Page 1

www.ilreporter.it  il giornale del tuo quartiere

www.fratelliorsero.it

Periodico d’informazione locale. Anno VII n.41 del 2 Novembre 2013. N° reg 5579 del 17/05/2007 Tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A.

Novembre 2013

Anno VII Ed. 41

Firenze Quartiere 3

Il Reporter è distribuito da

Gavinana Galluzzo Firenze Sud

 Il quartiere che cambia

✎ Editoriale

le priorità dei cittadini per il rione

Lungo le strade, fra nuovi impegni e vecchie abitudini Matteo Francini

N

on sono ancora trascorsi due mesi dal taglio del traguardo dei mondiali di ciclismo che sulle strade fiorentine tutto sembra tornato come prima. Sia ben chiaro: nessuno pensava che tutto a un tratto le auto potessero volatilizzarsi, ma era forse lecito attendersi (e sperare) che almeno qualche fiorentino, sulla scia dell’esperienza iridata, ci avrebbe pensato due volte prima di rimettersi al volante.

Bypass, piazze, mobilità e progetti: ecco che cosa chiedono i residenti ☛ pagina 3

 Fiorentina

quando montella sfuggì ai viola

L

a Parca aveva iniziato a tessere il filo viola per Vincenzo Montella già nel 1995, ai tempi dell’Empoli. L’affare però non decollò, e l’Aeroplanino fu ceduto in serie B al Genoa.

☛ pagina 18

Cinquanta giorni all’insegna del cinema. E del rispetto per le donne ☛ pagina 16

☛ SEgUE a pagina 21

la “città dei matti” in cerca di un futuro

una biblioteca per il galluzzo Si è fatta attendere, ma la nuovissima struttura è ora a disposizione dei cittadini.

Giulia Righi - Benedetta Strappi

☛ pagina 7

I

n una giornata senza sole, San Salvi si presenta come un intreccio di viali alberati, un po’ trasandati e dall’aria malinconica. Quel dedalo di strade è un presente urbanisticamente incerto al cospetto di un passato, non proprio glorioso, di manicomio. Oggi quell’area, spalmata su trentadue ettari, dismessa la sua funzione di “città dei matti”, ospita scuole, uffici della Asl, sedi di associazioni, un bar-pub. Ed è al centro di un’impegnativa querelle che ruota intorno al futuro dell’intera cittadella, da anni.

firenze senza auto, tutte le strategie Sgomberare le strade non è fantascienza: ecco le soluzioni in campo e quelle allo studio.

☛ SEgUE aLLE paginE 8-9

☛ paginE 10-11

le “sfide” dei preti fuori dalle chiese

le vie nel mirino per la velocità ☛ pagina 2

☛ paginE 14-15

Ge.i.Fi

GESTIONI IMMOBILIARI IN FIRENZE AMMINISTRAZIONE CONDOMINI Servizi Offerti

■ Preventivi gratuiti senza impegno ■ Aggiornamenti con la nuova disciplina ■ Trasparenza della gestione ■ Revisione bilanci ■ Nessun costo aggiuntivo per la tenuta delle assemblee presso il domicilio

del condominio disponibilità e presenza ■ Centralino H24

■ Massima

Dott. Danilo Baldi Tel/Fax 055687651 - Cell.3891546753 Via F.Bocchi 2/A - Firenze

Mail.danilodottbaldi@libero.it web:geifi.altervista.org


Quartiere 3

#Primo piano

2 | Novembre 2013

Gavinana . Galluzzo . Firenze Sud

 La segnalazione

VIA DEL PARADISO E LE ALTRE: LE STRADE IN CUI SI CORRE TROPPO  Soluzioni

“maggiori CONTROLLI per evitare INCIDENTI”

M

aggiori controlli. È questa la soluzione auspicata dai residenti di via del Paradiso per risolvere il problema delle macchine che “corrono troppo” lungo la strada in discesa. Il cartello con il divieto di 30 chilometri orari campeggia in bella vista sulla strada, ma non sempre viene rispettato. “Non diciamo che da qua non si debba passare, ma che si vada un po’ più piano”, affermano i residenti. Che chiedono la presenza di una pattuglia dei vigili urbani per controllare che gli automobilisti non infrangano il limite di velocità, “così da evitare gravi incidenti”. I.D.

Irene Delfino

“S

embra di essere a Le Mans invece che in via del Paradiso”, sospira Tania Bucciarelli, una residente della strada. Un’affermazione, la sua, che si somma ad altre rimostranze da parte degli abitanti di via del Paradiso per una situazione che, a loro dire, deve essere risolta al più presto. “Le macchine vengono da via Benedetto Fortini a una velocità pazzesca – spiega Bucciarelli – io che abito lungo la strada, quando esco, devo stare molto più che attenta, sennò mi prendono e mi portano fino a piazza del Bandino”. Via del Paradiso è molto ripida e gli automobilisti, invece di pigiare il freno, schiacciano l’acceleratore, assicurano i residenti, finendo in questo modo per superare ampiamente il limite di velocità di 30 km/h. Gli automobilisti però non solo gli unici a percorre la strada ad alta velocità: “Ci sono anche i motorini, che passano la sera correndo forte”, continua la residente. E anche i ciclisti con la bicicletta da corsa sfrecciano lungo la strada: “Ma una bicicletta, se vede l’ostacolo, riesce a deviare – prosegue Tania Bucciarelli – mentre una macchina, se non fa in tempo a frenare, ti mette sotto”. Bisogna inoltre ricordare che via del Paradiso non solo è una strada in discesa, ma è anche molto stretta e a doppio senso. Cosa che

la rende ancor più pericolosa. I residenti hanno poi notato che spesso sono le stesse auto a percorrere la strada oltrepassando il limite. Quasi fosse diventata, per loro, una brutta abitudine. “È gente che va a lavorare o, ad esempio, a fare la spesa”, dice Bucciarelli. Un’abitudine a cui i cittadini chiedono che venga messa fine: “Per fortuna al momento non ho avuto alcun incidente – afferma – però le auto passano troppo vicine ai pedoni. Se non ti metti accanto al muro, ferma lì per lasciarle passare, rischi di essere investita”. Una situazione analoga è segnalata anche in via Benedetto Fortini, all’angolo con via di Rusciano, come tra via San Marcellino e via del Paradiso. “Le macchine vengono a velocità elevata da via San Marcellino per immettersi in via del Paradiso. E proprio all’angolo so che ci sono stati diversi incidenti”. Altro crocevia ritenuto pericoloso è quello in viale Europa all’altezza del bar Marcello: quando scatta il verde per gli automobilisti, coloro che vogliono svoltare a destra trovano spesso la strada bloccata dalle auto in sosta, rischiando in questo modo di venire tamponati dai mezzi in coda dietro di loro. “Tutte situazioni da tenere sotto controllo e su cui intervenire”, chiedono i residenti. Intanto, però, basterebbe forse rispettare il codice della strada.

L’incrocio tra via del Paradiso e via di San Marcellino, uno di quelli segnalati dagli abitanti

 Il piano

asfaltature, lavori in corso

L

“Se non ci si mette fermi accanto al muro si rischia di essere investiti”

avori in corso nel quartiere. Il manto stradale di Gavinana e Galluzzo non ha infatti beneficiato degli interventi effettuati per i Mondiali di ciclismo: “Con quei fondi è stato rifatto e ampliato solo il parcheggio di San Marcellino, ma abbiamo diversi lavori in programma”, spiega Stefano Rigutini, presidente della Commissione politiche del territorio del Q3. Nel quartiere, Toscana Energia sta sostituendo le tubature del gas: “Via via che vengono sostituite le tubature rifacciamo le strade – afferma Rigutini – perché è inutile andare a fare le asfaltature in questo momento, dove poi saranno effettuati i nuovi allacciamenti o modifiche ai sottoservizi”. Nella zona del Galluzzo, non appena Toscana Energia avrà finito gli interventi, “verranno completate le riasfaltature di via Senese e via del Gelsomino – aggiunge – mentre a Gavinana toccherà a via di Ripoli e via Datini, via Coluccio Salutati, via Webb, via delle Nazioni Unite e viale Europa, dove c’erano degli avvallamenti”. L’elenco delle strade che subiranno (o che hanno già subito) interventi è molto più lungo: “Si tratta di un piano triennale di lavori, nel quale praticamente verranno rifatte tutte le strade del quartiere”, rende noto Rigutini. In questo caso si può parlare di ordinari lavori di manutenzione, perché – come conferma il presidente della commissione politiche del territorio – “lo stato delle strade del quartiere è abbastanza buono”. Mentre, conclude, si inserisce tra le grandi opere “la galleria delle Romite in corso di completamento entro i primi dell’anno, quando dovrebbero iniziare i lavori per il bypass delle Cascine del Riccio”. I.D.

Per la tua pubblicità su il Reporter chiama il numero 055 6585939 oppure invia una mail a info@edizionibunker.it


Quartiere 3

#Primo piano

Gavinana . Galluzzo . Firenze Sud

 Cento luoghi

Il futuro dell’Ex 3 è stato uno degli argomenti al centro delle assemblee virtuali dei “cento luoghi”

IL QUARTIERE CHE SARÀ: LE RICHIESTE DEI CITTADINI

PER DEMOLIRE RARI NANTES E CANOTTIERI COMUNALI

2014 PRIMAVERA

Lisa Baracchi

T

Nem, la quale nei prossimi mesi – una volta superati alcuni ultimi problemi tecnici – comincerà la propria attività, restituendo questo prezioso spazio al quartiere e alla città”. Interviene l’associazione Città Ciclabile, con un’osservazione non nuova: “È necessario che vengano ricongiunti i due monconi di pista esistenti in viale Europa e via Erbosa, e che vengano poi collegati con l’asse ciclabile da creare lungo il viale Giannotti”. Proposta, informa il Comune, che “necessita di ulteriori riflessioni e approfondimenti”. Su viale Giannotti, in altre parole, la corsia preferenziale per l’Ataf occupa il suo bello spazio. All’assemblea numero 6 sul parco dell’Anconella c’è chi ce l’ha con i cani che non stanno dentro l’area a loro destinata e chi non ha digerito la pista ciclabile, che invece in questo caso è stata realizzata lungo via Villamagna. Il Comune ricorda che il parco è ben controllato e la sorveglianza per chi non rispetta le regole non manca. Alle Cascine del

 Via Poccetti

4anni

Dalle piazze ai bypass, ecco che cosa è emerso ra i “cento luoghi” della consultazione 2013, al suo esordio sul web, sono stati sei gli argomenti che hanno riguardato il quartiere 3. La piazza virtuale più partecipata, forse a sorpresa, è stata quella delle Due Strade, con alcune contestazioni al progetto del nuovo parcheggio in via Poccetti (vedi box in questa pagina). In tanti chiedono poi eventi di arte contemporanea all’Ex3, qualcuno insiste su una vecchia croce del quartiere, il bypass del Galluzzo, mentre tiepida è stata l’assemblea on line su piazza Elia Dalla Costa, che per il presidente del Q3 Andrea Ceccarelli merita comunque un restyling. Ma andiamo con ordine: luogo numero 5 era viale Giannotti, si doveva parlare dei nuovi alloggi Erp, ma l’attenzione è stata tutta per il luogo dedicato all’arte contemporanea, l’Ex3. Il Comune risponde in più battute, informando i cittadini che è già stato individuato il vincitore della gara d’appalto per la gestione, “l’associazione

Novembre 2013 | 3

Riccio un problema si chiama bus 36 che – viene segnalato – passa da stradine troppo strette, ma la soluzione è in arrivo: “Il bypass delle Cascine è in fase di assegnazione dei lavori”, spiega Ceccarelli. “Capisco bene i cittadini che si lamentano per i ritardi del bypass più atteso, quello del Galluzzo – conclude il presidente del Quartiere – ma non condivido le osservazioni sulla mancanza di informazioni, ci sono state tante assemblee e tanti articoli di giornale sull’argomento”. Per quanto riguarda piazza Acciaioli è emer-

280 I POSTI PREVISTI NEL PARCHEGGIO IN VIA POCCETTI

so che, con una convenzione con Esselunga, saranno intanto risistemate aiuole e panchine. In attesa di una riqualificazione più estesa.

ATTESA APERTURA AL TRAFFICO DEL PRIMO TRATTO DEL BYPASS DEL GALLUZZO

IL PARCHEGGIO che FA DISCUTERE

I

cittadini delle Due Strade sono decisi a difendere lo spazio verde tra via Poccetti e via Senese, che per l’amministrazione dovrebbe diventare un parcheggio. È stato presentato un ricorso straordinario al presidente della Repubblica e si è formato un comitato – supportato dall’associazione Italia Nostra – per proteggere la zona “fragile dal punto di vista idrogeologico, popolata da animali selvatici e decorata da piccole strade storiche”. “Sono molti anni che discutiamo di questo parcheggio – spiega il presidente del Quartiere 3 Andrea Ceccarelli – ricaviamo qui una utile sosta per auto a costo zero (perché a carico di Esselunga, ndr)”. L.B.

 Arno

demolizioni, LA RIVA SINISTRA CAMBIA VOLTO U

n nuovo look per la riva sinistra dell’Arno. Comune e Provincia hanno fatto partire il programma di demolizione di tutte le strutture “a rischio idraulico” sul lungarno Ferrucci. Un percorso che porterà entro quattro anni a trasferire anche la piscina della Rari Nantes e i Canottieri Comunali. I due enti hanno approvato un accordo per dividersi i compiti e restituire a questa parte di sponda la sicurezza in caso di piene. I primi lavori sono partiti già alla fine dello scorso mese: devono essere rimosse parte dell’ex ristorante La Greppia, dell’ex teatro Il Lidò e la palestra Rari Nantes. E ancora la piattaforma in cemento armato dell’ex benzinaio, le vasche di voga per l’allenamento dei Canottieri Comunali e le strutture metalliche di copertura, i due box container oggi utilizzati per spogliatoi e uffici dei Canottieri, il ristorantebar della Rari e infine anche la piscina. Nel frattempo, comunque, l’attività sportiva potrà continuare, mentre il Comune si impegna a individuare le aree dove ricollocare le due strutture.

Un tratto della riva sinistra dell’Arno: sono tante le novità all’orizzonte

VIENI nel posto giusto ..24 VINI SFUSI DA TUTTA ITALIA..

per vendere e comprare NOVOLI (FI)

Via d

i No voli

Via San Donato, 44

Via d

i No voli

Vi a

F. B

ar ac ca

Via F. B a Tartini

Via B. P a

o at on

Via G.

D S.

Via

Via

SIAMO QUI

o

ll va ca

on

Le R.

.R eF

ini

rac c

P.zz a

i

ed

al Vi

squ

a

i

nin

orla E. F Via

Via P.

G. P ucc

ini

Tose ll

i

Tel. 055 3215809 Fax. 055 3219423 ORARI DAL MARTEDI ALLA DOMENICA 9.30 / 12.30 - 15.30 / 19.30

LUNEDI CHIUSO

e-mail: mercatinosfirenze@tiscali.it

NOVEMBRE: TEMPO DI VIN NOVO

Il tuo vino sfuso nel pratico bag-in-box ricaricabile da 3-5-10 litri

Via delle Panche, 131/a (angolo via Bocci) Tel. 055 43.77.595 - www.divinosfuso.it

La storica associazione e scuola fondata dal Maestro Bencini offre, ai suoi soci, insieme ad un’amichevole accoglienza, la più alta competenza in tutti i settori dello yoga e nelle altre discipline per il tuo benessere globale. • HatHa Yoga (yoga ginnico) con accesso libero a 16 lezioni la settimana • Nidra Yoga: tecniche individuali di rilassamento poche sedute per l’eliminazione di stress, ansia, insonnia, irritabilità e disturbi correlati • Yoga iNtegrale (il sabato pomeriggio): commento dei testi classici, esercizi di Pranayama, concentrazione e meditazione • Scuola per iNSegNaNti Yoga con tirocinio • pilateS & poSturale con accesso libero a 10 lezioni la settimana • tai cHi cHuaN con accesso libero a 10 lezioni la settimana • trattameNti SHiatSu e craNio Sacrale • corSo pre-parto: per una gravidanza serena ed un parto veloce e indolore. Attività riservate ai soci Viale Europa, 115 - 50126 Firenze - 055 6287293 - 347 8617590 www.yogamoksha.it - info@yogamoksha.it


4 | Novembre 2013

#Zoom

Quartiere 3

Gavinana . Galluzzo . Firenze Sud

 Sepolcri

 Itinerari

le storie che conservano “rotte” D’AUTUNNO i camposanti del quartiere TRA COLORI E MAGIA

Ecco chi sono i personaggi celebri che riposano nei cimiteri del rione Irene Delfino

U

n antico culto celtico, ripreso intorno all’anno mille dai monaci benedettini dell’abbazia di Cluny. Il 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti, è consuetudine visitare i cimiteri e rendere omaggio ai sepolcri dei propri cari. In occasione della ricorrenza appena passata, Il Reporter ha fatto un “viaggio” tra i cimiteri del quartiere 3, partendo da quello degli Allori al Galluzzo, per scoprire qualche storia sul loro conto e sui personaggi celebri che vi riposano. Piccolo ma al tempo stesso imponente, il cimitero degli Allori non passa inosservato percorrendo via Senese. Al suo interno riposano numerosi personaggi illustri, tra cui i collezionisti d’arte britannici Herbert Percy Horne e Frederick Stibbert, quest’ultimo nato a Firenze, che come la celebre giorna-

lista e scrittrice Oriana Fallaci, tornata da New York per trascorrere gli ultimi giorni nella sua città, scelse il cimitero degli Allori. Nato come cimitero protestante, ospita al suo interno non solo cristiani di diverse confessioni, ma anche ebrei e musulmani. Oppure atei, come la giornalista, che riposa accanto ai genitori e alla sorella, e vicino al cippo commemorativo che pose in ricordo del suo compagno, il greco Alekos Panagulis, protagonista del libro “Un uomo”. Con Alekos, Oriana visse tre anni in una villa sulla collina di Bellosguardo: una collina incantevole, verso la quale si può dirigersi una volta tornati nel piazzale di Porta Romana. Imboccando sulla destra la tortuosa via di Santa Maria a Marignolle, si arriva fino all’omonimo cimitero. A poche centinaia di metri dal cimitero evangelico si trova quello comunale di Santa

Lucia al Galluzzo, al civico 115 di via del Podestà. Sempre al Galluzzo, nel piccolo cimitero ottocentesco di San Felice a Ema, riposa Eugenio Montale, a fianco della moglie Drusilla, che lo stesso poeta ricorda nei versi di Piove: “Piove sulla tua tomba di San Felice a Ema”. Proseguendo il nostro viaggio in direzione di Gavinana, percorso tutto il viale Europa, che diventa via Pian di Ripoli, si può lasciare l’auto nel parcheggio scambiatore e prendere a piedi una strada stretta e alberata, via del Cimitero del Pino, che conduce all’omonimo camposanto. Il nostro viaggio tra i cimiteri del quartiere si conclude infine ancora in collina, lungo la stradina stretta e tortuosa detta via di San Michele a Monteripaldi, dove al numero 50 si trova l’omonimo cimitero comunale.

Vanessa Bambi

Il rione nasconde tanti angoli e itinerari ideali da scoprire in autunno

A

veva ragione Kafka quando sosteneva che “il sentiero d’autunno appena tutto è spazzato, si copre nuovamente di foglie secche”. È infatti l’unico neo di questa magica stagione, croce piuttosto che delizia per chi tiene in modo maniacale al proprio vialetto. Ma allora perché non pazientare e tenere un po’ il variopinto tappeto che, con i suoi colori, ricorda la bella stagione? Foglie di ogni forma e colore che, attraverso la bella luce novembrina, donano un’atmosfera unica anche alla città, riscaldando il cuore. Per (ri)scoprire questa stagione e assaporare i suoi frutti ci vuole poco. Il miglior modo per apprezzare la natura che si prepara a un lungo letargo è immergersi al suo interno, con una bella camminata. Basta un giardino pubblico o, meglio ancora, anche le piccole stradine vicino a casa. Al Galluzzo, ad esempio, ce ne sono diverse, ormai scoperte anche dai turisti che, sempre più, scelgono di alloggiare nel quartiere, coniugando la bellezza storica a quella naturale della Toscana. Partendo dalla zona di San Felice a Ema, solo per fare un esempio, si arriva alla storica dimora restaurata degli Acciaioli del sedicesimo secolo, Villa Le Piazzole. Oggi il moderno residence è visitabile e gode, oltre che di un bel panorama, anche di un’inedita quiete galluzzina, tanto che al termine della camminata è un vero piacere fermarsi a gustare un buon bicchiere di vino. Se ci si incammina verso via Vecchia di Pozzolatico si incontrano altri scorci molto suggestivi: qui il silenzio e la magnifica vista sulle morbide colline nostrane ricompensano della breve ma intensa salita. Uno spettacolo di colori assolutamente da non perdere. Infine, da rivalutare anche via Camillo Barni, strada conosciuta, specialmente da chi abita nella zona, come salvagente dal traffico quotidiano. Ma, percorsa a piedi con la bruma mattutina e il fascino dei campi coltivati, l’effetto è quello di un salto indietro nel tempo. Provare per credere.

Da 35 anni al servizio della Salute, del tuo Benessere, della tua Bellezza.

Presentando questo coupon riceverai UN OMAGGIO

FIRENZE Via Costetti, 1 Tel/Fax 0557323786-SCANDICCI (FI) Via Alfieri, 12 Tel/Fax 0552579907-www.lemieerbe.it info@lemieerbe.it-Sabato orario continuato dalle 9.00 alle 20.00


6 | Novembre 2013

#Il quartiere in pillole

Quartiere 3

Gavinana . Galluzzo . Firenze Sud

 Sanità

 Gli spettacoli

VIA CHIANTIGIANA, ecco gli ambulatori

A TEATRO, ASPETTANDO NATALE

Fisiatria, geriatria e urologia alla Misericordia di Badia Irene Delfino

I

cittadini del quartiere 3 possono tornare a usufruire di alcuni sevizi specialistici esternalizzati alla Misericordia di Badia. In via Chiantigiana hanno infatti aperto i nuovi ambulatori di fisiatria, geriatria e urologia, “più l’anagrafe sanitaria, ovvero il cambio medico e la prima visita Afa (acronimo di Attività Fisica Adattata, ndr)”, spiega Andrea Ceccarelli, presidente del Quartiere 3. “A breve dovrebbe essere attivato anche il servizio bussino, grazie a una convenzione con Li-nea, per incrementare le corse che vanno verso lo Iot”, aggiunge. Per quanto riguarda il calendario delle visite, l’ambulatorio di fisiatria, dove opera la dottoressa Cultrera, è aperto tutti i venerdì dalle 10.30 alle 12.30, salvo il terzo venerdì del mese. La specialista in geriatria riceve invece i pazienti il

S

arà una commedia esilarante ad aprire il cartellone delle iniziative natalizie previste dal Q3 per gli anziani. O per chiunque voglia farsi due risate con “Napoleone non parla francese”, in scena al Teatro Lumière sabato 7 dicembre alle 17. Lo spettacolo si svolge in una soffitta in cui, a causa di un disguido, uno sprovveduto agente immobiliare fissa nello stesso giorno un appuntamento a due potenziali clienti: una giovane donna in carriera e un postino. L’errore dell’agente immobiliare dà inizio a tutta una serie di situazioni comiche e surreali, che portano i tre malcapitati a conoscere uno strano fantasma, il redivivo Napoleone Bonaparte. Il secondo appuntamento, in programma sempre al teatro di via di Ripoli, è all’insegna della musica. In attesa dell’Epifania il 5 gennaio alle 17 è in cartellone lo spettacolo “Musica e folklore fiorentino e napoletano”. Le iniziative pensate dal Quartiere 3 per il Natale e l’Epifania continuano: intanto c’è da appuntarsi in agenda questi due spettacoli. I.D.

 Il sopralluogo

SERVIZIO DI EMERGENZA, LA SEDE neLL’EX IOT

S primo e il terzo martedì del mese, dalle 15 alle 19. E ogni martedì dalle 10 alle 13 è possibile farsi visitare all’ambulatorio di urologia del dottor Raffaelli. Visite specialistiche prenotabili tramite il Cup, che “non comportano un aggravio per l’utenza – sottolinea Ceccarelli – proprio perché sono servizi in convenzione: gli utenti continuano a pagare il ticket del servizio sanitario nazionale”.

La sede della Misericordia di Badia: è qui che sono nati i nuovi ambulatori di fisiatria, geriatria e urologia

 Web 

misericordiadibadia.it asf.toscana.it

i trova all’ospedale Palagi (ex Iot) la nuova sede del servizio di emergenza 118 dell’Azienda sanitaria di Firenze. E qua lo scorso mese la commissione consiliare politiche sociali e sanitarie del Comune ha effettuato un sopralluogo. In questa sede potrebbe venir trasferita anche la centrale di area vasta la cui destinazione finale, non ancora decisa dalla Regione Toscana, è al centro di una “contesa” tra Firenze e Pistoia. “All’ex Iot si sta realizzando una struttura all’avanguardia da tutti i punti di vista, assolutamente la migliore per ospitare la centrale del 118 dell’area vasta e, nel caso, anche quella unica regionale”, ha commentato il presidente della commissione Maurizio Sguanci al termine del sopralluogo. I locali sono stati infatti realizzati per rispondere ai più innovativi requisiti strutturali, impiantistici sia per i dispositivi di sicurezza sia per gli spazi assegnati, con la possibilità di ospitare trentasei postazioni operative oltre a un adeguato numero di postazioni di back-up. Nel 2012 sono state registrate dal 118 della Asl di Firenze oltre 336mila chiamate, e sono stati effettuati oltre centomila interventi.

 Due Strade

LA “PICCOLA COVERCIANO” allo stadio buozzi

È

Senza appuntamento via Federico d'Antiochia 21 (di fianco all'ipercoop Gavinana) info 327.28.97.058

NUOVA APERTURA Piazza Ferrucci, 3 info 333.40.22.251

diventata realtà “l’altra Coverciano”, quella dedicata al calcio dilettantistico e giovanile. A fine ottobre il sindaco Matteo Renzi, insieme al presidente della Figc Giancarlo Abete e ai presidenti nazionale e toscano della Lega Dilettanti, Carlo Tavecchio e Fabio Bresci, ha tagliato il nastro del rinnovato complesso sportivo “Bruno Buozzi” alle Due Strade. Complesso destinato a diventare il “Centro federale per la promozione dell’attività dilettantistica, giovanile, femminile, la formazione e la qualificazione degli operatori sportivi e sede di manifestazioni sportive”: si tratta del primo tassello dell’ambizioso progetto di realizzare un centro sportivo Figc-Lnd in ogni regione d’Italia. Il rifacimento del manto erboso (sia del campo principale che del sussidiario), trasformato in erba artificiale a cura della Figc-Lega Nazionale Dilettanti per un importo complessivo di circa 700mila euro, è stato reso possibile dal protocollo d’intesa sull’impianto fra il Comune di Firenze e la Figc-Lnd. “Quando il 21 maggio abbiamo sottoscritto il protocollo d’intesa – ha sottolineato il sindaco Renzi il giorno del taglio del nastro – non avrei creduto che in così poco tempo si potesse arrivare a questa giornata, con una tempistica che definirei giapponese o tedesca. Una dimostrazione di come le cose si possono fare. Con questo centro federale che si va ad affiancare a Coverciano e alla sede della Lega Pro, Firenze si candida a diventare la capitale del calcio... anche se per esserlo a pieno titolo ci vorrebbe lo scudetto per la Fiorentina. Grazie ai presidenti Abete e Tavecchio, a Bresci e alla Lega Dilettanti, a chi ha lavorato per realizzare tutto questo e un grazie al Porta Romana, la seconda realtà calcistica di Firenze, che saprà gestire al meglio l’impianto in sinergia con la Figc”. L’intervento è consistito nel rifacimento del campo principale e di quello sussidiario (uno a 11 e l’altro a 7) con tappeti in erba artificiale.

Il taglio del nastro del rinnovato complesso sportivo “Bruno Buozzi” alle Due Strade


Quartiere 3

#Il luogo

Gavinana . Galluzzo . Firenze Sud

Novembre 2013 | 7

 Focus

 La realtà

al galluzzo è nata UNA VERA BIBLIOTECA Si è fatta attendere, ma ora gli abitanti della zona hanno a disposizione una struttura tutta nuova Vanessa Bambi

S

i è fatta attendere, come ogni diva che si rispetti. Ma, dopo mesi di assenza, si è fatta anche largamente perdonare, con un ritorno in grande stile... letterario. Stiamo parlando della nuovissima biblioteca del Galluzzo. A renderla tale non è stata una semplice ristrutturazione, perché dietro c’è molto di più, a partire dall’amore per i libri. Nonostante la tecnologia la faccia ormai sempre più da padrona, infatti, erano in tanti a sentire il bisogno di un luogo dedicato alla “cara vecchia” lettura, ed è per questo che, anche in tempi di crisi, sono state unite le forze per dar vita a questa nuova realtà galluzzina. Un open space dalle pareti color melanzana, diviso da grandi scaffalature in legno piene di volumi rigorosamente ordinati, angolo delle favole per bambini compreso, il tutto avvolto in un piacevole silenzio (particolare da non sottovalutare nella trafficata via Senese). Luogo ideale per studiare, grazie alle

sue tante postazioni con scrivania o, perché no, per prendersi una pausa relax dagli impegni quotidiani, leggendo una rivista o un giornale. Un grande lavoro che ha coinvolto in primo luogo, oltre all’amministrazione comunale, anche i bibliotecari locali: “È con vero piacere che presentiamo

L’ingresso della biblioteca in via Senese: attesa da tempo dagli abitanti del posto e non solo, la struttura ha ora riaperto i battenti

intanto una vera biblioteca, e non un semplice ‘punto lettura’, qua al Galluzzo – spiegano – questo infatti vuol dire tante cose: oltre a essere inserita nel circuito delle biblioteche fiorentine a pieno regime, la struttura sarà protagonista di tante importanti iniziative, anche a livello nazionale”. Una di

queste, ad esempio, sarà “Nati per leggere”, dedicata ai più piccoli. Un modo in più per coinvolgere le scuole della zona e per sensibilizzare in modo creativo alla lettura di favole. Ma non solo. Una speciale attenzione sarà dedicata alle novità editoriali dell’anno attraverso presentazioni in sala e, inoltre, verranno promosse una serie di attività culturali tramite l’associazione “Scioglilibro”, fino alla creazione di un gruppo di lettura settimanale. Da ricordare anche, tra le opportunità offerte dalla nuova biblioteca, la presenza dello “scaffale dello scambio” (si porta un libro da casa, si lascia e se ne può prendere un altro), la presenza di postazioni internet per consultazioni, un e-book per gli inguaribili tecnologici e, infine, la presenza di una piccola, ma ben fornita, emeroteca. Ai galluzzini (ma non solo) non resta dunque che andare alla scoperta di questa nuova realtà. Perché, come sosteneva Francis Bacon, solo “la lettura rende un uomo completo”.

Cultura

In breve

IL CARTELLONE DEGLI EVENTI

NOTIZIE DAL TERRITORIO

Galluzzo, immagini inedite Mostra fotografica nell’ambito della ‘Rassegna arti visive’. Sala consiliare del Palazzo del Podestà, via del Podestà 161 (Galluzzo) Orario: sabato, ore 16,30-19,30; domenica, ore 10-12 e 16-19. Ingresso libero Tra cinema e poesia Proiezione di film e recital di poesie, a cura del Centro Modigliani Sala Paradiso Villa Bandini, via Ripoli 118. Ingresso libero 19 novembre, ore 21,15, recital di poesia curato da Carlo Ciappi; 25 novembre, ore 21, film Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni Conversazioni Musicali Sala Paradiso di Villa Bandini, via Ripoli 118, ore 17. Ingresso gratuito Guida all’ascolto delle opere in programma nella stagione concertistica autunno-inverno. 12 novembre, L’elisir d’amore, di Gaetano Donizetti; 26 novembre, Il Barbiere di Siviglia, di Gioacchino Rossini INFO: Quartiere 3, tel. 055 2767721-39

Corsi di lingua inglese A Villa Bandini, via Ripoli 118, sono iniziati i seguenti corsi di inglese: principianti (giovedì, ore 20-22), livello base (lunedì, ore 18-20), intermedi (lunedì ore 20-22, martedì ore 9,30-11,30, mercoledì ore 18-20 e 20-22). Info 333 8015133. Passeggiate di benessere Il Gruppo ‘Salute è Benessere Q.3’ organizza, il terzo sabato di ogni mese, una passeggiata per tenere in esercizio il corpo e per ravvivare la socialità e la convivialità tra le persone. La partecipazione è libera e gratuita e ogni passeggiata è caratterizzata da un tema specifico. Prossimi appuntamenti: 16 novembre, 21 dicembre. Ritrovo: piazza Bartali, davanti al supermercato Coop, ore 9,30 Massaggio infantile Dal 15 novembre inizia in ludoteca il corso di Massaggio Infantile. Un modo, facile e tenero, per stare più in contatto con il proprio bambino, imparando a ascoltare il suo corpo e le sue esigenze. 5 incontri, il giovedì, ore 10,30. Il programma mensile del ‘Castoro’ prevede anche letture animate, laboratori legati all’apprendimento di una canzone, giochi con colori, creta e strumenti musicali. Ludoteca Il Castoro, Piazza Bartali 3b Per info tel. Serv.Educativi Q.3, 055.6585130/136

Riva sinistra, approvata la convenzione per la messa in sicurezza L’8 ottobre scorso la giunta municipale ha approvato la convenzione tra Comune e Provincia per la riqualificazione della riva sinistra d’Arno nel Lungarno Ferrucci, con il cronoprogramma delle demolizioni degli edifici “che possono comportare incremento di pericolosità idraulica o contrasto con le norme di polizia idraulica”. L’accordo prevede l’immediata rimozione di alcune costruzioni ed annessi (porzione dell’ex Greppia, ex teatro Lido, palestra Rari Nantes); mentre per le società sportive Rari Nantes Florentia e Canottieri Comunali, anch’esse interessate dal provvedimento, le demolizioni (piattaforma in cemento armato dell’ex distributore, ristorante/bar, piscina etc) avverranno nell’arco di quattro anni. Nel frattempo l’attività sportiva

da punto lettura a spazio “elegante”: orari e contatti per fermarsi a curiosare

C

hi l’avrebbe mai detto che la vecchia anagrafe, unita all’Urp e all’ex punto lettura, avrebbe dato vita un giorno a un’elegante biblioteca, “la” biblioteca del Galluzzo? Anche se si è solo di passaggio è d’obbligo una fermata (vicino, tra l’altro, c’è proprio quella Ataf delle linee 36 e 37), fosse solo per curiosare. La struttura di via Senese 206 è aperta il lunedì dalle 14 alle 19, martedì e giovedì dalle 9 alle 19, mentre mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13. Per informazioni si può telefonare al numero 055.2321765, oppure mandare un’e-mail a: bibliotecagalluzzo@comune.fi.it V.B.

potrà continuare, mentre il Comune si impegna ad individuare le aree dove ricollocare le due strutture, inserendo le proposte nel nuovo regolamento urbanistico che presto approderà all’esame del consiglio comunale. Sport nelle scuole

A partire dal mese di novembre riprende il progetto A Scuola di Giocosport, che il Servizio Sport Q.3 realizza, in collaborazione con il CONI, nelle scuole primarie del territorio. Il progetto rappresenta un’occasione significativa di avvicinamento allo Sport e, più in generale, un’opportunità di crescita umana e culturale per i nostri ragazzi. Tutto questo è reso possibile anche grazie alla collaborazione delle società locali che, come noi, si adoperano nella promozione della pratica e dei valori dello sport.

OLIO USATO? C’E’ L’ECOFURGONE

Il primo e il terzo venerdì di ogni mese, ore 8-12, in piazza Bartali (accanto al fontanello) staziona l’ECOFURGONE di Quadrifoglio per il servizio di raccolta differenziata mobile organizzato in collaborazione con il Q.3. Quali tipologie di rifiuti possiamo consegnare? Olio da cucina usato; pile; batterie; farmaci scaduti; toner e cartucce; lampade a basso consumo; piccole apparecchiature elettriche o elettroniche ( radio, telefoni, aspirapolvere etc.). Per info consultare il sito web www.quadrifoglio.org o chiamare il Numero Verde 800-330011

PARLA CON IL PRESIDENTE

Lunedì 25 novembre, dalle 10 alle 12, il Presidente del Q.3, Andrea Ceccarelli, potrà essere contattato ai numeri 055.2767732 e 055.2767727, al cellulare 327.8958017, all’indirizzo Skype presidente.quartiere.3 o ancora sul suo sito www.andreaceccarelli.it.


8 | Novembre 2013

#L’inchiesta

 Viaggio a San Salvi/1

il futuro incerto della vecchia città dei matti

Per ora è tutto fermo. “Ma non sarà edificato un metro quadro in più” Giulia Righi

I

n una giornata senza sole, San Salvi si presenta come un intreccio di viali alberati, un po’ trasandati e dall’aria malinconica. Quel dedalo di strade è un presente urbanisticamente incerto al cospetto di un passato, non proprio glorioso, di manicomio. Oggi quell’area, spalmata su trentadue ettari, con quarantamila metri quadrati al coperto, dismessa la sua funzione di “città dei matti”, ospita scuole, uffici della Asl, sedi di associazioni, un bar-pub. Ed è al centro di un’impegnativa querelle che ruota intorno al futuro dell’intera cittadella, da anni. L’intenzione della Asl sarebbe quella di vendere parte degli edifici dell’area per far cassa e recuperare le risorse per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’ospedale di Torregalli. Per qualcuno, però, il rischio (che è poi anche l’acuto timore dei “paladini” di quello spazio come Claudio Ascoli, fondatore della compagnia dei Chille de la balanza che a San Salvi ha la sua casa) è che se il Comune acconsentirà a cambiare destinazione d’uso all’area, possa sorgere un complesso residenziale. Case di lusso in mano a privati: in questo modo San Salvi potrebbe perdere la sua secolare vocazione sanitaria, oltre che le attività culturali che oggi si tengono in quegli spazi. È per questo motivo che nei mesi scorsi si sono tenute vigorose manifestazioni, come quella del 14 settembre quando, sotto la regia

32 ettari

LA SUPERFICIE DELL’AREA DI SAN SALVI

40 mila

I METRI QUADRATI AL COPERTO

San Salvi attende di conoscere il suo futuro: oggi l’area ospita scuole, uffici della Asl, sedi di associazioni e un bar-pub

di Ascoli, in cielo si sono levate centinaia di mongolfierine con altrettanti foglietti che raccoglievano i sogni dei cittadini per quella zona. Ma come stanno le cose oggi? Tutto fermo, per il momento, spiegano da Palazzo Vecchio. “Il piano urbanistico esecutivo 2007-2017 prevedeva che la Asl potesse destinare ottomila metri quadrati ad uso privato – dice l’assessore all’urbanistica Elisabetta Meucci – ma ad oggi non abbiamo ricevuto proposte di trasformazione urbanistica formalizzate dall’azienda sanitaria: quindi a livello esecutivo non cambia assolutamente niente, per il momento”. Quando la Asl presenterà i suoi progetti per l’area, spiega l’assessore, questi preliminarmente dovranno ottenere l’ok dalla Sovrintendenza. Ente, quest’ultimo, che ad oggi ha confermato tutti i vincoli esistenti sugli edifici dell’area. “Fino ad allora è tutto fermo – ripete Meucci – qualunque sia la trasformazione che riguarderà l’area, comunque, di certo c’è che non verrà edificato un metro quadrato in più e che non si tratterà di un’estensione”.

 L’intervento

i 40 anni dei Chille de la balanza N

el 1973, nel mese di ottobre, nel centro storico di Napoli (in Via Port’Alba, l’antica strada dei librai) nascevano il Teatro, Comunque e...i Chille de la balanza. La città viveva ancora gli ultimi sussulti post-colera, mentre il mondo inorridiva davanti alle persecuzioni di Pinochet in Cile e agli effetti della guerra lampo di Israele in medio Oriente. Oggi, a distanza di 40 anni, continuiamo il nostro percorso “in direzione ostinata e contraria”. Un viaggio iniziato nella cantina napoletana nel segno della ricerca sul popolare e sul teatro delle avanguardie storiche, proseguito sempre a Napoli e con presenze in tutt’Europa, con eventi di teatro in strada sino all’incontro con le magiche architetture d’aria di Hans Walter Muller. Proprio il suo Teatro d’Aria divenne nostra residenza all’arrivo in Toscana, a Pontassieve (1985). Fu la ricerca su Artaud a portarci a Firenze, prima al Teatro 13 e poi a San Salvi, nell’ex-città manicomio nel 1997. Vi arrivammo invitati dall’ultimo direttore, Carmelo Pellicanò, che volle collegare l’uscita dei Matti con l’ingresso del Teatro in una San Salvi allora “città negata”. Il resto è storia recente, con un luogo trasformato ormai in una residenza viva, con decine di migliaia di spet-

tatori ogni anno, artisti di diverse culture che qui creano ed espongono, giovani che si formano in percorsi culturali, teatrali ed universitari: una vera comunità. Non è un caso che recentemente qualcuno abbia rinominato il nostro centro “Casa della felicità”. Spesso per San Salvi-Chille si parla di utopia. “Le utopie consolano: se infatti non hanno luogo reale, si schiudono tuttavia in uno spazio meraviglioso e liscio; aprono città dai vasti viali, giardini ben piantati, paesi facili, anche se il loro accesso è chimerico” (M. Foucault). La parola “cultura” ci riporta al verbo latino “còlere” che ha diversi significati: coltivare un campo, ornare un corpo, ma soprattutto, come nel nostro caso, abitare un luogo. Mentre mi accingevo a scrivere queste “quattro parole”, mi è capitato tra le mani un emozionante testo di Tommaso Chimenti, e credo sia bello chiudere con le riflessioni di questo giovane critico: “Qui si è creata una comunità vera, salda, solida. A San Salvi è possibile trovare tutto quello che non c’è, ma del quale abbiamo tremendamente bisogno”. CLAUDIO ASCOLI Fondatore della compagnia Chille de la balanza

 Lo spettacolo

quelle passeggiate notturne per settantamila occhi D al 1998 San Salvi è anche la casa dei “Chille de la Balanza”, animati da Claudio Ascoli, che da anni portano avanti il progetto teatrale “San Salvi città aperta”. Tra le tantissime iniziative e gli spettacoli che portano la firma dei Chille c’è “Passeggiando nella notte di San Salvi”, viaggio-iniziazione nell’ex città manicomio di e con Claudio Ascoli, che si svolge ininterrottamente dal 1999 e che negli anni ha collezionato 35mila spettatori. Si tratta di una passeggiata-spettacolo molto particolare, che rievoca il manicomio che fu e prevede la partecipazione del pubblico (che il regista definisce, non a caso, di “spett-attori”). “Negli anni, durante le passeggiate, ho incontrato settantamila

occhi, spesso di persone che tornavano anche più di una volta: qualcuno si è addirittura innamorato proprio durante le passeggiate e ci è poi tornato con i figli”, racconta Ascoli con comprensibile orgoglio. Si tratta di una rappresentazione molto intima, che tocca corde sensibili dell’umano sentire: “Le persone si affezionano: durante la recente manifestazione ‘Miracolo a San Salvi’ abbiamo avuto anche 1.500 persone che viaggiavano con noi in direzione ostinata e contraria, muovendosi sul terreno dell’utopia, in direzione della felicità”. Ascoli è un’anima importante di quel movimento popolare che si è venuto a creare per la difesa di San Salvi, e ha una conoscenza approfondita

di ciò che fu il manicomio: “Era nato con buone intenzioni ma è diventata presto un’istituzione totale, uno strumento di contenzione che non agiva nell’ottica di far uscire i pazienti. Qua cominciarono presto le prevaricazioni – racconta – paradossalmente si mangiava benissimo, c’era cibo a chilometri zero, coltivato a due passi. Ma ai ‘matti’ non si davano posate: era un luogo di assenza della persona”. G.R.



Web: chille.it Tel. 055.6236195


#L’inchiesta

Novembre 2013 | 9

 Viaggio a San Salvi/2

la nuova vita degli internati

Qualcuno è tornato a casa, per altri si sono aperte le porte di strutture dove hanno iniziato percorsi diversi Benedetta Strappi

C

i sono voluti quasi quarant’anni per far calare ufficialmente il sipario sulla “città dei matti”. Poco meno di mezzo secolo per girare per sempre quelle pagine di dolore, fatte di lacrime, urla e mazzi di chiavi che tintinnavano sinistri ai piani alti dei reparti. Le prime aperture verso il mondo esterno a San Salvi, infatti, cominciarono negli anni ‘60, ma alla chiusura effettiva si arrivò quasi quarant’anni dopo, nel dicembre del 1998. Progressivamente l’ospedale psichiatrico si svuotò, ma al suo interno era arrivato a ospitare anche oltre duemila persone, divise (rinchiuse?) in diversi padiglioni. C’era quello dei Tranquilli, quello degli Infermi e dei Paralitici, quello dei Semiagitati, quello dei Sudici ed Epilettici, quello degli Agitati, un pensionario, una sezione Piccoli Paganti. Tutti sorvegliati dall’alto delle terrazze, come carcerati. Fino a che, un giorno, l’Italia si scrollò di dosso l’onta dei manicomi-lager e la legge Basaglia portò pulito dove prima c’erano solo macchie color pece. Ma dove sono finite quelle persone? Uscite da quel non luogo, hanno preso tante strade diverse: alcune sono tornate dalle loro famiglie, altre hanno cominciato un percorso in altre strutture. Come nel centro riabilitativo della Fondazione Opera Diocesana Assistenza di Diacceto. Lassù, nel verde delle colline della Consuma, in un

centro all’avanguardia ogni giorno vengono assistite 83 persone con disabilità intellettive più o meno gravi. Persone che qua sono arrivate bambine (molte già dal ‘73) e che sono cresciute sotto gli occhi attenti di medici ed educatori che, per prima cosa, hanno reso loro la dignità: “A San Salvi le condizioni erano disumane – spiega il direttore sanitario del centro riabilitativo dell’Oda a Diacceto, Marco Campigli – qui arrivarono ragazzi che molto spesso non erano neppure adolescenti. Una delle difficoltà maggiori fu l’adattamento, provenivano da una situazione destrutturata che aveva creato delle nicchie autistiche”. La maggior parte di questi ragazzi non aveva una famiglia da cui tornare, e per questo, anche se l’idea iniziale era un ricovero transitorio, finì per rimanere a Diacceto, assistita dall’Oda. “Fu avviato

L’interno dell’ex manicomio di San Salvi: qua furono ospitate oltre duemila persone, divise in diversi padiglioni

un percorso per cercare di promuovere le loro abilità, sono stati ricreati nuclei protetti, si è lavorato sulla loro autostima”. Alcune di queste persone sono ancora lì, qualcun altro non c’è più. C’è ad esempio Sara (il nome è di fantasia), che della sua permanenza a San Salvi porta ancora qualche segno, ma che nel frattempo ha fatto tanta strada: quei giorni neri sono lontani e oggi realizza lavori di pregio a telaio nel laboratorio di tessitura, uno dei tanti organizzati nel centro di Diacceto.

13/12/1998 chiusura definitiva dell’ospedale psichiatrico

 La testimonianza

“un luogo di privazione totale” I

l dottor Cesare Micheli ha quella loquacità piacevole propria di chi sta parlando di cose che conosce bene. Del suo “pane”, della sua più che trentennale occupazione come medico a San Salvi, dove è entrato nel 1967 come assistente volontario e da cui è uscito nel 2003 da direttore del dipartimento di salute mentale. Premessa: “San Salvi era un ospedale neuropsichiatrico, e ciò significa che al suo interno non c’erano solo persone con disturbi psichici ma anche down, persone cerebrolese, spastici”. Un’utenza estremamente eterogenea, talvolta ampliata da persone senza alcun tipo di problema: “Ho il ricordo di una paziente internata per aver urlato ‘abbasso il fascio’ durante una celebrazione fascista”. In altri casi, invece, il ricovero era strumentale, perché gli internati perdevano i diritti civili e con essi quelli sul loro patrimonio, magari appetibile per qualcuno: “La legge Mariotti, che precedette di dieci anni la Basaglia, stabilì finalmente che i ricoverati potessero riacquistare questi diritti se non

si opponevano al ricovero e contribuì a risanare questa situazione”. Altra conquista di questa legge, che porta il nome di un ministro fiorentino e che è a torto poco famosa, fu quella di prevedere delle équipe con vari professionisti della salute mentale: una squadra in cui dovevano figurare anche psicologi e neuropsichiatri. Era un primo passo verso il superamento della contenzione fine a se stessa, quella che nei suoi tempi peggiori contemplò persino “trattamenti inutili e dannosi usati per ‘calmare’ i pazienti, come la malarioterapia, che consisteva nell’inoculazione della malaria agli internati o come l’insulinoterapia, che induceva shock insulinici nel paziente”. Il manicomio, racconta ancora lo psichiatra, “è stato a lungo un luogo di privazione totale, qualcosa di non troppo lontano da un lager, in cui le persone erano ridotte a larve. Fu aperto all’esterno progressivamente, con grandi feste come quelle del ‘75 e ‘78, in cui finalmente i ‘normali’ si mescolarono ai ‘matti’ e la città entrò dentro San Salvi”.

 I personaggi

qua fu ospitato anche dino campana

S

an Salvi fu la casa del dolore per centinaia e centinaia di persone con disagi psichici, ma anche per oppositori politici, alcolizzati, ragazze madri e tanti bambini. Un pozzo di anime immerse nel dolore che in quella cittadella trovarono una prigione annichilente. Lo raccontano foto e testimonianze d’epoca, lo raccontano certe parole che un tempo (e in alcuni casi ancora oggi) si potevano leggere sui muri di alcuni edifici: “Dottore, cura tua moglie al manicomio”. “Professoressa, fatti lavare te da un infermiere”. Tra i tanti “matti”, San Salvi ospitò anche alcuni nomi celebri: uno su tutti, quello del poeta Dino Campana. Il 12 gennaio 1918 il medico condotto del Comune di Lastra a Signa ebbe a scrivere di lui: “Campana Dino è affetto da alienazione mentale et urge sia internato nel manicomio provinciale”. Così fu, e in quella data il poeta fece il suo ingresso a San Salvi, preludio della lunga permanenza che lo avrebbe portato a spegnersi nel 1932 in un altro manicomio, quello di Castel Pulci, a Scandicci, dopo quattordici anni da internato. Fu proprio da San Salvi che Campana scrisse alla sua Sibilla Aleramo, con la

quale aveva una tempestosa relazione, la sua ultima lettera: “Cara, se credi che abbia sofferto abbastanza, sono pronto a darti quello che mi resta della mia vita. Vieni a vedermi, ti prego, tuo Dino”. A San Salvi il poeta rimase qualche mese, finché l’ordinanza di ricovero che ce lo aveva portato divenne effettiva, da provvisoria che era. E per questo fu trasferito a Castel Pulci, “cronicario” in cui venivano ricoverati i pazienti giudicati inguaribili, e dove il poeta trascorse i suoi ultimi anni. Altro nome celebre vicino a San Salvi fu quello di Ottone Rosai: il pittore non fu paziente, ma amico di uno psichiatra, Franz Catagni, che nella cittadella dei matti lavorava e negli anni ritrasse decine e decine di pazienti, inservienti e medici. G.R.

Una delle scritte realizzate nel tempo sui muri di San Salvi dai “matti” internati nell’ospedale psichiatrico


10 | Novembre 2013

#Mobilità

 La città senza auto/1

 L’intervista

la carica delle trentamila biciclette

L’effetto Mondiali continua: sempre più persone usano le due ruote. Ma non mancano altre richieste Gianni Carpini

V

ia la polvere dal sellino. Dopo il momento di gloria vissuto in mondovisione alcune sono tornate in cantina, altre sono rimaste fuori e sfidano ogni giorno il traffico cittadino. Sono le biciclette fiorentine, mezzi rispolverati durante la settimana dei Mondiali di ciclismo e che adesso, dati alla mano, sembrano ingranare una buona marcia. Sempre più persone vanno al lavoro pedalando: secondo le stime del Comune, il parco bici in città è di almeno trentamila mezzi. Diecimila non circolano, ma c’è una novità. Complice la crisi, nella prima parte dell’anno i ciclisti urbani hanno sorpassato a tutta velocità gli automobilisti: 6.500 auto immatricolate a Firenze contro le 7.900 biciclette comprate in riva all’Arno. Poi c’è il bike sharing, con tre postazioni per il noleggio in centro: nei primi dieci mesi di quest’anno, dicono i numeri del database gestito dalla cooperativa Ulisse, sono stati registrati 3.800 nuovi clienti, per un totale di diecimila bici a nolo. Anche qui c’è stato l’effetto Mondiali: solo nella settimana delle gare sono stati affittati 500 mezzi, un terzo di quanto registrato durante tutto il mese di settembre (1.500, contro le 1.100 di settembre 2012). Numeri che hanno fatto gridare alla ciclo-rivoluzione, ma c’è chi preferisce tenere il freno tirato. In

effetti, le quattromila auto sparite dalle strade durante i mondiali sono prontamente ricomparse. Sono soprattutto le associazioni dei ciclisti a chiedere più investimenti e una maggiore sicurezza. A Firenze esistono 87 chilometri di piste ciclabili, un terzo delle quali all’interno di parchi e lungo le sponde dell’Arno. “Sono più per un uso ludico che per gli spostamenti quotidiani. Le periferie sono sguarnite”, osserva l’associazione Firenze Città Ciclabile. “Non sono d’accordo con questo automatismo – risponde Giampiero Gallo, consigliere “speciale” per la bicicletta – ad esempio c’è chi fa la pista dei Renai per andare al lavoro e non per la gita domenicale. Negli ultimi anni abbiamo lavorato tanto su questo fronte”. E da qui a maggio 2014 il Comune ha promesso di stendere ancora asfalto rosso. Le priorità sono Novoli (prosecuzione della pista PanciatichiPerfetti Ricasoli verso viale XI Agosto) e Firenze Sud (ricuciture dei monconi tra via Erbosa e

87km DI PISTE CICLABILI A FIRENZE

 Qualche consiglio

le “regole” contro i furti

V

ia il sellino, via la ruota o via tutta la bici in blocco. Il primo pensiero dei ciclisti fiorentini è: come continuare a essere tali, senza che nel frattempo i ladruncoli facciano incetta di pezzi di ricambio o di mezzi interi? Ecco alcuni deterrenti, segnalati dal consigliere speciale per la bicicletta Giampiero Gallo. Primo: un ottimo lucchetto, che in alcuni casi può essere più costoso della bici stessa, l’unica vera arma contro le tronchesi. Secondo: raccogliere elementi per dimostrare di essere i legittimi proprietari, fotografare il “bolide” e segnarsi il numero del telaio. E ancora, applicare un’etichetta automarcante. Costa una decina di euro e riporta un codice registrato in un database accessibile a polizia e carabinieri (registroitalianobici.it). Se lo sticker viene rimosso, rimane un segno indelebile. Terzo: non favorire il mercato nero dei veicoli rubati, evitando di comprare biciclette di dubbia provenienza. Palazzo Vecchio sta mettendo a punto l’operazione bici-pulita, con un codice etico a cui gli esercizi aderenti dovranno attenersi, accettando merce solo da persone che possano provarne la legittima proprietà. Infine è meglio sporgere denuncia, se vittime di furti. Secondo la Fiab, a Firenze solo il 6 per cento di chi si è visto sgraffignare la bici lo fa. Questo aiuterebbe (almeno) ad aumentare la percezione del fenomeno da parte delle forze dell’ordine. G.C.

1600 RASTRELLIERE

piazza Bartali). Infine c’è il capitolo del parcheggio, quello “legale”. Seguendo in modo ferreo le regole del codice della strada, parcheggiare sul marciapiede equivale alla sosta selvaggia. Le rastrelliere in tutta Firenze sono 1.600, per un totale di quattordicimila posti, concentrati per la metà in centro. Il progetto è di arrivare, entro la fine della consiliatura, a sedicimila posti.

Biciclette e tramvia sono le protagoniste in città della mobilità alternativa, quella che punta a sconfiggere il traffico dovuto all’utilizzo delle automobili private

 Web 

becycle.comune.fi.it

C'è un luogo per imparare a volare, a cadere, a riazarsi, cantare e inventare storie. Tutto è possibile, per un bambino. E anche l'impossibile può essere realizzato, grazie alla magia del teatro. Sono aperte le iscrizioni per i nuovi corsi per bambini e ragazzi della Scuola del Teatro di Rifredi alla MaxBalletAcademy. 1246224

Giocodanza (3-4 anni) Predanza (5-7 anni) Danza Classica (Bambini adulti) Modern Jazz (Bambini adulti) Mercoledì ore 17-18 Hip Hop Balli Caraibici Boogie Woogie Tango Argentino one i z e l Danza del Ventre 1 ita u t a r g Canto Musical Canto Pop Rock Percussioni Afro Cubane Recitazione (Bambini adulti) Pilates con macchine e mat-work Lunedì e Mercoledì ore 19-20 Formazione Professionale

Breakdance

Zumba Dance

d’angelis: “fattibile il tram-metrò, un kit di sicurezza per chi pedala”

H

a parlato di una “ciclorivoluzione” a Firenze e adesso appoggia il piano per far andare Sirio sotto terra: Il Reporter ha incontrato il sottosegretario a Infrastrutture e Trasporti Erasmo D’Angelis. Che cosa ne pensa del “trametrò” di Firenze? È un’idea sicuramente fattibile, con tutte le dovute cautele per gli impatti sulla città. Può essere il modo di cogliere le nuove opportunità che arriveranno solo per progetti dedicati alle aree metropolitane e non più a singoli contesti cittadini. Ma sono già piovute critiche. Trovo curioso che si parli di infattibilità di un progetto che ancora non è stato presentato ufficialmente. Il trametrò è una straordinaria opportunità di modernizzazione. Potrà risolvere un bel po’ di problemi di traffico, migliorando la qualità della vita dei fiorentini. La riforma del codice della strada: si è vociferato di un “patentino” per i ciclisti. Nel dibattito parleremo anche di come diffondere la conoscenza delle regole. L’idea è regalare un kit di sicurezza a chi acquista una bici, nel quale inserire una copia del nuovo codice. Ci sono interventi nazionali per la piaga dei furti di bici? Oggi non esistono normative dedicate. Sono allo studio del Ministero alcune soluzioni, tra le quali anche la punzonatura. Intanto, però, le auto elettriche restano al palo: solo 68 a Firenze. Resta difficile trovare i punti di ricarica. È in corso di approvazione un piano nazionale per garantire su tutto il territorio i livelli minimi di accessibilità al servizio. C’è poi un fondo da 18,4 milioni di euro (per più anni) e un bando da 2,9 milioni per il cofinanziamento dell’acquisto e dell’installazione degli impianti. All’attenzione del Ministero ci sono inoltre degli speciali kit per convertire i veicoli in circolazione con motore termico in veicoli elettrici.


#Mobilità

Novembre 2013 | 11

 Scooter

 La città senza auto/2

sosta selvaggia addio, nuovi spazi in centro

come ti sconfiggo ingorghi e smog

L

e tariffe sono low cost rispetto a quelle sborsate dai “cugini” automobilisti. Un euro per ogni accesso, sia che la sosta duri mezz’ora che una giornata intera. Basta una moneta agli scooteristi per trovare un posto in pieno centro, senza affidarsi alla pratica della sosta selvaggia, per la quale presto fioccheranno multe, assicurano da Palazzo Vecchio. Sono in tutto centoquaranta i posti messi a disposizione dei centauri urbani all’interno del nuovo parcheggio a pagamento riservato ai ciclomotori in via del Parione, al piano terreno dell’ex Facoltà di Scienze della formazione. L’ingresso si trova in via del Parioncino 16r, a due passi da via Tornabuoni: è aperto tutti i giorni, festivi compresi, dalle 6.30 alle 21.30 ed è sorvegliato da telecamere. È possibile anche acquistare un abbonamento che con 10 euro consente 25 passaggi oltre la sbarra. Ma presto arriverà un moto-parking anche in via dell’Anguillara, nel complesso dell’ex tribunale, che ospiterà una quarantina di posti. Spazi a misura di scooter che vanno ad aggiungersi a quello inaugurato nel 2011 al primo piano interrato del parcheggio di Santa Maria Novella. L.S.

Ecco le soluzioni in campo e quelle allo studio. I mezzi elettrici, però, non sembrano ingranare Luca Squarcialupi

U

n piano “code-zero” per far piazza pulita degli ingorghi a Firenze. Fantascienza? Non proprio. Molto resta da fare, ma qualcosa c’è già: una coppia di cervelloni elettronici. Il primo è il super-computer (Urban Traffic Control) che comanda duecento semafori dal quartier generale di Silfi, società a partecipazione pubblica da cui dipende l’illuminazione delle vie fiorentine. Un sistema intelligente in grado, a seconda della circolazione, di regolare i tempi del rosso e del verde e di far scorrere meglio i serpentoni di veicoli. È grazie a lui che a febbraio si è accesa l’onda verde sui viali di circonvallazione, un meccanismo sincronizzato che permette di avere via libera a ogni semaforo mantenendo una velocità costante. Il “Grande Fratello” fiorentino, invece, si chiama Si.mo. ne. e spia tutti i movimenti sulle strade della provincia da circa un anno, grazie a 150 sensori,

Un’immagine di “ordinario” traffico sui viali: l’obiettivo è combattere code e ingorghi e diminuire il numero di auto sulle strade

 Web autoincomune.it 

130

COLONNINE ELETTRICHE GRATUITE IN CITTÀ

silfi.it

230 semafori, dieci strutture di Firenze Parcheggi e attraverso le centrali operative di Comuni, Provincia e aziende del trasporto pubblico. Tutti i dati finiscono in un database condiviso. Tra una dozzina di mesi il supervisore della mobilità avrà raccolto informazioni a sufficienza da consentire agli analisti, questa volta in carne e ossa, di studiare soluzioni concrete. La smart city può aiutare a districare le code, ma non elimina il problema. Per spazzare via le auto dalla carreggiata un progetto esiste, nonostante sia ancora a livello embrionale: il “trametrò”, metà tramvia, metà metropolitana. Futuribile, ma non inverosimile, si vocifera nei corridoi del Ministero delle Infrastrutture. Il sindaco Renzi accarezza da tempo l’idea: mandare Sirio sottoterra, bypassando il centro con un tunnel, dagli ex Macelli al lungarno della Zecca Vecchia. In pratica una linea 2 in versione maxi, da Sesto a Bagno a Ripoli. Una spe-

sa stimata di 600 milioni di euro e un bacino intorno ai 60 milioni di passeggeri l’anno. Intanto i fiorentini sperimentano la mobilità alternativa, dalle bici (vedi pag. 10) al car pooling, ossia l’autostop in versione 2.0. Il passaggio si trova online, tra le proposte dei pendolari, in modo gratuito o con un contributo benzina. In Toscana, due anni fa, è nato il primo sito di car pooling creato dalle istituzioni, Autoincomune. it, che ad oggi registra cinquecento tratte attive in tutta la regione, 120 solo a Firenze, e offre uno “strappo” per eventi come concerti e feste. La nota dolente per la mobilità sostenibile arriva dalle auto elettriche, che restano al palo. In provincia di Firenze, secondo l’Aci, all’inizio del 2013 le “electric car” immatricolate erano solo 68 (42 nel territorio comunale). In città sono però attive 130 colonnine per fare il pieno di energia in modo gratuito, che saranno presto potenziate.

AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE TEL. 848 81.22.21 • www.misericordia.firenze.it

UN PRESIDIO AD HOC PER I BAMBINI Al secondo piano del Presidio di via del Sansovino, 176 è operativo l’Ambulatorio Pediatrico. E’ una struttura appositamente dedicata ai bambini (da 0 a 14 anni) che non usufruiscono dell’assistenza di base, ma anche per quelli che necessitano di una consulenza in tempi brevi. I piccoli pazienti e i loro genitori sono accolti in un ambiente arredato a misura di bambino e dispongono di una confortevole sala d’attesa e servizi igienici riservati. Qui viene svolta attività di controllo, consulenza, prevenzione, diagnosi e trattamento. In particolare: diagnosi e cura delle patologie acute di diversa natura e delle più frequenti malattie organiche dell’infanzia; controllo della crescita e dello sviluppo fisico e psicomotorio; individuazione di disturbi funzionali e del comportamento (alimentare, enuresi, disturbi del sonno); esecuzione dei più comuni test diagnostici ambulatoriali; ascolto e consiglio alle famiglie in difficoltà in presenza di malattia cronica e collaborazione con altri servizi o specialisti. Il bambino è un paziente particolare che presenta patologie tipiche della sua età ed altre che, pur affliggendo anche la popolazione adulta, hanno peculiarità che le fanno differire sia in fase di diagnosi che di approccio terapeutico. Da qui l’esigenza di ricorrere a medici che non solo hanno competenze mediche specifiche (oftalmologia, dermatologia, otorinolaringoiatria, allergologia) ma che sono, soprattutto, in grado

di trattare in maniera iper specialistica il piccolo paziente, assecondandone i bisogni e senza traumatizzarlo. L’Ambulatorio Pediatrico, inoltre, nasce dalla volontà di offrire, nei fine settimana e nei giorni festivi, un servizio in grado di sopperire alla fisiologica assenza del pediatra di famiglia, garantendo adeguata assistenza ed evitando il ricorso alle strutture ospedaliere per patologie valutabili e trattabili a livello ambulatoriale. Per prenotare la visita telefonare al numero unico 848 812221 Per la Guardia Medica Pediatrica 055-700001 con orario 09.00-12.00/14.00-18.00


12 | Novembre 2013

#Focus  Terza età/1

GUIDA ALL’INVERNO PER CHI HA PIÙ PRIMAVERE

I ventotto centri anziani della città organizzano di tutto, dai balli ai corsi Sara Camaiora

 Terza età/2

E ANCHE LE CASE DEL POPOLO SI DANNO DA FARE

S

pazi dove chiacchierare o fare una partita a carte, ma anche dove dedicarsi ad attività di vario tipo, dalla ginnastica ai corsi di lingua: chi fa la tessera in una delle tante case del popolo sparse in tutti i quartieri cittadini può usufruire di diverse possibilità per imparare nuove attività o, semplicemente, per passare del tempo in compagnia. Un’offerta variegata e rivolta a tutti, grandi, piccini e sicuramente spesso adatta anche ai tanti “nonni” fiorentini che qui possono trovare diversi modi per trascorrere i pomeriggi invernali. Tra le più grandi e antiche strutture della città c’è senza dubbio l’Sms di Rifredi, in via Vittorio Emanuele. Chi vuol giocare a carte qua ha a disposizione ben tre sale, mentre si può giocare a tombola nei giorni festivi e in settimana tranne il lunedì e il venerdì: il mercoledì e il venerdì, per mantenersi in forma o per contrastare gli acciacchi, nei locali al primo piano si tengono corsi di ginnastica dolce per anziani con l’assistenza di personale qualificato. Nel quartiere 4, tra gli altri, si trova il circolo di San Bartolo a Cintoia: anche qua tanti corsi, dal ballo liscio al canto popolare e all’inglese. In zona Gavinana è molto frequentato il circolo delle Vie Nuove, in viale Giannotti. Qua, dal lunedì al mercoledì, si svolge il corso di tango, il martedì pomeriggio c’è il ballo liscio mentre, oltre ai classici giochi di carte e tombola, tutti i mercoledì sera dalle 21 c’è il torneo di burraco. S.C. Circoli e case del popolo sono tra i luoghi di ritrovo preferiti dagli anziani: al loro interno vengono organizzate diverse attività (nella foto la Casa del Popolo di San Bartolo a Cintoia)

Coordinamento di Associazioni per la Tutela dell’Ambiente e dei Diritti di Utenti e Consumatori

1245944

T

ombola, carte ma anche balli di gruppo e corsi di inglese. Sono tante le possibilità per chi ha più primavere sulle spalle ora che l’inverno è alle porte ed è necessario trovare dei passatempi cui dedicarsi all’interno di luoghi chiusi e accoglienti. Luoghi che in città non mancano: sono infatti ventotto i centri anziani presenti, distribuiti su tutto il territorio. Per la precisione, sette ciascuno si trovano nei quartieri 1 e 5, sei nel quartiere 4, cinque nel quartiere 2 e tre nel quartiere 3. Chi li frequenta è tenuto a tesserarsi e in ognuno ci sono un presidente e tanti volontari che mettono a disposizione il proprio tempo. Come ci si può immaginare, non mancano mai i tavoli per giocare a carte o a tombola, ma è diffuso praticamente in tutti i centri anche il burraco. Come tiene a ricordare Silvano Pennai, presidente del Circolo Età Libera Anconella, “non si gioca di soldi, si gioca di niente, non siamo a scopo di lucro”. Nel suo circolo, con oltre quattrocento soci, passano anche un’infermiera che controlla la pressione tutti i mercoledì alle 16, una parrucchiera e una pedicure. L’apertura dei centri è per lo più pomeridiana: anche rinfreschi e feste difficilmente vengono organizzati la sera. “Le iniziative sono sempre dalle 15 alle 19, gli anziani dopo cena vanno a letto”, ricorda ridendo Gino Corti, vi-

cepresidente del centro anziani di Castello, 350 soci. Per chi è appassionato di danza la domenica pomeriggio si balla il liscio all’Anconella, mentre al centro di via Luna il giovedì pomeriggio c’è il latinoamericano. Sempre al centro di via Luna c’è poi una biblioteca continuamente aggiornata, con oltre tremila volumi e più di 2.500 prestiti all’anno in sole tre aperture pomeridiane alla settimana: al mattino, inoltre, una sala viene adibita a palestra e vi si svolgono i corsi di ginnastica dolce. E siccome non è mai troppo tardi per imparare, molti centri si sono attrezzati per realizzare corsi di lingue, alfabetizzazione informatica, pittura, canto e teatro. Uno di questi è il centro “Attività dell’età libera” di via del Leone dove, come spiega il vicepresidente Mauro Benelli, c’è un coro già attivo da anni, mentre al centro Arca di via Zanella ci si può iscrivere a un corso di pittura che si tiene il giovedì e il venerdì pomeriggio. Chi invece si vuol dilettare con la fotografia trova un corso gratuito al centro di Villa Bracci, condotto da un professionista, che tratta di macchine digitali e accessori, per arrivare poi al fotoritocco con il computer.

Corsi di Meditazione a firenze per ritrovare calma e forza interiore

• Corsi di pensiero positivo • Autostima • Gestione della Rabbia e dello Stress INFORMA: UNA EQUIPE DI ESPERTI È A VOSTRA DISPOSIZIONE PER AIUTARVI A RISOLVERE I VOSTRI PROBLEMI.

• Prodotti difettosi in garanzia

• Vacanze rovinate

• Banche e assicurazioni

• Mutui, Prestiti,Cessione del V

• Telefonia e energia

• Per Questo e altro ancora...

• Contratti

SEDE REGIONALE di Firenze ORARIO RICEVIMENTO SPORTELLO CONSUMATORE Via P. Francavilla n. 14 E • Dal Lunedì al Venerdì ore 16-18 50142 Firenze • Mercoledì mattina ore 10,30 -12,30 (Mutui e Prestiti) Tel. 055 7398841 • Venerdì mattina ore 10,30- 12,30 Info: codacons.toscana@tiscali.it Informazione realizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico

Prossimo corso base di meditazione Giovedì 14 Novembre, ore 19.30 • INGRESSO LIBERO

UNIVERSITA’ SPIRITUALE MONDIALE ONLUS

Sede e informazioni Brahma Kumaris Via F. Furini, 4 (II Piano) - 50142 Firenze - Isolotto - Telefono: 055 53 20 619 - Cell. 339 3105007


#Focus

Novembre 2013 | 13

 L’emergenza abitativa

se sopra la testa il tetto è sempre più instabile

Aumenta il numero di coloro che non riescono a pagare l’affitto: la prima causa degli sfratti è la morosità Natalia Binagli

L

a perdita del lavoro. Uno stipendio precario che spesso non basta. La pensione sufficiente appena per fare la spesa. Ci sono storie come queste, storie di famiglie “normali” che oggi, complice la crisi economica, non possono più permettersi un tetto sopra la testa, dietro ai numeri dell’emergenza casa a Firenze.

QUATTROMILA FAMIGLIE SOTTO SFRATTO Lo sfratto è una spada di Damocle che in città riguarda circa diecimila fiorentini, raccolti in oltre quattromila famiglie. Sono 4.264, per la precisione, stando ai dati del Sunia, il sindacato degli inquilini, gli sfratti messi in calendario dalla forza pubblica. Di questi, da inizio anno, ne vengono eseguiti circa novanta ogni mese. Centotré quelli effettuati solo a ottobre. Per un totale di tre-quattro famiglie sfrattate in media ogni giorno. MOROSITÀ INCOLPEVOLE PRIMA CAUSA Tanti fiorentini non ce la fanno più a pagare l’affitto. Il 90% degli sfratti, così, avviene per morosità, e questa, nella maggior parte dei casi, è “incolpevole”, ossia frutto di sopraggiunte difficoltà economiche, legate al lavoro che non c’è più o non abbastanza. Nel 2010 furono 538 gli sfratti per morosità eseguiti a Firenze su un totale di 644. A fine anno saranno quasi mille su un totale di 1.100. Un dato, in realtà, in parte “gonfiato”, perché proprio nel 2010 lo sfratto per morosità ha iniziato a fare punteggio nella graduatoria per gli alloggi pubblici. “Qualche furbetto se ne è approfittato, ed è per questo – spiega il segretario regionale del Sunia, Simone Porzio – che da tempo ci battiamo perché la Regione riveda i criteri per l’assegnazione delle case popolari, chiedendo che venga presa in considerazione, più che lo sfratto, l’incidenza del canone di affitto sul reddito”. ANZIANI E GIOVANI COPPIE Le giovani coppie di lavoratori atipici, il cosiddetto ceto medio colpito dalle crisi aziendali e occupazionali e i nuclei mo-

noreddito sono le categorie maggiormente colpite. Ma a soffrire di più sono gli anziani. Su 67.790 sfratti previsti a livello nazionale gli anziani rappresentano il 37%. In Toscana sono il 34% sui 13.876 sfratti in attesa di esecuzione. A Firenze, spiega ancora il Sunia, questa percentuale sale sopra la media nazionale, toccando il 38%. “Un’emergenza nell’emergenza – spiega Porzio – che si è aggravata nel corso degli ultimi 4-5 anni. Si tratta in genere di persone con la pensione minima, dai rapporti sfilacciati con i figli, dalle situazioni davvero delicate. Pensiamo poi alle difficoltà di un anziano nello sbrigare le pratiche per chiedere un alloggio popolare. È chiaro che sono loro gli anelli deboli di una catena sociale già piena di disagi”. Se molti hanno difficoltà a pagare un affitto, la causa non è soltanto la crisi. “È spesso un falso mito, infatti, quello della crisi che abbassa gli affitti – prosegue Porzio – in qualche caso i canoni sono scesi di 3040 euro. Ma Firenze resta tra le città con gli affitti più cari”. I COSTI DELL’EMERGENZA Capita così che aumentino gli appartamenti sfitti in città. Che vanno ad aggiungersi ai tanti alloggi popolari vuoti perché bisognosi di ristrutturazione, un centinaio a Firenze e circa 1.500 in Toscana. “La Regione – conclude il segretario del Sunia – ha stanziato da poco 10 milioni per riqualificare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica. Speriamo che sia la fine di un doppio paradosso”. Mentre tante case popolari sono chiuse perché inagibili, migliaia di famiglie rimangono in lista di attesa (circa 2.800 quelle in fila a Firenze). Senza contare che l’emergenza casa rischia di costare ugualmente caro alle amministrazioni: in assenza di alloggi popolari, sono infatti i Comuni a prendersi in carico chi è sfrattato, sistemandolo in apposite strutture di accoglienza o alberghi. Un’assistenza che a Firenze, riporta il Sunia, può costare fino a mille euro al mese a nucleo familiare, mezzo milione l’anno a livello regionale.

10

milioni I FONDI REGIONALI PER RIQUALIFICARE GLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (ERP)

 Palazzo Vecchio

“Le caserme dismesse per risolvere il problema” “L

e caserme dismesse? Usiamole per risolvere il problema dell’emergenza casa”. Ne è convinta la vicesindaco e assessore alle politiche abitative Stefania Saccardi, che rilancia un vecchio pallino di Matteo Renzi: recuperare quegli scatoloni vuoti come ad esempio la Lupi di Toscana, una delle caserme più grandi della città, per sfoltire le liste d’attesa delle case popolari e accogliere chi non ce la fa più a pagare un affitto. Da qui i ripetuti appelli di Palazzo Vecchio al governo per sbloccare la situazione di stallo delle caserme e trasformarle a scopo abitativo. Ma intanto i novanta sfratti al mese effettuati in città non aspettano. E, nel frattempo, il Comune deve farcela con i mezzi che ha. “I servizi sociali – fa il punto la vicesindaco – sono tenuti a garantire la migliore accoglienza per quanto riguarda i minori. Quindi il Comune mette a disposizione strutture dove vengono ospitate le mamme con i bambini e strutture in cui vengono ospitati i padri. Per questa accoglienza Palazzo Vecchio spende ogni anno

400mila euro”. C’è chi invoca il blocco degli sfratti, se non totale, almeno di quelli per morosità incolpevole. Una decisione che spetta alla Prefettura, e che in ogni caso, secondo Saccardi, “non è da prendere alla leggera, perché vanno considerati anche i tanti piccoli proprietari che vedrebbero scomparire un reddito sul quale spesso contano per riuscire a tirare avanti in modo dignitoso”. Sul fronte Erp arrivano notizie positive dalla Regione, che ha stanziato dieci milioni per la ristrutturazione degli alloggi popolari. “L’impatto del nuovo finanziamento regionale dovreb-

L’ex caserma dei Lupi di Toscana

be essere forte – aggiunge la vicesindaco – anche perché Firenze ha un patrimonio immobiliare importante costituito da circa 8mila alloggi. Ringrazio la Regione per questa misura che, in base ai parametri di ripartizione, dovrebbe dare un grosso contributo alla ristrutturazione degli alloggi vuoti del comune”. Ma per Saccardi serve rivedere i parametri di accesso alle case popolari. “Intanto – spiega – va precisato che il canone di un alloggio va da un minimo di 12,91 euro a

un massimo di 667,68, ma la fascia più consistente va da chi ha un canone sociale per reddito effettivo non superiore a due pensioni minime a chi ha un reddito massimo di 26.810 euro”. Si va quindi dalle giovani coppie agli anziani. “I requisiti – prosegue – sicuramente sono da rivedere, come più volte abbiamo ribadito e richiesto alla Regione, anche per tutelare alcune situazioni attualmente svantaggiate, come le famiglie con presenza di persone disabili e anziani. Anche le tariffe minime andrebbero adeguate e aumentate”. C’è poi qualche “furbetto” che se ne approfitta. “Ma – commenta la vicesindaco – è molto difficile scovarli e colpirli, anche perché su questo non troviamo grande collaborazione da parte di chi avrebbe il compito di verificare redditi falsati”. I problemi, insomma, ci sono, e così c’è chi teme che si possa acuire la tensione sociale. “Il pericolo c’è – spiega Saccardi – anche se Firenze, attraverso la rete delle associazioni e un tessuto comunitario solidaristico, riesce attualmente a contenere la tensione”. N.B.


14 | Novembre 2013

#Società

 A tu per tu

LE “BATTAGLIE” DEI PRETI, FUORI E DENTRO LE CHIESE a cura di Serena Wiedenstritt

Questo mese Il Reporter ha deciso di andare in avanscoperta tra parroci e parrocchie, per dare uno sguardo alla Firenze di oggi attraverso le “battaglie” e i progetti dei preti di periferia e non solo, di coloro che portano avanti la missione ecclesiale confrontandosi con le comunità e il territorio cittadino, con la crisi che morde e le diverse culture che si fanno avanti, con i bisogni, le speranze e la quotidianità dei fiorentini. Così, abbiamo chiesto ad alcuni preti della città, uno per ogni quartiere, di raccontarci come portano avanti oggi la loro missione, dentro e fuori dalle chiese. Ed ecco le loro idee, i loro sogni e le realtà con cui si confrontano giorno dopo giorno.

 Quartiere 1

 Quartiere 2

 Quartiere 3

 Quartiere 4

 Quartiere 5

DON FULVIO CAPITANI

DON ALDO MENICHETTI

DON RAFFAELE PALMISANO

DON PIERO SABATINI

DON GIOVANNI MOMIGLI

San Jacopo in Polverosa

Santa Maria a Coverciano

Santa Maria a Ricorboli

Beata Vergine Maria delle Grazie

San Donnino

DOPOSCUOLA E AIUTI ALLE FAMIGLIE

COLLETTE di cibo E UN “ARMADIO” PER I NUOVI POVERI

DAL MICROCREDITO ALL’AGRICOLTURA SOCIALE

UN ORATORIO PER TUTTI, NEL NOME DI LA PIRA

UN PORTALE DEDICATO A CHI CERCA LAVORO

U

na comunità. Così don Fulvio Capitani, parroco di San Jacopo in Polverosa (via Benedetto Marcello, zona San Jacopino), definisce la sua parrocchia, in cui non mancano “occasioni per vivere al meglio la vita di comunità nelle sue dimensioni essenziali: la liturgia, la catechesi, la carità”. “Nella liturgia abbiamo la fortuna di poter contare su un folto numero di ministri straordinari dell’Eucarestia che aiutano i sacerdoti portando la comunione nelle case di anziani e malati della parrocchia, mentre le messe domenicali sono animate da due cori, uno composto da giovani e bambini e l’altro da adulti, e coinvolgono numerosi chierichetti – spiega don Fulvio – nella catechesi abbiamo gruppi che vanno dalla terza elementare ai primi anni dell’università con incontri, ritiri, campi scuola, viaggi, oltre a gruppi di spiritualità familiare. In tema di aggregazione ci sono poi gli scout, che quest’anno festeggiano il 70esimo anniversario della loro presenza qui in parrocchia, e recentemente è stato rinnovato l’oratorio, o ‘campino’, che con le sue aperture settimanali appassiona bambini e ragazzi nel gioco e nella socializzazione e formazione cristiana. Infine, nel settore della carità è molto attiva la Caritas parrocchiale, che aiuta oltre 90 famiglie fra le meno fortunate”. Tra le altre attività, pensate proprio per unire la comunità, la parrocchia organizza un doposcuola per bambini e ragazzi di elementari e medie, molto frequentato anche da giovani stranieri, ed è attiva insieme all’Unitalsi, con cui il 17 novembre celebrerà la Festa di Fraternità con i fratelli disabili e malati.

D

a tredici anni don Aldo Menichetti è parroco a Santa Maria a Coverciano, una grande parrocchia dove “si cerca di fare tutto, di accompagnare le persone in tutte le fasi della loro vita. Iniziamo con i corsi di preparazione al battesimo per i nuovi nati, si continua con il catechismo per i bambini e il dopo-cresima per gli adolescenti, che dura circa fino ai vent’anni, quando poi i giovani possono diventare punti di riferimento attivi nella vita parrocchiale. Poi facciamo i classici corsi di preparazione al matrimonio per le giovani coppie e continuiamo a organizzare incontri mensili anche dopo il matrimonio, mentre per gli anziani portiamo avanti attività di intrattenimento, ma anche incontri sulle letture della domenica”. “Per me la parrocchia è come una grande famiglia – afferma don Aldo – dove è importante stare insieme, ascoltarsi e dare una mano quando c’è bisogno. Qui si inizia la mattina alle 8 e si finisce la sera: c’è sempre qualcosa da fare per rispondere alle esigenze della gente”. Per aiutare i cosiddetti nuovi poveri, che arrivano sempre meno da lontano e che sono sempre più fiorentini, la parrocchia gestisce l’Armadio del Povero, dove vengono distribuiti vestiti e oggetti usati, ma anche nuovi, a chi vi si rivolge, e la Colletta alimentare: ogni domenica chi va alla messa può lasciare un pacco di pasta piuttosto che una bottiglia d’olio per le famiglie meno fortunate, al momento 69, che ricevono quindicinalmente un pacco di viveri. Per chi non arriva a fine mese, la parrocchia cerca poi di dare una mano con le bollette: “Qualche volta basta anche aiutare a rateizzare le scadenze e per chi si ritrova senza lavoro un momento di ascolto può aiutare a ritrovare la speranza”, termina il parroco.

T

anti progetti alla parrocchia di Santa Maria a Ricorboli. Li spiega, con entusiasmo, il parroco, don Raffaele Palmisano: “Da diverso tempo siamo attivi con progetti di microcredito. Abbiamo iniziato insieme con i parrocchiani, ponendoci il problema di quanto fosse dignitoso fare elemosina e di come si potesse agire, invece, per dare fiducia alle persone, a livello individuale e di gruppo, e spingere i giovani a investire sui loro progetti. Con il microcredito, disponibile al nostro sportello di piazza Elia Dalla Costa tutti i martedì pomeriggio, vogliamo rafforzare anche la relazione fra gli individui e valorizzare la territorialità”. Altro settore, altra idea: l’agricoltura sociale. “A breve inaugureremo una micro fattoria dietro la parrocchia dove accoglieremo alcuni animali e porteremo avanti attività con gli alunni delle elementari – annuncia don Raffaele – l’obiettivo è far conoscere ai bambini il mondo animale ed educarli al rispetto degli animali, che non sono giocattoli. A Vicchio, inoltre, abbiamo un progetto di agricoltura sociale e in via di Ripoli ci è stato concesso un terreno che usiamo per l’ortocoltura”. Progetti diversi, quindi, ma che seguono lo stesso principio: “La religiosità non è solo culto – afferma il parroco – e Dio ci invita a occuparci dei bisogni reciproci. Così proviamo a fare noi. Poi ovviamente ci sono anche le celebrazioni e le liturgie, per i fedeli della comunità, ma noi vogliamo sempre ricordarci che Gesù ha detto che chiunque dia da bere al prossimo è come se lo desse a lui”.

“I

l progetto è l’oratorio”, afferma senza dubbio alcuno don Piero Sabatini, parroco della Beata Vergine Maria delle Grazie all’Isolotto. Mancano pochi mesi all’inaugurazione della struttura che ospiterà spettacoli teatrali ed eventi culturali, cene sociali e attività ludicosportive, e che dovrebbe essere dedicata a La Pira. “Vorremmo intitolare questo spazio a Giorgio La Pira per far conoscere questa figura anche ai più giovani e perché tutti possano ricordare quello che è stato un grande sindaco e grande uomo, forse il primo vero ispiratore dell’Isolotto storico”, spiega don Piero. “L’oratorio – continua il parroco – sarà uno spazio di aggregazione per tutti, non solo per i giovani, come viene tradizionalmente inteso. Diventerà un luogo di ritrovo per i parrocchiani, aperto a tutti e pensato per aiutarci a vivere bene insieme. Quello che oggi manca di più sono i rapporti: ho vissuto cinque anni nelle favelas brasiliane e posso dire che nonostante la povertà e le difficoltà quotidiane laggiù il senso dello stare insieme è più forte e radicato rispetto a qui, dove dalle grandi alle piccole cose si tende a isolarsi. Per questo ci siamo impegnati nella costruzione anche fisica di uno spazio da condividere con i giovani, le famiglie e tutti quelli che si vorranno unire – conclude – per iniziare a riconoscere nel prossimo un amico e non sempre solo un avversario”.

D

on Giovanni Momigli è a San Donnino da ben ventidue anni. Ha iniziato a occuparsi di una delle realtà più difficili dell’area quando “qui non c’era niente e l’intero territorio era un disagio”. La scelta su cui si basa la sua attività e quella della Fondazione Spazio Reale, che fa riferimento alla sua parrocchia, è di “non occuparsi di un particolare disagio, ma di porsi come punto di riferimento per tutti: il nostro modo di operare consiste nel creare rapporti fra le diverse generazioni e fra le differenti culture – spiega don Momigli – e lo facciamo in tutti i modi possibili. Ad esempio in palestra, dove abbiamo creato uno spazio ludico ginnico organizzato a coppie, in modo che si possa parlare mentre ci si allena, oppure attraverso un progetto di intercultura organizzato con l’Ardsu, che vede studenti italiani e stranieri dividersi la stanza”. Altro tema caro a don Momigli è quello del lavoro: “La crisi ci condiziona e sta modificando molte dinamiche sul territorio: a breve presenteremo un portale web che, affiancandosi al tradizione sportello del lavoro, avrà lo scopo di far incontrare domanda e offerta, con un occhio particolare al mondo dell’associazionismo e con proposte di percorsi formativi per giovani e meno giovani. Anche qui lavoriamo per rafforzare il senso di comunità: chi perde il lavoro, oltre alle ovvie conseguenze economiche, spesso deve far fronte a un contraccolpo a livello psicologico. Così entriamo in gioco noi, sia come sostegno, sia come stimolo – conclude – perché si riscopra il senso positivo del lavoro come passione e come intraprendenza, non solo come fonte di reddito”.


#Società  Il personaggio

 Web 

“FACEBOOK? UNA FINESTRA SULLA VITA”

sanminiatoalmonte.it Tel. 055.2342731 Mail: sanminiato@tin.it Facebook bernardofrancescogianni

3.337

Padre Bernardo, priore di San Miniato al Monte, sul social network raccoglie riflessioni, immagini e parla con tutti

S

u Facebook c’è una foto in bianco e nero di padre Bernardo intento a leggere un sacro testo nella sua basilica, quella che “dal 27 aprile del 1018 una piccola comunità di monaci ha il privilegio di custodire”, come si legge sul sito dell’abbazia. Sempre su Facebook padre Bernardo raccoglie riflessioni e immagini e parla con tutti. E, ad esempio, invita i Baustelle a girare un video nel cimitero di San Miniato. A volte soprannominato “prete rock”, per lui c’è qualcosa che va oltre la quotidianità dell’agenda

delle cose da fare, ed è ciò che le ispira: “Ci troviamo in un luogo speciale che è la porta del cielo, uno spazio di passaggio, di novità, di relazione fra terra e cielo e quindi di speranza. Da qui, da questo luogo unico che è l’abbazia di San Miniato, nascono le nostre attività, che vanno dalla liturgia in gregoriano agli incontri di approfondimento sulla sacra scrittura, dove pur ponendo una guida invitiamo tutte le persone a un commento personale, all’ospitare un’associazione dei genitori che hanno perso un figlio. In questo caso

Novembre 2013 | 15

GLI AMICI DI PADRE BERNARDO SU FACEBOOK

Attivissimo su Facebook, padre Bernardo è balzato agli onori delle cronache per varie iniziative, come per l’invito rivolto ai Baustelle a girare un video a San Miniato

offriamo prima di tutto un luogo di ascolto, di ricerca, di consolazione, ma organizziamo anche eventi come il concerto del giovane e tuttavia già celebrato fisarmonicista Pietro Adragna, in programma per la sera del 16 novembre, i cui profitti serviranno per comprare macchinari ospedalieri per i piccoli dell’unità spinale”. Padre Bernardo parla anche dei laici che hanno deciso di seguire la regola di San Benedetto e, quanto alla sua presenza su Facebook, la vede come una finestra sulla vita che gli permette di essere in contatto con credenti e non credenti, considerato che “al di là delle convinzioni religiose o meno, l’idea che il cielo sia abitato è quello che evita che questa vita sia operosamente inutile”. Del resto è lui stesso prima di tutto un convertito, è lui che, come racconta nella notte di Natale di diversi anni fa fra le pietre romaniche del monastero delle Benedettine di Rosano, cercando e ricercando, non osò resistere a un Dio che lo ha cercato “con l’umile forza di un vagito infantile”.


16 | Novembre 2013

#Cultura  Alle Oblate

 Grande schermo

tutti all’odeon, nel nome delle donne Un festival tira l’altro per la 50 giorni di cinema. E il rispetto del gentil sesso fa da fil rouge Irene Roberti Vittory

T

anti festival in una sola rassegna, una matrioska di eventi e proiezioni cinematografiche che animeranno Firenze fino al 15 dicembre. Stiamo parlando della “50 giorni di cinema internazionale”, staffetta culturale giunta alla sua settima edizione, frutto dell’accordo tra Regione, Comune ed Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Un progetto diventato negli ultimi anni un fiore all’occhiello non solo di Firenze ma dell’Italia, con numerose iniziative in programma. Novembre è iniziato con la matinée di France Odeon dedicata alla radiofonia francese, durante la quale si è potuto assistere alla proiezione de La maison de la radio, del regista Nicolas Philibert. Si è poi proseguito con l’African Diaspora Cinema Festival, novità assoluta della rassegna, e con il Florence Queer Festival (6-12 novembre), che in una settimana condensa trenta lavori cinematografici ma anche forum di

Un frame del musical Flamenco, Flamenco di Carlos Saura, che verrà proiettato in occasione del Festival del film etnomusicale

 Web: 50giornidicinema2013.it 

Tel. 055.214068 Mail: 50giorni@fondazionesistematoscana.it

letteratura, teatro e arte contemporanea. Nella seconda metà del mese si susseguiranno il Terra di Tutti Film Festival (20-21 novembre) – vetrina di cinema sociale che quest’anno focalizza la sua attenzione su Cuba – e il River to River Florence Indian Film Festival (dal 22 al 28). Entrambi cederanno poi il passo al Festival dei Popoli, che aprirà il mese di dicembre (e andrà avanti fino al 7) con presentazioni di film, approfondimenti, workshop e dibattiti. Molto breve sarà la parentesi, l’8 dicembre, del Festivalconcorso Raccorti Sociali. Piccoli film per grandi idee. Quel giorno Paolo Pisanelli presenterà il progetto Buongiorno Taranto, accompagnato dal documentario Storie di Taranto, per (ri)portare in primo piano le testimonianze di chi vive ogni giorno nel veleno e raccoglie malattia e morte. Dopo questa immersione nell’attualità, la rassegna respirerà nuovamente aria internazionale e multiculturalismo grazie a Una

Finestra sul Nord – una finestra spalancata su cinema finlandese, estone e ungherese, fino all’11 del mese – e al Balkan Florence Express (12-13 dicembre), occasione, quest’ultima, per riflettere sul rapporto tra Europa e Balcani e per fare il punto sui problemi delle società dell’area balcanica. Non poteva mancare il connubio tra cinema e musica del Festival del Film Etnomusicale (14-15 dicembre): saranno proiettati, tra gli altri, il musical Flamenco, Flamenco di Carlos Saura e Viramundo di PierreYves Bourgeaud, un vero e proprio arcobaleno musicale che attraversa Brasile, Africa e Australia. A tenere stretti in un unico abbraccio tutti questi festival è il tema del rispetto delle donne, scelto come fil rouge dell’edizione 2013. Per questo motivo, moltissimi saranno i film che vedranno protagoniste le donne, davanti o dietro la macchina da presa. Storie di coraggio, talento e quotidianità.

 Rassegne e dintorni

 Fuori porta/1

 Fuori porta/2

 Lirica

Fra cineforum e sale d’essai

dinamiche scomposte Alla Limonaia di sesto: un mese per comunicare con i segni del corp0

“Viet-à-porter”: venti scatti per capire il vietnam, esplorando il paese da nord a sud

Musica e solidarietà con il galà Oxfam: le arie più celebri contro la povertà

U

D

U

F

uori dai circuiti convenzionali, lontano dai megaschermi dei multisala, ci sono loro: i cineforum e le sale d’essai. Ecco una breve guida ad alcuni dei migliori luoghi dove trovare film di qualità.

In poltrona allo stensen

L’auditorium Stensen si è dotato quest’anno di un nuovo proiettore digitale. Fino a febbraio tante produzioni che arrivano dai festival internazionali: documentari, animazione, commedie e arte contemporanea. Auditorium Stensen - Viale don Minzoni 25/C - www.stensen.org

Pellicole alla francese

Bisogna avere orecchio per il francese o essere dotati di buoni occhiali per i sottotitoli. L’Institut français organizza fino al 27 gennaio Jeudi cinéma, ogni giovedì alle 20. Tante pellicole, alcune poco conosciute al di qua dalle Alpi, tutte a ingresso libero. Institut français Firenze - piazza Ognissanti 2 – www.institutfrancais-firenze.com

Coi “cattivi” del glue

Fino al 6 dicembre, film “per portarvi sulla cattiva strada”, re-

cita il cartellone ideato da Glue Alternative Concept Space, lo spazio gestito da volontari all’interno dell’U.S. Affrico. Proiezioni ogni venerdì alle 21.30. Ingresso gratuito con tessera. Glue - viale Manfredo Fanti 20 www.gluefirenze.com

Altolà al digitale

Un cineclub storico di Firenze, ospitato nell’Sms San Quirico, in zona Isolotto. Dal giovedì al lunedì il cinema contemporaneo, martedì e mercoledì le rassegne e le retrospettive dedicate ai grandi maestri. Tutte le proiezioni sono rigorosamente su pellicola. Cinecittà cineclub - via Pisana 576 - www.cinecittacineclub.org

Gratis per universitari

Fino al 13 dicembre una scorpacciata di titoli per la rassegna gratuita organizzata dagli Studenti di Sinistra ogni lunedì (ore 20.30 e 22.30). Tutte le serate sono ospitate al Teatro Puccini, eccezion fatta per le due giornate conclusive (9 e 16 dicembre) che si svolgeranno al rinnovato Spazio Alfieri, in via dell’Ulivo 6, altra sala d’essai. Ecce Pizze – Teatro Puccini, via delle Cascine 41 - eccepizze.studentidisinistra.org

n mese di danza contemporanea, per gridare al mondo che anche il corpo, con il suo linguaggio, vuole dire la sua. Si chiama Dinamiche Scomposte la rassegna di danza contemporanea organizzata da Company Blu al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. Ospiti nazionali e internazionali, fino al 24 novembre, portano in scena coreografie aperte, che attraverso i gesti e i linguaggi dell’improvvisazione offrono al pubblico performance dal sapore sempre inedito. Un concentrato di performance, in arrivo dall’Italia ma anche da oltre confine, per un evento che vede tra i nomi protagonisti di questa edizione Peter Jasko, Fabrizio Favale, Marina Giovannini, Leralee Whittle, Claudia Catarzi, Massimiliano Barachini, Elena Giannotti, Pietro Pireddu, Daniele Albanese, Caterina Basso e Charlotte Zerbey. B.B.

iciassette giorni in Vietnam, gli zaini sulle spalle e le macchine fotografiche al collo. Lei, Giulia, fa la giornalista, lui, Riccardo, l’ingegnere. Tutti e due hanno un grande amore per i viaggi e il risultato è una mostra fotografica, che porta il titolo “Viet-à-porter, immagini rimaste in uno zaino”, visitabile al centro culturale Dadartè di Sesto Fiorentino (via Gramsci 202). Facce, fiumi, palafitte, pagode e motorini, caos urbano e pace bucolica: nei venti scatti dei due ragazzi, entrambi fotografi per passione ma con stili creativi molto diversi, affiorano i tanti volti di un paese in rapidissima evoluzione. “Abbiamo scelto cornici e fondi neri per dare, a chi le osserva, l’impressione di guardare le immagini attraverso un obiettivo – spiegano – fermando fotogrammi di quel paese”. La mostra, a ingresso libero, sarà visitabile fino all’8 dicembre. B.S.

n evento eccezionale che riunirà alcune fra le più belle voci del panorama lirico internazionale: è quello che andrà in scena il 21 novembre, alle 21, al Teatro Verdi, per una serata di solidarietà a sostegno dei progetti di lotta alla povertà di Oxfam Italia. Sotto la direzione del maestro Massimiliano Stefanelli, l’accompagnamento dell’Orchestra della Toscana che si esibirà insieme a nove tra i più importanti cantanti lirici. Un cast d’eccezione, che regalerà al pubblico alcune fra le più belle e celebri arie tratte dalle opere di Giuseppe Verdi (in occasione dell’anno verdiano), ma anche capolavori di altri grandi autori tra cui Rossini, Puccini, Donizetti, Cilea e molti altri. L’evento è realizzato con il patrocinio di Regione, Provincia, Comune, Camera di Commercio e grazie al sostegno del Westin Excelsior Florence. Per info: www.teatroverdionline.it. B.B.

In biblioteca per riflettere, conoscere e... leggere. Per non dimenticare

T

orna per la diciannovesima volta l’appuntamento con Leggere per non dimenticare, il tradizionale ciclo di incontri cha la madrina e organizzatrice Anna Benedetti ha voluto dedicare per questa edizione (che va in scena alla biblioteca delle Oblate) al tema della responsabilità. “Un tema importante e di tragica attualità che ci mette di fronte all’esigenza di una presa di coscienza e all’assunzione delle nostre responsabilità”, ha detto l’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti commentando il senso della manifestazione insieme all’assessore alla cultura del Comune di Firenze Sergio Givone. “Leggere per non dimenticare, anno dopo anno, ha assunto un ruolo di riferimento culturale di importanza sempre crescente – ha aggiunto Scaletti – avendo individuato la sostanza della ricchezza dei libri, cioè l’essere un patrimonio ereditario di conoscenza, elemento di ricordo e memoria senza cui non si crea responsabilità”. Anche l’assessore Givone ha considerato di grande spessore il tema scelto per questa edizione, che conferma le qualità e le sensibilità di Anna Benedetti. “L’attualità di questo tema – ha spiegato – è segnata anche dal rapporto con un potere sempre più astratto e lontano che sembra escludere la responsabilità individuale. E invece è proprio qui e ora che dobbiamo tornare a confrontarci con i problemi e indignarci. Partecipare è il primo segno di responsabilità”. Tra i numerosi eventi in programma, che terranno compagnia agli appassionati di lettura fino all’estate, ci sono gli incontri con il giornalista Paolo Mieli, che il 22 novembre presenterà il suo ultimo libro “I conti con la storia. Per capire il nostro tempo”, e con Walter Siti (il premio Strega e autore di “Resistere non serve a niente” sarà ospite delle Oblate il 4 dicembre), e ancora con Paul Ginsborg e il suo “Famiglia Novecento” (edito da Einaudi) il 13 dicembre. Per informazioni e programma: www.leggerepernondimenticare.it. N.C.


#Cultura

Novembre 2013 | 17

 A tu per tu

in delirio per Emma: “Io, cresciuta a Firenze tra ranocchi fritti e gite alle Cascine” Enrica Cinaschi

T

orna a casa, Emma. Dove è nata e dove ha trascorso la sua infanzia, quella di cui conserva ancora un ricordo vivo e presente. “Avevo sei anni quando sono andata via, ma ricordo lucidamente tante cose. Dai vicini di casa, con i quali sono cresciuta e che ancora torno a trovare, quando posso, alle gite alle Cascine insieme a mio padre, che mi portava alla Festa dell’Unità a vedere i concerti”. I Nomadi, Lucio Dalla, Gianna Nannini: la passione per la musica di Emma Marrone è nata così, molto prima del successo di Amici e della ribalta televisiva. “Mi dicono che da bambina ero ghiotta di ranocchi fritti e pappardelle”, racconta sorridendo a Il Reporter. “Le pappardelle le mangio ancora volentieri,

mentre le rane... un po’ meno, se devo essere sincera”. Insomma, il legame con Firenze rimane intonso, a distanza di tempo. “Amo molto viaggiare, ma ci sono dei luoghi che rimangono dentro per sempre”. A Firenze Emma (il 27 novembre al Mandela Forum) porterà i brani del suo album “Schiena” e i successi che la hanno resa celebre, dal debutto nell’arena di Maria De Filippi alla vittoria di Sanremo, fino alla consacrazione con i tour a spasso per l’Italia e la marea di fan (su Facebook ha 2 milioni e 100mila follower) che la seguono passo dopo passo. “Sono molto orgogliosa del lavoro che sto facendo e ancora più orgogliosa delle persone che mi seguono – dice – il ringraziamento principale va ai fan, che mi vogliono tanto bene. Con loro c’è

un rapporto di sincerità e rispetto”. Dal vivo la cantante si cimenterà anche nella versione acustica dei brani di Schiena, usciti in una riedizione del disco tutta voce e chitarra. “Sono curiosa di vedere come la prenderà il pubblico, di solito è abituato a vedermi scatenare sul palco, stavolta lo sarò un po’ meno”. E ai ragazzi che – come lei tre anni fa – oggi si mettono in fila per partecipare ai provini dei talent show, cosa dice? “Dico che prima di intraprendere un percorso del genere bisognerebbe guardarsi dentro e capire. Fare il cantante non è solo salire sul palco e cantare. La musica è un percorso complesso che va saputo affrontare, non è detto che vada sempre tutto liscio. Bisogna essere consapevoli che non tutti i sogni diventano realtà”.

 Web 

Emma Marrone è nata a Firenze il 25 maggio del 1984. Si esibirà al Mandela Forum il 27 novembre

emmamarrone.net Facebook emma.marrone

 Il mercatino

ant a palazzo Borghese. Con Gucci, cavalli & co

D

ue giorni e novanta aziende per trasformare Palazzo Borghese in una grande boutique solidale. Da venerdì 22 a domenica 24 novembre in via Ghibellina 110 (dalle 10 alle 19) saranno offerti al pubblico articoli di abbigliamento, accessori e pelletteria, allo scopo di raccogliere fondi a favore della Fondazione Ant, che dà sostegno ai malati di tumore. Ferragamo, Armani, Cavalli, Bulgari, Scervino, Braccialini, Patrizia Pepe, Lotti, Nannini, Gucci, Cucinelli, Cavallini e Mont Blanc sono alcune delle grandi firme protagoniste del Merc’Ant. “Questa iniziativa – sottolinea Simone Martini, delegato fiorentino di Ant – è una delle più importanti a favore della nostra fondazione, un appuntamento che ci permette di essere legati al territorio fiorentino attraverso il coinvolgimento delle migliori eccellenze del mondo della moda, dell’arte e della cultura”. B.B.

bi per l’albero di Natale con carta e cartoncini. BIBLIOTECA MARIO LUZI Lettura della storia di Bianca Belardinelli, Pedro Mercoledì 20 novembre 17.00 Con il contributo di Riccardo Lami presenta la mostra “Tere Flaminia, in Fiabe di Natale. ritori instabili” Confini e identità nell’arte APPUNTAMENTI CON... contemporanea,in programmazione alla Da ottobre a Dicembre UN’ORA SULLA FILOSOFIA Strozzina. 18 novembre ore 18.00 - ala della Colombaria BIBLIOTECA PIETRO THOUAR piano terra - a cura di Lucia Felici: Sergio Givo- Lunedì 25novembre ore 17.00 LEGGERE PER NON DIMENTICARE ne “Un’altra filosofia, una filosofia dell’altro” Via Mazzetta 10 0re 17.30 Sala Conferenze piano terra Conversazioni musicali: Il barbiere di Siviglia Mercoledì 6 - Vito Mancuso presenta il suo ALTRE PRESENTAZIONI di Gioacchino Rossini a cura degli Amici del libro “Il principio passione” Venerdì 8 ore 21.00 - Talk show “Alle frontiere Maggio Musicale Fiorentino dell’aldilà: aspetti medici, religiosi e mitologici BIBLIOTECANOVA ISOLOTTO 1913 2013 Mercoledì 13 - Giaca Mattarucco presenta il a confronto” con F.Naldoni,D.Corradetti,A. 5 novembre ore 18 Le Biblioteche Comunali suo libro “AA.VV Italiano per il mondo:Banca, Mazzucchelli, E.Pinetti- modera G.De Martino L’avanguardia russa. La Siberia e l’oriente. Fiorentine ricordano i 100 anni di Vasco Pratolini con: commerci, cultura,arti,tradizioni” Sabato 9 ore 17 - Presentazione del libro di Kandinsky, Malevich,Filonov,Goncharova. Distribuzione di una mappa Venerdì 15 - Vittorio Gregotti presenta il suo Roberto Orlandini “Tra l’aspettar del tempo e il Presentazione della mostra visitabile a Palazzo dei luoghi di Vasco Pratolini e di una bibliografia con libro “Il sublime al tempo del contemporaneo” morir del giorno” Premio Firenze Fiorino d’oro Strozzi dal 27 settembre al 19 gennaio 2014 brani dai libri Mercoledì 20 - Massimo Recalcati presenta il 2012 conduce la serata Katia Beni 6 e 13 novembre ore 17 Incontri, conversazioni, passeggiate letterarie, mostre suo libro: “Il complesso di Telemaco.Genitori e 28 novembre ore 17.30 - Sala Conferenze – Trasformando. Un’idea per il Natale fotografiche figli dopo il tramonto del padre” piano terra - “Finestre sul mondo” Dibattito: Cinque appuntamenti per trasformare le Mercoledì 27 - Giulio Guidorizzi presenta il Racconti al femminile: le donne protagoniste lampadine bruciate e altri materiali in originali suo libro “Il compagno dell’anima.I greci e il dei progetti di Medici senza Frontiere palline per il tuo albero. Laboratorio a cura di Programma dettagliato: www.biblioteche.comune.fi.it sogno” 30 novembre ore 11 - piano terra sezione ra- Francesca e Andreina. Su iscrizione gazzi - Yogasofia. Laboratorio di yoga e filosofia 6 novembre ore 17.00 OBLADÌ IL SABATO DEI BAMBINI con letture ad alta voce. Cosa dovrebbe fare Per il ciclo “6 personaggi in cerca di lettore” E DELLE FAMIGLIE ALLE OBLATE un re, per essere un buon re? A cura di Titu un omaggio a Roberto Denti letture animante 16 ottobre ore 11.30 Le lettura di Sara: Gatti Chauan e F.Camerlingo dellAss.A.R.A.C.N.O.S tratte da “Orchi, balli, incantesimi. Le fiabe BIBLIOTECANOVA ISOLOTTO giovedì 14 ore 17 neri, gatti bianchi di Anna Cerasoli trasformate” 7 novembre ore 17.00 La seconda metà del novecento Una Firenze ore 16,30 “Se ho freddo una pecorella...” LE ALTRE BIBLIOTECHE COMUNALI La seconda metà del novecento. Gli anni di lontana. Gli anni di piombo e il terrorismo Inconlettura e laboratorio di costruzione e vestizione BIBLIOTECA VILLA BANDINI STRADE DI CARTA- SULLE TRACCE DI Giorgio La Pira. Il decennio dei movimenti: tro con Edy Frollano e Rodolfo Tommasi, autori della propria pecorella infreddolita. Letture di Via di Ripoli 118 VASCO PRATOLINI DEL CENTENARIO 1966-1976 del saggio “un Pratolini ignorato: il mannello di Isabel Minhòs Martins – Yar a Kono- Martina Lunedì 18 novembre ore 17.30 DELLA SUA NASCITA Incontro con Marino BiondiUniv.di Firenze e Natascia o la rivoluzione romantica Ricci Luci della città: il volto oscuro della borghesia, (Firenze 19 ottobre 1913- Roma 12 gennaio Marcello Lazzerini giornalista Ore 16.30 - Questa notte non vado a letto! Let- l’rresistibile ascesa del crimine 1991) Prosegue l’omaggio delle biblioteche tura animata e laboratorio per costruire addob- a cura di Aldo Pasquali Comunali Fiorentine: BIBLIOTECA DELLE OBLATE. VIA DELL’ORIUOLO, 26 FIRENZE WWW.BIBLIOTECHE.COMUNE.FI.IT

NOVEMRE

BiblioteCaNova Isolotto

Biblioteca dei Ragazzi

Biblioteca delle Oblate

Biblioteca ITI Leonardo da Vinci

Biblioteca Orticoltura

Biblioteca Palagio di Parte Guelfa

Biblioteca Pietro Thouar

Biblioteca Villa Bandini


18 | Novembre 2013

#Sport  Il calendario

FIORENTINA, LA CORSA CONTINUA

U

na cosa l’inizio di campionato l’ha dimostrata: non è facile far “coesistere” serie A ed Europa League. Anche la Fiorentina se n’è accorta, complice pure qualche infortunio di troppo che ha complicato la primissima parte della stagione. Un esempio, all’inizio dello scorso mese, è stata la partita con la Lazio, subito dopo la bella vittoria sul Dnipro. Così, nelle prime giornate di serie A qualche punto i viola l’hanno lasciato per strada (vedi Cagliari, Inter e Parma). Ma dopo l’entusiasmante vittoria con la Juventus è cominciato un “nuovo” campionato. La partita con l’Udinese, in programma il 24 novembre, non deve essere sbagliata. Poi dicembre inizierà con la gara contro il Verona dell’ex Toni (lunedì 2) e con la sfida dell’Olimpico con la Roma di domenica 8. Un tour de force, coppa compresa, durante il quale per i viola sarà difficile tirare il fiato. L’obiettivo è arrivare alla sosta natalizia (e al mercato di gennaio) nella migliore posizione possibile. Perché una cosa è certa: Firenze ci crederà fino in fondo. La corsa continua, il sogno anche. Lor.Mos.

 L’ex portiere

“neto? c’è un motivo se la società ci punta”

Ricky Albertosi si racconta: “Avrei giocato anche al buio” Irene Delfino

R

eattivo come un gatto. Difesa dai guantoni di Ricky Albertosi, la Fiorentina vinse un’epica Coppa delle Coppe (1961), due Coppe Italia (1961 e 1966) e una Coppa Mitropa nel ‘66. Che cosa ne pensa di Neto? Se la società ha deciso di puntare su di lui, le qualità le avrà sicuramente. E nel momento in cui parte titolare, è chiaro che Montella debba dargli fiducia, nonostante qualche errore. Lei è stato anche preparatore

dei portieri della Fiorentina. Come è cambiato questo ruolo negli anni? Oggi il portiere deve saper giocare anche con i piedi. Io avevo anticipato il gioco che fa adesso il portiere già nel 1970, quando mi piaceva stare fuori dai pali e sapevo cavarmela con i piedi. Negli anni ‘60 c’era poca illuminazione la sera negli stadi. Lei collezionò cinque presenze in Coppa delle Coppe con la Fiorentina nel ‘60/‘61 perché a Sarti (allora portiere titolare

viola) non piaceva giocare in notturna. Non riusciva a vedere la distanza tra l’uomo e la palla. Io invece, siccome ero riserva, pur di giocare lo facevo anche al buio. Abbiamo vinto la Coppa delle Coppe contro i Rangers di Glasgow. E sono andato bene tutte le volte che ho giocato. Ho esordito anche in Nazionale a Firenze con l’Argentina giocando di sera. Quindi non era un problema? No, come non lo è per i portieri di adesso, con gli stadi illuminati

a giorno. La sua parata più bella è quella del 3 ottobre 1965 in Fiorentina-Torino 1-1? Esatto. Non tanto come parata in se stessa, ma per i riflessi che ho avuto. In quale portiere ancora in attività si rivede? Nel Buffon di inizio carriera, quando era a Parma ed era spericolato. Usciva sui piedi degli attaccanti incurante del pericolo. Oggi anche lui è molto cambiato. Tutti i portieri rischiano un po’ meno rispetto a quando giocava lei, non le pare? È certo. Non vedo più i portieri uscire sui piedi di un attaccante, come una volta. Escono tutti con i piedi in avanti e non coprono assolutamente la porta. Oppure la coprono molto poco. Se ti tirano addosso va bene, ma se ti tirano appena appena spostato non la prendi più. Anche il pallone viene bloccato meno. Sì, l’ho notato anch’io in questi ultimi anni. Non so se è colpa della palla che è troppo leggera, per cui non si fidano e tutti preferiscono respingerla. Una volta solo alcuni portieri respingevano il pallone. Ricky no, questo è certo.

La coreografia dei tifosi viola contro la Juventus: con quella vittoria per la Fiorentina è cominciato un “nuovo” campionato

 Montella poteva arrivare prima

il ritardo dell’aeroplanino

L

a Parca aveva iniziato a tessere il filo viola per Vincenzo Montella già nel 1995. Non era ancora l’Aeroplanino, quell’esultanza nacque per caso a Marassi quando, con la maglia del Grifone, segnò in rovesciata al Cesena. Ma aveva già in dote una media gol da piccolo bomber di razza. Ben 27 reti in 51 partite con la maglia dell’Empoli, e la Fiorentina pronta a portarlo in riva all’Arno. Avrebbe offerto in cambio quattro giocatori a Silvano Bini, il talent scout empolese di tanti piccoli campioni, come l’amico fraterno di Vincenzo, Totò Di Natale. L’affare non decollò e Montella fu ceduto in serie B al Genoa. Rapido Vincenzo, potente Batistuta, avrebbero formato una coppia stellare. Ma Aeroplanino e Re Leone si incontreranno diversi anni più tardi solo sulla sponda giallorossa. Poi la trattativa per avere Montella, questa volta nei panni di mister, al Franchi riprende. Ma c’è un ostacolo da superare, l’anno di contratto che lega Vincenzo al

Vincenzo Montella sarebbe potuto sbarcare a Firenze già nel 1995. Poi però il “matrimonio” non si fece

Catania. E Pulvirenti per liberare il “suo” allenatore vuole qualcosa in cambio. Contropartite tecniche, come nel ‘95. Questa volta però arriva il lieto fine, che tutti conosciamo. La Parca ricomincia il lavoro dove l’aveva interrotto e Firenze prende l’aereo. Pardon, l’Aeroplanino. Per volare sempre più in alto. I.D.

Direttore Responsabile Matteo Francini Redazione Tabloid soc.coop., Firenze (FI) Tel. 055 6585939 - redazione@ilreporter.it

EDITORE E CONCESSIONARIA PUBBLICITARIA

Bunker s.r.l. Sede Legale | Amministrativa Piazza E. Artom 12, 50127 Firenze Sede operativa Via Giovanni dalle Bande Nere 24, 50126 Firenze

PUBBLICITÀ Tel. 055 6585939 Fax 055 6801567 email: info@edizionibunker.it STAMPA

Nuova Cesat - Firenze (FI)

Periodico d’informazione locale. Anno VII n.41 del 2 Novembre 2013. N° reg 5579 del 17/05/2007 Tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A. Il Reporter del Q3 raggiunge le famiglie del quartiere 3 di Firenze.

DATI NON RACCOLTI PRESSO L’INTERESSATO Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Bunker s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Bunker s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Bunker s.r.l. piazza E. Artom 12 - 50127 Firenze.

MANUTENZIONE AUTO SERVIZIO GOMME ESTIVE E INVERNALI Via del Pallone 6/8 FIRENZE tel 055/666534 fax: 055/4089493 sito internet: www.revisioneautofirenze.it


#Sport

Novembre 2013 | 19

 L’intervista

 La stagione

GALLUZZO, TRENT’ANNI NEL NOME DELLA DANZA

IL “RITORNO” DEL BASKET

A tu per tu con la direttrice del centro, Annamaria Mari

F

irenze sta riscoprendo il basket grazie alla Enegan, impegnata quest’anno nella Lega Adecco Silver, e alla Monte Paschi Mens Sana Siena, che ha scelto il Mandela Forum come sede di tutti gli incontri di Eurolega. La Enegan, in particolare, si pone obiettivi ambiziosi, come ha spiegato, presentando la stagione, l’amministratore delegato Luca Giotti: “La società ha fatto uno sforzo enorme per mettere a disposizione di coach Giordani un gruppo di ottimi giocatori. Adesso inizieremo a onorare la maglia e a impegnarci al massimo. Ai giocatori ho detto chiaramente – spiega Giotti – che si devono ricordare, in ogni occasione, che rappresentano Firenze. Spero che questa Enegan diventi la squadra di tutti i fiorentini”. “Per l’Enegan Firenze – continua l’ad – è una stagione importantissima. Abbiamo un progetto nel quale crediamo molto. Firenze deve stare in campionati importanti. In squadra abbiamo due americani, Wood e Swanston, dopo ventuno anni. Promettiamo impegno massimo. Sempre. Siamo a disposizione di Firenze. Vogliamo riportare l’entusiasmo per il basket in città”.

Brandon Wood in elevazione: l’americano è uno dei giocatori della Enegan, impegnata quest’anno nella Lega Adecco Silver

Sim.Spa.

 Firenze Marathon

TRENT’ANNI DI CORSA T

renta volte Firenze Marathon. Domenica 24 novembre la celebre corsa festeggia un compleanno storico. In pochi, nel 1984, avrebbero pensato di raggiungere questo traguardo. Nelle prime edizioni si contavano non più di mille podisti, per l’edizione del trentennale si punta a battere il record di oltre 10mila atleti. Saranno più di trenta le iniziative collaterali per questa corsa, che rimane tra le più prestigiose a livello italiano. Una delle più curiose riguarda il concorso musicale “Firenze Marathon Music Contest”, il cui obiettivo è offrire la possibilità a dieci band locali di esibirsi durante lo svolgimento della maratona. Poi c’è la staffetta in pista 30 x 1 km, ovvero la staffetta del trentennale. Si svolgerà sabato 23 novembre, alla vigilia della maratona, con inizio alle 10 allo stadio di atletica Luigi Ridolfi, attiguo alla sede del Marathon Expo, in viale Manfredo Fanti 2. L’evento sarà aperto a tutti gli amatori e ai podisti. Sono ammesse a partecipare un numero massimo di trenta squadre.

L’appuntamento con la Firenze Marathon è domenica 24 novembre: quel giorno la corsa taglierà un importante traguardo

Sim.Spa. Annamaria Mari, insegnante e direttrice del centro danza Galluzzo: quest’anno la scuola raggiunge un importante traguardo

Carlo Marrone

I

ncontriamo Annamaria Mari, insegnante e direttrice, all’interno del centro danza Galluzzo. Alle pareti foto di balletti e articoli di giornale incorniciati. “Quest’anno la scuola compie trent’anni, è un momento magico che festeggeremo a giugno con un grande spettacolo al teatro Aurora di Scandicci. Io c’ero fin dall’inizio, quando la scuola si trovava in una piccola stanza al piano di sopra”. Insegnate solo danza classica? La classica è la base indispensabile di tutti i balli, qui poi insegniamo anche danza moderna, ma nel nostro cuore c’è la classica. I nostri insegnanti sono tutti diplomati e seguiamo il metodo della Royal academy of dance di Londra, dove io stessa mi sono diplomata. È un metodo molto adatto alle bambine, perché riduce al minimo il rischio di danni fisici. Come è strutturato il percorso formativo? Si può iniziare dai quattro anni, poi verso gli undici le bambine decidono se continuare a livello amatoriale o tentare di fare della danza il loro mestiere. In tal caso si passa ai corsi major, con sessioni quasi quotidiane. Lo scopo è preparare le allieve alle audizioni delle principali accademie

di danza del mondo. Parla al femminile, non avete allievi maschi? Con mio grande rammarico no, e anche in passato ne abbiamo avuti pochissimi. E insegnanti? Nemmeno, ma è capitato. Lei considera la danza anche uno sport? No, lo trovo riduttivo. Anche lo sport più coreografico è freddo in confronto alla danza. La nostra è una disciplina completa sotto il punto di vista fisico, ma include anche l’espressività, che viene insegnata da subito ed è fondamentale, assolutamente. E poi la grazia. Una ballerina si riconosce subito, dal portamento. Però non è un’attività alla portata di tutti... No. Servono impegno e disciplina e se mi accorgo che una bambina non è adatta ne parlo subito con i genitori. Dal punto di vista fisico, invece, finché sono piccole non facciamo distinzioni, ma da un certo punto in poi è indispensabile avere la struttura adatta. Ecco, tocchiamo un tasto delicato. Il mondo della danza

classica è a volte accusato di incentivare i disordini alimentari e l’ossessione della magrezza: è vero o sono solo voci? Purtroppo a volte capita. Ma non nella mia scuola. La salute viene prima di tutto. I genitori delle nostre allieve lo sanno e si fidano. Torniamo alla scuola, ha avuto molti riconoscimenti? Abbiamo vinto vari concorsi e possiamo vantare molti ex allievi di successo. Accettate iscrizioni tutto l’anno? Sarebbe meglio iniziare subito, comunque sì. A proposito, per chi fosse interessato il numero è 333.2493311. Possono iscriversi bambini di tutte le età, anche se non hanno mai fatto danza? Certo. Mi è capitata una volta una bambina di dieci anni che non aveva mai ballato ed è diventata bravissima. Non capita tutti i giorni, ma ho imparato a non mettere limiti alla provvidenza.

www.fratelliorsero.it


20 | Novembre 2013

#Rubriche

A zonzo per Firenze BRICIOLE DI STORIA, FRA ANEDDOTI, LEGGENDE E MISTERI

CURIOSITÀ ALLA LOGGIA DELLA SIGNORIA DETTA DELL’ORCAGNA O DEI LANZI

L

a Loggia dei Priori o della Signoria che si prospetta sull’omonima piazza, fu costruita per volere del governo fiorentino nel 1378, sotto la direzione degli architetti Benci di Cione e Francesco Talenti e terminata nel 1382. Su disegno di Andrea di Cione Arcagnolo, detto l’Orcagna, era destinata per le pubbliche assemblee e le cerimonie ufficiali della Signoria alla presenza del popolo. Dopo la caduta della Repubblica Fiorentina avvenuta nel 1530, la loggia perse la sua funzione pubblica per la quale era stata concepita, pertanto cambiò oltre al suo utilizzo anche la denominazione, infatti da allora è assai più conosciuta come Loggia dell’Orcagna, dal nome dell’esecutore del disegno, o dei Lanzi, ossia lanzichenecchi, il corpo di guardia formato da soldati mercenari tedeschi, armati di archibugio o picca e spada, chiamati dal duca Ales-

sandro I de’ Medici (detto il Moro) a sua protezione. Gli archi della volta interna della loggia, si appoggiano su due “peducci” o capitelli pensili che dir si voglia, che sembrano quasi “appesi” alla parete di fondo, come mensole incassate. Sono decorati con sculture che rappresentano putti alati e due figure, una femminile ed una maschile, che danno l’impressione di sostenerne il peso della volta sulle loro spalle. Sotto i “peducci”, in una fila continua, vediamo disposti moltissimi ganci a forma di “L” che avevano il compito di reggere i pesanti arazzi, appesi per decorare l’interno della loggia durante particolari cerimonie organizzate dalla Signoria. Gli arazzi venivano poi fermati alla base, per mezzo di altrettanti ganci (come quelli superiori), sempre a “L”, ma murati esattamente al contrario. Sotto questa seconda fila di ganci, corre per tutta

la lunghezza delle due pareti, una balza fregio in pietra forte proveniente dalle cave di Oltrarno, decorata con ben 160 testine di leone, disposte una accanto all’altra, dalle cui fauci sporgono altrettanti ganci. Su questi, una volta si ancoravano festoni e robbiane a decorare più fastosamente l’imponente porticato. Vogliamo far soffermare l’attenzione dei lettori sull’ornata balza laterale (ma non solo), fra le ripetute teste leonine, simbolo protagonista della vita politica e culturale fiorentina dell’epoca, si possono notare, inspiegabilmente, tre misteriosi volti che ci guardano con occhi enigmatici: un uomo, una donna ed un adolescente; una “famigliola” o forse, una triade divina? Quale sarà il messaggio di tale differenza di ornamento che non sembra giustificabile come solo abbellimento? Un simbolismo? Un’implorazione di aiuto o una semplice licenza dello scalpello di colui che eseguì il fregio, forse desideroso di rappresentare la propria famiglia? La decorazione composta dalle numerose testine del re della foresta, che notoriamente a Firenze manifestano forza, protezione e fierezza, esempio ne è il Marzocco, associate alle tre testine umanizzate, non fu certamente casuale, ma assolutamente voluta. Potrebbe essere stata anche un’alterazione successiva fatta da un lanzichenecco di guardia? Questo potrebbe davvero essere accaduto? Chissà. Quello che certamente fecero i Lanzichenecchi sotto la loggia, è che spararono con i loro archibugi su bersagli posti al di sotto della balza fregio dove abbiamo evidenziato la “famigliola”, almeno a giudicare dalle tante tracce rotonde che si rilevano sulla parete. Sono scalfitture concave lasciate sulle dure pietre, che misurano una circonferenza simile a quella di una moneta da un euro, e che corrisponderebbero a palle di piombo o di ferro sparate appunto dai loro archibugi. Pensando al detto che circolava all’epoca: Beve come un Lanzo, si può anche immaginare che la mira di questa fanteria mercenaria tedesca non fosse poi così precisa, proprio in virtù del risaputo loro uso a tracannar bicchieri, spesso e volentieri uno di troppo, cosa che aveva generato persino il proverbio: Bere alla tedesca; la mattina puro, a desinare senz’acqua e a cena come viene dalla botte. Fra le tante impronte dei colpi di archibugio, quasi illeggibile e incomprensibile, vi è anche l’arcana scritta IMPRESSO. Quante cose si nascondono ancora nelle pieghe della nostra storia! In attesa che studi futuri possano darci la risposta, almeno per ora permane il mistero! Questo racconto trova spunto da uno dei 40 aneddoti che compongono il nostro libro dal titolo Per filo e per segno, che tratta su fatti accaduti in Piazza della Signoria, edito nel 2013 dalla casa editrice Firenze Leonardo Edizioni.

Il Pungiglione

LUCIANO E RICCIARDO ARTUSI  Web artusi.net

LA FESTA DEL LAVORO? FACCIAMOLA A MARZO

A

umenta la disoccupazione, ma i “figli di papà” non sentono la crisi! Loro lavorano sempre. Infatti i sindacati stanno pensando di spostare la festa del lavoro dal 1° maggio al 19 marzo, per la festa del papà! Da noi serve una raccomandazione per tutto: per mettere i figli al nido, per farti operare dal medico migliore, per farti seppellire al cimitero! Tempo fa mi sono morti due zii, quello raccomandato lo riconosci subito: ha un mausoleo più grosso del Duomo. L’altro zio, siccome non c’era più posto, l’hanno impagliato fuori dal cimitero. Gli hanno messo anche un piattino in mano, così raccoglie le offerte! La nostra economia è basata sulla raccomandazione. In Italia tutto si muove attraverso una telefonata. Non a caso il telefono chi l’ha inventato? Un italiano, Antonio Meucci. Se non hai un parente potente, per la raccomandazione hai una seconda chance: il politico. E noi in Italia siamo fortunati, perché da noi i politici sono immortali. Il politico ha trovato l’elisir della lunga vita. Il segreto è non consumare energie. Ma lasciamoli lavorare in pace questi politici! Via le intercettazioni telefoniche! Per conoscere la vita privata di una persona basta Facebook! Prima le donne si raccontavano i pettegolezzi dal parrucchiere, oggi hanno Facebook. Mia moglie, addirittura, tutte le sere chatta su Facebook con i bigodini in testa! ANDREA MUZZI Comico, attore, regista e cabarettista

 Web

andreamuzzi.it


Lettere

Novembre 2013 | 21

Editoriale dalla prima

Fate sentire la vostra voce: inviate segnalazioni, problemi o proposte a redazione@ilreporter.it “PIÙ PANCHINE NEL QUARTIERE”

Sono venuta ad abitare in questo quartiere 2 di Firenze quasi cinquanta anni fa. Era un quartiere giovane, pieno di coppie con bambini piccoli nei passeggini. Ora siamo diventati tutti vecchi, ci sono le badanti che spingono sedie a rotelle. Il Comune si è mai chiesto dove può riposarsi una persona anziana che cammina con difficoltà? Ai giardinetti, ma bisogna arrivarci, ai bar, ma bisogna consumare, e non sempre è possibile. Quindi chiedo al mio Quartiere di farsi portavoce presso il Comune perché vengano sistemate delle panchine. Ora stanno sistemando le “radici” dei pini sull’Affrico, potrebbe essere una buona occasione per completare l’opera. Nella speranza che possiate fare qualche cosa, Vi saluto cordialmente. Laura Trabucco

L’INCROCIO TRA VIA ALLORI E VIA BARACCA

Caro Reporter, numerosi incidenti si verificano all’incrocio fra via A. Allori e via F. Baracca, basta verificare le chiamate ai VV.UU. e alle Misericordie. In quel punto l’accesso a via Baracca è regolato da un segnale di stop e l’immissione del traffico diretto verso il centro città è molto complicata per la grande affluenza di traffico esistente su via Baracca. All’altra diramazione di via Allori dove non ci sono grosse difficoltà perché il senso unico consente solo di svoltare in via Allori da via Baracca, c’è un semaforo pedonale a chiamata. Si potrebbe sopprimere questo semaforo pedonale e posizionare un semaforo veicolare al posto dello stop che può essere usato dai pedoni e regolare l’accesso dei veicoli da via Allori a via Baracca. In alternativa si potrebbe fare una rotonda ma rimarrebbe decentrata rispetto a via Baracca e non sarebbe di utilità ai pedoni, quindi occorrerebbe comunque un semaforo per attraversare. Grazie per l’attenzione, Enzo

MARCIAPIEDI E BICICLETTE IN VIA PAGNINI

Egr. Direttore, il Sindaco non perde occasione di affermare che intende fare di Firenze una città a misura di passeggino. Venga, allora, in via Pagnini ai numeri 34 e 36, munito di passeggino o sedia a rotelle da spingere e

provi ad attraversare il marciapiede. Se riuscirà a farlo senza danni a se stesso o alle persone trasportate, o se semplicemente riuscirà ad evitare urti fastidiosi vorrà dire che oltre ad essere un buon sindaco é anche ottimo slalomista. Questo perché il marciapiede, già stretto, è occupato da un grande numero di biciclette, incatenate ai ferri salvapedoni, cosa che non sarebbe consentita in nessun paese civile. Credo che i proprietari delle bici hanno il sacrosanto diritto di pretendere per loro le rastrelliere ma anche il sacrosanto dovere di non ostacolare i passanti. Alla buona amministrazione la necessità di conciliare le due esigenze. Finora le numerose proteste hanno cozzato contro una disarmante indifferenza. Lettera firmata

“UGNANO, LUNGO LE STRADE SI TROVA DI TUTTO”

Vi scrivo per evidenziare una situazione ormai spiacevolmente statica nel nostro territorio urbano. Vivo in una delle ultime “zone rurali” di Firenze: Ugnano. L’area è piacevole: non ci sono alti condomini che deturpano il paesaggio e la visione di un campo arato è ancora possibile. Quello che però è agghiacciante è quanto puoi trovare lungo la strada: pc usati, motorini rubati che si alternano a materassi, sanitari, elettrodomestici, rifiuti edili... Purtroppo verifico tutto ciò perché amo correre e quotidianamente mi accorgo del degrado. Mi fa male vedere la mia terra, la mia amata Firenze offesa dai rifiuti! Un moto di rabbia mi nasce dentro quando vedo passare auto dei vigili urbani incuranti di quello che si trovano davanti: il nostro inimitabile concittadino Dante disse “Non ti curar di loro ma guarda e passa”... non lo seguiamo sempre alla lettera!!! La situazione più critica si trova in Via Gherardo Bosio, appena girato l’angolo che dà su Via Minervini. Siamo a due passi dalle carceri di Sollicciano, triste luogo di miseria e non si può dire che non ci sia circolazione di mezzi... inoltre la strada è molto utilizzata dai residenti di Ugnano. Troviamo ricorrentemente auto abbandonate, che poi vengono bruciate e smembrate. Nonostante la mia segnalazione allo 055055, da più di un mese gli ultimi due relitti sono ancora là. Adesso abbiamo anche un televisore stile anni 90, un paio di materassi, una tavolo in legno e chi più ne ha ne metta.... Capisco il sovraccarico di lavoro della nettezza urbana, il problema del traffico da gestire in centro ma non capisco come non si possa ripulire una strada da ingombranti e pericolosi rifiuti e far finta che quello ormai sia diventato un deposito

comodo e pratico!!! A poche centinaia di metri si trova Ecofirenze: perché non utilizzare quella struttura? Forse perché le auto sono state rubate??? Ancora peggio: il ritrovamento non dovrebbe essere segnalato e il mezzo portato negli appositi depositi???! L’unica speranza è che i prossimi mondiali di ciclismo passino dal mio quartiere: forse avremo strade pulite e nuovamente asfaltate.... Grazie per l’attenzione dedicata e spero che simili segnalazioni possono essere utili per il bene comune. Saluti. Sara Giannelli

VIALE DE AMICIS E LE RADICI DEGLI ALBERI

Carissima Redazione, leggo sempre con molta attenzione il vostro mensile Il Reporter e me ne compiaccio, lo trovo veramente interessante. Questa volta però c’è un un articolo che mi lascia perplesso: Viale De Amicis, Pia illusione, la parte che voi e il Comune dà per finita è ancora tutta transennata e gli operatori sono tutt’ora al lavoro (ma arrivare ai piedi del cavalcavia sarà lunga, e poi non è che la situazione del marciapiede dello spartitraffico lato via Lungo l’Affrico sia migliore). E a che prezzo ciò. Mi auguro che la sistemazione delle radici dei pini non sia avvenuta per operazione chirurgica perché la delicatezza di questi magnifici alberi, non adatti per viali cittadini (vedi anche quelli di viale Torricelli), è ormai nota: radici che non affondano nel terreno creando condizioni di pericolosità per tutti, fatto è che di quando in quando ne cade qualcuno; poi il restringimento della carreggiata per creare maggiore spazio intorno ai tronchi e relativa diminuzione posti macchina. Forse quello che dice Bonaccorsi è vero ma guarda caso che le parti fatte rapidamente sono state quelle laterali al percorso via Falcucci/via Amari interessato dalla febbre ciclistica. Quindi il disagio in questa zona è ancora molto intenso. Non è argomento dell’articolo, ma la sporcizia stradale della zona è notevolmente aumentata da quando, abolita la rimozione forzata delle vetture durante le notti di lavaggio, voluta dal sig. Sindaco, l’80% dei residenti non sposta le vetture: “tanto i vigili verranno si e no una volta l’anno” e gli addetti sono in difficoltà a pulire. Scusate lo sfogo, ma sono situazioni che vivo oramai da tempo. Il resto sono tutte chiacchiere. Cordialità

VIA GIOBERTI-PIAZZA BECCARIA, UN “CASO” MAI RISOLTO

IL REPORTER RISPONDE

Gentile direttore, un vecchio problema, sempre discusso e mai risolto. Via Gioberti - Piazza Beccaria. Nel passato si è pensato nientemeno che pedonalizzare Via Gioberti. Invece, col passare degli anni, tale Via e tale Piazza sono diventate una giungla. Macchine in doppia fila, sulle strisce pedonali, bici e motorini controsenso. Basterebbe un vigile di passaggio nelle varie ore della giornata per attaccare un po’ di foglietti ai tergicristalli. Si aiuterebbero le casse comunali, risolvendo (almeno in parte) il problema della viabilità, divenuto anche pericoloso.

Caro Giuseppe, è effettivamente da lungo tempo che si parla di via Gioberti e di un possibile intervento per “regolarla” e valorizzarla. Ed effettivamente basta poco, soprattutto in certi giorni della settimana (un esempio su tutti, il sabato pomeriggio), per capire come la situazione debba essere affrontata e per rendersi conto che dal “semplice” caos a situazioni di possibile pericolosità il passo non è poi così lungo. Come sempre, come ovunque, per prima cosa bisogna però sottolineare come siano anche i comportamenti dei cittadini a incidere su una situazione già delicata, date le dimensioni della strada e il grande afflusso di persone che la caratterizza: come anche lei riporta nella sua lettera, capita non raramente di imbattersi in auto in doppia fila, parcheggi “al limite”, mezzi in contromano, ecc... e come sempre il primo appello va quindi rivolto ai cittadini, anch’essi responsabili, con il loro comportamento, della vivibilità fiorentina (anche perché via Gioberti ha la fortuna di essere dotata, alle sue due estremità, di altrettanti parcheggi, quello di piazza Beccaria e quello di piazza

Giuseppe Perrino

Paolo Vannini

E invece a quanto pare le care (e cattive) vecchie abitudini hanno velocemente ripreso il sopravvento, aiutate anche dal ritorno ai “normali” ritmi della vita cittadina pre-mondiali e dal maltempo che si è abbattuto a più riprese nelle scorse settimane su Firenze. Tutto come sempre, come se il mondiale non ci fosse mai stato, si potrebbe insomma pensare. E invece no. Perché a ben guardare qualcosa è cambiato. Lo dicono i numeri (in primis quello delle biciclette vendute in città, dato che ha registrato un vero boom, anche se è legittimo sospettare che pure in questo caso l’onnipresente crisi ci abbia messo lo zampino), e lo dice anche una nuova consapevolezza che non è difficile cogliere tra i fiorentini. Se non a liberare definitivamente le strade (missione effettivamente impossibile), i mondiali a due ruote sono dunque serviti almeno a riportare in modo forte l’attenzione sulla mobilità alternativa. Che a Firenze deve scalzare una volta per tutte quella “tradizionale” (e non più sostenibile) basata sui mezzi privati: tentativi e idee non mancano, come si può leggere nella pagina che dedichiamo questo mese all’argomento. E ora è giunto il momento di partire in volata in questa direzione. Parlando di strade non si può però dimenticare che in viale Paoli, a pochi metri dal traguardo iridato, dove a fine settembre l’entusiasmo mondiale aveva raggiunto il suo apice, lo scorso mese un ragazzo di appena diciotto anni ha perso la vita a bordo del suo motorino. Ci sono ancora i fiori, tanti, i bigliettini e i messaggi lasciati dagli amici a ricordare questa nuova tragedia. A ricordare che sulle strade si continua a morire. A ricordarci che deve essere fatto di tutto, da parte di tutti, perché questo non accada più. MATTEO FRANCINI

Alberti). Ovviamente, però, c’è di più: non vanno infatti dimenticate, in questo caso, le caratteristiche della strada, che richiama spesso e volentieri (per la sua posizione, per i suoi negozi e non solo) un gran numero di persone e auto. Tante volte in passato sono stati richiesti interventi per migliorare la situazione, tante ipotesi sono state avanzate negli anni (ad esempio pedonalizzazione o divieti di sosta con conseguente allargamento dei marciapiedi) ma, anche per via Gioberti, nel più classico stile fiorentino, non è stata ancora trovata una soluzione in grado di mettere d’accordo tutti. E più controlli (che pure a volte sono certamente utili) da soli non bastano. Sul futuro della strada non è comunque calato il silenzio e sul suo destino si continua a discutere, per trovare la soluzione migliore per valorizzarla e mettere la parola fine a caos e pericoli. Nel frattempo, però, i cittadini devono fare la loro parte. MATTEO FRANCINI m.francini@ilreporter.it


22 | Novembre 2013

#Speciale salute

 La riorganizzazione

 La tremenda malattia

“Troviamo una forma UN CONVEGNO PER per dare risposte unitarie” CONOSCERE LA SLA Sistema sociosanitario, il vicesindaco Saccardi fa il punto sulle novità Serena Wiedenstritt

R

iorganizzazione del sistema sanitario e “rivoluzione” dei medici di famiglia: il vicesindaco e assessore al welfare Stefania Saccardi illustra a Il Reporter le novità in arrivo.

Il vicesindaco e assessore al welfare Stefania Saccardi illustra a Il Reporter le novità sul sistema sociosanitario e sui medici di famiglia

Che cosa sta succedendo alla Società della Salute di Firenze? È in atto a livello regionale la riorganizzazione del sistema sanitario e ancora non è chiaro se ci sia o meno il superamento delle Sds. Quando queste sono nate sono state salutate come una delle più importanti innovazioni politicoistituzionali per aver introdotto l’integrazione sociosanitaria quale strumento per promuovere risposte unitarie a bisogni complessi del cittadino e per garantire una ricaduta positiva anche nell’ambito della sanità, in termini sia di uguaglianza e appropriatezza delle risposte che di economicità. Chi dice che le Sds sono solo un costo aggiuntivo forse non ha ben chiaro come dovevano funzionare. In quali settori è concentrata l’attività in questo momento? Il cuore dell’attività della Società della Salute riguarda il percorso della non autosufficienza e dei disabili. La Sds di Firenze sta lavorando per semplificare l’accesso del cittadino al percorso, ma anche per garantire una valutazione multi professionale omogenea dei bisogni delle persone anziane sul territorio e una presa in carico integrata dell’utente. Nell’ambito del sistema dei servizi per anziani sono proseguite le azioni di promozione e sostegno della permanenza a domicilio degli anziani fragili o non autosufficienti con l’obiettivo di limitare il ricorso alle strutture residenziali, ampliando la gamma dei servizi con un’assistenza domiciliare sociosanitaria. I contributi per il “servizio di assistenza familiare” e per il “sostegno alle cure familiari” puntano proprio a questo. Stia-

mo aggredendo la lista di attesa per tali servizi con l’obiettivo di dimezzarla. Se davvero verranno chiuse le Società della salute, che prospettive si aprono? Se non vogliamo che l’esperienza delle Sds sia stata vana, dovremo trovare un’altra forma organizzativa che metta insieme i sindaci dei Comuni con i direttori generali delle Aziende sanitarie perché la programmazione delle risposte ai bisogni sociosanitari sia unitaria. Per quei servizi che già erano integrati si dovrà molto probabilmente fare un accordo per definire i vari “compiti”. Infine l’annunciata rivoluzione dei medici di famiglia, che dovrebbero associarsi in ambulatori, con orari più lunghi e disponibilità di attrezzature più sofisticate. Sono già state individuate le Aft (aggregazioni funzionali territoriali) ed entro l’anno saranno individuati i coordinatori con i quali verranno intrapresi i percorsi di appropriatezza nelle prescrizioni di farmaci ed esami specialistici e di organizzazione di un servizio di assistenza sulle 18 ore al giorno. Il passaggio successivo sarà la costituzione delle Uccp: qui i cittadini troveranno, oltre ai medici di medicina generale, anche gli specialisti ospedalieri per assicurare sul territorio un’assistenza integrata professionalmente.

Giulia Righi

Stefano Borgonovo riceve il Fiorino d’oro della città di Firenze: era il 13 aprile 2010

A

lmeno cento, che non sono poche. Sono le persone ammalate di sclerosi laterale amiotrofica (Sla) tra Firenze e provincia. A raccontarlo è l’Aisla, associazione nata a sostegno dei malati e dei loro familiari, che in città ha la sua sede in piazza Elia Dalla Costa e che per sabato 16 novembre ha organizzato un convegno dal titolo “Sclerosi laterale amiotrofica, continuità assistenziale e tecnologia” che si terrà a Palazzo Vecchio. Un appuntamento scientifico nato per puntare il focus su una patologia che, in quanto rara, finisce spesso per scontrarsi contro un po’ di ignoranza e grovigli burocratici pesanti: “Purtroppo oltre a tutte le difficoltà tragiche connesse alla malattia ci sono quelle legate alla burocrazia: ancora non c’è un’adeguata assistenza integrata e spesso passano mesi prima di ottenere presidi preziosi come i comunicatori ottici”, spiega Barbara Gonella dall’Aisla Firenze. Invece i pazienti ammalati di sclerosi laterale avrebbero bisogno di cure di squadra e di un’assistenza domiciliare mirata: “Purtroppo sono poche le persone formate per questo tipo di assistenza, e per questo è necessario che vengano attivati al più presto i corsi per ‘caregivers’ peraltro già finanziati dalla Regione – prosegue – noi, come associazione, organizziamo lezioni per formare i nostri volontari all’assistenza del malato, oltre a offrire un programma di fisioterapia a domicilio e uno di assistenza psicologica”. Tutti aspetti, spiega la responsabile Aisla, “fondamentali e che dovrebbero essere forniti dal sistema sanitario nazionale che invece non fa abbastanza”. Perché la Sla è una malattia complessa, tremenda, e il volto di Borgonovo lo ha insegnato bene ai fiorentini: colpisce solitamente persone, maggiormente uomini, con un’età media di 40-50 anni. Arriva cioè nel pieno della vita, quando ancora si lavora e si è nel pieno delle proprie facoltà: in Italia si manifestano in media tre nuovi casi al giorno e si contano circa sei-otto ammalati ogni centomila abitanti. La Sla agisce sull’organismo in modo subdolo, imprigionando una mente perfettamente lucida in un corpo che non le risponde più e questa, per gli ammalati, è una sofferenza ulteriore. L’Aisla prosegue con i suoi progetti e ha sempre bisogno di volontari: per tutte le informazioni si può visitare il sito www. aisla.it e, per entrare in contatto con la sede fiorentina, si può chiamare il referente (Morandi, 348.1880933) o il 334.7160938.

centro zen estetica Trattamenti anti-age e per il corpo, all'avanguardia con metodo DIBI MILANO. Sconto del 20% su tutti i trattamenti per i lettori de Il Reporter Via Paganini n. 28 - 50127 - Firenze tel. 055 4379758 www.centrozen.it - centrozen.fisioterapia@gmail.com


Le migliori offerte residenziali, commerciali, stagionali

Per gli inserzionisti privati i costi di pubblicazione di un annuncio immobiliare sulle edizioni cartacee de Il Reporter sono:

30€ per 1 mese 55€ per 2 mesi 80€ per 3 mesi Per informazioni telefonare allo

possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 265.000. APE 30,951 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 01 055 2335596 – 340 7871696 SESTO.FNO, nuova costruzione, luminoso trilocale mq 75 oltre balcone abitabile 20 mq ca. Ampio sogg.-cucina, 2 camere, bagno finestrato. classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 285.000. APE 22,583 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 101 055 2335596 – 340 7871696 NOVOLI zona regione strada interna tranquilla vendesi attico al piano alto con ascensore luminossissimo appartamento di mq 65 piu terrazza abitabile al piano di mq 25 ingresso soggiorno cucina abitabile camera matrimoniale con balcone ripostiglio bagno con finestra buono stato ottimo prezzo rif a 300 055 414545 - 335 7363640

4 VANI FIRENZE

 055.6585939 1 - 2 VANI (ABA/618) PONTEROSSO - In interno tranquillo Via Bolognese, appartamento bilocale di 40 mq circa posto al 2 piano (no ascensore) ristrutturato composto da ingresso, cucina-soggiorno con ripostiglio/lavanderia, camera da letto e bagno con finestra. Termosingolo. Ottimo anche per investimento (A.P.E. classe G - I.P.E. 233 Kwh/mq/anno). Richiesta euro 169.000,00 055.4684635 - 347.6590279

SESTO FIORENTINO, vista panoramica, nuovo bilocale in nuova costruzione, composto da ampio soggiorno-cucina, camera matrimoniale, bagno, loggia di 19,25 e un resede di 12,75 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 185.000. APE 30,592 kWh/ m²anno. Rif. UMI 6 - 08 055 2335596 – 340 7871696 POZZOLATICO BASSO galluzzo vendesi al piano terra bilocale di mq 48 con particolari archi soffitto a cassettone in contesto silenzioso con facile parcheggio adiacente volendo arredato gia’ libero prezzo interessante con offerte medio prezzo minimo € 95.000,00 max € 125.000,00 secondo condizioni finanziarie rif a 203 055 414545 - 335 7363640

3 VANI FIRENZE (ABA/656) LE BAGNESE - Tre vani e mezzo, 75 mq, 5° piano, luminosissimo eristrutturato, composto da soggiorno con angolo cottura e balcone panoramico sul verde, 2 camere con balcone, bagno. Termocentrale con contacalorie, infissi doppi, parquet (A.P.E. classe G - I.P.E. 162,3 kwh/mq/anno). Richiesta € 215.000 trattabili. 055.4684635 - 347.6590279 (ABA/650) CENTRO STORICO - S. LORENZO - in palazzo d’epoca, al secondo piano senza ascensore, 3 vani di 55 mq, ristrutturato, composto da piccolo ingresso, soggiorno, cucina abitabile, camera matrimoniale, bagno con finestra. Termosingolo, aria condizionata, infissi doppi. Ottimo per investimento! (A.P.E. classe D - I.P.E. 50,3 kwh/mq/anno). Richiesta € 240.000,00 trattabili. 055.4684635 - 347.6590279 (ABA/633) CAMPO DI MARTE - in bel palazzo, piano alto con ascensore, 3,5 vani, panoramico, appartamento di 60 mq composto da ingresso, 2 camere, cucina abitabile con balcone, bagno con finestra e ripostiglio. Medie condizioni, termosingolo, aria condizionata, oltre cantina (A.P.E. classe G - I.P.E. 135,6 kwh/mq/anno). Richiesta € 250.000,00 trattabili. 055.4684635 - 347.6590279 (ABA/621) ZONA GIOBERTI - Esclusiva - In splendido villino primi ‘900 appartamento posto al secondo ed ultimo piano di 3 ampi vani di 75 mq ben esposto, silenzioso . Composto da ingresso, soggiorno, ampia cucina-tinello con accesso a bel balcone, camera e bagno oltre soffitta da cui sono ricavati 2 locali. Possibilità realizzo terrazza a tasca. Da ristrutturare (A.P.E classe G - I.P.E. 302,91 kwh/mq/anno). Richiesta Euro 310.000,00 trattabile 055.4684635 - 347.6590279 (ABA/559) PUCCINI/BARACCA - Appoartamento 3 vani di 75 mq con 2 ampi balconi e posto auto di proprietà. 6° ed ultimo piano con ascensore composto da ingresso, soggiorno con ampio balcone, cucina abitabile con balcone, camera da letto matrimoniale, 2 servizi e ampio ripostiglio. Riscaldamento centrale. Da rimettere. Posto auto di proprietà (A.P.E. classe G - I.P.E. 335,96 kwh/mq/anno). Richiesta euro 200.000,00 trattabili 055.4684635 - 347.6590279 (ABA/507) FIESOLE - In buono stato appartamento di 3 vani 50 mq posto al primo piano e composto da ingresso, cucinotto, soggiorno, camera da letto, ripostiglio e bagno. Termosingolo. (A.P.E. classe G - I.P.E. 431,74 kwh/mq/anno). Richiesta euro 190.000,00 trattabile 055.4684635 - 347.6590279 SESTO.FNO, trilocale mq 67 oltre balcone abitabile, con ampio sogg.-cucina, 2 camere e bagno finestrato. Ottime rifiniture classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione Euro 265.000. APE 11, 793 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 102 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, in nuova costruzione trilocale 70,5mq p.t., sogg.-cucina, 2 camere, bagno. luminoso, resede 49,75mq, loggia 18,75mq. Ottime rifiniture, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Costruito con tecniche d’avanguardia, classe energ. A. No spese di mediazione,

GALLUZZO centro in contesto silenzioso e verdeggiante vendesi ottimo 5 vani di mq 110 piano 2° ( no ascensore ) termo sing. terrazzo ampio coperto abitabile ingresso sala con balcone cucina abitabile con terrazzo nel verde 2 camere matrimoniali 1 sing. bagno finestrato ripostiglio possibilita’ garage richiesta in aspettativa con offerte medio prezzo dal minimo €335.000,00 max € 365.000,00 secondo condizioni economiche rif a 506 055 414545 - 335 7363640

ATTICO PONTE VECCHIO in torre antica vendiamo appartamento di mq 110 ascensore terrazza abitabile di mq 30 con vista monumenti tetti e colline a 360° l’immobile gode di due ingressi e’ composto d sala studio cucinotto 2 bagni 2 camere matrimoniali ripostiglio dispensa rif a 537 055 414545 - 335 7363640

FIRENZE

SESTO FIORENTINO, vista panoramica, nuovo bilocale di nuova costruzione composto da ampio soggiorno-cucina, camera matrimoniale, bagno, loggia di 18 mq e resede esclusiva di 56 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 190.000. APE 15,988 kWh/ m²anno. Rif. UMI 6 – 06 055 2335596 – 340 7871696

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso immobiliare di nuova costruzione, app. 100 mq con ampia cucina/sogg., 3 camere, doppi servizi e 2 balconi abitabili. Ottime rifiniture, Classe energ. A+. Euro 375.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 14.27 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 103 055 2335596 – 340 7871696

LUNGARNO COLOMBO in buon palazzo al 2° piano con ascensore presentiamo in vendita appartamento di mq 105 piu terrazza abitabile di mq 32 termo.sing posto auto al coperto ingresso soggiorno doppio cucina abitabile balcone 2 camere ripostiglio 2 bagni aria condizionata doppi vetri allarme rif a 531 055 414545 - 335 7363640

o inviare e-mail a: info@edizionibunker.it

SESTO.FNO, bilocale mq47, ampio sogg.-cucina, camera matrimoniale, bagno finestrato, balcone abitabile. Ottime rifiniture classe energ. A+. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazione, Euro 185.000. APE 10,591 kWh/ m²anno. RIF. UMI 6 - 106 055 2335596 – 340 7871696

SESTO-FIORENTINO, app. angolare nuova costruzione, libero su 3 lati, di mq 105, con: cucina abitabile, grande sogg., 3 camere, 2 bagni, rip., oltre 2 ampi balconi. Ottime rifiniture, Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione. Possibilità di rifiniture personalizzate, acquisto p. auto o garage. Euro 410.000. - APE 17, 192 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 107 055 2335596 – 340 7871696

di due balconi di 24,50 mq. Possibilità di rifiniture personalizzate. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 550.000. APE 25,534 kWh/m²anno. Rif. UMI 6 - 205 055 2335596 – 340 7871696

VILLE E VILLETTE FIRENZE

affittasi PIAN DI SAN BARTOLO due eleganti appartamenti finemente arreadati di mq 80 con giardino esclusivo di mq 150 ottimi affacci nel verde panoramici ogni comfort contratti locatizi a medio termine si chiedono garanzie e referenze richiesta € 1.250,00 mensili rif af 126 055 414545 - 335 7363640

(ABA/519) CAMPO DI MARTE - ESCLUSIVA - Viale Fanti, in palazzina signorile appartamento di pregio 110 mq con 2 loggie abitabili, oltre 80 mq di terrazza panoramica sui tetti al livello superiore. 2° piano con ascensore composto da sala doppia, cucinotto, disimpegno divisione giorno/notte, 2 camere matrimoniali, 1 camera singola oltre ripostiglio e 2 servizi finestrati. Ottime rifiniture dotato di ogni comfort con aria condizionata, impianto di allarme, termocentralizzato. (A.P.E. classe B - I.P.E. 60 kwh/mq/anno). Richiesta € 595.000,00 055.4684635 - 347.6590279

LUNGARNO LE GRAZIE affittasi elegantissimo appartamento arredato di vani 5 con salone doppio 2 bagni cucina abitabile 2 camere matrimoniali ripostiglio termo sing. Piano primo con ascensore volendo garage 055 414545 - 335 7363640

(ABA/554) CENTRO STORICO - Mantellate - ESCLUSIVA - in palazzo di pregio con portiere, appartamento al primo piano con ascensore, composto da: grande ingresso, salone doppio, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, 2 bagni, oltre soffitta e cantina. Ottime rifiniture (A.P.E. classe G - I.P.E. 186,9 kwh/mq/anno). Richiesta € 485.000,00 trattabili 055.4684635 - 347.6590279

COMMERCIALI AFFITTO FONDI E GARAGE ALL’USCITA DELLA FI-PI-LI, vicinissimo al casello autostradale di Firenze-Scandicci, affittasi fondi di varie metrature, posti al piano primo e al piano terra, con possibilità di carico/ scarico merci, ottima costruzione, dai 90 ai 1.000 mq. Prezzi a partire da Euro 8/mq. 055 2335596

(ABA/598) CENTRO STORICO - Zona MANTELLATE - in bel palazzo d’epoca, appartamento indipendente con doppi ingressi carrabili. Ristrutturato. Fregi e finiture dell’epoca. 2 livelli 150 mq oltre accessori, composto: ampio ingresso, salone doppio, cucinotto, camera matrimoniale, camera singola, bagno e ripostiglio, altezze interne 4 metri. Terrazza tergale di 65 mq. Seminterrato di 3 locali oltre bagno, accesso diretto interno con porta blindata a box auto soppalcato di 17 mq. Dotato di ogni confort, impianto di allarme e videosorveglianza, aria condizionata, vetri antiproiettile, pavimentazione interna in parquet. Termosingolo. Ulteriori info e foto in agenzia (A.P.E. classe G - I.P.E. 550,64 kwh/ mq/anno). Richiesta Euro 650.000,00. 055.4684635 - 347.6590279

COMMERCIALI VENDITA ATTIVITÀ SESTO FIORENTINO centro vendesi antica attivita’ di torrefazione in fondo con 2 vetrine e canna fumaria possibilita’ di spazio per tavolini 2 posti auto attuale canone lcativo € 900,00 mensili contratto 6+6 rif x1 055 414545 - 335 7363640

PORTA A PRATO in buon palazzo anni 75 al 3° piano con ascensore vendiamo appartamento 170 mq 6 vani con ingresso cucina abitabile studio salone doppio 3 camere matrimoniali ripostiglio 2 bagni con finestra balconi dalla cucina dalla camera e dal salone cantina appartamento in buono stato aria condizionata parquet in tutte le stanze rif a 609 055 414545 - 335 7363640 (ABA/652) ZONA SAN JACOPINO - Via Maragliano - Appartamento 4 ampi vani 90 mq, 4° piano (no ascensore) buonissimo stato, composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, ampio bagno con finestra, ripostiglio/ lavanderia oltre 4 balconi. Termosingolo (A.P.E. classe G - I.P.E. 204.70 kwh/mq/anno) Richiesta euro 215.000,00 055.4684635 - 347.6590279

VIA RESPIGHI zona puccini vendesi elegante appartamento di vani 6 ristrutturato piano alto con ascensore contesto nel verde con viali giardini e alberi di alto fusto ingresso ampia cucina abitabile con terrazzo salone doppio con terrazzo 2 camere matrimoniali studio ripostiglio 2 bagni con finestra 2 posti auto di proprieta’ esclusiva cantina in opzione rif a 613 055 414545 - 335 7363640

(ABA/648) PRESSI PIAZZA DELLA LIBERTÀ - Viale Don Minzoni - ESCLUSIVA - In bella palazzina appartamento 4 vani 80 mq posto al 3 piano con ascensore composto da ampio ingresso, soggiorno, cucina, camera matrimoniale, camera singola e bagno. Ottimo statoRiscaldamento singolo. (A.P.E. classe F - I.P.E. 129,4 kwh/mq/anno). Richiesta € 320.000,00 trattabili. 055.4684635 - 347.6590279

FIRENZE

SESTO.FNO, app. 95mq su 2 livelli agli ultimi piani di nuova costruzione con ampio sogg.-cucina, 2 camere e 2 bagni e balconi abitabili. Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazioni. Euro 330.000 APE 17, 292 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 208 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, nuovo complesso immobiliare, l’appartamento è composto da un ampio soggiornocucina, tre camere da letto e due bagni. E’ molto luminoso e dispone di una loggia di 24,50 mq e di una resede di 64,50. Classe energetica A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di acquisto p. auto o garage. Euro 305.000. APE 23,903 kWh/ m²anno. Rif. UMI 6 – 04 055 2335596 – 340 7871696

TERRATETTO OLTRE 5 VANI FIRENZE (ABA/565) COVERCIANO - Attico - In palazzina attico di 160 mq con terrazzo al piano di 100 mq e 3 balconi. Un ultimo piano con ascensore, ristrutturato finiture di pregio. Ingresso/ soggiorno, ampia zona cucina - living con caminetto ed isola cottura, 4 grandi camere matrimoniali, di cui una attualmente adibita a studio con bagno in marmo con vasca, cameretta singola adibita a stanza guardaroba, altro bagno nella zona notte finestrato con doccia. Terrazza abitabile di cui parte verandata, zona lavanderia e ampio ripostiglio. Box auto e posto auto condominiale a rotazione. Termocentrale, aria condizionata. (A.P.E. classe G - I.P.E. 327 kwh/mq/anno). Richiesta € 780.000,00 trattabile. 055.4684635 - 347.6590279

SESTO FIORENTINO, vista panoramica su Firenze, 4 vani, 97mq su 2 livelli nuova costruzione con ampio sogg.-cucina, 2 camere, 2 bagni finestrati. Molto luminoso, 2 balconi di 14 mq. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Classe energ. A+. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazioni. Euro 330.000 APE 21,078 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 209 055 2335596 – 340 7871696

CENTRO STORICO FIRENZE zona duomo strada di altissimo passaggio pedonale cedesi attivita’ di gioielleria storica con ottimo affitto locativo conratto 6+ 6 rinnovato da 1 anno chiedesi buonauscita da concordare rif x8 055 414545 - 335 7363640 FONDI E GARAGE

BELLOSGUARDO in contesto panoramico su firenze totalmente nel verde vendiamo(volendo compreso l’arredoin stile moderno ) prestigioso apparament0 in villa storica al piano secondo ed ultimo di mq 220 piu’ garage e cantina munito di ogni confort ampio ingresso salone doppio con camino 4 camere ripostiglio lavanderia 2 bagni giardino condominiale stato perfetto rif vo 101 055 414545 - 335 7363640 CASTELLO in contesto unico nel verde vendesi ottima porzione di villino bifamigliare totalmente indipendente mq 190 oltre a giardino di mq 500 privato vani 6 con 2 bagni finestrati balcone dependence inclusa di mq 40 posti auto 4 cancello con ingresso esclusivo richiesta € 695.000,00 trattabili rif vo 110 055 414545 - 335 7363640 PISTOIA

MARI E MONTI TOSCANA

COLONICHE E TERRENI

Per informazioni telefonare allo

 055.6585939 o inviare e-mail a: info@edizionibunker.it

ISOLOTTO via simone martini strada interna in contesto panoramico vendesi ottimo 4 vani piano alto vista monumenti salone cucina abitabile 2 camere matrimoniali 2 terazze bagno finestrato studio lavanderia 2 cantine garage di mq 24 aria condizionata termo sing. prezzo interessantissimo si valutano proposte nell’ottica medio prezzo da €225.000,00 a € 250.000,00 secondo piano finanziario e condizioni rif a 414 055 414545 - 335 7363640 COVERCIANO via manni in buon palazzo di 4 piani vendesi appartamento ristrutturato al 3° piano con ascensore di mq 80 vani 4 ingresso soggiorno cucina semi abitabile ripostiglio 2 camere matrimoniali 1 bagno con finestra terrazza con lavanderia termo sing aria condizionata impianti a norma richiesta € 269.000,00 con buona trattabilita’ rif a 419 055 414545 - 335 7363640 VIALE REDI strada interna adiacente vendesi elegante appartamento ristrutturatissimo di mq 70 piano 3° ed ultimo termo sing. aria condizionata zanzariere porta blindata impianti a norma sala cucina abitabile 2 camere matrimoniali bagno finestrato terrazzino dalla cucina rif a 440 055 414545 - 335 7363640

(ABA/645) CAMPO DI MARTE - In palazzina primi 900, strada tranquilla. Appartamento di 5 vani (115 mq) posto al secondo ed ultimo piano (no ascensore), 2 livelli e composto da ingresso, soggiorno, cucina con bel balcone, 2 camere letto e bagno oltre locale in mansarda con bagno e ampi ripostigli nel sottotetto. Da rimettere. Riscaldamento singolo. Libero subito (A.P.E. classe G - I.P.E. 175 kwh/mq/anno). Richiesta euro 385.000,00 trattabile 055.4684635 - 347.6590279

(ABA/653) GALLUZZO COLLINA - in strada residenziale privata, contest signorile, villa indipendentelibera su 4 lati e circondata da 5000 mq di terreno (parte boschivo) in posizione dominante. 360 mq complessivi su 2 livelli: soggiorno-sala pranzo, cucina, 4 camere, 2 servizi oltre guardaroba salonetaverna con cucina-bar, lavanderia, camera con bagno per servitù. Accesso carrabile. Richiesta euro 1.600.000,00 trattabili 055.4684635 - 347.6590279

FIRENZE SUD all’interno di un importante centro commerciale cedesi attivita’ di estetica benessere affermato decennale con vasto parco clienti accreditato si chiede buonuscita a fronte storico attivita’ impiantistica attrezzature e accessori rif x3 055 414545 - 335 7363640

FIRENZE

VIA DELL’OLIVUZZO in contesto verdeggiante vendesi grazioso appartamento di mq 70 oltre a garage piano medio ingresso sala cucina abitabile grande ripostiglio bagno finestrato camera matrimoniale balcone possililita’ camera sing. richiesta € 230.000,00 trattabili rif a 401 055 414545 - 335 7363640

5 VANI

FIRENZE CENTRO STORICO zona s. maria novella stazione strada interna silenziosa vendesi struttura turistica perfetta mura e attivita ‘e arredi con ottimo fatturato dimostrabile palazzo del ‘ 900 piano primo mq 150 oltre cantina e lavanderia camere recettive 6 con bagno ambiente elegante e ben tenuto rif x 2 055 414545 - 335 7363640

COLLINE PISTOIESI marliana goraiolo presentiamo porzione di villa indipendente di mq 120 in strada privata due ingressi giardino di mq 300 carrabile recintato terrazza abitabile mq 35 panoramica soggiorno cucina abitabile in muratura camino 2 camere matrimoniali ampio bagno finestrato camerina sottotetto ripostiglio cantina termosingolo legnaia rif gor. 055 414545 - 335 7363640

SESTO.FNO, luminoso app. di mq 85 con giardino composto da cucina, sala, 2 camere, doppi servizi. Ottime rifiniture classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazioni, acquisto p. auto o garage. A partire da Euro 299.000,00. APE 24, 103 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 05 055 2335596 – 340 7871696

FIRENZE

RESIDENZIALI AFFITTO FIRENZE

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso immobiliare di nuova costruzione, app. al II ed ultimo p. di 135 mq con cucina abitabile, ampio sogg., 3 o 4 camere, doppi servizi e 2 grandi balconi abitabili.Classe energ. A+. Euro 460.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 21, 367 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 202 055 2335596 – 340 7871696 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, vista panoramica, appartamento in nuova costruzione posto al secondo piano, su 2 livelli, composto da: un grande soggiorno, cucina abitabile, cinque camere matrimoniali, due bagni e un ripostiglio. L’appartamento dispone

ZONA SAN BARTOLO A CINTOIA ISOLOTTO Terratetto 90 mq circa, su due livelli, due bagni, due camere, cucina grande e salotto, ripostiglio, cortile esterno con locale tecnico e tetto terrazzato calpestabile. Riscaldamento autonomo. No Condominio NO AGENZIE Richiesta € 280mila TEL. 3473618993


24 | Ottobre 2013

Il Reporter per il sociale

Per lo studio, la cura, l’assistenza e l’informazione sui tumori cerebrali infantili

Via Ontignano, 44 - 50061 Fiesole [Fi] Tel/Fax 055.695047 • Cell. 335.362203 info@tommasino.org • www.tommasino.org CF 94078280487 • PI 05090750489 • c/c postale 12158531


Il Reporter Q3 - Novembre 2013  

Edizione di Novembre 2013 de "Il Reporter" relativa al Quartiere 3 della città di Firenze

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you