Issuu on Google+

L’Archeologico è ricco di preziosità uniche al mondo. Il solo Toro Farnese vale un intero museo. È un peccato che i napoletani non lo conoscano. È un polmone di cultura e di bellezza»

e il Museo ma la Sovrintendenza si oppose. I cittadini quindi optano per San Martino perché c’è il panorama, nifestazioni». Nonostante ciò il nostro Mu- oppure per Capodimonte seo è uno dei primi al mon- perché c’è il bosco. Invece lo straniero ci va volentieri do… perché trova grande appa«Perché è ricco. Sono presenti opere provenienti dalle gamento della sua fame di cultura». civiltà greca, romana, egizia. Una statua come il “Toro Come fare per invertire la Farnese” ad esempio, è unica rotta? al mondo. È un pezzo che da «Va portata vita, fantasia. solo riempirebbe un museo. Gli oggetti devono essere attraenti, bisogna creare Il Museo è un polmone beleventi e ci vogliono mezzi, lissimo in una città dove la intelligenza, buona volontà. cultura classica può dare il suo aspetto moderno senza La tradizione non può essere conservata dai tradizionaessere muffita». listi, ma da chi la pensa in Allora perché i cittadini lo maniera nuova. Il patrimonio frequentano poco? del passato va dato a chi ha «I napoletani non ci vanidee nuove, a chi è capace no per questioni pratiche. Il museo non è un luogo facile, di portare alla gente il senso del passato. Questo costa c’è la metropolitana ma il napoletano si muove con la denaro ed impegno. Fino ad oggi si è pensato alla conmacchina e lì non può parservazione ma non alla vacheggiare. Si pensò ad una lorizzazione. Il museo archeteleferica tra Capodimonte

ologico offre il materiale ma va esaltato, si ha l’obbligo di mostrarlo, farlo capire». Intanto riapre la sezione Egizia… «Sto lavorando su un pezzo di quella collezione. Un pezzo che non dà nell’occhio, non tutti sanno cosa rappresenta. Non vi svelo ancora di quale si tratta, lo farò tra qualche mese con un libro. Per ora posso dirvi che fa parte di una storia sull’Egitto di Mosè, un racconto che parte da Napoli».

Necco con l’archeologo Manfred Korfmann a Troia durante l’ultima sua campagna di scavo

23


MANN - N.1- Il Ritorno dei Faraoni