarà celebrata domenica 22

SALUTE

ne di Radio 103 (saranno distribuiti simpatici gadgets). Domenica 22 maggio, ore 9.30, S. Messa in onore di San Grato; ore 12, pranzo in allegria organizzato dalla Pro Loco (portarsi piatti, bicchieri, posate e bevande, acqua esclusa). Iscrizioni fino ad esaurimento posti: tel. 366.5905490 (ore 19.30-22); ore 21, serata danzante con l’orchestra “Polidoro Group”. Ingresso libero. Lunedì 23 maggio, ore 14, gara a bocce a coppie sorteggiate (escluse categorie A e B); ore 21, serata danzante con l’orchestra “Duo per due”. Ingresso libero. Venerdì 27 maggio, ore 20, cena dell’amicizia presso l’osteria Cavallo Rosso. Costo: 25 euro; iscrizioni fino ad esaurimento posti ai numeri 0172.377048 o 349.2415902 (Cavallo Rosso), 320.1971838 (alimentari Pignata). Domenica 29 maggio, ore

Iniziativa del Lions Club all’ex sala contrattazioni Crs

Visite per la prevenzione del glaucoma Il Lions Club Saluzzo-Savigliano, com’è ormai consuetudine, organizza una giornata per al prevenzione del glaucoma.Giovedì 5 maggio, dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 18, il dott. Bruno Bellan e il dott. Raffaele Corsi, medici specialisti oculisti, saranno a disposizione per un esame oculare gratuito nell’ambito dello screening al glaucoma. L’appuntamento è presso l’ex Sala Contrattazioni della Banca Cassa di Risparmio di Savigliano in piazza del Popolo n. 11, gentilmente concessa. Il glaucoma è

una malattia caratterizzata da un pressione intraoculare troppo alta che provoca un danneggiamento progressivo del nervo ottico: come conseguenza un restringimento progressivo del campo visivo, fino alla cecità di cui è la seconda causa al mondo. In Italia, circa 550 mila sono le persone colpite dal glaucoma che viene definito “il ladro silenzioso della vista”: si consiglia una visita dall’oculista almeno una volta ogni due anni dai 20 ai 40 anni e dopo almeno una volta l’anno. I.P.

A Casalgrasso, nuova struttura utilizzabile tutti i giorni

Aperto un impianto per tennis e calcetto Dal 15 aprile è in funzione una nuova struttura sportiva a Casalgrasso. Si tratta del campo bilaterale in sintetico – tipo green set – usufruibile sia per il tennis che per il calcetto. L’impianto, di cui è titolare il cinquantenne di Casalgrasso Roberto Giannini, si trova all’interno del parco del municipio, ed è aperto tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, con orario 8 – 23. Riguardo al tennis, «siamo una vera e propria associazione dilettantistica, l’Atd Casalgras-

so – spiega il signor Giannini – ovvero, un circolo affiliato alla Federazione italiana Tennis: chi vorrà usare frequentemente questo campo sintetico dovrà essere in possesso della tessera rilasciata dalla federazione. Costa 20 euro all’anno, e si può anche sottoscrivere presso il mio circolo». Giannini da tre anni è maestro di tennis; prima di questa sua nuova avventura, ha lavorato in altri club: a Caramagna, a Barge, a Manta, e a Carmagnola. «Da tempo era mia

intenzione – continua ancora Giannini – cercare di avere un circolo a tutti gli effetti, che funzionasse da importante punto di riferimento sportivo per tutti gli amanti del tennis. Sono disponibile sia per lezioni individuali ed a gruppi, al costo di 15 euro l’ora». Per le prenotazioni – ricordiamo che si può giocare anche in notturna – il numero da comporre è il 393.5318094; il costo orario del campo è di 40 euro per il calcetto, e di 7 euro per il tennis.

9, raduno di pesca libero a tutti nella bealera Morina (iscrizioni al campo entro le 9; in caso di maltempo, raduno annullato); ore 12, pranzo di ringraziamento alle nonne ed ai nonni cavallottesi.

Martedì 24 maggio, il gruppo “Amici dei fiori” ha organizzato una visita al roseto della Villa Reale di Monza. Il grande roseto (oltre 1.000 mq) partecipa, anche quest’anno, al Concorso internazionale della rosa. Il gruppo sarà accompagnato dall’esperto floricoltore Domenico Montevecchi. Nel pomeriggio si terrà una visita con guida locale al centro storico di Monza. La quota di partecipazione (incluso il costo della guida) è di 25 euro. Si ricorda che la partenza è prevista per le ore 7 dall’Ala polifunzionale di piazza del Popolo (ritorno alle ore 21 circa). Per iscrizioni, prenotazioni al pranzo ed informazioni rivolgersi all’agenzia di viaggi “Obiettivo Mondo” di via Muratori n. 2.


10

savigliano

giovedì 5 maggio 2011

MUSICA

150 anni d’Italia I nostri protagonisti Santa Rosa in esilio in Grecia Foto proprietà M. Mondino

Santorre di Santa Rosa con il conte greco Condurioti Santa Rosa e Giacinto Collegno lasciarono Londra il 1° novembre del 1824 e cinque giorni dopo s’imbarcarono sul vascello Little Sally. Dopo un mese di navigazione, un mattino scrutavano l’orizzonte dal parapetto del ponte, quando scorsero tutto d’un tratto le coste del Peloponneso. A quella vista, un velo di tristezza scese sul volto di Santa Rosa ed a Collegno, che gli chiese il motivo di quel suo repentino cambiamento di stato d’animo, rispose: «Non so perché, ma mi dispiace che il viaggio sia finito; la Grecia non risponderà forse all’idea che me ne ero formato; chissà quali accoglienze, qual fine ci attende!». Alcuni giorni dopo presentò al governo greco la lettera rilasciategli a Londra dai membri del comitato greco, con cui chiedevano che gli fosse assegnato il comando di un battaglione, ma non ricevette alcuna promessa. Il conte Teotoki, ministro di giustizia, al quale aveva fatto presente la freddezza con cui era stato accolto, la giustificò affermando che la Grecia non aveva bisogno di uomini né di armi, ma di denaro. L’indomani uno scozzese, chiamato Mason, rivelò a Santa Rosa che gli avevano sconsigliato di frequentare sia lui che Collegno, perché il governo non aveva ancora deciso se approvare la loro richiesta di combattere per l’indipendenza della Grecia dall’impero ottomano. In attesa d’impugnare le armi, Santa Rosa e Collegno visitarono le località, raggiunte con imbarcazioni a vela e mezzi di trasporto terrestri a trazione animale, famose in tutto il mondo quali custodi delle testimonianze dell’antica civiltà ellenica. Nell’isola di Egina conobbero un prete della religione greco-ortodossa, sposato e padre di cinque figli, che viveva di elemosine. Riscontrate nel suo racconto delle analogie con la propria vicenda famigliare, Santa Rosa si commosse al punto di consegnargli tutto il denaro che aveva nella borsa. Durante il viaggio di ritorno ad Atene, colto da una violenta febbre terzana, egli si affrettò a raggiungerla e qualche giorno dopo organizzò la sua difesa in modo da far desistere il traditore Odisseo dal proposito di prenderla d’assalto. Santa Rosa aveva rinunciato all’idea di stabilirsi in Grecia con la famiglia, però, prima di andare da qualche altra parte del mondo, voleva combattere contro i turchi. Ma il suo nome spaventava le nazioni della Santa Alleanza e per non compromettere le buone relazioni tra esse ed il governo greco, questo prima di concedergli il permesso di combattere contro i turchi come semplice soldato, gli fece assumere il nome fittizio di Derossi. Il 18 aprile, dopo aver contemplato, com’era solito fare per scacciare la malinconia, il ritratto in miniatura dei propri figli, Santorre notò una gocciolina sotto il vetro. Nell’asciugarla, cancellò inavvertitamente una parte del volto del primogenito Teodoro, e consapevole dell’impossibilità di riparare il guasto per il dolore pianse come un fanciullo. Il giorno successivo combatté a fianco dei soldati greci – sotto il comando del principe Maurocordato – entrati in Navarrino dopo essersi aperti un varco nelle schiere egiziane condotte dal Solimano Bey, che la stringevano d’assedio. (5 - continua) Giovanni Bosio

I polifonici saviglianesi tra i castelli della Loira

Tournée del coro in Francia Una salva di «Bravò!» ha accolto nei giorni scorsi il coro polifonico Città di Savigliano in una breve tournée in Francia, dipanatasi tra mercoledì 27 e sabato 30 aprile scorsi. Una quarantina di coristi della nostra città, capitanati dal maestro Sergio Daniele, sono stati quattro giorni oltralpe per una serie di concerti nella zona dei castelli della Loira. Durante il soggiorno, c’è stato anche il tempo per fare un po’ i turisti. Il mercoledì, i polifonici saviglianesi sono giunti a Cheverny, un piccolo paese dove c’è un famoso castello visitabile ed arredato con pezzi d’epoca. I coristi, oltre ad apprezzarne le bellezze, hanno potuto assistere anche ad una “battuta di caccia” messa in scena per i turisti. Successivamente, i saviglianesi sono stati ospitati nelle case dei componenti del coro ospite, La Notina. I due sodalizi canori si erano conosciuti durante un festival a Bassano del Grappa ed avevano stretto legami cultural-musicali e d’amicizia, di cui questa tournée è il primo segno tangibile. Il giovedì, la comitiva si è spostata al castello di Chambord dove, durante la visita, sono state intonate le prime note. Una sorta di warm-up per le esibizioni che li attendevano. Il primo concerto si è tenuto in Comune, dove i polifonici sono stati ricevu-

I coristi saviglianesi davanti al castello di Cheverny, dov’è iniziata la loro breve ma intensa tournée

ti dal sindaco e dalle autorità locali. La sera, poi, applauditissima esibizione in una sala polivalente (in un primo tempo il concerto era previsto fuori, ma faceva ancora troppo freddo). Il venerdì, nuovo castello e nuovo concerto. I saviglianesi si sono infatti trasferiti a Blois, dove hanno potuto assaporare l’ebbrezza di nobili viaggi su carrozze da fiaba. Rientrati sul pianeta Terra, si sono spostati a Vineuil per un concerto nella chiesa locale. Anche qui, il “pienone” ed il saluto delle autorità. Durante tutte le esibizioni, il “nostro” coro ha presentato un repertorio di musica sacra e popolare, con alcuni brani del Risorgimen-

to italiano. Ad accompagnarlo, sempre i “gemelli” de La Notina. Una curiosità: entrambi i gruppi – l’uno all’insaputa dell’altro – hanno inserito in repertorio il brano “Signore delle cime”, che è diventato il fil-rouge tra i due cori. Il sabato è stato dedicato al viaggio di ritorno, con le valigie – come si dice in questi casi – piene di bei ricordi. «Di questa esperienza – dice il maestro Sergio Daniele – ricorderemo la grandissima accoglienza ed il tanto pubblico ai concerti. Ci ha fatto veramente piacere constatare come laggiù il canto corale sia così apprezzato. Il gruppo La Notina (che è misto maschile-femminile, come il nostro) ha preparato

Notizie dalla Provincia

molte canzoni italiane nel proprio repertorio. Il legame fra le due realtà è ormai cementato, tanto che loro saranno nostri ospiti a Savigliano la seconda settimana di ottobre. Vogliamo accoglierli con tanto calore, così come hanno fatto loro». Ora, i polifonici saviglianesi si preparano ad un altro grande appuntamento, la XXV Rassegna internazionale di Canto corale che si terrà a giugno tra Savigliano e Cuneo. «Siamo onorati – conclude il maestro Daniele – di aver ricevuto questo invito dalla corale Milanollo (organizzatrice dell’evento, ndr, servizio a pagina 27) e ci impegneremo per onorarlo al meglio». Guido Martini

a cura di Giulio Ambroggio

La Granda si dichiara provincia “denuclearizzata” Lunedì 2 maggio è stato convocato un Consiglio provinciale d’urgenza: si trattava di prendere atto delle dimissioni del capogruppo del PD, Francesco Rocca, e di surrogare il primo escluso della lista. Cos’è successo? Ripeto brevemente gli avvenimenti: Rocca, tempo fa, aveva presentato una richiesta all’amministrazione, cioè collocare sotto i cartelli che indicano la Provincia di Cuneo la scritta “medaglia d’oro al valor civile” come è effettivamente nel simbolo. L’amministrazione ha detto che vi erano delle motivazioni tecniche che impedivano di fare ciò, allora Rocca, seccato per le lungaggini e per

le risposte sempre evasive, ha abbandonato l’aula durante l’ultimo Consiglio e poi, per protesta, si è dimesso. Dimissioni che, come prevede la legge, sono irrevocabili. Quindi, la prima parte del Consiglio è stata dedicata a questo argomento: tutti si sono pronunciati manifestando il loro dispiacere per la perdita di un Consigliere attento e capace come Rocca ed hanno fatto gli auguri di buon lavoro al subentrante, Pio Giverso di Bra. Si è poi proseguito con gli ordini dl giorno: il primo, sulla forestazione, cioè sulla necessità di nuovi impianti e manu-

tenzione, da parte degli Enti preposti, di quelli esistenti. Approvato all’unanimità. L’opposizione ha poi votato contro un altro ordine del giorno, proposto dalla maggioranza, sulla solidarietà al Governo sull’atteggiamento tenuto sul problema dell’emigrazione. Invece è passata la proposta di dichiarare la Provincia di Cuneo completamente denuclearizzata. Su questo problema l’opposizione ha votato a favore “senza se e senza ma”, mentre la maggioranza ha lasciato libertà di voto. Probabilmente, anche a causa delle recenti vicende giapponesi, la votazione ha avuto, su 24 presen-

ti, 14 favorevoli, 8 contrari e due astenuti. Unanimità invece sul diritto al lavoro per i disabili: un ordine del giorno, presentato dal gruppo del PD, in cui si invita la Provincia a procedere alle assunzioni previste per i disabili conformemente alle attuali disposizioni in materia. Prossimo Consiglio, lunedì 16 maggio.


GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2011 IL SAVIGLIANESE 11


12

giovedì 5 maggio 2011

ALPINI

Posato anche cippo commemorativo

cavallermaggiore

Concerto corale al santuario In occasione dell’adunata nazionale degli Alpini, in programma a Torino sabato 7 e domenica 8 maggio, la nostra città si appresta ad ospitare un appuntamento con le “penne nere” grazie all’iniziativa del Gruppo Alpini guidato dall’avv. Giulio Fumero. Per festeggiare insieme i 150 anni dell’unità d’Italia, venerdì 6

maggio, alle ore 21, presso il Santuario giungerà, infatti, il Coro Alpino “La Preara“ di Verona, diretto dal Maestro Raffaele Nicolis.Tutti i cittadini sono invitati a partecipare, l’ingresso è gratuito. Nei giorni scorsi, intanto, le “penne nere” cavallermaggioresi hanno installato presso il santuario di Madonna degli Alpini di Cervasca un cippo commemorativo dei caduti e dispersi in Russia, che verrà benedetto a fine giugno. L’opera è stata realizzata grazie al dec i s i vo contributo di Masino Carità e Mauro I nostri Alpini al santuario di Cervasca Olocco.

CRONACA

Ennesima protesta degli abitanti di via Bra

Lenzuola contro lo smog Nell’autunno scorso il “Comitato di via Bra”, formatosi per contrastare la difficile situazione creatasi in questa parte della nostra cittadina, scrisse una lettera al sindaco Baravalle all’assessore regionale ai Trasporti Bonino, all’assessore provinciale alla Viabilità Rossetto e al consigliere regionale Toselli evidenziando il fatto che, dopo 20 anni di discussioni, i lavori di costruzione della circonvallazione della Trebbié, destinata proprio ad “alleggerire” il traffico in via Bra, non erano ancora iniziati. La situazione, secondo loro, era divenuta ormai insostenibile. In via Bra si formavano lun-

EVENTO

Un lenzuolo invita a spegnere i motori a passaggio a livello chiuso

ghe code sui due lati del passaggio a livello e chi viveva nell’area era infastidito da rumori e inquinamento; pedo-

ni e ciclisti dovevano, inoltre, fronteggiare pericoli dovuti all’intenso traffico alimentato dalle sbarre conti-

nuamente chiuse. I cittadini firmatari della lettera chiedevano di deviare il traffico da via Bra, aumentando il controllo delle forze dell’ordine, e migliorando la segnaletica, richieste fino ad allora disattese. Ora, a sei mesi circa di distanza, le cose non sembrano essere cambiate: tanto che, all’inizio di questa settimana, su molte case di via Bra sono comparse delle lenzuola con inviti agli automobilisti a spegnere il motore, per evitare che quel tratto di strada, durante le prolungate soste degli automezzi, si trasformi in una camera a gas. L.M.

Premiati i “fedeli alla professione”

Sole sulla fiera di S. Giorgio IN BREVE Arrestato un ventenne

Per resistenza a pubblico ufficiale Nella tarda serata della domenica di Pasqua, a Savigliano, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza G.G., 20 anni di Cavallermaggiore, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. I militari dell’Arma, giunti in via Torino su richiesta di un passante che aveva udito le urla del ragazzo arrabbiato con la sua fidanzata, erano stati a loro volta aggrediti verbalmente e fisicamente con spinte e strattoni. Inevitabile, quindi, l’arresto del giovane che è stato anche trovato in possesso di un coltello a serramanico, subito sequestrato. Il ragazzo è stato condotto al carcere di Saluzzo e l’arresto è stato convalidato; il giovane ha già patteggiato la pena di 6 mesi di reclusione.

Un fine settimana “baciato dal sole” ha accompagnato la Fiera di San Giorgio 2011 che, nel week-end del primo maggio, ha attirato un considerevole numero di visitatori, accorsi per vedere le aree espositive

con prodotti agricoli, gastronomici, artigianali, meccanici presso la sala polifunzionale (ex ala comunale) e nelle vie del centro. L’inaugurazione della Fiera, sabato scorso, è stata anche Visitatori a spasso per le vie del centro, domenica pomeriggio

Via Antiche Mura

Senso unico invertito nel primo tratto La viabilità nel tratto di via Antiche Mura tra via Roberi e via Roma verrà modificata con l’inversione del senso di marcia in direzione via Roberi. Lo ha reso noto il Comune.

Rainero, Pampiglione e Olocco con le autorità (foto Teresa)

CULTURA

Viaggio a Malta

consiglieri. Le pergamene sono andate quest’anno a Giovanni Pampiglione, coltivatore di località Olmetto (per l’agricoltura), ad Umberto Rainero, gommista e ciclista in via S. Pietro, (per l’artigianato) ed a Pier Antonio Olocco, titolare della macelleria di Via Roma, nei pressi della chiesa della Pieve (per il commercio).

In tanti all’incontro con lo scrittore

Lilin, il “bel tenebroso”

Con la parrocchia La Parrocchia organizza per l’estate un viaggio nell’isola di Malta sulle tracce degli storici cavalieri. L’iniziativa è prevista dal 2 al 6 luglio. Per informazioni ed adesioni rivolgersi all’Ufficio parrocchiale.

Cordoglio per Giobergia

Amava volontariato e sport È mancato nei giorni scorsi Matteo Giobergia, di 71 anni. Nato a Cavallermaggiore, aveva lavorato alla Macos e poi alla Fiat fino alla pensione. Sposato con la signora Maresa, scomparsa qualche anno fa, era una persona riservata, ma impegnata nel volontariato; socio di molti gruppi cittadini, aveva una grande passione per lo sport: in gioventù aveva giocato a calcio nel Rapid, squadra della nostra città; amava la bicicletta, lo sci, la montagna, i viaggi. Negli anni ’50, ai tempi di don Manassero, era stato inoltre attivo nella filodrammatica, recitando a teatro con Vittorio Garello, Francesco Longo, Beppe Pistone e Remo Allocco. Ai familiari, giungano le condoglianze della redazione de “Il Saviglianese”.

CHIESA

l’occasione per attribuire i riconoscimenti “Fedeltà alla professione 2011”. I premi sono stati consegnati presso l’ex ala comunale alla presenza del Sindaco Baravalle, del Vicesindaco Sebastiano Testa , del Consigliere provinciale dell’Italia dei valori Tullio Ponso, del Presidente della Pro loco Gastone De Palo e di numerosi assessori e

Innanzitutto si dice Nìcolai, e non Nicolài, anche se lo scrittore Lilin, di origine russa, non disdegna la nostra pronuncia, perché ama profondamente il Paese che lo ha accolto (da qualche anno è diventato cittadino italiano). In tanti, venerdì sera, lo hanno applaudito alla presentazione del suo libro “Educazione siberiana” (edito Einaudi). Un’opera che lo ha reso famoso. Lo scrittore – che è anche tatuatore – ha raccontato le sue vicende personali, fonte di ispirazione sia per il suo primo romanzo sia per quello successivo, “Caduta libera”. Il pubblico si è incuriosito molto ad ascoltare la storia della comunità “cri-

minale” della Transnistria (regione russa) in cui Lilin è cresciuto, prima di trasferirsi nella “Granda”. In tanti si sono appassionati alla sua vita avventurosa, che lo ha visto anche cecchino in Cecenia. “Il Saviglianese” ha sempre seguito Lilin nelle sue fatiche letterarie, ricevendosi però anche le rimostranze di una lettrice russa che – a seguito di un nostro articolo, con una lettera al direttore del 16 settembre 2010 – aveva bollato come “invenzioni” i romanzi di Lilin, che invece dovrebbero essere basati sull’esperienza diretta. «Io – ha risposto – non piaccio in Russia, perché parlo di vicende scomode, tant’è

Simone Oraldi dialoga con lo scrittore Nicolai Lilin

che là non sono stato neanche tradotto (Lilin scrive in italiano, ndr). C’è gente che pensava addirittura che non esistessi. Invece è tutto vero, eccomi qua». Durante l’incontro – organizzato dalla biblioteca e moderato da Simone Oraldi – Teresa Caprella e Violetta Lamberti hanno letto alcuni passi del li-

bro. In conclusione, lo scrittore ha svelato di aver quasi finito il suo terzo romanzo, che dovrebbe intitolarsi “Un respiro nel buio”. E poi, amichevolmente, si è fermato per gli autografi, tra gli occhi sognanti delle donne attratte dal suo indiscutibile fascino di “bel tenebroso”. Guido Martini

Cerimonia

Comunioni Domenica scorsa, 1° maggio, durante la Santa Messa delle ore 11.15 nella chiesa di S. Maria della Pieve, i bambini della classe quarta elementare hanno festeggiato con una cerimonia la Prima Comunione, ricevuta il giovedì santo. Nella prima immagine, i chierichetti che hanno “servito” la funzione. Nella seconda, si vedono invece i bambini nel cortile dell’oratorio con don Beppe e le catechiste.

I chierichetti che hanno “servito” durante la funzione (foto Teresa)

I bambini, le catechiste ed il parroco don Beppe alla “Festa delle prime Comunioni” (foto Teresa)


cavallermaggiore

ELEZIONI

La parola ad Antonio Parodi (Cambiare per Crescere)

«Pronto per tornare in pista» Antonio Parodi, 67 anni, è un dirigente Fiat in pensione. Ex presidente dell’asilo Borrone, è stato Volontario dell’anno nel 2010. Nel 1993 è stato insignito del titolo di cavaliere della Repubblica Italiana. L’abbiamo incontrato per discutere della sua candidatura a sindaco. Lei si era già candidato nel 1994 sfiorando l’elezione. Perché ci riprova? Nel ‘99 pensai di ripropormi, ma dopo alcuni incontri l’ipotesi sfumò. Nel 2001 rimasi fuori per problemi di salute, oggi superati. Nel 2006 non volli abbandonare l’asilo Borrone che era in una situazione delicata. Oggi mi pare giunto il momento di tornare in pista. Uno dei nostri problemi maggiori è il lavoro. Come pensa di intervenire? La visita (giovedì scorso, ndr) dell’assessore regionale al lavoro Claudia Porchietto, da noi invitata, è significativa. Intendo affrontare la questione con il contributo determinante degli enti superiori: Provincia, Regione e, perché no, Unione Europea. Dialogare con loro vuol dire avere appoggio ed anche finanziamenti. A che tipo di sviluppo pensa per la nostra città? Non voglio grossi insediamenti, ma un tessuto di piccole aziende. Secondo dati della camera di Commercio, un paese a noi vicino come Caramagna non ha quasi

Antonio Parodi

pendolari ed il 10% della forza lavoro proviene da comuni limitrofi. Tra i cavallermaggioresi, invece, molti sono costretti a trovare impiego in altri centri abitati. Pensa ai soliti capannoni in cemento o ad un altro tipo di sviluppo? Il rispetto dell’ambiente è un nostro punto di forza. Diciamo no a strutture brutte. Incrementeremo invece l’energia solare con i pannelli fotovoltaici sugli edifici (ove possibile) con attenzione a tecniche d’avanguardia. Per quanto riguarda i rifiuti cercheremo di migliorare investendo i risparmi per i cittadini: se i contribuenti pagheranno meno saranno più motivati. Che progetti ha per la viabilità? Occorre un intervento in alcuni punti, che sono pericolosi, ad esempio via Solferino. Piazza Vittorio Emanue-

le II va abbellita: vorremmo farlo con un concorso di idee fra architetti, creando anche nuovi posti macchina. Contro i vandalismi proporrò inoltre la videosorveglianza in angoli “sensibili” della città. Collaborando con gli Enti Superiori, poi, contiamo di sbloccare la circonvallazione della Trebbié, ormai è una telenovela… I commercianti sono in difficoltà… Vogliamo sostenere i piccoli negozi e rilanciarli. Un’idea è quella della filiera corta. I negozi cittadini potranno fornirsi presso gli agricoltori locali riducendo a zero i costi di trasporto. Spingeremo, inoltre, i nostri commercianti a differenziare: non paga più il negozio generico; è necessario specializzarsi, trattare prodotti specifici, offrendo una vasta scelta in quel preciso ambito.

Confermerete la recente variante al Piano Regolatore che prevede nuove aree per costruire? Così com’è, no. Il piano va valutato con attenzione, vogliamo garantire uno sviluppo urbanistico sostenibile e rispettoso dell’ambiente. Tutelerete il patrimonio artistico? Certamente. Cercheremo di valorizzarlo incontrando esperti e coinvolgendo la popolazione. Sosterremo inoltre Biblioteca e Mostra del Libro. Avete pensato ai giovani? In realtà come la nostra sono spesso dimenticati… Per loro creeremo dei gruppi di ascolto per coinvolgerli e rispondere alle loro esigenze. Terremo i contatti anche on line, con i social network, cercando non di portarli sul nostro terreno, ma di incontrarli sul loro. Luca Martini

Incontro sul futuro degli immigrati Giovedì 5 maggio, alle ore 21, nella Sala Incontri della Biblioteca, si svolgerà l’incontro “Il Mondo in città. Il futuro dell’integrazione a Cavallermaggiore”. Interverranno Carlo Masoero e Giovanni Cravero della redazione del giornale “Dituttiicolori”. Durante la serata vi saranno, inoltre, una relazione di Fahd El Makkaoui e la proiezione del Dvd “Un mondo di lavoro”. Modera la serata Dario Milano.

Uffici comunali aperti per il voto In occasione delle elezioni amministrative, l'ufficio elettorale del Comune di Cavallermaggiore osserverà il seguente orario di apertura per il rilascio delle tessere elettorali: da martedì 10 a sabato 14 maggio dalle 9 alle 19; domenica 15 e lunedì 16 maggio per tutta la durata delle operazioni di voto (precisamente domenica dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15).

giovedì 5 maggio 2011

ELEZIONI

13

Ultimi incontri coi cittadini

Le liste si presentano Proseguono gli incontri con le liste. Ecco gli appuntamenti in programma nei prossimi giorni. Lista n. 1 “Bene comune” di Franco Ferrero Mercoledì 4 maggio, ore 21, sala incontri via Turcotto: con le associazioni di volontariato “patrimonio insostituibile”. Giovedì 5 maggio, ore 21, Motta Gastaldi, ex-scuola elementare: con i frazionisti. Venerdì 6 maggio, ore 21, Sala incontri via Turcotto: con imprenditori ed artigiani, “Quale ruolo per il Comune?”. Sabato 7 maggio, ore 11, biblioteca civica, aperitivo culturale sul tema “Storia, arte e cultura bene comune da condividere”. Mercoledì 11maggio, ore 21, teatro San Giorgio: con la cittadinanza, “Bene Comune, per un nuovo ciclo amministrativo a Cavallermaggiore”. Appello al voto finale dei candidati della lista. Lista n.2 “Cambiare per crescere” di Antonio Parodi (gli incontri, tranne l’ultimo, sono alle ore 21) Mercoledì 4 maggio, teatro S. Giorgio, incontro per tutti sul tema: “Agricoltura e agroindustria: quali prospettive per Cavallermaggiore?” con l’assessore regionale Claudio Sacchetto. Giovedì 5 maggio, bocciofila, incontro con le associazioni di volontariato sociale, culturale, sportivo e con l’Avis. Venerdì 6 maggio, teatro S. Giorgio, incontro con tutta la popolazione per la presentazione della lista. Lunedì 9 maggio, Sala incontri ex-asilo del Foresto, incontro con i frazionisti. Martedì 10 maggio, Centro sportivo di Madonna del Pilone, incontro con i frazionisti. Mercoledì 11 maggio, ex-scuola elementare a Motta Gastaldi, incontro con i frazionisti. Giovedì 12 maggio, ore 12, Ala di piazza S. Michele, incontro con la popolazione sul tema: “Famiglia, sociale e volontariato”, con l’ex assessore regionale Angela Migliasso. Lista n. 3 “Noi per Cavallermaggiore” di Chiara Toselli (tutti gli incontri, tranne quello col Centro Anziani, sono alle ore 21). Mercoledì 4 maggio, ex-asilo del Foresto, incontro con i frazionisti. Venerdì 6 maggio, campo sportivo della Madonna del Pilone, incontro con i frazionisti. Lunedì 9 maggio, sala incontri di via Turcotto, incontro con i soci delle associazioni di volontariato, culturali e sportive. Martedì 10 maggio, presso il teatro San Giorgio, incontro con gli esponenti del mondo e delle attività produttive, artigianali, agricole e commerciali. Giovedì 12 maggio, ore 15.30, incontro con il Centro anziani. Alle ore 21, presso il teatro San Giorgio, incontro con tutta la popolazione.


14

lettere

giovedì 5 maggio 2011

I LETTORI CI SCRIVONO Pd: «Sul lavoro, la destra sbaglia» Riceviamo e pubblichiamo. Oltre 7 milioni di giovani in Italia hanno un lavoro precario: un milione e 400 mila atipici (Co.co.pro. ed occasionali), due milioni e mezzo di contratti a termine e in somministrazione, più di tre milioni di partite Iva individuali e professionali senza tutela… e poi 70 mila vincitori di concorso che attendono di essere assunti. Intanto, la disoccupazione giovanile si mantiene attorno al 29%, mentre i rapporti di lavoro a tempo indeterminato diminuiscono e crescono i contratti a termine. Investire sui giovani significa investire sul futuro; oggi invece in Italia si sta costruendo una società precaria che cancella il futuro. Il governo Berlusconi è intervenuto in questa materia solo per apportare peggioramenti, come nel caso del Collegato Lavoro. Nessuna politica per l’occupazione, nessuna prospettiva di stabilizzazione e tagli drastici nella scuola, nella pubblica amministrazione, nella formazione, nella ricerca. Gli interventi a sostegno dell’occupazione e della formazione giovanile che erano stati avviati nel biennio 2006-2007 dal governo Prodi sono stati interrotti, in alcuni casi cancellati o scivolati nel dimenticatoio. Il governo di centro-sinistra aveva creato fondi per il sostegno al reddito tra un contratto precario e l’altro, per consentire l’accesso al credito dei parasubordinati rimasti senza impiego, per incentivi alle attività innovative da parte dei giovani. Si erano iniziati percorsi in materia previdenziale, dalla copertura figurativa di periodi lasciati vuoti dai contratti a termine, al riscatto degli anni di Laurea in maniera rateizzata, al rafforzamento della previdenza complementare. E soprattutto ci si è mossi sulla strada della stabilizzazione dei contratti di lavoro, dai call-center alla pubblica amministrazione. Passi avanti si sono fatti nella lotta al lavoro nero che ha portato all’emersione di centinaia di migliaia di lavoratori solo nell’edilizia. La destra, in questi anni, ha lavorato per smantellare quanto fatto a danno soprattutto dei giovani. Il PD, dall’opposizione, ha presentato molte proposte di legge per tamponare tutto questo.Tra le altre, la riforma degli stage e del praticantato. Infatti, complice la crisi, i tirocini formativi sono diventati una sorta di scorciatoia per utilizzare manodopera a basso costo. Pratica intollerabile che il Pd mira a frenare inserendo tutele precise per gli stagisti e per perseguire gli abusi. Altre proposte per limitare l’uso del lavoro a chiamata, per favorire la conversione dei Co.co.pro. in rapporti di lavoro subordinati e, ancora, per proseguire negli incentivi a quelle aziende che aderiscono ai programmi di stabilizzazione per il proprio personale, superando il lavoro precario. Per quanto concerne il fondamentale discorso della formazione, il PD chiede che si agisca con chiarezza di obiettivi: la confusione sin qui mostrata dal governo è stupefacente. Così come sul welfare. L’ammontare delle future pensioni dipenderà sempre più dalla previdenza complementare. Il sistema attuale scarica troppo sul singolo il rischio. Per tutelare soprattutto i giovani lavoratori, il PD ha presentato una proposta di legge finalizzata a evitare sovraesposizioni di rischio e fornire le maggiori garanzie possibili agli iscritti ai fondi pensione. Il governo ha trascurato inoltre la tutela e la promozione del lavoro autonomo: è necessario intervenire garantendo la valorizzazione del fattore lavoro rispetto al capitale e garantendo l’accesso al credito, semplificando le procedure e sviluppando forme di previdenza e di assistenza integrative. Senza un’inversione di rotta nella politica economica del governo sarà impossibile uscire dalla crisi. E, soprattutto per i giovani, sarà notte fonda. Per il PD rivalutare ciò che ha fatto il governo Prodi in questo senso è il primo passo. Proiettarlo nel futuro attraverso una rinnovata azione politica e parlamentare è quello successivo. Partito democratico – Circolo di Savigliano

«Resistere è creare» Carissimi lettori, lunedì 25 aprile abbiamo commemorato la Festa della Liberazione, dalla quale ho tratto qualche riflessione che desidero esprimere a tutti voi. Celebrare questa ricorrenza non è tanto andare alle cerimonie, ma soprattutto voler capire quale messaggio queste ci trasmettono per attualizzare i valori della Resistenza, che sono libertà, giustizia e fraternità. Quando penso a questi tre termini – più che mai oggi tre valori – constato che nella nostra Italia sono soffocati continuamente da un governo che invece di promuoverli cerca costantemente di addomesticarli ai fini del premier. Berlusconi, infatti, si dice sempre «fautore della democrazia», «difensore della libertà e della giustizia», mentre è evidente che desidera sempre più servirsi dello Stato di diritto per i suoi fini (vedi il continuo voler bloccare i suoi processi con leggi “ad personam” o sollevando “conflitti di attribuzione”) appellandosi alla Carta costituzionale, la quale – secondo lui – dovrebbe essere riformata e adattata alle sue esigenze, in modo da poter essere salvato dalle sue “beghe” legali. Questa è una cosa veramente grave, in quanto la Costituzione non può essere toccata quando la si costringe a sconfessare i suoi principi fondamentali, costruiti faticosamente dai padri costituenti, che proprio della Liberazione partigiana furono figli. Dinanzi ad un’evidente stortura della Carta fondamentale italiana, noi non dobbiamo abbassare la guardia, ma indignarci, lottando perché questa sia salvaguardata e soprattutto applicata in modo equo nei confronti di tutti i cittadini, uniti sotto un’unica bandiera, il tricolore. Ho usato la parola “indignarci” perché, se non ci indigniamo di fronte a situazioni gravi come quella di oggi in Italia, non possiamo essere degni di sentirci figli di quei padri che hanno creato la Carta costituzionale partendo non dalle ideologie, ma dai diritti dell’uomo. Infatti, la Costituzione è stata stilata nel 1946 ed entrata in vigore nel 1948 ad opera di tutti i parlamentari di allora, senza divisioni e preconcetti. La parola “indigniamoci” dobbiamo sentirla tutti, specialmente le giovani generazioni, a cui è consegnato il futuro. Per questo, voglio chiudere con una citazione dal libro “Indignatevi!”, scritto da un grande protagonista della Resistenza francese, Stéphane Hessel: “Celebriamo la Resistenza per proporre alle generazioni che ci succederanno di compiere gesti umanitari e profondamente politici, perché la fiamma della Resistenza non si spenga mai. Creare è resistere; resistere è creare”. Aggiungerei che, per far ciò, dobbiamo essere tutti disposti a rifiutare il consumismo sfrenato, creatore di antivalori, per sostituirlo con i veri valori per cui sono morti i nostri partigiani. Non rendiamo la loro morte inutile per le generazioni future. Con amicizia. Gianni Lanfranco – Savigliano

Racconigi, critiche al restauro Riceviamo e pubblichiamo. Nelle prossime settimane dovrebbero iniziare i lavori per la sistemazione della piazza che si trova di fronte al castello reale di Racconigi e, da quanto si è potuto leggere dai giornali, sembrerebbe il solito inno allo spreco ed al restauro kitsch. Perché l’architetto che ha ideato il restauro si sarebbe basato su di un disegno d’epoca della metà ‘800 – cioè non con i colori reali, ma dovuti sicuramente alla fantasia del disegnatore – per progettare la nuova pavimentazione; un’operazione molto poco scientifica e tecnica che lascia perplessi. Così, la pavimentazione della piazza verrà coperta con lastre di pietra e cubetti di co-

lore rosa, rendendo il tutto più simile ad un condominio di periferia che non ad una piazza storica. Sarebbe stato sufficiente, per evitare un inutile spreco di denaro, ripristinare la classica pavimentazione in pietra, usata nei secoli scorsi, e far riaffiorare le guide in pietra sulle quali passavano le carrozze; guide che ancora si possono intravedere, sotto decennali strati di asfalto, parallelamente alla cancellata del castello. Altro lavoro che verrà fatto e che lascia dubbiosi è la creazione al centro della piazza di una rotonda della quale non se ne concepisce l’utilità, visto che la piazza verrà resa pedonale e quindi vietata al traffico automobilistico. Forse la rotonda servirà a far girare attorno i pedoni che transiteranno nella piazza. Purtroppo questo non è il primo lavoro di restauro che ha dato scarsi risultati. Infatti, circa dieci anni fa venne rifatto il viale monumentale, che si trova di fronte al castello di Racconigi; per l’occasione (sotto la supervisione della Regione e della Sovrintendenza) vennero sostituite le preesistenti e comode panchine con delle altre nuove progettate da qualche architetto creativo. Peccato che da allora le nuove panchine, con tanto di stemma sabaudo ma di design moderno, sono inutilizzate perché scomode da usare. Invece di stravolgere la piazza si sarebbe potuto ripristinare il progetto originario voluto dagli architetti dell’epoca e non portare avanti quello degli “architetti” odierni, che così non fanno altro che ripetere gli errori di circa trent’anni fa, quando attorno al castello vennero abbattuti i palazzi storici per far posto a dei brutti condomini in cemento e paramano. Giulio Artosi

«Dedichiamo l’Ala a Maccagno» Egregio direttore, ho seguito il dibattito sull’intitolazione della Crosà Neira che è ruotato attorno a due personaggi, don Mario Salvagno e Mario Maccagno. È giusto che la nostra città li ricordi dedicando ad essi qualcosa di significativo e duraturo. Faccio una mia proposta: intitoliamo a don Salvagno la Crosà Neira. Dedicare una ex chiesa ad un sacerdote penso sia oltremodo appropriato. A Mario Maccagno intitoliamo l’Ala polifunzionale di piazza del Popolo. È un luogo questo in cui si fanno manifestazioni e feste, un luogo cioè in cui la “saviglianesità”, di cui Mario Maccagno fu esponente, protagonista e fedele cronista, si esplica al meglio. Penso sia la cosa giusta. Grazie per l’ospitalità. Giulio Ambroggio – Savigliano

Pacifisti? Dipende dalle volte... Riceviamo e pubblichiamo. Sono assolutamente d’accordo con chi oggi si chiede come mai non si vedano e non si sentano i pacifisti di parte. La nostra storia del resto è pregna di contraddizioni vistose. Salandra e Sonnino nella Prima guerra mondiale, Badoglio e il “badagu” di Vittorio Emanuele nella Seconda guerra mondiale... e potrei continuare. Ho riso di gusto quando, alcuni anni fa, Berlusconi si lamentava di non essere stato invitato dai francesi alle celebrazioni sentite dei 60 anni dallo sbarco in Normandia (il D-Day del 6 giugno 1944). Abbiamo dovuto leggere i libri di Politanò e Pansa per sostenere (finalmente) che la blasonata Resistenza italiana ha espresso pagine sicuramente nobili, slanci ideali soffocati nel sangue, ma anche tante nefandezze specie dopo la Liberazione. Ci siamo dimenticati di Porzus e del partigiano comunista condannato all’ergastolo Morannino? E cosa dire del sostegno entusiastico di quasi tutti gli italiani al fascismo salvo poi diventare, solo il 25 aprile 1945, tutti partigiani? Cosa dire dei silenzi sulle leggi razziali del ‘38? Quanti attempati e tronfi intellettuali di sinistra hanno indossato la camicia nera? L’elenco è lungo. Solo grazie a Ciampi abbiamo cominciato a ricordare le foibe del comunista Tito. Comunque, senza gli americani, gli inglesi ed i polacchi probabilmente noi non potremmo scrivere oggi liberamente le nostre opinioni su questo giornale. Bene… ho sempre diffidato delle bandiere “multicolor” dei pacifisti da salotto. Pronti questi a scendere in piazza solo per convenienza politica. Sempre pronti a spiegarci il bene assoluto – naturalmente a sinistra – e il male perverso, naturalmente a destra. Sorrido divertito perché i pacifisti oggi sono i padani leghisti in camicia verde. Non perché siano contro la guerra, ma solo perché si preoccupano delle conseguenze di una massa di disperati che sicuramente cercherà di approdare sulle nostre coste. In compenso, nessuna bandiera della pace appesa ai balconi cittadini contro la guerra in Libia. Nessuna scolaresca sollecitata da insegnanti sensibilmente posizionati a sinistra. La farsa è sostenere che non stiamo bombardando con i nostri Tornado su quel di Misurata, ma la farsa è anche dimenticarsi le proprie convinzioni pacifiste solo perché, come in Kosovo, la sinistra si trova ad appoggiare, senza se e senza ma, una guerra che produce morti, militari e civili. Io ho sempre sostenuto che le armi sono l’ultima ratio, ma storicamente sono risultate necessarie per combattere dittatori e dittature. Solo il Mahatma Gandhi ha dimostrato coerenza assoluta e nella sua bandiera spiccava l’arcolaio, simbolo dell’indipendenza economica dalla dittatura coloniale inglese. Il suo vestito simbolo era di colore bianco e non con i colori dell’arcobaleno. Cordiali saluti. Fulvio D’Alessandro – Savigliano

«Mersì, “Santìssima Nunsià”!» Riceviamo e pubblichiamo. Nell’arco delle mie sessanta primavere, per la maggior parte vissute nella natìa Savigliano, ho dovuto ricorrere, con cadenza ventennale, a provvidenziali ricoveri presso il blasonato Ospedale Maggiore “Santissima Annunziata”. Con sentimenti di stima e di filiale rispetto, ne ho varcato, fino al 1971, l’austero e settecentesco portale incastonato nel cotto a vista eretto a più piani da Antonio Bertola e, poi, il più sobrio, ma funzionale e lineare, ingresso che, da qualche decennio, persevera nell’accogliere frotte di malati e parenti, colmi – tutti – di comprensibili ambasce, di apprensioni e, all’unisono, di fede ardente nella divina bontà e di onesta fiducia nella valentìa medico-chirurgica. Mai ne sortì, ieri quanto oggi, delusione alcuna imputabile ad umana trascuratezza, a deleterio pressapochismo o a colpevole imperizia, ché medici, infermieri, funzionari ricettivo-amministrativi e cappellani indefessamente si prodigarono (senza eccezione di epoche, mezzi, motivazioni, reparti e specifici ruoli) nell’adempimento di un unico dovere: lenire e, se possibile, svellere le sofferenze dei corpi, financo puntellando (e non di rado) i reconditi tentennamenti degli animi, da che mondo è mondo fragili e smarriti sotto il giogo antico del dolore. Al cospetto di qualsivoglia infermità ci si sente inermi e indifesi. Giocoforza affidarci a chi veglia al nostro capezzale e, più in alto, a chi dipana il lino ritorto del vacillante destino. Nella notte, che ha fatto serenamente seguito all’intervento da me subìto durante un assolato mattino d’aprile, ho avuto modo di meditare sulla lodevole munificenza e sulla palese liberalità dei lungimiranti privati e dei vari enti (sensibili per morale rettitudine, oltreché per ponderate norme statutarie, al benessere delle pedemontane genti) che ispirarono e protessero la coraggiosa costruzione di tanta Direzione Sanitaria di presidio, la sua oculata manutenzione, l’apprezzabile espansione architettonica e il galoppante incremento (quan-

titativo e qualitativo) dei servizi erogati, richiamando pazienti da ogni regione italiana. Nel solco aperto – bontà loro! – da schiere di zelanti fondatori (onorati, semplicemente, con ritratti e stucchi originariamente posti all’interno del nosocomio stesso, per lunghi corridoi, per brevi scale o addirittura sopra i letti delle infermiere, prima di essere tradotti presso il Museo Civico “A. Olmo”, ad amabile pungolo dei posteri) perseverano nel seminare con intatto entusiasmo e a piene mani – l’ho vissuto sulla mia pelle nell’U. O. A. Chirurgia Generale e Digestiva, magistralmente orchestrata dal Direttore F. F. dr. Marco Cesari – chirurghi esperti e rinomati quali (in mero ordine alfabetico) Brughitta, Lanati, Lazzari, Lijoi, Rachetta, Simonelli,Telesca e Vocino, quotidianamente affiancati dalla dinamica caposala Pierangela Lenta e dalla inappuntabile segretaria Piera Prono. In tanta dovizia di “maestri di camera incisoria” mi corre il dovere/piacere di riservare un particolare e commosso ringraziamento all’esperto dottor Antonio Rachetta. Impareggiabile per attitudine professionale, abilità diagnostica, sicurezza operatoria, cultura clinica, delicatezza psicologica, disponibilità al dialogo, attitudine all’ascolto, prodigalità di rasserenanti sorrisi, puntualità e meticolosità nella conduzione della degenza, egli ha consolidato in me l’inscalfibile certezza (a tale asserzione non m’induce soltanto, mi si creda, il mai eccessivo attaccamento alla mia città) che Savigliano dispone, senza dubbio, d’un gioiello di straordinario valore, degno di essere ad ogni costo tutelato: l’Ospedale Maggiore “Santissima Annunziata”. Anlora argauciomse le manie e dcò ij nòstri Vej, dë ’d là, an diran: «Mersì!» Prof. Giovanni Galli – Savigliano

“Considerazioni da bar” Egregio direttore, globalmente perplesso per l’andazzo pubblico ed economico attuale, preoccupato per il futuro delle nuove generazioni, mentalmente castrato da una realtà provinciale sempre più spenta e sonnacchiosa, conscio che, comunque, il tutto, pur se imputabile alla congiuntura negativa mondiale, sia il prodotto di un’espressione di base che incarna nei vertici di qualsivoglia fazione il nulla su cui, negli ultimi vent’anni, è stata impostata la nostra società, mi permetto di riassumere il mio pensiero con alcune “considerazioni da bar”. Sono solo euro, d’accordo, ma quelli che il Ministro Tremonti annuncia ammontare a 35 miliardi per appianare il debito pubblico entro il 2014 da dove usciranno? Ovvio: dai tagli a Sanità, Istruzione e Cultura nonché dalle tasche dei dipendenti a reddito fisso (pensionati di bassa lega compresi), da quelle della piccola distribuzione e da quelle delle mini imprese. Da quelle dell’Olimpo no. Sono già usciti per ottenere la cittadinanza dei paradisi fiscali. Oramai è così. Paga sempre Pantalone, ma non c’è via d’uscita se vogliamo che l’economia si riprenda. L’ha detto anche la UE. Però, a pensarci bene, da qualche parte era venuto fuori che si sarebbe ridotto il numero di ministri, segretari, sottosegretari e via dicendo e relativi stipendi, si sarebbero abolite le Province e costi inerenti e ci sarebbe stata una politica di aiuto per le famiglie a basso reddito. Era stato detto in Italia? Però il problema è un altro: gli immigrati. “Fora di bal”! Gli uomini rubano il lavoro ai nostri compaesani, che si adatterebbero a tutto pur di guadagnare, e sono pericolosi. Le donne, poi ...terribili! Non starei con una extracomunitaria neanche se mi pagassero. Meno male che domenica si parte: un bel tour tra le strafighe della Thailandia, della Tunisia e del Brasile e via da questo schifo. E sì, purtroppo però non si vedrà “Ballarò”. Il godimento che provoca lo pseudo-sinistrorso Floris, indefesso peripatetico da studio col sogghigno prestampato che spinge gli invitati l’un contro l’altro armati, fa scompisciare dalle risa. Peccato che, nell’insieme, non si capisca una mazza di quanto espresso dagli stessi che si gridano addosso come dementi da ospedale psichiatrico. La sostanza è che qui siamo alla frutta. Anzi al Malox. Tremonti, sinistra,destra, bunga bunga, processi di comodo, magistratura, sindacati, veline, guerre, ammazzamenti, immigrati, Corona,Vip, nozze regali. Qui ci sono problemi seri da risolvere. Qui ci stanno togliendo anche il sorriso. Speriamo solo che non ci tolgano anche il Superenalotto! Bah, il tutto, comunque, non è così grave. Se si continua a fare i bombaroli in Libia, nel Medio Oriente, in Africa e ovunque sia possibile a breve l’economia rifiorirà. Aveva ragione il buon Sordi. Finchè c’è guerra c’è speranza! Va boh, andiamo a casa, va.Tra un po’ c’è la partita, poi la finale del “Grande Fratello”, poi il lato B della Moric ne “L’Isola dei Famosi” infine le prove video del remake di “Gola profonda”. Domani è un altro giorno e si vedrà. Ringraziando per un eventuale positivo accoglimento di queste esternazioni celiose, ma vere, fresche di giornata ed ampiamente chiarificatrici dello stato cerebrale in cui siamo stati generalmente ridotti. Giorgio Barberis – Savigliano

Arciconfraternita della Pietà: grazie Riceviamo e pubblichiamo. A conclusione dei festeggiamenti pasquali, il Presidente dell’Arciconfraternita della Pietà, Roberto Pio, porge un grazie sincero alla Banca ed alla Fondazione Cassa di Risparmio di Savigliano, al Comune di Savigliano ed alla Provincia di Cuneo. Ringrazia l’Abate don Paolo con i parroci don Marco, don Roberto ed il canonico don Rayna per la solenne Processione pomeridiana, don Cesare che ha celebrato la Messa di Resurrezione del mattino, i gentili Rettori Domenico e Maria Grazia Fassi e Maria Angela Battaglino, Francesco Paonne e Maura Cacciaguerra, le autorità comunali con il sindaco Sergio Soave e gli assessori Paonne, Piola, Pittavino e Tortone, il vicepresidente del Consiglio provinciale Giulio Ambroggio, le Associazioni saviglianesi intervenute con i labari ed i loro rappresentanti, i sempre presenti e bravi componenti la cantoria con gli organisti Enrico Aimar e Suor Maria Carla, le Confraternite del SS. Sudario di Torino, del Gonfalone di Villafalletto, di S. Eligio di Fossano, il Borgo S. Barbara e la ditta Ferrero spa di Alba, Piero Cigna e la gentile consorte Celestina, l’avv. Tomaso Giraudo, la Società Operaia di Mutuo Soccorso ed il Complesso Bandistico Bagnolese. Un doveroso grazie agli indispensabili e preziosi portatori ed ai collaboratori per l’allestimento dei gruppi statuari; ai ragazzi ed alle ragazze che si sono offerti come figuranti; a tutte le mamme ed ai papà che hanno collaborato per vestirli ed inquadrarli; alla truccatrice Elvira D’Andrea, agli acconciatori Maria Grazia Panero, Gianni Marenda, Elisa Boeri, Elena Maccagno, Denise Crosetto ed Antonella Cerutti; a Franco Giordanengo per le acconciature floreali ed a Federico Botta per le locandine pubblicitarie. Grazie ancora ai componenti il Consiglio direttivo della nostra Confraternita, tra cui Stefano Galvagno, generoso esecutore di arredi e costumi dei figuranti, per il faticoso lavoro di preparazione ed organizzazione della domenica pasquale; alle consorelle che hanno cucinato ottime torte; ai piccoli Angioletti ed ai cavalieri presenti al corteo. Ringrazia per la collaborazione l’Ufficio Tecnico comunale, i Vigili urbani e gli ausiliari del traffico, la vice-sindaco prof.ssa Silvana Folco ed il Dirigente delle Scuole Elementari 1° Circolo. Esprime, infine, un doveroso grazie finale a tutti gli affezionati fedeli della nostra Confraternita che hanno partecipato numerosi alle funzioni religiose di Pasqua ed agli organi di stampa locali “Il Saviglianese” ed “Il Corriere di Savigliano” ed a Piero Bertoglio corrispondente del giornale “La Stampa” di Torino per gli ampi servizi giornalistici. Roberto Pio – Presidente Arciconfraternita della Pietà


GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2011 IL SAVIGLIANESE 15


16

paesi

giovedì 5 maggio 2011

MARENE Colpito un allevamento in frazione Veglia

Aviaria: abbattuti 1.600 capi Nel precedente numero del nostro giornale avevamo dato notizia del “sospetto caso aviaria” denunciato dalle autorità competenti in un allevamento situato in frazione Veglia di Cherasco. La zona di restrizione, che si trova nel raggio di un chilometro dall’azienda agricola, comprende anche parte del territorio marenese, e proprio per questo il sindaco Pelissero, su richiesta dell’Asl di competenza, ha emesso un’ordinanza con l’obiettivo “di verificare l’applicazione delle norme di bio sicurezza e lo stato sanitario degli allevamenti circostanti, ed evitare così la diffusione locale dell’infezione”. È notizia di alcuni giorni fa dell’abbattimento dei 1600 capi interessati dal sospetto di aver contratto il virus influenzale H7: nonostante i polli fossero in perfetta salute, come si è appreso, è stata applicata la normativa vigente che prevede l’abbattimento di tutti i capi. Dopo il depopolamento, le carcasse degli animali sono state trasferite all’Improma per essere distrutte. Si è inoltre sa-

MARENE

puto che in realtà i volatili non presentavano la malattia, ma gli anticorpi ad essa: il contagio è avvenuto, probabilmente, attraverso il contatto con uccelli selvatici presenti in zona, che hanno trasmesso il virus ai polli allevati. Niente paura, come hanno precisato le autorità sanitarie, per animali e persone, perché il virus riscontrato è a bassa patogenicità. Abbiamo, a questo proposito, parlato col sindaco Pelissero, che ci ha confermato come «al nostro Comune compete soltanto la parte che riguarda la tutela biosanitaria, ma sulla questione abbattimento è interessato singolarmente il Comune di Cherasco. Noi abbiamo applicato, attraverso l’ordinanza emessa, tutte le misure restrittive indicate dalla normativa del centro di Referenza Nazionale per l’influenza aviare, che resteranno in vigore per almeno 21 giorni dalla data del completamento delle operazioni di pulizia e disinfezione e per 42 giorni dalla conferma del focolaio». A.A.

In ballo questioni igieniche e di decoro

Rifiuti: ancora cattive usanze A Marene la raccolta dei rifiuti “porta a porta” è attiva ormai dal 2002, ma certe “cattive” abitudini vanno, di tanto in tanto, denunciate e corrette, sia per questioni igienico-sanitarie che per il decoro delle strade comunali. Infatti capita spesso, già durante le ore pomeridiane o serali, di vedere esposti i sacchetti dei rifiuti davanti alle abitazioni. «Una brutta abitudine – secondo il primo cittadino Pelissero – che va a discapito del decoro urbano». Come è precisato nel Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani, per il buon funzionamento della raccolta

“porta a porta” i sacchetti vanno esposti “non prima delle sette del mattino, e comunque non dopo le ore 8.30”. Lasciare i sacchetti incustoditi diverse ore prima del passaggio della raccolta, spesso comporta disagi «non solo estetici – prosegue il sindaco – ma attira anche gli animali, che spargono i rifiuti per strada. Cercheremo, anche con interventi mirati, di porre fine a questo comportamento che sta prendendo sempre più piede: è nostra intenzione evitare almeno che i sacchetti vengano esposti il pomeriggio precedente il passaggio della raccolta». Al.Am.

I rifiuti vanno posizionati soltanto poco prima della raccolta

MARENE

Nominata dal sindaco Pelissero

La giuria de “L’ibrovolante”

MARENE

Definita la programmazione degli eventi 2011

“Estate insieme”: il calendario

Alcuni giovani partecipanti al Summer festival dello scorso anno

L’assessorato alla Cultura, guidato dalla vice sindaco Roberta Barbero, ha stilato il programma definitivo delle manifestazioni di “Estate Insieme”, organizzate in collaborazione da Comune, Proloco, parrocchia e associazioni marenesi. Alcuni eventi saranno una novità assoluta, altri invece riproporranno gli appuntamenti imperdibili a cui la cittadinanza è affezionata. Si inizia l’8 maggio con la celebrazione delle Comunioni in parrocchia, mentre il 21 maggio sono previste le Cresime. Il 25 e 26 maggio il Centro Anziani andrà in gita a Ravenna col parroco don Efisio e il 29 tutti in pellegrinaggio a Cussanio; il 31 maggio ci sarà poi la chiusura del mese mariano in parrocchia. Il 30 maggio si darà il via al torneo di pallavolo “Memorial Riccardo Fogliato” presso il Circolo Noi e il 1° giugno sarà la volta della

premiazione del concorso letterario “L’Ibrovolante” organizzato dal Comune e dalla biblioteca. Il 2 giugno a grande richiesta torna “Marene porte aperte” in collaborazione con la scuola media e il 4 e 5 giugno l’Asdc Marene organizza il torneo di calcio giovanile “Memorial Tarcisio Panero”. Ancora sport l’8 e 9 giugno, quando il Centro Anziani proporrà il “Trofeo del Tricolore a bocce”. Dal 13 giugno al 1° luglio si terrà, presso il Circolo Noi, “Estate ragazzi” organizzato dalla parrocchia, dal 17 al 19 giugno la gita della sezione Avis ad Assisi, mentre il 18 giugno ampio spazio per l’attesissimo spettacolo di “Bimbocirco” organizzato dall’associazione Fuma che ‘nduma. Il 19 giugno si terrà la grande festa del gruppo artistico Laportaperta per i 15 anni dalla fondazione e il 24 sarà la sera-

MARENE Raggiunte le adesioni necessarie

ta della “Presentazione dei jolly” nell’ambito dei Giò dei Cantun. Sempre in tema di festa, il 25 giugno la Proloco proporrà una succulenta grigliata, seguita dalla serata musicale “Duo per Due”. Dopo due anni di attesa, il 26 giugno tornerà la grande gara dei Giò dei Cantun, mentre dal 28 giugno al 24 luglio ancora sport con il “Torneo calcistico delle ditte”. Dal 4 al 17 luglio la parrocchia organizza a Bardonecchia i campi estivi; il 10 luglio si svolgerà invece il torneo di beach volley “Memorial Elisa Dho” e il 24 il “Memorial Maurizio Racca”. Dall’11 al 21 agosto tutti in Spagna con la parrocchia per la Giornata mondiale della gioventù col Papa. Settembre sarà, come da tradizione, il mese della festa patronale: dal 5 al 9 il Comune organizza i corsi di tennis per i ragazzi nati dal 97 al

2000, e il 4 in mattinata avrà luogo la prima corsa podistica per le vie del paese. Il pomeriggio ci si sposterà in zona Pascheretto per ammirare gli “aquiloni a Marene”, mentre durante il pomeriggio la Proloco proporrà un’esibizione ippica. Il 6 settembre la società delle bocce proporrà alle signore marenesi una “gara femminile” presso il nuovo bocciodromo. Il 7 Laportaperta presenterà il concerto “per Elisa”, per ricordare l’amata Elisa Dho a 10 anni dalla scomparsa, poi il 9 si terrà il “Summer festival e festa della birra”. Il 18 settembre la Consulta Giovani organizza una “giornata giovani” e il 28 il Centro Anziani si trasferirà a Vienna per un viaggio di fine estate; per concludere il mese della festa, il 28 e 29 presso il Circolo Acli si terrà la “Gara bocce Amici defunti”. Albina Ambrogio

Gli allenamenti per gli spettacoli circensi della Fuma che ‘nduma

MARENE

Il clou lo spettacolo con i bambini

English summer camp: ok Festa di fine anno alla materna

Grazie alle numerose adesioni, è stato raggiunto il numero necessario per avviare il progetto “English summer camp 2011” a Marene. Per tutti gli iscritti il pagamento del corso va effettuato a mezzo bonifico bancario a “Lingue senza Frontiere”, codice iban IT 90 M 030 6922 7040 0000 0202558; la quota di iscrizione al Camp è pari 285 euro, scontati a 270 euro per il secondo figlio partecipante e a 215 euro per i terzo. Le famiglie che ospiteranno un insegnante avranno una riduzione pari a 120 euro: chi fosse interessato ad ospitare un tutor può richiedere il modulo al-

le insegnanti di riferimento o presso il Comune. Entro il 16 maggio andrà versata la quota di acconto di 85 euro per ogni bambino iscritto, mentre entro il 9 giugno andrà versato il saldo. Le ricevute dei due versamenti andranno consegnate, entro le scadenze indicate, per i ragazzi della scuola elementare alle insegnanti di riferimento (Patrizia Rosa e Silvia Lanzetti), per i ragazzi della scuola media alla loro insegnante di inglese e per i ragazzi non residenti a Marene in Comune presso l’ufficio anagrafe. Al.Am.

Sabato 28 maggio, presso la scuola materna “S.Teresa del Bambin Gesù”, si terrà la festa di fine anno. Alle ore 17 i bambini metteranno in scena lo spettacolo di fine anno, alla scoperta del fantastico “mondo del cielo”. Come spiegano alcune mamme, «quest’anno, grazie al preziosissimo lavoro delle insegnanti, hanno imparato a conoscere il cielo, hanno osservato e scoperto i colori del’alba, del tramonto e dell’arcobaleno, hanno esplorato il sistema solare costruendo la carta di identità dei pianeti e infine sono partiti per un viaggio nello spazio a bordo di una navicella rea-

lizzata con le loro mani». Alle ore 19 si svolgerà, al’interno del cortile della scuola, la cena di fine anno aperta a tutti: sono invitate le famiglie dei bambini con nonni, zii, amici, ma anche gli ex ed i futuri alunni. Il costo della cena è di 15 euro per gli adulti e 5 euro per i bambini sopra i 10 anni. Chi fosse interessato può acquistare il biglietto presso la scuola materna, il Café ‘la Piasa, Cartoleria Panero o Cartoleria Bravo entro il 20 maggio. Il ricavato della cena verrà interamente devoluto alla “S.Teresa del Bambin Gesù”. Al.Am.

POMAROLO

Ritrovarsi

Dopo 50 anni Premiazione del concorso L’ibrovolante edizione 2010

È stata nominata dal sindaco Edoardo Pelissero la giuria della settima edizione del Concorso letterario “L’ibrovolante”. Questi i nomi: Annalisa Albera (Marene), Simone Bravo (Marene), Alberto Galvagno (Roreto di Cherasco), Maria Maddalena Ghigo (Marene), Marco Olivero (Marene), Maria Gabriella Racca (Marene), Susanna Dal Grande (Bra), Aldo Perotti (Moretta), Patrizia Dalmasso (Fossano), Maria Giachello (Marene).

Erano bambini e si sono ritrovati dopo ben cinquant’anni: quanti ricordi da condividere!

Sabato 2 aprile i ragazzi e i bambini di Pomarolo si sono ritrovati dopo 50 anni. L’appun-

tamento – erano una novantina – era presso la trattoria “la cascina di San Salvatore” di Sa-

vigliano dove il servizio è stato eccellente: si sono ritrovati con alcuni chili in più e qualche

capello in meno (le foto sul cartellone lo testimoniano) ma con in comune tanti ricordi da raccontare e da condividere. I partecipanti vogliono ringraziare Beppino e Piero che si sono tanto prodigati per organizzare la rimpatriata. La giornata, come tutte le cose belle, è trascorsa troppo in fretta e si sono ripromessi, visto che la festa è riuscita molto bene, di ripeterla nel prossimo futuro. Appuntamento, quindi, tra 12 mesi.


paesi

CAVALLERLEONE

Soddisfazione per le celebrazioni di San Giuseppe

Festeggiamenti per tutte le età

Il sindaco ha cantato con Michele Banchio

Si è svolto tutto secondo i programmi e con ampia partecipazione di pubblico: la Pro loco può, ancora una volta, dirsi soddisfatta dei festeggiamenti patronali che ha organizzato. Giovani e meno giovani si sono divertiti con le varie iniziative, dalla Festa della Birra al ballo liscio. Le novità introdotte hanno riscosso grande successo, dalla serata dedicata alla musica dei Nomadi con Michelangelo Banchio e “Le sensazioni”, alla cena con il “Fritto misto alla cavallerleonese”, che ha visto la partecipazione di 250 persone, tutte soddisfatte dall’ottima cucina. Ha dato un grande esempio di partecipazione e simpatia il nostro sindaco Gianpiero Giacosa, che, dopo es-

sersi aggiudicato il primo premio al torneo di freccette per il secondo anno consecutivo, si è esibito sul palco insieme a Michelangelo Banchio sulle note di “Io vagabondo”. La soddisfazione della Pro Loco è espressa dal Presidente Francesco Fissore: «Grazie a tutti coloro che con dedizione hanno contribuito ha rendere così belli questi festeggiamenti. Penso in particolare ai ragazzi della Pro loco, che hanno dedicato tempo e passione, ed all’Amministrazione comunale, che ci ha sostenuti. Un grazie particolare agli sponsor, il cui sempre generoso contributo è stato fondamentale per la realizzazione della festa». G.G.

CAVALLERLEONE Premiati i partecipanti al concorso destinato alle scuole Elementari

Il nostro paese visto dai bambini è più bello Il pomeriggio del primo maggio è stato dedicato al divertimento dei bambini. Si è iniziato con i giochi dei Rettori, per proseguire con il divertentissimo spettacolo del clown Trinchetto. Molto avvincente è stato il concorso in cui i bambini delle scuole elementari erano chiamati a rappresentare Cavallerleone con un disegno. La vena artistica dei nostri ragazzi si è scatenata, raggiungendo dei risultati che hanno stupito i tanti adulti che hanno osservato ed apprezzato queste piccole “opere d’arte”. La giuria ha premiato come vincitrice Elisa Sanmartino, che ha raffigurato la piazza di Cavallerleone, mentre si è aggiudicata il secondo posto Sofia Gentile, che ha ritratto il municipio. Una particolare menzione è andata al piccolo Alberto Gramaglia, che, pur frequentando l’asilo, ha voluto a tutti i costi partecipare, raffigurando, con un estro non solito per la sua età, un gruppo di pavoni. G.G.

VOTTIGNASCO

Sabato 26 marzo scorso, il gruppo dei donatori di sangue

MURELLO

17

CAVALLERLEONE Intervenuto anche Odello di Nucetto

Convegno culturale

I relatori della riuscita serata culturale insieme alle autorità locali Ha riscosso un grande interesse la “serata culturale” in apertura della Festa patronale, giovedì sera, novità fortemente voluta dall’Amministrazione e dalla Pro Loco. Protagonisti della serata sono stati gli autori Gianmario Odello di Nucetto e Filippo Bonino, originario di Cavallerleone. Il primo, esperto di storia, ha parlato delle vicende della famiglia dei Nucetto, da cui discende quel Leone di Nucetto da cui prende il nome il nostro paese. Anche in virtù di questi intrecci storici, nel 2009 l’allora sindaco Giovanni Bongiovanni ottenne dal Consi-

glio l’approvazione di un patto di amicizia che ci lega tuttora al Comune di Nucetto. Filippo Bonino ha invece parlato del suo romanzo “Smart Drugs – CERA una volta lo sport”, in cui un avvincente racconto si associa ad una preoccupante denuncia sulla diffusione delle pratiche dopanti, anche tra gli sportivi dilettanti. L’autore ha poi anticipato il suo desiderio di scrivere un altro libro, dalle indiscrezioni pare che l’ambientazione potrebbe essere proprio la Cavallerleone di inizio ‘900. Gianluca Gianoglio

BREVI DA CAVALLERLEONE Pesca alla trota per i bimbi

Vendita di torte per l’asilo I tanti bambini delle scuole elementari che hanno partecipato al concorso

Si terrà domenica prossima 8 maggio, a partire dalle ore 13,00, la tradizionale gara di pesca alla trota, dedicata ai bambini, nei giardini di piazza S. Maria. Lo stesso fine settimana sarà anche l’occasione, per i genitori dei bambini dell’asilo, di mettere in pratica una bella iniziativa, che servirà a dare un piccolo aiuto economico alla nostra scuola materna: le mamme venderanno torte e dolci fatti in casa davanti alla Chiesa dopo le Messe di sabato sera e domenica mattina, e nel pomeriggio in concomitanza con la gara di pesca.Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare a questa bella idea: le offerte raccolte saranno totalmente devolute all’asilo.

Visita privata di Nosiglia

Don Pettiti riceve il Vescovo di Torino La piccola Elisa Sanmartino, prima classificata, premiata da sindaco ed organizzatori

Il gruppo dell’Adas ha riconfermato il presidente uscente

Silvestro: «Donare il sangue è grande generosità»

Sergio Silvestro

giovedì 5 maggio 2011

di Vottignasco, affiliato all’Associazione Donatori Autonomi di Sangue di Saluzzo (Adas), si è riunito nel salone comunale in piazza Marconi per il rinnovo, tramite votazione, delle cariche sociali. Sergio Silvestro è stato riconfermato presidente, Aldo Rosso è stato eletto vicepresidente ed Elisa Gazzera segretario.

Lavori appaltati alla Sicas

Ha partecipato alla riunione anche Luciano Biadene, presidente Adas, sodalizio che ha superato tremila donazioni all’anno di cui novantasette effettuate dal gruppo di Vottignasco. Dopo aver assistito alla Messa alle ore 19, i donatori sono andati a cena presso il ristorante “Fantasy”, dove il presidente Sergio Silvestro ha annunciato che sono entrati a far parte del

MURELLO

gruppo Paolo Servetti, Alessandro Ferreri, Debora Martini, Federico Gosmar, Marco Eandi ed ha auspicato che se ne aggiungano altri. «Perché donare il sangue – ha detto Silvestro – significa compiere un atto di grande generosità nei confronti del prossimo, di cui deve andar fiero chi lo compie». Giovanni Bosio

Interessante serata col dott. Milla

Asfaltata via XX Settembre Comunicare con cani e gatti Appaltati i lavori di riasfaltatura e ripristino del manto stradale in via XX Settembre: se li è aggiudicati la ditta Sicas Asfalti s.r.l di Monasterolo. Il progetto, redatto dall’ufficio tecnico comunale, prevede il rifacimento e il consolidamento del sottofondo, che specie nell’ultimo tratto, verso le campagne, è decisamente in cattive condizioni. «Verranno effettuate la scalifica del vecchio manto bituminoso, la messa in quota di pozzetti e caditoie, e infine si procederà alla stesura del nuovo manto», spiegano gli amministratori. Il veterinario Fabrizio Milla

Appaltati i lavori di riasfaltatura per via XX Settembre

Come si fa a comunicare con gli animali? Cani, gatti, ma anche maialini d’appartamento, cavalli e pappagalli: come capire le loro esigenze e il loro linguaggio? Lo ha spiegato con l’ausilio di filmati e immagini e con la competenza acquisita con il lavoro “sul campo”, il ve-

terinario murellese Fabrizio Milla. La lezione si è tenuta lo scorso venerdì presso il salone comunale A. Sobrero, nell’ambito del ciclo di incontri culturali promossi proprio dal dott. Milla. Al prossimo appuntamento il pubblico avrà l’occasione di confrontarsi con un tema di scottante attualità: l’ingegnere nucleare Mauro Campo terrà infatti una lezione intitolata “Centrali nucleari: energia e radioattività: proviamo a chiarirci le idee!”. Appuntamento, dunque, per giovedì 5 maggio alle ore 20.30, ancora una volta nel salone comunale A. Sobrero. Silvia Godano

Nel primo pomeriggio di venerdì 29 aprile il nostro parroco don Antonio Pettiti ha ricevuto, in visita privata, l’arcivescovo di Torino Monsignor Cesare Nosiglia, da qualche mese alla guida della diocesi. La visita aveva la principale finalità di promuovere l’incontro e lo scambio di vedute tra il vescovo e i parroci: don Antonio ha riferito le congratulazioni di Monsignor Nosiglia per la nostra bella chiesa e l’invito a mantenere viva la nostra forte e radicata tradizione cristiana. In serata una delegazione di cavallerleonesi ha partecipato all’incontro, tenutasi a Caramagna Piemonte, tra il vescovo e i rappresentanti delle varie parrocchie dell’Unità pastorale che ci comprende. La serata era in particolare dedicata ai giovani ed al loro rapporto con il mondo e con la fede cristiana.

Cordoglio per Mattalia

Visse molti anni nel nostro paese Si sono svolti sabato scorso a Cavallerleone i funerali di Daniele Mattalia, deceduto dopo una lunga malattia giovedì presso il ricovero di Bagnolo Piemonte, dove viveva ormai da anni. Mattalia era nato nel 1922 e aveva compiuto 89 anni lo scorso marzo; era originario di Elva, piccolo paese a cavallo tra le valli Maira e Varaita. Ha passato gran parte della sua vita con la sua famiglia a Cavallerleone. Da tempo vedovo, era anche stato messo alla prova dal dolore della perdita di una figlia.Vicino a lui, fino all’ultimo, è stata la nipote Daniela Moccia, con la sua famiglia, a cui vanno le più sentite condoglianze della redazione de “Il Saviglianese”.

VILLAFALLETTO

Dopo il congedo di Aquilina

Ecco il nuovo Maresciallo

Cosimo Primerano

Cambio della guardia alla Stazione Carabinieri di Villafalletto. Dopo che il Luogotenente Aquilina è andato in pensio-

ne, lo scorso 18 aprile ha assunto il comando il Mar. A.s. Ups Cosimo Primerano. 49 anni, tre figli, Primerano è originario di Giffone (Rc). In Piemonte dagli anni 80, ha prestato servizio presso il Nucleo Operativo e Radiomobile di Bra e comandato le Stazioni di S. Stefano Belbo, di Venasca e di Dronero. Negli ultimi tre anni ha svolto l’incarico di addetto al Nucleo Informativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Cuneo.


18

giovedì 5 maggio 2011

BREVI DA MONASTEROLO Adunata degli Alpini

A Torino col gruppo di Marene Una trentina di Alpini e simpatizzanti parteciperà al raduno a Torino che avrà luogo dal 6 al 8 maggio in occasione del 84ª Adunata Nazionale del 2011. La partenza è fissata per le ore 7 di domenica 8 maggio e si procederà alla volta di Torino con il gruppo di Marene insieme al quale si sfilerà nella giornata di domenica. Rientrando, tappa d’obbligo a Marene per la cena in compagnia che concluderà questa memorabile giornata.

Protezione civile

Assemblea del sodalizio comunale Si è svolta mercoledì 4 maggio, alle ore 21, presso il Comune, l’assemblea del gruppo della Protezione civile. All’ordine del giorno, la nuova nomina del responsabile del Gruppo comunale, Il censimento e l’ ingresso di nuovi volontari, la programmazione e la pianificazione di nuovi interventi.

Auguri MONASTEROLO. Sabato 30 aprile, alle ore 10.30, si sono uniti in matrimonio, presso il Santuario della Madonna dei Fiori di Bra, FEDERICA GALLETTO e ALDO BARSI Dopo la cerimonia, parenti e amici si sono ritrovati per il ricevimento nuziale presso il ristorante La Fenice, in strada San Michele a Bra. Giungano ai novelli sposi le più vive felicitazioni dalla redazione de “Il Saviglianese”.

VILLANOVA

MONASTEROLO

L’avvocato Mellano “batte” il San Paolo

Risarciti per i bond argentini Erin Brockovich, la trentenne resa famosa dall’omonimo lungometraggio che fruttò l’Oscar a Julia Roberts, è una ragazza come tante. Giovane, profondamente onesta, che ha sofferto, e non sopporta veder star male gli altri. Ha anche, e questo conta, uno spiccato senso di giustizia, che la spinge ad indagare su una multinazionale responsabile della contaminazione delle falde acquifere di una cittadina californiana, ottenendo così un risarcimento apparentemente impossibile. Cose che si vedono solo nei film, direbbe qualcuno. Invece succedono anche qui, ed hanno per protagonista Maddalena Mellano, l’avvocato esperta in materia di intermediazione finanziaria, con studio in Monasterolo e Saluzzo, grazie alla quale una coppia di risparmiatori è riuscita a farsi risarcire dall’Intesa Sanpaolo Spa. Tutto cominciò nel 2000, quando i coniugi R. R. e A. P.

MONASTEROLO

Maddalena Mellano

acquistarono, su consiglio della banca, obbligazioni della Repubblica Argentina per il valore di 100 milioni di vecchie lire, senza sapere che quei bond fossero titoli altamente rischiosi, adatti soltanto ad investitori speculativi. Il risultato fu catastrofico. Gli investitori, come del resto migliaia di altri risparmiatori italiani, videro volatilizzarsi l’intero capitale, spesso frutto dei sacrifici di una vi-

ta intera. Per avere indietro i soldi, i due decisero quindi di rivolgersi a Maddalena, loro legale di fiducia, che intentò causa all’istituto di credito. Nel 2008 arrivò la prima sentenza, emessa dal Tribunale di Cuneo, che respingeva le domande dei coniugi, condannandoli a pagare le spese in favore dell’istituto di credito convenuto. Poi, quasi d’obbligo, l’appello a Torino. «Nel giudizio d’appello ho collaborato con il collega Paolo Fiorio di Torino, ribadendo le richieste già avanzate in primo grado – spiega l’avvocato Mellano –. La Sanpaolo, al pari di molti altri istituti di credito, si è resa responsabile del pregiudizio subito dai miei clienti poiché, seppur consapevole di quello che stava per accadere, non li ha adeguatamente informati. Per questo, doveva rimborsare loro il danno patito, gli interessi e le spese legali sostenute». E così è stato. Nell’ottobre 2010 il giudice di secondo grado, preso atto delle

conclusioni delle parti nonché del Procuratore Generale della Repubblica (intervenuto nel giudizio in difesa dei risparmiatori), ha infatti chiarito che quello dei coniugi fu un investimento assolutamente inconsapevole, in cui sono ravvisabili gravissimi inadempimenti della banca, causati dal mancato rispetto della normativa prevista dal TUF (Testo Unico della Finanza, ndr), e del Regolamento Consob n. 11522/98, concernente la disciplina degli intermediari in materia finanziaria. In sostanza, la sentenza ha ristabilito il vecchio e sacrosanto principio che ‘chi rompe paga e i cocci sono suoi’. «Vincere è stata una grande soddisfazione. Mia, del collega Fiorio, e soprattutto degli investitori, che coraggiosamente hanno creduto con me nella fondatezza delle loro richieste», ha concluso Maddalena. Valentina Barbuto

Gli ultimi preparativi per i prossimi festeggiamenti patronali

S. Giuseppe: appuntamenti tra musica e degustazioni

Domenica scorsa ben 42 donazioni

Positiva la giornata Gasm

I primi donatori in attesa nel corridoio della scuola primaria

Si è svolto domenica 1° maggio il prelievo di sangue dei donatori del Gruppo Autonomo Mombracco presso la sezione di Villanova Solaro. Erano una cinquantina i donatori presenti di cui 10 nuovi; le donazioni effettive sono state 42 di cui 7 prime donazioni. Risultati molto incoraggianti per il “piccolo” gruppo che dal 2006 (anno di inizio) al 2010 ha visto raddoppiare i donatori villanovesi. Dalle 7.30 del mattino la sezione si anima con l’arrivo dei responsabili del gruppo, che hanno provveduto, già dal pomeriggio precedente, all’allestimento di tutto il necessario. Alle 7.45 arrivano i donatori più “mattinieri” e iniziano le operazioni di registrazione. Puntuali i dottori della Banca del Sangue di Torino che alle 8 sono sul posto per dare inizio ad una proficua giornata di raccolta. Con lo scorrere della mattinata si susseguono i donatori. Molto numerosi i casi di famiglie dove tutti donano il sangue: papà, mamma e figli grandi fanno a turno il giorno del prelievo, oppure arrivano giovani coppie a fare la donazione con i loro bambini. Diversi i casi di fratelli e sorelle o famiglie in cui i figli appena

monasterolo - villanova

maggiorenni vengono orgogliosamente accompagnati dai genitori (donatori) a fare la loro prima donazione, come a iniziare una lunga carriera da volontario del sangue. Curiosamente in aumento i casi in cui il componente “restio”, viene amorevolmente sollecitato dagli altri donatori della sua famiglia con l’esempio e fa il grande passo. Non mancano sentimenti come l’amore e l’amicizia: folto il gruppo dei ragazzi che per amore delle loro fidanzate sono diventati donatori (e viceversa). Nutrita la schiera degli amici, che arrivano in gruppo sostenendosi a vicenda e riempiendo la sala di attesa di festosa allegria. E dopo aver compiuto il proprio “dovere” ci si ferma volentieri nella zona “bar” dove i volontari si prodigano nella preparazione di panini di ogni tipo e di torte di ogni specie, caffè e bevande non mancano per rifocillare tutti: dal mattino presto con la colazione, fino a tarda mattinata con l’aperitivo. In questo clima di “passaparola” continuo, incessante e silenzioso il Gasm cresce di anno in anno, raggiunge risultati impensati e per questo ancora più lusinghieri. Paolo Biancardi

Fervono ormai gli ultimi preparativi per i festeggiamenti di San Giuseppe. Quest’anno i due rettori, impegnati per il buon esito della manifestazione, sono Daniele Garello e Francesco Filippone. Il nutrito programma inizierà giovedì 12 maggio alle ore 21 con gara a carte (scala 40 individuale e tresette); venerdì 13 maggio alle ore 20 cena a cui seguirà la festa della birra con il gruppo musicale “The Clips”, musica e rock & roll. Sabato 14, alle ore 14.30, gara alle bocce, mentre alle ore 18, nella sala del Castello, si terrà la premiazione del Primo concorso fotografico San Giuseppe e l’inaugurazione della mostra con le opere ammesse grazie alla collaborazione del Circolo Imago di Savigliano. Sempre sabato, alle ore 19.30, cena al sacco e degustazione spalla e cosciotto… per il resto… arangeve; alle ore 21 spettacolo musica-

I rettori Garello e Filippone

le con “Coco Musica”. Domenica 15 maggio, alle ore 9.30, inizio visite al Castello dei Solaro; alle ore 14.30 giochi popolari ed intrattenimenti per i bambini; alle ore 18 aperitivo in musica con “Dodo Harmonica”; infine, alle ore 21.30 serata danzante con “Gli amici del liscio”. Chiusura lunedì 16 maggio con ben 5 appuntamenti: si parte alle ore 10.30 con la Santa Messa presso la Cappella di San Giuseppe; poi alle ore 12, riservato a sostenitori e residenti, distribuzione di bollito, risotto e vino. Si continua alle ore 14.30 con la gara alle bocce, poi si passa alle ore 21 con la grandiosa serata danzante in compagnia dell’orchestra “Profumo di Balera” (ingresso gratuito); per finire alle ore 23 con l’estrazione della lotteria patrocinio di San Giuseppe. Renzo Otella

MONASTEROLO

Festa

Pasqua Avis

Dopo la Messa e la benedizione del nuovo labaro, i donatori hanno offerto un simpatico rinfresco

MONASTEROLO

Domenica 1° maggio, alle ore 11 nella chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo, è stata celebrata la Pasqua dei donatori Avis durante la quale è stato benedetto il nuovo Labaro e sono stati ricordati i donatori defunti. Dopo la Messa, i donatori hanno offerto un simpatico rinfresco al quale hanno partecipato i molti sostenitori del gruppo avisino locale.

In Comune una serata col cardiologo del SS. Annunziata Livio Correndo

“Il cuore: trattiamolo bene”. Quali i rischi cardiovascolari? Venerdì 6 maggio, alle ore 21 presso il Comune, organizzata dalla Biblioteca Civica, si terrà una serata dal titolo “Il cuore trattiamolo bene”. Interverrà il cardiologo Livio Correndo che illustrerà l’importanza di questo importante organo e risponderà alle domande che il pubblico vorrà porre. Il dottor Correndo svolge l’attività presso il Servizio di Cardiologia dell’Ospedale di Savigliano e da 10 anni si occupa della gestione ambulatoriale dei pazienti affetti da scompenso cardiaco: una sindrome sempre più diffusa che incide pesantemente sulla

qualità di vita dei pazienti e che comporta un massiccio utilizzo di esami diagnostici e di farmaci. Correndo ha preferito comunque dare all’incontro un taglio più divulgativo. Infatti, non si parlerà, almeno non in misura preponderante, dello scompenso cardiaco per il quale è sempre auspicabile un ruolo iniziale del medico di famiglia che indirizzi i propri pazienti allo specialista, ma verranno elencati i fattori di rischio cardiovascolare, sottolineando i comportamenti da evitare o da modificare per evitare le malattie cardiocircolatorie.

In Comune si terrà la serata “cardiologica”


genola - caramagna

GENOLA

Tutti gli appuntamenti della sagra pronta al via

Quaquare ai nastri di partenza Ormai la festa patronale è alle porte e la fragranza dei dolcetti tipici si respira già da giorni. Si è aperto infatti il forno comunale ed è stata avviata la cottura delle Quaquare: fino al 14 sarà riservata ai soli genolesi mentre dal 16 fino a fine mese, in base alle prenotazioni anche per i non residenti ci sarà la possibilità di cuocere i fragranti biscotti. È una tradizione quella legata alla Quaquara e alla sua cottura che Genola ama e che coltiva con particolare affetto intitolando alla stessa la sagra in concomitanza con i festeggiamenti patronali di San Marziano. Ricco il calendario proposto dalla neonata Proloco e dall’Associazione culturale Genola InVita, che da tempo stanno lavorando fervidamente per offrire serate di intrattenimento e divertimento. Mercoledì 11 maggio alle ore 21 si svolgerà la gara podistica non competitiva “Strà Genola” con partenza dal palazzetto dello sport. Giovedì 12 maggio, con una seduta straordinaria del consiglio comunale verrà consegnata la Quaquara d’Oro: top secret il nome del beneficiario. Venerdì 13 maggio alle ore 21 serata occitana animata dagli “Arbut”; sabato 14 maggio ore 21 serata DJ con Radio 103; domenica 15 maggio serata danzante di liscio con “Natascha e la Band”: tutti gli

GENOLA

Prima Comunione

Per ventinove bambini

Voce ed immagini Venerdì 6 maggio, alle ore 21.15, presso il salone “La finestra sul cortile” si terrà la serata “Per voce e immagini”. Protagonista il poeta Sergio Gallo, farmacista di Genola: saranno declamate alcune sue letture dai “Canti dell’amor perduto”. Con la partecipazione speciale di Alice Canton; e foto di Alex Astegiano, Elena Chesta, Nadia Lovera. Daniela Rinadi e Dario Rivarossa. Ingresso libero.

Mese mariano

Messe e rosari della prima settimana I componenti della rinata Pro loco che si è data da fare per l’organizzazione della sagra

appuntamenti musicali sono presso il padiglione allestito in Piazza Marcos Juarez. Per la giornata di domenica 15 alle ore 11 Santa Messa solenne con la partecipazione della Banda musicale di Benevagienna. Per tutta la giornata sarà possibile ammirare le foto storiche di Genola presso il salone manifestazioni. Per il pomeriggio ci sarà l’apertura straordinaria del forno comunale. Importanti anche gli appuntamenti sportivi: 1° torneo di Calcio Balilla e campionato provinciale di tiro con l’arco pres-

re. Sul palco l’esibizione al pianoforte di Andrea Stefanell, al contrabbasso di Francesco Bertone, alla batteria di Giuliano Scarso; voce e testo di Maria Teresa Milano, lettura a cura di Matteo Brancaleoni. L’emozione legata a questa serata scaturisce dal grande cordoglio che ancora oggi lega Genola alle vittime innocenti di una barbara guerra e che non può essere dimenticata né dai famigliari, né dal paese stesso che ad esso lega un’importantissima, seppur tragica, pagina di storia personale. St.Aim.

so il campo S. Rocco di Genola. Lunedì 16 alle ore 9.30 verrà celebrata la messa commemorativa per tutti i defunti della comunità. Alle ore 16 il Ludobus: un furgone coloratissimo che porta con sé giochi, materiali e animatori per realizzare uno spazio ludoteca nel cortile della Finestra sul Castello (evento proposto dalla Pro Loco e dall’Associazione Genitori In Cortile). La serata sarà dedicata nuovamente al ballo presso il padiglione in piazza. Stefania Aimetta

Per tutto il mese di maggio, mese dedicato a Maria, nei vari piloni e nelle cappelle votive di Genola verranno celebrate Sante Messe e Rosari. Ecco il calendario della prima settimana. Giovedì 5: cappella di S. Sebastiano, ore 20.30 S. Messa.Venerdì 6: affresco di S. Domenico Savio in oratorio, ore 20.30 S. Rosario. Sabato 7: pellegrinaggio a Cussanio (partenza ore 20 dalla Confraternita), ore 21.30 S. Messa in Santuario. Lunedì 9: pilone di S. Michele, ore 20.30 S. Rosario. Martedì 10: pilone di S. Michele, ore 20.30 S. Messa. Mercoledì 11: cappella di S. Rocco, ore 20.30 S. Rosario. Giovedì 12: cappella di S. Rocco, ore 20.30 S. Messa.

Gita a Gardaland

Organizza la Pro loco La Pro loco organizza, all’interno del calendario della Sagra delle Quaquare, una gita nel parco divertimenti di Gardaland. La gita – il viaggio sarà effettuato su pullman – avrà luogo giovedì 2 giugno. Per ulteriori informazioni oppure per prenotarsi – il termine ultimo per iscriversi è venerdì 20 maggio – ci si può rivolgere a Giorgia al 392.1408435.

CARAMAGNA

Concorso artistico “Uno”

Ha vinto “Tramonto italiano”

Il quartetto musicale ha suonato musica degli anni 20-40

L’ambito riconoscimento durante il Consiglio comunale

Il vercellese Concio è cittadino onorario

Il sindaco Riu consegna la cittadinanza onoraria al vercellese Ernesto Concio

Sabato 30 aprile, verso le 11, proprio mentre il Consiglio comunale provvedeva a consegnare la Cittadinanza Onoraria a Ernesto Piero Concio, giungeva la notizia della nascita di un nuovo caramagnese, Stefano, figlio del consigliere comunale Dario Gastaldi e di Annalisa Coppola. Si è aggiunta così emozione all’emozione, mentre si stava anche inaugurando la nuova sala consigliare, ricavata in un’aula delle vecchie scuole nel cortile del municipio, con un’apertura su quello che era il corridoio co-

BREVI DA GENOLA

Serata con Sergio Gallo

Eccidio: ricordare per non dimenticare più

CARAMAGNA

19

Domenica 8 maggio nella chiesa parrocchiale, durante la Santa Messa delle ore 11, ventinove bambini riceveranno il sacramento della Prima Comunione.

Commemorazione per il tragico gesto dell’esercito tedesco nel 1945

Venerdì 29 aprile, alle ore 21 presso il salone manifestazioni, si è svolta un’intesa serata di commemorazione dell’Eccidio, perpetrato dai tedeschi in ritirata il 29 aprile 1945. Lo spettacolo proposto dal titolo “Come un silenzioso slow” ha regalato un viaggio nella musica del ventennio fascista. La manifestazione, che è stata promossa dall’Associazione Genitori Genola “In Cortile”, dal Comune, dalle associazioni culturali Genola InVita e Fuori dal Coro, ha visto una discreta partecipazione di pubblico che ha dimostrato di gradire la rassegna di musiche e di lettu-

giovedì 5 maggio 2011

mune, proprio a fianco della biblioteca. Il Consiglio comunale, alla presenza di numerosi cittadini e con l’intervento del consigliere regionale Giovanni Negro e di Gianni Genta consigliere della Fondazione CR Torino, aveva precedentemente approvato all’unanimità di assegnare la Cittadinanza Onoraria a Ernesto Concio, nativo di Alessandria e vercellese di adozione, che nel settembre scorso aveva fatto dono al comune di una copia, datata 1562, degli statuti quattrocenteschi che erano andati smarriti, presumibil-

mente trafugati. Un libro prezioso, da cui è stato riprodotto (a cura di “Ursulart”) l’antico stemma comunale, in un affresco collocato al centro della nuova Sala Consigliare. «Questo gesto – ha dichiarato il sindaco Mario Riu illustrando la deliberazione – ci ha consentito di apprezzare la sua generosità, ma anche di conoscere le sue doti di studioso e di stimare successivamente la vicinanza e partecipazione amica con cui ha seguito e segue, dal settembre scorso, le vicende liete ed anche dolorose di questo nostro paese, piccolo ma ricco di storia. Così è maturata la decisione di consegnare al signor Ernesto Piero Concio la Cittadinanza Onoraria di Caramagna Piemonte, come riconoscimento del sostegno che ci ha dato e ci dà nel far conoscere ed amare, in particolare ai nostri giovani, quelle radici da cui trarre la forza di costruire “con concordia e costanza”, come recita da sempre il nostro stemma, un presente di operosità ed accoglienza e la capacità di sognare e disegnare un futuro di fiducia e speranza». Il Sig. Concio, dopo aver ricevuto la pergamena, ringraziando ha letto un interessante intervento “sul rubar libri”, ed ha consegnato alla Biblioteca di Caramagna i quattro volumi della “Storia d’Italia dal 1789 al 1814” di Carlo Botta (Parigi, Giulio Didot, il Maggiore - 1824, edita in soli 250 preziosi esemplari).

Oltre 30 artisti da tutta Italia, hanno partecipato domenica 1° maggio al concorso artistico organizzato nell’ambito della manifestazione “Art’ernative - espressioni artistiche in strada”, dall’associazione La Torre. La giuria, presieduta dal prof. Giorgio Barberis, era composta da Fulvio Berardo, Corrado Grappeggia, Dario Colombano (coordinatore del concorso) e Luigi Chiaraviglio, assessore comunale. Il primo premio, di 1.000 euro è stato assegnato a Gianfranco Oddone per il dipinto “Tramonto Italiano”. Secondo premio, di 500 euro a “Ritorno in Patria” di Roberto Cremonesi, terzo premio di 300 euro a “La bella Italia” di Alla Nitsenko. Altri artisti sono stati segnalati per poter realizzare una “personale” il prossimo anno nella Torre Civica, di cui nei prossimi giorni verrà comunicato il fitto calendario di mostre per il 2011, iniziate appunto con il Laurenti. Un riconoscimento speciale dell’associazione La Torre è andato al caramagnese Pietro Villatora, che ha presentato una scultura su legno raffigurante Papa Woityla, intitolata “Uno di noi”.

CARAMAGNA Visita del nuovo Vescovo di Torino

“Educare al Vangelo”

Monsignor Cesare Nosiglia parla all’unità pastorale 52 L’Arcivescovo di Torino Mons. Cesare Nosiglia si è incontrato, nell’oratorio di Caramagna, con la popolazione dell’Unità pastorale 52 – racchiude le parrocchie di Racconigi, Caramagna, Sommariva Bosco, Marene, Cavallermaggiore e Cavallerleone – sul tema della Conferenza Episcopale Italiana per gli anni 2010-2020:“Educare alla vita buona del Vangelo”, vale a dire la sfida educativa per le nuove generazioni. Un impegno, si è detto, da portare avante con tutte le agenzie educative: famiglia, parrocchia, scuola, enti pubblici, associazioni per un futuro di speranza. «La sfida educativa esige oggi la promozione di una alleanza educativa tra tutti i soggetti e le realtà coinvolte – spiega Mons. Nosiglia –. Solo una stretta collaborazione e sinergie adeguate tra gli educatori rendono possibile una risposta e una proposta adatte alla crescita armonica delle nuove generazioni». Questa è la tappa più estesa del cammino, che affronta il tema approfondendo lo specifico e complementare apporto dei vari luoghi (nel senso sia antropologico che culturale) educativi coinvolti: la famiglia, la parrocchia, la scuola e Università, i mass media, la società.


20

giovedĂŹ 5 maggio 2011

I compleanni d


giovedì 5 maggio 2011

21

dell’Italia

Nell’anno dei 150 anni per l’unità d’Italia, riportiamo in questa pagina un “amarcord” di “Italia ‘61”, le celebrazioni che si tennero mezzo secolo fa per i primi cento anni del nostro Paese. In questa doppia pagina potete ammirare alcune cartoline e ricordi d’epoca raccolti dal collezionista saviglianese Lino Casasole. Alcune sono risalenti addirittura al cinquantenario, celebrato nel 1911


22

racconigi

giovedì 5 maggio 2011

PARCO DELL’EX-NEURO

Problemi di igiene

Pecore e sculture «Le pecore del neuro? – esordisce stupefatto l’assessore al Turismo Valerio Oderda – Non sono questi i problemi di Racconigi: ce ne sono dei veri e più grandi». Parliamo allora della mostra che sarà allestita nell’ex-neuro? «Premetto: non sono tra gli organizzatori. La Provincia ha pensato di presentare le sculture dell’artista Ugo Giletta nel parco del Neuro. Il mio compito è stato solo quello di contattare i gruppi di volontari, che sono una grande risorsa per Racconigi, perché gestissero l’accoglienza dei visitatori». Ma il progetto dell’assessore Beltrando sulle pecore tosaerba ha fatto risparmiare soldi al Comune? «L’assessore Beltrando si è sicuramente prodigato per il parco del Neuro, ma sulla questione degli animali io non c’entro per nulla e non ho niente da dichiarare».

SANTUARIO REALE In

A quanto è dato sapere, le pecore rappresentavano una bella immagine del mondo naturale ma avevano creato problemi ai fruitori del parco: bambini, associazioni sportive e di volontariato, cittadini che utilizzano l’area verde per passeggiate e iniziative culturali. Problemi di igiene. Cosicché, l’avvicinarsi della mostra d’arte contemporanea e le continue lamentele hanno fatto sì che qualche settimana fa il sindaco ha preso il telefono ed ha chiesto espressamente che le pecore fossero allontanate dal parco del complesso ex-manicomiale. L’Asl aveva dato in gestione al Comune l’area del Neuro, uno spazio prezioso per le attività che si svolgono in città. Ora spetta proprio al Comune decidere se mantenere la gestione del parco con i costi che comporta.

legno a grandezza naturale

La statua di papa Wojtyla Domenica 1° maggio, in occasione della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II e della festa della Divina Misericordia, solennità voluta proprio da Papa Wojtyla, è stata esposta nel Santuario Reale della Madonna delle Grazie una statua del defunto pontefice. La scultura, realizzata in Val Gardena dalla famiglia Perathoner, da generazioni impegnata nella produzione di opere artistiche in legno, è stata scoperta dal sindaco di Racconigi, Adriano Tosello, presente, insieme al alcune autorità cittadine, alla messa delle ore 10,30. La statua è a grandezza naturale ed è stata costruita con un legno molto resistente, il cirmolo. Il rettore del santuario, don Franco Troya, ha dedicato l’omelia alle tre grandi ricorrenze della La statua nel santuario reale giornata: la festa di San Giuseppe artigiano, patrono dei lavoratori, la celebrazione della Divina Misericordia e la beatificazione di Papa Giovanni Paolo II. Alla fine della messa, don Franco ha lasciato la parola al sindaco Tosello, che ha raccontato la sua personale esperienza di incontro con il beato Papa Wojtyla. Nel 1984, in occasione della beatificazione di Clemente Marchisio, sacerdote nato a Racconigi nel 1833 e fondatore dell’Istituto “Figlie di San Giuseppe”, Adriano Tosello, già sindaco all’epoca, fu ricevuto dal Santo Padre. Un ricordo davvero emozionante, soprattutto in un momento come questo, nel quale il carisma e la profonda spiritualità del beato Papa Giovanni Paolo II pervadono tutti i fedeli del mondo. Laura Fossati.

BIBLIOTECA Organizzata

CONSIGLIO COMUNALE

«Abbandonare l’Asl di Cuneo» I problemi sulla Sanità hanno tenuto banco nel corso della seduta del Consiglio comunale di giovedì 28 aprile. Il consigliere Giacomino Rosso ha richiamato l’attenzione su quanto si sta verificando rispetto ai servizi poliambulatoriali. È infatti stato trasferito a Savigliano il servizio vaccinazioni e co-

sì pure la consegna degli ausili necessari ad ammalati ed anziani, quali carrozzelle, letti, materassi... Anche le prenotazioni telefoniche sono state convertite a Savigliano. Un altro tassello che si va ad aggiungere all’indebolimento del poliambulatorio è la disposizione emanata dalla direzione di Cuneo

Notizie dal Consiglio comunale Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale è stato approvato il Rendiconto di gestione anno 2010. Il punto era stato introdotto dall’assessore alle Finanze,Valerio Oderda che ha dato lettura della relazione della Giunta e ne ha illustrato i principali dati finanLo Skatepark continua ad essere chiuso ziari, economici e patrimoniali. Per la Lista Civica il consigliere Cavallo ha precisato che, trattandosi di atto collegato al Bilancio, per il quale il suo gruppo aveva espresso parere negativo, anche in questo caso avrebbero dato voto contrario. Oltre ai 5 consiglieri dell’Unione (Brunetti, Cavallo, Rosso, Tebano e Tuninetti) hanno votato contro anche Reviglio e Reynaudo, per un totale di 10 favorevoli e 7 contrari. Il consigliere di minoranza Melchiorre Cavallo ha posto un’interrogazione all’assessore Enrico Mariano sulla sala prove Pic-up dell’exGil e sullo skatepark. L’assessore Mariano ha risposto che tutti gli anni, ed anche nel prossimo bilancio, vengono stanziato mille euro per rinnovare la parte strumentale della sala prove, ed ha preso l’impegno di verificare di persona la situazione della struttura, facendo comunque notare che il Comune è intervenuto dando priorità agli spogliatoi della palestra ex-Gil, con una spesa di 30 mila euro. Per quanto riguarda lo skatepark l’assessore alla Politiche Giovanili ha spiegato che i ritardi nell’apertura dell’impianto sono da addebitare all’ATC, che è stata sollecitata a versare i soldi alla ditta che deve completare il progetto.

COMMERCIO

nelle ultime settimane in basse alla quale i cittadini non possono più farsi fare i prelievi da persone di fiducia, ma solo da personale autorizzato dall’Asl. «Siamo l’unica realtà in tutta la provincia alla quale abbiano soppresso le vaccinazioni – ha spiegato Giacomino Rosso –, molti comuni più piccoli di Racconigi, come Ceva, Dronero, Busca…, non sono stati toccati da provvedimenti simili ed hanno più agevolazioni di noi. E riguardo ai prelievi, se uno va a chiedere le provette per effettuare il prelievo del sangue per un anziano o malato che ha in casa, gli vengono negate. Ma tutto questo va contro la Carta del Diritti del Malato, la quale afferma che i cittadini possono farsi curare da chi vogliono». Per capire cosa ci sia dietro quest’ultima incongruenza, Rosso ha chiesto un appuntamento al direttore dei Presidi Sanitari Mirko Grillo che, dopo 15 giorni dalla presentazione della richiesta, non lo ha ancora ricevuto. Negli ultimi tempi i vertici dell’Asl sono stati invitati più volte a Racconigi, ed hanno incontrato le autorità locali e quelle del territorio. «Ma non è servito a nulla – commenta il consigliere dell’Unione –, tante promesse per ora non mantenute ed il rischio che gli utenti, essendo degli ammalati, si rivolgano ad altre aziende sanitarie. Così l’Asl avrà una buona scusa per smantellare tutto a Racconigi». L’argomento ha acceso il clima del Consiglio. Tutti gli amministra-

Il consigliere Giacomino Rosso tori hanno concordato sulla necessità di non abbassare la guardia e di formulare nuove proposte per garantire il futuro dei servizi sul territorio. Il sindaco Adriano Tosello ha ringraziato il consigliere Rosso che, avendo lavorato presso il Poliambulatorio fino alla pensione, si sta prendendo a cuore i vari problemi. L’assessore Valerio Oderda ha dichiarato: «Se non cambieranno le cose, Racconigi romperà il rapporto con l’Asl Cn1 e si collocherà presso la vicina Asl To5 di Carmagnola». Per il consigliere Giorgio Reviglio Racconigi è penalizzata perché da anni non riesce più ad esprimere rappresentanti politici ad alto livello. «Occorre frenare questo attacco continuo alla struttura di Racconigi – hanno concordato tutti gli amministratori –: coinvolgeremo l’assessorato regionale, perché i vertici devono sapere». Beatrice Becchis

L’assessore Oderda lancia l’allarme per un’operazione in corso

Sono in arrivo nuovi supermercati?

una esposizione/raccolta

Libri sull’unità d’Italia In biblioteca è stata allestito una piccola esposizione/raccolta di libri relativi ai 150 anni d'Italia e sul Risorgimento, argomenti di cui tanto si parla ultimamente. I lettori troveranno questa selezione di libri allestita su un tavolo della biblioteca, a disposizione per il prestito. La raccolta comprende: “Fratelli d’Italia” di Alberto Arbasino, “Il fratello italiano” di Giovanni Arpino, “150 candeline: le avventure di Max e Mizzy nella storia dell’unità d’Italia” di Mariagrazia Bartaini, “Io, Costantino Nigra: l’unità d’Italia narrata da un protagonista dimenticato dalla storia” di Roberto Bavero, “Il re che tentò di fare l’Italia: vita di Carlo Alberto di Savoia” di Silvio Bertoldi, “L’unità d’Italia: guida ai luoghi del Risorgimento” di Mario Bussoni, “C’era una volta in Italia” di Antonio Caprinica, “Storia illustrata di Torino – 5” di Valerio Castronuovo, “Viva l’Italia” e “Viva l’Italia: Risorgimento e Resistenza” di Aldo Cazzullo, “I traditori” di Giancarlo De Cataldo, “Il romanzo dei Mille” di Claudio Fracassi, “La patria bene o male: almanacco essenziale dell’Italia unita in 150 date” di Carlo Fruttero e Massimo Gramellini, “I senza voce: il Risorgimento dimenticato” di Giancarlo Gili, “Guardie e ladri. L’unità d’Italia e la lotta al brigantaggio” di Massimo Lunardelli, “Il Risorgimento nelle vie di Torino: itinerari, personaggi e notizie” di Piergiuseppe Menietti, “Il tricolore italiano: nascita e amore” di Antonio Michili, “Diario della spedizione dei Mille” di Ippolito Nievo, “Il regno del Nord: 1859, il sogno di Cavour infranto da Garibaldi” di Arrigo Petacco, “O Roma o morte: 18611870. La tormentata conquista dell’Italia” di Arrigo Petacco, “Storia d’Italia dal Risorgimento ai giorni nostri” di Sergio Romano, “Il brigantaggio dopo l’unità d’Italia” di Salvatore Scarpino, “Italiani si diventa” di Beppe Severgnini, “La Costituzione in dieci colori” di Renzo Sicco e Fabio Arrivas, “Gli uomini che fecero l’Italia” di Giovanni Spadolini.

Tutti d’accordo nella difesa del Poliambulatorio

L’assessore Valerio Oderda

AZIENDE

A Racconigi potrebbero aprire nuovi centri commerciali? Sarebbe possibile se si procedesse ad una modifica del Piano commerciale ed una richiesta in questo senso, volta ad ampliare la superficie commerciale del nostro Comune, è stata avanzata da alcuni rappresentanti della maggioranza e della minoranza attraverso gli organi consiliari. A confermarlo è l’assessore al Commercio, Valerio Oderda, che afferma: «Questo è un tipo di richiesta che aprirà dei tavoli di discussione in città». Come amministratore cosa pensa? “Che rappresenta una discontinuità rispetto al passato e non rispetta le volontà del programma elettorale né della nostra lista né di quella avversaria. Entrambi infatti erano contrari all’insediamento in città di nuovi centri della grande distribuzione».

Come assessore al Commercio come valuta la richiesta nel concreto? «Ritengo che il Piano commerciale attuale e la sistemazione dei vari esercizi risponda alle esigenze dell’utenza e si allinei bene con una città con valenza turistica. Ritengo inoltre che, ad un anno dalle elezioni, una scelta di questo tipo impegnerebbe particolarmente i futuri amministratori.Terzo: la revisione del Piano commerciale cambia le prospettive di un paese e ne modifica l’assetto territoriale. Basta guardare quanto sta accadendo a Savigliano, dove non si ha più la possibilità di tornare indietro». Tutto questo detto da un uomo di centro destra? «Io sono un liberale, non un liberista. Questa è una scelta politica. Può darsi che in futuro dovrò dire che ho sbagliato». b. bec.

La Bonetto punta al rilancio del marchio

Investimenti sulla Monetti La Bonetto S.r.L. intende rilanciare il marchio Melform. Lo ha reso noto il gruppo pinerolese dopo l’acquisto della Monetti S.p.A. avvenuto il 20 aprile scorso. Un comunicato dell’azienda annuncia infatti che “attraverso un ambizioso piano industriale, che prevede significativi investimenti sull’innovazione, la qualità e la competitività di tutte le linee

di prodotto e grazie ad una riorganizzazione della struttura commerciale in Italia ed in Europa, Bonetto S.r.L. punta, in breve tempo, a riportare il marchio Melform alla leadership che gli compete sul mercato e a rafforzare la propria presenza in settori innovativi”. Il Gruppo Bonetto, attivo in svariati campi, tra i quali quello dell’automazione industriale, rappresenta una realtà imprendito-

Lo stabilimento ex-Monetti di Monasterolo di Savigliano riale solida e riconosciuta per la serietà con cui affronta le nuove sfide del mercato e per l’esperien-

za maturata nell’applicare l’innovazione tecnologica ai molteplici ambiti di attività.


racconigi

25 APRILE Attraverso le parole di padre Mattei, Marinetti e Tosello

Un’occasione per riflettere L’edizione 2011 della Festa della Liberazione è stata un’occasione di riflessione, non solo sul passato, ma anche e soprattutto rispetto al presente e al futuro. Nei diversi momenti della ricorrenza, infatti, non ci si è limitati a ricordare il sacrificio di molti giovani italiani che, durante la Resistenza, misero a rischio la propria vita per concretizzare valori di libertà e democrazia, ma si è parlato dell’attuale situazione politica nazionale e internazionale. In particolare, tutti gli oratori della manifestazione, da padre Vincenzo Mattei, che ha celebrato la messa in onore delle vittime di guerra, a Beppe Marinetti, che ha tenuto la commemorazione, passando per il sindaco di Racconigi, Adriano Tosello, che ha portato il saluto ufficiale della città, hanno voluto evidenziare lo stretto legame che intercorre tra gli uomini e le donne che all’epoca combatterono il nazi-fascismo e gli uomini e le donne che oggi si trovano a contrastare, in luoghi del mondo non poi così distanti dall’Italia, dittature che imperversano ormai da decenni. Venerdì 29 aprile, nonostante il tempo piuttosto instabile, numerosi racconigesi si sono riuniti per celebrare la Liberazione. Alle 20,30, presso la chiesa di San Giovanni

ANPI

Battista, è stata officiata la messa in memoria delle vittime della dittatura nazi-fascista e di tutte le guerre. Durante l’omelia, padre Mattei ha riportato uno stralcio del discorso che papa Paolo VI tenne all’O.N.U. nel dopoguerra, una lezione etica con riferimento alle vicende della seconda guerra mondiale, ma che ben si addice all’attuale situazione internazionale. «Non gli uni contro gli altri, non più, non mai! – proclamava il pontefice ai rappresentanti delle più importanti nazioni del pianeta – L’umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all’umanità». Una funzione, dunque, ricca di spunti di riflessione religiosi e morali, alla quale ha preso parte anche la corale “Le Verne”, che ha eseguito in maniera magistrale le lodi cantate. La celebrazione è proseguita con la fiaccolata per le vie cittadine, che si è conclusa in piazza Castello, di fronte alle lapidi dei Caduti. Dopo l’esibizione della banda cittadina, autorità e pubblico si sono spostati nella sala consiliare a causa del maltempo. Nel municipio ha così avuto luogo la commemorazione ufficiale della Liberazione, tenuta da Beppe Marinetti che, oltre ad aver rivestito la carica di sindaco della città per tre tornate

Beppe Marinetti in sala consiliare elettorali, è stato partigiano ed è oggi presidente dell’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) di Racconigi. Prima del discorso di Marinetti, l’attuale sindaco, Adriano Tosello, ha salutato i presenti, ricordando l’importanza avuta dalla Resistenza nella liberazione dell’Italia ed evidenziando le affinità tra i giovani che combatterono durante il Risorgimento e la Resistenza e gli altrettanto giovani che, in questi mesi, riempiono le piazze del mondo arabo per ottenere democrazia e libertà. «Risorgimento, Resistenza ed

Europa – ha affermato Beppe Marinetti nel suo appassionato discorso – sono tre valori da difendere a tutti i costi. Rinnegarne uno, significa disconoscere anche gli altri». Nella sua relazione, l’ex partigiano si è chiesto più volte se vale ancora la pena di difendere i valori che perseguiva la Resistenza o se essi siano oggi destinati all’oblio. Per Marinetti e per tutti coloro che hanno combattuto per quegli ideali non c’è dubbio: la pace, la libertà e la democrazia sono obiettivi che dobbiamo prefiggerci sempre e ad ogni costo. Il rischio, secondo Beppe Marinetti, è che questo patrimonio di valori sia concepito da qualcuno come un simulacro vuoto e che la Festa di Liberazione venga considerata una celebrazione fredda e inattuale. «La Resistenza – ha invece dichiarato Marinetti – rappresenta le radici del nostro presente e proprio per questo motivo deve entrare di diritto nei testi scolastici affinché diventi patrimonio di storia patria». Un discorso che ha ricevuto un consenso unanime e che ha permesso ai presenti, soprattutto ai giovani delle scuole cittadine, di riflettere su un importante capitolo del nostro passato. Laura Fossati

giovedì 5 maggio 2011

ASSEMBLEA DEI SOCI

23

Lucia Milli la più votata

Coop: nuovo direttivo

Il nuovo direttivo della Cooperativa di Consumo Neuro Nel corso dell’assemblea dei soci di martedì 3 maggio è stato rinnovato il direttivo della Cooperativa di Consumo Neuro. Alle elezioni hanno partecipato 302 soci. Questi i risultati: Lucia Milli 252 voti, Patrizia Biga e Felice Granato 249, Aniello Vietri 245, Stefania Martinelli 244, Maria Clotilde Gavatorta 243, Manuela Mina 242, Giuseppe Samà 39, Bailone e Leonarda uno. Il nuovo direttivo è dunque composto da Lucia Milli, Felice Granato, Aniello Vietri, Stefania Martinelli, Maria Clotilde Gavatorta e dalle new-entry Patrizia Biga e Manuela Mina. Le varie cariche verranno assegnate nel corso della prima riunione. All’assemblea sono intervenuti Massimo Gallesio, direttore provinciale di Confcooperative (che si è complimentato con il presidente uscente Lucia Milli per il modo con cui ha fatto funzionare la Coop del Neuro puntando sulla professionalità del personale, la qualità dei prodotti e le intelligenti promozioni), Fabio Bianchetta, responsabile della contabilità della Unioncoop, e Gianluca Bergia, revisore di conti della Coop del Neuro.Tutti hanno apprezzamento il fatto che il salone di San Giovanni era pieno, a testimonianza di come i soci si sentano coinvolti nella vita della cooperativa. Nel corso della serata è anche stato approvato il Bilancio 2010 che ha chiuso con un utile di esercizio di 8.811 euro. Al termine Gianluca Bergia ha dato lettura di un documento che gli era stato consegnato dal personale dipendente che ringraziava il direttivo uscente, ed in particolare il presidente Milli, per come aveva lavorato e tutelato i posti di lavoro.

Anche quattordici racconigesi alle ultime due tappe della marcia

Passo dopo passo sono arrivati ad Auschwitz per ricordare la deportazione di 26 ebrei rastrellati dai fascisti nel Cuneese. A condividere con loro le ultime due tappe c’era anche un gruppo di 14 racconigesi dell’Anpi. Beppe, Annasilvia, Domenico, Andreina, Ciano,Valeria, Nori, Bruno, Aldo, Mario, Silvano, Lo striscione dell’Anpi di Racconigi davanti al tristemente celebre cancello Ettore, MicheSono arrivati domenica scorsa ad Auschwitz lina e Silvana erano partito martedì 26 con un i partecipanti della marcia “Passo dopo passo” camper ed un vecchio furgone ed hanno ragpartita il 15 febbraio da Borgo San Dalmazzo giunto Gimmi Basilotta ed i suoi amici nella

SOLIDARIETÀ

mattinata di sabato a Landek, un paesino tra le paludi della Polonia meridionale. Con loro hanno camminato tutto il giorno, coprendo una trentina di chilometri fino a Brzeszcze, lungo una strada affogata nel verde dei boschi. Nella mattinata di domenica, per gli ultimi chilometri del lungo viaggio, il gruppo si è ulteriormente ingrandito con l’arrivo di una cinquantina di cuneesi, tra cui il sindaco di Cuneo e quello di Borgo San Dalmazzo. Ad Auschwitz, mentre cadeva una pioggia sottile, è stata piantato l’ultima betulla e versata la terra raccolta nelle città e nei paesi attraversati, tra cui anche quella di Racconigi. Il gruppo di racconigesi ha quindi raggiunto Cracovia dove, nelle piazze e nelle strade, si stavano svolgendo i festeggiamenti in onore della beatificazione del papa polacco, con maxischermi collegati con Roma in Eurovisione, concerti, preghiere e grande partecipazione di folla con le bandiere bianche e gialle del Vaticano. Il viaggio di ritorno è iniziato lunedì mattina. Martedì sera erano di ritorno a casa.

È ripresa la raccolta di generi alimentari

Dal Burkina un grido d’aiuto La crescente guerriglia, poi trasformata in guerra civile, che insanguina la Costa d’Avorio sta avendo influenze e ripercussioni non di poco conto anche in Burkina Faso. Le poche notizie che arrivano parlano di barricate rudimentali per la strada, di posti di blocco, di dazi da pagare, di aumenti dei prezzi di beni di prima necessità alle stelle. Storicamente il Burkina ha dipeso sempre dalla Costa d’Avorio (che ha uno sbocco sul mare) e le merci risalgono dal porto di Abidjan fino alla capitale burkinabé, Ouagadougou. La situazione ci preoccupa non poco, ed è stato sospeso a scopo precauzionale qualsiasi viaggio verso il Burkina poiché pare che il paese sia diventato pericoloso tutto di colpo. Fa un certo effetto vedere in qualche video caricato su YouTube o qualche foto

inviateci via mail da amici di Roulou e dintorni, angoli di strade che conosciamo bene con posti di blocco rudimentali, auto incendiate, scontri tra poliziotti e popolazione. In qualche video si intravede anche qualche viso noto, e di colpo ci pare essere ancora più vicini. Da due anni a questa parte avevamo deciso che la spedizione di container non era più necessaria, o comunque non rientrava nei nostri piani (in breve era meglio fornirgli la rete da pesca ed insegnargli a pescare che portargli il pesce in tavola). Questa situazione ci ha fatto fare qualche passo indietro. Il lavoro iniziato nell’agosto scorso e terminato a gennaio col progetto “Acqua dal Sole 2011” funziona alla grande, le ali collegate alla pompa sommersa alimentata dai pannelli fotovoltaici hanno permesso dei buoni rac-

colti questa primavera ed i ragazzi del centro, così come tutti i nostri amici, sembrano in forma. La cosa che chiedono a gran voce è una preghiera indirizzata a loro: l’ultimo messaggio inviato su Facebook a un certo punto, in un misto di francese ed italiano, diceva “…ça va poco poco…”. Abbiamo dunque deciso di riaprire la raccolta alimentare: ci servono riso e pasta (di qualsiasi tipo o formato), zucchero e sale, olio (possibilmente nelle latte), latte in polvere, marmellata e cioccolato (tipo barrette o nutella), biscotti, scatolame (tonno, carne, piselli, fagioli, passato di pomodori o pelati). I punti di raccolta sono: Mandacarù, Ferramenta M2C di Luca Gonella, abitazione della famiglia Mondino in vicolo Costamagna 12. Dobbiamo ringraziare coloro che hanno prontamente aderito a quest’iniziativa, e tutti i

Accorato appello dal Burkina numerosi negozi e scuole di Racconigi e dintorni che si stanno dimostrando favorevoli a donarci dei beni alimentari. Il termine ultimo di raccolta è sabato 14 maggio. Contattandoci direttamente saremo ben lieti di accettare anche del materiale per la falegnameria (chiodi, martelli, morse, seghetti da legno….). Abbiamo davvero bisogno del vostro aiuto, grazie di cuore. Matteo Mondino (Semi di Baobab)

L’intervento di Massimo Gallesio all’assemblea della Coop del Neuro

ANZIANI Festa

nella residenza Angelo Spada

Nel segno delle Farfalle “Festa delle farfalle” nella Residenza Angelo Spada. Serena Revelli e Matteo Mondino, in collaborazione con il personale della struttura per anziani, hanno organizzato nel pomeriggio di giovedì scorso una festa nella casa di riposo in via Ormesano. Farfalle multicolori, dipinte e costruite, ornavano il corridoio ed i piani rigorosamente puliti e profumati: un grazioso modo per salutare la primavera e dare il benvenuto agli anziani ritornati da Savigliano. Il parroco don Aldo ha impartito la benedizione agli ospiti della casa protetta, presenti le volontarie Avo che svolgono un egregio servizio nella Casa, parenti e amici.

Tante farfalle alle pareti Anche il sindaco Tosello e il vicesindaco Allasia, con i rappresentanti di Amos, l’associazione che gestisce la struttura, hanno salutato gli anziani. La festa è proseguita con uno squisito buffet e le note del fedelissimo complesso “I Musici”..

Vive nel ricordo AGOSTINO FERRERO Ha lasciato i suoi cari all’età di 77 anni Agostino Ferrero. Ne danno il triste annuncio le sorelle Margherita con il marito Giovanni Tesio e Lucia vedova Burzio, il fratello Stefano con la moglie Maddalena Colombano, la cognata Anna Carrera vedova Ferrero, nipoti, pronipoti, cugini e parenti tutti. I funerali sono stati celebrati nel pomeriggio di lunedì 2 maggio nel santuario reale Madonna delle Grazie Alla famiglia nel dolore le condoglianze della redazione de “Il Saviglianese”.


24

racconigi

giovedì 5 maggio 2011

«L’importanza di avere una chitarra al seguito» Abbiamo incontrato i due organizzatori della gita a Ravenna e dintorni, Mario Testa e Gaetano Maiorano. SoddisfatSergio Bellonio con l’immancabile chitarra ti? «Soddisfattissimi.Tutto è andato bene, comprese le condizioni atmosferiche, che sembravano non dovessero sorriderci. Anche la spesa è stata contenuta rispetto al passato». Quale elemento ha caratterizzato la gita di quest’anno rispetto a quelle precedenti? «Quest’anno abbiamo avuto una decina di giovani in meno, ma c’è stata l’adesione di un maggior numero di famiglie a livello di nucleo. E la presenza di Sergio Bellonio con la sua chitarra è stato un importante elemento di aggregazione, sia sul pullman che dopo la cena in albergo. Accompagnate dalla chitarra, anche le preghiere che recitavamo ogni mattina al momento di partire facevano un altro effetto». Negli anni precedenti il Circolo L’Aquilone aveva proposto gite a Roma, Assisi e Firenze. Questa volta l’area visitata ha abbracciato due stati (Italia e San Marino) e tre regioni (Emilia, Umbria e Toscana). Il prossimo anno dove pensate di andare? «Stiamo valutando diverse mete, anche se ci sono state fatto molte richieste per tornare a Roma». Mario Testa e Gaetano Maiorano

CIRCOLO L’AQUILONE

Gita a Ravenna e dintorni

Cinquanta quest’anno i partecipanti alla gita organizzata dal Circolo L’Aquilone a Ravenna e dintorni nel week-end del 1° maggio

Una cinquantina di racconigesi hanno partecipato alla gita organizzata dal Circolo L’Aquilone dal 28 aprile al 1° maggio a Ravenna e dintorni. Si tratta, ormai da quattro anni, di una tradizione del periodo pasquale. La proposta è stata accolta da per-

MOSTRA

APPUNTAMENTI Festa multietnica

Venerdì spettacolo teatrale in DVD Lo spettacolo teatrale “Sono incazzato nero” allestito dal Progetto Cantoregi, che verrà riproposto in DVD venerdì 6 maggio nel Salone di San Giovanni (ore 21, ingresso libero), introduce da vicino la festa multietnica “Condividere” in programma sabato 14 maggio, prima all’oratorio di Santa Maria (dove a partire dalle ore 14 si svolgeranno laboratori e tornei di calcio, basket e pallavolo) e poi in piazza degli Uomini. Qui avrà luogo la premiazione degli alunni delle scuole cittadine per il concorso “La città ideale” (ore 19), un momento di preghiera ecumenica per la pace (ore 20, cortile di palazzo Balegno) e la festa con piatti tipici e musica etnica (a partire dalle ore 21).

Quattro giorni all’insegna dell’allegria

sone di tutte le età: adulti, famiglie con bambini, giovani… Partito da Racconigi giovedì mattina, il gruppo ha raggiunto San Marino e poi San Leo; il secondo giorno ha visitato Urbino e Gradara, la rocca in cui hanno trovato la morte Paolo e Fran-

cesca, i due amanti cantati da Dante; il terzo giorno è stata la volta di Sansepolcro e dell’Eremo di Montecasale, sul versante toscano dell’Appennino. Domenica 1° maggio, infine, ha fatto tappa a Ravenna per poi rientrare a Racconigi.

La gita si è svolta all’insegna dell’allegria e della serenità. Per tutti l’appuntamento è dunque per il prossimo anno per un’altra bella gita. Quale sarà la meta? gli organizzatori già stanno valutando diverse opzioni. Arianna Testa

Resterà aperta fino al 23 maggio nella chiesa di San Giovanni Decollato

L’unità d’Italia vista dai nostri pittori È stata inaugurata domenica mattina nella chiesa di San Giovanni Decollato la mostra “Italia 150 – un anniversario attraverso i colori dei pittori racconigesi”. Ha tagliato il nastro il maresciallo dei Carabinieri Amoroso e Domenico Perrone, presidente Amici della storia, mentre la Corale “Le Filere” intonava l’Inno nazio-

nale. Alla manifestazione è intervenuto anche il sindaco Adriano Tosello. L’esposizione raccoglie le opere di una ventina di artisti della nostra città che hanno interpretato, ciascuno in base alla propria sensibilità, l’anniversario dell’unificazione d’Italia. La mostra, organizzata da Amici della Storia,

Gara di pesca al Lago Verde

Quarta prova del campionato sociale La quarta gara del campionato sociale di pesca alla trota dell’Associazione Pescatori Sportivi Racconigesi è in programma domenica 8 maggio al Lago Verde. L’inizio della manifestazione è previsto per le ore 8, la premiazione alle 10. Nell’ora e trenta a disposizione ciascun concorrente potrà catturare un massimo di 10 prede in 4 tempi. Alla gara potranno partecipare tutti i soci e i non soci se residenti o nativi di Racconigi.

Roberto Sanson con il quadro di Sismonda

Buona affluenza di visitatori fin dal primo giorno di apertura per la mostra di pittura

Confraternita della Beata Catterina e Circolo Fotografico Racconigese, resterà aperta al pubblico fino al 23 maggio il giovedì dalle 10 alle 12,30 e dalle 16 alle 19, il sabato dalle !6 alle 19 e la domenica dalle 10,30 alle 12’30 e dalle 16 alle 19.

Santa Margherita da Cortona

Celebrazioni presso Villa Biancotti Dato il perdurare dell’inagibilità della chiesa dei Cappuccini, per il secondo anno la festa di Santa Margherita da Cortona, protettrice dell’Ordine Francescano Secolare, si svolgerà presso la cappella della casa-albergo Villa Biancotti Levis. Il programma delle celebrazioni comprende il tradizionale triduo, predicato da padre Felice Postiglione: giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 maggio rosario e santa messa alle ore 15,30, domenica 15, sempre alle 15,30, rosario, messa comunitaria e benedizione eucaristica. Le funzioni saranno animate dalla Cantoria locale.

Chiusura anno accademico

Intervento di Serena Fumero Alle ore 16,30 di venerdì 13 maggio chiusura dell’Anno Accademico 2010/2011 dell’Unitre. Dopo il saluto delle autorità dei Comuni di Cavallermaggiore, Caramagna e Polonghera e la relazione dell’assessore Adriano Beltrando sull’attività svolta, Serena Fumero tratterà il tema “150 anni della nostra storia”.

Festival di musica da camera

Luigi Puddu nel castello reale Riprendono venerdì 13 maggio i concerti del 15° Festival “Musica da Camera”. Questa volta la sede della manifestazione non sarà la chiesa di Santa Croce ma il castello reale dove, per la rassegna “Chitarra e dintorni”, Luigi Puddu eseguirà musiche di Albeniz, Sor,Villa-Lobos e Barrios.

AZIENDE

Tradizionale sorteggio la vigilia di Pasqua per i dipendenti della Magit e della Simag

Messi in palio quindici chili di cioccolato Anche quest’anno Tommaso Gentile e Tiziana Audisio, titolari della Ditta Magit S.n.c. e della Neo Azienda Simag, hanno festeggiato la vigilia della Pasqua con i loro dipendenti. È una tradizione nata sette anni fa e sempre riproposta in versione giocosa, un momento di condivisione e di allegria che coinvolge tutti, la famiglia Gentile al completo, i dipendenti ed anche i cagnolini, guardiani e “membri” dell’azienda. I kg di cioccolato messi in palio quest’anno erano ben 15 e sono stati distribuiti a seguito di una divertente lotteria in cui ad ogni partecipante era stato assegnato un palloncino con all’interno

Tutti in posa, cani compresi, dietro le grandi uova messe all’asta la vigilia di Pasqua un numero che, estrazione dopo estrazione, dava o toglieva la speranza di essere tra i vincitori finali. Il primo premio, un uovo di 7 kg, se l’è aggiudicato l’ormai ve-

terana (15 anni di lavoro in azienda) Anna Amico, il secondo premio, un uovo di quattro kg, l’ha invece vinto Martina Damiano mentre il terzo premio, una gallinella con uova di cioccolato, l’ha

conquistato Sabrina Frasca. Ma anche coloro che non sono riusciti ad aggiudicarsi i primi premi non sono rimasti a mani vuote. Irene Mallamo


attualità

ECONOMIA

Il saluzzese prende il posto di Andreino Durando

Albergatori: Sassone presidente

Andreino Durando, Pierino Sassone, Ferruccio Dardanello e Sandro Rulfi in Confcommercio

Pierino Sassone, 43 anni, saluzzese di adozione, è il nuovo presidente dell’Associazione provinciale albergatori ed esercenti aderenti alla Confcommercio. È stato eletto all’unanimità dal Consiglio direttivo, in sostituzione di Andreino Durando che ha rassegnato le dimissioni in quanto, dopo la designazione a far parte del Consiglio di amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, si è trovato in una situazione di incompatibilità. La nuova designazione non incide sulla composizione della Giunta. Restano, con il ruolo di vice presidenti (vicario) Sandro Rulfi di Frabosa in rappresentanza del Monregalese, Andrea Allasina per il Saluzzese, Giacomo Badellino per Alba e Bra e Carlo Giraudo per la zona di Cuneo. Durando, che è stato nominato presidente onorario, oltre al vertice dell’associazione, lascia anche il posto

VIABILITÀ

da consigliere in Camera di Commercio, dove sarà sostituito dall’amico e collega Sandro Rulfi. «Mi dimetto dopo oltre 20 anni, nella consapevolezza che tutto ciò che ho avuto in questo periodo sia dovuto a voi – ha sostenuto Durando –. Sono particolarmente contento di aver traghettato, anni fa, il passaggio dall’autonomia associativa all’entrata nella grande famiglia di Confcommercio. Questa resterà sempre la mia casa, anche in futuro». «Albergatori ed esercenti negli ultimi decenni – ha sostenuto Ferruccio Dardanello, presidente di Confcommercio – hanno vinto tanti scudetti, ovviamente in senso metaforico, perché avevano un grande capitano. Innegabile che il turismo, con la sua rete ricettiva, sia uno dei settori strategici nell’economia cuneese. Non dimentichiamo che si sta puntando sempre di più alla qualità e che la Granda è oggi la provincia italia-

na con il numero più elevato di realtà operative che hanno proprio ottenuto il marchio. Si tratta di circa 400 attività di tipologia diversa che stanno affrontando un percorso impegnativo, portato avanti in nome della chiarezza e dell’alta professionalità». Incisivo e già programmatico l’intervento del neo eletto Pierino Sassone, che ha ammesso di aver sempre collocato la presidenza dell’associazione tra i suoi obiettivi ed ha assicurato che, a giorni, si dimetterà dalla carica di consigliere provinciale. «Lo farò senza rimpianti – ha confessato – io scelgo l’associazione. Non sono cuneese di origine, ma ho lasciato la Lucania, dove sono nato, quando ero ragazzino. Ho frequentato l’Istituto alberghiero, ho fatto esperienza all’estero in Germania e poi sono approdato nel Saluzzese dopo aver incontrato quella che oggi è mia moglie. Sono grato a questa terra che mi ha permesso di sviluppare

le mie aspirazioni imprenditoriali, quasi tutte nel settore alberghiero e della ristorazione». Sassone ha poi indicato alcuni degli obiettivi per cui si impegnerà da subito, pur mantenendosi nel segno della continuità con la presidenza precedente. «Vorrei battermi per migliorare la qualità di vita di quanti svolgono il nostro lavoro – ha chiarito – e lottare perché i giovani che frequentano gli Istituti alberghieri operino poi fattivamente nel settore, riuscendo a scalzare con la passione i timori sulla gravosità dell’impegno». Un settore, quello alberghiero e della ristorazione, che oggi «vive un momento di difficoltà: le imprese sono sottocapitalizzate, non abbiamo grandi gruppi di turismo – prosegue ancora Sassone –. Per dare nuovo impulso al comparto servono investimenti e capitali, azioni sinergiche di promozione e sviluppo». Sassone ha voluto dedicare la neo presidenza a Piero Basso di Cuneo e Silvio Fornetti di Saluzzo, dirigenti storici dell’associazione, assenti per motivi di salute.

getto Sicurezza 2011: una campagna si rivolge agli studenti della scuola dell’obbligo – con il supporto della Polizia Stradale, della Polizia municipale e dell’ufficio scolastico territoriale – con il concorso “A spasso sicuro”, mentre i Comuni sono invitati a migliorare segnaletica e viabilità in genere con l’operazione “Sicuramente pedoni”. Quest’ultimo slogan vuol essere sia un invito che una provocazione con cui viene ricordato ai pedoni stessi quanto possa essere fatale una leggerezza o una banale distrazione. Pertanto saranno create delle strisce adesive ad

hoc per gli asfalti da posizionare prima degli attraversamenti pedonali ed un “bollino di certificazione” da installare all’entrata della città. Riguardo agli incidenti, nei primi tre mesi del 2011 – i dati sono stati rilevati dalla Polizia Stradale e forniti dalla Regione Piemonte – quelli con lesioni nella Granda sono stati 260 con 534 feriti e 5 morti, 3 dei quali nel solo mese di marzo (nel primo trimestre dello scorso anno se ne erano registrati 11, 3 dei quali pedoni). In tutto il 2010, ci sono stati ben 11 pedoni vittime della strada su 68 incidenti

IN BREVE Docenti precari

Vinto un ricorso in tribunale Presso il Tribunale del Lavoro di Alba è stata emanata la prima sentenza della nostra provincia per il ricorso – patrocinato dal sindacato Gilda di Cuneo e seguito dall’avvocato Maria Grazia Galliano – a favore dei docenti precari che da anni operano nel mondo della scuola. Il ricorso riguarda sei insegnanti che lavorano in scuole superiori di Alba e Bra. Il Giudice aveva già dichiarato l’illegittimità del comportamento del Ministero dell’Istruzione nel continuare ad assumere per più anni lo stesso docente senza che il rapporto di lavoro si trasformi da tempo “determinato” a tempo “indeterminato” e nel discriminare il lavoro a tempo determinato, non consentendo ai docenti né la regolare progressione stipendiale né – nella maggior parte dei casi – la copertura economica dei mesi di luglio e agosto. Il Ministero corrisponderà dunque una cifra complessiva di 66.206,96 euro, oltre alle spese legali di 7.384,38 euro. Si consideri che questa sentenza riguarda solo i primi sei ricorrenti a fronte di un centinaio di precari che si sono rivolti alla Gilda di Cuneo.

Vuoi smettere di fumare?

L’Asl organizza nuovi corsi per te! L’Azienda sanitaria locale Cuneo Uno organizza un corso “Insieme per non fumare più”, dal 9 al 13 maggio, presso il salone del Servizio dipendenze patologiche di Cuneo, in corso Francia n. 10 (orario 19–20.30). Il corso prevede una fase intensiva di 5 serate consecutive della durata di circa un’ora e mezza ciascuna e di altri 4 Molte fumatrici sono donne incontri a cadenza settimanale aventi come obiettivo il consolidamento delle dinamiche di auto mutuo aiuto sviluppate nella prima parte del corso stesso. I partecipanti ai corsi organizzati finora sono stati circa 550 provenienti da tutta la provincia di Cuneo, con una presenza prevalentemente maschile ed un’età media di 35 anni. L’iscrizione al corso è di 60 euro; per ulteriori informazioni telefonare allo 0171.450128 (dal lunedì al venerdì, in orario d’ufficio), oppure allo 0171.908123 (martedì ore 15-18,30 e giovedì 9-11).

Primo venerdì del mese con Padre Ghi L’intervento di Sassone

Le iniziative dell’Aci per “l’anno del pedone”

Giuseppe De Masi e Brunello Olivero presentano le novità Aci

25

“Ridare spazio a Dio”

Nel 2010 ci sono state undici vittime. Occorre più sicurezza

La situazione della mobilità nella Granda, a partire dalla novità della rete stradale e autostradale: dall’avanzamento lavori dell’Asti-Cuneo con la realizzazione della variante di Pianfei e l’apertura dei nuovi cantieri, all’imminente appalto lavori per la realizzazione del tunnel Tenda-bis, al nuovo studio di fattibilità della variante della statale 21, all’impegno progettuale per il tunnel Armo-Cantarana. Di questo, ma soprattutto di sicurezza stradale, si è parlato nell’annuale incontro con l’Automobil Club di Cuneo. Sicurezza stradale vieppiù importante dal momento che il 2011 è stato proclamato Anno del Pedone. Come ha ricordato l’avvocato Brunello Olivero, presidente del sodalizio cuneese, «ai miglioramenti strutturali che rendono le strade più sicure, al progresso tecnologico che rende più affidabili i veicoli, non corrisponde purtroppo un’adeguata diminuzione dell’incidentalità e, quindi, bisogna insistere sul comportamento umano, sull’educazione e sul senso di responsabilità e rispetto della propria e dell’altrui vita da parte di ogni singolo cittadino». In quest’ottica vanno le due direttrici del Pro-

giovedì 5 maggio 2011

mortali complessivi. «Dati preoccupanti – ha proseguito l’avv. Olivero – che confermano la necessità assoluta di chiedere efficienti forme di segnalazione dei pericoli e di invitare tutti, dagli stessi pedoni alle persone alla guida di un qualsiasi veicolo, ad un maggior senso di responsabilità e di rispetto della propria e dell’altrui vita». Venendo alla tessera Aci, questa è diventata, come ha ricordato il direttore Giuseppe De Masi, «una tessera multiservizi e sono stati intensificati i servizi alla persona. Non solo, quindi, soccorso stradale». Sul sito www.cuneo.aci.it si possono trovare tutte le informazioni relative alla sede e alle delegazioni Aci nel Cuneese: in zona, oltre a Savigliano, Saluzzo, Fossano e Bra, è imminente l’apertura a Racconigi. Al temine dell’incontro si è svolta la premiazione dei vincitori del Campionato provinciale Piloti e navigatori dell’Automobil Club Cuneo, riservata ai soci in possesso di licenza Csai per l’anno 2010: Campione provinciale Ismaele Barra, mentre la scuderia campione è la Provincia Granda Rally Club. Paolo Biancardi

Venerdì 6 maggio proseguono al Palazzetto dello Sport di Cuneo le celebrazioni dei primi nove venerdì del mese, guidate da Padre Pierino Ghi, che quest’anno hanno come tema dominante l’Enciclica di Benedetto XVI “Caritas in veritate”. In questo ottavo incontro, l’omelia su “Ridare spazio a Dio” sarà dettata da Padre Bartolomeo Sorge. Durante la funzione saranno benedette le rose, prima di distribuirle esclusivamente a tutti i bambini presenti, che saranno invitati ad avvicinarsi all’altare per partecipare attivamente a canti e preghiere. La funzione avrà inizio alle ore 20 con la celebrazione della Santa Messa. Seguiranno l’adorazione eucaristica e la preghiera di intercessione per i malati nel corpo e nello spirito, guidate da Padre Ghi, prima della processione con Gesù Eucaristia.

Fondo sanitario

Al Piemonte 122 milioni in più Definito presso la Conferenza Stato-Regioni il riparto del fondo sanitario 2011. Al Piemonte spettano 7 miliardi 898 milioni e 677 mila euro, circa 122 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente. L’assessore alla Tutela della Salute e Sanità della Regione Piemonte, Caterina Ferrero, si dice soddisfatta per l’esito positivo del riparto, giunto al termine di trattative molto intense. La Regione Piemonte potrà così contare su risorse che sono in linea con le previsioni che si erano fatte con il “piano di rientro”.

Caterina Ferrero

Cooperazione sociale

Vent’anni di storia “Confcooperative” e “Federsolidarietà Cuneo e Piemonte” organizzano, lunedì 9 maggio, alle ore 14.30, presso il Salone d’Onore della Camera di Commercio di Cuneo, in via E. Filiberto n. 3, il seminario “Cooperazione sociale: 20 anni di storia - Il senso e il significato di una presenza sul territorio della nostra provincia a 20 anni dalla promulgazione della legge 381/199”. Interverranno Luca Fazzi dell’Università di Trento, Giuseppe Guerini, presidente nazionale Federsolidarietà, Andrea Olivero, presidente nazionale Acli, Ferruccio Dardanello, presidente nazionale Unioncamere. I lavori, coordinati da Alessandro Durando ed Elide Tisi, Presidenti provinciale e regionale di Federsolidarietà, saranno arricchiti da interventi e reazioni di numerosi funzionari ed amministratori locali e regionali. Per informazioni, tel. 0171/451711.


26

spettacoli

giovedì 5 maggio 2011

AL CINEMA

EVENTO I ragazzi conquistano il centro storico con la loro esuberanza

SAVIGLIANO

“Open night” per tutti i giovani

AURORA Via Ghione, 10 -Tel. 0172/71.29.57 Vallanzasca merc. 4 e giov. 5 (21.15) - “Nuova rassegna”. Tatanka ven. 6 (21.15), sab. 7 (20.15-22.15) e dom. 8 (18.30-21.15). Hop dom. 8 (16.30). Lun. 9: chiuso per riposo. Rassegna teatrale mart. 10. Il responsabile delle risorse umane merc. 11 e giov. 12 (21.15) - “Nuova rassegna”. CINECITTÁ Via Torino, 252 - Tel. 0172/72.63.24 (informazioni e prenotazioni) Da ven. 6 a merc. 11 SALA 1: Fast & Furious 5 (Fer.: 20.20-22.30; dom.: 1618.10-20.20-22.30). SALA 2: Come l’acqua per gli elefanti (Fer.: 20.20-22.30; dom.: 16-18.10-20.20-22.30). SALA 3: Rio (Dom.: 16). Machete (Fer.: 20.2022.30; dom.: 18.10-20.20-22.30). SALA 4: Thor - 3D (Fer.: 20.20-22.30; dom.: 1618.10-20.20-22.30). SALA 5: Source code (Fer.: 20.20; dom.: 16-18.10). Limitless (Fer.: 22.30; dom.: 20.20-22.30). Giov. 12: chiuso per riposo.

BRA IMPERO Via V. Emanuele - Tel. 0172/41.23.17 - www.cinemaimperobra.it SALA GRANDE: Thor - 3D da giov. 5 a lun. 9 (Fer.: 20.15-22.30; dom.: 16-18.10-20.20-22.30). SALA MAX: Source code giov. 5 (20.20-22.30). Machete da ven. 6 a lun. 9 (Fer.: 20.20-22.30; dom.: 16.20-18.20-20.20-22.30). SALA MIGNON: Habemus Papam giov. 5 (20.20-22.30). Winnie The Pooh ven. 6 e sab. 7 (20.30), dom. 8 (16.30-18.30). Source code ven. 6 e sab. 7 (22.30), dom. 8 e lun. 9 (20.20-22.30). Mart. 10: chiuso per riposo. VITTORIA Via Cavour - Tel. 0172/41.27.71 SALA METROPOLIS: Fast & Furious 5 merc. 4 e giov. 5 (20-22.30). Come l’acqua per gli elefanti ven. 6 e sab. 7 (20-22.30), dom. 8 (17-20-22.30). SALA MILLENNIUM: Cappuccetto Rosso Sangue merc. 4 e giov. 5 (20.1522.30).

CENTALLO NUOVO LUX Via Roata Chiusani, 1 - Tel. 0171/211726 An Education giov. 5 (21) - “Il tempo delle scelte - La sfida educativa”. Il gioiellino ven. 6 (21) - “Rassegna di primavera 2011”. L’esplosivo piano di Bazil da sab. 7 a lun. 9 (20-22).

CHERASCO GALATERI - Via Cavour, 37 - Tel. 0172/489205 Il gattopardo ven. 6 (21) - “Cinema e Storia”.

SALUZZO CIVICO - Tel. 0175/43756 CHIUSO PER LAVORI ITALIA Tel. 0175/42223 Fast & Furious 5 ven. 6 e lun. 9 (20-22.15), sab. 7 e dom. 8 (17.30-20-22.20). Il gioiellino mart. 10 (21.15) - “Cineclub”. Red merc. 11 (20-22.15). Thor ven. 6 e lun. 9 (20-22.15), sab. 7 e dom. 8 (17.30-20-22.20). Fast & Furious 5 mart. 10 e merc. 11 (20-22.15). Come l’acqua per gli elefanti ven. 6 e lun. 9 (2022.15), sab. 7 e dom. 8 (17.30-20-22.20). Thor mart. 10 e merc. 11 (20-22.15). Rio ven. 6 (20), sab. 7 (18) e dom. 8 (16-18). Source code ven. 6 (22.15), sab. 7 e dom. 8 (20-22.20), lun. 9 (20-22.15). Come l’acqua per gli elefanti mart. 10 e merc. 11 (20-22.15). Giov. 12: chiuso per riposo.

I ragazzi fossanesi che con il loro entusiasmo daranno vita a questa prima “Open Night” nella loro città

FOSSANO. “Uno spazio libero per la creatività e le passioni dei giovani”: così viene definita dagli organizzatori la “Open Night” che andrà in scena sabato 7 maggio, dalle 19, nel centro di Fossano. In realtà, gli spazi saranno tantissimi ed occuperanno via Roma, oltre a vie e piazze centrali della città degli Acaja. Questo esperimento di “serata giovane” è un progetto portato avanti dai ragazzi fossanesi e coinvolge tutte le associa-

CORSO

zioni e gli enti che si occupano della vita dei giovani, con il sostegno di numerosi partner. Sabato sera, dalle 19 (“l’ora dell’aperitivo”), il centro di Fossano diventerà un crocevia di creatività. Ci saranno spazi per lo sport: street soccer con “porte volanti”, basket, bici Bmx, skate, parkour, persino un raduno di motorini. Altri ragazzi si produrranno in esibizioni artistiche: il circo Paniko con il suo spettacolo aereo, laboratori artistici, scuola di circo con i “Fu-

Quattro serate di incontri con gli esperti cinefili Turco e Mosca

Il Risorgimento nel nostro cinema zionale, attraverso una serie di percorsi per immagini «volti – spiegano i due cinefili – a costruire una memoria collettiva del Risorgimento, ed hanno l’obiettivo di diffondere la cultura cinematografica e di offrire allo spettatore strumenti di lettura e di consapevolezza intorno al racconto, al discorso ed all’estetica del film, per vivere l’esperienza del lungometraggio come strumento di formazione personale

RACCONIGI CINEMA S. GIOVANNI - Via Cesare Billia, 10 CHIUSO - Le proiezioni riprenderanno nel mese di ottobre

BORGO S. DALMAZZO CINELANDIA: Tel. 0171/26.52.13 - Prenotazione posti al n. 199.151.645 o sul sito www.cinelandia.it Merc. 4 e giov. 5 Cappuccetto Rosso Sangue (20.20-22.40). Fast & Furious 5 (20-21.15-22.45). Habemus Papam (20.10-22.35). I baci mai dati (20.3022.30). Rio - 3D solo merc. 11 (20). Rocky solo giov. 12 (21.15). Source code (20.20-22.40). The next three days solo merc. 11 (22.45). Thor - 3D (2021-22.45). World invasion (20.15-22.45).

FOSSANO I PORTICI - Via Roma, 74 - Tel. 0172/833381 SALA VISCONTI: Fast & Furious 5 ven. 6 e sab. 7 (20-22.20), dom. 8 (1618.30-21), da lun. 9 a merc. 11 (20.45). In occasione della “Open Night” proiezione notturna de Si può fare sab. 7 (1). SALA FELLINI: Tatanka ven. 6 e sab. 7 (20.30-22.30), dom. 8 (16.15-18.15-21.30), da lun. 9 a merc. 11 (21.30). SALA DE SICA: Machete ven. 6 e sab. 7 (20.15-22.30), dom. 8 (16.15-18.30-21.15), lun. 9 e mart. 10 (21.15). La passione merc. 11 (21.15) - “Cineforum”. Giov. 12: chiuso per riposo. NELLE FOTO: COME L’ACQUA PER GLI ELEFANTI

CINEMA

ma che ‘nduma”, performance di writers e di street dance in stile hip-hop. Ci sarà naturalmente tanta musica con una discoteca all’aperto (6 dj!) già funzionante sin dalle 19 ed esibizioni di gruppi rock locali. E poi ancora i bar aperti, il bookcrossing (per le vie correranno carriole piene di libri da scambiare), i giochi di ruolo... ma anche i momenti di riflessione (è previsto persino uno spazio idee con don Derio ed un monaco Zen). Insomma, una serata in

cui tutti i giovani daranno il loro contributo per divertirsi “con la testa sulle spalle”. I particolari dell’evento si possono consultare sul sito internet www.quellochecerco.net, mentre fino a giovedì 5 maggio chi volesse ancora esibirsi può contattare Cristina o Alberto al numero 347.3190679. L’Open Night all’aperto si concluderà all’1 di notte, ma a quell’ora il cinema “I portici” proietterà ancora il film “Si può fare”. La serata sarà rimandata, come assicurano i giovani organizzatori, solo «in caso di diluvio». L’appuntamento slitterebbe al sabato successivo, 14 maggio. «Si tratta di un “numero zero” – hanno detto i ragazzi –; speriamo che tutto vada bene, ma sicuramente ci sarà l’occasione per migliorare. L’importante è che i giovani facciano qualcosa per loro stessi e che invoglino a fare altrettanto i loro amici». È una bella idea che potrebbe essere “esportata” anche nel territorio saviglianese. La serata è un “antipasto” dell’Open space meeting (una sorta di grande assemblea) che radunerà i giovani fossanesi il 4 giugno, per discutere sul futuro della città. Guido Martini

Una scena del celeberrimo film “Il gattopardo” di Luchino Visconti

SAVIGLIANO. Il Comune organizza alcuni incontri di approfondimento sul linguaggio cinematografico dedicati alle “Immagini del Risorgimento”. Coor-

dinate dal professor Carlo Turco e condotte dal critico Umberto Mosca, le lezioni saranno focalizzate sui 150 anni dell'Italia nella rappresentazione del cinema na-

e crescita culturale». Il corso, che verrà attivato con un numero minimo di 15 adesioni, si terrà presso la sala Miretti (piazza Santarosa) i martedì 10, 17, 24 e 31 maggio, dalle 21 alle 23. Il costo, grazie al contributo del Comune di Savigliano, è di soli 20 euro per tutti gli incontri. Per iscriversi, entro venerdì 6 maggio, rivolgersi all’ufficio Cultura (tel. 0172.710235).

Due film sul tema anche al Galateri CHERASCO. Due appuntamenti per chi vuol vivere la storia del Risorgimento sul grande schermo. Al cinema Galateri, venerdì 6 maggio, alle 21, viene proiettato “Il gattopardo” di Luchino Visconti; venerdì 13 maggio, sempre alle 21, “Noi credevamo” di Mario Martone. Ingresso gratuito.

ARTE Galleria S. Pietro

Rassegna

Il tempo delle scelte

Due secoli di pittura

CENTALLO. Il Nuovo Cinema Lux propone una rassegna di quattro film sul tema “Il tempo delle scelte – la sfida educativa”, progetto proposto in 51 sale a livello italiano. Si comincia giovedì 5 maggio, alle ore 21, con “An education” di Lone Scherfig: la storia di Jenny, 16enne che decide di abbandonare la scuola per seguire il nuovo fidanzato trentenne David. Giovedì 12 maggio tocca a “Rosso come il cielo” di Cristiano Bortone: una storia vera di un bambino che perde la vista per un incidente, ma non si arrende: nella sua vita si dedicherà al suono nel mondo del cinema,

SAVIGLIANO. “Ottocento e Novecento piemontese: un patrimonio artistico infinito” è la mostra che si potrà visitare da sabato 7 maggio presso la Galleria d’arte “San Pietro” di via Garibaldi n. 47 (davanti alla chiesa di San Pietro). In esposizione, opere di Giulio Boetto, Giuseppe Falchetti, Cesare Maggi, Giovanni Battista Quadrone e tanti altri. «Il grande evento che riporta a Savigliano, dopo anni di silenzio, le opere dei Maestri dell’800 e del primo ‘900 piemontesi – spiega il professor Giorgio Barberis, critico d’arte – si caratterizza per la grande qualità e la quantità di

Peter Sarsgaard e Carey Mulligan in “An education” di Scherfig

diventando un grande esperto. Dennis Gansel è invece il regista dell’ormai celeberrimo “L’Onda”, film – in cartellone giovedì 19 maggio – che parla di come ancora oggi un regime totalitario potrebbe instaurarsi. Lo dimostra un esperimento nato a scuola... Si chiude giovedì 26 maggio

con “Il riccio”, pellicola di Mona Achache tratta dal best-seller “L’eleganza del riccio”. È la storia di una portinaia parigina, molto scontrosa, che nasconde una cultura vastissima. Il biglietto d’ingresso singolo costa 3,50 euro; l’abbonamento a tutti e quattro i film costa solo 10 euro.

Una delle opere in mostra: “Controluce invernale” di Giulio Boetto

lavori esposti e per il fatto di volersi attestare sui primi fondamentali movimenti artistici dell’Ottocento: il Romanticismo ed il Realismo. Due correnti di pensiero che si insinuano, oltre che nelle arti figurative, anche nella poesia, nella letteratura, nel teatro, nella musica. È un mutamento di gusto, di pensiero; è il rifiuto d’ogni ideale e

d’ogni univoca classificazione del bello per dare libero sfogo alla creazione individuale». L’inaugurazione dell’evento è fissata per sabato alle 17. La mostra rimane aperta fino al 5 giugno, dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 19; sabato e domenica anche al mattino, dalle 10.30 alle 12.


spettacoli

TEATRO

”Ël Fornel” chiude la rassegna dialettale

No sangue blu?Ahi...

Gli attori della compagnia teatrale “Ël Fornel - Giovanni Clerico” (qui in un precedente spettacolo)

SAVIGLIANO. Termina, martedì 10 maggio, alle ore 21, la 12ª rassegna dialettale in piemontese organizzata dall’associazione “Sipari sël Piemont” e dalla compagnia teatrale “Ël Fornel - Giovanni Clerico” di Racconigi. Sarà proprio quest’ultima a chiudere il programma, proponendo “Anche ij strass a fan bela figura”, commedia in tre atti di Armando Galleano, che andrà in scena al cine-teatro Aurora (il Milanollo è infatti ancora chiuso per lavori). La pièce è stata scritta nel 1997 ed è stata accolta subito con grande favore dal pubbli-

MUSICA

co. La trama si dipana in un castello di vanagloria e di menzogne destinato a cadere presto. Siamo negli anni Sessanta: una famiglia di provinciali decide di trasferirsi a Torino per “fare la bella vita”. Mancano, però, i soldi, fondamentali per quel tipo di scelta. Ma ecco che una delle due figlie s’innamora del rampollo di una casata nobiliare, vantando “sangue blu” che ovviamente non ha (tenete conto che la commoner Kate avrebbe sfondato il cuore del principe William solo mezzo secolo dopo... mica è facile sposarsi un nobile, se

I concerti del “Molo club live”

Blues, jazz e letteratura

non lo si è). La famiglia viene invitata in un ricevimento a corte, ma... riuscirà a non farsi scoprire? E soprattutto, riuscirà il vero amore ad appianare le differenze sociali? «Una commedia brillante e divertente» assicura il presidente di “Sipari sël Piemont” Gian Piero Ambrassa. Un bel modo per festeggiare anche i venticinque anni dell’associazione culturale. Il biglietto costa 7 euro (ridotto a 5 euro per under 18, over 60, iscritti UNItre di Savigliano). Informazioni presso l’ufficio Cultura del Comune (tel. 0172/710235).

Bianconi al Movicentro BRA. Gran finale, sabato 7 maggio, per “Il futuro è nelle tue mani”. Dopo lo spazio pomeridiano dedicato ai mercatini ed ai laboratori creativi, alle 21 si terrà l’ultimo degli “Incontri ravvicinati”. Il primo dei due ospiti è Francesco Bianconi, cantante di uno dei gruppi italiani di maggior successo degli ultimi anni, i toscani Baustelle, di cui è il cuore pulsante ed il principale compositore. Inoltre, ha firmato i brani d’interpreti del calibro di Paola Turci, Irene Grandi, Syria ed Anna Oxa. Presto in uscita per Mondadori il suo primo libro, “Un romantico a Milano”. Con lui, i Mathery (Matteo Sangalli ed Erika Zorzi, 21 e 22 anni, due studenti di design). Dalle 22.30, festa di chiusura con dj set.

Laureato in Arneis CANALE.All’enoteca regionale del Roero, venerdì 6, viene consegnata la “Laurea in Roero Arneis” allo showman televisivo Piero Chiambretti.

Gustosa sagra

Agnolotto e canestrello

SAVIGLIANO. Altri due nuovi appuntamenti questa settimana per “Il Molo club live”, la rassegna che ci fa conoscere i gruppi della scena musicale locale, “antipasto” de “Il Molo Street Live” di luglio. Giovedì 5 maggio, al Lord Byron pub di via Mazzini, si esibisce la “House of Blues”, band che propone una serata al ritmo di blues e funky. Il gruppo – Alberto Bracco (batteria e voce), Daniele Lamberti (chitarre), Angelo Lamberti (basso), Pinuccio Gertosio (tastiere) – proviene da Fossano e Dronero. Bracco è un “veterano” del palco. Oltre a suonare e cantare – ha militato in numerose formazioni – cura arrangiamenti e basi musicali. Anche Gertosio vanta una notevole esperienza sui palchi, oltre ad essere organizzatore di “Cantadronero” e del “Concorso esecutori di piano bar”. Daniele Lamberti, in arte “smokin’daniel”, è un chitarrista blues del Cuneese, mentre Angelo Lamberti è un bluesman da sempre. Venerdì 6 maggio, al Tre Scalin Birra Bar di via Sant’Andrea, tocca ai “Jazz Porter”, che propongono un curioso mix: “Le

note di Chet Baker incontrano Cesare Pavese”. Il gruppo – Marco Vezzoso (tromba), Fabio Gorlier (piano), Andrea Gavuzzo (batteria), Carlo Chirio (contrabbasso) e Cristiana Soci (voce narrante) – proviene da Alba e Torino. Chet Baker e Cesare Pavese, due grandi uomini del Novecento che, attraverso la loro arte, hanno lasciato un segno indelebile nella Storia. Chet Baker, trombettista, americano, eccentrico, geniale ed eccessivo. Cesare Pavese, scrittore, piemontese, solitario. Due vite apparentemente molto diverse eppure molti sono gli aspetti comuni: entrambi affrontano i temi dell’amore assoluto, del destino, del carcere, dell’ispirazione, del ritorno alla terra, della felicità e della pienezza. L’incontro dell’associazione Voci Erranti con i Jazz Porter fa maturare il desiderio di unire le competenze ed il piacere di presentare, in una forma semplice e conviviale, l’essenza dei due artisti. Concerti in diretta su Trs radio (Fm 104.800 o in streaming su www.trsradio.it).

Francesco Bianconi

CANTO

POLONGHERA. Si svolge, da venerdì 6 a domenica 8, la Sagra dell’agnolotto e del canestrello. Durante la kermesse, stand enogastronomici, mostre e spettacoli.

Olimpiadi...

...del sorriso FOSSANO. Al castello degli Acaja si può visitare, da sabato 7 (ore 16), la mostra internazionale di grafica umoristica “Olimpiadi del sorriso”. Orario: 15-19. Ingresso libero.

Barbera d’Alba

Degustazioni in cantina LA MORRA. Alla Cantina comunale (via Carlo Alberto n. 2), sabato 7, è la Giornata della Barbera d’Alba, dedicata alle degustazioni (ore 10-12.30 e 14.30-18.30).

“Expoflora”

Fiori e giardinaggio FOSSANO. L’esposizione di piante, fiori ed attrezzature da giardino “Expoflora” si svolge, sabato 7 e domenica 8, nel parco cittadino. Orario: 15-23.30.

Mongolfiere

L’ebbrezza del volo MONDOVÌ. Al centro commerciale Mondovicino Outlet Village, sabato 7 e domenica 8, si potrà salire in cielo in mongolfie-

27

Verso la XXV rassegna internazionale

Prime “voci” sui cori

La corale femminile “Milanollo” diretta da Sergio Chiarlo

rama, due gruppi “di casa”, che il pubblico apprezza particolarmente: il trio Arturo Toscanini e naturalmente la corale femminile Milanollo. Il concerto di sabato 4 giugno a Cuneo si terrà alle ore 21 presso l’auditorium di San Giovanni. Domenica 5 giugno, invece, i cori si esibiranno durante la Messa delle 11 a Sant’Andrea, per poi essere ricevuti in municipio dalle autorità locali. Alle 21, concerto sotto l’Ala polifunzionale, con il commento di Livio Partiti. Ingresso libero. La rassegna è organizzata in collaborazione con gli assessorati alla Cultura dei Comuni ospiti, l’Ente Manifestazioni di Savigliano, le Banche e le Fondazioni CRSavigliano e CRTorino e con il patrocinio della Provincia di Cuneo.

SAVIGLIANO. Prime indiscrezioni sulla XXV Rassegna internazionale di canto corale organizzata dall’associazione Corale Milanollo, presieduta dal maestro Sergio Chiarlo. La manifestazione quest’anno si terrà in due sedi – Cuneo e Savigliano – sabato 4 e domenica 5 giugno. Come sempre, sono tanti i gruppi che calcheranno il palco della kermesse. Dall’estero arriveranno ancora una volta cori dell’Est europeo: quest’anno ci saranno gli ungheresi Unicum Laude e gli sloveni Simon Gregorcic. Novità anche dal panorama italiano: alla Compagnia musicale cuneese, una veterana della rassegna, si aggiungerà il coro polifonico Città di Savigliano, guidato da Sergio Daniele. A completare il pano-

da mercoledì 4 maggio 2011 a mercoledì 11 maggio 2011

Dove andare Piero Chiambretti

Gli “House of Blues” provengono da Fossano e Torino

giovedì 5 maggio 2011

ra. Partecipazione gratuita.

Spaventapasseri

mero 0175.46710.

Un giorno in fiore

Ancora una domenica

Tutto sul “verde”

CASTELLAR. Si conclude domenica 8 la Festa degli spaventapasseri, 17ª edizione. Per le vie del paese si potranno ammirare fantasiosi spaventapasseri, in una cornice di musica popolare, ci saranno mostre, visite al castello (col museo delle uniformi del Risorgimento) e degustazioni.

BARGE. Nel centro storico, domenica 8, si svolge “Un giorno in fiore: moda di primavera”, esposizione e vendita di fiori, piante ed articoli da giardino. Orario: 9-19.

Giornata culturale

Visite guidate SALUZZO. Una “Domenica di musica, fiori e beni culturali” si tiene domenica 8, con visite individuali e guidate ai monumenti storici della città con intermezzi musicali ogni ora. Orario: 15-19; ingresso libero (visite guidate 5 euro). Informazioni al nu-

ARTE

Mercatini

Due proposte IN PROVINCIA. Per gli amanti d’antiquariato, collezionismo e prodotti tipici, domenica 8, mercatini ad Ormea e Vicoforte.

Piccoli animali

Al foro boario FOSSANO. Domenica 8, ore 8-12.30,

Incontro

Di segno in suono SALUZZO. In occasione della mostra Alter Ego aperta fino al 22 maggio nelle sale della Castiglia, l’Igav (Istituto Garuzzo per le Arti Visive), il Comune di Saluzzo e la Fondazione Scuola di Alto perfezionamento musicale organizzano l’incontro “Di segno in suono”. L’appuntamento – giovedì 5 maggio, ore 18, ingresso libero – si configura come un interessante scambio di idee tra diversi protagonisti del mondo dell’arte e della musica: interverranno, infatti, l’artista Giorgio Griffa ed il mu-

Visitatori alla mostra “Alter Ego” di Giorgio Griffa

sicologo compositore Luigi Abbate per intrecciare un dialogo in merito ai possibili parallelismi fra il linguaggio pittorico e quello musicale; Martina Corgnati, curatrice della mostra, proporrà un intervento su musica e pittura nel '900 e infine, a sottolineare la straordinaria vocazione musicale saluzzese, Da-

nilo Rinaudo, Presidente della Fondazione Scuola di Alto perfezionamento musicale di Saluzzo. La mostra “Alter ego 1979 – 2008” di Giorgio Griffa è aperta fino al 22 maggio alla Castiglia (piazza Castello). Orari mostra: sabato e domenica 15-19. Biglietto intero 5 euro, ridotto 2,50 euro.


28

rubriche

giovedì 5 maggio 2011

di Giovanni Bosio

Sul filo della memoria

FOTO DI M. MONDINO

Il fondatore della casa cinematografica “Proda Film” In gioventù Antonio Canelli, venuto alla luce a Savigliano, aveva assecondato la propria passione per la cinematografia amatoriale girando dei cortometraggi con la macchina da presa “Pathe Baby”. Al tempo stesso si era dedicato ai problemi riguardanti i film a passo ridotto, con il proposito di risolverli, qualora fosse stato possibile, o facilitarne perlomeno lo studio. Dopo aver lavorato per qualche tempo alle dipendenze della Società Nazionale delle Officine di Savigliano, con la qualifica di impiegato di concetto, si era trasferito a Genova, dove aveva intrapreso un’attività commerciale, rivelatasi molto redditizia. Comprava, infatti, i rottami di ferro per poche lire e li rivendeva alle fonderie ad un prezzo elevato, tanto da mettere da parte in poco tempo una piccola fortuna, grazie alla quale poté soddisfare la sua passione per il cinema. Nel 1958 fondò la casa cinematografi-

ca “Proda Film”, che in quello stesso anno realizzò il film dal titolo “Due selvaggi a corte”, interpretato dagli attori di una certa notorietà come Eleonora Ruffo, Fiorella Mari ed Erno Crisa. Si trattava di un film d’avventura, un genere cinematografico allora molto popolare, perché adatto a tutte le fasce di pubblico, ambientato nel Quattrocento in una città del centro Italia governata da un Antonio Canelli, al centro, durante le riprese del film tiranno. Contro costui scoppia una rivolta capeggiata da un co- comunque a mantenere i contatti con gli raggioso ragazzo, che viene arrestato, tor- altri rivoltosi, i quali assaltano la carretta turato e condannato a morte. Mentre è con cui viene condotto al patibolo, lo liin attesa dell’esecuzione della sentenza, berano e lui fugge a cavallo dopo aver pasda dietro le sbarre della prigione riesce sato a fil di spada le guardie della scorta.

Totocalcio

Massimi Ritardi

Bologna-Parma 1X Brescia-Catania 1X Cagliari-Cesena 1X Inter-Fiorentina 1 Lecce-Napoli 2 Udinese-Lazio 12 Hellas Verona-Lumezzane 1 Foggia-Taranto 1X Juve Stabia-Lucchese 1 Cremonese-Bassano VirtusX Reggiana-Salernitana 1 Siracusa-Ternana 1 Viareggio-Pisa 12 Genoa-Sampdoria 12 Importo caratura Euro 80 Singola cedola Euro 8

a cura di NEL da giovedì 5 a mercoledì 11 maggio 2011

ARIETE 21 Marzo - 20 Aprile Se gli amici si allontanano, fatevi un esame di coscienza: troppo presi da conquiste e propositi di carriera, vi comportate talvolta in modo ambiguo. Fluttuazione negli investimenti, non fidatevi di una proposta troppo appetibile. Salute: fate attività fisica... la sedentarietà non vi fa bene!

Calcio scommesse Risultato finale

INCONTRO Palermo-Bari Roma-Milan Bologna-Parma Brescia-Catania Cagliari-Cesena Inter-Fiorentina Lecce-Napoli Udinese-Lazio Genoa-Sampdoria Juventus-Chievo

1

X

2

1,33 2,50 4,00 1,70 3,25 1,65 2,90 2,25 2,65 1,33

4,50 3,00 1,40 3,60 2,10 3,75 3,40 3,30 3,00 4,50

9,00 2,85 4,50 4,00 2,40 4,75 2,25 3,00 2,65 9,00

SCOMMESSE SPORTIVE

O

Superenalotto 28-34-54-60-71-73-79 23-42-43-47-61-64-68 29-39-45-69-76-79 7-20-30-63-83-89 40-53-59-66-78-85-88 4-9-11-47-48-77-80 40-44-52-62-86-88 36-53-57-78-80-83 24-33-42-50-60-71 25-27-31-51-87-88 15-18-21-23-27-31 3-8-12-20-25-46-74-81 1-5-19-52-72-75-90 1/14 di quota L 5,00 con numero SuperStar

ROSCOPO

LEONE 23 Luglio - 23 Agosto Per qualche settimana pensate solo al successo, siete bombardati da idee da sviluppare. Accorgervi di aver trascurato partner e famiglia è una doccia fredda, ma negli altri trovate comprensione. La mente positiva trasformerà l’energia incanalandola su binari costruttivi senza rallenta-

La foto curiosa

SAGITTARIO 23 Novembre - 21 Dicembre La carriera assorbe le vostre energie: dopo una fase di stanca, nuovi stimoli vi rimettono in pista, ma esagerando trascurate chi vi sta accanto, che ve la fa pagare. Si prevedono frizioni con chi vi contende la supremazia, ma riuscirete a mantenere il polso della situazione.

Uno scoiattolo impegnato in un esercizio alla pertica nel parco di piazza D’Armi a Savigliano… (Foto scattata da Valentina e Lorenzo Ilarda)

Avete delle foto curiose? Portatecele in redazione (piazza Santarosa n. 21) o inviatecele via e-mail a redazione@ilsaviglianese.com

Riflessioni della scacchiera Via Chianoc, 6 - Savigliano Aperto ogni giovedì dalle ore 21

Le vostre difficoltà nascono dalla timidezza. È in arrivo, però, la svolta: acquistate sicurezza, curate l’immagine e raddoppiate l’impegno. Con gli amici ve la spassate, però cominciate anche a sentirvi stanchi e desiderosi di una tregua. Amore, per il momento, in standby.

GEMELLI 21 Maggio - 21 Giugno

BILANCIA 23 Settembre - 22 Ottobre

Il partner vince il vostro malumore, restituendovi entusiasmo. Non permettete alla gelosia di rovinare un’intesa perfetta; anche nel lavoro le linee guida sono lealtà e collaborazione. Forma fisica fantastica: equilibrio tra pensieri e sensazioni... i medici per ora non avranno lavoro da voi.

Una trasformazione interiore vi distacca dalle ambizioni materiali. Restano esclusi gli affetti: per chi amate volete il meglio e vi fate in quattro per garantirlo. Fidandovi troppo di un amico che condiziona alcune vostre scelte, rischiate di trovarvi in un pasticcio.

CANCRO 22 Giugno - 22 Luglio Disordine negli obiettivi: l’agitazione vi confonde e per ritrovarvi vi serve una pausa. Riflettete sulle sconfitte amorose, se le storie non vanno è anche colpa vostra: poco sentimento! Impegno raddoppiato per chi studia: competere diventa oramai un’idea fissa.

SCORPIONE 23 Ottobre - 22 Novembre Intrigati da cambiamenti vi tuffate in un’impresa professionale dimenticando la prudenza. L’entusiasmo v’impedisce di tenere segreti che potrebbero ingolosire un rivale. Per quanto riguarda la sfera sentimentale, nonostante qualche battibecco gli affetti sono forti e sinceri.

CAPRICORNO 22 Dicembre - 20 Gennaio Un errore compiuto in passato vi condiziona, basterebbe parlarne per liberarvene. Invece vi tenete tutto, ma le emozioni vincono sul self control. In questo periodo dovrete essere prudenti: evitate gli eccessi, gli impegni esagerati e le evitabilissime distrazioni.

ACQUARIO 21 Gennaio - 19 Febbraio Con la strategia giusta risolvete contrasti professionali o trovate un nuovo lavoro. Fantasia e nostalgia s’intrecciano in amore, è tempo di prendere decisioni e costruire un futuro insieme. In vista settimane esplosive: fate quello che vi viene in mente, senza badare alle conseguenze.

PESCI 20 Febbraio - 20 Marzo La sfida professionale alimenterà la vostra autostima, col rischio però di farvi dimenticare i limiti ed esponendovi a colpi di testa. Anche senza parlare con il partner vi capite al volo, l’intesa comincia dalla pelle, ma arriva al cuore. Salute: fate attenzione all’aumento di peso.

Per informazioni: 340/9099455 Mi serve tempo per pensare; devo fermarmi a tirare le fila di una vita che mi sta scivolando tra le mani troppo rapidamente. Il tempo passa sempre più veloce ed è come se andassimo tutti di corsa verso un buco nero che ci inghiottirà per sempre senza essere riusciti nemmeno per un attimo, veloci come siamo, a capire il senso di questa nostra frenetica esistenza. La questione non la sollevo di certo io; è da tempo, infatti, che percepisco tra la gente la necessità di rallentare un po’, scalare una o due marce, uscire dall’autostrada ed imboccare una strada di campagna lungo la quale, viaggiando lentamente, riscoprire sensazioni ormai dimenticate: il profumo dell’erba tagliata da poco, il rumore dell’acqua di un torrente, il cinguettio lontano di un uccellino e finire magari in una trattoria semplice dove potersi rifocillare a dovere e, perché no, trovare anche il tempo di giocare una partita a scacchi con un vecchio avventore di quel locale che, dopo avervi facilmente battuto direbbe: «Muovete troppo velocemente amico mio, e senza pensare abbastanza!». Paolo Simonazzi IL BIANCO MUOVE E DA’ SCACCO MATTO IN DUE MOSSE. SOLUZIONE: il pedone bianco b7 promuove a regina in b8 con scacco al re nero; il cavallo nero in c6 la cattura e, raggiunta questa posizione, il pedone bianco in c7 cattura il cavallo in b8, promuovendo a regina e dando scacco matto.

TORO 21 Aprile - 20 Maggio L’amore domina i vostri pensieri: se una storia sta nascendo ne parlate a dismisura; se già c’è, ma vi procura grattacapi, trovate la soluzione. Idee geniali nel lavoro vi rendono molto interessanti, peccato che tenete tutto dentro. Attenti, il divertimento pesa sulle finanze!

VERGINE 24 Agosto - 22 Settembre


piazza affari

A nnunci E conomici SAVIGLIANO centro storico (via Torino) – CEDESI attività o locale commerciale (40 mq). Tel. 339/1577088 (orario negozio). • SAVIGLIANO comodo Stazione, Scuole ed Alstom – Privato AFFITTA, a persone referenziate, ampio bilocale nuovo arredato: ingresso, soggiorno con angolo cottura, disimpegno, camera, bagno con box doccia, balcone. Se richiesti: cantina, posto auto o autorimessa (riscaldamento autonomo). No spese condominiali. Tel. 331/8608020. • SAVIGLIANO zona ospedale – AFFITTANSI, solo a referenziati, monocamera e bilocale arredati. Tel. 0172/742602. • SAVIGLIANO fronte municipio – AFFITTASI, a referenziati, tre vani con riscaldamento autonomo. Tel. 0172/712969. • SAVIGLIANO zona centrale – AFFITTASI, ad una persona, monolocale ammobiliato. Tel. 0172/715699. • SAVIGLIANO corso Vitt.Veneto – AFFITTASI appartamento: cucinotta, soggiorno, camera, ripostiglio, garage e cantina (termoautonomo). Tel. 340/6168260. • LAIGUEGLIA centro (10 m. dal mare) – AFFITTASI appartamento (mese di giugno). Tel. 347/6632019 – 333/2496010. • Magazziniere specializzato saviglianese CERCA lavoro come

operaio generico. Tel. 347/1411309. • Volete godervi una serata da tranquilli senza rischiare multe e controlli? Autista OFFRESI per trasporto (max 4 persone). Tel. 348/1601887. • Signora italo-argentina CERCA lavoro purché serio: collaboratrice domestica, baby-sitter, lavapiatti, aiutante cuoca, operaia o pulizie casa/ufficio. Si impartiscono anche ripetizioni di Spagnolo. Tel. 333/7896301. • Laureato IMPARTISCE lezioni di Chimica, Fisica, Matematica e materie tecnico-scientifiche in genere a studenti di vario livello (Medie, Superiori e corsi universitari). Tel. 333/8685326. • Imbianchino piemontese ESEGUE lavori di tinteggiatura e verniciatura interni ed esterni. Tel. 346/1462715. • Signora CERCA lavoro come badante. Disponibile giorno, notte ed anche festivi.Tel. 329/8168302 – 338/7032646. • Signore straniere CERCANO lavoro come badanti (giorno e notte) o per pulizie. Tel. 320/2506664. • Si ESEGUONO lavori di abbattimento piante e pini pericolosi presso abitazioni, potatura e manutenzione giardini. Tel. 348/7902395. •

SAMPEYRE – Studio tecnico CERCA apprendista geometra praticante o segretaria con contratto di formazione lavoro volenterosi. Eventuale disponibilità di alloggio in monolocale. Astenersi perditempo. Inviare c.v. Rif. 5/SA – “Il Saviglianese” – piazza Santarosa n. 21 – Savigliano. • La concessionaria Ribauto CERCA meccanico con pluriennale esperienza nel settore auto. Si richiede specializzazione in elettronica. Telefonare 0172/31191 0172/22367 (ore ufficio). Matrimoniali e amicizie Anna e Anna Club per single Ragazza semplice, buon impiego, 35enne, molto carina, nubile, CONOSCEREBBE uomo per futuro insieme. Tel. 342/0629715. • Insegnante Elementare, 42enne, romantica, passionale, VORREBBE FORMARE FAMIGLIA con uomo affidabile.Tel. 348/9016101. • Ha una grande azienda vinicola, 43enne, carattere deciso, crede nella famiglia, alto, moro, occhi verdi, fisico sportivo, INCONTREREBBE donna semplice di cui innamorarsi. Tel. 329/6412710. • Vedovo, 58enne, benestante, aspetto distinto, buona cultura, si prende cura quotidianamente di sua figlia, che purtroppo non è autosufficiente.Vorrebbe completare il suo essere umano con una donna comprensiva, sensibile. Tel. 334/9720858.

Veterinari

Turni benzinai

Turni farmacie

Alesso Matteo Tel. 0172/85996-336/230139 Biolatti Pier Giuseppe Tel. 340/3928825 Chiavassa Enrico Tel. 0172/382560-335/6060220 Bosio Emilio Tel. 0172/33506-335/6027039 Fissore Mario Tel. 0172/31682-335/7890231 Miglietti Enrico Tel. 337/226616 Ricossa Paola 0172/713360-339/2012836 Alesso Cinzia 339/7790752-0172/377154 Michele Teobaldi 335/7890232

SABATO 7 MAGGIO (POMERIGGIO)

Giovedì 5 - Farmacia Dominici - Via Cambiani - Tel. 0172/712.258 Venerdì 6 - Farmacia Monchiero P. del Popolo - Tel. 0172/712.389 Sabato 7 - Farmacia Bonelli - Via Torino - Tel. 0172/712.366 Domenica 8 - Farmacia Albertini - P. Santarosa - Tel. 0172/712.272 Lunedì 9 - Farmacia Paschetta - P. Santarosa - Tel. 0172/712.978 Martedì 10 - Farmacia Dominici Via Cambiani - Tel. 0172/712.258 Mercoledì 11 - Farmacia Monchiero - P. del Popolo - Tel. 0172/712.389 Giovedì 12 - Farmacia Bonelli - Via Torino - Tel. 0172/712.366

TURNO B Tractiongas (AGIP) Via Alba Autolavaggio Europam (IP) Via Saluzzo, 41 Autolavaggio a mano Sirtam (ERG) Via Cuneo – S.R. 20 Autolavaggio

giovedì 5 maggio 2011

Segnalibro di Luciano BONA VIRGINIA WOOLF E IL GIARDINO BIANCO Un nuovo, interessante, filone di specializzazione, intercettato dalla Casa Editrice TEA, del pastiche letterario (romanzi ambientati negli stessi periodi storici e con gli stessi personaggi dei classici ai quali si ispirano) postmoderno delle eroine sette-ottocentesche. Dopo la “Trilogia di Fitzwilliam Darcy, gentiluomo”, opera della bibliotecaria Pamela Aidan che racconta la vicende di Orgoglio e pregiudizio dal punto di vista di Fitzwilliam Darcy, la TEA propone una serie di pastiche su Virginia Woolf in questa serie di mysteries di Stephanie Barron, l’analista della CIA, l’agente dell’antiterrorismo che alle avventure di Jane Austen ha affiancato anche quelle che vedono coinvolta Virginia Woolf. …Il 28 marzo 1941 Virginia Woolf si recò sulle rive dell’Ouse, non lontano dalla sua casa nel Sussex, dove viveva col marito, si riempì le tasche del soprabito di pietre e si gettò nelle acque del fiume, togliendosi la vita… …Sessant’anni più tardi, l’architetto del paesaggio Jo Bellanry giunge a Sissinghurst Castle per studiare il celeberrimo «giardino bianco» che la scrittrice Vita Sackville-West aveva creato per la sua amata Virginia. Ma

tra le ombre di una delle più famose dimore d’Inghilterra, Jo fa una scoperta sconcertante: tra i documenti conservati negli archivi della residenza trova quello che sembra l’ultimo diario di Virginia Woolf, la cui prima pagina riporta la data del giorno successivo alla sua morte. Se quel quaderno si rivelasse autentico metterebbe in discussione ogni precedente teoria sulla fine della famosa scrittrice. Ma prima che Bellamy possa svelare la sua scoperta, il prezioso diario scompare. Chi l’ha rubato? Quale mistero si cela tra quelle pagine? E che collegamento c’è tra i segreti che custodiscono e quelli nascosti nel giardino bianco? Una scoperta sconcertante, pagine misteriose in un romanzo teso ed intrigante, denso di atmosfera ed una storia coinvolgente... Stephanie Barron - VIRGINIA WOOLF E IL GIARDINO BIANCO - Narrativa TEA - pagg. 285 – 12 euro.

29

RICERCA TIROCINANTE MARKETING (rif. MARK) Per la posizione valutiamo candidati in possesso di Laurea triennale o specialistica in Economia preferibilmente indirizzo Marketing. Il candidato/a si occuperà di: analisi di mercato per categoria merceologica, calcolo della redditività per categoria merceologica (vendite/margine/posizionamento prezzi), valutazione spazi espositivi della merce. Si offre tirocinio con prospettive assuntive. RESPONSABILE REPARTO GENERI VARI Per la posizione valutiamo candidati provenienti dal settore GDO che abbiano già maturato un’esperienza di 2/3 anni nella gestione di reparti generi vari. Il candidato si occuperà di gestire i reparti a livello di allestimento, ordini, stock e magazzino e di coordinare il gruppo di lavoro. Il candidato ideale, capace di agire in un contesto operativo e di pianificare ed organizzare le attività, è dotato di leadership e spirito commerciale, orientamento ai risultati economici, capacità di gestire autonomamente le risorse umane attraverso uno stile motivante e partecipativo. Si richiedono: precedente pluriennale esperienza nelle mansioni, conoscenza dei principali programmi informatici e disponibilità a lavorare nei festivi. TIROCINANTE COMMERCIALE (rif. COMM) Per la posizione valutiamo candidati in possesso di Diploma di Ragioneria o equipollenti Il candidato/a si occuperà di: inserimento fatture fornitori - rapporti con fornitori - inventari mensili. Richiesta flessibilità di orario e residenza in zona. Si offre tirocinio con prospettive assuntive. Sede di lavoro: Savigliano. Inviare curriculum vitae (con consenso utilizzo dei dati L. 196/2003) con il rif. dell’annuncio a: risorse.umane@savidis.it fax 0172/241555


30

rubriche

giovedì 5 maggio 2011

Auguri

Editoria del territorio MAMMA NON si nasce

Tanti auguri alla piccola GIULIA GHIBAUDO, che il 1° maggio ha compiuto 2 anni!!! Zio Baba, i nonni Beppe, Rosy, Luigi e Maria

Lunedì 2 maggio MARIA SAMPÒ e GIOVANNI GALLO di Cavallermaggiore hanno festeggiato le Nozze di Smeraldo. Quaranta li avete raggiunti e l’augurio più sincero che vi possiamo fare è che possiate, in serenità, raggiungere i 50… i 60… ecc. ecc... AUGURI DI VERO CUORE, cari mamma e papà, e che la vostra splendida unione sia di esempio per tutti noi! Un abbraccio! Daniela, Monica, Enrico & C.

no) ore 20.30: Informatica (modulo 3) CERIMONIA DI CHIUSURA Venerdì 6 maggio, alle ore 15.30, presso la Crosà Neira in piazza della Misericordia, si terrà la cerimonia di chiusura dell’A.A. 2010-2011. PROGRAMMA. Saluto del Sindaco, dell’assessore alla Cultura e delle Autorità presenti – Consegna diplomi per i 10, 15 e 20 anni consecutivi d’iscrizione all’UNItre – Saggio finale della Corale UNItre diretta dal M° Sergio Daniele – Rinfresco a cura degli iscritti al laboratorio di “Panetteria e pasticceria”. La partecipazione alla cerimonia di chiusura è aperta a tutti, iscritti e non iscritti. MOSTRA Venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 maggio, presso la Sala Agorà (Confraternita San Giovanni di via Torino), si potranno ammirare in mostra i lavori eseguiti nel corso dell’A.A. 20102011 dagli iscritti ai laboratori di Disegno, Fotografia, Maglia, Cucito, Pittura su ceramica e Ricamo Bandera.

Come domare gli spiriti selvaggi del capitalismo cinese? È una domanda che i governanti di Pechino si pongono spesso, soprattutto dopo che la crisi finanziaria mondiale ha messo in luce tutti i rischi di un’economia che cresce vertiginosamente sulla spinta di una bolla speculativa fuori controllo. Per trovare una risposta, quattro secoli dopo la morte di Matteo Ricci, la Cina si è rivolta ancora una volta ai gesuiti. E così, nel 2004, è nato il Center for International Business Ethics (Cibe) presso la University of International Business and Economics di Pechino, un centro specializzato nella diffusione e nella promozione in Cina dell’etica negli affari e nel management. Il segretario generale del Cibe, Stephan Rothlin, è uno svizzero-tedesco di 51 anni. Difficilmente riconoscereste il gesuita nell’uomo in giacca e cravatta perfettamente a suo agio in una sala conferenze, mentre fa una presentazione con le slide che scorrono alle sue spalle. «Il mio ruolo qui - spiega - non ha a che vedere con il mio ministero nella Chiesa. Ma - aggiunge - le persone sono sempre molto attente, se qualcuno vive secondo i suoi principi e mantiene le proprie promesse». Seguendo anche qui una via già tracciata da Ricci, Rothlin cerca anche di fondere le tecniche di meditazione zen con alcuni metodi di preghiera del Cristianesimo orientale, come la “Preghiera di Gesù”, nei corsi per manager che tiene tre volte all’anno, intitolati “Contemplazione in azione”. Insegnare i principi dell’etica agli imprenditori ed ai manager della ruggen-

Ringraziamenti Dalle pagine de “Il Saviglianese” voglio ringraziare con il cuore tutti quanti sono stati vicini a Susanna in questi difficili mesi. Un grazie particolare: al medico curante dr. Bartolomeo Allasia per l’assidua presenza, alle infermiere dell’AD1 per la professionalità dimostrata, ad Anna e Vittoriana del Centro assistenza di Saluzzo per le amorevoli cure prestate, a don Marco per il conforto spirituale, a Bea e Grazia per l’assistenza durante il ricovero ospedaliero, ai parenti, ai colleghi ed alle colleghe d’ufficio, agli amici ed ai vicini di casa per la loro costante presenza e la numerosa partecipazione ai funerali. Beppe Preve – Savigliano I familiari ringraziano tutti gli amici ed i colleghi che, nel ricordo di Gianni Massasso, hanno consentito di devolvere offerte per “Cielo in Terra”, Anffas – La rosa blu e Missione di Padre Sestilio Coda (Ecuador): Anna Davico, Tip Tap, Iana, Ottica Fedon, Bianco macelleria, Bar Cavour, Michelazzo, Massimo Berardo, Dario Arese, Bar Santarosa, Farmacia Paschetta, signor Giachino, Carosso, Pasticceria Scaraffia, signor Pianeda, Olga e Luigi, Parrucchiere Bonavia, Paolo Paoli, Pizzeria Capriccio, Bar Piazza Vecchia,

parole di una ragazza che, come loro, sta vivendo un’emozione grandissima e sta imparando sul campo il mestiere più bello, ma anche più difficile, che ci sia al mondo. Quello della Mamma. Fabrizia Morello

GRUPPO MISSIONE E SVILUPPO

Il gesuita che insegna l’etica ai manager cinesi

Calendario Unitre Venerdì 6 maggio ore 9: Ginnastica in acqua (4° corso) ore 19: Ginnastica per adulti 2 Lunedì 9 maggio ore 10: Attività motoria - 1° corso ore 11: Attività motoria - 2° corso ore 18.30:Yoga 1 – Arabo (principianti) – Francese 2 (avanzato) ore 20.30:Yoga 2 Martedì 10 maggio ore 9: Nuoto (2° corso) ore 18.30: Avviamento al golf 2 ore 19: Ginnastica per adulti 2 ore 20: Pilates - corso C (4° turno) – Ginnastica per adulti 1/bis Mercoledì 11 maggio ore 9: Ginnastica in acqua (3° corso) ore 18.30: Yoga 3 – Inglese 1 (principianti) – Francese 3 (proseguimento) ore 20.30: Inglese 2 (avanzato) – Yoga 4 Giovedì 12 maggio ore 10: Attività motoria - 3° corso ore 11: Attività motoria - 4° corso ore 20: Pilates - corso C (4° tur-

immedesimazione che mi ha investita come un Tir in autostrada, ho pensato che dovevo fare anche io, nel mio piccolo, qualcosa perché in tante (mamme e non) la conoscessero e in tante pensassero “c’è speranza!”. Oltre che in MAMMA NON si nasce, Serena si racconta quotidianamente sul suo blog, www.bismama.com, attraverso il quale condivide le sue gioie, le sue delusioni, i suoi successi ed i suoi fallimenti. In due parole, la SUA VITA. Vale veramente la pena entrare nel suo mondo… ogni giorno fa riflettere e sorridere. Due, in particolare, le cose che mi hanno colpito nel suo libro: la prima è che nei ringraziamenti a fine libro, citando i suoi genitori, scrive: “Mi hanno insegnato che l’ambizione può andare a braccetto con l’umiltà”; la seconda, che ho imparato sulla mia pelle, che “Figlie si nasce, ma mamme si diventa”. Ecco, penso che tutte le mamme, saviglianesi e non, abbiano bisogno di sentirselo dire e possano trarre insegnamento attraverso le

“PENSIERI CONTRO”

Tanti auguri a nonna MARIA TRUCCO in PANERO che, giovedì 5 maggio, spegnerà ben 100 candeline! I quattro figli, i nipoti ed i pronipoti

SAVIGLIANO

Ho conosciuto Serena per caso e subito ho capito che ci sarebbe stata affinità. È una ragazza di 30 anni, compiuti il giorno dell’uscita del suo primo libro (quando si dice il destino), e come recita la Bio del suo blog, www.bismama.com, è felicemente sposata ed è, appunto, bismamma. Una mamma come me e come tante se ne trovano in giro: a Savigliano come in ogni posto del mondo. Una mamma che pensava che mettere su famiglia fosse una pratica esentata da fatiche e sacrifici. Perché son tutti pronti a farti vedere i pro, ma nessuno te lo dice che si fatica. E pure tanto. L’autrice è una donna che ha provato ad imparare, ed ancora lo sta facendo, ed il suo libro ne è una prova! Penso che sia giusto dare spazio ai giovani, soprattutto a quelli che hanno qualcosa da dire, e lei è proprio una di queste. Ho letto il suo libro tutto d’un fiato e mi ci sono ritrovata in ogni singola parola. Per questo spirito di

Stephan Rothlin

te economia cinese non è un compito facile: «Non c’è certamente una grande fame di etica nella maggior parte dei uomini d’affari. Ma sono sempre di più quelli che si rendono conto, dopo lo shock della crisi finanziaria globale, che un’economia priva di una cornice di riferimento morale può facilmente andare fuori controllo». Il Governo è consapevole di questo problema da anni e per questo ha sostenuto la nascita del Cibe. Il lavoro del centro si sviluppa in tre campi: in primo luogo la formazione dei manager e del personale delle aziende, ad esempio con la promozione del Corporate social responsibility reporting, con cui le società imparano a riferire regolarmente ai propri azionisti non solo dell’andamento economico e finanziario, ma anche dell’impegno sociale ed am-

bientale e delle buone pratiche adottate a livello di gestione. C’è poi la ricerca di tipo accademico, con la traduzione in cinese dei testi fondamentali di etica degli affari e la promozione, ad esempio, di un concorso per le migliori idee per uno sviluppo urbano sostenibile. Infine, c’è l’impegno sociale diretto, attraverso una Fondazione per i bambini autistici e la promozione delle migliori scuole Elementari. Il tutto, naturalmente, appoggiandosi alla rete di ricchi imprenditori e società che entrano in contatto con le attività del Cibe. Per Rothlin, anche sul piano dell’etica degli affari, è importante che l’Occidente non si ponga davanti alla Cina con un atteggiamento di superiorità. «Le critiche rivolte alle aziende cinesi», perché inquinano troppo o non rispettano i diritti dei lavoratori, sono percepite come «ipocrite», soprattutto se arrivano da Paesi le cui società si dotano sì di codici etici altisonanti, ma poi delocalizzano il loro “lavoro sporco” proprio in Cina. In questo campo, ci sono grandi possibilità per la dottrina sociale della Chiesa. La Caritas in veritate di Benedetto XVI «offre analisi complete e suggerimenti utili su come gestire l’economia e mandare avanti un’azienda in modo che siano in molti a trarne profitto», e non solamente il suo proprietario. «Il suo mettere assieme sussidiarietà e giustizia - dice Rothlin - è rilevante dappertutto, ma è particolarmente importante in un’economia cinese che ha bisogno di diventare più umana, più attenta all’ambiente ed alla sicurezza delle condizioni di lavoro». (da Jesus)

La foto dei ricordi

sorelle Marsengo, geom. Bertola, Gioielleria Ambrosino, Calzature Prestigio, Allasia casalinghi, Edicola “La Rosa”, Tabaccheria Gentile, Panetteria Al forno, Ambrogio e Lauciello. Un grazie, inoltre, porgono a tutte le gentili persone che sono state loro di conforto in questo triste momento. Il gruppo musicale le SensAzioni ringrazia per la splendida accoglienza il Comune di Cavallerleone, nella persona del simpatico sindaco Gianpiero Giacosa e del presidente della Pro Loco Francesco Fissore. In merito alla serata di domenica 1° maggio, nell’ambito della festa del paese, anche i fans che non conoscevano questa piccola realtà sono rimasti favorevolmente impressionati dalla dimensione umana che si respira ancora in certi centri lontani dalle metropoli. Grazie ancora ed alla prossima… Michelangelo Banchio L’associazione del dott. Ferrero “L’ora di generosità” di Cavallermaggiore ringrazia, per la generosa offerta, i compagni di Leva del compianto Antonio Lovera.

ANNO 1951 – Giovani calciatori della parrocchia di S. Andrea, insieme a don Alfredo Vallo ed al dott. Giovanni Nyffenegger, presso il campo sportivo di Savigliano.


31 giovedì 5 maggio 2011

e-mail: sport@ilsaviglianese.com

VOLLEY SERIE C Matematica certezza per la squadra di mister Bonifetto

Savigliano chiude terzo 12ª

CLASSIFICA

RITORNO RISULTATI

Sant’Anna – Cuneo Tecnosystem – Borgo Vercelli Morozzo – Chieri Ma.Gi.A Torino – San Paolo Alicese – Villanova Savigliano – Allmag Val Ellero – Vercelli

n.d. n.d. n.d. 3-0 2-3 3-1 1-3

RITORNO 7-8/5/2011 Cuneo – Ma.Gi.A Torino Vercelli – Sant’Anna Allmag – Morozzo San Paolo – Alicese Chieri – Savigliano Borgo Vercelli – Val Ellero Villanova – Tecnosystem

13ª

SAVIGLIANO 3 CALUSO 1 (25-20, 21-25, 25-15, 25-20) Gerbaudo Volley Savigliano: Rostagno, Giolitti, Fiorito, Avalle, Mana, Torassa, Casale Marco, Tripolino, Bergamin, Bossolasco, Rossi, Ghibaudo Giacomo. Libero: Ghibaudo Davide. All.: Bonifetto e Botta Andrea. Il Gerbaudo Savigliano vince l’ultima partita casalinga della

VOLLEY SERIE

squadre

P

G V N SV SP

Vercelli Villanova Savigliano Ma.Gi.A Torino Alicese Chieri Morozzo Borgo Vercelli Brebanca Cuneo Sant’Anna San Paolo Allmag Tecnosystem Val Ellero

70 66 59 54 43 36 32 29 26 23 23 22 19 14

25 25 25 25 25 24 24 24 24 24 25 25 24 25

23 2 23 2 20 5 18 7 14 11 12 12 10 14 10 14 10 14 8 16 7 18 7 18 6 18 4 21

71 71 61 63 52 45 43 39 38 37 32 31 33 22

12 14 29 32 41 44 50 54 57 58 60 60 62 65

stagione e si assicura matematicamente il terzo posto in classifica. La partita si presentava difficile non tanto per il valore degli avversari, penultimi in classifica e arrivati in via Giolitti privi di due giocatori titolari che all’andata avevano ben figurato: le vere difficoltà dell’incontro erano invece relative agli stimoli che, dopo la sconfitta con il Vercelli, sembrano esser spariti dal momento che è ormai sfumata ogni residua possibi-

L’opposto Claudio Avalle

lità di agguantare la zona playoff. Invece la formazione dei mister Bonifetto ed Andrea Botta ha saputo onorare il campionato con una buona prestazione nonostante gli allenatori abbiano dato ampio spazio a tutta la rosa a loro disposizione.Vogliamo ricordare come questa non sia una cosa semplice perché variare in continuazione la formazione comporta un dover in continuazione cercare i giusti equi-

libri in campo e l’amalgama di tutto il gruppo. La prima novità della partita era relativa al rientro da titolare di “Dado” Ghibaudo nel ruolo di libero, mentre Bossolasco veniva schierato come schiacciatore. La diagonale palleggiatore – opposto è stata ricoperta nei primi tre set da Rostagno e Fiorito, mentre nel quarto sono entrati Giolitti e Avalle. Spazio anche ai giovani, con lo schiacciatore Marco Casale dentro per due set e il centrale Tripolino per uno. La partita è sempre stata in mano ai saviglianesi tranne nel secondo parziale, quando le alchimie in campo non hanno funzionato come previsto ed il set è stato conquistato dalla squadra ospite. Ora che il terzo posto è confermato, si aspetta l’ultima di campionato per dare poi spazio ai bilanci e alla costruzione della squadra 2011/2012. L’ultima partita si giocherà domenica 8 maggio a Chieri, ore 19: una partita che non conta più nulla ai fini della classifica per nessuna delle due squadre. d. s.

D Contro il Poolsport Moncalieri il Co.Ga.L. gioca una partita perfetta

I giovani di Casale si congedano vincendo SAVIGLIANO MONCALIERI (25-15; 25-18; 25-18)

3 0

Co.Ga.L Savigliano: Sannazzaro (12 punti), Osella (3), Caula (12), Curti (1), Botta, Monasterolo (8), Berohiti, Casale Fabio (9), Calcagno, Panero (6), Cravero (1). Libero: Rabbia. All.: Casale Aldo e Russo Paola. Un Co.Ga.L. Savigliano praticamente perfetto vince nettamente l’ultima partita casalinga stagionale. La formazione ospite si presentava con la convinzione di fare bottino pieno, in modo da inseguire un quarto posto di prestigio. Casale ha però le frecce del proprio arco al completo e schiera

VOLLEY FEMMINILE SERIE

Davide Sannazzaro top-scorer un Osella perfetto al palleggio in linea con capitan Monasterolo, come sempre preciso e mai spreco-

ne, al centro il veterano Sannazzaro e un Panero sempre arrembante, all’ala i due cannonieri Fabio Casale e Caula, con libero un esaltante Rabbia. La squadra ospite tiene il ritmo dei padroni di casa solo fino a metà del primo set, poi deve soccombere alla precisione del muro di casa che diventa veramente invalicabile. A nulla serve la girandola di cambi dell’allenatore del Moncalieri che in tutti i modi cerca di dare nuova linfa ai suoi giocatori. La partita scorre via facile, incoronando Caula e Sannazzaro top scorer con 12 punti a testa. La prossima settimana i giovani saviglianesi chiuderanno il campionato in casa di un Sant’Anna già retrocesso.

Risultati 25ª giornata: BuscaCaraglio 1-3; Derthona-Cus Torino 1-3; Mondovì-Sant’Anna 3-1; Alto Canavese-Tuninetti Torino 03;Venaria-Negrinigioielli n.d.; Savigliano-Poolsport 3-0; Novi-Benassi Alba 1-3. Classifica: Tuninetti Torino 66; Benassi Alba 60; Derthona 54; Mondovì 51; Cus Torino 47; Poolsport 45; Caraglio 41; Savigliano 40; Alto Canavese 31; Negrinigioielli 27; Busca 24; Venaria 20; Sant’Anna 12; Novi 4. Prossimo turno (sabato 7 maggio): Caraglio-Alto Canavese; Benassi Alba-Busca; Poolsport-Mondovì; Tuninetti Torino-Venaria; Sant’Anna-Savigliano; Cus TorinoNovi; Negrinigioielli-Derthona.

D Nulla da rimproverarsi per le ragazze di Bianco e Lucullo

Cherasco troppo forte per le saviglianesi Vbc CHERASCO 3 SAVIGLIANO 0 (25-21; 25-17; 25-12) Edilcem B&B Savigliano: Allasia P., Bertino G., Bodrero E.; Bono E., Brunetti S. (cap.)., Bunino F., Casale S., Galvagno I.,Garulli G., Mangarda M., Panetto F. Libero: Fissore Y. All.: Bianco Luca, Lucullo Maurizio. Troppo forte questo Cherasco per la Edilcem B&B: con questi tre punti risulta matematicamente promossa in serie C con una giornata di anticipo. Le ragazze di Bianco e Lucullo hanno poco o

nulla da rimproverarsi: hanno lottato, soprattutto nel primo set, contro una squadra caricatissima per l’ambito traguardo a disposizione. Luca e Mauri partono con Bono in palleggio, capitan Brunetti opposto, Garulli e Galvagno bande, Panetto e Bunino centrali, Fissore libero. Le saviglianesi partono benissimo e, con Bono al servizio, si portano sul 5-0. Le cheraschesi, un po’ contratte, riescono a limare lo svantaggio finché, sul 2019, le ospiti con due errori al servizio e due in ricezione consegnano la vittoria alle avversarie.

Nel secondo set le ragazze di casa aumentano il ritmo e per le saviglianesi la situazione si fa dura, tribolano a contenere gli attacchi che arrivano soprattutto dalle bande e anche i sevizi a lunga gittata e sono costrette a soccombere. Con la promozione a portata di mano e con l’apporto dell’infuocato pubblico, nel terzo set le padrone di casa danno il meglio di sè, e per Steu e compagne è notte fonda: sotto 8-1 non riescono più a rientrare in partita. A fine gara grande festa del Cherasco per la meritata promozione. Prossimo turno, ultimo di campio-

nato, il Vbc giocherà tra le mure amiche di via Giolitti contro il Chivasso, per concludere la positiva prima stagione di serie D. Risultati 25ª giornata: BraCambiano 3-0; S. Secondo-Pinerolo 0-3; Moncalieri-Venaria 1-3; Cherasco- Savigliano 3-0; Chivasso-Almese 0-3;Valsusa- Saluzzo 03;Villanova-S. Francesco 3-2. Classifica: Cherasco 69, Almese 64, Bra 63,Villanova 51, Chivasso e Cambiano 44, San Francesco al Campo 39, Savigliano 35, Saluzzo 32, Moncalieri 29, Venaria 22, Pinerolo 16, S. Secondo 9,Valsusa 5.

CALCIO

Torneo giovanile fino al 5 giugno

Nel nome dello sport

Per il 19° anno i giovani protagonisti nel “Città di Savigliano” Al Morino fervono i preparativi per l’imminente torneo “Città di Savigliano” giunto alla diciannovesima edizione. La manifestazione, suddivisa nelle varie settimane dal 10 maggio al 5 giugno, è rivolta alle squadre del settore giovanile, dagli allievi sino ai piccoli amici. Ad inaugurare l’edizione numero 19 quest’anno toccherà agli esordienti, annate 1998 e 1999, da martedì 10 a domenica 15 maggio. Per questa categoria si preannunciano molte squadre della provincia, oltre alla partecipazione della J. Stars e del Torino presenti nella giornata finale del 15 maggio. Nei week-end successivi ecco domenica 22 maggio in scena gli allievi Fascia B 1995 e i giovanissimi fascia B 1997. Per la categoria 95 Saviglianese, Saluzzo, Borgaro e Asti. Per i 1997, partecipazione record di otto formazioni, con Saviglianese, Borgaro, Pinerolo, Asti, Saluzzo,Valenzana, Pro Imperia e Lascaris. La domenica successiva, il 29 maggio, toccherà agli allievi 1994 e giovanissimi 1996. Per i 94 si sfideranno Asti, Saluzzo, Savona e Pozzomaina. Nei 96 Saviglianese, Pinerolo, Asti e Saluzzo. Ed eccoci arrivare poi ai pulcini, con le tre categorie 2002, 2001 e 2000. Calcio di inizio Martedì 31 Maggio,

ATLETICA

per poi proseguire Mercoledì 1 e Giovedì 2 Giugno. In quest’ultima data “maratona” dalle 9,00 del mattino con la disputa dei gironi finali e nel pomeriggio con le ultime gare e relative premiazioni. Da segnalare per i pulcini una larga partecipazione di tante società, tra cui Chisone, Cuneo, Europa, Carmagnola, Saluzzo, e molte altre, oltre naturalmente ai padroni di casa della Saviglianese. Il torneo vivrà poi la giornata finale di chiusura Domenica 5 Giugno, con la partecipazione sempre sentita e amatissima dei piccoli amici (annate 2003, 2004 e 2005…), oltre al proseguimento del torneo riservato ai pulcini, con la disputa di un ulteriore torneo “master”, che vedrà in campo la società vincitrice nelle tre categorie nella giornata del 2 giugno, la Saviglianese come società ospitante, che saranno accompagnate da Cenisia e Asti per i 2002, sempre Cenisia, Asti e Juventus per i 2001, e infine Torino e Juventus per i 2000. Un grande spettacolo, dunque, che lo stadio vivrà per 25 giorni, e la Saviglianese Calcio invita tutti, grandi e piccini, a partecipare e vivere insieme uniti dallo sport e dalla voglia di divertimento e allegria che solo i piccoli atleti sanno regalarci con spontaneità e sorrisi.

Sabato al campo O. Morino

11° Meeting Vivalda Sabato 7 maggio saranno almeno 12 le Società sportive e quasi 200 persone che di incontreranno a Savigliano per un appuntamento annuale: il Meeting di Atletica Gabriella Vivalda per atleti con handicap fisico, intellettivo, sensoriale e relazionale. Tra i presenti, oltre agli atleti, ci saranno familiari, volontari, i cronometristi del CONI, il giornalista Doriano Mandrile, ormai speaker ufficiale della manifestazione, un medico volontario del servizio rianimazione dell'ospedale, la CroGare Vivalda al Morino ce rossa. Il Meeting per gli atleti con disabilità intellettivo relazionale è valido anche come Campionato regionale, in vista dei prossimi Nazionali FISDIR che si terranno a Cagliari i primi di giugno contemporaneamente agli Europei per atleti con sindrome di Down. La Sportiva Vivalda, organizzatrice della manifestazione giunta alla sua undicesima edizione, sarà presente con oltre 30 dei suoi 150 soci attivi nelle varie discipline e provenienti da 43 diversi Comuni del cuneese. Con loro ci saranno gli atleti delle Società Sportive: Pegaso Asti, Polisportiva Handicap Biellese, Amico Sport di Cuneo, La Polisportiva Milanese e la Sportiva Ovadese, Sportiamo di Bra, ASD Novara, Sempione di Verbania, InSport di Alessandria, Phanda di Torino e UIC Pisa. La manifestazione si concluderà con il pranzo presso il ristorante della Cittadella Sociale di Genola. L'appuntamento per chi vuole fare il tifo è alle 9 presso i campi sportivi Morino.


32

sport

giovedì 5 maggio 2011

CICLISMO

La squadra di patron Groppo si presenta

Facce nuove a Racconigi JUNIORES CSI GESÙ LAVORATORE 0 SAVINVOLLEY 3 (20-25; 23-25; 24-26) La Juniores si congeda dal campionato imponendosi in trasferta contro le pari età del Borgo San Dalmazzo. Un tre a zero che ha convinto, ottenuto dalle ragazze di Christian con i primi due parziali vinti in scioltezza e con il terzo, immancabile, pieno di sofferenza, che ha visto le saviglianesi sotto di 9 punti concludere comunque con una vittoria del set. Si è così chiuso un anno altalenante dal punto di vista delle prestazioni, con poche vittorie, figlie anche della nuova categoria affrontata.Va riconosciuto a tutte, però, un notevole impegno e affezione alla squadra, durante tutta l’annata sportiva. L’11 e 25 maggio la Juniores (per l’occasione Under 19) si cimenterà nel Memorial Sandro Conti e ci sarà ancora occasione di vedere le biancorosse giocare al palazzetto di Savigliano (ore 19). UNDER 16 Una bellissima esperienza per le nostre ragazze dell'Under 16 che lo scorso weekend hanno partecipato alla Festa dello Sport di Acqui Terme. Il torneo, organiz-

PRIMA DIVISIONE SAVIGLIANO 2 CENTALLO 3 (14-25; 33-31; 21-25; 25-19; 9-15) VBC Savigliano Avagnina: Fiorito, Miraglio, Omento, Peluffo, Ramonda. Merlo, Galletto, Lamberti (cap.), Sito, Olocco, Bosio. Liberi: Macaluso, Gallo. All.: Casale Piero. Le ragazze Vbc perdono al tiebreak contro il Centallo, più per demerito loro che per merito altrui, regalando alle avversarie i punti importanti. Un primo set poco credibile delle saviglianesi, assenti dal punto di vista caratteriale e poco concentra-

MARENE VOLLEY ALLIEVE MARENE 2 KOALA 1 Marene: Abrate, Daniele, Baudi-

Le ragazze dell’under 16 alla Festa dello Sport di Acqui Terme zato dal CSI Regionale, ha visto la presenza di una trentina di squadre di ogni età, arrivate da tutto il Piemonte. Le due formazioni saviglianesi si sono classificate al quinto ed al settimo posto su un totale di undici squadre. I coach Mauro e Stefy, coadiuvati da Dario e Silvia, hanno saputo tenere affiatato il gruppo creando un buon spirito di squadra che ha accompagnato le atlete per tutta la durata della manifestazione. Le ragazze hanno vissuto questa esperienza all'insegna del divertimento non solo sportivo ma anche gioviale, basti ricordare la bella serata trascorsa in discoteca con altri coetanei e coetanee. Per esaltare lo spirito della manifestazione nessuna coppa ha premiato un vincitore, ma a tutte le atlete è stata consegnata una simpatica medaglietta a ricordo di una festa, sicuramente da ripetere il prossimo anno. UNDER 12 FIPAV SAVINVOLLEY

1

CARAMAGNA (15-25; 12-25; 25-22)

2

NARZOLE SAVINVOLLEY (15-25; 17-25; 23-25)

0 3

e Massimo Vanzetti. I volti nuovi sono quelli del saviglianese Luciano Canello, Enrico Donetto di Lombriasco, Alessandro Agù di Vinovo, Cristiano Burzio di Poirino e Marco Domenino di Santena. In più c'è un giovane di Caramagna, Luca Alessio, categoria debuttanti, intenzionato a fare esperienza tra i vecchi marpioni del ciclismo Udace. Obiettivi della stagione? «Ai nostri tesserati non chiediamo vittorie o

SavInVolley Savidecor: A. Bosio, G. Carta, I. Droussi, F. Lo Fiego, C. Lovera, A. Masento, G. Plaia, A. Serra, C. Soffientino, F. Soffientino. All.: M. Saimandi. La Savidecor vende cara la pelle nel primo incontro contro la formazione mista del Caramagna, impegnando gli ospiti più di quanto i parziali possano far immaginare. Contro il Narzole, squadra appaiata in classifica, le ragazze di Michele Saimandi, neo-patentato allenatore federale, pur non sfoderando un gioco limpido e lineare hanno avuto la meglio sulle avversarie, faticando solo nel terzo set ad aggiudicarsi l’incontro con un netto 3-0. Ultima giornata a Racconigi domenica 15 maggio contro Volley Cavallermaggiore e El Gall.

Le giocatrici della Prima divisione del Vbc griffate Avagnina te.Secondo set al cardiopalmo, vinto meritatamente dopo un testa a testa incredibile e tre battute/set sbagliate. Terzo set appannaggio del Centallo, senza che le padrone di casa sembrino in grado di opporre una degna resistenza nei momenti fondamentali. Quarto set stranissimo: Savigliano subito in palla ed in fuga di 12-13 punti e poi un pericoloso black-out durante il quale si

fa rimontare, riuscendo comunque a chiudere il parziale 25-19. Inizio 5° set da incubo: 9-1 per le ospiti e poi rimonta fino al 107, ma purtroppo è un fuoco di paglia... Prossimo ed ultimo incontro della seconda fase del campionato venerdì 6 maggio a Vicoforte. Da segnalare infine che all'incontro erano assenti Morghy (per infortunio durante l'ultimo allenamento) e Anna.

no, Zana, Gerbaldo, Maccagno, Sobrero, Angaramo, Sabena, Alloa, Racca. All.: Gaveglio Simona. Penultima partita per le ragazze di Gaveglio, che tra le mura amiche disputano una gara dai due volti: nel primo set riescono a sviluppare un bel gioco e hanno facilmente la meglio sulle avversarie. Il secondo set porta invece con sè un black-out totale e una partenza molto brutta fa sì che il

Koala acquisti vantaggio e lo porti fino in fondo, nonostante una rabbiosa reazione del Marene in fase finale. Il terzo set rispecchia il primo, e le ragazze di Simona si aggiudicano l’incontro. 5xMILLE Chi fosse interessato a devolvere il 5 per mille al Volley Marene può farlo inserendo come codice lo 02788300040.

CAI Giovanile: la gita a Pietraporzio rinviata al 22 maggio

Il Cai invita i soci ad iscriversi alla “StraSaviàn”

Tante facce nuove nel G.S.C. Racconigi Cicli MC Groppo edizione 2011. Le iscrizioni sono ancora aperte ma a vestire la maglia bianconera della società racconigese sono già in 19. Tra i riconfermati troviamo: Osvaldo Colombano, Gian Mario Falchi, Mario Furione, Remo Gentile, Antonio Giordanengo, Massimiliano Grinza, Claudio Groppo, Mario Joffrain, Omar Moussa, Giovanni Prato, Maurizio Tesio, Alberto Trossa

A causa di problemi organizzativi legati al raduno degli Alpini dell’8 maggio, l’escursione prevista per quella data sul sentiero della pecora sambucana, da Pietraporzio a Pontebernardo con visita dell’ecomuseo, è rinviata alla domenica 22. I ragazzi interessati sono pregati di iscriversi in sede entro venerdì 20 versando la quota di 12 euro per il pullman. La gita si svolgerà con le stesse modalità previste per l’8 secondo il programma che verrà consegnato in sede ai partecipanti al momento dell’iscrizione. Strasaviàn Sono intanto aperte le iscrizioni alla “StraSaviàn” del 15 maggio presso il socio Matteo (tel. 349.1854289).

Il giovane Luca Alessio

Passaggio di ciclisti davanti al castello nella gara organizzata da Groppo

risultati eclatanti: l'importante è che si vada d'accordo, che si stia uniti, che si faccia squadra. Detto questo, ogni risultato che arriva è buono» risponde patron Claudio Groppo, che tiene a ringraziare coloro che anche in questa stagione sostengono la squadra, in primis Riccardo Gentile, e poi la MTE di Cavallermaggiore, Gianni Gentile ed il ristorante La Via del Sale di Polonghera.

Atletica Savigliano MEETING DI VILLANOVA D’ASTI La giornata soleggiata, resa gradevole da una leggera brezza, ha accolto atleti e accompagnatori che hanno deciso di trascorrere la Pasquetta nell'accogliente impianto di Villanova d’Asti. I rappresentanti saviglianesi, Cristina Martini e Nicholas Sabena, hanno disputato entrambi i 100 m e il salto in lungo. Nei 100 m Allievi Nicholas ha corso in 11”64 (3° assoluto), mentre nei 100 m femminili Cristina ha corso in 13”62 giungendo 7ª assoluta. Nella pedana del salto in lungo entrambi i saviglianesi hanno conquistato il 2° posto assoluto grazie alle rispettive misure di 6.45 m per Nicholas e 5.32 m per Cristina. REGIONALI DI PROVE MULTIPLE Cristina Martini questo week-end ha disputato i Campionati Regionali di Prove Multiple a Novara.

Cristina Martini quarta a Novara

Sebbene ci siano stati diversi problemi organizzativi Cristina non ha perso la concentrazione e la determinazione che la caratterizzano ed è riuscita a portare a casa il 3° posto Juniores (4° assoluto). Per la cronaca, le prime due atlete juniores (Oberto e Sauda) sono tra le prime quattro in Italia, mentre Cristina è quinta nella classifica nazionale. I risultati parziali della prima giornata di gare sono stati: 15”91 nei 100 hs (che le vale anche come minimo di partecipazione per questa gara ai nazionali individuali), 1.49 m nel salto in alto (sfiorato il personale a 1.52 m), 8.94 m nel getto del peso, 27”80 nei 200 m (personale). Nella seconda giornata Cristina ha ottenuto i seguenti risultati: 5.27 m nel salto in lungo, 31.83 m nel tiro del giavellotto (personale di oltre 2 m) e 2’38”33 negli 800 m. Il punteggio totalizzato da Cristina a fine eptathlon è stato di 4.179 punti che conferma il suo diritto di partecipazione ai nazionali che si terranno a Macerata a fine maggio.

Buoni risultati per Nicholas Sabena nelle gare di Villanova d’Asti

Savigliano Corse storante Valle Bronda di Castellar verso le 13,30. La premiazione verrà effettuata su vari parametri Organizzato dalla Savigliano Corse è in (moto più datata, moto più programma per domenica 8 maggio il rara, moto più bella, moraduno annuale dei soci motociclisti, ritociclista più anziano, moservato alle moto immatricolate prima tociclista più giovane e del 1991. motociclista che viene da Il programma della giornata prevede un più lontano). Inoltre ad percorso che copre una distanza di 65 ogni partecipante verrà rekm, partendo da Savigliano piazza del galato un “ricordo della Popolo, passando poi per le stradine giornata”. del Maresco, Costigliole, Busca e su per Per iscrizioni e prenotale colline di Rossana, dove è stata prezione: segretevista una pausa presso il bar “Tre amis”. ria@saviglianocorse.it o Dopo una sosta di circa una ventina di cell. 3452417337 Claudio minuti si continuerà tra le tortuose colore negozio line di Isasca, Brondello, Pagno e CaQuota iscrizione: 10 euro stellar dove verrà consumato il pranzo per il pilota e 5 euro per cui seguirà la premiazione. il passeggero, compresi Il ritrovo in piazza del Popolo è fissato gadget e aperitivo presso per le ore 8,30. Fino alle ore 9 accet- Domenica raduno di moto d’epoca il bar “Tre amis”. Per il tazione e assegnazione dei numeri ai pranzo il costo è di 20 eupartecipanti. Partenza alle ore 10. Arrivo presso il ri- ro a persona da versare all'atto dell'iscrizione. SCOLLINANDO HYSTORIQUE


sport

BASKET SERIE

C I biancorossi espugnano il fortino di Domodossola

La Cogein vince gara Uno DOMODOSSOLA 65 SAVIGLIANO 70 (15-15; 10-13; 14-16; 26-26) Cogein Savigliano: Francione 15, Nasari 15, Agazzani 9, Beccaria 8, Marcello 8, Giorsino 6,Taffettani 5, Vissio 2, Martoglio 2, Giacone. All.: Marco Spanu. Dir.: Daniele Tamagnone, Simone Cordasco. Brillante esordio della Cogein nella prima sfida play-off: i saviglianesi violano il parquet di Domodossola e mercoledì sera al Palaferrua possono già giocarsi il match-point. Gara intensa, condotta punto a punto ma sempre con una leggera ma netta prevalenza degli ospiti. Coach Spanu fa partire Agazzani in regia, Nasari e Marcello come

BASKET

esterni, Beccaria ala grande e Francione sotto le plance. Le pantere faticano nei primi minuti a trovare il giusto approccio alla partita, complice qualche fischio arbitrale quantomeno dubbio. Dopo pochi minuti il tecnico saviglianese è costretto a richiamare in panchina prima Francione e poi Martoglio, ambedue subito gravati di due falli. Spazio quindi a Giorsino, Vissio e Taffettani, che fanno alzare decisamente il ritmo di gioco. Il primo quarto si chiude in parità (15-15) e all’intervallo lungo il tabellone segna +3 per la Cogein: la partita è apertissima. Al 27’ la svolta. Francione rientra in campo e inizia il suo show: 6

punti di fila, rimbalzi, falli subiti... nessuno di Domodossola riesce a contenerlo.Vissio continua a difendere bene, Giorsino, Nasari e Taffettani fanno il resto. Savigliano vola a +10 e gli avversari sembrano impotenti. Il pubblico si scatena con pesanti ed ingiustificati insulti. Nell’ultimo quarto sembra che la partita sia quasi chiusa, la Cogein tira un po’ i remi in barca e permette ai padroni di casa di rientrare fino al –2. Ci pensa il Bandito con un paio di giocate di classe a mantenere il vantaggio. Spanu è soddisfatto e vuole fare i complimenti a Vissio “perché si è sacrificato in difesa: in questa serie lui avrà il compito più difficile, ma la

partita di Domodossola fa ben sperare”. Il pensiero del coach è ora già proiettato su gara 2: «Con la testa siamo già a gara due – dichiara infatti –. Non dimentichiamo il –40 che Domodossola ci ha inflitto all'andata: sappiamo che sono una squadra fortissima che può vincere su ogni campo. La serie è aperta. Speriamo che il Palaferrua sia caloroso e rumoroso come lo è stato il palasport di Domodossola sabato sera». Grande appuntamento allora mercoledì 4 maggio al Palaferrua alle ore 21: il sesto uomo in campo dovrà essere il grande pubblico saviglianese.

CSI Sabato a Borgo S. Dalmazzo i saviglianesi affronteranno la Granda Cuneo

Finalissima per il Villois Racing Ci siamo! Sabato 7 maggio con inizio alle ore 17.15 il Villois Racing Basket Savigliano affronta sul parquet di Borgo San Dalmazzo la sua settima finalissima del Campionato Provinciale CSI di basket, a cui partecipa ormai dal 2001. Avversaria ormai storica (tranne per la passata edizione dove in finale c’era il Dronero quest’anno solo quinto) la Granda Cuneo dei vari Dalmasso, Cometto, Santoro, Dutto e via discorrendo, una corazzata piuttosto “vintage” (età media 40-41 anni) ma dall’indubbio talento e forte di un’esperienza in campionati assai più blasonati. I saviglianesi arrivano a questa finale (così come i cuneesi) con tre sole sconfitte in tutto il campionato su un totale di 18 partite, una delle quali proprio contro gli avversari di sabato prossimo che espugnarono il parquet saviglianese con soli 3 punti di scarto nella partita “post panettone”, alla ripresa dopo l’abbuffata natalizia e con entrambe le squadre in scarsa forma fisica. In quel caso la spuntò il maggior tasso tecnico della Granda. Di contro per il gran finale di sabato Savigliano punta molto sulla maggior freschezza fisica ed atletica e sulla più giovane età dei suoi atleti (età media 30 anni ma con giocatori anche di 20-23 anni) che dovrebbe compensare il gap di esperienza e talento che come detto contraddistingue invece il gioco dei cuneesi. Unico (sempre il solito) dubbio per i cestisti bianco-azzurri è la continuità: da sempre ormai e anche in questo campionato il Villois Racing

I giocatori del Villois Racing Basket Savigliano in un momento di festa gioca partite alternando momenti di esaltante basket fatto di velocità, grande difesa e fluidità in attacco ad altri di totale amnesia collettiva. Distrarsi contro un’avversaria che tende a tenere il ritmo molto basso ma dal rendimento continuo per tutta la gara può essere estremamente pericoloso, e quindi i saviglianesi dovranno ricorrere, oltre che al fiato e alla grinta, anche ad una maggiore maturità nella gestione delle proprie risorse fisiche e psichiche. Questi i dodici che coach Giletta porterà a referto: Ajmetta Roberto (Roby): parte dalla panca ma se c’è da marcare una guardia particolarmente pericolosa su di lui si può sempre contare. Guerriero. Ambrogi Davide (Davo): quest’anno un po’ troppo nervoso rispetto al passato, quando fu sem-

pre protagonista assoluto, ma autore di un finale di campionato esaltante.Von Karajan. Andreis Mattia (Tia): il saluzzese è il veterano dei dieci campionati ma anche una garanzia sotto le plance e di maturità in campo. Lord. Asselle Stefano (Steve): assente nelle ultime gare per infortunio, è il più giovane della pattuglia biancoazzurra e a lui si chiede quel quid di velocità e freschezza che fa la differenza. Pupone. Bacci Andrea: quarant’anni e non sentirli, e se poi portati con signorilità e concretezza in campo tanto meglio, specie quando l’esperienza conta. Capitano. Bono Andrea (Mike): il neo maslè e prossimo padre-bis ha perso per strada il suo magico tiro dalla distanza ma è sempre una garanzia di concretezza in difesa.

Torello. Canavesio Matteo (Cana): ovvero genio e sregolatezza, casino e contropiede, anima allegra della squadra e grande cuore, sempre nel massimo “rispetto”. Giullare. Castellano Stefano (Caste): il play fossanese ex-Centallo è stato l’esempio di serietà – sempre presente a tutti gli allenamenti – ma anche il regista che mancava. Spesso troppo nervoso ma di quel nervosismo che si trasforma in grinta e cuore. John Wayne. D’Orsi Niccolò (Nick): dopo un inizio esaltante il saluzzese è andato calando ma resta sempre il miglior marcatore della squadra e una garanzia in campo per il suo ruolo di lungo atipico in grado di trasformarsi in un’ottima guardia. Camaleonte. Franco Filippo (Filip): il “dutur” prossimo sposo su cui si può sempre contare per dare fiato ai lunghi titolari con sostanza e grande cuore, sempre presente dove il gioco si fa duro. Hulk. Gastaldi Elio: è lui il protagonista di questo campionato, il nuovo centro fossanese soffiato a Centallo è ormai una garanzia sotto le plance e dovunque ci sia da raccattare un rimbalzo. Troppo generoso nei passaggi deve essere più “egoista” in fase conclusiva.Totem. Poccardi Paolo (Piocco): ultimo ma non ultimo il grande Paolo alla sua certamente migliore stagione di sempre: punti, difesa e una grinta da vendere ne fanno senza dubbio un punto fermo in una squadra mai così Poccardi-dipendente. Mannaia.

CICLISMO

A Racconigi

Trofeo Annibale

I portacolori del Racconigi Cycling Team che domenica hanno gareggiato sulle strade di casa Dopo una settimana di tempo incerto, domenica il sole ha baciato il “ 9° Trofeo Annibale” per giovanissimi, organizzato dal Racconigi Cycling Team sulle strade di casa. Alla partenza oltre 100 corridori provenienti da tutta la regione. Questi i risultati ottenuti dai portacolori della società del presidente Giacomino Carrera. La categoria dei più piccoli, riservata ai ra-

gazzi che frequentano la prima elementare, ha nuovamente visto Ikram Neddar tagliare per prima il traguardo in campo femminile. Nella categoria G. 3M Samuele Galvagno è salito sul terzo gradino del podio e Simone Burzio è arrivato nono. Nella categoria G. 4 si sono schierati alla partenza ben cinque atleti della squadra racconigese: tra le ragazzine Salwa Neddar è giunta sesta davanti alla com-

pagna Chiara Brero; in campo maschile decima posizione per Diego Rocca, seguito da Luca Ruggiero e Davide Gonella. Doppietta nella categoria G. 5M, con la vittoria di Gioele Castagno ed il secondo posto di Luca Pipino, sesto posto per Federico Pipino e nono per Antonio Vassallo. Nella categoria dei più grandicelli, la G. 6, Camilla Vassallo è prima nella classifica femminile, Gianluca Brero 11° e Alberto Ghiberti 12° tra i maschi. La premiazione è stata effettuata dall’assessore allo Sport Valerio Oderda. La giornata si è conclusa con una bella cena che ha coinvolto, oltre gli atleti, tutti i membri del direttivo ed i genitori che hanno aiutato e permesso lo svolgimento della manifestazione. Da parte della società un ringraziamento particolare va anche alla Protezione Civile A.N.A. di Racconigi che ha presidiato strade ed incroci durante tutta la gara. Prossimo appuntamento domenica 8 Maggio a Monasterolo, gara valida per il Campionato Provinciale.

giovedì 5 maggio 2011

BASKET SERIE

33

D Per le baby-pantere

Dieci punti di vantaggio SAVIGLIANO 73 RIVALTA 63 (15-22; 17-12; 24-21; 27-18) Incasa Savigliano: Giacone 21, Mondino 12, Giorsino 10, Garello 9, Bertello 9, Mussetti 5, Fissore 4, Osella 2, Masento 1, Testa. All.: Graceffa, Frandino. Primo turno dei play-off, sfida “dentro o fuori” al meglio delle tre gare. Sugli spalti grande presenza di tifosi che si fanno sentire. Coach Graceffa inizia con Garello, Giorsino, Bertello, Giacone e Mondino: i saviglianesi partono bene, subito in vantaggio 7-0 con Mondino e Garello in evidenza. Poi la situazione si inverte e l’InCasa comincia a sbagliare facili canestri, cala la difesa e l’Atlavir chiude il quarto avanti di 7 pt. Nel 2° periodo Savigliano è sicuramente più concentrata in difesa e le rotazioni (entrano Giacone, Fissore e Mussetti) aiutano a tenere alta l’intensità. Si chiude sul 32-34. Dopo l’intervallo lungo le babypantere riprendono da una dife-

AGNELLI TORINO 85 CAVALLERMAGGIORE 87 (24-19; 19-16; 21-25; 21-27) Mitutela B.C. Cavallermaggiore Savigliano: Scotta 22, Ambrogio 17, Sabena 14, Baruzzo 10, Zuccarelli 10, Ghione 8, Cerutti 4, Missenti 2, Marano 0, Borello n.e. All.: Mondino, Nasari. A Piossasco per il primo turno dei playoff si è assistito ad una gara tutt’altro che avara di emozioni e dall’esito incerto fino all’ultimo secondo. L’inizio del match è in favore degli ospiti, aggressivi fin da subito, ma poi i padroni di casa prendono a realizzare con percentuali altissime, costringendo gli Alligatori a rincorrere. Si va a riposo sul 24-19 per Agnelli. Il secondo quarto comincia all’insegna di Baruzzo, incontenibile, ma quando i Gators sono a –2, i torinesi tornano ad essere efficaci in attacco ed al giro di boa conducono 43-35. Nella prima fase del terzo periodo Agnelli incrementa il van-

sa aggressiva e una grande presenza a rimbalzo (Giorsino e Mondino). L’ultima veloce transizione che porta al vantaggio (4645) la eseguono alla perfezione Osella e Giacone, che strappano convinti applausi alla tribuna. L’ultima frazione inizia con una gran palla rubata da Giacone che va a concludere solitario; anche nell’impostare la manovra i padroni di casa sfruttano la velocità di Testa e la precisione di Garello. Gli ospiti sembrano in bambola, ma non mollano e giocano fino alla fine. I saviglianesi tuttavia tengono duro e non permettono nessun riavvicinamento: si chiude sul +10. «Per noi era importante iniziare bene i playoff dopo l’ultimo mese passato a lavorare forte atleticamente e non guardando troppo i risultati» commenta Graceffa. Giovedì 5 maggio in quel di Rivalta la seconda gara di questo primo turno; l’eventuale bella si giocherà venerdì 6 maggio al Palaferrua.

Andrea “Sabo” Sabena taggio. Scotta allora sale in cattedra e grazie a giocate magistrali riporta la sfida sui binari dell’equilibrio. Una girandola di emozioni determina lo score di 64-60 per Piossasco agli ultimi e decisivi 10’ dell’incontro. Ambrogio da fuori e Sabena nel pitturato mantengono gli Alligatori a contatto, vanificando i tentativi di fuga di Agnelli. La tripla del pareggio esce dalla mano infuocata di Ambrogio, trascinatore assieme a Scotta nel momento più delicato. L’ultimo minuto è al cardiopalmo. Entrambe le compagini sono contratte, consapevoli di giocarsi l’intera sfida in pochi istanti. Sabena getta il cuore oltre l’ostacolo, trovando la concentrazione e la caparbietà giusta per realizzare il canestro del sorpasso definitivo: 85-83 in favore di Cavallermaggiore. Incontro di ritorno mercoledì 4 maggio a Cavallermaggiore (ore 21,15).

Ardens Partecipazione ridotta dei giovanissimi Ardens, domenica 1° maggio al circuito di Racconigi, a causa delle Comunioni e dei ritiri per prepararsi alla Comunione. Nonostante tutto i pochi partecipanti hanno ottenuto buoni risultati. Lorenzo Ferrero nella categoria G. 2M ha concluso la gara al 7° posto Subito ai piedi del podio Giulia Giannotto nella categoria G. 4F: quarta dopo una buona gara, su un percorso tutto curve adatto a lei.Terzo gradino del podio invece per Nicolò Ferrero nei G. 6M, mentre i suoi compagni di squadra Mario Dutto e Davide Gavatorta hanno concluso rispettivamente al nono posto ed in gruppo. Domenica prossima 8 maggio gara a Monasterolo di Savigliano. organizzata dall'Ardens Cycling Team e valevole per il Trofeo Nallino. Giulia Giannotto, quarta


34

sport

giovedì 5 maggio 2011

CALCIO

Avanza la Rappresentativa Juniores

Cuneo in semifinale PINEROLO CUNEO

1 3

Cuneo: Olivero (G. Centallo), Ariaudo (Roretese), Bado (Ama Brenta Ceva), Aimonino (Sommarivese), Rosso (G. Centallo), Rivoira (Villanovetta), Fissore (Roretese), Gagliardo (Genola), De Matteis (Revello), Racca (G. Centallo), Fenoglio (G. Centallo). Arneodo (Caraglio), Suria (Niellese). Entrati: 40’ Lamberti (Racconigi) per Rosso; 46’ Ruscello (Revello) per Rivoira; 80’ Simonetta (Sommarivese) per Fenoglio; 83’ Pedrini (Revello) per Racca; 87’ Ghisolfo (A.B. Ceva) per Fissore. All.: Audetto Andrea. Reti: 2 Fissore, De Matteis. Grazie ad un grande prestazione nel secondo tempo la Rappresentativa Juniores della Delegazione Figc di Cuneo ha sconfitto PInerolo sul campo di Cavour e ha ottenuto il passaggio alle semifinali dove incontrerà Ivrea. Una vittoria meritata quella ottenuta dai ragazzi cuneesi guidati in panchina dall’allenatore fossanese Andrea Audetto, che ha dovuto, alla fine del 1° tempo, sostituire la coppia centrale Rosso-Rivoira per uno scontro di gioco. Addirittura Rivoira è stato portato al Pronto Soccorso di Saluzzo per la sutura del cuoio capelluto con 4 punti. Il primo tempo, fino al 24’, non ha riservato grosse emozioni. Dopo due occasioni con De

Marco Lamberti (Racconigi) Matteis e Bado, Cuneo è passata in vantaggio al 30’: lancio centrale per Fenoglio, il difensore lo anticipa, il pallone finisce sui piedi di De Matteis, che di prima intenzione scarica un tiro che si infila alla destra del portiere pinerolese. Al 43’ Pinerolo colpisce la traversa con una punizione dal limite dell’area e al 45’ pareggia. Nella ripresa Cuneo schiaccia Pinerolo nella propria metacampo, colleziona una serie di occasioni, che per la bravura del portiere avversario non si concretizzano, ed al 63’ ritorna in vantaggio con Fissore. Al 68’ arriva la terza rete, ancora con Fissore (per lui un bottino di cinque reti in due partite) servito da Fenoglio. Pinerolo cerca di reagire, colpisce un palo e reclama un calcio di rigore inesistente. Alla fine Cuneo gioisce per una giusta vittoria che la proietta in semifinale con Ivrea: la data e il campo di gioco non si sanno ancora.

La rappresentativa juniores della Delegazione Figc di Cuneo

Saviglianese – Giovani ESORDIENTI ATLETICO SAVIGLIANESE (1-1, 2-0, 1-0)

3 1

Saviglianese: Cesano, Galleano, Anas, Bosio M., Vigna, Lorusso,Trossarello, Risi, Gonella, Frau, Marino, Peirone, Palumbo, Lo Medico. All.: Modugno. Dir.: Caula. Rete: Trossarello. Penultima gara di campionato per gli esordienti che, dopo un gran primo tempo, si sono visti superare dalla buona squadra avversaria. Sabato 7 maggio è in programma l’ultima partita di questa stagione, il derbyssimo. Quindi tutti al campo della piscina per applaudire ancora una volta gli atleti ed i mister di questo bellissimo gruppo. PULCINI 2000 Torneo Revello Cup REVELLO SAVIGLIANESE

1 2

SAVIGLIANESE MOREVILLA

6 0

SAVIGLIANESE LUSERNA

2 0

Finale 1°-2° posto SAVIGLIANESE VALVARAITA

1 2

All.: Gallè P., Saimandi S. Dir.: Peletti R. Ottima prova dei maghetti

2000 che stravincono il girone eliminatorio. La prima partita con il Revello inizio in salita per un errore in difesa, ma rimediano bomber Giannattasio S. e Brundu St. Superba la prova contro il Morevilla dove, dopo pochi minuti, “Bebo Goal” Peletti A. sigla una tripletta, seguita da reti di Gianoglio L., Mina Mt. e “Magic Alex” Paolillo A.. Sofferta, ma vincente, la gara contro il Lucerna dove “ Ringhietto” Brundu Sm. prima e Mina Mt. allo scadere, confermano il valore della propria squadra e conquistano la finale del girone. Finale difficile contro il Valvaraita che, dai primi minuti , mostra i muscoli ma anche tecnica superiore. Grazie a Brundu St., che si procura un rigore, Giannattasio S. accorcia il passivo. Nella classifica finale i maghetti sorpassano formazioni come Lucerna, Cavour, Revello, Busca, Morevilla e Saluzzo... I mister Gallè e Saimandi recriminano per l’ennesimo 2° posto, ma la squadra ha ottimamente figurato e si è inchinata alla sola Valvaraita la “corazzata” che ha vinto il torneo. Bravi tutti senza distinzioni: anche le sconfitte servono a crescere, migliorare tecnicamente e consolidare il collettivo già ottimamente affiatato. Allenatori, dirigenti e genitori sono pronti a scommettere su altre belle prestazione dei ragazzi.

CALCIO

Consuntivo di poche luci e molte ombre per i Maghi

Saviglianese: l’eterna incompiuta Eterna incompiuta. Ormai da parecchi anni, quando ci accingiamo a stendere il punto sul cammino della Saviglianese, ci risuonano alle orecchie le note di questa celebre sinfonia. Ancora una volta siamo qui a parlare di un epilogo deludente, non certo conseguente alle rosee prospettive di inizio stagione (10° posto!). Molte dunque le attese, ancora una volta naufragate. Una società – ed una squadra – che in questa annata avrebbe avuto tutte le carte in regola per ritornare in Eccellenza ma, per molteplici motivi, non è riuscita nell’impresa. Nemmeno i play-off i Maghi non ce l’hanno fatta (o non hanno voluto) ad agguantarli. E questo nonostante la “cura” Marenco abbia portato, comunque, i suoi frutti. Perché la Saviglianese per due-terzi ha giocato un campionato da protagonista. Ha offerto anche buone prestazioni, mostrando tutte le potenzialità del suo organico ben amalgamato da un preparato e professionale tecnico, fino ad arrivare ad un passo dalla zona play-off.

CALCIO

Si era alla 19ª giornata. Dalla gara successiva, nel derby con il non irresistibile Pedona, “qualcuno” ha spento la luce, ossia non si è voluto tentare l’aggancio al terzo posto. Non sapremo mai se l’interruttore sia stato volutamente spento da alcuni giocatori o siano stati indotti allo scarso impegno. Sul banco degli imputati i senatori (Lembo, Bazzoni, Reale ecc... che in numerose circostanze non si sono espressi come il valore del mercato li accreditava) e la dirigenza, molto più attenta al percorso della Juniores che Festa dopo un goal: una scena che si è vista troppo poche volte non della prima squadra. L’avvicendamento in panchina di Marenco, in- causa rossoblù recepiscano che Savigliano è una vece di migliorare, ha peggiorato ulteriormen- piazza importante ed ambiziosa e non può certo accontentarsi di lottare per rimanere in Prote il percorso. Sicuramente a questo organico basterebbero mozione a giocare con paesini e borgate quanun paio di tasselli di spessore per recitare da do, a pochi chilometri di distanza, il Cuneo giprotagonista la prossima stagione. Speriamo che ganteggia nei professionisti. Nima gli attuali o i futuri dirigenti che sposeranno la

La squadra rossoblù esclusa dalla finalissima del campionato Juniores

Svanisce il sogno dei maghetti SAVIGLIANESE LASCARIS

3 3

Reti: Camisassa, D. Bosio, Busano.

SAVIGLIANESE ATL.TORINO

5 1

Saviglianese: Ronzino, M. Bosio, Bassano, Lupinacci, Sobrero, Camisassa, Busano, Maki,, D. Bosio, Monetti, Ferrero. A disp.: Valiani, Cussa, F. Bosio, Para, Ezziani, P. Bosio, Kone, Pelissero, Deideri. Reti: 2 Ferrero, Monetti, Maki e D. Bosio. Punto amaro e indigesto per la Saviglianese nel match più importante, con il Lascaris, nel quadrangolare che metteva a disposizione un pass per la finalissima regionale. La mancata vittoria è stata fatale all’undici di patron Brisciano:

CALCIO FEMMINILE

Gli juniores rossoblù hanno dovuto lasciare al Lascaris il posto nella finalissima alla finale andranno i torinesi, forti di due vittorie ed un pareggio. L’incontro all’O. Morino termina con un roboante 3-3. Sfida pazzesca e spettacolare. Nei primi 45’ prova di forza dei rossoblù che partono con il piglio giusto e vanno subito in vantaggio. Monetti su punizione pennella al centro, Camisassa è pronto alla deviazione

in rete. I bianconeri accusano il colpo e subiscono ancora. Alla mezzora D. Bosio parte dalla tre-quarti, elude ad un paio di avversari e brucia l’estremo ospite Troilo con un preciso rasoterra. Nel finale di tempo ancora rossoblù vicini alla terza marcatura. Nella ripresa, però, i ragazzi di Bri-

sciano accusano un clamoroso black-out e, nel breve volgere di un quarto d’ora, subiscono ben tre segnature, con evidenti sbavature difensive. È Sansone a dimezzare lo svantaggio, Balaso pochi minuti dopo pareggia e Lavalle griffa l’incredibile sorpasso. L’inerzia del match è ora tutta a favore degli ospiti, che gestiscono la contesa ma non riescono ad assestare il colpo del knock-out. La Saviglianese trova la zampata d’orgoglio e nel finale Busano con un tocco sottomisura in mischia, raggiunge un ormai insperato pareggio. La continua alternanza di emozioni che ha caratterizzato la sfida compensa meriti e difetti evidenziati dalle due compagini. Nell’ultimo incontro, con l’Atletico Torino disputato sul campo neutro di Caramagna, la Saviglianese dilaga sull’ormai demotivata compagine torinese, ma la vittoria del Lascaris sul Chisola renderà vana l’impresa rossoblù. Pokerissimo firmato da Ferrero (2), Monetti, Maki e D. Bosio.

Ottimo piazzamento finale per le ragazze di mister Sapetti

Cavallermaggiore chiude al 4° posto SERIE C FEM. 15ª

RITORNO RECUPERO RISULTATI

Sp. Valenza - Sanmartinese 12-3 Romagnano - Biellese 3-0 Cavallerm. - Rivese 1-0 Femm. Alba - Musiello Rin.

CLASSIFICA squadre

P. G V N P GF GS

Romagnano 83 30 27 2 Sp. Valenza 77 30 25 2 Femm. Alba 62 29 19 5 Astisport 55 30 17 4 Cavallerm. 55 30 17 4 Musiello 52 29 15 7 Aosta 39 30 12 4 Biellese 37 30 10 7 Femm. Casale 36 30 11 3 Rivese 35 30 9 8 Courgnè 35 30 10 5 Nichelino H. 34 30 11 2 Borghetto 32 30 10 2 Givolettese 27 30 7 6 Sanmartinese 17 30 4 5 Carrara 5 30 1 2

1 116 14 3 144 34 5 74 28 9 64 42 9 68 48 7 73 53 14 49 49 13 53 61 16 48 81 13 50 60 15 63 75 17 47 81 18 57 71 17 52 88 21 48116 27 26131

CAVALLERMAGGIORE 1 RIVESE 0 Cavallermaggiore: Salvatico, Pesante (55' Ferrero), Straffi, Fasciani (75' Gazzera), Giordano, Murialdo, Olivero, Graglia, Griglio (85' Borgna), Pegoraro, Parola. All.: Sapetti. Rete: 85’ Pegoraro. Il campionato si chiude nel migliore dei modi per le ragazze allenate da mister Sapetti che, grazie alla vittoria di domenica scorsa, chiudono il torneo al quarto posto, posizione occupata a pari merito con l'Astisport. Il confronto con la Rivese è stato ben giocato da entrambe le squadre, che si sono confrontate a viso aperto, ma il Cavallermaggiore ha mostrato certamente qualcosa in più, colpendo un palo e una traversa e arrivando più volte con le sue attaccanti a sfiorare il goal. A cinque minuti dalla fine l’azione che decide l'incontro: Griglio va via sulla fascia sinistra e mette in mezzo un bel cross sul quale irrompe di testa Pegoraro, che batte l'incol-

Il presidente Monica Fasciani

L’allenatore Claudio Sapetti

pevole portiere avversario. Menzione d'onore per il capitano nerogiallo, che si conferma anche quest’anno un centravanti di grande livello, sia in fase di costruzione della manovra che sotto il profilo delle realizzazioni. «Sono contento di questo campionato sia per il gioco espresso che per l'ottimo piazzamento – ha affermato mister Sapetti a fine partita – ma soprattutto sono contento di aver allenato queste ragazze che incarnano al meglio lo spirito del calcio e rappresentano quanto c'è ancora di genuino e positivo in questo mondo».

Il presidente Monica Fasciani, alla sua prima esperienza nella stanza dei bottoni di una squadra, commenta: «Ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile questa splendida avventura: l'allenatore Sapetti per la grandissima disponibilità dimostrata, la dirigenza per il tempo dedicato alla squadra, i tifosi che ci hanno seguito e sostenuto per tutto il campionato e le ragazze che hanno dimostrato di essere molto di più di una semplice compagine di calcio». L’appuntamento è al prossimo anno, per una nuova stagione tinta di nerogiallo.


sport

CALCIO

giovedì 5 maggio 2011

Cinque goal dei rossoblù in forma smagliante al Villar

Il Marene rimpiange i play-off 2ª CATEGORIA GIRONE O CLASSIFICA squadre

P. G V N P GF GS

Villanovetta 55 25 17 4 4 50 19 Villar 91 51 25 15 6 4 49 23 S. Sebastiano 43 25 12 7 6 38 17 Auxilium S. 41 25 12 5 8 36 27 Marene 39 25 11 6 8 31 27 Scarnafigi 36 25 10 6 9 31 34 Villafalletto 34 25 9 7 9 39 39 Costigliolese 33 25 9 6 10 37 35 Verzuolo 30 25 7 9 9 25 30 G. Centallo 30 25 8 6 11 35 43 Val Maira 28 25 9 1 15 29 42 Polonghera 27 25 7 6 12 32 41 Ronchi 24 25 6 6 13 23 43 Villanova S. 14 25 3 5 17 19 54

MARENE VILLAR ‘91

5 3

Marene: Sarale, Testa, Tarditi, Barbero M., Cravero A., Gerbaldo (Berardo), Olocco (Barbero E.), Chiavassa, Cravero D., Angaramo, Ca-

RITORNO RECUPERO RISULTATI

Verzuolo - Costigliolese Villafalletto - G. Centallo Val Maira - Ronchi Polonghera - S. Sebastiano Auxilium S. - Scarnafigi Villanova S. - Villanovetta

13ª

1-2 0-2 2-1 3-0 0-1 0-5

RITORNO 8/5 ore 15

Verzuolo - G. Centallo Costigliolese - Ronchi Villafalletto - S. Sebastiano Marene - Scarnafigi Polonghera - Villanova S. Auxilium S. - Villanovetta Val Maira - Villar 91

rena (Bertola). A disp.: Panero S. Reti: 3 Olocco, Chiavassa, Angaramo. La partita inizia subito bene, il Marene è concentrato al 5’ va in goal con un Olocco scatenato. Al 10’ è di nuovo Olocco in goal a firmare il 2-0, ma al 12’ gli avversari accor-

ciano le distanze. Poco dopo è ancora Olocco ad andare in goal. Il Marene è tonico e gli avversari subiscono la velocità dei padroni di casa. I rossoblù continuano a macinare gioco: al 25’ viene atterrato in area Denis Cravero: anche a detta degli avversari è rigore netto, ma l’arbitro lascia correre. Al 30’ Angaramo parte da centrocampo, salta la difesa avversaria, si trova a tu per tu con il portiere ma tira fuori;. Cinque minuti dopo con un’azione fotocopia Angaramo mette in mezzo, arriva Chiavassa che insacca il 4-1. Al 40’ ancora Angaramo si libera sulla fascia sinistra, entra in area, tira e grazie a una deviazione del difensore arriva il quinto goal. Si va al riposo sul 5- 1. Nel secondo tempo il Marene controlla la partita, come sempre ha un leggero calo fisico e di concentrazione, ma non rischia nulla sino al 35’, quando la punta avversaria si inserisce in area e segna il secondo goal . Al 37’ in contropiede la squadra di casa entra in area, il difensore allontana in angolo con la mano, ma l’arbitro non concede un calcio di

segnature. PULCINI 2000 GENOLA 2 MARENE 3 (0-0; 0-1; 0-0) Marene: Brundu, Bosio, Racca R., Astegiano, Fiorito, Racca E., Alladio, Rabbia. All.: Carena Alessandro. Dir.: Alberione Mauro. Rete: Racca R. Partita tiratissima ed equilibrata, di livello superiore alla media: la scarsità di goal racconta della concentrazione con la quale le due squadre si sono affrontate, cosa rara in partite di bambini di questa

età. Ruben Racca è riuscito a rompere l’equilibrio regalando ai suoi una vittoria importante. PULCINI 2001 MARENE 2 JUNIOR 1 (2-4; 3-1; 2-0) Marene: Favole, Barge, Mina M., Mina N., Racca, Rosso G., Rosso M., Seva, Daniele. All.: Ambrosino Silvio. Dir.: Rosso Claudio. Reti: 6 Mina N. , Mina M. In questa gara i gol non sono mancati. Una vera e propria raffica di reti che ha reso la gara molto divertente. Partono forti gli

Alberto Gerbaldo rigore netto. Al 42’ l’arbitro concede invece un rigore inesistente al Villar, che segna il terzo goal. Come sottolinea il presidente Marco Racca: «Il Marene era privo di quattro titolari squalificati, ma quando il gruppo è coeso tutti venti i giocatori sono sullo stesso livello, e lo dimostra il risultato raggiunto. Peccato, perché a vedere il gioco della squadra sembra impossibile non aver raggiunto i play off».

ospiti che si aggiudicano la prima frazione. La mancanza di cambi penalizza un po’ il Cavallermaggiore, che deve subire il ritorno dei padroni di casa. I piccoli di Ambrosino riescono infatti ad aggiudicarsi i successivi due tempi. Sugli scudi Nicolò Mina, autore oggi di addirittura 6 marcature. L’altro Mina, Michele, completa l’opera segnando anche il suo nome nel tabellino dei goleador. PULCINI 2002 MARENE 1 ATL. RACCONIGI 2 (0-1; 0-5; 2-1)

Marene: Astegiano, Bravo, Diop, Fissore, Miniotti, Rabbia, Tosadori, All.: Genova Paolo. Reti: Fissore, Diop. Con gli effettivi contati, i piccoli di Genova devono fare i conti con un Atletico Racconigi dalla panchina più lunga. Gli ospiti si aggiudicano le prime due frazioni nelle quali i piccoli marenesi non riescono a trovare la via del goal. Si riscattano però nell’ultimo tempo quando, con le segnature di Fissore e Diop, riescono ad aggiudicarsi il parziale, rendendo il passivo meno pesante.

Notizie di bocce

M. Bosio SECONDA CAT. VITA NOVA CENTALLESE

10 0

Giovedì 28 aprile è terminata la fase eliminatoria a gironi del campionato di Seconda categoria. Il G. B. Vita Nova ha ricevuto la visita della Centallese che, in quel momento al secondo posto proprio dietro i saviglianesi, era più che mai determinata a ribaltare la classifica in proprio favore. Il gruppo guidato da Alloa e Giubergia, però, come il solito non si è fatto intimidire ed ha espresso sul campo tutto il proprio valore. Durante il brindisi di fine partita è stato messo in risalto lo spirito di gruppo e la serietà di tutti i giocatori nell’accettare e condividere le scelte di chi era chiamato ogni volta a decidere le formazioni, lasciando

via via uomini in panchina. Nella seconda fase il Vita Nova dovrà affrontare in due atti, andata e ritorno, la Boccia di Carmagnola, squadra ben attrezzata con una storia boccistica di tutto rispetto. TERZA CATEGORIA GRANDA NORD 3 4 CARRÙ 6 I racconigesi di Pier Matteo Chiesa escono sconfitti dalla prima partita della seconda fase del campionato di Terza categoria. I 4 punti della squadra di casa sono arrivati da Peretti nell’individuale (132) e dalla coppia VarettoCoassolo (13-1). Niene da fare per Alasia nel tiro tecnico (5-8), per la terna Alasia-Buscatti-Lamberti, poi sostituito da Casale (3-13) e per la coppia Ramello-Oitana Vittorio ‘52 che fino a quel momento era rimasta imbattuta (713). Martedì prossimo i racconigesi andranno a Carrù nella partita di ritorno per ribaltare il risultato e superare il turno.

UNDER 18 Grande risultato per la squadra Under 18 di Marene impegnata nel campionato di società. Dopo aver strappato la qualificazione alla fase nazionale in extremis tre settimane fa con un grande successo, la squadra composta da Mattia Barbero, Andrea Bazzano e Matteo Garello è scesa in campo a Saluzzo sabato 30 aprile e domenica 1° maggio nel girone con Castelnuovo D.B. e Borghetto S.S.. I ragazzi hanno perso il primo incontro contro il Castelnuovo, nonostante l’ottima prestazione, poi la squadra si è giocata il tutto per tutto con il Borghetto ottenendo la vittoria nella coppia Bazzano-Garello per 13-0 (sempre vittoriosa in tutti gli incontri), con Barbero nell’individuale per 1310, ancora con Barbero nel combinato per 19-11, e nella staffetta con Bazzano-Barbero per 31-22. La squadra raggiunge cosi la qualificazione ai

La Caramagnese batte il Vezza

Arriva la promozione CARAMAGNESE VEZZA

Marene – Settore giovanile GIOVANISSIMI MARENE 2 RORETESE 5 Marene: Graglia, Rharif N., Favole, Minetti, Malvicino, Baduero, Abrate, Racca M., Brundu, Racca D., Comandù, Pisano. All.: Stellini Alfio. Dir.: Racca Mario. Reti: 2 Brundu. La prima parte della sfida è da incubo: ad inizio ripresa i padroni di casa sono sotto di tre goal. Brundu riesce a riaprire la gara mettendo a segno una doppietta. Le speranze di pareggio svaniscono quando gli ospiti chiudono i conti con altre due

CALCIO

16esimi del Campionato Italiano di società in programma il 9 e10 luglio a Roma nel nuovo centro federale. Marene e Saluzzo saranno le uniche società della provincia presenti alla gara nazionale. Marica Trucco, responsabile del settore giovanile si dice soddisfattissima, non solo per il grande risultato che conferma Marene sempre all’altezza delle migliori squadre nazionali, ma soprattutto per l’impegno, il comportamento e l’atteggiamento tenuto in campo e fuori dai ragazzi: «Ora ci aspetta – conclude – un maggio impegnativo per le qualificazioni ai campionati italiani di specialità, fatta eccezione per le terne in cui siamo già qualificati». TERNE CAT. B Ancora una qualificazione ai Campionati Italiani per la Marenese raggiunta dalla terna di categoria B, Giuseppe Bergese, Vittorio Ambrogio e Carlo

M. Mulassano Giordanengo, impegnata nell’ultimo fine settimana ad Alba. COMBINATO CAT. B Sabato 30 aprile a Torino il portacolori del Vita Nova Mario Mulassano ha conquistato il diritto a partecipare al campionato italiano di combinato cat. B, centrando un onorevole terzo posto nella competizione disputata nella bocciofila Campidoglio. TORNEO “CITTÀ DI SAVIGLIANO” Nella gara interregionale “Città di Savigliano”, con 89 formazioni presenti, splendida prestazione della quadretta delal Marenese formata da Mauro Barbero, Dino Panero, Stefano Rattalino e Vincenzo Garrone.

35

4 1

Caramagnese: Lamberti, Sciarpa, Prochietto, Ventura, M.Bono, A.Russo, Giorgio, Sabena (Gallo), M.Russo, Laveneziana (Lovera), Giordano (Ferraro). A disp.: Petrucci, D.Bono, Pautasso, Valfrè. All.: Maurizio Cavaglià. Reti: 27' Laveneziana (rig, ), 36' Giordano, 47’ M. Russo, 69’ Alessio Russo. Il momento che i tifosi, i giocatori ed i dirigenti della Caramagnese attendevano da tanto tempo, è arrivato, la Caramagnese di mister Cavaglià è promossa in Prima categoria. Padroni di casa aggressivi fin dalle prime battute, che costringono gli ospiti nella propria metacampo, senza tuttavia essere troppo pericoli in fase offensiva. Prima palla rete al 16', ma la conclusione di Marco Russo viene bloccata in due tempi dal portiere. Al 27' Prochietto viene sgambettato in piena area: calcio di rigore affidato a Laveneziana che insacca. I caramagnesi pigiano sull'acceleratore e Giordano mette al

sicuro il risultato con una gran conclusione di controbalzo che sorprende l'estremo difensore roerino. Nella ripresa la Caramagnese dilaga: Giorgio imbecca bene nel corridoio Marco Russo, progressione in piena area e conclusione rasoterra che s'insacca sul primo palo. Dopo un palo colpito dagli ospiti il Vezza accorcia le distanze e Lamberti evita il peggio in altre due occasioni. La Caramagnese torna a farsi pericoloso al 24' con Gallo. Al 34' combinazione Gallo-Marco Russo che serve il fratello Alessio che deposita indisturbato in rete per il definitivo 4-1. Il triplice fischio finale decreta il ritorno in Prima Categoria della Caramagnese dopo 4 anni d'assenza. L'ultima promozione diretta caramagnese, senza passare per i play-off, in Prima Categoria, era datata 1999. Soddisfazione per tutti, a coronamento di una stagione, condita finora da 21 vittorie su 25 gare. Domenica, ultima fatica, con passerella sul campo del San Giuseppe Riva per i ragazzi di mister Cavaglià.

Racconigi 86 – Giovanili ALLIEVI AUX. SALUZZO RACCONIGI 86

2 6

Alessandro Sabena Racconigi 86: Olivero, Caradonna (Osella), Sales (Sabena), Burello (Olanescu), Finotto, Pioppi, Panero Davide (Gavatorta), Gastaudo, Godano, Piola, Teora. All.: Piola Renato. Dir.: Testa Claudio. Reti: 4 Piola, Teora, Sabena. Partita incredibile nel recupero infrasettimanale sul campo di Saluzzo. I racconigesi partono in salita e vanno sotto due volte, ma Piola prima,Teora poi riequilibrano le sorti dell’incontro. Nella ripresa Teora si fa espellere per un fallo di reazione e gli ospiti giocano gli ultimi 20’ in dieci. È proprio a questo punto però che si scatenano: Piola mette a segno tre goal ed a dare al punteggio finale un sapore tennistico ci pensa il saviglianese Sabena che prima manca di un soffio la deviazione su assist di Godano e poi non fallisce l’appuntamento con il goal su traversone lungo di Piola. Alla fine gran festa negli spogliatoi, in particolare nei confronti di Sabena, vero esempio di serietà negli allenamenti ed ora anche goleador. Prossimo turno mercoledì 4 maggio al De Gasperi contro la Sommarivese (ore 19) e poi di nuovo domenica, sempre sul terreno amico, contro l’Auxilium.

Il Torneo di Pietra Ligure è una gita premio per i ragazzi e i genitori del gruppo 98-99 che si sono impegnati durante tutta la stagione. Alle 7 la partenza da Racconigi con il sole che accompagna il bus in Riviera. I ragazzi regalano alla prima partita una grande prestazione battendo il Val Chisone per 2-1, complice un’autorete e un bellissimo goal di Bonetti. La seconda partita con il Magra Azzurri viene persa per 0-1 a causa di un goal che, oltre essere in fuorigioco, è anche viziato da un fallo sul portiere Gloria Vassallo. I biancorossi accedono così alle semifinali dalla quinta alla ottava posizione. Dopo un lauto e meritato pasto con l’immancabile pesto ligure, mister Godano accompagna i ragazzi al mare tra scherzi e risate. Nella semifinale i biancorossi resistono per oltre 10’ agli attacchi del Baia Alassio per crollare sul finale con un immeritato 0-3 (anche qui 2 reti in fuorigioco!). La finale per il 7°-8° posto è una passerella per tutti i giovani racconigesi che, ormai stremati dalla lunga giornata, cedono ai padroni di casa del Pietra Ligure ancora per 0-3. Durante la partita da segnalare un fatto curioso e assurdo: ai biancorossi viene negato un nettissimo rigore su Anselmo perché l’arbitro è impegnato al cellulare e non vede il fallo dei locali! Il tutto non rovina però la giornata ai racconigesi che ritornano comunque felice. Allenatori e dirigenti ringraziano i ragazzi e i loro familiari per la presenza costante a tutte le attività svolte, calcistiche e extracalcistiche. Prossimi impegni il Torneo di Montà domenica 8 maggio e quello di Dogliani domenica 22.

ESORDIENTI Torneo di Pietra Ligure Racconigi 86: Gabaldo,Vassallo, Caffaratti, Camporelli, Fusero, Mariano, Montersino M., Montersino S.,Oitana, Piovano, Bonetti, Coraglia, D’Amore, De Simone A., De Simone F., Garello, Magri, Paschetta, Anselmo, Tammaro. All.: Godano, Anselmo R., Camporelli. Dir.: De Simone, Caffaratti, Gabaldo.

Il portiere Gloria Vassallo


36

sport

giovedì 5 maggio 2011

CALCIO

Junior sconfitta dallo Sportgente

CALCIO

Finisce senza goal l’incontro tra Racco ‘86 e Atletico

A corrente alternata

Un derby al vetriolo

MURAZZO JUNIOR

3ª CATEGORIA

0 3

GIRONE B

Reti: 3’ Giraudo; 30’ Bertola; 43’ Martino.

CLASSIFICA squadre

JUNIOR SPORTGENTE

0 2

Junior: Dompé, Villois, Toselli (80’ Beninato), Raso (Gattino M.), Dabbene, Martino, Cerutti (Chiavassa R.), Bertola, Mondino (Capello),Valente, Giraudo. A disp.: Fantino, Monasterolo. All.: Chiavassa Michele. La Junior, nelle due partite disputate nei giorni scorsi, prima travolge il Murazzo in trasferta, ma poi deve soccombere alla Sportgente tra le mura amiche. Nell’incontro di Murazzo, la Junior archivia la pratica con un’azione solitaria tramutata in goal da Giraudo al 3’, un gran tiro rasoterra dal limite dell’area di Bertola al 30’ e una sforbiciata di Martino al 43’. Nella ripresa alcune buone giocate del giovane Roby Chiavassa suggellano una vittoria che consente di salire al secondo posto a due gare dal termine. Nel turno successivo, però, la Junior “stecca” il primo matchpoint per i play-off incappando in una serata-no caratterizzata,

Giovanni Martino

per giunta, da arbitraggio sfavorevole. Gli ospiti si difendono bene e trovano la via del goal verso la mezz’ora del primo tempo, dopo che la Junior ha reclamato per un paio di rigori non assegnati. I cavallermaggioresi nella ripresa perdono la lucidità necessaria per raddrizzare una gara che, col passare dei minuti, diventa sempre più difficile mentre gli ospiti, che a questo campionato non hanno più nulla da chiedere, giocano col coltello tra i denti, trovando il raddoppio sempre in contropiede a dieci minuti dal termine. Venerdì 6 maggio altra gara a grande rischio sul campo del Bandito.

Junior – Giovanili JUNIORES JUNIOR AUX.SALUZZO

(1-1; 1-1; 0-0) 3 0

Junior: Montecchiani, Chiappero, Miraglio, Mazzola, Luce (Gribaudo), Barra, Lepuri, Chiavassa R., Seia (Fantino), Syll, Fiorito (De Maria). All.: Leatico Luigi. Reti: 2 Fiorito, Gribaudo. Bella vittoria per la juniores di Leatico contro l’Auxilium Saluzzo; le due squadre, seppur rimaneggiate, danno vita ad un incontro equilibrato nel primo tempo. Nella ripresa la Junior trova la via del goal con Fabio Fiorito due volte e con il nuovo entrato Mattia Gribaudo. Da segnalare un paio di belle parate di Montecchiani. Nel recupero con la capolista Revello la Junior aveva ceduto per 0-3. Fantino ha parato un rigore. Martedì recupero con lo Sportroero e poi campionato finito in seguito al ritiro del Marene. La compagine di Leatico potrebbe chiudere all’ottavo posto un campionato molto tribolato, ma con un girone di ritorno più che dignitoso. ALLIEVI JUNIOR 3 SANTA MARGHERITA 1 Junior: Chiavassa Gl., Jakini, Cigna P., Otella, Botta, Gattino A., Soldano, Gonella (Monge), Capello, Gattino M., Oraldi (Poponcini). Ancora una vittoria, sia pure col minimo sforzo, per i ragazzi di Gianoglio: il primo goal arriva su punizione di Mattia Gattino, sfiora di testa Cigna. Il raddoppio è di Capello, poi segnano gli ospiti su di una distrazione dei locali. Nella ripresa la Junior chiude il conto per il 3-1 finale. Prossimo impegno mercoledì a Santo Stefano Belbo contro una squadra ancora imbattuta. PULCINI JUNIOR “A” AZZURRA

3 3

Junior “A”: Mana, Ubertalli F., Kacu, Ubertalli C., Bettozzi, Mhilli, Raso, Bonino, Lo Monaco, Memcaj, Rosa. All. : Fissore O. Reti: Raso; Lo Monaco. La gara ha visto i piccoli cavallermaggioresi giocare decisamente sottotono. Forse il vantaggio iniziale, con una bella punizione da notevole distanza di Raso, ha un po’ appagato la Junior che si è fermata giocando con sufficienza e non tirando fuori la ormai proverbiale grinta. Così l’Azzurra è riuscita a pareggiare. Nel secondo tempo stesso copione: rete di Lo Monaco, poi pausa e pareggio degli avversari. Solo sul finire del terzo tempo si è vista la Junior che conosciamo, ma oramai era tardi. Nota positiva è la costante crescita di Francesco Ubertalli, uno dei più piccoli del gruppo, che si sta dimostrando un ottimo marcatore disciplinato e sempre sorridente. Altra nota positiva è che continua la striscia d’imbattibilità. JUNIOR “B” AZZURRA (2-2; 1-2; 0-0)

2 3

Junior “B”: Actis, Racca, Riorda,Trentanelli, Paulet, Perona, Cigna, Oggero. All.: Actis Luca. Sconfitta casalinga, seppur di misura, per la Junior “B”, che ancora una volta ha dovuto fare i conti con numerose assenze. La partita è stata condizionata in negativo dalla scarsa mira dei ragazzi locali, che in diverse occasioni clamorose (almeno 5–6) sono arrivati a tu per tu con il portiere senza mai riuscire ad andare in rete. Primo tempo abbastanza equilibrato, con due goal ad opera di Riorda. Nel secondo tempo sono gli ospiti ad imporsi per 2-1. Nel terzo tempo la partita arriva alla conclusione a reti inviolate. Il passivo sarebbe stato molto più pesante, senza i buoni interventi del nostro portiere Actis.

P. G V N P GF GS

A. Racconigi 57 25 17 6 2 69 29 Junior Cav. 47 25 14 5 6 52 30 Fossanese 46 24 14 4 6 64 36 Caraglio 46 25 14 4 7 64 39 S. Chiaffredo 45 25 13 6 6 61 34 Racco 86 44 25 12 8 5 53 32 Orange 35 24 10 5 9 49 39 Fortesan 33 25 7 12 6 42 34 G. Caramagna 30 25 7 9 9 59 52 Manta 29 25 7 8 10 33 43 Sportgente 23 25 6 5 14 41 61 Murazzo 22 25 6 4 15 33 60 Bandito 21 25 6 3 16 33 76 Rosselli 2 25 1 1 23 23111

RACCONIGI ‘86 ATLETICO

0 0

Racconigi 86: Macheda, Mollo, Milani (Busso Ivano), Capello,Tesio, Tosello, Bertaina (Milanesio Giovanni), Sardo Luigi, Bori, Rogato, Giustetto (Gallo). A disp.: Bonino, Allasia, Mesce. All.: Grosso Paolo. Atletico Racconigi: Lopreiato (Maragò), Capello, Diana, Ferrantelli (Valenti D.), Urrata, Sorrentino, Bongiovanni (Caricato U.), Goffo, Loduca,Valenti, Castellano. All.: Bordese Beppe. «Se il derby del girone di andata è ricordato per il bruttissimo intervento di Macheda che, con un’uscita kamikaze, spaccò tibia e perone a Lacinej, nella partita di ritorno finisce con alcuni giocatori

12ª

RITORNO RISULTATI

Racco 86 - A. Racconigi Fortesan - Bandito Fossanese - Caraglio Murazzo - G. Caramagna Manta - Orange Rosselli - S. Chiaffredo Junior Cav. - Sportgente

13ª

0-0 3-3 3-0 3-2 1-3 1-8 0-2

RITORNO 6/5 ore 21

Caraglio - Fortesan S. Chiaffredo - Fossanese Bandito - Junior Cav. Sportgente - Manta Orange - Murazzo G. Caramagna - Racco 86 A. Racconigi - Rosselli

del Racco che, non accettando la decisione dell’arbitro, si fanno giustizia da soli prendendo a schiaffi Fabio Capello, reo secondo loro di un contrasto cattivo nei confronti di Tosello – accusa l’allenatore dell’Atletico Beppe Bordese –. Premesso che tale intervento non richiedeva nemmeno l’intervento del massaggiatore, la reazione di questi giocatori non ha scusanti». «L’Atletico, già matematicamente promosso, era sceso in campo senza particolari ambizioni – prosegue Bordese –: lo dimostra il fatto che non erano della partita Filieri e Cristiano, prestati alla Uisp di Carmagnola, e Finocchiaro che, al lavoro, non ha chiesto permessi per poter giocare. Inoltre la partita è stata giocata 12 contro undici, visto che l’arbitro si è rifiutato di concedere alcun fallo per l’Atleti-

Beppe Bordese (Atletico) co e poteva benissimo scendere in campo con la casacca biancorossa». «L’incontro si è trascinato per tutto il primo tempo senza particolari emozioni – racconta l’allenatore dell’Atletico –: solo in un’occasione siamo andati vicino al goal con Loduca che, solo davanti al portiere, ha colpito debolmente. Nel secondo tempo abbiamo preso ad attaccare e nei primi minuti prima Valenti colpiva il palo poi sfiorava il goal di testa. Al 10’ è Goffo a mangiarsi il goal cincischiando in area. A questo punto ho operato due cambi suicidi, inserendo due punte per due centrocampisti e lasciando così la difesa senza copertura. Il Racco ha provato ad approfittarne ed ha colpito due traverse ma non è riuscito a segnare neanche in 11 contro 9. Sì perché l’arbitro prima ha espulso Valenti D. per proteste, poi Capello per intervento pericoloso, e quindi ha chiuso gli occhi e si è tappato le orecchie quando al-

Paolo Grosso (Racconigi ‘86) cuni giocatori del Racco hanno deciso di farsi giustizia da soli». «La partita è terminata in parità ma l’unico sconfitto è stato lo sport inteso come amicizia e aggregazione» conclude Bordese. Dall’altra parte della barricata mister Grosso riassume così il derby: «Primo tempo noioso. Nella ripresa loro hanno avuto due belle occasioni, una finita sul palo e l’altra parata da Macheda. Da parte nostra abbiamo colto due traverse con Capello e Tesio e, al 90’, Mollo, con un calcio di rigore in movimento, ha preso l’esterno della rete». «All’Atletico vanno i miei complimenti per la vittoria del campionato – continua –. Sul comportamento tenuto nel corso della partita, invece, ora come ora preferisco non dire niente». Puntate ancora ai play-off? «Le dirette concorrenti hanno perso e perciò anche noi siamo rientrati in gioco. È difficile, ma tutto può ancora succedere».

Atletico Racconigi – Settore giovanile goal sciupate da Beoletto e Pettiti, che si riscatta a pochi minuti dalla fine segnando dopo aver saltato in velocità alcuni avversari. Prossimo turno sabato 7 maggio a Sanfrè. Lorenzo Coppola ESORDIENTI ATLETICO 3 SAVIGLIANESE 1 (1-1; 2-0; 1-0) Atletico: Bellino, Pettiti, Farias, Natile, Bordese, Capello, Monte, Coppola, Gariglio, Kouhlani, Kruja, Ouassiri, Gambino, Beoletto, Azzan. All.: Capello Fabio. Reti: 3 Monte, Pettiti. L´Atletico supera anche i pari età del Savigliano fornendo l´ennesima buona prestazione di questo splendido girone di ritorno. Il primo tempo inizia male, con i padroni di casa in svantaggio dopo pochi secondi. I racconigesi faticano a fare gioco ma trovano il pareggio con un tiro da fuori di Monte. Nel secondo tempo la musica cambia, i racconigesi entrano in campo più convinti e determinati ed uno scatenato Monte realizza una bella doppietta e potrebbe aumentare il suo bottino ma sciupa alcune occasioni da goal. Il terzo tempo vede sempre i padroni di casa dominare e creare numerose palle da

PULCINI MISTI GEM BUSCA 3 ATLETICO 0 (1-0 1-0 1-0) Atletico Rino: Gentile, Goli, Ascab, Farfarello, Gastaudo, Mariano, Sorrentino, Racca, Beoletto. «Troppo forti i pulcini di Busca, superiori all’Atletico soprattutto fisicamente – ammette Sorrentino –: i miei sono stati bravi a difendersi ma bisogna render merito agli avversari. Comunque sono soddisfatto dei miglioramenti di questa squadra: in futuro penso potremo anche noi toglierci delle soddisfazioni». MARENE 1 ATLETICO 3 (0-3; 0-3; 3-3) Pulcini Ferrantelli: Alaa, Finocchiaro, Murabito, Galvagno, Carena, Amadù, Cennicola, Borile, Giaconia. Reti: 6 Murabito, 2 Finocchiaro, Amadù. I pulcini di Ferrantelli sfoggiano una delle più belle prestazioni della stagione andando a vincere in quel di Marene. Nel primo e nel secondo tempo l’Atletico domina, segnando tre

reti per tempo di ottima fattura: 4 di Murabito e 2 di Finocchiaro. Nel terzo tempo, dopo essersi portati nuovamente sul 3-0 ancora con doppietta di Murabito e goal di Amadù, si deconcentrano facendosi recuperare sul 3-3. «Tutti molto bravi – commenta Ferrantelli – allenare un gruppo così permette di togliermi grandi soddisfazioni e di portare in alto i colori dell’Atletico». PULCINI 2002 MARENE 1 ATLETICO “A” 2 (0-1; 0-5; 2-1) Atletico “A”: Capello, Re, Portesio, Natile, Fantini, Mouad, De Franco. All.: Casale R. Reti: 6 Re, Portesio. Contro il Marene l´Atletico è artefice di una bella gara sotto il profilo

dell´impegno e della concentrazione. La prima frazione vede diverse occasioni da rete per entrambe le formazioni, ma i racconigesi sono più determinati con P. Portesio che trova un grande goal con tiro dalla distanza. Il secondo tempo è tutto a favore dell´Atletico che attacca con veemenza e per ben cinque volte va a segno con A. Re. Acquisiti i primi due tempi mister Roby Casale prova nuovi schemi proponendo A. Re e C. Capello in difesa con De Franco in porta, mentre A. Natile e E. Fantini si alternano in attacco: i ribaltamenti di fronte sono continui, con A. Re che trova il goal prima della doppietta marenese. BENE NARZOLE 1 ATLETICO “B” 3 (0-1; 0-4; 3-3) Atletico “B”: Alaa, Gal-

Piero Portesio vagno, Carena, Murabito, Finocchiaro, Mbodj, Amhed. All.: Ferrantelli Francesco. Dir.: Finocchiaro G. Reti: 6 Murabito, Finocchiaro, Mbodj. Partita decisamente divertente ed entusiasmante. Nel primo tempo segna proprio allo scadere Murabito su un bel cross di Finocchiaro. Nel secondo tempo i racconigesi realizzano 4 reti: 3 con Murabito e una con Mbodj. Terzo tempo più combattuto, da segnalare la rete di Finocchiaro e le 2 reti di Murabito.

La presentazione delle maglie del Torneo Champions in programma dal 15 maggio


sport

CALCIO A

giovedì 5 maggio 2011

5 SERIE D Derbyssimo nella prima giornata dei play-off

Pari tra Futsal e Time Warp FUTSAL TIME WARP

5 5

Futsal Savigliano: Berteina, Tavella, Cossotti, Daniele, Busano, Burzio, Garello, Serale, Ternavasio E., Mondino , Ternavasio G., Dominici. All.: Borello, Testa. Dir:: P. Paciello. Reti Futsal: 2 Ternavasio G.,2 Ternavasio E., Daniele. È finito 5-5 il primo match dei play-off del campionato di serie D, girone 3. Il destino della stagione ha voluto che le due società amiche si incontrassero una terza volta e a questo punto, a onor di regolamento, non è da escludere la possibilità di un quarto scontro, magari finale secca, per aggiudicarsi il primato del girone 3. Scherzi da play-off. Staremo a vedere. Dopo il temporale pomeridiano, il timido sole di fine pomeriggio ha reso il campo da gioco rasente la perfezione, che ha aiutato Futsal e Warp a dare spettacolo per il “solito” numerosissimo pubblico. Gli ospiti a ranghi completi, Futsal rimaneggiato con capitan Pettavino squalificato e Burzio ai box per infortunio. Recuperato all’ultimo solo Garello. La partita è stata sicuramente all’altezza della posta in palio: fair play e correttezza l’hanno fatta da padrona, ma non sono mancate giocate di fino e colpi quasi proibiti che da sempre caratterizzano un derby come Futsal Savigliano e Time Warp. Tutto sommato una bella partita. Il Warp ha avuto le occasioni migliori, forse più nitide, sciupate o no per colpa di pali e traverse. I biancorossoblù hanno avuto il merito di portarsi sempre in vantag-

Luca Tavella

gio e, a soli 100 secondi dal termine, di guidare il match per 5-4. Parità in fin dei conti che accontenta e non compromette il cammino di nessuna delle due formazioni. Il Futsal parte decisamente forte portandosi sul risultato di 3-1. A sbloccare le marcature ci ha pensato Gian Terna che da fuori area colpisce (di destro) un Riccio ancora freddo. Il raddoppio arriva

subito dopo con la firma di Chicco Terna e, dopo il 2-1 degli ospiti, Gian Terna firma la sua doppietta personale sparando di controbalzo la palla nell’angolo più buio. 3-1. Bravi gli ospiti a cambiare marcia con Caramanno e Drago e ad insistere in velocità sulle due corsie laterali. Rigore trasformato da Drago e goal proprio di Caramanno: la partita si rimette sul pari.Time Warp che pressa e spinge. Futsal brava a tenere palla ma poco pericolosa dalle parti del portiere Riccio. Si chiude così la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo subentra la paura di perdere da una parte e dall’altra. Le due squadre si allungano decisamente di più. A passare in vantaggio sono nuovamente i padroni di casa con un goal quasi assurdo di Daniele che con tre “sombreri” si trova davanti alla linea di porta quasi incredulo. Facile poi l’appoggio in porta. 4-3. Ancora il Time Warp protagonista della fase centrale, con grandi accelerazioni che più di una volta hanno messo in crisi i padroni di

casa. I monasterolesi colpiscono un palo a porta vuota ed una traversa nelle stesse condizioni (il totale a fine gara sarà di 5 legni colpiti). Il Futsal ha ancora un’occasione, anzi doppia: prima il rigore concesso dall’arbitro sull’atterramento di Serale in area, sbaglia il penalty Chicco Terna, poi la superiorità numerica per l’espulsione di Rapisarda. Si ritorna a giocare in parità numerica e il finale diventa incandescente: Time Warp pareggia, Chicco Terna segna il 5-4 a pochissimo dalla fine, poi due occasioni per gli ospiti. Sulla prima ci pensa il portierone Berteina (di nuovo ottima la sua prestazione) e la seconda finisce oltre la linea di porta con la firma di Gigi Longo. Finisce così 5-5. Nessuno scontento. Considerato anche che l’altra sfida del girone 3, quella tra Sant’Ambrogio e VVF di Salza è finita 2-2. Lunedì 9 maggio è di nuovo ora di play off. Il Futsal Savigliano sui campetti di Borgo Marene incontrerà alle ore 21 i VVF di Salza. Obbligatorio vincere.

La formazione del Time Warp di Monasterolo di Savigliano si gioca il tutto per tutto nei play-off promozione

Calcio ACSI – Campionati a 11 e a 7 CALCIO A SETTE

MERITO GIRONE B – 22ª giornata Vigone el Vigun – Castagnole Pancalieri Villanovetta – Cavour Amatori Genola Fogliarino Claas – Villafranca Scarnafigi – Il Podio sport Bagnolo Bra Abet Laminati – Big bar Atletico Moretta Costigliolese – Paesana Valle Po

MONASTEROLO 94 3 ALBATROS 10

1-1 2-2 2-2 1-1 3-1 1-0

Riposava: A.S.D.C. Marene. Mario Pansa ECCELLENZA GIRONE C – 22ª giornata Tek Fire San Sebastiano – Marene 2003 Musiello Saluzzo – Genola 2005 Montanarese – Sarale carburanti Monasterolo 94 – Cavallerleone 2008 Vottignasco bar Fantasy Peraria – Brossasco Villafalletto – Manta Envie – Olimpic bar Cavour Savigliano

n.d. 1-2 Rinv. 1-1 2-2 3-0 0-0

CALCIO A 7 GIRONE B – 22ª giornata Lagnasco – Old boys Manta – Giardino dei tigli Surrauto Vottignaschesesac – Piasco Rivoira Fossano – Murazzo Farigliano – Leun d'or Murello Monasterolo 94 – Saviglianese Albatros Riposava: Roata Chiusani Ronchi. ECCELLENZA MONASTEROLO 94 1 CAVALLERLEONE 1 Monasterolo 94: Oggione, Pussetti, Piumatti, Anselmo, Selvaggio, Peruccio, Sepertino, Arnolfo, Barbero, Aimetta, Rugo. A disp.: Bini, D’Agostaro, Fissore Mirko, Perlo, Vassallo. All.: Brunetti Alessandro. Dir.: Galletto Massimo. Rete: Fissore Mirko.

2-2 2-4 5-3 5-1 3-8 3-10

Cavallerleone 2008: Olivero, Garis L. (Casasanta), Monterzino (Giletta D.), Rattalino, Gallino, Catrambone, Giletta A., Giletta M., Prattichizzo U., Pansa, Cavaglià All.: Raffaele Prattichizzo. Rete: Pansa Mario. Partita molto equilibrata: il risultato finale di parità rispecchia in pieno lo svolgimento dell’incontro. Dopo un primo tempo nel quale nessuna del-

le due squadre riusciva a produrre qualcosa di positivo in fase conclusiva (la palla gol più nitida è capitata tra i piedi di Monterzino), la ripresa ha avuto qualche sussulto in più con gli ospiti che riuscivano a passare in vantaggio con Mario Pansa. Il Monasterolo reagiva con determinazione e perveniva al pareggio grazie ad una realizzazione del bomber Mirko Fissore, tornato finalmente al goal dopo un periodo di appannamento. Da segnalare che purtroppo anche questa squadra, che pure viaggia nei quartieri alti della classifica, ha settimanalmente notevoli problemi di organico. Quanto al Cavallermaggiore, la squadra ha fornito ancora una volta una prova di solidità e compattezza, mancherebbe solo un po’ più di concretezza in fase realizzativa. Il prossimo impegno sarà in casa con il Vottignasco.

Monasterolo 94: Oggione, Buttieri, Perlo, Isoardi, Allaria, Giarnieri, Fissore Fabio, Rovere. All.: Perlo Silvio. Dir.: Galletto Massimo. Reti: Giarnieri, Allasia Enrico, Rovere. Lai prestazione esibita dal Monasterolo in casa contro i saviglianesi dell’Albatros è stata una cosa che lascia allibiti. Una vera valanga di reti ha travolto la formazione monasterolese che pure era passata in vantaggio con Enrico Allasia ma che poi ha subito smesso di giocare permettendo agli avversari di fare il bello ed il cattivo tempo a proprio piacimento. Sul finire dell’incontro segnavano anche Nicola Giarnieri e Domenico Rovere. ma ovviamente erano reti ininfluenti. Unico merito dei giocatori del Monasterolo 94 scesi in campo è stato quello di esserci, in quanto è ormai da parecchio tempo che la dirigenza fatica ad allestire una squadra competitiva a causa di molteplici defezioni che hanno assottigliato l’organico. MURELLO FARIGLIANO

8 3

37

Calcio UISP so, deposita la palla in rete. Migliori in campo: Lingua, Ale Ainaudi e Marengo. CAMPIONATO A 11

Luca Marengo (Racco ‘86) COPPA DI LEGA VILLAFRANCA ASTI 2 RACCONIGI 86 0 Racconigi 86: Ramasso, Porchietto, Bonetto, Lingua, Ainaudi A.,Sartori, Panero, Sardo, Ainaudi M., Mottura, Marengo. Entrati: Maiorano M., Preci, Dalmazzo, Rainero, Barale A. A disp.: Scarpino. All.: Caffaratti. Dir.: Perrucci, Dolce. Prima sconfitta in Coppa di Lega per il Racconigi 86: un risultato che pregiudica le possibilità di qualificazione per il ritorno che verrà disputato martedì 10 maggio (ore 21, campo De Gasperi). I biancorossi riescono per quasi mezz’ora a contenere gli attacchi del Villafranca, rendendosi pericolosi a loro volta con veloci azioni di contropiede. Al 15’ Marengo impegna l’estremo difensore di casa su punizione, il portiere non trattiene ma nessun è pronto a depositare in goal. Al 25’ Ainaudi M. arriva con un secondo di ritardo su un cross dell’ottimo Marengo. Al 28’ il goal dei padroni di casa con un tiro imparabile alla sinistra di Ramasso. I racconigesi perdono per infortunio Roby Sardo, fino a quel momento tra i migliori in campo. Il secondo tempo vede il Racconigi in avanti ma la gara diventa nervosa, con continue proteste da una parte e dall’altra. Il gioco spezzettato favorisce sicuramente il Villafranca che perde tempo in qualsiasi momento della partita. Non ci sono particolari emozioni a parte un gran sinistro di Marengo e un bel diagonale di Preci che il portiere di casa para in tuffo. Al 35’ la beffa: errato rinvio della difesa e il centravanti di casa, a tu per tu con Ramas-

ROERO UNITED 1 RACCONIGI 4 Racconigi: Luino, Lo Schiavo, Grimaldi, Leuzzi, Biga, Bergesio, Corro (Caratto), Perosino, Capello A., Roccini, Catrambone. A disp.: Colaiacovo. All.: Caratto Massimo. Reti: 2 Corro, Capello, Roccini. Partita a senso unico dei racconigesi a Montaldo Roero contro la cenerentola del campionato. «Abbiamo giocato sul velluto» ammette mister Caratto. Al 10’ Catrambone mette in mezzo una bella palla su cui si avventa Corro e la spedisce in rete. Dieci minuti dopo arriva il bis personale di Corro su azione fotocopia della precedente, questa volta con passaggio di Leuzzi. Il terzo goal al 10’ della ripresa: lancio di Corro per Roccini che di testa serve Andrea Capello che supera il portiere con un pallonetto. Esce Corro ed entra Caratto che offre un assist a Grimaldi, sul cui tiro il portiere roerino commette fallo di mano. Dal dischetto si presenta Roccini il cui tiro però viene parato. Lo stesso Roccini alla mezzora si riscatta mettendo nel sacco il goal del 4-0. Proprio all’ultimo minuto l’arbitro regala ai padroni di casa il rigore per la rete della bandiera. Prossimo turno venerdì 6 maggio a Piobesi. Classifica: Sportinsieme 34; Cinema Vekkio 32; Sangio 29; Racconigi 27; San Michele Grato 24; Real Carmagnola 16; Castagnole 15; Mediterranea 11 e Racconigi 86 11; Roero 4.

Marco Lo Schiavo (Racconigi)

A.C. Racconigi – Giovanili Antonio Catrambone Leun d'or Murello: Laurenti, Gattino, Catrambone,Varetto (cap), Salamone, Cravero, De Lorenzo, Giuganino, Beoletto, Tortone, Teora, Oitana, Devalle, Guerra, Bonino, Gariglio, Iaculo. All.: Sandro Rainero,Vito Lucisano. Dir.: Nicolò Monge. Reti: 3 De Lorenzo, 2 Varetto, 2 Iaculo, Salamone. La partita è accesa, i leoni vogliono vincere. Segnano tre volte nel primo tempo e il Farigliano sta al passo: segna anch'esso tre volte, di cui due dal dischetto. Ma è nel secondo che i murellesi non concedono più nulla: la porta di Laurenti resta inviolata. Però loro segnano ben cinque reti, sommergono gli avversari. Arrivano a casa altri tre punti, fondamentali per restare in vetta. Il prossimo match è venerdì sera, in casa, contro l'Albatros: sarà un incontro decisivo per le sorti dei leoni, già pronti a ruggire.

JUNIORES SANFRÈ 0 RACCONIGI 2 Racconigi: Sola, Rimola, Lopumo, Sofiane, Paschetta, Decostanzi (Gregorio), Boreanaz, Sacco, Malavenda, Zahhar, Abrate. All.: Gallè Michele. Reti: 2 Boreanaz. Ancora una volta Gallè schiera una formazione d’emergenza ma contro la terzultima in classifica il Racconigi non ha problemi a far valere la sua legge. Fin dai primi minuti Zahhar semina il panico nella retroguardia dei locali. Il risultato si sblocca al 25’: Malavenda viene atterrato in area, l’arbitro fischia il rigore e dagli undici metri Boreanaz non perdona. Cinque minuti dopo è lo stesso Boreanaz a raddoppiare. Nella ripresa la musica non cambia ma non cambia nemmeno il risultato, dal momento che gli attacchi portati da Zahhar, Gregorio, Boreanaz, Malavenda e Abrate non centrano il bersaglio. PULCINI RACCONIGI 3 SPORTGENTE 2 (1-1; 3-2; 1-1) Racconigi: Abate, El Retili, Ouassiri, Vallone, Brizio, Carli,

Osella, Borra, Kaddouri. All.: Rosso Gino. Dir.: Giustetto Carlo, Giustetto Alessandro. Reti: 2 Osella, 2 Carli, Brizio. Partita bella e combattuta dal primo all’ultimo minuto. Passano per primi in vantaggio gli ospiti ma Osella pareggia con un tiro da fuori area. Nel secondo tempo ancora lo Sportgente per primo a rete, poi Carli mette a segno una doppietta e Brizio firma il terzo goal raccogliendo un traversone di Borra. Sul finale El Retili devia nella propria porta un calcio d’angolo dello Sportgente. Il terzo tempo parte in salita per i pulcini di Gino Rosso che incassano un goal a causa di un errore difensivo, ma sul finale Osella pareggia con un tiro dalla distanza a fil di palo. Da segnalare uno spettacolare (e provvidenziale) salvataggio di Vallone sulla linea in rovesciata.

Doppietta per Danilo Carli


38

nel ricordo

giovedì 5 maggio 2011

SAVIGLIANO

Ad un mese dalla scomparsa

In ricordo di “Ed” Mina Caro papà, è quasi un mese, ormai, che te ne sei andato ed ancora mi rifiuto di fermarmi a pensare al fatto che tu non ci sia più, perché il pensarlo sarebbe davvero troppo, troppo, doloroso... Durante il tuo Funerale, per tutto il tempo, ho guardato impietrita la tua bara pensando: “Non è possibile, lì dentro non M.E. Mina c’è mio padre. Mio padre... non può essere lui, così inerme, immobile e zitto!!! Non è lui, no, mio padre è una persona incredibile, sempre attivo, da anni è il primo ad arrivare alla Savimacos e l’ultimo ad andare via, va in giro di continuo, va nei cantieri, in banca e parla e conosce una miriade di persone; anche quando è fermo la sua mente continua a lavorare, legge tantissimi giornali, conosce le Leggi come pochi e quando gli viene in mente qualcosa scrive su uno di quei foglietti bianchi quadrati che non gli mancano mai, per paura di dimenticare, anche se ha una memoria prodigiosa, conosce tutti i numeri di telefono di clienti, posatori, parenti ed amici, non gli scappa mai niente e anche se questa cosa può essere a volte fastidiosa dà sicurezza, perché su ED puoi sempre contare...”. E poi il risveglio, la consapevolezza che papà non c’è più, che se ti viene in mente di chiedergli qualcosa di getto come facevi prima ora non si può più, e questa verità distrugge, lacera il cuore, si sente un vuoto, una mancanza incredibile… Ci è di conforto, però, ritrovarti in tutti quelli che incontriamo e che ti hanno conosciuto, perché a nessuno hai risparmiato un consiglio, a ognuno hai lasciato un pezzo di te, col tuo modo di fare così esuberante non passavi mai inosservato, col tuo piglio sicuro dicevi sempre le cose in faccia, ed anche se ciò faceva a volte male, alla fine dei conti ti apprezzavano tutti per questo, perché con te si sapeva sempre cosa pensavi, insegnavi l’onestà e la correttezza, in ogni situazione. Speriamo, papà, di avere imparato il più possibile da te, sei stato e sarai sempre una guida per mamma, Ely e me e per tutti quelli che hanno lavorato con te; so che se ci vedessi ora saresti fiero di noi e ci sproneresti ad essere forti come lo eri tu, e noi ci stiamo provando, veramente... Mi raccomando, proteggi anche la tua cara MARTA... lei era l’unica che ti faceva ancora sorridere negli ultimi tempi, so che tentavi di non farla affezionare troppo a te per evitarle di soffrire troppo il tuo “abbandono”, ma non ce la facevate proprio a stare lontani, ti guardava ammirata e triste per la tua debolezza ed ora le manchi tantissimo, ma ti assicuro che ti faremo sempre vivere nei suoi ricordi, te lo prometto papà... Ciao. Any

La moglie, le figlie ed i familiari tutti commossi per la grande dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata al loro carissimo

MICHELE EDOARDO MINA nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro grande dolore. Un grazie particolare porgono al Parroco don Marco Di Matteo, al medico curante dott. Paolo Siccardi, all’amico dott. Antonio Diana, alla dott.ssa Laura Fissore, al dott. Comandone ed a tutta l’équipe dell’ospedale Gradenigo di Torino, al prof. Salizzoni, al servizio ADI, ad Augusto Pettiti, a Marco Quattrocchio e Piero Migliore per il loro aiuto, a Franco Arena, ai signori Tesio, ai dipendenti ed ai collaboratori della Savimacos, ai posatori Saviposa ed indistintamente a tutti i vicini di casa, amici e conoscenti che furono di aiuto e conforto nella triste circostanza. La S. Messa di Trigesima sarà celebrata: SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni.

“È bello credere che ci siete, sentirVi vicini e parlarVi in silenzio”. Nella mesta ricorrenza dell’undicesimo Anniversario e del decimo Anniversario dei compianti

SABATO 7 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni sarà celebrata una S. Messa di quarto Anniversario in suffragio della compianta

ANNA RADIN e DOMENICO CANAVESE

CLELIA BARALE in ISAIA

(Ex Comandante dei Vigili urbani) con immutato dolore Li ricordano la figlia, il genero, i nipoti, i pronipoti, la sorella, il cognato ed i parenti tutti. La S. Messa sarà celebrata nella chiesa parrocchiale di S. Pietro: VENERDÌ 6 MAGGIO – ore 18. I familiari ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. DOMENICA 8 MAGGIO – ore 11 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea sarà celebrata una S. Messa Anniversaria in suffragio dei cari

CATERINA FERRERO ved. CAREZZANA nel quinto Anniversario

Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni sarà celebrata una S. Messa di primo Anniversario in suffragio del carissimo

GIOVANNI BERARDO PIETRO FRANCO La moglie, i figli, le nuore, il genero, i nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

GIOVEDÌ 12 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni sarà celebrata una S. Messa di primo Anniversario in suffragio della compianta

SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea sarà celebrata una S. Messa di secondo Anniversario in suffragio del compianto

I familiari ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

SABATO 7 MAGGIO – ore 9.30 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Pieve sarà celebrata una S. Messa di primo Anniversario in suffragio della compianta

I figli, le nuore, il genero, la cognata, i nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. SABATO 7 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni sarà celebrata una S. Messa di secondo Anniversario in suffragio del carissimo

GIOVANNI BATTISTA CAREZZANA nel decimo Anniversario

FRANCESCO SUPERTINO Abbiamo condiviso, nell’arco degli anni, molti momenti con lei, ED! In essi ci sono stati gli scontri, ma anche gli incontri, ci sono stati gli insegnamenti che, a volte palesi ed a volte occulti, Lei ci ha trasmesso, ci sono state emozioni e sensazioni diverse. Tutto, però, con un denominatore comune per tutti, una grande passione per la SAVIMACOS e per il lavoro. Ora siamo qui, Lei è più lontano, noi proviamo un grande vuoto..., ma nel rispetto di Lei tutti siamo impegnati a portare avanti il Suo seminato... non ci abbandoni... CON GRANDE STIMA ED AFFETTO! I dipendenti della Savimacos

TERESA BURDINO ved.VITTONE I familiari ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

ANNA FUSCÀ in SORACE Il marito, i figli, le nuore, i generi, i nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

SEBASTIANO CAREZZANA nel nono Anniversario I familiari ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

La moglie, i figli, il genero, la nuora, i nipoti ed i parenti tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. DOMENICA 8 MAGGIO – ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Pieve sarà celebrata una S. Messa di sesto Anniversario in suffragio del carissimo

SABATO 7 MAGGIO – ore 20.30 nella chiesa parrocchiale di S. Salvatore sarà celebrata una S. Messa di secondo Anniversario in suffragio della compianta

Condoglianze È mancata la signora GIANCARLA TOSCANO in BESSANT di anni 66 Al marito Edoardo; ai figli Cristiano e Tatjana; alle adorate nipoti Clara e Giorgia; alla mamma Giovanna ed al fratello Giuseppe porgiamo sentite condoglianze.

gnora MARGHERITA PRATO ved. CIARTANO di anni 85 Ai figli Pier Mario, Aldo, Clotilde e Luciano con le rispettive famiglie; alla sorella; alle cognate; ai nipoti ed ai parenti tutti porgiamo sentite condoglianze.

In età di 63 anni è mancata la signora SILVANA DESTEFANIS Al figlio Fabrizio; al fratello Remigio con la moglie Michelina Frossasco e figlie Simona con Samuele e Mattia e Chiara con Piero e Camilla ed ai parenti tutti porgiamo vive condoglianze.

Il Presidente Umberto Torrisi, il Consiglio direttivo ed i soci tutti dell’ASAMF - Associazione Saviglianese Amici del Museo Ferroviario sono vicini alla famiglia e partecipi al grande dolore per la scomparsa della mamma del Socio Mario Ciartano.

In Fossano è mancata la si-

In Saluzzo è mancato il signor

MARIO GANDOLFO di anni 68 Alla moglie Laura Gaido; ai figli Andrea con Alessandra e Matteo con Rachele e Simone; ai fratelli; alle sorelle; ai cognati; alle cognate; ai nipoti; ai pronipoti; ai cugini ed ai parenti tutti porgiamo vive condoglianze. Il funerale è stato celebrato a Savigliano. Roberto, Laura, Riccardo e Davide Borsa sono vicini all’amico Matteo ed a tutta la famiglia per la prematura scomparsa del carissimo MARIO GANDOLFO. Virgilia Tarabusi in Borsa si unisce al dolore della famiglia Gandolfo per la scomparsa di MARIO.

Le atlete ed i dirigenti della VBC Savigliano partecipano al dolore della famiglia GANDOLFO per la prematura scomparsa del signor MARIO, papà del nostro coach Matteo. Un forte abbraccio da parte di tutta la società a Matteo e famiglia. L’AMATORI BASKET SAVIGLIANO è, in questo tristissimo momento, vicinissima a Teo, preparatore atletico ed allenatore della Società, per la prematura scomparsa del papà MARIO GANDOLFO e porge a tutta la famiglia le più sentite condoglianze.

FRANCESCO OBERTO La moglie, la figlia ed i parenti tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

PATRIZIA RICCA in GERBAUDO Il marito, la figlia, la mamma ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

L’ETERNO RIPOSO DONA LORO, O SIGNORE

MERCOLEDÌ 11 MAGGIO – ore 18 nella chiesa parrocchiale di S. Pietro sarà celebrata una S. Messa di undicesimo Anniversario in suffragio del compianto

CRISTOFORO TESTA Luciana, Enrico, Stefano, Barbara e Marilena ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.


nel ricordo La figlia, le sorelle, i cognati ed i parenti tutti commossi per la grande dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata al loro carissimo

Il marito, i figli, le nuore, i nipoti ed i familiari tutti commossi per la grande dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata alla loro carissima

giovedì 5 maggio 2011

39

Il figlio, il nipote ed i parenti tutti commossi per la dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata al loro carissimo

EMILIO ALLEMANDI nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro grande dolore. Un grazie particolare porgono al dott. Pier Domenico Bossolasco, ai medici ed agli infermieri del Pronto Soccorso e del Reparto di Cardiologia dell’ospedale SS. Annunziata di Savigliano, in particolare al dott. Livio Correndo, ed indistintamente a tutti i vicini di casa, amici e conoscenti che furono di aiuto e conforto nella triste circostanza. Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea sarà celebrata una S. Messa di primo Anniversario in suffragio del compianto

CATTERINA BOTTA in MONDINO nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro grande dolore. Un grazie particolare porgono al parroco Padre Mauro, al medico curante dott. Antonio Varvarà, al servizio ADI ed indistintamente a tutti i vicini di casa, amici e conoscenti che furono di aiuto e conforto nella triste circostanza. La S. Messa di Trigesima sarà celebrata: SABATO 7 MAGGIO – ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di S. Salvatore. Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

MICHELE MERLO

La moglie, il figlio ed i parenti tutti commossi per la grande dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata al loro carissimo

MICHELE MELLANO nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro dolore. Un grazie particolare porgono all’Abate don Paolo Perolini, al medico curante dott. Paolo Siccardi, alla dott.ssa Maria Pia Della Valle, al dott. Francesco Podestà, alla Clinica Montserrat di Borgo San Dalmazzo, al Reparto di Medicina dell’ospedale “SS. Annunziata” di Savigliano ed indistintamente a tutti i vicini di casa, amici e conoscenti che furono di aiuto e conforto nella triste circostanza. La S. Messa di Trigesima sarà celebrata: SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea. Durante la S. Messa sarà, inoltre, ricordata

DOMENICA 8 MAGGIO – ore 9.30 nella chiesa parrocchiale di S. Pietro sarà celebrata una S. Messa di terzo Anniversario in suffragio della carissima

GIUSEPPINA ALLASIA n.TRICERRI Il marito, la figlia, il genero, le nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

SABATO 7 MAGGIO – ore 18 nella chiesa parrocchiale di S. Pietro sarà celebrata una S. Messa di secondo Anniversario in suffragio del carissimo

I cognati, le cognate, i nipoti, i cugini ed i parenti tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

SABATO 7 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Giovanni sarà celebrata una S. Messa di terzo Anniversario in suffragio della compianta

EMILIA BIOLATTI ved. BIGA ved. SUPERTINO La sorella, i nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

La figlia, il genero, la nuora, i nipoti ed i familiari tutti riconoscenti per la dimostrazione di cordoglio, stima ed affetto tributata alla loro carissima

GASPARE STAGNO GIANNI MASSASSO nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro dolore. Un grazie particolare porgono all’Abate don Paolo Perolini, al medico curante dott. Roberto Formaggio, al Reparto di Cardiologia dell’ospedale “SS. Annunziata” di Savigliano, al Reparto di Rianimazione dell’ospedale di Saluzzo ed indistintamente a tutti gli amici ed ai conoscenti che furono di aiuto e conforto nella triste circostanza. Le SS. Messe di Trigesima saranno celebrate: SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea – Savigliano SABATO 14 MAGGIO – ore 18 nella chiesa parrocchiale di S. Michele Arcangelo – GENOLA

nel primo Anniversario

La moglie, i figli, i nipoti ed i parenti tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

SABATO 7 MAGGIO – ore 9.30 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Pieve – Savigliano SABATO 14 MAGGIO – ore 18 nella chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo in MONASTEROLO di Savigliano saranno celebrate le SS. Messe di primo Anniversario in suffragio della carissima

SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea sarà celebrata una S. Messa di secondo Anniversario in suffragio della carissima

BARBARA CRAVERO in MELLANO

MARIA NOSENZO in MELLANO

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

SABATO 7 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Pieve sarà celebrata una S. Messa in suffragio dei compianti

MARIA MARCHISIO ved. SOMALE I familiari ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo. Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

SECONDO ANNIVERSARIO “Nei nostri pensieri e nei nostri cuori”.

SABATO 7 MAGGIO – ore 9 nella chiesa parrocchiale di S. Andrea sarà celebrata una S. Messa di terzo Anniversario in suffragio del carissimo

MARIA CHIOTTI n. RINAUDO nell’impossibilità di giungere a tutti personalmente ringraziano quanti con scritti, fiori, preghiere, opere di bene e presenza al funerale vollero unirsi al loro dolore. Un grazie particolare porgono a don Mauro, ai medici ed al personale infermieristico del Reparto di Medicina dell’ospedale SS. Annunziata di Savigliano ed indistintamente a tutti i vicini di casa, amici e conoscenti. La S. Messa di Trigesima sarà celebrata: SABATO 7 MAGGIO – ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di S. Salvatore.

Il marito, i figli, le nuore, i nipoti ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

BRUNO MARTINI nel secondo Anniversario La moglie, i figli, la nuora, i nipotini ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

FRANCESCA CAVALLERO ved. CAPELLINO nel quarto Anniversario Le figlie, il genero, i nipoti ed i parenti tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

SERGIO COLOMBANO

La famiglia ringrazia quanti si uniranno nelle preghiere e nel ricordo.

La S. Messa sarà celebrata: SABATO 7 MAGGIO – ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Pieve. Tiziana, Beatrice e Bianca ed i familiari tutti ringraziano quanti si uniranno loro nelle preghiere e nel ricordo.

Impresa MOLLEA - Savigliano - Tel. 0172/716654

Impresa FAULE - Savigliano - Tel. 0172/712459

GIACOMO ABRATE

La generosità dei saviglianesi I familiari a caro ricordo di Michele Edoardo Mina hanno beneficato: - AIRC - MISSIONI DELLA CONSOLATA (Suor Annella e Suor Giorgia Gianoglio) - ASHaS I dipendenti della Savimacos in memoria di Michele Edoardo Mina hanno beneficato: - AIRC - ASHaS Le famiglie Aimo in memoria del loro caro Michele Cugno: - PADRE SESTILIO CODA (Ecuador) - PADRE FRANCO SORDELLA (Tanzania) - PADRE SILVIO SORDELLA (Etiopia) - DOTT.SSA PIERA TORTORE (Rep. Dem. del Congo) AIRC - Dipendenti Saviposa e geometri professionisti di Savigliano in memoria di Michele Edoardo Mina. ANFFAS € 160 – I commercianti di piazza Santarosa in memoria di Gianni Massasso. AVO € 50 – Elio Mellano in ricordo di Michele Mellano; € 66 – I familiari per Sebastiana Regalbuto. ASHaS € 300 – Un’amica dell’Ashas per la Santa Pasqua; € 44 – Un’amica dei ragazzi dell’Ashas; € 40 – A.M. Turrini per i ragazzi dell’Ashas; € 120 – Giovanna Serafini, Marinella Abà, Renza Berardi, Giovanna Botta, Piera Dutto, Franca Fossati, Caterina Racca, amica e colleghe Lamital ricordando la cara Silvana Destefanis. ASILO MIRETTI-RAVIOLO (S. Salvatore) € 190 – Sofia Garello e Filippo Garello. In ricordo del caro Gianfranco Fissore: - I cugini Rinaudo, Gino, Bruna, Maria Paola e Giovanna, con le rispettive famiglie; € 300 – Sergio Bosio, Michele Bosio, Romano Bergese, Mauro Bertoglio, Antonio Racca, Luca Racca, Piero Racca, Filippo Garello, Piero Brero, Piero Delfino, Riccardo Rossone, Giuseppe Riaudo, Piero Botta, Luigi Botta, Giuseppe Perlo, Luca Massimino, Michele Torassa, Franco Piola, Sergio Trossarello e Giuseppe Bergesio; € 50 – Fam. Rovera; € 30 – Alessandro ed Eva Testa;

€ 50 – Fam. Shkreli Paulin e Margherita; € 50 – Fam. Vittorio ed Anna; € 400 – Squadra cinghialisti di Massimino; € 20 – Fam. Paulin Mhilli; € 60 – Cesare e Maria Teresa Roasio, Guido ed Anna Audisio; € 150 – I compagni di Leva: Francesco Roasio, Franco Roasio, Pasquale Mana, Giovanni Ingaramo, Filippo Gili ed Autoriparazioni Sabena. CHIESA MADDONINA DI MACRA € 70 – I condomini della residenza “Le Magnolie” (Savigliano), Giletta, Sismondi, Conti, Cavaliere, Longanizzi, Lattanzio e Panero E., in suffragio di Giovanna Bedino in Favole. CONF. S.VINCENZO (Parr. S. Giovanni) € 60 – Giovanna Bertolotto in ricordo della sorella Giuseppina Soppeno; € 100 – Anna Ghigo e famiglia Alessio in ricordo della cugina Giuseppina Soppeno. CONF. S.VINCENZO (Parr. S. Maria della Pieve) € 40 – Tina e Chiarina in suffragio della cara amica Margherita Bergese ved. Chiambretto. FOND. PIEM. RICERCA CANCRO (Candiolo) € 25 – Pino e Rita Fresia in memoria di Gianna Soragna e Marilena Todde e ricordando le carissime Lena Canelli e Lena Lamberti; € 50 – Fam. Mollea Giovanni in suffragio di Michele Edoardo Mina. GRUPPO PENSIONATI (Parr. S. Giovanni) € 30 – N.N.; € 40 – N.N.. MISSIONI DELLA CONSOLATA (Suor Annella e Suor Giorgia Gianoglio) - Fam. Gianoglio in memoria di Michele Edoardo Mina. PADRE SESTILIO CODA (Ecuador) € 160 – I commercianti di piazza Santarosa in ricordo di Gianni Massasso. PARR. S. PIETRO € 50 – Giovanni e Daniela Ariaudo ricordando Giovanna Favole n. Bedino.

Si avvisano i lettori che non vengono più pubblicati elenchi con oltre 10 nominativi per offerta. Chiediamo, pertanto, di sintetizzare i nomi da pubblicare onde evitare spiacevoli malintesi. Grazie per la collaborazione.


GIOVEDÌ 5 MAGGIO 2011 IL SAVIGLIANESE 40


5-5-2011  

giornale locale

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you