Issuu on Google+

www.ilreporter.it  il giornale del tuo quartiere

dott.

Gianluca Marini MEDICO CHIRURGO

In occasione del 20° anno di attività,sconto del 20% sulle prestazioni di conservativa per i lettori de Il Reporter che si presenteranno con la rivista Studio: via Spinello Aretino, 18 50134 Firenze Tel. 055 71.69.52 studio.gmarini@libero.it

Periodico d’informazione locale. Anno VIII n.14 del 3 Marzo 2014. N° reg 5579 del 17/05/2007 Tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 23957. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A.

Marzo 2014

Anno VIII Ed. 14

Firenze Quartiere 4

Il Reporter è distribuito da

Isolotto Legnaia Soffiano

 Ambiente

✎ Editoriale

rifiuti & Co, nel quartiere si ricicla così

giovanna e gli altri, le storie nascoste dietro ai numeri Matteo Francini

M

ai come in questo momento, forse, le vicende fiorentine si sono intrecciate con quelle nazionali e viceversa. La partenza per Roma di Matteo Renzi ha mescolato le carte in tavola in vista delle sempre più vicine elezioni amministrative. Elezioni che porteranno alla scelta del nuovo sindaco della città del giglio, che siederà sulla poltrona più alta di Palazzo Vecchio in un momento non certo facile.

Dove gettare cosa: una guida per non perdersi nell’universo della differenziata

☛ pagina 3

 Fiorentina

coppa italia, sfida per due

B

ig e baby viola, una coppa (Italia) per due. I ragazzi di Montella e quelli di Semplici volano in finale: la Primavera ha eliminato la Juventus, i “grandi” hanno fatto fuori l’Udinese.

☛ SEgUE a pagina 18

Il ritorno di Serra Yilmaz: “Vi racconto la mia Firenze” ☛ pagina 16

☛ SEgUE a pagina 21

viaggio nella città che (non) lavora Gianni Carpini - Elisabetta Pini

Q

ualcosa si muove. Sul fronte del lavoro, in Toscana sembrano intravedersi alcuni segnali di ripresa. Secondo l’ultimo rapporto di Ires, per la prima volta dopo quattordici trimestri si è ad esempio verificata una crescita occupazionale nel manifatturiero. “Ma è presto per parlare di ripresa”, sottolineano dalla Cgil. I dati, infatti, evidenziano una situazione ancora critica: l’anno scorso ha fatto segnare il record negativo per quanto riguarda le ore di cassa integrazione, e il tasso di disoccupazione resta elevato.

☛ SEgUE aLLE paginE 8-9

D’eugenio: “i miei dieci anni a villa vogel” ☛ pagina 2

all’isolotto, nella casa del conte mascetti Il personaggio interpretato da Ugo Tognazzi in “Amici miei” abitava in viale dei Pini.

☛ pagina 7

i musei tra cantieri e gioielli dimenticati A spasso fra i capolavori “nascosti”, mentre proseguono i lavori per Uffizi e Archeologico.

☛ paginE 10-11

le cascine diventano “capitale” della bici ☛ pagina 15


2 | Marzo 2014

Quartiere 4

#Primo piano

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 L’intervista

dieci anni a villa vogel, il bilancio di d’eugenio: “opere e verde, così è cambiato il quartiere”  Lavoro

contro la crisi, microcredito e aiuti

“I

l nostro è un quartiere composto da lavoratori. Abbiamo sentito la crisi, ma abbiamo retto questo impatto”. Dei dieci anni di D’Eugenio alla guida del Q4, sei sono stati passati nella morsa della crisi. “Ci sono indubbiamente sofferenze sociali – precisa – sono cresciuti gli impieghi precari e al nero, è aumentata la disoccupazione, ma abbiamo cercato di far fronte a questa situazione, grazie anche alla rete dell’associazionismo. Sono aumentati i punti per l’aiuto alimentare, il Fondo Essere è alla quinta linea di microcredito”. Infine una speranza: “Mi auguro che adesso ci sia l’avvio di una fase positiva”. G.C.

Gianni Carpini

O

re 18 del 26 luglio 2004. Giuseppe D’Eugenio ricorda come se fosse ieri il giorno in cui è arrivato alla presidenza del Quartiere 4. Dopo quasi dieci anni e due mandati a Villa Vogel, è tempo di bilanci. Presidente, come è cambiato il Q4 in un decennio? Non siamo più un quartiere giovane. Insieme al Q5, rimaniamo la zona di Firenze con il più basso tasso di invecchiamento, ma negli ultimi anni è aumentato anche qua il numero di anziani. Il 35% delle famiglie è formato da un solo componente, tra questi due terzi sono anziani soli. Così cresce la richiesta di servizi e assistenza. Parliamo di infrastrutture. Due le realizzazioni più grandi: tramvia e biblioteca, frutto del lavoro degli anni precedenti. Per il centro culturale ci fu detto che era un intervento sovradimensionato, oggi la biblioteca è fin troppo piccola per l’alto numero di utenti. Poi ci sono stati gli interventi di edilizia pubblica, soprattutto a San Lorenzo a Greve e in via Canova. Infine il verde pubblico: il Q4 conta più di 130 ettari, dieci anni fa erano 84. A proposito di tramvia: c’è stata la questione dei lunghi cantieri. Cinque anni e 72 giorni, per l’esattezza. Ho registrato una gran-

de pazienza da parte dei cittadini. Abbiamo penato tanto, ma ora abbiamo una struttura che funziona. Il 2007 è stato difficile: tutto l’asse tramviario era cantierizzato. Sono state necessarie pressioni anche da parte nostra. C’è stato un errore evidente: abbiamo sovrapposto i cantieri preparatori con la costruzione vera e propria della tramvia. Cosa resta da fare? Interventi strutturali e per il traffico. C’è il nodo di Ponte a Greve, quello dell’Indiano e il bypass di Ugnano (vedi pag.4, ndr). L’area di Torregalli necessita di una nuova viabilità: in questi anni è nata la Fondazione Don Gnocchi, è stato costruito il primo nuovo edificio dell’ospedale. Speriamo che presto sia realizzato il secondo. Vicino c’è l’ex caserma... L’ex Lupi di Toscana è l’altra sfida: 30mila metri quadrati, una potenzialità di 50mila, con ettari di verde interno. Infine i Quartieri: servono o sono da riformare? Se ne parla da 25 anni. Negli ultimi tempi sono stati depotenziati. Mi chiedo: serve in un contesto urbano la democrazia di vicinato o basta un ente centrale lontano dai cittadini? Secondo me, un’istituzione vicina alle persone è necessaria: detto questo, si può discutere su come strutturarla.

Il presidente Giuseppe D’Eugenio traccia un bilancio dei suoi dieci anni alla guida del Quartiere

 Web 

q4.comune.fi.it

Aumentato anche qua il numero di anziani: sempre più richieste di servizi e assistenza

 Focus

scuole, interventi in vista

R

idotte all’osso, le priorità sono una manciata: tra queste, però, c’è sempre la scuola. La giunta comunale, su proposta dell’assessore all’educazione Cristina Giachi, ha approvato un pacchetto di interventi per quasi due milioni e duecentomila euro. Serviranno a far partire i lavori in numerosi istituti cittadini, tra bagni da rifare, barriere architettoniche da abbattere e impianti elettrici da adeguare. Parte di questi fondi sono destinati alle scuole del Q4, alcune delle quali, secondo genitori e alunni, necessitano di interventi. La priorità, per madri e padri, è la sicurezza dei propri figli. Nella lista degli interventi prioritari sono stati stanziati 180mila euro per la riqualificazione della centrale termica dell’Ambrosoli (in via di Mantignano), mentre 147mila euro sono destinati ai lavori di manutenzione straordinaria della Bechi (via Bugiardini), dove saranno abbattute anche le barriere architettoniche. Altri fondi saranno poi destinati all’adeguamento alla normativa antincendio di molte strutture, e alla messa a norma dei centri cottura. “Buona parte di questi lavori – ha spiegato Giachi – sono stati finanziati con il piano delle alienazioni. La nostra scelta è quella di continuare a impegnare risorse sulla scuola, ovvero sul futuro dei nostri giovani. È, inoltre, un bel modo per creare economia, provvedendo a molti interventi piccoli e medi sulle strutture che ospitano i nostri bambini. Esempio di una comunità cittadina – ha concluso l’assessore – che investe su se stessa e sul proprio futuro”. F.C.

LA BOTTEGA DEL CUCITO SARTORIA UOMO-DONNA

AL CAMBIO STAGIONE, CHE TRAGEDIA!

Tutto ci sembra fuori moda, troppo lungo, troppo largo, giacche con spalloni. Mamma mia come farò? Niente panico, la Bottega del cucito è a tua disposizione per sistemare tutto. Hai dei pantaloni belli ma fuori moda perché troppo larghi nel gambule? La tua giacca preferita ha le spalle troppo grandi, ma il tessuto è favoloso? Oppure jeans bellissimi ma completamente usurati? Non c’è problema, porta tutto a La bottega del cucito, dove troveremo Per la tua pubblicità su il Reporter chiama il numero 055 6585939 oppure invia una mail a info@edizionibunker.it

insieme una soluzione! SE POI HAI PROBLEMI NEL TROVARE CAPI CHE VESTONO BENE LA TUA PERSONALITÀ, VIENI A LA BOTTEGA DEL CUCITO, DOVE POTRAI FARTI UN CAPO ADATTO ALLE TUE ESIGENZE.

CORSI DI CUCITO

ORLI RIPARAZIONI VARIE CAMBIO CERNIERA su piumini, gonne... CAMBIO FODERA su cappotti, giacche... TENDE RAMMAGLI RIPARAZIONE CAPI IN PELLE CAPI SU MISURA uomo - donna CIFRE RICAMATE SU CAMICIE

Via D. da Buoninsegna 8 - Firenze - Tel: 055 5383019 Cell: 338 3950976 www.labottegadelcucitofirenze.it Dal lun. al ven. Mattina 9:00-13:30 Pomeriggio 15:30-19:00


Quartiere 4

#Primo piano

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Ambiente

la percentuale di differenziata nel Q4

ecotappe dove portare i rifiuti speciali

Luca Squarcialupi

U

Le ecotappe

Sono i punti di raccolta ospitati all’interno delle sedi di associazioni, enti e scuole, dove i cittadini (ma non le imprese) portano pile esauste, medicine scadute (che si possono gettare anche nei contenitori collocati in tutte le farmacie comunali), bombolette spray, toner di fax e stampanti e piccoli elettrodomestici fuori uso (ferri da stiro, tostapane, cellulari

Rifiuti al mercato

C’è poi chi ricicla al mercato. In piazza dell’Isolotto, una volta a settimana, arriva l’Ecofurgone di Quadrifoglio: si ferma ogni venerdì dalle 9 alle 12 e raccoglie piccoli elettrodomestici, pile, farmaci, bombolette spray, toner, neon, barattoli per bricolage e pure l’olio di cucina. Sì, anche l’olio usato sulle nostre tavole danneggia l’ambiente (vedi articolo a fianco). E a chi non pesa fare due passi in più, è possibile saltare al di là della passerella: il camioncino fa tappa anche al mercato delle Cascine, ogni martedì dalle 9 alle 12.

L’Ecofurgone di Quadrifoglio si ferma in piazza dell’Isolotto una volta a settimana. Per smaltire correttamente i rifiuti ci sono anche sei “ecotappe”

quando i rifiuti vanno sotto chiave

R

6

Dalle pile ai toner, una “mappa” per sapere cosa farne

e simili). Nel Q4 ne esistono sei: tre scuole (Montagnola, Ambrosoli in via di Mantignano e la Don Milani in zona San Lorenzo a Greve), la sede del Quartiere (Villa Vogel), l’ospedale di Torregalli e la sede di Quadrifoglio (in via Bibbiena, tra via Baccio da Montelupo e viale Etruria). In quest’ultimo caso è possibile smaltire anche le lampade al neon e i barattoli per il bricolage.

 Differenziata

50%

E questo dove lo butto? guida al rione che ricicla

n quartiere “riciclone”, uno tra i più virtuosi di Firenze. Dalle nostre parti la metà dei rifiuti viene differenziata. Ma non tutta l’immondizia è uguale: c’è quella che finisce dritta nei cassonetti (marroni, gialli o celesti che siano) e ci sono gli scarti che hanno bisogno di qualche attenzione in più. Qualche esempio? Il toner della stampante si può buttare in ospedale, l’olio fritto al circolo o in parrocchia, il vecchio cellulare si getta al mercato. Per non perdersi nell’universo del riciclo, ecco una mappa per sapere dove andare e, soprattutto, cosa buttare.

Marzo 2014 | 3

21

contenitori per gli abiti usati

ifiuti sotto chiave: nel 2015 una nuova zona del Q4 avrà i contenitori hi-tech, che si aprono con una chiavetta elettronica consegnata a ogni famiglia. I cassonetti tecnologici sono arrivati per la prima volta nel 2011 a Pontignale, alle spalle di Sollicciano. I contenitori di carta, vetro e organico sono ad accesso libero. Sul coperchio del cassonetto dell’indifferenziato è invece sistemata una calotta di acciaio dove inserire il sacchetto, aperta solo dal badge. Il trucco è nelle dimensioni ridotte di questo vano, che incentiva la differenziata, che nelle zone “a chiavetta” arriva al 74%, contro il 49 delle altre aree. G.C.

Cambio d’abito

Per ciò che esce dal nostro guardaroba ci sono invece i contenitori gialli della Caritas, del progetto “Ri-vesti”, per recuperare gli abiti usati. Nel quartiere 4 ne sono distribuiti ventuno. Attenzione, però, ai “bidoni-patacca”: tempo fa comparvero anche all’Isolotto alcuni contenitori molto simili, ma che niente avevano a che fare con la beneficenza. Per evitare “sole”, basta accertarsi che il contenitore giallo riporti le scritte “Caritas Diocesana di Firenze” e “Cooperativa di San Martino”.

 Web 

quadrifoglio.org

 Olio

si estende il sistema delle casette “olly”

D

i semi o d’oliva, l’olio usato in cucina inquina. I depuratori idrici faticano a filtralo e se è fritto è ancora più “cattivo”. Per essere “eco”, gli oli alimentari vanno raccolti in un contenitore e consegnati in punti specifici. Davanti alla Coop di Ponte a Greve dal 2011 è attiva la casetta self service “Olly”, per trasformare l’olio in biodiesel. Sono diecimila le famiglie che usano i bidoncini gialli: li riempiono e li riconsegnano gratuitamente nel box davanti alle “torri” del centro commerciale. Ogni mese arrivano quattromila chili di olio. La novità è il badge che apre le porte dell’oil-box di viale Nenni. Per ricevere la tessera è possibile rivolgersi ai Gocciolini, il personale di Olly presente al centro commerciale ogni martedì. Il sistema delle casette Olly sarà esteso nei prossimi mesi anche ai vecchi punti di raccolta olio. Ecco dove sono: circoli Concordia, Le Torri, San Quirico, San Bartolo a Cintola e Mantignano; parrocchie di Santa Maria al Pignone e Sant’Angelo a Legnaia; centro Container di via del Chiuso; Montagnola; sedi di Quartiere 4 e Quadrifoglio.

La casetta self service “Olly” posizionata davanti alla Coop di Ponte a Greve

Problemi degli adolescenti Mediazione familiare per genitori in separazione Consulenza pedagogica per i minori L’intervento di natura pedagogica incita i ragazzi al ragionamento aiutandoli a risolvere le problematiche esistenti. Il pedagogista guida e sostiene l’adolescente nel cammino di scoperta delle sue emozioni, sentimenti e pensieri, che spesso sono confusi e portano i figli ad assumere comportamenti scorretti ed inadeguati (alcuni esempi: introversione, disinteresse per la scuola, difficoltà relazionali, mancato dialogo con i genitori, iperattività,ansia, problemi dovuti a periodi delicati di un genitore, ecc…). Aiuta ad una maggiore conoscenza di sé e al rafforzamento del carattere in formazione. Lo accompagna nelle scelte necessarie per arrivare ad un adeguato comportamento, rispettando la personalità del soggetto. Mediazione Familiare. Fornisce sostegno emotivo, psicologico ed organizzativo, mirando alla tutela dei figli. Si snoda in un percorso di accompagnamento in cui, grazie ai colloqui con il mediatore, viene offerta la possibilità ai coniugi di gestire il processo di separazione trovando soluzioni accettate e condivise da entrambe le parti. Alla coppia o al singolo genitore, vengono date concrete indicazioni sui corretti passaggi da attuare per giungere alla separazione, prevenendo comportamenti inadeguati e avendo come primo interesse la tutela del minore.

Studio Dott.ssa Linda Gori via Burchiello, 87 firenze www.lindagori.it Tel. 3472974420

Iscrizione Albo Pedagogisti ANPE Regione Toscana n. R0269 Consulente tecnico per il Tribunale di Firenze n.7288


Quartiere 4

#Zoom

4 | Marzo 2014

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Viabilità/1

 Viabilità/2

ugnano e mantignano attendono il bypass

le altre opere “anti-traffico”

I lavori previsti entro l’autunno: “Speriamo che partano presto” Luca Squarcialupi

O

re 16.30, scuola Ambrosoli. Suona la campanella. Tutti fuori, zaino in spalla. Un lungo serpentone di bimbi e genitori si muove lungo le vie di Ugnano. È un pomeriggio soleggiato e i punti di ritrovo del borgo a ovest del ponte all’Indiano si animano. I bambini corrono nei giardini, gli adulti scambiano due parole. L’edicola è presa d’assalto. Basta entrare e pronunciare la parola “bypass” per scatenare il dibattito. “Lo stiamo aspettando da anni: con le forti piogge

di questo inverno le vie spesso si sono allagate”, racconta Rossella. “Sarebbe una cosa positiva, speriamo che i lavori partano presto”, aggiungono i negozianti. A Ugnano e nella vicina Mantignano il bypass, quasi due chilometri di asfalto che devieranno il traffico fuori dai centri urbani, a molti sembra un miraggio. Se ne parla dalla fine degli anni Novanta, dopo che Autostrade si è impegnata a finanziarlo. I cittadini sembrano ormai abituati a una lunga attesa. Ora, però, il primo (vero) passo c’è stato. È arrivato

Un passaggio pedonale a Ugnano: i cittadini attendono la realizzazione del bypass per liberare i centri abitati dal traffico

il bando per selezionare l’impresa che creerà la nuova viabilità: sul piatto ci sono 3,2 milioni di euro. “Queste sono le stesse strade un tempo percorse dai contadini con i barrocci”, osserva Roberto, che per sette anni ha fatto la spola tra Coverciano e Ugnano per portare il nipotino nel plesso scolastico. Ora si è trasferito qua. “Non sono vie pensate per le macchine, in alcuni punti due auto faticano a scambiarsi”, dice. “Negli ultimi trent’anni hanno costruito, i residenti si sono moltiplicati, ma le strade sono rimaste le stesse”, spiega Beatrice, a passeggio con il suo bimbo nei giardini pubblici. Basta percorrere duecento metri per arrivare sul “versante” di Mantignano. Le due frazioni sono praticamente attaccate. Intorno campi e case basse, in lontananza i piloni rossi del viadotto. “Ah, parla della famosa strada”, esclama Massimiliano da dietro il bancone del bar. Da trent’anni abita nella zona e da quindici aspetta il bypass. “È un’opera che risolverebbe molte cose. Nelle ore di punta il traffico in uscita dal paese si congestiona”. Il nuovo progetto prevede uno “stradone” a due corsie con limite a 50 chilometri orari. Partirà da una nuova rotonda all’incrocio tra le vie dei Pozzi di Mantignano e di Ugnano, schiverà il centro abitato di Ugnano snodandosi dove ora esistono solo campi, costeggerà Mantignano, salterà la Greve sul nuovo ponte e arriverà sotto l’Indiano. Tra le rampe del viadotto e il viuzzo dei Sarti sarà costruita una seconda rotonda. Se tutto procede secondo i piani, i cantieri partiranno entro l’autunno.

V

ia il “tappo” alla fine del ponte all’Indiano, niente imbuto al termine dello Stradone dell’ospedale e una via più larga per la scorciatoia di “Bibe”, con una rotondona finale senza più semaforo. La lista dei lavori anti-traffico è lunga. Le principali sfide riguardano le arterie in uscita dal quartiere, spesso intasate nelle ore di punta (viadotto dell’Indiano in direzione nord e via delle Bagnese in direzione sud), insieme all’asse Ponte a Greve-Torregalli. Se per la viabilità alternativa di Mantignano-Ugnano si vede una luce in fondo al tunnel, per questi progetti – nonostante la discussione sia aperta da decenni – bisognerà aspettare un po’ di più. Iniziamo dal viadotto dell’Indiano, “monco” dalla costruzione nella sua corsia finale, quella che arriva sulla sponda di Novoli. Il traffico in uscita dal Q4, lo sanno bene gli automobilisti, rimane bloccato al termine del ponte. Esiste un’idea di massima per concludere il moncone e collegarlo con la A11, ridisegnando lo svincolo. Lavori a carico di Autostrade, che per ora restano in stand by. Qualcosa si muove invece per lo Stradone dell’Ospedale, la via che parte dal centro commerciale di viale Nenni e si dirige verso Torregalli. Oggi il traffico finisce in un collo di bottiglia e viene deviato tra viuzze

Per lo Stradone dell’Ospedale, dove oggi il traffico finisce in un “imbuto”, qualcosa si muove

anguste e sensi unici. Il progetto per un mini-bypass c’è, i soldi pure, perché arrivano dalla prima tranche di trasferimenti per l’alta velocità. Il nuovo tracciato “sfiorerà” l’ex caserma dei Lupi di Toscana, con una strada costruita là dove adesso ci sono campi, arrivando davanti all’ospedale. I tempi? Bisognerà aspettare il prossimo mandato di Palazzo Vecchio. Intanto si lavora sul fronte “Bibe” e su via delle Bagnese, la scorciatoia utilizzata ogni giorno da centinaia di mezzi per “saltare” da Torregalli fino a via Senese, evitando il passaggio da viale Petrarca. In questi mesi si stanno definendo gli interventi per allargare la carreggiata fino a un’ampiezza di 8-9 metri, ma ancora mancano i soldi. Fondi che invece esistono per ridisegnare l’incrocio tra via delle Bagnese e via di Torregalli. Gli interventi, finanziati dall’ospedale Don Gnocchi, prevedono una rotonda al posto del semaforo, al confine con Scandicci. Cantieri alle porte? Ancora sembra di no: la “frenata” sarebbe dovuta a un contenzioso.

VIENI nel posto giusto Tutto per il cucito, il ricamo, il lavoro a maglia e l’uncinetto/Vasto assortimento di intimo: pigiami, vestaglie, tute casa-sport e maglieria/Costumi mare uomo-donna (anche taglie forti)

per vendere e comprare NOVOLI (FI)

Via d

i No voli

Via San Donato, 44

Via d

i No voli

Vi a

F. B

ar ac ca

to na

Via F. B a Tartini

Via B. P a

Do

Via G.

S.

Via

Via

SIAMO QUI

o

ll va ca

on

Le R.

.R eF

ini

rac c

P.zz a

i

ed

al Vi

squ

a

i

nin

orla E. F Via

Via P.

G. P ucc

ini

Tose ll

i

Tel. 055 3215809 Fax. 055 3219423 ORARI DAL MARTEDI ALLA DOMENICA 9.30 / 12.30 - 15.30 / 19.30

LUNEDI CHIUSO

e-mail: mercatinosfirenze@tiscali.it

Galli Mercerie dal 1929

Le nostre migliori marche: Lovable | Playtex | Chantelle | Philippe Matignon | Dim | Triumph | Fila | Sloggi | Burlington | Julipet | Oscalito | Perofil | Ghiro | Cassera

Tel. 055/6802294 -Via di Ripoli, 207/H - Firenze (angolo Via Lussemburgo - Zona V.le Europa) 10% di sconto portando in negozio questo tagliando


Passaggio a Sud-Ovest A cura del Quartiere 4

Sede del Quartiere 4

Villa Vogel, via delle Torri 23 tel. 055.2767132-2767150 fax. 055.2767123 e-mail: istituzionaleq4@comune.fi.it web: http://q4.comune.fi.it

Mobilità

Cultura

SOTTOPASSO DI VIALE TALENTI, IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

LE PROPOSTE PER LA VIABILITÁ LOCALE Il sottopasso di viale Talenti rappresenta uno dei segmenti essenziali per la mobilità in uscita dalla città in direzione sud-ovest, visto che introduce in viale Etruria e all’inizio di fatto della superstrada Firenze-Pisa-Livorno. Ormai da diverse settimane il sottopasso è ‘fuori servizio’ e il prolungarsi del problema costringe gli automobilisti ad una complicata gimkana per le strade dell’Isolotto, con danni alla circolazione e pesanti disagi per la popolazione locale. Sui lavori di consolidamento del sottopasso ha fatto il punto l’assessore alla mobilità Filippo Bonaccorsi nel corso del consiglio comunale di lunedì 20 gennaio. “Negli ultimi mesi dell’anno si sono registrate delle lievi deformazioni del piano stradale nella zona limitrofa la struttura muraria. Per motivi di sicurezza si è provveduto a chiudere al traffico veicolare la corsia di sinistra del viale Talenti nel tratto in attestamento con la rotonda di viale Foggini. Sono stati inoltre attivati i procedimenti necessari ad eseguire delle opere di consolidamento in somma urgenza, quale intervento immediatamente attuabile nelle more di un’opera più complessa ed onerosa per la sostituzione dell’attuale manufatto”. Bonaccorsi ha anche spiegato che sono stati effettuati dei “carotaggi”, con conseguenti analisi di laboratorio che hanno evidenziato valori critici della qualità del calcestruzzo e dell’armatura. Secondo la prassi tecnica per la soluzione di casi analoghi, è stato disposto un intervento di messa in sicurezza con consolidamento della struttura mediante la realizzazione di tiranti della lunghezza di 15 metri nella parte mediana del muro. “Al momento -sottolinea ancora l’assessore Bonaccorsi- stiamo valutando la possibilità di attivare azioni di rivalsa verso terzi, una volta individuate le responsabilità ai sensi dell’art. 1669 del codice civile”. Nel merito è intervenuta la Commissione Servizi al Territorio del Quartiere 4 che ha formulato una serie di proposte volte a contenere il disagio che sta ricadendo addosso ai residenti e alle attività commerciali dell’Isolotto ‘storico’. Innanzitutto la Commissione segnala anche sull’altro muro, prossimo ai binari della tram-

via, la presenza di alcune lesioni che invita a verificare e monitorare. In via prioritaria viene chiesto all’amministrazione di “reperire nel bilancio 2014 le risorse necessarie al completamento dell’opera di consolidamento del muro in modo da garantire al più presto l’apertura di entrambe le corsie del sottopasso”. La Commissione rileva poi come stia comportando disagio la separazione fisica tra il quadrante Scandicci/Foggini e l’Isolotto, a causa della chiusura del collegamento tra la rotonda di via Foggini e via Andreotti, con il risultato che chi viene da Scandicci e deve andare verso l’Isolotto è costretto a prendere la FI-PI-LI, percorrere un pezzo di viale Etruria, per poi proseguire per via Livorno, via Martini, via Signorelli, via Chiusi e via Modigliani. Proprio per questo è stata proposta la messa in opera di una semirotatoria in grado di riconnettere viale Canova con via Andreotti e viale Talenti; l’intersezione tra via Andreotti e via Cecioni dovrebbe essere regolata da un semaforo sincronizzato con quello posto in viale Talenti poco prima della Coop. Questa soluzione consentirebbe di ripristinare i percorsi standard delle linee Ataf 5, 5A e 78 e di abbreviare quello attualmente deviato della linea 93 (i tecnici della Direzione Mobilità hanno accolto la richiesta ndr). Un’altra indicazione concerne il potenziamento della segnaletica sulla direttrice Vanni-Sansovino-Talenti in modo da indirizzare il flusso veicolare sul Lungarno dei Pioppi o su via Torcicoda. La nuova situazione venutasi a creare nella zona rende anche necessaria la messa in sicurezza, con segnaletica e eventuali dissuasori, dei percorsi pedonali più esposti (molto pericoloso l’attraversamento pedonale davanti alla Coop). La Commissione Servizi al Territorio chiede inoltre il ripristino dei parcheggi in linea anche sul lato sinistro (provenendo da viale Talenti) di via Cecioni, soluzione che andrebbe a compensare la perdita di posti sul lato destro di via Andreotti in seguito al ripristino del doppio senso. Ribadita, infine, la proposta di una rotatoria all’incrocio via Canova- via Sernesi- via Pampaloni, oggi regolato da semafori

Sport e territorio

ARIA NUOVA A LEGNAIA

PRESSO IL CAMPO SPORTIVO DELL’AUDACE SONO NATI UN NUOVO SPAZIO POLIVALENTE, UNA PIAZZA INTERNA E UN VIALETTO PEDONALE Un altro dei “100 luoghi” restituito alla città e alla fruibilità dei cittadini. Il 14 gennaio il sindaco Matteo Renzi ha inaugurato i locali polifunzionali adiacenti al campo sportivo “Giulio Bacci” dell’Audace Legnaia in via Antonio del Pollaiolo-via Dosio. Alla cerimonia del taglio del nastro hanno partecipato anche la vicesindaco e assessore allo sport Stefania Saccardi, l’assessore all’ambiente Caterina Biti, il presidente del consiglio comunale Eugenio Giani, il presidente del Quartiere 4 Giuseppe D’Eugenio e la presidente della commissione sport Q.4 Donatella Villani. La precedente struttura, che ospitava i vecchi spogliatoi, un bar e un pallaio, presentava un notevole degrado ed è stata pertanto demolita. Al suo posto è stato realizzato un edificio che presenta un’articolazione funzionale in diversi locali: uno spazio adibito a palestra con spogliatoio e servizi (destinato sia alla società sportiva che ai corsi di attività motoria per adulti e anziani del quartiere), una sala polivalente e un punto di ristoro.

Il progetto ha coinvolto anche lo spazio esterno con allestimento di aiuole, fioriere, panchine e la dotazione della rete wi-fi gratuita, determinando così la creazione di una vera e propria piazzetta, da cui si accede ad un vialetto pedonale interno che permette il passaggio tra via Antonio del Pollaiolo e via Dosio. Con questo intervento l’impianto sportivo si pone in simbiosi con l’ambiente circostante consentendo un collegamento più diretto e veloce con la vicina stazione tranviaria di piazza Batoni. A completare la riqualificazione di questo rinnovato spazio pubblico verrà prossimamente installato un fontanello di Publiacqua. Il costo complessivo dell’intervento (eseguito dalla ditta Edilgreen Costruzioni srl di Calenzano, su progetto della Direzione Servizi Tecnici-Servizio Supporto Tecnico Quartieri e Impianti Sportivi del Comune di Firenze) è stato di 400.000 euro.

RENDIAMO PIÙ VIVO IL PARCO DI VILLA VOGEL

IL QUARTIERE 4 INVITA LE REALTÁ DEL TERRITORIO A FARSI AVANTI CON PROPOSTE DI ATTIVITÁ ED EVENTI

Il Quartiere 4 ripropone anche per il 2014 il progetto di animazione del parco di Villa Vogel già realizzato con ottimi riscontri lo scorso anno. Lo scopo è evidente: valorizzare il parco non solo come risorsa naturalistica ma anche come spazio culturale, in grado di ospitare eventi, laboratori, attività artistiche. Per rendere possibile questa operazione è stato emanato un avviso pubblico di manifestazione di interesse rivolto a associazioni, circoli, società sportive, gruppi teatrali, giovani artisti e a qualunque altro soggetto del territorio, che potranno far pervenire i loro progetti di utilizzo del parco. Le domande dovranno contenere: una breve descrizione e caratterizzazione dell’evento proposto; il periodo di effettuazione; la fascia di pubblico a cui è destinata l’iniziativa; le esigenze organizzative. Non saranno ovviamente ammesse manifestazioni a carat-

tere commerciale o che comunque non siano liberamente accessibili. Le richieste devono essere inoltrate entro il prossimo 30 aprile, ma potranno essere valutate anche eventuali proposte successive, a condizione che siano compatibili con le caratteristiche del progetto e con il calendario delineato dopo la prima scadenza dei termini. Le domande pervenute saranno selezionate in base al bacino di utenza e alla sostenibilità dell’evento, in rapporto alle caratteristiche ambientali e strutturali del parco. Il testo integrale dell’avviso è scaricabile dal sito http:// q4.comune.fi.it/ Inviare le richieste a: Attività Istituzionali Quartiere 4, via delle Torri 23, 50142 FIRENZE 055.2767150-2767132 istituzionaleq4@comune.fi.it

IL CARTELLONE Festa della Donna a BiblioteCaNova, nel nome di Mila Spini 7 marzo, ore 16,30, una giornata in ricordo di Mila Spini, protagonista di spicco dell’impegno civile, politico e culturale per la liberazione della donna. Interviene Lidia Menapace, che di Mila è stata a lungo amica e compagna di lotta. Si discute di “La vecchiaia delle donne: dignità, autodeterminazione e non commiserazione”, parole chiave per la vita e le scelte di Mila Spini. In programma riflessioni, testimonianze, letture, proiezioni di video e anche una piccola mostra fotografica.

bibliotecanovaisolotto@comune.fi.it http://bibliotecanovaisolotto.comune.fi.it

BiblioteCaNova Isolotto, via Chiusi 4/3 A, tel. e fax. 055.710834

Prenotazione obbligatoria al 333 7014864 o info@slowfoodfirenze.it

Erbe e pasta in Fattoria Alla Fattoria dei Ragazzi, via dei Bassi 12, Corso sulle Erbe Spontanee, 4 lezioni (14, 22, 28 e 29 marzo), dal campo al piatto. Teoria, riconoscimento, raccolta, pulizia, ricette. Costo 42 euro. 19 marzo, ore 21, Le mani in pasta, un pastificio artigianale di Strada in Chianti aiuta a capire i segreti di un alimento che ci è molto caro.

Sport CORSO GRATUITO DI TENNIS Il Cral Dipendenti Comunali di Firenze organizza, presso l’impianto di via del Filarete, dei corsi gratuiti di tennis aperti a tutti (bambini, ragazzi e adulti). Per informazioni e iscrizioni rivolgersi alla sede del Cral, via del Filarete 11/c, oppure telefonare dopo le 17 al 347.6161655. I moduli per l’iscrizione si possono scaricare dal sito www.craltennis.altervista.org Per contatti mail scrivere a tenniscral@email.it

CORSA ‘ROSA’ PER L’8 MARZO L’8 marzo, ore 16, con partenza dal campo di atletica Bruno Betti, via del Filarete, scatta la 29a edizione di

‘Rosamimosa’, la corsa podistica, aperta a tutti, con cui viene tradizionalmente celebrata la Festa della Donna. L’organizzazione è del Gruppo Sportivo Le Torri. Per info 339.3744559 www.gsletorrifirenze.it

ARTI MARZIALI STORICHE ALLE TORRI Dal 14 al 16 marzo il Q.4 ospita il Meeting Internazionale di arti marziali storiche europee. La manifestazione si svolge a Villa Vogel (parco e limonaia) e al Palarotelle di via Lunga. Per info sul programma e sui dettagli organizzativi contattare CSEN Toscana viale Europa 95, 055.613448 392.9245717


6 | Marzo 2014

#Il quartiere in pillole

Quartiere 4

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Il caso

 BiblioteCanova

un piano per creare aree-sosta per camper

un mese tra libri, incontri e iniziative

La proposta di Villa Vogel per liberare strade e parcheggi Gianni Carpini

A

più periferiche, là dove i posteggi sono praticamente vuoti. Un modo per liberare gli isolati residenziali, per i quali gli spazi auto sono un “bene” prezioso. L’idea, promossa dal vicepresidente del Q4 Franco Traballesi, è arrivata a Palazzo Vecchio dopo una mozione approvata dal consiglio di Quartiere. La mappa dei possibili camperparking c’è già, è stata stilata

Il Quartiere ha rilanciato un piano per regolare la sosta dei camper: più controlli e aree ad hoc nelle zone periferiche

dopo vari sopralluoghi. Si tratta di una manciata di parcheggi periferici per un centinaio di posti. Adesso spetterà al Comune decidere.

SI RINGRAZIA L’EDITORE PER LO SPAZIO CONCESSO

ree di sosta ad hoc per i camper, per lasciare più spazio alle auto nei parcheggi pubblici. È il piano rilanciato di recente da Villa Vogel, che era già stato proposto in passato. Nel quartiere, infatti, non mancano le segnalazioni dei cittadini sulla presenza di numerosi camper in parcheggi e strade. “I parcheggi pubblici si sono trasformati in auto-rimesse, con i camper lasciati a svernare in attesa delle vacanze”, spiega un residente. Secondo gli abitanti, questo succederebbe a macchia di leopardo in tutto il quartiere, per esempio in via del Cavallaccio o a San Lorenzo a Greve. Ecco dunque che il Quartiere rilancia il suo piano: da una parte più controlli, dall’altra la creazione di aree di sosta gratuite riservate ai camper, nelle zone

P

rosegue il cartellone della BiblioteCanova, che anche a marzo propone una serie di incontri, laboratori e cicli tematici, oltre ovviamente alle presentazioni di libri. In occasione della festa della donna, il 13 marzo alle 18 è in programma “Mondo Donna. Libertà delle donne e laicità delle istituzioni”, conversazione su diritti e libertà delle donne, cultura di genere, matrimonio e procreazione assistita. Intervengono Anna Scattigno (Società Italiana delle Storiche) ed Elisa Amerena (Ecorinascimento). Torna poi “AgriKulturae: il mercato contadino in biblioteca”, con animazioni, cultura e dibattiti fra produzioni di filiera corta ed economia solidale, oltre alla vendita di vari prodotti: questo mese l’appuntamento è sabato 8 marzo, dalle 9 fino al tardo pomeriggio. Spazio poi alla salute, con “Dislessia: malattia infettiva?”, aggiornamento e dibattito per educatori, insegnanti, bibliotecari e genitori (necessaria l’iscrizione), in programma il 6 e 20 marzo alle 17, e con “Parole di salute”, ciclo di incontri informativi su salute e benessere, questo mese in cartellone il 24 marzo (ore 17) con “Per la cura di sé, per un’etica della responsabilità”. L’appuntamento con “Una grande guerra”, incontri sul centenario del primo conflitto mondiale, è invece in programma l’11 marzo alle 19. Immancabili, poi, le presentazioni di libri: il 25 marzo, alle 18, sarà presentato “Il segreto di Anna” di Fabio Amendolara (EM, 2014), mentre il 27 marzo, alla stessa ora, in programma presentazione e lettura di brani scelti dai romanzi “La verità sul caso Harry Quebert” di Joel Dicker (Bompiani, 2013) e “Via Katalin” di Magda Szabò (Einaudi, 2009). Infine il 29 marzo (ore 17) Manuela Taruntoli presenta il suo libro “La chicchera”. Per informazioni: tel. 055.710834, mail bibliotecanovaisolotto@comune.fi.it, web bibliotecanovaisolotto. comune.fi.it.

 San Bartolo a Cintoia

il polo scolastico ha la sua palestra

R

iconsegnata la palestra al polo scolastico di San Bartolo a Cintoia. Lo scorso mese, il 12 febbraio, si è tenuta la consegna delle chiavi a conclusione dei lavori di risistemazione della palestra del “polo” che ospita le scuole Marco Polo, Galilei e Buontalenti. Un “gesto simbolico” che ha permesso ai tre istituti di prendere nuovamente possesso dei locali messi a norma dopo l’intervento compiuto dalla Provincia di Firenze. “Nonostante le difficoltà economiche che da anni limitano gli investimenti per l’edilizia scolastica – ha sottolineato l’assessore all’Istruzione e all’Edilizia scolastica della Provincia di Firenze, Giovanni Di Fede – siamo riusciti a mettere a norma la struttura e a concludere i lavori necessari alla palestra, riconsegnandola ai dirigenti scolastici e agli studenti”. I lavori di manutenzione, costati complessivamente centomila euro, hanno riguardato principalmente la revisione della copertura della palestra e degli spogliatoi. Sono state poi riparate e tinteggiate le pareti, e sostituiti alcuni pannelli del controsoffitto. Infine, sono stati revisionati i cancelletti estensibili delle numerose aperture sull’esterno e sostituite le loro serrature.

 L’appuntamento

festival dei bambini, tre giorni di eventi

A

Vuoi saperne di più su come ricordare la LAV nel tuo testamento? Richiedi la nostra mini guida: e-mail lasciti@lav.it - tel. 06 4461325.

www.lav.it

La BiblioteCanova di via Chiusi: anche questo mese sono diverse le iniziative in programma al suo interno

Firenze arriva il “Festival dei Bambini”, tre giorni di eventi a ingresso gratuito che trasformeranno piazze, palazzi e biblioteche in luoghi di incontro, gioco, divertimento e apprendimento. L’appuntamento con la kermesse organizzata dal Comune di Firenze insieme a “Codice, idee per la cultura” è dal 4 al 6 aprile prossimi. Tra i luoghi protagonisti dell’iniziativa ci sarà anche la BiblioteCanova: oltre alla biblioteca del Q4, le altre location saranno Palazzo Vecchio, San Firenze, le Oblate, le Murate, piazza dei Ciompi, piazza Santa Croce, piazza Santissima Annunziata, il parco delle Cascine e non solo. Il “festival” è rivolto ai bambini da 0 a 13 anni, con le attività che saranno suddivise in poli tematici: “Gioco” (sport, danza, giochi di squadra, workshop di circo), “Guardo” (mostre, cinema, teatro), “Ascolto” (concerti, letture, incontri, dibattiti per adulti), “Cresco” (laboratori sui mestieri, artigianato, nuove tecnologie, funzionamento delle istituzioni), “Scopro” (storia, arte, scienza, ecologia) e “Abbraccio” (rispetto, condivisione, solidarietà, integrazione).

La palestra del polo scolastico di San Bartolo a Cintoia


Quartiere 4

Isolotto . Legnaia . Soffiano

#Curiosità

Marzo 2014 | 7

 L’altro set

 In viale dei Pini

il conte mascetti? abitava all’isolotto Esiste ancora oggi la casa del personaggio interpretato da Ugo Tognazzi in “Amici miei” Gianni Carpini

U

no scantinato era, uno scantinato rimane. Il re della “supercazzola” abitava qua, a due passi da piazza dell’Isolotto. Sì, proprio lui, il conte del “Tarapìa tapiòco” e del “Come se fosse Antani” aveva casa all’ombra della tettoia. O, almeno, l’aveva il personaggio interpretato da Ugo Tognazzi nel film cult “Amici miei”. Raffaello Mascetti, detto Lello, nobile decaduto dopo aver scialacquato l’intero patrimonio di famiglia, costretto a vivere con moglie e figlia in una residenza che ben poco aveva di principesco, un buio e umido seminterrato. Dove? In viale dei Pini. Negli anni Settata Mario Monicelli e la sua troupe trasformarono le cantine delle Case Ina al civico 2 di viale dei Pini in un set di “Amici Miei”. Così, l’Isolotto finì sul grande schermo. È da una finestrella nascosta da una siepe, a poca distanza da via delle Magnolie, che il conte si affaccia nel primo atto della ce-

leberrima saga, quando sul vetro bussano i due compari Perozzi e Melandri, pronti per l’ennesima zingarata. A quarant’anni di distanza è piuttosto facile dare la caccia al punto esatto. Poco è cambiato da allora. Basta un dvd (o la versione in vhs per chi ce l’ha ancora) del primo atto di “Amici Miei”, da far scorrere poco più avanti dei titoli di testa. Un’auto si ferma in via delle Magnolie, alle spalle ci sono il mercato e la tettoia di piazza dell’Isolotto. Perozzi e Melandri scendono dalla macchina, girano l’angolo, imboccano viale dei Pini e arrivano davanti alla finestra della “residenza” Mascetti. La cinepresa non si è fermata solo all’esterno del condomino: alcune scene sono state girate tra le mura del seminterrato. Ai tempi fu scelto perché era l’unico, per le sue dimensioni, che potesse ospitare troupe, attori e attrezzatura. Con il passare del tempo è stato diviso in tante piccole cantine, ma la caratteristica

Al civico 2 di viale dei Pini fu girata una parte di “Amici miei”: è qua che, nel film, viveva il conte Mascetti

finestrella divisa in quattro dalle sbarre da cui si affacciava il conte è ancora riconoscibile. Tant’è che lo scantinato rimane ancora oggi meta di appassionati alla ricerca delle location del film. Alcune sono riconoscibilissime (Oltrarno, piazzale Michelangelo o Santo Spirito, per fare qualche esempio), altre sono pane per i denti dei più attenti osservatori. È il caso di piazza dell’Isolotto e della sua chiesa. Anche l’edificio di culto è finito su pellicola: si intravede dietro le spalle dei protagonisti prima che il trio Perozzi-Melandri-Mascetti parta in “missione”. Ma se guardate il film, fotogramma per fotogramma, e siete esperti del quartiere, di sicuro scorgerete un altro set monicelliano.

E la guerra con i Marsigliesi si combatté all’Argingrosso

T

ettoia, chiesa e... condomini in costruzione. Non è stato solo il cuore dell’Isolotto a finire sulla pellicola, anche via dell’Argingrosso è diventata un set cinematografico negli anni Settanta per “Amici Miei”. A quei tempi i condomini della zona erano ancora in gran parte degli scheletri di cemento. Il cantiere ben si prestava per ambientare la “strage dei Marsigliesi”, l’epilogo della burla a cui i buontemponi del film sottopongono il signor Righi, un pensionato che crede di essere coinvolto in una guerra tra bande rivali.

L'ISOLOTTO COME LO RICORDO IO Il 6 novembre 2014 l’Isolotto compie 60 anni: inviateci testimonianze e foto a redazione@ilreporter.it

G.C.


8 | Marzo 2014

#L’inchiesta

 I dati

lavoro, numeri in chiaroscuro in toscana

Ci sono alcuni segnali di ripresa, ma restano ancora molte difficoltà Elisabetta Pini

I

l Pil italiano torna a crescere e si intravedono timidi segnali di ripresa. Questo, almeno, traspare dai dati Istat relativi agli ultimi mesi dell’anno passato. E anche in Toscana sembra che qualcosa si stia muovendo positivamente. Secondo il più recente rapporto di Ires (Istituto di ricerche economiche e sociali) Toscana, relativo all’ultimo trimestre 2013, per la prima volta dopo quattordici trimestri si è verificata una crescita occupazionale nel manifatturiero a livello regionale. “Ci sono segnali positivi che lasciano intravedere una possibile inversione di rotta in questo 2014 – spiega Daniele Quiriconi della segreteria regionale Cgil – è presto però per parlare di ripre-

sa. Si può dire che si è arrestata la caduta, difficile capire quando riusciremo a recuperare i livelli ‘ante-crisi’: prima che questi segnali abbiano ripercussioni positive sull’occupazione c’è purtroppo da attendere”. L’anno scorso ha intanto fatto segnare un record negativo, ovvero quello delle ore di cassa integrazione, le più alte di sempre: 55.599.716 ore contro le 53.851.323 del 2012 (+3,2%). E, conteggiando anche le richieste di cassa non accolte, si arriva a un totale di oltre 62 milioni di ore (+15,1%). A livello provinciale i risultati peggiori si registrano a Pisa (+30,1%), Siena (+28,04%) e Firenze (+12,35%). Dati in linea con quelli nazionali, che hanno visto superare un miliardo e settan-

8,6%

il tasso di disoccupazione in Toscana (2013)

tacinque milioni di ore nel complesso. Qualche segnale positivo arriva dal rapporto Irpet, istituto regionale per la programmazione economica toscana, sul 2013, secondo cui la Toscana risulterebbe seconda, per tenuta rispetto alla crisi, solo al Trentino Alto Adige. Il Pil regionale, nel 2013, si attesta su -4,3% (a fronte di una media italiana di -5,9). Gli investimenti, pur sempre in calo, si fermano a -4,2 (in Italia -13,1). Più dinamico il valore dell’export: +16,6%, a fronte di un +2,6 % italiano. Ma il dato ritenuto più soddisfacente è la presenza di un nucleo di aziende competitive che, in controtendenza alla crisi, hanno registrato aumenti di fatturato, investimenti ed esportazioni: circa 3.300, il 5,3% di

quelle presenti nel settore manifatturiero, con un numero di addetti pari a circa cinquantamila. Certo è che il tasso di disoccupazione resta elevato, attestandosi all’8,6%: fra il 2008 e il 2013 il numero degli occupati in Toscana si è ridotto di 36mila unità. Di questi occupati in meno, dodicimila avevano un contratto a tempo indeterminato, quattordicimila erano lavoratori autonomi. In forte aumento, infine, le forme di contratto non regolari, in particolare il part-time involontario, che riguardano nella maggior parte dei casi giovani sotto i trent’anni.

36mila occupati in meno tra 2008 e 2013  In provincia di Firenze

commercio ed edilizia tra i settori più in affanno F

ocalizzandosi su Firenze e consultando dati Istat, Banca d’Italia e Prometeia, si può notare che già nel 2012, rispetto al 2011, si era verificato un calo generale in ogni settore. La produzione industriale ha decelerato bruscamente, da +8,2% a -0,4%, mentre il terziario ha dimostrato maggior capacità di tenuta anche se con un peggioramento tra 2011 e 2012, passando da +1,2% a -2,6%. Ha dimostrato di reggere anche la cooperativa dei servizi toscana, con un +3,7% di occupazione e un +4% di fatturato. Meno positivo il risultato dell’agricoltura, che è passata da un +5,9% a un -3%.

Dati preoccupanti sono quelli che si leggono nel rapporto sul mercato del lavoro della Provincia di Firenze relativo al primo semestre del 2013, i peggiori dal 2005, primo anno in cui si sono elaborate queste rilevazioni. In provincia di Firenze, nel periodo gennaio-settembre 2013, 222 aziende hanno evidenziato una condizione di crisi, per un totale di circa 1.747 unità espulse dal lavoro. I centri più colpiti sono stati Firenze (cento aziende in difficoltà) e Sesto Fiorentino (49). I settori in cui si registrano le maggiori difficoltà sono quelli di commercio (39) e costruzioni-edilizia-

impiantistica (33). Nei primi sei mesi del 2013 i rapporti di lavoro comunicati dalle imprese della provincia fiorentina (con l’esclusione del circondario Empolese Valdelsa) sono stati 91.971, registrando una diminuzione del 7,89%: tutti i centri hanno un saldo negativo compreso tra il -3% di Figline Valdarno e il -10,5% di San Casciano. E.P.


#L’inchiesta

Marzo 2014 | 9

 La testimonianza

“Io, 30enne, troppo vecchia o troppo giovane” Giovanna, disoccupata fiorentina: “Prima mi mancava l’esperienza, adesso non ho più l’età giusta” Gianni Carpini

“N

on ho più l’età”. Se a dirlo è una trentenne che lavora da quando ne aveva diciotto, c’è qualcosa che non quadra. Troppo “vecchia” per un contratto di apprendistato, troppo “giovane” per essere già stata in maternità. Giovanna ha compiuto trent’anni alla fine dell’anno scorso. Nel giro di pochi mesi si è trovata (di nuovo) senza un posto. Scollinata la soglia dei ventinove anni – spiega – le possibilità di trovare un lavoro si assottigliano. “Appena uscita da Ragioneria leggevo annunci paradossali: ‘cercasi neodiplomata con esperienza’. Come fa una ragazza che ha appena concluso gli studi ad averne? – si chiede – ora che invece ho esperienza non ho più l’età giusta”. Così, sa che dovrà accontentasi. “Certo, mi piacerebbe fare quello per cui ho studiato, ma va bene anche un’occupazione più umile”. Pochi sogni e piedi ben piantati per terra, insomma. “Da ragazzina puoi cercare un’occupazione particolare, stai ancora con i genitori, non hai l’affitto da pagare o la spesa da fare. Ora è diverso”. Ogni giorno manda in media cinque curriculum, controlla i siti internet di annunci, bussa alle porte di aziende, ha perso il conto di tutte le agenzie di lavoro cui è iscritta. Mentre parliamo le squilla il cellulare. È il padre, che le chiede se ha già mandato il curriculum a un’azienda dove forse c’è una possibilità. “Ho chiesto a tutti, parenti e amici – si scusa appena riattacca – ma per ora niente”. Fino ad oggi Giovanna ha saltato da un posto all’altro, per lo più come impiegata amministrativa. Piccoli lavoretti, un anno e mezzo in una società a cui si era affezionata, un breve periodo in una grande casa di moda. Il contratto più lungo è durato quattro anni e mezzo. Poi, nel 2012, la piccola azienda fiorentina per cui lavorava l’ha lasciata a casa. Lei non l’ha presa bene. “Ero arrabbiata – ricorda – la crisi è stata una scusa per licenziarmi, l’azienda andava più che bene”. In momenti difficili è facile cadere nel baratro. “Non mi muovevo più da casa, ero in confusione – racconta – i colloqui andavano sempre male”. Nel 2013 uno spiraglio di luce, viene assunta in una piccola società come contabile. Il contratto è durato una manciata di mesi. Con la fine di dicembre, non è stato rinnovato. Ora attende che le sia pagato il primo periodo di disoccupazione. “So che ci vorrà del tempo”, dice rassegnata. E intanto è di nuovo senza lavoro. “Ci sono già passata – conclude – ho capito che è importantissimo non lasciarsi andare, tenersi occupati, dai corsi di formazione alle semplici attività quotidiane”.

Cosa fare in attesa di un posto? Una guida per gli “under” Volontario per il servizio civile

Tirocinio sì, ma retribuito

E io mi metto in proprio

È

N

S

un’opzione sempre più scelta dagli under 30. Mentre attendono di trovare un lavoro, dedicano un anno al servizio civile volontario: partecipano a progetti che aiutano la collettività (ad esempio protezione civile, associazioni, cultura) e ricevono un rimborso spese di 433 euro al mese. Ai progetti del servizio civile nazionale (serviziocivile.gov.it) si aggiungono quelli del servizio civile regionale, per i giovani tra 18 e 30 anni. Il nuovo bando regionale arriverà alla fine del 2014: intanto, sono più di quattromila i giovani toscani che, dal 2011 a oggi, hanno scelto la strada del servizio civile regionale.

iente occupazione? Meglio non restare con le mani in mano e imparare un mestiere sul campo. In Toscana i tirocini previsti fuori dal percorso di studi universitari e dal periodo di praticantato devono essere retribuiti con almeno 500 euro. Attenzione, non si tratta di uno stipendio, ma di un rimborso spese. Per chi ha tra i 18 e i 30 anni la Regione finanzia, tramite il progetto “Giovani Sì”, 300 dei 500 euro obbligatori (cofinanziamento valido anche per chi retribuisce i tirocini curricolari e i praticantati). Sono stati oltre diecimila, in tutta la regione, i tirocini ammessi al rimborso tra giugno 2011 e agosto 2013.

e non trovo un lavoro, lo creo. Per trasformare un’idea di business in realtà, meglio chiedere una mano. Il progetto “Giovani Sì” dà un aiuto “tagliando” gli interessi sui prestiti concessi dalle banche ai giovani imprenditori tra i 18 e i 40 anni e, senza limite di età, alle imprenditrici. Per trovare invece un “nido” dove far crescere la propria baby-impresa esistono gli incubatori, strutture che offrono consulenze, spazi di lavoro, contatti e possibilità di far rete con altre giovani realtà. Si va dall’incubatore del Comune:

incubatorefirenze.org

a quello universitario: iuf.csavri.org

fino ai privati come:

nanabianca.it e florence.impacthub.net

OPPORTUNITÀ E FORMAZIONE IN 5 SITI WEB prenet.provincia.fi.it Candidarsi in un click

Le offerte di lavoro dei centri per l’impiego. È possibile inserire il proprio curriculum e candidarsi on line per un posto.

progettotrio.it

Corsi gratuiti on line

Il sistema di web learning della Regione Toscana offre tanti corsi: dalle lingue all’informatica, anche con certificazioni riconosciute sul mercato.

informolavoro.it Per migliorare il curriculum

Il sito della Provincia che racchiude tutte le info per chi cerca un’occupazione o vuole migliorare il curriculum con un corso di formazione.

giovanisi.it

Dai contributi per l’affitto agli stage

È il portale del progetto “Giovani Sì” della Regione Toscana per sostenere l’autonomia dei giovani, con incentivi per le aziende e opportunità per under 30 e under 35.

linkedin.com

Il social network anti-disoccupazione

Sempre più aziende si affidano ai social per trovare candidati. Linkedin è quello più conosciuto a livello internazionale e si sta affermando anche dalle nostre parti.


10 | Marzo 2014

#Focus

 Lo stato dell’arte/1

Uffizi, il cantiere che non dorme mai L’ampliamento va avanti passo dopo passo, senza che le visite si siano fermate un giorno Ludovica V. Zarrilli

Un operaio al lavoro nel museo fiorentino. Dall’inizio dei lavori ad oggi la superficie espositiva è aumentata di oltre tremila metri quadri

V

ent’anni. Tanti ce ne vollero per costruire la Galleria degli Uffizi, tra il 1560 e il 1580, quando Francesco I de’ Medici chiese al Vasari di progettare un edificio per gli “uffici” delle magistrature fiorentine. Ma questa è storia. Quello che interessa a Il Reporter è l’attualità della galleria, facendo il punto sul cantiere dei Nuovi Uffizi, che sembra ormai parte integrante dello skyline che circonda la fabbrica vasariana. Ma cos’è quel cantiere? Magari non tutti lo sanno. Ecco accontentati i meno informati: i lavori in corso dal 2006 riguardano ampliamento e adeguamento di una bella fetta degli spazi della galleria fiorentina. Basti pensare, per dare un’idea dell’entità dell’intervento, che al termine dei lavori lo spazio espositivo passerà dai 5.400 metri quadrati del passato ai circa dodicimila del futuro prossimo, che consentiranno a opere mai viste o non adeguatamente valo-

 Web 

nuoviuffizi.it polomuseale.firenze.it

rizzate di guadagnare visibilità. Ad onor del vero lo spazio sta già aumentando, perché via via che nuovi settori vengono recuperati e allestiti (parte di essi si trova al primo piano del complesso, dove un tempo si trovavano i documenti dell’Archivio di sta-

to) vengono anche resi fruibili al pubblico. Il corpus dei lavori è diviso in due lotti: il primo, quello attualmente in corso, prevede il recupero di nuovi spazi espositivi al piano primo e al piano terra, l’adeguamento della rete impiantistica, il potenziamento dei

sistemi di sicurezza, l’incremento dei servizi e dei laboratori e la revisione degli spazi per il personale. Il secondo, invece, prevede la realizzazione di una sezione dedicata alla statuaria al piano terra, l’inserimento di nuovi locali per il ristoro al posto delle Ex

Reali Poste e l’adeguamento del Corridoio Vasariano alle norme di sicurezza. Il costo complessivo dell’operazione, allo stato attuale, dovrebbe aggirarsi intorno agli 80 milioni di euro, di cui circa 30 sono già stati appaltati e altri 8 sono in arrivo (non ancora fisicamente a disposizione ma stanziati grazie al cosiddetto Decreto cultura approvato la scorsa estate dal consiglio dei ministri), mentre 42 mancano ancora all’appello. “Non è così semplice quantificare con precisione – spiega la soprintendente ai beni

architettonici Alessandra Marino, responsabile del progetto – perché nel corso delle operazioni di normale amministrazione, se normale amministrazione può essere chiamato un intervento del genere, ci si può imbattere in emergenze a cui far fronte, come la recente scoperta di una necropoli romana sotto la biblioteca magliabechiana, il cui scavo è costato circa 200mila euro non preventivati”. E in effetti nessuno pensava che ci si sarebbe potuti imbattere in un ritrovamento del genere, anche se già in passato, qua e là, erano emersi reperti coevi. “Così come non è semplice prevedere quanto tempo ancora ci vorrà – continua – dipende non tanto dalla velocità con cui avanzano i lavori, quanto dalla frequenza con cui riceviamo i finanziamenti”. Insomma, di interrogativi ancora ce ne sono, ma per vedere il bicchiere mezzo pieno basta pensare che il primo lotto dovrebbe essere concluso entro il 2015 e che, ad oggi, la galleria vanta un ampliamento di quasi tremila metri quadrati, con una lunga serie di nuovi spazi a disposizione dei visitatori. “Inoltre bisogna ricordare che fino ad oggi, nonostante un cantiere di così vaste dimensioni, il museo non ha chiuso un solo giorno per i lavori”. Venti anni ci sono voluti per costruirli, ce ne vorranno altrettanti per completare i Nuovi Uffizi? Ai futuri visitatori l’ardua sentenza.

 Lo stato dell’arte/2

archeologico, un museo “in progress”

Conto alla rovescia per i lavori al piano terra. “La fine? Nel 2015”

L

e code interminabili per vedere da vicino il David (in questi casi toccare con mano non è proprio permesso) sembrano lontane mille miglia, eppure il museo archeologico nazionale di Firenze dista appena poche centinaia di metri dalla Galleria dell’Accademia e, cosa che in troppo pochi sembrano sapere, conserva la più importante collezione etrusca del mondo. Qualcuno penserà “che noia l’archeologia, ferma a migliaia di anni fa”. E invece no, tutt’altro. Il museo fiorentino è in fermento, ora più che mai, con i lavori di rifacimento di tutto il piano terra che

stanno dando un nuovo volto al complesso affacciato su piazza Santissima Annunziata, “senza chiudere un giorno le porte della collezione, permettendo così ai visitatori di continuare ad accedere al museo”, spiega la direttrice Carlotta Cianferoni. La fine della prima tranche di lavori è prevista per i primi mesi del 2015, quando finalmente “potremo dire terminata la parte di interventi che riguarda l’ingresso, la reception, il bookshop, l’area riservata alle mostre temporanee e la scala per salire al piano superiore”, continua la direttrice. Una ristrutturazione corpo-

sa, che continuerà poi, in un secondo tempo, anche nelle sale che accolgono la collezione permanente, dove sono custoditi pezzi iconici come l’Arringatore, la Chimera d’Arezzo e le bellissime mummie del museo egizio. “I progetti sono già stati presentati agli organi competenti e aspettano di essere finanziati, ma la parte più urgente era quella che è in via di completamento”. Finalmente la sezione adibita alle mostre temporanee avrà il suo impianto di riscaldamento (cosa che fino ad oggi mancava) e ci sarà uno spazio appositamente dedicato alle conferenze e agli incontri con il pubblico. “Da un paio di mesi a questa parte abbiamo anche alcuni nuovi custodi, assunti grazie a un concorso ad hoc– continua Cianferoni, che per anni aveva denunciato il problema della penuria di personale di custodia – che danno informazioni all’ingresso, sono a disposizione nelle sale e che, nelle belle giornate, tengono aperto il giardino, che d’ora in avanti sarà sempre più fruibile dal pubblico”. Per la bella stagione sono in programma visite guidate con un giardiniere esperto che, tra una lapide e l’altra, accompagnerà i visitatori alla scoperta delle essenze che inebriavano l’aria dei villaggi dell’Etruria. L.V.Z.

Una delle sale del museo archeologico nazionale, dove è conservata la più importante collezione di reperti etruschi al mondo

 Piazza Ss. Annunziata, 9b 

Apertura: mar-ven 8.30-19 sab-lun 8.30-14 Tel. 055.23575


#Focus

Marzo 2014 | 11

 La mappa/1

 La mappa/2

Arte in città, Oltre al david c’è di più Viaggio nei luoghi meno frequentati di Firenze, alla scoperta di capolavori a volte dimenticati

se la cultura È gratis: guida alle opere da gustare senza spendere un euro

Enrica Cinaschi

S

e si pronunciano Firenze e arte nella stessa frase si pensa automaticamente agli Uffizi o alla Galleria dell’Accademia. Forse al Bargello, al massimo a Palazzo Pitti, con le sue belle vetrate affacciate sul giardino di Boboli. Ma l’arte nella città del giglio è “solo” questo? Senza nulla togliere (ci mancherebbe altro) alle meraviglie che tutto il mondo ci invidia, Firenze offre anche altri piccoli gioielli o, meglio, capolavori (è bene chiamarli col loro nome) che, essendo esclusi dai classici itinerari del turismo di massa, spesso vengono dimenticati anche da chi ci vive a due passi. Proviamo allora a buttare giù un piccolo itinerario, per rinfrescare la memoria ai lettori de Il Reporter e magari far venire voglia a qualcuno di visitare alcuni dei luoghi più eccezionali della città. Bypassando l’Accademia, il primo step potrebbe essere il museo di San Marco, forse uno dei meno visitati della città. È qui che sono custoditi alcuni dei più bei lavori del Beato Angelico, che a lungo visse all’interno del convento attiguo alla basilica, oggi adibito a percorso espositivo. Procedendo verso il centro si può fare tappa a Palazzo Medici Riccardi, che non ha niente da invidiare a Palazzo Pitti o Palazzo Strozzi, e che si fa ancor più interessante se si visita la cappella dei Magi, con i bellissimi affreschi di Benozzo Gozzoli. Aperto solo a metà perché in attesa della fine dei lavori di ampliamento, l’Ospedale degli Innocenti di piazza Santissima Annunziata è un viaggio tra le opere realizzate da quegli artisti che, nel corso del tempo, si sono occupati di “render bello” il luogo deputato all’accoglienza dei piccoli orfani, mentre si salta dal Rinascimento alla contemporaneità se si sceglie il Marino Marini, allestito nella chiesa sconsacrata di San Pancrazio (nella piazza omonima), che ospita i lavori dello scultore pistoiese in un ambiente silenzioso e metafisico, reso ancor più speciale dalle mostre d’arte contemporanea allestite nelle cripta. Tra i più delicati e intimi musei fiorentini c’è certamente Palazzo Davanzati (nella piazza che porta il suo nome), con l’atmosfera che riporta indietro nel tempo, a com’era la vita nelle case fiorentine del Trecento. Stessa sensazione che si prova al museo

C

 Le giornate Fai di primavera

quei Tesori a porte aperte U

n’occasione unica per visitare luoghi della città spesso chiusi al pubblico sono le giornate Fai (Fondo ambiente italiano) di primavera, che il 23 e 24 marzo aprono le porte di una moltitudine di luoghi sparsi per tutto il bel paese. A Firenze i gioiellini visitabili (con tanto di visite guidate) sono numerosi, a partire dalla Cappella Rucellai in via della Spada, dove si può ammirare la riproduzione del Santo Sepolcro. E ancora l’Istituto di scienze aeronautiche e militari (viale dell’Aeronautica 14), edificio razionalista costruito nel 1937 che offre alcuni interessanti ambienti, solitamente frequentati solo dagli iscritti alla scuola militare. E poi il Palazzo Portinari Salviati (in via de’ Bonizzi), dove tra un soffitto e l’altro la fanno da padrona allegorie mitologiche e favole affrescate, oltre a un ciclo di affreschi di Alessandro Allori visibile nella piccola cappel-

la dell’edificio. Chi non è mai stato a Villa Corsini a Sesto Fiorentino non può perdere l’occasione per vedere dal vivo questo gioiello, uno dei pochi esempi di barocco fiorentino, con il bel giardino che la circonda (nella foto), il cui orario di visite è quasi sempre limitatissimo a causa della penuria di custodi. E vale la pena fare un passaggio anche a Villa la

Quiete (via di Boldrone 2), ai piedi di Monte Morello, altro luogo “segreto” da segnare in agenda. Ma, a parte i tesori appena citati, di occasioni ghiotte ce ne sono diverse e chi volesse consultare la lista dei luoghi aperti in occasione delle due giornate Fai può visitare il sito www.giornatefai.it. Di certo non rimarrà deluso.

Una delle sale del Museo Bardini, allestito in quello che fu, nell’Ottocento, lo showroom del celebre antiquario fiorentino Stefano Bardini

Horne (in via dei Benci), collezione donata allo stato italiano dall’architetto e storico dell’arte inglese Herbert Percy Horne. Altro luogo dal fascino speciale è poi la Specola (via Romana), sezione di zoologia del museo di storia naturale con una collezione di esemplari imbalsamati da far impallidire chiunque. Troppo spesso dimenticata è la Cappella Brancacci, con gli affreschi di Masaccio, accanto alla chiesa di Santa Maria del Carmine. Dulcis in fundo, due luoghi dal fascino esotico: il Museo Stibbert, con il suo bellissimo parco, e il Museo Bardini, che conserva parte della splendida collezione del “principe degli antiquari fiorentini”.

ultura e arte vanno necessariamente pagate a caro prezzo? Nossignori, niente di più falso. Basta guardarsi un po’ intorno per scoprire che sono numerosi i luoghi che possono essere visitati senza mettere mano al portafoglio e senza per forza dover scomodare iniziative come “la domenica del fiorentino” o luoghi ormai arcinoti come Boboli. Si entra gratis, ad esempio, al Museo di Orsanmichele il lunedì dalle 10 alle 17. Il “grattacielo fiorentino” offre uno sguardo inedito sulla città oltre agli originali delle sculture esposte nelle nicchie esterne. Ingresso libero anche nella Sala del Perugino, museo dei record: si tratta infatti del più piccolo (una sala appena) e del più giovane (è stato “battezzato” museo da appena un paio d’anni) tra i musei fiorentini, visitabile il martedì e il giovedì dalle 14.30 alle 17.30 e accessibile dall’ingresso del liceo Michelangelo, in via della Colonna. Se si prenota con un po’ di anticipo si può godere anche della bellissima Casa Martelli (in via Zannetti), pagando solo la prenotazione di tre euro e usufruendo della possibilità di visitare con tranquillità le bellissime stanze della residenza a due passi da piazza Duomo. Emozionante e (troppo) poco conosciuto il Cenacolo di San Salvi, affrescato da Andrea Del Sarto, così come il Chiostro dello Scalzo (via Cavour). Un altro luogo accessibile a costo zero, con l’atmosfera di una vera abitazione, è la casa museo Rodolfo Siviero, che sul lungarno Serristori ospita la grande collezione (da fondi oro e statue policrome del Quattrocento a lavori di Giorgio De Chirico) del personaggio conosciuto come lo “007 dell’arte”. Infine una chicca per gli appassionati di arte antica, ovvero il museo della Pagliazza, scavo archeologico contenente interessanti resti romani situato all’interno dell’hotel Brunelleschi, in piazza Santa Elisabetta, liberamente accessibile al pubblico. E.C.


12 | Marzo 2014

#Territorio

 Istituzioni

 Nel resto d’Italia

quale futuro per i quartieri? un ruolo per gli enti “vicini”

zone a milano, municipi a roma Z

one, municipi, circoscrizioni, quartieri. Cambiano i nomi e, a volte, anche funzioni e servizi offerti, ma rappresentano comunque il “grado zero” dell’istituzione, quella più piccola e più vicina ai cittadini. Agiscono sempre sui servizi di base, ma con alcune differenze, a seconda di quello che è stato delegato loro dal Comune tramite delibere attuative. Un caso a sé è quello dei municipi romani, che sono dotati di competenze molto maggiori rispetto agli enti analoghi delle altre città: ad esempio si occupano anche di sviluppo economico ed edilizia. Diversa è anche la loro struttura interna: c’è un presidente e una giunta con quattro assessori nominati dal presidente stesso. Fino a marzo dello scorso anno i municipi erano diciannove, poi sono passati a quindici con l’accorpamento dei municipi I e XVII, II e III, VI e VII e IX e X. Il Comune di Milano è invece suddiviso in zone di decentramento, dove è attivo un consiglio di Zona. Per accelerare un processo di decentramento delle funzioni amministrative, in vista della futura città metropolitana, l’amministrazione comunale milanese ha deciso di coinvolgere i consigli di Zona in iniziative riguardanti anche settori di cui prima non si occupavano, come servizi sociali, sport, cultura e molto altro. A Torino, invece, per quartieri si intendono le suddivisioni interne delle circoscrizioni, che sono invece l’ente di riferimento: sono dieci e in ognuna di queste ci sono tre o quattro quartieri. A Bologna, come a Firenze, le circoscrizioni di decentramento si chiamano quartieri: sono nove, come da revisione statutaria del 1985.

Si discute sulla loro funzione: gli attuali presidenti avanzano proposte e “ricette”

1990

Sara Camaiora

S

ono gli organismi di governo del territorio più vicini ai cittadini, che a loro si rivolgono per le problematiche quotidiane. Stiamo parlando dei Quartieri, che a Firenze sono nati ufficialmente nel 1976: inizialmente erano quattordici, poi dal 1990 sono diventati gli attuali cinque. Si tratta di articolazioni dell’amministrazione senza personalità giuridica: come previsto dallo Statuto del Comune, gestiscono i servizi di base e alla persona. Inoltre, secondo una delibera attuativa, svolgono funzioni delegate in materia di lavori pubblici (manutenzione immobili), per immobili a uso non abitativo, assistenza sociale, servizi scolastici. Ogni quartiere ha un presidente e un numero di consiglieri pari alla metà di quelli previsti per il consiglio comunale, oltre a un collegio di presidenza. Il ddl Delrio, che prevede lo svuotamento delle Province e la nascita delle città metropolitane, non fornisce indicazioni certe sul futuro di questi enti, ma si parla comunque di un decentramento delle funzioni nei grandi centri. Abbiamo chiesto agli attuali presidenti quale può essere il ruolo dei quartieri in questo contesto. “I quartieri sono uno strumento fondamentale nel decentramento, garantiscono partecipazione, un dialogo costante con i cittadini e una visione territoriale com-

il passaggio da 14 a 5  La storia Villa Vogel, sede del Quartiere 4

plessiva più ampia, necessaria per risolvere i problemi”, fa presente Nicola Benvenuti, presidente del Q1. “Poche deleghe ma chiare: gestire i servizi di prossimità, coinvolgere i cittadini nelle decisioni centrali. I quartieri sono nati per questo e andando sempre più verso un decentramento ritengo che debbano essere messi ancora più in grado di svolgere queste funzioni”, è l’opinione di Gianluca Paolucci, presidente del Q2. “Nel riorganizzare la filiera istituzionale, bisogna ragionare in un’ottica complessiva: ben venga la Grande Firenze, ma per garantire efficienti servizi di prossimità serve uno sviluppo dei quartieri”, spiega Andrea Ceccarelli, presidente del Q3. “Penso che ai Quartieri debba essere data la possibilità di agire direttamente sui problemi immediati”, commenta Giuseppe D’Eugenio, presidente del Q4. “È sbagliato alimentare con-

trapposizioni tra organi centrali e di decentramento, un buon governo esiste se c’è un buon radicamento delle istituzioni e viceversa – dice Federico Gianassi, presidente del Q5 – ai Quartieri spetta il compito di gestire i servizi di vicinato, non certo le politiche su larga scala, cui però possono dare un contributo in termini di partecipazione: credo che sia giusto valorizzare queste funzioni e specificarle meglio”.

1976

la nascita dei quartieri a Firenze

l’anno dell’alluvione le prime forme di auto-organizzazione da parte dei cittadini

U

fficialmente nascono dieci anni dopo, ma già nel 1966, l’anno dell’alluvione, ci furono le prime forme di autoorganizzazione dei cittadini, assimilabili ai futuri quartieri. Successivamente queste forme proseguirono la loro attività, una specie di comitati allargati ubicati in varie zone della città, in rioni che vantavano una forte identità territoriale. Erano gli anni intorno al ‘68 e non mancavano certo fermento politico e voglia di aggregazione: tra i “movimenti di quartiere” più attivi c’erano quelli di via Bronzino, nato attorno alla parrocchia di Monticelli, e Peretola, mentre molti altri sorsero intorno a case del popolo e circoli sportivi. Fu così che pian piano si arrivò a una formalizzazione di questi enti, i più vicini alla vita dei cittadini.

Villa Arrivabene, sede del Quartiere 2

Vini Toscani e da tutta Italia Sfusi e in Bottiglia

Birra e Pasta Artigianali Marmellate Biologiche Sughi e Condimenti vari

Vino sfuso & Prodotti Tipici

Consegne a Domicilio

Potete Trovarci Dal LUN al VEN orario 9.00-13.00 e 16.00-20.00 Mercoledì mattina chiusi Aperti la DOMENICA orario 10.00-13.00

Visitate il nostro sito internet e la nostra pagina facebook

Piazza di Badia a Ripoli, 1/R - FI

Tel.: 055 6532848

www.vino-sfuso.it


#Territorio

Marzo 2014 | 13

 Il piano

UNA NUOVA VITA PER I VECCHI EDIFICI: SPICCHI DI FIRENZE SI TRASFORMANO COSÌ

Via libera al regolamento urbanistico, che si baserà soprattutto su interventi di ristrutturazione e rigenerazione Natalia Binagli

U

n’università per stranieri al posto del vecchio tribunale in San Firenze. Case e negozi nelle ex Poste di via Pietrapiana. Il teatro Comunale di corso Italia diventa un albergo. Grandi fette di città, dal centro alla periferia, sono pronte a cambiare faccia con il nuovo regolamento urbanistico. Una delle ultime eredità di grande portata della giunta Renzi, destinata a trasformare 73 aree diverse per circa 750mila metri quadrati. Il tutto, come prevede il piano strutturale del 2009, senza aggiungere un metro cubo di cemento in più (o quasi). Il piano si baserà per lo più su interventi di

ristrutturazione e rigenerazione che saranno comunque una bella boccata d’ossigeno per l’edilizia sul territorio. Sulla carta, hanno spiegato il sindaco e l’assessore all’urbanistica Titta Meucci, il Ruc potrebbe attrarre investimenti per un miliardo e mezzo di euro, creando diecimila posti di lavoro nel quinquennio e portando sessanta milioni di oneri di urbanizzazione nelle casse comunali. Dopo il via libera della giunta delle scorse settimane, il Ruc dovrebbe essere adottato entro fine mese dal consiglio comunale, per poi essere approvato in via definitiva in autunno, compito che quindi toccherà al successore di Renzi. Tra gli spic-

chi di città da trasformare, l’ex Telecom di via Masaccio (nella foto), edificio oggi abbandonato, destinato a ospitare un albergo, ma anche residenze e attività commerciali. Spazio a case e negozi anche nella vecchia fabbrica Cerdec, in zona Castello. Avanti tutta anche con i piani di recupero della Manifattura Tabacchi e dell’ex Gover, oltre che con la trasformazione della Mercafir. Tra i progetti ai nastri, oltre duecento sono stati avanzati dai proprietari di aree grandi oltre duemila metri quadrati, interpellati dal Comune con un bando. Uno dei tasselli del “percorso di partecipazione” rivendicato con soddisfazione da Meucci, e basato su

focus nei quartieri, un sondaggio on line e convegni. Se “volumi zero” è la parola d’ordine, piccole deroghe sono concesse per gli edifici incongrui, ossia costruiti in mezzo a qualche corte, che saranno demoliti e ricostruiti altrove secondo il principio della perequazione. Ciò consentirà di realizzare nuovi spazi verdi e parcheggi nella fascia di città compresa tra i viali, “liberata” da vecchi opifici e laboratori artigiani che traslocheranno in periferia con un bonus del 20-30% sui volumi. Stesso “premio” in caso di riqualificazione energetica degli edifici e per la rigenerazione dei capannoni industriali. Ma il piano fa attenzione anche all’housing sociale: per gli interventi edilizi sopra ai duemila metri quadrati, scatta l’obbligo di destinarne il 20 per cento alla residenza convenzionata. Così da rispondere anche all’emergenza abitativa.

 Eunomia Master

Torna la scuola per il “buon governo” I

grandi nomi dell’economia e della politica italiana si danno appuntamento a Eunomia Master. La scuola per il “buon governo”, organizzata dall’omonima associazione fiorentina diretta da Dario Nardella, è iniziata il 28 febbraio scorso a Villa Morghen, a Settignano, dove proseguirà fino a sabato 5 aprile con un’edizione, la nona, all’insegna dell’Europa e con molti big in calendario. Tra gli altri, sono attesi a Eunomia Master Cécile Kyenge e Marco Rizzo, Maria Chiara Carrozza, Andrea Orlando ed Elsa Fornero, Paolo Scaroni e Massimo Livi Bacci.

Dario Nardella, direttore di Eunomia Master e vicesindaco di Firenze

 Amministrative

VERSO IL VOTO PER IL DOPO RENZI

L

a città si prepara alle urne di maggio per scegliere il successore di Matteo Renzi. Da sindaco aspirante al secondo mandato a premier, nel giro di poche ore il vortice della politica nazionale ha stravolto il futuro di Renzi e, soprattutto, quello di Firenze. “Andate avanti come se niente fosse, senza sprecare un minuto da qui alle amministrative”, ha detto un emozionato Renzi congedandosi dalla città durante il suo ultimo consiglio comunale. Un messaggio rivolto a consiglieri e assessori, che intanto salutano un altro pezzo della giunta. Si tratta di Stefania Saccardi, chiamata a ricoprire il ruolo di assessore regionale al welfare e di vicepresidente della Toscana. Fino alle elezioni amministrative di maggio a guidare il Comune sarà Dario Nardella, nominato vicesindaco reggente e aspirante successore di Renzi. N.C.

Da 35 anni al servizio della Salute, del tuo Benessere, della tua Bellezza.

Presentando questo coupon riceverai UN OMAGGIO

FIRENZE Via Costetti, 1 Tel/Fax 0557323786-SCANDICCI (FI) Via Alfieri, 12 Tel/Fax 0552579907-www.lemieerbe.it info@lemieerbe.it-Sabato orario continuato dalle 9.00 alle 20.00


14 | Marzo 2014

#Storia

 Il ricordo

GLI ULTIMI EX INTERNATI NEI LAGER NAZISTI

Da trecento, rimasti in tre. “Abbiamo chiuso l’associazione, ma siamo ancora pronti a portare la nostra testimonianza” Matilde Bernini

E

rano quasi trecento, sono rimasti in tre. A Firenze l’associazione degli ex internati nei lager nazisti, acronimo Anei, è stata chiusa a fine 2012 per il numero troppo ristretto dei suoi soci, inversamente proporzionale all’età degli stessi: tutti ultra novantenni. Ma non più tardi dello scorso 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria 2014, i tre sono stati insigniti delle medaglie d’onore, insieme a venti figli e nipoti di altrettanti oppositori del nazismo che pagarono il loro rifiuto di collaborare con i tedeschi con la deportazione nei lager di mezza Europa. “Siamo stati l’alba della Resistenza – ricorda Dino Vittori, classe 1920, da sempre uno dei più attivi esponenti dell’Anei fiorentina – ci siamo opposti al nazismo prima addirittura che fosse organizzata la resistenza dei partigiani. L’8 settembre 1943, dopo tante pressioni dei nazisti, fummo quelli che dissero di no.

 Sulle orme dei nonni I tedeschi insistettero ancora: o collaboravamo o ci avrebbero mandato nei lager. Decidemmo per i lager”. Due anni in Jugoslavia, vicino Mostar, cui seguì il trasferimento a Varsavia. Poi, via via che la liberazione dei territori avanzava e i tedeschi si ritiravano, Vittori è stato spostato in Germania, vicino ad Amburgo. È stato lì che finalmente arrivarono gli inglesi e Dino fu liberato. Libero di tornare a casa. Era il 5 maggio 1945. Ma Dino il coraggio di ricordare e raccontare la sua storia, unica ma in certi frangenti molto simile a quella degli alti internati, non lo trova subito: “Come associazione ci siamo formati negli anni Settanta. C’è voluto del tempo per riuscire a elaborare il dolore di quell’esperienza e a condividerlo, ma era un nostro dovere, quello di dire cosa ha rappresentato il nazismo, perché certe cose non accadano più. E trenta anni dopo abbiamo chiuso l’associazione, ma non terminato l’attività: sia-

“IL CORAGGIO DEL NO” IN UNA MOSTRA

E mo ancora attivissimi e pronti a portare la nostra testimonianza, solo che a differenza di altre realtà, come l’Anpi, che associa anche giovani, noi abbiamo deciso di non accettare altre adesioni, e naturalmente con il passare del tempo sono passati anche gli internati”. Intanto, a ricordare la storia degli ex internati, c’è anche un cippo commemorativo che si trova, non a caso, nel piazzale Caduti nei Lager, accanto alla Fortezza da Basso. Collocato il 28 gennaio 2008, sempre in occasione della Giornata della Me-

CAMBIARE LA CALDAIA, UN VANTAGGIO PER L’AMBIENTE …E PER IL PORTAFOGLIO !!! Il Comune di Firenze promuove una campagna per la sostituzione dei vecchi impianti di riscaldamento con modelli molto meno inquinanti e a più alto rendimento energetico.

D

a anni sperimentiamo sulla nostra pelle le conseguenze del ‘cambiamento climatico’ e ormai sappiamo tutti che questo dipende dalle emissioni di anidride carbonica. Il riscaldamento domestico dei grandi insediamenti urbani rappresenta una delle cause fondamentali dell’inquinamento atmosferico alla base dell’ “effetto serra” e dei suoi drammatici effetti. E noi cosa possiamo farci? Una delle scelte pratiche che possiamo attuare per dare un contributo reale in questo senso, senza mortificare la nostra qualità della vita e senza rinunciare al comfort di una casa piacevolmente calda e accogliente, è quella di sostituire la nostra vecchia caldaia con un nuovo impianto, in grado di ottimizzare il rendimento energetico e di contenere drasticamente le emissioni inquinanti. Quali sono le caldaie di ultima generazione che danno maggiore affidamento? Caldaie a pre-miscelazione. Sono dotate di un particolare bruciatore che reporter_art2.indd 1

permette la combustione in condizioni ottimali, grazie a un corretto bilanciamento fra il combustibile e l’aria, realizzando così un risparmio superiore al 10% rispetto ad una caldaia tradizionale. Caldaie a condensazione. I gas combusti, prima di essere espulsi all’esterno, sono convogliati in uno speciale scambiatore dove il vapore acqueo condensa, cedendo parte del calore e aumentando in tal modo la quantità di energia disponibile per il riscaldamento (la quota recuperabile è superiore al 10%). Sì, ma in tempi di ‘vacche magre’, come questi, chi si mette all’anima un acquisto del genere? Forse non tutti sanno che è possibile recuperare, sotto forma di detrazione fiscale, buona parte dell’investimento sostenuto. Un ulteriore elemento che va ad aggiungersi al già consistente vantaggio economico derivante dal risparmio sui consumi. La legge di stabilità 2014 (27 dicembre 2013, n. 147) ha infatti prorogato la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Dino Vittori, classe 1920, uno dei più attivi esponenti dell’Anei fiorentina, al “Giardino dei Giusti”

moria, è dedicato al ricordo “dei fiorentini e degli italiani che per la pace e la patria, dopo l’8 settembre ‘43, come primo anelito di libertà, rifiutarono la collaborazione coi nazisti e lasciarono la loro vita nei lager”, come recita l’incisione.

se da un lato c’è un’associazione che ha chiuso per mancanza di soci, per essere arrivata alla “naturale conclusione” di un ciclo, come spiega Dino Vittori (leggi l’altro articolo in questa pagina), dall’altra ci sono le nuove generazioni, che seguendo le orme dei nonni decidono di scavare in uno dei capitoli più bui della nostra storia. È quello che è successo con la mostra “Il coraggio del no”, che si è tenuta a Impruneta in occasione della scorsa Giornata della Memoria e che ora punta a ottenere nuovi spazi e nuova visibilità. Per esprimere l’altissimo valore di libertà del “no” che pronunciarono gli oltre seicentomila militari italiani che si rifiutarono di aderire al nazifascismo e che pagarono questa scelta con la

Per gli interventi di riqualificazione energetica la detrazione ammonta al 65% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2014 per le singole unità immobiliari e fino al 30 giugno 2015 se l’intervento è effettuato sulle parti comuni degli edifici condominiali o se riguarda tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio. E’ ritenuto un intervento di riqualificazione energetica l’installazione di una caldaia a condensazione con valvole termostatiche. Dal 1° gennaio 2015 la detrazione fiscale per la sostituzione della caldaia negli appartamenti passerà al 50%. Per gli interventi di ristrutturazione edilizia la detrazione ammonta al 50% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2014. La detrazione fiscale del 50% si applica anche nel caso della sostituzione di una caldaia con una nuova di tipo tradizionale (tipo C alta efficienza) o nel caso di pompe di calore. Per consentire ai cittadini condizioni favorevoli di acquisto, installazione e manutenzione, il Comune di Firenze ha firmato un protocollo di intesa con le associazioni di categoria professionale del settore. Per l’accesso a forme vantaggiose di finanziamento, attraverso intese con istituti bancari, presto potranno esserci delle novità. Per maggiori informazioni e per seguire gli aggiornamenti visitate la nostra pagina web.

prigionia e, in molti casi, con la vita, i due organizzatori e artefici della mostra, Yuri e Ilaria, nipoti di due internati, hanno deciso di esporre il materiale da loro raccolto ripercorrendo le tragiche esperienze dei loro coraggiosi nonni. Così, la mostra ha raccontato la storia di Elio, catturato a Milano e prigioniero prima in Polonia e poi in Germania, attraverso le foto scattate dal nipote sui luoghi di quella dolorosissima esperienza, e quella di Mariano, catturato in Grecia con il suo reggimento, internato nel lager di Sandbostel e poi trasferito a Kiel, attraverso la ricerca e gli studi della nipote. M.B.

Per info dettagliate su: caratteristiche tecniche degli impianti vantaggi fiscali elenco degli esercizi che hanno aderito al protocollo di intesa accorgimenti da adottare per il risparmio energetico Visita il sito: http://ambientesostenibilita.comune.fi.it/ ambiente/tutela_territorio/energia.html Tel. 055055 e-mail:

info.caldaie@comune.fi.it

Ufficio - Direzione Ambiente Servizio Sostenibilità Ambientale Villa di Rusciano Via Benedetto Fortini,37 50127 Firenze

Firmatari del protocollo

13/02/14 09:39


#Appuntamenti

Marzo 2014 | 15

 L’evento

tutti in sella, torna il festival della bicicletta

In programma iniziative, escursioni e convegni. La location? Le Cascine Luca Squarcialupi

Il testimonial della prima edizione di Bicifi è stato Davide Cassani, oggi ct della nazionale di ciclismo. Grandi nomi del mondo delle due ruote sono attesi anche quest’anno

T

 Web bicifi.it 

Facebook bicifi

 La corsa

da firenze al mugello, in migliaia alla “granfondo” D al cuore verde di Firenze fino ai paesaggi mozzafiato del Mugello. Oltre cento chilometri tutti sui pedali. Come ogni festival della bicicletta che si rispetti, anche Bicifi ha la sua corsa riservata al ciclismo amatoriale: la Granfondo Firenze De Rosa, che partirà la mattina di domenica 30 marzo dalle Cascine percorrendo le strade di Gino Bartali e Gastone Nencini. Un evento che nel 2013, per la sua prima edizione, ha richiamato 2.500 persone da tutta Italia e dall’estero. E anche quest’anno è previsto l’arrivo a Firenze di migliaia di appassionati in sella ai loro “bolidi”. Due i tracciati: la granfondo, lunga 140 chilometri, e la mediofondo di 90 chilometri. La partenza è nel parco delle Cascine, per proseguire lungo le strade del centro storico fiorentino. La comitiva si dirigerà poi verso Fiesole e arriverà nel distretto cicloturistico del Mugello. Qui, di fronte all’autodromo, i due percorsi si divideranno: quello più duro arriverà fino al passo della Futa e a quello del Giogo. Il gran finale è invece per tutti, con l’arrivo in via Salviati, la salita simbolo del circuito iridato dei Mondiali di ciclismo 2013. Dopo tanta fatica, l’immancabile pasta party, un superpranzo per tutti i partecipanti alle Cascine a base di prodotti tipici toscani. Le iscrizioni per la Granfondo Firenze De Rosa sono aperte.

 web granfondofirenze.it 

Facebook GranfondoFirenze

utti in sella, si pedala. Dalle city bike ai gioiellini da corsa (quelli realizzati “su misura” possono arrivare a costare anche oltre quindicimila euro), dalle pedalate in compagnia alle performance acrobatiche sulle bmx, fino alle iniziative per i baby ciclisti: dal 28 al 30 marzo torna, per il secondo anno, “Bicifi – Florence Bike Festival”, evento tutto dedicato al mondo delle due ruote. Quelle ecologiche, è ovvio. La prima novità di quest’anno è la location: il festival sarà ospitato nel polmone verde di Firenze, le Cascine. Dal piazzale del Re fino alle Pavoniere, il ciclo-evento proporrà iniziative, animazione per bambini, performance ed escursioni in bicicletta, ma anche convegni, incontri e presentazioni di libri. Intanto, sempre più fiorentini hanno rispolverato il caro vecchio sellino. Complice la crisi e l’arrivo dei campioni del mondiale in Toscana, l’anno scorso i ciclisti hanno sorpassato i “cugini” automobilisti: nel 2013 in città sono state vendute più biciclette (quasi ottomila) che auto (6.500 quelle immatricolate), per un parco mezzi ciclabile pari a trentamila unità. Un segnale che qualcosa sta cambiando sul fronte della mobilità sostenibile. Per riscoprire il piacere di pedalare, durante il weekend di Bicifi sarà possibile partecipare a ciclopedalate fino al parco

scegli il cibo della FELICITÀ …per la tua stabilità e la tua calma interiore

dei Renai e verso il centro cittadino. La mattina di domenica 30 marzo sarà dedicata alla Granfondo Firenze De Rosa (vedi articolo a fianco), gara dedicata agli appassionati che arriverà fino ai passi della Futa e del Giogo. Proprio il Mugello, territorio che ha creato il distretto cicloturistico più grande d’Italia, sarà l’ospite d’onore di questa edizione del festival, con uno spazio riservato alle eccellenze gastronomiche locali. Le ultime novità per spostarsi in bici nelle grandi città (come lo “scatto fisso” e la pedalata assistita), insieme alle attrezzature all’ultimo grido per il ciclismo amatoriale, saranno le protagoniste dell’expo, un piccolo villaggio commerciale dove trovare tutto quello che serve per pedalare in sicurezza e nel tempo libero. Spazio anche all’indoor cycling, la disciplina chiamata comunemente spinning, alle performance acrobatiche (bmx, trail, dirt) e ai laboratori per bambini. Ci saranno pure le biciclette che hanno fatto storia: a Firenze arriverà il Giro d’Italia d’epoca. I suoi corridori si sfideranno al velodromo delle Cascine, l’unico impianto del genere esistente in Toscana, le cui origini risalgono alla fine dell’Ottocento. Bicifi è patrocinato da Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze.

..24 VINI SFUSI DA TUTTA ITALIA..

bianchi, rossi, rosati e vini frizzanti alla spina

conferenza serale con Marco De Biagi Martedì 18 Marzo, ore 21.00 Villa Arrivabene in P.zza Alberti1\a, Firenze

Un evento organizzato dall’ Università Brahma Kumaris

UNIVERSITA’ SPIRITUALE MONDIALE ONLUS

Prossimi corsi: intensivo di meditazione, 21-23 Marzo 2014

Prenotazione obbligatoria per max 20 persone – INGRESSO LIBERO Info e prenotazioni al corso:

Tel: 055 53 20 619 - cel: 339 31 05007 - e-mail: bkfirenze@gmail.com - www.brahmakumaris.org - www.formazione-spirituale.org

Il tuo vino sfuso nel pratico bag-in-box ricaricabile da 3-5-10 litri

Via delle Panche, 131/a (angolo via Bocci) Tel. 055 43.77.595 - www.divinosfuso.it


16 | Marzo 2014

#Cultura

 L’intervista

 Focus

“IN SCENA è SEMPRE COME LA PRIMA VOLTA”

Il teatro sociale alle murate: fari puntati sulla Bielorussia

L’attrice turca Serra Yilmaz torna col suo “harem” sul palco di Rifredi per il decimo anno consecutivo A Ludovica V. Zarrilli

L

ei a Firenze è di casa. Ama passeggiare per la città e viaggiare in auto verso il Mugello, attraversando le colline e guardandosi intorno, come a perdersi nel paesaggio. Gli occhi dell’attrice turca Serra Yilmaz rapiscono avidi pezzi di storia, portandoli via con sé, trasformandoli in parte integrante di una cultura, la sua, fatta di contaminazioni e intelligente arricchimento. Per il decimo anno consecutivo l’attrice-musa di Ferzan Ozpetek sarà sul palconscenico del teatro di Rifredi con “L’ultimo harem” (dal 13 al 30 marzo), spettacolo ispirato alle Mille e una notte, ai racconti di Nazli Eray e ai saggi di Ayse Saracgil e Fatema Mernissi, scritto e diretto da Angelo Savelli e interpretato dall’attrice turca insieme a Valentina Chico e Riccardo Naldini. Sono passati dieci anni dalla prima de L’ultimo harem. Cosa si prova a portare in scena uno spettacolo così a lungo? Ci si

può annoiare o è un’avventura sempre nuova? Sono una che non si annoia mai. La vita è brevissima e ci sono così tante cose da fare, libri da leggere, musiche da ascoltare, film da vedere, persone da scoprire e amare. Non c’è tempo per la noia, figuriamoci sul palco! Ogni sera è un’emozione nuova. È come fare l’amore con lo stesso uomo da tanto, se c’è amore è sempre come la prima volta. Quanto è cambiata da dieci anni a questa parte? Sono cambiata moltissimo, come attrice e come donna. Grazie al cielo, aggiungerei. Tutti cambiamo nel corso degli anni, siamo diversi ogni giorno che passa. Lei ha un rapporto speciale con l’Italia. E con Firenze? Ci sono luoghi della città a cui è particolarmente affezionata? Per lungo tempo Firenze e i suoi dintorni hanno rappresentato per me l’Italia intera, quindi ho un legame molto stretto con la città. Mi piace girare per il cen-

Un ritratto di Serra Yilmaz durante una delle repliche dell’Ultimo harem, che da dieci anni registra sempre il tutto esaurito

 Web 

teatrodirifredi.it Tel. 055.4220361

tro, ma anche sulle colline. Ha una città o un luogo del cuore? Ne ho diversi. Istanbul di certo, perché è la mia città, ma anche Firenze e Parigi, dove ho passato molto tempo. C’è un ruolo, al cinema o in teatro, che le piacerebbe interpretare? Mi sarebbe piaciuto molto interpretare il personaggio di Renee Michel nel film tratto dal romanzo “L’eleganza del riccio”, ma ormai la pellicola è già stata prodotta. Ne ho anche parlato con la regista e la produttrice, ma l’ho fatto una volta uscito il film (ride). Progetti “italiani”? Penso che continuerò a recitare nell’Ultimo harem fino a quando ci sarà pubblico voglioso di assistere allo spettacolo. E poi sto lavorando con Angelo Savelli per mettere in scena qualcosa di nuovo insieme, ma è ancora tutto da vedere: siamo alla ricerca di un progetto che ci seduca.

 Leonard Bundu

 Il festival

 La realtà

 La mostra

I pugni del campione in un click

Al Verdi con i big delle sette note, per scoprire la musica di domani

“dire fare recitare”: spettacoli per raccogliere fondi per chi ne ha bisogno

i “segni del mondo” di massimo turlinelli in una personale fino a fine mese

P

A

È

I

l campione di boxe Leonard Bundu troneggia negli scatti di David Andre Weiss. È lui il protagonista di Punch, la mostra che fino al 31 marzo occupa gli spazi di Ganzo, la scuola-ristorante di via dei Macci (il civico è l’85 rosso). David Andre Weiss ha seguito le ultime imprese del campione fiorentino, originario della Sierra Leone, documentando i suoi successi a Roma e a Londra, rispettivamente ad aprile e dicembre 2013, che lo hanno confermato campione europeo dei pesi welter, titolo ottenuto nel 2011. Weiss ha abilmente catturato l’intensità dei momenti pubblici e privati del viaggio intrapreso insieme a Bundu, un’antologia dei quali è in mostra da Gan-

zo. Intensità e tensione sono le parole chiave per immergersi in questa mostra, la terza di David Andre Weiss dedicata a Leonard Bundu. Weiss, insegnante della Florence University of the Arts e direttore di Diva (Digital Imaging and Visual Arts) è un fotografo americano di stanza a Firenze. Diplomato all’Università di Chicago, ha lavorato a lungo negli Usa prima di sbarcare nel Belpaese: al momento, oltre al progetto su Bundu, sta lavorando a Pizzo Free a Palermo e Children in Chernobyl.



Fino al 31 marzo Ganzo - via de’ Macci 85r Lun-sab dalle 11.30 alle 22 ganzoflorence.it

lay It! Torna il festival dedicato alla musica di oggi e di domani. Terza edizione per la rassegna realizzata dall’Orchestra della Toscana e diretta da Giorgio Battistelli, che da mercoledì 26 fino a sabato 29 marzo apre una finestra sul meglio della musica contemporanea in Italia. Per quattro giornate il Teatro Verdi (www.orchestradellatoscana.it, ingresso 5 euro) sarà animato da incontri, approfondimenti, dibattiti, premiazioni e concerti che mostreranno la ricchezza di una scena variegata e in continuo fermento. In tantissimi daranno il proprio contributo, tra prime assolute e prime nazionali, con musicisti del calibro di Francesco Dillon, Alda Caiello, Mario Marzi, Lorna Windsor. Inoltre verrà consegnato il premio alla carriera ad Azio Corghi, compositore piemontese già collaboratore del premio Nobel Josè Saramago. C.G.

iutare con il teatro. È questo il mantra dell’associazione Dire fare recitare, giovane realtà (è nata nel febbraio del 2013) che si propone di mettere in scena spettacoli e pièce teatrali con il solo scopo di raccogliere fondi per chi ne ha bisogno. L’associazione riunisce un gruppo di teatranti provenienti da precedenti esperienze amatoriali e non, alcuni dei quali appartenenti alla compagnia Cenacolo dei giovani del teatro di Cestello. L’obiettivo? Promuovere e diffondere la cultura e l’arte del teatro realizzando spettacoli per sostenere chi ha più bisogno e meno voce per farsi sentire. Con questo scopo gli attori dell’associazione sperimentano la messa in scena dei copioni dal taglio brillante e spesso dissacrante di tre autori fiorentini: Maurizio Faggi, Stefania Mancini e Andrea Pandolfi. Per info sugli spettacoli: direfarerecitare@virgilio.it. C.G.

dovere del pittore essere completamente preso dalla natura e usare tutta la sua intelligenza per esprimere il sentimento, in modo che la sua opera sia intelligibile agli altri, scriveva più di un secolo fa Vincent Van Gogh. Fedele alla stessa convinzione, l’artista contemporaneo Massimo Turlinelli (le cui opere sono in mostra fino al 31 marzo all’hotel Cellai, in via 27 Aprile, nella personale “Segni del mio mondo”) fa del disegno rigoroso l’architettura di tutto il suo lavoro. E non è un caso se Turlinelli, che niente improvvisa, attinge i s-oggetti preziosi delle sue opere direttamente dalla natura. L’opera di Turlinelli (nato a Fermo e residente a Firenze) si caratterizza per l’uso della matita policroma. Attualmente i suoi lavori si sono allontanati dal concetto di figurativo, anche se non dimentica una base formale pur fortemente trasfigurata. B.B.

ccendere fari su realtà dimenticate è la loro specialità. Loro sono “The global theatre project”, progetto teatrale nato a Firenze dallo spirito intraprendente dell’attrice e direttrice artistica Bari Hochwald (nella foto), e sviluppatosi a metà strada tra la città del giglio e la California, dove la Hochwald risiede quando non è a Firenze. Il prossimo appuntamento è in programma il 25 marzo alle 21 alle Murate (Sala delle Vetrate), si intitola Belarusian dream theatre e ha come obiettivo quello di catalizzare l’attenzione sui diritti umani in Bielorussia. Come il Global theatre riuscirà in questo intento è presto detto. “Il 25 marzo – spiega Bari – coincide con la Giornata della Libertà bielorussa. In questo giorno sedici teatri di tutto il mondo, dal Canada all’Australia, passando per la Bielorussia stessa, metteranno simultaneamente in scena i testi teatrali vincitori di un concorso internazionale indetto per brevi scritti dedicati alla situazione in Bielorussia”. The Global Theatre Project realizza la serata di Firenze creando un filo diretto con Los Angeles, dove si svolgerà una serata gemella al Boston Court Performing Arts Center. Firenze sarà l’unica città italiana coinvolta in questo progetto. Lo spettacolo non prevede palcoscenico né sceneggiatura: gli attori, professionisti internazionali, leggeranno i propri testi mescolandosi al pubblico, creando una performance emotivamente coinvolgente. “Prima dell’evento si terranno incontri e proiezioni di film sulla Bielorussia in vari locali del centro. Siamo inoltre in cerca di persone interessate a partecipare in qualità di comparse”, conclude Bari Hochwald. Per informazioni: info@theglobaltheatreproject.org. L.V.Z.


#Cultura  La mappa

“Firenzeshire”, Viaggio nei luoghi amati dagli inglesi del grand tour

Marzo 2014 | 17

 La curiosità

San Patrizio, Tutti a scuola di danze irlandesi

B

allare all’irlandese non vuol dire semplicemente “zompettare”. Dietro a queste danze ci sono una lunga tradizione, una disciplina sportiva e perfino una commissione dublinese che certifica i maestri, con tanto di “patentino” internazionale. Anche Firenze ha la sua scuola: si chiama Gens d’Ys - Accademia di danze irlandesi, ed è legata a una rete nazionale con nove sedi nello Stivale, con il patrocinio dell’ambasciata d’Irlanda. Le lezioni si svolgono all’Isolotto, nella palestra dell’ex scuola Barsanti di via Assisi. Gli studenti sono una settantina: c’è un gruppetto di ragazzini tra i 10 e i 12 anni, un team di ventenni, ma lo “zoccolo duro” è costituito da adulti. Nonostante questo, presto nascerà un corso per baby danzatori. Si parte dal livello di base, per poi specializzarsi negli anni successivi. “La danza solista – spiega Mirko Peluso, responsabile della sede fiorentina e insegnante certificato – si svolge sulle mezze punte e prevede posture precise. Si usano esclusivamente piedi e gambe”. G.C.

Enrica Cinaschi

potranno non passare una serata nella bella St. Mark’s church, in via Maggio, chiesa anglicana dove prende vita un fitto programma culturale che offre, oltre a messe cantate, occasioni a base di opera e concerti di classica. Poco distante c’è la misconosciuta Casa Guidi, dove a ridosso della metà dell’800 vissero (e coronarono il loro tormentato sogno d’amore) la poetessa inglese Elisabeth Barrett Browning e il marito Robert. Pochi sanno che oggi la casa è stata trasformata in un museo ed è visitabile su appuntamento. E dove potrebbe essere sepolta la Browning se non nel Cimitero degli Inglesi? Bellissimo in primavera, quando tra le lapidi fioriscono gli iris, conserva i resti di molti degli intellettuali che amarono la città

del giglio. E, a proposito di sepolture, la basilica di Santa Croce non ha rivali, tant’è che ospita persino “le mortali spoglie” di Florence Nightingale, infermiera britannica considerata la fondatrice dell’assistenza infermieristica (nel 1853 partì alla volta della Crimea per aiutare i soldati feriti). E se si ha fame di cultura inglese, il luogo “principe” resta il British institute, che conserva gelosamente alcuni degli archivi delle più importanti personalità legate a doppio filo con l’Italia. Oppure Villa La Pietra, gioiello di proprietà dello storico e collezionista d’arte Harold Acton che alla sua morte lasciò tutto alla University of New York. La villa, sulla via Bolognese, si può visitare previa prenotazione il venerdì pomeriggio.

 Web gensdys.it 

Un momento di uno spettacolo della scuola di danze irlandesi di Firenze

P.Iva 07407600969

A

l tempo dei viaggi low cost, il Grand Tour sembra lontano mille miglia, con i suoi ritmi lenti e le pause per la riflessione. Ma se è vero che oggi quei viaggi sarebbero impensabili, ritagliati come sono tra l’orario d’arrivo e di partenza di un aereo a basso costo da incastrare in un weekend, è anche vero che a Firenze esistono ancora dei luoghi che conservano intatto il sapore ottocentesco e romantico dei viaggi intrapresi dagli inglesi alla volta della città del giglio. Sì, perché loro, più di chiunque altro, hanno lasciato traccia della permanenza in città, mantenendo ancora oggi bellissimi avamposti da non lasciarsi sfuggire. Gli amanti della buona musica e dell’opera, ad esempio, non


18 | Marzo 2014

#Fiorentina

 Il calendario

un mese di grandi sfide

I

l 3 maggio, giorno della finale di Coppa Italia, è una data segnata in rosso (anzi, in viola) sul calendario ormai da qualche settimana, da quando, battendo l’Udinese, la Fiorentina si è qualificata per l’ultimo atto della competizione. L’ultima vittoria risale alla gestione Mancini, stagione 2000-2001, con rete decisiva di Nuno Gomes in finale contro il Parma. A esultare in tribuna c’era Cecchi Gori. Ricordi che sanno (quasi) di foto in bianco e nero. Così come di bianconero si tinge questo marzo per i viola. E il ricordo non può che andare all’indimenticabile gara di andata in campionato, il 4-2 in rimonta che ha fatto impazzire Firenze, con Giuseppe Rossi protagonista assoluto. Ora che però Pepito non c’è, toccherà a Montella metterci del suo. Il marzo viola continua poi con il posticipo contro il Chievo, prima delle due partitissime contro Napoli e Milan, quest’ultima nel turno infrasettimanale. Il mese finisce poi a Genova, contro la Sampdoria dell’ex Mihajlovic. Ma il sogno no, quello deve continuare. Lorenzo Mossani

Vincenzo Montella questo mese dovrà chiedere il massimo alla sua Fiorentina, impegnata in una serie di partitissime

 La promessa

il sogno a tinte viola del ragazzo di figline

Il 18enne Leonardo Capezzi fra Primavera e prima squadra Irene Delfino

“C

osa posso volere di più che giocare nella F i ore nt i n a ? ”. Da bambino Leonardo Capezzi aspettava i suoi idoli al rientro dalle trasferte vittoriose. Il 7 novembre scorso le parti si sono invertite, perché c’era anche lui su quel pullman che tornava fra gli applausi al Franchi dalla trasferta romena. Una notte indimenticabile per il diciottenne della Primavera, che ha fatto il suo esordio in Europa League a Cluj, sul campo del Pandurii.

“A un certo punto Montella mi ha detto: scaldati. Ho capito che avrei giocato”. Con i viola sotto per 1 a 0, al 35° minuto del secondo tempo arriva il cambio: fuori Roncaglia e dentro il giovane centrocampista. Passano solo sei minuti dalla sostituzione che Matos spinge in rete il gol del momentaneo pareggio. La rete dà fiducia alla Fiorentina, che tenta l’assedio negli ultimi minuti di gara. Agguantando il sorpasso al secondo minuto di recupero, con un diagonale destro di Borja Vale-

ro. “Aquilani, scherzosamente, mi ha fatto questa battuta: sei entrato tu, hai cambiato il volto alla partita, abbiamo vinto. Bravo”, racconta Capezzi. Il ragazzo di Figline Valdarno con i piedi buoni e la testa sulla spalle, che a nove anni inizia a tirare i primi calci al pallone nella Sangiovannese, ma che sotto la maglia tiene quella viola. Nel 2008 viene notato e scelto dagli osservatori della Fiorentina. Il primo, piccolo passo è compiuto. Con la casacca gigliata continua la trafila delle giovanili

fino alla Primavera guidata da Leonardo Semplici. Oltre alla maglia viola veste anche quella azzurra: il 4 febbraio 2011 arriva la prima chiamata dall’Italia under 16. Debutto impreziosito da una punizione a giro, che vale il secondo gol per gli azzurrini. Leonardo continua la sua scalata, collezionando presenze con l’under 17 e l’under 18, e qualche mese fa scende in campo anche con l’under 19. Inevitabili, di questi tempi, le prime sirene inglesi, ma il ragazzo di Figline si tappa le orecchie. Vuol crescere nella sua Fiorentina. E con il senno di poi fa la scelta giusta. Visto che Montella comincia a tenerlo d’occhio. Lo porta in ritiro a Moena nel 2012, poi lo convoca con la prima squadra. Il regista fa così la spola fra i baby e i big, imparando dai “grandi” e trascinando i “piccoli” in semifinale al torneo di Viareggio, in finale di Coppa Italia e a vivere il sogno scudetto, a portata di mano per i ragazzi di mister Semplici. Ma il vero sogno di Leo è il debutto in serie A, al Franchi, fra i suoi tifosi, imitando la carriera del suo idolo De Rossi. Ma a tinte viola.

Direttore Responsabile Matteo Francini Redazione Tabloid soc.coop., Firenze (FI) Tel. 055 6585939 - redazione@ilreporter.it

EDITORE E CONCESSIONARIA PUBBLICITARIA

Bunker s.r.l. Sede Legale | Amministrativa Piazza E. Artom 12, 50127 Firenze Sede operativa Via Giovanni dalle Bande Nere 24, 50126 Firenze

PUBBLICITÀ Tel. 055 6585939 Fax 055 6801567 email: info@edizionibunker.it STAMPA

Nuova Cesat - Firenze (FI)

Periodico d’informazione locale. Anno VIII n.14 del 3 Marzo 2014. N° reg 5579 del 17/05/2007 Tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 23957. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A.

 Big & baby

una coppa italia per due

B

ig e baby viola, una coppa (Italia) per due. I ragazzi di Montella e quelli di Semplici volano in finale ai danni dei bianconeri. La Juventus Primavera, travolta per 5 a 0 tra Torino e Firenze. Con doppietta di Gondo all’andata e reti di Gulin, Capezzi e Fazzi, maturati in 24 rintocchi, allo stadio delle Due Strade. Dalle tribune gli ultrà viola intonano il coro “il pallone è quello bianco...”, mentre la Fiorentina rischia di umiliare ancor più i giovani juventini, andando più volte vicina all’ennesimo centro. Dopo il fischio finale, in campo comincia la festa, con tanto di inno di Narciso Parigi. Cantato a squarciagola anche dai trentamila del Franchi che, dopo tredici anni, vedono la loro squadra di nuovo in finale di Coppa Italia. Questa volta ai danni dei bianconeri dell’Udinese. La prima finale dell’era Della Valle. In tribuna a soffrire come i giocatori in campo, che hanno lottato fino all’ultimo, interminabile, minuto di recupero. Sorretti da trentamila voci, trentamila cuori viola, da una città intera, che non vedeva l’ora di andare a Roma. Nel 2001 Rui Costa alzò la coppa al Franchi. Allora non c’era la finale unica, ma si giocavano andata e ritorno, come nel torneo Primavera. Aspettando il 3 maggio, allora, il 26 marzo tutti al Buozzi, a fare il tifo per i nostri ragazzi. I.D.

NON RICEVI LA TUA COPIA DE IL REPORTER?

Il Reporter del Q4 raggiunge le famiglie del quartiere 4 di Firenze.

DATI NON RACCOLTI PRESSO L’INTERESSATO Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Bunker s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Bunker s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Bunker s.r.l. piazza E. Artom 12 - 50127 Firenze.

CHIAMA IL NUMERO 055 6585939 OPPURE INVIA UNA MAIL A INFO@EDIZIONIBUNKER.IT


#Sport

Marzo 2014 | 19

 La società

 Basket

A PONTE A GREVE UN CALCIO ALLA CRISI

enegan, finale da brividi

Sconti (e non solo) per le famiglie in difficoltà

S

arà difficile ottenere la salvezza nell’Adecco Silver League per l’Enegan Firenze. La squadra di Attilio Caja, rivoluzionata in corsa e molto diversa rispetto a quella che aveva iniziato il campionato, dovrà non solo fare punti, ma guardarsi anche dai risultati che faranno le altre “pericolanti”. Scontata la retrocessione di Bari, con i fiorentini cercano di evitare di scendere di categoria Torrevento, Recanati, Reggio Calabria, Chieti e Ravenna. Sarebbe un vero peccato se la squadra fiorentina non centrasse l’obiettivo, in un’annata in cui al Mandela Forum ha giocato anche la Montepaschi Siena. Si erano anche rincorse voci di partenariato tra le due realtà, che però sono sempre state smentite. C’è comunque ancora molto entusiasmo per il rilancio del basket a Firenze, e la salvezza dell’Enegan potrebbe concretizzare anche il sogno di rivedere presto la serie A. La città, insomma, si augura che il progetto per la pallacanestro in città si faccia sempre più concreto. Sim.Spa.

Salvezza difficile per gli uomini di Attilio Caja: la squadra attuale è molto diversa rispetto a quella che aveva iniziato il campionato

 Baseball

via alla nuova stagione

L

Carlo Marrone

Q

uarant’anni portati benissimo per l’Upd Ponte a Greve, nata nel 1974 dal desiderio di un gruppo di volontari non solo di fare calcio, ma anche e soprattutto di offrire a tanti ragazzi un ambiente sano, educativo e divertente dove crescere nei valori dello sport e della vita. Quattro decenni dopo la società, sotto la guida del presidente Lorenzo Bosi, vanta più di trecento tesserati, due squadre di calcio femminile (una in serie C e una Juniores) e un impegno nel sociale che è senza dubbio il suo fiore all’occhiello. “Siamo consapevoli della situazione di forte disagio economico che vivono oggi molte famiglie, e desideriamo fortemente che non debba pesare sulla vita dei più piccoli, che non lo meritano. Per questo negli ultimi anni abbiamo attivato un ‘fondo anti-crisi’ grazie al quale, dietro certificazione Isee, siamo in grado di offrire grossi sconti sulla scuola calcio, fino ad arrivare alla completa esenzione dalle spese – spiega Stefano Zoi, direttore sportivo della società – e da poco offriamo alle famiglie più in difficoltà anche la possibilità di assistere gratuitamente alle partite dei figli”. Come ci riuscite in un periodo del genere, in cui sicuramente anche la società non è esente dalle difficoltà? Usufruiamo di finanziamenti

W eb polisportivaponteagreve.it Tel. 055.7322383

anche da parte di piccole aziende, e poi creiamo noi stessi eventi per auto-finanziarci. A giugno scorso, ad esempio, abbiamo organizzato una partita tra soggetti trapiantati e la nostra squadra femminile. A proposito delle squadre femminili, siete tra le poche società fiorentine a offrire questa possibilità. Ci sono sostanziali differenze tra maschi e femmine nel vivere il calcio? Direi di no, passione e impegno sono gli stessi. La differenza sta nel seguito: il calcio femminile è poco apprezzato. Ma il nostro obiettivo è offrire a tutti la possibilità di giocare. Da noi arrivano calciatrici addirittura da Vicchio, proprio perché le possibilità di giocare per le ragazze sono poche. Ma la voglia è tanta. Lei è direttore sportivo da un anno e mezzo: è soddisfatto della sua esperienza? Molto, ho visto crescere le iscrizioni alla scuola calcio di un buon 20%, con un direttore tecnico d’eccezione: Alberto Malusci, giocatore della fiorentina ai tempi di Batistuta.

I Giovanissimi B 2000 del Ponte a Greve. La società, nata nel 1974, quest’anno compie quarant’anni. E le iniziative non mancano, a partire da quelle contro la crisi

Incrementare la scuola calcio è uno dei vostri obiettivi per il futuro prossimo: ce ne sono altri? Migliorare la struttura. Siamo in procinto di ristrutturare gli spogliatoi. Crediamo che i nostri ragazzi meritino di vivere un ambiente il più possibile salutare. E per quanto riguarda i risultati? Gli allievi A, sotto la guida di Mauro Bongi, stanno giocando un ottimo campionato, come anche gli allievi B con Malusci. Speriamo di portare a casa dei bei risultati! Per quanto riguarda il futuro in senso più ampio, dato il nostro forte investimento nella scuola calcio, ci piacerebbe vedere una prima squadra formata tutta, o quasi, da ragazzi cresciuti con noi fin dai primi calci. E l’augurio è che questo si possa avverare, come “premio” per aver offerto ai ragazzi un ambiente sano e, soprattutto, alla portata di tutti.

a Fiorentina Baseball, dopo la meritata promozione, ritorna a partecipare al campionato di serie B dove, assegnata al girone Nord, affronterà due squadre di Bologna (Bcm e Nuova Pianorese), il Junior Parma, il Poviglio (RE), il Brescia e il Cagliari. Alla guida il manager Marco Duimovich, mentre il presidente Lauria ha dato il via alla campagna acquisti: arriveranno da Livorno Francesco Miliani e Federico Bottai, due giovani interni classe ‘93, che si sono messi in luce nel campionato di serie C, oltre al giovane Alessio Sinforici (‘96), talento del Cosmos San Casciano, che rinforzerà il monte di lancio. Ritorna il trentaquattrenne Francesco Di Mattia, proveniente da Nettuno, l’anno scorso nelle fila del Grosseto Ibl, e confermato David Sonnacchi, ricevitore/prima base. Un altro acquisto importante è Flavio Rinaldi, ricevitore e forte battitore proveniente dall’Urbe Roma. Infine, il lanciatore Valerio Rodà. Per la gestione del monte di lancio ci sarà Antonio Figueroa. La Fiorentina inizierà la stagione il 23 marzo in Coppa Italia, mentre il campionato partirà il 6 aprile. Sim.Spa.

La Fiorentina Baseball sarà impegnata quest’anno nel campionato di serie B, che scatta ad aprile. Prima è in programma la Coppa Italia

Senza appuntamento via Federico d'Antiochia 21 (di fianco all'ipercoop Gavinana) info 327.28.97.058

NUOVA APERTURA Piazza Ferrucci, 3 info 333.40.22.251


20 | Marzo 2014

#Rubriche

A zonzo per Firenze BRICIOLE DI STORIA, FRA ANEDDOTI, LEGGENDE E MISTERI

IL MISTERO DELLA BATTAGLIA NAVALE

D

efinito da Dante il “mio bel San Giovanni” in cui egli fu battezzato, il Battistero è il primo importante edificio architettonico della nostra città. Sul lato prospiciente il Palazzo Arcivescovile, fuoriesce dal perimetro dell’ottagonale immobile decorato nel 1294 a motivi geometrici con marmo verde e bianco, l’abside rettangolare detta “scarsella”. Per quel decorosissimo rivestimento esterno di marmi “che prima erano di macigno” fu deputata l’Arte di Calimala la quale, nell’occasione, fece togliere i monumenti et arche di marmo che vi erano dintorno, le quali erano tutte o la maggior parte de’ Gentiluomini di Firenze… A fianco della scarsella dalla parte di Via Roma, si può notare nella parte basamentale di quel lato, a circa un metro dal piano stradale, incastonato nel rivestimento marmoreo eseguito tra l’XI e il XIII secolo, un consunto bassorilievo del V secolo, poco o per niente noto ai fiorentini e comunemente appellato la Battaglia navale. Tale denominazione la si rileva anche nel V tomo di Notizie Istoriche delle Chiese Fiorentine del Richa, quando a tal proposito alla metà del 1700 egli così scrive: …a fior di terra poi dalla banda del Bigallo evvi pure da osservare un basso rilievo in marmo lungo due braccia rappresentante un combattimento navale, né io mi posso indurre a credere che in tanta abbondanza di marmi, questo sia stato quivi messo per ripieno, ma più tosto direi che fosse il dinanzi d’un Sepolcro spettante ad illustre Famiglia Fiorentina che nella traslazione soprannarrata de’ tanti avelli, ottenesse dall’Arte che in questo luogo fosse murato… Però tale titolo di qualificazione, come vedremo non è per niente esatto e tutto dissimile dall’immagine riprodotta nel reperto.

Si tratta molto probabilmente di un antico ritrovamento rinvenuto in zona ed inserito durante l’esecuzione del rivestimento del sacro edificio. Verosimilmente il reperto, nonostante la perdita di gran parte dell’opera, potrebbe provenire da un frontale di sarcofago paleocristiano, quando l’economia era ancora legata all’agricoltura. Poi, con il passare dei lustri, durante i quali la tomba può aver accolto altri defunti con i loro corredi funebri, abbandonata la sua originale funzione, come altre volte verificato, l’avello fu probabilmente impiegato in città quale vasca di fontana o abbeveratoio del bestiame: la deduzione prende attendibilità osservando sulla parte destra del frontone, una rotonda apertura, poi ben chiusa forse quando si decise di collocare il bassorilievo nel rivestimento del Battistero, incastonandolo fra i marmi bianchi della Lunigiana e quelli verdi di Prato. Il foro non era altro che il “troppo pieno” della vasca o dell’abbeveratoio, il quale consentiva la fuoruscita dell’acqua mantenendone il livello alla dovuta altezza, senza la

tracimazione dall’orlo. Sul singolare reperto si notano anche evidenti tracce di una patinatura nerastra, probabilmente apposta nel Quattrocento quando si aggiunsero al Battistero le tre porte di Andrea Pisano (quella sud) e le altre due di Lorenzo Ghiberti, al fine di far sembrare similmente il bassorilievo una scultura bronzea e non di marmo. Tale tinteggiatura, oggi quasi del tutto scomparsa, ha comunque contribuito a difendere il reperto dalle ingiurie corrosive del tempo. Dopo questa dissertazione, passiamo a verificare e svelare (se possibile) il soggetto del bassorilievo definito, come già detto, la Battaglia navale. L’antica testimonianza archeologica presenta un marmo molto eroso e rotto in due pezzi poi ricollegati insieme, ma forse non in una esatta successione dell’immagine. Si suppone che fra i due pezzi ci fosse un altro, seppur breve frammento, andato perduto con tutto il resto del sarcofago. In realtà la scena che si osserva ora, pare voglia rappresentare due momenti di vita dell’uomo commerciante e nello stesso tempo agricoltore: quindi vita mercantile e vita artigianale dedita all’agricoltura. Pertanto, a nostro modesto avviso, è da escludere a priori che la rappresentazione raffiguri una qualsivoglia “battaglia” sia essa terrestre o navale, in quanto non si notano armi impiegate dai presunti guerrieri in lotta, privi di elmi e scudi, anche se a sinistra (relativamente al primo troncone), vediamo una sola nave romana a vele ammainate e legate al pennone, ormeggiata a riva. Il consunto frontone, comunque è significativo per le notizie che ci fornisce: dall’imbarcazione discende un uomo con la schiena curva perché porta sulle spalle un contenitore, mentre un

altro in eguale atteggiamento sale a bordo. La scena sembra quella di un normale attracco di una nave, con il relativo carico e scarico della mercanzia. Nell’altro frammento, quasi al centro della scena, si nota il momento agreste della vendemmia con la pigiatura dell’uva in un grande tino. Tale lavoro è effettuato con i piedi nudi da due persone, nel classico moto di pressione alternativo delle gambe, immerse negli acini al fine di ottenere il mosto e quindi vino, mentre un terzo agricoltore scarica da una cesta che porta sulla schiena la sua raccolta di grappoli nel tino: sintesi ambientale di un comportamento di vita singola e sociale aderente alla semplicità dei tempi. Sgombrato il campo da presunte “battaglie” viene da domandarsi perché un reperto così antico sia stato incastonato nel Battistero dedicato a San Giovanni Battista. Poiché “niente viene a caso”, è lecito ipotizzare! Azzardiamo così un’altra supposizione, prendendo in esame separatamente i due tronconi del bassorilievo: nel primo, quello relativo alla “nave”, dobbiamo sapere che un’imbarcazione in genere, ha sempre simboleggiato la Chiesa quale traghettatrice delle anime beate in Paradiso, inoltre raffigura espressamente anche il commercio, caro all’attività dell’Arte Maggiore dei Mercatanti di Calimala molto esperta nel traffico via mare, ed alla quale era affidata l’amministrazione dell’Opera di San Giovanni. Infatti, sovrastante la porta nord dell’ottagonale costruzione, si nota ancora l’aquila con il torsello; stemma dell’Arte. Nel secondo pezzo, sapendo che la religione cattolica ha sempre rappresentato con il vino, il sangue di Cristo, simbolo del frutto della terra trasformato in vino dal lavoro

dell’uomo, presente nell’eucaristia, ben si accosta all’edificio sacro che fu anche cattedrale della città fino al 1128. Pertanto entrambi i frammenti avrebbero un’intrinseca correlazione con l’austerità religiosa del Battistero e non ultima, la volontà di unire un così antico ritrovamento risalente forse al primo nucleo di Firenze romana, per vantarne la diretta discendenza, come del resto ne dà immagine Dante (Commedia, Inferno C. XV, vv. 76-78): …in cui riviva la sementa santa di que’ Roman’ che vi rimaser quando fu fatto il nido di malizia tanta. Cercando ora di fondere la raffigurazione del bassorilievo in un solo significato, come in origine avrà voluto certamente rappresentare, si può pensare al sepolcro di un ricco “vinattiere”, cioè di un importante produttore e commerciante di una illustre famiglia fiorentina che produceva ed esportava il vino, forse addirittura un personaggio “noto” del momento. Per cui concludendo, se volessimo dare un plausibile e significativo nome all’antico bassorilievo, lo si può denominare d’ora in avanti il “Vinattiere” e non più la “Battaglia navale”. L’articolo è uno dei quaranta aneddoti su Piazza del Duomo, tratto dalla nostra pubblicazione “A Occhio e Croce”, edita da Firenze Leonardo Edizioni. LUCIANO E RICCIARDO ARTUSI  Web artusi.net

Il Pungiglione

il lavoro in italia? un problema preistorico

I

n Italia il lavoro è come la forfora: un problema irrisolvibile! Lavoro significa disoccupazione, precariato, tagli allo stipendio. Quanto mi piacerebbe che un giorno il Tg aprisse con un’edizione straordinaria: “Oggi il signor Rossi, senza nessuna raccomandazione, è stato assunto a tempo indeterminato. Non solo, a fine mese riscuoterà pure lo stipendio!”. Una notizia così da noi sarebbe una ventata di novità! Il governo, per sconfiggere la disoccupazione, ha deciso di dare incentivi agli imprenditori che assumeranno donne o giovani. Il problema è che la maggior parte dei disoccupati in Italia sono uomini e di 40 anni! Un mio amico disoccupato ha già iniziato a farsi una cura di ormoni: male che vada troverà lavoro alle Cascine! Un altro amico disoccupato, invece, ha investito direttamente sul botulino! In Italia il lavoro è sempre stato un problema. Ai tempi del Paleozoico l’attività principale dell’uomo era fare il cacciatore: per farlo bastava farsi una lancia e cercare una bestia da uccidere. In tutte le parti del mondo funzionava così, tranne che da noi. In Italia per fare il cacciatore dovevi prima farti rilasciare la licenza, poi avere la tessera d’iscrizione all’Arci caccia & pesca e infine l’assicurazione per il cane. Ai tempi del Paleozoico ci mettevi dieci anni ad ottenere tutti questi documenti! E se ci riuscivi non potevi nemmeno esultare, nel frattempo eri già morto di fame! Si vede che il lavoro non è proprio nel nostro Dna! ANDREA MUZZI Comico, attore, regista e cabarettista

 Web

andreamuzzi.it


Lettere

Marzo 2014 | 21

Fate sentire la vostra voce: inviate segnalazioni, problemi o proposte a redazione@ilreporter.it IL “NUOVO” VIALE DE AMICIS E IL PARCHEGGIO DELLE AUTO

Salve, volevo solo far presente che i viali De Amicis e Lungo l’Affrico hanno avuto un nuovo lifting bello, funzionale e pulito. Un grazie a tutti coloro che hanno prestato servizio per rendere migliore una delle tante zone di Firenze. Dato che noi cittadini non sappiamo apprezzare tutto ciò, anzi ci facciamo in quattro per deturpare, e non siamo capaci di essere responsabili, perché durante manifestazioni sportive, musicali e quant’altro dobbiamo parcheggiare sulla pista ciclabile appena fatta (anzi ancora da terminare), sulle aiuole, su marciapiedi, strisce pedonali, posti riservati a motocicli e passi carrabili? Se viene fatto presente alle autorità competenti rispondono che non hanno mezzi a disposizione e che c’è la partita, quindi tutto deve essere tollerato. Ma vi sembra un buon motivo? Grazie per aver letto il mio sfogo. S.M.M.

di dovere corsi serali impartendo ai patentati lezioni di educazione civica, pena il ritiro della patente, certamente in questa realtà è pura utopia. Grazie per l’attenzione e porgo cordiali saluti. Severino B.

VIA PACINOTTI, “CINQUE SEMAFORI PER TORNARE A CASA”

LE PISTE DEL QUARTIERE 4 E IL COMPORTAMENTO DI AUTO E BICI

Gentile redazione, ho letto con molta attenzione la lettera pubblicata su “Il Reporter” di questo gennaio dal sig. A. Ilari, che verte sulla problematica della pista ciclabile del Q4 il cui contenuto condivido parzialmente per la ragione che espongo per ciò che segue: anch’io sono un ciclista e risiedo in zona, uso quotidianamente le piste in questione. Però, c’è un però da chiarire sulla ciclabile. Le suddette non sono agevoli e omogenee nel suo insieme perché esse per lunghi tratti sono alternate con i marciapiedi, nelle ore serali ci si trova in difficoltà per la scarsa luce ad identificarle. Poi, automobilisti maleducati con poco rispetto per il sociale, sostano senza riguardi e sicuri di rimanere impuniti da qualsiasi penalizzazione, non si è visto mai un foglio rosa sul loro parabrezza, vale pure questo per i veicoli a due ruote in sosta, senza contare i passanti che l’alternano con il marciapiede. Per tanto il povero ciclista è impedito di conseguenza di usufruire totalmente del percorso su di esse, costretto suo malgrado a servirsi molto spesso della strada a suo rischio e pericolo e in caso d’incidente con un veicolo a motore rischia oltre la multa anche eventuali danni contro terzi. Quindi, se il ciclista è costretto per questo stato di cose a fare manovre errate, per forza di cose non è totalmente colpa sua. Le piste come sono tutt’ora non sono concepite ad opera d’arte, non sono per niente in armonia con le vie Massa e Modigliani che sono arterie lineari ed eleganti nel suo insieme architettonico, quando sono state ideate dette piste non è stato tenuto conto di questo. Antiestetiche, con quei ferracci come divisorio e pericolosi come i cordoli che però quest’ultimi, in compenso, non sono antiestetici, spesso qualche veicolo “piomba” su quei “ferracci” che sono scarsamente dotati di segnaletica. Non importa, secondo me, trasferirsi ad Amsterdam o nella più vicina Ferrara come scrive il sig. Ilari, per confrontarsi con le loro ciclabili, basterebbe lavorare con criterio. Si fa per dire: organizzare da chi

Abito in un piccolo condominio, siamo in quattro, in via Pacinotti a cinquanta metri dal cinema Fiamma ed abbiamo un cortile interno dove parcheggiare, a turni di due, le nostre macchine. Orbene, venendo da via Mannelli, ed arrivati a Ponte al Pino, per entrare in casa con la macchina, dobbiamo girare a destra verso via Campo d’Arrigo, al semaforo dopo 100 m. (primo) girare a sinistra ed al semaforo di Viale dei Mille per altri 100 m. (secondo) attraversare il viale, percorrere un tratto di Via Marconi (200 m.), girare a sinistra verso Viale Volta, percorrerlo per 200 metri, fermarsi al semaforo di Via Pacinotti angolo con Viale Volta (terzo) andare avanti un pochino (100 m.), girare a sinistra per 50 m. e fermarsi al semaforo dell’Ataf (quarto) entrare in Viale dei Mille e fermarsi al semaforo di via Pacinotti dopo 100 m. all’edicola (quinto) e finalmente girare a destra in Via Pacinotti, fare 100 metri verso Ponte al Pino ed entrare in casa. Totale cinque semafori per percorrere circa 850 metri nel traffico. No comment. Basterebbe che a noi quattro residenti dessero l’autorizzazione di andare a dritto da Ponte al Pino in Via Pacinotti sulla corsia dei bus (percorsa regolarmente da invalidi veri, finti e quant’altro), fare 100 metri ed entrare in casa. Risparmio di traffico, benzina e tempo. Spero nella comprensione della Viabilità del Comune. Saluti, Mauro

VIA POLIZIANO E LA SOSTA DEI CAMPER

Ma vi sembra normale che un camper stazioni da più di un anno in via Poliziano senza essere mai mosso né spostato nemmeno per la mensile pulizia delle strade? Il degrado di una strada tanto utilizzata e trafficata, dove giornalmente i motorini sfrecciano sulla pista ciclabile per evitare la coda al semaforo, rischiando di investire chi la percorre in bicicletta o si accinge ad attraversare la strada, e dove i parcheggi auto, già scarsi vista la costruzione della pista ciclabile su un intero lato della strada, vengono occupati per anni interi, come nel caso del camper. Ma i camper non dovrebbero essere riposti in appositi parcheggi? Ma lo sporco che si raccoglie sotto e che non può essere tolto nemmeno quella volta il mese della pulizia stradale non contribuisce ad aumentare il degrado di quella che era una bella strada della nostra bella città? Ma i vigili urbani sono scomparsi, gli addetti alla pulizia stradale si limitano a girargli intorno e tutto resta inesorabilmente come è dando ragione, in questo modo, a chi non rispetta le regole e si comporta in modo non rispettoso nei confronti degli altri cittadini. Grazie per l’attenzione, una abitante di via Poliziano

“IL MIO APPELLO AI CICLISTI: FATEVI VEDERE QUANDO È BUIO” Dopo aver rischiato ieri, per l’ennesima volta, di investire un ciclista senza luci, mi decido a fare questo appello. Mi spiego: tempo fa leggevo un bell’articolo sulle biciclette che illustrava il progetto “For Cyclist”. Ecco, io apprezzo moltissimo questi incoraggiamenti che arrivano da più parti per l’incremento dell’uso della bicicletta, pur non potendo io più usarla. Odio l’auto e il suo inquinamento, ma tant’è, ormai ci sono, le dobbiamo/vogliamo usare e soprattutto... dobbiamo convivere, automobilisti e ciclisti. Detto questo vengo alla mia richiesta, anzi, implorazione. Chiedo vivamente ai nostri ciclisti di fornire le loro bici di luci, anteriori e posteriori, queste ultime specialmente! Troppo spesso noi automobilisti ci troviamo davanti, all’improvviso, soprattutto ovviamente la sera, le biciclette, completamente invisibili, ed è proprio fortuna, loro e nostra, se riusciamo a scansarle. Auspicherei anche che chi di dovere facesse rispettare questo che ritengo debba essere un obbligo, se non da codice della strada (ma credo lo sia), perlomeno di civiltà per la sicurezza di tutti. Tutti abbiamo comportamenti da correggere, ma questo è rimesso alla coscienza individuale. Ai ciclisti chiedo un impegno maggiore: le luci! Fatevi vedere quando è buio! Lettera firmata

IL REPORTER RISPONDE Caro lettore, la sua lettera (ma anche quella del signor Severino che pubblichiamo in questa stessa pagina) ci dà lo spunto per tornare a parlare del comportamento di ciclisti e automobilisti, tema evidentemente fra i più cari al nostro pubblico. Spesso, troppo spesso, gli uni tendono ad attaccare gli altri “a priori” per la condotta tenuta alla guida e viceversa. E questa è la prima “usanza” da sradicare: perché le strade siano sicure per tutti è infatti necessario che tutti, in qualsiasi modo si spostino, adottino ogni misura possibile per minimizzare i rischi per se stessi e per gli altri. Collaborazione e non contrapposizione, insomma. Non dimenticando mai il mezzo su cui si sta viaggiando e la sua potenziale pericolosità, perché è chiaro che i danni che si possono provocare a bordo di un’automobile sono diversi rispetto a quelli che si possono fare in bicicletta. Detto questo, il suo appello (o, per usare le sue parole, implorazione) ai ciclisti di farsi vedere di notte dotando le biciclette delle necessarie luci è assolutamente condivisibile, ed è fondamentale che tutti coloro che si spostano sulle due ruote si mettano in condizione di vedere ed essere visti, sempre, cosa che troppo spesso, purtroppo, ancora oggi non avviene. Accorgimenti minimi di sicurezza (in primis per se stessi) forse sottovalutati, ma su cui invece ci deve essere la massima attenzione. D’altro canto è vero anche che sempre troppo spesso i ciclisti sono obbligati a “condividere” la sede stradale con le auto per la mancanza, in certe parti della città, di piste ciclabili, o per l’impossibilità di utilizzarle a causa di sosta selvaggia o altri comportamenti scorretti. Serve la massima responsabilità da parte di tutti, insomma, perché le strade fiorentine possano diventare sempre più sicure. Con qualunque mezzo si scelga di percorrerle. MATTEO FRANCINI m.francini@ilreporter.it

Editoriale

dalla prima

Tra le tante questioni su cui l’attenzione non dovrà mancare, a Firenze come in sede nazionale, c’è quella del lavoro. Tema cui questo mese dedichiamo ampio spazio sul nostro giornale, e non a caso. Mentre in città nascono o proseguono la loro attività spazi dedicati al “coworking”, ovvero spazi in cui si condividono ambiente di lavoro, idee ed esperienze, provando anche a fare sinergia, i numeri sull’attuale situazione sono contrastanti. Per qualche spiraglio che sembra aprirsi, per i primi, timidi segnali di ripresa che cominciano a intravedersi, ci sono sempre alcuni dati, preoccupanti, a tenerci con i piedi ben piantati per terra e a ricordarci che i tempi duri non sono finiti, affatto. Vietato abbassare la guardia, insomma. Ma oltre ai numeri ci sono anche (e soprattutto) le storie, i racconti, le testimonianze. Ci sono, insomma, le vite delle persone. Questo mese abbiamo voluto raccontare la storia di Giovanna, una fiorentina come tante. Trentenne, un passato da precaria e un presente da disoccupata. Le giornate trascorse in cerca di un lavoro, di un qualsiasi lavoro, inviando curriculum e consultando i siti specializzati, sperando che prima o poi un’opportunità si presenti anche per lei. Lei che a trent’anni appena compiuti si sente già troppo “vecchia” per un mondo, come quello del lavoro, dove il concetto di “età giusta” si fa sempre più sottile e sfuggente. Ne sanno qualcosa i tanti giovani che non riescono a trovare una prima occupazione, ne sanno qualcosa i quarantenni e cinquantenni che l’occupazione l’hanno persa e per cui avere nuove chance diventa sempre più difficile. Insomma, sul mondo del lavoro l’attenzione deve restare alta, altissima. A livello locale come a livello nazionale. Per dare una risposta alle tante Giovanne che non chiedono altro che una possibilità. MATTEO FRANCINI


22 | Marzo 2014

#Salute

 La realtà

 Stili di vita

un “esercito” di volontari mal di primavera, negli ospedali della città come metterlo ko L’associazione Avo esiste dal 1980: due corsi di formazione ogni anno Matilde Bernini

A

nziani o bambini, brevi o lungodegenti. A tutti i pazienti ricoverati in ospedale fa piacere ricevere una visita, scambiare due chiacchiere, ricevere un augurio di pronta guarigione. Nasce per questo motivo Avo, associazione volontari ospedalieri, che a Firenze opera dal 1980. Oltre trent’anni passati nei diversi ospedali della città, seguendo una deontologia ben precisa, camice bianco e

sorriso sempre pronto. Essere volontari Avo non è uno scherzo, come spiegano dall’associazione, e richiede l’osservanza di regole importanti, come l’impegno una volta a settimana in reparto e una certa partecipazione alla vita associativa. Vita che ha alcune scadenze importanti: i nuovi volontari, infatti, entrano due volte l’anno, quando a marzo e a ottobre si tengono i corsi di formazione. Il prossimo, il 64esimo, è in programma

L’ospedale pediatrico Meyer è una delle strutture cittadine in cui operano i volontari dell’Avo

 Web 

RUBRICA :

avofirenze.it Tel. 055.2344567

La dentista risponde

questo mese. Sono corsi tenuti da alcuni professionisti della salute, come medici e psicologi, che introducono i nuovi arrivati al “ruolo” del volontario Avo, e da rappresentanti dell’associazione. Le tematiche spaziano dal problema delle infezioni alla motivazione e all’ascolto, dalla struttura organizzativa dell’ospedale nell’area fiorentina al rapporto empatico che il volontario stabilisce con degenti e operatori. Come si legge anche nello statuto dell’associazione, infatti, “i volontari non possono e non devono sostituire nessuno, ma i medici, gli infermieri, i malati, gli ospiti e il personale delle Rsa sanno di potervi fare sempre affidamento”. Segue un periodo di tirocinio di un anno, che si esegue affiancando un volontario esperto, al termine del quale, dopo la cerimonia di consegna del “distintivo”, si può andare in ospedale da soli. Così, un “esercito” importante di donne e uomini dalla maggiore età ai settanta anni ogni giorno va in ospedale, senza essere malato, indossa il camice e inizia il giro dei reparti piuttosto che, nelle strutture più complesse, dedicarsi al servizio di accoglienza e informazioni. Careggi, Cto, Palagi, Meyer, Ponte a Niccheri, Santa Maria Nuova e Torregalli sono gli ospedali dove i volontari operano, cui si aggiungono otto Rsa, fra cui Montedomini. E per chi invece non se la sente di fare servizio in ospedale, è comunque possibile contribuire all’attività dei volontari ospedalieri sostenendo l’associazione attraverso il 5 per mille della dichiarazione dei redditi o con le bomboniere Avo.

C

omplice un inverno dalle temperature miti, quest’anno la primavera potrebbe arrivare quasi inosservata, in punta dei piedi, ma porterà con sé il dono che da sempre la caratterizza: giornate più lunghe e luminose. Fino a pochi secoli fa l’uomo era totalmente dipendente dal ritmo della natura e delle stagioni: oggi, grazie all’illuminazione artificiale, i nostri ritmi rimangono piuttosto costanti nell’arco dell’anno e non percepiamo, apparentemente, questa vera e propria rivoluzione che ogni anno si ripete. Ma il nostro organismo sì. Il nostro fisico e il nostro equilibrio non sono ingannati dalla luce artificiale e la stagione in arrivo, seppur a fin di bene, li mette a dura prova. “Questo passaggio ci impegna dal punto di vista fisico e psicologico – spiega Niccolò Berzi, medico fiorentino – i sintomi più comuni di quello che ormai è comunemente chiamato ‘mal di primavera’ sono svogliatezza, stanchezza, difficoltà di concentrazione, irritabilità, fino ad arrivare a cefalea, insonnia, alterazioni del tono dell’umore. Sintomi banali, che non necessiterebbero di interventi medici o farmacologici, a parte casi particolari come quelli degli asmatici e degli allergici, che spesso è opportuno seguano una terapia costante in questi periodi”. Rispetto al passato, la capacità di adattamento alla nuova stagione è resa più lenta e difficile da stili di vita errati, stress continuo e ritmi eccessivamente forzati: sono questi i punti sui quali possiamo agire per arrivare preparati alla primavera prima e all’estate poi. Ma come? “I consigli sono pochi e sarebbero buoni anche per il resto dell’anno: alimentazione leggera e bilanciata, con consumo di frutta e verdura, riduzione dei grassi e dei cibi eccessivamente elaborati e difficoltosi per la digestione, aumentare l’apporto di liquidi, bevendo alcuni bicchieri d’acqua anche fuori dai pasti, che devono essere ben equilibrati nella giornata (colazione, pranzo, merenda e cena), ricordando che il ‘pasto unico’ è un errore. E ancora, garantire un adeguato riposo dell’organismo, evitare eccessivi impegni lavorativi e personali, cercando di ritagliare del tempo per se stessi (cosa sempre più difficoltosa), e soprattutto praticare attività fisica in modo costante o, dopo la pausa invernale, ricominciare progressivamente”, conclude Berzi. M.B.

Cara signora, è già la terza lettera che ricevo a pro-

dott.

Gianluca Marini MEDICO CHIRURGO

posito di questo argomento. Quindi ne approfitto per rispondere anche a Fran-

In occasione del 20° anno di attività,sconto del 20% sulle prestazioni di conservativa per i lettori de Il Reporter che si presenteranno con la rivista

cesca e a Gianna. E’ vero il dentista oggi si preoccupa, giustamente, del sorriso e non solo dei denti. Io nel mio studio mi avvalgo della collaborazio-

Il dentista mi ha proposto di ritoccarmi le labbra facendo un po’ di riempimento con acido ialuronico. Mi posso fidare ò è meglio che mi rivolga a qualche professionista presso un centro specializzato. Angela

ne di una bravissima dermatologa che si occupa non solo di migliorare, per esempio come nel suo caso con acido ialuronico il sorriso, ma anche di valutare le necessità estetiche della paziente. Che vuole…. Ormai l’estetica vuole la sua parte.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Dott. CRISTINA ROMOLI Medico Chirurgo Odontoiatra Viale B. Segni, 6 - 50132 Firenze Tel. 055 2344998 romoli.cristina@libero.it

Studio: via Spinello Aretino, 18 50134 Firenze Tel. 055 71.69.52 studio.gmarini@libero.it


Sgombero appartamenti, Le migliori offerte residenziali, commerciali, stagionali SOLDI solai, SUBITO! cantine. Piccoli traslochi, smontaggio e rimontaggio arredi, trasporti in genere.

SERIETA’ E PREZZI MODICI tuttosvuoto@gmail.com

333 4233131 Per gli inserzionisti privati i costi di pubblicazione di un annuncio immobiliare sulle edizioni cartacee de Il Reporter sono:

30€ per 1 mese 55€ per 2 mesi 80€ per 3 mesi

Rif. UMI 6 – 06 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, bilocale mq 48,50 in nuova costruzione, composto da ampio soggiorno-cucina, camera matrimoniale, bagno, loggia di 19,25 e un resede di 12,75 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 185.000. APE 30,592 kWh/m²anno. Rif. UMI 6 - 08 055 2335596 – 340 7871696

Per informazioni telefonare allo

 055.6585939 o inviare e-mail a: info@edizionibunker.it 1 - 2 VANI FIRENZE SESTO.FNO, bilocale mq47, ampio sogg.cucina, camera matrimoniale, bagno finestrato, balcone abitabile. Ottime rifiniture classe energ. A+. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazione, Euro 185.000. APE 10,591 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 106 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, bilocale mq 47,50 di nuova costruzione composto da ampio soggiorno-cucina, camera matrimoniale, bagno, loggia di 18 mq e resede esclusiva di 56 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 190.000. APE 15,988 kWh/m²anno.

3 VANI FIRENZE SESTO.FNO, trilocale mq 67 oltre balcone abitabile, con ampio sogg.-cucina, 2 camere e bagno finestrato. Ottime rifiniture classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione Euro 265.000. APE 11, 793 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 102 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, in nuova costruzione trilocale 70,5mq p.t., sogg.-cucina, 2 camere, bagno. luminoso, resede 49,75mq, loggia 18,75mq. Ottime rifiniture, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Costruito con tecniche d’avanguardia, classe energ. A. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 265.000. APE 30,951 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 01 055 2335596 – 340 7871696SE STO.FNO, nuova costruzione, luminoso trilocale mq 75 oltre balcone abitabile 20 mq ca. Ampio sogg.-cucina, 2 camere, bagno

finestrato. classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 285.000. APE 22,583 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 101 055 2335596 – 340 7871696

4 VANI FIRENZE SESTO.FNO, app. 95mq su 2 livelli agli ultimi piani di nuova costruzione con ampio sogg.-cucina, 2 camere e 2 bagni e balconi abitabili. Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazioni. Euro 330.000 APE 17, 292 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 208 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, nuovo complesso immobiliare, appartamento di 79 mq composto da un ampio soggiorno-cucina, tre camere da letto e due bagni. E’ molto luminoso e dispone di una loggia di 24,50 mq e di una resede di 64,50. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 305.000. APE 23,903 kWh/m²anno. Rif. UMI 6 – 04 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica su Firenze, 4 vani, 97mq su 2 livelli nuova costruzione con ampio sogg.-cucina, 2 camere, 2 bagni finestrati. Molto luminoso, 2 balconi di 14 mq. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Classe energ. A+. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazioni. Euro

345.000 APE 21,078 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 209 055 2335596 – 340 7871696 SESTO.FNO, luminoso app. di mq 78 con giardino composto da cucina, sala, 2 camere, doppi servizi. Ottime rifiniture classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazioni, acquisto p. auto o garage. A partire da Euro 299.000,00. APE 24, 103 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 05 055 2335596 – 340 7871696

5 VANI FIRENZE SESTO-FIORENTINO, app. angolare nuova costruzione, libero su 3 lati, di mq 105, con: cucina abitabile, grande sogg., 3 camere, 2 bagni, rip., oltre 2 ampi balconi. Ottime rifiniture, Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione. Possibilità di rifiniture personalizzate, acquisto p. auto o garage. Euro 410.000. - APE 17, 192 kWh/ m²anno RIF. UMI 6 – 107 055 2335596 – 340 7871696

plesso immobiliare di nuova costruzione, app. al II ed ultimo p. di 135 mq con cucina abitabile, ampio sogg., 3 o 4 camere, doppi servizi e 2 grandi balconi abitabili. Classe energ. A+. Euro 460.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 21, 367 kWh/ m²anno - RIF. UMI 6 – 202 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, appartamento di 163,50 mq in nuova costruzione posto al secondo piano, su 2 livelli, composto da: un grande soggiorno, cucina abitabile, cinque camere matrimoniali, due bagni e un ripostiglio. L’appartamento dispone di due balconi di 24,50 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p.

COMMERCIALI AFFITTO FONDI E GARAGE ALL’USCITA DELLA FI-PI-LI, vicinissimo al casello autostradale di Firenze-Scandicci, affittasi fondi di varie metrature, posti al piano primo e al piano terra, con possibilità di carico/scarico merci, ottima costruzione, dai 90 ai 1.000 mq. Prezzi a partire da Euro 8/mq. 055 2335596 – 340 7871696

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso immobiliare di nuova costruzione, app. 100 mq con ampia cucina/sogg., 3 camere, doppi servizi e 2 balconi abitabili. Ottime rifiniture, Classe energ. A+. Euro 375.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 14.27 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 103 055 2335596 – 340 7871696

OLTRE 5 VANI FIRENZE SESTO FIORENTINO, in prestigioso com-

GRASSINA a 2 km dalla piazza in posizione panoramica. Secondo piano:bilocale (40 mq) ristrutturato cotto e travi a vista, servizio finestrato, termosingolo. Classe energetica G Richiesta: 145.000€ Telefono: 347/3124810

Si chiama Sistema Completo, indovinate perché.

Portale multifunzione dedicato. Tariffe trasparenti e tutto incluso.

5 taglie di spedizione, senza peso-volumetrico.

auto o garage. Euro 550.000. APE 25,534 kWh/m²anno. Rif. UMI 6 - 206. 055 2335596 – 340 7871696

Consegna al piano, sino alle 19.00.

Contatto del destinatario entro 24 ore dal ricevimento merce.

2 tentativi di consegna sempre concordati.

Il pacchetto pieno di servizi. Cosa chiedete a un servizio di recapito pacchetti per essere più vantaggioso? Che sia efficiente, per far bella figura con i clienti? Che sia comodo e facile nella spedizione? E tutto questo senza costi extra? Allora, ecco Sistema Completo, il parcel per il B2C ricco di optional, tutti “di serie”. Semplice nell’invio: la nuova opzione “volume” o “peso” in 5 taglie dà l’addio al laborioso calcolo peso-volumetrico. Più recapiti a buon fine: contattiamo il destinatario entro 24 ore dal ritiro merce e fissiamo con lui 2 tentativi di consegna, al piano, fino alle ore 19. Prezzo chiaro, trasparente, conveniente: costa poco più di un recapito normale e sapete sempre quanto pagate, supplementi inclusi (carburante, ZTL). Da oggi il pacchetto è completo. Anzi, Sistema Completo. Scoprilo su www.tntpost.it o contattaci al Numero Verde 800.778.277.



Il Reporter Q4 - Marzo 2014