Issuu on Google+

Il Giornale del tuo Quartiere

Q5

Periodico d’informazione locale. Anno III n.67 del 1 dicembre 2009. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

PRIMO PIANO

CURIOSITÀ

DICEMBRE 2009

Babbo Natale fa l’autostop p Andrea Muzzi*

I UN POPOLO CHE TOCCA FERRO Un’indagine recente ha rivelato che i fiorentini sono molto, molto superstiziosi PAGG.30-31

BUS, QUALCOSA È CAMBIATO Ecco come si presenta la situazione nel Q5 a poco più di un mese dalla pedonalizzazione del Duomo PAGG.8-9

SPORT

Via Vittorio Emanuele, i sottopassi raddoppiano Firenze vista da lontano

PAG.2

Reportage

di Cecionesi - Salusest

U “QUESTA È LA MIA CASA” Non viene convocato dal ct francese, ma Frey non ne fa un problema: la sua Nazionale è la Fiorentina PAG.36

n po’ gli piacciamo e gli facciamo invidia, un po’ invece hanno da ridire su come funzioniamo come città. In estrema sintesi è questo che vien fuori spulciando tra le pagine dei quotidiani stranieri. Firenze, la bella e rinascimentale Firenze, piace agli stranieri. Perché è tutta da guardare, si mangia bene e ci sono un mucchio di negozi dove fare shopping. Ma, d’altro canto, certi difettucci della città non piacciono ai giornalisti stranieri e qualcuno la dipinge come caotica, sporca, litigiosa. Un dato resta, però: ultimamente si guadagna spesso titoloni sulle pagine dei giornali stranieri, vuoi per la “battaglia del gottino”, vuoi per la pedonalizzazione del Duomo, vuoi perché qualcuno PAGG.10-11 si è chiesto se il nostro sindaco non avesse un che di Obama.

DALLA PIZZA ALLA BOXE A tu per tu con Salvatore Spera, pizzaiolo diventato un campione del nostro pugilato PAG.38

Alla scoperta del Sirio: viaggio in anteprima a bordo del tram PAG.12

segni della crisi si vedranno anche a Natale. Babbo Natale tutti gli anni veniva con la slitta, quest’anno arriverà in autostop! Le renne? Se l’è mangiate! Su Babbo Natale ho dei dubbi che nessuno ha mai chiarito. Babbo Natale è un pensionato eppure ogni anno spende milioni di euro per comprare i regali. Chi glieli passa quei soldi? Come si finanzia? Perché la Finanza non ha mai fatto un accertamento fiscale? I pensionati non ce la fanno ad avere quel tenore di vita: mio nonno ogni Natale mi regala 5 euro. Babbo Natale non ha mai fatto la vita dell’anziano: possibile che sia l’unico vecchio che va in giro senza badante? Tutti gli anziani sono pieni di dolori, invece Babbo Natale tutti gli anni si presenta puntuale. Non ha mai saltato un Natale per colpa della prostata! Mio nonno se dorme con i piedi fuori dalle coperte il giorno dopo non si muove per l’artrosi. Lui invece, passa all’aperto tutta la notte del 24 dicembre e non prende nemmeno il raffreddore. Mio nonno non esce di casa perché fa fatica a scendere le scale, Babbo Natale invece entra nelle case scendendo dal camino! Tra l’altro questa è anche una violazione della privacy. Pensate se tutti entrassero nelle case come fa lui. Senti un botto e dalla cappa vedi uscire il postino pieno di fuliggine: “Raccomandata, c’è da firmare!”. Babbo Natale, chi sei veramente? Giù la maschera!! Possibile che io ogni anno debba fare entrare in casa mia uno che nemmeno conosco? Te lo dico subito: quest’anno, se vieni, o mi dici la verità o chiamo i Carabinieri! *Comico

STRENNE. Molti passeranno le feste all’insegna dell’austerity

Sotto l’albero? Quest’anno c’è la crisi C

hiedere a un cassintegrato come passerà il suo Natale vuol dire ricevere in cambio un sorriso amaro e parole arrabbiate: “Ma che feste e feste, il problema è arrivare a fine mese”. E non sono poche, purtroppo, le persone costrette a questo tipo di reazione. Per capirsi, chi prima guadagnava 1500 euro e ora sta in cassa integrazione tre settimane al mese, in busta paga se ne trova 900. Che sono pochi. Famiglie intere sono rimaste con un reddito solo e mutui galoppanti, e in molti hanno trovato la salvezza nei “nonni” di casa, che con le loro pensioni aiutano le economie domestiche a non rimanere strozzate nelle maglie della crisi. Sarà anche per questo che, chi ha la possibilità di lavorare di più

proprio durante le feste, lo fa senza lagnarsi troppo. Dagli incartatori di doni ai medici di guardia, dai babbi natale ai camerieri: loro i panettoni li mangeranno più alla svelta, per tornare presto a lavorare. Qualcuno lo fa perché deve farlo, qualcun altro lo sceglie per arrotondare. Ma c’è anche chi s’ingegna comunque per trovare pensierini (e pensieroni) per i suoi cari: ce n’è, come sempre, per tutti i gusti e i mercatini in giro per la città non mancano. Sul podio dei doni più bizzarri finiscono gli schiaccianoci a forma di Hillary Clinton, gli occhiali con specchietto retrovisore e, sì, le stelle del cielo. Gli astri, quelli che luccicano, si possono comprare. Sognare invece è ancora gratis. PAGG.14-17

EDIZIONE DEL QUARTIERE 5 • 43.480 COPIE DISTRIBUITE DA

1080392


2

Dicembre 2009

Rifredi • Novoli • Brozzi

VIA VITTORIO EMANUELE. L’iter non è ancora concluso, ma sono arrivati i primi via libera

Il secondo sottopasso pedonale si fa strada PIANO DI RECUPERO. Via libera per l’ex Prestige

Case e non solo al Poggetto Ora il cantiere può ripartire

Dopo la decisione di Ferrovie dello Stato di chiudere entrambi gli attraversamenti ferroviari, era solo uno il passaggio destinato a sorgere, mentre l’ipotesi per quello più vicino a via Trieste era stata stralciata. Ma ora le cose sono destinate a cambiare

S

Paola Barile

V

ia libera del consiglio comunale fiorentino e del consiglio del Quartiere 5 alla creazione del secondo sottopasso pedonale di via Vittorio Emanuele II, quello in corrispondenza del passaggio a livello all’altezza di via Trieste. L’iter procedurale però non è ancora concluso: “C’è stata una mozione della Commissione urbanistica che ha chiesto di riconsiderare l’ipotesi del secondo sottopasso, ma la cosa è ancora in alto mare”, afferma l’assessore alla mobilità Massimo Mattei. “La variante al progetto non è stata ancora proposta dagli uffici e votata nelle sedi competenti, ma non ho dubbi che la Giunta si farà carico di garantire la realizzazione di quest’opera nel minor tempo possibile, contenendo disagi e ritardi”, sottolinea il consigliere del Q5 Castelnuovo Tedesco (Pdl), autore in sede di Quartiere, così come il consigliere Sabatini (Pdl) in Comune, di una mozione volta a riproporre la creazione del secondo sottopasso pedonale. Intanto, il primo risultato importante è quello di aver riportato l’attenzione delle istituzioni sulla situazione che rischiava di venirsi a profilare in via Vittorio Emanuele II. Cosa stava per succedere, infatti, in quest’area di città che ospita due degli ultimi passaggi a livello della tratta ferroviaria Milano-Roma? Stando alla decisione presa nel 2007 dalla Giunta Domenici, era uno solo il sottopasso pedonale destinato a sorgere: per il primo passaggio a livello, quello più vicino a via Trieste, l’ipotesi di sottoattraversamento era infatti stata stralciata quasi subito dal progetto. Pertanto, in questi ultimi mesi, dopo la decisione di Ferrovie dello Stato di procedere alla chiusura di entrambi gli attraversamenti ferroviari, i cittadini della zona, che nel 2007 non erano stati informati della decisione né tantomeno coinvolti nel processo decisionale, avevano visto concretizzarsi il rischio di rimanere “intrappolati” tra i due passaggi a livello, uno già soggetto a lavori per il sottopasso e

l’altro destinato ad ospitare un muretto protettivo. Una volta sbarrato il secondo passaggio a livello, infatti, per raggiungere l’altra parte di via Vittorio Emanuele II, dove ci sono i giardini di Villa Fabbricotti oltre a numerosi esercizi commerciali, i residenti avrebbero dovuto percorrere quasi mezzo chilometro, attraversando via del Romitino e risalendo per via Lanzi. Ma gli abitanti della zona non sono rimasti a guardare e hanno raccolto nei mesi più di 1.300 firme per far presente la propria situazione e richiedere il secondo sottopasso: ad agosto, in seguito alle loro richieste, si è recato sul posto per osservare la situazione anche l’assessore Mattei, che ad oggi si dice “favorevolissimo al secondo sottopasso. E’ stato un errore che la precedente Giunta lo abbia stralciato dal progetto, e infatti io considero legittima la richiesta dei cittadini”. “La soddisfazione per

Dopo le richieste dei residenti si era recato sul posto anche l’assessore Massimo Mattei l’accoglimento della proposta è grande - sottolinea Castelnuovo Tedesco - ma lo sarà ancor di più quando il secondo sottopassaggio pedonale verrà realizzato”. Per il momento, anche i cittadini esprimono soddisfazione, come conferma Sergio Bardi, uno dei promotori della raccolta firme: “Il Comune e il Quartiere hanno approvato tutto quello che avevamo chiesto, ora vediamo che cosa faranno: certo non abbassiamo la guardia”. Mattei, però, rassicura: “La vicinanza del sindaco, del presidente del Quartiere e del sottoscritto è forte e, per quanto possibile, il nuovo progetto tende a sanare alcune criticità importanti di quell’area”.

i sblocca la vicenda del Poggetto. Il consiglio comunale ha infatti dato il via libera alla variante urbanistica e al recupero del cantiere ex Prestige, chiamato da molti abitanti della zona il “mostro del Poggetto”. Nome che la dice lunga su un cantiere - quello di via Burci - abbandonato ormai da diversi anni. Ora l’assemblea di Palazzo Vecchio ha dato, a maggioranza (con 24 voti favorevoli e 14 contrari), il via al piano di recupero, che “prevede il riassetto complessivo dell’area e presta particolare attenzione alle caratteristiche ambientali e paesaggistiche di un’area di pregio come quella della collina del Poggetto”, spiegano dal Comune. Gli appartamenti costruiti ex novo saranno 32, per una superficie utile (Sul) complessiva di circa 1.800 metri quadrati: di questi, cinque alloggi saranno realizzati al piano seminterrato già edificato, mentre gli altri 27 sul nuovo piano. Ma non solo: al piano seminterrato e a quello ammezzato saranno ricavati altri 3.056 metri quadrati di superficie utile che avranno una destinazione non residenziale, e che potrà essere commerciale, direzionale o di altro tipo. “Rispetto al progetto originario, l’attuale piano di recupero prevede una consistente riduzione della Sul: da 9mila metri quadrati, tutti con destinazione residenziale, a 4.864 metri quadrati con destinazione mista. Praticamente quasi la metà”, continua il Comune. Oltre alle abitazioni e alla “zona mista”, sarà poi realizzato un giardino pensile a uso pubblico di 1.500 mq, mentre nella restante parte del seminterrato saranno ricavati 393

posti auto e 50 per le moto, e sono anche previste 20 rastrelliere per un totale di 100 posti per le biciclette. “I posti auto eccedenti rispetto al fabbisogno di legge per gli alloggi parte del complesso saranno posti in vendita con priorità per i residenti e gli esercizi commerciali della zona vicina”, conclude il Comune, che sottolinea poi come “il nuovo intervento prospetterà solo su via Burci: sarà infatti lasciata libera la parte prospiciente villa Lorenzi e gli edifici esistenti”. Precisazioni che però non hanno convinto le opposizioni, contrarie al piano di recupero. “Il Comune, con questa scelta, sana uno dei disastri urbanistici più gravi in questo territorio, che mette a rischio geologico una delle colline di pregio più importanti della città”, dice Ornella De Zordo, capogruppo di Perunaltracittà. “Il consiglio comunale ha approvato l’intervento urbanistico solo per paura di dover pagare, in caso di condanna in giudizio, quasi 80 milioni di euro”, commenta il consigliere del Pdl Giovanni Donzelli. Soldi che il Comune avrebbe rischiato di sborsare come risarcimento al curatore fallimentare, mentre “questo percorso – spiega la presidente della commissione urbanistica Elisabetta Meucci – non fa ricadere sul Comune le onerosissime conseguenze di atti assunti in epoche remote”. “Per quanto riguarda gli aspetti idrogeologici – concludono da Palazzo Vecchio – la proprietà si impegna ad attuare alcune misure tecniche di regimazione delle acque e a mantenere per 72 mesi il monitoraggio dell’area”. /I.G.


3

il giornale del tuo quartiere

IL CASO. Le attività della Comunità proseguono anche dopo l’allontanamento di don Santoro

Piagge, avanti tutta (a riflettori spenti) L’INTERVISTA

Passato il momento della visibilità

Adriana Alberici, consigliere del Q5

mediatica, continuano

“Ruolo indubbio nel sociale”

doposcuola, inserimenti

S

ul caso Piagge parla Adriana Alberici, consigliere del Quartiere 5 per la lista Altra Città e vicepresidente della Commissione Servizi Sociali. Lei ha promosso l’approvazione in Consiglio di una risoluzione a favore della Comunità delle Piagge. Quali saranno i risvolti pratici? Ho cercato di sensibilizzare il Consiglio. Mi aspetto da chi ha votato a favore una considerazione per le attività svolte dalla Comunità. Con la risoluzione il Consiglio si impegna a sostenere le Piagge, soprattutto dopo l’allontanamento di don Alessandro. Non ho voluto entrare nel merito della decisione, evitando di alimentare il dibattito e il conflitto relativi alla questione. Ci sono stati voti contrari? No, solo astensioni da parte dei sette consiglieri di Pdl e Centro Destra per Firenze. E’ quindi un impegno politico? Credo che a livello politico si possa fare molto di più, considerando che numerose attività sono svolte dalle Piagge in collaborazione con i servizi sociali, per cui il ruolo svolto da questa Comunità nel tessuto sociale è indubbio.

lavorativi, assistenza legale e tutto il resto, “cercando di individuare i bisogni del quartiere” Elena Guidieri

È

difficile parlare della Comunità delle Piagge senza parlare di don Alessandro Santoro. Il suo arrivo in questa degradata zona di Firenze risale al 1994, l’inizio delle attività che rappresentano la vita stessa della Comunità al 1995, con la fondazione dell’associazione di volontariato il Muretto. Don Alessandro viene allontanato dalla Comunità nel novembre di quest’anno, su decisione dell’Arcivescovo Giuseppe Betori. La lotta portata avanti da Santoro per il riconoscimento del matrimonio religioso tra Fortunato e Sandra – nata uomo ma con identità e documenti da donna da più di trent’anni – ha infatti provocato lo scontento della Curia fiorentina, che lo ha sollevato dalla cura pastorale delle Piagge e gli ha imposto di lasciare tutte le cariche sociali ricoperte al suo interno. Ecco che le Piagge, passato il momento di visibilità mediatica e lacrime facili, si trovano a camminare da sole. Il Muretto opera trasversalmente, “cercando di individuare i bisogni e le necessità del quartiere”. La parola d’ordine è attivarsi con le persone e non per le persone, nel doposcuola, nell’animazione, negli inserimenti lavorativi e in altre attività. Tra quelle svolte c’è la scuola di italiano per stranieri, nata cinque anni fa e tenuta in vita grazie a sette insegnanti volontari. Varie le provenienze degli studenti, dal mondo arabo all’Europa dell’Est. “Ci sono persone istruite, che nel proprio paese hanno conseguito la laurea, così come persone che prendono in mano la penna per la prima volta”, racconta Biagio, maestro di scuola elementare. “Cerchiamo di suddividere gli studenti in gruppi, ma dipende dal numero di volontari disponibili”. La scuola non è frequentata solo da chi è appena arrivato in Italia: “Talvolta gli adulti che sono nel nostro paese da alcuni anni, sentono i loro figli parlare un italiano migliore del loro grazie allo studio e avvertono l’esigenza di migliorare il proprio”, afferma Laura, insegnante in pensione. Dieci anni fa, il Muretto ha dato vita allo sportello di consulenza legale. Gratuita,

La bottega delle economie solidali alle Piagge

naturalmente. Otto sono gli avvocati che, con cadenza quindicinale, mettono a disposizione la propria professionalità per risolvere problematiche legali. “A volte sembra più uno sportello di assistenza sociale che giuridica”, dice l’avvocato L., che preferisce rimanere anonimo. “Ci sono casi di persone che cercano e hanno bisogno soprattutto di sostegno umano”. La cooperativa “Il Cerro” è impegnata sul fronte economico, e segue i principi della “finanza critica e solidale”.

Il Reporter è un periodico di 7 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 192.404 copie

so di interesse pari a zero. C’è una parità di diritti e doveri tra richiedenti il prestito e chi mette a disposizione i propri soldi, in quanto tutti diventano soci del Fondo. Un filo sembra collegare tra loro queste e le molte altre attività delle Piagge: dar voce a chi voce non ne ha. E’ un messaggio rivolto agli esclusi, a chi vive in situazione di disagio e bisogno. E’ il messaggio di ispirazione cristiana su cui Alessandro Santoro ha costruito le basi della Comunità.

BROZZI Istituito da Napoleone nel 1809, fu soppresso nel 1929. Ora si concludono i festeggiamenti

Una mostra per celebrare i 200 anni dell’ex Comune

S

i concludono con una mostra i festeggiamenti tenutisi nel corso dell’anno per celebrare i duecento anni della fondazione del Comune di Brozzi. Con il mese di dicembre, infatti, si chiude la serie di eventi organizzati per celebrare il bicentenario della nascita dell’antico Comune, istituito da Napoleone nel 1809 e soppresso dal regime fascista nel 1929. Due secoli di storia ricordati e festeggiati attraverso celebrazioni, mostre e proiezioni, che hanno ripercorso la storia dell’antica Lega di Brozzi, diventata “mairie” sotto il potere napoleonico e poi Comune autonomo fino ai primi anni del Novecento. La collocazione di una lapide sull’edificio un tempo

Il Reporter di Rifredi, Novoli, Brozzi raggiunge 43.480 famiglie nel quartiere 5 di Firenze. Copia in abbonamento postale

Lo fa attraverso Equazione, un’esperienza di commercio Equo e Solidale. E lo fa soprattutto attraverso il Fondo Etico e Verso Mag – società Mutua per l’Auto Gestione Firenze. Il Fondo Etico nasce nel 2000, con lo scopo di raccogliere risparmi da mettere a disposizione di persone in stato di bisogno e di favorire l’avvio di attività sul territorio. La collaborazione tra il Fondo e Verso Mag Firenze ha dato vita ad esperienze di microcredito, prestiti a garanzia nominale con tas-

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68 Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

municipio di Brozzi ha inaugurato i festeggiamenti, iniziati in primavera e proseguiti con l’intitolazione del lungarno che costeggia l’antico comune a Elisa Baciocchi, sorella di Napoleone e granduchessa di Toscana fino al 1814. A Peretola si è tenuta una mostra fotografica su mestieri e attività dell’antico borgo, e il mese scorso nella sede del Gruppo 334 si è svolta la cerimonia di consegna dei certificati anagrafici a tutti coloro nati entro il 31 dicembre 1928 nell’allora comune di Brozzi. Grande affluenza si è verificata anche in questa occasione: gli abitanti di Brozzi, giovani e meno giovani, hanno potuto scoprire o ricordare un pezzo di storia del loro paese, “quando

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Periodico d’informazione locale Anno III n. 67 del 1 dicembre 2009 N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

per spostarsi si usava il bus elettrico e c’erano le lotte di campanile tra Peretola e Brozzi”, come ha ricordato Luciano Picchi, classe 1924, nel corso delle celebrazioni: “Ho molto apprezzato questa iniziativa che ci ha permesso di ricordare e ritrovare vecchi amici”. Maria Sottile del Gruppo 334 racconta dell’entusiasmo sorto intorno a quest’ultima iniziativa, che ha riscosso grande successo: “Abbiamo mandato circa 500 inviti e fin da subito c’è stata una rispondenza eccezionale, con persone che addirittura ci ringraziavano”. Evento conclusivo in corso questo mese è la mostra dedicata alla storia del Comune presso la /F.B. sede del Gruppo 334, in via di Brozzi.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


4

Dicembre 2009

Rifredi • Novoli • Brozzi

MESTIERI DI OGGI E DI IERI. Le botteghe storiche sono sempre meno, soppiantate dagli hair stylist

I vecchi “salotti” degli artisti della barba Ora si va dal parrucchiere per curare la propria immagine, un tempo soprattutto per avere informazioni e parlare di calcio, donne e politica. “Le abitudini sono cambiate” Fannì Beconcini

P

rosegue il viaggio de Il Reporter attraverso le arti e i mestieri di un tempo. Questo mese ci occupiamo dell’artista di barba e capelli, altresì detto barbiere, sapiente artigiano della barba e autentico stilista del capello. L’antico mestiere del barbiere evoca atmosfere e odori lontani nel tempo, dall’acqua di colonia all’affila-rasoio fino alla storica poltrona, oggi vero e proprio

oggetto di modernariato. Nel quartiere 5, i barbieri storici sono soppiantati per numero dai numerosi saloni di bellezza e hair stylist che proliferano in tutte le zone, accanto a centri benessere e palestre ai quali sembrano accomunati dallo stesso tipo di uso: oggi, infatti, si va dal parrucchiere o dall’estetista soprattutto per prendersi cura della propria immagine, mentre un tempo la bottega del barbie-

re costituiva un vero e proprio centro di aggregazione sociale. Il barbiere era una figura socialmente riconosciuta, depositario non solo dell’antica arte della rasatura ma anche di saperi e informazioni che riguardavano la comunità di appartenenza: clienti e non clienti facevano tappa in bottega per un’acconciatura veloce o semplicemente per scambiare quattro chiacchiere. E’ quello che racconta il signor Vito, dal suo negozio situato in via Orazio Vecchi ormai da 40 anni: “E’ dal 1970 che lavoro, ed indubbiamente è cambiata la clientela e soprattutto sono cambiate le abitudini... in passato il sabato era il giorno con più lavoro, oggi non è più così e il mio salone non è più il salotto di un tempo, quando qui ci si ritrovava anche per parlare di calcio, donne, politica”. Non a caso, anche di calcio si occupa il signor Alvaro, barbiere da ben 41 anni e attualmente anche direttore sportivo della Polisportiva Novoli: “Quello che manca oggi è la qualità e la cultura, che sono elementi fondamentali per svolgere bene questo mestiere”. Dello stesso parere è Angelo che, dall’alto della sua esperienza trentennale – la sua bottega è aperta da 37 anni – conferma le opinioni dei colleghi: “Io ho una clientela affezionata che mi stima e mi consente di continuare a fare questo lavoro, altrimenti le nuove attività mi avrebbero già costretto a chiudere”. Quello

Il signor Vito

che colpisce entrando nelle botteghe è l’atmosfera di altri tempi e l’accoglienza riservata a clienti e semplici visitatori, unite a un buon gusto e a una professionalità frutto di anni di esperienza. Si tratta di attività pluridecennali

che resistono nonostante la concorrenza di saloni di bellezza, hair stylist e centri benessere di ogni sorta, grazie alle competenze e alla qualità del lavoro di chi questo mestiere l’ha scelto - e continua a farlo - per passione.

Il signor Alvaro

IDEE REGALO

http://www.lalocandina.it

per il tifoso viola !!! ITA VENDCHI FUOIFICIO D'ART

NOVITA’ LA NUOVA COLLEZIONE di borsette e beautycase

di HELLO KITTY!!

1059533

Via Baracca 161/d Tel 055.419250 Via Gordigiani 36/b Tel. 055.352700

La Giusta soluzione per il lavoro che stai cercando

848.80.88.68 per la tua pubblicità


5

il giornale del tuo quartiere

TOPONOMASTICA. Il generale e il “sindaco santo” si dividono la stessa via. Tanti i casi strani

La Marmora e La Pira, vicini di strada Deve esserci affinità tra le persone a cui vengono dedicate strade attigue, ma le incongruenze non mancano. Come via Unione Sovietica e via Lettonia... Lorenzo Salusest

C

osa lega il generale Alfonso La Marmora, artefice nel 1865 dello spostamento della capitale del Regno da Torino a Firenze, al “sindaco santo” Giorgio La Pira, primo cittadino del capoluogo toscano negli anni sessanta? Nulla, se non che i due cognomi iniziano allo stesso modo. Eppure ai due personaggi, protagonisti (con stili molto differenti) della storia di questa città, è intitolata la stessa strada (da piazza San Marco a viale Matteotti), suddivisa equamente in due parti uguali. E dire che le regole della toponomastica prevedono che debba esserci un qualche tipo di affinità tra le persone a cui l’amministrazione comunale dedica le vie e le piazze fiorentine: quartieri monopolizzati da nomi di pittori, altri da musicisti o da eroi del Risorgimento, altri ancora da scrittori. Regole che hanno nello strano binomio La Marmora – La Pira l’eccezione che le conferma. Ma basta gettare lo sguardo sulle targhe delle vie

fiorentine per scoprire altre stranezze e incongruenze, spesso geografiche. E’ il caso di un paio di strade intitolate a nazioni straniere che non esistono più: via Jugoslavia e via Unione Sovietica. Perché, se è pur vero che i nomi delle strade sono assegnati a soggetti che non fanno più parte di questo mondo, sarebbe più corretto aggiornare le denominazioni, stando però attenti a non scatenare casi diplomatici. E a proposito di ex Urss, perché mai dedicare una strada alla Lettonia e non alle altre due repubbliche baltiche, Estonia e Lituania? E ancora, perché eludere la Bulgaria dall’elenco delle nazioni europee a cui sono state intitolate alcune delle strade fiorentine? Coincidenze curiose, ma non in grado di suscitare polemiche politico/toponomastiche, come accaduto in passato attorno a nomi “scomodi”, come quello di Oriana Fallaci: a oltre tre anni dalla sua morte, l’amministrazione comunale non ha ancora deciso se la scrittrice fiorentina merita l’onore

Via La Pira - via La Marmora

di vedersi intitolata una strada. Un ostracismo, seppur di diversa natura, di cui è vittima anche la memoria di Indro Montanelli, anch’egli privo di una via dedicata. E se la discriminante è il luogo di nascita (Fucecchio), viene da chiedersi perché il Comune abbia intitolato una via in

zona Brozzi al meno noto giornalista e scrittore Curzio Malaparte (nato a Prato). Tra i due non correva buon sangue: chissà cosa avrebbe partorito la penna di Montanelli se avesse saputo in vita che Firenze avrebbe dedicato una via al suo acerrimo rivale e non a lui...

IL PUNTO NEL QUARTIERE. Religioso e militare, partecipò all’impresa di Fiume e alla marcia su Roma

Se le “rosse” Sesto e Dalmazia sono unite da Reginaldo Giuliani U

na città nella città. Il quartiere 5 è la più estesa (e la più popolosa) delle circoscrizioni fiorentine. Un elenco lunghissimo di vie che negli ultimi tempi ha costretto la commissione comunale toponomastica a uno sforzo di fantasia per individuare personalità e circostanze storiche in qualche modo legati a Firenze a cui dedicare vie e piazze. L’elenco si apre con i luoghi simbolo delle guerre d’indipendenza (da via XX settembre, a via delle Cinque giornate, a piazza della Vitto-

Ad Alessandro Guidoni, primo capo dell’Aeronautica militare, intitolato il viale verso l’aeroporto

ria), coerentemente vicini a via Vittorio Emanuele II. Ma proprio qui emerge la prima incongruenza: incuriosisce - specialmente oggi, in tempo di riforme minacciate o attuate - la scelta dell’amministrazione comunale (peraltro risalente a qualche decennio fa) di dedicare una poco trafficata piazza alla Costituzione, mentre allo Statuto (primo atto costituzionale del regno d’Italia) è intitolata una delle vie più transitate lungo la direttrice Firenze centro – Sesto Fiorentino. Ma non mancano altre curiosità. Pochi forse sanno, infatti, che Reginaldo Giuliani, a cui è dedicata una delle vie più lunghe di Firenze, fu un religioso e militare che partecipò all’impresa di Fiume con D’Annunzio e alla Marcia su Roma: non certo capitoli della storia amati dalla sinistra, eppure via Giuliani collega la “rossa” Sesto all’altrettanto “rossa” piazza Dalmazia. E restando in zona, proprio dalla stessa piazza parte via Filippo Corridoni, sindacalista rivoluzionario sì, ma

amico di Mussolini, che proprio al vecchio compagno dedicò, durante il fascismo, addirittura una città (Corridonia). Più naturale intitolare strade a eroi e martiri della Resistenza: i partigiani Luigi Morandi, Enrico Bocci e Italo Piccagli sono caduti vittima della violenza fascista lo stesso giorno e nello stesso luogo; ma mentre ai primi due sono state intitolate vie parallele a Rifredi, la memoria stradale del terzo – chissà perché - è stata separata da quella dei vecchi amici e dirottata tra Firenze Nova e Novoli. Restando in zona, deliberata e coerente la scelta di intitolare la via che conduce all’aeroporto di Peretola ad Alessandro Guidoni, primo capo del neonato corpo dell’Aeronautica militare (anch’egli onorato durante il fascismo con l’intitolazione di una città, Guidonia). Meno comprensibile, infine, la decisione di dedicare a Don Milani e padre Balducci, uomini di fede e di pace, due strade nella zona industriale al confine con l’Osmannoro. /L.S.

1003823

COMPRO ORO E ARGENTO ANCHE MONETE D’ORO VALUTIAMO INTERE EREDITA’ PAGAMENTO IN CONTANTI ALLE MASSIME VALUTAZIONI

Vetri Maurizio

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.30 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina

PASTICCERIA PRODUZIONE PROPRIA Caffetteria - Lunch Dining & Tea Room Servizio catering

Pasticceria Maioli - Tel. 055 214701 Firenze - Via Guicciardini, 43r Pasticceria Querci - Tel 055 490513 Firenze Piazza G. Vieusseux, 2/3r www.disimone.it 1076790


1080387


Natale a

passo Du

o om

Un Natale a misura di pedone. Cosa c’è, infatti, di meglio di arrivare in centro in bus senza doversi preoccupare del parcheggio per l’auto e poter passeggiare per strade e piazze addobbate e liberate dal traffico e dallo smog? Ebbene, quest’anno lo shopping a piedi sarà più facile. Grazie alla pedonalizzazione del Duomo e alla riorganizzazione del trasporto pubblico in generale e dei bussini ecologici in particolare, il centro storico è diventato più vicino per chi sceglie di utilizzare l’autobus. Con i nuovi percorsi, entrati in vigore il 23 novembre, i mezzi ecologici C1, C2 e D collegano il Duomo e il cuore della città ai principali parcheggi e alle stazioni ferroviarie. Non solo, nell’occasione è stato potenziato anche l’interscambio con le linee principali dell’Ataf provenienti dalle zone più periferiche. Le nuove linee dei bussini servono le zone limitrofe alla pedonalizzata piazza del Duomo, e i collegamenti con le linee principali dai punti di scambio del Parterre in piazza della Libertà, piazza Beccaria, piazza Ghiberti, piazza Tasso e la stazione Leopolda (dove arrivano i treni dalle direttrici PisaViareggio-Livorno e Siena e quindi da Empoli-Montelupo-Lastra a Signa e San Donnino). Luoghi dove si può agevolmente lasciare l’auto in un parcheggio e prendere l’autobus per il centro. La linea D collega in maniera veloce e diretta piazza Ferrucci e la zona di San Niccolò alla stazione di Santa Maria Novella (dove fanno capolinea numerose linee ferroviarie tra cui quelle da Arezzo, Borgo San Lorenzo, Prato) passando per l’Oltrarno e Santo Spirito . Nel caso delle stazioni ferroviarie i bussini svolgono un importante servizio anche per chi arriva da fuori Firenze utilizzando il treno. L’abbinamento treno+bus, infatti, rappresenta il modo migliore per dedicarsi allo shopping in piena tranquillità e senza l’ansia di dover guidare poi verso casa. In dettaglio le tre linee di bussini sono in servizio tutti i giorni, festivi compresi. Nel corso della settimana la fascia oraria “coperta” va dalle 7.30 alle 20.30, nei giorni festivi alle 8.30 alle 20.30. Le frequenze dal lunedì al sabato sono di 10 minuti tra un autobus e l’altro per le linee C1 e C2, di 12 minuti per la linea D. La domenica la frequenza è di circa 10 minuti per le linee C1 e C2, a parte dalle 13 alle 15 quando è di circa 20 minuti; mentre per la linea D è di circa 24 minuti dal mattino fino alle 15, e di 12 minuti dalle 15 a fine servizio. Per quanto riguarda l’informazione, Comune di Firenze e Ataf hanno avviato una campagna di comunicazione a tappeto con un’ampia diffusione delle mappe, sull’esempio di quanto già avvenuto per la pedonalizzazione del Duomo. Inoltre Ataf promuoverà l’utilizzo dei mezzi pubblici per lo shopping natalizio con “Vivi il Centro”, un concorso a premi che coinvolge i passeggeri dei bus e i negozi all’interno della cerchia dei viali. Basterà un biglietto Ataf da due corse e lo scontrino di un esercizio commerciale del centro storico di Firenze per vincere un week-end a cinque stelle, valido per due persone, a Roma, Venezia, Barcellona, Parigi, o premi da 500 euro in buoni acquisto. Per partecipare basta andare a far compere in centro con il bus dal 7 dicembre al 10 gennaio, conservare il biglietto da due corse, con almeno un’obliterazione, e lo scontrino del negozio. Per partecipare alle estrazioni bisogna iscriversi al concorso “Vivi il Centro” sul sito www. ataf.net dove vengono forniti tutti i dettagli all’interno del regolamento. Lo scontrino può essere di qualsiasi importo, rilasciato da qualsiasi attività commerciale, compresi i biglietti di cinema, teatro, mostre, ristoranti, parrucchieri, ciò che conta è che sia all’interno della cerchia dei viali di circonvallazione nel centro storico di Firenze. A partire dal 16 dicembre fino al 13 gennaio, ogni settimana sarà fatta un’estrazione che metterà in palio 2mila euro di premi, cioè 4 buoni acquisto da 500 euro ciascuno, che potranno essere spesi per tutto il 2010 nei negozi sponsor dell’iniziativa. Il 20 gennaio, l’estrazione finale, decreterà i vincitori del superpremio, per un valore complessivo di 10mila euro, messo a disposizione da “Starwood, Hotel & Resort Worldwide”: in palio ci sono 4 soggiorni di 2 notti per due persone in alberghi a 5 stelle nelle più belle capitali d’Italia e d’Europa. E infine ci saranno anche 200 premi di consolazione. E inoltre l’iniziativa “Vivi il centro” ha anche una finalità benefica. Una parte del ricavato verrà devoluto alla Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer per la ricerca sulle malattie respiratorie dei bambini.

E LA LOGGIA SI FA NUOVA Piante, altalene sonore, luci e musica diffusa. La loggia del Grano si veste a festa per questo Natale, consentendo di recuperare uno spazio architettonico gradevole in un punto importante della città. La loggia, situata sull’angolo tra via de’ Neri e via dei Leoni, proprio alle spalle di Palazzo Vecchio, è un antico mercato del grano che risale al 1619, realizzata su commissione di Cosimo II che la voleva sostituire all’Orsanmichele. L’attuale progetto di riqualificazione della loggia consiste in un allestimento dell’area come ambito di relax: natura, arte, luce e suono sono le chiavi di volta sulle quali si snoda la nuova identità dello spazio. Pareti vegetali per proteggere e insonorizzare, piante a cascata che assorbono gli inquinanti, sedute morbide e altalene per i più piccoli, con diffusori sonori e luci che, proiettate sulle volte della Loggia, amplificano la bellezza del paesaggio circostante, dagli Uffizi a Palazzo Vecchio. Insomma un ambiente adatto a grandi e piccini, un’oasi di tranquillità durante lo shopping natalizio. E non solo.


8

Dicembre 2009

Rifredi • Novoli • Brozzi

AUTOBUS. A poco più di un mese dalla pedonalizzazione di piazza Duomo

“Rivoluzione” dei trasporti Cosa è cambiato nel quartiere Fannì Beconcini

A

gli orari tutt’altro che svizzeri dei trasporti pubblici, i fiorentini ci sono ormai abituati. Così come ormai ogni utente Ataf che si rispetti sa di dover tener conto della non propria remota possibilità di coincidenze e corse saltate, deviazioni dell’ultimo minuto, impedimenti viari vari ed eventuali: incidenti di percorso – nel vero senso della parola – che nel migliore dei casi costituiscono un poco piacevole diversivo durante il tragitto, e nella peggiore delle ipotesi determi-

nano disagi e complicazioni a chi, per scelta o per necessità, si avvale del trasporto pubblico. Le ultime novità per i viaggiatori riguardano la recente pedonalizzazione del Duomo avvenuta a fine ottobre. Cambiamento che, se da un lato è stato salutato da molti come opportunità di miglioramento della qualità della vita cittadina, dall’altro ha comportato una riorganizzazione di tutto il sistema viario e dei trasporti che ha causato qualche disagio. Chi si avvale dei trasporti pubblici metropolitani – dagli autobus Ataf alle linee extraurbane – è indubbiamente il soggetto maggiormente coinvolto, in quanto vincolato a percorsi precostituiti. A questo proposito,

occorre segnalare che i cambiamenti maggiori hanno ovviamente coinvolto le linee dirette a o provenienti da piazza della Stazione, il Duomo, piazza San Marco e i viali di circonvallazione. Le linee che hanno risentito di questo riassetto della mobilità cittadina sono dunque quelle che collegano il centro alle aree periferiche. Il quartiere 5, da questo punto di vista, è stato uno dei poli del cambiamento, contando numerosi servizi di linea che collegano Careggi, Novoli, Le Piagge, Peretola e Brozzi al centro e agli altri comuni dell’area fiorentina: andando con ordine, deviazioni e cambiamenti del tragitto hanno interessato le linee 2, 14, 23, 28, 57 e

MARTINA MONEGLIA Medico, 27 anni

FILIPPO SANTIA’ Impiegato, 31 anni

ELEONORA GORI Grafica, 28 anni

“Ogni viaggio almeno mezzora”

“La situazione sta via via migliorando”

“Cambiano i nomi delle fermate”

“Penso che la situazione sia peggiorata. Io abito in piazza Dalmazia e rivoglio il privilegio di avere un bus, il 14, che mi consentiva di raggiungere il centro in 10 minuti... adesso ogni viaggio è un’odissea di almeno mezzora. I cambiamenti dovrebbero servire a migliorare e non a complicare le cose”

“Penso che la pedonalizzazione abbia causato disagi sia agli utenti, non informati adeguatamente, che agli autisti, che non sono stati non preparati al cambiamento e sono sottodimensionati rispetto alle esigenze reali. Comunque mi sembra che la situazione via via stia migliorando”

STANCO DEI SOLITI METODI DI DEPILAZIONE? 1029151

VIENI A PROVARE LA SOLUZIONE PERMANENTE CONSULENZA GRATUITA PROFESSIONALE da parte di uno specialista del settore chirurgia plastica Dott. Andrea Mori + 1 seduta prova OMAGGIO* * Prova circoscritta in una parte interessata del corpo

Viale Morgagni, 7r - Firenze info

“Uso solo saltuariamente il bus per raggiungere Rifredi da Firenze sud e sto pensando seriamente di non usarlo più se la situazione rimane quella attuale. Inoltre ultimamente sto notando anche un cambiamento dei nomi delle fermate, che non sempre sono indicate con i riferimenti delle vie o delle zone ma con quelli di attività commerciali presenti sul percorso”

LASCIATI TRASPORTARE NELLA MAGICA ATMOSFERA ESOTICO MEDITERRANEA.... Abbandonati alle calde note del massaggio con la candela, fatti sorprendere dallo scrub per il corpo con gusci d’argan e dal fresco avvolgimento all’aloe e menta fresca.

...un’esperienza unica di bellezza e benessere PRENOTA ENTRO IL MESE DI DICEMBRE ED AVRAI UNO SCONTO DI 100 EURO SUL PACCHETTO DI 5 SEDUTE

055 43 29 04


9

il giornale del tuo quartiere

Deviazioni e novità nei tragitti hanno interessato le linee 2, 14, 23, 28, 57 e 71, e per i viaggiatori non è mancato qualche disagio. Ma la situazione va verso la normalizzazione 71, mentre le altre linee non direttamente toccate da modifiche del percorso stanno tuttavia risentendo dell’aumento del volume del traffico – di mezzi sia pubblici che privati – nei loro tragitti abituali. Le aree di piazza Dalmazia e della Fortezza sono infatti quotidianamente soggette a rallentamenti dovuti non solo ai picchi del traffico abituale, ma anche al maggiore transito di linee che un tempo gravitavano in altre zone. Inoltre, uno dei disagi maggiormente percepiti dagli utenti è stata la mancanza di un’informazione coerente: “Il mese scorso gli orari del 2, che io uso quotidianamente per andare al lavoro, sono stati per lungo tempo non disponibili sul sito dell’Ataf, mentre quelli cartacei posti alle fermate risalivano a prima della pedonalizzazione”, si lamenta Gianna, residente in zona piazza Dalmazia. Questa

è solo una delle numerose testimonianze di utenti scontenti: tutti segnalano rallentamenti e disagi, molti una carenza di informazione. Alcuni tra gli stessi autisti hanno manifestato qualche perplessità riguardo a un riassetto avvenuto forse troppo velocemente. Ataf, dal canto suo, ha predisposto alcuni strumenti per ridurre gli ovvi disagi di questa prima fase del riassetto del sistema viario iniziato il 26 ottobre scorso: comunicati, annunci, brochure, informazioni giornaliere su deviazioni momentanee o definitive... Ma, si sa, le abitudini sono difficili da abbandonare, soprattutto quando novità e cambiamenti sono importanti come in questo caso. L’auspicio di tutti è che, nel giro di un paio di mesi, la situazione si normalizzi e si torni alla (quasi) efficienza di tutte le linee.

Stop di un mese, dall’8 dicembre all’8 gennaio, per i cantieri nel quartiere. Nessun lavoro verrà iniziato fino all’inizio del nuovo anno per non creare problemi al traffico nel corso delle festività natalizie, ad eccezione di situazioni d’urgenza legate ad avvenimenti improvvisi e non prevedibili.

NICOLETTA NICCOLAI Insegnante, 55 anni

CECILIA BONCINELLI Studentessa, 27 anni

“Quasi il doppio del tempo”

“Costretta a prendere l’auto”

INAUGURAZIONE PIAZZA GIORGINI Nel mese di dicembre verrà inaugurata piazza Giorgini, dopo i lavori che hanno portato alla sua completa riqualificazione. Sono stati realizzati vialetti, fioriere, un nuovo impianto di illuminazione e di pavimentazione. In più, sono stati messi a

“Sono una convinta sostenitrice dell’uso dei mezzi pubblici, tuttavia recentemente ho più volte rimpianto di non aver preso la macchina, perché linee come il 23 o il 14 impiegano quasi il doppio del tempo a percorrere lo stesso tragitto di due mesi fa”

“Uso da sempre l’autobus, da quando andavo a scuola. Ora che sto concludendo l’università a Firenze e lavoro a Campi Bisenzio sono costretta ad usare quasi sempre l’auto, sia per raggiungere il centro che per andare fuori Firenze, in quanto i due bus utili - il 35 e il 30 - impiegano quasi un’ora in un senso e nell’altro”

dimora nuovi alberi e un impianto di irrigazione.

a a partire partire da da € €375.000 375.000

1023242


10

attualità

Dicembre 2009

ZOOM/1. Analizzando la stampa estera si scopre l’immagine che i forestieri si sono fatti di noi

Firenze: bella e impossibile Così ci vedono gli stranieri Annalisa Cecionesi*

È

difficile pensare a Firenze come una città capace di suscitare sdegno e avversione. Eppure, negli ultimi due anni, questi sentimenti affiancano le immancabili lodi sulle pagine dei più autorevoli quotidiani esteri. Dal New York Times a El Mundo, dal Guardian a Le Figaro, solo per citarne qualcuno. Un’immagine per certi versi sorprendente, quella della Firenze raccontata oltre confine. Film come “Sotto il sole della Toscana” o “Camera con vista” ci hanno abituato a pensare agli stranieri come amanti incondizionati della nostra città e della Toscana. Vuoi per le eccellenze artistiche, vuoi per il clima benevolo e il dolce paesaggio. Vuoi per la buona cucina o per l’estro artigiano. Questi aspetti ricorrono in abbondanza tra le pagine della stampa straniera. I corrispondenti non si stancano di fornire indicazioni su monumenti imperdibili o ristoranti invitanti.

Così come non risparmiano consigli dedicati agli amanti dello shopping, tanto da soprannominare via Tornabuoni “la Fifth Avenue” fiorentina. Ma spesso queste immagini attraenti si fondano sulle aspettative riposte nella testa di molti forestieri. Sugli stereotipi sedimentati nei secoli. A ridestare dal sogno ci pensa la penna tagliente di qualche corrispondente. Ed è un brusco risveglio. La città tanto promettente sulla carta si rivela alla prova dei fatti assai deludente. Tanto da indurre la giornalista del Times Veronica Smith a chiedersi “perché mai le persone vadano in estasi per Firenze”. La città è infatti caotica e sovraffollata di turisti, davanti a musei e ristoranti si dipanano code epiche, alcune zone della città appaiono sporche, buie e pericolose. E’ stata definita anche folle e grottesca, la nostra Firenze. Quando ha storto il naso davanti alle imponenti statue cinesi donate al Comune dalla città di Ningbo. E’ stata dipinta come una città litigiosa, capace di dividersi su tutto, tram compreso. Tanto da risollevare dalla coltre della storia vec-

chie rivalità. Guelfi e ghibellini, quasi un simbolo degli scismi fiorentini di ieri e di oggi. Cartellino rosso da parte dei forestieri, povera Firenze, anche per l’incomprensibile segnaletica stradale, una trappola per turisti. Per non parlare del suo tenace ancoraggio al passato, scudo contro la modernità. Lo dimostrano le lungaggini che accompagnano le grandi opere, come l’ampliamento della Galleria degli Uffizi. Le invettive non mancano. Attenzione, però. Sovente, anche dalla penna del più critico dei corrispondenti, spunta la redenzione. Firenze è assolta. Una passeggiata tra le vetrine dorate di Ponte Vecchio, una visita alle tele di alcuni dei più acclamati artisti della storia, un pranzo davanti a una bistecca al sangue bastano a far crollare all’istante l’impalcatura di qualsiasi descrizione impietosa. Occhio però, Firenze. Là fuori ti guardano. Non sempre con sorriso estasiato. * La nostra collaboratrice, a questo argomento, ha dedicato una tesi di laurea dal titolo: “Firenze nella stampa estera”

Dalle pagine di quotidiani come il New York Times, El Mundo, Le Figaro e il Guardian emerge un ritratto pieno di contraddizioni: il capoluogo toscano piace molto per diversi aspetti, ma qualcuno gli rimprovera di essere litigioso come ai tempi di guelfi e ghibellini JOSH SHAW 26 anni, Stati Uniti

DARIA DWULIT 21 anni, Polonia

CAROL CHIU 30 anni, Giappone

“Una capitale di arte e cultura”

“Peccato per il traffico e il chiasso”

“Che belle quelle casette sull’Arno”

Attraverso letture incentrate sull’arte, la religione e la filosofia, ho conosciuto lo smisurato patrimonio architettonico e artistico della città del Rinascimento. I media contribuiscono a mettere in risalto il suo lato romantico. Ciò che più si percepisce da fuori è l’idea di una città capitale dell’arte e della cultura.

Quando ho visitato Firenze per la prima volta sono rimasta sbalordita, era davvero la città dei miei sogni. Le uniche cose che lasciano un po’ a desiderare, che distruggono la visione armonica della culla del Rinascimento, sono il traffico, il chiasso urbano e i cartelloni stradali poco chiari per gli stranieri.

1044196

VUOI APRIRE IL TUO NIDO? AFFILIATI

Sono arrivata a Firenze da poco ma è questa la città che avevo in mente prima di partire. Firenze non può che suscitare sentimenti positivi, con la sua ricchezza di monumenti, le casette color arancio che si affacciano sull’Arno, la gentilezza e l’accoglienza dei fiorentini, e perché no, la buona cucina.

Scuola

CORSI DI:

Accademica di Danza

• DANZA CLASSICA • DANZA MODERNA • GINNASTICA STRETCHING

diretta da Laura Checcucci Lisi

GiraSole

SPECIALIZZATO in servizi educativi all’infanzia e alla famiglia

SONO APERTE APERTE LE LE SONO ISCRIZIONI 2009 2009 ISCRIZIONI PRESSO I NOSTRI NIDI IN FIRENZE FIRENZE IN - Firenze: Careggi, Alberti, Coverciano. - Sesto Fiorentino via carducci, - Campi bisenzio via cattaneo Info iscrizioni 339 1762412 coopgirasole@interfree.it - www.cooperativagirasole.it

"l'eleganza dei movimenti... la leggerezza dello spirito... tutto questo è....danza...." Claudia Morandini ballerina professionista internazionale

E TONO Via Scipione Ammirato, 96 FIRENZE

Tel. 055

6236044

www.danzafirenze.it email: scuola@danzafirenze.it


attualità

11

ZOOM/2. Dalla “battaglia del vino” a piazza Duomo pedonale: i media internazionali riscoprono Firenze

E la città del Giglio approdò sul Times Lorenzo Salusest

ALENA 35 anni, Slovacchia

CYRIELLE 30 anni, Francia

HICHAM 34 anni, Marocco

“Se sopravvivi qui, sopravvivi ovunque”

“La pensavo più a misura d’uomo”

“Il primo impatto è positivo”

Negli anni passati i giornali della Slovacchia non parlavano molto di Firenze, e quando ne parlavano la descrivevano in termini molto positivi. La mia immagine di Firenze si è costruita così: una città in cui è bello vivere. Adesso l’opinione è cambiata, tanto che tra noi stranieri fiorentini va di moda il detto: “Se sopravvivi a Firenze, sopravvivi ovunque”.

Città dei sogni, dell’arte, della cucina. Questa l’immagine di Firenze in Francia. Prima di visitarla la prima volta pensavo fosse più a misura d’uomo, più tranquilla, accogliente, ma purtroppo non tutto è come mi aspettavo. E’ bella, ma la pulizia è carente, e il traffico quello di una metropoli come Parigi.

PIZZA A TAGLIO E DA ASPORTO ANCHE A DOMICILIO OGNI GIORNO FAVOLOSE OFFERTE A PRANZO CON FAVOLOSA VETRINA

ACCETTIAMO PRENOTAZIONI PER COMPLEANNI

Si accettano buoni pasto

SPECIALE

4€

PIZ ZA

A MARGHERIT

1032785

VIA CASTELFIDARDO, 8/R - 50137 FIRENZE

APERTO TUTTI I GIORNI dalle 11.30 alle 14.30 e dalle 16.30 alle 23.00 LOCALE CLIMATIZZATO

Tel. 055 6120934 Cell. 329 7933963

Dici Firenze e dici arte. L’idea che mi ero fatto era di una città splendida da visitare e bella da vivere. Il primo impatto è stato positivo, ma con il passare del tempo ho notato che non è così come viene dipinta, ma sporca e trascurata. Nonostante ciò, quando torno a casa, il giudizio che do di Firenze è positivo.

Studio Odontoiatrico

1029152

D

apprima l’Obama dei Lungarni, poi il paladino del gottino di vino da accompagnare alla trippa, infine l’artefice della pedonalizzazione di piazza Duomo: sono queste, in rigoroso ordine cronologico, le tre vesti che i mezzi di comunicazione internazionali hanno cucito addosso a Matteo Renzi. Segno di una riconfermata attenzione da parte dei media stranieri nei confronti di una delle città italiane più amate all’estero e del suo primo cittadino? Parrebbe di no, se, com’è vero, nel corso del decennio scorso non sono state molte le occasioni in cui giornali e televisioni d’oltre confine si sono interessati a Leonardo Domenici. E le rare volte in cui è accaduto le ragioni sono state clamorose: l’ultima in ordine di tempo nel dicembre scorso, quando l’allora sindaco si incatenò davanti alla sede romana del gruppo editoriale L’Espresso per manifestare contro la copertura data dal settimanale all’inchiesta su Castello. Ma prima di allora la politica fiorentina raramente aveva intrigato (e come dar loro torto) i giornalisti stranieri. Ci voleva l’ascesa di un comunicatore come Renzi per cambiare il corso degli eventi. Proprio mentre nel mondo imperversa l’Obama-mania, a Firenze si gioca la partita delle primarie per il candidato a sindaco. Renzi l’outsider (l’anglicismo è d’obbligo) stravince e conquista le pa-

gine del Times. Il titolo è impegnativo: “Has Italy’s Left found its own Obama?” (La sinistra italiana ha trovato il suo Obama?). Renzi viene dipinto come colui che ha sparigliato le carte, rovesciando le gerarchie e ribaltando le previsioni, proprio come il neo presidente degli Usa. E proprio come Obama, ricorda il giornalista, Renzi manifesta una particolare predilezione per Internet e Facebook. Un paragone ardito che inorgoglisce l’allora aspirante sindaco che arriva a mutuare, scherzosamente, l’obamiano “Yes, we can” in un fiorentinissimo “Sì, si pole”. Passano i mesi, Renzi conquista Palazzo Vecchio, vi si insedia e attende l’occasione propizia per conquistare nuovamente l’attenzione dei media stranieri. E l’occasione puntualmente arriva: a fine luglio scoppia la battaglia del vino e del lampredotto. L’Unione europea vieta la vendita di vino ai venditori ambulanti (trippai inclusi), l’Italia si adegua, Renzi decide di disapplicare la legge, arrivando persino a promettere disobbedienza civile. Immediata ed ampia l’eco sui giornali esteri, con interi articoli dedicati all’iniziativa del sindaco. Infine la recente pedonalizzazione di piazza Duomo, presentata a Roma proprio all’associazione della stampa estera. Detto fatto: persino il Tg tedesco propone un servizio sull’evento, con somma soddisfazione dell’amministrazione fiorentina. I media stranieri riscoprono Firenze, quindi. Un’attenzione che, tuttavia, sembra dipendere più dalle doti mediatiche del sindaco che dal ruolo internazionale della città.

DOTT. STEFANO MARZIALE Odontoiatra - Specialista in Chirurgia Odontostomatologica

VISITA SPECIALISTICA GRATUITA PER TUTTA LA FAMIGLIA

Allegro kit in omaggio per l’igiene orale dei vostri bambini Via di Novoli n. 81 - Firenze Tel. 055.415978


12

Dicembre 2009

trasporti

REPORTAGE. In attesa della sua partenza, Il Reporter ha fatto un viaggio su uno dei convogli della prima linea

Firenze vista dal finestrino del tram Luca Serranò

T

ra ritardi e qualche incidente di percorso s’avvicina la partenza della tramvia fiorentina. Lungo la linea uno, che collegherà Scandicci alla stazione di Santa Maria Novella, fervono così i preparativi per la tanto agognata inaugurazione. Il Reporter, in compagnia del giornalista tedesco Stefan Goebel (esperto del settore) e dei tecnici Raffaele Gualdani e Michele Priore (dirigente dell’ufficio tramvia), ha fatto un giro in esclusiva su uno dei tram Sirio consegnati dalla AnsaldoBreda. Una parte del futuro tragitto del tram, dal deposito del Vingone in direzione Villa Costanza, per tastare il polso della più importante opera pubblica della Firenze moderna. Ciò che più risalta è senz’altro la silenziosità del mezzo, un lungo torpedone ammobiliato con gusto un po’ naif (i rivestimenti a pois dei sedili) che fila via a cinquanta chilometri orari. L’arredamento è spartano ma dotato dei comfort necessari a tutte le esigenze, disabili compresi. Anche le fermate (14 lungo i 7,5 km del percorso della linea uno) rispecchiano il look “minimale” della tramvia, sorta di lastre d’asfalto sormontate dal tabellone degli orari di percorrenza. In proposito, è bene ricordare che il tragitto Scandicci-Santa Maria Novella non dovrebbe durare oltre venti minuti, una vera e propria manna per molti pendolari. In attesa del via libera ufficiale, dunque, i 17 tram della linea uno mordono il freno e scaldano i motori.

6SL&JLO/HJD4XDUWLHUH)LUHQ]H'LDULRVLQGDFDOH ACQUA - Riteniamo che l’approvazione, da parte del governo del decreto Ronchi, produrrà nel tempo gravi danni che pagheremo a caro prezzo. Nel suo articolo 15, si privatizzano di fatto i servizi pubblici locali: ciclo dei rifiuti, trasporto su gomma e, soprattutto, l’acqua. Questo porterà sicuramente nel tempo ad un aumento delle tariffe e alla precarizzazione di chi lavora nel settore. L’acqua è l’elemento primordiale per eccellenza : uno degli elementi fondamentali della vita e attualmente anche uno dei diritti fondamentali di ogni donna e di ogni uomo che popolano il nostro paese. L’acqua è un bene dell’umanità e non può essere paragonato a nessun altro servizio, perchè insostituibile! BENI CONFISCATI ALLE ASSOCIAZIONI MAFIOSE – La Cgil, nel nome del segretario generale Guglielmo Epifani e dall’Associazione Libera, coordinata da Don Luigi Ciotti, richiedono alla camera dei Deputati di ritirare l’emendamento alla Legge Finanziaria che è stato approvato nei giorni scorsi al Senato che prevede la possibilità di rendere alienabili i beni confiscati alle mafie. Di fatto si annulla la Legge 109 del 1996, unica legge antimafia d’iniziativa popolare approvata all’unanimità dal Parlamento, che impediva alle mafie di tornare in possesso dei beni a loro confiscati, assegnandoli ad Enti Locali e Cooperative per fini sociali e non di lucro. La Cgil, da sempre nettamente schierata contro le mafie, chiede che non si abbassi il livello di contrasto e di lotta a tutte le forme di criminalità organizzata. Così si tradisce il sogno di chi, a cominciare da Pio La Torre, ha pagato con la vita l’impegno per sottrarre ai clan le ricchezze accumulate illegalmente. Crediamo che il nostro paese abbia bisogno di ben altro, soprat-

tutto il rispetto di chi con la propria vita ha pagato a caro prezzo l’impegno per sconfiggere la criminalità. PIANO DELLA SALUTE - Nel mese di ottobre avevamo accennato alla bozza sul Piano della Salute 2010-2012 che il governo aveva inviato alle Regioni per annunciare ancora tagli alla Sanità. Oggi possiamo dire che grazie ad un accordo firmato tra governo e conferenza delle Regioni, si sia delineato un percorso per un nuovo Patto per la Salute. L’accordo supera finalmente le resistenze dell’esecutivo a riconoscere un finanziamento adeguato al Servizio Sanitario Nazionale, sia per la parte corrente, sia per gli investimenti. Riteniamo che sia un risultato parziale ma importante. Dopo mesi di battaglie e mobilitazioni dello Spi e della Cgil, e una lunga crisi istituzionale, con questa intesa i temi della salute e della non autosufficienza cominciano ad essere finalmente affrontati in modo corretto. Inoltre l’accordo ripristina il finanziamento dei 400 milioni per il fondo sociale della non autosufficienza, che il governo aveva tolto. Riteniamo che l’entità di questo fondo sia ancora insufficiente per rispondere alla crescente domanda di assistenza verso quelle persone, i cui costi sociali ed economici si scaricano oggi sulle famiglie e sullo stesso sistema sanitario. Noi vigileremo affinché venga attuato l’accordo che, non dimentichiamo, deve essere tradotto in atti normativi e poi nel nuovo patto per la salute. Informiamo i nostri iscritti e non, che da giovedì 14 gennaio lo Spi-Cgil sarà presente tutti i giovedì dalle 15.00 alle 17.00 presso la Casa della Cultura - Via Forlanini 164. Pertanto da tale data non sarà più operativa la nostra presenza, il lunedì, al punto Soci Coop di Via Carlo del Prete

PER ULTERIORI INFORMAZIONI ENTRA NELLE NOSTRE SEDI E TROVERAI LA RISPOSTA CHE CERCHI

,/126752352*5$00$&8/785$/(

In questi giorni stiamo ultimando il programma culturale per il prossimo anno, che potrà essere ritirato in tutte le nostre sedi a partire dal mese di gennaio. A tutti i nostri iscritti sarà inviato per posta. LEGA QUARTIERE 5 - FIRENZE LA SEGRETERIA COMUNICA CHE LA SEDE DI VIA CESALPINO E TUTTE LE SUB-LEGHE Via Cesalpino, 3/B - 50134 Tel. 055.4220440 - 055.417903 RESTERANNO CHIUSE DAL 24 DICEMBRE AL 6 GENNAIO LA SEGRETERIA AUGURA BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO AI PROPRI ISCRITTI Fax 055.4360151 E-mail : spiq5@firenze.tosc.cgil.it E ALLE LORO FAMIGLIE.


trasporti

FERROVIE. Domenica 13 sarà inaugurata la linea veloce Firenze-Bologna: settentrione più “vicino”

Direzione Nord (nel tempo di una Freccia) Per raggiungere il capoluogo emiliano basteranno 37 minuti, per Milano un’ora e 45, per arrivare a Torino servirà un’ora in meno rispetto a prima. Cresce la rete Tav nella Penisola, e aumentano le corse di Frecciarossa e Frecciargento Matteo Francini

F

irenze-Milano nel tempo di una partita di calcio, intervallo compreso (25 minuti in meno di prima), Firenze-Bologna in poco più di mezz’ora (con un “risparmio” di 23 minuti di viaggio). E ancora: 2 ore e 45 minuti per raggiungere Torino (ben un’ora e 6 minuti in meno di quanto necessario finora), due ore e 3 minuti per Venezia e un’ora e mezzo per Verona. Da domenica 13 dicembre il capoluogo toscano e i maggiori centri del Nord Italia diventano più “vicini”: sarà infatti quello il giorno in cui verrà inaugurata la linea veloce Firenze-Bologna, giorno in cui sarà compiuto un nuovo passo verso il completamento della rete Alta Velocità italiana. Da allora, per arrivare nel capoluogo emiliano saranno sufficienti 37 minuti di viaggio, per approdare in quello lombardo un’ora e 45 minuti, per una visita alla Mole Antonelliana meno di 3 ore. Una piccola grande rivoluzione, forse impensabile nel 1839, quando iniziò la storia delle ferrovie in Italia, con l’apertura della linea Napoli-Portici, poco più di sette chilometri ai piedi del Vesuvio. Anni in cui anche la Toscana non stava a guardare: nel marzo del 1844 veniva ufficialmente inaugurato il primo tratto della Ferrovia Leopolda, che avrebbe collegato Firenze, Pisa e Livorno. Nel 1859, poi, la Toscana era diventata la terza regione italiana per numero di ferrovie, dopo il Piemonte e il Lombardo-Veneto, con i suoi 256 chilometri di strada ferrata. Ma allora spostarsi da un centro all’altro rappresentava un vero e proprio viaggio, da affrontare – spesso – tra grandi difficoltà, e forse nessuno avrebbe potuto immaginare che, 150 anni dopo, le distanze si sarebbero tanto accorciate. Al punto che, da domenica 13, raggiungere Bologna da Firenze sarà più veloce che spostarsi in auto da un capo all’altro della città nelle ore di maggior traffico. Certo, la nuova tratta non sarà l’ideale per coloro che dal finestrino del treno amano godersi il paesaggio: dei 78,5 chilometri totali della linea, infatti, ben 73,8 saranno in galleria. Ma questo poco importerà a chi, partendo da uno dei due centri, non farà in tempo o quasi ad accorgersene che si troverà a destinazione. Tempi più brevi, dunque, ma non solo: è infatti previsto anche un aumento del numero delle corse di Frecciarossa e Frecciargento. Santa Maria Novella e Milano Centrale saranno collegate da 44 treni veloci al giorno, mentre diventeranno 70 i convogli che faranno la

spola tra Firenze e Bologna e tra Firenze e Roma. E ancora, saranno otto le corse giornaliere tra la stazione di Campo di Marte e Torino, con fermate nel capoluogo emiliano e a Milano Porta Garibaldi. E, grazie al Frecciargento, diventeranno più rapidi anche i collegamenti con città non ancora raggiunte dai binari della rete veloce: Verona diventerà più “vicina” di 33 minuti, Venezia di 37.

FOCUS Otto convogli al giorno

Treni veloci anche a Campo di Marte

L’

Alta Velocità sbarca anche a Campo di Marte. Sempre da domenica 13, infatti, la stazione del quartiere 2 sarà collegata con otto corse giornaliere a Torino, passando (e sostando) da Bologna e Milano Porta Garibaldi. Se per chi vuol viaggiare ad alta velocità il punto di riferimento resta dunque Santa Maria Novella, anche dallo scalo di Campo di Marte – aspettando la nascita della futura stazione Tav di Firenze – partiranno e arriveranno i Frecciarossa. “Evento” per cui la struttura si è preparata con alcuni interventi: l’innalzamento dei marciapiedi delle banchine in cui si fermeranno i treni veloci e il rifacimento di parte della segnaletica. Nei mesi scorsi, inoltre, nello scalo erano stati aggiunti alcuni ascensori e sistemati nuovi monitor. “L’apertura delle nuove linee ad alta velocità recherà benefici anche al trasporto locale – spiegano da Ferrovie dello Stato – sottraendo infatti i Frecciarossa e i Frecciargento dalle linee convenzionali, si realizzano le condizioni perché il traffico ferroviario regionale diventi sempre più regolare e puntuale, e perché l’offerta possa essere anche potenziata”. E novità sono in arrivo anche sul fronte dei biglietti: con l’entrata in funzione del nuovo orario, infatti, diventeranno tre le categorie dei titoli di viaggio che gli utenti potranno acquistate, divise tra quelle dedicate a chi può programmare per tempo i propri spostamenti (e quindi risparmiare) e quelle per chi invece ha bisogno di una maggiore flessibilità di orario. Anche lo stesso viaggio a bordo dei Frecciarossa e dei Frecciargento diventerà, oltre che più rapido, più “tecnologico”: a bordo, entro il 2010, i viaggiatori avranno a disposizione, su alcune tratte, un servizio di accesso internet wi-fi e una piena copertura telefonica, ed entro il 2011 questi servizi saranno estesi all’intero percorso dell’Alta Velocità.

1066487


14

merry christmas

Dicembre 2009

STRENNE/1. Piccola guida alle sorprese più stravaganti che si possono trovare sotto l’albero

Quando il regalo è matto da legare Tra i doni più bizzarri che si possono fare (e ricevere) ci sono gli

Francesca Puliti

schiaccianoci a forma di Hillary Clinton, gli occhiali con specchietti retrovisori, ma anche una stella (vera) con tanto di certificato di proprietà e la spedizione di un messaggio d’amore su un satellite

M

aglione, cravatta o soprammobile? Evitare, evitare nella maniera più assoluta se non si vuole alimentare il circolo vizioso dei regali riciclati. A un patto: non voler poi essere originali a tutti i costi. Perché anche il regalo più matto ha un prezzo: il ridicolo. Dunque meglio evitare di

CURIOSITÀ I bambini ci credono ancora

Babbo Natale? Esiste, eccome

L

Lo schiaccianoci a forma di Hillary Clinton

PRIMA CONSULENZA TUTTI I PROFESSIONISTI PER VOI SERVIZIO DI PRIMA CONSULENZA GRATUITA PER TUTTO IL PERIODO NATALIZIO DALL’1 DICEMBRE AL 31 DICEMBRE 2009 RICEVIMENTO SENZA APPUNTAMENTO NEI GIORNI SOTTO INDICATI CONSULENZA LEGALE: DIRITTO CIVILE: (mercoledì 9-13 e venerdì 15-19) Compravendite - Successioni - Divorzi - Recupero Crediti - Multe - Locazioni - Condomini - Infortunistica - Conciliazioni - Tutele - Società - Responsabilità medica DIRITTO AMMINISTRATIVO: (giovedì 15-19) Edilizia - Urbanistica - Concorsi pubblici - Servizi Pubblici Appalti DIRITTO DEL LAVORO: (lunedi 15-19) Lavoratori - Aziende - Contratti - Licenziamenti - Agenzia - Vertenze DIRITTO PREVIDENZIALE: (martedì 15-19) Contributi - Pensioni - Invalidità Civile - Malattie professionali DIRITTO DEGLI STRANIERI: (mercoledì 15-19) Immigrazione - Permessi di soggiorno - Ricongiungimenti Cittadinanza - Affidamento Minori - Ricorsi DIRITTO PENALE: (martedì 15-19)

CONSULENZA TECNICA: ARCHITETTO: (giovedì 9-13) Ristrutturazione - Restauro - Progettazione - Arredamento di interni GEOMETRA: (martedì 9-13) Catasto - Relazioni tecniche - Valutazioni - Sicurezza - Stime

CONSULENZA PSICOLOGICA: CONSULENTE PER INFANZIA ED ADOLESCENZA: (mercoledi 15-19) CONSULENTE PSICOLOGICO - SESSUOLOGICO - PSICO - GIURIDICO: (giovedi 15-19)

CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO: COMMERCIALISTA: (lunedì 15-19) Consulenza Tributaria e Societaria - Studi di fattibilità CONSULENTE DEL LAVORO: (venerdì 9-13) Inquadramenti Previdenziali - Gestione personale - Aziende - Privati

A RICHIESTA POSSIBILITÀ DI INTERPRETE

ORARIO APERTURA: Lunedì 15-19 dal martedì al venerdì 9-13/15-19 SERVIZIO GRATUITO PRIMA CONSULENZA PER TUTTO IL PERIODO NATALIZIO DAL 1 NOVEMBRE AL 31 DICEMBRE 2009

FIRENZE via V. Emanuele II, 182/a Tel. 055 4220373 - Fax 055 7969134 associazioneprimaconsulenza@gmail.com - www.primaconsulenza.it

1079130

a slitta di Babbo Natale quest’anno si fermerà alle Maldive per Linda, una bimba di prima elementare. E qui le porterà la casa di Hello Kitty. Buone notizie per chi credeva che ormai la tv e internet avessero portato via ai nostri pargoli la fiducia in Babbo Natale. Basta un rapido sondaggio nelle scuole per rendersi conto che Santa Claus, San Nicola o come lo vogliamo chiamare, esiste ancora nell’immaginazione dei più piccini. E non sono pochi quelli che continuano a difendere la teoria della sua esistenza fino agli ultimi anni delle elementari, combattendo una strenua battaglia contro quei miscredenti che sostengono sia papà con la barba finta. E così ecco che in molti hanno già scritto la famosa letterina, indirizzata in Lapponia. “Sempre più breve via via che passano gli anni - racconta una mamma – più crescono e meno sono le cose che desiderano. Hanno già tutto”. Decisamente passata di moda la cara vecchia Barbie, le bambine sgranano certi occhi appena le nomini da farti sentire un animale preistorico. Adesso vanno le Winx, e il grande ritorno di quest’anno ha il volto rotondo dei Paciocchini, così come sono tornate le carte da gioco (di ruolo, non da briscola: chi ha un figlio non ci aveva pensato nemmeno per un istante), aggiornate e possibilmente di origine giapponese. Tengono banco le consolle con annessi giochi virtuali, mentre i giocattoli veri e propri sembrano diventati roba da collezionisti. Si sa, i bambini di oggi sono “nativi digitali”, irrimediabilmente attratti dalla tecnologia. E così c’è chi inserisce nella lista la macchina fotografica e l’I-pod. Ma tranquilli, tutti, ma proprio tutti, sognano che Babbo Natale porti loro un pacco grande di adesivi colorati, quelli morbidi e in rilievo. La fantasia è salva. E anche il portafogli dei genitori /F.P. può sopravvivere.

omaggiare il capoufficio con uno schiaccianoci a forma di Hillary Clinton anche se sappiamo che va matto per la frutta secca. Se però abbiamo un alto livello di confidenza, qualche pensierino scherzoso ce lo possiamo anche concedere. Ad esempio per l’amica che non fa mistero di essere una fan sfegatata di Jessica Fletcher o di voler aprire un’agenzia investigativa, ecco gli occhiali con specchietti retrovisori incorporati. Un po’ fuori stagione forse, ma vuoi mettere il gusto di tenere la situazione sotto controllo a 360°? Per l’amico che non si stacca mai dal cellulare, quasi fosse un prolungamento del suo corpo, l’ideale è il braccialetto con vibrazione incorporata, che avvisa quando arriva una chiamata o un Sms. Per non perdersi uno squillo nemmeno in mezzo al party di capodanno o alle urla dei nipotini in festa sotto l’albero. Sempre della serie “mai spento”, c’è il caricabatterie fotovoltaico, adatto a ogni cellulare e impreziosito da un certo fascino da green economy. Chi invece volesse abbandonare i soliti doni “terra-terra”, può lanciarsi nell’acquisto di una stella, ormai di gran moda. Forse anche troppo. Meno male che la merce abbonda, tant’è vero che comprarsi un puntino luminoso nel cielo costa meno di un banale telefonino. Se si supera un certo cinismo, si può anche far bella figura spendendo il giusto. Sperando che il destinatario poi non ci preghi di accompagnarlo all’Osservatorio a vedere il suo astro, in una gelida notte tra Santo Stefano e la Befana. L’ultima moda, per rimanere tre metri sopra il cielo, come ormai recitano muri, ponti e marciapiedi, è quella di spedire il nome dell’amato su un satellite. Rimarrà lì per sempre, a cullarsi nell’universo, conquistandosi anche in questo modo una fettina di spazio siderale. E chissà, un giorno qualche forma d’intelligenza superiore potrebbe intercettarlo, o potrebbero recuperarlo i posteri. Basta compilare un moduletto online e aspettare la conferma via mail. Se scegliete il sito giusto il vostro amico/partner potrà appendere in camera addirittura l’attestato della Nasa. Una strenna ancor più appetibile in quanto, udite udite, non costa niente. Pare che il cielo sia l’ultima frontiera in fatto di doni, rifletteteci: c’è addirittura chi regala un soggiorno all-inclusive su una base spaziale già in fase di progettazione. Al modico costo di 3 milioni di euro per tre notti. Ma nel prezzo è compreso un corso intensivo di 8 settimane su un’isola tropicale, per prepararsi (al lusso?) ai disagi provocati dalla mancanza di gravità. La lista delle prenotazioni però ha già superato le due centinaia. Meglio rimanere coi piedi per terra e ripiegare sullo schiaccianoci.


merry christmas

15

STRENNE/2. A spasso tra le bancarelle natalizie, alla ricerca di cadeaux e leccornie

Se il pacchetto lo confeziono al mercato Barbara Biondi

L’

aria profumata di zenzero e castagne. Le strade addobbate e le luci che lampeggiano da balconi e finestre accese. Natale non è solo regali e ricche abbuffate, è soprattutto atmosfera. E cosa c’è di meglio di un mercatino a tema per immergersi in quell’aria ovattata e rassicurante? Firenze da questo punto di vista è ben attrezzata e comincia ad allestire piccoli e grandi eventi fin dall’inizio di dicembre. Il più celebre di tutti è sicuramente il mercato di Heidelberg, città tedesca che trapianta le sue bancarelle in piazza Santa Croce per venti giorni, che da qualche anno a questa parte è diventata una tradizione anche da queste parti. L’appuntamento tutti i giorni fino al 17 dicembre, con i prodotti tipici d’oltralpe: dai crauti al vin brulè fino ai biscotti alle spezie e qualche idea per i regalini da mettere sotto l’abete. Tra gli altri appuntamenti da segnare in calendario ci sono anche “Florence Noel”, vera

e propria mostra mercato a tema (fino al 13 dicembre) che trasforma per dieci giorni la stazione Leopolda nel quartier generale di Babbo Natale, dove gli adulti potranno dedicarsi all’acquisto di addobbi, decori e oggettistica oltre a cioccolata, biscotti e specialità gastronomiche da assaggiare in compagnia di amici e parenti durante i festeggiamenti della vigilia. Ai bambini, Florence Noel riserva un’area speciale dove, per l’occasione, viene allestita la casa di Babbo Natale; poco più in là il punto spedizione, dove a imbucare le letterine ci penseranno un nugolo di elfi instancabili. Altro evento da non dimenticare è il mercato organizzato al Saschall tutti gli anni dalla sezione femminile della Croce Rossa di Firenze. Quest’anno rimarrà aperto dall’11 al 13 e il ricavato verrà come di consueto devoluto alle famiglie bisognose del territorio fiorentino. E se tutti organizzano il loro mercatino ad hoc, anche piazza Santo Spirito non se lo fa mancare. Solo per la giorna-

Da quello tedesco di Santa Croce all’appuntamento con la beneficenza al Saschall, fino agli stand di piazza Santo Spirito e alla casa di Babbo Natale alla Leopolda

ta del 20 dicembre, la piazzetta sarà animata dalla “Fierucola di Natale”, che dalle 10 alle 19 offrirà prodotti biologici e pensierini originali, quasi tutti fatti a mano da artigiani del comprensorio fiorentino. Per chi poi, oltre ai mercatini, non riesce a rinunciare a tutti quegli eventi che contribuiscono a rendere il Natale

una festa speciale, ecco un piccolo promemoria delle cose da non perdere per nessuna ragione. Innanzitutto l’augurio di Babbo Natale ai fiorentini e ai visitatori di passaggio, che la sera della vigilia salirà in barca - tra ponte san Niccolò e ponte alle Grazie - per un saluto ben augurante rivolto a tutti i passanti. Più seriosi ma

sempre molto suggestivi, gli eventi musicali legati a doppio filo con le festività. A partire dal concerto in programma al Teatro Verdi, dove il 24 il maestro Frans Brüggen dirigerà la Grande messa di Mozart, mentre il giorno dopo, la chiesa anglicana di Saint Mark, in via Maggio, ospiterà un concerto a tema.

Offriamo una serie di servizi integrati e professionali, per assistere in modo appropriato e personalizzato il nostro ospite, puntando su tariffe contenute e tempi rapidi di accesso alla struttura. Ricoveri permanenti, temporanei (anche semiresidenziali) e di sollievo per la famiglia, possibili in tutti i mesi dell’anno, anche come soluzione integrata di continuità assistenziale tra ricovero acuto e servizi domiciliari, prevedendo percorsi riabilitativi post-acuti. Il personale sanitario e assistenziale è qualificato ed esperto, si compone di medici, fisioterapisti, infermieri, animatori, operatori socio-sanitari e assistenti di base.

Il regalo ai tempi della crisi Non è UN problema, è IL problema. C’è chi ci comincia a pensarci un mese prima e chi li sceglie all’ultimo momento, affidandosi spesso ai gusti di commesse stanche e irascibili, che non vedono l’ora di chiudere bottega e andare a addentare la prima tartina che si trovano davanti agli occhi. C’è chi ha “tutto” e chi è di “gusti difficili”. C’è chi si immedesima poco nel destinatario del presente e chi si fa un’idea sbagliata dei gusti che sta tentando di interpretare. Ma i regali più originali, se si fanno con cura, possono essere anche oggetti riciclati. Se si ricicla seguendo una tecnica empirica si scopre che esistono modi fuori dal comune di riutilizzare presenti lasciati per anni nel cassetto. Un pensiero dimenticato può trasformarsi così in una soluzione economica, apprezzata e che soprattutto salva dall’esaurimento nervoso chi si trova nella terribile situazione di dover trovare un

pacchettino da mettere sotto l’albero allo scadere del tempo. Penso, ad esempio, alla deliziosa idea della Manu, un’amica di mia sorella che la scorsa vigilia, ha deciso a tavolino di fare regali all’insegna dell’austerity. Ognuna delle dieci amiche convocate come di consueto allo scambio dei doni ha portato con sé altrettanti oggetti, recuperati in casa, che sono stati mischiati in un cesto insieme a tutti gli altri. Dal mucchio ognuna pescava a turno i propri pacchettini, come merce di scambio. Una sorta di roulette russa natalizia, dove al posto dei proiettili c’erano borsette ricamate all’uncinetto, cd di qualche sconosciuto artista del Tagikistan, sciarpine multicolor e qualche orecchino vintage. La cosa peggiore che può succedere è che si debba tornare a casa con dieci oggetti ugualmente inutili a cui, tra 365 giorni, si cercherà di trovare una nuova casa.

Ospitiamo con cura

1074381

Via del Casello 7 Località Roncobilaccio 40035 Castiglione dei Pepoli (BO) -

Tel. 0534 97590 . Fax 0534 97504

vds@euremagroup.it - www.euremagroup.it/vds


16

economia

Dicembre 2009

CONTI IN TASCA/1. Quest’anno saranno molti i fiorentini costretti all’austerity dalla crisi

Il Natale difficile dei cassintegrati L’INTERVISTA

Aumenta il ricorso agli ammortizzatori, e sono

Parla un dipendente della Seves

tante le famiglie che si

“Ma quali regali, i problemi sono altri”

ritrovano con un unico

“M

reddito e che devono chiedere aiuto ai nonni di casa, “salve” solo grazie alle loro pensioni Luca Serranò

C

on i morsi della crisi sulla pelle, i lavoratori fiorentini s’apprestano a vivere un Natale sottotono. Il ricorso alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria sta infatti aumentando a ritmo sostenuto, obbligando tante persone a trascorrere le feste tra sacrifici e ristrettezze. Calcolando che per legge l’ammontare di questi ammortizzatori sociali non può superare gli 800 euro al mese (con poche eccezioni), ben si comprende come per migliaia di famiglie, quest’anno, i regali siano l’ultima preoccupazione. Chi può permettersi un paio di scarpe da 200 euro? Chi può comprare un televisore nuovo o con-

cedersi una vacanza sulla neve? Semmai qualche dono improvvisato con un po’ di fantasia, solitamente oggetti che abbiano una concreta utilità per chi li riceve. Per il resto, molti di questi lavoratori non possono che concentrarsi sulle necessità di tutti i giorni, su quelle spese indispensabili (affitto, mutuo, bollette, vestiti) per un’ esistenza dignitosa. Con un salario che mediamente oscilla sopra e sotto i 1000 euro e la contrazione di tredicesima e quattordicesima, inoltre, le famiglie mono reddito devono aggrapparsi soprattutto ai pensionati: a nonni e nonne, che negli ultimi due anni stanno in qualche modo arginando la crisi del sistema.

NON SAI DOVE METTERE I TUOI OGGETTI? la soluzione te la offriamo noi ... da solo €3 al giorno box, ripostigli, depositi di varie dimensioni ed in uso

esclusivo.. chiamaci allo

Tel. 055 3216603 fax 055 364971 o visita

www.ilreporter.it

zi.biz Altrisi,p1a ze 1 5 - Firen

Via Tosell 19:00 orari 13:00-

1039077

Le cifre, d’altra parte, parlano chiaro. Chi prima guadagnava 1500 euro e adesso si ritrova in cassa integrazione per tre settimane al mese, per esempio, resta con non più di 900. Lo spettro della povertà si agita dunque nelle case dei lavoratori in difficoltà, preoccupati ovviamente anche del proprio futuro in azienda. Quali prospettive possono dare le imprese che ricorrono agli ammortizzatori sociali? Nella speranza che la ripresa annunciata dal governo nazionale si materializzi al più presto, molti addetti ai lavori invocano non solo il rifinanziamento degli strumenti di tutela, ma una una vera e propria svolta nella politica economica nazionale, a cominciare dalla formazione e dall’innovazione tecnologica nei settori più in difficoltà. Di certo c’è che il ricorso agli ammortizzatori sociali, nelle loro varie declinazioni, non può essere l’unica ricetta contro la crisi dei mercati. La cassa integrazione è infatti un’esperienza dolorosa, perché alla componente economica (l’80 per cento della retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate) si accompagna spesso il disagio psicologico di chi vede stravolta la propria vita quotidiana. I giorni di festa, che l’iconografia nazional popolare incornicia in un trionfo di sentimenti familiari, possono anche peggiorare le cose. New deal o meno, un intervento radicale pare dunque necessario. Altrimenti anche il prossimo Natale si trasformerà in una mesta corsa al risparmio, con le pubblicità della televisione a fare da stridente contrappunto.

a quali regali, qui è già tanto se arriviamo a fine mese”. Maurizio Quintiliani ha 53 anni ed è uno dei tre addetti alla manutenzione elettrica della Seves, la fabbrica di via Reginaldo Giuliani famosa per la costruzione di mattoni in vetro. Nonostante un’indiscussa leadership nel settore, l’azienda ha cominciato mesi fa a ridimensionare lo stabilimento di Castello, facendo poi ricorso alla cassa integrazione per oltre la metà dei dipendenti. “Guadagnavo 1600 euro al mese e ora quando va bene arrivo a novecento - racconta Quintiliani, ventitré anni di “servizio” alla Seves - Con questo stipendio cambia tutto, anche la spesa al supermercato. E’ solo grazie a quel poco di tredicesima che mi spetta che farò qualche regalo”. “Di certo – conclude- saranno cose di una qualche utilità, il tempo degli acquisti facili è passato già da un pezzo”. Natale, così, per molti lavoratori della fabbrica di Castello, sarà un momento di quiete tra una pausa e l’altra, la continuazione solo un po’ più allegra di un periodo di forzato riposo. “Fa rabbia perché la nostra è un’azienda sana - spiega - non si capisce come si sia potuti arrivare a tutto questo. E pensare che ci sono colleghi che se la passano peggio di me, gente che scompare dalla fabbrica per mesi interi e che poi riappare all’improvviso”. Difficile andare avanti tra turni e rotazioni, come appesi ad una immaginaria e spietata ruota della fortuna: “Mi dispiace per quei ragazzi che da un giorno all’altro si ritrovano senza più certezze, ne conosco tanti con una famiglia a carico e un mutuo da pagare”. Che almeno il loro Natale scorra via sereno, in attesa di tempi migliori. /L.S.


economia

17

CONTI IN TASCA/2. Molte categorie professionali sono costrette a rimanere operative anche durante le festività

Quelli che le feste le passano al lavoro Medici, cuochi, forze dell’ordine ma anche aspiranti Santa Claus e impacchettatori di doni: le persone che in questo periodo non vanno in ferie sono tante. C’è chi lo sceglie e chi è obbligato Simele Kruklidis

S

e è vero che il tran tran della città non conosce feste, Natale e Capodanno di certo non fanno eccezione. Mentre infatti la gran parte dei fiorentini si dedica con passione a cotechino, panettone e spumante, c’è sempre chi, per contro, deve mantenere in funzione servizi e attività. Dagli ospedali alle discoteche, dai ristoranti ai negozi, l’andirivieni cittadino non si ferma mai, neppure per brindare. E’ questa la dura realtà dei lavoratori stakanovisti (forzati e non), quelli che, sempre più spesso oramai, le feste le vedono solo con il cannocchiale. Per inquadrarli meglio però, andrebbero divisi in due categorie: i “furbi” ed i “costretti”. I primi rappresentano quella cerchia di persone che sceglie di restare a lavoro durante le feste per godersi le ferie in altri periodi dell’anno, magari risparmiando su possibili vacanze bianche o escursioni in montagna. I secondi, senza dubbio più sfortunati, sono invece quelli che devono lavorare anche quando preferirebbero starsene a casa. La lista è lunga: medici, farmacisti, operatori sanitari, forze dell’ordine, autisti pubblici, ma anche cuochi, camerieri, baristi e dipendenti delle sale cinematografiche. Forse non saranno tutti contenti, ma è pur vero che il tornaconto economico non è trascurabile. In alcuni casi è anzi chiaro che restare a lavoro durante le feste natalizie diventa questione di affari. Ed ecco che qui compare una nuova interessante categoria: quella dei “lungimiranti”, coloro che vogliono lavorare a Natale e Capodanno per guadagnare di più. Già, perché

in questo periodo i profitti in certi settori sono circa il doppio rispetto al normale e le opportunità di trovare impieghi part time e redditizi si moltiplicano. Moltissimi negozi nell’ambito del franchising, per esempio, cercano nuovo personale per i giorni festivi, così come accade negli alberghi del centro e nei ristoranti, senza poi contare la necessità di sostituire chi per un po’ se n’è andato in vacanza. Ma al di là delle solite occasioni lavorative più o meno note, ci sono anche altre figure professionali spesso sottovalutate: tra le più richieste troviamo baby sitter, animatori, guardarobieri, maghi, cuochi a domicilio, impacchettatori di regali, vetrinisti specializzati in decorazioni e persino babbi natali e befane destinati

Numerosi negozi, alberghi e ristoranti cercano personale proprio per questi giorni per lo più ai centri commerciali. In tempi di crisi, com’è normale che sia, si fa questo ed altro. Non solo giovani, ma anche persone più mature possono lanciarsi nell’avventura, a patto di dimenticare la cara vecchia vigilia e il crepitio dei fuochi di fine anno. E se il Natale a qualcuno regalerà un nuovo contratto, chissà che sotto l’albero un lavoratore stanco non trovi in dono anche un po’ di ferie.

1063166

SOCI, NON SEMPLICI UTENTI SOSTEGNO E PARTECIPAZIONE Sono queste le parole chiave di chi ha aderito alla Misericordia di Rifredi come Socio Sostenitore. Se infatti da un lato il primo impegno del Socio Sostenitore è proprio quello di sostenere materialmente l’Associazione tramite il pagamento di una quota annuale ricevendone dei benefici, dall’altro è la dimostrazione concreta di una particolare affezione per questa Istituzione. La Misericordia è presente sul territorio di Rifredi sino dal 1280 ed è da sempre vicina alla popolazione per alleviarne le sofferenze, con il semplice servizio di trasporto di infermi ed ammalati agli ospedali fiorentini prima e con le numerose attività nate negli anni nel campo dell’assistenza sociale e sanitaria poi. Il sostegno fornito dai Soci Sostenitori è necessario per incrementare ed ampliare tutte quelle attività al servizio del prossimo che sono nello spirito stesso della Misericordia di Rifredi: dal servizio di ambulanza ordinaria e medicalizzata CEMM all’assistenza agli anziani, sia domiciliare che presso il Centro Accoglienza della Sede di Via delle Panche; dal Centro Ascolto Antiusura al Labirinto, lo ‘sportello’ a disposizione delle famiglie al quale collaborano i Servizi Sociali del territorio ed alcuni volontari della Misericordia specificamente formati; dai trasporti sociali di persone portatrici di handicap al nuovo Poliambulatorio, ormai in fase di ultimazione e che potrà presto essere inaugurato. Tutto per cercare di dare una risposta ai bisogni della popolazione, che nel tempo è divenuta quella cittadina e non più solo quella del rione di Rifredi. Ma essere Socio Sostenitore non è soltanto questo. E’ anche essere parte attiva di una Associazione in continuo sviluppo, proiettata verso il futuro, che ha anche bisogno di entusiasmo ed idee per continuare la sua opera. I nostri uffici sono a disposizione per fornire qualsiasi ulteriore chiarimento in relazione all’iscrizione quale Socio Sostenitore. Per consultare la Carta dei Servizi dei Soci Sostenitori visitate il sito Internet www.misericordiarifredi.org (sezione Eventi & News).

“IL LABIRINTO” Da poco tempo è nato un centro di accoglienza per lo sviluppo delle autonomie per le famiglie e le persone. Il progetto è stato chiamato “Il labirinto” per evocare il senso di smarrimento che pervade chi si trova ad affrontare momenti critici nella propria vita e non ha ancora trovato un aiuto adeguato oppure non sa dove rivolgersi. Per rispondere a queste esigenze la Misericordia di Rifredi, con il contributo del CESVOT, propone uno sportello dove un equipe di professionisti, insieme a volontari formati, può dare una risposta non tanto in termine di risoluzione immediata del problema, ma creando un vero e proprio progetto. L’equipe di professionisti lavora in rete con i servizi già esistenti sul nostro territorio, indirizzando e dando una continuità al percorso intrapreso. Il “Labirinto” è operativo tutti i mercoledì dalla 17,00 alle 18,00 telefonando al n° 055-4269214 per prendere un primo appuntamento.

Per informazioni contattare la Segreteria: tel. 055-4269238 in orario di ufficio o visitare il sito Internet www.misericordiarifredi.org (sezione Eventi & News).


18

società

Dicembre 2009

L’INTERVISTA. L’assessore Stefania Saccardi illustra il Servizio Volontario Europeo

“Un’occasione per vivere altre culture” Corrado Leonardi

S

i chiama Servizio Volontario Europeo, ed è un progetto della Commissione Europea, Direzione Generale Educazione e Cultura, dal nome Programma Gioventù in Azione. L’obiettivo è quello di sviluppare la solidarietà e di promuovere la tolleranza fra i giovani, in primo luogo per rafforzare la coesione sociale nell’Unione Europea. Possono partecipare ragazze e ragazzi dai 18 ai 30 anni residenti in uno dei Paesi dell’UE, che hanno la possibilità di svolgere un’attività di volontariato a tempo pieno, per un periodo tra 2 mesi e 12 mesi, in uno dei 27 paesi membri dell’Unione Europea, nei quattro Paesi aderenti al programma (Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Turchia) o nei paesi partner. Il Comune di Firenze, da circa un anno e mezzo, ha ricevuto l’accreditamento come organizzazione di invio, accoglienza e coordinamento per questo servizio. Il perché di questa scelta lo spiega l’assessore Stefania Saccardi. Assessore, perché la scelta dei volontari europei? Firenze è una città abituata alla presenza di stranieri che vi transitano o vi soggiornano per motivi di studio o turismo. Da qualche anno anche l’immigrazione extraeuropea per motivi lavorativi è molto aumentata. Spesso però queste realtà vengono vissute con estraneità, considerandole distanti dal proprio quotidiano e dalla propria cultura. Anche la percezione della cittadinanza europea è spesso poco concreta e carente di esperienza diretta.

Stefania Saccardi

L’adesione al programma SVE nasce dall’esigenza di offrire alla cittadinanza un’occasione per vivere in modo diverso la presenza di persone provenienti da altre culture, per andare al di là dello stereotipo del turista, dello studente o del lavoratore migrante, che rimangono delle presenze vaghe con le quali non si hanno contatti diretti se non superficiali. Stiamo parlando quindi di interculturalità… Grazie alla presenza di giovani volontari europei impegnati in servizi che hanno un forte contatto con la cittadinanza di tutte le fasce di età (bambini ed adulti delle biblioteche, giovani dei centri di aggregazione disseminati sul territorio, anziani della palestra informatica), si intende attivare uno scambio interculturale che possa favorire la familiarizzazione alle diverse culture europee e l’apertura a quelle extraeuropee, che possa costituire occasione di apprendimento e far vivere al più ampio pubblico possibile un’espe-

Obiettivo del progetto è quello di sviluppare la solidarietà e di promuovere la tolleranza. Attualmente a Firenze sono in servizio sei giovani provenienti da Turchia, Norvegia, Germania, Ungheria e Portogallo. “Per i cittadini l’opportunità di apertura e apprendimento”

rienza interculturale. In parole più semplici questi volontari portano non soltanto la loro cultura ma, in senso più specifico il loro stile di vita, il loro modo di vivere e affrontare la vita ed i suoi problemi: perché non dovremmo assimilare una parte di queste loro specificità? Quanti sono i ragazzi e da dove provengono? Abbiamo attualmente in servizio sei giovani; due provengono dalla Turchia, una dalla Norvegia, una dalla Germania, una dall’Ungheria e uno dal Portogallo. Per il prossimo anno, stiamo parlando di febbraio, arriveranno invece otto giovani, di cui tre provenienti da Spagna, Portogallo e Francia; gli altri da paesi dell’est europeo e in particolare dai paesi del Baltico. Quindi come si vede provenienti quasi tutti da paesi non rappresentati quest’anno; la scelta è proprio quella di estendere la dimensione interculturale cui prima facevo riferimento. E noi cosa diamo a loro? A parte il fatto che anche loro assimileranno una parte della nostra cultura, il nostro intento è quello di fornire loro capacità e competenze che domani siano per loro spendibili nel mondo del lavoro. Come dire… ognuno di loro arriva qui da noi con un bagaglio di esperienze, ognuno con una “cassetta degli attrezzi” più o meno fornita; ecco, noi gli forniamo nuovi attrezzi da inserire nella loro cassetta per il loro futuro.

ANZIANI. Il nuovo progetto di Co&So Firenze

La badante? La trova “Saf”

U

n aiuto alle famiglie nella ricerca e nella “gestione” delle badanti. È quanto fornirà Saf - “Sostegno anziani fragili” - il nuovo progetto di Co&So Firenze nato per aiutare le famiglie a trovare e a gestire le badanti, in partenza in tutta la provincia di Firenze, che prevede la selezione, la formazione, l’inserimento familiare della badante e la gestione amministrativa del contratto. Un progetto, insomma, che vuole garantire un servizio qualificato a garanzia dell’assistito e della sua famiglia, ma anche dell’assistente familiare. In pratica funziona così: dopo la selezione delle badanti, viene attivato un processo di formazione delle assistenti familiari con un corso di formazione di base (40-60 ore) che verterà sui fondamenti della professione, sulla cura quotidiana e sull’organizzazione delle attività domestiche. Dopo il corso, Saf prevede l’assunzione regolare della persona (grazie alla collaborazione con l’agenzia per il lavoro Lavoro. doc) che per competenze, disponibilità di tempo e mansioni risponderà al meglio alle esigenze della famiglia. Durante il periodo d’inserimento, è previsto un monitoraggio costante della qualità degli interventi e della relazione tra assistente e assistito. Inoltre verrà garantito il sostegno

psicologico per tutelare la dignità e la qualità della vita dell’assistito e della sua famiglia, oltre a una consulenza per contributi, agevolazioni e pratiche amministrative. Per chi ne avesse bisogno è poi prevista anche l’assistenza sanitaria domiciliare in accordi con il medico di base. Infine, il progetto prevede la presenza di un tutor esperto a disposizione della famiglia, per risolvere possibili imprevisti e rispondere alla richiesta di eventuali servizi aggiuntivi. Per informazioni su punti informativi e tariffe, è possibile contattare il numero verde 800.773522, visitare il sito internet www.sostegnoanziani.it o inviare una mail a info@ /I.G. sostegnoanziani.it.


1080534


20

politica

Dicembre 2009

AL VOTO/1. Parla Enrico Rossi, candidato per il centrosinistra alla presidenza della Regione

“Subito un patto per ridurre le spese” Paola Ferri

C

’erano una volta le primarie per la scelta del candidato alla presidenza della Regione. O meglio, ci sarebbero dovute essere. E invece il centrosinistra si è ritrovato compatto intorno a un solo nome, quello di Enrico Rossi, assessore regionale al diritto alla salute al secondo mandato. Non c’è gara, è lui l’uomo del Pd, che sarà sostenuto anche da Sinistra Ecologia e Libertà e Italia dei Valori alle elezioni di marzo. Si aspettava di non avere avversari nella corsa alle primarie per il candidato presidente del Pd? Sono stato sempre pronto a battermi nelle primarie, come in altre occasioni mi è capitato, e con successo. Ma ho accolto l’invito del mio partito con soddisfazione ed orgoglio, e non senza preoccupazione per la responsabilità che mi consegna. Mi è sembrato un bello scatto della politica, che in un momento di crisi come quello che viviamo è riuscita a allontanare da sé le polemiche, la confusione, gli interessi personali, di parte, di corrente. Ora posso dedicare tutte le energie al lavoro politico, alla campagna elettorale e alla costruzione del programma. Su cosa punta il programma?

Il nodo che abbiamo davanti è la crisi economica e la necessità di far ripartire lo sviluppo della nostra regione. In questo momento tutti i settori produttivi sono in difficoltà. La Regione sta facendo molto sul versante dell’accesso al credito, degli ammortizzatori sociali e degli investimenti. Per tempestività e consistenza dei provvedimenti la Toscana è tra le regioni italiane più attive. Ma non basta agire sul versante “riparativo”, non basta resistere. Bisogna reagire, mettendo al centro il lavoro e gli individui, i gruppi di interesse, le imprese, le istituzioni che investono su se stesse e sul proprio futuro. Capitolo Sanità, la Toscana è una delle poche regioni virtuose in Italia. Molto è stato fatto, cosa rimane da fare? La Toscana non si è limitata a difendere il ruolo pubblico della sanità dai tagli e dalle mortificazioni imposte dal governo, ma ha rilanciato su investimenti e innovazione. Solo nel 2008, ad esempio, le nostre Aziende sanitarie hanno deliberato investimenti per 1.617 milioni di euro, a cui si aggiungono 1.100 milioni destinati al completamento di opere in corso. Questo è stato reso possibile dal pa-

reggio di bilancio, che abbiamo ottenuto senza imporre tasse aggiuntive o ticket ai cittadini, da un governo della spesa rigoroso, che ci ha consegnato le risorse per migliorare i servizi, costruire nuovi ospedali, ammodernare quelli esistenti, acquistare tecnologie più avanzate. Nel futuro dobbiamo continuare su questa strada, mettendo sempre il cittadino e soprattutto le fasce più deboli della popolazione al centro dell’attività della sanità pubblica. Infrastrutture, cultura, turismo, settori che dovrebbero trainare l’economia regionale e invece arrancano. Su cosa investire per rilanciarli? Sono convinto che la Toscana ha tutte le risorse, anche in questi settori, per ripartire e dare il meglio di sé. Vorrei nelle prossime settimane che su questi ed altri punti mi arrivassero contributi di idee e di proposte per prendere decisioni fondate sulle esigenze vere e prioritarie. Posso fin d’ora impegnarmi su un aspetto che riguarda direttamente la responsabilità della macchina pubblica. Voglio proporre un patto tra Regione, province, comuni per la riduzione dei costi gestionali della pubblica amministrazione. Un patto con un obiettivo concreto e misurabile. E con il risparmio potremo investire ancora di più.

Enrico Rossi

AL VOTO/2. Solo rumors invece sul nome dell’aspirante governatore del centrodestra

Un battaglione di candidati consiglieri in casa Pdl N

iente primarie per il Pdl. La scelta dei candidati al consiglio regionale, così come quella del candidato alla presidenza, ricadrà sugli organi di partito. Che dovranno in qualche modo districarsi tra una vera e propria selva di candidature. “Il primo nodo da sciogliere è quello della riconferma dei consiglieri uscenti – afferma il coordinatore cittadino Alessio Bonciani – dato che tutti hanno chiesto di essere ricandidati”. Ma gli aspiranti sono tanti e “molti rimarranno delusi”. I rumors collocano tra i pretendenti Nicola Nascosti e Samuele Baldini, rispettivamente consigliere e capogruppo Pdl a Palazzo Medici Riccardi, mentre la Sala dei

Dugento potrebbe letteralmente svuotarsi nel caso - molto remoto - in cui venissero eletti tutti coloro che hanno manifestato l’intenzione di presentarsi. Da Giovanni Donzelli a Marco Stella fino a Bianca Maria Giocoli. “Mi auguro che i nostri migliori eletti nelle assemblee comunale e provinciale si candidino – afferma Bonciani – qualificando in tal modo la lista”. Discreta la quantità di voti che potrebbero portare in dote, anche se poi ad essere eletto potrebbe essere solo uno o due di loro. Cinque i candidati del listino bloccato anche per il Pdl, e su questo numero si giocherà la battaglia più ardua. Per questione di peso elettorale almeno

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

• Servizi funebri • Cremazioni • Fiori • Necrologi 1027252

1037632

Tel. 055.6580040 (diurno e notturno) Via G.Caponsacchi 5/r, Via A.F Doni 41/r Firenze

un paio dovrebbero essere fiorentini, ma tutto ciò è subordinato alla madre di tutte le questioni: quella per il candidato alla carica di governatore. Sfumata l’ipotesi del presidente di Confindustria Toscana Antonella Mansi, che ha declinato l’invito, l’idea di un candidato civico sembra essere per il momento passata in secondo piano. Più probabilmente sarà un personaggio politico, ultima pedina che gli organi nazionali del partito collocheranno sullo scacchiere, dopo aver pensato alle poltrone di Campania, Piemonte, Veneto. Regioni ben più critiche rispetto alla nostra per /P.F. gli equilibri interni al centrodestra.


politica PRIMARIE

Urne aperte il 13 dicembre Francesca Puliti

T

oscani alle urne domenica 13 dicembre. Dalle 8 alle 20, si vota per scegliere i candidati al consiglio regionale di Pd e Sinistra ecologia e libertà. Solo questi due partiti hanno approfittato dell’opportunità-primarie, sancita da una legge regionale, che sopperisce, almeno in parte, alla mancanza delle preferenze alle elezioni vere e proprie. A marzo, infatti, gli elettori dovranno scegliere unicamente tra candidati alla presidenza e liste bloccate. Le possibilità di successo di ogni candidato al consiglio perciò saranno legate esclusivamente al posto che occupa nella lista. Ordine che solo Pd e Sel (che sosterrà anch’esso Enrico Rossi, candidato alla presidenza espresso dai democrat) mettono in discussione attraverso le primarie, coinvolgendo gli elettori. Diciotto i candidati tra cui scegliere domenica (una sola preferenza, con una X sul nome del prediletto), anche se in realtà i posti in palio in consiglio per la circoscrizione di Firenze saranno soltanto 13. Merito del taglio approvato in Regione, che ridurrà i consiglieri da 65 a 55, ma che, per una questione di tempi burocratici, non è stato recepito dalla legge per le primarie. Ma c’è sempre un ma. E stavolta è rappresentato dai primi 5 posti in lista, quella “vera” delle elezioni di marzo, legata a Rossi: un listino blindato su cui non si discute neanche attraverso le primarie, capitanato dal segretario regionale del Pd Andrea Manciulli. Per il resto nella rosa dei candidati democratici emergono nomi come quello dell’ex presidente di Firenze Parcheggi Alessandro Lo Presti, del consigliere uscente Nicola Danti e del dirigente Mukki Paolo Bambagioni. In corsa anche l’assessore provinciale alle politiche sociali e pari opportunità, Alessia Ballini, e il consigliere regionale uscente Severino Saccardi. Ci prova anche Eugenio Giani, ex assessore al Comune di Firenze e tuttora di ruolo a Palazzo Vecchio, in carica di presidente del consiglio. Per partecipare alla scelta non è necessario essere iscritti ad alcun partito, le primarie sono aperte a tutti coloro che hanno diritto di voto alle regionali. Basta recarsi alle urne muniti di carta di identità e tessera elettorale, se posseduta. La lista completa dei seggi è disponibile sul sito internet della Regione Toscana.

21

ALESSIA BALLINI: “LE QUOTE ROSA SONO UNA PRIORITÀ” Da assessore provinciale alle Pari opportunità, in che direzione dovrebbe andare la Regione? Quello delle pari opportunità è un tema soprattutto di natura culturale. Bisogna perciò agire su due fronti, da un lato con la sensibilizzazione, così da far crescere una mentalità diversa, dall’altro con provvedimenti specifici che stabiliscano obbligatoriamente ‘quote rosa’ nel mondo delle istituzioni. E’ necessario inoltre elaborare strategie e misure che incrementino la presenza delle donne anche ai piani alti dell’economia, siamo in fondo alle classifiche europee da questo punto di vista. Inoltre è molto importante promuovere politiche di conciliazione per rendere la vita più semplice alle madri che lavorano, dal

punto di vista di orari e servizi all’infanzia per esempio. Cosa ne pensa della legge regionale sull’immigrazione? Sono completamente d’accordo sull’impianto della legge regionale sull’immigrazione e trovo che sia stato molto importante portarla avanti in un momento del genere. Il quadro è complesso, ma non possiamo affrontare l’immigrazione con il principio del respingimento. Ci vuole qualcosa in più dell’integrazione, imparare a convivere. Ed è necessario che la Regione investa su questo, fornendo gli strumenti e le risorse ai vari livelli istituzionali, a partire dalle scuole, dove si costruisce il nostro futuro.

PAOLO BAMBAGIONI: “SONO NECESSARIE RIFORME STRUTTURALI” Da ex sindaco di Signa, cosa ne pensa della questione aeroporto di Firenze? Credo che Renzi abbia ragione nel voler migliorare lo scalo fiorentino, ma sbaglia a pensare di poterlo fare da solo. Quando si parla di infrastrutture bisognerebbe abbandonare l’ottica di una singola città e assumere una prospettiva più ampia. Ben venga un ampliamento del Vespucci, non sono contrario alla pista parallela all’autostrada, ma con la consapevolezza che rimarrà sempre un “city airport”. L’aeroporto internazionale della Toscana è quello di Pisa ed è su di esso che dovremo investire, potenziando i collegamenti con il

capoluogo e con il resto della regione. E invece da dirigente di una grande azienda, la Mukki, come intervenire per accelerare la ripresa economica in Toscana? La nostra regione è in una fase di stallo, c’è bisogno di una modernizzazione, a partire dagli apparati burocratici. E’ necessario investire in innovazione e scommettere su profonde riforme strutturali. Spesso e volentieri il mondo economico vede le istituzioni come un freno allo sviluppo. Dobbiamo invece assecondare gli investitori e fare in modo di attrarre capitali in Toscana.

NICOLA DANTI: “IL SISTEMA TOSCANA DEVE ESSERE INNOVATO” Qual è la sua idea di Toscana? È arrivato il momento di ripensare e innovare il sistema Toscana, un sistema che valorizzi le risorse del territorio, il nostro patrimonio culturale, le opportunità legate al turismo, le eccellenze sul manifatturiero e dei distretti industriali e anche sul sistema di governo. Vorrei una Toscana inclusiva che sappia integrare anche i nuovi toscani che lavorano e vivono nel nostro territorio, una Toscana che abbia il coraggio di cogliere la sfida dell’innovazione, delle energie rinnovabili e delle politiche ambientali efficienti, una Toscana moderna con delle infrastrutture degne che supportino il sistema economico locale. E in-

fine voglio una Toscana attenta ai bisogni vecchi e nuovi di una società che cambia, con politiche per gli anziani e per le giovani coppie. Nel suo periodo da consigliere quali sono state le sue principali battaglie? In due anni e mezzo di consiglio regionale ci sono tre norme che portano la mia firma: una che favorisce le adozioni internazionali aiutando le giovani coppie, una in campo agricolo che permette agli agricoltori di vendere i propri prodotti su aree pubbliche e l’ultima che colma un vuoto giuridico in materia di piercing per i minori di 14 anni.

EUGENIO GIANI: “UNA LEGGE SPECIALE A LIVELLO REGIONALE” Una legge speciale per Firenze, a livello regionale. Ci può spiegare questa proposta? Si tratta di una legge in tre punti. Il primo riguarda le infrastrutture. E’ necessario individuare delle procedure adeguate per dirimere le questioni, che non possono essere combattute a colpi di polemiche sui giornali da parte dei vari sindaci. Penso a una sorta di conferenza dei servizi, un tavolo, con potere decisionale, attorno al quale possano sedersi tutti gli enti coinvolti. Il secondo punto riguarda la copertura finanziaria per eventi e iniziative, ad esempio nel settore del turismo, che Firenze può svolgere a livello regionale. Infine dobbiamo stabili-

1076789

re tempi certi per la realizzazione dell’ormai famosa Città metropolitana. Tra i 12 punti del programma che ha presentato molto spazio è dedicato anche alla cultura. Certo, a partire dalla gestione dei beni culturali. Mi impegnerò affinché la Regione possa gestire alcuni musei statali, avviandoli verso la necessaria modernizzazione. Non solo, punto alla realizzazione di un museo della civiltà toscana. La nostra è una delle poche regioni d’Italia che ha mantenuto un carattere ben definito, dai tempi degli Etruschi ad oggi. Un’identità da conoscere e valorizzare.

NUOVO ASSORTIMENTO DI PIANTE ORNAMENTALI E FIORI PROGETTAZIONI E REALIZZAZIONI GIARDINI Aperti tutti i giorni fino al 24 dicembre compreso

Tutti i giorni primi caldi Tel . 055 24.36.01

ABETI DI NATALE in vaso di varie misure

Bellissime composizioni floreali da interni anche per Natale Ci trovi in Via di Mantignano, 9L (Mantignano) - Firenze

Tel. e Fax 055.7875340 Cell. 338.7026872 - 333.6611630 di Rolando Susini

e-mail: rolando.susini@fastwebnet.it

1012618


22

provincia

Dicembre 2009

L’INTERVISTA. I progetti dell’assessore Giovanni Di Fede per gli istituti superiori fiorentini

“Scuole alla finlandese per i nostri studenti” Ginevra Donnici

LA NOVITÀ Via al progetto Wi-fi

Giovanni Di Fede

Tra le priorità ci sono il sostegno all’innovazione didattica (le buone pratiche vanno fatte conoscere), la lotta alla dispersione scolastica e un modello educativo che tenga conto dei ritmi dei singoli allievi

In piazza e nei parchi ora si naviga gratis

C

onnettersi gratuitamente ad internet con un cellulare, un pc portatile o uno smartphone. Sembrava un miraggio poco tempo fa, oggi invece si può. In dieci piazze e in due parchi di Firenze, per l’esattezza. Lo prevede il progetto “FirenzeWifi”, frutto di una partnership tra Provincia e Comune. Ogni utente, dopo essersi registrato, potrà navigare, chattare, scambiare mail gratuitamente per un’ora al giorno o fino al raggiungimento di 300Mbytes di traffico. Le aree in cui il servizio è disponibile sono molte e si tratta di punti cruciali della città: piazza della Signoria; piazza Santa Croce; piazza Santo Spirito; piazza Santissima Annunziata; Parterre in piazza della Libertà; via Canova, presso gli uffici dell’anagrafe; piazze Ghiberti e Annigoni; Villa Arrivabene in piazza Alberti; piazzale Michelangelo; piazza Bambini di Beslan, ingresso Fortezza da Basso; piazzale delle Cascine e parco di San Donato. Accedere al servizio da una delle 12 aree servite da Firenze Wifi è molto semplice, e connettersi è facile anche per i non esperti: al momento in cui si avvia la connessione apparirà automaticamente sullo schermo la pagina di accoglienza, che permetterà di effettuare la prima registrazione fornendo nome, cognome e numero di telefonia mobile. Subito dopo sarà sufficiente fare uno squillo al numero 055-4650034 con il proprio cellulare per avere direttamente sul computer le credenziali di autenticazione (user id e password). La stessa procedura vale anche per chi vuole navigare con uno smartphone. Anche in questo caso la telefonata è gratuita: dopo il primo squillo la linea cade automaticamente. La navigazione sui siti istituzionali della Provincia e del Comune di Firenze è invece possibile senza li/G.D. miti di tempo.

992414

A

ssessore, qual è l’impegno prioritario del suo mandato? Innanzitutto quello di sostenere l’innovazione didattica, facendo conoscere le esperienze migliori che si fanno nelle nostre scuole. Poi vogliamo lottare contro il fenomeno della dispersione scolastica. Il nostro obiettivo è duplice: evitare che i ragazzi abbandonino la scuola, e certificare le competenze di chi è già uscito dal percorso scolastico. Non a caso abbiamo inserito all’interno dei Centri per l’Impiego un tutor in grado di aiutare i ragazzi a capire quali sono realmente le loro inclinazioni e le loro competenze scolastiche. Se occorre, per facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro, possono riportarli a frequentare un anno professionalizzante. Cosa intende per innovazione didattica? Vuol dire avviare un insegnamento più mirato sull’individuo, tenendo conto che i ritmi di apprendimento degli studenti sono diversi. La nostra è una scuola ancora molto rigida e teorica. Sogno una scuola dove gli studenti possano scegliere il curriculum scolastico in base alle loro aspirazioni, magari dopo aver completato i primi due anni di studi uguali per tutti. Dovremmo prendere spunto dalla Finlandia dove ormai non esistono più le classi in senso tradizionale, ma tutto è basato su una forte flessibilità dei percorsi di apprendimento. Cosa pensa delle riforme promosse dal Ministro all’Istruzione Mariastella Gelmini? Il Ministro ha stravolto completamente la scuola senza neanche interpellarci come Istituzioni. Un atteggiamento inaccettabile. Perché non siete stati coinvolti? Evidentemente il Ministro teme il confronto perché non è convinta fino in fondo dell’efficacia della propria riforma. Il confronto sarebbe servito a sviluppare una proposta più attenta anche alle esigenze del territorio. Passiamo al problema delle risorse. Il Governo ha fatto dei tagli alla scuola, come Provincia cosa intendete fare per fronteggiare questa carenza di fondi? In ogni Paese normale ogni riforma è accompagnata da risorse. Da noi questo non avviene. Il Governo ha tagliato otto milioni di euro alla scuola: un taglio del genere non era mai accaduto dal dopoguerra ad oggi. Come assessorato all’istruzione investiremo tutte le risorse a nostra disposizione per supplire ai tagli. Cosa pensa della sentenza della Corte Europea secondo cui esporre il crocifisso in classe va contro la libertà di religione? Sono contro ogni tipo di imposizione, per questo credo che sia giusto lasciare nelle mani di insegnanti e dirigenti la scelta di tenere o meno il crocifisso in classe. Le nostre scuole devono essere luoghi di incontro, accoglienza e integrazione senza ledere la sensibilità di chi professa religioni diverse. Purtroppo a causa della politica dei tagli e dei risparmi, per i dirigenti scolastici è impossibile organizzare attività diverse da quelle convenzionali. E questo impedisce, per esempio, di poter offrire l’ora alternativa a quella di religione. Questo è profondamente ingiusto.

E AL ION S S FE TE N RO E P ME N A TA I ZIO ET MA MPL ATU R O O R F G IN C


Le nostre pagine

5

LAVORO

Il Quartiere 5 al fianco dei lavoratori SEVES

I

n data 4 novembre il Presidente del Consiglio di Quartiere Federico Gianassi e alcuni consiglieri hanno incontrato le R.S.U. SEVES. Il Gruppo SEVES è una azienda leader mondiale nella produzione di mattoni in vetro cemento e dell’isolamento elettrico dell’energia. Conta ben 24 stabilimenti in Europa, Asia ed America di cui tre in Italia (Torino, Avellino e appunto Firenze). Proprietari del Gruppo, con circa il 90% del pacchetto azionario, sono tre fondi di investimento finanziario impegnati in moltissime imprese di svariati settori (Vestar CapitaI Partners, Ergon CapitaI Partners ed Athena Private Equity). Sede storica ed amministrativa del Gruppo è lo Stabilimento di Firenze nella zona di Castello, che con i suoi 170 dipendenti ed una produzione qualitativamente superiore, ha sempre rappresentato la punta di diamante nel settore del mattone in vetro, costituendo una delle realtà industriali più importanti sul territorio fiorentino, presente ormai da 80 anni. Purtroppo, come ampiamente

noto, i lavoratori dello stabilimento fiorentino sono, loro malgrado, vittime di una vertenza che non ha ancora trovato positiva soluzione. Infatti, in data 2 dicembre 2008 si apriva il confronto fra SEVES e Rappresentanze Sindacali con inizio della vertenza. L’Azienda intendeva gestire la vertenza con 12 mesi di cassa integrazione straordinaria e l’apertura di procedimenti di mobilità, denunciando un crollo delle vendite ed una giacenza molto elevata di stock a magazzino. Fanno notare Mauro Bianchelli, Marco Pinotti Baroni, Giuseppe Sassu, Delegati RSU, che: “nonostante le difficoltà della trattativa, il 7 gennaio di questo anno, nella sede istituzionale della Provincia di Firenze veniva sottoscritto un accordo importante, in cui SEVES ritirava la proposta di utilizzo della cassa integrazione straordinaria, in favore di 26 settimane di cassa integrazione ordinaria per un massimo di 110 Lavoratori con inizio da febbraio e con l’impegno di presentare il piano industriale riferito al biennio economico 2009/1 entro la data del 15 aprile 2009.

Nel piano industriale, l’accordo prevedeva che si facesse particolare attenzione all’investimento sul forno fusorio, spento e da ricostruire interamente. Nella programmazione industriale presentata ad aprile, SEVES individuava una data di ripresa attività molto lontana, settembre 2010 con l’investimento sul forno fusorio a luglio 2010. Data ritenuta improponibile per i dubbi e le perplessità sulle reali intenzioni aziendali. Dopo uno scontro sindacale duro sfociato in varie rimostranze, il 15 di giugno 2009 poteva costituire una svolta. Infatti, in tale data è stato siglato un accordo che individua una serie di parametri condivisi, sulla riduzione di stock, dove al loro raggiungimento devono seguire gli investimenti sulla ricostruzione del forno fusorio e conseguentemente la piena ripresa produttiva, auspicabile nella prossima primavera. I parametri stabiliti come traguardo per gli investimenti da fare per garantire continuità allo Stabilimento di Firenze di SEVES, a breve saranno raggiunti. Il Gruppo ha ribadito in più occasioni nei tavoli di trattativa istituzionali che crede

Il Presidente Fe d e r o i C n l s e i c d g e l i o Gi o m o d n i a Qu a tutti Bu artiere a r u on N aug

nel prodotto eseguito a Firenze e non vuole smantellare lo Stabilimento in favore di speculazioni sull’ area.” Tuttavia, proseguono Mauro Bianchelli, Marco Pinotti Baroni, Giuseppe Sassu, Delegati RSU: “ non esistono ad oggi, i presupposti e le dovute garanzie da parte dell’ Azienda, sul futuro dell’attività e dei livelli occupazionali attuali, con l’inspiegabile mancanza di una programmazione che individui un percorso industriale certo. L’unica certezza è che lo Stabilimento in Repubblica Ceca del Gruppo SEVES che produce mattoni di vetro analoghi, non è in cassa integrazione. Stiamo per assistere all’ennesima drammatica chiusura di un’azienda sul nostro territorio in favore di produzioni eseguite all’estero a minore costo? Le premesse a nostro parere ci sono tutte.” Dinanzi a questo grido di allarme il Consiglio di Quartiere attraverso il Presidente Federico Gianassi esprime la solidarietà del Quartiere ai lavoratori dello stabilimento e sostiene Comune, Provincia e Regione nell’impegno di giungere ad una positiva conclusione

anass

atal e

i

della vicenda. Inoltre, il Consiglio di Quartiere 5 ha elaborato, su idea del consigliere Maurizio Bruschi con la collaborazione del Centro Commerciale naturale del Sodo, un logo relativo alla vicenda SEVES con cui viene espressa vicinanza ai lavoratori e che provvederà ad apporre sui materiali di propria pubblicazione. Con tale logo il Quartiere 5 intende mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sulla vicenda dei lavoratori oggi in cassa integrazione. Ritiene infatti il Quartiere che la difesa del lavoro e della produzione industriale sia presupposto ineliminabile per garantire a Firenze un futuro. E’ per queste ragioni che il Quartiere ha organizzato in data 2 Dicembre, ad un anno dell’apertura della vertenza, insieme al Comune e alla Provincia, con l’appoggio di tanti altri soggetti una giornata di iniziative in supporto dei lavoratori Seves. E’ per queste ragioni che il Quartiere continuerà ad impegnarsi nella vicenda, richiamando la proprietà del Gruppo ad un alto senso di responsabilità che non potrà venire meno.


5

Le nostre pagine

200 anni per il comune di Brozzi

G

rande festa lo scorso 7 novembre a Brozzi per i festeggiamenti del bicentenario della fondazione del comune di Brozzi (1809-2009). Una festa viva e popolare in cui sono state presenti ben 350 persone! L’evento clou sì è svolto alle 17,00 alla biblioteca 334 per l’appuntamento con tutte le persone nate nel comune di Brozzi. E’ stato un momento travolgente con cittadini emozionati ed orgogliosi della propria carta d’identità. Un momento conviviale dove forte era la voglia di stare insieme. Alcune ore di grande festa animate da Ilaria, Marco e Filippo (dell’Associazione La Leggera che non è di Brozzi, ma collabora alle varie attività della biblioteca) che hanno cantato e suonato. Filippo poi è stato splendido cantore in ottava rima ed ha ricordato i personaggi che hanno caratterizzato e fatto la storia di Brozzi. Un momento di grande intensità in cui tutti gli occhi dei presenti hanno brillato di emozione. Sono stati poi pubblicamente letti tutti i nomi dei nativi nel Comune di Brozzi. Tutti quei nomi erano lì con il loro volto e dietro esso una storia, tante storie che si sono intrecciate. Chi si conosceva già, chi si è conosciuto in quel momento, ma tutti insieme hanno fatto un viaggio a ritroso nel tempo. l’emozionante giornata non poteva che concludersi con il brindisi di rito, la consegna di una pergamena con il proprio nome e il bellissimo dvd dal titolo “I borghi dell’antico comune di Brozzi” (Peretola, Brozzi, Quaracchi e San Donnino) curato da Aldo Yuono con la consulenza storica di Marco Conti che ha guidato anche il Comitato dei festeggiamenti con la solita passione che lo distingue. Ma la festa del Bicentenario di Brozzi non finisce qui! Una sontuosa appendice si celebrerà a gennaio quando, dal 20 (data storica in cui il comune di Brozzi passò sotto la giurisdizione di Firenze) al 24 sarà allestita una mostra di vecchie fotografie del fu Comune di Brozzi e avverrà la presentazione del libro di Marco Conti. Tutto questo si svolgerà presso il Circolo Ricreativo di Brozzi con gran finale a chiusura delle celebrazioni per domenica 24.

Ottave per BrozzÌ

I. Ragazzi se mi state ad ascoltare a valle di Firenze c'è una Piana là dove l'Amo inizia ad anseggiare c'è l'Arizona piccola e toscana

patae, saggina e pecore a brucare non è una scena poi così lontana ni' mezzo Brozzi come capitale palazzo e territorio comunale

II. Cessò l'autonomia territoriale ni' millenovecentoventinove fu messa quindi 'n quell'anno fatale

I

s0tto a Firenze tra le zone nuove

resta i' villaggio sempre solidale co' una vitalità sparita altrove perchè non cede alla triste malìa di diventare una periferia

La marcia della pace dei bambini Una grande giornata di festa e colori quella che si è celebrata lo scorso 11 novembre in cui protagonisti assoluti sono stati i bambini del quartiere con i loro sorrisi sinceri e la loro allegria. Gli ampi spazi del parco di San Donato sono stati il centro nevralgico della grande festa dedicata ad ideali mai desueti, ma anzi sempre più stridentemente attuali. I bambini delle scuole del Quartiere (Vamba, Bargellini, Fanciulli e Mameli)accompagnati dai loro genitori e da tutti coloro che si sono voluti unire a questa grande festa, sono partiti dalle loro rispettive scuole per la loro personalissima “Mini marcia della pace” per far “centro” al Parco di San Donato, luogo come detto vocato alla grande festa. Qui tutti i bimbi festanti si sono uniti in un grande e suggestivo girotondo sulle note dell’omonima canzone di Fabrizio De Andrè.

III. Guardali tutti 'n mezzo a quella via La Sala, i' Canto e Corte de' Manetti sono brozzesi a fa' la scorreria in Piazza oppur negli angoli più stretti

Inaugurata la pista pedo-ciclabile lungo La Goricina

la strada l'è per loro una manìa e delle case puoi toccare i tetti a parte quella Croce e qui' Torrione

ECCO LA NUOVA PIAZZA GIORGINI L’appuntamento è per il 12 dicembre con anticipo rispetto ai tempi previsti. Sarà una grande festa popolare che coinvolgerà grandi e piccini voluta dal quartiere e dai commercianti della zona ad alzare il sipario sulla nuova Piazza Giorgini. Giochi e animazione, antiquariato, artigianato ed altro ancora alla presenza del presidente del quartiere Federico Gianassi, il presidente della commissione territorio Fabrizio Ricci, il presidente della commissione ambiente Francesca Paolieri e i tecnici e progettisti dell’unità tecnica del consiglio di quartiere. L’intervento restituisce alla cittadinanza una piazza molto amata che verrà recuperata grazie alla nuova vivibilità degli spazi. Fra i lavori da segnalare l’abbattimento delle barriere architettoniche, la realizzazione di nuove aiuole verdi, l’allargamento dell’aiuola posta lungo la curva nord, la piantagione di nuovi alberi nelle aree esterne alla piazza ed un nuovo impianto d’illuminazione. L’inaugurazione è prevista alle ore 12.00. Il mercato avrà invece inizio alle ore 9.00 per tutto il giorno.

E’ stata inaugurata il 20 novembre la pista pedo-ciclabile lungo La Goricina da Via Molise a via della Sala. Un nuovo tassello importante nel nostro quartiere per la vivibilità sana. Un nuovo percorso studiato ad hoc per tutti gli amanti delle bicilette, ma sopratutto per tutti coloro che, al di là delle chiacchiere hanno veramente a cuore la qualità dell’aria della nostra città. La pista pedo-ciclabile lungo La Goricina è lunga circa 1350 metri ed è collegata a quella che corre lungo l’Arno

fino al Parco dei Renai. E’ realizzata in materiali all’avanguardia ed assolutamente naturali per non alterare lo stato dei luoghi ed è corredata da una cinquantina di pali fotovoltaici in grado di accumulare energia solare da rilasciare poi durante le ore notturne. Per la prima volta quindi si realizza a Firenze un tipo d’illuminazione in grado di salvaguardare sia il risparmio energetico che l’ambiente. Un’esperienza forte che siamo felici ci deva come quartiere all’avanguardia.

PIAZZA DALMAZIA “LE PIAZZE TORNANO A VIVERE” In merito agli interventi in Piazza Dalmazia - che è stata peraltro protagonista il 15 novembre scorso della splendida iniziativa del Mercato dell’Antiquariato, organizzata dal centro commerciale naturale Dalmazia e dal Quartiere, alla quale hanno partecipato numerosi i fiorentini - il Presidente Commissione Servizi al Territorio Fabrizio Ricci dichiara: “Uno dei principali obiettivi, dall’insediamento della COMMISSIONE SERVIZI AL TERRITORIO del Quartiere 5, è stato e sarà far sì che le piazze tornino a vivere. Le piazze devono essere punto di aggregazione e luoghi dove trascorrere piacevolmente il tempo libero. In Piazza Dalmazia, che è certamente una delle piazze più significative

RETTIFICA

E’ stato un momento intenso, ricco di suggestione e forte senso simbolico e partecipativo a cui ha fatto seguito il saluto del Presidente del Quartiere Federico Gianassi. La festa ha avuto poi il suo momento simbolicamente più intenso con la messa a dimora nel parco di un ulivo quale simbolo universale di pace e non violenza. La chiusura non poteva che essere colorata e spettacolare oltre che di straordinario effetto scenografico. Il cielo si è riempito infatti dei colori sgargianti e della leggiadria di moltissimi palloncini che si sono librati nel cielo con i loro messaggi di pace custoditi all’interno. Tutti poi sono tornati nelle proprie scuole, ma viva era la gioia e l’orgoglio di aver fatto qualcosa di grande: urlare no alla violenza. E l’urlo è ancora più forte se esce dalle bocche di migliaia di bambini.

e rappresentative del Quartiere 5, vi sono stati i primi segnali di cambiamento e di rifiuto nei confronti di ogni forma di degrado. La Commissione del Quartiere 5 ha infatti dato parere favorevole a togliere le cabine, una S.O.S. della Pubblica Amministrazione ed una della Telecom, situate di fronte al Magazzino – Oviesse Standa, entrambe ricettacolo di sporcizia e di degrado. E’ stata tolta prima la cabina S.O.S.; poi quella Telecom, quest’ultima sostituita da cabine telefoniche più moderne denominate “Nicchie”. Le cabine Telecom sono state installate in posizione decentrata per rendere più vivibile il marciapiede e lo slargo, con grande gioia sia dei commercianti, sia degli abitanti e dei frequentatori della Piazza stessa.”

Grazie alla segnalazione di una cittadina, rettifichiamo gli orari del mercato di Castello che sono stati pubblicati nello scorso numero. I giorni di mercato a Castello sono il martedì dalle 14,30 alle 20.00 e il venerdì dalle 8.00 alle 14.00


Le nostre pagine

5

NATALE2009 NEL QUARTIERE 5 27 Novembre – 17 Dicembre “GLI ULTIMI UOMINI” mostra fotografica di IAGO CORAZZA E GRETA ROPA viaggio tra le tribù della Nuova Guinea a cura del Gruppo Trekking “Strada Facendo” e C.R.C. di Brozzi Dal 27 . 11. ’09 al 17.12.2010 Inaugurazione 27.11.2009 ore 21.15 La mostra è allestita nell’ambito della 19^ rassegna “ Voci suoni immagini: una natura da non perdere “ Presso il salone di C.R.C. Brozzi Via di Brozzi, 312 Firenze APERTURA: MERCOLEDI E GIOVEDI DALLE 16.00 ALLE 19.00 VENERDI DALLE 21.15 alle 23.00 DOMENICA DALLE 9.00 alle 19.00 CHIUSURA: 17 DICEMBRE ORE 19.00 ( ATAF linee 29 - 30 ) Ingresso libero Mercoledì 2 Dicembre “GIORNATA DI INIZIATIVE A FAVORE DEI LAVORATORI DELLA SEVES” C/o i locali del Centro Icaro, via delle Panche n. 212 Ore 17.30 -Saluto delle Istituzioni. Ore 17.45 – “Un Arcobaleno Musicale”, concerto di Luigi Fiumicelli, con la partecipazione di Daniele Vettori. Un percorso musicale dal pop, al rock, al folk, al country, a cura della Scuola di Musica Francesco Landini. In piazza del Sodo Ore 18.30 – Caldarroste per tutti Iniziativa promossa da: -Commissione Consiliare 9^ Occupazione e Lavoro del Comune di Firenze -Consiglio di Quartiere 5 In collaborazione con il Centro Commerciale Naturale “Il Sodo” 5 - 8 Dicembre MOSTRA MERCATO “TRINE, PIZZI E MERLETTI” manufatti realizzati dagli associati al Centro per l’Età Libera di “Novoli- Peretola- Quaracchi- Brozzi -Le Piagge” ESPOSIZIONE DAL 5 DICEMBRE ALL’ 8 DICEMBRE INAUGURAZIONE SABATO 5 DICEMBRE ORE 10,00 Apertura tutti i giorni: 9,00-13,00 /15,0018,30 Organizzato dal Centro per l’Età Libera di “Novoli- Peretola- Quaracchi- Brozzi -Le Piagge” Presso il Centro Coop “ Le Piagge “ Via Lazio 10/7 Firenze (ATAF LINEA 56 Capolinea “ Le Piagge”) F.S. STAZIONE “ Le Piagge” A cura del C.d.Q.5 Con il contributo dell’Aeroporto di Firenze Info: Ufficio Anziani Q.5 tel.: 055/276-7070 - 7032 Ingresso gratuito 5 - 13 Dicembre MOSTRA MERCATO “MOSTRA DI CERAMICA” manufatti realizzati dagli associati al Centro per l’Età Libera di “Poggetto- Rifredi - Vittoria” INAUGURAZIONE SABATO 5 DICEMBRE ORE 15,30 Esposizione dal 5 al 13 Dicembre Apertura tutti i giorni: 9,30 / 12,00 – 15,30/19,00 Organizzato dal Centro per l’Età Libera di “Poggetto- Rifredi - Vittoria” Presso i locali in via Maestri del Lavoro (angolo via Vittorio Emanuele) (ATAF Linee nn.8-14-28 ) A cura del C.d.Q.5 Info: Ufficio Anziani Q.5 tel.: 055/276-7070 - 7032 Ingresso gratuito 6 - 26 Dicembre TREDICESIMA EDIZIONE DI BARACCHE E BURATTINI Teatro per l’infanzia e la famiglia presso il Cinema Teatro Castello

Via Reginaldo Giuliani n. 374 Firenze Autobus N. 2 – 18 – 28 Fermata Sestese Per prenotazioni Compagnia Buratta la Luna tel.: 3463810241 - 3664099994 Domenica 6 Dicembre Ore 16.30 Teatro dei fauni “ IL BOSCO IN VALIGIA” Spettacolo d’attore, burattini e pupazzi a guanto A seguire: -“ IL DRAGO SDENTATO” Laboratorio di costruzione di burattini -Attenzione, Attenzione Porta a teatro un solo calzino, e potrai costruire il tuo burattino Domenica 13 Dicembre ore 16.30 Compagnie Pupi di Stac e Buratta la Luna “LA BELLA DELLE TRE ARANCE” Spettacolo di attore, sagome, burattini e musica dal vivo Domenica 20 Dicembre ore 16.30 Habanera Teatro “CODAMOZZA IL GATTO “ Spettacolo d’attore, burattini e pupazzi in baracca Sabato 26 Dicembre ore 16.30 Teatro Glug “LA GRANDE SFIDA TRA IL RICCIO E LA LEPRE” Spettacolo di burattini in baracca e musica dal vivo Per informazioni: Compagnia Buratta la Luna – tel.: 346 3810241 Ufficio Cultura del Q.5: tel.: 276-7045/ 7046 Costo del biglietto € 4,00 Gratis per i bambini di età inferiore ai due anni Martedì 8 Dicembre ore 16.00 Presso la Chiesa di San Biagio a Petriolo Via S. Biagio a Petriolo, n. 18 Peretola CORO ENSEMBLE Repertorio natalizio ( ATAF linee 29 - 30 ) Gratuito Mercoledì 9 Dicembre ore 21.00 Chiesa di S. Maria a Peretola p.zza Garibaldi, 12 località Peretola, Firenze Vocal Ensemble “ L’ORA DEL TÈ “ Concerto dedicato al Natale Quintetto vocale a “cappella “ tutto al femminile con un repertorio che comprende i brani più conosciuti del Natale ( ATAF linee 29 - 30 ) Gratuito Giovedì 10 Dicembre GITA DI UN GIORNO RIVOLTA AGLI ANZIANI DEL Q.5 “GITA NEL CHIANTI” PARTENZA CON BUS DA P.ZZA MURATORI IL 10 DICEMBRE PER PRENOTAZIONI, FINO ESAURIMENTO POSTI, ESCLUSIVAMENTE TELEFONICHE, AI NUMERI SOTTO INDICATI DEL Q.5 QUOTA DI PARTECIPAZIONE € 14,00 Info: Ufficio Anziani Q.5 tel.: 055/276-7070 – 7032 Con il contributo dell’Aeroporto di Firenze Organizzato dal CRAL Dipendenti del Comune di Firenze A cura del C.d.Q.5 Sabato 12 Dicembre ore 12.00 : INAUGURAZIONE DELLA NUOVA PIAZZA GIORGINI dove sono stati realizzati interventi di recupero per una migliore vivibilità degli spazi Saranno presenti: - Federico Gianassi, Presidente del Q.5 - Fabrizio Ricci, Presidente della Comm.ne Territorio Q.5 - Francesca Paolieri, Presidente della Comm. ne Ambiente Q.5 dalle ore 9.00 alle ore 20.00: PIAZZA GIORGINI IN FESTA

-giochi per bambini, animazione, antiquariato, artigianato e non solo …… In collaborazione con i commercianti della zona Sabato 12 Dicembre ore 15.30 Teatro Nuovo Zona Lippi - Via P. Fanfani n. 16 In collaborazione con il Circolo Lippi SPETTACOLO TEATRALE “ IL GATTOTARDO” A cura della Compagnia Stenterello Direzione artistica di Sketch s.r.l. – info@ sketchsrl.net Prenotazione obbligatoria al seguente numero telefonico: 055/276-7045 055/2767046 Info: Ufficio Cultura Q.5 tel: 055/2767045/7046 ATAF linee 23 – 5 Ingresso libero Sabato 12 Dicembre ore 21.15 Chiesa San Pietro a Quaracchi Via di San Piero a Quaracchi, 9 “CONCERTO DI NATALE DEI LABORATORI CORALI “ della Scuola di Musica di Fiesole Laboratorio Corale delle Piagge, dirige M° Bernardo Donati Laboratorio Corale delle Cure, dirige M° Paolo Gonnelli Musiche di Byrd, Charpentier, Faurè e canti tradizionali natalizi INFO: Scuola di Musica di Fiesole Via delle Fontanelle 24 Fiesole tel.: 055 597851 ( ATAF linee 29 - 30 ) Gratuito 12 – 13 Dicembre Orario: 10.00 – 19.00 “MOSTRA MERCATINO DI NATALE” a cura di OMG Ceramiche a Montughi via di Montughi, n. 55 - Firenze All’interno del laboratorio di ceramica vengono prodotti oggetti interamente realizzati e decorati a mano in mostra permanente nella sala esposizione ad esso annessa Sabato 12 Dicembre Domenica 13 Dicembre Presso Villa Guicciardini a Montughi Via di Montughi, n. 55 Firenze Ataf n. 25 – fermata La Pietra Ampio parcheggio all’interno della villa INFO :OMG-Ceramiche a Montughi tel.: 055/4625005 12 – 20 Dicembre Orario: 9.00 - 20.00 “MOSTRE MERCATO DI ARTIGIANATO COLLEZIONISMO E DEGUSTAZIONI” Mostre mercato di artigianato, collezionismo e degustazioni sabato 12 Dicembre piazzetta di Vittorio Veneto domenica 13 Dicembre Giardino Magellano Sabato 19 Dicembre Piazza Medaglie d’Oro Domenica 20 Dicembre Piazza della Vittoria INFO: 055/276-7033 Domenica 13 Dicembre ore 15.30 Chiesa San Donato in Polverosa Via di Novoli n. 31 Firenze CONCERTO LIRICO Verdi – Donizetti – Rossini – Puccini – Gianni Schicchi A cura del Coro Masini ( ATAF linea 22 – 57 ) Gratuito Domenica 13 Dicembre Orario: 8.00 - 22.00 “VIA CERNAIA IN FESTA” Via della Cernaia da via Ippolito Nievo a via Crispi Esposizione di realizzazioni di artigianato e degustazioni di prodotti tipici A cura dell’Associazione commercianti della via

INFO: 055/276-7033 Domenica 13 Dicembre Orario: 16.00 - 20.00 “TRA ROTONDA E ROTONDA” LE BOTTEGHE DI VIA DI NOVOLI Animazione e spettacolo per grandi e piccini In collaborazione con Confartigianato Firenze 14 – 17 Dicembre “NATALE NEL BORGO DI PERETOLA” Piazza IV Novembre e Piazza Garibaldi In collaborazione con l’Associazione Commercianti del Borgo Lunedì 14 Dicembre Allestimento dell’albero tecnologico in piazza Garibaldi Gli addobbi saranno realizzati e installati dai bambini delle scuole del Borgo con i loro insegnanti Giovedi 17 Dicembre Ore 9.30 presso “ il Magnifico “, plesso della Polizia di Stato in viale L. Gori -Canti e musiche dei bambini delle scuole materne, elementari e medie del territorio. -Sarà presente un’unità della Fratellanza Popolare di Peretola e le nuove unità di soccorso di urgenza pediatrica e di servizio sociale 0re 14.30 p.zza Garibaldi di Peretola - Mercatino della solidarietà finalizzato alle adozioni a distanza -Trenino del Borgo che porterà i bambini in giro per Peretola e caldarroste gratis per tutti Coordinamento: Comitato del Borgo Fratellanza Popolare Peretola – Istituto Comprensivo Manzoni Baracca – Istituto Paritario S.Teresa Scuola per l’infanzia P. Balducci INFO: 055/276-7033 Autobus : linee Ataf 29 – 30 – 35 Giovedì 17 Dicembre ore 21.15 Presso l’Oratorio della Compagnia Chiesa di San Michele a Castello Via San Michele a Castello n. 14 Firenze “ MUSICA MEDIEVALE E RINASCIMENTALE” -Dal Llibre Vermell di Monserrat, Catalogna ( metà del XIV secolo ) -Dal Codice G20 di Perugia ( metà del XV SECOLO ) -Canti natalizi rinascimentali -Repertorio profano rinascimentale A cura del coro fiorentino “ La corte di Orfeo” (Autobus linee 2/ 28 ) Gratuito Domenica 20 Dicembre ore 16.00 Presso l’Oratorio della Compagnia Chiesa di San Michele a Castello Via San Michele a Castello n. 14 Firenze Concerto di Musica Classica “CONCERTO DEL DUO FLAUTO E PIANOFORTE BON VEZZANI” Musiche di Debussy, Satie, Faurè, Dutilleux Il concerto spazia nel repertorio della musica classica francese per flauto e pianoforte con brani quali la Fantasia di Faurè, la sonatina di Dutilleux (Autobus linee 2/ 28 ) Gratuito Domenica 20 Dicembre ore 20.00 c/o “Villa Aurora “ Via del Pergolino 12 Firenze “CENA SOLIDALE” - Una scuola per Minbulu ( Congo ) Finalizzata alla raccolta fondi per il progetto di costruzione di una nuova scuola a Minbulu in Congo In collaborazione con Reach Toscana Onlus – adozioni a distanza Info e prenotazioni: 055 414040 – 333 9194906 (Ataf: da Careggi 40B) Domenica 20 Dicembre ore 21.15 c/o la Chiesa dei S.S. Francesco e Chiara

Via dei Cappuccini n. 1, Firenze “ASPETTANDO IL NATALE “ canti lirici e natalizi A cura dell’Ass. Coro San Francesco e Santa Chiara a Montughi ( ATAF linea 4 ) Gratuito Lunedì 21 Dicembre ore 17.00 Via del Pesciolino 26/A Firenze Traversa di Via Pistoiese, sopra la Conad Scuola di Teatro l’Imbarco presenta “IL NATALE DELLA STREGA BURLONA” A cura di Vania Rotondi Con i bambini del corso Piccoli Attori Segue merenda di Natale INFO Teatri d’Imbarco tel e fax 055-453545 Cristian Palmi 338 2113195 ATAF linee 29 –30 Ingresso: € 1 Mercoledì 23 Dicembre ore 21.15 Teatro delle Spiagge Via del Pesciolino 26/A Firenze Traversa di Via Pistoiese, sopra la Conad “PASSOGIGANTE ( FUNKY – SOUL )” CONCERTO CON LA BAND FUNK FIORENTINA PIÙ AMATA E CONOSCIUTA DAI GIOVANI Direzione artistica di Sketch s.r.l. – info@ sketchsrl.net ATAF linee 29 –30 Ingresso libero Mercoledì 6 Gennaio “FESTA DELL’EPIFANIA “ Brozzi 6 Gennaio 2010 A cura del Gruppo 334 e della Parrocchia di San Martino a Brozzi Ore: 10.00 Ritrovo in piazza 1° Maggio Ore: 15.00 “Presepe Vivente” Arrivano i Re Magi alla Cappella della Madonna del Pozzo ( ATAF linee 29 - 30 ) Domenica 10 Gennaio 2010 Orario: dalle ore 8.00 alle 20.00 TORNEO DI PALLAVOLO CON SQUADRE MISTE “ Io e Lei Il Quartiere che si muove “ c/o il palazzetto Palavalenti, via T. Alderotti a cura della Lega Provinciale Pallavolo (UISP PALLAVOLO) Ingresso Libero 22 - 28 Febbraio 2010 MOSTRA “FIRENZE ROMANA DAL I SECOLO A.C. AL V SECOLO D.C. A cura del Gruppo Archeologico Fiorentino Inaugurazione 22 Febbraio 2010 ore 10.00 Esposizione dal 22 Febbraio 2010 al 28 Febbraio Orario: 9.30 – 12.00 / 15.30 – 19.00 Presso la sala del Consiglio del Quartiere n. 5 Via Lambruschini n. 33 INFO: Ufficio Cultura Q.5 tel.: 055/276-7045 - 7046 ( ATAF linee 4 – 28 – 8 )

La Presidente della Commissione Cultura Gloria Innocenti Grisanti Il Presidente Comm.ne Servizi Sociali Cristiano Balli La Presidente Comm.ne Lavoro e Sviluppo Benedetta Albanese La Presidente della Comm.ne Ambiente Francesca Paolieri Il Presidente Comm.ne Servizi al Territorio Fabrizio Ricci Il Presidente Comm.ne Sport Andrea Bencini Il Presidente del Quartiere n. 5 Federico Gianassi


26

focus

Dicembre 2009

LA DECISIONE. Ordinanza del Comune dopo le numerose segnalazioni di cittadini e turisti

Accattonaggio molesto, stop ai finti mimi Non si tratta di un divieto a chiedere l’elemosina, ma di un freno per “chi con comportamenti insistenti e invasivi reca disturbo alle persone” aumentando la loro percezione di insicurezza Paola Ferri

E

l’accattone raccattò un’ordinanza. Non è bastato il cambio di look, che ha fatto proliferare finti mimi biancovestiti per le vie del centro e ai semafori più trafficati. A distanza di qualche mese dal tanto discusso provvedimento antilavavetri firmato dallo “sceriffo” Graziano Cioni, anche l’amministrazione Renzi ha varato una norma contro l’accattonaggio molesto. Non si tratta di un divieto a chiedere l’elemosina, come chiarisce l’assessore alla mobilità e al decoro Massimo Mattei, ma di “uno stop nei confronti di chi con comportamenti particolarmente insistenti e invasivi reca disturbo alle persone aumentando la percezione di insicurezza di cittadini e turisti”. Un’ordinanza a tempo determinato, della durata di sei mesi, nata per rispondere alle numerose segnalazioni pervenute al Comune sia da parte di fiorentini che di turisti, trovatisi alle prese con falsi artisti di strada che “chiedono soldi e spesso distraggono il turista alleggerendolo del portafoglio”, sottolinea ancora Mattei. Ma il provvedimento colpisce anche i suonatori di strumenti particolarmente insistenti, i questuanti molesti agli incroci e nei pressi degli ospedali. Per loro si fanno più pesanti le sanzioni: da 80 a 480 euro di multa, comminata dalla polizia municipale. A ben guardare, infatti, il provvedimento altro non è che una ulteriore precisazione di quanto già previsto dal regolamento dei vigili. “Nel regolamento vengono già individuati alcuni comportamenti vietati – commenta il comandante della polizia municipale Massimo Ancillotti - ma si tratta di una in-

dicazione generale che, visti i fenomeni sviluppatesi dell’ultimo periodo, non consente un intervento puntuale e mirato. Per questo, sulla base dell’articolo 54 del Testo Unico sugli enti locali e dell’articolo 2 del decreto del Ministro dell’Interno del 5 agosto 2008 sui poteri dei sindaci in materia di incolumità pubblica e sicurezza urbana, abbiano ritenuto necessario definire più precisamente i fenomeni da arginare per dare uno strumento di intervento più adeguato alla polizia municipale”. Da questo mese, dunque, presenza rafforzata degli agenti, soprattutto nel centro storico. Quattro le modalità di “mendicità invasiva”

Da questo mese presenza rafforzata degli agenti, soprattutto nel centro storico (così viene chiamata nell’ordinanza), una delle quali inquadra esplicitamente i “soggetti vestiti con tunica e copricapo bianchi e con volto travisato da cera bianca”. Vietato anche lo sfruttamento degli animali per impietosire i passanti, così come far mostra di arti malformati. Tantomeno i questuanti potranno sostare ripiegati su se stessi “a guscio di tartaruga” sui marciapiedi. Divieto totale, invece, anche per chi chiede l’elemosina in modo non invadente, all’interno e nei dintorni di ospedali e semafori.

Un finto mimo in centro

1080535

Istituto del Sacro Cuore di Firenze Scuole paritarie dell’infanzia, primaria e media Liceo paritario sperimentale classico scientifico - linguistico Convitto femminile della Scuola Elementare al liceo Pensionato universitario femminile Mensa interna, prescuola, doposcuola, scuolabus, laboratorio informatico, di chimica, linguistico, certificazioni internazionali di lingua, attività sportive, corsi di musica, corsi di recitazione, impianti sportivi, palestra, teatro

Viale Michelangiolo, 27 Firenze - Tel. 055 6811872 Fax 055 6811388 E-mail: info@sacrocuore.com - www.sacrocuore.com


noi e gli altri

27

SALESIANI. Servono soldi per la ristrutturazione della Sacra Famiglia: appello del parroco ai cittadini

“Adotta una pietra della tua chiesa” Matteo Francini

A

vederla dall’alto, così come si nota dalla grande fotografia aerea appesa alla parete di uno dei suoi uffici, appare come un’estesa macchia, l’unico grande spazio aperto tra i tetti rossi delle case e il grigio delle strade. “Un polmone”, la definisce don Gianni, parroco qui da otto anni. Stiamo parlando della vasta area dei Salesiani, che dal cancello di via Gioberti si apre verso l’interno ospitando la chiesa della Sacra Famiglia, l’oratorio, un cinema, una libreria, campi sportivi, scuole e molto altro ancora. Un “polmone” nel cuore della città, appunto, e non solo per il tanto verde che la caratterizza. “Ma soprattutto perché dal nostro oratorio è passata mezza Firenze, qui vengono a trascorrere il loro tempo tanti ragazzi, soprattutto quelli più poveri – puntualizza don Gianni – e molti sono stranieri, qui può stare anche chi non è cattolico, l’importante è che abbia rispetto. Io sono convinto che le parrocchie possano essere un punto di riferimento non solo cristiano, ma anche di aggregazione umana”. Un polmone pullulante di attività di ogni tipo rivolte a giovani, anziani, poveri e stranieri, come per esempio il centro d’ascolto della Caritas, che ogni giorno riceve persone che cercano lavoro per metterle in contatto con chi il lavoro lo offre, o il laboratorio “Mamma Margherita”, dove alcune anziane si ritrovano per cucire e lavorare a maglia manufatti che poi saranno venduti nei mercatini di solidarietà, o ancora come l’organizzazione di iniziative quali la cesta di solidarietà, che raccoglie generi alimentari da distribuire a chi ne ha bisogno “e di cui sta aumentando la richiesta”, spiega il parroco. Ma un polmone che, nel maggio del 2008, ha cominciato a perdere qualche “pezzo”: dall’esterno della chiesa, infatti, erano iniziate a cadere pericolosamente alcune pietre, “una delle quali ha quasi colpito una signora”.

La chiesa della Sacra Famiglia prima dell’intervento e come si presenta attualmente

Per ridare un volto nuovo e sicuro all’edificio occorre oltre un milione di euro: finora donati 30mila euro dalla gente. Don Gianni: “Questo è un polmone per tutta la città”

L’INIZIATIVA. Una festa in ricordo di Don Renzo

Quel prete sempre di corsa

C

i sono persone, personaggi anzi, che riescono a lasciare scolpita la propria memoria anche quando non ci sono più. Succede ad esempio con la figura di Don Renzo Forconi, scomparso un anno fa. Fu parroco della chiesetta di Santa Maria a Quarto e per oltre trent’anni presidente dell’Opera Diocesana di Assistenza, l’Opera della Diocesi che da più di cinquant’anni assiste i disabili. Il 19 dicembre, a un anno dalla scomparsa, il nuovo presidente dell’Oda, Don Vasco Giuliani, celebrerà una messa nella parrocchia di via dell’Osservatorio 154 (ore 16.30). Per l’occasione sarà anche allestito un mercatino di opere realizzate dai ragazzi disabili dell’Oda, quelli che Don Renzo chiamava “i mì figlioli” e a cui ha dedicato tantissimi anni del suo impegno pastorale. Chi lo ha conosciuto racconta che quei ragazzi erano sempre con lui, che li portava con sé ovunque potesse farlo e guai a chi glieli toccava. Don Renzo fu molto vicino anche ai ferrovieri: per trent’anni è stato cappellano compartimentale delle Ferrovie dello Stato e la chiesetta al binario uno di Santa Maria Novella era una delle sue “case”. Gli amici ferrovieri lo ricordano an-

Don Renzo (foto di Silvano Silvia)

cora scapicollarsi dalle viuzze di Quarto per fare a tempo a dire la messa per loro, non hanno dimenticato quel prete sempre di corsa che li andava spesso a trovare nell’Officina di Porta a Prato. Del resto la vicinanza di Don Renzo ai lavoratori cominciò presto, perché fu lui, come cappellano del lavoro, ad occuparsi dell’assistenza religiosa degli operai impegnati nei cantieri di Barberino ai tempi della costruzione dell’Autostrada del Sole. Proprio in memoria di questa sua intensa vita a sostegno delle persone in difficoltà, l’Oda sta preparando una pubblicazione che ne ripercorre vita, insegnamenti ed aneddoti attraverso le parole di chi /B.S. lo ha conosciuto.

Allora non è restato altro da fare che decidere di ristrutturare tutto il perimetro esterno della struttura, a cominciare dalla facciata, tutt’ora avvolta dalle impalcature. Operazione per cui però serve oltre un milione di euro, e visto che i soldi (a differenza delle pietre “malate”) non cadono dal cielo, l’energico don Gianni (che per raccogliere fondi ha in cantiere anche l’organizzazione di una megalotteria con nientemeno che un’auto come premio) ha pensato di chiedere un aiuto ai fedeli e a tutti i cittadini che vogliano dare una mano. Lo slogan dell’iniziativa è “Adotta una pietra della tua chiesa”, e la generosità della gente ha già fruttato, al momento, circa 30mila euro. Ma quei soldi non bastano, e per questo don Gianni rinnova il suo appello perché altri cittadini adottino altre pietre, per ridare finalmente un volto nuovo (e sicuro) a una chiesa storica (la cui prima pietra fu posata il 21 aprile 1903) che rappresenta un patrimonio per tutta Firenze. E non è questo l’unico progetto che il parroco ha in testa: da ristrutturare, infatti, ci sarebbero anche alcune bifore, vetrate e rosoni. Interventi per cui sta cercando alcuni sponsor, così come per l’operazione più “ardita” (e affascinante) che intende realizzare: il trasloco all’interno della chiesa della grande e bella statua della Madonna (molto più che vagamente somigliante alla Primavera del Botticelli), alta ben 2,18 metri, che attualmente troneggia – poco visibile – dentro un pinnacolo sul tetto dell’edificio. Per il momento, comunque, la priorità è quella di ristrutturare la chiesa: tra l’altro, grazie alla nascita di una Onlus, le offerte di chi vorrà “adottare una pietra” potranno essere dedotte. Per informazioni e donazioni: Chiesa della Sacra Famiglia, via Gioberti 33 Telefono: 055 666928 e-mail: giandal@libero.it Conto corrente postale N° 14280507 Iban: IT91C0620002800000000000372


28

zoom

Dicembre 2009

QUATTRORUOTE/1. La nostra città lo scorso anno è stata la più tartassata: 289 ogni 100 veicoli

Una pioggia di multe per i fiorentini Il rapporto Aci-Caracciolo consegna a Firenze lo scomodo primato: ogni automobilista deve fare i conti con due o tre verbali l’anno e investire in sanzioni una cifra più alta di quella che sborsano romani, bolognesi e milanesi Ginevra Donnici

È

una di quelle poche classifiche in cui il primo posto non è sicuramente ambito. Stiamo parlando del podio per la città più tartassata dalle multe nel 2008. A vincere la medaglia d’oro è stata proprio Firenze con le sue 289 multe ogni 100 veicoli. Come dire che ogni automobilista fiorentino si trova sul cruscotto della sua auto tra i due e i tre verbali ogni anno. Tutta un’altra storia capita, ad esempio, nella città di Foggia, dove si marcia al ritmo di una sola multa ogni cinque auto. Sono questi i dati che emergono dall’ultimo rapporto presentato dall’Aci-Fondazione Caracciolo sui controlli da parte delle polizie municipali sulle strade urbane italiane. Scorrendo la graduatoria delle multe (che tiene conto della popolosità dei capoluoghi oggetto dell’indagine) si scopre che addirittura in una metropoli come Roma la media delle contravvenzioni è meno di una multa per ogni auto circolante. Il confronto con Firenze è impietoso. Il capoluogo toscano si piazza quindi in pole position, superando

per numero di multe procapite addirittura i grandi centri come Milano e la capitale. Non a caso, nel 2007, ogni fiorentino per pagare contravvenzioni ha sborsato in media 134 euro, una cifra più alta rispetto al dato di Roma (125 euro), Bologna (119) e Milano (106). Ma c’è una magra consolazione per i fiorentini: essendo la città piena di turisti, anche loro partecipano alla composizione del “montepremi finale” delle multe. Ancora secondo i dati dell’Aci, ogni vigile fa mediamente 520 multe all’anno, ogni minuto vengono sanzionati 18 automobilisti, che diventano 26 mila in 24 ore, dieci milioni in un anno intero, 1087 ogni ora. Secondo lo studio, che ha analizzato la situazione di 103 comuni capoluoghi di provincia, sono le polizie locali a elevare il maggior numero di sanzioni: più del 70 per cento del totale di quelle emesse dalla Polizia, dai Carabinieri, dalla Guardia di Finanza. Nella classifica delle infrazioni, al primo posto (5,7 milioni di multe, al costo medio di 68 euro) le violazioni all’articolo 7

del Codice della Strada, ovvero zone a traffico limitato, varchi, blocchi del traffico ma soprattutto le strisce blu dei parcheggi a pagamento, seguite dal divieto di sosta con più di 2,7 milioni di multe l’anno. E poi c’è da dire che un conto è scrivere gli importi sui verbali e nei bilanci, altro conto è portare davvero i soldi nelle casse del Municipio: nel 2007 le riscossioni “di competenza”, cioè relative allo stesso anno in cui la multa è stata fatta, sono state poco più della metà (si sono fermate al 51,9 per cento). Le motivazioni sono tante. Ci sono quelli che fanno ricorso, quelli che non pagano, quelli che si dimenticano, quelli che le accumulano nel fondo di un cassetto con la speranza di farla franca. Magari attraverso la mini-sanatoria varata dal Governo: il condono che permette di pagare l’importo originario della contravvenzione e non quella raddoppiata o triplicata da ulteriori sanzioni e interessi. Ma su decisione dell’amministrazione comunale i fiorentini non si potranno avvalere di questo strumento.

LA NOVITÀ Oltre alle linee 7 e 30 “classiche” ora c’è anche la versione “express” che fa meno fermate

Ataf, prosegue la rivoluzione: via ai bussini e ai percorsi veloci

P

rosegue la rivoluzione Ataf. Questa volta le modifiche riguardano la linea 23 che riduce di 13 minuti il suo percorso. Dallo scorso 23 novembre il bus diretto a Gavinana ha ottimizzato il tragitto “post –pedonalizzazione”, eliminando il ritorno dopo essere uscito da via della Colonna sui viali, per via dell’Agnolo e via del Proconsolo. Adesso continua la sua corsa sui viali fino al lungarno, corso Tintori, via dei Benci, il Ponte alle Grazie e avanti con il vecchio percorso. Sul tratto Agnolo-Oriolo-Proconsolo il 23 è sostituito dalle due linee circolari di bussini elettrici, la C1 e la C2, che passano ogni 4

minuti e mezzo, fino alle ore 23 e girano intorno ai confini di tutta l’area pedonale di piazza Duomo. Altre novità riguardano le linee 7 e 30 che dal 5 dicembre diventano anche “express”: vale a dire che alle due linee già esistenti se ne affiancano due nuove più veloci. Le vecchie linee effettueranno le corse regolarmente facendo tutte le fermate, gli express invece faranno solo le principali e arriveranno più svelte: il 7 da Fiesole a San Marco in 20 minuti e il 30 da Campi alla stazione. Intanto il presidente di Ataf, Filippo Bonaccorsi dopo una missione a Bruxelles è tornato a casa con un finanziamento di venti milio-

ni di euro concessi dalla Banca europea. Questi investimenti serviranno a lanciare la campagna di rinnovo della flotta più massiccia che l’azienda fiorentina di trasporto ricordi da decenni. Il finanziamento servirà a coprire circa il 30 per cento del costo totale, il resto lo dovrebbero mettere il ministero dell’ambiente e la Regione Toscana. “In cinque anni sostituiremo l’intero parco mezzi - promette Bonaccorsi - Cambieremo cinquanta mezzi con altrettanti nuovi e i primi bus ad andare in pensione saranno i cosiddetti ‘lombriconi’ da 18 metri, che /G.D. con la fine del 2009 non circoleranno più”.

A NATALE.. ad ogni dono il suo vestito Lasciatevi sedurre dalle linee nuove ispirate alle peonie e legni fruttati

IL NOSTRO ALBERO DELLE IDEE REGALATI E REGALA

BENESSERE

le nostre idee regalo per il NATALE facciamoci belli moltiplica il tuo regalo x 4 acquistando il regalo dal nostro albero delle idee ne riceverai altri 3 con l’acquisto minimo di Euro 49

O COUPON ENTR PRESENTA IL 10 20 O AI IL 31 DI GENN AGGIO I OM E RICEVERA

RI IL CALENDA

AR O L’ E R B O L

IO

IL TUO REGALO DI NATALE 1080393

Punto Vendita Qualificato

L’ERBOLARIO

a partire da

Euro 12, 50

Orario continuato dal lunedì al sabato 09.30 - 19.30 TUTTE LE DOMENICHE DI DICEMBRE CON ORARIO CONTINUATO

Via Gioberti, 52/r - Firenze tel. 055 6550810


zoom

29

QUATTRORUOTE/2. Sono circa una ventina i posteggiatori in azione che chiedono gabelle illegali

Quando il parcheggiatore è abusivo Esigono ticket da un euro in su e colpiscono in molte zone della città: da Careggi a piazza Vittorio Veneto, da viale Petrarca al lungarno Vespucci, da piazza Tasso a piazza Cestello Giuditta Boeti

P

ettorine catarifrangenti, biglietti falsi alla mano e accento meridionale. Modi garbati e cortesi se paghi, intimidatori e insolenti se ti rifiuti. Ecco il profilo del parcheggiatore abusivo di casa nostra. Quel falso addetto ai posteggi che con fare fermo e deciso obbliga gli ignari automobilisti al pagamento di una gabella a fronte di nulla, visto che non sono per nessuna ragione autorizzati a custodire il mezzo in sosta. A Firenze – secondo l’ultima stima - i posteggiatori abusivi sarebbero una ventina, localizzati da piazza Vittorio Veneto a Careggi, da viale Petrarca al Lungarno Vespucci, da piazza Tasso a piazza Cestello. Ma non solo. Le zone in cui ‘operano’ variano in base agli appuntamenti presenti in città. Insomma, dove c’è la possibilità di speculare sui parcheggi arrivano loro. Sfacciati e arroganti. La tattica è sempre la stessa. Fingono di essere dei regolari posteggiatori e truffano gli inconsapevoli automobilisti in cerca di un parcheggio per l’auto. Il ticket dovuto varia in base alla zona e all’orario. Si va dall’obolo minimo di uno fino ai 10, 20 o addirittura 30 euro. Così come successe lo scorso anno, al parcheggio di piazzale Montelungo, vicino alla Fortezza da Basso, dove ‘lavoravano’ due campani colti in flagranza di reato dalla squadra mobile: armati

di pettorine fosforescenti e transenne per convogliare il traffico, i falsi posteggiatori chiedevano dai 3 ai 30 euro per la sosta, rilasciando false ricevute. Furono denunciati e arrestati. Altra zona ambita dagli abusivi è quella delle Cascine dove è alta la concentrazione di locali notturni. Anche se i clienti delle discoteche in piazza Vittorio Veneto sanno bene che le aree di sosta sono del tutto gratuite in orario notturno, sono comunque costretti a sottostare al ricatto del ticket (circa 3 euro) per stare tranquilli. In questi casi i parcheggiatori entrano in azione intorno alle 23 e agiscono in squadra. Meglio non essere soli per essere più convincenti. Bloccano l’automobilista in cerca di posteggio e gli chiedono la tassa. Il target preferito sono le ragazze, meglio se sole e senza uomini al seguito. Invece i ragazzi – soprattutto se numerosi - meglio lasciarli perdere. Così facendo, i parcheggiatori in una serata riescono a racimolare anche cento euro. La difficoltà delle forze dell’ordine sta nel non riuscire a contrastare drasticamente il fenomeno perché non c’è detenzione se non arrivano aggressione, molestie o denuncia da parte delle vittime che, il più delle volte scelgono il quieto vivere. Perché si sa, chi protesta rischia di trovarsi la macchina ‘accidentalmente’ graffiata o danneggiata.

L’INTERVISTA Risultano nullatenenti, non pagano se sanzionati e tendono a reiterare il reato

“Un problema estremamente fastidioso e difficile da combattere”

A

bbiamo parlato con l’assessore alla mobilità e al decoro, Massimo Mattei, per capire in che modo il Comune di Firenze intende affrontare il problema dei parcheggiatori abusivi. “Stiamo continuando a fare battaglia per contrastare il fenomeno – dice Mattei - ma è un’azione non facile da reprimere perché si tratta di persone insolvibili”. Assessore, perché è così difficile punire i parcheggiatori abusivi? Malgrado le forze dell’ordine si impegnino a

monitorare il territorio e sanzionare i casi di falsi parcheggiatori, alla fine nessuna multa viene pagata. Questi parcheggiatori risultano nullatenenti, quando si presentano gli ufficiali giudiziari non c’è niente da pignorare. Anche se vengono arrestati dopo poco tempo sono di nuovo fuori, pronti a ricommettere lo stesso reato. È un problema estremamente fastidioso, soprattutto per i cittadini più deboli, come le donne, i disabili e gli anziani che si trovano costretti a pagare per evitare pericoli.

La MUSICA è niente se nessuno la può SENTIRE.

Qual è la zona più “gettonata”? Ultimamente sono stati registrati veri e propri casi di minacce nel parcheggio del Meyer. Da quando la sosta nell’orario del passo non è più a pagamento i parcheggiatori hanno preso di mira l’area dell’ospedale pediatrico, approfittando dello stato d’animo degli automobilisti. Per questo abbiamo deciso di intensificare i controlli in tutta l’area ospedaliera di Careggi. Quale soluzione propone per contrastare il pro-

Hear the World è un’iniziativa internazionale ideata da Phonak per aumentare la consapevolezza sull’importanza dell’udito, un problema che colpisce più del 16% della popolazione mondiale. Plácido Domingo, Annie Lennox, Dionne Warwick, Harry Belafonte, Laura Pausini e altri artisti di fama internazionale hanno unito le loro forze a favore di Hear the World. Nel contesto di questa iniziativa, Phonak ha istituito la Hear the World Foundation, un’entità non-profit per supportare progetti dedicati all’aiuto di chi è affetto da deficit uditivo. www.hear-the-world.com

blema? Penso che se le principali aree di sosta – soprattutto in occasioni di grandi concerti e manifestazioni – venissero prese in gestione da cooperative convenzionate con il Comune, la presenza dei parcheggiatori abusivi sarebbe ampiamente contrastata. Comunque, ultimamente il fenomeno sembra più contenuto anche grazie al numero esiguo di posteggiatori che hanno deciso di ‘lavorare’ a Firenze. /G.B.

Campagna di prevenzione HEAR the WORLD. CI CONTATTI PER CONTROLLARE GRATUITAMENTE IL SUO UDITO.

Centro Acustico Ricasoli supporta l‘iniziativa Hear the World.

Plácido Domingo, tenore e direttore d‘orchestra

Via Ricasoli, 24-26 Rosso - Firenze - Tel. 055 212447 - 055 215259 centroacusticofirenze@audioprotesisti.it


30

curiosità

Dicembre 2009

TABÙ/1. Antiche leggende dipingono alcune zone della città come foriere di sventure

Viaggio nei luoghi della superstizione Il campanile nuoce ai laureandi, il Ponte Vecchio fa bene agli innamorati, mentre è meglio diffidare del lungarno della Zecca e dell’incrocio tra viale Gramsci e piazza Beccaria. Ecco una mappa delle credenze cittadine Francesca Puliti

secondo livello. Tornando invece ai sentimenti, pare che piazza Santa Trinita sia un luogo propizio all’amore. “E’ qui che si svolgevano i ‘balli tondi’ delle donne in epoca medievale e rinascimentale – racconta Luigi Pruneti, autore di diversi libri in tema di storie e curiosità sotto il Cupolone, come “Firenze dei misteri” – e che gli uomini venivano a spiare, al “Cantar di Maggio”, che poi sarebbe l’antenato delle moderne notti bianche. Alzi poi la mano il fiorentino che non ha mai espresso un desiderio di fronte al Porcellino, il bronzo dell’omonima Loggia. Leggenda vuole che se la monetina, appoggiata

Pare che anche piazza S. Trinita sia un posto propizio all’amore: è qui che si svolgevano i “balli tondi” sulla bocca aperta dell’animale, cade direttamente dentro la grata il desiderio si avveri. Il trucco è noto, la valenza simbolica rimane: solo gli spiccioli più pesanti centrano l’apertura al primo colpo. Insomma realizzare i propri sogni può costare caro. Infine ci sono quei luoghi, forieri di sventura, che sarebbe meglio evitare. Come il Lungarno della Zecca o il punto in cui viale Gramsci si innesta in piazza Beccaria, strade percorse nei secoli addietro dai condannati a morte. Anche se al massimo, oggigiorno, potremmo essere condannati a pagare un salato conto al parcheggio interrato lì sotto.

PORTE E FINESTRE IN ALLUMINIO ESSENZA LEGNO esterno in alluminio

interno in ciliegio o frassino

Piazza Santa Trinita

PORTONE BLINDATO (1 ANTA) - modo di apertura “spingere sinistra” - pannelli fronte / retro lisci - cilindro doppia mappa

€1.400

a partire da €720 al mq INFISSO in pvc doppia anta con ribalta-vetri isolanti termici ed acustici su misura, varie colorazioni, solo

A PERTIRE DA

€600 al mq

FINESTRA ITALIA TI RIMBORSA 40 EURO PER OGNI FINESTRA INSTALLATA

PERSIANA IN ALLUMINIO stecca fissa (o orientabile) in colori base su misura

€300 mq

A partire da

PAGABILI ANCHE A RATE

€ 280 mq

PAGAMENTO A RATE

VETRI TERMICI €210 AL MQ

€190 mq

IVA COMPRESA

• Spessore 4/12/4 basso emissivo (risparmio energetico) • Inclusa posa in opera • Su misura • Minimo fatturabil 0.50mq

Show-room: Via F. Martini, 10/R

Tel. 055 6121802

€1.150

trasporto + montaggio inclusi

Resistenti a pioggia, sole e neve, conservano la loro tradizionale bellezza senza bisogno di manutenzione

INFERIATE IN FERRO • Per finestre e porte • Su misura • Varie tipologie fisse o apribili • Con serratura di sicurezza a partire da

€310

€250/mq

FINESTRE E PORTE • TAGLIO TERMICO A partire da

€ 280 al mq

• TAGLIO FREDDO A partire da

€ 275 al mq

vedi tutte le nostre offerte e servizi su www.vetreriarondinella.it

1065704

V

ietato salire sul campanile di Giotto se ti stai per laureare. Passare con tutta cautela dalla piazzetta della Croce al Trebbio, un trivio prediletto in passato dal demonio. E se invece vuoi che il tuo amore duri in eterno recati nel luogo più romantico della città, Ponte Vecchio, fissa un lucchetto alla ringhiera e getta in Arno la chiave. Nossignore, non si tratta di una moda lanciata da Moccia, ma di una leggenda testata nei secoli dai fiorentini. Il “brevetto” è proprio nostro, anzi di un fabbro che, prima dell’avvento delle costose vetrine degli orafi, aveva la bottega proprio ai piedi del ponte e pubblicizzava la sua attività narrando questa storia. Credevate forse che la superstizione fosse roba da nonni, rintracciabile solo nelle aspre campagne del Mugello o della Lucchesia? Vi sbagliavate di grosso. Il 30 per cento dei fiorentini non ha problemi nel dichiararsi scaramantico, come emerge da una recente ricerca svolta da una compagnia di assicurazioni. E dal tardo medioevo ad oggi avremmo pure abbandonato il cavallo in favore di agili scooteroni e il piccione viaggiatore per uno o più cellulari, ma le credenze popolari ce le siamo portate dietro e custodite con un certo riguardo. Altro che anziani, sono proprio i giovani a tramandare la leggenda del campanile di Giotto. Credenza, questa, che il nostro campanile condivide con altre celebri distese di scalini, come la Mole Antonelliana di Torino o le due torri di Bologna, quasi che l’ascesa venga interpretata come atto di superbia e punita con il mancato raggiungimento del più alto obiettivo del percorso di studi. Certo anche questa credenza andrebbe aggiornata all’epoca dei master di primo e


curiosità

31

TABÙ/2. Un’indagine fotografa paure, scongiuri e gesti propiziatori tipici degli abitanti del capoluogo

I fiorentini? Un popolo di scaramantici Quando si mettono al volante lo fanno riempiendo la macchina di oggetti portafortuna, detestano partire di venerdì 17 e guai se si perdono i consigli quotidiani dell’oroscopo Giulia Righi

N

o, Firenze non poteva fare eccezione. Lei, l’algida signora rinascimentale, alle tradizioni di lungo corso è abituata a rimanerci attaccata con i denti, e dunque neppure delle superstizioni si è voluta sbarazzare. All’alba del 2010 certe vecchie abitudini le ha ancora, e lo prova il fatto che il 30.2 per cento dei fiorentini non ha avuto problemi a dichiararsi superstizioso. Poco meno di un fiorentino su tre non ha avuto vergogna (interrogato da Nextplora per conto della compagnia Direct Line) ad ammettere che sì, gesti e oggetti scaramantici fanno parte della propria quotidianità. In particolare quando si tratta di mettersi al volante, il cittadino gigliato medio segue un cerimoniale scaramantico tutto suo. Un compagno di viaggio imprescindibile sembra essere il caro vecchio cornetto rosso, che il 22.3 per cento degli intervistati ha dichiarato di tenere con sé in auto, ben saldato allo specchietto retrovisore. Appena sotto, sul podio dell’oggettistica scaccia guai, si piazzano le

cose personali, quelle che hanno un valore affettivo (come la foto di una persona cara): un fiorentino su dieci ne tiene una in macchina. Al terzo posto ci sono invece le coccinelle, i simpatici animaletti puntinati ai quali i superstiziosi fanno la corte dalla notte dei tempi: i fiorentini non sono da meno, e l’8 per cento degli intervistati dichiara di averne una come portafortuna in auto. Seguono, pari merito, i dadi (8 per cento), il ferro di cavallo (5.2 per cento), l’elefante con la proboscide alzata (1.6 per cento) e il sempreverde quadrifoglio (1.5 per cento). Oltre a questa serie di oggetti mutuati dalla tradizione profana, ci sono poi quelli legati alla fede: il 13 per cento dei fiorentini tiene in macchina un’immagine sacra oppure un oggetto religioso. Ma non finisce qui: una volta attrezzata la macchina con tutto questo corredo apotropaico, c’è da metterla in moto e partire. Ma anche qui, non è tutto così immediato. Le date, ad esempio, per i fiorentini sono molto importanti: il 18.5 per cento ( a fronte di un 10 per cento a livello na-

zionale) storce il naso di fronte a una partenza di venerdì 17 ed evita come la peste viaggi in questo odiato giorno. Ancora: il 21.6 per cento non riesce proprio a mettere in moto senza prima aver preso con sé il proprio portafortuna. Ma nel rituale anti-malasorte dei concittadini c’è pure un altro passaggio importante: l’oro-

scopo. Interrogare le stelle è un’abitudine per il 31 per cento dei fiorentini (che sono tanti) e il 4.5 dichiara di basare le scelte della giornata in base ai consigli astrologici. Un altro 31 per cento infine si dichiara scettico, ma ciò non toglie che le paginette oracol-astrologiche se le spulci lo stesso.

L’INTERVISTA Franco Ciarleglio è autore de “Lo struscio fiorentino”

Quella colonna in piazza Santa Felicita che non riesce a trovare pace

C

erto, lo scettro della scaramanzia in Italia va a Napoli. E sicuramente altre città ci superano. Eppure ogni fiorentino che sia a conoscenza della storia della lapide in marmo che si trova in piazza Duomo, lato Sasso di Dante, quando ci passa vicino guarda verso il Cupolone con una certa apprensione. Qui cadde la palla che si trova in cima all’opera del Brunelleschi, colpita da un fulmine durante una tempestosa notte del 1600. Di storie come queste ce ne sono a bizzeffe nella nostra città, come racconta Franco Ciarleglio, autore de “Lo struscio fiorentino”, nonché “guida” d’eccezione 2-3 volte l’anno in un vero e proprio struscio a caccia di curiosità e aneddoti

per le vie del centro. Attualmente le passeggiate sono organizzate dal Dopolavoro Ferroviario e suddivise in quattro o cinque tappe. Ci può indicare qualche luogo che porti fortuna a Firenze? Ci sono alcuni luoghi che potremmo definire propizi, come quello dove Dante incontrò per la prima volta Beatrice, oppure via de’ Bardi, dove si svolse la storia dei Romeo e Giulietta fiorentini. Lei era una Bardi, lui un Buontalenti, apparteneva perciò ad un ceto inferiore. Così i due organizzarono una specie di fuitina alla fiorentina. Nottetempo il giovane si vestì tutto di nero e si diede ad arrampicarsi sulla facciata del palazzo dell’amata. Ma fu intercettato

dalle guardie, che lo scambiarono per un ladro. Per non disonorare la fanciulla Ippolito accettò la condanna alla pena capitale, ma chiese di poter passare un ultima volta sotto la casa di Dianora. E qui la trovò, pronta a discolparlo. E uno che invece “porta male”? E’ curiosa la storia di piazza Santa Felicita, dalle parti del Ponte Vecchio. Qui le monache avevano fatto costruire una piccola piramide, che però crollò e venne rimpiazzata da una colonna romana. Distrutta, trafugata e infine bombardata, la colonna pare non avere un attimo di pace. /F.P.

1076788 1080469

SRL

A Natale produzione propia di Panettoni Pandori Ricciarelli e Panforti. Firenze Viale dei Mille, 49/r - 055 579 684

TRASFORMAZIONE VASCA DA BAGNO IN PIATTO DOCCIA

Si accettano prenotazioni per ogni tipo di ricorrenza Chiuso il Lunedi’

PRIMA

info@tecnobad.it

DOPO

ESPOSIZIONE Firenze - via del Sansovino, 218 tel. 055 7390483 - Elio cell. 347 3709941


32

tempi moderni

Dicembre 2009

CITTÀ IN FERMENTO. Tre esempi per tre attività diverse, che portano una ventata di freschezza nel capoluogo

Firenze fa rima con intraprendenza Giovani, fiorentini e pieni di idee: queste sono le caratteristiche che accomunano le tre storie di cui parliamo. Ragazzi diversi per età e formazione che un giorno hanno deciso di fare di testa loro, provando con coraggio a realizzare progetti ambiziosi. Perché, anche nella tranquilla culla del Rinascimento, c’è qualcosa che sotto sotto comincia a muoversi...

GLI IMPRENDITORI Il brand made in Italy di due giovani fiorentini

L’ASSOCIAZIONE “Baby” architetti promuovono un nuovo modo di fare cultura

LA ONLUS E’ nata un’associazione che porta aiuti in Africa

La t-shirt fai da te adesso è on line L’arte contemporanea sbarca in salotto La solidarietà passa anche da qui rendi due giovani cervelli appena rientrati a Firenze dal fermento creativo della Berlino degli ultimi anni, mischiali con un’idea intelligente, condiscili con tanta energia e altrettanti buoni propositi. Il risultato è “Colorised”, neonato brand di t-shirt personalizzate firmato dai fiorentini Silvia Fossati e Simone Mollica. I due giovanissimi imprenditori (27 anni lei, 28 lui), stanchi di non trovare sul mercato fiorentino prodotti in grado di rispecchiare i loro gusti, hanno ben pensato di crearsi un brand su misura e, perché no, di distribuirlo su internet a tutto il popolo di affezionati di abbigliamento casual & company. “Colorised” è una doppia linea di magliette, da uomo e da donna, studiate su misura per non essere la “solita” t-shirt. Il modello è stato pensato e realizzato da Camilla Bresci, neolaureata in design della moda presso ISIA – Polimoda di Firenze, reduce da un stage formativo presso la maison londinese di Vivienne Westwood, madrina della moda d’oltremanica. Mesi di studi hanno portato a realizzare un prodotto fedele alla classica maglietta a forma di T, ma allo stesso tempo innovativo. Nuova è la foggia, originali gli abbinamenti di colore e spasmodica la cura dei dettagli. Dalla banda di colore a contrasto, al posizionamento del logo e dell’etichetta, fino alla scelta del cotone, rigorosamente made in Italy. Sul sito (www.colorised-shirt. com) a disposizione dei potenziali acquirenti l’intera gamma di colori selezionata per questa stagione, oltre a una serie di disegni pronti ad essere stampati. Se poi si hanno le idee già chiare, si può scegliere di personalizzare la propria maglietta inviando elettronicamente delle grafiche, che poi verranno stampate sul cotone e inviate direttamente a casa. Il risultato è garantito.

C

hi l’ha detto che a Firenze non si fa mai niente di nuovo? Private flat è la dimostrazione del contrario. Uno studio di design, un ex- laboratorio fotografico, la casa di un gruppo di studenti, la sede di un’università per stranieri, sono solo quattro dei quattordici spazi privati che quest’anno sono stati “invasi” dall’arte contemporanea. Come? Semplicissimo. I proprietari (o gli occupanti) di questi spazi sono andati sul sito www.privateflat.it (sono già aperte le iscrizioni per le’dizione 2010) hanno messo a disposizione la loro casa, il loro giardino, la vasca da bagno e il comodino e sono stati contattati da un curatore che, dopo aver visionato lo spazio in questione si è messo a sua volta in contatto con un gruppo di artisti che ha contribuito a creare quella che è né più e né meno, una galleria d’arte temporanea e (è il caso di dirlo) fatta in casa. “E’ un modo per scavalcare le problematiche burocratiche legate alla programmazione di una mostra – ha spiegato Giovanni Bartolozzi, uno dei promotori dell’evento – ma non solo, è molto di più, vuol dire fare arte e coinvolgere le persone. Utilizziamo tante piccole energie private, senza ricorrere a nessun tipo di aiuto pubblico, vuole essere all’origine di una riflessione critica”. Una volta entrati, ad aprire ci pensa il padrone di casa (non il legittimo proprietario ma il curatore), che accompagna i visitatori nei vari ambienti dando spiegazioni su opere e installazioni. Visitando il sito, nella sezione “stiamo cercando nuovi spazi” ci si può già mettere il lista e proporre il proprio sofà come luogo di sperimentazione artistica. E’ il caso di affrettarsi, sembrerà prematuro, ma le richieste per l’edizione del prossimo anno sono già molte.

V

entiquattro anni e un progetto ambizioso da portare avanti: riuscire a garantire un futuro migliore ai bambini di un villaggio dimenticato dell’Africa centrale. Sono giovani e forti i tre soci fondatori di Elpis – che in greco vuol dire “speranza” - Onlus attiva dal 2007, che ad oggi è riuscita a coinvolgere più di 350 persone. “Tre anni fa siamo stati in un orfanotrofio vicino al Lago Vittoria, in Kenya - spiega Ilaria Lo Presti, una dei fondatori di Elpis – dove i bambini dormono e studiano in capanne di fango e lamiera e non hanno elettricità né acqua e dove la maggior parte delle persone si ammala e muore proprio perché beve acqua contaminata senza saperlo”. E’ molto determinata Ilaria, parla del suo progetto con grande enfasi, racconta che sono partiti in tre ma oggi sono in dieci ad impegnarsi attivamente per fare andare avanti la onlus. “Adesso il nostro obiettivo è costruire un dormitorio in muratura per l’orfanotrofio munito di luce e acqua. Siamo già stati a fare un sopralluogo, ci segue uno studio di ingegneria del posto e siamo in contatto con due architetti per capire chi dei due può fare al caso nostro. se tutto va bene si dovrebbe partire a gennaio 2010”. Per portare avanti il progetto e recuperare fondi, lo staff di Elpis organizza eventi sul territorio, come quello del 12 dicembre al Kantiere, associazione culturale con sede all’Isolotto (via del Cavallaccio, 1/Q), dove sarà possibile partecipare ad attività dedicate ai bambini e si potrà visitare una mostra fotografica allestita per l’occasione con le foto scattate in Kenya. “Nel frattempo – continua Ilaria - abbiamo attivato un’iniziativa di supporto scolastico a distanza. Con 240 euro all’anno si permette ai piccoli kenioti di andare a scuola”. Per info sull’associazione e sulle donazioni: www.elpisafrica.org

1003444

P


ServizioVolontarioEuropeo Il 29 Maggio 2008 il Comune di Firenze ha ricevuto l’accreditamento (EI n. 2008-IT-85) da parte dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, istituita dal Parlamento Italiano in attuazione della Decisione CE sul Programma Gioventù in Azione, come organizzazione di invio, accoglienza e coordinamento per il Servizio Volontario Europeo. Il Servizio Volontario Europeo è un progetto della Commissione Europea, Direzione Generale Educazione e Cultura, denominato Programma Gioventù in Azione. Esso è rivolto ai giovani dai 18 ai 30 anni, legalmente residenti in uno dei paesi dell'Unione Europea ed offre loro la possibilità di svolgere un'attività di volontariato a tempo pieno per un periodo compreso tra 2 mesi e 12 mesi, in uno dei 27 paesi membri dell'UE, nei 4 paesi aderenti al Programma (Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Turchia) o nei paesi partner. Il Servizio Volontario Europeo (SVE) aspira a sviluppare la solidarietà e a promuovere la tolleranza fra i giovani, in primo luogo per rafforzare la coesione sociale nell’Unione Europea. Promuove la cittadinanza attiva e migliora la comprensione reciproca fra i giovani. Viaggio, vitto, alloggio e formazione, l'assicurazione ed un "pocket money" mensile sono finanziati dalla Commissione Europea e dalle organizzazioni partner. Per i volontari non sono previsti costi. Le attività di Servizio Volontario Europeo possono svolgersi in vari settori: ambiente, arte, cultura, servizi sociali, politiche giovanili, protezione civile, cooperazione allo sviluppo; interessare il patrimonio culturale, lo sport ecc. Ogni progetto prevede una partnership tra: volontario, Organizzazione d'Invio e Organizzazione d'Accoglienza (l’attività di coordinamento può essere svolta eventualmente da una terza organizzazione). Le Organizzazioni di Invio e quella d’Accoglienza sono organizzazioni non governative, associazioni, enti o iniziative locali senza fine di lucro. Tali organizzazioni di in-

vio e accoglienza permettono e garantiscono: • viaggio di andata e ritorno; • preparazione linguistica; • Formazione finalizzata all'attività da svolgere • vitto e alloggio; • Un mentor che affiancherà il volontario per tutta la durata del Servizio Volontario Europeo; • Un pocket money mensile stabilito dalla Commissione Europea; • Valorizzazione delle competenze acquisite durante il servizio. Tali obiettivi vengono raggiunti attraverso l’inserimento dei volontari all’interno di servizi pubblici destinati a bambini, giovani, adulti ed anziani, con i quali hanno modo di relazionarsi ed interagire. Grazie al supporto formativo da parte del mentor, e professionale da parte di un operatore di ogni servizio, contribuiscono alle attività in modo autonomo e creativo, mettendo a disposizione le proprie risorse e qualità, partecipando in modo attivo alla loro ideazione e realizzazione. Inoltre viene favorito il contatto e la collaborazione con i volontari italiani del servizio civile nazionale, coinvolgendoli nell’ideazione e realizzazione di specifiche iniziative da svolgersi presso i servizi dove svolgono la loro attività, con una dimensione europea (ad. esempio un ciclo di film, letture interculturali, feste a tema, o altro) che costituiscono un’ulteriore preziosa opportunità di interazione e scambio tra pari al fine di favorire la loro formazione interculturale, la loro capacità progettuale, la consapevolezza del loro ruolo nella costruzione dell’Unione Europea. Dal punto di vista dei volontari essi hanno modo di sviluppare conoscenze e competenze necessarie allo svolgimento di un consapevole percorso di servizio volontario, e operare efficacemente all’interno dell’attività assegnata. Sviluppano le loro motivazioni e il loro coinvolgimento

Biblioteche

Centri di Aggregazione Giovanile

I volontari sono coinvolti attivamente nell’attività di alcune biblioteche comunali, sia nei servizi di front office con rapporti diretti con l’utenza, sia nei servizi di back office a supporto del lavoro quotidiano del personale. Pertanto il volontario, interagendo con la comunità degli utenti della biblioteca e con il gruppo di lavoro esistente, trasmette tutto il suo bagaglio culturale e di esperienza, e allo stesso tempo acquisisce conoscenze nuove relative alla vita sociale, culturale e lavorativa della città. La biblioteca valorizza la presenza dei volontari stranieri con iniziative specifiche per la promozione delle collezioni librarie e della lettura, volte a far conoscere meglio agli utenti il paese di provenienza dei volontari (es: scaffali tematici sulla letteratura, sulla musica, il teatro, il cinema o le arti, sui viaggi, o realizzazione di iniziative per bambini e ragazzi con letture di storie e fiabe dei paesi stranieri di provenienza). Al termine del periodo di servizio il volontario acquisisce una serie di competenze tecnico-professionali e relazionali spendibili nella sua vita lavorativa futura.

I centri giovani sono gestiti da diverse figure professionali che operano nell’ambito degli interventi educativi del Comune di Firenze rivolti ai minori, agli adolescenti e ai giovani. La presenza dei volontari è finalizzata a sviluppare l’approccio informale con i minori e adolescenti, sia dentro le strutture che nelle strade o nei giardini pubblici, allo scopo di favorire i processi di socializzazione e di diffondere la conoscenza e la frequentazione dei centri di aggregazione giovanile, luoghi nei quali è possibile incontrarsi, scambiare esperienze, ascoltare musica, navigare in internet, partecipare ad attività culturali, educative, ricreative inerenti agli interessi manifestati dagli stessi utenti.

Palestra Informatica Servizio istituito dalla Promozione Sociale della Direzione Sicurezza Sociale del Comune di Firenze, con i suoi corsi di alfabetizzazione informatica cerca di avvicinare la popolazione over 55 e adulta in generale

attivo quali veri protagonisti del proprio percorso, con una maggiore capacità critica riguardo alle grandi tematiche della società affrontate e conosciute attraverso il lavoro quotidiano e l’acquisizione graduale dei mezzi per decifrare il complesso mondo sociale inerente soprattutto le tematiche giovanili. Sviluppano inoltre le loro capacità relazionali nei confronti dell’Istituzione e dei suoi rappresentanti, sia politici che amministrativi, grazie alla partecipazione alla vita pubblica nei suoi vari aspetti in linea con la formazione di una cittadinanza attiva ed etica. Il Comune di Firenze svolge il ruolo di coordinatore del progetto e si assume i seguenti compiti: • responsabilità finanziaria e amministrativa di tutto il progetto; • coordinamento del progetto in collaborazione con tutte le Organizzazioni di Invio; • comunicazione sulle attività del progetto e i risultati con tutte le Organizzazioni di Invio; • ripartizione stanziamento SVE tra tutte le Organizzazioni di Invio; • ripartizione stanziamento SVE tra tutte le Organizzazioni di Invio; • accertamento che i volontari frequentino l’intero Ciclo di Formazione e valutazione SVE; • raccolta della documentazione delle Organizzazioni di Invio necessaria per la richiesta del finanziamento; • redazione e sigla di un accordo tra tutti i soggetti coinvolti nel progetto, nel quale si dettaglieranno condizioni, diritti, doveri e attività del volontario e ruoli ed i compiti delle Organizzazioni di Invio; • accertamento, insieme alle Organizzazioni di Invio che ogni volontario sia coperto dal piano obbligatorio di assicurazione collettiva SVE, previsto dal programma Gioventù in Azione; • ottenimento, in collaborazione con le Organizzazioni di Invio, del visto per i volontari che ne hanno bisogno.

del territorio fiorentino all’utilizzo del PC e di internet e far conoscere tutti i servizi telematici che il web può offrire. I corsi di informatica sono suddivisi per livello di difficoltà in: Base, Intermedio e Avanzato. Le lezioni sono tenute in un’aula dotata di 12 PC con connessione a internet a banda larga alla rete PAAS del Comune di Firenze. In aula sono sempre presenti due docenti. Le attività vengono svolte all’interno del Centro Sociale “Grillo Parlante” e oltre ai corsi di informatica gli allievi avranno la possibilità di partecipare a tutte le attività del Centro avendo così opportunità di socializzare e conoscere altri cittadini. Il volontario ha un ruolo di supporto agli insegnanti in aula durante le lezioni, coinvolgimento nell’organizzazione della didattica delle attività e delle iniziative di contorno. Il volontario contribuisce a migliorare con le sue conoscenze il programma delle lezioni e insegnare lui stesso in aula, inoltre ha la possibilità di affinare la comunicazione in lingua italiana sia con gli allievi che con gli insegnanti della Palestra Informatica, incrementando le proprie conoscenze informatiche e imparando a insegnare l’informatica di base.


IL COMPLESSO. All’interno dell’ex carcere nuovi spazi dedicati ad arte, cultura e all’accoglienza

La libertà contemporanea delle Murate Nuova vita per la vecchia prigione del centro. Oltre all’edilizia popolare destinata

LA RECENSIONE

alle giovani coppie, nei prossimi mesi prenderanno vita un caffè letterario,

L’ultimo della Bosco Tra risate e psicanalisi

spazi destinati all’arte contemporanea e un rifugio per gli attivisti politici e i bloggers che utilizzano la rete per denunciare gli orrori dei loro Paesi Barbara Biondi

A

ddio dolore, sofferenza. Addio alle mura che impediscono di vedere oltre, che permettono solo di immaginare la libertà. L’ex carcere delle Murate, che già da tempo è il fulcro di un progetto di riqualificazione, diventerà anche punto di riferimento per l’arte contemporanea in città. Già in parte recuperato come edilizia residenziale pubblica, il restyling del complesso verrà completato nei prossimi mesi includendo non solo alloggi per giovani coppie ma anche un caffè letterario, nuovi spazi per la contemporaneità e soprattutto un rifugio ai cosiddetti “Smart dissidents”, attivisti politici e bloggers della generazione 2.0 che utilizzano Internet per far sentire la loro voce e che a Firenze, sulle orme della “Maison” parigina per giornalisti perseguitati, troveranno accoglienza sia virtuale che reale. I progetti sono stati presentati dal sindaco Matteo Renzi, dall’assessore alla cultura e contemporaneità Giuliano da Empoli e dall’assessore alla casa Claudio Fantoni. «Le parole d’ordine che ispirano il progetto delle Murate sono libertà, vivibilità, futuro, bellezza e qualità - ha detto il sindaco Renzi -. Nel complesso dell’ex carcere, che è una delle realtà più belle che l’amministrazione precedente ci ha consegnato e che noi abbiamo la responsabilità di lanciare nel futuro». Il progetto prevede anche l’apertura di un collegamento tra il complesso delle Murate e piazza Annigoni. «La città va ricucita - ha continuato il sindaco -. Bisogna far diventare questi due luoghi, luoghi di vita nel rispetto dei residenti e nella convinzione che una città è bella se apre degli spazi di libertà, non se li chiude». «Il progetto “Smart dissidents” - ha spiegato Da Empoli - nasce per accogliere tutti quei dissidenti e attivisti politici, dalla Cina alla Russia, dall’Afghanistan all’Iran, che utilizzano la rete e le nuove tecnologie per far conoscere al mondo gli orrori dei loro regimi e per questo sono sottoposti a cen-

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi e l’assessore alla cultura Giuliano Da Empoli alle Murate

sure e violenze. Da qui l’idea di farli venire a Firenze, per un periodo di tempo limitato, dove possano vivere al sicuro, lontano dalle minacce dei loro paesi di origine». Alle Murate, i lavori termineranno alla fine del 2010 e i fondi stanziati sono 1,9 milioni di euro. Qui nasceranno anche 24 stanze uso foresteria, supporto tecnico per poter creare siti Internet a prova di censura, formazione informatica. Il 16 gennaio è previsto un grande evento, che sarà una sorta di anteprima per quel che diventeranno le Murate nei prossimi mesi. Ma il complesso delle Murate diventerà anche uno dei nuovi poli dell’arte contemporanea e verranno aperti

un caffè letterario e una galleria di botteghe creative da via dell’Agnolo a via Ghibellina. Il museo della Resistenza, invece, che originariamente era previsto anch’esso alle Murate, sarà collocato altrove, probabilmente in Oltrarno. Intanto, come spiegato dall’assessore Fantoni, vanno avanti le consegne degli alloggi Erp recuperati dal vecchio carcere. «Sessantasette alloggi – ha detto Fantoni – sono già stati assegnati, mentre 6 restano da ultimare. Nel complesso, però, ci sarà ancora posto per ulteriori 18 appartamenti che, nelle nostre intenzioni, saranno assegnati a giovani coppie o artisti, con canoni calmierati».

L’EVENTO. Quattro piazze e musica per tutti i gusti. Per festeggiare in città l’ultimo dell’anno

2010, il Capodanno ritorna ai fiorentini I

rene Grandi, Lucio Dalla e molto altro ancora. Ecco cosa bolle in pentola per il Capodanno fiorentino che sta per arrivare. E questo significa basta con le feste di piazza che non riescono a diventare mai veri e propri eventi, che i cittadini scansano per andare a divertirsi in montagna o in qualche capitale europea per poi tornare alla base qualche giorno dopo San Silvestro. “Finalmente i fiorentini potranno tornare a festeggiare in piazza”, questo lo spirito con cui il sindaco Matteo Renzi, ha voluto organizzare il Capodanno 2010, il primo del suo mandato. Tanti gli ospiti che parteciperanno alla festa. Ad oggi i due vip che hanno confermato la loro presenza sono Lucio Dalla e la “cantantessa” toscana Irene Grandi, ma secondo indiscrezioni sembrerebbe in arrivo altri grossi nomi della musica. I festeggiamenti si svolgeranno in quattro diverse piazze fiorentine, in ognuna delle quali la festa avrà un sapore diverso, per soddisfare i gusti musicali di tutti. Nel piazzale davanti alla stazione, un grande palco darà il benvenuto alla musica rock. Tra piazza Duomo e piazza della Repubblica, si dovrebbe spostare una band itinerante ad animare le strade con sonorità jazz, dedicate ai timpani più raffinati. Per chi non rinuncia alla tradizione, in piazza della Signoria come di consueto il maestro Giuseppe Lanzetta dirigerà la sua Orchestra da camera fiorentina in un greatest hits di musiche scelte tra le più belle del repertorio classico internazionale. Per gli amanti degli stornelli d’autore invece, tornerà a farsi ascoltare - in un luogo ancora da decidere che potrebbe essere piazza Annigoni o piazza Santissima Annunziata - Riccardo Marasco, il “menestrello” che intona tutte le canzoni popolari di una Firenze un po’ sbiadita, ma che ancora fa parlare di sé. /L.V.Z.

E

ccola la campionessa italiana del bestseller, l’ex rivelazione ormai certezza della Chick lit (genere letterario nato in Gran Bretagna e dedicato prevalentemente alle giovani donne, ndr) versione spaghetti (ma non tanto), l’eroina delle trentenni-inguaribili- romantiche alla ricerca dell’amore eterno (e mai rassegnate). Torna in libreria Federica Bosco, partita da Firenze con “Mi piaci da morire” e, in pochi anni, divenuta regina delle classifiche, con traduzioni in diversi paesi e tanto tanto successo, al punto che oramai quella di scrittrice è diventata la sua professione. L’ultima divertentissima fatica di Federica si chiama “S.O.S. Amore” (Newton Compton, pagine 384, Euro 14,90) ed è un libro già destinato, come i precedenti, a molteplici ristampe. Abbandonata (per il momento?) la saga di Monica (tre romanzi), la Bosco tiene a battesimo un nuovo prototipo di donna in crisi con i sentimenti. Chiara ha 35 anni e vive a Milano con sua sorella Sara, costantemente in lotta con il mondo, ha una madre sempre in preda ad attacchi di panico e un improbabile padre che vive a Cuba e che le ha mollate da piccole, ma non prima di averle sfrattate per dare la loro casa alla nuova moglie nonché madre della terza sorella. Il risultato è che l’autostima di Chiara è a pezzi, così come il sogno di un amore vero. Ulteriore aggravante: accetta di avere una relazione clandestina col suo capo, sposato e bugiardo. A Chiara, quindi, non resta che il lettino dello psicoanalista: destinatario dei suoi sfoghi è il Dottor Folli, al quale ogni settimana racconta un capitolo della sua disastrata vita amorosa e che l’aiuterà con ogni mezzo e con molta ironia a recuperare fiducia e stima in sé stessa. Sullo sfondo – ma non tanto – la solita esilarante galleria di personaggi: da Barbara, l’amica egocentrica e megalomane, a Fabio, che si rifiuta di dichiararsi gay; da Lorenzo, il fidanzato bastonato di Sara, a Gaia Luna, la terza sorella detta “la iena”, ad Andrea, l’amante-capo con la fissa per le sveltine. Insomma, anche stavolta Federica Bosco ha fatto centro e il suo “Grido d’allarme” per il diritto all’amore delle 35enni che non si rassegnano sarà raccolto, complice il bisogno natalizio imminente di regalarsi cose dolci e piacevoli, da tante, tantissime lettrici (e lettori). Unica avvertenza: se lo leggete sul bus o in treno non abbiate paura di ridere da soli…in pubblico. /Ciro Becchimanzi


cultura

35

LA STRUTTURA. Eventi, cultura e formazione. Questo e altro negli ambienti a due passi dal Duomo

I mille volti della Creatività Luovica V. Zarrilli

A

nche questo mese Il Reporter parla di creatività, o meglio, di Casa della creatività. Sul numero di Novembre avevamo commesso un errore, parlando di una fantomatica “nuova gestione” della struttura. In realtà si è trattato di un misunderstanding, la gestione della casa è la stessa di sempre e le persone di cui si è parlato su Il Reporter di Novembre, non sono i responsabili della Casa ma bensì della caffetteria, che occupa il piano terra e si appoggia al cortile dell’ex convento di vicolo di santa Maria Maggiore. La Casa della creatività, inaugurata l’8 ottobre dello scorso anno, è una società consortile composta da Aida srl, dalla Fondazione Sistema Toscana e dallo Ied – Istituto europeo di design. Uno spazio interattivo rivolto alla città, all’interno del quale prendono vita eventi, concerti, piccole mostre, presentazioni di libri, oltre alle lezioni dello Ied che a Firenze tiene i corsi in grafica per l’editoria, web communication e progettazione di eventi culturali. E’ una vita frenetica quella che tutti i giorni anima la Casa, dove i tanti “inquilini” convivono facendo del proprio meglio per inventarsi un nuovo modo di fare cultura in città. Ognuno ha il

suo spazio a disposizione. Al piano terra c’è anche l’Informagiovani del Comune, dove i ragazzi - fiorentini e non – possono trovare contatti, informazioni e indicazioni su quello che si muove quotidianamente nella città del giglio. In poco più di un anno di gli abitanti della casa hanno dato vita ad eventi ed hanno collaborato ad altrettante iniziative, facendo passare dalla viuzza seminascosta a poche decine di metri da piazza Duomo, molti degli appuntamenti clou degli scorsi 365 giorni. Come ad esempio il Festival della creatività, che qui ha la sua sede organizzativa permanente e che parte da qui per sviluppare tutti i contenuti che una volta l’anno prendono vita alla Fortezza e nel resto della città. Dopo il successo di iniziative come “Metamorfosi Urbane” piuttosto che la mostra fotografica dedicata alla street art “Uac in da casa”, le idee in cantiere che verranno sviluppate da qui all’anno che sta arrivando sono già molte. A partire dalla mostra “Tuscany landscapes”, che andrà avanti fino al 13 gennaio raccontando attraverso le immagini le contaminazioni tra uomo e paesaggio, e poi un corso di street photography organizzato dell’associazione Deaphoto in collaborazione con

Il logo della Casa della Creatività

Informagiovani e l’anteprima dello spettacolo Marzia su Roma, oltre ai concerti jazz, all’evento “New Wave” dell’11 dicembre, (al quale parteciperanno Andrea Panconesi della boutique Luisa via Roma, il direttore

della rivista “Ottagono” Aldo Colonetti e il direttore di Ied Moda Lab Andrea Batilla) e allo Ied Christmas party in programma il 16 dicembre. Info www.casadellacreatività.it

LA MANIA. C’è chi compra la versione sexy, chi lo sceglie ad hoc e chi opta per il fai da te. 365 giorni di idee

Arriva il nuovo anno: il calendario si sceglie su misura I

l passare del tempo ognuno lo misura a modo suo. E se a pochi fa piacere constatare lo scorrere di giorni, mesi ed anni, l’idea di potersi scegliere un calendario che rispetti i propri gusti, serve quasi a consolarsi dall’idea che il tempo fugga inesorabilmente. Per gli amanti di Firenze, oltre ai calendari con le immagini artistiche della città, c’è il compromesso fra pubblico e privato: al prezzo di 6,50 euro si può ordinare sul web (http://www.12print.it) il Calendario Firenze “pensato per rendere omaggio alla città, con al centro la cornice a forma di francobollo, sul lato sinistro uno dei monumenti che caratterizzano la città e a destra i mesi dell’anno”. Immagini artistiche delle più belle chiese di Firenze, oltre a quelle di altre città italiane, si trovano anche sul calendario 2010 del Fondo Edifici di Culto, che finanzia

la ricostruzione in Abruzzo. Per gli appassionati di calcio ci sono due alternative: il calendario benefico 2010-2011 dell’Associazione Tumorosi Toscana, con foto, fra le altre, di Cesare Prandelli e Sebastien Frey, e il Calendario Viola 2010 di Fiorentina.it. E poi ci sono i classici: la Pirelli ha scelto come fotografo Terry Richardson, come location Bahia e come “volti” undici modelle da tutto il mondo. La rivista Max ha optato per le sorelle Belen e Cecilia Rodriguez, ma c’è chi si accontenta di molto meno per inaugurare al meglio l’anno che verrà. Entrano a buon titolo nella classifica dei calendari più ricercati quelli fatti su misura. Gli ingredienti sono: una buona dose di disinvoltura, la mano esperta di un fotografo professionista con studio ed attrezzatura a disposizione, una decisa fotogenia e qualcuno di im-

portante a cui regalare il prodotto finito. La spesa si aggira sui 200/250 euro, ma sul web si trovano anche offerte a 180 euro (info su http://www.digimodels.it). C’è poi chi opta per il fai da te, è il caso di gruppi di appassionati di varie discipline e hobby che uniscono le forze - e riuniscono le foto – per farne un loro calendario tematico. Alcuni esempi, come si evince dai blog che coinvolgono anche diversi fiorentini e toscani, sono il “calendario Spinone”, che invita gli spinonisti (proprietari di cani di razza Spinone presumibilmente amanti della caccia) di tutto il web a darsi da fare “con cane e macchina fotografica” – info su www.ilbraccoitaliano.net - e quello di Agraria 2010, cui si partecipa inviando foto che “devono avere come tema il mondo dell’agricoltura a 360 /S.W. gradi” (http://www.forumdiagraria.org).

L’INIZIATIVA Hanno posato per fotografi professionisti per realizzare due calendari speciali

I disabili dell’Oda modelli d’eccezione D

odici mesi di sorrisi, spontanei e divertiti. Sono quelli del calendario che ha per protagonisti i ragazzi disabili assistiti da Villa San Luigi, centro riabilitativo dell’Opera Diocesana di Assistenza. Tutti modelli d’eccezione che hanno posato per il fotografo Silvano Silvia, sponsorizzati dall’associazione Cinquino.it che ha prestato le sue 500 d’epoca al set. E saranno proprio i ragazzi disabili ad occuparsi della vendita del calendario: saranno presenti con uno stand in piazza Santa Croce (il 7 dicembre) e con un altro il 22 dicembre in piazza della Repubblica, dalle 9 alle 18. Il calendario verrà inoltre distribuito nei negozi del centro commerciale naturale del Sodo. Sfogliando quelle dodici pagine di belle foto s’incontrano i ragazzi alle prese con diverse situazioni: al lavoro in un autolavaggio di Castello, impegnati in un concerto, a pesca sulle rive del Bilancino, meccanici improvvisati nel piazzale della Scuola Aeronautica alle Cascine oppure

intenti a socializzare con i cani del nucleo cinofilo della Guardia di Finanza. Basta del resto ascoltarli commentare quella giornata, per farsi un’idea di cosa abbia rappresentato per loro. Elena, una delle protagoniste ha raccontato che: “Mi piaceva la macchina da guidare, la macchina da corsa per la libertà”. Gaetano, altro grande interprete delle direttive del fotografo, ha affidato a un sorriso i suoi commenti spiegando che “Non so altre parole per dire”, mentre Giampiero, finite le sessioni fotografiche, si è spinto oltre: “E’ possibile prendere la patente? Perché io adesso la Cinquecento Rossa la vorrei proprio guidare”. Anche a Diacceto (Pelago), dove l’Oda è presente con un centro riabilitativo, i disabili hanno fatto da modelli per la realizzazione di un calendario che in questo caso ha come location le realtà del paese (la posta, la farmacia, il supermercato) segno di una riuscita integrazione degli ospiti del centro /B.S. con il territorio.

I ragazzi di Villa San Luigi durante uno dei set


MONDO VIOLA. Il portierone francese non viene convocato dal ct Domenech. Ma lui si consola...

Frey, la Fiorentina per Nazionale “Anche se la mia carta d’identità indica altro, io mi sento italiano”, spiega. E così, snobbato (chissà perché) dal commissario tecnico dei transalpini, il numero uno viola ha trovato il suo habitat naturale a Firenze, città che lo ama e lo considera il più forte tra i pali in circolazione. Per lui il migliore resta Buffon, ma dello juventino invidia solo il palmares: “Lo ammiro per i suoi successi, ha praticamente vinto tutto. Ma invidio molto di più Giuliano Sarti, che con la maglia della Fiorentina ha centrato lo scudetto”

Sebastien Frey

Cristina Guerri

L

a Fiorentina è la sua Nazionale. E non potrebbe essere altrimenti per Sebastien Frey. Snobbato dal commissario tecnico francese Domenech, che a lui preferisce le parate dei vari Lloris, Mandanda, Carrasso e Douchez, il numero uno viola ha trovato il suo habitat naturale a Firenze. Città che lo ama e lo considera il portiere più forte che esista. Non volendo passare per un ragazzo altezzoso, lo stesso Frey, non tanto tempo fa, si è auto-inserito tra gli estremi difensori più forti del mondo. “Non voglio passare per presuntuoso aveva ammesso Seba - ma in questo momento mi sento tra i migliori cinque portieri del mondo. Nei primi posti metto certamente Buffon, poi Julio Cesar, Cech e Casillas. Nonostante le mie prestazioni, sono limitato dal fatto di non essere convocato in Nazionale. Con il commissa-

rio tecnico della Francia Domenech non ho mai litigato o avuto problemi, ma lui non mi vede nel suo gruppo e non ha mai voluto spiegarmi il perché di questa decisione di escludermi. Avessi avuto un parente italiano – provoca sarebbe stato tutto più semplice”. Dunque è il campione del mondo Gigi Buffon il primo tra i numeri uno, a detta di Frey. Che dello juventino, però, invidia solo il palmares: “Lo ammiro per i suoi successi, ha praticamente vinto tutto. Ma tecnicamente non gli invidio niente, io ho un mio stile. Invidio, comunque, molto di più Giuliano Sarti, che con la maglia della Fiorentina ha vinto lo scudetto”. La Fiorentina non sarà la Juventus, ma il francese è convinto che, prima o poi, i successi passeranno anche dalla riva dell’Arno. “La Fiorentina ha un progetto serio. L’anno scorso siamo arrivati quarti ed è stato un grande risultato. Sono fiero di vestire la maglia viola, vincere qualcosa a Firenze sarebbe speciale, per me significherebbe davvero tanto”. Qualcosa di importante (anzi, di storico), Frey e

i suoi compagni lo hanno già ottenuto: il passaggio agli ottavi di finale di Champions League. La vittoria con il Lione del 24 novembre scorso ha, infatti, permesso alla Fiorentina di continuare a sognare anche nella più prestigiosa competizione europea per club. “Anche se la mia carta d’identità indica che sono francese – ha commentato Frey - mi sento italiano. Siamo molto maturati rispetto allo scorso anno, ci sentiamo forti e in casa riusciamo sempre a imporre il nostro gioco: questo è molto importante. Sono felice di essere entrato nella storia della Fiorentina. Volevamo lasciare un segno e ci siamo riusciti”. Il merito di questo importantissimo traguardo va, sicuramente, anche a mister Prandelli, con il quale il portiere ha un rapporto davvero particolare: “E’ un tecnico che stimo tantissimo, ma che con me non è eccessivo nei complimenti. Questo fa parte del suo carattere – conclude il numero uno viola - sa che ci sono giocatori che hanno più bisogno di affetto di me e si comporta di conseguenza”.


sport

37

IL VOLO. La squadra di Prandelli è nella storia per la qualificazione agli ottavi di Champions

Quando la Florentia Viola lottava in C È il massimo risultato ottenuto nell’era Della Valle. Ma sembra ieri quando Riganò & C. combattevano sui campi di Gubbio, Gualdo, Castelnuovo e Forlì

IL LIBRO

“Viola & Co.” di Sergio Salvi e Alessandro Savorelli

La storia del calcio toscano

Cristina Guerri

S

e il 29 settembre (la notte del 2 a 0 con il Liverpool) resterà per sempre nella memoria di tutti i tifosi viola, quello 24 novembre (1-0 al Lione e qualificazione matematica agli ottavi di finale della Champions League) rappresenta il massimo risultato raggiunto (finora) nell’era Della Valle. Sembra ieri quando la Fiorentina, anzi la Florentia Viola, combatteva sui campi della serie C con Gubbio, Castelnuovo, Gualdo, Forlì e via dicendo. Quando Riganò, a suon di gol, faceva rinascere la nuova societ�� società messa in piedi dai fratelli Della Valle. Dalla C2 direttamente alla serie cadetta per meriti sportivi. Era la stagione 2003/2004. Un campionato vissuto sottotono e il raggiungimento del sesto posto in classifica che permise alla Fiorentina di giocarsi lo spareggio promozione con il Perugia. La vittoria all’andata (rete di Fantini) e il pareggio al ritorno restituirono la serie A a Firenze e alla Fiorentina. Di nuovo in A, quindi. Stagione sofferente per i viola, che raggiungono la salvezza soltanto all’ultima giornata, vincendo contro il Brescia. Era il momento, per i Della Valle, di rivoluzionare la squadra. Via Zoff e dentro Cesare Prandelli. Ma anche Pantaleo Corvino. Pronti via e la squadra vola, tanto da arrivare quarta a fine campionato. Quarto posto che

però non vale la Champions League, visto che la società viene punita con l’accusa di illecito sportivo per i suoi vertici societari. Niente Coppa e partenza, in campionato, da -19 punti (diventati poi -15). Poco importa al tecnico di Orzinuovi, che in quella stagione (2006-2007) ottiene, con il sesto posto, la qualificazione in coppa Uefa. Per i Della Valle è la prima esperienza europea. Esperienza importante per i viola, che terminano l’avventura in semi-finale con il Glasgow Rangers. I viola, comunque, vanno forte anche in campionato, e riescono ad assicurarsi l’accesso a preliminari di Champions. Battuti i ciechi dello Slavia Praga, comincia, a distanza di otto anni, l’avventura nella massima competizione europea. Lione, Bayern Monaco e Steaua si dimostrano, però, avversari troppo ostici per la Fiorentina, che esce così al primo turno (in seguito i viola vengono eliminati ai sedicesimi di finale di coppa Uefa dall’Ajax). Il quarto posto ottenuto in campionato regala nuovamente i preliminari, superati poi con lo Sporting Lisbona. Nel girone “E” la Fiorentina ritrova il Lione, insieme a Liverpool e Debreceni. Questa volta, però, l’andazzo è diverso. Il resto è storia recente. Per la Fiorentina dei Della Valle, tra le 16 grandi d’Europa, è il massimo traguardo raggiunto.

N

on solo Firenze e la Fiorentina sono raccontate in “Viola & Co.”, il nuovo libro di Sergio Salvi e Alessandro Savorelli. Dopo il fortunato “Tutti i colori del calcio”, i due “opinionisti di cultura” - e non “opinionisti di calcio” - raccontano, dentro una storia del Novecento italiano, la vicenda del calcio toscano. Non solo Fiorentina, dunque, ma anche Livorno, dove nacque il primo football club della regione, Lucca, Pisa e molte altre città. Dal periodo pionieristico (1898-1928), all’assorbimento nel calcio nazionale, il libro segue l’ascesa della Fiorentina, la maggiore “potenza” calcistica regionale fino all’approdo sul palcoscenico “europeo” e ne individua il ruolo storico nel football italiano ed europeo. “Il campionato italiano - spiega Alessandro Savorelli - somiglia a quei campionati dei vari paesi monopolistici dove troviamo due-tre squadre che vincono tutto. Questo fenomeno, in Italia, non è dovuto solo al fatto che ci sono club più ricchi, ma anche tecnicamente più forti: il problema – continua - si è riprodotto soprattutto sulla base del monopolio della stampa, che ha finito per proclamare queste squadre di interesse nazionale. Spingendo l’acceleratore su di esse a svantaggio di altre, si sono create diverse fasce di tifo. Questo a

noi non piace e abbiamo deciso di scrivere una storia che rende vivo, ricco ed emotivamente più interessante il calcio. La regione Toscana, ma soprattutto la Fiorentina – conclude Savorelli - hanno fatto tanto /C.G. sotto questo punto di vista”.

1014264


38

Dicembre 2009

sport nel quartiere

L’INTERVISTA. A tu per tu con Salvatore Spera: “Amo Rifredi, è nel mio cuore”

Un pizzaiolo nella storia della boxe Lorenzo Mossani

Si è allenato con grandi campioni, ha disputato match importanti e ha fatto tutto questo portando avanti il suo mestiere. Grande pugile negli anni ’60-’70,

D

ue volte campione toscano e finalista ai campionati italiani, Salvatore Spera (in foto mentre “combatte” con il figlio Gianni) ha rappresentato la boxe fiorentina dal 1962 al 1974. Ricorda tutto di quegli anni: nomi, date, risultati ed emozioni, perché quegli incontri sono marcati a fuoco nella sua memoria, nella sua anima. Semplice, umano, umile, Spera è un uomo d’altri tempi, e parlandoci si ha la sensazione di avere di fronte un “pezzo” di storia del pugilato. A che età ha iniziato a combattere? A causa del lavoro ho iniziato tardi, a 22 anni, nell’allora Sempre Avanti Juventus con il grande maestro Giovanni Nepi. Un maestro vero del quale, ci tengo a dirlo, purtroppo si è parlato sempre troppo poco. Quali risultati ha raggiunto nella sua carriera? Come dilettante sono stato due volte Campione toscano e una volta vicecampione italiano. Come professionista ho combattuto meno, perché (anche se nessuno lo confesserebbe) non mi divertivo. In cosa consistevano i suoi allenamenti? Erano allenamenti molto duri. La difficoltà maggiore era data dal fatto che facendo il pizzaiolo andavo a letto molto tardi. Ad ogni modo, la mattina alle 5 andavo a fare footing alle Cascine e alle 13 andavo in palestra con Nepi per l’allenamento tecnico-atletico. All’epoca mi allenavo con grandi pugili come Mazzinghi (Campione del Mondo), Bertini (Campione Europeo) Piazza, Azzori (Campione d’Europa). Quanti combattimenti faceva al mese? Noi combattevamo molto, non come oggi. Io fa-

ora racconta cos’è stata per lui la boxe e com’è cambiata oggi

Salvatore Spera mentre “combatte” con il figlio Gianni

cevo in media un combattimento a settimana. Lei ha disputato anche match importanti, quanto la pagavano? Pagavano? Praticamente non ci davano nulla, all’epoca prendevo 4.000 lire a incontro. C’è un incontro che le è rimasto più impresso? Quello con Pasotti perché fu un match bellissimo, ma anche quello con l’allora Campione d’Europa, Catena, e quello con Sperati. L’avversario più difficile? Non ce n’è mai stato uno più difficile, ho sempre avuto lo stesso rispetto per tutti i miei avversari. Per questo posso dire che per me sono stati tutti uguali. Ha mai avuto infortuni gravi? No, e colgo l’occasione per sfatare alcune leggende metropolitane. Non è vero che nelle palestre c’era la consuetudine di rompere il naso ai pugili. È una bugia, queste cose non sono mai esistite. Cosa si prova a salire sul ring? Prima dell’incontro c’è un po’ di tensione, ma è una cosa normale. Poi, una volta saliti sul ring, si scorda tutto ed inizia un’emozione indescrivibile. Pensa che la boxe sia cambiata da quando la praticava lei? Sì, è cambiata molto. Prima si faceva col cuore, oggi non ci capisco più nulla. Consiglierebbe di iniziare a praticarla? Sì, perché la amo. E poi, anche se è cambiata, la cosa bella della boxe è che dà due insegnamenti fondamentali anche per la vita: l’educazione e il rispetto verso tutti.

1080468


1066211


&RVDIDUH SHUEDWWHUHO¶,FWXV A FIRENZE LA V GIORNATA MONDIALE PER LA LOTTA ALL’ICTUS CEREBRALE. DAL PRIMO NOVEMBRE ATTIVO IL CENTRO ASCOLTO DI ALICE A MONTEDOMINI Dallo “Yes we can” di Barack Obama a “Stroke - What can I do?”. La lotta all’Ictus passa attraverso questo slogan anche in Italia e in Toscana; la frase – in italiano “Ictus - Cosa posso fare?” – è stata scelta per far sì che a tutti i livelli si sviluppi una consapevolezza della portata di questo male, così diffuso e grave, prevenibile grazie a semplici accorgimenti, e curabile grazie ai grandi progressi della scienza medica degli ultimi anni. Mercoledì 28 ottobre, a Firenze era in programma la Quinta Giornata Mondiale per la Lotta all’Ictus Cerebrale, con un incontro presso la sede del Cesvot in via Ricasoli 9, a Firenze. “Si è trattato di un momento fondamentale – spiegano i promotori dell’iniziativa – individuato, a livello mondiale, per sollecitare le singole persone, i gruppi e i governi a mettere in atto iniziative che contrastino l’ictus, sia individualmente che collettivamente: dal medico all’impiegato, dalla casalinga al manager, dal sindacato al governo, ciascuno nel proprio ambito di attività, può fare qualcosa di utile per contrastare l’ictus”. Un precoce riconoscimento dei soggetti a rischio (ipertesi, diabetici, obesi, fumatori, etc. ) ed un rigoroso e continuo controllo dei fattori che espongono al rischio di ictus permettono infatti di ridurre notevolmente il numero delle persone che ne verranno colpite. Inoltre la gente deve essere informata che ai primi sintomi (che vanno saputi riconoscere) bisogna non perdere un minuto di tempo e farsi portare in ambulanza in ospedale, dove deve essere prontamente disponibile un equipe che valuti immediatamente se è possibile praticare la trombolisi, un intervento che consenta ad oltre la metà dei soggetti colpiti da un ictus di tornare a fare una vita normale. Si deve inoltre sapere che il ricovero in una unità dedicata all’ictus (la stroke unit) ed una riabilitazione esperta, prolungata e continuativa possono contribuire ad evitare la grave invalidità che spesso

MI ACCORGO DI AVERE LA BOCCA STORTA

NON VEDO BENE METÀ DEGLI OGGETTI

consegue ad un ictus cerebrale I dati che riguardano questa grave patologia sono preoccupanti: ogni anno nel mondo, sono 6 milioni le persone che muoiono di ictus; in Europa, l’ictus rappresenta la prima causa di disabilità a lungo termine ed è la terza causa di morte. Ogni 20 secondi una persona è colpita da ictus cerebrale ed ogni anno a causa di questa patologia, muoiono circa 650.000 persone. Ancora oggi, in Italia sono 200.000 le persone colpite da ictus ogni anno: di queste, 40.000 muoiono entro breve termine e altre 40.000 perdono completamente l’autosufficienza, cambiando radicalmente la loro vita e quella delle loro famiglie. Ogni anno in Toscana circa 10.000 persone sono colpite da ictus: il 10-15% di queste muore entro 30 giorni e circa la metà dei sopravvissuti deve imparare a convivere con una disabilità residua che compromette, spesso drasticamente, la vita sociale e lavorativa. Nella nostra regione per assistere le vittime dell’ictus, solo nei primi 3 mesi dall’evento acuto, si spendono 50 milioni di euro all’anno. Per riuscire a vincere questa battaglia occorre puntare su due aspetti fondamentali: la consapevolezza della portata di questa malattia e ridurre le disparità tra i soggetti colpiti. I due messaggi di questa giornata sono destinati prevalentemente a quelle organizzazioni (scuole, aziende, sindacati, ospedali, strutture riabilitative) che possano operare per migliorare la consapevolezza e richiedere l’equità per i pazienti colpiti da ictus. Proprio su questi fronti è attiva da dieci anni, anche in Toscana, l’associazione Alice che ha dato vita a un’attività innovativa di promozione e supporto. “Anche nella nostra regione purtroppo si è confermata una scarsa consapevolezza del problema – spiega Domenico Inzitari presidente di Italian Stroke Forum -. Di ictus si parla poco, è una malattia dimenticata, la falsa idea generale è quella di una malattia per la quale si può fare poco, che,

NON CAPISCO QUELLO CHE MI DICONO

NON MUOVO O NON SENTO PIÙ UN BRACCIO O UNA GAMBA

una volta entrata in casa si può solo subire. In Toscana si sta lavorando per dare risposte all’avanguardia alle problematiche relative all’Ictus e devo dire che la nostra regione è una delle meglio attrezzate nel panorama nazionale. Anche se c’è tanto da fare ancora”. Alice adesso aggiunge alla sua attività di sensibilizzazione ed informazione una attività di supporto alle famiglie: dal prossimo 1 novembre sarà aperto il nuovo centro di ascolto nella struttura di Montedomini, un contributo a quel “fare sistema” che rappresenta la strategia necessaria e vincente per questa battaglia. “Una patologia ad insorgenza acuta come l’ictus comporta, oltre alle conseguenze dirette sul paziente, anche conseguenze sui familiari, in particolare su colui o colei (caregiver) che si fa carico dell’assistenza al paziente dopo la dimissione – spiega Alessandro Viviani, presidente di Alice Firenze (www.alicefirenze.org) -. Sono previsti incontri individuali con psicologi e neuropsicologi e l’inserimento in gruppi di auto-aiuto. L’iniziativa, completamente gratuita, è realizzata dalla sezione di Firenze dell’Associazione Alice con il contributo del Cesvot nell’ambito dei percorsi di innovazione”. Per informazioni e prenotazioni è possibile telefonare o rivolgersi all’associazione Alice Firenze presso Montedomini, Via de’ Malcontenti 6, Firenze - (Tel. 055 233 9428 — 333 6259832). L’ictus cerebrale è il tipico esempio di malattia di cui potrà farsi carico la Società della Salute. Si tratta di organizzare sul territorio l’intero percorso che va dalla prevenzione alla cura in ospedale, alla riabilitazione e al supporto sia sanitario che sociale. L’integrazione sociosanitaria, cui è specificamente preposta la Società della Salute, diventa fondamentale per i pazienti che esitano in una disabilità più o meno grave e che hanno bisogno, sia loro che le famiglie, di avere un’assistenza che consenta una qualità di vita accettabile.

FACCIO FATICA A PARLARE

HO UN FORTE MAL DI TESTA MAI PROVATO PRIMA

SE UNA PERSONA, PARTICOLARMENTE SE È PORTATRICE DI CONDIZIONI QUALI IPERTENSIONE, DIABETE, OBESITÀ, MALATTIE CARDIACHE, ARITMIE, ACCUSA UNO DI QUESTI SINTOMI DEVE CHIAMARE IMMEDIATAMENTE IL 118 PER FARSI PORTARE IN OSPEDALE. AL PRONTO SOCCORSO MEDICI ESPERTI VALUTERANNO SE POSSIBILE PRATICARE LA TROMBOLISI CHE DEVE ESSERE INIZIATA, DOPO AVER FATTO UNA TAC ED ALTRI ESAMI URGENTI, NON PIÙ TARDI DELLE 3 ORE DALL’INIZIO DEI SINTOMI. E’ IMPORTANTE RIFERIRE IL MOMENTO ESATTO IN CUI I SINTOMI SONO COMPARSI. Informazione a cura della Società della Salute


sport

41

IL LIBRO. L’affascinante e difficile storia del pugile della Sierra Leone cresciuto a Firenze

Leonard Bundu, una vita “in tensione” Lorenzo Mossani

tà, Firenze, oltre ad approfondite interviste alla sua compagna che ne descrive l’uomo e il padre, al suo maestro Boncinelli, che non si limita a raccontare i pregi del suo allievo, ma che mette in evidenza, quasi come un padre, anche i suoi difetti, al cognato Piero Pelù che racconta un Leonard “Cobra”, a due campioni del calcio come Mutu e Toni, che non hanno perso l’occasione di assistere ad un incontro del pugile dal doppio passaporto. Un libro, “In tensione”, in cui non manca niente, neanche un dizionario per spiegare la nobile arte: un capitolo dal titolo “Il dizionario della boxe” in cui viene raccontata al lettore la terminologia della nobile arte. Un modo come un altro tramite il quale l’autrice ha cercato di rendere la giusta visibilità ad uno sport antico ed affascinante come il pugilato. Infine, la ciliegina sulla torta: una bellissima galleria fotografica che ritrae il campione fiorentino dall’infanzia al ring, grazie a preziose foto concesse dall’album di famiglia del pugile, ma grazie anche alla professionalità della fotografa Michela Comisso, che ha messo la sua arte a disposizione della storia di Leonard Bundu, un campione del quale Firenze può andare solo fiera.

U

na vita in tensione quella di Leonard Bundu, il pugile campione dell’U.E. dei pesi Welter, nato in Sierra Leone, ma che si è affermato tramite la nobile arte a Firenze, città natia della madre. La sua affascinante e difficile storia di uomo e di campione è stata raccontata in un libro dal titolo “In tensione, la storia di Leonard Bundu”, dalla giornalista sportiva Michela Lanza (Romano Editore, 17,50). Ed è stata raccontata con semplicità, con una spontanea e scorrevole scrittura. Una storia romanzata per narrare l’infanzia di Bundu in Sierra Leone, quando, bambino, viveva la vita “povera ma bella” della sua terra e respirava la natura che era presente intorno a sé come fosse la cornice di un quadro, insieme alla sua immancabile banda di amici. Una storia per raccontare le difficoltà di una guerra civile toccata con mano da un ancora giovanissimo Bundu, “rifugiatosi” definitivamente con la sua famiglia nel capoluogo toscano da dove, poi, è iniziata la sua meravigliosa scalata ai palcoscenici della boxe. L’autrice racconta dettagliatamente le più belle emozioni del pugile fiorentino, dal dilettantismo alla Nazionale con il c.t. Patrizio Oliva (che ha curato anche la prefazione, ndr), fino ad arrivare alle grandi vittorie da professionista. Una vera e propria scalata ricca di aneddoti divertenti e simpatici che rispecchiano il carattere genuino di Leonard Bundu. Il libro offre, inoltre, un interessante spaccato in cui si racconta il legame tra il pugile e la sua cit-

PREMI. Il “Provincia per lo Sport” alla marciatrice fiorentina d’adozione

Il successo di Elisabetta Perrone I

l Premio 2009 “La Provincia per lo Sport” è stato assegnato ad Elisabetta Perrone, marciatrice di Camburzano, fiorentina d’adozione, essendo residente da oltre vent’anni nel capoluogo toscano. Atleta azzurra di grande temperamento, ha vinto i Giochi del Mediterraneo nel 1997 e ha conquistato la medaglia d’argento ai Campionati del mondo di atletica leggera nel 1995 sulla distanza dei 10 km marcia, oltre a quella di bronzo ad Edmonton 2001. Sei partecipazioni ai campionati del mondo di atletica leggera, dal 1993 al 2003. Oltre alla Perrone, alla quale è stata data la Medaglia

NUOTO E PALLANUOTO. Un consorzio per Firenze

È nata la Florentia Waterpolo

I

l nuoto e la pallanuoto a Firenze voltano pagina. E’ nato, infatti, il consorzio Florentia Waterpolo, formato da Rari Nantes Florentia, Fiorentina Nuoto e Fiorentina Waterpolo, per creare sinergie fra i tre sodalizi per quanto riguarda la gestione di impianti, gli aspetti organizzativi, i rapporti con le istituzioni, la promozione e l’immagine e il reperimento di risorse. Con l’assegnazione a ciascuna delle società della gestione di una delle piscine comunali, Bellariva, San Marcellino, Stadio Artemio Franchi, è venuto meno il principale ostacolo all’accordo: la disponibilità di spazi acqua per l’attività agonistica. Verrà, di fatto, ristabilito l’equilibrio nel nuoto e nella pallanuoto fiorentina con l’impegno di ciascuna società in specifici settori, evitando sovrapposizioni tecniche che in passato hanno portato a diluire il potenziale di risorse della nostra città. Alla Rari Nantes Florentia il compito di riportare ai massimi livelli nuoto e pallanuoto maschile, la Fiorentina Nuoto curerà il settore nuoto e una seconda squadra di pallanuoto maschile. La Fiorentina Waterpolo sarà ovviamente confermata leader nella pallanuo-

to femminile di massimo livello. Obiettivo dichiarato dei presidenti delle tre società, Andrea Pieri per la Rari Nantes Florentia, Alessandro Benvenuti, Ad della Fiorentina Waterpolo, e Fabio Frandi, presidente della Fiorentina Nuoto, quello di riportare Firenze ai vertici internazionali sia nel nuoto che nella pallanuoto, visto che in passato, grazie a queste società, sono arrivati titoli italiani, mondiali e olimpici, oltre ai più recenti scudetti: della Fiorentina Nuoto nel 1994 e della Fiorentina Waterpolo nel 2007, quando la squadra vinse anche la Coppa Campioni /Simone Spadaro europea.

d’Oro della Provincia di Firenze, sono stati premiati Fabio Caldarelli, atleta della lotta greco–romana, e due giovani che si sono particolarmente distinti nel corso dell’anno: Ann Caroline Danielsen, studentessa e atleta particolarmente meritevole e Paolo Mercatelli, studente e atleta di grande valore, il nuotatore Luca Germano, un’altra marciatrice, Milena Megli, Giovanni Notarnicola, educatore sportivo e fondatore di A.N.I.M.A. Come ogni anno, la Provincia ha premiato anche le società centenarie del territorio. Quest’anno la Asd Fortis Juventus /S.S. 1909 e la Ssd Reggello 1909.


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

“GIOVANI ED ESERCITO, IL MIO PENSIERO” Egregio Direttore, leggendo l’articolo “Tra i giovani parte la corsa all’Esercito” a firma del giornalista Matteo Francini mi sento in dovere, in qualità di Volontario in Ferma Prefissata Quadriennale, di esprimerLe a riguardo il mio rammarico. Nell’articolo si evince il concetto di “bisogno di lavoro” e non la vera motivazione legata alla quantità di arruolamenti sempre più crescenti: il valore verso la Patria. Proprio quel valore essenziale che spinge i giovani a presentare domanda presso i centri di arruolamento ed a mettere in discussione il proprio futuro. Una vera e propria “vocazione” che induce i giovani ad abbracciare il valor di Patria per la salvaguardia delle libere Istituzioni, a rinfrancare quei valori che ormai si ascoltano solo dalla voce dei nostri nonni che hanno vissuto la realtà propria di quel Valor di Patria. E’ vero, può sembrare strano, ma sentire parlare i giovani d’oggi di valor di patria accappona la pelle, in questo mondo dove si vive di futilità e di genitori sempre più accondiscendenti, forse per dare ai propri figli quello che in gioventù non hanno avuto o che hanno ottenuto lottando, è difficile pensare, alla luce di questo, che esistono giovani che giurano fedeltà fino all’estremo sacrificio, è difficile vedere i propri colleghi rientrare in Patria con il tricolore sulle loro bare e ascoltare i genitori definirli Eroi. Non voglio, Direttore, strumentalizzare le disgrazie succedute in questi ultimi tempi che hanno colpito la nostra Italia, ma non condivido l’equiparazione tra il sacrificio della vita e la crisi che avvolge l’Italia. Non penso che la vita di una persona valga un posto di lavoro e tantomeno è difficile accettare la necessità di mettere in conto la morte per 800 euro al mese con vitto e alloggio pagato. Non penso che l’aumento degli arruolamenti vada cercato nella crisi, proviamo a cercalo nei sani valori che fortunatamente ancora oggi esistono e spingono molti giovani d’Italia a lasciare i propri affetti sia umani che materiali e

lettere

Dicembre 2009

partire verso mete lontane, consapevoli che nella maggior parte dei casi sarà difficile ritornarvi definitivamente. Mi creda, Direttore, io sono un militare del Sud e ormai sono sette anni che rinuncio ad una stabilità ma periodicamente il mio domicilio si sposta per tutta l’Italia, il tutto per poter assolvere ai compiti che lo Stato mi prefigge di realizzare, non è facile ritornare a casa dopo quattro mesi e ascoltare solo la voce dei familiari per telefono. Tutto questo l’ho fatto e continuerò a farlo perché sono fiero della divisa che i nostri nonni indossavano con sacrificio e che mi onoro di indossare. Auspico che questo mio pensiero possa essere pubblicato in risposta alle considerazioni pubblicate dalla Sua spettabile testata giornalistica. Cordialità, Francesco Gentile Caporal Maggiore VFP4 Delegato Nazionale del Co.Ce.R. Esercito Spettabile Caporal Maggiore, la ringrazio per la sua lettera, che ho molto apprezzato. Tra l’altro, in questo caso, direttore della testata e autore dell’articolo coincidono nella mia persona. Apprezzo molto, e sinceramente, la passione che emerge dalle sue parole per la strada che ha scelto di intraprendere, e come cittadino non posso che essere grato a lei e alle migliaia di altri uomini e donne per la scelta di vita e di lavoro che avete compiuto, di cui certo non ignoro i sacrifici, i rischi e le difficoltà. E sono anche sicuro (e rinfrancato) di quello che lei sostiene, e cioè del fatto che sia principalmente la “vocazione” ad indurre i giovani ad arruolarsi. Ma, tutto questo, non voleva assolutamente essere messo in discussione dal nostro articolo, quantomeno nelle sue intenzioni. Quello che volevamo semplicemente mettere in luce era il fatto che in Toscana si sia assistito, nell’ultimo periodo, a un sensibile aumento delle richieste di arruolamento da parte dei giovani, fenomeno che - come è emerso da un nostro colloquio con alcuni rappresentanti dell’Esercito - può essere in parte ricondotto anche alla crisi e alla difficoltà dei giovani di trovare lavoro (e nell’articolo infatti si specifica “almeno in parte”). Ma questo non significa assolutamente che, alla base di tutto questo, non ci sia quella che lei chiama “vocazione”, senza la quale - aggiungo - ritengo sia difficile, se non impossibile, per un giovane fare questa scelta. Nell’articolo, peraltro, si sottolinea come la difesa della Patria e la salvaguardia delle Istituzioni - e quindi il valore che viene loro riconosciuto - siano i capisaldi della missione di ogni militare. Per concludere, quello che voleva essere messo in luce dall’articolo era il “notevolissimo incremento delle domande”, per usare le parole del Colonnello da noi intervistato, registrato in Toscana (terra storicamente meno “generosa”, rispetto al Sud Italia, per numero di arruolamenti), a cui - proprio perché avvenuto molto rapidamente e in un particolare periodo storico come quello che stiamo vivendo - abbiamo cercato di dare una spiegazione. Senza - le assicuro aver mai pensato di mettere in discussione il valor di Patria che certo non può mancare a chi sceglie di arruolarsi . M.F.

PISTE CICLABILI, DIRITTI E INSULTI Buongiorno! Vorrei ringraziarvi per l’articolo sulle piste ciclabili apparso sull’ultimo numero della rivista. Purtroppo, però, sull’argomento resto molto, molto pessimista. Come ex diplomatico, negli ultimi dieci anni ho girato un po’ tutto il mondo e vissuto in moltissime città dove i pedoni che attraversano sulle strisce sono rispettati e hanno la precedenza. A Firenze, dove vivo da più di un anno, mi trovo benissimo. Purtroppo, però, ogni volta che devo attraversare la strada sento di rischiare la vita, perché quasi nessuno è disposto a fermarsi. Per non parlare di quando pedalo sulle piste ciclabili! Automobili (e purtroppo anche i pedoni) le invadono di continuo e buona parte delle persone a cui faccio notare che la pista è riservata ai ciclisti mi rispondono in molto inutilmente maleducato, anche (e soprattutto) quando hanno torto marcio, mandandomi senza troppi complimenti a quel paese. Non ho richieste o proposte particolari, perché ormai mi sono rassegnato alla mia dose quasi quotidiana di prevaricazioni e di insulti. Però è un vero peccato che, su questo punto, questa splendida città non sembri in grado di allinearsi alle sue sorelle nobili del resto d’Europa. Almeno questo lasciatemelo dire! Cordiali saluti, Valerio Parmigiani LUNGARNO COLOMBO, “PERICOLO PER I CICLISTI” Spett. Redazione, poiché la percorro tutti i giorni per andare a lavoro, segnalo che la pista ciclabile situata a Firenze nel lungarno Colombo proveniente dal Teatro Tenda Saschall in direzione del centro cittadino laddove si immette nella via che percorre il Ponte da Verrazzano, lo fa senza alcuna segnalazione preventiva mediante un improvviso e normale scalino del marciapiede, senza alcuna discesa o altro di inclinato, con grave pericolo di caduta per chi arrivi in velocità e non sia a conoscenza della situazione. Sarebbe invece importanteindispensabile realizzare in quel punto una discesa o deviare la pista a lato verso la discesa già esistente ma utilizzata e segnalata solo per i pedoni. Altrimenti quantomeno sarebbe necessario avvertire dell’improvviso pericolo i ciclisti, con cartelli o segnalazioni dipinte a terra. Faccio presente quanto sopra per segnalare a chi ne è competente la carenza descritta per provvedervi conseguentemente. Lettera firmata “PEDONALIZZAZIONE DEL DUOMO, LA MIA PROPOSTA PER IL BUS 23” Invio alcune considerazioni riguardo la pedonalizzazione di Piazza Duomo e le conseguenti ripercussioni sul trasporto pubblico. Abito nel Quartiere 3 di Gavinana: premetto che sono favorevole alla pedonalizzazione di Piazza Duomo, sia come scelta urbanistica, sia come scelta ecologica e che utilizzo da tempo il trasporto pubblico urbano, ritenendolo uno dei migliori mezzi collettivi ed ecologici, insieme a tutta la mia famiglia che utiliz-

za l’autobus o la bicicletta per recarsi al lavoro od a scuola. In particolare segnalo che, per quanto riguarda la linea Ataf n° 23, le ripercussioni sono particolarmente pesanti. Il percorso d’andata dalla zona di Piazza Gavinana alla Stazione SMN non presenta grosse criticità, anche se sono aumentati i tempi di percorrenza, ma in limiti ragionevoli. La criticità si presenta invece nel percorso dalla Stazione SMN verso la zona di Piazza Gavinana; in questo caso il percorso si è notevolmente allungato, sono previste ben 10 fermate in più rispetto al precedente percorso e quindi i vecchi tempi di percorrenza (circa 20 minuti) sono aumentati raddoppiando, quando va bene, se non addirittura triplicando (ho impiegato anche un’ora per percorrere i circa 5 chilometri da SMN a Gavinana). Nel tratto in oggetto, questa linea è stata completamente stravolta, poiché l’autobus percorre Via dell’Agnolo e Via dell’Oriuolo (strade peraltro molto strette e con auto in sosta che rallentano il percorso), per poi passare comunque da Piazza Duomo e riprendere il vecchio tragitto in Via del Proconsolo. Peraltro si tratta di una linea urbana importante, che percorre un tragitto molto lungo. Se, per il giusto completamento della pedonalizzazione di Piazza Duomo, si penalizza chi ha scelto il trasporto pubblico come mezzo di spostamento, dilatando tempi d’attesa e percorrenza, si rischia di disincentivare l’utilizzo dell’autobus ed il passaggio a mezzi privati. Mi auguro che si tratti di un periodo di rodaggio e che comunque siano considerate e valutate le segnalazioni degli utenti. A tale proposito, nello spirito di una critica costruttiva, mi permetto di avanzare la seguente proposta: far percorrere all’autobus n° 23 alcune strade alternative, già utilizzate in passato in occasione di transiti provvisori, ad esempio da Piazza Beccaria, anziché percorrere Via dell’Agnolo, seguire la direttrice Lungarno della Zecca Vecchia - Biblioteca Nazionale – Corso Tintori – Ponte alla Grazie, che consente comunque di avvicinare molto l’utenza al centro storico, ma contenendo i tempi di percorrenza. D’altronde credo che vi sia l’intenzione di collegare la parte del centro storico con bussini elettrici. Questo è solo un esempio, ma potrebbero essere individuate altre soluzioni. S.B. VIA DEL PODESTA’, IL DIBATTITO PROSEGUE Spett.le Reporter, ho letto il vostro articolo di ottobre e le lettere di reclami del numero di novembre. Capisco benissimo che con il senso unico in via del Podestà, istituito in via “provvisoria” lo scorso anno a febbraio, gli abitanti ci abbiano guadagnato in silenzio e tranquillità. E’ diventata infatti quasi una strada privata! Mi riferisco in merito soprattutto alla parte centrale della via, cioè quella dal cimitero verso le Due Strade transitata ora solo dai suoi abitanti. Tale provvedimento era dovuto, pare, all’istituzione di un’incongrua sistemazione della Zcs (come faceva rilevare un vostro lettore) che prevedeva solo posti per i residenti e non quelli a rotazione veloce


lettere

43

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it ISOLOTTO, QUANDO IL PROBLEMA E’ L’ECCESSIVA VELOCITÀ Gentile Redazione, vorrei segnalare un disagio che dura da anni, anche a nome di tanti altri cittadini abitanti all’Isolotto. La via Libero Andreotti, dirizzone di strada che porta dalla piazza dell’Isolotto e dalla passerella sull’Arno fino alla rotonda del viale Talenti e al viale Nenni (strade di vastissimo traffico), è percorsa giorno e notte da una moltitudine di veicoli che la percorrono anche a 80 km/h, creando apprensione e disagio soprattutto per coloro che si immettono in via Andreotti da via Boccioni. Chiederemmo in particolare (e non credo sia una richiesta esosa...) due cose: a) che vengano tolti almeno due posti macchina nella via Andreotti all’incrocio con via Boccioni, che obbligano chi si immette nella strada a occupare metà della carreggiata per vedere bene chi sopraggiunge da sinistra, con evidente pericolo per tutti; b) che vengano messe le strisce pedonali del tipo “rialzato”, come ormai è quasi dappertutto, al fine di contenere le velleità agonistiche delle auto, ma soprattutto di molti motorini e motociclette. Spero che questo appello possa essere raccolto da qualcuno che “può” fare qualcosa... Renzo Lulla

Gentile signor Renzo, raccogliamo con piacere il suo appello e pubblichiamo la sua lettera, invitando chi – come dice lei - “può fare qualcosa”, ovvero coloro che sono addetti a questo compito, a venire quantomeno a controllare la situazione nella strada di cui lei parla. Quello dell’eccessiva velocità è un problema che riguarda purtroppo molte strade cittadine, soprattutto quelle che, essendo lunghe e dritte, “incoraggiano” (ovviamente a torto) auto e motociclisti a spingere maggiormente sull’acceleratore, dimenticando i limiti di velocità e il fatto che vi sia un motivo preciso se sono stati istituiti anche in quelle vie. Le strisce pedonali rialzate rappresentano certo un incentivo a decelerare per auto e moto, e possono quindi senz’altro rappresentare una buona soluzione per aumentare la sicurezza di pedoni e non solo – così come lo sono tutti i mezzi ed i dispositivi finalizzati a ridurre la velocità sulle strade cittadine – ma ciò che ritengo più importante, l’obiettivo che le istituzioni – e non solo a Firenze – devono in ogni modo raggiungere, è un cambiamento dei comportamenti di chi è al volante, un cambiamento nella mentalità dei conducenti. Correre e superare i limiti di velocità è pericoloso, in ogni strada, per quanto priva di ostacoli e rischi possa sembrare: è questo il messaggio che deve essere fatto passare. Con ogni mezzo. Sennò finiremo – come spesso accade – per parlare di ogni singola strada e della sua pericolosità soltanto dopo l’incidente di turno. Per questo, sempre nel nome della sicurezza stradale, penso che le istituzioni debbano continuare a far di tutto per affrontare e risolvere il problema della viabilità, che da anni colpisce numerose zone di Firenze, con la tanto attesa entrata in funzione del tram e con l’incentivo dell’utilizzo dei mezzi pubblici. Un automobilista estenuato da traffico e code è infatti – e sempre – un automobilista più stanco e pericoloso, anche per la (sbagliata) idea di poter recuperare il tempo perso negli ingorghi schiacciando il piede sull’acceleratore nella prima strada trovata libera dal traffico. È un obiettivo difficile da raggiungere, certo, come lo è sempre quando si tratta di dover cambiare mentalità e comportamenti ormai acquisiti. Ma è un obiettivo da raggiungere ad ogni costo. E, questo sì, di corsa. Matteo Francini

(solo alle Due Strade) e ad un riferimento all’attuazione del codice della strada. Il provvedimento di senso unico verso il Galluzzo ha creato per molti abitanti della strada e della zona grandi disagi nella mobilità, drammatica nelle ore di punta, con lunghe code ai tre semafori che bisogna superare per raggiungere la città. Code, intasamento, tempi enormemente allungati e inquinamento. Obbiettivamente la via del Podestà è troppo lunga per ridurla ad un senso unico tanto più che ci sono aree commerciali, il Galluzzo e le Due Strade di cui con questo provvedimento, una è satura e l’altra perde un notevole numero di clienti. Inoltre ci sono una casa di riposo con andirivieni di ambulanze, due scuole, Bed&Breakfast e quanto altro e tutti allungano di qualche kilometro i loro spostamenti in un’area in cui gli sbocchi sono fortemente intasati

dal traffico Ad ottobre l’assessore Mattei ha fatto un’ispezione della situazione e così ha fatto più volte in questi due anni il Presidente del Quartiere 3 Ceccarelli da me sollecitato. Altri consiglieri comunali di vari schieramenti politici sono venuti a visionare il problema . Tutti dicono che il problema sarà risolto ma ancora non si capisce come. Attualmente noi abitanti della parte finale di via del Podestà verso le Due Strade che sopportiamo il maggior disagio (nel mio immobile c’è un b&b che ha un notevole danno per l’arrivo e la partenza dei turisti, taxi che non vogliono fare la corsa , aumenti enormi della tariffa) avremmo raccolto molte firme, circa 400, che chiedono il ripristino del doppio senso regolamentato da semafori per l’alternanza del traffico o quanto meno un senso unico alternato. La lettera del Sig. Zei, cioè doppio senso

anche nella parte verso le Due Strade a partire dall’angolo di via Martellini può essere una alternativa purché si tenga conto che il primo tratto di via Martellini (300 metri) necessita di un transito alternato poiché è presumibile che gli automobilisti provenienti da Via Silvani, Impruneta la usino per raggiungere la via Senese evitando la piazza Acciaiuoli. Faccio altresì notare che ogni giorno capita di incontrare auto e motorini che transitano irregolarmente in doppio senso a scapito della loro e nostra incolumità Cordiali saluti, Donatella Mei Gentilucci “PULLMAN IN SOSTA, PROBLEMA ANCHE IN VIA BARACCA” Buongiorno, volevo rispondere e dire la mia alla signora “fiorentina indignata” che ha scritto sul Vs numero di Novembre 2009 del problema “Bus turistici in sosta con il motore acceso”; ebbene cara signora non è la sola che denuncia questa situazione nella nostra città, ci ho provato anch’io con il Quartiere (io sono del Q5), con i vigili, ho scritto ai giornali e poi con la venuta del nuovo sindaco dato che il precedente faceva “orecchie da mercante” ho esposto il problema; purtroppo la mia voce tramite mail o telefonate o incontri personali (con il solo Q5) non ha avuto seguito e questo penso sia dovuto ad una sola ragione e sempre la solita, il “dio quattrino”, perché questi autobus portano i turisti ed allora dobbiamo tutti stare zitti perché portano soldi alla città, ma dico e lo ribadisco, li portano solo a determinate categorie danneggiando, come giustamente lei espone, il nostro ambiente cittadino; questo sistema di fare io lo vedo nella mia zona e precisamente in via Baracca dove ci sono diversi Hotel che sistematicamente quando ricevono i loro “clienti” e gli autobus, questi ultimi sia perché estate sia perché inverno lasciano i loro motori accesi anche per 50 (cinquanta) minuti!!!!!, infischiandosene dell’ambiente; quando ci sono queste situazioni vedi passare i vigili in pattuglia che tirano dritto come se avessero il “paraocchi” per non vedere perché oltre a questa situazione questi automezzi si fermano in zone non consentite per la “FERMATA” e per la “SOSTA” alla faccia dei pedoni che non riescono nemmeno a camminare sui marciapiedi; inoltre restringono la carreggiata facendo fare code nella suddetta strada; le ho scritto ed invito il Reporter a fare qualche cosa di concreto perché non so se lei ne è a conoscenza che sul nostro territorio comunale c’è una ordinanza del sindaco che vieta tale comportamento; l’ordinanza in questione è la nr 4636 del lontano 20 Giugno 1996 quindi come vede già allora avevano pensato di limitare tale inquinamento; l’ordinanza recita testualmente: DIVIETO DI SOSTA E FERMATA CON MOTORE ACCESO. Ha mai sentito di multe fatte a tal proposito? Io no; avevo suggerito anche questa ipotesi per rimpinguare le casse del comune e allo stesso tempo sanare questa anomalia per cercare di arginare questo fenomeno per arrivare a fare qualche blocco del traffico

in meno e non penalizzare sempre i cittadini. La saluto “fiorentina indignata” e mi auguro che si risolva qualche cosa per questo problema, ma se siamo solo noi dure a dire e denunciare questa situazione la vedo dura... Costantino Giaquinto “NON SOLO BUS TURISTICI COL MOTORE ACCESO” Gentile redazione, vorrei fare riferimento all’intervento firmato “una fiorentina indignata” nell’ultimo numero circa i “bus turistici in sosta con il motore acceso”, la quale avrebbe motivo di indignarsi ancora di più se sapesse che, purtroppo, il malcostume di mantenere gli autobus in sosta con il motore acceso non è prerogativa degli autisti dei bus turistici, ma anche di molti loro colleghi dell’Ataf. Per fare un esempio, trovandosi la mia abitazione a soli 8 metri dal capolinea della linea 14B (Niccolò da Tolentino), ho modo di registrare quotidianamente numerosissime soste di 4-5, fino a 8-10 minuti (addirittura in un paio di occasioni quasi un quarto d’ora!) con il motore acceso. Alla richiesta di spiegazioni avanzata ad alcuni autisti, ho ricevuto risposte molto sgarbate oppure, quest’estate, la giustificazione che era necessario per raffreddare i veicoli a gasolio. Peccato che lo stesso accada, contrariamente a quanto dichiarato, anche con i veicoli a metano, che comunque sono meno di un terzo del totale del parco mezzi, con pesanti ricadute in termini di inquinamento. Nemmeno è una questione esclusivamente estiva, dal momento che nulla è cambiato da allora, al contrario sempre più frequentemente si assiste anche a lunghissime accelerate al massimo di giri durante le soste, che quindi aggravano il problema anziché ridurlo. A nulla è valso sporgere reclamo ad Ataf s.p.a. L’unica risposta, la prima, sollecitava le segnalazioni puntuali del numero delle vetture guidate dai responsabili di tali illeciti (sì, perché ai sensi dell’art. 157 del Codice della Strada, c. 2 e 8, lasciare il motore acceso durante la sosta è passibile di sanzione fino a 155 euro, ma questo naturalmente non conta nulla), benché dopo una decina di segnalazioni in tal senso si continua ad udire solo un pesante quanto eloquente silenzio. E’ stata inoltre realizzata una petizione con la raccolta di firme di pressoché tutti gli abitanti che si affacciano sulla rotonda di Via Aselli/Via Niccolò da Tolentino, presentata all’assessore Mattei il 24 settembre scorso alla presenza di un ingegnere Ataf. Entrambi hanno assunto l’impegno di trasferire il capolinea a qualche metro di distanza, quantomeno in posizione equidistante dalle abitazioni, in una corsia preferenziale al centro della piazza, pronta da anni ma mai utilizzata. Inutile dire che, mentre la qualità della vita nelle nostre abitazioni continua ad essere affetta da rumore, smog e vibrazioni, siamo sempre in attesa di Godot. Francesco Rui Sacco


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Le mostre Innocente e calunniato Dal 6 dicembre al 28 febbraio

Gabinetto disegni e stampe degli Uffizi Nel quarto centenario della morte la mostra Innocente e calunniato. Federico Zuccari (1539/40 – 1609) e le vendette d’artista presenta al pubblico i temi di polemica e di vendetta che alcuni artisti, e in particolare Federico Zuccari, usarono per dichiararsi innocenti a fronte di calunnie e ingiustizie vere o presunte. Re per avventura Dall’11 al 16 dicembre

Villa Bandini – Sala Paradiso La storia di Moris Benovsky, avventuriero slovacco che diventò re del Madagascar, accompagnata dalle bellissime fotografie di Alessanndro Boschi, che ha “rubato” le immagini più commoventi dell’isola ad est del continente africano. Artefatti preziosi Fino al 31 gennaio

Museo degli argenti Palazzo Pitti A 45 anni dalla vittoria a Firenze del primo premio al Concorso Nazionale di Oreficeria del 1964, Fausto Maria Franchi torna nel capoluogo toscano con una mostra monografica al Museo degli Argenti di Palazzo Pitti. Già nel 2007 l’orafo romano aveva voluto legare il suo nome al Museo degli Argenti, donando l’anello Triangoli segreti, la spilla Affinità elettive e l’anello Ore perdute, opere entrate a far parte della collezione permanente del Gioiello Contemporaneo del museo. L’oratorio di Santa Caterina all’Antella e i suoi pittori Fino al 31 dicembre

Bagno a Ripoli Una mostra d’eccezione in un luogo unico: l’Oratorio di Santa Caterina d’Alessandria a Bagno a Ripoli, suggestivo gioiello immerso nella campagna fiorentina, in cui è custodito uno dei cicli pittorici meglio conservati del trecento

fiorentino ed opera di tre grandi maestri dell’epoca: Pietro Nelli, Maestro di Barberino e Spinello Aretino. Le porcellane di Betty Woodmann Fino al 15 Febbraio

Museo delle porcellane Palazzo Pitti Tra le prestigiose porcellane conservate alla Palazzina del Cavaliere trovano una appropriata collocazione le creazioni colte e fantasiose di Betty Woodman, in vetrine appositamente integrate con l’allestimento del Museo. Le insolite porcellane di Sèvres realizzate dall’artista, sconvolgono l’idea tradizionale di “corredo da tavola apprezzato” con le loro forme imprevedibili e l’intensità e brillantezza dei colori, senza tralasciare il bon ton ormai consolidato dei prestigiosi serviti amati dai regnanti. Robert Mapplethorpe Fino al 10 gennaio

Galleria dell’Accademia Le fotografie di Mapplethorpe nel museo di Michelangelo, il tempio della Forma. A 20 anni dalla morte dell’artista, la Galleria dell’Accademia ne celebra il talento con una mostra di 91 immagini per la prima volta accostate alla più emblematica delle icone rinascimentali. Le studiate pose di Lisa, Lydia, Ken, Tyler, Thomas, Ajitto evidenziano un procedimento costruttivo di tipo scultoreo e in tal senso rimandano al David e ai capolavori della pittura fiorentina. Tra corpo umano e natura morta, due mondi dialogano oltre il tempo, lo spazio, le culture.

Concerti Ludovico Einaudi 10 dicembre

Teatro Verdi Ludovico Einaudi, compositore e pianista torinese, è oggi uno degli artisti più apprezzati e richiesti della scena europea. La sua musica affonda le radici nella tradizione classica con l’innesto di elementi derivati dalla musica pop, rock, folk e contemporanea. Le

sue melodie sono profondamente evocative e di grande impatto emotivo. A colpire nel segno sono le melodie ondulatorie in continuo movimento, fra accelerazioni improvvise e altrettanto subitanee sospensioni, mai così solari e ‘positive’, in bilico tra suoni classici e d’avanguardia, suggestioni etniche ed elettronica. Dopo gli impegni estivi, Ludovico Einaudi partirà in autunno per un nuovo intenso tour europeo che toccherà numerose città tra cui Amburgo, Dublino, Parigi, Stoccolma, Londra, Lisbona, Berlino e Praga. Il rientro in Italia è previsto per dicembre quando sarà al Teatro Verdi di Firenze. Biglietti da 40 a 17 euro.

(Theremin, Vibrafono, Marimba, Glockenspielt, Campionatori e Piani Giocattolo), Mauro Ottolini (Susafono, Trombone, Bombardino e giocattoli), Achille Succi (Saxofono, Clarinette e clarinetto basso , giocattoli), Alessandro Stefana (Chitarra, Banjo, Elettronica, AutoHarp, slide guitar, ViolinArpa) e dagli “strumenti inconsistenti”. Tra questi troneggia la riproduzione di un Mighty Wurlitzer, il “theater organ” indispensabile accompagnamento di ogni impresa fantastica. Biglietti da 40 a 20 euro.

Marta sui tubi 10 dicembre

Nelson Mandela Forum Anticipato dal primo singolo Parla con me, è uscito Ali e radici il nuovo atteso album di Eros Ramazzotti; undici canzoni inedite (più la bonus track Linda e il mare disponibile solo su iTunes) caratterizzate da un respiro sonoro internazionale. Con oltre 210.000 copie vendute in prenotazione, è già triplo disco di platino, consentendo quindi ad Eros di essere tra i premiati (multi-platinum) ai prossimi Wind Music Awars, gli Oscar della Musica Italiana. Prodotto da Eros che è anche autore dei testi con Adelio Cogliati e delle musiche con Claudio Guidetti, Ali e radici è il suo undicesimo album di inediti e arriva a quattro anni dall’ultimo, “Calma apparente”. Da 65 a 30 euro.

Viper Theatre Superato il traguardo delle 80 date tra ottobre 2008 e settembre 2009, la band più amata dagli idraulici italiani terrà una serie limitata di performance poliartistiche tra ottobre e inizio dicembre, emblematicamente definite “Arte sui tubi”. Ingresso: Biglietti: 13 euro + diritti di prevendita. Vinicio Capossela 13 dicembre

Teatro Verdi Dopo il successo della scorsa stagione (due esauriti al Teatro Verdi a marzo), torna a grande richiesta Vinicio Capossela. Il tour è stato immaginato come un concerto-spettacolo ispirato ad una sorta di “circo delle stranezze”. L’allestimento prevede, alle spalle dell’artista e ai lati del palco, l’uso di side show banners, di teli illustrati e colorati che mostrano le attrazioni, in un contorno di luce da acquario e lampadine da carnival, da luna park. Vinicio (Pianoforti, Chitarre, Mighty Worluzter, Farfisa, Voci) sarà accompagnato sul palco da molti artisti tra cui Christopher Wonder (il mago de Human Pignata), Jessica Love-The Elastic Lady (mangiafuoco, bersaglio del lanciatore di coltelli) dai musicisti Glauco Zuppiroli (Contrabbasso e Ukulele), Zeno De Rossi (Batteria e Grancassa da banda), Vincenzo Vasi

Eros Ramazzotti 15 dicembre

Niccolò Fabi 17 dicembre

Viper Theatre Torna a Firenze il cantante capellone che ha fatto cantare l’Italia degli anni Novanta con la sua celeberrima “Capelli”. Niccolò Fabi arriva al Viper con un nuovo repertorio fatto di canzoni melodiche, arrangiate con la cura del cantautore, che fanno parte del suo ultimo album, “Solo un uomo”, uscito subito dopo aver partecipato alla scrittura della colonna sonora del film “Come Dio comanda” di Gabriele Salvatores, tratto dall’omonimo film di Niccolò Ammaniti. Biglietto 15 euro + diritti di prevendita

Concert Opera Claudio Baglioni Dal 20 al 23 dicembre

Teatro Verdi Sbarca a Firenze il mega evento firmato Claudio Baglioni. Grandi musicisti sul palcoscenico e tanto spazio per le sonorità pop care agli amanti del contante romano, capace di coinvolgere grandi e piccini.

A teatro Molto rumore per nulla Dal 15 al 20 dicembre

Teatro della Pergola Dal palcoscenico del Teatro India all’Argentina torna l’allestimento della celebre commedia shakespeariana esito di un laboratorio che Gabriele Lavia ha tenuto con una ventina di giovani attori. L’attenzione alle nuove generazioni e al teatro di domani che questo spettacolo rappresenta è un obiettivo fondamentale che il Teatro di Roma si è dato come direttrice della sua programmazione. La fortuna con la F maiuscola Dal 26 dicembre al 10 gennaio

Teatro della Pergola Un grande interprete del Teatro napoletano, Luigi De Filippo, ripropone questa divertente commedia che nel 1942 fu uno dei più clamorosi successi del Teatro Umoristico dei celebri fratelli De Filippo. Un trionfo personale di Eduardo e Peppino che ne furono i primi ed irripetibili interpreti. Ispirandosi alla lezione di un passato glorioso, oggi, con l’interpretazione e la regia di Luigi De Filippo, lo spettacolo torna a risplendere di luce nuova. La fortuna con “la effe maiuscola” è quella inattesa che capita al protagonista della commedia, un pover’uomo perseguitato da un destino avverso e beffardo, che vede all’improvviso illuminare la sua vita misera dall’arrivo di un’eredità che gli giunge da parte di un parente emigrato in America.

Carmen Suite Dal 5 al 24 dicembre

Teatro Comunale Bellissima, magnetica, e soprattutto bravissima: è ELEONORA ABBAGNATO, palermitana ma dall’età di 13 anni cittadina del mondo, dal 2001 Premiere Danseuse all’Opéra Garnier di Parigi ed unica italiana nel prestigioso e superselettivo tempio della danza nella capitale francese. È a Firenze, Eleonora, dove aveva debuttato nel dicembre 2006 con Coppelia di Polyakov, per interpretare con MaggioDanza, la Compagnia del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Vladimir Derevianko, la protagonista di CARMEN SUITE, il balletto del coreografo cubano Alberto Alonso sulle celebri pagine operistiche di Bizet (eseguite dal vivo dall’Orchestra del Maggio diretta da Fabrizio Maria Carminati) in cui avrà al suo fianco l’etoile Jean-Sébastien Colau, e che – in abbinamento con Il Campanello di Donizetti – andrà in scena al Teatro Comunale dal 5 dicembre, per arrivare con le repliche fino a Natale.

Gli eventi Regali in corte 12 e 13 dicembre

Corte genova – Prato Due giorni da dedicare allo shopping pre-natalizio con le idee originali di Clotilde, Happy Books, Le chicche di Olivia, Deuda, Temi d’artemisia, Gastronomia tempestini, Sp’Osare e Aloe e Wolf. Un mix di marchi ideati da giovani toscani si riuniscono per due giorni realizzando una vetrina d’eccellenza fatta di idee simpatiche e uniche. Da non perdere. Via genova, 17 – Prato. Concerto di Natale 12 dicembre

Palazzo Davanzati Sabato 12 dicembre alle ore 18 il Museo di Palazzo Davanzati presenterà il Concerto di Natale: “Coro vocale di musiche tradizionali natalizie eseguite dal Coro del Duomo di Firenze. L’evento è offerto dal comitato per la rinascita del Museo di Palazzo Davanzati.


WYY[iieWbbWh[j[_dj[hd[j [_d\e#Yeckd_YWp_ed[_dj[cfeh[Wb[ 9>;9EIÊ;Ê5 ?bi[hl_p_e<_h[dp[M_Óf[hc[jj[bWYedd[ii_ed[WZ?dj[hd[j_dceZWb_j}i[dpWÓb_$8WijWkdj[b[\ede Y[bbkbWh[[ZkdfYfehjWj_b[ekdeicWhjf^ed[f[hdWl_]Wh["Y^WjjWh["iYWcX_Wh[cW_b[ZWYY[Z[h[ W_i[hl_p__d\ehcWj_l_Z_9eckd[[Fhel_dY_WZ_<_h[dp[$?dgk[ijW\Wi["jkjj_]b_kj[dj_^WddeW Z_ifei_p_ed[e]d_]_ehde'ehWZ_j[cfeZ_dWl_]Wp_ed[e)&&CXoj[iZ_jhW\ÓYe 

:EL;I?JHEL75 7Ze]]__bi[hl_p_e„Wjj_led[bb[i[]k[dj_Wh[[0 '$F_WppWZ[bbWI_]deh_W ($F_WppWIWdjW9heY[ )$F_WppWIWdjeIf_h_je *$F_WppWIWdj_ii_cW7ddkdp_WjW +$FWhj[hh[_dF_WppWZ[bbWB_X[hj} ,$L_W9WdelW"fh[iiek\ÓY_Z[bbÊ7dW]hW\[ -$F_Wpp[=^_X[hj_[7dd_]ed_ .$F_WppW7bX[hj_#L_bbW7hh_lWX[d[ /$F_WppWb[C_Y^[bWd][be '&$F_WppW8WcX_d_Z_8[ibWd_d]h[iie<ehj[ppWZW8Wiie ''$F_WppWb[Z[bb[9WiY_d[ '($FWhYeZ_IWd:edWje 

Il progetto è stato realizzato nell’ambito del programma ELISA e finanziato dal P.O.R.E.

mmm$feh[$_j

8ZgXVcZ^ajd\]^^cY^XVi^aVgZiZ<_h[dp[m_Ó 

cdev@cdev.it

PROVINCIA DI FIRENZE


46

annunci immobilari

Dicembre 2009

un aiuto prezioso a casa tua le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali 1-2 VANI FIRENZE BAGNO A RIPOLI COLLINA Delizioso appartamento con ingresso indipendente di mq. 50 composto da soggiorno con angolo cottura, vano guardaroba con finestra, bagno al piano terra e camera marimoniale al piano primo. Finemente ristrutturato. € 220.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CAMPO DI MARTE in ediicio di nuova costruzione delizioso bilocale composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, bagno e corte esclusiva. € 220.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

ATTICO SCANDICCI zona centrale, ben servita, quinto e ultimo piano con ascensore, attico di 60 mq.ca. Con terrazza abitabile su tre lati di 70mq: grande zona giorno con angolo cottura, camera matrimoniale, servizio, seconda camera facilmente realizzabile. Posto auto di proprietà € 300.000,00 ☎055 6810882

NOVOLI UNIVERSITÀ In contrada silenziosa, al piano terra rialzato, ampio tre vani: ingresso/ disimpegno, grande soggiorno, cucina, camera, servizio, piccolo balcone. Seconda camera facilmente realizzabile, ottimo anche come investimento per messa a reddito. Rif.s355 € 195.000,00 trattabili ☎055 6810882

BAGNO A RIPOLI Appartamento al primo piano con ascensore composto da ingresso, cucina abitabile, sala, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio, due balconi oltre cantina e garage. Da ristrutturare. € 280.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

NOVOLI vicinanze, in interno tranquillo e silenzioso, appartamento di nuova costruzione composto da ingresso indipendente, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camerina e servizio. Indipendente, accessoriato, resede condominiale. Rif. La769 € 185.000,00 ☎055 413177

BAGNO A RIPOLI delizioso appartamento in piccola palazzina al secondo ed ultimo piano composto da ingresso, cucina abitabile, salotto con camino, camera nel sottotetto, bagno, ripostiglio e soppalco. € 225.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

OBERDAN ADIACENZE in palazzo d’epoca al piano seminterrato con ingresso indipendente app.to di mq.68, ingresso-sala, cucina abitabile, camera matrimoniale, bagno, completamente ristrutturato, risc.singolo, no balcone€ 260.000 trattabili uso abitazione o ufficio € 260.000 ☎347 6143007

CAREGGI Via Carlo del greco- bilocale al 1º piano di palazzo con facciate completamente rifatte,composto da soggiorno con cucina con balcone,camera letto,bagno e ripostiglio.adatto a studenti universitari. € 190.000 trattabili ☎055 6810882

CAMPO MARTE cucina con portafinestra su resede mq.30 con vano pluriuso, soggiorno, camera, bagno ed ampia cantina, termosingolo, buono stato, bel condominio con facciate rifatte, rif. 827 € 230.000 trattabili ☎055-573366 - 331 5764740

PANCHE In via traversa tranquilla, piccola palazzina restaurata, al primo piano, bilocale con balcone: soggiorno/angolo cottura, camera, servizio, ripostiglio. Buone condizioni, ottimo anche come investimento. Rif. S249 € 190.000,00 tratta☎055 6810882 bili

CAMPO MARTE libero 3 vani confortati in piccola palazzina, ottimo stato, piano primo, termosingolo, bagno, balcone, grande ripostiglio, rif. ☎055 573366 - 331 5764740 803 € 260.000

PORTA ROMANA pressi, in palazzo di pregio, appartamento al terzo (ultimo) piano, composto da ingresso, soggiorno con angolo cottura, camera e servizio. Consegna 02/2010, ristrutturazione di gusto, con utilizzo di materiali di alta ☎055 413177 qualità. Rif. La776 € 190.000,00 SCANDICCI Bilocale con giardino privato al piano terra di piccolo terratetto. Totale ristrutturazione con materiali di pregio. Soggiorno, camera, servizio, giardino mq. 26. Loc. Granatieri. € 170.000,00 trattabili ☎055 6810882

3 VANI FIRENZE ALBERTI PRESSI ottimo investimento ampio trivani di oltre 75 mq da rivedere composto da ingresso sala camera amtimonilae cucina abitabile serrvizio balconato termsiingolo € 219.000 ☎055 0515231 ANTELLA in zona centrale, delizioso appartamento finemente ristrutturato con ingresso indipendente, composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, cameretta, bagno, ripostiglio e corte esclusiva. € 260.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

CAREGGI in strada tranquilla di nuova costruzione soggiorno cucinotto due camere servizio possibilita’ di giardino o terrazzo. Possibilità ga☎055 0515231 rage.a partire da € 299.000 FIRENZE NOVA Appartamento al 2 piano in strada interna tranquilla e silenziosa composto da cucinotto ,tinello, 2 camere matrimoniali bagno e ripostiglio.termosingolo, cantina e posto ☎055 6810882 auto. € 200.000,00 trattabili GABRELE D’ANNUNZIO ultimo piano in piccola palazzina, appartamento due livelli mq.65 composto da ingresso, soggiorno pranzo con angolo cottura, camerina e servizio, al piano superiore camera, guardaroba e vano accessorio/lavanderia. Ristrutturazione totale, ottimi materiali, accessoriato di tutti i conforts. Rif. La761 € 300.000,00 ☎055 413177 GAVINANA in palazzo signorile vendiamo due unita immobiliari completamente ristrutturate luminose composte da ingresso soggiorno angolo cottura camera matrimoniale cameretta servizio ripostiglio termo-singolo a partire da € 270.000 fiducia immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233 LE CROCI (CALENZANO) immerso nel verde di nuova costruzione terratetto con ingresso indipendente su due livelli composto ampia cucina abitabile soggiorno camera matrimoniale con vano guardaroba oltre a servizio.conclude la proprieta’ ampie terrazze giardino e posto auto. € 275.000,00 trattabili ☎055 0515231

FIRENZE SUD , zona gualchiere, al piano terra di piccolo terratetto, appartamento in perfette condizioni di 90 mq composto da ampia cucina, sala, 2 matrimoniali, bagno e stanzina lavanderia.molto silenzioso. Ottimo rapporto qualità/ ☎335 7678437 prezzo € 240.000,00 GAVINANA delizioso appartamento composto da cucina, sala, camera matrimoniale, cameretta, bagno, ripostiglio e cantinetta, 2 balconi. Molto silenzioso € 320.000,00 trattabili ☎335 7678437 GIANNOTTI luminoso signorile ultimo piano ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere matrimoniali balcone servizio ripostiglio con finestra ottimi affacci € 370.000 fiducia immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233 ISOLOTTO VECCHIO in palazzina di soli 6 condomini, 4 vani al piano terra rialzato: soggiorno, cucina abitabile con balcone,camera matrimoniale, camerina, servizio, cantina. Piazzale condominale per posteggio auto riservato. Discrete ☎055 6810882 condizioni.g360 € 290.000,00

EUROPA Bellissimo appartamento al 3º piano con ascensore di ca. 120 mq: ampio soggiorno,cucina abitabile,3 camere matrimoniali,servizio, ripostiglio,2 terrazze,possibilità garage.buona esposizione,perfetta divisione notte/giorno.possibilità 2ºbagno.g546 € 490.000,00 trattabili ☎055 6810882 FARDELLA piano primo con ascensore, cucina, sala, 3 camere, studio, 2 ripostigli, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage, buono stato, rif. 720 € 650.000 trattabili ☎055-573366 - 331 5764740 KIOTO Viale Europa pressi, all’ultimo piano di palazzina nel verde e in posizione silenziosa: soggiorno doppio, cucina abitabile, camera matrimoniale, camerina, due bagni, due terrazze, ☎055 6810882 garage. Rifg546 € 470.000,00

SCANDICCI CENTRO Via Allende, in nuova costruzione, ottimo appartamento al piano terra: ingresso, soggiorno, cucina parzialmente indipendente, due camere, due servizi, due terrazze di cui una abitabile. Cantina e garage di pro☎055 6810882 prietà. Rif. G490 € 360.000,00

4 VANI FIRENZE BAGNO A RIPOLI in zona tranquilla e centrale, appartamento composto da soggiorno, cucina abitabile, due camere, bagno, ripostiglio, due terrazzi, cantina e garage. € 350.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BOLOGNESE VECCHIA immediate vicinanze ponte rosso, appartamento al terzo e ultimo piano di piccola palazzina, con bellissimi affacci e ottima esposizione: soggiorno, cucina abitabile, due camere, bagno con finestra, terrazza abitabile di ca 20 mq panoramica a 360 gradi ☎055 6810882 sulla città. € 370.000,00 CAMPO DI MARTE Appartamento mq.90 composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere matrimoniali, bagno, ripostiglio e cantina. € 340.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CASELLINA in palazzo signorile luminoso silenzioso nel verde ampio ingresso soggiorno ampia cucina abitabile 2 camere matrimoniali ampio servizio grande ripostiglio 2 balconi € 290.000 fiducia immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233 DUSE libere 4 stanze piano alto confortato termocentrale, luminosissimo, oltre cantina e posto auto condominiale,rif. 823 € 345.000,00 tratta☎055-573366 - 331 5764740 bili EUROPA piano secondo con ascensore, doppi servizi, balcone mq.12 oltre terrazza mq.55, termosingolo, tutto rimesso,rif. 777, immobiliare gavagnin. € 430.000,00 trattabili ☎055 573366 - 331 5764740

VITTORIA in stabile signorile dei primi anni quaranta con doppia esposizione ampia metratura composto da doppio ingresso salone doppio tre camere studio cucina doppi servizi balconato termosingolo climatizzato EURO 790.000 TRATTABILI

5 VANI FIRENZE BAGNO A RIPOLI Rimaggio, appartamento in villa trifamiliare di mq. 120, di recente costruzione, composto da ingresso, soggiorno doppio con angolo cottura, tre camere, due bagni, terrazza abitabile, due posti auto. Rifiniture lusso. € 630.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BARGELLO P.zza San firenze, in palazzo storico, appartamento signorile, panoramico, con affacci sul bargello. Ampio salone doppio di rappresentanza, cucina, due camere, due bagni, per una superficie complessiva di mq140 circa. Restauro di pregio, materiali finissimi, contesto ☎055 6810882 esclusivo.

1013973

☎ 055 0515231

OLTRE 5 VANI FIRENZE

CAMPO DI MARTE piano alto con ascensore perfettamente rifinito panoramico sul duomo ampia metratura appartamento composto da ingresso sala tre camere cucina abitabile servizio termo☎055 0515231 singolo € 475.000

ATTICO AL GIRONE in piccola palazzina al primo ed ultimo piano luminoso e panoramico appartamento di circa 160 mq oltre 100 di terrazza abitabile composto da cucina abitabile, salone, 4 camere, bagni oltre studio soffitta, cantina e posto auto. Ottime condizioni. Trattativa ☎335 7678437 riservata

COVERCIANO traversa tranquilla e silenziosa di via d’annunzio, bel 5 vani al primo piano: cucina abitabile oltre tinello, grande soggiorno, due camere matrimoniali, una singola servizio con finestra, grande ripostiglio, possibilità secondo bagno. Balcone. Soffitti alti. Rif. S541 € 410.000,00 ☎055 6810882 trattabili

ATTICO BELLARIVA Attico panoramico su colline e monumenti ingresso salone cucina abitabile tre camere servizio ripostiglio balcone verandato ad uso lavanderia e terrazzo abitabile di 60 mq. Ampia cantina e possibilità di posto auto condominiale € 520.000,00 trattabili ☎055 0515231


annunci immobilari

47 BAGNO A RIPOLI , caratteristica porzione di colonica finemente ristrutturata composta da salone con camino, cucina, sala pranzo, 3 camere, 2 bagni, studio e stanza lavanderia, completano la proprietà 500 mq. Di giardino € 730.000 trat☎335 7678437 tabili 1077517

BAGNO A RIPOLI collinare, vista Firenze, bellissima porzione di colonica libera su 3 lati. Ristrutturatissima composta da cucina abitabile, sala pranzo, sala con camino, studio, 3 camere, 3 bagni, lavanderia, bellissimo giardino vista firenze. Bellissime vetrate, loggia, materiali di gran ☎335 7678437 pregio. FIESOLE collinare, prozioni di ville, con restauro conservativo, cotto, travi a vista, giardini e piscina condominiale. Oggetti di grande pregio a partire ☎335 7678437 da € 500.000 OLMO, di Fiesole, spettacolare villa in pietra, circa 350 mq libera su 4 lati con ampi saloni, camini originali già divisa in 2 unità, oltre annesso di 80 mq.circondata da terreno di circa 15.000 mq, possibilità di frazionarla in più unità o adatta per agriturismo trattativa riservata. ☎335 7678437

1077516

OLMO antico complesso colonico libera su 4 lati villa su vari livelli composta da ingresso studio salone doppio tre camere cucina abitabile tripli servizi terrazza abitabile-veranda conclude la proprieta’ ampio giardino di oltre 3000 mq piscina vari posti auto. € 1.200.000,00 ☎055 0515231

FIRENZE 3 VANI GAVINANA in palazzo signorile vendiamo due unita immobiliari completamente ristrutturate luminose composte da ingresso soggiorno angolo cottura camera matrimoniale cameretta servizio ripostiglio termo-singolo a partire da Euro 270.000 FIRENZE 4 VANI GIANNOTTI luminoso signorile ultimo piano ingresso soggiorno cucina abitabile 2 camere matrimoniali balcone servizio ripostiglio con finestra ottimi affacci Euro 370.000 CASELLINA in palazzo signorile luminoso silenzioso nel verde ampio ingresso soggiorno ampia cucina abitabile 2 camere matrimoniali ampio servizio grande ripostiglio 2 balconi Euro 290.000

FIRENZE OLTRE 5 VANI VILLAGGIO PRIMAVERA signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprieta’ 2 garage cantina Euro 600.000/00 FIRENZE FONDI COMMERCIALI VENDITE PONTE A EMA ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani piu’ servizi due sporti su strada possibilita’ cambio di destinazione d'uso Euro 220.000 RIPOLI fondo commerciale con sporto su strada completamente ristrutturato servizio Euro 180.000 FIRENZE ATTIVITA' COMMERCIALI GAVINANA avviata attivit√É alimentari e tabacchi Euro 100.000

ATTICO CAMPO DI MARTE panoramico su fiesole con terrazzo abitabile composto da salone doppio tre camere cucina abitabile doppi servizi possibilita’ di aumento volume in ottimo stato generale.cantina garage. € 995.000,00 trattabili ☎055 0515231 ATTICO EDISON in stabile signorile panoramico su monumenti e colline libero su tre lati divisibile doppi ingressi salone triplo tre camere matrimoniali cucin abitabile doppi servizi terrazzato possibilià di acquisto di garage e cantina € 800.000 ☎055 0515231 trattabili OBERDAN pressi panoramico ultimo piano mq.180 oltre ampia soffitta collegabile, doppi bagni, cantina, due posti auto,rif. 810 - immobiliare gavagnin € 850.000,00 ☎055 573366 - 331 5764740 PIAZZA LEOPOLDO in palazzo dell’ottocento ottimamente mantenuto, appartamento da ristrutturare al primo piano: cucina, soggiorno, tre camere, servizio, oltre accessori, e due balconi. Ottime potenzialità sia per abitazione che per trasformazione in studio professionale. ☎055 6810882 PIAZZA OBERDAN in palazzo d’epoca piccolo condominio al piano terreno rialzato app.to di mq. 160, 7 vani doppi servizi con terrazzo abitabile di mq.60 risc.singolo uso abitazione o uf☎347 6143007 ficio SCANDICCI POGGIO VALICAIA Via delle croci, porzione di colonica, bellissimo appartamento perfettamente ristrutturato: ingresso, soggiorno, cucina, due camere, studio, soppalco attrezzato, due servizi, accessori, terreno privato 900 mq. Ca. Travi a vista, finiture di pregio, bellissimo con☎055 6810882 testo.g610 € 600.000,00 SCIPIONE AMMIRATO adiacenze in villino prestigioso app.to di mq.350 circa posto al 1º e 2º piano senza ascensore, completamente ristrutturato, 2 posti auto, terrazzo abitabile panoramico in torretta, ottime rifinuture, € 1.150.000,00 ☎347 6143007 SETTIGNANO In bellissima casa colonica bifamiliare, ultrapanoramica e nel verde, appartamento al piano terra con mansarda: soggiorno, con angolo cottura separato, tre camere, tre servizi. Terrazza abitabile, 3000mq di giardino privato, permesso approvato per costruzione grande garage. Da ristrutturare € 700.000,00 ☎055 6810882 VILLAGGIO PRIMAVERA signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprietà 2 garage cantina € 590.000/00 fiducia immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

GAVINANA attivita’ edicola in ottima posizione commerciale Euro 200.000 FIRENZE AFFITTI 2 VANI PONTE ALLE MOSSE pressi luminoso silenzioso ultimo piano monolocale + mansarda con terrazzo panoramico Euro 680 DUOMO piano alto con ascensore bilocale composto da ingresso camera matrimoniale cucina servizio Euro 800 B.MARCELLO bilocale composta da ingresso camera matrimoniale cucina abitabile servizio Euro 650 FIRENZE FONDI COMMERCIALI AFFITTI GAVINANA fondo con sporto su strada con servizio e soppalco Euro 500/00 PONTE ALLE MOSSE ampio fondo di mq 440 circa, 2 sporti su strada passo carrabile, possibilita’ frazionamento Euro 4.400

LARGO P. P. BOSCOLI 7 TEL. 055 68.00.095

1035768

Tel. 055.662898 Cell. 346.2180611 cabservicesrl@virgilio.it

GARAGES

VIA ARETINA

TALENTI

Garages in corso di realizzazione, automatizzati, varie metrature

Garages di nuova realizzazione, automatizzati, varie metrature, in pronta consegna

OTTIMA POSIZIONE, prossima consegna, delizioso bilocale composto da soggiorno/cucina, camera, bagno, terrazza mq.8 e garage mq.17 ideale anche per investimento a reddito

FIRENZE

A PARTIRE DA EURO 195.000

DIRETTAMENTE DAL COSTRUTTORE

CALENZANO

TERRATETTI

SAN JACOPINO

PRESSI, bellissimo attico in palazzo signorile unico al piano, tripla entrata, mq.130 circa oltre terrazza circostante di mq.140 volendo anche garage 1068390

Tel. 055

09.44.857 Cell. 329 02.09.501

www.primaprogetti.it

1035693

BELLARIVA

IN PICCOLO COMPLESSO IMMOBILIARE INDIPENDENTE APPARTAMENTI DI NUOVA REALIZZAZIONE BILOCALI E QUADRILOCALI CON POSSIBILITA’ DI POSTO AUTO O GARAGE

BAGNO ARIPOLI centrale ma in strada silenziosa e senza sfondo, delizioso terrattetto anni ’30, su due livelli di circa 105 mq e giardino di 60 mq. Ampio ingresso, cucina abitabile, grande sala,3 camere,2 bagni.particolari d’epoca e imortanti altezze con possibilità di sfruttare sottotetto.facilità di parcheggio € 540.000,00 ☎335 7678437 CAMPO MARTE abitazione corredata di tutti gli accessori per garantire un’abitabilità perfetta. Ingresso indipendente, cucina, soggiorno pranzo, due camere, tripli servizi, ripostigli, oltre mq. 10 di terrazza, autorimessa mq. 53. Finiture di pregio, impiantistica indipendente di ultima genera☎055 413177 zione. Rif. La646 € 490.000,00 CAMPO MARTE terratetto indipendente di nuova costruzione, dotato di caratteristiche ed accessori plurifunzionali come terrazze, garage e lavanderia. Climatizzazione, risparmio energetico e ☎055 413177 fiscale. Rif. La640 € 415.000,00 FIRENZE SUD 10 MINUTI Sieci,nel verde, stupenda villetta terratetto libera su 3 lati con bel giardino di 800 mq; composta da cucina, sala pranso sala con camino, 3 camere, 2 bagni, cantina, lavanderia e garage. Perfetta e super acces☎335 7678437 soriata MANNELLI PRESSI, terratetto indipendente di nuova costruzione composto da soggiorno, cottura, doppi servizi, due camere, oltre garage, cantina, lavanderia e terrazza. Risparmio energetico e fiscale. Consegna gennaio 2010. Rif. La639 € 465.000,00 ☎055 413177 MERCADANTE finemente ristrutturato su tre livelli ampia metratura composto da ingresso ampio salone sala pranzo con camino tre camere cucina abitabile taverna tripli servizi cantina soffitta conclude la proprietà un ampio giardino e terrazza abitabile termosingolo climatizzato € 699.000,00 ☎055 0515231 ROVETA MARCIOLA terratetto indipendente,ottima e recentissima ristrutturazione, mq120 su due livelli suddivisi in 6 ampi vani più accessori, oltre a taverna abitabile di mq70, annesso attrezzato, giardino di proprietà esclusiva mq150. Rivestimenti alto livello in cotto e pietra serena. ☎055 6810882 Tg619 € 630.000,00 trattabili

VILLE

E

VILLETTE

PICILLE (BARATRO) Picille (baratro) terreno a gradoni di mq.25.000 con viti, ulivi e alberi da frutto, con piccolissimo annesso (mq.7) da ristrutturare con pozzo, artesiano di proprietà€ 120.000. Ottimo per investimento € 100.000,00 trattabili ☎347 6143007

VALDARNO

FIRENZE ANTELLA collinare, ma vicina ad ogni servizio, villetta bifamiliare di 125 mq di nuova costruzione, libera su 3 lati,grandi logge, garage di 42 mq,taverna e giardino.super accessoriate con possibilità di personalizzare le finiture ☎335 7678437 ANTELLA in contesto signorile, villetta quadrifamiliare con giardino, caratteristico appartamento al primo ed ultimo piano di 170 mq composto da cucina abitabile , n.2 saloni, 4 camere, 3 bagni oltre cantina e posto auto al coperto. Ottime condizioni molto luminoso e silenzioso. € 780.000,00 trattabili ☎335 7678437

REGGELLO PIETRAPIANA immerso nel verde stupendo fienile finemente ristrutturato, composto da soggiorno con camino, cucina, due camere, doppi servizi, ripostiglio, ampia lavanderia, pergolato e giardino olivato di circa mq. 3.300 recintato. € 380.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656

IMMOBILI VARIE

BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a ca☎335 7678437 mera e 3ºbagno. BAGNO A RIPOLI centrale ma in strada silenziosa e senza sfondo, delizioso terrattetto anni ’30, su due livelli di circa 105 mq e giardino di 60 mq. Ampio ingresso, cucina abitabile, grande sala,3 camere,2 bagni.particolari d’epoca e imortanti altezze con possibilità di sfruttare sottotetto.facilità di parcheggio € 540.000,00 ☎335 7678437 CURE ALTE spettacolare villino finemente ristrutturato in stile anni ’30. Circa 300 mq disposti su 3 livelli oltre depandance e giardino. N.2 ingressi separati. Ottimo per abitazione e studio. Tratta☎335 7678437 tiva riservata FIESOLE collinare, meravigliosa porzione di villa appena ristrutturata, libera su 3 lati con giardino e vari accessori tra cui piscina condominiale, salone, cucina, lavanderia, 2 matrimoniali, 2 bagni. Grande pregio € 750.000,00 trattabili ☎335 7678437 GRASSINA/IMPRUNETA villa con giardino libera su 4 lati, 180 mq , composta da salone con camino, cucina abitabile, 2 bagni, 2 camere oltre taverna e garage ( possibilità 3a camera) € 590.000 ☎335 7678437 GRASSINA collinare, magnifica casa torre del 1.300 a pochi km dal centro di grassina, 500 mq su vari livelli con grande loggia all’ultimo piano.piscina e terreno di 3 ettari con vigna e piccolo appartamento per ospiti.oggetto di ☎335 7678437 grande pregio MONTELORO splendida porzione di villa, libera su tre lati, in posizione dominante e panoramica. P.t: sala di rappresentanza, altra sala, cucina abitabile, vari accessori.p.1.: 2 camere matrimoniali accessoriate, camera singola,studio, terrazza loggiata 50 mq. Giardino e piscina condominiali,tre ☎055 6810882 posti auto. SAN DOMENICO in contesto esclusivo villa immersa nel verde su vari livelli di complessivi 500mq oltre a grande terrazza panoramica e 2000 mq complessivi di giardino concludono la propietà piscina e vari annessi ☎055 0515231 VILLAMAGNA villetta bifamiliare già divisa in due appartamtentidi 105 mq e 75 mq: 1ºapp.to- cucina, sala, 2 camere, bagno;2ºapp.to- 2 sale, cucina, bagno, camera. Completano la proprietà lavanderia, cantine, giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 590.000,00 trat☎335 7678437 tabili

VALDISIEVE SIECI Meravigliosa casa indipendente libera su 4 lati circondata da giardino composta da cucina abitabile con sala pranzo, salone, 3 camere, 3 bagni, oltre studio e 4a camera in mansarda. Completano la proprietà cantina, lavanderia, garage/taverna e bellissima terrazza a tasca. Oggetto di grande fascino perfette condizioni ☎335 7678437

CAMPO DI MARTE Iniziamo vendite di nuove costruzioni in contesto silenzioso ed immerso nel verde di diverse metrature tutte dotate di terrazza abitabile e box auto info in agenzia.

☎ 055 0515231

1013972

FIRENZE EDISON libero caratteristico ed unico nel suo genere, appartamento mq.100 con ingresso indipendente, soppalco a vista, completamente e finemente ristrutturato con materiali di pregio, confortatissimo, rifiniture pietra d’epoca, legno decapè, cotto, soffitto a volte,rif. 821 € 370.000,00 trattabili ☎055-573366 - 331 5764740 LABORATORIO SCANDICCI Le Bagnese, grande laboratorio di mq. 160, diviso in più ambienti e dotato di camera di sicurezza. Adatto vari usi, laboratorio, ufficio, studio. Zona residenziale. Rif.ga117, € 230.000,00 trattabili ☎055 6810882

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

GARAGE

PONTE A EMA ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani più servizi due sporti su strada possibilità cambio di destinazione d’uso € 220.000 fiducia immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

AFFITTI OFFERTA FIRENZE

COLONICHE

E

TERRENI FIRENZE

A GRASSINA bellissima porzione di colonica libera su 3 lati perfettamente ristrutturata, composta da grande cucina con camino, 2 sale di cui una con grandi vetrate , 3 camere, 2 bagni, soggitta. Meraviglioso parco pianeggiante di oltre 6.000 mq con 2 annessi. € 780.000,00 ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI VIA DEL CAROTA immerso nel verde, fienile di mq.125 oltre annesso agricolo mq.40 e terreno esclusivo di mq.5000. Da ristrutturare. € 520.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

ZONA MAZZINI Nuova costruzione affittasi appartamento composto da grande zona giorno con angolo cottura,camera matrimoniale con stanza guardaroba,cameretta/studio, bagno e ripostiglio. Grande terrazzo abitabile.termosingolo,aria condizionata,parabola satellitare,porta blindata,cantina e posto auto.arredato con gusto € 1.200,00 ☎055 6810882

MUGELLO BIVIGLIANO in piccolo condominio monolocale di mq.27 con ingresso indipendente completamente ristrutturato ed arredato, no balcone libero da settembre 2009, contratto uso transitorio solo referenziati con busta paga € 500 ☎347 6143007


1074382


Il reporter-Quartiere 5-dicembre 2009