Page 1

Il Giornale nel tuo Comune

www.coamcostruzioni.it

MARZO 2010

Periodico d’informazione locale. Anno IV n.21 del 8 marzo 2010. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

politiCA

PRIMO PIANO

la dittatura dei neonati Andrea Muzzi*

S REGIONALI, AL vOTO Urne aperte il 28 e il 29 marzo per l’elezione del nuovo governatore. Ecco chi c’è in lizza PAGG.20-22

rIMBORSI PER I TRENI Le penali di Trenitalia diventano bonus per i pendolari, e intanto i giovani rivendicano più bus notturni PAG.3

sport

Pronte le case ad affitto calmierato le notti alcoliche in città

PAGG.4-5

Società

di Puliti-Serranò

C’

IL “NUOvO” MONTOLIvO

era una volta l’aperitivo, quello sobrio, un bicchiere e qualche nocciolina. Poi invece vennero le grandi abbuffa-

Non più presuntuoso e discontinuo, ma leader in campo e fuori: l’ascesa del centrocampista PAG.36

IL “CANESTRO” DELL’S.T.M. Il club, il cui nome significa “Salviamo il tortello mugellano”, ha raggiunto risultati considerevoli PAG.38

te, i bicchieri divennero tanti e le serate fiorentine finirono per assomigliarsi tutte, con il loro corredo di ragazzi ciondoloni per le strade, gonfi di alcol fino ai capelli. È un copione che si ripete senza sosta, incalzato dalla marea di promozioni offerte dai locali per bere tanto a poco prezzo. Risultato: sempre più ragazzi tra i 19 e i 24 anni bussano ai Servizi Alcologici Territoriali. E due ordinanze vietano l’asporto dopo le 22 e il possesso oltre la “dose” personale in centro e alle PAGG.10-11 Cascine.

Un popolo di pellegrini PAGG.30-31

econdo uno studio dell’Aci, dopo gli anziani le persone più pericolose al volante sono le neo mamme perché, dormendo poco la notte, sono poco reattive. Un bambino che piange di notte, vi garantisco che manda in tilt. A non dormire vai fuori di testa: ho visto mamme che, quando la macchina inizia a singhiozzare, nel serbatoio infilano direttamente il ciuccio!! Il dramma è che i neonati hanno un bioritmo da rave party: sono capaci di stare svegli anche per due mesi di fila. Secondo me la colpa è sempre dei genitori: se il bimbo la notte non vuol dormire, assecondatelo. Per esempio: io quando ho visto che mio figlio di notte aveva gli occhi sbarrati, sapete cosa ho fatto? Gli ho trovato qualcosa da fare: il metronotte! Fare i genitori è un lavoro duro. Vi spiego la paternità dal punto di vista politico. Prima che nascesse mio figlio, io e mia moglie vivevamo in un regime di democrazia. Lei comandava ed io ero come Rifondazione comunista: costantemente all’opposizione! Da quando è nato mio figlio siamo passati dalla democrazia alla dittatura. Infatti mio figlio, come certi dittatori italiani, ha 2 caratteristiche: è pelato e basso! Il giorno lavori forzati: fai le pappe, il bagnetto, ancora pappe. La notte coprifuoco! Ti ritrovi a vedere la tv con il tasto muto. E vi dirò: alcuni programmi visti così sono anche migliori. Giorni fa ho visto senza audio un concerto di Pupo, è stata la prima volta che mi è piaciuto! *Comico

IL CASO. In un decennio sono “fuggiti” nei comuni vicini in oltre 100mila

A

lzi la mano chi non ha mai pensato: “Basta, me ne vado!”. Magari ingabbiato nel traffico dei viali, con la pazienza ai minimi storici e un astio montante per la bella Firenze. C’è chi lo pensa per un istante ma non lo farebbe mai, e chi invece fa le valigie e saluta il capoluogo. Ogni anno questo battaglione di “emigranti” conta circa 9mila persone che, spinte soprattutto dall’alto costo delle case, si sposta. Senza andar troppo lontano, però: si fugge

dall’esosa città del giglio ma non ci si allontana troppo perché il lavoro resta a Firenze. La metà dei disertori (per lo più giovani tra i 20 e i 40 anni) si trasferisce nei comuni vicini oppure a Prato. Ce lo racconta uno studio Irpet che ha fotografato le nuove rotte degli “esodi metropolitani”. Tra le mete preferite ci sono Campi Bisenzio e Signa, ma va fortissimo anche Montelupo, che in un decennio ha visto la sua popolazione raddoppiare. Ma c’è anche un altra fac-

cia di questo fenomeno. È quella di chi si traferisce per scelta, e non per necessità economiche. Lo studio Irpet rivela che la metà delle famiglie che lasciano la città trasloca verso territori dove le case costano altrettanto, se non di più. Fiesole, Impruneta, Bagno a Ripoli e Vaglia sono tra le mete più gettonate. E allora vien da sé che il movente non è economico, e che chi può farlo si trasferisce alla ricerca di quiete e benessere e nulla più. Fortunelli. PAGG.16-17

Edizione di Borgo San Lorenzo • 7.453 copie distribuite da

CUCINA TOSCANA ALLA CARTA E PIZZERIA PRIMA BEVUTA

Offerta di Marzo

+

PIZZA A VOLONTA’ + CALZONE GOLOSO

1097508

I fiorentini? Vanno cercati a Prato

PIZZA A NON FINIRE

=

€10 PER INFO E PRENOTAZIONI

Veronica 055.8497686 - 340.4860297


2

Marzo 2010

il giornale del tuo Comune

IL PUNTO. Proseguono le intense attività di controllo dei vigili nel territorio comunale

Edilizia, è guerra aperta agli abusi la novitÀ

L’ultimo sequestro è avvenuto a

Rinnovabili, ora c’è uno sportello ad hoc

Grezzano, dove si stavano costruendo

Interessati al risparmio energetico e all’energia da fonti rinnovabili? C’è lo “Sportello Energia Mugello”, il servizio informativo promosso dalla Comunità Montana Mugello e curato da esperti dell’Agenzia fiorentina per l’energia. A loro potranno essere richieste informazioni di carattere tecnico, legislativo, economico, finanziario e burocratico per agevolare aziende e cittadini interessati ad un più facile e vantaggioso accesso alle opportunità rese disponibili dalle recenti tecnologie nonché agli incentivi per le fonti energetiche rinnovabili e l’uso efficiente e razionale dell’energia. Per fissare un incontro basta rivolgersi all’Agenzia fiorentina per l’energia, telefonando allo 055 350152 il martedì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 14 alle 16, oppure inviando una mail a rienergia@firenzenergia.it. È prevista un’apertura mensile a comune: a Borgo San Lorenzo, lo sportello è aperto presso la Comunità Montana il terzo martedì del mese in orario 15 – 18.

quattro strutture senza autorizzazione. Determinanti le segnalazioni dei cittadini Sara Casini

A

busivismo edilizio: proseguono le attività di controllo nel territorio comunale di Borgo San Lorenzo e portano ad un altro accertamento d’irregolarità. L’ultimo sequestro in ordine di tempo, in una località vicino alla frazione di Grezzano, dove erano in corso di realizzazione senza autorizzazioni 4 manufatti. Un fabbricato con struttura in legno, un fabbricato in muratura, due tettoie di notevoli dimensioni adiacenti all’immobile principale. È stato questo il risultato di un’operazione condotta dai vigili di Borgo insieme - in questo particolare caso - al Corpo Forestale dello Stato. Un sequestro che si somma a quello effettuato a inizio gennaio, disposto dal gip della procura di Firenze, e che aveva interessato quattro fabbricati e una piscina costruiti senza autorizzazione in violazione del Testo unico in materia di edilizia. Le costruzioni erano realizzate in una zona sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico, in violazione al Codice dei beni culturali e del paesaggio: abusi che erano stati riscontrati nel corso di controlli su attività turistiche alberghiere ed extra-alberghiere effettuati dalla polizia municipale in estate. Anche in questo caso ad effettuare i controlli erano stati gli agenti della municipale, sotto il comando di Gianni Doni, che oltre agli interventi per la sicurezza stradale, svolgono attività in diversi ambiti di competenza: dalla tutela degli animali, fino ai controlli in campo commerciale. In materia edilizia, nel corso del 2009, in totale, sono stati 21 i controlli effettuati: in quattro casi la rilevanza è stata penale, e in due di questi era da registrarsi anche la violazione del vincolo paesaggistico. E, sempre in due casi, gli agenti della municipale si sono trovati di fronte ad interventi di nuove costruzioni e ristrutturazioni eseguiti in difformità e assenza del permesso di costruire, per di più in zona sismica, e senza preavviso scritto. Gli abusi riguardano sia la costruzione senza permesso di semplici baracche, di fabbricati annessi all’abitazione, sia di

volumi abitativi. Per chi contravviene la legge, oltre alla sanzione amministrativa, se la notizia è di reato, si applica quanto previsto dal codice penale, con relativo processo. Reati che non passano inosservati dalla nostra comunità, spiegano dal comando della polizia municipale. L’attenzione dei cittadini - che possono fare esposto per segnalare presunte irregolarità - sembrerebbe essere ancora alta nel nostro territorio, e chi decide di fare il “furbo”, lo fa soprattutto

il reporter è un periodico di 9 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 203.436 copie

mafiosi. Almeno stando a quello che emerge dai dati riportati nell’ultimo rapporto di Legambiente sulle ecomafie nella penisola: “Il 67 per cento dei comuni campani sciolti per infiltrazione mafiosa, dal 1991 a oggi, lo sono stati proprio per abusivismo edilizio – e prosegue il rapporto – dopo anni di costante flessione, nel corso del 2008 l’abusivismo sembra aver rialzato la testa con 28mila nuove unità in tutta Italia (dati Cresme)”.

il fatto La finanziaria non ha rinnovato le agevolazioni per le zone montane

Addio sconti su gpl e gasolio per le frazioni non metanizzate Sparisce lo sconto su gpl e gasolio per le frazioni “non metanizzate o parzialmente metanizzate”. A notarlo sono i comuni e la comunità montana del Mugello che rimarca come né la legge finanziaria per l’anno 2010 né il decreto “milleproroghe” abbiano provveduto al rifinanziamento delle agevolazioni tariffarie sul gasolio ed il gpl utilizzato per il riscaldamento nelle zone montane e in quelle della fascia climatica “E” non raggiunte dalla rete di metanizzazione. Fino all’anno scorso, grazie a una legge, le famiglie residenti in frazioni montane non metanizzate potevano usufruire di agevolazioni fiscali

Il Reporter di Borgo San Lorenzo raggiunge 7453 famiglie nel Comune di Borgo San Lorenzo

Copia in abbonamento postale

quando sa di essere poco visibile, e lontano dagli occhi dei concittadini. A dimostrarlo è anche la geografia dei casi riscontrati nel comune di Borgo San Lorenzo, prevalentemente localizzati in zone più distanti dai centri urbani dove gli abitanti sono pochi o nessuno, e il controllo sociale risulta conseguentemente più basso. Sembra invece fuori controllo la situazione complessiva dell’Italia dove l’abusivismo edilizio diventa spesso sinonimo di interessi economici e poteri

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68 Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

sul gasolio o il gpl usati come combustibile da riscaldamento. La protesta è montata a livello nazionale e a sollevare il problema e a mandare un appello è stata anche l’Uncem Toscana. L’appello è poi stato rilanciato dalla comunità montana Mugello con un ordine del giorno (condiviso dalla conferenza dei sindaci) che chiede al governo di rivedere la propria decisione, provvedendo al ripristino delle agevolazioni. “Le comunità che vivono nei territori montani risultano essere parte integrante e indispensabile dei nostri territori. Tali comunità rappresentano la nostra storia e contribuiscono ogni gior-

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Periodico d’informazione locale Anno IV n.21 del 8 marzo 2010 N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

no, con la loro permanenza in quei territori, alla bellezza della nostra vallata e alla sua salvaguardia ambientale. Se tale escalation negativa di misure che mirano a rendere ogni giorno più difficile la vita a chi questi territori li vive non si arresterà, rischieremo di assistere presto ad un nuovo urbanesimo, con il conseguente spopolamento di quei territori” si legge nell’ordine del giorno trasmesso a Uncem Toscana, Uncem Nazionale, ministero dello Sviluppo Economico, ministero dell’Agricoltura, ai parlamentari eletti in Toscana e ai capigruppo di Camera /S.C. e Senato.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


3

Borgo San Lorenzo

trasporti. Le linee scolastiche nel mirino dei genitori del liceo Giotto Ulivi di Borgo

Rimborsi per i treni e proteste sui bus

I ragazzi, dal canto loro, chiedono più collegamenti notturni con Firenze, al centro delle polemiche anche per l’annunciata decisione di spostare il capolinea degli autobus (da e per Borgo) da Santa Maria Novella alla ex stazione Leopolda

T

In arrivo contributi per lo sviluppo rurale S

Letizia Martino rasporti in Mugello: dopo i treni, anche gli autobus finiscono nel mirino dei loro stessi passeggeri. Per la precisione, a protestare questa volta sono le madri e i padri di chi si reca in autobus a scuola. É stata infatti la consulta dei genitori del liceo Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo a lanciare una petizione, raccogliendo 900 firme. Al centro delle lamentele ci sono: un numero di pullman che a detta dei firmatari sarebbe insufficiente in alcuni orari, con studenti costretti a viaggiare spesso in piedi, stipati e in condizioni disagiate. Con una situazione aggravata per chi viene da più lontano come i ragazzi di Barberino, Scarperia, Firenzuola e Luco-Grezzano. Non solo, nella petizione si denunciano anche i ritardi nell’arrivo a scuola e il rischio di perdere autobus e coincidenze all’uscita per pochissimi minuti, sempre a causa dei margini di orario ridotti. Queste le lamentele dei genitori, ma anche i ragazzi hanno qualcosa da lamentare. Niente a che fare con l’arrivo a scuola, però. Piuttosto riguarda il dopo scuola e il dopo cena, quando magari si avrebbe voglia di fare un salto in città, ma in tutta sicurezza. I ragazzi chiedono servizi pubblici notturni da e per Firenze che nel week-end (e il sabato sera in particolare) consentirebbero di raggiungere la movida fiorentina senza l’auto. Ma le proteste dal Mugello arrivano anche per l’annunciata decisione del Comune di Firenze di spostare il capolinea degli autobus in arrivo e partenza da Firenze dall’area centrale di Santa Maria Novella all’ex stazione Leopolda. Una decisione, argomentano la Comunità Montana e le amministrazioni comunali del Mugello e Alto Mugello “estremamente sfavorevole e penalizzante per l’utenza e i cittadini mugellani, in quanto tale trasferimento comporterebbe un forte incremento del traffico sui viali, con un conseguente aumento dei tempi di percorrenza, nonché l’allontanamento dallo snodo principale

LA NOVITÀ. Fondi a sostegno dei prodotti locali

di interconnessione del trasporto pubblico, compreso quello ferroviario, e altri servizi collegati, con oggettivi disagi verso pendolari e viaggiatori”. Sul fronte dei treni, invece, sugli abbonamenti di aprile i pendolari toscani potranno godere di uno sconto del 50 per cento. Lo ha reso noto la Regione che ha inteso trasformare così il milione di euro di penali applicate a Trenitalia. Il bonus potrà essere speso in diversi modi: sul prezzo dell’abbonamento mensile di aprile 2010 per viaggi sovraregionali (quando l’origine o la destinazione dell’abbonamento rimangono entro i confini tariffari della Toscana), sulla quota ferroviaria del prezzo dell’abbonamento mensile integrato Pegaso del mese di aprile 2010 e infine, il bonus potrà essere speso per prolungare di un mese la validità degli abbonamenti regionali annuali Trenitalia, a partire da quelli in scadenza il prossimo 31 marzo. Dove acqui-

Le penali dovute da Trenitalia trasformate in bonus per gli abbonamenti dei pendolari starli? Presso le biglietterie, dal 24 marzo al 15 aprile 2010, presentando almeno un abbonamento mensile riferito all’anno 2010, acquistato attraverso qualsiasi canale di vendita (biglietteria, agenzia, self service, pvt, Internet ecc.) e un documento valido che dimostri la residenza in Toscana. Per quanto riguarda il prolungamento della validità dell’abbonamento annuale, bisognerà recarsi nel periodo 24 marzo - 30 aprile 2010 in una biglietteria di Trenitalia e chiedere un timbro di convalida con il quale si otterrà l’immediato prolungamento di tutti gli abbonamenti che hanno scadenza dal 31 marzo 2010 al 28 febbraio 2011.

viluppo rurale, quali le opportunità per il futuro? Una domanda piuttosto essenziale per il Mugello dove l’importanza economica del comparto agricolo-forestale è indubbia. Una domanda che prevede risposte adeguatamente articolate per una compagine economica formata, ormai, da molteplici realtà che vanno dai vari settori della produzione agricola e zootecnica, alle imprese a spiccata vocazione turistica o artigiana. Risposte che chiamano in causa il piano di sviluppo rurale 2007-2013 della Regione Toscana e una misura, la 124, presentata di recente in occasione di un convegno organizzato presso il villaggio La Brocchi da Gal-Start in collaborazione con il Comune e la Comunità Montana Mugello e alla presenza di rappresentanti dell’Arsia Toscana. Stiamo parlando di sostegno ai prodotti locali di qualità, anche attraverso le nuove tecnologie, con particolare riferimento al settore forestale, la zootecnia, l’olivicoltura e le agrienergie. La parola-chiave è “innovazione di prodotto” e il percorso è a più voci. Potranno essere beneficiarie della misura le associazioni temporanee di impresa (Ati) o raggruppamenti di più soggetti tra cui imprenditori agricoli, enti di ricerca, imprese di trasformazione. In concreto, per tali progetti, il sostegno concesso dalla 124 è in forma di contributo a fondo perduto pari al 70 per cento del costo totale ammissibile, elevato al 100 per cento se i beneficiari sono soggetti pubblici ed enti pubblici di ricerca e sperimentazione.

Attenzione, però, perché il contributo massimo concedibile è pari a 200mila euro. Tra le tipologie di spese ammissibili ci sono: servizi di consulenza tecnico-scientifica, spese di personale, per acquisto di beni di consumo, acquisto e posa in opera di impianti, macchinari etc, spese per missioni e trasferte, per organizzare momenti di divulgazione. “Abbiamo ritenuto la misura 124 idonea a stimolare l’economia locale, e vi abbiamo destinato oltre 2 milioni di euro” fanno sapere da Gal-Start. Si è trattato di una “scelta emersa nel corso dell’animazione territoriale, in continuità con la programmazione Leader precedente, ma soprattutto frutto di un’analisi economica dei territori che ha evidenziato la necessità di interventi che non fossero

A beneficiarne Ati, imprenditori, enti e imprese di trasformazione di solo sostegno ad alcuni comparti agricoli e dell’economia rurale ma permettessero di sviluppare nuove potenzialità e opportunità per il futuro. In questo contesto si inserisce anche il potenziamento della filiera corta, come indicato anche nei programmi di sviluppo della Regione Toscana e condiviso da soggetti sia pubblici che privati”. /S.C.


4

Marzo 2010

il giornale del tuo Comune

la novitÀ. A Borgo pronte le abitazioni costruite da un soggetto privato con contributi pubblici

Case in affitto a prezzo calmierato, graduatoria aperta per 20 alloggi Sara Casini

sponsabile. Sul tema, le proposte non mancano e vanno dai sostegni economici in base al reddito, fino agli incentivi a chi decide di coabitare. Un tempo, a venire in mente, sarebbero stati soprattutto gli alloggi cosiddetti popolari. Oggi le amministrazioni sembrerebbero invece puntare su forme di sostegno più indirette, come gli affitti calmierati per alloggi costruiti in edilizia residenziale pubblica. Succede anche a Borgo San Lorenzo,

N

el comune di Borgo San Lorenzo il costo medio di un bilocale si aggira intorno ai 500 euro al mese. Cifre che salgono a Firenze, e che un po’ ovunque mettono a disagio. Il caro-affitti non è più un tabù, e nemmeno una grande novità. Come si sa, invade un po’ tutta Italia e a soffrirne sono in molti. Appartenenti ad una categoria di persone trasversale che include intere famiglie, anziani, coppie e i giovani. Per i quali non è certo facile affrontare il caro prezzo dell’autonomia dalla famiglia a fronte di guadagni mensili certo non esosi e spesso precari. Per quanto si possa chiamare in causa il “bamboccismo”, o semplicemente l’agio affettivo del restare nella casa parentale, pare davvero troppo eccessivo non considerare le concrete difficoltà incontrate. Soprattutto quelle dei giovani adulti che con i loro trent’anni (spesso spesi tra studio prima e lavoro poi) riescono con fatica a far quadrare i conti mensili. Lavoratori da poco più di mille euro al mese, giovani e meno giovani che siano, che il vento della crisi non aiuta certo a prendere ossigeno. Eppure il diritto alla casa, legato costituzionalmente al diritto alla vita, deve poter esser tutelato ed incentivato, poiché garantisce, in particolare ai giovani, la possibilità di crescere e maturare in maniera autonoma e re-

Tra i requisiti necessari un reddito complessivo che non superi i 38mila euro dove sono di recente costruzione 20 alloggi costruiti da un soggetto privato ma con contributi pubblici. Iniziativa nata dalla sinergia tra Regione Toscana, Comune di Borgo San Lorenzo e Cooperativa Della Casa. Nel 2004 la Regione Toscana, nel Programma di Edilizia Residenziale Pubblica aveva previsto fondi per realizzare abitazioni da offrire in locazione a canoni calmierati, un bando al quale il Comune di Borgo San Lorenzo decise di partecipare. Adesso che la costruzione è conclusa, non resta che provare ad accedervi. Sono previsti, fa sapere la Coperativa Della Casa, alcuni cri-

Una veduta degli alloggi

Artur Muratore, 26 anni

Cristina Casalinga, 30 anni

Iacopo Videomaker, 31 anni

“Servono aiuti per le giovani coppie”

“Situazione difficile per chi ha figli”

“Il co-housing è una buona soluzione”

“Da sei anni sono in affitto, e non è facile, visti i costi rispetto allo stipendio mensile. Certo in due persone l’affitto è più sostenibile, ma è anche vero che a qual punto la cosa migliore sarebbe acquistare una casa per coltivare insieme i progetti futuri. Sostegni e aiuti in questo senso, anche per le giovani coppie di lavoratori, sarebbero auspicabili”

“Credo che per un persona giovane prendere un affitto sia al momento possibile solo se ha il sostegno dei genitori o se si è in più di uno, per dividere le spese. La situazione è difficile, anche per le famiglie con figli, che magari avrebbero bisogno di spazio adeguato alle esigenze ma purtroppo non riescono a affrontare le cifre onerose del mercato”

1092089

“Io ho scelto una forma di co-housing: vivere con altri è anche un modo per abbattere costi altrimenti difficili da affrontare. Tra le proposte per agevolare l’uscita dalla casa dei genitori potrebbe esserci quella di rendere disponibili, ad affitto calmierato, le proprietà dello stato e delle istituzioni religiose che non vengono utilizzate”

COMPRO ORO E ARGENTO

1003824

ANCHE MONETE D’ORO VALUTIAMO INTERE EREDITA’ PAGAMENTO IN CONTANTI ALLE MASSIME VALUTAZIONI

GAS MUGELLO s.n.c. - Via Garibaldi Franceschi, 10 Tel. 055 8402257 Cell. 331 6434287

BORGO SAN LORENZO (FI)

Vetri Maurizio

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.30 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina


5

Borgo San Lorenzo vincenzo Benzinaio, 27 anni

carmela Casalinga, 45 anni

“È arrivata l’ora di fare qualcosa”

“Si deve puntare sulle case popolari”

Nei piani dell’amministrazione, oltre a queste, ci sono altrettante unità da ricavare nell’area degli ex-Macelli, due a Ronta e due a Razzuolo (già in fase di realizzazione). Fino ad oggi il parco Erp ne contava 188, le ultime costruite negli anni ‘90

teri di selezione, tra i quali “non avere un reddito familiare complessivo superiore a 38mila euro circa. Requisiti che dovranno essere verificati periodicamente, affinché gli assegnatari abbiano realmente diritto alla casa con affitto agevolato, che gli è stata assegnata”. Agli alloggi in questione dovrebbero sommarsi, almeno questo è nei piani dell’amministrazione, altri 20 alloggi da ricavare nell’area degli ex-

“Nel migliore dei casi i giovani o le giovani famiglie possono sperare, se hanno fortuna, di trovare una sistemazione fuori dal centro urbano, in campagna, dove i costi sembrano più ragionevoli. Ma il problema resta, così come resta l’impossibilità per tanti di noi di accedere ai mutui. E in questo senso, bisognerebbe davvero iniziare a fare qualcosa”

Macelli, due a Ronta e due a Razzuolo (già in fase di realizzazione). Attualmente gli alloggi in edilizia residenziale pubblica presenti nel territorio del Comune di Borgo San Lorenzo sono in totale 188, di cui gli ultimi realizzati a fine degli anni ‘90. L’ accesso è definito in base ad una graduatoria pubblica biennale (l’ultima risale all’aprile del 2009) in due fasi: una graduatoria provvisoria (a cui segue la

“Alla mia famiglia è capitato di stare in affitto prima di acquistare casa, e ho alcuni conoscenti che pagano affitti che pesano davvero molto, troppo, sulle entrate medie mensili di una famiglia normale. A mio avviso, si dovrebbe puntare sulle case popolari e renderle accessibili a chi ha un basso reddito, a partire dagli italiani”

presentazione degli eventuali ricorsi) e quella definitiva che precede l’assegnazione degli alloggi. Ad apparire nelle graduatorie sono poche le persone anziane e i più sono ben sotto i 65 anni. E la maggior parte sono italiani. Lo confermano i dati relativi al decennio 1998-2008: in nessun anno gli stranieri hanno superato e nemmeno avvicinato il numero degli italiani inseriti in graduatoria.

P ASQU A IN BUS

Calzature a sconto ESTIVE del 15% • CELIACHIA • OMEOPATIA • PUERICULTURA • ERBORISTERIA • PROFUMERIA • SANITARI • VETERINARIA

es €64

€ 54

invernali del 50% es €85

€ 42,50

MELLIN E MILUPA

SALISBURGO E INNSBRUCK DAL 3 AL 5 APRILE (3 GIORNI)

con acquisto di € 100 ...

un BUONO DI €10

Il 16 APRILE alle ore 21

Feriali 08.30 - 13.00 e 15.00 - 19.30 Festivi 09.00 - 13.00 e 16.00 - 19.30

La corretta alimentazione senza glutine con la partecipazione di Dott Spaghetti.E. Per info: presso la farmacia Piazza Martiri della Libertà, 15 -

€195 1090150

1079909

ORARIO APERTURE:

Proseguono una serie di lavori avviati da tempo, mentre sono cominciati quelli per realizzare la pista ciclabile Ospedale-Polo Scolastico. Aperta la passerella ciclopedonale sulle Cale pavimentazione in via san martino Proseguono i lavori per la pavimentazione in pietra in Via San Martino. via ai lavori a ronta Inizieranno entro il mese i lavori per la realizzazione della variante alla strada vicinale del Mulinuccio a Ronta, propedeutici alla realizzazione dello svincolo nord di viale Fratelli Rosselli. in arrivo la nuova pista ciclabile Sono in corso i lavori per l’impianto di illuminazione del campo sportivo di Sagginale e iniziati quelli per la pista ciclabile OspedalePolo scolastico. aperta la passerella sulle cale Aperta la passerella ciclopedonale sulle Cale realizzata da Cavet nell’ambito delle opere compensative dell’Alta Velocità.

Tel. 055 8459831

PARIGI DAL 2 AL 6 APRILE (5 GIORNI) Riduzione 30% ragazzi 2/12 anni

€295

VIAGGIO IN PULMAN GRANTURISMO con accompagnatore durante il viaggio partenza da casello autostradale Barberino

La Playa Blanca Affiliato Giramondo

Via L. da Vinci, 82 Borgo San Lorenzo Tel. 055 8402378


6

Marzo 2010

il giornale del tuo Comune

LA NOVITÀ. Al Centro d’Incontro dibattiti, musica, divertimento e persino una redazione

In piazza Dante la creatività è di casa Caterina Sandretti

Centro d’Incontro, potrebbero nascere nuove iniziative. Come è accaduto, ad esempio, nel caso del “Progetto Kontatto” animato da decine e decine di ragazzi e ragazze, con un’età media di 18 anni, che negli spazi del Centro si ritrovano per dare espressione in maniera condivisa e aperta alla comunità, ai loro interessi. Passioni che abbracciano il giornalismo, la musica, il teatro, il videomaking, i giochi di ruolo, lo skate e la Tektonik. Esperienze che hanno voglia di crescere e confrontarsi. Come è successo in occasione dell’incontro con i Luana-Biz (il quartetto per metà mugellano e reduce da un famoso talent scout televisivo) che ben volentieri si sono messi a disposizione dei quasi-coetanei di Kontatto per scambi in materia musicale e per raccontare un po’ della loro esperienza. Disponibili, simpatici e riflessivi i quattro Luana-Biz, che con serietà e qualche curioso aneddoto hanno risposto alle domande poste dalle giovani redattrici di Konnesso (il gruppo giornalistico di Kontatto). Interviste, brevi reportage, rubriche saranno anche il banco di prova e di incontro per un gruppo di 13 ragazzi (tra i 18 e i 25 anni) che, proprio negli spazi del Centro d’Incontro messi a disposizione dal Comune di Borgo San Lorenzo, daranno vita alla redazione de “La voce dalla Luna” (www.lavocedallaluna. org). Un progetto dedicato ai giovani mugellani e ideato da quattro soggetti che da anni operano nel settore sociale: la Cooperativa Alveare, l’Associazione Pianeta Elisa Onlus, l’ARCI e la Pubblica Assistenza CRS. I ragazzi lavoreranno alla realizzazione di un giornale mensile, che uscirà con Il Reporter e di una trasmissione informativa bisettimanale per la televisione che sarà realizzata in collaborazione con TeleIride.

L’idea è quella di proseguire con le aperture serali, con iniziative lanciate dai ragazzi stessi. In arrivo un giornale e una trasmissione tv

I

ncontri, dibattiti, iniziative, ma non solo. Anche divertimento e musica. E anche di sabato sera. Succede al Centro d’Incontro di piazza Dante a Borgo San Lorenzo che dall’inizio di marzo ha dato il via alle aperture serali, per quattro sabati consecutivi, con l’idea di coinvolgere i tanti ragazzi che si ritrovano ai giardini, “storico” luogo di incontro. “Abbiamo voluto - insieme a Cooperativa Alveare, Officine di Strada e Amici delle Biblioteche - provare a fare un piccolo programma di proposte serali” ha spiegato l’assessore alla cultura e alle politiche giovanili, Giunia Adini, che vorrebbe farne una consuetudine per il futuro “magari con proposte che arrivano direttamente dai ragazzi i quali, in più occasioni, hanno dimostrato la loro voglia di esprimersi e di partecipare”. A fianco, dunque, delle numerose attività - rivolte ai bambini, ai ragazzi, agli adolescenti, ai giovani e agli anziani - che si svolgono al

L’ingresso del Centro d’Incontro

A VICCHIO C'E’ IL MARE...

1089934

il miglior pesce della Toscana lo puoi trovare al

PREZZO OFFERTA

ORATA EVISCERATA INTERA €12,95/ al kg POLPO 800gr/1kg €8,30 Frittura di Paranza €9,95 Branzino €12,95 Trancio di salmone €9,98 Baccala desalato

€ 8,50 /al kg € 5,80 /al kg € 6,95 /al kg € 8,99 /al kg € 7,49 /al kg € 7,90

Vasto assortimento di pesce nel nuovo reparto. Spigole, orate, dentici, aragoste, astici.... Più di 100 tipi di pesce

Via Martiri Campo Marte 3/C - Vicchio

• COMUNE Borgo San Lorenzo piazza Dante 2, 50032 Borgo San Lorenzo • Centralino 055 849661, fax 055 8456782 • Urp (Ufficio Relazioni col Pubblico) 055 84966235 urp@comune.borgo-san-lorenzo.fi.it • Polizia municipale 055 8457086 • Biblioteca comunale 055 8457197 • sito www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it • ufficio informazioni turistiche Villa Pecori Giraldi 055 8456230 • Centro d'Incontro piazza Dante 055 8494533 • Centro piscine 055 8458290 • ASL 10 centralino 055 84511 • Publiacqua info 800238238 guasti 800314314 • Publiambiente 800980800 • Comunità Montana Mugello via P. Togliatti 45, 50032 Borgo San Lorenzo centralino 055 845271, fax 055 8456288 • Ufficio Promozione Turistica 055 845271 turismo@cm-mugello.fi.it • sito www.cm-mugello.fi.it


7

Borgo San Lorenzo

LA CURIOSITÀ. L’idea viene dall’associazione “Giardino delle Ore”

Il tempo? A Borgo si baratta Sara Casini

P

er lo scrittore francese François Rabelais “le ore sono fatte per l’uomo, non l’uomo per le ore”, mentre il filosofo inglese Francis Bacon non aveva dubbi forgiando uno dei detti più popolari: “Il tempo è denaro”. Aforismi e citazioni sul concetto del tempo che passa sono molte: del resto da sempre il senso dello scorrere implacabile dei minuti è al centro delle riflessioni umane. Con gli odierni ritmi di vita, più che fonte d’ispirazione, il tempo è quasi diventato una mancanza “cronica”. E c’è chi ne ha voluto prendere atto, e provare ad investire sulla necessità di scambiarsi il tempo per guadagnare tempo, secondo la filosofia che la condivisione delle ore sia anche il modo più semplice per riappropiarsi della socialità. A farlo, in Italia, sono le Banche del Tempo, che raccolgono, custodiscono, e scambiano ore, anziché euro. Una realtà che esiste anche a Borgo San Lorenzo dove, all’inizio del 2008, su iniziativa di un gruppo d’amici già abituati a scambiarsi tempo e aiuto reciproco, nasce il “Giardino delle Ore”, un’associazione senza scopo di lucro che gestisce l’intero “commercio” di tempo della zona. Come funziona? Ogni membro deposita un certo numero d’ore che mette a disposizione di altri, e di riflesso avrà diritto a ore di attività da ricevere. Con tanto di conto, libretto

pillole Momento d’oro per la prima squadra PALLANUOTO MUGELLO: SPLENDIDA DOPPIETTA Finisce in bellezza il mese di febbraio per la pallanuoto mugellana. Gli Under 17 sconfiggono i pari età della blasonata Mc Donald’s Firenze per 10 a 4. I giovani mugellani consolidano così il terzo posto nel campionato regionale Fin e testimoniano l’ottimo lavoro svolto dall’allenatore Gabrio Carcassi. La prima squadra, dopo uno stentato avvio nel campionato Promozione, conferma il suo momento positivo e fa suo il “derby” contro la Torre Pontassieve. A 32”dal fischio finale il gran goal della vittoria è del capitano Tiziano Avallone che mette così il sigillo ad una partita emozionante e combattuttissima. Recuperati oltre 10mila prodotti alimentari “Buon fine coop”, ottimi risultati per il 2009 Oltre 10mila prodotti per un valore di 90mila euro: sono i numeri del progetto “Buon fine Coop” anno 2009, che coinvolge 11 associazioni e realtà del no profit sociale mugellano, e che mira a recuperare i tanti prodotti che ogni giorno la grande distribuzione avvia allo smaltimento. Generi alimentari buoni e ancora commestibili (in perfetta conformità ai requisiti igienico-sanitari, di identificazione ed etichettatura) ma considerati non più vendibili per difetti nella confezione o perché vicini alla scadenza.

degli assegni, ed estratto trimestrale. Le attività da scambiarsi possono essere varie: stirare, preparare dolci, prendersi cura del giardino. Per avere informazioni basta rivolgersi al Centro Incontro di Piazza Dante, il martedì dalle 10 a 12, il giovedì dalle 17 alle 19 (055.8494533). Per aderire, è necessario compilare un modulo, dopodiché il nuovo socio viene presentato all’assemblea e, in base alla domanda e all’offerta, può autonomamente mettersi in contatto con gli altri soci. “Il tempo da scambiarsi non deve essere professionale – spiegano al Giardino delle Ore – la cultura che ci guida

è infatti quella di incentivare i buoni rapporti di vicinato, risparmiare qualcosa per le piccole attività domestiche, ritornare a fare amicizia. In più, organizziamo anche i mercatini, rassegne cinematografiche e conferenze”. Nel capoluogo mugellano sono circa 50 i soci iscritti, di età variabile tra i 20 ai 70 anni: molte donne, pensionati ma anche molti lavoratori e qualche studente. A sostegno di valori quali la reciprocità, lo scambio, l’amicizia. E, del resto, come ci insegna un antico proverbio cinese “una briciola d’oro non può comprare una briciola di tempo”.

IL CALENDARIO è FITTO DI INIZIATIVE VILLA PECORI, GLI EVENTI “CAFFÈ SCIENZA” Tutto tra scienza e musica è il nuovo programma culturale di Villa Pecori, iniziato il 7 marzo con il primo appuntamento dedicato al Caffè Scienza (www.caffescienza.it) alla presenza di Nicola Casagli e Filippo Catani, del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, con una discussione sul rapporto tra l’uomo, le sue opere, la natura. In calendario, altri Caffè Scienza: il 21 marzo sulle allergie e sul loro aumento e il 18 aprile l’incontro che pone un interrogativo immenso: “Cosa c’è tra la vita e la morte?”, con interventi di Leandro Barontini (anestesista, presidente del Comitato etico, Asl Pistoia) e Monica Toraldo di Francia (docente di Bioetica, Università di Firenze, membro del Comitato nazionale di Bioetica). Il 28 marzo ad aprire gli appuntamenti musicali sarà invece il jazz del Quartetto Vian che presenta brani di vivace musicalità che affrontano temi attualissimi: l’antimilitarismo, la sessuofobia e l’emarginazione. In programma per l’11 aprile, Chromethica, una performance a cura del Collettivo Selfpoetry che verte sulla lettura di testi di Iacopo Ninni, a cui si aggiungono suggestioni tratte da scrittori come Antonia Pozzi o F.L. Celine.

Il fisiatra risponde LA TENDINITE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI O PERIARTRITE DI SPALLA Si dice che il mal di denti sia tremendo ma anche il dolore alla spalla non scherza. Chi ce l’ha o l’ha avuto ve lo potrà confermare: incapacità di alzare il braccio, impossibile pettinarsi, dolore notturno insopportabile... La spalla è l’articolazione più mobile del nostro corpo, ci permette di fare movimenti ampli in tutte le direzioni dello spazio. Tutta questa mobilità è permessa dalla geometria articolare che è quella di una semi sfera in una coppa, in cui la coppa è particolarmente piccola e lascia la sfera girare liberamente. La spalla è stata paragonata ad un pallone da basket in una scodella. È un vero prodigio meccanico che il movimento possa avvenire senza che il pallone rotoli fuori dalla scodella. È il perfetto controllo attivo da parte dei muscoli che mantiene momento per momento in sede la sfera nella coppa mentre sta girando nelle varie direzioni. I muscoli di cui stiamo parlando sono quelli della cosiddetta cuffia dei rotatori, quattro piccoli muscoli profondi alla spalla che hanno la funzione di mantenere in sede l’articolazione. I tendini di questi quattro muscoli si vanno ad inserire sull’osso della testa dell’omero. Prima di arrivarci passano per un canale osseo stretto tra la testa dell’omero stessa al di sotto ed il cosiddetto arco coraco-acromiale al di sopra. L’arco coracoacromiale in

sostanza è l’osso che si sente con le dita all’apice della spalla. Lo spazio è stretto, il lavoro è tanto e la vita è lunga e se non c’è una perfetta coordinazione e posizionamento dei vari elementi scheletrici questi tendini si trovano a funzionare male, con troppo attrito, si usurano e si possono infiammare e rompere. La loro infiammazione è la causa del dolore e dell’impotenza funzionale in questa sindrome. È perché questi tendini infiammati sentono male che non si vogliono attivare per permettervi di sollevare il braccio. È la loro infiammazione che provoca quell’insopportabile dolore notturno. Il fattore fondamentale nel determinare l’attrito sui tendini della cuffia è il movimento della scapola. Questo perché il braccio comincia dalla scapola e se la scapola si muove sul torace tardi o male impone alla spalla un superlavoro, porta a quel cattivo posizionamento che sovraccarica i tendini della cuffia dei rotatori. Anche la postura ha un ruolo cruciale: se una persona ha le spalle curve in avanti, ancora creerà uno svantaggio meccanico per la spalla ed un sovraccarico per la cuffia. L’esempio classico che si usa fare è quello del cardine della porta. Se il cardine è in asse, la porta gira bene ed il cardine si usura molto lentamente. Quanto più il cardine è fuori asse, tanto peggiore è la meccanica e tanto più precoce ed importante sarà l’usura. La prima misura per migliorare il movimento di una porta è mettere i cardini in asse, e così con la spalla. Un lavoro attento di riequilibrio del movimento corretto

della scapola e della postura toracica è estremamente efficace nel guarire sindromi dolorose acute e croniche della cuffia dei rotatori. Questo richiede competenza del team riabilitativo nell’individuare lo squilibrio e somministrare gli esercizi giusti per correggerlo. Richiede anche un minimo di tempo, circa un mese, per ottenere i primi cambiamenti fisici desidedrati. Quindi l’obiettivo a medio-lungo termine e la misura terapeutica più radicale è “rimettere in asse il cardine”. Ma intanto l’obiettivo a breve termine è risolvere l’infiammazione della cuffia per dare sollievo immediato al paziente. A questo scopo oltre agli antiinfiammatori per bocca, si somministrano delle terapie fisiche antiinfiammatorie come Laser, Ultrasuoni, Tecarterapia, Ionoforesi; si impartiscono delle mobilizzazioni passive da parte dei fisioterapisti, eventualmente come risorsa estrema si possono fare delle infiltrazioni di cortisone. Il concerto di queste misure terapeutiche, ben orchestrate nella loro sequenza ed applicate con rigore risolve la grande maggioranza delle sindromi dolorose a carico della cuffia dei rotatori. L’importante è non lasciar passare troppo tempo dall’inizio della sintomatologia e prendere misure terapeutiche precoci sotto la guida di uno specialista per evitare che la patologia si strutturi e diventi sempre più difficile da curare, e per scongiurare la prospettiva chirurgica, che deve sempre essere la risorsa estrema. 1089423

Viale F.lli Kennedy, 8-10-12 Borgo San Lorenzo (FI)

tel. 055 8455114 - 055 8494685


8

Marzo 2010

il giornale del tuo Comune

L’INTERVISTA. Franco Frandi, presidente di Confesercenti, parla dell’economia di Borgo

“La vocazione commerciale ci aiuta” Il consiglio per chi vuole aprire un’attività ora? “Competenza nell’erogazione del servizio e qualità del prodotto sono gli ingredienti fondamentali per resistere ai momenti più critici” Letizia Martino

L

a crisi economica e il commercio a Borgo San Lorenzo: ne abbiamo parlato con Franco Frandi, presidente di Confesercenti di Borgo San Lorenzo, e rappresentante provinciale dell’associazione che nel capoluogo e dintorni conta

circa 250 aziende iscritte. “La crisi c’è stata, e continua a farsi sentire, in tutti i settori del commercio – spiega Frandi – dopo un difficile 2008 e 2009, anche il 2010 non si profila certo roseo e gli effetti della ripresa, che dovrebbe esserci, non saranno certo immediati sul micro-

Franco Frandi

gli ingredienti fondamentali per resistere meglio ai momenti più critici” prosegue Frandi. Questa ricetta non sempre ha certezza di riuscita, e non sempre è in grado di contrastare le ricadute negative legate all’arrivo delle grandi strutture commerciali che anche in Mugello esistono. Ricadute che si sono fatte sentire anche nel capoluogo borghigiano dove però “la vocazione commerciale decennale e l’urbanistica sono state di grande aiuto, insieme alla buona gestione del nostro centro commerciale naturale che ospita manifestazioni ed eventi che, mi auguro, potranno in futuro

essere sempre più numerosi”. Soddisfatto della collaborazione con l’amministrazione comunale, Frandi propone di segnalare i parcheggi esterni al centro, e di recuperare strade come via San Martino, parallela a Malacoda, senza tralasciare le iniziative per valorizzare il patrimonio culturale dell’intero centro storico. “Sono convinto che la cultura e la bellezza siano valori importanti e utili a superare i momenti più critici. Con un occhio anche al turismo, naturalmente, che – aggiunge – sempre più, da Pasqua in poi, rappresenta una voce significativa di bilancio per i nostri esercenti.”

EVENTI

Marzo

COLAZIONE DALLE 06.00

18

PRANZO DALLE 12.00 ore 21

Giovedi

1095169

livello”. A scendere nel dettaglio, dalle parole di Frandi emerge che il saldo tra chiusure e aperture è stato comunque alla pari: “Il comparto commerciale di un centro come Borgo San Lorenzo ha una lunga tradizione di competenza e professionalità – spiega – e questo ha sicuramente contribuito ad arginare i più nefasti effetti della crisi economica, insieme al fatto che i centri più piccoli risentono meno dei momenti di espansione così come quelli di maggiore depressione”. E per chi apre, crisi o non crisi, il consiglio resta quello di essere preparati e analitici, con tutto l’armamentario necessario: ricerche di mercato per posizionarsi in aree meno sature e professionalità. Frandi ne è convinto e propone la necessità di ripristinare corsi di formazione e preparare i giovani a gestire la propria attività commerciale in maniera efficiente, per evitare il trauma di veder persi investimenti iniziali spesso piuttosto consistenti. “Competenza e serietà nell’erogazione del servizio e qualità del prodotto sono certamente

con primi piatti del giorno

APERITIVO DALLE 19.00

Viale IV Novembre, 71 - Borgo San Lorenzo

055.8402350

E-mail: l.movida@hotmail.it


10

primo piano

Marzo 2010

L’INCHIESTA/1. Dall’aperitivo all’ultima birra scolata sui gradini. Luci e ombre della movida fiorentina

Certe notti (alcoliche) a portata di paghetta Francesca Puliti

L

o chiamavano aperitivo, era qualcosa da bere sgranocchiando un paio di noccioline in attesa della cena. La versione aggiornata agli anni 2000 è una grande abbuffata innaffiata da due o tre cocktail. La notte alcolica dei giovani fiorentini comincia da qui. Dai vari centri del preserata, come San Niccolò e Santo Spirito, si sposta poi principalmente in zona Santa Croce, incoronata da qualche anno fulcro della movida gigliata. E la serata comincia presto, per poter usufruire delle più svariate promozioni. A ogni giorno della settimana la sua. C’è il lunedì sera dei cinque shot a cinque euro, il martedì della seconda pinta di birra gratis, il mercoledì della dama da bere e via di questo passo fino alla domenica. I posti dove alzare il gomito con pochi euro non mancano. A volte basta munirsi di una tessera, investimento contenuto a portata di paghetta, per

accedere a Vodkalemon e Negroni a tre euro. Talvolta non c’è bisogno neanche di quella. “Se poi ci si fa amico qualche barista è fatta”, ammette candidamente una ragazza. Domani c’è scuola, ma è pur sempre venerdì sera. L’anno prossimo entrerà a pieno titolo nel circuito delle feste universitarie, per quest’anno è ancora a rischio controllo carta di identità. A verificare la data di nascita degli avventori, però, sono veramente in pochi. Più numerosi, invece, i gestori dei locali che si dimostrano fiscali sull’orario di fine bevuta. Poco male, perché anche quando pub e birrerie chiudono i battenti si trova comunque il modo di farsi una birra. Basta rivolgersi ai venditori abusivi che ne trasportano sempre una modica quantità nello zainetto. Poi va a finire che la si consuma a sedere sui gradini di qualche chiesa, infischiandosene delle condizioni meteo (figuriamoci poi di una qualsiasi ordinanza), perché l’importante è stare insieme e fare baldoria in compagnia. E possibilmente schivare la classica secchiata dal vicinato. Per chi ha qualche anno in più,

qualche soldo in più in tasca e il coprifuoco alle spalle, ci sono i club, che tengono duro fino alle cinque del mattino. Se c’è un lato positivo in tutto ciò è che quanto meno in questa fascia d’età è cresciuta la consapevolezza di un problema spesso lasciato sottotraccia. “Dal 2008 al 2009 sono aumentate le persone che si sono rivolte a noi – dichiara la dottoressa Paola Trotta, coordinatrice dei servizi Sert e Sat sul territorio fiorentino – l’incremento si è verificato non tanto tra i minori, quanto tra i 19 e i 24 anni”. I dati dell’anno scorso sono ancora in fase di elaborazione, ma i numeri del bollettino 2008 parlano chiaro: a bussare alla porta dei Servizi Alcologici Territoriali sono stati in 1.253, oltre 1000 solo nella città di Firenze, gli altri distribuiti nella cintura adiacente. Un terzo di questo battaglione, in aumento rispetto al 2007, è rappresentato da donne. “L’aumento però può essere spiegato anche dai più frequenti controlli sulle strade – continua la dottoressa Trotta – che ha innalzato il livello di attenzione. E anche un po’ di sana preoccupazione”.

Pochi controlli sull’età dei clienti, molte promozioni per bere (troppo) con pochi euro, dal lunedì alla domenica. E aumentano i ragazzi dai 19 ai 24 anni che si rivolgono ai Servizi alcologici territoriali in cerca di un aiuto specializzato ivAn Barista, 36 anni

GiorGio Dottorando, 28 anni

AnnA e steFAno Baristi, 45 e 43 anni

“C’è sempre qualcuno che alza il gomito”

“A chi non piace una birra all’aperto?”

“Il buon senso è l’arma più efficace”

“Forse la questione è un po’ troppo enfatizzata...Per esperienza personale posso dire che non ho mai avuto particolari problemi, e del resto si sa: gente che alza il gomito c’è sempre stata e sempre ci sarà. Speriamo solo che queste nuove regole entrate in vigore siano applicate in maniera uniforme”

INFISSI IN PVC INFISSO in pvc doppia anta con ribalta-vetri isolanti termici ed acustici su misura, varie colorazioni, solo esempio porta finestra (2 ante) 220cmx110cm

€1116

€890

esempio finestra (2 ante) 150cmx110cm

€680

€595

“Io personalmente non ho mai creduto alle politiche proibizioniste. Quello dell’abuso di alcool è un problema serio, non c’è dubbio, ma credo che sarebbe più proficuo intervenire a monte, sulla riduzione del danno. E poi diciamolo, con la bella stagione a chi non piace bersi una birra all’aria aperta?”

PORTE IN LEGNO TAMBURATE STANDARD • rifinitura tinto noce • completa di maniglia standard

€395 Compreso trasporto più montaggio

VETRI TERMICI • Spessore 4/12/4 €210 AL MQ

€190 mq

IVA COMPRESA

basso emissivo (risparmio energetico) • Inclusa posa in opera • Su misura • Minimo fatturabil 0.50mq 1094546

Show-room: Via F. Martini, 10/R

Tel. 055 6121802

“È sicuramente meglio prevenire che curare. L’educazione è l’unico strumento veramente efficace per proteggere i ragazzi dall’alcolismo o dalla droga. Da parte nostra siamo sempre stati vigili sull’età della nostra clientela, siamo convinti che il buon senso sia senz’altro un’arma migliore dei divieti”

FINESTRE E PORTE IN ALLUMINIO • TAGLIO TERMICO A partire da

€ 320 al mq

• TAGLIO FREDDO A partire da

€ 290 al mq

INFERIATE IN FERRO

CANCELLI ESTENSIBILI ZINCATO

• Per finestre e porte • Su misura • Varie tipologie fisse o apribili • Con serratura di sicurezza a partire da

• su misura esempio 120x160cm

€290

€340 €275/mq

COMPRESO TRASPORTO E MONTAGGIO

PERSIANA IN ALLUMINIO

stecca fissa (o orientabile) in colori base su misura

A partire da

€ 280 mq

PAGAMENTO A RATE

PORTONE BLINDATO (1 ANTA) - pannelli fronte / retro lisci - cilindro doppia mappa - limitatore di aperture

€1.400

€1.150

trasporto + montaggio inclusi


primo piano

11

L’INCHIESTA/2. Vietata la vendita da asporto dalle 22 alle 3 e il possesso oltre la “dose” personale

E fu così che arrivarono le ordinanze anti-sbronza Luca Serranò

L

a città del vino rosso dichiara guerra all’abuso di alcol. Con le due ordinanze del mese scorso, infatti, il Comune ha circoscritto modi e tempi della vendita di bevande alcoliche nel centro di Firenze e alle Cascine. Colpendo, in particolare, quei piccoli market che fino a notte fonda offrono birre, vini e liquori al dettaglio. Niente più vendita da asporto dalle 22 alle tre del mattino (per l’articolo 650 c.p. arresto fino a tre mesi e multe superiori ai 200 euro), divieto di detenere bottiglie o lattine superiori alla “dose” personale. Le nuove regole (valide fino al 31 maggio, quando probabilmente saranno “rinnovate” da un decreto prefettizio) sono state accolte con cautela dal popolo della notte. “Il proibizionismo non è mai servito a nulla”, sibila un ragazzo visibilmente alticcio all’uscita di un frequentato locale del centro. “Chi si vuole ubriacare lo farà lo stesso”, fa eco un suo compagno. Che una fascia sempre maggiore di giovani spenda le proprie serate tra un bicchiere e l’altro, d’altra parte, è sotto gli occhi di tutti. “Perché fanno chiasso e si notano di più - replica Giorgio da dietro il banco del suo bar di via San Gallo - vedo anche tanti cinquantenni che attaccano alle dieci di mattina e vanno avanti tutto il giorno”. Un problema dai contorni sfuggenti, quello dell’abuso di sostanze alcoliche tra i ragazzi. Meglio vietare o educare al consumo responsabile? Quel che è certo è che la duplice

niCColÒ Ristoratore, 32 anni

emAnuelA artigiana, 25 anni

mAttiA Commesso, 30 anni

“La questione esiste e va affrontata”

“Meglio allentare la presa?”

“Serviva qualche regola in più”

“In linea di principio sono senz’altro d’accordo. La questione esiste e in qualche modo va affrontata. Peccato che per noi operatori ci siano molti altri problemi: ho appena ricevuto 4mila euro di multa perché un ragazzo saliva dalla mia cantina con un panino in mano. Penso che le norme andrebbero applicate con maggior elasticità”

Scuola

ordinanza del sindaco Renzi è arrivata dopo alcuni casi limite di minorenni ricoverati per coma etilico, circostanze che hanno spinto le istituzioni cittadine a fare fronte comune. “Non è solo una questione di ordine pubblico – spiega il questore di Firenze Francesco Tagliente – ma una vera e propria emergenza sociale. Già nei mesi scorsi abbiamo effettuato controlli a tappeto nei locali, certi episodi non devono più verificarsi”. Un chiaro riferimento alle sospensioni di licenza che lo stesso Tagliente ha disposto nei confronti di alcuni pub e di una (nota) discoteca delle Cascine, rei di aver servito da bere anche agli under sedici. “Bene ha fatto il Comune a intervenire – continua – ma è tutta la città che sta reagendo. Per la prima volta istituzioni, forze di polizia e associazioni di categoria si sono mosse insieme per contrastare il fenomeno – conclude – è una sorta di laboratorio permanente senza precedenti in Italia”. I primi risultati, in effetti, sono già abbondantemente visibili. Molti locali del centro hanno cominciato a chiedere il documento d’identità prima di servire alcolici, mentre il popolo della notte fa a gara ad interpretare il testo delle due ordinanze. “La seconda non la capisco proprio”, il ritornello tra i più giovani. Il divieto di detenere confezioni di alcolici eccedenti l’uso personale (nel centro storico e alle Cascine) ha destato perplessità sopratutto tra le associazioni dei consumatori, preoccupate della labilità di un simile principio. In attesa di vedere come sarà applicata la norma, di una cosa si può comunque essere certi: le bottiglie d’acqua non andranno a ruba.

Accademica di Danza

“La politica ha sempre avuto un atteggiamento paternalistico nei confronti dei più giovani, frutto, credo, della sostanziale incapacità di comprenderli. Mi chiedo invece se non sarebbe il caso di allentare un po’ la presa: non vorrei infatti che tutti questi limiti alla fine producessero l’effetto contrario”

VIENI A PROVARE L'INNOVATIVA

ARTIGIANI DI FIDUCIA

DISCIPLINA DEL FITNESS... NEWYORKCITYBALLET WORKOUT

diretta da Laura Checcucci Lisi

"l'eleganza dei movimenti... la leggerezza dello spirito... tutto questo è....danza...." Claudia Morandini ballerina professionista internazionale

IL NUOVO CORSO TENUTO DA MARCELLA RICCI, INSEGNANTE CERTIFICATA PRESSO IL NEWYORKCITYBALLET DI NEW YORK

SOLO PER MARZO 2 LEZIONI PROVA GRATUITE!! Via Scipione Ammirato, 96 FIRENZE

1014321

Tel. 055

6236044

www.danzafirenze.it email: scuola@danzafirenze.it

“Credo che qualche regola in più servisse davvero. Bene ha fatto il Comune a intervenire. Certo, vietare è sempre una sconfitta per tutti, ma in fondo, a pensarci bene, si tratta solo di evitare alcune situazioni limite. Le Cascine e piazza Indipendenza ad esempio devono tornare a disposizione di tutti”

• • • • •

• ZANZARIERE • TENDE DA SOLE

Infissi e persiane in ferro, alluminio, legno e pvc Scale • Inferriate • Soppalchi Lucernari • Porte interne in legno Ferro battuto • Avvolgibili Automazioni

Finanziamenti Compass Gruppo Bancario Mediobanca

di Tagliaferri Giacomo, Andrea & C. S.n.c.

1080470

V.le Giovanni XXIII, 65 B.GO SAN LORENZO (FI) Tel e fax 055.8459325 www.tagliaferrifirenze.it - kktag@tin.it


12

tempi moderni

Marzo 2010

LO STUDIO. Una ricerca traccia il ritratto di questa preziosa risorsa dell’economia fiorentina

Gli artigiani hanno i capelli bianchi La fotografia arriva dal primo “Repertorio sui mestieri d’arte della provincia di firenze”: i titolari delle imprese artigiane hanno generalmente tra i 49 e i 58 anni (è under 30 solo il 3 per cento). Ma a sorpresa il 60 per cento di loro utilizza la posta elettronica Annalisa Cecionesi

G

li artigiani, eccellenza fiorentina, sono, a detta di molti, personaggi in via d’estinzione. Lo stereotipo ce li fa pensare coi capelli bianchi, chini sul lavoro in botteghe d’altri tempi. Un’immagine veritiera? La risposta arriva dal primo “Repertorio sui mestieri d’arte della provincia di Firenze”, realizzato dalla Fondazione di Firenze per l’Artigianato Artistico, in compartecipazione con la Camera di Commercio di Firenze. Gli artigiani artistici della provincia, individuati attraverso l’indagine, sono 1.317, concentrati per il 49 per cento nel comune di Firenze. Hanno mediamente 50 anni e non hanno eredi ma muovono i primi passi nel mondo del web. Oltre la metà delle imprese artigianali è rappresentato da ditte individuali, fino a un massimo di tre addetti. Le forme societarie, minoritarie, sono più frequenti nel settore dei minerali non metalliferi e in quello della pelle e del cuoio. Come suggerisce lo stereotipo, gli artigiani hanno i capelli grigi: il titolare dell’impresa artigiana ha generalmente un’età avanzata, tra i 49 e i 58 anni. Solo il 3 per cento ha meno di 30 anni. Le imprese però sono piuttosto giovani. Un’attività su due è di prima generazione ed è stata fondata negli ultimi venti anni. Solo il 7 per cento circa delle aziende è nato prima del 1970. A differenza di quello che si può pensare, la trasmissione ereditaria del mestiere non è predominante. L’indagine dimostra infatti che le attività tramandate di padre in figlio sono il 35 per cento del totale. Gran parte degli artigiani ha studiato a Firenze: poco meno di metà ha un diploma di maestro d’arte. Un significativo 20 per cento proviene dall’Opificio delle Pietre Dure. Fedeli alla reputazione che li vuole depositari di un mestiere tipicamente manuale, gli artigiani sembrano poco propensi a usare la tecnologia in fase produttiva. Solo il 15 per cento delle imprese fa ricorso a una combinazione di manualità e utilizzo di macchine. Ma chi si immagina questi artisti alle prese con lettere sigillate con cera lacca si sbaglia. Il computer è entrato anche nelle botteghe. Oltre il 60 per cento degli artigiani comunica attraverso la posta elettronica. Ad avere un sito internet è invece poco meno del 39 per cento. Alcuni settori però si dimostrano più affini

Tra i settori con più dimestichezza col web c’è quello della pelletteria

di altri alle nuove tecnologie. E’ il caso della pelletteria e dei cuoi artistici, degli strumenti musicali, delle decorazioni e della ceramica. C’è chi diventa artigiano del web, pronto ad aprirsi dei varchi oltre i circuiti locali, diffondendo il proprio saper fare oltre i confini della regione, e perché no, dell’Italia. Buone notizie, allora. L’artigianato, “marchio di fabbrica” del made in Florence, resiste. In bottega e sul web.

iN PiLLoLE il precedente

Il primo e unico progetto di Repertorio delle botteghe dell’artigianato artistico risale al 1958. Si trattava di un censimento degli artigiani toscani, pubblicato in quattro lingue (italiano, inglese, francese e spagnolo). L’indagine odierna trae ispirazione da quel progetto proponendo una mappatura aggiornata.

l’indagine

SPEDIRE O IMBALLARE?

1098044

SERVIZI GRAFICA O STAMPA? WESTERN UNION - MONEY TRANFER?

L’indagine, a cura di Franco Vichi, direttore della Fondazione di Firenze per l’Artigianato Artistico, è raccolta in un volume e in un cd ed è suddivisa in due parti. La prima traccia un ritratto delle imprese artigiane della provincia di Firenze, cercando di delineare il “profilo” dell’artigiano d’arte odierno. Nella seconda parte sono invece descritte nel dettaglio le 1.317 aziende artigiane individuate.

il metodo

Da un elenco iniziale di oltre 6mila aziende appartenenti all’Albo delle Imprese Artigiane è stata fatta una prima scrematura, eliminando ad esempio le produzioni di livello industriale. Si è arrivati così a un totale di 2.500 aziende, ulteriormente ridotte dopo una verifica telefonica, rivolta a capire se si trattasse di imprese della sfera propriamente “artistica”. Tra le discriminanti utilizzate rientrano l’ideazione, i materiali utilizzati, nonché la produzione di manufatti unici, in piccole serie.

le imprese

Mail Boxe Etc. è la più grande rete in italia e nel mondo di negozi in franchising nel campo dei servizi postali, di comunicazione e di supporto alle attività di aziende e privati. L’elevata qualità, la competenza, l’affidabilità e la possibilità di disporre di tante soluzioni in un unico Centro servizi sotto casa tua o vicino al tuo luogo di lavoro fanno di ogni Centro Mail Boxes Etc. un mondo di servizi al tuo servizio

Mail boxes Etc. 0634

Viale Pecori Giraldi 58/60 Borgo San Lorenzo (FI) Tel. 055 8402848 - Fax 055 8454040 mbe634@mbe.it

Il mondo dell’artigianato è assai vasto e lo dimostrano i settori individuati dal Repertorio. Vi rientrano l’abbigliamento e le calzature, i ricami, la pelle e i cuoi artistici, la tappezzeria, la carta, la ceramica, il legno e i mobili, le lavorazioni in pietra e in vetro, gli strumenti musicali e il restauro. Escluse invece dall’indagine le lavorazioni che hanno poco a che fare con l’arte: i servizi alla persona, come i barbieri, o le attività legate ai generi alimentari.


1074382


14

ambiente

Marzo 2010

DOSSIER/1. Tre medici spiegano i pericoli sanitari dovuti alla presenza di questo materiale

“le rimozioni fai-da-te sono pericolose” Due le malattie legate al minerale: la asbestosi (rarissimi i casi in

Riccardo Bianchi

città) e il mesotelioma, tumore che può colpire chi ne ha inalato

L

le fibre. L’area fiorentina sembra essere relativamente al sicuro, anche se, specie nella Piana, sono molte le coperture in eternit

a pericolosità dell’amianto è ormai risaputa. Le numerose inchieste aperte sulle morti che ha provocato hanno fatto storia. Le grandi aziende dove si lavorava, come la Eternit di Casale Monferrato, hanno avuto centinaia di morti tra i propri operai. Ma sul territorio fiorentino fabbriche di questo tipo non esistevano. Una

L’ESEMPio Il nuovo impianto

Rischi addio Benvenuto sole

B

1085687

uone nuove per la copertura di un grande fabbricato di proprietà di Toscana Energia, completamente bonificato e trasformato da una vecchia, malridotta e pericolosa copertura in eternit in un nuovo e super tecnologico impianto fotovoltaico. 470mila euro, tanto ci è voluto per trasformare la pericolosa copertura di eternit in una centrale fotovoltaica da 70mila Kwh all’anno. E anche se il fabbricato ha un’esposizione non proprio ideale, il problema è stato bypassato utilizzando pannelli in silicio amorfo, un materiale che, pur avendo un rendimento inferiore rispetto ai moduli cristallini, garantisce una produzione minima adeguata anche in condizioni atmosferiche non favorevoli e riesce a sfruttare i periodi a minore intensità luminosa, come alba e tramonto. 1550 metri quadrati bonificati e sostituiti con i nuovi pannelli che da quest’anno in avanti consentiranno di produrre energia che permetterà di risparmiare circa l’equivalente di 1,5 tonnellate di petrolio, e di non immettere nell’aria 53,6 tonnellate di anidride carbonica (ovvero l’equivalente ecologico di 77 nuovi alberi piantati), producendo una quantità di energia pari a quella che basterebbe per soddisfare il fabbisogno di 27 famiglie. La grande novità, che invita ad un graduale iter di bonifica delle aree a rischio in cui sono presenti tracce di amianto, è stata presentata dal sindaco di Firenze Matteo Renzi che ha inaugurato l’impianto lo scorso 25 febbraio. I 584 pannelli installati sono il fiore all’occhiello di un lavoro che porta a Firenze un ottimo esempio di come la città si dovrebbe rapportare all’energia, lasciando più spazio all’ecologia e alla sostenibilità e accantonando materiali pericolosi. /C.G.

fortuna, come confermano i dati. Se si pensa che a Monfalcone, in Friuli, cittadina di 28mila abitanti, negli ultimi vent’anni ci sono stati 260 casi di mesotelioma, il tumore provocato dal minerale, i 179 della provincia fiorentina sono ben altra cosa. Nonostante il commercio di manufatti in amianto sia vietato dal ‘92, la legge non vieta di tenere quelli esistenti, a patto che siano in buono stato. E a Firenze ce ne sono eccome. Le malattie che questo materiale produce sono due. La asbestosi, che si sviluppa anche dopo decine di anni in chi ha lavorato con il materiale, e il mesotelioma, per chi ne è stato a contatto, inalandone le fibre. Se la prima non può più spaventare, la seconda è un pericolo ancora attuale. “I casi di asbestosi sono pochissimi a Firenze, stanno scomparendo - spiega il dottor Giuseppe Petrioli, direttore del dipartimento prevenzione dell’Asl 10 - erano casi mortali, si bloccavano i polmoni. Ma ormai parliamo solo di qualche ex operaio di trent’anni fa, che o ha lavorato nelle officine di Ataf e Ferrovie dello Stato, oppure era emigrato al nord”. L’amianto è il cancerogeno più potente che si conosca, perché le fibre si possono sprigionare nell’aria. “Più è friabile e più è dannoso - spiega il dottor Andrea Galanti, che si occupa di prevenzione nei luoghi di lavoro per fortuna nell’edilizia è spesso presente come eternit, quindi compatto e coperto dal cemento. Però l’eternit copre gran parte dei capannoni industriali, specie nella Piana”. La legge aiuta i lavoratori, obbligando il datore di lavoro a controllare la sicurezza dell’ambiente. Ma si sa che sono meno al sicuro dei tecnici specializzati che rimuovono l’amianto, coperti da tute adatte. I pericoli non sono comunque elevati, esclusi casi ben determinati, soprattutto nelle abitazioni, dove le persone passano più tempo e in spazi più ristretti. “Un tubo di eternit non è dannoso se è in buono stato. Ma se un muratore lo rompe, le fibre si diffondono in tutta la casa - ricorda il dottor Luciano Tiracorrendo, specialista in igiene pubblica - se poi questi manufatti vengono polverizzati con trapani o flessibili, il problema si fa veramente serio”. Per questo è consigliabile che le valutazioni e le rimozioni di tali oggetti siano realizzate da ditte specializzate, anche se è possibile toglierli da soli. “Esiste un kit, reperibile all’Asl o al Quadrifoglio - racconta Petrioli - ma va bene solo per le piccole cose”. Anche perché per smaltire una tettoia di eternit non si può assolutamente buttarla nel cassonetto.

Più è friabile più è dannoso, per questo è meglio affidarsi a ditte


ambiente

15

DOSSIER/2. Avviato un censimento per tener d’occhio le situazioni a rischio e ridurre gli illeciti

foto dal cielo per monitorare l’amianto Riccardo Bianchi

N

on ci sono zone veramente a rischio amianto in città. L’unica, forse, è il Teatro del Comunale, dove da tempo i tecnici specializzati stanno lavorando per rimuoverlo. Di piccoli manufatti prodotti con il minerale, però, è piena anche Firenze. L’eternit era talmente resistente che si è diffuso ovunque e per produrre gli oggetti più svariati, dai pannelli coprimuro ai cassonetti. Ma il suo vero utilizzo sono state le coperture: ce n’erano di tutti i tipi, dai tetti degli stabilimenti alle tettoie dei capanni in giardino. E in gran parte sono ancora lì. Proprio per questo il Comune ha predisposto un censimento di tutte queste coperture. Il progetto è guidato dall’architetto Stefano Cerchiarini, della direzione Ambiente, affiancato da una squadra di tre esperti. Per portarlo a termine utilizzeranno le foto aeree della Regione Toscana e le carte con la destinazione d’uso

LA MAPPA DEI SORVEGLIATI SPECIALI dei vari edifici. “Controlliamo due tipi di strutture: quelle dove il pericolo di trovare amianto è più alto, come le stazioni o le tettoie, e quelle dove è bene controllare che non ve sia, come gli ospedali, le scuole o i complessi sportivi”, racconta Cerchiarini. Sul computer si alternano le 310 foto con le relative mappe. Si notano i diversi colori che segnalano le varie strutture da tenere sotto attenzione. Sono tante, 14mila, ma erano 30mila alla partenza. Il primo passo è capire dalle immagini di che coperture si tratta. Il mouse punta su una fabbrica. “Esclusa, ha il tetto rosso, l’amianto è sempre grigio”, sentenzia l’architetto. Accanto ci sono due piccole tettoie: “Ecco, questa è di amianto. È ondulata e grigia scura. Questa no, è grigia ma è chiara, è metallica”. Ma dove gli alberi o l’ombra coprono la visuale, l’unica soluzione è il sopralluogo “o nuove foto digitali, più precise”.Ma anche più costo-

firenze non ha zone “rosse”, tranne (forse) il teatro Comunale, dove si lavora per rimuovere i residui. in corso una mappatura delle strutture da controllare

CENSIMENTO Rottamaio Campeggio, villaggio turistico Stalla, Fienile, Allevamento Centrale elettrica, sottostazione elettrica, cabina elettrica Stazione ferroviaria, casello, fermata Tettoia, pensilina, lucernario Volume industriale-commerciale, capannone Complesso sociale Complesso sportivo Complesso scolastico Complesso ospedaliero

Q1 0 1 25 18

Q2 0 1 3 112

Q3 0 0 29 84

Q4 2 0 28 99

Q5 3 0 6 177

TOT 5 2 91 490

15 795 360 0 19 3 0

2 1951 901 15 30 34 6

0 1647 229 2 44 25 1

0 1628 685 2 32 37 2

2 3027 2022 4 43 52 15

19 9048 4197 23 168 151 24

TOTALE

1236 3055 2061 2515 5351 14218

Le prime sette righe sono le strutture che potrebbero contenere amianto. I complessi, invece, sono gli edifici che saranno controllati per sicurezza, perché molto frequentati. I numeri si riferiscono ai palazzi che il gruppo dell’architetto Cerchiarini controllerà, non a quelli che contengono necessariamente amianto. I grandi conglomerati, come le stazioni, Careggi e San Salvi, sono considerati come un’unità, nonostante abbiano più strutture.

se. “Servirà un anno per lavorare sulle immagini e tutto il 2011 per i controlli, laddove ci saranno dubbi”. Alla fine, però, sarà più facile per le autorità assicurarsi che nessuno smaltisca abusivamente una tettoia o la lasci degradare. Oltre alle coperture, ci sono molti altri

manufatti in eternit presenti nelle case dei fiorentini, dai caminetti ai tubi. Un’infinità, difficile da togliere. “La delibera del ‘97 della Regione Toscana, che ne regola la manutenzione, è vaga - sostiene Marco Maselli, dell’ufficio Igiene Pubblica del Comune - dà dei va-

lori a seconda dell’età del manufatto e del suo stato di degrado, ma quest’ultimo non è facile da definire, non è oggettivo”. Perciò non sono rari i casi in cui una richiesta di mettere in sicurezza un cassonetto interno finisce dritta davanti al Tar. “E l’esito non è scontato”.

IL CASO. Una copertura e la paura dei vicini di casa

l’eternit sul tetto che “scotta”

C

osa succede se un tetto di eternit fa capolino da una fabbrica di lumiere alla prima periferia di Firenze disturbando la quiete del vicinato? Succede che il vicinato si agita e comincia a far sentire la sua voce. “Possibile che ci sia sempre bisogno del morto per dimostrare che una cosa è dannosa?”, sbotta Gloria Vivoli, aspirante infermiera, che sta tentando, insieme ad altri cittadini della zona, di convincere la proprietaria a smantellare il tetto in questione. Il “morto”, per fortuna non c’è stato, almeno per adesso, e la signora Florence Casey Fantin, padrona del tetto che si allunga nella sua proprietà e che confina con molti altri spazi verdi dell’isolato tra via Rusciano e via Giovanni Maria Cecchi, assicura di tenere sotto controllo costantemente la copertura in questione. “E’ ovvio, anch’io ci tengo a eliminarlo, sono io la prima a viverci quotidianamente a contatto, ma i costi per lo smaltimento sono molto alti e dovrei accollarmeli da sola, quindi quello che per il momento posso fare, e faccio volentieri, è tenerlo sotto controllo costantemente”. Gli incaricati degli uffici di Igiene Pubblica si occupano del monitoraggio delle situazioni a rischio ed è con loro che la signora Fantin

si interfaccia per il controllo del suo tetto. “Sono stata proprio oggi (venerdì 5 marzo, ndr) a consegnare della documentazione in via Casini, agli uffici d’igiene pubblica, e solo pochi giorni fa sono venuti dei tecnici a controllare, ci sono documenti che lo provano. Poi, siamo i primi a fare attenzione a non danneggiarlo, a non camminarci sopra perché rischierebbe di rompersi e rompendosi, emanerebbe particelle cancerogene di amianto nell’aria”. Ma i cittadini non si lasciano convincere tanto facilmente, vorrebbe avere a disposizione almeno i documenti che provano l’effettiva manutenzione e preferirebbero vedere il prima possibile l’eternit smaterializzarsi. “Ho scritto anche una lettera per la raccolta delle firme tra i vicini - continua Gloria - mi sono rivolta a chiunque, dall’Arpat, all’Asl, al Comune di Firenze, ma mi hanno risposto che lo smantellamento è a carico dei privati”. Il risultato è che un problema tra vicini si trasforma in una lotta dove nessuno riesce a dare all’altro risposte soddisfacenti. “Io vedo muschio, tegole spezzate, come faccio a credere che sia tutto a posto?”, dice Gloria. “E’ tutto ok”, controbatte la proprietà. Chi la dura /L.Z. la vince.

www.stondeiservice.com stondei.service@libero.it

1093144

•SERVIZIO CARROZZERIA •VENDITA AUTO •INFORTUNISTICA STRADALE •ASSISTENZA LEGALE INTERNA •PREVENTIVI ON-LINE •SOCCORSO STRADALE •NOLEGGIO AUTO

1093144

Via dell’Edilizia - zona I. Rabatta BORGO S. LORENZO (FI)

Tel. 055 8496271 Fax 055 8496782


16

tendenze

Marzo 2010

ZOOM/1. L’Irpet ha fotografato le nuove rotte degli “esodi metropolitani”: spesso il movente è economico

sempre più fiorentini in fuga (verso Prato) L’iNtERViSta

in un decennio (1997/2008) sono usciti

Daniele Vignoli, ricercatore

“Intanto la città si fa sempre più anziana”

dal capoluogo circa 108mila residenti e ogni

D

anno fanno questa scelta quasi in 9mila. La metà di loro si sposta nei comuni limitrofi Greta Braschi

I

l costo delle case è esagerato? Il traffico e le orde di turisti sono esasperanti? E io trasloco fuori Firenze. È l’esilio (quasi) forzato di un gran numero di fiorentini. Lo conferma il Rapporto sul territorio 2010 dell’Irpet (Istituto regionale programmazione economica Toscana). Nell’arco di un decennio, dal 1997 al 2008, sono usciti da Firenze circa 108mila residenti. Ogni anno, in media, lasciano la città quasi 9mila fiorentini, il 2,4 per cento della popolazione. Sono per lo più giovani e adulti dai 20 ai 40 anni. Dove si rifugiano? Circa metà di loro sceglie uno dei comuni alle porte di Firenze e il capoluogo più vicino, Prato. A spingerli verso questi lidi sono per lo più i valori immobiliari allettanti. Sono in prevalenza giovani, non laureati, spesso stranieri, famiglie di recente formazione in cerca della prima casa, strozzati dal costo delle abitazioni e dell’affitto. Nell’arco del decennio 1998/2008 la spesa per l’affitto a Firenze è arrivata ad assorbire un quarto del reddito familiare. Un destino analogo attende coloro che decidono di acquistare un’abitazione. “Le famiglie – scrivono i ricercatori dell’Irpet – si sono spesso accollate mutui pluriennali, rinunciando mediamente al 20 per cento del proprio reddito per periodi che spesso superano i 15 anni”. Quando arriva il momento di metter su famiglia o di conquistare la propria indipendenza non resta allora che emigrare nell’hinterland. Il costo delle abitazioni infatti diminuisce col crescere della distanza dal cen-

tro urbano. Le mete preferite? Ai primi posti svettano Signa e Campi Bisenzio, le cui popolazioni sono cresciute più del 20 per cento dal 1998 al 2008, grazie anche all’apporto della componente straniera. Mentre a Montelupo, nello stesso periodo, il numero delle famiglie residenti è raddoppiato. “Un’attrazione – spiega l’Irpet - da mettere sicuramente in relazione con i prezzi delle abitazioni notevolmente più bassi rispetto al capoluogo regionale: nelle aree semicentrali si va dai 2mila euro al mq di Campi Bisenzio ai 2mila 500 di Montelupo, contro i 4mila 500 di Firenze (Fonte: Il Consulente Immobiliare-Sole 24Ore)”. Si abbandona Firenze ma non si va troppo lontano. Gran

1093381

parte dei “migranti” metropolitani preferisce stabilirsi nei comuni vicini, sebbene quelli più distanti offrano prezzi abitativi ancora più bassi. In ballo sono infatti altre spese, quelle per il trasporto. Il posto di lavoro resta a Firenze e magari anche i nonni, ai quali lasciare i figli durante la giornata lavorativa. Crescono così le fila dei pendolari, quotidianamente a far la spola tra la casa e l’ufficio. Un adeguato sistema di infrastrutture e una più alta qualità ambientale compensano l’andirivieni forzato. Ma il risparmio ha comunque un costo: il tempo passato (in prevalenza) in macchina, a dar man forte a due presenze indesiderate come il traffico e l’inquinamento.

ue chiacchiere con Daniele Vignoli, ricercatore di Demografia presso l’Università di Firenze. Concorda con lo scenario presentato nel Rapporto sul Territorio Irpet 2010? Sì, lo scenario tratteggiato mi sembra in linea con numerose ricerche condotte congiuntamente dal dipartimento di Statistica di Firenze e dall’Ufficio di Statistica del Comune di Firenze. Da un punto di vista demografico, la popolazione fiorentina sta invecchiando molto rapidamente. Si contano oggi più di due anziani per ogni bambino. L’apporto degli stranieri, sebbene importante, risulta ancora numericamente esiguo. Come cambierà la città nei prossimi decenni? La risposta più facile è che le tendenze in corso lasciano supporre un futuro demografico fiorentino con pochi giovani e molti anziani. Tuttavia non sarei troppo pessimista. Si notano infatti segnali di una rinnovata vitalità demografica legata ad un lieve, ma importante, recupero di fecondità. Le migrazioni rappresenteranno la variabile che più potrà modificare il futuro demografico di Firenze, sia in termini di popolazione totale, che di struttura per sesso ed età. Se ci immaginiamo una popolazione che non si rinchiuderà all’interno delle proprie mura potremmo anche attraversare una nuova e più favorevole fase demografica. A quali trasformazioni sociali assisteremo? A fronte di una presenza, in valori assoluti e in termini relativi, sempre più marcata di persone in età matura e anziana, ci saranno mutamenti molto veloci nella scena professionale, sociale, politica ed economica. Saranno necessari adeguamenti di mentalità e comportamenti, e ripensamenti sui compiti e i ruoli tipici delle fasi della vita. I concetti stessi di “bambino”, “giovane”, “adulto”, anziano” andranno forse ripensati alla luce dell’allungamento della vita media e, più in generale, delle trasformazioni /A.C demografiche in corso.

...un fiore leggendario...la Peonia Fragranza e bellezza, meraviglia variopinta, esplosione di gioia, curiosità primaverile....

Vi aspettiamo Sabato 27 Marzo dalle ore 15,00

per festeggiare insieme la primavera con la Peonia 1019150

Via Gioberti, 52/r - Firenze tel. 055 6550810 orario continuato dal lunedi al sabato 9.30 - 19.30


tendenze

17

ZOOM/2. L’altra faccia della medaglia: chi può cambia residenza per lasciarsi alle spalle il caos

E i ricchi si rintanano nelle campagne Annalisa Cecionesi

i giovani emigrano da firenze per risparmiare, gli adulti

A

benestanti scappano invece alla ricerca di quiete e benessere.

spingere i fiorentini fuori città non è solo il portafoglio che piange. Si abbandona Firenze anche per sfuggire al caos urbano e migliorare la propria qualità di vita. È l’esodo dei “benestanti”. Come dimostra il Rapporto sul territorio 2010 dell’Irpet, la metà circa delle famiglie che lasciano la città trasloca verso territori con costi delle case analoghi a quelli del capoluogo toscano, e in alcuni casi superiori. L’ipotesi più calzante per spiegare questo esodo sembra essere la ricerca di un maggior livello di benessere. La fuga da Firenze ha così due facce. Accanto ai giovani che scappano per esigenze di risparmio, ci sono gli adulti che desiderano lasciarsi alle spalle i difetti della città per abbracciare la quiete della campagna. Questi ultimi hanno un’età mediamente più matura, sono per lo più nuclei familiari con figli, con una persona di riferimento quarantenne e un titolo di studio elevato. Caratteristiche che fanno ipotizzare di trovarsi di fronte a famiglie benestanti. Tra di loro ci sono meno stranieri rispetto a coloro che inseguono il risparmio. “Una parte importante dei flussi in uscita dall’area centrale – spiegano i ricercatori dell’Irpet – trasloca nella prima cintura alla ricerca di una maggiore qualità dell’ambiente naturale e costruito, delle tipologie edilizie, nonché dei servizi, tutti aspetti

tra le mete più gettonate fiesole, Bagno a Ripoli e impruneta

che probabilmente risultano critici nell’area urbana centrale”. Tra le mete più gettonate troviamo Fiesole, Bagno a Ripoli, Impruneta e Vaglia, comuni pregiati con costi abitativi in linea con quelli fiorentini, se non superiori. Ma ad attirare gli ex fiorentini sono anche paesi più distanti dal capoluogo toscano, con valori immobiliari più bassi. In questo caso la qualità della vita più soddisfacente è pagata con tempi di pendolarismo più ampi. Si va dal Chianti al Mugello, passando per la Val di Pesa. Tra le destinazioni scelte troviamo Greve in Chianti, San Casciano, Borgo San Lorenzo, Scarperia. Le colline toscane si stanno urbanizzando ma il rischio di cementificazione selvaggia sembra scongiurato. Il Rapporto dell’Irpet, infatti, è rassicurante. I flussi diretti verso nuove aree hanno determinato impatti relativamente contenuti sull’urbanizzazione. Non si è assistito a espansioni incontrollate e opere di edilizia scadente (se non, in parte, nella piana ad ovest di Firenze), così come all’impoverimento nell’offerta di servizi, tipico dei quartieri dormitorio. Di fronte a questa fuga da Firenze, viene da chiedersi chi rimane nella città del Rinascimento. Solo monumenti e turisti? Pare di no. Tra la fine del 2007 e la fine del 2008, dopo anni di contrazione della popolazione, si assiste a un’inversione di tendenza, con un aumento di 1.265 unità. Il merito è per lo più degli stranieri, unici a compensare (in parte) l’abbandono dei fiorentini.

1094459


18

Marzo 2010

speciale

SOLIDARIETÀ. Prosegue l’impegno de Il Reporter a fianco della Fondazione Francesca Rava Onlus

Haiti ha ancora bisogno di noi

Un piccolo haitiano ospite dell’ospedale pediatrico N.P.H. Saint Damien della Fondazione Rava

H

aiti, due mesi dopo. Spente le luci della ribalta l’emergenza continua. Soltanto ora, superato lo shock, è possibile mettere a fuoco la tragedia in tutta la sua interezza. E rimboccarsi le maniche per ripartire, mettendo da parte la commozione, la disperazione, il dolore. A partire dalla ricostruzione delle scuole. La Fondazione Francesca Rava – NHP Onlus, attiva nell’isola da 22 anni, si è già mossa per rimettere in piedi le 17 scuole di strada, che prima del sisma hanno dato cibo, acqua e cure mediche, oltre all’istruzione, a 6mila bambini dai 2 ai 16 anni, provenienti dai quartieri più disagiati. Molte sono state danneggiate o distrutte lo scorso gennaio, lasciando 300 insegnanti senza casa né lavoro e i bimbi senza un punto di riferimento fondamentale. Ma la Fondazione non si è fermata, utilizzando quelle rimaste in piedi come base d’appoggio per la distribuzione di viveri e per i servizi sanitari. Un altro passo per “aiutare gli haitiani ad aiutarsi da sé” è il ripristino delle aree danneggiate a Francisville, la “Città dei mestieri” messa su dalla Fondazione con l’intento di fornire una formazione professionale a centinaia di ragazzi. Al momento il capannone ospita una serie di laboratori artigianali, tra cui un’officina meccanica e una panetteria, attrezzata con macchinari italiani. E panettieri di casa nostra, arrivati a sforna-

a due mesi dal violento terremoto che ha sconvolto l’isola l’emergenza continua. il primo passo per “aiutare gli haitiani ad aiutarsi da sé” è fornire loro gli strumenti per imparare un mestiere. E i panettieri di casa nostra sono già al lavoro sul posto re fino a 10mila panini al giorno durante l’emergenza. Ad alimentare la ricostruzione invece ci penserà la fabbrica di mattoni, che trova spazio anch’essa all’interno della cittadella. Il progetto è destinato ad ampliarsi entro l’anno, con l’avvio dei lavori di costruzione di una scuola professionale in grado di fornire a 500 studenti gli strumenti per imparare un mestiere. Il che non è poco, considerando che il 70% della popolazione di Haiti non ha un lavoro. Senza contare il fatto che, a luci spente, l’isola dovrà fare i conti con un’emergenza che andrà avanti per un’intera generazione di bambini e ragazzi mutilati. E’ un lungo elenco quello della ricostruzione, ma tra le diverse voci ognuno può trovare il modo di dare il proprio contributo. Ci vorrà un milione e mezzo di euro per mettere nuovamente in funzione il centro di riabilitazione per i bambini disabili a Petionville andato distrutto. Altrettanto sarà necessario per dar vita a un nuovo orfanatrofio. Ma sono sufficienti 10mila euro per tirare su una casetta con i mattoni prodotti a Francisville. Basta molto meno per frugarsi nella coscienza e scegliere come e in che misura dare una mano. Niente andrà perduto.


UN AIUTO IMMEDIATO IMMEDIATO IMMEDIATO PER I BAMBINI PER II BAMBINI PER BAMBINI COLPITI DAL

COLPITI DAL COLPITI DAL TERREMOTO! TERREMOTO! TERREMOTO!

DONA ANCHE TU SUBITO DONA ANCHE TU SUBITO FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS BONIFICO: IBAN IT 39 G 03062 34210 000000760000

BONIFICO: IBAN IT 39 G 03062 34210 000000760000 C/C POSTALE 17775230 BONIFICO: IBAN IT 39 G 03062 34210 000000760000 C/C POSTALE 17775230 Intestati a Fondazione Francesca Rava - N.P.H. Italia Onlus C/C POSTALE 17775230 Intestati a Fondazione Francesca Rava - N.P.H. Italia Onlus CARTA DI CREDITOFrancesca su www.nphitalia.org oppure il numero 02/54122917 Intestati a Fondazione Rava - N.P.H. Italiachiamando Onlus CARTA DI CREDITO su www.nphitalia.org oppure chiamando il numero 02/54122917 CARTA DI CREDITO su www.nphitalia.org oppure chiamando il numero 02/54122917 CAUSALE: TERREMOTO HAITI CAUSALE: TERREMOTO HAITI CAUSALE: TERREMOTO HAITI LA TUA DONAZIONE SERVIRÀ PER L’INVIO DI TEAM MEDICI ALL’OSPEDALE LA TUA DONAZIONE SERVIRÀ PER L’INVIO DI TEAM MEDICI ALL’OSPEDALE PEDIATRICO N.P.H. SAINT DAMIEN FONDAZIONE FRANCESCA RAVA, LA LA TUA DONAZIONE SERVIRÀ PERDELLA L’INVIO DI TEAM MEDICI ALL’OSPEDALE PEDIATRICO N.P.H. SAINT DAMIEN DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA, LA RIABILITAZIONE, LA CURA E L'APPLICAZIONE DI PROTESI AI BAMBINI CHE PEDIATRICO N.P .H. SAINT DAMIEN DELLA FONDAZIONE FRANCESCA RAVA, LA RIABILITAZIONE, LA CURA E L'APPLICAZIONE DI PROTESI AI BAMBINI CHE HANNO SUBITO FRATTURE AMPUTAZIONI, L’ACCOGLIENZA DI BAMBINI RIABILITAZIONE, LA CURA EE DI PROTESI AI BAMBINI CHE HANNO SUBITO FRATTURE EL'APPLICAZIONE AMPUTAZIONI, L’ACCOGLIENZA DI BAMBINI ORFANI, LA RICOSTRUZIONE CASE PER GLI SFOLLATI DELLE TENDOPOLI. HANNO FRATTURE EDI L’ACCOGLIENZA DI BAMBINI ORFANI, SUBITO LA RICOSTRUZIONE DIAMPUTAZIONI, CASE PER GLI SFOLLATI DELLE TENDOPOLI. ORFANI, LA RICOSTRUZIONE DI CASE PER GLI SFOLLATI DELLE TENDOPOLI. La Fondazione Francesca Rava rappresenta in Italia l’organizzazione umanitaria N.P.H. Nuestros Pequeños

La Fondazione Francesca in Italia l’organizzazione N.P.H. Nuestros Pequeños Hermanos, presente da 20Rava anni rappresenta nell’isola quarto mondo di Haiti conumanitaria numerosi progetti per l’infanzia, sotto La Fondazione Francesca Rava rappresenta in Italia l’organizzazione umanitaria N.P.H. Nuestros Pequeños Hermanos, presente da 20 anni nell’isola quarto mondo di Haiti con numerosi progetti per l’infanzia, sotto la guida di Padre Richard Frechette sacerdote e medico in prima linea. Hermanos, presente da 20Frechette anni nell’isola quarto mondo di Haiti con numerosi progetti per l’infanzia, sotto la guida di Padre Richard sacerdote e medico in prima linea. la guida di Padre Richard Frechette sacerdote e medico in prima linea.

FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS V.LE E. CALDARA, 43 - 20122 MILANO - TEL. 02/54122917 FAX 02/55194958 FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS V.LE E. CALDARA, 43 - 20122 MILANO - TEL. 02/54122917 FAX 02/55194958 info@nphitalia.org www.nphitalia.org FONDAZIONE FRANCESCA RAVA - N.P.H. ITALIA ONLUS V.LE E. CALDARA, 43 - 20122 MILANO - TEL. 02/54122917 FAX 02/55194958 info@nphitalia.org www.nphitalia.org

Ringraziamo

info@nphitalia.org www.nphitalia.org

per la pubblicazione di questa pagina

studiobackstage.com studiobackstage.com studiobackstage.com

HAITI HAITI UN AIUTO


20

politica

Marzo 2010

REGIONALI/1. Monica Faenzi, candidata alla presidenza per Pdl e Lega Nord

“un’impresa possibile” Filippo Serri

L’

entusiasmo è quello di chi affronta un’impresa impossibile: conquistare la fiducia della maggioranza dei toscani. Sorride ai cittadini a cui stringe ogni giorno la mano, sorride dai manifesti che tappezzano la città: “Il Coraggio di cambiare”, quello di Monica Faenzi, candidata del centrodestra alla presidenza della Regione. Ex assessore al Comune di Grosseto, attuale sindaco di Castiglione della Pescaia, deputata dal 2008, la sua candidatura è giunta a sorpresa per tutti, anche per lei. Se vincerà queste elezioni, dovrà venire a vivere a Firenze. Le piace l’idea? A Castiglione rimarrebbero gli affetti, ma al contempo sarei veramente felice di vi-

vere a Firenze, tra i fiorentini. Firenze è il capoluogo di questa regione: sembra scontato, ma guardandosi indietro non è così. Avrei anche modo di vedere l’operato del sindaco Renzi, del quale condivido il decisionismo, caratteristica più affine al centrodestra che al centrosinistra, ma non il merito di alcuni suoi provvedimenti. Ha già un’idea sulle priorità fiorentine a livello regionale? Uno dei primi interventi che intendo promuovere è lo sviluppo dell’aeroporto. La nuova pista è di vitale importanza per la ripresa economica e turistica del capoluogo. Noi dobbiamo batterci per un turismo di qualità e di lunga permanenza sul nostro territorio. Ritiene che l’immigrazione sia un problema presente in città? Basta camminare la sera per le strade del

centro per avere una risposta. L’immigrazione è un fenomeno che va governato, e credo che lo si possa fare regolando i flussi e istituendo un Centro per il riconoscimento e per l’espulsione di coloro che non hanno i requisiti per rimanere. Il mio avversario ne confonde invece la finalità, trasformandoli in centri di avviamento al lavoro per gli irregolari. Bisognerebbe ricordargli che ci sono tanti toscani a cui viene negato questo sacrosanto diritto. La Toscana è un fortino inespugnabile, oppure nutre speranze di vittoria? Anche Castiglione era un baluardo della sinistra, ma l’ho espugnato conquistando la fiducia di persone non certo vicine al centrodestra, ma evidentemente stufe di chi li aveva governate sino ad allora. Con lo stesso spirito affronto queste elezioni regionali. Niente è impossibile se ci si crede.

Monica Faenzi

FRANCESCO BOSI. Udc

ALFONSO DE vIRGILIIS. Lista Bonino-Pannella

“Infrastrutture moderne al primo posto”

“Ripartiamo dai giovani con il microcredito”

fiorentini se lo ricorderanno nei panni di consigliere comunale, carica che ha ricoperto dal 1975 al 1990. Dopo quell’esperienza il deputato Francesco Bosi, candidato alla presidenza per l’Udc, è stato due volte sottosegretario alla difesa con il governo Berlusconi ed è diventato sindaco di Rio Marina. Infrastrutture, economia e lavoro. Quali sono i primi punti da mettere in agenda? Un sistema infrastrutturale moderno è il presupposto indispensabile allo sviluppo economico di un territorio. Autostrade, aeroporti, termovalorizzatori, centrali elettriche, consentono alle imprese, agli investitori, di garantirsi le condizioni di competitività necessarie. Tutto ciò deve essere ar- Francesco Bosi ricchito da incentivi, in questo periodo di recessione che colpisce le imprese, ma anche le famiglie, i giovani e i lavoratori. Immigrazione, problema o risorsa? E’ insieme una risorsa, talvolta insostituibile, ed un problema. Gli immigrati sono innanzitutto persone e come tali debbono essere trattati con una politica seria d’integrazione. Nello stesso tempo non possono esserci incertezze sul rispetto della legge e delle regole di convivenza civile. Ecco perché siamo a favore dei Cie per consentire alle forze dell’ordine d’individuare ed identificare i clandestini ed eventualmente espellere quanti giungono da noi per delinquere. Come rilanciare il turismo? La promozione turistica deve essere necessariamente rilanciata con più professionalità e mezzi. Certo è che accanto a questa occorre in Toscana fare sistema anche nel turismo mentre talvolta appare chiaro che ciascuna località è lasciata libera di fare concorrenza all’altra senza che ciò sia di reale utilità. Chi sceglie la Toscana fa i propri conti rispetto alle offerte interne ed internazionali. Abbassare i prezzi è essenziale a cominciare dai trasporti.

N

oto imprenditore e ideatore del Premio Internazionale Galileo, prestigioso riconoscimento conferito di anno in anno a personalità di spicco in ambito culturale, è Alfonso De Virgiliis il candidato dei radicali per la Lista Bonino-Pannella. Immigrazione e Cie, favorevole o contrario? Contrario. Non ci dobbiamo dimenticare che l’immigrato è un uomo. Anche i nostri antenati sono stati migranti e allo stesso modo chi arriva da noi ha diritto di essere trattato come un uomo. Quindi un deciso no ai ghetti, promuoviamo invece un’azione costante di integrazione, diretta a favorire l’inserimento degli immigrati nel tessuto lavorativo, al di là del mestiere Alfonso De Virgiliis di badante. Economia, da dove ripartire? Dai giovani. Propongo un’alleanza tra istituti di credito, istituzioni pubbliche e private per creare un fondo di microcredito, gestito ovviamente non da forze politiche, per favorire le attività dei giovani, per dare loro modo di liberare la creatività e lo spirito imprenditoriale. Si attiverebbe così un circolo virtuoso, in grado di dare vita a nuovi posti di lavoro. Che gioverebbe non solo ai giovani, ma all’intera economia toscana. Parlando di infrastrutture, qual è il primo punto all’ordine del giorno? Innanzitutto le ferrovie. Abbiamo dei collegamenti disastrosi su cui è assolutamente necessario lavorare. E poi c’è la questione degli aeroporti. Non è possibile che quello di Firenze e quello di Pisa siano gestiti come se si trovassero in due regioni diverse, dobbiamo creare una sinergia. Cominciando con il ridurre a mezz’ora la distanza tra le due città.

992414

I

E AL N IO ESS TE F N RO E P ME N TA TA IO AZ PLE TUI M M RA OR INF CO G


politica

21

REGIONALI/2. Enrico Rossi, candidato alla presidenza per Pd, Idv, Sel, Rc-Pdci

“Il futuro parte oggi” Paola Ferri

F

atti quadrare i conti della sanità toscana, Enrico Rossi si appresta adesso a fare i conti con l’elettorato. Candidato alla presidenza per Pd, Sinistra Ecologia Libertà, Italia dei Valori, Rifondazione-Comunisti italiani, Rossi esce da un’esperienza decennale come assessore regionale alla Salute. Nato filosofo (si è laureato in Filosofia a 24 anni), approda alla politica nel 1985, quando diventa vicesindaco di Pontedera, di cui in seguito assume la carica di primo cittadino. Dopo 10 anni da assessore al Diritto alla salute lascia la sanità con i conti in ordine. Cosa c’è ancora da fare? Sono soddisfatto perché la sanità toscana funziona bene. Secondo l’Istat, in Tosca-

na è in continua diminuzione la mortalità prematura, quella che avviene prima dei 65 anni. L’infarto, ad esempio, ha una mortalità di oltre il 10% inferiore rispetto alle altre regioni. Naturalmente si può sempre migliorare: sull’aumento delle cure a domicilio come sul problema del dolore nei pronto soccorso e sulle azioni contro le malattie rare. Lavoro e giovani, come riconciliare i due universi? Ci sono 40mila toscani in cassa integrazione che nel corso del 2010 perderanno questa tutela sociale. La prima cosa da fare è prolungare gli ammortizzatori sociali e continuare a sostenere le imprese. Ma la crisi impone, più che una resistenza, un nuovo patto: i lavoratori e le imprese devono tornare ad essere i protagonisti di un progetto collettivo. Per questo, perché ci sta a cuore

ILARIO PALMISANI. Forza Nuova

“Garantire casa e lavoro a tutti i toscani”

C

onsigliere comunale a Rignano, Ilario Palmisani, 40 anni, è candidato alla presidenza della Regione per Forza Nuova. Che ne pensa dei Centri di identificazione ed espulsione? Sono assolutamente favorevole. Come Forza Nuova non parliamo di immigrazione clandestina, ma di immigrazione in blocco. L’unica soluzione è il rimpatrio per tutti. Al momento sembra irrealizzabile, ma basterebbe la volontà di farlo. Per questo ci vuole ricambio politico. A proposito di economia, da dove cominciare per far ripartire la Toscana? Ilario Palmisani Proprio da questo. Non possiamo permetterci un’immigrazione massiccia, nemmeno a livello sanitario, non solo a livello di posti di lavoro. E’ vero che anche i nostri avi sono stati migranti in America, in Germania e così via, ma là c’era un effettivo bisogno di noi, di manodopera. Adesso, in Italia e in Toscana, questo bisogno non c’è. Ed è una sciocchezza dire che ci sono alcuni mestieri che gli italiani non vogliono più fare, perché in un momento come questo pur di lavorare con onestà e dignità farebbero qualsiasi tipo di lavoro. Come sostenere le famiglie in un momento come questo? Partendo dal garantire a tutti un tetto sopra la testa. Il problema abitativo è diventato allarmante. Pensiamo alla situazione di Firenze, quante giovani coppie possono permettersi di spendere 2-300mila euro per comprare una casa? Dovremmo garantire a tutti di essere proprietari della propria abitazione, attraverso mutui abbordabili. Quello della casa è un grande ostacolo per quanti vorrebbero mettere su una famiglia.

il futuro che parte oggi, abbiamo preparato un pacchetto di proposte a favore dei giovani. Ne cito due: il fondo per i precari under 35 che vogliono investire in formazione; un prestito d’onore fino a 50mila euro per studenti meritevoli, da restituire in10 anni. Da dove cominciare per far ripartire l’economia toscana? Il punto di svolta è arrivare a decisioni più rapide. Per esempio individuando alcune aree da dedicare a nuovi insediamenti industriali, dove le aziende che si vogliono trasferire qui possano farlo più velocemente. Per esempio creando un ufficio regionale che monitori il mondo delle multinazionali, per prevenire le crisi industriali nonché condividere e affinare le strategie di sviluppo. Infine, si può e si deve semplificare la macchina amministrativa regionale, riducendo dell’1% la sua spesa corrente.

Enrico Rossi

TUTTI ALLE URNE IL 28 E IL 29 MARZO QUANDO Domenica 28 e lunedì 29 marzo si vota per l’elezione del presidente della Regione Toscana e per il rinnovo del Consiglio regionale. I seggi saranno aperti la domenica dalle 8 alle 22 e il lunedì dalle 7 alle 15. L’elettore dovrà presentarsi munito di documento di identità e tessera elettorale. Chiunque non abbia la tessera o l’abbia smarrita può richiederla all’ufficio elettorale del proprio comune di residenza.

DOvE Ognuno dovrà recarsi al seggio dove è solito votare. La lista completa è disponibile sul sito internet della Regione e su quello dei comuni toscani.

COME Si vota su un’unica scheda. Tracciando una x su una lista si esprime un voto sia per quella lista che per il candidato presidente ad essa collegato. Facendo una croce solo sul nome del candidato presidente il voto andrà soltanto al governatore, ma non si voterà per alcuna lista. E’ possibile anche dare un voto disgiunto, cioè scegliere un candidato presidente e una lista diversa da quella a lui collegata. Basta fare due croci diverse, una sul simbolo della lista e una sul nome del candidato. Non si possono invece esprimere preferenze per i candidati al consiglio regionale. I seggi saranno attribuiti seguendo l’ordine in lista.

1077515


22

politica

Marzo 2010

REGIONALI/3. Ecco il “bozzetto” del futuro Consiglio. Eccetto qualche possibile sorpresa

quelli che l’elezione ce l’hanno (quasi) in pugno Laura Lenzi

L

iste chiuse, consiglio fatto. In mancanza delle preferenze e in presenza di un notevole distacco tra le due principali alleanze che si contendono lo scettro della Toscana, si può già tracciare la mappa del futuro consiglio regionale. Che a questo giro conterà “solo” 55 seggi, per merito del taglio alle poltrone deciso durante l’ultima legislatura. Ecco allora come saranno distribuiti. Trentatré gli scranni che saranno occupati dalla maggioranza, di cui almeno 24 dovrebbero andare al Pd. Oltre ai candidati del listino bloccato (Andrea Manciulli, Caterina Bini, Daniela Lastri, Alberto Monaci e il socialista Pieraldo Ciucchi), pressoché certa l’elezione dei primi sei in “classifica” a Firenze: Alessia Ballini, Paolo Bambagioni, Vittorio Bugli, Nicola Danti, Eugenio Giani, Gianluca Parrini. “Non vivo di politica – dichiara Bambagioni – conosco da vicino il mondo del lavoro e credo che sia proprio da qui che dobbiamo partire, dal sostegno a chi produce reddito, per far ripartire la Toscana”. In caso scattasse anche un settimo seggio, in pole position c’è Simone Naldoni, segretario provinciale. Due eletti per uno dovrebbero toccare a Livorno, Lucca, Siena e Pisa, mentre Grosseto, Prato, Pistoia e Massa Carrara dovrebbero portare al mulino un consigliere a testa. Tre seggi in vista per Federazione di Sinistra (Pdci, Prc) e Idv, di cui uno con tutta probabilità toccherà in dote a Cristina Scaletti, attualmente assessore all’ambiente a Pa-

Paolo Bambagioni

Marco Carraresi

Mario Razzanelli

lazzo Vecchio, mentre Sel potrebbe rimanere tagliata fuori e recuperare un posto in giunta per la capolista a Firenze Alessia Petraglia. Ventidue, invece, le poltrone pronte ad accogliere le opposizioni, a partire da 17 consiglieri Pdl. Tanto per cominciare quelli del listino, Alessandro Antichi, Stefania Fuscagni, Marco Taradash, Salvatore Bartolomei e Stefano Mugnai, per proseguire poi con i 3 eletti in terreno fiorentino Nicola Nascosti, Paolo Marcheschi e Tommaso Villa. Le altre province condurranno un altro consigliere a testa a Palazzo Panciatichi, tra cui Alberto Magnolfi, attuale capogruppo azzurro, e Giovanni Donzelli, catapultato in cima alla lista pisana direttamente dai banchi dell’opposizione in Comune. Per la Lega si siederanno in Sala del Gonfalone Antonio Gambetta e Gianluca Lazzeri. Ma è a Firenze che potrebbero rivelarsi le maggiori sorprese in campo Lega, in barba ai sondaggi. Ci crede Mario Razzanelli, candidato in terza posizione “Siamo l’unico partito non coinvolto nelle indagini della magistratura – afferma – l’unico che ha diritto di parlare di questione morale. E i cittadini hanno voglia di voltare pagina”. Tre consiglieri, infine, dovrebbero spettare all’Udc, tra cui Marco Carraresi, già capogruppo in Regione. “Siamo il solo partito fuori dal coro – dichiara – basti pensare alla battaglia che abbiamo condotto in solitaria per il ripristino delle preferenze. Per questo mi aspetto un risultato in forte crescita”. Il bozzetto del prossimo consiglio è pronto, ai cittadini il compito di completare o ridipingere il quadro.


anno xxViii n.3 - marzo 2010

www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it www.lavoripubbliciborgosanlorenzo.it www.portalegiovanimugello.it

Publiacqua info 800238238, guasti 800314314 - Publiambiente 800980800 - Asl10 055 84511 - Emergenza 118 - PM 055 8457086

OPERAZIONE TRASPARENZA. ON LINE consultabili e scaricabili dal sito gli atti amministrativi

entra a pieno regime la funzione di consultazione degli atti amministrativi dal sito istituzionale del comune di Borgo San Lorenzo, che lo scorso anno è stato completamente rinnovato nella veste grafica e nei contenuti, con sezioni e spazi migliorati per informazioni e notizie, servizi e documenti. Digitando l’indirizzo www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it compare una home page più chiara e semplice, articolata in quattro macro aree: la “guida ai servizi” per ricercare, consultare e stampare gli atti, le procedure e la modulistica; il “comune” con le pagine riguardanti il sindaco, la giunta e il consiglio comunale e le relative funzioni e attività; poi, il “filo diretto” con comunicati stampa, notizie, novità, scadenze, newsletter e il periodico “comune notizie”, oltre all’area dedicata al rapporto cittadini-comune; ed infine, “territorio e turismo” con le informazioni turistiche e quelle sulle opportunità presenti a Borgo. per consultare gli atti amministrativi (delibere di giunta e consiglio, determine, ordinanze e albo pretorio on line, oltre al bilancio di previsione) basta cliccare su “consultazioni” nella sezione “Servizi” in home page; nella pagina successiva cliccando su “ricerca atti del comune” si apre una nuova pagina con la piattaforma di ricerca on line. Scorrendo l’elenco in primo piano sono visibili gli atti di ultima pubblicazione, mentre la ricerca di un preciso atto può essere effettuata con le chiavi “mittente”, “tipo”, “numero”, “data” e “oggetto”. i documenti - atti e allegati (dove sono presenti) sono in formato leggero (pdf ) e scaricabili. reclami e albo on line sono altre due funzioni utili del sito. cliccando da “filo diretto” la voce “Segnalazioni e re-

clami” si accede al sistema che consente di inoltrare segnalazioni e reclami: dopo essersi registrato con nome utente e password, il cittadino può inviare la segnalazione, seguirne l’iter e visualizzare la risposta (che riceve alla e-mail che ha indicato). Sempre nella sezione “filo diretto”, cliccando su “albo on line” si può consultare tutta la documentazione pubblicata all’albo pretorio - delibere, determine, ordinanze, avvisi, concorsi, convocazione di commissioni e consiglio comunale - direttamente sul web. on line anche il consiglio comunale, con i verbali e le sintesi delle sedute. che sono scaricabili selezionando la voce “consiglio comunale” dalla home page e poi, nella schermata successiva - la pagina generale con i gruppi e i nominativi dei consiglieri comunali, il regolamento, il rendiconto dell’attività e il link per accedere alla ricerca degli atti -, selezionando in alto a sinistra “Sedute consiglio comunale”: in questa pagina si trova l’elenco delle sedute e per ognuna è possibile consultare le delibere approvate, i documenti discussi (interrogazioni, ordini del giorno e mozioni) e la trascrizione del dibattito; nella stessa sezione si trovano anche le informazioni sulle tre commissioni consiliari, con i relativi componenti e le sedute. il sito, realizzato dal comune nell’ambito della gestione associata dei servizi di rete civica della comunità montana mugello, rispetta tutti i requisiti di accessibilità, usabilità, sicurezza e privacy, con una migliore e più efficace razionalizzazione e distribuzione delle informazioni e dei contenuti.

ELEZIONI REGIONALI 2829 MARZO 2010, INFORMAZIONI PER IL VOTO i prossimi 28-29 marzo gli elettori sono chiamati a votare per il rinnovo del consiglio regionale e per eleggere il nuovo presidente della regione toscana. per ulteriori informazioni può essere consultato il sito del comune o quello della regione toscana: www.regione.toscana.it/elezioni2010 quando si vota Si potrà votare dalle ore 8.00 alle ore 22.00 di domenica 28 marzo e dalle ore 7.00 alle ore 15.00 di lunedì 29 marzo. come si vota La votazione avviene su un'unica scheda, di colore verde, che sulla parte sinistra reca i simboli e i candidati di ciascuna lista provinciale e sulla parte destra il nome e il simbolo del candidato presidente a cui le liste sono collegate. tracciando un segno su una lista si esprime un voto per quella lista e per il candidato presidente ad essa collegato. tracciando un segno solo su un candidato presidente si vota solo per questo candidato, senza esprimere alcun voto alle liste. Si può anche dare un voto disgiunto. Scegliere cioè un candidato presidente e poi una lista che risulta collegata ad un altro candidato presidente. in questo caso vale sia il voto per il candidato presidente che quello per la lista prescelta. non si esprimono preferenze nominative per i candidati al consiglio regionale. i seggi saranno assegnati ai candidati  seguendo l'ordine di presentazione indicato sui manifesti e sulla stessa scheda. dove si vota Sulla tessera elettorale è indicato il numero della sezione in cui ogni elettore deve votare e il luogo dove si trova la sezione. Questo l'elenco delle sezioni elettorali del comune: SEZIONE 1  VIA DON MINZONI PRESSO SCUOLA ELEMENTARE

SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 SEZIONE 5 SEZIONE 6 SEZIONE 7 SEZIONE 8 SEZIONE 9 SEZIONE 10 SEZIONE 11 SEZIONE 12 SEZIONE 13 SEZIONE 14 SEZIONE 15 SEZIONE 16 SEZIONE 17

 VIA DON MINZONI PRESSO SCUOLA ELEMENTARE  VIA DON MINZONI PRESSO SCUOLA ELEMENTARE  VIA ALDO MORO PRESSO SCUOLA MATERNA  VIA ALDO MORO PRESSO SCUOLA MATERNA  VIA GIOTTO PRESSO PALAZZO COMUNALE  VIALE RESISTENZA PRESSO SCUOLA MATERNA  VIALE RESISTENZA PRESSO SCUOLA MATERNA  VIALE RESISTENZA PRESSO SCUOLA MATERNA  LUCO MUGELLO PRESSO SCUOLA ELEMENTARE  GREZZANO PRESSO CAMPO SPORTIVO  CASAGLIA PRESSO EX SCUOLE  RONTA PRESSO SCUOLE ELEMENTARI  RAZZUOLO PRESSO CIRCOLO ARCI  PANICAGLIA PRESSO SCUOLA MATERNA  POLCANTO PRESSO CIRCOLO SMS  SAGGINALE PRESSO SCUOLA MATERNA

Si segnala che da queste elezioni riapre a panicaglia, il seggio elettorale: pertanto gli elettori della sezione 15 (panicaglia) non si recheranno più a Borgo a votare, ma voteranno nella loro frazione, presso la scuola materna. la tessera elettorale per votare occorre presentarsi al seggio con la tessera elettorale ed un documento di riconoscimento (carta di identità, patente o passaporto). ai fini elettorale sono validi anche i documenti scaduti purché il titolare del documento sia riconoscibile. chi ha smarrito la tessera elettorale può richiederne il duplicato direttamente all'ufficio elettorale negli orari di apertura sotto riportati, compilando la dichiarazione di smarrimento. chi non avesse mai ricevuto la tessera può richiederla negli stessi orari all'ufficio elettorale.

orario ufficio elettorale Da martedì 23 marzo a sabato 27 marzo l'ufficio elettorale è aperto dalle ore 8.30 alle ore 19.00. inoltre domenica 28 e lunedì 29 marzo l'ufficio elettorale resterà aperto per tutta la durata delle operazioni elettorali. trasporto per persone disabili il comune organizza un servizio di trasporto su richiesta, rivolto alle persone disabili e in difficoltà a raggiungere autonomamente i seggi elettorali in occasione delle elezioni regionali. il servizio di trasporto potrà essere prenotato telefonando al seguente numero: ufficio elettorale 055- 84966237 certificazioni per elettori con impedimento fisico gli elettori fisicamente impediti che necessitano di essere accompagnati da persona di fiducia nella cabina elettorale, possono richiedere il certificato a uno degli ambulatori dell'azienda Sanitaria della zona mugello. per il nostro comune i certificati saranno rilasciati presso il poliambulatorio di Viale della resistenza, tel. 055 8451507, nei seguenti orari: SaBato 27 marzo: ore 9.00/10.00 - dott.ssa pitta Domenica 28 marzo: ore 9.00/10.00 - dott. timpanelli LuneDi' 29 marzo: ore 9.00/10.00 - dott.ssa pifferi tutti i certificati e le attestazioni saranno rilasciate gratuitamente. Qualora l'impedimento fisico dell'elettore  sia permanente (es. cecità), il certificato medico potrà essere rilasciato con l'indicazione "impedimento permanente". in questo caso consegnando il certificato all'ufficio elettorale sarà inserita un'annotazione sulla tessera elettorale, che consentirà all'elettore disabile di votare accompagnato da persona di fiducia in occasione di tutte le elezioni (senza bisogno di tornare ad ogni elezione dal medico per farsi rilasciare il certificato). 


ECCO QUANTI SIAMO:18.049 dati sulla popolazione residente nel nostro comune al 31/12/2009

cittadini residenti DI CUI: FEMMINE MASCHI

18.049

numero di famiglie

7.377

nati nel 2009 morti nel 2009 differenza fra nati e morti

188 189 -1

iscritti per immigrazione di cui provenienti dall’estero cancellati per emigrazione differenza fra iscritti e cancellati incremento demografico

566 128 439 +127 + 126

(aL 31/12/2008 n. 17.923)

collegamento per uffici postali e area servizi di piazza m.l. King

9.310 8.739

(85 MASCHI E 103 FEMMINE) (89 MASCHI E 100 FEMMINE)

N.B. L’INCREMENTO DEMOGRAFICO CHE NEL 2007 ERA PARI A 398 UNITÀ, È PASSATO NEL 2009 A 126 UNITÀ (IL COMUNE CONTINUA A CRESCERE MA A RITMO MENO SOSTENUTO). E’ QUASI IN PAREGGIO (-1) IL SALDO NATURALE, CHE ERA NEGATIVO (-45) NEL 2008. cittadini stranieri stranieri MASCHI FEMMINE MINORENNI

passerella in legno sul torrente le cale

1.736 (ERANO AL 31/12/2008 : 1.628) 806 930 409

le etnie piÙ numerose sono: ALBANESI 708 (NEL 2008 : 670) RUMENI 400 (NEL 2008 : 375) matrimoni NEL 2009 NEL TERRITORIO COMUNALE DI BORGO S. LORENZO SONO STATI CELEBRATI 61 MATRIMONI, DI CUI: 26 MATRIMONI civili 35 MATRIMONI religiosi

ATO, RESTITUZIONE DELLA TARIFFA DI DEPURAZIONE: APPROVATO IL REGOLAMENTO ATTUATIVO

dal ministero dell’ambiente le indicazioni per l’attuazione della sentenza 335/2008 della corte costituzionale

con la pubblicazione nella g.u. ha finalmente visto la luce il decreto che individua criteri e parametri per la restituzione agli utenti della quota di tariffa non dovuta riferita al servizio di depurazione. La questione era sorta a seguito della sentenza 335/2008 della corte costituzionale che aveva stabilito l’illiceità dell’applicazione della tariffa di depurazione alle utenze che non usufruivano del relativo servizio. precedentemente alla sentenza, la normativa di settore obbligava invece gli utenti allacciati alle fognature pubbliche al pagamento non solo della quota di tariffa relativa all’allontanamento dei reflui, ma anche allo smaltimento dei medesimi, indipendentemente se questo smaltimento avvenisse o meno negli impianti di depurazione. per risolvere la questione era già intervenuto il parlamento che, con la Legge 13 del 2009, aveva circostanziato la restituzione delle quote di depurazione non dovute, stabilendo il principio che dalle stesse dovessero essere esclusi gli oneri relativi all’attività di progettazione e di realizzazione o completamento degli impianti di depurazione. La stessa legge dava poi mandato al ministero dell’ambiente per la predisposizione della metodologie di determinazione degli importi da restituire e delle modalità per il rimborso. il nuovo decreto conferma che devono essere restituite le tariffe di depurazione pagate dagli utenti che non hanno usufruito del relativo servizio, al netto delle spese di progettazione e realizzazione dei relativi impianti. alcuni aspetti sembrano però richiedere ulteriori approfondimenti: da una prima analisi appare che sia necessaria una richiesta dell’utente per ricevere la restituzione delle somme pagate, nonché che le stesse possano riguardante solo 5 anni addietro. L’autorità di ambito del medio Valdarno si è già attivata da tempo con publiacqua per individuare le utenze che nel passato hanno pagato la tariffa di depurazione senza usufruire del servizio e sta adesso chiedendo chiarimenti al ministero sui principali aspetti controversi del decreto. nelle prossime settimane si attiverà con le associazioni dei consumatori per addivenire ad una procedura di restituzione la più semplice e lineare possibile. info: ato 3, tel. 055 263291, www.ato3acqua.toscana.it, mail: info@ato3acqua.toscana.it

a Borgo c’è un “ponte” in più: la passerella sul torrente Le cale, di collegamento con l’area servizi e parcheggio di piazza martin Luther King. realizzata in estate da cavet, nell’ambito degli accordi dell’alta Velocità, è stata aperta a conclusione dei tempi previsti per i collaudi. insieme alla passerella - una struttura in legno lamellare della lunghezza di 20 metri e larghezza 2,50 metri, con abbattimento delle barriere architettoniche -, sempre da cavet, sono state realizzate e rinforzate le arginature del torrente e del fiume Sieve per la messa in sicurezza dell’area circostante, che sono state rese pedonali e ciclabili e attrezzate con illuminazione pubblica e panchine.

PERDITE ACQUA PER GELO, CONSIGLIO COMUNALE CHIEDE RIDUZIONI IN PAGAMENTI

e’ con un voto all’unanimità che il consiglio comunale chiede in una mozione “alla regione toscana e alla autorità di ambito 3 medio Valdarno di intervenire approvando consistenti riduzioni nel pagamento delle perdite di acqua potabile avvenute negli impianti in relazione all’evento climatico del 19-20 dicembre 2009”. nel documento si ricordano i danni causati dall’eccezionale ondata di maltempo con la caduta di circa 30 centimetri di neve, sbalzi di temperatura da -20 a +17 gradi e pioggia abbondante in pochissimi giorni, facendo presente che con tale situazione “è stato impossibile proteggere tempestivamente e adeguatamente gli impianti a rischio” e che “spesso l’utente si è accorto della perdita solo dopo aver ‘consumato’ migliaia di metri cubi di acqua potabile”. ancora si ricorda che “in mancanza della sottoscrizione della prevista assicurazione da parte di publiacqua, purtroppo ancora poco conosciuta da moltissimi cittadini, l’utente è costretto a pagare somme esorbitanti spesso impossibili da fronteggiare anche se ratealizzate, soprattutto in un periodo, come questo, di grave crisi economica”. Di qui la richiesta a regione e ato per prevedere riduzioni nel pagamento delle perdite.

<Comune utile>

Bonus gas.

Il bonus è una riduzione sulle bollette del gas metano riconosciuta alle famiglie con basso reddito (ISEE non superiore a 7.500 euro) e alle famiglie numerose (ISEE non superiore a 20.000 euro per famiglie con più di tre figli a carico). Può essere richiesto da chi è un cliente domestico diretto o condominiale di gas. Per ottenere l’agevolazione occorre presentare domanda all’URP del comune (entro il 30 aprile prossimo per ottenere l’agevolazione dal 2009; per le domande presentate successivamente il bonus decorrerà dal 2010), portando l’attestazione ISEE, la bolletta del gas e un documento di riconoscimento. E’ necessario anche il codice POD (riportato sulle bollette ENEL) oppure l’ultima bolletta dell’ENEL. Ulteriori informazioni presso l’URP del comune (05584966235) oppure sul sito dedicato : https://www.sgate.anci.it/

Inail.

Dal 25 febbraio l’ufficio INAIL di Borgo ha cessato la propria attività: un’agenzia INAIL è comunque presente presso la sede INPS (in Piazza M. Luther King 3) ogni giovedì dalle 8.30-12.30 e dalle 14.30-16.30. Tel. 055-845461.

Tosap.

La scadenza del pagamento della TOSAP e dell’Imposta Comunale sulla Pubblicità è fissata alla fine del mese successivo rispetto all’approvazione del bilancio; poiché quest’anno la scadenza per l’approvazione del bilancio è stata prorogata al 30 aprile, la Gestione Servizi Pubblici s.r.l. (società a cui è stato affidato il servizio di riscossione) invierà i relativi bollettini di pagamento subito dopo l’approvazione del bilancio comunale. Direttore: Giovanni Bettarini • Direttore responsabile: Johnny Tagliaferri Redazione: Ufficio Stampa - Piazza Dante, 2 - 50032 Borgo San Lorenzo uffstampa@comune.borgo-san-lorenzo.fi.it • urp@comune.borgo-san-lorenzo.fi.it registrazione al tribunale di firenze n. 3093 del 7/1/1983


Il Pedibus piace, il “millepiedi” che va a scuola è più lungo saliti a 77 i bambini. e da poco È partita anche la linea per il catechismo

34 nell’anno scolastico 2007-2008, 51 in quello successivo e ora 77. Sono i bambini che ogni giorno raggiungono la scuola col “pedibus”, un servizio promosso dal comune che di anno in anno riscuote successo e vede aumentare gli iscritti. tutte le mattine all’entrata a scuola alle 8 e poi all’uscita, alle 12,20 e alle 16,20 (tempo lungo), un millepiedi colorato si muove per le vie del capoluogo. i bambini con indosso una pettorina gialla e accompagnati da volontari seguono i percorsi, le quattro linee - blu, rossa, gialla e verde - indicate da segnaletica verticale e orizzontale (dei piedini colorati), e passo dopo passo si dirigono a scuola. e alla fine delle lezioni di nuovo in marcia per tornare a casa. il “pedibus” è partito due anni fa per le classi 3°, 4° e 5° delle scuole elementari, poi si è esteso a tutte le

classi delle elementari del capoluogo e adesso gli iscritti sono saliti a 77. ma il servizio cresce ancora, con una nuova linea che porta 38 bambini delle terze classi dalla scuola alla pieve di San Lorenzo per il catechismo. con i piccoli utenti sono aumentati anche i volontari, 25 tra genitori, nonni e operatori, che, coordinati dall’associazione anteas, tutti i giorni assicurano la loro presenza e vigilanza sulle quattro linee. obiettivo di questa esperienza è tornare a dare spazio ai bambini dentro la città: l’idea è semplice ma i vantaggi sono molti, e vanno dall’educazione all’autonomia ai benefici per la salute, dalla maggiore socializzazione all’alleggerimento del traffico. Quello di Borgo è tra i primi comuni in italia ad aver attivato questo tipo di esperienza, che ha riscosso interesse e successo.

Biblioteca, ancora numeri record: 47mila prestiti segno piÙ per patrimonio librario e multimediale, utenti e babY lettori. novità: gli audiolibri

ancora numeri record… “ma dove? in biblioteca”. e’ un bilancio sempre col segno + per la biblioteca comunale che nel 2009 ha superato i 47mila prestiti (precisamente 47.062 contro i 45.530 dell’anno precedente), con 27.813 libri, 17.710 dvd e 1.624 cd. numeri che la piazzano, ormai da anni, tra le eccellenze del sistema di pubblica lettura della toscana (anche con un riconoscimento formale da parte della stessa regione). Si è letto di più a marzo e giugno, con 2.194 e 2.166 prestiti, mentre gennaio è stato il mese con più richieste per dvd, 1.775, e cd, 196. Saliti da 6.414 (2008) a 7.357 i prestiti dei libri per l’infanzia (0-14 anni), e tra i baby lettori a leggere di più sono i bambini dai 5 ai 10 anni (3.909 i prestiti). ancora in crescita gli utenti che sono arrivati a quota 6.646 rispetto ai 5.799 del 2008, e pure il patrimonio librario, salito a 67.429 volumi (2.665 nuovi libri, con acquisti per 1.874) e quello multimediale con 2.707 dvd e 1.587 cd. e col 2010 è arrivata una novità “da ascoltare”: gli audiolibri, libri in versione audio (cd); i primi sono già a disposizione per il prestito.

La Storia DeLLa toDt in mugeLLo in un LiBro

curato dal giovane edoardo braschi “Lavoravo alla todt. La costruzione della Linea gotica nel mugello” è il libro curato da edoardo Braschi, pubblicato da protagon editori, che è stato presentato di recente a Borgo. nel periodo che seguì lo sbandamento dell’8 settembre 1943, diversi giovani scelsero di evitare l’arruolamento forzato nell’esercito di Salò lavorando alla todt, l’organizzazione tedesca che reclutava manodopera per la costruzione delle postazioni difensive sulla Linea gotica: uomini e donne che non fecero una chiara scelta antifascista ma cercarono di salvarsi dall’arruolamento nelle file dell’esercito di Salò lavorando per i militari tedeschi all’approntamento delle postazioni sul crinale appenninico per arrestare l’offensiva alleata. per i partigiani questi operai non costituivano dei veri e propri nemici, anche se la loro opera contribuiva oggettivamente a rallentare la fine del conflitto. tra i canti partigiani raccol-

ti nel mugello un passo recita: “ed anche voi toddini / non siete assassini ma fate attenzion / fate durare più la guerra / ma russia e inghilterra ben presto verran!”. il volume, promosso dall’università dell’età Libera e dal comune, racconta e analizza quella vicenda, una “zona grigia” poco conosciuta e studiata, attraverso la testimonianza diretta di 15 protagonisti, con il merito di scandagliare questo ampio campo di memorie per segnarne i contorni e comprendere le motivazioni di chi fece una scelta in qualche modo “collaborazionista”.

NO TICKET SANITARIO PER CHI È SENZA PAGA. Per i lavoratori senza paga da almeno tre mesi niente ticket per le prestazioni specialistiche ambulatoriali, di diagnostica e di laboratorio. E nemmeno per i familiari a carico. Lo ha deciso la Regione Toscana: per essere esenti basta autocertificare di non riscuotere lo stipendio da almeno tre mesi consecutivamente. Per familiari a carico si intendono quelli non fiscalmente indipendenti, cioè per i quali l’interessato gode di detrazioni fiscali. L’onere di pagare il ticket si riattiva nel momento in cui l’interessato ricomincia a percepire la retribuzione. INPS, PROCEDURE PIÙ SNELLE. Procedure più snelle e tempi di risposta più

rapidi, è quanto prevede un protocollo siglato tra Inps e Regione Toscana sulle procedure per il riconoscimento dell’invalidità civile. Dal 1 gennaio 2010 le domande per ottenere

“CI VEDIAMO IN BIBLIOTECA...” “Ci vediamo in biblioteca…” è il bando di concorso promosso dal Comune di Borgo San Lorenzo per “la raccolta di scritti, video e disegni” basati “sugli incontri e le esperienze vissute in biblioteca da piccoli e grandi”. Ed è articolato in tre sezioni: narrativa (racconto in lingua italiana per un massimo di 6000 battute), filmati (cortometraggi di massimo 3 minuti in vari formati digitali) e disegni (riservata a bambini fino a 6 anni). La partecipazione è gratuita e gli elaborati vanno inviati o consegnati personalmente in busta chiusa in biblioteca, entro e non oltre il 31 maggio. Bando e moduli sono scaricabili dal sito del Comune www.comune.borgo-san-lorenzo. fi.it; per maggiori informazioni ci si può rivolgere direttamente alla biblioteca (tel. 055 857197, mail: biblioteca@comune.borgosan-lorenzo.fi.it).

SoLiDarietÀ a “Buon fine”

donati ad associazioni oltre 10mila prodotti invenduti anche nel 2009 la solidarietà in mugello è andata a “Buon fine”. ogni giorno la grande distribuzione avvia allo smaltimento tantissimi prodotti alimentari buoni e ancora commestibili (in perfetta conformità ai requisiti igienico-sanitari, di identificazione ed etichettatura) ma considerati non più vendibili per difetti nella confezione o perché vicini alla scadenza. un surplus alimentare che potrebbe diventare uno spreco assurdo - soprattutto adesso con la crisi economica - viene invece destinato a 11 associazioni e realtà del no profit sociale mugellano col progetto ‘Buon fine coop’, promosso da unicoop firenze con la Sezione Soci coop di Borgo San Lorenzo presso il centro commerciale mugello. e così merci e articoli invenduti nei supermercati si tramutano in un aiuto concreto per famiglie e soggetti che versano in condizioni di disagio e difficoltà. La supervisione del progetto sociale è affidata a un comitato di coordinamento, composto dal presidente della Sezione Soci coop, un rappre-

i benefici in materia di invalidità, cecità, sordità, handicap e disabilità, devono essere presentate all’Inps, che gestisce adesso il processo dell’invalidità civile in collaborazione con le Asl. L’intero processo è sostenuto da una nuova procedura informatica che consente trasparenza e tracciabilità, con una semplificazione delle fasi che permetteranno di ridurre i tempi di riconoscimento dello stato invalidante e l’erogazione delle provvidenze economiche.

CIG IN DEROGA ESTESA A TUTTO IL 2010. Estesa a tutto il 2010 la possibilità di richiedere la cassa integrazione in deroga per i dipendenti di aziende toscane in difficoltà che non possono usufruire di ammortizzatori sociali o che non possono più accedervi. Lo prevede un accordo firmato da Regione e parti sociali, che stabilisce

sentante di ogni associazione onlus, dal direttore del Supermercato coop e dall’assessore alle politiche di Salute del comune di Borgo. Questo il bilancio del 2009: sono stati raccolti e distribuiti, complessivamente, 10.483 prodotti per un totale di oltre 5.000 Kg e un controvalore superiore ai 90.000 euro. Di questi, 5.166 prodotti sono stati donati, nel comune di Borgo San Lorenzo, alla cooperativa alveare (861, fino a novembre), all’associazione arca (1.400), al “progetto accoglienza” (1.111), alle “Sentinelle di pasqua” (874) e alla locale misericordia (920); 1.421 e 737, rispettivamente, alla congregazione terz’ordine francescano e alla misericordia di Scarperia; 1.011 alla misericordia di San piero a Sieve; 56 all’associazione “il mulino” (dal dicembre scorso) e 951 all’associazione “insieme”, nel comune di Vicchio; ed infine, 1.141 all’associazione “Sul Sentiero” nel comune di Dicomano. Dal 2007 (anno di inizio del progetto) al 2009 sono stati raccolti e consegnati 40.891 articoli, per un controvalore di 214.634 euro.

in 4 mesi il periodo massimo per cui ogni azienda potrà richiedere l’utilizzo della Cassa integrazione in deroga, rinnovabili fino ad un massimo di 12 mesi, e fissa una serie di misure di semplificazione per velocizzare sia i tempi di accesso per le imprese che quelli per la liquidazione ai lavoratori.

PRESTITO AD AZIENDE PER PAGARE GLI STIPENDI. Un prestito per assicurare gli stipendi per dodici mesi, a patto di non tagliare nemmeno un posto di lavoro per un anno. A garantirlo, gratuitamente, alle piccole e medie aziende toscane in momentanea difficoltà è la Regione attraverso Fidi Toscana. Per maggiori informazioni: Fidi Toscana (piazza della Repubblica a Firenze), su www.fiditoscana.it può essere scaricata tutta la modulistica necessaria.


a borgo ci sono 95 associazioni aifo (associazione identificazioni forensi), caam (coordinamento associazioni auser mugello), comitato San Lorenzo, comunità di nazareth San giuseppe, i Borghi di Sieve associazione culturale, Lo zampetto associazione sportiva, Lo staff delle Vergini. Sono le 7 associazioni new entry iscritte all’albo comunale, che vanno ad aggiungersi alle altre 88 già presenti (e che sono state confermate per aver presentato la scheda con l’aggiornamento dei dati e il resoconto dell’attività svolta), mentre 2 hanno comunicato la cessazione della loro attività e 18 sono state dichiarate decadute in quanto non hanno riconsegnato la documentazione richiesta. in totale, adesso, le

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17

1°COMPAGNIA ARCIERI DEL MUGELLO AEROCLUB VOLOVELISTICO - DEL MUGELLO A.S.D. AGESCI - SCOUT BORGO SAN LORENZO AIFO ASSOCIAZIONE IDENTIFICAZIONI - FORENSI AKELA ONLUS ALCHIMJA AMICI DEL PALLAIO AMICI DELLE BIBLIOTECHE ANMIL ANPI ANTEAS ARCI CACCIA ARTEC - ARTE TERRITORIO CULTURA ARTISTICA MUGELLO ASD ASSO EMERGENZE MUGELLO ASSOCIAZIONE CONSUMATORI PRODOTTI NATURALI ASSOCIAZIONE FRA GENITORI DEL MUGELLO E ALTO MUGELLO CONTRO L’EMARGINAZIONE ONLUS

associazioni borghigiane iscritte attualmente all’albo comunale sono 95. Di queste, 37 operano nel settore culturale, 27 in quello sportivo, 25 lavorano in campo

berlingaccio nel “Kaos”

SPORTIVO SPORTIVO CULTURALE SOCIALE EASSISTENZIALE AMBIENTALE CULTURALE SPORTIVO CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE AMBIENTALE CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE

socio-assistenziale e 6 si occupano di materie ambientali. L’elenco completo è consultabile sul sito del comune nella sezione ‘territorio e turismo’.

giardini “Wireless” connessione gratuita

anche i giardini pubblici di piazza Dante, con la biblioteca comunale e il centro d’incontro, sono wireless. giardini “senza fili” per navigare in internet collegandosi dal proprio pc o notebook, o ancora con un cellulare umts o l’i-phone. il servizio è gratuito e per usufruirne bisogna registrarsi all’urp (ufficio relazioni col pubblico) o al centro d’incontro, negli orari di apertura al pubblico, presentando la carta d’identità e compilando l’apposito modulo: una volta registrati i dati anagrafici, sarà rilasciata una chiave d’accesso personale.

anche i nonni navigano in internet con la banca del tempo

CORSO GRATUITO RIVOLTO A PERSONE CON PIÙ DI 55 ANNI

FOTO FRANCESCO TERZINI

un altro successo per “atmosfere e misteri in una notte di carnevale”, la manifestazione del Berlingaccio con l’allestimento scenico  curato dal teatro idea e  la  regia di Vieri chini, promossa  col patrocinio del comune, che si è tenuta sabato 13 febbraio. oltre 400 maschere fra attori e figuranti, trampolieri e artisti col fuoco hanno animato angoli, strade e piazze del centro storico, con musiche, suoni, luci e scenografie che hanno trascinato tutti quanti nel “Kaos” (tema di quest’edizione).

PRODOTTI A KM ZERO

i prodotti freschi di stagione a Km zero si trovano ogni mercoledì pomeriggio al “mercato dei produttori agricoli del mugello” presso il piazzale del parco della misericordia: da settembre ad aprile con orario 14,30-19 e da maggio ad agosto 16-20. per consentirne lo svolgimento nel piazzale il mercoledì è stato istituito un divieto di sosta e transito con rimozione forzata dalle 13 alle 20, per tutto l’anno. errata corrige. La fotografia relativa all’inaugurazione del monumento a Fido nel 1957 pubblicata nel numero scorso, reperita nella cartella contenente gli atti amministrativi, documenti e materiale di vario genere (incluse foto) su Fido che è custodita nell’archivio storico comunale, è dello Studio Foto Barletti.

anche i “nonni” navigano in internet. grazie alla Banca del tempo “giardino delle ore” di Borgo San Lorenzo. “nonni su internet” è un corso gratuito di prima alfabetizzazione informatica promosso dalla Banca del tempo borghigiana - un’iniziativa sostenuta dal comune -, con “nozioni di base per muovere i primi passi in autonomia con il pc e iniziare a usarlo divertendosi”. tenuto dagli stessi soci della banca presso l’aula informatica del paas all’interno del centro d’incontro di piazza Dante a Borgo, è articolato in 8 incontri della durata di 2 ore ciascuno, il giovedì dalle 17 alle 19, ed è rivolto a persone con età superiore ai 55 anni, con lo scopo di “avvicinare gli anziani con l’aiuto di tutor a usare il computer, capire l’uso di internet, la posta elettronica e imparare a usufruire dei principali servizi digitali presenti sulla rete, promossi dalle pubbliche amministrazioni locali e da privati”. Le iscrizioni si ricevono presso il centro d’incontro il martedì mattina dalle 10,30 alle 12 e il giovedì dalle 17,30 alle 18,30.

DOMENICHE IN VILLA • PROGRAMMA CULTURALE VILLA PECORI GIRALDI

• 21 marzo Caffè Scienza ore 17,30: “Le allergie”con Mario Milco D’Elios e Martina Biondi del Dipartimento di Medicina Interna Università di Firenze • 28 marzo ore 17,30: Concerto jazz d’autore Quartetto Vian Ingresso 7 euro con aperitivo incluso • 11 aprile ore 17,30: Reading multimediale “Chromethica”, performance a cura del Collettivo Selfpoetry Ingresso 7 euro con aperitivo incluso •  18 aprile ore 17,30: Caffè Scienza “Cosa c’è tra la vita e la morte?”con Leandro Barontini (medico anestesista, presidente del Comitato etico, Asl Pistoia) e Monica Toraldo di Francia (docente di Bioetica, UNiversità di Firenze, membro del Comitato nazionale di Bioetica) Ingresso gratuito •  25 aprile ore 17,30 Concerto-canzone d’autore con Luca De Nuzzo (vincitore del Premio De Andrè nel 2004, finalista del Premio Tenco 2009) in “Jòmene e Jòmene” Ingresso 7 euro con apertivo incluso

18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95

ASSOCIAZIONE INSIEME ONLUS ASSOCIAZIONE LETIZIA TOZZI PROGETTO MUSICA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI ASTOLFO ONLUS ATLETICA MARCIATORI G.S.D. AUSER - UNIVERSITÀ DELL’ETÀ LIBERA AUTOMOTOCLUB STORICO MUGELLO AVIS COMUNALE DI BORGO SAN LORENZO AVO VOLONTARI OSPEDALIERI BANCA DEL TEMPO “GIARDINO DELLE ORE” BOXE MUGELLO CAAM COORDINAMENTO ASSOC.AUSER MUGELLO CARNEVALE MUGELLANO CENTRO DOCUMENTAZIONE STORICO TERRITORIALE DEL MUGELLO CENTRO GIOVANILE DEL MUGELLO CENTRO RADIO SOCCORSO CILLOBASKET R.C. ASD CIRCOLO BIANCO ROSSO CIRCOLO SPAZIO 3 CLUB CICLO APPENNINICO 1907 COMITATO SAN LORENZO COMUNITA’ DI NAZARETH SAN GIUSEPPE CONFRATERNITA DI MISERICORDIA CONSORZIO MUGELLO SPORT CORALE S.CECILIA 1909 COSTES CPA CACCIA PESCA AMBIENTE FEDERAZIONE ITALIANA DELLA CACCIA FESTA DELLE VERGINI FIORENTINA HANDBALL ASD FORTIS JUVENTUS 1909 ASD FORTIS JUVENTUS 1909 - CIRCOLO POLIVALENTE FRATRES - DONATORI DI SANGUE GINGA SEMPRE GRUPPO ALPINI BORGO S.LORENZO GRUPPO D’ERCI I BORGHI DI SIEVE ASSOCIAZIONE CULTURALE I SARTA FOSSI IL GABBIANO IL LUPO KICKBOXING MUGELLO ASD IL SORRISO DI BRUNA ONLUS LA CALDANA LA ESCALERA ONLUS LA PRIMOGENITA INTERNATIONAL ADOPTION LA TERRAZZA CIRCOLO CULTURALE LE LANCE SPEZZATE LEGA ASSOCIAZIONE TOSCANA FIBROSI CISTICA LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI LIBERA CACCIA LO SCRITTOIO LO STRADONE CIRCOLO ARCI LO ZAMPETTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA MANGROVIA ASI MCL “DON D.MARGHERI” LUCO MUGELLO NUOTO ASD MUGELLO VOLLEY ASD NON SOLO GIOVANI PALLAMANO MUGELLO A.S.D. PERLAFRICA ONLUS PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ARCOBALENO PROLOCO BORGO S.LORENZO PROLOCO RONTA RONTESE ASD SAGGINALE ASD SHUKUKAI KARATE CLUB SMS POLCANTO SOLIDARIETA’ MISSIONARIA ONLUS SOUND - ASSOCIAZIONE CULTURALE STM PALLACANESTRO 1994 ASD SUL SENTIERO TARTUFAI DEL MUGELLO TEATRO IDEA TENNIS CLUBBORGO S.LORENZO ASD THEATRE DES SENS TURISMO E AMBIENTE UISP MUGELLO UNITALSI

SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SPORTIVO CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE SPORTIVO SPORTIVO SPORTIVO SPORTIVO CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SPORTIVO CULTURALE CULTURALE AMBIENTALE AMBIENTALE CULTURALE SPORTIVO SPORTIVO SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE CULTURALE CULTURALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SOCIALE E ASSISTENZIALE AMBIENTALE CULTURALE CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE SPORTIVO SPORTIVO CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE SOCIALE E ASSISTENZIALE SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE CULTURALE SPORTIVO SPORTIVO SPORTIVO CULTURALE SOCIALE E ASSISTENZIALE CULTURALE SPORTIVO CULTURALE AMBIENTALE CULTURALE SPORTIVO CULTURALE CULTURALE SPORTIVO SOCIALE E ASSISTENZIALE


economia

27

L’INTERvISTA. Parla Claudio Terrazzi, amministratore della storica tipografia Lito Terrazzi

“Mai smettere di investire in tecnologia” Benedetta Strappi

E ai tempi di crisi come avete reagito? Si sa che il settore editoriale non gode propriamente di ottima salute… Anche noi abbiamo sentito il periodo di crisi, certamente. In un settore come il nostro l’unico modo per andare avanti è investire continuamente in tecnologia, anche nei momenti non semplici. È l’unica ricetta per sopravvivere. Anche nel 2002, nel periodo che seguì l’attentato alle Torri Gemelle e da cui cominciò la crisi economica, abbiamo investito oltre 4 milioni di euro in macchinari e se non lo avessimo fatto oggi avremmo senz’altro chiuso. Investire in tecnologia equivale a ridurre i costi di lavorazione e migliorare la qualità del lavoro. E forse c’è anche un altro ingrediente salvifico. Quale? Per rimanere competitivi è importante anche creare partnership. Collaborare con più aziende facendo gruppo, fare insieme ad altre realtà quello che prima si faceva da soli, superando il pregiudizio per cui ognuno guarda al suo “orto”. E poi occorre reinventarsi continuamente, cercare sempre

È

uno di quei mondi che i non addetti ai lavori conoscono ben poco. L’intero processo che sta a monte di un libro o di una rivista si compie nell’ombra. In quella dei grandi stabilimenti dove si stampano pagine su pagine e nascono prodotti editoriali finiti. Succede ad esempio alle Cascine del Riccio, dove ha la sua casa la Lito Terrazzi, storica tipografia nata nel 1967. Per i primi dieci anni la sede fu quella di via Caracciolo, poi l’azienda cominciò a crescere e allora si trasferì nello stabilimento che ancora oggi la ospita. È qui che nascono libri, cataloghi e riviste che poi se ne vanno in giro per l’Italia, l’Europa e spesso pure oltreoceano. Claudio Terrazzi, figlio del fondatore, Roberto Terrazzi, ne è l’amministratore. Il vostro è un mestiere che non molti conoscono... cosa si fa esattamente nella vostra azienda? Stampiamo libri di pregio, cataloghi e riviste dal 1967. Ci siamo specializzati in questa come vocazione principale e negli anni ci siamo costruiti una clientela locale, nazionale, europea e anche in America. Anni che, del resto, sono tanti… Come nasce la vostra tipografia? La ha fondata mio padre, Roberto Terrazzi. E del resto veniamo da una famiglia “d’arte”, che dal 1917 è nel campo grafico. Nel 1967 mio padre ha aperto un’azienda di stampa a ciclo completo, che negli anni è cresciuta fino a diventare quello che è oggi, ovvero una realtà che si occupa dell’intero processo di stampa, dal lavoro di fotolito, alla stampa, alla confezione in legatoria.

SUL LAVORO

MAI DA SOLI

Claudio Terrazzi

soluzioni nuove per crescere, in un mercato che invece fisiologicamente tende ad a andare al ribasso. Che legame avete con il territorio? Cascine del Riccio è una frazione così piccola e i vostri libri invece viaggiano alla volta dell’Europa e oltre… Con il territorio c’è un legame forte, senz’altro: siamo qui da 43 anni, l’azienda con il suo lavoro contribuisce a dare lavoro ad oltre 60 persone. Ed è sempre rimasta in piedi sulle proprie gambe, anche nei momenti bui non abbiamo mai usufruito degli ammortizzatori sociali, e questo dimostra la nostra attenzione nei confronti del sociale. E a concorrenza come siete messi? Mio padre cominciò a lavorare con l’estero nel 1982: per quei tempi era una conquista, fu un precursore. Quindi ci siamo abituati presto a fare i conti con una concorrenza di ampio respiro, che spesso gode di aiuti pubblici che qui invece non abbiamo. L’importante è cercare sempre di anticipare i tempi.

Correva l’anno 1967 e in via Caracciolo nasceva quest’azienda, che negli anni è cresciuta e che ora, nel suo quartier generale delle Cascine del Riccio, produce libri di pregio, cataloghi e riviste che poi vengono distribuiti in giro per l’Europa. E persino oltreoceano

LA SOCIETÀ SICURGEST S.R.L. opera in tutto il territorio della Provincia di Firenze nel settore della fornitura per le imprese di prodotti e servizi di consulenza. La Società, che ha sede in Borgo San Lorenzo, Viale Fratelli Kennedy n.38, è nata nel 1997 per volontà di Giancarlo Niccolai, un tecnico che, dopo aver militato per oltre 30 anni negli enti pubblici di prevenzione infortuni (ENPI) e di vigilanza (USL), ha ritenuto di mettere a disposizione delle aziende la propria esperienza. Attualmente Sicurgest S.r.l. offre la propria consulenza al cliente negli ambiti specifici della sicurezza aziendale basata sul D.Lgs. n.81/08 (Testo Unico Sicurezza Luoghi di Lavoro) e della sicurezza alimentare basata sul Reg.CE n.852/04, ed è in grado di gestire la formazione del personale delle aziende clienti, sia direttamente in sito che presso le proprie sedi

accreditate dalla Regione Toscana. Sicurgest s.r.l. è costituita da un pool di professionisti altamente specializzati e con pluriennale esperienza in diversi settori - dall’ingegneria, alla medicina del lavoro, al settore legale, al settore della sicurezza alimentare - che utilizza risorse e mezzi di alto livello tecnologico, in grado di rispondere a tutte le necessità di adeguamento alle normative vigenti.

La nostra forza è la nostra esperienza, un’esperienza creata negli anni ed in costante crescita ogni giorno, messa al servizio di oltre 500 aziende con il risultato di una riduzione degli infortuni del 10% circa nelle aziende nostre clienti con più di 50 dipendenti. Sicurgest ha effettuato specifici corsi

di formazione in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro a circa 4100 addetti di vari comparti produttivi (metalmeccanico, edilizio, agricolo, industria della plastica, artigianato) e in materia di igiene alimentare a circa 4700 addetti di aziende alimentari. Certificazioni: Sicurgest s.r.l., nella prospettiva del miglioramento continuo dei propri servizi e dell’incremento della credibilità aziendale, ha implementato un Sistema di Gestione della Qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2008 ed un Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale in conformità alla normativa internazionale SA8000:2001. Inoltre Sicurgest S.r.L. per aumentare l’affidabilità del proprio settore formazione ha ottenuto l’accreditamento dalla Regione Toscana quale Agenzia Formativa (per le sedi di Borgo San Lorenzo, Pontassieve e San Piero a Sieve) con codice FI08186.

1101044

Sede: Viale Kennedy, 38 - Borgo San Lorenze - Firenze Tel 055 8457621 Sedi formative: Via Ilaria Alpi - San Piero a Sieve - c/o Centro Commerciale Borgnovo Piazza C. Pavesi, 43/44 - Pontassieve


28

il caso

Marzo 2010

DEGRADO. Alla scoperta di luoghi ed opere troppo spesso vittime dell’incuria

Diamo voce ai tabernacoli fiorentini fotografare le nicchie più malridotte e gli altri esempi di abbandono: questo l’appello che Il Reporter rivolge ai suoi lettori. Le immagini più rappresentative verranno poi pubblicate. Per sensibilizzare gli animi Ludovica V. Zarrilli e Ginevra Donnici

D

imenticati è la parola giusta. Camminando a passo svelto per il centro, soprattutto durante le fredde e uggiose giornate invernali, spesso capita di scordarsi di loro. Ma adesso che le giornate si sono allungate e il sole torna a illuminarli, sarebbe bene degnarli della nostra attenzione. Sono i tabernacoli, disseminati agli angoli della città, spesso resi preziosi da dipinti, affreschi e sculture di pregio, che artisti (più o

meno noti) hanno lasciato in eredità alle strade e ai passanti meno frettolosi. Sono tanti, se ne contano una ventina tra quelli più grandi, e un numero molto più elevato di quelli più piccoli e magari meno famosi. Spesso sono le stesse istituzioni a non tenere granché in considerazione la loro esistenza, abbandonandoli al degrado, con i vandali di turno che li prendono di mira e con l’inesorabile passare del tempo che non risparmia pietra serena, pigmenti,

Via Ghibellina angolo via Isola delle Stinche

legno e quant’altro. La loro vulnerabilità è data, come è facile intuire, dalle continue esposizioni, oltre che alle cattive intenzioni di qualcuno, al tempo e alle intemperie. Così come succede per i palazzi, anche i tabernacoli soffrono per lo sgretolamento della pietra forte con cui molti sono realizzati. Stesso discorso vale per le sculture in legno contenute in alcune edicole, che hanno come acerrimi nemici l’umidità e i tarli, che riescono a “intrufolarsi” fin dentro e sono voraci divoratori di alcuni tipi di legno, soprattutto quelli antichi e nostrali. Per non parlare delle pitture: sia che siano eseguite su tele o tavole, sia che si tratti di affreschi, avrebbero bisogno di una manutenzione costante per conservarne il fascino e i tratti intatti. In altre occasioni basterebbe pulire un po’ il vetro dietro il quale le opere sono custodite, nella stragrande maggioranza delle occasioni i suddetti vetri sono sporchi al punto da non riuscire a vedere il disegno sottostante. Altro grande nemico è lo smog, che contribuisce al lento e inesorabile deterioramento dei materiali. Noi del Reporter abbiamo fatto un giro per le strade del centro e abbiamo trovato alcuni bellissimi tabernacoli in pessime condizioni. Sporchi, maltenuti, spaccati, deteriorati e chi più ne ha più ne metta, come si trattasse di oggetti di poco valore. Non ci è sembrato un gran bel vedere e abbiamo deciso di smuovere gli animi più sensibili all’arte ma anche al decoro e alla presentabilità di una città complessa e meravigliosa come Firenze. Così, se ai lettori di queste

Borgo San Frediano angolo via di Cestello

pagine capiterà di imbattersi in qualche tabernacolo o edicola malmessa (ma ovviamente non solo), si sentano liberi di fotografarlo e noi saremo ben lieti di pubblicare le foto (da inviare a redazione@ilreporter.it). Siamo fermamente convinti che siano

molti i cittadini a cui stanno a cuore la “salute e il benessere” della città, per questo mettiamo a disposizione le pagine del giornale per riuscire a smuovere un po’ di coscienze e a far rivivere gli angoli più suggestivi e meno popolari di Firenze.

Via dei Cimatori angolo via dei Cerchi

La certezza di trovare casa

Il free magazine con i migliori immobili selezionati dai professionisti del settore

tel. 848.80.88.78

Il nuovo portale di annunci immobiliari con tutte le offerte delle agenzie

Portale di annunci generalisti con annunci immobiliari di agenzie e di privati

Rivista gratuita di annunci più diffusa in Toscana con annunci immobiliari

www.webandpress.it


qua & là

29

LA CURIOSITÀ/1. Il capoluogo toscano conta tantissimi patti e fratellanze con altri comuni

Ventun gemelle per la città del giglio La prima “alleanza” è del 1954 con Ville de Reims, vicina a Parigi, mentre tra i gemellaggi più recenti c’è quello con l’estone tallinn e con arequipa, in Perù Simele Kruklidis

P

aese che vai, gemella che trovi. Con gli occhi a mandorla o la pelle color cioccolato, sembra che da Nord a Sud, dall’Oceano Indiano al Brasile, Firenze abbia trovato decine di splendide sorelle nel mondo. Per l’esattezza ventuno: ma se contiamo anche i patti di fratellanza e di amicizia, le nostre affiliate salgono a trentasei. Un elenco straordinariamente vario, che affonda le sue radici nella storia. Il primo patto di cui abbiamo traccia risale al lontano 3 luglio 1954, quando venne firmato l’accordo con Ville de Reims, cittadina francese non troppo lontana da Parigi: amore di lunga data, questo, visto che continua a generare incontri e attività culturali. Tra le unioni più recenti, stilate nel 2009, troviamo invece quella con Tallinn, paese estone, e con Arequipa, situata in Perù. Sempre dello stesso anno anche il famoso patto con Mauthausen, in ricordo della deportazione dei prigionieri toscani nei lager nazisti. Sono tante le ragioni che spingono a trovare nuovi legami e alleanze con Paesi lontani, ma in ogni caso si tratta sempre di un’iniziativa genuina e proficua, a patto che non resti solo sulla carta. Quindi, messe da parte le visite istituzionali, è bene capire in che cosa consistano queste fratellanze. Per usare termini “tecnici” possiamo dire che un gemellaggio altro non è che la collaborazione tra due città, con l’obiettivo di intensificare i rapporti culturali, politici ed economici: è una via aperta all’incontro tra popoli, identità e storie diverse. Per fare ricorso a testimonianze concrete, invece, possiamo menzionare alcuni gemellaggi che, più di altri, hanno prodotto risultati buoni o quantomeno significativi. Nel 2001, ad esempio, Firenze si è gemellata con Tirana ed ha contribuito a risanare la piazza principale della capitale albanese utilizzando alberi e piante prelevati dai propri vivai. Fruttuoso anche il patto con i tifosi del Liverpool, che ha permesso di giocare partite di calcio

più tranquille e pacate. Interessante sarà invece il futuro gemellaggio con la Svezia, in nome della “green economy”, dello sviluppo dell’aeroporto di Peretola e degli scambi fra le due università. Ma queste unioni possono essere anche puro motivo di festa: difatti, per celebrare le nostre sorelle straniere non mancano il Festival del Gemellaggio e il “Premio Firenze” arrivato oramai alla XXVII edizione. Tante piccole occasioni per conoscere e farsi conoscere, per raccontare e ascoltare. Ma soprattutto per condividere.

Tallin (Estonia)

LA CURIOSITÀ/2. In America sono diversi i posti battezzati “copiandoci” il nome

firenze è unica? Macché, ce ne sono diciotto N

Florence, Alabama

on è poi così unica come pensavamo, la nostra Firenze. Anzi, ce ne sono almeno altre diciassette, tutte concentrate in America. Ma per essere precisi è di “Florence” che stiamo parlando, ovvero la versione d’oltreoceano della nostra città, cosa che di per sé suona davvero strana. Se infatti è già abbastanza insolito trovare un proprio omonimo, desta ancora maggiore sorpresa trovare sulla cartina geografica un toponimo: è infatti così che si chiama un luogo che ha lo stesso nome di un altro. E poco importa se è per caso o per uno spudorato tentativo di imitazione: resta il fatto che dal freddo Canada alle coste del Texas l’eco fiorentina è arrivata proprio ovunque: in Mississippi, per esempio, in Arizona, nel Kentucky e in Oregon, e ancora in Wisconsin, nella contea di Oneida e persino in California. Uno tra i primi toponimi fu assegnato nel 1818 a una piccola cittadina della Contea di Lauderdale, in Alabama: l’idea venne in mente all’ispettore italiano Ferdinando Sannoner,

che coniò seduta stante il termine “Florence”. In realtà, esiste un’altra declinazione meno nota del nome, si tratta di “Florentia” e indica un comune di soli ventiquattro abitanti nel dipartimento di Giura, est della Francia. Un’insolita abitudine, questa dei toponimi, che tra l’altro non ha interessato soltanto la nostra città: anche Roma e Venezia, per citarne altre due, conoscono decine di doppioni sparsi dovunque nel mondo. Gemellanze di nome ma non di fatto: tutte le toponime chiamate all’appello non hanno infatti alcun rapporto tra loro. Anzi, il più delle volte probabilmente si ignorano in toto. E infine, per concludere in bellezza, c’è un’altra particolarità: Firenze non si è limitata a “conquistare” solo altri Paesi del globo, ma si è spinta fino allo spazio, dando il proprio nome a un asteroide di 4,9 km scoperto nel 1981 e a un cratere meteoritico su Venere. Sempre meglio però diffidare dalle imitazioni: la Firenze vera, quella origi/S.K. nale, è la nostra.

AVANZATE TECNOLOGIE E CURE PERSONALIZZATE L'infertilità è un problema sempre più diffuso, soprattutto a causa delle maternità rinviate nel tempo. Ma anche le soluzioni sono sempre più efficaci, rapide e sicure.

INCONTRO CON IL PROF. PIERALDO INAUDI GINECOLOGO, LAUREATO E SPECIALIZZATO all'Università di Siena, dottore in medicina all’Università di Losanna, il Prof. Pieraldo Inaudi tra i pionieri della riproduzione umana in Italia, vanta una carriera di alto profilo, svolta fra Italia e Svizzera, ricca di incarichi di responsabilità, di importanti consulenze come quella fornita al Centro di Medicina della Riproduzione dell'Ospedale di Bergamo, di rilevanti pubblicazioni scientifiche, relazioni congressuali e di corsi di aggiornamento. Il professore, dirige il centro "Siena Fertility" a Monteriggioni oltre ad offrire la sua esperienza nello studio fiorentino di via Lorenzo il Magnifico. A lui chiediamo quali sono le più recenti evoluzioni nella diagnosi e cura dell'infertilità. "La riproduzione umana è uno degli ambiti medici che negli ultimi decenni ha conosciuto le maggiori evoluzioni tecnologiche. Grazie a queste innovazioni gli esami si sono semplificati e la diagnosi è diventata più precisa grazie alle ecografie transvaginali, specie nei casi di endometriosi, cisti ovariche e ovaio policistico. Anche dal punto di vista terapeutico lo strumentario si è fatto più ricco ed efficace: oggi possiamo scegliere il migliore spermatozoo da iniettare nel migliore ovocita come effettuare analisi genetiche sull'embrione per prevenire malattie ereditarie". LA SINDROME dell'ovaio policistico (PCOS) è un disordine ormonale e metabolico che interessa circa il 15% delle donne in età fertile e oltre l'80% delle donne con irregolarità mestruale. Donne con PCOS possono avere cicli mestruali irregolari, aumento dei peli, del peso, acne e problemi di infertilità. Ma anche un aumento di aborti spontanei, di rischio di diabete di tipo 2 e di problemi cardiovascolari. Molte hanno ovaie aumentate di volume con diverse piccole cisti, visibili all'ecografia. Per fare una diagnosi è necessaria una visita, una ecografia ed esami del sangue. Le donne con PCOS sono spesso sovrappeso. Un buon stile di vita migliora la frequenza dell'ovulazione e la fertilità. Tuttavia, non sempre la riduzione del peso avviene con facilità anche mangiando poco; ciò è frequentemente dovuto ad una resistenza alla azione dell'insulina con conseguente difficoltà a bruciare gli zuccheri. Il trattamento con farmaci che aumentano la sensibilità all'insulina, può portare ad un'ovulazione più regolare. Se la fertilità non è l'obiettivo immediato, le terapie ormonali sono solitamente efficaci per correggere temporaneamente il problema legato alla PCOS. La pillola anticoncezionale viene prescritta di solito per ridurre l'effetto degli androgeni regolarizzando le mestruazioni ed evitando al tempo stesso la gravidanza. Se la fertilità è l'obiettivo immediato, l'ovulazione può essere spesso indotta con farmaci specifici. In caso di stimolazione dell'ovulazione (anche nella fecondazione in vitro) grande attenzione deve essere posta alle dosi dei farmaci, che devono essere le più basse possibili, data la elevata sensibilità delle ovaie ai farmaci stessi. Peraltro, l'ampia esperienza sviluppata consente oggi di trattare la PCOS con metodi molto efficaci e con ottimi risultati già con la semplice induzione dell'ovulazione con o senza inseminazione intrauterina, se le tube e lo sperma risultano normali. Sempre nella PCOS, in caso di fecondazione in vitro per tube chiuse, fattore maschile o per ripetuti aborti, le possibilità di gravidanza sono sicuramente uguali o migliori di quelle che ha una coppia senza alcun problema anche per la possibilità di valutare la qualità degli ovociti e degli embrioni effettuando quindi il transfer di embrioni di qualità ottimale.

PROF. PIERALDO INAUDI

OSTETRICO - GINECOLOGO MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE

Studio Monteriggioni (SI) Via S. Pertini 7 Tel. 0577 51394 Fax 0577 588249 - Studio Firenze Via Lorenzo Il Magnifico 64 Tel. e Fax 055 4633294 e-Mail: inaudi1@interfree.it


30

società

Marzo 2010

ITINERARI/1. Mille anni dopo Sigerico, arcivescovo di Canterbury, ecco le tappe dei viandanti di oggi

turisti con l’anima tra le colline toscane Sono migliaia coloro che, ogni anno, attraversano la via francigena alla (ri)scoperta dei luoghi di culto disseminati tra Pontremoli e Siena. Sfidando ghiaccio e neve per raggiungere Monte Senario Francesca Puliti

C

orreva l’anno 990 quando Sigerico, arcivescovo di Canterbury, percorse la Toscana da cima a fondo di ritorno da Roma, dove era stato ricevuto dal Papa. Le sue 79 tappe andarono a comporre la cosiddetta “Via Francigena”, 1.600 chilometri dalla Capitale all’Inghilterra, di cui un terzo disegnato sulla nostra regione. Da Pontremoli passando per Lucca e Siena fino ai confini con il Lazio, sono migliaia i pellegrini che ancora oggi ricalcano le orme di Sigerico, addentrandosi tra eremi e piccoli oratori in terre toscane. E la scelta è più che mai vasta. Il più celebre santuario di casa nostra è probabilmente la Madonna delle Grazie di Montenero, nei pressi di Livorno, che ha visto crescere notevolmente il flusso di turismo religioso a partire dall’anno del Giubileo. Ma anche il più vicino Monte Senario ha il suo bello stuolo di visitatori. “L’anno scorso ne abbiamo contati circa 21mila – racconta il custode – provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, soprattutto svizzeri, francesi e tedeschi. Ma anche dalla stessa Toscana”. Ci sono i fedelissimi che sfidano le condizioni meteo e si arrampicano fin quassù anche con la neve e i gruppi più folkloristici di appassionati di auto o moto d’epoca, che abbinano il raduno a una tappa più spirituale. E magari gastronomica, considerando le specialità che da più di un secolo i monaci producono qui sulle colline tra Bivigliano e Pratolino, alcune anche dalle proprietà terapeutiche. Altra meta nota a livello nazionale e internazionale è il santuario della Verna, in provincia di Arezzo, dove si ritirava San Francesco, oppure, per rimanere nei paraggi di Firenze,

la Basilica di Santa Maria all’Impruneta, dove si conserva l’icona della Vergine dipinta – si racconta – nientemeno che da San Luca. Ma anche la stessa città non scherza in fatto di pellegrinaggi e sono tanti i luoghi disposti ad accogliere i viandanti. Basti pensare che si contano ben diciotto pensionati di vario genere gestiti dalla Diocesi. E chi l’avrebbe mai sospettato che il convento di San Marco, vissuto dagli stessi fiorentini come un’entità misteriosa e piuttosto inaccessibile, potesse aprire i battenti a qualche ospite? Pochi, pochissimi i posti a disposizione e solo per uomini che siano stati introdotti da un religioso e si prestino a un’autentica vita

E c’è chi abbina al raduno di auto o moto d’epoca una sosta più spirituale monastica. Piccoli gruppi o pellegrini solitari sono ben accetti anche al Monastero Benedettino di Settignano, per catapultarsi qualche secolo addietro e partecipare alle attività di agricoltura e legatoria di libri. Dotate di ogni comfort, compreso il bagno in camera, invece, le stanze messe a disposizione dalle monache dell’abbazia di Rosano. Qui ai visitatori vengono serviti anche i pasti e, a richiesta, lezioni di restauro di pergamene e volumi antichi. Per tornare a casa arricchiti, oltre che nello spirito, nelle capacità manuali.

iL tREND Prenotazioni in aumento per le strutture ecclesiastiche

B&B? no, meglio il convento L’offerta non manca, e il conto è meno salato di quello di un hotel, anche se si tratta di edifici ricchi di storia e fascino

S

e è vero che in tempi di crisi si presta più attenzione alla qualità di ciò che acquistiamo, è ancor più vero quando programmiamo una vacanza. Così va a finire che a fronte di un generale calo dei visitatori in città (per l’anno scorso si parla addirittura del 25% in meno rispetto al 2008), cresce il numero di coloro che al semplice turismo preferiscono un turismo puro e semplice. Scegliendo di passare qualche giorno in strutture religiose, anziché in un qualunque hotel del centro. Il ventaglio dell’offerta è quasi altrettanto ampio e il conto è anche un po’ meno salato. Anche se si tratta di edifici ricchi di storia, fascino e a volte neanche così spartani come ci si potrebbe aspettare da un monastero o da un convento. Ad esempio Villa La Stella, struttura missionaria alle pendici di Fiesole, vanta un trattamento da hotel quattro stelle, ma in un ambiente decisamente più familiare. “Le persone che vengono da noi cercano un’atmosfera più intima – spiega il direttore della struttura, Roberto Rotondo – un ritmo di vita più rilassato e la possibilità di passare qualche tempo in preghiera”. Da sfatare anche la convinzione che si tratti solo di gruppi parrocchiali o di persone di una certa età. “Arrivano anche giovani coppie o famiglie con bambini”. In Austria, certo, sono più organizzati. Vicino a Vienna un gruppo di suore ha addirittura avviato una Spa, dove ci si reca principalmente per ritrovare la forma, anziché la fede. Ma anche da noi il sasso è stato lanciato e c’è da aspettarsi che il flusso dei turisti “con l’anima” incrementi strada facendo. O /F.P. meglio pellegrinaggio dopo pellegrinaggio.


società

31

ITINERARI/2. Sempre più abitanti della città del Giglio partono alla volta di santuari e luoghi sacri

E i fiorentini si riscoprono pellegrini Nel 2009 sono stati quasi 10mila. in tutto il mondo i “tour” religiosi muovono 300 milioni di persone. E per gli addetti ai lavori è un settore in crescita Matteo Francini

T

erra Santa, Lourdes, Assisi. Non passano certo inosservati, a chi passeggia intorno al Duomo, i cartelli di un’agenzia che promuove viaggi dalle destinazioni particolari. Anche l’agenzia, del resto, è particolare: organizza sì tour in tutto il mondo, ma è diocesana e specializzata in itinerari religiosi. Ma sbaglia chi pensa che a entrare al suo interno siano pochi intimi. Perché i viaggi religiosi, o pellegrinaggi che dir si voglia, sembrano incassare il gradimento di un numero sempre crescente di persone, fiorentini in testa. I dati parlano chiaro: ogni anno, nel mondo sono circa 300 milioni i “viaggiatori dello spirito”, 40 milioni solo in Italia. E c’è subito anche un altro luogo comune da sfatare: quello dell’età. A intraprendere questi viaggi non sono solo anziani: oltre il 30% dei pellegrini del terzo millennio ha tra i 20 e i 40 anni. Insomma, un settore, quello del turismo religioso, che non solo non sembra conoscere crisi, ma che appare addirittura in crescita, tanto da essere stato inserito come area tematica all’importante Borsa Internazionale del Turi-

smo tenutasi a Rho a fine febbraio. E Firenze? Non sembra essere da meno. “Lo scorso anno i pellegrini partiti dalla nostra città alla volta di santuari di tutto il mondo sono stati tra i 6 e i 10mila”, spiega monsignor Alberto Alberti, direttore dell’ufficio pellegrinaggi, tempo libero, turismo e sport della Diocesi fiorentina, e dunque grande esperto in materia. E migliaia sono anche coloro che, dalla città del Giglio, si preparano ad andare ad ammirare la Sacra Sindone, esposta a Torino dal prossimo 10 aprile. “Questo è l’unico settore che regge o che, addirittura, è in crescita – conferma Mario Lapini, responsabile di Turishav, l’agenzia diocesana – per le agenzie ‘normali’ la possibilità di organizzare viaggi su internet è stata una bella botta. I nostri sono itinerari organizzati, che vengono affrontati con uno spirito diverso, e per lo più da persone adulte”. “Turismo è un termine a volte contraddittorio – spiega monsignor Alberti – noi distinguiamo tra pellegrinaggi, itinerari religioso-culturali e itinerari turistici tout court. I primi rappresentano un aspetto importante dell’odierna evangeliz-

zazione: chi si iscrive sa che è l’occasione per fare un’esperienza religiosa, e il programma è finalizzato a questo. Mentre i secondi, pur avendo una o più mete religiose, sono anche orientati alla conoscenza storica ed artistica dei luoghi attraversati”. Chi non ama il termine “turismo religioso” è Mario Coda Nunziante, presidente della sede toscana dell’Unitalsi (l’Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali), che

organizza pellegrinaggi rivolti soprattutto a disabili, anziani e malati: “Preferisco parlare di percorsi di fede”, puntualizza. E poi conferma: “In Toscana la richiesta di spiritualità è molto viva. Personalmente non ho mai partecipato a pellegrinaggi in cui ci sia stato un miracolo ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa, ma – conclude – profonde conversioni di vita sono la normalità. E sono spettacolari quanto quelle fisiche”.

LE DEStiNaZioNi In Toscana le mete preferite sono Montenero e la Verna, in Italia Assisi e Loreto. Ma il 2010 sarà all’insegna della Spagna

Dalla terra santa a lourdes, tutti i percorsi dei “viaggiatori della fede” a quali sono le mete preferite dai pellegrini fiorentini? In primis la Terra Santa, poi le “classiche” Lourdes e Fatima, il Sinai, Giordania e Polonia, seguite dalle più inattese Malta e Cipro. Restando in Italia, le destinazioni più gettonate sono i santuari di Assisi, Loreto, Boccadirio e San Giovanni Rotondo, mentre in Toscana quelli di Montenero e la Verna. Ma non mancano nemmeno le “novità”, vista la grande richiesta dei fedeli di casa nostra: “Quest’anno la nostra agenzia organizza viaggi in Turchia, sui passi di San Paolo”, annuncia Lapini di Turishav. Niente da fare, invece, per quanto riguarda Medjugorje: “Ancora la Chiesa non si è pronunciata ufficial-

mente: se e quando lo farà, ci andremo”. Oltre alle mete tradizionali, quest’anno sarà la Spagna una delle destinazioni più gettonate, grazie alla celebrazione dell’Anno Santo 2010 a Santiago di Compostela e a Caravaca de la Cruz (famosa per la presenza di una croce che si dice abbia poteri miracolosi). Ma se gli esperti del settore non hanno dubbi sul fatto che, anche nel 2010, il comparto del turismo religioso sarà caratterizzato dal segno più, in riva all’Arno non tutti sembrano pensarla così. “Qualche anno fa organizzavamo pellegrinaggi, ma per il momento abbiamo smesso, per star dietro al mercato”, dice il titolare dell’agenzia Buckingham Travel. “Le richieste per questo

tipo di itinerari, in effetti, son molto poche”, concordano dall’agenzia Certosa Viaggi. Così, sono molte le agenzie che hanno pian piano “abbandonato” il settore, se non per organizzare qualche sporadico pellegrinaggio, ma solo su richiesta delle parrocchie. Diversa è la posizione di Primavera Viaggi: “La Terra Santa è una delle nostre destinazioni preferite, ma non si tratta di pellegrinaggi – spiega il titolare Marcello Mariotti – chi intraprende questi viaggi lo fa per motivi culturali, a cui può aggiungersi anche un interesse religioso. Negli ultimi anni l’atmosfera in quelle zone è più tranquilla, e questo /M.F. ha consentito una ripresa del turismo”.

1069345

1093437

M


32

provincia

Marzo 2010

L’IDEA. La Provincia ha lanciato una campagna che rivisita il motto della Rivoluzione francese

Diversi e quindi uguali, stop alle discriminazioni Ginevra Donnici

C

Un manifesto della campagna (foto Leonardo Bianchi)

il messaggio è semplice e più che mai attuale: la differenza è un valore da riaffermare. Nasce così lo slogan “Libertè, fraternitè, Differenza”, che campeggia su manifesti e pannelli sui bus. Barducci: “Siamo impegnati pesantemente nel sostegno al reddito, ma abbiamo voluto investire anche in questo”

i vuole un bel coraggio a modificare il motto della rivoluzione francese. Ma la Provincia di Firenze lo ha trovato, nell’urgenza culturale ed etica di riaffermare, con tutta la forza possibile, il valore della “differenza”. Nasce da questa volontà la campagna di comunicazione “Libertè, Fraternitè, Differenza”, raffigurata dal giglio fiorentino posto sul berretto frigio della rivoluzione francese, simbolo universale di libertà. È questa la creatività scelta dall’amministrazione di Palazzo Medici Riccardi per la sua battaglia contro le discriminazioni. “Purtroppo c’è una emergenza in più che siamo chiamati a fronteggiare, non meno dannosa della crisi economica e non meno insidiosa dell’emergenza ambientale – spiega il presidente della Provincia di Firenze, Andrea Barducci – non possiamo sottovalutare gli episodi preoccupanti avvenuti nel nostro Paese, compresi alcuni accaduti nel territorio fiorentino. Ecco perché la Provincia, pur impegnata pesantemente nelle operazioni di sostegno al reddito di quanti hanno perso il lavoro, ha deciso di investire delle risorse in questa iniziativa di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su un tema che comporta alti rischi, soprattutto, in tempi di profonda crisi economica e di disagio sociale”. È questa dunque la chiave di lettura della campagna di comunicazione lanciata per sensibilizzare l’opinione pubblica contro ogni forma di discriminazione sociale. Già da un mese sono apparsi sui muri della città grandi manifesti con il berretto frigio “alla fiorentina”. L’immagine simbolo della rivoluzione francese e il motto “rivisto e corretto” viaggiano anche sugli autobus delle linee cittadine. “Appare addirittura paradossale – aggiunge il presidente della Provincia – dover sostenere dei concetti che sono espressi nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Vale la pena ricordare che l’articolo 21 vieta ‘qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l’origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l’appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l’età o le tendenze sessuali’”. “Libertè, Fraternitè, Differenza” è una campagna articolata in molteplici iniziative finalizzate alla promozione di una cultura della tolleranza e del rispetto della diversità. “La differenza – dice Andrea Barducci – è un valore. La curiosità, l’interesse e l’amore nei confronti di ogni tipo di differenza sono il vero antidoto ad ogni forma di discriminazione. Non bisogna dimenticare che quello della migrazione non è un semplice fenomeno contingente – conclude il presidente – ma una costante nella storia, a partire dalle vicende del nostro popolo”. Da qui lo slogan provocatorio scelto dalla Provincia, per far riflettere sullo spirito di democrazia che deve scandire le azioni quotidiane e sul valore della tolleranza necessario per appartenere a un Paese libero e civile.

foCUS Il bando è per le superiori

nelle scuole lanciato un concorso a tema

A

ll’interno dell’articolata campagna contro le discriminazioni, Palazzo Medici Riccardi ha promosso nelle scuole superiori un concorso dal titolo “La mia scuola non fa la differenza”. Il bando è aperto alle classi degli istituti superiori della provincia di Firenze che vorranno aderire al progetto “Libertè, Fraternitè, Differenza”, sostenuto dall’amministrazione provinciale con l’obiettivo di indagare e approfondire il tema delle pari opportunità e della promozione del valore della differenza e dei diritti. “Il concorso – spiega l’assessore provinciale all’istruzione Giovanni Di Fede – coinvolge in modo diretto gli studenti, proponendo un approfondimento sulle radici culturali e storiche dell’accoglienza e della ricchezza della diversità. Si tratta di un’iniziativa che non trasmette in modo passivo nozioni e conoscenze, ma vuole coinvolgere i giovani attraverso un’attività pratica e creativa”. Il bando, infatti, prevede la realizzazione di elaborati in forma di fotografia e video, scrittura creativa (anche composizioni letterarie, in prosa o poesia) e disegno artistico, con lo scopo ultimo di sviluppare i valori della tolleranza e del rispetto. “Un’iniziativa – precisa l’assessore Di Fede – nella quale crediamo moltissimo perché oggi, in una società democratica matura, è necessario garantire pari diritti e pari opportunità a tutti. Condannando in modo deciso gli abusi e le violenze che si consumano a danno dei più deboli”. In particolare, i materiali presentati per partecipare al bando dovranno riguardare le tematiche relative alle disuguaglianze sociali, alle disparità nel mondo del lavoro, al fenomeno dell’immigrazione e a quello dell’accoglienza. Un’opportunità per i ragazzi per rinforzare, con estro e creatività, la lotta /G.D. contro le discriminazioni.

http://www.lalocandina.it

la giusta soluzione per l’auto che cerchi...

...basta scegliere

848.80.88.68 per la tua pubblicità


IL PERSONAGGIO. A colloquio con Emiliano Gucci, che si racconta a un mese dall’uscita del suo libro

l’umanità: la vita tra vizi e virtù Un’intervista intensa, nella quale lo scrittore fiorentino racconta se stesso e la

LA MOSTRA

letteratura, il suo rapporto con il mercato, con le grandi librerie e con quelle più piccole

l’Angelico: dagli uffizi fino a Pontassieve

e sofferenti. il tutto condito da una buona dose di cinismo smorzata da un pensiero positivo, perché per rimanere a galla bisogna credere “nell’anima del futuro” Ciro Becchimanzi

I

l suo libro, le librerie grandi, quelle piccole e un mercato che sembra togliere il respiro a tutto ciò che non è commerciale. Emiliano Gucci si racconta in questa intervista, spiegando a Il Reporter il suo punto di vista sugli uomini, su un mondo spietato e di come il genere umano stia navigando diritto verso l’estinzione. “Se c’è un futuro, dovrà pure avere un’anima”. Emiliano Gucci lo dice a proposito del mercato del libro, ma la speranza è che questo desiderio possa diventare una realtà anche per Firenze e per la vita di tutti noi. Con Gucci abbiamo parlato del suo ultimo romanzo, “L’umanità” (Elliot Edizioni, pp. 150, euro 14) da poco in libreria. L’Umanità racconta di un uomo smarrito che cerca di uscire da quel tunnel grande come una bocca nera che lo ha inghiottito tanto tempo fa, carambolando tra esistenze in apparenza insignificanti, marginali, minime. Una debolezza che si appoggia ad altre debolezze, un respiro corto che entra in un respiro universale e forse ritrova il ritmo giusto, il battito interiore, una verità. Una storia che “prende”, dall’inizio alla fine. Quarto romanzo. Il filo rosso sembra non spezzarsi: la violenza del quotidiano e della città emerge anche ne L’Umanità. E’ davvero così violenta la tua terra? Non lo so. Perlomeno questo romanzo non ce lo può raccontare obiettivamente. Qua è lo sguardo del protagonista a leggere la miseria d’intorno, a restituircela ancora più spietata. È tutto filtrato dal buio della sua coscienza, come se lui vedesse nero anche dove c’è colore. Piove sempre, tanto da pensare che a volte quella pioggia sia dentro la sua testa. Cosa ti fa indignare di più, l’indifferenza o l’ingiustizia di alcune condizioni umane? Penso siano figlie dello stesso germe. Mi fa indignare l’uomo, il percorso che l’ha portato a questa condizione. La definitiva rinuncia

La copertina del libro

alla vera libertà, che equivale all’estinzione. Tu lavori in una libreria a Firenze… Cosa pensi delle chiusure delle piccole e storiche librerie in città? Un dato incontrovertibile del mercato o un fenomeno che si potrà combattere in qualche modo? Penso male. Le grandi catene offrono cataloghi sempre più omologati. Per avere un libro particolare o un’informazione diversa, fuori dal coro, c’è da barcamenarsi, frugare su in-

ternet o in certe sparute isole di resistenza. Per me è il mercato a essere sbagliato, nella sua essenza, le conseguenze invece sono logiche. Detto ciò, la parte più romantica di me pensa che certi luoghi torneranno, così come i negozi di dischi. E dico dischi fisici, di plastica inquinante, con tanto di custodia e copertina, non evanescenti file piatti, senza calore. Se c’è un futuro, dovrà pure avere un’anima…

LA NOvITÀ. Aperto di recente il cafè dello spazio Ex3, gestito da un gruppo di giovani

Il drink si sorseggia tra le opere d’arte P

er il momento si chiama ExTre Contemporary Artcafè, ma è tutto un work in progress e con buone probabilità tra qualche mese cambierà nome, diventando più semplicemente Art Cafè. E’ il neonato locale allestito all’interno del centro per l’arte contemporanea Ex3, tra il viale Giannotti e il viale Europa, attaccato al centro Commerciale Coop di Gavinana. A vincere la scommessa e prenderlo in gestione sono stati i ragazzi del bar Argentina (via della mattonaia, 67) freschi e baldanzosi che da un paio d’anni a questa parte hanno trasformato un angolo anonimo dei viali in un punto di riferimento per i ragazzi di tutta la città. “E’ troppo presto per fare dei bilanci - dice Fabio Bastianelli - ma noi siamo fiduciosi. Nei prossimi mesi dovrebbe accadere quello che tutti si augurano, ovvero che il cafè si arricchisca di sedute, tavolini, e di una vetrina con riviste specializzate in arte e design”. Ma il lavoro è già in fieri e le serate stanno funzionando. Il locale, aperto dal mercoledì alla domenica dalle 11 del mattino, fa orari diversificati a seconda dell’offerta by night. Mercoledì e giovedì chiude i battenti alle 19, il venerdì e il sabato alle 2

e la domenica alle 21. L’aperitivo del venerdì è tutto a base di sushi (by sushi mania) e accompagnato da un dj set, “Suonano dei nostri amici”, spiega Dario. Mentre il sabato sera spazio a generi musicali diversi, in consolle ci sarà sempre un dj ma offrirà agli avventori sound diversi, mixati dal vivo in ogni occasione. Chi farà visita al cafè potrà anche visitare le mostre in corso. Adesso per esempio, ra iempire gli spazi ampi dell’Ex3 ci pensano i lavori site specific di Eva Marisaldi (artista di fama che già esposto le sue opere in galleria italiane e straniere), che con il suo “Grigiononlineare” occupa l’ingresso con una installazione “di benvenuto” per poi accompagnare i visitatori alla scoperta del pavimento della sala centrale, dove prende vita un percorso che viaggia sul sottile filo che separa lo stream of consciousness dal diagramma d flusso. Mentre nei corridoi tutto intorno ci sono i lavori di Taiyo Onorato e Nico Krebs, artisti svizzeri al loro debutto in Italia con “Tutto incluso”, un percorso che inneggia all’illusione ottica e alla distanza che separa quello che sembra ma non è da quello che è ma non sembra. /L.V.Z.

I

l Rinascimento è sbarcato a Pontassieve. Le opere di alcuni dei suoi protagonisti, raccolte nella mostra intitolata “Beato Angelico a Pontassieve. Dipinti e sculture del Rinascimento fiorentino”, sono esposte nella Sala delle Colonne del Palazzo Municipale di Pontassieve fino al 27 giugno 2010 (con i seguenti orari: dal martedì alla domenica 9.30-12.30 e 15.00-19.30; venerdì 15.00-19.30). Sono diciotto opere, provenienti da importanti collezioni toscane, realizzate dal Beato Angelico e dai maggiori pittori e scultori fiorentini del suo tempo: Filippo Lippi, Paolo Uccello, Zanobi Strozzi, Pesellino, Lorenzo Ghiberti, Domenico di Michelino e Benozzo Bozzoli. Ne parliamo con Alessandro Sarti, assessore alla cultura del comune di Pontassieve. Come nasce questo progetto? La mostra, curata da Ada Labriola, si inserisce nel progetto “Città degli Uffizi”, ideato da Antonio Natali, direttore della Galleria degli Uffizi, volto a riscoprire il legame tra Firenze, con le sue opere d’arte, e i comuni “minori”, attraverso eventi di alto livello. Dopo le passate esperienze a Figline e Bagno a Ripoli, è ora la volta di Pontassieve. Perché proprio Pontassieve? L’amministrazione comunale sta portando avanti un progetto di promozione dell’arte iniziato quattro anni fa, col recupero della sala delle Colonne. La mostra attuale rappresenta un ritorno importante, seppur temporaneo: quello della Madonna con il Bambino del Beato Angelico, proveniente dalla chiesa di San Michele Arcangelo di Pontassieve ed esposta alla Galleria degli Uffizi. Quale ruolo possono giocare i centri minori in termini di cultura? Gli eventi culturali promossi nel “contado” di un tempo, territorio artisticamente assai fertile, permettono di riportare le opere al loro contesto originario. Inoltre sono occasioni di coinvolgimento del tessuto sociale e associativo del territorio, nell’ottica dell’arte come volano turistico. Programmi per il futuro? Pontassieve ospiterà le opere di Alessandro Reggioli, giovane artista fiorentino, e Silvano Campeggi, noto cartellonista e ritrattista dei divi di Hol/A.C. lywood.

L’assessore Alessandro Sarti


cultura

35

IL BILANCIO. Si è chiusa anche quest’anno con il segno più la manifestazione che porta il ballo in città

Cinque candeline per Danza in fiera Annalisa Cecionesi

H

a da poco spento cinque candeline, tra un balletto classico, una break dance e un cha cha cha e con un confortante +25% nelle presenze. E’ la manifestazione “Danzainfiera”, ospitata per il quinto anno consecutivo alla Fortezza da Basso dal 25 al 28 febbraio scorsi. L’edizione appena passata sarà ricordata come quella dei record: 65mila metri quadrati di spazi, sette palchi, due nuovi padiglioni, centinaia di scuole e compagnie provenienti dall’Italia e dal mondo e altrettanti espositori. “Uno degli appuntamenti più qualificati del panorama fieristico fiorentino, perfetta sintesi tra cultura, sport ed economia”, come l’ha definita Dario Nardella, vice sindaco con delega allo sport. Gli appassionati del ballo, dai dilettanti ai professionisti, hanno potuto assistere a spettacoli di ogni genere, dal tango argentino, col maestro Miguel Angel Zotto, al “Made in Cuba Festival”, novità di quest’anno, che sul palco della Fortezza ha portato due notti di feste scatenate a ritmo caraibico. Per finire con lo straordinario galà di chiusura affidato a étoiles e ballerini provenienti dalle compagnie di danza dei maggiori teatri italiani (tra cui il nostro Maggio Musicale Fiorentino). La più attesa è stata Eleonora Abbagnato, accompagnata da Benjamin Pech, étoile dell’Opéra di Parigi, presentata dal

Teatro Petruzzelli di Bari in un passo a due tratto da “La Dama delle Camelie”. Occhi puntati anche sulle competizioni, come sempre seguite con grande entusiasmo. A cominciare dalla danza sportiva, con i Campionati Italiani Assoluti organizzati da Anmb e Idc. Per proseguire con la tappa italiana del Just Debout, “battaglia” a colpi di coreografie Hip Hop, e con la sesta edizione di Expression, uno dei più importanti concorsi di

Ritmi cubani, balletti classici, hip hop e incontri con le star

danza a livello europeo, organizzato da Ida. Ma a “Danzainfiera” non si va solo per guardar ballare. I più audaci hanno avuto l’occasione di buttarsi in pista guidati da insegnanti professionisti, che hanno tenuto lezioni gratuite di ogni genere e stile di ballo, anche i più curiosi. Tra questi la Bellysamba, combinazione di danza orientale e brasiliana, la Hula, originale ballo delle isole polinesiane, o le “sexy” lezioni di Pole Dance. Gli aspiranti ballerini hanno potuto inoltre mettersi

Un momento della kermesse (foto: MassiFly)

in gioco in casting e audizioni, come quella per entrare nel corpo di ballo del Balletto Bolshoi di Mosca. Per la gioia dei fan sono intervenuti anche personaggi del piccolo schermo: alcuni dei ragazzi di “Amici” e i protagonisti di “Ballando

con le stelle”, Simone di Pasquale e Natalia Titova. Ma a danzare non erano solo gli adulti. Gli under 14 si sono scatenati nello “Smuthie Village” tra giochi, esibizioni, balli e incontri con volti noti della tv.

NOvOLI. In via caduti di Cefalonia lo store dove trovare cd per gli appassionati di rock

Il negozio di dischi che sfida la crisi N

Un angolo del Black Candy Store

on si può certo dire che non siano stati coraggiosi, perché oggi, nell’era del digitale e della musica scaricata dalla rete, chi ha la forza e l’incoscienza di alzare il bandone e inaugurare un negozio di dischi è un vero temerario. Il coraggioso in questione è Leonardo Giacomelli, deus ex machina dell’etichetta indipendente Black Candy, che ha lanciato alcune delle voci e delle musiche più interessanti degli ultimi anni (per esempio i The Hacienda). Insieme a Giacomelli, dietro il Black Candy Store di via Caduti di Cefalonia, nel centro nevralgico di Novoli, tra gli studenti, i commercianti e l’imprenditoria che

si fa spazio, lasciando sempre meno campo al quartiere degradato e poco accogliente che fino ad oggi l’ha fatta da padrone, ci sono Le Nozze di Figaro, promoter di alcuni degli appuntamenti musicali più importanti della città. Il segreto per un’operazione del genere è crederci e specializzarsi, perché oggi non ha più senso avere un po’ di tutto e per tutti i gusti. Il Black Candy Store è un posto dove fermarsi a fare quattro chiacchiere per decidere cosa si vuole far suonare al proprio lettore cd, per ascoltare i racconti di chi gira l’Europa in tour con gli emergenti del rock indipendente. Sugli scaffali, tutti rigorosamente vintage, alternati

FARMACIA FEDEMA

1100836

Città di Firenze

AUTO - MOTO E RICAMBI D’EPOCA

30 Aprile - 1-2 Maggio 2010 Stadio Comunale “Artemio Franchi” Campo di Marte - Firenze

ALLESTIMENTO ESPOSITORI

venerdi mattina 30 Aprile dalle 8,00 ORARIO AL PUBBLICO Venerdi pomeriggio 15,00 - 19,00 - Sabato e Domenica dalle 8,30 alle 19,00 per informazioni ed iscrizioni Carlo 335 6946014 - Cinzia 335 7838181

1044667

dei dott.ri Staiano Gaetano e Flora s.n.c.

Associazione Motociclistica Fiorentina

17° MOSTRA SCAMBIO

a comode poltroncine che invitano a sedersi e prendersi il tempo per scegliere, ci sono etichette come Dischord, Arts&Crafts, Rough Trade, oltre alle italiane, con particolare attenzione alle realtà fiorentine. Spazio anche per i dvd, ma solo se introvabili altrove. E dulcis in fundo, tra un cd e 45 giri, sugli scaffali trovano posto anche quei romanzi dove il rock gioca un ruolo importante, come la prosa asciutta di Nick Hornby e del nostrano Niccolò Ammaniti. Ultimo punto a favore dello store: La politica di prezzi. Tra i titoli in vendita, non compare un disco nuovo che superi i 15 euro, /L.V.Z. mentre per l’usato si va da 7 a 10.

Firenze V.le Gramsci, 63

DERMOCOSMESI - PREPARAZIONI GALENICHE OMEOPATIA VASTO ASSORTIMENTO FARMACI VETERINARI

ORARI DI APERTURA:

SABATO 20 MARZO ORE 09.00-13.00 SABATO 27 MARZO ORE 09.00-13.00 15.30-20.00 SABATO 03 APRILE ORE 09.00-13.00

VENERDI’ 26 MARZO GIORNATA INESTETISMI DEL CAPELLO

PROMOZIONE

PROMO

30% 50%

DAL AL SU CREME VISO, CONTORNO OCCHI, EFFETTO LIFTING, TRUCCHI CREME TRATTAMENTO VISO Chiedi

VICHY

2+1omaggio

al tuo farmacista

Tel. 055 243103 - Fax 055 3905863 ORARIO CONTINUATO

dal lunedi al venerdi 09:00 - 20:00


L’ASCESA. In Champions si è trovato ad affrontare il suo idolo Gerrard. E da allora è cresciuto

E il giovane Montolivo diventò “grande” Non è più il giocatore dalle prestazioni altalenanti, presuntuoso in campo e fuori: ora ha trovato ruolo e spirito giusti, tanto da meritarsi la fascia di capitano. “Cercherò di trasmettere ai nuovi la convinzione del passato”

Riccardo Montolivo

Cristina Guerri

C’

è chi aveva definito Fiorentina-Liverpool l’ultimo treno per Riccardo Montolivo. Perché dopo cinque anni e tante, forse troppe, parole spese nei suoi confronti, era giusto che fosse il campo a dire chi è il vero Montolivo. E da quella partita, infatti, è cominciata l’ascesa del centrocampista nato a Caravaggio. Davanti - per sua stessa ammissione - al suo idolo di sempre, Steven Gerrard, Riccardo riuscì - complice l’aiuto dei compagni - a contenere la mediana inglese tanto da rendere vano ogni tentativo offensivo. Da lì, dicevamo, la scossa, la maturazione dell’ormai non più giovanissimo Montolivo, assai diverso da quello che avevamo conosciuto fino a qualche tempo fa. Quello presuntuoso in campo, ma soprattutto fuori. Quello dalle prestazioni altalenanti. Adesso ha trovato la sua posizione ideale in mezzo al terreno di gioco, ma anche quello spirito

di sacrificio e quella determinazione da vero leader. Tanto che lo spogliatoio viola, chiamato a nominare il nuovo capitano dopo la partenza di Dario Dainelli, ha individuato in lui il suo sostituto (alla presenza di Andrea Della Valle, 23 preferenze per Montolivo, 22 per Donadel. Grandi “sconfitti” Adrian Mutu e Sebastien Frey, che alla vigilia sembravano candidati estremamente accreditati). “Seba l’ha presa bene - aveva dichiarato qualche giorno dopo la votazione - anche lui ha espresso la sua opinione come tutta la squadra. Eravamo quattro o cinque candidati e la volontà della squadra va rispettata. Le partenze di Jorgensen e Dainelli sono state importanti come lo furono quelle di Toni, Ujfalusi e Liverani, ma la Fiorentina ha dimostrato di saper sopperire ricompattandosi e migliorando. Proprio con Seba, Gamberini, Donadel, con i più vecchi insomma, cercherò di trasmettere ai nuovi la forza e la convinzione del passato”. Ora lo vediamo parlare in campo, interagire con l’arbitro, spronare i compagni. Porta con rispetto e autorità quella fascia che mai avrebbe pesato di indossare solo fino a qualche mese fa. Il suo

rapporto con la Fiorentina e Firenze sembra destinato ad andare avanti nel tempo. “Il mio unico pensiero è rimanere con questa maglia e vincere qualcosa. Il rapporto è bellissimo con tutti e non mi fanno arrabbiare le critiche, anzi sono uno stimolo per crescere di più. I nostri tifosi sono eccezionali, a Liverpool si sentivano più loro degli inglesi, e dopo qualche risultato non troppo positivo ci sono stati comunque vicini”, spiega. Adesso ha ritrovato anche la maglia della Nazionale, e dopo Gilardino, già indicato dal commissario tecnico Marcello Lippi come sicuro partente per la spedizione azzurra in Sudafrica, dove quest’estate si giocano i Mondiali, potrebbe essere lui il secondo “violazzurro” inserito nella lista. “E’ ovvio - aveva detto al termine dell’amichevole Italia-Camerun, disputata all’inizio di marzo - che mi auguro di far parte della spedizione azzurra, ma credo che prima di tutto conti quello che ognuno di noi farà con il proprio club”. Uno stimolo in più, insomma, per il centrocampista. E ai tifosi non resta che augurarsi un gran finale di stagione da parte di Riccardo da Caravaggio.

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

Tel. 055.6580040 (diurno e notturno)

1027252

• Servizi funebri • Cremazioni • Fiori • Necrologi Via G.Caponsacchi 5/r, Via A.F Doni 41/r Firenze

1100484


sport

37

IL CASO/1. Un mese fa il primo striscione contro il tecnico. I supporter uniti: “Il mister non si tocca”

Amore finito? Macché. I tifosi con Prandelli Cristina Guerri

“G

iornalista giù le mani da Prandelli”, firmato Parterre di Curva Fiesole. Recitava così uno striscione affisso circa un mese fa fuori dai cancelli del Franchi. Poi un altro messaggio: “Prandelli vattene, il ciclo è finito”. Non era mai accaduto prima. E probabilmente si trattava di una mano isolata. Ma il fatto stesso che sia

stato appeso uno striscione contro il tecnico viola ha fatto molto scalpore. “Rimane un episodio isolato. Tutta la tifoseria viola sta dalla parte di Cesare Prandelli”, tuonava Stefano Sartoni, presidente del Collettivo Autonomo Viola. “Chi l’ha scritto non può essere un tifoso della Fiorentina”, rincarava Andrea Della Valle. La risposta l’ha data ancora una volta il tifo, attraverso l’ennesimo striscione: “A te che sei il mio grande mister. A te che hai preso la mia viola e ne hai fatto molto di più”. Il pri-

mo striscione contro Prandelli dall’inizio (cinque anni fa) della sua avventura gigliata ha fatto comunque discutere la città. Ma cosa ne pensano di Prandelli, oggi (ad alcune settimane di distanza dall’apparizione dello striscione “incriminato”), i supporter viola? Per scoprirlo non c’è posto migliore del bar Marisa. “Prandelli via? Macché scherziamo per davvero! - esclama Franco, abbonato in Fiesole da 19 stagioni - in tutti questi anni non avevo mai visto una curva, una città, completamente dalla parte del mister: qualcosa di bono l’ha fatto, e se vogliamo vincere qualcosa deve rimanere per forza”. Dello stesso parere è la signora Iva, 70 anni e due grandi passioni: la Fiorentina e il tecnico di Orzinuovi. “Questo messaggio è per Diego. Si deve rendere conto che se manda via Cesare io e un vengo più allo stadio. Il mister è bello e bravo e non si tocca!”. “A me non interessa mica se l’è bello - replica Lorenzo - l’importante è che entrambe le parti siano chiare, perché a Firenze ci piace così. La società deve presentare un progetto vero a Prandelli, sennò è chiaro che chieda di andar via. Alla fine sono sicuro che resterà, ma nel caso in cui accadesse il contrario metto la mano sul fuoco che non andrà alla Juve. Non ha l’animo gobbo, il mister”. “Il sostituto? - si chiede Pippo – mi garba e parecchio Allegri, anche se non riesco

a immaginarmi la panchina senza Prandelli. Però come tutti i grandi amori... e finiscano”. “Posso assicurare - dice la giovane Giada - che se non rinnovano il contratto al mister e al direttore, i Della Valle perdono una cliente”. “Voi

giornalai - conclude Frank - la dovete finire con queste chiacchiere da barre. Prandelli ha girato mezza Europa sui giornali. Lo date in Inghilterra, in Germania, alla Juve e in Nazionale. Ma come si fa a lavorare così?”.

iL CaSo/2 Tiene banco la questione del contratto

Intanto la città attende il rinnovo

L

a premiata ditta CorvinoPrandelli sta forse vivendo il momento più delicato dalla sua nascita, datata ormai cinque anni fa. Tante soddisfazioni in questi anni: dalla vittoria storica a Torino contro la Juventus (2-3 del 2 marzo 2008) alla finale di coppa Uefa sfumata per un calcio di rigore sbagliato. Quest’anno, nonostante alcune vittorie storiche (vedi quella col Liverpool allo stadio di Anfield Road), si respira nell’aria un clima diverso. I due, in scadenza di contratto a giugno 2011, non hanno ancora firmato il prolungamento, e tutta la città è in attesa del loro rinnovo. “Prandelli e Corvino sono parte integrante del progetto Fiorentina”; e ancora: “Se dipende da noi, Prandelli resta. Mi occupo di problemi che esistono. Se qualcuno ha messo in giro queste voci che ce lo venga a dire a noi”:

così tuonava, qualche tempo fa, il patron della Fiorentina Diego Della Valle. Mentre il diretto interessato, invece, rimandava tutto alla primavera. E in questa situazione di stallo sono state affibbiate al tecnico di Orzinuovi le destinazioni più impensabili. Per la stampa torinese il tecnico sarà il nuovo allenatore della Juventus. Altri invece sono pronti a mettere la mano sul fuoco su un accordo già preso con Abete per la guida della Nazionale dopo i Mondiali. Ma non solo. C’è chi, andando a ripescare alcune vecchie dichiarazioni di Prandelli (“Se un giorno lascerò la Fiorentina lo farò per provare l’esperienza estera”), lo vede come prossima guida del Liverpool. La verità? Quella si saprà solo in primavera, quando Firenze si augura che la Prandelli-story prenderà la piega giusta. /C.G. Quella del rinnovo.


38

sport nel comune

Marzo 2010

PALLACANESTRO. A tu per tu con Claudio Zantonetti, presidente della società S.T.M.

“Salviamo il tortello” su un campo di basket Carlo Marrone

La sigla che dà il nome al club significa “Salviamo il tortello mugellano”, e nasce

N

dallo spirito goliardico dei ragazzi che lo fondarono. Oggi, a più di 15 anni

el 1994, nel territorio di Borgo San Lorenzo, si fa largo una nuova associazione sportiva: l’S.T.M. Pallacanestro. La società dell’allora presidente in carica Marcello Barletti cresce. Nel 1998 arriva il nuovo presidente Claudio Zantonetti, che porta spirito di innovazione e sportività, e si procede alla formazione dell’area tecnica, sia per le squadre giovanili che per il settore minibasket. L’impegno dell’STM è stato e continua ad essere quello di avvicinare e far “innamorare” della pallacanestro sempre più ragazzi e ragazze. Questa filosofia è risultata vincente, visto che si sono raggiunti numeri considerevoli per il bacino di utenza di Borgo San Lorenzo. Presidente, come nasce la società? La S.T.M. Pallacanestro nasce nel 1994 da un gruppo di giovani. Cosa significa la sigla S.T.M.? Sveliamo subito l’arcano: S.T.M. sta per “salviamo il tortello mugellano”. Il nome deriva dallo spirito goliardico di questi ragazzi che, dopo ogni partita, si ritrovavano di fronte a un piatto di tortelli mugellani. In quale categoria siete partiti? La stagione 1994-95 ci vide ai nastri di partenza solo con la squadra amatori, raggiungendo un ottimo terzo posto. Quando l’iscrizione al campionato FIP? L’anno successivo, il 1995, disputammo il campionato allievi della FIP, mentre la squadra amatori conquistò il settimo posto in classifica nel campionato UISP. Quanti tesserati conta la società? Siamo una società di giovani, si comincia dal Mini Basket, abbiamo tesserati dal 2002 fino al

dalla sua fondazione, i risultati raggiunti dalla società sono considerevoli

La squadra degli “aquilotti” della S.T.M. Pallacanestro

QUALITA’ DEL SERVIZIO, CORTESIA E TRASPARENZA Serietà, qualità e assistenza completa alla clientela. Sono queste le caratteristiche di che AFFARIMMOBILIA opera da più di vent’anni in ambito fi orentino e toscano e da tredici anni in Via delle Centostelle a Campo di Marte. Affidata all’esperienza di Gino Rigghielli, Luca Barchielli, e gli altri componenti dello staff, l’agenzia di Via delle Cento Stelle ha una consoli-data struttura professionale e si avvale di un know how effi cace, in grado di soddisfare con successo qualsiasi ri-chiesta immobiliare. AFFARIMMOBILIARI è da sempre spe-cializzata in immobili di livello me-dioalto. Gli elementi distintivi restano la qualità e la serietà, oltre alla capacità di offrire ai clienti un’ampia gamma di servizi: intermediazione, consulenza pianifi cazione sull’investimento immobiliare, vendita di cantieri medio/grandi e gestione di patrimoni immobiliari. I

servizi nascono anche grazie a un gruppo variegato di professionisti e partner esterni, che vanno a ricoprire tutti i settori legati al mercato immobiliare, da quello legale a quello dell’architettura. Alla base dell’effi cienza divi è anche il AFFARIMMOBILIARI grande valore dato dalla Banca Dati Immobiliare (Bdi), aggiornata costantemente e automaticamente in modo che ogni cliente possa essere seguito puntualmente nello sviluppo delle sue esigenze e richieste specifi che. Insom-ma, un servizio serio e completo, che parte dagli annunci dei singoli immobili, sempre precisi e veritieri, per arrivare fi no al rogito. I clienti “storici” continuano a tornare in agenzia anche dopo anni, magari per aiutare i fi gli ad acquistare casa o per cercare un immobile più adatto alle loro nuove esigenze. « Nella casa di AFFARIMMOBILIARI spiegano i titolari - conta ancora la

1993, sono divisi in sei gruppi, sei squadre per un totale di circa ottanta ragazzi. I ragazzi hanno un seguito? Diciamo che a partire dall’Under 17, fino al Mini Basket, gli spettatori sono quasi sempre genitori e familiari che seguono soprattutto i bambini. Come riuscite ad affrontare i costi relativi alle spese di manutenzione? I primi giorni del mese di maggio organizziamo la sagra del tortello: ormai è una tradizione. Quest’anno ci sarà l’ottava edizione della sagra “Salviamo il Tortello Mugellano”. I progetti iniziali coincidono con gli attuali? No, nel 1995 il progetto era quello di formare una società che nel corso degli anni si potesse consolidare, ora a una quindicina d’anni di distanza bisogna affermare che quello che avevamo prefissato come scopo è stato raggiunto, l’obbiettivo attuale è cercare di formare una prima squadra di adulti che possa disputare il Campionato Promozione. Tra gli obbiettivi c’è anche quello di coinvolgere le ragazze nel settore giovanile. Qual è il messaggio per i giovani? Per noi il gioco del basket è divertimento, nello sport non conta solo il risultato e le nostre squadre sono formate anche da ragazzi che hanno difficoltà e che vengono agli allenamenti per divertirsi insieme a tutti gli altri compagni. Lo sport è anche promozione, non solo agonismo, la nostra realtà si differisce da quella del calcio poiché a 14 anni non facciamo nessuna selezione tra ragazzi più o meno bravi.

1070086

stretta di mano, che racchiude in sé il signifi cato del nostro concetto di “vita immobiliare”. Non a caso, questo è il nostro mestiere, oltre che la nostra passione, e lo svolgiamo in modo puntigliosamente professionale, riassumendo nella nostra per-

sona e nel nostro operato attenzione, competenza, lealtà e serietà». Il motto di è AFFARIMMOBILIARI “Mai come oggi i vostri affari sono i nostri affari”. Non una frase pubblicitaria, ma una filosofi a di vita e di lavoro.


40

sport

Marzo 2010

IL SALUTO. L’ex Ct Alfredo Martini ricorda il suo successore

Addio “Ballero”, ciclismo in lutto Simone Spadaro

le bocce tra nonni e nipoti (sognando le olimpiadi)

“L

e bocce, un futuro di ricordi”: è questo il nome del progetto, finanziato dalla Regione Toscana, rivolto agli alunni della classe quarta e quinta della scuola primaria, col contributo delle 75 società bocciofile aderenti alla Federazione italiana bocce – Comitato regionale toscano. “Si propone di promuovere la cultura delle bocce tra i giovani”, spiega il presidente del comitato regionale Toscana della Federbocce Giancarlo Gosti. “Desideriamo far conoscere questa disciplina ai più giovani e partiamo proprio dai bambini delle scuole elementari, che avranno come ‘tutor’ un nonno. A ogni gruppetto di ragazzi – aggiunge Gosti – abbiamo assegnato un nonno che può essere veramente il nonno di un bambino oppure uno dei nostri giocatori master, che avrà il compito di raccontare a cosa giocava,

L

a morte del fiorentino Franco Ballerini ha sconvolto il mondo del ciclismo. Monsieur Roubaix, come veniva chiamato quando ancora correva, avendo disputato ben tredici volte la mitica Parigi-Roubaix vincendola due volte, nel 1995 e nel 1998, dopo che già nel 1993 si era visto soffiare la vittoria in volata dal francese Gilbert Duclos-Lassalleochi, è stato ricordato da tutti gli sportivi italiani. Dall’agosto del 2001, pochi mesi dopo l’abbandono delle competizioni, aveva guidato la Nazionale professionisti succedendo ad Alfredo Martini e ad Antonio Fusi, portandola alla vittoria del titolo mondiale a Zolder con Mario Cipollini (2002), a Salisburgo (2006) e a Stoccarda (2007) con Paolo Bettini e a Varese (2008) con Alessandro Ballan, e del titolo olimpico ad Atene con Paolo Bettini (2004). E proprio con il suo predecessore Martini, Ballerini aveva instaurato un rapporto bellissimo. Come fossero padre e figlio. L’ottantanovenne Alfredo Martini non ha mancato di ricordarlo, ufficialmente, ad Arezzo, in occasione della Festa del ciclismo 2010, alla quale doveva partecipare lo stesso Ballerini e dove è stato ricordato con le suggestive immagini, a mani alzate, sul traguardo della Parigi-Roubaix. Nei momenti difficili il ciclismo italiano si rivolge sempre ad Alfredo Martini e anche in quell’occasione, a una settimana dalla tragica morte del

INIZIATIvE. In corso il progetto “Un futuro di ricordi”

Franco Ballerini

“Ballero”, è stato il presidente onorario della Federazione ciclistica a regalare le emozioni più belle. “La prima cosa che Franco avrebbe detto sarebbe stata che non si devono intristire i tanti ragazzi che sono qui – ha esordito Martini – perché quello che è certo è che Ballerini ci ha lasciato nel momento più bello della sua vita, quando poteva godersi i suoi tanti successi prima da ciclista e poi da commissario tecnico e costruirne altri, ed anche nel momento nel quale ci serviva di più per salvare questo ciclismo. Io so però che il ciclismo si salverà da solo, anche onorando la memoria di Fran-

co Ballerini, e sconfiggerà le persone che stanno attorno ai corridori che oggi lo stanno minacciando, che sono i veri responsabili prima ancora dei corridori. Quando ho l’occasione di parlare davanti a giovani e giovanissimi ciclisti sento forte in me la speranza in un ciclismo migliore, quello del quale con Franco parlavamo sempre”. A Ballerini è già stata intitolata un’installazione a San Miniato Basso e anche la Tirreno Adriatico 2010 è dedicata al grande commissario tecnico, che esordì a Firenze e che ha lasciato un vuoto immenso in tutto il mondo sportivo italiano.

L’intento è far conoscere questa disciplina ai più giovani e come, quando aveva l’età dei bambini. Non solo: il nonno racconterà come aspettava l’arrivo delle tappe del Giro d’Italia, come ascoltava le partite di calcio alla radio, quali erano i passatempi quando era piccolo. I ragazzi – continua - sono chiamati a trascrivere su un diario i racconti del nonno e, al termine del progetto, il 27 marzo, avremo una festa conclusiva al centro tecnico

Bambini giocano a bocce

di Coverciano con tutti i bambini delle classi che hanno aderito al programma. Il diario più bello farà vincere un premio a tutta la classe. Presso il museo del calcio allestiremo dei campi e svolgeremo il torneo finale di bocce e poi una sana merenda, come quelle che si mangiavano una volta: pane e olio e pane e marmellata”. In Toscana sono oltre 3.300 i tesserati. “Registriamo circa 22mila presenze annue – spiega Gosti – e nel periodo invernale si gioca ogni fine settimana con numeri altissimi che molti ancora non conoscono”. Unico rammarico, il mancato riconoscimento come sport olimpico. “Ma ci stiamo lavorando. Le bocce sono presenti ai Giochi del Mediterraneo e l’obiettivo – conclude Gosti – è quello di portare le bocce come sport dimostrativo a Rio de Janeiro nel 2016. Poi, soprattutto se sarà l’Italia a ospitare l’edizione del 2020, far debuttare le bocce come sport olimpico /Sim.Spa. in quell’occasione”.

POLIAMBULATORIO DELLA FRATELLANZA MILITARE

Segreteria a disposizione per informazioni e appuntamenti da Lunedì a Venerdì

al numero

055 671388 ORARIO

9-12 / 15 -19

Presso l’ambulatorio vengono effettuate visite specialistiche per quasi tutte le discipline e siamo dotati di moderne attrezzature che permettono la quasi totalità delle indagini mediche. PER ESEMPIO TRA LE PIU’ COMUNI: Eco color doppler arti inferiori e superiori carotidei e vertebrali e Terapia sclerosante per quanto riguarda l’ANGIOLOGIA • Laser-Terapia e diatermocoagulazione per quanto riguarda la DERMATOLOGIA • Eco transvaginali, PAP-Test e Tamponi Culturali per la GINECOLOGIA • ECG, Holter ECG e Pressori , Eco-Cuore per la CARDIOLOGIA • Infiltrazioni per l’ ORTOPEDIA • Consulenze psicologiche individuali e di coppia per la PSICOLOGIA. INOLTRE OGNI VENERDÌ POMERIGGIO vengono effettuate visite Pneumologiche per curare le malattie dell’apparato respiratorio e per iniziare la Terapia Antifumo. NELLA INFERMERIA DELL’AMBULATORIO OGNI POMERIGGIO vengono eseguite Iniezioni, Piccole Medicazioni, Misurazione Pressione Arteriosa.

SPECIALIZZAZIONI SVOLTE ALL’INTERNO DELL’AMBULATORIO DI PIAZZA SAN SALVI 4 ( LINEA ATAF n° 6 - 20 ) • • • • • •

AGOPUNTURA ANGIOLOGIA CARDIOLOGIA CHIRURGIA-PROCTOLOGIA DERMATOLOGIA ENDOCRINOLOGIA-DIETOLOGIA

• • • • •

FISIOTERAPIA GERIATRIA GINECOLOGIA-OSTETRICIA MEDICINA INTERNA NEUROLOGIA

• • • • • •

NEUROPSICHIATRIA OCILISTICA ORTOPEDIA OTORINOLARINGOIATRIA ODONTOIATRIA PNEUMOLOGIA

• • • • • •

PODOLOGIA PSICHIATRIA PSICOLOGIA PSICOPEDAGOGIA SCIENZA DELL’ALIMENTAZIONE UROLOGIA 1077520


sport

41

ATLETICA. Nata in Costa d’Avorio, Audrey Alloh è italiana dal 2005. E ormai un vanto per la città

la pantera fiorentina corre verso il futuro Lorenzo Mossani

Studio Economia e gestione dei servizi turistici, in questa sessione ho dato quattro esami, se uno ha in testa un obiettivo nulla è impossibile. E’ difficile portare avanti la carriera sportiva e contemporaneamente studiare, ma ho iniziato ad applicarmi tante volte dopo cena, senza tralasciare dei fine settimana di svago e divertimento. Cosa si ricorda di Pechino? L’emozione di indossare la maglia azzurra in uno stadio pieno, i miei parenti in Costa d’Avorio che mi guardavano, le avversarie più forti del mondo e la possibilità di passare al professionismo: l’atletica è la mia vita e lo sarà per molto tempo. Sogni per il futuro? Recentemente ho migliorato il mio personale indoor con 6.89 nei 55 metri, ora voglio migliorare nei cento per correre agli Europei. Cosa non vorrebbe mai farsi mancare? La fede per il Signore, gli Hillson, un gruppo australiano che nessuno conosce (ride, ndr) e il bellissimo rapporto che ho con mia madre e con il mio allenatore. Cosa ha di speciale Paolo Fiorenza? Paolo riesce sempre a tirare fuori il massimo da ogni atleta: è veramente un grande allenatore, sono stata fortunata a incontrarlo.

A

udrey Alloh: una pantera dallo sguardo dolcissimo che corre a Firenze. Nata ad Abidjan, in Costa d’Avorio, nel 1987, Audrey si è trasferita in Italia da piccola. Ora è una delle velociste più forti d’Italia e un vanto per Firenze. E’ diventata cittadina italiana nel 2005: poco dopo era già in Nazionale. Ha difeso i nostri colori a Pechino nella staffetta femminile 4x100: la sua specialità sono i cento metri. Ormai la sua “fiorentinità” traspare anche dal leggero accento e dall’ironia pungente tipica del sarcasmo dei “toscanacci”. Audrey Alloh è una campionessa in pista e una campionessa di umiltà nella vita quotidiana, come dimostrano il suo impegno nel sociale e nella Chiesa Evangelica Apostolica. Ora è una professionista a 360° e gareggia per le Fiamme Azzurre, anche se si allena con il suo allenatore-amico: il grande Paolo Fiorenza. A Pechino la tanto sospirata medaglia non è arrivata, ma Audrey continua a migliorarsi, e alla sua età è ancora lecito (se non doveroso) sognare, specialmente dopo l’oro alle Universiadi del 2009. Il prossimo impegno per la figlia del vento saranno gli Europei. Il 2009 non è stato un anno facile. Con che spirito è tornata ad allenarsi? Sicuramente con entusiasmo, non mi sono lasciata abbattere. Ho cercato di migliorare la tecnica di corsa e i tempi sono scesi immediatamente. Come ci si allena a Firenze? Mi alleno allo stadio Ridolfi, è una struttura moderna ed efficiente, non mi manca nulla. Anche d’inverno, quando fa freddo, le strutture all’interno sono all’avanguardia. Lei è anche studentessa. Riesce a conciliare i suoi impegni?

L’ASSOCIAZIONE. Composta da donne operate al seno, l’obiettivo è aiutare e sensibilizzare

florence Dragon lady, il coraggio scende in acqua

H

anno compiuto quattro anni e li hanno festeggiati quest’anno nel magnifico panorama che è la sede della Canottieri comunali Firenze, in lungarno Ferrucci 4, sul ponte da Verrazzano. L’associazione Florence Dragon Lady, un gruppo di donne operate al seno che è legata alla Lega italiana contro i tumori, “casa madre” di tutte le associazioni che hanno come unico obiettivo svolgere attività e raccogliere fondi per la ricerca di nuove frontiere mediche che possano portare alla cura di ogni forma di tumori, ha raccolto lo scorso 14 febbraio, giorno della nascita dell’associazione, un successo di colori, gente, suoni e risate. Molto chiari e assolutamente determinati gli

Piccoli vogatori crescono

A

lcuni sono già arrivati, altri ci raggiungono in tenuta da allenamento, arrossati dal sudore e dalla fatica. A vederli così sono ragazzi come tanti altri, ma quando iniziano a parlare si capisce subito che hanno una marcia in più. Sono Bernardo Nannini, Pietro Zileri, Beatrice Arcangiolini, Edoardo Gattai e Andrea Marcaccini, atleti di punta della storica società Canottieri Firenze, tutti giovanissimi – hanno tra i 15 e i 19 anni - ma già campioni medagliati. Con loro Luigi De Lucia, direttore tecnico e allenatore dei giovani atleti: “Sono ragazzi diversi tra loro, ma con qualcosa che li accomuna: la determinazione, la voglia di arrivare in alto e lo spirito di sacrificio. La forza di volontà che dimostrano negli allenamenti li contraddistingue anche nella vita privata e nello studio”. “Ho iniziato a vogare spinto dalla curiosità – spiega Bernardo - una mia amica praticava questo sport e mi sono subito appassionato. Proven-

go dal tennis ma non ero mai riuscito a provare che ho trovato nel canottaggio: il brivido della gara e lo spirito di squadra”. Anche Pietro è un ex tennista deluso che si è avvicinato al canottaggio grazie al padre, già campione europeo. “Abbiamo creato una bella squadra e continuiamo a frequentarci fuori dalla palestra anche adesso che gareggiamo in categorie diverse”. Beatrice, l’unica ragazza presente, che ha cominciato convinta da un’amica, è entrata subito nella squadra agonistica e sta raggiungendo in breve tempo traguardi importanti. Così come Edoardo, che mira dritto ai mondiali under 23 di luglio, e Andrea, quasi un caso eccezionale, che tra il 2007 e il 2009 ha vinto i mondiali juniores come timoniere e il campionato italiano Ragazzi da atleta. Il loro sogno è quello di vestire un giorno la maglia azzurra. Nel frattempo il prossimo impegno sarà l’atteso meeting di /L.M. Piediluco.

1066367

CANOTTIERI FIRENZE. Parlano le “promesse”

obiettivi: organizzare altre squadre di “donne in rosa” per dare la possibilità alle donne operate al seno di praticare uno sport utile e portare un messaggio di speranza, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica ed essere un punto di riferimento per tutte le famiglie toccate da questo problema. Da segnalare che negli ultimi giorni hanno aderito al progetto delle Florence Dragon Lady associazioni sempre legate al Dragon Boat di Venezia e Cagliari, oltre che di Torino, con contatti avviati anche con i gruppi di Dragon Boat di Parma e Terni. Il 2010 sarà un anno importante per le Florence Dragon Lady, impegnate in un’avventura /L.M. sportiva in Canada e Francia.

TRATTAMENTO CORPO DIMAGRANTE ANTICELLULITE ENERGY BODY

A seguito di 1 PROVA GRATUITA Solo per chi aderisce al programma,

i t n e m a t 10 trat Promozione 0 0 €7

€ 520

esclusiva...

SOLO SU APPUNTAMENTO SOLO FINO AL 15 APRILE

Via Scipione Ammirato, 69/C Tel.

055 670753


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

via dell’agnolo, le risposte contro il degrado egregio Direttore, sul numero scorso di reporter è stata pubblicata una lettera dal titolo “Lo spettacolo di via dell’agnolo” nella quale una giovane domiciliata sul nostro territorio lamentava la situazione di difficoltà sociale che si raccoglie nelle strade attorno a via dell’agnolo, a pochi passi dalla sede del consiglio di Quartiere 1. a tale proposito Le scrivo per informarLa che abbiamo provveduto a comunicare alle forze dell’ordine, con le quali collaboriamo giornalmente, la segnalazione in questione, ottenendo da loro l’assicurazione di un tempestivo intervento. Siamo naturalmente a conoscenza di questa, come di altre, situazioni presenti sul nostro territorio, nelle quali sacche di microcriminalità, degrado sociale, tossicodipendenza e spaccio faticano spesso ad essere rimosse. L’intervento delle forze dell’ordine è la risposta più immediata che possiamo fornire, anche se potrebbe non essere quella definitiva: per sanare certe situazioni difficili, infatti, occorre un lavoro lento, faticoso, ma efficace che stiamo portando avanti da tempo e che siamo certi darà i suoi risultati. un lavoro che comporta anche l’aiuto e la partecipazione di tutti i cittadini. ringrazio la Sua lettrice per la segnalazione che ci ha fornito e Lei per averla pubblicata. Il Collegio di Presidenza del Q1 Sono del tutto d’accordo sul fatto che, in casi come questo, l’intervento delle forze dell’ordine (per quanto sempre prezioso e necessario) debba poi essere seguito da un costante lavoro da parte delle istituzioni (ma non solo) per prevenire e risolvere certe situazioni, e la conferma che, da parte vostra, lo state portando avanti non può che essere una buona notizia per tutti gli abitanti della zona. Ma sono ancor più d’accordo sul fatto che, nella lotta al degrado e alla microcriminalità, l’aiuto e la partecipazione di tutti i cittadini sia di fondamentale importanza, e per questo motivo da promuovere con ogni mezzo, per far sì che ciascun abitante senta di essere, come dovrebbe, una risorsa importante per la propria città, attraverso i suoi comportamenti, la sua voce e le sue segnalazioni. M.F.

lettere

Marzo 2010

viale calatafimi, il marciapiede “di nessuno” gentile direttore, innanzitutto vorrei esprimerLe i miei ringraziamenti per il Suo giornale, che mi permette di sapere le novità del mio quartiere. Vorrei poi scusarmi se disturbo Lei, ma ho provato diverse strade per segnalare e chiedere aiuto per risolvere il problema che mi permetto di esporLe, purtroppo da nessuna ho ricevuto né risposta né aiuto. abito in Viale calatafimi 60. un bel palazzo di pietra che ha la sfortuna di trovarsi proprio sull’angolo di Viale righi. Di conseguenza per i “servizi” tipo pulizia della strada, dei marciapiedi, delle aiuole è un continuo rimbalzo di competenza. il risultato è che il nostro marciapiede, uno slargo a semi-cerchio con una aiuola che lo protegge dal traffico, non è mai pulito. L’aiuola viene tagliata se qualcuno di noi condomini ha la fortuna di trovarsi lì nel momento in cui tagliano le aiuole dell’uno o dell’altro viale, chiedendo “il favore” che talvolta abbiamo ottenuto (per grazia ricevuta), ma evidentemente non abbiamo potuto insistere troppo e gli scarti di questi tagli sono tutti depositati nel fogliame dell’aiuola stessa, quindi residui di potature varie, residui di spazzatura, residui del tempo che passa, tutto questo, facendo una caccia al tesoro, si trova camuffato, ma mica tanto, in questa bella e larga aiuola. inoltre la pulizia della strada non appartiene, dicono né lì né là, quindi il nostro marciapiede è diventato il parcheggio di tutti i motorini confinanti con i due angoli. con tutto il disagio di chi, come me, abita nel semi-interrato, e riceve, sera e mattina, tutti gli scarichi dei motorini (direi anche motoroni) che arrivano o partono la mattina facendo prima qualche bella sgassata di messa in moto. aprire la finestra della mia camera è impossibile, per il cattivo odore e a causa degli insetti che hanno nidificato nell’aiuola. il ratto che ha fatto capolino dalle sbarre della mia finestra mi ha poi convinta che questa deve sempre rimanere chiusa, peggio per me se non posso cambiare aria. chi ci può aiutare? a chi mi devo rivolgere per avere non solo comprensione, ma un aiuto concreto per risolvere questa situazione? grazie Signor Direttore per avermi letta e grazie dell’aiuto che spero almeno Lei mi potrà dare. rita Bruno-peero Gentile signora Rita, pubblichiamo volentieri la sua lettera in modo che - come già successo molte volte in passato, quando altri lettori hanno voluto portare alla luce, attraverso il nostro giornale, disagi o problematiche con cui erano costretti a convivere - possa essere letta da chi di dovere, e nella speranza che la situazione che ci ha descritto possa trovare una soluzione. Ci tenga aggiornati sugli sviluppi. M.F. il lavoro del contadino e l’amore per la terra caro direttore, il bell’articolo di alberto ottanelli “una vita al ritmo (lento) della natura” su antonio Banducci (dell’azienda agricola “La talea” di via della torre, a due passi dal centro tecnico di coverciano) mi ha riportato al passato; anni ‘50. conoscevo sua madre (se n’è andata 10 anni fa. a novembre scorso

le ho portato un fiore nel cimitero di castiglioncello). Sì, la conoscevo bene margherita. S’andava alle elementari (stessa classe) all’armando Diaz di ponte a mensola e si faceva a gara a chi prendeva il miglior voto nei temi. La maestra grillini sosteneva che io meritavo di più perché ero la scolara povera (case popolari di via manni) dove di libri in casa nemmeno l’ombra. a margherita invece (bel casolare vicino a “La capponcina”, famiglia acculturata, ecc...) la maestra dava qualche mezzo punto in meno. mi sa che questo a margherita mai è andato troppo giù, ma mai ha reclamato. aveva un carattere pacifico. guardando il suo voto sorrideva; mi sorrideva! Lo stesso sorriso di antonio, stesso ovale del viso. il sangue non è acqua. Bravo antonio per la tua scelta di fare il contadino, lavoro faticoso quanto prezioso. anche mio zio (fratello minore di mia madre) morto due anni fa, mai s’era voluto allontanare troppo dalla terra. L’amava! negli anni ‘50 era sceso in città (dal mugello) però viveva di poca coltivazione di fiori, ricercava nei boschi la mortella (chiedeva il permesso in maremma ai proprietari, che gli rispondevano: “La prenda pure, nessuno viene a cercarla. troppo faticoso”). nella stagione raccoglieva castagne e funghi. aveva un piccolo bosco suo. Diceva che là, nel suo bosco, i porcini erano i migliori del mondo e che solo lassù si sentiva libero. La stessa parola detta da antonio. a margherita, che non vidi crescere (dopo le elementari ci separammo, troppe diversità sociali, ma antonio mi ha promesso una sua foto da adulta) e a zio... “Sia lieve la terra”, e a noi il coraggio di vivere senza chi amiamo e il coraggio di conservare al meglio la nostra terra, per noi e per quelli che dopo verranno. Lottando in primis contro armi, guerre ed orrori umani vari (come già non ci fossero quelli naturali, vedi Haiti). a proposito: chi ha tempo e voglia può visitare fino al 5 aprile (tutti i pomeriggi fuorché il lunedì) la mostra del fotografo americano James nachtwey allestita al palazzo mediceo di Seravezza (pochi km alle “spalle” di forte dei marmi). il coraggioso (è stato ferito) James corre per il mondo a immortalare inferni. Quelli veri! non come quello immaginario del nostro concittadino Dante. uscendo dalla mostra, indescrivibile l’orrore degli scatti, sembra impossibile ritrovare tanta bellezza: il prato ben curato dov’è il palazzo mediceo, le alpi apuane più distanti, gialle mimose quasi fiorite, alberi di aranci, serenità, pace. per ora siamo fortunati; al momento viviamo nella “parte vivibile del mondo”. ma c’è sempre da “stare in campana”. ci può voler poco a cambiare tutto. mi hanno detto che, per fortuna, molte scolaresche visitano la mostra, e gli occhi dei ragazzi sono attenti. affatto indifferenti. È una buona notizia. Buon lavoro a voi tutti e, naturalmente, ad antonio e a chi con lui collabora. Anna impruneta, “scarsa attenzione” per via falciani gentile redazione, sono un cittadino dell’impruneta, abito in via dei falciani al n° 34. purtroppo sono a segnalarVi lo stato di scarsa attenzione che questo quartiere sta ricevendo ormai da tempo, da parte dell’amministrazione comunale. La nostra via, nella sua parte

finale, in forte pendenza ed attualmente senza sbocco (verrà prossimamente aperta verso una zona di recente costruzione) è abbandonata per quanto riguarda la manutenzione stradale e per l’illuminazione. nonostante le ripetute segnalazioni al comune, e-mail ecc., purtroppo non notiamo alcun tipo di intervento: la strada rimane piena di buche, l’illuminazione manca rendendo così pericoloso il transito pedonale. Dopo le segnalazioni la luce è stata ripristinata ma purtroppo la cosa non dura ed ora siamo di nuovo al buio da circa 20 giorni. Questo per non dirVi i disagi di questa situazione quando è nevicato e la strada era ghiacciata. esistono zone di serie B??? Le nostre tasse non valgono le altre??? grazie per la cortese attenzione, Marco Breschi la salute di arno e fosso macinante

Spett.le reporter, sono un pensionato ottantacinquenne, abito nei pressi di via f. Baracca, mi piace girare con la bicicletta alle cascine e possibilmente faccio alcune fotografie che richiamano la mia curiosità. Dato che ci sono problemi per le buche da ricoprire e di altri lavori urgenti, io vi rimetto le fotografie da me scattate sullo stato di estrema gravità dello sbarramento (non dico diga) del nostro fiume arno. Dalle fotografie potete constatare che il detto versa in condizioni pietose per le infiltrazioni che si sono propagate al suo interno. Se lo sbarramento (Dio non voglia) dovesse cedere il disastro sarebbe grande, la massa d’acqua che si riverserebbe fino a marina di pisa sarebbe un disastro. per curiosità, gradirei sapere inoltre che fine farà il fosso macinante, visto che è stato prosciugato. ricevo con piacere il reporter e porgo infiniti saluti. Adalberto Poggioni parcheggi e boX, “la mia proposta” Questa città piena di vecchi edifici oggi si trova piena di auto parcheggiate, problema aggravato dallo sgombero settimanale per pulizia strade. nel mio piccolo “dico la mia” suggerisco di aumentare il possesso di box auto; lo spunto l’ho preso dal parcheggio di piazza alberti, nel cui sottosuolo hanno ricavato i box venduti con la clausola di possesso di 99 anni perché suolo comunale non alienabile. parlando della mia zona, ovviamente, anche perché sono vostro concittadino solo da 4 anni, ho notato che tra via aretina e gli alloggi popolari si potrebbero ricavare delle strisce di circa 6 metri ove il comune potrebbe dare in comodato per 99 anni, o anche meno, ai cittadini, dietro compenso, annuo/quinquennale/decennale....., detto terreno su cui poggiare dei box prefabbricati tutti uguali, belli, funzionali ed economici, come ad esempio quelli di legno impregnato oppure metallici zinca-


lettere

43 su 24, forse abbiamo le idee più chiare di chi ci viene solo per mezza giornata! Lettera firmata

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it nuova pulizia strade, la “sorte” delle vie escluse gentile redazione, leggo sempre con interesse il Vostro periodico e Vi scrivo al riguardo del nuovo metodo di pulizia delle strade che, entro l’anno in corso, permetterà agli abitanti del 50% di firenze di non spostare più l’auto (eccetto una volta al mese) in occasione della predetta pulizia. mi domando però cosa è previsto per l’altro 50% di strade dove non è possibile utilizzare il nuovo sistema. i residenti in quelle vie potranno avere qualche beneficio o saranno sempre costretti a spostare la propria auto ogni volta che hanno la pulizia? potranno almeno sperare che tale operazione verrà fatta più di rado e non settimanalmente? ringrazio per l’attenzione e saluto cordialmente. Alessandro

Caro Alessandro, come la sua lettera e tutte le altre arrivate in redazione sulla questione ci confermano, quello del lavaggio delle strade è uno degli argomenti che maggiormente interessano i fiorentini, in questo periodo di novità ma non solo. E d’altronde non potrebbe essere altrimenti. Chi, tra coloro che hanno la patente da almeno qualche anno, non si è trovato a dover fare i conti con le difficoltà sempre maggiori nel trovare un posto per la propria auto nei giorni di pulizia delle strade, chi non si è trovato costretto (o quasi) a decidere di non utilizzare la propria vettura il giorno precedente al lavaggio (in alcuni casi, e in alcune zone, anche quello prima), per la paura di non trovare più uno spazio dove parcheggiarla se non a distanza di chilometri (è non è un modo di dire)? Anche per questo motivo, l’annuncio dell’entrata in funzione di Sweepy Jet, ovvero della macchina capace di lavare le strade senza la necessità di spostare le auto parcheggiate, è stato accolto in città come una “liberazione”. E senz’altro rappresenta un passo avanti nei servizi offerti ai cittadini. Quello che però non dobbiamo dimenticare è che si tratta di una metodo che sta muovendo i suoi primi passi, e che quindi avrà bisogno di tempo e di miglioramenti prima di poter agire al meglio. Ma quello che ritengo importante (e qui vengo alla sua domanda) è che finalmente sia stato deciso di affrontare una questione che si era ormai trasformata in una fonte continua di preoccupazione, se non di disagio, per i fiorentini. Una questione su cui l’amministrazione dovrà continuare a porre attenzione, cercando magari qualche altra soluzione per le strade dove la nuova macchina non potrà arrivare (che potrà essere, dove possibile, una riduzione della frequenza del lavaggio o un cambiamento degli orari in accordo con i cittadini, per esempio, pur senza dimenticare l’ovvia importanza, per la salute e non solo, di avere vie pulite). Per il momento - dallo scorso primo marzo - chi lascia la propria auto in sosta vietata nelle strade interessate dal lavaggio (e non raggiunte da Sweepy Jet) riceverà “solo” una multa, e non si vedrà più portare via la vettura, né la troverà con le ganasce. Una decisione che può essere vista come un altro segno di attenzione sull’argomento, un nuovo atteggiamento nei confronti dei cittadini. In attesa, magari, di altre novità. Ma, ribadisco, quello che più di ogni altra cosa (soluzione già prese o da prendere, difficoltà da risolvere, meccanismi da migliorare, ecc.) è importante è una nuova attenzione verso i servizi per la città e i suoi abitanti, possano essere la pulizia delle strade o altro. Matteo Francini

ti. tutto questo perché noi pensionati non possiamo acquistare box ai prezzi vigenti a firenze e perché l’ offerta è veramente esigua per quanto detto all’inizio. Sperando in bene, colgo l’occasione per ringraziare codesta spettabile Direzione per l’ottimo operato e porgo per l’ occasione distinti saluti. Giuseppe Di Cosmo il “destino” di via di rifredi gentile redazione, Via di rifredi è una strada (poche decine di metri) che collega Via carlo Bini con piazza Dalmazia. in questa zona è la strada a cui tocca di tutto: un mercatino rionale che non è a norma, la loggia del mercato che da oltre un anno e mezzo (quasi due, ormai) è diventata il dormitorio per una dozzina di rom (che ci fanno di tutto e la mattina dopo ci vendono verdura e frutta!) con tanto di materassi e anche reti di letti e che chiedono l’elemosina dalle 15.00 a mezzanotte, approfittando del parcheg-

gio di chi viene a fare shopping, al cinema, ai locali e domani, chissà, anche la tramvia! Di tutto, di più! possibile che si ascolti sempre la voce dei negozianti e mai, dico mai quella dei residenti? insieme ad altre persone abbiamo contattato anche il Quartiere 5, facendo presente la situazione di massimo degrado e di oggettiva difficoltà per noi che ci viviamo: ci hanno detto che è previsto (quando non si sa) un riassetto della zona e di avere pazienza. Quanto dovremo ancora aspettare? pare che alcuni negozianti abbiano suggerito di chiudere la copertura del mercato con una cancellata: non SerVira’ a nuLLa, se non a buttare via ancora tanti dei nostri soldi! Dall’altra parte della ferrovia c’è una grande cancello, che aveva un lucchetto: è stato divelto completamente ed un padiglione dell’area ex-macelli è diventato un dormitorio! possibile che quando qualcuno viene a vedere la situazione si fermi a parlare con i negozianti e mai con noi residenti? Vedendo cosa succede 24 ore

controlli e biglietti sull’autobus approvo incondizionatamente quanto scritto a pag. 27 del reporter di febbraio sulle regole nuove che salgono sull’autobus, cioè maggiori controlli e maggiore severità per chi non paga il biglietto. L’ataf, però, dovrebbe obbligare gli autisti a dotarsi sempre di un congruo numero di biglietti: molto spesso, anche in momenti e luoghi dove era impossibile l’acquisto a terra (giorni festivi, capolinea estremamente periferici), mi sono sentito rispondere che non ne avevano. forse perché non se li erano procurati. Se i controlli verranno estesi anche alla notte, questo non sarà più accettabile. cordiali saluti. Mario Cerri “il rapporto tra vigili e cittadini a fiesole” alla redazione di “reporter”, martedì nove febbraio u.s. tornando a compiobbi da firenze, all’altezza di rovezzano ho guardato l’ora (erano le 17,40) poiché dovevo essere a casa alle ore 18,00. Ho pensato così di fermarmi in tempo per ritirare un certificato, già pronto, dal mio medico curante, al girone. alle 18,05 ero già a compiobbi all’appuntamento ma ahimè, mi accorgevo che uno sgualcito bigliettino rosa, sotto il tergicristallo della mia vecchia “punto”, reclamava di essere controllato. purtroppo, per me, alle ore 17,53, nei dieci minuti di stop in un parcheggio al “girone”, invisibili vigili avevano alleggerito la mia inflazionatissima pensione di ben 38 euro. La mia responsabilità era di avere sostato, pochi minuti senza disco orario, in un divieto di nuova istituzione che non conoscevo e che in ogni modo non è ben segnalato. Ho pagato la multa ma non credo debba anche fare un plauso a questi vigili per il tipo di premura che essi hanno avuto nel caso specifico (andai, vidi e multai). Dispiace piuttosto constatare che dall’atteggiamento di questi tutori dell’ordine locale traspare una loro difficoltà nel rapporto con i cittadini, privo di quella necessaria sensibilità, cortesia e lealtà che deve informare questa professione. atteggiamento che non giova certo ad avvicinare i cittadini ad una categoria, pur benemerita, ma non sempre ben vista, quale quella dei vigili urbani. Saluti, Bruno S. la lapide di viale righi nel viale augusto righi, sulla facciata del numero 53, fu messa una lapide di marmo che indica la pianta di alcuni resti di epoca (credo) romana ritrovati in zona. purtroppo si legge solo l’intestazione, ai disegni e agli altri dettagli è andata via completamente la vernice e sono quindi illeggibili. non si potrebbe provvedere? grazie. Lettera firmata neomamme, carenze e una nuova realtà gentile redazione, scrivo questa lettera perché possa arrivare a tutte le famiglie fiorentine che il vostro giornale, ottimamente realizzato,

raggiunge. io collaboro, come insegnante di massaggio infantile e counselor, con l’associazione Dopo il parto, da poco tempo nata a firenze, in Viale dei mille 90, e che cerca, con i suoi numerosi servizi, rivolti alle neomamme ed ai neopapà, ed alle famiglie in generale, di sopperire a quelle carenze riscontrate a livello pubblico in questo ambito, che sia la presidente che noi collaboratrici, tutte mamme, abbiamo avuto modo di riscontrare personalmente. in associazione si svolgono seminari e corsi inerenti la sfera della gravidanza, della genitorialità, la crescita, lo svezzamento e l’educazione dei neonati e dei bambini, noi collaboratori siamo tutti professionisti del settore, qualificati ed abilitati, e tutte le iniziative hanno dei costi davvero competitivi, per venire incontro a tutte le famiglie e le loro esigenze; l’ambiente è piacevole e ben attrezzato per accogliere i genitori ed i loro piccoli, rispondendo ad ogni necessità del caso. Spero pubblichiate questa mia lettera, anche perché vorrebbe essere una sorpresa per la fondatrice e presidente dell’associazione, dottoressa Valentina maltagliati, che, di cuore, si prodiga per l’associazione, per gli utenti e per far sentire a casa propria tutti noi colleghi. per chi desiderasse informazioni, può visitare il nostro sito web, all’indirizzo www.dopoilparto.it, dove potrà trovare tutte le nostre iniziative ed i vari recapiti. Vi ringrazio per la cortese attenzione, spero in un vostro riscontro. cordiali saluti. Dottoressa Silvia Carcasci Associazione Dopo il Parto enrico vivoli e la sua esperienza all’a.s. izumo Spet.le reporter, riguardo all’articolo di carlo marrone “un nazionale a rifredi: enrico Vivoli”, vogliamo aggiungere alcune precisazioni a compimento e con preghiera di pubblicazione. Dal 1996 al 2006, il sig. enrico Vivoli è stato tesserato come atleta agonista per l’a.S. izumo e si è allenato, fino al 2002 e minimo tre volte la settimana, con il nostro gruppo agonisti diretto dal maestro Demetrio Donati, personaggio storico del karate italiano. nel periodo 1996-2002, Vivoli ha vinto due titoli italiani battendo in finale, nel secondo caso, un altro atleta dell’izumo e ha partecipato a due campionati europei e due campionati mondiali. Del gruppo di allora faceva parte anche l’attuale maestro dei nostri agonisti, andrea mascaro, che nel 1999, in germania, si laureò vicecampione del mondo. La nostra associazione esiste da oltre quaranta anni e con il karate è sempre stata fra le prime società italiane sia per numero di praticanti che per risultati agonistici. al momento, del gruppo agonisti fanno parte: giada tinucci, recente campione del mondo in messico; Silvia notari, vice-campione del mondo nel 2005 in Brasile, medaglia di bronzo ai campionati del mondo di Valencia 2007 e medaglia d’argento agli europei di Liegi 2008. Quanto sopra ci premeva precisare per dovere di verità e completezza di informazione. Distinti saluti Associazione sportiva Izumo Il presidente Franco De Stefanis


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Spettacoli Paolo Conte 22 e 23 marzo

Teatro Comunale Dopo una lunga assenza Paolo Conte torna a proporre un suo concerto a Firenze. E’ al Teatro Comunale il 22 marzo con uno spettacolo che prevede l’esecuzione di tutti i suoi maggiori successi. In questo periodo infatti non è prevista l’uscita di nessun nuovo lavoro discografico. La produzione più recente rimane l’album Psiche, pubblicato nel settembre del 2008 su etichetta Platinum, il primo disco di Conte ad essere distribuito contemporaneamente in tutto il mondo da Universal. Cirque du soleil Dal 24 al 28 marzo

Mandela forum Saltimbanco porta lo spettatore in un viaggio allegorico e acrobatico dentro il cuore della città. Dall’italiano “saltare in banco”, Saltimbanco esplora l’esperienza della città in tutte le sue svariate forme: le persone che ci vivono, le loro caratteristiche ed apparenze, le famiglie e i gruppi, la fretta e il trambusto della strada e l’altezza smisurata dei grattacieli. Saltimbanco è uno spettacolo tipico del Cirque du Soleil ispirato alla struttura urbana della metropoli e ai suoi pittoreschi abitanti. Decisamente barocco nel suo vocabolario visivo, l’eclettico cast dello show trascina lo spettatore all’interno di un mondo immaginario e fantastico, una città ideale in cui la diversità è motivo di speranza. Il debutto mondiale di Saltimbanco ebbe luogo a Montreal il 23 aprile 1992, con un cast di 36 artisti. Nel corso del tour di 14 anni sotto il tendone, lo spettacolo ha fatto tappa in 75 città di cinque continenti, per un totale di oltre 4.000 esibizioni davanti ad oltre 9.5 milioni di spettatori in tutto il mondo. Nel 2007 Saltimbanco è stato riconfigurato per essere portato all’interno dei palazzetti. In un periodo di 21 settimane lo show è stato riadattato per la dimensione di queste strutture: il palco su cui

si esibiscono gli artisti è stato rialzato, e il suono e le luci sono stati arrangiati per il nuovo ambiente. Biglietti da 70 a 45 euro. Mango 30 Marzo

Teatro verdi A settembre è uscito il doppio live ‘’Gli amori son finestre’’. 25 brani e 2 inediti. La prossima primavera parte il nuovo tour. ‘’Contro tutti i pronostici’’ è il brano che ha anticipato l’uscita del doppio cd. L’altro inedito, il secondo singolo promozionale, si intitola ‘’E poi di nuovo la notte’’. Mai come questa volta, a detta dello stesso Mango, ci si è imbattuti in due brani energici di grande impatto e di eguale caratura. Se il secondo inedito è stato composto dallo stesso Mango, il primo singolo è una creazione dei Rei Momo, la band campana che l’artista sta producendo. Biglietti da 40 a 17,50 euro.

A teatro La strada Fino al 21 marzo

Teatro della Pergola “In una rivista di tanti anni fa ho letto che negli anni 40 Fellini – ha detto il regista dello spettacolo, Massimo Venturiello - in giro per l’Italia, una notte, vedendo una coppia di zingari, che nel più assoluto silenzio se ne andava in una strada di campagna col proprio carretto (l’uomo tirandolo con una fune e la donna spingendolo da dietro) cominciò a seguirli, a distanza, senza nemmeno sapere perché. Il silenzio tra i due regnava sovrano. Accesero un fuoco, la donna cucinò qualcosa, poi mangiarono e subito dopo ripartirono, il tutto senza proferire una sola parola. Fu proprio quel silenzio che diede l’input al regista per la realizzazione di quel grande capolavoro che è “La Strada”. Non si sa come Dal 23 al 29 marzo

Teatro della Pergola Questo spettacolo, che non è una parodia di Pirandello (anche se i comici di Rivista, le canzonette popolari e gli sketch sono

quanto di meno gli è familiare); al contrario è un omaggio estremo a Pirandello, perché infila una sua trama (quella di Non si sa come, appunto) in un contesto sociale che gli è lontanissimo, quello della comicità popolare. Con l’obiettivo di dimostrare che le tematiche pirandelliane resistono anche oltre i propri confini drammaturgici, storici e sociali. A dar corpo a questo omaggio-miracolo, nessun attore poteva essere più adatto di Sebastiano Lo Monaco che all’adeguamento all’oggi di Pirandello ha dedicato tanti dei suoi spettacoli di grande successo. Stavolta, Sebastiano Lo Monaco si mette alla prova in un altro modo: cantando, ballando, recitando il repertorio dei comici, pur nel pieno e sostanziale rispetto dello spirito, anzi della filosofia di Pirandello. Ci abbiamo provato, (ma gli elefanti non c’entrano) 18 marzo

Teatro Puccini Personaggi dalla comicità coinvolgente nell’interpretazione di Anna Montinari, per uno spettacolo che non ha niente di scontato e traccia uno specchio preciso della società del Terzo Millennio. Da giovidì a giovidì 26 e 27 marzo

Teatro Puccini Un riassunto spassoso di tutti i personaggi presentati a Zelig dal comico Marco Marzocca, in una girandola di risate che scaccia i cattivi pensieri e dà il benvenuto al buonumore.

Le mostre Gerhard Richter e la dissolvenza dell’immagine nell’arte Dal 20 febbraio al 24 aprile 2010

CCCS Strozzina – Palazzo Strozzi Organizzata in collaborazione con la Kunsthalle di Amburgo, l’esposizione mette a confronto il lavoro di Gerhard Richter, uno dei più importanti artisti della seconda metà del Novecento, con quello di

L’INIZIATIvA

A cena con l’assassino tra cibi e trucchi radiofonici L

a caccia all’assassino si snoda fra le varie portate di una cena, fino alla scoperta finale del colpevole da parte dei commensali. È la formula delle “Cene con delitto” proposta dalla Compagnia delle Seggiole in numerosi ristoranti di Firenze e dintorni: un evento gastronomico/teatrale, che unisce la degustazione di una cena alla lettura di “radiogialli”. Al centro della scena uno degli autori più conosciuti del genere, Ellery Queen; l’investigatore per diletto, distratto e pasticcione quanto geniale, che soleva concludere le proprie disamine con il rituale intrigante “dunque ora che avete ascoltato tutte le testimonianze degli indagati, conoscete i riscontri della polizia e le indagini dell’ispettore Queen, mio padre, avete tutti i dati per indovinare il colpevole”.Come avveniva negli anni ’40, gli attori leggono il radiogiallo dando voce ai personaggi, e presentano così lo scenario

del delitto. Anche i tempi sono radiofonici e non superano mai i 20 minuti, in modo da tener viva l’attenzione dei commensali senza compromettere la degustazione della cena. Il pubblico è invitato a risolvere il caso, scrivendo possibili soluzioni che poi verranno condivise al microfono, finché la lettura dell’ultima pagina del radiogiallo svela definitivamente il nome dell’assassino. “La serata prosegue poi con un altro spettacolo nello spettacolo, che è un secondo omaggio alla radio in cui si svelano i trucchi di un mestiere fino agli anni ’80 fondamentale per ogni produzione radiofonica, televisiva e cinematografica”. E il pubblico scopre che il trotto di un cavallo si riproduce sbattendo a tempo i gusci di due noci di cocco, o che lo scoppiettio del fuoco si ricrea strusciando foglie essiccate di pannocchia a un contenitore di plastica per uova. www.radiogialli.it /Giulia Brestolani

sette artisti contemporanei, legati da una profonda sfiducia nei confronti dell’immagine come veicolo di verità. Il tema dell’esposizione è la dissoluzione dell’immagine, e si pone come ideale continuazione di Realtà Manipolate, che ha esplorato la relazione esistente tra la realtà e la sua rappresentazione mediante la fotografia e il video. Gerhard Richter, uno dei pionieri nel portare all’estremo la dissoluzione sia della figura che della tecnica pittorica stessa, dipinge sopra fotografie originali o usa una particolare tecnica di pittura sfocata. De Chirico, Max Ernst, Magritte, Balthus. Uno sguardo nell’invisibile Fino al 18 luglio 2010

Palazzo Strozzi Il centro gravitazionale dell’esposizione è costituito da un nucleo di capolavori del periodo metafisico di Giorgio de Chirico (1909-1919). Traduzione pittorica della sensibilità e della particolare concezione della vita maturata dall’artista attraverso la lettura di Nietzsche, la poetica metafisica viene riconosciuta come l’espressione dello stato d’animo di un intero secolo. Alienazione e solitudine. Senso di abbandono, isolamento, inquietudine e disperazione: De Chirico approda alla raffigurazione avant lettre del “grande silenzio” generato dal primo conflitto bellico. Le porcellane di Betty Woodmann Fino al 10 aprile

Museo delle porcellane Palazzo Pitti Tra le prestigiose porcellane conservate alla Palazzina del Cavaliere trovano una appropriata collocazione le creazioni colte e fantasiose di Betty Woodman, in vetrine appositamente integrate con l’allestimento del Museo. Le insolite porcellane di Sèvres realizzate dall’artista, sconvolgono l’idea tradizionale di “corredo da tavola apprezzato” con le loro forme imprevedibili e l’intensità e brillantezza dei colori, senza tralasciare il bon ton ormai consolidato dei prestigiosi serviti amati dai regnanti.

L’arma per l’arte Fino al 6 aprile

Galleria Palatina Sala Bianca La mostra, ospitata nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, è dedicata in particolare all’arte sacra e quindi a dipinti e oggetti trafugati in chiese, complessi conventuali, talvolta anche in Musei, ma in tutti i casi di soggetto sacro o di uso liturgico. Si tende quindi a mettere in evidenza come i luoghi di culto siano stati e siano per tante ragioni esposti al rischio di furti o danneggiamenti e come nel tempo i Carabinieri, specializzati nel settore, abbiano posto le loro forze e competenze a servizio della Chiesa e del suo enorme patrimonio artistico. visite gratuite alla collezione Contini Bonacossi Fino al 31 marzo

Ritrovo: sotto il loggiato degli Uffizi Visite gratis alla collezione Contini Bonacossi per tutto il mese di Marzo. Un’eccezionale opportunità di ammirare i capolavori di questa straordinaria raccolta resa possibile dalla collaborazione degli assistenti alla vigilanza della Galleria degli Uffizi e dalla disponibilità degli Amici degli Uffizi. La Collezione di Alessandro Contini Bonacossi è una tra le più importanti raccolte collezioni d’arte del Novecento. Lo Stato ne ha potuto acquisire una parte nel 1969, che è stata destinata alla Galleria degli Uffizi. Si tratta di circa una cinquantina di opere esposte in alcuni ambienti adibiti appositamente e situati tra Via Lambertesca e Chiasso dei Baroncelli dove si possono ammirare mobili, ceramiche, sculture e capolavori della pittura europea dal Trecento al Settecento con dipinti di Andrea del Castagno, Giovanni Bellini, Girolamo Savoldo, El Greco e Zurbaran. Info: 055/284034 oppure 055/213560 Pregio e bellezza. Intagli e cammei dei Medici Dal 25 marzo al 27 giugno

Museo degli argenti Palazzo Pitti Inserita nel calendario delle mostre del 2010, un anno ad arte, la

mostra dedicata ai cammei è uno sguardo affascinante sul processo di riscoperta dell’antico che caratterizzò il Rinascimento. A partire dalla prima metà del XV secolo cammei e intagli furono ricercati con fervore da papi, principi e cardinali, scatenando in alcuni casi aspri conflitti tra estimatori, pronti a spendere cifre molto elevate pur di aggiudicarsi il pezzo desiderato.

La festa Colorised Spring Party 20 Marzo

BARCELO’ Il giovane brand fiorentino Colorised festeggia l´arrivo della primavera presentando al pubblico la collezione primavera-estate 2010 Ki-mono. Nel week end del solstizio di primavera il brand sarà ospite del locale fiorentino Barceló per presentare ufficialmente al pubblico la sua prima collezione di t-shirt disegnata da Camilla Bresci e inaugurare la stagione con un’esplosione di colori. Alle 19 un bicchiere di prosecco accoglierà tutti i partecipanti con il gustoso aperitivo preparato dallo staff Barceló. Si comincerà subito con Dj Set con DJ Max Expo, il tutto reso ancora più divertente dall’installazione video e set fotografico per farsi immortalare in pose colorate e divertenti ed entrare a far parte delle “Colorised people”. SALONE IMMOBILIARE: SEGNALI SI RIPRESA La quinta Edizione del Salone Immobiliare si è chiusa anche quest’anno con successo, nonostante i tempi di crisi, registrando 13.000 presenze. Massiccia, in fiera è stata soprattutto la visita di coppie e famiglie che, arrivando al Saschall, con un grande risparmio di tempo e di risorse hanno potuto valutare tante offerte diverse e, contemporaneamente, prendere contatti con costruttori, vagliare ristrutturazioni con le imprese e comparare, con le banche presenti in fiera, la scelta del mutuo migliore. Fra le novità di questa edizione c’ è stato l’arrivo di molti compratori russi selezionati grazie al “matchmaking italia russia”.


1084969


annunci immobilari

47

un valido orientamento per la tua casa nel Mugello le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali 1-2 VANI MUGELLO BORGO SAN LORENZO In frazione ben servita dai mezzi pubblici e fornita di varie attività commerciali tipo, banca, scuole, supermercato ecc. Bilocale di recentissima ristrutturazione, piano primo con ascensore, mq 45 circa, oltre resede esclusivo, cantina e posto auto. Rif a 124 € 125.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, appartamenti da mq 40, costruiti con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica a con consumi ridotti fino al 70%. A partire da 137.000 € no provvigioni. (rif. Rim4g) www.dellacasa☎055 8458055 - 328 6669169 web.it BORGO SAN LORENZO Zona centrale, appartamento mq 50, al piano terra in piccola palazzina di nuova ristrutturazione: ampia e luminosa cucina-soggiorno, 1 matrimoniale e bagno. Completamente arredato. Ottimo stato, arredi di classe e inferiate alle finestre. ☎055 8402722 Rif a 192 € 145.000,00 BORGO SAN LORENZO Zona centrale in piccola palazzina , bilocale di recente ristrutturazione mq 45 circa, parzialmente arredato, così composto: ingresso, cucina-soggiorno, 1 matrimoniale e bagno con finestra. Ottimo stato. Molto luminoso. Rif a 204 € 125.000,00 ☎055 8402722 trattabili VICCHIO Recentissima costruzione piano terra vani 2 di mq 50 cosi composta: soggiorno con angolo cottura, 1 matrimoniale, bagno,ripostiglio oltre suggersiva taverna di mq 40 con soffitto a volte e mattoncini, molto caratteristica. Rif a 19 € 155.000,00 trattabili ☎055 8402722

FIRENZE BOLOGNESE a 25 minuti da firenze, appartamento nuova costruzione con ingresso indipendente, composto da cucina-soggiorno, camera matrimoniale, bagno al primo piano, possibilità di due camere in mansarda, terrazza, termosingolo, impianto allarme, antenna satellitare. Fermate treno e bus a 50m. € 187.000,00. No provvigioni. (rif. Campg8) ☎349 7162605 www.dellacasaweb.it

BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro. Appartamento al piano secondo composto da ampia terrazza, soggiorno con angolo cottura ed una camera e mansarda con possibilità di altri 2 vani. Costruito con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica a con consumi ridotti fino al 70%. € 171.000. No provvigioni. (rif. Rim3r) www.dellacasaweb.it ☎055 8458055 - 328 6669169

BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, ampio 3 vani al piano secondo e mansarda con possibilità di altri 3 vani, per un totale di mq 115,00 oltre terrazza, garage e posto auto privato. Costruito con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica a con consumi ridotti fino al 70%. A 232.000 € no provvigioni. (rif. Rim4o) www.dellacasaweb.it ☎055 8458055 - 328 6669169

BORGO SAN LORENZO piano primo in piccola palazzina, vicina a tutti i servizi, ampio appartamento mq 70, così composto: soggiorno/pranzo-angolo cottura , 2 camere , bagno con finestra , balcone di mq 12 e garage. Rif a 206 € 195.000,00 trattabili ☎055 8402722

SCARPERIA A 4 Km dal paesein piccola palazzina, appartamento di recente costruzione, piano terra ingresso indipendente con giardino privato e grande terrazzo coperto: cucina soggiorno, 2 camere, doppi servizi, taverna e garage. Ottimo stato. Rif a 183 € 220.000,00 ☎055 8402722

SAN PIERO A SIEVE Immersa nel verde porzione, di colonica recentemente ristrutturata: ampia zona giorno con cucina in muratura e termo-camino, 2 camere, bagno, mq 250 di giardino, loggiato con casina per attrezzi, due posti auto. Curata in ogni particolare. Rif c 17 € 255.000,00 trattabili ☎055 8402722 SAN PIERO A SIEVE Ottima porzione di colonica di recente ristrutturazione, mq 80 circa così composta: ampia cucina-soggiorno con caminetto, 2 matrimoniali, bagno, giardino mq 200 circa e due posti auto. In bellissima campagna a due passi dal paese. Rif c 20 € 245.000,00 trattabili ☎055 8402722

FIRENZE BOLOGNESE, 25 minuti da firenze, appartamento nuova costruzione, con ingresso indipendente, composto da soggiorno con angolo cottura, bagno e camera matrimoniale in mansarda. Ampia terrazza, termosingolo, impianto allarme, antenna satellitare. Fermata treno e bus a 50m. No provvigioni. Da 138.000 € (rif. Campc14) www.dellacasaweb.it ☎349 7162605

4 VANI MUGELLO BARBERINO M.LLO Galliano paese, luminoso appartamento p. 2º,con ingresso, soggiorno/ a.cottura due camere, servizio finestrato, impianti nuovi del 2005 € 109.000 trattabili ☎392 0483890 - 339 2780392

3 VANI MUGELLO BORGO S.LORENZO In paese appartamento nuovo al p.terra ed ingresso indipendente, così disposto: soggiorno a.cottura pranzo, servizio con doccia e finestra, una matrimoniale, una singola, ripostiglio,resede giardino termosingolo pannelli solari, possibilità garage. Info. Ag. Dallai € 230.000,00 ☎392 0483890 - 339 2780392 BORGO SAN LORENZO Nel verde, a circa 3 km dal centro del paese appartamento di recentissima costruzione cosi composto: cucina-soggiorno con caminetto, 1 matrimoniale, 1 singola, bagno, ripostiglio. No condominio, piano primo, ottime rifiniture. Rif ☎055 8402722 a 96 € 135.000,00

BORGO S. LORENZO Bilocale con servizio finestrato arredato termosingolo, posto auto € 450 mensili ☎055 8431039 - 339 2780392 BORGO S. LORENZO Paese. Monolocale nuovo di mq 36 con ingresso a.cottura pranzo notte servizio con doccia e finestra. Detrazione fiscale. Termosingolo pannelli solari. Informazioni. Ag. Dallai € 115.000,00 ☎392 0483890 - 339 2780392 BORGO SAN LORENZO in zona residenziale, ampio appartamento mq 80, vani 4 così composto: salotto, cucina, 2 camere matrimoniali, bagno, ripostiglio, 2 balconi (di cui uno chiuso con veranda)e garage mq 18. Buono stato. Rif a 205 € 210.000,00 trattabili ☎055 8402722

Via Roma, 53 Scarperia (FI) Tel. 055 8431039 Cell. 339 2780392

1080987

franco@immobiliaredallai.com

1-2 VANI MUGELLO BORGO S. LORENZO Appartamento di mq 50 al p.terra ed ultimo, ingresso indipendente con soggiorno cucinotto servizio zona notte. Metano. Travi in legno campigiane. Ristrutturato nel 2003. Ottimo per locazione. Euro 120.000

4 VANI MUGELLO SCARPERIA In recente costruzione appartamento con ingresso/soggiorno con terrazza e canna fumaria, cucina abitabile con terrazza, due matrimoniali, un servizio finestrato per totali mq 72 netti. Oltre 2 terrazze, garage di mq 26. Pari al nuovo. Ag. Dallai Euro 230.000 trattabili

5 VANI MUGELLO BORGO S. LORENZO Appartamento in piccolo condominio con ingresso soggiorno cucina abitabile 3 camere 2servizi ripostiglio 2 terrazze garage. Termosingolo Euro 240.000 trattabili SCARPERIA PRESSI In piccola palazzina appartamento di mq 130 con ingresso, soggiorno camino, cucina abitabile servizio con finestra tre matrimoniali ripostiglio, lavanderia, terrazza su tre lati. Termosingolo. Garage di mq 22, p.auto, giardino a comune Euro 209.000

COLONICHE E TERRENI MUGELLO BORGO S. LORENZO Luco, in ex edificio rurale, appartamento nuovo con ingresso cucina, soggiorno due camere doppi servizi balcone. Posto auto garage di 22mq, ascensore piscina sala benessere. Ottime rifiniture. EURO 245.000 SCARPERIA Porzione di colonica con ingresso indipendente giardino soggiorno con camino cucinotto con finestra lavanderia due camere uno studio 2servizi. Perfetto. Termosingolo p.auto terreno di 4000 mq con piscina giardino e bosco EURO 360.000 TRATTABILI

VILLE E VILLETTE MUGELLO BORGO S. LORENZO In villa, adiacente al paese, appartamento al piano nobile con salone camino cucina abitabile tre camere doppi servizi ripostiglio, cantina di 15 mq.. ottimo stato rifiniture di pregio. Termosingolo. Giardino privato di 320mq, due p.auto. EURO 320.000

VICCHIO Centro, zona tranquilla, posto al piano primo, appartamento mq 90 così composto: ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere, 2 bagni, ripostiglio e grande terrazzo abitabile oltre garage, taverna e cantina. Ottimo stato. Rif a 169 € 270.000,00 trattabili ☎055 8402722

5 VANI MUGELLO BARBERINO DI MUGELLO A pochi passi dal paese, in zona tranquilla, terratetto mq 130, vani 5: ampio ingresso, cucina abitabile con caminetto, 2 matrimoniali, 1 singola, doppi servizi, ripostiglio, soffitta, terrazzo, giardino e loggia mq 30. Rif tt 10 € 309.000,00 ☎055 8402722 BARBERINO DI MUGELLO villette bifamiliari di nuova costruzione, vani 5 oltre doppi servizi, garage, taverna, pergolato e giardino mq 400. Possibilità di vari tagli e metrature anche più piccole a prezzi inferiori. Rif v 39 € 360.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO Di nuova costruzione, in tranquilla zona residenziale al piano primo, no condominio, appartamento mq 110 su due livelli vani 5 oltre doppi servizi, balcone, terrazza abitabile e garage. Ottime finiture. Rif a 176 € 230.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO in ottima zona residenziale luminoso appartamento mq 115 piano secondo con ascensore, vani 5: grande sala con caminetto, cucina abitabile, 2 matrimoniali, 1 singola, 2 bagni con finestra, lavanderia, tre balconi, cantina e garage. Ottimo stato. Rif a 181 € 310.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO In zona residenziale, appartamento 2ºpiano di mq 90, vani 5, così composto: cucina, salotto, 2 matrimoniali, 1 singola doppia, bagno, ripostiglio, ampio balcone abitabile e cantina. Ottimo stato. Rif € 210.000,00 trattabili ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO in zona residenziale, piano secondo con ascensore, ottimo appartamento mq 95, vani 5: grande soggiorno con caminetto, cucina abitabile, 2 matrimoniali, studio, doppi servizi, 2 balconi e garage. Ottimo stato. Rif a 162 € 250.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, villette terratetto personalizzabili internamente composte da piano terra, primo e mansarda. Costruite con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica a con consumi ridotti fino al 70%. A partire da 312.000 € no provvigioni. (rif. Rim1o) www.dellacasaweb.it ☎055 8458055 - 328 6669169 BORGO SAN LORENZO terratetto ingresso indipendente di recente ristrutturazione libero su tre lati così composto: soggiorno con possibilità di caminetto, cucina abitabile, ripostiglio, 2 camere, 2 bagni, studio, lavanderia, terrazza mq 30, soffitte praticabili, balcone mq 20. Ottimo stato. Rif tt 13 € 285.000,00 trattabili ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO Zona centrale, in piccola palazzina primo piano appartamento mq 115 vani 5, soggiorno con termocamino, tinello, sala da pranzo con forno per pizze, ripostiglio, 2 matrimoniali, singola, 2 bagni, balconi cantina e garage. Ottimo stato rif a 174 € 265.000,00 trattabili ☎055 8402722 SAN PIERO A SIEVE In tranquilla zona residenziale appartamento piano terra-rialzato mq 100 circa, vani 5 così composto: grande soggiorno con caminetto, cucina abitabile, 3 camere matrimoniali, bagno, ripostiglio, 2 balconi, cantina e grande garage. Ottimo stato, bel complesso residenziale. Rif a 178 € 240.000,00 trattabili ☎055 8402722

VICCHIO Nel verde appartamento di nuova costruzione, mq 80 vani 5, piano terra con ingresso indipendente soggiorno/pranzo, cucinotto, 3 camere oltre doppi servizi, ripostiglio, garage, veranda solare 15 mq e giardino. Casa bioclimatica. Ottime rifiniture. Rif v 36 € 235.000,00 ☎055 8402722

BORGO S. LORENZO Centrale luminoso appartamento nuovo, di mq 50 al p.3º con ascensore. Composto da grande zona giorno servizio con doccia e finestra una matrimoniale. Garage cantina. Arredi nuovi stile moderno. € 530,00 ☎055 8431039 - 339 2780392

OLTRE 5 VANI

VICCHIO A pochi Km dal paese con strada completamente asfaltata fienile di recentissima ristrutturazione così composto: ampio soggirno-pranzo, cucinotto, 2 camere, 2 bagni, resede, giardino. Ottima ristrutturazione in piccolo complesso colonico, ambiente esclusivo con possibilità di piscina. Rif c 24 € 275.000,00 ☎055 8402722

MUGELLO BORGO SAN LORENZO in ambiente prestigioso appartamento di mq 120; ingresso in ampio salotto con caminetto, cucina, ripostiglio, 3 matrimoniali, singola o studio, doppi servizzi, cantina, giardino mq 318 e 2 posti auto di proprietà. Ottimo stato rif a 110 € 320.000,00 ☎055 8402722 BORGO SAN LORENZO villetta di nuova costruzione, unico livello, con possibilità di soppalco, salotto, cucina, 2 camere, 2 bagni oltre luminosa taverna con bagno, lavanderia, garage doppio, grande seminterrato, terrazzi, pergolati, giardino mq 350. Possibilità di acquisto al grezzo. Rif v 43 € 460.000,00 ☎055 8402722

VICCHIO Porzione di colonica immersa nel verde di mq 65 così composta: soggiorno con focolare, angolo cottura, 2 grandi matrimoniali, bagno, giardino mq 200 otre mq 1000 di terreno. Immersa nel verde con caratteristico focolare. Buono stato. Rif c 18 € 198.000,00 trattabili ☎055 8402722

ATTIVITA’

COMMERCIALI

TERRATETTI MUGELLO BORGO SAN LORENZO ampia zona giorno al piano secondo con possibilità di ulteriori 2 camere e bagno in mansarda. Possibilità di garage. Appartamento costruito con le più moderne tecniche per il confort acustico ed il risparmio energetico (fino al 70%). € 189.000,00 (rif. Rim3l) www.dellacasa☎055 8458055 - 328 6669169 web.it BORGO SAN LORENZO In piccola frazione grazioso terratetto finemente ristrutturato di mq 78: cucina, taverna con caminetto, camera oltre servizio giardino e posto auto. Libero su 4 lati. Completamente arredato ottimo stato. € 235.000,00 trattabili ☎055 8402722 DICOMANO in zona ben esposta, terratetto con giardino molto luminoso di recente costruzione, perfetto stato composto da cucina, sala, 2 camere, taverna, 3 bagni, € 290.000,00 ☎335 7678437

COLONICHE

E

TERRENI MUGELLO

A.A.A. MUGELLO Ristorante pizzeria pub cedesi licenze e mura.. Bar con cucina giochi sala tv.. Centrale avviata attività di ristorante pizzeria enoteca.. Avviato negozio di fotografia e riprese video.. Centrale bar pasticceria .. Info solo in. Ag. Dallai ☎055 8431039 - 339 2780392 BARBERINO DEL M.LLO Centrale, luminoso e silenzioso appartamento con ingresso disimpegno, cucina abitabile soggiorno due matrimoniali servizio con finestra un ripostiglio terrazzo e balcone. Garage, posto auto. Info. Ag. Dallai € 168.000,00 trattabili ☎055 8431039 - 339 2780392

2 VANI BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, appartamenti da mq 40, costruiti con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica A con consumi ridotti fino al 70%. A partire da 137.000 Euro NO provvigioni. (rif. RIM4g) Tel. 3286669169 BOLOGNESE a 25 minuti da Firenze, appartamento nuova costruzione, con ingresso indipendente, composto da soggiorno con angolo cottura, bagno e camera matrimoniale in mansarda. Ampia terrazza, termosingolo, impianto allarme, antenna satellitare.

Fermata treno e bus a 50m. NO provvigioni. Da 138.000 Euro (rif. CAMPC14) Tel. 3497162605 4 VANI BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro. Appartamento al piano secondo composto da ampia terrazza, soggiorno con angolo cottura ed una camera e mansarda con possibilità di altri 2 vani. Costruito con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica A con consumi ridotti fino al 70%. Euro 171.000. NO provvigioni. (rif. RIM3r) Tel.3286669169

POLCANTO Appartamento con ingresso cucina abitabile con terrazza soggiorno con terrazza due matrimoniale grande servizio con vasca e finestra,ripostiglio, soffitta,2 termosingolo. Buono stato. Info. Ag. Dallai € 140.000,00 trattabili ☎055 8431109 - 339 2780392

AFFITTI OFFERTA MUGELLO BARBERINO DI MUGELLO Con meravigliosa vista sul lago, appartamento in colonica, mq 80 ampio vani 3 oltre servizio. Arredato, ottimo stato. Solo referenziati con contratti di lavoro in regola. Rif af 25 € 650,00 ☎055 8402722 SAN PIERO A SIEVE Centralissimo, in palazzo d’epoca, finemente ristrutturato grande e luminoso appartamento di così composto: ampio salone con cucinotto, doppi servizi, 1 matrimoniale, 1 singola. Rifiniture di pregio, pavimenti in cotto, travi a vista. Rif af 36 € 700,00 ☎055 8402722 SAN PIERO A SIEVE In contesto residenziale appartamento mq 55 piano primo con ascensore, cucina-soggiorno, 1 matrimoniale, 1 singola oltre servizio, balcone e garage. € 600,00 ☎055 8402722 SAN PIERO A SIEVE San Piero Aa sieve pressi, caratteristica villetta libera su 4 lati di mq 100 oltre giardino di mq 2000, arredata. Rif af 26 € 900,00 ☎055 8402722

BOLOGNESE a 25 minuti da Firenze, appartamento nuova costruzione con ingresso indipendente, composto da cucina-soggiorno, camera matrimoniale, bagno al primo piano, possibilità di due camere in mansarda, terrazza, termosingolo, impianto allarme, antenna satellitare. Fermate treno e bus a 50m. Euro 187.000,00. NO provvigioni. (rif. CAMPG8) Tel. 3497162605 5 VANI BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, ampio 3 vani al piano secondo e mansarda con possibilità di altri 3 vani, per un totale di mq 115,00 oltre terrazza, garage e posto auto privato. Costruito con moderne tecnologie e i

migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica A con consumi ridotti fino al 70%. A 232.000 Euro NO provvigioni. (rif. RIM4o) Tel.3286669169 TERRATETTO BORGO SAN LORENZO nuovo centro residenziale immerso nel verde a pochi passi dal centro, villette terratetto personalizzabili internamente composte da piano terra, primo e mansarda. Costruite con moderne tecnologie e i migliori standard di progettazione, massima cura nei dettagli costruttivi e in classe energetica A con consumi ridotti fino al 70%. A partire da 312.000 Euro NO provvigioni. (rif. RIM1o) Tel. 3286669169

per info 055 8458055 >>www.dellacasaweb.it

1085688


1094482

Il reporter-Borgo-San-Lorenzo-marzo 2010  

Il reporter-Borgo-San-Lorenzo-marzo 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you