Issuu on Google+

1182047

Il Giornale nel tuo Comune Service ufficiale

LOMBARDINI

TEL 055 820007 Periodico d’informazione locale. Anno V n.54 del 6 giugno 2011. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

PRIMO PIANO

attUalitÀ chianti

GIUGNO 2011

Tutti in ferie sul pianerottolo Andrea Muzzi*

S

il reBUS rinnovABili protezione civile Maxi In Toscana esercitazione l’energia l’11 verde giugno: va forte, ma neluomini cento settoreinsono azione a rischio ventimila per un test posti provinciale di lavoro PAGG.10-11 PAG.4

Tavarnelle Tre volontarie e tante idee: la storia delle ragazze del servizio civile

Estate: chi va, chi viene e chi resta PAGG.2-3

PAG.5

Sport

Tutte La bellalestagione estati possibili di Firenze C

SiGnori, Si cAMBiA Grandi manovre in casa viola per rinnovare la squadra dopo un’annata difficile PAG.37

pallavolo Il Bisonte e San Mariano a “confronto”: parlano due protagoniste, Francesca Babbi e Silvia Tosti PAG.38

i siamo. L’estate è tornata in tutta la sua prepotenza, con il clima pazzo a cui - a quanto pare - è bene abituarsi (l’esperto avvisa: sarà una stagione all’insegna delle ondate di calore con pioggia a tratti) e con il suo paniere di novità. Ad esempio - e che esempio - è tornata la ztl, con le sue restrizioni per chi vuol entrare in centro in auto e una zona “rossa” chiusa persino ai motorini. Ma sono tornate anche le arene estive, per frescheggiare

sotto le stelle con gli occhi puntati su un maxischermo, ed è ripartita la stagione delle piscine, per chi il mare è costretto a inventarselo in città. E poi c’è lui, il signore di Firenze, l’Arno. Tutto da vivere: sulla spiaggetta, in modalità lucertole al sole, per gli amanti della tintarella, oppure armati di canne da pesca per chi ha voglia di cimentarsi in uno sport nuovo. E via, ché settembre, come sempre, non tarderà troppo PAGG.14/17 ad arrivare.

tradizioni San Casciano

Un borgo “machiavellico” PAG.6

E il calcio storico All’interno l’inserto tornò in scena dell’amministrazione comunale

tendenze

Il boom dei gruppi d’acquisto on line PAG.27

Edizione del Chianti F.no • 13.050 copie distribuite da

PAGG.23-26 PAGG.28-29

tangata sui traghetti: aumenti con punte del 130%. Viaggiare in traghetto costa così tanto che per risparmiare conviene direttamente comprarselo, il traghetto. Per spendere poco ci sono i viaggi alternativi. Ad esempio, se si vuole andare su un’isola italiana, basta fare l’autostop fino all’Albania e da lì tornare in Italia con il primo scafista. Appena sbarcati, però, attenzione alla polizia che potrebbe rimpatriarvi nuovamente in Albania. La soluzione più economica per andare su un’isola resta quella ecologica: a nuoto. Non bisogna avere fretta ma prima o poi si arriva. Forse. Un mio amico ha prenotato un monolocale in Sardegna per settembre, ieri a Piombino s’è tuffato in acqua! Per molti di noi le ferie quest’anno saranno più corte del solito. Io per esempio le ho già fissate: parto mercoledì 3 agosto alle 12,30 e torno a casa lo stesso giorno alle 12,35. Sto 5 minuti sul pianerottolo e poi rientro. È il massimo che mi possa permettere. D’altronde gli unici posti di mare che costano poco sono quelli più inquinati. L’anno scorso andai con la famiglia al mare in un posto dove sulla spiaggia c’era addirittura un ripetitore. Tutte le volte che i miei bambini accostavano una conchiglia all’orecchio non sentivano mica il mare. Sentivano Radio Maria. Mio fratello ha affittato a un prezzo vantaggioso una casa ad appena 100 metri dal mare... e a 25 da una discarica abusiva. Mio cugino, invece, va al mare in una località dove producono la candeggina. Non riesce ad abbronzarsi. Se prende il sole diventa rosso, poi si tuffa in acqua, esce ed è già stinto! *Comico


2

Giugno 2011

il giornale nel tuo comune

L’INCHIESTA. Un vademecum per i mesi più caldi

Chianti, quest’anno l’estate è low cost Il solleone sta arrivando: il punto su come andrà il turismo (in entrata e in uscita) e sui servizi per chi rimane a casa Gianni Carpini

E

state tempo di vacanze, per alcuni e non per tutti. Soprattutto in tempi di crisi. I chiantigiani tirano la cinghia, visti i tempi di magra, e le sforbiciate sul bilancio familiare non risparmiano le ferie, che si modificano di conseguenza: il soggiorno si accorcia, si tende a spendere di meno, la vacanza è sempre più mordi e fuggi. In una parola “low cost”. Trend confermato dalle stesse agenzie di viaggio del Chianti. C’è chi va e chi viene: i “verdi colli” sono meta ogni anno di migliaia di turisti da tutto il mondo, affascinati non solo dalle bellezze paesaggistiche e dai caratteristici borghi, ma attirati anche dal buon cibo e dall’ottimo vino. In questo campo però il “chiantishire”,

com’è stata ormai ribattezzata la zona dai turisti britannici (Tony Blair in testa), rischia di perdere il suo primato: la patria del Gallo Nero deve fare i conti con la concorrenza agguerrita di un gruppo di paesi emergenti. A lanciare l’allerta sono gli esperti del turismo enogastronomico, che avvertono: urgono contromisure, a partire dall’ambito della comunicazione web. C’è chi viene e chi resta. Per tutti i chiantigiani che non partiranno per le vacanze scatta il “piano estate”, una serie di servizi messi a punto dai comuni che riguardano soprattutto le fasce più deboli della popolazione, come anziani e bambini. E allora come vivere la stagione del solleone? In queste pagine un vademecum per passare un’estate serena. è arrivata la bella stagione

TURISMO. Le ferie dei residenti? All’insegna dell’economia

Una stagione mordi e fuggi tra rinunce e risparmio F

ino a qualche anno fa, c’era un luogo comune piuttosto diffuso, che individuava nei ristoranti e nelle strutture ricettive per vacanze quelle “isole felici” in cui rifugiarsi per restare al riparo dalla crisi. Purtroppo dall’osservatorio di chi di turismo e vacanze vive, le agenzie viaggi, la situazione appare oggi piuttosto critica. L’estate 2011 si preannuncia sempre più all’insegna del “mordi e fuggi”, mentre molti sono coloro che decidono di rinunciare alle vacanze. E per le agenzie viaggi si prevedono tempi duri. Secondo quanto riferito da quelle ubicate nel Chianti, le prenotazioni di questo 2011 riflettono appieno la situazione che ancora alberga in molte famiglie, in perfetta linea con quanto accaduto negli ultimi anni, da quando la crisi ha

Le agenzie: la crisi non è passata. Si spende meno e si riduce il tempo di soggiorno

stretto in una morsa le finanze dei ceti medio-bassi e non ha ancora mollato la presa. Traslato sulle abitudini vacanziere tutto questo significa che si spende sempre meno e si sta soprattutto attenti, non tanto alla destinazione quanto ai costi. La richiesta di preventivi e depliant è cresciuta in modo esponenziale, ma solo una esigua percentuale si

traduce poi in prenotazione della vacanza. Il parametro in base al quale viene scelta la meta è sostanzialmente uno: il prezzo. Va da sé che le soluzioni e i luoghi per concedersi una breve vacanza, spendendo il minimo indispensabile, sono sempre presi d’assalto. A tal proposito all’Italia, che ha strutture care e poco concorrenziali, si preferisce l’estero, soprattutto località come la Tunisia dove, prima che intervenissero problemi legati alla sicurezza, i chiantigiani si recavano in modo massiccio. Pur di spendere meno, si cambia anche, quando possibile, il periodo deputato alle ferie e per quanto attiene alla durata media del soggiorno ormai la vacanza-tipo per i cittadini del Chianti si ferma a una settimana all’anno. Ciò non vuol dire che in Chianti si prediliga il last minute che anzi, nella scorsa estate, è miseramente fallito. “Dato l’insuccesso delle prenotazioni fatte con largo anticipo – dice la titolare di un’agenzia viaggi chiantigiana – la scorsa stagione si pensava che tutti cogliessero al volo le offerte last minute. Invece l’amara sorpresa è che a vincere è stata decisamente la rinuncia alla vacanza”. Vero anche è, per contro, che nei paesi, anche in quelli del Chianti, si assiste nei mesi estivi a un vero e proprio esodo verso le località di vacanza. Dove sono dunque i chiantigiani? Per lo più in case affittate collettivamente con amici e parenti, per ridurre la spesa; oppure, in alternativa, nel buon vecchio e molto conveniente campeggio per il quale, proprio per andare incontro a questa nuova preferenza da poco nelle agenzie si trovano catalo/I.B. ghi di offerte dedicate.

il reporter è un periodico di 10 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 216.486 copie

Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68

Giuseppe Della Maria)

Viaggi enogastronomici, parla l’esperta

Il futuro del Chiantishire

T

urismo, vino e cibo. Tre aspetti che nel Chianti vanno a braccetto, attirando ogni anno migliaia di turisti. Un segmento, quello del turismo enogastromico che sta però iniziando a sentire la concorrenza di paesi emergenti. Ne abbiamo parlato con un’esperta: Maria Francesca Romano, docente della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Qual è la situazione del settore? Il turismo enogastronomico è trainato nel nostro paese soprattutto dalle presenze straniere. Si tratta di un turismo di alto livello su cui adesso stanno puntando anche altri paesi come la Spagna, la Grecia e la Turchia. Una concorrenza estera che rischia di togliere al “Chiantishire” il suo primato, se questo territorio non riuscirà a trovare una visibilità adeguata su internet. Cosa è necessario fare? Attrezzarsi meglio per non perdere il vantaggio. Il punto di forza del Chianti è sicuramente l’esistenza di piccole strutture legate al territorio, alla tradizione e alla cultura. Allo stesso tempo questo può essere controproducente: sul web esistono una miriade di siti internet non collegati tra loro. Il turista enogastronomico generalmente

Il Reporter del Chianti F.no raggiunge 13.050 famiglie Periodico d’informazione locale nei Comuni di Barberino, Tavarnelle, San Casciano

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&press edizioni s.r.l.

di

L’intervista

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN)

Copia in abbonamento postale

(foto

Anno n.54 del 6 giugno N°reg 5579Vdel 17/05/2007 tribunale di2011 Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

Maria Francesca Romano

non si affida a tour operator, ma si documenta e sceglie di testa propria. E’ necessario creare una rete anche tra aziende concorrenti. Gli esperti parlano di coo-petition: competizione, ma anche cooperazione tra le varie realtà per promuovere il territorio. Fare rete per avere una maggiore visibilità e stimolare l’interesse del turista. Qual è l’identikit del turista enogastronomico tipo? E’ un turista di alto livello, si sposta in prevalenza in coppia o con un gruppo di amici e non cerca solo il vino o il cibo: è interessato anche alla cultura, alle tradizioni, alle bellezze naturali e /G.C. architettoniche.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


3

BARBERINO • SAN CASCIANO • TAVARNELLE

focus/1. Dall’assistenza agli anziani fino alle attività dedicate ai più piccoli: ecco cosa non andrà in vacanza

Aperto per ferie: le offerte per chi resta Scatta il piano del Comune di San Casciano, istruzioni per un’estate sicura: compagnia telefonica domiciliare, over 75 a rischio salute “sotto sorveglianza” e centri estivi per i bambini

Q

uando si parla di estate e di alte temperature, vengono subito alla mente i problemi legati alle fasce più deboli della popolazione: gli anziani e i bambini. Proprio pensando a loro, anche per l’estate 2011, il Comune di San Casciano sarà “aperto per ferie”. Tanti sono infatti i servizi messi a disposizione, in collaborazione con le associazioni di volontariato locale, per migliorare la qualità della vita nei mesi estivi, a

cui si aggiunge il materiale informativo. Iniziando dagli over 65 torna il progetto “Estate Sicura Anziani”, la risposta che l’amministrazione comunale dà ai cittadini più attempati, attraverso un ampio raggio di servizi, come la sorveglianza attiva nei confronti degli ultra 75enni a rischio, il telesoccorso, la teleassistenza, il sostegno e la compagnia telefonica domiciliare, il disbrigo di pratiche, l’ospitalità diurna, la consegna di

spesa, pasti e farmaci a domicilio. Questi ultimi vengono recapitati tramite i vigili giurati, in modo gratuito per chi ha più di 75 anni. In arrivo anche un vademecum per passare un’estate serena: consigli utili per combattere il caldo, attraverso semplici accorgimenti, sono contenuti negli opuscoli informativi, che presto saranno in distribuzione all’Urp o scaricabili dal sito internet del Comune. Quanto alle occasioni di socializzazione, se non si è partiti per le vacanze al mare o in montagna insieme ai volontari Auser, una buona possibilità di ritrovarsi e scambiare due chiacchiere è rappresentata dalle arene estive, dentro le mura (via Lucardesi), al parco del Poggione, al Parco della Botte e dai tanti eventi organizzati nelle frazioni in collaborazione con le associazioni locali. E per i più piccoli? La chiusura delle scuole può costituire una difficol-

tà enorme per molte famiglie, che, continuando a lavorare, non sanno a chi lasciare i propri figli durante la giornata. Anche in questo caso il supporto del Comune c’è: i centri estivi organizzati al parco della Botte, presi letteralmente d’assalto da oltre 300 ragazzi durante l’estate scorsa. Qui fra la bellezza del luogo, immerso nella natura chiantigiana, la varietà degli impianti che consentono lo svolgimento di attività sportive, giochi e le opportunità ludico-motorie arricchite dal parco avventura “Il Folletto”, i bambini tra i sei e i quattordici anni, possono trascorrere intere giornate all’insegna del relax, divertimento e relazioni. Per loro è attivo il servizio trasporto comunale. Per i bimbi nella fascia di età fra i tre e i sei anni, sarà invece disponibile uno spazio all’interno delle strutture comunali, provviste di /I.B. mense e servizio di trasporto.

focus/2. La zona è al sicuro: “Nessun rubinetto a secco”, garantiscono gli esperti di Publiacqua

Siccità: niente allerta, c’è l’autostrada dell’acqua G

li ultimi mesi sono stati meno piovosi del solito e scatta il timore per un’eventuale siccità nel Chianti, territorio storicamente segnato dalla mancanza di risorse idriche. A rasserenare gli animi ci pensa Publiacqua: nessun rischio di restare con i rubinetti a secco, assicurano i tecnici, anche grazie agli ultimi investimenti e alla cosiddetta “superstrada dell’acqua”, la rete che parte dall’impianto di potabilizzazione fiorentino dell’Anconella e viaggia per ben 45 chilometri, fino ad arrivare a Barberino Val d’Elsa. Una maxi tubatura, che garantisce l’approvigionamento idrico nel caso in cui le risorse locali non bastassero. Anche a livello provinciale la situazione è piuttosto tranquilla. Al momento, spiegano gli esperti, non ci sono grandi segnali di criticità.

L’inverno è stato piuttosto piovoso, mentre la primavera ha visto una diminuzione delle precipitazioni, ma niente di preoccupante. “Solo 4 anni fa il Chianti era una zona ad alto rischio siccità, con l’approvvigionamento idrico molto difficoltoso e l’acqua che, in alcuni casi, non riusciva ad arrivare ai primi piani delle case – afferma il presidente di Publiacqua Erasmo D’Angelis – adesso la situazione è molto migliorata. A questo territorio abbiamo destinato il 15% degli investimenti complessivi fatti dalla nostra azienda. Stiamo parlando di una cifra che si aggira intorno ai sessanta milioni di euro”. Nel 2010, per la prima volta, l’anno si è concluso senza alcuna emergenza idrica, anche grazie all’infrastruttura che mette al sicuro il Chianti. “E’ stato un

D’Angelis: “Investiti 60 milioni di euro per garantire l’approvvigionamento”. E ora si apre una stagione di interventi strutturali, alla ricerca di nuove risorse grande risultato – continua D’Angelis – ma non ci fermiamo qui. Stiamo studiando un nuovo piano di interventi, per garantire la sicurezza idrica nei prossimi anni. Dobbiamo restare con gli occhi aperti: l’acqua è

una risorsa preziosa ma anche soggetta a molti mutamenti, come quelli causati dai cambiamenti climatici”. In particolare gli esperti stanno vagliando tutta una serie di depositi presenti già sul territorio, per sfruttarli e introdurli nella rete di Pubbliacqua. Tra questi il deposito di Cintoia, vicino a Greve in Chianti, utilizzato in passato per l’imbottigliamento e la messa in commercio di acqua naturale. L’idea, lanciata da Erasmo D’Agenlis, è quella di sfruttare questo “tesoro naturale”, prima di tutto per i rubinetti dei cittadini. Accanto agli interventi strutturali c’è poi un altro piano su cui muoversi, quello della prevenzione, con iniziative per incoraggiare il risparmio delle risorse idriche e un loro uso respon/G.C. sabile.


4

Giugno 2011

il giornale nel tuo comune

l’evento. Il prossimo 11 giugno esercitazione per la protezione civile tra Barberino e Tavarnelle

A caccia dei dispersi, ma è un test Verrà simulata la scomparsa di alcune persone, con l’entrata in azione un centinaio di uomini. Ci sarà pure un “aiuto tecnologico” Gianni Carpini

A Tignano il festival verde

D

L

a scomparsa di alcune persone, l’allarme, l’entrata in azione delle squadre di ricerca e delle unità cinofile. Una situazione realistica sotto tutti gli aspetti, ma è “solo” un’esercitazione. Si tratta della simulazione “Segugio 2011” che il prossimo 11 giugno coinvolgerà un centinaio di persone, tra personale della protezione civile e volontari delle associazioni sui territori di Barberino e Tavarnelle. L’obiettivo? Testare i tempi di reazione dei soccorsi in caso di persone scomparse e verificare il coordinameno tra le varie forze impegnate nella ricerca. L’esercitazione, promossa dalla protezione civile provinciale di Firenze in collaborazione con il centro intercomunale dei colli fiorentini, scatterà al mattino. Ovviamente i dettagli sono top secret: non è possibile sapere né il luogo preciso, né l’orario in cui scatterà l’allarme (simulato). Dopo l’inizio delle operazioni verrà costruito un campo base: un vero e proprio quartier generale da cui saranno dirette tutte le operazioni, che coinvolgeranno, oltre alla polizia provinciale e alla protezione civile, i volontari delle associazioni che ogni giorno sono attive nei due comuni. In occasione del test chiantigiano sarà sperimentato uno speciale aiuto tecnologico: un nuovo software “individua – dispersi”, a disposizione della protezione civile provinciale, che “spierà” dal cielo l’evolversi della situazione. E’ un programma che funziona tramite il sistema gps e l’individuazione geografica satellitare. Tramite l’elaborazione dei

zoom. Scienza e musica, un mese di appuntamenti

Il software: un occhio dal cielo seguirà le operazioni dati, consente di seguire in tempo reale le operazioni, vedendo direttamente sullo schermo una mappa in cui è segnalata la posizione delle varie squadre impegnate sul campo e le zone già battute. Un valido sostegno in situazioni di emergenza. “La ricerca di persone scomparse coinvolge sempre più la protezione civile – spiega Cristian Braganti, responsabile del centro intercomunale dei colli fiorentini

RESTAURIAMO TUTTO... E SOLO A MANO!!!!

Il 14 luglio c’è Margherita Hack, il 28 arriva Enrico Rava and roll e pop di stampo britannico, passando per l’America indipendente degli anni più recenti. Chiusura del cartellone il 23 luglio con i Syrah, cinque ragazzi toscani con la /G.C. passione per il Brit Rock.

Centro revisioni autoveicoli da oltre 10 anni ANNUNCIA LA PROSSIMA APERTURA PER IL SERVIZIO REVISIONE: MOTO, CICLOMOTORI, TRICICLI, QUADRICICLI E QUAD

di Capperi Giacomo

SAN CASCIANO VAL DI PESA

Rava, insieme al trombettista Gianluca Petrella. A chiusura del cartellone la cena-spettacolo Ante quem. Il duo omonimo accompagnerà con le sue note le gustose portate e gli antichi sapori di Tignano. Ma il castello si animerà anche grazie al rock del music festival, al via sabato 2 luglio. Il primo a esibirsi sarà il gruppo all’indie-rock Modreef. Il 9 luglio sarà la volta dei Venkmans, che abbinano sonorità indie-rock ad atmosfere frizzanti elettro-pop. Ancora un sabato di grande energia quello del 16 luglio con i Vickers, il cui lavoro oscilla tra il miglior rock

SAMBUCA

• MOBILI • CORNICI •INFISSI • LACCATURE • TRATTAMENTO ANTITARLO • IMPAGLIATURE SEDIE RESTAURI

Via Morrocchesi, 60

Margherita Hack

L’AUTOFFICINA CARROZZERIA

RESTAURO

LIGNEI Tel. 339 6190379

– in un anno abbiamo a che fare, in media, con 4 – 5 casi di questo genere. L’esercitazione ‘Segugio 2011’ serve per testare i tempi di attivazione dei soccorsi e anche la coordinazione tra i vari enti impegnati nelle operazioni”. Il centro intercomunale coordina il servizio di protezione civile sul territorio di sette comuni fiorentini, tra cui anche Tavarnelle e Barberino, gestendo i contatti con una quindicina di associazioni di volontariato. Il Chianti non è nuovo a esercitazioni di questo genere. L’ultima si è svolta lo scorso 27 maggio e ha coinvolto Impruneta, Greve in Chianti e San Casciano, nella simulazione dei soccorsi a seguito di un evento sismico.

a borgo medioevale a palco di eventi. Anche quest’anno torna il Tignano Festival per l’ambiente, che porterà tra Barberino e Tavarnelle grandi nomi come l’astrofisica Margherita Hack, il jazzista Enrico Rava e molti altri. Due le anime della manifestazione: da una parte gli eventi dedicati alla sostenibilità ambientale, dall’altra il Tignano music festival, con un cartellone di quattro concerti rock dedicati a un pubblico più giovane. La prima parte prenderà il via il 7 luglio con un omaggio ai 150 anni dell’unità d’Italia, grazie allo spettacolo lirico “Va pensiero sull’ali dorate”, presentato dall’unione corale senese con la direzione artistica di Klara Mitsova. In programma musiche verdiane, con una selezione delle arie più popolari. Il 14 luglio sarà la volta della scienza, con l’arrivo in Chianti di importanti studiosi. A Tavarnelle si parlerà di energia, in occasione della conferenza “Dai dinosauri ai serbatoi dei suv - c’era una volta il petrolio”. Previsti gli interventi di esperti, tra cui Ugo Bardi, docente di chimica all’Università di Firenze e presidente della sezione italiana dell’Aspo, l’associazione per lo studio del picco del petrolio. La professoressa Margherita Hack si occuperà invece dei vantaggi e delle condizioni necessarie allo sfruttamento dell’energia nucleare. Sette giorni più tardi la musica sarà protagonista a Barberino per il duke Ellington’s sacred concert della sunrise jazz orchestra con la filarmonica Michelangiolo Paoli, in collaborazione con i cori “Animae voces” e “Sesto in canto”. Grande ospite il 28 luglio: sul palco del Castello di Tignano salirà uno dei più importanti jazzisti italiani, Enrico

1115149

1119004

via F. Borromini, 64 Sambuca V.P.

PRENOTAZIONI: Tel.

055-8091189


5

BARBERINO • SAN CASCIANO • TAVARNELLE

tavarnelle. Successo per le gite pomeridiane dedicate agli anziani e ideate da tre volontarie

Se il servizio civile va in trasferta Tre escursioni in tre mesi. Alto gradimento per l’iniziativa pensata e organizzata dalle giovani che prestano servizio al Comune di Tavarnelle Gianni Carpini

S

i sono rimboccate le maniche e hanno deciso di fare qualcosa che va oltre le normali attività programmate. Hanno così organizzato una serie di gite per anziani, che hanno riscosso un discreto successo. E’ la storia delle tre ragazze impegnate nel servizio civile al comune di Tavarnelle. Al lavoro dal dicembre scorso, tutte giovanissime (tra i 20 e i 26 anni), di norma sono impegnate nell’assistenza degli over 65: accompagnano gli utenti a fare la spesa, al mercato, fanno compagnia agli anziani. Poi è nata l’idea di proporre qualcosa di nuovo, mettendo su delle piccole gite pomeridiane, alla scoperta del territorio: la prima si è svolta a metà aprile al museo archeologico di Castellina in Chianti, la seconda nel mese di maggio, a Monteriggioni. E dopo le numerose richieste, per questo mese di giugno è in cantiere una nuova escursione,

alla scoperta dell’arte e delle bellezze del territorio. “Ci piaceva l’idea di proporre qualcosa che valorizzasse le passioni delle persone – racconta Veronica Trovato, 26 anni, una delle ragazze del servizio civile – è un modo diverso per stare insieme. Molto spesso sono gli stessi anziani a farci da guida: ne sanno molto più di noi, alcuni hanno grandi conoscenze sui luoghi che visitiamo”. Un’esperienza che è piaciuta, visto che molti si sono rivolti alle giovani per partecipare a nuovi appuntamenti. C’è chi ha proposto pure le mete dei viaggi futuri, come San Gimignano, Colle Val d’Elsa o ancora Casole d’Elsa. Alcune delle richieste sono arrivate da persone esterne alla cerchia di utenti seguiti dai servizi sociali del Comune. “Segno che l’iniziativa interessa sempre di più i cittadini – spiega Claudia Orsini, 20 anni – è un fatto che ci fa piacere. Il servizio civile mi sta fa-

gita fuoriporta: le volontarie e alcuni anziani

cendo crescere: è una bella esperienza, ma anche molto forte, che mi ha toccato profondamente”. Sono state le tre ragazze a organizzare nei minimi dettagli le gite, aperte a gruppi di massimo 15 persone, realizzando volantini e locandine per

promuovere le iniziative. “E’ un bell’impegno, molto stancante – dice un’altra volontaria, Denise Andreucci, 25 anni – ma è una bella soddisfazione. Un’esperienza che ci arricchisce e ci fa crescere anche dal punto di vista umano”.

territorio. A Tavarnelle scendono in campo gli ispettori ambientali: controlli contro l’abbandono dei rifiuti

E da oggi vita dura per i furbetti del cassonetto B

asta con l’abbandono di rifiuti. Stop anche ai “furbetti” che gettano nei cassonetti rifiuti non differenziandoli in modo corretto. Da alcuni mesi a Tavarnelle sono entrati in azione gli ispettori ambientali di Quadrifoglio, personale formato per vigilare sul rispetto delle principali norme che riguardano i rifiuti. Le attività sono molteplici e spaziano dall’informazione alla rilevazione di eventuali sgarri: i “vigili” verificano il corretto conferimento dei rifiuti, effettuano il monitoraggio del servizio di raccolta porta a porta, rilevano e indagano sull’abbandono di immondizia. Gli ispettori possono infatti intraprendere delle indagini per individuare chi ha lasciato rifiuti in strada. Generalmente sono due le persone per ogni turno di lavoro che sorvegliano il territorio di Tavarnelle, agendo dietro se-

gnalazione del Comune, della stessa azienda di servizi ambientali o dei singoli cittadini. Il ruolo di questi “vigili ecologici” non si ferma solo al controllo: tra i loro compiti c’è anche quello di informare gli utenti, aiutandoli a compiere una buona raccolta differenziata. Non sempre sono chiare le regole in base alla quali dividere i diversi rifiuti. Dove buttare i fazzoletti di carta? E il cartone della pizza, dove si getta? O ancora: le posate di plastica, vanno nella raccolta differenziata? Domande a cui si può facilmente trovare risposta visitando il sito internet di Quadrifoglio (www. quadrifoglio.org) oppure rivolgendosi direttamente agli ispettori ambientali. “Si tratta di una figura di cui il nostro territorio si avvale non solo come elemento di controllo ma anche come anello di collegamento tra l’amministrazione

SOLUZIONI...PER CURARE e arredare i tuoi spazi all’aperto!

comunale e i cittadini” commenta l’assessore all’Ambiente David Baroncelli. Intanto il Comune ha stilato un dossier che fotografa la salute, dal punto di vista ambientale, del territorio. Tavarnelle ha infatti ottenuto e mantiene da tre anni la certificazione Iso 14001 e la registrazione Emas, due riconoscimenti per la sua eco-sostenibilità. Il rapporto promuove le azioni portate avanti fino a oggi. “Il livello di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del nostro comune è cresciuto negli ultimi anni – spiega ancora Baroncelli – la raccolta differenziata è in costante crescita, mentre come istituzione abbiamo investito sul rinnovamento del parco macchine, con l’acquisto di veicoli a gpl, e sulle energie rinnovabili, con la realizzazione di pannelli /G.C. fotovoltaici e centrali a biomasse”.

TAPPEZZERIA B.B.F. .B.F. ERIA B DEL PPEZZ O A T T N A L SCO UNO OFFRE

10%

IPI DI TTI I T SU TU E IE AR R ZANZ escluso) ggio

(monta

VISITATE LA NOSTRA ESPOSIZIONE dal lunedì al sabato 9.0 0 - 1 3 . 0 0 • 1 5 . 0 0 - 1 9 . 0 0

www.soluzionifaidate.it

EI N SC OLT ON RE TO SU DE T L TE UTT N II (m on DE T I D PI ta gg A DI S io es OLE c O

10

%

lu

so

)

e in piu’ si rimettono a nuovo i vostri DIVANI, SEDIE, POLTRONE... si realizzano TENDE a vostro piacimento SU MISURA potrete trovare anche ASSORTIMENTO DI TESSUTI

1115229

Via Etruria n. 2 Loc. Ponterotto San Casciano V.P.

tel e fax 055 8249162

UN

Via P. Picasso, 7 - Cerbaia Val di Pesa (FI) Tel. e Fax 055.826053 Cell. 393.8359585 - 338.3870100 1162796

igor.bellini@alice.it


6

Giugno 2011

il giornale nel tuo comune

LAvori. Interventi di riqualificazione in vista per il borgo di Sant’Andrea in Percussina

Il paese del “Principe” torna alle origini Qui Machiavelli passò il suo “esilio dalla politica”. Adesso

Ilaria Biancalani

le strade della frazione di San Casciano saranno recuperate:

N

riassumeranno il loro aspetto di una volta. Il tutto grazie a un progetto che ha ricevuto i finanziamenti dell’Unione Europea

el 1500 fu il paese dell’esilio forzato di Machiavelli, luogo dove nacque il “Principe”, uno dei capolavori della letteratura italiana. Adesso il suo volto cambia e tornerà all’aspetto originario di secoli fa, grazie a una serie di interventi di riqualificazione finanziati dall’Unione Europea. Si tratta della frazione di Sant’Andrea in Percussina, borgo nel quale

focus Casa del popolo

Quasi mezzo secolo di storia

C

uno scorcio di

Sant’Andrea

in

Percussina

1149005

ompie 40 anni la casa del popolo di San Casciano. Molto tempo è passato, ma le immagini di un’opera che prende forma grazie alla forza e all’impegno di braccia e mani di giovani e anziani, sono ancora nitide nella memoria di alcuni cittadini come Vasco Agresti, Giuseppe Beni, Adelindo Balestri e Renzo Campolini che, mattone su mattone, contribuirono a edificarla negli anni dal 1968 al 1971. Qualcuno di loro ricorda ancora il numero complessivo delle ore dedicato alla realizzazione della struttura di via dei Fossi: 67mila. E come dimenticare la sottoscrizione necessaria alla copertura finanziaria dell’intervento: 30 milioni di lire. Fondi raccolti dalle centinaia di cittadini che investirono sulla casa del popolo, come presidio della democrazia, fulcro culturale e ricreativo, centro di aggregazione sociale. A distanza di 40 anni, gli intenti che animano chi fa vivere il locale sono rimasti immutati. I 200 volontari che ogni giorno aprono le porte del circolo, lo riempiono tuttora di contenuti, attività, servizi, supporto alle associazioni. Insomma, nonostante la maturità raggiunta, la Casa del Popolo ha energia da vendere. Per festeggiare l’anniversario della fondazione di un punto di riferimento per il territorio, il circolo Arci di San Casciano ha messo in piedi un ricco calendario di eventi, che propone momenti conviviali, proiezioni cinematografiche, spettacoli, esibizioni di danza, performance teatrali, concerti, eventi espositivi, dibatti e incontri con gli amministratori di ieri e quelli di oggi. L’iniziativa è patrocinata dal Comune e realizzata con il contributo di ChiantiBanca (Info: /I.B. 055 820779).

la vita e l’attività rurale hanno saputo mischiarsi a quella politico-letteraria del celebre intellettuale fiorentino, Niccolò Machiavelli. Proprio qui passò i suoi giorni di ozio forzato, nella casa che tuttora conserva le tracce del suo vissuto. Fu in questa oasi di pace, complice il silenzio della campagna, che, dando spazio alla sua fervida creatività, riuscì a comporre quello che sarebbe divenuto uno dei capolavori della letteratura italiana: De Principatibus (Il Principe). Nel dicembre scorso, è stata una neo-residente del borgo, l’architetto Silvia Nanni, a parlare per la prima volta di una proposta destinata a recuperare e riqualificare il piccolo centro abitato. “La mia attenzione verso i problemi che affliggono la frazione – aveva detto Nanni - è stata dettata dal dispiacere nell’osservare il progressivo stato di degrado, nella sua forma più sottile che è la noncuranza. Ritengo che sia fondamentale per conservare il patrimonio storico, ricostruire l’identità del luogo”. L’amministrazione comunale aveva subito accolto questo piano di recupero che tuttavia, date le ristrettezze in cui sono costrette le finanze degli enti pubblici, era stato accantonato a causa degli elevati costi di realizzazione, senza però archiviare del tutto l’idea. A distanza di pochi mesi è nato quindi un nuovo progetto, stavolta elaborato dagli uffici tecnici comunali, del quale è già stata approvata la fase esecutiva e che presto potrà essere avviato. L’idea è infatti piaciuta in Europa: grazie alla partecipazione al bando “Gal Start”, è riuscita a ottenere un finanziamento. Entrando nei dettagli il disegno prevede un intervento di risistemazione della pavimentazione, che vuole riprodurre, attraverso l’utilizzo di tecniche contemporanee, lo strato antico della viabilità che attraversa e costituisce il nucleo centrale del borgo. Per la realizzazione dell’opera, che si propone di riportare la strada l’aspetto di una volta, sarà impiegata la stessa tipologia di materiale utilizzato per piazza Pitti. Fra l’altro il progetto si inserisce in un ambizioso percorso di valorizzazione culturale e turistica del territorio, anche in vista delle celebrazioni del cinquecentenario dell’uscita de “Il Principe” di Niccolò Machiavelli, programmate dall’amministrazione comunale nel 2013.

Sarà usato lo stesso materiale impiegato per piazza Pitti


7

BARBERINO • SAN CASCIANO • TAVARNELLE

economia. Affonda le radici a San Casciano l’istituto di credito che opera tra Firenze e Siena

Nasce la banca dei “verdi colli” Ilaria Biancalani

logo (due colline verdi),

É

nuova immagine e nuove filiali (Firenze ed Empoli) per la realtà generata dall’unione di due punti di riferimento per il territorio, la Banca del Chianti Fiorentino e la Banca Monteriggioni Credito Cooperativo

venuta alla luce di recente, ma sono già in arrivo nuove filiali. Dall’unione fra Banca del Chianti Fiorentino e Banca Monteriggioni Credito Cooperativo ha preso origine ChiantiBanca. L’ultimo sigillo a questo nuovo istituto è arrivato durante l’ultima assemblea dei soci della Banca del Chianti Fiorentino e Monteriggioni, durante la quale è stato approvato il bilancio 2010. Gli oltre 520 presenti (per più di mille voti validi) rappresentativi di oltre 6700 soci, hanno tenuto a battesimo anche la nuova denominazione sociale, approvandola all’unanimità. Si aprono così le porte a un nuovo corso, sancito dall’ampliamento della rete operativa: rafforzata la presenza nell’aera senese con la nuova filiale già attiva di Siena 5 – Coroncina, presto il taglio del nastro interesserà due prestigiose nuove agenzie a Firenze (viale Cialdini, zona campo Marte) e nel centro di Empoli. Questo a conferma della volontà di posizionarsi, a partire dal Chianti, nel cuore della Toscana, tenendo ben saldi i due punti cardine di Firenze e Siena. Ma le novità non sono ancora finite. Anche la comunicazione parlerà infatti da oggi il linguaggio di ChiantiBanca, attraverso un nuovo logo: due colline verdi, una per il versante fiorentino, l’altra per il versante senese, che in ChiantiBanca si incontrano a rappresentare l’intero territorio. In termini finanziari la grandezza della banca è stata confermata dai dati di bilancio che sottolineano in modo significativo come gli indici di solidità patrimoniale siano elevati, così come la crescita del patrimonio, con quello di “vigilanza” che sfiora i 185 milioni di euro. In salita anche la raccolta diretta che, al 31 dicembre scorso, ha raggiunto quasi i 300 milioni di euro, attestandosi su una crescita percentuale del 3,3% a fronte di un incremento medio delle banche di credito cooperativo toscane del 2,4%. I numeri positivi assumo un significato ancora maggiore, perché derivano dal primo anno di fusione, che ha permesso alla nuova realtà unita di mantenere fede e coerenza al proprio ruolo di “banca della comunità”.

ricorrenze Un ricco calendario di eventi

Dieci anni per la biblioteca

L

a “Cittadella della Cultura” quella che in una sola grande area racchiude il museo di San Casciano, il Teatro Niccolini, l’Accademia Musicale, festeggia i dieci anni della Biblioteca comunale. Un luogo dove i libri più che custoditi, vengono vissuti non solo attraverso i servizi tradizionali come la consultazione e il prestito, ma anche tra gli spazi e le sale lettura, dove vengono resi disponibili e accessibili anche agli ipovedenti. E, soprattutto, in occasione delle grandi ricorrenze li introduce al fianco dei propri autori. Molte le presentazioni dei libri, delle quali un anticipo c’è già stato alla fine di aprile e nel mese di maggio, nell’ambito di un ricco calendario di eventi che è stato chiamato “Sfogliatamente” e che, anche in giugno, arricchirà il “book” della biblioteca con un’intensa attività di promozione della lettura e allestimento di iniziative di vario genere: incontri letterari, mostre, eventi, opere liriche, concerti, esibizioni, perfomance, letture animate e giochi per i più piccoli. In questi dieci anni di attività, è stato possibile tracciare un identikit del

“topo da biblioteca” sancascianese che ha un’età compresa in un’ampia fascia che va dai 25 ai 64 anni. I libri più gettonati sono quelli di narrativa, saggistica e i testi universitari. Una specifica sezione è dedicata all’enologia e alla viticoltura. Oltre ai libri si possono prendere in prestito cd, dvd, navigare gratuitamente in internet da tre diverse postazioni. La struttura si estende su una superficie di 450 metri quadrati, è composta da due sale lettura, un archivio e un grande locale espo/I.B. sitivo.

1169625

Ecco “ChiantiBanca”: nuovo


8

Giugno 2011

il giornale nel tuo comune

Barberino

San Casciano

Tavarnelle

AMBIENTE CACCIA AI PICCIONI Barberino dichiara guerra ai piccioni nel centro storico, per arginare il problema degli escrementi dei volatili che imbrattano piazze, strade, muri e case, creando non pochi problemi alla tutela del patrimonio monumentale. E così il Comune ricorda ai cittadini una serie di regole per evitare la proliferazione di questi animali: evitare di dare da mangiare agli uccelli, non scuotere le tovaglie in terrazza, tenere chiusi gli accessi a soffitti e abbaini utilizzabili dai colombi per la nidificazione, evitare speroni, ganci e supporti simili che possano offrire ai piccioni luoghi dove stazionare. Il Comune ha lanciato un censimento per stabilire quanti sono gli esemplari in eccesso, che prevede anche la cattura e la separazione tra maschi e femmine per limitarne la proliferazione.

GEORGOFILI DA SAN CASCIANO UNA CANZONE PER LE VITTIME DELLA STRAGE Tre voci, quelle di Leonardo, Barbara e Roberto accompagnate dalla chitarra elettrica di Matteo, per presentare la loro “Notte di primavera” e dedicarla alle vittime della strage dei Georgofili. Sul palcoscenico dei giardini della Romola, accanto alla fontana del Tramonto, il monumento che tiene vivo il ricordo della famiglia Nencioni e di Dario Capolicchio, quattro ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo” di San Casciano si sono esibiti per la prima volta da cantautori e musicisti. Lo hanno fatto in occasione del diciottesimo anniversario della strage dei Georgofili, organizzato dall’associazione “Tra i familiari delle vittime della strage dei Georgofili”. “Ma di quella sera il ricordo rimarrà tutti i vostri nomi nessuno scorderà cinque angeli in cielo son volati su nel blu ancora i loro cuori son con noi quaggiù…” è il ritornello scritto e intonato dai giovani studenti, autori di musica e parole di “Notte di primavera”. Questo il titolo della canzone composta per celebrare la memoria di Fabrizio, Angela, le figlie Caterina e Nadia Nencioni e Dario Capolicchio che persero la vita nella notte tra il 26 e il 27 maggio 1993, vittime dell’attentato di stampo mafioso che si consumò in via dei Georgofili.

DISINFESTAZIONI ZANZARE E PROCESSIONARIE Con la bella stagione sono partiti gli interventi di disinfestazione, per prevenire e combattere la proliferazione di insetti e animali fastidiosi e nocivi per la salute. Il Comune di Tavarnelle ha stanziato per queste azioni 20mila euro. In particolare gli interventi riguardano zanzare, processionarie e ratti. Nel primo caso sono in corso monitoraggi e trattamenti antilarvali nelle aree pubbliche, nei tombini e nelle caditoie stradali. Il Comune chiede comunque la collaborazione di tutti i cittadini, attraverso una campagna di informazione e la distribuzione gratuita di kit antilarvali presso gli uffici ambiente e urp. Per quanto riguarda le processionarie, sono stati asportati 30 nidi in varie aree del territorio. Sul fronte derattizzazione le attività di monitoraggio e i trattamenti hanno cadenza mensile. Sotto costante controllo le strutture scolastiche, i cassonetti, i tombini e le aree verdi.

PROGETTI NUOVO PERCORSO PEDONALE Dal castello al borgo di San Filippo a Ponzano, alla pieve di Sant’Appiano, alla cupola di Semifonte a Petrognano: Barberino è più vicino ai suoi borghi grazie a nuovi percorsi e vie di collegamento. Il Comune ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione di un nuovo percorso pedonale tra il capoluogo e le frazioni, per un costo complessivo di 185mila euro. L’idea è quella di creare di una serie collegamenti per ampliare la rete escursionistica toscana. Il primo tratto che il Comune mira a realizzare è lungo 1300 metri e si snoda parallelamente alla Cassia, dalla periferia sud di Barberino all’ingresso della frazione di San Filippo. EVENTI BARBERINO IN FIORE DA RECORD Sono state oltre 5mila le persone che nello scorso mese di maggio si sono riversate per le vie del centro storico in occasione della quinta edizione di “Barberino in Fiore”, la due giorni promossa dal Comune in collaborazione con l’associazione operatori economici di Barberino Val d’Elsa. Numeri record per la manifestazione che ha vestito l’antico borgo medievale dei profumi del territorio: un successo senza precedenti, secondo l’associazione degli operatori economici di Barberino Val d’Elsa.

UNICEF MASSIMILIANO PESCINI, SINDACO DIFENSORE DEI BAMBINI Massimiliano Pescini “sindaco difensore dei bambini”. E’ la nomina che il primo cittadino di San Casciano ha ricevuto da alcuni rappresentanti del comitato italiano Unicef durante una seduta aperta del Consiglio comunale,, che si è tenuta lo scorso mese presso l’auditorium della Banca del Chianti fiorentino e Monteriggioni. Accogliendo la richiesta avanzata da Unicef il sindaco Pescini si è impegnato, al fianco della giunta e del consiglio comunale, a realizzare una serie di azioni e iniziative a sostegno della difesa e della promozione dei diritti dell’infanzia. Tra le iniziative suggerite da Unicef ci sono la convocazione annuale di un consiglio comunale dedicato ai problemi dell’infanzia locale, l’organizzazione di incontri finalizzati alla presentazione alle famiglie e ai giovani del quadro degli interventi stabiliti dalla giunta e da Consiglio. L’iniziativa è stata seguita dall’incontro del Consiglio comunale con gli alunni della scuola secondaria di primo grado “Ippolito Nievo”. Un appuntamento annuale che offre l’occasione di affermare il valore della memoria attraverso le testimonianze degli studenti che hanno partecipato al viaggio della memoria agli ex campi di sterminio nazisti. INIZIATIVE CHIANTI LUDENS, SUCCESSO PER IL “GIOCO SLOW” Il Chianti è tornato bambino grazie a Chianti Ludens. Grandi e piccini hanno aderito in massa alla manifestazione che si è tenuta nelle piazze di San Casciano, Tavarnelle e Barberino lo scorso mese. Giochi di una volta, giochi antichi e giochi moderni in bilico tra tradizione e innovazione hanno arricchito il doppio appuntamento che per la prima volta ha fatto sbarcare nel Chianti un vero e proprio parco della fantasia. Promossa, secondo un progetto condiviso dal Comune di San Casciano e dall’Unione dei Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa, e curata da Ludo Cemea, la manifestazione ha inondato piazza Matteotti (Tavarnelle) e piazza Pierozzi (San Casciano) di suoni, colori e forme ispirate al tema del gioco e del giocattolo per tutte le età proponendo per la prima volta a centinaia di famiglie occasioni di creatività, divertimento e socialità rivolte a bambini, ragazzi e adulti. “ La festa del gioco in piazza mira ad offrire un’alternativa - spiega uno degli organizzatori Antonio Di Pietro - calma e serenità, sana competizione e cooperazione, divertimento e riflessione. Proponendo un’animazione educativa, offriamo ai bambini e agli adulti di oggi occasioni ludiche in cui sfidare se stessi, ma anche sfidare l’altro ma senza classificare vincitori e vinti, porsi domande di carattere scientifico, sperimentare ipotesi grazie all’utilizzo di giocattoli scientifici, costruire un proprio eco-giocattolo.

iniziati nell’oliveta, in prossimità dei giardini del Policrosalus e della scuola media di San Casciano. L’opera, per un costo di 10mila euro, mira a realizzare un’area recintata dotata di panchine, distributore del kit per la rimozione delle deiezioni canine e fontanello.

san casciano AREA CANI Sarà pronta entro l’estate l’area destinata allo sgambamento cani, un piccolo parco attrezzato dove i cani, accompagnati dai loro padroni, potranno scorrazzare e giocare in sicurezza. I lavori sono già

Barberino LAVORI SULLE STRADE Al via in questo mese di giugno alcuni interventi che riguarderanno la rotonda sulla strada regionale 429, in località Drove. Si tratta di interventi di manutenzione straordinaria. NUOVI LAMPIONI Luce in località Linari. Il comune ha deciso l’installazione di un nuovo impianto di illuminazione pubblica, dotato anche di un particolare sistema per il risparmio

energetico. Si tratta di 10 lampioni che saranno collocati nella zona di recente urbanizzazione. SCUOLA MATERNA DI VICO In partenza i lavori per l’ampliamento della scuola materna di Vico d’Elsa, che porteranno alla realizzazione di un nuovo locale di circa 50 metri quadri destinato alle attività ricreative. L’opera, che costerà 48mila euro, sarà conclusa – secondo le previsioni – entro l’inizio del prossimo anno scolastico. Tavarnelle ASFALTO E SEGNALETICA Nuovo asfalto in via delle Fonti e sul ponte in località della Sambuca: sono alcuni dei lavori effettuati a Tavarnelle per la manutenzione delle strade. Disposti anche interventi per ridisegnare la

SOLIDARIETÀ UN LIBRO PER IL CIAD Il Comune ha pubblicato insieme alla casa editrice Emi un libro sul rapporto che da quindici anni lega le istituzioni e le comunità di Doba (Ciad) e Tavarnelle. Il libro “Africa-Europa, percorsi di cooperazione decentrata” promosso dall’amministrazione comunale, grazie anche al contributo di Banca del Chianti Fiorentino e Monteriggioni e Lions Club Barberino Montelibertas, è curato da Stefano Fusi, sindaco di Tavarnelle dal 1999 al 2009. La pubblicazione contiene un’ampia riflessione, tramite testimonianze, informazioni, resoconti e immagini. SCUOLA CONCORSO SULL’ACQUA La terza A della scuola primaria di San Donato in Poggio ha conquistato il terzo posto al concorso “Tutti i colori dell’acqua: fiumi, canali e torrenti fra natura e interventi”, che è stato organizzato dall’Urbat. I bambini della classe di San Donato hanno partecipato con un lavoro composto da una cinquantina di fotografie. Il premio consiste in buoni libro per un valore di 100 euro.

segnaletica orizzontale su tutto il territorio comunale. SAMBUCA, 30 POSTI AUTO Al via i lavori per il nuovo parcheggio alla Sambuca. Si tratta di un’area di sosta che ospiterà oltre 30 posti auto e sorgerà nei pressi dell’area sportiva. L’inizio dei cantieri, per un costo complessivo di 125mila euro, è previsto in questo mese di giugno. AREA SPORTIVA Si avvicina la partenza dei cantieri per il nuovo impianto sportivo del capoluogo. Sono state infatti concluse le procedure di appalto e la consegna dei lavori è prevista per l’inizio di lugio. Il progetto prevede la realizzazione di un’area sportiva, completa di campo con erba sintetica, impianto di illuminazione e spogliatoi.


L A

P I Ù

R I C C A

C O L L E Z I O N E

A L

M O N D O

D I

A R R E D I

P E R

E S T E R N O

Il lusso del tempo.

Showroom di Firenze Via Fratelli Cervi, 69/B • Capalle - Campi Bisenzio tel. 055 8985935 • unopiu.firenze@unopiu.it Roma · Milano · Firenze · Bologna · Brescia · Napoli · Torino · Genova · Treviso · Bari · Ancona · Vicenza · Viterbo

www.unopiu.it Paris · Cannes · Madrid · Barcelona · München · Berlin


10

ambiente

Giugno 2011

DoSSier/1. Il taglio degli incentivi potrebbe penalizzare l’occupazione “verde”

Rinnovabili, a rischio ventimila posti La nostra è una regione in cui le energie alternative vanno forte: basti pensare che una lampadina su quattro si accende grazie alla geotermia e che nei primi mesi dell’anno sono stati 3.200 gli impianti fotovoltaici allacciati alla rete enel Antonio Passanese

P

arliamoci chiaro: se vogliamo evitare catastrofi ambientali come Fukushima e Chernobyl, solo per citare le più note e le più vicine temporalmente, ci restano poche strade da seguire. Il fronte del nucleare a tutti i costi sembra spaccato. C’è chi chiede tempo e c’è chi invece ancora ritiene l’energia atomica l’unica ipotesi per una presunta indipendenza energetica. Le fonti fossili (petrolio, carbone e gas naturale) che asfissiano il nostro pianeta non sono eterne. E allora perché non puntare sulle energie rinnovabili? Perché non sfruttare risorse inestinguibili come il mare, il vento, il sole? Prendiamo ad esempio la geotermia: in Toscana, ogni anno si producono ben cinque milioni di kilowattora, che coprono il 25 per cento del fabbisogno regionale di elettricità. In questo modo, fanno sapere da Enel, si possono risparmiare oltre un milione di tonnellate di petrolio ed evitare l´emissione di quasi quattro milioni di tonnellate di anidride carbonica nell’aria. Potremmo dire che una lampadina su quattro, nella nostra regione, si accende grazie alla geotermia. Sulle energie rinnovabili, in Italia, hanno investito 85mila imprese con 150mila addetti. Un settore

in controtendenza, che cresce, nonostante la crisi. E il Granducato, più di altri, sembra essere molto sensibile a questo tipo di argomenti. Lo evidenzia un dato significativo: i 3.200 nuovi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili - che Enel ha connesso alla rete elettrica nel primo quadrimestre del 2011 - fanno registrare una crescita degli impianti a emissione zero del 110 per cento. L’inaspettata batosta è arrivata però con il decreto dello scorso 3 marzo, definito da più parti “sciagurato” perché, con il taglio degli incentivi per chi decide di non inquinare, di fatto, si blocca il lavoro delle aziende del comparto. In Toscana sono almeno 20mila i posti in pericolo per chi si occupa di fotovoltaico, pannelli solari e certificazione energetica degli edifici. A pagare le conseguenze

Centocinquanta aziende hanno annunciato che promuoveranno un’azione legale

di questa scelta, contro la quale anche il ministro Prestigiacomo aveva minacciato le dimissioni, dunque, sono soprattutto le imprese che hanno perso fior di commesse. La novità, sotto il cielo della politica, è il decreto Romani del 5 maggio, che però sembra non abbia risolto nulla. Anzi, denunciano le confederazioni dell’artigianato e le Pmi, “restano ancora a rischio gli investimenti futuri e l’occupazione”. La situazione è così grave che 150 aziende, il giorno in cui è stato firmato il nuovo decreto sugli incentivi, hanno annunciato che promuoveranno un’azione legale attraverso l’associazione “Sos Rinnovabili”. Intanto, il Consorzio agrario di Firenze punta all’autosufficienza energetica. Un investimento di 400mila euro che guarda al futuro dell’agricoltura e delle imprese agricole della Valdelsa. “L’agricoltura guarda alle rinnovabili con molto interesse e attenzione – spiega Carlo Alberto Zanieri, presidente del Consorzio – chi fa agricoltura è il primo soggetto impegnato nella sostenibilità e nella tutela del nostro ambiente. Gli imprenditori agricoli faranno la loro parte, e il Consorzio agrario potrà essere di stimolo”.

vaDeMeCUM A coloro che decidono di attrezzarsi “in proprio” occorrono qualche spesa iniziale e un po’ di pazienza

E per chi vuole “far da sé” circa undicimila euro per partire

V

eniamo al pratico. Gli esperti che abbiamo intervistato sulle rinnovabili ci hanno fornito alcuni spunti di riflessione e di discussione. Ora dovrebbe esserci chiaro cosa sta succedendo a livello legislativo. Ma se il signor Rossi decidesse di installare un impianto fotovoltaico, a chi dovrebbe rivolgersi, quali requisiti dovrebbe avere l’immobile e, soprattutto, quanto andrebbe a spendere? Dunque, se la famiglia del signor Rossi non ha particolari esigenze energetiche potrà montare un impianto da 3 kwp (chilowatt picco) che si aggira attorno agli undicimila euro. A questa somma bisognerà aggiungere mille euro di pro-

getto e tenuta rapporti con Enel e Gse. Naturalmente, per avere tutte le garanzie del caso, perché la truffa è sempre dietro l’angolo, meglio rivolgersi a una ditta che sia abilitata alla lettera A del Dm 37/09 (per fugare ogni dubbio è possibile una verifica presso la Camera di commercio). L’azienda, quindi, invierà una richiesta all’Enel (che per aprire la pratica prende 120 euro) che avrà un mese per effettuare un sopralluogo. Se tutto sarà in regola, per l’allaccio bisognerà versare altri 120 euro e attendere ulteriori 30 giorni. I tempi di formalizzazione del contratto con il Gse, però, sono abbastanza lunghi. Possono volerci

SONO ARRIVATE LE MEDAGLIETTE PERSONALIZZABILI PER I TUOI

AMICI A 4 ZAMPE!!!

E’ ARRIVATA LA PIZZA IN TERRAZZA!!!

10 anni insieme • Pizze da asporto a tutte le ore • Merende pranzi e cene a volontà!!!

1186685

1128487

Accessori Cucce - Collari Antiparassitari

anche 6 mesi, l’importante è che il signor Rossi, dalla data di allacciamento, conti i kw prodotti così da ottenere il rimborso degli arretrati. Ah, giusto. L’immobile naturalmente deve essere dotato di una falda o di una pensilina (possibilmente a sud) dove poter appoggiare i moduli. Se l’esposizione è a est o a ovest, per esempio, potrebbe esserci una “perdita di efficienza” di circa il dieci per cento. E se Rossi abita in un condominio? L’ideale sarebbe un impianto per i consumi comuni (come si fa per ascensore, illuminazione e autoclave), ricordando che, per /A.P. sviluppare 3kwp, servono 24 metri quadrati.

Piazza Matteotti, 5 - San Casciano V.P. (FI) 393 3621294 pesticcia@live.it

Via grevigiana, 21 - San Casciano VP Chiuso Orario Tel 055 820682 - caratello@caratello.com il lunedì. continuato


ambiente

11

DoSSier/2. Parla Maurizio Barsottini, presidente di Cna installazione e impianti Toscana

“Un provvedimento che scontenta tutti” Il decreto romani ha messo in crisi il settore e 4 miliardi di euro di investimenti sono ora sospesi nell’incertezza: “non credo che ci saranno conseguenze sulle tariffe fino al 2012, ma così non va” Antonio Passanese

N

el settore delle energie rinnovabili serpeggia malumore e incertezza per quello che sarà il futuro. Il comparto, e soprattutto il fotovoltaico, ha rappresentato per centinaia di aziende toscane l’ancora di salvezza e la garanzia di occupazione in un mercato che soffre per la consolidata crisi economica. Maurizio Barsottini, presidente di Cna installazione e impianti Toscana, è in prima linea per difendere tutti quegli imprenditori che hanno coraggiosamente investito sulle energie alternative e che oggi sono a un passo dal baratro. Presidente, cosa cambia nelle rinnovabili alla luce del nuovo decreto Romani? La flessibilità e la duttilità ad adeguarsi alla nuova richiesta è una caratteristica dei miei rappresentati, e con rapidità estrema è stata messa in atto una riconversione dell’operato per dare risposta a una domanda nuova. Ma ciò non avviene se non c’è una prospettiva di mercato seria. Molte delle nostre aziende si sono impegnate, hanno investito: ci hanno costruito le fondamenta del proprio castello. Il ministro Romani, con l’arroganza tipica di qualche decennio fa, ha emesso un provvedimento che ha la caratteristica, credo unica, di scontentare tutti. Dai sindacati dei lavoratori alle associazioni di categoria, alle

regioni e alle commissioni parlamentari. Dove c’era un aspetto non politico, in quanto contestato sia da destra che da sinistra, ma una semplice valutazione dei fatti, fatta in maniera scientifica. Come se il problema fosse il rispetto del diritto... Proprio così. Lo Stato italiano, il 6 agosto 2010, con lo stesso Ministero che oggi lo ha affossato, ha sottoscritto un “contratto” con il mondo dell’imprenditoria, con gli istituti di credito, con i cittadini. Il ministro Romani unilateralmente lo ha modificato lasciando centinaia di aziende in difficoltà, 4 miliardi di euro di investimenti in corso appesi all’umore di questo signore, l’1 per cento del Pil nazionale. Credo che il decreto subirà successive modifiche per gli aspetti costituzionali. I fondi di investimento stranieri si sono già appellati ai tribunali internazionali: l’effetto della retroattività di un provvedimento in uno stato di diritto non credo possa passare. E per quanto riguarda le tariffe? Non credo che questo sia un problema, almeno fino a tutto il 2012. Il mercato saprà adeguarsi. Stiamo a vedere, ma così non va, soprattutto perché in questa conformazione non esiste una certezza della tariffa su cui si ricadrà. E quale banca, mi chiedo, potrà dare fiducia a questo mercato?

foCUs Oggi sono quasi dodicimila le famiglie del granducato che hanno scelto questa strada: 1.666 solo a Firenze

“Ma per i piccoli impianti privati di fatto non cambierà molto”

I

nvestire nel fotovoltaico conviene. Attualmente si può arrivare a una resa attorno al 10 per cento, ma la cosa, stranamente, non è risaputa come ci si aspetterebbe. Nella nostra regione quasi 12mila famiglie hanno scelto l’energia pulita, 1.666 solo a Firenze. Il decreto firmato a inizio maggio dal ministro Romani, di fatto, non cambia la situazione per i privati che vogliono utilizzare le energie rinnovabili. Qualche problema invece lo riscontreranno coloro che voglio realizzare grandi impianti fotovoltaici. “A un leggero calo delle tariffe incentivanti – spiega Rino Capezzuoli di Toscana Ener-

gie Rinnovabili – che, in alcuni casi particolari, aumentano, corrisponde un relativo calo del prezzo dei materiali usati. L’incertezza che ha preceduto l’uscita del nuovo decreto ha significato il blocco delle prospettive di attività per circa due mesi con riflessi evidenti soprattutto sulle piccole imprese del settore”. E infatti, negli ultimi mesi, dubbi e perplessità in merito agli incentivi hanno preso il sopravvento. “La realtà, decreto alla mano, è un’altra. Non è cambiato quasi nulla, soprattutto per coloro che vorranno realizzare impianti di autoconsumo”, che oltretutto restano i più favoriti. Da ri-

055 200.13.26 Il primo taxi tutto al femminile

cordare che le detrazioni sono valide per venti anni “e restano costanti dal momento in cui l’impianto entra in funzione. La stessa cosa non si può dire dell’energia elettrica che aumenta costantemente di prezzo”. Partendo, dunque, da queste considerazioni si comprendono le ragioni della decisione della Regione Toscana, che ha scelto di limitare i permessi per le “distese” di pannelli fotovoltaici. Meglio, infatti, sarebbe utilizzare i tetti delle nostre case, specialmente quelli ancora coperti da amianto, che godono di un incentivo di 5 centesimi /A.P. di euro per ogni chilowattora prodotto.

L’unica donna che non ti fa aspettare www.intaxifirenze.it


12

consumi

Giugno 2011

AMBiente. Entro dicembre verranno installati altri 14 fontanelli in sette comuni della provincia

i “rubinetti di tutti” aumentano ancora solo nei primi tre mesi del 2011 hanno erogato oltre tre milioni di litri nelle zone coperte da Publiacqua, con picchi a firenze e Pistoia. e negli ultimi cinque anni è cresciuto il numero di persone che sceglie la fonte domestica e dice addio alle bottiglie Benedetta Strappi

C

ome quando, tanto tempo fa, l’acqua si andava a prendere al pozzo. Magari non succedeva nel centro di Firenze, magari è passato talmente tanto tempo che il “c’era una volta” non regge più. Sta di fatto che i fontanelli che distribuiscono acqua gratuita (quella cosiddetta “del sindaco”) hanno qualcosa della tradizione, quella che sapeva fare a meno degli imballaggi, cucita addosso a un mondo in cui l’inquinamento ancora non era che uno spettro di là da venire. Piacciono i fontanelli, e piacciono talmente tanto che, solo nei primi tre mesi del 2011, hanno erogato oltre tre milioni di litri d’acqua nel territorio coperto da Publiacqua. Giusto per fare un esempio: solo dalla fonte dell’Albereta, da cui sgorga acqua frizzante, nello stesso trimestre sono piovuti oltre 360mila litri di acqua con le bollicine. E ora stanno per arrivare nuovi fontanelli: entro dicembre ne saranno installati altri 14, che andranno a fornire i cittadini di sette comuni della provincia fiorentina (Fiesole, Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Signa e Impruneta). La realizzazione di questi nuovi 14 fontanelli avrà un costo complessivo di 560mila euro, dei quali 392mila finanziati dalla Provincia, 144mila da Publiacqua e 24mila dal Comune di Fiesole. E che i cari vecchi rubinetti siano tornati a piacere lo raccontano i dati: negli ultimi 5 anni più di un terzo della popolazione (37 per cento) dell’area Publiacqua beve regolarmente “acqua di casa”, con un aumento di oltre 16 punti percentuali. Trattasi cioè di oltre 201.600 cittadini: circa 80.600 famiglie (considerando – con un po’ di fantasia – che una famiglia media sia formata da due persone e mezzo). La scelta di questo plotone di persone ha portato al risparmio di 40.320 metri cubi di acqua imbottigliata, con un risparmio economico che va dai 12 ai 20 milioni di euro (a seconda di un costo per litro stimato in 30, 40 o 50 centesimi) e che, in soldoni, per ogni famiglia spazia dai 150 ai 250 euro l’anno. “Abbiamo sperimentato con successo il sistema dei fontanelli – sottolinea il presidente di Publiacqua Erasmo D’Angelis - con accessi record a Firenze e a Pistoia, e andiamo avanti convintamente su questa strada. Non per niente nel Piano d’ambito ne è prevista l’installazione di altri

Un risparmio economico da 150 a 250 euro per ogni famiglia

74 in tutti i comuni del nostro territorio, con un investimento complessivo di un milione e 260mila euro. Un impegno importante attraverso cui Publiacqua lancia tre messaggi positivi: si può risparmiare sui costi per l’acquisto di acque minerali che sono rilevanti; si possono ridurre i rifiuti e i trasporti; si può tranquillamente bere l’acqua del rubinetto controllata giornalmente, di ottima qualità e tra le migliori d’Italia”.

In aGenDa Urne aperte su temi caldi

Referendum, il 12 e 13 si vota

A

uno dei Fontanelli giÀ attivi

(Foto

di

giuseppe della Maria)

BARBERINO VALDELSA LOC. SAN FILIPPO In esclusivo borgo vendesi 4 ville unifamiliari con vista sulla valle del Chianti

In corso di costruzione, personalizzazione della progettazione interna.

Direttamente dal costruttore:

Per informazioni

Tel.

1180161

055 8458055 - Cell. 347 7840742 www.dellacasaweb.it

rriva il “referendum day”: gli italiani sono chiamati a dire la loro su privatizzazione dell’acqua, energia nucleare e legittimo impedimento. Le date sono quelle del 12 e 13 giugno, il numero di quesiti (salvo novità dell’ultim’ora, a rischio potrebbero essere i quesiti su nucleare e acqua, su cui mentre Il Reporter va in stampa è chiamata a esprimersi la Cassazione) è quattro. È un referendum di tipo abrogativo: mettendo una croce sul sì si esprimerà la volontà di cambiare le leggi approvate, scegliendo il no si lascerà tutto come ora. I primi due quesiti (scheda rossa e scheda gialla) hanno a che fare con l’acqua pubblica. Il primo riguarda le modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica e chiede l’abrogazione dell’articolo secondo cui la gestione del servizio idrico può essere affidata a privati. Il secondo quesito riguarda la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato: in base alla normativa vigente, ad oggi, i gestori possono caricare sulla bolletta anche il 7 per cento in più senza reinvestire questa quota in migliorie sulla rete. Il terzo quesito (scheda grigia) riguarda il nucleare, e la costruzione di nuove centrali. Anche in questo caso un sì “vale” un no, ed equivale a bloccare la costruzione di nuovi siti in Italia. Il quarto quesito (scheda verde chiaro) riguarda la giustizia, e chiede l’abrogazione di quella parte di articolo conosciuta come “legittimo impedimento” e che riguarda le “disposizioni in materia di impedimento del Presidente del Consiglio e dei Ministri a comparire in udienza penale”. I seggi saranno aperti dalle 8 alle 22 di domenica 12 e dalle 7 alle 15 di lunedì 13 giugno. Per votare occorrono un documento di riconoscimento e la tessera elettorale: chi l’avesse smarrita può richiederne un duplicato agli uffici elettorali del Comune di Firenze.

più notizie su


DISCOUNT SEDIE E TAVOLI delle Migliori Marche Calligaris, Midj, Pedrali, Palma, O & G, Sedit, Dall’Agnese, Magis, Cresti tavoli, BF Contract, Interno 34, Scab, Grand Soleil 1176046

O R T L A O T L O M E ! A R O C N A

SPECIALIZZATI NELLE FORNITURE PER BAR, RISTORANTI, ALBERGHI, CIRCOLI

Via Lucardesi, 23, San Casciano Val di Pesa (FI)

Tel. 055 82.29.621

- arcdesign@gmail.com


14

tempo libero

Giugno 2011

eStAte/1. Brutta sorpresa per gli scooteristi, banditi dall’area che va dalla stazione a Santa Croce

Ztl estiva, fino a settembre passi chi può La zona a traffico limitato copre più o meno lo stesso perimetro

Giuditta Boeti

dell’anno scorso, ma nella “area rossa” è proibito il transito

D

anche alle due ruote. e da agosto arriveranno nuove restrizioni per i professionisti e per i veicoli commerciali di trasporto merci

urerà fino al 25 settembre, ogni giovedì, venerdì e sabato dalle 23 alle 3 del mattino successivo. Stiamo parlando della ztl estiva, il provvedimento tanto atteso dai residenti del centro storico disturbati dal rumore e dalla movida. Le aree soggette a limitazioni del traffico sono due: una più ampia con deroghe per una serie di

L’IntervIsta Giampiero Maracchi (Cnr)

Meteo, clima pazzo in vista

S

un varco della ztl notturna

(Foto

di

giuseppe della Maria)

1187025

econdo il Noaa (l’Ente nazionale statunitense per gli oceani e l’atmosfera) quella alle porte sarà un’estate più fresca e leggermente più piovosa rispetto alla norma stagionale. Ma c’è chi invita alla prudenza ed evita previsioni di lunga scadenza. “Bisogna avere cautela perché le supposizioni stagionali hanno un’attendibilità modesta, basandosi su considerazioni di grande scala” spiega il direttore dell’Ibimet-Cnr Giampiero Maracchi. Quel che è certo è che “anche quest’anno non mancheranno ondate di calore alternate ad abbassamenti improvvisi di temperatura”, annuncia l’esperto. Ma cos’è che causa questi sbalzi climatici così evidenti? “La risposta sta nella mutazione della circolazione delle correnti d’aria che non si muovono più da est a ovest, come avveniva fino a qualche anno fa, ma provengono da nord a sud. Il risultato è che l’incontro dell’area calda proveniente dal meridione con quella fredda proveniente dal settentrione provoca perturbazioni”. “Più in generale – aggiunge il climatologo del Cnr – si prospetta un’alternanza di periodi caldi a periodi piovosi e leggermente più freschi. Ormai siamo abituati a piogge sempre più frequenti e soprattutto più intense, a rovesci improvvisi o a eventi come cicloni e inondazioni. Tutte queste alterazioni climatiche non sono altro che l’effetto dell’inquinamento prodotto dall’energia sia a livello mondiale che, in particolare, nel Mediterraneo, e la Toscana non è esclusa da questa logica”. Insomma, pur se è difficile fare previsioni certe, il climatologo Maracchi crede “che l’ondata di calore avuta a maggio potrebbe significare che le masse d’aria calda arriveranno ancora più a nord, e l’estate afosa per una volta sarà nel Nord Europa, mentre da noi, ma è solo un’ipotesi, potremmo avere una /G.B. stagione temperata”.

veicoli, tra cui gli scooter, l’altra più ristretta dove i divieti sono più rigidi. Ai varchi della ztl sono in funzione, come sempre, le porte telematiche collocate agli accessi, e quindi anche i display luminosi. Negli altri ingressi è invece collocata la necessaria segnaletica. L’area interessata dal divieto di transito è sostanzialmente quella dello scorso anno. Nell’area “blu” della Ztl notte, quella più ampia che abbraccia anche Oltrarno e le zone di Porta al Prato e piazza d’Azeglio, potranno circolare anche i motorini. Ma i divieti diventano più rigidi per quanto riguarda l’area “rossa”, quella che va dalla stazione a Santa Croce: qui il divieto di transito è pressoché totale, scooter compresi. Una corsia speciale rimane però aperta (con accesso da via Alfieri) per raggiungere l’ospedale di Santa Maria Nuova, a patto che poi si seguano le istruzioni per inserire nella “lista bianca” la targa della propria auto ed evitare così di ricevere la multa. Intanto, dal primo agosto il Comune ha deciso di limitare ulteriormente l’accesso alla zona a traffico limitato ai professionisti e ai veicoli commerciali di trasporto merci. L’ingresso nella ztl sarà vietato dalle 6,30 del mattino (prima era vietato dalle le 7,30), con l’obiettivo di ridurre di almeno il 15 per cento i 53.132 permessi per il transito nella zona a traffico limitato rilasciati fino a questo momento. La giunta comunale ha infatti alzato le barriere della ztl che vanta il titolo di “ztl più grande d’Europa”, che rischia di diventare ora la più severa e la più costosa. In particolare, sono diciannove le categorie coinvolte, tra le quali banche, consolati, rappresentanti politici e veicoli a tre ruote, che dovranno restare fuori dal centro, mentre chi ha un garage (hotel compresi) all’interno della ztl non potrà più avere telepass da consegnare ai clienti abituali: ogni ingresso dovrà essere autorizzato esclusivamente tramite il collegamento con il portale del Comune entro un’ora dal transito, sborsando 1 euro per ogni ingresso. Stessa cosa per autofficine, autonoleggi e artigiani chiamati per le riparazioni d’urgenza, che dovranno adeguarsi a questa “tassa”. I veicoli adibiti al trasporto merci dovranno essere autorizzati singolarmente ma avranno l’obbligo di uscire dalla Ztl entro le 9 del mattino. Infine, i medici non convenzionati col sistema sanitario dovranno dotarsi di un permesso temporaneo gratuito per ogni visita a domicilio. Ogni deroga alle nuove regole sarà decisa per casi particolari dal sindaco.

L’obiettivo è quello di ridurre del 15 per cento gli attuali permessi

commenta su


tempo libero

15

eStAte/2. Durante l’inverno molte sale hanno chiuso i battenti. Ora arrivano gli spazi all’aperto

Arene, scatta l’ora dei film sotto le stelle Serena Wiedenstritt

D’

estate i cinema chiudono e non solo per ferie. Aumentano infatti a Firenze i casi di sale che all’arrivare della primavera dichiarano di non farcela più, per gli introiti che non coprono i costi, o decidono di puntare su nuovi orizzonti, magari anche per vecchie questioni legate a fallimenti illustri. Sta di fatto che per il fiorentino che la sera sceglie, o meglio avrebbe scelto, di andare al cinema, i tamburini dei giornali sono desolanti. L’elenco può iniziare dal cinema Colonna sul lungarno Ferrucci, che la scorsa estate aveva chiuso per ferie senza riaprire all’inizio della stagione successiva, per continuare con Fiamma, Principe, Spazio Uno e Variety: tutte sale che risultano chiuse, e non è solo una questione di temperature che si stanno alzando. Non si tratta insomma della solita alternanza estiva con le arene, che apriranno verso la metà di questo mese. Come se non bastasse, le nuove chiusure si aggiungono alla lista di sale storiche che nel tempo hanno tirato giù i battenti -

tanto per citarne alcuni Eolo, Ciak, Excelsior e Manzoni, per non parlare del Gambrinus - lasciando la città a secco di cinema, mentre a livello di amministrazione comunale continua il dibattito sui multisala, con un’attenzione tutta particolare per quello di Novoli. Riguardo alle chiusure più recenti, quelle di Principe e Fiamma, le incertezze sono numerose. Lo stop alla programmazione a fine aprile è stato deciso dal liquidatore dell’immobiliare Veronica 84 srl del gruppo Cecchi Gori e il futuro delle due sale è in bilico. Come sempre, quando si affronta il tema dei cinema, il problema principale è quello della destinazione d’uso che vincola gli spazi a un utilizzo cinematograficoculturale. Nello specifico questo vincolo riguarda la sala del Principe, ma non il Fiamma. Quanto al Variety, la chiusura risale al 30 gennaio scorso. La motivazione non era dovuta agli scarsi incassi, ma alla scadenza del contratto d’affitto. Per questo, molti cittadini si erano messi in moto per tentare di salvare la sala che, diventata famosa

Per le serate della bella stagione le opportunità non mancano: tornano il Chiardiluna, gli schermi di Campo di Marte e quello del Poggetto a rifredi

fAi-DA-te. Impianti per tutte le tasche. O quasi

C’è anche la versione domestica

I

l divano di casa, i popcorn appena scoppiati nel microonde e l’effetto cinema. Quasi per tutte le tasche. Vivere emozioni da sala cinematografica senza bisogno di uscire di casa è tutta una questione di suono. Quanto ai costi, si varia da meno di 200 euro per un sistema che assomiglia alla magia del cinema a circa 1.000-1.300 euro per assicurarsi la qualità del grande schermo. Ma non c’entrano solo gli impianti. Certo che conta il numero di casse. Lo spiegano bene gli esperti: decisamente meglio il sistema 5.1, che tradotto significa cinque altoparlanti (tre anteriori e due posteriori) e un subwoofer (per i suoni più bassi) della soluzione 2.1, che non comprende le casse posteriori. Ma molto si gioca anche sull’ambiente scelto per portarsi l’effetto cinema a casa. Si deve infatti stare attenti a come si posizionano le casse per essere davvero avvolti dal suono. A volte la magia viene meno semplicemente a causa di ostacoli come mobili, tappeti, tende e sofà che incidono sulla propagazione del suono. L’accortezza in questo caso è regolare il volume di ogni singolo canale per riequilibrare distanze e superare eventuali ostacoli. Per chi poi non vuole perdersi a intrecciare (e soprattutto nascondere) i cavi, spendendo qualcosa in più si possono acquistare ottime casse wireless che

semplificano le operazioni di montaggio e l’organizzazione della stanza. Sistemato il suono, eccoci alla questione dello schermo. Anche se per “home theater” si intende principalmente il suono avvolgente, non si può trascurare l’immagine. In questo caso è da tenere presente la dimensione della stanza, che deve essere commisurata ai pollici dello schermo. Se si intende guardare la tv – o il cinema – da un metro e 80 cm di distanza va benissimo un 32 pollici (dal costo medio di 600 euro), mentre i 40 sono consigliati per chi si posiziona a 2,5 metri. Si spende così sui 900 euro. Infine, c’è l’opzione 3D. Non solo portarsi a casa il cinema, ma anche le tre dimensioni: in questo caso la spesa fra schermo, lettore dvd ad hoc e occhialini /S.W. sale sopra i 1.600 euro.

negli anni Ottanta per aver ospitato le performance di Moana Pozzi, era diventata dal 2001 uno dei multisala più frequentati della città, in un’area dove la scelta per chi vuole andare al cinema è piuttosto limitata. Ma il “potere del mattone” per ora ha vinto, e pare che si prospetti, al posto del cinema, l’ipotesi edilizia residenziale. Proprio come sta

accadendo nei locali dell’Apollo di via Nazionale, che a breve tornerà a nuova vita, ma senza sale. Ma con l’estate che si avvicina tanto vale consolarsi con le arene estive, che si apprestano a riaprire per riproporre i successi della passata stagione e qualche anteprima. Per i prossimi mesi riparte la programmazione della storica arena Chiardilu-

na in via Monte Oliveto, delle arene di Campo di Marte, accanto al Mandela Forum, con i due spazi per l’essai nella piccola e il grande pubblico nell’arena grande, e lo spazio del Poggetto a Rifredi. Insomma, (almeno) d’estate, in fondo, da Firenze sud a Firenze nord si può continuare a sognare davanti al grande schermo.


16

tempo libero

Giugno 2011

eStAte/3. Il sole torna ad arrostire Firenze e le opportunità per vivere il suo fiume non mancano

Pesca, sport e tintarella lungo l’Arno foCUs

Per chi ha voglia di godersi a pieno

Ha riaperto anche il BSide

Santa Rosa, il giardino pronto a un nuovo look

le rive del corso d’acqua non c’è che

I

l’imbarazzo della scelta: spiaggetta per i più pigri, giri in bici e lancio dell’amo per i più attivi Antonio Rettura

C

on l’arrivo delle giornate calde si intensifica la vita sulle sponde dell’Arno: sono molti i fiorentini che nella stagione estiva scelgono i luoghi sulle rive del fiume per il loro tempo libero. Si può prendere il sole, trovare un po’ di fresco, praticare sport, pescare o sorseggiare una bevanda alla sera nei luoghi di ritrovo lungo il corso d’acqua. Il tratto di riva che attraversa il parco delle Cascine è uno dei più frequentati: qui è possibile sia rilassarsi all’ombra degli alberi, sia prendere la tintarella. Gli argini di cemento all’altezza della “cascata” sono inclinati al punto giusto da diventare una sorta di sedia sdraio per chi cerca un po’ di relax al sole, magari leggendo un libro, con lo scroscio dell’acqua in sottofondo e la brezza rinfrescante. Gli sportivi, invece, possono praticare jogging o pedalare in mountain-bike lungo il percorso sterrato che costeggia il fiume, dal tratto di fronte alla piazza delle Cascine verso ponte all’Indiano. Per chi preferisce rilassarsi sulla sabbia, c’è la spiaggetta sull’Arno davanti alla torre di San Niccolò. Il colpo d’occhio è molto caratteristico: un angolo di sabbia chiara con la torre di Palazzo Vecchio sullo sfondo. Tra i ragazzi in costume a prendere il sole c’è chi vorrebbe più cura nella pulizia e maggiori servizi per i frequentatori della spiaggetta. Qualcuno, per gradire, riferisce anche l’avvistamento di qualche nutria, i grossi roditori di origine sudamericana che ormai fanno parte dell’habitat dell’Ar-

no. Anche la pescaia del lungarno Soderini, più spartana e raccolta, è meta degli amanti dell’abbronzatura, tra cui molti stranieri. Nel periodo estivo, solitamente a partire da fine giugno, in questi luoghi si svolgono anche manifestazioni serali che attirano numerosi giovani. Tra le attività che si svolgono nel tratto cittadino dell’Arno c’è anche la pesca sportiva. Molti appassionati si ritrovano lungo le rive per praticare questo hobby il cui obiettivo, ovviamente, non è quello di riempire la padella a fine giornata. Lo spirito è quello di stare a contatto con la natura, “sfidare” i pesci, catturarli e rilasciarli in acqua. E magari, prima di liberarli, scattare una foto agli esemplari degni

1169781

prezzi da €500 a €2.500 da €9.900 a €16.000 EdilPizzolante - 50023 Impruneta (FI) Via della Pinetina, 11 - 339 3396375 - 347 8541838

alepiz@hotmail.it

di essere immortalati. I giovani che desiderano avvicinarsi a questo sport possono anche frequentare alcuni corsi gratuiti per imparare le tecniche di pesca. Le associazioni Arci Pesca Fisa e Fipsas, con il contributo della Regione Toscana e della Provincia di Firenze, hanno infatti istituito la scuola di pesca nell’Arno fiorentino, aperta ai ragazzi fino a 16 anni. Durante i corsi, oltre alle lezioni di pesca pratica, sono previsti momenti di formazione sull’ecologia fluviale, sulle specie ittiche e sul rispetto dell’ambiente. Per i fiorentini l’Arno è stato sempre così: da un lato un pericolo, ma dall’altro una grande risorsa che ha reso grande il capoluogo toscano.

diecimila metri quadrati del giardino di lungarno Santa Rosa si fanno belli. Sono infatti partiti i lavori di restyling dell’area verde che va da piazza Gaddi al Torrino di Santa Rosa. E ora, all’orizzonte, ci sono quattro mesi di interventi (con un costo complessivo di 315mila euro) che porteranno alla riqualificazione dell’area, sollecitata a più riprese dagli stessi residenti. Il progetto prevede il ripristino e la recinzione dell’area ludica, con l’inserimento di giochi nuovi, l’installazione di un fontanello di acqua di alta qualità e il potenziamento dell’impianto di illuminazione. Ma verranno fatti aggiustamenti anche al verde della “rive gauche” del lungarno, con l’abbattimento (necessario) di alcuni alberi malati e il reimpianto di sostituti in numero superiore. Si tratta essenzialmente di platani e bagolari, che già popolano quell’area e che ora si candidano ad aumentare ancora, a degna cornice del percorso pedonale che attraversa tutta l’area. In questo modo, il giardino dovrebbe tornare a vita nuova, e superare quei problemi che, a cadenze regolari, in passato hanno reso necessari gli interventi di polizia e Caritas. Ma il Comune ha presentato anche uno studio di fattibilità per trasformare l’ex gasometro di via dell’Anconella in uno spazio polivalente con ristorante, piscina, palestra, uffici e area bambini: la gara potrebbe partire nel 2012. E, nel frattempo, il lungarno Santa Rosa si è ripreso anche un altro pezzettino: a metà maggio ha infatti inaugurato la stagione estiva il BSide, locale all’aperto (anzi, come direbbero i signori della notte, “lounge garden”) tutto luci e atmosfere, adatto ai cultori della notte di San Frediano. Gli ingredienti, al solito, sono musica e cocktail da sorseggiare al fresco dei divanetti, veduta dell’Arno /G.R. d’argento inclusa.


tempo libero

17

eStAte/4. Gli impianti aperti al pubblico sono tanti: alcuni famosissimi, altri un po’ meno

...e piscine di lusso per i più esigenti La Costoli e le Pavoniere sono tra le più note, ma ci sono anche strutture più di nicchia: spesso, come Holiday Inn e villa Le rondini, sono annesse agli alberghi. Ma accessibili a tutti Rosaria Zanieri

C

on l’arrivo delle prime giornate estive cresce la voglia di mare, ma non sempre è possibile abbandonare la città per dirigersi verso le più vicine località costiere. Come fare, quindi, per allietare le calde giornate estive di chi è costretto a rimanere a Firenze? Non rimane che una soluzione: la piscina. In città, accanto alle strutture più conosciute e frequentate, si affiancano impianti meno noti ma forse più interessanti e curiosi, anche solo per la loro collocazione geografica. E allora vale la pena fare un piccolo viaggio per conoscere le possibili alternative alle piscine cittadine più affollate durante il periodo estivo, quali ad esempio la Costoli (dove, tra l’altro, quest’anno il giovedì pomeriggio di luglio e agosto si entrerà gratis se la sera prima si è partecipato a uno degli eventi serali). Un impianto rinomato, e sicuramente tra i più conosciuti e amati dai turisti e dagli stessi fiorentini, è quello delle Pavoniere. Ristrutturata in anni recenti, la piscina è immersa nell’ombra degli alberi secolari del parco delle Cascine, e offre varie opportunità a chi vuol divertirsi nelle diverse ore del giorno. Consentendo l’accesso anche in orario serale (dalle 20 all’una e mezza) è divenuta un riconosciuto punto di incontro dove trascorrere serate con amici, grazie anche al ristorante-pizzeria e al bar. Nella zona di via Bolognese si trova invece l’hotel Villa Le Rondini, che dal primo giugno apre la sua piscina anche a chi non soggiorna nelle sue stanze. La posizione della villa è sicuramente molto suggestiva. È, infatti, situata sulle prime colline fiorentine, immersa in un parco di ulivi e macchia mediterranea, ed è carat-

terizzata da una vista sul panorama cittadino degna di nota. La piscina chiude il 30 settembre e, tempo permettendo, è possibile accedervi tutti i giorni dalle 10 alle 19. L’Holiday Inn di viale Europa è un altro albergo che apre la sua piscina al pubblico durante la stagione estiva. La struttura, oltre agli ingressi giornalieri, offre varie tipologie di accesso che vanno dalla mezza giornata agli abbonamenti con 10 o 30 ingressi. La sera, inoltre, è possibile cenare a bordo vasca. L’apertura al pubblico ha inizio, anche in questo caso, dal primo giugno e, per tutta la stagione, sarà possibile nuotare nella piscina tutti i giorni dalle 10 alle 19. Per chi punta a un ambiente più ricercato, il Golf Club Ugolino, a Grassina, apre la propria piscina a frequentatori occasionali. La

Anche il Golf Club Ugolino, “classe” 1933, apre ai bagnanti occasionali struttura è immersa in un ambiente assolutamente ricco dei segni di quella storia che è passata tra le sue stanze. L’Ugolino è infatti nato nel 1933 e la piscina stessa è un importante ricordo dei decenni che sono passati di qui. È stata realizzata, infatti, negli anni ’30 dall’architetto Gherardo Bosio, ed è uno dei maggiori esempi di architettura razionalista, tanto da essere posta sotto la tutela delle Belle Arti.

le

pavoniere

1170374


18

noi&loro

Giugno 2011

ricorrenze. La onlus celebra una storia (di successi) lunga quasi quanto quella dell’Italia unita

enpa, 140 anni ad aiutare gli animali Ludovica V. Zarrilli

È

una storia legata a doppio filo con l’Unità d’Italia quella che vede protagonista Enpa, l’Ente nazionale protezione animali che nel 2011 compie 140 anni dalla fondazione. Una storia fatta di amore e sensibilità straordinaria, maturata in un periodo in cui l’affetto per i piccoli animali che popolano appartementi e giardini non era così scontato come lo

foCUs Quattrozampe in vacanza

Fido, guida alla pensione ideale

E

state, è tempo di vacanza e riposo anche per i nostri amici a quattro zampe. Dove lasciare i cuccioli durante la nostra assenza? Come scegliere la struttura migliore, in grado di accogliere, coccolare e far respirare un’aria familiare? Ecco una breve “guida” alla pensione ideale per Fido&Micio. Le strutture dovrebbero essere situate in aree immerse nel verde, lontane dal contesto urbano, così da offrire condizioni ottimali di libertà e cura. Meglio se sono presenti siepi di alloro: funzionano da deterrente contro le zanzare. Afa e umidità estiva mettono a rischio la salute di cani e gatti: è necessario che i box interni abbiano sistemi di condizionamento e deumidificazione, e che la parte esterna sia ombreggiata da alberi e coperture apposite. I cani devono essere lasciati liberi di sgambare durante l’arco della giornata, sotto la sorveglianza di personale specializzato che provveda a farli correre e giocare. I gatti solitamente rimangono, per l’intero soggiorno, all’interno dell’alloggio perché fuori dal proprio ambiente tendono a spaventarsi. Meglio non correre rischi: in primis c’è la salvaguardia dell’animale. Per quanto riguarda i box, è preferibile che la divisione sia in muratura, in modo che i cani delle “stanze” attigue non si influenzino nei movimenti. La pulizia deve essere effettuata ogni giorno, quando Fido si trova fuori, così da assicurare la massima igiene. Capitolo pasti: ogni cane e gatto deve continuare a mangiare le stesse cose che mangiava a casa. Buona norma è che la struttura prenda visione delle singole abitudini alimentari mantenendole inalterate. Se poi il cane o il gatto sta seguendo terapie farmacologiche indicate dal veterinario, il personale deve garantire la continuità della terapia così come indicato dal medico. È obbligatorio che la struttura abbia un veterinario a disposizione 24 ore su /V.G. 24, per ogni esigenza.

è oggi. “Sembra incredibile ma il fondatore e promotore dell’ente, nato a Torino e sbarcato a Firenze dopo appena due anni, fu Giuseppe Garibaldi - spiega Simone Porzio, presidente provinciale di Enpa - l’eroe dei due mondi era molto affezionato alla sua cavalla Marsala (che ha portato con sè a Caprera e ha fatto seppellire nella tomba di famiglia, ndr) e da quest’amore nacque l’idea di mettere in piedi un’associazione che li tutelasse tutti, perché più deboli e spesso sfruttati”. Detto fatto, l’intellighenzia fiorentina, popolata, nella seconda metà dell’Ottocento, da molti intellettuali inglesi di stanza in città, decise di dare vita alla “Società protettrice animali in Firenze”, che annoverava nell’organico tutta la nobiltà illuminata dell’epoca: da Ubaldino Peruzzi a Bettino Ricasoli, da Gino Capponi a Frederick Stibbert, e poi la famiglia Della Gherardesca, i De Larderel, i Cordero di Montezemolo e gli immancabili Corsini e Pucci. E la lista potrebbe essere ancora molto lunga. “Il primo ambulatorio - continua Porzio, che ha ritrovato lo statuto e i registri originali strappati alla furia dell’alluvione del ‘66 - si trovava in via

siMone porzio

con un cerbiatto

fu Giuseppe Garibaldi, affezionatissimo alla sua cavalla Marsala, a dar vita a torino, nel 1871, alla prima associazione di protezione degli amici dell’uomo, che a firenze attecchì grazie anche alla grande sensibilità dell’intellighenzia inglese di stanza in città della Mattonaia e vedeva già all’epoca impegnati dei volontari che si prendevano cura soprattutto di cavalli e asini all’epoca usati per la soma, spesso offrendo cure gratuite ai padroni che non potevano permettersele. Oltre a questo, per diffondere una cultura zoofila, venne istituito un concorso per premiare i bambini più meritevoli, che avevano salvato un animale o scritto un racconto dedicato al mondo delle bestiole”. Ma non è tutto, le guardie zoofile, corpo di volontari (oggi vero e proprio corpo di polizia per accedere al quale bisogna affronatare una lunga formazione e un esame finale) si occupavano del controllo delle macellerie nei mercati e degli animali colpiti con le fionde o uccisi per essere mangiati, come succedeva a gatti o colombi. Oggi l’Enpa è una onlus che vive grazie ai contributi dei soci e ai lasciti dei privati (non usufruisce di nessun tipo di contributo pubblico) e, nella provincia di Firenze, conta su un corpo di 40 guardie che effettuano continui controlli intervenendo in situazioni difficili e ascoltando le segnalazioni dei cittadini. Per festeggiare questi 140 anni di storia, il Comune di Firenze consegnerà all’associazione il “Fiorino d’oro della solidarietà” e nell’occasione, il 17 giugno, sarà inaugurato il nuovo presidio al canile di Ugnano. Inutile dire che le offerte da parte dei cittadini, per sostenere il lavoro della onlus, sono più che benvenute. “Cerchiamo anche volontari - chiosa Porzio - per l’assistenza degli animali nei canili e per altre attività”. Per info: www.enpafirenze.it o 055/2132296.


Liberi di benEssere

TEL. 055 0129630 www.calypsofirenze.it info@calypsofirenze.it

1180285

Showroom: Via Pratese interna 132/A Firenze


20

politica

Giugno 2011

GrAnDi ScHerMi. Passa la legge sui cinema targata Pd, qualche “scricchiolio” in consiglio regionale

Il Multiplex spacca la maggioranza via libera alla realizzazione della

dall’Immobiliare Novoli a suo tempo, infatti, sono scadute a inizio anno. Il Multiplex però potrebbe acquistare “le poltroncine” del compianto Variety ed eventualmente anche quelle di qualche altro cinema che ha chiuso i battenti ultimamente (Fiamma e Principe). Altre novità sul fronte grandi schermi riguardano l’Astra 2. Grazie a un accordo stretto con Palazzo Vecchio, la sala di piazza Beccaria sta per risorgere sotto forma di ristorante, sala meeting e addirittura pista da ballo. Niente paura, il grande schermo rimarrà al suo posto, ma la sala cambierà radicalmente per ospitare anche altri tipi di eventi. Prevista la realizzazione di una galleria, destinata a ospitare un ristorante sospeso sopra la platea, che però resterà chiuso durante la proiezione dei film. Al piano di sotto, invece, saranno installate poltroncine a scomparsa sotto la superficie del pavimento, in modo da poter trasformare la sala in uno spazio completamente libero. Sotto lo schermo troverà poi spazio un palco per esibizioni dal vivo. Ma l’accordo è chiaro: l’attività principale rimarrà quella cinematografica. Non sarà insomma un secondo caso Gambrinus: lo storico cinema di piazza della Repubblica sta infatti per riaprire i battenti, ma sottoforma di Hard Rock Cafè. L’inaugurazione è prevista tra giugno e luglio.

maxistruttura di novoli, nonostante l’opposizione dell’Idv. Ma ci sono novità anche per altre sale cittadine, a partire dall’astra 2 e dall’ex Gambrinus Paola Ferri

C

apitolo cinema, la fase del riscatto è appena cominciata. A spese della tenuta della maggioranza in consiglio regionale. È stata approvata alla fine di maggio la cosiddetta “legge salva-Multiplex”, che altro non è se non la legge dedicata alle sale cinematografiche, riveduta e corretta dal gruppo Pd. Se la prima versione, avanzata dall’assessore Idv Cristina Scaletti, conteneva infatti una specifica norma di distanza minima tra i multisala e gli altri schermi, il testo rilasciato dal consiglio regionale ha tolto di mezzo “l’ostacolo” che precludeva l’apertura della struttura di Novoli. La nuova legge, invece, suddivide le strutture in tre categorie: piccole (fino a 4 schermi e 700 posti), medie (da 4 a 8) e grandi (oltre gli 8). Il requisito della distanza (fissato in 15 km da altri multisala), rimane in piedi solo per queste ultime realtà. Prevista la liberalizzazione delle piccole realtà, mentre l’autorizzazione di medie e grandi strutture sarà vincolata al parere della conferenza dei servizi. Un concreto via libera alla realizzazione del contestato Multiplex, che è costato un acceso dibattito in Regione. Alla fine la norma è passata, con il voto contrario dell’Idv, complici alcune assenze più o meno strategiche nell’opposizione. Assente al voto anche il governatore Enrico Rossi, stretto tra la necessità di difendere la posizione della giunta o quella del proprio partito. “Perplessa” la Scaletti, “ma non mi dimetto – aggiunge – sono convinta di aver portato avanti una battaglia giusta”. Rischio di “mcdonaldizzazione della cultura” a parte, per usare le parole dell’assessore regionale, resta adesso da sciogliere il dilemma delle licenze. Quelle acquistate

coSAp Canone di occupazione del suolo pubblico dimezzato per le bancarelle di libri: chi vende cultura può tirare un sospiro di sollievo. “Una decisione piccola ma molto significativa – commenta il vicesindaco Dario Nardella – queste bancarelle, cariche di libri nuovi, usati, rari e di uso comune, sono una parte della nostra tradizione e meritano attenzione, perché ‘vendono’ cultura e tipicità”. In città ne sono rimaste sei, sei sopravvissuti che ogni tanto fanno capolino come un pezzo dimenticato in strada da un passato in fuga. Alcune sostano vicino a una scuola, come nel caso di quella di via Martelli o di viale Don Minzoni, altre presidiano piazze storiche, quella del Tribunale, piazza Strozzi o piazza Beccaria. Una bancarella, invece, sosta sotto la Loggia del Pesce, a due passi dal mercatino delle pulci di piazza dei Ciompi.

il

MultipleX

di

novoli

AtAf Ci siamo, si dovrebbe aprire questo mese il bando di gara per la vendita del 40% delle quote di Ataf, nonostante le proteste continuino a infuriare tra i dipendenti dell’azienda. A poco sono servite le rassicurazioni del presidente Filippo Bonaccorsi, tra i timori dei lavoratori c’è anche lo spettro della vendita totale delle quote. Un passaggio di mano che significherebbe “condizioni di lavoro peggiori e qualità del servizio decisamente inferiore”, dichiarano all’unisono i sindacati. Ma il dado ormai è tratto: il progetto di Palazzo Vecchio prevede la divisione dell’azienda di trasporti in due parti. La maggioranza delle quote resterebbe in mano pubblica, così come la gestione dei beni immobili, mentre lavoratori e veicoli dipenderebbero dal privato. Di qui il timore di tagli al personale.

San Donato in Poggio (FI) Via Madonna di Pietracupa, 31 Tel. 055 8072400 - Fax 055 8072142 www.locandapietracupa.com - info@locandapietracupa.com CHIUSO IL MARTEDI

1119390

ScUolA Tariffe più basse per le famiglie numerose e sanzioni più aspre per chi truffa dichiarando il falso. A partire dal prossimo anno i servizi di supporto alla scuola (mensa, trasporto, buoni libro, borse di studio) costeranno meno. Lo sconto vale per le famiglie numerose con reddito annuo fino a 32.500 euro, indipendentemente dal numero dei figli che usufruiscono dei servizi. Così, se i pargoli sono tre, l’abbattimento sarà del 30%, se sono quattro del 40% e via dicendo, a patto che abbiano meno di 26 anni. Allo stesso tempo diventano più dure le sanzioni per coloro che provano a truffare l’amministrazione dichiarando il falso: chi lo fa dovrà sborsare il triplo del beneficio economico conseguito con la dichiarazione falsa, oltre a versare la somma che non ha pagato.


politica

21

il cASo. Carico-scarico merci in centro, la protesta dei trasportatori

Urne. A Palazzo Vecchio e Strozzi Sacrati

Meno tempo per le consegne Elezioni a effetto domino, in ztl, il dibattito non si ferma va in scena il “rimpastino” T

Francesca Puliti

ea Albini entra in Parlamento, l’Idv minaccia di abbandonare il Pd, la giunta comunale e quella regionale sono sempre più traballanti. Elezioni a effetto domino in Toscana. Se l’ultima tornata elettorale, che ha portato al rinnovo di 33 amministrazioni locali, non ha toccato Firenze, gli effetti si sono fatti sentire comunque sotto al Cupolone. Fino a far intravedere, a breve distanza, la possibilità di un rimpasto al vertice sia a Palazzo Vecchio che a Palazzo Strozzi Sacrati. Il valzer delle poltrone in Comune potrebbe aprirsi proprio a metà mese, dopo l’approvazione del bilancio. Dopo il fatidico sì dell’aula l’apposito assessore, Angelo Falchetti, farà i bagagli per prendere le redini della Mercafir (la firma è avvenuta a fine maggio). A contendersi il posto vacante Titta Meucci (in lizza anche

C

arico-scarico merci nella zona a traffico limitato, il nuovo regolamento non si tocca. Almeno per i prossimi tre mesi. Pietra tombale sul dibattito che ha animato il mondo della politica e le associazioni dei trasportatori nelle ultime settimane. A pronunciare la sentenza è stato l’assessore alla mobilità Massimo Mattei. Proteste e proposte sono rimandate a settembre, per quest’estate il provvedimento resterà così com’è. Alla base della diatriba la decisione di Palazzo Vecchio di ridurre l’orario destinato alle operazioni di rifornimento degli esercizi commerciali. Se un tempo era prevista una fascia mattutina dalle 7.30 alle 9.30 (ma chi era entrato in centro aveva comunque un certo margine) e una finestra nel primo pomeriggio, da metà maggio le consegne possono essere effettuate solo dalle 7.30 alle 9. O meglio, secondo la versione dell’assessore alla mobilità Massimo Mattei, “fino alle 9”. Nessuno, infatti, impedirebbe a camion e furgoni di transitare in centro prima delle 7.30, quando ha inizio la ztl. Ma consegnare le merci all’alba significa rivoluzionare completamente una serie di abitudini consolidate. A partire dall’orario in cui gli esercenti tirano su il bandone. Sul piede di guerra sono scese le associazioni dei trasportatori. “Il nuovo orario non sta creando soltanto generici disagi – attacca Giovanni Giuliacci, responsabile Logistica e Trasporti di Legacoop Servizi – ma ha già ricadute economiche negative”. Il rischio, secondo Legacoop Servizi, Confcooperative e Agci, è che aumenti il numero di furgoni che si muo-

Quattromila aziende coinvolte. Ma tutti gli aggiustamenti sono rimandati a settembre vono tra le vie del centro. “Appurato che in un’ora e mezzo è impossibile fare tutte le consegne che si facevano prima – spiega Giuliacci – ciò che succederà è facilmente prevedibile. I fornitori utilizzeranno più mezzi per riuscire a fare in tempo, o aumenterà il numero dei fornitori che operano nel centro storico, con le conseguenze sul traffico e sull’ambiente che si possono immaginare”. L’altro rischio reale, sostengono, è l’aumento del costo di ogni fornitura. “Un meccanismo al rialzo – aggiunge Giuliacci - de-

terminato dal fatto che ogni impresa può fare meno consegne di prima”. Contrarie al nuovo orario imposto anche alcune grandi aziende, come Esselunga, che ha inizialmente sospeso il recapito della spesa a domicilio nel centro storico. “Sappiamo che dietro le consegne c’è un mondo – prova a gettare acqua sul fuoco Mattei – ma una riorganizzazione era inevitabile, anche a detta degli stessi trasportatori”. E lancia un invito: “Chiedo ai soggetti coinvolti di valutare la nostra norma nell’arco di alcuni mesi”. Sono quattromila, in tutto, le aziende toccate dal provvedimento, e non tutte hanno voglia di aspettare così a lungo. “Le consegne sono diminuite in generale del 30% - sottolinea il consigliere comunale Marco Stella (Pdl) alcuni settori merceologici hanno subito una diminuzione di consegne di addirittura il 60% o 70%”. Una contrazione che, secondo i calcoli di Stella, avrebbe prodotto una perdita di oltre due milioni di euro solo nella prima settimana dall’entrata in vigore del nuovo orario. “Si dovrebbe quantomeno reintrodurre una finestra pomeridiana ‘d’emergenza’ per coloro che sono impossibilitati a ricevere le consegne così presto – continua Stella – prolungare la fascia mattutina fino alle 10.30 in alcune zone e introdurre un servizio di van sharing”. Ma per ora niente da fare: tutti gli aggiustamenti sono rimandati a settembre.

Il valzer delle poltrone potrebbe aprirsi a metà mese per l’assessorato all’urbanistica) ed Enrico Bertini. Questo mese, inoltre, Renzi potrebbe sciogliere le riserve sulla delega all’urbanistica, che finora, visto quanto combinato nella legislatura precedente (leggi Quadra, Castello&Co.), ha tenuto per sé. Rimane da definire la “questione Idv”. I dipietristi sono rimasti senza un posto in giunta dai tempi in cui Cristina Scaletti è diventata assessore regionale, e la cosa non gli è mai andata giù. Tant’è che adesso, a bocce ferme, il segretario toscano Fabio Evangelisti è addirittura arrivato a minacciare l’abbandono della maggioranza renziana in caso in cui non arrivi neanche una carica. Già, perché nella partita è compresa anche la

Chianina

poltrona di presidente del consiglio comunale. Eugenio Giani ha dato la sua disponibilità a lasciarla non appena entrato in consiglio regionale (subentrando ad Alessia Ballini), ma per il momento è ancora al suo posto. L’ipotesi Idv sul “trono” del Salone, però, appare assai remota. Soprattutto dopo la replica del sindaco a Evangelisti: “Se uno mi dice ‘o mi dai un posto o me ne vado’ io rispondo ‘ciao’”. Capitolo chiuso, o quasi. L’intesa Idv-Pd traballa anche in Regione. A rischiare di più è appunto Cristina Scaletti, assessore alla cultura, considerate anche le spaccature che ha provocato la “sua” legge sui cinema. A darle il cambio potrebbe essere un assessore targato Sel, considerati gli ottimi risultati ottenuti alle amministrative di maggio. Ma Enrico Rossi per ora non si sbilancia. È sicura di non lasciare il proprio scranno, invece, Tea Albini. Prima dei non eletti Pd in Toscana, la veterana di Palazzo Vecchio potrebbe subentrare al neoeletto sindaco di Siena Franco Ceccuzzi. La cioniana Albini, però, ha già fatto atto di fede verso Firenze: rimarrà consigliera. Nessuna speranza per i primi dei non eletti nelle liste cittadine del Pd che ambivano a un posto al sole nel /F.P. Salone dei Duecento.

Cinta senese VI ASPETTIAMO! Dalle 11:30 alle 18:00 tutto il gusto della Toscana Pranzi di lavoro, pranzi veloci - Aperitivi e sopratutto... merende per grandi e piccini

Via Grevigiana S.Casciano in Val di Pesa - Firenze

Tel. 055 8290252

www.ilgallogiallo.com

1165455


22

internet

Giugno 2011

on line. Eventi, iniziative e consigli per non perdersi il meglio della stagione: tutto su www.ilreporter.it

Un’estate da vivere click dopo click I PIÙ LettI DeL Mese 1. Dai bus alla scuola, tutti i servizi a rischio per lo sciopero 2. I super cafoni, eccoli qua e fanno anche i pizzaioli 3. Si butta sotto un treno a 26 anni 4. Fiorentina-Bologna: denunce e un arresto tra gli ultras rossoblù 5. Arriva la Mille Miglia, divieti di sosta e vip in corsa

T

utto quello che avreste voluto sapere sull’estate... e che ora potete osare chiedere. O, meglio, cliccare. Su www.ilreporter.it, infatti, troverete eventi, iniziative, idee, spunti, luoghi e occasioni per vivere al meglio i mesi più caldi dell’anno. Una “guida”, quella consultabile sul nostro portale, che vi terrà compagnia per tutto questo periodo, da tenere costantemente

d’occhio per non perdere gli appuntamenti più importanti dell’estate fiorentina (e non solo). Da tenere d’occhio per trovare spunti e consigli su cosa fare la sera, su dove andare nel weekend (con qualche suggerimento alternativo per coloro che non vogliono rischiare di trovarsi intrappolati in auto tra i “pellegrini” del fine settimana al mare) e su molto altro ancora: dalle mostre alle sagre, dai concerti

I vIDeo PIÙ vIstI 1. Il Mondo di Patty, baldoria al pub dopo lo spettacolo per l’idolo teen

toP fIve foto 1. Germania-Firenze sui pedali / L’impresa in diretta

2. Sciopero Cgil, migliaia in piazza per dire “basta”

2. Nel covo degli studenti anarchici: mazze e spranghe per creare il caos

3. Jovanotti a Renzi: “Non ascoltare quei vecchi babbioni”

3. In centomila per la Notte Bianca

4. Napolitano a Firenze, la gente lo incita: “Resista!”

4. Clet colpisce ancora e ‘’disegna’’ su Torre San Niccolò

5. Esplosione e incendio, notte di paura in via dell’Argingrosso

5. Aquiloni fatti a mano e birra di marroni: i bottegai a palazzo

alla cultura, non mancheranno “dritte” per tutti i gusti e le età. Perché d’estate, soprattutto da quando la vacanza di tre mesi in riviera è diventata un ricordo legato al passato, o un lusso per pochi (e sempre meno) intimi, le iniziative in città e nei suoi immediati dintorni si moltiplicano, mettendo alla prova la fantasia degli organizzatori e la capacità di scelta dei fiorentini in cerca di svago e, perché no, di un po’ di fresco. Così, Il Reporter.it, accanto alla cronaca e al racconto dei fatti più importanti di ogni giorno, darà ampio spazio, per tutta l’estate, agli articoli dedicati al tempo libero e ai modi per trascorrerlo al meglio. Una “guida”, come detto, da non dimenticare di consultare, perché se questi mesi sono caratterizzati dal grande caldo, particolarmente “temuto” a Firenze, lo sono anche da una quantità di proposte e iniziative difficilmente riscontrabili negli altri periodi dell’anno. Che vale la pena vivere – o almeno conoscere - e che Il Reporter.it cercherà di raccogliere per i suoi lettori. L’altro lato della medaglia sono proprio le elevate temperature che caratterizzano l’estate fiorentina. Tali, ogni anno, da giustificare allarmi (soprattutto per le fasce

SEGUICI SU

TORNA IL CALCIO STORICO, SEGUILO SU

CALCIOMERCATO, AGGIORNAMENTI E TRATTATIVE SU

TRAM MA NON SOLO: CANTIERI IN DIRETTA SU

più deboli della popolazione) e rendere utili vademecum su come comportarsi per ridurre al minimo i pericoli legati alla stagione: consigli che – nei giorni più a rischio – Il Reporter riporterà sul suo sito, insieme ai servizi attivi e ai numeri da chiamare in caso di bisogno. Insomma, questa sarà – insieme a Il Reporter.it - un’estate da vivere (e conoscere) giorno per giorno. Click dopo click.


i

n

c

o

m

u

n

e

06 giugno 2011

periodico dell’Amministrazione Comunale di Tavarnelle Val di Pesa A cura dell’Amministrazione Comunale di Tavarnelle - Coordinamento editoriale: Ufficio Stampa associato

Editoriale L’importanza di un percorso di memoria condiviso

A descrivere le emozioni di un viaggio così intenso ci si può solo provare. Con le parole trovo difficile esprimere quello che ho provato, le sensazioni fisiche che ho avvertito osservando i campi di sterminio, riflettendo sui fatti terribili dell’Olocausto. Azioni scellerate, pianificate, scaturite da una strategia omicida ossessiva e sistematica che mirava esclusivamente a raggiungere un obiettivo: sterminare uomini, donne, bambini, anziani. Persone, in realtà corpi senz’anima, assimilate a serie numeriche, catturate, rese prigioniere, costrette a sopravvivere in condizioni disumane, destinate alla morte, con la vita, o qualcosa del genere, appesa ad un filo. Verità atroci che non possono essere colte dai libri di scuola ma solo attraverso un’esperienza diretta come quella che abbiamo avuto l’opportunità di vivere con il Viaggio della Memoria, organizzato da Aned. Abbiamo compreso fino a che punto possano arrivare la mente folle di un uomo, i crimini e il progetto di annientamento perseguiti dagli ideali nazisti. E ci siamo domandati: la crudeltà di un maniaco di morte e sofferenza, come quella espressa e praticata dal leader nazista alcuni decenni fa, è davvero un seme annientato per sempre o è qualcosa che può tornare, accadere di nuovo? Sono uscito dal tunnel di questo viaggio con una certezza in tasca: le emozioni di ciò che abbiamo vissuto in prima persona, soffrendo ad esempio alla vista della camera a gas o dei luoghi da cui, con freddezza e disinvoltura, i prigionieri venivano letteralmente sospinti verso la loro fine, le porteremo sempre dentro di noi. Ma a questo occorre necessariamente far seguire azioni, comportamenti, fatti che traducano quello che è stato un importante approfondimento formativo dedicato alla conoscenza delle pagine più buie della nostra storia in un percorso di memoria condiviso, in un impegno da parte di ciascuno di noi, testimoni dell’orrore della guerra, ad opporsi alla sopraffazione e alla violenza, come promotori attivi di democrazia. Dobbiamo far valere ed affermare in ogni occasione, a scuola, in famiglia, al lavoro, i valori fondanti della Costituzione. Solo così potremo impedire che le varie forme dell’oppressione, anche quelle più sotterranee, si risveglino dal tempo. Non dimenticate e non fate dimenticare. Il vicesindaco David Baroncelli

Viaggio della Memoria: nuovi testimoni dell’orrore della guerra

E’ necessario tenere vivo il ricordo della guerra attraverso l’affermazione dei valori di democrazia e libertà Sul filo della Memoria si innestano nuove voci di viaggiatori, giovani e adulti del territorio, che raccontano e rivivono l’esperienza della loro immersione nei luoghi della guerra e della sofferenza. Sebbene vissuti indirettamente, ci sono nuovi testimoni nel Chianti che impediranno alla tragicità della guerra e all’orrore dei campi di sterminio nazi-fascisti di finire nell’oblio, di essere dimenticati o ripercorsi solo attraverso le fredde pagine di un libro di scuola. Sono gli studenti e i rappresentanti istituzionali dei Comuni di Barberino, San Casciano e Tavarnelle, reduci dal Viaggio della Memoria, concluso alcuni giorni fa, organizzato da Aned con il contributo delle amministrazioni comunali. La delegazione, composta da sedici ragazzi delle scuole medie del territorio e, tra gli altri, dal vicesindaco di Tavarnelle David Baroncelli, fa seguire all’esperienza del viaggio la necessità di condividere con i cittadini i temi, i fatti, i luoghi, i principi, i valori connessi al viaggio e alla memoria. Sentimenti e sensazioni quali tristezza e dolore per la barbarie e la disumanità consumata nei campi di concentramento hanno travolto i pellegrini durante le loro visite nei luoghi della morte di Dachau, Ebensee, Gusen, Harteim, Mauthausen e Risiera di San Sabba. “E’ stato un viaggio formativo e ringrazio Aned per l’opportunità offerta ai ragazzi, agli insegnanti, ai colleghi - ha dichiarato il vicesindaco - quello che mi sono trovato davanti è stato un vero e proprio progetto di morte, studiato nei minimi dettagli, un processo industriale che non si limitava ad eseguire un ordine ma che era dettato da una precisa volontà di morte, un desiderio ossessivo di commettere omicidi. Fatti

Viaggio della Memoria 2011

terribili anche perché pianificati di cui ho avuto la chiara percezione sia visitando i campi di sterminio sia ascoltando le dolorose testimonianze dei sopravvissuti; intendiamo far fruttare questa esperienza tenendo vivo il ricordo del viaggio, continuando a parlarne e dedicando al tema iniziative volte al coinvolgimento della comunità. Alla volontà di morte occorre opporre la volontà di bene, la forza di cittadinanza democratica e la speranza che le nuove generazioni non dimentichino, convinti che alla base della vita pubblica di tutti, soprattutto dei cittadini del futuro, debbano esserci democrazia e libertà”. Al viaggio hanno partecipato anche l’assessore all’innovazione tecnologica Matteo Ceccatelli (Barberino Val d’Elsa) e il consigliere comunale Sandro Matteini (San Casciano in Val di Pesa).

PER SCRIVERE A “TAVARNELLE IN COMUNE” potete inviare fax o lettere all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (tel. 055/8050824 fax 055/8076657) ed e-mail all’indirizzo di posta elettronica uff.stampabarberinotavarnelle@gmail.com.


2

A spasso nel tempo con le auto, i costumi e le abitudini di una volta

Dal 14 giugno torna il tradizionale appuntamento dei “Martedì a passeggio per il centro”. In apertura lo spettacolo-defilé “Come eravamo…” che vede protagoniste auto d’epoca degli anni ‘30-‘70 Immaginate una sera d’estate, una di quelle che non teme l’arsura delle temperature tropicali; immaginate di uscire di casa e passeggiare per le vie del centro, spinti dal desiderio di regalarsi o regalare una boccata di ossigeno, un diversivo che interrompa la routine, scacci la noia, porti fuori la famiglia, faccia scoprire dettagli, inviti a conoscere meglio il proprio territorio e chi lo abita. Ma perché limitarsi ad immaginare quando la realtà, quella vera che niente ha a che spartire col 3d, si può cogliere in prima persona e a due passi da casa? E’ in arrivo l’Estate tavarnellina, con i suoi “Martedì a passeggio per il centro”, la sua mise da nottambula, con le vie e la piazze che si accendono di luci, suoni, risate, voci, vicine e lontane. Banchi che si affacciano sulle strade, saracinesche alzate, vetrine illuminate, negozi aperti, tavarnellini pronti ad accogliere cittadini e turisti: la vitalità chiantigiana, versione by night, prende vita nel tradizionale mercatino “Arti e Mestieri” che dal 14 giugno, per circa tre mesi, porterà sotto le stelle, dalle 19 alle 24, l’eccellenza della tipicità chiantigiana nel settore enogastronomico e non solo. “E’ l’occasione - precisa l’assessore al Turismo Lia Corsi - che consente alle attività commerciali e agli operatori della ristorazione di uscire dalle botteghe e proporre prodotti e attrazioni di qualità come la tradizionale bisteccata; l’iniziativa vuole proporsi anche quale vetrina ‘continua’, costituita da banchi e negozi, che mira a stabilire punti di contatto con i cittadini

e i turisti e ad offrire un luogo di incontro dedicato alla promozione delle produzioni locali”. La stagione che si appresta ad aprire i battenti è connotata da un ricco programma di eventi inediti. Punta di diamante della kermesse è la serata inaugurale: martedì 14 giugno Pro Loco, Comune e Cassia Corse Storica scommettono tutto su “Come eravamo…”. Un viaggio nel tempo per conoscere e valorizzare l’evoluzione del costume ita-

liano attraverso l’automobile e ciò che essa ha rappresentato nel corso dei decenni. Da quando l’auto indicava uno status sociale, privilegio concesso a pochi, all’epoca in cui divenne mezzo popolare, accessibile ai più. La nostra storia, la storia che hanno vissuto i nostri padri e i nostri nonni sarà ripercorsa al volante di auto belle e pregiate. Sono circa trenta quelle che hanno promesso di ‘lampeggiare’ sui ricordi, di mettere in moto

grandi emozioni. Giulietta, Seicento, Cinquecento, Prinz sono alcune delle quattro ruote che il 14 giugno sfileranno sulla passerella di piazza Matteotti, animate da persone, costumi, oggetti ed equipaggi. Affreschi ‘mobili’ che ricostruiranno la vita dell’epoca andando a spasso nel tempo, dagli anni ‘30 agli anni ’70. Le auto potranno essere ammirate sin dalle 17,30 in sosta nei pressi della piazza e diventeranno tableaux vivants alle 21,30. Durante la sfilata è prevista la proiezione su un maxischermo di immagini e video, illustrata dal conduttore della serata e arricchita da vecchie canzoni che ricreeranno le atmosfere di una volta. “Quando l’autoradio era fantascienza commenta Danilo Barbieri della Cassia Corse Storica - ci pensavano le famiglie, gli amici, addossati gli uni agli altri, stretti negli abitacoli, a cantare, a generare musica fai da te, a intonare i cavalli dei battaglia dei propri beniamini. E dai finestrini d’estate si sentivano le voci, di grandi e piccini, che emulavano Rita Pavone, Domenico Modugno, Gianni Morandi, Mina mentre si avviavano a trascorrere una domenica di mare con le sdraio legate al tettuccio della macchina e i bagagli che fuoriuscivano dagli sportelli. Osservando questi quadri vorrei che la gente potesse immedesimarsi e riflettersi nello specchio del passato senza rimpianti. Un album di famiglia da sfogliare in piazza a suon di vecchie marmitte ed eleganti clacson”. Info: Pro Loco 055 8077832, Urp Comune 055 8050838.

Bambini e ragazzi a caccia di esperienze…di vita

Attività, giochi, gite didattiche, occasioni di riflessione sull’ambiente e le pagine della nostra storia, passaggi di vita che fanno sentire più grandi e consapevoli Quanti oggetti si possono ricavare da una bottiglia di plastica! Che bella emozione essere ricevuti dal sindaco al compimento della maggiore età! Quante verità è possibile conoscere e comprendere attraverso un viaggio educativo! Sono state particolarmente numerose e diversificate le occasioni che nelle ultime settimane hanno offerto importanti spazi culturali, didattici e di riflessione ai bambini e ai ragazzi del nostro territorio. Guidati da operatori e animatori specializzati, trecento allievi delle scuole primarie del territorio hanno sperimentato, giocando, il piacere e l’utilità di creare, inventare, interagire con materiali destinati ai cassonetti. E’ stato l’atto conclusivo di “Riciclabilandia”, il progetto incentrato sul tema della raccolta differenziata, promosso dalla Provincia di Firenze. Nelle aree esterne dell’Istituto comprensivo “Don Milani” si sono concentrati folti gruppi di bambini provenienti da varie scuole primarie del territorio. Da cinque diverse postazioni di gioco gli animatori del progetto hanno coinvolto i più piccoli in interessanti

e curiose attività finalizzate a far conoscere i molteplici usi e vantaggi legati al riciclo di un rifiuto. L’iniziativa si è conclusa con la premiazione dei lavori e dei progetti migliori realizzati da alcune classi. Passando ai più grandi, nell’ambito della Festa della Repubblica, si è svolta la cerimonia di consegna della Costituzione Italiana personalizzata ad un’ottantina di ragazzi che quest’anno raggiungono la maggiore età. Si è trattato di un’iniziativa che la giunta e il consiglio comunale hanno promosso, convocando una seduta straordinaria

nella sala consiliare Luigi Biagi, per dare il benvenuto ufficiale ai giovani del territorio che si affacciano alla vita da neoadulti. “A oltre 60 anni dalla sua nascita - dichiara il sindaco - la Costituzione continua a essere vitale, attuale, alla base del nostro agire quotidiano. Uno strumento che contiene pagine per il futuro di tutti e afferma il complesso di diritti e doveri che ognuno di noi è chiamato ad incarnare e difendere. E’ stata anche l’occasione per stimolare nei giovani il senso civico e di partecipazione alla vita pubblica”. Nell’ambito della stessa

Due diversi momenti della conclusione del progetto “Riciclabilandia”

occasione il consiglio presieduto da Giuseppe Guttadauro ha potuto ascoltare le toccanti testimonianze degli studenti che hanno partecipato al Viaggio della Memoria, organizzato da Aned con il contributo del Comune. Altro viaggio estremamente educativo è stato quello che ha permesso ad una delegazione composta da amministratori comunali, insegnanti e studenti dell’Istituto comprensivo “Don Milani” di recarsi a Longarone e rinnovare l’amicizia con la comunità della valle del Vajont, dove nel 1963 un terribile disastro industriale spazzò via il paese provocando la morte di quasi 2000 persone. “E’ stato un’occasione importante – ha rilevato Marina Baretta, assessore alla Pubblica Istruzione dell’Unione comunale del Chianti fiorentino – abbiamo potuto ascoltare le testimonianze e vivere in modo accorato questa pagina di storia del territorio veneto, l’accoglienza nei nostri confronti è stata calorosissima. Un ringraziamento a tutti, alla comunità longaronese e ai compagni di viaggio, per l’importante esperienza di vita condivisa”.


3

Note, parole e immagini in libertà

Tra le pievi, le piazze e i luoghi della cultura di Barberino e Tavarnelle esplode la stagione degli eventi promossa dall’Unione comunale Un’ampia agorà dedicata al tempo libero che unisce, valorizza, promuove e invita cittadini e turisti ad essere parte integrante e attiva della comunità. E’ così che è stato immaginato il calendario di eventi messo in piedi dall’Unione comunale del Chianti fiorentino con il quale, nel mese di giugno, prenderà avvio la stagione culturale di Barberino e Tavarnelle. Un cartellone di qualità che si propone di raccontare il territorio e le sue molteplici risorse, volti di un’identità in continuo movimento, attraverso la musica, le parole, le immagini, l’intrattenimento di qualità rivolto a grandi e piccini. Dopo “Itinerari vocali del Chianti fiorentino e senese”, la rassegna che ha fatto riecheggiare canti risorgimentali e popolari con la partecipazione del Coro Voci Bianche e Corale di Barberino e del Coro Santa Lucia del Borghetto di Tavarnelle, la musica continua a farla da padrona nell’ambito della venticinquesima edizione del “Festival di Pentecoste”, allestita tra le navate protoromaniche della Pieve di San Pietro in Bossolo. La kermesse, una delle più prestigiose nel campo della classica su scala nazionale, propone l’11 giugno alle ore 21,15 un evento da non perdere. Protagonista il chitarrista Pedro Lopez De La Osa, accompagnato dal quartetto Mitja, composto da Giorgiana Strazzullo (violino), Carmine Caniani (viola), Sergio Martinoli (violino) e Andrea D’Angelo (violoncello). I musicisti eseguiranno musiche di Haydn, Boccherini e Mendelssohn-Bartholdy. Il quarto e ultimo appuntamento è previsto il 12 giugno (ore 21,15) con il flauto di Renzo Pelli, affiancato dal quartetto Mitja. Il gruppo interpreterà alcune delle pagine più note composte da Mozart e Ravel. Un omaggio alla grande musica sarà offerto anche da un’anteprima della kermesse “Linari Classic”  che mercoledì 15 giugno alle ore 19.30 presenterà il “Festival Internazionale della Musica Classica”, in programma nella Pieve di Sant’Appiano, con il concerto “Orchestra per archi” a cura della scuola di musica di Zurigo Rudolf Koelman. Ma quello classico non è l’unico genere ad essere contemplato dall’estate dell’Unione. Il pianeta dei suoni che animerà i due Comuni comprende i linguaggi più diversi ed in particolare le proposte dei gruppi emergenti che si esibiranno dal 17 al 24 giugno alle ore 21.30 in piazza Matteotti in “Tavarnelle vodafone music festival”. La musica percorrerà come un light motiv i contenuti di altre manifestazioni previste sul territorio: “Linari Vive” che dal 18 al 26 giugno tornerà con una nuova edizione ricca di eventi culturali con mostre allestite presso la Casa della Cultura “Alda Merini”, la sala

Ugo Capocchini e la Cupola di Semifonte (Barberino), la “Festa della Musica” che travolgerà ancora una volta la frazione di Marcialla dal 25 giugno al 3 luglio, le iniziative volte all’accoglienza dei gemelli di Schliersee (Germania) che raggiungeranno Barberino tra il 22 e il 24 giugno. E ancora “Martedì a passaggio per il centro” e “Come eravamo…” in programma il 14 giugno alle ore 21,30 in piazza Matteotti, dove, come già anticipato a pag. 2, alla sfilata delle auto farà da colonna sonora il capolavoro di Domenico Modugno, “Volare”, e tanti altri brani scelti per rappresentare tendenze e costumi degli italiani nel corso dei vari decenni. Dalle note alle parole. Si terrà l’11 giugno il quindicesimo Concorso Nazionale di Poesia “La campagna toscana” organizzato dall’Associazione della Poesia negli spazi della biblioteca Ernesto Balducci di Tavarnelle. L’iniziativa è riservata a giovani di età compresa tra i 15 e i 18 anni. Quanto alle immagini d’autore, sono da segnalare almeno due iniziative, entrambe curate da Sandra Stanghellini: “I giovani e la battaglia”, aperta fino al 15 nella sala Ugo Capocchini e “I colori della Favola” con opere di Davide Bertelli, Lara Francini, Rachele Gaziano, Rebecca Serchi, Monica Verdini, fino al 16 giugno presso la Casa della Cultura. Le mostre sono promosse dall’Unione in collaborazione con Fondazione Giuliano Ghelli. Ancora un’iniziativa rivolta ai più piccoli è la rassegna di spettacoli di burattini “Burattini nei giardini” curata da Italo Pecoretti che dal 9 al 23 giugno propone tre appuntamenti popolati da pupazzi, marionette e teste di legno nei giardini di Sambuca, San Donato e Tavarnelle. Mercatini e fierucole, ispirati ai 150 anni dell’Unità d’Italia, saranno fonte di ulteriore attrazione per i visitatori del nostro territorio. A Tavarnelle e San Donato rispettivamente il 12 e il 26 giugno. A proposto di fermento culturale la macchina organizzativa del Comitato di Tignano si è messa ancora una volta in moto per il lancio e la promozione di un’edizione speciale del Tignano Festival per l’Ambiente che dal 7 al 30 luglio abbina opere liriche a grandi nomi del jazz, spettacoli rock e incontri scientifici ad eventi legati alla gastronomia chiantigiana. Da mettere in agenda la conferenza-dibattito  “Dai dinosauri ai serbatoi delle SUV - c’era una volta il petrolio” con Margherita Hack, Ugo Bardi, Marco Rustioni, Vincenzo Millucci (piazza Matteotti, 14 luglio). Info Tignano Festival per l’Ambiente: www.semiosi.it. Per ulteriori dettagli sulle iniziative dell’Unione: www.barberinovaldelsa.net; www.tavarnelle-val-dipesa.fi.it.


4

I gruppi consiliari

Un grido contro l’omofobia e l’indifferenza

Il 17 maggio del 1990, l’Organizzazione mondiale della sanità toglieva l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali. Ventanni dopo, in 76 paesi del mondo, l’omosessualità è ancora condannata e punita con leggi severe, in 5 di questi paesi è prevista la pena di morte. In Italia non esiste nessuna legge che tuteli le persone omosessuali e trans da violenza motivata da odio per un diverso orientamento sessuale o identità di genere. Il 18 maggio in parlamento nella commissione giustizia si è bocciata la proposta di legge contro l’omofobia presentata dall’On Concia (PD). Contro hanno votato i deputati del Pdl, della Lega e dei Responsabili, l’Udc si è divisa. Posizione del pdl che ha fatto infuriare il ministro pari opportunità Carfagna, dichiaratasi favorevole a questo testo. Testo, che come ha raccontato On.Concia in una lettera, che era all’esame della Camera da 959 giorni; che era già il frutto di una mediazione politica e che si trattava di rispetto dei diritti umani fondamentali. La Lega ha motivato il suo no in questi termini: “Abbiamo sempre avuto perplessità sui profili di costituzionalità di questa legge”, ha detto la capogruppo della Lega Nord in commissione, Carolina Lussana, . “Il tema va affrontato, ma perché applicare aggravanti in caso di reati commessi per omofobia e non nei confronti di chi è disabile o la pensa politicamente o calcisticamente in modo diverso?”. Solo attraverso  disuguaglianze normative possiamo risolvere le disuguaglianze sociali e poi siamo arrivati a paragonare l’orientamento sessuale alla fede calcistica….ma a che punto arriveremo??! Dobbiamo uscire dal silenzio e gridare contro l’omofobia e l’indifferenza! Facciamo nostre le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano “La coesione sociale del nostro Paese è sottoposta a gravi tensioni. Inammissibili episodi di impudente aggressività e intolleranza si verificano con frequenza preoccupante. C’è preoccupazione per il persistere di discriminazioni e per i comportamenti ostili che tuttora permangono nei confronti dell’omosessualità. In occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia voglio esprimere perciò la mia preoccupazione per il persistere di discriminazioni e comportamenti ostili nei confronti di persone con orientamenti sessuali diversi. Si tratta di atteggiamenti che contrastano con i dettami sia della Costituzione, sia della Carta dei Diritti fondamentali della Ue. Non dobbiamo quindi ignorare l’invito del Parlamento europeo a trovare misure efficaci per abbattere questo tipo di discriminazioni.. Il nostro è un cammino che appare ancora lungo e difficile. Per questo è importate chela battaglia contro l’omofobia e le discriminazioni che ne derivano non sia condotta solo ad opera di meritorie avanguardie ma divenga un ben più vasto impegno civile. Non disperdiamo un prezioso patrimonio di libertà e di tolleranza, guadagnato nel corso della nostra storia. Mancheremmo di rispetto nei confronti di chi per costruire quel patrimonio ha saputo battersi con intelligenza, rischiare di persona con coraggio”.

Apea, un’opportunità per le nostre aziende

Da alcuni mesi ha preso il via il percorso relativo ad APEA, una certificazione ambientale dell’area industriale promossa dalla Regione Toscana. Si tratta di un protocollo di qualità  che vede protagoniste le  nostre aziende e ha quale obiettivo precipuo la qualificazione ambientale dei tessuti produttivi di nuova realizzazione e di quelli esistenti. Il suo punto di forza risiede nell’opportunità che offre in termini di ottimizzazione gestionale dell’intera area. Performances legate alla qualità ambientale ma soprattutto un complesso di fattori tra cui efficienza, sviluppo e innovazione, rivolto alle imprese che possono cogliere questa opportunità con il supporto dell’amministrazione comunale. Consideriamo Apea un’occasione di spessore  in grado di far compiere all’ambiente un salto di qualità e tradursi  in un energico motore di innovazione per il nostro territorio. Il momento non è certo dei più facili e occorre dunque guardare a questo strumento come ad un’opportunità da sostenere per la realizzazione di iniziative che si inseriscono nel filone della green economy. Gruppo consiliare Centro Sinistra per Tavarnelle

TAVARNELLE COMUNE TURISTICO:

conferimento del popone di bronzo Si propone – ai competenti organi - di conferire al comune di Tavarnelle per meriti turistici anziché la bandiera arancione il “popone di bronzo”. Come tutti sanno esiste sul territorio comunale una delle istituzioni religiose più importanti (e belle) della Toscana: Badia a Passignano. E’ inutile ripetere le illustri tradizioni culturali di Badia: sindaci e assessori hanno sempre contribuito alla diffusione della cultura conoscendo la presenza a Badia di personaggi di altissimo livello quali Santa Caterina da Siena e Amerigo Vespucci. Sicuramente per una mera disattenzione, visti gli impegni gravosi delle funzioni, da almeno due sindaci ci se ne frega di Badia, delle strade e dei poveri malcapitati turisti. La strada – per pura dimenticanza, intendiamoci – è dissestata e pericolosa (vorremmo vedere il collaudo dei lavori e comunque gli atti di regolare esecuzione), alcuni muraglioni fatti da pietre ciclopiche sono misteriosamente scomparsi (che sia un miracolo del comune?), altri sono in via di saccheggio. Noi sappiamo quanto Sindaco e assessori sacrifichino già la loro vita per il popolo quindi ci rivolgiamo non a loro ma a San Giovanni Gualberto perché intervenga a salvare Badia, la sua strada, i muraglioni.

IL DISSERVIZIO SOCIALE A TAVARNELLE VAL DI PESA:

fa un po’ schifo però in Africa siamo buoni e bravi! Chi scrive si è rivolto alcune settimane fa al sindaco di Tavarnelle per esporgli la situazione di una persona sola, gravemente malata di tumore, con reddito mensile di poche centinaia di euro. L’alloggio popolare in cui vive è testimonianza della situazione economica della persona. Il sindaco ha incitato lo scrivente a rivolgersi agli assistenti sociali di Tavarnelle, nella specie il Sig.Cappellano. Questo signore ha invitato il sottoscritto a fare istanze, domande, pezzi di carta, a considerare graduatorie, disposizioni, il caratteraccio della persona. La morale è che non si è concluso nulla: la richiesta era di un piccolo aiuto mensile in denaro per far fronte al pagamento delle numerose iniezioni giornaliere, alle spese di vitto di sopravvivenza. Nulla dal Sindaco, nulla dal C.d. servizio sociale. L’ultimo approdo è stato la Misericordia di Tavarnelle dove - grazie alla sensibilità umana di due confratelli – è stato concesso alla persona - peraltro ben nota alla Confraternita per i frequenti servizi di trasporto a Careggi – un congruo aiuto alimentare. Beati misericordes. Viene da domandarsi che cosa serve un sindaco sordo alla pietà umana che si avvale di addetti al disservizio sociale inutili, incapaci di risolvere problemi. E senza uno un briciolo di umana solidarietà. A Tavarnelle chi vive in gravissime situazioni di disagio...... si attacca: il comune va a fare il “bon bambino” in Africa e addirittura c’è chi è “buono” di mestiere, cooperando non si sa a che cosa – Santi subito, tutti P.s. Perché non mandiamo in Africa anche gli addetti al servizio sociale di Tavarnelle e ce li lasciamo?

ANCORA SULL’INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO IN DANNO DEI BAMBINI

Si apprende che a Bustecca (Barberino Val d’ Elsa) l’estate sarà ricca di inquinamento elettromagnetico dispensato da qualche microcefalo ai bambini che parteciperanno ai corsi estivi. L’ignoranza, l’incompetenza, l’arroganza di politici scalzacani da tre soldi sono pericolose per la comunità locale. Esistono studi scientifici a livello nazionale ed europeo che indicano rapporti di causa e di effetto tra le emissioni elettromagnetiche (come quella dell’antenna della pineta di Barberino) e forme tumorali (leucemie etc.). I danni sono più evidenti tra bambini in età 0 – 14 anni. Non è sufficiente limitarsi ai dati dell’ ARPAT o alle documentazioni di parte: occorre acquistare precise nozioni a livello scientifico in materia di eziopatologie oncologiche. Federico II di Prussia affermava di avere più paura di tre imbecilli che di tre eserciti nemici. E’ cambiato qualcosa dal sec. XVIII? Lista Civica Fabio Toccafondi

In difesa del bene comune

E’ paradossale riflettere su come nel momento esatto in cui il governo si appresta a privatizzare le nostre spiagge - concedendole in uso esclusivo per 90 anni a dei privati per pochi spiccioli, nell’assoluto silenzio  generale che coinvolge anche le opposizioni parlamentari - i cittadini italiani siano chiamati ad esprimersi il 12 e 13 giugno su 4 quesiti referendari che di fatto sono una strenua e combattiva difesa dei beni comuni da parte della collettività. Due SI vengono richiesti per la difesa del bene comune ACQUA, affinché  questo sia sottratto dalle logiche di mercato, dalla privatizzazione  forzata e non costituisca necessariamente un investimento remunerato e  garantito per i privati. Rifondazione Comunista ha, da sempre, combattuto al fianco dei comitati promotori perché cosciente dell’importanza che il  bene comune acqua riveste nella vita di tutti i giorni; da sempre ne abbiamo denunciato la privatizzazione e pure la bizzarra forma di  “privatizzazione con contentino” per il pubblico che va spesso sotto il nome di “modello toscano”. Mai ci siamo fatti ammaliare dallo slogan  degli speculatori “privato è bello, privato è efficiente” consapevoli  che un azienda va bene o male per i meriti o i demeriti dei suoi  amministratori e non per l’assetto proprietario; il pesce puzza dalla testa indifferentemente dalla specie a cui appartiene. Anche per questo motivo, l’anno scorso, eravamo in piazza Matteotti a raccogliere le firme (200 in appena due giovedì mattina) ed oggi diamo la nostra adesione al comitato per il SI. Un SI lo chiediamo anche CONTRO IL NUCLEARE, perché l’ambiente è un bene comune prezioso e la sua salvaguardia è fondamentale; il nostro paese  non può permettersi una centrale nucleare perché non può permettersi di  desertificare a vita un raggio di 60km di territorio in caso di incidente (come accadde a Chernobyl e più recentemente a Fukushima). Il nucleare non risolve nessun problema; senza l’intervento dei governi è una fonte estremamente costosa, non infinita, perché l’uranio è molto scarso in natura e crea una nuova forma di dipendenza da quei paesi che possiedonono  questo minerale (oltre a regalare scorie pericolose alle generazioni  future). Anche non volendo considerare le razionali motivazioni tecniche, va anche notato che il governo ci propone di comprare a caro prezzo dai francesi una tecnologia obsoleta e in via di dismissione. Le centrali non potranno essere realizzate perché nessuna regione italiana  può essere così folle da autorizzarle (per via della sismicità della nostra penisola); quella che si delinea è in realtà un’altra operazione “ponte sullo stretto”: i soldi di tutti  dati agli amici di pochi in cambio del nulla. Un SI infine ve lo chiediamo per DIFENDERE un bene comune non  fisicamente identificabile ma ugualmente fondamentale per un paese civile: L’UGUAGLIANZA di tutti i cittadini davanti alla legge e l’obbligo per chiunque di rispondere davanti alla stessa quando chiamato in causa. Crediamo che chiunque di voi afferri l’importanza di un simile principio anche senza necessità di aggiungere altro.

Il 12 e il 13 Giugno vota 4 SI per scegliere un futuro migliore! Gruppo Consiliare PRC-PDCI Tavarnelle http://comunisti.giovani.it


tempi moderni

27

internet. Da Groupon e Groupalia fino al neonato Couponspot, che ha base a Firenze

Gruppi d’acquisto online, è già mania Barbara Biondi

L

a mania arriva da lontano. Per essere precisi dall’altra parte dell’oceano Atlantico, ma come tutte le manie che si rispettino anche questa si è diffusa a macchia d’olio scavalcando confini e invadendo tutti i continenti. È così che un’idea partita da Chicago meno di due anni fa è diventata un fenomeno mondiale: si tratta dei gruppi d’acquisto online che, anche dalle nostre parti, stanno riscuotendo grandissimo successo. In ufficio, a casa, all’aperitivo, non si fa che parlare di Groupon, Groupalia e chi più ne ha più ne metta, che a prezzi ridotti offrono prodotti e servizi dei generi più disparati. Fresco di lancio couponspot.it, nato dall’intraprendenza di due fiorentini purosangue che hanno pensato bene di prendere al volo l’occasione e hanno creato un sito tutto loro, con le stesse caratteristiche di altri già diffusi ma con un orientamento più mirato al territorio. “L’idea ci è venuta a maggio dello scorso anno - spiega Massimiliano Carri, 33 anni, che insieme a Daniele di Gioia, 25 anni, ha creato couponspot.it - e abbiamo lavorato a lungo per realizzarlo. La differenza è che, rispetto ad altre piattaforme online, oltre a offrire servizi noi vendiamo anche prodotti fisici”. Per interndersi, oltre ai massaggi, ai trattamenti di bellezza, alle offerte di pacchetti per vacanze e alle cene super scontate, sul sito dei giovani e intreprendenti fiorentini si potranno comprare oggetti d’uso comune, da ritirare direttamente in negozio dopo averli acquistati a prezzi vantaggiosi sul sito internet. Ma come nasce il fenomeno dei gruppi d’ac-

quisto sulla rete e come funziona di preciso? In poco meno di due anni ne sono comparsi un numero altissimo che, a condizioni simili, propongono acquisti convenienti: dai più famosi Groupon e Groupalia fino a Glamoo, PoinX, Prezzofelice, Letsbonus, TuangOn e via dicendo. “Sono due fattori coincidenti molto forti che hanno fatto esplodere questa nuova mania collettiva - spiega Patrizio Castoria, responsabile di Toscanity.com, sito che ha stretto una collaborazione con la piattaforma Tuangon.it - ovvero lo sviluppo delle community online che hanno preparato il terreno ai gruppi d’acquisto e la crisi mondiale che sta toccando un po’ tutti”. Il sistema è molto semplice. In soldoni, si tratta di un meccanismo che invoglia le aziende a offrire dei pacchetti sottocosto: aziende che, se in un primo momento non avranno riscontro in termini di guadagno, a lungo andare potranno contare sui grandi numeri e, se offriranno buone prestazioni, avranno ottime probabilità che il cliente torni e si fidelizzi. “Non si tratta di una bolla di sapone - continua Castoria - proprio perché se la qualità del prodotto offerto è maggiore del prezzo a cui l’internauta lo acquista, ci sono ottime probabilità che la persona in questione, soddisfatta della prestazione, torni per fare nuove spese”. “Ognuno, poi - chiosa Patrizio - decide a quale piattaforma affidarsi, a seconda delle esigenze e del target a cui intende rivolgere le proprie offerte”.

nascono come funghi sulla rete e raccolgono ogni giorno migliaia di consensi. Partiti dagli Usa meno di due anni fa, hanno già contagiato tutto il mondo con la moda dello shopping a prezzi scontatissimi. e la toscana non fa eccezione


28

usi&costumi

Giugno 2011

vivA fiorenzA/1. Piazza Santa Croce non vede un torneo vero da sette anni. Ora si riparte

Torna il calcio storico: “Che sia gioco maschio, ma leale” Benedetta Strappi

S

i avvicina San Giovanni, si avvicinano i fiorentinissimi fochi e torna, finalmente, il torneo del calcio storico fiorentino. Vestito di nuovo, il gioco più maschio che c’è si prepara ad animare piazza Santa Croce, con la sua polvere, il suo sudore, i suoi giocatori, i suoi figuranti e il suono delle sue chiarine. Con la prima partita, in programma il 18 giugno, che vedrà scendere in campo i Bianchi di Santo Spirito contro i Rossi di Santa Maria Novella. Il giorno successivo sarà invece la volta degli Azzurri di Santa Croce contro i Verdi di San Giovanni. E, come da tradizione, il giorno del patrono di Firenze si sfideranno i vincenti delle due semifinali. Bene, cosa cambia? Tanto, tantissimo. Perchè dopo lo stop del torneo e le polemiche piovute a fiumi, il regolamento è stato cambiato. È

stato abolito il limite di età precedentemente inserito per i calcianti ed è stato dato lo stop a quei giocatori con condanne passate in giudicato negli ultimi cinque anni, mentre sono stati autorizzati a giocare quelli con “carichi pendenti”. Sono inoltre state reinserite alcune peculiarità del gioco a suo tempo stralciate. E dunque i calcianti potranno ricorrere al placcaggio e tornare a usare i pugni, ma a patto che si tratti di un tête-à-tête fra due giocatori soli, onde evitare che il tutto degeneri in rissa. E chi sbaglia, paga. Eccome: in caso di infrazioni la punizione non sarà la squalifica, ma la radiazione definitiva. Come pure sono previste sanzioni severe per quei Colori che, come accaduto in passato, decidessero di non giocare, bloccando in questo modo il torneo: in quel caso scatterebbe lo stop ai diritti per sede, campo di allenamento e verrebbero bloccati i contributi. “L’impegno del Comune di Firenze per questa manifestazione – ha spiegato

il presidente del calcio storico Michele Pierguidi – è stato grande, perché sono sette anni che ormai non assistiamo a un torneo in piena regola. E questo regolamento rappresenta un grande passo avanti per tornare ad assistere a uno spettacolo che il mondo intero ci invidia. Vogliamo un gioco maschio, ma leale. Ci sono cose che si potranno fare e altre no. A chi si comporta bene io dico: ‘noi ci siamo’, gli altri non li vogliamo più vedere”. L’obiettivo è uno: ripulire il torneo da certi eccessi e fare in modo che una delle tradizioni fiorentine più amate e seguite possa tornare ai suoi fasti: “Un regolamento che tende a responsabilizzare i calcianti e che ha lo scopo di ridare slancio e visibilità al Calcio Storico Fiorentino e al corteo della Repubblica Fiorentina”.

più notizie su

Per scegliere i finalisti del 24 giugno, il 18 si sfideranno Bianchi e rossi, il giorno dopo azzurri e verdi. Il regolamento è cambiato: abolito il limite d’età, i pugni sono nuovamente ammessi (ma solo nei tête à tête). sanzioni severe per le infrazioni

un MoMento dell’edizione

2008

alBerto tirelli Presidente degli azzurri

MaSSiMo narDi Presidente dei Bianchi

“Qualche timore per le denunce, per il resto siamo fiduciosi”

“Si era innescato un meccanismo che in qualche modo andava fermato”

“Il regolamento nuovo è frutto di un lungo percorso. Molte delle istanze presentate dai quattro colori sono state accolte, e quindi non siamo scontenti. L’unico timore, comune e diffuso tra i calcianti, è quello relativo alle denunce. Ci auguriamo cioè che se ci saranno episodi fortuiti, quelli propri di qualsiasi sport (diversi dalla delinquenza gratuita), siano giudicati dalle autorità competenti al gioco e non da soggetti esterni. Siamo comunque molto fiduciosi: quest’anno il patto di lealtà tra calcianti è forte”

“Il regolamento? Questo è, e questo prendiamo. Ci sono stati degli errori a monte, purtroppo, da parte nostra come da parte dell’amministrazione, che in passato sembrava avesse un po’ strumentalizzato il gioco del calcio storico. Da quando ci fu la denuncia di un calciante nei confronti di un altro si è poi innescato un meccanismo che in qualche modo andava fermato, se si voleva continuare a giocare. Fino ad ora il sindaco si è impegnato a rilanciare la manifestazione e speriamo che continui così, e che intervenga subito se ci fossero dei problemi” (foto di Giuseppe Della Maria)

ASS.

AMI I SAPORI DI PUGLIA? Pane pugliese (di Vico), salicornia dei laghi del Gargano, marmellate, Rosolio, orecchiette, salumi, olio, vino, taralli e molto altro ancora...

VIENI A TROVARCI

DALLA TRADIZIONE AUSTRIACA IL MIGLIOR MODO DI RISCALDARSI.

Lunedi-Venerdi mattina: chiuso Pomeriggio: 17:00-19:30 Sabato mattina: 10:00-13:30 Giovedi Mercoledi mercato di mercato di CHIESANUOVA CERBAIA

Venerdi mercato di VINGONE

P.zza Aiaccia, 1 - Romola S. CASCIANO V. PESA

Tel. 334 2974873

Contattare rappresentante di zona per sopralluogo e preventivo gratuito

Sabato mercato di SAN CASCIANO 1167859

Martedi mercato di MERCATALE

OPPURE

COME AVERE UN SOLE IN CASA

Luigi

338.6781764

1165461


usi&costumi

29

vivA fiorenzA/2. Tra feriti, processi e diserzioni, le ultime edizioni sono state travagliatissime

Dal 2005 a oggi, una tensione dopo l’altra Benedetta Strappi

I

l nuovo regolamento del calcio storico è arrivato a soffiare una ventata d’aria fresca sul ricordo degli ultimi tornei, tutti segnati, in qualche misura, da stravolgimenti, polemiche, risse, feriti e diserzioni da parte di qualche colore. Gli anni 2005 e 2006, in questo senso, furono emblematici: ci furono 43 procedimenti penali a carico di altrettanti calcianti per il torneo 2005, 54 per quello dell’anno dopo, con 21 referti medici mediamente importanti. E fu proprio dopo gli eccessi di quelle annate che si iniziò a pensare di rimodulare, una prima volta, il regolamento. Nel 2007, invece, il torneo fu sospeso dall’allora prefetto Andrea De Martino, e l’urgenza di lavorare a regole nuove per tentare di salvare la manifestazione divenne indifferibile, perchè Firenze si era ritrovata senza la sua tradizione. E fu così che si arrivò con restrizioni e clausole tutte nuove all’edizione 2008. Allora a decidere furono l’ex presidente del calcio storico, Elisabetta Meucci, la commissione sport e cultura del Comune e l’ex questore Francesco Tagliente. Si lavorò a un’operazione congiunta insieme alla questura e alle squadre, e ai quattro colori fu chiesto di rinnovarsi dal basso, e di inserire tra i loro giocatori esordienti e under 27. Furono anche inseriti limiti d’età massima (40 anni), l’obbligatorietà della

residenza a Firenze (o della nascita nel capoluogo o in provincia) e fu reso obbligatorio il tesseramento, da almeno due anni, a una federazione affiliata al Coni o a un ente riconosciuto. E niente precedenti penali, né carichi pendenti ammessi. Ma i Verdi non scesero in campo, e ancora una volta piazza Santa Croce restò a cuocere sotto il sole rovente senza un torneo vero e proprio. Il 2009, invece, fu la volta del torneo giocato a squadre miste: le prime due partite coincidevano con appuntamenti elettorali, e dopo incertezze varie si scelse di giocare lo stesso (prima Bianchi contro Rossi, poi Azzurri contro Verdi) ma con squadre formate da calcianti in realtà appartenenti a tutte e quattro le compagini. E così si arriva al 2010, altro anno di incertezze all’ombra della statua di Dante, che in piazza Santa Croce aspettava sorniona. Questa volta a non scendere in campo furono Verdi e Rossi, in disaccordo con il nuovo regolamento, e la partita del 24 giugno finì con la vittoria degli Azzurri contro i Bianchi per undici cacce e mezzo a tre. Ma si trattò, di fatto, di un’amichevole. E ora? Ora bisogna solo aspettare. Qualche malumore, tra i calcianti, più o meno sussurrato, si respira. Le regole nuove non sono state digerite all’unanimità e qualche tensione resta. Prudenza, scaramanzia, attesa, insomma. Anche ai vertici. Presidente Pierguidi, si gioca vero quest’anno? Ride. “Io direi proprio di sì, ma il 25 giugno sarò più sicuro...”.

BiaGio cinGolani Presidente dei rossi

FranceSco BoGaZZi Capitano dei verdi

“Contenti a metà, ma se il nuovo regolamento servirà a rilanciarci ben venga”

“Non ci sentiamo tutelati, il cambiamento doveva essere più graduale”

“Di questo nuovo regolamento diciamo che siamo contenti a metà, ma se permette di rilanciare la manifestazione ben venga. Se è quello che serve per ritrovare un equilibrio e ripartire accettiamo allora i compromessi. Certo, il calcio storico non è più quello degli anni ‘80, i tempi sono cambiati e ora ci sono delle regole scritte, diventate inevitabili visto che si era arrivati al punto che un calciante ne avesse denunciato un altro. Prima era diverso, era tutto regolato da patti di onore. Siamo però contenti del nuovo presidente e della collaboratività del sindaco”

055 200.13.26 Il primo taxi tutto al femminile

“Il regolamento di quest’anno è stato approvato dal consiglio comunale ma noi non lo abbiamo firmato, nè lo firmeremo. Non ci sentiamo tutelati: certo, un cambiamento era giusto, perchè degli errori in passato ci sono stati, ma doveva avvenire in modo più graduale. Noi per primi, insieme a Rossi e Azzurri, l’anno scorso avevamo buttato giù undici punti, e siamo convinti che sia giusto punire comportamenti eccessivi, ma ci sembra che questo nuovo regolamento non sia stato fatto tanto per tutelare i calcianti, quanto altri interessi”

L’amica che ti accompagna www.intaxifirenze.it


30

forchette&dintorni

Giugno 2011

tenDenze/1. Dall’antipasto al dolce va in scena di tutto, dai “delitti” alla musica classica

Il ristorante diventa un palcoscenico... non solo buon cibo, adesso si va a cena per godersi lo spettacolo, che si tratti di Dostoevskij o di un match di improvvisazione teatrale: il menu dei locali si allarga Paola Ferri

D

anza del ventre, tango argentino, concerti, performance teatrali e addirittura delitti. Lo spettacolo va in scena tra una portata e l’altra. Sono sempre più numerosi i ristoranti di Firenze e dintorni che si lanciano nell’impresa del trasformare la cena in un’esperienza multisensoriale, servendo insieme ai pasti un’opera originale, magari formulata su misura per l’occasione. In principio furono le cosiddette “cene con delitto”, organizzate in ville e casolari, adesso anche in normali ristoranti e circoli. Dall’antipasto al dolce va in scena il dramma, dopo l’ammazzacaffè si apre la gara: vince chi risolve per primo il giallo. Adesso la moda si sta un po’ sgonfiando. E i ristoratori si inventano di tutto di più. All’Albergaccio di Niccolò Machiavelli, a San Casciano, l’11 giugno prossimo sarà un concerto di musica classica ad allietare il pasto, mentre il 17 tra i tavoli andrà in scena una rappresentazione teatrale tratta dal romanzo “Le Notti Bianche” di Dostoevskij. “Da un paio d’anni cerchiamo di organizzare una serata del genere almeno una volta al mese – spiega Salvatore Grieco, che si occupa degli eventi dell’Albergaccio – e con discreto successo. Ogni volta arrivano dalle 20 alle 40 persone, anche un centinaio quando si tratta di mostre di pittura”. Il primo luglio sarà la volta del tango argentino, mentre il 17 dello stesso mese arriverà un match di improvvisazione teatrale. E il menu? “Anch’esso è in tema con la serata - spiega Grieco – in modo da creare un’esperienza unica”. Stesso spirito anima il ristorante San Paolo della Croce, in zona

Certosa, dove si cena insieme agli artisti della stagione Jazzato, che poi si esibiscono sul palco. L’antico refettorio dei frati si è trasformato agilmente in sfondo per spettacoli altamente selezionati, come i prodotti di stagione che finiscono nel piatto. Ambiente ricercato abbinato a musica dal vivo anche a Villa Caruso, a Lastra a Signa. Il pacchetto Caruso Summer Festival, “in onda” da fine giugno a fine luglio, comprende sempre apericena più spettacolo teatrale o concerto. La rassegna giunge quest’anno alla seconda edizione. Al Circolo Rigacci di via Baracca, invece, le cene-spettacolo si susseguono da quattro anni, ogni volta con una for-

Tra una portata e l’altra danza del ventre, tango argentino e performance mula diversa, dal cabaret al giallo e alle pièce teatrali. “E ogni volta – racconta Manuela da dietro al bancone del bar - si mettono a tavola 60-70 persone. Per lo spettacolo ‘Polvere di stelle’ abbiamo dovuto addirittura programmare una replica”. Chi fosse invece in cerca di atmosfere e sapori esotici può fare rotta al ristorante libanese Valle dei Cedri, in zona Santa Croce, dove periodicamente è possibile assistere a esibizioni di danza del ventre durante la cena. L’hummus e i falafel saranno solo l’antipasto della serata.

La novItÀ A Ponte a Ema ha aperto i battenti il 22 Noir

ll burlesque sbarca tra i tavoli

D

opo aver conquistato palchi e club di tutto il mondo il Burlesque debutta tra i tavoli di un ristorante. È stato inaugurato il mese scorso in via Chiantigiana 22 il “22 Noir”, ristorante che promette di fondere nel piatto tradizione e nuove tendenze. A partire dal più scherzoso e sexy degli spettacoli. Ispirato alle pin up degli anni ’50, il Burlesque si colloca perfettamente a metà strada tra seduzione e ironia. Lontano anni luce dagli spettacoli riservati ai soli uomini, lo strip tease in salsa burlesca ha affascinato prima di tutto le donne, che adesso lo vanno anche a imparare nelle palestre e nelle scuole di ballo. Ma a cena, tra una pizza e un pacchero al granchio, proprio non si era mai visto. A inaugurare le serate “piccanti” del 22 Noir, lo scorso maggio, la coppia Lucy Lady Ville & Mizzi Mia Grand’Ame, in arte Les Sorcières Sucreés, famose in mezzo mondo per le loro performance in tacchi e reggicalze. Uno spettacolo destinato a diventare un appuntamento fisso tra le pareti scure del 22 Noir,

les

sorcières sucreÉs

su cui si aprono grandi vetrate sul verde delle colline fiorentine. Per chi non fosse interessato al genere, c’è sempre un intimo giardino sul retro, dove consumare cenette a lume di candela sotto le stelle. Sempre dedicata a cene riservate, ma per gruppi più ampi, la saletta al primo piano, che si può prenotare anche per intero in occasione di compleanni, feste, meeting di lavoro o presentazioni. L’effetto è d’impatto: arredamento di design abbinato a un menu nel segno della tradizione toscana. Per informazioni e prenotazioni /P.F. tel. 055/641541.


forchette&dintorni

31

tenDenze/2. Francesco Flachi ha addirittura fatto “doppietta”. Ma non è certo l’unico

...e i calciatori vanno a segno in cucina Prima la panineria, poi un locale: per gestirli ha fatto scendere in campo tutta la famiglia. e anche il viola Gaetano D’agostino ha seguito il suo esempio Francesca Puliti

L

a decisione di appendere le scarpette al chiodo non è stata sua e certo lui l’avrebbe rimandata volentieri. Ma la vocazione da ristoratore Francesco Flachi, ex viola ed ex doriano, l’ha sempre avuta. “Mi è sempre piaciuta l’idea di aprire un locale – racconta – di stare in mezzo alla gente”. Di locali, in verità, ne ha aperti due. Prima è venuta la panineria “Panino di categoria”, in zona Ponte Rosso, a settembre dell’anno scorso. Poi, a soli sei mesi di distanza, l’ex attaccante ha fatto il bis, inaugurando lo scorso marzo il “Flet”. Tre i soci, tra cui un altro compagno di campo, Luca Saudati, ex Milan, “con cui ci dividiamo i compiti”, spiega Flachi. Già, perché fare i conti con i nuovi orari di vita non è stato facile, incastrarli con quelli di sua moglie ancora meno, “ma abbiamo superato il primo anno di squalifica, il secondo - per positività alla cocaina (ndr) - e questo è niente a confronto”. La moglie, in ogni caso, Francesco se la tiene ben stretta, anche lei a lavorare nel nuovo locale di San Frediano. “Tre giorni li passo qui, gli altri tre al Panino – continua – ma lì ci sono anche i miei genitori che mi danno una mano”.

Una gestione tutta familiare, insomma. Che funziona: basti vedere la fila che si forma in fondo a via XX Settembre all’ora di pranzo, per mangiare una delle famose schiacciatine, o l’assembramento di ragazzi davanti al Flet la sera. Certo, anche il nome del proprietario fa gioco. Così come l’assidua presenza degli ex compagni di squadra. Mutu, in particolare, è diventato un cliente affezionato del Panino di Categoria. “Con Adrian siamo diventati molto amici – racconta Flachi – mi viene a trovare spesso, così come io vado al suo ristorante, al Nove”. Il caso Flachi, infatti, non è l’unico. Anzi, sono diversi i calciatori che hanno deciso di investire nel settore culinario. Come Mutu, che ha fatto dell’amata movida notturna un mestiere e ha aperto un ristorante fashion in riva all’Arno insieme ad altri soci. Ed è riuscito comunque a salire all’onore delle cronache anche a causa dei ripetuti furti subiti: champagne e bottiglie di Sassicaia nel bottino. L’ultimo a sfoderare spirito imprenditoriale è stato il centrocampista viola Gaetano D’Agostino. Insieme alla famiglia gestirà la storica “Osteria de’ Macci”, nell’omonima via. La seconda vita (del locale prima an-

Francesco Flachi

in uno dei suoi locali

cora che del calciatore) è cominciata proprio lo scorso 19 maggio. “Firenze mi piace tutta – ha dichiarato D’Agostino all’inaugurazione - e voglio portare avanti la tradizione della cucina toscana. Questa città mi è piaciuta fin dal primo momento,

non per niente ho preso casa in lungarno Ferrucci, che è una zona che mi fa impazzire. Rispetto a Udine è molto diverso il rapporto con la gente”. Solo che adesso i tifosi cominceranno a dargli le pagelle anche in cucina.

zooM Dal Vivoli a Carapina, quelli che si fanno un nome a suon di coni, vaschette e fantasia

Chef del gelato crescono, tra coni per i Clinton e coppette al salame

I

l segreto per farsi un nome in cucina? Osare. Che si tratti dello chef di un ristorante, di un barman o di un mastro gelataio la ricetta è sempre la stessa: scommettere su qualcosa mai provato prima. Così è stato per la gelateria Vivoli, in via Isola delle Stinche, che cominciò a distribuire coppette con il suo famoso cioccolato nel 1930, ben prima dell’avvento di un banco frigo degno di questo nome. E che si ritrovò nel 1999, durante il vertice dei capi di Stato e di governo a Firenze, a preparare una vaschetta da asporto nientemeno che per Bill, Hillary e Chealsea Clinton. Nulla di cui stupirsi, considerato il fatto che qualche

anno prima il gelato del Vivoli era già stato esportato negli Usa: Silvana, una delle gelatiere, fu infatti “rapita” dal proprietario del Divino, uno dei più celebri ristoranti di Los Angeles. E fu così che il gelato fiorentino finì nel cucchiaino di Dustin Hoffman e Harrison Ford. In fatto di “arte gelatiera”, in realtà, quasi nessuno batte Firenze. È qui che è nato uno dei gusti più copiati e amati d’Italia, il Buontalenti, coniato in viale dei Mille dalla gelateria Badiani, mixando panna, crema e una goccia di liquore. Continua a osare ogni giorno, invece, Simone Bonini, mastro gelatiere nonché proprietario del Carapina di piazza Oberdan.

Qui, come lo chef di un ristorante, Bonini propone ogni giorno gusti e abbinamenti diversi in cono e coppetta. L’ultima “follia”, partorita in occasione del Festival del Gelato, è rappresentata dai gusti “salati”: fico e salame, prosecco e culatello, parmigiano reggiano e prosciutto San Daniele, pistacchio e mortadella di Bologna. Ottima alternativa al panino per chi preferisce un cono in pausa pranzo, sfiziosa tentazione per chi ama sperimentare. Per farlo, però, c’è ancora poco tempo: salame e parmigiano lasceranno il bancone di Carapina il 12 giugno. Ma chissà che /F.P. non si tratti solo di un arrivederci.

1187411


32

lA novitÀ/1.

attualità

Giugno 2011

Prevista l’apertura di due agenzie: una centrale e una sul territorio di Firenze

Scandicci, nasce la “banca metropolitana” Prende vita un nuovo istituto di credito cooperativo: entro metà mese si chiuderanno le sottoscrizioni, che hanno già superato quota cinque milioni di euro Luca Squarcialupi

P

asso dopo passo, sottoscrizione dopo sottoscrizione, alle porte di Firenze sta crescendo una nuova banca di credito cooperativo, che affonda le sue radici a Scandicci ma che guarda all’intera area metropolitana. L’idea è stata lanciata meno di due anni fa e adesso la banca di credito cooperativo di Scandicci sta prendendo forma: entro metà mese si chiuderanno le sottoscrizioni (che hanno superato quota 5 milioni di euro), mentre la società – secondo le previsioni – nascerà entro il 20 settembre. L’iter burocratico si dovrebbe poi concludere tra febbraio e marzo 2012, quando la nuova banca potrà iniziare a operare sul territorio. Lo zoccolo duro dell’istituto è rappresentato da persone fisiche, in maggior parte imprenditori, lavoratori autonomi e pensionati, provenienti da Firenze e Scandicci, che hanno risposto all’appello e hanno sottoscritto le azioni. Un importante ruolo lo hanno avuto anche le imprese e le associazioni. La parola d’ordine, adesso, è fare sistema: l’istituto scandiccese, una volta entrato in funzione, si dovrà infatti misurare con altre sette banche di credito cooperativo attive nell’area fiorentina. Proprio da Scandicci è stata lanciata l’idea di creare una rete tra queste realtà, una sorta di integrazione che eviti lo spreco di risorse e, soprattutto, una concorrenza spietata. “Ogni banca di credito cooperativo ha la sua identità e la sua visione che spesso coincide con il territorio o la comunità rurale - spiega Giovanni Doddoli, ex sindaco di Scandicci, alla guida del comitato promotore - non ci saranno dispersioni di patrimonio se il progetto di integrazione verrà preso in considerazione”. Un primo incontro per fare il punto sul progetto si è svolto lo scorso 23 maggio, richiamando oltre 500 persone, che hanno tracciato le linee guida e gli obiettivi dell’istituto. I primi progetti esistono già. Il

comitato promotore ha già pensato all’apertura di due agenzie: una, quella principale, nella zona centrale di Scandicci, l’altra sul territorio di Firenze. “Quella che nascerà sarà una banca metropolitana – precisa ancora Giovanni Doddoli – vogliamo misurarci con la grande città, con le opportunità e le problematiche dei soggetti di questo territorio. Quello che stiamo creando è un istituto di credito vicino alle realtà locali e che reinvestirà le sue risorse sul territorio”. Per informazioni: www.bccs.it.

alcuni dei coMponenti del coMitato proMotore

lA novitÀ/2. Lo strumento per evitare i tribunali è diventato obbligatorio in alcuni casi

Tra i due litiganti? Ora arriva il mediatore P

rima del giudice, prima degli avvocati, prima di un lungo e costoso iter giudiziario. Non è necessario entrare nelle aule di tribunale per risolvere una lite civile o commerciale: il cittadino ha a disposizione lo strumento della mediazione, che di recente è diventata obbligatoria per alcune materie. In concreto, le parti si trovano davanti a un professionista imparziale (iscritto in appositi registri), che aiuta a trovare un accordo amichevole. Nessun avvocato, quindi, meno spese e tempi certi: entro quattro mesi la pratica deve essere infatti conclusa. Una soluzione utile anche per alleggerire i già congestionati ingranaggi della macchina giudiziaria italiana. Dal marzo scorso, prima di arrivare davanti al giudice, i cittadini sono obbligati a percorrere la strada della conciliazione per una gamma di materie che va dai contratti assicurativi e bancari a quelli d’affitto, dalle successioni ereditarie ai risarcimenti danni per responsabilità medica, fino alla diffamazione. A questa lista, dal prossimo anno si aggiungeranno le liti

condominiali e quelle legate alla Rc auto. “I vantaggi stanno nella riduzione dei tempi, delle spese sostenute dai cittadini e dei costi sociali – spiega Brunetta Tarli, dirigente della Camera di commercio di Firenze, che si occupa di mediazione civile – inoltre la conciliazione permette alle parti di ristabilire i rapporti che si sono incrinati, un fatto che, ad esempio, può consentire di mantenere rapporti commerciali, se si tratta di una disputa tra aziende”. La Camera di commercio di Firenze da un decennio offre il servizio di mediazione civile. L’anno scorso sono stati oltre 370 i soggetti che si sono rivolti a questa struttura, da gennaio a metà maggio di quest’anno sono stati 120, con un trend in crescita durante gli ultimi mesi. Per avviare una procedura di mediazione basta un click: è necessario scaricare un modulo (www.fi.camcom. it, nel caso della Camera di commercio fiorentina) da compilare con tutti i dati riferiti alle parti in gioco e alla lite per cui si chiede un risarci/G.C. mento.


1180852

IL NOSTRO SHOW-ROOM PAVIMENTI E RIVESTIMENTI IN CERAMICA PAVIMENTO IN COTTO E KLINKER GRANIGLIE E CEMENTINE MARMI E MARMI ANTICATI MOSAICI PARQUETS CUCINE ED ARREDAMENTI IN MURATURA CUCINE ECONOMICHE A LEGNA SAUNE - BAGNI TURCHI - MINIPISCINE SANITARI - BOX DOCCIA - RUBINETTERIE MOBILI DA BAGNO E ACCESSORI PORTE CAMINETTI FORNO E BARBECUES PELLETS MATERIALI EDILI E PIETRE BIOEDILIZIA

CONCORSO... IN THE WORLD! Richiedi il KIT GRATUITO (T-Shirt e adesivi) a caverni@caverni.it Scatta una foto alla T-Shirt o all’adesivo in un luogo insolito ed inviala a caverni@caverni.it Le foto inviate saranno selezionate da Caverni s.r.l. e pubblicate nella Gallery a tema. Alla fine di ogni anno di concorso una giuria eleggerà la foto vincitrice, cioè la più originale, la più divertente, la più “strana”. In palio per l’anno 2011 c’è il “Premio weekend Boscolo gift” Capitali classiche Le città più belle e affascinanti d’Europa 2 persone, 2 notti, hotel selezionati Le foto inviateci restano di proprietà dell’autore. Ne è concesso l’uso solo ai fini del presente concorso a tema.

Via dell’Artigianato, 1 - SAN CASCIANO VAL DI PESA (FI) Tel. 055 820642 - Fax 055 820170 - www.caverni.it - caverni@caverni.it


l’eStAte fiorentinA... Il 16 giugno via a un cartellone ricco di proposte per tutti i gusti

Il caldo si combatte a suon di eventi Un mega concerto di George Michael in piazza santa Croce e uno dedicato

AllA fortezzA

a ernesto De Pascale con ospite la Bandabardò, ma anche castelli di sabbia

Sfilate, party e novità In arrivo Pitti Immagine

in riva all’arno, cinema all’aperto con le cuffie e bignami sulla recherche di Proust. riccardo ventrella: “vogliamo offrire vivibilità a chi rimane in città” Ludovica V. Zarrilli

L

a biblioteca delle Oblate per i libri, l’anfiteatro delle Cascine per la musica (di ogni genere) e il complesso delle Murate per cinema, video e tutto ciò che è contemporaneo. Sono questi i tre luoghi chiave dell’estate che sta per iniziare (dal 16 giugno al 25 settembre), una stagione che non vuole lasciare nessuno “a bocca asciutta”, mescolando con sapienza dosi uguali di divertimento e di cultura, quella con la c maiuscola, che non è detto si faccia necessariamente in luoghi noiosi e con gente dalla puzza sotto il naso, anzi. Il programma, che ha la direzione artistica firmata da Riccardo Ventrella, direttore del Teatro della Pergola, e vede il contributo intellettuale di numerosi soggetti (tutti quelli che hanno partecipato a un bando aperto lanciato dal comune e i cui progetti sono stati selezionati) avrà, al posto di pochi grandi eventi, una serie numerosissima di micro momenti di grande spessore, di cui lo stesso direttore ci ha parlato. Come sarà questa Estate Fiorentina? Sarà un’estate che punta molto ad offrire vivibilità a chi rimane in città, offre spazi per incontrarsi, per fare delle attività e per pensare. Per vivere Firenze per due mesi e mezzo in maniera diversa. Molta attenzione è stata data allo studio di eventi adatti a tipologie di pubblico differenti. In questo senso mi piacerebbe che alcuni posti topici delle notti fiorentine come ad esempio la spiaggia sull’Arno, piazza Annigoni e piazza Tasso, non si accontentassero della limitante patente del “birraio” ma diventassero anche un punto di ritrovo in grado di offrire servizi alla collettività stando aperti anche durante il pomeriggio. Le parole eventi e curiosità cosa le fanno venire in mente? Mi viene in mente un evento straordinario, una gara di castelli di sabbia alla spiaggia di San Niccolò il giorno di Ferragosto, un’occasione che invoglia non solo a fare qualcosa di diverso ma anche a vadere la città da una prospettiva diversa. E poi mi viene in mente anche un cinema

la spiaggia sull’arno

all’aperto speciale allestito alle Murate dove, per dare la possibilità a chi lo vuole di usufruirne senza dare fastidio ai residenti, verranno distribuite delle cuffie ad ognuno dei partecipanti. E ancora una serie di incontri alle Oblate a metà strada tra spettacolo e divulgazione, che permetteranno poi di sostenere una conversazione brillante sulla Recherche di Proust senza aver letto necessariamente i dodici volumi. L’evento di apertura?

Sarà un concerto all’Anfiteatro dedicato a Ernesto de Pascale (amatissimo giornalista e musicista scomparso a febbraio) con una serie di amici sul palco, tra i quali la Bandabardò. Il nome più altisonante? George Michael, che si esibirà in piazza Santa Croce il 10 settembre. Un’estate vivace e terogenea, che dà voce alle voci del territorio, offrendo nuovi spunti per pensare la città.

...e QUellA fieSolAnA. Fo, Travaglio e Allevi alla 64esima edizione della kermesse

Sul colle una stagione a ritmo di cultura È

una stagione all’insegna della cultura, del divertimento e degli spettacoli di qualità quella che sta per cominciare sul colle etrusco. Squilli di trombe e rulli di tamburi per la 64esima Estate Fiesolana che si preannuncia, mai come quest’anno, ricca di eventi e di ospiti di portata internazionale che calcheranno non solo il palcoscenico del Teatro Romano, ma anche quello fiorentino dell’anfiteatro delle Cascine con cui Fiesole ha stretto una partnership. Dario Fo e Franca Rame, Giovanni Allevi, Max Gazzè, grupo Compay Segundo, Cassandra Wilson e poi Beppe Grillo e Marco Travaglio, sono solo alcuni delle star che si esibiranno nel corso della kermesse lunga quasi un mese e mezzo. “Anche quest’anno con un grande sforzo il Comune di Fiesole finanzia questa importante manifestazione attraverso il sostegno esterno e senza incidere sul proprio bilancio – spiega il sindaco Fabio Incatasciato -. Un ricco calendario fra musica, incontri e spettacoli che fa sì che la kermesse sia una delle più importanti fra i festival estivi del panorama toscano e nazionale”. Si comincia il 20 giugno con la musica classica degli allievi della Scuola di musica di Fiesole e si prosegue

con le sonorità raffinate di Vivere Jazz: il Grupo Compay Segundo farà rivivere la tradizione del “Buena Vista Social Club” (19/7) mentre Mike Stern, chitarra eclettica che riscalderà con la sua band l’Anfiteatro delle Cascine (6/7), e Cassandra Wilson (18/7), la più grande jazz vocalist vincitrice di due Grammy Awards, che salirà sul palco del Teatro Romano dopo 15 anni di assenza in Toscana. La collaborazione fra Comuni, che traccia anche una linea ideale tra i due teatri, porterà inoltre il Premio Nobel Dario Fo a raccontare a Fiesole le novelle del Boccaccio “rivedute e scorrette” insieme alla moglie Franca Rame (26-27/7), dopo essere passato da Firenze per incontrare il pubblico. Novità di questa edizione, un teatro che parla di attualità con Beppe Grillo, di ritorno dai suoi successi a Londra e Parigi, per parlare della rivoluzione della rete, la scena costituita da un grande schermo per uno spettacolo sempre work in progress (16/7); e con Marco Travaglio che, dopo aver registrato il tutto esaurito nei teatri d’Italia con “Promemoria”, presenta il suo nuovo show con la partecipazione di Isa/C.G . bella Ferrari, “Anestesia totale”, fra disinformazione e politica.

A

biti, lustrini e una carrellata di eventi che lascia presagire una nuova spumeggiante stagione. E’ tutto pronto per l’edizione numero numero 80 di Pitti Immagine Uomo, che apre i battenti alla Fortezza da Basso il 14 di giugno (fino al 17, ndr) e ragala alla città l’anteprima della moda maschile della primavera-estate 2012. Circa 1000 i marchi alla Fortezza, a cui si aggiungono le 80 collezioni donna protagoniste a Pitti W alla Dogana, per un totale di quasi 1.100 collezioni presentate. Il ruolo del salone come punto di riferimento sulla scena internazionale è dimostrato dai numeri delle aziende e dalle richieste di partecipazione, in continuo aumento a ogni edizione. E poi c’è il pubblico dei compratori: all’ultima edizione estiva di Pitti Uomo, su un totale di oltre 32.000 visitatori, sono stati 19.200 i buyer arrivati a Firenze dalle boutique e dai concept store più importanti del globo. Guest fashion designer sarà Scott Sternberg con Band of Outsiders. La sera di mercoledì 15 giugno in una location d’eccezione, la ex-Manifattura Tabacchi, Scott Sternberg presenterà la nuova collezione 2012assieme alle collezioni donna Resort 2012 di Boy. Lo special event di Pitti W n.8 sarà invece Rodarte, l’acclamato brand californiano di Laura e Kate Mulleavy, già sotto i riflettori delle ultime passerelle newyorkesi e del red carpet di Hollywood. La sera di giovedì 16 giugno, le Rodarte presenteranno in anteprima assoluta e con un evento site specific, una Special Collection e la prima monografia a loro dedicata. A fare da contorno agli eventi più “istituzionali”, ecco arrivare una serie di feste e festicciole collaterali che coinvolgeranno direttamente la città, i suoi abitanti e gli ospiti di passaggio, per un fine settimana all’insegna della moda e della movida. Da non perdere Firenze & Fashion, serata (14/6) in cui tutti i negozio del centro, con epicentro tra piazza della Repubblica, piazza Strozzi e via Porta Rossa rimarranno aperti fino alle 24. Una volta terminato il via vai di Pitti Uomo, ecco arrivare puntualissimi i baby modaioli di Pitti Bimbo (23-25 giugno) che prenderanno possesso delle passerelle per poter mostrare al pubblico il meglio della moda per under 13 e dulcis in fundo arriva Pitti Filati che dal 5 al 7 luglio porterà in città il meglio dei tessuti prove/B.B. nienti dai cinque continenti.


cultura

35

l’AppUntAMento. Tre giorni di visite, concerti, mostre e seminari per celebrare l’Unità d’Italia

150 anni insieme alla Fratellanza Militare Sauro Deledda

A

rte e cultura: è questo il binomio che caratterizzerà uno degli eventi clou per i festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia. A organizzare la manifestazione “Un’Associazione, una Nazione”, che si terrà a Firenze il 18, 19 e 20 giugno, è la Fratellanza Militare, la cui storia si lega fortemente a quella della nostra patria visto che furono i reduci garibaldini e i reduci dell’esercito nazionale risorgimentale a fondarla nel 1876. Nel corso di questi anni i suoi militi e i suoi volontari sono sempre stati partecipi di tutte le vicende più significative. L’impegno nell’alluvione del 1966, l’attentato dei Georgofili nel 1993 fino al terremoto che nel 2009 ha distrutto L’Aquila, solo per citarne alcuni. Un impegno quotidiano, silenzioso, al fianco dei soggetti più vulnerabili della società. “Per tutta questa serie di ragioni – spiega Filippo Allegri, presidente della Fratellanza Militare di Firenze – non potevamo non celebrare questo appuntamento così significativo. Abbiamo voluto onorare il nostro Paese nel segno di quella concretezza che da sempre ci contraddistingue, facendo di questa ricorrenza un momento di riflessione e di rivisitazione della nostra lunga militanza a favore degli altri”. L’evento è del tutto gratuito e prevede visite guidate, concerti, mostre e seminari. Tre giorni in cui scoprire

e riscoprire la nostra città guardandola con occhi diversi e da diverse angolazioni. Sarà possibile ammirare scorci e angoli finora celati e che per l’occorrenza potranno essere fruiti dal grande pubblico. “Un’Associazione, una Nazione” sarà inaugurata in grande stile con l’apertura del complesso monumentale di Santa Maria Novella, grazie alla collaborazione dell’Arma dei Carabinieri, dell’Officina del Profumo-Farmaceutica di S. Maria Novella (di cui sarà possibile visitare il museo), del Comune, del Ministero dell’Interno e dell’Opera per Santa Maria Novella. Si potranno rivivere i fasti rinascimentali camminando nel Chiostro della Sindicheria o nel Chiostro Verde. La vista avrà un “sussulto” nel contemplare il Cappellone degli Spagnoli, il Chiostrino del Dati o la Cappella di Baldassarre di Simone degli Ubriachi. Tra gli eventi speciali anche la mostra sull’associazionismo risorgimentale e il concerto Viva Verdi, “un omaggio all’arte italiana del canto, della musica e del teatro - sottolinea Lucia Cavina, Comandante di Compagnia della Fratellanza Militare - nei giorni della manifestazione si avrà libero accesso alle sedi dell’associazione Reduci Garibaldini, dell’Associazione Mazziniana Fiorentina e della Fratellanza Artigiana d’Italia, dove sarà possibile visionare un commovente e raro patrimonio di documenti e

Filippo allegri

insieMe al presidente della

repubblica giorgio napolitano

cimeli del periodo risorgimentale”. In ultimo, e non certo per importanza, la presentazione del volume “Un’associazione, una nazione. Un secolo e mezzo di storia della Fratellanza Militare di Firenze” nella sede del Consiglio Regionale

della Toscana, “un’occasione – conclude Cavina – per discutere dell’associazionismo di matrice risorgimentale. L’evento del 18, 19 e 20 giugno sarà un inno alla bellezza, all’operosità e alla libertà del nostro Paese”.

l’iniziAtivA. Tre amici hanno creato un circolo per amanti della lettura e non solo

Tutti attorno a un tavolo, nel nome dei libri N

el rispetto di una secolare tradizione che prende ispirazione dall’antica Accademia dei Percossi, ma anche dal salotto romano di Cristina di Svezia e dai circoli parigini dell’Ottocento, si ritrovano con cadenza mensile i membri del Circolo Letterario di Firenze, organizzato con successo, da ormai quasi due anni, dall’Associazione Culturale Small Room. Un gruppo affiatato, nato dall’iniziativa di tre ragazzi: Mirko Tondi, Claudia Moretti Pananti e Claudio Francardi. Già facenti parte della compagnia teatrale “I Rene-Fiz”, i tre hanno deciso di unire le forze per promuovere la cultura in

città e richiamare l’interesse di altri appassionati di lettura. Il gruppo, cresciuto col procedere degli incontri e divenuto poi una sicurezza nel panorama culturale cittadino, forse non è l’unico a riunirsi con l’intento di condividere i propri pareri riguardo alle letture svolte, ma senz’altro il più vivace e informale tra i ritrovi di questa natura. Il Circolo Letterario di Firenze unisce amanti della letteratura giovani ad altri più navigati, poeti, scrittori e assidui lettori. Ognuno è libero di portare e leggere i propri scritti, nel corso di ogni incontro. Oltre a dare spazio agli autori emergenti, il Circolo si propone

di affrontare la lettura di un testo specifico o l’approfondimento di un tema particolare ogni mese, che sarà spunto di discussione all’appuntamento successivo. Per far parte di questo gruppo non occorre alcuna tessera di iscrizione, né esistono quote da versare. Nel periodo estivo (a eccezione del mese di agosto, in cui si ferma), il Circolo viene ospitato dalla Caffetteria delle Oblate, al secondo piano della biblioteca. Il giorno di ritrovo è in genere l’ultimo martedì del mese, in orario serale (a cominciare dalle 21,30). Info: circololetterario@hotmail.it oppure circolo/C.D.N. letterariofirenze.blogspot.com.


fiorentinA. L’esplosione dell’ex giocatore del Pisa per molti è stata una sorpresa

Cerci: da Massimo Ciavarro a Messi? si è conquistato il “titolo” di dottor Jekyll e mister Hyde della serie a da poco conclusa. Dai fischi della curva ai cori: nel mezzo gol e sprazzi di buon gioco. ora lui se la ride e assicura: “Una rivincita personale”

alessio cerci

Andrea Capretti

L

eo Messi o Massimo Ciavarro? Fenomeno potenziale o oggetto di ululati e fischi della curva? L’ultima versione calcistica del letterario dubbio, Dottor Jekyll o Mister Hyde, va in scena a Firenze e ha la faccia sorridente di Alessio Cerci. Otto gol in maglia viola, quattro consecutivi spalmati su due partite, ed ecco che la stessa città, lo stesso stadio che appena lo scorso febbraio copriva di insulti e fischi preventivi il ragazzo tutto riccioli e dribbling si coccola il suo nuovo idolo. “Non è giusto fischiare a priori Cerci”, aveva sbottato Mihajlovic tempo fa, dopo la gara con il Genoa. Oggi nessuno lo vuole ammettere, ma l’ambiente viola è pieno di sguardi del tipo “chi è ora quello scarso?”. Non manca chi sostiene che ci sia una buona dose di verace ironia toscana dietro ai cori pro Cerci, soprattutto dopo che in qualche intervista all’ex giallorosso erano scappati paragoni a metà tra il sognante e

la troppa sincerità con mancini di lusso, quali Robben o il divino argentino, ma la sostanza è che l’euforia attorno al ragazzo è palpabile e dimostrata dall’assedio dei tifosi a caccia di foto e autografi dopo le ultime partite. Cerci ci ha messo del suo regalandosi gol e continuità, anche nelle gare in cui la Fiorentina si è squagliata prima del tempo. La favola del brutto anatroccolo che si trasforma in cigno non è nuova, ma quella di Cerci sembra una vera riedizione a tinte viola. Basti ricordare che sempre pochi mesi fa, nell’imbarazzo generale, a un’asta di beneficenza con le maglie dei giocatori della Fiorentina un solo lotto andava deserto: quello con le offerte per la 24 di Cerci. “Il momento è davvero positivo e diciamo che questa è una sorta di rivincita personale”, ha raccontato il 23enne di Valmontone, cresciuto nelle giovanili della Roma a suon di giocate di classe e paragoni illustri, per uno dei tanti romanisti a cui si chiedeva di continuare la dinastia dei campioni fatti in casa dopo Totti e De Rossi. Ci aveva creduto persino Fabio Capello, che nel giugno 2008 gli faceva assaggiare la serie A ad appena sedici anni e mezzo.

Debutto precoce, infortunio immediato per Cerci che va a farsi le ossa a Brescia prima e a Pisa poi. Ventura gli pennella un ruolo da esterno offensivo nel 4-2-4 dei nerazzurri, ricambiato con dieci gol nel campionato di serie B (record personale), ma il destino chiede subito il conto con due infortuni alle ginocchia. Stessi colori, una categoria più in alto, ma per Cerci la magia non si ripete con l’Atalanta nel 2008-09, e così ecco il ritorno a Roma, in cerca o in attesa di una nuova occasione. Quella che in estate gli ha offerto la Fiorentina, condita da un ricco contratto quinquennale dietro cui si è trincerato anche il ds Corvino quando tutta la città gli chiedeva di sbarazzarsi di quel ragazzo troppo innamorato del pallone e delle grosse macchine. Una rombante Maserati, parcheggiata e multata a ripetizione nelle zone più proibite del centro storico. Poi i gol che cambiano tutto e Jekyll Cerci, rispetto al suo lato oscuro, sembra aver imparato pure come godersi i suoi momenti migliori: “Se stasera parcheggio in piazza Duomo? No, sto a casa che è meglio”. Insomma, se una doppietta ti cambia la vita, figurarsi due…

SABATO 18 GIUGNO BRINDISI DELL'ESTATE" CON I SOLARIUM

L’ E R B O L A R I O

Via Gioberti, 52/r - Firenze

tel. 055 6550810

1174723

Tutti i giorni dalle 9.30 - 19.30 orario continuato. Aperti tutte le domeniche di dicembre


sport

37

il pUnto. Dopo aver chiuso al nono posto, la squadra è pronta a rinnovarsi e ripartire

Una stagione da buttare. O forse no Cristina Guerri

N

on tutto è da buttare via di questa malinconica stagione da eterna insoddisfatta per la Fiorentina. Anche se, e qui saranno tutti d’accordo, molte cose non sono andate

come avrebbero dovuto. A partire da Sinisa Mihajlovic. Non era facile cancellare Cesare Prandelli dalla mente di tutti. Anche dei giocatori. Che non hanno certamente aiutato il serbo nel suo percorso sulla panchina viola. Gli infortuni, poi, sono stati continui, e hanno colpito molto spesso chi doveva guidare la squadra

In un anno caratterizzato dal lungo stop di Jovetic, dai problemi di Mutu e da tanti infortuni, il finale è stato incoraggiante

verso risultati più soddisfacenti. Vedi Jovetic, messo ko addirittura prima che cominciasse la stagione. Ma anche D’Agostino, Montolivo, Vargas, Santana. E Mutu (che non era infortunato ma squalificato per il caso sibutramina), solo per citarne alcuni. E tutte queste componenti hanno fatto sì che la Fiorentina disputasse (e terminasse) la stagione al di sotto delle sue aspettative. Sopratutto quando i giochi erano ancora tutti da scrivere. Un inzio di campionato abbastanza turbolento, con otto sconfitte (compresa quella con l’Inter, al Franchi, giocata però a metà febbraio) nel girone di andata. Nel ritorno, i ko sono stati molti meno, e questo è sicuramente l’aspetto positivo da sottolineare. L’arrivo di Behrami nella finestra del calciomercato invernale ha consentito a Mihajlovic di colmare alcune lacune nel centrocampo. Ma anche il recupero di Vargas non va dimenticato, con il peruviano che ha ridato nuova linfa alla corsia sinistra. Per non parlare del redivivo Cerci, rinato nella parte finale della stagione. Da vituperato a idolo della Curva Fiesole. Che per scherzo lo ha paragonato addirittura a Messi per le sue prodezze. Insomma, dicevamo che, nonostante tutto, qualcosina di buono si è visto. Malgrado la classifica, che non regalerà nemmeno quest’anno un piazzamento in Europa, ma che proprio per la fase conclusiva della stagione può comunque far pensare bene per il futuro. Prima di tutto ci sarà il mercato, e una rosa quin-

di da rinnovare e rinforzare, stando sempre attenti al monte ingaggi. Ai vertici della piramide ci sarà sempre Mihajlovic. Qualche giocatore, invece, se ne andrà. Chi è ancora troppo presto per dirlo, ma la prossima stagione potrebbe vedere una Fiorenti-

na rivoluzionata. Ci sono i giocatori in scadenza (Donadel, Santana, Comotto), ci sono quelli che vogliono andarsene (Montolivo, Frey, etc..). Tutto è da scrivere, con la speranza di ritrovare la stessa Fiorentina entusiasmante di qualche anno fa.

aMarCorD Genova, 3 giugno 1956: il primo scudetto

Una sconfitta dolce dolce

S

arti, Magnini, Cervato, Chiappella, Rosetta, Segato, Julinho, Gratton, Virgili, Montuori, Prini. Loro sì che il 3 giugno se lo ricordano bene, perché mai sconfitta fu più dolce per la Fiorentina e i suoi tifosi. A Genova, il 3 giugno 1956 la squadra allenata da Fulvio Bernardini perde contro il Genoa 3 a 1, ma è l’unica partita persa in campionato, nonché l’ultima di giornata, e non ci sono più limiti alla festa per il primo scudetto della storia viola. La Fiorentina si cuce sul petto il tricolore (cosa che ha fatto solo un’altra volta nella sua storia) e corona una rincorsa alle grandi del calcio iniziata negli anni ’50 e culminata nello scudetto ‘55’56, dopo quattro piazzamenti consecutivi tra le prime cinque della classifica. Un’annata magica, iniziata con i colpi di mercato del presidente Befani, Julinho

e Montuori, accesa dal roboante successo per 4-0 sulla Juventus in avvio di campionato (bissato con un 2-0 al ritorno) e diventata una cavalcata trionfale, dopo il primo posto conquistato all’ottava giornata e mai mollato fino alla fine. Trentatré risultati utili consecutivi, campione d’Italia con cinque giornate di anticipo, dodici punti di vantaggio sulla seconda, il Milan. Numeri di un torneo storico e di un ricordo indelebile, come i 21 gol di “Pecos Bill Virgili”, le parate di Giuliano Sarti, la costante presenza di Gratton e Segato (disputando tutte e trentaquattro le gare stagionali), i dribbling di Julinho e le giocate di Montuori. Così, il giugno del 1956 divenne indimenticabile per tutto il mondo viola, al punto che quasi tutti i giocatori di quel periodo hanno deciso di vivere a Firenze al ter/A.C. mine della loro carriera.


38

sport nel Chianti

Giugno 2011

Volley. Francesca Babbi e Silvia Tosti, due protagoniste del campionato, “a confronto”

Il “Bisonte” crede alla promozione Lorenzo Mossani

La società di Elio Sità è sempre più lanciata verso la serie A. Le giocatrici

Q

non mollano la presa. I playoff confermano quanto di buono visto durante la stagione. Intanto, però, c’è chi si gode già le vacanze...

Silvia De Fonzo

e

Ora la palla la schiaccia chi la Serie A l’ha già conquistata, Silvia Tosti. Silvia, ex attaccante del Bisonte, è stata una delle protagoniste della cavalcata straordinaria di San Mariano. Ogni pallone giocato, un punto messo a terra. Come ti senti dopo questo primo posto? Sono in ferie e super rilassata, dopo questa stagione lottata con le unghie e con i denti è il giusto riposo! Meritato relax visto che siete arrivate davanti al Bisonte... Non credevo che sarebbe andata così visto il potenziale del San Casciano, che ci ha tenuto testa per un bel po’. Sapevamo che chi faceva meno errori si sarebbe aggiudicato la posta in palio e noi in questo siamo state brave perché abbiamo lasciato pochi punti in giro e abbiamo giocato ogni singola partita come se fosse una finale, il Bisonte ha sbagliato qualcosa in più e noi ne abbiamo approfittato. Se c’è, qual è stato il segreto di San Mariano? Noi forse in più avevamo anche un gruppo ben amalgamato e davvero unito, secondo me è questo che spesso fa la differenza in un campionato. E’ stata una rivincita giocare così bene contro la tua ex squadra? Forse -sorride Silvia- ma spero che il Bisonte possa vincere questi playoff, soprattutto, per l’amicizia che mi lega a Silvia De Fonzo.

Francesca Babbi

1123310

uesta volta abbiamo cercato di mettere a confronto due protagoniste assolute di questo campionato, Francesca Babbi del Bisonte e Silvia Tosti della neopromossa San Mariano. Sperando che a fine stagione siano anche le attaccanti delle due squadre promosse in Serie A. Francesca, siete sicuramente la squadra più forte ammirata a San Casciano negli ultimi anni, tutti si aspettavano la vittoria del campionato: come te lo spieghi questo secondo posto? San Mariano è stata più continua, noi abbiamo perso solo quattro partite ma non è bastato per la promozione diretta. Il vostro futuro sono i playoff? Sì è vero. E’ il quarto anno che li faccio, ogni avversario, ogni partita è una gara a sé. Dobbiamo concentrarci: abbiamo le carte in regola per farcela. Siete la migliore seconda, vi danno per favoriti soprattutto perché l’eventuale ‘bella’ si gioca in casa vostra... Giocare l’eventuale bella in casa è un vantaggio sia per il pubblico che ci sostiene sia per il fatto che giocare due volte fuori casa in una settimana stanca fisicamente. Seria A? Ci metteremo tutta l’energia che abbiamo, ce la possiamo fare. Ci credo, lo sogno, in sintesi voglio la Serie A. Ti sento fiduciosa Molto carica -sorride Francesca- non vorrei ripetere la passata stagione dove ho perso una finale.


1181194


40

sport nel Chianti

Giugno 2011

Calcio. È tempo di bilanci dopo la salvezza arrivata con largo anticipo

San Donato, ora si pensa al futuro Carlo Marrone

rantito certe operazioni. Che tipo di calciatori sono arrivati? Sono arrivati giocatori di un certo calibro provenienti dal campionato di serie D, tra i tanti: Landi, Guerrera, Fusco, Checcucci e il giovane Parri portiere proveniente dal Prato. Come è andata la seconda parte del campionato? Abbiamo fatto molto bene, abbiamo raggiunto un punteggio da quarta posizione in classifica. Quale ritiene sia stato il colpo migliore? Tutti hanno contribuito al bene della squadra, anche la coppia d’attacco Fusco-Guerrera ha prodotto degli ottimi risultati, diciassette gol non sono pochi. Ci sono state altre mosse di mercato? Si, l’ultimo colpo è stato il cambio di panchina, ha dato nuovi stimoli e ha reso lo spogliatoio più unito. Quale sarà l’obiettivo della prossima stagione? Vogliamo fare un campionato di centro classifica.

I

campionati sono finiti ed è tempo delle prime riflessioni. A casa San Donato la stagione appena trascorsa è stata abbastanza positiva e ha rispecchiato in pieno quelle che erano le aspettative della Società. La salvezza anticipata della prima squadra è stata il traguardo più importante, anche se inizialmente tutti si aspettavano di soffrire un po’ meno. Ma i numerosi infortuni e diversi episodi sfavorevoli, hanno penalizzato la squadra di Tavarnelle privandola di qualche punto. L’impegno dei giocatori, l’attaccamento alla maglia e la coesione dello spogliatoio, sono stati gli elementi fondanti che hanno permesso di superare i momenti difficili. Un plauso va a mister Sarti per come ha saputo reagire alle situazioni difficili e per come ha gestito il gruppo, cogliendo comunque un risultato molto positivo. Nelle parole del direttore sportivo Luciano Orsi le prospettive future della squadra chiantigiana. Quali erano le aspettative di inizio stagione? Non posso risponderle a questa domanda, sono entrato in questa società in corsa, nel mese di ottobre. Al suo arrivo quale situazione ha trovato? Ho trovato una società che voleva riparare a degli errori commessi, le cose non stavano andando per il meglio. Qual è stato il suo primo compito? Il primo compito è stato quello di individuare i settori in cui intervenire per acquistare dei rinforzi, un grande elogio va alla società con il presidente in prima persona che ha ga-

Basket. Un anno più che positivo per la squadra. Con qualche rimpianto...

Asd San Casciano, promozione sfiorata

S

i avvia verso la conclusione la stagione sportiva delle squadre dell’ASD Basket San Casciano che pochi giorni fa ha visto finire le gare ufficiali dei campionati. Un anno più che positivo, su tutti gli aspetti. Partiamo dai risultati sportivi conseguiti dalle squadre: 1^ Divisione: Finisce a Pisa, alla terza partita dei play-off, una stagione sicuramente molto positiva che ha visto la giovane squadre guidata da Coach Zanardo provare a raggiungere il traguardo della promozione, obiettivo sperato per tutta l’annata ma alla fine, per poco, non raggiunto. Dall’inizio della stagione vi sono state 25 partite: 16 vinte e 9 perse, che han-

no portato la 3^ posizione in classifica finale del campionato e questa fase dei play-off. Da sottolineare inoltre l’imbattibilità casalinga raggiunta nella stagione a testimonianza sempre dello splendido seguito di pubblico che ha accompagnato la nostra squadra nelle sfide casalinghe. Il purgatorio della 1^ Divisione durerà un altro anno, ma San Casciano sarà pronto a Settembre per la nuova sfida. Intanto si sta gia pensando alla squadra della prossima stagione con l’obiettivo di riconfermare almeno i buoni risultati raggiunti (non solo sportivi) quest’anno. Bene il minibasket: tan/Car.Mar. te vittorie e divertimento.

RIPOSARE BENE NON SARÀ PIÙ UN PROBLEMA...

HA APERTO A FIRENZE Ninna Nanni... Letti imbottiti , Reti e Materassi, Arredamento in ferro battuto Prodotti italiani di alta qualità LETTO MATRIMONIALE

“Arianna”

con contenitore prezzo di listino Euro 1.780

Offerta 25% Euro 1.335,00 Trasporto e montaggio incluso

Iva inclusa

TRASPORTO E MONTAGGIO presso la tua residenza e provvediamo noi a ritirare il tuo vecchio letto e materasso lida a v e n io z o m o r P o fino al 31 Lugli 1184167

FIRENZE - V.le Duse, 14 - Tel. 055 3831313 www.nannitaly.com


sport nel Chianti

41

Pallamano. Storico salto di categoria, ma ora c’è un problema

L’impresa è riuscita: è serie A

I

l sei maggio da adesso in poi diverrà una delle date più importanti per gli abitanti di Tavarnelle, perchè la squadra cittadina di pallamano è riuscita nell’impresa di tornare in serie A2 a tre anni dall’ultima avventura in questa categoria. Festa doveva essere e festa è stata per i tanti che hanno raggiunto l’Estraforum di Prato e che con le proprie urla d’incitamento hanno spinto i ragazzi di mister Toccafondi alla vittoria più importante della stagione. Facciamo un passo indietro, proprio la gara d’andata contro la formazione pratese può essere individuata come l’accensione della miccia per la squadra tavarnellina: un pareggio conquistato all’ultimo secondo utile e poi solo vittorie, sedici su diciotto partite giocate. Un vero big-match quello che la compagine biancoverde si è trovata a giocare all’ultima giornata della

regular season. Le due squadre sono accomunate dallo stesso punteggio in classifica, ma la differenza reti dà un piccolo vantaggio a Tavarnelle: anche con il pareggio saranno loro a passare di categoria. Chiedetelo ad ogni sportivo: la vittoria, se deve essere tale, deve essere completa e questo si vede negli occhi di capitan Graziosi e compagni durante il riscaldamento. Come ogni partita che verrà ricordata c’è un primo tempo non semplice da raccontare. A fine dei primi trenta minuti la squadra di casa è in vantaggio di sei reti (16 a 10 segna il tabellone) e sia sugli spalti che in campo si nota un certo nervosismo. Non sappiamo se sono state le parole di Toccafondi, ma il secondo tempo è tutta un’altra musica. Guidati da un Baciottini in grande spolvero, saranno otto le reti a referto a fine partita, i ragazzi ricominciano a giocare alla loro maniera: con grande solidità difensiva, tanto che per quindici minuti i pratesi non riusciranno a

Atletica. Ormai arrivato alla 17esima edizione

Ecco il Trofeo del Chianti D iciassette anni di corse campestri, giri di campo e gol con le mani: cos’è? Semplice, il trofeo del Chianti Fiorentino. Nella zona chiantigiana questa manifestazione è una delle più importanti dal punto di vista sportivo: le scuole medie di sei comuni (Bagno a Ripoli, San Casciano, Barberino e Tavarnelle Val d’Elsa, Greve in Chianti, Impruneta) si scontrano in tre discipline (atletica, baseball e pallamano) cercando di decretare quale sia la più forte. Perchè l’agonismo non è buono se presentato ai ragazzi come unico fine di una gara, ma diventa esperienza positiva se fatto intendere come energia positiva per raggiungere un traguardo. Sono circa seicento i ragazzi che partecipano annualmente alla manifestazione organizzata dall’Asd atletica Impruneta con il patrocinio della Provincia di Firenze e del CONI di Firenze e l’aiuto dei sei assessori allo Sport, che mettono mano al proprio budget per permettere che ogni anno i giovani si confrontino con la parte sana dello sport. A proposito di risultati, eccone una parte di quelli fino a oggi a nostra disposizione (alcuni tornei a squadre devo ancora decretare le scuole vinci-

trici, ma ve ne renderemo conto sul prossimo numero, ndr). Nella corsa campestre dello scorso aprile a Tavarnelle, la scuola Ippolito Nievo di San Casciano ha fatto il colpaccio conquistato il primo posto della competizione a squadre in quattro categorie su sei: prima media femminile e tra i maschi ha conquistato tutti i gradini più alti del podio. Le poche briciole avanzate sono state raccolte dalla scuola Don Milani di Tavarnelle per le ragazze di seconda media e dalla Primo Levi d’Impruneta per le giovanissime che il prossimo anno approderanno alle scuole su/Lor.Mos. periori.

bucare la rete di Ciani, e concretizzando ogni occasione in attacco. Passano i minuti, il nervosismo sale, l’arbitro è costretto a ricorrere ripetutamente al cartellino rosso. Alla fine i giocatori espulsi saranno tre per il Prato e due per il Tavarnelle. Poi il fischio finale e le urla trattenute negli ultimi tre minuti esplodono all’unisono. Una bella soddisfazione per mister Toccafondi, che a inizio stagione ci confidava: “Non sarebbe male ripetere l’annata appena terminata. A parte i sogni, spero che la prima squadra raccolga risultati migliori e che i tavarnellini tornino a seguirci come di consueto dopo anni di partite giocate lontano da casa”. La gente di Tavarnelle è tornata a seguire la squadra, ha organizzato dei pullman per essere vicina ai propri ragazzi, la serie A è stata conquistata. Al problema palazzetto si tornerà a pensarci quando la mente sarà più sgombra: adesso è il tempo di festeggiare. Un sogno trasformato in realtà.

Basket Un nuovo metodo per giocare a ritmo di musica Bella festa quella organizzata dall’Asd Basket San Casciano domenica 15 Maggio che ha visto l’arrivo di Massimo Antonelli e del suo Music Basket a San Casciano. L’evento, durato tutto il giorno, è iniziato la mattina con gli istruttori ed allenatori a cui è stata spiegata l’attività del Music Basket direttamente da Antonelli, mentre nel pomeriggio ci sono state due sessioni di Music Basket con le squadre dell’under 13 e 14. Il metodo ha come obiettivo la cura dell’attacco con la palla (palleggio, passaggio, tiro) e rivolge diversi approfondimenti anche nei difensivi. Inoltre tutti questi esercizi a ritmo di musica sono finalizzati anche a migliorare la lettura rapida delle situazioni di gioco, le capacità percettive, condizionali e motivazionali degli atleti. Un’annata importante quella della squadra di Basket di San Casciano, l’Under 14 dopo un campionato nel quale ha vinto venti partite su ventidue è impegnata nella seconda fase della stagione. Anche i ragazzi della prima divisione sono riusciti ad accedere ai play off di categoria, peccato solo per la sconfitta nell’ultima di campionato che non ha permesso di conquistare il secondo posto nella classifica generale. Nuoto Al via i corsi estivi Il comune di San Casciano Val di Pesa come ogni anno organizza i corsi estivi di nuoto: si svolgeranno solo la mattina presso la piscina “il Melograno” e saranno tenuti dalla scuola nuoto F.I.N. della società “Aquatica 2004”. Per permettere a tutti di frequentare le lezioni sono stati organizzati tre cicli: il primo ha inizio il 13 giugno e termina il primo luglio, è composto da quindici lezioni con il servizio di trasporto ed è pianificato su due trance (primo turno alle 10.00 ed il secondo alle 11.20). Ha un costo di settantadue euro. Nel caso alcuni ragazzi dovessero sospendere il corso per gli esami della scuola media saranno rilasciati gratuitamente due biglietti di libera balneazione da utilizzare entro l’estate 2011 da richiedere alla segreteria della Piscina una volta concluso il corso. Il secondo ciclo inizia il 4 luglio e termina il quindici, costa quarantotto euro e come l’altro è organizzato su due servizi di trasporto. Identico come organizzazione di orario e prezzo è il terzo corso, cambiano solo le date, inizio programmato il 18 luglio e terminerà il 29, dopo dieci lezioni. Per iscrizioni e altre informazioni: Ufficio sport del Comune.

BURATTI

SPECIALE AUTO AZIENDALI E DI OCCASIONE

BMW 118 ELETTA 2000 diesel dpf 143 cv cambio automatico maggio 2009 57000 km. Nero met climatronic radio cd ecc..

HYUNDAI I 30 1400 16v active benzina 109 cv giugno 2008 grigio met clima radio cd fendonebbia esp ecc..

EURO 19.900

EURO 8.900

VOLKSWAGEN GOLF HIGLINE 1400 tsi 122cv euro 5 serie 6 settembre 2010 11000 km. Bianco climatronic cerchi lega full optional bellissima come nuova

VOLKSWAGEN GOLF PLUS 1900 tdi 105 cv comfort line dpf settembre 2008 77000 km. Argento met cambio aut e seq climatronic bizona barre tetto cerchi lega radio cd ottima

VOLKSWAGEN PASSAT COMFORTLINE 2000 tdi 140cv dpf dsg cambio aut. Novembre 2007 moca brown met 110000km. Full optional perfetta

EURO 17.900

EURO 14.900

EURO 15.900

SMART PULSE CABRIO 1000 84cv aprile 2008 24000 km. Blu argento capote el. Radio originale clima cerchi lega cambio aut e seq perfetta come nuova

EURO 9.900

1179539

Carlo Marrone

pillole

OFFERTA PROMOZIONALE passaggio di prioprieta’ e tagliando di manutenzione compresi nel prezzo orari lun-ven. 9.00-13.00 / 15.30-19.30 sab. 9.00-13.00

BURATTI - VIA SCIPIONE AMMIRATO, 9/13 FIRENZE (ZONA V. GIOBERTI - P.ZZA BECCARIA) TEL. 055 669679 www.burattiauto.it - info@burattiauto.it


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

te. Inoltre, esaspera la totale mancanza di risposte da parte di chi dovrebbe fornire spiegazioni e trovare soluzioni. Ci si sente totalmente inermi. E’ come se i problemi dei cittadini non contassero assolutamente, ma fossero solo un fastidio da ignorare. Certamente questa situazione è insostenibile, specialmente con l’arrivo dell’estate e delle finestre aperte. Di fatto alcuni degli intervistati dichiaravano di non utilizzare più il terrazzo da un anno. Io non utilizzo più il salotto. E la situazione è appena migliore nelle altre stanze che si affacciano su una strada privata e addirittura sul cortile del cinema Portico e della Chiesa del Sacro Cuore. Mi farebbe piacere sapere se altri hanno avuto o hanno tale problema e come si sono mossi per risolverlo o tentare di risolverlo. Saluti Francesca Balzer FinEsTRE cHiUsE/2. Via FoGGini E iL caPoLinEa DEL BUs

FinEsTRE cHiUsE/1. QUEL TREno in sosTa DaVanTi ai PaLaZZi

Abito a Firenze in via Mannelli al numero 83, quindi in una strada che corre parallela alla ferrovia, prima della stazione del Campo di Marte. Niente da ridire quindi sul rumore dei treni in transito, ai quali si fa l’abitudine rapidamente, né su quello dei lavori della Tav che spero si spostino presto dalla nostra zona. Il grave problema è il treno Tav-Freccia Rossa che dal 13 dicembre 2009 sosta davanti al mio palazzo. Trattasi del treno di riserva che è tenuto in carica (mi scuso, ma non conosco i termini tecnici) dalle 6 del mattino fino alle 23 di ogni giorno. Il rumore causato è costante ed insopportabile, tanto da rendere la qualità della vita di fatto insostenibile. E’ un sottofondo che condiziona sonno, conversazioni, vedere la televisione e qualsiasi altra attività quotidiana. Alcune lettere erano già state inviate sia alle Ferrovie dello Stato che a Trenitalia senza nessun cenno di riscontro. Con grande contentezza ho letto un bell’articolo dettagliato di Maria Cristina Carratù sul quotidiano La Repubblica dove il problema veniva esposto e sviscerato con tanto di interviste ad altri miei compagni di sventura. Nei giorni seguenti la pubblicazione dell’articolo è sembrato a tutti che l’intensità del rumore fosse ancor maggiore… e il treno è sempre lì. Sabato 21 maggio addirittura abbiamo potuto rilassarci dopo la mezzanotte!!!! Non voglio assolutamente credere che una soluzione non possa essere trovata (se ce ne fosse la volontà) forse spostando il treno in una zona a minor densità abitativa o con l’installazione di pannelli che assorbano il rumore, se sono utili anche per i piani più alti. Nelle ore in cui sono costretta a subire il frastuono, ho poi notato che alcuni giorni il rumore è tollerabile, altri no. Che dipenda dal macchinista? Da dove posiziona il locomotore o con che intensità fa girare il motore? Allora ci vorrebbero istruzioni ben precise dalla direzione delle Ferrovie e andrebbero fatte rispettare, non al buon cuore del singolo dipenden-

lettere

Giugno 2011

nato utilizzato raramente, e dove viene posizionato un capolinea? Nei 50 metri abitati!? Abbiamo cercato di far sentire le nostre ragioni, ma nessuno si è mai preoccupato tramite un qualsiasi mezzo di comunicazione di farci avere una risposta. La bella stagione si ripresenta, noi saremo nuovamente costretti a vivere a finestre chiuse per evitare l’inquinamento acustico delle vetture Ataf, a utilizzare aria condizionata, creando inquinamento, e tutto questo perché non si vuole, non si riesce a spostare di 50 metri un capolinea. Siamo costretti a vivere in funzione di orari Ataf, non è piacevole addormentarsi o essere svegliati in ore dedicate al sonno, a causa di vetture obsolete che hanno problemi al motore, non è piacevole avere a che fare con autisti maleducati che non capiscono il disagio che creano, non è piacevole non essere ascoltati da chi dovrebbe occuparsi del cittadino, ovviamente tutto questo perché loro non sanno cosa possa significare vivere con un capolinea Ataf sotto le proprie finestre. Noi condomini di via Foggini dopo un anno stiamo ancora aspettando di essere ascoltati! Caterina Marlazzi TEaTRo coMUnaLE E DinToRni, La (non) PULiZia DEi MaRciaPiEDi

È passato circa un anno da quando i condomini di via G.B. Foggini hanno cominciato la loro battaglia per lo spostamento del capolinea Ataf linea 77 e la fermata Ataf linea 9 (stessa battaglia intrapresa anche dai vicini residenti di via Lunga che chiedono lo spostamento del capolinea Ataf linea 9). Questi cittadini si sono trovati a dover convivere con i numerosi disagi che implica un capolinea Ataf proprio sotto le proprie finestre. Si sono ritrovati a convivere con scorrettezza e maleducazione degli autisti dipendenti Ataf, che non riescono nei maggiori dei casi a mettere in pratica la semplice regola di effettuare la sosta di capolinea a motore spento. Per non parlare poi dell’incapacità di alcuni autisti di parcheggiare nell’apposita area di sosta creata, ci sono foto a testimoniare che molto spesso la vettura Ataf occupa parte della corsia di marcia riservata alle autovetture, comportando disagi al traffico. Si sono ritrovati a convivere con un maggiore inquinamento acustico e atmosferico, le vetture Ataf non sono silenziose! Numerose le email di reclamo inoltrate all’Ataf, ma le risposte di protocollo ricevute, ovviamente non hanno migliorato la situazione. Numerose le email di reclamo inviate anche a numerosi enti di competenza per essere ascoltati, per ottenere lo spostamento del capolinea, si parla di circa 50 metri, ma sembra impossibile. Qualcuno ha pensato bene che posizionare un capolinea sotto le finestre di un condominio non avrebbe arrecato danno ai suoi abitanti, ma ha pensato bene che avrebbe agevolato gli utenti Ataf. Su 200 metri di via Foggini 50 metri occupati da un condominio, 150 metri inutilizzati, un marciapiede sconfi-

svoltato l’angolo c’è viale Lami. Fra piazza Muratori e Largo Cantù i posti auto segnati con le strisce celesti sono diventati delle vere buche. Noi che ogni lunedì dobbiamo spostare l’auto per la pulizia strade ci troviamo davanti a dei crateri. Ho già scritto al Presidente del quartiere 5 ma per ora niente. Chissà che scrivendo a voi non si muovano le acque? Grazie anticipatamente, Giancarlo BiBLioTEca Di iMPRUnETa... Ma a TaVaRnUZZE?

Con molto piacere ho letto l’articolo sul vostro giornale di Lisa Baracchi per quanto in oggetto. E’ importante che una biblioteca dia la possibilità di leggere, studiare e adesso anche “ascoltare” agli over 60, ma questo sempre e tutto a Impruneta. Io abito a Tavarnuzze, dove era stata fatta una sperimentazione di ciò, e dove mi recavo spesso per scambiare libri per me e per mia figlia. Adesso qua tutto è chiuso e noi siamo costretti a comperare i libri, perché se non abbiamo auto è molto complicato recarsi con la Cap a Impruneta per avvicinarsi alla lettura. I ragazzi per lo studio vanno a Firenze, molto più comodo raggiungerla con i mezzi pubblici, e gli anziani? Come possono partecipare a una così bella iniziativa di “ascolto”? Scusate lo sfogo ma dopo la bella notizia del prolungamento dell’orario per l’utile servizio della sede di Impruneta mi è venuto spontaneo il pensiero che a Tavarnuzze le iniziative culturali vengono... dimenticate! Daniela iL TRaM, iL PRoGREsso E LE DEcisioni Da PREnDERE

Buonasera, vorrei segnalarvi un disservizio. Nelle strade nella zona di via Solferino, via Magenta e via Il Prato, Teatro Comunale, la pulizia delle strade e soprattutto dei marciapiedi è pressoché assente. I marciapiedi vengono lasciati sporchi anche dopo che abbiamo fatto la fatica di spostare le auto. Apparentemente la pulizia avviene solo sulla strada. I marciapiedi sono abbandonati (ho notato un mese fa una bottiglia, che è ancora lì, per non parlare di un paio di pantaloni abbandonati alla fermata della tramvia di Porta al Prato!!). Il marciapiede di via Il Prato è indecente, soprattutto vicino al Punto Snai. Le aiuole di via Solferino sono puzzolenti e mancano di potature. Distinti saluti, Mariangela sE i PosTi aUTo DiVEnTano “BUcHE”

Gentile Redazione, visto che Vi siete occupati del quartiere 5 per il sottopasso ferroviario di via dello Statuto mi piace segnalarVi che proprio

Visto che tutti pontificano, in particolare sulla tranvia, provo a dire la mia grazie all’ospitalità di Reporter. Da 40 anni a Firenze, bellissima città, ho seguito con sgomento le polemiche seguite al progetto tranvia e a chi la contrasta. Sono stupefatto dalla miopia di coloro che non vedono oltre il proprio naso, rifiutando il progresso di cui Firenze ha estremamente bisogno con particolare riguardo alla mobilità. Abito in zona Panche e per andare verso il centro con il vecchio bus 20, si attraversa la strettoia di piazza Dalmazia (dove passavano i carri nel Medioevo) e altre vie, dietro a file di auto (allucinante!). Per il ritorno prendo il 14, perché il 20 non ho ancora capito dove passa! Due ore per andare e tornare! Secondo me, per la troppa litigiosità tra i politici e tra i cittadini stessi, non vengono prese decisioni, tanto i turisti arrivano sempre, i bottegai sono felici come pure gli albergatori e i il tempo passa lasciando insoluti i problemi! Ora che piazza Duomo è chiusa, è un deserto; come sarebbe bella la tranvia che scivola silenziosa e ti permette di andare a teatro o fare una passeggiata in centro la sera. Concludo con il parco delle Cascine. Parco unico, ma non si potrebbe renderlo vivibile con degli chalet, magari di legno, dove cenare o prendere un gelato come si deve, passeggiare lungo il fiume anche di sera e non solo di giorno? Grazie per lo spazio concesso, Acilio


lettere

43

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it PEDoni, cicLisTi E La conViVEnZa in ciTTÀ Mai, salvo rarissime eccezioni, e se non perché alla fine in qualche redazione si sono detti “be’ anche il pedone è un essere umano”, che si siano prese da parte di qualcuno le parti di quest’ultimo. Che se c’è uno che a buon diritto deve essere “ esasperato”, sarebbe proprio lui (dopo, a onor del vero, il conduttore di bus e bussini, che visto il lavoro che fa, e per la pazienza che deve avere specialmente verso i ciclisti di città, dovrebbe guadagnare almeno il doppio di quel poco che gli danno). I ciclisti, a parer mio, di pedone del centro storico, dovrebbero essere invece gli ultimi a doversi “esasperare”. I ciclisti del centro città intendo, quelli che anche su Ponte Vecchio, dove non ci passerebbe nemmeno uno spillo, scampanellano perché vogliono strada, loro, a dispetto del divieto specifico “biciclette condotte a mano” per esempio; e così in altre parti dove non dovrebbero -se non fossero arroganti e maleducati - che condurre il loro ferro a mano, non allucchettandolo, anche, a un palo il più vicino possibile alla loro meta ostruendo il marciapiede e sebbene la rastrelliera appena dietro l’angolo abbia posti liberi. Accade poi che appena un vigile si azzardi a multare uno/a di queste, le redazioni dei vari media – in cui pare che nessuno più cammini - insorgano: ovvio quindi che il vigile poi giri l’occhio da un’altra parte meno impegnativa. Nel centro storico - in alcune strade - le bici montate dovrebbero essere seriamente interdette o avere almeno percorsi obbligatori, viste le fiumane che per dieci mesi l’anno già vi affluiscono. Ma si sa. Se non si permette all’esasperazione di dare sfogo poi chissà cosa succede. P.S. Ho visto biciclette (almeno mi parevano tali) con davanti un bambino, in mezzo il/la conducente e dietro un secondo bambino. Tutti muniti di casco, è vero, ma lui/ lei al telefono non auricolare, e con una sola mano sul manubrio. Forse quei bambini dovrebbero avere un tutore. Prima che sia troppo tardi con dei genitori così. E questa non è un’altra storia. Claudio Fantuzzi

Caro signor Claudio, inizio assicurandole che nella nostra redazione c’è ancora gente che cammina, al pari di chi va in bicicletta e di chi utilizza auto e scooter per spostarsi. Semplicemente perché ognuno di questi mezzi (considerando in questo caso, per semplificare, anche le proprie gambe come un “mezzo”) non esclude l’altro. O almeno non dovrebbe farlo. Ci sono vari punti, e tutti a mio parere piuttosto importanti, toccati dalla sua lettera. Voglio partire dalla “esasperazione” dei ciclisti, le cui posizioni e rivendicazioni – legittime o meno legittime - sono state spesso ospitate da questo giornale. Bisognerebbe sempre, nell’affrontare ogni argomento, cercare di mettersi anche nei panni degli “altri”: in questo caso gli “altri” sono proprio coloro che si spostano sui pedali, in un dualismo – quello pedoni-ciclisti – che a mio avviso non dovrebbe aver motivo di esistere, perché in città dovrebbe – anzi deve – esserci spazio per tutti coloro che per muoversi utilizzano mezzi non inquinanti, sia pure per fare pochi metri. Analizzando, in questo caso, la “condotta” dei ciclisti, il comportamento da tenere dovrebbe essere dettato dai capisaldi che abbiamo spesso ripetuto: rispetto delle regole (ovviamente), ma anche senso civico ed educazione. Se è vero che nessuno (e non solo quando vi sono appositi divieti) può pretendere di passare da un certo luogo senza tenere in considerazione le condizioni (traffico, persone, ecc...) in cui quel luogo si trova in quel preciso momento, è altrettanto vero che la città dovrebbe attrezzarsi per permettere a ciascuno di incontrare sul proprio cammino – con qualunque mezzo lo si compia – il minor numero di ostacoli possibile. In che modo? Con una buona organizzazione degli spazi. È vero anche quello che lei sottolinea nella sua lettera, ovvero che certi marciapiedi sono letteralmente invasi dalle biciclette, tanto che l’unico modo per passare è quello di attraversare la strada, ma si torna al punto di partenza: “solo” cattiva educazione o anche esasperazione per rastrelliere insufficienti e spesso occupate da rottami? Possibilità – quest’ultima - tutt’altro che remota, ma che comunque non giustifica comportamenti che possano danneggiare altri cittadini. Mi unisco infine velocemente al suo “elogio” alla pazienza di quegli autisti di bus e bussini costretti spesso a guidare tra auto parcheggiate ovunque e condanno chi, conducendo un mezzo – un qualsiasi mezzo – non adotta tutte le accortezze necessarie. Soprattutto quando ci troviamo in compagnia dei bambini: in tema di sicurezza (anche e soprattutto stradale) il buon esempio è di fondamentale importanza. Matteo Francini “aTTEnTi a QUELL’UoVo”: La PasQUa E iL sUo siGniFicaTo

Caro Andrea (mi permetto di darti del tu), normalmente i tuoi articoli mi fanno sorridere perché sono simpatici e satirici, ma sull’articolo in oggetto non sono del tutto d’accordo. Tu scrivi “la Pasqua è la festa che celebra la resurrezione di

Gesù....... non capisco cosa c’entri l’uovo”. Non voglio fare una lezione di catechismo, anche perché non sono una “bigotta”, ma ti voglio precisare che la parola Pasqua significa “passaggio”. Passaggio da che cosa? Dalla morte alla vita. Gesù muore e risorge con il Suo corpo quindi passa dalla morte alla vita. E pro-

prio l’uovo rappresenta la vita. I bambini nascono da un uovo fecondato, come pure i pulcini, gli uccellini ecc. Per quanto riguarda la parte “consumismo” sono perfettamente d’accordo con te. Se credi che mi sbagli, correggimi. Ciao e buon lavoro. Nonna Laura

te di altri miei vicini, si sono “astenuti” dall’intervenire. Non mi fermerò qui, dunque. Farò sentire forte la mia voce anche se questo non interessa a molti. Grazie, Alberto Pirrotta

Come già ho avuto modo di dire rispondendo a una lettera nel numero di maggio de Il Reporter, Andrea Muzzi di mestiere fa il comico (e, a mio avviso, lo fa anche molto bene), e in questa veste tratta gli argomenti. Tutti, compresi quelli più seri e importanti. Così come nel caso in questione, quando l’argomento era la Pasqua: scopo della rubrica era – ovviamente – non quello di dare una spiegazione storico-scientifica sul significato dell’uovo, bensì cercare di strappare un sorriso su un momento particolare dell’anno (per tutto quello che rappresenta e comporta). Tutto qui. La ringrazio, comunque, per la spiegazione che ha voluto inviarci. MF

Gentile redazione, faccio riferimento all’articolo uscito sul numero di aprile riguardante “Un quartiere a misura di bimbo” del quartiere 4: ebbene sì, sono d’accordo con quello che scrivete e con le interviste fatte, tengo però a precisare ciò: tra via Empoli e via Baccio da Montelupo esiste un bel giardino di grandi dimensioni con alcuni giochi, in prossimità dei quali è installata una adeguata pavimentazione in materiale sintetico per attutire le eventuali cadute dei bambini, però, purtroppo, in adiacenza a tale zona giochi, sono più di due anni che è stata tolta solo parzialmente la fontanella esistente che oltretutto risultava essere molto utile; ma il problema principale è che è stata lasciata la base in ghisa di tale struttura che risulta essere un grave pericolo per l’incolumità dei nostri bambini. Chiedo perciò a vostro tramite, alle autorità competenti del nostro quartiere un sopralluogo per rendersi conto del problema. Se poi, con l’occasione, venisse installato anche qualche gioco in più non sarebbe male, vista la scarsità di questi ultimi. Con l’augurio che questa esigenza venga presa in considerazione, nel ringraziarvi per lo spazio che vorrete dedicare. Cordiali saluti.

Via PaLaZZUoLo E i FioREnTini “coRaGGiosi”

Vorrei rispondere alla sig.ra Caterina in merito al suo quesito se tornare a stare in via Palazzuolo o no. Io ci abito dalla nascita, sessanta anni fa, e le posso assicurare che la strada ha proprio bisogno di questo: di fiorentini e di italiani coraggiosi che, magari appoggiati da seri e concreti provvedimenti delle pubbliche istituzioni, decidono di tornare a vivere qui, come, del resto, in tutto il centro storico. Via Palazzuolo ha bisogno di residenti stabili, di famiglie con bambini, di un tessuto sociale vivo, non di feste, di notti bianche e di locali da sballo. Questo anche per poter accogliere ed integrare degnamente e nel vero senso della parola chi italiano non è, altrimenti non solo questa strada, ma tutto il centro di Firenze perderà la sua identità, diventando un ghetto che riproduce in pieno le usanze e spesso anche le condizioni di degrado in cui sono abituati a vivere alcuni nostri coinquilini del Terzo Mondo. Si faccia coraggio, signora Caterina, ristrutturi la casa e venga a vivere in via Palazzuolo! Qui c’ è bisogno di lei, di gente che ha voglia di scommettere sul futuro di questa strada e non solo di specularci sopra. Benvenuta tra noi! Marta Benvenuti PaRcHEGGi E sicUREZZa in Via DELLE PoRTE nUoVE

È indegno che da mesi i fiorentini parcheggino la loro automobile sul lato sinistro di via delle Porte Nuove, perché questo comporta una diminuzione di visibilità del conducente in uscita dai parcheggi o dalle vie perpendicolari facendo aumentare così il rischio di un incidente. Spero che questo mio messaggio venga letto e riportato sul giornale: questo rappresenta solo il primo passo della mia “protesta” dato che i vigili urbani di Firenze, dopo ripetute chiama-

“iL QUaRTiERE 4 a MisURa Di BiMBo. sÌ, Ma...”

GiaRDini PUBBLici E MaLEDUcaZionE

Purtroppo il degrado non ha confini! I graziosi giardini pubblici di via Bugiardini/via Neri di Bicci risultano in questo momento abbandonati a se stessi e i cittadini che ne usufruiscono non sembrano conoscere l’educazione, il rispetto della “cosa pubblica”, ma prevale il vandalismo. Vi invio alcune foto e ci chiediamo se si possa intervenire in qualche modo sia in termini educativi e forse non basta... Annalisa Mannocci - Laura Marini (abitanti del quartiere)


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

il libro L’ultimo di Mauro Bonciani

Fratelli d’Italia? No, di Toscana

Concerti Beady Eye 8 giugno Saschall

I

n zona Cesarini, avrebbe detto Sandro Ciotti. Nella partita dei 150 anni dell’Unità d’Italia, all’ultimo minuto lo scaffale delle nuove uscite in libreria deve trovare spazio a un nuovo volume. Esce infatti per Le Lettere, “Fratelli di Toscana” (pagg. 127, euro 14,90), seconda fatica storica del giornalista fiorentino Mauro Bonciani. Dopo le grandi battaglie, il cronista del Corriere Fiorentino, raccoglie in un libro zeppo di illustrazioni le puntate di una fitta inchiesta condotta per il quotidiano sul rapporto tra Firenze, la Toscana ed il Risorgimento aggiungendo tre capitoli tutti nuovi. Un nodo cruciale quello tra le nostre terre e l’Unità, se si pensa a quanta parte di quella storia è stata giocata tra l’Arno e il Tirreno. Del resto, un fiorentino illustre che di queste cose masticava assai come Giovanni Spadolini disse: “Solo con la Toscana l’Italia era fatta. E solo con la Toscana, il Piemonte diventava Italia”. Un libro che risulta gradevole ed utile. Piacevole perché le storie raccontate da Bonciani scorrono fluide e incuriosiscono per la moltitudine di dettagli e aneddoti su uomini e cose, luoghi e trasformazioni politico-sociali. Fruttuoso perché ci aiuta a comprendere, a poche settimane da quel 17 marzo così tricolore e festeggiato a Firenze e in Toscana, quanto questa regione abbia offerto a quella causa. Un viaggio che non poteva cominciare che con Garibaldi (che si fermò a Talamone per il primo “pit-stop”) e che prosegue attraverso volti e storie a /C.B. volte dimenticati.

del corpo di ballo di Maggio Danza che per dare il benvenuto all’estate daranno un saggio della loro bravura su un palcoscenico allestito davanti alla Loggia dei Lanzi ed esibendosi in una selezione tratta dai classici del balletto. Ovviamente tutto sotto l’occhio attento del direttore di Maggio Danza, il giovane Francesco Ventriglia.

Spettacoli

Dopo la data sold out di Milano lo scorso 16 marzo Liam Gallagher e compagni faranno tappa anche al Saschall l’8 giugno, il giorno prima della loro esibizione al Parco San Giuliano di Venezia. Il gruppo inglese formato da Liam Gallagher, Gem Archer e Andy Bell porterà on stage i brani del loro album di debutto, “Different Gear, Still Speeding”, uscito lo scorso 28 febbraio e subito approdato ai vertici della classifica inglese degli album più venduti. Due nuove occasioni, quindi, per assaporare la grande musica dal vivo dei Beady Eye, dopo il successo dell’unica tappa italiana del tour invernale, che li ha visti esibirsi in un Alcatraz completamente esaurito.

Wrestling WWE World tour 10 giugno Nelson Mandela Forum Il WWE World Tour arriverà in estate per due tappe esplosive a Torino e Firenze con il suo stile di intrattenimento davvero unico. Sul ring si esibiranno alcune delle più famose, e più amate, superstar della WWE tra cui Edg, Kane, Big Show e Wade Barrett.

Torna come ogni anno il consueto appuntamento con la leggiadria dei ballerini

La mostra si collega alle iniziative per i 150 anni dell’unità d’Italia, focalizzandosi su un tema specifico, fiorentino e internazionale al tempo stesso: quello del nuovo percorso apertosi dopo il 1861 per la brillante manifattura artistica, che per tre secoli era fiorita all’ ombra della corte granducale di Toscana, diventando celebre in tutta Europa per le sue inimitabili creazioni in pietre dure.

Beto & Ribbon Dal 14 al 25 giugno Glue - Alternative concept space Firenze

Suggestione e suggestioni, piani in continuo movimento, fotografia e scrittura che si mescolano, si abbracciano, si avvolgono. La collaborazione tra Beto, Ribbon e Antonio Silvestri (che cura i testi) genera mondi dagli effetti estranianti a chi guarda. Chi guarda può leggere, chi legge può

La mostra dedicata alla grafica di Giovanni Fattori, inserita nel ciclo Italia mia, propone un percorso volto a privilegiare una tematica fondamentale nella produzione dell’artista. “Il mio ideale è stato i soggetti militari, perché mi è sembrato vedere questi buoni ragazzi pronti a tutto sacrificare per il bene della patria e della famiglia però minuto osservatore mi è piaciuto illustrare anche la vita sociale nelle sue manifestazioni, le più tristi”. In queste poche parole, scritte dal pittore quasi ottantenne, è racchiuso il senso della sua vita e della sua arte. Quel sentimento di vera italianità e quell’amore per la realtà quotidiana, che non è mai

Le mostre

Dopo il trionfo delle date nei club i Verdena tornano per un appuntamento imperdibile nella cornice di Piazza Santa Croce.

Galà di danza 30 giugno Piazza della Signoria

Dagli splendori di corte al lusso borghese Fino all’11 settembre Galleria d’arte moderna Palazzo Pitti

Vita militare nella grafica di Giovanni Fattori Fino al 10 luglio Galleria d’arte moderna Palazzo Pitti

Verdena 6 giugno Piazza Santa Croce

A teatro

guardare, chi guarda vede, o può creare un nuovo senso (intenso come sensoriale) ad hoc che aumenti la propria percezione. Beto, Ribbon e Antonio vogliono rendere possibili più cose in un momento solo.

Il LOCALE

cronaca fine a se stessa, arriva a toccare e a far grandi le cose più umili e semplici. L’acqua, la pietra e il fuoco. Bartolomeo Ammannati scultore Fino al 18 settembre Museo Nazionale del Bargello La mostra prevede la ricostruzione, nel cortile del Bargello, della fontana marmorea progettata per il Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio (e perciò detta “di Sala Grande”), composta di sei grandi statue. Tra le opere esposte (quaranta), anche l’Ercole e Anteo dalla fontana del giardino di Castello, oltre a bronzi , marmi, disegni, progetti provenienti da musei italiani e stranieri. In mostra anche il ritratto di Laura Battiferri, moglie di Ammannati, capolavoro del Bronzino. L’eredità di Giotto L’arte a Firenze tra il 1340 e il 1375 Fino al 2 novembre Galleria degli Uffizi Gli studiosi dei nostri giorni concordano nell’assegnare al grande patriarca dell’arte fiorentina un ruolo di assoluta preminenza nell’orientare i caratteri fondamentali della pittura in quello che il grande storico dell’arte Roberto Longhi definì “il più gran secolo dell’arte italiana”. Firenze e gli antichi Paesi Bassi Dialoghi artistici, 1430 – 1530 Fino al 26 ottobre Galleria Palatina La mostra si propone di offrire una panoramica delle opere olandesi presenti a Firenze nel periodo 1430-1530, rtimento. Tanti stand enogastronomici e tanta musica ad invadere piazze e strade.

La mostra Con le foto di Bonuccelli

L’inferno di Dante arriva a Fiesole

D

al 23 giugno al 23 luglio nella Sala del basolato di piazza Mino si aprirà, a cura di Gigliola Melani Paciscopi e con un testo critico di Giovanni Faccenda, una rassegna di immagini scattate dal medico/fotografo Luciano Bonuccelli che il titolo, “Suggestioni dantesche”, indica chiaramente ispirate alla “Divina Commedia”. Si tratta di un tema che Bonuccelli ha già affrontato nel 2010 nella sua seconda mostra brasiliana a Niteroi, dopo quella del 2002 allestita a Rio de Janeiro sotto l’egida dell’Istituto Italiano di Cultura, ma che in questa occasione fiesolana si gioverà di lavori recentissimi e inediti. Come scrisse Cesare Garboli nel 2002 presentandolo nella Galleria Il Bisonte di Maria Luigia Guaita, Bonuccelli alla sua tastiera di soggetti figurativi molto diversi tra loro “affianca un forte interesse verso quella che si potrebbe definire la metafisica della materia”. E “Suggestioni dantesche” viene a dimostrarlo, nell’ordine voluto da chi ha ideato e disposto le immagini, drammatiche e talvolta angoscianti quelle ispirate all’Inferno ottenute con particolari tecniche di utilizzo della fotocamera, sospese e sofisticate nella loro impostazione informale quelle del Purgatorio, raffinate, eteree e di impianto naturalistico quelle dedicate al Paradiso. Contemporaneamente alla mostra nella Sala del Basolato, la Fondazione Primo Conti di Fiesole ospiterà, nelle sale del Museo di via Dupré, una galleria fotografica di artisti e letterati del Ventesimo Secolo realizzata dal Bonuccelli medico/fotografo nel corso della duplice attività che lo ha portato a contatto e a rapporti di amicizia con molti protagonisti della cultura italiana, artisti, criti/S.B. ci, letterati.

la recensione

Sbarca all’ex Bologna la “sagra permanente”

I misteri del Bandino svelati da un giovane attore

T

L

ortelli, porcini, patate, bistecca e fritto misto. Ma anche pesce, cacciagione e tartufo. Per mangiare un piatto speciale in un’atmosfera informale non è più necessario prendere l’auto e uscire dalla città andando alla ricerca della sagra della settimana. L’alternativa alla gita fuori porta, nella speranza di trovare un posto dove mangiare bene a un prezzo giusto, è il Piazzale del gusto, che da lunedì 6 giugno fino ad autunno inoltrato trasferirà tutta l’atmosfera e le caratteristiche di una vera e propria sagra di paese nei locali dell’Ex Bologna, il mitico pattinaggio a due passi dal Piazzale Michelangelo, caro a tutti i fiorentini. Dodici selezioni di cibi tipici, a rotazione, ogni quindici giorni rinnoveranno l’appeal del

locale offrendo pochi, semplici, ma ben selezionati piatti, tutti rigorosamente basati su ingredienti di stagione. E allora, se si tratterà di funghi, si troveranno declinati nelle diverse varianti di antipasti, primi e secondi, e lo stesso varrà per le due settimane in cui ci si troverà di fronte una carta a base di carne alla griglia, come quella che aspetterà gli avventori della seconda metà di giugno, o quella dedicata al cinghiale, in programma a settembre, o ancora alla castagna e vino nuovo, dolce finale di stagione, a novembre (per vedere il calendario completo consulta l’elenco allegato). Il tutto innaffiato da una lista di vini selezionati per ciascun abbinamento. www.piazzaledel/Barbara Biondi gusto.it.

orenzo Andreaggi, ventunenne attore fiorentino, capocomico della Compagnia Giovani del Teatro Reims di Firenze, a 17 anni aveva già scritto un libro, addirittura un romanzo storico. Oggi l’editrice Sarnus (Mauro Pagliai) gli offre la soddisfazione della stampa e mette in libreria “I trabocchetti del bandino” (pp. 144, euro 10), gustosa storia ambientata prevalentemente nella Florentia del quattordicesimo secolo che trova il suo epilogo fantastico addirittura nel 3015. Il luogo è magico e arcinoto ai fiorentini, il Bandino, un borgo antico e pieno di misteri. Incantesimi, delitti, cattiverie e bontà, si intrecciano a due passi dall’odierno viale Europa. Storie sconcertanti che solcano i secoli fino ad arrivare a noi coinvolgendo intere famiglie. Tutti i trabocchetti possi-

bili e immaginabili, gli inganni e le amicizie false in un solo piccolo luogo. Per un verso leggenda popolare e per l’altro spy story, “I trabocchetti del Bandino” si sviluppa velocemente in periodi diversi della storia cittadina, regalando al lettore ritratti e panorami di una certa originalità. Andreaggi dice di aver scritto il romanzo attingendo a fonti storiche, alle leggende tramandate in famiglia e poi ci ha messo del suo, intingendo la penna nella fantasia e nella sua potente vena umoristica. Oltre a essersi diplomato come grafico pubblicitario, ha studiato recitazione alla Scuola Cinematografica di Giuseppe Ferlito e alla Scuola Teatrale di Adelaide Foti. Nel 2010 ottiene la sua prima parte nel film di Neri Parenti Amici Miei: come tutto ebbe /Ciro Becchimanzi inizio.


annunci immobiliari

45

un aiuto prezioso a casa tua

le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali 1-2 VANI

3 VANI FIRENZE

FIRENZE

1180302

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333 ARIOSTO pressi in traversa tranquilla tra il verde luminoso confortato no frazionamento grazioso appartamento composto da ingresso zona giorno con angolo cottura finestrato disimpegno bagno finestrato camera matrimoniale balcone cantina termosingolo climatizzatore libero subito facilità parcheggio rif200/xp € 170.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373

FERRUCCI PIAZZA adiacente vendesi elegante appartamento di 3 vani con balcone ristrutturato totalmente con ogni confort piano 2° ed ultimo no ascensore salone cucinotto dispensa ripostiglio bagno camera matrimoniale ulteriore camera nel soppalco travi a vista archi richiesta EURO 259.000,00 RIF A 311

I.G.O. Immobiliare 055 419096 - 335 7363640 1180301

ISOLOTTO ponte alla vittoria pressi in palazzo primi novecwento di nuova elegante ristrutturazione ottimo grazioso bilocale composto da ingresso angolo cottura soggiorno balcone antibagno bagno oltre ulteriori 24mq in locale sottotetto con lucernaio adatto a vari destinazione di uso rif202/p € 195.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373 LAMBRUSCHINI in palazzina con facciate e tetto rifatti disponiamo di vari bilocali perfettamente rifiniti composto da soggiorno con cottura camera matrimoniale servizio terrazzo abitabile predisposti clima possibilità di scelata di materiali € 157.000 trattabili ☎055 0515231 NOVOLI polo universitario ottimo per investimento grazioso luminoso no frazionamento appartamento ristrutturato 45mq composto da ingresso soggiorno con angolo cottura finestrato bagno camera balcone climatizzatore rif 204/p € 160.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373 STATUTO in palazzina con facciate e tetto rifatto ampio bilocale completamente ristrutturato composto da soggiorno con cottura camera matrimoniale e servizio oltre balcone abitabile € 197.000,00 ☎055 0515231

VALDARNO INCISA VALDARNO vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333 INCISA VALDARNO vicino alla stazione e all’uscita del uscita casello Vendesi loft con camera soppalcata, nuova costruzione, ottime rifiniture parquet, aria condizionata ecc.. di circa mq. 50, pronta consegna. € 120.000 ☎348 3326628 REGGELLO direttamente dal costruttore vendesi appartamento 50 mq. con terrazza + garage + taverna e giardino 25 mq. € 160.000 ☎055 641498 - 335 5248326

PRATO CENTRO (via carraia 65) monolocale con bagno e antibagno. piano terra, completamente ristrutturato di mq 35. € 95.000 trattabili ☎334 6701210

FABBRONI piano alto con ascensore luminoso e silenzioso ristrutturato composto da ingresso soggiorno camera matrioniale cucina servizio possibilita di creare due camere e servizio in mansarda termosingolo € 285.000 ☎055 0515231 ISOLOTTO in bel palazzo primi novecento di nuova elegante ristrutturazione su due livelli luminoso appartamento composto da ingresso zona giorno con angolo cottura 2 ripostigli bagno camera matrimoniale oltre in soppalco con lucernaio locale sottotetto di ca 20mq rif303/p € 235.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373 NOVOLI viale Guidoni vicino Polo Universitario 3 vani ampi al 3º piano ascensore termo centrale 2 balconi € 198.000 libero Ag. Cristiano Ristori ☎055 6121285 - 348 3335462 OBERDAN in piccolo condomimio luminoso e silenzioso composto da soggiorno con cucina a vista due camere servizio balcone termosingolo € 265.000,00 ☎055 0515231

DISPONIAMO campo marte e gavinana vari bilocali tutti finemente ristrutturai di oltre 45 mq composto da ampio soggiorno con cottura camera matriminiale e servizio termosingolo da € 185.000,00 ☎055 0515231 GABRIELE D’ANNUNZIO in ottimo condominio completamente ristrutturato soggiorno con angolo cottura camera bagno balcone termosingolo € 235.000,00 Torritimmobiliare ☎055 280992

CAMPO MARTE in piccolo condominio bilivelli finemente rifinito composto da soggiorno con cottura due camere possibilità secondo servizio termosingolo clima predisposto clima tv sat allarmato € 255.000,00 ☎055 0515231

CURE in contesto silenzioso vendesi ottimo appartamento di mq 60 ben ristrutturato piano terra indipendente. Ingresso soggiorno cucina camera matrimoniale e camera sing. Bagno finestrato lavanderia e ripostiglio travi a vista cotto archi aria cond. Termo. sing RIF A 333 I.G.O. Immobiliare ☎ 055 419096 - 335 7363640

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000,00 ☎055 9121333 ARCETRI al Pian dei Giullari 2º piano ultimo ristrutturato 3 soli condomini bel panorama dal proprio balcone sala con punto cottura 2 camere studiolo € 340.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 BAGNO A RIPOLI al secondo ed ultimo piano di piccola palazzina, delizioso appartamento composto da cucina, sala con camino, camera matrimoniale, bagno e grande soffitta. Possibilità 2a camera. Superaccessoriato, ottime condizioni € 220.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BECCARIA Pressi terratetto buono stato parzialmente arredato ingresso cucina camera servizio 2 ripostigli oltre vano guardaroba termosingolo € 225.000,00 Rif. 309 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999

PIAZZA EDISON Pressi attico luminoso panoramico ottimo stato ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio terrazza cantina garage di proprietà termosingolo € 380.000,00 Rif. 311 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 PIAZZA EDISON Pressi attico luminoso panoramico ottimo stato ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio terrazza cantina garage di proprietà termosingolo € 380.000,00 Rif. 311 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 PORTA A PRATO pressi in piccolo condominio ottime condizioni appartamento di 65 mq composto da ingresso cucinotto finestrato soggiorno ampia camera matrimoniale ripostiglio bagno resede di mq 15 lavanderia rif 223/ € 190.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373 RIFREDI in strada tranquilla bel palazzo anni sessanta piano alto con ascensore luminoso di nuova elegante ristrutturazione appartamento divisione giorno notte composto da ingresso cucina-soggiorno di 24mq 2 camere bagno semifinestrato terrazza predisposizione aria condizionata possibilità box carrabile rif398/pb € 265.000 ☎340 9454673 - 335 5914373 SIRTORI in palazzina signorile doppia esposizione tutto finemente ristrutturato composto da ingresso soggiorno con cottura due camere doppi servizi termosingolo predisposto clima tv sat € 228.000,00 trattabili ☎055 0515231 VIA GRANACCI pressi Isolotto finemente ristrutturato tranquillo 3 vani nel verde soggiorno angolo cottura 2 camere 2 servizi balcone ripostiglio cantina accessori € 225.000,00 Rif. 325 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728

ELIO

sede Pian di Scò Via Mascagni, 5/A Ufficio Consuma Centro, 232 Tel./Fax 055 960520 Ufficio Saltino Via San G. Gualberto, 5 347 7869181 - 389 9724356

www.santesiimmobiliare.com

ROBERTO

Sede Reggello Via Kennedy, 5 Ufficio Piazza Potente, 35 Tel./Fax 055 868215 Ufficio Saltino via San G. Gualberto, 5 347 5482080

VALDARNO FIGLINE VALDARNO pressi piazza centrale appartamento al secondo e ultimo piano di piccola palazzina, ristrutturato, composto da ampio soggiorno, cucina abitabile con caminetto, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio oltre sottotetto e possibilita’ della seconda camera.rif. 1/48 richiesta € 168.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 INCISA VALDARNO vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000 ☎055 9121333 INCISA 1 km. autostrada vendesi direttamente dal costruttore 3 vani 50 mq. + 25 di taverna immerso nel verde ☎055 641498 - 335 5248326

4 VANI FIRENZE 1180300

LUNGARNO COLOMBO strada interna al piano medio presentiamo buon 4 vani di mq 90 ascensore 2 balconi ingresso sala cucina abitabile 2 camere ripostiglio bagno finestrato palazzo buono stato RIF A 436 I.G.O. Immobiliare

☎ 055 419096 - 335 7363640 1180303

RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto 3 vani in villetta a schiera con ingresso indipendente giardino garage. € 260.000 direttamente dal costruttore. Consegna fine 2010 ☎055 641498 - 335 5248326 RIGNANO SULL’ARNO bombone nel borgo della localita’ appartamento al piano secondo composto da soggiorno cucina, camera matrimoniale e bagno. da ristrutturare. opere condominiali esterne tetto e facciate eseguite. rif. 1/24 richiesta € 80.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 RIGNANO SULL’ARNO centrale appartamento al secondo e ultimo piano di piccola palazzina, completamente ristrutturato e composto da cucina, camera matrimoniale, cameretta, bagno, balcone, ripostiglio e cantina. appartamento molto luminoso dotato di aria condizionata e parquet nella zona notte. rif. 1/16 richiesta € 160.000 ☎055 9155677 - 335 7734481

PORTA ROMANA in ottimo palazzo al 2° piano no ascensore vendesi appartamento di 70 mq composto da un ingresso soggiorno cucina abitabilecon balcone ripostiglio 2 camere matrimoniali bagno finestrato termo sing. ottimo stato RIF A 417 I.G.O. Immobiliare ☎ 055 419096 - 335 7363640

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000,00 ☎055 9121333 BRUNETTO LATINI zona v.le volta in ottimo ed elegante palazzo dei primi ’900 no ascensore proponiamo 4 vani da ristrutturare mq 100 2 bagni finestrati balcone rif a 435 ☎055 414545 - 055 419096

PIAN DI SCO’ zona residenziale e panoramica, in piccola palazzina di nuova costruzione, appartamento composto da: bel soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, taverna, terrazzo, giardino, posto. auto. vendita diretta senza intermediazione. Pronta consegna EURO 200.000 1148897

☎ 055 9121200 - 348 2904195

CAMPI IL ROSI luminoso ottimi affacci su monte morello confortato appartamento totalmente ristrutturato e mai abitato divisione giorno notte composto da ingresso cucina abitabile con zona giorno tre camere matrimoniali bagno finestrato ripostiglio balconi garage facilità parcheggio rif 475/p € 195.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373

FIGLINE VALDARNO

FIGLINE VALDARNO

VIALE A MONTE villa di circa 300 mq su due livelli libera su quattro lati con ampio giardino, garage e terrazze. Doppio ingresso con possibilità di frazionamento in due unità abitative.

POGGIOLINO villa terratetto caposchiera su due piani composta da ampio salone cucina con caminetto, ripostiglio, camera e bagno a piano terra, al piano primo tre camere matrimoniali, studio, doppi servizi, balcone e ampio terrazzo oltre garage, resede, giardino e terreno per circa 5000 mq con olivi e alberi da frutti e due posti auto esterni.

RIF.2/9 RICHIESTA EURO 730.000/00

RIF. 2/11 RICHIESTA EURO 450.000/00

e-mail: santesi@technet.it

LOCALITÀ TURISTICO CLIMATICHE:

Vallombrosa, Saltino, Consuma, abbiamo in vendita bellissimi appartamenti con giardino e ingressi indipendenti, dotati di tutti i servizi e arredati. Prezzi a partire da

Euro 180.000 Disponiamo anche di bellissime ville nelle stesse località. Tutte le informazioni in agenzia, si riceve su appuntamento anche nei giorni festivi.

1155222 1187049

055 9155677 335 7734481


46

annunci immobiliari

Giugno 2011

CENTRO via dei Banchi bel 3º piano (no ascensore) 4 vani ampi 2 servizi vista Duomo ariosissimo termo singolo adatto anche per affittare. Richiesta € 385.000 trattabili bel palazzo antico Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareri☎055 6812285 - 338 6136167 stori.it CORSICA Pressi in contesto residenziale luminosissimo e panoramico ultimo piano ingresso soggiorno cucina tinello 2 camere doppi servizi ripostiglio balcone terrazza garage giardino condominiale € 380.000,00 Rif. 403 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 COVERCIANO Rondinella pressi 4 vani ingresso salone doppio cucina camera servizio ripostiglio 2 balconi termosingolo € 270.000,00 Rif. 409 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 CURE Caracciolo ottimo appartamento luminoso posto in strada intera ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio 3 ripostigli ampio giardino privato termosingolo € 399.000,00 Rif. 438 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 D’AZEGLIO piazza strada adiacente proponiamo ottimo quattro vani ristrutturato totalmente al piano 4º ed ultimo no ascensore livelli 2 con terrazzino e bagni soggiorno angolo cottura 1 camera matrimoniale 1 camera singola cotto travi a vista aria condizionata termo.sing vista su monumenti rif a 424 ☎055 414545 - 055 419096 EUROPA V.LE al primo piano, luminoso appartamento composto da cucina abitabile, salone, 2 camere matrimoniali, bagno e splendida terrazza abitabile di 140 mq € 450.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE NOVA in palazzo anni 70 vendiamo appartamento di mq96 con ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere ripostiglio bagno finestrato 2 ampie terrazze molto luminoso e in ottimo stato posto auto rif a 444 ☎055 414545 - 055 419096 GAVINANA in ottima posizione interno con affacci bellissimi 2º piano ultimo piccolo condominio posizione tranquilla luminosissimo 4 vani oltre soffitta ampia balcone rimesso Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

RIFREDI Bel palazzo ultimo piano luminoso ingresso salone doppio cucina camera doppi servizi 2 ripostigli oltre sottotetto abitabile balcone cantina giardino privato staccato dall’appartamento con annesso termosingolo € 320.000,00 Rif. 436 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999

COVERCIANO vendesi appartamento mq 95 vani 5 piano 1º ascensore ingresso sala cucina abitabile con balcone 2 camere matrimoniali 1 camera sig. bagno finestrato ripostiglio esposizione angolare riscaldamento condominiale domotico cantina finestrata rif a 510 ☎055 414545 - 055 419096

SAVONAROLA in piccola palazzina piacevole appartamento ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio cantina termosingolo € 350.000,00 Rif. 426 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999

DUOMO pressi in strada tranquilla bel palazzo in buone condizioni appartamento di 105mq composto da ingresso cucina salotto tre camere bagno finestrato balcone termosingolo cantina rif 503/pmx € 345.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373

SOFFIANO in strada tranquilla tra il verde con giardino condominiale ampio 4 vani e mezzo composto da ingresso cucinotto tinello con balcone ripostiglio salotto due camere matrimoniali bagno finestrato cantina con agile accesso dall’interno dell’appartamento rif498/p € 320.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373 TALENTI via San Bartolo a Cintoia 4 vani moderno 2º piano belli balconi termosingolo nel verde tutto rimesso Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 VIA CITTADELLA 4 vani 2º piano tutto rimesso bellissimo termo singolo balcone e veranda luminoso ottime rifiniture vicino al centro e ai viali Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

VALDARNO PIAN DI SCÒ zona residenziale e panoramica, in piccola palazzina di nuova costruzione, appartamento con ingresso indipendente su due livelli: bel soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, in mansarda finestrata e luminosa: camera, studio, bagno. Grande. Cantina, terrazzo, giardino, posto auto. Vendita diretta. Pronta consegna € 195.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 REGGELLO (loc. Prulli) direttamente dal costruttore vendesi appartamento di 4 vani 70 mq. con mansarda + garage + terrazze. Ottimo affare € 220.000 ☎055 641498 - 335 5248326

GOLF DELL’UGOLINO in speciale contesto nel verde e tranquillità con ingresso indipendente cancello carrabile vari posti auto giardino 1.200 mq 4 vani 2 servizi € 440.000 www.immobiliareristori.it Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 ISOLOTTO VECCHIO nel verde in ottima palazzina ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio balcone ampia cantina termosingolo facilità di parcheggio € 280.000,00 Rif. 401 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 PALAZZUOLO VIA in buon contesto vendesi al piano 3º s//a appartamento di vani 4 mq 76 ingresso sala cucina 2 camere bagno balcone verandato stato generale discreto soffitti a cassettoni richiesta € 280.000,00 trattabili rif a 431 ☎055 414545 - 055 419096 PORTA ROMANA in ottimo palazzo al 2º piano no ascensore vendesi appartamento di 70 mq composto da un ingresso soggiorno cucina abitabile con balcone ripostiglio 2 camere matrimoniali bagno finestrato termo.sing ottimo stato ☎055 414545 - 055 419096 rif a 417 PORTA ROMANA in traversa tranquilla tra il verde piano alto con ascensore appartamento di 100mq composto da ingresso cucina abitabile ripostiglio salotto finetrato doppio bagno finestrato due camere matrimoniali terrazza cantina libero subito oltre possibilità acquisto garage di 20mq rif400/xxp € 370.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373

5 VANI FIRENZE ATTICO SOFFIANO attico in perfette condizioni panoramico sulle colline di marignolle e su fiesole composto da salobe doppio di oltre 50 mq con cucina a vista due camere matrimoniali doppi servizi disimpegno temposingolo € 425.000 ☎055 0515231 BANDINO interno via di Ripoli in palazzina con ingresso (via Ripoli) 2 condomini soli piano 1º e ultimo 5 vani ottimo stato oltre soffitta privata terrazzina abitabile con affacci sul parco di villa Rusciano garage rich. € 500.000 Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori ☎055 6812285 - 338 6136167 BANDINO San Marcellino zona residenziale tranquilla nel verde 5 vani 120 mq 3 balconi ascensore 2 servizi 3 balconi (posto auto condominiale) cantina € 440.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 BORGO OGNISSANTI in palazzo del 500 ultimo piano perfette condizioni luminoso e molto silenzioso appartamento composto da sala tre camere cucina doppi servizi termosingolo clima € 379.000,00 trattabili ☎055 0515231

torritimmobiliare

PUCCINOTTI IN VILLINO d’epoca appartamento con giardino e garage tripli ingressi salone cucina 6 camere tripli servizi 2 ripostigli terrazze 2 cantine lavanderia termosingolo aria condizionata EURO 1.100.000

CASCINE DEL RICCIO NEL VERDE COLONICA ristrutturata mq 370 con giardino e terreno complessivi 9 vani garage piscina veranda coperta cantina accessori vari tripli ingressi

Via Roma, 3 - Firenze

1186927

Tel. 055 280992

torritimmobiliare@dada.it • COVERCIANO nel verde in piccolo condominio ingresso soggiorno cucina 2 camere bagno ripostiglio grande cantina terrazze termosingolo posto auto condominiale Richiesta Euro 310.000 • PIAZZA GOLDONI in storico palazzo appartamento completamente e bene ristrutturato ingresso salone con cucinotto studio camera biservizi ripostiglio cantina posto auto Euro 490.000 • VIA LORENZO IL MAGNIFICO in signorile palazzina d’epoca appartamento di sapore completamente ristrutturato 6 vani accessori ripostiglio armadi a muto terrazza ampia cantina garage termosingolo Richiesta Euro 650.000 • VIA JACOPO NARDI ottimo condominio signorile appartamento luminoso affaccio nel verde ingresso salone cucina 5 camere tripli servizi ripostiglio terrazze cantina posto auto confortato Euro 860.000 • PIAZZALE DONATELLO pressi in palazzo d’epoca appartamento di rappresentanza di mq 350 con loggia e terrazza panoramica cantina garage termosingolo

DUPRE’ in ottimo contesto panoramico ristrutturato finemente ultimo piano bilivelli composto da ampio ingresso sala due camere studio cucina baitabile balcone termosingolo balconato € 450.000,00 ☎055 0515231 EUROPA appartamento inserito nel verde via Edimburgo 5 vani 125 mq ca lordi 2 balconi parco condominiale ascensore da rimettere libero posto auto condominiale e cantina € 429.000 minima trattabilità Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

OLTRE 5 VANI FIRENZE 1180305

VITTORIO EMANUELE versante Poggetto vendesi elegante appartamento di 180 mq con giardino di 200 metri buono stato ingresso ampio studio 3 camere matrimoniali cucina abitabile salone doppio 2 ripostigli 2 bagni finestrati esistenza di un mini appartamento accessibile dall’interno con cameretta bagno e ripostiglio RIF A 706

I.G.O. Immobiliare

☎ 055 419096 - 335 7363640 1180304

FRUSA PRESSI piano alto con ascensore doppia esposizione silenzioso e luminoso composto da ampio ingresso sala doppia due camere studio cucina abitabile doppi servizi cantinato € 450.000,00 ☎055 0515231 GAVINANA via Beccari 5 vani 120 mq ascensore 3 balconi parco condominiale recintato ascensore 2 servizi tranquillità molto luminoso cantina e p.auto condominiale richiesta € 440.000 trattabili atto e consegna 12 mesi Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6800250 - 338 6136167 ISOLOTTO Via Simone Martini pressi luminoso 5 vani e mezzo nel verde ingresso soggiorno cucina tinello 3 camere servizio 2 ripostigli 2 ampi balconi cantina posto auto assegnato € 345.000,00 Rif. 522 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 ISOLOTTO Villa Vogel pressi luminoso ampio 5 vani ingresso soggiorno cucina 3 camere ampie doppi servizi ripostiglio 2 balconi cantina posto auto assegnato oltre parcheggio e giardino condominiali termosingolo € 325.000,00 Rif. 507 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 LUNGARNO DEL TEMPIO 5 vani ristrutturato luminoso con terrazza abitabile doppio ingresso salone doppio cucina 2 camere doppi servizi ripostiglio balcone posto auto coperto € 590.000,00 Rif. 511 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.benin☎055 5520999 vest.it PONTE VECCHIO pressi palazzo prestigioso piano alto con ascensore elegante appartamento luminoso doppi ingressi cucina tinello salone doppio pavimenti in marmo pregiato due camere pavimenti in ottimo parquet doppi servizi balconi termosingolo cantina rif500/p ☎340 9454673 - 335 5914373 PUCCINI pressi appartamento luminoso vista monumenti firenze elegantemente ristrutturato aria condizionata divisone giorno notte composto da ingresso soggiorno cucina abitabile due camere ripostiglio due bagni finestrati cabina doccia vasca idromassaggio veranda di 15mq e balcone posto auto di proprietà rif523/p € 380.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373 SOFFIANO In signorile condominio 5 vani ingresso salone doppio soggiorno cucina camera servizio terrazza balcone garage di proprietà accessori condominiali di prestigio € 420.000,00 Rif. 510 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 VIA VITTORIO EMANUELE proponiamo appartamento di mq 100 piano medio possibilita’ ascensore costruzione dei primi 900 affacci nel verde cucina abitabile bagno soggiorno sala pranzo camera matrimoniale cameretta possibilita’ 3 camera rif a 506 ☎055 414545 - 055 419096

VALDARNO FIGLINE VALDARNO pressi stazione in posizione tranquilla appartamento completamente ristrutturato con ingresso indipendente a piano primo composto da cucina abitabile, soggiorno doppio, disimpegno, due camere matrimoniali, ripostiglio, garage e due terrazze.rif. 1/63 richiesta € 210.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto in villetta a schiera ingresso indipendente 5 vani con giardino terrazze garage direttamente dal costruttore € 360.000. Consegna fine ☎055 641498 - 335 5248326 2010 RIGNANO SULL’ARNO centro paese a piano primo appartamento di 5 vani da ristrutturare, luminoso con due balconi e cantina al piano seminterrato.rif. 1/82 richiesta € 160.000 ☎055 9155677 - 335 7734481

LE BAGNESE contesto tranquillo totalmente nel verde vendiamo appartamento in villino bifamiliare al piano terra di mq 105 con giardino di proprieta’ recintato di mq 116 e 2 posti auto ingresso sala cucina abitabile studio 3 camere 2 bagni finestrati ottime rifiniture EURO 495.000 RIF A 531

I.G.O. Immobiliare

☎ 055 419096 - 335 7363640

ALBERTI PRESSI in piccolo condominio elegante appartamento in ottimo stato composto da ampio salone doppio tre camere cucina abitabile ripostiglio doppi servizi balcone terrazzo concludono proprieta’ cantina, garage posto auto termosingolo € 495.000,00 trattabili ☎055 0515231 ATTICO LIBERTA’ in palazzina signorile panoramico libero su tre lati ampia metratura appartamento composto da doppi ingressi salone quattro camere cucinaabitabile doppi servizi conclude la poprietà un’ampia terrazza di circa 30 mq abitabile cantinato termosingolo € 745.000 ☎055 0515231 CENTRO STORICO vicinanza duomo in palazzo del ’500 vendesi appartamento di mq 200 al 2º piano con ascensore e cantina ingresso salone doppio con camino dispensa 2 bagni finestrati terrazzo angolare 3 camere studio termo.sing prezzo interessante rif a 804 ☎055 414545 - 055 419096 EUROPA appartamento nel verde in ottimo contesto ultimo piano affacci tutti sul verde e tranquillità parco condominiale 6 stanze oltre ampio sottotetto con scala bella interna uso studio 2 ingressi posto auto condominiale coperto e cantina privata ottime rifiniture 2 servizi 2 balconi Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 FARDELLA SALVIATINO nuda proprietà di 85enne sola 6 vani piano terreno corte privata e terrazza abitabile servizi posto auto Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GAVINANA in bel palazzo moderno vendiamo penultimo piano 130 mq 6 vani 2 servizi termosingolo ariosissimo bella posizione grande garage € 500.000 (non trattabili o minimamente) possibilità vendita eventualmente sena garage Ag. Marco Ristori viale Giannotti 23b www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GIAMBOLOGNA Masaccio bel palazzo moderno signorile 2º piano arioso 4 balconi 2 ingressi termo autonomo 2 servizi balconi 6 vani 135 mq cantina richiesta € 600.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GUALFREDOTTO in palazzina primi 900 bilivelli in ottime condizioni compost da ingresso sala tre camere cucina abitabileoltre ad ampia mansarda di oltre 60 mq doppi servizi balcone possibilità terrazza a tasca € 620.000,00 ☎055 0515231 LUNGARNI con affacci (ampie finestre) diretti su monumenti ponte vecchio arno vendesi elegante appartamento in palazzo antico piano medio con ascensore termo.sing mq 200 vani 8 oltre accessori trattativa riservata rif a 807 ☎055 414545 - 055 419096 PIAZZA BECCARIA strada interna proponiamo in palazzo storico elegantissimo appartamento ristrutturato di mq 220 oltre a 2 cantine e balconi vani 8 ingresso salone doppio cucina abitabile studio 4 camere matrimoniali 2 bagni spogliatoio e lavanderia rif a 803 ☎055 414545 - 055 419096

PIAZZA LIBERTA’ Pressi in condominio signorile 8 vani doppi ingressi salone doppio soggiorno cucina 4 camere doppi servizi ripostiglio 2 balconi cantina posto auto € 750.000,00 trattabili Rif. 807 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.benin☎055 5520999 vest.it PIAZZA PUCCINI in zona verdeggiante e tranquilla vendesi al 2º piano con ascensore elegante appartamento ottimo stato di mq 120 piu’ mq 50 di terrazze ingresso salone doppio cucina abitabile 3 camere 2 bagni ripostiglio posto auto coperto di proprieta’ e posto auto scoperto di proprieta’ rif a 602 ☎055 414545 - 055 419096 SALVIATINO PRESSI in ottimo contesto silenziosoe luminoso appartamento libero su tre lati composto da ingresso tre camere cucina abitabile possibilità secondo servizio balcone terrazzo conclude la prorpietà un gara e un posto auto temosingolo € 490.000,00 trattabili ☎055 0515231 STATUTO Via della Cernaia pressi in palazzina signorile doppio ingresso salone doppio cucina 3 camere doppi servizi ripostiglio terrazza abitabile balcone garage € 490.000,00 Rif. 603 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 VIALE EUROPA bel palazzo al 2º piano ottimo stato 6 vani 2 ingressi bel divisibile terrazza 30 mq balcone ascensore 3 servizi € 550.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 VIALE REDI attico in palazzo ascensorato con opere condominiali rifatte vendiamo elegante appartamento per amatori ristrutturato di mq 130 salone doppio cucina angolare con balcone 2 camere una con balcone 2 bagni scala interna di accesso al terrazzo di mq 140 con seconda cucina bagno camera e spogliatoio posto auto condominiale richiesta € 630.000,00 trattabili rif a 612 ☎055 414545 - 055 419096 VITTORIO EMANUELE versante poggetto vendesi elegante appartamento di 180 mq con giardino di 200 metri buono stato ingresso ampio studio 3 camere matrimoniali cucina abitabile salone doppio 2 ripostigli 2 bagni finestrati esistenza di un mini appartamento accessibile dall’interno con cameretta bagno e ripostiglio ☎055 414545 - 055 419096 rif a 706

VALDARNO SALTINO centrale appartamento totalmente restaurato con materiali di pregio, terzo piano con ascensore, mq 140 con 75 mq di terrazzo panoramico con vista mozzafiato su firenze. € 450.000 ☎347 7869181 - 055 868215 SAN GIOVANNI prima periferia, in prestigiosa villa padronale del millesettecento appartamento su due livelli perfettamente ristrutturato composto da: salone doppio con possibilità doppio volume, cucina abitabile, tre camere, 3 bagni, lavanderia/stireria. Grande cantina con tetto a botte. Contesto prestigioso. Vendita diretta. Senza mediazione. Pronta-consegna. Rif. F € 314.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195

TERRATETTI FIRENZE 1180306

VIA PISTOIESE proponiamo terratetto mq230, oltre a spazio esterno mq 90 carrabile, su tre livelli condizioni medie cucina abitabile salone doppio 3 camere 2 bagni cantinetta libero su 3 lati. RIF.TO 115 I.G.O. Immobiliare

☎ 055 419096 - 335 7363640 BAGNO A RIPOLI terratetto composto da cucina abitabile, sala con camino, 3 camere, bagno, soffitta, garage € 390.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 SESTO zona centrale in palazzo primi ’900 vendesi terratetto di mq 100 ingresso soggiorno cucina abitabile studio 2 camere 2 bagni terrazza abitabile soffitta ampia buono stato prezzo interessante richiesta € 325.000,00 rif to 106 ☎055 414545 - 055 419096 VIA PISTOIESE proponiamo terratetto mq230, oltre a spazio esterno mq90 carrabile, su tre livelli condizioni medie cucina abitabile salone doppio 3 camere 2 bagni cantinetta libero su 3 lati. rifto115 ☎055 414545 - 055 419096


annunci immobiliari VALDISIEVE SIECI in strada silenziosa, ottimo terratetto in perfette condizioni libero su 3 lati, composto da sala con camino, sala pranzo, cucina, 3 camere, 2 bagni, garage, cantina. Meraviglioso giardino di 800 mq. € 630.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDARNO

CARBONILE - PELAGO direttamente dal costruttore nuova realizzazione in villette a schiera di terratetto di 3-5 vani ingresso indipendente a partire da EURO 260.000

1138254

☎ 055 641498 - 335 5248326

PIAN DI SCÒ centrale, vendesi appartamento in pietra su 2 piani con loggiati, giardino e terrazzi panoramici, cucinotto, sala da pranzo, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia ☎348 8569976 SAN GIOVANNI V.NO (Cetinale) in bellissima villa ristrutturata: limonaia con ingresso indipendente e giardino. Soggiorno-pranzo, cucina, matrimoniale con bagno, singola, bagno e ripostiglio. Possibilità garage. Rifiniture di lusso. Contesto prestigioso. Vendita diretta senza mediazione. Pronta-consegna. Rif. L € 221.000 ☎055 9121200 - 348 2904195

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

A 30 MINUTI DA FIRENZE SUD in prestigiosa villa padronale del millesettecento ristrutturata vendesi bellissimi appartamenti alcuni con ingresso indipendente. Varie metrature, giardini, terrazzi, garage. Ottime rifiniture in stile toscano. Vendita-diretta senza mediazione. Pronta consegna. Prezzi a partire da € 225.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 ANTELLA collinare nel verde, ma vicina ad ogni servizio, villetta a schiera di nuova costruzione,grande cucina con dispensa , sala con camino, 4 camere, 5 bagni, garage doppio, taverna, lavanderia giardino € 800.000,00 ☎335 7678437 BADIA A RIPOLI adiacenze a 700 metri verso Ponte a Ema villino tutto su un solo piano indipendente 115 mq ca 5 vani 2 servizi giardino 230 mq ca garagino € 530.000 ben trattabili libero subito Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a camera e 3ºbagno. ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI a km 3 in splendida posizione ottima ubicazione inserita in contesto unico in stato perfetto adatto anche in parte a struttura ricettiva villa, oltre colonica, casa casiere 2 vani terreno olivato 5 ettari pianeggiante piscina annessi ripostigli vari adatto a più nuclei familiari (solo se veramente interessati) richiesta € 3.500.000 Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 BENEDETTO DA MAIANO distanza (400 metri) collinare dal Salviatino in villa dell’800 piano terreno ristrutturato salone cucina ampia 2 camere stanza guardaroba (solo 2 camere) mq 135 circa giardino 400 mq circa Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 BIGALLO E APPARITA villa tutta indipendente ottimo stato conservativi bene divisibile 3 ingressi 300 mq splendido giardino con oliveta mq 3500 richiesta € 1.250.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 CALDINE collinare, in posizione molto panoramica, porzione terratetto di villa del 1.300, composta da cucina, dispensa, salone con camino, 2 camere, 2 bagni oltre cantina,lavanderia e posti auto ☎335 7678437 - 331 8532086

47 CAREGGI pressi villetta in tipologia bifamiliare libera su tre lati. posizione panoramica, con sviluppo su tre piani al grezzo interno con esterno completato. progettualmente composta da ampio soggiorno, cucina abitabile, tre camere di cui due matrimoniali e una singola, camera studio panoramica, tre bagni oltre bagno lavanderia e piano seminterrato luminoso oltre resede esterno, due posti auto e terrazze.rif. 2/16 richiesta € 800.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 CHIOCCHIO a km 1 splendido splendido villino indipendente salone cucina solo 2 camere lavanderia, totale interno 120 mq ca, terreno e giardino curatissimo 1750 mq frutteto panorama sulle colline cancello carrabile 5 posti auto € 520.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 CURE ALTE spettacolare villino finemente ristrutturato in stile anni ’30. Circa 300 mq disposti su 3 livelli oltre depandance e giardino. N.2 ingressi separati. Ottimo per abitazione e studio. Trattativa riservata ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD 10 MINUTI Sieci,,nel verde, stupenda villetta terratetto libera su 3 lati con bel giardino di 800 mq; composta da cucina, sala pranzo sala con camino, 3 camere, 2 bagni, cantina, lavanderia e garage. Perfetta e super accessoriata ☎335 7678437 - 331 8532086 GIRONE Meravigliosa villa di 600 mq libera su 4 lati con parco. Attualmente divisa in un appartamento di alta rappresentanza, un altro appartamento in stile moderno ed uno studio. Ideale per più nuclei familiari o studio-ufficio oltre abitazione ☎335 7678437 - 331 8532086 IMPRUNETA pressi,in zona residenziale ottima esposizione, villetta terratetto di recente costruzione, composta da salone, cucina abitabile, 3 camere, 3 bagni, taverna con camino, grande terrazza panoramica, garage, lavanderia, cantina, posto auto e orto con alberi da frutto. Ottime rifiniture, super accessoriata € 645.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086 LE BAGNESI contesto tranquillo totalmente nel verde vendiamo piano terra in villino bifamiliare di mq 105 con giardino di proprieta’ recintato di mq 116 e 2 posti auto ingresso sala cucina abitabile studio 3 camere 2 bagni finestrati ottime rifiniture richiesta € 495.000,00 rif vo 119 ☎055 414545 - 055 419096 PIAZZALE MICHELANGELO adiacenza in villa antica vendesi porzione di mq 500 su 2 livelli doppio ingresso corte abitabile giardino garage al piano terra vani 7 oltre il bagno finestrato 2 camini al primo piano 4 camere e 3 bagni cantina e vani tecnici rif vo 107 ☎055 414545 - 055 419096 RIMAGGIO stupenda porzione di casa colonica di 200 mq composta da salone, grande cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni, studio oltre bellissima loggia e giardino ☎335 7678437 - 331 8532086 S.DONATO immersa nel verde, bellissima posizione (no autostrada), splendida villa di circa 400 mq circondata da 3000 mq di parco e 150 mq di balconi e logge. Possibilità di frazionamento € 1.150.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086 SIGNA zona residenziale villetta con giardino di 300 mq passo carraio tripli ingressi salone cucina 6 camere biservizi ripostiglio soffitta terrazze termosingolo € 590.000,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 TAVARNUZZE vicinanza piazza vendesi villino tipologia attico e giardino di mq 160 oltre a 2 terrazze di mq 100 e giardino di mq 100 ingresso salone doppio cucina abitabile sala 3 camere matrimoniale 3 bagni scala interna che va in soffitta con terrazza rif vo 121 ☎055 414545 - 055 419096 VILLAMAGNA in villetta a schiera bifamiliare appartamento di 170 mq disposto su 2 livelli con 2 ingressi volendo divisibile per 2 nuclei familiari oltre giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 450.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDISIEVE CONSUMA villa di recente costruzione di circa 200 mq disposta su due livelli; a piano terra grande taverna con camino, due camere e bagno, al primo piano cucina, sala da pranzo, salone, due camere, bagno e due verande. Garage di 50 mq. Parco, giardino, orto, piscina. Tutto recintato. Volendo completamente arredata. € 330.000 ☎347 7869181 - 055 868215 CONSUMA villa indipendente immersa nel verde di grandi faggete, disposta su due livelli, a piano terra taverna, cucina, bagno, a piano primo 2 camere, salone e due bagni. parco totalmente recintato. si vende arredato. € 335.000 ☎347 7869181 - 055 868215

LA CONSUMA paese villa divisa in 2 appartamenti tutta indipendente cancello carrabile posti auto mq 340 su 2 piani bella vista libera subito € 320.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 PONTASSIEVE nella zona bellissima del Capitano esclusiva posizione panoramico in villino quadrifamiliare 6 vani taverna ampia caminetto giardino 500 mq loggiato 30 mq garage ampio Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

VALDARNO A 3 MINUTI DA SAN GIOVANNI appartamento in bellissima villa padronale completamente ristrutturata. Ingresso con antico soffitto con volta a crociera e ingresso indipendente. Composto da: ingresso, soggiorno con doppia finestra, cucina, 2 camere, 2 bagni, ripostiglio. Terrazza 40 mq con vista sul parco. Garage. Vendita diretta. Pronta consegna rif. G € 271.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 REGGELLO vendesi terreno edificabile per costruzione villetta indipendente ☎348 8569976 RIGNANO SULL’ARNO al confine con bagno a ripoli immersa nel verde, in posizione panoramica e tranquilla porzione di villa padronale del ’700 di circa 225 mq completamente restaurata con finiture e materiali di pregio. annesso parco con piscina, pozzo privato e terreno agricolo di circa 3 ettari con oltre quattrocento piante di olivo. rif. 2/4 richiesta € 850.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 RIGNANO SULL’ARNO san donato in collina terratetto di nuova realizzazione in intervento di recupero composto da soggiorno, cucina pranzo, camera matrimoniale con cabina armadio, cameretta, doppi servizi, studio, balcone oltre cantina lavanderia, terrazza a tasca, ripostiglio, giardino e posto auto. ultimato. rif. 2/12 richiesta € 420.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 SALTINO immersa nel verde della foresta vallombrosana si vende villa storica in pietra di circa 250 mq con parco circostante recintato. posizione panoramica. € 500.000 ☎347 7869181 - 055 868215 SALTINO villa indipendente mq 300 totalmente ristrutturata con materiali di pregio e arredata. parco/giardino di 2.500 mq. € 650.000 ☎347 7869181 - 055 868215

COLONICHE

E

TERRENI FIRENZE

ANTELLA/BELMONTE splendida porzione di colonica in perfette condizioni composta da sala con camino, sala pranzo, cucina in muratura, 3 camere, 3 bagni, studio, resede, posti auto. € 590.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI Le corti, collinare, ottima esposizione , bellissima porzione angolare di antica colonica superbamente restaurata composta da : cucina abitabile, sala doppia con camino, 2 matrimoniali, 2 bagni, stanza in soppalco, bellissima taverna/garage di 70 mq.ingresso indipendente con 350 mq di giardino. € 580.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 GALLUZZO versante giogoli vendesi fienile ristrutturato in contesto panoramico mq 140 su 2 livelli giardino di prorieta’ mq 300 aia antistante con 2 posti auto piano terra salone cucina abitabile bagno ripostiglio studiolo piano 1º 2 camere piu’ 1 bagno progetto approvato per ampliamento di volume secondo ultima legge ☎055 414545 - 055 419096 GIOGOLI collina del Galluzzo panoramica bellissima porzione libera 3 lati su 2 piani colonica rimessa finemente 160 mq con splendido giardino e terreno olivi mq 4.000 € 780.000 Esclusiva Ag. Cristiano Ristori ☎055 6121285 - 338 6136167 OLMO, di Fiesole, spettacolare villa in pietra, circa 350 mq libera su 4 lati con ampi saloni, camini originali già divisa in 2 unità, oltre annesso di 80 mq.circondata da terreno di circa 15.000 mq, possibilità di frazionarla in più unità o adatta per agriturismo . € 1.400.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

MUGELLO BARBERINO DEL MUGELLO localita’ mangona a 25 km da firenze proponiamo in vendita una splendida colonica di 400 mq 5 appartamenti con piscina privata e parco recintato di 1 ettaro pozzo privato la struttura e’ in pietra interni in cotto e travi a vista richiesta interessante € 630.000,00 rif c 110 ☎055 414545 - 055 419096 BIVIGLIANO/ BORGO , meravigliosa porzione di colonica, libera s 3 lati, in posizione panoramica vista mozzafiato con 2000mq di giardino, composta da : grande cucina, salone doppio con camino, 3 camere, 2 bagni, lavanderia, legnaia. Curatissima ristrutturazione, oggetto di gran fascino € 750.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDISIEVE 4 KM DA ROSANO , collinare e panoramica, antica colonica in pietra, libera su 4 lati, ottime condizioni; composta da : cucina, sala pranzo con camino, salone con camino, 3 camere, 3 bagni, taverna con angolo cottura,( possibilità 4a camera), giardino, terreno con ulivi e piscina.possibilità di acquisto di depandance già civile abitazione ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD direzione Rosano, porzione di colonica su tre livelli e libera su tre lati, composta da sala con camino, cucina abitabile, 3 camere, 3 servizi oltre taverna, garage, giardino e terreno. € 590.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

AFFITTI OFFERTA ISOLOTTO VECCHIO Bilocale ristrutturato non arredato mq 42, composto da: soggiorno con angolo cottura, camera e servizio. Balcone. Risc. Autonomo. (a1208) € 650,00 più spese condominiali ☎055 700124 - 348 6895038 ISOLOTTO Ottimo trilocale ben arredato su due livelli, composto da: cucina abitabile, soggiorno con camino, camera matrimoniale e doppi servizi. Terrazzo abitabile mq 40. Riscaldamento autonomo e aria condizionata. Contratti transitori max 18 mesi. (a1265) € 800,00 più spese condominiali ☎055 700124 VIA BOLOGNESE inizio centro attico con terrazza a piano di 40 mq e posto auto ingresso salone cucinotto arredato 2 camere biservizi ripostiglio cantina termosingolo € 1.400,00 compreso condominio Torritimmobiliare ☎055 280992 CAREGGI luminoso appartamento con ingresso soggiorno cucina arredata 2 camere bagno termo € 850,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 PIAZZA TASSO Quadrilocale completamente ristrutturato mq 80, composto da: cucina abitabile, soggiorno, due camere matrimoniali e doppi servizi. Un balcone. Riscaldamento autonomo.(a829) € 850,00 mensili ☎055 700124

VALDARNO FRA FIGLINE E SAN GIOVANNI in bellissima villa ristrutturata, con parco con piante secolari, appartamento su due livelli: cucinotto, grande soggiornopranzo, camera e bagno al primo-livello, sopra (in suggestiva colombaia) camera con bagno. Ottime rifiniture in stile toscano. Vendita diretta senza mediazione. Pronta-consegna. Possibilità-garage. Rif. H1 € 248.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 REGGELLO CANCELLI in villa antica, a piano terreno 140 mq complessivi di fondi finestrati da ristrutturare oltre ampio loggiato e circa 1000 mq di terreno. Oggetto unico ed esclusivo, da amatori. Richiesta € 170.000 ☎377 2682317 RIGNANO SULL’ARNO a 20 minuti da firenze in aperta campagna porzione di colonica terratetto del 600 completamente e finemente ristrutturata composta da ampia zona giorno a piano terra, tre camere e doppi servizi a piano primo oltre, circa 250 mq di giardino pianeggiante, due posti auto. pavimenti radianti. ottima posizione espositiva a livello luminosita’. ultimata mancano solo le finiture a scelta della committenza. rif. 3/23 richiesta € 440.000 ☎055 9155677 - 335 7734481 RIGNANO SULL’ARNO zona bombone posizione panoramica porzione di colonica in intervento di recupero, piano terreno, composta da ampia zona giorno, due camere da letto, bagno, ripostiglio oltre circa 750 mq di giardino esclusivo. possibilita’ di vendita anche al grezzo.rif 3/7 richiesta € 290.000 ☎055 9155677 - 335 7734481

MARE

E

MONTI TOSCANA

ARGENTARIO in Porto S. Stefano sulla via panoramica bellissimo 2 vani con vista € 240.000 a parte volendo 2 garages € 110.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Esclusiva fino alla vendita Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

GARAGE

ARETINA (via Turati), cantina di circa 6 mtq. prezzo € 9.000 ☎348 7113740 VIA LORENZO IL MAGNIFICO pressi garage completamente ristrutturato mq 20 € 80.000,00 Torritimmobiliare ☎055 280992

UFFICI

E

NEGOZI

LASTRA A SIGNA centrale (viale diaz 29) negozio completamente ristrutturato, mq 32 con bagno. € 85.000 trattabili ☎335 5220965

PONTE A GREVE Terratetto non arredato mq 80, composto da: ampio ingresso, cucinotto, sala da pranzo, due camere matrimoniali e servizio. Terrazzo. Giardino privato mq 60. Contratto 4+4. (a1153) € 900,00 mensili ☎055 700124 PIAN DI SCÒ centrale, privato affitta appartamento non arredato piccola palazzina in pietra. Disposto su 2 piani con giardino, loggiati, terrazzi, zona panoramica. Composto da: sala da pranzo, cucinotto, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia. Bello... € 690,00 mensili ☎348 8569976 ISOLOTTO appartamento arredato di mq. 110 composto da cucina abitabile, soggiorno, tre camere, doppi servizi. Spese condominiali€ 100. Due posti auto. Libero da giugno.(a538) € 900,00 più spese condominiali ☎055 700124 LE TORRI Appartamento arredato mq 100,composto da: cucina, soggiorno, due camere matrimoniali, camera singola, ripostiglio e servizio. Due terrazzi. Posto auto condominiale. Spese condominiali€ 200 compreso risc. Centralizzato. (a974) € 800,00 più spese condominiali ☎055 700124 - 348 6895038 PIAZZA SAN JACOPINO pressi panoramico in signorile condominio nel verde ingresso soggiorno cucina 3 camere biservizi ripostiglio termo terrazza € 900,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 PORTA ROMANA Colline appartamento in storica colonica nel verde ingresso cucina-pranzo con camino soggiorno 3 camere biservizi ripostiglio soffitta termosingolo cantina posto auto € 2.100,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 VIA VITTORIO EMANUELE adiacenze luminoso completamente ristrutturato ingresso soggiorno cucina 3 camere bagno ripostiglio terrazze posto auto e posto bici condominiale termo € 850,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 MARIGNOLLE Villa arredata mq 150. Composto da: al primo livello, ingresso/ soggiorno, sala da pranzo, cucina, servizio e lavanderia. Al 2 livello: camera matrimoniale, due camere singole, salone con caminetto e doppi servizi. Terrazzo e giardino lastricato. Posto auto.(a1220) € 2.000,00 mensili ☎055 700124 PIAZZA DUOMO in antico palazzo ben ristrutturato ufficio mq 110 doppio ingresso salone 4 stanze 1 vano archivio doppi servizi termosingolo € 1.400,00 Torritimmobiliare ☎055 280992 PIAZZA GOLDONI pressi in storico palazzo ufficio di rappresentanza ingresso 3 grandi saloni con soffitti affrescati oltre 5 ampie stanze biservizi posto auto termosingolo € 3.000,00 Torritimmobiliare ☎055 280992



Il reporter-Tavarnelle-Giugno 2011