Issuu on Google+

Il Giornale del tuo Quartiere

Q1

1117864

Periodico d’informazione locale. Anno IV n.86 del 2 novembre 2010. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

PRIMO PIANO

influenza

NOVEMBRE 2010

Io l’aereo lo bilancio Andrea Muzzi*

L’ ALLARMI NO, VACCINO SÌ Anche se quest’anno non ci sono pandemie in vista, gli esperti raccomandano la prevenzione PAGG.30-31

FREDDO, RIMEDI “CALDI” Cioccolata o tè bollenti contro il gelo: ecco dove andare per sconfiggere l’inverno PAG.8

sPorT

Il Forte al lavoro per riaprire i battenti La Toscana che s’indebita

PAG.2

on the road

di Boeti - Esposito

I

GLI ORIZZONTI VIOLA Il ds Corvino parla di passato e futuro. E intanto si avvicina il mercato invernale PAGG.36-37

A TUTTO TREKKING Alla scoperta dell’associazione che fa delle passeggiate un “credo di vita” PAG.38

l peggio sarà pure passato, ma la crisi ha lasciato una pesantissima serie di strascichi. Quantificabile, purtroppo. In circa duemila euro a testa di debiti per ogni cittadino toscano. Sono i dati poco rassicuranti forniti dal Casper, il Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (sigla che riunisce le varie associazioni di consumatori). Cifre che raccontano che nell’ultimo anno il numero dei prestiti ha segnato un

aumento record del 20,8 per cento. Di più: secondo un rapporto di Unioncamere, nella classifica nazionale dei “cattivi pagatori” la Toscana indossa la maglia nera insieme al Veneto, alle Marche e all’Emilia Romagna. Esiste però il modo di affrancarsi da questa etichetta, mentre la Regione prevede aiuti per le famiglie in difficoltà. E un’addetta ai lavori spiega come funziona il rePAGG.10-11 cupero crediti.

Un popolo di scooteristi La vita sulle due ruote PAG.17

amministratore di una compagnia aerea per abbassare il prezzo del biglietto ha proposto di tagliare un pilota e far guidare le hostess in caso di emergenza. Le hostess? E chi si fida! Già ho paura a volare con l’equipaggio al completo! Dicono che l’aereo è il mezzo di trasporto più sicuro al mondo… sarà, però la prima cosa che ti senti dire appena entri in un aereo è: “In caso di emergenza indossare il salvagente, la maschera dell’ossigeno e farsi il segno della croce!”. Uno non si tranquillizza molto così! Il treno sarà anche meno sicuro, però non ho mai sentito un ferroviere dirmi: “In caso di deragliamento questo è il kit per ingessarti la gamba!”. Vogliono far pilotare le hostess? Io ho dei dubbi. L’aereo vola a cinque chilometri da terra e qual è la loro unica preoccupazione? Venderti una bottiglietta di profumo! Se mi schianto a terra non me ne frega niente di sapere se mi puzzano le ascelle! Io in aereo non sopporto quelli che entusiasti ti dicono: “Guarda bello il panorama dal finestrino!”. “No, grazie”. “Non sai cosa ti perdi!”. “Se volevo vedere il panorama dal finestrino non viaggiavo tra i bagagli!”. Io in aereo non capisco nemmeno quelli che dormono tranquilli! Ti trovi in un momento cruciale della tua vita e cosa fai? Il pisolino? Io in aereo non dormo mai. Io guido assieme al pilota. L’aereo va troppo a destra e io mi sposto a sinistra. Lo bilancio. Ho fatto tre viaggi in aereo e tutte le volte l’aereo è atterrato e la gente è uscita tranquilla. Ci fosse stato uno che mi ha ringraziato. La prossima volta dormo anch’io, così imparano!!! *Comico

1117867

Edizione del Quartiere 1 • 36.099 copie distribuite da


2

Novembre 2010

Centro Storico • Porta Romana • San Jacopino

IL CASO. La struttura si appresta a riaprire dopo le tragedie di Luca Raso e Veronica Locatelli

Il Forte Belvedere adesso ci riprova CRONISTORIA

Dopo l’ok del tribunale al piano di messa

Quelle notti d’estate finite nel dramma

in sicurezza presentato dal Comune, i lavori

Era la sera del 3 settembre 2006 quando Luca Raso, un ragazzo romano di appena vent’anni, perse la vita al Forte Belvedere. Il giovane, a Firenze per una breve vacanza insieme a un gruppo di amici, precipitò a terra dopo aver cercato di saltare da un bastione all’altro. La tragedia non impedì comunque la successiva riapertura della fortezza, dove due anni dopo, il 15 luglio del 2008, la stessa sorte toccò a Veronica Locatelli, fiorentina di 37 anni. La donna stava festeggiando il compleanno in compagnia di alcuni amici, ma si era allontanata dal gruppo per qualche minuto. Forse ingannata dall’improvviso spegnimento dei fari (era in corso una mostra del fotografo David La Chapelle) e dalle trappole ottiche di quella che un tempo era un’inespugnabile roccaforte militare, Veronica precipitò nel vuoto e morì. Ora che l’annunciata riapertura del Forte pare vicina, le famiglie delle vittime non smettono di chiedere verità e giustizia per i loro cari.

sono già partiti. L’obiettivo è rendere l’area fruibile al pubblico entro primavera Luca Serranò

I

n attesa della parola conclusiva da parte della giustizia sulla tragica fine di Luca Raso e Veronica Locatelli, il Forte Belvedere s’appresta a riaprire i battenti. Due le domande che ancora ballano sul piatto. Riuscirà l’Amministrazione a farsi trovare pronta per la prossima primavera, come da programma? E’ giusto che la riapertura avvenga prima del definitivo accertamento delle responsabilità penali? Il primo passo verso il completo ripristino dell’attività, ad ogni modo, è già stato fatto oltre due mesi fa, quando il tribunale ha dato l’ok al piano di messa in sicurezza presentato dal Comune e provveduto al dissequestro. Il via libera ha quindi consentito l’inizio dei lavori, che in questa fase si stanno concentrando sulla Palazzina Reale. Poi sarà la volta dei bastioni e degli impianti di illuminazione. Nelle intenzioni di Palazzo Vecchio, oltre a tornare al centro della vita dei fiorentini, la struttura dovrà offrire tutti gli standard di sicurezza necessari. Non è un mistero, infatti, che accanto al panorama mozzafiato il Forte nasconda insidie e pericoli: vere e proprie trappole ottiche, che anticamente servivano a confondere i nemici durante gli assalti. Proprio una di queste prospettive ingannevoli sarebbe costata la vita a Veronica Locatelli, la ricercatrice fiorentina per la cui morte pende una richiesta di rinvio a giudizio per sei indagati, tra cui, causa il suo ruolo istituzionale, l’ex sindaco Leonardo Domenici. Una delle ipotesi sulla caduta, infatti, è che la donna avesse scambiato le fronde degli alberi del sottostante giardino di Boboli per un prato. Anche nel processo sulla tragedia di Luca Raso, lo studente romano che perse la vita il 3 settembre 2006, sono saltati fuori elementi tali da mettere sotto accusa sia il vecchio sistema di sicurezza (poca illuminazione, mancanza di protezioni) che la scarsa attenzione da parte delle passate amministrazioni verso questo tipo di problemi. E’ aprile quando durante un’udienza prende la parola la dottoressa Anna Tarducci, presidente della sezione di Firenze della Lega

Lungo le mura

Nazionale per la difesa del cane. La donna, tra gli sguardi atterriti dei presenti, racconta i suoi tentativi per sensibilizzare le istituzioni competenti sulle innumerevoli morti di cani finiti giù nella zona della cannoniera, nello stesso punto in cui si sono spezzate le vite di Luca e Veronica. Il suo è un racconto da brividi: decine di segnalazioni senza risposta, telefoni sbattuti in faccia nell’indifferenza più assoluta. Anche in questo caso gli animali sarebbero stati ingannati dalle false

il reporter è un periodico di 10 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 216.486 copie

sulle due terrazze che la affiancano. Poi sarà il turno dei bastioni, che dovranno essere messi in sicurezza con cancellate e parapetti. Gli ultimi interventi riguarderanno invece il restauro delle rampe della diamantina e dei camminamenti. Se tutto filerà liscio, il Forte potrebbe quindi ripresentarsi al pubblico come un nuovo centro culturale, con spazio per arte e spettacoli. Per non dimenticare, pare certa l’installazione di una targa o di un monumento in memoria di Luca e Veronica.

LA RASSEGNA Visite nei luoghi di culto e laboratori nelle botteghe: ecco “Firenze insolita”

Alla scoperta della città. Tra le strette vie del centro

S

i snoderà attraverso quattro aree tematiche, ognuna con il suo percorso e le sue traiettorie culturali. Per tutto il mese, fino al sette di dicembre, ci sarà l’occasione per riallacciare i contatti con quelle enclavi di bellezza che ancora si nascondono tra le strette vie del centro. “Firenze insolita”, rassegna di eventi culturali che ricalca lo schema del Genio fiorentino, sta muovendo in questi giorni i suoi primi passi. Tutte le iniziative, molte delle quali gratuite, fanno capo ai quattro contenitori in cui è suddivisa la manifestazione: Firenze dello Spirito, Firenze di

Il Reporter di Centro Storico, Porta Romana, San Jacopino raggiunge 36.099 famiglie nel quartiere 1 di Firenze.

Copia in abbonamento postale

prospettive, precipitando, complice l’assenza di ringhiere, giù dal parapetto. Al problema, finalmente, sembra aver dato risposta il piano di sicurezza presentato nei mesi scorsi dal Comune. I tempi per la completa riapertura al pubblico, anche di notte, restano ancora da definire con certezza, ma la volontà è quella di aprire i battenti entro la prossima primavera. Il progetto prevede una spesa di oltre due milioni di euro, con una prima fase di lavori concentrati sulla palazzina reale e

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68 Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

ieri e ancora oggi, Firenze goliardica e Firenze artigiana. Sarà quindi possibile, tra le altre cose, partecipare a una visita guidata nei principali luoghi di culto sparsi nel quartiere (chiese, moschea, sinagoga) e prendere parte a laboratori (anche per bambini) nelle più tradizionali botteghe di orafi, intarsiatori e restauratori. Tra gli appuntamenti di maggior richiamo, il tour “Donne di pietra”, ispirato al libro omonimo. “In pratica, si tratta di un percorso tra le insegne dei palazzi di Firenze che ricordano le grandi donne del passato - spiega Ornella Grassi, presidente del-

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Periodico d’informazione locale Anno IV n.86 del 2 novembre 2010 N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

la Commissione cultura del Quartiere 1, nonché curatrice dell’iniziativa - un modo per rilanciare l’attenzione sulla storia e sul futuro di questa città”. Altro evento da segnalare è il concerto di chiusura di Luca di Volo. “E’ uno sforzo importante - commenta Roberto Nativi, presidente della Commissione sviluppo economico, che ha fortemente voluto la rassegna di eventi - l’obiettivo è quello di rivitalizzare i nervi addormentati di una parte di città, un modo per coinvolgere turisti e abitanti della zona nell’identico percorso /L.S. di rispetto e conoscenza”.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


3

il giornale del tuo quartiere

LA RICORRENZA/1. Tra qualche mese la storica biblioteca celebrerà i suoi 150 anni

Nazionale, l’anniversario più difficile LA RICORRENZA/2. Quarantaquattro anni dopo

Firenze ricorda l’alluvione del ‘66 Q

La biblioteca nazionale centrale di Firenze

L’idea è quella di organizzare una mostra, ma l’evento rischia di non essere solo una festa: i tagli dei contributi alla cultura stanno mettendo a dura prova i bilanci della struttura, che sta cercando soluzioni. Ma la città non si rassegna e prova a dare risposte Gaia Grassi

T

ra qualche mese la Biblioteca Nazionale di Firenze compirà 150 anni. Questa importante istituzione ha, però, origini ancora più antiche, poiché la prima “pietra” si deve al lascito testamentario di Antonio Magliabechi, erudito e bibliotecario di Leopoldo de’ Medici, che nel 1714 ha devoluto 30mila volumi integrali “a beneficio universale della città di Firenze”, come recita il documento. Diversi passaggi storici hanno incrementato il valore culturale della biblioteca, che è stata aperta al pubblico nel 1747 ed è diventata Biblioteca Nazionale in seguito all’unificazione con la Biblioteca Palatina dei Lorena nel 1861, con l’appellativo di “centrale” attribuitogli nel 1885. Il breve accenno storico può forse dare la misura dell’importanza che questo luogo riveste come riferimento della cultura non solo per la nostra città, ma per tutto il Paese. Si contano infatti 235mila accessi on line ogni giorno, 120 chilometri lineari di materiali per 6 milioni di volumi stampati, 25mila manoscritti, 3.700 incunaboli, 29mila cinquecentine e 35mila fascicoli l’anno di periodici: un patrimonio immenso e quasi insospettabile. Proprio per questo la stessa biblioteca si impegna spesso a organizzare mostre che mettono a disposizione materiali storici suggestivi. Come è stato nel caso della “Giornata del patrimonio”, oppure delle giornate di visite animate dagli attori della “Compagnia delle seggiole”. “Da parte dei fruitori la risposta è stata entusiasta ed entusiasmante – racconta la direttrice della biblioteca, Antonia Ida Fontana - tutti si sono mostrati molto curiosi, e anche la dimostrazione del lavoro di restauro ha suscitato un vivo interesse”. Sulla scia di questo successo, si parla già di organizzare una mostra per il 150esimo anniversario della biblioteca - che di fatto si compie nel 2011 - entro cui sarà organizzato un percorso per risalire alle basi culturali che parlano dell’identità degli italiani, pensando, per esempio, a Edmondo De Amicis, che scrisse “Cuore” con un’intenzione tanto so-

ciale quanto politica di unificazione concettuale dell’Italia, oppure all’economia del “marginalismo” di Vilfredo Pareto. Una mostra impegnativa e straordinaria, che può rivelare molto del patrimonio conservato negli archivi della biblioteca. Anche il mantenimento degli archivi, delle sale di lettura e di tutti gli apparati che ne formano il complesso è molto impegnativo e oneroso, e purtroppo l’anniversario rischia di non essere solo una festa. Proprio in questo periodo, infatti, la biblioteca sta vivendo un momento molto difficile dal punto di vista economico. I tagli dei contributi alla cultura operati dal Governo stanno mettendo a dura prova i bilanci dell’istituzione, che sta cercando soluzioni a più livelli. Si parla di dimezzare l’orario di apertura per coinvolgere meno personale, ma su alcune mansioni necessarie non è possibile risparmiare ulteriormente: ad esempio, il facchinaggio di prestito

uattro novembre 1966, una data impressa nella memoria di tutti i fiorentini. Siamo giunti al 44esimo anniversario dell’alluvione che travolse Firenze e i suoi inestimabili capolavori, strappati al fango grazie all’impegno di tanti giovani. In molti ricordano come l’Arno travolse la città coprendo di acqua e fango le opere d’arte, i simboli della sua grandezza e la vita quotidiana di migliaia di persone, distruggendo soprattutto il centro storico. I danni più significativi hanno colpito il patrimonio artistico della bella Firenze, tra cui opere d’arte, monumenti, numerosi volumi, manoscritti o rare opere che si trovavano all’epoca alla Biblioteca Nazionale. Tra i capolavori sciupati dall’acqua anche quella considerata una delle più importanti opere pittoriche di tutti i tempi, il Crocifisso di Cimabue, conservato tutt’ora nella Basilica di Santa Croce grazie a un prezioso lavoro di restauro. I danni furono immani anche per tutte quelle attività commerciali che avevano sede ai piani bassi delle costruzioni, come uffici, magazzini e attrezzature, sommersi da un misto di acqua, fango e nafta fuoriuscita dai serbatoi allagati e dalle fogne. “Quarantaquattro anni fa vivevo con la mia famiglia in un semplice appartamento in affitto, in una strada nel cuore del rione di Santa Croce, via de’ Macci. Attorno alle sei del mattino fummo svegliati dalle grida di chi abitava

ai primi piani della strada e segnalava che l’acqua stava entrando nei primi appartamenti: l’Arno aveva straripato”: sono questi i ricordi nitidi ancora impressi nella mente di Marco Cellai, allora parlamentare nazionale ed europeo di Alleanza Nazionale, oggi militante nel Pdl. Durante i drammatici giorni dell’alluvione la parola distruzione stava più che mai diventando una realtà con cui fare i conti: decine di dispersi, cinquemila senzatetto, la città senza energia elettrica, al buio e al freddo. “Bisognava muoversi, attivarsi, coordinare il supporto volontario che arrivava, individuare delle prime strutture di riferimento per quello che si profilava come un vero e proprio intervento di speranza”,

Cellai: “Bisognava muoversi, attivarsi”

racconta ancora Cellai. Ora, quarantaquattro anni dopo quei drammatici giorni, Firenze deve dire grazie, ancora una volta, all’opera degli “angeli del fango”, giovani (e non solo) arrivati da ogni angolo del mondo per lottare contro l’acqua che aveva invaso la città e fare in modo che la sua bellezza e i suoi tesori non an/B.R. dassero perduti.

AMORE. Prima Ponte Vecchio, ora invadono il lungarno

I lucchetti cambiano casa

Si parla di dimezzare l’orario di apertura per coinvolgere così meno personale volumi, ritiro e consegna ordini all’emeroteca di Forte Belvedere sono già stati ridotti da 200 a 50mila euro. Ma Firenze risponde non vuole arrendersi. Da una parte, infatti, alcune aziende dei servizi cittadini stanno cercando accordi per non gravare sulle deboli casse della biblioteca, dall’altra la commissione cultura del Comune si è data da fare e, come spiega il presidente Leonardo Bieber, “l’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e farci ascoltare da governo e parlamento, perché si adoperino ad aiutare un’istituzione così importante per il nostro paese. Sarebbe un paradosso – conclude - chiudere la biblioteca nel suo 150esimo anniversario”.

A

ndrea e Toni. Shelley e Paul. Victor e Cristina. E altre centinaia di nomi di coppie di innamorati impressi su altrettanti lucchetti attaccati alle catene del marciapiede in lungarno degli Archibusieri. Sono spuntati in poche settimane e non hanno lasciato un centimetro libero, attaccati l’uno all’altro a testimoniare l’amore di fiorentini e turisti. Arrivano, agganciano il lucchetto e poi lanciano la chiave in Arno, per lasciare un segno del loro amore

nella Firenze senza tempo. Ce ne sono di tutti i tipi, forme e colori. Scritti con pennarelli o direttamente già con l’incisione incorporata. Un fenomeno non nuovo nella città dei Medici e sempre a un passo dal fiume. Ieri sulla cancellata della statua di Benvenuto Cellini sul Ponte Vecchio, oggi sulle catene di fronte agli Uffizi, domani chissà. In molti, infatti, sono pronti a giurare che non finirà qui. Proprio come certi /F.M. amori.


4

Novembre 2010

Centro Storico • Porta Romana • San Jacopino

L’INCHIESTA. Il progetto della moschea ha riacceso il dibattito sull’argomento

Una città, molti culti (e comunità) La mappa delle religioni a Firenze Gaia Grassi

più “vistosa” è che per il loro culto non esiste ancora una Moschea vera e propria. Al momento, in città, ci sono tre luoghi di preghiera musulmana: nel quartiere 1, in borgo Allegri, la Moschea è stata adibita in un ex garage, dove Il Reporter ha incontrato Izzedin Elzir, imam di Firenze e presidente dell’Ucoii (Unione delle Comunità Islamiche d’Italia), che spiega: “La proposta della comunità è di creare un

L

a presenza della comunità ebraica a Firenze si riscontra già all’epoca romana: attualmente è considerata una delle più importanti e numerose d’Italia, con circa duemila iscritti. L’integrazione della popolazione ebrea sul suolo fiorentino è stata agevolata nei secoli dalla politica cittadina: in particolar modo, hanno segnato momenti fondamentali l’anno 1848, con l’apertura dei ghetti di piazza della Repubblica – seguita dalla costruzione della maestosa Sinagoga in via Farini - e il periodo della seconda guerra mondiale, quando i fiorentini hanno aiutato la comunità ebraica a difendersi dalle leggi razziali che prevedevano la deportazione. “A Firenze – spiega Maurizio Certini, presidente del Centro Internazionale Studenti ‘Giorgio La Pira’ - si organizzano anche incontri tra ebrei e musulmani, con lo scopo di creare un tessuto sociale e culturale le cui sinergie rappresentino una ricchezza”. In città, infatti, è molto numerosa anche la comunità islamica, fondatasi proprio al centro “La Pira” nel 1978: evidentemente più recente, questa comunità conta già 30mila membri tra musulmani venuti dagli oltre cinquanta paesi islamici e compatrioti convertiti all’islam. La cosa

Presa in considerazione anche l’idea di creare più moschee ridotte sito dignitoso per la nostra cultura e religione. Non abbiamo ancora un luogo stabilito per poter modellare un progetto di moschea, ma nel frattempo c’è stato chiesto un disegno dall’amministrazione comunale. Abbiamo preso in considerazione anche l’idea di don Giovanni Momigli di creare più moschee ridotte – continua - che ci permetterebbero di stare più vicini alla gente”. In ogni caso, per la comunità la costruzione di un luogo deputato alla preghiera appare basilare, se si considera che il venerdì è necessario organizzare due turni di preghiera per-

L’ingresso della “moschea”

Hussein Safina 55 anni

Izzedin Elzir 37 anni

Abdì Karimoui 46 anni

“Tolleranza e rispetto fondamentali”

“Il progetto potrebbe essere diverso”

“Necessaria una struttura più ampia”

“Faccio parte della comunità islamica sin dalla sua fondazione, e all’inizio tutti noi fedeli pregavamo in una sala del centro ‘La Pira’, dove si trovava anche un crocifisso. Questo fatto non ci ha mai disturbato perché il rispetto e la tolleranza sono elementi fondamentali per convivere e condividere la società”

“Le Moschee sono tutte molto diverse fra loro, perché in genere assumono gli aspetti architettonici del luogo in cui sono costruite. Abbiamo pensato ad una Moschea con caratteristiche rinascimentali perché siamo a Firenze, ma siccome non è stato ancora individuato un luogo in cui costruirla, il progetto definitivo potrebbe essere completamente diverso”

“La Moschea è una struttura fondamentale per noi, e mi sembra necessario ormai trovare un luogo più dignitoso e più opportuno, magari con i minareti, le cupole. Ma questi elementi non sono indispensabili quanto una struttura semplicemente più ampia che possa ospitarci tutti ed evitare quindi il doppio turno di preghiera”

OFFRE

servizi personalizzati con • ASSISTENTI FAMILIARE (BADANTE) secondo la formula del vitto e alloggio

La Cooperativa 2M Servizi Sociali Convenzionata

• ASSISTENTE FAMILIARE GIORNALIERA 1100985

Per informazioni:

1129502

055 8495975

segreteria@2mservizi.net

ATTIVO H24


5

il giornale del tuo quartiere

La rappresentanza ebraica nel capoluogo toscano è una delle più importanti e numerose d’Italia, così come quella islamica,

Simcha Jeliner 55 anni

Adam Smulevich 25 anni

“Facciamo incontrare le culture”

“Comunità ebraica integrata”

sebbene più recente. Marmugi: “Nel dialogo con la cultura islamica abbiamo sostenuto l’idea che un luogo idoneo per adibire una Moschea potrebbe essere la zona attorno a piazza D’Azeglio; vista la presenza della Sinagoga, questo diventerebbe un luogo di incontro di culture differenti. Evitando di costruire una Moschea in periferia si evitano automaticamente anche lo spostamento e la ghettizzazione degli islamici”

“È necessario che ci siano le condizioni per il dialogo, e in questo senso siamo cresciuti”

La facciata della sinagoga

ché manca lo spazio per contenere tutti i fedeli. “Per capire quanto sia importante creare un luogo di culto adatto per le religioni che sembrano meno vicine alla nostra cultura - sostiene il presidente del quartiere 1 Stefano Marmugi - è necessario che ci siano le condizioni per il dialogo, e Firenze in questo senso è molto cresciuta, ha metabolizzato il concetto ed è pronta per questo passo”.

Ci sono anche pareri contrari all’idea della costruzione di un luogo di culto islamico in città: ad esempio, da alcune parti si è sostenuto il fatto che costruire una moschea rappresenti una grossa spesa, oppure che sia giusto celebrare il culto in lingua italiana. Ma, rispondono i rappresentanti islamici, la stessa comunità si autofinanzia, non ha la necessità di contributi del Comune e un culto

su due viene celebrato in italiano, che è ormai la lingua “franca” che nella nostra nazione unisce il popolo islamico, costituito da appartenenti a paesi molto lontani e diversi tra loro. Come diverse sono le idee dei membri dell’Ucoii, le cui differenze – concludono i rappresentanti - costituiscono una ricchezza importante per il dialogo della comunità.

Ecco gli interventi previsti questo mese sulle strade del quartiere: VIA SQUARCIALUPI Iniziano lunedì 8 novembre i lavori di asfaltatura in via Antonio Squarcialupi. Fino a venerdì 12 la strada sarà chiusa al traffico nel tratto da via Giovanni Paisiello e via Enrico Petrella. VIA DEI SERVI Per effettuare uno scavo per la posa di cavi telefonici, da lunedì 8 novembre sarà istituito un restringimento di carreggiata in via dei Servi, nel tratto fra via degli Alfani e piazza Santissima Annunziata. Il provvedimento, che sarà in vigore dalle 8 alle 18, si concluderà venerdì 12 novembre. BORGO SAN FREDIANO Per lavori alla rete di telefonia, da lunedì 15 a venerdì 19 novembre Borgo San Frediano sarà chiuso all’altezza di via dei Serragli nella fascia oraria 9-18. PIAZZA SAURO Sempre per lavori alla rete di telefonia, da lunedì 15 a venerdì 19 novembre sarà istituito, nella fascia oraria 9-18, un restringimento di carreggiata in piazza Nazario Sauro, all’intersezione con Borgo San Frediano. VIA D’ARDIGLIONE Lunedì 15 novembre inizieranno i lavori per un nuovo allacciamento alla rete di distribuzione del gas in via D’Ardiglione. Fino a sabato 27 novembre sarà chiuso il tratto da via dei Serragli a via Santa Monaca.

I VOSTRI OSPITI COME A CASA

1099149

...ricordatevi a NATALE di venire a fare i vostri regali, i cesti da noi. A

ale" r T t n e EN o c

R l mercat O I i F nte a

dehi, di fro

ti ot

Noggia l L’oE tto i

Nel cuore di Firenze a due passi dal centro storico in San Frediano

INI

Ccentesc E T O to

"s

“La comunità ebraica a Firenze è perfettamente integrata, non mi sono mai sentito un corpo estraneo. Purtroppo non siamo molti, anche se siamo tra le comunità più numerose e proprio in questo periodo, con il nuovo consiglio di comunità, stiamo cercando delle soluzioni per trovare nuovi stimoli ad incontrarci tra noi, per stare più assieme”

ato ” b a S no ' i e A V ’ T i i NI QUALI n e r d A p e r I V DI A DI Ve 18 “ A T EL NOMI alle C S d O A

T R VAS GAST ENO

VIENI AD ASSAGGIARE I NOSTRI PANINI CALDI O TAGLIERI DI SALUMI E FORMAGGI. ALTRIMENTI PER UN PRANZO O UNA CENA VELOCE O SEMPLICEMENTE PER UNO SPUNTINO!!

Via Panicale 19/r - Firenze Tel. 055 292723 Aperti dal martedi alla domenica dalle ore 10.30-21.30 orario continuato

I VOSTRI OSPITI SARANNO COCCOLATI COME A CASA VOSTRA

1117569

Ta r i ffe economiche • 32 camere • Servizi privati • Aria condizionata • Camere per famiglie • Parcheggio • Personale plurilingue

055.2335558 Fax 055.2306392

Tel.

Viale R. Sanzio 16 - 50124 Firenze www.cheap-hotel-florence.com - yhf2000@dada.it


6

Novembre 2010

Centro Storico • Porta Romana • San Jacopino

DOSSIER. Dopo l’allarme del 2008 sull’inquinamento acustico la situazione sembra migliorata

Firenze città dei rumori. Anzi no Simele Kruklidis

zioni, ma riguardano per lo più le case costruite a ridosso dei viali di circonvallazione, che qui rappresentano l’origine della gran parte dei suoni disturbanti”. Niente di anomalo rispetto ad altre città italiane, ed anzi possiamo dire che per sua natura Firenze presenta un ulteriore vantaggio: l’architettura della sue costruzioni. “Quasi tutti gli edifici – continua Melloni – hanno un retro esposto su una corte o un giardino che favorisce il mantenimento del silenzio e della quiete notturna: a regola, le camere da letto dovrebbero essere collocate proprio su quel lato. Inoltre le mura sono spesse e trattengono il suono”. Ma al di là del traffico su strada, in alcune aree preoccupa anche la numerosità di abitazioni vicino alle rotaie e il sempre più discusso traffico aereo che, tra Peretola e dintorni, crea continui disagi ai cittadini. Rumori che purtroppo non sono eliminabili e che finiscono per incidere negativamente non solo sulla valutazione della zona e dei suoi immobili, ma soprattutto sulla qualità della vita degli stessi residenti. Eppure, secondo Melloni, le prospettive a breve e medio termine lasciano intravedere possibili e nuovi miglioramenti: “Nei prossimi anni sia la tramvia che la Tav aiuteranno a smaltire il traffico cittadino, contribuendo in maniera senz’altro significativa a rendere meno caotiche le nostre strade. Per quanto riguarda la questione dell’aeroporto, tutto sommato si fa riferimento ad un’area limitata e circoscritta, in cui però il rumore elevato sussiste”. Se dunque qualcuno potrà sperare in un futuro più silenzioso, per altri invece il problema continuerà a perdurare. L’inquinamento acustico, proprio come lo smog, è una tra le prime controindicazioni del vivere in città. Per alcuni è un compromesso tollerabile, altri invece progettano da anni la fuga verso la campagna.

È tra le principali fonti di stress e insonnie, ma presto le cose potrebbero cambiare. “Tramvia e Tav contribuiranno a rendere meno caotiche le strade”

U

no degli svantaggi di abitare in città è il dover fare i conti con il rumore di treni, auto, motorini e bus: suoni costanti che invadono i nostri spazi, tutto il giorno, tutti i giorni. Si tratta dell’ormai tanto chiacchierato inquinamento acustico, che oggi compare tra le principali fonti di stress, ansie e insonnie con cui siamo obbligati a convivere, a casa come al lavoro e a volte perfino nel nostro tempo libero. A Firenze, dopo l’allarme del 2008, sembra che la situazione sia rientrata nei limiti previsti dalla legge, sebbene sia evidente la presenza di alcune zone “critiche”, particolarmente esposte al traffico su strada e su ferro. Arnaldo Melloni, responsabile comunale del controllo sull’inquinamento sonoro, garantisce che “di norma, sul nostro territorio, non vengono superate le soglie limite di 65 decibel diurni e 55 notturni. Esistono però delle ecce-

IL DENTISTA RISPONDE QUESTO MESE:

LA PREVENZIONE NON FINISCE MAI...

A cura del Dott. Giuseppe Garrubba Cari lettori è appena trascorso il mese della prevenzione, continuiamo a parlarne perché è una pratica da tener presente ogni giorno. Forse non tutti hanno capito quanto è importante lavarsi correttamente e frequentemente i denti. Parliamo allora di come si forma la carie: dopo aver lavato i denti la loro superficie si riveste di un sottile strato di glicoproteine a provenienza salivare. Questa pellicola ha un ruolo protettivo, è come se il dente venisse unto per essere protetto dagli agenti abrasivi ambientali, essa viene anche usata però dai batteri come superficie alla quale attaccarsi. La placca che si attacca al dente dopo che è stato pulito (detta placca batterica) si sviluppa nelle prime 2 o 3 ore a macchia di leopardo. A 12 ore dall'inizio del processo il dente appare completamente rivestito da una patina di 8-10 strati di cellule. Dopo un intero giorno (se non si lavano i denti) gli strati di cellule arrivano a 100, per diventare 300 dopo due giorni e poi aumentare in modo esponenziale. Questa

placca riveste il dente non permettendo che la saliva lo deterga più. Il malcapitato dente si ritrova sommerso dai batteri che consumano i resti del cibo producendo acidi che scioglieranno i suoi minerali provocando la carie. Parallelamente questi batteri danneggiano anche la gengiva, facendola infiammare (gengivite) e alla lunga ritirare con conseguenti zone di scollatura dal dente dove la placca si insinuerà, provocando una progressiva degenerazione che può portare anche alla piorrea (malattia delle gengive con formazione di pus) che, se non curata, ha come conseguenza il ritiro dell'osso e la perdita dei denti. Il rimedio a tutto questo è una corretta igiene da attuare con l'appropriato uso dello spazzolino (con movimento sempre dalla gengiva verso il dente) e con il filo interdentale da passare fra i denti. Importante è anche l'igiene orale fatta dal dentista, almeno una volta all'anno, che non è sostituibile con l'igiene giornaliera in quanto serve a rimuovere l'accumulo di tartaro (deposizione dei componenti calcarei della saliva). Ricordiamoci che il nostro sorriso è troppo importante per trascurarlo.

SALUTE A TUTTI.

DOTT. GIUSEPPE GARRUBBA Via Lungo L’Affrico, 42 - Firenze - Tel. 055 660225 www.curailtuosorriso.it

1138423

IL CASO In attesa della nuova pista, si discute da anni

Ma Peretola trema ogni 3 minuti

O

gni tre minuti sopra il cielo di Peretola passa un aereo a bassa quota: è un’azione che si ripete più di cento volte al giorno, senza tregua. Da anni ormai si discute sull’argomento, cittadini e amministrazione insieme, e di tanto in tanto la soluzione sembra sia a portata di mano. Si è parlato di misure anti-rumore, di variazioni nelle fasi di decollo e atterraggio e persino di diminuzione del numero di voli, eppure sino ad oggi non è stato ancora possibile rendere i decibel sopportabili. Per tale ragione la zona ormai vive in un limbo di proteste, promesse e dimenticanze, mentre la svalutazione degli immobili residenziali e commerciali continua ad avanzare. Chi ha la possibilità di allontanarsi lo fa in fretta, magari pur dovendo vendere la propria casa a cifre che per gli standard fiorentini sono quasi irrisorie. E a comprare senza alcun problema ci pensa la comunità cinese, che anche a Peretola cresce a ritmi sostenuti. Intanto, dopo numerosi tira e molla, all’orizzonte si profila la costruzione di una nuova pista, a sostituzione di quella attuale, ma parallela all’autostrada A11. Il progetto, secondo le stime

di Confindustria, dovrebbe far salire il numero dei passeggeri da 1,8 a 3,3 milioni all’anno e, soprattutto, dovrebbe garantire un notevole calo dell’inquinamento acustico. Così, mentre ancora una volta si sono riaccese le aspettative dei tanti residenti in attesa di risposte univoche, dall’Aerohabitat, il centro di ricerca sui collegamenti e le prestazioni aeroportuali, traspare invece qualche esitazione. In ultima istanza, la situazione appare ancora torbida, ricca di controversie e di questioni tecniche irrisolte. Ed ecco che ci risiamo: sull’argomento non è possibile fare chiarezza, neppure questa volta. Peccato per chi ci ave/S.K. va sperato.


7

il giornale del tuo quartiere

SIGARETTE & CO. Sono pochi i negozi che hanno “adottato” un posacenere

Mozziconi, se la lotta si “spegne” Ilaria Esposito

L

a cosiddetta “operazione cenerino” - ossia l’iniziativa promossa nel 2009 dall’allora assessore alla sicurezza e vivibilità urbana Graziano Cioni affinché gli esercizi commerciali esponessero posacenere sulla loro soglia - ha avuto successo? Probabilmente no. I 700 cenerini che furono messi in circolazione più di un anno fa sono molto riconoscibili grazie alle immagini di Firenze di cui sono rivestiti e la scritta “Firenze è anche tua, tienila pulita”. Di conseguenza, basta una passeggiata per accertare se veramente i commercianti hanno aderito alla lotta ai mozziconi e, soprattutto, se la stanno portando ancora avanti. Ad essere coinvolti nell’iniziativa furono i negozianti del centro, su proposta, oltre che dell’Amministrazione, anche della Camera di Commercio di Cna e con la collaborazione di Confcommercio e Confesercenti. Purtroppo, non è detto che gli esercizi che aderirono allora abbiano mantenuto l’abitudine di esporre il loro cenerino in materiale riciclato (il busto in cartone, la base in alluminio). Di conseguenza non è facile avere un dato su quanti siano realmente questi posacenere tutti ecologici (fra l’altro, Confesercenti sta provvedendo a distribuirne altri in Oltrarno ai negozi che stanno aderendo a questa nuova e

ulteriore proposta). Ma, appunto per il loro aspetto inconfondibile, dando un’occhiata alle soglie dei negozi del centro ci si rende conto che solo in pochi (soprattutto in piazza della Repubblica e nelle vie limitrofe) hanno “adottato” il loro posacenere. “Vengono usati dai clienti - spiega Francesco Maggio, titolare di un bar in centro - ma essendo di cartone si rovinano, e tanti magari li hanno gettati. Un problema è che la gente li usa come cestino: passano e appoggiano di tutto sul posacenere. Ci vorrebbe un buco sotto il portasigarette per raccogliere anche tutto il resto”.

Effettivamente, quella del cestino con applicato un posacenere è un’idea che è già venuta in mente all’amministrazione. Da qualche tempo, infatti, ai bidoncini marroni che si vedono dislocati per tutto il centro sono state applicate delle cassette per gettare cenere e mozziconi. Quadrifoglio sostiene che l’iniziativa abbia avuto un gran successo e che nel perimetro del castrum i 500 posacenere presenti vengano svuotati anche cinque volte al giorno. Diversa la situazione negli altri quartieri, dove né i cenerini né questo tipo di bidoni sono stati sperimentati.

IL PUNTO NEL QUARTIERE Il centro ripulito con interventi mirati

Basta “cicche” tra i sanpietrini

S

ono spariti (o quasi) in poco tempo. È bastato mettere qua e là i posacenere per ripulire il centro storico dai mozziconi di sigaretta. Qualcuno se ne trova ancora, certo, ma questo dipende soprattutto dalla cattiva educazione di qualche fumatore, che pur messo nelle condizioni di non sporcare preferisce insistere a perseguire l’altra via, quella di gettare il mozzicone in terra. Lanciata a fine marzo dell’anno scorso dall’amministrazione comunale, dalla Camera di Commercio, da Confesercenti, da Confcommercio, da Cna e Quadrifoglio, l’iniziativa ha portato nel centro storico di Firenze 700 portacenere, che sono stati posizionati fuori dai negozi e dagli esercizi pubblici. Un’iniziativa, questa, che era stata fortemente voluta per combattere il degrado e in attuazione del regolamento di polizia urbana che era stato approvato dal consiglio comunale nel luglio precedente, e che prevedeva una multa per tutti coloro che fossero stati sorpresi a gettare i mozziconi per terra. In base agli accordi, i commercianti avevano l’onere di provvedere alla loro custodia e di mantenerli puliti, e da subito questi sono stati molto utilizzati. Dopo una sperimentazione veloce, di poco più di 15 giorni, Quadrifoglio - un anno fa - ha provveduto a posizionare circa 550 piccoli posacenere.

Non sono stati aggiunti in tutti i bidoni, ma la scelta è ricaduta lungo una serie di percorsi, quelli più frequentati, che Quadrifoglio aveva individuato nel corso della sperimentazione, scegliendo così la via degli interventi mirati. Con questa strategia si è riusciti a eliminare, quasi del tutto, le sigarette gettate in terra, che in questi anni hanno creato un notevole disagio, perché raccoglierle fra i sanpietrini non era cosa affatto semplice. La pulizia dei posacenere avviene in concomitanza con lo svuotamento dei cestoni, nelle zone monumentali affollate di turisti dalle 3 alle 8 volte al giorno, e nelle direttrici più battute - come Duomo-Signoria - anche 10 volte. E in questo modo sono stati tolti dall’imbarazzo anche i fumatori

Qualcuna se ne trova, ma si tratta di maleducazione più diligenti, nonostante non tutti abbiano ancora la “bontà” di guardarsi attorno per cercare di trovare il posacenere più vicino dove spegnere la sigaretta. Per questo, la percentuale di mozziconi non più gettati in strada si attesta attorno al 90%. Almeno /F.M. nel centro storico.


8

Novembre 2010

Centro Storico • Porta Romana • San Jacopino

VERSO IL FREDDO. La brutta stagione si avvicina. Ecco qualche (goloso) consiglio per affrontarla

Tè e cioccolata per scacciare l’inverno Se in qualsiasi bar si possono trovare queste bevande, ci sono alcuni locali che ne hanno fatto una vera specialità. E c’è addirittura chi ha inventato la “minestra” di cacao Serena Wiedenstritt

F

irenze e il suo clima continentale. Vale a dire molto caldo d’estate e molto freddo d’inverno. Quando si alza il vento che sferza la faccia, una buona cioccolata calda o un tè bollente che profuma di paesi lontani possono essere la

1129475

L’entrata del Florian Cafè

soluzione migliore per non cedere al gelo e alla malinconia. Se è vero che qualsiasi bar è capace di improvvisare un tè o una cioccolata, è innegabile che ci sono i posti dove la bevanda calda si gode di più, dove si possono sorseggiare Tè e Cioccolata con le iniziali

maiuscole. E nel quartiere 1 non mancano le proposte. Un indirizzo storico, anche se il locale è relativamente giovane, è l’Hemingway di piazza Piattellina. A due passi da piazza del Carmine si definisce “crocevia d’incontro di tutti gli amanti della degustazione del cioccolato artigianale e del caffè, del tè, di vini e liquori d’autore” e offre specialità golose e innovative, in un ambiente che parla di Ernest in tutti gli angoli e da tutti i punti di vista. L’ultima novità per chi ama sperimentare è la “minestra di cioccolato”. Ottima per i freddi più inconsolabili, si tratta di cioccolato bollente e fumante al latte, fondente o bianco, servito con crostini al pistacchio, peperoncino rosso e cannella. Sempre a proposito di cioccolata in tazza, non si può fare a meno di citare Rivoire: posizione più turistica, ma una storia di oltre 130 anni alle spalle. Era il 1872 quando Enrico Rivoire, torinese e cioccolatiere reale, giunse a Firenze al seguito dei Savoia e aprì la sua fabbrica di cioccolata, diffondendo la famosa

L’interno dell’Hemingway

“cioccolata in tazza” vista Palazzo Vecchio. Fra gli arredi dei primi del ‘900 si può strafare concedendosi i cuoricini ripieni al gianduia piuttosto che i moretti con granella di nocciole o i capricci con riso soffiato. Per il tè, invece, due alternative tra le altre, entrambe da non perdere per il loro gusto un po’ retrò e la qualità dei prodotti. La prima è la Via del Tè, in piazza Ghiberti, accanto al mercato di Sant’Ambrogio. Si tratta di un tea shop, anzi di una boutique come amano definirla nell’azienda che Alfredo Carrai aprì quasi cinquant’anni fa. Nel negozio, aperto

nel 1997, è possibile acquistare e degustare 300 diverse varietà di tè e infusioni. In un contesto molto classico e “inglese” si vive lo spirito del laboratorio, dove vengono “testate” le nuove miscele, le nuove ricette e si arriva ai risultati migliori “rubando” idee, suggerimenti e giudizi dei clienti. L’altra possibilità è il Florian Café di via del Parione, nato come succursale del più famoso Florian di Venezia, che permette di gustarsi un tè di lusso, magari alla rosa veneziana, in pieno centro e in una cornice che vuole ricordare quella dell’originale veneziano, datato 1720.


1144706


10

economia

Novembre 2010

L’INCHIESTA/1. La causa sono spese sanitarie, rate per l’auto e mutui sulla casa

Toscana, duemila euro di debiti a testa Secondo un rapporto di Unioncamere, la nostra regione si aggiudica la maglia nera (insieme a Marche, Emilia Romagna e Veneto) nella classifica nazionale di chi non riesce a “coprire” le proprie uscite Giuditta Boeti

S

pese sanitarie, rateizzazioni per l’acquisto della macchina, viaggi, ma soprattutto mutui per comprare casa, ed ecco che in Toscana, nel 2010, ogni cittadino ha contratto debiti per una media di 2.040 euro a testa. Secondo i dati forniti dal Casper, Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (sigla che riunisce le varie associazioni di consumatori), ogni famiglia si ritrova accollate tutti i mesi delle spese fisse che costringono al ricorso al credito. Non a caso nell’ultimo anno il numero dei prestiti ha segnato un aumento record del 20,8 per cento. In linea con l’allarme lanciato dalla Banca d’Italia, dunque, anche in Toscana è cresciuto l’indebitamento delle famiglie e questo boom è causato da una forte perdita del potere d’acquisto. Secondo un rapporto di Unioncamere, nella classifica nazionale dei “cattivi pagatori” la Toscana indossa la maglia nera insieme al Veneto, alle Marche e all’Emilia Romagna. In queste regioni d’Italia, durante il 2009

si è registrato un incremento sia dei titoli non pagati sia del loro importo. Anche perché essere un pessimo pagatore non è poi così difficile: basta saltare o ritardare il pagamento della rata di un finanziamento (anche di un prestito appartenente al credito al consumo, cioè di quei debiti contratti per l’acquisto di un elettrodomestico o per rateizzare il pagamento di una visita dal dentista ad esempio) a causa di un qualsiasi motivo per essere registrati nelle “liste nere” dei “protestati”. A quel punto ottenere un nuovo finanziamento diventa davvero complicato. Ma in tempi di crisi pure i fiorentini hanno imparato a stringere la cinghia. Sono calati infatti gli

In tempi di crisi anche i fiorentini hanno dovuto “stringere la cinghia”. E sono calati gli acquisti

acquisti ritenuti non indispensabili (come gli articoli di profumeria, i libri, i giornali e la cartoleria) e la fonte primaria di indebitamento rimane ancora il mutuo per la casa. A confermare questa tendenza sono i dati sull’andamento delle vendite al dettaglio: nei primi sei mesi dell’anno la situazione di difficoltà del commercio toscano è stata legata ad una domanda interna che è diventata molto selettiva e cauta. Da un’indagine svolta da Unioncamere Toscana e Regione Toscana emerge che siamo ancora lontani dai livelli economici della situazione “pre-crisi”: segnali un pochino più rassicuranti arrivano da parte delle imprese che gestiscono ipermercati, supermercati e grandi magazzini, mentre per gli esercizi specializzati (sia alimentari che non alimentari) le perdite di fatturato restano ancora pesanti. Le difficoltà maggiori sono ancora relative alle vendite di prodotti per la casa ed elettrodomestici (- 4,3 per cento) e di abbigliamento e accessori (-3,5 per cento).

L’INIZIATIVA Si tratta di un aiuto erogato ai soggetti cosiddetti “non bancabili”, ovvero privi delle garanzie per ottenere finanziamenti

“Microcredito agevolato”, un sostegno per le famiglie in difficoltà

C’

è uno strumento a disposizione delle famiglie toscane in difficoltà a far quadrare i propri conti e si chiama “microcredito agevolato”. Si tratta di un sostegno che la Regione offre soprattutto a famiglie normalmente “non bancabili”, cioè che non sono in grado di offrire tutte le garanzie che occorrono per ottenere un finanziamento, ma che dimostrano di poter assolvere l’impegno di restituzione se aiutate a superare il momento di difficoltà. E allora, in questi casi, è la stessa Regione a fare (gratuitamente) da garante alle banche (fino all’80 per cento dell’intero ammontare) per la concessione di prestiti fino

ad un massimo di 4 mila euro. Il credito potrà essere restituito anche in piccole rate (di 70/80 euro al mese) fino ad un massimo di 5 anni ad un tasso di interesse agevolato (del 4/5 per cento medio annuo). Non sono previste spese di istruttoria o gestione della pratica, ed i fondi sono erogati al massimo entro 40 giorni dall’apertura della pratica. La Regione, per garantire i finanziamenti concessi dalle banche, ha costituito un fondo di garanzia iniziale di 1,2 milioni di euro. Punto chiave del microcredito agevolato è la rete di Centri di Ascolto ai quali le famiglie alle prese con problemi finanziari potranno rivolgersi per

STUDIO DENTISTICO Dr. P. Agostini – Medico Chirurgo – Odontoiatra

• Visite Preventive per Salute orale • Implantologia • Sbiancamenti • Cure • Protesi

UP CHECKTO GRATUI

Via Pisana, 35 – Firenze Tel. 055 22.50.63 1115259

accedere al sistema creato in collaborazione con Anpas, Arci, Caritas, Fondazione toscana per la prevenzione dell’usura onlus e Misericordie. L’iniziativa nasce da una evidente difficoltà economica in cui si trovano numerose famiglie toscane: secondo dati Cispel, infatti, nel 2009 non hanno potuto pagare 40 milioni di euro per consumo di gas, 150 milioni di euro relativi alla produzione di rifiuti ed al consumo di acqua; ed ancora, i pignoramenti immobiliari nel 2009 a Firenze sono cresciuti del 14,7 per cento. E il 32 per cento della popolazione anziana toscana /G.B. vive oggi con meno di 750 euro al mese.

COMPRO ORO E ARGENTO

1003823

ANCHE MONETE D’ORO VALUTIAMO INTERE EREDITA’ PAGAMENTO IN CONTANTI ALLE MASSIME VALUTAZIONI

Vetri Maurizio

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.30 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina


economia

11

L’INCHIESTA/2. Per chi deve riscuotere quanto gli spetta la via legale non è l’unica esistente

Quelli che di mestiere recuperano crediti Un esperto del settore racconta che questo tipo di soluzione “è meno oneroso per rivalersi sui propri debitori, sempre più numerosi a causa della crisi, e conviene ad entrambe le parti” Ilaria Esposito

L’

azione legale non è l’unica via percorribile per il creditore che vuole ottenere quanto gli spetta. Spesso ricorrere al recupero crediti è un mezzo più semplice per rivalersi sui propri debitori. Anna Tino, della Nivi Credit S.r.l di Firenze, ha spiegato a Il Reporter perché e come questa forma di riscossione convenga a entrambe le parti, creditori e debitori. La via del recupero crediti è “meno traumatica” per il debitore rispetto a quella legale? Il recupero crediti stragiudiziale è mediamente meno oneroso per il debitore, che non è gravato dai costi dell’azione legale (solo per registrare un decreto ingiuntivo servono centinaia di euro). Inoltre, questo sistema è più immediato ed economico anche per il creditore, che paga la società di recupero solo se incassa e - come nel nostro caso - in provvigione rispetto al recuperato, senza costi iniziali. Chiaramente la nostra azienda, come la maggior parte, collabora con studi legali: una volta percorse le strade stragiudiziali ed amichevoli il debitore ci costringe a perseguire le vie legali. Inoltre, col recupero legale si attivano procedure che incidono sulla vita del debitore: il decreto ingiuntivo registrato, il pignoramento, l’istanza di fallimento sono anche consultabili da terzi. Il recupero stragiudiziale presta attenzione alla mediazione fra le parti e a febbraio 2010 tra la nostra asso-

ciazione di categoria Unirec e la Adiconsum è stato costituito Ebitec, ente bilaterale per la tutela dei diritti dei debitori, anche in tema di privacy. Quali sono le situazioni tipiche che si presentano? Una persona (fisica o giuridica) ricorre al capitale di terzi se non può far fronte ai suoi bisogni coi mezzi propri. Un imprevisto determina l’impossibilità di rispettare le scadenze di mutui, credito al consumo, etc. Qui sorgono i problemi, poiché non tutti hanno la percezione vera di quel che costano certi finanziamenti: per rimborsarne uno se ne prende un altro, entrando in un vortice di interessi talora al limite del tasso di usura. Il risultato è facile da immaginare... Il numero di debitori è aumentato negli ultimi anni? Sicuramente, per i tanti posti di lavoro persi con la crisi e perché prima di questa ottenere prestiti e finanziamenti era fin troppo facile. Come prevenire questo fenomeno? “Stringendo” i rubinetti delle finanziarie, cioè effettuando analisi più severe sulla solvibilità dei soggetti che si avvicinano al mondo dei pagamenti rateali, del credito al consumo o dei prestiti in genere. D’altro canto, il vortice degli indebitamenti successivi potrebbe essere arrestato solo dal legislatore, con la previsione di soglie di usura sensibilmente più basse rispetto ai valori attuali.

FOCUS Ad occuparsene è un’associazione ad hoc, la Rmc (Recupero merito creditizio), che aiuta chi resta “intrappolato”

Liberarsi dal marchio di “cattivo pagatore” si può. Eccome

A

volte liberarsi dell’etichetta di “cattivo pagatore” può essere molto difficile. La missione principale dell’Associazione Rmc (Recupero merito creditizio) è proprio quella di aiutare le persone che sono rimaste “intrappolate” nella cosiddetta “centrale rischi”, un elenco di nomi che serve agli istituti finanziari per controllare eventuali posizioni debitorie di chi avanza richiesta di credito. Quando qualcuno chiede un prestito a una banca o a una società finanziaria quest’ultima accede ad una banca dati, dove sono disponibili i nomi di chi ha situazioni di debito insolute. Ma in questi elenchi non si trovano solo i

INFISSI IN PVC A 5 CAMERE INFISSO in pvc doppia anta con ribalta-vetri isolanti termici ed acustici su misura, varie colorazioni, solo esempio porta finestra (2 ante) 220cmx110cm

esempio finestra (2 ante) 150cmx110cm

€1116 €710 €595 €450 ULTIMI 2 MESI PER LA DETRAZIONE FISCALE DEL 55%

ZANZARIERE DA €60mq

veri “cattivi pagatori”. Spesso rimangono per lungo tempo anche i nomi di coloro che, dopo un ritardo anche minimo, sono riusciti a pagare interessi e spese per estinguere il debito. Un sollecito di pagamento di una banca può essere sufficiente a far finire chiunque nella cartella rischi, senza che l’interessato se ne renda conto. Finché il suo nome resta in questi elenchi una persona è esclusa dal mondo del credito, dal momento che gli istituti finanziari non prestano denaro ai cattivi pagatori o ai presunti tali. L’Associazione Rmc tenta di far fronte a questo problema, aiutando chi si trova in situazioni simili e conside-

PORTE IN LEGNO TAMBURATE STANDARD • rifiniture in vari colore • completa di maniglia standard • in laminato

€395 €280 +iva Compreso trasporto più montaggio

• A MOLLA • A CATENELLA • COLORI STANDARD • MINIMO FATTURABILE 1.50M

Show-room: Via F. Martini, 10/R

Tel. 055 6121802

1094546

rando caso per caso il da farsi. La sua azione si svolge attraverso percorsi di formazione, informazione e consulenza sul mondo del credito e interventi veri e propri su casi di perdita del merito creditizio o altre questioni legali (anche attraverso convenzioni che l’associazione ha con esperti del settore, avvocati, ecc.). Inoltre, l’associazione sta portando avanti un lavoro di monitoraggio dei casi di inserimento nelle centrali rischi, per capire chi generalmente ha questo tipo di problema e per quali meccanismi burocratici la cancellazione dalle “liste nere del /I.E. credito” avvenga tanto lentamente.

FINESTRE E PORTE IN ALLUMINIO • TAGLIO TERMICO A partire da

€ 320 al mq

• TAGLIO FREDDO A partire da

€ 290 al mq

INFERIATE IN FERRO

CANCELLI ESTENSIBILI ZINCATO

• Per finestre e porte • Su misura • Varie tipologie fisse o apribili • Con serratura di sicurezza a partire da

• su misura esempio 120x160cm

€290

€340 €250/mq

COMPRESO TRASPORTO E MONTAGGIO

PERSIANA IN ALLUMINIO stecca fissa (o orientabile) in colori base su misura

A partire da

€ 280 mq

PAGAMENTO A RATE

PORTONI BLINDATI (1 ANTA) DETRAIBILI FISCALMENTE DEL 55% - pannelli fronte / retro lisci - cilindro doppia mappa - limitatore di aperture - classe 3 trasporto + montaggio inclusi

€1.380-55%=

€ 621

+ iva al 10%


12

società

Novembre 2010

IL PUNTO. In costante aumento il numero dei fiorentini che optano per questa soluzione

Cremazione, scelta sempre più diffusa Nel 2009 si è registrata una crescita delle richieste del 10 per cento, ma questo crea dei problemi, perchè “gli impianti attuali non bastano”, spiega il segretario della Socrem. Che poi svela: “Tra i luoghi più utilizzati per spargere le ceneri spicca Monte Morello” Gianni Carpini

A

Firenze le cremazioni sono in costante crescita: nel 2009 sono state 2.500, facendo segnare un +10 per cento rispetto all’anno precedente, e solo nei primi 9 mesi del 2010 si è toccata quota 1.950. Un incremento esponenziale negli ultimi 20 anni, basti pensare che nel 1990 le cremazioni erano appena 284. Nonostante i numeri aumentino, le infrastrutture restano le stesse, provocando ritardi e disagi. “Gli impianti attuali non bastano - spiega Eugenio Nappini, segretario della Socrem di Firenze, la società per la cremazione - spesso ci troviamo in periodi di forte mortalità in cui le salme rimangono in giacenza per 3 o 4 giorni”. A frenare il progetto di nuove strutture c’è soprattutto la mancanza di fondi. “Abbiamo chiesto più volte al Comune di poter fare un terzo forno, che si aggiunga a quelli già esistenti presso il cimitero di Trespiano – prosegue Nappini – ma aspettiamo da anni una risposta concreta”. Vediamo nel dettaglio le regole che disciplinano questa pratica sempre più diffusa anche a Firenze. L’ultima legge nazionale in materia risale al 2001. La cremazione è permessa nel caso in cui il defunto abbia espresso questa volontà, oppure quando la decisione viene presa dal parente più vicino, o ancora se la persona deceduta è stata iscritta a una società per la cremazione. Si tratta di associazioni senza fine di lucro – oltre 40 in Italia, 9 in Toscana distribuite nelle varie province - che seguono tutta la parte burocratica e assistono i parenti. Il procedimento di incinerazione, ovviamente, può essere eseguito solo dopo l’ok del medico legale, che deve escludere l’eventualità di una morte legata a un reato. Dal 2004 anche la Toscana ha una legge regionale che disciplina la dispersione delle ceneri e che dà la possibilità ai cittadini di conservare le urne cinerarie in casa. Chi vuole spargere le ceneri può farlo all’interno delle aree dedicate. A Firenze esistono due luoghi di questo genere: il “Giardino della Rimembranza”, all’interno del cimitero di Trespiano, e quello alla fine del parco delle Cascine, nei pressi del monumento all’Indiano, dove confluiscono Arno e Mugnone. La dispersione è permessa anche all’aperto: nei fiumi (a cento metri dalla riva), in mare (a un miglio dalla costa), in montagna (a oltre 200 metri dai centri abitati) e in aree private (lontano dalle abitazioni e con il consenso del proprietario). “Uno dei luoghi scelti

dalla maggior parte dei fiorentini per spargere le ceneri è Monte Morello” spiega Eugenio Nappini. La dispersione, secondo i dati della Socrem, è scelta dal 5 per cento delle persone, il 15 per cento decide invece di custodire l’urna nella propria abitazione, il restante 80 per cento preferisce la tumulazione in uno dei 32 cimiteri fiorentini. Per informazioni sull’argomento è possibile visitare il sito internet www.socremfirenze.it.

FOCUS Dalla Fallaci a Le Monnier

Tanti i vip che riposano da noi

C

Dal 2004 la Toscana ha una legge ad hoc 1110735

elebre è il caso di Ugo Foscolo, sepolto proprio in quella basilica celebrata nei suoi Sepolcri: Santa Croce. Un vero e proprio pantheon degli artisti, dove sono ospitate le tombe di molti grandi come Michelangelo e Galileo. Ma anche la memoria di numerosi personaggi della storia recente è affidata a Firenze. Le Porte Sante sono il “cimitero vip” per eccellenza. All’ombra di San Miniato al Monte riposano Giovanni Spadolini, Mario Cecchi Gori con la moglie Valeria, lo stilista Enrico Coveri e tanti scrittori: Vasco Pratolini, Carlo Collodi (al secolo Carlo Lorenzini) e il creatore di Gian Burrasca, Luigi Bertelli. Sulle lapidi si leggono altri nomi famosi in città come l’editore Felice Le Monnier, Stanislao Paszkowski, fondatore dell’omonimo caffè, e il marchese Giovanni Meyer, padre dell’ospedalino di Firenze. A 4 chilometri di distanza, nel cimitero evangelico degli Allori al Galluzzo, riposa una grande giornalista, tanto seguita quanto discussa: Oriana Fallaci. Meno conosciuta è invece la tomba di Eugenio Montale, nel cimitero di San Felice a Ema. Accanto a lui la moglie Drusilla. Un altro poeta, Mario Luzi, giace sulle colline di Firenze, nel cimitero di Trespiano. C’è anche una nota curiosa. La città gigliata ospita i resti degli ultimi discendenti di William Shakespeare: Beatrice Shakespeare e Edward Claude Shakespeare Clench, tumulati nel cimitero degli inglesi al Piazzale Donatello. Ci sono poi personalità chiacchierate. Come Claire Clairmont, sepolta nel cimitero Monumentale della Misericordia all’Antella, amante di George Byron, che dal poeta e politico inglese ebbe una figlia. Sempre all’Antella si trova la tomba di Fanny Ronchivecchi Targioni Tozzetti, nobildonna fiorentina. A lei si rivolse l’amore (non corrisposto) di Giacomo Leopardi, che le dedicò il Ciclo di Aspasia.


reporter-firenze 255x360 vers2.pdf 1 14/10/2010 10.29.20


14

attualità

Novembre 2010

L’ALLARME/1. Anche a Firenze sono molti i fatti di cronaca che hanno a che fare con lo stalking

Un nuovo reato, il vizio di perseguitare Un decreto legge dell’anno scorso prevede punizioni severe per questo tipo di molestie assillanti, ma intanto cresce il numero delle segnalazioni e delle situazioni con esiti drammatici. A Signa l’ultimo episodio, con due donne accoltellate dal vicino di casa

Giuditta Boeti

E

x mogli, ex mariti, ex fidanzati. Ma anche uomini e donne comuni, non necessariamente ex. Colleghi d’ufficio, vicini di casa, madri, amanti e mogli. Insomma, gli stalker o molestatori assillanti, quelli che pur di far soffrire l’amore perduto gli rendono la vita un inferno: danneggiando le loro auto, recapitando a casa regali

IL PUNTO La presidente di Artemisia

“Troppe vittime anche in città”

I

055 200.13.26 Il primo taxi tutto al femminile

L’unica donna che non ti fa aspettare www.intaxifirenze.it

l punto sulla situazione con Nicoletta Livi Bacci, presidente dell’associazione “Artemisia”. Lo stalking è un fenomeno in crescita nel nostro Paese. Qual è la situazione attuale a Firenze? Anche nella nostra città – e in tutta la provincia fiorentina – il fenomeno dello stalking e del femminicidio, in particolare, è molto aumentato. Solo nel 2009, anno in cui è entrato in vigore il decreto legge che punisce come reato lo stalking, sono state circa 750 le donne che si sono rivolte al nostro Centro antiviolenza e, di queste, quasi il 6 per cento ha denunciato casi di molestie assillanti. Potrebbe sembrare un dato relativamente basso, ma purtroppo non lo è, perché quando le donne si rivolgono a noi vivono già una situazione particolarmente pericolosa che mette a repentaglio la loro vita. Qual è il profilo di chi si rivolge all’associazione Artemisia? Si tratta di donne inseguite dall’ex partner, perseguitate con appostamenti e pedinamenti, a volte costrette a lasciare la casa, il lavoro e cambiare città per non essere ammazzate. Nella quasi totalità dei casi, la relazione tra stalker e vittima è di natura sentimentale e la condotta persecutoria del molestatore è fatta di minacce tali da alimentare un crescendo di preoccupazione, tensione e paura. Ricordo il caso di una donna il cui stalker la perseguitava al punto che arrivò a spaccare le vetrine del negozio in cui lei lavorava; la donna fu licenziata e dovette lasciare Firenze perché vivere qui le era diventato impossibile. Qual è il sostegno che date alle donne in difficoltà? Abbiamo a disposizione un centralino telefonico (055/602311) per fornire consulenze e fissare dei colloqui di accoglienza utili ad analizzare insieme la situazione e a stabilire in accordo con le donne un percorso di uscita dalla violenza. Offriamo consulenza psicologica, informazione legale e un orientamento alla ricerca di /G.B. lavoro.

macabri, tappezzando le bacheche di Facebook, o le cabine telefoniche, con messaggi a luci rosse e numero di cellulare dell’ex amata. Sono anche le donne a non rassegnarsi all’idea di essere state “mollate” dopo una breve relazione, e allora iniziano a tampinare i malcapitati con centinaia di telefonate e sms, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Gli stalker, si diceva, quelli che si appostano sotto casa o dietro l’ufficio dove lavora “l’oggetto delle loro attenzioni morbose” e che, giorno dopo giorno, diventano sempre più violenti. Il confine tra molestia e stalking è labile e passa attraverso l’assiduità e la continuità della persecuzione, perché lo stalker con tenacia e perseveranza porta avanti le richieste, in modo ossessivo, fino al punto che, se non si assecondano queste pretese, arriva a rovinare la vita, se non addirittura a toglierla, uccidendo. L’ultimo caso salito alla ribalta della cronaca fiorentina è quello di un pensionato di 75 anni che ha accoltellato in strada le sue vicine di casa, madre e figlia, che lo avevano denunciato (e fatto condannare) per stalking. Il motivo? L’uomo non tollerava il cane delle vicine e questo, nel tempo, avrebbe acceso rancori culminati nelle denunce, fino alla condanna. Ma questo episodio è solo uno dei tanti casi denunciati da quando sono entrate in vigore – il 25 febbraio scorso con un decreto legge – le norme sullo stalking. La legge dovrebbe funzionare da deterrente: la pena oscilla tra 1 e 4 anni di reclusione, e aumenta se il reato è commesso dal coniuge separato o divorziato o da persona con cui la vittima ha avuto una relazione affettiva. Si arriva invece all’ergastolo nel caso di omicidio preceduto da stalking. Non lontano, infatti, è l’arresto di una ragazza fiorentina di 20 anni, che è stata fermata dai carabinieri per lesioni personali aggravate perché, armata di coltello a serramanico con una lama di 9 centimetri, ha accoltellato il fratello dello stalker che l’avrebbe insultata e minacciata in strada per vecchi dissapori. La ragazza aveva già denunciato l’ex fidanzato, di 19 anni, che la perseguitava, facendolo arrestare per stalking. Ma la sua azione non è bastata perché le intimidazioni sono continuate su Facebook e a queste si sarebbero aggiunte quelle dei familiari, tanto che la ragazza – perennemente spaventata – aveva deciso di circolare armata per potersi difendere in caso di necessità. Ma il fenomeno ha davvero dimensioni vastissime, anche nel resto del Paese. I dati dell’Osservatorio nazionale stalking riferiscono che nei primi tre mesi del 2010 le persone denunciate per stalking sono state 1.592, mentre 293 gli arrestati.

Nei primi tre mesi del 2010, in Italia, ci sono state 1.592 denunce


attualità

15

L’ALLARME/2. Sono state una sessantina, in un anno, le vicende affrontate dalla Cgil in Toscana

Mobbing sul lavoro, aumentano i casi Ivo Gagliardi

N

on bastasse la crisi che, mese dopo mese, sta contribuendo ad infoltire le fila di disoccupati e cassintegrati anche in Toscana, c’è un’altra parola che è ormai entrata preoccupantemente a far parte del “vocabolario” del lavoratore di oggi: mobbing. Spesso usato senza che se ne conosca l’esatto significato, questo termine sta a denotare un fenomeno molto grave: continue vessazioni e violenze psicologiche (e in qualche caso anche fisiche) nei confronti di un lavoratore da parte di un superiore o di un collega, comportamenti che finiscono per ledere la dignità personale e professionale della vittima fino a provocare conseguenze sulla sua salute (e a volte non solo). Spesso con un fine ben preciso: costringere il lavoratore a rassegnare le dimissioni. Una pratica subdola, a volte non troppo facile nemmeno da riconoscere e quindi da denunciare. Ma in Toscana come vanno le cose su questo fronte? Non troppo bene, almeno a giudicare dai dati dell’ufficio vertenze e lavoro della

Cgil. In un anno, da ottobre 2009 all’ottobre scorso, sono stati una sessantina i casi trattati in tutta la regione, tra quelli già in giudizio e quelli ancora da verificare. Ma è un numero, questo, che ne nasconde ben altri, assicurano dalla Cgil. “Per sessanta casi che trattiamo ce ne sono almeno 600 che ci vengono denunciati – spiega Luana Del Bino, responsabile dell’ufficio vertenze della Toscana – che poi non risultano essere mobbing ma altre cose, ma che sono pur sempre disagi sul lavoro. In una scala di colori il mobbing rappresenta il nero, ma dal bianco al nero le sfumature sono molte”. E comunque, aggiungono dalla Cgil, 60 casi in un anno sono un numero a cui mai si era arrivati in passato. “Se avessimo cominciato qualche anno fa il lavoro a tappeto che stiamo facendo ora – prosegue Del Bino – i numeri sarebbero ben altri. Ma ora c’è la crisi”. E cosa c’entra la crisi con il mobbing? “C’entra, perché ora i lavoratori hanno il terrore di perdere il proprio posto – risponde la responsabile dell’ufficio vertenze – e per questo

Con la crisi, però, in molti hanno il terrore di perdere il posto, e così vengono subiti in silenzio anche i comportamenti più gravi. Uomini e donne di 45-50 anni i più a rischio

subiscono anche i comportamenti più gravi senza dire nulla. Solo gli esasperati denunciano”. Persone che proprio non ce la fanno più, e per cui tutto questo si è trasformato in una “malattia”. “Parlando di un caso già passato in giudicato – racconta Del Bino – per i comportamenti che era costretta a subire a una lavoratrice era venuto

l’esaurimento nervoso, aveva preso 20 chili, piangeva sempre... abbiamo fatto vertenza, e le è stato riconosciuto un risarcimento, oltre a essere stata rimessa in ‘sicurezza’ sul lavoro”. Non ci sono, stando ai dati della Cgil, categorie più a rischio di altre (il fenomeno interessa tanto gli impiegati quanto gli operai), e i “mobbizzati” sono in quasi

egual numero uomini (48%) e donne (52%), mentre i lavoratori più “colpiti” sono quelli tra 45 e 50 anni. Ma cosa deve fare chi si trovi, suo malgrado, ad affrontare una situazione simile? “Rivolgersi immediatamente a un ufficio vertenze – conclude Del Bino – ce ne sono in tutte le province toscane. E sanno bene cosa fare”.

L’INTERVISTA. Riccardo Del Punta, docente universitario

“Non è facile da riconoscere”

M

a quand’è che si può parlare correttamente di mobbing e quando, invece, il disagio di un lavoratore deriva da altre cause? Per cercare di far chiarezza su questo fenomeno Il Reporter ha interpellato Riccardo Del Punta, docente ordinario di diritto del lavoro all’Università di Firenze. Professore, cosa significa esattamente mobbing sul lavoro? Questa parola deriva da un comportamento animale, quando in alcuni branchi un membro viene emarginato dagli altri: da qui la sua trasposizione sul lavoro. In genere si riconoscono due tipi di mobbing: quello verticale o strategico, messo in atto dal datore di lavoro, un atteggiamento persecutorio che in genere, ma non sempre, ha lo scopo di spingere alle dimissioni, e quello orizzontale, che non nasce per iniziativa dell’azienda ma tra colleghi come disfunzione del lavoro. Anche in questo caso, però, è l’azienda a risponderne. Ci sono criteri universali per riconoscerlo? No, non ci sono. In alcuni casi è evidente, in altri i confini sono

sottili. Perché si possa parlare di mobbing ci deve essere una condotta persecutoria e programmata che si protrae nel tempo. A volte il periodo minimo si calcola in 6 mesi, ma non è una regola generale. Quindi non è un fenomeno facile da individuare... No, assolutamente. Si può presentare con un demansionamento, con una sanzione disciplinare, con rimproveri esagerati, ma anche in molti altri modi. Bisogna stare attenti. A che punto siamo, in Italia, nel suo riconoscimento e trattamento? Nel nostro paese il mobbing è stato “scoperto” come fatto giuridico da una decina di anni, la prima sentenza è stata emessa dal tribunale di Torino nel ‘99. I casi accertati sono molti meno di quelli denunciati, perché a volte i lavoratori si ritengono mobbizzati quando non lo sono, altre è difficile valutare. Comunque, dato che fino a dieci anni fa non se ne parlava nemmeno, sono stati fatti grandi progressi. È importante che questo disagio ora sia venuto /I.G. fuori.

1140407


16

on the road

Novembre 2010

MOBILITÀ/1. Microcamere sul lunotto delle vetture Ataf per incastrare i furbetti della preferenziale

A bordo degli autobus è salita la “spia” FOCUS

“Attenti a quella busvia”: 370 occhi elettronici

Lotta alla sosta selvaggia

Chi intralcia il traffico paga (caro) i danni

sono pronti a fotografare la targa

O

di chi vi transita senza poterlo fare. E in caso di incidente funzionano come scatole nere Francesca Puliti

I

furbetti della corsia preferenziale hanno le ore contate. A coglierli in flagrante saranno 370 occhi telematici montati su tutti gli autobus in circolazione. Guai a chi sgarra, le microcamerine posizionate sui lunotti anteriori delle vetture fotograferanno la targa dei trasgressori e la invieranno immediatamente alla centrale operativa. Occhio anche in caso di incidenti, perché il meccanismo funziona come una sorta di piccola scatola nera, in grado di immagazzinare una serie di altre informazioni sulla vettura (come velocità e frenata) in modo tale da smascherare i più scaltri anche in questo caso. Tramontata l’ipotesi di installare telecamere fisse all’ingresso di tutte le preferenziali (attualmente sono una trentina), operazione che avrebbe richiesto un investimento di oltre 2 milioni di euro da parte del Comune, Ataf ha deciso di attrezzarsi da sola. Tagliando di gran lunga sulle spese. “Ogni microcamera costa solo 195 euro – fa sapere il presidente Filippo Bonaccorsi – e ci consente di risparmiare anche sulle polizze assicurative”. Un risparmio stimato circa nel 30% proprio grazie al sistema da “computer di bordo” che memorizza informazioni valide anche in caso di processo. Il meccanismo è già stato messo in pratica con successo in diverse città d’Europa e d’America, dove va sotto il nome di Road Scan, ma anche più vicino a noi: a Prato, a Pisa e a Carrara, solo per fare alcuni esempi. A Firenze l’operazione inchioda-trasgressori è già cominciata, le piccole scatole nere sono già state installa-

te su gran parte dei bus. Non solo, le microcamere hanno gli occhi anche dietro e sono pertanto in grado di osservare anche quel che succede all’interno della vettura. Un elemento di sicurezza in più per autisti e passeggeri. E le telecamere fisse? “Rimane un sistema valido all’interno della Ztl”, rimarca Bonaccorsi. Undici le corsie già videosorvegliate, in tutte le altre basterà che gli autisti schiaccino un bottone non appena vedono un’auto davanti a loro e scatterà la multa. Il verbale da 80 euro sarà recapitato direttamente a casa per posta. E ci sarà poco da reclamare. “Saremo al sicuro da eventuali ricorsi – annuncia il presidente Ataf - abbiamo già ricevuto conferma dal mi-

FORNO SARTONI

1135598

1933

DAL 1933 IL FORNO DEI FIORENTINI Pane Dolci - Focacce produzione Pizze anche propria da asporto 1115136

FIRENZE - Via dei cerchi, 34/r

tel. 055 212570

nistero dei trasporti”. Altre novità dovrebbero arrivare a breve e riguardano l’allargamento della rete delle busvie. Il piano di partenza è sempre quello presentato dall’azienda di trasporto pubblico a inizio anno, che prevedeva l’entrata in scena di altre 14 preferenziali. La mappa è ancora in mano ai tecnici di Palazzo Vecchio ed è difficile fare pronostici su tempi e chilometri, ma pare ormai chiara l’intenzione di riservare ai mezzi pubblici alcuni tratti strategici, soprattutto in ingresso/uscita dalla città, come via Forlanini, via Reginaldo Giuliani, viale Morgagni e viale Europa. Allo studio anche una soluzione anti-traffico per via Lorenzo il Magnifico e via Toselli.

cchio a parcheggiare in doppia fila o in prossimità degli incroci stradali. Da qualche settimana a questa parte chi intralcia il percorso degli autobus rischia di beccarsi una denuncia per interruzione di servizio pubblico e blocco stradale. E una conseguente richiesta di danni da parte dell’Ataf. Il presidente Filippo Bonaccorsi ha deciso di dichiarare guerra agli autisti indisciplinati, colpevoli di rallentamenti o addirittura di deviazioni. E i verbali fioccano: nelle prime tre settimane erano già a quota 40. Fino a 200 euro il risarcimento imposto ai “parcheggiatori selvaggi”. Se i presidi nelle zone calde, da parte dello stesso personale Ataf ma anche dei vigili, prosegue, alla linea dura delle sanzioni Bonaccorsi ha deciso di affiancare in seguito anche un metodo più soft. Non sanzioni ma opere di sensibilizzazione. Nei casi meno eclatanti si è optato infatti per un semplice volantino di avvertimento, della serie “per questa volta passi, ma la prossima paghi”. Ma di episodi clamorosi ne sono stati registrati, da quando è cominciata la battaglia (circa a metà settembre) ad oggi. Come quello di un ragazzo che, di fronte alla richiesta di danni, si è giustificato dicendo “ieri sera avevo bevuto troppo e non ricordo dove ho parcheggiato la macchina”. L’auto l’aveva abbandonata in piazza Strozzi, sbarrando il passaggio ai bus. A inizio settembre un’altra macchina lasciata sull’angolo tra viale Redi e via Toselli aveva costretto tutti gli autobus in transito a deviare il percorso per un’ora e mezzo, dopo che uno di loro si era incastrato nel disperato tentativo di passare. Non va meglio a chi parcheggia nello spazio delle fermate, abitudine tutt’altro che poco comune in città. Ma forse, almeno la prima volta, si metterà in tasca solo un volantino, anziché un salato bol/F.P. lettino da pagare.


on the road

17

MOBILITÀ/2. A Firenze il popolo degli scooteristi ha tantissimi adepti: il 18 per cento dei residenti

I motorini? Hanno pure un sindacato A fondarlo è stato l’ex consigliere comunale Iacopo Bianchi. Oggi i problemi di chi guida un ciclomotore sono tanti, a partire dalla carenza di parcheggi nell’area del centro storico Annalisa Cecionesi

N

elle fredde giornate invernali raccolgono gli sguardi impietositi degli automobilisti, che in coda si trasformano in occhiate invidiose. E’ il popolo degli scooteristi, da queste parti piuttosto folto. Firenze è infatti una delle città italiane con la più alta concentrazione di motocicli. Secondo i dati diffusi dal Comune, relativi alle iscrizioni al Pra+ del 2008, il 18 per cento dei residenti a Firenze possiede un motociclo, uno ogni 5 abitanti. Ma com’è la vita dello scooterista fiorentino? La nota dolente, a sentire i centauri, sono i parcheggi. A pagamento, proprio non se ne parla. L’unico esistente, al momento, è quello di piazza San Firenze, istituito qualche anno fa per regolare il forte afflusso in prossimità del tribunale. Ma nella delibera che rivoluziona la sosta approvata recentemente dalla giunta comunale si parla anche di 0,50 centesimi l’ora per la sosta di motocicli e ciclomotori. Sebbene quella di istituire nuovi parcheggi a pagamento per le due ruote sia solo una proposta da valutare, è bastata a far scattare un’iniziativa di protesta tra gli scooteristi. “La raccolta delle firme - dichiara l’ex consigliere comunale Jacopo Bianchi, fondatore, nel 1997, del Simis (Sindacato Italiano per il Motociclo e contro le Ingiustizie Stradali), meglio conosciuto come Partito dei Motorini – ha l’intento di contrastare una scelta ingiusta e sbagliata della giunta Renzi che penalizzerà gli studenti e i lavoratori di tutte le classi sociali che, in molti, hanno scelto intelligentemente questo mezzo per inquinare meno e spostarsi senza i tempi dei mezzi pubblici”. Ma anche se accantoniamo lo spettro dei posteggi a pagamento, il

problema della sosta rimane. Su Facebook un gruppo invoca “più parcheggi per i motorini in centro a Firenze”. E’ proprio l’area centrale il problema maggiore. Piazza della Repubblica, San Marco, la zona universitaria. Stazione compresa, dopo la demolizione della pensilina e la scomparsa della fila di posteggi per le due ruote. I parcheggi torneranno, ma non nel solito posto: 36 in via Alamanni e 62 in piazzale Montelungo. “Trovare un posto in centro è un’odissea – racconta Catia - e quando succede ritrovo il motorino assediato, tanto da non poter uscire”. Nel mirino è la sosta selvaggia. “In pieno centro – continua Eleonora - trovare posteggi per il motorino non è semplicissimo, altrove va meglio. Basterebbe che facessero le multe alle macchine che li invadono”. Al-

Chi si sposta sulle due ruote chiede anche nuovo asfalto e una segnaletica più sicura tre richieste da parte degli scooteristi? Asfalti nuovi di zecca. Qualche strada è stata messa a nuovo, ma in altre siamo in alto mare. E segnaletiche più sicure, a cominciare dai pericolosi guard-rail. E ancora, il via libera ai motorini sulle corsie preferenziali. Anche qualche deposito per caschi non guasterebbe. Ma gli scooteristi si accontentano di un po’ di sicurezza in più. Scarrozzarsi il casco, poco male. 1128482


18

ieri e oggi

Novembre 2010

CURIOSITÀ. Girando per la città con il naso all’insù se ne scoprono di antiche e bizzarre

Strada che vai, insegna che trovi Lorenzo Salusest

I

nsegne in marmo o in pietra serena, dipinte a pennello sul legno o a mosaico su vetrate, simboli dell’anima di una città, pezzi di storia. Insegne che parlano di una Firenze che non c’è più, se non nel ricordo dei più anziani. Soppiantate dal freddo del neon, cancellate dall’incuria e dal tempo, sfrattate dalle inflessibili leggi del mercato che

ZOOM Ogni zona ha la sua tariffa

Ma mantenerle ha il suo costo

U

n’insegna? Un fiorino. O qualche quattrino. Chissà se anche nei secoli scorsi i commercianti e gli artigiani fiorentini avranno avuto a che fare con la gabella sulle insegne delle loro botteghe. Perché forse non tutti sanno che per chi oggi ha un esercizio commerciale, tra le molte imposte cui deve far fronte, c’è anche quella su quel rettangolo apposto sulla porta del negozio con su scritto quasi sempre semplicemente il genere dell’attività commerciale e il nome. Tutte le forme pubblicitarie sono infatti assoggettate a imposte, e non sfuggono neanche le insegne sulle vetrine, nonostante esse svolgano spesso anche una funzione di abbellimento, o quanto meno di illuminazione – e quindi di maggiore percezione della sicurezza – della città. Per calcolare l’ammontare della gabella è necessario l’aiuto nell’ordine: di un commercialista che traduca in italiano comprensibile la norma e presenti la domanda senza errori formali, di un geometra che misuri le dimensioni dell’insegna, di un ragioniere che esegua i non immediati calcoli. E talvolta di un avvocato che difenda il commerciante se questi dà in escandescenze al termine di tutti i passaggi e il pagamento finale. Cifra non irrisoria, a dire il vero: perché se sino a 5 metri quadrati si è esentati dal pagamento, oltre la tariffa schizza immediatamente verso l’alto: dagli 84 ai 252 euro a metro quadro all’anno, a seconda della via (la città è divisa in 3 zone) e della superficie totale dell’insegna (fino a 2 mq, da 2 a 5, oltre i 15). Tradotto, significa che un bar con tre sporti e tre insegne standard da 2 mq l’una, e quindi 6 mq totali, andrà a pagare come minimo 504 euro all’anno. E non ci sono sacchetti neri o tabelloni luminosi montati al contrario (fenomeni sempre più diffusi e legati alla fase precedente all’autorizzazione) che tengano: l’imposta è come il Natale. Quando arriva, arriva.

rendono ogni città del mondo sempre più simile alle altre, talvolta resistono alle minacce assieme ai negozi che ‘presentano’, spesso invece sopravvivono a futura memoria, mentre nei fondi sottostanti si vendono prodotti e merci che niente hanno a che fare con quanto scritto sopra la porta. Altre volte addirittura una saracinesca abbassata è il segno evidente che la storia ha fatto il suo corso. E dire che sin dal 1800 le insegne rappresentano, oltre che una forma di comunicazione commerciale, un’espressione artistica: una sorta di carta d’identità con un ritratto dipinto al posto della foto. Tanto significative da ispirare (era il 1909) al poeta fiorentino Aldo Palazzeschi una “passeggiata” per le vie di una città non descrivendone le bellezze, ma semplicemente leggendo le scritte sopra i negozi. E se provassimo a farla oggi, una passeggiata simile, cosa vedremmo e leggeremmo? Una sequela di neon e grandi firme, di catene di franchising, di prodotti di basso consumo, che niente hanno a che vedere con la tradizione fiorentina. Ma se, camminando nelle vie del

Molte (purtroppo) sono state soppiantate da neon e grandi firme. Resistono tenacemente ai tempi moderni alcuni “classici” come quelli in via Ghibellina, largo Bargellini, via dei Neri, via San Gallo, via del Ghirlandaio, via Pandolfini, via de’ Bardi...

In una calda mattina calabrese di 34 anni fa, nella mite Crotone, nasceva, scalciando tra una sopressata ed un salamino piccante, la nostra Francesca, all’urlo di ‘nduja. In pochi minuti fu chiaro chi era. Le mettevano il primo pannolino e lei ridisegnava la disposizione della nursery. A colpi di pianti sempre più forti minacciava gli infermieri per evitare gli sprechi e con sorrisi ben studiati lusingava il primario. Presto ebbe i suoi primi approcci con il business. All’inizio fu riciclo di barbie, poi la stampa di ‘nduja magazine, infine smistamento di merendine al parco giochi. Al liceo ebbe successo per aver ottenuto un ottimo prezzo sulla stampa dei volantini per le manifestazioni e da li decise di fare ingegneria gestionale. Dopo tutte queste vicissitudini finalmente arriva a Firenze e qui fa la sua seconda scelta di vita. E’ calabrese e non siciliana, quindi niente coppola, come fedele compagna meglio la Coppoletta. Al suo fianco la mattina arriva e al suo fianco la sera se ne va, dopo una giornata di urla ai piccoli e sussurri ai grandi, intervallate dal tenero ticchettio dei suoi passi leggeri, come un bufalo di corsa. Oggi la celebriamo nonostante tutto, nonostante le vocali piu aperte dei negozi sotto natale, nonostante la sua euforia mattiniera sia uguale a chi ha appena pagato le tasse, nonostante quando parla sia meno comprensibile di Luca Giurato con il raffeddore, nonostante tutto perché come la suocera, se non ci fosse bisognerebbe inventarla.

Tanti Auguri Francy da tutta la Web&Press Edizioni

centro – in specie nella zona di Santa Croce – alziamo gli occhi e aguzziamo la vista, abbiamo ancora la possibilità di fare un tuffo nel passato e imbatterci, ad esempio – siamo in largo Bargellini – in una lapide con su incisa: “Pizzicheria e canova di vini” (e alzi la mano il fiorentino che conosce il significato della parola “cànova”); o ancora, l’arco in pietra riportante la scritta, ormai quasi illeggibile “Macelleria di Alfredo Nencioni” (via Ghibellina). Rimanendo all’antica arte dei Beccai, l’insegna di via de’ Neri (con tanto di numero di licenza) e quel capolavoro kitsch che è l’insegna di via San Gallo, ricca di fregi e abbellita con una testa di mucca scolpita; o ancora, uscendo dal centro e spostandoci in via del Ghirlandaio, la scritta “Macelleria” in carattere gotico, suggestiva e a dire il vero un po’ inquietante. E ancora, resistono sulle entrate di alcuni fondi commerciali le lapidi delle vecchie “friggitorie” (ad esempio in San Lorenzo, anch’essa con numero di licenza). Cambiando genere troneggia ancora in via Pandolfini l’ovale in pietra con la scritta “Antica cascina, mescita di caffé e latte”, o l’insegna di una vecchia cantina in via de’ Bardi, con tanto di orario di apertura. In gran parte dei casi dei vecchi esercizi rimane solo l’insegna sbiadita, molto spesso nemmeno più quella. E’ il tramonto della Firenze bottegaia, l’anima antica della città soppiantata dalle nuove regole del mercato. Un tramonto interminabile. E’ la globalizzazione, bellezza.


1144691

BENVENUTO INVERNO 2010/2011 il 4/5 dicembre vi invitiamo alla festa per l’inaugurazione della stagione invernale après ski nei locali e mercatini natalizi per le vie di Sestola.

Non mancate...


20

politica

Novembre 2010

PALAZZO VECCHIO/1. Sfratti raddoppiati in un anno: ecco la ricetta dell’assessore Claudio Fantoni

Centinaia di case popolari. In caserma La nuova frontiera dell’edilizia residenziale

quantomeno la cessione di alcuni beni strategici. Per esempio? La caserma Lupi di Toscana: solo lì potremmo realizzare centinaia di alloggi popolari, oltre a servizi per i cittadini. Un vero e proprio spicchio di città. Al di là di questo progetto, quali sono gli interventi pianificati? Per dare una risposta immediata alla richiesta, siamo intervenuti con la manutenzione per gli appartamenti di cui eravamo già in possesso, come avrebbe fatto ogni buon padre di famiglia. Oltre ai 388 alloggi che abbiamo già assegnato (quasi un record rispetto alle amministrazioni precedenti), ne abbiamo già recuperati altri 245, che sommati a quelli dove sono ancora in corso i lavori fanno 362 residenze da consegnare a breve termine. E per quanto riguarda le nuove realizzazioni? Ce ne saranno? A fronte di un piano strutturale a volumi zero, abbiamo comunque già progettato e finanziato la costruzione di 500 appartamenti. Non solo, a medio-lungo termine proprio il piano strutturale appena adottato dalla giunta dovrebbe dar vita ad altre 2-3mila unità Erp. Ma nelle assegnazioni saremo più severi: chi rifiuta senza motivo ciò che gli viene offerto finisce fuori dalla graduatoria. E i controlli si faranno più accurati, come già stiamo facendo.

pubblica passa attraverso i siti militari dismessi. Ma attenzione, perché chi rifiuta l’alloggio assegnato senza giusta causa va fuori dalla graduatoria Francesca Puliti

S

e c’è una parola abusata dai media è il termine “emergenza”, ma di fronte a un numero di sfratti raddoppiato nel giro di un anno, nell’80% dei casi per morosità, è difficile trovare un vocabolo più adeguato. Di emergenza abitativa parla anche l’assessore alla casa Claudio Fantoni, che non a caso ha riaperto il bando per l’assegnazione degli alloggi popolari con due anni di anticipo rispetto alla data fissata (che sarebbe stata il 2012). E in graduatoria ha riservato un punteggio a chi è stato sfrattato per “morosità incolpevole”, perché “seppur ci sono dei ‘professionisti dello sfratto’, sono tanti quelli che non riescono realmente a pagare l’affitto”. Punteggio in più anche per anziani e giovani coppie. Ma non si tratta dell’unica novità, perché il prossimo campo di battaglia dell’edilizia residenziale pubblica è già stato individuato e va sotto il nome di “federalismo demaniale”. Case popolari nei siti militari dismessi. Assessore, è una prospettiva concreta? Faremo tutto il possibile affinché lo diventi, perché si passi da questo federalismo bugiardo ai fatti. Sarebbe una piccola risposta al bisogno abitativo, di fronte alla totale assenza di risorse che questo Governo ha messo a disposizione per l’edilizia residenziale pubblica. Non mi interessano le polemiche politiche, mi riferisco solo alla realtà dei fatti. E la realtà è che il Piano casa, rivelatosi peraltro fallimentare, serve solo a chi un tetto sulla testa ce l’ha già, mentre i fondi per il social housing daranno risposte solo a chi può pagare un affitto, seppur calmierato. Chiediamo

L’assessore alla casa Claudio Fantoni

LA NOVITÀ Locazioni, il Comune inventa un nuovo strumento per riportare la pace tra proprietari e inquilini

O pagati o rimborsati. E chi abbassa l’affitto si libera dall’Ici

“C

i vuole un nuovo patto sociale tra proprietari e inquilini”. Se inserirsi nel mercato degli affitti non è facile, l’assessore comunale alla casa Claudio Fantoni sceglie la linea del senso civico per mettere un freno agli sfratti per morosità. O più semplicemente del buon senso: canone più basso uguale più probabilità che venga pagato. E per rendere il tutto più allettante lancia uno strumento nuovo, l’Agenzia per la casa. Fisi-

camente si tratta di uno sportello (in via Pietrapiana 53) presso il quale locatari e locatori possono recarsi per chiedere informazioni e moduli, più in generale rappresenta il tentativo di far incontrare domanda (a caccia di costi più abbordabili) e offerta (alla disperata ricerca di garanzie). In pratica gli affittuari che siano disponibili a ribassare il canone del 15% sugli accordi territoriali, avranno il totale rimborso dell’Ici e il rimborso fino a 12

VUOI risparmiare fino al 30% sulla tua bolletta del gas?

Svernicia i tuoi termosifoni solo 8 Euro (a elemento)

Lo Specialista delle Persiane

055.7310170

1093381

Sverniciatura - Restauro - Verniciatura

mesi in caso di morosità. A garanzia di ciò il Comune mette un fondo da 500mila euro “già tutti inseriti nel bilancio”, assicura Fantoni. Inaugurata il 19 ottobre scorso, l’Agenzia per la casa è un esperimento unico nel suo genere, ma ha trovato l’approvazione di tutte le categorie interessate. “Non abbiamo la presunzione di pensare che sia la soluzione a tutti i problemi – spiega l’assessore – ma vale la pena tentare, per cercare di arginare

una piaga sociale”. Altra questione quella degli affitti in nero, su cui l’Agenzia non ha nessun potere d’azione. Ma le verifiche proseguono. “Teniamo d’occhio decine e decine di situazioni ed entro fine anno vedremo i risultati di questa operazione”. Insomma, chi è fuori dalle regole, ci tiene a sottolineare l’assessore, “non può dormire sonni tranquilli”. E se viene scoperto, dovrà pagare le tasse /F.P. evase fino a quattro anni prima.


politica

21

PALAZZO VECCHIO/2. Il piano strutturale sbarca in consiglio comunale

PROSSIMA FERMATA ITALIA. Tutto pronto per il 5, 6 e 7

Stop al cemento, sì ai recuperi I rottamatori di Renzi Sarà una città a “volumi zero” si ritrovano alla Leopolda A

Paola Ferri

mbiente e impresa, lavoro e stili di vita, cultura e infrastrutture, giustizia e politica, accesso al credito e alla casa. Anche Renzi ha i suoi cinque punti, solo che non deve farli approvare a nessuna maggioranza risicata né mettersi a lavorare di diplomazia per trovare consensi. Stiamo parlando dei temi che saranno al centro del dibattito in programma il 5, 6 e 7 novembre alla stazione Leopolda, meglio noto come “convention dei rottamatori”. Il titolo della tre giorni in realtà è “Prossima fermata Italia” e, a giudicare dalle adesioni registrate dal sito internet (www. prossimaitalia.it) e dalla pagina Facebook creata ad hoc, saranno in molti a fermarsi in stazione. Di inviti ufficiali a personaggi politici non ne sono stati fatti, non sarebbe stato nello stile con cui è nata la convention. Tutto è cominciato con le picconate settembrine del primo cittadino di Firenze in direzione

C

ostruire sì, a patto che parallelamente si butti giù qualcos’altro, equivalente come metri cubi. Alla fine il piano strutturale di Firenze è arrivato e ha mantenuto le promesse lanciate dal sindaco già in campagna elettorale. Stop al consumo di suolo, quello appena adottato dalla giunta è un piano a volumi zero. “Non vengono toccati i diritti acquisiti - spiega Renzi - per esempio un permesso a costruire già concesso, ma solo la potenzialità costruttiva che non si è concretizzata, ovvero gli atti per far avviare le procedure di costruzione che non si sono mai perfezionati o non sono stati fatti neppure partire”. E con questa operazione il sindaco spazza via i residui del vecchio piano regolatore, equivalenti a 260mila metri quadrati su cui il cemento avrebbe potuto allargarsi ancora. Altra novità riguarda gli edifici in classe 6, ovvero i capannoni in mezzo alle case (ex aree industriali o anche ex cinema), che un tempo potevano essere facilmente demoliti e ricostruiti senza passare dall’autorizzazione del consiglio comunale. La procedura era già stata bloccata in nome delle norme anti-Quadra. Adesso Palazzo Vecchio propone uno “scambio”: in pratica, i volumi potranno essere spostati altrove, con l’aggiunta di un bonus del 10%, mentre al posto dei vecchi capannoni Renzi immagina giardini, piazze o comunque luoghi di socialità, nella direzione dei famosi spazi verdi a 10 minuti a piedi da ogni cittadino. Stop anche ai cosiddetti “bassi napoletani”, abitazioni ricavate da fondi commerciali al piano terra degli edifici, usanza che fino a poco tempo

La Cittadella viola potrebbe essere l’unica deroga al freno delle nuove costruzioni fa andava molto di moda nel centro storico. E a proposito di centro, divieto assoluto di trasformare le case in alberghi, a meno che non si tratti di residenze storiche. Se è vero che non si consumerà più suolo, è vero anche che il piano prevede la realizzazione di oltre 9mila alloggi popolari. Dove? “Negli edifici dismessi – chiarisce il sindaco - vogliamo chiedere con forza al Governo di fare tutti i passaggi per dare a noi le caserme di cui non ha più bisogno, come quella dei Lupi di Toscana”. Insomma, si recuperano i contenitori vuoti

e si fa spazio al verde in città. Sul dove andranno a finire i volumi dei fabbricati in classe 6 il gruppo Pdl avanza già dei dubbi (“Renzi ha intenzione di mandare tutto a Castello?”), ma su questo e altri punti ci sarà tempo per discutere. Adottato dalla giunta dopo tanta attesa (sul piano strutturale aveva cominciato a lavorarci la prima giunta Domenici), in versione molto rivista e molto corretta, adesso il documento approda nelle commissioni comunali, che lo spulceranno fino a metà novembre. Tra le questioni rimaste in sospeso quella della Cittadella, unica deroga al diktat dei volumi zero: nella prima stesura del nuovo piano lo stadio non c’era, adesso si dice chiaramente che Firenze lo vuole e che il luogo ideale, secondo Palazzo Vecchio, sarebbe Castello. Dovrà vedersela anche con il governatore Enrico Rossi, adesso, oltre che con gli agguerriti sindaci della piana. Non c’è, almeno per il momento, nessuno spazio dedicato alla moschea, di cui si continua a discutere in città. Se Legambiente approva a pieni voti l’idea di mettere un freno alla cementificazione, un’altra lega, quella delle cooperative, non è così d’accordo. “Aspettiamo di vedere quanti, tra gli obiettivi enunciati, si trasformeranno in politiche reali”, commenta Stefano Bassi, presidente Legacoop Toscana. L’approvazione definitiva in consiglio è prevista per febbraio.

Più di mille iscritti in poche settimane su www.prossimaitalia.it

del suo stesso partito, o meglio, dei soliti noti del Pd, quelli che hanno fatto della politica un mestiere e hanno passato gran parte della vita ben accomodati su una qualche poltrona. “Pensano di offenderci chiamandoci ‘giovanotti’ – scrive Renzi su Facebook - ci accusano di essere sfasciacarrozze, ci fanno la caricatura rappresentandoci come pierini dispettosi perché abbiamo avuto il coraggio di dire che ‘loro’ hanno già dato tutto quello che potevano dare. Hanno già avuto la loro occasione, l’hanno sfruttata come abbiamo visto, adesso tocca ad altri”. Da Veltroni a D’Alema, passando per i parlamentari seriali che collezionano mandati su mandati, non si è salvato nessuno. “Bisogna rottamare senza incentivi”, dichiarò all’epoca

Pippo Civati e Matteo Renzi

Renzi. E fissò la data per ritrovarsi con quelli che all’interno del Pd la pensavano come lui, per mettere in moto “non una corrente, né uno spiffero”, ma un moto di rivoluzione a partire dalle basi del partito stesso. In nome del taglio del numero dei parlamentari, della riforma fiscale e di una giustizia che funzioni, tanto per cominciare. Il primo a rispondere all’appello è stato il vecchio amico (si fa per dire, visto che è della generazione Renzi) Pippo Civati. In seguito è arrivata anche l’adesione di Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma, un altro vecchio amico con cui in passato lo stesso sindaco di Firenze aveva avuto un piccolo screzio risoltosi in uno scambio di battute e nella profferta di una bistecca alla fiorentina. I cittadini, quelli sì, hanno risposto in massa. Un migliaio le iscrizioni effettuate via internet in poche settimane, altrettante (se non di più) le persone attese alla Leopolda, per mettere in comune idee e proposte “per scrivere insieme un progetto per il nostro Paese”, per dirla con le parole dei promotori dell’evento. Poco importa se nel mentre il Pd, proprio lui, ha fissato in concomitanza un altro appuntamento (il congresso dei segretari): il popolo dei rottamatori ci sarà, piccone in una mano e pennarello nell’altra, per cominciare a scrivere una /P.F. storia mai letta prima.

ADESSO NON AVRAI PIÙ SCUSE PER NON SENTIRE INCREDIBILE PROMOZIONE ACQUISTA DUE APPARECCHI ACUSTICI NE PAGHERAI SOLO UNO L’ALTRO TE LO REGALIAMO NOI.* OFFERTA VALIDA SOLO PER IL MESE DI NOVEMBRE 2010 DIETRO PRESENTAZIONE DI QUESTA PAGINA Se hai problemi di spostamento puoi richiedere la visita gratuita di un nostro incaricato direttamente al tuo domicilio. Offerta valida sui prezzi di listino in vigore dei seguenti prodotti: phonak bte ok plus up-milo bte up-una/argus bte p. Su tutti gli altri prodotti sconto del 50% dai prezzi di listino in vigore sul secondo apparecchio acquistato * Offerta non cumulabile con altre promozioni in corso.

1077515


22

tempo libero

Novembre 2010

HOBBY&DINTORNI. A Firenze ci sono molti maneggi che offrono i corsi più disparati

Andare al galoppo in città? Si può fare I bambini, certo, ma anche gli adulti che vogliono togliersi lo sfizio di cominciare ad andare a cavallo hanno solo l’imbarazzo della scelta, perché i centri ippici sono tanti e con proposte diverse. Si va dalle lezioni di equitazione (per principianti ed esperti) a quelle per imparare a guidare le carrozze, fino ai corsi per capire come prendersi cura degli equini. Passando per le passeggiate nel verde e nella natura Benedetta Strappi

C’

è il calcetto, c’è la piscina, c’è danza, c’è tennis. E poi c’è l’equitazione, la gioia di salire su un cavallo e quella di aver voglia di non scenderne più. E tutto questo non è una cosa per pochi, anzi. Anche a Firenze - la stessa Firenze in cui ogni giorno si tossisce di smog e si inveisce contro il traffico - non mancano i maneggi. Fazzoletti di verde popolati da cavalli bellissimi a pochi minuti persino dal centro. Per esempio. Nel parco delle Cascine e dei Renai c’è il centro ippico “La Baita” (www.clubippicolabaita.it) che organizza corsi base di equitazione, passeggiate a cavallo, escursioni di diverso livello e corsi agonistici. Il costo? Un pacchetto di dieci lezioni costa 160 euro, ai quali si sommano 100 euro di iscrizione all’associazione e 40 di tesseramento Fise (Federazione italiana sport equestri). In via de’ Vespucci, invece, ha la sua casa il Centro ippico toscano (www.centroippicotoscano.it).

Anche qui l’offerta è varia, e oltre alla scuola di equitazione ci sono corsi teorici dedicati alle tecniche equestri, corsi di inglese applicati all’equitazione (!) e corsi di “grooming” (ovvero dedicati alla cura dell’igiene degli equini). Oltre a questo, il centro dedica corsi ad hoc all’arte “delle redini lunghe” (tecnicamente “scuola di attacchi”) e qui i maggiorenni possono imparare a guidare una carrozza. Non è da meno il centro ippico “Le due case” (www.centroippicoduecase.it), situato nell’omonima strada (una traversa di viale XI agosto) che organizza corsi di diversi livelli e presta particolare attenzione alle attività dedicate ai bambini e ai disabili. Anche qui si possono frequentare corsi di equitazione di diverso livello, prendere parte a escursioni di varia durata (giornate o interi fine settimana) e seguire lezioni specifiche di equitazione di campagna, di attacchi, di mascalcia (l’arte della ferratura) e persino avvicinarsi all’antica disciplina della falconeria. I

ALCUNE DELLE NOSTRE SPECIALITÀ LOCALI FATTE IN CASA

FUNGHI PORCINI

TUTTO L’ANNO SPUGNOLE GALLETTI RUSSULE OVOLI SEMPRE FRESCHI

MENU O ET COMPL ,00

€ 28

www.locandazita.com Piazza S.Giorgio - Vesale di SESTOLA (ai piedi del Monte Cimone)

Tel

0536 64278

• GNOCCO FRITTO • TORTELLONI E ROSETTE AI FUNGHI • FUNGHI FRITTI E ALLA GRIGLIA • CROSTATE Mirtilli e Lamponi

MEZZA PENSIONE

€ 55 PERNOTTAMENTO IN DOPPIA ,00 € 50 ,00

1128801

prezzi variano: il costo per un’ora di lezione è di 20 euro (15 con sconto Cral), quello per una passeggiata con l’accompagnatore (sempre un’ora) è di 25 euro (23 con sconto Cral). L’abbonamento per dodici lezioni in maneggio costa invece 210 euro, mentre l’iscrizione 80 (comprende anche un’assicurazione). Ma l’offerta è molto vasta, e spostandosi appena dalla città si incontrano tante realtà: una è ad esempio quella di Vingone (Scandicci), in via di Mosciano, al centro ippico Scandicci (www.centroippicoscandicci.it). Anche qui ci sono corsi di equitazione di diverso livello, per adulti e ragazzi, e per i più piccoli la possibilità di cavalcare i pony. Qui, come nella maggior parte degli altri maneggi, c’è la possibilità di prendere parte ad una lezione di prova gratuita. Sul sito www.fiseprovincia.it si può comunque trovare l’elenco completo dei centri ippici di Firenze e provincia affiliati alla Federazione italiana sport equestri.


la sicurezza alimenTare nelle nosTre case Episodi di grande impatto, come la sindrome BSE o sindrome della “mucca pazza”, hanno segnato una svolta della politica in materia di protezione dei consumatori e di sicurezza alimentare. I nuovi regolamenti comunitari gravano di maggiori responsabilità gli operatori del settore alimentare per tutte le fasi della produzione fino alla commercializzazione. L’Azienda sanitaria ha il compito di verificare il rispetto delle disposizioni in vigore, attraverso un sistema di controlli ufficiali. Dal momento dell’acquisto tutta la responsabilità sulla pratica igienica degli alimenti passa in mano ai consumatori. Comportamenti inadeguati, possono determinare tossinfezioni alimentari malattie di solito ad andamento benigno, causate dal consumo di alimenti alterati per presenza di germi patogeni o loro tossine e caratterizzate da nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, a volte febbre e, in un caso (botulismo), da gravi sintomi a carico del sistema nervoso. Per provocare la malattia è necessario che i germi si moltiplichino o che producano tossine. Affinché ciò avvenga alcune condizioni favorevoli sono, il consumo di alimento crudo o cotto in modo insufficiente, la T° di conservazione non idonea, il tempo eccessivo tra preparazione e consumo. ALCUNI CONSIGLI UTILI Evitare l’acquisto di: • confezioni aperte, rotte, rigonfie e ammaccate; • uova rotte; • latte, yogurt ed altri cibi refrigerati o congelati se tenuti fuori dal frigo; • cibi refrigerati, congelati o surgelati tenuti a temperature non idonee o al di sopra dei limiti di carico; • surgelati ricoperti da uno strato di brina o cristalli indice che hanno subito scongelamento e successivo ricongelamento; • prodotti con evidenti alterazioni; • prodotti scaduti; Inoltre: • prelevare i cibi refrigerati o congelati/surgelati verso il termine del giro della spesa; • i cibi congelati/surgelati e refrigerati dovrebbero essere posti, nei sacchetti termici e a contatto tra loro per una miglior conservazione; • l’acquisto di cibi caldi deve avvenire come ultima cosa prima di lasciare il punto vendita e non tenerli vicino a quelli refrigerati; • chiedere sempre un sacchetto impermeabile per carne e pesce freschi per evitare la fuoriuscita di liquidi. LA CONSERVAZIONE • Dopo l’acquisto provvedere al più presto a riporre gli alimenti nel frigorifero o nel congelatore a seconda della tipologia. • È opportuno munirsi di contenitori termici per i surgelati se si prevede un tempo eccessivo di stazionamento degli alimenti fuori dal frigo. • Evitare di lasciare i cibi nell’auto esposta al sole con gravi alterazioni dell’alimento. • Riporre gli alimenti in modo da evitare il contatto fra prodotti diversi, avendo cura di tenere separati gli alimenti crudi e cotti, confezionati e non. LA GESTIONE DEL FRIGO 1. È necessario effettuare periodicamente una pulizia e sanificazione del frigorifero. 2. Utilizzare il criterio della rotazione ponendo i cibi a più lunga scadenza dietro a quelli più deperibili o vicini alla

scadenza. Controllare la T° di conservazione: carne, pesce, formaggi freschi e latte da 0°C a +4°C, i surgelati a –18°C. 4. Controllare periodicamente la T° del termometro del frigo. 5. Non sovraccaricare frigo e congelatore. 6. Non avvicinare alimenti non confezionati di diversa natura. 7. Scongelare gli alimenti in frigo o se di piccole dimensioni, cuocere direttamente. 8. Non ricongelare gli alimenti una volta scongelati. 9. Non inserire gli alimenti caldi in frigo. 10. Riporre gli alimenti in frigo in contenitori chiusi entro 2 ore dalla cottura e comunque favorendo un raffreddamento rapido. 11. Non tenere mai cibi deperibili a temperatura ambiente perché ciò favorisce il rapido sviluppo di germi contaminanti. 3.

TEMPI DI CONSERVAZIONE IN FRIGORIFERO PER ALCUNI ALIMENTI NON CONFEZIONATI ALIMENTI TEMPO CARNE FRESCA 2-3 GIORNI PESCE FRESCO 2-3 GIORNI CARNE MACINATA 1-2 GIORNI FORMAGGI FRESCHI 5 GIORNI FORMAGGI A PASTA DURA 1-2 SETTIMANE SALUMI AFFETTATI 3 GIORNI SALUMI INTERI 2–3 SETTIMANE PREPARAZIONE- COTTURA - RISCALDAMENTO • Togliersi anelli ed altri monili e lavarsi con cura le mani con acqua e sapone prima di iniziare le preparazioni o quando si viene in contatto con alimenti di diversa tipologia; • asciugarle con asciugamani puliti o salviette monouso; • pulire e lavare con cura frutta e verdura; • i cibi devono essere cotti in maniera adeguata per una durata tale che permetta di raggiungere almeno 70 C° al cuore dell’alimento; • i cibi avanzati devono essere riposti in frigorifero entro breve (massimo due ore) consumati entro 48 ore e se riscaldati, accertarsi che l’alta temperatura arrivi al cuore dell’alimento per almeno cinque minuti. L’IGIENE DELLA CUCINA • Per pulire utilizzare acqua calda e detersivo. • Utilizzare spugne ben pulite e cambiare spesso gli strofinacci. • Pulire sempre le superfici di lavoro, le attrezzature e gli utensili prima e dopo ogni uso su alimenti diversi per evitare contaminazioni crociate. • Conservare i prodotti delle pulizie in armadietti separati in modo da evitare contatti con gli alimenti o ingestione accidentali. • Per disinfettare, dopo aver pulito, utilizzare prodotti a base di cloro (amuchina) adeguatamente diluiti in acqua fredda. RISCHIO INFESTANTI Al pari della pulizia e della disinfezione è necessario tenere sotto controllo gli infestanti. Gli insetti si possono suddividere in due grandi classi: gli insetti cosiddetti striscianti (es. blatte

ovvero scarafaggi) e gli insetti volanti (es. mosche e moscerini). La presenza di alimenti, di scarti e di rifiuti alimentari è fonte di richiamo per gli infestanti e potenziale fonte di infezione microbiologica. Attenzione a non lasciare alimenti freschi esposti all’ambiente. La presenza in casa di animali domestici deve necessariamente comportare l’adozione di abitudini e comportamenti igienici adeguati. L’ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI L’etichetta alimentare dà le informazioni per una scelta consapevole dell’alimento. Indica: • il nome commerciale del prodotto; • gli ingredienti in ordine decrescente; • gli additivi (lettera E seguita da un numero); • il produttore e la sede di produzione o la ditta di commercializzazione; • il prodotto con eventuale numero CE; • le modalità di conservazione (es. +4°C) e di consumo (es. previa cottura); • la data di scadenza o il tempo minimo di conservazione; • il lotto (indispensabile per la rintracciabilità di prodotti non idonei). È stato introdotto un sistema di tracciabilità delle carni bovine attraverso una etichetta con le informazioni sulla filiera dell’animale macellato. Anche le carni bianche,le uova e il pesce hanno una etichetta specifica di tracciabilità contenente le indicazioni sulla filiera di origine. ATTENZIONE ALLE SCADENZE! La durata di un alimento viene indicata dal produttore,il quale se ne assume la responsabilità sanitaria e commerciale in condizioni di corretta conservazione e manipolazione della confezione. Le diciture possono essere: • Da consumarsi preferibilmente entro il: È definito Termine Minimo di Conservazione (TMC). Indica la data oltre la quale, il prodotto può perdere le caratteristiche organolettiche, senza però essere dannoso per la salute. • Da consumarsi entro il: È relativo alla data di scadenza, ovvero la data entro cui un alimento deve assolutamente essere venduto e consumato (es. latte fresco). E’ vietata la vendita di prodotti che riportano la data di scadenza a partire dal giorno successivo a quello indicato nella confezione. Si riferisce ad alimenti altamente deperibili (da 1 giorno a 3 mesi).

A cura del Dr. S. Bonfigli Responsabile UF Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria e Dott. ssa G.Ciampi UF Igiene e Sanità Pubblica Firenze. Informazione a cura della Società della Salute


Coordinamento editoriale: Veronica Catania email: v.catania@comune.fi.it

FORTE BELVEDERE

A un mese dal grande appuntamento dei “100 luoghi”, l’affollatissima assemblea pubblica indetta dal Comune contemporaneamente in 100 luoghi diversi della città per discuterne assieme il futuro, ecco qui di seguito una breve sintesi degli incontri ai quali erano presenti Consiglieri del Quartiere 1. Un modo per noi per rendervi partecipi sempre più del lavoro che, insieme a voi, stiamo portando avanti per il futuro del nostro territorio. Un’occasione per informare chi non ha potuto essere presente quella sera, e, soprattutto, per ringraziare i tantissimi di voi che con entusiasmo hanno discusso, proposto, inventato idee e progetti per il nostro Quartiere. Grazie! Faremo tesoro di quanto ci avete detto.

MERCATO DI SAN LORENZO La zona di S. Lorenzo è uno dei luoghi storici di Firenze dove il problema del degrado va di pari passo con il rispetto della legalità e della sicurezza Nella partecipata riunione, avvenuta all’interno del Mercato centrale, sono stati analizzati i vari problemi a cui i cittadini (abitanti, commercianti) hanno anche cercato di suggerire delle risposte. Per quanto concerne il mercato al suo esterno è stata segnalata la necessità di regolare meglio tutta la zona: dal rispetto dell’occupazione del suolo pubblico da parte delle bancarelle (problema molto sentito in Piazza Madonna) alla pericolosità dei fili elettrici che pendono dall’alto ed in ultimo la necessità che quando il mercato chiude alla sera la strada non diventi una distesa di carte, plastica e rifiuti di ogni genere. Per quanto riguarda la proposta di estensione dell’orario di apertura del mercato centrale, questa è stata vista da molti cittadini come un fattore positivo, sempre tenendo presente però che ci deve essere una maggiore vigilanza sulla sosta abusiva e sul degrado che troppi mezzi inquinanti contribuiscono ad alimentare. Sono state suggerite idee per valorizzare la piazza del mercato, dall’interramento dei cassonetti, alla pedonalizzazione, all’apertura di nuove strutture di bagni pubblici gratuite, alla possibilità per i residenti di parcheggiare nel garage sottostante

il mercato ecc L’interesse più forte si è concentrato sull’avvenuta riqualificazione del primo piano del mercato. Un’opportunità reale per combattere il degrado della zona perché laddove i luoghi vivono, anche gli abitanti vedono migliorare la qualità della propria vita. E per far rivivere un luogo la cultura è stata vista come la prima delle opportunità. Cultura come sviluppo morale e economico di una città. E allora il primo piano -chiamiamolo così - potrebbe diventare un luogo di incontro culturale. Un luogo in cui far rivivere le tradizioni di Firenze, un luogo in cui l’arte in tutte le sue forme potrebbe trovare spazi e atmosfere suggestive (mostre di pittura, set cinematografici, concerti, teatro performance) ma anche luogo in cui incontrare tradizioni diverse dalle nostre, proprio per –attraverso la grande opportunità che offrono la cultura e l’arte- riportare legalità e sicurezza in questo quartiere. Come ha detto una signora all’incontro con tanta passione: “Sono venuta qui per partecipare. Non deludetemi. Ascoltateci. Tenete conto delle nostre richieste”. Ornella Grassi

SANTA MARIA NOVELLA L’assemblea, svoltasi nel Chiostro delle Leopoldine in piazza S. Maria Novella –per la prima volta aperto al pubblico, dopo la fine dei lavori del 2° lotto- ha visto la partecipazione di una quindicina di cittadini; iniziata alle ore 21.20 è andata avanti con l’intervento di tutti i presenti fino alle ore 23.15. L’assemblea è stata coordinata dal sottoscritto con la presenza di Nicola Contadin, del supporto tecnico Sport e Quartieri, di Marzia Contini, delle Belle Arti del Comune, di Rossella Dufrandi, dell’uff. Sport del Q.1. Ne sono scaturiti, per riassunto, le seguenti richieste e suggerimenti: 1. Suggerimento da parte della Confesercenti: garantire la sicurezza della piazza soprattutto attraverso la presenza di espressioni della cittadinanza attiva (manifestazioni artistiche e culturali, ecc..), poiché una rivitalizzazione della piazza può portare ad un aumento del valore socio economico generale; 2. Rendere fruibili ai cittadini i luoghi di valore storico ed artistico come ad es. il “Chiostro dei morti” o del “Chiostro delle Leopoldine”, pur in un contesto

museale; a tal fine valutare la possibilità di collegare il Chiostro direttamente con v. Palazzuolo; 3. Far partire il recupero della palestra di judo “Libertas”, importante presidio sociale della zona; 4. Evitare la chiusura del cinema “Fulgor” e togliere dallo stato di degrado l’ex Ariston e l’attigua v. Palazzuolo; 5. Ripristinare una fontana nella piazza e aggiungervi di un fontanello; 6. Che il presidio di polizia municipale nella piazza sia effettivamente attivo; 7. Valorizzare il Chiostro delle Leopoldine alla stregua di quanto fatto con le “Oblate”, chiostro che può essere adibito anche per spettacoli teatrali; 8. Necessità di un presidio di quartiere all’interno della Piazza, possibilmente nello scantinato del Chiostro delle Leopoldine. Francesco Giovanni De Razza

SAN FREDIANO Circa 80 persone hanno partecipato, con entusiasmo, alla serata dedicata dall’amministrazione ai cento luoghi con focus su San Frediano. Alle Sala delle Leopoldine, alla presenza del Dirigente dello Sviluppo Economico Paolo Pantanella, rappresentate degli Uffici Tecnici, e del sottoscritto, Presidente della Commissione Sviluppo Economico e Turismo del Quartiere 1, si sono succedute domande, proposte e segnalazioni tutte rivolte a far rivivere e rilanciare San Frediano, indicato come cuore pulsante di Firenze. Tra le molte proposte segnaliamo: la richiesta di maggiori cestini per la pulizia delle strade; un check point turistico in Piazza Tasso che faccia riscoprire questa parte della città; un piano di mobilità pubblica che non isoli San Frediano e la riporti a essere collegata con il centro città; un piano della residenza che non svuoti

il borgo, levandogli la propria specificità e lo riduca a dormitorio; un rilancio del Giardino dei Niadiaci; un investimento su Piazza Tasso reale che non snaturi però la piazza attualmente vissuta dalle famiglie; un progetto per il rilancio dell’Artigianato che coinvolga anche il Conventino; il rifacimento delle strade e delle piazze che specialmente in quella zona richiedono un forte intervento. “Vivere in questo luogo anche per poco tempo lascia sensazioni di appartenenza incredibili, si entra stranieri si esce San Fredianini” queste parole rappresentano al meglio lo spirito della serata volta a un confronto serio tra le parti, propositivo e con grandi speranze. Roberto Nativi

Dopo gli interventi dei cittadini che hanno partecipato all’iniziativa, il Presidente Stefano Marmugi dichiara che la manifestazione dei 100 luoghi ha prodotto, almeno per quanto riguarda il forte Belvedere, un risultato auspicato sia dagli Amministratori che hanno partecipato alla serata sia dalla Fondazione Ente Cassa rappresentata dal Dott. Antonio Gherdovich. Nel ringraziare pubblicamente l’Ing. Parenti, l’Ing. Mazzoni, il Dott. Caselli e tutti i Direttori e Funzionari dei LL.PP. del Comune di Firenze, sono state assegnate nei capitoli di Bilancio a copertura finanziaria della spesa per la messa in sicurezza del Forte Belvedere, le risorse che consentiranno la stesura del progetto e la messa in gara dei lavori da eseguire. Tutto ciò con l’impegno confermato che il Forte Belvedere sarà restituito alla città sicuro e fruibile per l’estate 2011.

TEATRO DI CESTELLO: INIZIA LA STAGIONE

L’impegnativa stagione 2010/11 del Teatro di Cestello ha come primo punto forte la commedia “IN PUNTA DI CUORE” di Ugo Chiti. La prima dello spettacolo sarà sabato 6 novembre alle ore 21, preceduta, nel pomeriggio, da una conversazione a più voci con Ugo Chiti, a ingresso libero, sul tema del teatro toscano, coordinata da Marzia Pieri, docente di Storia del Teatro presso l’Università di Siena. Parteciperanno il giornalista Alberto Severi, Il direttore manager della Pergola Marco Giorgetti e lo studiosoeditore Andrea Mancini. Il mese di dicembre inizia, giovedì 2 alle ore 21, con il primo dei tre concerti che il teatro di Cestello ha messo in stagione: “PLAGIARISM” degli Ex.Wave. Gli Ex.Wave, ancora poco conosciuti in Toscana, sono un duo di artisti italiani di livello altissimo, perfezionatisi nelle più grandi Accademie: hanno suonato con i Deep Purple e con George Michael, collaborano con I Depeche Mode e Astrid Young (sorella di Neil) e hanno composto musiche originali per il MOMA di New York. Il nuovo disco PLAGIARISM, che sarà presentato in anteprima in questa occasione, è nato dalla scelta di affiancare strumenti elettronici come la violectra e/o sintetizzatori a strumenti classici come la viola e il pianoforte: partendo dalle atmosfere rarefatte dell’ ultimo disco, irrompono in nuova dimensione, sospesa tra la ricerca visiva e la musica. In mezzo a queste due date di rilievo non possiamo scordare che nel fine settimana 26-27-28 novembre il Laboratorio Amaltea metterà in scena l’ adattamento teatrale di Dimitri Frosali della “RAGAZZA DI BUBE”, tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Cassola. Storia dove le nostre terre, uscite appena dalla guerra di liberazione si trovano a fare i conti con tensioni, scontri, violenze come quelle con al centro Nada, la ragazza di Bube. Il prezzo degli spettacoli teatrali, come quello dei concerti, è stato fissato a 14� il biglietto intero, 12� il ridotto e 7� i bambini.Il teatro si trova in piazza di Cestello 4: si può prenotare al num. 055.294609, oppure acquistare il biglietto direttamente sul sito www.teatrodicestello.it. La biglietteria del teatro è aperta i pomeriggi di giovedì, venerdì e sabato.


NOTIZIE DA SANTA MARIA NUOVA: L’OSPEDALE DEI FIORENTINI

SAN FIRENZE L’assemblea svoltasi all’interno dell’Aula della Corte d’Assise in San Firenze, alla quale ho partecipato come rappresentante politico ,assieme all’Assessore Cristina Giachi, ha visto una partecipazione molto alta di cittadini ed ha portato, in un clima di grande propositività, alla stesura di un manifesto di idee molto vasto per il recupero dell’area attualmente occupata dal Tribunale quando questo si sposterà nella nuova sede a Novoli. Un centinaio di cittadini sono stati suddivisi in 3 gruppi di lavoro, ed in meno di un’ora si è cercato di disegnare il futuro della zona: un’area che deve tornare a vivere. Per l’area del Tribunale, date le dimensioni enormi, è emersa soprattutto l’idea di farne uno spazio polivalente, non dedicato ad una sola destinazione. Centro per l’arte contemporanea, spazio espositivo per opere d’arte meno conosciute, residenza per studenti non solo stranieri, ma anche italiani fuori sede, un centro per la cultura italiana, e soprattutto uno spazio per le associazioni che da anni lavorano

in città ma non hanno ancora una sede. E poi ancora, una possibile ipotesi per il trasferimento lì degli uffici comunali, ed anche la possibilità di ricavare uno spazio da destinare al Quartiere 1 per lo svolgimento di attività istituzionali e di interesse pubblico. In ogni caso i partecipanti hanno posto l’accento sul fatto che il nuovo San Firenze, qualunque cosa diventi, contribuisca a riportare la vita quotidiana di tutti i giorni nel “centro del centro” della città. Quanto alla piazza, gli interventi hanno messo in luce la richiesta di pedonalizzare la strada, spostare i banchi degli ambulanti, ripristinare il passaggio di un bus elettrico, eliminare cordoli e transenne per dare di nuovo l’idea di piazza. All’incontro hanno partecipato anche i consiglieri di opposizione Debora Spini ed Emanuele Corti Grazzi. Niccolo’ Torrini

VIALE BELFIORE È possibile parlare di TAV, stazione Foster, traffico e Tramvia senza litigare? Sì, anche quando insistono nella stessa zona. Viale Belfiore (luogo n°62) accoglierà queste innovazioni, insieme con uno dei più grandi cantieri privati della città, attualmente fermo a causa dei problemi giudiziari della impresa proprietaria. 72 partecipanti, 6 tecnici comunali estremamente preparati coordinati da Bruno Cavini, portavoce del sindaco, oltre al sottoscritto, che hanno saputo condurre la discussione con serenità e attenzione, raccogliendo tutte le istanze di persone desiderose di partecipare, di discutere, di suggerire. L’istant report inviato dopo il dibattito sintetizza benissimo quanto detto: • Più verde e realizzare uno spazio pubblico con attività sociali e ricreative • Piste ciclabili con nuove rastrelliere con blocco al telaio e non alla ruota

• • • • • • • •

Piace il progetto dell’isola pedonale Tramvia si ma sono da rivedere tutte le alternative al tracciato Autovelox in Viale Belfiore e V.le F. Rosselli Più parcheggi per residenti Sito del Comune per una puntuale informazione sullo stato avanzamento lavori per tramvia e progetto area Fiat Rivedere i contenuti del Piano di Recupero ex Area FIAT No alla parete verde e meno impattante con la strada, preferibile edificio più basso Attenzione nelle fasi di cantiere alla stabilità delle abitazioni circostanti e alla falda acquifera. Andrea Abbassi

SANTO SPIRITO Trascorso più di un mese dal 28 settembre, urge un riassunto dell’esperienza dei 100 luoghi, o meglio di uno di essi, Piazza Santo Spirito, cuore e anima di San frediano, alla quale rinuione io ho partecipato. La zona in verità ha vissuto giorni migliori. La cronaca: la sala si è riempita velocemente, sintomo evidente di una partecipazione sentita; ho iniziato il dibattito spiegando che cosa era e che cosa si riprometteva l’evento, e subito mi sono reso conto che i cittadini avevano ben chiaro lo scopo del dibattito, sentendosi per la prima volta dopo un decennio partecipi delle decisioni di Palazzo Vecchio. I primi interventi sulla posizionatura dell’isola ecologica hanno portato via una

buona mezzora; di seguito i Nidiaci, il degrado, il rumore, e tutte le zone vicine a Santo Spirito fino a Porta Romana, sempre con l’ausilio della vice comandante dei vigili urbani e dei tecnici. L’ultimo intervento di u cittadino è stato anche il più costruttivo. Diceva: “ora che abbiamo messo in piazza tutti i problemi, la prossima assemblea facciamola a tema, con un singolo problema per volta”. Questa proposta la faccio mia, con l’aggiunta che visto l’interesse e la partecipazione di così tanta gente, forse due ore sono poche… Omero Terrinazzi

VIA PALAZZUOLO All’incontro per il luogo 52, via Palazzuolo, coordinato dal Comandante della Polizia Urbana, Dott.Massimo Ancillotti e dal sottoscritto per la parte politica, sono state registrate ben 140 persone, più alcuni clienti di una vicina birreria entrati alla spicciolata per fare la claque a sostegno della tesi dei gestori, che le decine e decine di persone che bevono e schiamazzano fino alle 3.00 di notte nella zona non sono un problema. I residenti non sono stati d’accordo. Altro tema caldo la presenza di molti stranieri nella strada attratti da call center, money transfer e tanti negozi che vendono solo alcool in bottiglia fino a

tarda notte. Oltre ad alcuni negozi ben gestiti da stranieri, e quindi apprezzati e frequentati. I residenti hanno denunciato schiamazzi, bivacchi sulle soglie e le macchine posteggiate, risse e attività di spaccio di droga. E’ stato riconosciuto l’impegno del Comune per la pulizia della strada e delle forze di polizia per mantenere l’ordine, ma i residenti chiedono provvedimenti che risolvano finalmente i problemi alla radice. Segnalati i troppi parcheggi irregolari e la necessità di più rastrelliere per le biciclette. Nicola Benvenuti

TUTTI ALLA PERGOLA CON IL Q1! Parte quest’anno una speciale iniziativa del Quartiere 1 rivolta a tutti i ragazzi sotto i 22 anni di età. Ogni settimana, per tutta la stagione 2010-2011 del Teatro della Pergola (20 spettacoli) saranno a disposizione 6 biglietti gratuiti per i ragazzi under 22 residenti nel Quartiere. I primi 6 di voi che verranno di persona presso la sede del Quartiere in piazza Santa Croce 1 riceveranno 1 biglietto gratuito per assistere allo spettacolo in programma per il sabato sera successivo. Basta venire ogni settimana dal lunedi al venerdi (meglio

prima, altrimenti rischiate di non trovarne più) dalle 9 alle 13 (il martedi e giovedi anche il pomeriggio dalle 14 alle 16) per avere un biglietto per lo spettacolo della settimana. Una sera alla Pergola è un modo nuovo e diverso per passare una serata insieme, ed il fatto che abbiamo riservato 2 palchi solo per voi è anche occasione per conoscervi e fare nuove amicizie. Il teatro è divertente, è coinvolgente, ed è uno spettacolo che ogni sera si ripete vivo e pulsante davanti ai nostri occhi. Provare per credere.

L’iniziativa è promossa dalle Commissioni Innovazione ed Efficienza, Cultura, e Servizi Educativi, in collaborazione con il Teatro della Pergola. Il programma dei prossimi tre spettacoli: sabato 20 novembre “Il Malato Immaginario” di Moliere, con Gabriele Lavia sabato 28 novembre “Spirito Allegro” di N. Coward con Corrado Tedeschi e Debora Caprioglio sabato 4 dicembre “La bisbetica domata” di W. Shakespeare con Vanessa Gravina

Nuove attività e nuovo ruolo per l’ospedale storico della città L’ospedale di SMN con 720 anni di ininterrotta attività da quando fu fondato il 23 Giugno 1288 da Folco Portinari è il più antico ospedale di Europa ancora in funzione nei medesimi luoghi di fondazione .E’ sempre stato il punto di riferimento della sanità fiorentina e poi di tutta la Toscana. Oggi con grandi opere di ristrutturazione acquista un nuovo ruolo più limitato ma molto importante per la città. Santa Maria Nuova sta diventando un moderno ospedale di I° livello .In primo luogo per coprire le urgenze mediche e ricoveri necessari per la sua zona di competenza ( quartieri 1 e 2) ed in secondo luogo per attività specialistiche primarie messe a disposizione degli utenti del centro storico che non devono più spostarsi verso la periferia della città per ottenere certe prestazioni ambulatoriali e di Day Service. Unità Operativa di Medicina Interna da me diretta ha aperto dei percorsi ospedale territorio basati sul nuovo Day Service che riguardano patologie molto importanti e diffuse: 1) Patologia Vascolare con diagnosi ( eco-color doppler)e trattamento delle malattie delle vene e delle arterie e per i disturbi di circolazione cerebrale 2) Patologia artrosica e reumatologica per la diagnosi e trattamento delle artriti. 3) Ambulatorio di Diabetologia che copre le esigenze dei pazienti diabetici, sempre più numerosi, con diagnosi terapia ed educazione sanitaria. L’ambulatorio è in rete con i Servizi di Diabetologia dell’Azienda Sanitaria di Ponte a Niccheri e Torregalli.. Tel. Centralino 055 27581 L’accordo fra Medicina Interna di Santa Maria Nuova e i medici curanti ha permesso di avere un accesso rapido a questi servizi evitando lunghe liste di attesa. Il medico di fronte a un paziente con problemi che devono essere risolti velocemente , tramite un numero telefonico unico di accesso, si può mettere in contatto con il Day Sevice di SMN ed inviare a visita il paziente.. Anche la Cardiologia diretta da Alfredo Zuppiroli e Massimo Milli , che già gestiva ,un importante ambulatorio per il trattamento domiciliare dello scompenso di cuore ,ha partecipato all’iniziativa. Con le solite modalità di accesso il medico curante può inviare a consultazione anche pazienti con problemi di cuore ed in particolare che presentano affanno, cardiopalmo o dolore toracico Un ospedale come SMN oggi ha senso se svolge questa funzione per il centro storico della città con tutti i suoi cittadini anziani, turisti e impiegati che vengono a lavorare durante il giorno. Con l’attivazione anche del Sezione Dialisi –Nefrologia e con l’apertura del Nuovo Dipartimento di Emergenza Urgenza e l’aumento dei letti di terapia intensiva l’ospedale ha riacquistato la sua piena funzionalità. Tel. Centralino 055 27581 E’ un nodo essenziale nelle rete ospedaliera dell’area fiorentina. Si possono così affrontare le nuove sfide dell’ospedale per intensità di cure per dare a ogni ammalato che viene ricoverato il suo giusto livello di assistenza in base alla gravità della sua malattia. Il concetto di rete ospedaliera è oggi fondamentale in un periodo di risorse limitate ..Santa Maria Nuova è in collegamento con gli altri ospedali della Azienda Sanitaria e con Careggi a costituire la rete ospedaliera fiorentina. Dopo 720 anni di attività l’ospedale ritrova una nuova funzione e una nuova vita associando l’arte e la storia all’efficienza di una assistenza sanitaria moderna. Dr. Giancarlo Landini Direttore UO di Medicina Interna Ospedale Santa Maria Nuova - Firenze Centralino 055 27581

LIBROAMICO

Un libro e un volontario per amico Se hai problemi di salute e non puoi recarti in Biblioteca… Se pensi che la lettura di un libro possa farti bene, svagarti e rallegrarti…Telefona alla biblioteca Fabrizio de Andrè – via delle carra 2, tel. 055 351689 nei seguenti orari: lunedì, martedì e giovedì dalle 14 alle 18,30, martedì e giovedì dalle 9,30 alle 13, mercoledì e venerdì dalle 8,30 alle 13,30. Un volontario AUSER ti porterà a casa al più presto il libro che desideri! Iniziativa di AUSER Volontariato Quartiere 1 in collaborazione con il Consiglio di Quartiere 1 – Centro Storico


sguardi

27

FOCUS. Ecco cosa pensano del capoluogo toscano due persone che hanno fatto scelte diverse

La città vista da chi viene e da chi va Anna è fuggita a Londra per lavorare, Sarath è arrivato dallo Sri Lanka e qui ha trovato una nuova casa. E ora ne raccontano pregi e difetti

Q

ualcuno fa le valigie e se ne va, qualcun altro sbarca a Santa Maria Novella per non andarsene più. Firenze è fatta di fiorentini vecchi e nuovi: di residenti adottivi arrivati da altri paesi, ma anche di ex cittadini che se la danno a gambe verso più cosmpoliti lidi. Di gente che “bella come la mia città non ce n’è” e di gente che “non so come ho fatto a viverci tutti quegli anni”. Si sa, sulle rive dell’Arno il campanilismo cresce rigoglioso. Ma com’è la bella Firenze vista da lontano, oppure letta con gli occhi di uno straniero? Lo raccontano una ragazza nostrana sbarcata nella City e un signore arrivato dallo Sri Lanka tanti anni fa.

DA LONTANO...

...E DA VICINO

Anna si è trasferita a Londra un anno e mezzo fa

Sarath, originario dello Sri Lanka, vive qui dal 1984

L

S

“Qui per tutti Firenze è un sogno” a vita nella City di Anna Michela Cariati, 25 anni, è iniziata un anno e mezzo fa. E’ partita da Firenze per lavorare come “communication executive” nell’area marketing di un’azienda italiana con varie sedi fuori dal territorio nazionale, fra cui una a Londra. Perché hai scelto proprio Londra? I motivi sono diversi. Principalmente per imparare bene l’inglese, ma anche perché avevo già alcuni contatti e, soprattutto, l’occasione di lavoro che mi si è presentata era qui. Torni a Firenze spesso? Oltre agli affetti è anche la città a mancarti? Più o meno torno una volta al mese. E’ difficile scindere gli affetti dalla città: naturalmente mi mancano più che altro le persone, ma con amici e parenti facevo cose che hanno anche a che fare con alcuni luoghi e quindi sento la mancanza anche di questi ultimi. E poi da qui di Firenze apprezzo la dimensione più “umana” rispetto a Londra. D’altra parte, spesso della nostra città annoia proprio il suo essere piccola. Firenze è cambiata da quando sei partita? E il tuo giudizio sulla città? Per alcune piccole cose sì: la zona del Duomo pedonalizzata, ad esem-

Anna

pio. Tante altre dovrebbero cambiare. Credo che vivendo all’estero emergano molti difetti della città e del nostro Paese: su tutti, la poca meritocrazia e lo scarso funzionamento dei canali esistenti per trovare lavoro. A Londra, tutto è più legato alle agenzie e chi è in cerca di occupazione sa più o meno cosa deve fare per trovarla. Quando dici che sei di Firenze, cosa risponde la gente? Qui per tutti Firenze è un sogno. Credo che questo dovrebbe essere un vantaggio da sfruttare al meglio per la nostra città, mentre spesso risorse simili in termini di prestigio /I.E. vengono sprecate.

“Non ci si accorge della sua bellezza”

arath Tennakoon, classe 1959, è originario dello Sri Lanka. Dal 1984 vive a Firenze, dove ha unito le sue due passioni: l’arte e le discipline olistiche. Da 20 anni insegna yoga. Perché proprio Firenze? Fin da bambino ero affascinato dall’arte italiana. Ho trovato Firenze proprio come la immaginavo: mi sono sentito subito a casa. Difetti della città? C’è un po’ di inquinamento e traffico, ma sono problemi di tutte le città moderne. E’ difficile che non ci sia traffico, vista com’è strutturata la rete viaria. Inoltre in pochi scelgono i mezzi pubblici. I fiorentini amano la vita comoda, usano spesso l’auto. Viaggio di frequente in autobus: fuori dagli orari di punta, chi utilizza i mezzi pubblici è in gran parte straniero. Firenze è sicura? Di notte non c’è sicurezza: mi intimorisce girare da solo. Negli anni ’80 la città era più tranquilla, mentre adesso c’è più percezione di insicurezza: si ha paura a uscire di sera e dei furti nelle abitazioni. Ho vissuto vicino Santa Maria Novella per anni e ho percepito questa insicurezza. Se ci fossero

Sarath

più controlli, la situazione migliorerebbe. Cosa consiglieresti ai fiorentini? Di valorizzare i tesori artistici della città. Spesso, chi abita qui, non si accorge della bellezza conservata da Firenze, avendola ogni giorno davanti. Manca poi un po’ di verde pubblico. Spesso vengono rifatte le piazze, ma si mette cemento al posto dei giardini. Meglio Firenze o lo Sri Lanka? Non riesco mai a decidere. Di Firenze mi piacciono molto l’arte, il cibo e il clima. Della mia terra natia mi mancano i profumi e la natura. E’ come chiedersi se ami /G.C. più mamma o papà.

RISTORANTE SALOTTO 73

NOVITÀ A FIRENZE !

Da Martedì 2 novembre

STEAK & LOBSTER BISTECCA E ASTICE The Billy - Steak & Lobster House E 35

TUTTO INCLUSO All inclusive MENÙ

Passatina di cannellini con Gamberi o con pancetta croccante (velvety cream of white beans whit Bay shrimps or crispy bacon) 0o0 500/600 g. astice intero alla “Catalana” con pinzimonio di stagione (g. 500/600 of whole Main Lobster served with row vegetables (Pinzimonio) Oppure - Or Costata di manzo alla Fiorentina g.450/550 alla brace di cerro servita con patata all’Americana (Grilled prime Florentine beef steak g.450/550 served with baked potato) 0o0 Sorbetto oppure: Piccola pasticceria fresca assortita (Sorbet or assorted fresh patisserie) Caffè (coffee)

TE ELEGAN N FA S H I O e alla MODA

SALOTTO 73 THE BILLY - STEAK & LOBSTER HOUSE

VIA IL PRATO 73 - TEL. 055 2645431 g.billi@charmehotel.it


28

zoom

Novembre 2010

LA CITTÀ DI DOMANI/1. La rinascita delle Cascine tra i temi trattati in occasione dei “100 luoghi”

Il parco urbano più grande d’Europa? Lo avrà Firenze Paola Ferri

U

na serata di mobilitazione popolare, di dibattiti, di giardini, cantieri ed edifici aperti solo per l’occasione ai visitatori, 11mila persone per strada, o meglio riunite nei luoghi che hanno più a cuore per conoscerne i destini e partecipare a scriverli in prima persona. Se la scommessa del sindaco Renzi sui 100 luoghi fosse stata soltanto quella della partecipazione, l’avrebbe vinta a mani basse. Ma la sfida più grande è quella di mantenerli in vita tutti e 100, possibilmente facendoli diventare ciò che i cittadini vorrebbero e che hanno descritto nelle migliaia di schedine depositate nelle urne la sera del 28 settembre scorso. Messe a tacere le polemiche per i costi dell’operazione - 55mila euro in tutto che Giovanni Galli, capogruppo del Pdl, avrebbe voluto mettere nel conto

spese per la comunicazione del sindaco - si cominciano a fare altri tipi di conti, quelli con la realtà di che cosa è stato fatto e cosa si farà. Per una bruttura buttata giù a colpi di ruspa (la pensilina della stazione di Santa Maria Novella), ce n’è un’altra ancora orgogliosamente in piedi (il rudere delle ex Poste in via del Pratellino, il cui abbattimento è stato rallentato da corsi e ricorsi in tribunale). Mentre a Novoli ci si augura di rivedere presto il Palazzo di Giustizia illuminato e aperto al pubblico, in centro cittadini e commercianti attendono pazientemente che si accendano i riflettori su piazza Duomo, nel senso letterale della frase. Nell’arco di una serata e di un centinaio di assemblee di proposte ne sono state fatte a bizzeffe, ma la più quotata, in quanto uscita dalla bocca del primo cittadino, riguarda le Cascine, il pallino di Renzi dai tempi della campagna elettorale. Dai 100 punti da mettere in pratica nei primi 100 giorni, il parco cittadino è stato trasferito

per insufficienza di progressi nella categoria 100 luoghi da far rinascere entro il 2014. E siccome il sindaco ci ha messo la faccia per la seconda volta consecutiva, la riqualificazione delle Cascine è diventata per sua stessa ammissione condizione necessaria alla ricandidatura a Palazzo Vecchio. Nel mentre il progetto si è fatto più definito: il polmone verde di Firenze diventerà il parco urbano più grande d’Europa. Circa 300 ettari, più o meno il 3% della superficie totale della città. Un obiettivo da raggiungere attraverso il collegamento da un lato con l’area dell’Argingrosso, i lungarni del Pignoncino e dei Pioppi, dall’altro con l’area del Podere-Il Barco e il nuovo polo musicale con il Teatro del Maggio. La prima fase dei lavori sarà presentata a giugno e tra gli interventi iniziali vi sarà la realizzazione di una passerella esclusivamente ciclopedonale a metà strada tra quella dell’Isolotto e il ponte all’Indiano.

Sono stati circa undicimila i fiorentini che hanno partecipato alle assemblee sparse tra centro e periferia lo scorso 28 settembre, contribuendo a scrivere il destino dei posti che hanno più a cuore. E ora parte la vera sfida domenico Barista, 55 anni

davide Pizzaiolo, 19 anni

evelin Commerciante, 37 anni

“Al Duomo ci vuole più luce”

“Musica e arte al parco”

“Multiplex in chiave sociale”

“Con la pedonalizzazione di piazza Duomo gli affari sono senz’altro migliorati, ma bisognerebbe fare qualcosa per migliorare l’illuminazione, la sera è troppo buio. E poi mi piacerebbe vedere via Martelli in ordine, come tutte le altre strade, con i dehors degni di questo nome, con pedane e coperture come si deve”

“Così com’è il parco di San Donato è alienante. E’ un po’ lo stile con cui vengono fatte le cose adesso, senza personalità. E va a finire che non ci va nessuno, come in questo caso. Per portarci un po’ di persone bisognerebbe organizzarci qualche evento, ad esempio concerti o esposizioni d’arte”

1143763

“Da un punto di vista estetico è e rimarrà orribile, ma il Multiplex potrebbe rinascere sotto forma di centro di aggregazione sociale: questa zona non offre niente ai giovani, tranne qualche giardino. Si potrebbe anche pensare di farci una ludoteca per i più piccoli, sarebbe anche un modo per recuperare l’intera area”


zoom

29

LA CITTÀ DI DOMANI/2. Sant’Ambrogio apre di pomeriggio, a San Lorenzo sono appena finiti i lavori

I mercati cambiano: restyling e orari lunghi Ludovica V. Zarrilli

F

irenze, mercati aperti. Sembra questa la tendenza degli ultimi tempi, che vede protagonisti i mercati storici della città, sempre più proiettati verso aperture dilatate e una maggiore disponibilità ad accogliere tra i banchi e gli espositori eventi culturali, concerti e chi più ne ha più ne metta. A partire da Sant’Ambrogio, in piazza Ghiberti, che ha di recente annunciato l’amplimanento dell’orario di apertura due volte la settimana (il mercoledì e il venerdì è aperto dalle 8 fino alle 19 azichè fino alle 14), rendendo possibile la spesa pomeridiana anche ai ritardatari e a chi la mattina non riesce a frequentare gli allegri ambienti del mercato. Già quest’estate il complesso aveva aperto le porte - per un periodo di tempo limitato - a una serie di concerti che davano modo di conoscere la bella struttura ottocentesca anche nella sua veste by night. Dalla fine di ottobre invece , via libera al nuovo esperimento: “Siamo molto soddisfatti – spiega il vicesindaco Dario Nardella – questo era un obiettivo dell’amministrazione e ringrazio il Consorzio che ha reso possibile questo risultato. Si tratta di una sperimentazione che durerà fino a giugno, ma sono fiducioso che sarà positiva e che con il tempo tutti gli operatori aderiranno ai nuovi orari, anche quelli dei banchi esterni”. “Il nuovo orario – dice Fabio Rasile del consorzio esercenti - vuole rispondere alle esigenze di

tutti coloro che, pur non disponendo al mattino di sufficiente tempo per fare la spesa, non vogliono rinunciare a portare sulla propria tavola genuinità e freschezza; una freschezza che va avanti dal 1873”. Leggermente diversa la situazione del mercato centrale di San Lorenzo, per cui si parla da tempo di un’apertura prolungata ma “ancora non si è deciso niente - spiega il vicepresidente del consorzio Alessandro Boni - si vociferava di un paio di aperture settimanali, ma ancora non c’è niente di certo”. Per adesso l’unica cosa certa è che finalmente, dopo un anno e mezzo di lavori, il primo piano del complesso progettato dall’architetto Giuseppe Mengoni (autore anche del Mercato di Sant’Ambrogio e della Galleria Vittorio Emanuele II di Milano) è tornato alla città (l’intervento è costato 1 milione e mezzo di euro) e l’amministrazione intende destinarlo alla “cultura enogastronomica, all’artigianato e alla moda - ha spiegato Nardella -. Definiremo presto le linee guida del nuovo progetto e lo faremo insieme alla città e agli operatori del mercato stesso, ai quali chiediamo la massima collaborazione. Il nostro obiettivo è quello di rendere San Lorenzo ancora più vivo e attraente”. Ancora insicura la sorte di tutti quei banchi che, durante i lavori, sono stati spostati all’esterno del mercato, dentro una tensostruttura affacciata su piazza del Mercato Centrale, che ora sperano di tornare negli spazi all’interno, “prendendo una decisione su come sfruttare gli spazi, di comune accordo con il Comune”.

marco Macellaio, 57 anni

moreno Gastronomo, 47 anni

alessandro Ortolano, 46 anni

“Prima di tutto la viabilità”

“No all’orario prolungato fino a sera”

“Negozi al primo piano? Sì, però...”

“Non condivido la proposta di ampliare l’orario del mercato di San Lorenzo fino a sera. Partiamo dal fatto che qui dentro d’inverno ci sono 3-4° di giorno: forse se fosse climatizzato andrebbe meglio, ma qui siamo rimasti a 50 anni fa come struttura. In più si tratta di uno dei quartieri meno sicuri della città, e uscire la sera con l’incasso non sarebbe molto simpatico”

“Quando iniziarono i lavori al piano di sopra del mercato di San Lorenzo l’intenzione era quella di renderlo a noi ortolani, una volta finita la ristrutturazione, così com’era prima. Adesso si parla di negozi, ma in realtà la discussione è ancora in corso. E non vorremmo che alla fine alcuni di noi fossero costretti a rimanere all’aperto”

992414

“Sono d’accordo con l’apertura pomeridiana del mercato di San Lorenzo, ma prima dovrebbero cambiare un po’ di cose. Questo posto è fatiscente, bisognerebbe renderlo più accogliente. E fare qualcosa per la viabilità, perché al momento è un percorso di guerra quello che porta qui. Altrimenti rimarrà solo una meta turistica”

E AL N IO ESS TE F N RO E P ME N TA TA IO AZ PLE TUI M M RA OR INF CO G


30

salute

Novembre 2010

DICA 33/1. Quest’anno non ci sono pandemie in vista, ma la prevenzione resta un’arma insostituibile

Influenza, partite le vaccinazioni Solo nel territorio di competenza della Asl 10 ne sono state richieste 225mila dosi, destinate a over 65 e a soggetti a rischio per patologie o professione Benedetta Strappi

È

uno di quegli appuntamenti imperdibili, una di quelle campanelle che suonano ogni anno anche se se ne farebbe volentieri a meno. L’influenza, con il suo corollario di starnuti, febbre, mal di gola e chi più ne ha più ne metta, si prepara ad affacciarsi e ad inchiodare a letto le sue vittime senza chiedere il permesso. Quest’anno, però, fortunatamente, il megafono degli allarmi sanitari non ha strillato forte come l’anno scorso. Lo spettro della pandemia da “nuova influenza” pare allontanato, anche se gli esperti hanno spiegato a più riprese che anche quest’anno a farla da padrone sarà il virus H1N1. Resta costante anche il monito a vaccinarsi rivolto ai cossidetti soggetti a rischio. Anziani, portatori di patologie particolari e operatori sanitari già dal 18 ottobre scorso possono vaccinarsi. Il vaccino è, come ogni anno, gratuito e per la “punturina” basta rivolgersi al proprio medico di famiglia, pediatra, o agli ambulatori della Asl 10. Quest’anno, complessivamente, la Regione Toscana ha acquistato un milione di dosi, con una spesa complessiva di circa 4 milioni di euro. Nel territorio di competenza della Asl fiorentina sono stati richieste 225mila dosi di vaccini e la campagna durerà fino a fino a fine anno. In quel periodo, tra l’altro, è atteso il picco dei contagi, anche se non si può prevederlo con esattezza (il bollettino aggiornato si trova su www. epicentro.iss.it). L’anno scorso, a vaccinarsi, fu il 71 per cento degli over 65: una cifra vicina all’obbiettivo prefissato dal ministero della Salute, attestato al 75 per cento. E quest’anno? La speranza degli addetti ai lavori è che la guardia non si abbassi, e che anche se non si grida più alla pandemia le persone non dimentichino la buona pratica della prevenzione. Che passa attraverso il vaccino, innanzitutto, ma anche attraverso

una serie di piccoli accorgimenti che possono essere preziosi. Il primo passo è tener pulite le mani, lavandole spesso e con cura (l’Organizzazione mondiale per la sanità raccomanda di impiegarci non meno di 40-60 secondi, facendo attenzione a detergerne ogni parte) e utilizzando gel alcolici quando non si ha a disposizione dell’acqua. Lo stesso vale per l’igiene respiratoria: naso e bocca, in fase di starnuto, vanno coperti. E poi c’è il buon senso, quello che impone di stare a casa quando si ha l’influenza – specie i primi giorni - per evitare di contagiare gli altri. “L’influenza è la malattia infettiva che in assoluto incide maggiormente sulla popolazione – ha ribadito l’assessore regionale al diritto alla salute Daniela

Il picco dei contagi dovrebbe verificarsi intorno alla fine dell’anno Scaramuccia - sia sotto l’aspetto sanitario sia sotto il profilo socio-economico, con assenza dal lavoro, dalla scuola e da tutte le altre attività. La polemica sulla pandemia della scorsa stagione e sullo spreco dei vaccini, rimasti in gran parte inutilizzati, può aver generato sfiducia nella vaccinazione. Voglio ricordare che il vaccino è il mezzo più efficace e conveniente per prevenire l’influenza e le sue complicanze. Invito quindi gli anziani sopra i 65 anni e tutte le persone appartenenenti alle categorie a rischio - ha concluso - ad andare dal proprio medico o pediatra di famiglia per farsi vaccinare”.

L’APPELLO Per l’associazione “Noi per voi per il Meyer”

Nuovi volontari cercasi

M

a la nostra sanità vive anche di un prezioso “sottobosco”: il volontariato. Firenze, ed in generale la Toscana tutta, conta una miriade di associazioni attive nel settore. Una di queste è “Noi per Voi per il Meyer -Onlus”, nata nel 1988 come raggruppamento di genitori di pazienti oncologici dell’ospedalino, e cresciuta nel tempo fino a contare oltre 3.500 soci. E adesso “Noi per Voi” cerca nuovi volontari. Persone disposte a regalare un po’ del loro tempo (bastano pochissime ore a settimana) a una più che giusta causa, per dare sostegno ai piccoli pazienti del Meyer (e di altre strutture con cui l’associazione collabora) e alle loro famiglie. Questi volontari si muovono su un doppio fronte: da una parte sono presenti nei reparti e a casa dei piccoli malati, dall’altra sono chiamati a occuparsi di quelle faccende burocratiche che spesso rappresentano un fardello ulteriore per i loro familiari. E sono sempre loro ad animare le iniziative di raccolta fondi, dalle cene di beneficenza agli stand. “La nostra associazione ha una

particolarità – spiega la dottoressa Ilaria Paggetti, referente per le attività di volontariato – che è quella di organizzare, generalmente una volta all’anno, corsi di formazione ad hoc, gratuiti, che preparino chi si avvicina a noi ad affrontare al meglio situazioni spesso emotivamente pesanti. Oltre a questo ci occupiamo della formazione permanente, e ogni mese ci sono due riunioni per agevolare al massimo il lavoro dei volontari”. Per tutte le informazioni, e per le iscrizioni al corso di formazione, si può consultare il sito www. /B.S. noipervoi.org.


salute

31

DICA 33/2. Un fiorentino racconta la sua personale esperienza dopo aver contratto l’H1N1

Una lunga storia di allarmi “gonfiati” Dalla mucca pazza alla suina, passando per la Sars e l’aviaria: alla “saga” delle pandemie (vere o presunte) si aggiunge un nuovo capitolo ogni anno Ilaria Esposito

I

n principio fu l’encefalopatia spongiforme. Volgarmente detta “mucca pazza”, probabilmente questa malattia costituì uno dei primi “allarmi epidemia” del nuovo millennio. In realtà, il morbo venne identificato per la prima volta nel 1996, ma il picco di casi si verificò nel 2000. Ad oggi, in tutto, sono state 217 le persone, distribuite in 11 stati diversi, ad ammalarsi di Bse (fonte Asca). Purtroppo, l’ultimo caso italiano risale a quest’estate. E ancora, nel 2002 fu la volta della Sars (Sindrome Acuta Respiratoria Severa), della quale fu vittima il medico Carlo Urbani. Dopo il suo caso, in Italia fu lanciato lo stato di allarme, che fortunatamente rientrò dopo poco tempo senza che il numero di casi verificatosi potesse essere considerato preoccupante. Fra il 2003 e il 2004 fu la volta dell’aviaria, quella che faceva tremare gli ipocondriaci davanti a un petto di pollo. In realtà, il contagio era facilmente scongiurabile con una semplice cottura delle carni bianche, tanto che tutti i casi sospetti di contrazione del morbo nel nostro Paese fra il 1997 e il 2007

seguirono ad un contatto diretto degli individui con volatili domestici. Ad ogni modo, la “fobia del pollo” causò soprattutto una grossa perdita economica nel settore dell’allevamento avicolo. Passando dai bovini alle carni bianche, cronologicamente si giunge alla suina, per cui si è parlato di “pandemia”. Il passaggio del morbo dagli animali all’uomo è avvenuto nel 2009 in piccoli villaggi messicani, dove purtroppo morire di influenza è ancora facile. Giunto in Europa, il virus H1N1 è stato effettivamente contratto da molti, ma fortunatamente nella maggioranza dei casi si è manifestato come una normalissima influenza. E’ il caso di Niccolò Tosi, 25 anni, di Firenze, che l’anno scorso si è ammalato mentre trascorreva un periodo di studi in Inghilterra. “Ho contratto il virus fra Washington e l’Inghilterra – spiega Niccolò - in aeroporto. Arrivato a Southampton stavo già male, quindi ho compilato un form su un sito che era stato costruito in occasione dell’emergenza. Ho chiamato il medico e lui ha contattato la ‘Health protection unit’. Mi hanno fatto due tamponi e dopo un paio

di giorni mi hanno confermato che avevo sicuramente contratto la H1N1. Il mio è stato il primo caso in Hampshire e c’era un po’ di disorganizzazione. Dopo è stata stabilita una procedura. Io sono dovuto stare chiuso in casa

una settimana - conclude il 25enne - la mia università è stata avvertita e i miei coinquilini allontanati dall’appartamento che condividevamo. Al di là di questo, si è trattato di una normale influenza”.

IL FATTO La paziente aveva contratto la malattia, che ha tempi di incubazione lunghissimi, molti anni fa, quando non c’erano controlli sulla carne

A Livorno un ricovero recente per la Bse: “Ma nessun pericolo di contagio”

E

ra dal 2002, quando una donna si ammalò in Sicilia, che la BSE o - per dirlo come la malattia è conosciuta ai più - la “mucca pazza”, non tornava a terrorizzare l’Italia. E invece quest’estate una signora livornese di 42 anni è stata ricoverata d’urgenza all’ospedale di Livorno per permetterle di attraversare la fase terminale della malattia ricevendo alcune cure palliative che le alleviassero l’atroce sofferenza. La donna accusava da tempo disturbi neurologici e per questo si era recata pochi mesi fa al Carlo Besta di Milano, dove la malattia le è stata diagnosticata e dove, senza successo, le sono stati

somministrati i primi medicinali. Già a ottobre 2009 quello della donna era stato definito come un probabile caso di “variante della sindrome di Creutzfeldt-Jakob” (la mucca pazza, appunto). I disturbi neurologici che hanno portato la signora fino allo stato di coma sono dovuti a una proteina, il prione, che danneggia il sistema nervoso e il tessuto cerebrale. Purtroppo, la diagnosi della malattia non è facile né può esser fatta in tempi rapidi, perché il periodo di incubazione della Bse può anche durare 10 anni e i sintomi possono essere diversi. Questa estate è stata proprio la lunghezza del periodo di latenza della

malattia a far escludere agli esperti il fatto che in Italia, dopo questo caso, si dovesse tornare a parlare di allarme. Infatti, la proteina sarebbe stata ingerita dalla donna quando ancora i controlli sulla carne non erano quelli imposti dalla normativa europea dopo i casi del 2000. Per quanto riguarda l’ospedale dove la donna è stata ricoverata, invece, i medici hanno tenuto a sottolineare che ogni tipo di contagio degli altri pazienti è da escludersi. Grazie all’osservanza di normali misure igieniche, i ricoverati nel reparto dove è stata ospitata la donna si devono /I.E. considerare al sicuro da qualsiasi tipo di rischio.


32

sì, viaggiare

Novembre 2010

CURIOSITÀ/1. Molti i giovani che scelgono di noleggiare uno di questi mezzi anche solo per poche ore

Metti una sera a bordo di una limousine Farsi scarrozzare dietro i vetri scuri di un’auto sfarzosa sembra non essere più un sogno proibito. E così spopola la moda alla “Pretty Woman” Annalisa Cecionesi

I

mmaginate la scena di Pretty Woman in cui Julia Roberts sale e scende da una limousine colma di acquisti. Perché non farlo in via Tornabuoni? Basta noleggiare una limousine. Nell’immaginario collettivo è il mezzo di trasporto dei boss della malavita o delle star dello spettacolo. Ma oggi non è più una bizzarria americana. Anche i palazzi e le vie di Firenze possono essere visti dai vetri scuri di una “limo”. Non c’è da stupirsi nel trovarsene una a fianco al semaforo. Perché salire su una limousine non è più (solo) roba da ricchi. Se negli Stati Uniti il noleggio di questo genere di auto va avanti da decenni, in Italia è una novità degli ultimissimi anni. Uno “limo” può aspettare gli sposi davanti alla chiesa. Ma anche un’uscita in discoteca può essere l’occasione buona per noleggiarla. Il costo? Per una serata in discoteca, dalle 8 di sera fino a tarda notte, si spendono circa 600 euro. Spesa che si può dividere tra i partecipanti. Queste vetture infatti possono ospitare anche 8 persone. La “limo” non è soltanto un mezzo di trasporto, ma una sorta di lussuoso locale con le ruote. La serata inizia a bordo. Sui sedili in pelle si sorseggia un aperitivo, si può ascoltare musica o guardare un film. “È un servizio che consente aggregazione – spiega Alessio Dolfi dell’autonoleggio Fast Car di Pistoia - senza dimenticare che noleggiando una limousine ci si può concedere un drink senza temere l’alcool test, visto che alla guida c’è un autista”. Ma dove vuol farsi scarrozzare chi decide di noleggiare una “limo”? Le mete più gettonate sono la Versilia e i locali fiorentini. Centro storico compreso, visto che le vetture hanno l’autorizzazione alla circolazione, alla pari dei taxi. I clienti sono di tutti i tipi. Tanti giovani che vogliono trascorrere una serata particolare, festeggiare un compleanno o una laurea. Il ragazzo intenzionato a stupire la fidanzata o i freschi sposini che la scelgono nel giorno del sì. Tra questi, mol-

ti sono cinesi. La limousine consente loro di sfoggiare il lusso ma anche di far spazio ai testimoni, che per loro tradizione seguono gli sposi. Ma chi noleggia una “limo” non lo fa solo per ostentare uno status symbol. “Alcune mamme – racconta Dolfi – l’hanno noleggiata per fare una sorpresa di compleanno alla figlia di 12 o 13 anni, invitando anche gli amici. Per una bambina salire su una macchina del genere è un po’ come vivere una favola”. Una fiaba alla Pretty Woman (per info: www. limousinetoscana.com).

Una limousine in servizio

CURIOSITÀ/2. Si può partire da viale Europa o San Casciano, il volo dura un’ora

E per gli incontentabili c’è la mongolfiera F

irenze… cinquecento metri sopra il cielo. Non è un film, né il titolo di un libro. È la possibilità di ammirare la città e i suoi dintorni col naso all’ingiù. A bordo di una mongolfiera. Il Duomo, Santa Croce, Ponte Vecchio, l’Arno. E intorno le dolci colline. Di solito è un paesaggio che si ammira a “spizzichi e bocconi”. Un pezzo alla volta. Al massimo la buona porzione che si staglia di fronte a piazzale Michelangelo. Per vedere dall’alto il paesaggio che tutto il mondo ci invidia “basta” superare la paura delle vertigini e salire su una mongolfiera. “Il numero delle persone che vogliono provare questa esperienza è in crescita, grazie a internet – spiega Ivan Vastano, titolare della ‘Vastano Mongolfiere’ - tra i nostri clienti abbiamo in prevalenza stranieri, ma il numero di italiani è in aumento”. Salgono sul “pallone volante” per fare un regalo di compleanno o per festeggiare in modo singolare un anniversario. Ma c’è anche chi invita a bordo il proprio partner per una memorabile richiesta di matrimonio ad alta quota. O chi,

semplicemente, lo fa per togliersi uno sfizio e coronare un sogno. Senza dimenticare gli appassionati di fotografia, che potranno mostrare agli amici scatti mozzafiato. Le basi di decollo? Con la Vastano Mongolfiere si può partire da Firenze, nello spazio messo a disposizione da un hotel di viale Europa, o da San Casciano. E si può sorvolare, a seconda del vento, Firenze, Siena, San Gimignano e Volterra. “Da una posizione privilegiata, e in tutta sicurezza – racconta Vastano - si vedono le colline intorno a Firenze, le ville e gli splendidi giardini che da terra sono nascosti alla vista”. Il volo dura circa un’ora e può essere effettuato in tutte le stagioni, se le condizioni meteo lo permettono. Non possono volare i bambini sotto i sei anni o alti meno di 1,20 metri, né le donne in gravidanza. Per quanto riguarda l’abbigliamento, bastano pantaloni lunghi e scarpe da tennis. E’ possibile avere la mongolfiera in esclusiva o volare in gruppo, fino a 16 persone (per info: www.vastanomongolfie/A.C. re.com).

Evviva l'olio buono!!! Vieni ad assaggiarlo

LA TERRA, LE VIGNE, LA QUALITA’

• Degustazione olio extra vergine • Degustazione vino • Degustazione DOCG e DOC

Via Imprunetana per pozzolatico 210 Impruneta (FI) www.lanciola.it - info@lanciola.it

Tel.

055.208324


1134450


TEATRO/1. Viaggio tra i cartelloni più curiosi per scoprire burattini, vernacolo e commedie brillanti

Palcoscenico sì, ma solo se è alternativo Chi l’ha detto che a Firenze non si sperimentano nuovi generi? Ce n’è per tutti

LA MOSTRA

i gusti: l’Everest fa salire sul palco giovani artisti emergenti, il Reims - nel bel mezzo

Quando gli etruschi guardavano l’Oriente

del quartiere 3 - regala agli appassionati divertenti scenette recitate nel toscano più verace, mentre al Teatrino del Gallo spopolano le marionette Ilaria Esposito

A

d autunno inoltrato si entra nel vivo delle stagioni teatrali, si ha già un’idea degli spettacoli da non perdere fino ad aprile e in molti saprebbero elencare i grandi nomi che si alterneranno sui cartelloni per tutto l’inverno. Ma la Firenze dei teatri non è fatta solo di questo. Sono tanti gli spazi non convenzionali dove gli appassionati di generi più o meno di nicchia, o semplicemente considerati minori dal grande pubblico, possono assecondare i propri gusti. Teatro contemporaneo, vernacolo e burattini sono solo alcuni esempi di quanto la città offre e i cittadini spesso non conoscono. Altrettanto sconosciuti i luoghi dove questi spettacoli vanno in scena, nonostante in molti casi sorgano nel bel mezzo dei quartieri fiorentini. Un esempio? Il Teatro Everest di via Volterrana. Lo spazio ha riaperto cinque anni fa dopo venti anni di chiusura al pubblico e ogni anno presenta un programma di spettacoli che vanno da Shakespeare alle proposte più originali di giovani compagnie. L’Everest fa parte del circuito “Teatri possibili”, rete che si propone di diffondere l’universo teatrale in ogni suo aspetto, dal momento del palcoscenico a quello della formazione di giovani artisti. Per questo motivo, presso lo spazio di via Volterrana sono presenti anche una programmazione per i più giovani e corsi di recitazione, clowneria, tecniche vocali e giocoleria. Ma l’offerta “alternativa” dei palcoscenici fiorentini non si esaurisce qui. Per dirne una, anche chi ama il vernacolo può trovare pane per i propri denti. In questo settore, la tradizione fiorentina ha pochi rivali. Lo dimostra il programma per l’anno 2010-2011 del Teatro Reims, che si trova nell’omonima via, nel bel mezzo del quartiere 3: un cartellone che vede alternarsi spettacoli di lirica e commedie brillanti alle esibizioni di compagnie teatrali che recitano rigorosamente in toscano. La programmazione è iniziata a novembre. Per la prima parte del mese sono previsti gli spettacoli “La Bottega di Sghio”, della compagnia “Stabile del Reims Associazione Culturale Teatreria” (nei giorni 6,7, 13 e 14 ) e “A.A.A piacente mezza età, cerca il-

libata per urgente matrimonio”, della compagnia “Firenze Ridanciana (27 e 28 novembre)”. Il cartellone continuerà per tutto l’anno con le esibizioni delle compagnie vernacolari citate e della compagnia “De Bon tempo”. Spettacoli dello stesso genere si possono vedere anche al Teatro Nuovo del circolo ARCI Lippi, in via Fanfani, dove si esibiscono la “Compagnia del Grillo” e gli allievi del laboratorio teatrale che ha la stessa sede. “E i burattini?” Domanderanno i nostri

piccoli lettori. Anche per il genere solitamente amato dai bambini, ma che di per sé vanta una tradizione comparabile a quella del grande teatro, a Firenze non mancano i palcoscenici. Uno su tutti, quello del Teatrino del Gallo, che si trova in via San Gallo 25r ed è stato ricavato dalla limonaia adiacente la Libreria Libri Liberi. Qui si esibiscono spesso i famosissimi Pupi di Stac, la compagnia fondata da Carlo Staccioli nel 1946, oltre a numerosi altri gruppi teatrali per bambini.

LIBRI. Il nuovo lavoro di Paolo Ciampi, dedicato alla donna che sposò la causa di Garibaldi

Miss Uragano, l’inglese che “fece” l’Italia T

ra i libri che escono per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia spicca, per originalità e simpatia, la biografia di tale Jessie White, eroina inglese prestata alla causa di Garibaldi. Una figura di donna che non si studia sui testi scolastici, riportata alla luce dal giornalista e scrittore fiorentino Paolo Ciampi. Miss Uragano (Romano Editore, pagg. 328, euro 14, prefazione di Anita Garibaldi), questo il titolo che si riferisce al soprannome della White, è l’avvincente storia di chi, fra i tanti inglesi che offrirono un contributo al Risorgimento, ebbe un ruolo importante e, soprattutto, dedicò l’intera vita alla causa italiana. Ciampi affronta il tema biografico della donna-eroe, facendo trasparire in ogni pagina grande ammirazione, quasi una devozione che, oggi, appare come un tributo postumo. Una biografia, un libro di storia da leggere come un romanzo, attraverso le vicende di una donna eccentricamente anglosassone e sanguignamente italiana, seguendola a Firenze, la città che scelse per vivere e per morire, ma anche a Pisa, Genova, Napoli, Palermo, Roma. “Jessie White – spiega Ciampi – fu cospiratrice al servizio di Mazzini, infermeria delle camice rosse in quasi tutte le campagne

di Garibaldi, poi anche scrittrice e giornalista, corrispondente per alcune delle più grandi testate internazionali e, prima in Italia e tra le prime donne al mondo, anche inviata di guerra. Venerò Mazzini come maestro, si lasciò conquistare da Garibaldi come uomo e come eroe, ebbe come amici intimi personaggi del calibro di Agostino Bertani e Carlo Cattaneo, ma fu con un altro protagonista di quegli anni e di quelle battaglie, Alberto Mario, che intrecciò una lunga e travolgente storia di amore: forse la più bella del nostro Risorgimento, sbocciata in carcere e capace di durare fino alla morte”. Una donna dal carattere impetuoso, una donna che ha dato molto agli italiani. “Nei suoi confronti – aggiunge Ciampi – l’Italia è stata senz’altro assai meno generosa: il ricordo di Jessie White è confinato solo a qualche studio specialistico”. Ora il libro di Ciampi prova a fare giustizia, rivelandoci una storia incredibile fatta di passioni, barricate a Milano, l’impresa dei Mille e, infine, il volto della prima donna-reporter in Italia distintasi per le grandi inchieste sul campo, per le testimonianze coraggiose sull’inferno delle carceri /C.B. e dei manicomi, dei bassi napoletani e delle zolfatare.

G

li etruschi tornano a casa, in pieno centro storico, accanto alla Santissima Annunziata. Hanno affrontato secoli di storia, ma anche la distruzione provocata dall’alluvione del 1966 e un restauro durato 40 anni. La mostra “Signori di Maremma. Elites etrusche tra Populonia e Vulci” mette in vetrina centinaia di reperti, raramente esposti al pubblico o inediti, che trovano posto nelle stanze dove erano custoditi fino al ‘66: il Museo Topografico Centrale dell’Etruria, parte dell’attuale Museo Archeologico Nazionale di Firenze, uno dei più importanti al mondo per l’etruscologia. Ceramiche figurate, statue, armi, preziose oreficerie: sono alcuni dei tesori custoditi nel deposito del museo, riportati alla luce per illustrare il periodo “orientalizzante”, quello che va dalla fine dell’VIII all’inizio del VI secolo a.C., in cui è evidente l’influenza del Vicino Oriente sulle produzioni artistiche dell’Etruria. I materiali, che provengono dai principali centri della Maremma, narrano la vita ai tempi delle aristocrazie etrusche: la guerra, i banchetti, i momenti quotidiani. Suggestive ricostruzioni fotografiche e gigantografie arricchiscono il percorso, allestito dagli architetti Luigi e Marica Rafanelli. Ci sono anche le opere contemporanee: la personale di Anna di Volo, che per le sue tele prende spunto dal mondo antico. La mostra è reduce dal successo raccolto l’anno scorso, in occasione della sua prima edizione, a Grosseto. Adesso arriva a Firenze arricchendosi di nuove sezioni. “Tutto questo permette di riportare nella loro sede naturale una serie di corredi che erano esposti qui prima dell’alluvione – spiega Carlotta Cianferoni, direttrice del Museo Archeologico - più che una mostra è una sezione importante del museo che viene riproposta al pubblico”. In cantiere c’è il progetto di trasformare la rassegna in un allestimento permanente, quando sarà concluso il recupero degli ambienti del Topografico. “I depositi del museo racchiudono molti tesori – prosegue Carlotta Cianferoni – stiamo parlando di decine di migliaia di pezzi. L’idea è quella di tirare fuori gradualmente i vari reperti, tramite mostre e allestimenti, in modo da rendere il museo vivo, in continuo divenire”. La visita alla mostra, in programma fino al 30 aprile 2011, è compresa nel biglietto /G.C. del museo (3 euro).

Uno degli oggetti esposti


cultura

35

TEATRO/2. Nel cuore di Gavinana apre il Nuovo Lumière, dedicato a giovani e spettacoli di qualità

E ora Firenze ha un sipario in più Ludovica V. Zarrilli

N

on ci avrebbe mai scommesso nessuno, e invece qualuno ha avuto il coraggio di farlo. In un momento in cui il mondo della cultura, e in particolare quello del teatro, sembra soccombere sotto la scure degli scarsissimi finanziamenti, ecco che un gruppo di giovani e intraprendenti amanti del palcoscenico hanno deciso di tirare su un nuovo sipario: si tratta del Nuovo Teatro Lumière, nato sulle ceneri della vecchia sala cinematografica del Centro Incontri, in via di Ripoli 231, nel cuore del quartiere di Gavinana e poco lontano da Bagno a Ripoli. Da un’esperienza già radicata sul territorio, nel ventre di una comunità numerosa e attiva, che porta scritta nel proprio dna la passione per il teatro, nell’eredità della Compagnia Giosuè Borsi Arsante, attiva qui dal 1920, nasce un’avventura culturale e sociale che si apre alla città di Firenze. Ne è interprete l’attore, giornalista e regista fiorentino Marco Predieri a cui è stato affidato l’onere e l’onore di comporre il primo cartellone. “E’ una sfida complessa ed esaltante al tempo stesso – spiega il neo direttore – un atto rivoluzionario in un tempo fatto di realtà virtuale e di media, nel quale sembrano contrarsi sempre più drammaticamente le risorse e gli spazi per i linguaggi dello spettacolo dal vivo e per l’arte in generale. Quello che mi ha convinto ad accettare

è stato soprattutto l’entusiasmo espresso dalla comunità a cui la sala appartiene e da chi fino a oggi l’ha mantenuta comunque in vita e attiva, Paola e Maurizio del Buffa. Lo sforzo per riconsegnarla al pubblico è stato ingente ed è per questo ancor più sentita ed evidente la mia responsabilità nell’interpretare il mandato affidatomi”. Un teatro piccolo che vanta già un cartellone di tutto rispetto. La prima si è svolta il 5 novembre e ha vi-

La struttura si propone come base pulsante di una realtà autentica

sto on stage Edy Angelillo e Michele La Ginestra con lo spettacolo Radice di 2, e a fine mese sarà la volta di “Rafael. Il signore della magia” (dal 26 al 28) seguito a ruota da “Le soprelle Materassi”, dal 3 al 5 dicembre. Sul palco si alterneranno nuove leve e attori già consacrati come Alessandro Benvenuti, Andrea Muzzi, Alessandro Riccio e Silvia Paoli. “Il Lumière - continua Predieri non sarà un semplice palcoscenico per le ospitalità, ma intende proporsi come base pulsante di una

comunità teatrale autentica, radicata sul territorio e aperta al confronto, alle istanze delle giovani professionali e soprattutto degli spettatori che ne costituiranno il vero cuore. E’ in quest’ottica che i primi artisti che compongono il nuovo cartellone

hanno raccolto, devo dire anche con commovente slancio, il mio invito a credere in un viaggio comune, che oggi comincia in salita, come sempre accade per le novità, ma che mi auguro possa essere lungo e in costante crescita”.

NOVITÀ. Al via i lavori per l’ampliamento della superficie espositiva

Il museo dell’Opera del Duomo si rifà il look I

Un’immagine del progetto

l nuovo museo dell’Opera del Duomo comincia a muovere i primi passi verso la realizzazione, e lo fa annunciando il via libera ai lavori, che andranno avanti per sei anni e consegneranno alla città una superficie espositiva duplicata e un nuovo appeal per capolavori come la Pietà di Michelangelo o la Maddalena di Donatello, che saranno finalmente esposti in spazi adeguati. Novità anche per la cattedrale, all’interno della quale è prevista la realizzazione di un ambone (quella struttura dalle quale il sacerdote proclama le letture, ndr) per realizzare il quale sono state chiamate a raccolta alcune delle teste coronate dell’arte e dell’architettura made in Italy: a contendersi lo scettro per la progettazione

ci sono Mario Botta, Mario Ceroli, Amalia Ciardi Duprè, Massimo Lippi, Mimmo Paladino, Filippo Rossi, Enrico Savelli e Paolo Zermani. E nonostante il consiglio dell’Opera del Duomo, compresa la presidente Anna Mitrano, insieme al vescovo di Firenze Giuseppe Betori e a monsignor Timothy Verdon, siano entusiasti dell’idea di mescolare l’antico al contemporaneo, tra chi storce il naso c’è l’attuale direttore dei musei vaticani ed ex soprintendente al Polo museale fiorentino Antonio Paolucci. “Non mi permetto di giudicare - ha detto Paolucci - ma ritengo, in generale, che intervenire in un contesto antico sia sempre pericoloso ed inopportuno. L’ intervento potrebbe compierlo anche il più grande

scultore del mondo, ma questa resta la mia idea”. Nessuno ha invece avuto da ridire sul progetto di ampliamento del museo, affidato agli architetti Adolfo Natalini e Guicciardini&Magni. La superficie totale sarà di 5.250 metri quadrati e l’investimento, tutto a carico dell’Opera del Duomo, ammonta a 25 milioni di euro. Il “vecchio” e il nuovo museo saranno uniti in un unico percorso e l’ ampliamento permetterà di esporre adeguatamente l’ intera collezione, comprese le opere monumentali come la Porta del Paradiso del Ghiberti e le altre due porte bronzee del Battistero “qualora si decida di musealizzarle” insieme ai gruppi scultorei che le /B.B. sovrastano.


IL PERSONAGGIO. Il direttore sportivo fa il punto della situazione. E guarda al futuro

Gli orizzonti di Pantaleo Corvino Dall’infortunio di Jovetic alla scommessa Ljajic, dalla scelta di Boruc all’obiettivo Nastasic: tanti gli argomenti affrontati. E su se stesso: “Se non mi danno un calcio, a Firenze vorrei rimanere fino al 2015. Poi smetterò”

Pantaleo Corvino

Cristina Guerri

M

ercato ma non solo. A stagione ormai avviata, il direttore sportivo viola Pantaleo Corvino fa il punto della situazione. Con un occhio al futuro: quello della squadra, ma anche il suo. Partiamo da Ljajic. Una delle poche note liete di questo inizio di stagione... Ljajic, come Jovetic, è arrivato nello scetticismo generale. Abbiamo investito sei milioni di euro per lui, tanti per un giovane, anche se di buona prospettiva. Lo avevo notato al torneo “Nereo Rocco” e l’ho seguito a lungo. Quando è saltato il trasferimento del giocatore al Manchester United per un permesso di lavoro che non è arrivato, mi sono fatto trovare pronto e ho anticipato gli altri club. L’infortunio di Jovetic proprio non ci voleva... All’inizio credevo fosse una semplice distorsione, magari alla cavi-

glia. E invece c’è stato uno “tsunami” nel ginocchio. Mi sono sentito male, anche perché sul mercato avevo deciso di portare avanti una determinata strategia. Trovarsi senza uno dei giocatori più importanti mi ha creato problemi di grande sofferenza. Per il ragazzo, ma anche per l’allenatore, per la società e per i tifosi. Adesso tiene banco la questione Montolivo. Il rinnovo è vicino? E’ sempre difficile parlare del mercato. Ma sul suo contratto sono sempre stato molto chiaro. Da parte del procuratore e del ragazzo abbiamo ricevuto la volontà di legarsi alla Fiorentina per i prossimi cinque anni. Tornato dal Mondiale, a inizio campionato, ci è stato detto che volevano una pausa di riflessione. Noi aspettiamo, perché nelle due persone in questione riconosciamo una coerenza e crediamo che possa dare continuità. Anche lei è in scadenza di contratto... Se non mi danno un calcio, a Firenze vorrei rimanere fino al 2015. Poi smetterò. Vorrei godermi i miei figli, visto che fino a oggi non ho potuto farlo.

Passiamo a Boruc. Il suo acquisto ha creato qualche polemica, considerando il fatto che un grande portiere (Frey) c’era già. La verità è che si fa fatica ad accettare che con Avramov e Frey servisse un’altra alternativa valida. Ma, detto questo, Boruc rimarrà a Firenze fino alla scadenza del contratto. Mentre per gennaio si parla tanto di Nastasic... Nastasic l’ho seguito. Ma non può essere tesserato da nessuna società fino al prossimo mercato estivo, perché non ha compiuto 18 anni. E’ un giocatore che conosco, ma i nostri orizzonti sono ampi, che non si fermano soltanto al mercato dell’est. Tante operazioni importanti, in passato, le ho fatte anche in Sudamerica. Vedi Ledesma a Lecce, o Lima che poi ho venduto alla Roma nell’anno dello scudetto. O ancora Chevanton, dall’Uruguay, venduto a 20 miliardi. Il nostro mercato non è figlio di un’area, seppure io sia nato sull’Adriatico e spesso il cuore mi porti verso i Balcani. Da Vucinic a Bojinov certe operazioni, del resto, sono sempre andate bene. Ma non è detto che mi fermi qui. Ripeto, i nostri orizzonti sono ampi.


sport

37

IL PUNTO. Verso la sessione invernale. Ecco quello che potrà cambiare in casa viola

Chi viene, chi va: si avvicina il mercato Cristina Guerri

G

ennaio è ormai (quasi) alle porte. E nel calcio gennaio vuol dire soprattutto una cosa: mercato invernale. Per questo, il direttore sportivo della Fiorentina,

Pantaleo Corvino, è già al lavoro per rinforzare la rosa, considerate anche le difficoltà (fisiche ma non solo) di questa prima parte della stagione. Partiamo da quella che sembra sempre più una certezza. L’avventura di Cristiano Zanetti con la maglia della Fiorentina appare agli sgoccioli. Lo ha confermato

Per qualche giocatore dato sul piede di partenza si fanno i primi nomi di possibili rinforzi. In tutti i reparti

il suo procuratore, Carlo Pallavicino: “La condizione di Cristiano è un po’ particolare. Ha voluto scommettere su Firenze, a costo di ridursi l’ingaggio. Poi un infortunio lo ha un fermato e da lì si è creata una situazione un po’ triste. Zanetti è diventato una sorta di capro espiatorio. Sono state dette sempre le solite cose: che è vecchio e rotto. A Firenze – ha aggiunto - si è creato un clima negativo che ha condizionato allo stesso modo la situazione del giocatore. Allora la storia ci insegna che quando non si è molto graditi, forse è bene cambiare aria”. Considerando anche la situazione di Mario Bolatti, un altro centrocampista con le valigie in mano, è facile pensare che Corvino opti per l’acquisto di un giocatore in mezzo al campo. Anche in difesa manca qualcosa, forse uno o due innesti. Il primo sull’out mancino. Pasqual alterna partite no a prestazioni ricche di luci e ombre. Al centro della difesa, invece, con un Felipe che continua a non convincere, serve un giocatore che affianchi Gamberini. Ecco che allora lo scambio tra il brasiliano e Santacroce (attualmente in forza al Napoli) potrebbe concretizzarsi. In attacco guai a parlare di cessioni. Anzi. Serve una valida alternativa a Gilardino. Che non andrà né in Inghilterra (si parlava di un interesse del Newcaste) né alla Juventus. Babacar è ancora troppo giovane e quindi inesperto per supportare il l’attaccante di Biella, ma

un bomber “low cost” potrebbe attirare l’attenzione del diesse viola. Un nome? John Carew dell’Aston Villa. Fuori dai piani di Houllier, tecnico degli inglesi, il centravanti norvegese, che in Italia ha già giocato con la maglia della Roma,

potrebbe essere ceduto a gennaio. Carew, che ha un contratto fino al giugno 2011, ha già chiesto di essere ceduto non appena sarà possibile. Non resta, dunque, che aspettare qualche settimana. Come detto, gennaio è ormai alle porte.

L’OPINIONE Emiliano Mondonico analizza il momento

“Due tecnici molto diversi”

“A

ncora è troppo presto per parlare di mercato sbagliato, o di scelte sbagliate da parte della società”. Parola di Emiliano Mondonico, ex tecnico viola nella stagione 2003-2004, che analizza questa prima parte di stagione. Partiamo dal mercato. Sono stati gli acquisti sbagliati a condizionare questa partenza a rallentatore? Diciamo che sono tanti i fattori che hanno contribuito a determinare questa situazione. Il primo è il cambio di panchina. Con Mihajlovic lo spogliatoio ha perso un po’ di quella tranquillità che Prandelli usava nel gestire le diverse situazioni. L’ambiente aveva bisogno di una scossa, ma la differenza tra i due tecnici è talmente tanta che ha condizionato in negativo questo passaggio. E poi... Prego.

La Fiorentina, dobbiamo dirlo, è stata anche piuttosto sfortunata. Il ko di Jovetic, il dolore alla caviglia di Montolivo e il ginocchio di D’Agostino hanno condizionato e non poco le scelte di Mihajlovic. Ancora è troppo presto per parlare di mercato sbagliato, anche se il giudizio sulla campagna acquisti lo può dare solo la classifica in campionato. In estate si parlava, forse con troppa facilità, di un piazzamento in Champions League... Questo è uno dei campionati più difficili in assoluto. Le squadre di medio livello si sono rinforzate molto. E’ vero, la Fiorentina non lo ha fatto, ma ha comunque mantenuto tutti i giocatori di livello. Ho sentito parlare di salvezza: adesso sarebbe un errore parlare di questo obiettivo, perché i giocatori sarebbero assaliti dalla /C.G. paura.

1115196


38

Novembre 2010

sport nel quartiere

L’INTERVISTA. Raffaello Romei, coordinatore della sezione locale di Trekking Italia

L’associazione che fa camminare i fiorentini Carlo Marrone

Nato nel 1995 in una stanzetta al primo piano di via dell’Oriuolo grazie a

È

escursionisti “che volevano fare delle lunghe passeggiate un credo di vita”, oggi il

un’associazione senza scopo di lucro nata nel 1985 da un progetto nazionale, che si è estesa alle principali città d’Italia: Milano, Roma, Firenze, Torino, Genova, Venezia, Bologna. Stiamo parlando di Trekking Italia, il cui intento è avvicinare, far conoscere, rispettare e difendere la natura, rivalutando quelle capacità di relazione dell’uomo che le abitudini di vita moderne hanno assopito. La formula vincente? Il racconto, che nasce viaggiando a piedi, percorrendo, con i soci, i sentieri del mondo. Questa è la filosofia di vita che accompagna i gruppi da 25 anni, e che riesce a creare un bagaglio di emozioni, incoraggiare la curiosità e il desiderio di conoscere e di incontrarsi. A Firenze l’associazione Trekking Italia è stata fondata nel 1995. Raffaello Romei, coordinatore della sezione fiorentina, ci spiega le evoluzioni di quest’associazione e quali saranno i progetti che riguarderanno la nuova stagione. Qual è stata la prima sede fiorentina dell’Associazione Trekking Italia? Una stanzetta al primo piano di via dell’Oriuolo, al numero 17, proprio dietro il Duomo, in un appartamento in comunione con altri: pochi mobili “raccattati” nelle soffitte, il telefono era il solo strumento tecnologico... Chi furono i primi fondatori? Un gruppo di appassionati, un gruppo di amici, un gruppo di escursionisti provenienti da altre associazioni che volevano fare delle lunghe passeggiate un credo di vita. Come sono stati i primi anni? Si possono racchiudere in una sola parola: “difficili”. Le associazioni nel panorama fiorentino erano diverse, la domenica si riusciva a raggiun-

gruppo conta 650 iscritti. Il motto? “Camminare per conoscere e per conoscersi” gere al massimo un numero di dieci persone. Quando è arrivata l’inversione di rotta? La svolta, se così si può definirla, è arrivata nel 2000, con l’organizzazione di due trekk: quello di Pantelleria e quello in Tunisia. La formula per conquistare gli appassionati era di cercare passeggiate originali. Qual è il vostro motto? Camminare per conoscere e per conoscersi. Ci sono delle condizioni per iscriversi alla vostra associazione? Non ci sono condizioni particolari, ognuno deve conoscere i propri limiti, se non è abituato a fare sport eviterà le passeggiate più impegnative. C’è un percorso graduale da seguire? Ogni escursionista deve misurarsi con le proprie capacità, facciamo riferimento a una tabella che divide ciascun trekk in categorie: facili, mediofacili, medio, medio-impegnativo, impegnativo, impegnativo +. Da qui deriva un percorso graduale. Quanti iscritti conta oggi l’associazione di Firenze? 650 iscritti. E ne siamo orgogliosi. Ci racconta un aneddoto particolare? Pochi anni fa ho ricevuto una lettera di un nostro associato: “Per tanti la vita è bella per me no, in questo momento di malattia ricordo con gioia e nostalgia il trekk nella lontana Tunisia, anche se le mie gambe me lo impediscono il mio cuore e la mia mente sono in viaggio ogni giorno con voi”.

1144704


40

sport

Novembre 2010

CICLISMO. La città si è aggiudicata il Mondiale con Lucca, Montecatini e Pistoia

Firenze pedala verso il 2013 Simone Spadaro

Meta allo stadio: la nazionale per la prima volta al Franchi

N

on avrà il valore di un mondiale ma, come si suol dire, “la prima volta non si scorda mai”. E la prima volta della nazionale di rugby allo stadio Artemio Franchi di Firenze è un evento di grande importanza. Uno sport in così netta ascesa arriva in città (sebbene con un anno di ritardo) con una partita di primo piano. La partita Italia–Australia, in programma sabato 20 novembre, sarà uno dei tre Cariparma test match autunnali che la nazionale di Nick Mallett giocherà in vista del Sei Nazioni e della Coppa del Mondo 2011 in Nuova Zelanda. Come sottolineato dall’assessore Dario Nardella il giorno dell’annuncio della partita, “Firenze entra dalla porta principale nel mondo del rugby con l’incontro più intrigante dei tre in programma. Il rugby è uno sport che sta

D

a Melbourne, dove si sono tenuti gli ultimi mondiali di ciclismo, è arrivata la decisione più bella per Firenze che, insieme a Lucca, Montecatini Terme e Pistoia, organizzerà l’edizione 2013 dell’appuntamento iridato. Dopo Mondiali di calcio e Olimpiadi, il mondiale di ciclismo è l’appuntamento più seguito al mondo. Una vera e propria kermesse con gare maschili e femminili su vari tracciati, che valorizzeranno le nostre strade e i nostri paesaggi. Alfredo Martini è raggiante per questa assegnazione. “E’ una bella promozione per il ciclismo – osserva il Ct che dal 1975 al 1997 ha vinto sei volte il titolo iridato – e un riconoscimento per quanto hanno dato Firenze e la Toscana al ciclismo mondiale. Ma ci rendiamo conto che Gino Bartali vinse un Tour de France nel 1938 e poi lo rivinse dieci anni dopo vincendo sette tappe? Firenze ha dato i natali a un ciclista che non ha avuto eguali nella storia di questo sport. E questi valori, finalmente, sono stati riconosciuti – aggiunge Martini - bisogna ringraziare il presidente della Federazione ciclismo Di Rocco, che è anche vicepresidente dell’Uci. E poi sono contento che questo mondiale sarà nel segno di Franco Ballerini, un grande campione e un grande tecnico che ci ha lasciato troppo presto”. Un altro grande corridore che ha scritto pagine epiche ai mondiali è stato Franco “Cuore Matto” Bitossi. “La diplomazia ha lavora-

RUGBY. Il 20 novembre si gioca Italia–Australia

L’ex ct Alfredo Martini

to bene – commenta Bitossi – e sono convinto che questo mondiale farà bene a tutto il movimento in Toscana. Ma mi domando: l’Italia ha già ospitato tante edizioni del mondiale. Perché la Toscana non era stata ancora scelta? Come sempre – prosegue Bitossi – ci sono problemi di sponsorizzazioni. I mondiali danno sempre uno stimolo anche se non puoi sbagliare niente. Ai miei tempi la squadra era composta da più punte e te la dovevi giocare anche con gli altri tre-quattro ciclisti della tua stessa squadra. Rischiavi di lavorare per il gruppo e poi, invece di vincere, arrivavi secondo”, spiega Bitossi, me-

more di quel famoso secondo posto ai mondiali di Gap nel 1972. Un fiorentino è, invece, andato vicinissimo al titolo mondiale in anni recenti: Francesco Casagrande. “Nel 1999, a Verona vinse Freire ed io arrivai quarto, ma ricordo come occasione mancata soprattutto l’edizione dell’anno successivo a Plouay, quando feci una fuga solitaria a 5 chilometri dal traguardo ma fui ripreso dal gruppo a un chilometro dall’arrivo e mi classificai decimo. Ho fatto otto mondiali – conclude Casagrande – e penso che l’edizione del 2013 possa essere veramente una grande festa di sport per Firenze”.

Si punta al “sold out”, previste anche altre iniziative crescendo e sta raccogliendo grandi consensi perché interpreta valori etici e umani”. La macchina organizzativa sta lavorando da mesi. C’è tanta voglia di dimenticare Italia–Sudafrica dello scorso anno, annunciata e poi spostata ad Udine. E si punta al “sold out”, come auspicato dal vicepresidente federale Nino Saccà: “Volevamo portare a Firenze la nazionale nonostante

La Nazionale di rugby

quello che è successo l’anno scorso. Abbiamo avuto 82mila spettatori a San Siro, proprio un anno fa – ricorda Saccà – e siamo convinti che anche a Firenze ci sarà una grande festa”. Sono previste, a ridosso della gara, alcune iniziative, come la visita della nazionale all’ospedale pediatrico Meyer e altre legate alla promozione del rugby nelle scuole. La nazionale sarà nel capoluogo almeno tre giorni prima della gara, e si cercherà quindi di “utilizzare” al meglio la presenza degli azzurri. Una partita come Italia–Australia ha, inoltre, un importante risvolto economico, con migliaia di sportivi che arriveranno a Firenze da ogni parte d’Italia per tifare la nazionale azzurra. I biglietti, già acquistabili, vanno dagli 80 euro per la tribuna ai 40 per la maratona. Curva Fiesole e Ferrovia a 30 euro. Parterre a 20, 16 e 10 euro. Lo spettacolo è assicurato, e Firenze è chiamata a rispondere sugli spalti. /Sim.Spa. 1106658

RILASSATI PER 2 ORE... A SOLI 60 EURO ...potrai provare tutti i nostri servizi e trattamenti... altre promozioni del nostro centro TRATTAMENTO PERSONALIZZATO INESTETISMI CORPO: 2 sedute trattamento + 3 sedute sauna + 1 peeling corpo

€300 € 199

MASSAGGIO DEL FUOCO (stimola la circolazione sanguigna per il benessere di corpo e mente) + 1 SEDUTA SAUNA OMAGGIO

€95 € 69

TRATTAMENTO DERMOCEUTICO BIOSTIMOLANTE UOMO E DONNA:

con l’acquisto di 1 detergente + 1 prodotto attivo in OMAGGIO il trattamento biostimolante

ORARIO CONTINUATO DAL MARTEDÌ AL SABATO 9.00 - 20.00

Viale Morgagni, 7r - Firenze info 055

43 29 04


sport

41

PALLAVOLO. Brividi ed emozioni anche al Mandela Forum. Zorzi: “C’è bisogno di spettacolo”

Volley, un successo chiamato Mondiali Carlo Marrone

grande squadra da molto, logicamente non c’è più la cultura del volley di un tempo, lo dimostra il crescendo d’interesse che ha avuto il Mondiale: il palazzetto si è riempito ogni giorno di più, e l’interesse è cresciuto col passare dei giorni… Colpa anche dei media che hanno “snobbato” l’evento? Credo che sia un falso problema. Forse, cercando bene, ci sono più notizie oggi di quando giocavamo noi. I tempi sono cambiati, ci sono i siti internet, forum, non solo la carta stampata. In conclusione, qualsiasi persona interessata alla pallavolo poteva trovare tutto ovunque. Forse nella carta stampata c’è stato meno spazio, ma sta a noi riconquistarlo: non dimentichiamoci che nel femminile siamo il primo sport praticato in Italia. E dello stesso parere è anche Francesca Ferretti, palleggiatrice della Scavolini Pesaro e campione d’Europa e del Mondo con la Nazionale femminile: “Cuba-Bulgaria mi ha emozionato alla pari della partita dell’Italia. Vedere Firenze con un pubblico così ‘caldo’ mi riempie di gioia, ma mi amareggia allo stesso tempo: quando potrò essere lì da palleggiatrice? Sarebbe un sogno, anche a livello di club, giocare anche da avversaria nella vostra città”.

A

lla fine è stato un successo. I Mondiali di volley che hanno visto protagonista quasi inattesa l’Italia hanno regalato brividi, emozioni, gioia e lacrime anche a Firenze. Negli occhi delle 4mila persone che hanno assistito a Cuba-Bulgaria c’era l’incredulità di assistere a uno spettacolo sportivo esaltante, spettacolo che due giorni prima era stato confezionato anche da Serbia e Russia, rivali sul campo e fuori. Tutto questo è successo in una settimana da ricordare come uno degli eventi (sportivamente) più belli ospitati dalla nostra città. A confermare questa tesi è un grande del passato, Andrea Zorzi, attaccante della Nazionale dei Fenomeni: “Era dai Giochi Olimpici dell’96, persi dall’Italia 3-2 contro l’Olanda, che non vedevo tanta intensità, tante squadre preparate, tanta diversità di gioco e tanta voglia di vincere”. Cosa ti ha colpito di più? La gioia dei camerunesi, l’enorme potenzialità di Cuba (una delle squadre più giovani del torneo), la vivacità dell’Argentina, la tecnica dei serbi e naturalmente l’Italia, che nella pallavolo rinasce come una fenice ogni volta che la diamo per morta. Cosa ti ha colpito dei quarti di finali disputati a Firenze? Firenze è stata un diesel. In altre città il palazzetto si è riempito subito, qui il pubblico si è fatto sentire nelle grandi sfide, evidentemente ha bisogno di grande spettacolo. Deluso da come ha risposto la città a questo evento? No, assolutamente. A Firenze manca una

PALLANUOTO. Dopo 7 anni i biancorossi di Popovic tornano a giocare all’estero

Aria d’Europa per la Rari Nantes Florentia

I

mpegno su tre fronti, in questa nuova stagione, per la Rari Nantes Florentia di Dusan Popovic: campionato, Coppa Italia e Coppa Len, con il ritorno in Europa dei biancorossi dopo 7 anni, grazie al quinto posto conquistato nello scorso campionato. Proprio da lì è ripartito il tecnico biancorosso, che da questa squadra sa che è lecito aspettarsi anche di più. L’inizio di stagione non poteva essere migliore per la Rari, che ha inaugurato l’anno sportivo con la qualificazione alla Final Four di Coppa Italia, conquistata lo scorso 3 ottobre e in programma il 18 e 19 marzo prossimi. La Regular Season del campionato di A1,

che ha preso il via il 16 ottobre, occuperà la squadra guidata da Popovic fino al 2 aprile. Dal 23 aprile partirà poi la fase dei play-off, durante la quale tecnico e società proveranno a giocarsi un quarto posto o, come spera Popovic, addirittura una terza piazza, decisiva per l’approdo in Eurolega. Ambizioni europee, dunque, per la storica società fiorentina. Da realizzare con tanto entusiasmo e la consapevolezza che, dopo momenti anche molto difficili, nei quali la lotta per la salvezza era l’obiettivo principale, per la Rari è finalmente arrivato il momento di ricominciare a pen/L.M. sare in grande.

POLIAMBULATORIO Una stagione tutta da giocare BASKET. Gli obiettivi di Claag e Fotoamatore

L

DELLA FRATELLANZA MILITARE

a nuova stagione è partita ormai da oltre un mese, e già si può cominciare a tracciare qualche primo, timido bilancio, magari per rinnovare obiettivi e aspettative. Un’annata impegnativa, questa, per la Claag Firenze, al suo secondo anno consecutivo Presso l’ambulatorio vengono effettuate visite specialistiche per quasi in serie B2, agli ordini del coach tutte le discipline e siamo dotati di moderne attrezzature che permettono Francesco Puccetti. Un gruppo promettente, quello affidato al la quasi totalità delle indagini mediche. giovane tecnico biancorosso, con ESEMPIO TRA LE PIU’ COMUNI: Eco color doppler arti inferiori e superiori carotidei e vertebrali e Terapia sclerosante per la PER conferma dei migliori elementi quanto della scorsa stagione, con tanti La Fotoamatore riguarda l’ANGIOLOGIA • Laser-Terapia e diatermocoagulazione per quanto riguarda la DERMATOLOGIA • Eco tranFlorence giovani pronti a misurarsi con ensvaginali, PAP-Test e Tamponi Culturali per la GINECOLOGIA • ECG, Holter ECG e Pressori , Eco-Cuore per la CARDIOLOGIA tusiasmo in questa nuova avven• eInfiltrazioni l’ ORTOPEDIA Implantologia, tura anche con alcuniper importanti te molto più•raffinato. Uno stimo-Ortodonzia, sbiancamento dentale per l'ODONTOIATRIA innesti, che hanno completato lo in più, si spera, per i ragazzi di effettuate visite Pneumologiche per curare le malattie dell’apparato respiratoINOLTRE OGNI VENERDÌ POMERIGGIO vengono una rosa dalla quale la società si Puccetti. Sul versante femminile, rio ebuoni per risultati. iniziareObiettivo la Terapia Antifumo. aspetta l’occasione è di quelle da non delNELLA club fiorentino è quello di perdere per la Fotoamatore Flo-POMERIGGIO vengono eseguite Iniezioni, Piccole Medicazioni, Misurazione INFERMERIA DELL’AMBULATORIO OGNI piazzarsi nella cosiddetta parte rence: l’obiettivo è dare il massiPressione Arteriosa. sinistra della classifica finale del mo per disputare un campionato campionato, anche se non è statoSVOLTE (il quartoALL’INTERNO consecutivo in serie A2) SPECIALIZZAZIONI DELL’AMBULATORIO DI PIAZZA SAN SALVI 4 ( LINEA ATAF n° 6 - 20 ) certo indolore il passaggio, deciso ricco di soddisfazioni e più trandalla dal Girone Sud quillo rispetto• aENDOCRINOLOGIA quello dell’an•Federazione, AGOPUNTURA - DIETOLOGIA • NEUROPSICHIATRIA • PODOLOGIA a quello di Centro-Nord. Infatti, no scorso. Le premesse ci sono • un ANGIOLOGIA • FISIOTERAPIA • OCULISTICA • PSICHIATRIA se da lato la Claag potrà con- tutte: la squadra guidata dal duo • GERIATRIA • ORTOPEDIA • PSICOLOGIA tare•suCARDIOLOGIA trasferte economicamente Musolini-Galanti ha mantenuto la meno onerose e anche su derby robusta ossatura della scorsa sta• CHIRURGIA-PROCTOLOGIA • GINECOLOGIA-OSTETRICIA • OTORINOLARINGOIATRIA • PSICOPEDAGOGIA toscani più frequenti, dall’altro gione, seppur con nuovi arrivi e • DERMATOLOGIA - VENEREOLOGIA • MEDICINA INTERNA • ODONTOIATRIA - ORTODONZIA • SCIENZA DELL’ALIMENTAZIONE dovrà fare i conti con un basket ritorni eccellenti, oltre a qualche • ECOGRAFIA • NEUROLOGIA • PNEUMOLOGIA • UROLOGIA che, specie al nord Italia, promette giovane promessa sbocciata defi/L.M. (minaccia?) di essere tecnicamen- nitivamente.

Segreteria a disposizione per informazioni e appuntamenti da Lunedì a Venerdì

al numero

055 671388 ORARIO

9-12 / 15 -19

1077520


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter. it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni “TABERNACOLI, LA MIA RISPOSTA AL COMITATO” Spettabile Redazione, Sono il Dr. Alan Pascuzzi, l’artista di vari tabernacoli che il presidente del comitato dei tabernacoli ha criticato nel numero di agosto 2010. Se possibile vorrei rispondere alle parole del presidente del comitato. Per quanto riguarda quello che ha detto la Sabbattini, è vero che ho partecipato ad un concorso nel 1999 per la realizzazione di un tabernacolo ma non ho vinto. Sono stato selezionato fra i quattro finalisti (quelli che non hanno vinto) per realizzare il tabernacolo in Via delle Casine. Questo è stato un onore. Quando ho iniziato la preparazione per il lavoro, ho chiesto alla Sabbatini per quanto riguarda il finanziamento e il restauro dell’edicola - cioè chi pagava. Mi ha risposto che il comitato non aveva soldi e che dovevo pagare tutto e trovare i restauratori ed anche fare tutti i permessi da solo. Ho iniziato a fare i permessi andando agli uffici del suolo pubblico, pagando tutti i permessi e poi ho trovato una ditta di restauro per iniziare. Quando il comitato ha saputo di questo, hanno fermato tutto dicendomi che non avevo l’autorizzazione per fare tutto da solo. Non capivo questo dato che non mi avevano dato nessun aiuto. Mi hanno spiegato che loro dovevano scegliere la ditta di restauro (da una lista che hanno loro) e che i permessi facevano loro. Quindi ho perso i soldi per i permessi e il tempo, poi dovevo disdire tutti gli appuntamenti che avevo preso per iniziare il lavoro. Alla fine, ho dovuto cambiare ditta di restauro, pagare tutti il lavoro di conservazione dell’edicola da solo e fare l’opera in affresco pagando tutto da me. Gra-

lettere

Novembre 2010

zie al comitato un lavoro che potevo fare in tre mesi, invece ho impiegato quattro anni e nell’aprile del 2003 ho finito il tabernacolo. La Sabbatini ha inoltre detto che io voglio vedermi affidati i lavori di tutti i tabernacoli: vorrei rispondere a ‘questa signora’ che è vero che vorrei che mi fossero affidati i lavori di tutti i tabernacoli - in particolare quelli che hanno bisogno di un’opera originale. Io ho visto che le opere ‘originali’ scelte dal comitato per alcuni tabernacoli non rispecchiano le tradizioni sia religiose che artistiche fiorentine - potrei dare tantissimi esempi su richiesta. Io ho la laurea nella storia dell’arte sia fiorentina sia classica, sono docente universitario, ho studiato le tecniche antiche di scultura e pittura, ho uno studio a San Frediano e sono cattolico osservante. Dubito che le proposte per opere originali per i tabernacoli siano cosi numerose e che ci siano tanti sponsor disponibili per donare alla città soldi per realizzare opere religiose perché il comitato possa negarmi la possibilità di rendere più bella la città come vuole il nostro sindaco Matteo Renzi come nella nuova iniziativa ‘dai un bacio a Firenze.’ Inoltre anche l’arcivescovo Betori ha richiamato la missione della città di ritrovare l’identità in “Fiorenza” per la costruzione “del bello”. Io vorrei fare proprio questo mentre il comitato mi ha bloccato dato che avevo lo sponsor per tre tabernacoli che finanziava opere in bronzo per la città. Quanti scultori di oggi offrono tempo, soldi e passione per realizzare opere per la città? Sono anni che vado a cercare sponsor per il restauro dei tabernacoli e per la realizzazione di opere originali. Il comitato nel passato ha pubblicato annunci su giornali cercando sponsor, allora come mai hanno rifiutato soldi da una banca per il mio progetto? Non ha senso o è solo una questione personale. E’ questo che danneggia la città. La ‘signora’ ha anche detto che ha espresso un parere negativo per il mio progetto per ‘validi motivi.’ Vorrei spiegare questi ‘validi motivi’ per chiedere a voi se sono credibili veramente. Uno dei tabernacoli del progetto è in Piazza Salvemini - un piccolo tabernacolo 30x40 centimetri che è a circa quattro metri di altezza su una facciata di un palazzo. Dato che il tabernacolo era piccolo ed in alto, un’opera con una composizione complicata non sarebbe stata visibile. Quindi ho creato un’opera di una mano - la mano di Cristo - che esce fuori in un gesto di benedizione. La mano esce fuori 20 centimetri. Quando il comitato ha visto l’opera hanno espresso parere negativo perché secondo loro l’opera proposta era ‘pericolosa’ per il pubblico in quanto secondo loro se un autobus passava e colpiva l’opera, poteva fare gravi danni. A quattro metri d’altezza? Nemmeno salendo sul marciapiede l’autobus

avrebbe mai potuto colpire l’opera... Il direttore della banca quando ha sentito questa spiegazione ha chiesto se il comitato voleva i soldi per i tabernacoli o se volevano lasciarli tutti vuoti in condizioni pietose, il comitato ha rifiutato i soldi e la banca si è ritirata. Io poi ho dovuto ricucire il rapporto con la banca e il comitato per salvare uno dei tabernacoli in Via del Leone. Mi ripeto, vorrei fare altri tabernacoli. Sono in grado di trovare sponsor per opere originali e riesco a realizzare opere che rispettano la storia di Firenze per continuare una tradizione di opere religiose popolari che piace alla gente. Grazie. Cordiali saluti, Dr. Alan Pascuzzi “VORAGINE” E BUIO, I PROBLEMI DI UNA PICCOLA STRADA AL POGGETTO Gentile direttore de Il Reporter, leggo sempre con interesse il vostro bel giornale, sempre attento ai problemi di quartiere. Nei mesi scorsi ho notato che, in due occasioni, avete parlato del problema di una profonda voragine in via Casamorata, al Poggetto. Sono residente in questa via, e, io per prima, mi sono domandata più volte come è possibile che nessuno abbia ancora risolto il problema. Per chi non la conoscesse, via Casamorata è una traversa di via Michele Mercati piuttosto stretta. Il marciapiede è, di suo, molto dissestato e i pedoni sono costretti spesso e volentieri a camminare sulla strada, più che mai se spingono carrozzine. La buca (ma forse occorrerebbe chiamarla “voragine”) complica una situazione già scomoda di suo. Da mesi poi, in corrispondenza, c’è un cartello che la segnala e che, neanche a dirlo, intralcia ulteriormente la situazione. Possibile che nessuno abbia ancora preso provvedimenti? Eppure è veramente tantissimo tempo che la strada versa in quelle condizioni, non si tratta di un impedimento temporaneo. E chi, come me, inizia ad avere diverse primavere sulle spalle non ha vita facile in questo modo. Eppure nei mesi scorsi il Comune si è fatto una grande pubblicità annunciando una campagna di rifacimento delle strade: altrove, in effetti, le buche sono state sistemate. Perché qui no? E’ forse troppo piccola per destare interesse la nostra strada? Questo non è tra l’altro l’unico problema di via Casamorata, e che ci abita lo sa bene. Dopo le undici, la sera, vengono spenti metà dei lampioni: uno sì e uno no (risparmio energetico?) e questo rende la via decisamente buia, con relativi pericoli per chi si trova a passarci. Dobbiamo pensare che anche questo avvenga perché, in fondo, la strada è piccola e di scarso interesse? Spero che chi ne ha le competenze ci mandi un segnale, e che almeno si possa tornare a passeggiare tranquillamen-

te, senza pericolo di sprofondare nei crateri e farsi male. Grazie per l’attenzione. Lettera firmata VIA ROMANA E L’ORARIO DELLA RACCOLTA DEI RIFIUTI Gentili Signori, intanto grazie per il vostro simpatico e utile contributo editoriale! Vorrei per favore che faceste giungere all’assessore Pdl Locchi il mio parere a proposito di quanto dice per la raccolta dei rifiuti. Non so dove vive questo assessore, ma sicuramente non in via Romana, altrimenti saprebbe che già tutte le mattine alle 6, puntuale come un orologio svizzero, il camion della raccolta passa (da 30 anni io ci abito e non è mai cambiato l’orario) tra sferragliamenti, scricchiolii e gli schiamazzi degli addetti alla raccolta (tanto, svegli per svegli…). E posso assicurare che non servono doppi vetri né ci si fa l’abitudine: la casa trema e il rumore ci sveglia, tutti i giorni. Allora credo che non sia gentile, nei confronti dei residenti, proporre un ulteriore anticipo della raccolta. Perché non pensare invece (ma mi sembra che Firenze faccia orecchio da mercante) a una sana raccolta porta porta, come già accade a Milano, Torino, per non parlare delle città del Nord Europa e come sta accadendo a Empoli, Lamporecchio (!!) e così via. Sarebbe l’unico modo per abituare i residenti (quei pochi rimasti e i pochissimi che rimarranno se Firenze continua a essere così mal gestita e tutti andranno a vivere in campagna per poi venire in città in macchina e motorino per inquinare il più possibile) a fare una vera raccolta differenziata, cosa che ora non accade perché posso assicurare che tutti buttano di tutto nei cassonetti e la campana per il vetro, lontana ma non irraggiungibile, è presa in considerazione solo da pochi. E i mega cassonetti sotto terra mi sembrano da film dell’orrore! Grazie per l’attenzione e buon lavoro, Lettera firmata SOSTA, “I PROBLEMI DI NOI ABITANTI DI VIA DEL FRANCIABIGIO” Gentile redazione, vorrei portarvi a conoscenza in che situazione il sig. sindaco Matteo Renzi ci a messo secondo le sue meraviglie. Meraviglia n.1, soppressione dei vigilini; meraviglia n.2, riduzione delle zone z.c.s. Siamo nel quartiere quattro, via del Franciabigio: non essendoci più i vigilini, il controllo della sosta selvaggia toccherebbe alla polizia municipale. In questa suddetta strada di vigili non vediamo nemmeno l’ombra, esiste la macchinetta per il pagamento della sosta che nessuno paga, l’altra parte sarebbe destinata ai residenti e cosi non è. Arrivano da tutto il comprensorio dato che siamo vicini alla tranvia, parcheggiano l’auto


lettere

43

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it

VIALE DEI MILLE, “QUELL’INCROCIO È PERICOLOSO”

Ho letto l’articolo in oggetto (“Quando incrocio fa rima con incidente”, pubblicato su Il Reporter del Quartiere 2 di ottobre 2010, ndr) e concordo su tutto: a livello personale e portavoce di altri che vivono o transitano in zona, ho segnalato, sia alla direzione mobilità che alla polizia municipale, la grande pericolosità dell’incrocio tra viale dei Mille con via Marconi e via del Pratellino; in certi momenti si rimane senza parole da quello che si vede e si rischia sia come pedoni che come guidatori di veicoli vari!.. molti gli incidenti anche con rilievi di chi di dovere... mi è stato risposto che è indisciplina stradale (e questo ci sta) e che la segnaletica è adeguata... nel quartiere non la pensiamo così: basterebbe un semaforo direzionale e uno a chiamata pedonale, ovviamente anche con rifacimento delle strisce, oppure altra soluzione per una certa sicurezza. Perché non se ne prende atto? Annamaria Perotto

Gentile Annamaria, il tema della pericolosità delle strade – e soprattutto di certe strade, ben note a chi vi transita spesso – è senz’altro uno dei più dibattuti in città. E uno dei più importanti, da parte nostra, da trattare. Ci capita spesso, quando possiamo, di pubblicare – come nel caso dell’articolo a cui lei si riferisce e che, essendo apparso soltanto sull’edizione del Q2, non tutti i nostri lettori hanno potuto vedere - “classifiche” degli incroci o delle strade più pericolosi in città. E non lo facciamo, ovviamente, per amore delle statistiche, ma perché è facile immaginare che, dietro una strada o una zona in cui si verifichi un numero di incidenti sensibilmente superiore rispetto alla media, ci sia qualcosa che non va. Concordo pienamente sul fatto che, quando si parla di incidenti, dobbiamo purtroppo sempre tenere in considerazione “l’indisciplina stradale” che troppo spesso è causa – o almeno concausa – di questi avvenimenti. Mai abbassare l’attenzione, mai distrarsi, neppure per un attimo – e nemmeno se stiamo viaggiando in una strada che ben conosciamo e che in quel momento appare sgombra dal minimo pericolo – quando siamo al volante dell’auto o in sella alla moto: è un messaggio banale e che dovrebbe essere perfino superfluo ripetere, ma che troppo spesso i comportamenti che capita di vedere nei conducenti rendono non così inutile da ribadire. Detto questo, c’è però da aggiungere che spesso la condizione di certe strade o la visibilità di certi incroci sono una componente da non sottovalutare quando parla di incidenti. Può capitare, non c’è nulla di male, che un progetto che sulla carta appare valido venga poi messo in discussione dalla “prova su strada”, o che in una certa zona i cambiamenti nelle condizioni di traffico rendano necessarie delle modifiche: l’importante, in questi casi, è intervenire il prima possibile, per riportare queste situazioni al massimo della sicurezza possibile. E importanti, importantissime, in questi casi, sono anche le segnalazioni dei cittadini. Come il suo intervento che – raccogliendo anche la voce di altri abitanti del quartiere – porta (o riporta) alla luce la questione dell’incrocio tra viale dei Mille e via Marconi. Starà poi, come è ovvio, a chi di dovere effettuare i dovuti controlli sulla bontà delle segnalazioni dei cittadini, ma anche una eventuale, iniziale mancata considerazione di indicazioni e suggerimenti non deve essere un buon motivo per smettere di evidenziare quello che non va. Perché l’obiettivo deve essere quello di intervenire sulle situazioni di potenziale pericolo prima che, proprio in quelle situazioni, avvenga il tragico incidente. In modo da camminare – o guidare – tutti più tranquillamente per le strade della città. E in modo, per noi, da smettere di dover pubblicare le “classifiche” degli incroci più pericolosi. Matteo Francini

la mattina e fino alla sera non tornano. Abbiamo telefonato svariate volte sia al comando che al distaccamento del quartiere quattro, per questo disagio dei residenti, che tornando dal lavoro la sera non troviamo mai posto e siamo costretti a portare l’autovettura lontano dalle nostre abitazioni creandoci un disagio. Questo scrivente e un comitato inquilini che rappresenta 103 famiglie ringraziano se potete pubblicare sul vostro giornale questa nostra comunicazione. Ne saremmo molto lieti come comitato inquilini e come lettori del giornale. Ringraziamo, Comitato inquilini (via del Franciabigio) GIARDINETTO DI PIAZZA S. GERVASIO, “PERCHÈ NON FARE QUALCOSA?” Gentile redazione de Il Reporter, leggo sull’ultimo numero de Il Reporter le lamentele di alcuni abitanti del quartiere 2 che denunciano segni di degrado di questa zona. Anch’io abito nell’area di Campo di Marte e in verità non mi sembra di aver notato cambiamenti così drammatici. Come spesso accade si accusa l’amministrazione quando molte cause dell’incuria e sporcizia dipendono dai nostri comportamenti disattenti e maleducati: comunque... anch’io ho un commento ed una richiesta di miglioramento. Si tratta del giardinetto di piazza S. Gervasio proprio di fronte alla chiesa, luogo di sosta di anziani e di giuoco di bambini. Le aiuole sono ormai spoglie e naturalmente “i soliti ignoti” che portano in giro i loro cani, non trovano di meglio che usarle come toilette per i loro animali. Chissà che non si possa fare qualcosa? Grazie per l’attenzione e per il vostro giornale che ci tiene bene informati sul quartiere che amiamo. Amanda Tesi Balduzzi TRAMVIA E TRAFFICO IN SAN JACOPINO In riferimento al vostro articolo del 6 settembre 2010 “Tramvia un successo...”. Abito nella zona di San Jacopino, perciò sensibile al traffico “V.le Redi-V. le Belfiore”. A noi del quartiere non è cambiato nulla da quando è entrata in funzione la tramvia: traffico prima e traffico ora. Sembra che l’adoperino solo quelli che prima prendevano gli autobus ed ora si servono del nuovo mezzo. Abitando vicino passo spesso a dove passa la tranvia e la vedo sempre vuota, basta fare delle foto per rendersene conto. Cordialmente, Lettera firmata IL NUOVO TRIBUNALE E QUELLA STRETTOIA “INUTILE” Gentile redazione de “Il Reporter”, dopo aver evidenziato il problema alla “Nazione” che lo ha pubblicato il 26

settembre, ed aver esteso la nota al Sindaco ed all’assessore Mattei, senza che alcuno abbia “mosso foglia”, provo ad interessare anche Voi, che siete più vicini al territorio, per vedere se qualcuno è in grado di far eliminare l’ormai inutile strettoia davanti al nuovo tribunale (controviale davanti CRF verso via Barsanti), che da circa sei mesi rallenta il traffico senza più alcuna utile giustificazione..... come si può fare? Grazie e cordiali saluti Salvatore Codispoti FIGLINE: LE INIZIATIVE SOCIALI E LA PARTECIPAZIONE DEI POLITICI Il sottoscritto, quale presidente del Tennis Club Figline, desidera esprimere formali e sinceri apprezzamenti e ringraziamenti al Sindaco e agli Assessori Cardi e Calvani per la sensibilità, l’interesse e la partecipazione all’evento organizzato dal TC Figline dal 24 al 27 Agosto u.s., nel quale abbiamo ospitato 38 ungheresi, di cui alcuni disabili che praticano da anni il tennis su sedia a rotelle. Sensibilità dimostrata anche in precedenti occasioni. Da tempo il TC Figline è impegnato, spesso in collaborazione con l’A.C. di Figline, ad organizzare eventi sportivi che risaltano aspetti prioritari di tipo sociale, come il tennis su sedia a rotelle che rappresenta una possibilità, per molti disabili, di fare sport e uscire dall’isolamento che spesso accompagna questa loro condizione. Purtroppo devo rilevare e biasimare che, come in passato, in contrapposizione al lodevole atteggiamento del Sindaco e degli Assessori di cui sopra, nessun consigliere comunale, di maggioranza e d’opposizione, ha mostrato il minimo interesse a quest’iniziativa che, lo ripeto, aveva essenzialmente un valore sociale più che sportivo. È lungi da me l’intenzione di condividere, alcuni commenti, che ho personalmente registrato, sull’insensibilità dei consiglieri o, peggio ancora, di attribuire l’assenza degli stessi alla mancanza di gettoni di presenza. Pur tuttavia ritengo che chi s’impegna in politica debba porre maggiore attenzione agli eventi sociali e culturali organizzati sul territorio. Il mio recente passato nel Consiglio Comunale di Figline m’induce ad essere benevolo nei confronti dei consiglieri comunali e spero che questa mia critica sia considerata costruttiva e non polemica, tanto più che coinvolge trasversalmente tutti i consiglieri. Spero che il sindaco, se condivide questa mia nota, voglia porla in discussione in Consiglio Comunale, lo ripeto, non per fare processi, ma per contribuire a risvegliare le coscienze di tutti verso il sociale ed il volontariato. Cordiali saluti, Adriano Pucci Presidente del TC Figline


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Concerti Macy Gray 15 Novembre Sachall La grande cantante americana arriva a Firenze e porta sul palcoscenico i successi di The Sellout, scritto come reazione alle delusioni dei due dischi precedenti, suona come l’album della rivincita: è un disco mainstream, una sorta di piccola grande enciclopedia del soul nella quale convivono groove hip hop (“The sellout”, la splendida “Still hurts”, una ammissione di colpa per le sue disavventure amorose, “On and on”), styloserie jazzose per il dancefloor (“Lately”), rockismi stomper deliziati dalla chitarra di Slash (“Kissed it”), lezioni funky degne del miglior Prince, un po’ di sweet soul music (“Help me”, “That man”, la torrida “Real love” incisa in coppia con Bobby Brown), gioia di vivere squisitamente pop (il singolo “Beauty in the world”, dedicato alla risata di sua figlia, “Let you win”. Un gran bel disco, ispirato e sincero, come del resto è Macy Gray. Anna Oxa Proxima Tour 16 novembre Teatro Verdi Anna Oxa torna dal vivo con “Proxima Tour”. Dopo quattro anni di lontananza dai palcoscenici, l’artista torna nei teatri con una nuova tournée che raccoglie i suoi più grandi successi e presente per la prima volta live i brani del nuovo album “Proxima”. “Proxima Tour” debutterà dal Teatro Piccinni di Bari il 4 novembre 2010 e toccherà le principali città italiane. Accompagnata

sul palco da 5 musicisti, Anna Oxa regalerà uno spettacolo particolare ed emozionante che, arricchito dalla sua grinta e dalla sua carica artistica, andrà oltre un semplice concerto. Il primo singolo estratto dall’album, “Tutto l’amore intorno”, scritto da Ivano Fossati, è attualmente in programmazione sui principali network, e ha raggiunto subito le vette della programmazione radiofonica. Spettacoli Beppe Grillo is back 9-10-11 Novembre Saschall Dopo aver girato l’Europa all’inizio dell’anno con lo spettacolo “Incredible Italy” (Londra, Bruxelles, Parigi, Vienna, Monaco, Zurigo e Basilea le varie tappe), Beppe Grillo sta preparando il suo nuovo spettacolo per il pubblico italiano. Torna così a teatro, dopo sette lunghi anni, la satira senza freni del comico genovese in un inedito e provocatorio lavoro. Lo show, attraverso un linguaggio pungente e lo stile inconfondibile di Grillo, toccherà i temi della cronaca, politica, economia, ecologia. Fiorello show 26 Novembre Nelson Mandela Forum Fiorello torna dal vivo per la quinta volta a Firenze quest’anno per continuare e allo stesso tempo iniziare, una nuova avventura del Fiorello Show. Il Fiorello Show Tour, regia di Giampiero Solari, è un flusso di storie e di canzoni che, nel corso delle diverse tappe, si evolve e cambia ad ogni appuntamento.In un continuo divenire e in continuo movimento, Fiorello, accompagnato sul palco

dal maestro Enrico Cremonesi e la sua band, trasforma ancora una volta i fatti di attualità e gli elementi del quotidiano in uno show tutto nuovo. La scaletta dello show si nutre molto dell’ispirazione artistica del momento e Fiorello riesce a rendere lo spettacolo ogni sera diverso, con gag, canzoni, battute, imitazioni, racconti di vita vissuta ed improvvisazioni. Le mostre Silente Fino al 12 dicembre Aria art gallery Un’arte generata da uno sguardo incantato e meravigliato che, nonostante la velocità del mondo contemporaneo, riesce a soffermarsi e a contemplare lo spettacolo che lo avvolge, per invitare il fruitore a condividere un’intima esperienza contemplativa. Un’artista che è nata e ha compiuto la propria formazione negli Stati Uniti, e che è rimasta incantata dalla campagna toscana. Sculture in bronzo, opere su carta e su tela che ci rendono partecipi di una visione immaginifica. Lo spettatore dovrà cogliere un senso esistenziale: tra eternità ed evanescenza, nobiltà e mestizia, umile accettazione e austero contenimento, dovrà fermare per un attimo il flusso del divenire per recuperare il senso temporale e naturale dello stare al mondo. Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell’autorità Fino al 23 gennaio Strozzina Ritratti di celebri figure politiche, indagini su vita e costumi delle classi sociali elevate, ma anche investigazioni sulle strutture del

potere di istituzioni internazionali. La mostra sviluppa un’analisi sul ritratto e la rappresentazione del potere politico, economico e sociale attraverso le opere di artisti contemporanei. Pizzi Cannella Chinatown Fino al 4 dicembre Pagliere 62 grandi carte cariche delle suggestioni di un artista che sembra viaggiare e invece sta fermo. Si intitola Chinatown la mostra che apre i battenti domani alle Pagliere, ex scuderie di Palazzo Pitti messe a disposizione dalla soprintendenza ai beni architettonici per la mostra organizzata dalla galleria Alessandro Bagnai e dedicata alle opere del romano Pizzi Cannella, che già altre volte ha portato a Firenze i suoi lavori. Un percorso attraverso i simboli di un Oriente (la Cina ma anche il Giappone) che poi così lontano non è. A teatro Ineffabile Dal 5 al 7 novembre Teatro della Pergola La composizione dello spettacolo cerca di indagare su inspiegabili segreti, su misteri e verità superiori alla ragione, con una dimensione astratta e paradossale, velata dallo sguardo ironico. Nella dolorosa ricerca di identità certa, per non svanire, l’uomo si scontra con il muro massiccio delle cose reali; su queste si impone il silenzio, l’immobilità, il gesto ripetuto. Nell’ineffabile nulla e nell’ineffabile vuoto si troveranno anche Rem & Cap, invisibili tra invisibili. Personaggi solitari e silenziosi ciascuno nel proprio sacco. A loro è dedicato lo spettacolo.

Florence Wine Event

Tra vino e arte

V

ino e arte “a braccetto” in città. Torna il Florence Wine Event, organizzato da Oltrarno Promuove e Promowine in occasione di “Florens 2010” e della Biennale Enogastronomica, con il contributo della Camera di Commercio. La kermesse, che giunge alla sua quarta edizione, si svolgerà quest’anno nella cornice del Cortile dell’Ammannati di Palazzo Pitti. Dal 19 al 21 novembre, sotto il loggiato del gioiello cinquecentesco (quindi al coperto, anche in caso di maltempo), si potranno contemporaneamente ammirare le meraviglie di questa cornice e degustare una selezione dei migliori vini italiani. Sarà possibile conoscere oltre settanta aziende vitivinicole provenienti prevalentemente dalla Toscana, con più di 250 tipologie di vino diverse da assaggiare. Si potranno degustare Brunello di Montalcino, Nobile di Montepulciano, Vernaccia di San Gimignano, Morellino di Scansano e tantissimi Chianti. A presentare i vini ci saranno i produttori stessi, e sarà così possibile parlare con loro. Inoltre, sommelier specializzati faranno assaggiare grappe realizzate dalle aziende presenti. Per partecipare alle degustazioni sarà sufficiente il “Kit degustazione” a 10 euro, che si troverà all’ingresso di Palazzo Pitti e che comprende bicchiere, tracollina, catalogo e drink card con 10 assaggi. Il calendario completo dell’iniziativa può essere consultato sul sito www.florencewinevent.com.

L’INIZIATIVA

“Ritratti e personaggi”: incontri in libreria per ricordare (e celebrare) il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia C

ade in un momento particolarmente complicato per la storia del nostro Paese il 150esimo anniversario dell’unità d’Italia. Una ricorrenza importante, che - tra le altre cose - concede a tutti la possibilità di approfondire la conoscenza degli eventi storici che hanno conferito al nostro popolo un’identità nazionale. Ed è proprio questo l’obiettivo del Comitato Fiorentino per il Risorgimento, che per l’occasione ha organizzato alcune iniziative, a partire da un ciclo di incontri in programma fino alla fine di novembre dal titolo “Ritratti e personaggi”: saranno presentati diversi libri di approfondimento sulle circostanze storiche e sociali che hanno fatto da sfondo a

questo avvenimento. L’intenzione degli incontri è quella di rendere un’immagine unitaria di un momento storico così importante attraverso la riscoperta di personaggi, di vite apparentemente diverse ma che raccontano di un’epica quotidiana e di un’emozione comune e molto sentita, che ha naturalmente portato al processo di unione del Paese. Ad ospitare questi appuntamenti è la libreria de’ Servi, in via de’ Servi 52/54, tutti i martedì alle 17.30 a cominciare dal 9 novembre, quando sarà presentato il libro “Risorgimento e questione sociale” di Fabio Bertini. Poi, il 16 novembre, sarà la volta di “Figure & figuri” di Indro Montanelli,

mentre il 23 novembre di “Garibaldi, orizzonti mediterranei” di Anita Garibaldi Jallet e Anna Maria Lazzarini del Grosso. E ancora, il 30 novembre ad essere presentato sarà il volume “I mille. Un toscano a fianco di Garibaldi” di Giuseppe Bandi. Nonostante l’interesse del Comitato Fiorentino per il Risorgimento e dell’assessore comunale all’istruzione Rosa Maria Di Giorgi, organizzare l’evento non si è rivelato un compito molto agevole, come spiega Adalberto Scarlino, presidente del Comitato: “Avremmo potuto fare di più - riconosce - come cittadini e come istituzioni, ma mancano i fondi per dare vita a queste attività, per coordinare un impegno su vasta scala”.

Aggiunge Sergio Casprini, membro del Comitato e storico dell’arte: “Come ricorda anche il Presidente della Repubblica, in questo momento in cui si fa un uso spregiudicato della storia è più che mai importante fare luce su un fatto importante come l’unione d’Italia. Altrimenti – continua - le nuove generazioni inseguiranno un futuro senza passato, senza radici”. Simonella Condemi, altro membro del Comitato, ricorda che dal 20 novembre prenderanno il una serie di visite guidate alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, rivolte agli insegnanti che vogliono rispolverare il periodo storico dell’unità d’Italia attraverso la suggestione delle /Gaia Grassi immagini.


annunci immobilari

45

un aiuto prezioso a casa tua

le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali 3 VANI FIRENZE

ALLE DUE STRADE 5 minuti da porta romana, grazioso appartamento con balcone. Ingresso, cucina abitabile con balcone, spaziosa camera con soppalco in arredo, bagno con doccia. Termosingolo. Affacci interni molto gradevoli. Posizione tranquilla. Euro195.000,00 immobiliare burgassi s.n.c. 055-220090-223151 € 195,00 Immobiliare Burgassi s.n.c. ☎055 220090 BAGNO A RIPOLI CASE S.ROMOLO Delizioso appartamento composto da soggiorno con caminio, cucina, camera matrimoniale, bagno e corte esclusiva con ripostiglio. Ristrutturato. € 200.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CAMPO DI MARTE in ediicio di nuova costruzione delizioso bilocale composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, bagno e corte esclusiva. € 190.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CAMPO MARTE ultime disponibilità piano alto con ascensore ampi bilocali finemente rifiniti composti da soggiorno con cottura camera matrimoniale e servizio oltre a cantina e balcone da€ € 179.000,00 ☎055 0515231 COVERCIANO bilocale composto da ingresso, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio e balcone. Piano quarto senza ascensore. Ristrutturato. € 170.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 GUIDO MONACO bellissimo ed accessoriato monolocale di nuova ristrutturazione luminoso e silenzioso con affacci sullı`nterno 3 piano con ascensore 40 mq. Oltre cantina ☎055 676246 e balcone € 180.000 LASTRA A SIGNA centrale appartamento completamente ristrutturato, mq 32 con ba☎377 2682317 gno. € 100.000 trattabili MONO E BILOCALI disponiamo di numerosi monolocali e bilocali in corso di completa e perfetta ristrutturazione nelle zone di novoli e isolotto. Ottimi anche per investimento. Maggiori informazioni in studio. Prezzi a partire da 140.000 euro ☎340 1398519 SAN IACOPINO PRESSI, in interno tranquillo e silenzioso, monolocale mq.32 con ingresso indipendente e resede mq.15, composto da vano giorno/notte, oltre a cucinotto indipendente, ripostiglio e servizio. Ottime condizioni. Rif. La221 € 165.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 SAN IACOPINO PRESSI, in interno tranquillo, appartamento bilocale di nuova ristrutturazione composto da ingresso indipendente, zona giorno/pranzo, cucinotto indipendente e finestrato, camera matrimoniale con guardaroba, servizio, ripostiglio e piccolo resede. Rif. La220 € 185.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 180.000,00 ☎055 9121333

DONATELLO in piccolo condominio appartamento fineemete rifinito composto da zona giorno con cottura due camere servizio finestrato balcone termosingolo clima EURO 330.000

1096382

AL TEATRO GOLDONI -OLTRARNO , pressi, luminoso e delizioso appartamento ristrutturato. Piano secondo in piccola palazzina. Ingresso con finestra, soggiorno pranzo con cucina aperta e comunicante e 2 finestre, 1 matrimoniale con delizioso balconcino, 1 singola, bagno con vasca. Termosingolo, pavimenti cotto e parquet, travi a vista. Molto grazioso euro280.000,00 immobiliare burgassi s.n.c. € 280,00 Immobiliare Burgassi s.n.c. ☎055 220090 ALFANI bilivelli ultimo piano composto da ampio soggiorno due camere cucinotto doppi servizi termosingolo clima rifiniture lusso terrazza € 300.000 ☎055 0515231 BOLOGNESE Trespiano pressi in strada interna delizioso terratetto ingresso cucina tinello due camere doppi servizi ripostigli balcone € 340.000,00 Rif. 321 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 CALATAFIMI Pressi ottimo 3 vani ingresso soggiorno angolo cottura 2 camere servizio ripostiglio termosingolo € 290.000,00 Rif. 339 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 CAMPO MARTE Pressi in piccola palazzina primi ’900 ristrutturato con ampia terrazza abitabile ingresso soggiorno angolo cottura camera ampio soppalco (con 2 camere) 2 servizi cantina termosingolo € 340.000,00 Rif. 338 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.be☎055 5520999 ninvest.it

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Cavallina. Appartamento totalmente indipendente, composto da: un’ampia cuina soggiorno con camino, camera matrimonile, camrina, bagno, ripostiglio e soffitta. Rifiniture di pre☎055 8416555 gio.rif.rga46 € 230.000 ZONA BARBERINO DI MUGELLO Posizionato appartamento posto al piano primo e così composto:soggiorno,angolo cottura camera matrimoniale, cameretta, servizio e garage. Rifiniture in stile toscano.rif.ra21 € 220.000,00 ☎055 8416555 - 335 7799954

☎ 055 0515231

DOSIO Pressi trilocale ristrutturato luminoso ingresso soggiorno angolo cottura 2 camere servizio ripostiglio € 227.000,00 Rif. 320 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 IMPRUNETA VIA PRACHATICE vendesi trilocale di 60 mq ben distribuito composto da soggiorno con angolo cottura, camera, cameretta e bagno finestrato. Giardino ad accesso diretto di 50 mq e box auto 22 mq. € 270.000,00 ☎055 2022237 - 335 1711961 ISOLOTTO ampio 3 vani ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio 2 balconi cantina posto auto di proprietà € 220.000,00 Rif. 335 / 72 Beninvest Agenzia ☎055 7131728 4 www.beninvest.it NOVOLI in interno, appartamento completamente ristrutturato all’ultimo piano con ascensore, composto da ingresso, soggiorno con angolo cottura, due camere matrimoniali, servizio finestrato e terrazze. Termosingolo, indipendente. Rif. La213 € 230.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 PERETOLA in piccolo borgo antico appartamento in terratetto su 2 livelli composto da 3 ampi vani oltre stanza di 18 mq. Piccola resede balcone e soffitta € 240.000 tratta☎055 676246 bili RIFREDI appartamento mq. 65 posto al piano primo e composto da ingresso, cucina abitabile, due camere e servizio finestrato. Silenzioso, indipendente, da ristrutturare. Rif. La810 € 150.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177

CAREGGI da rimodernare ampio 3 vani ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio balcone cantina carrabile termosingolo € 210.000,00 Rif. 333 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999

SAN JACOPINO pressi ampio appartamento di 3 vani con ampia resede di proprietà ingresso soggiorno cucina camera servizio termosingolo € 195.000,00 Rif. 332 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999

CARMINE PRESSI nuovissima ritrutturazione ampio trivani composto soggiorno con cottura due camere servizio oltre a reseda di proprietà termosingolo possibiltà di mantenere gli arredi € 265.000,00 ☎055 0515231

SOFFIANO luminoso piano alto ampio ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostiglio balcone corte condominiale termosingolo € 230.000,00 Rif. 328 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728

CENTRO strada interna proponiamo elegante appartamento ristrutturato con eleganti particolari architettonici preesistenti mq 81 palazzo storico piano 1º luminoso soffitti a cassettoni bagno finestrato termo.sing aria cond. Rif a 330 ☎055 414545 COVERCIANO in palazzo di 4 piani anni 60 vendesi al 3º con ascensore ottimo appartamento di 78 mq con ingresso soggiorno con angolo cottura 2 camere matrimoniali bagno finestrato 2 balconi termo.sing cantina richiesta € 280.000,00 rif a 313 ☎055 414545

FIGLINE PIRELLI

INCISA VALDARNO vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire ☎055 9121333 da € 180.000 INCISA 1 km. autostrada vendesi direttamente dal costruttore 3 vani 50 mq. + 25 di taverna immerso nel verde ☎055 641498 - 335 5248326 RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto 3 vani in villetta a schiera con ingresso indipendente giardino garage. € 260.000 direttamente dal costruttore. Consegna fine 2010 ☎055 641498 - 335 5248326

ZONA CAVALLINA (B.MUGELLO) Villetta con giardino di 300 mq circa, composta da: ingresso soggiorno, cucina e servizio al p.terra. Al piano primo camera matrimoniale, cameretta, bagno e 2 terrazza al p.interrato garage, taverna con camino e lavanderia. RV/9 EURO 285.000

A PIAZZA BECCARIA in palazzo signorile, luminoso ampio appartamento con terrazzino, mezzanino. Ingresso grande, soggiorno molto spazioso, cucina con acecsso al terrazzino (con affaccio interno), 1 camera molto ampia (divisibile), bagno con doccia e ripostiglio/finestrato. Totali 100mq. Oltre terrazzino. Termosingolo. Euro320.000,00 immobiliare burgassi s.n.c. € 320,00 Immobiliare Burgassi s.n.c. ☎055 220090 AAA CAMPO MARTE ultimo piano silenzioso rifinito appartamento composto da ingresso soggiorno due camere studiolo soffitta servizio balcone termosinoglo € 380.000 ☎055 0515231

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Immerso nel verde bella porzione di colonica con ingresso indipendente e giardino e composta da: ampio soggiorno, cucina, servio e loggia al p.terra.al p.primo 2 camere e bagno. Possibilità di personalizzazione RIF. RGC5 EURO 320.000

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Caratteristico app.to in colonica composto da soggiorno, angolo cottura, camera matrimoniale con terrazzo, cameretta e bagno. ottime rifiniture in stile toscano. termo singolo. RIF.RGA8 EURO 170.000

ZONA BARBERINO DI MUGELLO a pochi chilometri dal centro, terra tetto in colonica composto da ampio soggiorno cucina e servizio al piano terra, al piano primo 2 camere oltre servizio. Con possibilità di poter scegliere rivestimenti e pavimenti. RIF.RT/4 EURO 190.000

VARLUNGO in terratetto ampio 3 vani buono stato ingresso soggiorno cucina camera servizio ripostigli balcone cantina termosingolo € 225.000,00 trattabili Rif. 308 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 VIA DELL’ AGNOLO in bellissima palazzina ristrutturata ampio trilocale di nuova ristrutturazione mai abitato composto da soggiorno cottura due camere doppi servizi. € 319.000 ☎055 0515231

ZONA BARBERINO DI MUGELLO In contesto esclusivo app.to con ingresso indipendente e giardino composto da: soggiorno, angolo cottura, 2 camere matrimoniali e bagno. garage dal quale si accedente direttamente dall' abitazione, lavanderia. Termosingolo ottime rifiniture.

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Cavallina. Appartamento totalmente indipendente, composto da: un'ampia cuina soggiorno con camino, camera matrimonile, camerina, bagno, ripostiglio e soffitta. Rifiniture di pregio.

LE CROCI DI CALENZANO In spendida posizione nuovo erratetto di circa 80mq con girdino di proprità di 300mq. possibilità di personalizzazione.

RGA44 EURO 270.000

RIF.RGA46 EURO 230.000

RIFRGT15 EURO 310.000

VIA DELLA FAGGIOLA pressi appartamento nuova ristrutturazione 60 mq. 3 vani oltre soffitta balcone € 238.000 trattabili ☎055 676246

Tel. 055 8416555 Cell. 335 7799954 - 334 6942615

ZONA SERVITISSIMA

Via Panciatichi, 26/3 (FI) Tel. 055 414545

055 419096 cell. 335 7363640

Associato fiaip n. ruolo 1.200

Nostra Esclusiva in zona semicentrale grande appartamento posto al secondo ed ultimo piano di un piccolo condominio. Ampio soggiorno, sala da pranzo, cucinotto con dispensa, due camere matrimoniali con doppi servizi, due ampi balconi e posto auto.

A 500mt dalla coop di figline splendida casa colonica libera su 4 lati buone condizioni. Completano la proprietà 11.000 mq di giardino circostante, ed un annesso di 60mq. Nostra esclusiva

EURO 169.000 TRATTABILI

EURO 450.000 TRATTABILI

FRANCHISING NETWORK

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi appartamenti di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono così composti: grande zona giorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, 2 terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi ☎055 9121333 a partire da € 180.000,00

ZONA BARBERINO DI MUGELLO nel centro storico, terra-tetto nuovo d’impresa con: tre vani, soggiorno cucina, 2 camere doppi servizi. Giardino con annesso vano lavanderia termo singolo. Ottime rifiniture. RIF. RT/13 EURO 175.000

055 958785 - 346 6111664

www.bruni-igo.it - studio@bruni-igo.it 1130264

COMUNALE firenze strada interna silenziosa vendesi elegante app.to di mq 270c/a vani 9 con 3 bagni cantina giardino mq 100 e terrazza abitabile di mq 70 garage e cantina descrizione: ingresso ampio salone doppio con camino sala pranzo cucina abitabile con affacci sul giardino studio 3 camere matrimoniali 3 bagni finestrati termo. sing RIF A 903

SETTIGNANO panoramico su firenze proponiamo elegantissimo appartamento di mq 130 su 2 livelli garage e resede per moto giardino di 40 mq 2 ingressi salone camino due cucine (una ad ogni piano) 3 camera 2 bagni aria condizionata RIF A 600

vedi altri annunci nelle pagine

1132842

REGGELLO direttamente dal costruttore vendesi appartamento 50 mq. con terrazza + garage + taverna e giardino 25 mq. € 160.000 ☎055 641498 - 335 5248326

VALDARNO

FIRENZE

ZONA BARBERINO DI MUGELLO centro in nuova palazzina app.to posto al piano primo e ultimo composto da cucina, sala pranzo, due camere matrimoniali, due terrazze, servizio, termosingolo, garage, rifiniture di pregio. RIF. RA/29 EURO 263.000

ZONA BARBERINO DI MUGELLO In perfetto stile toscano appartamento posto al piano secondo ed ultimo di una piccola palazzina composto da ingresso soggiornocucina , ampia camera matrimoniale con possibilità di soppalco. Ripostiglio, bagno,termo singolo. Rif.ra/1 € 125.000,00 ☎055 8416555 - 335 7799954

INCISA VALDARNO vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333

ZONA BARNERINO DI MUGELLO Caratteristico appartamento in colonica composto da soggiorno, angolo cottura, camera matrimoniale con terrazzo, cameretta e bagno.ottime rifiniture in stile toscano.termo ☎055 8416555 singolo.rif.rga8 € 170.000

4 VANI

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Villa libera su 4 lati di recente costruzione composta da: salone, cucina, 2 camere matrimoniali, 1 cameretta oltre taverna, studio e lavanderia.giardino di 650 mq. RIF RW/1 EURO 500.000

MUGELLO

VALDARNO

SAN DONATO IN FRONZANO nuova costruzione appartamento con ingresso indipendente composto da soggiorno con zona cottura 2 camere matrimoniali servizio oltre terrazzo e loggia, garage 40 mq + servizio, cantina ☎347 7013711 - 348 4003020

1114704

A 10’ DA FIRENZE SUD vendesi mono e bilocali di nuova costruzione in bel complesso residenziale adiacente a un parco pubblico di 2.000 mq., gli appartamenti sono corredati da terrazzi, termosingolo e portoncini blindati. Possibilità garage e/o posto auto coperto. Si acquista direttamente dall’impresa. Prezzi a partire da € 110.000,00 ☎055 9121333

MUGELLO

FIRENZE

SAN DONATO IN FRONZANO immerso nel verde 20km da Firenze appartamento composto da angolo cottura soggiorno servizio 2 camere bagno giardino garage 40 mq con servizio ☎347 7013711 - 348 4003020

1114704

1-2 VANI

VIA GUELFA pressi appartamento 3 vani mq. 60 perfettamente ristrutturato panoramico sul duomo termosingolo € 250.000 ☎055 676246

BRUNETTO LATINI zona v.le volta in ottimo ed elegante palazzo dei primi '900 con ascensore proponiamo 4 vani da ristrutturare mq 100 2 bagni finestrati balcone

CENTRO STORICO vicinanza duomo in palazzo del '500 vendesi appartamento di mq 200 al 2° piano con ascensore e cantina ingresso salone doppio con camino dispensa 2 bagni finestrati terrazzo angolare 3 camere studio termo. sing prezzo interessante

RIF A 435

RIF A 804

CERCASI AGENTI IMMOBILIARI


46

annunci immobilari

Novembre 2010 SAN MARCELLINO Appartamento al quarto ed ultimo piano con ascensore, in strada interna, di mq. 90, composto da ingresso, sala, cucina abitabile, due camere, bagno, ripostiglio finestrato, due balconi panoramici, posto auto e cantina. € 360.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 SAN SALVI Pressi ottimo 4 vani in piccola palazzina ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio balcone termosingolo € 340.000,00 Rif. 420 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 SCANDICCI CENTRO all’ultimo piano, appartamento di quattro ampi vani, silenzioso e panoramico. Disimpengno, cucina abitabile con terrazza, soggiorno, due camere matrimoniali, servizio, ripostiglio, altro balcone. Discrete condizioni € 350.000,00 ☎340 1308519 - 393 9597165 SOFFIANO in buon condominio ampio 4 vani ingresso soggiorno cucina tinello 2 camere servizio ripostiglio 2 balconi possibilità box auto € 300.000,00 Rif. 422 / 72 Beninvest Agenzia 4 www.beninvest.it ☎055 7131728 TAVARNUZZE pressi certosa vendesi appartamento piano primo buone condizioni di mq 85 composto dsa sogiorno cucina abitabile due camere matrimoniali e bagno con finestra.gairdino lastricato facilità di parcheggio, termosingolo. € 285.000,00 ☎335 1711961 VIA MONTEVERDI luminoso appartamento da rinfrescare 2 piano con ascensore composto da grande soggiorno cucina abitabile 2 matrimoniali bagno finestrato e balcone € 280.000 ☎055 676246 VIALI strada interna versante centro elegantissimo palazzo primi ’900 al 2º piano con ascensore vendiamo mq 114 appartamento finemente ristrutturato ingresso salone angolo cottura 2 camere 2 bagni ripostiglio balcone termo.sing rif a 439 ☎055 414545

MUGELLO POLCANTO Appartamento in bifamiliare con ingresso indipendente terrazza, disimpegno, cucina abitabile, soggiorno con accesso alla terrazza a tasca ed alla lavanderia, un servizio, una camera. P.2º "sottotetto"camera e servizio. Ottimo stato. Termosingolo gpl. A. C. P.auto € 170.000,00 trattabili ☎055 8431039 - 339 2780392 SCARPERIA PAESE Appartamento luminoso e panoramico, esposto ad est.sud.ovest con ingresso, cucina abitabile e terrazzo, soggiorno e terrazzo, disimpegno, due grandi matrimoniali, servizio nuovo con vasca e finestra, doppio ripostiglio. Posto.auto. Superficie netta appartamento mq.79 balconi 7.5mq. Buono stato € 160.000 ☎055 8431039 - 339 2780392

SCARPERIA Appartamento al p.1º, in piccola palazzina con ingresso, cucina abitabile, soggiorno, una matrimoniale, una singola, un servizio con finestra. Buono stato,www.immobiliaredallai.com € 100.000,00 ☎055 8431039 - 339 2780392

SAN DONATO IN FRONZANO immerso nel verde della Collina Fiorentina appartamento di nuova costruzione con ingresso indipendente composto da ingresso soggiorno cucina servizi 2 camere matrimoniali, garage 30 mq con servizio, posto auto ottime rifiniture con giardino ☎347 7013711 - 348 4003020

SCARPERIA Appartamento nuovo - ingresso soggiorno, cucina abitabile con loggia(mq8.4), 2 camere, un servizio finestrato, totali 71mq sup.netto muri. Due terrazze 15.2mq, garage mq.24.5, e p.auto. Ottime rifiniture, planimetrie e foto su www.immobiliaredallai.com € 260.000,00 ☎055 8431039 - 339 2780392

SAN DONATO IN FRONZANO immerso nel verde a pochi km dal centro di Reggello con ingresso e giardino indipendente composto da luminoso soggiorno cucina 2 camere matrimoniali servizi rifiniture di pregio termo singolo garage 50 mq + servizio ☎347 7013711 - 348 4003020

ZONA BARBERINO DI MUGELLO Centrale e luminoso appartamento composto da : cucina abitabile, salone, 2 camere matrimoniale,bagno, ripostiglio oltre 2 terrazze e garage.rif.rga45 € 210.000,00 ☎055 8416555

5 VANI

ZONA SCARPERIA Posizionato appartamento posto al piano primo e composto da: ampia cucina, soggiorno, camera matrimoniale,cameretta,servizio.al piano masardato camera matrimoniale con servizio privato.termo singolo e garage.rif.rga39 € 280.000,00 ☎055 8416555

FIRENZE ARGINGROSSO vendesi nuda proprieta’ eta’ 90 anni ottimo appartamento al piano 2º con ascensore vani 5 con 2 balconi 3 camere 2 bagni finestrati soggiorno cucina abitabile ripostiglio cantina richiesta € 265.000,00 rif a 529 ☎055 414545

VALDARNO FIGLINE PIRELLI Nostra Esclusiva in zona semicentrale grande appartamento posto al secondo ed ultimo piano di un piccolo condominio. Ampio soggiorno, sala da pranzo, cucinotto con dispensa, due camere matrimoniali con doppi servizi, due ampi balconi e posto auto. € 169.000,00 ☎346 6604537 - 055 958785 trattabili

ATTICO VIA MONTEOLIVETO , affacci nel verde e monumenti, luminosissimo appartamento 160 mq composto da salone doppio con camino, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni, oltre 100 mq di terrazza e cantina. Possibilità di acquistare garage € 730.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 trattabili

FIGLINE V.NO STAZIONE Appartamento libero su tre lati composto da 4 ampi vani, primo piano con ascensore, 2 camere da letto cucina ed ampia sala, completano la proprietà una terrazza abitabile di circa 14 mq ed una cantina buone condizioni. € 165.000,00 ☎346 6604537 - 055 958785

B.FORTINI pressi, al primo piano di piccola palazzina, bell’appartamento di circa 110 mq composto da grande cucina abitabile con balcone, salone triplo, 2 camere, (possibilità 3a camera), 2 bagni e cantina. Ottime condizioni € 498.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

INCISA Spledido appartamento completamente ristrutturato vicino alla stazione, posto al primo ed ultimo piano. Ampio soggiorno con camino, cucina a vista, due camere matrimoniali, terrazza due ampie cantine e un giardino privato di circa 45mq. € 170.000,00 trattabili ☎346 6604537 - 055 958785

BAGNO A RIPOLI in bifamiliare signorile appartamento con ingresso indipendente, al primo ed ultimo piano, composto da cinque vani oltre due bagni e terrazze di mq.110 al piano. Garage e due cantine. Caminetto, aria condizionata. Pregevoli rifiniture. € 750.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

REGGELLO (loc. Prulli) direttamente dal costruttore vendesi appartamento di 4 vani 70 mq. con mansarda + garage + terrazze. Ottimo affare € 220.000 ☎055 641498 - 335 5248326 SAN DONATO IN FRONZANO appartamento di nuova costruzione ingresso indipendente soggiorno cucina 2 camere terrazzo con giardino privato, garage 30 mq con servizio, posto auto termosingolo ☎347 7013711 - 348 4003020

VENDITA DIRETTA

FIRENZE

VITTORIA PRESSI divisibile in palazzina signorile piano alto luminoso e silenzioso doppia esposizione appartamento composto da due ingressi salone doppio tre camere cucina doppi servizi terrazzo ampi cantine oltre a posto auto EURO 530.000

1096383

BAGNO A RIPOLI In zona centrale e tranquilla, appartamento di mq.100 composto da cinque vani oltre bagno, ripostiglio, due balconi, terrazza solarium di mq.90 e garage doppio. € 500.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 1102201

BAGNO A RIPOLI appartamento finemente ristrutturato composto da soggiorno, cucina abitabile, due camere, bagno, ripostiglio e cantina. € 290.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BARACCA IL BARCO in strada interna privata ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio balcone cantina possibilità acquisto garage € 320.000,00 Rif. 442 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.beninvest.it ☎055 5520999 BIVIGLIANO appartamento in villa completamente ristrutturato al 1º piano di vani 4, sala grande, cucina, 2 camere, 1 bagno, risc singolo giardino, buone condizioni € 275.000,00 trattabili ☎347 6143007 BIVIGLIANO In terratetto semindipendente app.to seminuovo di vani 4 parzialmente arredato, in ottime condizioni di mq. 126 cucina-tinello, 2 camere, 2 bagni, taverna garage doppio, giardino di mq. 100, risc. Singolo ottime rifiniture € 360.000,00 tratta☎347 6143007 bili DALMAZIA PRESSI ultimo piano luminoso e silezioso finemente rifinito composto da soggiorno due camere matrimoniali cucina abitabile servizio ripostiglio balcone soffitta ad uso esclusivo dell’appartamento termsoingolo € 299.000 trattabili ☎055 0515231 DALMAZIA Pressi luminoso 4 vani ottimo stato ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio ripostiglio 2 balconi termosingolo € 245.000,00 Rif. 408 / 72 Beninvest Agenzia ☎055 5520999 1 www.beninvest.it FIRENZE NOVA in palazzo anni 70 vendiamo appartamento di mq96 con ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere ripostiglio bagno finestrato 2 ampie terrazze molto luminoso e in ottimo stato posto auto ☎055 414545 rif a 444 GIARDINO 250MQ Bel quattro vani al piano terra di condominio. Cucina abitabile, grande salotto, due camere matrimoniali ampie, servizio, ripostiglio. Condizioni perfette, appena restaurato. Giardino privato di 250 mq. Garage di proprietà. Zona via pisana, pressi ponte sulla greve € 380.000,00 ☎393 9597165 non trattabili GREVE IN CHIANTI - DUDDA appartamento piano terra in colonica, composto da ingresso indipendente, cottura, soggiorno doppio, due camere da letto, servizio finestrato e giardino mq. 200 rif. La809 € 280.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 LEGNAIA Federiga pressi piano alto con ascensore luminosissimo affacci interni ingresso soggiorno cucina 2 camere servizio 2 balconi facilità di parcheggio € 270.000,00 Rif. 412 / 72 Beninvest Agenzia ☎055 7131728 4 www.beninvest.it S.CASCIANO caratteristica porzione di villa al piano terra, libra su 3 lati, ottima esposizione composta da cucina, soggiorno, 2 camere, bagno. Bellissima terrazza panoramica oltre giardino. € 430.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

CANCELLI

☎ 055 0515231

CAMPO DI MARTE- Pressi Viale dei mille -appartamento 5 vani al primo piano composto da grande soggiorno, cucina abitabile, 3 camere matrimoniali ,bagno e ripostiglio. Grande terrazza di ca. 50 mq.cantina. Termocentrale. € 350.000,00 ☎393 9597165 - 340 1398519 trattabili CARACCIOLO in stabile signorile ristrutturato doppia esposizione salone due camere cucina abitabile doppi servizi ripostiglio balconato termosingolo € 415.000,00 ☎055 0515231 CASCINE DEL RICCIO appartamento in piccolo condominio, mq. 100 composto da ingresso indipendente, soggiorno doppio, cucina indipendente, due camere matrimoniali, doppi servizi, ampio box auto, balconi e giardino esclusivo. Ottime condizioni, accessoriato. Rif. La211 € 470.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 COVERCIANO appartamento al piano primo 110 mq. Composto da sala 3 camere cucina ripostiglio 2 bagni 2 terrazze ascen☎055 676246 sore € 450.000 COVERCIANO in ottimo palazzo moderno al primo piano con ascensore vendesi appartamento di mq 105 calpestabili con ingresso soggiorno cucina abitabile 3 camere ripostiglio 2 bagni balconi sia dalla camera che dalla cucina termo.sing garage stato ottimo aria condizionata in zona tranquilla e ☎055 414545 silenziosa rif a 527 GALLUZZO Adiacenze zona panoramica in villino, piccolo condominio "nuda proprieta’" al piano terreno rialzato 5 vani con giardino, euro250.000 ottimo per investimento € 250.000,00 trattabili ☎347 6143007 MASACCIO Pressi Via degli Artisti piano alto ottime condizioni ingresso soggiorno cucina 3 camere studio servizio ripostigli balcone cantina termosingolo € 430.000,00 Rif. 505 / 72 Beninvest Agenzia 1 www.be☎055 5520999 ninvest.it POGGIO IMPERIALE- PORTA ROMANA in contesto residenziale posizione interna molto tranquilla,luminoso appartamento su 2 livelli. Ingresso, soggiorno doppio con terrazzo, cucina, 2 camere, soppalco utilizzabile come studio, doppi servizi e ripostiglio. Piano alto con ascensore. Euro430.000,00 immobiliare burgassi s.n.c. € 430,00 Immobiliare Burgassi s.n.c. ☎055 220090 PORTA ROMANA Villaggio San Francescoappartamento in quadrifamiliare con giardino, in strada privata,silenziosa e nel verde, composto da grande soggiorno con camino,cucina,2 camere,studio,2 bagni,cantina.giardino tergale e frontale di ca. 200 mq. € 570.000,00 trattabili ☎393 9597165 - 340 1398519

A pochi km da Firenze S. Donato in Fronzano, immerso nel Valdarno F.no, complesso residenziale composto da 5 unità immobiliari indipendenti ciascuno con esclusiva porzione di giardino, con cantina, garage e posto macchina. L’intero complesso è stato realizzato con materiali di qualità e rifiniture di pregio. Piccole modifiche e trasformazioni con utenze a carico del costruttore

1129485

Tel. 348 7013711 - 348 4003020 1124699

L’ESPERIENZA DI 30 ANNI AL TUO SERVIZIO

FIRENZE - VIA S. AMMIRATO 2 E-mail: leuroimmobiliare@tiscalinet.it

Tel.

055 676246

VENDESI, in via turati 4, cantina di circa 6 mtq. prezzo Euro 11.500,00

REGGELLO VENDESI fondi in villa padronale di circa mtq. 150 + resede ad Euro 155.000,00

per informazioni

Alessandro

348 7113740

377 2682317 - 055 8721103 Via Roma, 53 Scarperia (FI) Tel. 055 8431039 Cell. 339 2780392

1080987

r.a.

franco@immobiliaredallai.com

COLONICHE E TERRENI MUGELLO SCARPERIA PRESSI Panoramica nel verde. Porzione di colonica su due livelli di mq 200 circa, in ristrutturazione. Terreno di 16.900mq. Acquedotto, utenze, 500mt di strada bianca, www.immobiliaredallai.com EURO 230.000 TRATTABILI SCARPERIA Nel verde, fienile di mq 220 da ristrutturare. Vicino ai servizi, strada asfaltata, acquedotto, 1500 mq di terreno, tutte le utenze, www.immobiliaredallai.com EURO 190.000

COVERCIANO appartamento al piano primo 110 mq. Composto da sala 3 camere cucina ripostiglio 2 bagni 2 terrazze ascensore EURO 450.000

PIAN DEL MUGNONE (fiesole) porzione di villetta bifamiliare con ingresso indipendente 115 mq. Composta da 5 vani oltre bagno ripostiglio terrazze cantina garage e giardino di 800 mq. EURO 700.000

TERRATETTO MUGELLO VICCHIO PRESSI terratetto con ingresso indipendente dal resede privato. Composto da soggiorno pranzo a.cottura servizio e camera al p.primo. Garage termosingolo. Ottimo stato, www.immobiliaredallai.com EURO 119.000

REDI VICINANZE appartamento piano alto con ascensore, composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, tre camere matrimoniali, servizio finestrato, vari ripostigli e cantina. Possibilità secondo servizio. Rif. La208 € 470.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 RIMAGGIO nel verde, in contesto molto piacevole e silenzioso, 1º ed ultimo piano di villetta bifamiliare. Luminoso appartamento composto da grande sala con camino, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni entrambi con finestra, ripostiglio, 1 balcone e terrazza abitabile. Completano la proprietà cantina e 1 posto auto coperto. € 460.000,00 tratt. ☎335 7678437 - 331 8532086 SESTO zona circolo tennis in palazzo anni 80 vendesi appartamento al primo piano con ascensore di mq 100 vani 5 ingresso soggiorno cucina abitabile 3 camere ripostiglio terrazza abitabile piu’ balcone 2 bagni termo.sing posto auto cantina richiesta € 320.000,00 rif a 526 ☎055 414545 SOFFIANO monticelli al piano 2º ed ultimo no ascensore vendesi appartamento di mq 100 termo.sing ariacondiz soffitta ingresso soggiorno cucina abitabile con balcone 3 camere 1 bagno finestrato termo.sing stato medio affacci interni richiesta € 360.000,00 ☎055 414545 trattabile rif a 511

GREZZANO Terratetto su tre livelli con: taverna al p.terra. Zona giorno con servizio finestrato al p.primo. Due camere, ripostiglio e servizio al p.secondo. Foto e planimetrie su www.immobiliaredallai.com EURO 92.000 TRATTABILI VILLE E VILLETTE MUGELLO SAN PIERO A SIEVE Villetta nuova, di 270mq terra e seminterrato, divisibile in 2 u.i. Giardino 700mq, strada asfaltata posizione riservata non isolata. Al grezzo, www.immobiliaredallai.com Euro 310.000 trattabili

TAVARNUZZE MONTEBUONI Terratetto angolare Oggetto unico per le finiture e la sua disposizione. Terrazza panoramica abitabile con vista stupenda. Giardino grande e due garages. Viene venduto arredato, nello stato di fatto in cui si trova. € 749.000,00 trattabili ☎055 2022237 - 335 1711961 TAVARNUZZE TORRICELLA Posizione dominante vendesi appartamento di 130 mq composto da: soggiorno grande con cucinotto, e terrazza panoramica. Zona notte composta da camera matrimoniale, studio e bagno finestrato . In mansarda la terza camera, bagno lavanderia e ripostiglio. Box auto doppio. € 349.000,00 ☎055 2022237 - 335 1711961


annunci immobilari TAVARNUZZE In bel contesto vendesi appartamento di 95 mq circa composto da soggiorno con angolo cottura, due matrimoniali e mansarda abitabile. Travi a vista e finiture in legno. Due bagni, soazio esterno e posto auto. € 350.000,00 ☎055 2022237 - 335 1711961 TAVARNUZZE Piano secondo e ultimo, vendesi appartamento di totali 120 mq, composto da sala doppia con camino funzionante, cucina abitabile con ripostiglio, due matrimoniali, due bagni possibilità terza camera. Due terrazze lunge e un posto auto coperto e custodito. Bell’oggetto. € 359.000,00 ☎055 2022237 - 335 1711961 VIA S. MARCELLINO firenze sud vendesi ottimo appartamento di mq 96 vani 5 composto da ingresso cucina abitabile soggiorno 2 camere matrimoniali 1 camera sing. 1 bagno finestrato posto auto 2 balconi stato perfetto rif a 512 ☎055 414545 VIALE EUROPA pressi (piazza Francia) appartamento in complesso residenziale piano secondo 115 mq. Composto da 5 vani oltre 2 bagni grande terrazza 50 mq. Finiture lussuose 2 posti auto scoperti € 530.000 trattabili ☎055 676246 VITTORIA PRESSI in stabile signorile doppia esposizione in stabile signorile divisibile luminoso composto da ingresso salone doppio sala pranzo tre camere cucina abitabile tripli servizi balcone box auto oltre due posti auto € 690.000,00 ☎055 0515231

MUGELLO BORGO S. LORENZO. Paese, in piccola palazzina 3 condomini, appartamento piano primo di mq 104 netti 2terrazze di 8mq, sottotetto di 110mq. Da ristrutturare. Tetto e facciate rifatte,www.immobiliaredallai.com ☎055 8431039 - 339 2780392

VALDARNO FIGLINE V.NO COOP al primo piano con ascensore 5 vani 110mq c.a, soggiorno cucina tre camere doppi servizi, tre terrazze, appartamento mai abitato in buone condizioni di manutenzione, dotato di ampio garage, ottimo per famiglie numerose € 180.000,00 trattabili ☎346 6604537 - 055 958785 RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) nuova realizzazione terratetto in villetta a schiera ingresso indipendente 5 vani con giardino terrazze garage direttamente dal costruttore € 360.000. Consegna fine 2010 ☎055 641498 - 335 5248326

OLTRE 5 VANI

47 VIALE REDI attico in palazzo ascensorato con opere condominiali rifatte vendiamo elegante appartamento per amatori ristrutturato di mq 130 salone doppio cucina angolare con balcone 2 camere una con balcone 2 bagni scala interna di accesso al terrazzo di mq 140 con seconda cucina bagno camera e spogliatoio posto auto condominiale richiesta € 630.000,00 trattabili rif a 612 ☎055 414545

TERRATETTI FIRENZE A POCHI KM DA FIRENZE terratetto in incantevole posizione con angolo cottura 2 servizi 2 camere mansarda con solarium, garage 30 mq con servizio ☎347 7013711 - 348 4003020 CAMPO MARTE terratetto indipendente di nuova costruzione composto da soggiorno, cottura, doppi servizi, due camere, oltre garage, cantina, lavanderia e terrazza. Risparmio energetico e fiscale. Consegna gennaio 2010. Rif. La639 € 455.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 IMPRUNETA Prachatice terratetto disposto su tre livelli per totali 210 mq circa: terreno cucina, salotto, salottino e bagno finestrato. Piano primo tre matrimoniali, bagno due terrazze. Al piano seminterrato box auto e la lavanderia. Giardino esclusivo di 170 mq. € 519.000,00 ☎055 2022237 - 335 1711961 OBERDAN adiacenze, in elegante complesso residenziale terratetto composto da ingresso soggiorno, cucina, due camere, tripli servizi, ripostigli, terrazza mq 10, ampio box mq 50 pluriuso, climatizzazione, insonorizzazione, impiantistica completa. Materiali di altissima qualità. Rif. La652 € 460.000,00 ☎328 9852356 - 055 413177 TAVARNUZZE MONTEBUONI Terratetto panoramico: piano terreno garage e la lavanderia, al primo piano cucina abitabile, sala con camino e bagno con finestra. Al secondo livello la camera matrimoniale due camerette e bagno finestrato. Giardino e una terrazza. € 519.000,00 trattabili ☎055 2022237 - 335 1711961

MUGELLO ZONA GALLIANO (B.MUGELLO) Centrale terratetto di circa 100mq con 3 camere matrimoniali, terrazzo a tasca e giardino con piccolo anesso in muratura. Termo singolo.rif.rgt1 € 180.000,00 ☎055 8416555 - 335 7799954

VALDARNO

FIRENZE BIBLIOTECA NAZIONALE centro storico ultimo piano vendesi appartamento di mq 110 con soppalco di mq 30 ingresso soggiorno con angolo cottura 4 camere studio nel soppalco ripostiglio 3 bagni termo.sing ristrutturato totalmente rif a 604 ☎055 414545 CAMPO DI MARTE S.gervasio,bell’ appartamento al terzo e ultimo piano con ascensore,ottima ristrutturazione,molto luminoso disposto su due livelli. Soggiorno doppio, cucina, 2 camere matrimoniali,servizio, ripostiglio; salottino, camera, studio, bagno oltre accessori in ampio sottotetto. Ottime condizioni. € 680.000,00 trattabili ☎393 9597165 COVERCIAN SESTAN in strada privata complesso signorile doppia esposizione rifinito appartamento composto da ingresso salone tre camere cucina abitabile doppi servizi ripostiglio due terrazze oltre a box auto doppio € 545.000,00 ☎055 0515231 COVERCIANO appartamento di recente costruzione immersa nel verde strada privata composto da mpio ingresso sala tre camere cucina abitabile doppi servizi ripostiglio due terrazzi ottime rifiniture aria condizionata allarme cancelletti a scomparsa conclude la proprietà garage doppio € 545.000 trattabili ☎055 0515231 LORENZO IL MAGNIFICO versante piazza liberta’ proponiamo ottimo appartamento di mq 170 al primo piano con ingresso ampio salone doppio 3 camere 2 bagni costruzione del palazzo anni 70 rif a 613 ☎055 414545 PIAZZA OBERDAN in palazzo d’epoca piccolo condominio al piano terreno rialzato app.to di mq. 160, 7 vani doppi servizi con terrazzo abitabile di mq.60 risc.singolo "ottimo anche uso ufficio-abitazione" ☎347 6143007 PONTE VECCHIO Adiacente vendesi loft terratetto con accesso da borgo s.iacopino piano terra ingresso ascensore al 2º ed ultimo piano vano unico piu secondo vano totali mq 230 tutto da ristrutturare per abitazione studio showroom travi a vista rif a 702 ☎055 414545 SCANDICCI POGGIO VALICAIA Via delle croci, porzione di colonica, bellissimo appartamento perfettamente ristrutturato: ingresso, soggiorno, cucina, due camere, studio, soppalco attrezzato, due servizi, accessori, terreno privato 900 mq. Ca. Travi a vista, finiture di pregio, bellissimo contesto.g610 € 520.000,00 trattabili ☎340 1398519 TAVARNUZZE VERO AFFARE vendesi attico piano terzo con ascensore da ristrutturare (divisibile) mq 135 composto da soggiorno doppio, cucina abitabile, due camere matrimoniali, mansarda abitabile e due bagni con finestra. Due terrazze, posto auto coperto e cantina. € 399.000 trattabili ☎335 1711961

RIGNANO S. ARNO (pressi Carbonile) direttamente dal costruttore nuova realizzazione in villette a schiera di terratetto di 3-5 vani ingresso indipendente consegna fine 2010 a partire da EURO 260.000

1138254

☎ 055 641498 - 335 5248326

20KM DA FIRENZE nel verde della collina toscana terratetto con ingresso indipendente e giardino recente costruzione composto da soggiorno cucina servizi 2 camere matrimoniali 2 terrazzi, garage 50 mq con servizio. ☎347 7013711 - 348 4003020 PIAN DI SCÒ centrale, vendesi appartamento in pietra su 2 piani con loggiati, giardino e terrazzi panoramici, cucinotto, sala da pranzo, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia ☎348 8569976 REGGELLO a pochi minuti, terratetto di nuova costruzione composto al pian terreno da soggiorno cucina 2 camere matrimoniali, al 2º piano 1 servizio + mansarda con solarium e servizio, garage 30 mq + servizio ☎347 7013711 - 348 4003020 REGGELLO vicinanze, immerso nel verde della collina toscana terratetto panoramico composto su 2 livelli composto da 1º piano cucina soggiorno terrazza e solarium 2 camere 2 servizi mansarda 2 terrazze garage 30 mq con servizio ☎347 7013711 - 348 4003020 SAN DONATO IN FRONZANO immerso nel silenzio terratetto 2 livelli composto 1º piano ingresso cucina 2 camere con servizio 2º piano mansarda con camera + servizio 2 terrazze e solarium, garage 30 mq + servizio ☎347 7013711 - 348 4003020

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

BAGNO A RIPOLI PRESSI in contesto residenziale , signorile unità immobiliare disposta su due livelli di mq.200 oltre terrazze, giardino esclusivo, cantina e garage doppio. L’immobile è finemente ristrutturato ed accessoriato. Il giardino esclusivo è particolarmente curato. Piscina e campo da tennis condominiali. Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a camera e 3ºbagno. ☎335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI ambiente esclusivo in villa settecentesca appartamento signorile e panoramico composto da 8 vani oltre servizi cantina sottotetto abitabile terrazza grande parco condominiale vendesi trattativa riservata ☎055 676246 BAGNO A RIPOLI collinare, Villamagna, villa libera su 4 lati di 300 mq divisa in 2 appartamenti di 150 mq ciascuno oltre giardino, garage/taverna, terrazza di 90 mq. Panoramica vista firenze. Ideale per 2 o 3 nuclei familiari ☎335 7678437 - 331 8532086 CALDINE collinare, in posizione molto panoramica, porzione terratetto di villa del 1.300, composta da cucina, dispensa, salone con camino, 2 camere, 2 bagni oltre cantina,lavanderia e posti auto ☎335 7678437 - 331 8532086 CURE ALTE spettacolare villino finemente ristrutturato in stile anni ’30. Circa 300 mq disposti su 3 livelli oltre depandance e giardino. N.2 ingressi separati. Ottimo per abitazione e studio. Trattativa riservata ☎335 7678437 - 331 8532086 FIESOLE/S.DOMENICO meravigliosa villa ’800, libera su 4 lati attualmente divisa in 3 unità per un totale di 450 mq. Completano la proprietà piscina, depandance, garage e 2.300 mq di giardino. Oggetto di grande pregio. Trattativa riservata ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD 10 MINUTI Sieci,,nel verde, stupenda villetta terratetto libera su 3 lati con bel giardino di 800 mq; composta da cucina, sala pranzo sala con camino, 3 camere, 2 bagni, cantina, lavanderia e garage. Perfetta e super accessoriata ☎335 7678437 - 331 8532086 GRASSINA collinare, magnifica casa torre del 1.300 a pochi km dal centro di grassina, 500 mq su vari livelli con grande loggia all’ultimo piano.piscina e terreno di 3 ettari con vigna e piccolo appartamento per ospiti.oggetto di grande pregio ☎335 7678437 - 331 8532086 IMPRUNETA pressi,in zona residenziale ottima esposizione, villetta terratetto di recente costruzione, composta da salone, cucina abitabile, 3 camere, 3 bagni, taverna con camino, grande terrazza panoramica, garage, lavanderia, cantina, posto auto e orto con alberi da frutto. Ottime rifiniture, super accessoriata € 690.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086 MONTELORO splendida porzione di villa, libera su tre lati, in posizione dominante e panoramica. P.t: sala di rappresentanza, altra sala, cucina abitabile, vari accessori.p.1.: 2 camere matrimoniali accessoriate, camera singola,studio, terrazza loggiata 50 mq. Giardino e piscina condominiali,tre posti auto. ☎393 9597165 PIAN DEL MUGNONE (fiesole) porzione di villetta bifamiliare con ingresso indipendente 115 mq. Composta da 5 vani oltre bagno ripostiglio terrazze cantina garage e giardino di 800 mq. € 700.000 ☎055 676246 RUFINA Immersa nel verde ed in prossimità del centro del paese, villetta di mq. 250 compreso garage e cantina oltre giardino, terrazze ed accessori. Composta da 10 vani e tre bagni. Ottime condizioni. € 550.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 VILLAMAGNA in villetta a schiera bifamiliare appartamento di 170 mq disposto su 2 livelli con 2 ingressi volendo divisibile per 2 nuclei familiari oltre giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 450.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086

MUGELLO ZONA CAVALLINA (B.MUGELLO) Villetta con giardino di 300 mq circa,composta da:ingresso soggiorno, cucina e servizio al p.terra. Al piano primo camera matrimoniale, cameretta,bagno e 2 terrazza al p.interrato garage, taverna con camino e lavanderia.rv/9 € 285.000,00 ☎055 8416555 - 335 7799954

VALDISIEVE SIECI Meravigliosa villa indipendente libera su 4 lati circondata da giardino composta da cucina abitabile con sala pranzo, salone, 3 camere, 3 bagni, oltre studio e 4a camera in mansarda. Completano la proprietà cantina, lavanderia, garage/taverna e bellissima terrazza a tasca. Oggetto di grande fascino perfette condizioni.possibilità di divisione ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDARNO REGGELLO Borgo a Cascia, vendita lotto terreno edificabile per costruzione villa indipendente o bifamiliare ☎348 8569976 REGGELLO cascia, caposchiera in pietra su tre piani composto da: seminterrato con taverna, garage, lavanderia, bagno e cantina; piano terreno: tre vani più servizio. Mansarda abitabile, giardino e loggiato ☎348 8569976 REGGELLO in zona panoramica ed esclusiva, villa indipendente in costruzione. Oggetto di pregio, possibilità di personalizzazione ☎348 8569976

COLONICHE

E

TERRENI

AFFITTI OFFERTA

FIRENZE A GRASSINA bellissima porzione di colonica libera su 3 lati perfettamente ristrutturata, composta da grande cucina con camino, 2 sale di cui una con grandi vetrate , 3 camere, 2 bagni, soffitta. Meraviglioso parco pianeggiante di oltre 6.000 mq con 2 annessi. € 730.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 BIVIGLIANO Meravigliosa colonica di 400 mq circondata da 5000 mq, superbamente ristrutturata.internamente divisa in 3 unità ideale per più nuclei familiari ☎335 7678437 - 331 8532086 CAPANNUCCIA Porzione angolare di colonica superbamente ristrutturata con giardino e terreno di circa mq. 8.500 recintato, pianeggiante ed accessoriato con due annessi agricoli. Da amatori. € 680.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656 IMPRUNETA paese, vendesi colonica di circa 169 mq + fienile 60 mq e erreno entrambi ristrutturati con restauro conservativo con materiali originali cotto antico, travi e particolari d’epoca oggetto per amatori del passato € 980.000,00 ☎335 7678437 - 331 8532086 PICILLE (BARATRO) terreno a gradoni di mq.25.000 con viti, ulivi e alberi da frutto, con piccolissimo annesso (mq.7) da ristrutturare con pozzo, artesiano di proprietà ottimo per investimento € 80.000 trattabili ☎347 6143007 SETTIGNANO pressi, eccezzionale posizione nel verde e soleggiata, caratteristica porzione di colonica libera su 3 lati composta da salone, sala pranzo con camino, cucina abitabile in muratura, dispensa, bagno; al piano superiore, 2 matrimoniali, una singola, 2 bagni, studio. Bellissimo parco oltre loggia e 4 ettari di terreno € 1.250.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

MUGELLO ZONA BARBERINO DI MUGELLO Immerso nel verde bella porzione di colonica con ingresso indipendente e giardino e composta da: ampio soggiorno,cucina,servio e loggia al p.terra.al p.primo 2 camere e bagno. Possibilità di personalizzazione rif. Rgc5 € 320.000 ☎055 8416555 ZONA GALLIANO (B.MUGELLO) Posizionata colonica libera su 4 lati con annessi, abitale da€ 1.100€ il mq. Rif.rgc6 ☎055 8416555

VALDISIEVE 4 KM DA ROSANO , collinare e panoramica, antica colonica in pietra, libera su 4 lati, ottime condizioni; composta da : cucina, sala pranzo con camino, salone con camino, 3 camere, 3 bagni, taverna con angolo cottura,( possibilità 4a camera), giardino, terreno con ulivi e piscina.possibilità di acquisto di depandance già civile abitazione ☎335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE SUD direzione Rosano, porzione di colonica su tre livelli e libera su tre lati, composta da sala con camino, cucina abitabile, 3 camere, 3 servizi oltre taverna, garage, giardino e terreno. € 590.000,00 trattabili ☎335 7678437 - 331 8532086

VALDARNO ZONA SERVITISSIMA A 500mt dalla coop di figline splendida casa colonica libera su 4 lati buone condizioni. Completano la proprietà 11.000 mq di giardino circostante, ed un annesso di 60mq. Nostra esclusiva € 450.000,00 trattabili ☎346 6604537 - 055 958785

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

PONTE VECCHIO (oltrarno) vendesi fondo mq. 40 con 2 sporti su strada e bagno € 480.000 ☎055 676246 VIA ARETINA (via Turati) garage pressi vendesi di nuova costruzione con basculante telecomandato mq. 17. Per informazioni ☎348 7113740 E

CAMPO DI MARTE Salviatino-piazza Fardella pressi- affittasi bell’apprtamento elegante e luminoso in strada silenziosa al secondo piano con ascensore composto da grande soggiorno ,cucina,3 camere matrimoniali,2 bagni e ripostiglio.garage.ben ar☎393 9597165 redato. € 1.500,00 DUOMO PRESSI appartamento ultimo piano di palazzo d’epoca, composto da ingresso disimpegno, cucinotto semiabitabile, soggiorno, due camere matrimoniali e servizio. Arredato, luminoso e tranquillo. Rif. La401 € 900,00 ☎328 9852356 - 055 413177 LE TORRI Appartamento arredato mq 110,composto da: cucina, soggiorno, due camere, studio, ripostiglio e doppi servizi. Due terrazzi. Spese condominiali€ 80. Risc. Autonomo. € 800,00 più spese condomi☎055 700124 - 348 6895038 niali MARIGNOLLE Zona residenziale, villa arredata, mq 150. Composto da: primo livello, ingresso/soggiorno, sala da pranzo, cucina, servizio e lavanderia. Secondo livello: camera matrimoniale, due camere singole, salone con caminetto e doppi servizi. Terrazzo e giardino lastricato. Posto auto. € 2.200,00 mensili ☎055 700124 PIAZZA PIER VETTORI Bilocale ristrutturato ben arredato mq 40, composto da: soggiorno con angolo cottura, camera e servizio. Balcone. Risc. Autonomo € 700,00 ☎055 700124 - 348 6895038 mensili PONTE A GREVE Trilocale molto luminoso, parzialmente arredato composto da: cucina-pranzo, soggiorno, ampia camera oltre servizio e ripostiglio. Spese condominiali euro90,00 comprensive di riscaldamento. A1218 € 750,00 più spese condominiali ☎055 700124 PONTE VECCHIO Trilocale arredato mq 65, composto da: soggiorno con angolo cottura, due camere e servizio. Travi a vista. Risc. Autonomo. Spese condominiali€ 20,00. € 800,00 più spese condomi☎055 700124 niali SANSOVINO Bilocale arredato,soppalcato mq 40 circa, composto da: soggiorno con angolo cottura, camera e servizio. Terrazzo. Spese condominiali€ 80 compreso risc. Centralizzato.a1214 € 600,00 più spese ☎055 700124 condominiali STRADA IN CHIANTI MARTELLINA Affittasi bel monocale finemente arredato inserito in contesto colonico. Da aggiungere al prezzo ci sono€ 200 per il pagamento delle utenze. Preferibilmente per brevi periodi € 500,00 ☎055 2022237 - 335 1711961 VINGONE Terratetto arredato mq 100 circa, composto da: ingresso, cucina abitabile, tre camere, ripostiglio e doppi servizi. Terrazzo. Giardino privato. Risc. Autonomo. A1219 € 800,00 senza spese condominiali ☎055 700124

MUGELLO SCARPERIA CENTRO Appartamento p.1º, con ingresso, disimpegno cucina soggiorno, una matrimoniale, un servizio un ripostiglio. Arredato. Termosingolo. € 460,00 ☎055 8431039 - 339 2780392

VALDARNO PIAN DI SCÒ centrale, privato affitta appartamento in pietra su 2 piani con giardino, loggiati, terrazzi, zona panoramica, sala da pranzo, cucinotto, 2 camere, doppi servizi, garage, taverna, lavanderia. Bello...€ 790,00 ☎348 8569976 mensili

AFFITTI COMMERCIALI

NEGOZI

LASTRA A SIGNA centrale vendo ufficio completamente ristrutturato, mq 32 con bagno. € 85.000 trattabili ☎377 2682317 PRATO a 50 mt da piazza Duomo vendo negozio completamente ristrutturato di mq 35. € 85.000 trattabili ☎346 701210

ATTIVITA’

A PORTA SAN FREDIANO no Ztl, ampio appartamento con balcone. Parzialmente arredato. Ingresso spazioso, cucina, grande soggiorno con balcone, 2 matrimoniali, bagno con doccia e finestra, ripostiglio. Piano 3º molto luminoso. Termosingolo. No ascensore. Euro900,00 c.3+2 immobiliare burgassi s.n.c. € 900,00 Immobiliare Burgassi s.n.c. ☎055 220090

GARAGE

CANCELLI Reggello vendesi fondi in villa padronale di circa mtq. 150 + resede ad € 155.000,00 ☎055 8721103 - 377 2682317

UFFICI

FIRENZE

COMMERCIALI

BAR FIRENZE in zona soffiano, vendesi bar esistente da oltre vent’anni e adatto ad una/ due persone. Buona posizione, discreto avviamento. Prezzo adeguato. Maggiori informazioni in studio. ☎340 1398519

CAPANNONI BORGO S LORENZO Affittasi capannone d 1.200mq. Frazionabile. Uso artigianale,www.immobiliaredallai.com ☎055 8431109 - 339 2780392

UFFICI

E

NEGOZI

BORGO S. LORENZO PAESE Piazzale commerciale di mq 1400, recintato, inghiaiato, con acqua ed energia elettrica. Adatto per esposizione e vendita di autovetture od altre merci, rimessaggio camper roulotte barche ect. Ect.. € 1.400 mensili ☎055 8431039 - 339 2780392


RISTORANTE SALOTTO 73

Da Martedì 2 novembre

STEAK & LOBSTER BISTECCA E ASTICE The Billy

Steak & Lobster House E 35 TUTTO INCLUSO All inclusive

MENÙ Passatina di cannellini con Gamberi o con pancetta croccante (velvety cream of white beans whit Bay shrimps or crispy bacon) 0o0 500/600 g. astice intero alla “Catalana” con pinzimonio di stagione (g. 500/600 of whole Main Lobster served with row vegetables (Pinzimonio) Oppure - Or Costata di manzo alla Fiorentina g.450/550 alla brace di cerro servita con patata all’Americana (Grilled prime Florentine beef steak g.450/550 served with baked potato) 0o0 Sorbetto oppure: Piccola pasticceria fresca assortita (Sorbet or assorted fresh patisserie) Caffè (coffee)

TE ELEGAN N FA S H I O e alla MODA

SALOTTO 73 THE BILLY - STEAK & LOBSTER HOUSE VIA IL PRATO 73 - TEL. 055 2645431 - g.billi@charmehotel.it

1143878

NOVITÀ A FIRENZE !


Il reporter-Quartiere1-novembre-2010