Page 1

TRAMVIA. É arrivato il giorno del referendum

PROVINCIA. A Firenze il miglior tempo libero d’Italia

TEATRO VERDI. Un De Sica inedito

Periodico d’informazione locale. Anno II n. 8 del 4 febbraio 2008. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

IL PROGETTO

FEBBRAIO 2008

È l’ora della responsabilità

PRIMO PIANO

Marco Agnoletti

Q

A POGGIO SECCO 42 NUOVI ALLOGGI Nascono case nella villa lasciata libera dagli occupanti abusivi. PAG. 2 PAG. XX

VIA PISTOIESE Stop a caos e incidenti: lungo la strada nasce una nuova rotatoria. Al via anche lavori di messa in sicurezza

PAG. 8

SPORT

Zcs a Firenze Nova tra favorevoli e contrari Nababbi e risparmioni, fiorentini a confronto

PAG.3

SONDAGGIO

GIUSTO SPOSTARE IL DAVID?

Giuditta Boeti - Giulia Righi

P

CACIA, IL NUOVO CHE AVANZA L’ex attaccante del Piacenza si presenta alla tifoseria viola. “Ho voglia di imparare”. PAG. 38

ortafogli belli pieni da una parte, conto alla rovescia per il prossimo stipendio dall’altra. Ricca crociera caraibica per qualcuno, vacanzina molto economica per qualcun altro. La bella Firenze si rispecchia anche in questi due volti, in quelli di chi a fine mese ci arriva col sorriso e di chi invece è costretto a fare le pulci alle uscite. E allora c’è l’intraprendente dirigente fiorentina che si può permettere colf, baby-sitter e seconda casa (“chi ha

i soldi deve spenderli”, parola del marito) e chi invece, come il pensionato Gianni sceglie di fare la spesa al discount e controlla lo scontrino con la perizia di un chimico. Poi ancora c’è una Laura, che i vestiti sceglie di comprarli al mercato e vola in sella alla sua bici, che almeno non si spende anche di benzina. Ma per una Laura parsimoniosa, c’è anche un abbiente Antonio. Che con la sua esperienza insegna che i soldi non fanno la felicità. PAGG.28-29

IMMONDIZIA. Dopo la Provincia, anche la Regione lancia l’allarme

Rifiuti, tra 4 anni sarà emergenza

C’

è tempo fino al 2011, poi saremo nell’emergenza rifiuti. Un rischio che sta correndo tutta la Toscana e in particolare l’area metropolitana fiorentina, dove ogni anno si producono oltre 540mila tonnellate di immondizia. A lanciare l’allarme è stata la Provincia, con una campagna pubblicitaria shock, e adesso i timori sono rafforzati dai dati ufficiali diffusi dalla Regione. In Toscana, la produzione annua di spazzatura ha raggiunto la cifra record di 9,85 milioni di tonnellate, un “carico” che i 54 impianti regionali (discariche, termovalorizzatori, impianti di selezione e trattamento) non potranno

reggere a lungo. Per scongiurare la crisi, le Istituzioni hanno lanciato un piano articolato in tre punti: riduzione del 15 per cento dei rifiuti alla fonte, raddoppio della quota di raccolta differenziata (dall’attuale 33 per cento al 65) e costruzione degli impianti di incenerimento previsti dai Piani provinciali. E le ultime novità riguardano proprio il fronte termovalorizzatore: l’iter di realizzazione di Case Passerini sembra essersi rimesso in moto e, annuncia Quadrifoglio, tra qualche mese sarà bandita la gara d’appalto. Nel frattempo gli esperti si confrontano sull’origine del PAGG. 10-11 problema immondizia.

EDIZIONE DEL QUARTIERE 5 • 43.480 COPIE DISTRIBUITE DA

Da alcune settimane si discute della proposta di trasferire l’opera alla stazione Leopolda PAG.13

uello dei rifiuti è un problema serio. Le immagini terribili di Napoli debbono servire da monito. Fra qualche anno, forse quattro o cinque, anche a Firenze potrebbe scattare l’emergenza. Nelle settimane scorse si è molto discusso della provocatoria campagna della Provincia su questo tema, che, anticipando un po’ i fatti partenopei, lanciava l’allarme rifiuti. Su questo tema credo siano necessari due interventi: il primo, lungo ma necessario, riguarda l’educazione di tutti noi. Con un po’ di impegno e di attenzione potremmo ridurre in maniera sensibile il peso e l’impatto dei nostri rifiuti. Con la raccolta differenziata potremmo pian piano ridimensionare di moltissimo ciò che non è recuperabile, anche se prima di tutto dovrebbero essere le imprese a modificare le loro abitudini, a cominciare da quelle relative agli imballaggi che rappresentano gran parte del problema. Ma il punto finale comunque non cambia: una parte – seppur ridotta – di rifiuti deve in qualche modo essere gestita. E quindi, al momento, realisticamente non esistono alternative ai termovalorizzatori. Certo, non credo che questi impianti, anche se di nuova e raffinata tecnologia, siano dei toccasana. Il seppur ridotto volume di emissione non fa del bene alla nostra salute, ma allo stesso modo non sono salutari la vicinanza delle abitazioni ad una autostrada, agli scarichi delle marmitte delle macchine incolonnate nel traffico come a quelli di molte industrie e così via. Quindi, se non vogliamo fare la fine di Napoli, non possiamo più attendere. E’ il momento delle responsabilità. ■ direttore@ilreporter.it


2

febbraio 2008

RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

PRIMO PIANO

POGGIO SECCO. Gli occupanti abusivi hanno lasciato la villa di proprietà della Croce Rossa

Nell’ex ospedale nascono 42 alloggi Le abitazioni saranno

Intanto, nel corpo

ricavate nella struttura

centrale della villa sono

in cui alloggiavano

state temporaneamente

illegalmente circa

accolte 41 famiglie

trecento tra donne,

che si trovavano in una

uomini e bambini.

situazione di disagio

L’assessore De Siervo:

abitativo. Poi nell’immobile

“Dall’irregolarità a un

sarà realizzato

progetto d’accoglienza”

un progetto sanitario

Olivia Bongianni

“U

na bella scommessa”. Usa queste parole, l’assessore all’accoglienza e integrazione del Comune di Firenze Lucia De Siervo, per presentare gli scenari che si stanno delineando per il futuro della villa di proprietà della Croce rossa a Poggio Secco, in via Incontri, che da metà dello scorso dicembre non è più occupata. Nella dependance dell’ex ospedale, che come denunciato dai consiglieri comunali di Alleanza nazionale Stefano Alessandri e Giovanni Donzelli, e dalla consigliera al Quartiere 5 Chiara Moretti – era occupata abusivamente da circa trecento tra donne, uomini e bambini, troveranno infatti posto prossimamente, grazie ad un accordo raggiunto con la stessa Croce rossa, quarantadue alloggi “volano”. “Una soluzione, questa che abbiamo raggiunto – prosegue l’assessore Lucia De Siervo – che consentirà di passare da una situazione di irregolarità ad un progetto di accoglienza, con l’intento di dare una risposta al bisogno alloggiativo in città”. Ma non solo: quarantuno famiglie, che si trovavano in situazione di disagio alloggiativo, sono state infatti temporaneamente accolte nel corpo centrale della villa. Ma quali sono state le tappe che hanno portato a questo esito dell’operazione, in una struttura ormai da lungo tempo occupata? “La Croce rossa aveva preparato gli atti

formali per ottenere lo sgombero attraverso l’intervento della forza pubblica – racconta l’assessore De Siervo – mentre noi avevamo chiesto che si tenesse conto del bisogno sociale. Quindi si è tenuto un incontro a Roma con i vertici nazionali dell’ente, il sindaco e il prefetto, per capire se c’era la possibi-

lità di destinare parte dell’immobile a una struttura di accoglienza”. L’accordo così raggiunto consisterà nella realizzazione di 42 accoglienze nella dependance di Poggio Secco. Per ottenere le risorse necessarie a realizzare gli alloggi è stato presentato un progetto nell’ambito di un bando del Mi-

nistero della solidarietà sociale. “Quando avremo i finanziamenti – ha aggiunto l’assessore – delegheremo la Croce rossa a fare i lavori”. Per avere gli alloggi saranno necessari almeno 18 mesi, e l’intervento non si concluderà qui: il progetto, infatti, prevede anche la risistemazione del parco. Nel frattempo, dopo che la mattina del 14 dicembre scorso le forze dell’ordine avevano constatato il rilascio dell’immobile da parte degli occupanti, quarantuno nuclei familiari che si trovavano in una situazione di disagio alloggiativo sono stati accolti, in modalità temporanea, nel corpo centrale della villa. “Queste famiglie, che sono state accudite e seguite passo passo – prosegue De Siervo – erano emozionate di essere ospitate nella struttura”. Ma sul tema Donzelli e Alessandri hanno presentato una domanda di attualità, chiedendo all’amministrazione di sapere “in quali condizioni vivano i 41 nuclei familiari, e come il Comune intenda verificare che l’immobile non sia occupato anche da abusivi”. In ogni modo, sostiene l’assessore Lucia De Siervo, l’operazione ha potuto concretizzarsi “grazie ad una collaborazione corale da parte di tutti, delle forze dell’ordine e delle associazioni”. La soluzione trovata consentirà all’amministrazione comunale di avere a disposizione, per otto anni, un’ulteriore possibilità per fronteggiare l’emergenza abitativa. Solo in seguito, l’intenzione della Croce rossa è quella di rientrare in possesso dell’immobile, per realizzare nella struttura un progetto di tipo sanitario.

L’OPERA Nell’edificio, che fa parte di un intervento Erp, sono state realizzate 52 abitazioni

Case, garage e vista panoramica: ecco il nuovo complesso di via del Pesciolino

C

inque piani (oltre al quello terreno), garage interrati e soffitte ubicate nel sottotetto. E poi ancora, al piano copertura, lastrici solari condominiali con vista panoramica sulla città. Sono alcune delle caratteristiche del nuovo complesso edilizio, inaugurato poco prima di Natale, di via del Pesciolino, a Peretola, nell’area ex Gover. L’edificio ospita 52 alloggi, riservati ad altrettanti nuclei familiari, per un totale di 119 inquilini, e fa parte di un nuovo intervento sul fronte dell’edilizia residenziale pubblica, in una zona tradizionalmente densa di alloggi Erp. A realizzarlo è stata infatti Casa Spa, la società costituita dai 33 Comuni dell’area fiorentina per la gestione e costruzione del patrimonio Erp. Il nuovo complesso – fa

sapere l’amministrazione comunale – ospita 52 fami- diurna. glie, 22 delle quali in attesa della ristrutturazione degli Il costo complessivo dell’intervento è stato poco supealloggi di via Liguria. In questo modo sarà possibile as- riore ai 4 milioni di euro (il costo medio per ciascusegnare, di volta in volta, gli alloggi che si libereranno. no degli alloggi è stato di 77.232 euro). Dei 52 nuclei Ma quali sono le caratteristiche familiari assegnatari, oltre ai 22 estetiche del nuovo fabbricato? Appartamenti medio-piccoli che arrivano da via Liguria (dove L’edificio ha un basamento compatè in corso la ristrutturazione deper un totale di 119 inquilini to, con i primi tre piani in laterizio e gli alloggi), 5 provengono dalla i restanti tre con finitura a intonaco graduatoria Erp, 11 dalla riserva e trattamento delle facciate. Gli appartamenti sono di sfrattati, tre dalla graduatoria Erp giovani coppie e sei dimensioni medio-piccole: 12 sono di dimensioni com- da quella anziani, due dalla graduatoria sociale, uno da prese tra 70 e 73 metri quadrati, 16 vanno da 59 a 63 mobilità. Un alloggio deve essere riassegnato, mentre metri quadrati e 24 da 45 a 48 metri quadrati, mentre un altro, in attesa di attribuzione, è riservato all’area /O.B. il piano terra dell’edificio ospita un Centro assistenza disabilità.


RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

PRIMO PIANO

3

febbraio 2008

FIRENZE NOVA. Impiegati e operai contro l’ampliamento della zona a sosta controllata 11

Zcs, cresce la protesta dei lavoratori Ma il Comune replica:

LA SCHEDA

“Sosta a pagamento solo

mentre in quelle vicine

“Disciplinata e non”: la Zcs 11 funziona così

alle aziende è libera”

L

nelle strade residenziali,

Giulia Coli

S

trisce bianche, strisce blu. Questi i colori che stanno lentamente coprendo le strade di Firenze, e che, da qualche mese, hanno fatto la loro comparsa anche nella zona di Firenze Nova, dove dal 1° ottobre scorso è entrato in vigore l’ampliamento della zona a sosta controllata numero 11. Una zona che è stata disegnata in modo omogeneo rispetto alla zcs 14, che riguarda l’area di Novoli. L’obiettivo è quello di disincentivare, con il pagamento del parcheggio, la sosta dei pendolari, tutelando i residenti. La novità non è però piaciuta a coloro che si recano a Firenze Nova per lavoro, che l’hanno accolta come una “tassa sullo stipendio”. Cgil, Il parcheggio davanti alla Banca Toscana a Firenze Nova Cisl e Uil hanno consegnato al vicesindaco Giuseppe Matulli circa 5mila firme contro chiedere al Comune tuata una navetta che collegherà la stazione la zcs di Firenze che venisse estesa di Rifredi con il Polo Scientifico di Sesto, e Nova, raccolte tra L’hanno chiesta i residenti. la zona a sosta con- questa servirà anche per chi lavora a Firenze operai e impiegaL’obiettivo è disincentivare trollata anche a Fi- Nova. Verranno studiate anche linee alterti di Pignone, Ote, la sosta di chi viene da fuori renze Nova – spiega native per i mezzi pubblici così da collegare Esaote, Banca ToGregorio Malavolti, meglio la zona, e inoltre è stato aperto anche scana, Telecom e di altre imprese come Enseco, Infracom e HR presidente della commissione trasporti del un tavolo di trattative con i mobility manaGest. Firme per chiedere a Palazzo Vecchio consiglio comunale – perché non erano solo ger delle aziende”. La posizione di Palazzo di cancellare la zcs che costa 30 centesimi i lavoratori dell’area a parcheggiare, ma an- Vecchio resta dunque ferma, così come la l’ora ai titolari della Carta lavoro e 1 euro che quei pendolari che poi si spostano nel volontà di tutelare i residenti disincentivana tutti gli altri. I lavoratori delle aziende centro città con i mezzi pubblici. Verrà at- do la sosta dei pendolari nella zona. Ma, della zona e i sindacati, insomma, chiedono di tornare al passato, ovvero di lasciare L’OPINIONE la sosta libera per tutti. Una posizione che è rafforzata anche dal fatto che il Comune di Firenze ha deciso di azzerare le Carte Lavoro alla scadenza dei quattro anni. Ma da Palazzo Vecchio la replica non si è fatta attendere, così come la spiegazione dei motivi che hanno portato alla decisione di è chi gratta e sosta e chi sosta e basta. nella zona occasionalmente. “Faccio la babyampliare la zcs 11. “Le strisce per la sosta I lavoratori della zona di Firenze Nova sitter a un bambino che abita in zona – raccondisciplinata sono state fatte nelle strade per stanno portando avanti una battaglia per ta una ragazza – e alla fine lascio buona parte la maggior parte residenziali, mentre nelle l’abolizione della zcs 11 disciplinata, conside- di quello che guadagno nel parchimetro. Verrei strade in prossimità delle aziende la sosta è randola un vero e proprio attacco a chi deve anche con l’autobus, ma soprattutto ora che fa libera – spiega il vicesindaco Beppe Matulli recarsi nell’area per motivi di lavoro. “Per chi buio presto la sera non mi fa piacere aspettare – se prima i lavoratori trovavano parcheggio lavora qui la cosa è inaccettabile – dice una anche venti minuti prima che questo arrivi”. davanti all’impresa, ora devono casomai barista – molti hanno deciso di non pagare il “Se i mezzi pubblici fossero più efficienti – dice fare cento metri a piedi. Ho verificato la siparcheggio, ma già sono arrivate le prime mul- Mauro, commesso – potrei servirmene, ma non tuazione e fatto un sopralluogo, e non ho riscontrato problemi”. Insomma, l’idea di un te. All’inizio i vigilini passavano dopo le 18, posso permettermi di fare un viaggio di un’ora cambiamento di rotta, e di una conseguente quando molti erano già andati via dai posti di quando con la macchina impiego metà tem“cancellazione” delle strisce blu a Firenze lavoro, ma ora hanno iniziato a girare a tutte po”. Poi ci sono i residenti: l’ampliamento Nova, a questo punto è pressoché imposle ore”. Il disagio è sentito anche da chi si reca della Zcs è stato realizzato pensando a loro, sibile. “Sono stati i residenti della zona a

a zcs 11 si compone di una parte disciplinata e di una parte non disciplinata: la prima corrisponde alla zona di Firenze Nova, mentre la seconda riguarda la zona di piazza Artom, di via dell’Olmatello, del Lippi e di via Perfetti Ricasoli. Nella zona disciplinata la sosta è organizzata in spazi delimitati da strisce bianche, riservati ai residenti, e in spazi delimitati da strisce blu, per la sosta promiscua. Per i non residenti la sosta nelle strisce bianche è vietata, mentre è a pagamento nei posti a sosta promiscua: la tariffa è di 0,50 euro l’ora. I residenti possono, invece, parcheggiare ovunque gratuitamente. Il pagamento del parcheggio può essere effettuato mediante il parcometro o con il gratta e sosta: con questi ultimi, è necessario “grattare” fino a coprire la tariffa del tempo totale del parcheggio. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.serviziallastrada.it. se l’amministrazione comunale è convinta della bontà della scelta, dello stesso parere non sembra essere l’opposizione. Appoggio ai lavoratori viene dato da Bianca Maria Giocoli, consigliera di Foza Italia: “La zona a sosta controllata penalizza soprattutto i pendolari. Io ho presentato una mozione per l’abolizione della zcs a Firenze Nova ma è stata bocciata. Quello che chiedo è che almeno vengano fatte delle tariffe speciali per i lavoratori”.

Abitanti e pendolari d’accordo: “Servono più autobus”

Le nuove misure pensate per tutelare i residenti C’

Il Reporter di Rifredi, Novoli, Brozzi raggiunge 43.480 famiglie nel quartiere 5 di Firenze.

Copia in abbonamento postale Il Reporter di Firenze è un periodico di 5 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 175mila copie

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68 Direttore Responsabile: Marco Agnoletti Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Chiuso in redazione lunedì 4 febbraio 2008. Periodico d’informazione locale. Anno II n. 8 del 4 febbraio 2008. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

in modo che trovare un posto per l’auto non diventasse un problema, ed è dunque comprensibile il loro consenso, anche se c’è chi è solidale con i pendolari. “Nell’orario lavorativo la situazione per noi residenti non è cambiata molto – spiega Alessandra – e la sera il posto per la macchina si è sempre trovato con facilità”. C’è chi per solidarietà fa parcheggiare gli “esterni” nei cortili privati. Chi, invece, tenta la fortuna, è sempre con un occhio puntato alla strada nella speranza di anticipare il vigile, e di non trovate il famigerato foglietto, verde o rosa che sia, sotto il tergicristallo. /G.C.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


4

febbraio 2008

RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

FATTI E PERSONE

CONSUMI CONSAPEVOLI. Sono almeno tre i gruppi di acquisto solidale attivi nel Quartiere 5

Quando la spesa è a tutto Gas Sempre più famiglie si uniscono per comprare insieme i generi alimentari: un modo per risparmiare, ma anche per fare una scelta etica

IL PROGETTO. Sarà una vetrina sulla città che cambia

Ex Fiat, nasce l’Urban Center

Olivia Bongianni

U

C

affè e tè del circuito equo e solidale, ma anche formaggi e verdure fresche provenienti da aziende toscane, detersivi ecologici e tanto altro ancora. Roba da ricchi? Niente affatto, purché si acquisti insieme e con un occhio “critico”. Proprio per questo, per potersi permettere prodotti di qualità, non sono poche, anche nella realtà fiorentina, le famiglie che hanno scelto di aderire ai Gruppi di acquisto solidale. Quei gruppi di persone, cioè, che si incontrano per comprare collettivamente beni di uso comune, con l’intento di ridurre l’impatto ambientale dei propri acquisti e scegliendo prodotti che siano stati realizzati in condizioni di lavoro rispettose della dignità umana. E, perché no, riuscendo anche a ri- stono nel poter influenzare le scelte del produttore, come per esempio sparmiare qualcosa sulla spesa. Nel quartiere 5 sono attivi almeno nella diminuzione degli imballagtre gruppi di acquisto, che han- gi e nel minore uso della plastica”. no fatto propria questa filosofia di Certo, non tutta la spesa si può fare fondo, improntata ad un criterio di in questo modo: alcuni prodotti, solidarietà: al “Gasp Le Piagge” si come la cioccolata o l’orzo, provengono dal aggiungocircuito no “TodoDai piccoli produttori locali equo e somundo” e al mercato equo e solidale: lidale, e “Equobanoi la spesa la facciamo così sono scelleno”. ti perché “Il principio di fondo è quello di voler orien- vengono realizzati rispettando i tare i propri acquisti in maniera diritti dei lavoratori. Altri, come i diversa – spiega Francesca Sarcoli formaggi, le verdure e anche il vino del “Gasp Le Piagge”, gruppo com- biologico, arrivano invece proprio posto da dodici famiglie a cui si dalla Toscana, e da due aziende in aggiungono persone che comprano particolare. “Ricorrere a piccoli proprodotti solo sporadicamente – in- duttori locali, a cui viene in genere staurando un rapporto diretto, senza garantito un acquisto fisso mensile passaggi intermedi, tra il produttore – spiega Francesca – consente di e il consumatore. I vantaggi consi- accorciare la filiera, riducendo di

Solo 3€ al giorno PER L’UTILIZZO DI UNO SPAZIO

ESCLUSIVO

box, ripostigli, depositi per uso temporaneo a tua completa disposizione

Chiama il 328 0564141 845760

i.biz Altrispaz irenze i, 151 - F

Via Tosell Tel.

1 328 056414

conseguenza i costi, l’impatto ambientale del trasporto e lo spreco di energia”. Anche i detersivi sono acquistati direttamente in taniche sfuse, eliminando così la plastica, mentre per quanto riguarda la pasta la scelta del “Gasp Le Piagge” è caduta sulla cooperativa Libera, che la produce con il grano coltivato sui terreni confiscati alla mafia. Ma, oltre all’approccio critico al consumo, ci sono anche vantaggi per il portafoglio? “Facendo un confronto, sui biologici – risponde Francesca – si riesce ad ottenere un grosso risparmio rispetto al supermercato, acquistando prodotti di pari qualità. Anche in questo caso, la minore spesa è dovuta al fatto che si saltano i passaggi dell’intermediazione commerciale tra produttore e consumatore, cosa che consente di risparmiare sui costi”.

n edificio del passato ospiterà i progetti del futuro. L’ex Centrale termica, unico segno rimasto dell’insediamento produttivo della Fiat a Novoli, verrà trasformato in un laboratorio in continua evoluzione: gli spazi accoglieranno mostre temporanee e permanenti, momenti didattici, incontri pubblici ed eventi di vario genere. È qui che prenderà corpo l’Urban Center, il luogo in cui verranno esposti tutti i progetti che coinvolgono il cambiamento urbano di Firenze. Un disegno ambizioso, che prevede all’interno della struttura anche negozi e punti ristoro. Uno spazio dove i stabilimento Fiat. La struttura verrà fiorentini potranno informasi, dibat- in parte mantenuta, con le dovute tere e confrontarsi sul plastico evo- ristrutturazioni, mentre verranno lutivo della città. “Il consolidamento allestiti ex-novo i circa 1.200 metri strutturale è già stato completato quadri di spazio disponibile. La fine – spiega Gianni Biagi, assessore al- della riqualificazione è prevista per l’urbanistica del Comune di Firenze la metà del 2009, periodo in cui an– a breve inizierà anche quello edi- che gli altri lavori che coinvolgono lizio. Con l’Immobiliare Novoli, che la zona di Novoli, e non solo, sarangestisce i lavori, stiamo dialogando no terminati. Un’area che sta pian per decidere come intervenire sulla piano cambiando aspetto, andando parte di arredo”. Il nuovo centro rap- ad aggiudicarsi il ruolo di nuovo presenterà un osservatorio non solo centro strategico della città. L’Urper l’esperienza di Firenze, ma an- ban Center rappresenta un esempio che per quella di altre città. La vecchia Centrale termica L’obbiettivo è ospiterà i progetti del futuro. anche quello Mostre e incontri, ma anche negozi di avvicinare e rendere maggiormente consapevoli i cittadi- di reinterpretazione dell’architettuni, coinvolgendoli attivamente. Una ra, ovvero di come alcune strutture, sorta di piazza dove le opinioni, le nonostante il passare del tempo, viesigenze e le identità confluiranno, vano un’evoluzione quasi naturale, si integreranno andando a formare tanto da essere sempre al passo coi nuovi stimoli, suggerimenti ed even- tempi trasformando la loro destiti. La vecchia centrale termica è una nazione funzionale. L’ex Centrale struttura di trenta metri di altezza termica non sarà solo memoria del che ospitava le caldaie per la combu- passato, ma anche custodia del fu/G.C. stione del carbone che servivano allo turo.

823629


RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

FATTI E PERSONE

5

febbraio 2008

L’INCHIESTA. Viaggio de Il Reporter alla scoperta del funzionamento dei presidi del quartiere

Sanità, un’offerta in bianco e nero Sono sei i punti Asl del Q5: molti i servizi erogati, ma numerosi anche gli utenti da soddisfare ogni giorno. E c’è chi si lamenta per i tempi d’attesa, a volte ritenuti eccessivi Giulia Coli

S

ei distretti sanitari, molti servizi offer- poliambulatorio di viale Morgagni – qui sai ti e un gran numero di persone che, quando entri ma non quando esci. Bisogna muogni giorno, ne usufruiscono. Sono nirsi di pazienza e sperare di essere venuti nel questi i numeri dei presidi Asl nel giorno giusto. Quando attendo un’ora e mezzo quartiere 5, che mette a disposizione dei citta- per il mio turno di prelievo mi sento quasi fordini sei circoscrizioni sanitarie, prese d’assal- tunata”. “La rabbia – riprende il discorso una to, tutte le mattine, da centinaia di persone. Chi signora sulla quarantina – è che molti sportelli per un semplice prelievo del sangue, chi per sono chiusi, e così si creano lunghe file d’atvisite specialistiche o per corsi pre-parto, chi tesa e spesso si deve aspettare in piedi perché ancora per il ritiro di medicinali: sono diverse non ci sono sedie a sufficienza”. le motivazioni per cui i cittadini ricorrono ai Clima più disteso è quello che invece si respiservizi erogati dalla Asl. ra davanti al presidio Le Sevizi garantiti dalle sei Piagge, in via dell’OstePer i prelievi di sangue strutture presenti nel ria 8, che si caratterizbisogna avere pazienza: quartiere, anche se i non za in particolare per il si sa quando si entra, tutti i presidi offrono le percorso nascita. “Sono ma non quando si esce stesse prestazioni. venuta a fare una visita Tra i distretti attualmenginecologica – racconta te operativi, il più grande è il poliambulatorio una signora – e sono rimasta soddisfatta per la di viale Morgani, al numero civico 33, sem- competenza e per l’affabilità della dottoressa”. pre affollato e che, anche per questo motivo, “Sono al sesto mese di gravidanza – dice una è spesso oggetto di situazioni di malcontento. giovane donna – e qui oltre a essermi trova“Per fortuna le analisi del sangue non me le ta bene con il personale medico, ho facilità a devo fare spesso – dice una ragazza uscita dal trovare parcheggio”. Anche il presidio in via

Il distretto sanitario in viale Morgagni

Reginaldo Giuliani 250 si caratterizza per i servizi ostetrico-ginecologici, oltre che per il consultorio pediatrico. La struttura di via dello Steccuto 37, invece, fornisce l’assistenza farmaceutica, ma non ottiene un’ottima pagella dagli utenti: alcuni ammonimenti, infatti, vengono rivolti al personale, considerato non “adeguato” nei rapporti con il pubblico da qualche cittadino, che si aspetterebbe, in determinate circostanze, una maggiore sen-

sibilità e cortesia. Nel presidio di via Fanfani 17 viene offerta l’assistenza, la cura e la riabilitazione delle malattie psichiatriche sia in età evolutiva sia in età adulta. Infine, il centro sanitario di via Bini 5 si caratterizza per l’assistenza infermieristica. Sei presidi, dunque, che si differenziano per i servizi erogati e nel gradimento che riscuotono nel rispondere alle esigenze dei cittadini, non sempre soddisfatti del loro funzionamento.

LA MAPPA

Da viale Morgagni alle Piagge: dove sono e cosa offrono i distretti del Q5

I

l quartiere 5, il più grande di Firenze, può contare su sei presidi Asl nel suo territorio. Una lente d’ingrandimento su ognuno di questi porta a conoscere in dettaglio quali sono i servizi offerti. Il presidio di viale Morgagni 33 (telefono 055-2285300) fa fronte a numerose esigenze dei cittadini, che spaziano dalla scelta del medico all’esenzione per patologia, dall’assistenza per gli invalidi agli ambulatori specialistici, dal punto prelievi fino alla riabilitazione ortopedica e al Cup (Centro Unico di Prenotazione) che permette la gestione informatizzata delle

richieste dei pazienti. Il presidio di via dello Steccuto 37 (tel. 055-4146670) fornisce l’assistenza farmaceutica, il materiale per l’assorbenza, le autorizzazioni per il ritiro dei farmaci da parte dei pazienti diabetici e distribuisce i ricettari ai medici di famiglia. All’interno del poliambulatorio di via dell’Osteria 8 (tel. 055-32241) sono attivi il consultorio pediatrico e i servizi ostetrico-ginecologici anche per gli extracomunitari, con il supporto di mediatori culturali; sono inoltre presenti uffici amministrativi (scelta del medico e Cup), il punto prelievi, la riabilitazione, l’assistenza infermieristica e ancora il

823630

ISTITUTO

centro consulenza giovani e il centro salute mentale sia per l’infanzia sia per gli adulti. Anche il presidio di via Reginaldo Giuliani 250 (tel. 055-455811) si caratterizza per il consultorio pediatrico e i servizi ostetrico-ginecologici dedicati anche alle future mamme con corsi di preparazione al parto e il rilascio di libretti di gravidanza. In via Fanfani 17 (tel. 055-326281) è presente il centro di salute mentale per l’infanzia e per gli adulti. Nel presidio sanitario di via Bini 5 (tel. 055-422571) oltre all’assistenza infermieristica, è possibile effettuate le vaccinazioni. /G.C.

LA TUA AUTO??? LA COMPRIAMO NOI!!! 861265

PARITARIO ESAMI DI STATO NELLA TUA CITTA’

LICEO LINGUISTICO Istituto Tecnico Industriale per:

INFORMATICA

ELETTRONICA

Istituto Tecnico E Industriale per: TELECOMUNICAZIONI

Vai Ghibelllina, 77 Firenze 055

AUTO INCIDENTATE, USATE DI TUTTE LE MARCHE ANCHE CON MOTORE FUSO E CON SEQUESTRI AMMINISTRATIVI, FUORISTRADA

PAGAMENTO IN CONTANTI

AUTOBAZAR MASSIMA SERIETA’ MANUEL

2469139 - 055 2479964 320.8270715


6

febbraio 2008

RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

LA CURIOSITÀ

ASTRI. La comunità fiorentina è del segno dell’Ariete perché è battagliera e industriosa

Cosa dicono le stelle di Firenze Giulia Righi

Un appassionato di astrologia fa l’oroscopo alla città. “Un anno positivo per gli scambi culturali e per l’arte, ma in estate arriverà un guastafeste”

S

cusa Firenze, ce l’hai un attimo? Un secondo solo, che si gioca all’oroscopo. Si spia cinque minuti tra le stelle per indovinare come ti andrà l’anno appena iniziato. Allora. Mettiamo che ci sia un signore che nella vita fa il chimico e che per diletto si interessa di astrologia. E mettiamo che questo signore ci dica che ci si può anche provare, a fare una previsione astrologica per la città. Con qualche limite, con tutta l’ironia del caso, ma si può. E allora prego, Renzo Colli. “Innanzitutto, si può dire che Firenze, tradizionalmente, viene considerata del segno dell’ariete”. Ah. “È un’associazione simbolica, perché storicamente questa città è stata battagliera e industriosa, due caratteri distintivi

dell’ariete”. E poi. Per farsi un’idea dell’anno che verrà lungo le rive dell’Arno (“ricordiamoci: l’oroscopo di una città è un’approssimazione”) il nostro studioso ha analizzato il cielo sopra Firenze alla mezzanotte spaccata del primo gennaio 2008. E la situazione, lassù, non è che fosse proprio delle migliori. Prima le buone notizie, però: “L’ascendente è bilancia, un segno fortemente relazionale.

E può indicare il fatto che Firenze diverrà meta di scambi culturali, forse anche di mediazione. Ci potrebbero essere mostre, conferenze, insomma, un anno caratterizzato dalle relazioni pubbliche”. E fin qui tutto bene. Ben venga qualche nuovo-patinato-esterofilo appuntamento culturale. Poi però, siamo sempre lassù, qualcosa inizia a andare storto. “C’è il sole in quarta casa – spiega Colli – congiunto a

Giove: qualcosa di importante si muove e si concretizza a livello istituzionale. Opere pubbliche, magari. Ma, in medio cielo, c’è Marte”. E Marte, vedi ricordi di scuola, non porta mai nulla di buono. “È segno di un’instabilità, di scontro. Saturno in dodicesima casa conferma questa situazione: ci sono problemi legati al territorio da superare. Avversari, qualcuno che rema contro, che si dovrebbe palesare intorno a luglio-agosto”. Ahi ahi, Firenze, chi sarà? Nessuno può saperlo. Ma, e via coi sospiri di sollievo, c’è anche roba buona sotto il cielo del Giglio. Ad esempio proprio il periodo in corso, dai primi di febbraio e ancora fino a metà marzo, dovrebbe essere favorevole, col vento in poppa per le faccende cittadine. Come dire, la quiete prima della tempesta. E invece, i soldi? Come sta il conto in banca di Firenze? Colli una sbirciatina alle finanze gigliate l’ha data. Apriti cielo? “No. La casa seconda e quarta, gli indicatori più attendibili sul versante economico, non sono occupate da nessun pianeta, per cui non abbiamo indicazioni particolari”. Quindi, per ora, mistero. Per finire: gli oroscopi, di solito, contemplano settori che spaziano dalla bellezza, alla salute, ai viaggi. Ma per le previsioni astrologiche di Firenze, su questi voci, le stelle non possono che tacere. Del resto che la città sia “belloccia” è un dato, e non c’è bisogno di scomodare i pianeti. Ha un David che scoppia di salute, niente influenza nemmeno per quest’anno. Quanto ai viaggi, beh, pare non abbia intenzione di muoversi, la signora. Firenze il 2008 se lo passa a casa…

INTERVISTA AL CLIMATOLOGO MARACCHI

PUBBLICA ASSISTENZA HUMANITAS SCANDICCI V. Bessi, 2- Centralino 055 73631 - Fax 0557363415 www.humanitas-scandicci.it - info@humanitas-scandicci.it

SERVIZIO ONORANZE FUNEBRI ☎ 055 25 56 67 Servizio 24 ore su 24 ATTIVE DAL 1976 le Onoranze Funebri dell’Humanitas offrono alle famiglie un servizio personalizzato e completo, volto a fornire una costante assistenza 24 ore su 24.

I SERVIZI MESSI A DISPOSIZIONE SONO:

• • • • • • • •

Servizi funebri sia in Italia che all’estero. Cremazioni. Fornitura di fiori. Pubblicazione di necrologie. Allestimento, posa in opera e manutenzione di Tombe, Loculi e Ossari. Manutenzione Cappelle e Sepolcreti (ricambio fiori, sassolini, acqua...) Contratti lampade votive (Servizio gratuito) Possibilità di lasciare disposizioni per le proprie esequie concordando un funerale “in vita”

SCONTI PER I SOCI DELLA PUBBLICA ASSITENZA HUMANITAS SCANDICCI E PER GLI ENTI CONVENZIONATI 872577

“Nel 2008 niente siccità. Forse”

S

e come girano gli astri sopra Firenze un pochino l’abbiamo capito, cosa più complicata è capire invece come andrà il clima per il 2008. Niente da fare, troppo in là con questo tipo di previsioni non ci si può proprio spingere. Parola di Giampiero Maracchi, noto climatologo fiorentino e docente di climatologia all’Università di Firenze. Professore, è possibile azzardare una previsione di come sarà il clima in questo 2008? “No, anche le tecniche più moderne non ci consentono di spingerci tanto in là. Possiamo piuttosto dare una previsione stagionale, che è cosa diversa da quella metereologica, tenendo conto che ha un margine di attendibilità molto ridotto”. E cosa ci suggerisce una previsione di questo tipo? “Questo inverno l’anticiclone siberiano si è creato presto, e altrettanto presto si è spostato verso oriente. Per questo ha causato molte piogge, a gennaio, a cui ne dovrebbero seguire ancora durante il mese di febbraio”. Quanto alle temperature, invece, cosa si può anticipare? “Dopo un dicembre piuttosto freddo, si sono stabilizzate su valori più

Giampiero Maracchi

alti, e la linea dovrebbe essere la stessa anche per il mese di febbraio, dopo un esordio caratterizzato da una perturbazione atlantica”. E un po’ più in là, non ci si può spingere? Due parole sull’estate, ad esempio? “No, perché come dicevo le previsioni stagionali sono poco attendibili, calcolate con tecniche ancora molto “giovani”. Lo stato di progresso della climatologia odierna equivale alla meteorologia di inizio secolo, per capirsi. Possiamo dire però, che le piogge di questo periodo dovrebbero aver sventato quella che altrimenti si sarebbe prospettata come una pesante siccità esti/G.R. va”.


8

febbraio 2008

RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

FATTI E PERSONE

LAVORI. Una nuova rotatoria sarà realizzata lungo la più pericolosa strada fiorentina

Via Pistoiese, meno traffico e più sicurezza L’intervento inizierà la prossima estate. L’opera metterà in comunicazione la circonvallazione di San Donnino con la nuova strada di collegamento tra via Pistoiese e via dei Cattani. Previsti anche lavori di messa in sicurezza dell’arteria, nel 2007 teatro di ben 63 incidenti Ivana Vita

U

na nuova rotatoria in via Pistoiese, Muccini, responsabile unico del procedimenin grado di alleggerire il traffico to del Comune di Firenze: “Sarà un’opera di pesante sulla strada in direzione rapida realizzazione, circa 4 mesi di tempo. dell’Osmannoro, del casello auto- Eseguiremo lavori per deviare il traffico su via stradale Firenze Nord, dell’aeroporto di Pe- Pistoiese, e utilizzeremo lo slargo all’altezza di retola e del nuovo Polo tecnologico ferrovia- San Donnino dove c’è lo spazio sufficiente. Le rio. E’ quanto previsto dal progetto definitivo opere saranno divise in due lotti, per cui sarà approvato dalla giunta comunale, su proposta cantierizzato un lato per volta. Il Comune di del vicesindaco Giuseppe Matulli, lo scorso 1° Firenze farà da capofila fra i tre Enti coinvoldicembre. La nuova rotatoria servirà a mettere ti, perchè si è assunto l’incarico dal punto di in comunicazione la circonvallazione di San vista progettuale e tecnico–amministrativo, Donnino con la nuova strada di collegamento avendo già realizzato la nuova via dei Cattatra via Pistoiese e via dei Cattani, consentendo ni. La costruzione dovrebbe cominciare la prossima estate, in attesa nel contempo il riassetche il Comune di Campi to delle aree interessate. I lavori saranno rapidi, Bisenzio completi le proAmmontano a 350mila circa 4 mesi di tempo cedure espropriative, in euro i fondi stanziati per quanto il 90% dell’area l’intervento, che sarà cofinanziato dal Comune di Firenze con 250mila interessata ricade proprio nel territorio campieuro, dal Comune di Campi Bisenzio, che avrà giano”. E, nel contempo, sono previsti anche l’onere degli espropri necessari alla realizza- lavori di messa in sicurezza di via Pistoiese, zione della rotatoria, e dalla Provincia, che che, secondo i dati della polizia municipale, è contribuirà con i restanti 100mila euro. I disa- la strada più pericolosa di Firenze, con ben 63 gi per il traffico e per i residenti saranno mini- incidenti nel 2007. Da tempo, infatti, i cittadimi, come assicurato dall’architetto Tommaso ni chiedono che la strada, una delle più lunghe

Traffico in via Pistoiese

della città, venga messa in sicurezza, in modo da ridurre sensibilmente gli incidenti di cui è troppo spesso teatro. E quelli previsti saranno interventi strutturali, che mirano non solo a miglioramenti estetici, ma anche funzionali, sulla scia di quanto messo in atto negli ultimi anni con la creazione di rotatorie all’altezza degli incroci più pericolosi, per rallentare la velocità

delle auto. La rotatoria che sorgerà all’incrocio con via dei Cattani avrà anche un’importanza strategica: l’imminente realizzazione assume infatti valore non solo in funzione di snodo del traffico, ma anche in relazione al progetto che le Ferrovie dello Stato stanno completando, e per fare da cerniera in un comparto votato ad attività di tipo industriale e artigianale.

MAESTRI IN QUALITA’...E CONVENIENZA

PREVENTIVI GRATUITI PAGAMENTI RATEALI PERSONALIZZATI SU TUTTI I NOSTRI PRODOTTI PORTONCINI E PORTE BLINDATE - CON CILINDRO EUROPEO - ANTISCASSO € 1.200 - ANTI TRAPANAMENTO - A 5 PUNTI DI CHIUSURA

2 ANTE ASSIMETRICHE BILAMIERA

€ 900

€ 1.850

1 ANTA MONOLAMIERA

ANCHE CON FINANZIAMENTO 24 MESI INTERESSI ZERO 37,50 € AL MESE

PORTE IN CRISTALLO TEMPERATO CON MECCANISMO A BARRA IN ACCIAIO VARI MODELLI

sconto reale del 20% da listino su

€ 1.600

ANCHE CON FINANZIAMENTO 24 MESI INTERESSI ZERO 66,67 € AL MESE

RISPARMI IL 55% CON GLI INCENTIVI STATALI SU GLI INFISSI E PERSIANE IN ALLUMINIO E PVC TUTTI SU MISURA INFISSO in pvc doppia anta con ribaltavetri isolanti termici ed acustici su misura solo € 280 AL MQ

€ 230 al mq

PAGABILI ANCHE A RATE

PERSIANA in alluminio stecca fissa (o orientabile) - in colori ral su misura € 280 AL MQ

€ 230 mq

A partire da PAGAMENTO A RATE

FINESTRE IN ALLUMINIO ESTERNO E LEGNO INTERNO

A PARTIRE DA

€ 600MQ

(ESCLUSO POSA IN OPERA)

864598

Show-room: Via F. Martini, 10/R Tel. 055 6121802 Info@vetreriarondinella.it


RIFREDI • NOVOLI • BROZZI

IL CASO

9

febbraio 2008

OLTRE LE SBARRE. I percorsi attivati da Provincia, Comune, Sds, Sert e istituti di pena

Una nuova vita all’uscita dal carcere Giovanni Vivaldi

mille euro. Tra Firenze, Prato e Pistoia, finora 65 persone hanno iniziato il tirocinio. Un altro progetto, denominato “Beyt”, vede impegnati insieme Provincia, Comune, Società della Salute, Ser.T, nuovo complesso di Sollicciano, l’istituto a custodia attenuata “Mario Gozzini”, l’Uepe e alcune associazioni. Tutti coinvolti nella presa in carico delle persone scarcerate con l’indulto e in particolare dei soggetti più svantaggiati, come tossicodipendenti, alcolisti o portatori di malattie droga-alcol correlate. Al momento della scarcerazione è stato fornito all’ex detenuto un primo “kit di uscita” necessario a rispondere alle esigenze primarie, con biglietti autobus, una scheda telefonica, buoni acquisto alimentari, una piantina della città, materiale di igiene personale, un elenco dei servizi di ascolto ed informazione, mense e servizi igienici accessibili direttamente. Il progetto serve a fornire un orientamento alle persone scarcerate, proponendo percorsi personalizzati di sostegno all’inserimento lavorativo ed abitativo. In questo rientra la sperimentazione dei “gruppi di appartamento”: un’abitazione per dieci posti letto, per un periodo di permanenza non superiore ai tre mesi, in cui vengono garantite alla persona condizioni di vita dignitose. E’ prevista anche la figura di un tutor che accompagna gli ospiti nella costruzione dei loro progetti individuali. L’autonomia abitativa è sostenuta anche attraverso alcuni contributi: sostegno al pagamento della caparra per l’accesso all’alloggio sul libero mercato, dell’affitto per un massimo di sei mesi, delle utenze arretrate e delle spese per il conseguimento della patente B. L’obiettivo di questi progetti non è solo quello di aiutare – almeno in qualche caso – gli ex detenuti, ma anche di dimostrare alla cittadinanza che la sicurezza passa anche dalla capacità di fornire ai soggetti a rischio percorsi alternativi concreti.

Due progetti a favore del reinserimento degli ex detenuti nella società. Perché ricominciare tutto daccapo non è facile

I

n carcere l’emergenza non finisce mai. A un anno e mezzo dall’indulto, le celle sono di nuovo sovraffollate. Ma l’emergenza è anche all’esterno del carcere, per i numerosi detenuti che – grazie all’indulto o semplicemente perché hanno finito di scontare la pena – tornano liberi e si pongono il problema di costruirsi una nuova vita. L’alternativa, spesso, è quella di ritrovarsi a commettere nuovi reati: un problema per la collettività e anche per loro. La Provincia di Firenze sta investendo su alcuni progetti di reinserimento sociale degli ex detenuti, come quello denominato “Lavoro nell’inclusione sociale dei detenuti beneficiari dell’indulto”, finanziato dal ministero del Lavoro, che prevede 2mila tirocini formativi (con possibilità di inserimento stabile) in aziende no profit del territorio italiano. A Firenze il progetto si concluderà nell’aprile 2008. Nel periodo formativo, per ogni tirocinante è prevista una formula di rimborso dai 450 ai 675 euro al mese. In caso di assunzione, con almeno un contratto di un anno, all’azienda viene riconosciuto un incentivo di

Il “Giardino degli incontri” a Sollicciano. (foto: Paolo Lunghi)

L’INTERVISTA L’assessore Saccardi traccia un bilancio dell’esperienza

“Ottimi risultati in poco tempo” “È un investimento sulla possibilità che le persone cambino”. Stefania Saccardi, assessore al Lavoro, sintetizza così il senso dell’impegno della Provincia a favore del reinserimento degli ex detenuti. Insieme ad Alessia Ballini, che ha la delega alle Politiche sociali, lei si è occupata in prima persona del progetto “Lavoro nell’inclusione sociale dei detenuti beneficiari dell’indulto”. Come è nato questo programma? “Il progetto nasce a seguito della legge sull’indulto perché, varando quel provvedimento, il governo ha pensato anche al dopo, cioè al momento in cui gli indultati sarebbero usciti dal carcere. I fondi governativi sono stati destinati alle aree metropolitane e, per la Toscana, la prima zona individuata è stata la provincia di Firenze. Noi abbiamo deciso di gestirlo in collaborazione con il Comune e la Provincia di Prato”. Qual è il bilancio dell’esperienza? “Molto positivo, soprattutto se consideriamo che sono passati diversi mesi tra l’uscita dal carcere

di queste persone e l’avvio del programma di reinserimento. In questo lasso di tempo molti avevano già trovato un’occupazione o purtroppo erano tornati in prigione perché avevano commesso nuovi reati. Premesso questo, il progetto ha coinvolto 65 beneficiari dell’indulto. Una decina di questi, una volta terminato il tirocinio, sono stati assunti dalle aziende in cui hanno lavorato”. Un’obiezione: la Provincia finanzia progetti a favore di persone che hanno commesso reati creando sofferenze e allarme sociale. “Rispondo in due modi. Primo, il nostro sistema prevede che la pena abbia un carattere non solo punitivo ma anche rieducativo. Secondo, quando si riconosce un diritto a qualcuno non significa che questo vada a detrimento di qualcun altro. Fare un progetto per gli ex detenuti non vuol dire che ci dimentichiamo di tutti gli altri. Tra l’altro, gli indultati non diventano ‘concorrenza’ sul mercato del lavoro, perché spesso vanno a fare mestieri che altri non vogliono /F.D.N. fare”.

PRESTITI E MUTUI

ALLE MIGLIORI CONDIZIONI!!! ESTINGUIAMO E RINNOVIAMO TUTTI I TIPI DI FINANZIAMENTO

(CESSIONE DEL QUINTO, DELEGA, PRESTITI...) AI TASSI PIU’ VANTAGGIOSI SUL MERCATO E PERSONALIZZATI

MUTUI

Esaminiamo pratiche difficili MUTUI 100% da 10 a 40 anni con durata secondo le tue esigenze Possibilità di SOSTITUIRE il mutuo esistente con uno NUOVO con rata più bassa Mutui per RISTRUTTURAZIONI e LIQUIDITA’ Mutui a LAVOTORI ATIPICI e a EXTRACOMUNITARI Mutui FINANZIABILI FINO ALL’85MO ANNO DI ETA’ Mutui EDILIZI, COMMERCIALI ED INDUSTRIALI

€ 100.000 € 200.000

RATA MENSILE A PARTIRE DA RATA MENSILE A PARTIRE DA

TELEFONA SENZA IMPEGNO

€ 553 € 1.107

PER IL TUO

FINO A 120 MESI

PRESTITI FINANZIAMENTI a tutti i dipendenti pubblici e privati (siamo convenzionati con i maggiori enti statali) CESSIONI DEL QUINTO e deleghe Prestiti personali a tutti FINANZIAMENTI A TUTTI I PENSIONATI fino a 80 anni di età TASSI AGEVOLATI ai dipendenti pubbllici 60 mesi 96 mesi 120 mesi € 5.000 rata € 98,50 € 73,00 € 50,00 € 10.000 rata € 189,50 € 135,00 € 100,00 € 20.000 rata € 468,00 € 248,00 € 298,00

PREVENTIVO GRATUITO E PERSONALIZZATO

HAI PARTITA IVA?

IN IN UN UN UNICO UNICO CANONE CANONE MENSILE MENSILE HAI HAI COMPRESO: COMPRESO: • Assicurazione RCA, incendio e furto, kasco • Tassa di proprietà • Manutenzione ordinaria, straordinaria • Cambio gomme ogni 30.000 km • Auto sostitutiva • Detrazione fiscale fino al 100% PUOI SCEGLIERE QUALSIASI TIPO DI AUTO ALCUNI ESEMPI? DALLA 500 ALLA FERRARI...

•MERCEDES C AVANTGARDE (nuovo modello) detrazione fiscale fino al 100% 48 rate mensili a EURO 859 •AUDI A3 2.0 TDI Sport Back 5p detrazione fiscale 100% 48 rate mensili tutto incluso a EURO 534 • FIAT GRANDE PUNTO detrazione fiscale fino al 100% 48 rate mensili tutto incluso da soli EURO 414 882142

KRONOS ITALIA Prodotti Finanziari FIMEC 2635 UIC22979

055 352899 055 7094934 329 3413785 www.kronositalia.it info@kronositalia.it


10

L’INCHIESTA

febbraio 2008

LA NOSTRA IMMONDIZIA/1. Nel mese scorso la Regione ha fatto il punto della situazione

Quattro anni all’emergenza rifiuti A fine 2011 la Toscana potrebbe entrare in crisi. Se la produzione di immondizia resterà ai livelli attuali e non verranno prese contromisure, il rischio è ritrovarsi in una condizione simile alla Campania. A lanciare l’allarme è stata per prima la Provincia di Firenze Pietro Bonaventura

P

er la Toscana l’ora x dei rifiuti scatterà blema esiste e nessuno lo nega. Per rendersi conto alla fine del 2011. Nella nostra regione della sua gravità, è forse utile guardare a ciò che si producono ogni anno 9,85 milioni di sta succedendo a Firenze e provincia. Secondo tonnellate di immondizia, di cui il 26 le ultime stime ufficiali a disposizione, elaboraper cento è costituito da rifiuti urbani. Se con- te dall’Agenzia regione recupero risorse, l’area tinueremo a produrre spazzatura a questo ritmo, metropolitana produce oltre 544mila tonnellate tra quattro anni la Toscana non sarà più in grado di spazzatura all’anno. “Le prime indicazioni di gestire autonomamente il ciclo rifiuti. In una disponibili inerenti i dati 2006, pur provvisori parola, sarà emergenza vera: i cassonetti strapieni – si legge nel piano industriale 2007 dell’Ato 6, e le strade invase dai sacchetti non saranno più il consorzio che gestisce il ciclo rifiuti di questa soltanto immagini trasmesse dai tg che racconta- zona – tenderebbero a far emergere la crescita, e no la situazione di Napoli e provincia, ma diven- non la stabilizzazione, della produzione dei rifiuteranno anche la realtà di casa nostra. L’allarme è ti”. Nel 2005, ogni nuova tonnellata di immonstato lanciato qualche settimana fa dalla Provin- dizia è costata 231 euro e la gestione dell’intero ciclo rifiuti ha raggiunto cia, che ha organizzato una campagna pubblicitaria I comitati anti-inceneritore: quota 126 milioni di euro, per un costo pro-capite sull’emergenza che ha fatto Non è vero, le discariche medio di 157 euro all’anmolto discutere. Ora dalla dureranno altri dieci anni no per abitante. Queste Regione arriva la confercifre fanno capire che, se ma, corredata da numeri e proiezioni, che il rischio di “scoppiare” di spazza- la produzione di immondizia continuerà ad autura è reale. “Abbiamo davanti quattro anni e ser- mentare, l’emergenza non sarà soltanto sanitaria ve uno sforzo collettivo per prendere il problema ma anche economica. Per scongiurare la crisi, di petto”, ha detto il presidente Claudio Martini la Regione punta a ridurre del 15 per cento la presentando il report sui rifiuti. I dati e le previ- quantità di spazzatura prodotta, a raddoppiare sioni della giunta regionale sono stati duramente la quota di raccolta differenziata (nel 2006 era al contestati dai comitati anti-inceneritore, secondo 33,3 per cento) e a costruire tutti gli impianti di cui la Toscana ha un’autonomia di almeno altri incenerimento previsti dai Piani provinciali rifiudieci anni. Ma al di là della guerra di cifre, il pro- ti. Attualmente l’immondizia toscana, che negli

ultimi dieci anni è aumentata più che in tutte le altre regioni d’Italia, viene trattata in 54 strutture diverse: 22 discariche, 8 termovalorizzatori, 13 impianti di selezione e trattamento, 11 impianti di compostaggio. L’obiettivo fissato dalla giunta regionale è portare la capacità dei termovalorizzatori dalle attuali 950 tonnellate al giorno a 24003mila tonnellate. “Il Piano regionale di azione ambientale – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Anna Rita Bramerini – prevede da qui al 2010 investimenti per 58 milioni e 600mila di euro”, ma questa cifra non comprende i costi di realizzazione dei nuovi inceneritori, come quello fiorentino di Case Passerini, che saranno costruiti a spese delle aziende di smaltimento. Quel che è sicuro è che la Regione non ha intenzione di investire sulle discariche. D’altronde, l’Europa ha da tempo ingranato la retromarcia sul conferimento in discarica: in Francia ci finisce il 37 per cento dei rifiuti (il 35 per cento va nei termovalorizzatori, il 28 viene recuperato), in Germania il 18 per cento (24 per cento viene incenerito, 58 recuperato) e in Danimarca soltanto il 3 per cento dell’immondizia è destinato alle discariche (il 55 per cento va negli impianti, il 42 è recuperato). In Toscana, oggi, ben il 59 per cento della spazzatura finisce nelle discariche, l’8 per cento negli inceneritori e il 33 è la quota del recupero. Noi toscani, insomma, abbiamo molto da lavorare e da imparare.

852363

I DATI

9,85 milioni di tonnellate la quantità di rifiuti prodotta dalla Toscana in un anno

58 per cento la parte dell’immondizia toscana che finisce in discarica

33,3 per cento la quota di raccolta differenziata raggiunta nel 2006

22 discariche attualmente aperte nella Regione

8 termovalorizzatori già in funzione

13 impianti di selezione e trattamento dei rifiuti


L’INCHIESTA

febbraio 2008

11

LA NOSTRA IMMONDIZIA/2. Tra qualche mese sarà bandita la gara d’appalto

La marcia verso l’inceneritore riprende L’iter per la costruzione dell’impianto di Sesto sembrava essersi bloccato, ma ora c’è stata un’accelerata. Il termovalorizzatore non entrerà in funzione prima di quattro anni. Renzi: “Lo faremo” Paolo Ceccarelli

Q

ualcosa si muove sul fronte termovalorizzatore. In questi giorni gli Ato di Firenze, Prato e Pistoia – i consorzi che gestiscono i rifiuti delle tre province – vareranno un piano industriale comune e transitorio, uno dei passaggi necessari per arrivare alla costituzione di un unico Ato, una misura prevista dalla nuova legge regionale in materia. Si tratta di una tappa importante anche in relazione alla costruzione dell’inceneritore di Case Passerini, a Sesto Fiorentino, dopo mesi di ritardi e polemiche. Secondo il protocollo d’intesa firmato nell’agosto del 2005 dall’Ato6, dalle amministrazioni di Firenze, Sesto, Campi e da quella provinciale, i lavori sarebbero infatti dovuti partire nel maggio dell’anno scorso. Ora l’iter di realizzazione sembra ripartire e, subito dopo l’incontro tra i tre Ato, l’assemblea dei soci di Quadrifoglio (cioè i Comuni) si riunirà per sciogliere alcuni nodi tecnici. La prima decisione da prendere riguarda chi costruirà il termovalorizzatore: sarà Quadrifoglio da sola o una “newco”, una società costituita da Quadrifoglio ma partecipata anche da altri soggetti? Contemporaneamente, l’azienda di smaltimento inizierà a predisporre tutti gli atti necessari per bandire la gara d’appalto, una serie di adempimenti burocratici che dovrebbero essere completati tra l’inizio e la fine dell’estate. Dopo lo svolgimento della gara, il progetto vincitore sarà presentato alla Provincia, a cui spetta il compito di rilasciare tutte le autorizzazioni necessarie per far partire i lavori, compresa la valutazione d’impatto ambientale. Quando sarà pronto il termovalorizzatore di Case Passerini? “Per le autorizzazioni ci vorrà un annetto – spiegano da Quadrifoglio –. Poi la realizzazione potrà partire e durerà circa 18 mesi, infine servirà un altro anno per mettere a regime l’impianto”. Insomma, se tutto andrà bene,

SOLUZIONI A CONFRONTO Parlano il presidente di Quadrifoglio e un ingegnere di Ambiente Italia

Samoggia: “Dobbiamo ridurre la spazzatura” L’esperto: “Ma è necessario deassimilarla”

I

nceneritore sì inceneritore no, e spesso il discorso si ferma qui. Le polemiche legate alla questione rifiuti finiscono molte volte in un muro contro muro tra chi è a favore dei termovalorizzatori e chi li considera dei “mostri”. Ma le discussioni sull’utilità e la sicurezza degli impianti arrivano raramente all’origine del problema immondizia, cioè ai motivi perché ne produciamo troppa, e alle soluzioni possibili per ridurla. Per fare questa panoramica, certo parziale vista la complessità della materia, il punto di partenza è una considerazione generale: il nostro sistema economico “vive” di consumi e ogni consumo implica la creazione di rifiuti. Poi, e solo poi, ci sono le questioni più specifiche, come il modello di gestione dei rifiuti scelto dalla nostra regione (e non solo). “L’alta produzione di rifiuti pro-capite della Toscana è frutto della scelta di assimilare i rifiuti urbani, cioè quelli delle famiglie, con i rifiuti provenienti dalle imprese”, dice l’ingegnere Elio Altese, ricercatore di Ambiente Italia srl, una società di pianificazione e analisi ambientale che sta lavorando a progetti per la riduzione dell’immondizia per conto della Provincia. “Questa scelta è nata dall’idea che, assimilando i rifiuti del commercio e dell’industria a quelli delle

utenze domestiche, le aziende avrebbero ‘coperto’ una parte delle spese altrimenti a carico dei cittadini”. Secondo Altese, il problema è che “negli ultimi anni la quantità di immondizia prodotta dalle aziende è esplosa”: la soluzione è separare i due flussi di spazzatura, prevedendo specifiche convenzioni e accordi con il mondo delle imprese. E’ il sistema che vige negli Stati Uniti. Non concorda su questa soluzione il presidente di Quadrifoglio, Marco Maria Samoggia, secondo cui “deassimilare i rifiuti non significa ridurli, ma semplicemente farne uscire una parte dal ciclo di gestione”. Per Samoggia, l’introduzione repentina del modello americano sarebbe molto rischiosa, perché “in Italia, per una questione culturale, lo smaltimento è sempre stato in mano ad aziende pubbliche. Rinunciando alla gestione dell’immondizia del commercio e dell’industria, non avremo più certezze sull’avviamento allo smaltimento”. Il presidente di Quadrifoglio invita invece a lavorare sull’incremento della raccolta differenziata e del riutilizzo, e sulla riduzione dei rifiuti alla fonte. “Servono leggi europee ed italiane per diminuire gli imballaggi, per disincentivarne l’uso o almeno incentivarne il riutilizzo”, dice Samoggia. E questo può /P.C. farlo solo la politica.

Renzi in visita al termovalorizzatore di Vienna

l’inceneritore entrerà in funzione tra circa quattro anni. Tempi non proprio brevi, ma il presidente della Provincia Matteo Renzi assicura che l’impianto si farà. “E’ un impegno preso con i cittadini in campagna elettorale e noi lo rispetteremo”, ripete Renzi. Un po’ più veloce dovrebbe essere il percorso per costruire l’altro nuovo impianto dell’area fiorentina, quello di Testi a Greve in Chianti, dove esiste già un rigassificatore che andrà ammodernato. Questa sarà la prima vera “creatura” della nuova azienda nata dalla fusione tra Quadrifoglio e Safi, la società che gestisce i rifiuti di Bagno a Ripoli, Fiesole, Greve, Impruneta, San Casciano Val di Pesa, Tavernelle e Scandicci. Il processo di accorpamento tra le due aziende ha già raggiunto una tappa importante con l’allargamento dell’assemblea di Quadrifoglio ai Comuni soci di Safi. Ora si tratta di procedere spediti su questa strada perché, ne sono convinte tutte le amministrazioni, una migliore gestione del ciclo rifiuti passa anche da una razionalizzazione delle società di servizi ambientali.


IL SONDAGGIO DI GENNAIO

I nostri lettori si schierano in maggioranza dalla parte dei fumatori • UNA BUONA PROPOSTA DI LEGGE CONTRO IL FUMO:

69,40% NON DEVE PENALIZZARE I FUMATORI CHE “HANNO LE LORO ESIGENZE”

22,10% DOVREBBE VIETARE ALMENO LA VENDITA DELLE SIGARETTE AI MINORI DI 18 ANNI

8,50% DOVREBBE VIETARE IL FUMO OVUNQUE CI SIA ALTRA GENTE, ANCHE ALLO STADIO E IN STRADA

Il sondaggio è stato effettuato tramite il sito internet www.ilreporter.it, una linea telefonica dedicata e l’indirizzo e-mail dicolamia@ilreporter.it. Totale votanti: 1355 – Risposte: Dovrebbe vietare almeno la vendita delle sigarette ai minori di 18 anni: 299 (22,10%) – Dovrebbe vietare il fumo ovunque ci sia altra gente, anche allo stadio e in strada: 115 (8,50%) – Non deve penalizzare i fumatori che “hanno le loro esigenze”: 941 (69,40%). Sondaggio tramite www.ilreporter.it: totale votanti 556 votanti – Dovrebbe vietare almeno la vendita delle sigarette ai minori di 18 anni: 121 – Dovrebbe vietare il fumo ovunque ci sia altra gente, anche allo stadio e in strada: 84 – Non deve penalizzare i fumatori che “hanno le loro esigenze”: 351. Sondaggio tramite linea telefonica dedicata: totale votanti 799 – Dovrebbe vietare almeno la vendita delle sigarette ai minori di 18 anni: 178 – Dovrebbe vietare il fumo ovunque ci sia altra gente, anche allo stadio e in strada: 31 – Non deve penalizzare i fumatori che “hanno le loro esigenze”: 590. Sondaggio tramite dicolamia@ilreporter.it: totale votanti 0. AVVERTENZA: I “sondaggi on-line” non sono sondaggi rappresentativi ai sensi delle direttive dell’Autorità garante delle comunicazioni: essi non hanno valore statistico. I risultano che forniscono non hanno, cioè, la pretesa di rappresentare l’opinione di gruppi di persone. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente, che hanno l’unico scopo di permettere agli utenti che lo desiderano di esprimere la propria personale opinione.

868628


IL SONDAGGIO DEL MESE

L’ASSESSORE REGIONALE ALLA CULTURA E AL TURISMO PAOLO COCCHI, RITENENDO CHE IL TURISMO A FIRENZE SIA TROPPO CONCENTRATO IN UNA PICCOLA PARTE DEL CENTRO STORICO, HA LANCIATO L’IPOTESI DI UNA NUOVA SEDE PER IL DAVID DI MICHELANGELO. COCCHI HA PROPOSTO IL PARCO DELLA MUSICA, STRUTTURA IN FASE DI REALIZZAZIONE ALLA LEOPOLDA. LA SCELTA RENDEREBBE PIÙ UNIFORMI LE PRESENZE TURISTICHE SUL TERRITORIO CITTADINO.

SE CI FOSSERO TUTTE LE NECESSARIE ASSICURAZIONI PER UNO SPOSTAMENTO SENZA PERICOLI DEL CAPOLAVORO DI MICHELANGELO, SARESTI FAVOREVOLE AD UNA NUOVA CASA PER IL DAVID? • SÌ, AIUTEREBBE A RENDERE PIÙ VIVIBILE FIRENZE • SÌ, MA NON CREDO CHE SIA LA LEOPOLDA LA DESTINAZIONE GIUSTA • NO, IL DAVID DEVE RESTARE ALL’ACCADEMIA

PARTECIPA AL SONDAGGIO SUL SITO www.ilreporter.it OPPURE INVIACI UNA MAIL A dicolamia@ilreporter.it O TELEFONA AL NUMERO 840.70.74.74

I risultati saranno pubblicati sul prossimo numero


COME RISPARMIAMO/1. Alcuni esperti del settore che operano su Firenze fanno un identikit dei loro clienti

Un popolo di investitori insicuri Diffidenti, indecisi

BOT, CCT, BTP & GLI ALTRI

cronici ed emotivi: così

Un mondo di opportunità, ma capirlo non è facile

i promotori finanziari vedono i risparmiatori

D

istricarsi nelle offerte finanziarie non è semplice. I titoli si differenziano principalmente in azioni (quote di società) e obbligazioni (prestiti di denaro allo Stato, a società o ad istituti internazionali). Queste due forme di titoli costituiscono quello che è il mondo del risparmio gestito, cioè i fondi: si sottoscrive una quota di un patrimonio collettivo. Buone opportunità di investimento però sono date anche dai fondi immobiliari: si comprano quote di un pacchetto che prevede l’acquisto di più proprietà. Questi titoli sono a fondo chiuso, ovvero non si può entrare nell’affare o uscirne quando si vuole, è obbligatorio aspettare delle precise scadenze già preventivate. Per fare un buon investimento è necessaria una programmazione del capitale in tempi e scadenze. Se si compra le obbligazioni dello Stato, ad esempio, ci sono varie opportunità: i Bot sono titoli a breve tempo (da tre, sei mesi o un anno al massimo), i Btp, buoni del tesoro pluriennali e poi i Cct, certificati di credito del tesoro (a tasso variabile e dipendono dalle variazioni dei Bot). Tra le varie opportunità di gestione del risparmio non si può non citare i fondi pensione che possono essere sia aperti che chiusi. Insomma il mondo finanziario ha le sue complicazioni e decidere non è semplice, soprattutto se si considera che in ballo ci sono i risparmi di una vita.

fiorentini. Ma i difetti sono in parte eredità di brutte esperienze Sara Poggini

E’

uomo, ha più di cinquanta anni ed è conservatore: è questo l’identikit dell’investitore fiorentino, diffidente, poco interessato alle dinamiche del mercato e soprattutto spaventato dalle novità. Il profilo ci è stato tratteggiato da alcuni promoter finanziari ed esperti del settore che lavorano su Firenze e altre città toscane. Il mondo finanziario non appassiona il risparmiatore medio del capoluogo toscano (ovvero colui che possiede un capitale che non supera i cinquecentomila euro), che dimostra di essere poco ferrato in materia. Infatti, nonostante la tradizione bancaria di Firenze, il potenziale investitore si lascia spaventare dagli andamenti del mercato e sceglie di rifugiarsi dove i punti di riferimento sono chiari. Per questo, spesso, preferisce tenere i propri risparmi semplicemente su un conto corrente bancario. Vittima di una comunicazione semplificata, dovuta alla complessità del mondo finanziario e alla difficol- fanno piani prolungati. La base per un buon tà dello spiegare i meccanismi del mercato, finanziamento è l’asse capitale-tempi: in funil fiorentino medio si rifugia nell’immobile, zione delle disponibilità dell’investitore il come succede anche nel promotore finanziario fa resto dell’Italia dove il 60 un programma che viene In città ad investire per cento dei cittadini sono diluito nel tempo. Ma la sono soprattutto proprietari: una tendenza fretta e la necessità di vegli ultracinquantenni che però sta cambiando dere immediatamente i ria causa dell’aumento dei sultati, aggiunta alla paura costi, degli stipendi bassi e dell’innalzamento che attraversa le decisioni del cittadino della dei mutui. I fiorentini – raccontano gli esperti città di Dante, lo portano a fare scelte meno del settore che abbiamo sentito – non ama- coraggiose. Ad investire sono principalmente no far gestire ad altri i propri risparmi e non gli over cinquanta, anche perché il contesto

è una società che vede l’impoverimento delle fasce under trenta costrette a fare i conti con stipendi bassi, lavori precari e spesso senza capitali di partenza. Per queste categorie l’unica forma di investimento, oggi, rimangono i fondi pensione, anche se questa tipologia di gestione del risparmio ancora non si è radicata sufficientemente. Il fiorentino, comunque, rimane un investitore emotivo e non riesce ad essere freddo nelle scelte. Questo lo porta ad una indecisione cronica ed a rifuggire dalle novità offerte del mercato. Il buon investitore dovrebbe invece essere in grado di fare dei

piani pluriennali e sufficientemente informato da non farsi spaventare dagli andamenti del mercato. Secondo alcuni promotori, l’insicurezza dei fiorentini nasce anche dal fatto che nel capoluogo toscano non c’è una cultura finanziaria sviluppata e dai pessimi consigli dati in passato da alcuni settori del mondo del mercato gigliato. Insomma, il risparmiatore fiorentino, rispetto anche al resto della Toscana, non è un buon cliente per i promotori finanziari, perché è mosso dalla diffidenza e preferisce avere sempre tutto sotto controllo, soprattutto il proprio denaro.

898359

AGENZIA IMMOBILIARE

Ruolo Agenti Immobiliari n° 3401

Dalmazia

di Tafani Ornella

(ATTIVITA’ QUARANTENNALE) CASTELLO - Interno TERRATETTO- 60 mq Caratteristico su tre livelli Soggiorno/Angolo Cottura- Camera Matrimoniale- Mansarda Richiesta: Euro 215.000 NOVOLI PRESSI REGIONE- 3 Ampi Vani- circa 70mq in strada tranquilla Piano Alto- Ottimo Stato Richiesta: Euro 250.000 trattabili SAN JACOPINO- ( Via delle Carra)- In Piccolo Condominio Posizione Tranquilla- 4 Vani Ampi- TermosingoloLibero Subito Richiesta: Euro 275.000 Trattabili VIA MARITI ( Interno) 2,5 Vani- Nuova Realizzazione- Piano Alto- PanoramicoTermosingolo/Ascensore- Soggiorno-

• Stufe • Forni • Combustibili • Condizionamento 883910

Angolo Cottura- Camera- BagnoBalcone- Libero Subito (Possibilità Acquisto Bilocale Attiguo) Richiesta: Euro 190.000 ARIA FIAT- Pressi- In strada tranquillaAmpia possibilità di parcheggio 3 Ampi Vani- Termosingolo – Ripostiglio – Balcone Cantina Richiesta: Euro 240.000 Trattabili AFFITTO - CASTELLO - Appartamento Caratteristico - Senza Condominio-Piano Primo Angolo Cottura/ Soggiorno, ampia camera matrimoniale, Stanza in Mansarda-Arredato Solo Referenziati Richiesta: Euro 800,00 Mensili

Via R. Giuliani, 2-4/r - 50141 FIRENZE Tel. e Fax 055 4360812

STUFE a PELLET €3.100 (alto rendimento certificato)

EURO 4.020

• detraibile fiscalmente • pagabili in 48 rate da Euro 76 anticipo 0 • rivestimento in ceramica (vari colori) • timer regolabile ora/data canalizzata per ambienti fino a 250 mq

CAMINETTI CHIUSI PELLET E LEGNA • detraibili fiscalmente • max sicurezza • max rendimento • non sporca a pellet a legna

da €950

da €2.400

pagabile in 30 rate da Euro 35 anticipo 0

pagabile in rate da Euro 59 anticipo 0

EURO 1.330 STUFE a LEGNA

€950

(alto rendimento certificato)

• pagabili in rate da 35 Euro anticipo 0 • fino a 10 ore di autonomia • detraibile fiscalmente

a soli TERMO-FUNGO a GAS €216 • con bombola • trasporto gratuito a domicilio compreso • detraibile fiscalmente

I NOSTRI SERVIZI fanno la differenza: • Servizio a domicilio consegna • bombole a gas •pellet • legna • Vendita combustibile cherosene • carboni in genere • petroli per stufe zibro con assistenza nostri clienti

SCANDICCI (FI) - Viuzzo di Porto, 11 - Tel. 055 72.15.40


FIRENZE

febbraio 2008

15

COME RISPARMIAMO/2. Un fiorentino racconta 30 anni di lavoro come consulente finanziario

Il promotore, questo sconosciuto “Purtroppo questa categoria sale alla ribalta delle cronache quando qualcuno di noi scappa con i soldi di un cliente” dice Le Divelec. “Invece il nostro compito è salvare la gente dalle fregature” Giulia Righi

A

desso è un signore di una certa età. Con nella marmellata’ e scappa in qualche paese tropicagli occhi chiari, la parlantina sciolta, e le con i soldi del cliente”. Lui invece, il promotore un modo di spiegarti le cose che le ca- finanziario-scrittore, ci tiene a precisare che il mepisci per forza. Si chiama Gian Luigi Le stiere non è fatto di questo. “Io ho sempre pensato Divelec, a dispetto del cognome è fiorentino e ha da che il mio compito fosse proprio l’inverso, salvare il raccontare un libro. Va’ dove ti porta il promotore, si cliente da eventuali fregature”. E molto onestamente chiama la sua creatura targata Stampa Alternativa. racconta che non c’è una formula universale per far Curioso. Che cos’è questo volume? “Il mio non è un diventare Paperon de’ Paperoni i risparmiatori: “Un manuale – spiega –. È piuttosto un esame di coscien- bravo promotore valuta un insieme di fattori che za, un bilancio, romanzato, fatto dopo trent’anni di vanno dall’età al patrimonio del cliente. Li incrocia, lavoro in questo settore”. E per capirlo, basta andare e di lì è in grado di suggerire una soluzione, diversa all’introduzione. Il dottor Le Divelec, nella prima caso per caso, per il piccolo come per il grande ripagina parte spiegando che un promotore, una volta sparmiatore”. Una cosa non facile, in cui il confine iscritto alla Camera di Commercio diventa un P.f. tra consiglio onesto e premura interessata è molto, Lui, da una vita, è il pieffe 339. “Ogni capoluogo molto sottile. “Quando iniziai – racconta – venivaha un suo albo dei promotori finanziari, ognuno di mo addestrati rigidamente. Addirittura ci facevano essi identificato da questa sigla e inscenare una sorta di teatrino, da un numero. L’albo di Firenze ripreso con una telecamera, in Il libro è una sorta ha 2.800 iscritti, compresi però cui si simulava l’approccio con di bilancio romanzato anche quelli dell’Umbria”. Ma il cliente. La cosa peggiore, era di una vita passata chi sono questi signori? Tecnila forzatura finale: mettergli di a fare questo mestiere camente sono i dipendenti, gli fronte un contratto e farglielo firagenti, o i mandatari che promare seduta stante”. Una gavetta muovono e collocano “strumenti finanziari e servizi dura, insomma. Lontana nel tempo. E che eppure d’investimento”. Nella pratica, sono professionisti ricorda da vicino certe trovate odierne, vedi telefoche per conto di banche, società, assicurazioni e nata a domicilio, all’ora di cena e con voce giovane simili propongono ai risparmiatori modi per inve- che invita a fare il miracoloso contratto telefonico stire i loro gruzzoletti. “Purtroppo si sente parlare di turno. Ma nel suo libro, oltre al racconto della di questa categoria soprattutto quando qualcuno si vita del promotore vista da dentro (dubbi e tormenti comporta disonestamente, viene colto ‘con le mani interiori annessi) c’è anche un capitolo dedicato al

Gian Luigi Le Divelec

futuro. A quello della società, in cui accanto ai promotori ci saranno consulenti finanziari “free lance”, privi di committenti e dunque in grado di suggerire investimenti disinteressati. Ma Le Divelec favoleggia anche del suo, personalissimo, futuro da pensionato: “Ho immaginato la mia vita di promotore in pensione nel 2011 – racconta Le Divelec – ritirato in una casa colonica in campagna, con un computer acceso e io a elaborare dati...”


NO

! grazie

www.tramfirenze.it COMITATO CONTRO L’ABROGAZIONE DELLA TRAMVIA Piazza del Mercato Centrale, 32/R - 50123 Firenze Tel: 055.239.84.99 - 055.230.24.87 - 055.264.55.68 Email: info@tramfirenze.it

Amo Firenze, amo la mia salute, amo la Tramvia! L

o sai che le polveri sottili degli scarichi delle automobili minano in maniera grave la tua salute e quella degli altri? Firenze ha scelto la Tramvia: è pulita, non inquina, sostituisce migliaia di passaggi Bus al giorno. E’ per questo che Milano, Napoli, Roma, Torino e oltre 250 città in Europa l’hanno scelta.

S

e voti NO sei per... meno traffico, meno inquinamento, meno rumore e meno stress da auto: più salute!

AL REFERENDUM PER ABROGARE LA TRAMVIA VOTA ALESSANDRO CRUDELI FECIT IN MMVIII

NO!


FIRENZE

17

febbraio 2008

MOBILITÀ. Sessanta vetture a disposizione, le corse saranno effettuate dalle 5 alle 23

Se il taxi è multiplo si spende meno Al via il nuovo servizio voluto dal Comune: se almeno tre passeggeri sono diretti nello stesso luogo, ognuno di loro pagherà una tariffa di 5 euro. La notte si arriva a sei Giuditta Boeti

T

axi multiplo, il ritorno. Dopo l’espe- poco, con l’obiettivo di rimento fallimentare di qualche fare diminuire il traffico anno fa, Palazzo Vecchio torna a di mezzi privati nel centro scommettere sul trasporto multiplo cittadino”. e questa volta – giura l’assessore alle attività Riconoscere i sessanta produttive Silvano Gori – sarà un successo. Si mezzi che effettueranno tratta di un servizio che prevede una serie di il servizio di taxi multiplo partenze predeterminate dal centro cittadino è molto semplice, perché verso otto zone distinte della città: se a bordo le vetture sono contradci sono almeno tre persone tutte dirette verso distinte da una striscia la stessa zona, ciascun passeggero pagherà un gialla con il logo nero e prezzo fisso di cinque o sei euro (nel caso di rosso, mentre i trenta taxi servizio festivo o notturno dalle 22 alle 6), ol- “ter” – gestiti direttamente dalle cooperative tre ad un euro per ogni bagaglio. che possono entrare in funzione in occasione “È una scommessa importante per la città di di particolari eventi fieristici o comunque di Firenze, per cambiare maggior afflusso tula mobilità cittadina ristico – avranno una In centro ci saranno – spiega l’assessore striscia a scacchi gialli tre “punti di partenza”: Gori –. Una scommese neri. la Fortezza, la stazione sa che può contare su Da che ora è possibile e piazza della Repubblica sessanta nuove licenze usufruire del servizio? taxi, appositamente Le sessanta auto a taxi studiate per il servizio. Con la certezza del multiplo inizieranno a circolare dalle 5 del costo, l’auspicio è quello di incrementare mattino fino alle 23. Dalle 9 alle 12 e dalle 18 l’utilizzo dei taxi anche da parte di chi lo usa alle 21 svolgeranno servizio multiplo priorita-

FOCUS. Prezzi determinati per alcune destinazioni

rio, e in queste fasce orarie il tassametro sarà disattivato. Ma non solo. Se almeno tre clienti si organizzeranno per andare nella stessa zona, anche tutti gli altri taxi, nelle altre fasce orarie, potranno svolgere servizio multiplo. Tre i “punti di raccolta” nel centro cittadino: Fortezza da Basso, stazione di Santa Maria Novella, piazza della Repubblica. Otto le zone di destinazione: Legnaia, Soffiano e Isolotto (la numero 1 blu scuro); San Jacopino, piazza Puccini e via Baracca (2 verde chiaro); Novoli e Firenze Nova (3 verde scuro); Rifre-

di e Careggi (4 viola); Cure e Stadio (5 rosa); piazza Alberti, Bellariva e Campo di Marte (6 giallo); piazza Ferraci, piazza Gavinana e viale Europa (7 celeste); San Frediano, Santo Spirito e Porta Romana (8 rosso). Tredici i parcheggi taxi abilitati per le partenze verso il centro: piazza Pier della Francesca, piazza Libertà, piazza Alberti, ospedale Torregalli, piazza Francia, via Carissimi, piazza Ferrucci, piazzale Porta al Prato, piazza delle Cure, piazzale Michelangelo, stazione di Rifredi, stazione di Campo di Marte, ospedale di Careggi. 856212

ento dell’elettrico !... mom INCENTIVI COMUNALI fino a 3.000 Euro, TAGLI SULLE SPESE DI GESTIONE

Le altre tariffe fisse e’ilfino a 1600 Euro l’anno, 60 KM DI AUTONOMIA con meno di 1euro !!! PAGAMENTI RATEALI OFFERTE DEL MESE

F

iorentini e turisti hanno della città, mentre per il porto a disposizione un ser- di Livorno si raggiunge quota vizio taxi che permette 150 euro e Siena centro 120 di sapere in anticipo il costo euro. Infine, per raggiungere di una corsa. Si chiama ta- San Gimignano spenderemo riffa predeterminata ed è un 90 euro, Viareggio 160 euro, tariffario con “prezzi fissi” Forte dei Marmi 180 euro e relativi a percorsi prestabili- Bologna aeroporto 170 euro. ti nel territorio comunale: tra Sempre relativamente alle l’aeroporto di Peretola ed il tratte a tariffa predeterminacentro cittadino, ad esempio, ta, da fine aprile è in vigore la corsa in taxi costa 20 euro. la convenzione “Hotel Taxi” Tra la stazione, o piazza del- siglata con le associazioni la Repubblica, e l’ospedale degli albergatori (Aia Fededi Torregalli spenderemo 15 ralberghi, Asshotel, Confesereuro. Tra Santa Maria Novel- centi e Confindustria sezione la e Campo di Marte, o Rifredi, 10 euro. Per ragQuesti prezzi fissi giungere l’ospedale di permettono non solo Careggi dalla stazione, il di muoversi in taxi in città prezzo in taxi è invece 10 euro, ma la tariffa non si applica per il tragitto inverso. alberghi) per avere tariffe taxi E ancora, da piazza San Mar- determinate per destinazioni co verso il Polo universitario prefissate verso gli alberghi di Novoli (e non viceversa), del centro cittadino e le città il costo è di 10 euro. Le ta- d’arte. Si tratta di una tariffa riffe a tratta fissa permettono di 20 euro, comprensiva del non solo di muoversi in taxi diritto di chiamata, alla quain città, ma di raggiungere an- le è necessario aggiungere il che altre città dentro e fuori il supplemento di 1,90 euro se Granducato: per Pisa aeropor- il servizio richiesto è festivo to il costo è di 140 euro, così o di 3,20 euro se il servizio è /G.B. come per arrivare nel centro notturno.

BINGO AZIENDALE seminuova

€14.000

START LAB OPEN STREET

NEW

NUOVA full optional

€13.520

€10.000

€12.800

Anticipo 1.000€ 60 rate da 186,50€

Anticipo 1.000€ 60 rate da 242,50€

FURGONI ELETTRICI PER OGNI ESIGENZA

MARANELLO BIMODALE elettrico-benzina

N O V I T À A S S O L U TA MINIAUTO ELETTRICA

4 POSTI MEGA CITY PLUS

N NO OV VI IT TÀ À

BICI ELETTRICHE Nostra ESCLUSIVA su FIRENZE (40-100 Km di autonomia) MINIAUTO DIESEL JDM ABACA, ANCHE NELLA VERSIONE MOUNTAIN, DA 3 ANNI DI GARANZIA (O 40.000 KM)

GUIDABILE DA 14 ANNI, ACCEDE ALLA ZTL, 30 KM/L PRENOTA LA TUA PROVA GUIDA GRATUITA

€500

VIENI A SCOPRIRE TUTTE LE ALTRE MARCHE, MODELLI E OCCASIONI ALL’INTERNO DEL NOSTRO SHOW-ROOM DISTRIBUTORE UFFICIALE:

SHOW-ROOM VIA MACCARI, 119 (zona Isolotto) TEL. 055 78.74.980 - ekpoint@elektrocar.it


18

FIRENZE

febbraio 2008

CITTADINI E CONSUMATORI. Aumenta il numero di persone che chiede aiuto a Giorgio Morales

Servizi pubblici, tante bocciature Le pagelle del Difensore civico Filippo Guarnieri

R

itardi nelle risposte, inadem- allo stesso Morales di ribadire l’impienze, assistenza carente: portanza di una corretta informazione insomma servizi spesso non ai cittadini e del loro “diritto ad essere adeguati alle esigenze del- ascoltati” dalle aziende anche senza il l’utenza. E’ questa la fotografia scat- suo supporto e i suoi solleciti. Ma in tata ai servizi pubblici della Toscana quali situazioni e perché i cittadini si dall’obiettivo del Difensore civico re- rivolgono sempre più spesso al Difengionale Giorgio Morales, che il mese sore civico? “Quasi tutti fanno almeno scorso ha presentato, per il terzo anno un tentativo infruttuoso di mettersi in consecutivo, le sue “pagelle”. Come contatto coi gestori, poi chiamano noi testimonia l’aumento di quasi il 90 per come altre associazioni”, racconta Salcento del numero di pratiche aperte vatore Mancuso, responsabile servizi pubblici del Dirispetto al 2005, fensore civico. “Le sono sempre di Riccardo Nencini: più i cittadini che Alcuni atteggiamenti cause sono tutte riconducibili a probussano alla porta delle aziende blemi coi gestori e di Morales. Sotto pubbliche sconfinano le segnalazioni esame le aziende di nell’arroganza riguardano le queservizi quali telefostioni più svariate. nia, acqua, energia, trasporti, poste e gas. Sebbene alcuni In alcuni casi possono essere comuni a settori prendano la sufficienza in ter- più settori, come la difficoltà a ricevemini di erogazione del servizio, come re risposte attendibili, incomprensioni energia elettrica e gas, sono tutti boccia- sulle bollette, mancata attivazione di ti – eccetto le poste – per i “rapporti con utenze, letture e fatturazioni errate. In l’utenza”. Più positivi nei numeri, ma altri casi sono specifiche al servizio meno nella sostanza, i voti ai “rapporti stesso”. Mancuso tiene a sottolineare con la Difesa civica”, tra cui spicca il che le pagelle assegnate dal difensore 10 a Telecom, grazie alla presenza di Morales “non vanno prese alla lettera, un suo dipendente a stretto contatto con sono solo indicative di una situazione”, gli uffici del difensore. La difformità ma avverte: “il trend dei tre anni anadei voti sui “rapporti” ha dato modo lizzati indica un peggioramento e, se si

guarda quello che dovrebbero fare gli operatori dei call center di assistenza clienti, si tratta di disservizi continui”. Un quadro di piccoli e grandi disagi per l’utenza che ha infastidito anche il presidente del Consiglio regionale, Riccardo Nencini. “L’aspetto più grave della faccenda – ha detto Nencini – è che le aziende rispondono spesso alle richieste dei cittadini e all’invito del Difensore civico con il silenzio e l’indifferenza, un comportamento che sconfina nell’arroganza”.

Giorgio Morales e Riccardo Nencini

SETTORE

Voto al Servizio 2007

Voto ai Rapporti con l’utenza 2007

Voto ai Rapporti con il Difensore civico - 2007

Telefonia

4

5

10

Acque

5

4

6,5

Energia elettrica

7

4

7

Trasporti

4

4

6

Poste

5

6

7,5

Gas

6

3

4

L’INTERVISTA I consigli di Alberto Fedel, un esperto del settore

“Le lamentele sono risorse” A

lberto Fedel è la perso- c’è da migliorare. Inoltre, quanna giusta per spiegare il do le lamentele vengono risolte rapporto tra gestori di servizi efficacemente, si ristabilisce la e utenti. Presidente del gruppo fiducia del cliente e si rafforza Newton Management Innova- il rapporto”. tion, è autore del libro “L’era Più che di disservizi allora è dello squalo bianco. Responsa- un problema di relazioni? bilità, coraggio e leadership in “Sì. E se si gestiscono male, un mondo complesso”, edito nel la percezione del problema aumenta”. 2007 dal Sole24Ore. Il Difensore civico della To- E per gestirle bene come si scana ha valutato il lavoro di fa? quasi tutti i gestori di servizi “Bisogna capire che, per chi fa pubblici insufficiente in quan- lavori di contatto con le persone, imparare a to a “rapporto gestire il discon l’utente”. Il reclamo è servizio fa parQual è la sua un’opportunità: te del mestiere. opinione? un consiglio gratuito Il segreto in “Un buon dato da un cliente questi casi è rapporto con mettersi dalla l’utente è fondamentale, in special modo nel- parte dell’altro. In pratica, edule aziende centrate sul cliente care all’empatia”. come quelle di servizi pubbli- Sembra un consiglio utile ma difficile da mettere in pratica. ci”. “E’ difficile soprattutto perché Da dove si deve cominciare? “Innanzitutto dal capire che il si tratta di un problema cultureclamo è un opportunità im- rale: se la lamentela è vissuta come un’accusa scatta un mecportante per l’azienda”. canismo di autodifesa. E’ questo In che senso? “Un cliente che si lamenta dà meccanismo che bisogna supe/F.G. un consiglio gratuito su ciò che rare”.


Risparmio energetico e fonti rinnovabili energiaeclima Scopri tutte le opportunità di incentivi nazionali e locali BANDO per la concessione di contributi per l’acquisto e l’installazione di sistemi di contabilizzazione della quantità di calore utilizzata abbinati a sistemi di termoregolazione in impianti centralizzati BANDO per la concessione di contributi per l’acquisto e l’installazione di impianti e macchinari per il trattamento e l’uso energetico delle biomasse residuali derivanti da attività agricole Dal 1 febbraio 2008 lo sportello itinerante Rienergia sarà presente nei palazzi comunali di:

Ufficio Energia Via Mercadante 42 – 50144 Firenze telefoni: 055 2760806 – 055 2760817 – 055 2760825 e-mail: energia@provincia.fi.it orario: martedì e venerdì 9.00 -13.00; giovedì 15.00 -17.00 responsabile: Geom. Fabrizio Poggi

cdev@cdev.it

Bagno a Ripoli, Barberino Val d’Elsa, Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano in Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa


20

POLITICA

febbraio 2008

REFERENDUM TRAMVIA/1. Dal Pd ai Verdi, passando per Pdci, Sinistra democratica e comitato per il no

Il centrosinistra: “Votate due no” La giunta comunale e tutta la maggioranza chiedono ai fiorentini “una scelta per l’ambiente e per una mobilità più efficiente”. Anche Rifondazione è a favore del tram

PIERO BARONTI • COMITATO PER IL NO

“Il traffico si ridurrà del 15 per cento” U n appello alla “Firenze responsabile” perché voti due no al referendum. Secondo il presidente del comitato del no, Piero Baronti, ci sono molte buone ragioni per respingere la richiesta di annullare le delibere che approvano i progetti delle linee tranviarie 2 e 3. “Il tram è più efficiente delle auto nel trasporto passeggeri: consuma oltre 5 volte meno in termini energetici e 12 volte in meno in termini di costi – spiega Baronti –. Con la tramvia in funzione il traffico su gomma si ridurrà significativamente (il 15% in meno nell’area del Comune di Firenze e il 50% nelle aree dove passerà il nuovo mezzo) e le immissioni inquinanti diminuiranno in proporzione”. Ma l’elenco è molto lungo: “una migliore accessibilità della città a scala metropolitana, regionale e nazionale – continua il presidente del comitato per il no – il potenziale incremento del valore fondiario degli immobili commerciali e di quelli residenziali, la possibilità di ridurre il costo tariffario della mobilità urbana ed extraurbana per gli abitanti della città”. Invece gli oppositori della tramvia, attacca Baronti, “hanno riempito le case dei fiorentini

con le trambufale, una serie di falsità corredate da dati distorti e scenari grotteschi, come quella delle ambulanze che resteranno bloccate per colpa della tramvia”. La domanda che entrambi i fronti si fanno è quanti fiorentini andranno alle urne, perché l’affluenza sarà un elemento decisivo per valu- Piero Baronti tare l’esito della consultazione. “E’ difficilissimo fare una previsione sulla partecipazione al voto – dice Baronti –. Quando si tratta di referendum anche i sondaggi non sempre riescono ad azzeccarci. Secondo me potrebbero votare il 40-45% degli aventi diritto, ma molto dipenderà dall’informazione che verrà fatta a tutti i livelli”. /P.C.

DANIELE BARUZZI • CONSIGLIERE COMUNALE SINISTRA DEMOCRATICA

“Con il tram il centro verrà riqualificato” U

che bisogna lavorare senza dare niente per scontato, l’obbiettivo deve essere quello di intercettare il numero più alto possibile di fiorentini”. Fermo restando il convinto sì alla tramvia, Sinistra democratica chiede all’amministrazione comunale di mantenere un rapporto sempre più stretto Daniele Baruzzi con i cittadini sui tempi e modi della cantierizzazione. “Poi c’è la questione dei tratti del sistema tranviario che toccheranno Firenze sud e Coverciano, sui quali ancora non c’è certezza sui finanziamenti”, conclude Baruzzi. “Credo inoltre sia necessario continuare il confronto aperto sul trasporto pubblico su gomma, specie nelle zone dove non arriverà il tram”. /P.C.

Dopo le polemiche, la parola ai fiorentini

E

referendum sia. Dopo mesi di polemiche e duri scontri politici, Firenze va alle urne per dire sì o no alla tramvia. A favore della tramvia, pronti quindi a votare no al referendum, c’è un fronte compatto che vede praticamente unito tutto il centrosinistra che sostiene la giunta Domenici più Rifondazione comunista (che come è noto è all’opposizione a Firenze), oltre alle più importanti associazioni ambientaliste (e non a caso uno dei portavoce del comitato del no è il presidente Toscano di Legambiente Piero Baronti). E poi molte realtà dell’associazionismo, dall’Arci all’Acli, per finire con l’associazione degli industriali che, per bocca del suo presidente Giovanni Gentile, considerato vicino al centrodestra, si è chiaramente espresso a favore del tram. Senza dimenticare gli “ospiti” venuti a dar mano al no: da Walter Veltroni a Ségolène Royal. Il centrodestra è complessivamente a favore del referendum – e cioè contro la tramvia – ma non mancano distinguo e divergenze. Mario Razzanelli, capogruppo dell’Udc a Palazzo Vecchio, è considerato il paladino della battaglia contro il tram, ma l’ex segretario del suo partito, Federico Tondi, ha preso carta e penna per scrivere a tutti i dirigenti del suo partito per prendere le distanze da Razzanelli sulla tramvia. Forza Italia – dopo le esternazioni del consigliere regionale Pollina che, ricordando il finanziamento all’opera anche da parte del governo Berlusconi, aveva parlato di lavori da terminare comunque – ha sottolineato, per bocca del leader regionale Denis Verdini, che la posizione ufficiale del partito è quella di votare sì al referendum. An è quanto meno tiepida nell’appoggio e pesano ancora le parole del senatore fiorentino Achille Totaro che definì “ridicola” l’iniziativa referendaria di Razzanelli. /F.D.N.

TRAINING DI FORMAZIONE PROFESSIONALE 892742

na sfida tra lo status quo e il cambiamento, “tra chi vuole una città ancora invasa dalle auto e chi vuole un mezzo di trasporto pubblico efficace e non inquinante”. Il coordinatore provinciale di Sinistra democratica, Daniele Baruzzi, vede così il referendum sulla tramvia che si svolgerà il 17 febbraio. Insieme al resto della sinistra radicale, Sd è schierata sul fronte del no, cioè per non revocare le delibere comunali che hanno dato il via libera alle linee 2 e 3, dunque per ribadire il sì al tram. “Firenze ha bisogno di soluzioni forti per il trasporto pubblico”, dice Baruzzi lanciando il suo appello al voto ai fiorentini. “Noi ne siamo assolutamente convinti – continua – ed è per questo che ci siamo sempre contraddistinti nella richiesta di investimenti importanti su questo fronte. Tra le cose buone che porterà la tramvia, non bisogna dimenticarlo, c’è anche la riqualificazione del centro storico”. Per quanto riguarda l’affluenza alle urne, il consigliere comunale di Sd non vuole sbilanciarsi né giocare con i numeri. “Non me la sento di fare previsioni – spiega –. Dico soltanto

LA CITTÀ AL VOTO

854464


POLITICA

21

febbraio 2008

REFERENDUM TRAMVIA/2. La posizione di Forza Italia, Udc, Alleanza nazionale e comitato per il sì

La Cdl per il sì, ma in ordine sparso Il centrodestra invita ad abrogare gli atti che hanno dato il via libera alle linee 2 e 3. “Era meglio il micrometro”. Ma non mancano distinguo e prese di distanza

S

MARIO RAZZANELLI • CAPOGRUPPO UDC IN CONSIGLIO COMUNALE

“Un’opera inutile che bloccherà la città” T raffico bloccato, posti auto che spariscono, interi pezzi della città trasformati in piccoli “ghetti”. Per Mario Razzanelli dell’Udc, il promotore del referendum del 17 febbraio, la tramvia sarà tutto questo e anche peggio. Per questo, invita i fiorentini ad andare alle urne, votare due sì e fermare i progetti delle linee 2 e 3. “La tramvia occuperà il 50 per cento delle strade – dice Razzanelli –. Autobus, ambulanze, taxi e auto saranno perennemente in coda. L’inquinamento atmosferico aumenterà e quello acustico raddoppierà perché al rumore delle auto si sommerà quello del tram”. Secondo il capogruppo dell’Udc in consiglio comunale, la nuova infrastruttura “creerà dei veri e propri muri invalicabili, le rotaie sopraelevate rispetto alle strade (larghe 8 metri e lunghe chilometri), che trasformeranno la città in tanti ghetti. E gli anziani dovranno percorrere almeno 300 metri per attraversare le strade: dove passa la tramvia sarà vietato attraversare”. Il tram, spiega Razzanelli, avrà priorità su tutto, anche sui pedoni, “proprio come un normale treno”. E ancora: “le ambulanze non potranno più arrivare a Careggi e al Meyer perché rimar-

ranno imbottigliate in via dello Statuto”, “spariranno 7mila posti auto e per parcheggiare bisognerà pagare”, “verranno abbattuti anche gli alberi di viale Giannotti, via Gordigiani, piazza della Libertà, quelli alla fontana della Fortezza e tanti altri”. Ma, secondo il consigliere dell’Udc, c’è anche un’altra Mario Razzanelli buona ragione per barrare il sì al referendum e quindi dire no al tram: “la tramvia è inutile. Il traffico, secondo l’Ataf, diminuirà solo del 4 per cento. Perché spendere un miliardo di euro per avere benefici irrisori?”. La vera soluzione, insiste, è la micrometropolitana che “costa meno della tramvia, non intralcia le strade e ha una velocità di 45 km/h contro i 15-20 della tramvia”. /P.C.

ANGELO POLLINA • CONSIGLIERE REGIONALE FORZA ITALIA

“La giunta ha sbagliato, ma libertà di voto” C

omunque vada il referendum, “il Comune deve portare fino in fondo la scelta sulla linea 1 e poi raccogliere i suggerimenti dei fiorentini sulle linee 2 e 3”. Parola di Angelo Pollina, consigliere regionale di Forza Italia e braccio destro del coordinatore Denis Verdini, che ricorda come gli azzurri siano sempre stati a favore del micrometro, ma lancia anche un allarme: “bloccare i lavori della tramvia sarebbe un danno enorme per Firenze”. Dunque, se vincesse il fronte anti-tramvia, i lavori devono andare avanti lo stesso? “Con un eventuale stop, sulle infrastrutture resteremmo fermi per 10 o 15 anni e la città non può permetterselo”. Guardando alla consultazione, Pollina è preoccupato innanzitutto per il quorum (un quorum “politico”, simbolico, perché il referendum è soltanto consultivo). Per questo invita i fiorentini ad andare a votare, “altrimenti lo strumento referendario subirà un duro colpo”. L’esponente di Forza Italia spera “di cuore” che il quorum venga superato, anche se “in tutta sincerità mi sembra molto difficile. Credo che non si arriverà neanche al 35% degli aventi diritto”. E questa situazione, secondo Pollina, è responsabilità del

Referendum, come e dove si vota

Comune che “ha informato poco e male i cittadini sul referendum”. “Servirebbero manifesti, depliant da distribuire nelle case, spot televisivi. Dove sono?”. Per quanto riguarda il merito della consultazione, Forza Italia è schierata per il sì e cioè contro la tramvia, ma Pollina non vuole dare indicazioni di voto. “L’im- Angelo Pollina portante è che i cittadini vadano alle urne, poi ognuno di loro si esprimerà come vuole. Mi rifiuto di mettere un cappello politico sopra questo referendum, ho troppo rispetto per i fiorentini”. Inoltre, continua Pollina, questo genere di consultazioni non sono mai lo specchio della situazione politica, “basta guardare cosa è successo a Campi Bisenzio con il referendum sull’inceneritore”. /P.C.

854461

aranno una scheda gialla e una viola quello che troveranno i fiorentini nei seggi elettorali domenica 17 febbraio, quando dovranno esprimersi sul referendum consultivo sulla tramvia di Firenze. Il referendum, indetto dal sindaco Leonardo Domenici circa un mese fa, servirà a conoscere l’opinione dei cittadini sull’eventuale abrogazione degli atti che hanno dato l’avvio alle linee 2 e 3 della tramvia. La scheda di colore giallo propone il primo quesito sulla linea tramviaria Careggi - V.le Europa (la 3), la scheda viola quello sulla linea Peretola-Piazza della Libertà (la 2). La votazione avviene sulle due schede con due rettangoli con le parole SI e NO; ciascun elettore può esprimere il voto tracciando un segno su uno dei rettangoli, SI se vuole che siano revocati gli atti sulle linee 2 e 3 della tramvia, NO se invece si è contrari alla revoca degli stessi. La votazione si svolgerà nella sola giornata di domenica con inizio alle 8 e chiusura dei seggi alle 22, con lo scrutinio che dovrebbe concludersi in poche ore. Per votare, oltre ad aver diciotto anni ed essere residenti, basterà presentare un documento d’identità valido (non serve quindi la tessera elettorale) alla sezione elettorale di appartenenza, indicata sulla tessera elettorale e per i cittadini stranieri sull’attestazione di voto inviata per posta dal Comune (si vota nelle stesse sedi di seggio delle ultime elezioni politiche, quelle del 2006, la differenza sta solo nell’accorpamento delle sezioni, scese da 363 a 203, al fine di rendere meno onerosa la consultazione per l’amministrazione). Per la validità della consultazione è necessario il raggiungimento del quorum della metà più uno degli aventi diritto al voto. /F.D.N.

MUTUO 100% FINO A 40 ANNI a rata costante in una unica OPERAZIONE... Compri casa la ristrutturi e ti crei liquidita'!! Compri casa saldi i debiti e ti crei liquidita!!

PRESTITI PERSONALI

APERTI tutti i giorni dalle ore 20:00 chiusi lunedì

BOURGUIGNONNE a Centro Tavola, pentolino di rame contenente olio caldo, nel quale andiamo a scottare con forchettina a due punti cubetti di filetto di manzo francese magrissimo. Scottatura veloce, per poi insaporire la carne con salse di nostra produzione e stuzzichi.

Aperti il 24 Dicembre e il 31 Dicembre con menù alla carta prenota subito

861861

tel. 055 05.10.292 347 1074643 347 9425483 Via Firenzuola 5 r (zona le Cure)

u.i.c 14258

FONDUE FROMAGE, a centro tavola, pentolino di ghisa smaltato contenente la fusione di più formaggi che possono essere dai più delicati e dolci come Gruviere, Appenzeller ed Emmenthal ai più saporiti come il Vacherin o con tartufi o funghi. Le nostre Fromage si gustano con cubetti di baguette di giornata e tostati, fettine di mele pere, patate novelle al vapore e crudité tagliate a julienne. Il tutto molto sfizioso.

A Italiani e Stranieri Saldo debiti fino a 30.000 EURO Cessioni del V° e deleghe LEASING, FACTORING


22

SCUOLA/UNIVERSITÀ

febbraio 2008

RIFORMA DIDATTICA. Entro il 2009 sparirà il venti per cento dei curricula universitari

L’Ateneo che verrà, meno corsi ed esami Un tetto massimo per i test e i crediti formativi, accorpamento di curriculum e abolizione di alcuni corsi di laurea: ecco come la riforma Mussi cambierà l’università fiorentina. In arrivo novità anche per alcune sedi Giuditta Boeti

L

a riforma degli ordinamenti univer- prettamente didattici. Si procederà infatti ansitari è ormai alle porte e a breve che ad una semplificazione dei piani di studio assisteremo ad una vera metamor- con la possibilità per gli studenti di presentare fosi delle classi di laurea triennali il proprio indirizzo curricolare per via infore magistrali. Il provvedimento emanato dal matica e, se sono rispettati i parametri generaministro Fabio Mussi prevede, in particola- li prefissati, si procederà con un’approvazione re, che i corsi di laurea triennali abbiano un automatica, senza passare dal Consiglio di massimo di 20 esami per un massimo di 180 corso di laurea (come avviene oggi). Ciò è crediti, mentre per le magistrali 12 esami, con necessario per alleggerire il carico di lavoro un massimo di 120 crediti. Con il conseguente delle commissioni piano di studio dei corsi di invito alle Università a far sì che più moduli laurea e quello delle segreterie studenti. vengano aggregati, per raggiungere una mino- Obiettivo della riforma quindi è principalmenre frammentazione didattica. te quello di colmare una serie di limiti del siMa, entro il 2009, cosa stema universitario italiano, cambierà in particolare nel- Il pro-rettore: emersi a seguito di indagini l’offerta dell’Università di Così ridurremo i costi statistiche che hanno comFirenze? parato i sistemi formativi di e semplificheremo alcuni paesi europei. Questi “Si assisterà ad una raziola vita agli studenti studi comparativi hanno nalizzazione dell’offerta fotografato una situazione didattica – spiega Sandro Rogari, pro-rettore alla didattica e servizi per tutt’altro che positiva: l’università nel nostro gli studenti dell’ateneo fiorentino – riducendo Paese ha uno scarso numero di laureati (il più notevolmente il numero di corsi di laurea. Ver- basso d’Europa), una elevata incidenza di abranno eliminati, ovvero soppressi o accorpati bandono (la metà degli iscritti all’Università all’interno di altri, circa il venti per cento dei non termina gli studi), una eccessiva discrecorsi. Inglobare corsi di laurea diversi all’in- panza tra la durata effettiva degli studi ed il terno di un unico ciclo universitario o trasfor- numero di anni previsto dagli ordinamenti marli del tutto in nuovi curricula – continua didattici. il prorettore Rogari – rappresenta da un lato Ma c’è un’altra novità in cantiere, a parte la un’ottimizzazione delle risorse e, dall’altro, riforma della didattica. “Entro l’anno – annununa semplificazione dell’offerta anche per le cia il pro-rettore Rogari – la facoltà di Scienze matricole che, ad oggi, si trovano a scegliere della Formazione, che attualmente ha sede in via del Parione, verrà trasferita nella struttura in un mare magnum di proposte didattiche”. Dunque, il lifting dell’ateneo fiorentino partirà di via Laura, quella che fu la storica sede di da un taglio netto ad insegnamenti dispersivi, Giurisprudenza. L’edificio, infatti, è stato sotper procedere verso un risparmio sui docenti a toposto a lavori di messa a norma e sicurezza e contratto e puntare sulla qualità piuttosto che la struttura potrebbe ospitare anche gli studenti della facoltà di Lettere e filosofia, che pur sulla quantità di lauree e laureati. Le modifiche non riguarderanno solo aspetti manterranno la sede di piazza Brunelleschi”.

IL DATO I numeri della riforma Nelle lauree triennali è previsto un massimo di 20 esami, per 180 crediti totali, mentre per le lauree magistrali gli esami saranno massimo 12, per un totale di 120 crediti.

A Firenze il 20% dei corsi in meno Entro il 2009 verrà effettuata una razionalizzazione dell’offerta didattica: verranno eliminati, cioè soppressi o accorpati all’interno di altri, circa il venti per cento dei corsi di laurea.

Semplificazione nel presentare i piani di studio Si procederà anche a una semplificazione dei piani di studio con la possibilità per gli studenti di presentare il proprio indirizzo curricolare per via informatica con un’approvazione automatica, senza passare quindi dal consiglio di corso di laurea.

STAGIONE TEATRALE 2007/2008

2-3-8-9-10 15-16-17 FEBBRAIO Il Cenacolo dei Giovani presenta:

23-24 FEBBRAIO 1-2-8-9-15-16 MARZO Il Cenacolo dei Giovani presenta :

3-4-5 APRILE Florence International Theatre Company presenta:

Oreste Pelagatti : UNA NOTTE SUL NILO

Harold Pinter : BETRAYAL

Regia : Rosario Campisi

Regia: Stephan Rothman sottotitolato in italiano

29-30 MARZO Opera da Camera di 12-13-19-20-26-27 Firenze e Il Cenacolo APRILE 3-4 dei Giovani presentano Il Cenacolo dei 150 anniversario Giovani presenta: William Shakespeare: della nascita di Giacomo Puccini IL MERCANTE Ferdinando Paolieri: SERATA DI VENEZIA I’PATERACCHIO PUCCINIANA Regia: Regia: Regia: Giorgio Ceccarelli Lorenzo Degl’Innocenti Marcello Ancillotti I NOSTRI PREZZI: intero €11,00 ridotto € 9,50 E’ sempre consigliata la prenotazione telefonica.

TEATRO DI CESTELLO Piazza di Cestello n°4 - Fi www.teatrodicestello.it - teatrocestello@hotmail.com

855605

900886

Tel. 055.294609

Via F. Baracca, 149R Tel. 055 41.67.26 FIRENZE NORD

Via Villamagna, 78 Nave a Rovezzano Tel. 055 65.306.95 FIRENZE SUD

• PIZZA ANCHE A PRANZO • MENU’ FISSI A PARTIRE DA €8 • PESCE FRESCO • CARNE ALLA GRIGLIA WWW.DATITOIPECCATIDIGOLA.IT


23

febbraio 2008

SPECIALE SALUTE

Una nuova frontiera nella lotta contro i segni del tempo

È

il sogno di tutti, uomini e donne, senza distinzioni. Guardarsi allo specchio e ritrovare la pelle “di qualche anno fa”, liscia e senza i segni del tempo che passa. Fortuna vuole che nei nostri tempi questo non sia più un miraggio, un sogno condannato a rimanere nel cassetto. Abbiamo chiesto

Prof.Lotti

qualche indicazione sulle tecniche di ringiovanimento cutaneo al professor Torello Lotti, Direttore dell’Unità Operativa di Dermatologia complessa all’Università di Firenze, ospitata dalla Casa di Cura Santa Chiara. “Una delle più moderne terapie per il ringiovanimento cutaneo, che utilizziamo nella Casa di Cura- spiega il professoreè la Luce Pulsata Intensa (LPI). Uno strumento decisamente moderno, proposto in alternativa al trattamento laser”. E come funziona? “La Lpi è una sorgente luminosa, che emette una luce ad ampio spettro- spiegaNormalmente vengono utilizzati dei filtri selettivi, per restringe-

e-mail info.santachiara@giomi.com

e-mail info.ulivellaeglicini@giomi.com

re lo spettro d’emissione e adattare il trattamento alle caratteristiche della cute che si intende trattare”. Questa nuova tecnica, spiega il professore, presenta un vantaggio, rispetto alla terapia laser: “I flussi di luce che arrivano alla pelle, sono intermittenti: c’è un programma apposito che interrompe a tratti il fascio, così da evitare l’aumento della temperatura della pelle che invece causa il laser”. E i risultati? “Quando con questa tecnica si tratta la cute danneggiata dal tempo- spiega il professore- si osserva, nel giro di poche sedute (normalmente tre- quattro)

UN CENTRO DIALISI MODERNISSIMO E DAL CLIMA FAMILIARE

U

n’equipe di oltre venti persone, locali moderni e climatizzati, apparecchiature di ultima generazione. È la fotografia del Centro Dialisi della Casa di Cura Ulivella e Glicini, che dal 2003 opera in convenzione con l’Azienda Ospedaliera di Careggi e la ASL fiorentina. Il dottor Marco Gallo ne è il Direttore: a lui il compito di raccontarci come funziona questa struttura. “Siamo dotati di quindici posti tecnici per la dialisi dei pazienti affetti da insufficienza renale cronica terminale - spiega - e ogni anno effettuiamo circa 7500 sedute dialitiche”. Ogni postazione, prosegue il Dott.Gallo dottor Gallo, è dotata di un letto bilancia, in grado di monitorare il peso del paziente durante il trattamento e di un televisore satellitare, per aiutare i pazienti ad ingannare il tempo durante le sedute, mediamente di tre-quattro ore. I locali sono stati inaugurati nel 2003 e sono attrezzati con apparecchiature modernissime: “Abbiamo un efficientissimo impianto di trattamento dell’acqua utilizzata per la dialisi - spiega il dottor Gallo - che consente la produzione di acqua ultrapura, priva di tossine, che garantisce ai pazienti in dialisi risultati di ottima qualità”. Ma c’è anche un altro punto, che sta particolarmente a cuore al dottor Gallo: “I nostri pazienti, attualmente una cinquantina, vengono qui oltre 150 volte all’anno. Tantissime. E proprio per questo è fondamentale il clima di profonda familiarità che si crea, tra i pazienti, e con lo staff medico e infermieristico”. Oltre a questo, la sinergia con gli altri reparti della Casa di Cura: “Abbiamo un nostro laboratorio analisi, che ci garantisce risultati affidabili e in tempo reale - spiega il dottor Gallo - e possiamo contare sulle tempestive consulenze dei nostri specialisti: ad esempio cardiologi, internisti, radiologi, oculisti, nutrizionisti”.

a cura di Gruppo G.I.O.M.I. Firenze

CALL CENTER CASE DI CURA +39 055 5038500

una maggiore levigatezza epidermica, con un aspetto complessivo molto più regolare e senza alcun tipo di desquamazione successiva al trattamento”. È una tecnica indolore, assicura il professore, senza effetti collaterali e utilissima per ridurre tutti i cosiddetti segni del tempo: le rughe, le iperpigmentazioni (ovvero le odiose mac-

chiette brune della pelle) e i capillari in vista. Utilizzabile per viso e decolté, è consigliata sia per le donne che per gli uomini che desiderino ringiovanire il proprio aspetto. E per chi poi vuole intervenire anche sul corpo, l’asso nella manica rimane sempre lui, Ultrashape, il potente macchinario installato negli ambulatori dell’Istituto Quisisana Medica che consente di eliminare il grasso superfluo attraverso gli ultrasuoni, senza ricorrere al bisturi. In questo caso, la garanzia viene ancora dal professor Lotti: “Si tratta di un metodo estremamente efficace, indolore e privo di effetti collaterali, che consente di perdere una taglia già dalla prima seduta”.

L’ULTIMA CONQUISTA DELLA CHIRURGIA ONCOLOGICA

R

idurre i tempi di recupero, lenire il disagio e il dolore fisico dopo un intervento chirurgico. Quando si tratta di patologie oncologiche, il paziente ha priorità ed esigenze precise, e le ultime frontiere della chirurgia oncologica permettono di soddisfarle. Abbiamo chiesto al dottor Paolo Fabbrucci, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale della Casa di Cura Santa Chiara, di parlarci delle tecniche operatorie più all’avanguardia in campo oncologico. “Quando si parla di tumori si pensa sempre ad interventi molto invasivi -spiega- invece oggi, fortunatamente, per operare alcuni tipi di tumore è possibile ricorrere alla tecnica laparoscopica”. Ovvero ad una tecnica che consente di ridurre al minimo le dimensioni delle incisioni, perché i chirurghi operano con speciali strumenti, accompagnati da un monitoraggio video che ingrandisce le immagini di quattro volte: “Gli studi compiuti fino ad oggi dimostrano che questa tecnica si può utilizzare per operare i tumori al colon, quelli in fase iniziale dello stomaco, e per i noduli polmonari”. Il dottor Fabbrucci ha maturato insieme al suo staff una lunga esperienza in questo particolare campo della chirurgia: “In campo oncologico, questa tecnica assicura numerosi vantaggi, rispetto agli interventi tradizionali. Innanzitutto la microincisione causa al paziente un trauma minore, e questo va a beneficio delle difese immunitarie, diminuisce il rischio d’infezione e il dolore fisico. I pazienti operati con questa tecnica hanno una ripresa più precoce: la degenza e la convalescenza sono mediamente ridotte del 40 per cento”. E questo significa anche poter cominciare prima, laddove sia necessaria, la chemioterapia: “ E sappiamo tutti- conclude il dottore che cominciare la cura tempestivamente, entro i 30 giorni dall’intervento, Dott.Fabbrucci garantisce un’efficacia migliore”.


24

febbraio 2008

SPECIALE SALUTE IL CENTRO ACUSTICO PIÙ VICINO A CASA TUA? DIRETTAMENTE AL TUO DOMICILIO, GRATUITAMENTE...SEMPRE! MISURAZIONI, PROVE, ASSISTENZA GRATUITA AL TUO DOMICILIO. 862525

Molte cose accadono intorno e dentro le tue orecchie.

Da oltre 20 anni il nostro Centro aiuta i fiorentini a migliorare il proprio udito trovando insieme la soluzione più adatta alle singole esigenze.

Ecco perché ora abbiamo uno strumento che ci consente di osservare nel tuo canale uditivo. Il Video Otoscopio è una telecamera miniaturizzata che permette di visualizzare con chiarezza il tuo timpano e il tuo canale uditivo sul monitor a colori. Potrai constatare tu stesso se il tuo orecchio è affetto da uno dei comuni problemi che interessano il canale uditivo. Per esempio, sapevi che una delle cause più frequenti dei problemi di udito è l’accumulo di cerume? Il Video Otoscopio consente un’immediata e chiara individuazione della sua presenza e dei probabili effetti che esso produce nella funzionalità uditiva. Se sei portatore di apparecchi acustici il Video Otoscopio può aiutarti a migliorarne l’adattamento, perciò consultaci e permettici di offrirti l’opportunità di vedere il tuo orecchio come non l’avevi mai visto prima.

Applicazione protesi acustiche delle migliori marche in PROVA GRATUITA Fornitura protesi acustiche agli invalidi civili/del lavoro a carico del Servizio Sanitario Nazionale/Inail Recupero fiscale del 19%

PROBLEMI DI UDITO? POTREBBE ESSERE CERUME EFFETTUA UN VIAGGIO GUIDATO ALL’INTERNO DEL TUO ORECCHIO

Telefonaci oggi stesso per prenotare il tuo appuntamento gratuito.

TI MOSTREREMO COSA ACCADE REALMENTE

Comprenderai pienamente come sono versatili e vitali le tue orecchie.

CENTRO ACUSTICO RICASOLI - v. Ricasoli 24-26/R - FIRENZE Tel. 055 212447 - 055 215259 centroacusticofirenze@audioprotesisti.com

865765

CHIAMA IL n° 055 212447 per fissare la tua visita GRATUITA al Tuo domicilio

IL CENTRO DI CHIRURGIA ESTETICA

900510

presso la clinica Bufalini è una moderna struttura situata nel centro di Firenze, è in grado di offrirvi le tecniche chirurgiche più sicure e all’avanguardia per risolvere i vostri problemi con la massima professionalità. Perché il tempo può aspettare.

CHIRURGIA ESTETICA Rinoplastica, lifting, mastoplastica additiva e riduttiva, addominoplastica, liposcultura Chirurgia laser e dermatologica

CHIRURGIA LASER E DERMATOLOGICA Epilazione, eliminazione tatuaggi, correzioni cicatrici, trattamento vene e melanosi, eliminazione couperose, ringiovanimento facciale

TRATTAMENTO DELLA CELLULITE CON ENDERMOLOGIE TRATTAMENTO CHIRURGICO DELLE CALVIZIE CHIRURGIA MINI INVASIVA Aumento profilo delle labbra, riempimento di rughe, rivitalizzazione del volto, correzione del profilo

LIFTING NON INVASIVO CON RADIAGE

Dott. ALESSANDRO CABONI

CHIAMA PER QUALSIASI DOMANDA SENZA IMPEGNO E PRENOTA ORA LA TUA VISITA SPECIALISTICA GRATUITA. PER RISOLVERE OGNI TUO DUBBIO CON LA MASSIMA RISERVATEZZA. TEL. 055 244950

medico chirurgo specialista in chirurgia maxillo-facciale, chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica ATTENZIONE: VISITE LIMITATE E GRATUITE SOLO FINO AL 15 MARZO. Clinica Bufalini via Gino Capponi 26 NON PENSARE CHE SIA BANALE...RIVOLGITI A VERI PROFESSIONISTI DEL SETTORE


25

febbraio 2008

SPECIALE SALUTE

AMBULATORI MISERICORDIA DI FIRENZE VICOLO ADIMARI, 1 LA PRENOTAZIONE SI FA TRAMITE IL NUMERO VERDE 848812221 Direttore sanitario dr. Alessandro Paoli Orario di apertura: feriali ore 8.00-20.00, sabato 8.00-13.00 Per appuntamento telefonare 848-81.22.21 Per tutte le specialità occorre prenotare la visita Agopuntura Dr. Rosa Di Lernia Allergologia Dr. Francesca Chiarini Angiologia Dr. Nicolina Cavallaro Dr. Maurizio Tarantelli Cardiologia Dr. Maurizio Tarantelli Chirurgia Dr. Riccardo Gattai Chirurgia della mano Dr. Ludovico Stellini Dr. Enrico Broglia Dermatologia Dr. Carmela Cozza

mercoledì 9.30-12.10 giovedì

8.00-09.20

giovedì martedì

13.30-14.30 16.00-16.50

martedì

16.45-17.45

mercoledì

14.30-16.00

martedì sabato

8.30-9.30 8.00-9.30

lunedì mercoledì sabato Dr. Elena Mazzola lunedì Dr. Beatrice Magini martedì venerdì Dr. Gastone Bianchini martedì Dr. Annalisa Rapaccini mercoledì Dr. Luca Brandini mercoledì Dr. Elena Quercioli giovedì Dr. Alessandra Di Blasi giovedì Dr. Massimo Chimenti venerdì Dr. Maria Coppini venerdì Dr. Francesco Perrelli venerdì Dr. Luca Salimbeni venerdì sabato Dietologia Dr. Laura Masi lunedì Endocrinologia Dr. Laura Masi lunedì Prof. Renato Guazzelli giovedì

9.00-12.00 14.00-16.30 10.00-12.00 15.00-19.00 10.00-12.30 10.00-11.30 13.50-15.30 14.10-16.20 18.00-19.10 8.30-12.00 16.00-19.00 12.30-13.30 9.30-11.50 16.00-19.00 16.00-19.30 8.30-10.00 8.30-11.00 8.30-11.00 10.30-12.30

Gastroenterologia Dr. Beatrice Paoli martedì Dr. Maria Chiara Benini giovedì Dr. Manuela Ortolani giovedì Geriatria Dr. R.Carrega Bertolini lunedì Ginecologia Dr. Ida Cristina Pieraccini lunedì martedì mercoledì mercoledì giovedì Dr. Paola Morelli lunedì Dr. Marta Papini giovedì Dr. Anna Didona venerdì Dr. Donatella Nannoni venerdì Dr. Laura Falchi martedì Neurologia Dr. Paola Ragghianti giovedì sabato Oculistica Dr. Marco Ciaramelli lunedì venerdì Dr. Marco Allegranti lunedì Dr. Claudia Ponchietti lunedì Dr. Stefano Esente lunedì Prof. Riccardo Frosini martedì Dr. R.Paoletti Perini martedì Dr. Nicola Passarelli venerdì Dr. Cecilia Nocentini mercoledì Dr. Laura Bardi martedì mercoledì Dr. Saverio Matteini mercoledì venerdì Dr. Maria Antonietta De Giovanni martedì martedì giovedì giovedì Dr. Francesco De Saint Pierre giovedì Dr. Giuliano Bacci sabato Dr. Eleonora Vaccari sabato

17.00-18.30 14.30-17.30 16.00-18.00 10.00-13.30 11.30-13.00 11.30-13.00 10.30-13.00 16.30-19.00 11.00-14.30 9.00-11.00 14.30-19.00 11.30-14.00 15.00-19.00 9.00-11.00 8.30-10.30 9.30-12.00 08.10-12.40 08.10-12.40 8.00-9.00 14.30-16.45 17.00-19.00 8.00-9.00 14.45-17.00 17.00-19.10 9.00-11.00 9.00-11.30 11.30-13.00 15.00-19.00 13.00-16.30 12.15-14.15 17.45-19.15 8.30-13.30 15.00-19.00 15.30-19.00 9.00-12.00 9.00-12.00

Odontoiatria Dr. Riccardo Gizdulich lunedì 9.00-11.30 venerdì 14.30-16.45 Dr. Lorenzo Capei Chiaromanni lunedì 12.00-13.10 lunedì 17.30-19.00 martedì 14.30-18.30 mercoledì 8.30-12.00 giovedì 8.30-13.00 venerdì 11.30-13.00 Dr. Eleonora Formichini Bigi lunedì 15.00-17.00 venerdì 8.30-11.00 Dr. Marco Visani

martedì giovedì venerdì sabato

Dr. Carlo Turri Zanoni Ortodonzia Dr. Maria Cristina Martelli mercoledì Ortopedia Dr. Daniele Lazzara lunedì Dr. G.Lepri Alberti martedì Dr. Flavio Biddau martedì Dr. Filippo Poccianti lunedì mercoledì Dr. Roberto Virgili giovedì Dr. Antonio Carosella sabato Dr. Enrico Broglia sabato

8.30-12.00 14.30-19.00 17.30-19.00 9.00-12.00 15.00-19.00 14.00-16.00 16.00-18.00 18.00-19.00 17.30-19.00 17.30-19.00 16.00-19.00 9.00-12.15 8.00-9.30

Otorinolaringoiatria (anche esame audiometrico ed impedenziometrico) Dr. Giuseppe Gorini lunedì 9.30- 12.00 lunedì 17.30-19.10 mercoledì 17.00-19.10 giovedì 17.00-19.20 sabato 10.30-12.00 Dr. Gennaro Ferriero lunedì 15.00-16.30 martedì 18.00-19.10 Dr. Geri Toccafondi martedì 9.00-10.00 giovedì 14.30-15.30 Dr. Filippo Pontone martedì 11.00-12.30 Dr. Fausto Faleg martedì 14.40-17.00

venerdì 14.30-19.00 Dr. Luciano Traversi mercoledì 10.00-12.00 Dr. Attilio Alonzo mercoledì 14.00-16.00 Dr. Susanna Dallai giovedì 8.30-11.30 Dr. Paolo Ponticelli venerdì 08.50-11.40 Dr. Enrico Vallin sabato 8.30-10.00 Pneumologia Dr. Alessandro Romeo martedì 11.00-13.00 Psichiatria Dr. Carla Niccheri giovedì 8.30-10.30 Dr. Piero Tozzi per appuntamento Psicologia Dr. Elisabetta Laszlo martedì 10.00-13.00 Dr. Ana Maria Dona Novoa sabato 09.45-11.45 Dr. Piero Tozzi per appuntamento Reumatologia Dr. Maria Letizia Conforti martedì 14.00-17.30 Terapia delle cefalee Dr. Francesco De Cesaris venerdì 14.00-19.00 Urologia Dr. Pierluigi Sangiovanni lunedì 17.30-19.15 Dr. Lorenzo Masieri martedì 17.00-19.00 Dr. Angelo Zucchi mercoledì 16.30-18.10 Dr. Alessandro Della Melina giovedì 17.30-18.45 Guardia medica turistica (anche a domicilio) da lunedì a venerdì 14.00-16.00 Holter pressorio dal lun. al giov. 14.00-16.00 Iniezioni intramuscolari tutti i giorni feriali 8.00-10.00

FARMACIA FEDEMA

854384

(Ascensore per disabili)

dei dott.ri Staiano Gaetano e Flora s.n.c.

Firenze V.le Gramsci, 63 DERMOCOMESI VETERINARIA PREPARAZIONI GALENICHE OMEOPATIA PRODOTTI SPECIFICI SU RICHIESTA REPERIBILI IN 4 ORE CONSEGNE A DOMICILIO - PRODOTTI PER DIABETICI

TEST SU INTOLLERANZE ALIMENTARI BIO-TRICOTEST CON PROGRAMMAZIONE DI SCHEDA DIETETICA ABBINATA AD UNA TERAPIA SPECIFICA A BASE DI PRODOTTI NATURALI

Vista la grande richiesta prosegue l’iniziativa

GIORNATA GRATUITA sulla prevenzione degli inestetismi di cute e capello con professionisti del settore LUNEDI 11 MARZO PRENOTA SUBITO LA TUA VISITA GRATUITA AL

055 2477288 - 055 243103 (disponibilità limitata)

ECCEZIONALE PROMO LINEA LABOI:NO ADNTO F IME CRESCINA/BOTOINA -25% ESAUSCRORTE Aperti dal lunedì al Venerdì orario continuato 9:00 -20:00 Sabato 9-16 Febbraio 09:00 - 13:00 Sabato 23 Febb. e Domenica 24 orario cont. 09:00 - 20:00 Sabato 1 Marzo 09:00 - 13:00 15:30 - 20:00 Sabato 8 Marzo 09:00 - 13:00


26

febbraio 2008

SPECIALE SALUTE a cura della Misericordia di rifredi

Misericordia di Rifredi

Il POLIAMBULATORIO

S

ino dal 1930 è attivo il Poliambulatorio della Misericordia di Rifredi, situato in Via delle Panche n.49, nei locali limitrofi alla Sede della Confraternita. La struttura, inizialmente pensata per offrire agli abitanti di Rifredi la possibilità di avvalersi dell’opera di medici specialisti, ha subìto negli anni profondi cambiamenti fino a raggiungere il suo profilo attuale; il bacino di utenza si è notevolmente espanso, varcando i confini del Quartiere. Il grande favore che incontra il Poliambulatorio presso la popolazione è dovuto a molteplici fattori: la centralità della struttura; la semplicità di accesso alle visite (basta una telefonata); un costo molto contenuto; la possibilità di potersi avvalere dell’opera di oltre 70 medici specialisti; la scelta tra circa 30 specializzazioni diverse; un ambiente accogliente e perfettamente attrezzato con le più moderne strumentazioni cliniche. Sempre nell’ottica di soddisfare le richieste della popolazione, è da pochi mesi entrato in funzione un nuovissimo Ecografo Multifunzionale. Tale strumento permette di eseguire lefono al numero 055/433850 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ecografie per le seguenti specializzazioni: angiologia (esame eco-color Doppler venoso, ore 15,00 alle ore 18,00), rende possibile fissare una visita specialistica a sette e/o a arterioso solo arti inferiori, carotideo vertebrale o tronchi sovraortici), cardiologia (eco- quindici giorni dalla chiamata. color Doppler cardiaco), ostetricia e ginecologia; inoltre è possibile effettuare l’esame di addome superiore ed inferiore, tiroide, reni e vie urinarie Il personale medico che opera presso il Poliambulatorio è coadiuvato da volontari della Centralino 055.42691 Misericordia, paramedici e non. Anche tutta l’organizzazione della struttura, dall’accoAmministrazione 055.4269236 glienza dei pazienti alla gestione della prenotazione delle visite, è interamente assicurata Guardia Medica (diurno) 055.42691 dai volontari della Misericordia di Rifredi: questo è il punto di forza ed il ‘valore aggiunto’ Guardia Medica (notturno) 055.412000 della struttura. Gruppo Assistenza 055.4269260 Inoltre per rispondere ancor più efficacemente alle necessità di tutti gli utenti, il PoliamOnoranze funebri 055.4220200 bulatorio è da alcuni anni aperto anche in orario serale, il lunedì ed il mercoledì dalle ore Telefax 055.4269249 20,00 alle ore 22,30. E-mail info@misericordiarifredi.org Sito internet www.misericordiarifredi.org La gestione computerizzata delle prenotazioni, che si effettuano esclusivamente per te-

NOVITA’ NELLA DIAGNOSTICA DELLE CARIE DENTALI Oggi è possibile diagnosticare con certezza infezioni cariose dei denti agli stati iniziali, difficilmente diagnosticabili con le procedure tradizionali. L’importanza di una diagnosi precoce delle carie è essenziale per orientare il clinico alla miglior scelta terapeutica: osservare, o trattare in maniera microinvasiva sfruttando le tecnologie laser.

897857

“TECNOLOGIA FLUORESCENTE” sembra avveniristica, ma è sorprendentemente semplice e provata in medicina: LED speciali molto luminosi, simili a quelli delle videocamere intraorali, proiettano luce violetta, ricca di energia, sulla superficie dentale. La luce a questa lunghezza d’onda stimola le porfirine, (speciali metaboliti di batteri cariogeni), ad emettere luce rossa, che contiene meno energia. Lo smalto sano, invece, emette luce verde. Questi segnali di luce vengono acquisiti dall’ottica ad alta sensibilità ed analizzati da un potente software. Nell’immagine fluorescente sul monitor, le porfirine appaiono rosse ed i batteri cariogeni sono facilmente individuabili. Più numerosa è la presenza dei batteri, più intenso è il segnale fluorescente rosso e più significativa è la prova delle carie. A differenza del tradizionale esame diagnostico, con questa tecnologia vengono visualizzate anche le carie, che in precedenza non venivano riconosciute. Il software evidenzia le lesioni cariose in colori differenti e ne definisce l’attività, in una scala da 0 a 5, fornendo così un utile orientamento per una prima valutazione terapeutica: osservare, o trattare in modo microinvasivo sfruttando la tecnologia laser.

Esempio: sospetta carie vista con camera tradizionale e con camera a fluorescenza

Indicatore significativo di:

carie iniziale dello smalto 1,0

profondità delle carie smalto 1,5

carie della dentina 2,0

profondità delle carie dentina 2,5

> 3,0

NEL PROSSIMO NUMERO PARLEREMO DEL TRATTAMENTO CARIE CON LE ULTIME NOVITA’ DELLA TECNOLOGIA LASER

PRENOTA LA TUA VISITA GRATUITA ALLO 055 701665 Studio Dentistico DOTT. MARCO GIANNELLI - VIA DELL’OLIVUZZO, 162/164 - FI - www.studiodottorgiannelli.it


PROVINCIA

27

febbraio 2008

STATISTICHE. L’annuale ricerca del Sole24Ore fotografa una quadro in chiaroscuro

Il miglior tempo libero d’Italia abita qui Tra le 103 province del nostro Paese, l’area fiorentina è al primo posto per mostre organizzate, cinema e libri acquistati. Bene anche l’economia, ma la qualità del vivere peggiora leggermente Federico Attamauri

L

a qualità della vita peg- città e la provincia sono all’undicegiora, ma la provincia di simo posto per qualità del vivere, Firenze resta in cima ai scendendo di tre gradini rispetto sogni degli italiani. E’ al 2006 e di dieci rispetto a cinque il luogo dove si spende meglio il anni fa, quando erano risultate le tempo libero, il posto dove vorreb- reginette d’Italia. In campo econobe vivere la maggioranza dei nostri mico, invece, i piazzamenti sono connazionali. Leggendo la ricerca positivi: quarti per ricchezza prodotcondotta dal Sole24Ore sulla qualità ta, quinti per Pil provinciale pro-cadella vita nelle 103 province d’Italia, pite (28.966 euro), sesti per quanto ciò che salta agli occhi è che Firenze riguarda il rapporto tra la creazione sembra più apprezzata da chi non ci di nuove aziende e la popolazione. abita che dai Notizie non Firenze resta la città suoi cittadini. altrettanto più desiderata Forse è l’ennebuone sul versima conferma sante pensiotra i nostri connazionali che i fiorentini ni, che si aggiguardano con occhio critico tutto, rano in media sui 734 euro al mese per prima la loro città, o forse Firen- facendo scivolare l’area fiorentina ze ha un’immagine che davvero non al ventesimo posto. La stragrande corrisponde in tutto e per tutto alla maggioranza dei giovani tra i 25 e i realtà. Fatto sta che, nella classifica 35 anni hanno un’occupazione (79,5 stilata per il 2007 dal Sole24Ore, la per cento), ma la loro situazione re-

sta peggiore di quella dei coetanei del nord. Solo per fare un esempio, a Varese la percentuale di giovani con un lavoro supera il 90 per cento. Le case continuano a costare di più che in tante parti del Paese e, nonostante non sia una novità, la classifica dei prezzi più bassi fa comunque impressione: la provincia di Firenze è centesima, cioè quart’ultima, con un costo medio di 4350 euro a metro quadro. Altre note dolenti arrivano dall’indagine sulla sicurezza, su cui pesano in maniera negativa la percezione dei cittadini ma anche alcuni dati. Durante l’anno scorso, ogni 100mila abitanti sono state denunciate 62 rapine, 258 furti in appartamento, 152 furti d’auto e 670 tra scippi e borseggi. Eppure, nonostante l’accresciuta sensazione di insicurezza, dalle nostre parti si continua a vivere una buona vita. A

confermarlo sono la classifica della felicità, che vede la nostra provincia nella top ten italiana, e il primo posto per attività culturali e opportunità per divertirsi. A trascinare in vetta Firenze sono stati le molte mostre (124 ogni 100mila abitanti) e il

numero di sale cinematografiche (4 ogni 100mila abitanti). Ma gli stesso fiorentini hanno giocato un ruolo importante nel raggiungimento di questo primato, perché nel corso del 2007 sono stati tra i più assidui acquirenti di libri.

I DATI

QUALITÀ DELLA VITA

N

ella classifica 2007 sulla qualità della vita in Italia, stilata dal Sole24Ore, la provincia di Firenze si piazza all’undicesimo posto. In testa c’è Trento, ultima Agrigento. La prima città toscana è Siena, settima, che però scende di ben sei posizioni rispetto al 2006, quando era stata proclamata la “reginetta” del buon vivere. Un primato che l’area fiorentina aveva raggiunto nel 2003 e perso l’anno seguente. Nel 2006, invece, era arrivata ottava e dunque ha perso tre posizioni.

SICUREZZA

ECONOMIA

F

irenze e la sua area metropolitana sono al quarto posto per ricchezza prodotta e al quinto per il Prodotto interno lordo pro-capite, che si aggira sui 29mila euro. Non male anche il risultato nella classifica redatta sulla base del rapporto aziende create ogni 100mila abitanti: sesti. I dati sulle pensioni invece non fanno fare salti di gioia, con una media di 734 euro al mese che equivale al ventesimo posto. Buone notizie per i giovani tra i 25 e i 35 anni, perché il 79,5 per cento di loro ha un’occupazione.

COMPRO IN CONTANTI ORO, GIOIELLI ED ARGENTERIA

OFFRIAMO RISERVATEZZA E MASSIMA VALUTAZIONE

Vetri Maurizio

863089

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.00 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina

N

ovantottesimo posto per quanto riguarda i cosiddetti “reati reali”, come rapine e scippi. Nel corso del 2007, ogni 100mila abitanti sono state denunciate 62 rapine, 258 topi d’appartamento, 152 furti di auto e 670 tra borseggi e scippi. Anche la percezione di sicurezza dei cittadini – un dato spesso in contrasto con i dati effettivi sulla criminalità – non è molto alta, anche se resta migliore di tante altre realtà.


28

DOSSIER

febbraio 2008

FINE MESE/1. La storia di Francesca e Matteo: seimila euro sono il passaporto per la felicità

Quando spendere non è un problema Un viaggio nell’agiatezza e nel lusso dei pochi fortunati che non sono stati messi in difficoltà dal carovita. “Spediamo molto perché ce lo possiamo permettere, ma non chiamateci ricchi” Giuditta Boeti

V

acanze esotiche e rilassanti week end in montagna, casa al mare, abbonamento al teatro, in palestra e nei centri estetici per lampade e massaggi. Una vita da sogno? Niente affatto, per i nababbi e i Paperoni di casa nostra questa è normalità, spese di ordinaria amministrazione. Esiste, infatti, un mondo parallelo a quello delle molte famiglie che arrivano a fatica alla quarta settimana del mese. Un mondo fatto di auto nuove, vestiti di lusso, di agiatezze, di molti vizi e qualche virtù; un mondo in cui spendere settecento euro per una borsa griffata (malgrado sia già scontata) non è una follia ma semplicemente un capriccio. “Ho la colf – racconta Francesca, intraprendente dirigente fiorentina e madre di un bambino di quattro anni – a cui affido la gestione della casa, lavora tutte le mattine, esclusi i fine settimana, e per pagarla spendo circa seicento euro al mese”. Ma il budget familiare prevede anche trecento euro al mese per l’asilo e quattrocento euro di baby sitter mensili. “Lavorando sia io che mio marito (lui è un bancario) – continua Francesca – il bambino necessariamente ha bisogno di qualcuno che lo accudisca durante il pomeriggio, ma per noi non è un problema mantenere una baby sitter. Ce lo possiamo permettere”. In fondo con i quasi seimila euro che entrano mensilmente in casa, non mancano neanche i viaggi, i fine settimana e qualche capriccio in negozi di lusso, dal parrucchiere o dall’estetista. Loro, come altri, vivono dall’altro lato della barricata di chi sbarca il lunario e stringe la cinghia di mese in mese. “Sappiamo di esser fortunati – confessa Matteo, il marito – ma tutto ciò che abbiamo è frutto del nostro lavoro. Non abbiamo tolto nulla a nessuno. Certo, mi dispiace sapere che esiste un forte divario tra la mia famiglia e quella di un operaio, ma se pur io mi privassi di qualcosa non risolverei il problema. Chi ha i soldi deve spenderli”. Eppure c’è chi i soldi da spendere non ce li ha ed allora compra-

re casa è un miraggio, a meno che non ci si condanni a mutui trentennali, mentre Francesca e Matteo hanno una casa di proprietà di circa 100 metri quadrati vicino piazza Indipendenza e una seconda casa al mare, zona Follonica. Quindi, problema risolto. Pizza e cinema? Chiaramente sono inclusi nel pacchetto benessere, così come i quattrocento euro di assicurazione auto, i cento euro mensili del corso di nuoto per il bambino e l’abbonamento annuale alla Pergola. “Ma non siamo certo dei veri ricchi – commenta ancora Francesca – in fondo non possediamo né una barca, né una casa in montagna e nemmeno un Suv, ma una berlina ed una utilitaria. Eppure, se non avessimo messo al mondo un bambino, una rinuncia a cui si sono sottoposti alcuni amici, magari avremmo potuto acquistare una macchina più lussuosa o una piccola casa in montagna. Ma per il momento siamo contenti così”. Si concedono viaggi, tutt’altro che low cost, nei posti più esclusivi e con tutti i confort annessi, arrivando a metter da parte sui tremila euro annui da destinare esclusivamente al relax familiare. Ma passiamo al capitolo spesa, altro tormento di chi deve centellinare il denaro. A quanto ammonta il budget mensile per l’acquisto degli alimenti? “In realtà, faccio la spesa con molta parsimonia – racconta Francesca – spendendo sui cento euro settimanali, che non sono molti se si considera che a casa siamo in tre con un bambino piccolo, ognuno ha le sue esigenze”. A costo di far invidia (o rabbia) a qualcuno, riescono a non entrare in crisi neanche davanti gli imprevisti (come una visita improvvisa ma indispensabile dal dentista, un guasto all’auto, o delle manutenzioni in casa): le entrate su cui si appoggiano possono contenere un’incognita di ben cinquecento euro al mese, proprio quanto manca a molte altre famiglie per finire in tranquillità il mese. Francesca e Matteo non sono i soli fiorentini a non conoscere privazioni che per altri sono quotidiane, non si ritrovano nel sentimento di sconforto di chi si concede una pizza al mese, di quelli per cui andare in vacanza è solo un capriccio per ricchi. Ma in fondo, se può essere una magra consolazione, esiste l’antico detto secondo cui i soldi non fanno la felicità e lo testimonia il racconto di Antonio, che di mestiere fa il consulente aziendale da vent’anni. “Malgrado non mi manchi nulla a livello economico, ho condotto una vita piena di sacrifici”. Sacrifici? “Si, perché non sempre chi ha raggiunto il successo è soddisfatto a pieno della propria vita, mi manca una famiglia che avevo avuto ma ho perso, perché non ho saputo mantenerla. Ho inseguito il lavoro, le soddisfazioni ed i soldi credendo di vincere, invece ho trascurato mia moglie ed i miei figli. Oggi, posso dire che non è stata affatto una vittoria per me”. Dunque, dopo questo viaggio nel mondo di qualche Paperone e nababbo di casa nostra, non ci resta che piangere, magari con un occhio solo.

886320

VACANZE D’ELITE

In crociera ai Caraibi, con tremila euro

M

agari un po’ in anticipo, ma c’è già chi ha prenotato una vacanza per l’estate che verrà. “Abbiamo già ricevuto molte prenotazioni per andare in crociera nei mesi estivi – spiegano da un’agenzia di viaggi –. Si tratta per lo più di clienti sofisticati che acquistano il meglio e subito”. Comfort, piscine, cinema, teatri, casinò, discoteche, parchi giochi, palestre e animazione: circa tre mila euro per salire sulle navi di lusso. “Ho già prenotato un viaggio in crociera ad agosto, partiremo io e mio marito, da Cape Liberty (New York) e in nove giorni navigheremo verso Bermuda, St. Maarten, St. Thomas, Porto Rico”, dice una turista d’elite. E addirittura i cataloghi per le vacanze estive 2008 sono già terminati. “Abbiamo avuto un vero e proprio assalto – raccontano sempre dall’agenzia –. Sembra che quest’anno saranno in molti a partire verso località da sogno”.


DOSSIER

29

febbraio 2008

FINE MESE/2. Le “strategie” messe in campo dai fiorentini per sbarcare il lunario

Quelli che... risparmiare si può eccome Spesa solo nei discount, vacanze low cost, niente vestiti di marca: la parola al popolo dei consumatori attenti allo scontrino Giulia Righi

D

etto, ridetto, testato direttamente sulla pelle di una buona percentuale di cittadini. Gli stipendi sono bassi, la vita a Firenze costa cara, e il calderone delle spese a fine mese è grande come una casa. Dentro ci finiscono le bollette, l’affitto, il cibo, la benzina e le varie ed eventuali (sempre più varie e meno eventuali). E chi lo stipendio da nababbo non ce l’ha, si arrangia con qualche trucchetto. Punto primo. Lotta allo scontrino della spesa quotidiana. Acqua, pane, pasta, latte. Non è un mistero che ultimamente il grano sembri giocarsela con la benzina, quanto a costi. E dunque c’è una fetta di popolazione che rifugge i supermercati standard e il carrello lo va a riempire nei cosiddetti discount, sparsi in giro per la città. Il loro scontrino è più corto. Parola di Gianni, pensionato in uscita da uno dei più famosi supermercati del risparmio, in un angolino di Rifredi. Ha solo una busta: dentro si intravedono

spaghetti (un chilo, 0,78 euro) riso (un chilo, 0,95 euro, conserva (bottiglia, 0,65 euro), detersivo per i piatti (0,69 euro, in offerta). Gli stessi prodotti, delle marche più famose, in un supermercato tradizionale avrebbero avuto un costo medio di 1,18 euro (spaghetti, un chilo), 2,05 (riso, un chilo), 1,47 (conserva, bottiglia), 1,99 euro (detersivo per piatti). Facendo a meno della cosiddetta marca, Gianni ha speso meno della metà: tre euro e 7 centesimi, contro i sei e 69 della busta “griffata”. “Nei supermercati non ci vado più da un po’: negli ultimi anni la qualità di questi prodotti senza marca è migliorata e questi non sono supermarket di serie B”. Dello stesso parere è Annalisa, una mamma, anche lei a cavallo di una serie di buste marca discount. “Per comodità, io andrei anche nella bottega sotto casa. Ma in centro un chilo di pomodori, per dire, costa anche tre euro. Come ci arrivi poi a fine mese?”. E sul bilancio delle famiglie fiorentine pesano, eccome,

Parla Sara, una cassiera di discount

Parla Grazia Simone, Adiconsum

“Davanti allo scontrino molti clienti si spaventano”

“Programmare la spesa è la parola d’ordine”

“A

“È

fare il mio lavoro ti accorgi di quanto le persone siano attente alla spesa finale”. Parola di Sara, cassiera di un discount fiorentino. “Capita spesso che i clienti arrivino alla cassa, e scelgano di lasciare qualcosa della merce che avevano scelto e messo nel carrello perché lo scontrino diventa troppo lungo”. Specialmente le persone anziane, racconta Sara, si impongono di non superare una cifra, spaventati di non farcela a fine mese. “Oppure, se giri tra gli scaffali, ti senti chiamare dai clienti che chiedono aiuto per trovare il prezzo migliore. Stanno molto attenti ai volantini delle offerte speciali, in particolare quando si tratta di prodotti di grande consumo, la pasta, l’acqua eccetera: arrivano qui con l’idea chiara di fare scorta e di approfittare del fatto che quel determinato /G.R. prodotto è in sconto”.

bene informarsi sulle offerte speciali nella grande distribuzione, ma bisogna programmare per evitare di farsi prendere dagli entusiasmi e finire per spendere di più”. Questa è la formula del risparmio suggerita da Grazia Simone, segretario regionale di Adiconsum. “Per i generi alimentari il mio consiglio è di far riferimento anche ai mercati rionali, in cui la filiera è più corta e dunque i prezzi minori”. Per quanto riguarda il vestiario, invece, Simone sostiene che “è importante confrontare i prezzi e leggere le etichette, per evitare prodotti a buon prezzo ma di cattiva qualità”. Ancora: per la telefonia, importante è non farsi incantare dalle pubblicità-civetta. “Infine, per banche e assicurazioni, è buona regola farsi fare diversi preventivi prima di scegliere. Comunque, se si vuole /G.R. cambiare, adesso la mobilità bancaria è agevolata”.

anche altre voci. “A costo di fare un po’ di strada in più, cerco di andare sempre in un benzinaio che conosco, in periferia, che ha i prezzi migliori”, dice Laura, anni 32, stipendio da impiegata. “Dirò la verità. Per risparmiare ho iniziato a usare la bicicletta più della macchina”. Un altro salasso sono le assicurazioni. Laura sostiene di avere il rimedio anche per quelle: “Ho provato con un’assicurazione on line – spiega – e in effetti si riesce a risparmiare qualcosina, anche se le tariffe restano alte”. E se la voce trasporti più di tanto non si può alleggerire, sul capitolo abbigliamento il gioco del risparmio si arricchisce di possibilità. Basta tenersi lontano dalle vie del centro, ricordarsi via Tornabuoni così com’era nelle cartoline in bianco e nero. E procedere spediti verso le bancarelle dei mercati, verso la targa “Outlet” che campeggia in diverse vetrine: “Le calze, le mutande, i maglioni – dice ancora Laura – io li vado a comprare al mercato delle Cascine. Tanto alla fine, se guardi certe etichette dentro i vestiti di marca, viene fuori che fanno in Cina anche quelli. Quindi tanto vale…”. Tanto vale, dice Laura. Tanto vale anche fare altre cose, per risparmiare. Chi deve, o semplicemente vuole, lesinare sulle uscite, di assi nella manica ne tira fuori più d’uno. Certo, non se ne va in crociera, non va a sciare, non si va a fare le lampade effetto domenica in Versilia, ma i suoi sfizi sa come toglierseli. “Vado al cinema solo il mercoledì, costa meno - spiega Chiara, cassiera part time – quando vado a cena fuori evito i ristoranti più cari. E ho imparato a risparmiare sulle vacanze, prenotando tanto tempo prima i voli a basso costo”.

IL DISTURBO D’ANSIA...

E

’ altamente diffuso, anche se spesso viene confuso con

Uomo - Donna

857914

Orario continuato dal Lunedì al Sabato 8 - 21. Aperto l’ultima Domenica del mese 8.30-20.30

CENTRO COMMERCIALE GAVINANA

LISTINO PREZZI VALIDO SOLO PER IL NEGOZIO DI VIA ERBOSA

Via Erbosa, 68 FIRENZE Tel. 055 6801064 Inoltre: Piazza S. Jacopino, 1r FIRENZE Tel. 055 362451

l’ansia “buona”, intesa come condizione fisiologica e funzionale, non patologica, utile in molti momenti della vita per proteggere dai rischi, migliorare le prestazioni, mantenere lo stato di allerta, selezionare gli stimoli con maggiore attenzione e rendere le emozioni più intense e suggestive. Difatti l’ansia è un particolare stato fisico e mentale che sopravviene nel momento in cui la persona viene sollecitata da una situazione sconosciuta o di pericolo o di incertezza. Ma, Elisabetta Romeo se individuata e analizzata, può diventare un utilissimo strumento di analisi di se stessi ed essere quindi utilizzata come risorsa. L’ansia diventa un limite nel momento in cui si manifesta con modalità eccessive e troppo frequentemente, fino al momento in cui la persona non riesce più a gestire e controllare la preoccupazione e prova un senso di irrequietezza, difficoltà a concentrarsi o vuoti di memoria, facile affaticabilità, eccessiva irritabilità, tensione muscolare e difficoltà ad addormentarsi o a dormire in modo soddisfacente. Può essere accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, nausea, tremori o respiro corto. Tale disagio, se prolungato nel tempo, può provocare diversi inconvenienti, sia rispetto alle relazioni sociali, sia in campo lavorativo. L’ansia può essere associata ad un problema medico oppure ad altri disturbi psicologici. Oggigiorno il disturbo d’ansia è piuttosto diffuso anche a causa dell’odierno tenore di vita, contraddistinto da alti livelli di stress. Infatti siamo costretti, nell’arco della giornata, ad affrontare eventi ed attività che comportano orari affaticanti, tensione fisica e nervosismo. Per affrontare questo disturbo sarebbe fondamentale, con il supporto di uno specialista, orientarsi alla risoluzione delle cause che provocano l’ansia, o perlomeno individuarle ed analizzarle, per imparare a gestire la propria preoccupazione in altro modo, fino a farla divenire una risorsa. 826363

ELISABETTA ROMEO Psicologa (Ordine degli Psicologi della Toscana. Iscrizione all’Albo n° 4123)

Cell. 389 9909033 E-mail: romeoelisabetta@virgilio.it


30

ECONOMIA

febbraio 2008

CONSUMA E DIFENDITI. Intervista a Emmanuella Bertucci, avvocato dell’Aduc di Firenze

Class action all’italiana e alla fiorentina L’azione collettiva entra a far parte dell’ordinamento giudiziario del nostro Paese. Cosa è e come funzionerà questo strumento, pensato per tutelare i consumatori, che negli Stati Uniti è realtà già da molti anni Sara Curradi

C’

è chi, come Beppe Grillo, ne ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia e chi, come Julia Roberts, ci ha vinto un Oscar come miglior attrice nel film “Erin Brockovich”. Stiamo parlando dell’azione collettiva, meglio conosciuta come class action, che con la nuova Finanziaria è entrata anche nel nostro ordinamento giudiziario. Già ampiamente diffusa in altri paesi, la “disciplina dell’azione collettiva risarcitoria a tutela dei consumatori” entrerà infatti in vigore nei prossimi sei mesi. Per capirci un po’ di più in una materia così complessa, abbiamo rivolto qualche domanda all’avvocato Emmanuela Bertucci dell’Aduc di Firenze. Come funzionerà la class action all’italiana? “La peculiarità di quest’azione consiste nel fatto che, diversamente dalle normali cause in tribunale, questo accertamento non varrà solo fra le parti nel processo, ma anche nei confronti di tutti coloro i quali, pur non prendendo parte al giudizio, vi abbiano aderito. Ma, attenzione, la norma introdotta dalla Finanziaria è sicuramente lontana dalla class action americana, anzi si presenta come un’arma spuntata per la difficile applicazione. Alla maggior parte dei consumatori conviene proporre, per una questione di velocità, azioni individuali. Tuttavia ci sono una serie di casi in cui questo strumento potrà essere utile. Per esempio in tutte quelle situazioni in cui il diritto al risarcimento non è certo o non evidente, oppure il cui accertamento comporta una istruttoria particolarmente complessa e costosa”. E quali saranno le possibili applicazioni della legge pre-

senti e future per i cittadini fiorentini? In città a chi ci possiamo rivolgere? “Sul territorio fiorentino sicuramente verrà organizzata una class action contro la Banca Toscana per il prodotto “4 you”, visto che la banca ha sede in città e quindi il tribunale di competenza è quello di Firenze. Noi come Aduc stiamo anche predisponendo altre azioni per il blocco dei servizi peer-to-peer di Tele2, e per il rimborso delle licenze di Windows. I cittadini fiorentini potranno comunque rivolgersi al Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti e a qualsiasi associazione di consumatori per avere informazioni. E’ chiaro però che conviene aspettare che le singole associazioni predispongano una class action su determinati argomenti per poi aderirvi”. Quali difficoltà si potranno incontrare nell’applicazione della legge? “Le difficoltà maggiori riguardano senz’altro le scarse indicazioni operative della norma, ci sono molti dubbi procedurali che potranno essere chiariti solo dai tribunali. Soprattutto per quanto riguarda l’adesione del consumatore: per esempio, viene da chiedersi se sarà sufficiente l’invio di una e-mail oppure no. C’è poi il problema della pubblicità dell’azione, in modo che possano essere informati il maggior numero di possibili aderenti. Pertanto sarebbe auspicabile che venga predisposto un sito internet, gestito dal ministero della Giustizia, all’interno del quale ogni proponente, la cui azione sia stata ammessa dal giudice, possa comunicare l’esistenza della class action e l’oggetto della stessa”.

Per il tuo bimbo... SOLO IL MEGLIO! SDRAIETTA CHICCO DREAMS • NUOVO cuscino a forma di orsetto che segue la crescita del bambino schienale reclinabile in più posizioni gioco elettronico con luci e suoni sviluppa la sensibilità musicale e la coordinazione manuale

GRILLO... il passeggino • LEGGERO

(solo 5,9 kg) • RECLINABILE

fino alla posizione “nanna” • SI APRE

E SI CHIUDE con il gesto di una mano. chiuso sta in piedi da solo

SEGGIOLONE BLOOM • ADATTO PER IL RIPOSO PAPPA - GIOCO, Fresco Bloom è l’unico seggiolone contemporaneo che accompagna il bambino dalla nascita sino ai primi anni di scuola con un range di utilizzo da 0-36 kg.

BABYBJORN • IL MARSUPIO comodo che respira fusione perfetta tra comfort e traspirabilità lavabile in lavatrice eccezionale sostegno lombale e spallacci larghi e imbottiti per il massimo comfort

LA CARROZZINA TRANSFORMABILE

Julia Roberts in “Erin Brockovich”

Sei domande e sei risposte per capire meglio

Prontuario dell’azione collettiva COSA È UNA CLASS ACTION Un’azione giudiziaria che consente ad associazioni e comitati di chiedere al giudice l’accertamento di un diritto alla restituzione di somme o al risarcimento del danno in alcuni settori e materie.

SU CHE COSA SI PUÒ FARE Contratti stipulati mediante l’uso di formulari, o comunque contratti le cui clausole non sono state oggetto di negoziazione fra i contraenti (ad esempio tutti i contratti di telefonia, servizi, assicurazioni, bancari); danni da fatti illeciti extracontrattuali (ad esempio derivanti da un prodotto difettoso); danni derivanti da pratiche commerciali scorrette o da comportamenti anticoncorrenziali. In tutti i casi occorre che sussista l’interesse collettivo dei consumatori o utenti.

CHI PUÒ INIZIARLA IN PASSEGGINO COMPLETO E REVERSIBILE • regolabile in altezza in 3 posizioni • schienale regolabile • maniglione di trasporto • capottina, copertina e parapioggia con zip inclusi • schienale e seduta regolabili

SCALDABIBERON •FUNZIONA sia come scaldapappe, che come scaldabiberon, calcolando automaticamente il tempo necessario per scaldare il latte o la pappa. Con display digitale segnale acustico, è ultra-rapido: riscalda 125ml di latte a temperatura ambiente in meno di 2 minuti.

Lungarno Colombo, 46/b - Firenze

816085

Tel. 055 667664 www.bimboplanet.net email - info@bimboplanet.net

Solo associazioni e comitati che siano adeguatamente rappresentativi di interessi collettivi fatti valere in giudizio. Sono ammissibili solo le azioni che riguardino interessi suscettibili di “adeguata tutela” tramite lo strumento della class action.

IN QUALE TRIBUNALE VA PROPOSTA Davanti al tribunale in cui ha sede l’azienda. Un’azione contro Telecom, ad esempio, andrà proposta a Milano.

CHI PUÒ ADERIRE Solo il consumatore così come definito nel codice del consumo, ovvero “la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta”.

COME SI FA A SAPERE CHE È IN CORSO UNA CLASS ACTION Una volta che il giudice ha ritenuto ammissibile la class action, dispone che sia data, a cura del proponente, adeguata informazione sulla stessa.


ECONOMIA

31

febbraio 2008

BILANCIO FAMILIARE. Federconsumatori ha aperto uno sportello ad hoc sui prestiti bancari

Un aiuto per fare fronte al mutuo Nell’ultima Finanziaria è prevista l’istituzione di un fondo per le famiglie che non ce la fanno a pagare le rate: dieci milioni di euro per due anni. Ma l’applicazione di questa norma è ancora in alto mare Fiammetta Guidi

D

I CONSIGLI. Importante leggere il prospetto informativo della Ue

“Confrontate bene le offerte”

P

“Così è più facile scegliere il rima di contrarre un mutuo, Federconsumatori dà due miglior mutuo sul mercato – consigli. Primo, fare un giro di spiegano da Federconsumatori diverse banche per confrontare –. E adesso che per fortuna le le varie offerte (anche online). banche cominciano a farsi un Questo confronto, che in un po’ di concorrenza, proprio in primo momento può risultare conseguenza dell’eliminaziofaticoso e creare numerose per- ne delle penali in caso di traplessità, vi darà l’occasione di sferimento del mutuo, diventa valutare le offerte disponibili fondamentale confrontare le sul mercato e di conoscere il co- condizioni che ciascuna banca propone”. sto effettivo del vostro prestito. Secondo: leggersi bene il pro- Ultima considerazione. Spesso i contratti spetto informadi mutuo non tivo europeo. É sempre bene sono di facile Si tratta di una chiedere il testo comprensione, nota standard del contratto soprattutto per in quindici la necessità di punti che si con un certo anticipo ricorrere a terpuò ottenere chiedendo al proprio istituto di mini tecnici insostituibili. E’ credito. Deve descrivere, tra le dunque consigliabile richiedere altre cose, il prodotto, il tas- una copia del testo del contratso d’interesse, il tasso annuo to e delle “condizioni generali” effettivo globale (Taeg), l’am- con un certo anticipo rispetto al montare del finanziamento, la momento della stipula. Quandurata del contratto, il numero do si è di fronte al funzionario e la frequenza dei pagamen- e al venditore della casa, sarà ti, l’ammontare di ogni rata, le troppo tardi per fare domande eventuali spese accessorie non e chiedere modifiche. Per avere ricorrenti e ricorrenti, il rim- chiarimenti sulla corretta comborso anticipato, il meccanismo prensione del documento, ci si interno per i reclami, il piano di può rivolgere alle associazioni dei consumatori. ammortamento illustrativo. /F.G.

ulteriormente l’ultima Finanziaria e ci tiene a ricordarlo anche il presidente di Federconsumatori di Firenze, Romeo Romei, che ha aperto addirittura uno sportello apposito sui mutui per fare fronte dell’emergenza scattata con gli aumenti delle rate. “Registriamo una resistenza da parte delle banche a applicare la normativa Bersani - fa sapere Romei – ma la Finanziaria parla chiaro: ‘è sancito che il trasferimento di un mutuo immobiliare da una banca ad un’altra, deve avvenire senza spese né penali e secondo una rapida proce-

dura di collaborazione tra le banche’”. Messaggio chiaro e facile ma non così pubblicizzato tra i consumatori, che ancora temono che il trasferimento del loro mutuo comporti un ulteriore dissanguamento. Maria, la chiameremo così, è l’ultima in ordine di tempo che si è rivolta alla Federconsumatori per avere delucidazioni in merito alla sua situazione: un mutuo che è salito da 600 a oltre 700 euro al mese. Un problema per il suo bilancio familiare già blindato. Ma non è la sola. Ogni giorno, in media, due persone si rivol-

gono allo sportello “Mutui” dell’associazione di Romei, al numero 17 di via Nazionale, (aperto tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30, tel. 055.217195). “La questione dei mutui – conclude Romei - è un’emergenza per circa 250mila famiglie toscane che si sono viste aumentare la rata in maniera esagerata e hanno grandi difficoltà a sostenere il pagamento”. Si va allo sportello per chiedere informazioni, consigli, soprattutto quale possa essere il modo per “alleggerire” le rate mensili.

È L’ORA DI... ARREDA IL BAGNO... E LE SUE SUPER OFFERTE... BAGNO COMPLETO SOLO CHIAVI IN MANO €5.800 PAGAMENTI RATEALI!!!

INOLTRE LA VS. CASA CHIAVI IN MANO riparazioni edili, idrauliche e in genere - direzione lavori realizzazioni lavori edili di ogni genere realizzazione e riparazione impianti idraulici realizzazione impianti elettrici impianti di riscaldamento e condizionamento

RIPARAZIONI IN GIORNATA SENZA DIRITTO DI CHIAMATA A SOLI €25/ora

PAVIMENTI - RIVESTIMENTI - SANITARI - RUBINETTERIE

di tutte le migliori marche!!! DA OGGI SERVIZIO FABBRO CON FORNITURA E MONTAGGIO DI PORTE E INFISSI IN GENERE

SOPRALUOGHI e PREVENTIVI GRATUITI IN PIÙ... A chiunque acquisti un bagno completo regaliamo un soggiorno a tua scelta

862523

ieci milioni di euro per voro. Peccato che, perché quel fondo aiutare le famiglie che non diventi accessibile, occorra un regolace la fanno a pagare un mento adottato dal ministero dell’ecomutuo. La “promessa” è nomia e delle finanze, di concerto con stata fatta durante la discussione sulla il ministero della solidarietà sociale che Finanziaria e dovrebbe concretizzarsi detti i procedimenti pratici. Benché da in un disegno di legge collegato che Roma arrivino notizie di tavoli tecniistituirà un fondo di solidarietà. Dieci ci in merito, del regolamento ancora milioni di euro spalmati su due anni, non c’è traccia. Così, alle famiglie il 2008 e il 2009, per sostenere il pa- in difficoltà non resta che aspettare. gamento dei mutui contratti per ac- Per coloro che sono alle prese con un quistare la prima casa. Insomma, per mutuo a tasso variabile, e ultimamente tamponare un problema che potrebbe hanno visto aumentare la rata mensidiventare un’emergenza sociale, il go- le, una buona notizia è però arrivata: verno si è deciso la portabilità dei a intervenire. Le mutui è gratuita. Una buona notizia soluzioni su cui Cioè, chi vuole è già arrivata: si sta ragionando spostare il mula portabilità dei mutui sono la possibilità tuo dalla propria è diventata gratis di garantire la ribanca a un’altra contrattazione del che reputa faccia mutuo (in linea con il decreto Bersani) tassi più convenienti, lo può fare sene la possibilità di una sospensione del za penali, senza un notaio o costi agpagamento con una rimodulazione del giuntivi. Lo dice il ‘’pacchetto Bersani mutuo stesso, nel caso si perda il la- bis sulle liberalizzazioni’’, lo chiarisce

Via Lungo l’Affrico, 102/a - (FI) info@arredailbagno.it

Tel 055 660793 328 9387392


FESTA DEGLI INNAMORATI. Qualche consiglio per organizzare la cena perfetta. A lume di candela

Due cuori, una capanna e tre padelle Leonardo Romanelli, critico enogastronomico, accompagna Il Reporter

FORSE NON TUTTI SANNO CHE..

in un viaggio alla ricerca di sapori autentici. Suggerimenti per un San Valentino doc.

S.Valentino vs S.Faustino Tra party e speed date

In grado di esaltare i sensi e sorprendere con raffinata semplicità

S

an Valentino è una festa antica, istituita nel 496 per sostituire il rito pagano, che celebrava la fertilità, con il nuovo messaggio d’amore diffuso dal vescovo Valentino. La ragione per cui il santo è diventato patrono degli innamorati va ricondotta ad un episodio singolare che lo vide protagonista. La leggenda vuole che il vescovo abbia unito in matrimonio una ragazza cristiana con un legionario romano, di religione pagana. La dimostrazione di un amore universale, che fa quasi invidia ai battibecchi contemporanei, valse a Valentino il “titolo” che porta ancora oggi. Ma la curiosità riguarda il santo celebrato il giorno successivo, San Faustino. Da qualche anno, per par conditio, il 15 febbraio è diventata consuetudine festeggiare i single. Chi ha deciso di rimanere solo per scelta o per colpa del destino avverso trova un’occasione per conoscere gente e divertirsi. In onore dei single vengono organizzate feste a tema e incontri al buio. Molti fanno parte di comunità virtuali, come quelle di www.vitadasingle.net e di www.speeddate. it, tramite le quali vengono organizzati eventi in tutta Italia. A Firenze lo speed date viene organizzato al Cafè de Paris, locale di piazza Dalmazia. Funziona così: chi partecipa fa 25 incontri di 200 secondi ciascuno. Ogni 200 secondi gli uomini scalano di un posto mentre le donne restano sempre sedute al loro tavolino; ognuno ha un numero identificativo. Basta segnare il numero della persona che si incontra con un sì o con un no. Quando il sì è reciproco, attraverso lo scambio degli indirizzi e-mail o dei numeri di cellulare si ha la possibilità di prendere contatti con /C.G. le persone desiderate.

Ludovica V.Zarrilli

È

universalmente riconosciuto come il giorno degli innamorati. Quello in cui si celebrano le unioni scambiandosi doni ed effusioni. Tante e tali da far quasi sembrare che nel il resto dell’anno sia proibito. Regina dei festeggiamenti è sempre la tavola, che stimola i sensi, rilassa e avvicina. E’ d’obbligo celebrare l’occasione con una cena speciale e la città pullula di ristoranti che preparano menù a tema. Ma qual è il modo migliore per concedersi un momento unico, senza incappare in spiacevoli fregature? Il Reporter ha chiesto consiglio al critico enogastronomico Leonardo Romanelli, che ci ha dato qualche suggerimento su come trascorrere una serata piacevole. Leonardo, è ormai consuetudine passare la serata di San Valentino camminando mano nella mano come i famosi fidanzatini di Peynet e pasteggiando a lume di candela. Ma è preferibile andare al ristorante o preparare qualcosa a casa? Forse è la peggiore serata per andare al ristorante, a meno che non si vada con un gruppo di amici. Troppe coppie in giro, meglio la casa per una cena a due. E’ molto più romantico. Molte coppie però si lasciano attrarre da piatti fantasiosi preparati dagli chef e vengono sopraffatti dalla poca voglia di cucinare. Un menù da consigliare a chi volesse mettersi alla prova tra padelle e fornelli? Innanzitutto delle cozze all’elbana, che sono aperte in padella e servite con uovo fluido. Come primo taglierini (pochi però, per non appesantire) con caviale nero ed erba cipollina. A seguire scampi al forno con sale grosso. E per finire, un dolce di grande sensualità: babà al rhum con crema al limone. Questi sono tutti piatti dove l’utilizzo delle mani diventa essenziale.

Ostriche e champagne. Sono ancora il piatto afrodisiaco per eccellenza o sono passati di moda? Mi suggerirebbe un’alternativa? Le ostriche con lo champagne non passano mai di moda, sono un piatto che soddisfa per i suoi profumi, i suoi umori, la sapidità. Al loro posto oggi è gettonatissimo il sushi, ma

per chi non sopporta il pesce crudo, meglio iniziare con qualcosa di particolare, come un fritto di paranza o bocconcini di pollo alla diavola, cotti in forno dopo averli passati nella senape e nel pangrattato. Da qualche tempo a questa parte chi non può festeggiare il 14, si scatena festeggiando il 15 febbraio, giorno in cui si celebra

san Faustino, il protettore dei single. Quali sono i piatti appropriati, da portare in tavola per l’occasione? Se lo consideriamo un momento di incontro per fare nuove conoscenze, tutto quello che fa convivialità: una polenta con sugo di salsiccia, il risotto servito nella forma di parmigiano, un barbecue con spiedini assortiti. Il dolce, però, deve essere cremoso e goloso, al quale sarà impossibile dire di no: una bavarese al cioccolato, un soufflé alla vaniglia o anche un semplice tiramisù.

812672

i Saldi partono dal 7 gennaio con il 40 % di Sconto ROCCO BAROCCO • MARIELLA BURANI • TAVIANI • BARONI • FAUSTA TRICOT ANCHE NELLE TAGLIE COMODE CORREZIONI PERSONALIZZATE

Tra le nostre marche:

Viale Europa, 164 - Firenze - Tel 055 65.31.852


CULTURA

febbraio 2008

33

INTERVISTA DOPPIA. Federica Bosco e Marco Vichi, due campioni della letteratura made in Florence

Giallo contro rosa. Una sfida “de-genere” Un testa a testa tra i due scrittori contemporanei più popolari della città del giglio. Per capire meglio chi si nasconde dietro parole dette e sogni ancora da realizzare. Aspettando i loro prossimi libri. In uscita tra maggio e giugno

“Tempo libero? Pago le bollette”

“L’eroe? Il mio fidanzato”

Nome Cosa cambieresti di Firenze? Marco Firenze Cognome Sei superstizioso? Vichi Talvolta Età Il tuo eroe 50, purtroppo Nessuno Data e luogo di nascita Il lettore ideale 20 novembre 1957 a Firenze Tutti, dal colto all’analfabeta Professione ..i lettori reali Scribacchino Chissà... Il titolo del tuo ultimo libro Da bambino sognavi “Da grande Nero di luna farò..” cosa? Le tue passioni Il pilota Letteratura, passegA quando risale la giate e macchine prima pubblicaIl sogno nel caszione? setto 1999 Ho il cassetto pieCosa fai quando no non scrivi? Il romanzo riusciCammino e pago le to meglio bollette Non so, quello a cui Quanto c’è di ausono più affezionatobiografico nei to è Donne donne tuoi lavori? ..e quello riuscito Nulla, ma in un cerpeggio to senso tutto Quanti libri legLo lascio dire ai gi in media in un lettori anno? L’ispirazione fulMarco Vichi Una cinquantina minante viene... Che genere di libri quando? Nei momenti più imprevedibili, ma non compri abitualmente? Un po’ di tutto la chiamerei ispirazione. C’è un luogo che prediligi per scriveIl romanzo che ami di più Sono troppi, ma uno che ho amato mol- re? La sala da pranzo to è La pelle di Malaparte. Ti aspettavi tutto questo successo? Lo scrittore preferito Anche questi sono troppi, ma amo mol- Non so se chiamarlo successo, ma non mi aspettavo nulla to i russi dell’800 e del primo 900 A quando il prossimo libro? La città in cui vivi Credo verso giugno Impruneta Un’idea?..Un’anticipazione? ..e quella in cui vorresti vivere /L.V.Z Sarà un romanzo triste Impruneta / Parigi

Nome eventi come negli anni 80 Federica (Marina Lucia non ridete vi pre- Sei superstiziosa? go…) Non troppo, ma non passerei volontariamente Cognome sotto una scala Bosco Il tuo eroe Età Il mio fidanzato (ce ne vuole per stare con 36 me!) Data e luogo di nascita Il lettore ideale 25/9/71 Milano Ironico, sensibile, curioso, discreto e poco seProfessione vero Scrittrice ..i lettori reali Il titolo del tuo ultimo Dai 17 ai 50 esattalibro mente come li vorrei “101 modi di ricono(per ora) Da bambina sognavi scere il tuo principe “Da grande farò..” azzurro senza dover cosa? baciare tutti i rospi” La veterinaria Le tue passioni A quando risale la Viaggiare, le cene con i prima pubblicaziomiei amici, i gatti. ne? Il sogno nel cassetto Al 2004 Scrivere Grey’s AnaCosa fai quando non tomy scrivi? Il romanzo riuscito Quello che fanno gli meglio altri…televisione, paL’amore non fa per me lestra, amici ..e quello riuscito pegQuanto c’è di autogio biografico nei tuoi Ogni scarafone è bello Federica Bosco lavori? a mamma sua… L’80% L’ispirazione fulmiQuanti libri leggi in media in un anno? nante viene..quando?... Una ventina Quando hai una scadenza prossima! Che genere di libri compri abitualmente? Il romanzo che ami di più Libri che mi fanno o ridere o riflettere “Amore” di Toni Morrison C’è un luogo che prediligi per scrivere? Lo scrittore preferito Casa mia e il treno David Sedaris Ti aspettavi tutto questo successo? La città in cui vivi A dire la verità no Firenze A quando il prossimo libro? ..e quella in cui vorresti vivere New York (è banale lo so, ma è talmente bella) Se mi sbrigo a maggio Un’idea?..Un’anticipazione? Cosa cambieresti di Firenze? Vorrei che tornasse ad essere viva e piena di Un thriller psicologico…(scherzo!) /L.V.Z


34

CULTURA

febbraio 2008

TEATRO VERDI. Dal 23 febbraio al 2 marzo arriva il musical scritto da Costanzo

De Sica, “Parlami di me” Il celebre attore torna a cimentarsi col teatro. In un musical colorato che racconta storie rubate al passato e alla contemporaneità

LA MOSTRA

Il Poeta della fotografia, che vede oltre l’immagine

Anna Damasco

È

stato il grande amore per il teatro che ha spinto Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime a scrivere “Parlami di me”, con Marco Mattolini a curare la regia e Christian De Sica ad interpretarne il ruolo principale. È un coinvolgente omaggio al genere, in scena al Verdi dal 23 febbraio al 2 marzo. “Un musical vero e proprio - precisa il regista - che attraverso l’esperienza di questo particolarissimo figlio d’arte, parla del teatro e degli attori, con affettuosa ironia e convinta partecipazione”. In “Parlami di me”, Christian De Sica racconta se stesso, le figure di riferimento della sua carriera - primo fra tutti suo padre Vittorio - il suo amore per la musica e si cimenta (a modo suo) anche con i grandi classici come Shakespeare e Goldoni. Parallelamente corre la storia dell’assurda compagnia che lo affianca, un breve spaccato di ambiente teatrale, con i suoi vizi e le sue virtù. E così questo spettacolo leggero, grazie al talento del suo protagonista e degli altri interpreti, riesce a mettere tanti generi a confronto: il musical, la commedia musicale, il music hall, la canzone, la prosa, la danza e persino l’improvvisazione e il cabaret. Costanzo, ricorda il primo incontro con un giovane ed esordiente De Sica, nel 1974, dal quale è nata una

divertente amicizia e molte piacevoli collaborazioni successive, che li hanno condotti fino a questa ultima realizzazione. “Un grande cast per raccontare la storia del teatro di rivista italiano fino all’arrivo della televisione. Da Loredana Bertè a Gianrico Tedeschi a Tino Scotti a Pippo Franco” - dice Maurizio Costanzo e continua - “Christian è sicuramente nel momento più alto della sua maturità artistica e se al suo esordio qualcuno poteva affermare che in alcune cose si rifaceva a papà, adesso del grande Vittorio, Christian ha il carisma, la professionalità e un talento affinatosi sempre di più”. La scintilla che ha spinto un autore come Maurizio Costanzo a cimentarsi con uno spettacolo di questo tipo è una passione che scaturisce dalla convinzione che la caratteristica più preziosa del teatro sia che “il palcoscenico è l’unica disciplina che accetta il passare degli anni e consente quindi di vivere la maturità, e non solo, rimanendo sul palcoscenico”. Contrariamente a quanto succede in un panorama di intrattenimento sempre più sottomesso alle tecnologie, il teatro rilancia la sua sfida di sempre, così sintetizzata da Maurizio Costanzo: “Tu, hai voglia di venire a sentire cosa ho da dirti salendo su alcune tavole mentre tu appena più in basso, mi guardi?”

“N

iente è come sembra” e Chema Madoz lo dimostra attraverso le fotografie di “Poética”, in mostra alla fsmgallery di Via S. Zanobi fino a sabato 1 marzo. Immagini che svelano mondi nascosti all’interno di oggetti di uso comune. Un paio di forbici, un fiammifero, un bastone da passeggio, familiari a chiunque, perdono con Madoz il loro significato consueto per essere inseriti in contesti nuovi, che li arricchiscono di particolari inconsueti. A tratti l’ironia, a tratti l’assurdo, a tratti il paradosso, sono la chiave di lettura di queste creazioni. Tutte accomunate da un elegante bianco e nero, queste fotografie lasciano libero spazio all’interpretazione. Ogni foto offre due percorsi paralleli. Uno permette di gustare l’opera percorrendo nuove frontiere, ben lontane da ciò che si sta osservando. L’altro fa sì che l’immagine venga percepita esteticamente senza andare a dissotterrare significati nascosti. L’autore ha costruito un linguaggio rappresentativo personale col quale affronta l’oggetto che ritrae in più modi: senza alterazioni, manipolato e investito di significati diversi dai soliti, oppure privato della propria identità e reinventato del tutto. La mostra offre dimensioni nuove, scaturite dall’alterazione di quella realtà immediata alla quale siamo abituati, per trasportare lo spettatore in una dimensione dove tutto è possibile. /A.D. 881980


36

CULTURA

febbraio 2008

LA KERMESSE. Quattro giorni tutti da ballare con spettacoli, workshop e ospiti famosi

Il cuore della danza batte alla Fortezza Alice D’Alfonso

L

a danza è passione, energia, musica. “Danza in fiera” riunisce tutto questo e col 2008 taglia il nastro della terza edizione. Ospite della Fortezza da Basso di Firenze dal 21 al 24 febbraio, promette nuovi spazi per accogliere un numero ancora maggiore di eventi, lezioni e stage, spettacoli, aziende, ospiti famosi e, per la prima volta, anche i maggiori teatri italiani. È il più grande evento dedicato alla danza e al ballo a livello internazionale che vedrà allestiti più di sette palchi calcati da protagonisti d’eccezione quali, per esempio, i primi ballerini delle Compagnie di Balletto delle Fondazioni Lirico Sinfoniche Nazionali. Durante il Galà d’apertura saliranno sul palco alcune delle compagnie più blasonate, fra le quali la compagnia dell’Arena di Verona, dell’Opera di Roma, del San Carlo di Napoli e del Teatro Massimo di Palermo. Ampio spazio anche alle nuove leve del panorama artistico, nelle giornate di sabato 23 e di domenica 24 (dalle 10) durante il concorso “Expression 2008”: migliaia di ballerini, allievi e scuole si presenteranno come solisti, in coppia o in gruppo, per destreggiarsi tra coreografie classiche, moderne, jazz, contemporanee e hip hop. Oltre alle esibizioni, Danza in Fiera offre agli appassionati la possibilità di avvicinarsi alle varie discipline spaziando tra tutti i generi grazie alla moltitudine di lezioni e workshop a cura di scuole, associazioni, compagnie, federazioni. Le lezioni si svolgeranno nel Padiglione Spadolini, ad iscrizione gratuita da effettuarsi all’interno del Pala Klipsò giorno per giorno. Inoltre, grandi ospiti come Raffaele Paganini e Vladimir Derevianko, recentemente nominato

direttore di Maggio Danza. Tra stand, lustrini e scarpette, anche una mostra fotografica: Alessio Boccafusca, uno dei nomi più affermati nel panorama internazionale della danza, celebra i trent’anni della sua carriera, esponendo i suoi capolavori. “Trent’anni di Foto di Danza”, realizzata in collaborazione con la Fondazione Leonide Massine, ripercorre la storia della balletto classico, attraverso le foto dei più grandi: Rudolf Nureyev, Carla Fracci, Vladimir Vassiliev, Ekaterina Maximova, Antonio Marquez e molti altri. Danza in Fiera è il rinnovarsi di un rito, che ha visto partecipi oltre centomila appassionati nel marzo scorso e che si prospetta ancora come un grande successo; aperta da giovedì alle 15 fino a domenica alle 20 costerà 15 euro per un singolo giorno, mentre il mini-abbonamento per tutta la fiera 25. [www.danzainfiera.it]

IL FESTIVAL. Comincia il 12 febbraio la rassegna di corti teatrali che si concluderà al Puccini

Teatro e improvvisazione. Un’emozione...”In breve” I l panorama teatrale fiorentino si sta muovendo. Ed anche in fretta. Grande attesa per il festival “In breve”, che per la terza volta porta sui palcoscenici italiani una selezione corposa di corti teatrali. Con un unico imperativo: la lunghezza della pièce, che deve essere al massimo di 10 minuti. Protagonisti di questo evento, giunto alla terza edizione, professionisti e dilettanti. Teatranti che si sfideranno per accaparrarsi il voto del pubblico e della giuria, con il quale vincere il diritto di partecipare alla serata conclusiva del 18 marzo al Teatro Puccini. Saranno in tutto otto gli appuntamenti distri-

buiti tra i teatri di Firenze e provincia, Roma e Milano a partire dal 12 di febbraio. Breve la durata ma ampio lo spazio tra generi, stili e linguaggi. Caratteristica che ci rimanda ai noti “match di Improvvisazione teatrale”, quelli dove le squadre si sfidano in divisa da hockey e dove il giudice di gara è un arbitro con maglia bianca e nera, armato di fischietto. Ed infatti gli ideatori del festival sono Daniela Morozzi, Fiamma Negri e Bruno Cortini ¬nomi già noti per l’affezionato pubblico degli esilaranti match della Flog -che in effetti sono garanzia di qualità per tutti gli amanti del genere. /A.D.

OCCASIONE DI FINE MOSTRA!!! CONTINUANO LE SUPER OFFERTE PER TUTTO IL MESE DI FEBBRAIO... IN PRONTA CONSEGNA DIVANO PRONTO LETTO PERLA

A SOLI

2 posti

€675 DIVANO MELISSA vera pelle vari colori 3 posti + chaiselong

€3.600

SUPER OFFERTA PEZZI LIMITATI

€2.300

Anche in 36 rate da

€ 76,70

DIVANO FIRENZE ANGOLARE in pelle o tessuto vari colori 2 posti + angolare

€900

3 posti

misure: 262x145

€990

Anche in 36 rate da

€1.429

maxi

€1.100

2 posti

€1.225

€950

3 posti

€1.342

maxi

€1.508

€1.050 €1.150

PAGAMENTI RATEALI FINO A 36 MESI

€ 64,75

€2.540

3 posti + angolare

PAGAMENTI RATEALI FINO A 36 MESI

DIVANO LETTO SIRIA con materasso in politerano + porta cuscini

€2.340

€1.850

€1.267

Dimensione normale 106x92x105 cm Dimensione reclinata 106x166x85 cm Dimensione della seduta 106x75,5 cm

Altezza della seduta 48.5 cm Peso netto 52 kg - Peso lordo 60 kg - Colore disponibile: NERO

€1.165

tessuto a scelta vari colori

misure: 318x45

€1.980

Anche in 36 rate da

DIVANO LETTO AURORA 3 POSTI CON CHAISE LONG + CONTENITORE + PORTA CUSCINI TESSUTO A SCELTA VARI COLORI

€1.928

€1.490 Anche in 36 rate da

€ 52,80

DISPONIBILE ANCHE A 2 POSTI O MAXI

€ 69,10

OFFERTE VALIDE FINO AD ESAURIMENTO SCORTE DA OGGI SOPRALLUOGHI IN LOCO GRATUITI DA PARTE DEI NOSTRI ARREDATORI PER GARANTIRTI UN SERVIZIO COMPLETO.

CI TROVI NEGLI SHOW ROOM

IN VIA PISANA, 128 - SCANDICCI Tel. 055 7356884

E VIA DELLE NAZIONI UNITE, 15 CASELLINA - SCANDICCI

898360

SOFÀ RECLINABILE CON MASSAGGIO a 5 motori: rivestimento in pelle, base in alluminio


SPETTACOLI 12/17 febbraio SLAVA’S SNOWSHOW messa in scena di Slava Polunin. Teatro Verdi È considerato “il miglior clown del mondo”, la sua eccentrica pantomima, che lui amorevolmente definiva con ironia “idiozia espressiva” (“Expressive Idiotism”) gli è valsa una grande popolarità. Asisyai è oggi il clown più famoso di Polunin: una figura commovente e ironica vestita con una tuta gialla da lavoro e con un paio di morbide pantofole rosse. Questo personaggio pensieroso, gentile e poetico è nato prendendo spunto dalla tristezza poetica dei clown di Leonid Engibarov, da Marcel Marceau, dall’umanità e dalla comica amarezza dei grandi film di Chaplin che Slava considera come i suoi maestri. 19/24 febbraio DUE PARTITE di Cristina Comencini con Chiara Noschese, Stefania Felicioli, Susanna Marcomeni, Sara Bertelà regia Cristina Comencini Teatro della Pergola 26 febbraio/2 marzo LA VEDOVA SCALTRA da Carlo Goldoni con Raffaella Azim regia Lina Wertmuller Teatro della Pergola 29 febbraio/2 marzo CONCHA BONITA di Alfredo Arias, René De Ceccatty con Gennaro Cannavacciuolo, Sinan Bertrand, Mauro Gioia, Sibilla Malara, Alejandra Radano, Sandra Rumolino, Gabriella Zanchi e con l’ ORCHESTRA ARACOELI musiche Nicola Piovani Teatro Puccini 3/6 marzo EFFETTO PAN GRAAL di e con Riccardo Pangallo Teatro Puccini 4/9 marzo LE VOCI DI DENTRO di Eduardo De Filippo con Luca De Filippo

regia Francesco Rosi Teatro della Pergola 11/16 marzo SIOR TODERO BRONTOLON di Carlo Goldoni con Giulio Bosetti con la partecipazione di Marina Bonfigli regia Giuseppe Emiliani Teatro della Pergola 23/24 febbraio LA DERNIÈRE DANSE? Micha Van Hoecke in regia e coreografia di Micha Van Hoecke Teatro Puccini 27/28 febbraio LA MASCHERA Il viaggio del volto nascosto con Sabina Cesaroni, Alfredo Cavazzoni, Matteo Petracchi, D. Barlucchi testi, regia, maschere di Duccio Barlucchi Teatro Puccini 6/9 marzo BELLO DI PAPA’ di e con Vincenzo Salemme Teatro Verdi 7/8 marzo ADR Spettacoli presenta: Giorgio Tirabassi in COATTO UNICO… SENZA INTERVALLO di Giorgio Tirabassi scritto con Daniele Costantini, Stefano Santarelli, Loredana Scaramella, Mattia Torre contrabbasso: Daniele Ercoli percussioni: Giovanni Lo Cascio Teatro Puccini

SPORT BOXE CAMPIONATO ITALIANO PROFESSIONISTI 5 marzo h 20 Mandela Forum Al Mandela Forum è la volta della grande boxe: il 5 marzo si sfideranno Leonard Bundu e Gianmario Grassellini, per il titolo italiano dei Pesi Welter. Un evento di sicuro interesse, viste le performance dei due atleti: Leonard Bundu con 14

Ghelli in mostra a Tokyo Il pittore fiorentino inaugura una mostra nel paese del Sol Levante

T

ra qualche giorno il pittore fiorentino Giuliano Ghelli, uno dei più noti artisti della nostra Regione, inaugurerà una propria mostra personale a Tokyo. Nel paese del sol levante, dal 22 Febbraio al 19 Marzo, saranno esposti 50 dipinti su tela relativi al lavoro degli ultimi 10 anni, alcuni busti dipinti, e una rappresentanza del suo “Esercito di terracotta” (piccoli busti femminili, tutti diversi tra loro, come quelli celeberrimi di X’ian, ma che sono un inno al pacifismo e non alla guerra). E durante il suo soggiorno giapponese il maestro Ghelli sarà l’ospite d’onore della Fiat per il lancio sul mercato nipponico della nuova 500. In quell’occasione infatti saranno presentate due 500 “pitturate” dal maestro. Una delle due autovetture, che poi saranno esposte all’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo, vedrà su una delle portiere riprodotte le famose colline toscane con cipressi, che da sempre sono uno dei punti distintivi di Giuliano Ghelli. Nato a Firenze nel 1944 vive a San Casciano Val di Pesa, nel Chianti Fiorentino. Ha esordito a Milano nel 1963 e negli anni ha esposto a Parigi 1974, negli U.S.A., in Australia, Germania, Belgio, Grecia, Spagna, Giappone. “I quadri di Ghelli son ritornelli dipinti nell’aria da menestrelli liberi da tutti gli orpelli - scrive di lui Vincenzo Mollica. Dal 5 maggio sarà anche uno dei protagonisti della quarta edizione del genio Fiorentino. Maggiori informazioni si possono trovare sul sito /Ciro Becchimanzi www.giulianoghelli.it

vittorie, 1 no contest e Gianmario Grassellini con 17 vittorie, 2 pari, 1 sconfitta. Per Leonard Bundu è un gradito ritorno al Mandela Forum, infatti, l’anno scorso il pugile fiorentino conquistò il titolo Mediterraneo IBF, battendo il francese Netchaoui. Nella serata è previsto anche il debutto tra i professionisti di 2 pugili fiorentini: il peso gallo Rodrigo Bracco (5 incontri, 5 vittorie di cui 4 per Ko) e Angelo Ardito, peso leggero. Per tutti gli appassionati della “noble art” l’appuntamento del 5 marzo al Mandela Forum è assolutamente da non perdere.

MOSTRE Francesco Furini UN’ALTRA BELLEZZA Palazzo Pitti Fino al 27 aprile La mostra illustra le fasi successive del percorso artistico di uno dei più significativi pittori del Seicento italiano, ed esporrà una selezionata rassegna di opere (circa 40 dipinti e 20 disegni) scelte nelle redazioni di più alta qualità e di consolidata fortuna critica. Roberto Capucci

RITORNO ALLE ORIGINI. OMAGGIO A FIRENZE Museo Capucci, Villa Bardini Fino al 27 febbraio LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI IN ITALIA 1938 - 1945 Suf Art Gallery Fino al 1 marzo Chema Madoz POÉTICA Fsmgallery Fino al 1 marzo MONETE ETRUSCHE Museo Archeologico Nazionale Fino al 21 marzo 2008 STARS ON STAGE. DIVI E MITI NELLE IMMAGINI DI SAM SHAW E LARRY SHAW MNAF - Museo Nazionale Alinari Della Fotografia Fino al 25 marzo 2008

MUSICA 21/22 febbraio BANDA.25 Con la Banda Osiris Teatro Puccini, ore 21 Sono “Banditi” da più di 25 anni Sandro Berti, Giancarlo Macrì, Gianluigi e Roberto Carlone ma sembra quasi che il tempo non li abbia cambiati. Sempre la solita grinta, la fantasia e l’improvvisazione rendono il loro ultimo lavoro di una vivacità travolgente: “banda.25” nato proprio per celebrare alla loro maniera i primi anni di attività del gruppo, sarà al Puccini il 21 e il 22 febbraio. Uno spettacolo, ma soprattutto un viaggio - come tengono a precisare i suoi protagonisti - attraverso la musica e la storia. Ma non solo, all’insegna del collage, come sempre, sul palco del Puccini si alterneranno gli opposti: repertorio serio e repertorio comico, citazioni colte (letture di Montale!) accostati a jingle pubblicitari, con l’ironia che accompagna la Banda Osiris dalla sua nascita.

Sabato 23 febbraio ROBERTO VECCHIONI Saschall, ore 21 Giovedí 6 Marzo MARLENE KUNZ Saschall, ore 21 Venerdí 7 Marzo HIM Saschall, ore 20 22 febbraio “80 MUSICA” ALLO SPACE ELECTRONIC Venerdì 22 febbraio, alla discoteca Space Electronic, appuntamento con “80musica”, serata dedicata ai mitici anni ’80, durante la quale si potrà rivivere il clima musicale e “sociale” di quel periodo. L’idea è quella di rispolverare lo spirito modaiolo in voga in quegli anni, tanto che anche sul biglietto di invito, scaricabile dal sito www.ego. it/80musica, campeggia una domanda: paninaro o darkettone? A curare la selezione musicale ci sarà una delle figure storiche del mondo delle discoteche fiorentine: Marcello Noferini (detto anche Spaceman), che nell’occasione festeggerà i suoi “primi” 50anni. Prezzi e orari da anni ‘80: apertura ore 22.30, ingresso 10 euro con bevuta, cocktail 5 euro.

FIERE E VARIE 1/2 marzo COLLEZIONARE A FIRENZE Mostra mercato di artigianato e antiquariato. Dalle 10 alle 19 Saschall Venerdí 8 febbraio GIROTONDO PER IL MEYER

Saschall, ore 21 Interverranno alla serata: Paolo Hendel, Natalia Titova, Samuel Peron, il Piccolo Coro del Melograno, i Piccoli Ballerini della scuola Rock Ballet, Tina e Andrea Fois - Conducono Beatrice Bocci ed Alessandro Greco. /Alice D’Alfonso

Venerdí 22 febbraio GIORGIA Nelson Mandela Forum ore 21

Per tutte le vostre segnalazioni scrivete a:

scrivimi@ilreporter.it


FIORENTINA. Preso il centravanti per lo sprint finale in vista della Champion’s League

Cacia, la nuova scommessa di Firenze Francesca Bandinelli

D

Daniele Cacia

L’attaccante è la novità annunciata del mercato invernale della Fiorentina: si è presentato con grande umiltà per la nuova avventura. S’ispira all’idolo Filippo Inzaghi: “Pronto ad imparare e a dimostrare di meritare questo club”

NOTAX FINO A DICEMBRE 2010 PER TUTTI GLI ABBONAMENTI LA TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVO NON LA PAGHI

ice che Filippo Inzaghi Moratti, acquistato in comproprietà è il suo idolo, che farà con il Piacenza (quattro milioni e di tutto per ripercorrere mezzo gli euro versati), finalmente la sua carriera. «Alme- sorride. no un quarto della sua carriera, già GLI STOP. Prima la rottura del questo sarebbe un primo passo im- perone della gamba sinistra, poi portante». Aggiunge che la voglia nell’aprile scorso, nella sfida condi imparare, di mettersi a disposi- tro il Crotone, il nuovo infortunio. zione, non gli manca, e che la ga- L’ennesimo, gravissimo. Ancora vetta, in fondo, non si finisce mai una rottura, tibia e perone, questa di farla. Daniele Cacia, maglia nu- volta della gamba destra, quella da mero 99 sulle spalle, è il nuovo che cui erano nate gol e azioni, quella avanza. E’ l’elemento che, secondo con cui aveva già messo a segno la società viola, dal presidente An- quattordici reti, il passepartout per drea Della Valle fino al responsabi- il contatto con qualche grande sole dell’area tecnica Pantaleo Corvi- cietà. Per lui la stagione finì in antino, può aggiungere quel qualcosa cipo e tutti i sogni furono riposti acin più alla squadra in vista dello curatamente in un cassetto. Decise sprint finale, una sorta di piccolo però di non arrendersi, ancora una ma importante valore aggiunto. Da volta volle provare ad essere più sfruttare al momento opportuno, in duro del destino. E alla fine ha avucampionato e in coppa Italia. Lui, to ragione. Tanto che, proprio menintanto, pane e umiltà, preferisce tre Daniele percorreva, ogni giorvolare basso: «Ho un solo obiettivo no, la stessa strada, da Piacenza a – racconta – imparare e lavorare al Bologna, per raggiungere il centro massimo. Tutto il resto si vedrà, sarà di fisioterapia, una telefonata del il campo a parlare. Sono arrivato in suo agente ha aperto nuovi scenari. viola con il massimo rispetto per i La Fiorentina e Pantaleo Corvino compagni che già facevano parte volevano scommettere proprio su di questo gruppo e con il desiderio di lui. Nonostante il recupero dovesse ancora di sfruttare al Due gravi infortuni completarsi, massimo ogni opportunità lo hanno tenuto lontano nonostante i tanti mesi di che mi verrà dal campo, ma lui inattività alle concessa». Fispalle. Il cono sicamente dice non si è mai arreso d’ombra che di non essere ancora la top della forma (diversi i era calato su di lui e che aveva algravi infortuni subìti), ma che con il lontanato speranze e sogni, all’imlavoro, ne è certo, recupererà presto provviso si è dissolto. La fine del lo smalto dei tempi migliori. Intan- tunnel è arrivata il 14 ottobre scorto, arrivato finalmente (per la prima so, con il suo rientro in campo al volta) in un grande club di serie A, posto di Rantier. Poi ancora lavoro lancia la sua sfida: «Ora tocca a me specifico per recuperare lo smalto meritare questa piazza». Cacia, il dei tempi migliori e dal 24 novemragazzo che pure già due anni fa bre di nuovo la maglia da titolare. era stato individuato come sostitu- Fino al gol, il suo personalissimo to di Luca Toni, quando sembrava arrivederci a Piacenza. Fino al priche il campione del mondo potesse mo abbraccio con Firenze, con la cedere alle lusinghe dell’Inter di Fiorentina, il suo nuovo amore.

DA ERREDI LE OFFERTE OFFERTA DATI ADSM IN PIENA MOBILITÀ LA VELOCITÀ RAGGIUNGERE I 3.6 MBPS! B.ON. Comodità e velocità a servizio delle aziende.

NON FINISCONO MAI 827266

Le feste con

3 Skypephone

Con ADSM Card e ADSM Modem USB è possibile navigare in Internet e scaricare e-mail ad alta velocità come con l’ADSL grazie

€0

€99 €0

alla tecnologia HSDPA (High Speed Downlink Packet Access). Bastano 19 Euro al mese per avere: • ADSM Card, ADSM Card Express o ADSM Modem ESB; • 5 GB di traffico dati a settimana. L’offerta prevede un contributo di attivazione pari a 19 € 0 €1 per la ADSM Card, 39€ 19€1 per la ADSM Express o per l’ADSM Modem USB Onda e 69€ 49€1 per l’ADSM Modem USB Momo MD-@.

non finiscono mai!

Scegli il tuo videofonino a soli

MD-2 €49 €0

LG U250

€99 €0

Passa a 3 mantenendo il tuo numero: l’importo speso ti sara’ completamente restituito...

...e il videofonino funziona con tutte le USIM 3!

Erredi s.a.s. Negozio 3 Piazza della libertà, 37/38R - Firenze www.tre.it Tel./Fax 055 5048460 - 055 5536958


SPORT

febbraio 2008

39

INTERVISTA DOPPIA. Parlano Francesco Pugliese e Michele Batistoni, attaccanti di Florence e Rifredi 2000

Una sfida all’ultimo gol tra due viola doc Un attaccante alla Beppe Signori

Obiettivo: salvezza e 20 reti

Nome: Francesco l’atletica. Società: Florence Cosa ti spinge a continuare a calEtà: 35 care i campi di provincia? Professione: Corriere La passione. Tutte le volte che gioco Curriculum calcistico mi batte forte il cuore. Ho girato tante squaIl tuo allenatore preferito? dre: a 16 anni ho esorDirei Montuori, che ho avuto nelle dito a Staggia, poi Vinci, giovanili, e Bardi, che ora allena il Badesse, Castel FioSan Lorenzo. rentino, Caselline, San Qual è la sua frase che più ti ha Lorenzo e Florence. In colpito e dato la carica prima di carriera ha segnato 346 una partita importante? gol in 294 partite Non è importante vincere ma uscire Francesco Pugliese Tifi? dal campo a testa alta. E’ una frase Fiorentina di Montuori. T’ispiri a? Trezeguet, Toni o Ibrahimovic? Mi dicono che assomiglio a Beppe Signori. Ibrahimovic. In che squadra ti piacerebbe giocare? Se non fossi pazzo per il calcio, quale sport ti Sto bene dove sono, alla Florence. Vorrei finire piacerebbe? qui la mia carriera di calciatore. Pugilato. Se tu potessi rubare qualcosa ad un attaccan- Prima della prossima preparazione, dove ante di serie A, cosa prenderesti? drai in vacanza? I centimetri. Sardegna. Chi vince il tuo campionato? E lo scudetto di Qual è l’obiettivo tuo e della squadra? A? Raggiungere i playout e salvarsi. Per il mio campionato dico la Grevigiana. In Chi temi di più nel tuo girone? La Grevigiana…anche se ad essere sincero le serie A dico l’Inter. Dando uno sguardo allo sport fiorentino, temo tutte. Terzo tempo: che ne pensi? qual è il campione che ti piace di più? Marino, Turchi, Giano. Sono tutti pugili ai quali Buona idea, è una cosa positiva darsi la mano alla fine di ogni partita. auguro di diventare campioni. Firenze è una città attiva nello sport, cosa ti Saluta l’altro. Lo saluto e gli faccio un grosso in bocca al piacerebbe migliorare? /F.D.C. Mi piacerebbe che ci fossero più strutture per lupo.

Nome: Michele La passione. Società: Rifredi 2000 Il tuo allenatore preferito? Età: 26 Benvenuti (allenatore attuale). Professione: ImpieQual è la sua frase che più ti ha gato colpito e dato la carica prima Curriculum calcidi una partita importante? stico Un sms che mi ha mandato alle Ho militato in varie 9 di mattina. C’era scritto: “Svesquadre di Firenze: glia, dobbiamo andare a vincere Florence, Novoli…e una partita”. questo è il quarto Trezeguet, Toni o Ibrahimoanno che gioco nel vic? Rifredi Trezeguet. Michele Batistoni Tifi? Se non fossi pazzo per il calcio, Fiorentina. quale altro sport ti piacerebbe T’ispiri a? praticare? Batistuta. Basket. In che squadra ti piacerebbe giocare? Prima della prossima preparazione, dove Fiorentina. andrai in vacanza? Se tu potessi rubare qualcosa ad un at- Ancora non lo so. taccante di serie A cosa prenderesti? Qual è l’obiettivo stagionale tuo e della Il colpo di testa. squadra? Chi vince il tuo campionato? E lo scudet- Della squadra la salvezza tranquilla, quelto di A? lo che viene dopo è tutto di guadagnato. Il Nel mio campionato penso il Dicomano. mio obiettivo personale è quello di arrivare a 20 gol. Per la serie A dico l’Inter. Dando uno sguardo allo sport fiorentino, Chi temi di più nel tuo girone? Il Dicomano. qual è il campione che ti piace di più? Terzo tempo: che ne pensi? Mutu. Firenze è una città attiva nello sport, cosa E’ una cosa giusta, ma non deve essere obbligatoria. ti piacerebbe migliorare? Saluta l’altro. Non lo so. Cosa ti spinge a continuare a calcare i Ciao, in bocca al lupo a lui e alla sua squadra. Ti auguro di segnare molti gol. /F.T. campi di provincia?

900759


40

SPORT

febbraio 2008

CICLISMO. Franco Ballerini, il commissario tecnico (fiorentino) della nazionale ciclisti

Il sogno a due ruote, pensando alle Olimpiadi Ivana Vita

A

lla guida della nazionale italiana di ciclismo c’è un fiorentino. Franco Ballerini è sì cittadino (onorario) di Roubaix, ma è nato a Firenze nel 1964. Gli abbiamo chiesto di raccontarci la sua passione per la bicicletta e per la città gigliata. Spesso si parla di ciclismo solo in associazione al doping, cerchiamo di descrivere diversamente questo sport. “E’ libertà. E’ scoperta e meraviglia. Legare colori e profumi a cose del passato, a luoghi in cui sei stato, ai ricordi. Da un punto di vista prettamente agonistico è riuscire a prevalere sugli altri”. Quali sono i suoi ricordi di Firenze, dove ha cominciato a pedalare? “Firenze resta la città più bella del mondo. Le prime pedalate le ho date al velodromo delle Cascine. Era una situazione ideale per chi cominciava. Sugli spazi dove fare ciclismo, prima eravamo avanti. Ora non più. Questo ha allontanato molti giovani dal ciclismo perché non ci sono posti sicuri per praticarlo. Ricordo ancora la maglietta di lana rossa e i pantaloncini neri con la scritta “Coni”. Quando pioveva diventavano pesantissimi, ma a casa mi guardavo allo specchio ed era un’emozione vestirli”. Il numero dei tesserati a Firenze vede un incremento record nell’ultimo anno. “Si, ma a Firenze il ciclismo in passato la faceva da padrone. C’erano molte società, ora sono davvero poche. I genito-

Franco Ballerini e il Presidente Napolitano

ri oggi hanno paura a portare i bambini perché è molto pericoloso allenarsi nel traffico”. Ha condotto al successo Cipollini e Bettini. Come si fa a gestire il rapporto con i campioni? “In realtà è semplice. Chiunque, anche gli atleti che sembrano invincibili, sono sempre ragazzi normalissimi che come tutti hanno le loro paure e i loro dubbi. Quindi nel dialogo tra tecnico e atleta, nell’intervento che serve per togliere la paura e chiarire i dubbi, nasce il rapporto e la sinergia necessaria”. Chi è il “dopo Bettini” in Italia? “Il primo nome è quello di Vincenzo Nibali, un giovane intelligente e forte atleti-

camente. Quando riuscirà anche a gestire al meglio la corsa, darà grandi soddisfazioni all’Italia. Poi Visconti e Riccò, altri due giovani di talento. Certo, di Bettini non ne nascono così facilmente. Ha fantasia, un’intelligenza sopra la media, è competitivo e vincente. Nelle corse di un giorno è il più forte degli ultimi 40 anni”. Pechino 2008: cosa sogna in prospettiva olimpica? “Sogno in grande. Quest’anno con il doppio appuntamento Olimpiadi-Mondiali sogniamo di vincerli entrambi. Se dovessi scegliere una vittoria, preferisco quella olimpica, ma abbiamo un bel gruppo e ci vogliamo credere”.

KAYAK. Ranieri Brandani non ha neanche 20 anni ma è già ai vertici europei del K1

Metti un aspirante ingegnere su una canoa”

D

a grande vuole diventare ingegnere civile ed è per questo che Ranieri Brandani, classe 1989, studia all’Istituto tecnico per geometri. Ma il suo tempo libero Ranieri lo dedica, soprattutto, alla sua grande passione sportiva: il K1, kayak monoposto. Fin dall’età di 14 anni Brandani è alla Canottieri comunale di Firenze dove si è specializzato nella maratona della canoa: i 25 chilometri, che percorre con il suo kayak di 8 kg. Quinto nella categoria junior alla coppa Europa di fondo a Milano nel 2006 e sesto nella coppa del Mondo di Maratona svoltasi in Slovacchia, nel 2007 il campioncino fio-

rentino è arrivato secondo alla coppa Europa di Fondo (10mila metri) a Milano ed ha vinto la storica gara di canoa Marathon “Vigevano – Pavia”. E’ vice campione d’Italia di Maratona e di fondo sui 5 chilometri ed è stato convocato più volte in nazionale. Ranieri, che si prepara con grandissima meticolosità ad ogni appuntamento agonistico, si sta preparando ai campionati europei di Trencin, in Slovacchia, che si svolgeranno il 14 luglio. Un ragazzo che ama così tanto lo sport che, nonostante la giovane età, ha già cominciato a fare l’istruttore a bambini e ragazzi del Cas, il centro d’av/Sim. Spa. viamento allo sport.

IL CANE È MIO E ME LO LAVO IO

Ranieri Brandani e l’assessore Ballini

NUOTO. Tante medaglie per Matteo Fraschi, classe ‘92

Una nuova promessa È

LUN. MER. VEN. DALLE 09:00 ALLE 18:00 ANCHE TOELETTATURA TRADIZIONALE

GALLUZZO - FIRENZE Via Senese, 213/r Tel. 055 0517235 Cell. 349 4422884 www.washdog.it

820420

uno dei più promettenti nuotatori fiorentini. Reduce da tre ori ai campionati italiani giovanili invernali, Matteo Fraschi è un atleta di 191 centimetri per 80 chili di peso ed è in grado di cimentarsi, con ottimi risultati, in tutti e quattro gli stili e le diverse distanze. Un nuotatore universale, nato a Firenze quindici anni fa (a marzo ne compirà 16), che ha iniziato a praticare il nuoto nella società dell’Isolotto, il Nuoto Club Firenze, a soli 6 anni. Passato nel 2005 alla Fiorentina Nuoto di Fabio Frandi si è subito fatto notare ai campionati italiani esordienti “A” stabilendo tre record. Nel 2006, passato alla categoria ragazzi, centra 5 ori e stabilisce tre record ai campionati italiani invernali. Nello stesso anno centra la vittoria nei 100 rana e 200 misti ai Campionati italiani di categoria a Roma. Non solo, al Meeting internazionale di Viareggio conquista tre ori. Ma è il 2007 l’anno della consacrazione. Vince tre ori, con due record, ai campionati italiani e viene convocato dal commissario tecnico della nazionale giovanile italiana Cesare Butini per la Coppa Comen, svoltasi a Cipro. Fraschi, per

Matteo Fraschi

la prima volta in una competizione internazionale, conquista 4 ori e s’impone con tre record. Ma non è tutto. Sempre a Viareggio ottiene un oro ed un argento, mentre ai campionati italiani estivi di Roma suggella l’annata record con un argento e due bronzi. Un ragazzo che si sta facendo strada a suon di medaglie. Ancora troppo giovane per il sogno olimpico, ma Matteo Fraschi è più di una speranza per il nuoto toscano e nazionale. Attualmente prosegue, con successo, gli studi presso il Liceo scientifico Rodolico. A dimostrazione di come si può conciliare, e bene, l’attività agonistica e l’impegno /Sim. Spa. scolastico.


SPORT

febbraio 2008

41

STELLE DI CASA NOSTRA. L’ultimo “internazionale” di Firenze è stato Gino Menicucci, venticinque anni fa

Un fiorentino fischia in Europa Gianluca Rocchi, nato e cresciuto a Soffiano, è diventato arbitro internazionale. Dopo anni di gavetta, dirigerà campioni come Cristiano Ronaldo e Messi Marco Agnoletti

L

Gianluca Rocchi con Pato

a notizia ufficiale è arrivata il 10 gennaio scorso, anche se era nell’aria da tempo. L’arbitro fiorentino Gianluca Rocchi diventa internazionale. Tra poco lo vedremo fischiare in coppa Uefa e presto, dopo il necessario apprendistato europeo, potremmo ritrovarcelo a dirigere qualche match di Champions League. Era un quarto di secolo, dai tempi del mitico Gino Menicucci, che Firenze non aveva un arbitro internazionale nel più diffuso sport del paese. Rocchi compirà trentacinque anni il prossimo agosto e nei mesi scorsi il designatore Collina l’ha, di fatto, promosso ad arbitro di punta della nostra serie A. Adesso che il sorteggio, vero o finto che fosse, non esiste più, il designatore sceglie di domenica in domenica l’arbitro più bravo ed in forma. Ed a cavallo fra ottobre e novembre, il designatore l’ha scelto prima per arbitrare il derby Roma - Lazio (si giocava di mercoledì) e tre giorni dopo l’ha spedito a fischiare il big match Juventus – Inter. A memoria difficilmente si ricorda

un arbitro chiamato in campo per due che diventa un punto di riferimenpartitissime così importanti a soli tre to importante per la classe arbitrale giorni di distanza. Abbandonato nostrale. Sfiorato dai fanghi di calpresto il calcio giocato, dove ancora ciopoli - pur non essendo mai stato si ricordano di lui soprattutto perché intercettato – viene scagionato comnelle fila del Freccia Juve di Brozzi pletamente già in primo grado. Gli il presidente era suo padre, Giovan- amici di Soffiano, quartiere dove è ni Rocchi, il grande appassionato di nato e vive, e quelli della San Mipallone della famiglia, frequenta il chele Cattolica Virtus in particolare, corso a Coverciano per arbitro subito che sin da ragazzo ha frequentato, lo dopo il compimento dei sedici anni. descrivono felice per la promozione Dopo alcune stagioni passate nei europea ma anche preoccupato per campi sperduti di periferia approda le ulteriori assenze che lo terranno alla commissione arbitri nazionale lontano dalla famiglia e dalla moglie di serie C nel 2000, e dopo sole 3 Paola in particolare. Perché fra ritiri stagioni e 38 parUna carriera sorprendente, tite dirette in serie C1 viene promosdalla serie C nel 2000, all’Europa so nella categoria superiore per decisione dell’allora chiuso a Coverciano, viaggi e trasferdesignatore Maurizio Mattei. te (adesso anche in Europa) i sacrifiIl debutto in serie A arriva già nel ci non sono pochi e si fanno sentire. corso del campionato 2003/2004, E ai suoi amici di Soffiano continua il primo di militanza sotto il nuovo a far un certo effetto vedere il loro organo tecnico, quando all’ultima Gianluca che discute, risponde, a giornata dirige l’ininfluente Lecce- volte gesticola, con un perplesso Del Reggina. Dopo un altro campionato Piero o un agitato Cambiasso. con poche presenze nella massima Restiamo in attesa delle proteste di serie, è nel campionato 2006-2007 Messi o di Cristiano Ronaldo.


42

BENESSERE

febbraio 2008

Mente sana in corpo…in movimento Nadia Fondelli

meglio consigliare uno sport di squadra, così da sviluppare anche un po’ di sana competizione nella delicata età in cui si tempra il carattere e s’impara a vivere in gruppo. Per tutti gli altri, la scelta è libera. Un’energetica partita a tennis nella pausa pranzo con il collega, una camminata a pié veloce nel parco, un’oretta in palestra fra cyclette, tapis roulant ed esercizi a corpo libero. Tenersi in forma, oltre che ad aiutarci a star meglio (fra l’altro nessun regime alimentare è infallibile se non è accompagnato dal movimento fisico) ,allontana gli appuntamenti in ambulatorio, sviluppa il senso d’equilibrio, migliora mobilità e coordinazione ed insegna una corretta postura. Anche se non avete più vent’anni e siete spesso alle prese con quel fastidioso dolorino, sappiate che le palestre sono un luogo anche per voi. Meglio iniziare con qualche lezione individuale per imparare a muoversi nella maniera giusta e poi via con lezioni di gruppo a corpo libero, in cui sarà facile anche fare nuove amicizie. Care signore, non pensate che sia meglio questo dell’immalinconirsi davanti all’ennesima puntata della telenovela di turno? Cari signori, è davvero meglio la palestra delle mattinate tutte uguali passate al circolino ad ingrugnirsi per una briscola andata male. Basta davvero poco per decidere di star bene, anche solo un’ora per tre volte a settimana. E non rispondete che tanto, casomai decidiate di mettervi in moto, è più semplice ordinare uno di quegli attrezzi ginnici che reclamizzano in tv. Non funzionano, come le pilloline magiche per dimagrire. Perché buttar via soldi? Infine, se non ancora siete convinti, segnaliamo il risultato di un recente studio scientifico: sono più a rischio di malattie cardiovascolari ed ipertensione le persone che non fumano e fanno vita sedentaria rispetto a coloro che sono moderati fumatori ma svolgono regolare attività fisica...E allora vivere in movimento è vivere bene.

B

enessere, un termine che ognuno interpreta a modo suo. Per alcuni è una serata in compagnia di un buon film. Per altri è quell’oretta fra aromi, vapori e calori che coccolano in qualche centro estetico. C’è chi preferisce un happy hour a sgranocchiare salatini e nuove amicizie. Altri ancora scelgono di mettere in moto le papille gustative con la buona tavola. Insomma: una parola con tante opzioni interpretative. Ma al di là delle preferenze vogliamo mettere un po’ di puntini sulle i. Il vero benessere passa solo da due regole cardine: mangiare sano e tenere in forma il nostro corpo. Fuori da allettanti miracoli decantati, il benessere ha solo queste due regolett,e unite dal comun denominatore che niente si ottiene senza un po’ di sacrificio. Così come una sana alimentazione non è riempire lo stomaco di ogni cosa ché tanto poi c’è la miracolosa pilloletta da inghiottire, tenere in movimento il corpo non vuol dire essere atleti di professione o allenare i muscoli mascellari, ma è fare almeno mezz’ora di camminata al giorno. In fin dei conti, se il detto “mens sana in corpore sano” è attuale ancor’oggi dopo duemila anni, ci sarà pure un perché. Il movimento fisico, fra i tanti vantaggi, ha anche quello di essere una delle attività più democratiche che esistano. Si può fare a qualsiasi età, per quanto tempo si vuole e dove si desidera, infine, essendo anche attività ludica, fa bene anche all’umore ed è benzina per il cervello. Attività fisica per tutti, dagli 0 ai 90 anni: questa la parola d’ordine. Magari vogliamo solo suggerire di dividere le attività per fasce d’età. Per i bimbi dai 5 ai 10 anni ad esempio, è consigliato uno sport completo quale il nuoto, che attiva senza traumi ossa e muscolatura in crescita; per i più grandicelli

DANZA IN FIERA 2008, CHE SPETTACOLO! Al via la Fiera Mondiale della Danza e del Ballo

Dal 21 al 24 Febbraio 2008, alla Fortezza da Basso di Firenze

O

gni volta che ascolti quella musica ti piacerebbe metterti a ballare ma ti manca il coraggio? La prossima volta potresti essere l’invidia della pista: dal 21 al 24 febbraio 2008 c’è Danza in Fiera, il più grande evento mondiale completamente dedicato al mondo della danza e

del ballo. Ti aspettano decine di lezioni gratuite di ogni genere e stile di ballo, tenute ogni giorno dai più importanti maestri. Dalla classica, all’Hip Hop, dai balli latini al Tango argentino, dal Musical alla Fit Dance di Irene Pallares, fino al ballo Country dei Cowboy americani e al Butho giapponese, la danza dell’anima: c’è n’è proprio per tutti i gusti in questa kermesse unica, con 250 espositori, 7 padiglioni e 7 palchi che ospiteranno centinaia di eventi, spettacoli, lezioni, feste, ospiti famosi, gare, casting, importanti compagnie e per la prima volta, anche rappresentanze dei maggiori teatri italiani fra cui l’Opera di Roma, l’Arena di Verona, il Teatro Massimo di Palermo e il San Carlo di Napoli. Danza in Fiera 2008 vedrà anche la presenza di importanti ospiti tra cui, Kledi Kadiu, Anbeta Toromani, Steve La Chance, Raffaele Paganini, Vladimir Derevianko e molti altri ancora. Inoltre, direttamente da Cultura Moderna, Juliana Moreira, testimonial Sloggi.

Ma non basta: un intero padiglione sarà dedicato alla magia di Disney Channel, per imparare a ballare in esclusiva le coreografie di High School Musical 2, il film cult di un’intera generazione di teenagers di tutto il mondo. E’pronta anche la seconda edizione del coloratissimo Musical Day, il più grande concorso nazionale dedicato al mondo del Musical. Se invece dentro di voi c’è più spazio per l’energia che per il romanticismo, non perdetevi ”STREET FIGHTERS… who’s the best hip hop dancer!?”, una scatenata competizione di balli urbani. Insomma che aspettate? Quest’anno a Febbraio avrete una scusa in più per svestire i panni di tutti i giorni e seguire il ritmo del vostro cuore. Info Danza in Fiera, Firenze - Fortezza da Basso, 21-24 Febbraio 2008. Orari di apertura: giovedì ore 15-21, venerdì e sabato ore 10-21, domenica 10-20 www.danzainfiera.it – info@danzainfiera.it - Tel. 0574.575053, Fax. 0574.574333


A PARTIRE DA


44

LETTERE

febbraio 2008

re a far riflettere.

Inviaci le tue lettere a scrivimi@ilreporter.it “Sporcizia, prendiamo esempio da altri paesi” Abito a Firenze da nove anni, vicino a piazza Pitti. Voglio dire che le strade stupiscono per la loro sporcizia, e c’è sempre anche una bella quantità di ‘cacche’ che occhieggiano qua e là. La mia lettera è un invito al Comune a fare una cosa semplicissima, da anni praticata in paesi dove la gente è abituata ad avere riguardo per gli spazi comuni usati da tutti. Per esempio, in Inghilterra esistono tante belle cassettine rosse, con stampato sopra il logo di un cagnetto nero, disseminate nei parchi, nelle strade, per ricordare ai padroni che quello è uno spazio apposito per buttarci dentro gli escrementi dei loro animali (che vanno quindi raccolti). Un piccolo atto che indica anche la ‘voglia di esserci’ da parte delle autorità locali nel dare segnali anche sulle questioni minori (ma essenziali per educare i cittadini) e che incoraggia anche quei pochi che invece si danno da fare per non lasciare per terra ciò che i loro animali depongono. Quanto alle cose buttate, con noncuranza, per strada, come fosse una cosa naturale e ovvia, ricordo solo questo flash: un distinto manager che camminava veloce e impettito per le strade di Montreal, con la sua borsa, molto di fretta per raggiungere qualche ufficio o taxi, quando ha visto una

cartaccia rimasta sul marciapiede...cosa ha fatto? Si è fermato, anche se ciò gli faceva perdere del tempo, l’ha raccolta, è tornato indietro dieci passi e l’ha buttata nel cassonetto (con un’espressione di commiserazione e fastidio per chi aveva fatto quel gesto, evidentemente molto insolito da quelle parti). Se non ci teniamo noi, alla città che abitiamo e al terreno che calpestiamo, chi deve tenerci? Anna Finamore

Gentile signora Anna, la sua segnalazione è interessante, ma non credo che debba prendersela più di tanto con la società che per conto dell’amministrazione cittadina ha l’onere di tenere il più pulita possibile la nostra città. Credo debba prendersela, come lei del resto sottolinea nella sua lettera, con quella parte dei fiorentini - o comunque di residenti o visitatori – che non hanno rispetto per questa città. A volte multe, divieti e sanzioni possono aiutare certo, ma non è pensabile poter tener sotto controllo, per esempio dalla mattina all’alba sino al tardo dopocena, tutti coloro che portano fuori i loro cani. E’ un fatto di educazione e di civiltà cercare di evitare che siano sporcati marciapiedi, giardini, e strade. E lo stesso discorso dicasi per le cartacce e quant’altro. Anche porre l’attenzione su questo tema però può aiuta-

Marco Agnoletti

L’esperienza di una “ex fumatrice per caso” Gentile direttore, da tanti anni ormai si sente parlare dei pericoli e dei danni provocati dal fumo, nonché di tutte le soluzioni proposte ai fumatori per smettere. Anche il numero del Reporter di gennaio riporta un dettagliato articolo, con tanto di cifre dell’agenzia regionale di sanità, sui decessi dovuti al fumo e una intervista ad un medico responsabile di uno dei centri antifumo presenti in toscana. Molti, se non tutti i metodi proposti, in generale, per smettere di fumare, sono faticosi, richiedono tempo e magari assunzione di farmaci o surrogati della nicotina, spesso hanno anche un costo. Arrivo al dunque: sono una “ex fumatrice per caso”, se così si può dire, perché “per caso” sei mesi fa ho sentito parlare di un metodo chiamato ‘easy way’ il cui ideatore è Allen Carr, il quale, oltre ad aver promosso questo metodo tramite seminari che oggi vengono tenuti in tutto il mondo, ha anche scritto un libro intitolato “E’ facile smettere di fumare se sai come farlo” (10 euro), che ancora una volta “per caso” ha attirato la mia attenzione un giorno in libreria. Dopo averlo letto ho smesso di fumare senza nessuna fatica, nessuna spesa e soprattutto senza alcuna crisi d’astinenza né desiderio, ancora oggi, di ricominciare. Non voglio aggiungere altro perché sembra quasi che voglia pubblicizzarne l’acqui-

FANGO SALE anticellulite e per RIDURRE gli inestetismi cutanei causati da GONFIORE e RITENZIONE IDRICA con azione scrubbing

sto. Non so neanche se sarà possibile per voi pubblicare questa mia breve lettera quasi “pubblicitaria”, ma gli interessi economici che girano intorno e contro il fumo sono talmente tanti che forse non a tutti fa comodo che certe notizie si diffondano. Il mio unico interesse, che porto avanti di persona con quanti conosco, è quello di informare tutti che esiste questa alternativa e che funziona. Sul sito www.easywayitalia. com troverete tutte le informazioni e le testimonianze di tanti altri felici ex fumatori come me. Provare per credere. Giusy

La collina di Careggi, una bellezza da valorizzare Ho letto sul numero 4 di Reporter che la provincia ha intenzione di attuare il progetto “boschi della Piana”, notizia sicuramente entusiasmante e positiva. Ma, come residente della collina di Careggi, in particolare del borgo di Serpiolle, vorrei conoscere quale è il programma della provincia, del comune o della regione per il ventilato progetto di creare in questa zona un parco naturale. Nella collina vivono molte specie animali: è facile incontrare caprioli, lepri, cinghiali, aironi e anatre selvatiche. Il paesaggio circostante è molto bello, la collina nel suo insieme presenta un fascino tale da far concorrenza a Fiesole, ma a differenza di quest’ultima presenta degli svantaggi notevoli: 1) La ristrutturazione delle case, soprattutto quelle del

Su donne volontarie è stato effettuato da un’importante Università Italiana, il test clinico di efficacia mediante misurazione delle pliche cutanee (strumento di misurazione: plicometro). INCREDIBILE... PREZZO DI LANCIO: 1 CONFEZIONE 500 ML A SOLI

€ 39,60

IN PIÙ... RITAGLIA IL COUPON PER AVERE UN’APPLICAZIONE DI FANGO ANTICELLULITE GRATUITA!

Via Gioberti, 52/r - Firenze tel. 0 5 5

6550810

borgo, lasciata alla libera iniziativa dei proprietari senza un progetto globale teso all’armonia e alla bellezza d’insieme, ha spersonalizzato e imbruttito il paesino. 2) Ci sono discariche a cielo aperto lungo la via di Serpiolle che sale verso monte Morello e nella via di Capornia, e da otto anni che vivo qui non sono mai state rimosse. Gli unici interventi che sono stati fatti riguardano, mediamente due volte all’anno, la pulizia dei bordi stradali e due volte in tutto da otto anni il taglio degli arbusti lungo il Serpiolle e i suoi affluenti. 3) Il traffico lungo via della Masse, la stretta via che si snoda lungo il borgo abitato, è aumentato tantissimo negli ultimi anni. Le macchine suonano il clacson di continuo, camminare è un’impresa e uscire di casa senza rischiare di rimanere sotto una macchina ancora più difficile. Il peggioramento è dovuto all’apertura della nuova strada che collega via delle Gore, così si chiama il primo tratto di strada che prosegue poi come via delle Masse, a via delle Panche, passando per via della Quiete. Molti conducenti usano via delle Masse come scorciatoia tagliando da via Vecchia del Mulino che è ancora più stretta e dissestata. Non capisco perché non si preveda un potenziamento di via di Capornia o di via Dazzi, strade parallele a via delle Masse, ma che rispetto a quest’ultima hanno il vantaggio di non passare a ridosso delle abitazioni. Basterebbero un loro miglioramento e adeguati nuovi collegamenti per liberare Serpiolle dall’asfissiante via e vai di vetture, lasciando via delle Masse ai residenti, ai pedoni, numerosi,

PERCENTUALE MEDIA DI RIDUZIONE: DOPO 2 SETTIMANE

plica addominale plica fianchi plica girocoscia

-5,5% -3,4% -1,3%

Punto Vendita Qualificato

L’ERBOLARIO

813015

DOPO 4 SETTIMANE

-11,5% -8,8% -2,4%


LETTERE ai ciclisti e all’autobus 43. In questo modo si valorizzerebbe una collina che in parte ha già pagato un prezzo alto alla città ospitando l’ospedale e le cappelle del commiato, un borgo che ha una sua storia (ci sono ville medicee), una natura bellissima alle porte della città. Grazie dell’attenzione. Anna Mattei

“Poco spazio per i messaggi dei lettori. Perche’?” Complimenti per il Reporter, un giornale piacevolmente documentato sui vari temi cittadini, ben impostato con titoli molto in evidenza, e per i caratteri di stampa leggibili anche da persone deficitarie nella vista come me. Unico neo, le due pagine dedicate alle lettere, che tolgono spazio e voce a tanti altri lettori che vorrebbero intervenire su note e argomenti di interesse generale. Nel numero di gennaio, cinque lettere hanno occupato lo spazio delle due pagine, che se invece fossero disponibili, per messaggi sms, si avrebbe come minimo 60-70 pareri, consigli, osservazioni, da altrettanti lettori, sia per la semplicità di invio, sia per la tempestività di ricevimento. Non so se sarà possibile, ma sono sicuro che otterrete un maggior successo e consensi da tanti lettori. Oggi il telefonino l’hanno tutti, o sbaglio? Cordiali saluti, Bruno Baragatti

Presto avremo un apposito spazio sul sito (www.ilreporter.it) per poter pubblicare tutte le lettere e sarà attivato

febbraio 2008

anche un servizio sms. Per il momento cerchiamo di dare spazio a tutte quelle che riteniamo più interessanti. (m.a.)

“Ma le case minime non sono soltanto degrado” Siamo alcuni giovani (e meno) abitanti delle case minime che vivono qui dalla nascita. Abbiamo letto il vostro articolo sul nostro quartiere e non siamo pienamente d’accordo su quello che avete scritto. Quattro o cinque persone sicuramente sono la minoranza di un quartiere, così come spacciatori e tossici. Nel nostro quartiere la maggior parte delle persone sono lavoratori onesti, mamme e bambini. Noi non ci sentiamo dimenticati e non crediamo di essere diversi dai cittadini fiorentini. Siamo come gli abitanti di Fiesole, educati, colti ed onesti. In quanto agli appartamenti occupati, non ci sono delinquenti ma giovani coppie che non possono permettersi affitti privati: sono ragazzi nati alle case minime, da genitori che da una vita vivono qua. Cordiali saluti, Silvia Dori Patrizia Caiani Ylenia Pescini Anna Dori Enrico Brasini

Grazie per il contributo. L’obiettivo della nostra inchiesta era quello di raccontare alcuni aspetti della vita alle case minime, senza la pretesa di essere esaustivi. Anzi, il vostro intervento è un interessante spunto per aprire un confronto sulla situazione delle case minime. (m.f.)

Inchiesta su via Rocca Tedalda, una precisazione Egregio Direttore,

sfogliando la copia di gennaio 2008 del suo giornale (Campo di Marte Cure e Coverciano), con profondo rammarico mi sono imbattuta nella lettura dell’articolo di pagina 4 e 5 a firma Matteo Francini, il quale ha inteso descrivere la situazione di profondo disagio nella quale sono costretti a vivere gli abitanti di via Rocca Tedalda. Ritengo che sia necessario sottoporre alla sua attenzione un grave errore. Nell’articolo si fa espressamente riferimento alle “case minime” di via Rocca Tedalda specificando la numerazione civica n. 401 e 404. Le immagini riportate si riferiscono però non alle case minime dei n. 401 e 404, bensì agli immobili siti in via Rocca Tedalda 103, 105 e 107, i cui appartamenti sono in larga parte di proprietà privata e sono abitati da famiglie che non vivono nelle condizioni di disagio rappresentate nell’articolo. Pertanto, per dovere di cronaca e per dimostrare l’assoluta non corrispondenza tra quanto detto nell’articolo e le foto pubblicate, la invito nel prossimo numero del suo giornale ad una errata corrige, al fine di tutelare l’immagine di tutti coloro che abitano e risiedono in via Rocca Tedalda 103, 105, 107. La ringrazio per l’attenzione. Cordialità, Cristina

La fotografia pubblicata non ritrae il numero civico 401

di via Rocca Tedalda (di cui peraltro avevamo parlato per segnalare un’interessante iniziativa, e non per sottolinearne il degrado), ma un tratto precedente della strada. (m.f.)

Problemi di traffico alle Cascine del Riccio Da alcuni mesi, per ragioni personali, devo percorrere via delle Cinque Vie più volte alla settimana. Mi sono trovato in una situazione difficile per il caos del traffico nella strettoia delle Cascine del Riccio. Mi chiedo se sia difficile arrivare alla decisione di mettere un semaforo (come in via Fortini) per ovviare ai frequentissimi blocchi che si verificano ogni qual volta s’incrociano due macchine o peggio le auto con i bus. Come al solito nella zona ci saranno due fazioni pro o contro, ma la viabilità dovrebbe essere assicurata. Chi deve decidere? Conta più il volere di alcuni abitanti del posto o l’interesse generale? Essendo la strada di tutti, forse la scelta per una buona viabilità sarebbe opportuna, salvaguardando anche l’interesse e la salute degli abitanti con l’obbligo di spegnere il motore a semaforo rosso. Paolo Martelli

Due proposte sulla Manifattura tabacchi Vorrei avanzare due proposte sulla manifattura Tabacchi, in alternativa fra loro, ma entrambe con la stessa finalità. La prima consiste nel destinare l’intera volumetria della Manifattura a sede di assessorati e uffici dell’Amministrazione comunale, attualmente frammentati in una

45 molteplicità di uffici, spesso in affitto e distanti fra loro. Ciò consentirebbe in primo luogo una razionalizzazione delle funzioni, a vantaggio sia dei funzionari che dell’utenza, ambedue spesso costretti a penosi e onerosi spostamenti fra le varie sedi degli uffici comunali dispersi per la città con un rilevante e inutile aggravio sulla mobilità urbana. In secondo luogo, ciò consentirebbe all’Amministrazione comunale di effettuare, per così dire, un investimento per l’acquisto di sedi proprie, con un sicuro e rilevante risparmio sugli oneri di affitto improprio di sedi improprie. La seconda proposta, in alternativa alla prima, consiste nel destinare l’intero complesso della Manifattura Tabacchi a sede del Polo Fieristico, trasferendovi tutte le attività attualmente in corso alla Fortezza da Basso. Anche in questo caso le condizioni a favore sono molteplici: - breve distanza dalla Fortezza, dal centro storico e dal Parco delle Cascine; - contiguità con la linea ferroviaria; - possibile collegamento diretto con il progettato “Parco degli Scambi”, quindi la stazione Leopolda e il nuovo teatro comunale; - una dimensione volumetrica più ampia di quella della Fortezza, già ora insufficiente, e più vicina a quella dei Poli Fieristici esistenti in molte altre città d’Italia e del resto del mondo; - opportunità per liberare il nodo della Fortezza dalle ben note congestioni di traffico che si verificano periodicamente in occasione delle manifestazioni. Gianni Baldassini


46

ANNUNCI IMMOBILARI

febbraio 2008

un aiuto prezioso a casa tua le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali 3 VANI FIRENZE A FIRENZE disponiamo a campo marte statuto novoli e oltrarno di varie tipologie immobiliari in fase di ultimazione con ottime rifiniture a partire da158.000 055 0515231 BAGNO A RIPOLI (vacciano) appartamento in antica villa al piano seminterrato cat. C/2 45 mq. Buono 055 676246 stato99.000 OLMO (FIESOLE) in colonica in pietra appartamento totalmente ristrutturato 60 mq. Composto da soggiorno angolo cottura camera bagno finestrato ripostiglio balcone garage giardino 250 mq. Oltre ter055 676246 reno270.000 PIAZZA FRANCIA pressi bivani al piano terra 50 mq. Con bagno e terrazzino a comune buono stato termocentrale luminoso212.000 055 676246 POLO UNIVERSITARIO Novoli, San Jacopino e altre zone, disponiamo di monolocali e bilocali, ideali anche per investimento, di varie tipologie e metrature, accuratissima ristrutturazione, disponibile subito, a partire da 148,000 rif. vari abitandoimmobiliare@hotmail.it 055 3289988 PONTE ALLA VITTORIA pressi, in strada tranquilla, secondo ed ultimo piano,libero ampio monolocale oltre soppalco in arredo,ottimo stato,come nuovo,belle rifiniture, cotto e travi a vista, termo singolo. Richiesta 185000tratt. Rif. B 27 055 698065 - 336 673472 S.M NOVELLA graziosissima mansardina 24 mq. Ristrutturata ed arredata panoramica con splendidi affacci sulla chiesa vendesi160.000 trattabili ottimo investimento 055 676246 SAN JACOPINO-VIA LULLI disponiamo di luminosissimo ampio bilocale oltre grande cabina armadio, disimpegno, servizio e ripostiglio, accuratamente ristrutturato e rifinitissimo, ottimo anche per investimento Euro.185,000 rif.V7274 abitandoimmobiliare@hotmail.it 055 3289988 VIA REGINALDO GIULIANI vendesi appartamento 2 vani completamente ristrutturato ingresso indipendente finiture di lusso 185.000 055 250058

VALDISIEVE DICOMANO direttamente dal costruttore immersi nel verde, 2 vani piano terra mq 53, ingresso indipendente, giardino, box auto, ottime finiture predisposizione aria condizionata e allarme, 132.000,00 055 8397307 - 335 8058088

DIRETTAMENTE DAL COSTRUTTORE CALENZANO

899771

UN MINUTO DAL CASELLO, collocata nel parco del chiosina appartamenti con giardino a partire da EURO 217.000,00

335 5474033

FIRENZE 1 MINUTO DAL CASELLO di Calenzano direttamente dal costruttore pressi parco della Chiosina, appartamenti con giardino da 217.000,00 335 5474033 ALLORI-NOVOLI in strada interna tranquillissima, ottimo appartamento ampio composto da ingresso, soggiorno, cucinotto camera matrimoniale servizio ripostiglio balcone 235.000 rif.V7251 abitandoimmobi055 3289988 liare@hotmail.it BARBERINO DI MUGELLO vista lago, direttamente dal costruttore complesso colonico completamente e finemente ristrutturato, giardino privato, finiture di pregio, da 335 5474033 175.000,00 BROZZI Interno Tranquillo in bifamiliare appartamento in fase di ristrutturazione soggiorno angolo cottura camera camerina bagno posto auto resede ristrutturazione con isolamento termoacustico e risparmio energetico265.000,00 rif.156 agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 333 647046 - 393 9958454 CALENZANO zona parco delle Cappugnane direttamente dal costruttore appartamento mq 60, ingresso indipendente, giardino e ga335 5474033 rage, 217.000 CASTELLO vendesi tre vani buone condizioni soffitta posto auto 055 250058 195.000 DALMAZIA PRESSI piano alto ottima esposizione rifinito finemente appartamento composto da soggiorno camera cucina abitabile servizo balcone e veranda conclude la proprietà un posto auto di proprietà 055 0515231 euro290.000 LAMI utlimo piano silenzioso panoramico ristrutturato composto da soggiorno con angolo cottura due camere matrimoniali soffitte praticabili terrazzino posto auto di proprietà cantianto250.000 055 0515231 NOVOLI REDI disponiamo appartamenti ristrutturati tutti confort accessoriati domotica buon investimento a partire da235.000,00 agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - 333 6470467 PIAZZA PITTI pressi appartamento al 3 ed ultimo piano senza ascensore mq. 60 su 2 livelli composto da ingresso camera soggiorno cucinotto bagno e ripostiglio268.000 055 676246 POLO UNIVERSITARIO - V. Forlanini luminosissimo trivani, accuratamente ristrutturato, soggiorno/ ang.cottura, due camere, bagno finestrato, balcone, ottimo investimento, libero subito Euro.225,000 rif.V7088 abitandoimmobi055 3289988 liare@hotmail.it S. FREDIANO ottimo appartamento totalmente ristrutturato al primo piano 60 mq. Soggiorno camera cucina bagno balcone travi a vista e 055 676246 cotto320.000 VIA GHIBELLINA direttamente dal costruttore appartamento completamente ristrutturato mq 72, oltre cantina mq 25 e corte esclusiva di mq 12. Ottime finiture. 290.000 335 5474033 VIA REGINALDO GIULIANI vendesi tre vani ingresso indipendente completamente ristrutturato finiture lusso termosingolo 220.000 055 250058

VIA VILLAMAGNA in zona tranquilla appartamento in piccola palazzina 60 mq. Soggiorno camera camerina cucinotto bagno e soppalco travi e soffitti alti cotto termosingolo269.000 055 676246

VALDISIEVE LONDA Direttamente dal costruttore appartamento di nuova costruzione al primo ed ultimo piano, ingresso indipendente, soggiorno con cucina, due camere, servizi, cantina e posto auto. 153.000,00 335 8058088

VALDARNO FAELLA centro, ristrutturato, piano terreno, ingresso singolo mq. 58, cucina, camera, camerina, bagno, ripostiglio e giardino mq. 45,134.000 055 940882 mutuabili 100% MONTEVARCHI pressi direttamente dal costruttore delizioso appartamento 3 vani, finiture di pregio, garage, 195.000,00 335 8058088 - 055 8397307 PIANDISCO’ Centro, ristrutturato, mq. 54, su due livelli, angola cottura, soggiorno, camera, camerina, 2 bagni e ripostiglio,125.000 mutua055 940882 bili 100%

4 VANI FIRENZE

SAN DONATO IN COLLINA Pressi, appartamento di nuova costruzione su due livelli con ingresso indipendente, composto da cucina, soggiorno, 2 camere 2 bagni, ripostiglio, terrazze e balconi + garage e 2 cantine. RICHIESTA 280.000 RIF.B9



832253

055 698065 - 347 8732532

BAGNO A RIPOLI centro, ma in zona tranquilla, caratteristico appartamento su due livelli, grande soggiorno, 2 matrimoniali, 2 bagni, stanza hobby oltre posto auto.perfette condizioni richiesta 390.000 335 7678437 tratt BARTOLOMEO SCALA terratetto di nuova costruzione su tre livelli rifiniture di lusso composto da soggiorno due camere cucina doppi servizi ampie terrazze patio possibilità di posto auto420.000,00 055 0515231 BOLOGNESE-MONTORSOLI posizione collinare panoramica appartamento in villa ristrutturato ingresso indipendente soggiorno angolo cottura due camere bagno corte e giardino privati posto auto330.000 agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 333 647046 - 393 9958454 BORGOGNISSANTI pressi luminoso e panoramico appartamento ultimo piano 95 mq. 4 vani oltre bagno e terrazza abitabile con affacci 055 676246 nel verde395.000 CAMPO MARTE libero su quattro lati panoramico appartamento da rimettere molto luminoso composto da zona giorno con cottura tre camere servizio balcone e ripostiglio termosingolo280.000 055 0515231

CARLO DEL PRETE pressi appartamento al piano terra rialzato 100 mq. 4 vani oltre bagno ripostiglio e giardino 60 mq. Buone condizioni termocentrale360.000 055 676246 COMPIOBBI al terzo ed ultimo piano, luminoso appartamento composto da grande cucina, sala, 2 camere e grande terrazza abitabile di oltre 30 mq. Completa la proprietà garage,310.000 tratt 335 7678437 COVERCIANO stabile signorile ristrutturato soggiorno due camere cucina abitabile servizio ripostiglio resede di proprietà box auto285.000 055 0515231 DALMAZIA/RIFREDI luminoso ampio 4 vani composto da ingresso, soggiorno/cucinotto, 3 camere, servizio, 2 balconi, termosingolo, ascensore 260.000 rif.V7091 abitandoimmobiliare@hotmail.it 055 3289988 FIRENZE SUD, P. A EMA , in zona silenziosa 1ºpiano di piccola palazzina, luminoso appartamento composto da grande ingresso, cucina abitabile, sala, 2 camere, bagno,terrazzi e ripostiglio.garage e posto auto380.000 tratt 335 7678437 FIRENZE-NOVA ottima palazzina ristrutturata ingresso soggiorno cucinotto 2 matrimoniali servizio ripostiglio 2 balconi termosingolo piccolo condominio Euro.280.000 trattabile rif.V7269 abitandoimmobiliare@hotmail.it 055 3289988 GAVINANA libero appartamento 4 vani accessoriato da lungo terrazzo mt.6 x 1,80 più altro balcone, ripostiglio e soffitta. Termo autonomo. Richiesta 265000tratt. Rif. B 13 055 698065 - 336 673472 INDIPENDENZA PRESSI appartamento con ingresso indipendente, giardino, ampie cantine e negozio attiguo. Da ristrutturare. 330.000,00 055 689051 S.COLOMBANO zona residenziale tranquilla piccola palazzina nel verde due appartamenti buono stato ampio soggiorno cucina due camere guardaroba doppi servizi taverna cantina aria condizionata terrazza370.000,00 trat agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - -333 6470467\ S.GERVASIO in piccola palazzina al 2º piano ampio ingresso, sala, cucina con balcone, 2 camere.da rimodernare, richiesta 298.000 tratt 335 7678437 SCALA ottimo appartamento di 100 mq circa composto da ampio soggiorno con due finestre, cucina abitabile, due camere, servizio e soffitta. Rifiniture di pregio. 055 689051 SCANDICCI Piano Alto Centrale ma tranquillo appartamento ottimo stato ingresso cucina ampia abitabile sala due camere matrimoniali bagno ripostiglio due terrazze cantina posto auto420.000,00 agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - -333 6470467\ SETTIGNANO MONTEBENI posizione collinare nel verde in piccola palazzina due appartamenti 80mq circa buone condizioni balcone termosingolo350.000,00 trat agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - 333 6470467 SOFFIANO secondo ed ultimo piano, appartamento con affacci nel verde di quattro ampi vani composto da ingresso, soggiorno, cucina con ripostiglio, due camere, servizio e balcone. 055 689051

VIA GRAN BRETAGNA appartamento mq 90 piano terra nuova costruzione, rifiniture di lusso, grande zona giorno, 2 camere, cucina, doppi servizi, ripostiglio, grande soppalco, piccolo resede esterno no condominio, possibilità posti auto. Belmonte Immobiliare 055 6820637 - 335 325037

VALDARNO CASTELFRANCO DI SOPRA pressi, ristrutturato, ingresso singolo, mq. 70, cucina, soggiorno, camera, camerina, bagno e ripostiglio,129.500 interamente pagabili con rate di mutuo da 760mensili. 055 940882 LECCIO (Pressi Reggello) incantevole zona collinare ben servita, porzione colonica di recentissima ed accurata ristrutturazione, circa 98 mq., ampissimo soggiorno zona pranzo e cucinotto, 2 camere, servizio e disimpegno, corte di proprietà, giardini e parco condominiali, piscina e posto auto Euro.390,000 trattabile rif.V8014 abitandoimmobiliare@hotmail.it 055 3289988

5 VANI FIRENZE 843290

S.QUIRICO/MONTESPERTOLI splendido contesto di Borgo Medievale privato, elegante appartamento, struttura architettonica caratteristica con soppalchi (studio e ulteriore zona notte) cucina, salone/caminetto, cucina, 2 camere, doppi servizi, pregiatissima ristrutturazione, pietra e travi a vista, giardino ed ampio terreno, vista collinare panoramicissima EURO 470.000 RIF.V7250 abitandoimmobiliare@hotmail.it

 055 3289988 - 338 4279491 BELLARIVA in strada tranquilla doppi affacci appartamento composto da sala tre camere cucina abitabile servizio cantina balcone termosingolo355.000 055 0515231 CAMPI BISENZIO fantastico attico 5 vani composto da cucina grandissimo salone due camere due servizi di cui uno con idromassaggio tre terrazze per complessivi mq 150 circa garage consigliamo visitarlo anche condizionamento trattativa ri055 250058 servata. CASTELFIDARDO in contesto signorile appartamento ristrutturato doppia esposizione ampio ingresso soggiorno sala pranzo due camere cucina abitabile servizio ripostiglio piccolo garage eposto auto terraz055 0515231 zato440.000 EDISON in strada silenziosa appartamento divisibile luminoso composto da doppi ingressi salone doppio due camere matrimoniali doppi servizi ripostiglio balconato garage560.000,00 055 0515231 829336

1-2 VANI

CERTOSA collinare posizione dominante contesto signorile splendido appartamento nuova costruzione mq 140 su due livelli, grande zona giorno, 3 camere, cucina, ripostiglio, doppi servizi, 3 terrazze, grande garage. BELMONTE IMMOBILIARE

055 6820637 - 335 325037


ANNUNCI IMMOBILARI FIRENZE SUD Via Kassel appartamento mq 120 completamente ristrutturato piccolo condominio doppi servizi, 2 terrazze. Possibilità posto auto. Belmonte Immobiliare Belmonte Immobiliare 055 6820637 - 335 325037

GRASSINA COLLINARE contesto prestigioso immerso nel verde parco secolare bellissimo appartamento mq 150 grande salone, cucina abitabile, 3 camere, doppi servizi, ripostiglio, 2 terrazzi 2 posti auto, silenzioso, luminoso, oggetto per amatori. Belmonte Immobiliare Belmonte Immobiliare 055 6820637 - 335 325037 NARDI in palazzo signorile doppi affacci silenzioso luminoso doppi affacci appartamento compsto da ingresso soggiorno tre camere cucina doppi servizi ripostiglio balconato cantinato450.000,00 055 0515231 - 338 9402688 SCANDICCI appartamento buono stato palazzina decorosa nel verde ingresso cucina abitabile salotto tre camere doppi servizi ripostiglio due terrazze garage410.000,00 agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - -333 6470467\ SCANDICCI in piccola palazzina quadrifamiliare zona verde vendesi 5 vani buone condiziono 2 balconi 2 posti auto cantina 40 mq termosingolo 370.000 trattabilissimi vero affare! 055 250058 VIA CANOVA pressi stupendo 5 vani doppi servizi finiture di pregio due balconi garage posto auto verde condominiale 420.000 055 250058

898305

Londa una terrazza sul lago

TERRATETTI FIRENZE

CERTOSA vendiamo nuova costruzione villa ter-

ratetto libera su tre lati, luminosa, accessoriata, disposta su tre lati luminosa, superaccessoriata disposta su 4 livelli grande zona giorno, cucina, sala pranzo, 4 camere, 4 bagni, taverna, garage, cantina. Posto auto privato bel giardino.

FIRENZE ATTICO ,zona Via Masaccio di 10 vani, 200mq oltre terrazzo panoramico su firenze oltre garage.1.100.000 335 7678437 CALENZANO zona parco delle Cappugnane direttamente dal costruttore appartamento mq 127, ingresso indipendente, giardino e garage, 360.000 335 5474033 GAVINANA ottima piccola palazzina ampissimo appartamento ingresso/disimpegno cucina doppio soggiorno 3 matrimoniali servizio grande ripostiglio terrazza termosingolo Euro.465.000 trattabile rif.V7224 abitandoimmobi055 3289988 liare@hotmail.it POGGIO IMPERIALE In residence,bell’appartamento con affacci sul verde 120 mq su due livelli ,ampio salone 40 mq con soppalco in muratura, cucina, tre camere , doppi servizi, terrazzino abitabile. Garage 20 mq. Richiesta 600.000tratt. Rif. B 28 055 698065 - 336 673472

055 6820637 - 335 325037



055 698065 - 336 673472

BAGNO A RIPOLI , collinare, terratetto su due livelli con ingresso indipendente, giardino e posti auto.piano terra: cucina, soggiorno, ripostiglio, bagno,camera; 1ºpiano: camera matrimoniale, bagno, vano guardaroba e terrazza abitabile vista firenze.perfette condizioni e.420.000 335 7678437 SCANDICCI pressi humanitas terratetto 5 vani 2 balconi oltre locale di sbratto con camino giardinetto posto auto parzialmente da ristrutturare trattativa riservata. 055 250058 SCANDICCI via Pisana loc. Viottolone, vendesi 4 vani completamente ristrutturati termosingolo 255.000 affare! 055 250058 TAVARNUZZE in contesto elegante panoramico terratetto nuova costruzione accessoriatissimo con ottime rifiniture 100 mq. 4 vani oltre ripostiglio 2 bagni terrazza 2 balconi cantina garage piccolo giardino515.000 055 676246

VALDISIEVE VOLOGNANO, collinare splendido terratetto di recente costruzione su tre livelli , ingresso indipendente composto da cucina abitabile, salone con camino, 4 camere,4 bagni taverna,cantina, garage e giardino 500 mq.molto panoramico 650.000 335 7678437

829337

SCANDICCI via del Botteghino (Borgo ai Fossi) vendesi villetta singola nuova costruzione composta da cucina sala due camere doppi servizi balconi grandissimo garage ampio giardino 510.000 055 250058 STRADA IN CHIANTI in zona silenziosa e nel verde, terratetto libero su 3 lati di recente costruzione,su due livelli composta da cucina abitabile, sala molto grande, 3 camere, 2 servizi oltre garage e giardino privato di 150 mq.perfette condizioni richiesta 470.000 335 7678437 VIA BACCIO DA MONTELUPO vendesi 2 villette a schiera unifamiliari composte da cucina sala due camere doppi servizi taverna lavanderia e mansarda posti auto 570.000 055 250058 VIA DELLE CINQUE VIE PRESSI porzione in villa bifamiliare circa 240mq su due livelli parzialmente da ristrutturare con garage giardino e terreno 15000mq750.000,00 trat.agenzia c...come casa 055 315507 333 6470467 333 647046 - 393 9958454

MUGELLO BORGO S.LORENZO, vicinanze,meravigliosa villa su tre livelli con parco e piscina, lussuosamente rifinita mq 260 composta da cucina abitabile, sala con camino, soggiorno, 4 camere, 3 servizi oltre taverna e garage. Perfette condizioni richiesta 698.000 tratt 335 7678437

VALDARNO

VALDARNO

VIA NORVEGIA pressi ultimo piano luminosissimo appartamento 115 mq. 6 vani oltre 2 bagni e terrazza termocentrale ascensore540.000 055 676246

OLTRE 5 VANI

CONS EGNA SETT EMBR E 2008

BELMONTE IMMOBILIARE INCISA VALDARNO nuova costruzione appartamenti 2/3/4 vani accessoriati, terrazze abitabili, posti auto.richieste a partire da 135000 euro prenotazioni con 3000 euro restanti mutuabili. CONSEGNA ESTATE 2008 RIF. A 447 832252

FIRENZE Interno Tranquillo Viale nenni appartamento 120mq ottimo stato recente ristrutturazione parquet moderno ingresso sala cucina ampia abitabile due camere matrimoniali oltre camerina doppi servizi due terrazze cantina posto auto agenzia c...come casa 055 315507 333.6470467 055 315507 - -333 6470467\

47

febbraio 2008

865681

A 500 mt dal centro del paese VENDESI Villette trifamiliari in costruzione. Ingresso indipendente, doppi servizi, grande terrazza vista lago, giardino privato, garage doppio. Personalizzabili. Agenzia Immobiliare

BAGNO A RIPOLI ,osteria Nuova, porzione di colonica in pietra con giardino di 1.200 mq, composta da zona soggiorno con camino, 3 camere, 3 servizi, lavanderia, studiolo perfettamente ristrutturata richiesta 620.000,00 335 7678437 BAGNO A RIPOLI pressi, porzione di colonica con 12.000mt terreno, totalmente ristrutturata, 150 mq composti da grande cucina, salone doppio con camino, 3 camere, 2 bagni.richiesta 350.000 335 7678437 CANDELI bellissima porzione di colonica finemente ristrutturata, salone con camino, sala pranzo grande cucina, 3 camere due bagni, taverna, porticato, resede e giardino con pi335 7678437 scina 890.000

LORO CIUFFENNA Frazione montana, caratteristico terra-tetto in pietra finemente ristrutturato semiarredato, mq. 65, cucina, soggiorno, camera, camerina, 2 bagni , salottino, giardino con annesso di mq. 40 a 20 m. Da casa,135.000 interamente pagabili con rate da 782 055 940882

VILLE

E

E

TERRENI

BAGNO A RIPOLI , colline , 3 km da v.le europa, in splendido contesto, porzione di villa storica con parco vista firenze, composta da grande cucina, salone doppio, 4 camere, 3 servizi, cantina .trattativa riservata 335 7678437 RIMAGGIO splendida villa indipendente vista su firenze, 340 mq : salone triplo, 2 cucine,5 camere,4 seroltre vizi 1000 mq di giardino.possibilità di divisione. 335 7678437

RIGNANO SULL’ARNO LE TORRI Caratteristica Colonica Completamente ristrutturata, composta al piano seminterrato da garage cantina, al piano terra da ingresso, soggiorno, pranzo, cucina, camera, servizio e ripostiglio, al primo piano due camere con servizio e splendido terrazzo panoramico. RIF.H31

AFFILIATO FI - Europa Via Kassel 18 - Firenze

Tel. 055.689051 - 055.680608

FIRENZE 900367

Affiliato Pirelli RE Agency. Ogni affiliato è imprenditore indipendente ed autonomo.

Affiliato

MONTEVARCHI Moncioni, colonica panoramica, ristrutturata, mq. 152 + mq. 54 di fondi, fienile già deruralizzato e ristrutturato di mq. 37 + mq. 16 di fondo, terreno 3 ettari con 200 olivi e restante bosco,495.000 055 940882 mutuabili.

 055 688520 - 335 5876455 - 333 3144295

TERRANUOVA B.NI pressi, porzione colonica in residence, ristrutturato, terra-tetto, mq. 90, cicina arredata, soggiorno, camera, camerina, 2 bagni, giardino su tre lati mq. 850 + piscina condominiale,270.000 mutuabili 80% 055 940882

BAGNO A RIPOLI/ Osteria Nuova, fienile in pietra in fase di ristrutturazione composto da cucina, salone con camino, taverna, 2 bagni, 2 camere, 2 loggiati , 2 posti auto.posizione dominante430.000 335 7678437

VOLOGNANO Fienile splendidamente ristrutturato, in posizione panoramica, cucina, sala da pranzo, sala, 3 camere, 2 servizi, lavanderia e garage.libero su 4 lati con giardino e terreno a ulivi. E.620.000 335 7678437

COSTRUTTORE VENDE A 15 MIN. da Firenze posizione panoramica fienile libero su 4 lati, mq. 180 + loggia e 800 mq. di giardino circostante. Richiesta EURO 565.000. Finiture personalizzate. No mediazioni

EUROPA pressi, disponiamo di ultimi appartamenti di nuova realizzazione dotati di tutti i comfort 055 689051

MARE

E

MONTI TOSCANA

NIBBIAIA A 4 KM DAL MARE DI QUERCIANELLA costruttore vende direttamente appartamenti 3/4 vani a partire da EURO 180.000,00

 055 8397307 - 335 8058088

850110

VILLETTE FIRENZE

890329

A 500 MT. DAL CENTRO di figline v.no, in zona panoramica di pregio, porzioni di villetta indipendenti con giardino e posto auto privato coperto. Direttamente dal costruttore. PREZZI A PARTIRE DA EURO 295.000,00

COLONICHE

FIRENZE

892331

VENDIAMO

Cell. 339 8786594 388 9488744 - 335 300113

IMMOBILI VARIE

S.MARTINO ALLA PALMA ,pressi, meravigliosa colonica in pietra , su due livelli composta da cucina, sala pranzo, salone, lavanderia, 3 camere, 3 bagni oltre magnifico loggiato e forno.completano la proprietà fienile, garage, 19.000 mq di terreno.trattativa riservata 335 7678437

VALDARNO

CAVRIGLIA PRESSI ultimi terratetti e appartamenti in pronta consegna in bellissimo complesso residenziale in posizione dominante e panoramica. ottime rifiniture, ingressi indipendenti, giardini, garage e taverne. Terratetti a partire da Euro 247.000. Appartamenti a partire da Euro 159.000.  055 9166474 - 335 7778374

Studio Toscano

055 8351541

NIBBIAIA pressi località, appartamento 2 vani di nuova costruzione, circa mq. 53 ingresso indipendente soggiorno angolo cottura camera, servizio, giardino, cantina e posto auto coperto 165.000,00 335 8058088 QUERCIANELLA Pressi Località Nibbiaia, appartamento 3 vani di nuova costruzione, circa mq. 60 ingresso indipendente soggiorno angolo cottura camera cameretta servizio, giardino e posto auto coperto 335 8058088 180.000,00

AFFITTI OFFERTA FIRENZE COLLINE SCANDICCI Zone collinari Romola/cerbaia disponiamo di appartamenti con terrazza o giardino ammobiliati o non a partire da850 contratto 4+4 lavoratori referenziati agenzia c...come casa 055 315507 333 6470467 055 315507 - 333 6470467 PONTE VECCHIO pressi, bilocale in storico palazzo a torre composto da soggiorno-angolo cottura, ca055 689051 mera e servizio.


Il Reporter - Quartiere 5 - Febbraio 2008  

Il Reporter - Quartiere 5 - Febbraio 2008

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you