Issuu on Google+

Il Giornale del tuo Quartiere

Q4

1180795

MAGGIO 2011

Periodico d’informazione locale. Anno V n.39 del 2 maggio 2011. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

PRIMO PIANO

SOCIETÀ

Il pollo arrosto si vende al barile Andrea Muzzi*

S vItA dA PeNdOLARI Ogni mattina un esercito di persone si sposta verso Firenze. Ma c’è anche chi fa il viaggio inverso PAGG.28-29

PEDALANDO NEL Q4 Lavori in corso e in arrivo per rendere il rione sempre più a misura di ciclista PAGG.4-5

SPORT

Biblioteche, che ne sarà di viale dei Pini PAG.3

Tram, funicolari e dintorni

coppie

di Rettura - Squarcialupi

C PuNtO e A CAPO Si è già (virtualmente) conclusa la stagione della Fiorentina. Ecco da dove ripartire PAG.37

Rugbisti si diventa La palla ovale nel quartiere si chiama Bombo. Un vero e proprio boom: più di 220 iscritti PAG.38

i dovremmo proprio essere. Firenze si prepara a vivere mille giorni di cantieri, quelli che serviranno per realizzare la linea due della tramvia, che collegherà la stazione di Santa Maria Novella con l’aeroporto di Peretola. Trentasei mesi di lavori e trecentosei milioni di euro sono il prezzo da pagare perchè i sospirati binari diventino realtà. Il tracciato ferrato toccherà viale Guidoni, via di Novoli, via Gordigiani, gli ex Macel-

li, viale Belfiore, via Giudo Monaco, Santa Maria Novella e, infine, piazza dell’Unità. Ma intanto si prepara anche un altro grande cambiamento, con il progetto (già approvato dalla giunta comunale) di collegare San Niccolò al Forte Belvedere. Allo studio, ancora in fase preliminare, ci sono tre diversi percorsi. E tre diversi mezzi, tutti nuovi per la bella Firenze: funicolare, scale mobili o tapis rouPAGG.10-11 lant. Tutti pronti?

PAGG.14-15

1154366

attualità ENTO! L’OASI DEL DIVERTIM gioale e sicuro dove far

Vieni..Gioca...Divertiti!

All’interno della Sala CRAZY BOWLING Via del Cavallaccio - Firenze Tel. 055 7879622 - 328 7962983

1154022

Produzione gelato artigianale

Un luogo ide n animazioni e care tuo figlio co da 1 a 10 anni) giochi (per bambini ema o al bowling. mentre voi siete al cin

DI COMPLEANNO! Il massimo per le FESTE

Una volta su tre non è per sempre

i parla sempre più spesso di carburanti ecologici e le industrie automobilistiche investono sempre di più nelle auto elettriche. Non mi sembra una bella idea. D’accordo, le auto così non inquinano, ma quanta corrente ci vorrà per farle andare? In America, addirittura, hanno inventato un diesel ottenuto dal grasso di polli e maiali: il prezzo della carne è andato alle stelle. In rosticceria il pollo arrosto ora lo vendono al barile! Io sono molto preoccupato: si parte con il grasso di polli e maiali e chissà dove si finisce. Presto alla pompa di benzina sarà come in banca. Ieri il benzinaio m’ha guardato la pancetta e mi ha chiesto: “Lei che fa? Versa o preleva?”. Ma poi avete idea di cosa vuol dire viaggiare a diesel di grasso animale? D’estate, con i finestrini aperti, esci dalla macchina e profumi di rosticciana! Al posto dell’arbre magique ci toccherà appendere una foglia di rosmarino! Se porti fuori una ragazza, per non affumicarla, ti toccherà avvolgerla nel domopak. Se questo diesel ottenuto dai polli prenderà campo, cambieranno anche le guerre. Una volta sul giornale leggevamo: “Bombardato l’Iraq perché ha molto petrolio”. Domani troveremo scritto: “Bombardato Francesco Amadori: è pieno di polli!”. Ho delle titubanze su questi carburanti alternativi. Giorni fa ho provato il diesel fatto con il mais: sono vivo per miracolo. A un certo punto mi s’è ingolfata la macchina, ho dato due colpi di acceleratore e dalle bocchette dell’aria è cominciata a uscire la polenta! Mi ha salvato un pompiere con un mestolo! *Comico

Periodo nero per i ristoranti giapponesi PAGG.30-31

Edizione del Quartiere 4 • 27.403 copie distribuite da

gli stecchi i bicchierini

Piazza Batoni, 18 Firenze tel e fax 055 71.40.76


2

Maggio 2011

Isolotto • Legnaia • Soffiano

SALUTE. Rinnovato e ampliato il poliambulatorio della Misericordia in via del Sansovino

Più spazio per visite ed esami medici L’obiettivo è ridurre

L’ASSOCIAZIONE

al massimo i tempi

Un Sorriso per sconfiggere emarginazione e solitudine

di attesa. Nato anche un centro ad hoc per

All’Isolotto nasce “Un Sorriso”, associazione di volontariato contro l’emarginazione e la solitudine. L’associazione è stata costituita a Roma ventidue anni fa e, nel 2002, in maniera autonoma, si è formata la sezione toscana, che adesso ha aperto una sede anche in via Modigliani. Moltissime le attività svolte dai volontari: cibo, vestiario e biancheria a più di trecento famiglie, corso teorico di avviamento al lavoro, trasporto invalidi e anziani e assistenza domiciliare sono solo alcune delle mansioni organizzate dall’associazione “Un Sorriso”. I volontari non sono molti e sono prevalentemente pensionati o casalinghe, che si occupano anche di consulenze legali, interventi in situazioni di disagio mentale o di altri tipi di disagio, anche segnalandole ai centri sociali. Inoltre, tutti i servizi dell’associazione vengono svolti in maniera gratuita e con mezzi propri. Per informazioni: www.unsorriso-onlusitalia.com.

i pazienti con disabilità intellettive: è il primo esempio di questo genere in Italia Gianni Carpini

D

alla visita cardiologica a quella geriatrica, dal logopedista all’odontoiatra fino alla medicina estetica e a un maxi centro per la salute mentale, all’avanguardia nel nostro Paese. Sono numerosi i servizi messi a disposizione dal poliambulatorio della Misericordia di Firenze, in via del Sansovino, che di recente si è rinnovato e ampliato. Gli spazi dedicati alle attività sanitarie sono cresciuti e, ad oggi, la struttura occupa oltre 1.500 metri quadrati suddivisi su quattro piani completamente accessibili ai disabili. Una nuova possibilità per svolgere, a prezzi contenuti, visite specialistiche, riabilitazioni ed esami medici. Spesso, infatti, nelle strutture pubbliche le liste di attesa sono così lunghe da spingere i cittadini a trovare delle alternative. Basti pensare che, durante il 2010, sono state circa 70mila le prestazioni garantite dalla Misericordia di Firenze, di cui 1.800 sono state svolte in regime di convenzione con la Asl. Quello di via del Sansovino è il terzo poliambulatorio della Misericordia presente in città (gli altri due si trovano a Campo di Marte, in viale dei Mille, e in centro, a due passi dal Duomo). Grazie ai recenti interventi edilizi è stata realizzata una moderna palestra dedicata alla riabilitazione fisioterapica e neuromotoria, con la possibilità di effettuare laserterapia, elettrostimolazione e interventi mirati al recupero post-infarto e ictus. Altra novità, i due ambulatori odontoiatrici. I tempi di attesa sono minimi, viene garantito: meno di tre giorni per una visita dermatologica, come anche per un esame oculistico o ortopedico; meno di cinque giorni per un esame cardiologico. Per alcune discipline la disponibilità è addirittura immediata. La “punta di diamante”, poi, è rappresentata dal nuovo centro specialistico dedicato alla cura e alla diagnosi delle patologie fisiche e mentali di pazienti con disabilità intellettive. Spesso questi soggetti non sono in grado di tollerare lunghi tempi di attesa e luoghi troppo affollati: necessitano infatti di spazi

la sala multisensoriale della struttura

ad hoc e di personale adeguatamente formato. In via del Sansovino 176 è nato così un centro pensato esclusivamente per loro, grazie anche al contributo del ministero dell’Interno. Si chiama Inclid (integrazione clinica per la disabilità intellettiva) e offre un percorso multispecialistico integrato, il primo esempio di questo genere in Italia. Un’equipe di esperti composta da psicologi, psichiatri e medici specialisti conduce una valutazione dei soggetti con disabilità

intellettive, stilando una diagnosi precisa e individuando i possibili percorsi di cura. Si tratta di un servizio che la Misericordia ha deciso di fornire gratuitamente. Gli ambienti sono stati inoltre ripensati e progettati a dimensione di disabile: i pazienti vengono accolti in una “stanza multisensoriale”, che attraverso l’uso di particolari odori, effetti di illuminazione, stimoli tattili e sonori, rendono piacevole la permanenza. Anche l’analisi clinica viene svolta con il massimo rispet-

to per i diversamente abili: i test cognitivi e psichici, ad esempio, sono stati trasformati in giochi, sfruttando l’elemento ludico per mettere a loro agio i pazienti. Per scoprire tutti i servizi del poliambulatorio di via del Sansovino è possibile visitare il sito internet www.misericordia.firenze.it, sul quale sono presenti i curricula degli specialisti attivi nella struttura. Le prenotazioni possono essere effettuate direttamente online, oppure telefonando al numero 848.812.221.

L’APPELLO Stadio, cinema e gite con i giovani diversamente abili: il Gas dell’Humanitas è in difficoltà

Volontari cercasi per portare fuori i ragazzi meno fortunati

D

a quindici anni è attivo, all’Humanitas di Firenze, il Gruppo Affari Sociali (Gas). Nato su richiesta del Quartiere 4 e di alcune famiglie, il Gas è impegnato nell’organizzazione di attività ricreative per i ragazzi diversamente abili, offrendo loro svago e divertimento. Stadio, cinema, discoteca, gite fuori porta sono solo alcune delle attività che si trovano nel programma. “Le attività, durante l’anno, sono svolte una o due volte a settimana - spiega Linda Bertelli, responsabile del Gruppo Affari Sociali - da metà giugno fino alla metà di settembre circa non sono organizzate attività, tranne una settimana al mare in agosto”. Du-

Il Reporter di Isolotto, Legnaia, Soffiano raggiunge 27403 famiglie nel Quartiere 4 di Firenze. Copia in abbonamento postale

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press edizioni s.r.l.

Il Reporter è un periodico di 10 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 216.486 copie

Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68

rante le uscite, i volontari non indossano divise, in quanto uno degli scopi del Gas è proprio quello di annullare le differenziazioni. Il gruppo è formato da una sessantina di persone, tra ragazzi diversamente abili e volontari, cinque dei quali si occupano dell’organizzazione delle attività e del coordinamento del Gruppo. “Ne fanno parte esclusivamente ragazzi del quartiere 4 - prosegue la responsabile del Gas - per motivi logistici ed organizzativi”. Requisiti per entrare nel gruppo? Sensibilità, spirito di aggregazione, gentilezza, senso di responsabilità. “Da un anno viviamo una situazione di difficoltà - continua Bertelli - da una parte

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Periodico d’informazione locale Anno V n.39 del 2 maggio 2011 N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

alcuni volontari hanno abbandonato, dall’altra abbiamo ricevuto nuove richieste di ragazzi diversamente abili che vorrebbero entrare a far parte del gruppo e uscire con noi. Ma dar loro questa opportunità ci risulta impossibile, al momento”. Il Gas, dunque, ha bisogno di nuovi volontari: è richiesta solo la disponibilità una domenica al mese. “Non si deve pensare che rapportarsi a ragazzi diversamente abili richieda chissà quali capacità o predisposizioni - conclude – perché si scoprirà che è molto più quello che danno loro di quanto non si riesca a dare noi”. Per info: http://humgas. /B.R. blogspot.com.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


3

il giornale del tuo quartiere

IL CASO. Sono in molti a chiedersi cosa ne sarà della “storica” struttura di viale dei Pini

Quale futuro per la vecchia biblioteca?

la vecchia biblioteca di viale dei

Pini

Per anni ha rappresentato l’identità stessa del quartiere, un importante luogo d’incontro e studio: ora è chiusa, in attesa di capire quale destino l’aspetti. Il primo dubbio è se debba essere ricostruita ex novo o se sia sufficiente una ristrutturazione

È

Retromarcia, la corsia preferenziale non si fa V

Barbara Rossi passato più di un anno da quando la storica biblioteca dell’Isolotto, la struttura di viale dei Pini, si è trasferita in viale Canova, dando vita alla BiblioteCanova, inaugurata nel dicembre 2009 con l’obiettivo di diventare un vero e proprio centro culturale capace di offrire moltissimi servizi. Ma che fine ha fatto la vecchia sede di viale dei Pini? I locali sono rimasti chiusi per tutti questi mesi, e i cittadini si domandano se verranno mai riaperti. “La biblioteca di viale dei Pini fa parte dei famosi Cento luoghi - afferma Irina Lupetti, presidente della Commissione Cultura del Quartiere 4 - per cui spetta al sindaco e alla giunta comunale prendere una decisione sul suo futuro”. Il dubbio più grande è capire che tipo di lavori fare nell’edificio, se ricostruirlo ex novo oppure se attuare una manutenzione. La vecchia sede della biblioteca, infatti, presenta alcuni problemi strutturali, per cui - prima di essere riaperta per qualsiasi attività - andrà rimessa a norma. Il Quartiere punta sulla seconda ipotesi, la ristrutturazione, e sta sollecitando il Comune per avere risposte a riguardo. “Per capire come potranno essere sfruttati i locali di viale dei Pini dobbiamo prima avere risposte dal Comune prosegue Lupetti - bisogna capire quante risorse ci saranno, anche per pensare a un’eventuale autogestione dell’edificio”. Anche questo, infatti, resta uno dei punti più discussi tra i cittadini, ovvero quello della gestione dell’edificio, in quanto ancora non è chiaro se sarà affidato alla pubblica amministrazione oppure se sarà lasciato in autogestione. Molti i suggerimenti arrivati al Quartiere grazie agli incontri dei Cento luoghi, ma anche direttamente dai comitati. L’ipotesi più accreditata, anche in questo caso, è quella di una ristrutturazione, per sistemare la costruzione e dare nuovi servizi al quartiere. La biblioteca di viale dei Pini è un pezzo di storia dell’Isolotto vecchio, e per molti anni ha rappresentato l’identità stessa del quartiere. I residenti

VIA BRONZINO. Niente doppio senso, resta tutto com’è

dell’Isolotto erano affezionati alla vecchia biblioteca, considerandola un vero punto d’incontro, e molti di loro lamentano il fatto di essersi sentiti abbandonati dopo la sua chiusura. “I nostri ragazzi avevano a disposizione uno spazio per studiare in qualsiasi momento, anche nei giorni di festa, di giorno e fino a una certa ora della notte”, commenta un residente. “Abbandonati è sicuramente un termine molto forte - dichiara la presidente della Commissione Cultura del Q4 - è però vero che la chiusura ha ovviamente causato dei disagi per gli abitanti della zona, in particolare per quelli dell’Isolotto vecchio”. Va sottolineato, comunque, che la nuova biblioteca si trova a pochi chilometri di distanza da quella vecchia, e che sorge a metà strada da tutte le zone del quartiere 4. Inoltre, è rimasto attivo il servizio del bibliobus, i cui orari possono essere visionati direttamente sul sito internet della BiblioteCano-

Diversi abitanti hanno suggerito di lasciare l’edificio come punto di lettura, con alcune attività va. Infine, da qualche mese è stata riattivata la collaborazione con il gruppo dell’autogestione già attivo alla biblioteca Isolotto “Luciano Gori” di viale dei Pini. Il gruppo, formato da frequentatori volontari, si occupa dell’autogestione di una stanza rendendone possibile l’apertura anche al di fuori dell’orario normale della biblioteca. Durante gli incontri dei Cento luoghi in viale dei Pini molti abitanti hanno suggerito di lasciare l’edificio come punto di lettura e sala studio, e magari di animarlo con attività associative, anche perché, con la chiusura della biblioteca – hanno spiegato - la zona al momento è un po’ degradata.

ia Bronzino, capitolo chiuso. Dopo un’infuocata assemblea pubblica e numerose polemiche, Palazzo Vecchio ha deciso: il doppio senso, con la conseguente introduzione di una corsia preferenziale nella strada che collega via del Pollaiolo a piazza Gaddi, non si farà. Intanto è scattata la riorganizzazione della sosta, che ha permesso di recuperare una cinquantina di posti auto, una boccata d’ossigeno per chi vive e lavora nella zona, alla prese ogni giorno con la carenza di parcheggi. L’annuncio del no al progetto è arrivato dall’assessore comunale alla mobilità Massimo Mattei, che alla fine di marzo ha incontrato commercianti e residenti. “Il doppio senso non si farà – spiega l’assessore - Ataf ha ritenuto che non era il caso di realizzare la corsia preferenziale. Siamo andati invece avanti nel piano per migliorare la sosta nell’area”. “L’aumento del numero di posti auto è senza dubbio un fatto positivo – commenta Maurizio Mezzolla, presidente dell’associazione centro commerciale naturale di via Bronzino - rimane il problema che questa strada non è servita dai mezzi pubblici. Ma se far passare gli autobus vuol dire introdurre il doppio senso, preferiamo che la situazione rimanga com’è. Tra i due mali, scegliamo quello minore”. L’ipotesi di una nuova rivoluzione della circolazione in via Bronzino, l’ultima di tante modifiche alla viabilità vissute dagli abitanti della zona, era stata avanzata dal Comune all’inizio dell’anno. Ataf, a seguito dei tagli

al trasporto pubblico, aveva la necessità di ottimizzare il servizio, e l’introduzione di una corsia preferenziale in direzione di Scandicci avrebbe fatto risparmiare alla linea 6 alcuni minuti. Questo avrebbe comportato la creazione di un doppio senso di marcia in via Bronzino: una corsia aperta a auto e motorini verso ponte alla Vittoria, l’altra riservata ai bus in direzione periferia. Una soluzione che non è andata giù a residenti e commercianti, preoccupati per il traffico e soprattutto per la sicurezza della strada, che nel punto più stretto misura 7 metri e 23 centimetri. A far cambiare idea al Comune è stata soprattutto una lunga e partecipata assemblea pubblica che si è svolta il 3 febbraio scorso al circolo XXV Aprile, durante la quale

Ma intanto è scattata la riorganizzazione della sosta centinaia di residenti e commercianti avevano espresso la loro contrarietà, anche con toni molto duri. Proprio durante l’incontro, Mattei annunciò l’inizio dei lavori per la sosta: ad oggi i posti auto recuperati sono 56. In alcune strade, come in via Maitani e nel tratto iniziale di via del Pollaiolo, sono stati introdotti i parcheggi a lisca di pesce, in altre è scattata una riorga/G.C. nizzazione degli spazi.


4

Maggio 2011

Isolotto • Legnaia • Soffiano

L’INCHIESTA. Già conclusi i primi lavori, non mancano interventi in corso e nuovi progetti

L’Isolotto pedala per diventare un quartiere a prova di ciclista Barbara Rossi

terventi, circa 170mila euro, soprattutto per via del fatto che “l’intervento lungo l’argine richiede una sistemazione generale della zona particolarmente degradata - sostiene il consigliere di Quartiere - e l’adozione di soluzioni tecniche di resine di colore adeguato a un limitato impatto visivo, più costose del normale asfalto”. Saranno anche installate delle panchine in ghisa con schienale in legno a fianco

I

l quartiere 4 si allena per diventare a prova di ciclista. Grazie agli interventi alle piste ciclabili, partiti a fine febbraio, il rione potrà essere attraversato più facilmente dagli amanti delle biciclette. I primi lavori effettuati hanno unito due parti di pista ciclabile presenti in via Modigliani, “120 metri che eviteranno ai ciclisti di dover affrontare il traffico stradale”, spiega Renzo Pampaloni, presidente della commissione assetto del territorio del Quartiere 4. L’intervento, iniziato il 28 febbraio, è terminato poche settimane dopo, per la felicità di tutti quei ciclisti che, fino a poco tempo prima, trovavano la pista ciclabile interrotta durante le loro “gite”. A fine marzo sono poi partiti i lavori - che dovrebbero terminare entro giugno - per un nuovo tratto di pista ciclabile che si estenderà lungo l’argine del lungarno dei Pioppi, un tratto di circa 350 metri a partire dal ponte della tramvia in direzione della pista già esistente all’Isolotto. “Questo tratto sarà realizzato con una soluzione tecnica che gli conferirà l’aspetto di una strada bianca, ma con caratteristiche di durabilità e di manutenzione - prosegue Pampaloni - ottimizzate grazie all’uso di resina trasparente unita a ghiaia di piccolo formato”. Costo degli in-

I cittadini possono dare il loro contributo con consigli e suggerimenti

la pista ciclabile di via

della pista ciclabile. Importanti cambiamenti in arrivo, dunque, nel territorio del Q4. Che non si fermano qua: sono infatti previste nuove soluzioni progettuali individuate dallo stesso Quartiere per ulteriori percorsi ciclabili. “A breve, con il presidente della Commissione ambiente Leonardo Calistri, abbiamo l’intenzione di convocare una commissione di Quartiere territorio/ambiente - annuncia Pampaloni - per fare un punto sullo stato di avanzamento delle richieste del Quartiere e per individuare nuove proposte da sottoporre all’amministrazione”. In particolar modo,

Modigliani

FRANCESCA F. Illustratrice, 35 anni

MARINA IRASO Psicologa, 26 anni

JESÙS GALLEGOS Insegnante, 29 anni

“Attualmente ci sono difficoltà”

“Che non siano solo collegamenti”

“Non c’è rispetto per i ciclisti”

“Uso sempre la bici per spostarmi, non solo all’interno del quartiere 4. Penso che siano un’ottima cosa i lavori per la realizzazione di nuove piste ciclabili: attualmente ci sono un po’ di difficoltà per un ciclista nel quartiere, non vi sono collegamenti dal centro e anche per andare verso Torregalli la pista si interrompe all’altezza della Federiga”

“Mi muovo spesso con la bicicletta e credo che il nostro sia un quartiere abbastanza fortunato da questo punto di vista. Credo però che le piste ciclabili dovrebbero essere pensate ben inglobate nel quartiere, dovrebbero essere anche sfruttabili, che non siano solo un collegamento, qualcosa da aggiungere a ciò che è già presente”

“Vivo nel quartiere 4 da due mesi e da circa un paio di settimane mi sposto in bicicletta. Non ho visto molte piste ciclabili, credo che sia difficile muoversi per un ciclista. Non c’è spazio per delle nuove piste a mio parere ed è un peccato, inoltre non c’è rispetto per i ciclisti, mi è capitato di trovare un’auto parcheggiata sulla pista ciclabile”

Al servizio della Tua Salute, del Tuo Benessere, della Tua Bellezza. 1147456

di Mariella Camalori

Oltre 200 Piante officinali. Estratti e succhi di piante fresche. Integratori per sportivi, adulti e bambini. Macrobiotica, alimenti integrali biologici. Fiori di Bach. Cosmesi naturale. 1167946

FIRENZE Via Costetti, 1 - Tel./Fax 055 7323786

SCANDICCI (FI) Via Alfieri, 12 - Tel. 055 2579907

www.erboristeriefirenze.com

lemieerbe@alice.it


5

il giornale del tuo quartiere

Dopo via Modigliani e lungarno dei Pioppi (in quest’ultimo caso l’opera terminerà entro giugno, con l’aggiunta di alcune

ELISA BAGGIANI Fisioterapista, 27 anni

MAURIZIO BUSIA Giornalista, 33 anni

“Spesso devo entrare in strada”

“Si può fare di più”

panchine) sono allo studio altri percorsi per gli amanti dei pedali. Tra le ipotesi, la realizzazione di un collegamento con Scandicci

“Non mi pare che ci siano molte piste ciclabili nel quartiere 4, quando sono in bici devo spesso entrare nella strada ed è molto pericoloso, gli automobilisti non rispettano mai i ciclisti, con il mio lavoro ne vedo tanti che hanno fatto degli incidenti. I lavori per le nuove piste sono utili, basta che vengano completati entro i tempi stabiliti”

“Credo che nel quartiere 4 si possa fare qualcosa di più, con la tramvia l’ideare sarebbe una zona metropolitana fruibile anche attraverso mezzi come la bicicletta, o pedonalizzata. Le nuove piste ciclabili serviranno, sarebbe bello però che non ci fossero passaggi dalle aree totalmente fruibili dal ciclista alle situazioni di caos”

Maggio si preannuncia un mese tranquillo per quanto riguarda i cantieri. Ecco gli interventi previsti questo mese sulle strade del quartiere (tranne i lavori urgenti e quindi non programmati), che comporteranno divieti e modifiche per la sosta e la circolazione: i lavori per la realizzazione del percorso in lungarno dei

VIUZZO DELLE CASE NUOVE

Pioppi

A partire dal 2 maggio sono in programma “si cercherà di completare la rete di servizio alla zona Isolotto-Argingrosso, con il collegamento tra via Foggini e via Pio Fedi, percorrendo via Canova”, dichiara lo stesso consigliere. “L’idea che sottoporremo all’amministrazione per lo studio di fattibilità - sottolinea Pampaloni - sarà quella di ricavare uno spazio per la pista ciclabile modificando la scarpata che attualmente separa

la strada dagli orti presenti”. E anche i cittadini possono dare il loro contributo: il Quartiere si dice infatti pronto a ricevere consigli e suggerimenti da parte degli stessi abitanti della zona. Molte sono le richieste, ad esempio, per un collegamento ciclabile tra ponte della Vittoria e il resto del quartiere, vista la difficoltà esistente nell’attraversare in bicicletta le strade circostanti. Altra

ipotesi importante è la realizzazione di un collegamento ciclabile tra l’Isolotto e Scandicci. “Attualmente è prevista la realizzazione di una greenway lungo l’argine della Greve, che da Scandicci consenta di arrivare nei pressi di Mantignano per incrociare l’altra pista ciclabile che collegherà il parco dell’Argingrosso con il parco fluviale di Lastra a Signa”, conclude Pampaloni.

alcuni lavori con piattaforma aerea in viuzzo delle Case Nuove. Nella fascia oraria compresa tra le 7 e le 19 è previsto un divieto di transito veicolare nel tratto che va da via Edoardo Detti a via Tristano Codignola.

Finalmente le GUSTOSE MERENDE del Gallo Giallo Ti aspettiamo nell’aia del Gallo! Gusto e natura ti avvolgeranno! Dalle 11:30 alle 18:00 tutto il gusto della Toscana - Pranzi di lavoro, pranzi veloci - Aperitivi e sopratutto... merende per grandi e piccini

1153195

S.Casciano in Val di Pesa - Firenze Tel. 055 8290252 www.ilgallogiallo.com

1165456


6

Maggio 2011

Isolotto • Legnaia • Soffiano

ZOOM. Nelle vie del centro, giorno dopo giorno, continua la tradizione dei “madonnari”

L’arte di strada, a colpi di gessetto Gianni Carpini

dedicato alla strada. “Sono autodidatta – ci tiene a dire – continuo a lavorare la terra con i gessetti anziché con la zappa, e queste opere sono gli unici fiori che possono sbocciare sulla pietra”. Un’attività che certo non promette lauti guadagni. “È una scelta personale – spiega – preferisco sopravvivere a stento mantenendo la mia libertà e dignità, invece che andare a lavorare in una fabbrica di macchine o armi per mantenere un livello di vita agiato”. Sono una ventina i madonnari attivi a Firenze in questo momento. Tra loro molti stranieri, che arrivano da Giappone, Corea e Irlanda. “Vengono a sciacquare i pennelli in Arno – dice Claudio Sgobino, parafrasando il Manzoni – per affinare la loro tecnica. Diamo la possibilità a tutti di dipingere, sotto i consigli di un maestro madonnaro”. Per vederli in azione basta andare in via Calimala, dove sono presenti tre postazioni, e in via degli Avelli. Proprio questi spazi sono al centro di un braccio di ferro con Palazzo Vecchio. Motivo: le norme comunali che regolano l’attività dei madonnari. Secondo l’attuale regolamento, che risale a fine 2008, gli spazi – per cui viene pagata una tassa per l’occupazione di suolo pubblico – vengono concessi dopo un bando pubblico. Fatto che non va giù a Sgobino: “Queste postazioni ce le siamo conquistate dopo anni di lotte e le abbiamo sempre gestite in modo associativo, dando la possibilità a tutti di dipingere. E con quali criteri si decide chi è madonnaro e chi non lo è? L’amministrazione comunale vuole confinarci in questi ghetti, impedendoci di lavorare altrove e imponendo limitazioni di orario che snaturano la nostra arte. Siamo sottoposti a un vero e proprio mobbing”. I madonnari, dal 2009 a oggi, presidiano le tre postazioni di via Calimala con le loro opere, create a colpi di gessetto. Con una prescrizione: non andare oltre il limite di spazio per cui è previsto il pagamento per l’occupazione di suolo pubblico.

Arrivano qui da tutto il mondo, e proprio a Firenze ha sede l’associazione nazionale che li riunisce: “Queste opere sono gli unici fiori che sbocciano dalla pietra”

D

alla pietra emergono madonne, gioconde e veneri. Colori vividi, opere che si creano sotto l’occhio dello spettatore e che velocemente saranno cancellate dal tempo e dalle intemperie. Niente cavalletto né pennelli, la tela è la strada. Gli strumenti sono poveri, la tecnica si apprende sul campo ed è il passante a decidere chi ricompensare. I madonnari sono ormai divenuti un simbolo delle strade del centro fiorentino, con le loro opere tracciate grazie ai gessetti colorati lungo i percorsi battuti ogni giorno da centinaia di persone. Arrivano da tutto il mondo per imparare quest’arte, grazie a un’associazione che è divenuta un punto di riferimento a livello nazionale, i “Madonnari italiani internazionali associati Firenze”. A guidarla è Claudio Sgobino, 52enne fiorentino, che questo “mestiere” lo fa da quando aveva 27 anni. Nessuna accademia: ha studiato agraria, ha fatto il mosaicista e poi si è

un’artista al lavoro

LE NORME Stop alle postazioni fisse, via alla rotazione

Allo studio nuove regole

N

L'agenzia Barclays Mutui & Prestiti del quartiere 4 Viale F. Talenti, 41 Firenze

1133838

055.712949

on più tre diversi regolamenti, ma uno solo, un badge per tutti i “perfomer” regolari e un bando con cui assegnare le varie postazioni sparse per la città. Sono alcune delle nuove regole che Palazzo Vecchio sta studiando per gli artisti di strada, che andranno a sostituire i tre diversi disciplinari al momento in vigore per i pittori, i madonnari e gli artisti di strada. Per esibirsi o dipingere in strada serve infatti un’autorizzazione del Comune, a cui si aggiunge il pagamento dell’occupazione di suolo pubblico. Per arrivare a definire alcune linee guida su questo mondo variegato c’è voluto oltre un anno di lavoro da parte della commissione sviluppo economico di Palazzo Vecchio. La novità principale riguarderà gli spazi destinati agli artisti di strada, che saranno assegnati tramite un bando e gestiti a rotazione. In pratica, il Comune stilerà una graduatoria in base all’anzianità degli artisti. In più verrà inserito l’obbligo dell’alternanza: visto che alcune postazioni sono più “appe-

tibili” (davanti agli Uffizi, ad esempio, o in piazza della Repubblica) sarà stilato un calendario per evitare che poche (e sempre le solite) persone si accaparrino i posti migliori. Stop, quindi, alle location fisse. Unica eccezione gli artisti storici, che potranno avere un numero maggiore di presenze nelle loro postazioni abituali. In questo modo, secondo la commissione, sarà possibile accontentare un numero maggiore di artisti di strada, abolendo il giorno libero previsto dal disciplinare attualmente in vigore, emanato dall’ex assessore Gori. /G.C.


7

il giornale del tuo quartiere

Verso un’altra estate da anziani

Alimentari

Fioraio

Fiori di Popi

Via A. Canova, 65/F Tel. 055.0500681

addobbi per cerimonie piante verdi consegne a domicilio P.zza Batoni 3/4 Tel.055.712084 Veterinario 1180851

L’

Ferramenta

giusePPe della maria)

Accanto ai contatti telefonici quotidiani, vengono offerti servizi di vario genere, dall’accompagnamento ai presidi sanitari o a far la spesa fino ai pasti a domicilio. E, quando il termometro si impenna, il monitoraggio è intensificato, seguendo il bollettino regionale pronto a segnalare l’arrivo di ondate di calore. Non mancheranno neppure i servizi “collaterali”. Perché trascorrere l’estate non significa dover stare rintanati in casa. Nell’offerta di attività ricreative, culturali e sportive scendono in campo il volontariato e le Reti di Solidarietà. Saranno predisposti progetti finalizzati alla

socializzazione, appoggiati dai centri anziani, dallo Uisp e da altre associazioni del territorio. Sebbene le modalità e la strutturazione dei servizi siano in via di definizione, anche quest’anno torneranno le vacanze agevolate per i pensionati. I contributi a disposizione per questo servizio sono però ridotti. “Cercheremo di compensare questa contrazione con prezzi più vantaggiosi – rassicura Arianna Guarnieri, direttore dei Servizi Sociali – nonostante le problematiche di bilancio, il nostro impegno è quello di garantire un’offerta adeguata ai bisogni dell’età avanzata”.

1180839

di

Erboristaria

1180847

Frutta e contorno Via Pisana, 285 A/B Tel. 055.705759

Piccolo Emporio Libri scolastici, fax, fotocopie, cartoleria, giocattoli Via di Scandicci, 17R Tel. 055.700562

L’Isola verde Erboristerie Viale Talenti, 43 Tel. 055.714028 Ortofrutta

Cartolibreria

1180843

Fiaschetteria

1180841

(Foto

Duplicati chiavi tutti i tipi Chiavi elettroniche Vendita serrature Piazza P. Batoni, 2 Tel. 055.707176

Veterinario Dr. Sacchi David 9.00-13.00 / 15.30-19.30 Mercoledi’ 14.30-20.30 Sabato 9.00-13.30 Via dei Sarti Tel. 055.0501716

1180849

Key’s Master

una Partita a carte

4

Orientamento per le attività di pubblica utilità

Il Pane e non solo Salumi di Scarpaccia Pizze e torte artigianali Pane del contadino Vino Bag in Box rosso e bianco

Annalisa Cecionesi effetto collaterale dell’estate ormai alle porte? L’afa e il caldo opprimente. A soffrirne sono soprattutto le fasce a rischio della popolazione, anziani e bambini. Mentre gli esperti raccomandano di bere molto e uscire nelle ore più fresche, il Comune mette in campo servizi per fronteggiare l’emergenza estiva dell’età avanzata. Le parole chiave? Aiuto Anziani e Sorveglianza Attiva. A disposizione degli anziani ci sarà un numero verde collegato a Montedomini (800-801616), attivo durante tutto l’anno ma potenziato nel periodo estivo. Si tratta di un servizio rivolto agli anziani che si trovano in situazioni di momentanea difficoltà, specialmente coloro che vivono in solitudine. Il servizio è tempestivo, in risposta alle emergenze difficili da soddisfare dai Servizi Sociali, impegnati in interventi a più lungo termine. “Inoltre – spiegano dalla Direzione Servizi Sociali del Comune di Firenze – è in corso la strutturazione di un intervento di Sorveglianza Attiva, predisposto secondo il protocollo della Regione Toscana, che consente di individuare preventivamente le persone in difficoltà, segnalate dai medici curanti e dai servizi territoriali”. La Sorveglianza Attiva consiste in un monitoraggio costante degli anziani “a rischio”.

Servizi per il Quartiere

1180845

vAdeMeCuM. Ecco servizi e possibilità per i non più giovanissimi

La Cantina di Soffiano Via di Soffiano, 58/B Tel. 055.715954

1180848

IL PUNTO NEL QUARTIERE Scarno il calendario delle iniziative in programma

Ma nel rione scatta il “fai da te” E le aree verdi sono prese d’assalto

A

rriva la bella stagione e, per gli anziani, scatta il “fai da te”. Complice la mancanza di risorse economiche, nel quartiere 4 con l’arrivo della primavera il calendario delle iniziative in favore di questa fascia della popolazione, che le statistiche ci dicono essere sempre più a rischio solitudine, è piuttosto scarno, se non addirittura ridotto all’osso. Ci sono i tradizionali punti di ritrovo, come giardinetti e parchi pubblici, i circolini dove fare due chiacchiere con gli amici, oltre ai centri anziani, collocati tra Isolotto, Legnaia e Ugnano. Al di fuori di questa breve lista, rimangono però ben poche alternative. E allora ci si arrangia come meglio si può. Si fanno lunghe passeggiate e si gioca a carte con gli amici. I luoghi più “battuti” per passare qualche ora all’aria aperta sfruttando il tepore primaverile sono sicuramente le aree di verde pubblico. In testa c’è il parco di Villa Vogel, dove svolgere passeggiate o ritrovarsi con gli amici, o ancora quello di Villa Strozzi, dove però, ormai da anni, al posto della bocciofila c’è una jungla di erbacce e piante infestanti. Rimangono i tavolini del vicino circolo del “Boschetto”, spesso presidiati dai clienti più affezionati, che qui passano i pomeriggi tra qualche chiacchiera e giochi di società. Molti, poi, gli anziani che ogni giorno scelgono le strade e i sentieri del parco per fare due passi nel verde. Infine ci sono le Cascine, polmone verde della città, a due passi

dall’Isolotto. Alle attività dei singoli si uniscono quelle dei centri anziani: sono sei quelli presenti sul territorio del quartiere 4. Nei più piccoli il tempo trascorre tra una partita a carte e una tombolata, quelli che contano più iscritti propongono anche qualche laboratorio, festicciole, iniziative per il fine settimana. Alle “Baracche verdi”, struttura in via delle Mimose 8, che conta 500 soci e che viene frequentata ogni giorno da una media di cento persone, si possono seguire corsi serali di pittura o un laboratorio di teatro. E

Si fanno lunghe passeggiate e si gioca a carte con gli amici

nel fine settimana è la volta del ballo (il sabato alle 21, la domenica alle 15,30). L’associazione Arca, in via Zanella 8 rosso, oltre ai servizi (su appuntamento) di pedicure e barbiere, offre la possibilità di svolgere periodicamente visite nei musei. Il centro anziani di Ugnano e Mantignano (via della Tancia 9) organizza gite fuori porta. La prossima è in programma a giugno: de/L.S. stinazione Tirrenia.

IL BIO... E’ CARO??

1163228

Nei rarissimi casi in cui mi sono trovato in un supermercato ho visto gente indaffarata a comprare di corsa, tanta o poca roba, sempre troppa. Uscire di lì senza aver speso almeno 50 Euro credo sia quasi impossibile; per vedere magari prodotti comprati e buttati. Quanto tempo si spende in un supermercato? Cosa si compra e si sostiene? Con 35 Euro alla settimana mangi bene, sano, la spesa ti arriva direttamente in casa e non butti niente. Perché? Miracolo? Semplicemente ...Biologico! La verdura dura per settimane a volere, e sostieni chi lo merita, www.portoacasa.com. Chiedetevi: avete mai comprato l’insalata in buste già pronte? Roba di plastica insapore, ma tanto comoda si crede! Ebbene quelle parainsalate costano dai 9 Euro ai 18 Euro al chilo e appena aperte si guastano... chissà perché?! Ho mangiato proprio ieri insalata biologica colta 2 settimane fa: buonissima!! Ma soprattutto: 2,50 Euro al chilo. Vi lascio con una domanda: IL BIO...E’ CARO?? CELL.

331 4887115

www.portoacasa.com info@portacasa.com


8

Maggio 2011

Isolotto • Legnaia • Soffiano

ALLA SCOPERTA DEL QUARTIERE. Viaggio nel polmone verde della zona, il parco di Villa Strozzi

Un “bosco” nel bel mezzo della città Oltre otto ettari di alberi e giardini, a cui si può accedere da via di Soffiano, via Pisana e via del Monte Oliveto. È sempre molto frequentato, ma per qualcuno “si potrebbe fare di più” Gianni Carpini

S

ulla carta il suo nome ufficiale è “Parco di Villa Strozzi”, ma per la maggior parte delle persone è soltanto “il boschetto”, nome che ben lo descrive. Non si tratta infatti di una semplice area verde, ma di otto ettari e mezzo di bosco e giar-

dini. Tigli, platani, ippocastani e pini dominano la collina che marca il confine tra le trafficate strade cittadine (come via di Soffiano e via Pisana) e la zona ricca di natura di Bellosguardo. Il Boschetto è frequentato ogni giorno, soprattutto durante la bella stagione, da

centinaia di persone: mamme con bambini al seguito, coppie di ragazzi, anziani impegnati in lunghe passeggiate, giovani studenti del Polimoda, che ha sede proprio a Villa Strozzi. La maggior parte di loro promuove il parco: pulito, tenuto bene e tranquillo. “Quando è bel tempo ci porto spesso il mio bimbo – racconta Gisella, 40 anni – non saprei come fare se non ci fosse il boschetto”. “Qui la situazione è migliore che in altri quartieri, il giardino è in buone condizioni – spiegano Elisabetta e Giovanni, 54 e 58 anni - forse i cani andrebbero tenuti al guinzaglio, soprattutto quelli di grossa taglia”. E in effetti sono molti i proprietari che lasciano libero Fido sui grandi prati. Poco frequentata, invece, l’area destinata agli amici a quattro zampe, che si trova quasi in cima alla collina. C’è anche chi vorrebbe una maggiore valorizzazione di questo polmone verde, come Massimo, 21 anni, studente universitario fuori sede: “È decisamente bello – dice – forse si potrebbero organizzare più iniziative

nella Limonaia di Villa Strozzi e anche all’aperto. Penso ad esempio a piccole visite alla scoperta della storia di questo luogo o brevi escursioni”. Sebbene apprezzato da molti, solo i più adulti conoscono le origini del parco, passato dalle mani della nobiltà al popolo. Le sue origini risalgono alla metà del 1500, quando Lorenzo Strozzi ci fece costruire la sua residenza, creando il “boschetto” tra le cui piante erano custoditi giochi d’acqua ed elementi decorativi. Tre secoli dopo fu Ferdinando Strozzi, per mano di Giuseppe Poggi, a finire il lavoro, creando il “viale del-

le carrozze”, la strada che sale da via di Soffiano, entrata principale del parco (le altre due si trovano in via Pisana e in via del Monte Oliveto, nei pressi di Bellosguardo). Dopo lunghe traversie, tra cui la requisizione da parte delle truppe tedesche durante la seconda guerra mondiale e il rischio della costruzione di mini-appartamenti negli anni ‘70, il parco e la villa sono stati acquistati dal Comune di Firenze. Recentemente sono state rinnovate le panchine, mentre è stato realizzato un nuovo sentiero che porta a Villa Strozzi dall’entrata principale.

L’AMBULATORIO INFERMIERISTICO DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE

L’ATTIVAZIONE DI UN AMBULATORIO INFERMIERISTICO DA PARTE DEGLI “AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE” non è soltanto un completamento dell’offerta assistenziale, ma rappresenta anche la continuità della Misericordia di Firenze nel perseguire i propri fini di solidarietà e di assistenza nei riguardi della comunità in cui opera. Si viene infatti a realizzare un punto d’appoggio per

tutta la popolazione ma soprattutto per i soggetti più deboli, come gli anziani ed i malati cronici, che si trovano spesso in grande difficoltà per problematiche sanitarie che possono essere facilmente gestite da parte di chi ha disponibilità e competenza. In questo contesto l’infermiere valuta, pianifica e gestisce l’intervento assistenziale entrando in relazione con l’utente, con l’adozione di opportune strategie comunicative, e ne favorisce il reintegro familiare e sociale. La componente relazionale nel garantire la continuità di cura, porta inoltre l’utente e i suoi familiari ad instaurare un rapporto di fiducia con l’equipe infermieristica e ad essere pertanto maggiormente predisposti ad accogliere gli insegnamenti dell’Infermiere, che viene così a rivestire anche un importante ruolo di “educatore alla salute” L’Ambulatorio Infermieristico rappresenterà un punto di riferimento per gli utenti, per i Medici di base e per i Medici Specialisti. L’Ambulatorio verrà attivato dal 1° giugno 2011 presso il presidio di Via del Sansovino n. 176 con orario 8.30 - 12.30 tutti i giorni feriali dal lunedì al sabato e 14.30 - 17.30 il lunedì, mercoledì e venerdì.

Attività e Prestazioni erogate

1154011

1. Controlli glicemici e cardio-chek 2. Rilevazione parametri vitali: pressione arteriosa, frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, 3. Medicazioni semplici: ulcere cutanee, rimozione punti di sutura, medicazione ustione, fasciatura semplice 4. Terapia iniettiva: intramuscolare, sottocutanea, endovenosa 5. Sostituzione ed addestramento alla manutenzione e cura dei cateteri vescicali, cateterismo intermittente 6. Sostituzione e addestramento alla manutenzione e cura delle stomie 7. Gestione di port a cath, p.i.c., c.v.c. 8. Gestione peg e sng per nutrizione enterale Erogabilità delle prestazioni La maggioranza delle prestazioni sopra elencate potrà essere effettuata solo su prescrizione medica. Nei casi più complessi o di maggior durata verrà compilata anche una scheda infermieristica.


1176102


10

mobilità

Maggio 2011

LA CIttà CHe CAMbIA/1. In partenza i cantieri del tram, che proseguiranno fino al 2014

Linea 2, mille giorni di lavori all’orizzonte Stando alle previsioni, entro 36 mesi sarà possibile arrivare dalla stazione di Santa Maria Novella all’aeroporto di Peretola sulle rotaie, il tutto per un costo di 306 milioni di euro. Ma restano le preoccupazioni dei commercianti Luca Squarcialupi

L

a certezza sull’inizio dei lavori si avrà solo quando i primi operai saranno all’opera. Annunciati per i primi giorni di questo mese, al centro di numerosi incontri e faccia a faccia Comune–imprese, i cantieri per la linea 2 della tramvia sono all’orizzonte. Il nuovo tratto ferrato, per un totale di cinque chilometri e mezzo, collegherà due nodi molto importanti per il trasporto fiorentino: la stazione Santa Maria Novella e l’aeroporto di Peretola. Durata prevista 36 mesi: stando alle previsioni dei tecnici, entro la metà del 2014 sarà possibile arrivare allo scalo aeroportuale fiorentino in tram, grazie alla fermata che sarà posizionata accanto al parcheggio di Peretola. Il tracciato toccherà viale Guidoni, via di Novoli, via Gordigiani, gli ex Macelli, viale Belfiore, via Giudo Monaco, Santa Maria Novella e, infine, piazza dell’Unità. Il tutto per un costo di 306 milioni di euro. Le prime transenne riguarderanno l’area nei pressi dello scalo di Peretola, la strettoia di Novoli e via Gordigiani. Un test per la viabilità e per il piano del Comune, che

in queste zone ha previsto la realizzazione di nuovi posti auto, a fronte di quelli “mangiati” dai cantieri, mentre il servizio pubblico subirà una riorganizzazione. Già alcuni spazi per la sosta sono “saltati” il mese scorso all’interno dell’area di sosta dell’aeroporto. Operai quindi in azione, ma con una promessa: i lavori non dureranno più di mille giorni e saranno svolti anche di notte, per garantire il rispetto della tabella di marcia, che prevede tempi piuttosto serrati. Una soglia limite ribadita più volte dal sindaco Matteo Renzi, convinto che Firenze non sia in grado di sopportare un’eccessiva durata degli interventi, sia dal punto di vista del traffico sia da quello delle ricadute sul tessuto commerciale. Lo stesso primo cittadino ha ri-

Premi per chi finisce in anticipo, sanzioni se i tempi si allungheranno

chiesto più volte la creazione di micro-cantieri, per ridurre l’impatto sul traffico. Tutta una serie di prescrizioni che sono arrivate dopo le preoccupazioni espresse a più riprese dai commercianti, sia da Confesercenti che da Confcommercio. Entrambe le associazioni di categoria hanno lanciato un grido d’allarme sulle possibili ricadute negative dei lavori: meno posteggi, più traffico e quindi meno affari, con un intero settore che rischierebbe di essere messo in ginocchio. Le richieste sono sempre le stesse: cantieri non invasivi e tempi certi di realizzazione. A preoccupare negozianti e cittadini è il rischio che si ripeta l’incubo vissuto dall’altra parte dell’Arno, nella zona di via Talenti e via del Sansovino, dove i maxi-ritardi per la costruzione della linea 1 (1.800 giorni di cantieri invece dei 1.000 annunciati) hanno causato danni economici e pesanti disagi al traffico. Per questo, il Comune è corso ai ripari, prevedendo nei contratti con Tram S.p.a., la società che raggruppa le imprese costruttrici, premi per chi finisce in anticipo e sanzioni per l’eventuale allungamento dei tempi.

un’immagine scherzosa di Quella che Potrebbe essere la nuova

FOCUS Saranno attivati una task force per ascoltare i cittadini e un sistema d’informazione aggiornato

Il piano anti-disagi: assemblee pubbliche e un osservatorio per le imprese n osservatorio per le imprese e una task force per ascoltare la “voce del popolo”, oltre a un sistema di informazione per i cittadini. Sono le misure annunciate da Palazzo Vecchio per contrastare gli inevitabili disagi che i cantieri della tramvia creeranno in una zona strategica della città come quella di Novoli. Da una parte l’aeroporto, dall’altra Careggi, nel mezzo un quartiere altamente popolato e molto trafficato. Innanzitutto il Comune di Firenze ha garantito che saranno svolte riunioni periodiche per controllare passo passo l’andamento dei lavori: attorno a un tavolo si ritroveranno le imprese costruttrici,

i tecnici e i rappresentanti dell’amministrazione comunale. Dalle stanze di Palazzo Vecchio alla strada: l’altro fronte è rappresentato dalle assemblee pubbliche, svolte direttamente sul territorio con i residenti. Confronti che si preannunciano già da ora molto delicati. Il primo cittadino ha parlato di un sistema di informazione che farà capo all’assessorato alla mobilità, guidato da Massimo Mattei, uno degli “uomini scelti” di Renzi, spesso in prima linea quando si tratta di confronti con i cittadini. Per quanto riguarda i commercianti, preoccupati da un possibile (se non probabile) impatto negativo dei

IL BIO... E’ CARO??

1163228

Nei rarissimi casi in cui mi sono trovato in un supermercato ho visto gente indaffarata a comprare di corsa, tanta o poca roba, sempre troppa. Uscire di lì senza aver speso almeno 50 Euro credo sia quasi impossibile; per vedere magari prodotti comprati e buttati. Quanto tempo si spende in un supermercato? Cosa si compra e si sostiene? Con 35 Euro alla settimana mangi bene, sano, la spesa ti arriva direttamente in casa e non butti niente. Perché? Miracolo? Semplicemente ...Biologico! La verdura dura per settimane a volere, e sostieni chi lo merita, www.portoacasa.com. Chiedetevi: avete mai comprato l’insalata in buste già pronte? Roba di plastica insapore, ma tanto comoda si crede! Ebbene quelle parainsalate costano dai 9 Euro ai 18 Euro al chilo e appena aperte si guastano... chissà perché?! Ho mangiato proprio ieri insalata biologica colta 2 settimane fa: buonissima!! Ma soprattutto: 2,50 Euro al chilo. Vi lascio con una domanda: IL BIO...E’ CARO?? CELL.

331 4887115

www.portoacasa.com info@portacasa.com

Qualità e genuinità...

cantieri sui loro affari, ha preso forma l’osservatorio economico tramvia-imprese. Si tratta di un gruppo tecnico che ha il compito di individuare quali aziende sono interessate dai cantieri e definire i requisiti per accedere alle misure di sostegno e alle agevolazioni previste dall’amministrazione. In concreto, le misure annunciate prevedono sgravi fiscali, un fondo per prestiti a tasso agevolato e ammortizzatori sociali per i lavoratori. In quest’ultimo caso l’ipotesi è quella di far accedere le imprese in difficoltà al fondo della cassa integrazione in dero/L.S. ga, mediante l’intervento della Provincia.

BENVENUTI A CASA!

l’anno o t t ini tu c r o p hi Fung Spugnole - Galletti Russule - Ovoli

Alcune delle Nostre specialità locali fatte in casa • Gnocco fritto • Tortelloni e rosette ai funghi • Funghi fritti e alla griglia • Crostate mirtilli e Lamponi

MENU COMPLETO € 28,00

MEZZA PENSIONE € 55,00 SEMPRE FRESCHI PERNOTTAMENTO IN DOPPIA € 50,00 Piazza S.Giorgio - Vesale di SESTOLA Tel . 0536 64278 (ai piedi del Monte Cimone) www.locandazita.com

1128801

U


mobilità

11

LA CIttà CHe CAMbIA/2. La giunta ha approvato un progetto per collegare i due luoghi

Da San Niccolò al Forte con la funicolare?

a viabilitÀ verso il

Tra le opzioni allo studio ci sono anche le scale mobili o una serie di tapis roulant, meno impattanti dal punto di vista ambientale. Tre i possibili percorsi, ma siamo ancora alla fase preliminare Antonio Rettura

P

Forte

ermettere ai pedoni di raggiungere rapidamente il Forte Belvedere da San Niccolò: è questo l’obbiettivo del progetto approvato dalla giunta comunale di Firenze. Lo scopo del piano, che è ancora in fase preliminare, è quello di individuare il sistema di trasporto più adatto per agevolare e velocizzare il collegamento con la storica fortezza che domina Firenze, rendendo più fruibile la zona per cittadini e turisti. Le ipotesi sul tavolo sono tre: una funicolare, un sistema di scale mobili oppure una serie di tapis roulant. Secondo quanto dichiarato dalle Belle Arti, che hanno redatto il piano, il progetto “vuole essere un modo comodo, ecologico ma anche spettacolare per raggiungere la fortezza, rispettoso di un contesto storico, architettonico e ambientale unico”. Il tempo necessario alla progettazione e realizzazione dell’infrastruttura è stato stimato attorno ai tre anni, mentre il costo dell’opera sarà di due milioni e mezzo di euro. Riguardo alle soluzioni tecnologiche che potrebbero essere adottate, la funicolare rappresenta un mezzo particolarmente adatto a percorrere dislivelli anche elevati, ma ha il limite di potersi muovere unicamente su percorsi rettilinei, o con curvature minime. Nel progetto è stata presa in considerazione anche una soluzione dalle caratteristiche molto simili alla funicolare, ovvero la

ferrovia “a cremagliera”. Si tratta di un mezzo anch’esso utilizzato nei percorsi ad alta pendenza, ma – a differenza della funicolare – la trazione non avviene tramite le funi, bensì con una ruota dentata che fa presa su un terzo binario, anch’esso dentato. L’ipotesi di realizzare un sistema di scale mobili o tapis roulant è quella meno impattante dal punto di vista ambientale. Questa soluzione permetterebbe di pianificare un percorso più “snodato”, in quanto sia le scale che i tappeti mobili consentono di affrontare repentini cambi di direzione. Probabilmente i tempi di percorrenza con questa opzione sarebbero sensibilmente maggiori. I possibili percorsi individuati sono tre. Il primo - che è quello più lineare - inizia da Porta San Miniato e, risalendo lungo le mura, giunge al Forte Belvedere. Il secondo è una variante del precedente: prima di giungere al Forte, all’altezza dello scollinamento di via di Belvedere, il percorso passa nel giardino del museo Bardini, conducendo al museo stesso, per poi portare – tramite Costa San Giorgio – fino a destinazione. La terza alternativa prevede di accedere da via San Niccolò tramite Palazzo Vegni, attraversando il verde compreso tra San Niccolò e le mura, passando per il giardino Bardini. Tre ipotesi di percorso e tre possibili mezzi: solo il tempo dirà quale sarà la combinazione “vincente”.

LA NOVITÀ Entro la fine di giugno l’amministrazione conta, per la prima volta, di inaugurare le visite

La torre si prepara ad aprire al pubblico: forse pronta per i “fochi”

P

resto si potrà ammirare Firenze da una “nuova” prospettiva: la torre di San Niccolò sarà per la prima volta aperta al pubblico, che potrà salire sulla sua cima e osservare il panorama dal punto di vista delle vedette che difendevano la città. L’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di riuscire a inaugurare le visite entro la fine del mese di giugno. La data di apertura potrebbe coincidere con la festa del patrono San Giovanni, il giorno dei “fochi”, mentre proseguiranno anche nei mesi successivi gli interventi agli elementi esterni del monumento. I lavori di restauro della torre, iniziati nel no-

vembre scorso, costeranno 300mila euro e prevedono la creazione di un percorso di salita, messo in sicurezza attraverso dei parapetti in ferro posizionati lungo le rampe di scale e in corrispondenza delle grandi aperture ad arco. Saranno poste delle ringhiere anche alla vasca situata nella base della torre. Verranno inoltre restaurati i muri interni e recuperate le porte, mentre - per evitare l’ingresso dei piccioni - saranno installate alcune reti alle aperture esterne. La torre di San Niccolò fu edificata nel 1324 e fa parte dell’ultima cerchia muraria di Firenze. La progettazione si ritiene sia stata realizzata dall’Orcagna.

La parte superiore è invece più recente: il ballatoio merlato, opera del Poggi, risale al 1800. Quella di San Niccolò è la più alta delle porte di Firenze, in quanto è l’unica a non essere stata “accorciata”. Tutte le altre furono ribassate nel ‘500 per resistere maggiormente ai colpi dei cannoni, una tipologia di arma da guerra che si era da poco diffusa. L’ampia gittata delle nuove armi da fuoco, infatti, esponeva le torri della cinta muraria a crolli, e per questo motivo furono tutte ribassate, tranne quella di San Niccolò, che era protetta dai colpi dalla collina /A.R. di San Miniato.


12

economia

Maggio 2011

IL PROgettO. Incubatore Firenze si occupa di supportare le aziende che muovono i primi passi

Le imprese hanno la loro chioccia Dalla sua creazione ha lanciato 35 nuove realtà, selezionate tra le oltre 130 che avevano fatto richiesta. La difficoltà maggiore sta nel trovare i finanziamenti, mentre molto importanti sono l’aiuto di manager esperti e il sostegno di un network di relazioni Giuditta Boeti

I

mprenditori si nasce, ma si può anche diventare. Con l’aiuto dell’incubatore di imprese avviare un’azienda è molto più facile. Come suggerisce il termine stesso, l’incubatore è una sorta di contenitore che accoglie nella propria sede imprese ancora in embrione, la cui maturazione può così realizzarsi sotto controllo. Anche Firenze vanta un suo incubatore che, dal 2004, fa start-up: in pratica aiuta la nascita e lo sviluppo di aziende in settori tecnologicamente avanzati. Dalla sua creazione “Incubatore Firenze” ha lanciato 35 nuove imprese (quattro delle quali hanno cessato l’attività), selezionate fra oltre 130 che hanno fatto richiesta. Da un monitoraggio realizzato nel 2010 sui risultati del 2009, emerge che le imprese già incubate e quelle allora ospitate realizzavano complessivamente circa 3,5 milioni di euro e occupavano oltre 150 persone fra soci e collaboratori. Le imprese nate dal 2005 ad oggi appartengono a diversi settori: tecnologia dell’informazione e della comunicazione, web, energie rinnovabili e ambiente (settori nei quali si sta concentrando l’attuale attività di ricerca di nuove imprese), ma anche elettronica, optoelettronica e nanotecnologia ed elettromagnetismo. “Incubatore Firenze nasce da un’idea del Comune per favorire la nascita e lo sviluppo di imprese innovative – spiega Bruno Pecchioli, presidente della scuola superiore di tecnologie industriali, che gestisce l’Incubatore – il nostro ruolo, dopo aver selezionato i potenziali imprenditori sulla base della sostenibilità delle proposte e del loro piano economico, è quello di aiutare questi soggetti a decollare. Dopo sei anni di esperienza e più di 30 aziende lanciate sul mercato, abbiamo constatato che le principali criticità per le giovani imprese sono non solo la difficoltà di trovare finanziamenti, ma soprattutto il supporto di manager esperti e il sostegno di un network di relazioni, servizi che l’Incubatore offre e che hanno un valore ancor più importante della disponibilità di spazi fisici tecnologicamente attrezzati”. In particolare, i servizi di incubazione offerti, oltre all’ospitalità fisica dell’azienda e alle infrastrutture tecnologiche e multimediali, prevedono il supporto e le consulenze necessarie per consentire alle neonate aziende di muovere i primi passi. Queste nuove realtà economiche vengono aiutate nell’avvio dell’impresa, supportate con la forma-

Non manca un occhio di riguardo per il mondo femminile

zione e agevolate nell’incontro con investitori e potenziali clienti o partner. Negli ultimi sei mesi hanno concluso il ciclo di incubazione nove imprese: attualmente sono cinque le aziende incubate, mentre nove sono in fase di preincubazione. Non manca un occhio di riguardo all’imprenditoria femminile, con il progetto “L’impresa è donna”, un programma per la diffusioni di modelli imprenditoriali in rosa. Tutte le info su www.incubatorefirenze.org.

L’INIZIATIVA Contro l’inquinamento

Con dieci euro si adotta un albero

L

un momento delle attivitÀ dell’incubatore

1179538

orenzo Jovanotti ne ha comprati ben 12mila il mese scorso, ma tutti possono farlo. Stiamo parlando della possibilità di comprare un albero per neutralizzare le emissioni di anidride carbonica. Con una (irrisoria) spesa di dieci euro si può acquistare o regalare a un amico un albero vero che la Treedom – la società fiorentina che ha ideato il progetto - si impegna a piantare realmente in una zona deforestata del Camerun. E ogni albero è in grado di accumulare una ben determinata quantità di carbonio che altrimenti rimarrebbe in atmosfera e contribuirebbe al riscaldamento globale. Fare una scelta ecosostenibile è davvero semplice: attraverso il sito www.co2neutral.it si può scegliere la pianta da comprare, calcolare la propria “impronta ecologica” e utilizzare gli alberi per annullare le proprie emissioni di anidride carbonica. Una volta piantato, l’albero viene geolocalizzato e il beneficiarioproprietario potrà seguire direttamente online la sua crescita: sul sito ci saranno anche le foto della pianta, il nome del destinatario ed eventualmente quello di chi l’ha regalato. La piattaforma www.co2neutral.it è davvero alla portata di tutti: già dalla home page si possono agevolmente calcolare le emissioni di Co2 che ciascuno di noi produce a causa dei propri consumi elettrici, del riscaldamento domestico e degli spostamenti quotidiani. Treedom - CO2 neutral, ospitata dall’Incubatore Firenze, è una start-up fiorentina operante nel settore delle bioenergie e della cooperazione internazionale, vanta una serie di professionisti e collaboratori con esperienze nei settori agro-forestale, carbon market e sviluppo sostenibile. L’obiettivo della società è abbattere su base volontaria l’inquinamento prodotto dagli individui, dalle aziende e dalle istituzioni, fornendo il marchio “Co2 Neutral” a chi partecipa all’iniziativa. /G.B.


COSA ABBIAMO FATTO FINO AD OGGI: • Acquisto di un Light Scanner per la diagnostica genetica, macchinario non presente in Italia, e dato in comodato all’Istituto Carlo Besta di Milano; • Finanziamento di un progetto di ricerca presso la Columbia University di New York; • Finanziamento di un dottorato per la diagnostica genetica presso l’Istituto Carlo Besta di Milano; • Finanziamento di un dottorato per la ricerca farmacologica presso l’Università di Firenze; • Finanziamento di due borse di studio presso il Dipartimento di Farmacologia dell’Università di Firenze; • Realizzazione di uno screening genetico molecolare dei difetti del complesso I della catena respiratoria mitocondriale; • Realizzazione di Topi Know-Out per i test in vivo delle eventuali terapie provenienti dalle ricerche finanziate dalla Fondazione; • Finanziamento di un progetto multidisciplinare che coinvolge i seguenti centri di ricerca: Università di Firenze; Università La Sapienza Roma; Università di Bologna; Ospedale Meyer di Firenze; Istituto Carlo Besta Milano. • Abbiamo partecipato alla realizzazione del 1° Convegno Nazionale di NEuro oftalmologia con l’Università di Bologna • Acquisto di due macchinari per la ricerca 7500 Fast Real Time PCR System w/PCTower e dati in comodato all’Ospedale Meyer di Firenze e all’Università La Sapienza di Roma. • Realizzazione del 1° Convegno Nazionale delle famiglie con pazienti affetti da patologie mitocondriali, che si terrà a Roma il 21 e 22 maggio 2011

TUTTO CIO’ GRAZIE ALLE VOSTRE DONAZIONI Per questo vi chiediamo di continuare a sostenerci anche devolvendo il

5 per Mille 94151950485

Della vostra dichiarazione dei redditi, indicando il nostro codice fiscale

Perché il finanziamento della ricerca scientifica, passa anche tramite piccoli gesti di alta solidarietà morale e civile.

Conto Corrente Postale n. 86084464

1181107

FONDAZIONE GIUSEPPE TOMASELLO ONLUS


14

società

Maggio 2011

FAMIgLIe/1. In tema di matrimoni e divorzi le statistiche comunali parlano chiaro

Coppie, una su tre (a quanto pare) scoppia A Firenze, nel 2009, le nozze civili sono state il doppio di quelle religiose. Lo scorso anno, invece, c’è stata una frenata, e le persone che hanno pronunciato il fatidico “sì” sono diminuite. Intanto aumentano i servizi per aiutare le unioni in crisi

Antonio Passanese

P

er ogni tre coppie che si sposano ce n’è una che scoppia: questa la fotografia scattata dall’ufficio Statistica di Palazzo Vecchio. E così si scopre anche che a Firenze, nel 2009, i matrimoni civili sono stati il doppio di quelli religiosi, 860 contro 401, mentre di divorzi se ne contano 440. Nel 2010 (perché i

FOCUS Badanti ma non solo

Anziani fragili, un progetto ad hoc

U

na risposta concreta ai problemi degli anziani, un supporto alle famiglie che hanno bisogno di assistenza domiciliare per i propri cari: questi gli obiettivi del Consorzio per la cooperazione e la solidarietà di Firenze, da dieci anni attivo nel settore dei servizi sanitari e socioassistenziali. Co&So ha creato un progetto, “Sostegno anziani fragili” (Saf), che si propone di offrire una vasta gamma di opportunità a tutte quelle persone non più giovanissime che necessitano di aiuti concreti. Tre i suoi campi d’azione: famiglia, assistenza domiciliare (con personale specializzato) e fisioterapia. In particolare, il consorzio seleziona e forma badanti: “Li assumiamo grazie a una collaborazione con un’agenzia di lavoro interinale monitorando i primi due mesi di prestazione, li accompagniamo nelle famiglie durante il periodo di inserimento e verifichiamo periodicamente la qualità degli interventi e della relazione assistente/assistito”, spiega Giulia Cassigoli. Il Saf “badanti” è rivolto ad anziani o disabili residenti nella provincia di Firenze, e viene gestito da due cooperative, Il Girasole e L’Alverare (per la zona del Mugello). Nella maggior parte dei casi le assistenti selezionate da Co&So provengono dall’Europa dell’Est e dal Sud America, “ma negli ultimi periodi c’è stato un incremento anche delle italiane”. Hanno una laurea, spesso sono infermiere e il loro stipendio si aggira intorno agli 850 euro. Un lavoro, quello della badante, ritenuto per lungo tempo umiliante e che oggi, alla luce della grave crisi economica e della disoccupazione, sembra essere tornato in auge, spinto probabilmente anche dal costante invecchiamento della popolazione. Il numero unico al quale fare riferimento per avere informazioni sui servizi è 800 773522. Co&So è raggiungibile anche attraverso un indirizzo di posta elettronica: info@sostegno/A.P. anziani.it.

dati del 2011 saranno elaborati agli inizi del 2012), invece, diminuisce sensibilmente sia il numero di chi convola a nozze che di coloro che si dicono addio. I matrimoni in Comune scendono a 798, quelli in chiesa a 365, i divorzi, infine, a 385. Il dato di Firenze, però, è in controtendenza rispetto a quello che accade in Toscana, dove le separazioni sono 350,5 ogni 1000 abitanti (nel 1995 erano 169). Sarà per la crisi (scusa che ormai si usa in ogni salsa), sarà per la mancanza di prospettive o di lavoro, sarà perché oggi i giovani preferiscono convivere senza legarsi con una promessa di amore eterno, ma a Firenze sono sempre meno le persone che decidono di scambiarsi le fedi. E chi sta, ahinoi, maturando l’ipotesi di lasciarsi è bene che sappia che nella nostra città è stato concesso il primo divorzio breve italiano. Lo riporta con grande enfasi il sito www.genitoriseparati.org, che racconta la storia di una coppia toscana che tra il matrimonio e il divorzio ha dovuto attendere poco più di un anno. Cose dell’altro mondo se si pensa che, come fa notare l’Adnkronos, “l’Italia si è aggiudicata la maglia nera per la durata dei procedimenti di divorzio: per le procedure di primo grado nel nostro Paese occorrono 634 giorni, il doppio di quanto serve in Germania e in Portogallo. Nella classifica, infatti, dopo l’Italia vengono la Francia (447 giorni), il Portogallo (325) e la Germania (321). In Spagna il tempo valutabile per l’ottenimento del divorzio varia fra i tre e i 6 mesi e la pratica può essere sollecitata dopo un minimo di tre mesi dalle nozze”. Nel caso in cui le coppie decidano invece di darsi un’altra opportunità, allora potranno rivolgersi al servizio “post divorzio” ideato dall’associazione Comete, che opera con i servizi sociali di Palazzo Vecchio. Ma attenzione alle recriminazioni e alle accuse reciproche: “La cosa opportuna – affermano eminenti psicoterapeuti – non è dire cosa potrebbe o non potrebbe fare l’altro, ma cosa potete fare voi per far riprendere gioia e colore al matrimonio. Per essere felici insieme basta seguire tre semplici regole di vita coniugale: fedeltà, passione e intimità”. In ogni caso, per le coppie in crisi è anche attivo il Centro di mediazione familiare in piazza Santissima Annunziata a Firenze, che si occupa di conflitti familiari e di come ristabilire la comunicazione relazionale. Come dar torto allora a Victor Hugo che, in un suo celebre scritto, asseriva: “Un matrimonio è come un innesto, o attecchisce o no”.

Sono sempre meno coloro che decidono di scambiarsi le fedi


società

15

FAMIgLIe/2. In città è nata un’associazione per mamme e papà che si sono scoperti omosessuali

“Io, genitore e gay che non si nasconde” Gianni Carpini

S

coprirsi omosessuali dopo un matrimonio e la nascita di una figlia. Iniziare un difficile percorso per accettarsi e dichiararsi ai familiari. È la storia di Fabrizio Paoletti, 45 anni, fiorentino. Come lui sono molte le persone che si scoprono gay dopo anni di vita eterosessuale. E sono più numerose di quanto si creda. Si tratta infatti di un fenomeno sommerso: pochi cercano un aiuto, tanti vivono questa difficile situazione da soli. Per questo motivo Fabrizio, con altri genitori di Torino e Roma, ha fondato a Firenze la prima associazione a livello nazionale dedicata a gay, lesbiche e transgender che hanno avuto figli da precedenti relazioni eterosessuali. Si chiama “Rete genitori Rainbow” e offre supporto grazie anche ad alcuni consulenti nel campo psicologico e legale. “Quando ci si scopre omosessuali inizia un lungo processo di accettazione, che può essere doloroso – racconta Paoletti – anch’io all’inizio avevo paura della reazione da parte dei miei familiari,

avevo il timore di ferire gli altri, oltre ai sensi di colpa verso mia figlia”. Poi la separazione dalla moglie, la presa di coscienza della sua omosessualità e l’inizio di una nuova vita. “La mia bambina aveva 10 anni quando le ho spiegato la situazione – prosegue – mi sono detto: ‘Mi posso nascondere davanti a tutto il mondo, ma non davanti a mia figlia’. Lei adesso è tranquilla e la nostra relazione è cambiata in meglio: avere un rapporto sereno con il mio compagno e con lei è il presupposto di una vita familiare di qualità. Ho gettato una luce su un angolo buio che creava incomprensioni”. In Italia, secondo una ricerca svolta nel 2008 da Arcigay (l’unica del genere finora realizzata), sono 100mila i figli nati da genitori omosessuali. “Molto spesso si ha paura di creare danni ai propri bambini dichiarando il proprio orientamento sessuale, ma il vero danno è vivere in un contesto falso, creando un castello di carte che non può che peggiorare la situazione. Ci sono molte ricerche svolte da psico-

Si chiama “Rete Rainbow” e offre supporto a chi lo richiede, grazie anche ad alcuni consulenti sia nel campo psicologico che in quello legale

logi americani che dimostrano come i bimbi nati e cresciuti da genitori omosessuali non hanno differenze nello sviluppo psico-socio-affettivo rispetto a quelli di coppie eterosessuali”. Facendo tesoro della loro esperienza, Fabrizio Paoletti e altri soci hanno deciso di creare una rete di aiuto per genitori omosessuali,

che ha sede a Firenze ma si propone come punto di riferimento nazionale, grazie a un sito (www.genitorirainbow.it) con un forum che garantisce l’anonimato, e una help line telefonica che presto sarà attivata. “Per sei anni ho affrontato la questione da solo – spiega ancora Fabrizio – spesso si pensa di essere l’unica persona

al mondo a vivere in questa condizione. Con questa rete abbiamo voluto dare un punto di riferimento, dove confrontarsi e dialogare, trovare supporto psicologico e legale. Nei primi due mesi di attività, una novantina di persone si sono iscritte al nostro forum, 28 sono invece i soci dell’associazione”.

L’INIZIAtIvA. Ireos organizza corsi nelle scuole

L’omofobia si combatte tra i banchi

A

ppellativi non graditi e atti di bullismo. Il compagno di classe un po’ effeminato preso di mira. Qualche parola di troppo che diventa un macigno da sopportare per i ragazzi e le ragazze più deboli. Gli stereotipi di genere e l’omofobia arrivano anche tra i banchi di scuola, alimentati da pregiudizi e ignoranza. Per combattere questo fenomeno, da tre anni l’associazione fiorentina Ireos porta avanti un progetto nelle scuole della città: una serie di incontri con psicologi, operatori specializzati e volontari per far conoscere a ragazzi e ragazze quali sono i preconcetti che spesso i media ci impongono e come invece accettare le differenze di ognuno, fino ad arrivare al tema dell’omosessualità e dell’identità sessuale. In tre anni sono stati 1.500 gli studenti delle scuole medie interessati dal progetto “Da Giove a Giunone a Barbie e Ken”, che adesso potrebbe essere esportato anche fuori dai confini comunali. Mentre si sta mettendo a punto un nuovo percorso da proporre per il prossimo anno scolastico a Firenze, altre realtà, come Scandicci e San Casciano, si sono interessate a questa esperienza, prevista all’interno delle “Chiavi della Città”, il pacchetto di iniziative che il Comune gigliato offre ai

bambini e ai ragazzi delle scuole dell’infanzia, delle primarie e delle secondarie di primo grado. “In questo campo la scuola è più avanti di quanto si creda – spiega Mirco Zanaboni dell’associazione Ireos, che si occupa di discriminazioni nell’ambito dell’identità sessuale e della difesa dei diritti di persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, transgender e intersessuali – e il tema degli stereotipi di genere e dell’omofobia non è affatto un tabù. La dimostrazione è arrivata dall’interesse con cui è stato accolto il progetto da insegnanti e alunni”. Questo argomento potrebbe adesso essere proposto anche nei corsi dell’università dell’età libera, che ogni anno coinvolgono migliaia /G.C. di fiorentini over 40.

Sconti fino al

15% presentando il coupon 1110735


16

sanità

Maggio 2011

IN CORsIA/1. Viaggio nel mondo degli specializzandi al lavoro negli ospedali fiorentini

I ragazzi di oggi, dottori di domani L’INIZIATIVA

Finiti i primi sei anni di studi, ai medici

Porte aperte al Rettorato

Un giorno all’università L’ateneo incontra la città

ne toccano altri cinque (o in alcuni casi sei)

G

sul “campo”: “Capita di trovarsi addossati compiti che non ci spetterebbero” Giulia Righi

C

hi ha avuto la sfortuna di essere ricoverato in ospedale l’immagine la conosce bene. Quella dei camici bianchi indossati da medici molto giovani che la mattina girano di letto in letto a visitare i pazienti, al seguito di dottori meno giovani e più esperti di loro. Sono, costoro, i cosiddetti “specializzandi”, i dottori di domani. Ovvero studenti che, conclusi i sei anni di studio in Medicina e Chirurgia, hanno sostenuto l’esame di stato e si sono iscritti all’albo dei medici chirurghi e odontoiatri. Di fatto sono già medici, quindi, che proseguono i loro studi indirizzandosi verso diverse branche: per completare il loro percorso hanno davanti anni e anni di scuola di specializzazione (cinque, che diventano sei per chi sceglie Chirurgia). Un periodo, questo, in cui la vita in corsia per imparare il mestiere “sul campo” si unisce allo studio per completare la formazione teorica. Ma, al di là del loro identikit burocratico, chi sono questi dottori di domani? Sono, innanzitutto, una categoria di studenti/ lavoratori che deve fare i conti con il precario stato di salute delle finanze a disposizione della ricerca italiana. E come succede un po’ in tutti gli ambiti lavorativi (italiani) a tutti loro tocca una gavetta fatta di fatiche e ore piccole. Firenze, chiaramente, non fa eccezione, e lo prova il fatto che tutti quanti preferiscono raccontarsi nell’anonimato. “È un lavoro intenso – racconta uno specializzando in Neurologia – spesso di fatto il paziente è affidato totalmente alle nostre cure. Anche se il nostro lavoro è regolato da una sorta di ‘contratto’ che praticamente dovrebbe equiparare la nostra attivi-

tà a quella dei medici strutturati, la realtà è diversa. Spesso si va al di là delle ore lavorative canoniche e si spreca tanto tempo per organizzare esami vari, contattare consulenti, prendere contatti con medici di famiglia: insomma, tante cose spesso di competenza non nostra, ma piuttosto infermieristica, paramedica, amministrativa”. E la loro giornatatipo è fatta di scadenze ben precise: “Nella mia specializzazione – racconta uno specializzando in Neurochirurgia – le giornate cominciano un po’ prima delle otto col giro dei malati, poi o si va in sala operatoria o si rimane in reparto, di guardia. Nel primo caso ti occupi di faccende amministrative come le dimissioni o le ammissioni, nel secondo assisti nei vari interventi chirurgici. In genere si

055 200.13.26 Il primo taxi tutto al femminile

finisce verso le otto, e la notte sei reperibile se c’è bisogno”. Ma, viene da chiedersi, non capita mai che i pazienti siano perplessi nel trovarsi davanti dottori così giovani? “No, direi di no. Non mi è mai successo, almeno, di trovarne con questi preconcetti”. La pensa diversamente un suo collega, futuro geriatra: “Può capitare di trovare pazienti diffidenti, ma molti si limitano a scherzarci sopra: ‘Guarda come gli è giovane questo dottorino’ è una delle frasi tipiche che senti dire, specie quando si tratta di persone anziane. Oppure ti senti chiamare ‘ragazzooo’”. E impari alla svelta a non prendertela: “È un lavoro in cui la passione conta tantissimo, e oltre alla formazione teorica è fondamentale gestire bene i rapporti umani”.

li studenti alla scoperta dell’Europa, i cittadini dell’università. Anche l’ateneo di Firenze partecipa al Festival d’Europa 2011, la manifestazione ideata dall’Istituto Universitario Europeo in programma dal 6 al 10 maggio. E lo fa con un programma di incontri, conferenze, seminari e workshop sul ruolo dell’Unione Europea nel sostegno alla ricerca, alla formazione e alla mobilità studentesca, per conoscere tutte le opportunità per viaggiare, formarsi e fare ricerca fuori dall’Italia. Così, un convegno sarà dedicato ai progetti di ricerca finanziati dall’Unione Europea e da altre istituzioni comunitarie: l’appuntamento è all’Aula Magna dell’Università sabato 7 maggio alle 9,30. Sempre in Aula Magna, alle 15 si parlerà della formazione all’integrazione europea. Lunedì 9 maggio, al Polo delle Scienze sociali, si terrà un seminario sulle borse di ricerca comunitarie per l’alta formazione, nel corso del quale laureati e dottorandi interessati ad avviare un percorso di ricerca europeo potranno incontrare i titolari delle borse di studio. Venerdì 6 maggio, alle 15, Giuliano Amato sarà al Polo di Novoli per parlare de “L’Unione Europea: come superare l’impasse”. Tra gli appuntamenti più attesi c’è poi “Un giorno all’Università”: sabato 7 maggio il Rettorato di piazza San Marco aprirà le sue porte dalle 9 alle 24 con un programma di iniziative no-stop rivolte a studenti, future matricole e cittadini interessati a incontrare la principale istituzione culturale cittadina. Un’occasione per conoscere le facoltà, informarsi su studi e professioni e incontrare le associazioni degli studenti. La giornata si concluderà con un “Notturno ad Arte”: tra l’Aula Magna, l’aula Strozzi e il Museo di Storia Naturale (in via La Pira 4) si terranno, dalle 20 alle 24, concerti, esibizioni, performance teatrali e di danza e molto altro ancora. Per /I.G. info: www.festivaldeuropa.eu.

L’amica che ti accompagna www.intaxifirenze.it


sanità

17

IN CORsIA/2. Molti i pazienti che arrivano in Toscana da altre regioni per visite o interventi

E c’è chi viene a curarsi da lontano Lo scorso anno sono stati oltre settantamila i dimessi dai nosocomi di casa nostra giunti nel granducato un po’ da tutta Italia Benedetta Strappi

S

ono tante, tantissime, le persone che scelgono la Toscana come terra dove curarsi. Pazienti che provengono da fuori regione e arrivano nella nostra per sottoporsi a operazioni, terapie o semplici visite specialistiche. A dirlo sono i numeri. Complessivamente, lo scorso anno sono stati oltre 71mila i dimessi dagli ospedali toscani arrivati nel granducato da un po’ tutte le regioni d’Italia. Solo nel territorio di competenza della Asl 10 (Firenze e provincia) sono stati oltre 5.800: di questi, oltre 2.800 lo hanno fatto per interventi (di tipo medico o chirurgico) ortopedici. Ma per farsi un’idea della mole di “turisti della salute” (sempre ammesso che viaggi tanto poco di piacere possano passare sotto la voce “turismo”) ai 5.800 della Asl 10 vanno aggiunti i quasi 5.700 che si sono rivolti a Careggi e i 4.800 che sono stati pazienti del Meyer. Proprio dell’ospedale dei bambini colpiscono alcuni dati. Sfogliando quelli relativi al triennio 2007-2009, si scopre ad esempio che la maggior parte dei pazienti che arrivano da fuori regione (il 12% del totale) provengono dalla Sicilia, dall’Emilia Romagna e dalla Lombardia: dato, quest’ultimo, sorprendente, se si pensa che il colosso del Nord ha il più alto tasso d’attrazione sanitaria d’Italia. Ma al Meyer arrivano pazienti anche dall’estero e specialità come la neurologia, la neurochirurgia, l’endoscopia respiratoria, l’oncoematologia e l’ampio spettro di malattie rare congenite hanno una fama inter-

nazionale. È un dato, insomma: la Toscana attira pazienti anche al di fuori del perimetro regionale, per le sue eccellenze. Ma quanto si aspetta quando si ha bisogno di una visita? Da alcuni anni le Asl toscane si sono impegnate a garantire alcune prime visite specialistiche (cardiologia, ginecologia, oculistica, neurologia, dermatologia, ortopedia e otorinolaringoiatria) entro quindici giorni dalla richiesta, pena il risarcimento di 25 euro al cittadino che le richiede e non le ottiene in quel termine. Detto questo, le polemiche sui tempi di attesa si ripropongono a cadenze regolari. Sotto accusa finiscono specialmente le indagini diagnostico

Al Meyer piccoli degenti da Sicilia,Emilia Romagna, Lombardia e anche estero strumentali, che spesso vanno prenotate con largo anticipo e che recentemente sono state al centro di un’interrogazione in consiglio regionale: “Secondo i dati di rilevamento regionale – ha risposto l’assessore alla sanità Daniela Scaramuccia – questo tipo di prestazioni in Toscana vengono erogate per il 43 per cento dei casi entro 30 giorni dalla richiesta e per il 65 per cento entro 60 giorni”. 1180226

il nuovo

meYer


18

in città

Maggio 2011

bY NIgHt. Torna la ztl notturna: centro storico off limits alle auto dal giovedì alla domenica

La movida va a piedi. O chiama il bus Francesca Puliti

A

rriva la bella stagione e porta con sé zanzare, afa e ztl notturna. Ci risiamo, a partire da metà mese (ma la data di inizio potrebbe slittare a fine maggio) il centro storico diventerà off limits alle auto, dal giovedì alla domenica sera. Scordatevi di parcheggiare vicino ai locali della movida, dunque, a meno che

FOCUS Cene sotto le stelle

Riecco i tavolini sul selciato

T

avolini in strada, sì, si può fare. Con la chiusura al traffico delle vie del centro tornano anche le cene all’aperto, sul selciato davanti ai ristoranti. Tecnicamente il progetto si chiama “Il centro io lo vivo”, e l’anno scorso ha visto il coinvolgimento di numerose strade e di oltre 60 attività commerciali. In pratica si tratta della possibilità di allestire una “saletta” all’esterno dei locali senza il bisogno di mettere in piedi costosi dehor, ma semplicemente piazzando un certo numero di tavoli e sedie in strada. Un progetto che non ha mancato di far discutere, nelle passate stagioni, sia sul piano della sicurezza (e della necessità di lasciare libero il transito ai mezzi di soccorso) che su quello estetico. “Basta con l’idea che a Firenze si può far tutto – dichiara il sindaco a inizio stagione – se i tavolini per strada devono essere solo un modo per spillare qualche euro in più ai clienti non sono d’accordo. Non sono il rappresentante sindacale dei bottegai della città, di mestiere faccio il sindaco e tutelo il decoro e gli interessi dei cittadini”. Insomma, un chiaro stop a tavolini alla rinfusa, basta plastica e basta all’accozzaglia di stili e colori. Detto fatto: Confesercenti ha appena presentato all’amministrazione un nuovo progetto, in linea con le richieste del sindaco. Diciassette le vie coinvolte, ognuna delle quali farà mostra di uno stile omogeneo, a partire dalla scelta delle tovaglie. Il piano è ancora al vaglio degli uffici comunali e potrebbe subire alcune modifiche, ma le cene sotto le stelle sono salve. Così come le bevute nei chioschi all’aperto: d’ora in poi non si faranno altre concessioni “speciali”, ma quelli che le hanno ottenute finora potranno restare al loro posto. Almeno finché non cambieranno gestione: in tal caso le attività dovranno essere necessariamente trasferite in sede fissa, se vorranno continuare a elargire bevande alcoliche fino a tarda notte.

non arriviate a prendere posto prima delle 23 (o dopo le 3 di notte). Lo sbarramento, infatti, è stato fissato per le 11 di sera, contro il parere dei gestori di bar e locali, che avrebbero voluto posticiparlo di un’ora. Per quattro giorni alla settimana, da qui a ottobre, la ztl lascerà aperta solo una piccola finestra per le auto, dalle 19.30 alle 23. Dopo quell’ora, le porte telematiche torneranno a scattare foto (e multe) e i vigili cominceranno a presidiare i varchi non protetti dall’occhio virtuale. La zona vietata, infatti, è più ampia di quella diurna, e comprende l’interno della cerchia dei viali di circonvallazione più l’Oltrarno. Da piazza Ferrucci a San Frediano e dal piazzale Michelangelo a piazza d’Azeglio, le auto dovranno attendere fuori. Respinta dal sindaco la proposta avanzata dalle associazioni di categoria, che avrebbero preferito istituire una o più “staffe di penetrazione” nel centro, per permettere di accompagnare e riprendere figli/compagni/amici. Niet anche sul trasporto notturno, partito in ritardo l’anno scorso e

Scatta a metà maggio il divieto d’accesso alla cerchia interna ai viali, dalle 23 alle 3 del mattino. Previsti sconti sui parcheggi di struttura, mentre si tratta con i taxi. Novità per il trasporto pubblico: navette solo su “ordinazione” telefonica poco utilizzato in verità da dieci anni a questa parte, cioè a partire dall’alba della ztl notturna. “Se gli esercenti vogliono le navette – dichiara Matteo Renzi - dovranno pagarsele da soli”. Con un costo che potrebbe variare da 75mila euro fino al doppio e che i commercianti non hanno intenzione di sostenere. Un’apertura su questo fronte però c’è stata, e va sotto il nome di “bus a chiamata”. “Non abbiamo ancora ben capito di cosa si tratti – afferma Uliano Ragionieri, vicepresidente di Confesercenti – ma apprezziamo che il sindaco ci sia venuto incontro”. Il “Personalbus” in realtà è già stato sperimentato in città, ma solo in orario diurno, mentre altre metropoli, tra cui la Milano-da-bere, l’hanno già adottato by night. In pratica funziona così: un cittadino prenota la corsa almeno 30 minuti prima chiamando l’apposito call center, a cui specifica origine e destinazione scelta. L’operatore comunica l’orario di arrivo della vettura e il sistema razionalizza le corse in base alle altre chiamate ricevute. La chiamata è gratis, mentre il biglietto si paga 2,50 euro a bordo, niente per chi è abbonato. Per agevolare l’accesso al centro, inoltre, sono previsti sconti sui parcheggi di struttura, mentre il vicesindaco Dario Nardella è già al lavoro per cercare un accordo con i tassisti. Per chi temesse comunque di essere “spennato” non resta che la soluzione classica: gambe in spalla e pedalare.


Noi, i “cani di LiberiTutti”, non siamo spagnoli, non siamo croati né romeni e non rischiamo la soppressione ma la prospettiva di vita che abbiamo è di invecchiare in un box dimenticati dal mondo intero. Siamo sani, non tutti giovanissimi ma siamo cani che hanno come unica prospettiva una morte lenta, inesorabile in tre metri quadrati.

Sesso: Maschio Età: circa 6 anni Taglia: Piccola Carattere: Vivace e iperattivo. Full è un cagnetto piccolo piccolo ma molto vivace. In canile patisce molto la solitudine, vorrebbe stare sempre con qualcuno. E' un piccoletto tutto pepe che vuole giocare e ricevere attenzioni. Le sue sorelline sono state adottate e lui invece è ancora qui perchè "abbaia"un pò troppo. Ma siamo sicuri che con tanto amore Full si calmerà molto.

Sesso: Maschio Età: 9 anni Carattere: dolcissimo e affettuosissimo! Taglia: piccola Il piccolo Calimero è arrivato in rifugio che era un batuffolo di pochi mesi. Ovviamente dal canile non è mai più uscito. Calimero è un nonnetto buono, dolce e affettuoso. Vorrebbe sempre stare in braccio e a panca all'aria per ricevere coccole. E' davvero un cane buonissimo adatto a tutti. Con un bel bagno e una bella spazzolata diventerebbe anche bellissimo.

Sesso: M Età: 4 anni Carattere: affettuoso con tutti tranne cani maschi grandi Taglia: piccola Poldino è cagnetto dolcissimo di circa 4 anni,pesa 8 kg e va daccordo con i bambini, con i gatti e con i cani, ma non con i maschi di taglia grande...non li sopporta!:-( si è rotto una zampina e io non voglio riportarlo in canile perchè sono sicura che Poldo si sia rotto la zampa mentre scappava da qualche cane più grande al quale ha rotto le scattole...e quando ha saltalto il muretto che c'è nel piazzale è atterrato male Molto male! Adesso cerca URGENTEMENTE casa!

Mi chiedo, e so che molti non saranno d’accordo con me, che si offenderanno, ma che senso ha vivere così? Chi ci aiuterà ad avere una vita dignitosa? Sì, è vero tutti gli animali del mondo sono uguali, ma se ci fossero più sindaci o consiglieri comunali che iniziassero a proporre una strategia “comoda ed economica” come quella spagnola, siete sicuri che la legge italiana non cambierà? che qualcuno accorrerà a salvarci? Siamo sicuri di essere così più civili degli altri paesi? Che differenza c’è tra una perrera e un canile dove ci sono 700 o più cani, dove l’USL è collusa e si nascondono i cadaveri? Dove il pasto è costituito dall’immondizia gettata via dalle mense? Ci avete mai visto mangiare bucce di frutta o pasta al sugo stracondita? Siete mai andati a rovistare nelle pattumiere alla ricerca di sacchi di immondizia con scarti “utilizzabili” per la nostra pappa? Questa è la nostra realtà, aprite gli occhi! Giommy chi lo adotterà? Sammy è una meraviglia, entrato in canile da cucciolo non ha mai visto un guinzaglio, mai una passeggiata, mai una casa!!!! Tobia la casa ce l’aveva invece ora è qui, chiuso al buio, terrorizzato dalla vita in canile....... E questo non è un canile lager, qui i 3 ragazzi che tentano di gestirlo alla meglio lottano ogni giorno, e non abbiamo un veterinario che ci segua, non c’è un’area di sgambo, non ci sono volontari per portarci in passeggiata...noi cani siamo 200 e i gatti 80 circa. Il comune non ha soldi da spendere neppure per qualche metro di rete! Adozioni zero o quasi, solo abbandoni e “viaggi della speranza” verso il continente. La scorsa estate siamo arrivati a 100 cuccioli abbandonati più vari adulti, e stiamo parlando di un paesino di poche anime. Anche se non siete d’accordo con il contenuto di questo sfogo,vi preghiamo di dare anche a noi visibilità, anche noi abbiamo diritto a un posticino caldo e una pappa decente: vederci morire giorno dopo giorno, sempre più rassegnati invisibili, vi assicuro, non può lasciare indifferenti. Grazie. Contattare Bianca dopo le 17.00 al 3803130298 opp scrivere associazioneliberitutti@gmail.com www.associazioneliberitutti.it siamo anche su FB

Sesso: M Età: 5/7 anni Carattere: coccolone Taglia: piccola, 8 kg Buffone aveva un padrone anziano e alla sua morte il cane venne affidato al fratello che però partì per l'Australia. Così il piccolo fu dato al nipote, che non perse tempo e lo sbattutè in canile immediatamente. Buffone ha 5, forse 7 anni ma nel cuore è ancora un cucciolone pieno di energia e voglia di coccole! Deve morire in canile???? E' una tg piccola (8kg circa) e si abituerebbe di nuovo a vivere in una casa senza problemi. Ci aiutate a farlo felice dopo tanta sofferenza?

Sesso: Maschio Età: 6-7 anni taglia: medio piccola Carattere: buonissimo Giommy è arrivato al rifugio nel 2005, aveva un padrone che lo lasciava in strada in balia degli eventi come si usa qui in Sardegna. Il dolcissimo Giommy ha perso un' occhio a causa di una pietra lanciata da dei bambini. Abbiamo deciso di portarlo via e di non ridarlo al suo padrone che insisteva per riaverlo. Da quel momento il piccolo non è mai più uscito dal canile! Nessuno lo ha mai notato forse a causa di quell'occhio, eppure è un cane dolcissimo e adatto a bambini e ad anziani

Età: 2001 Sesso:Maschio Taglia: piccolo Carattere: tende a scappare ma è troppo buffo e dolce Pepsi è un bellissimo cagnetto di 10 anni. Durante tutta la sua vita, il piccoletto è sempre stato un vagabondo. E' sopravvissuto ad un avvelenamento nel 2005 e ad un incidente l'anno scorso. Finalmente i volontari sono riusciti a convincerlo che non era più il caso di stare in giro per le strade, che forse era il caso di passare una vecchiaia più tranquilla al riparo dai pericoli. Ultimamente è più tranquillo, ma ha sempre la tendenza a scappare, chissà se poi in una casa si calmerebbe definitivamente. La vecchiaia inizia a farsi sentire e avrebbe davvero bisogno di una casa per passare gli ultimi anni in santa pace.

Età: 2006 Sesso:Femmina Taglia: medio piccola Carattere: timida ma molto affettuosa Bambi Star vive in canile sin da quando era cucciola insieme ai fratellini White Ciotti, Black Ciotti e alla sorellina Aska...Bambi nera purtroppo è morta quest'anno a casusa di un tumore. Non vogliamo assistere impotenti ad altre morti del genere. Questi fratellini e soerelline si meritano di conoscere la vita fuori dal canile. Non hanno idea di che cosa ci sia al di fuori delle sbarre... non hanno mai visto l'erba....

Sesso: F Età: 7anni Taglia: piccola Carattere: dolcissima/timorosa Lei si chiama Gina (è la cagnolina sul muretto), 7 anni, una vita tutta passata in canile! Anche lei è un pò cicciona, ma come possono vivere bene questi cagnotti che condividono con altre 200 anime dei piccoli box sovraffollati? I volontari la amano molto, ma sono solo 3 e non ce la fanno a portarla a passeggio, a farla sgambare. NESSUNO chiede in adozione cani in questo piccolo paese della Sardegna. Gina ha una sua dignità, una voglia matta di dare affetto e di riceverlo. Chi ci aiuta a realizzare questo sogno? E' una tg piccola ed è sana.

Sesso: M Età: 3 anni Carattere: pauroso e con qualche problema Taglia: piccola Tobia è un cagnetto sfortunato come tanti altri. Stava in una famiglia insieme alla sua amichetta Luna, ma un giorno sono stati portati in canile con una banale scusa. Luna che era carina, bionda e dolcissima ha trovato una casa, mentre invece Tobia, che ha qualche problema comportamentale causato dalla famiglia è rimasto in canile. Tobia si agita quando si fanno movimenti particolari, come alzare una mano all'improvissom ma in generale qualunque scatto veloce. Le volte che capita Tobia ringhia anche se non attacca, per questo motivo crediamo che sia stato picchiato. Se lo si sa prendere lui adora stare in braccio a farsi coccolare. Per lui cerchiamo una persona con esperienza e magari l'aiuto di un comportamentalista. Tobia è un cane buono, è solo molto spaventato e stressato

Età: 2006 Sesso: Maschio Taglia: medio piccola Carattere: diffidente ma dolce Black ciotti vive in canile sin da quando era cucciolo insieme ai fratellini White Ciotti, Aska e alla sorellina Bambi star...Bambi nera purtroppo è morta quest'anno a casusa di un tumore. Non vogliamo assistere impotenti ad altre morti del genere. Questi fratellini e soerelline si meritano di conoscere la vita fuori dal canile. Non hanno idea di che cosa ci sia al di fuori delle sbarre... non hanno mai visto l'erba.... Sono tutti un po' sovrappeso perchè non fanno movimento e mangiano male. Black ciotti è un po' diffidente perchè vede sempre e solo i volontari del canile, ma siamo sicuri che in una casa si scioglierebbe.

Sesso: Maschio Età: 6 anni Carattere: coccolone e tranquillo Taglia: media contenuta Sammy è arrivato in canile con i suoi fratellini e sorelline. Purtroppo solo pochissimi di loro sono stati adottati. Lui vive nel box con la sorellina Dea, anche lei molto bella. Sammy è un cagnolino molto affettuoso che adora il contatto umano. E' una taglia media ma contenuta, inoltre ha qualche kiletto di troppo perchè in rifugio non esce mai. Ha solo sei anni, è ancora un cane giovane con tanta voglia di vivere. Non lasciamo che si spenga lentamente tra le sbarre! Adatto anche a famiglie con bambini.

1170123

per concessione gratuita de


20

politica

Maggio 2011

PALAZZO veCCHIO. Dimezzati gli spazi pubblicitari in città. Per i manifesti anche una clausola etica

Renzi mette al bando le immagini choc Stop alle lapdancer senza veli e al Cristo in jeans. E il sindaco si prende di bacchettone da Oliviero Toscani. “Siamo di nuovo ai braghettoni, quelli che mettevano agli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina” Paola Ferri

S

top alle immagini shock e ai 6x3, al bando i gonfaloni e stretta sulle “vele”, sì a una commissione tecnica che giudichi manifesti e cartelloni pubblicitari anche dal punto di vista etico. Dopo mesi di discussione (dieci, per la precisione) arriva il nuovo regolamento per la pubblicità “outdoor”, ovvero cartelli, pannelli e compagnia bella appesi in strade e piazze cittadine. Il primo risultato è quello di dimezzare gli spazi pubblicitari, che passano così da oltre 30mila a 15mila metri quadrati in tutto. Banditi i manifesti giganti, quelli di 6 metri per 3, che saranno sostituiti con i più soft 4x3, via anche gli striscioni da parte a parte della strada (già se ne vedono pochi) e i gonfaloni appesi ai pali della luce. Via libera, invece, ai pannelli tecnologici e digitali, in stile Piccadilly Circus. Ma solo fuori dal centro storico. Nell’area Unesco (il quadrilatero interno alla cerchia dei viali più l’Oltrarno) scatta infatti il divieto di nuove autorizzazioni. E forse ci sarà da dire addio una volta per tutte all’insegna “Martini” che campeggia dalle parti di San Lorenzo. Ma anche per gli impianti su aree private e di cantiere la vita diventa più difficile: il passaggio in giunta diventa obbligatorio, così da evitare il fenomeno delle pubblicità “fantasma” sui ponteggi dei palazzi. Il secondo e più discusso risultato è quello che deriva dalla cosiddetta “clausola etica”. Il nuovo piano prevede che “gli impianti pubblicitari e la pubblicità esposta non devono avere contenuto ed immagini rappresentative di violenza fisica o morale, nonché lesive del decoro, offensive delle convinzioni morali, ci-

i maniFesti

6X3

sPariranno dalle strade

vili e/o religiose delle appartenenze di genere, culturali e nazionali della persona”. Insomma, niente più Cristi in jeans o lapdancer in abiti succinti. E subito qualcuno grida alla censura. Quasi scontata la replica piccata di Oliviero Toscani, che sulle pubblicità shock ci ha costruito fama e carriera. “Siamo di nuovo ai ‘braghettoni’, quelli che mettevano agli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina – commenta il celebre fotografo - che si vergognino il sindaco di Firenze Matteo Renzi e il suo assessore alla Cultura Da Empoli. È gente da rottamare, sono giovani sì, ma vecchissimi. Con questo piano Firenze non avrà più l’arte, perché la pubblicità è anche arte”. Un po’ meno scontato l’allarme-censura lanciato dall’Aduc, che contro lo stesso Toscani aveva condotto una fiera battaglia all’epoca del provocatorio calendario che ritraeva solo pubi femminili (ed era solo gennaio scorso). “Sarà pur vero che la pubblicità è l’anima del commercio – replica Renzi - ma non è l’anima della città. Da sindaco tutelo il diritto di una mamma di portare a spasso il bimbo senza ritrovarsi davanti una donna nuda con le stelline sui capezzoli”. O una “parure” di forchette giganti su Ponte Vecchio, magari, cose che succedevano fino a pochi mesi fa.

PARCHEGGI&CO. Contrassegni di domicilio, cambiano le regole. Ztl, via libera per l’ospedale

Sosta, arriva l’abbonamento trimestrale. Novità per il centro storico

A

ltra tornata di cambiamenti per la sosta, dopo la rivoluzione di novembre, che ha portato la riduzione delle Zcs da 14 a 5. La prima e più rilevante novità riguarda gli abbonamenti per la sosta negli spazi promiscui (quelli a pagamento per i non residenti, gratis per chi lo è) che consente di sostare in una zona dove non si risiede: al mensile e all’annuale si aggiunge quello trimestrale. Cambia tutto, invece, per quanto riguarda il rilascio del contrassegno di domicilio per motivi di studio, lavoro o cure mediche, che in pratica equipara i domiciliati ai residenti. Se fino a ora erano esclusi da

questo diritto i residenti delle province di Firenze, Prato, Pistoia, Arezzo, Pisa e Siena, da oggi il rilascio avviene solo a chi abita a più di 40 km da Firenze, indipendentemente dalla provincia. Rimangono esclusi totalmente, dunque, tutti i comuni fiorentini e pratesi, mentre per gli altri i confini non corrispondono più a quelli provinciali (ad esempio il divieto sussiste anche per Castiglion de Pepoli, in provincia di Bologna). Perciò occhio alle distanze. Novità anche per chi risiede all’interno della Zcs1, ma non rientra di fatto nel Q1-Centro storico, un problema che riguarda alcuni ritagli

dei quartieri 2, 4 e 5. D’ora in poi per questi residenti sarà possibile parcheggiare liberamente anche nel proprio quartiere di riferimento. Sospiro di sollievo, infine, per chi deve raggiungere l’ospedale di Santa Maria Nuova con l’auto, per effettuare analisi o cure mediche. Finora, infatti, l’unico modo per arrivare all’ospedale senza incorrere in salate multe era passare da via Alfieri. Adesso, invece, “l’accesso è libero da tutti i varchi presenti in ztl B – assicura l’assessore Massimo Mattei - e questo già dall’autunno scorso”. C’era /F.P. stato solo qualche ritardo nella comunicazione.


politica

21

tRAsPORtI/1. Il 40% della società sarà messo all’asta questa estate tRAsPORtI/2. Dai sindacati al Pdl, il fronte del no

Ataf verso la privatizzazione ‘‘Il servizio deve “O si cambia o tutti a casa” rimanere pubblico’’ A

O

i privati o la morte. Lo ha detto a chiare lettere il presidente Filippo Bonaccorsi. “Se non apriamo a un partner industriale Ataf rischia di fallire entro 4-5 anni”. E vendita sia: il 40% delle quote sarà messo all’asta questa estate. Ci eravamo lasciati con l’azienda in pareggio per la prima volta dopo 52 anni, e ci ritroviamo con una che rischia il fallimento. La ragione sta nel vecchio parco macchine, che necessitano di essere urgentemente sostituite. Una prima tranche di vetture è già stata cambiata (54), ma ne mancano ancora due terzi e ognuna costa oltre 200mila euro. Impossibile pensare di rastrellare i 40 milioni necessari dai Comuni soci, già alle prese con conti esangui. Meglio far intervenire un privato, prima che sia troppo tardi, sostiene Bonaccorsi. In sostanza, Ataf sarà divisa in due aziende, una delle quali rimarrà pubblica, mentre l’altra farà capo a un privato (si è vociferato di Ferrovie dello Stato e di Ratp, già coinvolta nella gestione della tramvia). Di proprietà pubblica rimarranno solo gli immobili e i depositi, mentre i bus passeranno al privato, così come la gestione del personale. Che passerà da 1.400 a 1.100 dipendenti circa. Il primo “sfoltimento” si avrà già quest’anno, a suon di incentivi all’esodo, “tutti autofinanziati”, assicura Bonaccorsi. Da qui i timori dei sindacati e dei lavoratori stessi, scesi più volte in piazza contro la privatizzazione. Anche se, compresa nel pacchetto, ci dovrebbe essere una clausola sociale, in grado di garantire i livelli occupazionali fino alla fine del contratto. Chi partecipa alla gara dovrà inoltre met-

L’azienda verrà divisa in due: immobili e depositi resteranno pubblici, bus e personale no tere già nero su bianco un investimento di 10 milioni per il rinnovo dei bus. La contropartita? Sta nella gara unica per la gestione del Tpl in tutta la Toscana, messa in cantiere dalla Regione. Già l’anno prossimo il trasporto pubblico su gomma dovrebbe far capo a una sola azienda (o associazione temporanea di impresa o consorzio), un piatto appetitoso per un qualsiasi operatore del settore. La prospettiva, solo rimandata, è poi quella di integrare il servizio su gomma con quello su ferro, rendendo ancor più efficiente la macchina. Chi

il Presidente di

ataF FiliPPo bonaccorsi

entra in Ataf oggi, dunque, entra in Toscana domani. Basterà ad attrarre gli investitori? Molto probabilmente sì, e anche di un certo calibro. Non basta invece a rassicurare dipendenti e finanche i cittadini che dei bus ne usufruiscono ogni giorno, che già si sono visti “scippare” corse e pezzi di linee nei mesi scorsi. Che cosa succederà dando il servizio in mano a un privato? “Con la privatizzazione di Enel e Autostrade o della Sip non sono scomparse le autostrade, non viviamo al freddo e al buio e non facciamo i segnali di fumo per comunicare a distanza – ironizza il presidente Ataf – chi l’ha detto che il trasporto pubblico debba essere fornito esclusivamente da un’azienda pubblica? A Prato succede già, e circa un quarto dei servizi della stessa area fiorentina sono gestiti da Linea, che è per il 66% privata”. Insomma, non sempre pubblico è meglio. Ma lo è sicuramente per chi ci lavora. Basta mettere a confronto le differenze di contratto tra i dipendenti Ataf e quelli di Cap, Lazzi, Sita e la stessa Linea. La mensa, tanto per dirne una, è inclusa per gli uni ma non per gli altri, così come i trasferimenti sono compresi nel turno per Ataf e non per gli altri. Infine, chi lavora per le compagnie private deve essere a disposizione un’ora in più al giorno e matura una ventina di giornate libere in meno. Privilegi? Chi è abituato al traffico cittadino forse non è d’accordo.

desivi anti-Renzi, fischietti, palloncini color arancione-bus e scioperi. Le proteste made in Ataf hanno dato fondo a tutte le iniziative possibili per combattere l’annunciata privatizzazione. Tra cortei e volantini la città ha assistito anche a una biciclettata di protesta, guidata dalle rappresentanze sindacali. Ma fermare l’operazione vendita sembra quasi impossibile. La cosiddetta newco che sarebbe dovuta nascere dallo “spacchettamento” dell’azienda è già stata inserita nel Registro delle Imprese. “Fin dallo scorso dicembre”, spiega con sconforto il consigliere comunale Tommaso Grassi (Spini per Firenze). Ben prima, dunque, dell’annuncio ufficiale del presidente Filippo Bonaccorsi, ma soprattutto prima che il consiglio comunale stesso potesse consultarsi e discutere la faccenda nel

Il Consiglio è stato scavalcato, la newco era già stata registrata merito. “Queste decisioni spettano al consiglio comunale – ribadisce dai banchi dell’opposizione Marco Stella (Pdl) – vorremmo ricordare a Bonaccorsi che Ataf è una società interamente pubblica, partecipata dal Comune di Firenze, che detiene l’82% delle quote azionarie. Tale configurazione societaria impone che le scelte strategiche dell’azienda, e in particolare la vendita di quote azionarie, passino attraverso una decisione che deve essere presa dal consiglio”. Eppure non solo la società che dovrebbe andare in mano ai privati esiste già, ma è stato anche pubblicato un bando per individuare l’advisor a cui affidare la procedura, un’operazione che da sola costerà

la biciclettata di Protesta

90mila euro alle casse dell’Ataf. In assenza di qualsiasi atto ufficiale che indichi da parte del Comune di Firenze o degli altri soci la volontà di procedere allo spacchettamento. “L’amministrazione comunale – dichiara Grassi - ci aveva garantito che ancora nessun passo formale era stato fatto. Se fosse appurata un’illegittimità, il presidente Bonaccorsi ed eventualmente coloro che hanno autorizzato la scelta sostituendosi al consiglio dovrebbero rassegnare immediatamente le dimissioni”. Sotto accusa la giunta intera e in particolare l’assessore al bilancio Angelo Falchetti, che dell’operazione avrebbe dovuto essere a conoscenza e riferire nel Salone dei Duecento. Questioni burocratiche e politiche che in realtà poco o nulla interessano ai dipendenti Ataf, tra cui ormai serpeggia lo spauracchio dei licenziamenti. “Quando Sip è diventata Telecom i dipendenti sono passati da 120mila a 55mila – dichiara Alessandro Nannini dei Cobas – e andatelo a chiedere ai pendolari se sono stati penalizzati o no dalla privatizzazione delle Ferrovie. L’ingresso dei privati nei trasporti – continua – non ha mai portato benefici, ma semmai un peggioramento nella qualità del servizio e nelle condizioni di lavoro”. /F.P.

1124711

Francesca Puliti

E AL N O SI FES TE O N R E P ME N TA TA IO AZ PLE TUI M M RA OR INF CO G


22

internet

Maggio 2011

ON LINe. Flash mob, “cacerolazi” e biciclettate di protesta. Questo e molto altro su www.ilreporter.it

Mille e un video per (ri)vivere Firenze I PIÙ LETTI DEL MESE 1. Arrestato il proprietario dello Strizzi Garden. “Movimenti strani” 2. Puccini lascia Preziosi e prende Santamaria 3. Settimana della Cultura, tutti i musei gratis” 4. Sarah Jessica Parker a Firenze con i fashion blogger 5. Lady Gaga in concerto a Firenze?

C’

è una Firenze che si ingegna per farsi sentire. Per trovare il suo spazio, per lanciare un messaggio o semplicemente per far capire che ci sono altre strade, oltre a quelle solitamente battute. Così, ad esempio, succede che per dire no al processo breve un gruppo di cittadini decida di piazzarsi davanti al tribunale “armato” di pentole, posate e coperchi, per far sentire nel modo più rumoroso (e insolito) possibile la pro-

pria voce. O che alcune persone decidano di inforcare la bicicletta e portare “in sella” lungo strade e piazze la propria protesta o la propria rivendicazione. Che sia per dire no alla privatizzazione dell’azienda per cui si lavora (leggi Ataf) o per mostrare alla città che spostarsi sui pedali non è poi così impossibile, e che anzi traffico e inquinamento ne risentirebbero (ovviamente in positivo) se sempre più cittadini decidessero di fare questa scelta. E l’elenco è ancora lungo. C’è

I VIDEO PIÙ VISTI 1. La tramvia deraglia: sette feriti 2. Ecco spuntare la Renziparodia: l’imitazione in tv 3. Un’invasione sui pedali: un centinaio di bici sfida il traffico 4. Jovanotti arriva a Firenze e canta “verde” 5. Fiamme a Ponte a Niccheri, 6 camper distrutti infatti che si sdraia in piazza contro il nucleare e chi distribuisce adesivi alle strisce per sensibilizzare i conducenti delle auto sui pericoli che ogni giorno, in ogni città del mondo, corrono i pedoni proprio a causa del loro comportamento. Sprazzi di vita in città, momenti che gruppi di cittadini, enti o associazioni decidono di organizzare per rendere più forte il messaggio che vogliono lanciare. Che spesso rischia di avere poca (o addirittura nessuna, in alcuni casi) eco, se non uno sguardo sfuggente da parte di chi si trova a passare di là per caso. Anche per questo motivo, Il Reporter.it ha deciso di dare visibilità a questi momenti di vita cittadina, e con loro ai messaggi e alle richieste che vengono di volta in volta lanciati. In che modo? Pubblicando (all’indirizzo www.ilreporter.it) video e immagini di queste iniziative, “arricchendole” con le spiegazioni degli organizzatori sui motivi che hanno spinto a realizzarle e sugli obiettivi che si vogliono raggiungere. Perché è proprio attraverso i filmati, le immagini, le voci e i rumori che alcuni momenti della quotidianità di Firenze si possono documentare al meglio. Così, sul nostro portale tutti possono trovare (anche coloro che non hanno avuto la fortuna – o la sfortuna, dipende dai punti di vista - di viverle in prima persona) i video di queste iniziative. E farsi così una propria idea. Ma non solo: attraverso i filmati presenti su Il Reporter.it si può ad esempio fare un giro

TOP FIVE FOTO 1. Incidente mortale in viale Europa 2. Centrale della droga, in un bar 3. Santa Croce si trasforma in un palco pop 4. C’era una volta il West a Firenze... ora siamo amici 5. Ataf ai privati, spuntano gli adesivi anti-Renzi

(virtuale) su un risciò alla scoperta di Firenze, della sua storia e dei suoi segreti, o vivere in diretta (dall’11 maggio) l’avventura di un gruppo di patiti della bicicletta che ha scelto di pedalare per più di mille chilometri, dalla Germania alla città del Giglio, per lanciare il proprio messaggio. Ce la faranno? Collegarsi su www.ilreporter.it per scoprirlo.

SEGUICI SU:


24

Maggio 2011

religioni

L’INCHIESTA. Dal 2001 in via del Tagliamento c’è il centro culturale islamico. Ecco come vanno le cose

Moschea in città, il dibattito è aperto Alla scoperta del “modello Sorgane” Lisa Baracchi

S

e chiedi dov’è il “centro islamico” a Sorgane nessuno sa bene di che cosa si parla, bisogna specificare “moschea” e allora tutti sanno indicare quel tratto senza sfondo di via del Tagliamento dove si trova il cancello bianco della sede della comunità musulmana, che ha il fondo in affitto dal 2001. Il centro è sempre aperto, ma frequentato principalmente il venerdì e la domenica. Il dibattito sulla realizzazione o meno di una moschea a Firenze, adatta ad accogliere tanti fedeli, si è riacceso negli ultimi tempi. “Un luogo in cui si prega non può far paura”, sostiene il sindaco Matteo Renzi, ma “al momento non c’è un progetto, non c’è un’ipotesi di lavoro”

Il presidente del Q3 Ceccarelli: “Negli anni ci sono stati momenti di integrazione” e comunque, precisa il primo cittadino, “non ci sono spazi nel centro storico per farla, in questo momento”. Tra le proposte avanzate in città c’è anche l’idea di creare diversi luoghi di culto più piccoli, sparsi nei quartieri. Modello Sorgane? “Diciamo che le moschee, nei nostri Paesi d’origine, sono altra cosa – spiega sorridendo Lahjab, che si prepara alla preghiera del venerdì – ma qui c’è uno spazio riservato al culto all’interno del centro culturale. L’associazione si è trasferita a Sorgane dal locale che avevamo alle Cascine, che non era adatto a ospitare molte persone. Allora il Comune ci ha indicato questo spazio”. “Problemi con gli altri cittadini non ce ne sono, se si escludono alcune sporadiche proteste - spiegano dal cen-

l’entrata del

Centro Islamico

tro islamico del quartiere 3 – in particolare quelle di un signore che abita ai piani alti del palazzo accanto, che sembra proprio non accettare la presenza del centro islamico”. In strada c’è chi parla di un’iniziale diffidenza che il tempo ha poi spazzato via, c’è chi pensa che una moschea dovrebbe stare in un luogo più separato o che questa sistemazione non sia delle più decorose: un fondo per tanta gente che arriva da diverse parti della città. “A volte si sentono dei canti, ma fanno molta più confusione le radio di qualche vicino maleducato”, dice una signora, mentre un’altra ricorda di quando “abbiamo avuto paura”, durante i mesi del processo, terminato poi con l’assoluzione, di alcune persone che frequentavano il centro che furono accusate di associazione sovversiva con finalità di terrorismo internazionale. Un pensionato commenta caustico: “Ne abbiamo tante di chiese da queste parti...”. Al

di là delle opinioni, però, tutti qui ammettono che la convivenza è tranquilla, o al massimo è “indifferenza”. Per il presidente del Quartiere 3, Andrea Ceccarelli, Sorgane può essere considerato un esempio positivo di integrazione: “Non vedo perché no, veri problemi di convivenza non ci sono mai stati. Posso aver ricevuto lamentele per un po’ di confusione in più, litigi comuni a tutti i luoghi di incontro”. Racconta ancora Ceccarelli: “Ricordo che negli anni ci sono stati dei momenti di integrazione, come quella volta che abbiamo ripulito la collina di Sorgane con Legambiente e la sera c’è stata una cena con specialità italiane e cous cous preparato dalle famiglie nordafricane. Certo, ci potrebbero essere altre occasioni per condividere attività, penso ad esempio alle giornate degli angeli del bello, potremmo coinvolgere anche la comunità musulmana nella manutenzione e nel decoro del quartiere”. Conclude Ceccarelli: “L’accoglienza non è soltanto un discorso di rispetto dei diritti umani, ma anche di razionalità. Una buona amministrazione deve lavorare per integrare i vari gruppi, e non creare ghetti. Il resto è garantito dal diritto costituzionale”.

In strada c’è chi parla di un’iniziale diffidenza spazzata via dal tempo e chi pensa che servirebbe un luogo più separato o che questa sistemazione non sia delle più decorose. “Non ci sono problemi con gli altri cittadini”, assicurano dalla comunità musulmana


CONCESSIONARIA PUBBLICITÀ MULTIMEDIALE

in continua crescita per potenziamento della propria struttura commerciale de nell’area di Firenze e Valdarno RICERCA n° 1 ambosesso max 40 anni, automunito, con esperienza di vendita, residenza Firenze, Valdarno e limitrofi, ottima presenza, attitudine al lavoro in team e al raggiungimento di obiettivi. OFFRIAMO:

Periodo di formazione bimestrale retribuito con € 800 mensili, successivamente interessante anticipo provvigioni, commisurato ai risultati, premi a raggiungimento obiettivi, inquadramento Enasarco, inserimento in un’azienda giovane e in continuo sviluppo che permette ottime e concrete possibilità di crescita professionale ed economica.

Inviare curriculum via fax allo 055 6822334 oppure via mail a “segreteria@webandpress.it” citando il Rif.to RE02


26

ieri&oggi

Maggio 2011

curiosità. Arrivano da Borgo le bandierine che sventolavano al matrimonio di William e Kate

Un po’ di Mugello alle nozze dell’anno A produrre i vessilli è un’azienda che ha sede a La Torre, e che da mezzo secolo esporta i suoi prodotti in mezzo mondo. Anche quando a dire sì furono Carlo e Diana i gagliardetti venivano da qui Giulia Righi

N

on è stato proprio uno di quei matrimoni all’insegna della sobrietà, diciamo. Il clamore, lo sfarzo e la processione di sudditi inglesi che hanno accompagnato le nozze del principe William con la neoconsor-

William

e

Kate

te Kate Middleton hanno avuto un’eco mediatica decisa. E, del resto, sarebbe stato strano il contrario. C’è di buffo però che in quelle nozze c’era anche un pezzo di Mugello. Anzi, trecentomila pezzettini per l’esattezza. Perchè le bandierine con la Union

Jack che i sudditi inglesi sventolavano allegramente nel corteo nuziale che ha accompagnato gli sposini all’altare arrivavano dritte da Borgo San Lorenzo. Dalla zona industriale La Torre, per l’esattezza. E a realizzarle è stata un’azienda che di mestiere produce proprio vessilli, stendardi, pennoni. Si tratta della Robermap bandiere, realtà imprenditoriale nata mezzo secolo fa a San Piero a Sieve e che oggi manda in giro per mezzo mondo le sue creature: “Per il matrimonio di William e Kate ne abbiamo realizzate circa 300mila – spiega la titolare, Roberta Cresci – Ma per noi, in fondo, si trattava di un lavoro normale: siamo abituati a lavorare con la Gran Bretagna. Per il matrimonio di Carlo e Diana, ad esempio, il lavoro fu davvero enorme e frenetico, perchè allora si trattava di bandiere con le loro facce stampate”. Questa volta, invece, alla fine si è trattato di ordinaria amministrazione, anche se a immaginarsele, trecentomila bandierine che svolazzano Oltre-

manica, sembrano davvero una miriade. E anche se i ritmi sono stati abbastanza serrati, perchè fra l’ordine e la consegna sono passati pochi giorni. Ed è buffo anche pensare che quest’arsenale di vessilli ha dietro il lavoro di sole quattordici persone, tutte facenti capo alla Robermap. “Siamo abituati a lavorare con i grandi numeri e per il mercato estero, che assorbe la metà della nostra produzione – continua la titolare – anche perchè ci occupiamo anche di decorazioni e addobbi per le coreografie, e quindi abbiamo spesso a che fare con il

mondo calcistico straniero”. Certo i momenti di frenesia ci sono, e ci sono in quelle occasioni in cui le bandiere diventano dei veri e propri must: “Ne abbiamo prodotte tantissime della pace – continua Roberta Cresci – ma anche per i mondiali e, ultimamente, per l’Unità d’Italia”. Da Borgo questi vessilli arrivano dritti a rivenditori sparsi in tutta Italia e all’estero (“abbiamo altri ordini importanti” annuncia la titolare della Robermap) ed è stato proprio quello il percorso che li ha portati a festeggiare la fede al dito di William e della bella Kate.


ieri&oggi

27

L’APPuNtAMeNtO. Il 17 marzo è alle spalle, ma gli italiani sembrano averci preso gusto

E il centro commerciale diventa tricolore Eugenio Massai

F

ratelli d’Italia, l’Italia s’è desta. E continua a festeggiare la sua unità. Nonostante il 17 marzo (giorno in cui ricorreva il 150esimo anniversario della proclamazione ufficiale del Regno d’Italia) sia ormai alle spalle, gli italiani sembrano averci preso gusto. Così, sono ancora molte le bandiere tricolori che sventolano da balconi e finestre, ma non solo. Il tricolore, infatti, continua a farla da padrone nei luoghi e nei modi più disparati. Se i negozi, ad esempio, continuano a vendere prodotti a tema, e molte vetrine a ricordare l’importante “compleanno” con allestimenti d’eccezione, un intero centro commerciale è sul punto di tingersi di bianco, rosso e verde. Succede a Campi Bisenzio, dove dal 16 maggio al 5 giugno I Gigli celebreranno i propri 14 anni di vita all’insegna del Tricolore. Le iniziative in programma sono molte, e saranno caratterizzate da tre aree cromatiche: quella verde dedicata all’ambiente, quella bianca dedicata al volontariato e quella rossa relativa agli eventi. Il tutto nel nome dell’Italia unita. Così, ad esempio, dal 30 maggio al 5 giugno è in programma “Volentieri Volontari”, evento che chiamerà a raccolta per un progetto comune le più importanti associazioni di volontariato nazionali e locali. Ma spazio anche all’intrattenimento, con un ricco programma che culminerà sabato 4 giugno con il tradizionale taglio della torta per i 14 anni del centro commerciale: madrina dell’evento Miss Italia in carica, che presenzierà anche alle selezioni del concorso. Ma (purtroppo) di non sola bellezza è fatta l’Italia. E tra i temi di cui si è parlato maggiormente, e a più riprese, negli ultimi tempi c’è quello dei rifiuti. Perché se qui da noi va tutto bene, a qualche centinaio di chilometri di distanza (leggi Napoli) la situazione è drammaticamente

diversa. Anche per questo è da segnare con l’evidenziatore un altro appuntamento in programma ai Gigli: dal 16 maggio al 5 giugno in Corte Lunga si terrà “Il Castello del Riciclo”, iniziativa promossa da Corepla, il Consorzio nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclaggio dei rifiuti di imballaggi in plastica, che vuol sensibilizzare i cittadini sulla gestione dei rifiuti e sul loro recupero. Dopo essere stato in Sicilia, Campania ed Emilia Romagna, il “Castello” (ideato per i più piccini) sbarcherà ora a Campi Bisenzio, insieme a un gruppo di anima-

trici ed educatrici professioniste che racconteranno ai piccoli il ciclo di vita della plastica, illustrando con esempi concreti l’importanza della raccolta differenziata e spiegando loro come, con piccole azioni quotidiane, sia possibile aiutare l’ambiente. E non mancheranno nemmeno opportunità di informazione per gli adulti. Insomma, sono in programma “sia momenti di intrattenimento per festeggiare l’anniversario del Centro con iniziative dedicate al 150° dell’Unità d’Italia, sia speciali attività didattiche e di pubblica utilità su alcuni temi

di rilevanza sociale, fra cui quello della sostenibilità ambientale”, spiega il direttore Alessandro Tani. Il tutto senza dimenticare servizi e possibilità che I Gigli offrono normalmente, dalla personal shopper (per non sbagliare più nemmeno un acquisto) agli spazi dove far giocare i bambini mentre i “grandi” si dedicano alle compere, fino alla possibilità di vedere le partite del campionato di calcio e non solo sul maxischermo. Sempre immersi tra il bianco, il rosso e il verde. Perché, cari Fratelli, l’Italia ormai s’è proprio desta.

Non si fermano gli eventi per celebrare i 150 anni dell’unità del Belpaese: a Campi Bisenzio I Gigli si tingono di bianco, rosso e verde in occasione della ricorrenza. E arriva anche un’iniziativa per sensibilizzare grandi e piccini sul tema dei rifiuti

1180299


28

focus

Maggio 2011

dOssIeR/1. Vantaggi e svantaggi della minoranza che ha scelto di fare il viaggio “inverso”

Noi, pendolari controsenso Storie di chi esce dalla città Ludovica V. Zarrilli

T

ra chi va e chi viene c’è sempre chi continua a muoversi in direzione ostinata e contraria. Sono i pendolari in uscita da Firenze, quelli che invece di spostarsi - per motivi di studio o lavoro - dai dintorni della città verso il capoluogo, si muovono nel senso opposto: dall’interno verso l’esterno. E ben nascoste nei sottoinsiemi di questa categoria in controtendenza esistono due scuole di pensiero che cambiano in continuazione a seconda della destinazione e del mezzo utilizzato. Non tutti i viaggiatori che appartengono a questo gruppo - sono circa 30mila le persone che tutti i giorni si muovono da Firenze - vivono infatti i disagi perpetui di chi arriva in città trafelato tutte le mattine. Prendiamo il caso di Michele, giovane agronomo che dalla città del giglio si sposta verso Tavarnelle. “Fino a qualche anno fa lavoravo in centro, in via dei Serragli, e per raggiungere il mio ufficio impiegavo

mezz’ora tutte le mattine”. Il paradosso è che oggi percorre più di trenta chilometri e il tempo che passa in macchina non è cambiato molto. “Sembrerà strano, ma anche adesso non impiego più di trenta minuti. Con la differenza che prima li passavo nel traffico, mentre oggi trovo la strada sgombra e riesco a passare da scorciatoie e stradine meno battute che mi permettono di accorciare notevolmente il tragitto in auto. La vita del pendolare controsenso non è male”. Certo, non si può pretendere che sia tutto rose e fiori: “La sera vivo un po’ più di disagio perché, dovendo tornare verso Firenze, brucio quell’oretta che se fossi stato in città avrei investito per fare un salto in palestra, visitare una mostra o magari fermarmi a prendere un aperitivo con gli amici. Anche perché al ritorno la strada è un po’ più congestionata, e i trenta minuti lievitano fino a quaranta”. Diverso il punto di vista di chi non viaggia su gomma ma si affida alla sorte scegliendo il più ecologico treno, come Alessio Bottini, professione studente, che per raggiungere Prato, dove ha sede il corso di laurea che frequen-

ta, si imbatte quotidianamente in una serie di disagi che trasformano in un’epopea uno spostamente di venticinque minuti. “I treni in ritardo sono una consuetudine, si fermano alla stazione almeno dieci minuti dopo l’orario previsto e poi c’è quasi sempre da combattere con i distributori automatici di biglietti, spesso fuori servizio”. In condizioni normali il viaggio da Firenze alla stazione di Prato dovrebbe durare 45 minuti, giusto il tempo di prendere la tramvia sotto casa, scendere a Santa Maria Novella, salire sul primo locale che viaggia in quella direzione (ce n’è uno ogni dieci minuti), leggere qualche pagina di un libro e scendere a destinazione. “Invece i ritardi si sommano ai ritardi. Non si può mai sapere quando si arriva. Ecco, hanno appena annunciato che il mio treno arriverà non ora ma tra 10 minuti...”, racconta in diretta Alessio, che abbiamo raggiunto al telefono mentre rientra dall’università. L’intervista finisce, ci salutiamo. Passa qualche istante e arriva un sms: “Per la cronaca, il ritardo è già lieviato a trenta minuti”.

C’è chi si gode l’assenza del traffico e chi sfida la sorte lottando con treni mai puntuali, autobus stracolmi e gente perennemente arrabbiata. Alla scoperta del piccolo “esercito” che ogni giorno si muove per studio o lavoro

in attesa del treno

(Foto

di

giusePPe della maria)

FILIPPO Studente, 22 anni

ANDREA Studente, 23 anni

ELENA Studentessa, 24 anni

“Certi treni sono proprio scomparsi”

“Disagi per chi ha lezione sul tardi”

“Una vita dai ritmi stressanti”

“Spesso uso Santa Maria Novella come stazione di scambio tra due linee, ma con i continui ritardi che ci sono succede di perdere la coincidenza e quindi di ritardare agli appuntamenti, a volte anche più di un’ora. Con l’arrivo dell’Alta velocità la situazione è peggiorata ancora: certi treni sono proprio scomparsi”

“Per metà mattinata, più o meno nella fascia oraria che va dalle 9.30 alle 11.30, mancano completamente treni per Firenze. Anche questo è un bel disagio per gli universitari che hanno lezione in tarda mattinata: a quel punto, per non arrivare tardi, siamo costretti a prendere gli affollatissimi treni del primo mattino”

055 200.13.26 Il primo taxi tutto al femminile

“Quella del pendolare non è una vita dai ritmi facili da sostenere, chi non lo ha mai fatto difficilmente può capire. L’affollamento delle carrozze e i ritardi sono i problemi più comuni. Certe mattine preferisco prendere la macchina per non essere vincolata agli orari dei treni, ma il traffico a volte riesce ad essere ancora più stressante”

L’unica donna che non ti fa aspettare www.intaxifirenze.it


focus

29

dOssIeR/2. Sono oltre 106mila le persone che si spostano quotidianamente verso il capoluogo

Quelli che Firenze la vivono “part time” Andrea Tani

U

n esercito, una minoranza silenziosa di fiorentini part-time, che dalle 6 del mattino iniziano a popolare la città per poi lasciarla nel tardo pomeriggio. E così via, tutti i giorni. Il pendolarismo verso Firenze è una regola di vita per più di 106mila persone. Sveglia, colazione e partenza per un viaggio di almeno 30 minuti che, in molti casi, dura più di un’ora. Arrivano in parte dai comuni confinanti o dal territorio provinciale, ma anche, in circa 30mila, da fuori provincia. Un terzo di loro lo fa per studio, gli altri per lavoro (ma la forbice si assottiglia per chi abita in altre province: 44 per cento di studenti contro il 56 per cento di lavoratori). I più vicini vengono da Impruneta, Bagno a Ripoli, Scandicci, Fiesole, Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio. Allargando il campo sono i pendolari di Prato i più numerosi, seguiti da quelli di Arezzo e Pistoia a pari merito. Ma come arrivano a Firenze? Autobus e mezzi privati sono alla portata di chi ha pochi chilometri da percorrere, ma a farla da padrone è il treno, scelto dalla metà dei pendolari e dalla stragrande maggioranza di chi arriva da lontano. I quasi 1.700 chilometri di binari toscani si annodano tutti intorno alle tre principali stazioni di Firenze, facendone uno dei primo otto poli ferroviari in Italia. Santa Maria Novella è il capolinea della “direttissima” Firenze-Roma, utilizzata dai pendolari di Arezzo e

FILIPPO Impiegato, 25 anni

SIMONE Studente, 25 anni

MAURIZIO DA RE Comitato pendolari

“In migliaia in viaggio ogni giorno”

“Non mi spiego il costo del biglietto”

“Portiamo avanti tante battaglie”

“Non sono un pendolare in senso stretto, ma mi capita comunque di andare a Firenze in treno o in auto più volte a settimana, quindi capisco bene i disagi di cui tanto si parla. Migliaia di persone si mettono in viaggio ogni giorno non per gite di piacere ma per dovere, per lavorare. Non devono essere trascurate”

INFISSI IN PVC A 5 CAMERE INFISSO in pvc doppia anta con ribalta-vetri isolanti termici ed acustici su misura, varie colorazioni, solo esempio porta finestra (2 ante) 220cmx110cm

del Valdarno, così come delle ferrovie che fanno sosta a Borgo San Lorenzo: la (tristemente) nota “Faentina” e la linea che devia su Pontassieve prima di puntare verso il capoluogo. La stazione di Firenze Rifredi è invece il riferimento per chi parte da Pisa (o addirittura da Livorno) e prosegue per Empoli (punto di raccordo con la problematica Ferrovia centrale italiana, unico collegamento con Siena), oltre che per i treni in partenza da Lucca e dalla Versilia, che si intersecano poi nelle linee di Pistoia e Prato. Una vita per niente facile. Continui ritardi, carrozze sovraffollate, vagoni obsolescenti e sporchi, treni sempre meno numerosi e informazioni spesso approssimative a bordo e in stazione. Sempre le stesse lamentele, ormai ben note anche a chi un treno non l’ha mai preso, segno che negli anni niente è cambiato. Eppure i pendolari ci provano in ogni modo a farsi sentire. I comitati nascono come funghi: ce ne sono ad Arezzo, a Pisa, nel Valdarno, a Prato e nel Mugello, e con l’esplosione dei social network hanno acquistato potere e popolarità. Facebook è pieno di bacheche dedicate, con segnalazioni, testimonianze e foto che documentano in tempo reale tutti i disservizi. Sempre più spesso i vari portavoce vengono invitati a sedere ai tavoli decisionali, e qualche conquista è arrivata. Ma essere pendolare significa ancora dover affrontare una gincana giornaliera difficile da capire fino in fondo per chi non ne ha esperienza e, nonostante ciò, necessaria per una fetta importante del tessuto economico e sociale fiorentino.

esempio finestra (2 ante) 150cmx110cm

€1116 €710 €595 €450 PROROGATA DETRAZIONE FISCALE AL 55% FINO AL 2012

ZANZARIERE DA €60mq

“Al di là di ritardi, treni cancellati, continui malfunzionamenti agli impianti dell’aria condizionata, ciò che non mi spiego è il prezzo del biglietto: quasi 9 euro per fare andata e ritorno su un tratto di poco più di 40 chilometri mi pare esagerato. In più la maggior parte delle volte il controllore non passa nemmeno perché non riesce a muoversi fra la gente in piedi”

PORTE IN LEGNO TAMBURATE STANDARD • rifiniture in vari colore • completa di maniglia standard • in laminato

€395 €280 +iva Compreso trasporto più montaggio

• A MOLLA • A CATENELLA • COLORI STANDARD • MINIMO FATTURABILE 1.50M

Show-room: Via F. Martini, 10/R

Tel. 055 6121802

1094546

“Maggiore puntualità negli orari, treni regionali nuovi in aggiunta a quelli attuali, conferma dell’uso della linea ‘Direttissima’, allargamento dei parcheggi alle stazioni, sicurezza nella galleria di San Donato. Sono queste le battaglie principali che il Comitato pendolari Valdarno ‘Direttissima’ sta portando avanti da quando è nato, quasi due anni fa”

FINESTRE E PORTE IN ALLUMINIO • TAGLIO TERMICO A partire da

€ 320 al mq

• TAGLIO FREDDO A partire da

€ 290 al mq

INFERIATE IN FERRO

CANCELLI ESTENSIBILI ZINCATO

• Per finestre e porte • Su misura • Varie tipologie fisse o apribili • Con serratura di sicurezza a partire da

• su misura esempio 120x160cm

€290

€340 €250/mq

COMPRESO TRASPORTO E MONTAGGIO

PERSIANA IN ALLUMINIO stecca fissa (o orientabile) in colori base su misura

A partire da

€ 280 mq

PAGAMENTO A RATE

PORTONI BLINDATI (1 ANTA) DETRAIBILI FISCALMENTE DEL 55% - pannelli fronte / retro lisci - cilindro doppia mappa - limitatore di aperture - classe 3 trasporto + montaggio inclusi

€1.380-55%=

€ 621

+ iva al 10%


30

il punto

Maggio 2011

AttuALItà/1. I clienti dei ristoranti nipponici di Firenze sono diminuiti, in alcuni casi del 40 per cento

Il sushi in crisi dopo il dramma giapponese All’indomani della catastrofe nucleare di Fukushima c’è stata una notevole flessione. “Le persone sono spaventate, ma gli ingredienti dei nostri piatti non provengono da quella terra” Giulia Righi

L

a paura è capace di fare grandi danni. E il fantasma della catastrofe nucleare che ha colpito il Giappone è volato fin sulle tavole dei ristoranti giapponesi di Firenze. Lo dicono all’unisono i ristoratori nipponici, senza nemmeno girarci troppo intorno: gli affari, dall’11 marzo scorso, hanno subito un brusco calo. Ci sono meno clienti, e molto spaventati. Terrorizzati all’idea di mettere in bocca cibo contaminato dalle radiazioni, in cerca di rassicurazioni sulla provenienza degli alimenti. “Una flessione c’è stata, eccome – spiega il titolare di Kome, in via de’ Benci – è difficile fare una stima precisa, ma probabilmente questo calo si aggira intorno al 15 per cento. E tutti i clienti ci chiedono da dove vengono i prodotti, perchè specialmente all’indomani della catastrofe c’è stato un allarmismo ingiustificato. Di fronte a un dramma vero come quello del Giappone e del suo popolo, ci siamo preoccupati di un problema inesistente: i prodotti alimentari utilizzati nei ristoranti giapponesi non sono assolutamente importati da quella terra”. E, a onor del vero, va aggiunto che il Sol Levante è, piuttosto, un grande importatore di prodotti europei, specialmente di produzioni ittiche fresche e congelate. “Giusto per fare qualche esempio – prosegue il proprietario di Kome – la birra viene prodotta in Inghilterra e Russia, e il riso che usiamo per il sushi a Vercelli. E il pesce non viene certo acquistato in Giappone, ma in vari paesi europei e non: i gamberi vengono dal Canada, ad esempio, mentre il salmone è solitamente d’allevamento”. Parole molto simili arrivano da

Wabi Sabi, locale di viale dei Mille e da Pingusto, che ha aperto da poco in piazza Ghiberti e che rincara la dose: “Abbiamo notato una flessione notevole, intorno al 40 per cento. Vero è che siamo aperti da soli tre mesi e quindi forse il nostro è stato un calo fisiologico dopo il boom iniziale. Per rassicurare i clienti abbiamo affisso alcuni cartelli che spiegano la provenienza dei singoli alimenti”. Ma – e lo assicura una nota del Ministero della Salute – quelli sull’importazione sono timori davvero infondati, perchè dall’11 marzo ad oggi non sono arrivati in Italia prodotti o mangimi di origine animale (pesci compresi) provenienti dal Giap-

Abbiamo deciso di appendere alcuni cartelli che spiegano da dove importiamo i prodotti pone. Di più, come misura cautelativa, è stato deciso di aumentare i controlli alle frontiere. Eppure le paure restano, l’incubo Chernobyl si fa ancora sentire e probabilmente lo farà ancora per un po’: l’unica voce fuori dal coro è quella del ristorante Eito di via de’ Neri, che parla di una flessione tutto sommato irrilevante. E qualcuno vede segnali di (timida) ripresa: “Forse adesso la situazione sta un po’ migliorando – spiegano da Tomo Sushi, in via Pratese – sembra che i clienti ricomincino a tornare”.

un Piatto tiPico

L’INTERVISTA

LA RUBRICA DELL'AVVOCATO

Parla Giovanna Zatelli, fisico sanitario della Asl 10

LA FEDELTA’ CONIUGALE

A

“Nube tossica? Come le banane”

A CURA DI GUGLIELMO MOSSUTO Avvocato in Firenze

Marito e moglie hanno l’obbligo reciproco della fedeltà. Lo stabilisce l’art.143 del codice civile quando disciplina gli obblighi nascenti dal matrimonio. L’infedeltà coniugale è una violazione particolarmente grave del vincolo matrimoniale per la morale, ma soprattutto per il diritto e determina, nel 100% dei casi, l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza. L’infedeltà coniugale, quindi, costituendo una regola di condotta imperativa è una circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge responsabile, sempre che quella infedeltà sia la causa sola e principale della crisi coniugale. Quest’ultima condizione, nel corso dell’eventuale giudizio di separazione, è oggetto di un accertamento particolarmente rigoroso da parte del giudice; accertamento che necessariamente comporta una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi. Vi chiederete allora quando si considera violata la fedeltà coniugale. La giurisprudenza maggioritaria interpreta il relativo obbligo non nei termini negativi di astensione da rapporti sessuali con terzi, bensì nei limiti positivi della reciproca dedizione fisica e spirituale tra coniugi. Dunque, affinché possa dirsi violato l’obbligo di fedeltà è sufficiente che il coniuge responsabile abbia intrattenuto rapporti con un’altra persona che, secondo la valutazione sociale, siano intollerabilmente lesivi dell’esclusività del vincolo matrimoniale. Che cosa vuol dire tutto questo? Quando viene lesa questa esclusività?

La Cassazione da sempre ritiene che la relazione del coniuge con un estraneo che dia luogo a plausibili sospetti di infedeltà, sebbene non si sostanzi nell’adulterio, offende l’onore e la dignità dell’altro coniuge. Dunque, anche la semplice apparenza di infedeltà può costituire un motivo valido per chiedere la separazione e la sua addebitabilità al coniuge che ne è responsabile. Recentissimamente, con una sentenza dell’8 novembre (n.22677/2010) la Corte di Cassazione ha inflitto l’affondo finale interpretando la rilevanza dell’obbligo di fedeltà ancora una volta in maniera particolarmente rigorosa. La Corte, nel respingere il ricorso, ha confermato la sentenza con cui la Corte di Appello di Bologna dichiarava l’efficacia della sentenza di nullità del matrimonio emessa dal Tribunale ecclesiastico in virtù dell’accertata esclusione da parte della moglie dell’obbligo di fedeltà. Obbligo che nel codice canonico è uno dei c.d. bona matrimonii. Ebbene, con questa sentenza la Suprema Corte, in coerenza con la tesi dell’apparenza ostentata, ha ritenuto nullo il matrimonio per il solo fatto che la moglie aveva palesato al marito di non ritenere importante la fedeltà, nonostante che non avesse mai frequentato altri uomini. Per tale via e solo per aver teorizzato o ipotizzato la propria infedeltà nei confronti del marito la moglie può perdere il diritto all’eventuale assegno di mantenimento. L’ostentata apparenza può sembrare un eccesso interpretativo, in realtà con essa la Corte di legittimità intende tutelare i valori dell’onore e della dignità personale del coniuge oltraggiato che possono essere offesi anche dalla sola parvenza del tradimento.

avvocatomossuto@tin.it

1133671

nche a Firenze si è fatto un gran parlare del rischio “nube tossica” e, nei giorni successivi alla catastrofe di Fukushima, la psicosi di respirare i famigerati iodio131 e cesio 137 si era diffusa anche sulle rive dell’Arno. Errore: “La dinamica della fuoriuscita di materiale radioattivo da Fukushima è stata molto particolare – spiega la dottoressa Giovanna Zatelli, fisico sanitario della Asl 10 – la dispersione è stata soprattutto in mare, e per questo l’entità della dispersione è stata di un decimo rispetto a quella di Chernobyl”. Allora infatti, ci fu “l’effetto camino”, perchè tutto nacque da un incendio e il flusso di aria contaminata raggiunse gli strati alti dell’atmosfera. Gli allarmi sulla qualità dell’aria oggi, invece, sono infondati: la situazione era peggiore negli anni ‘70, all’epoca dei test nucleari. Di più: “Ricordiamoci che in natura è presente una quota di radioattività non generata da processi artificiali, fisiologica. Pensiamo alle banane, che contengono un isotopo del potassio, il potassio 40, che è radioattivo. Ecco, diciamo che non ci si allontana troppo dal vero se si dice che la quantità di radioattività arrivata da noi è pari a quella a

cui ci esponiamo mangiando dieci banane”. Ah. Lo stesso discorso vale per i viaggi in aereo: “Anche quando voliamo siamo più esposti rispetto a quando ci troviamo al livello del mare. Ecco, in questo senso possiamo dire che gli strascichi arrivati in Italia da Chernobyl equivalgono a dieci viaggi di andata e ritorno a San Francisco”. I moti di terrore, insomma, sono fuori luogo. E lo stesso discorso vale per gli alimenti. La dottoressa Zatelli conferma infatti che “l’intera Unione europea opera controlli quando i prodotti vengono sdoganati e ci sono monitoraggi a livello ministe/G.R. riale”.


il punto

31

AttuALItà/2. Aumentano i cittadini che scelgono di coltivare in proprio frutta e verdura

E contro le paure spuntano gli orti fai da te In commercio si trovano anche kit già pronti. Tra le specie più semplici da “addomesticare” la lattuga, il pomodoro ciliegino e la calendula Serena Wiedenstritt

D

ice la Coldiretti che con l’arrivo della primavera quasi quattro italiani su dieci escono all’aperto in orti, giardini e terrazzi e iniziano a impegnarsi nella coltivazione “fai da te” di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine e melanzane, ma anche di piselli, fagioli, fave e ceci da raccogliere all’occorrenza. Coldiretti, che si affida all’ultimo rapporto sul tempo libero dell’Istat, secondo cui il 37 per cento dei cittadini italiani dedica parte del tempo libero al giardinaggio e alla cura dell’orto, precisa che non si tratta solo di chi dispone di ampi spazi all’aria aperta: l’orto fai da te è diventato prerogativa anche di chi ha un semplice terrazzo, grazie all’ampia offerta di piante adatte alla coltivazione in vaso. D’altronde, come sostiene il paesaggista e botanico Gilles Clément, recentemente intervenuto a Firenze nell’ambito di un’iniziativa della Fondazione Florens, il giardino deve essere in movimento, inteso come uno spazio in cui la natura non sia assoggettata e soffocata dalle briglie di un progetto, di uno schema preconfezionato. Quindi, perché non portare un po’ di sana anar-

chia delle piante sul balcone? Un invito a nozze anche per chi non ha ancora scoperto il proprio pollice verde. Ma veniamo alle istruzioni di base per chi vuol cimentarsi nell’avventura di coltivare frutta e verdura in terrazza. Si può iniziare con la “ricetta” più semplice, consistente nel creare un mini-orto sul balcone con quattro vasetti di verdurine semplici da coltivare: in commercio si trovano anche kit già pronti per la semina, in genere comprendono semi di pisello rampicante, lattughina da taglio, pomodoro ciliegino e calendula. Altrimenti, sempre restando in uno spazio ridotto, si può aumentare la varietà, a patto che si metta in conto di aumentare anche il tempo da dedicare al proprio hobby. In questo caso è bene optare per piante rampicanti, come pomodori perini o da insalata, melanzane, peperoni, piselli, fagioli e fagiolini, ortaggi da foglia, come lattughe e cicorie, a foglia verde oppure rossa, oltre a cipolle, scalogno, aglio e carote, che maturano sotto terra. Per finire, gli esperti consigliano di riservare anche un piccolo spazio alle fragole, che faranno la felicità dei golosi e dei più piccoli, e agli aromi (basilico, sedano, prezzemolo

normale e riccio, salvia ed erba cipollina). Oltre a scegliere il prodotto, però, è fondamentale tener presente l’esposizione del balcone, perché le piantine necessitano di una buona dose di luce e calore per crescere bene, e il tipo di terra, che

dovrebbe essere prelevata da un campo incolto di campagna e arricchita da concime organico. Il passo successivo è comprarsi un buon libro di ricette, per valorizzare al meglio in cucina i frutti del proprio lavoro.

CURIOSITÀ Dal 1999 l’associazione Lailac promuove corsi di tutti i tipi su usi e cultura dell’estremo oriente

Là, dove si impara a cucinare come nel Paese del Sol Levante

U

n angolo di Giappone a Firenze. È quello che Lailac, l’associazione fondata nel 1999 da un gruppo di amici giapponesi e italiani con lo scopo di diffondere la cultura giapponese in Italia, ricrea con corsi, iniziative e una forte presenza in città. Lailac, infatti, organizza annualmente corsi di lingua, cucina e danza giapponese, cerimonia del tè, origami e massaggio shiatsu. Ma non solo: grazie alla collaborazione di maestri volontari giapponesi, l’associazione insegna anche altre arti nipponiche, come la scrittura Shodo, la decorazione floreale Ikebana e la tintura tradizionale Yuzen. “I corsi sono frequentati soprattutto da italiani appassionati

del Giappone”, spiegano dall’associazione, aggiungendo, con una certa soddisfazione, che “le manifestazioni che organizziamo sono seguite in tutta Italia”. L’appuntamento più importante, quello da non perdere, è il Festival giapponese, che dal prossimo anno conta di trasferirsi alla Fortezza da Basso per diventare un vero e proprio Japan Expo: “Il Festival giapponese è arrivato questo novembre alla tredicesima edizione e, visto che il ciclo dei 12 anni dei 12 segni zodiacali orientali è terminato – spiegano dall’associazione – la prossima edizione darà inizio a un nuovo ciclo. Per iniziare cambieremo sede e anche aspetto”. Tante novità, quindi, tutte

da scoprire sul sito www.lailac.it. Intanto, si possono già segnare in agenda i prossimi appuntamenti per conoscere il Giappone a Firenze: primo fra tutti, a inizio maggio, la presenza alla Mostra dell’artigianato alla Fortezza da Basso con uno stand in cui, oltre alla vendita di oggetti e prodotti giapponesi, sono previsti momenti di intrattenimento e piccoli eventi. In programma anche una serata giapponese al cinema Odeon e una alla discoteca Tenax, oltre ad appuntamenti fuori città in collaborazione con il Comune di Pistoia e iniziative per la raccolta di fondi per la popolazione devastata da /S.W. tsunami ed emergenza nucleare.


32

tempo libero

Maggio 2011

NAtuRA. Come ogni anno, riaprono i battenti i “templi” fiorentini delle rose e dell’iris

Maggio, scocca l’ora dei giardini a tempo I due gioielli, incastonati tra il Piazzale e San Niccolò, tornano a essere visitabili con le loro migliaia di varietà di fiori. Dal 9 al 14 in scena il Premio Firenze Rosaria Zanieri

D

a questo mese è possibile visitare il giardino delle rose e quello dell’iris, due veri e propri gioielli di casa nostra incastonati tra il Piazzale e il quartiere di San Niccolò. Il giardino delle rose - che sorge su un terreno suddiviso in terrazzamenti - vide la luce negli anni di Firenze capitale d’Italia, e fu inaugurato nel maggio del 1895 durante la Festa delle Belle Arti e dei Fiori. Tra le sue terrazze sono coltivate un migliaio di varietà botaniche e circa 350 specie di rose antiche, alcune delle quali risalenti addirittura al 1500. Nel 1998 il parco è stato arricchito con un nuovo spazio, un’oasi Shorai, creata dall’architetto giapponese Yasuo Kitoyama e donata a Firenze dalla città gemellata di Kyoto e dal tempio Kodai-ji. In tempi recenti si è poi provveduto a potenziare la sicurezza all’interno del parco, a realizzare nuovi impianti di irrigazione e di illuminazione e ad arricchirlo con una fontana in terracotta donata dalle fornaci storiche dell’Impruneta. Oltre alle numerose varietà di rose, nel giardino sono conservate anche bellissime piante di limoni provenienti dal centro America, che sono accolte, durante l’inverno, in una serra utilizzata poi anche per esposizioni di pittura. Nel periodo di apertura al pubblico, dal 1° maggio fino al 31 luglio, il giardino è visitabile gratuitamente tutti i giorni. Il giardino dell’iris appartiene invece alla Società italiana dell’iris, ed è nato nel 1954 come sede ideale per il Premio Firenze, un concorso internazionale ideato con l’intento di creare un esemplare scarlatto, simile a quello presente sul gonfalone della città dal 1251. Ogni anno vengono premiate, con un Fiorino d’oro, le migliori varietà del fiore più fiorentino che ci sia. Un premio speciale è poi assegnato (in omaggio al simbolo del capoluogo) alla miglior varietà di iris rosso. Nel giardino, tenuto ad oliveta e con un bellissimo panorama aperto sulla città, tra vialetti in pietra serena,

piazzette e scalinate, sono presenti più di duemila varietà di iris, tra cui gli esemplari premiati nelle precedenti edizioni del concorso. Per chi visita il giardino è possibile ammirare anche le iris donate nel corso degli anni, fin dal 1957, da coltivatori stranieri, come la vasta collezione proveniente dal New Jersey. Dal 1964, nella zona più bassa del giardino, si trova un laghetto per la coltivazione delle varietà acquatiche. Il giardino è aperto gratuitamente dal 2 al 20 maggio, e dal 9 al 14 ospiterà la 56esima edizione del Premio Firenze.

A tAvOLA. La moda di cucinare a base di petali e dintorni è sempre più diffusa

Il destino dei fiori? Dritto dritto in padella L

a primavera è tornata in grande stile, e tutto intorno è un trionfo di fiori d’acacia, fiori di calendula, primule, ortensie e molto altro ancora. Da mettere nel vaso? No, da mettere in padella. Dall’antipasto al dessert si possono cucinare coloratissimi piatti a base di fiori. Può sembrare strano, ma alla fine a tutti è capitato di mangiarli. Vedi fiori di zucca: si consumano nelle minestre, pastellati e fritti o stufati. Ma ci sono altri fiori che entrano di diritto in cucina. Tecnicamente si chiamano “fiori edibili”, in sostanza sono fiori e piante commestibili che divengono i protagonisti di fantasiose ricette. Il fenomeno “fiori nel piatto” è in ascesa. Tutti, o quasi, si possono friggere: i gerani odorosi, i nasturzi, quelli aranciati che assomigliano ai fiori del cappero, il sambuco, l’acacia, le margherite, le viole del pensiero, i fiori di rucola. Il trucco, svelano gli chef, è scuotere via il polline. Si passano nel latte, poi si tuffano nella farina. Come raccoglierli? Il segreto è cercarli lontano dalle strade trafficate: vanno raccolti all’ultimo momento e bisogna reciderli con le forbici (non

con le mani). Poi vanno adagiati in un cestino (mai in sacchetti di plastica) e vanno conservati a bagno o nel ghiaccio. Quali, invece, vanno evitati? L’oleandro, il ciclamino, la stella di Natale, la camelia, l’anemone e la belladonna, che ha contenuto allucinogeno. A parte quelli velenosi, ce n’è per tutti i gusti: i fiori di calendula possono essere sfruttati per tingere e insaporire, grazie alla presenza di carotene, gustosissimi e coloratissimi risotti. Con la carne si sposano i fiori di melograno, rossi e focosi. Ci si cospargono sopra a pioggia, appena spento il fuoco: si amalgameranno da soli con il calore. Il tarassaco è di preferenza consumato crudo in insalata o cotto. Contorno stuzzicante e appetitoso è la mesticanza con i fiori, da aggiungere all’ultimo momento per non far perdere loro il colore. Si prepara con: fiori di pisello, fiori di fagiolo, glicine, violette, fiori e foglie di nasturzi, foglie fresche e tenere di borraggine e i fiori di tarassaco. Con i semi di papavero si possono infine cucinare prelibati biscotti, fragranti e profumati, ideali per cola/V.G. zione e merenda.

SABATO 21 MAGGIO VI ASPETTIAMO PER LA NUOVA LINEA PROFUMATA

L’ E R B O L A R I O Via Gioberti, 52/r - Firenze

tel. 055 6550810

1174723

Tutti i giorni dalle 9.30 - 19.30 orario continuato. Aperti tutte le domeniche di dicembre


FIAT 500 1.3 Multijet del 2007 colore bianco con clima automatico cerchi in lega € 6.000

NOKIA N97 come nuovo touch screen bluetooth caricabatterie ed auricolare € 70,00

Visita anche tu www.lalocandina.it Da sempre un mondo di annunci a portata di tutti

IMMOBILI

FIRENZE centro storico appartamento piano terra cucina abitabile, una matrimoniale € 250.000

VEICOLI

RELAZIONI

FLAVIA 35 anni bella presenza solare cerca simpatico con serie intenzioni per bella amicizia

MERCATO

35ENNE con esperienza in ambito amministrativo offresi per lavoro di contabilità

LAVORO


stAZIONe LeOPOLdA. Arriva la kermesse dedicata a spettacoli, danza e musica contemporanea

A Firenze Fabbrica fa rima con Europa Teste coronate del palcoscenico e nuove star del firmamento culturale si danno

MAggIO MusICALe

appuntamento nello spazio di Porta al Prato, che fino al 28 maggio ospita

Due mesi di teatro con Ozpetek e Renzi

la manifestazione che sposa rappresentazioni e balletto sperimentali con i dj set e gli incontri con gli autori. Per un mix che ha il buon sapore del meltin pot Ludovica V. Zarrilli

A

ppuntamento chiave della contemporaneità fiorentina e palcoscenico su cui si ritrovano mostri sacri e nuove leve, Fabbrica Europa torna puntuale anche quest’anno con il suo enorme carico di sperimentazione. Si intitola “Worlds of cultures” la diciottesima edizione del festival, in scena fino al 28 maggio alla Stazione Leopolda e in altri luoghi della città, e va a scandagliare tutte quelle differenze che fanno ricca e variegata la produzione europea di teatro, danza e affini, invogliando all’incontro con chi ancora lotta per passare il messaggio di una cultura in grado di arricchire, di comunicare, di raccontare stati d’animo e prese di posizione. A prendersi l’onore e l’onere di alzare il sipario sull’edizione 2011 è Alain Platen, maestro di fama internazionale che propone al Teatro Verdi il suo “Gardenia” (dal 3 al 5 maggio), una pièce bizzarra, eccentrica, un cabaret colorato e scintillante in cui va in scena la vita di nove travestiti e transessuali, testimonianza intensa e mai banale di cosa prova chi vive al confine tra mascolinità e femminilità. Segue a ruota “Missa Ockeghem” (5 maggio), prima assoluta che crea dal vivo rielaborazioni digitali di elementi vocali sullo sfondo di un allestimento ispirato all’opera dell’architetto Giovanni Michelucci e mescolato con garbo alle video proiezioni e alla musica elettronica. Interessante anche la proposta del collettivo norvegese Verdensteatret che in “And all the questionmarks started to sing” (dal 13 al 15 maggio alla Leopolda) presenta una macchina artistica mossa da performer e da veri e propri robot realizzati con rottami, ruote di biciclette e oggetti di vetro. Parla il linguaggio della danza il gruppo Zita Swoon che con la collaborazione di Rosas/Anne Teresa De Keersmaeker il 7 maggio porta sul palco fiorentino Dancing with the Sound Hobbyist, dialogo tra musica e danza che riesce a far dialogare composizioni musicali e coreografiche in un unico viaggio sonoro. Grande attesa anche per il pianista jazz Stefano Bollani che si esibirà insieme all’Orchestra della Toscana diretta da Mirko Guerrini in una “Divagazione su 319 corde” (10 maggio) e poi ancora, l’immancabile compagnia Virgilio Sieni che dal 17 al 21 ai cantieri Gol-

un momento dello sPettacolo di

alain Platen

donetta presenta “Due lupi”, spettacolo ispirato a Il grande quaderno, prima parte della Trilogia della città di K. di Agota Kristof. Ma il palcoscenico tra danza e teatro non sarà l’unico protagonista della manifestazione. In programma anche un concorso coreografico, il Premio Toscana Factory-dance, e poi le serate a base di musica come quelle curate da Switch in collaborazione con Andrea Mi che porteranno in consolle KC the Funkaholic, gli inglesi J Star e Benji Boko e ancora Play Black,

progetto di Fabbrica Europa che per una sera porterà alla Stazione Leopolda il best of della musica nera. Un capitolo a parte lo merita la presentazione del libro “Dopo la battaglia. Scritti poetico politici” che l’autore e maestro del teatro contemporaneo Pippo Delbono presenterà insieme a Leonetta Bentivoglio nell’ex stazione granducale. Non resta che rimboccarsi le maniche e prepararsi ad una full immersion di cultura in salsa europea. Info e calendario: www.fabbricaeuropa.it.

IN LIbReRIA. Un saggio spiega come migliorare la vita dietro la scrivania

Alla ricerca del benessere perduto (in ufficio) O

ggi il tempo che viene impiegato sul posto di lavoro occupa gran parte della giornata e quindi della vita. Cercare non soltanto di sopravvivere, ma essere reale protagonista in questo ambiente è l’intento di “Benessere sul lavoro e qualità delle relazioni”, uscito nel 2010 per Aracne editrice (204 pagg. 10 euro). Lo scenario economico e le plurime richieste che spesso le aziende inoltrano ai propri dipendenti costano a questi ultimi un inevitabile impegno in termini psicologici e sociali. Non è raro che cambiamenti improvvisi e anche un clima di competizione, creino dei conflitti e spesso una tensione sottopelle all’interno del microcosmo del lavoro. Questo spesso genera delle difficoltà nella distribuzione e nell’organizzazione dei compiti: situazione ideale perché nasca un clima di insoddisfazione, inadeguatezza e a volte un vero e proprio senso di malessere nei dipendenti. Nei casi più estremi si possono registrare veri e propri atti violenti o minacce di violenza, aggressioni verbali e/o intimidazioni da parte di colleghi di lavoro o superiori. Benessere sul lavoro e qualità delle relazioni spiega come l’attenzione delle aziende nel cercare di superare il clima di conflitto può

solo migliorare la condizione dei dipendenti e quindi la loro resa. Definire il benessere non è così ovvio, ma si tracciano delle chiare linee guida che possono tornare utili: per esempio far sì che le persone si sentano parte di un progetto, lasciare capacità di giudizio in modo che il dipendente sia conscio delle proprie abilità e spinto alla propria realizzazione, riuscire ad instaurare un dialogo con ogni collaboratore e riconoscere a quest’ultimo dei riconoscimenti a lavoro portato a termine. Questo tipo di azioni individuali dovranno poi essere messe in atto in relazione con gli altri (anch’essi portatori di propri intenti, desideri, capacità) ricordandosi che ognuno realmente può fare la differenza e che spesso il successo si costruisce sulle relazioni. Riuscendo in questo intento nel libro si denota come sul piano concreto un benessere organizzativo e una qualità di relazioni porta effettivamente a una diminuzione della non produttività, dell’assenteismo e dello stress. Benessere sul lavoro e qualità delle relazioni fa interagire contributi del mondo scientifico con dati tangibili del mondo professionale chiarendo /L.S. varie dinamiche e offrendo dei contributi su differenti fronti.

U

n’Aida vestita di nuovo, con la straordinaria regia di Ferzan Ozpetek e la scenografia del premio Oscar Dante Ferretti hanno inaugurato lo scorso 28 aprile la 74esima edizione del Maggio Musicale Fiorentino, che dopo la bufera della tournée giapponese torna a concentrarsi sulla musica e sulla danza, che faranno compagnia gli spettatori del festival fino alla fine di giugno. “Nonostante i tagli ha detto il maestro Zubin Mehta - il Festival presenta un programma meraviglioso e un cartellone ricco di eventi”. E come dargli torto, basta dare un’occhiata agli appuntamenti in programma per rendersi conto che ad attendere gli spettatori più affezionati c’è una primavera (e un’inizio di estate) piena di sorprese. Dopo Aida (in replica fino al 12 maggio) sarà la volta di un “Pierino e il Lupo” (14 maggio), dedicato ai bambini che vedrà nelle vesti speciali di narratore il sindaco di Firenze Matteo Renzi. Subito dopo toccherà a “L’Italia del destino. Real-Italy in un atto” che verrà messa in scena al teatro Goldoni, commissionata al compositore Luca Mosca e al librettista Gianluigi Melega. Per gli amanti della bella musica è vivamente consigliata una serata all’anteprima assoluta ‘Viaggio in Italia’, concerto speciale in cui verranno eseguite venti canzoni popolari di venti regioni italiane di venti compositori contemporanei. E ancora, i primi di giugno sarà la volta di un classico del balletto, “Il lago dei cigni” sull’indimenticabile musica di Cajkovskij, che per quattro giorni sarà il protagonista indiscusso delle serate del Comunale. “E’ un anno straordinario per il Festival - ha detto Francesca Colombo, sovrintendente del teatro del Maggio - che dedica ai 150 anni dell’Unità d’Italia una buona parte del programma. Il percorso delle celebrazioni terminerà con la nostra nuova casa (il nuovo auditorium, in costruzione alla Leopolda, ndr) che inaugureremo il 21 dicembre di quest’anno”. E poi ancora concerti di qualità, tra cui un omaggio lungo tre sere alla musica di Franz Litsz di cui quest’anno ricorre il secondo centenario della nascita e per chiudere in bellezza, il dramma in tre atti musicato da Claudio Monteverdi, L’incoronazione di Poppea (al Teatro della Pergola dal 18 al 22 giugno) e il consueto Galà di danza, che il 30 giugno farà calare il sipario sul festival /L.V.Z. fiorentino.

Ferzan ozPeteK


cultura

35

bObOLI. Dal 19 al 22 porte aperte nelle limonaie del giardino per un viaggio tra le essenze odorose

Un mondo di profumi nel cuore del parco Caterina Gentileschi

F

orse una rondine non fa primavera, ma una limonaia profumata sicuramente sì. E’ con questo spirito che anche quest’anno torna “I profumi di Boboli”, manifestazione dedicata alle eccellenze di cosmetica e affini che ogni anno viene ospitata dagli spazi del giardino più bello della città. L’appuntamento è fissato per i giorni che vanno dal 19 al 22 maggio, durante i quali curiosi e addetti ai lavori potranno approfittare dei prodotti messi a disposizione dalla venti selezionatissime aziende che partecipano all’iniziativa. Dalle colline toscane è in arrivo una esclusiva linea di bellezza con olio extravergine di oliva Toscano IGP biologico. La ricchezza della formulazione, appositamente studiata per mantenere inalterato l’equilibrio idrolipidico della pelle, rende questa preziosa ricetta una vera e propria esperienza sensoriale e olfattiva riservata al pubblico di I profumi di Boboli. Lino, acqua di anemone e giglio marino sono i componenti della fragranza elitaria di una linea di saponi naturali di nicchia da sempre in vetrina a Boboli. I colori e i profumi della Provenza in un bouquet a base di olii essenziali di eccezionale purezza; cosmetici naturali anti age ricchi di aloe vera, enzimi e piante officinali; e ancora l’antico sapere legato alle tecniche di

lavorazione del sapone di aleppo, una alchimia di olio di oliva e bacche di alloro rimasta invariata da duemila anni; le delizie di un natura incontaminata hanno oltrepassato le grate dei monasteri d’Italia: prodotti, cosmetici e fragranze che ben si sposano con l’atmosfera di un giardino unico al mondo. Le scorse edizioni hanno anche evidenziato l’aspetto settoriale della manifestazione: un dialogo proficuo tra

In mostra i prodotti naturali di venti espositori selezionati

produttore, distributore e fruitore, un coordinamento strutturato tra domanda e offerta. Ma il viaggio alla scoperta delle essenze e della natura non si esaurisce all’interno del giardino di Palazzo Pitti, prosegue nel corridoio espositivo della Specola, sezione di zoologia del Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze che confina con il giardino, corridoio all’interno del quale verrà allestita la mostra “Oniricum. Natura tra sogno e realtà”, curata da Angelo

Pieroni; un percorso espositivo che intende evidenziare tecniche, sensibilità e forme espressive diverse partendo da un tema originario comune: la capacità dell’uomo di riscoprire la sua appartenenza alla natura attraverso un percorso

di segni e simboli propri di un immaginario che ci accomuna. Aperto dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso nel giardino di Boboli dal cancello di Annalena alle 19.00). Ingresso: 6 euro, gratuito per i residenti a Firenze.

L’APPuNtAMeNtO. Tutto pronto per la seconda edizione del Festival del gelato

In piazza torna l’evento a misura di goloso I

l sole riscalda la città del giglio, le giornate si fanno sempre più lunghe e non c’è appuntamento più atteso del Festival del gelato, che torna puntualissimo anche quest’anno per deliziare i palati dei più golosi della città del giglio. Dal 25 al 29 maggio il centro di Firenze si trasformerà nella patria del dolce più amato al mondo, sfoderando per l’occasione novità e gusti dedicati ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Per l’edizione 2011 il festival ha deciso di fare le cose in grande, invadendo di gusto la città e sbarcando in Oltrarno, coinvolgendo in questo tour del gusto anche i laboratori della zona artigiana della città e

allestendo un vero e proprio villaggio artigianale nella splendida cornice di Piazza Pitti. Ai laboratori a vista, dove i mastri gelatieri prepareranno i loro gusti e si alterneranno per produrre le golosità e agli stand per le degustazioni farà da cornice uno dei palazzi più belli e famosi della città, la residenza dei Medici che si apre sul Giardino di Boboli mentre il “villaggio industriale” prenderà casa come lo scorso anno in piazza della Repubblica dove si farà spazio lo stand di Sammontana, che ha già pronte alcune sorprese tricolori per le celebrazioni del 2011. Dal convegno inaugurale al programma degli workshop, dal-

la cena di gala agli eventi di Fuori Festival, tante iniziative ed occasioni di animazione renderanno la vita in città dolce e spensierata. In programma laboratori per bambini e workshop per adulti, iniziative musicali e numerosi happy hour a base di gelato. Uno spazio privilegiato sarà quello dedicato alla formazione d’eccellenza dei gelatieri, protagonista la Carpigiani University, la Scuola di Gelateria più prestigiosa del mondo che organizzerà prove pratiche per dare a tutti la possibilità di apprendere l’arte del gelato creando il proprio gusto. Dalle 12 alle 24. Info: /C.G. www.festivaldelgelato.com.


CALCIO. La Primavera di Renato Buso ha conquistato la Coppa Italia battendo la Roma

La faccia sorridente della Fiorentina Già finalista al torneo di Viareggio, la squadra dei baby viola è riuscita nell’impresa di vincere contro quella di De Rossi, dopo che l’andata al Franchi era finita 1-1. Tante le stelle che hanno brillato: una su tutte, Carraro

un momento della Finale a

roma

Cristina Guerri

S

1176833

ono loro l’altra faccia, quella sorridente e vincente, della Fiorentina. Sono i ragazzi della Primavera di Renato Buso. Quel gruppo composto in maggioranza dai giovani che tre anni fa conquistarono lo scudetto Allievi: il primo titolo dell’era Della Valle. Forse è proprio il caso di dire che il buongiorno lo si era visto dal mattino. Perché nel frattempo quei giovani dalle belle speranze sono cresciuti, maturati. E quest’anno hanno tolto i titoli dei quotidiani ai vari Frey, Mutu, Montolivo e Gilardino. Merito di una stagione stratosferica tra torneo Viareggio, Coppa Italia e campionato. E se la Coppa Carnevale non è andata come tutti si aspettavano (la Fiorentina ha perso la finalissima contro l’Inter), discorso assai diverso vale per il trofeo Tim Cup. Dopo una finale di

Cari mamma e papà, anche se sono piccolino, vorrei andare in una scuola o nido qui vicino, dove con tanti bambini poter stare, per disegnare, cantare, recitare, socializzare e giocare!!

“Il Mondo di Pinocchio” è il suo nome, “Asilo nido” il suo cognome.

andata (terminata 1-1 al Franchi) che sapeva più di sconfitta, i viola hanno ribaltato i pronostici battendo i padroni di casa della Roma. Un successo insperato, reso ancor più bello e indimenticabile dal dolce suono dell’inno della Fiorentina a tutto volume allo stadio Olimpico. Una vittoria che appartiene anche a Corvino, che - oltre che a dirigere il mercato della prima squadra - è anche il responsabile del settore giovanile viola. E che da anni parla di queste famose “pianticelle” più di Montolivo e Gilardino. Segno che in questo progetto, quello dei giovani, ci ha sempre creduto. A partire da Camporese. Capitano di quella famosa formazione allievi campione d’Italia, il giovane difensore toscano è in prima squadra dallo scorso ritiro. Dopo l’esordio a San Siro con il Milan, Camporese era riuscito a scavalcare nelle preferenze sia Natali che Kroldrup, facendo coppia fissa con Gamberini al centro della difesa. È lui l’esempio da seguire, anche se sono tanti i ragazzi

che meritano di vivere la prima squadra. Ha già esordito in serie A anche Piccini, il terzino destro autore del golvittoria in Coppa Italia. Sempre in difesa, la Fiorentina del domani potrà contare anche su Masi. A centrocampo la qualità è garantita da Taddei e Salifu (quest’ultimo arrivato dal Vicenza nell’ultima sessione di calciomercato). Davanti, Mihajlovic avrà l’imbarazzo della scelta. La carta su cui puntare è sicuramente Carraro. Un numero dieci con diversi colpi in canna, come i calci piazzati, la visuale di gioco e i dribbling sugli avversari. Che in attacco fa coppia fissa con bomber Iemmello e Acosty. E talvolta con Matos, che pare addirittura aver colpito il Manchester City dell’ex viola Roberto Mancini. Sono dunque loro la speranza della Fiorentina del domani, che punterà sull’alta qualità del settore giovanile per avere a che fare, un giorno, con i nuovi protagonisti in prima squadra. Anche a costo di aspettare qualche anno.

LAVORA QUANTO VUOI... AL TUO BIMBO PENSIAMO NOI! Nido d’ infanzia per i bambini dai 12 ai 36 mesi che tutto il giorno nella felicità stan sospesi

Un ambiente sano e sicuro con arredamenti e giochi ecologici certificati Ampia sezione dedicata alla psicomotricità oltre a manipolazione, attività grafico pittorica, grammatizzazione, attività esplorative, attività motoria, attività musicale, educazione cognitiva e sensoriale. Laboratorio di acquaticità con giochi L’equipe si avvale della collaborazione di un coordinatore pedagogico, avendo sempre come obiettivo il benessere del bambino Resede esterno attrezzato

Via Bonifacio Lupi, 8 (P.zza Libertà) Firenze Tel. 055 0516863 - Cell. 349 7761456 www.ilmondodipinocchio.it info@ilmondodipinocchio.it


sport

37

IL PuNtO. È virtualmente terminata ad aprile un’annata deludente per Mihajlovic e i suoi

Una stagione da “Anonimo Gigliato” Cristina Guerri

S

embrava non finisse mai questa stagione. Che brutta sopresa la Fiorentina di quest’anno, che era partita con tutt’altri presupposti rispetto a quella situazione di totale apatia

dei giorni nostri. Quegli stessi presupposti messi in piedi da Sinisa Mihajlovic: un tecnico giovane e di belle speranze che poteva contare sullo stesso gruppo che, poco più di un anno fa, festeggiava gli ottavi di finale di Champions League. Di rinforzi, infatti, ne sono arrivati pochi, e per la metà sono

Le prospettive iniziali erano ben altre: ora i tifosi vogliono guardare avanti. A partire dal prossimo campionato

risultati inutili (Boruc ha fatto bene, D’Agostino ha giocato una manciata di partite e Cerci è stato la valvola di sfogo del tifoso viola arrabbiato). Poi di mezzo ci si sono messi i tanti infortuni e le varie vicende alla Mutu, tanto per fare un esempio. Ma resta il fatto che qualcosa non è andato per il verso giusto, e adesso - per dare un senso a queste ultime partite della stagione - Mihajlovic ha deciso di concedere qualche opportunità ai ragazzi della Primavera. Tornando al recente passato, si può indivduare in una partita, forse la più brutta giocata in casa, la fine della pazienza dei tifosi viola: quella contro il Milan, ma soprattutto quel primo tempo da squadra da retrocessione che non sapeva dove andare a parare. Eppure l’occasione per raddrizzare quella brutta sconfitta i viola se l’erano ritrovata su un piatto d’argento la settimana successiva. La gara che seguiva, infatti, vedeva la Fiorentina affrontare, sempre al Franchi, la Juventus. Non una squadra a caso. La Juventus, la “nemica numero uno” dalle parti di Firenze. Eppure tutta questa voglia di riscatto, in campo, i tifosi non l’hanno vista. Anzi. Lo scialbo 0-0 ha accompagnato i giocatori viola nello spogliatoio con i fischi della curva Fiesole. Ecco, il campionato è finito in quell’istante. La parola fine è più vicina che mai (per fortuna). E chi di dovere dovrà pensare a come

non ripetere gli errori commessi in passato. Ci dovrà pensare Corvino, in primis. Che Mihajlovic rimanga o no, che i vari Montolivo, Gilardino, Vargas e Mutu giocheranno o meno ancora con la maglia viola, l’obiettivo che i tifosi si augurano

deve essere quello di costruire una nuova Fiorentina. Fatta di giocatori motivati e fieri di vestire quella casacca che, quest’anno, a qualcuno è sembrata non essere stata troppo rispettata. Sarà difficile, ma non impossibile.

AMARCORD Appuntamento con la storia: seconda puntata

Il rigore del Divin Codino

F

iorentina-Juventus, ciak si gira. E visto che l’ultimo appuntamento in ordine temporale tra le due squadre non è stato certo un match da ricordare nei secoli dei secoli (la partita è terminata con uno spento 0-0), ci pensa Il Reporter a far rivivere ai tifosi le emozioni di un Fiorentina-Juventus indimenticabile. Quello del 6 aprile 1991. Quello del famoso passo indietro di Baggio, trasferitosi proprio in quella stagione dalla Fiorentina alla Juventus. E fu proprio Baggio il protagonista di quella partita. Il bianconero conquistò un calcio di rigore ma si rifiutò di batterlo. Nessuna dietrologia per il Divin Codino, solo la consapevolezza che a difendere la porta si sarebbe ritrovato di fronte Mareggini, che conosceva benissimo l’ex compagno di squadra con il quale

si era allenato per tanto tempo. Toccò allora a De Agostini calciare dagli undici metri: Mareggini parò il rigore e la Fiorentina vinse poi la partita grazie alla rete di Fuser. Ma non è finita qui. A fine gara Robi suscitò le ire dei tifosi bianconeri raccogliendo una sciarpa viola gettata in campo. “È stata una cosa naturale - aveva poi commentato Baggio- quasi un commiato davanti a un pubblico che, pur fischiandomi per tutta la partita, mi aveva voluto bene”. Come dimenticare, poi, un pezzo di storia moderna: Fiorentina - Juventus 1 a 0, gol del Re Leone. Tredici anni fa. Quasi un’eternità. Era la Fiorentina di Bati, Rui Costa, Toldo, Robbiati. Una formazione fatta di stelle, quando la Fiorentina era una (e una delle più belle) delle “sette so/C.G. relle”.


38

Maggio 2011

sport nel quartiere

L’INTERVISTA. Un’altra importante realtà dell’ovale fiorentino è radicata nel quartiere 4

Tutta la magia del “Bombo Rugby” Carlo Marrone

Sempre più bambini stanno iniziando a praticare questo sport.

A

L’Under 18 è arrivata al campionato nazionale, mentre i tesseramenti

nche Mirko Bergamasco e Alessandro Parisse saranno stati piccoli appassionati di rugby iscritti ad una società sportiva. Ancora l’associazione “Bombo rugby Firenze” non ha sfornato campioni da nazionale, ma di tempo ce n’è molto. Dopo la conclusione del Sei Nazioni cogliamo l’occasione per raccontarvi la storia di questo gruppo grazie ad un interlocutore d’eccezione, il presidente Vincenzo Mordini. Partiamo dalle origini, come nasce l’idea di fondare una squadra di rugby? Il rugby è parte della mia storia personale visto che sono un ex giocatore del Cus Firenze. Nel 1999 insieme ad un gruppo di genitori abbiamo cominciato a far conoscere questa disciplina nella scuola Piero della Francesca. Ai ragazzi piaceva molto ma c’era un problema logistico: di pomeriggio nessuno poteva accompagnarli dall’altra parte della città per farli partecipare agli allenamenti... da qui nasce l’idea del Bombo Rugby. Quindi siete una realtà molto legata al vostro quartiere d’appartenenza. Certamente, con il Q4 e l’amministrazione comunale abbiamo uno scambio continuo. Dopo i primi anni nel giardino della scuola media siamo passati nella struttura del “Marco Polo”. Siamo in attesa del nuovo campo del Cavallaccio, che era stato pensato ad uso esclusivo del football americano, ma il Comune non ha avuto problemi a rispondere affermativamente ad una nostra richiesta d’utilizzo. Anche perché qua a San

sono in continua crescita: si parla di 220 iscritti Bartolo con 8 squadre l’erba è un sogno! Il rugby negli ultimi anni, grazie alle fortune alterne della nazionale, ha avuto molta pubblicità: è moda o si nota anche un aumento del numero di iscritti? E’ innegabile che da quando si vedono partite in tv, molte persone si sono avvicinate alla palla ovale. Noi arriviamo a 220 ragazzi tesserati e ciò ha permesso la formazione della squadra Firenze Rugby Club seniores che partecipa al campionato nazionale di serie C elite. La stagione sta per arrivare al termine, come si sono comportate le squadre nei loro campionati? Bene come sempre! L’Under 18 ci ha dato molte soddisfazioni vincendo il proprio girone e arrivando al campionato nazionale, ancora non abbiamo l’esperienza per poter ambire a vincerlo ma è stato bello esserci. Anche nelle altre categorie ci difendiamo bene e senza fare torti a nessuno posso ammettere che più sono piccoli e più sono bravi. La vostra società è molto attiva anche nel campo sociale, in alcune vostre formazioni giocano ragazzi portatori di handicap. Il rugby è uno sport aperto a tutti: in mischia siamo tutti uguali ed allora abbiamo detto, compatibilmente con l’handicap, perché non dare la possibilità anche a questi bambini di stare all’aria aperta e divertirsi?


40

sport

Maggio 2011

L’APPuNtAMeNtO. Riflettori puntati su Borgo San Lorenzo

È il momento di Vivere lo sport Carlo Marrone

Dalla Germania a Firenze in sella a una bicicletta

M

ille e duecento chilometri in bicicletta, una decina di giorni sui pedali e uno “scoglio” da superare: il Passo dello Stelvio, sulle Alpi. L’idea è venuta a Michele Mastrosimone, 30 anni, che ha deciso di compiere il viaggio-impresa in sella alla sua mountain bike. Il prossimo 11 maggio partirà dalla città tedesca dove si è trasferito, Erfurt, nel cuore della Germania, per arrivare fino alla sua terra d’origine: Firenze. La tabella di marcia è dura: ogni giorno ci saranno da percorre 120 chilometri, pedalando almeno per 6 ore. Da Stoccarda alla Baviera, dalla Germania alla Svizzera, fino a toccare a Bergamo, Brescia, Cremona, Parma e infine Firenze. L’arrivo è previsto il 22 o il 23 maggio. Lungo il tragitto non mancheranno le prove da superare. L’impresa più ardua sarà valicare il

I

zione anche con gli altri paesi della zona ci aiuta a rendere sempre più ampia l’offerta della Festa, che si conferma una vetrina di enorme valore per tutte le società sportive del Mugello, a partire proprio dalle più piccole che hanno un’occasione unica per farsi conoscere e promuoversi al pubblico”. Tutte le società del territorio presenti daranno la possibilità a chiunque lo voglia di cimentarsi con una disciplina sportiva. Cresce anche l’attesa per la prima gara podistica organizzata a Vivilosport, con la 10 Km non competitiva che partirà da Vicchio e arriverà al Foro

Boario di Borgo San Lorenzo attraverso la pista eco-turistica lungo la Sieve. E ancora, la contemporaneità del passaggio della 100 km del Passatore. Seguirà la giornata del volo silenzioso organizzata dall’Aeroclub Volovelistico Mugello, il confermato spazio per il mini-cross nei pressi del ponte sulla Sieve e l’edizione 2011 di Bimbimbici, che per l’occasione sarà spostata alla domenica mattina e inserita in una più ampia mattinata tutta dedicata alla sicurezza sulle strade promossa dal Ciclotour Mugello. Tutto è pronto: lo sport chiama, agli atleti l’ardua sentenza…

1.200 chilometri da seguire tappa per tappa su www.ilreporter.it Passo dello Stelvio, sulle Alpi, ben 13 chilometri in salita, caratterizzati da una temperatura piuttosto rigida nonostante il periodo primaverile. Con sé avrà solo qualche bagaglio: una tenda, un sacco a pelo e lo stretto necessario. “Questo viaggio può essere una buona occasione per promuove l’uso della bici – racconta Michele Mastrosimone, appassionato delle due ruote

(quelle non motorizzate) da sei anni un mezzo troppo spesso sottovalutato e che potrebbe risolvere i problemi di traffico anche a Firenze. Io stesso ho preferito la bicicletta all’auto, perché la macchina mi causava troppo stress”. Michele ha lanciato nei mesi scorsi un appello online, su Facebook e attraverso un blog (worldbikesurvivors.wordpress.com), per cercare compagni d’avventura, a cui ha risposto anche un altro fiorentino: Lorenzo Passagnoli, 22 anni, sui pedali da quando ne aveva 14. Dopo l’arrivo a Firenze i ciclisti si concederanno qualche giorno di riposo, per poi ripartire verso Roma, questa volta con un gruppo più nutrito, per partecipare alla Ciemmona, il mega-raduno che vedrà sfilare appassionati della bici per le strade della Capitale. Il Reporter seguirà l’avventura transalpina in diretta web, con aggiornamenti e foto sul sito /G.C. www.ilreporter.it.

31 maggio

1163806

l grande sport torna a puntare i riflettori su Borgo San Lorenzo. La fiera dello sport e del tempo libero prende ancora una volta domicilio al foro boario della città mugellana, dal 27 al 29 maggio. La manifestazione è una delle più importanti: “Vivilosport”, 18 primavere per uno degli avvenimenti più seguiti sul territorio toscano. I numeri sono quelli da grande evento, basti ricordare che nelle ultime edizioni, nei tre giorni di sport, si sono contati oltre settantamila spettatori. I veri protagonisti della festa saranno proprio loro, diventando gli interpreti principali delle attività che saranno elementi caratterizzanti della tre giorni borghigiana. L’edizione alle porte renderà merito e farà da vetrina a tutte quelle associazioni, società e federazioni che hanno contribuito a far crescere e a dare nome alla manifestazione. La giornata inaugurale vedrà la presenza del Coni provinciale che, insieme alle società presenti sul territorio, dedicherà l’intera mattinata alle attività per i bambini delle scuole. Da sottolineare le parole di orgoglio e soddisfazione espresse dell’assessore allo Sport di Borgo San Lorenzo Stefano Marucelli: “Con la 18esima edizione, Vivilosport raggiunge un traguardo davvero importante, ribadendo e allargando soprattutto il suo carattere mugellano sperimentato lo scorso anno. La stretta collabora-

CICLIsMO. L’impresa al via l’11 maggio

LA TUA NUOVA CUCINA SNAIDERO A PARTIRE DA €3.900

Firenze - Viale Amendola 16R


sport

41

NuOtO. Niccolò Beni, classe ‘86, si è confermato campione italiano nei 200 farfalla

Il Michael Phelps di casa nostra Simone Spadaro

Rari Nantes Florentia, passa alla Fiorentina Nuoto sotto la guida di Raffaello Billi, ma è Fabrizio Verniani a indirizzarlo verso la specialità farfalla. Ha conseguito la maturità al liceo sportivo e ha frequentato, all’Università, la facoltà di Scienze motorie, ma ha interrotto gli studi per i troppi impegni sportivi. Il nuoto è una passione per Niccolò. Tanto che ne ha fatto anche un lavoro. “Vero. Ho un negozio di articoli per nuoto. La passione per la piscina – racconta – è nata a 4 anni. Ho iniziato, come tutti, solo con l’obiettivo di imparare a nuotare, e poi non mi sono più fermato. Poi c’è stata l’occasione di aprire questo negozio specializzato, dove vendo tutto quello che serve per la piscina”. Come è arrivata la specializzazione nei 200 farfalla? “Sono nato dorsista, poi ho provato a nuotare a farfalla e sono andato bene. I 200 sono faticosi, ma ho ritmo e scioltezza”. E, oltre al nuoto e al negozio, cosa fa Niccolò Beni nelle sue giornate? “Mi sveglio presto e mi alleno. Dopo le 10 vado in negozio e poi, nel pomeriggio, sono di nuovo in piscina. Sono molto tifoso dei viola, ma non vado quasi mai allo stadio”.

U

n Michael Phelps in riva all’Arno. Questo è Niccolò Beni, nato a Firenze il 9 luglio del 1986, residente a Bagno a Ripoli, un’Olimpiade alle spalle (quella di Pechino nel 2008) e, ancora una volta, il miglior nuotatore italiano nei 200 farfalla. Agli ultimi assoluti, che si sono svolti a Riccione, Beni ha ancora “stracciato” gli avversari. L’oro ottenuto è l’ottavo in carriera: due agli estivi, tre ai primaverili, tre agli invernali. Beni ha fermato il cronometro su 1’57”82, un secondo sopra quello della tabella B per i Mondiali. Ed è questo l’obiettivo di stagione per il giovane nuotatore che ha sia la tessera della Fiorentina Nuoto Club che dell’Esercito: strappare il pass per l’appuntamento dal 16 al 31 luglio a Shanghai. “Sono, comunque, molto contento della prestazione – spiega Beni – e anche se, per pochissimo, non ho raggiunto il tempo per la convocazione in azzurro, sono molto fiducioso per le prossime gare. Ho la fortuna di essere tesserato per un club che non mi lascia mai solo, anzi mi assiste con tecnici all’avanguardia e molto professionali, e anche quella di gareggiare per il centro sportivo dell’Esercito, con tutto l’orgoglio di essere un atleta fiorentino al 100%, che ogni volta che scende in acqua rappresenta anche, e soprattutto, la sua città”. In azzurro vanta un oro e un argento in Coppa latina. Ha partecipato anche agli europei indoor, al meeting di Montecarlo e al Sette Colli a Roma. Tesserato agli esordi per la

RugbY. Gli atleti in erba vanno in meta al “Torneo Denti 2011” di Prato

L’ovale come esempio per i più piccoli

C

on queste parole: “Siete stati bravissimi” e con una decisa stretta di mano, i piccoli Under 10 della Scuola Firenze Nord e Fiorenzo Burattin, responsabile tecnico, concludono il “Torneo Denti 2011” di Prato, classificandosi decimi. “A molti può sembrare un risultato non buono, per noi, invece, è un risultato importante, fondamentale per la nostra crescita - spiega Fiorenzo Burattin che, con Alejandro Rios, segue l’educazione dei bambini - ci siamo battuti alla pari con tutte e cinque le squadre affrontate e, anche quelle con cui abbiamo perso, le abbiamo fatte sudare molto prima che scadesse defi-

nitivamente il tempo regolamentare”. “La seconda partita, con il Rugby Paese, l’abbiamo persa solo 1 a 0 - commenta Rios - quello che veramente mi è piaciuto del nostro gruppo è soprattutto questo: non si sente mai sconfitto! Sicuramente c’è ancora molto da fare, imparare e correggere - conclude - ma il tempo ci darà ragione. Siamo veramente contenti, dai bambini ai genitori, sempre disponibili a darci una mano: insomma, tutti hanno veramente capito come deve essere il rugby”. Uno sport con valori importanti, che ha nel Consiel una società modello per tutti i nuovi /Car.Mar. rugbisti.

A una rete dalle semifinali

S

tagione travagliata quella della Rari Nantes Florentia. Un cambio di tecnico in corsa e la possibilità di accedere alle semifinali scudetto svanite per una sola rete. A pesare molto l’assenza, a metà campionato per problemi di salute, di Boris Popovic, il forte centrovasca serbo sul quale puntavano molto la dirigenza biancorossa e il connazionale Dusan Popovic, allenatore fino a inizio 2011 e poi sostituito da Riccardo Tempestini, che è tornato a sedere sulla panchina della Rari dopo la parentesi al Brescia e due anni e mezzo di assenza forzata a seguito dell’esperienza lombarda. La squadra è, comunque, cresciuta. Chicco Pagani è stato il capocannoniere italiano della regular season, e molti giovani si sono messi in mostra. L’assenza di Boris Popovic ha regalato grande visibilità al giovane Francesco Di Fulvio, campione europeo con la nazionale Under 19 e talento con grandi capacità. Non solo, nel corso della stagione sono arrivate più volte le convocazioni in nazionale per Giacomo Bini e proprio per Federico Pagani. E questo fa ben sperare anche in vista della Final Eight di World League, che si giocherà nelle piscine Costoli e Nannini dal 21 al 26 giugno con le migliori otto nazionali del mondo che, oltre al trofeo,

si giocheranno il primo pass per le Olimpiadi di Londra 2012. Uno spettacolo, per la pallanuoto maschile, di grandissima rilevanza. Ma la parte finale della stagione sarà dedicata anche alle future strategie della società di lungarno Ferrucci. Tempestini è stato chiamato in corsa con l’unico obiettivo di concludere la stagione. Sarà confermato? Il suo ritorno in panchina ha “stuzzicato” l’interesse del Rapallo, rampante compagine di pallanuoto femminile che la scorsa estate “strappò” quattro giocatrici alla Fiorentina Waterpolo e non solo. Intanto, per la squadra fiorentina è comunque arrivato il quinto posto, /Sim. Spa. che vale l’Europa.

1123310

PALLANuOtO. Stagione travagliata per la Rari Nantes


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

“PULIZIA STRADE ANCHE PER LE BICICLETTE” Ormai è lampante che la bicicletta è senza dubbio un mezzo da incentivare soprattutto in una città come Firenze che per buona percentuale possiede un terreno “pianeggiante” ed una viabilità con sezioni stradali ristrette. Il problema è la gestione dei parcheggi delle biciclette stesse al fine di evitare la sosta selvaggia ai pali di segnaletica stradale spesso a ridosso di abitazioni private danneggiando pareti ed estetica. Come già più volte letto senza dubbio sono poche le rastrelliere in città ma io credo che il problema più grande è la pessima gestione delle medesime e del parcheggio selvaggio. Le rastrelliere spesso si trasformano in un ammasso di carcasse arrugginite di pezzi di bicicletta e trattandosi di mezzi non targati rimangono lì anche mesi. E’ certamente encomiabile l’indirizzo del Sindaco di eliminare il parcheggio selvaggio e su questo ha sicuramente l’appoggio dei cittadini. Devo però segnalare una difficoltà nell’applicare questo indirizzo, infatti la Polizia Municipale dice di procedere con degli interventi di rimozione periodici (rari) che risultano per il Comune di Firenze un mero costo. Quanto sopra detto non favorisce l’intervento della Polizia Municipale che tende a minimizzare il problema di fronte ad altre priorità in città. Per dare un contributo a risolvere pragmaticamente il problema, inviterei il Comune a disporre dei cartelli di divieto di sosta per pulizia strade anche per la zona rastrelliere in modo da consentire una rimozione periodica di tutto ciò che rimane nella rastrelliera stessa. Le biciclette integre che vengono rimosse se reclamate dal legittimo proprietario saranno riconsegnate al medesimo dietro pagamento di una multa salata. Qualora il proprietario non si presentasse a ritirare il velocipede entro un certo numero di giorni il Comune sequestrerà il mezzo vendendolo all’asta rientrando almeno di parte delle spese sostenute per la rimozione. Questo sistema obbligherebbe i proprietari di biciclette a spostare periodicamente la loro bicicletta costringen-

lettere

Maggio 2011

doli a non abbandonare il mezzo per mesi consentendo una rotazione dei parcheggi e la pulizia dei medesimi. Naturalmente un progetto del genere prevederebbe l’aumento del numero delle rastrelliere e una politica rigidissima sulla sosta selvaggia ai pali della segnaletica stradale. Infatti in occasione della pulizia strade la Polizia Municipale dovrebbe far rimuovere tutte le biciclette legate a pali di cartellonistica stradale trattando le biciclette rimosse come quelle sopra citate per le rastrelliere. Ritengo la soluzione sopra esposta applicabile ed interessante. Saluti Giovanni Valenti RASTRELLIERE E PISTE CICLABILI, L’OPINIONE DI UNA “CICLISTA ESASPERATA” Salve, scrivo questa lettera stimolata dall’opuscolo trovato allegato al vostro numero di Aprile. In particolare mi riferisco alla questione biciclette e agli annunciati grandi progetti per rastrelliere e piste ciclabili. Nell’opuscolo si dice che, in vista dei mondiali di ciclismo del 2013, verranno predisposte nuove rastrelliere per abolire la “sosta selvaggia” e implementata la rete di piste ciclabili. Ben vengano questi interventi però.... 1) ancor prima di posizionare nuove rastrelliere sarebbe opportuno trovare il modo di “ripulire” quelle già esistenti dai numerosi rottami che le occupano indebitamente. Io abito in zona Cure e nella mia strada così come nelle limitrofe, il 70% dei posti disponibili nelle rastrelliere è occupato da resti arrugginiti e inutilizzabili (ruote, pezzi di telaio...). Un sistema potrebbe essere quello già suggerito da un altro lettore: in occasione della pulizia delle strade imporre la rimozione anche delle biciclette così si otterrebbero due risultati: la bici lasciata lì dal proprietario che considera la rastrelliera un deposito rifiuti, farebbe la sua giusta fine (deposito comunale e poi smaltimento); le rastrelliere verrebbero periodicamente ripulite dallo sporco (foglie, cartacce, lattine, siringhe) di cui divengono abitualmente ricettacolo; 2) far rispettare agli automobilisti incivili, tramite apposite multe pecuniarie, il divieto di sosta davanti alle rastrelliere. Le poche volte che sono riuscita a trovare un posto libero e ho allucchettato la bici, la mattina dopo ho trovato la bicicletta bloccata dall’immancabile automobile parcheggiata davanti; ho anche chiamato la polizia municipale chiedendo il loro intervento ma dopo due ore nessuno si era ancora visto e per andare al lavoro ho dovuto “arrangiarmi” altrimenti (perché i vigili sono invece così solerti quando si tratta di attaccare bigliettini “minatori” e poi rimuovere le bici allucchettate ai pali?!); 3) in Italia e soprattutto a Firenze le piste ciclabili sono poco usate non solo perché scarse quantitativamente e fatte male, ma anche e soprattutto perché non c’è la cultura. Sulle ciclabili transita e sosta di tutto: motorini, pedoni, passeggini, automobili. Il risultato per il ciclista è la necessità di fermarsi ogni pochi metri e prendersi anche gli insulti dei pedoni se scampanella per passare. Una domanda a tali pedoni: ma voi, vi sognereste mai di camminare

in mezzo di strada o di attraversare senza guardare? e insultereste chi vi avverte suonando il clacson? o piuttosto pensereste che siete voi in torto e vi scusereste? Spesso il ciclista esasperato (e io sono uno tra questi) si vede costretto, suo malgrado, a transitare sulle strade e il risultato quale è? automobilisti inferociti suonano a ripetizione il clacson abbassando addirittura il finestrino per il insultarti e fare gestacci; taxisti e guidatori Ataf fanno finta di non vederti e ti passano a mezzo centimetro, magari svoltandoti davanti. Una domanda a tali automobilisti: se esistesse un’autostrada in cui transitano trattori e calessi e biciclette e magari attraversano pedoni, voi continuereste a usarla quell’autostrada? Con questo interrogativo provocatorio ma esemplificativo concludo la mia lunga lettera auspicandone la pubblicazione e sperando che sia presa in considerazione da chi di dovere. Grazie per l’attenzione Laura I GIOVANI, IL LAVORO E L’ITALIA DI OGGI “L’Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro. (…)”. Così recita il primo articolo della nostra Costituzione, redatta e approvata da quelli che vengono considerati come i ‘padri fondatori’ del nostro paese. Il riferimento al lavoro fu fortemente voluto in particolare da Aldo Moro e da Palmiro Togliatti, che vedevano in questa espressione non solo il riconoscimento di un diritto (o di un dovere), ma anche e soprattutto un valore condiviso, comune, ‘fondante’ appunto. La neonata Repubblica Italiana imparava allora faticosamente a camminare, sostenendosi su una solida base fatta di lavoro e di lavoratori. Una base che, ai tempi, doveva apparire come un terreno estremamente fertile e fecondo, pronto a germogliare e a riprodursi in modo pressoché regolare e crescente. In fin dei conti era proprio ai lavoratori che la ‘cosa pubblica’ si rivolgeva: erano loro a votare, a pagare le tasse, a usufruire dell’assistenza medica e sanitaria, erano loro a costruire quello che oggi si chiama il ‘tessuto sociale’. Sono passati svariati decenni da quel 1948 (anno in cui entrò in vigore la Costituzione) e la situazione è nettamente cambiata. In particolare, i lavoratori sono cambiati. Chi è il ‘lavoratore-medio’ di oggi? Come rappresentare un lavoratore italiano ‘tipico’ di questo periodo? Davvero difficile. Perché prende sempre più campo un nuovo identikit: quello di coloro che, per ironia della sorte, vengono chiamati ‘lavoratori atipici’. In breve, questa definizione viene applicata generosamente per designare coloro che beneficiano di tutte quelle forme contrattuali diverse rispetto al contratto full time a tempo indeterminato. Si calcola che, in poco tempo, i ‘lavoratori atipici’ siano diventati i due terzi dei lavoratori, con tutti i problemi che ben conosciamo e per cui si scende in piazza a combattere. La manifestazione del 9 Aprile rappresenta l’ennesimo tentativo in questo senso: i giovani (e anche i meno giovani …), i precari, i disoccupati, tutti insieme si inventano forme nuove e alternative di protesta. I flashmob, gli spo-

gliarelli al contrario, i gruppi creati sui principali social network, gli appelli coinvolti e coinvolgenti che mirano a farsi sentire dalle orecchie giuste. Perché così non va. Non sono solo i dati statistici a parlare, ma sono i giovani stessi a farlo in quelle rare occasioni in cui gli se ne dà la possibilità. Esemplificativo il caso della massima carica dello Stato, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha accolto una delegazione di studenti e ricercatori in occasione delle scorse manifestazioni contro la riforma dell’istruzione. Li ha accolti, ma soprattutto ascoltati. Perché, per quanto possa sembrare strano agli occhi dei più, non si scende in piazza senza avere un problema, senza avere la sensazione di non avere altre alternative per farsi sentire. I giovani sono gli adulti di domani e i vecchi di dopodomani. Sono coloro che dovranno comprarsi casa, pagare le tasse dell’università dei figli, prendersi cura dei genitori anziani. Sono coloro che dovranno affrontare spese mediche, spesso senza il sostegno di una pensione minima. Sono coloro che, una volta esaurito il ‘welfare parentale’ (cioè l’aiuto economico dei genitori), sperimenteranno la totale assenza di un ‘welfare statale’. E sono coloro che dovranno, in accordo all’articolo 1 sopra citato, sostenere l’Italia, già formata ma sempre più malferma e malmessa… Dal dopoguerra a oggi, la nostra generazione sarà quella che per la prima volta starà peggio delle precedenti. E sembra che a nessuno ai piani alti interessi. “Feels like I’m knocking on heaven’s doors…”, si potrebbe dire. Rita Barbieri A PROPOSITO DELL’UOVO DI PASQUA Buongiorno, mi chiamo Paola e nel mio tempo libero scrivo per un trimestrale della val di Sieve di una piccolissima comunità, ieri ho trovato nella posta il Reporter, avendo un po’ di pausa ho letto l’articolo di Muzzi, sono rimasta di stucco nel leggere la simbologia dell’uovo legata alla Pasqua e mi son detta è un giornalista che scrive in tono ironico ma certamente saprà il significato e sicuramente più avanti nel giornale ci sarà un altro articolo che lo spiega, così l’ho sfogliato tutto stando attenta agli articoli, pensavo che ci fosse un riferimento in quello della tradizione culinaria ma non l’ho trovato neppure là. Allora mi sono decisa a scrivervi per sapere se veramente lo sapete, io penso che le spiegazioni sono molto importanti per il pubblico che legge specialmente riferito ad un pubblico giovane, possono essere tradizioni cristiane o semplicemente riportate dalle notti dei tempi fino ad oggi tramandate di voce in voce, da rito in rito, molte di queste vanno perdute, ma quella dell’uovo è molto di più di una tradizione, è una simbologia che si perde nella storia della vita. L’uovo è sempre legato alla vita, è la cellula che dà vita, nella domanda chi è esistito prima l’uovo o la gallina? La risposta viene spontanea sulla gallina, ma se non ci fosse stata una cellula uovo che ha dato vita alla gallina questa non ci sarebbe stata! In molti popoli l’uovo è simbolo di nuova vita di rinascita, pensando ai nostri antenati, il grande


lettere

43

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it IL TRAM E I PROBLEMI DEL TRAFFICO Ho visto il vostro video: “Un anno di tramvia: parola ai passeggeri”: evidenzia quello che ho scritto nella e-mail, inviatavi il 28 Febbraio ultimo scorso, dove affermavo che la tramvia, oltre a non aver risolto i problemi del traffico, è sempre vuota o perlomeno non riempita come dicono, infatti come si può vedere dal video dietro agli intervistati c’è il vuoto. È chiaro che intervistando i passeggeri sono contenti, qualsiasi cosa che li faccia arrivare prima a destinazione gli va bene, sia che sia tramvia, teleferica, metropolitana, elicottero, e quant’altro, ecc. ecc. La prima intervistata addirittura vorrebbe che proseguisse dopo la mezzanotte, chissà se dopo tale ora si riempie. Cordialmente Lettera firmata

Caro lettore, la sua lettera mi dà lo spunto per tornare a parlare di viabilità, traffico e tramvia, in un mese molto importante sotto questi punti di vista, perché questo è il mese in cui è prevista la partenza dei cantieri per la seconda linea del tram. Mille giorni di lavori (tanti sono quelli previsti) che porteranno alla realizzazione del percorso che unirà Santa Maria Novella a Peretola: un tracciato senz’altro molto importante, sia per la rilevanza dei due “capolinea” stessi (ovvero stazione e aeroporto, da cui ogni giorno transitano centinaia e centinaia di persone), sia per la zona che sarà coperta dal passaggio del tram, una delle più soffocate dal traffico quotidiano, come ben sanno residenti e automobilisti. Questo per quanto riguarda la linea 2. Venendo invece alla linea 1, quella attiva dal febbraio 2010 di cui lei parla nella sua lettera, sono da ricordare alcuni numeri (che riescono spesso a illustrare le situazioni in modo più preciso rispetto a molti altri discorsi): in meno di un anno il tram ha sfondato il muro del milione di passeggeri, con una media di 40mila viaggiatori al giorno (che in quelli festivi si riducono a 28mila). Ma, dato a mio parere forse ancora più importante, è quello fornito dalla Regione, secondo cui la T1 ha eliminato circa 2.800 veicoli al giorno dalle strade nella direttrice Scandicci – Firenze (quella, appunto, percorsa dalla linea 1). Con tutto ciò che questo significa in termini d traffico e, soprattutto, inquinamento. Fermo restando il fatto che ognuno è ovviamente libero di avere le proprie opinioni sull’utilità o meno della tramvia, mi sembra che questi numeri evidenzino piuttosto chiaramente come in quella tratta fosse avvertito un deciso bisogno di un mezzo di trasporto veloce e affidabile, e questo mi pare anche un augurio incoraggiante per la nascitura seconda linea, che come detto sorgerà in un’altra zona della città che di mezzi di trasporto affidabili e veloci (che non siano quelli privati, di cui è già satura) ne ha decisamente bisogno. E mi sembra un sacrosanto diritto dei passeggeri – se non altro perché pagano il biglietto - quello di volere (e richiedere) mezzi di trasporto che riescano a portarli il più velocemente possibile a destinazione, in tempi certi e accettabili, cosa che spesso, per mille e ben conosciuti motivi, non è garantita dai mezzi su gomma. Per completezza di informazione, ricordo poi che sul nostro sito internet (www.ilreporter.it) sono visibili diversi servizi e video sull’argomento: oltre a quello da lei citato, che riportava le opinioni dei passeggeri, ce ne sono altri in cui a esprimere il proprio parere (e le proprie paure) sono i commercianti le cui attività si trovano lungo il percorso della seconda linea. Spazio alle voci di tutti, insomma. Aggiungo velocemente due ultime considerazioni: mi auguro che prima o poi (magari quando tutte le linee saranno in funzione) la tramvia potrà restare attiva per buona parte della notte (se non tutta), come già fanno metropolitane e mezzi simili di molte grandi città europee, cosa che tra l’altro contribuirebbe a risolvere, durante la bella stagione, la consueta discussione ztl notturna sì, ztl notturna no. Infine, mi fa sorridere che - abituati come siamo a viaggi “da sardine” su certi autobus - ci stupiamo, a tal punto da arrivare a considerarlo inutile, davanti a un mezzo non stracolmo di gente, dove i passeggeri possano viaggiare in condizioni umane, magari permettendosi perfino il lusso di leggersi un libro o un giornale durante il tragitto. Matteo Francini

popolo degli Etruschi, loro erano metodici nel mettere accanto al corpo di un giovane, specialmente di bambini, adagiato nella tomba un uovo simbolo di rinascita in una nuova vita. Per i cristiani la simbologia è la stessa, Gesù con la resurrezione dopo la discesa agli inferi rinasce a nuova vita avendo sconfitto la morte, l’uovo benedetto in primis ci ricorda questo nella speranza di una vita eterna nel regno nuovo, l’uovo di cioccolato ha la stessa simbologia ma ovviamente è stato un fatto commer-

ciale del progresso e del percorso sociale, e sono pienamente d’accordo con Muzzi sulla seconda parte del suo articolo. Quello che mi piaceva era specificare il simbolo meraviglioso che appartiene all’uovo, che non è della frittatina!! Gentile lettore, concordo con lei nel ritenere che le spiegazioni siano sempre (e molto) importanti. Quello a cui lei si riferisce non era però un “articolo”, bensì una

rubrica scritta da un comico (come tra l’altro specificato sul giornale), Andrea Muzzi, che Il Reporter ospita in prima pagina in modo fisso da ormai diverso tempo. E che, essendo un comico, tratta gli argomenti esclusivamente in quella veste, per fare quello che un comico deve, o almeno dovrebbe, fare: strappare un sorriso. MF AUTOBUS/1. “SPOSTIAMO IL CAPOLINEA DEL 22 ALL’AEROPORTO” Mi associo al sig. Fabrizio Perosi (n° 22 Reporter del 7 marzo 2011) per suggerire a chi di competenza che sarebbe sufficiente spostare il capolinea del Bus n° 22 all’aeroporto, anticipando ciò che avverrà con la tranvia. Cordiali saluti. Paolo Coffrini AUTOBUS/2. IL TRAGITTO DA NOVOLI A CAREGGI Spett.le direzione, il mio reclamo è indirizzato all’Ataf, che ha deciso di cambiare il percorso del n° 56, unico mezzo che consentiva da Novoli di andare direttamente all’ospedale di Careggi. Ora il n° 60 fa in parte lo stesso percorso: piazza Puccini, via Doni, via Mariti. Quale è la convenienza? Inoltre si consideri anche gli intervalli di tempo, che vanno dai 30 ai 35 minuti. Molti per chi deve andare alla Asl di viale Morgagni o agli ospedali. C’è veramente, in chi prende decisioni, il desiderio di capire le necessità dei cittadini? La ringrazio della ospitalità. Cordiali saluti Liana Giraldo PONTE AL PINO E LA MANUTENZIONE DELL’ASFALTO Nel vostro articolo “Il triangolo delle cartacce”, riportato a pag. 5 de il Reporter di Marzo 2011, si parla di lieve avvallamento, mentre in realtà è una evidente sconnessione del pavimento che perdura da circa 10 anni, transennata da 3. Tale situazione è stata fatta presente anche all’ufficio manutenzione strade, unita alla segnalazione della mancanza di lastre in cemento a copertura dell’aiuola spartitraffico con al centro il Pino, divelte durante un incidente. Per quanto riguarda le cartacce e le sterpaglie, sono state tolte da parte dei volontari “Angeli del Bello”. Fiducioso che tale situazione possa essere oggetto, quanto prima, di una adeguata manutenzione, nell’attesa porgo cordiali saluti. Pietro Balatri IL COMPORTAMENTO DEI CICLISTI E LO SPRECO DELLA CARTA Spett.le Redazione, mi riferisco alle lettere inviateVi dai Vostri lettori che si lamentano dei ciclisti che circolano tranquillamente sui marciapiedi, purtroppo questo non succede solo nel viale Don Minzoni, ma dappertutto. Per loro non esistono né sensi unici, né limiti di velocità, anzi hanno sempre ragione! Mi chiedo, ma i vigili, quando ci sono.... non possono farci nulla!? oppure è normale che quando non ci sono piste ciclabili, possono usufruire del marciapiede, come qualcuno sostiene?

Un altro argomento che vorrei farVi notare è a proposito della distribuzione gratuita presso i Quartieri dei modelli Unico e 730: - Viene distribuito il Modello unitamente alle istruzioni, 71 pagine di istruzioni contro 4 moduli. - Considerando che chi lo ritira di solito non ne chiede solo uno, non sarebbe più pratico ed economico distribuire i moduli secondo necessità e solo una copia delle istruzioni? Io ne ho presi 6, totale 1 chilo di carta da buttare direttamente. - Ma il Comune non la paga? o visto che sono soldi dei contribuenti non gliene frega niente? Nelle cartolerie dove si paga vendono le due cose separatamente ed il costo minore sono i moduli. Non dico di non darli gratis, questo sì, visto che servono per pagare le tasse..... ma evitare gli sprechi sì, risparmiare qualche albero e diminuire anche i rifiuti non sarebbe male. Cordiali saluti Patrizia CONFLITTI CONDOMINIALI, GLI INDIRIZZI A CUI RIVOLGERSI Gentilissima Dott.ssa Francesca Puliti, sono la coordinatrice per conto dell’Associazione l’Altro diritto onlus degli Sportelli di mediazione sociale del Comune di Firenze. Ho letto con grande interesse il suo articolo “Questa è una guerra di pianerottolo”, pubblicato nell’edizione del mese di aprile del Quartiere 2, che rispecchia molto bene la conflittualità all’interno dei condomini. Si tratta infatti di casi che arrivano quotidianamente presso i nostri sportelli di mediazione. Sono invece rimasta delusa dal fatto che non fossero riportate nell’articolo le indicazioni necessarie per facilitare all’utenza l’accesso ai suddetti sportelli. Mi domando se fosse possibile in qualche modo aggiungere tali informazioni in un altro articolo da pubblicare nelle prossime edizioni. Le procuro le indicazioni relative al dove, come e quando rivolgersi agli sportelli: Quartiere 1 Centro anziani “San Jacopino” Via delle Carra, 4 tel. 055.33.34.39 giovedì 9.00 – 12.30 Quartiere 2 Via della Luna,16 tel. 055.66.77.07 venerdì 14.00 – 17.30 Quartiere 3 Centro polivalente “il Porto” P.zza Cardinal Elia Dalla Costa, 3 055.68.13.028 venerdì 9.30 – 13.00 Quartiere 4 Villa Vogel Via delle Torri, 23 tel. 055.27.67.138 martedì 9.00 – 12.30 Quartiere 5 Via Reginaldo Giuliani, 115 N tel. 055.43.01.44 lunedì 14.00 – 17.30 Un saluto cordiale, Paola Sanchez Moreno Ecco fatto.

MF


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Sul palcoscenico Max Pezzali 7 maggio

Nelson Mandela Forum Il 2011 è l’anno del ritorno di Max Pezzali: di nuovo a Sanremo dopo 16 anni dalla sua ultima esibizione come concorrente, un nuovo album di inediti a 4 anni di distanza dall’ultimo (“Time out”, 2007) e un nuovo tour. L’ex cantante degli 883, e affermato solista, porterà a Firenze il suo nuovo album, Terraferma pubblicato il 16 febbraio. “Terraferma” è composto da 11 tracce tutte scritte e composte da Pezzali con il suo singolare modo di cantare la realtà che lo circonda, in modo onesto ma non senza ottimismo ed ironia. E’ un disco che tra pop, rock e cantautorato, mescola la quotidianità con una rinata voglia di divertimento.

arriva Brenda Asnicar in uno spettacolo pieno di musica e danza, per vivere un’esperienza unica. Il 2011 regalerà una grande emozione alle numerose fan della serie tv “Il mondo di Patty” esaudendo il desiderio di chi da tempo chiede a gran voce di poterla vedere dal vivo: arriva in Italia - in un imperdibile concerto Brenda Asnicar, l’amatissima interprete di Antonella e idolo di migliaia di ragazzine. Brenda alias Antonella è la carismatica leader del gruppo delle Divine e pungente antagonista di Patty e del gruppo delle Popolari. In città si esibirà cantando le celebri canzoni dei telefilm ed alcuni brani inediti scritti ad hoc per il concerto, oltre a regalare divertenti e preziosi consigli di stile per tutte le aspiranti Divine. elisa 17 e 18 maggio

teatro verdi

vinicio Capossela 10 e 11 maggio

teatro verdi “Favoloso, semplicemente favoloso” - così in un’appassionata recensione sul Times, Clive Davis descrive lo spettacolo che ha chiuso il minitour europeo di Vinicio Capossela al Barbican di Londra il 15 febbraio. Di ritorno dal suo “20 Years Show” che ha toccato oltre a Londra anche Parigi, Zurigo e Colonia, Capossela annuncia il nuovo doppio di inediti “Marinai, profeti e balene”, in uscita a tre anni dal suo precedente lavoro “Da solo” e porta le sue poesie in musica al teatro verdi di Firenze. Il mondo di Patty 13 maggio

saschall Per la prima volta in Italia

Elisa porterà sul palcoscenico un doppio show, ciascuno con una propria scaletta, dedicando al pubblico due concerti diversi tra loro.Il tour gioca su due degli elementi primari della natura: acqua e fuoco, e le atmosfere nordiche e sognanti del primo dei due eventi, lasceranno il posto a quelle calde e terrene dell’evento successivo. Arrangiamenti acustici ed un suggestivo coro di voci bianche guideranno il pubblico in entrambe le situazioni, che si differenzieranno non solo nel repertorio, ma anche nella

strumentazione, che accompagnerà la straordinaria voce di Elisa. Chi è di scena dal 17 al 21 maggio

saschall e teatro Puccini Per cinque giorni circa un migliaio di ragazzi delle scuole pubbliche fiorentine saranno i protagonisti di Chi è in scena, una rassegna di teatro musicale pensata per i ragazzi e da loro stessi realizzata. La manifestazione, che metterà in scena dieci opere inedite, è giunta ormai alla sua quinta edizione e rappresenta la vetrina più importante per le attività musicali e teatrali delle scuole di Firenze. Info 0554362562 Massimo Ranieri 20 e 21 maggio

teatro verdi Arrivato a superare le 500 repliche, lo show ripercorre i 40 anni di carriera dell’artista svelando aneddoti e teneri ricordi d’infanzia che porteranno il pubblico a rivivere atmosfere lontane di un’Italia “povera, ma con le scarpe lucide”. Lo spettacolo teatrale è un omaggio alla sfera femminile, un’orchestra e un corpo di ballo di solo donne, ed è nato dalla fusione tra il doppio album “Canto perchè non so nuotare...da 40 anni!”, dove Ranieri interpreta i suoi successi e 14 brani dei più grandi cantautori italiani, come Battisti, Lauzi, Battiato, Endrigo, Paoli e Rossi, e la trasmissione televisiva “Tutte donne tranne me” andata in onda su Raiuno nel gennaio 2007 che vedeva ospiti, orchestra e balletto di solo donne. Nelle due ore di spettacolo si

IL ROMANZO

snoderà un serrato racconto che vedrà un giovanissimo ballerino di tip tap, Federico Pisano, portare in scena i sogni di un Giovanni Calone bambino: l’alter ego troverà degno riflesso in Ranieri regalando al pubblico un finale di grande spettacolarità. gianna Nannini dal 27 al 29 maggio

Nelson Mandela Forum

E’ una Gianna Nannini nuova quella che sale sul palcoscenico del Nelson Mandela Forum. Ha messo al mondo la sua bambina e subito dopo ha ripreso a urlare dal palcoscenico. “Amor che bello darti al mondo / Amor che bello darsi al mondo – recita il testo della canzone “Ogni tanto”, versi che potrebbero apparire legati al momento personale della cantautrice, ma che di fatto sono un vero e proprio slancio di poesia, nati per fotografare un momento di straordinaria lucidità. “Il testo dell’inciso ‘Amor che nulla hai dato al mondo’ - dichiara la cantautrice - mi è venuto sulle labbra scendendo con l’ascensore nel mio studio e subito l’ho cantata. Forse ispirata per assonanza da quel passo magnifico nell’Inferno di Dante: ‘Amore ch’ha nullo amato amar perdona”.

La tavola rotonda Il mosaico Italia a 150 anni dall’unità

16 maggio

salone don bosco Centro giovanile salesiano Il “mosaico Italia” a 150 anni dall’unità. È questo il tema della tavola rotonda in programma lunedì 16 maggio alle 17.30, organizzata nell’ambito della manifestazione ”Maggio salesiano 2011”, cui prenderanno parte Massimo Livi Bacci, demografo, senatore della repubblica; Riccardo Nencini, assessore regionale al Bilancio con delega ai diritti umani; Adalberto Scarlino, presidente del Comitato fiorentino per il Risorgimento e Severino Saccardi, direttore di “Testimonianze”. Chiuderà la tavola rotonda il “Mosaico Italia” in musica, con Cesare Bindi, flautista e compositore, e Carlo Alberto Neri, pianista.

La fiera Florence design week dal 24 al 29 maggio

Location varie La passione per il design e l’arte condurrà il visitatore a riscoprire i cinque sensi, attraverso un percorso emozionale nel quale il design si fonderà con le bellezze storiche di Firenze: il Festival coinvolgerà piazze, gallerie d’arte, biblioteche e palazzi d’epoca decorando la città con le sue opere. Gli appassionati e non solo potranno toccare con mano e abbracciare l’arte contemporanea, ascoltare rapiti esperienze artistiche, vedere e ammirare le opere delle nuove generazioni di designer, gustare i sapori che il food design può regalare e apprezzare gli odori di una città nel pieno della sua primavera creativa.

LA RICORRENZA Due giorni di iniziative

Sole, ombra e 10 anni di libri

L

ezioni di scrittura, una “caccia al tesoro letteraria” e soprattutto tanti, tanti libri. Saranno questi gli “ingredienti” della due giorni in programma sabato 7 e domenica 8 maggio per festeggiare i dieci anni di vita della SoleOmbra Edizioni, casa editrice fiorentina specializzata in narrativa nata nel 2001 per volontà Erica Gardenti Cassigoli. L’appuntamento è alla sede dell’associazione culturale “Il Giardino dei Ciliegi”, in via dell’Agnolo 5: nel corso dell’iniziativa (che si terrà il sabato dalle 16 alle 20, la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20) “si parlerà di scrittura e di tutto ciò che ci gira intorno, ci saranno in vendita tutti i libri della Sole Ombra, si potrà partecipare a un gioco: ‘la caccia al tesoro letteraria’ e, previa iscrizione, si potrà partecipare gratuitamente a una ‘lezione di scrittura autobiografica’ tenuta da Erica Gardenti Cassigoli”, spiegano dalla casa editrice. All’appuntamento sono invitati gli autori e i lettori della casa editrice, ma sono (soprattutto) “ben accetti i curiosi”. Il tutto per festeggiare i dieci anni di una casa editrice nata “dal desiderio di dar voce a quegli autori che con i loro testi arricchiscono l’anima di chi legge” e costantemente impegnata nella (non facile) ricerca di nuove “penne”, perché “purtroppo la ‘grande’ editoria è persa troppo spesso dietro a nomi di pseudoscrittori noti per il loro volto televisivo e non investe, quanto dovrebbe, su nuovi autori con libri di ben altro spessore”. Per informazioni sulla casa editrice e sulle iniziative in programma è possibile chiamare il numero /I.G. 338.2446532.

LA MOstRA

Storie di amore e mafia

Le “anime” di San Casciano

n romanzo che assomiglia un po’ a un saggio, che raccoglie testimonianze e racconta storie per raggiungere un obiettivo che è impossibile non condividere, quello di non dimenticare. “E’ già sera”(Romano Editore) è il libro che Gianni Somigli, giovane giornalista e scrittore fiorentino, ha voluto dedicare alla sua città e alla controversa presenza della mafia all’ombra del campanile di Giotto, una presenza strisciante sfociata nell’attentato di via dei Georgofili del 27 maggio 1993. “L’idea di scrivere questo libro spiega Somigli - nasce dall’amicizia con la presidente dell’associazione delle vittime della strage, Giovanna Maggiani Chelli, e dal desiderio di divulgare una storia troppo poco conosciuta”. Da qui la voglia di mescolare realtà e fantasia, affincando al romanzo che parla della storia di Dario, un ragazzo giovanissimo con un a vita normale che di punto in bianco si trova a dover fare i conti con la bellissima Ambra e il suo presente fatto di violenza, soprusi, silenzi e soprattutto mafia.

rriva direttamente da Palazzo Venezia a Roma, dove si è recentemente conclusa una mostra personale, la raccolta di dipinti “Anime salve” che il pittore Elio de Luca espone per la prima volta al Museo di San Casciano, portando in Toscana un corpus di opere di grande impatto, ricco di significati e esemplificativo del modo di lavorare dell’artista calabrese di nascita e pratese di adozione. La mostra è patrocinata dall’assessorato alla cultura di San Casciano, promossa dalla Fondazione Giuliano Ghelli, con la direzione artistica di Sandra Stanghellini e ha il patrocinio della Fondazione Fabrizio De Andrè, poiché il tema delle “Anime Salve”, che dà il titolo all’esposizione, è lo stesso già caro al cantautore genovese. Visitando la mostra ci si rende conto che le suggestive e spesso imponenti figure protagoniste delle tele che compongono la mostra non rappresentano soltanto individui umani colti in momenti topici della loro esistenza o intenti nelle loro attività quotidiane. Al con-

U

Una storia d’amore (di fantasia) ambientata in una Firenze contaminata dalla criminalità organizzata, alla quale l’autore affianca con intelligenza le interviste a testimoni e grandi nomi del calibro dell’ex procuratore nazionale antimfia Pierluigi Vigna fino a Sandra Bonsanti e Margherita Hack, Mario Spezi, Oliviero Beha e Sandro Picchi e ancora Vannino Chiti e Giorgio Morales. Una serie di contributi che fotografano con esattezza gli attimi della strage, visti dalla prospettiva di personaggi molto diversi tra loro, personaggi che hanno saputo cogliere sfumature diverse dello stesso fatto e hanno arricchito di dettagli il racconto di uno dei momenti più bui della storia d’Italia. “Volevo che questo libro si diffondesse non solo in quella ristretta cerchia di persone che conoscono già i fatti - racconta Somigli -. L’aver affiancato alle interviste un romanzo, serve - almeno nell’intenzione dell’autore - a suscitare anche la curiosità di chi non conosce la vicenda, soprattutto i più giovani”. /L.V.Z.

A

trario, attraverso quelle figure l’autore ha voluto rappresentare l’anima umana nelle sue molteplici e variegate sfaccettature. “Le opere di questo ciclo pittorico nascono dal tentativo di restituire per immagini il sentimento di pietas con cui vorrei che ogni uomo potesse guardare gli altri e prima ancora a se stesso – spiega De Luca -. Quel sentimento è, infatti, l’unica risposta che ho saputo trovare alla continua nostra ricerca di significato. In questo senso i quadri della mostra, che pure non si possono definire religiosi, hanno comunque una forte valenza spirituale. Ciò che ci rende esseri umani non è ciò che facciamo o ciò che possediamo, ma è, invece, quel sentimento di accorata e a volte dolorosa partecipazione che in maniera più o meno forte proviamo nei confronti dell’esistenza nostra e dei nostri simili. Si tratta del sentimento che conferisce un senso al nostro esistere e che, per semplicità, può essere chiamato anima”. Fino al /C.G. 31 maggio. Ingresso libero.


annunci immobiliari

45

un aiuto prezioso a casa tua

le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali FIRENZE 1180300

PRATO CENTRO (via carraia 65) monolocale con bagno e antibagno. piano terra, completamente ristrutturato di mq 35. € 95.000 trattabili ☎334 6701210

3 VANI SERPIOLLE vendiamo ottimo appartamento di mq 55 da ristrutturare piano primo posizione panoramica contesto tranquillo nel verde composto auto vicinanza servizio bus pubblico RICHIESTA EURO 170.000,00 RIF A 201

FIRENZE 1180301

☎ 055 419096 - 335 7363640 A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333 CAREGGI disponiamo di bilo e trilo in fase di ultimazione ristrutturati finemente composti da soggiorno-cottura una o due camere servizio ampi ripostigli balcone oltre a poisto auto condominiale a partire da € 175.000 ☎055 0515231 DUOMO pressi in strada tranquilla bel palazzo con ingresso indipendente in graziosa corte medioevale ottimo per investimento monolocale con angolo cottura travi a vista pavimenti in cotto bagno finestrato rif108/pm € 215.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373 NOVOLI polo universitario ottimo per investimento grazioso luminoso no frazionamento appartamento ristrutturato 45mq composto da ingresso soggiorno con angolo cottura finestrato bagno camera balcone climatizzatore rif 204/p € 160.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373 ROMITO tanucci terzo ed ultimo piano ampio bilocale di 60mq composto da ingresso cucinotto finestrato soggiorno bagno finestrato ripostiglio camera balcone oltre terrazza panoramica di 60mq termosingolo rif211/sm € 215.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373

VALDARNO FIGLINE ingresso indipendente bilocale con ampio garage ottime condizioni interne € 108.000 ☎346 6604537 - 055 958785 INCISA VALDARNO vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333 INCISA VALDARNO vicino alla stazione e all’uscita del uscita casello Vendesi loft con camera soppalcata, nuova costruzione, ottime rifiniture parquet, aria condizionata ecc.. di circa mq. 50, pronta consegna. € 120.000 ☎348 3326628 REGGELLO direttamente dal costruttore vendesi appartamento 50 mq. con terrazza + garage + taverna e giardino 25 mq. € 160.000 ☎055 641498 - 335 5248326 REGGELLO i ciliegi pressi casello autostrada appartamento al secondo e ultimo piano di piccola palazzina completamente ristrutturato stile toscano composto da soggiorno cucina, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio e ampio terrazzo panoramico. Arredato nuovo possibilita’ di accordo per la mobilia. Subito disponibile. Richiesta € 110.000/00 rif.1/91 Teknoimmobi☎055 9155677 - 335 7734481 liare

CENTRO STORICO piazza della signoria in strada parallela vendesi caratteristico 3 vani al 1° piano silenzioso ingresso cucina abitabile soggiorno camera matrimoniale bagno finestrato pavimenti in cotto antico soffitti in legno richiesta EURO 239.000,00 TRATT. RIF A 317

☎ 055 419096 - 335 7363640 1180302

COVERCIANO vendesi elegante appartamento di mq 60 al 1° piano con ascensore vani 3 piu’ 2 balconi soggiorno cucina abitabile camera matrimoniale bagno finestrato termosing. affacci nel verde strada silenziosa garage di proprieta’ RIF A 331

☎ 055 419096 - 335 7363640 A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000,00 ☎055 9121333 ALBERTI PRESSI in piccolo condominio di solo quattro condomini silenzioso e luminoso affacci solo interni finemente ristrutturato composto da soggiorno con cottura due camere servizio termosingolo predisposto clima € 247.000,00 trattabili ☎055 0515231 ARCETRI al Pian dei Giullari 2º piano ultimo ristrutturato 3 soli condomini bel panorama dal proprio balcone sala con punto cottura 2 camere studiolo € 340.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 ARCIPRESSI piano alto con ascensore appartamento composto da soggiorno con cottura due camere servizio finestrato balcone termsingolo predisposto clima € 232.000,00 ☎055 0515231 BAGNO A RIPOLI al secondo ed ultimo piano di piccola palazzina, delizioso appartamento composto da cucina, sala con camino, camera matrimoniale, bagno e grande soffitta. Possibilità 2a camera. Superaccessoriato, ottime condizioni € 220.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BIVIGLIANO in bella palazzina in pietra in piccolo condominio con ingresso indipendente trilocale di mq.50 angolocottura-sala con caminetto 1 camera matr, 1 singola, bagno, piccola mansarda, ripostiglio, buone condizioni, posto auto, giardino condominiale ma utilizzabile € 210.000,00 non trattabili ☎347 6143007

BOLOGNESE Trespiano pressi in strada interna delizioso terratetto ingresso cucina tinello due camere doppi servizi ripostigli balcone € 340.000,00 trattabili Rif. 321 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 CAMPO MARTE malta in piccolo condominio doppia esposizione ottimo anche da mettere a reddito ingresso soggiorno camera matrimoniale cucina servizio oltre a servizio finesrato e giar☎055 0515231 dino € 195.000,00 CAMPO MARTE in piccolo condominio bilivelli finemente rifinito composto da soggiorno con cottura due camere possibilità secondo servizio termosingolo clima predisposto clima tv sat allarmato € 255.000,00 ☎055 0515231 CENTRO piazza pitti in palazzo antico al 1º piano con ascensore vendesi appartamento ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere di cui 1 nel soppalco bagno volendo gia’ affittato rif a 335 ☎055 414545 - 055 419096 COMPIOBBI in piccolo condominio con ingresso indipendente 3 vani cucina, sala, camera, bagno ripostiglio, tutto da ristrutturare, no balcone € 150.000,00 trattabili ☎347 6143007 COVERCIANO in ottimo contesto finemente rifiniti ingresso indipendente varie metrature composte da soggiorno con cottura due camere servizio oltre a resede esterna di proprietà e posto auto termosingolo predisposti clima tv sat da € 278.000,00 ☎055 0515231 COVERCIANO vendesi elegante appartamento di mq 60 al 1º piano con ascensore vani 3 piu’ 2 balconi soggiorno cucina abitabile camera matrimoniale bagno finestrato termosing. affacci nel verde strada silenziosa garage di proprieta’ rif a 331 ☎055 414545 - 055 419096 CURE in contesto silenzioso vendesi ottimo appartamento di mq 60 ben ristrutturato piano terra indipendente . ingresso soggiorno cucina camera matrimoniale e camera sing. bagno finestrato lavanderia e ripostiglio travi a vista cotto archi aria cond. termo.sing rif a 333 ☎055 414545 - 055 419096 CURE In piccolo condominio in strada tranquilla luminoso e panoramico ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio balcone cantina termosingolo € 265.000,00 trattabili Rif. 324 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 LAMBRUSCHINI piano alto con ascensore luminoso e silenzioso ristrutturato composto da ingresso soggiorno camera matrioniale cucina servizio possibilita di creare due camere in mansarda termosingolo € 285.000 ☎055 0515231 NOVOLI viale Guidoni vicino Polo Universitario 3 vani ampi al 3º piano ascensore termo centrale 2 balconi € 198.000 libero Ag. Cristiano Ristori ☎055 6121285 - 348 3335462 OBERDAN in piccolo condomimio luminoso e silenzioso composto da soggiorno con cucina a vista due camere servizio balcone termosingolo € 265.000,00 ☎055 0515231 PORTA A PRATO pressi in piccolo condominio ottime condizioni appartamento di 65 mq composto da ingresso cucinotto finestrato soggiorno ampia camera matrimoniale ripostiglio bagno resede di mq 15 lavanderia rif 223/ € 195.000,00 ☎340 9454673 - 335 5914373 RIFREDI in strada tranquilla bel palazzo anni sessanta piano alto con ascensore luminoso di nuova elegante ristrutturazione appartamento divisione giorno notte composto da ingresso cucinasoggiorno di 24mq 2 camere bagno semifinestrato terrazza predisposizione aria condizionata possibilità box carrabile rif398/pb € 265.000 ☎340 9454673 - 335 5914373 SANTA CROCE Pressi in palazzina primi ’900 ampio ottimo stato 3 vani e mezzo ingresso soggiorno cucinotto 2 camere servizio ripostigli termosingolo € 340.000,00 Rif. 301 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 SAVONAROLA pressi tre vani in ottimo stato ingresso cucina soggiorno camera servizio e ripostiglio € 230.000,00 Rif. 307 / 72 Beninvest Agenzia 1 ☎055 5520999 www.beninvest.it

VIA GRANACCI pressi centro commerciale coop finemente ristrutturato tranquillo 3 vani nel verde soggiorno angolo cottura 2 camere 2 servizi balcone ripostiglio cantina accessori € 225.000,00 Rif. 325 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728

4 VANI FIRENZE 1180303

VALDARNO FIGLINE VALDARNO centrale appartamento al piano primo completamente ristrutturato e arredato composto da soggiorno, cucina, camera matrimoniale e bagno.ottimo investimento per affittare. Richiesta € 103.000/00 rif.1/46 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481 FIGLINE VALDARNO pressi piazza centrale appartamento al secondo e ultimo piano di piccola palazzina, ristrutturato, composto da ampio soggiorno, cucina abitabile con caminetto, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio oltre sottotetto e possibilita’ della seconda camera. Richiesta € 168.000/00 rif.1/48 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481

PORTA ROMANA in ottimo palazzo al 2° piano no ascensore vendesi appartamento di 70 mq composto da un ingresso soggiorno cucina abitabile con balcone ripostiglio 2 camere matrimoniali bagno finestrato termo.sing ottimo stato RIF A 417

☎ 055 419096 - 335 7363640 1180304

FIGLINE Splendido 3 vani ingresso indipendente con giardino e garage doppio. Ottima zona silenziosa e servitissima. € 180.000 ☎346 6604537 - 055 958785 INCISA VALDARNO vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000 ☎055 9121333 INCISA 1 km. autostrada vendesi direttamente dal costruttore 3 vani 50 mq. + 25 di taverna immerso nel verde ☎055 641498 - 335 5248326 RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto 3 vani in villetta a schiera con ingresso indipendente giardino garage. € 260.000 direttamente dal costruttore. Consegna fine 2010 ☎055 641498 - 335 5248326

PIAN DI SCO’ zona residenziale e panoramica, in piccola palazzina di nuova costruzione, appartamento composto da: bel soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, taverna, terrazzo, giardino, posto. auto. vendita diretta senza intermediazione. Pronta consegna EURO 200.000 1148897

☎ 055 9121200 - 348 2904195

PALAZZUOLO VIA in buon contesto vendesi al piano 3° s//a appartamento di vani 4 mq 76 ingresso sala cucina 2 camere bagno balcone verandato stato generale discreto soffitti a cassettoni richiesta EURO 280.000,00 TRATTABILI RIF A 431

☎ 055 419096 - 335 7363640 A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire ☎055 9121333 da € 180.000,00 BELLARIVA in piacevole condominio 4 vani ottimo stato con ampio giardino ingresso soggiorno cucina 2 camere doppi servizi ripostiglio 2 balconi € 365.000,00 Rif. 407 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 BIVIGLIANO In terratetto semindipendente app.to seminuovo di vani 4 parzialmente arredato, in ottime condizioni di mq. 126 cucina-tinello, 2 camere, 2 bagni, taverna garage doppio, giardino di mq. 100, risc. Singolo ottime rifiniture € 360.000,00 trattabili ☎347 6143007 BRUNETTO LATINI zona v.le volta in ottimo ed elegante palazzo dei primi ’900 no ascensore proponiamo 4 vani da ristrutturare mq 100 2 bagni finestrati balcone rif a 435 ☎055 414545 - 055 419096

FIGLINE VALDARNO

FIGLINE

RECENTE COSTRUZIONE 3 vani con ingresso indipendente, giardino e garage doppio. Euro 180.000

LUMINOSO 4 vani doppi servizi oltre tre terrazze garage e cantina. Ottime condizioni Euro 165.000

FRANCHISING NETWORK

055 958785 - 346 6111664

1180868

RESTONE ampio bilocale con ingresso indipendente oltre mansarda e garage. Ottime condizioni € 145.000 ☎346 6604537 - 055 958785

1-2 VANI


46

annunci immobiliari

Maggio 2011

CENTRO via dei Banchi bel 3º piano (no ascensore) 4 vani ampi 2 servizi vista Duomo ariosissimo termo singolo adatto anche per affittare. Richiesta € 385.000 trattabili bel palazzo antico Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 CORSICA Pressi in contesto residenziale luminosissimo e panoramico ultimo piano ingresso soggiorno cucina tinello 2 camere doppi servizi ripostiglio balcone terrazza garage giardino condominiale € 380.000,00 Rif. 403 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 EUROPA V.LE al primo piano, luminoso appartamento composto da cucina abitabile, salone, 2 camere matrimoniali, bagno e splendida terrazza abitabile di 140 mq € 470.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 FIESOLE Antico Teatro romano pressi nuova costruzione ottimo contesto nel verde ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio 2 terrazze giardino piastrellato oltre 2 garage termosingolo € 580.000,00 trattabili Rif. 405 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 FIRENZE NORD vicinanza piazza dalmazia vendesi in elegante palazzo ultimo piano ascensore vani 4 mq 100 oltre a cantina e posto auto ingresso sala ampia con terrazzo abitabile cucina con terrazzino 2 camere matrimoniali ampie balcone bagno finestrato (possibilita’ 2º bagno ripostiglio richiesta € 320.000,00 rif a 400 ☎055 414545 - 055 419096 FIRENZE NOVA in palazzo anni 70 vendiamo appartamento di mq96 con ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere ripostiglio bagno finestrato 2 ampie terrazze molto luminoso e in ottimo stato posto auto rif a 444 ☎055 414545 - 055 419096 GAVINANA in ottima posizione interno con affacci bellissimi 2º piano ultimo piccolo condominio posizione tranquilla luminosissimo 4 vani oltre soffitta ampia balcone rimesso Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GOLF DELL’UGOLINO in speciale contesto nel verde e tranquillità con ingresso indipendente cancello carrabile vari posti auto giardino 1.200 mq 4 vani 2 servizi € 440.000 www.immobiliareristori.it Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 P.ZA INDIPENDENZA pressi, al 3º ed ultimo piano con ascensore, delizioso e silenzioso appartamento composto da cucina abitabile, salone con camino, 2 camere, bagno, terrazza a tasca. Ottime condizioni € 490.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 PALAZZUOLO VIA in buon contesto vendesi al piano 3º s//a appartamento di vani 4 mq 76 ingresso sala cucina 2 camere bagno balcone verandato stato generale discreto soffitti a cassettoni richiesta € 280.000,00 trattabili rif a 431 ☎055 414545 - 055 419096 PORTA ROMANA in traversa tranquilla tra il verde piano alto con ascensore appartamento di 100mq composto da ingresso cucina abitabile ripostiglio salotto finetrato doppio bagno finestrato due camere matrimoniali terrazza cantina libero subito oltre possibilità acquisto garage di 20mq rif400/xxp € 370.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373

PIAN DI SCO’

SAN CASCIANO centro vendesi ottimo 4 vani al piano 2º ed ultimo con ascensore posizione panoramica sulla valle accessoriato con cantina e posto auto coperto balconi rifiniture di pregio ottima posizione ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere matrimoniali 2 bagni ripostiglio € 295.000,00 trattabili rif a 432 ☎055 414545 - 055 419096 SAVONAROLA in piccola palazzina piacevole appartamento ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio cantina termosingolo € 350.000,00 Rif. 426 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 TALENTI via San Bartolo a Cintoia 4 vani moderno 2º piano belli balconi termosingolo nel verde tutto rimesso Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 VIA CITTADELLA 4 vani 2º piano tutto rimesso bellissimo termo singolo balcone e veranda luminoso ottime rifiniture vicino al centro e ai viali Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

VALDARNO

REGGELLO (loc. Prulli) direttamente dal costruttore vendesi appartamento di 4 vani 70 mq. con mansarda + garage + terrazze. Ottimo affare € 220.000 ☎055 641498 - 335 5248326 REGGELLO Leccio appartamento da ristrutturare con ingresso indipendente con sviluppo su due piani, secondo e mansarda, composto da cucina abitabile, soggiorno, due camere, bagno, due ripostigli, veranda e garage. Richiesta € 120.000/00 rif.1/30 Teknoimmobi☎055 9155677 - 335 7734481 liare VIA PETRARCA in condominio di pregio, 4 vani 95mq al piano terra rialzato oltre box e cantina € 155.000 ☎346 6604537 - 055 958785

5 VANI

ATTICO SOFFIANO attico in perfette condizioni panoramico sulle colline di marignolle e su fiesole composto da salobe doppio di oltre 50 mq con cucina a vista due camere matrimoniali doppi servizi disimpegno temposingolo € 425.000 ☎055 0515231

FIGLINE ampio e luminoso 4 vani di recente costruzione con ampio soggiorno, cucina, due matrimoniali oltre doppi servizi tre terrazze garage e cantina.zona silenziosa € 165.000 ☎346 6604537 - 055 958785

BANDINO San Marcellino zona residenziale tranquilla nel verde 5 vani 120 mq 3 balconi ascensore 2 servizi 3 balconi (posto auto condominiale) cantina € 440.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

INCISA IN VAL D’ARNO Palazzolo appartamento di recente costruzione a piano terreno rialzato con ingresso indipendente composto da soggiorno cucina, camera matrimoniale, camera singola, bagno oltre ampia taverna, lavanderia, terrazzo, balcone e giardino. Richiesta € 200.000/00 rif.1/55 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481 LORO CIUFFENNA Setteponti appartamento di nuova costruzione in residence, a piano terreno con ingresso indipendente composto da soggiorno con camino, cucina abitabile con cucina in muratura, due camere, doppi servizi, lavanderia, ripostiglio oltre giardino, logge, garage e posto auto. Ottime finiture richiesta € 255.000/00 rif.1/34 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481 PIAN DI SCÒ zona residenziale e panoramica, in piccola palazzina di nuova costruzione, appartamento con ingresso indipendente su due livelli: bel soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, in mansarda finestrata e luminosa: camera, studio, bagno. Grande. Cantina, terrazzo, giardino, posto auto. Vendita diretta. Pronta consegna € 195.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195

RIGNANO SULL’ARNO

BORGO OGNISSANTI in palazzo del 500 ultimo piano perfette condizioni luminoso e molto silenzioso appartamento composto da sala tre camere cucina doppi servizi termosingolo clima € 379.000,00 trattabili ☎055 0515231 CAMPO DI MARTE piccola palazzina del’900 ottimo ristrutturato ingresso salone angolo cottura due camere doppi servizi ripostigli balcone termosingolo € 430.000,00 Rif. 512 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 EUROPA appartamento inserito nel verde via Edimburgo 5 vani 125 mq ca lordi 2 balconi parco condominiale ascensore da rimettere libero posto auto condominiale e cantina € 429.000 minima trattabilità Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GAVINANA via Beccari 5 vani 120 mq ascensore 3 balconi parco condominiale recintato ascensore 2 servizi tranquillità molto luminoso cantina e p.auto condominiale richiesta € 440.000 trattabili atto e consegna 12 mesi Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6800250 - 338 6136167 LUNGARNO DEL TEMPIO 5 vani ristrutturato luminoso con terrazza abitabile doppio ingresso salone doppio cucina 2 camere doppi servizi ripostiglio balcone posto auto coperto € 590.000,00 Rif. 511 / 72 Beninvest Agenzia 1 ☎055 5520999 www.beninvest.it POGGIO IMPERIALE in contrada silenziosa ristrutturato finemente molto luminoso con doppia esposizione composto da ingresso sala due camere matrimoniali cucina doppi servizi balcone termsoingolo € 660.000,00 ☎055 0515231 PONTE A EMA al secondo ed ultimo piano no ascensore proponiamo appartamento in vendita di mq 112 ingresso grande soggiorno cucina abitabile 3 camere 2 bagni ripostiglio 3 terrazze ottimo stato garage cantina e giardino al piano terra di mq 100 termo.sing rif a 513 ☎055 414545 - 055 419096

FAELLA particolare porzione di colonica a piano terra completamente e finemente ristrutturata, luminosa, con ingresso indipendente composta da ampia zona giorno con ingresso soggiorno, sala pranzo, cucinotto, camera matrimoniale, cameretta, bagno, ripostiglio oltre giardino e due posti auto di proprieta’. ottime finiture.

CENTRALE appartamento al secondo e ultimo piano di piccola palazzina, completamente ristrutturato e composto da cucina, camera matrimoniale, cameretta, bagno, balcone, ripostiglio e cantina. appartamento molto luminoso dotato di aria condizionata e parquet nella zona notte.

RICHIESTA EURO 197.000/00 RIF.3/1

RICHIESTA EURO 160.000/00 RIF.1/16

1155222

055 9155677 335 7734481

OLTRE 5 VANI FIRENZE

FIRENZE

BANDINO interno via di Ripoli in palazzina con ingresso (via Ripoli) 2 condomini soli piano 1º e ultimo 5 vani ottimo stato oltre soffitta privata terrazzina abitabile con affacci sul parco di villa Rusciano garage rich. € 500.000 Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori ☎055 6812285 - 338 6136167

FIGLINE via Roma: 4 vani al piano terra con resede. Recentemente ristrutturato. € 183.000 ☎346 6604537 - 055 958785

RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto in villetta a schiera ingresso indipendente 5 vani con giardino terrazze garage direttamente dal costruttore € 360.000. Consegna fine 2010 ☎055 641498 - 335 5248326

1156143

FIGLINE VALDARNO zona ponterosso appartamento al primo piano di piccola palazzina composto da ingresso, sala, cucina, due camere matrimoniali, ripostiglio, bagno, balcone e cantina a piano terra. Richiesta € 140.000/00 rif.1/90 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481

FIGLINE Stecco: in piccolo condominio appartamento di 4 vani con possibilità di garage. Da rimodernare € 135.000 ☎346 6604537 - 055 958785

VALDARNO

PONTE VECCHIO pressi palazzo prestigioso piano alto con ascensore elegante appartamento luminoso doppi ingressi cucina tinello salone doppio pavimenti in marmo pregiato due camere pavimenti in ottimo parquet doppi servizi balconi termosingolo cantina rif500/p ☎340 9454673 - 335 5914373 PUCCINI pressi appartamento luminoso vista monumenti firenze elegantemente ristrutturato aria condizionata divisone giorno notte composto da ingresso soggiorno cucina abitabile due camere ripostiglio due bagni finestrati cabina doccia vasca idromassaggio veranda di 15mq e balcone posto auto di proprietà rif523/p € 380.000,00 trattabili ☎340 9454673 - 335 5914373

PIAZZA OBERDAN in palazzo d’epoca piccolo condominio al piano terreno rialzato app.to di mq. 160, 7 vani doppi servizi con terrazzo abitabile di mq.60 risc.singolo “ottimo anche uso ufficio-abitazione”

☎ 347 6143007 1180305

V. EMANUELE zona attico vendesi piano ultimo di mq 200 con 2 terrazze abitabili e balconi garage e 2 posti auto piano 5° ingresso salone sala cucina abitabile con balcone 2 camere studio 2 bagni terrazza abitabile 2 balconi parte mansardata collegata all’interno con scala a giorno 2 vani con terrazza solarium dispensa ripostiglio RICHIESTA EURO 800.000,00 TRATTABILI RIF A 801

☎ 055 419096 - 335 7363640 1180306

PORTA ROMANA al primo ed ultimo piano vendesi 2 appartamenti attigui totali mq 160 da ristrutturare oltre soffitta giardino mq 100 garage mq 100 l’immobile e’ in buon contesto totalmente indipendente termo. sing RIF A 806

☎ 055 419096 - 335 7363640 ALBERTI PRESSI in piccolo condominio elegante appartamento in ottimo stato composto da ampio salone doppio tre camere cucina abitabile ripostiglio doppi servizi balcone terrazzo concludono proprieta’ cantina, garage posto auto termosingolo € 495.000,00 trattabili ☎055 0515231 ATTICO LIBERTA’ in palazzina signorile panoramico libero su tre lati ampia metratura appartamento composto da doppi ingressi salone quattro camere cucinaabitabile doppi servizi conclude la poprietà un’ampia terrazza di circa 30 mq abitabile cantinato termosingolo € 745.000 ☎055 0515231 BECCARIA strada interna tranquilla vendesi elegante appartamento di mq 190 con posto auto e cantina terrazza abitabile e balconi ingresso salone doppio sala pranzo cucina con terrazza 3 camere 2 bagni finestrati ottimi affacci rif a 705 ☎055 414545 - 055 419096 BIBLIOTECA NAZIONALE centro storico ultimo piano vendesi appartamento di mq 110 con soppalco di mq 30 ingresso soggiorno con angolo cottura 4 camere studio nel soppalco ripostiglio 3 bagni termo.sing ristrutturato totalmente rif a 604 ☎055 414545 - 055 419096 DON MINZONI In palazzina primi 900 ottimo ampio con rifiniture di pregio ingresso soggiorno cucina sala pranzo 2 camere doppi servizi ripostiglio-lavanderia balcone soffitta termosingolo € 430.000,00 Rif. 515 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728

EUROPA appartamento nel verde in ottimo contesto ultimo piano affacci tutti sul verde e tranquillità parco condominiale 6 stanze oltre ampio sottotetto con scala bella interna uso studio 2 ingressi posto auto condominiale coperto e cantina privata ottime rifiniture 2 servizi 2 balconi Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 FARDELLA SALVIATINO nuda proprietà di 85enne sola 6 vani piano terreno corte privata e terrazza abitabile servizi posto auto Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GALLUZZO zona panoramica app.to in "villino liberty" al 2º piano ed ultimo senza ascensore di mq.130 sù 2 livelli di vani 6 e mezzo doppi servizi, terrazzo abitabile di mq.30 con sottostante garage risc. Singolo, buone con☎347 6143007 dizioni GAVINANA in bel palazzo moderno vendiamo penultimo piano 130 mq 6 vani 2 servizi termosingolo ariosissimo bella posizione grande garage € 500.000 (non trattabili o minimamente) possibilità vendita eventualmente sena garage Ag. Marco Ristori viale Giannotti 23b www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 GIAMBOLOGNA Masaccio bel palazzo moderno signorile 2º piano arioso 4 balconi 2 ingressi termo autonomo 2 servizi balconi 6 vani 135 mq cantina richiesta € 600.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 ISOLOTTO San Bartolo luminosissimo ultimo piano recentemente ristrutturato ingresso soggiorno cucina 2 camere studio doppi servizi terrazza posto auto cantina termosingolo € 335.000,00 Rif. 538 / 72 Beninvest Agenzia 4 ☎055 7131728 www.beninvest.it ISOLOTTO Villa Vogel pressi luminoso ampio 5 vani ingresso soggiorno cucina 3 camere ampie doppi servizi ripostiglio 2 balconi cantina posto auto assegnato oltre parcheggio e giardino condominiali termosingolo € 325.000,00 Rif. 507 / 72 Beninvest Agenzia 4 ☎055 7131728 www.beninvest.it POGGETTO Pressi Leopoldo ampio appartamento signorile 7 vani doppio ingresso salone doppio cucina 4 camere doppi servizi 2 balconi accessori € 550.000,00 Rif. 707 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 PORTA ROMANA al primo ed ultimo piano vendesi 2 appartamenti attigui totali mq 160 da ristrutturare oltre soffitta giardino mq 100 garage mq 100 l’immobile e’ in buon contesto totalmente indipendente termo.sing rif a 806 ☎055 414545 - 055 419096 SALVIATINO PRESSI in ottimo contesto silenziosoe luminoso appartamento libero su tre lati composto da ingresso tre camere cucina abitabile possibilità secondo servizio balcone terrazzo conclude la prorpietà un gara e un posto auto temosingolo € 490.000,00 tratta☎055 0515231 bili V. EMANUELE zona attico vendesi piano ultimo di mq 200 con 2 terrazze abitabili e balconi garage e 2 posti auto piano 5º ingresso salone sala cucina abitabile con balcone 2 camere studio 2 bagni terrazza abitabile 2 balconi parte mansardata collegata all’interno con scala a giorno 2 vani con terrazza solarium dispensa ripostiglio richiesta € 800.000,00 trattabili rif a 801 ☎055 414545 - 055 419096 VIA XX SETTEMBRE vendesi al 2º ed ultimo piano in palazzo antico elegante appartamento con ottimi affacci vista fiesole mq 130 oltre a mq 80 soffitta da mansardare e terrazzino di mq 9 solarium possibilita’ 2 appartamenti o studio professionale vani 8 con 2 bagni e ripostigli cantina termo.sing rif a 805 ☎055 414545 - 055 419096 VIALE EUROPA bel palazzo al 2º piano ottimo stato 6 vani 2 ingressi bel divisibile terrazza 30 mq balcone ascensore 3 servizi € 550.000 trattabili Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250


annunci immobiliari VALDARNO SAN GIOVANNI prima periferia, in prestigiosa villa padronale del millesettecento appartamento su due livelli perfettamente ristrutturato composto da: salone doppio con possibilità doppio volume, cucina abitabile, tre camere, 3 bagni, lavanderia/stireria. Grande cantina con tetto a botte. Contesto prestigioso. Vendita diretta. Senza mediazione. Pronta-consegna. Rif. F € 314.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195

TERRATETTI FIRENZE BAGNO A RIPOLI terratetto composto da cucina abitabile, sala con camino, 3 camere, bagno, soffitta, garage € 450.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 CAMPO MARTE terratetto su quattro livelli di oltre 350 mq tutto completamente ristrutturato ottimo anche per studi professionali conclude la proprietà un ampio giardino di circa 180 ☎055 0515231 mq trattativa riservata SAN DONATO IN COLLINA a 10 minuti da firenze terratetto di nuova realizzazione in intervento di recupero composto da soggiorno, cucina pranzo, camera matrimoniale con cabina armadio, cameretta, doppi servizi, studio, balcone oltre cantina lavanderia, terrazza a tasca, ripostiglio, giardino e posto auto. Ultimato. Richiesta € 420.000/00 rif.2/12 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481

VALDISIEVE SIECI in strada silenziosa, ottimo terratetto in perfette condizioni libero su 3 lati, composto da sala con camino, sala pranzo, cucina, 3 camere, 2 bagni, garage, cantina. Meraviglioso giardino di 800 mq. € 650.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDARNO

CARBONILE - PELAGO direttamente dal costruttore nuova realizzazione in villette a schiera di terratetto di 3-5 vani ingresso indipendente a partire da EURO 260.000

1138254

☎ 055 641498 - 335 5248326

PIAN DI SCÒ centrale, vendesi appartamento in pietra su 2 piani con loggiati, giardino e terrazzi panoramici, cucinotto, sala da pranzo, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia ☎348 8569976 PIAN DI SCÒ terratetto angolare libero su tre lati con 200mq di giardino. Praticamente nuovo. € 250.000 ☎346 6604537 - 055 958785 SAN GIOVANNI V.NO (Cetinale) in bellissima villa ristrutturata: limonaia con ingresso indipendente e giardino. Soggiorno-pranzo, cucina, matrimoniale con bagno, singola, bagno e ripostiglio. Possibilità garage. Rifiniture di lusso. Contesto prestigioso. Vendita diretta senza mediazione. Pronta-consegna. Rif. L € 221.000 ☎055 9121200 - 348 2904195

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

A 30 MINUTI DA FIRENZE SUD in prestigiosa villa padronale del millesettecento ristrutturata vendesi bellissimi appartamenti alcuni con ingresso indipendente. Varie metrature, giardini, terrazzi, garage. Ottime rifiniture in stile toscano. Vendita-diretta senza mediazione. Pronta consegna. Prezzi a partire da € 225.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 ANTELLA collinare nel verde, ma vicina ad ogni servizio, villetta a schiera di nuova costruzione,grande cucina con dispensa , sala con camino, 4 camere, 5 bagni, garage doppio, taverna, lavanderia giardino € 800.000,00 ☎335 7678437

47 BADIA A RIPOLI adiacenze a 700 metri verso Ponte a Ema villino tutto su un solo piano indipendente 115 mq ca 5 vani 2 servizi giardino 230 mq ca garagino € 530.000 ben trattabili libero subito Ag. Marco Ristori UTI 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a camera e 3ºbagno. ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI a km 3 in splendida posizione ottima ubicazione inserita in contesto unico in stato perfetto adatto anche in parte a struttura ricettiva villa, oltre colonica, casa casiere 2 vani terreno olivato 5 ettari pianeggiante piscina annessi ripostigli vari adatto a più nuclei familiari (solo se veramente interessati) richiesta € 3.500.000 Ag. UTI dal 1946 Marco Ristori www.immobiliareri☎055 6812285 - 338 6136167 stori.it BENEDETTO DA MAIANO distanza (400 metri) collinare dal Salviatino in villa dell’800 piano terreno ristrutturato salone cucina ampia 2 camere stanza guardaroba (solo 2 camere) mq 135 circa giardino 400 mq circa Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 BIGALLO E APPARITA villa tutta indipendente ottimo stato conservativi bene divisibile 3 ingressi 300 mq splendido giardino con oliveta mq 3500 richiesta € 1.250.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 BOLOGNESE vendiamo particolare porzione di villa totalmente indipendente del ’400 panoramica su firenze finemente ristrutturata tipologia loft mq 300 oltre a giardino terreno mq 5.000 a ulivi piscina in progetto salone quadruplo studio 3 bagni 3 camere cucina dispensa rif vo108 ☎055 414545 - 055 419096 CALDINE collinare, in posizione molto panoramica, porzione terratetto di villa del 1.300, composta da cucina, dispensa, salone con camino, 2 camere, 2 bagni oltre cantina,lavanderia e posti ☎335 7678437 - 331 8532086 auto CHIOCCHIO a km 1 splendido splendido villino indipendente salone cucina solo 2 camere lavanderia, totale interno 120 mq ca, terreno e giardino curatissimo 1750 mq frutteto panorama sulle colline cancello carrabile 5 posti auto € 520.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it ☎055 6812285 - 338 6136167 CURE ALTE spettacolare villino finemente ristrutturato in stile anni ’30. Circa 300 mq disposti su 3 livelli oltre depandance e giardino. N.2 ingressi separati. Ottimo per abitazione e studio. Trattativa riservata ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD 10 MINUTI Sieci,,nel verde, stupenda villetta terratetto libera su 3 lati con bel giardino di 800 mq; composta da cucina, sala pranzo sala con camino, 3 camere, 2 bagni, cantina, lavanderia e garage. Perfetta e super accessoriata ☎335 7678437 - 331 8532086 GIRONE Meravigliosa villa di 600 mq libera su 4 lati con parco. Attualmente divisa in un appartamento di alta rappresentanza, un altro appartamento in stile moderno ed uno studio. Ideale per più nuclei familiari o studio-ufficio oltre abitazione ☎335 7678437 - 331 8532086 IMPRUNETA pressi,in zona residenziale ottima esposizione, villetta terratetto di recente costruzione, composta da salone, cucina abitabile, 3 camere, 3 bagni, taverna con camino, grande terrazza panoramica, garage, lavanderia, cantina, posto auto e orto con alberi da frutto. Ottime rifiniture, super accessoriata € 645.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086 LE BAGNESI contesto tranquilla totalmente nel verde vendiamo piano terra in villino bifamiliare di mq 105 con giardino di proprieta’ recintato di mq 116 e 2 posti auto ingresso sala cucina abitabile studio 3 camere 2 bagni finestrati ottime rifiniture richiesta € 515.000,00 rif ☎055 414545 - 055 419096 vo 119 / VIALE DEI COLLI in villa antica vendesi in contesto signorile e verdeggiante porzione su 2 livelli doppio ingresso corte abitabile giardino garage vani 10 oltre bagni finestrati cantina e vano tecnico e lavanderia riscaldamento autonomo prezzo interessante rif vo 107 ☎055 414545 - 055 419096

VILLAMAGNA in villetta a schiera bifamiliare appartamento di 170 mq disposto su 2 livelli con 2 ingressi volendo divisibile per 2 nuclei familiari oltre giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 450.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDISIEVE LA CONSUMA paese villa divisa in 2 appartamenti tutta indipendente cancello carrabile posti auto mq 340 su 2 piani bella vista libera subito € 320.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 PONTASSIEVE nella zona bellissima del Capitano esclusiva posizione panoramico in villino quadrifamiliare 6 vani taverna ampia caminetto giardino 500 mq loggiato 30 mq garage ampio Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250

VALDARNO A 3 MINUTI DA SAN GIOVANNI appartamento in bellissima villa padronale completamente ristrutturata. Ingresso con antico soffitto con volta a crociera e ingresso indipendente. Composto da: ingresso, soggiorno con doppia finestra, cucina, 2 camere, 2 bagni, ripostiglio. Terrazza 40 mq con vista sul parco. Garage. Vendita diretta. Pronta consegna rif. G € 271.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 CESTO villa libera su 4 lati di 90mq oltre giardino circostante ed autorimessa. Unica nel suo genere. € 360.000 ☎346 6604537 - 055 958785 CESTO villetta angolare come nuova con rifiniture di lusso oltre giardino di 200mq e garage. € 280.000 ☎346 6604537 - 055 958785 REGGELLO vendesi terreno edificabile per costruzione villetta indipendente ☎348 8569976 TERRANUOVA BRACCIOLINI a 5 minuti da san giovanni alle ville villetta terratetto in bifamiliare libera su tre lati con sviluppo su tre piani, composta da ampio salone con termocamino, cucina abitabile, studio e bagno a piano terra, tre camere e sala da bagno con idromassaggio a piano primo, rustico, sala biliardo e lavanderia al piano seminterrato oltre garage, locale tecnico, sottotetto, balcone e giardino frontale e tergale con ampio loggiato. Ottime finiture. Richiesta € 450.000/00 rif.2/7 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481

COLONICHE

E

MUGELLO BIVIGLIANO/ BORGO , meravigliosa porzione di colonica, libera s 3 lati, in posizione panoramica vista mozzafiato con 2000mq di giardino, composta da : grande cucina, salone doppio con camino, 3 camere, 2 bagni, lavanderia, legnaia. Curatissima ristrutturazione, oggetto di gran fascino € 750.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

ANTELLA/BELMONTE splendida porzione di colonica in perfette condizioni composta da sala con camino, sala pranzo, cucina in muratura, 3 camere, 3 bagni, studio, resede, posti auto. € 650.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI-CANDELI Porzione di colonica angolare libera su 3 lati con resede e giardino di 2000 mq composto da salone con camino, grande cucina, 3 camere, 2 bagni e ripostiglio. € 490.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI Le corti, collinare, ottima esposizione , bellissima porzione angolare di antica colonica superbamente restaurata composta da : cucina abitabile, sala doppia con camino, 2 matrimoniali, 2 bagni, stanza in soppalco, bellissima taverna/garage di 70 mq.ingresso indipendente con 350 mq di giardino. € 580.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 GIOGOLI collina del Galluzzo panoramica bellissima porzione libera 3 lati su 2 piani colonica rimessa finemente 160 mq con splendido giardino e terreno olivi mq 4.000 € 780.000 Esclusiva Ag. Cristiano Ristori ☎055 6121285 - 338 6136167 OLMO, di Fiesole, spettacolare villa in pietra, circa 350 mq libera su 4 lati con ampi saloni, camini originali già divisa in 2 unità, oltre annesso di 80 mq.circondata da terreno di circa 15.000 mq, possibilità di frazionarla in più unità o adatta per agriturismo . € 1.400.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

E

NEGOZI

LASTRA A SIGNA centrale (viale diaz 29) negozio completamente ristrutturato, mq 32 con bagno. € 85.000 trattabili ☎335 5220965

AFFITTI OFFERTA

VALDISIEVE 4 KM DA ROSANO , collinare e panoramica, antica colonica in pietra, libera su 4 lati, ottime condizioni; composta da : cucina, sala pranzo con camino, salone con camino, 3 camere, 3 bagni, taverna con angolo cottura,( possibilità 4a camera), giardino, terreno con ulivi e piscina.possibilità di acquisto di depandance già civile abitazione ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD direzione Rosano, porzione di colonica su tre livelli e libera su tre lati, composta da sala con camino, cucina abitabile, 3 camere, 3 servizi oltre taverna, garage, giardino e terreno. € 590.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDARNO FRA FIGLINE E SAN GIOVANNI in bellissima villa ristrutturata, con parco con piante secolari, appartamento su due livelli: cucinotto, grande soggiornopranzo, camera e bagno al primolivello, sopra (in suggestiva colombaia) camera con bagno. Ottime rifiniture in stile toscano. Vendita diretta senza mediazione. Pronta-consegna. Possibilitàgarage. Rif. H1 € 248.000 trattabili ☎055 9121200 - 348 2904195 REGGELLO Cancelli in villa antica, a piano terreno 140 mq complessivi di fondi finestrati da ristrutturare oltre ampio loggiato e circa 1000 mq di terreno. Oggetto unico ed esclusivo, da amatori. Richiesta € 155.000 ☎377 2682317

SIENA MONTALCINO vendesi casale su 2 livelli e torre vicinanza paese mq 400 con 3,5 ettari di terreno di cui 1750 mq a brunello certificato progetto per piscina e cantina di mq 285 descrizione piano terra salone triplo bagno cortesia sala cucina abitabile piano 1º camere matrimoniali 2 con 2 bagni biblioteca e scala con accesso alla torretta con camera e bagno stato dell’immobile ottimo richiesta € 2.500.000,00 trattabili rif t 03 ☎055 414545 - 055 419096

TERRENI FIRENZE

UFFICI

MARE

E

MONTI TOSCANA

ARGENTARIO in Porto S. Stefano sulla via panoramica bellissimo 2 vani con vista € 240.000 a parte volendo 2 garages € 110.000 Ag. Marco Ristori UTI dal 1946 www.immobiliareristori.it Esclusiva fino alla vendita Cell. 338 6136167 ☎055 6812285 - 055 6800250 CECINA localita’ a 8 km dal mare vendesi antico casale perfettamente ristrutturato mq 600 livelli 2 con 26 ettari di terreno vigneto bosco olivi frutteto strada bianca privata collinare in contesto riservato su un poggio dominante . annesso al casale ci sono 4 mini appartamenti arredati indipendenti per attivita’ turistiche gia’ in essere aria cond. piscina percorsi rilassanti camminamenti equestri caccia, cantina attrezzata di antico sapore per la conservazione dell’olio e del vino .distanza dal centro ripabella km 3 visitate il nostro sito www.bruni-igo.it rif tenuta 02 ☎055 414545 - 055 419096

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

GARAGE

ARETINA (via Turati), cantina di circa 6 mtq. prezzo € 8.000 ☎348 7113740 MASACCIO adiacenze Oberdan posto auto con cancello automatico, prezzo da concordare ☎347 6143007

BAGNO A RIPOLI Vallina appartamento in complesso colonico finemente ristrutturato a piano terreno con ingresso indipendente composto da soggiorno pranzo con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, piccolo resede e due posti auto scoperti. Arredo nuovo. Libero dal 1 giugno. Contratto transitorio. Richiesta € 600/00 mensili rif.1/39 Teknoimmobiliare ☎055 9155677 - 335 7734481 ISOLOTTO VECCHIO Bilocale ristrutturato parzialmente arredato mq 42, composto da: soggiorno con angolo cottura, camera e servizio. Balcone. Risc. Autonomo. (a1208) € 650,00 più spese condominiali ☎055 700124 - 348 6895038 LEGNAIA Bilocale ristrutturato, non arredato mq 40, composto da: soggiorno con angolo cottura, matrimoniale e servizio con doccia. Risc. Autonomo. Contratto 4+4.(a1254) € 650,00 mensili ☎055 700124 PIAZZA MARCONI Scandicci.piccolo bilocale arredato mq 35, con ingresso indipendente. Composto da: cucinotto, camera matrimoniale, ripostiglio e servizio. Risc. Autonomo.(a1253) € 590,00 mensili ☎055 700124 PONTE ALLA VITTORIA Bilocale arredato mq 60, composto da: soggiorno, cucinotto, camera matrimoniale e servizio. Terrazzo a tasca. Travi a vista. Pavimenti in cotto. Spese condominiali€ 50 mensili. Risc. Autonomo. (a1252) € 600,00 più spese condominiali ☎055 700124 ISOLOTTO VECCHIO Trilocale ben arredato mq 55, composto da: soggiorno con angolo cottura, due camere e servizio. Terrazzo mq 15. Spese condominiali€ 170 compreso riscaldamento centralizzato. Aria condizionata. Contratti 3+2. (a1056) € 600,00 più spese condominiali ☎055 700124 - 348 6895038 PIAN DI SCÒ centrale, privato affitta appartamento non arredato piccola palazzina in pietra. Disposto su 2 piani con giardino, loggiati, terrazzi, zona panoramica. Composto da: sala da pranzo, cucinotto, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia. Bello... € 690,00 mensili ☎348 8569976 LE TORRI Appartamento arredato mq 100,composto da: cucina, soggiorno, due camere matrimoniali, camera singola, ripostiglio e servizio. Due terrazzi. Posto auto condominiale. Spese condominiali€ 200 compreso risc. Centralizzato. (a974) € 800,00 più spese condominiali ☎055 700124 - 348 6895038 LEGNAIA Appartamento non arredato mq 110, composto da: cucina, sala da pranzo, soggiorno, due camere matrimoniali, una camera singola, ripostiglio e servizio con doccia. Due balconi. Cantina. Riscaldamento autonomo.(a1262) € 950,00 più spese condominiali ☎055 700124

AFFITTANZE STAGIONALI FIRENZE lungarno torrigiani affittasi con modalita’ settimanale/ /mensile prestigioso villino tipo loft con terrazzo abitabile e giardino affacci diretti sull’arno vista monumenti finemente arredato ogni confort indipendente salone camino pranzo studio 2 camere matrimoniali 1 singola 3 bagni cucina lavanderia ripostiglio richiesta settimanale € 1.000,00 tutto compreso richiesta € 3.700,00 rif vf 104 ☎055 414545 - 055 419096


1181194


Il reporter-Quartiere 4-maggio 2011