Page 1

Il Giornale del tuo Quartiere

Q5 1231628

Periodico d’informazione locale. Anno VI n.62 del 1 novembre 2012. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10

PRIMO PIANO

luoGHi

NOVEMBRE 2012

Una donna per i nonni Andrea Muzzi*

Q I SePOLCRI fIOReNtINI Viaggio nei cimiteri di casa nostra, tra novità in arrivo e tombe che raccontano storie PAGG.10-11

con gli OCCHI AL CIELO La stagione delle piogge porta con sé l’allarme-allagamenti: ecco le zone considerate più a rischio PAGG.4-5

sPoRt

Quartiere di domani, i nodi da sciogliere PAGG.2-3

La città ferita dai vandali

società

di Biondi - Zarrilli

L’

IL NUOVO CeSARe? Continua a crescere il feeling tra Montella e i tifosi. E c’è già chi “scomoda” Prandelli PAG.22

A COLPI DI fioretto Una nuova possibilità per i ragazzi del quartiere: quella di mettersi alla prova nella scherma PAG.25

ultima è stata il Ratto di Polissena alla Loggia dei Lanzi, ma la scultura di Pio Fedi – peraltro già presa di mira in passato – si trova purtroppo in ottima compagnia tra le opere fiorentine che hanno dovuto fare i conti con i vandali. La storia dei capolavori “feriti” dai malintenzionati è lunga e le vittime illustri: si va dal David di Michelangelo al Biancone dell’Ammannati. Opere che un brutto giorno sono finite nel mirino di persone che, di proposito

o per sbaglio, hanno danneggiato veri e propri tesori fiorentini. Ma c’è di più. La statua di Dante in Santa Croce, ad esempio, nel tempo ne ha viste di tutti i colori: c’è chi l’ha utilizzata come nascondiglio per la droga e chi, sotto lo sguardo severo del sommo poeta, si è lasciato andare ad atti decisamente troppo osé. Ma se pensate che quello di bistrattare i monumenti sia un malcostume tutto fiorentino vi sbagliate: legPAGG.20-21 gere per credere.

Il lungo viaggio delle badanti PAGG.8-9

uando mio nonno era anziano le badanti non esistevano, i nonni stavano con le loro famiglie. Tutti ammassati sotto il solito tetto: nonni e nipoti. Da qui il famoso detto: “La vita è un passaggio da un pannolino a un pannolone: uno si trova costantemente nella cacca!”. Alcuni nonni finivano all’ospizio. Di solito gli ospizi erano posti allegri come una finanziaria di Monti. Oggi per molti nonni c’è la badante: una giovane donna dell’est che si occupa esclusivamente di loro. Conosco uomini di trent’anni che si tingono i capelli di bianco perché questo è l’unico modo che hanno per avere una donna tutta per loro! La badante per gli anziani è una speranza di vita. Ci sono uomini che per tutta la vita cullano il sogno di avere una donna diversa dalla moglie. Una donna da amare. Finalmente a 85 anni il sogno si avvera: la badante! Peccato che a quell’età uno non ce la fa più ad amare una donna! La badante è una donna speciale. Per fare colpo su una donna devi mostrarti migliore di quello che sei: più giovane, più forte. Se lo fai con la badante lei ti lascia. Lei ti vuole così come sei: anziano e inerme! Inoltre, vuoi mettere lo scambio di culture? Spesso le badanti sono straniere. Hai ascoltato per tutta la vita tua moglie, italiana come te, e non l’hai mai capita. Nella terza età ascolti una donna rumena o filippina e non la capisci uguale. Ma almeno stavolta capisci perché!

In conclusione, ci tengo a esprimere un sincero grazie a tutte queste ragazze che si prendono cura dei nostri nonni! *Comico

progetti

I maxi complessi in cerca di futuro PAG.12

Edizione del Quartiere 5 • 43.480 copie distribuite da

€ 28,00 € 38

Oro 750 netto al grammo Oro puro al grammo

,00

1222501

18Kt

Non si effettuano cali di fusione Non si applicano ulteriori spese

www.ideaoro.eu


2

Novembre 2012

Rifredi • Novoli • Brozzi

IL PUNTO/1. Non mancano le lamentele da parte degli abitanti di Brozzi, Quaracchi e Peretola

I “borghi a ovest” alzano la voce In cima alla lista delle proteste c’è il passaggio degli aerei. Altro tema caldo è la pericolosità di via Pistoiese. In arrivo tre progetti per risolvere i problemi Valentina Cipriani

I

nizia presto la giornata per gli abitanti di Brozzi, Quaracchi e Peretola. Sono le 6 del mattino e il primo aereo passa sulle loro teste dando il via a un “concerto” che durerà fino a tarda notte. Non servono a niente o quasi i tanti soldi spesi in finestre a isolamento acustico, il rumore penetra anche quelle. Finestre che gli abitanti, tra l’altro, devono stare ben attenti a non aprire. A causa del frastuono, poi, perfino le scuole sono costrette a volte a sospendere le lezioni quando passa un aereo. Stanchi ormai da tempo dei livelli di inquinamento acustico e atmosferico, gli abitanti dei borghi storici a ovest di Firenze hanno le idee ben chiare: l’aeroporto Amerigo Vespucci deve essere chiuso. È ciò che è emerso anche durante l’incontro dei 100 luoghi che si è tenuto a Brozzi a inizio ottobre. Neanche il progetto della pista “convergente parallela” sembra placare gli animi dei residenti, preoccupati di un possibile incremento di traffico aereo e inquinamento anziché di una loro diminuzione. Secondo i tecnici, invece, la realizzazione della nuova pista porterebbe a una consistente riduzione del rumore nelle zone di Peretola, Brozzi e Quaracchi, senza spostarlo in altre aree abitate. Molti cittadini, però, la pensano diversamente: “Vogliamo un unico aeroporto toscano a Pisa, facilmente raggiungibile da Firenze grazie all’efficiente sistema di collegamenti”, dicono. C’è infatti chi sostiene che allo stato attuale sia quasi più facile raggiungere l’aeroporto Galileo Galilei di Pisa che quello di Peretola, servito unicamente da una navetta che parte dal centro. Quello del traffico aereo non è però l’unico problema segnalato in quest’area a ovest della città, i cui abitanti si sentono considerati “l’ultima ruota del carro”. Un tema scottante è la pericolosità di via Pistoiese, arteria importante per il traffico in entrata e in uscita dalla città che periodicamente registra numerosi incidenti stradali. Secondo quanto sostenuto dai cittadini, a poco o niente sono serviti gli interventi realizzati negli ultimi anni, in particolare le rotonde. “La sera via Pistoiese sembra l’autodromo del Mugello!”, esclama qualcuno. I marciapiedi sono assenti

il passaggio di un aereo sopra le case

o dissestati e l’attraversamento pedonale non è agevole. A rendere la strada ulteriormente pericolosa è il traffico molto intenso che, secondo alcuni, è causato dall’urbanizzazione selvaggia nella zona delle Piagge, dalla realizzazione delle nuove strutture a Novoli, dal ponte dell’Indiano e proprio dall’aeroporto. In risposta a queste richieste, ci sono tre progetti che auspicano di risolvere i problemi che affliggono Brozzi, Quaracchi e Peretola. Il primo consiste in un intervento di messa in

sicurezza della via Pistoiese: ha già ricevuto il finanziamento da parte della Regione e verrà realizzato in collaborazione con l’Università di Firenze. Il secondo è il piano strutturale che verrà sviluppato nei prossimi mesi e che prevede, entro cinque anni, l’attivazione della linea 4 della tramvia e la realizzazione della bretella Rosselli-Pistoiese. Il terzo è la realizzazione del nuovo svincolo terminale di Peretola e l’eliminazione del semaforo dell’aeroporto nei pressi dell’ingresso del raccordo autostradale.

Quest’ultimo progetto dovrebbe connettere tra loro il ponte dell’Indiano, l’ingresso dell’autostrada e viale Guidoni, rendendo la circolazione dei mezzi più scorrevole. “Aspettiamo, ma non siamo troppo fiduciosi”, concludono gli abitanti, stanchi ormai di essere considerati la “valvola di scarico della città”.

commenta su

L’INTERVENTO Via ai lavori che trasformeranno il terreno su cui sorgeva la scuola: spazio a bimbi e pic-nic

Ex Caterina De’ Medici, e giardino sia (entro l’estate)

S

catta l’inizio dei lavori per la realizzazione del giardino nell’area dell’ex scuola Caterina De’ Medici, che secondo le previsioni sarà completato e aperto al pubblico per l’inizio dell’estate prossima. Il progetto dell’opera è stato illustrato durante l’assemblea dei 100 luoghi di Novoli alla presenza dell’assessore ai lavori pubblici del Comune di Firenze Massimo Mattei. Il giardino sorgerà nello spazio all’incrocio tra viale Guidoni e via Barsanti, sul quale sorgeva la struttura della scuola chiusa nel 2004 e occupata da circa duecento rifugiati somali fino al 2009, anno in cui fu distrutta da un incendio e in se-

Il Reporter di Rifredi, Novoli, Brozzi raggiunge 43.480 famiglie nel quartiere 5 di Firenze. Copia in abbonamento postale

Editore e Concessionaria Pubblicitaria: Web&Press edizioni s.r.l.

il Reporter è un periodico di 5 edizioni che mensilmente viene distribuito da in 165.823 copie

Direttore Responsabile: Matteo Francini Service editoriale e grafico: tabloid soc.coop., Firenze (FI) Tel. 055 0515275 - redazione@ilreporter.it

Direzione ed amministrazione: via Kassel 17- 50126 Firenze

guito demolita da Palazzo Vecchio. La prima fase dei lavori avrà inizio in questo mese di novembre e consisterà nella pulizia dell’area, mentre l’intervento di costruzione vero e proprio inizierà a gennaio e durerà cinque mesi. È stato scelto di iniziare i lavori tra inverno e primavera poiché – riferiscono i tecnici comunali – è il periodo più idoneo per la piantagione del verde e la realizzazione della pavimentazione. Passando ai dettagli del progetto, il giardino avrà tre ingressi, due su viale Guidoni e uno da via Barsanti. Dall’entrata principale – posta su viale Guidoni – si accederà a un vialetto alberato e pavimentato

Stampato da Rotopress International, Loreto (AN) Periodico d’informazione locale Anno VI n.62 del 1 novembre 2012 N°reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. - 45% legge 662/96 art. 2 comma 20/b. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10€

Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

alla cui destra, lato via Barsanti, sarà presente un’area giochi dotata di attrezzature ludiche per bambini circondata da un prato, mentre sulla sinistra ci saranno due campi da gioco, uno di calcetto e l’altro da basket. In fondo al vialetto sarà allestita una zona “ristoro” con tavolini e sedie, nella quale sarà possibile fare pic-nic. Il giardino verrà poi dotato di un impianto d’illuminazione e al suo interno sarà presente una fontana di acqua potabile. “Spero che questa sia la volta buona – riferisce Anna, una residente – e che il tanto atteso recupero di quest’area abbandonata possa fi/A.R. nalmente realizzarsi”.

Dati non raccolti presso l’interessato Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Web&Press s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Web&Press s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Web&Press via Kassel 17 50126 Firenze.


3

il giornale del tuo quartiere

IL PUNTO/2. Troppo traffico e difficoltà di parcheggio tra le questioni segnalate dai residenti

Novoli, parola d’ordine “vivibilità”

traffico a

Novoli

Fra le richieste c’è quella di un sistema più efficiente di piste ciclabili che colleghi il rione al centro: il percorso attuale si interrompe alla fine di viale Redi. Tre le soluzioni allo studio, mentre sarà istituita una navetta dal vecchio al nuovo tribunale

C

Sottopasso-gabinetto, ora si cerca un rimedio P

Antonio Rettura ongestionamento del traffico nell’area attorno al multiplex , difficoltà di parcheggio nella zona del Palagiustizia e piste ciclabili scollegate: sono questi alcuni dei principali problemi sollevati dai cittadini di Novoli, problemi per cui vengono chiesta soluzioni all’amministrazione. Se da un lato il grande sviluppo urbanistico che negli ultimi anni ha interessato l’area di Novoli ha valorizzato il rione, dall’altro ha creato qualche problema all’equilibrio della zona. In particolare, ciò che preoccupa maggiormente i residenti è il timore che l’aumento del traffico – sia di mezzi che di persone – orbitante sul rione non venga adeguatamente bilanciato dai servizi, diminuendo così la vivibilità del quartiere. Antonio Imposimato, dell’associazione “Firenze Città Ciclabile”, spiega che “parte del traffico di auto potrebbe essere diminuito creando un sistema di piste ciclabili efficiente che colleghi il centro con Novoli”. Attualmente, però, la pista ciclabile si interrompe alla fine di viale Redi, rendendo difficoltoso per gli amanti delle due ruote raggiungere il multiplex e la zona del tribunale. L’assessore a mobilità, manutenzioni e decoro di Palazzo Vecchio Massimo Mattei, durante l’assemblea dei 100 luoghi di Novoli che si è tenuta a ottobre, ha spiegato che “sono allo studio dell’amministrazione tre possibili soluzioni per collegare la ciclabile di viale Redi con viale Guidoni”. La prima sarebbe quella di sfruttare il futuro ponte della linea 2 della tramvia, creando ai lati dei binari due piste ciclo-pedonali, soluzione similare a quella adottata per la linea 1 tra le fermate Paolo Uccello e Cascine, sul ponte che attraversa l’Arno. Lo svantaggio di questa soluzione sarebbe la pendenza, che renderebbe un po’ faticoso l’attraversamento. La seconda soluzione è quella di creare un ponte ciclabile che da viale Redi “scavalchi” il Mugnone per raggiungere via Forlanini. Infine, sarebbe possibile creare un prolungamento della pista ciclabile da viale Redi a via Mariti, per poi prose-

IL CASO. Scarsa sicurezza in viale Guidoni

guire in via del Ponte di Mezzo fino a viale Guidoni. L’assessore ha spiegato che l’amministrazione valuterà quale sarà la soluzione migliore, compatibilmente con il bilancio comunale. Strettamente collegato a quello del traffico è il problema dei parcheggi, in particolar modo nell’area attorno al Palagiustizia. “Da quando c’è il tribunale – racconta Marta, residente in via Torre degli Agli – trovare parcheggio è diventato impossibile. E ci sono molte auto senza contrassegno Zcs che occupano i posti riservati agli abitanti”. La richiesta è quella di intensificare i controlli sui “furbetti della sosta”, che creano “enormi disagi” ai residenti. L’apertura dei parcheggi sotterranei costruiti sotto la Cassa di Risparmio di Firenze – viene spiegato – ha soltanto di poco attenuato il problema. L’assessore Mattei ha anticipato che a breve sarà istituita una navetta dal vecchio al nuovo tribunale che permetterà, a chi lavora al Palagiustizia,

L’equilibrio tra servizi e sviluppo sarà la sfida più importante da affrontare nei prossimi anni di raggiungerlo senza dover obbligatoriamente usare il proprio mezzo, soluzione che si spera alleggerisca il traffico di auto. “L’unica soluzione per non essere invasi dalle auto – sostiene Lorenzo, un pensionato – è mettere più mezzi pubblici. Devo andare spesso a Careggi – prosegue – e sono costretto a usare l’auto, perché altrimenti mi tocca prendere due bus e non ce la faccio”. Sicuramente l’equilibrio tra servizi e sviluppo sarà la sfida più importante che dovrà affrontare Novoli nei prossimi anni, nei quali il quartiere da periferia diventerà sempre più “centro” e altre importanti opere verranno realizzate.

roblemi di sicurezza nel Q5: i cittadini segnalano la situazione critica in cui versa il sottopasso di viale Guidoni e gli episodi di degrado nel vicino giardino di via Allori. Sempre più residenti – spiegano – rinunciano a utilizzare il sottopasso che funge da attraversamento pedonale per raggiungere gli impianti sportivi di viale Guidoni a causa della troppa sporcizia e – soprattutto – per il timore di incontri “poco raccomandabili”. I cittadini riferiscono che quando cala il buio il sottopasso diventa una zona “off-limits”, come conferma Carmine, quarantenne che da vent’anni vive nel quartiere: “Sono grande e grosso eppure non ci passerei mai di sera!”. C’è persino chi, pur abitando a poche centinaia di metri, preferisce usare la macchina per attraversare viale Guidoni e raggiungere gli impianti sportivi. È il caso di Angela, madre di tre bambini, che evita il sottopasso dal giorno in cui, assieme ai figli, ha avuto una brutta esperienza: “Un pomeriggio – racconta – ci siamo trovati di fronte due individui con le braghe calate che espletavano i loro bisogni, e alla nostra vista non si sono minimamente coperti, ma si sono addirittura messi a deriderci e insultarci”. Recandoci sul posto abbiamo verificato che effettivamente il corridoio sotterraneo viene utilizzato come “gabinetto”, vista la sporcizia e il cattivo odore che si avverte appena entrati. Passando all’area verde di via Allori, le principali lamentele riguardano la presenza di alcune persone senza fissa dimora che durante il giorno e – riferi-

scono i residenti – spesso anche la notte bivaccano nella zona di parco lato via Baracca. Luca, che frequenta spesso il giardino con il figlio, evidenzia che “queste persone in genere non creano problemi, l’unica questione è che a volte qualcuno si ubriaca, e quindi può capitare che vada in escandescenza come è successo poco tempo fa, quando è dovuta intervenire la polizia”. Patrizia, residente in via Allori, tiene invece a sottolineare che “nonostante qualche piccolo problema, il giardino è stato molto migliorato e rappresenta una risorsa importante per il quartiere”. L’assessore Massimo Mattei, durante l’incontro dei 100 luoghi, ha confermato che i casi del sottopasso di viale Guidoni e del giardino di via Allori sono due situazioni critiche su cui

Episodi di degrado nell’area verde di via Allori occorre intervenire. “C’è un problema di sicurezza nel sottopasso – conferma Mattei – chiederò di intensificare la pulizia e valuteremo l’ipotesi della chiusura notturna dell’attraversamento pedonale”. Riguardo al giardino di via Allori, l’assessore spiega che “per evitare che persone entrino nel giardino dopo la chiusura è stato chiesto alle ferrovie di chiudere la cancellata dal /A.R. lato della scarpata”.


4

Novembre 2012

Rifredi • Novoli • Brozzi

L’INCHIESTA. Tante le segnalazioni degli abitanti, da piazza Dalmazia a piazza Leopoldo

Con le piogge torna l’allarme allagamenti Sottopassi e tombini “osservati speciali” Nicoletta Consumi

C

on l’arrivo dell’autunno è iniziata anche la stagione delle piogge. Nubifragi passeggeri hanno la forza, anche in poco tempo, di allagare scantinati, garage e sottopassi in diverse zone della città. Vero e proprio tallone d’Achille del quartiere 5 sono i sottopassi: in piazza Dalmazia, alla stazione di Rifredi o in via Reginaldo Giuliani, verso il giardino del Lippi. Anche i tombini otturati e mai ripuliti possono creare problemi alle vetture parcheggiate nelle vicinanze e disagi a tutta la cittadinanza. Dopo forti e incessanti piogge è facile trovare in azione squadre di vigili del fuoco coadiuvate dalla protezione civile e dai vigili urbani che cercano di riportare alla normalità il traffico. “È pericoloso passare dal sottopasso di piazza Dalmazia, anche con la macchina, quando piove a dirotto, in poco tempo potrebbe trasformarsi in un lago – spiega un passante – è già successo in passato più volte, quindi non vedo perché non potrebbe succedere nuovamente. Per andare a lavoro, con l’inizio delle piogge, preferisco fare una strada alternativa. Si rischia di affogare e non dico per scherzo”. Solo poche settimane fa un nubifragio aveva sorpreso due bambini in un sottopasso dalle parti di via Lorenzini: i piccoli erano stati messi in salvo appena in tempo. I soccorritori, giunti sul luogo, li avevano trovati sopra il tetto di un’automobile. La pioggia improvvisa, anche se di breve durata, aveva creato problemi in varie zone delRosaria Gibino Impiegata, 58 anni

Cristiana Braccini Professionista, 39 anni

Giuliano Gagliano Informatico, 40 anni

“Servirebbe un controllo costante”

“Ci vuole un piano di interventi”

“Mai visto nessuno all’opera”

“Mi chiedo perché le istituzioni non approvino un piano interventi che funzioni decentemente in caso di pioggia. La prima cosa sarebbe quella di ripulire tutti i tombini del quartiere quando ancora il tempo è buono. Perché non viene fatto a inizio settembre, per esempio?”

Studio Dentistico

Dr Ghazinoori. A Medico Chirurgo - Odontoiatra

L’IMPLANTOLOGIA... ...E’ LA MIGLIORE ALTERNATIVA PER TORNARE A SORRIDERE IN UN SOLO GIORNO CON I TUOI DENTI !

1218673

www.Studiodentisticodralighazinoori.com

Via V. Gioberti 107/int - Firenze - Tel/Fax. 055

2480718

“Spesso mi sono chiesto se i tombini vengono controllati oppure no. Sinceramente non ho mai visto nessuno all’opera. Deve per forza succedere qualcosa di grave per poi correre ai ripari? Il sudicio è impressionante, poi ci si lamenta degli allagamenti. Il controllo da parte degli enti predisposti dovrebbe venire prima di tutto”

DAL 2007 AD OGGI L'UNICO A FIRENZE SPECIALIZZATTO IN BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA/ELETTRICHE CONVIENE PERCHÈ:

1213332

NO bollo - NO assicurazione NO caro carburante - NO multe NO casco - MOBILITA' A COSTO 0

SERVIZI:

“Ho paura a prendere la macchina quando piove, in poco tempo le strade possono diventare torrenti e i sottopassi delle vere e proprie gabbie d’acqua. In passato il sottopasso di piazza Dalmazia si è allagato diverse volte. Il monitoraggio da parte del Comune dovrebbe essere costante”

Vendita Assistenza Ricambi

Accessori Noleggio Usato garantito

PARTY IN BICI, LA BICICLETTA ELETTRICA A FIRENZE, SCELTA TRA OLTRE 40 MODELLI. CERTI DI FARE LA SCELTA GIUSTA

VIA BENEDETTO MARCELLO 21/23R FIRENZE www.partyinbici.it info@partyinbici.it

055 3200834


5

il giornale del tuo quartiere la periferia di Firenze. Una strada nel quartiere dell’Isolotto era stata chiusa in seguito alla caduta di un albero. Anche in quell’occasione erano state decine le segnalazioni ai vigili del fuoco. Ma non sono solo i sottopassi a essere considerati pericolosi dai cittadini. Persino una piazza come piazza Leopoldo “può trasformarsi in poco tempo in una trappola”, dice qualcuno. Ne sa qualcosa un residente che con l’aiuto di un amico, pur di salvare le auto parcheggiate sotto casa, ha dovuto, con le mani, ripulire un tombino otturato dai detriti affinché l’acqua defluisse nelle fogne. “Non smetteva di piovere e l’acqua era già arrivata all’altezza delle portiere delle macchine. Con le mani ho cercato nell’acqua e nella melma il tombino. Un mio amico mi ha raggiunto con un’asta di ferro e a forza abbiamo cominciato a togliere i detriti che lo ostruivano”. “Una fatica immane! – gli fa eco l’amico – i detriti, per lo più foglie e sporco, avevano lo spessore di due centimetri. Segno che in estate non erano stati controllati i tombini in previsione delle prime piogge. Quando abbiamo forato il duro ‘mattone’ di sporco e foglie – aggiunge – l’acqua ha cominciato a defluire. Se non fossimo intervenuti noi si sarebbe fatta strada nei motori delle macchine”.

Ma è possibile intervenire per tempo rimuovendo i detriti che ostruiscono i tombini nelle piazze e nei sottopassi? Abbiamo girato la domanda al presidente del Quartiere 5, Federico Gianassi. “Publiacqua – risponde – ci sta rassicurando. In base a una programmazione decisa a monte sta facendo un lavoro particolare di ripulitura dei tombini. Gli interventi richiedono una manutenzione continua nel periodo che precede le piogge e dopo la caduta delle foglie. Piazza Leopoldo e le zone limitrofe rappresentano una problematica non trascurabile e conosciuta da anni, l’acqua scende dalla collina del Poggetto e ristagna in piazza. Per quanto

Con l’autunno la questione è nuovamente d’attualità riguarda i sottopassi – aggiunge – persino la loro conformazione può creare allagamenti. Mi sento comunque di rassicurare i cittadini. Contatteremo Publiacqua e chiederemo più attenzione per le zone segnalate dai cittadini e allo stesso tempo – conclude – di effettuare una pulizia più incisiva”.

L’acqua a volte non riesce a defluire (soprattutto dopo i nubifragi passeggeri), creando problemi alle auto parcheggiate e disagi ai cittadini: ecco quali sono le zone considerate più a rischio nel quartiere. Il presidente Gianassi: “Chiederemo più attenzione”

IL CASO. Il sedile della panca d’attesa della fermata non era stato posizionato, così ci ha pensato la gente

Autobus, e in via Sestese spuntò la pensilina fai-da-te

U

n’asse di legno che funge da panca commissionata dai residenti al falegname della zona. Si presenta così, ormai da mesi, la pensilina Ataf di via Sestese all’incrocio con via del Sodo, a pochi metri da via Reginaldo Giuliani. E cresce di giorno in giorno il disappunto di chi quella pensilina la utilizza tutti i giorni per aspettare l’autobus. “Alcuni mesi fa fecero i lavori per migliorare l’aspetto delle pensiline – spiega una residente della zona – ma non hanno mai posizionato il sedile della panca d’attesa. Così ci sia-

Speriamo di poter venire a capo della situazione nel più breve tempo possibile

mo visti costretti a farlo da soli”. La fermata in questione, quella delle linee 2 e 28 in via Sestese, si trova in una zona popolosa del quartiere 5 ed è utilizzata da un lauto numero di residenti che si recano a lavoro in centro ogni giorno. “All’inizio ci dicevamo l’un l’altro di essere fiduciosi, che prima o poi sarebbero venuti a sistemare la pensilina – risponde stringendosi nelle spalle un’anziana signora in attesa del bus – ma passavano le settimane ed era necessario trovare una soluzione per potersi mettere a sedere ad aspettare l’autobus”. Ed ecco così la scelta, unanime, di fare una colletta e commissionare una tavola di legno al vicino falegname, per far sedere almeno donne, bambini e anziani. “Sono anziana – prosegue la signora – non posso rimanere in piedi per molto tempo e spesso, si sa, gli autobus si fanno attendere... Era necessario un sedile. Abbiamo provato più volte a chiedere spiegazioni ad Ataf ma il centralino non ri-

sponde o non sa come aiutarci”. “Secondo me non tornano più – spiega un signore sulla cinquantina poco distante – hanno visto che l’abbiamo sistemato noi per conto nostro, la tavola di legno è funzionale, non pericolosa. Chi glielo fa fare di tornare sui loro passi e magari ricevere una ramanzina sul loro operato? Questa è una storia che non interessa a nessuno, glielo dico io”. Abbiamo provato a raggiungere Ataf telefonicamente. “L’azienda aveva posizionato la pensilina in una proprietà privata tramite concessione – spiega Massimo Favilli della sezione sindacale Uil – ma il Comune mesi fa ha fatto sapere di non volere la pensilina in quel luogo, quindi Ataf non è andata avanti nei lavori. Speriamo di poter venire a capo della spiacevole situazione in poco tempo, ci sentiamo di rassicurare i clienti Ataf e speriamo che il Comune ci faccia sapere il prima possibile come e /N.C. dove agire”.

S.P.I. C.G.I.L. - SIndaCato PenSIonatI ItaLIanI LeGa QuartIere 5 FIrenZe PUNTO DI… SVISTA

GOVERNO MONTI: La legge di stabilità, purtroppo anche questa volta sarà una manovra a tutti gli effetti che verrà scaricata sui soliti noti, pensionati e dipendenti, di fatto tanto bastone e poca carota. Questa manovra è l’ultima tappa di una serie di manovre che hanno impoverito i pensionati e le loro famiglie, giovani compresi. Come sempre pagano i più deboli e gli anziani si fanno carico dei giovani diventando il vero ammortizzatore sociale. Con questa manovra si continua a tagliare ulteriormente la sanità, circa 1,6 miliardi che sommati a quelli degli ultimi anni, partendo dal 2008 la cifra è arrivata a 22 miliardi. Nella nostra Regione, i continui tagli sulla sanità derivati dal governo Berlusconi e dalla spending rew, faranno arrivare meno 600milioni l’anno, senza considerare quelli che mancheranno da questa nuova legge. Ormai è quasi passato un anno ed ancora aspettiamo l’equità promessa dal governo Monti, di fatto è rimasta solo sulla carta. Il Parlamento ha l’obbligo politico e morale di correre subito ai ripari se non si vuole ancora una volta alimentare l’ingiustizia sociale. Anche l’ultimo rapporto Caritas sulla povertà è drammatico e dimostra che non sono state affrontate le vere emergenze del Paese, anzi potremmo dire che le ha perfino acuite. Dal rapporto, emerge che gli anziani che si rivolgono ai centri di assistenza sono aumentati del 51% e i pensionati del 65%. Inoltre è bene ricordare, che 5milioni di pensionati percepiran-

no 1.135 euro circa in meno per il biennio 2012-2013 a causa del blocco della rivalutazione annuale delle pensioni superiori a tre volte la soglia minima, introdotta con la riforma Fornero. CORRUZIONE: Di fatto è una tassa occulta e iniqua che colpisce soprattutto i più deboli della società e che inquina i rapporti tra le persone e le aziende. Perché quella tangente pagata a uomini di potere, siano essi politici o imprenditori, fa lievitare i costi di qualsiasi opera, sottrae risorse ai conti pubblici e alle imprese, facendo aumentare i deficit, dunque il bisogno di altri introiti che si tramuta in tasse sparse su tutta la popolazione. La corruzione tiene in ostaggio la democrazia e fa contestualmente calare la credibilità internazionale del nostro paese : e quando un industriale vede l’Italia nelle parti basse della classifica dei Paesi meno corrotti, ha comunque l’istinto di deviare altrove i propri investimenti, perché il costo della corruzione è ben più alto del costo del lavoro. La legge Severino è un primo passo nella direzione di invertire la tendenza del ventennio passato anche se ancora non è sufficiente, perché non affronta i nodi della corruzione più profonda, più astuta e più spregiudicata. Infatti la Convenzione di Strasburgo parla chiaro : la corruzione deve essere sradicata. Per farlo bisogna ripotenziare il ddl in Senato, riportare il falso in bilancio nelle leggi di questa nostra Italia, preservare e tutelare il diritto dei cittadini alla denuncia, potenziare il reato di concussione o induzione alla concussione, istituire e rendere operativa con mezzi ispettivi autonomamente finanziati una autorità nazionale anticorruzione che vigili sull’amministrazione pubblica. Inoltre vanno applicate da

subito le norme per la incandidabilità dei parlamentari e degli amministratori condannati con sentenza definitiva. Perché non è più tollerabile una società che ruba a se stessa, dove i più forti mangiano le risorse per i più deboli, sottraendo quote di bilancio dello Stato ed opportunità di sviluppo alle persone che faticano a vivere e che per questo hanno più bisogno di lavoro, servizi sociali, investimenti nella cultura e nella scuola. In una società che cresce insieme non può esserci spazio per la corruzione, i favoritismi , la violazione delle regole e il deprezzamento di quella grande ricchezza costituita dai giovani e dalle menti brillanti della scienza, della cultura, del mondo del lavoro. 14/MA MENSILITA’ : Le OO.SS. di Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil e l’Inps hanno raggiunto un’intesa sulla restituzione delle 200mila quattordicesime risalenti al 2009, delle quali 3500 circa nella nostra Regione. L’intesa prevede la dilazione della restituzione fino ad almeno 36 mesi, con la possibilità per i pensionati di prolungare tale periodo in presenza di particolari condizioni di difficoltà. Inoltre è emerso che molte pratiche di recupero avviate da parte dell’Inps sono state revocate perchè non erano corrette. Crediamo che sia stata un’intesa molto importante che è stata fortemente voluta dalle OO.SS dei pensionati per cercare di non penalizzarli ulteriormente dato che hanno già un reddito bassissimo. La speranza che in futuro il sistema di controllo sia snellito e che faccia tutto il possibile per non chiedere indietro ai pensionati le quattordicesime percepite anni prima.

dIarIo SIndaCaLe APPUNTI DA NON PERDERE

INIZIATIVA: La mobilità legata ai trasporti che servono per accedere ai servizi nel nostro quartiere è stato il tema del nostro tesseramento nel 2012. Abbiamo svolto una indagine capillare con un questionario ed i risultati saranno illustrati in una iniziativa pubblica che si terrà MERCOLEDI’ 5 DICEMBRE alle ore 15.00 c/o l’S.M.S. RIFREDI in Via V.EMANUELE II, 303. Saranno presenti : S.SACCARDI, Assessore al Welfare, M.MATTEI Assessore alla mobilità, F.GIANASSI Presidente Q.5, D.STOLZI Segr.Gen.SpiCgil Prov. Fi, A.CARMIGNANI segr.Gen.Filt-Cgil Prov.Fi, A.BRUNETTI Segr. Spi-Cgil Lega Q.5 Fi. ed il Giornalista R.PALUMBO che coordinerà i lavori Al termine sarà offerto un piccolo rinfresco. IL NOSTRO PROGRAMMA CULTURALE Nei prossimi mesi elaboreremo il programma culturale per il prossimo anno, che potrà essere ritirato in tutte le nostre sedi a partire dal mese di febbraio. A tutti i nostri iscritti sarà inviato per posta con il tesseramento.

LEGA QUARTIERE 5 - FIRENZE Via A.Tavanti , 3. Tel. 055.4220440 - 055.417903 Fax 055.4360151 E-mail : spiq5@firenze.tosc.cgil.it

Per uLterIorI InForMaZIonI entra neLLe noStre SedI e troVeraI La rISPoSta CHe CerCHI


6

Novembre 2012

Rifredi • Novoli • Brozzi

IERI E OGGI. Marco Conti studia da cinquant’anni la storia di Peretola e dintorni

Il nonno di Amerigo Vespucci? Visse qui Tanti i personaggi celebri che abitarono in questi luoghi: da Zoroastro, famoso per aver testato la macchina per volare di Leonardo Da Vinci, al Bronzino. E le ricerche vanno avanti Antonio Rettura

È

nella casa in via di Peretola al numero 8 che ebbe origine la famiglia del navigatore Amerigo Vespucci: a scoprirlo è stato Marco Conti, lo storico che da cinquant’anni studia con passione e minuzia la storia del borgo in cui vive e dei

suoi dintorni, da Brozzi a Petriolo, fino a Novoli. Conti ha raccolto documenti per ricostruire la vita dei personaggi vissuti in questi luoghi, come Zoroastro da Peretola – al secolo Tommaso Masini – l’allievo di Leonardo Da Vinci celebre per aver testato la macchina per volare

Marco Conti

progettata dallo scienziato. Leonardo era particolarmente ottimista sulla buona riuscita del “test”, tanto che prima della prova scrisse in un’epigrafe: “Piglierà il primo volo il grande uccello sopra del dosso del suo magno Cecero, empiendo l’Universo di stupore”. Non andò esattamente così: Zoroastro si lanciò dal monte Ceceri, ma dopo aver planato per poche centinaia di metri precipitò rovinosamente al suolo, decretando il fallimento dell’impresa. L’attività di ricerca storica di Marco Conti è partita nei primi anni ‘60, quando l’urbanizzazione di Firenze cominciava ad accelerare, con i nuovi palazzi che iniziavano a prendere il posto dei centenari casolari di campagna.Vissuto da sempre nel borgo di Peretola, lo storico racconta che “la città iniziò a ingrandirsi così velocemente che avevamo l’impressione che Firenze ci stesse per investire”. Fu in quel periodo di “transizione” che iniziò l’attività di documentazione e ricerca, spinta dalla voglia di preservare e studiare il passato e favorita da un clima culturale molto vivace: “Alla

la casa dei nonni di

Amerigo Vespucci

Casa del Popolo di Peretola si tenevano di continuo mostre, dibattiti e altre iniziative nelle quali i miei lavori trovarono spazio”. È in quegli anni che Conti ritrovò un documento del catasto datato 1427, nel quale era indicata la collocazione esatta della casa del nonno di Amerigo il Navigatore. Ma le ricerche e le scoperte dello storico non finiscono qui: sempre in via di Peretola, al numero 162, c’è quella che fu la casa del pittore Alessandro Allori, detto il Bronzino. Marco Conti racconta che nei magazzini di Palazzo Pitti è presente un’opera dell’artista fiorentino nella quale è raffigurato quello che Allori

vedeva dalla finestra della sua casa di Peretola. E questi sono solo alcuni dei numerosi studi di Conti, che sono contenuti in più di 40 pubblicazioni. Per chi fosse interessato, molti volumi sono consultabili alla biblioteca di Villa Pozzolini, in viale Guidoni. Tra le recenti pubblicazioni da citare gli studi contenuti nel volume “Navigatori toscani”, dedicato ad Amerigo Vespucci, e nell’ultimo numero della rivista dell’Istituto Geografico Militare “L’Universo”, in uscita questo mese. Ma quali saranno le sue prossime ricerche? “Il mio nuovo obiettivo – svela Conti – è individuare la casa di Boccaccio”.

Servizi per il Quartiere 5 Orientamento per le attività di pubblica utilità

Veni, vidi, vici "... ..E VALORIZZO LA TUA CASA ! Via santo Stefano in pane 1/3 r Tel. 055.419447

Dal piccolo al grande dettaglio... per il tuo ambiente Via Sestese 22/24 055.4590850

ANTICO FORNO dal 1954 “IOCIò 'IPPANACCIO !!” Delizie alimentari pronte Consegna a domicilio gratis via santo Stefano in pane 17r Tel. 347.8102596

Macelleria Sandro qualità da 53 anni Sceltissime, gustosissime carni in mani esperte per servirti e soddisfarti Via V. Locchi 51a 055 430631

L’EDEN DI BACCO oli, vini e... ogni giorno vale un bicchiere di buon vino, vi aspettiamo! Via S. Stefano in pane, 27r Tel. 333.6095825

Pasticceria "Marzocco" Cioccolateria dal 1960 sapienza e tradizione artigiana, fantasia... "vi cioccoliamo "! via della cernaia, 16r Tel. 055.470581

di Martinelli Graziano&C

1206584

1209358

Macelleria Leonardo Tuttitipidiciccia freschezza e scelta garantita quando hai voglia di "ciccia buona" passa da qui via della cernaia, 10r Tel. 055.480121 1209325

Pieracciolidea Tende e Serramenti

1211410

1216891

1206587

Arte e Dettagli Erboristeria

Con i prodotti naturali, rinforza i tuoi capelli, è il momento giusto.. Via M. Sbrilli, 11 Tel. 055 4564096

1206824

DISCOUNT SERRAMENTI snc

1209326

Ecosystem Impianti tecnologici soluzioni risparmio energetico elettrico climatizzazione idraulica assistenza manutenzione Via del Sodo, 33 Tel. 338.9353723

LA FALEGNAMERIA V.F.R. di Fabrizio & Raffaello

Via Don Giulio Facibeni 3/d Cell. 328.2195313 1208848

055 68221

1236121

• Call center del Comune 055 055 • Polizia municipale pronto intervento 055 3283333 • Polizia municipale emergenze 055 3285 • Azienda sanitaria call center (Cup) 840 003 003 • Quadrifoglio informazioni 800 330011 • Quadrifoglio ritiro materiali ingombranti 055 3906666 • Ataf informazioni 800 424500 • Publiacqua 800 238238 • Publiacqua Numero Verde Guasti 800 314314 • Centralino Quartiere 5 055 2767020 • Presidio sanitario Viale Morgagni 055 69351 • Presidio sanitario Via dell’Osteria 055 69341 • Guardia medica 055 419779 - 055 42691 - 055 315225 • Centro per l’impiego 055 4476043 • Biblioteca Buonarroti 055 432506 • Riparazioni urgenti (elettricisti, idraulici, muratori) Servizio in collaborazione con Camera di Commercio Firenze 199.20.18.16 www.comune.fi.it • comunefirenze@comune.fi.it • q5@comune.fi.it


8

società

Novembre 2012

L’UNIVeRSO DeLLe BADANtI/1. Un popolo sommesso e silenzioso. Ma sempre più numeroso

L’aiuto si trova al centro per l’impiego In Toscana gli over 65 sono oltre 872mila, e aumenteranno ancora. Così, sul fronte occupazionale, tra le figure più ricercate ci sono proprio le “addette all’assistenza personale a domicilio” Benedetta Strappi

È

un popolo sommesso e silenzioso, sempre più numeroso e rappresentativo del cambiamento dei tempi. Quello delle badanti – o, più propriamente, delle assistenti familiari – è un universo composito. Che può essere conosciuto un po’ meglio grazie a qualche cifra. Secondo l’Istat, i cittadini toscani over 65 sono più di 872mila. L’agenzia regionale di sanità aggiunge a questa stima un altro dato: sono ottantamila quelli che hanno bisogno di particolari attenzioni, cure e assistenza, di cui quarantamila gravi. Guardando ancora più lontano, il Censis stima inoltre che, in tutta Italia, entro il 2030 ci saranno 4,6 milioni di anziani in più ed entro il 2040 il numero delle persone non autosufficienti in Italia aumenterà fino a 6,66 milioni. Con questi numeri, va da sé che ad avere la necessità di un’assistenza mirata siano tantissime persone: per farsene un’idea, basti pensare che nel 2010 il contributo per l’assistente familiare è stato erogato a 5.146 famiglie toscane, in base alla legge regionale 66/2008 (“Fondo regionale per la non autosufficienza”). Altro fatto emblematico: lo scorso anno, le figure professionali più richieste a Firenze e provincia sono state proprio quelle di cameriere, commesse e addette all’assistenza personale a domicilio. In parole semplici, quanto pertiene al lavoro domestico: baby sitter, badanti e colf. Nella nostra regione ci sono una serie di servizi dedicati, pensati per agevolare in qualche maniera il percorso di chi cerca un aiuto qualificato. Ad esempio, nel territorio fiorentino, chi vuole lavorare come baby sitter, badante o colf si può iscrivere, presso i centri per l’impiego della Provincia di Firenze, in uno speciale database in cui di-

servizi eduCativi

PATTO FORMATIVO LOCALE Dal 2010 il Q.5, in collaborazione con le associazioni di volontariato, cerca di rispondere a due esigenze educative fondamentali: l’acquisizione della lingua italiana da parte dei cittadini stranieri e il supporto al disagio scolastico di bambini e ragazzi (italiani e stranieri). Ecco una sintesi della diverse attività organizzate sul territorio in questo settore. ASSOCIAZIONE IL MURETTO E COOPERATIVA SOCIALE IL POZZO Doposcuola pomeridiano per ragazzi delle scuola medie e del biennio, ore 15-17; sostegno scolastico e attività di socializzazione per bambini della scuola elementare, ore 16,30-18,30; corsi di italiano per adulti stranieri (lunedì e giovedì ore 17-19); scuola informale per adulti (recupero scolastico, alfabetizzazione di base, scuola popolare). Via Lombardia 1/p 055 373737 www.comunitadellepiagge.it ilmuretto@libero.it COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO Scuola della Pace. Doposcuola per bambini dai 5 ai 7 anni. Da ottobre a giugno, lunedì e giovedì, ore 16,30-18,30. Iscrizione 10 euro. Corte Manetti 8 (Brozzi) tel. 3383944061 SMS PERETOLA Aiuto scolastico pomeridiano per piccoli gruppi di alunni delle medie in vista del passaggio alle superiori. (martedì e giovedì ore 15-17); corso di italiano per mamme straniere, con attività ludiche per bambini (mercoledì ore 16,45-18,15); corso di italiano per adulti stranieri (mercoledì e venerdì, ore 18,30-20,30). Via Pratese 48 055.317131 smsperetola@libero.it SMS RIFREDI Doposcuola e sostegno per studenti, italiani e stranieri delle scuole medie; corsi di italiano per adulti stranieri in orario pomeridiano e/o serale. Via Vittorio Emanuele II 303, 055.4220504 CENTRO LUDICO EDUCATIVO ‘LA PRUA’ Tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 16,30, sostegno per i compiti a casa , possibilità di utilizzare

chiara la disponibilità a essere contattato da una famiglia che risiede in zona. Allo stesso modo, chi ha bisogno di un lavoratore domestico, anche per l’assistenza a una persona anziana, può rivolgersi ai centri per l’impiego (fisicamente in via del Pratellino 9, oppure chiamando il numero verde 800.855.855), specificando la propria esigenza. Tra gennaio e settembre scorsi, tra famiglie e personale, le iscrizioni a questo servizio (che si chiama “Abc famiglia”) sono state 1.281. Ma a livello istituzionale si lavora anche sulla formazione delle persone chiamate ad assistere gli anziani non autosufficienti: la Regione ha investito 1,4 milioni di euro per questo tipo di attività, affidando al circondario Empolese/Valdelsa l’organizzazione di corsi che avranno una durata di duecento ore, delle quali ottanta di

Chi vuole un posto in questo settore si può iscrivere in un database stage. Questi corsi verranno attivati entro il mese in corso e sono studiati proprio per formare chi dovrà svolgere attività di sostegno e assistenza nella vita quotidiana ad anziani e disabili presso il loro domicilio.

più notizie su

foCus

PIAZZA CAVALIERI DI VITTORIO VENETO

uN gIARDINO PROGETTATO iNSIEME

Si è concluso a fine settembre, con un incontro pubblico che è sfociato in una festa, il progetto partecipato Non solo un giardino, promosso con una raccolta di 700 firme dei residenti, supportato dal Quartiere 5 (era presente all’evento conclusivo anche il presidente Federico Gianassi) e finanziato dall’Autorità Regionale della Partecipazione, allo scopo di definire la caratterizzazione e le funzioni del giardino di piazza Cavalieri di Vittorio Veneto. Il percorso, curato dalle associazioni La città bambina e Architetti senza frontiere, nell’arco di 7 mesi ha coinvolto gli abituali frequentatori del giardino, bambini compresi, con interviste, questionari, animazioni, incontri con esperti, assemblee e piccole simulazioni del progetto. Le proposte sono state selezionate tenendo conto della natura “intergenerazionale” di questo luogo e della crisi che stiamo vivendo che impone una certa sobrietà e un

approccio ecologico. Sono stati pertanto adottati criteri improntati alla concretezza e al senso pratico: costi contenuti, basso impatto ambientale, corresponsabilizzazione degli abitanti nella gestione e manutenzione del giardino. Tra le priorità individuate è stata rilevata l’esigenza di tutelare dal traffico i frequentatori del giardino: per questo saranno approntati strumenti come la messa in sicurezza degli attraversamenti di via Locchi. E’ stata anche ravvisata la necessità di una riorganizzazione funzionale delle aree del giardino per far coesistere pacificamente il gioco di movimento con la sosta tranquilla sulle panchine. Importante anche la promozione di eventi speciali nel corso dell’anno autogestiti dai residenti. Per chi desidera un quadro completo del progetto si può richiedere il Report scrivendo a nonsoloungiardino@gmail.com oppure visitando la pagina facebook Non solo un giardino.

internet per ricerche, consultazione libera dei libri della biblioteca. Via della Sala 2/i 055.315173 prua@coopcenacolo.it BAR L’APPRODO Supporto scolastico per ragazzi delle scuole medie e superiori. Martedì, ore 15-17 Orientamento al lavoro e alla formazione. Lunedì, ore 15-17. Via della Sala 2/r 055.301013 ASSOCIAZIONE REACH ITALIA Sostegno scolastico (con particolare riguardo all’apprendimento della lingua italiana) per bambini della scuola elementare, immigrati e non. Orario: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì, ore 16,30 -18,30. Via del Pergolino 1/4 tel. 3479793765 www.reachitalia.it

PARROCCHIA DI SAN FRANCESCO E SANTA CHIARA A MONTUGHI TEL. 3333019952 – 055 483207 ASSOCIAZIONE ADRA (CHIESA AVVENTISTA) TEL 3405612522 055781484 ASSOCIAZIONE ULISSE TEL. 0554379950 Corsi di integrazione linguistica per alunni stranieri presso le scuole: Matteotti, Poliziano, Rosai; centro di ascolto dedicato ai disturbi autistici; consulenze e orientamento gratuiti per familiari ed operatori (giovedì ore 9-12, tel. 055.4379950); corsi di lingua italiana per adulti stranieri (mercoledì, ore 1011,30, giovedì, ore 15-16,30 e 20,30- 22). Via Reginaldo Giuliani 115/m.

sPort BASKET SOLIDALE

Per il terzo anno consecutivo, presso la palestra della scuola Manzoni, ha preso il via l’attività legata al progetto “Over The Limits”. L’iniziativa, ideata da Marco Calamai (noto giocatore e allenatore di basket), coinvolge il Q.5, la Freccia Azzurra Firenze Basket, il servizio di Salute Mentale dell’Azienda Sanitaria e la Fratellanza Popolare di Peretola. Il progetto prevede l’insegnamento della pallacanestro ad alcuni utenti del Servizio di Salute Mentale, allo scopo di creare una squadra che, supportata da alcuni giocatori della Freccia Azzurra, sia in grado di misurarsi in un vero e proprio campionato. L’obiettivo è quello di conoscersi, stare insieme e trarre beneficio da uno sport denso di valori umani e formativi. Info: Ufficio Sport Q.5 055.2767005-7006

AUTODIFESA PERSONALE

Prende il via un corso gratuito di autodifesa personale, ispirata al principio per cui la miglior difesa è l’autodifesa. L’attività è in programma presso la palestra della scuola Beato Angelico, via Leoncavallo, tutti i venerdì, ore 18-19. Per info e adesioni si invita a presentarsi in palestra nei giorni indicati oppure tel. Ufficio Sport Q.5 055.2767005-7006, dal lunedì al venerdì ore 9-13 (martedì e giovedì anche ore 15-17).

ESCURSIONI GRUPPO “SALUTE È BENESSERE”

Sabato 24 novembre, Giardini delle ville zona Stibbert; Sabato 29 dicembre, Lungo l’Arno. Gli incontri e le passeggiate sono gratuiti e aperti a tutti. Per informazioni più dettagliate sui percorsi e sui ritrovi di partenza rivolgersi al Q.5, via Baracca,150/p, tel. 0552767011 mail q5@comune.fi.it


società

9

L’UNIVeRSO DeLLe BADANtI/2. In zona stazione partono, ogni settimana, i mezzi diretti a Est

Quei pullman carichi di pacchi e speranze Occhi azzurri, pelli bianche e valigie impilate tra un gran via vai

Giulia Righi

L’

ora di pranzo di un sabato mattina d’autunno, con Firenze che si trascina pigra verso l’inverno. In quest’atmosfera, nascosta tra le pieghe della quotidianità, spunta una cartolina che arriva dritta dall’Europa dell’Est e che rivive identica ogni settimana. La zona è quella della stazione - deposito dei mezzi Sita, per

LA STORIA Elèna, 35 anni, polacca

“Io, diventata mamma e babbo”

S

toria di ordinaria modernità, di una di quelle persone che, per vocazione o necessità, diventano i bastoni della vecchiaia di altri esseri umani. Elèna (ma il nome è di fantasia e la riservatezza dell’est estrema) ha 35 anni. Vive in Italia da dieci, e a Firenze ci è arrivata dopo quattro anni di “prove generali” a Roma. Adesso fa la badante in casa di un signore anziano, non autosufficiente, che per fortuna ha accettato di dare ospitalità anche ai due figli della donna, di dieci e quattro anni. Il babbo di questi bambini non c’è, sta in un altro paese lontano, ed Eléna ha imparato le fattezze della solitudine da quando ha scelto di lasciare il suo villaggio vicino a Varsavia per provare la carta di una vita nuova in Italia. “Il mio lavoro mi piace – racconta in un italiano deciso, scegliendo con cura le parole – e adesso lavoro da un signore molto gentile e che ci rispetta. Ma in questi anni, prima a Roma e poi qua, ho incontrato anche persone peggiori”. “Sono contenta di far crescere i bambini qua e non in Polonia, anche se mi spiace che non conosceranno mai bene la loro terra e i loro nonni”, aggiunge. I parenti lontani sono uno dei tasti dolenti di chi lascia il paese d’origine per un altro: “Ogni mese cerco di mandare alla mia mamma dei soldi, quello che riesco a mettere via. E delle foto dei miei figli: il signore da cui lavoro ha una macchina fotografica e facciamo un sacco di fotografie ai bambini. Almeno anche i nonni vedono come stanno diventando grandi”. É una domanda quasi retorica, ma viene spontanea. Quanto è difficile affrontare una vita nuova, tanto lontana dagli affetti, e per di più da sola con due bambini? Elèna ha gli occhi tristi: “Tanto difficile. Non ho un compagno, una persona che mi aiuti. Da quando abito in Italia sono dovuta diventare una /B.S. mamma e un babbo”.

l’esattezza - e c’è un gran viavai di gente con l’attesa stampata in fronte. È da qui che partono i pullman delle badanti, gli stessi che riportano a casa signore polacche, ucraine, moldave, russe e romene. Occhi dell’est, pelli bianche e un sacco di valigie impilate in modo scomposto nel terminal riservato agli autobus in partenza in quelle direzioni. Arrivano, alla spicciolata e senza troppa fretta rispetto all’orario di partenza, infilano i loro bagagli in un pertugio del box clienti della compagnia che organizza le trasferte, e aspettano che vengano etichettati per imbarcarli sulla corriera che li riporterà a casa. Sono soprattutto donne, le stesse che un giorno con quelle valigie sono partite da Timisoara, da Varsavia, da Kiev, da mille altri posti da cui era meglio fuggire. Irina ha ventisette anni e una bambina di quattro per mano. Non è contentissima di raccontare gli affari suoi: quella partenza se l’è sudata, a casa non ci tornava da un anno e adesso è il gran giorno, per cui per le chiacchiere non avanza molto spazio. A Firenze fa la badante da tre anni. Si occupa di una signora anziana che non può camminare sola e nel giorno libero (il giovedì, che è un po’ la domenica delle badanti) va a fare le pulizie da una negoziante. “L’Italia mi ha dato un lavoro, ma un giorno spero di riportare Alina in Romania”. E lo dice abbassando lo sguardo verso il cesto di capelli castani della figlia, che la sua terra natale la tradisce con una ci aspirata (“che fatiha carihare le borse sul pullman”) e ha il sorriso ancora pieno di chi vive giocando. “Vado dalla nonna oggi!”. Intorno a Irina e Alina un sacco di occhi azzurri brontolano nei volti un po’ stanchi delle persone in partenza con il pullman diretto in Romania. “Spesso invece partono e arrivano solo le merci”, racconta una guardia giurata al lavoro nell’autostazione. “C’è un sacco di gente che utilizza questo servizio soprattutto per mandare pacchi a casa”. E non è difficile immaginare vestiti e scarpe di fortuna sistemati con amore in quei cartoni, in viaggio verso una mamma, un babbo, una figlia lasciati lontano per racimolare due soldi in Italia, accarezzando giorno dopo giorno la speranza di tornare. Intanto è l’una e mezza, e davanti alla Sita per Montespertoli si mette in moto la corriera con destinazione Bucarest. Alina ci si arrampica sopra alla velocità della luce e saluta al modo dei bambini dal finestrino. Accanto a lei, la sua mamma sorride un po’ più amara. Il torpedone sguscia fuori dal deposito, con davanti tanta strada. La farà tutta, e poi sarà di nuovo sabato. E un’altra Irina guarderà a Est con aria malinconica dalla pancia dei pullman dietro la stazione.

Spesso invece a “viaggiare” sono solo le merci

di gente. Qui “salpano” le corriere che riaccompagnano a casa signore polacche, ucraine e russe. Una di loro: “L’Italia mi ha dato un lavoro, ma un giorno spero di riportare mia figlia in Romania”

l’attesa alla staZione dei pullman

1240508


10

dossier

Novembre 2012

I CIMIteRI DI fIReNZe/1. A novembre aumentano le visite, ma come stanno quelli del capoluogo?

Là, dove riposano i fiorentini Recentemente Palazzo Vecchio ha buttato giù un nuovo regolamento: le linee guida sono state quelle di assicurare il rispetto delle scelte della persona e della famiglia e la trasparenza nelle prestazioni e nei costi Serena Wiedenstritt

A

lmeno una volta l’anno, almeno per la “festa” dei morti, una scappata al cimitero la fanno più o meno tutti. Sono i giorni in cui non si trova parcheggio nei dintorni dei camposanti e gli affari dei fiorai vanno particolarmente bene. Ma in tempo di crisi, che succede ai cimiteri? Pensare al caro estinto è ancora una priorità nel mondo moderno? Ha fatto scalpore, nelle ultime settimane, il caso della confraternita del Santissimo Sacramento di San Piero a Ema, che ha recapitato ai cittadini della zona un messaggio promozionale con cui offriva “un posto per la vita eterna” a condizioni irrinunciabili. Se acquistato entro la fine del 2012, a prescindere da quando sarebbe stato occupato, il posto veniva venduto a particolari condizioni vantaggiose, come il pagamento a rate e la possibilità di acquisto immediato a un prezzo medio di quattromila euro. Ma della questione cimiteriale si è occupato recentemente anche il Comune di Firenze, elaborando un nuovo regolamento di polizia mortuaria che vada a sostituire quello momentaneamente in vigore, un po’ datato, che risale al 1969. Le linee guida del documento elaborato dall’assessorato alle politiche sociosanitarie che fa capo a Stefania Saccardi sono state quelle di assicurare il rispetto delle scelte della persona e della famiglia e la trasparenza nelle prestazioni e nei costi, e di esplicitare le diverse modalità di onoranze e di sepoltura che vengono rese disponibili per venire incontro a diversità culturali, religiose e psicologiche. Tra le novità del regolamento, la

collaborazione con la Facoltà di Medicina dell’Università di Firenze per favorire lo sviluppo delle indagini scientifiche da parte dei laureandi in medicina, attraverso l’inserimento di un’apposita norma che disciplina il rilascio di cadaveri di persone che hanno espresso in vita la disponibilità all’utilizzo del proprio corpo a scopo di studio. In tempi di crisi, niente “offerte” da parte del Comune, ma una netta indicazione su quali siano i servizi di competenza comunale e quali quelli gratuiti, e maggiori informazioni sulle modalità e le possibilità della cremazione, con precisazioni sulle dimensioni delle urne cinerarie, sulle modalità di conservazione e sull’eventuale dispersione delle ceneri sul territorio comunale. Altra novità: a pagamento, invece, il servizio di cura delle tombe e fioritura potrà essere fornito anche dal Comune. A Firenze i cimiteri più grandi sono quello di Trespiano, così esteso da essere percorso al suo interno da un bus navetta, e quello di Soffiano, che ospita anche le cappelle di famiglie nobili come gli Strozzi, i Ginori-Lisci, i Capponi, i Serristori, gli Antinori, i Pucci e i Pandolfini. Fra i cimiteri monumentali il più conosciuto è quello delle Porte Sante, inaugurato nel 1848 e realizzato in occasione del nuovo piano urbanistico previsto per Firenze capitale d’Italia, con una spettacolare vista sulla città, appena sotto la chiesa di San Miniato. Fra le tombe qui presenti ci sono quelle di Carlo Collodi, Enrico Coveri, Vasco Pratolini, Mario Cecchi Gori, Giovanni Spadolini, Felice Le Monnier e Ciro Menotti.

I CIMITERI FIORENTINI QUARTIERE 1

PORTE SANTE A SAN MINIATO

QUARTIERE 2

TRESPIANO, SETTIGNANO

QUARTIERE 3

IL PINO, SANTA LUCIA, SAN FELICE A EMA, SANTA MARIA A MARIGNOLLE, MONTERIPALDI

QUARTIERE 4

CIMITERI MINORI SOLLICCIANO, UGNANO E MANTIGNANO, SAN BARTOLO A CINTOIA

QUARTIERE 5

RIFREDI, BROZZI, PERETOLA, SAN SILVESTRO A RUFFIGNANO, CAREGGI

FOCUS Fu costruito in seguito alle leggi napoleoniche, che proibivano la sepoltura nelle chiese e in altri luoghi pubblici

E l’ex camposanto della Misericordia potrebbe trasformarsi in “parco”

U

n parco cimiteriale. Una sorta di Père-Lachaise fiorentino. È quello che potrebbe diventare l’ex cimitero della Misericordia di via degli Artisti. Un’area di quasi quattromila metri quadri che è stata anche oggetto di un incontro dei 100 luoghi edizione 2012, e che ha ospitato lo scorso luglio un workshop di studi sull’interior design e sulla progettazione urbana per ridisegnare, in chiave moderna, l’assetto della città, con la partecipazione di 23 studenti provenienti dalle migliori scuole di architettura e interior design di Stati Uniti e Inghilterra. Il Cimitero dei Pinti, così chiamato perché si trovava appena all’esterno di Porta a Pin-

ti, fu costruito in seguito alle leggi napoleoniche che proibivano la sepoltura nelle chiese o in altri luoghi pubblici. Così, per i propri confratelli, la Misericordia chiese al Granduca la concessione per costruire un cimitero fuori dalle porte di Firenze, accanto e inizialmente separato da quello riservato ai deceduti a Santa Maria Nuova. Il cimitero, nella sua forma attuale, è stato completato tra il 1878 e il 1886 dall’architetto Michelangelo Maiorfi, e raccoglie le spoglie, fra gli altri, di Antonio Corazzi, Emilio De Fabris, Paolo d’Arco, Edgar Henry Lockhart, Cammillo Ruspali e Vincenzo Sermolli, oltre a quelle dei fratelli della Misericordia

che avevano svolto servizio attivo e di altre personalità che, con la loro opera e attività, in vario modo e in vari campi, avevano onorato Firenze. Sempre al Cimitero dei Pinti la Misericordia di Firenze ha depositato alcuni antichi carri funebri usati nelle varie epoche, come quello piccolo bianco trainato da cavalli riservato ai bambini e il monumentale carro, originariamente a cavalli e poi trasformato in auto, per i funerali delle personalità e dei Capi di Guardia. Anche questi forse potrebbero diventare parte del parco cimiteriale, anche se per il momento non sono stati fissati /S.W. appuntamenti operativi per la sua realizzazione.

Da 34 anni al servizio della Salute, del Tuo Benessere, della Tua Bellezza. NOVITà NOVITà NOVITà Le nuove linee sono arrivate! di Mariella Camalori

Vieni a scoprirle in anteprima. Ti aspettiamo!

1223172

1231776

SCandiCCi (Fi) Via alfieri, 12 - Tel/Fax 055 2579907 Firenze Via Costetti, 1 - Tel/Fax 055 7323786 Sabato orario continuato dalle 9.00 alle 20.00 www.lemieerbe.it lemieerbe@alice.it


dossier

11

I CIMIteRI DI fIReNZe/2. Sono tanti gli esempi “particolari” presenti in città e dintorni

I sepolcri che conservano storie Serena Wiedenstritt

I

l cimitero degli inglesi, il cimitero ebraico, il cimitero di guerra e in arrivo, forse, quello per i mai nati. Mentre il nuovo regolamento di polizia mortuaria è in attesa di essere approvato e applicato, Firenze non è certo una città che, nel corso dei secoli, non ha dato il giusto peso ai suoi cittadini, più o meno illustri, passati a miglior vita. Sono tanti i cimiteri “particolari” della città, alcuni dei quali da visitare anche per motivi storico-artistici. Impossibile non citare i Sepolcri di Santa Croce, quelli che “a nobili cose l’animo ispirano” come scrisse Foscolo nel tentativo di contestare l’editto napoleonico che vietava di seppellire in città. Senza allontanarsi troppo si può continuare ricordando il cimitero degli Inglesi in piazzale Donatello. Risale all’inizio dell’Ottocento, quando iniziò ad accogliere alcune delle attuali 1.409 tombe di letterati, artisti e mercanti di oltre sedici nazioni diverse. Al cimitero degli Inglesi seguì il cimitero degli Allori di via Senese, aperto il

26 febbraio 1860 quando le comunità non cattoliche di Firenze non poterono più seppellire i loro defunti nello spazio di piazzale Donatello, poiché con l’abbattimento delle mura diventò uno spazio interno alla città dove quindi era vietato tumulare nuove salme. Nato come cimitero protestante, dal 1970 accoglie defunti di tutte le confessioni e laici, mentre a Trespiano è stata ricavata un’area apposito per la sepoltura dei defunti musulmani. In viale Ariosto, appena fuori dalle antiche mura rinascimentali, si trova il cimitero monumentale ebraico, esiliato al di fuori del centro perché risalente all’epoca in cui non era consentito seppellire gli ebrei nella città. Aperto la prima domenica del mese, consente visite storico-artistiche su appuntamento. Sempre più considerati come luogo del ricordo e della commemorazione sono i cimiteri di guerra, con le loro croci tutte uguali. Al Girone si trova il Florence War Cemetery, dedicato a soldati, marinai e aviatori delle forze del Commonwe-

Da quello degli inglesi, con le sue tombe di letterati e mercanti, fino a quelli di guerra. E intanto si discute sullo spazio che dovrebbe accogliere i mai nati

ZOOM. Anche un’idea per non separare animali e padroni

L’ultima dimora di cani e gatti Q uando a dirti addio è il cane o il gatto di famiglia, quello con cui sei cresciuto e hai condiviso svariati anni della tua vita, non è così semplice trovare una degna sepoltura. Da sempre è meno complesso per chi ha un giardino o un appezzamento di terra e può magari anche piantare un albero alla memoria del caro animale, ma per chi vive in appartamento spesso non c’è scelta. Per questo è nato tra Firenze e Prato, a San Giorgio a Colonica, il cimitero “I Cipressini”, uno spazio apposito per gli animali d’affezione che vengono a mancare realizzato dall’associazione Orma. Si tratta di uno spazio di circa 2.500 metri quadri che si presenta a un occhio esterno come un semplice, ben curato e recintato giardino all’inglese: ma qui, in realtà, sono ospitati gli animali deceduti. Raccontano dall’associazione, che si pone l’obiettivo di contribuire – con gesti di semplice quotidianità – a promozione, sviluppo e divulgazione della cultura di rispetto verso l’ambiente e gli animali, che non è stato facile affrontare il lungo iter burocratico per ottenere tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità competenti. Ma, una volta superata la trafila burocratica, oggi i soci –

il cimitero per animali di

san francisco

la quota associativa parte indicativamente da 210 euro per i cani di piccola taglia – possono contare su tutti i servizi legati al trapasso del proprio amico a quattro zampe: dall’inumazione al sudario, dalla realizzazione della lapide in legno trattato, con foto a colori, nome, data e dedica alla copertura della tomba con le piante e alla sua manutenzione fino alla fornitura della chiave di accesso al giardino. Questo mentre a Fauglia, in provincia di Pisa, è stata lanciata, ma non ancora realizzata, l’idea di un cimitero misto, dove cani, gatti, cavalli e altri animali possano trovare l’ultima dimora accanto a quella del proprio padrone. In modo che nemmeno la /S.W. morte li separi.

il cimitero eBraico

alth caduti nella campagna di Liberazione dell’Italia tra il 1939 e il 1945, mentre a Falciani, vicino Tavarnuzze, sorge il cimitero americano di Firenze, uno dei quattordici luoghi in territori d’oltreoceano prescelti dalla Commissione. È diventato invece un caso di cronaca il cimitero per i mai nati, ratificato dal nuovo regolamento

di polizia mortuaria approvato dalla giunta di Palazzo Vecchio e in attesa dell’esame del consiglio comunale. Dovrebbe sorgere a Trespiano e accogliere i feti, compresi i prodotti abortivi e i prodotti del concepimento. Dovrebbe essere varato sull’esempio del romano Giardino degli Angeli, ma per ora è tutto bloccato. Attacca-

to da più fronti, il sindaco Renzi ha spiegato come in realtà non sia una novità, considerato che lo spazio per i mai nati è ratificato da una normativa nazionale del 1990 e già dal 1996 proprio a Trespiano esiste uno spazio dedicato ai feti, dove sono stati seppelliti negli anni 1.019 mai nati. Ma il dibattito è ancora aperto. 1240509


12

progetti

Novembre 2012

IL PUNtO. Edifici e maxi-complessi lasciati al loro destino: la mappa dei luoghi da recuperare

gli scatoloni in cemento da trasformare Gianni Carpini

P

ochi punti fermi e tanti interrogativi. I grandi “scatoloni di cemento” rimangono nel limbo. Sono i luoghi simbolo dell’abbandono: immense cittadelle, ex caserme o testimonianze del passato industriale di Firenze che restano vuote, nonostante – col passare del tempo – siano state spese parole e studiate ipotesi sul loro fu-

FOCUS I lavori erano slittati

Ex Meccanotessile, si riparte dal verde

È

sempre lì, tra incuria ed erbacce, da 42 anni. Ma forse il 2013 sarà l’anno giusto almeno per vedere un piccolo pezzo di quell’area industriale riaprirsi alla città. Il primo passo del recupero dell’ex Meccanotessile passa dal verde, il tanto agognato verde. Mentre si dibatte ancora sul futuro dei locali di via Taddeo Alderotti, a Rifredi, l’area esterna sarà bonificata e trasformata in giardino pubblico. Da tempo i residenti chiedono una zona attrezzata per far giocare i bambini e passare qualche momento all’area aperta, in una parte di Firenze “colonizzata” dal cemento e dall’asfalto. I lavori per il parco sono slittati più volte: dal 2011 all’agosto scorso, e ora si è arrivati alla prossima primavera. Dopo la gara pubblica in questo mese di novembre, entro primavera gli operai entreranno in azione. I cittadini dovranno quindi rassegnarsi a un’altra estate senza verde pubblico. È stata Titta Meucci, assessore comunale dell’urbanistica, a fornire il calendario degli interventi durante l’ultima riunione dei 100 luoghi, impegnandosi a fare un punto della situazione proprio in primavera insieme a comitati e cittadini. Ci vorranno 1,6 milioni di euro per vedere aperti i cancelli del giardino, a causa della costosissima bonifica del terreno. Un’altra tappa della riqualificazione è il recupero delle casette che guardano via Vittorio Emanuele: gli ex laboratori saranno trasformati in appartamenti con resede e una piccola area verde, per poi essere venduti. Resta invece al centro del dibattito il destino del complesso centrale, la parte più grande. Dopo il dietrofront sulla cessione ai privati, il Comune pensa adesso di usare i locali per un centro di documentazione. L’Archivio di Stato è alla ricerca di nuovi spazi ed è in corso una trattativa. Un’ipotesi, quella di un museo-archivio, che non richiederebbe una variante urbanistica, accorciando così i tempi burocratici.

turo. Dall’immenso complesso della Manifattura Tabacchi compreso tra piazza Puccini e le Cascine (ci sono solo idee, non progetti su carta) all’ex Meccanotessile di Rifredi (l’arrivo del giardino slitta ancora), passando per una dozzina di caserme fiorentine in disuso e per l’ex Panificio militare. A eccezione dei luoghi un tempo zone militari, la maggior parte delle strutture è di proprietà privata, fatto che non aiuta nella trasformazione. Iniziamo da cosa è fermo. Sono arenati i progetti per l’ex caserma Guidobono di via Mariti, meglio conosciuta come Panificio militare, dove dovevano nascere abitazioni, uffici e una piazza pubblica. Un accordo non c’è mai stato e ora sembra che si siano perse perfino le speranze. Non va meglio per le altre caserme che, da tre anni a questa parte, l’amministrazione comunale reclama. Da Roma finora non è arrivato l’ok al passaggio. È il caso dell’ex quartier generale dei Lupi di Toscana, centomila metri quadrati in zona Torregalli, dove Palazzo Vecchio vorrebbe costruire appartamenti per giovani

l’eX

manifattura taBaccHi

la caserma dei

lupi

di

il

panificio militare

l’eX

toscana

meccanotessile

Dalla Manifattura Tabacchi al Panificio Militare, passando per quella che un tempo era la caserma dei Lupi di Toscana. In città non mancano i grandi contenitori abbandonati che da anni aspettano una nuova vita: per alcuni qualcosa si muove, per altri ancora no

Volete ristrutturare la Vostra casa eVitando brutte sorprese su tempi di consegna, sui prezzi e l’esecuzione dei laVori? parliamone insieme!!!!! 1207462

PER PARTE ELETTRICA

ImBIANCATuRA

Il vostro immobile di 60 mq completamente ristrutturato “Chiavi in mano” per parte elettrica, idraulica, muraria, di imbiancatura, compreso tutte le forniture

PREZZO BLOCCATO

muRARIA

IdRAuLICA

20.000 !!

Tempo di consegna 30 GIORNI

Visionate le nostre migliori offerte anche sul nostro sito www.livingsoluzioni.com oppure contattateci troveremo insieme la soluzione migliore per le vostre esigenze. Via L. michelazzi n.2/b (Zona Careggi)

Tel. 055.0517408 Cell. 340.4701643

Opere di restauro - manutenzioni - Frazionamenti Pratiche permessi e studio di interni

coppie. Sembra invece sfumato l’interesse per l’ex caserma Vittorio Veneto in Costa San Giorgio: il recupero del complesso sarebbe troppo difficile. Odissea infinita, poi, per l’ex Meccanotessile: 28mila metri quadrati da quarant’anni al centro della discussione. Un pezzo del complesso sarà trasformato in giardino, come chiesto a gran voce dai cittadini (vedi il focus in questa pagina). Per i locali al chiuso, invece, si continua a dibattere. Piccoli passi invece per la Manifattura Tabacchi, ma qui siamo ancora nella fase della raccolta delle idee. Una prima bozza di progetto prevedeva la costruzione di due torri alte quasi quanto i 76 metri del Palagiustizia, per accogliere appartamenti. La proposta è stata però bocciata dalla Soprintendenza, i grattacieli sono così diventati tre e la loro altezza è stata “limata” a 45 metri. Gli immobili su via delle Cascine saranno destinati a funzioni pubbliche, e qui potrebbe arrivare l’emeroteca della Biblioteca Nazionale. Sia ben inteso, si tratta di ipotesi di lavoro, ancora non c’è neppure il primo foglio del progetto. Nella lista dei luoghi da recuperare è finito, in conclusione, anche un piccolo cuore verde sconosciuto ai più, l’ex camposanto della Misericordia in via degli Artisti. Potrebbe diventare il primo parco cimiteriale della città, sul modello di quelli francesi (vedi articolo a pagina 10). La disponibilità della Misericordia c’è, i soldi non ancora. E il punto interrogativo, anche in questo caso, è d’obbligo.


14

politica

Novembre 2012

MAttONe. Famiglie alle prese con non poche difficoltà, così arrivano alcune proposte

Riflettori puntati sul fronte della casa I giovani con basso reddito possono

MOBILItÀ. Stanziati 9 milioni per i prossimi tre anni

chiedere un contributo per l’affitto,

E le biciclette vanno in rete

mentre torna il bando per gli alloggi Erp

C

Antonio Passanese

P

er molte famiglie fiorentine – gravate dalla crisi, dalla disoccupazione e dall’aumento esponenziale del costo degli affitti – ottobre è stato un mese da dimenticare. Si calcola che siano stati eseguiti 140 sgomberi, con una media di sette sfratti al giorno. Nelle ultime settimane sono andate in scena numerose manifestazioni di protesta, presidi e flash mob per dire “basta sfratti e una casa per tutti”. E ora dall’Anci e dal Parlamento arrivano proposte per contenere una situazione che sta diventando incandescente: c’è chi propone il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica, di un piano salva-casa o dell’abbattimento delle pigioni, e chi avanza l’ipotesi di un “diritto” all’abitazione con tanto di moratoria per i nuclei familiari numerosi. Anche la Regione Toscana sta cercando di correre ai ripari e, tra le varie iniziative, ce n’è una rivolta ai giovani dai 25 ai 34 anni di età con basso reddito. Il 15 ottobre (scadenza il 21 dicembre prossimo) è stata aper-

ta la seconda tranche del bando del progetto Giovani sì chiamato “Contributo al pagamento del canone di locazione”, che prevede un pacchetto di interventi per complessivi 45 milioni di euro, da erogare nel triennio 2011-2013. In pratica, i giovani tra i 25 e i 34 anni che vorranno metter su casa, partecipando al bando potranno accedere a un contributo per l’affitto tra 150 e 350 euro mensili per tre anni, ovvero da 1.800 a 4.200 euro all’anno. Entro novanta giorni dal contratto è obbligatorio trasferire la residenza anagrafica presso l’abitazione presa in affitto e abitarvi regolarmente, pagando il canone di affitto accordato per l’intero triennio. Il contributo sull’affitto sarà più alto se la fascia di reddito è più bassa e diminuirà con l’aumentare del reddito. Il Comune di Firenze, invece, fino al prossimo 22 novembre distribuirà le domande relative al bando per l’assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, meglio noti come “case popolari”. Possono presen-

tare domanda i nuclei familiari residenti a Firenze o che svolgano a Firenze una documentata attività lavorativa. La partecipazione è estesa agli immigrati residenti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e a condizione che prestino una regolare attività lavorativa (autonoma o dipendente). Per essere ammessi occorre inoltre avere un reddito “convenzionale” relativo all’anno 2011 calcolato con le modalità indicate dalla legge regionale 96/96 non superiore a 15.320 euro, non essere proprietari di alloggi idonei per il proprio nucleo familiare la cui dimensione o rendita siano superiori ai limiti previsti dalla stessa legge e non occupare senza titolo alloggi di edilizia residenziale pubblica.

iclismo mon amour. Sembra proprio che la bicicletta piaccia sempre più ai toscani. E non solo per quanto riguarda tempo libero e sport. Una buona fetta della popolazione utilizza infatti le due ruote anche per recarsi al lavoro, nonostante tutte le difficoltà attualmente presenti. Una passione, quella per i pedali, che coinvolge tutti, dai 14 ai 70 anni, dagli studenti passando per i professionisti e finendo con i pensionati. È quanto emerge dalla prima indagine commissionata dalla Regione Toscana per analizzare i numeri di un fenomeno già consistente ma destinato a esserlo ancora di più. Tanto che l’assessore regionale alla mobilità, Luca Ceccobao, per sviluppare una rete toscana di connessione ciclabile ha messo a disposizione 9 milioni di euro per i prossimi tre anni. “É arrivato il momento di fare un passo avanti – ha detto l’esponente della giunta Rossi – il classico salto di qualità. Negli ultimi anni ci sono state tante iniziative, progetti e realizzazioni”. Attualmente in Toscana esistono oltre 300 chilometri di piste ciclabili, cento di percorsi cicloturistici, altri 50 di piste in corso di realizzazione e ulteriori 500 da realizzare in tempi brevi. “Da poco la Regione ha approvato una legge per promuovere lo sviluppo di questo tipo

di mobilità – ha aggiunto Ceccobao – e per i prossimi tre anni sono stati inseriti in bilancio 9 milioni di euro a questo scopo. Bisogna insistere”. Un dato importante, riferito al 2011, è il sorpasso delle bici sulle auto in termini di vendite. “Aggiungiamoci anche che il 2013 sarà l’anno dei Mondiali di ciclismo – ha sottolineato l’assessore – ospitati per la prima volta in Toscana, che conta tra le altre cose circa 350 associazioni sportive ciclistiche. Insomma, tutto questo impone un salto di qualità, che si traduca nella realizzazione di una rete regionale di mobilità ciclabile. Dobbiamo cercare di colmare una lacuna importante, la mancanza di interconessione e integrazione dei vari percorsi, in città e /A.P. fuori”.

Il nuovo AmbulAtorIo dI novolI In piazzetta valdambra aperto il quarto presidio cittadino nel mese di ottobre è diventato operativo il quarto ambulatorio della Misericordia di Firenze in piazzetta valdambra, 8. il nuovo presidio, rilevato da una precedente gestione, è stato ammodernato nella struttura e munito di nuova e moderna strumentazione. anche qui è possibile effettuare diversi tipi di ecografie, relativi alle specialità di cardiologia, angiologia, ginecologia ed altre quali addome, osteoarticolare, muscolo tendinea, tiroidea, parotidi e ghiandole salivari, tegumenti e parti superficiali, capo e collo, testicolare e transrettale. al suo interno è operativo l’ambulatorio di otorinolaringoiatria dove è possibile sottoporsi ad esame audiometrico e impedenziometrico. l’ambulatorio di novoli è aperto con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 12.00 e dalle

tel.

15.00 alle 19.00. il sabato dalle 09.00 alle 12.00. l’impresa sociale “ambulatori della Misericordia di Firenze”, continuamente impegnata a fornire sempre maggiori e migliori servizi, arriva così a coprire quasi l’intero territorio cittadino. tutti gli ambulatori garantiscono la presenza di medici specialisti di grande esperienza e professionalità, personale all’accettazione sempre pronto a soddisfare le richieste dei pazienti con cortesia e disponibilità ma, soprattutto, tempi di attesa e costi contenuti. anche per il nuovo Presidio di novoli per prenotare: numero unico 848-812221 oppure direttamente on line sul sito www.misericordia.firenze.it.

848 81.22.21

nuove tArIffe

dal primo settembre, nei presidi Ambulatoriali di vicolo Adimari, viale de mille, via del Sansovino e via delle Pleiadi a Prato, sono entrate in vigore le nuove tariffe. Per le visite specialistiche sono previste tre diverse fasce rivolte, rispettivamente, ai : • non associati euro 42,00 • associati (gli attuali Buonavoglia) euro 38.00 • Fratelli che svolgono servizio attivo 13,00 euro. tutti gli iscritti alla Misericordia di Firenze, di Prato e di Ponte di Mezzo sono pertanto invitati ad identificarsi, al momento dell’accettazione, per poter usufruire della fascia tariffaria di competenza.

• www.misericordia.firenze.it

1212495


focus

AUtUNNO/INVeRNO. Ecco alcune delle possibilità per tenersi in forma nei mesi freddi

Le mode cambiano (anche in palestra) Breve viaggio tra le attività più in voga del momento: dallo Zumba alla Thai boxe, fino ai più “tranquilli” yoga e Pilates. Senza dimenticare, naturalmente, la sempreverde piscina. E anche Firenze si aggiorna Sara Camaiora

S

e le lezioni di aerobica di Jane Fonda hanno segnato un’epoca e probabilmente molte “nostalgiche” degli anni ’80 le prendono tuttora come punto di riferimento, mai come ora è il caso di dire che la moda sta cambiando, anche in palestra e anche a Firenze. Si stanno infatti affermando sempre più nuove e originali discipline, che pur non soppiantando del tutto i corsi tradizionali attirano sempre più giovani e meno giovani. Una per tutte, lo Zumba fitness, ideato da un ballerino colombiano, che mixa i movimenti tradizionali dell’aerobica con i ritmi afro-caraibici. Il risultato è un grande sforzo fisico accompagnato da una buona dose di divertimento, ovvero tante calorie in meno con gusto e diletto. Per questo motivo, in quasi tutte le palestre della città è possibile trovare corsi specifici di questa disciplina, a partire da quest’anno o anche da prima

per le più “aggiornate”. “Dall’anno scorso non abbiamo più in programma il corpo libero tradizionale, ora abbiamo inserito lo Zumba e sono tutti entusiasti”, spiegano da una delle tante palestre fiorentine. “Lo Zumba è molto richiesto, come la danza latino-americana e tutte le discipline che prevedono l’accompagnamento di musica, ma anche la Thai Boxe ultimamente si è affermata, più che la Kick che andava di moda invece qualche anno fa”, aggiungono da un’altra palestra. E già da qualche anno hanno preso campo anche attività più “tranquille”, mirate al benessere psicofisico. Non solo yoga e affini, ma anche ad esempio il Pilates, sistema di allenamento mirato ai muscoli posturali, molto utile per chi lavora tante ore seduto, per la sua capacità di prevenire problemi alla schiena. Si tratta di attività ormai onnipresenti anche in città, sia nelle palestre che in centri

o associazioni specializzati in questo ambito. “Sono discipline che piacciono un po’ a tutti, soprattutto a chi fa lavori stressanti: ci sono due pubblici diversi, chi preferisce il movimento più frenetico e chi invece attività come queste. Per questo prevediamo pacchetti differenti”, fanno presente in un istituto. Appare (ancora) più di nicchia, invece, rivolgersi a un personal trainer, o comunque fare attività mirate e individuali. “È facile che molti chiedano consigli agli esperti, ma a farsi compilare programmi

appositi sono in pochi, le persone nello sport cercano più che altro sfogo e divertimento”, è la ragione di questo fenomeno, secondo gli esperti del settore. Un evergreen resta poi la piscina, dove il pubblico è variegato in quanto a età, sesso e quant’altro. “Cambia il tipo di attività, signore più anziane preferiscono l’acquagym, i bambini si allenano molto nel nuoto, ma comunque le piscine continuano a piacere”, conferma un’istruttrice. A ciascuno, insomma, il suo allenamento.

PARLA L’ESPERTO Quattro chiacchiere con la dottoressa Maria Teresa Cappellini: “Il ‘meglio che nulla’ in quest’ambito non vale”

“Il segreto per fare sport con successo? Il divertimento” Cosa consiglia a chi si iscrive in palestra perché ha qualche chilo di troppo? E a chi invece ha problemi posturali, lavorando tutto il giorno seduto a una scrivania? Resto dell’idea che ognuno deve scegliere in base al proprio gusto, affiancando un programma mirato. Nessuno proibisce, ad esempio, a chi vuol dimagrire di fare yoga o pilates, ma magari meglio prima o dopo fare un po’ di tapis roulant. Oppure, chi ha problemi posturali e vuol fare spinning fa bene, basta che faccia anche stretching. Ci vogliono istruttori competenti e attenti alle esigenze dei singoli. Quanto conta l’alimentazione in chi fa attività sportiva? Lo sport non fa miracoli da sé. Bisogna sempre accompagnare l’attività con una dieta adeguata e proporzionata al carico di lavoro svolto. L’alimentazione dello sportivo in realtà non è che l’alimen-

semifreddo con dentro un cuore di gelato di vari gusti a vostro piacimento...

Via PassaVanti 18 r (zona Cure)

392 7506979

TO

EN

AM

a partire da a partire da a partire da €480/mq €680/mq €400

1215527

R IN ipa G raz EN ion ER e E

EL

N

T T E

i O d ti ENT n ia AM p Im ALD IR SC ZI O

’ novita ... “sfere”

C I R

I

DI

rigorosamente artigianali senza conservanti, coloranti e grassi vegetali

e iz on TA ra LE u t t tis ru MP R O C

N

vere specialità gustose e genuine

CONTINUA L'OFFERTA BAGNO COMPLETO DA €6.400 €5.800 E IVA ESCL

CO

Gelateria Yogurteria Artigianale Mandorla e Limone 2

1223701

tazione corretta per tutti. Con che cadenza si deve svolgere la propria attività? Dipende dal risultato che si vuol ottenere, ma in ogni caso è sempre meglio un’attività sottomassimale ma continuativa, ad esempio un’ora di allenamento quattro volte la settimana. Una volta alla settimana caricando tantissimo il nostro corpo non produce risultati: il “meglio che nulla” nello sport non vale. Ritiene che sia sempre meglio un controllo medico prima di intraprendere un’attività sportiva? Anche se non più obbligatorio in tante palestre io ritengo di sì. Dipende certo dall’intensità e dal tipo di allenamento che si intende fare, ma anche solo un consiglio al medico curante è bene chie/S.C. derlo.

E

l segreto per fare sport con successo? Divertirsi. Lo sostiene la dottoressa Maria Teresa Cappellini, responsabile dell’Unità funzionale di Medicina dello Sport della Asl 10 a cui abbiamo posto alcune domande. Le palestre offrono tanti nuovi corsi: come si può scegliere al meglio? Bisogna senza dubbio trovare una cosa che piace, l’attività motoria deve essere svolta senza troppa fatica: divertendoci rilasciamo endorfine che fanno sentire meno fatica e tengono più alto il tono dell’umore. Direi di basarsi su questo più che sulla moda e di cercare sempre un’attività multidisciplinare: le attività ripetitive non sono fisiologiche, non siamo fatti per ripetere mezz’ora la solita cosa.

Im pi an ti

I

a soli €25/h

SENZA DIRITTO DI CHIAMATA

Esposizione in Via Lungo L’Affrico 102/a Firenze Tel. 055 660793 fax 055 0948142 Cell. 389 4376537 info@arredailbagno.it - www.arredailbagno.it


focus

INDAgINI. Non mancano critiche sull’operato dei cittadini alla guida. Da parte di pedoni e passeggeri

Semaforo giallo ai fiorentini al volante Giulia Righi

Chi si sposta a piedi vede negli scooter il “nemico numero uno”. Le auto sono

V

considerate pericolose alle strisce, ma anche i conducenti hanno qualcosa da dire

ita da pedone, atto primo: attraversamento sulle strisce con attento dribbling dei motorini che, nel superare le auto, spesso e volentieri non mettono in conto l’esistenza di persone che invece si muovono a piedi. Atto secondo: transito da un lato all’altro della strada su manto privo di strisce, contravvenendo alle regole del buonsenso e mettendo in difficoltà chi sta guidando. Succede: sia di essere pedoni (scaltri o prudenti), sia di muoversi su mezzi a motore, rispettosi o meno di chi invece va a piedi. E anche spostarsi camminando, si sa, comporta dei rischi. Che a quanto pare non sfuggono ai fiorentini. Secondo un’indagine dell’osservatorio Linear dei servizi (specializzata in polizze auto), il 55% dei cittadini pensa che il pericolo principale per chi si muove a piedi siano gli scooter, che talvolta hanno persino il viziaccio di salire sul marciapiede. Quanto alle auto, invece, il 41 per cento degli interpellati fiorentini pensa che siano pericolose per i pedoni perché tendono a non fermarsi sulle strisce. Anzi: stando ai timori degli intervistati, per il 41 per cento addirittura accelerano e per il 47 per cento non rispettano i limiti di velocità. Ma non va troppo meglio se la parola passa agli automobilisti, che hanno a loro volta da ridire sui pedoni: il 40 per cento denuncia il fatto che passino anche con il rosso, il 56 per cento pensa che sia pericoloso l’attraversamento fuori dalle strisce, il 20 per cento accusa i pedoni di trascinarsi un po’ lentamente nell’attraversare la strada. E poi c’è un’altra voce: quella dei passeggeri, spettatori privilegiati delle abilità (o presunte tali) dei conducenti. Li ha intervistati il centro studi e documentazione Direct Line, e quello che ne

è uscito è un ritratto con qualche neo. Ad esempio: tra gli inviti più frequentemente rivolti a chi è al volante si trova quello a moderare la velocità (17 per cento), seguito da critiche sulle modalità di parcheggio (15 per cento), mentre all’11 per cento viene ricordato di cambiare marce più alla svelta. E siccome avere grilli parlanti accanto non fa piacere a nessuno, alle critiche dei passeggeri seguono le reazioni dei conducenti: il 32 per cento ammette di fare finta di niente, oramai abituato alle critiche, mentre un più filantropo 35 per cento si dichiara contento di essere assistito durante la guida e sostiene di mettere in pratica i consigli. C’è poi un più irascibile 12 per cento di intervistati che ammette di essere stato tentato di fermare l’auto e far scendere il compagno di viaggio pedante, e un altro 16 per cento che, di fronte alle osservazioni, perde la pazienza, si arrabbia e dà avvio a una sonora litigata. Fa da contraltare a questa quota di collerici un mite 6 per cento che, per zittire le critiche, alza semplicemente il volume della radio. Il ritratto del fiorentino al volante si chiude nel parcheggio: pare che ce la giochiamo con i milanesi quanto a critiche sulla capacità nel posteggiare.

L’INIZIAtIVA. Il 10 dicembre all’Obihall, organizzata dalle associazioni Borgogni e Guarnieri

Una festa nel nome della sicurezza stradale

I

I prossimo 10 dicembre, all’Obihall di Firenze, si terrà la festa delle associazioni Gabriele Borgogni e Lorenzo Guarnieri. Entrambe impegnate sul fronte della prevenzione stradale, quest’anno organizzeranno insieme il loro evento più importante. Le due associazioni hanno tanto in comune. Entrambe nascono nel ricordo di un ragazzo a cui è stato tolto il diritto di vivere a causa di irresponsabilità alla guida: Gabriele, 19 anni, e Lorenzo, 17, sono stati vittime innocenti di alcol passivo. Entrambe hanno poi lo stesso obiettivo, quello di

salvare vite umane prevenendo quegli “incidenti” stradali che poi – spiegano – incidenti non sono. È per questo che le due associazioni lavorano insieme per contribuire all’attuazione da parte del Comune del “piano David”. “Talvolta non è facile far capire che il nostro punto di partenza purtroppo è la morte, ma quello di arrivo è la vita, la vita di tanti giovani che ogni giorno si muovono in città e che hanno il diritto di tornare a casa sani e salvi”, dicono le due presidenti Valentina Borgogni e Stefania Guarnieri. “Per diminuire il tasso di mortalità sul-

MAX BALLET ACADEMY

le strade di Firenze dobbiamo riuscire a cambiare i comportamenti dei guidatori: non sarà facile né immediato, ma ce la faremo. Ognuno può aiutarci, assumendo comportamenti corretti alla guida e controllando che le persone vicine facciano altrettanto. Per questo la festa di dicembre si intitolerà ‘Make it happen’ (‘fallo accadere’), perché ognuno può dare un aiuto concreto a questa causa”. Alla festa (l’ingresso è libero) sono invitati tutti gli amici e i sostenitori delle associazioni, ma anche chi /G.R. volesse solo conoscerle meglio.

6 SALE, insegnanti qualificati, ampi spazi, grande professionalità. Tecnica, dinamica e divertimento.

Gioco Danza (4-5 anni) Propedeutica (dai 6 anni) Danza Classica (Bambini e adulti) Modern Jazz (Bambini e adulti) Hip Hop Balli Caraibici Boogie Woogie Tango Argentino Danza del Ventre Canto Musical Canto Pop Rock Percussioni Afro Cubane Recitazione (Bambini e adulti) Pilates con macchine e mat-work Gyrotonic MammaFit Formazione Professionale

NUOVI CORSI Breakdance Lunedì e Mercoledì 17-18,30

Zumba Dance Lunedì e Mercoledì 19-20

Latino Americano Caraibici

Prezzo speciale 33€ 33 al mese

MaxBalletAcademy - Via Landini,9 - 50144 FIRENZE - www.maxballet.it


18

zoom

Novembre 2012

IL LUOGO. Nella strada dello shopping c’è (anche) una bottega molto originale

Gli artigiani “speciali” di via Gioberti Qui vengono venduti i lavori fatti da realtà come le cooperative sociali, da persone “che hanno alcuni disagi ma anche grandi capacità”. Si può trovare di tutto un po’, con un occhio al riciclo Barbara Rossi

P

asseggiando in una delle strade dello shopping per eccellenza del quartiere 2, passando da un negozio all’altro di via Gioberti, è possibile imbattersi in una bottega molto originale. Non si tratta del “solito” negozio di moda, ma di qualcosa

di diverso, di nuovo e originale. “Arte. Fuori Binario. Artigianato Sociale”. Questo è quello che si legge sulla soglia di questo inusuale negozio, che in effetti proprio negozio non si può definire. “L’idea di questa bottega è nata quattro anni fa – spiega Maria Pia

Passigli – vedevamo realtà come le cooperative sociali che facevano lavori bellissimi e ci domandavamo ‘ma poi dove vanno a finire?’. Solitamente – continua – le cose prodotte vengono rivendute ai vari mercati o feste organizzati dalle stesse cooperative e, nella maggior parte dei casi, finiscono nelle mani di genitori o parenti di chi le ha prodotte. Abbiamo quindi pensato di mettere in luce queste realtà e così è nata questa bottega, per far esprimere persone che hanno dei disagi ma che hanno grandi capacità”. Coloro che se ne occupano sono tutti volontari che fanno parte dell’Associazione Onlus “Periferie al Centro”, associazione che dal 1994 gestisce anche il giornale “Fuori Binario”, autogestito e autoprodotto, nel quale viene dato spazio a temi che riguardano tutti i cittadini, diritti di cittadinanza, movimenti sociali, approfondimenti (in questi ultimi mesi si è parlato ad esempio della crisi del lavoro). Inizialmente, come spiega la stessa Maria Pia, l’associazione aveva pensato di aprire un labora-

torio/bottega ma purtroppo, come succede spesso in questi casi, non è stato possibile trovare uno spazio concesso gratuitamente. Così, per dar vita a questo sogno, è stato preso un locale in affitto sul libero mercato. “Da noi si trova di tutto, diciamo che la nostra è una bottega degli artisti del riciclo”. La maggior parte degli oggetti che qui vengono venduti nascono infatti dall’utilizzo di materie di scarto: con i tappi delle bottiglie – ad esempio – si realizzano originali collane, con due vecchi floppy disk si possono creare degli stravaganti blocchetti per gli appunti, e così via. Ma come si è

inserita questa bottega di artigianato sociale all’interno del quartiere? “La paura iniziale – risponde Passigli – era che la gente etichettasse il nostro negozio, ma per fortuna non è andata così. Siamo riusciti a mescolarci, anche i residenti apprezzano il nostro lavoro, ci danno una mano”. Come riesce un’associazione a mantenere un negozio? “Gli oggetti che vendiamo sono in conto vendita, sul loro prezzo tratteniamo una percentuale. Il ricavato non è molto, su cose che costano poco poi non tratteniamo niente, e i volontari aiutano a pagare l’affitto se necessario. Siamo un po’ al limite”.

Per la pubblicità su Il Reporter chiama il numero 055 68221 o contattaci su www.ilreporter.it


speciale salute

19

MALI DI StAgIONe. Niente farmaci, piuttosto riposo e alimentazione sana

Raffreddore, la miglior cura? Il tempo Giulia Righi

A Pitigliano il primo ospedale di medicina integrata d’Italia

E

C

e l’ha insegnato, col sorriso sulle labbra, il grande Peppino De Filippo: “Un raffreddore ben curato dura sette giorni, se trascurato dura invece una settimana”. E aveva ragione. Anche quest’anno è puntualmente ricomparso l’autunno con il suo carico di fresco, umido e pioggia. Un cocktail perfetto per aprire la strada ai primi acciacchi di stagione: raffreddore, naso chiuso o che cola, qualche colpo di tosse. “Parlerei volutamente di ‘acciacchi’ e non utilizzerei il termine malattie perché di questo si tratta – spiega il dottor Niccolò Berzi, medico di medicina generale – nonostante possano essere fastidiosi, spiacevoli e ci facciano sentire ammalati, sono condizioni transitorie, costituiscono il prezzo da pagare per consentire al nostro organismo di adattarsi all’ambiente esterno che si modifica”. Vero è però che in un momento storico segnato da impegni serrati, ritmi incalzanti e la necessità di essere efficienti sempre e comunque, spesso riesce difficile rallentare per un piccolo malanno, così siamo circondati da continue pubblicità di prodotti, farmaceutici e non, che aiutano ad affrontare questi poco temibili nemici, offrendo sollievo e benessere. “Ma ricordiamo a noi stessi che la vera cura è il tempo – chiarisce il medico – recuperare un ritmo più consono al nostro organismo, qualche ora di sonno in più, aumentare l’apporto di liquidi, mangiare meglio (privilegiando i pasti veri agli spuntini fuori casa

L’eSPeRIeNZA. Pazienti da tutte le regioni

e consumando frutta e verdure) sono ottime terapie”. E il dottore ci tiene a puntualizzare anche un’altra questione, che tocca da vicino la stagione che ci aspetta: “Il recente ritiro dal mercato di alcune dosi di vaccino antinfluenzale ha generato dubbi e perplessità che invece non hanno alcuna ragione – spiega – queste dosi sono state ritirate ancor prima della commercializzazione, per cautela. Quindi vorrei sottolineare che questo avvenimento non è un deterrente alla sicurezza del vaccino, anzi, i controlli canonici e strettissimi che vengono effettuati nella catena di produzione hanno dimostrato la loro validità e serietà, in grado di fornire un prodotto sicuro”. Berzi, e con lui

l’intera comunità dei camici bianchi, lo ribadisce con forza: “La vaccinazione antinfluenzale è in grado di garantire una miglior difesa da parte dell’organismo e minori complicazioni in caso di malattia a una percentuale elevata della popolazione: la vaccinazione delle persone a rischio, degli ultrasessantacinquenni e di coloro che soffrono di patologie croniche, è fortemente consigliata”. I vaccini per gli adulti (in vendita a pagamento nelle farmacie) arriveranno comunque a metà novembre per i medici di famiglia, quindi la vaccinazione massiva partirà in quei giorni. Ma nessuna paura: l’influenza “vera” arriverà soltanto tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio.

ra difficile aspettarselo da un paesino di settemila anime incastrato nella Maremma toscana, e invece i numeri parlano chiaro. L’ospedale di Pitigliano è il primo d’Italia in cui, all’interno del percorso terapeutico dei pazienti, la medicina tradizionale (la biomedicina) si affianca a quella complementare. Questo centro ospedaliero funziona da un anno e mezzo, attira pazienti da tutte le regioni ed è il primo ospedale del Paese di medicina integrata. L’innovativa esperienza è stata presentata al “Festival della Salute”, l’apprezzatissima kermesse che si è tenuta nelle scorse settimane a Pietrasanta e che è stata l’occasione per presentare questa e molte altre eccellenze toscane. A Pitigliano, in un anno e mezzo, nei cinque ambulatori dell’ospedale sono state fatte circa settemila visite: il 20 per cento degli utenti arrivava da altre regioni, limitrofe ma non solo. E il successo è stato tale che per le visite ambulatoriali adesso c’è una lista d’attesa di un anno. Un grande risultato, a dispetto di quanto forse ci si poteva aspettare da una realtà piccola come Pitigliano, che avrebbe potuto dimostrare resistenze verso questo tipo di medicina e che invece, anche grazie alla forza del tam-tam, l’ha accolta con entusiasmo. A essere curati con la medicina integrata, nell’ospedale maremmano, sono pazienti cronici, oncologici e poli-patologici, oltre a quelli del centro di riabilitazione neurologica e ortopedica della vicina Manciano. E tutto questo è possibile perché la nostra regione ha una particolarità: dal 2007 ha accolto, con una legge ad hoc, l’omeopatia, la fitoterapia e l’agopuntura all’interno della medicina ufficiale. “Stiamo verificando con una serie di studi l’efficacia della medicina integrata nella cura dei pazienti cronici – ha spiegato la responsabile del centro ospedaliero di medicina integrata di Pitigliano, Simonetta Bernardini – sia sul profilo del miglioramento della salute, sia su quello del miglioramento della qualità di vita che di quello della riduzione della spesa sanitaria. I primi risultati costituiscono un’evidenza della forte efficacia”. Il progetto è stato finanziato dalla Regione e realizzato dalla Asl 9 di Grosseto. Chi volesse informazioni più dettagliate può rivolgersi alla struttura: via mail scrivendo a medicinaintegrata.pitigliano@usl9.toscana. it, al telefono chiamando il servizio accoglienza del centro (0564.618281), il cup (0564.483500) o il centralino un momento del festival dell’ospedale (0564.618111). /B.S.

Firenze 2012

Professionisti della salute.

1243980

DR. PAOLO MAGNOLFI Studio Medico Odontoiatrico -Osteopatico

1230815

OSTEOPATIA

•Cefalea •Cervicalgia •Lombalgia •Terapia cranio-sacrale •Problemi della postura

Dott. Daniele Livi

ODONTOIATRIA

Medico Chirurgo Odontoiatra

•Protesi fissa e mobile •Impiantologia •Conservativa •Disfunzioni ATM •Ortodonzia

VIA RAGAZZI DEL ‘99, 65 Tel 055 4378771 - 334 1674065 1243985

via di Brozzi, 544/A - 546 Firenze

Tel. 055.300488 Cell. 339.5399122 1243899

lividottdaniele@yahoo.it

L’ODONTOIATRIA LOW COST LOGA SRL - DIR. SAN DOTT. FABIO GRAMAGLIA

• Ablazione del tartaro

.......................€

officina ortopedica

1245557

avanzata tecnologia e alta tecnologia

75

• Sbiancamento laser

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . €200

Implantologia computer assistita odontoiatria estetica, endodonzia meccanica

PER URGENZE Via Ragazzi del ‘99 nr. 2 Via del Botteghino nr 152 Tel. 055 435954 - 414963 Tel. 055 790861 Tel.330 776030 Firenze Badia a settimo

• Garanzia di 10 anni su • Dente in ceramica tutte le protesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . €450 • Finanziamento • Impianto in titanio a tasso agevolato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . €450 • Servizio navetta dalla • Protesi mobile totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . €600 stazione ferroviaria di Firenze

www.odontoiatrialowcost.com Via Ponte alle mosse, 43 - 055 362798

1245484

www.ortopediarombifirenze.com e.mail: renato.rombi@alice.it

Officina Ortopedica Tel/Fax 055 4368799 Punto vendita Viale G.B. Morgagni, 23/r Firenze Tel. 055 410849

055 68221


20

l’inchiesta

Novembre 2012

ARte VIOLAtA/1. L’ultimo episodio è recente, ma sono molte le meraviglie “ferite” nei secoli

I capolavori presi di mira Firenze vittima dei vandali Ludovica V. Zarrilli

P

overa Firenze, presa di mira da vandali armati di poco rispetto per l’arte. Non è una storia nuova quella delle opere d’arte - a cielo aperto e non solo - che ogni tanto vengono offese. A volte per incuria o per sbaglio, a volte di proposito. L’ultima in ordine cronologico risale a poche settimane fa e riguarda una scultura già presa di mira, il Ratto di Polissena realizzato da Pio Fedi a metà Ottocento e collocato sotto la Loggia dei Lanzi. La mano di uno dei personaggi riprodotti nel gruppo è un po’ sporgente rispetto al basamento, ed è proprio questa caratteristica a renderla molto vulnerabile. Tutte e cinque le dita sono state sostituite con delle copie in gesso nel corso degli anni, ma due di questi episodi sono particolarmente ravvicinati tra loro: uno risale al 2009, quando la Soprintendenza non aveva ancora collocato le telecamere a

circuito chiuso sotto la Loggia, e l’altro a metà settembre di quest’anno, quando una falange è scomparsa in circostanze misteriose. Forse, come ha raccontato il Corriere Fiorentino pochi giorni dopo l’accaduto, è stato lo stesso restauratore e addetto alla pulitura del marmo (ma non ci sono prove provate) ad aver urtato per sbaglio una delle dita. Poco distante dalla statua di Fedi c’è un’altra icona fiorentina particolarmente “amata” dai vandali: è la Fontana di Nettuno dell’Ammannati, confidenzialmente soprannominata il Biancone. Nel XVI secolo veniva abitualmente usata come lavatoio, più tardi fu rubato una dei bronzi del Giambologna che circondano la base, nel 2005 un vandalo ci si arrampicò sopra finendo per staccare una mano e, per finire, appena tre anni fa, due turiste americane pensarono bene di urinarci dentro. Marmo diverso ma sorti simili per la statua di Dante che fa da sentinella alla Basilica di Santa Croce. Anche questa, nel tempo, ne ha subite di tutti i colori. Da chi la scambia per

un vespasiano a chi utilizzava il basamento come nascondiglio per la droga fino ai due studenti stranieri che questa estate si sono lasciati andare a un rapporto sessuale sotto lo sguardo indiscreto e allibito dell’Alighieri. Teatro di attentati meno plateali ma pur sempre da condannare il giardino di Boboli, storica location per gli studenti “forcaioli”. Le sculture degli angoli meno presi d’assalto dalla folla sono “arricchite” da personalizzazioni adolescenziali, con cenni alla squadra o al ragazzo del cuore. Ma l’atto vandalico per eccellenza rimane comunque quello che nel 1991 colpì il David di Michelangelo. Un malintenzionato di nome Piero Cannata entrò alla Galleria dell’Accademia con un martello e colpì l’omone di marmo. Il risultato? L’alluce e due dita del piede sinistro scheggiate. Ora le misure di sicurezza adottate dai musei non lo consentirebbero, ma la prudenza non è mai troppa e c’è da scommettere che anche ai capolavori fiorentini talvolta tremino i polsi. Di marmo.

Dal David di Michelangelo al Ratto di Polissena, dal Biancone alla statua di Dante in Santa Croce. Viaggio tra le sculture deturpate da persone che, per sbaglio o di proposito, hanno danneggiato alcuni “simboli” del capoluogo toscano

la statua di

dante

in

santa croce

bianConE Bartolomeo Ammannati

DaViD Michelangelo

Ratto Di PolissEna Pio Fedi

La scultura con la mano mutilata

La famosa martellata sull’alluce

La statua senza più dita (originali)

Forse è tanto preso di mira perché si trova al centro di una delle piazze più frequentate della città. Fatto sta che la Fontana del Nettuno ne ha dovute sopportare diverse. Dalla vasca usata come lavatoio al furto di uno dei bronzi del Giambologna fino al distacco di una mano provocato da un tale che si era arrampicato nottetempo sulla scultura marmorea.

Anche il David non ha avuto vita facile. Quando l’originale si trovava ancora davanti a Palazzo Vecchio fu preso di mira da molti vandali. L’ultimo e più clamoroso attacco riguarda però anni abbastanza recenti: era il 1991 quando Piero Cannata entrò alla Galleria dell’Accademia con un martello e colpì ripetutamente l’opera rovinandole il piede sinistro.

ATTIVITA’ COMMERCIALE

SELEZIONA 3 AMBOSESSI da inserire a tempo pieno in un contesto amministrativo-gestionale e organizzativo. Età max 38 anni. Per candidarsi chiamare lo

055 8812100

1227926

Forse è per via di quella mano troppo sporgente che fa gola a distratti e male intenzionati, fatto sta che il Ratto di Polissena, gruppo scultoreo di fattura ottocentesca, è stato più volte mutilato. L’ultima volta risale al mese scorso, quando la falange di un dito di uno dei personaggi è stata staccata in circostanze ancora non del tutto chiare.


l’inchiesta

21

ARte VIOLAtA/2. La città del giglio non è l’unica a essere colpita: stessa sorte per tante opere

Sfregi oltre confine da Roma ad Atene Barbara Biondi

C

la

pietÀ

di

micHelangelo

nella

Basilica

di

san pietro

a

hi pensa che Firenze sia l’unica città in cui i vandali si svegliano una mattina e decidono di andare a far danni dovrà ricredersi dopo aver fatto il conto di quanti altri episodi del genere sono accaduti in Italia e fuori confine. Per restare in tema di opere michelangiolesche, ad esempio, basta spostarsi a Roma, dove è custodita, all’interno della Basilica di San Pietro, la celebre Pietà. Il 21 maggio del 1972 un australiano - anche lui, come il “collega” dell’attacco fiorentino, armato di un martello - entrò in chiesa e sferrò 15 colpi alla statua al grido di “sono Gesù Cristo”. Sempre nella capitale, ma qualche anno più tardi - era il 1989 - un signore su una sedia a rotelle entrò nei Musei Vaticani e si diresse subito verso “La Madonna di Fuligno” di Raffaello, buttò sopra il dipinto del liquido infiammabile e lo avrebbe distrutto se non fossero intervenuti alcuni sorveglianti quando stava per appiccare il fuoco. Sorte un po’ diversa quella toccata all’affresco raffigurante “Il trasporto del corpo di San Cristoforo” di Andrea Mantegna, conservato a Padova nella chiesa degli Ermitani che, nel 1993, fu ricoperto da uno spray rosso fuoco che un folle decise di spruzzarvi sopra. Ma non tutti i danni sono causati da squilibrati alla ricerca di una qualche vendetta. Nel 1998 alcuni giovanissimi studenti in visita a una mostra romana pensarono bene di bucare “per gioco” tre tele di Matisse: “La giapponese”,

roma

“Pianista e giocatori di dama” e “Zorah in piedi”. E nemmeno i capolavori conservati oltre confine se la passano meglio. Basti pensare a “La ronda di notte”, enorme tela di Rembrandt conservata al Rijksmuseum di Amsterdam, realizzata nella prima metà del Seicento e ripetutamente sfregiata. L’ultimo - e anche il più clamoroso - degli attacchi è datato 1975, quando fu squarciata da 13 coltellate, alcune delle quali lunghe fino a 80 centimetri. E nemmeno l’arte contemporanea si salva da questa carneficina. L’ “Orinatoio” tanto caro a Marcel Duchamp fu colpito e scheggiato nel 1977 durante una mostra al Centre Pompidou di Parigi. Ad Atene, nel 1983, è toccato a un Picasso intitolato “La femme qui lit”, sul quale fu gettato del liquido diluente che danneggiò irreparabilmente le tinte originali e nello stesso periodo, a Monaco di Baviera, un malintenzionato distrusse tre quadri di Albrecht Durer, spruzzandoci dell’acido solforico. Tanto per tornare all’attualità, nell’aprile 2007 un gruppo di addetti alle pulizie della città di Londra pensò bene di cancellare un murales del celebre street artist Banksy, provocando l’indignazione di critici e amanti del genere. E, per chiudere con un altro scempio di casa nostra, che dire de “La moglie del pescatore”, statua eretta a Porto Cesareo che riproduce le fattezze di Emanuela Arcuri e alla quale è stato staccato il naso con un colpo ben assestato? Beh, forse in quel caso il vandalo in questione non ha fatto un dispiacere proprio a tutti, visto che la scultura - sia col naso che senza - continua a essere molto contestata dagli abitanti della cittadina. Soprattutto dalle donne.

la RonDa Di nottE Rembrandt (Amsterdam)

MaDonna Di FuliGno Raffaello (Roma)

Fontana Duchamp (Parigi)

Tredici coltellate alla tela

Il rogo sventato per un pelo

Scalfito il simbolo del Novecento

È una delle opere più duramente colpite della storia dell’arte. Il dipinto di Rembrandt, che ha una larghezza di oltre tre metri, è stato danneggiato numerose volte. Il danno più grave lo subì quando un folle, entrato nel museo dove è conservato, squarciò la tela con ben tredici coltellate, alcune delle quali di una lunghezza di 80 centimetri.

Era il 1989 quando un uomo, dopo essere entrato regolarmente nei Musei Vaticani, si diresse verso il capolavoro di Raffaello e lo “annaffiò” utilizzando del liquido infiammabile. Fu però fermato dagli addetti alla sicurezza della galleria giusto un attimo prima che riuscisse ad appiccare il fuoco al dipinto.

Nemmeno l’arte contemporanea è stata risparmiata dall’attacco dei vandali: ne è una prova la “Fontana” di Marcel Duchamp, famoso e discusso orinatoio diventato il simbolo della storia dell’arte del Novecento. Durante una mostra al Centre Pompidou di Parigi, nel 1977, l’opera fu presa a martellate da un folle.

TUTTO QUELLO CHE NON USI PIU’ DA NOI DIVENTA PRESTO DENARO CONTANTE

R A VIA PISTOIESE

S.S66

VIA MANDERI 62

AMPIO PARCHEGGIO

MERCATINO DELL’USATO

A

A

PI

BA

DE

ND

IV

PI G N O O N ZI VI A B R

IN

AN

G

EL

NI

NE

NO

MERCATINO DELL’USATO

NO

NE

LI

PIAZZA T.GADDI

PER CHI VENDE

Vasta esposizione di oggetti usati, Mobili, Abbigliamento, Elettrodomestici, Giocattoli, Curiosità, Collezionismo, Libri, Arredamento, Antiquariato

POTRAI GRATUITAMENTE ESPORRE IN VENDITA I TUOI OGGETTI USATI: Mobili, Abbigliamento, Elettrodomestici, Giocattoli , Curiosità, Collezionismo, Libri, Arredamento, Antiquariato

Via de’ Vanni, 56/a Firenze APERTI DAL MARTEDÌ ALLA DOMENICA 09.30/13.0015.30/19.30 Chiuso il lunedi’ Tel. 055 7135449 mercatinoviadeivanni@tiscali.it

AMPIO PARCHEGGIO

V. PIA

STAGNO

V. PIAN

N DI

MERCATINO DELL’USATO

ROTA

DI ROTA

LIVORNO CENTRO

VIA PROV.L E PISANA

A

UT

T OS

VI

VI

PER CHI COMPRA

VIA FIRENZE

S.S66

INDICATORE PISTOIA

Via dei Manderi, 62 San Donnino Campi B.zio APERTI 7 GIORNI SU 7 ANCHE LA DOMENICA 09.30/13.00-15.30/19.30 Tel. 055 8961801 dituttodipiu@tin.it info@dituttodipiu.net

VIA D. P.TE SOSPESO

DA

FIRENZE

1 -A

VIA D. PIGNONCINO

DA 15 ANNI IL MERCATINO DELL’USATO DELLA TOSCANA I tuoi oggetti, i tuoi mobili, il tuo abbigliamento in conto vendita negli oltre 3.000 mq di esposizione. Traslochi? Voglia di cambiare? Nuovi Acquisti?... Tutti i giorni nuove idee per i vostri affari

25/T

25/1

V. PIAN

SIAMO QUI!

DI ROTA

25/T

SP4

scita sso/u ss1 ingrente aurelia varia

NUOVA APERTURA

Via Pian di Rota 25/1 Livorno (zona Picchianti) APERTO TUTTI I GIORNI LUNEDI’ MATTINA CHIUSO Tel/Fax. 0586 420281 dalle 09.30/13.00 15.30/19.30 livorno@dituttodipiu.net

1229223

Via Gioacchino Rossini, 1 Loc. Sieci - Pontassieve Tel. e Fax 055 8328605 Cell. Sergio 393 8825263 Cell. Alessandro 393 8994805 Orario: 9,30/13,00 - 15,30/19,30 Aperto da martedì alla domenica CHIUSO IL LUNEDÌ pontassieve@dituttodipiu.net


IL PUNtO. La scintilla tra la città e Montella è scoccata. E a qualcuno ricorda Prandelli

E Firenze spera: “È l’erede di Cesare?” Il tecnico è stato colpito dal calore della piazza, mentre in poco tempo il suo calcio ha stregato i tifosi. Tanto che i paralleli con l’attuale ct della Nazionale sono già partiti: ora non resta che attendere i risultati

vincenZo montella

Tommaso Loreto

S

i sono restituiti il sorriso a vicenda, Firenze e Vincenzo Montella. A margine della cerimonia del lancio dell’iniziativa “Every one” contro la mortalità infantile, a Roma per Save the Children, il tecnico viola si è volentieri prestato a rispondere alle varie domande del caso (incluse quelle legate alle vicende giallorosse, da parte di chi nella capitale rimpiange già che non sia stato scelto l’aeroplanino...), tirando fuori una battuta per niente scontata. “Io ho restituito il sorriso a Firenze? Semmai è Firenze che l’ha restituito a me...”. E se il calore della piazza deve aver comunque colpito Vincenzo, di certo il suo calcio ha stregato l’intera città. Qualcosa si era, per la verità, già intuito in quel di Moena. Quando ancora gli acquisti non arrivavano un po’ tutti si aggrappavano alle idee innovative di questo giovane allenatore e del suo ampio staff.

SCRIGNO DEL PALAGIACCIO a partire da € 25,00

DA CONFEZIONARE CON UN AMPIA SELEZIONE DEI PRODOTTI DELLA STORICA FATTORIA IL PALAGIACCIO

BUSTE YUTA DI FATTORA a partire da € 25,00

DA CONFEZIONARE CON UN AMPIA SELEZIONE DEI PRODOTTI DELLA STORICA FATTORIA IL PALAGIACCIO

Una scelta quasi istintiva, forse dettata dal profilo comunque basso ed educato dell’ex bomber di Roma e Sampdoria. E, se vogliamo, persino simile ai primi approcci fiorentini di Cesare Prandelli. Tanto che, da più parti e a scadenze ricorrenti, ecco arrivare il parallelo tra l’attuale ct degli Azzurri e l’allenatore gigliato. Una simpatia nemmeno troppo influenzata dalle recenti scottature chiamate Mihajlovic prima e Rossi poi, quella tra Firenze e il napoletano Montella. Ma qualcosa, in effetti, si poteva comunque intravedere in quei primi giorni di nebulosa Fiorentina, ancor prima che Pradè e Macia aprissero i rubinetti del mercato. Perché, a differenza dei suoi predecessori, Montella ha sì avuto la fortuna di ritrovarsi uno spogliatoio “ripulito” da qualche cattiva abitudine, ma anche il merito di aver messo subito in chiaro il suo credo. Calcistico e non. Di tattica e disciplina. Andando a istituire, per esempio, una fascia da capitano che potesse girare tra i vari esempi di condotta interna al gruppo. Scelta per niente banale, come del resto quella di voler

PRENOTA LE TUE CONFEZIONI REGALO PRIMA DELL' 8 DICEMBRE 2012 AVRAI UNO SCONTO DEL 10%

LE CONFEZIONI DELLA FATTORIA IL PALAGIACCIO HANNO DENTRO LA BONTÀ DI UNA TERRA UNICA E SPECIALE: IL MUGELLO

SU RICHIESTA È POSSIBILE AVERE TUTTI I PRODOTTI DELLA FATTORIA IN CONFEZIONI PERSONALIZZATE.

provare a costruire una squadra “alla spagnola”, una Fiorentina comunque votata al gioco. E se il buongiorno si vede dal mattino, i risultati hanno dato già ragione a Montella. Qualche punto dimenticato qua e là per poca cattiveria sotto rete, qualche disattenzione e un’ingenuità comunque giustificabile a pochi mesi dalla nascita di una squadra tutta nuova sono gli aspetti su cui lavorare ma che non sarà impossibile migliorare. Adesso, mentre la piazza si specchia nei talenti arrivati in estate (Borja Valero, Roncaglia, Pizarro e compagnia, tanto per intendersi) è soprattutto lui a rappresentare la garanzia di un’annata tutta da seguire. Con il suo sorriso, talvolta sornione, che ora rimbalza sul volto di ogni tifoso viola. Se Montella potrà ripercorre le gesta di Prandelli sulla panchina viola, di certo, è ancora presto per scoprirlo. Ma una cosa è certa. Proprio come accadde nei primi tempi di Cesare, adesso anche Vincenzo ha già portato l’intero consenso della tifoseria dalla sua parte. Non resta allora che riportare prima possibile la Fiorentina in Europa.

MUGELLO TIPICO € 36,00 BIANCO MUGELLO 350GR. CA. IMPEPATO 350GR. CA. BOTTIGLIA VINO ROSSO TOSCANO MIELE 250GR. SALAME 400GR. CA.

SAPOR DI MUGELLO € 49,50 BIANCO MUGELLO 350GR. CA. DIAVOLINO 350 GR. CA. BOTTIGLIA VINO ROSSO TOSCANO BOTTIGLIA OLIO EX. V. 0,75LT MIELE 250GR. SUGO TOSCANO VASETTO PASTA QUALIÀ EXTRA FARRO DI FATTORIA

BONTÀ DAL MUGELLO

Le foto dei cesti e i riferimenti sono indicativi e sono soggetti a variazioni naturali di peso. PUNTI VENDITA PALAGIACCIO LOCALITÀ SENNI • SCARPERIA (FIRENZE) • TEL. 055 8494418 VIA SACCHETTI, 24 (PIAZZA DELLE CURE) • FIRENZE • TEL. 055 573479 PIAZZA DALMAZIA, 32 • FIRENZE • TEL. 055 419163 VIA GIOBERTI, 9R • FIRENZE • TEL. 055 662873 VIALE GIANNOTTI, 50R • FIRENZE • TEL. 055 6802353 Le nostre confezioni le potete trovare su www.palagiaccio.com o nei nostri punti vendita

1245477


sport

23

eRANO VIOLA. Viaggio tra gli ex: Glenn Ingvar Hysen, in riva all’Arno dal 1987 al 1989

Il libero “buono” che incantava la Fiesole Forse, se lui giocasse ancora, quel ruolo non sarebbe andato in pensione: il difensore, maestro di correttezza, recuperava palloni e riavviava l’azione Lorenzo Mossani

F

orse, se lui fosse ancora in campo, il ruolo del libero esisterebbe ancora. Glenn Ingvar Hysen aveva in intelligenza tattica, piedi buoni e un ottimo tempismo. Un idolo della Fiesole, un modello per i baby calciatori, a partire dal suo fair play. Hysen entrava in scivolata, recuperava palloni e faceva ripartire l’azione. Un maestro di correttezza. Nato a Goteborg il 30 ottobre 1959, iniziò a giocare nel Warta, uno dei vari club calcistici della città svedese. Esordì nel 1977 in terza divisione, per poi passare, dopo un solo anno, al più quotato Goteborg, con cui nel 1979 debuttò in prima divisione sotto la guida di Sven Goran Eriksson, che sarebbe poi stato suo allenatore anche alla Fiorentina. Con il Goteborg Hysen vinse due titoli nazionali (1982 e 1983) ma, soprattutto, la Coppa Uefa 1981-82. Una vittoria storica, perché fu il primo successo internazionale di una squadra svedese. Il giovane difensore in quella stagione fu nominato giocatore dell’anno. Il successo europeo fu il biglietto da visita per la prima avventura continentale di Hysen, ingaggiato dagli olandesi del Psv nell’estate del 1983. Qui rimase due stagioni, prima di tornare al Goteborg. La seconda avventura fuori dai confini nazionali fu in Italia, in viola, squadra in cui Hysen si consacrò. Firenze lo ammirò dal 1987 al 1989. Due stagioni di partite da ricordare. Salito all’attenzione del calcio inglese, alla scadenza del contratto con la Fiorentina, dopo un primo contatto con il Manchester United, Hysen si accordò con il Liverpool per tre stagioni, vincendo subito, nel 1990, la First Division e formando con Alan Hansen e Gary Ablett un superbo pacchetto difensivo. Senza il compagno di reparto scozzese, infortunatosi nel 1991, Hysen faticò però a reggere da solo il peso della difesa, e nel 1992 tornò nella sua Goteborg per giocare un’ultima stagione nel Gais. Fu nominato calciatore svedese dell’anno nel 1983 e nel 1988 e, tra gli anni Ottanta e Novanta, fu

capitano della sua nazionale. Attualmente, appese le scarpette al chiodo, è commentatore per la tv del suo Paese. Tra le sue partite “perfette” ci fu quella, nell’ottobre del 1988, del girone di qualificazione al campionato del mondo 1990 contro l’Inghilterra a Wembley, quando riuscì a marcare alla perfezione la punta inglese Gary Lineker. L’incontro finì 0-0 e la Svezia si qualificò come prima del girone, proprio davanti all’Inghilterra. In Nazionale totalizzò 68 presenze (con 6 gol). E chissà se con lui Ibra avrebbe avuto vita facile in allenamento...

glenn ingvar HYsen

MeRCAtO. Si avvicina la sessione invernale: nel mirino dei gigliati c’è l’olandese?

Caccia al bomber, gli occhi su Huntelaar I

l mercato invernale si avvicina e la Fiorentina vuole arrivare a una grande punta, dopo il clamoroso caso Berbatov della scorsa estate. Tanti i nomi su taccuino di Pradé e Macia: tra questi uno cui porterebbero molti indizi: l’ex Milan Klaas Jan Huntelaar. L’olandese, che attualmente gioca nelle fila dello Schalke 04, in Germania, è una prima punta classica, forte di testa, e secondo molti addetti ai lavori sarebbe perfetto per il gioco di Montella, da tempo alla ricerca di un attaccante da area di rigore. Come se non bastasse, Huntelaar è in scadenza di contratto a giugno 2013. L’olandese ha iniziato la sua carriera professionistica nel 2002 nelle fila del Psv Eindhoven. Dopo una sola presenza in campionato, è stato ceduto in prestito al De Graafschap e, in seguito, all’Agovv Apeldoorn. Nel 2004 l’Heerenveen lo acquistò dal Psv, dandogli l’opportunità di mettersi in evidenza nell’Eredivisie da titolare. Il baby-centravanti realizzò 17 reti in 31 partite nella stagione 2004-2005. Nel 2005/2006 si superò, realizzando 17 reti in soli 15 incontri di campionato. Ed ecco la telefonata

dell’Ajax e il suo passaggio ai lancieri: nel gennaio 2006 fu acquistato per 9 milioni di euro. Inizialmente vestiva la maglia numero 25: in seguito, diventato vicecapitano della squadra, si prese il numero 9, maglia appartenuta negli anni Ottanta a un certo Marco Van Basten, manco a dirlo suo idolo. In quella restante metà di stagione mise a segno altre 16 reti in altrettante gare, vincendo la classifica marcatori (33 reti in 31 partite). Messosi in luce in tutta Europa a suon di gol, Huntelaar sbarcò al Real realizzando in sei mesi 6 gol in 20 presenze. Poi la nota stonata dell’avventura italiana al Milan: 25 reti, 7 gol e qualche fischio. Solo una parentesi però, perché la sua vena realizzativa riesplode subito in Germania, allo Schalke 04. La rete inizia a gonfiarsi sempre più spesso: “Holly” Huntelaar, 63 presenze e 40 reti. Il lupo, insomma, non ha perso il vizio. E proprio così sembrano pensarla anche Montella, Pradé e Macia, che l’avrebbero messo nel mirino per gennaio, per offrirgli l’opportunità di una rivincita italiana. Ora non resta /Lor.Mos. che attendere.


24

sport

Novembre 2012

LA StAgIONe. Nuova avventura per il Firenze Rugby, mentre si attende il match della Nazionale

I “gladiatori” fiorentini tornano in campo Lorenzo Mossani

ci, con squadre che ‘chiudono’ o sono costrette a cedere il titolo”. Alla presentazione erano presenti, oltre alla squadra e a una delegazione di ragazze che per la prima volta hanno formato una formazione di rugby femminile, il presidente del comitato regionale toscano della Fir Riccardo Bonaccorsi, il vicepresidente Vezio Fanelli e il consigliere comunale Stefano Di Puccio, componente del consiglio della Firenze Rugby 1931. “Faccio un appello agli imprenditori – ha spiegato Di Puccio – affinché possano sostenere nelle forme più diverse la società, che attualmente sta attraversando un momento difficilissimo della sua gloriosa storia di più di 80 anni. E tutto questo nonostante un vivaio tra i più prestigiosi d’Italia, con i suoi quasi 400 giovani atleti dai 6 ai 14 anni e con le squadre giovanili Under 20 e Under 16 nel campionato nazionale di Eccellenza. Il rugby sta crescendo, ma non sempre gode dell’attenzione adeguata. Sarebbe un peccato rischiare di perdere questo patrimonio”. Per i leoni del Firenze Rugby è insomma l’ora di andare in meta. Il futuro è loro, e ora è anche rosa. Da sottolineare che il Firenze Rugby è attivo anche nel sociale. Un esempio? Il sostegno attivo che sta dando al Dynamo Camp, conosciuto in tutto il mondo per l’aiuto che dà ai bambini. Un’altra bella meta. Chapeau.

C’

è uno sport che non ha avversari, ma solo gladiatori che sfidano altri gladiatori, c’è una grande famiglia che si ritrova insieme per il terzo tempo, c’è un gruppo di atleti che gioca in serie A per l’onore di giocarci. È il Firenze Rugby, vanto e gloria di questa città. Un gruppo che vuol stupire, allenato dalla capacità di Sordini e dalla grinta di Ippolito. E c’è un’amministrazione comunale che vuol dare il pieno appoggio a questa favola fiorentina. “Proporremo alla Federazione di destinare l’1% dell’incasso del test match del 24 novembre allo stadio Franchi fra Italia e Australia al movimento rugbistico fiorentino”: è questa l’idea lanciata dal vicesindaco e assessore allo sport Dario Nardella, che sembra sempre più affascinato da questa disciplina. “L’amministrazione comunale – precisa Nardella – ha grande attenzione verso il rugby. Vorrei ricordare che per ben due volte Firenze è stata e sarà sede di un test match della nostra nazionale, e che da poco abbiamo inaugurato il nuovo impianto a San Bartolo a Cintoia. Inoltre, anche se non si parla purtroppo di grandi cifre, assegniamo direttamente come Comune un contributo per l’attività”. Dopo il classico “in bocca al lupo” a dirigenti, tecnici e giocatori, il vicesindaco ha elogiato la società per la politica di sostenibilità intrapresa: “Quella di quest’anno è praticamente una squadra ‘Made in Florence’ e questo è un modello di cui andare fieri e da rivendicare con orgoglio. Meglio far crescere un ragazzo del vivaio e poi inserirlo in prima squadra che acquistarne uno a cifre non sostenibili. Purtroppo nello sport gli esempi sono tanti e i risultati talvolta drammati-

IN PISCINA. L’obiettivo della Ngm Waterpolo è riportare lo scudetto in riva all’Arno

La pallanuoto in rosa punta in alto

P

unta in alto la Ngm Firenze Waterpolo, e non si nasconde. La nuova società, nata da una collaborazione (e non da una fusione come era stato annunciato in precedenza) tra Fiorentina Waterpolo e Firenze Pallanuoto, punta a riportare lo scudetto in riva all’Arno. Delle quattordici atlete a disposizione di Andrea Sellaroli, quattro erano l’anno scorso alla Fiorentina: Allegra Lapi, Jessica Masi, Gloria Giachi e Carina Harache. Tre sono le new entry: il portiere della Nazionale Elena Gigli, il centroboa dell’Ungheria Ildikò Tòth e la giovane promessa Margherita D’Amico. Confermate la capitana Giulia Bartolini, le esperte Marta Co-

laiocco e Francesca Biancardi e le più giovani, molte cresciute nel vivaio biancorosso, Bianca Ferrini, Jennifer Olimpi, Barbara Schifter Giorgi, Laura Repetto e Maria Bosco. “Questa è una stagione importante – spiega Sellaroli – in cui non c’è più il Recco, squadra che l’anno scorso ha ammazzato il campionato. Ce la dovremo vedere con Rapallo, Orizzonte Catania, Imperia e Padova. Loro possono vantare il fatto che giocano assieme da più anni e noi saremo penalizzati dal fatto che, per indisponibilità della piscina di Bellariva, fino a dicembre giocheremo a Prato. L’obiettivo è centrare la Final /Sim.Spa. Four che assegna il tricolore”.

1246044

allegra lapi

L’APPUNtAMeNtO. Il 25 novembre scatta la Marathon

La città si riscopre di corsa S

V.le Giannotti, 10/r Firenze

Via Pisana, 378 Firenze

Tel.

Tel.

Via Masaccio, 11/r Via V. Veneto, 50 Firenze Prato

Tel.

Tel.

055 6587096 055 7130043 055 5001339 0574 611069

econda solo a Roma per numero di iscritti, la Firenze Marathon il 25 novembre punta a superare anche in questa edizione il suo record di iscritti. Si spera di arrivare alle 12mila presenze per questa grande festa di sport senza confini, per riscoprire Firenze di corsa. Un appuntamento, il ventinovesimo, da non perdere per tutti gli sportivi che amano correre nel bello, vivendo l’emozione di una città unica al mondo, attraverso quarantadue chilometri e 195 metri da percorrere tutti d’un fiato, lasciandosi affascinare dalla magia di strade, piazze e monumenti senza tempo in compagnia di migliaia di atleti di ogni nazionalità. L’evento, promosso dallo staff della Firenze Marathon in collaborazione con l’assessorato allo sport di Comune e Provincia di Firenze, la Iaaf e la Fidal, e con il contributo fondamentale di duemila volontari, prenderà il via anche quest’anno da lungarno Pecori Giraldi alle 9 in punto. L’arrivo sarà ancora una volta in piazza Santa Croce. Il percorso, rinnovato lo scorso anno, è uno dei più affascinanti al mondo, e riesce a unire alla perfezione caratteristiche di scorrevolezza con scorci paesaggistici e monumenti di una bellezza unica. Il tracciato è senza dislivelli

una delle precedenti ediZioni

e si snoda attraverso i luoghi più apprezzati della città, come piazza Signoria, Ponte Vecchio, piazza Pitti e piazza del Duomo. Con la Firenze Marathon torna anche la Ginky Family Run, la corsa non competitiva dedicata a bambini, ragazzi e famiglie. Una festosa kermesse di sport per tutti che sarà anche un grande momento di solidarietà, coinvolgendo varie associazioni di volontariato e solidarietà del territorio. La corsa prenderà il via alle 9,30 di domenica 25 novembre da piazza Santa Croce, dove tornerà a concludersi al termine di un percorso di circa due chilometri tutto nel centro storico del ca/Sim.Spa. poluogo toscano.


sport nel quartiere

25

LA DISCIPLINA. Il Club Scherma Firenze ha avviato la sua attività in via Lombardia

Piccoli “spadaccini” crescono nel quartiere Carlo Marrone

I ragazzi del rione avranno così la possibilità di conoscere meglio e cimentarsi

U

in questo sport, sempre più celebre grazie alle imprese compiute dagli atleti

na nuova realtà sportiva è presente nel quartiere dallo scorso settembre, precisamente da mercoledì 19, quando il Club Scherma Firenze, società sportiva dilettantistica affiliata alla Federazione Italiana Scherma e al Coni, ha inaugurato e avviato la sua attività dedicata all’insegnamento della scherma. Negli spazi della “Polisportiva Firenze ovest - Le Piagge” in via Lombardia da qualche mese molti ragazzi iniziano a conoscere le basi della scherma. Senza dubbio il momento è propizio, grazie soprattutto alle ottime prestazioni fornite dagli atleti della Nazionale Italiana alle ultime Olimpiadi di Londra. Il presidente del club è Antonio Russo, lo staff tecnico composto da un Maestro della Federazione Italiana Scherma, Guido Prosperi, da quatto istruttori federali (Chiara Caparello, Leonardo Mazzetti, Giacomo Caliterna e Valentina Pancrazi), da un preparatore atletico federale e diplomato Isef, Leonardo Mazzetti, e da un direttore sportivo, Filippo Cattaneo. Staff che lavora insieme da diversi anni, ha alle spalle una lunga esperienza schermistica sia come tecnici che come atleti, indossando le maglie della Nazionale italiana: Guido Prosperi nella nazionale assoluta, Leonardo Mazzetti nell’Under 20 e Master, Filippo Cattaneo nella Nazionale Master. La società offre corsi di scherma dai sei anni in poi, per svolgere attività agonistica e non agonistica, e partecipa attivamente a tutte le gare ufficiali della Federazione Italiana Scherma in ambito regionale, nazionale e internazionale. Inoltre, partecipa anche al progetto federale “A scuola di scherma”, con lo scopo di divulgare questa disciplina nelle scuole elementari. Il Club

azzurri alle Olimpiadi di Londra. Corsi per bambini dai sei anni in avanti Scherma Firenze ha in previsione di organizzare ogni anno, prima dell’apertura ufficiale della stagione agonistica, un campus estivo per i suoi soci, con finalità di aggregazione e di allenamento. Quest’anno il campus si è svolto al Green Energy Campus di Palazzuolo sul Senio, con lo scopo di far conoscere ai ragazzi la vita in mezzo alla natura, adattandosi e convivendo con questa. Non soltanto allenamenti: il club ha già partecipato alla sua prima competizione, che rimarrà per sempre nella storia ed è stato l’ottavo “Trofeo Kinzica&Ranieri di Spada a coppie”, organizzata dall’U.S. Pisa Scherma, con ben due squadre composte da Francesca Russo - Giacomo Caliterna e Valentina Affricani -Vincenzo Bologna. Dopo i due gironi eliminatori entrambe le squadre sono approdate all’eliminazione diretta, e la coppia Russo - Caliterna è riuscita a entrare tra le migliori otto, passando attraverso il ripescaggio e vincendo contro la compagine di Navacchio. La coppia fiorentina nei quarti di finale è stata sconfitta di misura 10-9 dalla squadra formata da Fratini – Nespoli, poi sconfitti nella finalissima. Con un ottimo quinto posto la squadra del Club Scherma Firenze ottiene il suo primo importante risultato, che acquisisce ancor più prestigio perché è risultata la prima squadra composta da tiratori appartenenti alla stessa società. La scherma toscana ha sempre regalato grandi soddisfazioni all’Italia: chissà che un nuovo Montano non nasca proprio sulle rive dell’Arno. 1226603

Potrai interagire meglio!

Quando non è possibile sentire e capire, è difficile interagire sia per partecipare attivamente alle riunioni sia per conversare semplicemente con un'altra persona. ReSound Alera® ti aiuta a comunicare nuovamente con sicurezza in tutti i tipi di ambiente.

Tutto si sente meglio!

Surround Sound by ReSoundTM è la miglior tecnologia per un ottimo ascolto con gli apparecchi acustici. Puoi godere di un suono naturale, chiaro e ricco mentre ascolti la musica o i suoni della vita quotidiana.

FIRENZE Via Lamarmora, 15-17R Tel. 055 588003 EMPOLI Via del G.Papa, 124 Tel. 0571 78670


gRANDe SCHeRMO. Fino a metà dicembre all’Odeon una staffetta di corti e lungometraggi

Cinquanta giorni di cinema inedito Dal Festival dei Popoli allo Schermo dell’arte, dal River to River al Balkan Florence

LA ReCeNSIONe/1

Express: nella sala del centro protagonisti film in arrivo dai cinque continenti,

“Io amo Firenze”, il blog diventa libro

con i loro diversi punti di vista. Un susseguirsi di kermesse che raccontano il mondo attraverso la lente spesso impietosa della macchina da presa Barbara Biondi

A

umenta la voglia di trascorrere le serate in una grande sala con comode poltroncine quando fuori la colonnina di mercurio fa le bizze. È anche per questo motivo che, fino alla metà di dicembre, al cinema Odeon prende vita la 50 giorni di cinema internazionale, una serie di festival a staffetta dedicati a lungometraggi e cortometraggi che portano in città prime visioni, prodotti rari e capolavori in lingua originale. Un’occasione da sfruttare al massimo perché è statisticamente provato che chi ama il grande schermo qui trovi qualcosa che corrisponda ai suoi gusti, sia che si tratti di un film francese, sia che si tratti di un documentario inedito, sia che si tratti di una pellicola dedicata a qualche genio incompreso dell’arte. La proposta è variegata e la maggior parte delle proiezioni riguardano anteprime di film mai arrivati prima in Italia. Dal 10 al 17 novembre si fa spazio il Festival dei Popoli, nato 53 anni fa a Firenze e che, dopo oltre mezzo secolo, continua a offrire il meglio della documentaristica internazionale, seguito a ruota da altri classici della 50 giorni come “Immagini e suoni dal mondo” (il 18 e 19), dedicato ai film etnomusicali, e subito dopo il gradito ritorno del Kibaca Florence Festival (20 novembre), giornata dedicata al cinema africano e ancora Lo schermo dell’arte, attesa carrellata di pellicole che gravitano attorno al mondo dell’arte contemporanea. Dal 30 novembre al 5 dicembre toccherà poi al “Festival internazionale Cinema e donne”, mentre dal 7 al 13 dicembre la protagonista sarà Bollywood, con le produzioni indiane di “River to river”. Infine ci sarà la premiazione del N.i.c.e. Festival città di Firenze, attribuito dal pubblico del Festival N.i.c.e. Usa, al termine di un anno di manifestazioni itineranti che toccano tre continenti e che arriverà nel gennaio 2013 anche in Cina. Caratteristiche peculiari di questa full immersion nel grande schermo sono l’apertura di orizzonti verso paesi e culture del mondo, lo sguardo verso le altre cinematografie europee e mondiali, l’attenzione verso l’affermazio-

un frame di

secret

disco revolution in programma al

ne delle diversità di genere, lo spostare l’asse dalle manifestazioni cinematografiche ad alto budget, orientate al glamour, verso iniziative di spessore culturale, rivolte agli addetti ai lavori e a tutti gli appassionati di cinema, che in queste riconoscono un momento di formazione e arricchimento personale. Ogni anno la “50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze” accoglie nuovi appuntamenti, nuove tessere che compongono il puzzle di una rassegna cinematogra-

festival

dei

popoli

fica che dura un’intera stagione. Quest’anno la novità assoluta è il “Balkan Florence Express” (26-29 novembre), che offrirà uno spaccato significativo della cinematografia proveniente dalla penisola balcanica, vicina all’Italia ma che ancora non ha molti scambi con il nostro paese. Confermati anche gli appuntamenti con il cinema sociale di “Cospe” (7 novembre) e con il premio “Raccorti sociali” (16 dicembre). Non resta che mettersi comodi.

LA ReCeNSIONe/2. Fabio Cacioli ha dato alle stampe un volume tenuto a lungo nel cassetto

Riflettere sulla vita, chiusi in ascensore L

uca, avvocato in carriera, vive una vita a suo avviso perfetta. Ha un lavoro sicuro, riceve molti riconoscimenti professionali e ha una compagna con la quale convive. Ma le certezze del protagonista di “Bottiglie di vento” di Fabio Cacioli (112 pag, L’autore Libri Firenze) sono destinate a svanire in settantadue ore, tempo che trascorre chiuso nell’ascensore del palazzo in cui lavora. Luca affronta le prime ore dei tre lunghi giorni con calma e fermezza. Poi disperazione e paura prendono il sopravvento. Ed è proprio in questo momento che le sue emozioni e la solitudine provate in quella gabbia di ferro lo portano a riflettere non solo sulla vita, ma sull’esistenza intera. Le sue basi solide diventano così terreno friabile, nuovi valori vengono presi adesso in considerazione e messi in pratica nella vita reale. Senso della vita, morte e resurrezione. Rapporto con Dio e limite dell’esistenza, ma anche un chiaro riferimento all’opera “Per chi suona la campana” di Hemingway portano il lettore di “Bottiglie di vento” ad affrontare un grande viaggio introspettivo, proprio come ha fatto Luca. Ed è nello stesso

protagonista della sua opera prima che Fabio Cacioli, almeno un po’, si riconosce. “Non sono mai rimasto chiuso in ascensore e non ho mai pensato al suicidio come invece ha fatto Luca – spiega l’autore – ma in lui mi riconosco per molti aspetti, a partire dalla sua professione fino ad arrivare ad alcune sfumature del suo carattere”. Fabio, fiorentino di nascita, ha scritto per caso il libro che si è rivelato essere poi una riflessione sull’intera esistenza. “Ho scritto il racconto dieci anni fa in una settimana, e dopo varie modifiche ho deciso di darlo alle stampe. Ma non mi sento un vero scrittore”. Avvocato, Cacioli ha ricoperto numerosi ruoli in consigli di amministrazione di società operanti nei servizi alle imprese. Per anni dirigente nel settore del commercio e della rappresentanza di impresa, svolge la sua professione come dirigente nella pubblica amministrazione. I proventi delle vendite di “Bottiglie di vento”, nel corso di alcuni eventi, sono stati interamente devoluti alla Fraternità della Visitazione di Pian di Scò, fondata dieci anni fa da tre /C.F. suore per offrire il loro aiuto a ragazze-madri.

O

ltre sei anni di attività, più di tremila post, 23.301 commenti e duemila visitatori al giorno. Sono questi i numeri di “Io amo Firenze”, il blog di Elena Farinelli, fiorentina doc che coltiva una passione unica per la sua città. Dopo sei anni di vita intensa sul web, ioamofirenze il mese scorso è diventato anche un libro, edito da Edk editore. “Non avevo mai pensato alla versione cartacea del blog – spiega l’autrice – finché un mio lettore, Filippo Giovannelli, mi ha contattata e mi ha informata che un editore di Rimini era interessato a trasformare il blog in un libro”. Il dietro le quinte della Firenze notturna, degli eventi di nicchia, dei ristoranti e degli aperitivi diventa così un blog da sfogliare (Io amo Firenze, 128 pagg, Edk editore) con le dita e da tenere sullo scaffale della propria libreria. “Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione a Siena nel ’98 con una tesi su internet, la prima in tutta Italia – spiega Elena – appena laureata ho iniziato a collaborare con un portale di Firenze. È stato in quel periodo che ho creato il mio blog Io amo Firenze”. Nato un po’ per gioco e un po’ per trasmettere il suo amore verso la città ai suoi visitatori, Elena ha fatto della sua passione uno stile di vita. “Ho iniziato scrivendo per me e per le mie amiche – ricorda la blogger - poi l’obiettivo è diventato quello di far conoscere non solo le cose belle della mia città, ma anche eventi e luoghi di nicchia. Tutto questo per una ragazza che vive, si sposta e si muove a Firenze. Come me”. Tutto quello che la Farinelli fa in città, con le sue amiche, da sola o sotto il consiglio dei suoi lettori, lo “posta” online, proponendo locali, teatri sconosciuti, ristoranti o eventi alterativi. “In sei anni ho recensito nell’anonimato ben 283 ristoranti – spiega – i primi tempi i camerieri non capivano quello che facevo. Non si vedono tutti i giorni clienti che fotografano l’ambiente o il piatto appena servito”. Oltre alla città, i veri protagonisti del blog sono i suoi visitatori. “Il mio lettore più giovane ha quattordici anni. Il più anziano ne ha ottantacinque. È un signore fiorentino che vive da quarant’anni a Torino, dove si è trasferito per lavoro. Sono tutte queste persone che mi consigliano posti nuovi da recensire o eventi da consigliare. Anche molte delle foto sono loro, come l’idea di aggiungere la sezione /C.F. Firenze per i bambini”.


cultura

27

L’INIZIAtIVA. Da questo mese parte in città il corso di comicità intitolato al geniale Totò

A scuola di risate con Muzzi & Co. Ludovica V. Zarrilli

F

ar ridere? Un duro lavoro, ma qualcuno dovrà pur pensarci. Questo il ragionamento del comico Andrea Muzzi, che insieme al collega Massimiliano Galligani ha deciso di dar vita a una vera e propria scuola di comicità, dove insegnare la fine arte del far sorridere la gente. Niente di arrangiato, niente di lasciato al caso, il motto della scuola fiorentina è: divertire con professionalità. “C’è una parte teorica e una parte di pratica - spiega Muzzi - si parte dalle basi, perché il nostro obiettivo è coinvolgere tutte quelle persone che hanno passione per la comicità ma non hanno strumenti per farsi apprezzare”. Una scuola in piena regola che, per partire con il piede giusto, è stata dedicata al principe della risata, Antonio de Curtis, alias Totò. “Abbiamo voluto omaggiare - continua Andrea - il più grande comico italiano e per questo abbiamo chiesto a sua figlia Liliana di venire a fare un saluto ai nostri allievi”. Porte aperte, senza limiti di età, a tutti coloro che vogliono mettersi alla prova, perché “non sai quanto lavoro serio c’è dietro a una cosa divertente”. E allora via alle lezioni a partire da metà novembre per un totale di 50 ore, che si svolgeranno negli spazi messi a disposizione dal Quartiere 4 - la Limonaia di Villa Strozzi -

e al teatrino della casa del popolo Maccari, nel cuore dell’Isolotto, dove gli studenti avranno la possibilità di salire sul palco e provare i propri sketch. “Al contrario di quello che pensano molti, far ridere non è una cosa così automatica, non è detto che una persona che diverte gli amici al bar poi nella pratica si riveli un buon comico”. Per scoprirlo verranno messi a disposizione degli iscritti dispense e strumenti, supportati da alcuni classici della comicità di casa nostra: “Dai film di Charlie Chaplin a Stanlio e Ollio, da Troisi al trio Aldo, Giovanni e Giacomo”, spiegando passo dopo passo in cosa consiste questo curioso mestiere. “E alla fine del corso ognuno degli allievi dovrà creare un piccolo pezzo sulla base del quale costruiremo un vero spettacolo da mostrare al pubblico”. Nuovi professionisti della battuta andranno ad aggiungersi ai talenti toscani? Sicuramente questo è il primo e più importante step, quello che aiuta a capire se nel proprio futuro possa esserci o meno il palcoscenico. “Mi piacerebbe che la Antonio de Curtis fosse una vera e propria fucina - conclude Andrea Muzzi - un primo passo seguito poi da un secondo e un terzo, in modo da far crescere sempre più la cultura del divertimento”. Info: info@andreamuzzi.it o 347.7211571.

andrea muZZi

Dalla teoria alla pratica passando per alcune pietre miliari della difficile arte del far sorridere: scattano le lezioni rivolte a tutti coloro che vogliono mettersi alla prova. E alla fine si terrà un vero spettacolo

LA MOStRA/1. È curata da Christophe Berthoud, che ha attinto dagli archivi

Italo Calvino negli scatti degli Alinari L

e fotografie di Alinari e le fantasie di Italo Calvino si incontrano in una mostra. In occasione del 160° anniversario della Fratelli Alinari, i Rencontres d’Arles e la Fondazione Alinari rendono omaggio alla sua storia con un’esposizione che unisce letteratura e fotografia, “Gli archivi Alinari e la sintassi del mondo. Omaggio a Italo Calvino”. Presentata lo scorso luglio a Les Rencontres d’Arles 2012 nella particolare cornice del Chiostro di Saint-Trophime, la mostra è curata da Christophe Berthoud che, ispirandosi dall’opera di uno dei più grandi narratori del Novecento, Italo Calvino, ha attinto e utilizzato gli archivi Alinari come un inesauribile giacimento di storie e immaginari.

All’interno della mostra, richiamando il dispositivo combinatorio che Calvino propone nella sua raccolta di racconti “Il castello dei destini incrociati”, Berthoud rende giustizia all’enorme ricchezza degli archivi Alinari e al loro aspetto caleidoscopico, mostrandone la varietà di temi e generi fotografici che raccontano l’arte, la società e i costumi italiani tra la fine dell’Ottocento e il primo quarto del Novecento. Nella mostra presentata al Mnaf e dedicata alla storia della Fratelli Alinari, il gioco di Calvino si protrae nello spazio dell’esposizione. Servendosi di un sistema combinatorio ispirato a quello di Calvino, Berthoud ha proceduto in parallelo leggendo i racconti dell’autore e selezionando

le immagini dagli archivi Alinari. Interpretando la regola di Calvino, il curatore affianca le fotografie Alinari ai tarocchi marsigliesi utilizzandole, come fanno i viaggiatori di Calvino, per raccontare di volta in volta nuove storie, non scritte, attraverso meccanismi sempre diversi. Sulle pareti della mostra, scrive Berthoud “le fotografie si ordinano secondo un sistema di parole chiave e si sostituiscono alla narrazione letteraria. Il risultato può apparire come un rebus, addirittura come uno storyboard, senza essere veramente assimilabile a nessuna di queste due forme. È un’illustrazione senza testo, l’eco fotografica di un racconto ispirato anch’esso /B.B. da emblemi”. Fino al 6 gennaio.

LA MOStRA/2. “Plus ultra” è organizzata dalla California University insieme a Oda e all’associazione Colori del levante fiorentino

Vespucci e gli altri viaggiatori, dalla West Coast a qua S

i chiama “Plus Ultra, i grandi viaggi” ed è una speciale mostra pittorica che dal 22 al 25 novembre sarà ospitata dalla California University, nella sua bella sede di via Leopardi 12, per celebrare l’anno Vespucciano nel 500esimo anniversario dalla morte dell’esploratore. L’esposizione, organizzata dalla scuola in collaborazione con la Fondazione Opera Diocesana di Assistenza e l’associazione di pittori “Colori del Levante Fiorentino”, ha più di una particolarità. In mostra infatti ci saranno una cinquantina di opere realizzate da artisti diversi: sia dagli studenti del corso di laurea in arte della scuola, sia dai pittori dell’associazione “Colori del Levante Fiorentino”. Alcuni di questi artisti sono disabili, ospiti del centro riabilitativo di Diacceto gestito dalla Fondazione Oda. Da tempo questi pittori speciali sono soci dei Colori del Levante Fiorentino, e questa è la seconda esposizione organizzata

uno dei pittori al lavoro

insieme all’associazione che riunisce artisti della Valdisieve. Tema dell’esposizione sarà il viaggio e il legame tra Firenze (patria natale di Amerigo Vespucci) e gli Stati Uniti, con un focus su ciò che unisce le due realtà, ma anche su ciò che va oltre: da qui il titolo, “Plus ultra”. Per l’occasione, direttamente dalla California, arriveranno anche opere realizzate da pittori autistici californiani. L’inaugurazione si terrà giovedì 22 novembre (il giorno del Ringraziamento per gli americani) alle 17, alla presenza dell’arcivescovo di Firenze, monsignor Giuseppe Betori, e dei rappresentanti dei moltissimi enti che hanno dato il loro patrocinio. L’esposizione sarà poi visitabile fino al 25 con orario 10-13 e 15-17 il venerdì e il sabato, 1013 la domenica. L’ingresso è rigorosamente libero. Per tutte le info: www.odadiaccetoragazzi.it, www.coloridellevantefiorentino.it, /B.S. www.csufirenze.it.


segnalazioni a redazione@ilreporter.it

L’APPUNtAMeNtO/1 Shopping delle grandi firme

Palazzo Borghese “boutique” per Ant

Concerti Biagio Antonacci 10 novembre Mandela forum Il cantante pop, che quest’estate ha imperversato nelle radio del bel paese con il suo ultimo tormentone, torna a Firenze per un maxi concerto al Nelson Mandela Forum. Lo spettacolo, che ha registrato quasi ovunque il tutto esaurito, ha già imposto il raddoppio di alcune tappe. Malika Ayane 14 novembre teatro Verdi

V

enerdì 23, sabato 24 e domenica 25 novembre il Palazzo Borghese di via Ghibellina 110 a Firenze (orario continuato 10-19) si trasformerà in una grande boutique in cui saranno esposti e offerti al pubblico articoli di abbigliamento, accessori e pelletteria messi a disposizione da oltre 90 aziende del settore moda a favore della Fondazione Ant. Tra i prestigiosi marchi presenti Salvatore Ferragamo, Roberto Cavalli, Bulgari, Braccialini, Patrizia Pepe, Gianfranco Lotti, Nannini, Roberto Collina, Mont Blanc e tanti altri. Lo “Shopping delle Grandi Firme”, giunto alla sua IX edizione, si svolgerà in una location storica e di grande prestigio come il palazzo Borghese-Aldobrandini, per permettere ai tanti oggetti di valore, donati dalle migliori griffe della moda, di avere la giusta visibilità e un’adeguata esposizione. Tutti i fondi raccolti saranno destinati a sostenere il servizio di assistenza socio-sanitaria domiciliare oncologica che Ant offre gratuitamente ai sofferenti di tumore e alle loro famiglie a Firenze, Prato e Pistoia, e i progetti di prevenzione portati /C.G. avanti dalla fondazione.

1245964

Malika Ayane salirà questa volta sul palcoscenico del Teatro Verdi, per dare il via ad una nuova emozionante stagione a base di musica. Sarà accompagnata sul palco dai suoi musicisti: Leif Searcy alla batteria; Marco Mariniello al basso; Stefano Brandoni alla chitarra; Carlo Gaudiello al pianoforte; Giulia Monti al violoncello; Daniele Parziani al violino. A loro si aggiungeranno tre fiati e una viola. giovanni Allevi 15 novembre teatro Verdi L’enfant prodige del pianoforte, al quale va riconosciuto il merito di aver riavvicinato la gente alla musica strumentale, torna ancora a Firenze, città che molte soddisfazioni ha già dato al compositore e concertista. Già in confidenza con il Teatro Verdi, Allevi arriva in città per esibirsi insieme all’orchestra del

teatro Carlo Felice di Genova per regalare nuove emozioni al suo pubblico. Paolo Conte 16 e 17 novembre teatro Verdi L’ultimo lavoro discografico di Paolo Conte é Gong-Oh, il disco è una raccolta di 19 brani che ripercorrono i oltre trent’anni di carriera di uno dei più grandi autori del nostro tempo. Canzoni del calibro di Sotto le Stelle del jazz, Alle prese con un verde milonga, Novecento, Gli Impermeabili, Epoca. Un viaggio a ritroso nell’universo poetico di un artista in grado di appassionare le platee di tutto il mondo grazie ad uno stile originale ed eclettico. Pooh 19 novembre teatro Verdi I Pooh saranno in concerto sul palco fiorentino per la prima volta accompagnati dalla Ensemble Symphony Orchestra, diretta dal maestro Giacomo Loprien. Disney on Ice Dal 22 al 24 novembre Nelson Mandela forum Sta per arrivare anche in Italia “Disney On Ice, Facciamo Festa!”, la nuova produzione sul ghiaccio di “Feld Entertainment”, presentata in Italia da “Applauso”, con tantissimi personaggi Disney, oltre 50. A cominciare da Topolino per arrivare a Buzz Lightyear, che celebreranno le festività di tutte le parti del mondo.

L’APPUNtAMeNtO/2 Solidarietà all’Obihall

Il mercato di Natale della Croce Rossa

T

orna il tradizionale Mercato di Natale al teatro Obihall, curato dalla componente femminile della Croce Rossa di Firenze. Un’occasione per trovare oggetti esclusivi, preziosi o rari e, nello stesso tempo, per contribuire all’assistenza di chi ha bisogno, partecipando così attivamente al sostegno sociale della propria città. Come ogni anno il mercatino dura tre giorni, dal 30 novembre al 2 dicembre (30 novembre dalle 15.30 alle 19 - 1° e 2 dicembre dalle 10.30 alle 19) e ha l’obiettivo di coinvolgere quanta più gente possibile. Dai curiosi in cerca di qualche cadeau per Natale agli appassionati di vintage, che si ritrovano di anno in anno per cercare oggetti particolari, vecchi vestiti e accessori venuti fuori dall’armadio della nonna che oggi sono tornati prepotentemente di tendenza. Allo stesso tempo, è molto forte la componente solidale, che spinge molti dei partecipanti a fare acquisti, anche piccoli e simbolici. Tutto il ricavato verrà infatti devoluto alla Croce Rossa e verrà utilizzato per le attività dell’associazione. Ingresso: 5 euro. /C.G.


lettere

Inviaci le tue lettere a

redazione@ ilreporter.it

Lettere e segnalazioni: tutto su www.ilreporter.it Lettere, segnalazioni, proposte, ma anche veri e propri articoli scritti dai lettori. Tutto questo ed altro ancora sul portale www.ilreporter.it. Tutte le lettere che non trovano spazio in queste pagine saranno pubblicate sul sito. E poi spazio ai commenti e alle vostre opinioni

via gioberti e lo “sPettaColo” del ParCHeggio Abito nelle vicinanze di via Gioberti e spesso mi capita di doverci passare in bicicletta. Ogni volta resto allibito dallo spettacolo di inaudita cafonaggine rappresentato dalle numerose automobili parcheggiate a cavallo dello stretto marciapiede, che quasi impediscono il passaggio dei pedoni e rendono molto pericoloso quello delle bici, costrette a compiere vere e proprie evoluzioni in uno spazio occupato dalle auto in transito nella via con il rischio di cadere o di essere urtato. Il tratto in cui la situazione è particolarmente evidente è quello iniziale, verso piazza Alberti, dove la scuola San Giuseppe, la chiesa dei salesiani e qualche ristorante richiamano un gran numero di persone evidentemente poco disposte ad un piccolo sforzo aggiuntivo per raggiungere le proprie destinazioni (nella piazza esiste un enorme parcheggio sempre libero). Credo che per la maggior parte non si tratti di persone anziane con problemi di mobilità, ma semplicemente di persone pigre (e, me lo si lasci dire, anche parecchio arroganti) che non si fanno troppi scrupoli a danneggiare il prossimo se questo può evitargli la fatica di camminare dieci metri in più. Spero che l’amministrazione si convinca ad installare le balaustre dissuasive già presenti nel tratto successivo della via, che purtroppo - in mancanza del necessario senso civico - rappresentano l’unico mezzo per evitare questo tipo di comportamenti. Cordiali saluti. Valerio Parmigiani stazione di CamPo di marte, “PiÙ Controlli e QualCHe idea” Vorrei tornare sul problema della stazione di Campo di Marte. La Stazione si trova in prossimità di un quartiere residenziale di Firenze e separa in maniera traumatica due zone (la zona di viale Mazzini e la zona dello stadio) che, se collegate, potrebbero dare nuova linfa alla zona. Otre a questo aspetto la stazione, così come oggi si presenta, è fonte di degrado più volte denunciato dal sottoscritto (rumore, traffico, sporcizia, senso di abbandono ecc.) che male si sposano con le caratteristiche del quartiere. Detto questo oltre a richiedere un controllo più continuo e serrato per ridurre la situazione di degrado di cui sopra elenco sotto alcune tipologie di interventi che potrebbero essere a mio avviso utili: Copertura della stazione nel tratto di sosta dei treni (spesso il rumore dei treni in sosta specialmente di notte è insopportabile, la mattina si sentono addirittura gli annunci dei treni in arrivo e in partenza con la raccomandazione di allontanarsi dalla linea gialla etc..).

29 Allungamento del sottopasso dal quale si accede ai binari fino a via Campo d’Arrigo in modo da poter avere accesso alla stazione anche da quella parte e conseguente realizzazione di un parcheggio in quella zona (mi sembra che di spazio ce ne sia a iosa). Parziale demolizione delle strutture fra via Varchi e viale Mazzini in modo da poter avere in quella zona uno spazio per la sosta dei taxi e degli autobus in modo da decongestionare quel tratto di strada (e quindi avere due uscite dalla stazione: per i privati via Campo d’Arrigo con il posteggio e per taxi e mezzi pubblici via Mannelli). Idee folli e irrealizzabili? Forse, ma certamente un maggiore interesse da parte dell’Amministrazione Pubblica sarebbe auspicabile. Francesco Casalotti traffiCo e viabilitÀ in via Ponte di mezzo e dintorni Buongiorno, scrivo per segnalare come la Vs. risposta alla lettera del sig. Corgiolu riguardo la segnalazione di pericolosità della nuova fermata bus e pensilina in via Ponte di Mezzo, sembra una risposta di facciata, perché purtroppo il cittadino “sentinella” nessuno lo ascolta, il povero cittadino che cerca di convivere con i disagi causati dell’amministrazione, e il traffico veicolare con il suo inquinamento ambientale ne è una prova, non viene ascoltato ma anzi penalizzato; l’idea della nuova viabilità è stata studiata certamente solo a “tavolino”, le auto in arrivo da Viale Guidoni risultano ferme per molto tempo al semaforo in angolo con via Mariti adesso rosso per i veicoli che vogliono andare verso il centro città o svoltare a destra appunto su via Mariti, l’attraversamento pedonale risulta incomprensibile in quanto rosso per lungo tempo, il tutto solo per far girare delle fantomatiche auto dalla corsia Ponte di Mezzo direzione Carlo del Prete su via Mariti, sono stati tolti i parcheggi davanti alla farmacia, consentendo ai poveri clienti che pur si dovranno fermare da qualche parte, il parcheggio a cavallo del marciapiede, come contropartita non è stato fatto niente per evitare che le auto vengano parcheggiate in doppia fila sul lato dell’ex cinema Manzoni, dimenticavo la corsia per svoltare a destra verso p.zza Dalmazia è oltremodo larga, levando spazio alle corsie adiacenti in direzione contraria che non riescono ad assorbire il traffico veicolare fermato dal semaforo pedonale sul cavalcavia del Terzolle, non esiste segnaletica orizzontale o verticale che indichi alle auto di disporsi su più file, sono andato dai vigili urbani e ho segnalato tutto il disagio arrecato dalla nuova viabilità, hanno raccolto le mie esternazioni dicendomi che molti altri cittadini avevano fatto altrettanto, ma ad oggi chi si è inventato tutto questo si disinteressa se ci sono delle macchine parcheggiate con il motore acceso sotto casa di qualcuno, ma non è forse vietato sostare con l’auto a motore acceso in città? Cordiali saluti Carmelo Projetto Gentile signor Carmelo, le assicuro che la nostra non è stata una risposta di facciata, anzi: confermo che il ruolo di “sentinella” dei cittadini è molto importante, come tra l’altro dimostrato in passato da molte lettere che ci informavano che i casi segnalati sul nostro giornale sono poi stati risolti. Da parte sua ha fatto bene a evidenziare le criticità della zona: la speranza è che anche il suo calarsi nel ruolo di “sentinella” (cosa che ha fatto scrivendoci la sua lettera) possa portare buoni frutti. Ci tenga informati. M.F. le auto sul Ponte vesPuCCi Gentile Reporter, mi rivolgo a voi perché dopo aver inviato varie email alla segreteria del sindaco ed al reparto mobilità di Firenze, non sono riuscito ad avere una risposta soddisfacente alla mia domanda. Il motivo

invia la tua segnalazione alla nostra redazione redazione@ilreporter.it l’infinita “guerra” tra CiClisti e non Come tipicamente avviene in Italia in presenza di interessi soggettivi e collettivi ogni cittadino sceglie sempre per i primi. E’ inutile in modo ipocrita nascondere la mancanza di senso civico degli odierni fiorentini. Spesso è proprio l’ipocrisia che cela la verità anche nei media poiché è scomodo far sapere che il paese o la città non funziona, bisogna sempre simulare che tutto vada bene e sia risolvibile in un falso ottimismo che i fatti poi portano a smentire. Questa premessa serve per capire la triste vicenda che vede da anni il contrasto tra pro bicicletta e contro la bicicletta in Firenze. Coloro che non usano le biciclette vedono le medesime come un insieme di carcasse che rimangono per mesi nelle rastrelliere (e spesso ai pali sui marciapiedi) e che comunque concorrono a mantenere una città disordinata nonostante i tentativi del Comune di ripulire strade e rastrelliere non riuscendoci per vari motivi. Coloro che usano invece le biciclette vedono le medesime come salutari, indispensabili per la nostra viabilità, e sono sempre in contestazione per la mancanza di rastrelliere in città. Non voglio qui dare ragione ai primi o ai secondi ma evidenziare che se le cose vengono progettate bene e applicate con intelligenza possono funzionare dando soddisfazione a tutte le parti. Capisco che là dove manca l’efficienza di servizi o la carenza dei medesimi per vari motivi questo equilibrio salta. Quanto sopra deve farci riflettere sul fatto che il fine della risoluzione dei problemi della città serve non ad una delle parti sopra citate ma alla vivibilità ed al decoro di una città come la nostra già ampiamente ferita nella sua immagine negli ultimi dieci anni. Iniziamo ad emulare i nord europei ed ad applicare rigidamente le regole rispettando il prossimo in modo pragmatico e probabilmente potremmo ambire a tornare ad ottimi livelli in Europa. G.V.

Caro lettore, in effetti, per vari motivi, negli ultimi tempi ma non solo non sono mancati a Firenze i contrasti tra ciclisti e non. Una “guerra” (come abbiamo titolato, in modo volutamente provocatorio, la sua lettera) cui spesso abbiamo assistito anche attraverso le pagine di questo giornale tramite le lettere di voi lettori. Rigorosamente divisi, spesso e volentieri, tra difensori a oltranza della bicicletta e “accusatori” dell’uso a volte improprio delle due ruote. C’è così chi sostiene – e devo dire a ragione – che i mezzi a pedali siano sempre più importanti in una città alle prese (come del resto tutte le medie e grandi città) con problemi di traffico e inquinamento e che per questo meritino sempre più considerazione nelle scelte dell’amministrazione, e chi – magari pur riconoscendo questo ruolo alle bici – pone tuttavia l’attenzione sul fatto che taluni ciclisti, “coperti” dall’anonimato, ovvero dalla mancanza della targa, si rendano autori di comportamenti in grado di mettere potenzialmente in pericolo la sicurezza propria e altrui. Ma non voglio star qui a discutere di questo, pur rimarcando come tutti debbano rispettare le regole, anche quando i rischi di incappare in sanzioni non facendolo siano minimi: voglio invece sottolineare come sia auspicabile superare al più presto questa contrapposizione ciclisti-non ciclisti. Certo, la presenza di buoni servizi – in questo caso di un sistema efficiente di piste ciclabili e rastrelliere – può essere senz’altro in grado di favorire una convivenza più serena tra i cittadini, ma questi non dovrebbero comunque mai mancarsi di rispetto fra loro, in qualunque modo scelgano di muoversi. Perché spesso il comportamento sbagliato di qualcuno (pedone, ciclista o automobilista che sia) porta a estendere critiche e giudizi nei confronti dell’intera categoria. E questo non deve succedere. È giusto chiedere spazi e attenzione – a maggior ragione in questo caso, perché non è difficile capire come un incremento dell’utilizzo della bicicletta possa portare benefici a tutta la città – non lo è però “reagire” alla mancanza di spazi e servizi adeguati con comportamenti scorretti, ad esempio intralciando i marciapiedi con bici lasciate ovunque. Altrimenti questa insensata “guerra” cittadina rischia di non finire mai. Matteo Francini m.francini@ilreporter.it

è che sul ponte Vespucci sono anni che le macchine parcheggiate sia ai lati che nel centro sono oggetto di furti e danneggiamenti. Basta vedere i vetri delle auto frantumati sul marciapiede o sulla strada, ma la cosa più strana è che su questo ponte sono parcheggiate auto senza nessun permesso di zona. Cioè il ponte sembra zona franca. Ma a parte questo che mi sembra molto significativo, mi chiedo quanto sarebbe più bello se fosse proprio divieto di parcheggio anche perché in questo caso non porta nessun vantaggio agli abitanti del quartiere che sempre con più difficoltà riescono a trovare il parcheggio vicino alla loro abitazione o

parcheggiare in modo corretto per i pochi posti disponibili dato che questa zona è la più accessibile per chi viene da fuori. Inoltre mi sembra che questo sia l’unico ponte d’interesse che abbia il parcheggio. Premetto che anche io vivo in Oltrarno, ma mi rendo conto che la zona invece di essere valorizzata viene trattata come di terza categoria. Basta vedere i fondi stradali devastati dai pullman turistici a due piani che sono passati per mesi nelle strade strette dell’Oltrarno. Grazie per il vostro interessamento e spero proprio che qualcosa possa veramente migliorare. Gianni


30

annunci immobiliari

Novembre 2012

un aiuto prezioso a casa tua

le migliori offerte immobiliari: residenziali, commerciali, stagionali Per gli inserzionisti privati i costi di pubblicazione di un annuncio immobiliare sull’edizioni cartacee de Il Reporter è di:

30 per 1 mese 55 per 2 mesi 80 per 3 mesi

ROMITINO zona, in tranquilla strada privata interna, in palazzina anni ’60 di soli 4 appartamenti, al 1º piano, 2,5 vani di 65 mq luminosissimi da ristrutturare, composto da: ingresso, soggiorno con cucinotto indipendente, grande camera con balcone, ampio servizio e ripostiglio. (Classe energetica G) Richiesta 220.000 055 4684635 - 347 6590279 trattabili

3 VANI FIRENZE 1241717

1241718

POPPI, CAMALDOLI. per weekend soggiorni Poppi, Camaldoli. Si affitta Siperaffitta weekend o soggiornio di di breve/lunga durata casale indipendente immerso nel verbreve/lunga durata casale indipendente immerso nel verde de all’interno del Parco Nazionale del Casentino area all'interno del Parco Nazionale del Casentino con areacon giochi giochi per bambini e zona barbecue. per bambini e zona barbecue. IlIl casale compostodada camere o appartamenti con cucicasale èècomposto camere o appartamenti con cucina, na, ciascuno con bagno indipendente. Adatti per famiglie coppie, ciascuno con bagno indipendente. Adatti per coppie, famiglie o gruppi. Possibilità di usufruire di un ampio o gruppi. Possibilità di usufruire di un ampio salone di 90salone mq di mq con cucina grande attrezzata, grande caminostereo e impianto con90cucina attrezzata, camino e impianto adatto stereo adatto per feste o riunioni per feste o riunioni di vario genere.di vario genere. Si accettano accettano animali. Si animali.

055-602165 - 338-2536432 www.agriturismolacasabianca.com

Per informazioni telefonare al n.

VACANZE

848.80.88.68

o inviare e-mail a:

centralino@webandpress.it

PIAZZA DALMAZIA strada interna silenziosa

vendesi al piano terra 3 vani ristrutturato con 2 ingressi soggiorno angolo cottura camera matrimoniale bagno ripostiglio area tergale volendo camera singola termo singolo richiesta EURO 180.000 possibilità garage RIF A 308 BRUNI - IGO Immobiliare

1-2 VANI 1240636

055 419096 - 335 7363640 1241720

NAVE A ROVEZZANO in delizioso contesto nel verde con strada senza sfondo, appartamento 5 vani al primo piano di piccola palazzina, composto da: ingresso, cucina abitabile, soggiorno, divisione giorno/notte, 3 camere, doppi servizi (finestrati), ripostiglio, 2 balconi, termosingolo, garage, affacci nel verde, silenziosissima posizione, classe G nostra esclusiva EURO 450.000 RIF.R1/222

GAVINANA viale giannotti in ottimo palazzo

di 4 piani vendesi appartamento al primo piano di mq65 con ingresso soggiorno cucina abitabile 1 camera bagno finestrato termosing. richiesta EURO 225.000 RIF A 301

Peruzzi Immobiliare 055 6560386

BRUNI - IGO Immobiliare

1240637

055 419096 - 335 7363640

ANTELLA collinare porzione di colonica terratet-

to libera tre lati, con facciate in pietra facciavista, su tre livelli, giardino esclusivo di 220 mq, composta da ingresso indipendente, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere, doppi servizi, oltre taverna di 40 mq, 2 posti auto, nostra esclusiva, bellissima richiesta EURO 470.000 RIF.R3/36

Peruzzi Immobiliare 055.6560386

FIRENZE BAGNO A RIPOLI In ex-edificio d’epoca, delizioso appartamento con ingresso indipendente di mq. 55 composto da soggiorno, cucina, camera matrimoniale, bagno, soppalco, balcone e posto auto. Finiture da amatori ed accessori su misura compresi nel prezzo. Classe energetica g - epi >175 kwh/m2 anno. 235.000 055 630656 - 055 631781 ISOLOTTO via Signorini In strada tranquilla bilocale completamente ristrutturato, piano terra, 40 mq circa, composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, servizio, giardino 45 mq circa, aria condizionata. Rif. 256 185.000 tratt. www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 PONTE ROSSO Piazza della Libertà pressi - Di nuova costruzione bilocale indipendente ubicato in posizione interna e silenziosa, posto al piano terreno e composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale e bagno oltre piccolo ripostiglio sottotetto. Buone rifiniture, cotto in terra, infissi pregevoli. ottimo anche per investimento. Richiesta 187.000,00 055 4684635 - 347 6590279

BAGNO A RIPOLI appartamento composto da ingresso, salotto, cucina abitabile, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio e balcone. Termosingolo. Classe energetica g 225.000 055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI appartamento finemente ristrutturato, composto da soggiorno, cucinotto, camera matrimoniale, bagno e ripostiglio. Termosingolo. Classe energetica g - epi >175 kwh/m2 anno. 220.000,00 055 630656 - 055 631781 CANOVA (pressi (Villa Vogel) In interno tranquillo, appartamento tre vani,57 mq circa, piano primo con ascensore, ottimo stato, composto da soggiorno con angolo cottura, camera, cameretta, servizio con finestra, terrazza, due balconi, possibilità garage. Termosingolo. Affacci nel verde. Rif. 378 220.000 tratt www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 FIESOLE In piccola palazzina in buono stato, contesto molto tranquillo e silenzioso, appartamento di 3 vani 50 mq posto al primo piano e composto da ingresso, cucinotto, soggiorno, camera da letto, ripostiglio e bagno. Termosingolo. Contenute spese condominiali. (classe energetica G) Richiesta 220.000 055 4684635 - 347 6590279 FIRENZE Nel prestigioso complesso "ex manifattura Ginori" appartamentotrilocale composto soggiorno/cucina, due camere matrimoniali, ampio resedecircostante uso esclusivo, termosingolo, predisposizione ariacondizionata, tecnologie costruttive ultima generazione, classeenergetica Aprezzo: 290.000 055 2335596 LE TORRI (via Bezzuoli) Appartamento terzo piano con ascensore, buono stato, 65 mq circa, composto da ingresso, cucina abitabile, soggiorno, camera matrimoniale, servizio con finestra, ripostiglio, terrazza abitabile. Possibilità di realizzare terza camera. Posto auto di proprietà. Affacci interni nel verde. CL G. Rif. 306 210.000 tratt www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 NOVOLI vicinanza regione vendesi al 3 º ed ultimo piano no ascensore trilocale ristrutturato con zona giorno e camera matrimoniale e camera sing. Bagno no finestra termo sing. Aria condiz. Richiesta 183.000,00 rif a 303 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

PONTE A GREVE pressi Cinema multisala Appartamento ottimo stato, piano alto su due livelli, 3 vani, 65 mq circa, composto da soggiorno con cucinotto, due camere, doppi servizi, ripostiglio, due terrazze, cantina, garage di 25 mq circa. Rif. 375 248.000 tratt. www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 SESTO F.NO stupendo 3 vani immerso nel verde, due passi dal centro, soggiorno con angolo cottura, matrimoniale, singola, meravigliosaterrazza coperta, possibilità garage, classe A, unico nel ge055 2335596 nereprezzo: 320.000 SESTO F.NO Bellissimo appartamento di 3 vani in vendita compostosoggiorno/ cucina, due camere da letto, bagno, ripostiglio e resedeesclusivo, classe energetica Aprezzo: 290.000 055 2335596 SESTO F.NO due minuti dal centro ma immerso nel verde, bel trilocale di nuova costruzione, soggiorno/cucina, cameramatrimoniale, predisposizione aria condizionata e resede esclusivo. Nomediazione. Classe Aprezzo: 290.000 055 2335596 SESTO a due passi dal centro meraviglioso appartamento 68 mq. immerso nel verde soggiorno/cucina due camere da letto, bagno, ripostiglio, possibilità di garage. No mediazione, classe Aprezzo: 305.000 055 2335596 VALLINA appartamento 3 vani, 60mq, oltre soffitta di 40 mq ottimo stato. Composto da 2 camere, cucina-soggiorno con camino. Termosingolo. Classe energetica G in attesa certificazione 195.000,00 335 7678437 - 331 8532086 VIA DELLE PANCHE in buon palazzo di 3 piani vendesi al 2º piano termo sing. Appartamento di 90 mq totalmente ristrutturato su 2 livelli ingresso soggiorno angolo cottura bagno nel sottotetto abbiamo una camera con bagno richiesta 258.000,00 rif a 332 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

4 VANI FIRENZE 1241721

1241718

CAREGGI via del terzolle in contesto silenzioso

vendesi al pano medio appartamento di 4 vani ristrutturato totalmente oltre ca cantina carrabile per moto e bici termo sing. ascensore già deliberato ingresso sala con balcone cucina 2 camere richiesta EURO 265.000 TRATTABILI RIF A 406 BRUNI - IGO Immobiliare 055 419096 - 335 7363640 1241716

SOFFIANO in contesto verdeggiante vende-

si grazioso appartamento di mq 70 oltre a garage piano medio ingresso sala cucina abitabile grande ripostiglio bagno finestrato camera matrimoniale balcone possibilità camera sing. richiesta EURO 265.000 RIF A 401 BRUNI - IGO Immobiliare 055 419096 - 335 7363640 1241715

TOSCANINI VIA totalmente nel verde, vendesi appartamento di mq 95 al piano medio con ascensore perfettamente ristrutturato con garage in opzione .ingresso salone con terrazza cucina abitabile con terrazza bagno finestrato con vasca idromassaggio 2 camere matrimoniali ripostiglio richiesta EURO 360.000 RIF A 405

BRUNI - IGO Immobiliare

055 419096 - 335 7363640 1240639

GRASSINA appartamento in bella palazzina con giardino condominiale, composto da ampio ingresso, soggiorno, cucina abitabile, ben diviso giorno/notte con due camere matrimoniali, servizio, due balconi, ampio sottotetto, garage esclusivo, termosingolo ottime condizioni classe energetica “G”, EURO 310.000 RIF.R1/187

Peruzzi Immobiliare 055.6560386

LE BAGNESI SCANDICCI in villa vendesi porzione al piano terra quattro vani di mq 100 commerciali con 2 bagni ripostiglio giardino di mq 200 il tutto ristrutturato con ogni attenzione al risparmio energetico climatizzazione, allarme due posti auto proprieta’ totalmente nel verde recintata richiesta EURO 440.000 RIF A 428

BRUNI - IGO Immobiliare

055 419096 - 335 7363640 1241719

COVERCIANO pressi via Martini in buon palazzo anni al piano medio con ascensore vendesi appartamento di mq 75 vani 4 ingresso soggiorno cucina 2 camere ripostiglio bagno finestrato termo sing. impianti a norma aria condizionata ottimo stato RIF. A 409 BRUNI - IGO Immobiliare

055 419096 - 335 7363640

BROZZI al primo ed ultimo piano di antica casa contadina, appartamento composto da cucina abitabile, grande salone, camera matrimoniale, singola, ripostiglio, bagno, soffitta e terrazza abitabile. Possibilità di sfruttare le altezze con soppalchi. Classe energetica G in attesa di certificazione 249.000,00 335 7678437 - 331 8532086 CALDINE in strada silenziosa al piano terra con ingresso indipendente, delizioso appartamento completamente ristrutturato composto da salone con angolo cottura, camera matrimoniale, camera singola, bagno doppio con vasca e doccia, ripostiglio e garage. Classe energetica G in attesa certificazione Richiesta 270.000,00 335 7678437 - 331 8532086 CENTRO A pochi passi da Via Tornabuoni - Splendido appartamento signorile con accesso indipendente posto ad un primo piano e composto da ampio soggiorno-pranzo, disimpegno, cucinotto arredato, camera matrimoniale, ampia camera singola oltre bagno, ripostigli e piccolo terrazzino interno. Ottimo stato, buone rifiniture, cotto in terra, travi a vista, riscaldamento singolo, spese condominiali minime. Possibilità affitto posto auto nelle vicinanze. (Classe energetica G) Richiesta 435.000,00 055 4684635 - 347 6590279

CURE in piccola palazzina appartamento di 4 vani 75mq buone condizioni molto luminoso posto ad un secondo ed ultimo piano (possibilità ascensore già installato) e composto da ingresso, cucina semiabitabile, ampia sala, camera da letto matrimoniale, cameretta oltre bagno. Soffitta di proprietà con possibilità di ricavare ulteriori volumi e/o terrazzino. (Classe energetica G) Richiesta 290.000 055 4684635 - 347 6590279 EUROPA V.LE al primo piano, luminoso appartamento composto da cucina abitabile, salone, 2 camere matrimoniali, bagno e splendida terrazza abitabile di 140 mq possibilità di ricavare terza camera.classe energetica g >175 kwm in attesa attestato di certificazione 420.000,00 335 7678437 - 331 8532086 EUROPA VIALE al primo piano di bel palazzo appartamento con terrazza abitabile di oltre 140 mq. composto da ingresso, cucina abitabile, grande sala, 2 matrimoniale, oltre servizio Classe energetica G in attesa certificazione. Richiesta 420.000,00 335 7678437 - 331 8532086 FIRENZE pochi minuti dal centro meraviglioso appartamento4 vani nel verde, soggiorno doppio, matrimoniale, singola, doppi servizi, terrazza, resedecircostante, termosingolo, predisposizione a/c e garage, classe A, unicoprezzo: 375.000 055 2335596 ISOLOTTO (Signorini) Appartamento secondo piano con ascensore, 85 mq circa, ottimo stato, composto da cucina abitabile, soggiorno, due camere matrimoniali, servizio con finestra, ripostiglio, tre balconi, posto auto. Libero subito. CL G. Rif. 436 230.000 tratt. www.erminimmobi055 7877803 - 335 6416106 liare.it LE BAGNESI scandicci in villa vendesi porzione al piano terra quattro vani di mq 100 commerciali con 2 bagni ripostiglio giardino di mq 200 il tutto ristrutturato con ogni attenzione al risparmio energetico climatizzazione, allarme due posti auto proprietà totalmente nel verde recintata richiesta 440.000,00 rif a 428 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 S. BARTOLO A CINTOIA In interno tranquillo e silenzioso, appartamento piano terzo con ascensore, 90 mq circa, composto da ingresso, cucina abitabile, soggiorno, due camere matrimoniali, studio, servizio, due terrazze, cantina, posto auto. Ottimo stato. Rif. A491 295.000 tratt. www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 S. BARTOLO A CINTOIA In interno tranquillo, appartamento ottimo stato, secondo piano di tre con ascensore, 90 mq circa, composto da ingresso, ampio soggiorno con angolo cottura, vano pluriuso, due camere matrimoniali, doppi servizi, due balconi, terrazza abitabile. Cantina. Due posti auto. (Garage). Affacci nel verde. Ottime rifiniture. Rif. 472 315.000 tratt. www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 SAN GERVASIO zona - appartamento di 4 vani luminoso e ben ristrutturato di 85 mq circa, posto al 2º piano e composto da ampio soggiorno e cucina abitabile con piccolo balcone, disimpegno con buona divisione zona giorno/notte, grande bagno finestrato con vasca idromassaggio, 2 camere matrimoniali con parquet, ripostiglio. Termosingolo, aria condizionata, impianti a norma, infissi doppi e zanzariere.(Classe energetica G) Richiesta 315.000,00. 055 4684635 - 347 6590279 SESTO F.NO 4 vani, contesto unico, tecnologie costruttive di ultimagenerazione permettono una drastica riduzione dei costi. soggiorno, cucina, due camere, doppi servizi ascensore resede esclusivo, classe Aprezzo: 375.000 055 2335596 SESTO F.NO Appartamento bellissimo di 85 mq.a dotato di ogniconfort, soggiorno, cucina, camera matrimoniale, camerasingola, bagno, ripostiglio, predisposizione ariacondizionata, possibilita’ di garage, classe energetica Aprezzo: 395.000 055 2335596 SESTO F.NO bellissimo 4 vani di nuova costruzione contestoesclusivo, soggiorno, cucina, camera matrimoniale, camerasingola, ripostiglio, terrazza più possibilità di garage, predisposizionearia condizionata, classe energetica Aprezzo: 320.000 055 2335596 SOFFIANO in contesto verdeggiante vendesi grazioso appartamento di mq 70 oltre a garage piano medio ingresso sala cucina abitabile grande ripostiglio bagno finestrato camera matrimoniale balcone possibilità camera sing. Richiesta 265.000,00 rif a 401 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096


annunci immobiliari VALLINA Caratteristica porzione di colonica in pietra con ingresso indipendente.Composta da cucina, sala/soggiorno, camera matrimoniale, cameretta, 2 vani guardaroba, lavanderia, bagno. Completano la proprietà resede e grande giardino con alberi da frutto e ulivi. Ottime condizioni. Classe energetica G in attesa certificazione. Richiesta 320.000,00 335 7678437 - 331 8532086 VIA BARACCA A poca distanza da Piazza Puccini, in palazzo moderno, vendesi ottimo 4 vani di 120 mq con 3 ampi balconi e posto auto di proprietà. Posto al 5 piano con ascensore, luminosissimo con affacci liberi e completamente su giardini, è composto da ingresso, soggiorno con ampio balcone, cucina abitabile con balcone, 3 camere da letto matrimoniali, 2 servizi e ripostiglio. Riscaldamento centrale..(Classe energetica G) Richiesta 330.000,00 055 4684635 - 347 6590279

MUGELLO MONTE MORELLO Alle pendici immerso nel verde bellissimoappartamento soggiorno, cucina, matrimoniale, singola, bellissimo terrazzo coperto, predisposizione ariacondizionata, possibilità acquisto garage, classe energetica A.No mediazione.prezzo: 320.000 055 2335596

5 VANI FIRENZE 1241722

LORENZO IL MAGNIFICO vendesi attico di mq 100 da rimettere con terrazza di mq 150 no ascensore piano 2° ed ultimo cantina posto auto possibilità garage richiesta EURO 450.000,00 RIF A 535

BRUNI - IGO Immobiliare

055 419096 - 335 7363640 1240635

31 CANOVA interno (pressi Villa Vogel) In interno tranquillo, appartamento cinque vani, 120 mq circa, piano terzo con ascensore, composto da ingresso, soggiorno doppio con cucinotto, due camere matrimoniali, cameretta, doppi servizi, ripostiglio, terrazza abitabile, balcone, cantina, zona condominiale per parcheggiare. Affacci nel verde. Buonis320.000 tratt. simo stato. Rif. 596 www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 CENTRO SANT’AMBROGIO pressi - In buona palazzina appartamento ampio e luminoso in buono stato di manutenzione sito al primo piano con ascensore e composto da ampio ingresso, cucina-tinello con balcone tergale, soggiorno, disimpegno divisione giorno/notte, 2 camere matrimoniali, 1 cameretta singola e 2 servizi. (Classe energetica G) Richiesta 450.000,00 055 4684635 - 347 6590279 COVERCIANO Via Rondinella pressi - In palazzina anni ’60 Appartamento di 120mq oltre 25 di terrazza al piano e 2 balconi posto ad un terzo ed ultimo piano senza ascensore (possibilità di installazione nel palazzo) composto da: Ingresso, sala doppia, cucina-tinello, 3 camere matrimoniali, bagno, posto auto coperto condominiale. riscaldamento centralizzato. (Classe energetica G) Richiesta 320.000,00 055 4684635 - 347 6590279 LEGNAIA (via Giusto D’Andrea) Appartamento buono stato, 97 mq circa, piano quarto di cinque con ascensore, cinque vani, composto da ingresso, cucina abitabile, soggiorno, due camere matrimoniali, cameretta, doppi servizi, ripostiglio, due terrazze, cantina al piano terra, posto auto assegnato. Termosingolo. Rif. 597 295.000 tratt. www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 LORENZO IL MAGNIFICO vendesi attico di mq 100 da rimettere con terrazza di mq 150 no ascensore piano 2º ed ultimo cantina posto auto possibilità garage richiesta 450.000,00 rif a 535 Cell. 335 055 414545 - 055 419096 7363640 P.ZZA DALMAZIA in palazzina anni 60 appartamento di 100mq ca luminoso posto ad un 4 piano con ascensore e composto da ingresso, ampia cucina abitabile con balcone, sala, divisione giorno-notte, 2 camere matrimoniali, 1 cameretta, bagno e ripostiglio. Termocentrale. Libero, Da ristrutturare. (Classe energetica G) Richiesta 295.000 055 4684635 - 347 6590279 PARTERRE - Zona - In edificio anni 40 a pochi passi da piazza della Libertà in strada tranquilla e silenziosa, appartamento di 120 mq in buono stato posto al piano terreno e composto da ampio ingresso, soggiorno, cucinotto, 3 camere da letto matrimoniali, 3 servizi, piccola veranda e giardino di 50 mq oltre ampia cantina. (Classe energetica G) Richiesta 430.000,00 055 4684635 - 347 6590279

OLTRE 5 VANI ANTELLA (in paese) luminosissimo appartamento ultimo piano con ascensore, composto da: ingresso, soggiorno, cucina abitabile con ripostiglio, divisione giorno/notte 3 camere,doppi servizi, 2 balconi, posto auto coperto, 2 cantine, termosingolo, n.s. esclusiva, richiesta EURO 345.000 RIF.R1/146

BAGNO A RIPOLI In villa trifamiliare, appartamento con ingresso indipendente di mq. 140, libero su lati con ampia terrazza abitabile e giardino esclusivo. Posto auto. In corso di ristrutturazione. 600.000,00 055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI nel centro del paese in zona tranquilla, appartamento di mq.95 composto da cinque vani oltre doppi servizi, ripostiglio, terrazzi, cantina e garage. Termosingolo. Ottimo stato. Classe energetica g - epi > 175 kwh/m2 anno 440.000,00 055 630656 - 055 631781 CAMPO DI MARTE Attico - V.le Fanti - In palazzina residenziale di recente costruzione appartamento di pregio, molto luminoso e silenzioso, di 110 mq con 2 logge abitabili oltre 70 mq di terrazza panoramica sui tetti al livello superiore. Posto al secondo piano con ascensore, è composto da sala doppia, cucinotto, disimpegno divisione giorno/notte, 2 camere matrimoniali, 1 camera singola oltre ripostiglio e 2 servizi finestrati. Ottime rifiniture con parquet e infissi doppi, dotato di ogni comfort con aria condizionata, impianto di allarme, termocentralizzato. La terrazza è corredata di una struttura in legno perimetrale (marca Il Ceppo) con Pergotenda elettrico, bell’arredamento da esterni ed irrigazione automatica. 055 4684635 - 347 6590279

TERRATETTI FIRENZE COLONNATA ALTA in piccolo borgo storico immerso nel verde vendesi caratteristico terratetto libero su 3 lati di mq 170 calpestabili con travi a vista composto da cucina in muratura soggiorno di mq 35 con grande camino taverna a volte in pietra 3 camere 2 bagni resede esterno più giardino e terreno di 1500metri buone condizione rif to 107 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 ISOLOTTO (Palazzo Dei Diavoli) In interno tranquillo e silenzioso, terratetto con ingresso indipendente, composto da soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, studio, servizio con finestra, balcone, resede ad uso esclusivo in corte a comune con posto auto. Rif. T191 220.000 tratt www.erminimmobiliare.it 055 7877803 - 335 6416106 PIAZZA PUCCINI presso vendiamo terratetto di mq 400 libero su 4 lati con giardino esclusivo di mq 100 garage posti auto zona giorno piano terra 1 ºpiano 3 camere e bagni 2º piano mansarda adatto a studio professionale ottima immagine buono stato richiesta adeguata gia’ disponibile rif to 104 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

VILLE

E

VILLETTE FIRENZE

FIRENZE 1240638

Peruzzi Immobiliare 055.6560386

BAGNO A RIPOLI 2 km dalla piazza, al primo ed ultimo piano di piccolo terratetto, con ingresso indipendente, appartamento composto da cucina abitabile, ampia sala con camino, 3 camere, oltre soffitta e garage Classe energetica G in attesa certificazione. Richiesta 360.000,00 335 7678437 - 331 8532086

D’ANNUNZIO In bel villino bifamiliare dei primi ’900 appartamento al primo ed ultimo piano su 2 livelli di 150mq circa composto al primo livello da ampio ingresso, 4 locali con servizio e balcone, al piano mansardato 3 locali e veranda panoramica. Termosingolo. Da ristrutturare. Facilità di parcheggio.(Classe energetica G). Richiesta 490.000,00 trattabili 055 4684635 - 347 6590279 GAVINANA/GUALFREDOTTO in strada tranquilla, al primo ed ultimo piano di piccola palazzina,luminoso appartamento comosto da ampia cucina, sala pranzo, sala, 2 camere matrimoniali, 2 bagni, terrazza, ampia mansarda.classe energetica g in attesa certificazione 550.000,00 335 7678437 - 331 8532086 GAVINANA Europa / Firenze sud vendesi bell’appartamento piano primo ed ultimo di terratetto, composto da ampio ingresso, grande soggiorno con balcone, cucina abitabile e sala da pranzo collegato al soggiorno con un grande arco, tre camere, bagno grande, oltre ampia e luminosa mansarda con camino, studio, bagno. Termosingolo, cantina mq.14, classe energetica "G", libero subito. 520.000,00 335 7678437 - 331 8532086

BAGNO A RIPOLI (san donato) in borgo antico caratteristica porzione di colonica terratetto libera 3 lati per complessivi 175 mq, con giardino esclusivo di 350 mq; composta da: ingresso, doppio soggiorno con camino, cucina, 3 camere, doppi servizi, ripostigli, vano lavanderia, sottotetto ad uso ripostiglio, restauro conservativo dove risaltano splendide pietre risalenti alla costruzione, oggetto di vero sapore in un ambiente piacevole per vivere la campagna, n.s. esclusiva richiesta EURO 685.000 RIF.R3/28

Peruzzi Immobiliare 055.6560386

BAGNO A RIPOLI in complesso residenziale appartamento al secondo ed ultimo piano di mq.170 composto da ingresso, ampio soggiorno, cucina, tre camere, tre bagni, ripostiglio, lavanderia, ampia mansarda, terrazza abitabile e garage mq.25. Classe energetica g 545.000,00 055 630656 - 055 631781 CAMPO DI MARTE Via Lungo L’affrico Esclusiva - In piccola palazzina inizi 900, signorile e completamente rifatta, appartamento al primo piano nobile di 95 mq oltre balconi. Unico appartamento a piano composto da ingresso, cucinatinello, soggiorno, 2 camere da letto matrimoniali, 1 camera singola oltre piccolo studio e bagno. Altezze interne h. 3, 80. Medie condizioni generali. Termosingolo. No spese condominiali. Adatto anche a uffici o studi professionali. (Classe energetica G)Richiesta 400.000,00 trattabili 055 4684635 - 347 6590279 COVERCIANO in bella palazzina moderna, zona tranquilla e silenziosa, appartamento molto luminoso posto ad un secondo piano con ascensore e composto da ingresso, sala doppia con 2 balconi, cucina abitabile con balcone verandato, 2 camere matrimoniali, ampia camera singola oltre 2 servizi e ripostiglio. posto auto doppio scoperto. Termocentrale. (Classe energetica G) Richiesta 455.000 055 4684635 - 347 6590279

10 KM DA FIRENZE SUD nel verde, meravigliosa villa di nuova costruzione in classe A, libera su 4 lati con bellissimo giardino e piscina privata. Completano la proprietà sottotetto, garage e taverna. Possibilità di personalizzazione. Richiesta 670.000,00 335 7678437 - 331 8532086 BAGNO A RIPOLI - BIGALLO porzione immobiliare di mq.120 composta da salone, cucina, tre camere, servizi, oltre terrazza mq. 100. Completa la proprietà taverna con locali accessori finemente ristrutturati mq. 80. Terrreno mq.2.000. Classe energetica g - epi > 175 kwh/m2 anno 690.000,00 055 630656 - 055 631781 BELLOSGUARDO in contesto panoramico su firenze totalmente nel verde vendiamo (volendo compreso l’arredo in stile moderno) prestigioso appartamento in villa storica al piano secondo ed ultimo di mq 220 piu’ garage e cantina munito di ogni confort ampio ingresso salone doppio con camino 4 camere ripostiglio lavanderia 2 bagni giardino condominiale stato perfetto rif vo 101 Cell. 335 055 414545 - 055 419096 7363640 CALENZANO (centro) Villino in buon contesto vendesi mq 330 oltre a giardino di mq 450 l’immobile e’ libero su 4 lati articolato su 3 livelli vani totali 10 posti auto 3 loggia privata classe energetica g piano terra tavernetta con loggia camera bagno cucina soggiorno piano primo ingresso studio soggiorno doppio cucina abitabile bagno 2 camere matrimoniali ripostiglio pino 2º studio palestra studiolo rif vo 109 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 CERTOSA tavarnuzze vendiamo piano terra villino in bifamiliare mq 110vani 5 salone camino 3 camere cucina 2 bagni loggiato mq 30 giardino mq 160 garage mq 25 contesto panoramico nel verde silenzioso rif vo 117 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 COMPIOB BI/SIECI meravigliose porzione di villa storica del 1400, di 200 mq con ingresso indipendente e giardino privato .salone con camino originale e soffitti a cassettone ( altezze 5mt), cucina abitabile con altro camino, sala pranzo, 3 camere, e 2 bagni.classe energetica g 335 7678437 - 331 8532086

IMPRUNETA LOC. COLLINE in splendida posizione collinare, villa toscana su due livelli di mq.300 oltre garage e accessori. Completa la proprietà un giardino recintato di mq.5000 con piscina e annesso terreno agricolo mq.7000. Da amatori. Classe energetica g - epi > 175 kwh/m2 055 630656 - 055 631781 anno IMPRUNETA pressi piazza tavarnuzze in contesto collinare antistante la certosa vendesi villa moderna di mq 520 libera su 4 lati su 2 livelli e giardino di mq 2000 volendo già predisposti 3 appartamenti indipendenti con proprie utenze e caldaie loggiati verande terrazze solarium posti auto camino tutta la villa è recintata stato generale ottimo particolari effetti architettonici rendono la villa unica e speciale rif vo 116 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 PIAZZALE MICHELANGELO Adiacenza in villa antica vendesi appartamento di mq 500 su 2 livelli libero su 3 lati resede antistante la cucina abitabile, giardino mq 110 e garage piano terra ingresso con corridoio museale di collegamento ai vari saloni studio sala pranzo cucina abitabile bagno 2 camini al piano superiore si accede con ampia scala di sobria architettura antica 4 camere matrimoniali e 3 bagni balconi con vista firenze cantina e vani tecnici rif vo 107 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 SAN DONATO IN COLLINA bella villa libera su 4 lati, circondata da 3000 mq di giardino composta da: ingresso, salone con camino, sala pranzo, cucina, 4 camere, 4 bagni, taverna, cantina, splendida loggia. A solo ma non isolata. Ideale per più nuclei familiari. Classe energetica "G" in attesa certificazione. Rif 115 Studio Dolfi Imm 850.000,00 335 7678437 - 331 8532086 SOFFIANO vendesi porzione di villa rinascimentale immersa nel verde zona collinare a 2 km dal duomo di firenze perfettamente ristrutturata con eleganti rifiniture cucina sala 3 camere 4 bagni in marmo di carrara giardino di 100 metri terrazza abitabile di mq 70 box cantina 4 posti auto già libera rif vo 118 Cell. 335 055 414545 - 055 419096 7363640 UGOLINO in villetta bifamiliare appartamento al piano terra, recentemente ristrutturato, composto da ingresso, soggiorno con camino, cucina abitabile, due camere matrimoniali, tre bagni, ripostiglio, taverna, vano guardaroba, cantina, giardino esclusivo mq.250 e posto auto. Ottimo. Classe energetica g - epi >175 kwh/m2 anno 550.000,00 055 630656 - 055 631781 VACCIANO in contesto signorile, porzione di villa quadrifamiliare con ingresso indipendente e bel giardino su 2 lati. Composta da 2 camere, 2 bagni, cucina abitabile oltre grande taverna. Garage, Posto Auto, Balcone, Termosingolo Classe energetica "G", indice di prestazione >175 kwh/mq annuo- dati in attesa di certificazione 475.000,00 335 7678437 - 331 8532086

ANTELLA porzione di colonica, composta da soggiorno con camino, sala pranzo, cucina /tinello , tre camere, tripli servizi, due ripostigli, lavanderia , posti auto e giardino esclusivo di mq.700. classe energetica gepi n.d. 690.000,00 055 630656 - 055 631781 BAGNO A RIPOLI nelle vicinanze, zona collinare nel verde, caratteristica porzione di colonica in pietra, tutta ristrutturata composta da cucina, sala/soggiorno, camera matrimoniale, 1 singola, stanza guardaroba, lavanderia, bagno, giardino di 600 mq con ulivi.classe energetica g >175 kwm in attesa attestato di certificazione 320.000,00 335 7678437 - 331 8532086 CERTOSA firenze contesto panoramico vendesi indipendente porzione di colonica ristrutturata libera su 3 lati con vialetto proprio parcheggio per 5 auto vani 6 su 2 livelli piano terra ingresso cucina tinello salotto bagno ripostiglio aia e giardino di 400 metri piano 1º 2 camere matrimoniali con cabina armadio e bagno finestrato dependance per ospiti con camera bagno e giardino di 1200 metri rif c 101 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

VALDISIEVE MOLINO DEL PIANO , in posizione panoramica, bellissima colonica in pietra, libera su 4 lati, circondata da terreno di proprietà. Composta da salone con camino, cucina abitabile, 4 camere, 2 bagni, cantine e stalle da recuperare.possibilità di divisione per più nuclei familiari .classe energetica g >175 kwm in attesa attestato di certificazione 600.000,00 335 7678437 - 331 8532086 MOLINO DEL PIANO Collinare, nel verde, splendido contesto ottima esposizione, meravigliosa colonica in pietra, libera su 4 lati con oltre 2000 mq di giardino con ulivi così composta: grande cucina, salone con camino, 3 camere, 2 bagni oltre grande cantina e stalle con possibilità di realizzare altra unità. Classe energetica "G" in attesa certificazione. Studio Dolfi Imm 600.000,00 335 7678437 - 331 8532086 LE QUERCI località (uscita prato ovest) Coloniche del 1.600 nella meravigliosa campagna toscana tra vivai e colline vendesi particolare porzione di colonica ristrutturata con stile conservativo ad altissimi livelli di qualità da 100/200 mq porticato giardino posti auto travi a vista cotto già pronti richiesta 2.300 al mq rif c 102 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

VALDISIEVE RUFINA in posizione soleggiata e silenziosa, stupenda villetta a schiera così composta, salone con camino, cucina abitabile e bagno a piano terra, primo piano tre grandi matrimoniali e un bagno, al piano superiore 1 matrimoniale, salotto 1 bagno, possibilità della quinta camera. Completano la proprietà garage - taverna di 70 mq., giardino con pozzo e 4 terrazze di cui una abitabile. Termosingolo; classe energetica "G", indice di prestazione>175kwh/mq annuo - dati in attesa di certificazione. 495.000,00 335 7678437 - 331 8532086 SIECI Deliziosa villetta terratetto libera su 3 lati di recente costruzione con bellissimo giardino di 800 mq. Ingresso, sala con camino, sala pranzo, cucina, 2 bagni, 3 camere. Vari accessori quali garage, cantinetta, lavanderia. Ottime finiture super accessoriata. Vicina ad ogni servizio. classe energetica "G" in attesa certificazione Richiesta 570.000,00 335 7678437 - 331 8532086

PISTOIA GORAIOLO Colline pistoiesi presentiamo porzione di villa indipendente di mq 120 in strada privata due ingressi giardino di mq 300 carrabile recintato terrazza abitabile mq 35 panoramica soggiorno cucina abitabile in muratura camino 2 camere matrimoniali ampio bagno finestrato camerina sottotetto ripostiglio cantina termosingolo legnaia stato ri180.000,00 rif gor. Cell. 335 chiesta 055 414545 - 055 419096 7363640

COLONICHE

E

TERRENI FIRENZE

ANTELLA collinare, porzione di colonica in pietra appena ristrutturata, libera su 3 lati con ingresso indipendente e giardino. Composta da cucina, salone, 2 camere, studio, grande taverna con ingresso separato. Possibilità di personalizzazione. Ottima esposizione, classe energetica G 620.000,00 335 7678437 - 331 8532086

IMMOBILI

COMMERCIALI VENDITA

UFFICI

E

NEGOZI

BECCARIA/OBERDAN in terratetto destinazione ufficio 8 vani, 190mq, Termosingolo Classe energetica "G", indice di prestazione >175 kwh/mq annuo- dati in attesa di certificazione 780.000,00 335 7678437 - 331 8532086

AFFITTI COMMERCIALI CAPANNONI ISOLOTTO versante zona ponte indiano affittasi capannone industriale artigianale di mq 1000 oltre piazzale di mq 500 altezze mt.6 adatto anche autorimessa rif 08 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096

FONDI

E

GARAGE

CENTRO STORICO pressi duomo affittasi fondo commerciale cat c1 adatto a tutte le attivita’ con 5 vetrine angolari mq 240 su 3 livelli doppio ingresso ascensore interno privato impianti a norma si richiedono garanzie reali rif ff 105 Cell. 335 055 414545 - 055 419096 7363640 FIRENZE SUD via lanza piazza alberti affittasi fondo commerciale c1 in ottimo stato mq 160 con due vetrine ampie impianti a norma già libero adatto anche per uffici rif ff 102 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096 ISOLOTTO affittasi fondo cat .c2 mq 350 oltre a piazzale esclusivo di mq 300 impianti a norma ambiente unico piu’ 5 uffici richiesta’ di affitto 1.300,00 mensili possibilità di vendita 360.000,00 rif ff 112 Cell. 335 7363640 055 414545 - 055 419096


UN NUOVO MODO DI ABITARE S E S T O F I O R E N T I N O - C I T TA D E LL A D I D O C C I A

Scegli la tua nuova casa nel nuovo complesso residenziale “Cittadella di Doccia”. Un ambiente tranquillo, una città nella città, caratterizzato da spazi verdi e tagliato su misura per la tua famiglia. In vendita appartamenti di vario taglio con caratteristiche uniche: Efficienza energetica: Tutti gli appartamenti sono realizzati in classe energetica A per uno sviluppo ecosostenibile, un basso impatto ambientale, uniti ad un consistente risparmio annuo. Qualità costruttiva: Il complesso è costruito con tecniche edilizie moderne e impreziosito impianti di qualità e finiture di pregio. Silenzio e tranquillità: Un ambiente ideale, privo di traffico con spazi verdi e vicino alla città e ai suoi servizi.

A partire da euro 290.000

PER INFORMAZIONI

055.23.35.596 ALADUE

Il Reporter Firenze - Quartiere 5  

Il Reporter Firenze - Quartiere 5

Advertisement