Issuu on Google+

Il Giornale del tuo Quartiere

Q3 •Affitti •Vendite Immobiliari •Gestioni immobiliari •Consulenze tecniche

agenzia immobiliare 1-2 VANI FIRENZE PONTE VECCHIO 1°piano, monolocale con angolo cottura, bagno, arredato, a referenziati, incluso tutte le spese Euro 600 VIA CAMPUCCIO Ingresso, cucinotto, soggiorno, camera, bagno, tutto nuovo, ben arredato, a referenziati, anche brevi periodi Euro 650 3 VANI FIRENZE BELLARIVA zona, soggiorno con angolo cottura, due camere, bagno, balcone, arredato, contratto transitorio a referenziatissimi incluso condominio e riscaldamento Euro 850

5 VANI FIRENZE CERRETANI ingresso, cucina, soggiorno, tre camere, 2 bagni, arredato, termosingolo a studenti/esse Euro 1.400 OLTRE 5 VANI FIRENZE STATUTO 4° piano con ascensore, 6 vani, cucina, soggiorno, salotto, 3 camere, doppi servizi, balcone, a studenti/esse Euro 1.300 FONDI COMMERCIALI FIRENZE COVERCIANO affittasi fondo commerciale adatto a vari usi con sporto su strada e servizio Euro 600

Via De Serragli, 66 R, Firenze

1046262

Tel. 055 283896 - Cell. 347 2597253 - 339 7363290

Periodico d’informazione locale. Anno III n.48 del 7 settembre 2009. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

Tutta “colpa” di Garibaldi di

PRIMO PIANO

URBANISTICA

SETTEMBRE 2009

Andrea Muzzi*

T LA NOVOLI CHE VERRÀ Dopo un lungo restyling si intravede il volto del quartiere del futuro PAGG.16-17

VIA GRAN BRETAGNA La corsia preferenziale riaprirà tra quattro mesi. Bus ancora deviati

PAG.2

SPORT

Ex3, il vecchio Quarter riprende a vivere Autobus e Ztl, si cambia

PAG.3

Tendenze

di Gagliardi – Puliti

A Il mercato si è chiuso senza l’acquisto che i tifosi chiedevano. “Compreremo quando ci sarà l’occasione” PAG.36

lotta ai “portoghesi” e, perché no, tariffe più convenienti. E in vista ci sono cambiamenti anche per chi si sposta in auto. Se la Ztl notturna andrà avanti fino al 31 ottobre, dal prossimo anno potrà essere molto diversa, nelle regole e nei confini. Per venire incontro a tutti: a chi la notte se la vuole godere, ma anche a chi prePAGG.10-11 ferisce dormire.

Nozze “esotiche” scoppia la moda

“SERVE UN IMPIANTO” Il presidente del Q3 Ceccarelli fa il punto sullo sport e chiede una nuova struttura PAG.38

PAG.6

SALUTE. Ecco il piano-vaccinazioni e i consigli dei medici

Nuova influenza, le cose da sapere D

G NU ES O TI VA O N E

CORVINO GUARDA AVANTI

chi non è mai capitato di sbuffare, sotto il sole o la pioggia, in attesa di un bus che non arriva mai? E che magari quando arriva è talmente pieno da non riuscire ad entrare? Questo, e molto altro, ha allontanato sempre più fiorentini dal trasporto pubblico. Ma ora si volta pagina. Tante le novità in arrivo: rinnovamento di linee e mezzi (addio ai “bestioni” da 18 metri), più tecnologia,

ra un po’ ricorrerà il 150° anniversario dell’Unità di Italia, ma leggo nei giornali che in giro c’è sempre più voglia di separatismo. E’ da quando sono bambino che sento i settentrionali parlare male dei meridionali. Praticamente sono 40 anni che sento dire sempre le stesse cose. La “colpa” di tutto questo è di Garibaldi. Prima di partire con l’impresa dei Mille avrebbe dovuto chiedere informazioni, avrebbe dovuto chiedere ai milanesi “Ragazzi, scendo nell’Italia meridionale, vi va bene se poi vi unisco ai siciliani?”. Loro avrebbero sicuramente risposto: “No, ai siciliani no. Se proprio ci voi unire a qualcuno, aggregaci agli svedesi. Noi siamo lavoratori, gente abituata a fare tutto da sé. Loro hanno l’Ikea, siamo perfetti insieme!”. Invece Garibaldi è partito senza nemmeno un piccolo dubbio!Almeno avesse fatto dei sopralluoghi, avesse chiesto informazioni ad un siciliano, niente. E’ partito con altri 1000 sprovveduti. Immaginatevi anche la reazione dei siciliani che una mattina, di colpo, si sono visti arrivare 1000 persone tutte vestite uguali, avranno pensato: “Ma il carnevale di Viareggio quest’anno lo fanno qui?”. A me piacerebbe sapere il nome dell’agenzia di viaggi che ha organizzato l’impresa dei Mille. Un’agenzia seria non manda un uomo in giro da solo ma gli affianca una guida che lo istruisca: “I siciliani mangiano la cassata, amano fare questo, quest’altro no!”. Insomma, se Garibaldi avesse avuto una guida avrebbe capito da solo che milanesi e siciliani non sono le persone più uguali di questo mondo! *Comico

ASILO NIDO dai 12 ai 36 mesi 1042612

Spazio interno con locali rinnovati. Ampio giardino esterno.

ISCRIZIONI APERTE ANNO 2009-2010

opo mesi di allarmi, dati, paure, smentite comincia l’autunno e si avvicina il momento di fare i conti con la Nuova influenza. Che da mesi ha assunto i connotati della pandemia e che intorno alla fine dell’anno dovrebbe toccare il massimo picco di diffusione. Ma il sistema sanitario (nazionale e locale) ha preso le contromisure: tra la fine di ottobre e i primi di novembre scatteranno lo prime vaccinazioni (per operatori della sanità,

dei servizi e per persone con patologie particolari) e a partire dal 31 gennaio toccherà alla fascia “giovane”, quella che va dai 2 ai 27 anni e che per ora è stata la più colpita. A vaccinarci saranno i medici di famiglia e i pediatri e il vaccino non si troverà in vendita da nessuna parte. La Regione ha già approntato il suo piano-pandemia: ha acquistato nuovi macchinari per l’assistenza respiratoria, incrementerà di almeno 3mila unità i posti letto negli

ospedali e se necessario richiamerà al lavoro, temporaneamente, medici e infermieri in pensione. E ai cittadini cosa resta da fare? E’ facile. Per contenere la diffusione del virus i medici raccomandano di lavarsi bene le mani, gettare i fazzoletti dopo gli starnuti e di non precipitarsi al pronto soccorso per un semplice sospetto. Altra raccomandazione fondamentale, infine, quella di non scordarsi di fare il vacPAGG.14-15 cino ordinario.

EDIZIONE DEL QUARTIERE 3 • 15.321 COPIE DISTRIBUITE DA

Arredamenti e attrezzature a misura di bambino con insegnanti esperte e qualificate. Possibilità di frequenza 3 volte alla settimana spazio gioco pomeriggio dalle 13.30 alle 17.30 e dalle 15.00 / 19.00 SABATO E DOMENICA POMERIGGIO Organizzazione feste di compleanno per bambini da 1 a 5 anni

Festa di inaugurazione

Sabato 26 SETTEMBRE dalle 10.00 alle 13.00

ORARIO ENTRATA 7.30 - 9.30 ORARIO USCITA 13.00 - 15.30 - 17.30

IL CUCCIOLO D’ORO

(ex arco d’oro) Via Burchiello 107 Firenze 055 221042


2

Gavinana • Galluzzo • Firenze sud

Settembre 2009

VIA GRAN BRETAGNA. La corsia degli autobus, chiusa da tempo, non riaprirà prima di quattro mesi

La preferenziale? Torna ad anno nuovo POLITICA. Nell’assemblea del Q3 le donne sono il 39%

Un Consiglio “in rosa” (e sempre più giovane) S

Cantieri aperti in via Gran Bretagna

Alla base della decisione di modificare il percorso dei mezzi pubblici era stata la comparsa di tre grossi avvallamenti, in parte prodotti dal loro stesso transito: un problema giudicato particolarmente grave. Interventi di manutenzione anche in via Villamagna Francesca Puliti

A

ncora quattro mesi. La corsia preferenzia- sbarrata dalle transenne. Sperando che la gestazione le di via Gran Bretagna non riaprirà prima del nuovo manto stradale prosegua regolarmente e dell’anno nuovo, con buona pace di tutti che il “parto” non sia troppo doloroso. Fin qui, cocoloro che prendono l’autobus e già da munque, tutto fa pensare a un procedimento senza tempo sono costretti a subire la deviazione sul tragitto intoppi: i tempi sono quelli della burocrazia, né più per andare al lavoro o tornare a casa. Ultima tappa né meno. Il progetto per il risanamento della corsia (siamo vicini al capolinea delle linee 3, 8 e 23) di un preferenziale di via Gran Bretagna è stato elaborato percorso a dir poco accidentato, disseminato di fer- dai servizi tecnici del Comune nel mese di aprile, e mate provvisorie che accrescono tempi di percorrenza approvato dalla giunta comunale il 4 giugno scorso. dei bus e nervosismo di chi ci sta a bordo. Specie se Oltre ai lavori di via Gran Bretagna, lo stesso progetto ciò avviene nei mesi estivi, quando i mezzi pubblici prevede un intervento di manutenzione per via Villapassano più di rado e magari bisogna aspettarli sotto magna, anch’essa afflitta da avvallamenti più e meno il sole. E specie se si tratta di autobus che attraversa- rilevanti. Il tutto per un costo complessivo di 225mila no l’intera città, tra i più frequentati, come nel caso euro, fondi già previsti dal bilancio comunale, anche del numero 23. Alla base della decisione di chiudere se con tutta probabilità ancora da reperire. L’iter, in la strada in direzione centro-periferia, tre grossi av- ogni caso, è stato avviato, e la delibera della giunta vallamenti, in parte prodotti dallo ha dato una forte spinta verso la stesso transito dei pesanti mezzi. sua conclusione. La prima tappa Fino ad allora i bus Ma a partire dallo scorso aprile, verso la riapertura della corsia è faranno lo stesso giro. quando hanno fatto la loro comstata dunque completata, mentre Confermate anche parsa le prime transenne, pare che la prossima passa attraverso l’asle fermate provvisorie l’asfalto abbia ceduto anche in segnazione dell’appalto, tramite altri punti. “Ma com’è possibile? gara. Procedimento che dovrebbe – si chiede un anziano residente del quartiere – una concludersi entro ottobre o, al massimo, novembre. corsia chiusa così a lungo per tre buche?”. Eppure, L’intervento potrebbe perciò essere segnato in agenda in questo caso non si tratta di un semplice e banale nel mese di dicembre. Fino ad allora, gli autobus conesempio di “strada groviera”, elemento nient’affatto tinueranno a fare lo stesso giro: una volta imboccata sconosciuto alla popolazione fiorentina. Il problema, via Gran Bretagna, svolteranno in via Reims per proquesta volta, è stato giudicato particolarmente grave, seguire poi su via delle Nazioni Unite fino all’incrotanto da mettere in serie difficoltà gli autisti dell’Ataf cio con via Kassel, da cui riprenderanno il percorso che percorrevano via Gran Bretagna. E tanto da ri- regolare. Confermate anche le fermate provvisorie fin chiedere un intervento più corposo rispetto a una sem- qui adottate. Una volta programmato l’intervento, il plice serie di “toppe”. “Per veder risistemata la strada tutto si risolverà in fretta. Quindici giorni di cantiere sarà dunque necessario attendere altri quattro mesi”, un mesetto nella peggiore delle ipotesi - per restituire fanno sapere dalla Direzione servizi tecnici di Palazzo la corsia preferenziale agli autobus. E ai cittadini che Vecchio. E con questi fanno nove, nove mesi di corsia se ne servono.

e è innegabile che in passato la poli- e i ruoli di vicepresidente di Q3 e di catica fosse un affare da uomini, è al- pogruppo del partito di maggioranza, trettanto vero che adesso la situazione il Pd, sono rivestiti da donne. “Ogni sta cambiando. E il Consiglio del Quar- commissione è frutto di un bilanciatiere 3 ne è un esempio lampante: su 23 mento tra le giovani energie e quelle di consiglieri, ben 9 sono donne, per una persone di grande esperienza – spiega percentuale del 39% “contro” il 61% Sara Lai, capogruppo del Pd nonché di uomini. É la composizione che esce membro delle commissioni sport, dalla tornata elettorale dello scorso 7 territorio e politiche educative – l’elegiugno, quando i cittadini hanno votato vata presenza femminile contribuirà anche per rinnovare le amministrazioni positivamente nel coinvolgere le realtà di Quartiere. E il consiglio del Q3 si è territoriali e le associazioni nelle scelte rinnovato davvero, diventando sempre del Quartiere. Come consigliera terrò in più giovane e, soprattutto, sempre più particolare considerazione le questioni “rosa”, a partire dalla vicepresidente femminili, come capogruppo farò in Cristina Giani Noferi, che commenta modo di mantenere rapporti equilibrati così il risultato: “È una cosa positiva, tra le varie forze politiche all’insegna positivissima, l’ingresso di tante don- della condivisione”. Da un punto di vine e di tanti giovani. L’età media del sta dell’appartenenza politica, su 9 donconsiglio si è abbassata notevolmente: ne 8 fanno parte della maggioranza (6 del Pd, una di Sici sono molte nistra per Firenze energie nuove da Su ventitre consiglieri sfruttare, e molte 9 sono del gentil sesso. e una dell’IdV), mentre solo una sono le energie al E rivestono anche dell’opposizione: femminile. I preincarichi importanti la giovanissima sidenti di comSelene Maionchi, missione sono tutti nuovi rispetto al passato, e in buo- eletta con la lista Galli e ora membro na parte sono donne”. Troviamo infatti delle commissioni sport e politiche soSerena Perini a capo della commissio- ciali. “Cercherò di promuovere gli sport ne sport e Elisabetta Tinagli alle poli- ‘minori’ come nuoto e pallanuoto, oltre tiche culturali; Benedetta Chiesi alle a iniziative sociali, come corsi di autodipolitiche giovanili e Liliana Fusi alla fesa per le donne – dice - è importante guida della commissione speciale svi- che ci sia almeno una donna nell’oppoluppo economico e decoro. Non solo sizione, un gruppo di lavoro giovane e molte donne, quindi, ma anche con con tanta voglia di fare, dove c’è armoincarichi importanti: su 9 commissioni nia come all’interno di tutto il Consiglio /G.B. consiliari, 4 sono presiedute da donne, di Quartiere”.

L’INIZIATIVA Il 18 settembre festa in via Villamagna

Non solo calcio al Firenze Sud

U

n’esposizione di auto d’epoca, cocktail da sorseggiare nel terrazzo al sole degli ultimi brandelli d’estate, e la musica dal vivo. Sono questi gli ingredienti della serata che l’Associazione Sportiva Firenze Sud ha organizzato per il prossimo 18 settembre. Si comincia alle sette e mezza, con il ricchissimo aperitivo che come ogni sera diventa protagonista della sede di via Villamagna. Primi freddi, stuzzichini, molte varietà di crostini e via così fino all’una, con la promozione “3X2”: se si arriva in tre, la prima bevuta di uno dei tre è gratis. E’ con questa iniziativa che l’associazione ha scelto di inaugurare

la nuova stagione, che entro la fine dell’anno sarà salutata anche dall’apertura della pizzeria. L’appuntamento del 18 settembre è il primo di una serie che proseguirà per tutto il periodo invernale, con alcune serate fisse (come il karaoke una volta a settimana) e altri eventi che si /G.R. susseguiranno.


3

il giornale del tuo quartiere

L’APPUNTAMENTO. Il vecchio Quarter riprende a vivere con un nuovo nome e una nuova gestione

Nasce “Ex3”: Gavinana riparte dall’arte SCHEDA

L’inaugurazione il 29 ottobre con due mostre,

Se il contemporaneo rispetta l’ambiente

poi previsti diversi eventi. Molto forte il legame con

Non solo arte e cultura contemporanea, ma anche attenzione e rispetto per l’ambiente. Da EX3 arriva infatti anche una piccola indicazione ecologica: “Ci piacerebbe che i nostri visitatori limitassero al massimo l’uso dell’auto e raggiungessero il centro in bici – spiegano dall’associazione Extre-Toscana Contemporanea - vorremmo farci promotori di un parcheggio attrezzato per le biciclette in piazza Bartali, con un punto per il gonfiaggio ruote e per le piccole riparazioni, sul modello olandese, ad esempio. Servirebbe a tutti – continuano - non solo a coloro che vogliono venire a vedere le nostre mostre o a bere qualcosa nella nostra caffetteria, che comunque avrà bisogno ancora di qualche mese per essere realizzata”. Infine, l’associazione Extre chiede una mano (o meglio, un’idea) ai cittadini, invitandoli a scrivere all’indirizzo e-mail info@extretoscana.it per domande e suggerimenti.

la zona: “Un quartiere è vivo se ospita iniziative di ogni tipo, e la cultura non può essere trascurata” Giulia Brestolani

I

l vecchio Quarter riprende a vivere, con un nuovo nome - EX3 - e una nuova gestione. La data dell’inaugurazione è già decisa, e fissata per giovedì 29 ottobre. Dopo due anni di chiusura e un segnale di falsa partenza la scorsa primavera, è giunto il momento di riaprire le porte alla città e soprattutto ai cittadini. “EX3 verrà inaugurato il 29 ottobre con le mostre dell’artista tedesco Julian Rosefeldt e di quello americano, ma italiano d’adozione, Ian Tweedy – annuncia Sergio Tossi, direttore dell’associazione ExtreToscana Contemporanea che ha vinto il bando comunale per la gestione dello spazio espositivo di viale Giannotti 81 – naturalmente, nonostante si tratti di un evento di livello internazionale, e anzi proprio per questo, saremo ben felici di avere molti abitanti della città, e del quartiere in particolare”. E il legame forte con Gavinana è racchiuso nel nome stesso del centro d’arte contemporanea, EX3, che deriva dall’unione delle parole “exibition” e “quartiere 3”. “Il riferimento al quartiere è presente nel nome stesso del centro – spiega Tossi - non è una scelta casuale, ma piuttosto l’intenzione di promuovere un programma di livello anche in una zona ‘periferica’. Non sta scritto da nessuna parte che la cultura debba vivere solo nel centro storico”. Il centro avrà una programmazione molto articolata, con mostre nella sala principale, ed eventi, sia espositivi che di altro genere - incontri, dibattiti, workshop, attività didattiche anche per bambini e ragazzi – negli altri spazi. Tutto rigorosamente gratuito, sulla base della considerazione che il biglietto d’ingresso spesso rappresenta una barriera che tiene lontane molte persone, senza peraltro portare grandi benefici economici. “Noi riteniamo che l’arte abbia una funzione altamente sociale. Un quartiere è vivo se ospita iniziative di ogni tipo e certo la cultura non può essere trascurata. Ci rendiamo conto che talvolta i linguaggi del contemporaneo non siano immediatamente fruibili da tutti, ma è proprio attraverso la frequentazione che si migliora la

Copia in abbonamento postale

Il Reporter è un periodico di 7 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 192.404 copie

possibilità di comprensione – continua Tossi - faremo ogni sforzo per dare, a chi lo vorrà, strumenti didattici e illustrativi. Inoltre, mi impegno personalmente, fin da questo mese di settembre, a creare momenti di incontro con gli abitanti del quartiere per informare e ascoltare, magari sfruttando l’area di piazza Bartali, che credo sia un luogo d’aggregazione dalle potenzialità enormi”. L’apertura di EX3 potrebbe insomma significare molto per il Quartiere. Ma per Firenze? Per quella Firenze, città d’arte per

eccellenza, che è sempre stata “carente” sulla contemporaneità? “Firenze non ha le risorse e forse neanche il bisogno di un grande museo di arte contemporanea, ma piuttosto di una concreta e variata programmazione di livello internazionale senza tralasciare ciò che di interessante viene prodotto in loco. Pensiamo che EX3, insieme alla Strozzina e al museo Marini (e a tutte le altre istituzioni che lavorano sul territorio) possa dar vita a uno dei più interessanti esempi di ‘museo diffuso’. EX3 ha poi

la particolarità di essere architettonicamente molto indicato per la presentazione dell’arte di oggi”. Dare basi solide e continuità al progetto è l’obiettivo primario dell’associazione Extre, che lavorerà per comunicare nel miglior modo possibile l’attività del centro e diventare una “presenza positiva”: “Sarà fondamentale – conclude Tossi - usare con giudizio le risorse (limitate) a disposizione, ma sarà importante anche mantenere un dialogo costante con il territorio e i suoi rappresentanti”.

IL PROGETTO. Organizzato dalla cooperativa Fontenuova, prenderà il via il 26 settembre

Salute mentale, un corso per formare volontari U

n corso per la formazione di volontari nell’ambito della salute mentale: è quanto organizzato dalla cooperativa Fontenuova, nell’ambito del progetto di comunità solidale del Quartiere 3. Il corso, patrocinato dall’Agenzia regionale di sanità, dalla Asl 10, dalla Caritas Diocesana di Firenze e dall’associazione Croce D’Oro di Ponte a Ema, è rivolto a persone adulte che possano animare attività di tempo libero, prestare la propria opera in centri di ascolto ed effettuare accompagnamenti di persone con disagio mentale. Il percorso formativo, che avrà inizio il 26 settembre, si articolerà in sei incontri della durata di circa 5 ore ciascuno, e si svolgerà nei fine settimana tra settembre e ottobre. Per

iscrizioni e informazioni è possibile chiamare, entro il 23 settembre, il numero 055/6811215 (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.30) oppure inviare una email all’indirizzo fontenuova@fontenuovacoop.it. Ma come è nata l’idea del corso? Dall’esperienza del progetto di gestione del tempo libero per giovani con disagio psichico che la cooperativa Fontenuova segue da più di un anno, con un piccolo gruppo di ragazzi volontari, in accordo con un’associazione di genitori che abitano, per la maggior parte, a Gavinana, Galluzzo e Porta Romana. Ma non solo. Fontenuova, infatti, gestisce anche un centro diurno per persone diversamente abili, e un altro progetto è quello dell’autonomia abitativa per giovani e adulti

Il Reporter di Gavinana, Galluzzo, Firenze sud raggiunge 15.321 famiglie nel quartiere 3 di Firenze.

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN)

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68

Anno III n. 48 del 7 Settembre 2009

Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

Periodico d’informazione locale

N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

con disagio mentale, oltre a una casa vacanze per esperienze comunitarie di famiglie e di persone con disagi vari. Gli obiettivi del corso sono quelli di sensibilizzare gli abitanti del territorio all’accoglienza di soggetti con disagio mentale, e favorirne l’integrazione nei contesti sociali territoriali. Più concretamente, l’obiettivo è quello di costituire più gruppi che possano animare il tempo libero per persone con disagio mentale, per dare la possibilità alle famiglie di avere tempo libero. I docenti del corso saranno esperti del settore. Gli incontri si terranno nella sede della cooperativa, in via B. Fortini 143. La frequenza è obbligatoria: al termine del corso sarà rilasciato un attestato di partecipazione. Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


4

Gavinana • Galluzzo • Firenze sud

Settembre 2009

MESTIERI DI OGGI E DI IERI. Alla riscoperta di un antico lavoro. Che ha saputo rinnovarsi

Il “ritorno” delle botteghe di vino sfuso Un tempo punto di riferimento (anche ricreativo) per gli abitanti dei vecchi rioni, quella del “cantiniere” è un’occupazione che sta tornando di moda. E il “nettare alla spina” si prende la sua rivincita Cecilia Tarchi

I

vinai sono sempre stati, fin dai tempi remoti, una realtà centrale a Firenze, un luogo a cui facevano capo, come riferimento non solo commerciale, ma anche e sopratutto ricreativo, gli abitanti dei vecchi rioni. Era un’estensione familiare, il “vinaino” era chiamato con il suo nome. Era un’arte, un mestiere che veniva tramandato di generazione in generazione, come le altre attività artigianali fiorentine. Nel quartiere

3 queste botteghe non sono estinte, sebbene non siano più numerose come un tempo. Tuttavia alcune riescono ancora a sopravvivere, e a tenere testa alla crescente e pressante presenza di supermercati ed enoteche. Tra le più conosciute c’è la Cantina Pacini in piazza Gualfredotto. Fu fondata dalla famiglia Pacini nel 1935, e da allora continua la sua attività che viene tramandata di padre in figlio, tenendo sempre d’occhio il rapporto

1037635

BOUTIQUE E TOILETTE PER CANI E GATTI Toelettatura e bagni professionali con prodotti di base naturali Jv San Bernard per tutti i vari tipi di pelo per un corretto mantenimento della cute.

Mangimi di alta qualità per tutti gli animali Servizio Servizio aa domicilio domicilio Cat& Cat& Dog Dog sitting sitting

"Pensione per piccoli animali" Via Montebuoni, 207 Tavarnuzze (FI)

055 2022914

Tel/Fax e-mail: scodinzolando.snc@libero.it

qualità/prezzo. Giorgio Pacini ha ereditato la bottega - e la passione per il vino - dal padre, nel 1953. “L’ obiettivo che ci sta più a cuore – spiega - è la qualità del vino, che facciamo arrivare dalle fattorie e dai viticoltori veramente appassionati, perché solo conoscendo la cura, l’amore di chi lo produce se ne può apprezzare la qualità e il carattere”. Il vino viene venduto anche in bottiglia e nei bag. “E’ prevalentemente toscano - continua il signor Pacini - ma vendiamo anche vini provenienti da altre regioni e un eccellente olio extra vergine d’oliva”. Nel 2006, il Comune di Firenze gli ha consegnato la targa di bottega storica, poiché è uno dei vinai più conosciuti e più apprezzati di tutta la città. E la clientela non manca, nonostante negli anni siano aumentate le enoteche, perché per molto tempo c’è stato il pregiudizio che il vino sfuso fosse di bassa qualità. Ma il signor Pacini non è l’unico “sopravvissuto” nel Q3. Nel 2002, in piazza Ravenna è stata aperta “La Bottega del vino sfuso” di Valentina Amerini. Oltre alla bottega che fa angolo con via Poggio Bracciolini, esiste un’altra attività in via Baccio da Montelupo. “Gli inizi sono stati difficili- spiegano i proprietari c’era molta diffidenza, non solo da parte dei clienti, ma anche di colleghi, persone del settore che vedevano questa sfida già persa in partenza. Questo mestiere ricorda il passato, magari c’era la sbagliata convinzione che vedeva nel vino sfuso una qualità non competiti-

Giorgio Pacini

va. Come per tutti, il nostro scopo era dimostrare che è possibili bere bene spendendo il giusto. Conservando la qualità”. Nella loro bottega si possono trovare vini da tavola toscani e prodotti di altre regioni, come un buon Valpolicella a prez-

La bottega del vino sfuso

zi decisamente accessibili a tutti, sfatando il falso mito che per bere un buon bicchiere di vino occorra necessariamente dar fondo ai risparmi. E sembra che sempre più persone stiano ritornando a questa vecchia consuetudine.


5

il giornale del tuo quartiere

TRASPORTI. Tutto (quasi) pronto per la linea 1, dubbi sulla 2 e la 3: il punto della situazione

Questo Natale lo shopping si fa in tram Il tratto Scandicci-Firenze dovrebbe entrare in funzione intorno al 15 dicembre: a metà novembre via al periodo di prova per i conducenti. Meno chiaro il destino della seconda e terza linea Francesca Puliti

T

ramvia parte uno: ci siamo quasi. La linea 1 della rete tramviaria sembra essere finalmente giunta ai blocchi di partenza. Ancora gli ultimi ritocchi, piccole cose (come la presa in gestione degli impianti semaforici), poi il tram diventerà una realtà. In tempo per lo shopping natalizio tra Firenze e Scandicci, la prima linea della tramvia dovrebbe entrare in funzione attorno al 15 dicembre, salvo imprevisti dell’ultimo minuto. Il periodo di prova, durante il quale gli autisti si eserciteranno lungo l’intero percorso, avrà infatti inizio a metà novembre. “Abbiamo ottenuto che il preesercizio duri soltanto un mese – afferma l’assessore a mobilità e infrastrutture Massimo Mattei – anziché tre come era inizialmente previsto, così che entro l’anno i cittadini possano usufruire della linea 1”. E il resto? Sottostazioni elettriche, sottopassi pedonali: è tutto pronto? “Lo sarà entro tale data”.

Tramvia parte seconda. Ancora mille dubbi e mille domande avvolgono il destino delle linee 2 e 3: le risposte cominceranno ad arrivare dopo il chiarimento della vicenda Tav, la priorità da cui discenderà l’intero piano dei trasporti fiorentini, secondo quanto affermato più volte dal sindaco Matteo Renzi negli ultimi mesi. Sottoattraversamento o no, stazione di Foster ai Macelli oppure a Castello, o ancora nessuna avveniristica stazione: solo dopo che sarà stata presa una decisione riguardo all’Alta velocità ferroviaria si potranno sciogliere le riserve sulla tramvia. E si prevede che colloqui e trattative tra Palazzo Vecchio e Ferrovie riempiranno i mesi autunnali. Nel frattempo, si fa largo l’ipotesi della pedonalizzazione del quadrilatero più antico del centro storico, così da liberare piazza Duomo non solo da auto e autobus, ma anche dai binari, facendo fare un giro più largo alla linea 2, quella che do-

vrebbe collegare l’aeroporto con piazza Libertà. Alternative ce ne sono: dalla micrometropolitana alla minitramvia. In questo caso si tratterebbe di differenziare le vetture in circolazione sulle varie linee, facendo transitare dal centro tram di dimensioni ridotte, due carrozze al massimo. Ma piazza Duomo non è l’unico punto “caldo”: piazza Dalmazia e via dello Statuto rappresentano altri due punti interrogativi ancora aperti

sulla scrivania del sindaco. E non solo su quella: i progetti delle due linee giacciono ancora sui tavoli del Ministero delle infrastrutture, in attesa di una revisione, rimandata l’ultima volta prima di questa estate. “Ma non appena la decisione arriverà – assicura Mattei – i lavori procederanno in tutt’altra maniera, con l’attenzione al rispetto dei tempi, e dei cittadini, che già abbiamo manifestato in questi primi mesi di mandato”.

IL PUNTO NEL QUARTIERE. Cantieri, progetti e proposte: ecco cosa succederà nella circoscrizione

Dalla Fortezza a Gavinana. E poi fino a Bagno a Ripoli A

nche se guardando i tracciati delle tre linee del tram potrebbe sembrare che il quartiere 3 non ne sarà raggiunto, la tramvia riguarderà invece anche Gavinana e oltre, fino a Bagno a Ripoli. Si tratta di un prolungamento della linea 3, la cosiddetta linea “3 bis”, che dalla Fortezza da Basso proseguirà lungo i viali di circonvallazione fino a viale Mazzini, per poi biforcarsi in due rami: uno in direzione di Rovezzano e l’altro di Gavinana, con capolinea, quest’ultimo, a Bagno a Ripoli. Al momento è poco più di uno studio di fattibilità, non c’è ancora il progetto esecutivo, ma l’idea che la tramvia arrivi anche in una zona periferica della città sembra essere ben accolta dalla gente. O, almeno, questo è quanto emerse nel dicembre 2007 dagli incontri tra Comune di Firenze, Quartiere 3, cittadini e amministrazione di Bagno a Ripoli, terminati con l’accordo di programma che prevede che la tramvia

arrivi fino a Bagno a Ripoli con capolinea nell’area retrostante transitare il tram da ponte san Niccolò, via Orsini e via Salutati gli istituiti scolastici Volta e Gobetti. “Come Quartiere abbiamo non ha mai preso campo per via del tragitto più tortuoso. Due ovviamente appoggiato l’idea di portare la tramvia fino a Bagno binari, andata e ritorno, per collegare Gavinana e Bagno a Ripoli a Ripoli, poiché nel progetto iniziale si fermava all’altezza del ci- al centro della città in soli 10 minuti: un obiettivo ambizioso, ma ancora lontano, visto che mancano parte dei mitero del Pino, ma in questo modo avremfinanziamenti. Non è possibile fare previsioni mo escluso dal servizio un intero abitato che Al momento è sull’inizio dei lavori e sapere se prenderanno invece può essere raggiunto senza particolari poco più di uno sforzi aggiuntivi”, afferma il presidente del il via in questa legislatura (ovvero nei prossistudio di fattibilità, Q3 Andrea Ceccarelli. E la linea 3 bis arriverà mi 5 anni). “É chiaro che sarà nostro compito, ma sembra piacere a Gavinana percorrendo il lungarno Colombo quando saremo in prossimità dell’apertura dei e attraversando il ponte da Verrazzano: da qui cantieri – afferma Ceccarelli – organizzare asil tragitto si snoderà da piazza Gavinana, viale Giannotti e viale semblee e tavoli di concertazione con cittadini, categorie e tecnici Europa, per finire a Bagno a Ripoli. Un percorso lineare, l’uni- per informarli e renderli partecipi, analogamente a quanto abbia/G.B. co preso fin da subito in considerazione, poiché l’ipotesi di far mo fatto in passato per bypass e sistema fognario”.

Quale autunno ci aspetta?

LEGA SPI CGIL QUARTIERE 3

Assistenza per anziani e pensionati Operatori previdenziali per pratiche pensionistiche Assistenza per compilazioni moduli di vario tipo Sede Via Unione Sovietica, 33 – 50126 Firenze tel. 055 688069 - fax 055 688110 E.mail - spiq3@firenze.tosc.cgil.it

del 1991 hanno perduto il 38% del proprio potere d’acquisto. Per limitare i danni di questa grave situazione, l’attuale governo non ha fatto praticamente niente. Ha tagliato i finanziamenti per le politiche sociali, ha elargito pochissimi soldi con i bonus, la social card è stata un fallimento. Alla ripresa dell’attività post feriale, i lavoratori e i pensionati dovranno far sentire unitariamente la propria voce con il massimo dell’impegno e delle iniziative possibili.

Orari È presente settimanalmente Tutti i giorni (escluso sabato e festivi) 9.-12.30 (lunedì e venerdì dalle ore 9 alle ore 11) Lunedì e mercoledì 9.-12.30/15.-18. un operatore previdenziale al Galluzzo, via Senese 206, presso la sede del Quartiere 3. L’operatore previdenziale INPS è presente lunedì e mercoledì dalle ore 9. alle 12.30

Presso la sede è presente il Centro Assistenza L’operatore previdenziale INPDAP Fiscale CGIL che svolge è presente martedì dalle ore 9.30 alle 11,30 le seguenti operazioni: Denunce redditi, 730, Ogni lunedì un nostro incaricato, Modello Unico, ISEE, RED, dalle ore 9 alle ore 11, è presente, ICI ed altre pratiche fiscali presso il “Porto” piazza Elia della Costa.

*-.0%01*Ä4&.1-*$&1&3%*'&/%&3&*560*%*3*55*t*4$3*7*5*"-4*/%"$"501&/4*0/"5*$(*- 405504$3*7*6/"##0/".&/50"i-*#&3&5®w41*$(*-*-4*/%"$"50"-4&37*;*0%&--&1&340/&

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

• Servizi funebri • Cremazioni • Fiori • Necrologi 1027252

Il nostro tasso di povertà è molto superiore alla media europea (dalla relazione di Mario Draghi, Governatore della Banca d’Italia), il nostro sistema di protezione sociale è molto frammentato, circa 1,6 milioni dipendenti e parasubordinati non hanno alcun sostegno in caso di licenziamento. Ci sono l’ 8,50% di lavoratori in cassa integrazione. Negli ultimi otto anni i pensionati hanno perso oltre il 20% del valore della propria pensione. Coloro che sono in pensione da prima

Tel. 055.6580040 (diurno e notturno) Via G.Caponsacchi 5/r, Via A.F Doni 41/r Firenze


6

Gavinana • Galluzzo • Firenze sud

Settembre 2009

IL CASO. Sta prendendo campo, tra i fiorentini, l’usanza di andarsi a sposare in paradisi tropicali

Quelli che il “sì” lo pronunciano ai Caraibi Matteo Francini

Zanzibar, Mauritius e Seychelles le mete preferite. Per un matrimonio da sogno con una ventina di invitati servono circa 20mila euro. E ci sono agenzie di viaggi che si specializzano

C

hissà cosa sarebbe successo se i “promessi sposi” Renzo e Lucia, anziché essere costretti a giocarsi la disperata carta di irrompere in casa di don Abbondio nell’estremo tentativo di unirsi in matrimonio, dopo il divieto del potente don Rodrigo, avessero potuto prendere comodamente un aereo e pronunciare il tanto agognato “sì” in una spiaggia esotica, lontano da prepotenti signorotti locali, “bravi”, peste e tutto quello che ne è seguito. Il grande Alessandro Manzoni, però, non poteva regalare questa facile soluzione ai due innamorati più famosi della letteratura italiana, e non solo perché allora gli aerei non esistevano. L’usanza di celebrare le nozze in paradisi tropicali, davanti a un mare da sogno e a una vegetazione da cartolina, in Italia

(e non solo in quel ramo del lago di Como) è infatti arrivata molto più tardi. Ed è solo da circa un anno che anche a Firenze ha preso campo la moda di andare a giurarsi amore eterno a migliaia di chilometri di distanza dalla parrocchia della propria infanzia o dalla Sala Rossa di Palazzo Vecchio, pur splendido scenario per chi sceglie il rito civile. Ora, nel capoluogo toscano (come già avviene in altre città europee),

quella di sposarsi all’estero sta diventando una tendenza sempre più seguita. Ma come funzionano questi matrimoni esotici? In breve succede questo: si parte con il promesso sposo/a alla volta della meta preferita, accompagnati - al massimo - da testimoni, familiari e amici stretti, si celebra la cerimonia nel posto più bello che riusciate a immaginare (una spiaggia di Caraibi o Seychelles, per esempio), si festeggia e

si torna a Firenze, dove poco tempo dopo si riceve l’estratto di matrimonio. Tutto così facile? Non proprio. Non è sempre impresa da poco, infatti, organizzare senza sbavature il più bel giorno della propria vita (o quello che almeno dovrebbe esserlo), così come essere sicuri che un “sì” pronunciato dall’altra parte del mondo abbia poi valore legale anche a casa nostra. Per questo, alcune agenzie di viaggi si stanno specializzando nell’organizzazione di nozze all’estero: una di queste, a Firenze, è “Mirò L’arte di viaggiare”, che da via Dosio – cuore del quartiere 4 – fa partire futuri sposi alla volta di matrimoni nel mondo. “Tutto è nato quando mia sorella, nonché mia socia – racconta Jessica Scarpulla, una delle due titolari – ha scelto di sposarsi a Las Vegas. La cosa è venuta talmente bene che abbiamo deciso di investirci”. E i risultati non sono mancati. “In un anno abbiamo organizzato quattro cerimonie – spiega – e in futuro penso che i numeri cresceranno ancora: la voce si è sparsa, quest’usanza sta prendendo campo”. Ma chi è che si sposa all’estero, dove e perché? “Per ora solo una fascia di persone con possibilità economiche medio-alte, senza escludere qualche vip locale, ma credo che presto anche clienti medi potranno farlo – risponde – la classica Las Vegas non è più la meta preferita: ora la gente vuol sposarsi direttamente in spiaggia, in paesi come Zanzibar, Mauritius o Turks e Caicos. I motivi sono tanti: da un crescente anticonformismo alla possibilità di unire matrimonio e viaggio di nozze”. Oltre a quello economico. Per sposarsi in uno di questi paradisi tropicali, portando con sé una ventina di invitati, ci vogliono circa 20mila euro. E, a conti fatti, tra ville, banchetti e fiori, anche restando in Italia c’è chi riesce a spendere molto di più.

FOCUS Cala l’appeal di Firenze. Nel 2009 già molti divorzi

Meno nozze “straniere” in città

S

1030321

e aumenta il numero dei fiorentini che vanno a sposarsi all’estero, sembrano invece essere sempre meno gli stranieri che decidono di convogliare a nozze nella città del Giglio. A dirlo sono i dati sui matrimoni civili celebrati a Firenze negli ultimi anni: se nel 2000 si erano giurate amore eterno 430 coppie di cittadini provenienti di altri Paesi, nel 2008 – ovvero lo scorso anno – sono state solo 294. Con un calo lento ma continuo. Ad essere ancora attratti dal fascino fiorentino sembrano essere soprattutto gli anglosassoni, con 60 matrimoni celebrati lo scorso anno tra coppie provenienti dalla Gran Bretagna e 32 dagli Stati Uniti, seguiti da giapponesi (21 matrimoni) e cinesi (19). Ma se col passare del tempo, a Firenze, stanno diminuendo le nozze tra “forestieri”, sono invece in aumento quelle “miste”, ovvero tra cittadini italiani e stranieri: nel 2000 erano state 164, otto anni dopo sono diventate 279. In base ai dati del 2008, gli/le italiani/e sembrano “trovarsi bene” soprattutto con marocchini/e (45 matrimoni), peruviani/e (27) e albanesi (23), ma anche con giapponesi e brasiliani/e (16). C’è poi

la questione del rito: i fiorentini si sposano in Chiesa o in Comune? Anche in questo caso, i dati di Palazzo Vecchio parlano chiaro: in quasi 20 anni le cerimonie religiose si sono dimezzate (passando dalle 856 del 1991 – l’anno successivo erano state addirittura 964 - alle appena 407 del 2008), al contrario dei matrimoni civili, che dai 663 del 1991 hanno raggiunto i 1.020 dello scorso anno. Per ultima, la questione dei divorzi. Qui i numeri sono rimasti piuttosto stabili: erano 396 nel 1991, sono stati 357 nel 2008 (con punte, però, di 470 nel 2006 e 2007). Più “preoccupante” la tendenza dei primi 6 mesi del 2009: al 30 giugno scorso, i matrimoni religiosi erano stati 114, quelli civili 394. I divorzi ben 248. /M.F.


Assessorato alla formazione Direzione lavoro e formazione

8HJLQNNQYZTHTWXTINKTWRF_NTSJ JHMNJINFQQF5WT[NSHNFINKNSFS_NFWYN

;TZHMJW KTWRFYN[N +NSTF*ZWTUJWNS[JXYNWJ XZQYZTKZYZWT

9ZXHJLQN STNKNSFS_NFRT 1F5WT[NSHNFIN+NWJS_J NS[JXYJTQYWJRNQNTSN IN*ZWTUJWQFKTWRF_NTSJ IJNUWTUWNHNYYFINSN &[WFNQFUTXXNGNQNYlINF[JWJ ZSKNSFS_NFRJSYTLWFYZNYT KNSTF*ZWT .QHTWXTUTYWlJXXJWJXHJQYT FYYWF[JWXTNQHFYFQTLTKTW RFYN[TUWT[NSHNFQJTUWTUT

&ZRJSYFQJTUUTWYZSNYlQF[TWFYN[J XHJLQNQFYZFKTWRF_NTSJ 5JWNSKT \\\UWT[NSHNFKNNYKTWRF_NTSJ

XYTIFYJ

9JQ


8

Gavinana • Galluzzo • Firenze sud

Settembre 2009

L’INCHIESTA. Classi sempre più multietniche: viaggio nelle scuole primarie del quartiere

Aumentano gli alunni stranieri, ma la media è la più bassa in città Simele Kruklidis

I

l multiculturalismo è senza dubbio un terreno scivoloso su cui muoversi, e a maggior ragione se si parla di scuole primarie, dove per la prima volta, in maniera cosciente, i bambini si confrontano con la presenza “straniera”. In un contesto tanto delicato quanto pericoloso, l’incontro tra lingue, usanze e religioni diverse decide per filo e per segno le modalità future di coabitazione. Nel Quartiere 3, a differenza di altre aree fiorentine, il passaggio al pluralismo nelle scuole è avvenuto

in maniera lenta e progressiva, in un lasso di tempo che copre circa una decina di anni. E, proprio attraverso questa diluizione temporale, alunni e insegnanti fiorentini hanno imparato poco alla volta a conoscere e a relazionarsi con i nuovi “vicini di banco”, divenuti sempre più numerosi. Ad oggi, nelle scuole della zona, le iscrizioni di bambini stranieri previste per il nuovo anno scolastico si attestano intorno al 9,54%: cifra che da sola sembra dir poco, ma che in realtà rivela una presenza di immigrati sostanziosa, significativa e soprattutto costante in tutte le classi. Addentrandosi nel particolare, si può scoprire che nelle scuole primarie Accia-

ioli, Damiano Chiesa, Galilei e Nazario Sauro dell’istituto comprensivo statale del Galluzzo, su 685 studenti previsti per l’inizio della nuova stagione scolastica ben 75 sono stranieri. Sorte simile anche nel 12° Circolo dove, dalla Villani alla Kassel, su 1.251 iscritti 129 non sono bambini italiani. Ma quel che salta all’occhio, paragonando statistiche e tabelle, è che rispetto a qualche anno fa le cifre indicano chiaramente dati di immigrazione in netta ascesa: infatti, dalle mille unità straniere che si contavano negli anni 2000/01, oggi siamo arrivati a circa il doppio. Eppure, in confronto ai risultati riscontrabili nelle scuole di altre zone di Firenze,

SUSANNA FERRAI Impiegata, 38 anni

MARCO GALLO Impiegato, 47 anni

GERMANO CIONI Architetto, 55 anni

“I bambini non hanno pregiudizi”

“Gli stranieri possono essere di buon esempio”

“Bisogna insegnare usi e costumi tradizionali”

“Non credo ci siano effettive difficoltà di inserimento per i bambini stranieri. Mio figlio, ad esempio, fin da piccolo ha sempre giocato con tutti i suoi coetanei senza notare il colore della pelle o la differenza di religione. I bimbi sono innocenti, candidi e non hanno pregiudizi, contrariamente ad alcuni genitori”

“Il multiculturalismo è una realtà di fatto, è la normalità. Anzi, i bambini stranieri a volte sono più vispi di quelli italiani, e possono quindi essere di buon esempio. A mio parere, le vere problematiche sono altre: mi riferisco all’assenza di parchi adeguati, zone sicure e giochi adatti ai più piccoli”

“Prima di tutto viene la cultura, intesa come relazione con il territorio in cui vivi; il bambino straniero, essendo ‘spaesato’, ha bisogno di una scuola adatta, come quella primaria, con fortissime intenzioni di voler insegnare usi e costumi tradizionali e locali. Al momento questo progetto non esiste”.

1037816


9

il giornale del tuo quartiere

Dal 2000/01 ad oggi, la presenza negli istituti del Q3 di bambini provenienti altri Paesi è pressoché raddoppiata, raggiungendo una percentuale di quasi il 10%. Ma il processo è avvenuto lentamente il quartiere 3, con la sua percentuale di bimbi stranieri negli istituti primari e secondari, continua a mantenere la media più bassa della città. Se nel centro storico e nel quartiere 2 l’ago della bilancia oscilla tra il 16% e il 19%, nei quartieri 4 e 5 si sfiora una punta massima del 32%. Ma chi sono questi “illustri sconosciuti” di cui tanto si parla? Gli studi effettuati negli ultimi mesi dall’assessorato alla pubblica istruzione del Comune di Firenze hanno messo in luce le etnie maggiormente diffuse sul territorio fiorentino, lasciando spazio a qualche colpo di scena. I gruppi più consistenti di alunni stranieri nelle scuole elementari sono i filippini con il 18%, gli albanesi al 14% e ancora i rumeni con l’8%. Seguono i bambini marocchini con il 5% e infine inglesi e americani al 4%. Un pout pourri

eterogeneo e “variopinto”, ma tutto sommato armonioso: almeno così dicono gli stessi genitori che, seppure a volte con qualche remora, si sono dimostrati piuttosto bendisposti rispetto alle novità introdotte dal pluralismo culturale. D’altronde, gli sforzi di insegnanti e istituzioni locali per mitigare diffidenze e differenze sembrano aver ottenuto i risultati sperati: dalle scuole di alfabetizzazione per l’insegnamento della lingua italiana fino alla costituzione di luoghi di ritrovo e aggregazione, le modalità per inserire i bambini stranieri nelle scuole italiane stanno migliorando di anno in anno, al fine di garantire a tutti un buon livello di coabitazione. E se le prospettive per il futuro appaiono sempre più inclini al multiculturalismo, il Quartiere 3 può dirsi pronto a cogliere la sfida.

SONIA CALABRESE Dipendente, 30 anni

MIHAELA BICIOIU Impiegata, 41 anni

“Il vero ostacolo è rappresentato da alcuni adulti”

“All’inizio è stato difficile superare l’intolleranza”

“Con tutta sincerità, penso che i bambini stranieri siano perfettamente in grado di inserirsi e socializzare. Il vero ostacolo è semmai rappresentato da alcuni adulti incapaci di accettare il multiculturalismo e l’integrazione culturale. Per i bambini non esistono etnie o gruppi sociali”

“Io sono rumena, e sono contenta di come mio figlio si sia integrato nella sua classe. All’inizio, però, è stato molto difficile superare l’intolleranza e i pregiudizi. Gli altri bambini lo allontanavano, non lo capivano e lui ci rimaneva molto male. Oggi però tutti sanno apprezzarlo per com’è veramente”

Risanamenti, messe in sicurezza e bitumature: ecco i lavori in programma questo mese sulle strade del quartiere: VIA LIVENZA Prendono il via lunedì 21 settembre i lavori di bitumatura di via Livenza, nel tratto compreso tra via Zoli e via Tagliamento. VIA OLANDA-VIA PORTOGALLO Sono partiti lo scorso 2 settembre i lavori di messa in sicurezza e risanamento di alcuni tratti di marciapiede in via Olanda e via Portogallo. VIA SVIZZERA-VIA AUSTRIA Interventi di messa in sicurezza e risanamento in alcuni tratti di via Svizzera, e di messa in sicurezza e risanamento del marciapiede in via Austria. I lavori hanno preso il via il 2 settembre. ZONA VIA GRAN BRETAGNA Prenderanno il via il prossimo 5 ottobre i lavori di messa in sicurezza e risanamento della carreggiata in via Olanda-via Portogallo, e nell’area nei pressi dell’incrocio tra via Gran Bretagna, via Kassel e via Austria. Prenderanno invece prossimamente avvio (ma non a settembre) questi lavori: VIALE EUROPA Risanamento di porzioni di marciapiede in viale Europa, sul lato destro in direzione dell’ingresso in città (data presunta di inizio lavori: ottobre/novembre ‘09). VIA GRAN BRETAGNA Rifacimento della corsia preferenziale di via Gran Bretagna (data presunta dell’intervento: fine 2009/inizio 2010).

TO VENDU

1023242


10

mobilità

Settembre 2009

SPOSTARSI IN CITTÀ/1. Avanti fino al 31 ottobre: poi, dal prossimo anno, le cose potrebbero essere molto diverse

Ztl notturna, rivoluzione in arrivo Dalla fine del mese via al confronto tra istituzioni, associazioni di categoria, commercianti e residenti. Con un obiettivo: rivedere regole e confini, per trovare una proposta condivisa. Che metta d’accordo chi la notte la vive e chi invece vorrebbe dormire Francesca Puliti

S

i concluderà solo il prossimo 31 ottobre, ma nel frattempo sarà già partito il confronto tra istituzioni, associazioni di categoria, commercianti e residenti. La Ztl notturna, croce e delizia delle notti estive (rispettivamente per gestori/avventori dei locali e per gli abitanti del centro, inferociti per gli schiamazzi e l’invasione delle auto in viuzze e piazze storiche), ha i giorni contati. Poco più di un mese di vita, almeno per la Ztl che abbiamo conosciuto in questi ultimi anni. Dalla prossima primavera, infatti, le cose potrebbero cambiare, anche parecchio. Dando più spazio a critiche e proposte manifestate da chi la notte la vive, ma anche di chi se la vorrebbe dormire. A partire dalla fine di questo mese, infatti, avrà inizio un intenso dialogo tra le parti in causa, aperto a chiunque voglia dare il proprio contributo. A proporlo è stata la commissione mobilità, presieduta da Eros Cruccolini. “L’impegno è di elaborare una nuova proposta per la prossima estate – afferma l’ex presidente del consiglio comunale - che tenga conto anche

della necessità di prevedere elementi complementari, quali i parcheggi e il servizio di trasporto pubblico, che forse sono stati carenti finora, non offrendo un’adeguata risposta alle richieste dei cittadini”. Parcheggi e trasporti, solo due degli elementi di criticità su cui da anni puntano il dito i commercianti e le associazioni di categoria. Un acceso dibattito, quest’anno, si è svolto anche attorno all’orario di inizio della limitazione del traffico. Fronti opposti si sono combattuti per strappare un’ora o anche una mezz’ora in più, arrivando a una sorta di compromesso. Così che, dal giovedì alla domenica, la cintura più stretta del centro storico serra alle 23, mentre a mezzanotte compaiono le transenne a delimitare un cerchio più ampio. La porta di accesso di piazza Cavalleggeri, ad esempio, si attiva un’ora prima rispetto al “posto di blocco” di piazza Ferrucci, dove ci pensano i vigili a fermare le auto dirette sul lungarno Cellini. E per quest’anno si andrà avanti così fino alla fine. Tra fine settembre e ottobre, però, sarà possibile rinegoziare regole e

confini, fino a giungere a una proposta condivisa da mettere in atto l’anno prossimo. Pronta a raccogliere l’invito l’associazione Viva-city, che raggruppa 326 attività del centro. Da anni l’associazione combatte per l’abolizione della zona a traffico limitato, in favore di uno strumento più flessibile, come le isole pedonali, da riempire di eventi e iniziative. Altra battaglia, quella per un più ricco e articolato sistema di trasporti notturni, che integri gli autobus con taxi e parcheggi low cost. Quest’anno, invece, è venuto a mancare anche il trenino in stile Disney che traghettava giovani e meno giovani dai viali di circonvallazione fino al cuore della movida fiorentina. Il confronto è dunque aperto, così come l’ufficio dell’assessore alla mobilità Massimo Mattei che, a scapito di un’agenda stracolma, trova uno spazio per ricevere tutti. “Siamo disponibili anche a rivedere il concetto stesso di Ztl – garantisce Mattei - purché si arrivi a elaborare un altro strumento in grado di conciliare le esigenze dei giovani e degli esercenti con quelle dei residenti del centro”.

SEGNALETICA Individuare quali varchi sono attivi e quali no sarà più semplice. Due le ipotesi al vaglio

Stop alle multe: led luminosi e display per le porte telematiche

A

utomobilisti-telepass 1-0. La partita contro la segnaletica poco chiara è appena cominciata, ma i fiorentini intascano già una prima vittoria, quella “contro” le porte telematiche che presidiano gli accessi al centro storico. Niente più multe a sorpresa: individuare quali varchi sono attivi e quali no sarà semplice come interpretare un semaforo. “Già a partire da questo autunno e senza una spesa eccessiva”, assicura l’assessore alla mobilità Massimo Mattei. Le ipotesi al vaglio sono due, e non è detto che l’una escluda l’altra. La prima è quella di affiancare un led luminoso al cartello che

indica la Ztl: luce verde, si può passare; luce rossa, via libera ai soli residenti. L’altra, invece, prevede l’installazione di un vero e proprio display su cui compaia la scritta ingresso libero/accesso limitato, sia in italiano che in inglese. Già, perché forse non molti sanno che sono numerosissime le ammende commissionate agli stranieri in visita nel capoluogo fiorentino con tanto di automobile. “La Ztl è stata la salvezza del centro storico – afferma Mattei – ma pecca dal punto di vista dell’informazione”. In realtà, i 13 telepass disseminati in città emettono due suoni differenziati, a seconda che il transito sia

consentito oppure no, ma tra i rumori della strada e l’autoradio accesa spesso accade che l’avvertimento passi inascoltato. Il nuovo metodo metterà dunque fine alle multe “seriali” che tante vittime hanno mietuto in questi anni. Celebre il caso dell’allora assessore Graziano Cioni, che salì all’onore delle cronache per aver collezionato oltre 100 sanzioni a causa, si scoprì in seguito, di un errore del dispositivo. Altre città d’Italia stanno già sperimentando con successo questo sistema: chi da mesi, chi da anni, come succede, ad esempio, nella /F.P. Capitale.

1010104


mobilità

11

SPOSTARSI IN CITTÀ/2. Addio ai mezzi più lunghi, più controllori e tecnologia. Obiettivo: “Qualità europea”

Se le novità viaggiano a bordo del bus Ivo Gagliardi

C’

è sicuramente un motivo se, nel tempo, per i fiorentini il significato di Ataf si è trasformato in Aspettare Tanto Alla Fermata. E spesso bastava (o basta) fare un giro in città per capirlo: folle di persone in attesa, sotto pioggia o sole, di bus sempre troppo pieni. E questo non è che uno dei disagi che, negli ultimi anni, hanno allontanato sempre più fiorentini dal trasporto pubblico. Risultato: tante, tantissime auto “ad personam” (ovvero occupate dal solo conducente) in giro per la città, strade intasate e traffico impazzito. E tra i passeggeri “superstiti” un unico parere: “Così non si può andare avanti”. Infatti. La stessa cosa deve averla pensata anche Filippo Bonaccorsi, presidente dell’azienda dallo scorso 10 luglio: ed ecco, allora, che sono in arrivo diverse novità. Con un obiettivo “di largo respiro” ben preciso: “Dare alla città quello che si merita, e cioè un servizio di qualità europea – spiega Bonaccorsi – la pazienza dei cittadini è quasi esaurita. Firenze deve sentire Ataf come una risorsa. Anzi, non saremo contenti finché i fiorentini non saranno certi di avere il miglior servizio d’Italia”. Per raggiungere questo (ambizioso) obiettivo, è in arrivo un rinnovamento del parco mezzi e delle linee, in modo che non tutte passino dallo stesso punto, ma anche un utilizzo massiccio della tecnologia, come nel caso delle nuove pensiline e paline “intelligenti”. In modo che, oltre ad aspettare meno, i passeggeri potranno anche aspettare meglio. Ma non solo. Alcune novità sono già attive: è il caso di “No ticket non parti”, il servizio - inaugurato a fine luglio - di prefiltraggio alle fermate, dove personale di Ataf chiede a chi è in attesa del bus di mostrare il proprio biglietto e, nel caso non lo abbia, lo invita ad acquistarlo.

E la lotta ai “portoghesi” continua anche sugli autobus: da settembre è raddoppiato il numero dei controllori a bordo, e a partire da ottobre triplicherà. Pugno duro, dunque? Non solo. Ogni bastone ha la sua carota, e quella di Ataf ha preso le sembianze dell’abbassamento del prezzo dell’abbonamento, come previsto dal piano tariffario approvato a inizio agosto. “Negli ultimi anni le manovre erano state solo in aumento – dice Bonaccorsi – e una riduzione dei prezzi è ancora più importante in questi tempi di crisi”. Facilitazioni in arrivo anche per gli anziani (“è uno strato di popolazione che va aiutato, e ci metteremo tutti insieme per farlo: sono in arrivo novità”), mentre per i tifosi della Fiorentina è ripartito “ViolaVai”, il servizio di trasporto gratuito per lo stadio, con una possibilità in più per gli abbonati al club gigliato, che da quest’anno, quando la squadra gioca al Franchi, possono viaggiare gratis tutto il giorno sui mezzi pubblici, e non solo verso lo stadio. Ma i cambiamenti per il “popolo del bus” saranno anche altri. E di diverso tipo. I mastodontici autobus da 18 metri, capaci sì di caricare un gran numero di passeggeri, ma anche di far sudare più d’una camicia agli autisti, costretti a divincolarsi tra le strade cittadine (e spesso costretti a bloccarsi perché imprigionati tra traffico e auto parcheggiate), saranno progressivamente eliminati. Tempo previsto: circa due anni. E ancora, continueranno a essere installate le telecamere sui mezzi, nel nome della sicurezza di chi ci viaggia. Infine, con l’entrata in funzione della prima linea della tramvia, saranno rivisti alcuni percorsi “per evitare inutili sprechi”, ma non subito: i cittadini avranno tutto il tempo per abituarsi. Tante novità, dunque, con un solo obiettivo: quello di ridare ad Ataf il suo vero significato.

VADEMECUM

UNA CORSA DA 90 MINUTI

IL TIFOSO VIAGGIA GRATIS

CHI NON PAGA NON PARTE

Venti minuti di viaggio in più, allo stesso prezzo. Dallo scorso 3 settembre, i ticket del bus sono validi per 90 minuti, anziché 70 come succedeva prima. Il costo non è aumentato. È una delle novità che caratterizzano la nuova “stagione” del trasporto pubblico, ma non è l’unica. Oltre all’abbonamento ordinario annuale, sono infatti entrate in vigore due nuove formule agevolate di abbonamento annuale per famiglie e studenti: con la “family card” i membri di un nucleo familiare - in cui sia già stato acquistato un abbonamento annuale ordinario - hanno diritto a uno sconto del 25% (235 euro anziché 310). E ancora, il limite d’età per accedere alle agevolazioni per gli studenti è stato alzato a 27 anni, mentre l’abbonamento è valido per 13 mesi senza aumento di tariffa. Infine, altra novità è la “Carta Agile 30”, che dà diritto a 35 corse al prezzo di 30 euro, con un risparmio di quasi il 30%.

Per i tifosi della Fiorentina torna “Viola Vai”, il servizio di trasporto allo stadio. Con una novità: tutte le volte che la Fiorentina giocherà in casa, gli abbonati allo stadio potranno usufruire dei servizi Ataf in maniera gratuita. Sono inoltre previste navette speciali che collegheranno le zone periferiche allo stadio e ai parcheggi della Firenze Parcheggi, più due linee dalle stazioni di Santa Maria Novella e Rifredi, sempre verso lo stadio Artemio Franchi. Dunque, gli abbonati alla Fiorentina potranno usufruire, oltre che di queste navette speciali, di tutti i mezzi di trasporto Ataf&Li-nea durante le giornate di campionato nelle quali i viola giocheranno in casa. Tutte le informazioni si trovano sul sito www.ataf.net, al numero verde 800-424500 o al numero (a pagamento dal cellulare) 199-104245.

Niente biglietto? Niente bus. E’ quanto prevede il servizio di prefiltraggio alle fermate dei mezzi Ataf, attivo da luglio: personale dell’azienda, riconoscibile grazie a pettorine e badge con la scritta “No ticket non parti”, domanda ai passeggeri in attesa se possiedono il titolo di viaggio. Ad essere “presidiate” sono le fermate più frequentate della rete: i dipendenti di Ataf propongono poi in vendita, a chi non è provvisto, i biglietti del bus senza maggiorazione. “No ticket non parti” è solo il primo passo del percorso di Ataf per reprimere l’evasione: entro settembre raddoppierà il numero dei controllori sui bus (che passeranno da 24 a 48), che triplicherà poi ad ottobre. E’ infine pronta la nuova campagna contro i “furbetti”, con l’affissione sui bus di cartelloni pubblicitari che ricordano come viaggiare senza biglietto può costare fino a 240 euro.

1003823

COMPRO ORO E ARGENTO ANCHE MONETE D’ORO VALUTIAMO INTERE EREDITA’ PAGAMENTO IN CONTANTI ALLE MASSIME VALUTAZIONI

Vetri Maurizio

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.30 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina

NOVITA’ ASSOLUTA A FIRENZE

EUROTAICHI Corso di SHAYUQUAN Tecniche di base SONO DEFINITI in Cina “Arti Marziali INTERNE” quei metodi di difesa personale che, per neutralizzare un’ aggressione, rifiutano l’uso della forza e fanno dell’efficienza del movimento la chiave del loro potere. Lo Shayuquan è una moderna Arte Marziale Interna che insegna come organizzare al meglio la struttura corporea mediante speciali tecniche di pilotaggio dell’apparato muscolare. DIVIENE allora possibile liberare il corpo dal continuo bisogno di riaggiu-

stamento antigravitazionale che ne blocca l’energia e le potenzialità. Questo porta ad azioni e movimenti agevoli, efficienti e ottimali. LE TECNICHE di base dello Shayuquan non sono esclusivamente inerenti alla difesa personale, ma utili a chiunque voglia migliorare le proprie capacità di movimento e coordinazione, e quindi impiegabili sia nelle attività quotidiane che in quelle artistiche e sportive. 991024

PRESSO: GAVINUPPIA. Centro Giovani Quartiere 3 - Via Gran Bretagna 48 - Firenze Insegnante e referente per informazioni.

Renzo Guidi 328.4147719 renzgu@tin.it trainer 3° grado EUROTAICHI (European Institute for T’ai Chi Studies e.V.) am Elisabethgeholz, 9 Hamburg http://www.eurotaichi.de


12

curiosità

Settembre 2009

IL LUOGO. Alla scoperta del magazzino dove vengono stoccate le cose che la gente “dimentica”

Dove finiscono gli oggetti perduti Caterina Gentileschi

Dalle chiavi ai documenti. Dalle macchine fotografiche alle piante ornamentali, fino agli accessori. All’ufficio oggetti

Q

uanti trovano un oggetto per strada, su un autobus o sulla poltrona di un treno e cercano di riconsegnarlo al legittimo proprietario? Pochi, ad onor del vero. Ma i pochi che lo fanno si rivolgono a quello che un tempo si chiamava ufficio oggetti smarriti, e che oggi – per un vezzo contemporaneo – si chiama ufficio oggetti trovati (a Firenze è in via Veracini 5). Un deposito anonimo in un luogo anonimo, ma pieno delle cose più disparate, dove la gente porta di tutto. Dalle chiavi ai documenti, fino alle valigie dimenticate. In qualche caso, gli animi più nobili, portano anche qualche oggetto di valore sperando che il legittimo proprietario vada a reclamarlo. “Dei circa 6mila oggetti che ci arrivano ogni anno, solo la metà viene reclamata dai proprietari – spiega Gianni Palazzini, responsabile dell’ufficio –. I raccoglitori più alacri sono le forze dell’ordine, che portano da noi tutte le cose che trovano, ma anche gli addetti delle poste, che spessissimo trovano nelle cassette delle lettere borse, portafogli e documenti rubati e depositati lì, e poi gli autisti dell’Ataf”. Strade, uffici e mezzi di trasporto. Sono questi i luoghi dove statisticamente ci si dimentica più di frequente delle cose che portiamo con noi, grandi o piccole che siano, preziose o meno. “Ci arrivano zainetti pieni zeppi di libri – continua il responsabile -. Al giorno d’oggi i bambini sono più sbadati”. Nel magazzino

trovati ci arriva di tutto, e molte cose non vengono mai reclamate dai legittimi proprietari. Per pigrizia o per rassegnazione

di via Veracini il tran tran della gente è continuo ma non intenso. “Molti non sanno nemmeno dell’esistenza di questo ufficio – spiega uno dei dipendenti. Sì, perché è importante sapere che gli oggetti smarriti (o trovati che dir si voglia), non vengono stoccati in eterno all’interno del magazzino gestito dalla S.a.s. – servizi alla strada spa. “Dopo circa quindici mesi vengono distrutti”, continua Palazzini. Qualsiasi cosa, dalle chiavi alle macchine fotografiche perse dai turisti, fino “a quei due vasi che qualcuno aveva abbandonato su un marciapiede”. Viene eliminata qualsiasi cosa. E’ un peccato, certo. Tanto è vero che il responsabile dell’ufficio sta tentando di organizzare delle aste, per permettere almeno agli oggetti di un certo valore (che non vengono reclamati) di tornare in circolazione, ed evitarne così la distruzione. Ma ad oggi non è in programma nessuna vendita all’incanto. Un altro particolare però va tenuto in considerazione, ovvero che la generosità del prossimo qualche volta viene premiata. Se l’oggetto che si consegna non viene reclamato entro i termini stabiliti dalla legge, l’ufficio avverte la persona che lo ha trovato, la quale può riscattare l’oggetto pagando una piccola quota per il deposito in magazzino. “Capita molto raramente – continua Palazzini – ma una volta un signore per 150 euro si è portato a casa un orologio il cui valore di mercato si aggirava intorno ai 3mila. L’aveva trovato e lo aveva portato a noi, ma dopo un anno e mezzo il proprietario non era mai venuto a reclamarlo”.

Ogni (cosa) lasciata è persa "IL SUPERMERCATO ALIMENTARE SOTTO CASA" Tutta la comodita’ e la cortesia che potete chiedere al vostro negozio sotto casa con tutta la convenienza che potete pretendere da un supermercato

SIAMO APERTI TUTTI I GIORNI DAL LUNEDI’ AL SABATO DALLE 8.00 ALLE 21.00 LA DOMENICA DALLE 9.00 ALLE 21.00 CI TROVATE A FIRENZE • VIA SANTA MONACA 6-8 R TEL. 055 218103 • VIA ALAMANNI, 9/A ANGOLO VIA ORTI ORICELLARI, 36 TEL. 055 2670193 • PIAZZA PITTI, 32/R – 33/R TEL. 055 2675537 • CORSO TINTORI , 18/R – 20/R – 22/R TEL. 055 2001907 • VIA DEI RENAI, 11/R – VIA SAN NICCOLO’, 62 TEL. 055 2480521

La gente perde di tutto. E’ un dato di fatto. Sbadataggine, non curanza, poca accortezza o la mano lunga di qualche ladruncolo di passaggio. A me è capitato decine di volte. E’ tutta la vita che mia madre mi rimprovera per la testa tra le nuvole. Una volta, di passaggio alle due di notte dall’aeroporto di Vienna, mi sfilai dal dito un anellino di poco valore, ma nuovo di zecca, per sciacquarmi le mani in una toilette. Come ogni distratto che si rispetti che mentre fa una cosa sta già pensando a quella successiva - passai il gate e pochi istanti dopo mi resi conto di non averlo più al dito. Pregai in ginocchio la donnona bionda che controllava i passaporti perché mi permettesse di tornare indietro. Feci una corsa, ma il mio anello non c’era già più. Ora, quante persone ci saranno state alle due di notte all’aeroporto

di Vienna? Dieci? Forse undici. Ecco, proprio quell’undicesima mi aveva fregato l’anellino appena comprato, sul quale c’era inciso a caratteri piccoli piccoli un articolo della Dichiarazione dei diritti dell’uomo. Altro che diritti! Bisognerebbe stampare i doveri di ciascun cittadino a caratteri cubitali. E invece no. Anche nella civilissima Vienna, un oggetto trovato era diventato automaticamente proprietà di chi se l’era visto casualmente sotto il naso. E siamo talmente abituati a pensare che tutto ciò che smarriamo sia perduto per sempre, che spesso ci dimentichiamo dell’esistenza della buona fede e della gentilezza di qualcuno. Chissà che dopotutto quell’anellino non sia andato a finire in un ordinatissimo ufficio oggetti smarriti asburgico. Chissà.


900887

INFISSO in pvc doppia anta con ribalta-vetri isolanti termici ed acustici su misura, varie colorazioni, solo

€ 310 AL MQ

A partire da €

300 al mq

PAGABILI ANCHE A RATE

ACQUISTA ALMENO 5 FINESTRE PORTEFINESTRE entro il 10 ottobre, IN OMAGGIO l’impianto d’allarme!!!

a partire da

PERSIANA IN ALLUMINIO

POSA IN OPERA COMPRESA

stecca fissa (o orientabile) in colori base su misura A partire da

€ 360/mq PORTA IN CRISTALLO TEMPERATO

€ 280 mq

- completa di cerniere e maniglia - vetro trasparente temperato 8 mm. - compreso montaggio

PAGAMENTO A RATE

ZANZARIERE IN ALLUMINIO • Colori in ral • su misura (minimo 1.5 mq) • a catenella • a molla scorrevoli laterali

a partire da 80 euro/mq posa inclusa

Es. 70cm.X210cm.

€800

€650

(IVA INCLUSA!!!)

ZANZARIERA A MOLLA su misura in alluminio a partire da

€140 €100/mq con posa in opera

• PORTONE BLINDATO (1 ANTA) - modo di apertura “spingere sinistra” - pannelli fronte / retro lisci - cilindro doppia mappa

€ 900

TRASPORTO + MONTAGGIO INCLUSI

ANCHE CON FINANZIAMENTO 24 MESI INTERESSI ZERO 37,50 € AL MESE

VETRI TERMICI

FINESTRE E PORTE

• TAGLIO TERMICO A partire da € 280 • TAGLIO FREDDO A partire da € 275

al mq al mq

• Spessore 4/9/4 basso emissivo (risparmio energetico) • Inclusa posa in opera • Su misura • Minimo fatturabil 0.50mq

€175 AL MQ

€150 mq

IVA COMPRESA

INFERIATE IN FERRO • Per finestre e porte • Su misura • Varie tipologie fisse o apribili • Con serratura di sicurezza a partire da

€310 €250/mq

esclusa posa in opera

CANCELLETTI ESTENSIBILI • Zingati e verniciati • A nodi o maglia liscia • Su misura a partire da

€280 €210/mq con posa in opera

ESEGUIAMO lavori di ristrutturazione interne complete di opere murarie idrauliche elettriche e imbiancatura

PAVIMENTAZIONE E PIASTRELLATURA

e sistemi di sicurezza allarmi e videosorveglianza sopralluoghi e preventivi gratuiti

Show-room: Via F. Martini, 10/R Tel. 055 6121802 vedi tutte le nostre offerte e servizi su www.ilreporter.it


14

sanità

Settembre 2009

SALUTE/1. Gli esperti annunciano un boom di contagi per l’autunno: ecco le cose da sapere

L’influenza “suina” dalla A alla zeta Dopo mesi di allarmi arriva il momento di entrare nell’ottica che si tratti di una malattia “normale”, che va curata solo con i farmaci prescritti dal medico e contro la quale ci sono anche armi elementari. Come una bella lavata di mani

Giulia Righi

C

e lo hanno detto in tutte le salse, per tutta l’estate. Che la Nuova Influenza, l’A/H1N1 arriverà e si farà sentire in autunno. Pandemia. Quella che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha già dichiarato nei mesi

L’INTERVENTO Giuseppe Petrioli, Asl 10

“Fate il vaccino ordinario”

L

IL METODO MIGLIORE PER RINNOVARE E PROLUNGARE LA TUA ABBRONZATURA 1 TRATTAMENTO ESFOLIANTE CORPO 1 ATTIVATORE SOLARE LINEA

1 SOLARIUM CORPO EURO

87

EURO

60

ORARIO CONTINUATO LUN - VEN 9.00 - 19,00 1045056

SABATO CHIUSO Via Gianpaolo Orsini, 6/a - Firenze

055 6802119

a raccomandazione arriva puntuale, tutti gli anni. Ma quest’anno vale più di sempre:è importante fare il vaccino per l’influenza stagionale. Lo ribadisce Giuseppe Petrioli, direttore del dipartimento prevenzione della Asl 10: “Fate il vaccino ordinario, perché meno il virus A/ H1N1 circola insieme a quello dell’influenza stagionale meglio è, per se stessi e per l’intera collettività”. Questo perché “se i due virus circolano insieme aumenta la probabilità di una mutazione del virus della Nuova Influenza che lo potrebbe rendere più patogeno”. Proprio un’eventuale mutazione è ciò che del resto preoccupa profondamente gli esperti, perché è ciò che come ha detto il viceministro alla salute Ferruccio Fazio, lo potrebbe rendere più tossico a livello polmonare. E il dottor Petrioli fa anche un’altra raccomandazione, non meno importante: “L’accesso al pronto soccorso va limitato ai casi di complicanze. E in questo caso è importante che l’accesso avvenga tramite il medico di famiglia. Il paziente si mette in contatto con lui, ed è il medico che prende contatto con l’ospedale, evitando in questo modo che l’ammalato venga in contatto con altre persone in sala d’attesa, durante il triage”. Agire d’impulso, mossi dal panico è pericoloso e rischia di far saltare tutti i piani che la Asl sta mettendo a punto da mesi. La limitazione dei contatti, del resto, è una regola d’oro da seguire sempre. “In caso di sintomi sospetti, quali febbre alta e sindromi respiratorie - prosegue il dottor Petrioli - è bene non avere contatti con nessuno, familiari inclusi, fino alla completa guarigione clinica”. E anche il dottor Petrioli ribadisce l’importanza di un’accurata igiene, e il valore essenziale del lavarsi spesso (e bene) le mani”. /G.R.

scorsi, dovrebbe palesarsi a tutti gli effetti e potrebbe contagiare 2 miliardi di persone nel giro di due anni. Questo significa che dovranno essere cestinati allarmismi vari e panico, e che bisognerà entrare nell’ottica che ammalarsi di Nuova Influenza (già non chiamarla più “suina” è una conquista, sembra meno cattiva e non evoca i fantasmi della peste che fu) sia una cosa normale. E del resto, se il virus non muterà, non dovrebbe essere più temibile dell’influenza stagionale, dato che ad ora la mortalità è attestata allo 0.5 per mille (per farsi un’idea di cosa vuol dire, basti pensare che il tasso di mortalità dell’aviaria si aggirava intorno al 60 per cento).Ma dunque, aspettando che l’annunciata pandemia si palesi anche dalle nostri parti, che si fa? Gli esperti, i virologi, ripetono una serie di regole base da seguire. Precauzioni elementari, banali, che però si potrebbero rivelare utilissime per contenere il contagio. Una su tutte, che vale sempre: lavarsi spesso le mani, con acqua e sapone (in alternativa possono essere usate soluzioni detergenti a base di alcol o salviettine disinfettanti). E poi: bisogna evitare di toccare con le mani non pulite occhi, naso e bocca e quando si starnutisce - a pensarci bene ce lo avevano insegnato anche da piccoli - bisogna coprirsi bocca e naso con una fazzoletto di carta, e poi gettarlo. Altra regola d’oro: le stanze vanno areate, l’aria cambiata. Tutto questo perché la Nuova Influenza si trasmette in maniera diretta attraverso le goccioline di saliva, le secrezioni respiratorie trainate da tosse e starnuti ma anche attraverso la dispersione di queste secrezioni su oggetti e superfici. I sintomi sono assai simili a quelli delle classifiche influenze stagionali: febbre sopra i 38 gradi, tosse, mal di gola, malessere, perdita di appetito. A questi si possono unire anche raffreddore, mal di gola, nausea, vomito e diarrea. E, come accade sempre, a curare tutto questo deve pensarci un medico che, solo se effettivamente necessario, prescriverà gli antivirali del caso. Anche il capitolo farmaci merita attenzione, non guasta ripetere ciò che gli esperti raccomandano da mesi: queste medicine non vanno assunte di propria iniziativa. Uno, perché non hanno nessuna efficacia se usati in via preventiva (sono cioè cosa ben diversa dai vaccini), due perché utilizzarli senza la certezza di aver contratto l’infezione vuol dire favorire la comparsa di virus resistenti ai farmaci. Con danni per se stessi e per la collettività. Che di ulteriori acciacchi non ha certo bisogno.


sanità

15

SALUTE/2. In vista della maggiore diffusione del virus l’azienda sanitaria si è attrezzata

E la Asl prepara il “piano pandemia” Benedetta Strappi

S

i sono rimboccati le maniche per tempo, preparando un piano dettagliato per fronteggiare un’ eventuale - e probabile - pandemia. La Asl di Firenze già nei mesi scorsi ha trasmesso alla Regione un documento con il dettaglio della campagna di vaccinazione contro la ormai famosa Nuova Influenza. Poi sono arrivate le direttive ministeriali, con un rincorrersi di ipotesi sulla data di inizio di somministrazione dell’antidoto. Bene. Il piano vaccini dovrebbe partire tra la fine di ottobre e la metà di novembre (mentre scriviamo il giorno ufficiale non è ancora stato stabilito) e sarà diviso in due scaglioni. Il primo partirà appunto tra la fine di ottobre e la prima quindicina di novembre, e vedrà interessati gli operatori della sanità e i lavoratori dei servizi pubblici. Vale a dire medici, infermieri e altro personale sanitario, circa 12mila persone

nel territorio della provincia fiorentina. Insieme a loro toccherà alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco, e a chiunque lavori nei servizi essenziali. E naturalmente alle “persone a rischio” come cardiopatici, diabetici, immunodepressi etc. Finita questa prima tranche, scatterà la fase due, che dovrebbe prendere il via a partire dal 31 gennaio. E sarà la volta dei piccoli e dei giovani, dai 2 ai 27 anni: la fascia che fino ad oggi è risultata più esposta al virus. Per capire un po’ la mole della campagna di vaccinazione, basti pensare che nel territorio fiorentino le persone in fascia 2/6 sono 32mila, e quelli tra i 6 e i 18 anni sono 78mila. La Regione ha del resto stimato che ad ammalarsi, in Toscana, potrebbero essere tra le 500 e le 600mila persone e per questo la vaccinazione riguarderà un milione e mezzo di persone. A somministrarla, e questo è un passaggio fondamentale,

Primi vaccini tra fine ottobre e metà novembre agli operatori della sanità, dei servizi e agli ammalati. Dal 31 gennaio sarà la volta dei giovani, la fascia più a rischio

IN PILLOLE

 QUANDO COMINCERANNO LE VACCINAZIONI? Tra la fine di ottobre e la prima metà di novembre verranno vaccinati gli operatori della sanità e dei servizi pubblici e le persone a rischio dai 2 ai 65 anni. Dal 31 gennaio sarà la volta della popolazione sotto i 27 anni.

 COME PROCURARSI IL VACCINO? Non sarà in vendita nella farmacie, ma verrà distribuito solo ed esclusivamente dalla Asl tramite i medici di famiglia, i pediatri e i presidi sanitari.

 COSA FARE SE SI AVVERTONO SINTOMI SOSPETTI? Occorre contattare il proprio medico di famiglia e stare in casa, evitando contatti con i familiari. Non bisogna farsi prendere dal panico precipitandosi al pronto soccorso.

 IL VACCINO PER L’INFLUENZA A SI PUÒ FARE ANCHE SE SI FA QUELLO PER L’INFLUENZA STAGIONALE? Sì, certo. Il vaccino per l’influenza stagionale sarà distribuito come sempre dai primi di ottobre, ed è raccomandato per tutti i soggetti a rischio.

 QUALI PRECAUZIONI ADOTTARE PER RIDURRE IL RISCHIO DI CONTAGIO? Bisogna assolutamente evitare medicazioni fai-da-te. Piuttosto è utile lavarsi spesso le mani, e coprire con un fazzoletto naso e bocca durante gli starnuti. Una volta usato, il fazzoletto va gettato immediatamente.

saranno i medici di famiglia e i pediatri: non sarà in vendita da nessuna parte, inutili gli assalti alle farmacie. Durante la prima tranche verranno vaccinate, in tutta la regione, circa 500mila persone, e durante la seconda, quella “giovanile” un milione. Oltre a queste misure il sistema sanitario regionale ha preso anche altri provve-

dimenti: negli ospedali si prevede un aumento di almeno 3mila posti letto e la creazione di “reparti volano” da utilizzare per il periodo di pandemia. Non dovrebbe venire interrotta l’attività programmata e all’occorrenza potranno essere richiamati medici e infermieri in pensione. Infine, è già stato deciso che sarà potenziata anche l’attrez-

zatura sanitaria per l’assistenza respiratoria, con un investimento di circa 2 milioni di euro. Tra i macchinari che verranno acquistati ci sono particolari dispositivi per l’assistenza respiratoria, respiratori con intubazione, e i sistemi Ecmo, particolare tecnica per sostituire il normale meccanismo di ossigenazione del sangue.

CENTRO SOCIALE SORGANE - CIRCOLO ARCI Via Tagliamento, 2 - 50126 FIRENZE (CAPOLINEA BUS 23a)

966099

Ristorante - Pizzeria

• ven sab dom dalle 19.30 in poi SERVIZIO RISTORAZIONE menu • dal lun al ven dalle 12 alle 14.00 si organizzano pranzi e cene a tema per eventi particolari, compleanni, battesimi, comunioni...

fisso 9 euro

TUTTI I LUNEDI’ Balli di gruppo - folkloristici dalle ore 21

BALLO LISCIO

OGNI VENERDI DALLE 21,00 ALLE 00,30

TUTTI I GIOVEDI’ “TANGOEARGENTINO” INGRESSO LIBERO GRATUITO CON I SEGUENTI INTERPRETI:

4/9 FLO SOUND - 11/9 NOVA RES 18/9 SANTINO E MAURO - 25/9 BERRY

GIOVEDI 1° OTTOBRE CENA CON DELITTO

A CURA DELLA compagnia I DELITTANTI (COSTO a persona EURO 25,00 - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA)

MERCATINO DEL COLLEZIONISTA, DEL “FAI DA TE” DI BENEFICENZA DOMENICA 27 SETTEMBRE DALLE ORE 10:00 ALLE 22:00 - MINIMO 10 BANCHI Per informazioni sulle attivita’ sopraelencate telefonare nel pomeriggio

dalle ore 15.00 alle ore 18.00 al n. Tel.

055.6820200

INIZIATIVE RIVOLTE ESCLUSIVAMENTE AI SOCI ARCI


16

inchiesta

Settembre 2009

URBANISTICA/1. Dopo diciassette anni di restyling la zona ha cambiato volto

La Novoli del futuro muove i primi passi L’INTERVISTA

Parla l’assessore Massimo Mattei

“Un quartiere in trasformazione ma già integrato con la città” P

Giulia Giachi

U

n restyling lungo diciassette anni. È qualcosa di più di un semplice lifting, è qualcosa che cambia totalmente il volto dell’area ex-Fiat. Già son sorte case, hotel, uffici, negozi, parcheggi, sedi universitarie e giardini, ma ancora altro ruspe e gru devono costruire. A parte la nuova Cassa di Risparmio e il Palagiustizia, il resto dell’area è nelle mani della società Immobiliare Novoli. Quest’ultimo spazio si sviluppa su tre blocchi: quello centrale è composto dai 120mila metri quadrati del parco di San Donato, mentre sugli altri due sorgono - o sorgeranno - abitazioni, uffici e negozi. In tutto questo pout-pourri di nuovo rimane, come segno dell’insediamento produttivo della Fiat, l’ex Centrale termica, che diventerà - a data da stabilire il cosiddetto Urban Center, dove verranno esposti i progetti che riguardano i cambiamenti della città. In totale, fra il blocco est e quello ovest, dove ancora non è stato costruito nulla, sono previste 768 unità residenziali, di cui 396 sono già state realizzate e 16 sono in fase di costruzione. I metri quadri di superficie utile lorda (SUL) destinati agli uffici sono 72.600, di questi 41.800 sono già stati realizzati e 400 sono in fase di costruzione. Se si butta l’occhio alle attività commerciali previste nella parte est si scopre che sono 134, di cui 29 sorgeranno all’interno del centro commerciale

naturale (quello del contestato Multiplex), che si svilupperà su 24.420 metri quadrati di superficie utile lorda, 6mila dei quali destinati al multisala. Fra i primi edifici ad essere stati costruiti c’è il Polo delle Scienze Sociali, che ha aperto i cancelli nel 2004, mentre fra il 2005 e il 2008 sono terminati i lavori di 10 strutture destinate sia a residenze sia a uffici che a spazi commerciali. Con la stessa destinazione d’uso all’appello mancano ancora 9 blocchi, fra i quali spiccano i progetti delle tre architette Carme Pinòs, Zaha Hadid e Odile Decq. In fase d’arrivo è il parco di San Donato: i lavori, iniziati nel marzo del 2007, dovrebbero concludersi verso la fine di ottobre di quest’anno. Adiacente a questo è prevista anche un’area cani, di circa 1900 metri quadri, raggiungibile dal cancello di viale Guidoni. Già presente uno dei due parcheggi interrati all’interno dell’area di San Donato. Ad oggi, questo è aperto per 950 posti auto dei 1.450 disponibili. Il secondo parcheggio interrato, con capienza di circa 600 posti auto, è previsto sotto il lato ovest del parco e verrà realizzato in funzione del progressivo completamento del progetto di nuova urbanizzazione dell’area ovest. Viene inaugurata, invece, proprio ora, a metà settembre, piazza Ugo di Toscana: di forma ellittica è circondata da ulivi e lecci e illuminata da luci a terra ad incasso. I tempi di attesa per vedere il tutto realizzato? Si parla di 4-5 anni, ma alla fine tutto dipende dal mercato e da come questo gira. E dagli intoppi burocratici, naturalmente.

992414

Uno dei progetti residenziali all’interno del Piano di Recupero di Novoli

er Massimo Mattei, assessore alla mobilità e al decoro, Novoli non è solo un quartiere in forte trasformazione, è il luogo dove è nato e cresciuto, e dove la gente non si riguarda a suonargli il campanello per porre all’attenzione dell’Amministrazione problematiche e potenzialità della zona. Che spesso e volentieri traboccano dalle competenze del suo assessorato. Assessore, com’è cambiato e sta cambiando il volto di Novoli? Questo è un quartiere che negli anni ’70 presentava diverse criticità, mentre oggi è perfettamente integrato con il resto della città, sebbene l’area ex-Fiat rimanga una realtà ancora a sé stante, non del tutto fusa con il tessuto della zona. Il processo di integrazione, però, è in divenire: un primo esempio riguarda il parco di San Donato, che va a colmare la carenza di verde. Già il fatto di averlo illuminato fino a tarda ora, questa estate, ha permesso ai cittadini di appropriarsi di questo spazio e di farlo vivere anche la notte. Un altro problema molto sentito è quello del degrado, legato soprattutto alla prostituzione. Non si può intervenire soltanto con la repressione: la collaborazione con e tra le forze dell’ordine sta dando dei buoni risultati, ma non può bastare. E’ necessario trovare delle soluzioni alternative, in modo da portare i fiorentini fuori di casa la sera e da rendere la zona più frequentata. Poi ci sono le cosiddette baby gang, che disturbano il sonno dei residenti o si divertono facendo atti di vandalismo nei giardini. Ma in questo caso si tratta di un problema di natura sociologica, da affrontare in una dimensione diversa da quella della pubblica amministrazione. Riguardo invece alla mobilità, in vista dell’apertura del Palazzo di Giustizia, della nascita di nuove attività e abitazioni nell’area ex-Fiat, si prevedono dei cambiamenti? Abbiamo tempo per studiare le possibili soluzioni, tenendo presente che si tratta di un’area satura, dove pertanto non è possibile effettuare Massimo Mattei /F.P. grandi cambiamenti.

E AL ION S S FE TE N RO E P ME N A TA I ZIO ET MA MPL ATU R O O R F G IN C


inchiesta

17

URBANISTICA/2. Entro fine mese è attesa la decisione della magistratura e le voci si rincorrono

Tutte le incognite del pianeta Multiplex Tante le ipotesi rimbalzate da più fronti sul futuro del multisala sequestrato: si è parlato di una riduzione delle sale o di farne una casa delle culture, ma per ora è tutto fermo Francesca Puliti

C

asa delle culture? Riduzione delle sale da nove a cinque? Solo alcune delle voci che si sono rincorse sui giornali negli ultimi mesi, a proposito di Multiplex. Presunti scambi di opinioni tra il vicesindaco Nardella e la proprietà del complesso, aperture e barricate. Voci, nient’altro che rumors attorno al prossimo film che andrà in scena tra Immobiliare Novoli e amministrazione comunale. La programmazione autunnale, si sa, è la più ricca, battuta solo da quella natalizia. E non sarà necessario aspettare Natale per veder sbloccata la situazione. Entro la fine di settembre, infatti, dovrebbe arrivare la decisione della magistratura sulle presunte irregolarità e violazioni edilizie che portarono, lo scorso 17 novembre, al sequestro del cantiere. Che da allora giace in silenzio come un’enorme carcassa abbandonata all’angolo tra via di Novoli e via Forlanini. Quelle che non si sono mai messe a tacere in questi mesi, invece, sono le polemiche. Sulla regolarità del progetto, sull’estetica della struttura, sull’invadenza di un multisala nel panorama cinematografico cittadino, già provato dalla crisi dell’industria culturale e dalle minori possibilità di spendere dei fiorentini in un periodo grigio come questo. Tra le tante voci rimbalzate, anche quella sulla disponibilità da parte della proprietà a stralciare dalle carte 4 sale su 9, pur di sciogliere i sigilli e riprendere i lavori.

“In realtà non ho mai detto niente del genere – replica il presidente di Immobiliare Novoli, Mario Marinesi – siamo aperti al confronto, ma aspettiamo la decisione della magistratura prima di intavolare una discussione”. Niente di nuovo, dunque, sotto il sole di Novoli. Il progetto rimane quello che è stato bloccato dal sequestro lo scorso autunno: nove sale per un totale di 2.195 posti, una galleria commerciale da ventinove negozi di varie metrature, uno spazio complessivo di 80mila metri

quadri. Resta ferma anche la posizione di chi vi si è sempre opposto, in prima fila Maurizio Paoli, presidente dell’Anec, e Ornella De Zordo, che fin da subito ne ha sposato la causa. L’ultima proposta della consigliera di Perunaltracittà è quella di convertire il Multiplex in una Casa delle culture, una sorta di polo di sperimentazione artistica dotato di cineteca, sala prove per artisti emergenti, spazi aggregativi a disposizione della cittadinanza. “Si tratta di un progetto essenziale per Firen-

ze - sottolinea la De Zordo - soprattutto in una zona, come quella del polo universitario, ricca di giovani e povera di strutture di tal genere”. La replica di Marinesi è secca: “Si muore tutti di cultura, molti si riempiono la bocca con questa parola, ma la città ha bisogno di mangiare, di attività economiche”. E a proposito di economia, anche i cantieri fermi hanno un costo. “Soprattutto in termini di qualità della vita di chi vive nella zona” sottolinea Marinesi.

Il cantiere del multisala

Prenotati per le nostre prossime feste! Invia sms con età e nome oppure richiedi maggiori info al 340.8689521

992584

Esiste qualcuno che ti puo’ amare! ELEONORA 35enne, nubile, impiegata, socievole e dinamica, vorrei rendere felice l’uomo che amo, crescere con lui. Ti cerco adulto, maturo, con forte personalità, colto e benestante SUSANNA 39enne, interessante e bella ragazza, mi piace scherzare, sono generosa e ironica, ma anche testarda. Inseguo l’amore, ma trovo solo persone superficiali. Cerco un uomo deciso, di sani principi, buona presenza, maturo e responsabile, che come me abbia voglia di una importante storia d’amore. ADELINA 47enne, socievole, curiosa di conoscere, amo lo sport, il mare, il ballo, cerco stabilità con un uomo premuroso, vitale, desideroso di condividere la vita. LUCIA 48enne, mamma single, divorziata, buona presenza, curata, amabile. Cerco uomo intelligente atletico, giovanile, curato e divertente che sappia rendermi felice. GIANNA 68enne, bella presenza, giovanile, semplice, attenta, con tanto amore da donare. Cerco uomo di buon livello culturale, meglio se diplomato o laureato, curato, sensibile, per relazione seria. DIANORA 71enne, pensionata, vedova, mi piace ballare e prendermi cura dei miei gatti. Ti cerco magro, curato, giovanile e vivace, con tanta voglia di ridere e scherzare, per stare insieme gioiosamente in questi ultimi anni.

ALESSIO 35enne, celibe, senza figli. Ho avuto un lungo fidanzamento che poi e’ finito. Cerco una ragazza, anche separata con figli, purche’ motivata ad avere una bella storia. GUIDO 43 anni. Sono un po’ all’antica e penso che al primo appuntamento non potrei mai farti mancare un fiore; e poi, una volta conquistata, diventeresti il centro della mia vita, sempre coccolata e ricoperta di attenzioni. ANDREA 50enne, alto, simpatico, con molti interessi, colto, affascinato dalla vita dalla quale ho avuto tutto. Cerco una donna con la d maiuscola, femminile, dolce e interessante, con la quale costruire un legame importante. ROLANDO 51 anni, semplice, amo vivere bene ed in serenita’. Mi piace viaggiare, anche se spesso mi manca il tempo. Cerco una donna che mi stia accanto, serena, determinata ad una seria relazione. Desidero sentirla ìvicinaî e condividere con lei tutti gli aspetti della vita. MANFREDO 59 anni, operatore sanitario. Sono divorziato da tanti anni e ho due figlie ormai cresciute. La mia professione, pur appagandomi, non e’ più sufficiente a riempirmi la vita. Ti cerco paziente, bella soprattutto dentro, sincera, indipendente, con la voglia di costruire un rapporto sereno. LIVIO 63 anni, socievole ed estroverso, so anche cavarmela da solo. Tuttavia mi manca molto una partner con cui confrontarmi, dialogare e condividere i diversi momenti della giornata. Cerco una donna che voglia vivere intensamente l’esperienza di coppia in un clima di comprensione e rispetto.

Via di Novoli 7 • 50127 Firenze Tel. 055 3245335 • 340 8689521

info@amoriincorso.net www.amoriincorso.net


18

tempi moderni

Settembre 2009

IL CASO. Sono ancora molte le persone che impegnano orologi e gioielli per avere denaro in cambio

La lunga vita del banco dei pegni Ludovica V. Zarrilli

F

aceva freddo nella soffitta parigina dipinta dalle musiche di Giacomo Puccini, ma la vigilia di Natale non si accettavano pegni e sulla scena appare il filosofo Colline, uno dei protagonisti della Bohème, mentre torna a casa sconsolato e infreddolito senza

L’INTERVISTA Parola di economista

“Agire sempre con cautela”

M

a quanto conviene dare in pegno i propri beni per avere in cambio del denaro? Il “Monte” è ancora il modo meno rischioso per ottenere rapidamente dei soldi in prestito? Il Reporter è andato a chiederlo ad un esperto, Giampiero Nigro, preside della facoltà di Economia dell’Università di Firenze. “La convenienza deriva dallo stato di necessità – spiega il professore -. Nel passato, ma anche oggi, il Monte era una struttura creditizia alla quale si affidavano persone affette da una temporanea carenza di liquidità, ma quasi tutti i creditori avevano possibilità di riscattare il proprio bene. Il banco dei pegni offre una garanzia reale, elargisce il prestito valutando il valore commerciale del bene al quale viene aggiunto un tasso di interesse”. E’ dunque la maniera più veloce per ottenere del denaro contante, ma non l’unica strada da percorrere in un momento di vera necessità, esistono anche altri modi per ricevere del denaro in prestito senza la paura di cadere nella trappola dello strozzinaggio. “Il microcredito è uno di questi – continua Nigro - che adesso è abbastanza diffuso anche qui in Italia e che viene proposto dalle banche etiche. Ad ogni modo, il consiglio che mi sento di dare è di fare sempre delle attente valutazioni comparative. Bisogna innanzitutto capire qual è l’urgenza, quindi comparare la necessità in termini di tempo e metterla a confronto con l’offerta e con i vari tassi di interesse. Bisogna essere molto cauti e fare sempre delle verifiche”. Essere cauti anche quando tutto sembra chiaro, questo il consiglio di Giampiero Nigro, anche nei rapporti con un istituto come il Banco dei pegni, dove la maggior parte degli oggetti ancora oggi viene riscattata e solo un 5-6% viene messa all’asta perché il proprietario non è riuscito a riappropriarsene. Ma, come si suol dire, di questi tempi la prudenza non è /L.V.Z. mai troppa.

nemmeno un po’ di soldi per comprare della legna da ardere. I librettisti della celebre opera pucciniana non sono stati né i primi e né gli ultimi ad utilizzare come soggetto l’Azienda dei presti, conosciuta anche come “banco dei pegni” e “monte di pietà”, un’istituzione nata nel 1495 ad opera del frate domenicano Girolamo Savonarola, il primo ad introdurre una forma di credito su pegno, per combattere l’usura. A lungo simbolo di una miseria improvvisa e difficile da combattere, alla quale non ci si vuole arrendere e che rischia di coinvolgere chiunque, il banco dei pegni è regolato da una legge speciale dello Stato italiano - la 745 del 1938 - che consiste nell’erogare un prestito di breve durata lasciando a garanzia degli oggetti, che poi possono essere riscattati (non prima di tre mesi dalla stipula del prestiti) rimborsando il capitale, compreso di interessi e oneri accessori. Ma chi pensa che l’azienda dei presti sia un’istituzione obsoleta, sorpassata da nuove (e più rischiose) forme di credito, dovrà ricredersi. Il credito su pegno è una

Sono aumentati dell’8% negli ultimi due anni, e nella sola Firenze gli oggetti impegnati nel 2008 sono stati 37mila, tra i nuovi prestiti e i vecchi rinnovati. I clienti più affezionati? Dall’impiegato al professionista a una folta schiera di extracomunitari

IL DENTISTA RISPONDE come salvare i nostri denti

955817

QUESTO MESE: problemi di mal di schiena, cervicale, emicranie ecc... possono essere originati da malocclusione. A cura del Dott. Giuseppe Garrubba

CARI LETTORI Voi immaginerete che il dentista si occupi solo della bocca; invece, visto che le varie parti del corpo sono in relazione fra di loro, si occupa anche di problemi generati dal malposizionamento della mandibola che influenza il tono muscolare di tutto il corpo. Per farla semplice: la mandibola è l’osso che nella masticazione ha la parte attiva, in quanto è l’unico che si muove permettendo l’apertura e la chiusura, protrusione e lateralità della bocca (movimenti della Fossa masticazione, della fonetica...). Glenoidea Per fare ciò l’osso deve essere collegato agli altri del cranio con un’articolazione, quella data dall’alloggiamento del condilo nella fossa glenoidea, detta Articolazione Temporo Mandibolare o A.T.M. (vedi foto). Un abbassamento dell’occlusione (dovuto a perdita di denti, loro usura...ecc.), uno condilo slittamento in avanti o lateralmente della mandibola (dovuto a denti malposizionati, collassamento dell’altezza occlusale ecc.) l’attività di bruxismo o l’attitudine a stringere i denti, tenendo in tensione la

muscolatura masticatoria, possono creare nel tempo, problemi di postura con conseguenze molto fastidiose. La branca della medicina che si occupa di individuare e curare queste patologie é la Chinesiologia; sempre più accreditata nel nostro paese. L’usura dell’A.T.M o l’eccessiva tensione dei muscoli si possono ripercuotere su un equilibrio generale che può causare: una compressione dei numerosi nervi lì localizzati con conseguenti nevralgie o tensioni dei muscoli della masticazione che essendo collegati a tutti gli altri innescano un processo che avrà come conseguenza: mal di schiena, dolori cervicali, emicranie ecc.. I principali problemi generati da una malocclusione che si ripercuotono sulla postura possono essere perciò mal di schiena, dolori cervicali, scoliosi, lordosi, emicranie, ronzii, dolori al trigemino, ecc... Se avete certi sintomi non trascurate di farvi controllare anche da un dentista che dopo un’accurata analisi saprà dirvi qual é la condizione della vostra occlusione e Articolazione Temporo Mandibolare. Salute a tutti.

DOTT. GIUSEPPE GARRUBBA Via Lungo L’Affrico, 42 - Firenze - Tel. 055 660225 Dal lunedì al venerdì 9.00/12.30 - 15.00/20.00 - Il sabato 9.00/12.30 www.curailtuosorriso.it

maniera di monetizzare, soprattutto in tempo di crisi, ancora largamente diffusa, basti pensare che negli ultimi due anni il numero di prestiti elargiti è aumentato dell’8% e che nel 2008 nella sola Firenze (dove il banco dei pegni fa capo alla Cassa di Risparmio di Firenze, che ci ha fornito questi dati) sono stati “accesi” 11mila nuovi pegni e ne sono stati rinnovati 26mila. Oggi non si impegnano più indumenti, corredi o abiti da sposa e sono ormai lontani i tempi in cui i protagonisti romani di “Ladri di biciclette”, pellicola firmata da Vittorio de Sica, cedevano la biancheria di casa per riscattare la bicicletta che il giovane Lamberto Maggiorani – che nel film vestiva i panni del protagonista - usava per andava a lavorare. Nel terzo millennio si impegnano soprattutto orologi e gioielli, che vengono portati al banco, dove un perito valuta l’oggetto e stabilisce la somma da elargire (che generalmente si aggira tra i 350 e i 500 euro), e porge al cliente il contante. Denaro che non viene più usato, come succedeva un tempo, per combattere l’usura, ma sempre più spesso per acquistare beni di consumo. Ma chi bussa alla porta dell’azienda dei presti? Non si direbbe, ma sono molte le persone in cerca di soldi che depositano i propri averi alla disperata ricerca di denaro. Dall’operaio all’impiegato al libero professionista, fino ai cosiddetti “nuovi poveri”, quasi tutti extracomunitari, che oggi rappresentano il 20% dei clienti del monte.


20

politica

Settembre 2009

L’ANNUNCIO. Palazzo Vecchio prepara un piano per rilanciare un settore in affanno

Cinema, “buone nuove” in arrivo Il 26 ottobre verrà presentato un progetto che prevede un pacchetto di agevolazioni per riportare la gente nelle sale: tra le altre dovrebbero esserci i posti auto riservati e un allungamento degli orari notturni dei bus Angelo Lenosi

I

mmaginate come sarebbe piazza Dalmazia senza il cinema Flora: addio capannelli di persone riunite a discutere sulla qualità del film, magari prima di una passeggiata o di una consumazione nei (pochissimi) locali aperti nelle ore serali e notturne. Senza il Flora, quindi, piazza Dalmazia rischierebbe di perdere gran parte della sua frequentazione, con un conseguente impoverimento della vita sociale che renderebbe la piazza ancor più allettante per “cattive compagnie”. Non serve l’immaginazione, ma solo spirito di osservazione per vedere quali effetti hanno prodotto le chiusure di molte sale cinematografiche all’interno del centro storico: desolazione e sensazione di abbandono. Un cinema funzionante attrae gente, la frequentazione di persone nelle ore notturne rappresenta un valido antidoto al degrado, una maggiore sicurezza attrae ancora più persone, potenzialmente clienti delle sale cinematografiche fiorentine. Un circolo virtuoso che sarà innescato a breve, grazie al piano di rilancio in fase di elaborazione a Palazzo Vecchio. Un piano che dovrebbe prevedere facilitazioni ed agevolazioni in parte preannunciate dal sindaco Matteo Renzi e confermate dal vicesindaco Dario Nardella: posti auto riservati agli utenti dei cinema (anche grazie all’utilizzo dei parcheggi dei centri commerciali), allungamento dell’orario di servizio degli autobus per permettere ai cittadini cinofili di rientrare a casa con il mezzo pubblico anche al termine dell’ultimo spettacolo, ideazione di pacchetti “cinema&pizza” in collaborazione con i ristoratori, convenzioni con le cooperative di tassisti.

Sono solo alcune delle possibili linee guida di un piano che, nelle intenzioni del Comune e con l’auspicio degli esercenti, vuole dare nuova linfa vitale ai cinema di Firenze, da qualche anno vittime di una crisi che ha già portato alla chiusura di numerose sale, specialmente in centro: Teatro della Compagnia, Ariston, Eolo, Gambrinus, solo per dirne alcuni. E se non si interviene prontamente il futuro non sembra certo più roseo per le 30 sale superstiti (di cui solo tre nel centro storico). I numeri parlano chiaro: calo verticale della bigliettazione e degli incassi. Rispetto al mese corrispondente del 2008, nello scorso agosto si è registrata una flessione del 29,9 per cento delle presenze. Una tendenza di lungo periodo se, come è vero, dal dicembre scorso solo nei mesi di aprile e luglio si è registrato un aumento dei biglietti venduti. La preoccupazione per una possibile chiusura di ulteriori sale è palpabile, i rimedi sono allo studio. La presentazione ufficiale del piano “Vola al cinema” è prevista per il 26 ottobre prossimo, in occasione dell’evento dedicato ai “cento punti”. Nel frattempo qualcosa potrebbe essere già cambiato nel panorama delle sale cinematografiche fiorentine. In peggio. Senza che il Multiplex si ristagli all’orizzonte.

L’OPINIONE Maurizio Paoli, presidente di Anec Toscana, ha elencato al sindaco alcuni interventi per arginare il crollo

“La priorità? Scongiurare il rischio di chiusura per altre sale”

“L

a priorità è scongiurare il rischio di chiusura per altre sale cinematografiche. Un rischio purtroppo concreto”. Maurizio Paoli, presidente di Anec Toscana, è uomo avvezzo alle battaglie – ideali o concrete che siano - e solitamente poco incline ai catastrofismi. Se utilizza toni allarmistici è segno che la situazione – per lui - è ancor peggiore di quanto si possa immaginare. Se il presente dei cinema fiorentini è grigio, il futuro potrebbe essere nero. Una situazione critica che Paoli ha già avuto modo di illustrare al sindaco Renzi in un incontro avvenuto ad agosto. Un colloquio durante il

quale il presidente degli esercenti cinematografici toscani ha anche elencato alcuni interventi che potrebbero arginare il crollo del settore: convenzioni per l’utilizzazione di parcheggi pubblici e privati, piano di accesso per favorire la raggiungibilità delle (poche) sale del centro storico, una fiscalità di vantaggio per gli esercenti, promozione di una rete tra cinema che faccia perno sull’Alfieri (di proprietà comunale) per favorire l’apertura di spazi culturali sul territorio. Oltre che il sempreverde veto sulla realizzazione di sale cinematografiche all’interno del Multiuplex. Punti su cui si è intavolato un

confronto tra gestori e amministrazione comunale. Un confronto che pare costruttivo, almeno a sentire i toni ottimistici usati da Paoli: “Avevamo ripetutamente sostenuto che il tessuto delle sale cinematografiche diffuse è una ricchezza in termini culturali, sociali, aggregativi, e di stessa ‘sicurezza’ dei quartieri. Un patrimonio – ha spiegato - che con troppa faciloneria qualcuno pensava di ignorare o, peggio, di svendere. L’assumere in prima persona da parte del sindaco l’onere di intervenire per preservarlo era la principale delle /A.L. nostre richieste, finalmente accolta”.

1500MQ DI ESPOSIZIONE INTERNA

+ 1500MQ DI VIVAIO ESTERNO

Da noi troverete anche piantine da orto, e piantine fiorite stagionali a partire da Euro 0,45

SCONTI fino al 15% per i lettori de Ci trovi in Via di Mantignano, 9L (Mantignano) - Firenze

Tel. e Fax 055.7875340 Cell. 338.7026872 - 333.6611630 di Rolando Susini

e-mail: rolando.susini@fastwebnet.it

1012618

970863

LE NOSTRE PIANTE RISPECCHIANO I COLORI DELLE VOSTRE EMOZIONI


politica

21

COMUNE/1. Il sindaco riceve i fiorentini una mattina a settimana

COMUNE/2. Giovanni Galli, capogruppo Pdl

Il cittadino bussa, Renzi risponde: “Ho preso un impegno cronaca di un mercoledì a Palazzo e lo voglio mantenere” I

Lorenzo Salusest

U

na stretta di mano, un sorriso e l’invito ad accomodarsi al tavolo in legno della sala di Clemente VII. Da un lato loro, i cittadini fiorentini che hanno richiesto appuntamento per poter parlare direttamente con il sindaco, dall’altro lui, Matteo Renzi, pronto ad ascoltare sollecitazioni e lamentele, proposte e proteste. Sulla parete alle sue spalle domina “L’assedio di Firenze”, affresco realizzato dal Vasari nel sedicesimo secolo, poco sotto un mobile su cui campeggia una cartolina elettorale di Giorgio La Pira, predecessore e riferimento politico di Renzi. Brevi convenevoli, poi il colloquio. Un quarto d’ora circa di dialogo, concluso talvolta con l’impegno di un intervento concreto, talaltra con la promessa di interessare della questione sollevata gli assessori o gli uffici competenti, sempre con la sensazione da parte del cittadino di essere stati quantomeno ascoltati dal sindaco in persona. Accade ogni mercoledì mattina (o quasi) a Palazzo Vecchio. Basta telefonare in Comune (055/27681) e chiedere della segreteria del sindaco. Del resto l’aveva promesso in campagna elettorale, inserendo l’impegno al quinto degli ormai celeberrimi “cento punti”, battezzando l’iniziativa “Palazzo Matteo Renzi incontra i cittadini aperto”. Promessa mantenuta sin da subito: il primo appuntamento si è svolto la mattina del primo luglio, nove giorni appena dopo il ballottaggio che ha visto in primis) che incontrano i residenti del borgo sulla via Renzi sconfiggere Giovanni Galli. E il destino ha vo- pistoiese per poi invitarlo addirittura a cena a casa sua. luto che ad inaugurare i “mercoledì del cittadino” sia E chi non ce l’ha fatta a lasciare il negozio per recarsi stato proprio un cittadino elettore del centrodestra, Gil- di persona a Palazzo Vecchio, ha avuto lo stesso la posberto, preoccupato per le ripercussioni che il progetto sibilità di conferire con Renzi telefonicamente. Undici dell’Alta velocità potrebbe avere sulla città. Dopo di colloqui in tre ore e mezzo circa, un record difficile lui, nell’arco dei due mesi estivi (sei i mercoledì mat- da battere persino dal detentore stesso del primato. E infatti la settimana successiva futina dedicati ai ricevimenti), altre rono otto, e la seguente sei. Poi quaranta persone, ad una media di Era uno dei cento la pausa ferie, sino alla ripresa di sette colloqui a seduta. Media non punti annunciati mercoledì dodici agosto: ancora rispettata in occasione della sein campagna elettorale incontri, ancora conversazioni, conda giornata di “Palazzo aperancora segnalazioni da appuntare to”: vuoi per la risonanza ottenuta dal primo incontro, vuoi per l’effetto novità, vuoi per sul libro delle lamentele, ancora impegni da assumersi la curiosità, nel corso della settimana successiva al bat- guardando in faccia i cittadini arrabbiati e un po’ sortesimo dell’iniziativa la segreteria del sindaco fu som- presi. Come un residente della zona del Porcellino che mersa dalle richieste di colloquio, selezionandone ben ha descritto al sindaco la sua giornata tipo, riportando undici. Un mercoledì intenso, iniziato alle 7,30: c’era tutte le difficoltà cui deve far fronte chi ha la fortunaSuor Antonietta, presentatasi da Renzi per chiedere un sfortuna di abitare nel centro storico. Questo e molto marciapiede in via Cosimo il Vecchio, vicino al con- altro è il “mercoledì del cittadino”: un po’ ricevimento, vento nei pressi di Careggi, e c’era Guido, residente un po’ udienza privata, un po’ ambulatorio. L’appunnella zona di Quaracchi, che dapprima ha presentato al tamento è per ogni mercoledì. Previa prenotazione, sindaco le difficoltà (aeroporto e presenza di stranieri s’intende.

maligni dicevano che in caso di sconfitta alle elezioni non avrebbe proseguito nel suo impegno politico, rinunciando a svolgere il ruolo di capogruppo dell’opposizione di centrodestra a Palazzo Vecchio. Voci smentite dai fatti: Giovanni Galli non ha nessuna intenzione di abbandonare la fascia di capitano del Pdl in Comune, tutt’altro. “Ho preso un impegno con tutti i fiorentini, e intendo mantenerlo” ribadisce l’ex portiere. In questi primi mesi Galli, sostenuto dal suo gruppo consiliare, è riuscito a far Giovanni Galli approvare due ordini del giorno, impegnando la giunta Renzi ad indicare entro il 15 settembre l’area “Ogni consigliere ha le sue compedi Firenze destinata ad ospitare la tenze e le sue aree specifiche - gacittadella viola e a garantire la gra- rantisce Galli - ma sui grandi temi tuità dei parcheggi nelle aree ospe- condividiamo la strategia e mardaliere. Un successo subito riven- ciamo compatti”. Grandi temi che dicato dal Pdl, la dimostrazione di saranno al centro dell’azione polivolere e potere incidere sull’attivi- tica del Pdl nei prossimi mesi. Urtà amministrativa pur sedendo sui banistica, aeroporto, Tav, tramvia, banchi dell’opposizione: “Stiamo case popolari: in definitiva i punti portando avanti alcuni punti conte- principali del programma elettonuti nel mio programma elettorale. rale di Galli. Punti sui quali Galli Con la nostra azione - dice Galli si dice pronto a confrontarsi con - stiamo costringendo il centrosi- Renzi e la sua giunta, nell’interesnistra ad ascoltare alcune sollecita- se di Firenze e dei fiorentini, con zioni, che non sono solo nostre ma buona volontà e spirito collaboradi tutti i fiorentini”. Al suo fianco tivo. E proprio la collaborazione, una squadra di consiglieri piutto- il confronto costruttivo pare essere sto variegata, composta da politi- per il candidato sindaco del centroci navigati, destra una da giovani delle note Tra le priorità volenterosi dell’opposizione aeroporto, dolenti, uno ed intradegli aspetti Tav e tramvia prendenti e deludenti di da cittadini questi primi prestati alla politica. Un gruppo mesi a Palazzo Vecchio: “Speraeterogeneo, ma compatto, animato vo in qualcosa di più da parte del da uno spirito collaborativo. Una sindaco. Le nostre - ribadisce Galsorta di famiglia allargata dove li - non sono richieste ideologiche, ognuno ha il suo spazio di libertà ma istanze che provengono dalla d’azione, ma che nel momento del- cittadinanza. Adesso è il momento le decisioni importanti si riunisce di finirla con la propaganda e di attorno al tavolo per condividere passare alla concretezza”. Parafrale scelte. A capotavola ovviamente sando un noto telecronista sporti/L.S. lui, il capogruppo, il pater familias: vo, “Galli c’è”.

IMPIANTI TERMICI ELETTRICI E CONDIZIONAMENTO OFFERTA PER IL MESE DI LUGLIO Addolcitore elettronico Calmat per abitazione a sole REALIZZAZIONE BAGNO COMPLETO CHIAVI IN MANO muratura + imp.idraulico/elettrico + rivestimento + sanitari + fornitura OMAGGIO

CLIMATIZZATORE solo per Luglio a €690+iva

Tutti gli accessori per il montaggio in omaggio

€3.850 +iva

RISPARMIA FINO al 100% SULLA TUA BOLLETTA CON IL SOLARE TERMICO E IL FOTOVOLTAICO

RUBINETTERIA

9000 BTU INVERTER CLASSE “A”

950500

Euro 290 Iva compresa

IMPIANTO SOLARE PER PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA

(abitazione di 4 persone) Solo per il mese di luglio ( finanziamento a tasso ø 24 mesi-rata Euro 125)

€2.500 +iva

PAGAMENTI RATEALI A TASSO Ø - DETRAZIONI FISCALI

Tel. 055 5274179 Cell. 335 7188198 www.cogeimimpianti.it - info@cogeimimpianti.com

MANUTENZIONE CALDAIE E CONDIZIONAMENTO

Tel. 055 753394 Cell. 392 6351120

962983

IN COLLABORAZIONE CON


22

provincia

Settembre 2009

L’INTERVISTA/1. Carla Fracci, neo assessore in Provincia, spiega i suoi progetti

“Grandi eventi anche nelle realtà minori” Per la prima donna della danza classica italiana le iniziative culturali non devono essere concentrate solo nel capoluogo, e il rilancio della cultura deve partire dalle scuole: “Ma servono più risorse” Lorenzo Salusest

È

entrata a Palazzo Medici Riccardi in punta di piedi, presentandosi con eleganza, sobrietà e idee chiare nella sua nuova veste di assessore provinciale alla cultura. In punta di piedi, dicevamo, e non poteva essere altrimenti: perché lei è Carla Fracci, prima donna indiscussa della danza classica in Italia e nel mondo e legata alla provincia fiorentina per ragioni familiari (il marito, il regista teatrale Beppe Menegatti, è nativo di Firenze) e di residenza (da circa 40 anni la coppia ha una casa sulla via Volterrana). Una nomina che ha sorpreso tutti, a partire dalla diretta interessata. Come le è giunta la proposta? Non appena eletto il presidente della Provincia Andrea Barducci mi ha chiamata sul cellulare per propormi l’incarico. Non avevamo avuto nessun contatto precedente, perciò sono rimasta molto sorpresa. E,

confesso, anche un po’ impaurita: la cultura è una cosa seria, non è possibile gestirla con approssimazione. Ho riflettuto a lungo prima di convincermi. Dopo tre settimane, sulla spinta di mio marito, di nostro figlio Francesco, e grazie alla gradita insistenza di Barducci, ho deciso di accettare. Come “sta” la cultura fiorentina? Quali sono le priorità che si è posta? La provincia di Firenze ha un ricchissimo patrimonio culturale che deve essere valorizzato. Il capoluogo sino ad oggi ha fatto da accentratore catalizzando tutto su di sé. Invece credo sia necessario spostare la città in provincia, riportando piccoli e grandi eventi di richiamo sull’intero territorio. Bisogna rivalutare il capitale artistico, ancora troppo trascurato. Lo si può fare allargando i circuiti turistici sino agli estremi della provincia fiorentina. Ma allo stesso tempo è

Carla Fracci

necessario che gli abitanti di queste terre meravigliose prendano consapevolezza della fortuna di abitare qui. In quanti sanno che a Certaldo è nato Boccaccio? E in quanti hanno letto le sue novelle? Sentirle recitare nel paese in cui sono state pensate e scritte sarebbe meraviglioso. A proposito di progetti, c’è qualcosa su cui sta già lavorando? Qualcosa di concreto è in cantiere, ma deve essere definito nei dettagli. Più in generale posso dire che bisogna ricominciare dalle scuole: è lì che si formano gli uomini e le donne di domani, ed è lì che bisogna agire, sensibilizzando i giovani alle discipline artistiche, come il teatro, la musica e ovviamente la danza. Discipline che non devono essere ristrette ad una élite, ma vanno avvicinate il più possibile a tutti. Purtroppo però c’è un problema di risorse, i fondi non sono sufficienti. Occorre investire di più in cultura, a tutti i livelli istituzionali, a partire dal Governo nazionale. Firenze e la sua provincia possono cullarsi sul loro passato? A sopravvivere nel tempo sono i segni importanti. Prima di buttarci nel futuro è necessario rivalutare l’esistente. Penso al “Genio fiorentino”, una rassegna importante che spero continui e a cui spero di poter dare il mio contributo. La soluzione sta nel vedere la classicità con occhio contemporaneo, tradurla in un linguaggio comprensibile e renderla fruibile a tutti, nessuno escluso.

L’INTERVISTA/2. Parla Samuele Baldini, capogruppo del Popolo della Libertà in consiglio provinciale

“Miaspettomeno‘Genio’epiùconcretezza” H

Samuele Baldini

a esordito nella veste di capogruppo in consiglio provinciale ricordando Graziano Grazzini, suo predecessore a Palazzo Medici Riccardi, prematuramente scomparso nel settembre del 2006. Un’eredità gravosa che Samuele Baldini, 30 anni appena compiuti, raccoglie con coraggio e visibile emozione. A lui il compito di guidare la squadra del Pdl in Consiglio provinciale per i prossimi cinque anni. Gli ultimi cinque anni vita per l’Ente Provincia? Quel che è certo è dobbiamo ridisegnare gli strumenti ed i confini politici della Provincia. Il neopresidente Barducci propone una commissione per l’area metropolita-

na? Noi guardiamo con interesse a questa proposta, purché non sia un modo per affossare il rinnovamento dell’Ente. Si aspetta da Barducci la stessa esuberanza di Renzi? Se posso concedermi una battuta, mi aspetto meno ‘Genio’ e più concretezza. Barducci ha a disposizione un grande capitale politico, seppure in erosione. Mi auguro che le polemiche interne al suo partito non provochino danni alla Provincia. Finché questo ente esiste deve funzionare bene, cosa che non è accaduta con Renzi. Quali sono le priorità da inserire nell’agenda politica della Provincia? Essenzialmente tre: innanzitutto abbiamo l’obbligo di far fronte alla crisi economi-

ca, prestando particolare attenzione a chi più ha subito le conseguenze. La soluzione passa da una gestione oculata dei fondi europei destinati alle politiche di formazione e lavoro. Inoltre occorre uno sviluppo infrastrutturale, a partire dall’aeroporto e dalla Barberino – Incisa. E’ necessaria una sintesi tra la Provincia e le amministrazioni comunali dell’area, tutte guidate dal Pd, ma per ora non mi sembra di vedere tutta questa sintonia. Infine bisogna rilanciare il turismo, coordinando le risorse culturali, artistiche ed umane a disposizione. Al centro c’è Firenze con il suo patrimonio straordinario, ma a poca distanza ci sono altre centinaia di realtà splendide e poco conosciute. /L.S.

970884


SPECIALE SALUTE

24

È È ORA ORA DI DI SENTIRE SENTIRE MEGLIO...!!!! MEGLIO...!!!! È È ORA ORA DI DI RIVOLGERSI RIVOLGERSI AL AL CENTRO CENTRO ACUSTICO ACUSTICO RICASOLI... RICASOLI...

978832

Agevolazioni particolari per gli ultra 70 enni...

FINO AL 31 OTTOBRE

...CHIEDICI COME...

a Gino e Nataliton ci hanno scel o e adesso son

ere tornati a sor rid

CENTRO ACUSTICO RICASOLI - v. Ricasoli 24-26/R - FIRENZE Tel. 055 212447 - 055 215259 www.audioprotesisti.com

1003444

TELESOCCORSO - TELEASSISTENZA E’ un progetto di sostegno ed assistenza a domicilio per gli anziani che si basa sull’utilizzo del telefono e della televisione

Mai più soli a casa PER INFORMAZIONI ED ATTIVAZIONE CHIAMA 970860


SPECIALE SALUTE

25

Memos2 protagonista al Festival della Salute IL ROBOT PER LA RIABILITAZIONE POST ICTUS NATO DALLA COLLABORAZIONE TRA GIOMI E LA SCUOLA SANT’ANNA SARÀ PRESENTATO A VIAREGGIO Due macchinari, e un modo nuovo di intendere la riabilitazione post-ictus. E’ questo quello che il gruppo Giomi presenterà al Festival della Salute, kermesse dedicata alle buone pratiche della sanità italiana che sarà di scena a Viareggio dal 24 al 27 settembre. Il primo dei due macchinari che verrà presentato è “Memos2”, un robot che può essere programmato dal terapista per replicare e intensificare il trattameno riabilitativo del paziente colpito da ictus nella riabilitazione dell’arto superiore. Questo macchinario è stato sviluppato all’interno della collaborazione fra il Gruppo Giomi e la Scuola Superiore Sant’Anna. “Il paziente che deve fare riabilitazione dopo un ictus, grazie all’assistenza di questo dispositivo, esegue esercizi di reaching virtuale sullo schermo di un computer

- spiegano i dottori Federico Mayer e Alberto Baroni, del centro riabilitativo di Ulivella e Glicini - Se il paziente non riesce a completare il compito interviene il robot a controllare il movimento portando la mano del paziente

sul bersaglio applicando una forza sullo strumento capace di guidare il paziente a “riapprendere” un percorso corretto”. Nella Casa di Cura Ulivella e Glicini l’utilizzo di questo tipo di macchinari sta dando grandi risultati. “Il

MEMOS 2 il nuovo macchinario per la riabilitazione degli arti superiori che sarà presentato al Festival della Salute di Viareggio a fine settembre

LA SINERGIA TRA PUBBLICO E PRIVATO FA BENE ALLA RICERCA Non è un concetto astratto. La sinergia tra sanità pubblica e privata è una realtà concreta e sta dando ottimi risultati. Lo dimostra il modello di Giomi Firenze, che collaborando con realtà sanitarie pubbliche sta toccando traguardi di tutto rispetto. Ne è convinto il dottor Francesco Matera, amministratore delegato del Gruppo, che spiega: “La collaborazione che il nostro Gruppo ha avviato con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ha portato alla realizzazione di Memos2 affiancato dall’apparecchio Ultra, due macchinari assolutamente innovativi per la riabilitazione degli arti superiori (vd sopra) che quest’anno presenteremo al Festival della Salute di Viareggio. Giomi ha finanziato la ricerca, la Scuola ha realizzato questi dispositivi”. Sulla stessa linea anche la collaborazione con Careggi, che a partire dal primo settembre ha trasferito alcuni dei suoi reparti nella Casa di Cura Ulivella e Glicini (una delle due strutture con cui Giomi è presente a Firenze). Si tratta del reparto di Ginecologia, di quello di Chirurgia Robotica e della Neuropsichiatria Infantile. “Il trasferimento di quest’ultima specialità - prosegue il dottor Matera - ha consentito di creare un posto letto

e-mail info@istitutoquisisana.it

Il dott. Matera e l’ingegner Micera della Scuola Sant’Anna

di emergenza di Neuropsichiatria Infantile, che fino ad oggi mancava a Firenze”. E questi sono i primi tasselli di un’esperienza che potrebbe fare da apripista per altre simili: “Il nostro potrebbe diventare il “modello toscano” - prosegue il dottor Matera - in cui si viene a creare un’unica sanità, con gestione mista degli Istituti di ricovero e cura siano essi pubblici o privati: il privato offre la sua flessibilità, la capacità di investire tempestivamente, e la parte pubblica invece offre il governo sanitario, l’indirizzo da seguire”.

grande vantaggio di Memos2 - spiega la dottoressa Giovanna Macrì, referente del progetto per la Scuola Superiore Sant’Anna - è da una parte il basso costo, che lo rende competitivo con gli altri robot commercialmente disponibili. Dall’altra la maneggevolezza del sistema, che lo rende facilmente utilizzabile in ambiente clinico, e un domani anche in ambiente domestico”. La collaborazione di Giomi con la Scuola Sant’Anna ha portato ad un grande vantaggio, che sottolineano all’unisono i dottori Macrì, Mayer e Baroni: “La collaborazione diretta tra un centro clinico e un centro di ricerca in biorobotica è proficua perché c’è sempre la possibilità di tenersi in contatto per apportare eventuali modifiche e rendere la macchina più adeguata al paziente”. Altra importante novità nel campo della riabilitazione

post-ictus che verrà presentata al Festival della Salute dal Gruppo Giomi è Ultra, un dispositivo che permette l’immersione del paziente in un ambiente virtuale tridimensionale attraverso uno speciale manipolo ergonomico, collegato ad un software ed impugnato dal paziente.

info.ulivellaeglicini@giomi.com CALL CENTER CASE DI CURA +39 055 5038500

LE GIORNATE DEL VISO NELLA NUOVA PARAFARMACIA Il 25 e il 26 settembre, in collaborazione con la dottoressa Pini per l' Istituto Quisisana Medica, la parafarmacia “Bios Sanità”, in via di Barbano 18/r (055/461996 ) ospiterà due giornate dedicate al Viso, con i consigli dell'esperta su trattamenti postabbronzatura, cura dell'acne e altro ancora.

e-mail info.santachiara@giomi.com

CALL CENTER CASE DI CURA +39 055 5038500

a cura del Gruppo Giomi


zoom

27

DOSSIER. Il fenomeno è diminuito rispetto alla scorsa estate: 24 gli interventi dell’Enpa

Calano gli abbandoni di animali Paola Ferri

L’

abbandono del cane in autostrada? Roba da anni ‘90. Padroni più responsabili? Forse solo più sensibili alle martellanti campagne mediatiche, un po’ meno al giudizio dei vicini di casa. Sì perché se diminuiscono i casi di animali lasciati lungo la via per il mare, aumenta un fenomeno altrettanto preoccupante: l’abbandono tra le mura domestiche. O peggio, sul balcone. A tutto sole, senza acqua né cibo. Ritmi di vita sempre più frenetici, anche in vacanza, spingono le persone a passare giornate o interi weekend fuori casa, senza preoccuparsi del coinquilino a quattro zampe. L’occasione last-minute, magari, non lascia il tempo di pensare a una struttura o una persona a cui affidarlo e va a finire che si decide semplicemente di lasciarlo a casa. Salvo poi tornare e andare su tutte le furie quando si scopre che il vicino, straziato dai lamenti dell’animale, ha fatto intervenire le guardie zoofile. Fine estate, tempo di bilanci. E arriva puntuale il rapporto dell’Enpa, Ente nazionale protezione animali, a far luce sulle nuove tendenze in ambito di maltrattamento dei fedeli amici dell’uomo. Così si scopre che lasciare cani e gatti lungo le arterie stradali è un barbaro uso consegnato al passato, quasi scomparso nella provincia fiorentina, e che le segnalazioni di abbandono sono in netta diminuzione rispetto al 2008. Ventiquattro in tutto i casi in cui i volontari dell’ente sono stati chiamati ad intervenire. Sono i cani da caccia o di grossa taglia, come i meticci di lupo o i maremmani, a subire la sorte peggiore, abbandonati in zone collinari o di campagna, come Monte Morello, Val di Sieve, Alto Mugello. I

gatti invece vengono lasciati più facilmente in città. E spesso accade che la sede della Protezione Animali venga scambiata per una sorta di orfanatrofio: ben cinque le cucciolate, tre di gatti e due di cani, rinvenute davanti al portone nei mesi di luglio e agosto scorsi. Dati che potrebbero comunque apparire piuttosto rassicuranti, se paragonati con quelli degli anni passati. A destare allarme è appunto la crescita in parallelo di un altro tipo di abbandono, quello tra le quattro mura di casa. Il picco è stato raggiunto in agosto, mese segnato tra l’altro da una persistente ondata di calore: numerosi gli interventi a cura delle guardie zoofile e dei volontari dell’Enpa, accorsi a salvare cani, mici, ma anche pappagalli e altri volatili dimenticati in terrazza, sotto al solleone. Come nel caso di alcuni gatti, reclusi in un balcone addirittura da mesi, o di un cane precipitato dal terrazzo dove era stato abbandonato da giorni. “Questi episodi di negligenza sono puniti con sanzioni amministrative fino a 500 euro – ricorda Simone Porzio, presidente dell’Enpa – e con la segnalazione all’autorità giudiziaria per il reato di abbandono”. Ma nonostante questo e aldilà degli appelli mediatici, che hanno visto scendere in campo personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, la sensibilità di alcuni padroni continua a chiudere per ferie, almeno una volta all’anno.

Prende piede invece un’altra allarmante abitudine: le persone se ne vanno e lasciano i quattrozampe chiusi in casa, o peggio, in balconi assolati. “Questi episodi di negligenza sono puniti con sanzioni amministrative fino a 500 euro - ricorda Simone Porzio, presidente dell’Enpa - e con la segnalazione all’autorità giudiziaria per il reato di abbandono”


28

attualità

Settembre 2009

DIVISE/1. Nel 2008 hanno elevato oltre 200mila contravvenzioni per un totale di circa 50 milioni di euro

C’erano una volta i vigilini, severi guardiani della sosta Giuditta Boeti

E

rano l’incubo dei fiorentini. Su di loro proliferavano racconti e leggende metropolitane che raccontavano di veri e propri agguati perpetrati ai danni di ignari automobilisti. Gli ausiliari del traffico, più noti con il diminutivo di “vigilini”, erano lo spauracchio di chi, temerario, tentava di avventurarsi in una sosta da scovare nel coacervo di strisce bianche o blu, zcs o ztl, gratta e sosta o ticket orari scaduti. Loro armati di penna e blocchetti, parevano spuntare dal niente come un angelo vendicatore del dio parcheggio. Ecco perché nessuno ne sente ora la mancanza. Per i fiorentini l’incubo è finito con l’ordinanza del Comune che ha tolto agli ausiliari del traffico di Ataf e Firenze Parcheggi la possibilità di fare multe per divieto di sosta. I foglietti rosa lasciati sul parabrezza per sanzionare chi ha parcheg-

giato male l’auto da ora in poi possono essere emessi soltanto dalla polizia municipale. “Questo non significa che è arrivato il ‘bomba libera tutti’ – ha precisato il sindaco Matteo Renzi dopo aver firmato l’ordinanza - Le multe per sosta vietata saranno elevate lo stesso, ma esclusivamente dai vigili urbani. Ce ne sono 805 per poco più di cento chilometri quadrati di territorio e possono bastare”. La decisione del sindaco di Firenze ha assestato il colpo definitivo alla categoria dei vigilini, dopo che lo scorso marzo avevano già subito un drastico ridimensionamento del proprio potere, a seguito di una sentenza della Corte di Cassazione. Secondo quando stabilito dai giudici, infatti, il personale ausiliario poteva emettere verbali solo in caso di mancato pagamento del pedaggio o per altre infrazioni commesse dentro gli spazi a strisce blu. Insomma, non potevano più infliggere contravvenzioni a tutto campo. Ma per Firenze questa ormai è storia passata. Con l’ultima ordinanza del sindaco finisce un’epoca.

Una storia che vale decine di migliaia di contravvenzioni e molti milioni di euro: nel 2008 i vigilini hanno elevato 202 mila multe delle 859 mila complessivamente elevate a Firenze, per un totale di circa 50 milioni di euro. La squadra della “parking police” era formata da trentadue persone, la maggior parte dislocate sulla strada e alcune con funzioni di coordinamento. Mentre il popolo fiorentino degli automobilisti esultava per la definitiva scomparsa di questa implacabile figura di controllore, loro, gli ex ausiliari del traffico, ormai privi di ogni potere sanzionatorio, vivevano momenti di sconforto. Vere e proprie crisi di identità. Appeso il blocchetto delle multe al chiodo si interrogavano sul loro futuro. Ma, anche per loro il destino aveva in serbo una sorpresa. Come nelle favole in cui il bacio della principessa trasforma il rospo in un principe, così l’editto di Palazzo Vecchio li ha trasformati da “vampiri delle multe” in sentinelle della bellezza.

Un’ordinanza comunale li ha sollevati dal loro odiatissimo ruolo di “multatori” e adesso questa mansione spetta solo alla polizia municipale. Renzi: “Ci sono 805 vigili urbani per poco più di 100 chilometri quadrati di territorio, bastano loro” NICOLA OTTANELLI Laureando in ingegneria

STEFANO BONINI Studente

STEFANO ROSATI Impiegato

“Ricicliamoli in city angels”

“Le strade hanno bisogno di loro”

“Destiniamoli alla prevenzione”

Potrebbero riciclarsi in versione “city angels”, assumere un ruolo di solidarietà verso le categorie più deboli, una specie di squadra di soccorso per combattere le situazioni di disagio e solitudine. Penso ad esempio agli anziani, che hanno bisogno di qualcuno che porti loro le medicine o la spesa, oppure ai senzatetto.

Le strade cittadine hanno bisogno di manutenzione e controlli accurati e costanti, gli ausiliari del traffico potrebbero assumere una funzione del genere. Dagli avvallamenti, alla sporcizia, ai laghi che si formano non appena viene uno scroscio d’acqua, tante piccole cose da tenere d’occhio per avere una viabilità migliore.

Quel che è certo è che gli ex vigilini non possono essere lasciati a girarsi i pollici in Comune, bisogna trovargli un’occupazione redditizia. Potrebbero continuare ad occuparsi delle strade, magari dell’aspetto sicurezza, andando a fare prevenzione fuori dalle scuole, a parlare con i ragazzi.


attualità

29

DIVISE/2. Rimossi dal ruolo di temibili addetti alle multe, gli ex ausiliari si occuperanno del decoro della città

“Il loro nuovo lavoro? Sentinelle della bellezza” Francesca Puliti

L’

ansia da divisa verdolina è alle spalle. Alzi la mano chi tra gli automobilisti fiorentini non ha tirato un sacrosanto sospiro di sollievo lo scorso luglio, quando l’annunciata decisione di abolire il corpo dei cosiddetti “vigilini” è diventata realtà. Ma all’interno della Sas, la società che gestisce i servizi alla strada, dal rattoppo delle buche ai parcheggi di superficie, le reazioni sono state un po’ meno entusiastiche. Che fine faranno i 32 ausiliari del traffico, privati di blocchetto delle multe? “Nessuno perderà il posto” è corso a rassicurare il sindaco Matteo Renzi, tutti saranno ricollocati all’interno della macchina comunale, in vista della vera e propria rivoluzione che investirà le partecipate del Comune. “Lo smantellamento della Sas, intesa come Spa, non certo come servizi offerti – afferma l’assessore al bilancio Angelo Falchetti - sarà avviato entro la fine di quest’anno, in vista della costituzione di un’unica società della mobilità”. In nome della razionalizzazione e dell’efficienza. E i 218 dipendenti? Se la maggior parte continuerà a ricoprire incarichi simili all’interno della nuova società che si occuperà dei servizi alla strada, per gli ex vigilini si sono immediatamente aperte le porte degli uffici della stessa Sas, ma solo in attesa di assumere una nuova funzione: quella di assistenti al territorio. E’ questa la

qualifica ufficiale delle cosiddette “sentinelle della bellezza”, nominate da Renzi fin dalla campagna elettorale e adesso in dirittura d’arrivo. Cinquanta in tutto, così che ogni giorno per le strade fiorentine possano girare una trentina di “sentinelle”, occhi e orecchie del Comune su piccoli e grandi guai della città. Saranno muniti di scooter elettrico e I-phone con cui comunicare in presa diretta con gli uffici comunali e ricopriranno una funzione di ascolto del cittadino. Chiunque potrà infatti rivolgersi a loro per segnalare disservizi e malfunzionamenti, dalle buche per strada ai graffiti sui muri, fino a zone considerate poco sicure e trascurate. Cinque squadre per cinque quartieri, contro l’abbandono e il degrado. I trentadue ex vigilini, dunque, andranno a costituire il primo nucleo del team, a cui si aggiungeranno altri 18 dipendenti comunali selezionati tramite un bando interno. La familiarità con il territorio certo non manca agli ex ausiliari del traffico, per il resto il Comune ha già organizzato un corso di formazione in due i moduli. Il primo, affidato a un’azienda esterna, si è svolto tra fine agosto e inizio settembre ed era centrato prevalentemente sugli aspetti della comunicazione e della consapevolezza del ruolo, il secondo invece riguarderà le tecniche e le procedure da mettere in pratica e sarà gestito da personale interno. Ma forse non basterà un corso per prepararli a vedere i fiorentini andar loro incontro in tono amichevole, anziché vederli fuggire verso l’auto parcheggiata per cercare di evitare l’odiata gabella.

ENZO NEDIACI Sindacalista in pensione

CARLA SCARLATTI Ortolana

CRISTINA FABBRI Commerciante

“Potranno occuparsi del verde”

“Non ne sentirò la mancanza”

“Utili nelle zone a rischio”

“Non sono tra quelli che son stati tartassati dalle multe, comunque credo che la polizia municipale basti e avanzi per far rispettare le regole. I vigilini potrebbero assumere la funzione di sentinelle antidegrado, così come è stato proposto dalla giunta comunale. Li manderei a controllare lo stato del verde nei quartieri, dalla pulizia alla manutenzione di prati e piante, fino alle situazioni di potenziale pericolo”

LAVA

Spero che gli trovino un altro impiego in Comune, che non rimangono senza lavoro. Potrebbero andare a giro a controllare le strade, le buche nell’asfalto, gli atti di vandalismo che a volte rovinano pezzi di città. Ma in ogni caso non mi mancheranno, erano troppo veniali e anche furbi. Si appostavano il venerdì e il sabato, quando c’è più movimento, in modo da poter riempire più verbali.

Non vorrei parlare di ronde né di sceriffi, ma gli ausiliari della sosta potrebbero assumere comunque una funzione di controllo e di sorveglianza. Potrebbero vigilare su quelle zone considerate più a rischio della città, assicurando una presenza anche nelle ore notturne. O diventare “sentinelle della bellezza” come suggerito dall’amministrazione. A patto che sia un impegno preso seriamente, non un’iniziativa-spot.

SELF SERVICE

LAVATRICE da Kg 8/10 = €3 LAVATRICE da Kg 16 = € 5 LAVATRICE da Kg 23 = €7 SUPERCENTRIFUGANTI 1000 GIRI 6 PROGRAMMI A SCELTA Compreso programma LANA

ASCIUGA

€11 = 10 MINUTI DI ASCIUGATURA

3 Temperature: BLU 30° ARANCIO 60° ROSSA 80° 4 ASCIUGATORI DA 18 KG CON ROTAZIONE SIA ORARIA CHE ANTIORARIA Servizio sottovuoto trapunte

GRATIS

&

1059310

STIRA

€1= 30 min= 3 CAMICIE

LA PRIMA lavanderia self service con

STIRASCIUGA CAMICIE AUTOMATICO (www.eoloelettrodomestici.com) lo puoi trovare presso la fiera di Scandicci ad ottobre (pad.confesercenti) Le camicie devono essere bagnate e centrifugate almeno a 500/600 giri prima di farle indossare al manichino

VIA PISTOIESE 138 FIRENZE ACCANTO AL PARCHEGGIO DEL PENNY MARKET - DAVANTI A GANZAROLI aperta tutti i giorni dalle 07,30 alle 22,00


30

società

Settembre 2009

ISTRUZIONE/1. Aumentano gli alunni negli istituti di casa nostra. E gli stranieri sono sempre di più

Studenti toscani, un “esercito” in crescita E’ suonata la prima campanella per oltre 453mila bambini e ragazzi: l’ultima si farà sentire il 12 giugno 2010. “Boom” per tecnici e professionali tra le scuole superiori. Ma c’è preoccupazione per la riduzione degli insegnanti Matteo Francini

T

utti dietro ai banchi, c’è un nuovo anno di scuola da affrontare. È suonata lunedì 14 settembre la prima campanella per gli studenti di ogni età – e, sempre più, di ogni nazionalità – che affollano gli istituti toscani: la prima delle centinaia di campanelle che dividono gli alunni dalle (già) agognate vacanze estive, che scatteranno sabato 12 giugno 2010. E se per qualcuno pensare alle feste può essere un modo utile per rendere meno “amaro” il ritorno in classe, eccolo servito: le vacanze di Natale sono in programma dal 23 dicembre al 6 gennaio, quelle di Pasqua dal 1° al 6 aprile del nuovo anno. Ma panettoni e colombe sono ancora lontani, e dunque – per il momento – è meglio concentrarsi sull’anno appena iniziato. Che, in tutta la Toscana, vede aumentare di numero, ancora una volta, l’esercito degli studenti: sono oltre 453mila, circa 7.700 in più rispetto allo scorso anno. E qui scatta il primo allarme: a lanciarlo è Gianfranco Simoncini, assessore regionale all’istruzione. “Nonostante la crescita degli studenti, abbiamo 1.700 insegnanti in meno”, dice l’assessore, alla cui preoccupazione si somma quella del “collega” di Palazzo Medici Riccardi, l’assessore provinciale alla pubblica istruzione Giovanni Di Fede. E in aumento è anche il numero degli alunni iscritti alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di 1° grado fiorentine (le “vecchie” materne, elementari e medie) e agli istituti superiori della provincia di Firenze. Insomma, le classi di casa nostra sono sempre più affollate. Sono 8.823 gli iscritti alle scuole dell’infanzia del comune, 14.853 alle prima-

rie e 8.945 alle secondarie di primo grado: in tutto, una “popolazione scolastica” di 32.621 unità. Sei anni fa era di 29.608 studenti, e da allora la crescita non si è praticamente mai fermata. Ad aumentare ancor più velocemente è la presenza di alunni stranieri, che quest’anno rappresentano – nelle scuole pubbliche fiorentine – ben il 14,86% del totale, con 4.118 “rappresentanti”. E ancora maggiore è la percentuale se ad essere prese in considerazione sono solo le scuole dell’infanzia, dove supera il 16%. Diversa la situazione negli istituti paritari: lì, solo poco più di quattro scolari su cento non sono italiani. “L’aumento della popolazione scolastica è un dato consolidato – commenta l’assessore comunale all’istruzione Rosa Maria Di Giorgi – ed è destinato a proseguire”. Stessa cosa alle superiori: dietro ai banchi delle scuole della provincia di Firenze siedono quest’anno 37.804 studenti. Ad essere particolarmente graditi sembrano essere gli istituti tecnici e professionali: i primi hanno registrato 545 alunni in più rispetto allo scorso anno, i secondi 365. Licei classici in lieve flessione, leggero aumento di iscrizioni per gli artistici. In totale, hanno scelto i licei 15.684 scolari, i tecnici in 10.778 e i professionali in 8.313. “C’è equilibrio – spiega l’assessore Di Fede – ed è da rimarcare che la scolarità del nostro territorio, già buona, è in aumento. Tecnici e professionali sono sempre più apprezzati, anche perché chi ne esce con buoni voti non tarda molto a trovare lavoro”. E una novità è in arrivo anche per gli insegnanti: aggiornamenti professionali attraverso confronti con colleghi di altre città e nazioni.

FOCUS Offerte e testi di seconda mano per risparmiare

E per i libri è caccia allo sconto

È

forse il periodo dell’anno che fa più “paura” ai genitori di tutti i bambini e ragazzi in età scolastica: quello dell’acquisto dei testi per la scuola. Nonostante i tetti di spesa – reali o annunciati – spesso non è infatti un esborso da poco quello che padri e madri devono sostenere per i libri, soprattutto per coloro che di figli ne hanno più di uno. E allora, tra mercatini che propongono testi usati, librerie che si sono specializzate nella loro vendita e offerte di alcune catene della grande distribuzione, da qualche anno in città e dintorni sono spuntate offerte e promozioni per spendere (un po’) meno. E anche se la scuola è già iniziata, non sono pochi coloro che aspettano l’ultimo momento (e qualche giorno in più) per acquistare i “preziosi” libri. Tanto per essere sicuri che quel prof adotterà davvero quel testo, ed evitare così spese inutili. Ma come fare, dunque, per risparmiare almeno un po’? A Firenze, e soprattutto in centro, esistono libre-

rie che vendono libri scolastici usati, a circa metà prezzo: oltre alle “storiche” rivendite di via San Gallo, molto gettonate tra gli studenti a caccia di risparmio sono la libreria di via Laura (che propone un piccolo sconto anche sui libri nuovi) e la Melbookstore di via de’ Cerretani. Ma non solo. All’Isolotto, organizzato dall’omonimo circolo Arci, è tornato anche quest’anno il mercato del libro scolastico usato: fino al 26 settembre sarà ancora possibile vendere e comprare testi di seconda mano (per info: 055.780070). E non mancano nemmeno le offerte della grande distribuzione: negli ipermercati Coop è possibile acquistare libri scolastici nuovi con sconti dal 10 al 15% (www.ipercooptoscana.it), e c’è anche una novità. Sono infatti arrivati quest’anno in Toscana i “Segnalibro” (www.segnalibro. info), punti vendita di testi per la scuola in alcuni supermercati, con sconti del 15-20%: nove i “corner” presenti in /M.F. tutta la regione.


società

31

ISTRUZIONE/2. Da quest’anno via alle immatricolazioni on line e ai test d’ingresso non vincolanti

All’Università m’iscrivo con un click Fino al 15 ottobre chi intende iscriversi al primo anno dovrà semplicemente seguire la procedura attiva nell’area “servizi online” del sito dell’ateneo fiorentino. Raddoppia il costo per iscriversi alle prove d’accesso. Rogari: “Una scelta necessaria” Giuditta Boeti

D

a quest’anno per molte matricole finisce un incubo. Quello di doversi sottoporre alle code interminabili dietro gli sportelli delle segreterie studenti per consegnare i moduli d’iscrizione all’università. Tra le novità dell’anno accademico 2009/2010, infatti, per i circa sette mila studenti che si iscriveranno ad uno dei corsi di laurea triennale non a numero chiuso dell’ateneo fiorentino, le immatricolazioni si svolgeranno rigorosamente online. Dal 15 settembre al 15 ottobre, chi intenderà iscriversi al primo anno dovrà semplicemente seguire la procedura attiva nell’area “servizi online” del sito www.unifi.it; un vantaggio sia per i ragazzi che non dovranno più snervarsi in code infinite, sia per le segreterie che non saranno prese d’assalto da migliaia di studenti. Dopo aver compilato i moduli via internet, lo studente dovrà recarsi in uno dei tre “punti matricola”

dell’ateneo (in viale Morgagni, in piazza Brunelleschi e al Polo di Scienze Sociali di Novoli) per consegnare la documentazione cartacea e ritirare il libretto. I futuri universitari prima di procedere con l’immatricolazione, dovranno verificare le proprie conoscenze attraverso un test obbligatorio, ma non vincolante ai fini dell’iscrizione, che serve a valutare eventuali carenze nelle materie fondamentali del corso di studi. Le prove si sono concentrate quasi tutte tra l’1 e il 14 settembre, e si svolgono “in modo da permettere allo studente di avere maggiori elementi per una scelta consapevole”, come ha spiegato il prorettore alla didattica e ai servizi agli studenti, Sandro Rogari. Per i corsi di laurea a numero programmato, invece, le scadenze e le prove di accesso avranno date differenti e seguiranno il calendario indicato nei singoli bandi che sono già disponibili sul sito dell’Università di Firenze. Elemento comune a

tutte le facoltà è il costo del test: 30 euro (il doppio rispetto al 2008): “Una scelta necessaria per allinearci all’ateneo di Pisa e quello di Siena - spiega Rogari - e per coprire i costi dei corsi di recupero che non sono più finanziati dal Ministero”. Sono tuttora in vigore le novità introdotte l’anno scorso, ossia la figura dello studente meritevole (colui che, sostenendo un certo numero di esami con una media alta, po-

trà beneficiare di riduzioni sulle tasse fino a ottocento euro) e quella dello studente part-time (chi cioè, per motivi di lavoro o familiari, decide volontariamente di articolare il suo percorso universitario in tempi più lunghi e si impegna ad acquisire al massimo trenta crediti formativi ogni anno, pagando così la metà delle tasse). Per informazioni è attivo il numero verde 800 450150 (lunedì-sabato dalle 8 alle 20).

LA NOVITÀ

Aumenta la soglia di reddito Isee e c’è la possibilità di chiedere prestiti fiduciari post laurea

Ottenere borse di studio e alloggi gratuiti diventa più facile I l diritto allo studio si estende. Grazie ad alcune modifiche varate dalla giunta regionale, per gli studenti universitari sarà più facile usufruire di borse di studio e alloggi gratuiti. La prima novità introdotta riguarda gli indicatori economici: sono state innalzate le soglie di reddito ISEE (indicatore situazione economica) per accedere alle borse di studio e per ottenere un alloggio, che passano da 15 mila a 17 mila euro annui; mentre la soglia ISPE (indicatore situazione patrimoniale) passa da 28 a 30 mila. In secondo luogo, la giunta ha previsto semplificazioni per l’acquisizione del contributo af-

fitto per gli studenti che, pur avendo vinto un posto nelle case degli studenti, non possono usufruirne per indisponibilità di alloggi. La terza novità riguarda la possibilità di richiedere un prestito fiduciario da parte di chi ha già conseguito la laurea ma vuole proseguire gli studi frequentando master universitari. Possono fare domanda di borse di studio ed alloggi tutti gli studenti in possesso dei requisiti richiesti, di merito e di reddito (il bando è reperibile all’indirizzo www. dsu.fi.it). I termini per la consegna delle domande scadono il 15 settembre: invece, c’è tempo fino al 16 novembre per gli

iscritti alle scuole di specializzazione e dottorati. “Queste novità – spiega l’assessore regionale all’Istruzione, formazione e lavoro Gianfranco Simoncini – è un ulteriore passo avanti nello sforzo di estendere a quanti più studenti possibile l’opportunità di accesso e prosecuzione degli studi universitari”. Lo scorso anno accademico le borse di studio erogate sono state circa 11 mila, per un importo pari a circa 30 milioni di euro, con copertura del cento per cento degli idonei, 4.314 sono stati invece gli alloggi gratuiti assegnati e circa 1.890 i contributi affitto erogati. /G.B.

http://www.lalocandina.it

la giusta soluzione per l’auto che cerchi...

...basta scegliere

848.80.88.68 per la tua pubblicità


32

curiosità

Settembre 2009

LA NOVITÀ. In città la prima scuola italiana specializzata nelle discipline aree dell’arte circense

A Firenze il circo mette le ali E’ un po’ come se volassero: grazie all’utilizzo del trapezio e di speciali tessuti, gli allievi dei corsi stanno sospesi in aria e disegnano eleganti coreografie Alice D’Alfonso

S

tanno sospesi tra cielo e terra, in uno spazio privilegiato riservato solo a certi artisti; sono gli allievi della scuola di circo gestita da Elena Manni, in arte Elirudyzuli, che imparano a muoversi in aria con lo studio dell’acrobatica sui tessuti. La scuola è stata aperta dall’Associazione Maghi Incartati ed è la prima in Italia a diffondere le discipline aeree del circo a livello non professionistico, insieme all’acrobatica aerea. Queste specialità si concentrano sull’uso del trapezio e dei cosiddetti “tessuti” grazie ai quali gli aspiranti circensi possono creare eleganti figure e coreografie coadiuvati dall’elasticità della stoffa (appesa a circa 6-7 metri da terra) e dalla forza di gravità. A Firenze la scuola è ospitata all’interno della palestra del CAI al Mandela Forum e le lezioni per l’anno 2009-10 partiranno a ottobre. Ci sarà un corso per i più piccoli, dai 6 ai 10 anni, e due per gli adulti divisi tra principianti e non. Il programma, realizzato da tre insegnanti (due specializzate in acrobatica e acrobatica aerea e una in giocoleria), prevede momenti di riscaldamento con semplici esercizi a terra o sul tessuto, elementi di base dell’acrobatica aerea, lo studio delle figure classiche e lo stretching. In base al livello dei partecipanti è possibile approfondire la disciplina con l’esplorazione delle varie espressioni o con la ricerca di uno stile personale. L’unico “materiale” indispensabile per il corso è un abbigliamento comodo e senza cerniere - per fare stretching - mentre per il lavoro sui tessuti è adatta una tenuta aderente come le “calze senza piedi” o i fuseaux: sono assolutamente banditi sia anelli che orecchini grandi e collane e poi non serve altro! L’apprendimento di queste discipline è particolarmente adatto ai bambini perché propone un metodo di allenamento ludico, libero da dinamiche competitive e perché insegna a prendere confidenza col proprio corpo, con le proprie capacità, ma

anche a conoscere i propri limiti. “La pratica dell’acrobatica aerea - dicono gli esperti - è anche un modo per acquisire consapevolezza della stretta connessione tra equilibrio fisico e interiore e sono stati anche verificati benefici medici dalla trazione ai tessuti, riscontrabili sulla colonna vertebrale”. Riassumendo: benefici fisici, psicologici, divertimento e arte. Pare proprio che l’acrobatica aerea e il circo abbiano tutte le caratteristiche per diventare la ginnastica preferita da tutti. Contatti e info: elirudyzuli@gmail.com, www.elirudyzuli.it.

AMARCORD. La storica carovana di Evaristo Caroli attirava grandi e piccini

C’era una volta il mitico Gratta “S

Il Gratta

i va da i’Gratta” era il saluto più comune dei fiorentini che si incontravano nelle strade richiamati dai suoni della carovana del circo. Molti ricordano di aver assistito affascinati agli spettacoli del Circo Gratta ed ancora oggi il suo nome da solo evoca in alcuni un forte senso nostalgico, di quando la città subito dopo la guerra si divertiva con le cose più semplici. Evaristo Caroli - questo il suo vero nome - ha rappresentato l’icona del divertimento a Firenze, dal giorno del suo arrivo in città fino al 1979 quando si ritirò a Porto San Giorgio dove morì nel 1989. Gratta era figlio di circensi e si sposò con Sara Pellegrini, anch’essa proveniente dal mondo del circo e cavallerizza. Subito dopo la Liberazione, dopo i mille spostamenti in un’Italia sconvolta dalla guerra, raggiunse la tappa finale della sua vita da artista: Firenze. È stato grazie alla cura di ogni dettaglio, alla delicatezza delle sue gag e a quel richiamo costante alla mimica teatrale che il Circo Caroli si è insediato nel cuore di tutti i fiorentini che erano bambini

negli anni ’50 e non solo. Un pubblico affezionato al punto tale che sulle piazze fiorentine di quegli anni non c’era concorrenza. Nessun circo, anche dei più famosi, poteva sottrarre al Gratta i suoi spettatori. C’era un rapporto diretto con il pubblico, fedele al punto tale a quello spettacolo di circo e teatro comico che, a Campo di Marte, Gratta poteva rimanere per tre mesi di fila e fare il pieno tutte le sere. Negli altri periodi si spostava in arene improvvisate, dovunque ci fosse spazio abbastanza per ospitare i suoi numeri. Via Pietrapiana per esempio, dove ora si trovano il palazzo delle Poste e la Standa, ospitava un luna park dove anche il Gratta e la sua compagnia si esibivano spesso. È comune sentire raccontare che questo circo - non avendo una sede - “non si poteva trovare, era lui che veniva a cercare te”. La città, nel 2007, ha dedicato al Gratta il giardino di piazza Ciompi, per rendere indelebile il ricordo di questo artista che per anni ha accomunato centinaia di fiorentini nella stessa risata. /A.D.


L’INTERVISTA. A colloquio con Giuliano Da Empoli, assessore alla cultura di Palazzo Vecchio

Firenze? Vetrina della boutique Italia E’ arrivato da poco ma già tenta di creare scompiglio. Ha detto no ai progetti

LA MOSTRA

“storici”, dice sì ad un’inversione di tendenza che porti una ventata

Cinquanta fotografie Per ritrarre l’amore

di freschezza nella cultura fiorentina. Teatri e cinema riaperti per far spazio a nuove contaminazioni e un museo di Palazzo Vecchio tutto rinnovato Ludovica V. Zarrilli

H

a preso posto nell’ufficio che fino a giugno è stato dello sceriffo Cioni e con Cioni ha sicuramente in comune l’aria sicura di sé. Giuliano Da Empoli in poco più di trent’anni ha collezionato esperienze da gigante. Sociologo, scrittore e critico. In passato è stato amministratore delegato della casa editrice Marsilio, consulente del Ministero per i beni culturali e membro del consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia. Oggi dalle sue stanze di Palazzo Vecchio (che, ci tiene a sottolineare, hanno subito un restyling dopo la dipartita del Cioni) veste i panni di novello assessore alla cultura e alla contemporaneità (questa la delega aggiuntiva che gli è stata affidata dal sindaco) del Comune di Firenze. Assessore, con un bagaglio di esperienze così importanti alle spalle, perché ha accettato l’incarico fiorentino? Questo è sicuramente l’incarico più difficile che mi sia capitato di ricoprire. Devo prendere decisioni in prima persona e assumermi delle responsabilità nuove. E poi, quando mi hanno per chiedermi “Vuoi fare l’assessore alla cultura a Firenze?”, ho pensato che fosse una di quelle proposte che non si possono rifiutare. Qualche tempo fa disse che in futuro il ruolo dell’Italia nel contesto internazionale sarebbe diventato quello di “boutique d’Europa”? Come si colloca Firenze all’interno di questo “centro commerciale”? Se l’Italia fosse una boutique, Firenze sarebbe sicuramente la vetrina. Data la posizione centrale, facilitata dall’Alta Velocità che ormai consente di raggiungere sia Roma che Milano in pochissimo tempo, Firenze dovrebbe essere un punto di partenza importante. Finora le gente diretta a Sud e a Nord da Firenze ci passava, oggi dovremmo fare in modo che questa gente si fermi. E’ seduto sulla poltrona di assessore dall’inizio dell’estate, e da quel momento ha detto “no” al progetto Meccanotessile, al restauro del torrino di San Niccolò, alle mostre in Sala d’arme. Ma cosa vuole fare, assessore Da Empoli? Quali saranno i suoi sì?

Giuliano Da Empoli

Firenze non ha bisogno di “mega progetti”, idee che vengono messe su carta e rimangono ferme per dieci anni. Firenze ha bisogno di rompere i suoi tabù e di creare un tessuto connettivo fatto di realtà piccole ma più vitali. Bisogna creare un città dove le persone possano trovare il proprio spazio per fare cultura, un po’ come avviene a Berlino. Il Comune ne ha già a disposizione dozzine, e in questo momento stiamo valutando come poterle utilizzare. Ci sono moltissimi cinema e teatri chiusi da tempo, che dovrebbero essere riaperti per far spazio a cose nuove. Abbia-

mo già in programma una riunione il 10 ottobre con Riccardo Ventrella (direttore del Teatro della Pergola, ndr) per confrontarci a questo proposito. E i 300mila euro che erano stati stanziati per risanare il torrino di San Niccolò? Serviranno per riqualificare il museo di Palazzo Vecchio, il più importante museo comunale. Trasformeremo la Sala d’arme in un luogo dove ogni pomeriggio alle cinque ci sarà un incontro con una personalità di passaggio. E poi rifaremo la biglietteria, un bookshop e forse anche un cafè.

IL CONCERTO. Per la prima volta in Italia un one man show dell’artista francese

Wax Tailor, nuovi sound in anteprima I

n The Mood For Life, è questo il titolo dell’ultima fatica di Wax Tailor, che potrà essere ascoltato in anteprima in occasione dell’evento Mix’d up, l’11 settembre al Saschall. Tailor, artista francese di fama internazionale, condividerà per una sera col pubblico fiorentino le tracce del suo nuovo album. La presenza di Wax Tailor sarà ulteriormente valorizzata dalla presenza del collettivo fiorentino Overknights, che aprirà le danze, e dalla presentazione del nuovo progetto live di Bonnot (Assalti frontali) e Gruff, un vero e proprio show che si articola tra hip hop, drum’n’bass, scratch e elettronica. Il primo disco di Wax Tailor JC Le Saout aka esce per la prima volta nel 2004 e si intitola Tales Of The Forgotten Melodies. Il disco raccoglie molte critiche positive in Francia e diventa uno dei successi discografici dell’anno in tuttaEuropa. L’album inizia ad essere distribuito nel mercato discografico americano e Tailor inizia a proporre la sua musica nei quattro angoli del pianeta facendo da spalla ad artisti del calibro di Aceyalone & RJD2. Nel 2007 e nel 2008, in seguito all’uscita dell’album Hope & Sorrow, Wax Tailor parte per una tournée che prevede ben 200

date in tutto il mondo. Dopo la registrazione di Seize the day, il tema principale del film firmato da Cédric Klapish Paris, produce un remix per Asa (Jailer) e remixa un brano di Nina Simone per un album della Verve Label uscito alla fine del 2008. Nel 2009 lavora al suo terzo album In The Mood For Life in uscita il prossimo 21 settembre. La musica di Wax Tailor ha avuto un notevole impatto in tutto il mondo fin dal disco d’esordio Tales of the Forgotten Melodies. Un album che ha ricevuto critiche molto simili a quelle che di solito ricevono le migliori produzioni di DJ Shadow, RJD2 e Portishead. Con il suo secondo album Hope & Sorrow (80.000 copie vendute in tutto il mondo e due nomination sia al French music award che all’ US Indie music award) Wax Tailor conferma la sua identità. La sua proposta musicale, spesso etichettate nel genere trip-hop o down tempo hiphop, infrange le barriere di qualsiasi classificazione grazie all’utilizzo di una vasta gamma di suoni che traggono spunto dal soul, dal funk e dal jazz. Ingresso: euro 5 (prima delle 22), euro 8 (dopo le 22). Info: 346/8577597 /C.G. oppure www.switchproject.net

I

cinquanta volti di una donna. Non una donna qualsiasi, ma il volto e il corpo della persona amata, della propria musa. Nascono così i “volti di Juliet” immortalati da Man Ray e esposti dal 12 settembre al 6 dicembre 2009 al Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art. La mostra Man Ray. The Fifty Faces of Juliet è una carrellata in cui il soggetto è sempre lo stesso - Juliet appunto – che si materializza in modo diverso a seconda dell’immagine. L’esposizione è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Marconi di Milano ed è curata da Janus, insieme a Maurizio Vanni, direttore del museo. Verranno proposti al pubblico i cinquanta ritratti che l’artista scattò alla moglie, Juliet Browner, tra il 1941 e il 1955. The Fifty Faces of Juliet fu pensato da Man Ray agli inizi degli anni ’50 come libro in omaggio a sua moglie Juliet, ma anche come un “saggio” di opere foto-grafiche iniziato a Los Angeles nel 1941. Cinquanta fotografie, stampe originali in diverse tecniche e stili, alcune colorate a mano, di diverso formato che Man Ray ha dedicato a Juliet, la musa definitiva della sua vita. Man Ray, attraverso la fotografia ha offerto a se stesso e ai suoi modelli l’occasione di esplorare le possibilità creative dell’io, muovendosi straordinariamente dai registri più onirici e surreali alla pantomima, al puro “divertissement”. Juliet ne è stata uno dei soggetti più ricchi e straordinari. The Fifty Faces of Juliet sono il racconto di un amore e di una vita. Cinquanta ritratti in cui l’immagine di Juliet viene di volta in volta inventata, riscritta, modificata, esaltata con il segno della matita, con un intervento grafico, con la sovrapposizione di una stoffa, di un velo trasparente, occultata dietro una maschera, il suo volto incorniciato con un grande cappello alato, svelata nella sua nudità, trasformata in un ricamo. Le differenze che nella mente dell’artista materializzavano la straordinaria bellezza della sua metà, di quella donna incontrata in California per caso, quando per caso per sfuggire al pericolo nazista ritornò a New York da cui si allontanò quasi subito per trasferirsi d Hollywood, dove incontrò Juliet Browner, un’affascinante modella di ventotto anni dai lineamenti fauneschi e gli occhi a mandorla che le davano un aspetto vagamente esotico (Man). Nel 1946 Juliet sarebbe diventata sua moglie a Beverly Hills. Info: 0583 950499 www. luccamuseum.com

Una delle opere in mostra


cultura

35

ON AIR. La moda dello studio radiofonico “fai da te” spopola anche a Firenze

Bentornate radio libere

fondatore di Saunaradio, radio online finanziata dalla Casa del popolo antellina - Eravamo fuori dal circolo con il solito gruppo di amici quando ci venne l’idea di dare vita a una radio tutta nostra. Così cominciammo a organizzarci e fare due conti, infine sottoponemmo i preventivi ai soci del circolo, che accettò di finanziare il tutto”. L’investimento per attrezzare la sala e pagare quota di iscrizione e licenza alla Siae è stato di circa 9mila euro, dilazionati nel tempo. Ma si tratta di una radio in piena regola, con una quindicina di programmi a cadenza settimanale e una trentina di ragazzi che vi girano attorno, tra conduttori, dj e tecnici. Ci sono poi coloro che non hanno una radio propria, ma si attrezzano per produrre un programma su altre radio online. E’ il caso dei Numa Crew, gruppo underground fiorentino, che da circa un anno ha un suo spazio su una web radio londinese, due ore di live in cui diffonde la propria musica, inediti compresi. “E’ un modo per farsi conoscere al di là dei confini nazionali - spiega Ninjaz, “vocalist” del gruppo - Noi abbiamo pubblicato diversi album per un’etichetta inglese”. E da casa di Ninjaz, in diretta sul web, hanno suonato ragazzi di tutta Italia. Perché si sa, la rete è un formidabile mezzo per stringere legami e le radio online non fanno eccezione.

Basta un computer e un software per ritagliarsi il proprio spazio e trasmettere in tutto il mondo attraverso la rete Internet Francesca Puliti

C

he fine hanno fatto le radio libere? Sono state spazzate via dai grandi network nazionali e dalle regolamentazioni dell’etere o si sono solamente rifugiate da qualche altra parte, pronte a tornare alla ribalta? Il proliferare delle web radio sembrerebbe avvalorare questa seconda ipotesi. Alla saturazione delle frequenze tradizionali, si risponde con un mezzo dalle potenzialità pressoché illimitate: internet. Un po’ per moda, un po’ per gioco, un po’ per passione, ecco fiorire le radio libere dei nostri tempi. Fatte in casa, al circolo, al bar, basta un computer e un software. Il principio è semplice: il segnale non conosce confini, può essere ascoltato potenzialmente in tutto il mondo, ma la platea è molto, molto locale, di nicchia. Amici, appassionati di un genere musicale o giovani artisti ansiosi di farsi conoscere: sono loro i principali ascoltatori delle web radio. Una moda partorita nei primi anni ’90 dal mondo anglosassone e di recente approdata sulle rive dell’Arno. Di progetti ce ne sono tanti, alcuni vivono il tempo di una stagione, altri perdurano negli anni, come quello nato all’Antella, Bagno a Ripoli. “Tutto cominciò un po’ per scherzo una sera d’estate del 2006 - racconta Alessio Giannelli, professione dj e padre

IL LUOGO. Riapre per una mostra l’oratorio di Santa Caterina all’Antella

Gli Uffizi fanno tappa a Bagno a Ripoli

U

n luogo misconosciuto, immerso nell’atmosfera poetica delle colline di Bagno a Ripoli. L’oratorio di Santa Caterina all’Antella è un piccolo scrigno, quasi sempre chiuso, che conserva al suo interno una porzione della più bella storia dell’arte fiorentina. Aprirà al pubblico il 19 settembre e rimarrà aperto fino all’ultimo giorno dell’anno per far spazio alla mostra “L’Oratorio di Santa Caterina all’Antella e i suoi pittori”, che fa parte del progetto “Città degli Uffizi”, promosso dalla Galleria degli Uffizi in partnership con la provincia di Firenze, che porta alcune delle opere solitamente conservate nei

depositi della galleria fiorentina, in luoghi studiati ad hoc per il file rouge che accomuna i loro percorsi artistici e storici. All’Antella i fari saranno puntati sul grande trittico di Angolo Gaddi, tornato agli Uffizi dopo un lungo restauro. Il trittico, collocato in origine sopra l’altare dell’oratorio, raffigura la Madonna col Bambino in trono fra i santi Filippo e Lorenzo e, nei tondi delle cuspidi, un Cristo benedicente e l’annunciazione. Purtroppo, a seguito di un furto avvenuto nell’oratorio nel 1921, non è più possibile ammirare la predella in cui erano raffigurati Cristo in pietà fra i dolenti, un miracolo di San Filippo e il martirio

di San Lorenzo. La ricollocazione temporanea nell’Oratorio di Santa Caterina viene quindi a ripristinare temporaneamente l’arredo originario della chiesa. Accanto al capolavoro dipinto dal figlio di Taddeo Gaddi, troveranno spazio anche opere provenienti dai depositi degli Uffizi, dal museo dell’Opera di Santa Croce, dalla pinacoteca nazionale di Lucca e dal museo di arte sacra di Incisa Valdarno, per un totale di dodici gioielli esposti. Un dialogo artistico del tutto inedito che si concretizzerà nel faccia a faccia tra le opere di Agnolo Gaddi, Spinello Aretino, Pietro Nelli e del Maestro di Barberino. /L.V.Z.

Renzo&Giusi... 1022653

... i pasticceri dell’Impruneta PRODUZIONE PROPRIA, specialità dolciarie artigianali dal 1988 torte e dolci di ogni genere e forma.. anche personalizzate con fotografie!!!

STEFANI srl

tel.055 2373032 Cell.337 939049

Via 1° Maggio, 22 Tavarnuzze - Impruneta (FI) PASTICCERIA.STEFANI@GMAIL.COM

980028


FIORENTINA. Il Ds viola fa il punto sul mercato dopo la chiusura della sessione estiva

Corvino, l’uomo senza fretta. Di comprare I tifosi si aspettavano che il budget ricavato dalle cessioni di Melo, Semioli e Kuz venisse reinvestito per intero, ma lui spiega: “Ho avuto difficoltà a spendere tutti i soldi incassati: quelli rimasti saranno utilizzati quando ci saranno occasioni, senza ansie”. Prandelli è arrabbiato? “A me dice il contrario...”

Pantaleo Corvino

Cristina Guerri

I

l calciomercato estivo è ormai terminato. Nell’ultimo giorno disponibile per i trasferimenti, il diesse viola Pantaleo Corvino ha portato a Firenze il giovane Savio Nsereko, e ha ceduto a titolo definitivo Da Costa (destinazione West Ham) e Kuzmanovic, che vestirà la maglia dello Stoccarda. Papa Waigo, invece, è andato in prestito al Southampton. E il Ds viola ha potuto quindi fare un punto sulla chiusura del mercato. Corvino, i tifosi si aspettavano che il budget ricavato dalla cessione di Melo, Semioli e Kuzmanovic venisse reinvestito completamente... Facciamo ordine per far capire quale sia il programma societario. In questa stagione, a differenza dei 50 milioni spesi lo scorso anno, con molta dignità ci siamo autofinanziati. Tutto ciò che veniva dalle entrate del mercato sarebbe stato reinvestito. Lo stiamo facendo, non nei tempi giusti forse, ma ho l’autorizzazione della società a

spenderli e reinvestirli. Ho avuto difficoltà a spenderli tutti e ne ho utilizzati solo una parte: quelli che sono rimasti saranno reinvestiti quando il mercato mi offrirà la possibilità di farlo, senza ansie. Ci parli di Savio, il suo ultimo acquisto. Ho dato al West Ham 2,5 milioni più Da Costa per un giocatore con importanti potenzialità. Non è un fenomeno, però ha potenzialità e chissà dove può arrivare. In precedenza avevamo seguito Upson, ma poi abbiamo deciso che i nostri difensori erano al suo livello. Il West Ham mi ha detto che se vendeva un difensore avrebbe preso Da Costa. Savio lo seguivo da tempo, ho chiamato Prandelli per chiederglielo, ma su questi giovani mi prendo io la responsabilità. Savio lo abbiamo preso come investimento, è un giovane che con Di Tacchio, Babacar e Seculin si aggregherà alla prima squadra. Si parlava dell’arrivo di un difensore centrale, cosa che non è accaduta... Leggevo che Prandelli volesse un difensore... ma lo voleva anche Corvino, così come lo voleva la proprietà. Chiamatela mia incapacità, non è deluso solo il mister, ma lo siamo tutti, se non abbiamo

preso il difensore o chi per lui. Prandelli è contento del mercato? Prandelli è soddisfatto di tutti. A partire da Natali, per esempio. Quando ho venduto Melo, lui mi ha detto di aspettare, dicendo che l’alternativa al brasiliano l’aveva in rosa. L’alternativa, poi, non l’abbiamo trovata, e abbiamo optato per Cristiano Zanetti, sfruttando le idee e il mercato di quel momento. Stesso discorso vale per Castillo: per Prandelli andava benissimo, era contentissimo. Di Marchionni non c’è neanche bisogno di dirvi quanto fosse felice. La critica dice che Prandelli sia arrabbiato, ma lui mi dice il contrario. Girano voci secondo cui i Della Valle vorrebbero vendere la Fiorentina... La mia proprietà è delusa. Se chi critica pensa di poter portar qualcuno superiore ai Della Valle, che lo cerchi o che lo crei. Investono milioni ogni anno, con il quinto monte ingaggi d’Italia. Hanno chiesto a Firenze di aiutarci con la Cittadella Viola. Se saremo ancora tutti insieme, potremo portare avanti il discorso di aumentare il tetto ingaggi.

CORSI Scuola

Accademica di Danza

diretta da Laura Checcucci Lisi

DI:

• DANZA CLASSICA • DANZA MODERNA • GINNASTICA STRETCHING E TONO CORSI PROMOZIONALI DI DANZA CLASSICA

per bambini dai 5 agli 8 anni con lezioni GRATUITE dal 15 settembre al 15 ottobre CHIAMA PER MAGGIORI INFORMAZIONI DALLE 15:00 ALLE 19:00

Via Scipione Ammirato, 96 FIRENZE

Tel. 055

6236044

www.danzafirenze.it email: scuola@danzafirenze.it


sport

37

1

23/08/09

BOLOGNA

2

30/08/09

3 4

FIORENTINA

20

17/01/10

FIORENTINA BOLOGNA

FIORENTINA PALERMO

21

24/01/10

PALERMO

FIORENTINA

13/09/09

FIORENTINA CAGLIARI

22

31/01/10

CAGLIARI

FIORENTINA

20/09/09

ROMA

FIORENTINA

23

07/02/10

FIORENTINA ROMA

5

23/09/09

FIORENTINA SAMPDORIA

24

14/02/10

SAMPDORIA FIORENTINA

6

27/09/09

LIVORNO

25

21/02/10

FIORENTINA LIVORNO

7

04/10/09

FIORENTINA LAZIO

26

28/02/10

LAZIO

8

18/10/09

JUVENTUS

27

07/03/10

FIORENTINA JUVENTUS

9

25/10/09

FIORENTINA NAPOLI

28

14/03/10

NAPOLI

10

28/10/09

GENOA

29

21/03/10

FIORENTINA GENOA

11

01/11/09

FIORENTINA CATANIA

30

24/03/10

CATANIA

12

08/11/09

UDINESE

31

28/03/10

FIORENTINA UDINESE

13

22/11/09

FIORENTINA PARMA

32

03/04/10

PARMA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

14

29/11/09

INTER

33

11/04/10

FIORENTINA INTER

15

06/12/09

FIORENTINA ATALANTA

34

18/04/10

ATALANTA

16

13/12/09

CHIEVO

35

25/04/10

FIORENTINA CHIEVO

FIORENTINA

FIORENTINA

17

20/12/09

FIORENTINA MILAN

36

02/05/10

MILAN

18

06/01/10

SIENA

37

09/05/10

FIORENTINA SIENA

19

10/01/10

FIORENTINA BARI

38

16/05/10

BARI

FIORENTINA

FIORENTINA

FIORENTINA

NUOVA NUOVA sede sede con con AMPIO AMPIO SHOWROOM... SHOWROOM... AVVOLGIBILI

- legno/alluminio - su misura - vari colori - da interno/esterno

TENDE

ALL

- su misura- da esterno - antivento grazie allo scorrimento su guida - comandi ad arganello o motoriduttore

-10%

Esempio: 150 cm x 300 cm

PER I LETTORI

€130

DE

A partire da

DE

Euro 200 Euro

DE

€190

DA OGGI CI TROVI IN

Via G. Giolitti, 26 - Firenze Tel.

RISPARMI

850 €750 100 EURO 999636

NOVITA’

210

PER I LETTORI

Euro

IN ALLUMINIO BLINDATO

DE

-10%

Es.: 120 cm x 160 cm

€58 GRATE DI SICUREZZA ,50

PER I LETTORI

TRASPORTO E MONTAGGIO INCLUSI

NOVITA’ - blindatura interna con tondini girevoli antitaglio O 5 mm e O 7 mm - leve di collegamento anti-taglio in acciaio carbonitrurato

Euro 65

PER I LETTORI

acciaio zincato verniciato- su misura - a norma di sicurezza polizze assicurative Es.: 120 cm x 160 cm

anche su già esistenti

-10%

A partire da

-10%

CANCELLETTI ESTENSIBILI

MOTORIZZAZIONE AVVOLGIBILI

IN ACCIAIO BLINDATO

In alluminio, legno, PVC, acciaio. Varie colorazioni Su misura

ZIANA A VENE

145 FRANGISOLE BORDATE Euro DISPONIBILI ANCHE DIPINTE A MANO! PER I LETTORI DE -15%

CANCELLETTI ESTENSIBILI

VASTO ASSORTIMENTO DI TENDE DA SOLE

- modulo snodato per apertura 180° (anche inox a vista) - doppia maniglia e serratura passante - esecuzione ad anta fissa - sopraluce fisso - vari colori

CHIUSI DALL' 8 AL 23 AGOSTO

055.6504680 Fax 055.6506105


38

sport nel quartiere

Settembre 2009

L’INTERVISTA. Il presidente del Quartiere orgoglioso delle società sportive della circoscrizione

Ceccarelli: “Ma con un impianto in più…” “Il bilancio per lo sport è estremamente positivo, il primato di strutture presenti

Lorenzo Mossani

I

nel Q3 è un record invidiabile, ma ne servirebbe un’altra, una palestra con spalti,

l presidente del Quartiere 3, Andrea Ceccarelli, è fiero delle associazioni sportive che animano il suo territorio. Convinto che lo sport abbia anche un valore morale, Ceccarelli si impegna a sostenere le varie associazioni e a diffondere la cultura sportiva anche tra i più giovani. Presidente, come si presenta lo sport a Gavinana e al Galluzzo? Oltre al calcio, presente con molte società, a Sorgane abbiamo un bellissimo impianto per l’atletica, ma abbiamo anche il Firenze 2 basket, i canottieri del Ponte a Verrazzano, la Fiorentina Nuoto, la Rari Nantes. C’è una società più rappresentativa? Senza nulla togliere alle altre, per motivi storici, la Rari Nantes ha segnato la storia del nostro quartiere. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo nuotato nella sua piscina. Qual è il vostro impianto più importante? Il centro sportivo al Galluzzo. Si tratta di un grosso centro, nato dall’unione di più società, che offre la possibilità di praticare una serie di sport: tennis, calcio, calcetto, bocce, pattinaggio, pallavolo e non solo. Ci sono attività sportive anche per anziani e diversamente abili? A questo proposito, voglio sottolineare la nostra collaborazione con la Uisp. Una sinergia importante dalla quale nascono progetti e iniziative come i corsi per gli anziani alla palestra delle Due Strade, la ‘Notte bianca dello sport per le disabilità’, il dragon boat. Dragon boat: di cosa si tratta?

per alleggerire quella di San Marcellino, troppo sfruttata” Andare in canoa a ritmo di tamburo. È un’attività che aiuta anche le donne operate di tumore al seno, per questo la promuoviamo. Promuovete anche attività sportive con finalità educative e sociali? Noi pensiamo che lo sport possa essere un esempio. Un’idea che è alla base di ‘A scuola con gioca sport’, un evento durante il quale le società sportive vanno nelle scuole e fanno cimentare i bambini nelle varie discipline. Avete intenzione di realizzare anche altri progetti in questo senso? Spero che a breve prenda il via un progetto per curare e prevenire le dipendenze, è un progetto rivolto ai giovanissimi, che vedrà la collaborazione del Centro solidarietà. Quali saranno le caratteristiche di questa iniziativa? Proporremo attività estreme come l’arrampicata, il parapendio, discipline che in qualche modo possano canalizzare le energie dei giovani. Insomma, l’idea è che uno sport estremo è, appunto, estremamente meno pericoloso delle dipendenze. Volendo fare un bilancio politico dello sport al Quartiere 3, qual è il suo punto di vista? Il bilancio è estremamente positivo. Penso che il primato di impianti presenti nel nostro quartiere sia un record invidiabile, un segnale positivo di grande significato. Chiederebbe qualcosa al neo assessore allo sport Barbara Cavandoli? Per poter ospitare il basket, avremmo bisogno di una struttura intermedia fra una palestra e un palazzetto dello sport, ci basterebbe una palestra con degli spalti, perché l’impianto di San Marcellino è super sfruttato e questo ci crea dei problemi.

Andrea Ceccarelli

®

IL RIVOLUZIONARIO SISTEMA DI RINGIOVANIMENTO DEL VISO SENZA CHIRURGIA portando solo un piccolo apparecchio odontoiatrico ideato in Inghilterra puoi tornare indietro nel tempo da 7 a 20 anni

RISULTATI VISIBILI GIA’ DOPO 15 GIORNI !!! RISULTATI EVIDENTI: • riduzione delle rughe • riduzione borse sotto gli occhi • zigomi prominenti • rassodamento dei muscoli facciali • rassodamento del collo • miglioramento della postura • cute piu’ luminosa e liscia • chiusura dei pori

PRIMA

DOPO

PRIMA

DOPO

PRIMA

DOPO

PRIMA

DOPO

Certi del risultato che vi possiamo garantire VI INVITIAMO a provare ORALIFT ® con seduta di consulenza GRATUITA e promozione privilegiata lettori “Il Reporter”

... PERCHE’ VOGLIAMO VEDERVI... SORRIDERE... PER ULTERIORI INFORMAZIONI DAL LUNEDI AL VENERDI:

tel. 055 7321144 e-mail: daniela.soave1@gmail.com Studio Odontoiatrico Dr.ssa Daniela Soave - Via de’ Tommasi, 4 Firenze

970879


Grazie per la concessione di questo spazio Illustrazione Thomas Lavezzari - Ph. Davide Bodini

GLI ANIMALI DEI LABORATORI DI SPERIMENTAZIONE HANNO BISOGNO DI UNA MANO. Dal 20 settembre al 10 ottobre, puoi aiutarci a curare gli animali che hanno sofferto nei laboratori di sperimentazione. Inviando un sms al 48585, donerai 1 euro. Telefonando da rete fissa, ne donerai 2. Il ricavato verrà usato da ENPA per realizzare un sogno: creare un centro di riabilitazione e permettere a queste creature di essere poi affidate all’affetto di una famiglia. Scopri tutte le piazze della Giornata degli Animali su www.enpa.it Puoi aiutarci anche tramite conto corrente postale n. 43321611 Enpa Onlus – P.za Carlo Alberto, 30 – 12042 Bra

3e

4 ottobre

,5;,5(A065(3, 796;,A065,(504(30


40

CORRI LA VITA. Domenica 27 settembre in piazza della Signoria

Sport e solidarietà per 13mila Simone Spadaro

CONI. Parla il neo presidente provinciale

Giani, il politico sportivo: “Tanti i progetti in campo” R

D

opo sei anni, “Corri la Vita” si sposta e lascia la storica piazza Santa Croce per trasferirsi in piazza della Signoria. E’ questa la novità più interessante della manifestazione benefica che, correndo, raccoglie fondi destinati a strutture pubbliche specializzate in terapie riabilitative e di assistenza alle donne malate di tumore al seno. L’iniziativa, in programma domenica 27 settembre alle 9.30, è organizzata in collaborazione con Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori), Ispo (Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica) e File (Fondazione italiana leniterapia). Sono ormai 170 i testimonial di questa manifestazione che punta, quest’anno, a superare le 13mila presenze. Due i percorsi realizzati con la Firenze Marathon: la gara competitiva da 10,7 km e la passeggiata da 5,7 km, con possibilità di visite nei luoghi più suggestivi di Firenze. E anche in questo, “Corri la vita” è unica. Da piazza della Signoria, i partecipanti attraverseranno il centro storico, i giardini e le colline dell’Oltrarno, la parte più spettacolare e suggestiva della città. Chi farà la passeggiata potrà fermarsi a visitare la chiesa di Orsanmichele, palazzo Strozzi Sacrati, il cortile di Palazzo Rucellai, il giardino Frescobaldi, la chiesa di San Jacopo, il chiostro di San Pier Martire, giardino Corsi e giardino di Boboli, il giardino e il museo Bardini.

sport

Settembre 2009

Corri la vita - 2008

C’è ancora in tempo per le iscrizioni: presso la Lilt, Lega per la lotta contro i tumori sezione di Firenze (viale A. Volta 173, 055.576939, info@ legatumorifirenze.it), Firenze Marathon (viale M. Fanti 2, 055.5522957, info@firenzemarathon.it), la sede di File, Fondazione italiana di leniterapia (via San Nicolò 1, 055.2001212, info@leniterapia.it). L’obiettivo è battere il record di iscrizioni: sono già state preparate ben 13mila magliette arancioni. Contributo minimo: 10 euro. La partecipazione dei bambini sotto i 10 anni è gratuita. Tra i più noti testimonial di “Corri la Vita 2009”, ci

sono Sergio Muniz, il popolare attore e vincitore della seconda edizione de “L’Isola dei famosi”; il ventiquattrenne nipote del senatore Robert Kennedy, Bobby Kennedy III, regista impegnato in molte cause ambientaliste e civili; l’uomo pesce Umberto Pellizzari, famoso campione di apnea e conduttore di molti programmi dedicati alla scoperta dei fondali marini; Jimmy Ghione, agguerrito inviato di “Striscia la notizia”; e Andrea Agresti, cantante e componente de Le Iene. “Corri la vita” si conferma come un appuntamento classico d’autunno che coniuga sport e solidarietà.

educe da dieci anni da assessore in Palazzo Vecchio, Eugenio Giani raddoppia. Oltre a essere il nuovo presidente dell’assemblea comunale, lo è anche del Coni provinciale, organo di raccordo e di stimolo per federazioni, enti, associazioni, allenatori e atleti del territorio. Un’elezione che ha fatto storcere il naso ad alcuni, che vedevano nella candidatura di Giani un’intromissione della politica nel mondo dello sport. “La mia vittoria è stata più che legittima – risponEugenio Giani de Giani – e devo aggiungere che la principale protagonista di queste polemiche si è poi presentata con una fondo, e il fatto che continuerò a lavolista politica alle amministrative, non rare anche in Comune facilita molto riuscendo ad essere eletta. Credo che la possibilità di organizzare un evenmolte discussioni siano strumentali. to internazionale. Ci sono, inoltre, i In tutta Italia chi ricopre cariche poli- Mondiali di ciclismo del 2013. Non tiche è poi anche esponente di spicco mancherà il forte sostegno allo sport all’interno del Coni. Occorre pensare nelle scuole. E vorrei dei giochi stusolo ai reali valori che possono essere denteschi molto partecipati”: Ma uno spesi per il bene del Coni”. Tra i suoi dei sogni di Giani è anche quello di primi obiettivi, “l’incontro con tutti realizzare un “Palazzo dello sport” i presidenti delle federazioni e degli per le federazioni, gli enti e tutti coloro che svolenti di promoVoglio capire se c’è gono attività zione sportiva, la possibilità di organizzare agonistiche. per avere indi“Su questo, cazioni sugli a Firenze le Universiadi occorre guareventi da poter nel 2017 o nel 2019 dare l’aspetto organizzare. Voglio realizzare l’annuario del Coni patrimoniale. Ho già esposto il proprovinciale – aggiunge Giani – dove getto al segretario generale del Coni – troveranno spazio tutte le attività svol- precisa Giani – perché è da Roma che te nel corso del 2009. Voglio, inoltre, devono arrivare indicazioni. Mi semcapire, se c’è la possibilità di organiz- bra che tutti siano concordi, anche il zare a Firenze le Universiadi nel 2017 Coni regionale. Lavoreremo anche su /Sim.Spa. o nel 2019. Su questo m’impegnerò a questo”. 930736


sport

41

L’INTERVISTA. A tu per tu con la campionessa di nuoto. “A Firenze ci sono società importanti”

Alessia Filippi, in acqua è nata una “stella” Lorenzo Mossani

A

lessia Filippi è, con Federica Pellegrini, la stella della Nazionale di nuoto: le due atlete si contendono la leadership di popolarità a suon di record in acqua e fan sparsi in tutta la Penisola. Ma non solo. La fama di Alessia, ragazza semplice, è in continua crescita soprattutto dopo l’oro e il bronzo conquistati ai recenti Mondiali di Roma, ma anche per la correttezza e la bellezza. Sicuramente le ultime buone prestazioni delle due azzurre hanno acceso una certa rivalità, come racconta la Filippi. “Se non ci fosse rivalità non saremmo due atlete. Secondo il mio punto di vista, se vuoi ottenere certi risultati devi confrontarti continuamente con i più forti, aiuta a migliorarsi ogni giorno: il nuoto è uno sport individuale, non dimentichiamocelo”. Che rapporto ha con Federica Pellegrini? Siamo due atlete forti, ma tra noi non c’è assolutamente invidia, tutt’altro. Ci rispettiamo reciprocamente, anche se dentro di noi vogliamo essere le più veloci. Questo ha fatto salire anche l’interesse degli sponsor nei vostri confronti... Verissimo. Per fortuna, oltre che una semplice curiosità, c’è anche un discorso economico da non sottovalutare. Mi sento fortunata, nei cosiddetti altri sport non sono molti a guadagnare così. Vedo molti atleti competitivi che non hanno queste opportunità. A Firenze è possibile diventare campioni di nuoto?

Alessia Filippi

tempo, ma lo sport va così (sorride, ndr), o almeno così si dice. In realtà, dopo la rete di Vargas… meglio non commentare cosa ho pensato. Come vede la stagione di Fiorentina e Roma? Dal punto di vista tecnico stanno dimostrando in queste stagioni di essere sempre protagoniste sul campo, ma spero che il calcio cambi come il rapporto tra le due tifoserie. Qualsiasi sport è bello quando è leale. Facciamo sparire coltelli, cori razzisti e insulti dagli spalti e poi Roma e Fiorentina, come in qualsiasi altra partita dove c’è rivalità, diventerà un bello spettacolo per tutti. Non tollero la violenza e gli stadi ‘blindati’, sono una brutta immagine del nostro Paese.

VIAGGIO NEL PALLONE. Il direttore generale Salvatore Alfani: “Ormai è un sogno”

Dlf, una stagione piena di successi C

hi arriva al campo del Dlf si sente a casa. Gioca per il gusto di stare con i compagni di squadra, di vincere con loro insieme a uno staff di amici e persone preparate. Essenzialmente si spiegano così i tanti successi ottenuti in questa stagione in tutte le categorie. Il direttore generale Salvatore Alfani è stato uno degli artefici di queste vittorie: “Sono qui da sette anni – spiega Alfani - e mi sembra di essere in una famiglia. Quando abbiamo investito 400mila euro per i campi sintetici mi sembrava una follia. Ora tutto si è trasformato in un sogno”. Come avete ottenuto questi risultati? Con la passione e non limitandoci a fare solo

PALLANUOTO. Fiorentina WP per lo scudetto, Rari per i play off

Meno squadre, più concretezza

P

allanuoto ridimensionata. Due sole le squadre in serie A1: la Fiorentina Waterpolo nel campionato femminile; la Rari Nantes Florentia in quello maschile. La Fiorentina è l’unica squadra di Firenze ad aver vinto una Coppa dei Campioni e uno scudetto negli ultimi anni, e si è rafforzata ulteriormente rilanciando la sfida per il tricolore e per la leadership continentale all’Orizzonte Catania. Senza la Rari femminile che, retrocessa, ha preferito sciogliere la prima squadra e ripartire dalla serie C e con la Mc Donald’s Firenze in A2, la squadra di De Magistris si conferma l’unica realtà in grado di portare un alloro in città. “Abbiamo confermato tutte le ragazze ad eccezione della Stieber, che ci ha chiesto di essere ceduta all’Imperia”, spiega il tecnico della squadra vice campione d’Italia. “Ma, soprattutto, in un mercato fermo come quello italiano, abbiamo acquistato dalla Roma Simona Abbate. Una nazionale - prosegue De Magistris - con grande esperienza e che l’anno scorso ha segnato 25 reti”. Campionato al via il 17 ottobre. La Rari maschile cambia lo straniero. E’ stato acquistato un attaccante nuovo di zecca, Boris

Ci sono delle società storiche e altre che stanno diventando importanti nel capoluogo toscano, ma purtroppo un nuotatore se non è famoso non ha la stesse possibilità, per esempio, di un giovane calciatore. Sicuramente, da parte dei media ci sono più riflettori puntati su un ragazzo delle giovanili di calcio che su un nuotatore che magari è appena tornato dai Giochi Olimpici (per esempio Niccolò Beni, classe ‘86, ndr). Ha anche una passione per il calcio? Sì, mio padre da piccola mi portava alla stadio. È da lì che sono diventata romanista. Prima che mi facesse la domanda, pensavo a quanto mi sono mangiata le mani dopo il 4 a 1 subito al ‘Franchi’ nella passata stagione. Non perdevamo dalla Fiorentina da

Gianni De Magistris

Popovic, solo omonimo del tecnico Dusan Popovic, e si punta molto sui tanti giovani del vivaio. Riccardo Tempestini, neo Ds della società, ribadisce la filosofia intrapresa. “Puntiamo a ottenere risultati nel tempo e non nell’immediato, ma ci teniamo molto a far crescere i nostri giovani e a inserirli gradatamente in prima squadra. Per questo - aggiunge Tempestini - sono state fatte anche delle scelte. Popovic è un attaccante con un ottimo tiro, ex Bogliasco, ha segnato l’anno scorso 45 reti e può essere impiegato anche in fase difensiva”. Obiettivo play off. Fischio d’inizio, anche in /S.S. questo caso, il 17 ottobre.

calcio. Seguiamo ogni nostro allievo, il suo bene è anche il nostro. Qual è stata la soddisfazione più bella? Sportivamente la conquista dei Regionali, umanamente ne ho avute tante. Quando cammino per strada e incontro i miei ex allievi, diventati uomini, che si avvicinano per abbracciarmi o per stringermi la mano, è una sensazione che vale mille vittorie. In questa stagione ci saranno nuovi innesti? Siamo felici di annunciare che ci siamo arricchiti del direttore tecnico, Fulvio De Santi, che seguirà tutte le squadre, aiutando anche gli al/L.M. lenatori.

Salvatore Alfani


42

Inviaci le tue lettere a

redazione@ilreporter.it Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

“GUERRA ALL’ALCOL, DICO LA MIA” Egr. direttore, ho letto con interesse l’articolo “in piazza la guerra all’alcol” pubblicato nel numero di agosto del Reporter, e mi hanno molto colpito le dichiarazioni dell’assessore alla sanità del nostro Comune. E’ stato fatto di questa città un grande locale per la vendita di alcolici: bar, pub, discoteche, minimarket (aperti fino a tarda ora), perfino phone center (che in teoria dovrebbero essere usati per telefonare a parenti lontani) che hanno scaffali di alcolici da far invidia a un supermercato e nel periodo estivo apertura di chioschi, tende e gazebi concessi dal Comune su territorio pubblico. Caro assessore, Lei bolla di demagogia il comune di Milano senza neppure aspettare i risultati di tale ordinanza. Noi a Firenze che siamo “i migliori” combattiamo il consumo dell’alcol fra i giovani (io direi fra 14 e 40 anni) con due spettacoli, di cui uno in piazza S. Spirito dove a non più di 20 metri dal palco c’è un bar aperto su suolo pubblico, e per terminare un tavolo di concertazione con i commercianti è come dire “finiamo a tarallucci e vino”. Siete veramente figli dei nostri politici di Roma, che spendono milioni di euro per la pubblicità contro il fumo ed hanno in mano il monopolio del tabacco. Come sempre si scarica le responsabilità sulla famiglia e sulla scuola quando per eccessivo buonismo e permissivismo abbiamo fatto in modo di esautorare dal loro compito questi due pilastri della società. Dovreste pensare che stiamo costruendo un esercito di futuri alcolizzati e che dovremmo riappropriarci del coraggio di dire “no” quando è necessario. Forse anche questa mia e-mail è demagogia e forse ha ragione Lei. Sergio “UNA QUESTIONE DA RISOLVERE TUTTI INSIEME” Egregio Direttore, la lettera inviata dal signor Sergio al Suo giornale mi offre l’occasione di chiarire meglio il mio pensiero e l’attività dell’assessorato alle politiche socio sanitarie sulla questione del consumo di alcool, soprattutto tra i giovani. Vorrei,

lettere

Settembre 2009 prima di tutto, precisare che ritenere demagogica l’ordinanza del Comune di Milano (i cui risultati non mi paiono particolarmente brillanti) non vuol certo dire che vogliamo fare di questa città “un grande locale per la vendita di alcoolici”, come ritiene il signor Sergio. Mi sono limitata ad osservare che il divieto di somministrazione di alcolici nei locali pubblici a minori di 16 anni era ed è già contenuto in norme vigenti che, senza dubbio alcuno, devono essere rispettate e fatte rispettare, così come già esiste il divieto di vendita ai minorenni. Questi divieti, già esistenti da tempo e che, ripeto, devono essere rispettati e fatti rispettare, non sono stati sufficienti a debellare un fenomeno sempre più diffuso e in fasce di età sempre più basse. Per questo non mi è parso uno strumento efficace l’introduzione di una ordinanza che andava a rafforzare divieti già esistenti e scarsamente applicati. L’impressione che ho avuto, anche per il clamore che il provvedimento ha suscitato, è stata quella di “molto rumore per nulla”. Nessuno immagina che a Firenze possiamo essere “i migliori”, come dice il signor Sergio, ma allo stesso modo nessuno può pensare che un fenomeno così complesso e diffuso si risolva ribadendo, sul piano locale, divieti che già ci sono e che tutti devono sentirsi già impegnati a far rispettare. Naturalmente l’attività dell’Amministrazione comunale su questi temi non si limita certo a “due spettacoli”; potrei parlare al signor Sergio di un sito internet (www. sostanze.info) con moltissimi accessi giornalieri, 900 domande agli esperti, 700 articoli pubblicati; potrei raccontare che gli spettacoli sono l’occasione per avvicinare i giovani ed informarli sui danni da alcool e sostanze; così come potremmo intrattenerci sull’attività di formazione rivolta al personale di molti locali notturni per responsabilizzarli sulla somministrazione delle bevande e su un servizio notturno di accompagnamento a casa dopo la discoteca per evitare che giovani vite si distruggano sulle nostre strade. Potrei far parlare gli operatori della task force che stanno in giro ad informare i ragazzi e che cercano di convincerli che l’abuso dell’alcool può bruciare il loro futuro. Potremmo discutere di queste e altre iniziative, senza la presunzione che siano esaustive, con l’umiltà di chi affronta un’impresa forse impossibile ma che abbiamo il dovere di tentare. Certo è che affidarsi ad un ulteriore divieto e pensare che la repressione ulteriormente inasprita sulla vendita di alcoolici sia risolutiva mi pare, e lo riconfermo, pura demagogia. E coinvolgere, su questo tema, i commercianti, i locali notturni, i distributori di alcoolici non è finire a “tarallucci e vino” ma è il tentativo di responsabilizzare proprio gli attori principali di questo dramma. Su questioni così complesse non possiamo riuscire se non INSIEME, se tutti non si sentiranno impegnati a fare la loro parte. Anche la famiglia e la scuola, signor Sergio, che sono, come Lei ben ricorda, “due pilastri della società” che dovrebbero formare non solo buoni medici o idraulici o ingegneri ma uomini e donne capaci di vivere dentro la società per aiutarla a crescere e migliorare. Può darsi che anche questa sia demagogia ma non posso dimenticare che, nonostante i tanti divieti, chi vuo-

le procurarsi alcool o droga sa sempre dove trovarli. Il nostro compito, accanto al doveroso e scontato impegno sul controllo, sta nel convincere i ragazzi, ognuno secondo le nostre capacità e responsabilità, ma tutti insieme, che dovunque si trovino alcool o droga, che siano più o meno accessibili, la loro vita deve svolgersi altrove. Stefania Saccardi Assessore alle politiche sociosanitarie del Comune di Firenze SULL’AREA CANI DI VIA CANOVA Sono allibita per la chiusura dell’area cani, una vasta area verde che si affaccia su via Canova, vicino all’altra vastissima area di villa Vogel, dove possono entrare solo bipedi!! La gente si lamenta per il chiasso discontinuo che fanno i cagnetti felici durante i loro giochi? Mi sembra alquanto intollerante e in contrasto con la tutela e i diritti degli animali la chiusura della suddetta area!! Sotto casa mia c’è un baracchino (vicino alla tamoil in via S. Martini) dove gli schiamazzi notturni sono all’ordine della notte e ogni volta che viene denunciato il disturbo della quiete mai nessuno interviene, e soprattutto continua a rimanere aperto e a servire alcolici oltre l’orario di chiusura!! Il tutto sotto un condominio, dove c’è gente che lavora e che si deve alzare la mattina presto per andare a lavorare!! Ma cosa fa il presidente del quartiere 4? Propone di chiudere l’area cani, unico posto dove i nostri amici a 4 zampe possono sgambettare felici, perché in altri giardini o non vi possono entrare oppure devono stare al guinzaglio, perché la gente intollerante non fa che lamentarsi!! L’abbaiare dei cani, quanto potrà durare? Non vi soggiornano certo ventiquattro ore su ventiquattro in quell’area!! Ma si chiudiamola: tanto Firenze è una città ipocrita!! Si vanta di emanare leggi sulla tutela degli animali, ma non li tutela davvero!! Lettera firmata UN “RISTORO” PER I VIAGGIATORI Alla Redazione, con la presente colgo l’occasione per segnalare la necessità un adeguato servizio turistico di accoglienza e ospitalità ai numerosi passeggeri di pullmann turistici che sostano nell’apposito parcheggio per bus turistici, credo a (considerevole) pagamento, situato a Firenze - località Varlungo - a lato del Lungarno Dalla Chiesa, al termine del viadotto del raccordo autostradale Marco Polo per/ da Firenze-Sud. Il suddetto parcheggio infatti è del tutto privo di servizi di ristoro, neppure automatici, e i bagni, che vengono aperti solo per l’occasione, risultano spesso presidiati da finti addetti questuanti - palesemente Rom - a cui nessuno degli operatori presenti (autisti, personale del box-ufficio, ecc) dice di allontararsi. Io stesso ho in alcune occasione informato della presenza di finti addetti ai bagni i vigili urbani, ma senza risultato. Auspico pertanto un apposito intervento delle preposte Autorità per garantire la possibilità di ristoro ai viaggiatori che vengono da lontano per visitare la nostra città e il termine del frequente accattonaggio abusivo ai bagni presso il parcheggio per bus turistici di Varlungo a Firenze. Lettera firmata

LE CASCINE E L’ARIA LUNGO L’ARNO Passando lungo l’Arno alle Cascine, nel tratto tra la pescaia dell’Isolotto ed il viadotto dell’Indiano, per qualche centinaio di metri l’aria è irrespirabile a causa del riversamento nel fiume, dalla riva opposta, delle acque di fogna. Due importanti cloache: il collettore Meridionale e quello delle Torri riversano insieme, con una cascata torrenziale, metri e metri cubi di acque reflue in Arno. E’ da anni che si parla di allacciare la rete fognaria posta in riva sinistra al depuratore di S. Colombano, ma fino ai nostri giorni non è successo niente di tutto ciò. A causa poi della magra estiva del fiume e della concentrazione di liquami nelle acque di rifiuto, la “pestilenza” è inaudita e non meno il carico inquinante riversato in Arno. E pensare che si va alla Cascine... per respirare un po’ di aria buona! Si organizzino pure le passeggiate ecologiche, le ripuliture di gruppo degli argini, ma non si faccia perseverare una situazione così schifosa (scusate il termine!) e malsana che rappresenta un’offesa al concetto di ecologia! Un fiorentino indignato “LE MIE CONSIDERAZIONI SULLA TRAMVIA” Egregio Direttore, con la calma della mobilità (del periodo feriale), invio queste considerazioni, che saranno a valere nei giorni caldi del traffico. Sulla linea 1 è stato detto tutto e di più, quindi parrebbe adesso necessario solo vederla funzionare. Ma purtroppo non è proprio così, perché ogni giorno si scoprono novità a dir poco allarmanti. Premetto che non faccio parte degli “anti”, ma appartengo a coloro che esigerebbero le cose fatte con intelligenza (normale) e buon senso. Mi soffermo perciò su un particolare che a mio parere di questi due elementi citati non ne ha conosciuti neppure uno. Anzi, prima di citare il problema, rivolgo Vostro tramite un appello al sindaco per cancellare un nome da una Via: G.B.Foggini. E non perché abbia qualcosa contro il grande artista, ma perché penso che vedendo egli lo scempio della tranvia in detta strada, non riesca a stare più tranquillo, là dove si troverà alcuni secoli dopo averci donate tante bellezze. Da qualche anno abbiamo imparato da altri che le rotonde sono migliori dei semafori e le pubbliche amministrazioni quando i bilanci lo permettono cercano di farle dove è possibile. La tranvia ci ha regalato nuovamente decine di semafori lungo il suo percorso, con i disagi che provocano, ed è una delle ultime scoperte, giacché in una parte del tracciato stanno entrando in funzione adesso, ma via Foggini, con 3 semafori in meno di 100 metri e con caratteristiche di servizio diverse fra loro, che sarà ben difficile coordinarli è veramente troppo, troppo, troppo. Ma il Gian Battista hanno voluto tenerlo sulla graticola più di una volta. Per chi ha seguito l’evento tranvia fin dall’inizio, non è stato difficile capire che nei progetti iniziali non era stato previsto come avrebbe girato da Via Foggini a Viale Talenti, tant’è che in una successiva progettazione a cose già compromesse si è rosicchiato un pò di sottopasso già esistente e con un tracciato abbastanza di fortuito. E questa è la prima. Ma poi non ci siamo accorti che a 200 metri di distanza traversava-


lettere

43

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it

BUCHE, PISTE CICLABILI E PERIFERIE Caro Il Reporter, sono un runner e percorro kilometri nella nostra città. Segnalo un forte disagio nel percorrere viale Della Chimera: la pista ciclabile e pedonale è ormai invasa dalla vegetazione e dai rovi che invadono la sede della pista, presenta numerosi avvallamenti e grosse crepe che rischiano di portarsi via parte dell’asfalto verso il torrente Mensola che, anch’esso, è nello stato di abbandono più totale. Mi auguro che il neoeletto sindaco Matteo Renzi dedichi attenzione alle periferie con interventi di normale manutenzione e sicurezza per i cittadini. Distinti saluti, Emilio

Gentile signor Emilio, quella della presenza di crepe e avvallamenti sulle strade è purtroppo una realtà ancora troppo diffusa nella nostra città. Dossi e buche, oltre che essere brutti da vedere, cosa ancor più grave in una città come Firenze - che è, o almeno dovrebbe essere, sinonimo di bellezza - vogliono dire insicurezza. Per pedoni, ciclisti, motociclisti e automobilisti: insomma, per tutti. E troppo spesso, anche le piste ciclabili non sfuggono a questa realtà, presentandosi in condizioni tali da rendere ancora più difficile di quanto già non lo sia la vita di chi, lodevolmente, usa i pedali per spostarsi. Il sindaco Matteo Renzi, da lei citato, ha inserito tra i suoi 100 punti (ovvero tra le priorità da realizzare per Firenze) anche la lotta alle buche nelle strade, nonchè la manutenzione e il miglioramento della rete di piste ciclabili cittadina. Staremo a vedere. E anche le periferie, che ormai periferie lo sono sempre meno grazie ai progetti in atto o in arrivo in più zone, destinati a farle diventare sempre più “centri distaccati” - meritano senz’altro l’attenzione che lei reclama, e quindi tutti gli interventi necessari per la sicurezza di chi le abita. Anche per questo motivo, per “tenere d’occhio” i lavori che vengono svolti nei vari quartieri e nei comuni in cui esce Il Reporter, da questo mese sarà presente, in ogni edizione del nostro giornale, una nuova rubrica, dal nome “Lavori in corso”: uno spazio attraverso cui ogni cittadino potrà conoscere interventi e cantieri in programma ogni mese nel proprio quartiere (o comune) di residenza, con i divieti e le modifiche al traffico che questi comporteranno. Perchè nessuno (o quasi) venga preso alla sprovvista dal cantiere di turno. Matteo Francini no la tranvia arterie di primaria importanza come Via Baccio da Montelupo e la vecchia Pisana. Era tanto difficile su un vialone come il Foggini ed il Nenni prolungare il sottopasso per 3/400 metri, impostare una bella rotonda e far dormire sonni tranquilli a tutti compreso il Foggini? E per carità non si tirino in ballo i costi; per un opera che alla fine sborseremo tante centinaia di milioni di euro, quelli necessari all’interramento erano spiccioli, ma che comunque quanti fossero stati, non avrebbero mai pesato quanto gli anni di sacrifici richiesti (particolarmente in questo tratto) ai cittadini, commercianti, aziende, persone in transito ecc.e quanti ne richiederanno in fututro il caos del traffico. Insomma, almeno questo secondo aspetto meritava l’impiego di intelligenza e buon senso diversi. Ho chiesto di cambiare nome per rispetto al grande Foggini, faccio ora una proposta per tutti noi: “Via dell’offesa all’intelligenza dei cittadini”. S.G.

BIGLIETTI ATAF, LA MIA PROPOSTA In questi giorni si sente molto parlare dei biglietti Ataf. A Firenze, come tutti sappiamo, il biglietto è il più caro d’Italia. 1,20 € non lo troviamo in nessun altra città, e sarebbe fin troppo facile fare uno scomodo confronto con Roma o Miliano (...anche a livello di qualità del servizio). Da noi invece ho sentito dire che, anzichè diminuire il costo del biglietto, si vuole aumentare la durata delle stesso da 70 a 90 minuti. Personalmente non conosco le abitudini di chi fa queste scelte, ma 70 o 90 minuti non cambiano molto. In ogni caso non è possibile fare un’andata/ritorno con annessa la commissione del caso (sfruttare pienamente il biglietto è veramente una cosa rara, non mi è mai capitato nemmeno attraversando completamente la città). Inoltre, e la casistica è molto frequente, non mi sembra giusto che chi deve fare poche fermate debba pagare comunque 90 minuti di percorrenza. Per fare un esempio banale, se un operatore telefonico avesse un unica tariffa con scat-

Diventa amico de Il Reporter su

to alla risposta da 90 (o 70) minuti non credo che riscuoterebbe molto successo. La mia proposta è innovativa: fermo restando (...se proprio non si può fare di meglio...) i 70 o 90 minuti a 1,20 €, in aggiunta si potrebbero fare dei tagli da 10 minuti ad una tariffa da stabilire (per proseguire con l’esempio dell’operatore telefonico, si tratterebbe di una tariffa flash). Ma, e qui arriva l’innovazione, si potrebbe fare un biglietto elettronico prepagato con misurazione a tempo, a fermate o, più giustamente, a km percorsi (per posteggiare l’auto, per esempio, da anni è stata predisposta una scheda prepagata da 50 €, affinchè l’utente possa pagare per l’effettivo tempo di posteggio). Visto che su tutti gli autobus ci sono già delle obliteratrici “intelligenti”, basterebbe metterne un’altra in prossimità dell’uscita (o alle fermate) per completare lo Start/stop del biglietto elettronico. Disponibilissimo a sviluppare quanto sopra scritto, porgo i miei più cordiali saluti. Fosco N. L’ATTIVITA’ DELL’A.N.R.A.C. ALLE PIAGGE Gentile giornalista de Il Reporter, in merito al suo articolo su le “Piagge” del Luglio 2009, come Presidente Nazionale dell’A.N.R.A.C., Associazione culturale senza scopo di lucro basata sull’impegno volontario di artisti e operatori culturali, mi rammarico che Lei in esso non abbia fatto cenno alla nostra presenza operosa nel Quartiere. Le rammento che l’A.N.RA.C. è attiva alle “Piagge” da quasi 4 anni, che in tale periodo ha organizzato circa 200 mostre di pittura, scultura, fotografia, poesia ed altro accompagnando spesso tali esposizioni con feste per i bambini e gli abitanti del quartiere. Il nostro impegno culturale è stato così apprezzato dalla popolazione che si stima che in questi 4 anni il nostro spazio espositivo permanente sia stato frequentato da oltre 15.000 visitatori. Le sarei grato qualora le capitasse di nuovo di interessarsi della zona “le Piagge” di ricordarsi di questa attività. Colgo l’occasione per invitarla a venire a conoscerci presso la nostra sede al Centro Commerciale “Le Piagge” in via Lazio 10/7. Il Presidente Nazionale A.N.R.A.C. Alessandro Bolognesi GIARDINI DI VIA GRAN BRETAGNA, “CHI DEVE CONTROLLARE?” Gentili signori, non posso fare a meno di commentare tre articoli del vs. ultimo numero, che in buona sostanza sono collegabili, e si rifanno alla vivibilità del Quartiere 3. Leggo l’ intervista al confermato Presidente del Quartiere, ed allibisco nell’apprendere che questi sia soddisfatto del numero di preferenze personali che ha raggiunto, 449; a me pare che il rapporto possa essere riconsiderato, ove si tenga conto del numero complessivo dei votanti, che non conosco, ma che posso supporre sia intorno ai 15/18.000; mi sembra sia evidente a circa 10.000 egli sia indifferente, mentre gli altri non lo hanno votato; ecco si dovrebbe preoccupare più di tutti questi, più che compiacersi degli altri. Io penso che l’opera di un Pubblico Amministratore, così come nella vita privata, sia cercare di risolvere i proble-

mi difficili, perché fare una fontanella, piantare alberi, fare una fogna, asfaltare, sia alla fine un ns. sacrosanto diritto, non solo di vederlo fare, ma di vederlo fare anche bene, visto tra l’altro, che lo paghiamo. Anche la questione dell’Oratorio di Via Villamagna, di cui oggi si parla tanto, ma deve emergere perché la gente protesta? Non ci era mai passato nessuno davanti? Ma veniamo a dove il dente duole; io abito in Via Gran Bretagna, dove fino ad un anno e mezzo or sono non ci si poteva lamentare più di tanto. Come noto da tempo, il giardino è divenuto luogo abituale di incontro di un nutrito gruppo di giovani, e non voglio qui ripetere la descrizione di quello che vi succede, dal primo pomeriggio (a scuole chiuse, altrimenti dal mattino) all’una, le due della notte; basta andare a rileggere quanto avete già scritto. Chi deve garantire la mia tranquillità e quella dei miei vicini? (ma voglio parlare solo per me); chi mi deve proteggere dal fatto che questo assembramento non mi provochi anche nocumento al patrimonio immobiliare sotto forma di svalutazione, per i disagi evidenti? Penso le istituzioni. Con lettera del 21/8/2008 , il presidente mi scrisse che aveva in animo più iniziative, metodi nuovi, sui quali non poteva dirmi per motivi di riservatezza. Ebbene un anno dopo siamo allo stesso punto, anzi peggio, perchè questi giovanotti/e sono cresciuti, ed in più mi tocca anche sorbirmi gli impianti stereo delle macchine, che si sono aggiunte ai motorini, rumorosissimi, manovrati con assoluto disprezzo del rispetto dei vicini. Volevo aggiungere qualcosa anche sullo svuotamento degli oratori; oltre 50 anni or sono lo frequentavo, quando la Chiesa di Piazza Della Costa era in un anonimo fabbricato; penso che il motivo per cui oggi non lo si frequenti più tanto sarà certamente perché siamo nell’era della Play Station, ma anche perché allora, come sono sicuro oggi, vi si insegnava l’educazione; non si scriveva sui muri, non si smoccolava, non si facevano rutti a tutto volume, non si gridava c… qua, vaffa là. Oggi meglio andare ai giardinetti dove non ti dice nulla nessuno e si fa il proprio comodo; io non ho mai visto un vigile; lo ha forse mandato il Quartiere? Certamente i danni qualcuno li vede perché sia i lampioni che le panchine vengono manutese. Un mesetto e mezzo or sono una mia temeraria vicina ha fermato una vettura dei Carabinieri che passava di qua, e loro diligentemente hanno fatto un intervento, un’ora di tranquillità! Cordiali saluti Lettera firmata GRAZIE AL CHICCHIRICHÌ Caro Reporter, ti sarei grato se volessi ringraziare da parte mia il proprietario di un “galletto” che spesso sento cantare.Ho sempre voluto bene alla campagna fin da bimbo e questa “piccola voce”, che viene dal Viale Righi-Viale Bassi me la fa ricordare e rivivere. Mi permette di sognare. Grazie. F.S.


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Concerti Pooh 17 settembre Nelson Mandela Forum Anticipato dall’omonimo brano inedito, è uscito “Ancora una notte insieme”, l’ultimo (doppio) album di Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Stefano D’Orazio e Red Canzian. Il disco segna l’uscita dal gruppo dei Pooh del batterista Stefano D’Orazio, dopo 38 anni di carriera artistica con i “fab four” italiani, che hanno venduto oltre 25 milioni di album e 23 milioni di singoli. “Ancora una notte insieme” (su etichetta Atlantic/Tamata e distribuito da Warner Music Italy) non è la solita raccolta celebrativa, ma un disco con un concept e una motivazione ben precisi: nasce dalla voglia di raccogliere, per l’ultima volta tutti insieme, i brani che i Pooh hanno cantato a quattro voci e nei quali ognuno di loro ha dato una sua personale “lettura“ degli argomenti trattati. I racconti singoli, all’interno della stessa canzone, di quattro compagni di avventura che si confrontano con visioni della vita e con caratteri magari diversi tra di loro. E questo spirito di unione e di confronto lo ritroviamo anche nella title song “Ancora una notte insieme“, un brano scritto apposta per questo momento particolare, dove i Pooh, con lo stile che li ha contraddistinti fino ad oggi, condividono e riescono a cantare la partenza di uno di loro ancora una volta insieme e non contro. Nel rispetto per la scelta di un amico. Motel Connection 19 settembre Viper Theatre La stagione di concerti del Viper Theatre si apre il 19 settembre con il concerto dei Motel Connection, band nata nel 2000 dall’incontro di Samuel, voce dei Subsonica, Pisti e Pierfunk (ex bassista dei Subosonica). A Firenze portano il loro repertorio insieme agli ultimi

successi, che anticipano l’uscita dell’album H.E.R.O.I.N. , prevista per il gennaio 2010. Peter Murphy 1 ottobre Viper Theatre

Realtà manipolate. Come le immagini ridefiniscono il mondo Dal 25 settembre al 17 gennaio 2010 Strozzina – Palazzo Strozzi

Il nuovo progetto del Centro per la cultura contemporanea Strozzina analizza Il leader dei Bauhaus, goth rock band il tema della manipolazione e della ricobritannica, arriva in Italia per un tour struzione della realtà tramite l’immagine con il suo attesissimo progetto solista. fotografica e video nei lavori di ventitré Peter Murphy, insieme a personaggi del artisti contemporanei internazionali. In calibro di Robert Smith (Cure), Siouxsie esposizione i lavori di artisti che esaltaSioux (Siouxsie & The Banshees) e Ian no le potenzialità delle nuove tecniche Curtis (Joy Division) rappresenta senza video-fotografiche rifiutando processi di dubbio alcuno una figura di primaria post-produzione. I lavori in mostra creimportanza per quanto riguarda la sce- ano visioni inedite del mondo giocando na musicale inglese e mondiale degli con le aspettative dell’osservatore. anni 80. Album come “In the flat feld”, “Mask”, “The sky’s gone out” e “Burning Il fasto e la ragione. Arte del from the inside” sono autentiche pietre Settecento a Firenze Fino al 30 settembre miliari. Galleria degli Uffizi

Le mostre

Shooting Marinetti. Le parole del Futurismo Dal 17 settembre

Biagiotti Progetto Arte

In occasione delle celebrazioni per il centenario del Manifesto Futurista, la galleria Biagiotti una mostra un po’ speciale, dove un gruppo di giovani artisti è stato chiamato a raccontare/interpretare il futurismo visto coi propri occhi. Le curatrici della mostra sono Flavia Fiocchi e Debora Ercoli. Ginna Futurista. Armonie e disarmonie degli stati d’animo Fino al 20 settembre Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti Mostra dedicata al maestro Arnaldo Ginanni Corradini, in arte Ginna e organizzata alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti in occasione del centenario del movimento Futurista.

120 tra sculture, dipinti e complementi d’arredo per tracciare i contorni dell’arte del Settecento a Firenze, che pur non avendo influenzato in modo in modo determinante l’aspetto della città, ha rivisitato in chiave neoclassica e tardo barocca il gusto del diciottesimo secolo all’ombra dei campanili fiorentini. Il Fasto e la ragione, ne rappresenta una sorta di summa, che porta nei locali della galleria degli Uffizi i più begli esempi di un secolo troppo spesso dimenticato.

Sagre e feste Festa dell’Uva Dal 26 al 28 settembre Impruneta – Firenze Una tradizione che dura da 83 anni con il saluto del sindaco e la tradizionale sfilata dei carri allegorici dei quattro rioni della cittadina alle porte di Firenze. Una lotta all’ultimo carro per la grande sfida a suon di colori, coreografie e colpi di scena. Tutto intorno l’atmosfera tipica del Chianti fiorentino, con degustazioni

di piatti tipici, buon vino e il tepore che riscalda belle giornate di inizio autunno. Sagra del capitone 18 settembre Sasso d’Ombrone – Grosseto Degustazione di piatti tipici nella più tradizionale cornice della campagna grossetana, il tutto annaffiato da una buona dose di vino. Le massaie del posto prepareranno il celebre capitone “alla barbarossa”, oltre ad altre specialità come l’anguilla in umido. Sarà inoltre possibile visitare mostre, assistere a degli spettacoli e prendere parte all’iniziativa “cantine aperte”.

Teatro La stagione Dal 17 novembre

Teatro della Pergola

Con un po’ di ritardo, dovuto alla fine dei lavori di adeguamento del teatro, è stata presentata la stagione 2009/2010 della Pergola. Conta ventuno spettacoli e tra questi spicca una grande attenzione agli autori italiani tra classicità e novità. Dal Goldoni di Servillo al Soldati di Bosetti, da un Savinio poco noto fino al premio SIAE Clementi che porta sulla scena Ornella Muti. Un doppio ricordo di Eduardo nel venticinquesimo anniversario della scomparsa con Luigi De Filippo e Geppy Gleijeses, e tre variazioni di Pirandello. Glauco Mauri e Gianmarco Tognazzi portano tocchi di “noir” con richiami al cinema, mentre la “strana coppia” D’Abbraccio/Pozzi e Debora Caprioglio corteggiano la commedia leggera. Una sapiente pennellata di Shakespeare, con Lorenzo Lavia e una di Dostoevskij dalla mano di Tato Russo; e poi Ugo Chiti, Sandro Lombardi e Federico Tiezzi. Dopo diciassette anni torna un allestimento di Luca Ronconi, mentre Maurizio Scaparro rende omaggio alla poesia e al fascino dell’Oriente con Polvere di Bagdad. Immutate le formule di abbonamento.


annunci immobilari

45

un aiuto prezioso a casa tua le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali VALDARNO

1-2 VANI

SESTO FIORENTINO Appartamenti 2 3 - 4 - 5 vani con possibilità giardino mansarda, posto auto e garage. A partire da EURO 155.000

PIAN DI SCO’ Appartamento Al Piano secondo ed ultimo di una bifamiliare completamente restaurato cucina in muratura due camere grandi grande bagno ottimo soffitta e grande cantina da usare anche come rustico libera RIF 00162 EURO 150.000 983902

983902

☎ 055.2346239

☎ 055 959151 - 347 9367402

4 VANI

FIRENZE BAGNO A RIPOLI COLLINA Delizioso appartamento con ingresso indipendente di mq. 50 composto da soggiorno con angolo cottura, vano guardaroba con finestra, bagno al piano terra e camera marimoniale al piano primo. Finemente ristrutturato. € 220.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI , Vallina, al secondo ed ultimo piano, delizioso appartamento completamente ristrutturato composto da angolo cottura/ soggiorno, camera matrimoniale , 2 servizi oltre ampia soffitta € 220.000,00 ☎335 7678437 CAMPO DI MARTE Con Affacci Nel verde disponiamo di ampio bilocale di nuova ristrutturazione composto da ampio ingresso soggiorno angolo cottura camera matrimoniale ripostiglio e servizio.termosingolo € 199.000 ☎055 0515231 CAMPO DI MARTE in ediicio di nuova costruzione delizioso bilocale composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, bagno e corte esclusiva. € 220.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 LIBERTA’ in palazzo signorile luminoso ottimamente rifinito dispiamo di varie tipologie immobiliari tutte completamente ristrutturate con rifiniture lusso termosingolo balconato a partire da € 188.000,00 ☎055 0515231 SAN MARCELLINO 2107 Piccola palazzina silenzioso luminoso ristrutturato sala camera cucinotto servizio con finestra cantina carrabile € 220.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

3 VANI FIRENZE ANTELLA in zona centrale, delizioso appartamento finemente ristrutturato con ingresso indipendente, composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, cameretta, bagno, ripostiglio e corte esclusiva. € 260.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

FIRENZE ATTICO zona Europa pressi 100 mq con terrazza di 50 mq, composto da ampia cucina, sala grande , 2 camere, 2 bagni. Parquet, termo singolo,aria condizionata. Molto panoramico e si☎335 7678437 lenzioso € 490.000,00 CAMPO DI MARTE Appartamento mq.90 composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere matrimoniali, bagno, ripostiglio e cantina. € 370.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CAMPO DI MARTE luminoso e completamente ristrutturato di ampia metratura composto da ampio salone doppio due camere doppi servizi ripostiglio conclude la proprieta’ ampia terrazza possibilita’ di acquisto giardino. € 420.000,00 ☎055 0515231 CURE ALTE Appartamento di 3 vani e mezzo luminoso e silenzioso al 3º e ultimo piano: soggiorno doppio, cucinotto indipendente, camera matrimoniale, studio, servizio, balcone,soffitta. Panoramico vista duomo e collina, travi a vista, termosingolo. Rif. G349 € 310.000 trattabili ☎055 6810882 ELLERA In caratteristico immobile quadrifamiliare, appartamento al primo ed ultimo piano di mq. 80 composto da sala doppia, cucinotto, due camere, bagno, ripostiglio, soffitta, posto auto in cortile recintato con cancello automatizzato e piccolo giardino ad uso esclusivo. Ottime condizioni. € 295.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 FIRENZE SUD , zona gualchiere, al piano terra di piccolo terratetto, appartamento in perfette condizioni di 90 mq composto da ampia cucina, sala, 2 matrimoniali, bagno e stanzina lavanderia.molto silenzioso. Ottimo rapporto qualità/ ☎335 7678437 prezzo € 240.000 GRASSINA ampio 4/5 vani totalmente da ristrutturare, ingresso indipendente, no condominio, giardino privato di 150mq, posizione centralissima, contesto silenzioso e riservato. Possibilità posto auto doppio. Rich. 370.000/00 (420.000 con posto auto). Ottime potenzialità. ☎055 6810882 NOVOLI-PUCCINI appartamento mq. 95 composto da 4 vani ingresso ampio armadio a muro soggiorno cucina 2 camere bagno ripostiglio e 3 terrazzi. Possibilità garage. L’immobile è dotato di aria condizionata rif. L2206 www.casasi.it € 285.000 ☎055 355752 PIAZZA PIER VETTORI Appartamento perfettamento ristrutturato di mq. 80, composto da 4 ampi vani oltre doppi servizi, delizioso giardino e cantina. Possibilità seconda cantina. € 400.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656

BAGNO A RIPOLI delizioso appartamento in piccola palazzina al secondo ed ultimo piano composto da ingresso, cucina abitabile, salotto con camino, camera nel sottotetto, bagno, ripostiglio e soppalco. € 225.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

VALDARNO

CAMPO MARTE PRESSI VIA MARCONI in strada tranquilla appartamento di 3 vani mq. 60 composto da ingresso soggiorno cucina abitabile camera bagno oltre ripostiglio terrazzo e cantina. Il termo è centrale a metano rif. L2226 www.casasi.it € 260.000,00 ☎055 355752 NOVOLI PRESSI POLO Universitario appartamento 3 vani mq. 60 composto da ingresso con soggiorno cucina abitabile 2 camere bagno ripostiglio e terrazzo. L’immobile è in buone condizioni ed è libero subito rif. L2224 www.casasi.it € 235.000 ☎055 355752 NOVOLI UNIVERSITÀ In contrada silenziosa, al piano terra rialzato, ampio tre vani: ingresso/ disimpegno, grande soggiorno, cucina, camera, servizio, piccolo balcone. Seconda camera facilmente realizzabile, ottimo anche come investimento per messa a reddito. Rif.s355 € 220.000 trattabili ☎055 6810882 OBERDAN ADIACENZE in palazzo d’epoca al piano seminterrato con ingresso indipendente app.to di mq.68, ingresso-sala, cucina abitabile, camera matrimoniale, bagno, completamente ristrutturato, risc.singolo, no balcone€ 260.000 trattabili uso abitazione o ufficio € 260.000 ☎347 6143007 VIA DEL ROMITO ottimo appartamento di 60 mq. Composto da ingresso cucina ampia soggiorno camera bagno oltre ripostiglio e due balconi. Il termo è centrale a metano rif. L2220 www.casasi.it € 225.000 ☎055 355752

CAMPO DI MARTE piano alto con ascensore perfettamente rifinito panoramico sul duomo ampia metratura appartamento composto da ingresso sala tre camere cucina abitabile servizio termo☎055 0515231 singolo € 475.000 CAMPO MARTE- Traversa Via Lungo l’affrico-in strada tranquilla bell’appartamento molto luminoso di ca. 110 mq al 1º piano con ascensore in palazzo signorile composto da ampio salone con grandi finestre su terrazza abitabile,2 camere matrimoniali, cucina con grande terrazza,bagno e ripostiglio.cantina.s542 € 410.000 trattabili ☎055 6810882 COVERCIANO in strada privata in piccola palazzina appartamento in buono stato generale composto da salone doppio due ampie camere matrimoniali cucina abitabile doppi servizi ripostiglio e ampie terrazze conclude la proprieta’ canina e garage. € 550.000,00 ☎055 0515231 COVERCIANO traversa tranquilla e silenziosa di via d’annunzio, bel 5 vani al primo piano: cucina abitabile oltre tinello, grande soggiorno, due camere matrimoniali, una singola servizio con finestra, grande ripostiglio, possibilità secondo bagno. Terrazza tergale. Soffitti alti. Rif. S541 € 410.000 trattabili ☎055 6810882 VIA MARAGLIANO PRESSI in palazzo ristrutturato ottimo appartamento di 103 mq. Composto da ingresso soggiorno cucina 3 camere biservizi e 2 terrazze. Il termo è singolo rif. L2202 ☎055 355752 www.casasi.it € 390.000

OLTRE 5 VANI FIRENZE ATTICO EDISON in stabile signorile panoramico su monumenti e colline libero su tre lati divisibile doppi ingressi salone triplo tre camere matrimoniali cucin abitabile doppi servizi terrazzato possibilià di acquisto di garage e cantina € 800.000,00 trattabili ☎055 0515231 BAGNO A RIPOLI Appartamento mq. 160 composto da sala doppia, cucina, tre camere, mansarda, tripli servizi, terrazza abitabile e panoramica, soffitta, cantina e garage. € 680.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

5 VANI FIRENZE BARGELLO P.zza San firenze, in palazzo storico, appartamento signorile, panoramico, con affacci su bargello e tribunale. Ampio salone doppio di rappresentanza, cucina, due camere, due bagni, per una superficie complessiva di mq140 circa. Restauro di pregio, materiali finissimi, contesto ☎055 6810882 esclusivo.

TERRATETTI FIRENZE COLLINARE ROSANO in delizioso contesto, nel verde, terratetto di nuova costruzione composto da cucina/soggiorno, 2 camere, 2 bagni, garage, giardino, terrazzo; termo singolo, super accessoriato, volendo arredato con cucina e armadi su misura, nuovi. € 320.000 trattabili ☎335 7678437 FIESOLE a 8 km dalla piazza, terratetto su due livelli composto da piano terreno: 2 ampie stanze con bagno e ripostiglio, piano primo: cucinotto arredato, sala con camino e veranda chiusa sul giardino, 2 camere, 1 bagno, giardino mq. 500 circa, ampio spazio coperto per posti auto. Prezzo richiesto € 600.000 ☎055 461912 - 329 0209501 INVESTIMENTO PER FRAZIONARE Grassina, posizione centrale, ampia struttura da recuperare, in buone condizioni, per complessivi mq 400 su due livelli, oltre a giardino tergale e spazio frontale per posti auto. Perfetta per essere frazionata in più unità abitative,ampi margini per ottimo ☎055 6810882 investimento. MERCADANTE finemente ristrutturato su tre livelli ampia metratura composto da ingresso ampio salone sala pranzo con camino tre camere cucina abitabile taverna tripli servizi cantina soffitta conclude la proprietà un ampio giardino e terrazza abitabile termosingolo climatizzato € 699.000,00 ☎055 0515231

FIESOLE in quadrifamiliare perfettamente rifinita doppi ingressi salone triplo tre camere cucina abitabile doppi servizi oltre ad annesso composto da soggiorno camera cucina servizio conclude la proprieta' terrazzi e giardino di 160 mq box auto e due posti auto EURO 840.000 TRATTABILI

1013972

☎ 055 0515231

FORBICI PRESSI in palazzina dei primi '900 bilivelli finemente ristrutturato doppia esposizione ingresso salone doppio due camere matrimoniali studio cucina abitabile oltre a mansarde praticabili doppi servizi conclude la propieta'balcone e terrazzo a tasca impianto di allarme termosingolo climatizzato EURO 550 TRATTABILI

☎ 055 0515231

FRANCIA Signorile panoramico ultimo piano 2 saloni 3 camere matrimoniali cucina 3 servizi terrazza balconi soffitte ripostiglio 2 garage € 950.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233 MASACCIO ,ultimo piano di 10 vani 200mq con terrazzo panoramico su firenze oltre garage.volendo divisibile € 900.000 trattabili ☎335 7678437 OBERDAN in contesto molto signorile libero su tre lati ampia metratura con affacci nel verde ampio ingresso salone tre camere matrimoniali studio cucina abitabile doppi servizi balconato ripostiglio termosingolo climatizzato € 620.000,00 ☎055 0515231 PERETOLA-QUARACCHI ampio appartamento di mq 120 composto da cucina abitabile con grande terrazza, salone triplo con terrazza, 2 camere matrimoniale, ripostiglio, aria condizionata, terzo ed ultimo piano con ascensore, garage di 26 mq posto auto. Vero affare. Prezzo richiesto 255.000 non trattabili ☎055 461912 - 329 0209501 PIAZZA OBERDAN in palazzo d’epoca piccolo condominio al piano terreno rialzato app.to di mq. 160, 7 vani doppi servizi con terrazzo abitabile di mq.60 risc.singolo uso abitazione o uf☎347 6143007 ficio SAN JACOPINO bellissimo attico di 140 mq unico al piano con 3 entrate, terrazza mq 150, volendo divisibile, adatto a 2 famiglie. Prezzo ☎055 461912 - 329 0209501 interessante

CAPANNUCCIA Porzione angolare di colonica superbamente ristrutturata con giardino e terreno di circa mq. 8.500 recintato, pianeggiante ed accessoriato con due annessi agricoli. Da amatori. € 780.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656 FIESOLE/COMPIOBBI immersa nel verde meravigliosa porzione in pietra di colonica del 1200, con giardino e posti auto composta da salottino d’ingresso, salone con termo camino, cucina abitabile in muratura, 2 camere, 2 bagni, lavanderia, soffitta. Restauro conservativo, contesto di ☎335 7678437 grande pregio € 600.000 FIESOLE collinare, prozioni di ville, con restauro conservativo, cotto, travi a vista, giardini e piscina condominiale. Oggetti di grande pregio a partire ☎335 7678437 da € 500.000 OLMO, pressi, spettacolare villa in pietra, circa 450 mq libera su 4 lati circondata da enorme parco, possibilità di frazionarla in più unità. Trat☎335 7678437 tativa riservata. OLMO antico complesso colonico libera su 4 lati villa su vari livelli composta da ingresso studio salone doppio tre camere cucina abitabile tripli servizi terrazza abitabile-veranda conclude la proprieta’ ampio giardino di oltre 3000 mq piscina vari posti auto. € 1.200.000,00 ☎055 0515231 PICILLE (BARATRO) Picille (baratro) terreno a gradoni di mq.25.000 con viti, ulivi e alberi da frutto, con piccolissimo annesso (mq.7) da ristrutturare con pozzo, artesiano di proprietà€ 120.000. Ottimo per investimento € 100.000,00 trattabili ☎347 6143007 REGGELLO PIETRAPIANA immerso nel verde stupendo fienile finemente ristrutturato, composto da soggiorno con camino, cucina, due camere, doppi servizi, ripostiglio, ampia lavanderia, pergolato e giardino olivato di circa mq. 3.300 recintato. € 390.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656 SCANDICCI Oggetto unico sulle prime colline, fienile completamente e finemente ristrutturato, 3 camere, salone con soppalco a vista, grande cucina arredata, cantina con pietra a vista, doppi servizi, giardino di mq.1400 con cucina d’estate panoramico oggetto unico. ☎055 461912 - 329 0209501

VALDISIEVE

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

1013973

FIGLINE VALDARNO Appartamento Al Piano secondo ed ultimo di un piccolo condominio quadrifamiliare subito libero, grandi stanze composto da cucina abitabile con cucinotto, soggiorno con caminetto terazze 2 camere grandi e bagno garage di mq 45 ottimo RIF 00373 EURO 240.000 TRATTABILI ☎ 055 959151 - 347 9367402 983901

SCIPIONE AMMIRATO adiacenze in villino prestigioso app.to di mq.350 circa posto al 1º e 2º piano senza ascensore, completamente ristrutturato, 2 posti auto, terrazzo abitabile panoramico in torretta, ottime rifinuture, € 1.150.000,00 ☎347 6143007 VILLAGGIO PRIMAVERA Signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprietà 2 garage cantina € 600.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

ANTELLA in contesto signorile, villetta quadrifamiliare con giardino, caratteristico appartamento di 170 mq composto da cucina abitabile , n.2 saloni, 4 camere, 3 bagni oltre cantina e posto auto al coperto. Ottime condizioni molto luminoso e silenzioso. € 780.000 trattabili ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a camera e 3ºbagno.completano la proprietà deliziosa depandance di circa 80 mq.ideale per due ☎335 7678437 nuclei familiari.tratt.riservata BAGNO A RIPOLI , colline , 3 km da v.le europa, in splendido contesto, porzione di villa storica con parco vista firenze, composta da grande cucina, salone doppio, 4 camere, 3 servizi, cantina ☎335 7678437 .trattativa riservata BAGNO A RIPOLI ,in strada silenziosa, delizioso terrattetto anni ’30, su due livelli con giardino.ampio ingresso, cucina, grande sala,3 camere 2 ba☎335 7678437 gni € 580.000 FIESOLE collinare, meravigliosa porzione di villa appena ristrutturata, libera su 3 lati con giardino e vari accessori tra cui piscina condominiale, salone, cucina, lavanderia, 2 matrimoniali, 2 bagni. Grande pregio € 890.000 trattabili ☎335 7678437 GRASSINA/IMPRUNETA villa con giardino libera su 4 lati, 180 mq , composta da salone con camino, cucina abitabile, 2 bagni, 2 camere oltre taverna e garage ( possibilità 3a camera) € 590.000 ☎335 7678437 SAN DOMENICO in contesto esclusivo villa immersa nel verde su vari livelli di complessivi 500mq oltre a grande terrazza panoramica e 2000 mq complessivi di giardino concludono la propietà piscina e vari annessi ☎055 0515231 STRADA IN CHIANTI in zona silenziosa e nel verde, terratetto libero su 3 lati di recente costruzione,su due livelli composta da cucina abitabile, sala molto grande, 3 camere, 2 servizi oltre garage e giardino privato di 150 mq.perfette con☎335 7678437 dizioni € 430.000,00 VILLAMAGNA villetta bifamiliare già divisa in due appartamtentidi 105 mq e 75 mq: 1ºapp.to- cucina, sala, 2 camere, bagno;2ºapp.to- 2 sale, cucina, bagno, camera. Completano la proprietà lavanderia, cantine, giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 630.000 tratta☎335 7678437 bili

COLONICHE

E

TERRENI FIRENZE

A GRASSINA bella porzione di colonica libera su 3 lati con grande parco di oltre 5.000 mq, composta da grande cucina con camino, 2 sale di cui una con grandi vetrate , 3 camere, 2 bagni € 780.000 ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI , caratteristica porzione di colonica finemente ristrutturata composta da salone con camino, cucina, sala pranzo, 3 camere, 2 bagni, studio e stanza lavanderia, completano la proprietà 500 mq. Di giardino € 730.000 trat☎335 7678437 tabili

COLLINE MOLINO DEL PIANO ex fienile libero su 4 lati perfettamente ristrutturata, cucina/ taverna, grande salonetravi a vista , 3 camere, 2 bagni (possibilità quarta camera). Terreno di 13.500 con ulivi ottima esposizione, bellissimo ☎335 7678437 panorama € 530.000,00 MOLINO DEL PIANO collinare, porzione di colonica in pietra, libera su 3 lati , ristrutturata, composta da cucina in muratura, salone con camino, 4 camere 2 bagni, loggia coperta oltre 1 ettaro ☎335 7678437 di terreno € 850.000 trattabili

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

GARAGE

RIPOLI Fondo commerciale con sporto su strada completamente ristrutturato servizio € 180.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

UFFICI

E

NEGOZI

PONTE A EMA Ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani più servizi due sporti su strada possibilità cambio di destinazione d’uso € 190.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

AFFITTI OFFERTA FIRENZE BIVIGLIANO in piccolo condominio monolocale di mq.27 con ingresso indipendente completamente ristrutturato ed arredato, no balcone libero da settembre 2009, contratto uso transitorio solo referenziati con busta paga € 500 ☎347 6143007 CAMPO MARTE/COVERCIANO Barellai-affittasi bell’appartamento su 2 livelli al 2º piano di piccola palazzina completamente arredato:al p.t.grande salotto, camera matrimoniale, cucina abitabile e servizio. Al piano superiore altra camera,sottotetto sfuttabile come camera ospiti e bagno.terrazza a tassca e affacci nel verde.silen☎055 6810882 zioso. € 1.300 trattabili OLTRARNO-SAN FREDIANO Affittasi al 3º piano delizioso e caratteristico appartamento recentemente ristrutturato e completamente ben arredato composto da cucina, soggiorno, camera matrimoniale e bagno con finestra. Parquet e travi a vista. Termosingolo e aria condizionata.preferiti ☎055 6810882 affitti transitori. € 870 PIETRO TACCA PRESSI In via meravgliosa alle pendici del piazzale michelangelo affittasi villetta di 120 mq,libera su quatro lati e con giardino di ca. 300 mq. Posto auto davanti all’ingresso.3 camere,,salotto,cucinotto, doppi servizi , lavanderia. Completamente arredato.allarme.preferibile contratto transitorio rinnovabile . € 2.000 ☎055 6810882 VIA NOVE FEBBRAIO zona Ponte Rosso in palazzo di 5 piani con ascensore, delizioso attico di 40 mq circa, adatto a giovane coppia, composto da cucinotto arredato, ingresso, zona giorno open space, camera matrimoniale con armadio, bagno. Circondato da terrazza panoramica di circa mq.100, 1 posto auto privato. Solo referenziati. 850 mensili compreso spese condominiali con riscaldamento ☎055 461912 - 329 0209501


46

annunci immobilari

Settembre 2009

A TINM I UL IB LE SPO DI


annunci immobilari

47 A SOFFIANO PALAZZETTO S. CARLO

IN STRADA INTERNA PRIVATA sorgerà una nuova ed elegante palazzina di 3 piani. Gli appartamenti, di varie tipologie e metrature (3-4-5 vani), avranno finiture di ottima qualità e saranno dotati di tutti comfort abitativi. Consegna fine 2009

SONO DISPONIBILI posti auto scoperti o garage al piano terra di varie metrature, dai 18 ai 50 mq

a partire da

Euro 280.000

Via di Soffiano, 166/A FIRENZE Tel. 055-0517385 Cell. 335-231591 335-304653

COSTRUISCE E VENDE DIRETTAMENTE

www.decimaprima.com

FIRENZE 5 VANI LUNGARNO DEL TEMPIO In palazzo signorile 2ppartamenti stesso piano luminosissimi panoramici ampie metrature divisibili ingresso salone doppio 3 camere doppi servizi cucina abitabile 2 servizi cantina balconi a partire da Euro 530.000

FIRENZE OLTRE 5 VANI VILLAGGIO PRIMAVERA Signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprietà 2 garage cantina Euro 600.000/00 FRANCIA Signorile panoramico ultimo piano 2 saloni 3 camere matrimoniali cucina 3servizi terrazza balconi soffitte ripostiglio 2 garage Euro 950.000

cabservicesrl@virgilio.it

GARAGES

TUTTI GLI APPARTAMENTI sono dotati di: antifurto perimetrale e volumetrico, impianto TV satellitare, videocitofono, aria condizionata, portoncino ingresso blindato, finestre con vetro camera e zanzariere incassate negli infissi

ULTIMO APPARTAMENTO DISPONIBILLE in villa storica del 1700 accuratamente ristrutturata, con particolari d’epoca originali, caratteristico ed unico appartamento in torretta, di 3,5 vani con doppi servizi, terrazzino e posto auto. Finiture ed accessori di altro pregio. L’APPARTAMENTO È CORREDATO di videocitofono, impianto tv satellitare, aria condizionata, portoncino blindato, finestre in classe risparmio energetico, finestre a tetto telecomandate

Euro 280.000

Tel. 055.662898 Cell. 346.2180611

MAZZINI pressi Stabile signorile ampia metratura divisibile silenzioso luminoso ingresso salone triplo 6 camere due vani cucina doppi servizi terrazzino e giardino di proprietà Euro 1.200.000

FIRENZE FONDI COMMERCIALI VENDITE GIANNOTTI In ottimo contesto luminoso silenzioso ufficio di rappresentanza 5 vani possibilità open-space climatizzato impianti a norma posto auto Euro 480.000 GAVINANA Ampio fondo commerciale con 2 sporti su strada 150mq circa ottime condizioni doppi servizi Euro 630.000 PONTE A EMA Ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani più servizi due sporti su strada possibilità cambio di destinazione d’uso Euro 190.000

LARGO P. P. BOSCOLI 7 TEL. 055

info@decimaprima.com

RIPOLI Fondo commerciale con sporto su strada completamente ristrutturato servizio Euro 180.000

VIA ARETINA

BELLARIVA

TALENTI

Garages in corso di realizzazione, automatizzati, varie metrature

Garages di nuova realizzazione, automatizzati, varie metrature, in pronta consegna

IN PICCOLO COMPLESSO IMMOBILIARE INDIPENDENTE APPARTAMENTI DI NUOVA REALIZZAZIONE BILOCALI E QUADRILOCALI CON POSSIBILITA’ DI POSTO AUTO O GARAGE

A PARTIRE DA EURO 195.000

DIRETTAMENTE DAL COSTRUTTORE

1035693

SCANDICCI - VILLA IL BORGO

1042826

Bagno a Ripoli

Via Pian dei Giullari

COLLINA a 5 minuti da Viale Europa bellissima villa bifamiliare composta da due unità abitative ciascuna così costituita: mq 200 circa oltre giardino di mq 400 composta da 3 camere matrimoniali, tripli servizi, salone triplo con camino, cucina e lavanderia. Ampio parco. Posti auto.

DELIZIOSO appartamento di 70 mq finemente ristrutturato, cotto, travi a vista, composto da ampio soggiorno, cucinotto, due camere, 1 bagno, un soppalco arredo e una piccola terrazza panoramicissima.

Vendibile anche separatamente

Oggetto unico

FIRENZE ATTIVITA’ COMMERCIALI

GAVINANA Attività avviata ricevitoria, tabacchi, ricariche telefoniche, tessera autobus, sporto su strada, servizio, in fondo completamente ristrutturato Euro 220.000

FIRENZE FONDI COMMERCIALI AFFITTI

GAVINANA Ampio fondo commerciale con sporto su strada resede e cantina Euro 800/00 EUROPA Silenzioso nel verde intero villino uso ufficio ingresso segreteria 3 stanze servizio cucinotto soffitta ampio garage 2 posti auto Euro 1150/00 GAVINANA Ampio appartamento 6vani uso ufficio silenzioso luminoso ristrutturato impianti a norma giardino no condominio adatto a studi professionali Euro 1800 GIANNOTTI In ottimo contesto affittasi ufficio di rappresentanza 5 vani possibilità open-space climatizzato impianti a norma posto auto Euro 2000

68.00.095

1035768

1029855

Tel. Cell.

055 46.19.12 329 02.09.501

www.primaprogetti.it


1053008


Il reporter-Quartiere 3-settembre 2009