Issuu on Google+

Il Giornale del tuo Quartiere 1013960

VALUTAZIONI GRATUITE E SENZA IMPEGNO AFFILIATO FI - Campo di Marte

055 0515231 Periodico d’informazione locale. Anno III n.43 del 1 agosto 2009. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

CULTURA

Affiliato

AGOSTO 2009

Il cervello sulla sdraio

PRIMO PIANO

Andrea Muzzi*

C

MAGGIO, NUOVA STAGIONE Ottimismo per il teatro fiorentino. Costi di produzione tagliati del 15% ma spettacoli di qualità PAG.22

BIBLIOTECHE SULLA SPIAGGIA Sale di lettura in trasferta. Per non lasciare mai i lettori a corto di pagine PAG.23

SPORT

Vacanze “al verde”, istruzioni per l’uso Musica contro l’allarme alcol

PAGG.10-12

l’inchiesta

di Matteo Francini

I MARCHIONNI SI PRESENTA Il neoacquisto: “L’esultanza del violino di Gilardino è nata per scherzo a cena con me” PAG.26

numeri sono preoccupanti: otto toscani su dieci tra 14 e 19 anni bevono alcolici, c’è chi inizia a scolarsi birre e affini già a 12 anni, e dal Nord Europa è arrivata anche da noi un’usanza che si chiama “binge drinking”, che consiste nel consumare 5 o più bicchieri di una qualsiasi bevanda alcolica in un’unica occasione. Dati allarmanti, che in altre città (vedi

Milano) hanno portato a nuovi divieti per arginare il fenomeno tra i giovanissimi. Ma Firenze ha deciso di tentare un’altra strada, che passa dalla musica e da due serate in piazza (una si è tenuta in Santa Croce, l’altra è in programma in Santo Spirito) per dire ai ragazzi che bere fa male. E che ci si può (e deve) divertire anche senza sballarsi. PAG.15

VIOLA... DI PASSIONE Viaggio tra i tifosi che ogni estate rinunciano al mare per seguire la Fiorentina in ritiro PAG.27

Via artigiani e botteghe, l’Oltrarno cambia volto PAG.2

hiuso per ferie. Ad agosto chiudo ogni mia attività celebrale (mia moglie dice che questo già lo faccio per tutto l’anno). E’ salutare avere ogni tanto il cervello in stand by. Il cervello di mia moglie invece non stacca mai la spina. E con il caldo spesso va in tilt. L’altro giorno eravamo in un parcheggio di asfalto, mia moglie mi ha guardato e poi mi ha detto “Mi raccomando… parcheggia all’ombra!”. “Cosa faccio? Aspetto che il vento porti qua un seme così fra 20 anni posso parcheggiare sotto una pianta?”. Ad agosto non voglio pensare a niente. Non mi agiterò più per il rincaro dei prezzi. Che sarà, sarà! D’altronde se la benzina continuerà ad aumentare sarà inevitabile tra qualche anno prendere una decisione drastica: o la macchina o la benzina. Tutte e due, no! Sono convinto che tra un po’ vedremo gente che andrà a piedi spingendo la macchina, mentre altri cammineranno con una tanica di benzina sotto braccio. Le macchine sono dei moltiplicatori di odio; in mezzo al traffico ci si manda sempre a quel paese. L’altro giorno un automobilista davanti a me ha messo la freccia poi ha cambiato idea ed ha proseguito a diritto. Uno scooterista che era dietro ha cominciato subito ad offenderlo “Accidenti a te, tuo babbo, tua mamma, tua sorella…!”. E’ arrivato fino al settimo grado di parentela, poi dopo 5 minuti di offese ininterrotte mi ha bussato al finestrino della macchina e mi ha chiesto “Mi sono dimenticato perché l’offendevo, te lo ricordi?” “Per la freccia” “Ah già!” ed è subito ripartito “ Accidenti a te, tuo babbo, tua mamma!”. Ad agosto ho proprio voglia di staccare la spina. Metterò il cervello sulla sdraio! Chiuso per ferie!! *Comico

COM’ERA E COM’È. Blasoni a confronto, tra aneddoti e nuovi mestieri

Essere nobile a Firenze, ieri e oggi P

rincipi, marchesi e quant’altro. Le famiglie dell’aristocrazia fiorentina hanno riempito pagine e pagine di volumi di storia con i loro trascorsi intriganti e con gli intrecci di potere. Il Reporter ha fatto un viaggio in cinque tra i casati più famosi della città (Antinori, Frescobaldi, Corsini, Guicciardini e Torrigiani), per scoprire com’erano un tempo e come sono oggi. Tra gli aneddoti

legati al passato, il più curioso è sicuramente quello che coinvolge Bartolomeo Frescobaldi che, durante un ballo organizzato nella villa di Montecastello, lasciò che gli ospiti danzassero nudi. Il Papa la prese male e il buon Frescobaldi non la passò affatto liscia. Tra storielle divertenti e conoscenze prestigiose (tra i tanti, Piero e Luigi Guicciardini nell’800 erano molto amici di Giampietro Vieusseux),

si scoprono i retroscena dei cognomi blasonati della città. L’altra faccia della medaglia sono i nobili di oggi. Una volta messi da parte scettri, troni e abiti damascati, le teste coronate del XXI secolo hanno intrapreso altre attività - la più gettonata è l’imprenditore vinicolo - che permettono loro di rimanere ben ancorati alle tradizioni guardando con un occhio al futuro PAGG.8-9 del granducato.

EDIZIONE DI FIRENZE • 180.407 COPIE DISTRIBUITE DA

1013961

CAMPO DI MARTE INIZIAMO VENDITE

di nuove costruzioni in contesto silenzioso ed immerso nel verde di diverse metrature tutte dotate di terrazza abitabile e box auto

Info in agenzia AFFILIATO FI - Campo di Marte -

055 0515231

Affiliato Pirelli RE Agency. Ogni affiliato è imprenditore indipendente ed autonomo.

Affiliato


2

Centro Storico • Porta Romana • San Jacopino

Agosto 2009

COMMERCIO. Aumenta il numero dei superminimarket aperti in centro: alimentari e gastronomie “tremano”

La “dura vita” delle botteghe d’Oltrarno LA STRADA. Sdrucciolo de’ Pitti tra passato e futuro

La via degli artigiani che non ci sono più C

Un minisupermarket in via de’ Bardi e Renzo Regoli nel suo negozio di ortofrutta

Il mese scorso Renzo Regoli ha chiuso, dopo 46 anni di attività, la sua piccola rivendita di ortofrutta a due passi da piazza Pitti: “Tutta una categoria di commercianti rischia l’estinzione”, spiega. E nella zona cresce la presenza dei piccoli supermercati: nel “mirino” anche l’ex cinema Arlecchino

on un nome così non poteva che essere una strada speciale. Sdrucciolo de’ Pitti, la stretta via che da piazza Pitti declina in Santo Spirito, nell’immaginario dei fiorentini più attempati è ancora la via delle botteghe artigianali. “Intarsiatori e restauratori che il mondo ci invidiava”, racconta nostalgico un anziano abitante. Talenti tramandati per generazioni, ma di cui oggi, tra crisi e omologazione dei mercati, si sono quasi perse le tracce. Qualcuno, soprattutto nelle vie laterali, è riuscito a “scamparla” e continua a mostrare con orgoglio le proprie opere in vetrina. “Ma chissà quanto potrà durare ancora”, racconta Stefano Chiti nella sua bottega di lanterne in ferro battuto. “Dallo Sdrucciolo ci siamo trasferiti in via Toscanella, un’altra strada storica. Ma è tutta la zona ad aver perso di prestigio – spiega - anche per colpa della speculazione immobiliare di fine anni Novanta”. Con la scomparsa dell’equo canone e la possibilità di trasformare i fondi in abitazione, racconta, decine e decine di botteghe sono state convertite in miniappartamenti per turisti stagionali o di passaggio. Monolocali che da un lato hanno fatto la fortuna dei proprietari, e dall’altro hanno fatto impennare il prezzo degli affitti, sconvolgendo l’equilibrio popolare ed economico della zona. Anche il vicesindaco Dario

Nardella si mostra preoccupato. “Chiediamo a Berlusconi di rispettare la promessa di una legge speciale per Firenze – dice - in questo mandato punto a vincolare edifici e attività storiche, obiettivo raggiungibile solo con strumenti straordinari. Una prima buona notizia comunque c’è – conclude - Firenze ospiterà il Centro internazionale sulle conoscenze tradizionali, un organismo promosso da Onu e Unesco che potrebbe rilanciare l’intero settore”. Nel frattempo, nella “riserva indiana” degli artigiani c’è già chi si mette a tirare le somme. “Resistiamo… ma non è un bel vivere - dice Dino Alpi, professione corniciaio - negli anni ho visto tantissimi colleghi chiudere bottega, ormai restano solo gli anziani”. La mancanza di un ricambio generazionale incombe sul futuro di questi mestieri. “Ma sfatiamo un luogo comune - spiega Mario Berlingozzi, argentiere in una delle poche attività artigianali rimaste in Sdrucciolo de’ Pitti - gli apprendisti ci sarebbero eccome. Quella della mancanza di vocazione è solo una leggenda”. Chiude il bergamasco Renato Olivastri, che nella sua bottega di restauro di via de Velluti tratta anche i celebri mobili Boulle. “In fondo siamo davvero come gli indiani – commenta - viviamo in una specie di riserva e chiediamo solo un luogo dove continuare a essere noi stessi”. /L.S.

Luca Serranò

E

ra il 1963 quando Renzo Regoli aprì la sua pic- insegne anonime davanti alle poste di via de’ Barbadori. cola bottega di ortofrutta in sdrucciolo de’ Pitti. Da quando poi s’è sparsa la voce dell’apertura di un cenL’Oltrarno era una fucina di artigiani e Firenze tro simile nell’ex cinema Arlecchino, a due passi da Ponte assomigliava ancora a quella raccontata da Va- Vecchio, la protesta è salita di tono. “Qualche mese fa vosco Pratolini. Il mese scorso Renzo Regoli ha chiuso (dopo levano comprare anche il mio negozio”, spiega la titolare 46 anni di attività) il suo negozio, stretto nella morsa della del piccolo ortofrutta proprio accanto alla vecchia sala a crisi e dell’aggressiva concorrenza dei piccoli supermerca- luci rosse. “Dicevano di voler aprire un market e che gli ti. “Spuntano come funghi, siamo accerchiati – racconta - i serviva il nostro spazio. Poi – conclude - non sono più tornegozi come il mio non possono permettersi prezzi così nati. Ma è chiaro che… se arrivano loro andiamo via noi”. bassi, tutta una categoria di commercianti rischia l’estin- Le sorti del cinema Arlecchino, a questo punto, sono dirizione”. Poco distante, proprio davanti a Palazzo Pitti, menti per il futuro di un’intera categoria di commercianti campeggiano le insegne dell’ennesima catena di “mini” nella zona di piazza Pitti. Un vecchio (e moralista) articolo market che s’è insediata nel centro di Firenze. “Cavallo del regolamento urbanistico, oltretutto, esclude le sale a di Troia” per questa “invasione” è un articolo del Codice luci rosse dal vincolo di destinazione che riguarda tutti gli altri cinema. “Ma non se ne del commercio toscano, che dopo farà nulla - dice Stefano Fontinelaver definito esercizi di vicina- Il vicesindaco Nardella: li, che ha seguito la vicenda per to i negozi inferiori ai 250 metri Servono più poteri conto di Confesercenti - sembra quadri ne condiziona l’apertura al sindaco per proteggere che ci siano problemi insormon(art. 16.1) ad una semplice Dia. le attività storiche tabili. Ad ogni modo – conclude Così, questi “superminimarket” - quella dei negozi di alimentari è hanno cominciato a moltiplicarsi soprattutto nelle strade dell’Oltrarno e di San Lorenzo, una questione delicata ma non ancora allarmante”. Dario dove se ne possono ammirare ben due nella stessa strada Nardella, vicesindaco e assessore allo sviluppo economi(via de’ Ginori), oltre a quelli presenti in via Faenza e via co, si concentra invece sulla scarsità di mezzi a disposizioNazionale. “Questi posti sono sempre pieni - spiega Ren- ne dell’amministrazione comunale. “Purtroppo le regole zo Regoli - mentre io negli ultimi anni ho avuto un calo sono queste e poco si può fare – commenta - è l’altra faccia d’affari del 100%. Non ho altra scelta - conclude amareg- della liberalizzazione delle licenze. Servono più poteri al giato - in queste condizioni non si può andare avanti”. Un sindaco per proteggere le attività storiche in generale. Per lamento che suona come un ritornello tra gli alimentari e ora – prosegue - ascolteremo le associazioni di categoria le gastronomie presenti nella zona di piazza Pitti, dove in per promuovere tutte le iniziative che tutelino gli autentici poche centinaia di metri si concentrano ben tre piccoli su- esercizi di vicinato”. Già, perché di questi piccoli superpermercati: oltre a quello della piazza (presente un punto market non viene contestata la presenza, ma la definizione. vendita della stessa catena anche nella vicina San Niccolò) Gli esercizi di vicinato, dicono i commercianti “storici”, ci sono un minimarket in via Romana e un market dalle sono un’altra cosa: chiedere a Renzo Regoli per credere.

Il corniciao Dino Alpi al lavoro in via Toscanella

IL PRIMO DIRETTORE DE Il Reporter PORTAVOCE DI MATTEO RENZI

Marco Agnoletti

Da direttore de Il Reporter a portavoce di Palazzo Vecchio. Il primo direttore del nostro giornale, Marco Agnoletti, è la “voce” del nuovo sindaco di Firenze Matteo Renzi. A lui spetta il compito di relazionarsi e parlare con i mezzi d’informazione per conto del primo cittadino. A lui anche le deleghe di portavoce della giunta comunale e di capouffcio stampa del Comune. Marco Agnoletti aveva lasciato la guida del giornale proprio all’inizio dell’avventura delle elezioni primarie del Pd. Da allora aveva svolto già l’incarico di portavoce di Matteo Renzi per tutta la durata della campagna elettorale. Assumendo il nuovo incarico, Marco Agnoletti lascia definitivamente il nostro giornale ma si dimette anche da socio della cooperativa di giornalisti che realizza Il Reporter.


3

Campo di Marte • Cure • Coverciano

PROGETTI. Per l’ex acquedotto (che attende di “rinascere”) due occupazioni nel giro di due settimane

Piazza delle Cure studia il suo futuro SCHEDA

I tentativi di impossessarsi della

Tutte le funzioni degli ex uffici

struttura che sorge dietro il mercato sono andati a vuoto, ma la gente vuole chiarezza. E, dopo il parcheggio, spunta l’idea delle case popolari Francesca Puliti

D

ue occupazioni nel giro di due settimane, abbastanza da far allarmare residenti e commercianti delle Cure e dintorni. Perché l’ex Meyer è vicino e il timore è quello che si riproponga una situazione simile nell’area dell’ex acquedotto, di proprietà comunale, che si affaccia sulla piazza, proprio dietro al mercato. Certo, i contorni del caso sono stavolta meno preoccupanti, ma dopo anni trascorsi in attesa che il complesso risorga, chi vive la piazza comincia ad alzare la voce. Ad alleggerire la tensione c’è il fatto che le tentate occupazioni non siano avvenute per opera di persone indigenti e senza una dimora, come spesso avviene in questi casi, ma da parte di un gruppo di studenti universitari, decisi a riappropriarsi dello stabile inutilizzato per realizzarvi uno spazio di studio e aggregazione. Dopo il primo tentativo, andato in scena il primo weekend di giugno e durato poco più di 48 ore, i ragazzi ci hanno riprovato a fine mese, ma anche questa volta l’intervento delle forze dell’ordine li ha costretti a desistere. Bilancio: nemmeno una nottata all’interno dell’ex acquedotto, anzi, neanche il tempo di finire la pizza, che si è raffreddata nei cartoni, in compagnia di qualche birra a metà. Costituito da due edifici separati da una stradina interna, fino a cinque anni fa il complesso ospitava uffici e attrezzature dell’acquedotto, prima del trasloco nel parco dell’Anconella. Già in passato l’immobile era stato meta di qualche senzatetto che vi passava la notte, episodi che avevano indotto l’amministrazione a sprangare porte e finestre. Ma i provvedimenti evidentemente non si sono dimostrati sufficienti. E adesso i cittadini chiedono di cambiare musica. Perché di ipotesi sì, ne sono state fatte tante negli ultimi anni, dalla realizzazione di un parcheggio al trasferimento del mercato all’interno dell’area dell’acquedotto. Ma di progetti concreti non se ne è visto nessuno. “Stiamo valutando se inserire questo complesso immo-

Copia in abbonamento postale

Il Reporter è un periodico che mensilmente viene distribuito da in 192.404 copie

L’interno dell’ex acquedotto di piazza delle Cure

biliare nel piano per la costruzione di alloggi popolari, finanziati tramite i fondi regionali – afferma il dottor Paolo Pantuliano, a capo della Direzione patrimonio del Comune di Firenze – la passata amministrazione aveva discusso l’ipotesi di realizzarvi un parcheggio, nell’ambito di un complessivo riassetto della piazza, ma non era stato presentato nessun progetto, si trattava esclusivamente di una valutazione di compatibilità urbanistica”. Ed effettivamente dai documenti depositati in

Comune, a partire dal piano strutturale fino al piano generale del traffico urbano, piazza delle Cure appare come possibile destinazione di un parcheggio di scambio, con tanto di postazione di noleggio bici. Ipotesi, queste, congelate dalla mancata approvazione dello stesso piano strutturale, e che potrebbero essere rimesse in discussione dalla nuova amministrazione comunale. Una cosa è certa, il futuro di piazza delle Cure non passa soltanto dall’ex acquedotto. “E’ necessario rivedere

Degli oltre 1.700 metri quadrati di superficie che ospitavano gli uffici dell’acquedotto, solo una parte è in verità priva di funzione. Se l’edificio retrostante è adibito a magazzino ad uso del Comune (anche se il piano superiore appare completamente deserto), l’immobile che dà sulla strada ospita al piano superiore un paio di appartamenti, che rientrano nell’edilizia residenziale pubblica e sono abitati da due nuclei familiari. Una porzione di spazio, adiacente alla stazione delle Cure, è stata invece assegnata a Quadrifoglio, che dovrebbe realizzarvi un compattatore di rifiuti in grado di accogliere gli scarti del mercato giornaliero, ma al momento l’unica nota che ne fa presupporre la presenza è una sfilza di cassonetti. Nel restante spazio della corte interna sono stati ricavati alcuni posti auto, o meglio dei posti-furgone per gli ambulanti, che vi parcheggiano il mezzo previo pagamento di un canone. Di tutta l’area, dunque, solo il piano terra dell’edificio prospiciente la piazza è rimasto vuoto, ed è questo appunto l’oggetto delle ripetute occupazioni.

l’intera organizzazione della piazza, a partire dalla viabilità”, sostiene Gianluca Paolucci, presidente del Quartiere 2. Da più di un anno, infatti, riposa sui tavoli degli uffici all’urbanistica un progetto di riassetto della piazza, che avrebbe dovuto ridisegnare il flusso del traffico e mettere fine agli ingorghi. Progetto che potrebbe essere adesso più vicino a diventare realtà. “Ma non basta – continua Paolucci - il mercato stesso ha bisogno di manutenzione e di servizi, come parcheggi e bagni pubblici”.

OPINIONI In tanti attendono una nuova sistemazione dell’area, a partire dallo spazio per i banchi

Riqualificazione, la lunga attesa di commercianti e cittadini

“S

ono 27 anni che ho il banco qui alle Cure, e da 30 sento parlare di una nuova sistemazione all’interno dello spazio che era dell’acquedotto”: scuote la testa Renata Ceni, commerciante della piazza, mentre carica la merce sul furgone. “Mancano del tutto alcuni servizi, a partire da quelli igienici. Hanno messo un casottino che funziona un giorno sì e l’altro no – continua, indicando il bagno chimico vicino al cavalcavia – e noi siamo costretti a chiedere ospitalità al bar”. Ma non solo. L’intero mercato avrebbe bisogno di essere riorganizzato: gli stalli hanno dimensioni ridotte,

non c’è posto per i camion e la tettoia sotto la quale trovano spazio i banchi alimentari fa acqua da più parti. Nel vero senso della parola. “E’ una situazione pericolosa, oltre che fastidiosa – continua Renata – quando piove l’acqua sfiora i fili della corrente elettrica”. Sensazione comune tra i commercianti è la scarsa attenzione da parte dei piani alti cittadini verso quello che è un mercato rionale dei più attempati e frequentati. “Spero che la nuova amministrazione faccia qualcosa, perché noi ci sentiamo abbandonati – afferma Quinto Bicchi, da dietro al suo banco di fiori e piante – si imma-

Il Reporter di Firenze raggiunge 180.407 famiglie nel comune di Firenze.

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN)

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press Edizioni s.r.l. Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze tel. 848.80.88.68

Anno III n. 43 del 1 agosto 2009

Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: Tabloid soc.coop., Firenze (FI) scrivimi@ilreporter.it

Periodico d’informazione locale

N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

gina che bel mercato verrebbe dentro tutto quello spazio dell’ex acquedotto?”. E quasi quasi manifesta solidarietà verso i ragazzi che avevano deciso di occupare i locali in disuso. Un po’ per la faccia pulita da studenti con cui si sono presentati, un po’ per la previa opera di volantinaggio, con cui hanno spiegato motivazioni e intenzioni, gli studenti non lo hanno certo intimorito. Anzi. “E’ una vergogna lasciare un’immobile del genere inutilizzato per tanti anni, quando qui manca lo spazio per il mercato, non ci sono bagni pubblici né tantomeno /F.P. parcheggi a sufficienza”.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


4

Gavinana • Galluzzo • Firenze sud

Agosto 2009

CACCIA ALL’AFFARE. Edifici, ville e palazzine (molti di proprietà comunale) in vendita nel Q3

Quando i pezzi pregiati ďŹ niscono all’asta I prezzi non sono accessibili proprio a tutti,

VIA DI VILLAMAGNA. “Scoperto� il proprietario dell’edificio

ma si tratta di occasioni uniche: dalla “casa della contadina� al complesso immobiliare di via Benedetto Fortini

L’

Francesca Puliti

C’

è la casa della contadina, la villetta sul viale Michelangelo e un grappolo di palazzine in zona via Senese. Sono pezzi pregiati del quartiere 3 che se ne vanno all’asta, tutti o quasi di proprietĂ  comunale. Siamo ai saldi? Non proprio, visti i prezzi sul cartellino. Ma sicuramente si tratta di occasioni uniche, mica “pezziâ€? che si trovano in vendita tutti i giorni. A partire dalla colonica, o meglio dal complesso immobiliare - in parte agricolo, in parte residenziale - di via Benedetto Fortini, tra il numero 39 e il 47, poco prima della Villa di Rusciano. Chi andava a scuola alla media Puccini la conosce bene, la casa della contadina: dalla salita di via del Larione si intravedevano gli animali nell’aia, maiali e galline. Qualcuno poi si sarĂ  senz’altro fermato qui a comprare dei fiori coltivati nell’ampio giardino. Sotto quel giardino si estende un campo di quasi 2.500 mq, coltivato a uliveto, e il tutto adesso è in vendita per 2 milioni e passa. All’asta anche il complesso immobiliare adibito fino a poco tempo fa a magazzino e uffici di Publiacqua, lungo il viale Michelangelo. Un totale di 1.620 metri quadri, tra porzione abitativa e non, a cui si aggiungono piĂš di mille mq di superficie scoperta, tra giardino e resede. Acquisiti dal Comune nel lontano 1934, sia l’immobile che l’area a verde sono vincolati dalla Soprintendenza in quanto ritenuti di particolare interesse ed entro

Svelato “l’arcano� della chiesetta

Una delle palazzine di via Senese

il limite del parco storico delle colline fiorentine. Il prezzo di partenza si aggira attorno ai 3 milioni e 600mila euro. Ma il pezzo piÚ interessante della collezione è probabilmente un altro, quello che attende da piÚ tempo, inutilizzato e barcollante. Nel vero senso della parola. Si tratta del gruppo di case che sorgono in fondo a via Beata Umiliana de’ Cerchi, poco lontano da Porta Romana. Di cinque palazzine solo una è stata completamente ristrutturata ed è l’unica che attualmente è abitata, mentre le altre quattro presentano ancora gli evidenti segni del dissesto idrogeologico che ne determinò lo sgombero, ormai 27 anni fa. Grosse crepe lungo i muri, cartelli che indicano che si tratta di edifici pericolanti, tetti ormai sfondati. I

Lega Quartiere 1

ISCRIVITI AL SINDACATO PENSIONATI CGIL IL MODO PIU’ SEMPLICE PER DIFENDERE I TUOI DIRITTI

quattro edifici, risalenti agli anni ’50, sono stati dichiarati inagibili nel 1982 e da allora versano in stato di completo abbandono, porte e finestre murate. Solo due su quattro sono di proprietà comunale, le altre due palazzine sono state promesse in permuta e verranno vendute in un unico lotto con le prime. La frammentazione della proprietà ha a lungo ostacolato la soluzione della vicenda, che prevede la completa demolizione degli immobili e la successiva ricostruzione. Che porterà anche a un aumento della volumetria complessiva. L’area, infatti, è stata inserita in un piano di recupero che prevede un aumento in totale di 11mila metri cubi. Ma per arrivare a ciò sarà necessario sborsare prima 2 milioni e 300mila euro.

arcano è stato svelato, la chiesetta di via di Villamagna ha un proprietario ben definito: il Comune di Firenze. Sono alle spalle le polemiche e i rimbalzi tra un ente e un altro per stabilire chi avesse la competenza di agire sulla piccola cappella situata a metĂ  strada tra il viadotto di Varlungo e il ponte da Verrazzano. E da tempo immemorabile avvolta in diversi metri di rete arancione. Per evitare che si stacchi qualche pezzo di cornicione o di intonaco, probabilmente. Fatto sta che la chiesina se ne sta lĂŹ da mesi, rinchiusa in quel telo fosforescente, come in attesa di lavori che fino a poco tempo fa contatti con alcune associazioni. non erano nemmeno stati pensa- Certo, prima di fare progetti bisoti. Ma adesso sĂŹ, l’attesa si è fat- gnerĂ  entrare e studiare la situaziota concreta, perchĂŠ la richiesta di ne. Attualmente, infatti, la porta di avvio della ristrutturazione è giĂ  accesso è murata, oltre che recinstata presentata dal Quartiere 3. tata dalla famosa rete arancione, e “E’ un impegno che mi ero assun- perciò non è dato sapere che cosa to fin dallo scorso mandato – af- vi sia all’interno. Si presuppone ferma Andrea Ceccarelli, rieletto che si tratti di una sola stanza e presidente del quartiere – quello che non ci siano opere d’arte di di individuare la proprietĂ  di que- pregio. Circostanza, questa, che sta cappella e avviarne il recupe- renderebbe la ristrutturazione piĂš ro, nell’ottica di una complessiva lunga e dispendiosa. Senza imprevisti di sorta, valorizzazioinvece, i lavone del parco La piccola cappella ri potrebbero dell’Anconelappartiene al Comune: concludersi in la. Si tratta di il suo restauro valorizzerĂ  tempi piuttouno dei parchi il parco dell’Anconella sto brevi, un piĂš belli della cittĂ  – contianno o poco nua Ceccarelli – su cui abbiamo piĂš a partire dall’autorizzazione a giĂ  investito molto, ma che neces- procedere. GiĂ  l’estate prossima, sita ancora di attenzioni. Il restau- dunque, il quartiere potrebbe apriro della chiesetta rappresenta in re ai cittadini un nuovo spazio, in questo senso un ulteriore tasselloâ€?. via di Villamagna, dopo il restauro Il futuro della piccola cappella è della “casina rosaâ€? situata a pochi ancora da scrivere, ma “ho giĂ  al- metri di distanza sulla stessa stracune idee su quello che potrebbe da. E offrire un biglietto da visita ospitareâ€?, afferma il presidente del migliore a chi giunge in cittĂ  dal Q3, aggiungendo di aver giĂ  preso raccordo di Varlungo. /F.P.

IMPIANTI TERMICI ELETTRICI E CONDIZIONAMENTO OFFERTA PER IL MESE DI LUGLIO Addolcitore elettronico Calmat per abitazione a sole REALIZZAZIONE BAGNO COMPLETO CHIAVI IN MANO

CHIUSURA COMPLETA DAL 25 LUGLIO AL 23 AGOSTO LA SEGRETERIA DELLO SPIďšşCGIL AUGURA AI PROPRI ISCRITTI E ALLE LORO FAMIGLIE “ BUONE VACANZEâ€?

muratura + imp.idraulico/elettrico + rivestimento + sanitari + fornitura OMAGGIO

Sottoscrivi un abbonamento a “ LiberetĂ â€? il mensile dello SPI-CGIL

9000 BTU INVERTER CLASSE “A�

FINALMENTE SCACCHI Da settembre ricominciano gli scacchi per i principianti. I corsi dello SPI-CGIL sono gratuiti. Gli interessati sono pregati di telefonare al 055.3249045 per ulteriori informazioni . SPI-CGIL FIRENZE LEGA 1 Via G. Monaco, 29 tel. 055.3249045 '"9t&NBJMTQJR!mSFO[FUPTDDHJMJU

CLIMATIZZATORE Tutti gli accessori per il montaggio in omaggio

â‚Ź3.850 +iva

RISPARMIA FINO al 100% SULLA TUA BOLLETTA CON IL SOLARE TERMICO E IL FOTOVOLTAICO

RUBINETTERIA

solo per Luglio a â‚Ź690+iva

950500

Euro 290 Iva compresa

IMPIANTO SOLARE PER PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA

(abitazione di 4 persone) Solo per il mese di luglio ( finanziamento a tasso ø 24 mesi-rata Euro 125)

â‚Ź2.500 +iva

PAGAMENTI RATEALI A TASSO Ă˜ - DETRAZIONI FISCALI

Tel. 055 5274179 Cell. 335 7188198 www.cogeimimpianti.it - info@cogeimimpianti.com IN COLLABORAZIONE CON

MANUTENZIONE CALDAIE E CONDIZIONAMENTO

Tel. 055 753394 Cell. 392 6351120


5

Isolotto • Legnaia • SofďŹ ano

EDUCAZIONE A 4 ZAMPE. Un po’ allevamento e un po’ asilo, sorge vicino al ponte all’Indiano

MacchĂŠ pensione, i cani vanno all’accademia Nata una decina di anni fa, la “scuolaâ€? per i migliori amici dell’uomo offre diversi servizi: corsi di addestramento, pet therapy, riabilitazione e molto altro ancora Paola Ferri

N

on chiamatela pensione. Questa è un’accademia, dedicata ai migliori amici dell’uomo, o meglio di quegli uomini e quelle donne che di giorno lavorano e non hanno tempo per portare a spasso il cane o per coloro che vogliono mandarlo un po’ “a scuolaâ€?. L’addestramento però si fa in due, cane e padrone, assieme all’istruttore. Un po’ allevamento, un po’ asilo, l’Accademia cinofila fiorentina si trova nei pressi del ponte all’Indiano. Non tanto facile da trovare per chi non è di queste parti. Ma basta arrivare al campo rom del Poderaccio per trovarsela a fianco, una specie di oasi calata qui non si sa bene da dove. E pensare che quando Giovanna Carlini e suo marito hanno deciso di dare inizio a questa attivitĂ , qui c’era una specie di discarica a cielo aperto. “Abbiamo preso in gestione questo terreno dal Quartiere 4 una decina di anni fa – racconta Giovanna, che continua a mandare avanti l’attivitĂ  coa-

diuvata da poco personale – questa era terra di nessuno, solo poggi e buche e neanche un filo d’erba, tantomeno un albero�. Adesso pare di stare in un parco, in cui sono stati ricavati alcuni recinti. Non piÚ di due cani all’interno della stessa recinzione, questa è la regola. E niente razze mordaci, perchÊ qui ogni giorno si riempie di bambini e arrivano anche alcuni disabili a fare pet therapy. Per accedere ai servizi basta pagare una piccola quota annua di iscrizione (una cinquantina di euro) e un supplemento mensile a seconda delle attività di cui si usufruisce. Oltre al trattamento da pensione per periodi piÚ o meno lunghi, l’Accademia offre quello di asilo diurno: i padroni accompagnano i cani al mattino e li riprendono la sera. Nel frattempo, gli amici a quattro zampe se ne stanno nel loro giardinetto in compagnia o fanno qualche passeggiata. Di spazio certo non ne manca, circa tre ettari di terreno in grado di accogliere una quarantina di animali. Le attivi-

tĂ  particolari, come i corsi di addestramento, la pet therapy e la riabilitazione sono seguiti da personale altamente specializzato. E, a proposito di riabilitazione, il centro è dotato anche di un’apposita piscina. Mica scherzi per aver tirato su tutto dal niente. “Una gran fatica e un lavoro a tempo non pieno, di piĂš. Non esistono

domeniche, nĂŠ Natale, nĂŠ Pasqua. I cani non vengono mai lasciati da soliâ€?, continua Giovanna. Ma considerando lo stuolo di coppe e trofei che la circonda nel suo piccolo ufficio, accanto alla fatica ci devono essere anche diverse soddisfazioni. “Tutti vinti dai cani del mio allevamentoâ€?, afferma orgogliosa.

VIA BRONZINO. E’ un nastro arancione il simbolo dei commercianti che vogliono dare una seconda vita alla strada

Una coccarda contro la crisi. E tante nuove iniziative V

iabilitĂ  e crisi economica penalizzano le attivitĂ  di via Bronzino, e i commercianti della strada rispondono con una coccarda arancione con fiocco viola attaccata alle vetrine. Una coccarda simbolo dei partecipanti alla nuova iniziativa nata per offrire un’attrattiva in piĂš alla propria clientela e per dare nuova visibilitĂ  a una strada che, anche a causa delle continue variazioni di viabilitĂ  dovute ai lavori della tramvia, ha perso vivacitĂ . Per superare il momento difficile, infatti, circa venti negozianti hanno unito le forze e si sono organizzati sotto il nome di “Bronzino centroâ€?, per promuovere iniziative, come notti bianche, aperitivi e altri eventi. “L’idea è nata da un gruppo di commercianti storici, cosĂŹ da creare un centro che potesse mostrare i servizi che ci sono nel quartiere - spiega Edi Fini, proprietaria di un negozio di dolciumi -. Con

queste iniziative vogliamo rivitalizzare la strada. Ora molti giĂ  in fase di organizzazione per la metĂ  del mese di settemfiorentini, infatti, passano da qui, ma non si fermano. Alcuni bre, come anche altre iniziative. Ma certo le idee non mannon sanno nemmeno quali negozi ci sonoâ€?. Con l’idea del cano ai negozianti, che sperano che questi eventi diventino “Bronzino centroâ€?, i commercianti della strada si sono rim- un appuntamento fisso con la propria clientela. â€œĂˆ un’ottima boccati le maniche per far fronte a una siidea – dice una signora che cammina per via tuazione meno rosea rispetto a qualche anno Bronzino – io abito nella zona e andrebbe In arrivo vari eventi, fa. C’è chi dĂ  la colpa alla crisi economica, come aperitivi e una fatto qualcosa per ridare vita a questa strachi ai cantieri della tramvia e ai conseguenti da, e per non fare sĂŹ che sia solo una via di notte bianca forse cambiamenti di viabilitĂ , e chi ancora alla transito per le macchineâ€?. L’inaugurazione a metĂ  settembre difficoltĂ  di trovare parcheggio. “Sicuradell’iniziativa c’è stata a fine maggio con mente tutte queste situazioni non hanno faun buffet aperto a tutti, e ha subito raccolto vorito noi commercianti – continua la signora Fini – ma credo l’interesse dei residenti. Contro la crisi economica, un primo che la cosa piĂš importante sia far conoscere la zona per quello impulso verso un cambiamento di rotta lo hanno dato cosĂŹ i /G.C. che è: un piccolo centro commercialeâ€?. Una notte bianca è negozianti di via Bronzino.

Una vittoria del Sindacato pensionati Spi Cgil La Giunta Regionale della Toscana ha approvato “L’ istituzione del fondo regionale per la non autosuďŹƒcienzaâ€?. Questo importante provvedimento, fortemente voluto dal Sindacato, a fronte di una latitanza del Governo, ha visto negli ultimi anni una grande mobilitazione unitaria dei Sindacati Pensionati Cgil, Cisl e Uil con numerose iniziative e raccolta di ďŹ rme. La legge prevede di sostenere ed estendere il sistema pubblico dei servizi socio-sanitari integrati a favore delle persone disabili e non autosuďŹƒcienti

psico-ďŹ sici e mentali. Nel piano sanitario regionale sono indicate le procedure per accedere a questo servizio e alla presa in carico del soggetto non autosuďŹƒciente. Per le informazioni riguardanti il procedimento di accesso al servizio, occorre rivolgersi al prorpio medico di famiglia e alla sede del proprio Quartiere di appartenenza. Per il Quartiere 3 rivolgersi al Punto Insieme Piazza Elia della Costa 5 (tel.055/6817411)

LEGA SPI CGIL QUARTIERE 3

Assistenza per anziani e pensionati Operatori previdenziali per pratiche pensionistiche Assistenza per compilazione modulistica Sede Via Unione Sovietica, 33 – 50126 Firenze tel. 055 688069 - fax 055 688110 E.mail - spiq3@ďŹ renze.tosc.cgil.it

Ăˆ presente settimanalmente (lunedĂŹ e venerdĂŹ dalle ore 9 alle ore 11) Orari un operatore previdenziale al Galluzzo, Tutti i giorni (escluso sabato e festivi) 9.-12.30 via Senese 206, presso la sede del Quartiere 3. LunedĂŹ e mercoledĂŹ 9.-12.30/15.-18. Presso la sede è presente il Centro Assistenza L’operatore previdenziale INPS è presente Fiscale CGIL che svolge lunedĂŹ e mercoledĂŹ dalle ore 9. alle 12.30 le seguenti operazioni: Denunce redditi, 730, Ogni lunedĂŹ un nostro incaricato, Modello Unico, ISEE, RED, dalle ore 9 alle ore 11, è presente, presso il “Portoâ€? piazza Elia della Costa. ICI ed altre pratiche ďŹ scali CHIUSURA ESTIVA 8-22 Agosto

*-.0%01*Ă„4&.1-*$&1&3%*'&/%&3&*560*%*3*55*t*4$3*7*5*"-4*/%"$"501&/4*0/"5*$(*- 405504$3*7*6/"##0/".&/50"i-*#&3&5ÂŽw41*$(*-*-4*/%"$"50"-4&37*;*0%&--&1&340/&

Il Sindacato Pensionati CGIL Lega Q.2 è a disposizione per : Assistenza per pratiche previdenziali Assegni familiari per pensionati Reversibilità Richieste di accompagnamento per invalidi civili e assegno di invalidità civile Compilazione di Modulistica varia Informazioni In sede è presente il CAAF CGIL tel. 800 730 800 e il Patronato INCA tel. 055 603788 4*".0$)*64*1&3'&3*&%"-"-"(0450 EBMHJVHOPBMMTFUUFNCSFTBSFNPBQFSUJTPMPMBNBUUJOB

41*27JBEFMM"SDPMBJP tUFMtTQJR!mSFO[FUPTDDHJMJU


6

Rifredi • Novoli • Brozzi

Agosto 2009

VIA VITTORIO EMANUELE. Un nuovo “caso” dopo la notizia della chiusura definitiva delle sbarre

Passaggi a livello, i residenti fanno “muro” Giulia Coli

realizzare un sottopasso a scalinata con piattaforme elevatrici per gli invalidi, le Ferrovie ne avevano progettato uno a rampa a discesa, che, per la sua realizzazione, richiedeva l’esproprio di parte del cortile condominiale del palazzo posto di fronte all’incrocio con via Trieste. I condomini si sono opposti a tale intervento, e alla fine il sottopasso è scomparso dalle carte. Una decisione presa senza ascoltare gli abitanti della zona, che però non sono rimasti fermi a guardare. Radunati in gruppo, hanno ottenuto gli atti e hanno iniziato a raccogliere firme. “Abbiamo raccolto più di mille e trecento firme, a dimostrazione che il disagio non interessa solo noi che rimaniamo murati fra i due passaggi a livello e che sicuramente patiamo la situazione più degli altri – racconta Sergio, residente in via del Romitino – ma riguarda tutti”. È tangibile la preoccupazione delle oltre 300 famiglie che vivono nella “morsa” fra i due passaggi a livello di via Vittorio Emanuele. “Oltre a sentirci chiusi fra due muri, il nervosismo deriva anche dal fatto che in questo tratto di strada viene in pratica impedita la circolazione ai mezzi di soccorso – afferma Francesca, altra residente – infatti, il passaggio a livello ancora non interessato dai lavori (quello in prossimità di via Trieste) è quasi perennemente chiuso, nonostante ci siano lunghe pause fra il transito dei treni. Pause in cui le sbarre potrebbero essere alzate”. Ogni giorno sono più di 140 i treni che sfrecciano sulle rotaie che attraversano via Vittorio Emanuele. Senza il sottopasso pedonale non saranno solo le macchine e gli scooter a dover allungare il tragitto per raggiungere l’altra parte della strada, ma anche i pedoni. Gli abitanti della zona, per ora, promettono di non fermare la loro protesta.

Solo uno dei due sottopassi pedonali previsti dovrebbe essere realizzato: organizzata una raccolta firme

I

l muro lo fanno loro. Gli abitanti di via Vittorio Emanuele, via del Romitino e delle strade limitrofe. Ma il loro è un muro di proteste, non quello di cemento che verrà costruito al posto delle sbarre dei due passaggi a livello di via Vittorio Emanuele. Se già la decisione della chiusura definitiva dei due passaggi a livello non aveva incontrato pienamente il consenso da parte degli abitanti della zona, ecco che una nuova notizia ha moltiplicato le proteste dei residenti che si sentono “prigionieri” tra i passaggi a livello. Quello che ha lasciato interdetti gli abitanti del quartiere è che il previsto secondo sottopasso pedonale, quello che doveva essere realizzato in prossimità del passaggio a livello vicino a via Trieste, non verrà fatto. Il progetto originario, approvato dal Quartiere 5, prevedeva due sottopassi pedonali in via Vittorio Emanuele, in corrispondenza proprio dei passaggi a livello che verranno chiusi. Sennonché, poi, il Comune ha proposto lo stralcio del sottopasso più lontano dal Mugnone. Bocciata una prima ipotesi di

RIQUALIFICAZIONI

IL DENTISTA RISPONDE come salvare i nostri denti

Pulizia straordinaria, più controlli e un progetto 955817

QUESTO MESE Istruzioni per una impeccabile igiene della bocca A cura del Dott. Giuseppe Garrubba COME SCRISSI nella rubrica di luglio, questo mese vi parlerò di igiene orale collegandomi al precedente articolo dove ho esposto i problemi generati da una insufficiente igiene (carie e piorrea). Queste due malattie sono all’origine della quasi totale perdita dei denti e con una corretta igiene riduciamo molto la loro insorgenza. Per la pulizia serve uno spazzolino non molto grande, che ci permetta di arrivare in punti dove c’è poco spazio, il filo interdentale e spazzolini monociuffo (scovolini), nel caso si debba entrare in spazi che lo richiedono (per esempio fra i denti di un ponte). Lo spazzolino si usa su ognuna delle tre superfici del dente, su quelle esterne ed interne, dalla gengiva verso il dente (per i superiori con movimento dall’alto verso il basso e per gli inferiori dal basso verso l’alto). La faccia triturante (quella sulla quale avviene la masticazione) si pulisce mettendo in linea lo spazzolino con la fila dei denti e facendolo passare sopra con movimento avanti e indietro.

Una particolare raccomandazione per l’uso del filo: è bene sapere che lo spazzolino non può sostituire il filo interdentale, in quanto quest’ultimo serve a rimuovere i resti del cibo fra i denti. Lo si deve passare prima sulla parete di un dente fino a spingersi un po’ dentro la gengiva, poi farlo uscire, successivamente su quello attiguo, ripetendo l’operazione su ogni dente. Importante anche la pulizia professionale fatta dal dentista per eliminare gli accumuli di tartaro (depositi calcarei) che può essere rimosso solo con particolari strumenti. In quell’occasione il dentista farà anche un’accurata visita per controllare che i denti e le gengive stiano bene. Cari lettori, alleiamoci contro le malattie dei denti e del cavo orale. Un buon medico prima di curare deve prevenire. Salute a tutti.

SIAMO APERTI TUTTO IL MESE DI AGOSTO

DOTT. GIUSEPPE GARRUBBA Via Lungo L’Affrico, 42 - Firenze - Tel. 055 660225 Dal lunedì al venerdì 9.00/12.30 - 15.00/20.00 - Il sabato 9.00/12.30 www.curailtuosorriso.it

Piazza della Vittoria rinasce

È

in arrivo una ricetta contro il degrado di piazza della Vittoria, una fra le più grandi del quartiere 5. È la piazza degli studenti del liceo Dante, ma anche – e soprattutto – di chi abita nelle strade limitrofe, che da tempo lamentano lo stato di incuria in cui versa. Ed ecco quindi in programma una pulizia straordinaria dell’area e una maggiore presenza della polizia municipale nelle ore notturne. Non si parla, infatti, solo di sporcizia e pavimentazione sconnessa a causa delle radici dei pini, ma anche della presenza di persone “poco raccomandabili” nelle ore serali e notturne. Ai primi interventi di manutenzione ordinaria seguirà, poi, un progetto di riqualificazione complessiva, che vedrà anche il contributo dei cittadini. Gli interventi di riqualificazione di piazza della Vittoria sono stati decisi dall’assessore alla manutenzione e al decoro Massimo Mattei, dopo un sopralluogo effettuato insieme al direttore generale del Quadrifoglio Livio Giannotti, alla vicecomandante della polizia municipale Patrizia Verrusio e ai tecnici dei servizi

Piazza della Vittoria

tecnici, della mobilità e del quartiere 5. “La piazza versa in stato di degrado – spiega l’assessore Mattei – inoltre gli abitanti hanno segnalato la presenza, nelle ore serali e notturne, di persone che vi stazionano con notevole disagio dei cittadini. Abbiamo deciso quindi di intervenire in più fasi. Da subito con una operazione di pulizia straordinaria e, a breve, con alcuni interventi di manutenzione ordinaria. Nel frattempo daremo il via all’elaborazione di un progetto di riqualificazione complessiva – conclude - che sarà sottoposto anche all’esame /G.C. degli abitanti”.


Assessorato alla formazione Direzione lavoro e formazione

8HJLQNNQYZTHTWXTINKTWRF_NTSJ JHMNJINFQQF5WT[NSHNFINKNSFS_NFWYN

;TZHMJW KTWRFYN[N +NSTF*ZWTUJWNS[JXYNWJ XZQYZTKZYZWT

9ZXHJLQN STNKNSFS_NFRT 1F5WT[NSHNFIN+NWJS_J NS[JXYJTQYWJRNQNTSN IN*ZWTUJWQFKTWRF_NTSJ IJNUWTUWNHNYYFINSN &[WFNQFUTXXNGNQNYlINF[JWJ ZSKNSFS_NFRJSYTLWFYZNYT KNSTF*ZWT .QHTWXTUTYWlJXXJWJXHJQYT FYYWF[JWXTNQHFYFQTLTKTW RFYN[TUWT[NSHNFQJTUWTUT

&ZRJSYFQJTUUTWYZSNYlQF[TWFYN[J XHJLQNQFYZFKTWRF_NTSJ 5JWNSKT \\\UWT[NSHNFKNNYKTWRF_NTSJ

XYTIFYJ

9JQ


8

passato...

Agosto 2009

SANGUE BLU/1. Dal Torrigiani che aprì una bottega di vini ai Guicciardini amici di Vieusseux

I Signori che hanno fatto la storia Sono stati banchieri, politici, intellettuali e per molto tempo hanno deciso le sorti della città. Le biografie (in pillole) di cinque famiglie fiorentine, tra governo, affari, possedimenti, opere letterarie. E una scomunica per nudismo, tanto tempo fa... Federico Bausi

ANTINORI

Palazzo Corsini

dini – e leggere le loro biografie. I Frescobaldi, originari della Val di Pesa e poi trasferitisi a Firenze, per la precisione in Oltrarno, furono banchieri, altri letterati e artisti (come Dino, amico di Dante) e, intorno al 1300, la famiglia iniziò a dedicarsi anche all’attività vinicola. Grazie alle vigne e ai poderi lasciati in eredità ai figli da Berto, i Frescobaldi cominciarono a produrre vino che venne esportato in Inghilterra e nelle Fiandre. Anche i Corsini provengono dal contado e si

spostarono a Firenze nella seconda metà del ‘200. Anch’essi banchieri, entrarono a far parte di quel gruppo di persone che controllava la Signoria fiorentina. Nel XIV secolo finirono nei guai, come altre famiglie, a causa della crisi finanziaria che colpì l’Europa, ma riuscirono a risollevarsi. I Torrigiani arrivarono a Firenze a fine 1200 con Ciardo, che diede avvio alla tradizione vinicola della famiglia aprendo una rivendita e iscrivendosi all’Arte de’ Vinattieri. Sull’origine degli Antinori gli

CORSINI Origine incerta per questa famiglia. Si sa che furono diplomatici, accademici e scienziati e che un ramo del casato si trasferì a Napoli nel ‘400. Da fine ‘800 diventarono anche produttori di vino, attività che portano avanti ancora oggi. Possiedono magioni nel chianti, ristoranti e cantine a Firenze, tenute in Toscana, Usa, Cile, Malta e Ungheria. E’ di loro proprietà anche il Procacci di via Tornabuoni.

studiosi non concordano appieno, ma si sa che furono diplomatici, accademici e scienziati, oltre che – da fine ‘800 – produttori di vino. Un ramo del casato si trasferì a Napoli nel ‘400. Infine, la famiglia Guicciardini. Fiorentina almeno dal 1199, dicono gli archivi, gestirono attività manifatturiere e banche, senza dimenticare la politica e la diplomazia né la cultura: Piero e Luigi, vissuti nell’800, frequentarono Giovan Pietro Vieusseux e il suo cenacolo liberale.

FRESCOBALDI Originari del contado, si spostarono a Firenze nella seconda metà del ‘200. Banchieri di tradizione, entrarono a far parte di quel gruppo di persone che controllava la Signoria fiorentina. Nel XIV secolo finirono nei guai a causa della crisi finanziaria che colpì l’Europa, ma si risollevarono. Oggi possiedono agriturismo, affittano le loro proprietà in occasione di eventi e promuovono appuntamenti in location prestigiose.

Nativi della Val di Pesa, si trasferirono presto a Firenze. Furono banchieri, letterati e artisti. Intorno al 1300 cominciarono a dedicarsi anche all’attività vinicola. Grazie alle loro vigne e poderi i Frescobaldi produssero vino che venne esportato anche all’estero, per l’esattezza in Inghilterra e nelle Fiandre. Oggi continuano a portare avanti la tradizione vinicola. Sono proprietari di ristoranti e wine bar.

AFFITTO SENZA MEDIAZIONE!!!

1045222

TRA PRIVATI

930080

P

ietro Torrigiani fu sindaco di Firenze per due volte, nonché deputato e senatore del Regno d’Italia. Francesco Guicciardini è invece ricordato per la sua “Historia d’Italia”, che è considerato il primo esempio di storiografia moderna. Ma la carriera di Lorenzo, figlio di un Corsini e una Strozzi, resta probabilmente imbattibile: prima avvocato, poi responsabile delle finanze vaticane, cardinale e infine Papa con il nome di Clemente XII. Epperò non è stata tutta rose e fiori, né tutta così seriosa, la storia delle famiglie nobili di Firenze. Prendete il “povero” Bartolomeo Frescobal-

di che, durante il “Ballo Angelico” organizzato nella villa di Montecastello, lasciò che gli ospiti danzassero nudi. Correva l’anno 1685 e il Papa non la prese bene: Bartolomeo fu scomunicato e, per ottenere il perdono, dovette prima andare a piedi a Roma e poi finanziare la costruzione di 40 chiese nella Val di Pesa. (E va bene che il ballo non fu così angelico come diceva il nome, ma camminare fino a Roma sarebbe una pena dura da scontare anche oggi...). Ma, al di là dei destini dei singoli e di qualche aneddoto divertente, il passato dell’aristocrazia fiorentina è soprattutto un balcone da cui guardare la storia della città. Basta prendere cinque casati come “campione” – Frescobaldi, Corsini, Torrigiani, Antinori e Guicciar-

NOVOLI appartamento arredato ed accessoriato composto da camera cucina salotto bagno e 2 balconi affittasi ad euro 550 GAVINANA miniappartamento arredato costituito da camera cucinotto e bagno affittasi ad euro 550 SANTA CROCE bilocale arredato costituito da camera cucina soggiorno e servizio affittasi ad euro 550 CURE affittasi monolocale arredato composto da camera angolo cottura e bagno ad euro 500 CENTRALISSIMO appartamentino arredato composto da camera cucinotto e bagno affittasi ad euro 400 incluso spese FIESOLE miniappartamento arredato composto da camera cucina bagno giardino e posto auto privato affittasi ad euro 450 ISOLOTTO monolocale arredato costituito da camera angolo cottura servizio e terrazza affittasi ad euro 450 incluso spese PIAZZA PUCCINI pressi appartamento arredato ed accessoriato composto da 2 camere cucina abitabile bagno ripostiglio e grande terrazza ad euro 750 affittasi

CASELLINA appartamento arredato ed accessoriato composto da 2 camere cucina abitabile e bagno affittasi ad euro 650 trattabili CENTRO STORICO appartamento arredato composto da 2camere cucina sala e doppi servizi affittasi ad euro 600 GALLUZZO pressi ad Euro 250 affittasi appartamentino arredato ed accessoriato costituito da camera cucinotto e bagno. SAN DONNINO monolocale indipendente arredato composto da camera angolo cottura e bagno affittasi ad euro 400 incluso spese ADIACENTE piazza indipendenza affittasi appartamento arredato ed accessoriato composto da 2 camere cucina sal bagno ad euro 600 SCANDICCI miniappartamento arredato costituito da camera cucina e bagno affittasi ad euro 500 SANT’AMBROGIO appartamento arredato ed accessoriato composto da 2 camere cucina soggiorno e doppi servizi affittasi ad euro 800

CASA VELOCE

servizio gratuito per i proprietari via Santa Reparata 24/R dal lun. al ven. 9.00 - 13.00 - 14.00 - 19.00 Sabato 10.00 - 13.00

055 472476

www.casaveloce-fi.com


...e presente

9

SANGUE BLU/2. Il presente dei casati storici fiorentini. Alla scoperta dei nuovi mestieri

Se nobiltà fa rima con imprenditoria I Frescobaldi hanno un wine bar all’aeroporto di Fiumicino e Neri Torrigiani fa il designer. Ma quasi tutti hanno trasformato le loro magioni in agriturismo e le tenute in aziende vinicole Caterina Gentileschi

l sangue blu fa sempre la sua bella figura, anche nel secolo numero ventuno, quando tessuti damascati, servitù e regge da mille e una notte sembrano diventati appannaggio di rock star, ereditieri, sceicchi e imprenditori. In questo tran tran da show business, i nobili (quelli veri) perdono il primo piano. Le luci della ribalta si concentrano su personaggi più coloriti (spesso totalmente all’oscuro del significato della parola galateo), ma loro non sembrano interessarsene più di tanto. Non aspirano (tranne alcuni) a catalizzare l’attenzione su di sé anzi, l’etichetta impone discrezione ed equilibrio. Ma che fine hanno fatto i nobili made in Florence? I discendenti delle famiglie che hanno fatto la storia della città del giglio? Molti hanno smesso gli abiti di una volta e hanno cambiato abitudini. La gran parte si è riciclata nelle industrie alberghiera, olearia e vinicola, vestendo i panni di padroni di casa in agriturismo, residenze estive extra lusso e tenute smisurate, la cui proprietà spesso è tramandata di generazione in generazione. I luoghi idilliaci che invitano a trascorrere le vacanze in questa o quell’altra tenuta, si sprecano. A cominciare dalla famiglia Corsini, che offre a vacanzieri e passanti in cerca di refrigerio ospitalità nelle varie magioni sparse per la Toscana. Dal chianti ai dintorni di Firenze, passando per la maremma dove Duccio Corsini si offre disponibile per accompagnare i villeggianti in battute di caccia e cavalcate, sulle orme delle antiche tradizioni (www.principecorsini.it). Non contenti, a Firenze i principi Corsini affittano l’omonimo palazzo sull’omonimo lungarno (www.palazzocorsini.it) in occasione di

eventi speciali, meeting e per la “vippissima” Biennale dell’antiquariato, oltre ad aprire le porte dell’altrettanto noto giardino in via della Scala per aste di beneficenza e per la mostra-mercato dedicata al saper fare italiano “Artigianato e palazzo”. Stesso spirito imprenditoriale anima gli Antinori (www.marchesiantinori. it), che oltre ad offrire ospitalità nel loro agriturismo immerso nel Chianti e a offrire pietanze succulente nei ristoranti che portano il loro nome, nell’era della globalizzazione hanno varcato i confini esportando la tradizione secolare di imprenditori vinicoli anche all’estero. Oltre alle tenute in Toscana, hanno possedimenti negli Stati Uniti, in Ungheria, in Cile e a Malta, Paesi nei quali producono e vendono nettari prestigiosi. Anche i Frescobaldi non sono da meno. Sono di loro proprietà, oltre alle tante etichette, i wine bar di via della Condotta a Firenze e dell’aeroporto di Fiumicino a Roma, dove i viaggiatori di passaggio hanno a loro disposizione stuzzichini e vini blasonati, saporiti e tutt’altro che economici. I Guicciardini affittano case e magioni tra Firenze e San Gimignano (www.guicciardini.it), mentre il conte Ferdinando, erede dello stesso casato nobiliare, attende i suoi ospiti nel Castello di Poppiano, nel Chianti, dove organizza tour enogastronomici guidati, per singoli e gruppi. Dulcis in fundo, ci sono i Torrigiani, gli unici apparentemente fuori dal coro. Neri, ha aperto uno studio di grafica e design che lavora con brand di primo piano, sia italiani che stranieri, mentre Vieri Torrigiani Malaspina cura il bellissimo giardino che porta il loro cognome (il più grande all’interno delle mura), lo stesso dove nacque la prima società botanica italiana e dove ha sede un prestigioso vivaio che fornisce anche servizi di noleggio e manutenzione di piante in vaso.

GUICCIARDINI

TORRIGIANI

I

Arrivarono a Firenze intorno al 1199 per star dietro ad attività manifatturiere e banche, senza dimenticare la politica, la diplomazia e la cultura. Piero e Luigi, vissuti nell’Ottocento, frequentarono Giovan Pietro Vieusseux e il suo famoso gabinetto. Oggi affittano case vacanze di prestigio tra Firenze e San Gimignano. A Poppiano il conte Ferdinando organizza tour enogastronomici guidati.

Scuola

Accademica di Danza

diretta da Laura Checcucci Lisi

Arrivarono a Firenze a fine 1200 e diedero avvio alla tradizione vinicola della famiglia aprendo una rivendita e iscrivendosi all’Arte de’ Vinattieri. I Torrigiani hanno cambiato strada nel corso dei secoli. Neri Torrigiani ha aperto un prestigioso studio di grafica e design mentre Vieri Torrigiani Malaspina si occupa dell’omonimo giardino, all’interno del quale c’è un vivaio specializzato in piante in vaso.

VI ASPETTIAMO A SETTEMBRE PER LA REGOLARE RIPRESA DI TUTTI I NOSTRI CORSI DI STUDIO QUALI:

• DANZA CLASSICA • DANZA MODERNA • GINNASTICA STRETCHING E TONO CHIAMA PER MAGGIORI INFORMAZIONI DALLE 15:00 ALLE 19:00 SAD

Scuola Accademica di Danza Via Scipione Ammirato, 96 - Firenze

Tel. 055 6236044 dal lunedi al venerdi dalle ore 14.00 alle 18.00 www.danzafirenze.it email: scuola@danzafirenze.it

Quando si dice “Miseria e nobiltà” Si dedicano alla beneficenza e all’agricoltura. Si trasformano in zelanti padroni di casa per bed and breakfast finto casual, vigneti e distese di ulivi che producono nettari rigorosamente blasonati. Va bene che noblesse oblige, ma ce ne fosse uno che lavori nel vero senso della parola. La nutrita schiera di nobili toscani, i cui nomi altisonanti fanno balzare alla mente palazzi imponenti e stemmi disseminati per la città, da un po’ di tempo a questa parte hanno cominciato a fare, si potrebbe dire, “di nobiltà virtù”, sfruttando il loro nome per dar vita ad attività invitanti quanto remunerative. Come nella migliore tradizione toscana, tutto è equilibrato e mai fuori squadra. Sui siti internet e nei depliant che invitano a frequentare i loro agriturismi (deluxe) per un weekend di tranquillità, principi, principesse e conti indossano polo dai colori tenui, giacche tipo buttero e pantaloni cachi. Sorridono insieme ai lori pargoli e le gentildonne mostrano volti scuriti dal sole e senza un filo di trucco. Il look da contadino vip va per la maggiore. La riscoperta delle origini diventa un vanto. Ma di quali origini si sta parlando se i cosiddetti lavori di fatica non rientrano, a memoria d’uomo, nel dna di questi signori (a meno che non si vada molto molto indietro, quasi alle radici dell’albero genealogico)? Il nobile denobilizzato piace un casino. Sta su un poggio e grida “sono uno di voi”, gioca a non tirarsela, si dedica ad attività benefiche. E spesso la gente abbocca. Si fa conquistare dal sorriso bonario e accondiscendente. Si scioglie come farebbe davanti ad un impomatato Tom Crouise alla notte degli Oscar. “Hey, ha guardato me” oppure “si è avvicinato per stringermi la mano”. I comuni mortali si crogiolano in questi momenti, credono che oggi, nel terzo millennio, non esista più il divario storico tra signori e gente comune. I loro b&b glielo fanno credere, e le etichette in offerta al supermercato. Un american dream in salsa toscana. Della serie: l’importante è crederci.

1037635

BOUTIQUE E TOILETTE PER CANI E GATTI Toelettatura e bagni professionali con prodotti di base naturali Jv San Bernard per tutti i vari tipi di pelo per un corretto mantenimento della cute.

Mangimi di alta qualità per tutti gli animali Servizio Servizio aa domicilio domicilio Cat& Cat& Dog Dog sitting sitting

"Pensione per piccoli animali" Via Montebuoni, 207 Tavarnuzze (FI) APERTI

055 2022914

Tel/Fax e-mail: scodinzolando.snc@libero.it

TUTTO AGOSTO


10

estate

Agosto 2009

FERIE. In tempi di crisi vanno forte i viaggi low cost, nella natura e spuntano mete nuove

Quando la vacanza si passa... al verde Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania: sono tanti i fiorentini che quest’anno hanno optato per queste destinazioni,

Giuditta Boeti

Q

uest’anno i fiorentini per non rinunciare alle vacanze estive scelgono di cambiare le proprie abitudini. In tempo di crisi, si privilegiano ferie all’insegna del risparmio, acquistando biglietti low cost oppure organizzando vacanze “fai da te”. Ma la vera novità per questo 2009 sono le “vacanze verdi” ossia quelle trascorse a contatto con la natura, in campagna, nei parchi o nelle oasi naturalistiche. Sono sempre di più, infatti, i fio-

all’insegna del risparmio e della “toccata e fuga” per non penalizzare un portafoglio già piangente di suo

L’INTERVISTA Una nuova moda turistica

Scambisti? Sì, ma di divani

È

1045056

I NOSTRI SERVIZI MANICURE DEPILAZIONE

Piano alimentare personalizzato con test intolleranze metodo VITALYBRA

PEDICURE

RICOSTRUZIONI UNGHIE

SOLARIUM TRIFACCIALE E DOCCIA

TRATTAMENTI VISO TRATTAMENTI CORPO personalizzati con fanghi e macchinari drenanti e modellanti, adipe, cellulite, smagliature e tonificazione.

PROMO AGOSTO 3X2 SOLARIUM VISO e CORPO

DA LUNEDI A VENERDI 9.00 - 19,00

APERTI AGOSTO Via Gianpaolo Orsini, 6/a - Firenze

055 6802119

nata una nuova giovane moda turistica, il CouchSurfing, ovvero lo scambia-divano. Praticamente, saltare da un divano all’altro. Come funziona? Semplicissimo. Attraverso un sito internet (Couchsourfing.com) i proprietari di divani si mettono in contatto con i turisti fai da te. Tramite la rete è possibile infatti, accordarsi con utenti di tutto il mondo per offrire o richiedere ospitalità nella propria abitazione e non è necessario garantire una stanza per gli ospiti: basta un semplice divano. Il fenomeno - nato per facilitare lo scambio culturale tra viaggiatori disposti a qualche sacrificio per conoscere paesi stranieri- conta quasi 210 mila utenti registrati e la Toscana è una delle mete più richieste dagli “scambisti” di tutto il mondo. Ma per chi preferisce il comfort all’avventura, azzerando comunque tutte le spese relative al soggiorno e al pernottamento, è anche possibile ricorrere all’Home Exchange, ovvero lo “scambia casa”. In questo caso, è necessario che si abbia una casa da offrire in cambio di un’altra ma soprattutto occorre abilità con internet. La maggior parte delle offerte, infatti, arriva dalla rete. La lista dei siti dedicati al fenomeno “scambista” è lunga, uno dei portali più gettonati è scambiocasa. com. Unica spesa richiesta è quella del pagamento del canone annuale (75 euro) con cui è possibile fare un numero illimitato di scambi d’abitazione. Si tratta di una cifra comunque inferiore a quella che occorre in genere sborsare per pernottare qualche giorno in strutture alberghiere, residence o campeggi. Una volta effettuata l’iscrizione e pagato il canone richiesto è necessario descrivere in modo esaustivo la propria abitazione. Solo successivamente si possono contattare gli altri iscritti per trovare un accordo sulla data e sulla durata dello scambio. E non occorre avere a disposizione una casa di charme per aderire all’iniziativa. /G.B.

rentini che preferiscono trascorrere le ferie nei numerosi e incontaminati agriturismi toscani. Per i più tradizionalisti, invece, basta fare un giro per le agenzie di viaggi fiorentine e scoprire che le prenotazioni quest’anno faticano a decollare. Una ricerca condotta da Aduc, l’Associazione dei consumatori, ha rivelato che quest’anno per le vacanze estive sei italiani su dieci andranno in ferie massimo una settimana, mentre solo l’1 per cento potrà godere di un mese intero di vacanze. Un dato che rispecchia anche la situazione locale. “Si preferisce accorciare la villeggiatura o scegliere mete più economiche - spiegano da un’agenzia di viaggi in zona Stazione - le due settimane, ormai sono un miraggio per la stragrande maggioranza dei fiorentini. Ma c’è ancora una fetta di popolazione che non ha problemi di budget”. Il mese preferito per andare in vacanza rimane sempre agosto ma, ultimamente, settembre sta diventando un periodo sempre più appetibile tanto che è in crescita la percentuale di turisti che parte a fine agosto. In aumento anche i viaggi low cost, scelti dal 35 per cento dei vacanzieri e quelli pagati a rate, da circa l’8 per cento. Le mete più ambite? “Al momento - dicono dall’agenzia di viaggi - le prenotazioni accendono i riflettori sul Mare Adriatico: destinazione Slovenia, Montenegro, Albania. Qui ci sono località balneari bene attrezzate, capaci di accogliere anche il turista più esigente. E poi ci sono le mete che non tramontano mai grazie ad un ottimo rapporto qualitàprezzo: l’Egitto e la Tunisia sono tuttora molto richieste dai fiorentini. Molto gettonate anche le Maldive, l’Indonesia, le Filippine, il Madagascar e gli Stati Uniti”. E per chi non può permettersi viaggi lontani? “La Croazia detiene ancora il primato di meta favorita - raccontano gli esperti - anche perché da Firenze è comodo (ed economico) raggiungerla anche in auto”. I fiorentini che vogliono (o devono) scegliere una meta a breve raggio preferiscono passare le ferie sulle coste toscane, in particolare sull’Argentario. Anche se non sempre è sinonimo di risparmio. Infatti, da un’indagine del Codacons emerge che le spiagge italiane sono le più care d’Europa. Quest’anno solo il noleggio di ombrellone, sdraio e lettino per una settimana di mare per due persone a Porto Santo Stefano costa circa 136 euro. Insomma, non basta fare le valige per andare in vacanza, il vero obiettivo è potersela permettere.

Molto gettonate anche le Maldive, l’Indonesia, le Filippine, il Madagascar e gli Usa


estate

11

TENDENZE. E’ il mestiere nuovo di chi innaffia il verde domestico mentre i proprietari sono in vacanza

Alle piante ci pensa il green-sitter Serena Wiedenstritt

U

n po’ come l’eroina del film “Scrivimi una canzone”, che incontra Hugh Grant perché è stata ingaggiata per annaffiare il verde del suo appartamento. Un po’ come se le piante avessero bisogno, oltre che dell’acqua, di essere curate da una persona che le passa a trovare anche quando tutto il mondo è in ferie. Arrivano anche in Italia e a Firenze i primi “green-sitter”. Sarà colpa anche dei condomini che non sono più quelli di una volta e della sempre maggiore specializzazione in tutti i settori, ma andare ad annaffiare le piante altrui sta diventando un vero e proprio lavoro, anche se part-time. Il modo migliore per trovare la persona giusta è rivolgersi al proprio fioraio o vivaista di fiducia, che, anche se non si occuperà di persona della questione, saprà affidare il compito di annaffiare e curare

il verde del cliente a qualcuno che non affoghi il gelsomino, né asseti il geranio, come avrebbe potuto fare la vicina distratta. Il costo del servizio è molto variabile, dipende dalla quantità delle piante e dalla distanza che il “green-sitter” deve percorrere, dalla frequenza e dalla durata del “sitteraggio”. Del resto, come sanno gli appassionati di giardinaggio e i pollici verdi ci sono delle piante che valgono molto di più di quanto sono state pagate, purché non appassisca in una settimana tutto il lavoro di un inverno. Altrimenti, un po’ come accadeva quando andavano di moda le pellicce, si può ricorrere ad una “residenza estiva” per le piante. Esistono in tutta Italia ed anche nella nostra zona, soprattutto fuori città e nel pistoiese, vivai che offrono il servizio di ricovero e cura delle piante durante le vacanze. In questo caso il costo base è di pochi euro a pianta al

In molti prima di partire affidano i propri vasi e vasetti alle cure di terzi mentre altri preferiscono portarli nelle serre, che diventano una sorta di “buen retiro” estivo per i vegetali

ANIMALI. Alberghi, cat o dogsitter per i 4 zampe

Se anche il cane va in villeggiatura

T

empo di vacanze, anche per gli amici a quattro zampe. Anche se gli ultimi anni hanno visto crescere a dismisura alberghi e pensioni che accolgono anche cani e gatti (informazioni su www.dogwelcome.it) sono sempre tanti i padroni che optano per la pensione per animali o per un cat o dogsitter. La pensione ha un costo variabile, a seconda della qualità (che si declina a seconda dello spazio che ha l’animale, della località più o meno fresca e nel verde in cui si trova la pensione) del cibo e delle cure che vengono fornite. Per ovvi motivi, costa meno mandare in villeggiatura un gatto di un cane e per questi ultimi, spesso conta la taglia. Alcune pensioni offrono inoltre un servizio di ritiro e consegna del cane/ gatto. In media i prezzi variano dai 15 ai 20 euro per i cani e si attestano sui 10-12 per i gatti. Per trovare la lista delle pensioni, oltre al passaparola, molto materiale si trova sul web (www.clinicaveterinaria.org; www.tuttocani.it; www.dogsitter.it). Il cat o dogsitter è sicuramente più economico, ma anche questa è una figura che sta cambiando. Il catsitter può sostituire la pensione per gatti quan-

do la vacanza si riduce ad un week end, mentre il dogsitter è spesso la soluzione preferenziale per chi lascia l’amico a quattro zampe dall’anziana zia ma vuole assicurarsi la presenza di un esperto che lo curi. Il dogsitter moderno, infatti, non è solo quello che porta a spasso e ad espletare i propri bisogni fisiologici il cane, è piuttosto l’esperto di psicologia canina o felina che sa come far divertire, rilassare e far star bene l’animale. Continua ad esserci una folta schiera di studenti che lo fanno come “lavoretto”, ma sempre più spesso la richiesta è quella di personale specializzato, magari dotato di patentino di conduttore /S.W. cinofilo.

giorno, ma può lievitare a seconda dei servizi aggiuntivi che vengono richiesti, come il ritiro e la consegna a casa: il trasporto in auto, infatti, se non è ben organizzato può essere letale per alcune specie più delicate e con il caldo. Inoltre molti approfittano della residenza delle piante nel vivaio per trasformarla in un “trattamento di

bellezza” per il verde di casa, ad esempio richiedendo trattamenti antiparassitari, il rinvaso o la potatura della pianta. Infine, ci sono i soliti consigli per chi vuole fare da sé: dal mettere le piante nella vasca da bagno con una riserva di acqua e dei conduttori (stoppini o stracci di cotone), agli alimentatori in terracotta (si trovano

nei negozi di casalinghi e nelle mesticherie) ai trucchi più tecnologici, come i vasi autoinnaffianti. Valgono comunque le regole generali, come moderare la luce che le piante riceveranno, evitare che siano seccate dal sole diretto e lasciarle in una zona umida: in casa mettendo dei secchi accanto ai vasi, ad esempio.

1028821


12

vademecum

Agosto 2009

SALUTE. Ecco i consigli di un medico esperto per affrontare al meglio il periodo estivo

Sopravvivere alla canicola si può Giuditta Boeti

I

medici non si stancano di ripeterlo. Con le temperature elevate le persone anziane devono stare particolarmente attente alla loro salute. Ecco allora alcuni consigli per affrontare al meglio il periodo estivo, modificando le normali abitudini giornaliere. “Il primo suggerimento - dice il dottor Alfonso Lagi, direttore del Dipartimento di emergenza e accettazione e Medicina d’urgenza dell’ospedale Santa Maria Nuova - è quello di evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, cioè fra le 12 e le 18. È necessario man-

FOCUS La mappa delle oasi urbane

Fresche frasche contro l’afa

P

er fronteggiare la canicola di questi giorni non rimane che andar per parchi alla ricerca di un po’ di fresco. E Firenze offre tante aree verdi dove trovare sollievo, dai giardini più famosi a quelli fuori dalle rotte classiche. Tra i parchi più amati c’è quello delle Cascine, meta di scampagnate già all’epoca dei Lorena. Oggi, questo grande polmone verde, sempre aperto e con ingresso libero, rappresenta un’ancora di salvezza nei roventi pomeriggi fiorentini. Più distanti dal centro, ci sono i parchi delle ville nobiliari, oggi aperte al pubblico, come Parco Strozzi al Boschetto (con un portale d’entrata in via Pisana 77, uno in via di Soffiano e un piccolo accesso sul Monte Oliveto a Bellosguardo) e il parco di Villa Vogel (ingresso gratuito, via delle Torri 23, Viale Canova). Un pezzo di quiete ritagliato in città è il giardino di Villa Favard in via Aretina, aperto tutti i giorni dalle 8 alle 20. Se ci si sposta verso Sesto Fiorentino, si trovano due celebri giardini rinascimentali legati ai Medici. Il giardino di Villa di Castello (ingresso libero, dalle 8.15 alle 19.30) e Villa Petraia i cui ambienti sono accessibili con visite accompagnate ogni 45 minuti a partire dalle 8.30 (ingresso libero). Meta degli escursionisti, ed anche chiamato balcone di Firenze, è il Monte Morello, la montagna dei fiorentini che regala un contatto diretto con la natura. Per trascorrere una piacevole giornata all’aria aperta, una visita da non perdere è quella al giardino delle meraviglie: il parco mediceo di Pratolino, a Vaglia, con prati, piante e fiori di ogni genere in un continuo alternarsi di statue, laghetti, colori /G.B. e profumi.

giare molta frutta e verdura fresca, alimenti che contengono una grande percentuale di acqua. Ancora, meglio fare pasti leggeri, evitando cibi ricchi di grassi come salumi, fritture e dolci. Occorre bere molta acqua, almeno un litro e mezzo al giorno, di più se si svolge un’attività che comporta un’intensa sudorazione. Le persone anziane, che tendenzialmente avvertono meno lo stimolo della sete, è importante che bevano comunque molta acqua, evitando così il rischio di disidratazione. Per chi suda molto, il consiglio è quello di rimpiazzare i liquidi e i sali perduti con bevande e cibi salati: per esempio un succo di pomodoro o di frutta. E ancora, bisogna evitare di bere alcolici, caffè e bevande gassate o zuccherate che non soddisfano il bisogno di liquidi dell’organismo. Vanno evitate anche le bibite troppo fredde perché possono causare crampi e congestioni”. La temperatura ideale di una buona bevanda, quella che permette un veloce assorbimento e un giusto raffreddamento,

Villa Demidoff

Gli anziani sono una categoria a rischio: ecco perché è importante che non escano nelle ore da bollino rosso, che bevano molta acqua (non troppo fredda) e che stiano attenti a non abusare dell’aria condizionata. Attenzione anche all’esposizione al sole

CENTRO SOCIALE SORGANE - CIRCOLO ARCI Via Tagliamento, 2 - 50126 FIRENZE (CAPOLINEA BUS 23a)

966099

ORARIO MESE DI AGOSTO 2009 SI INFORMANO I SOCI FREQUENTATORI DEL CENTRO SOCIALE CHE NEL MESE DI AGOSTO SARA’ OSSERVATO IL SEGUENTE ORARIO: Servizio BAR Chiuso la mattina da domenica 9 agosto a domenica 23 agosto COMPRESI. Apertura ore 15,00. Nei giorni di Sabato 15 e Domenica 16 Agosto, CHIUSURA COMPLETA. Servizio RISTORAZIONE Chiuso dal 10 al 21 agosto COMPRESI. Ultimo giorno aperto venerdì 7 agosto, primo giorno di riapertura lunedì 24 agosto. Servizio RISTORANTE/PIZZERIA Chiuso dal 3 al 21 agosto COMPRESI. Ultimo giorno aperto, domenica 2 agosto; primo giorno di riapertura sabato 22 agosto.

I BALLI DI GRUPPO ED IL BALLO LISCIO RIPRENDONO A SETTEMBRE MERCATINO DEL COLLEZIONISTA del “FAI DA TE”, DI BENEFICIENZA RIPRENDERA’ A SETTEMBRE Per ulteriori informazioni telefonare nel pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00 al n. Tel.

055.6820200

INIZIATIVE RIVOLTE ESCLUSIVAMENTE AI SOCI ARCI

è di circa 10 gradi. Per fronteggiare la canicola è importante rispettare anche alcuni piccoli accorgimenti sul modo di vestire. “È preferibile indossare abiti in fibre naturali, di lino o cotone, di colore chiaro e non aderenti - suggerisce il dottor Lagi - perché gli indumenti di materiale sintetico trattengono il calore, aumentando così la temperatura corporea. È buona abitudine usare occhiali da sole che, riparando gli occhi dai raggi solari, proteggono dalla cataratta. In testa è sempre meglio portare un cappello”. Per vincere il caldo serve qualche accortezza anche in casa. “È bene - consiglia il medico - rinfrescare le abitazioni con deumidificatori piuttosto che con condizionatori che creano sbalzi di temperatura spesso fonte di malesseri. E se si utilizza un ventilatore, è necessario evitare di rivolgerlo direttamente sulla persona”. Infine, “i pazienti con patologie croniche come i cardiopatici e i diabetici - spiega Lagi - devono esporsi al sole con molta cautela. Gli ipertesi sono particolarmente suscettibili e possono manifestare episodi di diminuzione della pressione arteriosa. I diabetici devono stare attenti ai raggi solari perché, a causa della possibile minor sensibilità al dolore, potrebbero ustionarsi anche in maniera seria”. La raccomandazione alla prudenza non è mai troppa ed è valida per tutti perché il caldo non risparmia nessuno.


SETTEMBRE mese di rinnovamento cellulare un e r a v o pr a i n e i V ne o i z a i l o f s di e o t e l p m o nto c e m a t t a r t

Acquista 1 trattamento spa peeling massage corpo IN OMAGGIO un peeling viso !!!

tto: e h c c a il p n o c e r oppu

Spa peeling corpo + Peeling viso + 2 elettroporazione idratante viso + 2 trattamenti anti-age ...in omaggio

1 abbonamento da 5 solarium viso 1045226


14

società

Agosto 2009

VIZI E VIRTÙ. Volenteroso, ironico, polemico: in tre parole, il popolo del capoluogo si potrebbe descrivere così

Ai fiorentini? Piace “bubare” Hanno la battuta pronta

“NOTTE A PEDALI”

e la lingua tagliente,

La città si guarda seduti sul risciò

ma anche una grande capacità di rimboccarsi

L’

le maniche. Ecco un ironico ritratto della gente di casa nostra e della sua “bonaria cattiveria” Lorenzo Salusest

I

fiorentini sono vip. Ma non nell’accezione più nota del termine. Niente a che vedere con le “very important person”. Dimentichiamo l’inglese e la società mondana: in fiorentino l’acronimo sta per Volenterosi, Ironici e Polemici. Perché queste sono le peculiarità dei cittadini di Firenze. Generalizzando, s’intende. Seppur difficile, e ingiusto, tracciare un idealtipo della gente fiorentina non è impossibile. Basta porsi in osservazione della quotidianità, passata e presente, depurandosi dei pregiudizi dettati da quel sano campanilismo che anima ogni fiorentino. Tre aggettivi su tutti, a dipingere una genìa di persone. Volenterosi, in primis: uno sguardo indietro di qualche decennio, ed ecco ritornare alla memoria Firenze travolta dal fango, botteghe distrutte, case allagate. Fu allora che emerse dall’acqua dell’Arno il coraggio, la dignità e la forza di volontà dei fiorentini. Maledì il destino, la gente di Firenze, ma non si lasciò travolgere. Si rimboccò le maniche e, come negli anni dell’immediato dopoguerra, cominciò a ricostruire ciò che la forza distruttrice - dell’uomo prima, della natura poi - aveva portato via con sé. V come virtù, V come volontà. Ironici, quindi. Battuta sempre pronta, intelligenza arguta, lingua tagliente. La fiorentinità non può prescindere da queste caratteristiche. Talvolta amara, talvolta volgare, spesso pungente, sempre ai limiti del

sarcasmo. Una “bonaria cattiveria”, dettata da un sentimento di superiorità che alberga nell’anima di chi vive in una città allo stesso tempo altera e popolare. E non è necessario rispolverare le videocassette della trilogia di “Amici miei”. Basta girare per le strade della città e porgere l’orecchio a dialoghi e scambi di battute non sempre riferibili. Basta leggere gli striscioni partoriti dalla fantasia dei tifosi della Fiorentina. Come dimenticare la battuta: “Ma lo stadio che l’avete preso all’Ikea?”, dedicata ai tifosi empolesi, colpevoli solo di avere uno stadio con un settore ospiti non molto accogliente. Polemici, infine. E soprattutto. Ai fiorentini piace “bubare”, ribattere punto su punto, contraddire costantemente l’interlo-

cutore. Spesso per il semplice gusto della polemica. O per meglio dire, della “polemiha”, con tanto di gorgia. Bastian contrari per natura, i fiorentini sono pronti a negare le proprie opinioni pur di non dar ragione agli altri. La coerenza cede così il passo alla diatriba fine a se stessa, sia che si parli di sport, di politica, perfino di cucina. Questi sono i pregi e i difetti dei fiorentini. Questi e molti altri, su alcuni dei quali pare opportuno glissare, quantomeno per non fare emergere altre caratteristiche negative della gente di Firenze. Orgogliosa, permalosa, pronta a tutto e capace di tutto. Distruggere per ricostruire. In fondo, come disse un fiorentino doc come Gino Bartali, “l’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare”.

estate fiorentina si colora di giallo e di blue, grazie ai numerosi risciò nelle strade del centro storico. Un modo insolito e divertente per visitare la città senza inquinare, un’idea innovativa in Italia che tuttavia nasce da molto lontano. “A New York nel ‘95 e a Berlino nel ‘97. A Firenze dal 2000 alcune persone ci provano incontrando non poche difficoltà” spiega Neri Tarchiani, responsabile di Olim, società che attualmente si occupa del noleggio di riscio. Quest’anno, grazie all’iniziativa “Notte a pedali”, i risciò sono più visibili che mai. Alla loro guida ci sono i cosiddetti “free-riders”, pedalatori liberi interessati a promuovere una mobilità sostenibile ed ecologica nella città. Si tratta di privati che affittano a loro spese i risciò, pagando una decina di euro a serata, e che, come spiegano, lo fanno “per scelta personale, come forma di volontariato ambientale, offrono liberamente e gratuitamente passaggi con velocipedi adatti al trasporto di persone, a coloro che ne facciano richiesta nella città di Firenze”. Un servizio totalmente gratuito quello offerto dai pedalatori, che i passeggeri possono ringraziare a fine corsa offrendo loro una piccola mancia, una birra o anche un gelato. L’iniziativa, pur nascendo come attività di volontariato, ha sollevato numerose polemiche da parte dei tassisti, fortemente contrari ad un’attività che reputano illegale e dannosa per l’immagine della città. Scettico il presidente della cooperativa Cotafi: “Personalmente penso che nessuno faccia niente per niente”. I pedalatori, tuttavia, restano ottimisti: “L’iniziativa sta avendo un successo strepitoso. La gente ci vuole bene, la città sembra dalla nostra parte. La nostra è un’attività di promozione sociale, senza fini di lucro”. La loro “mission”: “mostrare che è possibile un tipo di mobilità sostenibile, che porta benefici alla città e ai cittadini, senza causare inquinamento”. /Francesca Quercia

SCONTI FINO AL 35%

935739

SU TUTTA LA COLLEZIONE ESTIVA OCCHIALI DA SOLE FIRMATI

Occhiali da VISTA e LETTURA a soli € 45 TEST computerizzato della vista

GRATUITO!!!

SOLO FONDUES SOLO LA SERA

CHIUSI DAL 10 AL 30 AGOSTO 954173

Via Gramsci, 9 Fiesole

055 2286006 - Chiuso il Lunedì

Centro per la salute dei tuoi occhi

TEL. 055

599148


società

15

L’ALLARME. I giovani bevono sempre di più. E iniziano prima

In piazza la guerra all’alcol Otto ragazzi su dieci dai 14 ai 19 anni non sono astemi, e c’è chi comincia a bere a 12 anni. Contro l’abuso nessun nuovo divieto: si punta su musica e divertimento. Prossimo appuntamento in Santo Spirito. L’assessore Saccardi: “Servono educazione e informazione” Matteo Francini

S

e c’è un elemento che accomuna sempre più i giovani toscani con i loro coetanei del Nord Europa è l’uso (o l’abuso) di alcol. E non è certo un confronto che fa onore ai ragazzi di casa nostra, che dai loro pari età stranieri, anziché prendere esempio per attività più virtuose (come ad esempio la scioltezza nel parlare diverse lingue) hanno importato piuttosto una cosa che si chiama “binge drinking”, che altro non è che il consumo di 5 o più bicchieri di una qualsiasi bevanda alcolica in un’unica occasione. A dirlo è uno studio dell’agenzia regionale di sanità, che ha intervistato oltre 5mila giovani di età compresa tra 14 e 19 anni: e i dati emersi, in effetti, non sono dei più incoraggianti, se è vero che in quella fascia d’età, in Toscana, i bevitori sono ben l’81,1% del totale, che aperitivi e superalcolici hanno scalzato dai primi posti tra le bevande preferite i più “classici” vino e birra e che, nell’anno precedente all’indagine, quasi la metà degli intervistati si era ubriacato almeno una volta. Ma ad alzare il gomito più del dovuto, in Italia, non sono solo i giovani toscani, come è evidente dalla recente decisione del sindaco di Milano Letizia Moratti di varare un’ordinanza per vietare la vendita di alcolici ai minori di 16 anni (pena salatissime multe), subito seguita da altri primi cittadini e da catene commerciali come Esselunga, che ha esteso il divieto a tutti i suoi supermercati sparsi per lo Stivale. Il fenomeno, insomma, è esteso quanto preoccupante, e ognuno cerca di affrontarlo come può. O come meglio crede. A Firenze, una statistica effettuata dagli operatori dei servizi del Comune dice che meno del 10% di coloro che frequentano i

locali notturni sono “astinenti”, ovvero non bevono né assumono altre sostanze. Non solo, ma l’età in cui si comincia a bere si abbassa sempre di più, fino ad arrivare a 12-13 anni: insomma, alla stessa età in cui, fino a poche generazioni fa, si chiedeva ancora il permesso a mamma e papà per bere una Coca Cola fuori pasto, oggi si è già al bancone a ordinare birre e cocktail. E anche al Sert l’impressione è quella dell’aumento del numero dei giovani che abusano di alcol. “Dati allarmanti, certo”, commenta l’assessore alla sanità di Palazzo Vecchio Stefania Saccardi. Una nuova raffica di divieti in arrivo, dunque? Assolutamente no. A Firenze, per sensibilizzare i giovani sulla questione, si punta sul divertimento, la musica e l’evasione, attraverso due appuntamenti in piazza che hanno l’obiettivo di far capire che abusare di alcol e di altre sostanze fa male. Molto male. Il primo si è tenuto a fine luglio in Santa Croce, il secondo è in programma in Santo Spirito il 18 settembre. “Non è che imponendo nuovi divieti si raggiungano risultati – spiega Saccardi – anche perché le norme che vietano la vendita di bevande alcoliche ai minorenni ci sono già, il problema è farle rispettare. L’ordinanza di Milano è una ripetizione, è demagogia”. Ma come fare, allora, ad affrontare il problema? “Servono politiche educative e informative – risponde l’assessore – scuola e famiglie devono riprendersi le loro responsabilità per quanto riguarda i giovani. Il Comune aprirà anche tavoli di concertazione con locali ed esercenti, per limitare l’offerta e porre attenzione sul tema. Ma – conclude – bisogna puntare su educazione e informazione: è solo così che si può vincere questa partita”.

Prenotati per le nostre prossime feste! Invia sms con età e nome oppure richiedi maggiori info al 340.8689521

IL PROGETTO “Iesa”, per adulti con disturbi psichici

Dai centri di salute mentale all’inserimento in una famiglia

I

l progetto si chiama “Iesa” e si tratta di un’iniziativa dell’Azienda Sanitaria di Firenze. Prevede l’inserimento di adulti con disturbi psichici nelle famiglie che ne fanno richiesta e che, dopo un’adeguata selezione, vengono ritenute idonee. Da qualche mese a questa parte sta ottenendo ottimi risultati, come dimostrano i numeri: dopo che nel suo primo anno di vita si era registrato l’inserimento di una persona in una famiglia (“ed era già un buon risultato, in altre città italiane si è dovuto aspettare almeno due anni”, spiega il dottor Davide Musian, psicoterapeuta familiare che, insieme alle psicologhe Virginia Quaranta e Sara Binazzi, porta avanti il progetto), da qualche mese i numeri sono lievitati: “In pochi mesi abbiamo ricevuto più di cento telefonate, fatto una settantina di colloqui con le famiglie interessate, selezionato una ventina di queste e preso contatto con un’altra sessantina di nuclei familiari”, racconta Musian. “Ora – prosegue – abbiamo una lunga lista di famiglie da cui attingere, una possibilità di inserimento che prima non c’era, ed è una cosa molto importante”. Ma come funziona il progetto Iesa? Si tratta di un’iniziativa (l’acronimo sta per “Inserimento eterofamiliare supportato e assistito) che ha come obiettivo quello di inserire adulti affetti da disturbi psichici (non gravi) in cura nei centri di salute mentale, in famiglie selezionate dagli psicologi del progetto Iesa. Famiglie che ricevono, per questo, un contributo mensile di 1.200 euro, con il fine di un reinserimento sociale delle persone che accolgono e di una loro uscita dall’isolamento in cui spesso purtroppo si trovano. “Un progetto in particolar modo importante per i pazienti – conclude Musian - ma anche per l’azienda sanitaria, che per mantenere queste persone in case famiglia o residenze psichiatriche ha una spesa molto più alta, e infine per le famiglie coinvolte, che riescono così ad avere un introito in più”.

Equipe Iesa: da sinistra Davide Musian, Sara Binazzi, Virginia Quaranta

992584

Esiste qualcuno che ti puo’ amare! MANILA 37 anni, costituzione robusta. Mi piace uscire, passeggiare, ascoltare musica. Amo il mio lavoro e cerco una persona con la quale condividere la tranquillità della casa e della coppia, che sia serio, sincero e semplice. KATIA 39 anni, nubile, un figlio grande che vive all'estero. Sono infermiera, amo la vita di casa, cucinare, passeggiare in riva al mare. Cerco un compagno con dei valori, indipendente, per creare una famiglia insieme. BRENDA 43enne, vedova, senza figli. Nonostante quello che mi e' successo, sorrido ogni giorno che mi alzo e ringrazio Dio per il fatto di essere ancora viva, di entusiasmarmi anche per le piccole cose, di poterti incontrare, di poter amare ancora. ANGELA socievole 47enne, curiosa di conoscere, amo lo sport, il mare, il ballo, cerco stabilità con un uomo premuroso, vitale, desideroso di condividere la vita. CARMEN 54 anni, di bell'aspetto, dinamica, mi piace molto il ballo liscio e andare a fare delle belle gite. Amo stare in compagnia, sono vedova e cerco una persona sensibile di sani principi, che ami le cose semplici come me. ALBERTA 69enne, vedova, mi ritrovo sola nella mia casa con il mio gatto, senza amicizie con cui passare il mio tempo libero. Voglio incontrare un uomo che senta il bisogno di vivere la nostra età con serenità e tranquillità.

FABIO 28 anni, posato, sentimentalmente maturo. Amo molto viaggiare, andare al mare, fare escursioni in montagna. Ho casa mia, un lavoro impegnativo ma che mi piace molto e che mi appaga. Non cerco un'avventura, ma una storia seria, basata su sentimenti veri e soprattutto sulla fiducia reciproca. La mia lei si deve fidare di me, deve essere dolce, sensibile, non gelosa né possessiva, con la voglia di costruire qualcosa di concreto. PAOLO 33enne. Non so come mi vedono le ragazze, ma iniziare questa nuova sfida è davvero entusiasmante, tutto pur di essere felice! CLAUDIO 36enne, impegnato in una azienda agricola, amo la campagna e le cose semplici. Cerco una donna seria, educata, di sani principi, amante della campagna e degli animali per un amore di grande valore. OSVALDO 53 anni, celibe, senza figli, lavoro come dipendente. Cerco una donna tranquilla, serena, che abbia voglia di costruire una famiglia nostra. ARMANDO 62enne, ex ufficiale dell'arma, mi sono ritirato nella mia casa di campagna per godermi momenti di natura e relax, voglio condividere la vita con una signora libera mentalmente, intenzionata a dare e ricevere affetto, sentimenti e con la voglia di stare insieme. GIUSEPPE 72 anni, vedovo, figli grandi. Vorrei avere vicino una donna seria, brava, onesta, per una compagnia reciproca.

Per condividere Via di Novoli 7 • 50127 Firenze Tel. 055 3245335 • 340 8689521

info@amoriincorso.net www.amoriincorso.net


SPECIALE SALUTE

16

TELESOCCORSO - TELEASSISTENZA E’ un progetto di sostegno ed assistenza a domicilio per gli anziani che si basa sull’utilizzo del telefono e della televisione

Mai più soli a casa PER INFORMAZIONI ED ATTIVAZIONE CHIAMA 970860

DA 20 ANNI AIUTIAMO I FIORENTINI A SENTIRE MEGLIO

978832

E’ ORA DI SENTIRE BENE Piccolo e ultrasottile, lascia l’orecchio naturalmente aperto. Riconosce l’ambiente sonoro e automaticamente seleziona il corretto programma di ascolto - Comprensione del parlato ottimale. Soppressione del rumore ad alta risoluzione. Controllo del rumore del vento. Mai più fastidiosi fischi. Non sapevo che nel mondo ci sono più di 500 milioni di persone con problemi di udito. E’ il momento di un apparecchio acustico che Da quando porto i miei sistemi acustici non scende a compromessi per grandezza, SAVIA la mia qualità di vita è migliorata significativamente. design, prestazioni e benefici per lo stile di vita. E arrivato il momento di

MicroSavia.

CHIUSI DAL 1 AL 23 AGOSTO

BUZZ ALDRIN - astronauta Apollo 11, Stati Uniti

Da oltre 20 anni il nostro Centro aiuta i fiorentini a migliorare il proprio udito trovando insieme la soluzione più adatta alle singole esigenze Applicazione protesi acustiche delle migliori marche in PROVA GRATUITA Assistenza MISURAZIONE, PROVE GRATUITE al Tuo domicilio Assistenza GRATUITA al Tuo domicilio SEMPRE Fornitura protesi acustiche agli invalidi civili/del lavoro a carico del Servizio Sanitario Nazionale/Inail Pagamenti rateali (rate piccolissime perché tutti hanno diritto a sentire meglio) Insieme al paziente 24 ore su 24 grazie alle nuove protesi che monitorizzano tutto ciò che accade durante l’uso e avvertono vocalmente quando è necessario effettuare le visite di controllo.

CONTROLLI GRATUITI DELL’UDITO

CHIAMA IL n° 055 212447 per fissare la tua visita GRATUITA al Tuo domicilio

CENTRO ACUSTICO RICASOLI - v. Ricasoli 24-26/R - FIRENZE Tel. 055 212447 - 055 215259 www.audioprotesisti.com

1003444


SPECIALE SALUTE

17

AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE S.R.L - IMPRESA SOCIALE

ORARIO DI APERTURA:

Tutti i giorni feriali dalle 8.00 alle ore 20.00 – il sabato dalle 8.00 alle 13.00 Il servizio infermieristico di iniezioni intramuscolari si effettua dal lunedÏ al sabato dalle ore 08.00 alle ore 10.00

7JDPMP"EJNBSJOt'*3&/;&

Numero Unico 848.812221 Agopuntura Dr. Rosa Di Lernia MercoledĂŹ Allergologia e immunologia (1) Dr. Silvia CariďŹ GiovedĂŹ Angiologia (2) Dr. Angela Terreni VenerdĂŹ Dr. Maurizio Tarantelli MartedĂŹ Cardiologia (3) Dr. Maurizio Tarantelli MartedĂŹ Dr. Claudio Poli MercoledĂŹ Dr. Fabiana LucĂ  MercoledĂŹ Dr. Reno Lamberti MartedĂŹ Chirurgia Dr. Riccardo Gattai MercoledĂŹ Chirurgia della mano Dr. Ludovico Stellini MartedĂŹ Dr. Piergiuseppe Zampetti MartedĂŹ Dermatologia (4) Dr. Cozza Carmela LunedĂŹ MercoledĂŹ Sabato Dr. Sara Fortunato LunedĂŹ Dr. Beatrice Magini MartedĂŹ Dr. Gastone Bianchini MartedĂŹ Dr. Annalisa Rapaccini MercoledĂŹ Dr. Cristina Lucin MartedĂŹ Dr. Serena Bellandi MartedĂŹ GiovedĂŹ Dr. Alessandra Di Blasi GiovedĂŹ Dr. Massimo Chimenti VenerdĂŹ Dr. Francesco Perrelli VenerdĂŹ Dr. Maria Coppini VenerdĂŹ Dr. Luca Salimbeni VenerdĂŹ Sabato Dietologia Dr. Laura Masi LunedĂŹ Endocrinologia Dr. Laura Masi LunedĂŹ

Dalle 09.30 alle 12.10 Dalle 08.30 alle 11.00 Dalle 08.30 alle 12.30 Dalle 16.00 alle 16.50 Dalle 16.45 alle 17.45 Dalle 09.00 alle 11.00 Dalle 17.00 alle 19.00 Dalle 11.30 alle 13.30 Dalle 14.30 alle 16.00 Dalle 08.30 alle 09.30 Dalle 17.30 alle 19.00

Dr. Renato Guazzelli Dr. Benedetta Raggianti Gastroenterologia Dr. Beatrice Paoli Dr. Manuela Ortolani Geriatria Dr. Raaele Carrega Bertolini Ginecologia (5) Dr. Ida Cristina Pieraccini

Dr. Paola Morelli Dr. Palma Berloco Dr. Anna Didona Dr. Donatella Nannoni Dr. Chiara Riviello

Dalle 09.00 alle 12.00 Dalle 14.00 alle 16.30 Dalle 10.30 alle 12.00 Dalle 14.30 alle 18.30 Dalle 10.00 alle 12.00 Dalle 13.50 alle 15.30 Dalle 14.10 alle 16.20 Dalle 08.30 alle 11.15 Dalle 17.30 alle 19.30 Dalle 08.30 alle 13.00 Dalle 16.00 alle 19.00 Dalle 12.30 alle 13.30 Dalle 16.00 alle 19.00 Dalle 10.00 alle 13.00 09.00/10.30-16.00/19.10 Dalle 08.30 alle 10.00

Dr. Valentina Pontello Neurologia Dr. Paola Ragghianti Dr. Anfrea Di Rollo Oculistica Dr. Marco Ciaramelli Dr. Stefano Esente Dr. Mario Caterini Prof. Riccardo Frosini Dr. Riccardo Paoletti Perini Dr. Nicola Passarelli Dr. Laura Bardi Dr. Saverio Matteini Dr. Maria Antonietta De Giovanni

Dalle 08.30 alle 11.00 Dalle 08.30 alle 11.00

Dr. Francesco De Saint Pierre Dr. Francesco De Gaetano

GiovedĂŹ GiovedĂŹ

Dalle 10.30 alle 12.30 11.00/14.00-16.00/18.00

Odontoiatria Dr. Eleonora Formichini Bigi

MercoledĂŹ MartedĂŹ

Dalle 17.30 alle 19.00 Dalle 16.30 alle 18.30

Dr. Riccardo Gizdulich

LunedĂŹ

Dalle 10.30 alle 13.00

Dr. Lorenzo Capei Chiaromanni

LunedĂŹ MartedĂŹ MercoledĂŹ GiovedĂŹ LunedĂŹ MartedĂŹ VenerdĂŹ GiovedĂŹ VenerdĂŹ MercoledĂŹ VenerdĂŹ Sabato

11.30/13.00-16.00/19.00 Dalle 16.30 alle 19.00 10.30/13.00-16.30/19.00 Dalle 11.00 alle 14.30 Dalle 09.30 alle 11.00 Dalle 09.00 alle 13.00 Dalle 11.00 alle 14.00 Dalle 15.00 alle 19.00 Dalle 08.30 alle 11.30 Dalle 08.30 alle 10.00 Dalle 15.00 alle 19.00 Dalle 09.00 alle 12.30

GiovedĂŹ LunedĂŹ

Dalle 08.30 alle 10.30 Dalle 08.30 alle 10.30

LunedĂŹ VenerdĂŹ LunedĂŹ LunedĂŹ Sabato MartedĂŹ MartedĂŹ VenerdĂŹ MercoledĂŹ MercoledĂŹ MartedĂŹ GiovedĂŹ GiovedĂŹ MercoledĂŹ

Dalle 08.10 alle 12.40 Dalle 08.10 alle 12.40 Dalle 17.00 alle 19.00 Dalle 14.00 alle 17.00 Dalle 09.00 alle 12.30 Dalle 08.00 alle 09.00 Dalle 14.45 alle 17.00 Dalle 17.00 alle 19.10 Dalle 11.00 alle 14.30 Dalle 15.00 alle 17.00 12.45/14.30-17.45/19.15 09.00/13.30-15.30/19.00 Dalle 15.30 alle 19.00 Dalle 17.30 alle 19.30

Dr. Paolo Scala Dr. Marco Visani

Dr. Carlo Turri Zanoni Ortopedia (6) Dr. Daniele Lazzara Dr. Paolo Donati Dr. Filippo Poccianti Dr. Francesco Menotti Dr. Antonio Carosella Otorinolaringoiatria (7) Dr. Giuseppe Gorini

Dr. Geri Toccafondi Dr. Filippo Pontone Dr. Fausto Faleg Dr. Ferriero Gennaro

Dr. Traversi Luciano Dr. Alonzo Attilio

AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE S.R.L - IMPRESA SOCIALE

7JBMFEFJ.JMMFOt'*3&/;&

Numero Unico 848.812221 Agopuntura Dr. Rosa Di Lernia VenerdĂŹ Dalle 09.00 alle 12.00 Allergologia e immunologia Dr. Stefano Turchini GiovedĂŹ Dalle 17.15 alle 18.30 Cardiologia Dr. Carmelo Rao Sabato Dalle 09.30 alle 12.00 Dr. Fabrizio LucĂ  MartedĂŹ Dalle 17.00 alle 19.30 Chirurgia Dr. Riccardo Gattai LunedĂŹ Dalle 15.00 alle 15.40 Dermatologia Dr. Cesare Filippeschi MartedĂŹ Dalle 08.30 alle 13.30 VenerdĂŹ Dalle 15.00 alle 18.00 Dr. Giuseppe Barbati MartedĂŹ Dalle 18.00 alle 19.30 Dr. Giulia Marioti LunedĂŹ Dalle 18.00 alle 19.30 Dr. Francesca Gonnelli MercoledĂŹ Dalle 10.30 alle 13.30 Dr. Carmela Cozza MercoledĂŹ Dalle 17.00 alle 18.40 GiovedĂŹ Dalle 14.00 alle 16.30 Sabato Dalle 08.30 alle 10.00 Dr. Luca Salimbeni GiovedĂŹ Dalle 09.30 alle 12.15 Dr. Cristina Lucin LunedĂŹ Dalle 14.30 alle 16.30 VenerdĂŹ Dalle 10.30 alle 12.10

DIRETTORE SANITARIO: DR. ALESSANDRO PAOLI

Endocrinologia – Dietologia Dr. Olga Bartolini LunedÏ Dalle 08.30 alle 13.00 VenerdÏ Dalle 13.00 alle 14.00 (solo endocrinologia) Dr. Gabriele Parenti Sabato Dalle 10.00 alle 12.00 Gastroenterologia Dr. Ilaria Giangrandi MercoledÏ Dalle 17.30 alle 18.30 Dr. Beatrice Paoli MercoledÏ Dalle 15.45 alle 17.00 Geriatria Dr. Federico Mayer GiovedÏ Dalle 18.30 alle 19.45 Ginecologia Dr. Anna Didona MartedÏ Dalle 14.00 alle 16.30 Dr. Ida Cristina Pieraccini MercoledÏ Dalle 13.30 alle 14.30 GiovedÏ Dalle 17.00 alle 18.30 Dr. Donatella Nannoni VenerdÏ Dalle 12.30 alle 14.30 Dr. Valentina Pontello LunedÏ Dalle 16.00 alle 18.00 Medicina Genetica Prof. Renato Guazzelli MercoledÏ Dalle 10.00 alle 12.00 Neurologia Dr. Paola Ragghianti VenerdÏ Dalle 11.30 alle 13.00 Oculistica Dr. Saverio Matteini GiovedÏ Dalle 14.00 alle 18.00

VenerdĂŹ

Dalle 14.30 alle 16.30

LunedĂŹ VenerdĂŹ LunedĂŹ VenerdĂŹ LunedĂŹ MartedĂŹ MercoledĂŹ GiovedĂŹ VenerdĂŹ LunedĂŹ MercoledĂŹ MartedĂŹ GiovedĂŹ VenerdĂŹ Sabato

Dalle 15.00 alle 17.00 Dalle 08.30 alle 11.00 Dalle 09.00 alle 11.15 Dalle 14.30 alle 16.45 Dalle 17.30 alle 19.00 Dalle 14.30 alle 18.30 Dalle 08.30 alle 10.00 Dalle 08.30 alle 13.00 Dalle 10.30 alle 13.00 Dalle 12.00 alle 17.00 Dalle 10.00 alle 14.30 Dalle 08.30 alle 12.00 Dalle 14.30 alle 19.00 Dalle 17.30 alle 19.00 Dalle 09.00 alle 11.30

LunedĂŹ MercoledĂŹ LunedĂŹ MercoledĂŹ VenerdĂŹ Sabato

Dalle 14.00 alle 16.30 Dalle 09.00 alle 13.30 Dalle 17.50 alle 19.10 Dalle 17.50 alle 19.10 Dalle 13.00 alle 16.30 Dalle 08.30 alle 12.15

LunedĂŹ MercoledĂŹ GiovedĂŹ Sabato MartedĂŹ MartedĂŹ MartedĂŹ VenerdĂŹ LunedĂŹ MartedĂŹ GiovedĂŹ MercoledĂŹ MercoledĂŹ

09.30-12.00/17.30-19.10 Dalle 17.00 alle 19.10 Dalle 17.00 alle 19.10 Dalle 09.00 alle 10.30 Dalle 08.20 alle 09.30 Dalle 11.00 alle 12.20 Dalle 14.40 alle 17.00 Dalle 14.30 alle 19.00 Dalle 15.00 alle 16.30 Dalle 18.00 alle 19.10 Dalle 14.30 alle 16.00 Dalle 10.00 alle 12.00 Dalle 13.30 alle 15.30

Dr. Susanna Dallai GiovedÏ Dalle 08.30 alle 11.30 Dr. Paolo Ponticelli VenerdÏ Dalle 08.50 alle 11.40 Pneumologia Dr. Alessandro Romeo MartedÏ Dalle 11.00 alle 13.00 Psichiatria Dr. Carla Niccheri GiovedÏ Dalle 08.30 alle 10.30 Dr. Teresa Paolini VenerdÏ Dalle 10.00 alle 12.30 Psicologia Dr. Elisabetta Lazslo MartedÏ Dalle 10.00 alle 12.30 Dr. Ana Maria Dona Novoa Sabato Dalle 09.00 alle 11.45 Dr. Maria Chiara Cecchi GiovedÏ Dalle 18.00 alle 19.10 Dr. Piero Tozzi Per appuntamento Reumatologia Dr. Francesco Bartoli MartedÏ Dalle 15.00 alle 19.00 Terapia delle Cefalee Dr. Francesco De Cesaris VenerdÏ Dalle 14.00 alle 19.45 Urologia Dr. Pierluigi Sangiovanni LunedÏ Dalle 17.30 alle 19.15 Dr. Angelo Zucchi MercoledÏ Dalle 16.50 alle 19.10 Dr. Alessandro Della Melina GiovedÏ Dalle 17.30 alle 18.45 Guardia Medica Turistica Dal lunedÏ al venerdÏ Dalle 14.00 alle 16.00 Holter Pressorio Dal lunedÏ al giovedÏ Dalle 14.00 alle 14.45 N.B. PER TUTTE LE SPECIALISTICHE OCCORRE PRENOTARE LA VISITA. GLI APPUNTAMENTI VERRANNO DATI PER ILGIORNO RICHIESTO DISPONIBILE IN ORDINE PROGRESSIVO RISPETTO ALL’ORARIO DI INIZIO DELLA SEDUTA  "MMFSHPMPHJB QSPWFDVUBOFFWBDDJOJt  "OHJPMPHJBFDPDPMPSEPQQMFSDBSP tideo vertebrale; arterioso e venoso arti inferiori e superiori; aorta addominale; TDMFSPUFSBQJBt  $BSEJPMPHJBFMFUUSPDBSEJPHSBNNBFDPDBSEJPHSBNNBFDPEPQ QMFSDBSEJBDPIPMUFSQSFTTPSJPt  %FSNBUPMPHJBEJBUFSNPDPBHVMB[JPOFFTBNF NJDPMPHJDPNJDSPTDPQJDPWJEFPEFSNBUPTDPQJBCJPQTJFDVUBOFFt  (JOFDPMPHJB eco transvaginale; eco pelvica transaddominale; monitoraggio ovulazione; eco NBNNBSJBWJTJUBPTUFUSJDBQBQUFTUt  0SUPQFEJBJOmMUSB[JPOJt  0UPSJOPMB ringoiatria: esame audiometrico/impedenziometrico; prove vestibolari

DIRETTORE SANITARIO: DR. VINCENZO MARRAS ORARIO DI APERTURA: Tutti i giorni feriali dalle 8.30 alle ore 19.30 e il sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30 Il servizio infermieristico di iniezioni intramuscolari si effettua dal lunedÏ al sabato dalle ore 08.00 alle ore 10.00 PER TUTTE LE SPECIALISTICHE OCCORRE PRENOTARE LA VISITA GLI APPUNTAMENTI VERRANNO DATI PER IL GIORNO RICHIESTO DISPONIBILE IN ORDINE PROGRESSIVO RISPETTO ALL’ORARIO DI INIZIO DELLA SEDUTA

Dr. Dario Di Salvo LunedĂŹ Dr. M.Antonietta De Giovanni MartedĂŹ VenerdĂŹ Dr. Maria Ilaria Legnaioli LunedĂŹ Dr. Luigi Vitale MartedĂŹ Dr. Elena Desideri MercoledĂŹ Dr. Francesco De Saint Pierre GiovedĂŹ Dr. Laura Bardi VenerdĂŹ Dr. Claudia Ponchietti LunedĂŹ MercoledĂŹ Dr. Francesco De Gaetano Sabato Ortopedia Dr. Filippo Poccianti LunedĂŹ MercoledĂŹ Dr. Leonardo Sacchi MercoledĂŹ GiovedĂŹ Dr. Paolo Donati LunedĂŹ VenerdĂŹ Dr. Eros Bruno MercoledĂŹ Otorinolaringoiatria Dr. Ferriero Gennaro LunedĂŹ Sabato

Dalle 13.00 alle 14.15 Dalle 15.00 alle 16.15 Dalle 12.00 alle 13.45 Dalle 08.30 alle 11.00 Dalle 08.45 alle 11.00 Dalle 12.00 alle 14.00 Dalle 08.30 alle 10.30

LunedĂŹ Dalle 11.00 alle 13.00 VenerdĂŹ Dalle 16.30 alle 19.00 Dr. Geri Toccafondi MartedĂŹ Dalle 10.00 alle 11.15 MercoledĂŹ Dalle 14.00 alle 15.30 Dr. Tommaso Savino MartedĂŹ Dalle 15.00 alle 16.10 Dr. Alonzo Attilio MercoledĂŹ Dalle 08.30 alle 10.00 GiovedĂŹ Dalle 12.00 alle 13.30 Dr. Marco Lazzeri MercoledĂŹ Dalle 18.00 alle 18.45 Dr. Pontone Filippo GiovedĂŹ Dalle 15.00 alle 16.45 Pediatria e chirurgia pediatrica Dr. Giovanni Grisolia LunedĂŹ Dalle 16.30 alle 17.30 GiovedĂŹ Dalle 11.00 alle 12.00 Pneumologia Dr. Alessandro Romeo MartedĂŹ Dalle 09.00 alle 10.00 Psicologia - Psicoterapia Dr. Claudia Bricci MercoledĂŹ Dalle 09.00 alle 10.30 Dr. Lisa Alessandri MartedĂŹ Dalle 13.00 alle 15.00 Urologia Dr. Pierluigi Sangiovanni MartedĂŹ Dalle 18.00 alle 19.00

Dalle 17.30 alle 19.00 Dalle 08.30 alle 10.00

Altre Prestazioni - Iniezioni intramuscolari Dal lunedĂŹ al Sabato Dalle 08.00 alle 10.00

Dalle 12.00 alle 15.00 Dalle 08.30 alle 11.00 Dalle 15.00 alle 19.00 Dalle 15.30 alle 18.00 Dalle 15.00 alle 18.00 Dalle 08.30 alle 12.30 Dalle 08.30 alle 12.30 Dalle 09.15 alle 12.00 Dalle 09.00 alle 11.30 Dalle 15.00 alle 17.15 Dalle 09.00 alle 12.15

Dr. Chiara Cavicchi


18

politica

Agosto 2009

COMUNE/1. Dieci assessori nella giunta di Palazzo Vecchio

DARIO NARDELLA Vicesindaco, delega a Sviluppo economico e turismo

Via alla squadra di Renzi, ecco le “facce nuove”

Nonostante i suoi 34 anni Dario Nardella, sguardo bambino e pettinatura d’altri tempi, ha un curriculum vitae lungo quanto l’elenco dei suoi elettori (e sono tanti: 911). E siccome, come diceva il suo conterraneo Totò, è la somma che fa il totale, Nardella ha fatto da subito pesare uno sull’altro i due addendi per salire di un gradino. Di gradini, il violinista Nardella, ne ha saliti due, conquistando la poltrona di vicesindaco, oltre che di assessore allo sviluppo economico. Si dice che si sarebbe accontentato della delega alla Cultura, ma qualcuno gli ha fatto notare che con due incarichi il suo curriculum sarà ancora più lungo. BARBARA CAVANDOLI Delega allo Sport

Lorenzo Salusest

L’

aveva promesso in campagna elettorale: una giunta leggera in termini numerici, composta da “facce nuove”, e con un’equa rappresentanza di uomini e donne. Detto, fatto: i primi due degli ormai celeberrimi “cento punti”, base del programma elettorale di Matteo Renzi, sono realizzati. A pochi giorni dal ballottaggio la squadra di governo del neosindaco di Firenze era già composta, pronta per mettersi all’opera e risollevare le sorti della città, nel segno di una discontinuità con il passato ripetutamente auspicata da Renzi durante la lunga strada verso le elezioni. I nomi? Alcuni, i fedelissimi, erano già trapelati, seppure avvicinati ad assessorati diversi da quelli poi effettivamente assegnati: è il caso di Massimo Mattei (sperava di ottenere la delega alla Casa, gli è toccato un superassessorato alla mobilità e al decoro), e di Dario Nardella (confidava di guidare la Cultura, invece si è dovuto “accontentare” della delega allo sviluppo economico e del ruolo di vicesindaco). Altri nomi hanno rappresentato una vera e propria sorpresa (Giuliano da Empoli alla Cultura, Angelo Falchetti al Bilancio e alle società partecipate), altre ancora sono “facce nuove” solo in parte, provenendo chi dalla giunta provinciale guidata dallo stesso Renzi (Stefania Saccardi, a cui sono state affidate le Politiche socio-sanitarie, ed Elisabetta Cianfanelli, detentrice della delega a Università e ricerca), chi, come Rosa Maria Di Giorgi (neoassessore all’Istruzione) ha alle spalle un’esperienza al governo di Palazzo Vecchio. Infine, ultimi ma non certo per l’importanza delle loro deleghe, Claudio Fantoni (Casa), Barbara Cavandoli (Sport) e Cristina Scaletti (Ambiente). Dieci giocatori, di cui molti “stranieri”(di nascita non fiorentina), dieci “portatori d’acqua” guidati dal capitano, il sindaco Matteo Renzi. Allo stesso tempo un po’ regista, un po’ fantasista (per certo fantasioso), sicuramente non portiere. Del resto quel ruolo avrebbe potuto essere ricoperto dal candidato sindaco del Centrodestra Giovanni Galli.

Se si dovesse designare un assessore in base alla passione per la materia in questione, la scelta di Barbara Cavandoli sarebbe inattaccabile: laurea in Scienze motorie, appassionata di sci, giocatrice e allenatrice di pallavolo, dirigente della Uisp. Una sportiva tipo, con tanto di tendine d’Achille saltato. Chi meglio di lei per occupare il posto che fu di Eugenio Giani? Manca il calcio, nel suo curriculum, e un po’ si vede: nel giorno della partenza della Fiorentina per il ritiro Cavandoli ha rivolto alla squadra “gli auguri alla vigilia di una stagione importante”. No, assessore, gli auguri no.. ELISABETTA CIANFANELLI Delega a Università e ricerca

Un assessore da togliere il fiato. Vuoi per l’eleganza e la cura del particolare, vuoi per lo sguardo sornione, vuoi soprattutto per la lunghezza del suo nome, impossibile da pronunciare se non dopo una lunga inspirazione: Elisabetta Cianfanelli. A lei, ricercatrice alla facoltà di architettura nel settore degli accessori dell’abbigliamento, il sindaco ha affidato in passato la delega alla moda e oggi quella all’università e alla ricerca. Le competenze ci sono, l’immagine pure. E nella capitale della bellezza ciò non guasta.

GIULIANO DA EMPOLI Delega alla Cultura e alla contemporaneità

E’ nato a Parigi, ha lavorato a Milano, Roma, Venezia. Ma come dicevano i latini il nome è nel destino, e Giuliano da Empoli, 36 anni intensamente vissuti, è finalmente tornato alle origini (o meglio a pochi chilometri). Assessore alla Cultura e alla contemporaneità: incarico gravoso per il giovane intellettuale dalla folta chioma, lo sguardo timido e la fervida fantasia. Molto fervida. La sua prima iniziativa? Il barcamp, un metodo che, nelle sue parole, “consente una mappatura aperta, con elementi di serendipity… non un processo top-down, a cui si può partecipare iscrivendosi sul wiki”. Come, scusi?

1003823

COMPRO ORO E ARGENTO

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

• Servizi funebri • Cremazioni • Fiori • Necrologi 1027252

ANCHE MONETE D’ORO VALUTIAMO INTERE EREDITA’ PAGAMENTO IN CONTANTI ALLE MASSIME VALUTAZIONI

Tel. 055.6580040 (diurno e notturno) Via G.Caponsacchi 5/r, Via A.F Doni 41/r Firenze

Vetri Maurizio

A Firenze in Via Rattazzi, 4/d tel. 055 676888 - lun./ven. 9.00-13.00/15.00-19.30 sab. 9.00-13.00 e in Via Scipione Ammirato, 22r tel. 055 663526 - lun./ven. 9.00-13.00 solo mattina


politica

19 ROSA MARIA DI GIORGI Delega all’Istruzione

STEFANIA SACCARDI Delega al Welfare

Prima (1996) capo di Gabinetto del sindaco di Firenze Mario Primicerio, poi, anche se solo per poco più di un anno(1999-2000), assessore alla Cultura nel primo mandato di Leonardo Domenici. Quindi consigliera comunale e vicepresidente del Consiglio (2004) e infine, dal gennaio al maggio scorsi, capogruppo del Partito democratico. Adesso assessore all’istruzione. Competente ed esperta, l’elegantissima Rosa Maria Di Giorgi è una habituée di Palazzo Vecchio. Più che una “faccia nuova” un usato garantito...

Abbigliamento sportivo, accessori marinareschi (come il ciondolo con un’ancora attaccato alla catenina), occhiali da sole sulla testa, linguaggio semplice e diretto, Stefania Saccardi è quel che si dice un assessore “da battaglia”. A confermarlo anche il suo recente passato: ha superato i marosi di un’indagine della magistratura sull’urbanistica a Campi Bisenzio, uscendone indenne. Scesa dalla barca del Comune di Campi è salita prima su quella della Provincia, ora su quella del Comune di Firenze, con delega alle politiche socio-sanitarie. In entrambi i casi con Matteo Renzi al timone.

ANGELO FALCHETTI Delega a Bilancio, Partecipate, Organizzazione e innovazione

CRISTINA SCALETTI Delega all’Ambiente

Un passato da manager della new economy, una vaga somiglianza (solo fisica, s’intende) a Diabolik, e una ormai nota passione smodata per il tiramisù, Angelo Falchetti è il nuovo assessore al bilancio, all’organizzazione e all’innovazione. Tradotto in soldoni, Falchetti sarà colui che dovrà far tornare i conti. Ancor più chiaramente: tagliare spese inutili, rimuovendo dirigenti, eliminando poltrone e riorganizzando i servizi. Facile prevedere che incontrerà sul suo cammino un esercito di scontenti. E per addolcirli è difficile che possa bastare una coppa di tiramisù.

Fisico atletico, sorriso perennemente stampato sul svolto, Cristina Scaletti si è presentata ai fiorentini comparendo sulle schede elettorali nelle vesti di candidata dipietrista alle elezioni europee. Perso il biglietto per Strasburgo si è ritrovata assessore all’ambiente a Palazzo Vecchio. Il primo impegno? Sostenere la mobilità sostenibile, incentivando l’uso delle biciclette. Non ha fatto neanche in tempo a dirlo che qualche buontempone ha pensato bene di rubarle la sua due ruote. Ma lei ha preso il furto con un immancabile sorriso...

CLAUDIO FANTONI Delega alla Casa

Immaginate una giunta comunale in cui all’ordine del giorno ci siano alcuni aspetti relativi alla gestione degli alloggi popolari a Firenze. Immaginate una discussione animata, in cui è difficile per gli assessori presenti far sentire la propria voce per difendere le proprie richieste. Oppure immaginate un’assemblea vivace e partecipata degli assegnatari delle case popolari. Ecco, in quella discussione c’è da scommettere che la voce di Claudio Fantoni, quarantunenne neoassessore alla Casa e baritono nel coro del Maggio musicale fiorentino si farà sentire.

MASSIMO MATTEI Delega a Mobilità, Infrastrutture, Opere pubbliche e Decoro urbano

Presenza imponente, mascella volitiva, sguardo penetrante: Massimo Mattei ha senza dubbio il phisique du role dell’assessore alle “rogne”. Matteo Renzi se n’è accorto, togliendogli l’agognato assessorato alla casa per le meno ambite, ma altrettanto impegnative, deleghe al traffico, alle infrastrutture e al degrado. Un ruolo nel quale Mattei si è subito immedesimato. Narra la leggenda che in occasione del Barcamp (vedi Da Empoli) sia intervenuto dicendo solamente: “Se non ci sono transenne o buche io non mi diverto”. Conciso ed essenziale.

COMUNE/2. Diciotto consiglieri pronti a dare battaglia

Tutti i colori dell’opposizione U

n tocco di verde, poco rosso, molto azzurro, e una sfumatura di rosa. E’ la tavolozza dei colori dell’opposizione in Consiglio comunale: diciotto esponenti pronti a dare battaglia nel Salone de’ Dugento. Il verde è quello di Tommaso Grassi, giovanissima mascotte del Consiglio, eletto nella Lista Spini. A lui il compito di tenere alta la bandiera dell’ambientalismo. E le premesse ci sono tutte, viste le decine di interrogazioni che Grassi ha già pronte nel cassetto. Quindi il rosso, in due tonalità: quello acceso di Ornella De Zordo, e quello più tenue di Valdo Spini. La prima, riconfermata tra i banchi di Palazzo Vecchio, è la paladina delle battaglie impossibili, dal no all’Alta Velocità alle critiche alla gestione urbanistica della città. Si sente Davide contro Golia, e a Ornella De Zordo il ruolo (non fosse altro che per l’esito finale dello scontro) sembra piacere. Per Spini si tratta di un ritorno al passato, dopo le esperienze

a livello nazionale. Si è candidato a sindaco cercando di inserirsi nelle fratture del Pd, riuscendovi solo in parte. Quindi l’azzurro, il colore dominante dell’opposizione. L’azzurro del PdL, all’interno del quale sono confluiti sia Giovanni Galli che i quattro eletti nella lista civica che portava il suo nome. Una nutrita pattuglia di 14 consiglieri (senza considerare l’apparentato Mario Razzanelli), un giusto mix di esperienza, entusiasmo giovanile e competenze professionali e amministrative, che opererà sotto la guida di Galli. Mantenendo la parola data in campagna elettorale, il Galli ha confermato la sua volontà di proseguire il suo impegno politico. “Un’opposizione sui contenuti, coerente e intransigente” ha ribadito in occasione della sua nomina a capogruppo. Ma manca un colore all’appello. Dei 18 consiglieri di minoranza solo due sono donne: De Zordo e Bianca Giocoli. Un po’ più di rosa non avrebbe certo stonato. /L.S.

.

1007024

VIA FRA’ GIOVANNI ANGELICO, 37/A/B (FI)

IMMOBILIARE 1-2 VANI FIRENZE CAMPO MARTE bilocali di nuova ristrutturazione, termosingolo, opere condominiali fatte, a partire da euro 195.000 rif. 91 COVERCIANO in piccola palazzina mq.55 al primo piano con balcone, ristruturato (cotto-travi-parquet), termosingolo rif. 141 Euro 265.000,00 3 VANI FIRENZE VALLINA posizione collinare, porzione di colonica su 2 livelli, da ristrutturare con progetto approvato e oneri pagati, giardino carrabile rif.68 Euro 330.000,00 BELLARIVA in recentissima costruzione appartamento luminoso e tranquillo, soggiorno, angolo cottura arredato (nuovo), 2 camere, 2 servizi, terrazzo mq.24, termosingolo rif.59 Euro 320.000,00 BELLARIVA luminoso e tranquillo tre vani (mq 70 circa), balcone, termoascensore, piano alto. Ottime condizioni. rif..65 Euro 265.000,00 4 VANI FIRENZE BECCARIA ( Orcagna ) in villino 4,5 vani oltre corte e cantina, termosingolo. Ottime condizioni interne ed esterne rif.90 Euro 395.000,00 C.MARTE (V.LE MILLE PRESSI) in bel palazzo, ottimo 4 vani ben distribuiti, possibilita' di sfruttare sottotetto, termosingolo, luminoso. Ben rifinito. Rif. 155 Euro 430.000,00 CURE 4 vani con ripostiglio, balcone, termosingolo, terzo piano no ascensore oltre vano con servizio in veranda sovrastante panoramica su fiesole. Rif...174 Euro 350.000,00 5 VANI FIRENZE CURE appartamento mq. 140 circa, doppi servizi, balcone e loggetta, termo-ascensore, piano 2°. Da rimordenare rif.274 Euro 530.000,00 DE SANCTIS in villino, ampio 5 vani con balcone, termosingolo, cantina. Luminoso rif. 146 Euro 400.000,00

055 666.999 OLTRE 5 VANI FIRENZE ATTICO ZONA P.ZZA ALBERTI panoramico, salone cucina, 4 camere, 3 servizi, terrazza abitabile. Postoauto, ascensore. Da ristrutturare rif. V7 Euro 750.000,00 SAVONAROLA appartamento 7 vani doppi servizi, terrazza abitabile oltre cantina e garage. Piano terra rialzaro rif. 133 Euro 700.000,00 VIALE MAZZINI in stabile signorile anni '70 appartamento ultimo piano mq. 170 con postoauto, tripli servizi, balconi, termo-ascensore rif. 226 Euro 670.000,00 TERRATETTO FIRENZE MAZZINI adatto ufficio, terratetto mq 160 oltre corte carrabile per 5 posti auto e terrazzo. Rif...97 Euro 650.000,00 ROSANO Terratetto mq. 140 oltre mansarda, grande garage, giardinetto e terrazzi. Ottime condizioni euro 570.000 rif. 105 AFFITTI OFFERTA FIRENZE CAMPO MARTE (carnesecchi) in bella palazzina con ascensore , appartamento 4 vani arredato, terrazzino, termosingolo rif. 74 Euro 1.200,00 CAMPO MARTE tranquillissimo monolocale ben arredato, servizio finestrato, balconcino, posto auto assegnato euro 700 compreso riscaldamento, spese condominiali e postoauto rif. A9 CAMPO MARTE in bella palazzina ampio 4 vani arredato, ripostiglio, bagno nuovo, terrazza, termosingolo rif. A34 Euro 900,00 CAMPOMARTE (viale Malta), ampio 3 vani, ripostiglio, balconi e terrazzino vivibile, termo-ascensore, possibilità posto auto rif. A36 Euro 850,00 FIESOLE centro 3 vani con giardinetto staccato, termosingolo, arredato rif.131 Euro 750,00 FONDI E GARAGE AFFITTO OFFERTA PONTE AL PINO, Fondo mq. 30 c/1 di mq.30 più mq.50 c/3 seminterrati, servizio, sporto su strada, soffitti a volte, luminoso rif. 182 Euro 900,00

992585

GENERALE FONDIARIA


20

politica

Agosto 2009

COMUNE/3. Mario Razzanelli, con la sua lista civica, ha ottenuto un lusinghiero 3,3 per cento

Il paladino dei No Tram torna a Palazzo Lorenzo Salusest

C

ombattivo, tenace e coraggioso. Mario Razzanelli, consigliere comunale uscente e paladino dei No Tram non ha avuto timore a sfidare le due corazzate Pd e Pdl, candidandosi a sindaco a capo di una lista civica. Ottenendo con le sole sue forze un lusinghiero 3,3 per cento, poco meno di 7000 voti. Mario Razzanelli, soddisfatto del responso delle urne o si attendeva un risultato migliore? Non posso che ritenermi soddisfatto. Nonostante non avessi il sostegno di nessun partito ho ottenuto un numero di voti ragguardevole. Sono tuttavia rammaricato per le scelte compiute dal centrodestra, compreso l’Udc. Credo che abbiano perso un’occasione storica per conquistare Palazzo Vecchio: il Pdl fino alle primarie è stato assente dallo scenario politico, così parte del suo elettorato, in assenza di una candidatura alternativa, si è avvicinato a Renzi. Il problema non è stato tanto “chi”, ma “quando”. Indipendentemente dal nome del candidato scelto, lanciarlo a fine marzo ha significato essere fuori tempo massimo, la sconfitta era già certa. In queste condizioni il risultato è stato il migliore possibile. Chiusa la sfida elettorale riparte la battaglia in Consiglio comunale. Quale opposizione conta di fare? Il mio impegno è già iniziato: ho già presentato 13 mozioni che rappresentano la sintesi del mio programma elettorale. Le priorità sono rappresentate dalla costruzione di una metropolitana al posto delle linee due e tre della tramvia, la revisione del Piano strutturale per evitare la cementificazione “selvaggia” della città e la modifica del progetto dell’Alta velocità, evitando il sottoattraversamento a favore di un passaggio in superficie, predisposto da un gruppo di docenti universitari. Il tunnel e la stazione sotterranea fanno parte di un progetto voluto da chi non ama Firenze. Se Renzi la ama come dice prenderà in considerazione la proposta alternativa, anche se dovrà fare i conti con il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli e il presidente della Regione Toscana Claudio Martini. E se il sindaco dovesse avallare il progetto attuale come si muoverà? Premetto che sono un fautore dell’Alta Velocità, ma ritengo sbagliato questo progetto, sia sotto il profilo economico sia sotto quello ambientale: si tratta di realizzare sotto le nostre case due lunghi tunnel e un’enorme stazione sotterranea in via Circondaria. Un’opera pericolosa e costosa. Per questo farò di tutto per bloccarla. Ho già depositato due quesiti referendari per permettere ai fiorentini di

E’ sceso in campo da solo e con le sue forze ha incassato poco meno di 7 mila voti: adesso in Comune si prepara a un’opposizione che conta tra le sue priorità il no alle linee 2 e 3 della tramvia, la revisione del Piano strutturale e la modifica del progetto Tav

esprimersi su questo sciagurato progetto. Stavolta parto con l’appoggio di Galli, De Zordo, Spini, Italia Nostra e comitati anti-Tav. La raccolta delle firme partirà a settembre, e verosimilmente potremo andare a votare nel febbraio prossimo. L’alternativa c’è, e si chiama passaggio in superficie: tempi di costruzione dimezzati, disagi per la cittadinanza ridotti, minore impatto ambientale e due miliardi di euro risparmiati. Credo che Renzi non aspetti altro, e lo invito a sostenerci, indicendo il referendum di sua iniziativa. Questo nell’immediato futuro. Tra cinque anni la vedremo ancora candidato a sindaco? Chissà…

Eugenio Giani, neo presidente del Consiglio comunale

“Parola d’ordine: informare”

G

Mario Razzanelli con la moglie

"IL SUPERMERCATO ALIMENTARE SOTTO CASA" Tutta la comodita’ e la cortesia che potete chiedere al vostro negozio sotto casa con tutta la convenienza che potete pretendere da un supermercato

SIAMO APERTI TUTTI I GIORNI

li occhi e la mente puntati su quel motto simboleggiato da una tartaruga che nel salone dei Duegento, a Palazzo Vecchio, ammonisce: “Festina lente”, affrettati lentamente. Così, con lo sguardo puntato a quel monito, Eugenio Giani ha spiegato quale sarà il senso del suo lavoro da presidente del Consiglio comunale: “In questo motto - ha detto - c’è il senso del nostro lavoro. Saper interpretare la velocità con prudenza e attenzione”. Giani nel suo discorso inaugurale ha sottolineato che: “Matteo Renzi si è posto obiettivi importanti da raggiungere in tempi certi e di questo mi sento garante”. E pochi giorni dopo la sua elezione ha sottolineato la sua volontà di comunicare “il più possibile i lavori del consiglio comunale e fare in modo che i cittadini dicano la loro”, e non ha escluso di aprire una pagina ad hoc sul popolarissimo Facebook. Giani ha anche annunciato che a settembre vorrebbe portare i parlamentari fiorentini ad una seduta del consiglio e che in autunno, in occasione dei 180 anni della Cassa di Risparmio, sarà proprio l’auditorium di via Folco Portinari ad /G.R. ospitare una seduta.

DAL LUNEDI’ AL SABATO DALLE 8.00 ALLE 21.00 LA DOMENICA DALLE 9.00 ALLE 21.00 CI TROVATE A FIRENZE • VIA SANTA MONACA 6-8 R TEL. 055 218103 • VIA ALAMANNI, 9/A ANGOLO VIA ORTI ORICELLARI, 36 TEL. 055 2670193 • PIAZZA PITTI, 32/R – 33/R TEL. 055 2675537 • CORSO TINTORI , 18/R – 20/R – 22/R TEL. 055 2001907 • VIA DEI RENAI, 11/R – VIA SAN NICCOLO’, 62 TEL. 055 2480521

Eugenio Giani


IL TEATRO. La programmazione per la nuova stagione prevede tagli del 15% sulle spese

Maggio, costi ridotti e stessa qualità Tiene ancora duro il teatro fiorentino, che nonostante la crisi propone opere,

IL LIBRO

concerti e balletti di altissimo livello. Confermato il progetto Recondita Armonia, in

Un romanzo storico in salsa fiorentina

programma in autunno, e nuovo slancio per la 73esima edizione del Maggio

“É

il libro di un uomo che avrebbe voluto e potuto essere anche storico, scrittore e magari un po’ bandito: e che in un modo o nell’altro è riuscito ad essere anche tutte queste cose. (…) Questo libro parla di molti per i quali la guerra è stata solo morte e di altri per i quali è stata invece grasso, ricco affare. Parla di fortune e di sfortune, di eccidi e di vendette, di trame e di colpi di scena. (…)Una Firenze livida di potere e ferita dalla guerra civile. Eppure affascinante e superba. Una storia vera. Un affresco storico sorprendente”. Così lo storico fiorentino Franco Cardini introduce alla lettura dell’ultima fatica del presidente del consiglio regionale Riccardo Nencini, “L’imperfetto assoluto” (Mauro Pagliai editore, pp. 448, 19,00), che ci regala un tuffo nella Firenze del 1300. Un romanzo storico, una cronaca accurata raccontata con precisione e gusto narrativo. Il protagonista è Musciatto, garzone in una banca e poi mercante e banchiere tra i più grandi, il quale comparve in una novella del Decameron prima di essere vituperato e sepolto dai guelfi neri vincitori. Il libro trova spunto da un manoscritto ritrovato durante l’alluvione del 1966 che riporta in luce Musciatto assieme alle tante malefatte di cui si era reso protagonista tra Parigi e Firenze. Oltre ad un’estesa prefazione di Cardini, il volume contiene alcuni sonetti di Federico Berlincioni. /Ciro Becchimanzi

Caterina Gentileschi

C

Un momento de “La piccola volpe astuta”

segna il debutto italiano nella regia lirica dello scatenato gruppo catalano Els Comediants; protagonista è Daniela Barcellona, affiancata da specialisti come Simone Alaimo, John Osborn e Bruno De Simone, dirige Enrique Mazzola e il nuovo allestimento è realizzato insieme al Teatro Real di Madrid, l’Opéra National de Bordeaux e la Houston Grand Opera. In dicembre significativo è il progetto de Il Campanello, deliziosa farsa di Donizetti di rara esecuzione. Torna, dopo quasi trent’anni di assenza, il capolavoro liberty di Francesco Cilea Adriana Lecouvrer, sul podio salirà il

grande Bruno Bartoletti, protagonista Adina Nitescu, accanto a lei Marco Berti, Juan Pons e Marianne Cornetti, regia e costumi di Ivan Stefanutti. Nel campo della danza e del balletto, il Teatro del Maggio sceglie di confermare l’investimento sulla propria Compagnia MaggioDanza, guidata da Vladimir Derevianko, con due titoli tradizionali in stagione come Carmen Suite, coreografia di Alberto Alonso, étoile ospite Eleonora Abbagnato, in abbinamento a Il Campanello e Don Quixote dello stesso Derevianko, entrambi con orchestra dal vivo.

Riccardo Nencini

992414

inghia tirata ma sorriso sulle labbra per il Maggio Musicale Fiorentino, che nonostante il periodo durissimo che sta affrontando, propone un anno ricco di spettacoli. Costi di produzione ridotti e contenuti (meno 15% rispetto alle precedenti, pari a 6,4 milioni per tutta l’attività) ma nessun taglio al programma, agli ospiti speciali, alla qualità, alle sfide e alla contemporaneità. La Fondazione lirica di Firenze conferma dunque le sue molteplici linee di programmazione in cui articola l’attività nell’arco dell’anno: un anticipo autunnale con il progetto Recondita Armonia, titoli popolari - quest’anno la Trilogia verdiana con Rigoletto, Trovatore e Traviata - che si alternano ogni sera per due settimane; la stagione, improntata fortemente al repertorio operistico italiano, ma con un’inaugurazione di livello internazionale con Ozawa che dirige Janacek, fra novembre e marzo; il festival Maggio Musicale Fiorentino, che giunge alla 73esima edizione, e poi le tournèe, le coproduzioni con l’Europa e gli Stati Uniti, l’attenzione alle nuove generazioni. Undici i titoli d’opera che andranno in scena complessivamente fra ottobre e giugno, e tre i balletti con MaggioDanza, cui si affianca un’organica stagione sinfonica e oratoriale che valorizza le possibilità tecniche e stilistiche dell’orchestra e del coro del Maggio. Inaugura la stagione Seiji Ozawa, che torna a Firenze dall’8 novembre con un titolo mai rappresentato nel capoluogo toscano: La piccola volpe astuta di Leos Janacek, opera struggente dove gli animali dialogano fra loro e comprendono il linguaggio degli uomini, e in cui uomini e animali sono posti sullo stesso piano, nell’allestimento fiabesco, di grande impatto visivo anche per i più piccoli, che vede il debutto del regista francese Laurent Pelly ed è co-prodotto, dopo la splendida Elektra dell’anno scorso, con il Saito Kinen Festival. L’Italiana in Algeri di Rossini

E AL ION S S FE TE N RO E P ME N A TA I ZIO ET MA MPL ATU R O O R F G IN C


cultura

23

MARE E DINTORNI. Piccolo excursus delle iniziative estive organizzate dalle sale di lettura toscane

La biblioteca sotto l’ombrellone Francesca Puliti

C

he c’è di meglio di un buon libro al giovedì, un furgone carico di volumi ragin spiaggia? Non comprarlo! Si giunge il lungomare, facendo tappa in diversi dice che gli italiani leggano poco. stabilimenti balneari. Una ricca porzione di Un ristretto numero di lettori, ben- titoli ha inoltre traslocato in un campeggio ché molto impegnati, sono quelli che tirano su per la stagione estiva. Letture al chiar di luna, la media delle vendite editoriali nella stagio- invece, alla biblioteca di Camaiore, mentre a ne estiva. Ma non è detto che gli amanti della Marina di Massa continua il ciclo di presentalettura si limitino a quello sparuto gruppo di zioni dedicate agli autori locali, nel giardino compratori. Per tutti gli altri c’è il prestito bi- della biblioteca dell’Apt. Chi per lavoro o per bliotecario, adesso addirittura sul bagnasciu- altri motivi resta in città, potrà assaggiare un ga. Accade a Piombino, dove il Comune ha po’ di vacanza andando comunque a leggere allestito in collaborazione con la biblioteca due righe all’aperto. In attesa della concluFalesiana un punto di prestito direttamente in sione dei lavori e dell’inaugurazione della spiaggia. Un gazebo dove i bagnanti possono struttura, prevista per settembre, la biblioteca scegliere tra best seller, gialli, fantasy e rivi- dell’Isolotto organizza il prestito in giardino. ste, un ricco catalogo in grado di soddisfare Il servizio è attivo due giorni la settimana, anche i lettori più gioil martedì e il mercovani, grazie a fumetti e ledì, grazie all’ormai A Piombino c’è il gazebo, libri per ragazzi. Partito a Follonica è sulla spiaggia, famoso Bibliobus, un a metà giugno, il serviautobus colmo di libri a Camaiore è by night e zio ha già conquistato i che mantiene in vita a Firenze in sella alla bici bagnanti ed è destinale attività bibliotecarie to a protrarsi fino alla anche nella stagione fine di agosto. E con tutta probabilità anche più calda. Partirà a settembre, invece, il ciclo ad essere ripetuto e copiato da altre località di “pedalate letterarie” promosso dal Palagio costiere. Spostandoci verso sud, invece, tro- di Parte Guelfa. Non solo un nuovo modo per viamo un’iniziativa ben più rodata, giunta assecondare l’antico principio mens sana in alla tredicesima estate consecutiva. Si tratta corpore sano, ma qualcosa di più. In sostanza del prestito in spiaggia organizzato dalla bi- funziona così: si parte dal Palagio in sella alla blioteca di Follonica. Ogni giorno, dal lunedì bici e si raggiunge un posto, si tratti di giar-

dino, piazza o altro, dove fermarsi e leggere un brano a voce alta. Un modo per conciliare la passione letteraria a un po’ di sano moto, ma anche per assegnare un’anima a quei cosiddetti “non luoghi” cittadini, spazi di passaggio transitati da molti ma vissuti da pochi.

LA RECENSIONE/1

LA RECENSIONE/2

“Contiamo di arrivare a 100 iscritti – spiega Andrea Stoppioni, responsabile della biblioteca del Palagio – in modo che ogni pedalata richiami almeno una ventina di partecipanti”. Le iscrizioni rimangono perciò aperte. Hai voluto il libro? Allora pedala!

Mugello, indietro nel tempo Nuti, il regista in un libro U

n viaggio nel tempo e nello spazio, sotto il cielo variabile e un po’ dispettoso del Mugello. Gli “Antichi percorsi in Mugello e Val di Sieve” (Polistampa) raccolti da Bruno Santi si snodano tra vecchie pievi e piccoli borghi, palazzi signorili e stradine sterrate, trasportando il lettore fuori strada rispetto al classico giro della domenica, quello che predilige la via degli outlet o delle spiagge del lago di Bilancino. Uno spaccato approfondito che consente di conoscere davvero il territorio dell’hinterland fiorentino, ripercorrendone la storia, che è anche storia dell’arte e di nobili famiglie, come i Medici o gli Asburgo-Lorena. Dalla vicina Pontassieve fino al confine con l’Emilia Romagna, passando attraverso piccoli e grandi centri, pascoli e affreschi, gli autori svelano il volto di un territorio ricco di /F.P. sfaccettature, che ha saputo conservare fino ad oggi identità e tradizioni.

P

iù che una biografia, un’antologia completa. Tutto quello che avreste sempre voluto sapere su Francesco Nuti e non avete mai osato chiedere è condensato in questo volume da 264 pagine, interamente a colori, ricco di foto e interviste inedite, completo di schede dei film con tanto di cronache dal set. Non per niente “Francesco Nuti. La vera storia di un grande talento” (Ibiskos Editrice Risolo) è costato a Matteo Norcini, autore del libro in stretta collaborazione con Stefano Bucci, anni di lavoro e ricerche. Ma il risultato è senza dubbio in grado di soddisfare la sete dei fan del celebre attore toscano. Dai primi anni di carriera fino ai più celebri successi, il libro non lascia fuori proprio niente, tantomeno le conquiste amorose di Nuti. Per veri appassionati e per appassionarsi /F.P. al “Charlie Chaplin di casa nostra”.

Citrus La nuova frizzantissima linea per l’estate a base di •POMPELMO ROSA • LIME MANDARINO 1019150

Via Gioberti, 52/r - Firenze

1044196

VUOI APRIRE IL TUO NIDO?

tel. 055 6550810

• PER IL MESE DI AGOSTO NON VERRÀ EFFETTUATO L’ORARIO CONTINUATO Chiusi dal 09 al 23 agosto

AFFILIATI

GiraSole

SPECIALIZZATO in servizi educativi all’infanzia e alla famiglia

SONO APERTE APERTE LE LE SONO ISCRIZIONI 2009 2009 ISCRIZIONI PRESSO I NOSTRI NIDI IN FIRENZE FIRENZE IN - Firenze: Careggi, Alberti, Coverciano. - Sesto Fiorentino via carducci, - Campi bisenzio via cattaneo Info iscrizioni 339 1762412 coopgirasole@interfree.it - www.cooperativagirasole.it


24

cultura

Agosto 2009

IL FILM. Il 28 esce nelle sale la pellicola che vede il comico nei panni di regista

IL PERSONAGGIO

Cassandra: “Amici? Non così “amichevoli”

Nella Casa del popolo. Come Benigni C Andrea Muzzi si cimenta

per la prima volta con la regia insieme al collega Bruno Angelo Savelli, proponendo un film sul precariato Ludovica Valentina Zarrilli

U

n titolo emblematico, che fa sorridere a denti stretti, pensando a quali situazioni straordinarie vivranno i protagonisti. La prima fatica nei panni di regista del comico fiorentino Andrea Muzzi si intitola Piove sul bagnato ed è in uscita il 28 agosto nelle sale cinematografiche fiorentine, per poi essere distribuito sul territorio nazionale a partire dalla settimana successiva. Una commedia sì – e anche molto comica a sentir parlare lui – ma una commedia con l’ambizione di parlare alla gente di una condizione tutt’altro che divertente, il precariato. “La mia idea – spiega il comico – è raccontare con dolcezza cose che hanno a che fare con la società. La mia ambizione è riuscire a dire cose profonde facendo sorridere”. Il mondo del precariato può essere raccontato in tanto modi. Qual è la chiave di lettura che ha dato al film? E’ la storia di tre precari che inscenano un sequestro in una concessionaria. I sequestrati sono dei figli di papà

mentre dall’altro lato della barricata ci sono tre personaggi che lottano per arrivare alla fine del mese. E da questa situazione nemmeno poi tanto surreale si scatenano gag esilaranti? Sì, una su tutte: ad un certo punto i sequestratori hanno fame, ma essendo squattrinati chiedono ai sequestrati un po’ di soldi per andare a fare la spesa, promettendo di “scalarli dal riscatto, appena arriva”. Il cast? Tutto toscano? Non tutto ma i personaggi principali sì. Si va da Andrea Bruno Savelli, amico e collega col quale ho curato la regia, a Daniela Morozzi (famosa per aver partecipato alla serie tv “Distretto di polizia”, ndr) che a mio parere è una delle più brave attrici italiane, il livornese Totò Barbato (già parte del cast di Ovosodo firmato da Virzì), fino agli intramontabili Carlo Monni e Sergio Forconi (l’attore che interpreta il babbo nel Ciclone di Pieraccioni, ndr). E le location? Dove è stato girato? Intanto bisogna dire che Firenze è

Andrea Muzzi

stata volontariamente “scansata”. Ci siamo spostati verso l’area metropolitana. Abbiamo girato quasi tutto nella zona compresa tra Campi Bisenzio, San Donnino e la via Pistoiese. I luoghi più veraci e più popolari… Sì, decisamente. E alcuni di questi luoghi, senza volerlo, sono gli stessi di “Berlinguer ti voglio bene”, capolavoro interpretato da Roberto Benigni. Come il cavalcavia o la Casa del popolo. Ecco, per esempio, abbiamo girato delle scene nel bar della Casa del popolo e ci sono le stesse bottiglie che si vedevano in “Berlinguer ti vo-

glio bene” trent’anni fa. E’ inutile che cambino le etichette, io le riconosco! Sulle tracce di Benigni insomma? No, in realtà io sono più un seguace di Troisi che di Benigni e la scelta delle location è stata abbastanza casuale. Il fatto è che quelli in cui abbiamo girato sono luoghi veri. Non volevo scimmiottare nessuno ma semplicemente raccontare una Toscana con un ematoma, la sfida è stata calare un film comico in un’atmosfera drammatica. Creare un film solare in questo tipo di cornice. Perché non c’è niente di più difficile che strappare una risata.

ronache di un debutto faticoso, quello di Cassandra De Rosa, solare ventiduenne fiorentina, ex allieva dell’accademia di Amici di Maria de Filippi. La giovane cantante, in tour per l’Italia a promuovere il suo primo album “Gocce in mare aperto”, approderà anche a Boston, dove intonerà l’inno americano nello stadio di baseball dei celebri Red Sox. Nonostante l’entusiasmo, Cassandra non nasconde una certa amarezza. Sono delusa dalla produzione di Amici che non ha sostenuto il mio progetto discografico. Sto facendo tutto con le mie gambe. Il disco è autoprodotto, in collaborazione con Francesco Morettini e Luca Angelosanti. Anche le radio a diffusione nazionale stanno dimostrando una certa ostilità nei miei confronti. Qual è il tuo rapporto con Firenze? Nonostante le mie radici metà napoletane, metà americane, mi sento profondamente fiorentina. Questo attaccamento però non è del tutto ricambiato, soprattutto dopo l’esperienza di Amici. Qui ricevo poche proposte e non ho spazio sulle radio locali. Paradossalmente, sono molto più apprezzata fuori dalla Toscana. Qual è il luogo della città al quale sei più legata? Piazza dell’Isolotto, dove ho visto la neve per la prima volta e dove incontravo i miei primi amici. Uno dei miei sogni nel cassetto è proprio un concerto nel mio quartiere, l’Isolotto. Firenze offre buone opportunità per i cantanti emergenti? In base alla mia esperienza, credo di no. D’altra parte, la vocazione di Firenze è l’arte e per i giovani c’è poco spazio. Il presente qui è subordinato al passato. /A.C.

TO VENDU

1023242


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

Concerti The Chieftains 6 agosto

Fortezza da basso Il gruppo folk irlandese di indiscusso successo tornerà a calcare il palcoscenico fiorentino in occasione di InFortezza. I Chieftains – il cui nome in gaelico irlandese vuol dire capo clan – hanno all’attivo 45 anni di esperienza e 34 album pubblicati coinvolgeranno il pubblico fiorentino con le sonorità tipiche della tradizione nordeuropea. Ingresso 15 euro + prevendita Easy Star All Star 7 Agosto

Fortezza da Basso Tutti insieme a ritmo di reggae. Gli Easy star all star sono un gruppo di cantanti e musicisti riuniti (per metà statunitensi e per l’altra metà giamaicani), che reinterpretano in una variante contemporanea reggae i grandi classici della musica internazionale. Tra i loro successi c’è “The dub side of the moon” e “Radiodread”, solo per citarne due. Ingresso 10 euro + prevendita.

Spetta a Paolino Ruffini il compito di chiudere in bellezza l’estate alla Fortezza da Basso, con il suo “Io doppio music show”. Sul palcoscenico l’ironia e il divertimento la faranno da padrone, con i suoi famosi doppiaggi in salsa livornese. Ingresso 5 euro + prevendita.

miti di un’intera generazione, ma anche per la stessa Patti Smith che in quell’evento memorabile visse l’apice della sua prima fase artistica, prima di raccogliersi a vita privata e riemergere dal silenzio molti anni dopo in nuova e più matura veste di intellettuale contro tendenza. Da questo legame profondissimo, nasce l’esigenza di omaggiare esattamente 30 anni dopo Firenze e il suo pubblico con due giorni di eventi ad essa dedicati e culminanti con il concerto in Piazza Santa Croce il 10 settembre 2009. L’evento dovrà essere un vero e proprio “Diario della Memoria”, personale e artistico, in cui le esperienze, i ricordi e le speranze dei cittadini si uniranno a quelle della Smith in un continuo dialogo aperto. Ingresso: euro 12 + prevendita.

Patti Smith 10 settembre

Wax Tailor 11 settembre

canzoniere comprende una vastità di brani straordinari che sono entrati a pieno diritto nella storia della musica rendendolo, di fatto, un poeta prestato alla canzone italiana. Anticipato dal singolo Il Rimedio, il piatto forte dell’artista genovese è oggi Musica Moderna, il suo primo album Emi, a quasi tre anni dal suo ultimo lavoro di studio. Io doppio music show 8 agosto

Fortezza da Basso

Piazza Santa Croce

Abbazia di San Galgano Siena

Il concerto di Patti Smith del 10 settembre 1979 fu un evento storico non solo per i 50.000 giovani del pubblico, che vedevano sul palco la futura icona della cultura alternativa americana, allora potente sacerdotessa dei

Teatro DuemilaNove Teatro Povero di Montichiello Fino al 14 agosto

SWITCH – creative social network di nuovo in prima linea per promuovere la musica nel capoluogo fiorentino. Wax Tailor è una star dal panorama musicale hip-hop che il prossimo autunno calcherà i palchi di tutto il mondo per

del gruppo affiatato di teatranti toscani. Il barbiere di Siviglia 1 agosto

Abbazia di San Galgano Siena La splendida abbazia nella campagna senese farà da proscenio al capolavoro comico di Rossini che trae origine da una celebre commedia francese di Beaumarchais, Le barbier de Séville (1775), la prima della sua famosa Trilogie. I sei personaggi, ruotano intorno alla classica storia d’amore ostacolata che alla fine, dopo una serie di peripezie, scene comico-grottesche e arie famosissime in tutto il mondo, avrà lieto fine con l’unione di Rosina e del conte di Almaviva.

Monticchiello (Siena)

Torna puntuale come ogni anno l’autodramma scritto, ideato e sceneggiato dalla gente di Monticchiello. Diventato ormai un appuntamento fisso delle estati toscane, questa volta la piazza del paesino arrampicato su una collina della val d’Orcia, propone uno spettacolo che ha come argomento il tema più attuale e discusso degli ultimi mesi, la crisi. Duemilanove, così si intitola lo spettacolo, è un viaggio all’interno di un periodo difficile, visto con gli occhi e con lo spirito

Avventure, miti e leggende, gialli, ma anche tutela dell’ambiente, valori etici e sociali, queste alcune delle tematiche sulle quali saranno invitati a scrivere i loro racconti i partecipanti all’edizione 2009 del premio nazionale di narrativa per ragazzi. L’inaugurazione del concorso letterario si è tenuta il 28 maggio. Ha presentato la scrittrice Elena Narbone che ha illustrato le norme di partecipazione ed i premi in palio. Un concorso per gli amanti delle favole e dei racconti adatti ai bambini e ragazzi fino ai 13 anni. Ogni autore può partecipare con uno o più scritti inediti. Scadenza iscrizioni 31 agosto 2009. La quota di adesione per ogni opera è di 20 euro. L’incasso, escluse le spese di segreteria e stampa libri, sarà devoluto all’Associazione di Volontaria-

PER IL TRASLOCO AFFIDATI A PROFESSIONISTI

to denominata Centro di Aiuto alla Vita. La giuria selezionerà i migliori scritti e ne farà un libro che sarà stampato e distribuito a novembre 2009. Le opere devono essere spedite in copia cartacea e in copia cd a : MurenaLetteraria - via Torricella 07 - 50135 Firenze. Allegare una scheda con i dati anagrafici dell’autore o gruppi di autori. Per informazioni: info@murenaletteraria.it o tel. 055.5213911 – 055.613321, oppure consultare il sito www.murenaletteraria.it.

La gara Corri la vita 27 settembre

Piazza Santa Croce

Il Concorso Premio nazionale narrativa per ragazzi Scadenza: 31 agosto

Saschall

Ivano Fossati 7 agosto

Le sonorità calde e senza tempo del cantautore arrivano a San Galgano per l’ultima tappa dell’edizione 2009 di Opera Festival. Autore e interprete di canzoni memorabili, Ivano Fossati è uno dei più acclamati musicistiintellettuali del panorama italiano. Dagli esordi alla fase rock fino alle introspezioni colte della maturità, il suo

presentare il suo ultimo capolavoro In The Mood For Life e che potrà essere ascoltato in anteprima in occasione di Mix’d up (l’uscita mondiale del disco è prevista infatti soltanto per il 21 settembre). SWITCH porta per la prima volta in Italia questo artista, proponendo ancora una volta un biglietto di ingresso bassissimo (5/8 euro). La presenza di Wax Tailor sarà ulteriormente valorizzata dalla presenza del collettivo fiorentino Overknights che aprirà le danze e dalla presentazione del nuovo progetto live di Bonnot (Assalti frontali) e Gruff, un vero e proprio show che si articola tra hip hop, drum’n’bass, scratch ed elettronica.

L’appuntamento con la VII edizione di Corri la vita, la manifestazione benefica che raccoglie fondi per promuovere terapie riabilitative e di assistenza alle donne malate di tumore al seno nelle strutture pubbliche fiorentine è per la prossima domenica 27 settembre. Si tratta di una corsa podistica, ma anche di una passeggiata per famiglie, che riunisce in un un’unica occasione sport, beneficenza, cultura e impegno sociale. Vi potranno partecipare atleti e non che affronteranno, a seconda dell’età e del livello di preparazione, due percorsi-itinerari differenziati per lunghezza e difficoltà. Alla corsa competitiva di 10 Km, verrà infatti affiancata una passeggiata di 5 km che si snoderà tra il centro storico e l’Oltrarno, con soste per visitare giardini, chiese, palazzi e musei che apriranno eccezionalmente le loro porte per questa speciale occasione.

LE NOSTRE PIANTE RISPECCHIANO I COLORI DELLE VOSTRE EMOZIONI 1500MQ DI ESPOSIZIONE INTERNA

TRASLOCHI

TRASLOCHI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI TRASPO RT PIANOFO O RTI

SESTINI TRASLOCHI

GARANZIA ASSICURATIVA PER PREVENTIVI

348 3864030

+ 1500MQ DI VIVAIO ESTERNO

IO - NOLEGGREE SCALE AE IMBALLAGGI SPECIALIZZATI

Sede FIRENZE: 055 2299858 - 055 2299834 Ufficio PRATO: 055 8960404 - Ufficio ROMA: 06 44240451

Da noi troverete anche piantine da orto, e piantine fiorite stagionali a partire da Euro 0,45

SCONTI fino al 15% per i lettori de Ci trovi in Via di Mantignano, 9L (Mantignano) - Firenze

Tel. e Fax 055.7875340 Cell. 338.7026872 - 333.6611630

1045244

CUSTODIA MOBILI PROTETTI CON ALLARME

di Rolando Susini

e-mail: rolando.susini@fastwebnet.it

1012618


FIORENTINA. Marco Marchionni, uno dei nuovi acquisti viola, si racconta a Il Reporter

“Quando io e Gila inventammo il violino” Fu a Parma, durante una cena tra il centrocampista e la punta, che venne ideata l’esultanza che ormai contraddistingue il bomber gigliato. A Firenze i due vestiranno nuovamente la stessa maglia, e l’ex juventino ritrova anche Prandelli: “Con lui ho dei bei ricordi” Cristina Guerri

“M

archionni è il secondo arrivo. Ha grandi qualità, è un giocatore che stavamo cercando ancora prima che ci fossero le premesse per prenderlo a titolo definitivo. Era una trattativa che stavamo intavolando da tempo, siamo contenti e lo è maggiormente il ragazzo. Prandelli mi ha detto che lui può essere utilizzato anche a sinistra, sa farlo molto bene”. Sono queste le prime parole del ds Pataleo Corvino su Marco Marchionni, uno dei nuovi acquisti della Fiorentina. “La mia avventura con la Fiorentina - ha esordito Marchionni - è cominciata otto anni fa, quando giocavo a Empoli. Avevo già firmato ma poi è saltato tutto. La scelta di Firenze è stata mia”. Marchionni, che ricordi ha di Prandelli? Ho dei bei ricordi dell’avventura a Parma con lui. Poi le nostre strade si sono divise, ognuno ha scelto di andare dove meglio credeva. Ora mi aspetto di aiutare i compagni, sono quattro anni che stanno facendo cose bellissime. Mi metterò a disposizione per aiutarli a migliorare. Ho ritrovato il mister molto sereno, l’anno sarà lungo e la tranquillità porta a lavorare nel migliore dei modi. E’ vero che ha fatto un sacrificio economico per venire a Firenze? Chi mi conosce sa che non ho mai detto di preferire la Juventus in B che la Fiorentina in A. Non sarebbe intelligente andare in una squadra non considerata, mi dispiace che la gente pensi questo, non mi sono mai permesso di dire niente del genere sulla Fiorentina. Nella vita, poi, mai dire mai... Altre squadre sulle mie tracce? Il direttore ha lavorato bene, se sono qui è perché ha fatto di tutto.

La presentazione di Marco Marchionni

Con quale spirito è pronto a indossare la maglia viola ? Ho dentro tante motivazioni, altrimenti non avrei scelto la Fiorentina. So quanto i tifosi vogliono vincere: sarà sempre difficile farlo, ma noi vorremmo migliorare quello che è stato fatto lo scorso anno. Le capacità dello staff e dei giocatori ci sono, starà a noi metterle in pratica. E nel frattempo cercherà di ritrovare anche la Nazionale... Ci punto, però l’anno scorso ho fatto 40 partite alla Juventus e per alcuni motivi non sono riuscito ad andarci. Voglio fare bene con la Fiorentina, poi se viene la Nazionale meglio... Vivere la Champions League con la maglia viola è sicuramente diverso dal viverla con quella della Juventus... Sarà più difficile, ci sono squadre molto forti. Per noi è importante passare i preliminari, uscendo perderemmo entusia-

smo... L’anno scorso con la Juve sono arrivato agli ottavi di finale e l’emozione che regala la Champions è unica. Esulterà in caso di gol alla Juventus? Ho sempre rispetto di chi mi ha voluto bene. Non esulterò contro né con l’Empoli, né con il Parma né con la Juventus. A Torino sono stati tre anni in cui sono stato bene, ma dal 1° al 90° minuto sarò un nemico. Qual è il suo rapporto con Gilardino? A Parma è stato il compagno, tra quelli che ho ritrovato qui a Firenze, con cui avevo un legame più forte. La sua esultanza, quella del violino, è nata per scherzo a cena con me. Volevo che lui si mettesse in ginocchio facendo qualcosa di particolare. Il gesto del violino ha riscosso molto successo. Da quando è andato via da Parma ha sempre fatto più di 15 reti, non sono io il suo portafortuna. Posso aiutarlo, come altri compagni...

1010104


sport

27

TIFOSI. Numerosi i fiorentini che trascorrono le vacanze seguendo la preparazione estiva della squadra

Quelli che le ferie le passano in viola Cristina Guerri

L

a passione per la Fiorentina non ha limiti. Se ne sono accorti anche gli ampezzani, che sono rimasti stupiti dall’affetto che i tifosi viola nutrono nei confronti

della loro squadra. “Ho visto una signora di una certa età arrabbiarsi con il proprio figlio al telefono solo perché l’aveva disturbata durante gli allenamenti della squadra”, racconta stupito il cameriere di un noto ristorante di Cortina. In effetti, per chi non ha nel sangue un po’ di tinta viola, è difficile im-

Tante facce e storie diverse. Un supporter: “A mia moglie non do scelta: o a Firenze a bubbolare dal caldo o in ritiro con la Fiorentina”

maginare quante siano le persone disposte a rinunciare alle vacanze al mare per seguire i propri beniamini in ritiro, tra le montagne. Ma per i veri tifosi non è un sacrificio, bensì solo un modo per unire l’utile al dilettevole. “Ogni anno basiamo le nostre vacanze sul ritiro della Viola: siamo contenti di essere qui a prendere il fresco a Cortina. E’ bella e non c’ero mai stato”. Ad ammetterlo è un folkloristico tifoso che si fa chiamare “Zampa”. “E’ dall’82 che seguo la squadra in ritiro. All’inizio non è stato facile soprattutto per mia moglie, che non accettava l’idea di seguire passo passo una squadra di calcio. Ora lei e i miei tre figli sono contenti di andare dietro alla squadra, anche perché non hanno scelta: o a Firenze a bubbolare dal caldo o in ritiro con la Fiorentina”. Diversa è la storia di Danilo, giunto a Cortina con la moglie e Ulisse, il barboncino nano della coppia. “E’ la prima volta che seguo la squadra in ritiro. Sono anni che passo le mie vacanze sulle Dolomiti, avevo sentito dire che la Fiorentina sarebbe venuta a Cortina e ho prenotato nello stesso periodo del loro arrivo. Passo tutto il giorno qui al campo di allenamento per farmi autografare l’album fotografico da regalare al mio genero, poi gli ultimi giorni di vacanza li dedicherò a fare lunghe passeggiate”. E diversa è anche la storia di Lucio e della sua famiglia. “Sono venuto qui con mia figlia

nissima di Cavallino Treporti (Ve). Tutta la famiglia è arrivata apposta per regalare a mister Prandelli un quadro che raccoglie alcune maschere del Carnevale di Venezia. E il mister ha accettato con gratitudine il bellissimo regalo.

Carolina e mia moglie Stefania per portare un dono a Prandelli”, racconta. Lucio è un artista autodidatta, autore e decoratore di maschere del Carnevale di Venezia in cartapesta e ceramica, ma è anche il presidente del viola club Sere-

VACANZE... DA CAMPIONI Montolivo alle Seychelles, Frey tra Francia e Forte dei Marmi

E i giocatori scelgono il mare

A

nche se sono ancora nel vivo per la maggior parte delle persone “comuni”, le vacanze per i calciatori sono finite da un bel po’ di tempo. Dal 31 maggio scorso, ovvero dall’ultima giornata di campionato, il clan viola ha avuto circa 43 giorni di ferie. Tranne chi è andato in Sudafrica a giocare la Confederation Cup con la maglia della Nazionale. I tre “violazzurri” Alessandro Gamberini, Riccardo Montolivo e Alberto Gilardino, dopo le fatiche con la selezione del Ct Lippi, hanno raggiunto il resto della squadra a Cortina a ritiro già iniziato. Per tutti e tre sono state vacanze all’insegna del relax al mare. Nello specifico, Montolivo si è goduto una sosta alle Seychelles in compagnia della fidanzata Cristina De Pin. Per Alberto

Gilardino, invece, il viaggio di nozze con la moglie Alice e la figlia Ginevra si è diviso fra la Costa Azzurra e l’isola greca di Creta. Gamberini, infine, ha preferito non lasciare l’Italia e si è trattenuto in Sardegna con la compagna e la figlia. Poi gli altri. Seba Frey ha diviso le sue vacanze tra la Francia e Forte dei Marmi, dove ha una casa e la moglie possiede un albergo di lusso. Per lui non solo dolce far niente: il numero uno viola ha anche sostenuto una fase riabilitativa al ginocchio sinistro sofferente da alcuni mesi. Diversa la meta per Cesare Prandelli. L’allenatore, giunto al quinto anno sulla panchina viola, si è goduto le meritate vacanze a Formentera, dopo alcuni giorni “extra” passati nella sede di viale Fanti. /C.G.

NUOVA NUOVA sede sede con con AMPIO AMPIO SHOWROOM... SHOWROOM... AVVOLGIBILI

- legno/alluminio - su misura - vari colori - da interno/esterno

TENDE

ALL

- su misura- da esterno - antivento grazie allo scorrimento su guida - comandi ad arganello o motoriduttore

-10%

Esempio: 150 cm x 300 cm

PER I LETTORI

€130

DE

A partire da

DE

Euro 200 Euro

DE

€190

DA OGGI CI TROVI IN

Via G. Giolitti, 26 - Firenze Tel.

RISPARMI

850 €750 100 EURO 999636

NOVITA’

210

PER I LETTORI

Euro

IN ALLUMINIO BLINDATO

DE

-10%

Es.: 120 cm x 160 cm

€58 GRATE DI SICUREZZA ,50

PER I LETTORI

TRASPORTO E MONTAGGIO INCLUSI

NOVITA’ - blindatura interna con tondini girevoli antitaglio O 5 mm e O 7 mm - leve di collegamento anti-taglio in acciaio carbonitrurato

Euro 65

PER I LETTORI

acciaio zincato verniciato- su misura - a norma di sicurezza polizze assicurative Es.: 120 cm x 160 cm

anche su già esistenti

-10%

A partire da

-10%

CANCELLETTI ESTENSIBILI

MOTORIZZAZIONE AVVOLGIBILI

IN ACCIAIO BLINDATO

In alluminio, legno, PVC, acciaio. Varie colorazioni Su misura

ZIANA A VENE

145 FRANGISOLE BORDATE Euro DISPONIBILI ANCHE DIPINTE A MANO! PER I LETTORI DE -15%

CANCELLETTI ESTENSIBILI

VASTO ASSORTIMENTO DI TENDE DA SOLE

- modulo snodato per apertura 180° (anche inox a vista) - doppia maniglia e serratura passante - esecuzione ad anta fissa - sopraluce fisso - vari colori

CHIUSI DALL' 8 AL 23 AGOSTO

055.6504680 Fax 055.6506105


28

VIAGGIO NEL PALLONE. Paolo Bosi, allenatore e giocatore: “Siamo una famiglia”

Rifredi 2000, tra sport e sociale In cantiere

L’INTERVISTA. A tu per tu con Mila De Magistris

La figlia d’arte diventa grande: “Non posso che migliorare”

B

un progetto per inserire i ragazzi down del quartiere Lorenzo Mossani

C

i sono squadre che fanno la storia di un quartiere: tra queste c’è il Rifredi 2000. Nato nel 1999 dalla fusione tra “Madonnina del Grappa” e “Liberi e Forti”, è un progetto talmente importante che ha visto la giovane società diventare una polisportiva capace di portare ad alti livelli tennis, calcio, atletica leggera e pallavolo (la B1 riconquistata da Firenze porta il marchio del Rifredi). Ma a lasciare il segno è soprattutto l’opera sul sociale che rende importante il lavoro fatto dai volontari. “Stiamo realizzando un progetto per inserire ancora meglio i ragazzi down del quartiere – commenta Paolo Bosi, allenatore del ’95 e pedina fondamentale della prima squadra - allestendo una squadra di calcio a 5 composta da questi ragazzi. Nel tennis stiamo già organizzando tornei per i giovani disabili”. Qual è la vostra forza? Siamo una famiglia. Quando abbiamo visto la nostra squadra in terza categoria e abbiamo deciso di riportarla subito in seconda sono scesi anche giocatori dal-

sport

Agosto 2009

Paolo Bosi

la Promozione. Secondo lei perché? Avevamo iniziato tutti insieme nella Madonnina del Grappa, ed è stato naturale per tutti dare una mano. Insieme a loro, che stanno dando una mano anche alla scuola calcio, e al direttore sportivo Bosco, puntiamo in alto. Quali sono i vostri obiettivi? Riportare le giovanili dai campionati provinciali a quelli regionali. Su quali squadre puntate? Riconquistare i regionali con Giovanissimi e Juniores sarebbe importantissimo. Poi vorrei parlare del nostro fiore all’occhiello, la scuola calcio. Avete tutte le categorie? Certo. I bambini del nostro quartiere

vengono volentieri da noi, e questo è un vanto. Novità per la prossima stagione? In seconda categoria rientrerà Iacopo Benvenuti dall’Albereta ‘72, mentre negli Juniores continuerà l’avventura Lorenzo Bernocchi. Gli Allievi saranno affidati a un allenatore d’esperienza come Ettore Nanni, continuerà anche il suo lavoro il confermatissimo Claudio Cardini. Io proseguirò con molto piacere il lavoro con il ’95. Sempre nel segno della continuità con la stagione passata arriva la conferma di Giacomo Cespi sulla panchina dei Giovanissimi B. Alla guida dei ragazzi del ’97 siederanno Battistoni e Davide Roschi. Conferma nel 1998 anche per Gianni Tornese.

elle e brave: è questo lo slogan che accompagna le imprese delle ragazze della Fiorentina Waterpolo, che anche la scorsa stagione hanno disputato uno splendido campionato. Personificazione perfetta del simpatico slogan è Mila De Magistris, figlia d’arte che si sta ritagliando uno spazio sempre più importante nelle fila della compagine gigliata. La Fiorentina Waterpolo è uscita sconfitta 3 a 1 nella finale contro l’Orizzonte, ma ha dato l’impressione di poter vincere ancora una volta lo scudetto. Le giovani stelle fiorentine sono state le uniche a competere seriamente per il campionato, nonostante qualche difficoltà che le ha accompagnate a inizio stagione. Mila, prime in regolar season, scudetto che sembrava un ‘Orizzonte’ vicino, poi sulla linea del traguardo cosa è successo? Sono contenta di come è andata la nostra stagione, anche se avevamo sognato un finale diverso. Siamo state perfette tutto l’anno, peccato che alla fine a esultare siano state le nostre avversarie. Quindi le responsabilità del secondo posto sono tutte vostre? Proprio tutte forse no, noi ci abbiamo messo del nostro ma qualche decisione arbitrale ci ha nettamente sfavorito. Per non parlare poi della squalifica di Rita Dravucz, quantomeno discutibile. Purtroppo lo sanno tutti che senza di lei siamo un’altra squadra… La Dravucz è una fuoriclasse, ma non è la sola, viste le numerose convocazioni in Nazionale delle tue compagne...

Mila De Magistris

Sono state quasi tutte chiamate dalle rispettive selezioni. Sono contenta soprattutto per Lavorini e Cotti, che sono andate in Russia per la World League e hanno giocato da campionesse, semplicemente perfette. Lei alla Nazionale non pensa mai? Impossibile (ride imbarazzata, ndr). In famiglia abbiamo già avuto un campione assoluto, difficile ripetersi. Cosa vede nel suo futuro? Il prossimo anno resterò sicuramente alla Fiorentina. Mi trovo benissimo nel gruppo e giocando a questi livelli non posso che migliorare. Spero che lo stesso facciano anche le mie compagne, insieme possiamo vincere tanto. E fuori dalla vasca? Sappiamo che ha una passione per la moda… Quest’estate aiuterò mio padre a gestire L’Arena, un chiosco che abbiamo inaugurato in piazza Bartali, nella zona di Gavinana. Sarà un’estate di spettacoli, concerti, musica e cabaret. Per la moda c’è tempo… /L.M.

1045246


lettere

29 grazie davvero infinito a tutti. Paola

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

CANE SMARRITO RITROVATO AL GALLUZZO, UN RINGRAZIAMENTO

Il giorno 20 giugno avevo smarrito il mio piccolo cane, Naima, in zona Galluzzo. Questo è un messaggio per tutte le persone della zona del Galluzzo che erano a conoscenza dell’accaduto e che si sono prestate con grande disponibilità e sensibilità a darmi un aiuto nella ricerca. Con immensa gioia vi comunico che Naima è stata ritrovata la sera stessa, stanca e stremata ma intatta. Un grazie particolare a tutte quelle persone che con il loro appoggio e la loro solidarietà sono riuscite a non farmi sentire sola in quel momento. Un grazie a tutte quelle persone per le quali è ancora possibile poter parlare di spirito comunitario. Un

“IL MIO SGUARDO SULLA VITA NOTTURNA FIORENTINA” Si aggirano furtivi e scattanti per tutte le feste, passano da un aperitivo all’altro per sbarcare la cena a poco prezzo, cercano ritrovi all’impazzata e vogliono imperativamente essere invitati dai ricchi. Si insinuano come bisce nella vita delle persone che ritengano possano essere funzionali alla loro professione o peggio ad alimentare il loro torbido desiderio di narcisismo. Si muniscono di pacchiani simboli di elevazione sociale: pagano a rate auto lussuose, fanno credere di essere proprietari di sontuosi appartamenti sulle colline della città mentre dilapidano uno stipendio per pagarne l’affitto. All’occorrenza, se la ruga cede non esitano a imbotulinarsi fino al cervello. Sono i “parvenu” del nuovo millennio, alcuni non più tanto giovani, si vestono alla moda e talvolta pensano di essere appunto “fuori dal comune”. Camperos pitonati, camicie da ampi risvolti, jeans stropicciati al punto giusto. Eccoli, sulla ribalta della scena cittadina, patetici sembrano dire “guardatemi”, mentre provano ostilità e disprezzo per gli altri. Alcuni si trasformano in tutto ed il contrario di tutto, con l’unico intento di utilizzare gli altri per il loro patologico desiderio di emergere. Diventano umanitari impegnati con i bambini brasiliani, mostrano disprezzo per la casta (ammesso che sappiano cosa sia), diventano gli imprenditori specchiati della città. Spacconi e sprezzanti si lanciano in invettive contro la classe politica annaspando in eloqui da “bar dello sport”, ne raccontano di cotte e di crude seminando pressappochismi, alterazioni dei fatti e falsità. Eppure le masse, i branchi li stanno ad ascoltare, li ammirano, addirittura provano una sottile invidia per il loro modus vivendi così apparentemente vincente. Nell’intento di sedurre i branchi si trovano talvolta costretti a ripetere altisonanti i valori della moralità, ma è evidente che hanno problemi relativi alla falsità e alla disonestà. Per molti di loro, l’iter personale, passa attraverso un fallimento matrimoniale al quale è seguita una convivenza con donne ricche, esibizioniste e ambiziose come loro, spesso funzionale alla ricerca di sostegni economici o ad una rispettabilità pubblica. Molti di loro si vantano pure di essere buoni padri attenti all’educazione di poveri figli che si confrontano settimanalmente con veri “burattinai”. Pervasi dalla totale assenza di capacità di riflessione e correlazione tra

pensiero, vita interiore, azione e sentimenti, rappresentano il pericolo subdolo della sottocultura che pervade gran parte della nostra società. E’ questo che conferisce loro popolarità e a volte autorevolezza. La vacuità culturale di questi stili di vita o meglio modi di essere si autogenera dove prima non c’era e chi non le si adegua, scompare sui bassi fondali dell’isolamento dal branco, dell’effimero certo, ma di un magma generato da se stesso, millantato in un’essenza che non esiste ma appare ed è forte, granitica. Si radicano nella solitudine di donne sole, in giovani fanciulle in cerca di fortuna, procurano una serata di sesso a imprenditori frustrati che poi saranno riconoscenti in altro modo… Si presentano ai ritrovi mondani della nostra città e dintorni confortati da una sorta di “harem” femminile reclutato nelle scorribande notturne con trappole sempre collegate al denaro o a sostanze stupefacenti. Quale orgoglio per una persona sana e priva di loschi traffici economici potrebbe esserci a presentarsi sniffante e impasticcata ad una festa con “due gnocche” delle quali conosce a fatica il nome? Una vita la loro dell’inconsistenza dell’assopimento di coscienza che si ritaglia – accontentandosene – dei propri spazi di utilità. E’ la banalità dei fasulli che si aggirano nella nostra città e oltre che diventa allora la “radice” di un problema di relazione: l’incapacità di interessarsi alla vita ed alla sorte dell’altro come “persona” in quanto perfettamente ripiegati su se stessi, per cui privi di quello sguardo che si fa attenzione, cura dell’altro. Questa quotidiana “distrazione”, ci rende meno umani, è la fonte di una irrazionalità etica o “perversione motivazionale” che sfocia nel disimpegno, nell’indifferenza, nel “pressapochismo”, e diciamocelo nella “prostituzione dei sentimenti umani” così tanto di moda. E’ chiaro per tutti, tanto più per questi fasulli millantatori perversi che si aggirano per la città, che ciascuno di noi è più interessato ad un solo dito della propria mano piuttosto che al rispetto della coscienza e all’onesta dei nostri simili. La situazione sociale è delicata, tanti equilibri da mantenere, e poi sicuramente la crisi economica ruba spazi di riflessione altrimenti dedicati a strategie di valori… questo “vuoto di pensiero” è sempre, in definitiva, pensiero di qualcos’altro e se ne seguissimo le tracce come dei bravi segugi, scopriremmo che non è di nichilismo che si tratta, come qualcuno afferma, ma rimarremmo scandalizzati dalla scoperta di un consistente mucchio di varie banalità, tutte indispensabili … la banalità di

Il gelato per i fiorentini!

I NEGOZI E LA CRISI Che siamo in tempi duri ce ne siamo accorti, benché si tenti da tutte la parti di arginare il pessimismo più nero, la crisi c’è e si vede. Crisi deriva dal greco crisis e significa discontinuità. A me francamente sembra una continuità di discontinuità, se diamo retta al termine greco e perdonatemi il gioco di parole. La cosa che mi fa tristezza è notare sempre più quanti negozi stanno chiudendo. In periferia siamo alla desertificazione degli esercizi commerciali molti inflazionati dai supermercati e dai grandi centri commerciali cresciuti a dismisura. Poi ci si è messa pure la crisi che non ha risparmiato nessuno, laddove molti galleggiano al limite della chiusura, tanti spazi vuoti hanno preso il posto dei negozi. Perfino nel centro storico che aveva retto bene grazie anche alla costante sebbene non più massiccia, affluenza dei turisti, vedo impotente cartelli con su scritto: cedesi attività, chiusura per inventario quando ormai siamo a luglio, e affittasi. Va bene essere ottimisti e darsi da fare per reagire, ma non si può fare a meno di notare ciò che ci circonda. A coloro che dicono che la crisi è finita, li inviterei a farsi un giro un po’ ovunque e constatare ciò che viviamo realmente per poi mettersi a lavorare seriamente sul da farsi. Francesca Lombardi

950121

gli unici con le parigine GELATERIA ARTIGIANALE

esistere a scapito del mondo e di sfidare tutti i giorni il prossimo raccontandosi la menzogna del successo, dell’ambizione, del denaro e in ultima istanza dell’esistere. I parvenu che circolano nelle serate fiorentine si sentano costituzionalmente superiori agli altri, a volte addirittura speciali e fuori dal comune.. Non stiamo forse anche qui parlando di superiorità presunta, non stiamo forse parlando del Terzo Reich… ovvero dello spirito che lo costituì????? Non stiamo ancora parlando della banalità del male? Proprio quella che genera il vuoto nelle coscienze? e se da un lato le cronache mondiali si indignano per le scorribande sessuali del nostro premier, dall’altro la ristretta e provinciale vita notturna della nostra città è popolata da patetici ladri di polli che pensano di emanciparsi con festini, sesso di gruppo e macchinoni! Nell’innocenza di un aperitivo talvolta si dispiegano le trame di questo mondo, di una società, di una città, di un gruppo di persone che fanno della loro vita un misto di banalità, inutili, insulse e illusorie. Di fatto di vite perverse e narcisiste sempre più lontane dalla sana coscienza civile. Mic

1045055

STUDIO DI PSICOTERAPIA ANALITICA INTERPERSONALE Dr.ssa Breschi Sara iscritta allíAlbo degli psicologi della Toscana n° 3719

Prima del cono, il gelato si gustava cosi’...

La tradizione italiana del gelato artigianale usando solo le migliori materie prime creando i nostri prodotti con passione e maestria artigiana

gelati e granite artigianali

via dei servi 41R - Firenze Tel. 055 2398470 - www.gelaterieartigianali.com

Ogni individuo, durante il proprio percorso di vita, sperimenta situazioni dolorose: una perdita, il non sentirsi amati, il vivere relazioni interpersonali poco gratificanti. La Psicoterapia Analitica Interpersonale aiuta la persona a diventare più consapevole di sè, delle proprie risorse interne, a gestire le sue emozioni per migliorare il proprio benessere psicologico. Per un appuntamento: 339.4309218 Sito web: www.sarabreschi.it


30

annunci immobilari

Agosto 2009

un aiuto prezioso a casa tua le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali STRADA IN CHIANTI in zona silenziosa e nel verde, terratetto libero su 3 lati di recente costruzione,su due livelli composta da cucina abitabile, sala molto grande, 3 camere, 2 servizi oltre garage e giardino privato di 150 mq.perfette condizioni € 430.000,00 ☎335 7678437

1-2 VANI FIRENZE BAGNO A RIPOLI COLLINA Delizioso appartamento con ingresso indipendente di mq. 50 composto da soggiorno con angolo cottura, vano guardaroba con finestra, bagno al piano terra e camera marimoniale al piano primo. Finemente ristrutturato. € 220.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI , Vallina, al secondo ed ultimo piano, delizioso appartamento completamente ristrutturato composto da angolo cottura/ soggiorno, camera matrimoniale , 2 servizi oltre ampia soffitta € 220.000,00 ☎335 7678437 CAMPO DI MARTE Con Affacci Nel verde disponiamo di ampio bilocale di nuova ristrutturazione composto da ampio ingresso soggiorno angolo cottura camera matrimoniale ripostiglio e servizio.termosingolo € 199.000 ☎055 0515231 CAMPO DI MARTE in ediicio di nuova costruzione delizioso bilocale composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, bagno e corte esclusiva. € 220.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 LIBERTA’ in palazzo signorile luminoso ottimamente rifinito dispiamo di varie tipologie immobiliari tutte completamente ristrutturate con rifiniture lusso termosingolo balconato a partire da € 188.000,00 ☎055 0515231 SAN MARCELLINO 2107 Piccola palazzina silenzioso luminoso ristrutturato sala camera cucinotto servizio con finestra cantina carrabile € 220.000 Fiducia Immo☎055 6800095 - 349 5148233 biliare

3 VANI FIRENZE ANTELLA in zona centrale, delizioso appartamento finemente ristrutturato con ingresso indipendente, composto da soggiorno con zona cottura, camera matrimoniale, cameretta, bagno, ripostiglio e corte esclusiva. € 260.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI delizioso appartamento in piccola palazzina al secondo ed ultimo piano composto da ingresso, cucina abitabile, salotto con camino, camera nel sottotetto, bagno, ripostiglio e soppalco. € 225.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 CAREGGI in condominio signorile bellissimo trivani finemente arredato composto da ingresso soggiorno con cottura due camere servizio conclude la prorpietà un giardino oltre alla possibilità di acquisto di box auto € 200.000,00 ☎055 0515231 CAREGGI in condominio signorile finemente rifinito ottimo trivani composto da soggiorno con cottura camera cameretta servizio oltre giardino ad uso esclusivo ppossibilità di acquisto di garage € 200.000,00 ☎055 0515231 OBERDAN ADIACENZE in palazzo d’epoca al piano seminterrato con ingresso indipendente app.to di mq.68, ingresso-sala, cucina abitabile, camera matrimoniale, bagno, completamente ristrutturato, risc.singolo, no balcone€ 260.000 trattabili uso abitazione o ufficio € 260.000 ☎347 6143007

4 VANI FIRENZE ATTICO zona Europa pressi 100 mq con terrazza di 50 mq, composto da ampia cucina, sala grande , 2 camere, 2 bagni. Parquet, termo singolo,aria condizionata. Molto panoramico e silenzioso € 490.000,00 ☎335 7678437 CAMPO DI MARTE Appartamento mq.90 composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, due camere matrimoniali, bagno, ripostiglio e cantina. € 370.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781

CAMPO MARTE in piccolo condominio doppia esposizione ampia metratura rifinitissimo composto da ingresso salone doppio con cucina a vista due ampie camere matrimonili doppi servizi ripostiglio balconato possibilità di acquisto di giardino EURO 420.000,00 TRATTABILI 1013972

☎ 055 0515231

ELLERA In caratteristico immobile quadrifamiliare, appartamento al primo ed ultimo piano di mq. 80 composto da sala doppia, cucinotto, due camere, bagno, ripostiglio, soffitta, posto auto in cortile recintato con cancello automatizzato e piccolo giardino ad uso esclusivo. Ottime condizioni. € 295.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 FIRENZE SUD , zona gualchiere, al piano terra di piccolo terratetto, appartamento in perfette condizioni di 90 mq composto da ampia cucina, sala, 2 matrimoniali, bagno e stanzina lavanderia.molto silenzioso. Ottimo rapporto qualità/prezzo € 240.000 ☎335 7678437 PIAZZA PIER VETTORI Appartamento perfettamento ristrutturato di mq. 80, composto da 4 ampi vani oltre doppi servizi, delizioso giardino e cantina. Possibilità seconda cantina. € 400.000,00 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656 STATUTO in palazzina signorile divisibile doppia esposizione ampio ingresso soggiorno due camere matrimoniali cucina aitabile conclude la proprieta’soffitta e box auto. € 260.000 ☎055 0515231

OLTRE 5 VANI FIRENZE ATTICO EDISON in stabile signorile panoramico su monumenti e colline libero su tre lati divisibile doppi ingressi salone triplo tre camere matrimoniali cucin abitabile doppi servizi terrazzato possibilià di acquisto di garage e cantina € 800,00 trattabili ☎055 0515231 BAGNO A RIPOLI Appartamento mq. 160 composto da sala doppia, cucina, tre camere, mansarda, tripli servizi, terrazza abitabile e panoramica, soffitta, cantina e garage. € 680.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 630656 - 055 631781 FRANCIA Signorile panoramico ultimo piano 2 saloni 3 camere matrimoniali cucina 3 servizi terrazza balconi soffitte ripostiglio 2 garage € 950.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233 MASACCIO ,ultimo piano di 10 vani 200mq con terrazzo panoramico su firenze oltre garage.volendo divisibile € 900.000 trattabili ☎335 7678437 OBERDAN in contesto molto signorile libero su tre lati ampia metratura con affacci nel verde ampio ingresso salone tre camere matrimoniali studio cucina abitabile doppi servizi balconato ripostiglio termosingolo climatizzato € 620.000,00 ☎055 0515231 P.ZZA VITTORIA in stabile signorile ampia metratura divisibile doppia esposizione piano alto silenzioso e panoramico composto da doppi ingressi salone doppio quattro camere studiolo cucina abitabile doppi servizi cantinato conclude la prorietà un ampio box auto € 730.000 ☎055 0515231 PIAZZA OBERDAN in palazzo d’epoca piccolo condominio al piano terreno rialzato app.to di mq. 160, 7 vani doppi servizi con terrazzo abitabile di mq.60 risc.singolo uso abitazione o ufficio ☎347 6143007 SCIPIONE AMMIRATO adiacenze in villino prestigioso app.to di mq.350 circa posto al 1º e 2º piano senza ascensore, completamente ristrutturato, 2 posti auto, terrazzo abitabile panoramico in torretta, ottime rifinuture, € 1.150.000,00 ☎347 6143007

STATUTO in stabile signorile doppia esposizione ampia metratura divisibile composto da ampio ingresso salone doppio due camere matrimoniali cucina abitabile doppi servizi balconato cantinato termosingolo clima EURO 509.000,00 TRATTABILI

VILLAMAGNA villetta bifamiliare già divisa in due appartamtentidi 105 mq e 75 mq: 1ºapp.to- cucina, sala, 2 camere, bagno;2ºapp.to- 2 sale, cucina, bagno, camera. Completano la proprietà lavanderia, cantine, giardino e terreno con ulivi e piante da frutto per 1.330 mq. € 630.000 ☎335 7678437 trattabili

☎ 055 0515231

1013973

VILLAGGIO PRIMAVERA Signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprietà 2 garage cantina € 600.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

TERRATETTI FIRENZE COLLINARE ROSANO in delizioso contesto, nel verde, terratetto di nuova costruzione composto da cucina/soggiorno, 2 camere, 2 bagni, garage, giardino, terrazzo; termo singolo, super accessoriato, volendo arredato con cucina e armadi su misura, nuovi. € 320.000 ☎335 7678437 trattabili MERCADANTE finemente ristrutturato su tre livelli ampia metratura composto da ingresso ampio salone sala pranzo con camino tre camere cucina abitabile taverna tripli servizi cantina soffitta conclude la proprietà un ampio giardino e terrazza abitabile termosingolo climatiz☎055 0515231 zato € 699.000,00

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

ANTELLA in contesto signorile, villetta quadrifamiliare con giardino, caratteristico appartamento di 170 mq composto da cucina abitabile , n.2 saloni, 4 camere, 3 bagni oltre cantina e posto auto al coperto. Ottime condizioni molto luminoso e silenzioso. € 780.000 trattabili ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI, collinare, splendida villa su due livelli ottima esposizione circondata da parco; composta da grande salone con camino, sala pranzo, cucina abitabile, 3 camere, 2 bagni. Grande taverna con cucina, sala camino, 4a camera e 3ºbagno.completano la proprietà deliziosa depandance di circa 80 mq.ideale per due nuclei familiari.tratt.riservata ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI , colline , 3 km da v.le europa, in splendido contesto, porzione di villa storica con parco vista firenze, composta da grande cucina, salone doppio, 4 camere, 3 servizi, cantina .trattativa ☎335 7678437 riservata BAGNO A RIPOLI ,in strada silenziosa, delizioso terrattetto anni ’30, su due livelli con giardino.ampio ingresso, cucina, grande sala,3 camere 2 bagni € 580.000 ☎335 7678437 FIESOLE collinare, meravigliosa porzione di villa appena ristrutturata, libera su 3 lati con giardino e vari accessori tra cui piscina condominiale, salone, cucina, lavanderia, 2 matrimoniali, 2 bagni. Grande pregio € 890.000 trattabili ☎335 7678437 GRASSINA/IMPRUNETA villa con giardino libera su 4 lati, 180 mq , composta da salone con camino, cucina abitabile, 2 bagni, 2 camere oltre taverna e garage ( possibilità 3a camera) € 590.000 ☎335 7678437 SAN DOMENICO in contesto esclusivo villa immersa nel verde su vari livelli di complessivi 500mq oltre a grande terrazza panoramica e 2000 mq complessivi di giardino concludono la propietà pi☎055 0515231 scina e vari annessi

COLONICHE

E

TERRENI

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

FONDI

E

GARAGE

RIPOLI Fondo commerciale con sporto su strada completamente ristrutturato servizio € 180.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

UFFICI

E

NEGOZI

PONTE A EMA Ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani più servizi due sporti su strada possibilità cambio di destinazione d’uso € 190.000 Fiducia Immobiliare ☎055 6800095 - 349 5148233

FIRENZE A GRASSINA bella porzione di colonica libera su 3 lati con grande parco di oltre 5.000 mq, composta da grande cucina con camino, 2 sale di cui una con grandi vetrate , 3 camere, 2 bagni € 780.000 ☎335 7678437 BAGNO A RIPOLI , caratteristica porzione di colonica finemente ristrutturata composta da salone con camino, cucina, sala pranzo, 3 camere, 2 bagni, studio e stanza lavanderia, completano la proprietà 500 mq. Di giardino € 730.000 trat☎335 7678437 tabili CAPANNUCCIA Porzione angolare di colonica superbamente ristrutturata con giardino e terreno di circa mq. 8.500 recintato, pianeggiante ed accessoriato con due annessi agricoli. Da amatori. € 780.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656 FIESOLE/COMPIOBBI immersa nel verde meravigliosa porzione in pietra di colonica del 1200, con giardino e posti auto composta da salottino d’ingresso, salone con termo camino, cucina abitabile in muratura, 2 camere, 2 bagni, lavanderia, soffitta. Restauro conservativo, contesto di grande pregio € 600.000 ☎335 7678437 FIESOLE collinare, prozioni di ville, con restauro conservativo, cotto, travi a vista, giardini e piscina condominiale. Oggetti di grande pregio a partire da € 500.000 ☎335 7678437

AFFITTI OFFERTA FIRENZE BIVIGLIANO in piccolo condominio monolocale di mq.27 con ingresso indipendente completamente ristrutturato ed arredato, no balcone libero da settembre 2009, contratto uso transitorio solo referenziati con busta paga € 500 ☎347 6143007 LIBERTÀ in bel palazzo signorile appartamento mq.230 circa con tripli servizi, balconi, termo-ascensore, non arredato ☎055 666999 rif.201 € 2.400 PONTE ROSSO in stesso stabile disponibili 2 appartamenti in ottimo stato, composti da 4 ampi vani, uno piano 2º con ascensore, balconi e cantina (non arredato), l’altro al piano terra con giardino (arredato), termosingolo.rif.40 ☎055 666999 PORTA AL PRATO in bel palazzo, ingresso-soggiorno con angolo cottura, camera, servizio, termosingolo, ascensore, videocitofono, affacci interni luminosi, arredato (lavatrice-lavastoviglie) rif. A27 € 800,00 ☎055 666999 S.MARCELLINO ampio 3 vani ristrutturato (mai abitato), tutto parquet, aria condizionata, balconi, non arredato, a referen☎055 666999 ziati rif. A3 € 750

OLMO, pressi, spettacolare villa in pietra, circa 450 mq libera su 4 lati circondata da enorme parco, possibilità di frazionarla in più unità. Trattativa riservata. ☎335 7678437

AFFITTI COMMERCIALI

PICILLE (BARATRO) Picille (baratro) terreno a gradoni di mq.25.000 con viti, ulivi e alberi da frutto, con piccolissimo annesso (mq.7) da ristrutturare con pozzo, artesiano di proprietà€ 120.000. Ottimo per investimento € 100.000,00 trattabili ☎347 6143007

RIFREDI (panche) porzione di capannone mq.200 molto alto con 3 postiauto e ampio piazzale per manovra, servizio ☎055 666999 rif.165 € 1.500

REGGELLO PIETRAPIANA immerso nel verde stupendo fienile finemente ristrutturato, composto da soggiorno con camino, cucina, due camere, doppi servizi, ripostiglio, ampia lavanderia, pergolato e giardino olivato di circa mq. 3.300 recintato. € 390.000 Ag. Imm. Bianchi e Grappolini ☎055 631781 - 055 630656

A PORTA S.FREDIANO locale interno mq. 24 con servizio-doccia, ripostiglino ☎055 666999 rif. A8 € 350,00

VALDISIEVE COLLINE MOLINO DEL PIANO ex fienile libero su 4 lati perfettamente ristrutturata, cucina/taverna, grande salonetravi a vista , 3 camere, 2 bagni (possibilità quarta camera). Terreno di 13.500 con ulivi ottima esposizione, bellissimo panorama € 530.000,00 ☎335 7678437 MOLINO DEL PIANO collinare, porzione di colonica in pietra, libera su 3 lati , ristrutturata, composta da cucina in muratura, salone con camino, 4 camere 2 bagni, loggia coperta oltre 1 ettaro di terreno € 850.000 trattabili ☎335 7678437

CAPANNONI

FONDI

E

GARAGE

FIRENZE- COVERCIANO magazzino con soppalco mq. 30, luce, acqua, doppio ingresso carrabile (no servizio) rif. A1000 € 400,00 ☎055 666999

UFFICI

E

NEGOZI

CAMPOMARTE di fronte piscina, 1º piano con ascensore, 3 ampi vani, servizio, balconi, pavimenti marmo e parquet,termo, possibilità posto auto rif. A37 € 850,00 ☎055 666999 CENTRO con affacci sulla piazza ufficio mq. 280 in palazzo storico. Impianti a norma, termosingolo, ascensore. Alta rappresentanza rif. A11 € 4.500 trattabili ☎055 666999 PERETOLA a 2 passi da piazza garibaldi fondo c/1, sporto su strada, mq. 45 circa (2 vani) servizio finestrato rif. 151 € 500 ☎055 666999


annunci immobilari

31

SCANDICCI - VILLA IL BORGO

A SOFFIANO PALAZZETTO S. CARLO

1042826

IN STRADA INTERNA PRIVATA sorgerà una nuova ed elegante palazzina di 3 piani. Gli appartamenti, di varie tipologie e metrature (3-4-5 vani), avranno finiture di ottima qualità e saranno dotati di tutti comfort abitativi. Consegna fine 2009 TUTTI GLI APPARTAMENTI sono dotati di: antifurto perimetrale e volumetrico, impianto TV satellitare, videocitofono, aria condizionata, portoncino ingresso blindato, finestre con vetro camera e zanzariere incassate negli infissi

ULTIMO APPARTAMENTO DISPONIBILLE in villa storica del 1700 accuratamente ristrutturata, con particolari d’epoca originali, caratteristico ed unico appartamento in torretta, di 3,5 vani con doppi servizi, terrazzino e posto auto. Finiture ed accessori di altro pregio. L’APPARTAMENTO È CORREDATO di videocitofono, impianto tv satellitare, aria condizionata, portoncino blindato, finestre in classe risparmio energetico, finestre a tetto telecomandate

SONO DISPONIBILI posti auto scoperti o garage al piano terra di varie metrature, dai 18 ai 50 mq

a partire da Euro

Euro 280.000 COSTRUISCE E VENDE DIRETTAMENTE

Tel.

280.000

Via di Soffiano, 166/A FIRENZE

055-0517385 Cell. 335-231591 335-304653 www.decimaprima.com

FIRENZE 5 VANI LUNGARNO DEL TEMPIO In palazzo signorile 2ppartamenti stesso piano luminosissimi panoramici ampie metrature divisibili ingresso salone doppio 3 camere doppi servizi cucina abitabile 2 servizi cantina balconi a partire da Euro 530.000

FIRENZE OLTRE 5 VANI VILLAGGIO PRIMAVERA Signorile luminoso silenzioso panoramico ingresso salone doppio cucina tinello 3 camere doppi servizi 2 balconi soffitta lastrico solare di proprietà 2 garage cantina Euro 600.000/00 FRANCIA Signorile panoramico ultimo piano 2 saloni 3 camere matrimoniali cucina 3servizi terrazza balconi soffitte ripostiglio 2 garage Euro 950.000

MAZZINI pressi Stabile signorile ampia metratura divisibile silenzioso luminoso ingresso salone triplo 6 camere due vani cucina doppi servizi terrazzino e giardino di proprietà Euro 1.200.000

FIRENZE FONDI COMMERCIALI VENDITE GIANNOTTI In ottimo contesto luminoso silenzioso ufficio di rappresentanza 5 vani possibilità open-space climatizzato impianti a norma posto auto Euro 480.000 GAVINANA Ampio fondo commerciale con 2 sporti su strada 150mq circa ottime condizioni doppi servizi Euro 630.000 PONTE A EMA Ampio ufficio/locale commerciale luminoso composto da due vani più servizi due sporti su strada possibilità cambio di destinazione d’uso Euro 190.000

LARGO P. P. BOSCOLI 7 TEL. 055

RIPOLI Fondo commerciale con sporto su strada completamente ristrutturato servizio Euro 180.000

FIRENZE ATTIVITA’ COMMERCIALI

GAVINANA Attività avviata ricevitoria, tabacchi, ricariche telefoniche, tessera autobus, sporto su strada, servizio, in fondo completamente ristrutturato Euro 220.000

FIRENZE FONDI COMMERCIALI AFFITTI

GAVINANA Ampio fondo commerciale con sporto su strada resede e cantina Euro 800/00 EUROPA Silenzioso nel verde intero villino uso ufficio ingresso segreteria 3 stanze servizio cucinotto soffitta ampio garage 2 posti auto Euro 1150/00 GAVINANA Ampio appartamento 6vani uso ufficio silenzioso luminoso ristrutturato impianti a norma giardino no condominio adatto a studi professionali Euro 1800 GIANNOTTI In ottimo contesto affittasi ufficio di rappresentanza 5 vani possibilità open-space climatizzato impianti a norma posto auto Euro 2000

68.00.095

1035768

info@decimaprima.com

http://www.lalocandina.it

la giusta soluzione per l’auto che cerchi...

...basta scegliere

848.80.88.68 per la tua pubblicità


1045058


Il reporter-Quartiere 1-agosto 2009