Page 1

www.ilreporter.it  il giornale del tuo quartiere

Anno VII Ed. 37

Periodico d’informazione locale. Anno VII n.37 del 1 Ottobre 2013. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A.

Ottobre 2013

Firenze Quartiere 4

Il Reporter è distribuito da

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Il progetto

✎ Editoriale

isolotto, la piazza cambia volto

una nuova pagina per Il Reporter. da scrivere insieme Matteo Francini

Q

ualcuno di voi forse stenterà a riconoscerlo, qualcun altro penserà che si tratti di un giornale diverso. E in qualche modo lo è. Perché Il Reporter che trovate da questo ottobre nella cassetta della posta è un mensile profondamente rinnovato. Partiamo dal principale cambiamento, l’editore. La nostra testata è passata nelle mani di una nuova società, Bunker s.r.l., grazie a cui continuerete a ricevere a domicilio ogni mese il giornale.

Aree pedonali, spazi per bimbi e spettacoli, mercato “potenziato”: ecco le idee della gente ☛ pagina 3

 Fiorentina

la scommessa che portò batigol in riva all’arno

I

niziò come una scommessa la favola viola di Bati. Una scommessa del suo procuratore Settimio Aloisio, che all’indomani dell’inizio della Coppa America lanciò una sfida all’attaccante.

Un secolo di Pratolini. Curiosando tra i luoghi dei poveri amanti

☛ pagina 18

☛ pagina 17

☛ segue a pagina 21

firenze, anno 2023: la città sarà così? Gianni Carpini - Luca Squarcialupi

I

l viaggio nella città del futuro, quella che potrebbe essere Firenze tra un decennio, inizia con una premessa: se tutto fila liscio. Una frase che riassume un fiume di ipotesi: se i grandi progetti non si areneranno tra carte bollate e inchieste, se i cantieri non affogheranno nelle sabbie mobili della burocrazia e soprattutto se la tanto attesa ripresa economica ci metterà lo zampino. Detto questo, in dieci anni Firenze si gioca il primato di grande realtà urbana italiana e, perché no, di piccola metropoli europea.

☛ segue aLLe pagine 8-9

i totem che guidano alla scoperta del rione Il progetto “Firenze the walking city”, l’invito a camminare promosso dal Comune, si arricchisce.

☛ segue a pagina 4

un autunno di novità: le librerie in arrivo Dopo tante chiusure, è ora tempo di aperture e nuovi progetti. Ecco che cosa c’è all’orizzonte.

☛ pagina 10

un nuovo parcheggio fari puntati sui fiumi alla fermata del tram dopo gli ultimi allarmi ☛ pagina 2

lish Every Day Engi tuoi viaggi... L’INGLESE per

i con Noi Vieni e divertuitn gioco... L’INGLESE sarà

CORSI PER ADULTI

CORSI PER BAMBINI

GAVINANA SEDE RICREATIVA DELLA CHIESA DEL CORPUS DOMINI - VIA REIMS Sabato mattina 9-11 anni ore 9,30-11,00 7-8   anni ore 11,00-12,30 dal 19/10/2013 al 21/12/2013 10 lezioni di 90' Costo: 90,00 Euro

Per info e iscrizioni 055-363032 / 362011 live@liveinstitute.it

GAVINANA SEDE RICREATIVA DELLA CHIESA DEL CORPUS DOMINI - VIA REIMS Il Lunedì (liv. elementare) e il martedì (live. base) dalle 18:30 alle 20:00 dal 21/10/2013 al 17/03/2014 20 lezioni di 90‘ Costo: 80,00 Euro

☛ pagina 12


2 | Ottobre 2013

Quartiere 4

#Il quartiere che cambia

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Mobilità

 Focus

in arrivo un parcheggio scambiatore anti-traffico Tra viale Nenni e lo stradone dell’Ospedale

D

A

12mila mq

La zona dove dovrebbe sorgere il parcheggio scambiatore: l’obiettivo è diminuire la pressione del traffico anche nelle aree attraversate dalla tramvia

SUPERFICIE DEL PARCHEGGIO

Francesca Casagni

opo l’uragano dei “mondiali di ciclismo” nel quartiere sono all’orizzonte altre novità. È stato infatti recentemente approvato in consiglio comunale il progetto preliminare per la realizzazione di un parcheggio scambiatore in viale Nenni-via dello Stradone dell’Ospedale, in corrispondenza della fermata tranviaria di San Lorenzo a Greve. La realizzazione di un parcheggio nella zona è legata alla volontà di intercettare alle porte di Firenze il flusso proveniente dal nuovo bypass del Galluzzo, realizzando una forma di intermodalità con l’obiettivo di diminuire la pressione del traffico anche nelle zone attraversate dalla tramvia. Il parcheggio si dovrebbe estendere per dodicimila metri quadrati ed è stato calibrato sia sull’attuale richiesta di sosta che su quella che si aggiungerà al completamento dell’anello di circonvallazione Galluzzo-Indiano. Una delle caratteristiche più importanti dell’opera, poi,

Tram o autobus? Il “dibattito” continua

sarà il possibile sfruttamento a supporto del polo ospedaliero di Torregalli. “Il parcheggio scambiatore tra viale Nenni e lo stradone dell’Ospedale, insieme alla nuova viabilità di collegamento tra viale Nenni e Torregalli e alla rotatoria all’incrocio tra via Bugiardini e via del Ponte a Greve – ha spiegato il presidente della commissione urbanistica Mirko Dormentoni dopo la presentazione del progetto – sono gli elementi fondamentali di un nuovo assetto utile a una fluidità del traffico privato e soprattutto all’adduzione al mezzo pubblico per eccellenza: la tramvia”, specificando poi quanto siano stati importanti e utili in fase di progettazione il parere del Consiglio del Q4 e le analisi sviluppate in Commissione Urbanistica: “Questa cooperazione – sottolinea – impegna l’amministrazione su alcuni aspetti ambientali in fase di progettazione delle opere e soprattutto al loro finanziamento per una realizzazione a breve termine”. Il consigliere di

14 febbraio 2010 IL VIAGGIO INAUGURALE DELLA T1

più di tre anni e mezzo dall’entrata in funzione della tramvia, continua nel quartiere la “contrapposizione” tra chi si dice entusiasta della T1 e chi invece sostiene che il trasporto pubblico locale abbia risentito della sua attivazione. “Chi era abituato a salire sull’1 all’Isolotto e scendere alle Cure, oggi è costretto a prendere il 77, poi il tram e infine l’1”, dice un cittadino in attesa del bus. A favore della tramvia (o “tranvai”, come molti anziani continuano a chiamarlo), oltre a molti passeggeri che si dicono soddisfatti, ci sono i numeri. A partire da quello delle persone che ogni giorno la utilizzano. F.C.

 Legnaia Quartiere Renzo Pampaloni, sul progetto, chiede “che in fase di progettazione siano inserite tutte le cautele per garantire il migliore inserimento possibile nel contesto circostante: il parcheggio dovrà essere realizzato a raso”. E ancora, “che sia provvisto di una zona verde e che nella progettazione venga studiata la possibilità di una pista ciclabile con quella eventualmente da prevedere su viale Nenni”. Per quanto riguarda trasporti e mobilità, dunque, le novità per gli abitanti di questa parte della città non sono ancora finite. E il quartiere si prepara a cambiare ancora volto.

un’altra telecamera per la preferenziale A

utomobilisti “furbetti”, attenti all’occhio elettronico: non fa sconti a nessuno. Bucare una preferenziale può costare caro: 97,22 euro, per la precisione. In zona Legnaia le porte telematiche raddoppiano: non ci sarà più soltanto un vigile-robot a sorvegliare i 650 metri di corsia riservata ai bus che va dal termine di via dell’Olivuzzo a via Pisana, passando per via Masolino. Presto, infatti, arriverà un nuovo dispositivo: tra le 19 nuove porte telematiche previste in città c’è anche quella di via dell’Olivuzzo. Secondo il cronoprogramma del Comune, nel 2014 arriverà una nuova porta telematica lungo la preferenziale. Via dell’Olivuzzo è però al centro di un piccolo caso: il Q4, a seguito della riorganizzazione del trasporto pubblico dopo l’avvento della tramvia, vorrebbe infatti che la strada fosse riaperta a tutti i veicoli, da via Coppo di Marcovaldo a piazza Starnina. Di lì ormai passa soltanto una linea Ataf, il 6. La richiesta è questa: niente più striscia gialla, ma un doppio senso per alleggerire dal traffico via di Soffiano.

In via dell’Olivuzzo è in arrivo una seconda porta telematica. Ma c’è chi vorrebbe che la strada fosse riaperta a tutti i veicoli

G.C.

Da 35 anni al servizio della Salute, del tuo Benessere, della tua Bellezza.

Presentando questo coupon riceverai UN OMAGGIO

FIRENZE Via Costetti, 1 Tel/Fax 0557323786-SCANDICCI (FI) Via Alfieri, 12 Tel/Fax 0552579907-www.lemieerbe.it info@lemieerbe.it-Sabato orario continuato dalle 9.00 alle 20.00


Quartiere 4

#Il quartiere che cambia

Isolotto . Legnaia . Soffiano

Ottobre 2013 | 3

 Il progetto.1

mercato no-stop, spettacoli e pedoni: piazza dell’isolotto disegna il suo futuro  Zoom

Gianni Carpini

V

la passerella si rimette a nuovo

N

iente paura, rimarrà sempre ciclopedonale e la sua ampiezza non cambierà di molto. Il suo aspetto, però, sì: lo scheletro centrale sarà in acciaio e non più di cemento. Costruita agli inizi degli anni Sessanta e passata da continui interventi di manutenzione, la passerella dell’Isolotto ha bisogno di qualche ritocchino. Sottoporla costantemente a controlli approfonditi e a lavori ricorrenti risulta troppo costoso, così il Comune ha stanziato i fondi per rimetterla a nuovo una volta per tutte. In pratica sarà sostituito il corpo centrale della struttura. La data del cantiere non c’è, i soldi invece sì: 90mila euro. G.C.

ia le buche “grosse come palloni”, via gli scalini, via la vecchia tettoia e, soprattutto, via il degrado. Sì invece a una grande piazza pedonale, a un mini-parco per i più piccoli e a uno spazio all’aperto per spettacoli e iniziative. Qui si fa sul serio. Nel giro di sei mesi piazza dell’Isolotto conoscerà il suo volto futuro grazie a un concorso internazionale di architettura: entro la scadenza del mandato Renzi, sul tavolo dei tecnici arriverà il progetto per ridisegnare il cuore del quartiere, in base alle indicazioni degli stessi cittadini. Il percorso partecipativo si è aperto a settembre, con una serie di serate alle Baracche verdi di via degli Aceri per ascoltare residenti e commercianti. Le proposte uscite da questo “brainstorming” collettivo fisseranno i paletti che dovranno poi essere rispettati dai progettisti. “Presenteremo il documento finale durante un Consiglio di Quartiere aperto – spiega Franco Traballesi, vicepresidente del Q4 – per coinvolgere ancora di più la cittadinanza”. L’Ordine degli Architetti di Firenze stilerà il bando di concorso seguendo le idee dei cittadini. Entro la fine dell’anno sarà lanciata la competizione e, dopo sessanta giorni, verrà scelto il progetto migliore. Infine si andrà a caccia di fondi (regionali

o europei) da aggiungere a quelli che Palazzo Vecchio si è già impegnato a stanziare, avendo inserito piazza dell’Isolotto nel Piano Strutturale tra i nodi da riqualificare. “Questa parte della

LA PIAZZA OGGI

65% parcheggi e strade

35% pedonale Il volto attuale di piazza dell’Isolotto: presto il cuore del quartiere presenterà un look tutto nuovo

città ha un’identità che è molto sentita dalla gente del quartiere – dice il presidente dell’Ordine degli Architetti Alessandro Jaff – si è quindi ritenuto necessario definire le esigenze del progetto assieme alla stessa popolazione”. E i cittadini sembrano avere le idee chiare. Non ci sono dubbi su un aspetto: la piazza non deve essere un semplice spartitraffico, ma avere una sua anima. Quindi ok alla pedonalizzazione di una buona porzione, via libera a un’area attrezzata per i bambini e a una struttura leggera (ad esempio un piccolo anfiteatro o una tettoia in acciaio e vetro) per spettacoli e iniziative. La sosta delle auto andrà ripensata e così anche la viabilità dell’asse viale dei Bambini-viale dei Pini-lungarno dei Pioppi, insieme alla collocazione degli ambulanti. Il mercato rimarrà, anzi i cittadini chiedono di potenziarlo con iniziative pomeridiane e serali, per non far “morire” la piazza al momento della chiusura dei banchi. Intanto, in attesa del progetto, la pista ciclabile che già esiste, un troncone ormai scolorito e da rifare, sarà ridisegnata e collegata alle corsie riservate alle bici di viale dei Bambini e viale dei Pini.

 Il progetto.2

case e verde nell’ex caserma

S

ull’ex caserma dei Lupi di Toscana è partito il contrattacco: appartamenti per giovani coppie, servizi e verde “contro” mense, dormitori e zone per le esercitazioni. Da una parte della barricata c’è il Comune di Firenze, insieme all’amministrazione alleata di Scandicci, che qui vorrebbe far partire un imponente progetto di housing sociale, creando una cittadella urbanistica a poche centinaia di metri dall’ospedale di Torregalli. Dall’altra ci sono il Demanio, a cui l’Esercito passerà la struttura, e Invimit, società controllata dal Ministero dell’Economia, impegnata a battere cassa con la vendita degli immobili dello Stato. E sotto questa voce ricadono anche le dieci caserme dismesse di Firenze, Lupi di Toscana in primis. L’immensa area, 100mila metri quadri di cui il 30% edificato, è abbandonata dal 2008, da quando cioè l’esercito ha ammainato la bandiera, lasciando l’enorme edificio a se stesso. Dal fronte burocratico potrebbero però arrivare buone notizie a breve. Con l’avvicendamento di quattro governi, la questione è passata di mano più volte: adesso, dopo un sopralluogo ComuniEsercito-Demanio, si è riaperto il tavolo con gli enti locali, già un piccolo risultato. Palazzo Vecchio conta su un’arma segreta: il Decreto del Fare e le norme che agevolerebbero il passaggio dell’area dallo Stato alla città. Il Demanio invece non è dello stesso avviso. Il piano dell’amministrazione Renzi è noto da tempo: in una Firenze a volumi zero, i grandi scatoloni di cemento da recuperare possono essere una cassa d’espansione urbanistica. L’idea è quella di trasformare l’ex caserma in un quartiere residenziale, con duecento alloggi per le giovani coppie, un parco urbano, attrezzature sportive, negozi, servizi e uffici. G.C.


4 | Ottobre 2013

Quartiere 4

#Focus

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Itinerari

 Il programma

a piedi alla scoperta del q4 corsi per over 60, fra totem, arte e percorsi a ciascuno il suo Arrivano i cartelli per arricchire il progetto “Firenze the walking city” Francesca Casagni

I

l progetto “Firenze the walking city”, l’invito a camminare promosso dal Comune, si arricchisce di nuovi elementi. Dei cento chilometri mappati e descritti in tutti gli aspetti (paesaggistici, storico-artistici, culturali, sportivi e tecnici) ben ventisette sono stati segnalati con appositi totem. Sono state infatti collocate ben diciannove pale informative relative ai parchi di Cascine e Argingrosso e ai borghi di Peretola, Brozzi, Mantignano, Ugnano e San Bartolo a Cintoia. Il sistema di segnalazione consente di seguire il percorso scelto e, nello stesso tempo, di disporre di un’informazione

completa sull’intero progetto. “Firenze the walking city” nasce per invitare i fiorentini, ma anche coloro che sono di passaggio in città, a camminare non a caso, ma con una meta precisa e godendo delle bellezze del capoluogo. I percorsi studiati dall’amministrazione sono suggestivi, a volte insoliti, panoramici, ricchi di luoghi d’arte, fede e cultura. Luoghi noti e meno noti, ma sicuramente sorprendenti. Sui cartelli informativi sistemati nei pressi del percorso sono descritte le indicazioni e i consigli specifici per i camminatori e i podisti: a chi il tragitto è adatto (con informazioni specifiche per famiglie

Il progetto “Firenze the walking city” si arricchisce di totem informativi sui percorsi da seguire, con i consigli per chi vuol lanciarsi alla scoperta del quartiere

 App 

con bambini), la tipologia del fondo, le pendenze, la presenza di marciapiedi e sedi pedonale protette, la tipologia di allenamento e così via. Curiosando fra i ventisette percorsi, uno di questi attraversa il cuore del Q4: dal parco delle Cascine a Mantignano fino a San Bartolo a Cintoia. La natura la fa da padrona durante tutta la camminata, ma allo stesso tempo è possibile scoprire, o riscoprire, opere religiose o civili che forse troppo spesso passano inosservate. Si può restare a bocca aperta davanti a Villa Lisi o alle coloniche di via del Ferrale. Si può perdere qualche minuto guardando prima la facciata e poi gli affreschi all’interno della chiesa di Mantignano e infine riscoprire Villa Vogel non solo come luogo che ospita gli uffici. Oltre a scarpe comode è dunque consigliato portare con sé la macchina fotografica, così da immortalare angoli sconosciuti del quartiere riscoperti grazie a quella che sembrava una semplice passeggiata. Concludendo, è bene ricordare le regole generali (visita medica, tecnica di cammino e corsa, calzature, abbigliamento, riscaldamento, aspetti tecnico-sportivi, recupero, stretching, gradualità e ritmo, alimentazione) da rispettare prima di iniziare l’attività sportiva del walking o del running, per non rischiare che una piacevole passeggiata si faccia poi “ricordare” nei giorni successivi.

Firenze the walking city

3 livelli di attività 1.

Francesca Casagni

“D

a quanti anni organizziamo questi laboratori? Questa è una domanda difficile: sicuramente più di quindici...”, rispondono dall’ufficio sociale del Q4 quando chiediamo da quanto tempo il Quartiere organizzi i corsi rivolti agli over 60. Il perché di questa “dimenticanza” è semplice da capire: quando una cosa funziona bene ed è entrata nella quotidianità delle persone, non c’è bisogno di stare a contare il tempo che passa. E ora, con l’arrivo dell’autunno, i corsi ripartono e in tanti sono pronti a iscriversi. Quest’anno i corsi nascono in collaborazione tra il Quartiere e alcune associazioni del territorio, come la società Movimenti, l’associazione Vaso di Pandora, l’associazione Danza&Movimento e due centri anziani molto attivi sul territorio come quello di Ugnano e quello di via dell’Anconella. Realtà che sono riuscite a mettere insieme le forze per organizzare i laboratori più vari: acquerello/pittura, manualità creativa (pittura e decorazione su legno, stoffa e tela, decoupage, mosaico), bricolage tessile, teatro, canto-danza, danza movimento terapia, movimento terapia, educazione motoria, wushu. “L’idea di fondo per cui sono nati questi laboratori è quella di far socializzare gli over sessanta, poiché sono i più a rischio solitudine. Con queste attività puntiamo a questo, certo poi è giusto che vengano insegnate anche le basi delle varie attività ma la cosa più importante è lo stare assieme”, spiegano ancora dalla sede del Q4. Già molte richieste sono arrivate, soprattutto per i corsi di ginnastica dolce alla palestra di via Assisi: sono tante le signore che, dalla scorsa primavera, non aspettano altro che ricomincino le lezioni, non solo per fare attività fisica ma anche per socializzare prima e dopo la lezione, perché alla fine anche questo è importante. I laboratori sono rivolti ai pensionati che abbiano compiuto sessant’anni e la quota di iscrizione per ogni corso (si inizia a metà ottobre e si finisce a maggio 2014) è di trentacinque euro.

sc NO on VIT to A’ 5€

3 diversi Acidi Jaluronici per un’ idratazione rapida, profonda, superficiale e una più efficace

Filler

Via Aretina 9r, Firenze (vicino P.zza Alberti) Tel+39 055 669417 Fax+39 055 6236037 info@farmad.it www.farmad.it

Sono tanti, e per tutti i gusti, corsi e laboratori organizzati nel quartiere: molte le persone pronte a iscriversi

2. 3.

distensione delle rughe. Ceramidi per nutrire e riparare la superficie della pelle danneggiata. Estratto di curcuma liposomiale per riparare e proteggere il dna invecchiato della pelle. Prodotto esclusivo del nostro Laboratorio Cosmetico

Chiedi un campione . Prezzo 38€

V.le Giannotti, 10/r Firenze

Via Pisana, 378 Firenze

Tel.

Tel.

Via Masaccio, 11/r Via V. Veneto, 50 Firenze Prato

Tel.

Tel.

055 6587096 055 7130043 055 5001339 0574 611069


Quartiere 4

#Il quartiere in pillole

6 | Ottobre 2013

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Il luogo

 Il cartellone

fattoria dei ragazzi, la campagna in città

appuntamenti in biblioteca

Riaperta l’isola verde di via dei Bassi: tanti eventi in arrivo Ivo Gagliardi

I

n città come in campagna, tra prati, alberi e animali. È stata riaperta da qualche settimana, grazie a un investimento di oltre 200mila euro, la Fattoria dei Ragazzi, l’isola verde di via dei Bassi che da anni costituisce un centro di didattica ambientale, con attività per le scuole, laboratori per ragazzi e adulti e l’impegno appassionato di anziani volontari. Insomma, una fattoria metropolitana per regalare ai bambini di città le emozioni della vita di campagna. Dopo un periooSicuro. it roOr do Cdiompchiusura per i lavori di ristrutturazione e di messa a norma dei locali, la oFattoria riparte con ro. . . uo una Qserie di i il t iniziative i! in programr e d i s n e n e ui v za p ma a ottobre Sen e nei mesi successivi. Dopo il laboratorio di origami (1° ottobre) e la vendemmia (2 ottobre), martedì 15 ottobre è in programma un pomeriggio all’insegna dell’assaggio dei fichi appena

Tel.O055.7331367 N E G R A T  e O ORO e

Uno dei sei capretti nati qualche tempo fa alla fattoria dei ragazzi

s e i o t s i P a i v e z n e Fir COMPR

Mail fattoria.ragazzi@comune.fi.it

contan w ww.o r o -

t e .i t

raccolti. Sabato 19 è prevista una serie di giochi per grandi e piccini ispirati alla tradizione contadina, venerdì 25 ottobre, alle 21, serata dedicata agli orti urbani, a cura di Slow Food. E ancora, sabato 26

ottobre una giornata per conosceH I S IN G FRAN C re da Rvicino E T E I Ngli alberi da frutto, mentre il 5 novembre si gioca con la matematica e il 15 novembre si terrà una degustazione di prodotti tipici toscani a cura di Slow Food.

Quest’estate

Porta il volantino in negozio O ENT

RG A e O R O PRO

e s e M tuo oro i o t s i e perCiOril avrai ia P v e z n e F la SuperValutazione di

. it roSicuro proO Com

ro. . . oo il tu i ri! d Qui ven ensie za p Sen

w ww.o r o -

c o n t a n t e .i

t

FRAN C RETE IN

H I S IN G

Porta il volantino in negozio

+2 €

e per il tuo oro avrai ,00 al g. la SuperValutazione di

+2,00 € al g.

rispetto alla nostra valutazione giornaliera standard

rispetto alla nostra valutazione giornaliera standard

U

n mese in biblioteca. Sono tante, anche a ottobre, le proposte della BiblioteCanova fra incontri, laboratori e cicli tematici. Per gli “Itinerari pratoliniani” (un viaggio nella Firenze dei quartieri a cura dell’Archivio del Movimento di Quartiere di Firenze. Letture a cura di Gianfranco Pedullà e con la partecipazione dei Nonni Leggendari) il 24 ottobre, alle 17, è in programma “La prima metà del Novecento. Le prime lotte operaie, il fascismo, il dopoguerra”. Tre appuntamenti (16, 23 e 30 ottobre, ore 17) con “Le boccacce del Boccaccio”, conversazioni in occasione dei 700 anni dalla nascita di Giovanni Boccaccio: la vita, le opere, letture e commenti di alcune famose novelle del Decamerone. Tre appuntamenti anche con la “Storia all’Opera”: conversazioni, letture e musica sul melodramma di Giuseppe Verdi. Dopo quello del 3 ottobre con la Traviata, il 10 ottobre (ore 21) sarà la volta de Il Trovatore, mentre il 17 ottobre, alla stessa ora, di Aida. Sempre in tema musicale, il 17 ottobre alle 17 spazio alle “Conversazioni Musicali”, guida all’ascolto delle opere in programma al Teatro del Maggio Musicale: “La serva padrona” di G.B. Pergolesi, “Il rapimento” di Lucrezia di Benjamin Britten e “Farnace” di Antonio Vivaldi. Tutti i martedì e i giovedì, alle 18, fino al 31 ottobre, è invece in programma l’introduzione all’Hatha Yoga nel prato antistante l’ingresso della biblioteca, mentre il 28 ottobre alle 17, per il ciclo “Parole di salute”, si terrà la presentazione del libro “Speriamo che sia vegan” (ed. Cibarius, 2012) di Gabriele Palloni, con Camilla Lattanzi (Controradio). Spazio poi ad “AgriKulturae: il mercato contadino in biblioteca”: animazioni, cultura e dibattiti fra produzioni di filiera corta ed economia solidale, con vendita di pane, pasta, olio, vino, verdure, conserve, miele, marmellate, formaggi della nostra terra e prodotti ecologici per la casa e per il corpo. L’appuntamento è sabato 12 ottobre dalle 9 fino al tardo pomeriggio. E ancora eventi, reading e presentazioni per tutto il mese, oltre a tante iniziative per i più piccoli: per il programma completo si può contattare la biblioteca di via Chiusi al numero 055.710834. Mail bibliotecanovaisolotto@comune.fi.it, sito http://bibliotecanovaisolotto.comune.fi.it.

 L’associazione

Mobilità gratuita, via al progetto S

i chiama “0-0 Italia onlus”, ed è un’associazione no-profit che opera nel sociale dal 2006 a Firenze, in collaborazione con le reti di solidarietà del territorio. “Ci occupiamo di aiutare coloro che soffrono cercando, per quanto possibile, di andare incontro alle loro necessità principali”, racconta Lara Arbo, tra i soci fondatori dell’associazione che sta per inaugurare un progetto di mobilità

ORO CONTANTE FIRENZE VIA PISTOIESE TI RICORDA

LE

5 REGOLE D’ORO

PER VENDERE AL MIGLIOR PREZZO SENZA RISCHI 1 2 3 4 5

Pesatura sempre in tua presenza Controlla le valutazioni medie nella tua zona Diffida di chi non registra i documenti e chiedi la ricevuta Affidati a professionisti Non accettare pagamenti in contanti oltre 1000€

Più informazioni su www.comproorosicuro.it

vieni a trovarci

Oro Contante FIRENZE via Pistoiese 136/P int.5 (500 mt. dal Viadotto dell’Indiano)

tel. 055.3438798 335.1235028 www.oro-contante.it/firenzeperetola

ORO CONTANTE FIRENZE VIA PISTOIESE TI RICORDA

vieni a trovarci

La festa che si è tenuta al Parco degli animali di Ugnano: tanti i quattrozampe che dal momento della sua apertura hanno trovato una casa, mentre altri sono ancora in cerca di una famiglia

gratuita grazie al supporto di una società privata. “A breve Europa Servizi ci consegnerà un primo veicolo attrezzato per il trasporto dei disabili per il quale si è già iniziato a reperire sponsor che, con il loro contributo finalizzato ad affittare spazi pubblicitari sul veicolo stesso, ci permetteranno di poter utilizzare il mezzo sostenendo solo i costi di consumo”, spiega Lara. “Inutile sottolineare che per noi si tratta di un’occasione importantissima per la quale ringraziamo innanzitutto la società e i Consigli di Quartiere 4 e 5, che ci hanno offerto la loro collaborazione, e in secondo luogo tutte le attività commerciali che aderiranno all’iniziativa”. L’obiettivo è riuscire a coprire il fabbisogno totale del servizio recuperando altri mezzi attraverso questo meccanismo. Attualmente l’associazione svolge la propria attività in particolare nei territori dei quartieri 4 e 5, in cui opera in prevalenza fornendo servizi di trasporto con veicoli attrezzati per persone diversamente abili, l’accompagnamento e la compagnia, il coinvolgimento in attività di socializzazione, la distribuzione di vestiario e generi alimentari, il sostegno scolastico. Per info e sostegni all’iniziativa si può contattare il numero verde 800.23.64.82 di Europa Servizi o direttamente l’associazione. Per maggiori info: www.0-0onlus.org. F.B.

 Animali

la festa dei cani in attesa di casa O

ltre 130 cani adottati, e tanti altri “ospiti” in attesa di una casa. Sono i numeri del “Parco degli animali”, la grande area di Ugnano che ospita il canile rifugio di Firenze. Qua, a fine settembre, si è tenuta una festa cui hanno partecipato tanti cittadini, soprattutto famiglie con bambini: in programma c’erano sfilate, dimostrazioni, visite guidate e visite agli stand di enti e associazioni che si interessano di cura e salvaguardia degli animali. Tra le tante iniziative della giornata, un momento di grande allegria è stata la sfilata dei cani ospiti della struttura, che oggi sono 46: “L’obiettivo principale della festa – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Caterina Biti – oltre che consolidare e rafforzare il rapporto fra la città e il Parco, è quello di far conoscere i nostri piccoli ospiti, perché possano rapidamente trovare sistemazione in una famiglia, come è già accaduto per oltre 130 cani dal giugno 2011 ad oggi”. Sono stati più di 130, infatti, gli ospiti del parco che dal momento della sua apertura allo scorso settembre hanno trovato una casa. “L’idea di fondo – ha detto l’assessore – è stata quella di creare un parco aperto al pubblico che ospitasse al suo interno la funzione di canile. Attorno a questa intuizione sono nati e cresciuti numerosi progetti che hanno rivitalizzato quest’area di proprietà comunale, che oggi ospita un orto biologico realizzato in collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario, un allevamento di gambusie (piccoli pesci che si nutrono di larve di zanzare), le bat box del progetto dell’università di Firenze per il ripopolamento dei pipistrelli e il progetto scuola, con le visite degli alunni delle elementari”.


Quartiere 4

#Cultura & dintorni

Isolotto . Legnaia . Soffiano

 Tempo libero

Ottobre 2013 | 7

 Focus

macché dormitorio, il quartiere si anima Da mostre a spettacoli: in programma sempre più iniziative per sfruttare spazi e potenzialità

un kantiere di idee per tutte le età

Sara Rossi

S

pesso conosciuto più che altro come quartiere “dormitorio”, il Q4 ha deciso di darsi da fare e iniziare a sfruttare al meglio le sue numerose potenzialità. Negli ultimi anni il rione si è impegnato arricchendo e riqualificando i grandi spazi di cui è dotato. Con l’inizio della bella stagione l’evento di “Isolottissima” ha animato le strade del quartiere, con negozi aperti e l’esposizione di oltre cento banchi che hanno attirato molti residenti del rione e non solo. Ma se si parla di Isolotto non si può non menzionare la BiblioteCanova che, oltre a essere ormai diventata un punto di ritrovo per gli studenti, grazie alle numerose iniziative che organizza quotidianamente, inclusi corsi di vario genere e presentazione di libri, è diventata anche il nuovo “centro culturale” del quartiere. Spostandosi di qualche chilometro, inserita nel contesto suggestivo e naturalistico di Villa Vogel c’è la Limonaia,

spazio espositivo utilizzato per mostre d’arte e spettacoli teatrali e di canto. Un’area ideale per dar voce agli artisti emergenti e che, spesso, ospita mostre di fotografia: a questo proposito, da segnalare la mostra “Isophoto”, in programma questo mese. Si è invece da poco conclusa l’esposizione dello scultore Raffaello Nardi, e qua è stata protagonista anche la pittura, con l’esposizione delle opere su tela dell’artista Sara Sommazzi Vannucci. Appassionata di paesaggi e ritratti dal sapore orientaleggiante, le sue opere di grande formato rimandano a mondi antichi e primordiali, ma dall’accento onirico. Non ci sono cornici, tutto è colore puro usato in tutte le possibili sfaccettature, conferendo alle opere un’intensa profondità e verità. Dai suoi avventurosi viaggi nel deserto da cui trae ispirazione ecco che riesce a riportare su tela la stessa magia che si prova ad assistere di persona a un tramonto fra le dune. Alla Limo-

U naia di Villa Strozzi è invece in arrivo la mostra ornitologica La Medicea, in programma dal 17 al 20 ottobre: una mostra dedicata alla specie del Canarino Fiorino. Non mancano, insomma, le iniziative in programma in un quartiere che cerca di valorizzare i suoi spazi e le sue attività, in un panorama variegato che non tralascia nulla, neppure eventi di carattere più popolare, che attirano da sempre grandi e piccini. Un esempio è la famosa “Castagnata”, in programma con l’arrivo della stagione autunnale.

Sede del Quartiere 4

La Limonaia di Villa Strozzi è uno degli spazi più “attivi” del Q4, un punto di riferimento per eventi e iniziative come la BiblioteCanova e la Limonaia di Villa Vogel

Villa Vogel, via delle Torri 23 tel. 055.2767132-2767150 fax. 055.2767123 e-mail: istituzionaleq4@comune.fi.it web: http://q4.comune.fi.it

Il fatto del mese

TORNA, RIMESSA A NUOVO, LA FATTORIA DEI RAGAZZI Il 19 settembre, con una cerimonia pubblica a cui ha partecipato anche il sindaco Renzi, è tornata in funzione la Fattoria dei Ragazzi, la struttura rurale di via dei Bassi che da anni costituisce uno dei più significativi centri italiani di didattica ambientale, con attività delle scuole, laboratori per ragazzi e adulti e l’impegno appassionato di anziani volontari. Dopo un periodo di chiusura dovuto alla effettuazione di lavori di ristrutturazione e di messa a norma dei locali, la Fattoria riparte al galoppo con una serie di iniziative che caratterizzeranno l’intero mese di ottobre. Si parte con un laboratorio di origami (1° ottobre) e con la vendemmia (2 ottobre, ore 9); segue, martedì 15 ottobre, un pomeriggio all’insegna dell’assaggio dei fichi appena maturati; sabato 19 è in programma una serie di giochi per grandi e piccini ispirati alla tradizione contadina; venerdì 25 ottobre, ore 21, serata dedicata agli orti urbani, a cura di Slow Food; sabato 26 ottobre, giornata per conoscere da vicino gli alberi da frutto; il 5 novembre si gioca con la matematica con geroglifici e terracotta; il 15 novembre, ore 21, degustazione dei prodotti tipici toscani, a cura di Slow Food (prenotazione 333.7014864 info@slowfoodfirenze.it).

Nel frattempo partono anche una serie di laboratori a cura di Cooperativa Altamira (‘conoscere la Fattoria’), Giardino di Archimede (‘giochi matematici’), Associazione Turismo e Ambiente (‘storie a merenda’). Senza contare ‘English in the farm’ (imparare l’inglese attraverso l’agricoltura) e un avvio al gioco degli scacchi. E così via fino alla fine dell’anno, con un cartellone articolato che vi aggiorneremo mese per mese… Per chiunque voglia saperne di più basta rivolgersi a: Fattoria dei Ragazzi, via dei Bassi 12, 055.7331367, fattoria.ragazzi@comune.fi.it

no spazio accogliente e originale, situato proprio davanti al cinema multisala di via del Cavallaccio che, come suggerisce il nome, è un vero e proprio “Kantiere” di idee. Con le sembianze di una piccola biblioteca, è un luogo dove vengono organizzati corsi di ogni genere, dalle lezioni di informatica a quelle rivolte a coloro che si vogliono sbizzarrire in cucina, davanti a una tela bianca o che preferiscono lanciarsi nelle danze. Insomma, un vero e proprio incubatore di creatività, adatto a tutte le età. S.R.

Passaggio a Sud-Ovest A cura del Quartiere 4

Notizie dal territorio

COSA SUCCEDE SOTTO CASA NOSTRA Mercato del libro scolastico usato Con la riapertura delle scuole si ripropone il problema del prezzo dei libri scolastici, spesso troppo elevato per le famiglie. Il Circolo Arci Isolotto organizza il mercatino dei libri usati per le scuole medie, inferiori e superiori. Il servizio resta attivo fino al 5 ottobre dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.alle 19 (chiuso il sabato pomeriggio). I libri, accettati solo se in buone condizioni e se abbastanza recenti, saranno messi in conto-vendita presso il circolo e venduti al 50% del prezzo di copertina. La famiglia che avrà venduto il proprio libro avrà il 40%. Al Circolo, per coprire le spese di gestione, spetterà il 10%. Dal 7 al 19 ottobre sarà possibile ritirare solo il ricavato dei libri (orario: lun-mer-ven. ore 16.30-19; mar-giov-sab. ore 10-12.30). Info: Circolo Arci Isolotto, via Maccari 104, 055.780070 Luigi Romoli compie 100 anni Lo scorso 8 settembre un nostro concittadino, Luigi Romoli, ha raggiunto il glorioso traguardo dei 100 anni di vita. Ha dedicato la sua esistenza alla famiglia e al lavoro nei campi, trasportando di persona per decenni i prodotti al mercato con l’ausilio del

calesse e talvolta anche del barroccio a mano. Nel dopoguerra ha contribuito a far nascere la Cassa Mutua Coltivatori Diretti di Firenze quando i contadini non avevano nessuna forma di protezione dalle malattie e dovevano pagarsi anche l’ospedale. E’ stato anche uno dei primi soci della Cooperativa di Legnaia, incrociando così un’altra significativa realtà con profonde radici nel nostro quartiere. La Camera di Commercio per l’Agricoltura gli ha conferito nel 1978 Diploma e Medaglia d’oro per la fedeltà al lavoro. A Luigi i più calorosi auguri dal Consiglio di Quartiere 4. Torna pulita la Pescaia di Santa Rosa La Pescaia di Santa Rosa si presenta ora pulita e pienamente godibile per i cittadini grazie all’azione congiunta dell’amministrazione insieme agli Amici della Pescaia e a Quadrifoglio. Un sopralluogo effettuato sul posto ha permesso di constatare l’utilità dei cartelli sistemati nella zona dagli Amici della Pescaia, così come si è rivelata decisiva la collocazione di grosse ceste per i rifiuti che dissuadono dal gettare l’immondizia per terra, come avveniva fino a qualche tempo fa.

Brevi cultura

CORSI E EVENTI

Le proposte del Kantiere Presso il Kantiere, il centro culturale polivalente del Quartiere 4, sono in partenza i seguenti corsi: informatica per adulti e anziani; word ed excel (base ed avanzato); creazione di siti web; slim dance; ballo latino americano; danza orientale; pilates; lingue (inglese, spagnolo, tedesco e francese, vari livelli); italiano per stranieri; bigiotteria; taglio e cucito (classico e creativo); illustrazione; lavorazione del vetro artistico; acquerello steineriano; pittura; fumetto (per

LUTTO adulti e bambini); cucina vegetariana; chitarra; canto; pianoforte; uso di macchina fotografica o telecamera digitale; laboratorio teatrale espressivo; legatoria per bambini e adulti; musica per bambini; hip hop junior. Il Kantiere, via del Cavallaccio 1/q. Per conoscere la data di partenza e gli orari chiama dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 20 lo 0557331270 segreteria@kantierefirenze.it

Teatro Florida, parte la nuova stagione Il cartellone di quest’anno si apre con A.H., diretto da Antonio Latella e interpretato da Francesco Manetti. Lo spettacolo, in scena venerdì 25 e sabato 26 ottobre, ore 21,15, parte dalla figura di Adolf Hiltler per spostare l’attenzione da una delle maschere dell’orrore umano novecentesco a una riflessione intima e originale sul tema del Male. Teatro Florida, via Pisana 111/r, 055.7135357

Il Consiglio di Quartiere 4 è vicino a Giuliano Borsieri, ex-presidente della società sportiva ‘Isolotto calcio a 5’,  per la scomparsa della moglie Loretta.


8 | Ottobre 2013

#Primo piano

 L’inchiesta.1

a spasso nella città del futuro

Viaggio nella Firenze “possibile” del 2023. Tra ipotesi e incognite Gianni Carpini

I

l viaggio nella città del futuro, quella che potrebbe essere Firenze tra un decennio, inizia con una premessa: se tutto fila liscio. Una frase che riassume un fiume di ipotesi: se i grandi progetti non si areneranno tra carte bollate e inchieste della magistratura (vedi le vicende del sottoattraversamento Tav), se i cantieri non affogheranno nelle sabbie mobili della burocrazia e soprattutto se la tanto attesa ripresa economica ci metterà lo zampino (tradotto: ci vogliono tanti soldi, forse troppi in momenti di recessione). Detto questo, in dieci anni Firenze si gioca il ruolo di grande realtà urbana italiana e, perché no, di piccola metropoli

europea. Innanzitutto sui trasporti. Se il capitolo tramvia si sbloccasse, i fiorentini del 2023 potrebbero spostarsi in tram da una parte all’altra della città, dimenticando (almeno in parte) gli ingorghi. Oltre che con Scandicci, la stazione di Santa Maria Novella sarebbe collegata direttamente con l’aeroporto (T2) e Careggi (T3), senza parlare delle altre linee messe in ponte: la 4 Leopolda-Piagge e le varianti per Rovezzano e Firenze sud. Quindi nel 2023 a Peretola si andrà in tram, viaggiando probabilmente verso un hub regionale integrato con Pisa e non verso un piccolo scalo nazionale. Qui entra in gioco la pista parallela-convergente,

vera condizione per il potenziamento dell’aeroporto fiorentino. Dal cielo alla terra: lasciati i binari di superficie ai convogli regionali, tra due lustri nel sottosuolo fiorentino sfrecceranno i treni dell’alta velocità, talpa Monna Lisa e proteste dei comitati permettendo. Il cuore di tutto il sistema sarà la “vela”, ossia l’avveniristica stazione Foster negli ex Macelli: tre piani

378.410

popolazione 2013

coperti da una grande vetrata, che lascerà filtrare la luce fino al livello dei binari, 25 metri sotto la superficie stradale. L’altro tassello è il parco dalle Cascine, allo stesso tempo polmone verde e “orecchio” della città. Da una parte i prati, il centro visite alle ex scuderie, lo spazio culturale nella palazzina dell’Indiano e la nuova passerella per l’Argingrosso; dall’altra piazza Vittorio Veneto con un parcheggio sotterraneo, due ristoranti al posto delle vecchie discoteche e il pezzo forte: il nuovo Teatro dell’Opera con la torre scenica, che permetterà di programmare più opere in contemporanea. Se la città avrà un teatro che si rispetti, presumibilmente gli Uffizi avranno la loro tettoia, bella o brutta a se-

conda dei gusti. Bistrattata da più parti, la pensilina progettata da Arata Isozaki per i Nuovi Uffizi non è mai uscita del tutto dal progetto. E se la cultura non vi affascina, nel 2023 i tifosi viola potrebbero avere uno stadio davvero da Champions: che sia un Franchi “ritoccato” o una cittadella viola nuova di pacca, solo il tempo ce lo potrà dire.

In alto e a sinistra il progetto dell’avveniristica stazione Foster agli ex Macelli: previsti tre piani coperti da una grande vetrata. Qua sotto la pensilina pensata da Arata Isozaki per gli Uffizi

398.754 popolazione 2025

(Fonte: previsioni demografiche dell'ufficio comunale di statistica)

 Parla l’architetto

jaff: “puntare sul riuso degli spazi dismessi” R

Un decennio decisivo sotto diversi aspetti: dai trasporti allo stadio e alle grandi opere. Con molti “se”

ecuperare i grandi edifici in disuso e riscoprire le sponde dell’Arno, che deve tornare a essere una priorità: Alessandro Jaff, da luglio presidente dell’Ordine provinciale degli architetti di Firenze, parla della città di domani. Qual è il futuro urbanistico di Firenze? Non possiamo più pensare a una politica urbanistica di tipo estensivo che si sviluppa in una o più zone della città, consumando territorio vergine. Il futuro sta in una completa maturazione verso la città post-moderna: dobbiamo puntare sul riuso dei contenitori dismessi, come le ex caserme o i complessi industriali abbandonati. Cosa ne pensa del nuovo stadio? Come Ordine siamo più favorevoli a un adeguamento e a una riqualificazione dello stadio Franchi, nel rispetto dei

suoi valori storico-architettonici, piuttosto che alla trasformazione dell’area Mercafir. Il modello di stadio proposto per Novoli disegna spazi che difficilmente si integrano con la vita del quartiere. Spostiamoci invece sul fiume. Tra i tanti temi c’è il recupero dell’asse dell’Arno, che attraversa Firenze da un parte all’altra e che oggi viene sfruttato solo per piccole porzioni isolate. Riscoprire non vuol dire cementificare, ma significa immaginare un uso e una funzione compatibili con la natura di questi luoghi e con le problematiche legate al rischio idraulico. Bastano cose semplici, l’abbiamo visto nel piccolo con quello che è successo sulla spiaggetta sotto piazza Poggi. G.C.

Alessandro Jaff, il nuovo presidente dell’Ordine provinciale degli architetti di Firenze


#Primo piano

Ottobre 2013 | 9

 L’inchiesta.2

realtà o fantasia? il capoluogo che (non) sarà Ecco quello che potrebbe accadere se tutti i progetti lanciati negli anni arrivassero un giorno a vedere la luce Luca Squarcialupi

A

l mattino una gita sulle scale mobili fino al Forte Belvedere. Il pomeriggio invece è a tutta cultura, davanti alla bianca facciata di San Lorenzo (bianca? Sì, lo scoprirete più avanti). E la sera, per concludere in bellezza, un concerto “galleggiante”, con cantanti e band che si esibiscono sopra a un palco-zattera davanti a lungarno Colombo. Fantascienza? Forse, ma a leggere i giornali (di oggi e di ieri) potrebbe essere questa la giornata-tipo di un fiorentino tra qualche anno. Dalle colonne dei quotidiani

sono passati tanti progetti, alcuni verosimili, altri forse meno: progetti che, se fossero stati (o se verranno) realizzati, sono destinati a cambiare il volto della città. In un futuro anche abbastanza prossimo. In alcuni casi sono naufragati dopo poco (ad esempio il progetto per l’auditorium subacqueo della Fortezza, vedi il box qua sotto), in altri hanno acceso gli animi per poi finire nel cassetto. Ne è un esempio la proposta di rendere meno “nuda” la facciata di San Lorenzo. Il volto della chiesa più antica di Firenze è rimasto incompiuto per secoli: nel

 Fortezza

Stop all’auditorium “subacqueo” U n progetto naufragato in una vasca. Il piano di Regione, Provincia e Comune per il recupero della Fortezza da Basso prevedeva un’opera suggestiva: un auditorium da quattromila posti ricavato sotto la fontana dei cigni. Un padiglione denominato “del lago”, con un tetto trasparente che avrebbe dato sul vascone. L’ipotesi progettuale, però, è stata prima bocciata dalla Soprintendenza e poi cancellata dalla variante urbanistica. Niente più sala con vista subacquea, dunque: il nuovo auditorium nascerà in un edificio su due piani, di cui uno interrato, nella zona in cui si trova l’Opificio delle pietre dure. G.C.

Un rendering di come avrebbe potuto essere l’auditorium sotto la fontana della Fortezza da Basso

Cinquecento Michelangelo vinse quello che oggi chiameremmo un concorso internazionale di idee per ridisegnare la facciata della chiesa ma – per colpa dei pochi soldi e di problemi più “politici” – non portò a termine l’impresa. Così, nel 2011, quasi cinque secoli dopo, il sindaco Renzi ha ritirato fuori il progetto durante un consiglio comunale, ipotizzando un sondaggio tra i cittadini. La facciata alla maniera michelangiolesca, per la cronaca, sarebbe in marmo, del tutto simile ai palazzi signorili del Rinascimento. Ma sono state anche tante altre, nel tempo, le idee del sindaco. Una di queste è finita nel dimenticatoio: nel 2007 il “rottamatore”, che ancora non si definiva tale e sedeva sulla poltrona di presidente della Provincia, propose di installare all’altezza di lungarno Colombo una piattaforma galleggiante sul fiume per ospitare concerti e spettacoli teatrali, con le sponde dell’Arno che si sarebbero trasformate in “tribune” per il pubblico. Poi, però, dei concerti a pelo d’acqua si sono perse le tracce. Non è invece tramontata, anzi è di stretta attualità, l’ipotesi di una tramvia sotterranea, con tanto di fermata sotto piazza della Repubblica (vedi box qua a destra). Altra idea tornata alla luce di recente è quella del “Forte-express”: un collegamento comodo, via scale mobili, da San Niccolò fino alla fortezza panoramica. È stato Eugenio Giani, in occasione della riapertura del Forte Belvedere la scorsa estate, a riproporre il suo cavallo di battaglia, lanciato già quando era assessore della giunta Domenici.

Una veduta di Firenze: sono stati tanti, negli anni, i progetti lanciati per la città e (ancora?) non realizzati. Progetti che, se fossero portati a compimento, cambierebbero il volto del capoluogo

 L’idea

la tramvia finisce sottoterra? N

ell’esercito delle idee futuribili, questa bussa insistentemente al portone di Palazzo Vecchio. È tornata alla ribalta durante una recente riunione della giunta comunale, al centro della quale sono finiti i piani in vista della fine del mandato. L’ipotesi è quella di interrare la tramvia, almeno nel tratto del centro storico, per rendere possibile la creazione della linea due in formato “maxi”. Il percorso originario (piazza dell’Unità-aeroporto) verrebbe implementato con l’aggiunta di un braccio in direzione sud. Sirio correrebbe così tre chilometri sottoterra. Il tram scenderebbe giù a partire dalla stazione Foster della Tav e salterebbe fuori in lungarno della Zecca Vecchia. In un futuro non molto prossimo potrebbe poi proseguire verso Bagno a Ripoli. Sul progetto pesano però i costi necessari alla realizzazione di questo sogno metropolitano. G.C.

1212496

Specialità dolci e salate artigianali ideali per i pasti quotidiani o per arricchire di fantasia

le tue cene con gli amici

iL Forno è DiStriButorE EScLuSiVo DEL ProDotto Farina DiEtEtica orario continuato 06:30 - 18:00 Viale E.Duse, 13/A - Firenze Tel. 055 602701

DETRAZIONE FISCALE AL 50 % IVA AGEVOLATA AL 10%

OFFERTA RISTRUTTURAZIONE BAGNO COMPLETO da 6.400 5.800 iva esclusa

a partire da

a partire da completa 480/mq

climatizzazione riscaldamento

400 ad attacco

BaGno a partire da anticrisi

riparazione

a soli 25/h

ristrutturazione

5.200

in Genere

senza diritto di chiamata PREZZI IVA ESCLUSA

Show-room in Via Lungo L’Affrico 102/a Firenze Tel. 055 660793 fax 055 6529450 Cell. 389 4376537 info@arredailbagno.it - www.arredailbagnofirenze.com


10 | Ottobre 2013

#Il punto

 La “rivoluzione” degli scaffali

librerie, in città si apre un nuovo capitolo

Dopo tanti bandoni abbassati, sono ora in arrivo new entry e piani che ridisegneranno la mappa di queste attività Serena Wiedenstritt

U

n autunno (e una primavera) di novità a Firenze. Dopo tante chiusure, ecco in arrivo nuove librerie e nuovi progetti. A dominare un po’ ovunque è il connubio libri-cibo. Sbarca infatti in città Eataly, del patron Farinetti, negli spazi dell’ex Marzocco, poi diventata libreria Martelli. Dopo le aperture di Torino, Roma e altri piccoli satelliti, a due passi dal Duomo approda un tempio del mangiar bene secondo Slowfood. I lavori procedono a ritmo serrato e l’apertura è prevista per fine novembre. Importanti cambiamenti in arrivo – ma per

Un autunno di novità: a dominare quasi ovunque è il connubio con il cibo

 Focus questi sarà necessario attendere la primavera 2014 – anche in casa Feltrinelli. Già presente in città con la libreria di via dei Cerretani e la Feltrinelli International di via Cavour, sono in arrivo altri due punti vendita: uno all’interno della stazione, pensato soprattutto per un pubblico di stranieri, turisti e persone di passaggio in generale, e uno che nascerà sulle ceneri dell’ex Edison. Nel palazzo di piazza della Repubblica sorgerà un Feltrinelli Red, la formula pensata per unire cultura e ristorazione di qualità, già sperimentata a Roma. E poi ci sono altri grandi progetti. L’idea di Mario Curia, amministratore delegato della Mandragora. è quella di riportare in centro i fiorentini. La sua attuazione si è concretizzata dall’estate nella Piazza dei Libri, che ha svoltato i mesi più caldi dell’anno di tanti fiorentini rimasti in città con le proposte di eventi e letture sotto il tendone di piazza della Repubblica. Tendone prorogato per il momento fino a fine ottobre. Per il futuro, una volta sfumata l’idea di “salvare la Edison”, Curia sta lavorando alla ricerca dello spazio adatto per dar vita a una piazza dei

 Curiosità

quegli angoli di londra e parigi

L

eggere Shakespeare in inglese e Proust in francese? A Firenze si può, grazie a due librerie storiche e, fortunatamente, ancora molto frequentate. La prima, dal significativo nome Paperback Exchange, si trova in via delle Oche, forse un po’ nascosta ma in linea d’aria proprio dietro al Duomo, e ci si possono trovare volumi classici, moderni, libri per bambini ed editoria specializzata. Non solo, grazie a un vasto assortimento di libri di seconda mano è facile riuscire a portarsi via un’edizione economica senza spendere più di dieci euro. È la meta di molti anglofoni che vivono a Firenze e di tanti che vogliono esercitare la loro conoscenza dell’inglese nel tempo libero leggendo in lingua originale. Aperta nel 1979 da una famiglia inglese, ancora oggi è più facile sentirsi rivolgere la parola in inglese che in italiano e anche questo fa parte del suo fascino. Per i francofoni, o anche in questo caso per chi ama leggere in francese, invece, la scelta non può che cadere sulla Librairie Française de Florence, al piano terreno di Palazzo Lenzi in piazza Ognissanti, attiva in città da oltre trent’anni. Situata proprio sotto l’Institut Français, teatro di mille iniziative lungo tutto l’arco dell’anno, la libreria propone tantissimi titoli, fra quelli più attuali e i classici intramontabili. Nata con l’obiettivo di “coniugare l’atmosfera di una libreria parigina con le esigenze di una clientela variegata e in continua evoluzione”, da qualche anno pubblica sul web il suo catalogo, in modo da poter essere sempre aggiornati, anche a distanza, sui titoli disponibili. S.W.

antiche o meno, ma tutte amate: storia di quelle che hanno chiuso

U

libri “stabile”, con un occhio particolare alla ristorazione e un approccio di stile alla progettazione degli ambienti, grazie alla partecipazione di un architetto. La forma, infatti, sarà importante quanto il contenuto, considerato che Curia pensa a “un luogo aperto, di scambio, dove trovare sì i libri, ma anche il confronto, la compagnia delle persone e di un buon cibo o di un buon bicchiere a un giusto prezzo”. “La nostra sarà una proposta

all day long – continua Curia – pensata per durare dalla colazione al bicchiere della staffa. Al momento come casa editrice Mandragora siamo relegati a un pubblico di turisti, di passaggio, di coloro che ci conoscono grazie ai bookshop dei musei più importanti. La mia aspirazione è quella di farci conoscere dai fiorentini”. E il luogo al momento più accreditato sembra essere l’ex Supercinema di via dei Cimatori.

Nella foto qua sopra il rendering della piazza dei libri “stabile” immaginata da Mario Curia: l’idea è creare “un luogo aperto, di scambio, dove trovare sì i libri, ma anche il confronto”. In basso l’insegna della Edison in piazza della Repubblica

na dopo l’altra, negli ultimi anni, con un’impennata nei mesi più recenti, Firenze ha perso alcune delle sue librerie, alcune storiche, altre più giovani, tutte baluardi di una città della cultura che sta perdendo parte della sua identità. A parte il caso Edison, la cui chiusura ha occupato pagine su pagine della cronaca fiorentina, altri negozi hanno tirato giù il bandone per sempre: in primavera hanno chiuso la libreria Chiari di via dei Servi, nata nel dicembre 2009 e molto amata per l’abbinamento di grandi sconti e titoli di nicchia, e dopo 16 anni di attività la Libreria del Cinema di via Guelfa. Attività terminata, nello stesso periodo, per la libreria Il Parterre di viale Don Minzoni, anche se in questo caso si tratterebbe solo di una scelta dovuta a motivi personali della gestione del negozio (completamente rinnovato nel 2010) che ora è in attesa di un nuovo gestore, mentre l’anno precedente era toccato alla celeberrima Libreria del Porcellino. Il passaggio da quella che era stata fondata nel 1939 come Casa del Libro, poi ribattezzata Libreria del Porcellino dopo la fine della seconda guerra mondiale, a una catena di gelaterie è stato forse emblematico. Costi degli affitti sempre più alti e ricavi in caduta libera sono indicati come causa delle chiusure, salutate con la richiesta di nuovi interventi per salvare la Firenze letteraria e accompagnate dal bilancio dei nuovi disoccupati. E se neanche la Fnac dei Gigli a Campi Bisenzio ha retto più di due anni, nonostante l’abbinata “vecchi libri” e vendita di elettronica, i bibliofili fiorentini hanno forse davvero ragione di iniziare a preoccuparsi. S.W.


#Il punto

Ottobre 2013 | 11

 La vicenda

 Via Reginaldo Giuliani

la solidarietà nata dal dolore

un tetto per le famiglie dei bimbi malati

T

anta solidarietà dopo tanto dolore. È la storia della Fondazione Bacciotti, creata dai genitori di Tommasino, Barbara e Paolo, dopo la tragedia vissuta in prima persona. La peggiore delle tragedie che possano capitare a un babbo e a una mamma: la morte del proprio figlio. Tommasino è stato portato via da una rara forma di tumore cerebrale particolarmente aggressiva, il pinealoblastoma, che si è manifestata quando il piccolo aveva appena 9 mesi. Hanno lottato, lui e la sua famiglia, ma non ce l’hanno fatta: il 19 dicembre 1999 Tommasino si è arreso alla sua malattia. Da allora Barbara e Paolo hanno deciso di creare un fondo permanente intitolato al loro figlio e dedicato allo studio, alla cura, all’assistenza e all’informazione su questi tumori. I tumori cerebrali infantili, i più crudeli. E sono stati tantissimi, negli anni, i progetti realizzati, le iniziative organizzate, i risultati raggiunti. Attività che hanno aiutato molti bambini e le loro famiglie. E che non si fermano qui, anzi. Perché il cammino della Fondazione prosegue, con sempre più impegno. Per Tommasino, e per tutti gli altri piccoli che hanno bisogno d’aiuto. I.G.

Da poco inaugurata l’ultima struttura del progetto “Casa accoglienza” della Fondazione Bacciotti Ivo Gagliardi

M

olto più di un semplice hotel. Perché per le famiglie che arrivano a Firenze per far curare i loro bambini al Meyer non c’è niente di meglio che trovare una casa ad attenderle. Una casa vera e propria, la “loro” casa, o quasi. Ed è esattamente quello che troveranno (anche) in via Reginaldo Giuliani, dove a fine settembre sono stati inaugurati tre bilocali destinati proprio ai genitori che vengono in città per curare i propri figli. Si tratta della nuova struttura del progetto “Casa accoglienza” della Fondazione Tommasino Bacciotti: i tre appartamenti (uno al piano terra e due al primo piano) sono dotati di tutti i comfort, possono ospitare fino a cinque persone e sono attrezzati anche per dare alloggio ai disabili. Prima di passare alla loro “nuova vita”, questi appartamenti sono stati stati completamente ristrutturati. Come? Con i soldi ricavati

Tanta gente il giorno dell’inaugurazione della nuova struttura del progetto “Casa accoglienza” della Fondazione Tommasino Bacciotti in via Reginaldo Giuliani

 Web 

tommasino.org Mail info@tommasino.org

dalla vendita del camper utilizzato da Renzi per le primarie dello scorso anno. “Sono felice – ha commentato il sindaco – che i soldi ricavati dalla vendita del camper siano serviti per ristrutturare questi appartamenti”. I proventi dell’acquisto del camper da parte di StartupItalia! sono stati infatti destinati alla Fondazione Bacciotti, il cui obiettivo è quello di raccogliere fondi da devolvere per attività di studio, assistenza e informazione sui tumori cerebrali infantili. “Grazie all’accordo con la Misericordia di Rifredi e la parrocchia di Castello – ha detto Paolo Bacciotti – siamo arrivati a tredici appartamenti che possono ospitare fino a 56 persone ogni giorno: ciò significa ventimila notti gratuite in un anno che vogliono dire risparmi per pernottamenti di oltre 500mila euro per le famiglie, rispetto a un pernottamento in albergo economico”. Nella struttura, che in via prioritaria sarà

destinata ai pazienti neuroncologici, c’è anche una ludoteca per le famiglie ospitate. Perché tutti, grandi o piccini, possano sentirsi veramente a casa.

AMBULATORI DELLA MISERICORDIA DI FIRENZE TEL. 848 81.22.21 • www.misericordia.firenze.it PRENDETEVI CURA DEL VOSTRO SORRISO Da oltre 30 anni ottobre è il mese della prevenzione dentale. Un’occasione importante per valutare lo stato di salute dei vostri denti e ricevere consigli, informazioni e risposte ai dubbi riguardanti la vostra bocca e le regole per una buona igiene dentale quotidiana. A fronte di una grande disponibilità di strumenti efficaci, spesso, non ne corrisponde l’adeguato utilizzo e il giusto ricambio. Si tratta dell’unico programma di prevenzione odontoiatrica, attivo sull’intero territorio nazionale, che permette a tutti i cittadini di effettuare gratuitamente una visita di controllo annuale. Il modo migliore per conservare un sorriso sano e bello è proprio la prevenzione, a cominciare dai bambini. Una regolare visita di controllo è indispensabile non solo per curare i disturbi del cavo orale ma, soprattutto, per evitare che insorgano complicanze più importanti che possono anche compromettere la salute più in generale. Il controllo annuale consente di intercettare i sintomi in modo da intervenire con cure minime. Il trascurare una carie o una gengiva infiammata porta invece a peggiorare la situazione e rendere necessario, nel tempo, interventi più importanti e quindi costosi. Anche gli Ambulatori della Misericordia di Firenze aderiscono a questa importante iniziativa con i Presidi di vicolo Adimari e via del Sansovino. Qui potrete sostenere, gratuitamente, una visita odontoiatrica che potrà essere prenotata tramite call center al numero unico 848-812221 oppure direttamente alle accettazioni dei presidi. Per controllare gli orari delle visite odontoiatriche consultate il sito www.misericordia.firenze.it. Prevenire è meglio che curare ma, soprattutto, un sorriso sano e bello, capace di emozionare e catturare l’attenzione va curato fin dai primi anni di vita.


12 | Ottobre 2013

#Focus

 Sicurezza

arno, lavori in corso dopo gli allarmi del 2012

Il fiume torna “osservato speciale”. Interventi anche sul torrente Mugnone Serena Wiedenstritt

È

autunno, e con la fine della bella stagione torna attuale la questione Arno. Il fiume, che d’estate si fa spiaggia e ospita sulle sue sponde attività di vario genere, diventa nuovamente “sorvegliato speciale”. Dopo gli allarmi dello scorso anno, però, sono in corso di attuazione diversi interventi di sicurezza idraulica che fanno ben sperare: “I progetti più significativi – spiegano dall’assessorato all’Ambiente e Difesa del suolo della Provincia di Firenze – rientrano nella realizzazione del sistema di casse di espansione in attuazione del Piano stralcio rischio idraulico. In particolare, per ciò che riguarda il territorio della nostra provincia, i principali interventi in corso sono rappresentati dalla cassa di Figline, opera fondamentale per la messa in sicurezza da eventi come quello del 1966 per la città di Firenze, e dalla cassa dei Renai di Signa, necessaria per la messa in sicurezza dell’intera piana fiorentina”. Per quest’ultima, dopo un lungo periodo di stallo, si stima un costo dei lavori di circa 9 milioni. Attualmente si sta lavorando al completamento del progetto definitivo, per la cui esecuzione verrà fatta una gara. Quanto ai tempi, il prossimo anno dovrebbe essere impiegato per le operazioni di gara e contratto e i lavori, della durata prevista di due anni e mezzo, dovrebbero partire a fine

2014. Tempi più corti, invece, per la cassa di espansione di Figline e quindi per la sicurezza della città: per il primo lotto sono in corso di svolgimento i lavori, mentre per quanto riguarda il secondo è attualmente in corso di redazione il progetto definitivo. Se questo è il futuro, nei mesi scorsi l’attenzione e le risorse dell’amministrazione provinciale si sono concentrate sulla messa in sicurezza di San Mauro a Signa, con due interventi sul Bisenzio, e sul torrente Mugnone. Dopo gli allarmi del novembre 2012 è già stato sostituito il vecchio ponte del Barco, riducendo così in maniera drastica il rischio di esondazioni in quella zona, mentre entro la fine del 2014 dovrebbero terminare i lavori idraulici sul corso d’acqua. Infine, sulle polemiche relative alle questioni Canottieri e Rari Nantes, l’amministrazione provinciale dichiara che “si sta completando un percorso di riqualificazione dei tratti cittadini di riva destra e riva sinistra d’Arno, che hanno visto nei decenni accumularsi manufatti talvolta non compatibili con la normativa riguardante la sicurezza idraulica, con l’obiettivo di restituire alla città tratti di sponde talvolta oggetto di una ‘privatizzazione strisciante’, ma soprattutto di garantire il corretto deflusso nonché la sicurezza e l’accessibilità delle sponde in quanto difese idrauliche”. La partita, insomma, è ancora aperta.

Un tratto dell’Arno: i riflettori tornano ad accendersi sul fiume fiorentino in vista dell’arrivo delle piogge. L’obiettivo è quello di aumentare la sua sicurezza

 Il progetto

 Meteo

se le sponde diventano classi

un occhio al cielo: “questo autunno sono attese piogge sopra la media”

A

ndare a scuola di Arno e sull’Arno, avvicinandosi al fiume in senso lato e in senso stretto già fin dalle prime esperienze scolastiche, in modo da diventare cittadini consapevoli del valore e delle caratteristiche del fiume, ma soprattutto dei comportamenti corretti da tenere per viverlo in tutta sicurezza. Accade a Firenze, dove sono ripartite, con l’anno scolastico 2013-2014, le attività didattiche del progetto “Arno, un fiume per amico”, promosso dall’Autorità di Bacino del fiume Arno in collaborazione con l’assessorato alla Pubblica Istruzione. Giunto alla terza edizione, il progetto si articola come un percorso per conoscere e approfondire gli aspetti ambientali e le azioni necessarie per rendere più sicuro e vivibile il fiume e il suo territorio. Comprende diversi incontri di didattica frontale, sempre organizzati in forma di gioco per stimolare la curiosità e suscitare l’attenzione dei più piccoli, oltre ad attività di laboratorio e uscite sul fiume. Per sviluppare il progetto, nelle scorse edizioni i ragazzi hanno anche raccolto interviste in famiglia, sia sul tema dell’alluvione del 1966 che su quello della vita col fiume e sul fiume, mentre i più piccoli hanno tradotto in disegni le storie ascoltate dai nonni e dipinto le specie di pesci e volatili che popolano il corso d’acqua. Dal 2010 ad oggi hanno già preso parte alle attività 110 classi e più di 2.300 alunni, e solo nell’ultimo anno scolastico 2012-2013 hanno partecipato all’iniziativa ventuno scuole, per un totale di 34 classi.

P

Tra i progetti che riguardano il corso d’acqua, è tornato anche quest’anno “Arno, un fiume per amico”, rivolto agli alunni delle scuole

S.W.



Web adbarno.it

er la sicurezza dei fiumi e non solo molto dipenderà ovviamente anche da quello che il tempo ci riserverà questo autunno, e da quello che è successo in estate. Per Gianni Messeri, meteorologo del Lamma, “al momento ci attendiamo un autunno con precipitazioni leggermente sopra la media, per merito soprattutto del mese di ottobre”. Ombrello a portata di mano, quindi, anche se dovrebbe andare meglio dello scorso autunno, definito dal Lamma come una “stagione segnalata per piogge molto abbondanti e decisamente sopra la media”. Per quanto riguarda l’estate appena finita, dal Lamma fanno sapere che le precipitazioni sono state sotto la media di circa il 30% su tutto il territorio nazionale, Toscana compresa. S.W.

Per la tua pubblicità su il Reporter chiama il numero 055 6585939 oppure invia una mail a info@edizionibunker.it


#Focus

Ottobre 2013 | 13

 L’evento

 Il campione

“Un’altra mobilità è possibile”: il Mondiale cambierà firenze?

Bartali, una medaglia da appendere all’anima

L’esame iridato è stato superato a pieni voti. Renzi lancia la sfida: “Se anche solo un fiorentino su dieci mollasse l’auto la città svolterebbe” grandi campioni onori e tributi non sono mancati. Guidata dal ct Paolo Bettini, la nazionale al gran completo ha fatto visita ad Alfredo Martini nella sua abitazione di Sesto Fiorentino alla vigilia delle gare, per raccogliere consigli e un “in bocca al lupo” speciale da una colonna delle due ruote. A ricordare le vittorie del “Ballero”, scomparso tragicamente nel 2010 durante una gara di rally, e quelle di “Ginettaccio”, da oggi ci penseranno invece due statue, scoperte in occasione delle corse iridate. Quella per Ballerini, in particolare, è stata collocata proprio di fronte al Mandela Forum, a pochi metri dal traguardo delle dodici gare del Mondiale, a strizzare l’occhio ai campioni all’arrivo in volata.

Natalia Binagli

A

ltro che disastro, è stata una festa. E se il titolo iridato alla fine l’ha vinto il portoghese Rui Costa, una medaglia speciale va alla città di Firenze per come ha accolto il mondiale di ciclismo. Poche auto in giro, strade insolitamente sgombre, piste ciclabili riscoperte dai biker urbani per una settimana intera. Qualche polemica, specie dai commercianti della “zona rossa” di Campo di Marte e delle Cure, che si sono sentiti penalizzati dalle transenne del circuito di gara e che hanno stimato perdite fino al 50%, compensata però dagli alberghi al completo. Alla fine il clima di festa ha prevalso. E l’unica cosa che ha rischiato di rovinare tutto è stata la pioggia battente dell’ultimo giorno: partiti in più di duecento, solo cinquanta corridori hanno tagliato il traguardo, decimati da cadute sull’asfalto bagnato che non hanno risparmiato nemmeno il favorito azzurro Vincenzo Nibali, alla fine fuori dal podio per un soffio, in quarta posizione. “Hanno vinto i fiorentini perché hanno dimostrato che se vogliono possono vivere meglio la città”, ha esultato il sindaco Matteo Renzi, che si è detto “orgoglioso di essere il sindaco di una città che non ha paura del futuro”. TRAFFICO Chi si aspettava che la città negli otto giorni del mondiale, dal 22 al 29 settembre, impazzisse tra ingorghi, file chilometriche e deviazioni stellari, è rimasto deluso. Rimarranno nella storia i cartelli stradali “tarocchi” con indicazioni esilaranti e agghiaccianti come, ad esempio, “per Gavinana 900 km” o “per Campo di Marte passare dalla Luna”, coniati dai tanti cittadini che con un po’ di preoccupazione e molta ironia si sono ritrovati nel gruppo Facebook “Vittime dei Mondiali di ciclismo a Firenze”. Ma alla fine tutto è filato liscio. Qualche disagio per il traffico nei giorni caldi delle corse, ma nel complesso si può dire che l’esame iridato sia stato superato a pieni voti. “Doveva essere un disastro, invece è stata una festa – è stato il commento di Renzi

270 – abbiamo registrato una diminuzione del traffico in città del 16 per cento”. Se i provvedimenti di viabilità hanno funzionato, il merito è stato anche dei fiorentini che, nonostante i “brontolii”, si sono adeguati. E per una settimana hanno lasciato l’auto in garage preferendole bici, mezzi pubblici o lunghe scarpinate a piedi, anche a costo di qualche sacrificio. Così, dopo la corsa mondiale, sono in tanti a sperare che la città ora si impegni per far diventare la mobilità sostenibile indotta dalla competizione sportiva una buona abitudine, anziché archiviarla alla voce “bel ricordo”. “Voglio dire grazie a Firenze che ha risposto con grande entusiasmo all’appuntamento e ha guadagnato non solo visibilità internazionale ma anche vivibilità, dimostrando che una mobilità alternativa è possibile”, ha detto Renzi, che poi ha lanciato la sfida: “Se riuscissimo a convincere anche solo un fiorentino su dieci, tra quelli che usano la macchina, a mollare l’auto, la città svolterebbe”. NUMERI MONDIALI Nonostante il maltempo nel giorno più atteso, le presenze non sono mancate lungo il percorso iridato. Solo per la gara di

chiusura sono stati 270mila gli appassionati che si sono assiepati sotto l’acqua a bordo strada. Per trasmettere in mondovisione il passaggio dei campioni sotto al Campanile di Giotto – solo uno dei tanti scorci monumentali e paesaggistici mozzafiato offerti dalle gare di Toscana 2013 – si sono messe al lavoro 179 televisioni straniere. Migliaia i volontari e i tecnici scesi in campo per accogliere il pubblico coloratissimo e i mille atleti provenienti da un’ottantina di Paesi diversi. Un grande spiegamento di forze che è valso la candela: si calcola che ammontino ad alcune centinaia di milioni le ricadute economiche del Mondiale sulla Toscana. Senza parlare degli investimenti sulle strade: dodici milioni di euro solo in città, serviti per rimettere in sesto circa 40 km di viabilità e piste ciclabili, quest’ultime arrivate a quota 87 km e da ora in poi dotate, grazie alla competizione iridata, di ricuciture importanti come quella di piazza Ferrucci. I GRANDI DEL PASSATO A fine gare resta il rimpianto per la mancata vittoria azzurra nella Toscana di Martini, Bartali e Ballerini, a cui il Mondiale è andato in dedica. Ma per questi

Il trionfo del portoghese Alberto Rui Faria Da Costa, che ha battuto in volata lo spagnolo Joaquin Rodriguez sul traguardo di viale Paoli

mila

SPETTATORI PER LA GARA IN LINEA UOMINI ELITE

“I

l bene si fa ma non si dice, e certe medaglie si appendono all’anima, non alla giacca”. Lo ripeteva sempre “Ginettaccio” Bartali, gambe forti e cuore grande, campione in sella e nella vita. Chissà allora cosa direbbe oggi, dopo aver ricevuto uno dei riconoscimenti più preziosi, la proclamazione a “Giusto tra le nazioni” dallo Yad Vashem, il Sacrario della Memoria di Gerusalemme, per aver salvato la vita, in gioventù, a centinaia di ebrei. Carattere schivo, umile per natura, non amava parlare di quelle vere e proprie imprese di cui fu protagonista, insieme alla sua bicicletta, durante la Seconda Guerra Mondiale. Approfittando della libertà di movimento che gli allenamenti gli garantivano, “Ginettaccio” trasportava, nascosti sotto il sellino della sua fedele due ruote, documenti e carte che aiutarono ottocento ebrei a sfuggire allo sterminio nazifascista. Un’attività di corriere, quella del campione, svolta all’interno della rete di salvataggio nata intorno al rabbino di Firenze Nathan Cassuto e all’arcivescovo Elia Angelo Dalla Costa. Che adesso, dopo lunghi anni, viene riconosciuta e premiata con la massima onorificenza della comunità ebraica. Un’emozione doppia, arrivata proprio nei giorni del mondiale di ciclismo nella sua Firenze. Una delle medaglie più belle da appendere all’anima. N.B.

 Solidarietà

I frappè dei facchini per i bambini del Meyer

L

e due ruote sono state le protagoniste indiscusse, ma al mondiale di ciclismo ha trovato casa anche la solidarietà. Che, con i facchini della Mercafir di Novoli, riuniti nella storica cooperativa Cft, ha fatto rima con “frullati”. Proprio così. La cooperativa, per tutta la durata delle gare iridate, è stata presente alla cittadella commerciale, ospitata nello stadio del rugby, con un colorato chiosco di frappè, macedonie e panna fresca, il cui ricavato è stato interamente devoluto all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. “Siamo alla soglia del 40esimo anno di vita della nostra cooperativa – ha spiegato il presidente di Cft Leonardo Cianchi – e ci piaceva l’idea di brindare partecipando in maniera attiva a un evento come il Mondiale di ciclismo, che per una settimana ha reso la città capitale internazionale dello sport. Ancor di più ci piaceva l’idea di festeggiare facendo noi un regalo a qualcuno. Subito abbiamo pensato al Meyer, che ogni giorno è impegnato nella sfida più importante: far ritrovare il sorriso ai bambini”. Alla fine, grazie alle merende a base di frutta andate a ruba tra gli sportivi e gli amanti dei pedali arrivati da mezzo mondo, sono stati devoluti al Meyer duemila euro.

Il vicesindaco e assessore allo sport Stefania Saccardi si gusta un frullato allo stand di Cft


14 | Ottobre 2013

#Società

 La realtà

Se il manicomio lascia spazio all’arte Al numero 12 di via di San Salvi si trova la Tinaia, centro di attività espressive che ha visto passare al suo interno diversi pittori di talento Giulia Righi

A

nno 1964, in Italia sta cominciando quel cammino che avrebbe portato pian piano alla chiusura definitiva dei manicomi. All’ospedale psichiatrico di San Salvi il dottor Franco Mori, con l’aiuto di due infermieri, un medico volontario, un assistente sociale e alcuni amici, decide di aprire un “laboratorio espressivo”. L’obiettivo dello psichiatra è chiaro: sperimentare con un gruppo di degenti l’effetto positivo di attività artistiche come la ceramica, il disegno e la pittura. Tutto questo fuori dai confini del manicomio, in uno spazio alternativo rispetto a quello del reparto. Negli anni,

poi, il centro si sposta sul territorio, fino al febbraio del 1975, quando viene inaugurato un atelier vero e proprio. Un luogo in cui l’arte è la padrona incontrastata, non più mero esercizio ripetitivo ma creazione pura. È così che nasce “La Tinaia”, realtà vivace dell’arte fiorentina, casa di pennelli brillanti sfuggiti alla costrizione degli istituti per la salute mentale e oggi uno dei più prestigiosi centri di “Outsider Art” d’Italia. Il suo nome deriva dal passato del posto, ricordando quando questo era un deposito per tini. Negli anni, in questa struttura sono passati artisti di talento che hanno lasciato, più che un segno, un trionfo di

colore. “Abbiamo circa quindicimila opere archiviate sul database e visibili su internet, ma sono circa un terzo del totale di quelle prodotte dagli anni Settanta ad oggi. Negli anni, alla Tinaia sono passati centinaia di artisti: una ventina di loro possono essere considerate personalità artistiche significative”, spiega Maika Cavarretta, vicepresidente dell’associazione “La Nuova Tinaia Onlus” ed educatrice della Cooperativa Di Vittorio. Alcune opere degli artisti del centro sono infatti ospitate in collezioni pubbliche e private di Art Brut (come la “Collection de l’Art Brut” di Losanna o L’Aracine di Parigi), e negli anni si sono

Nella foto sopra: l’interno del centro di attività espressive “La Tinaia”. Sotto le opere realizzate da alcuni artisti della struttura: 1. Franca Settembrini, Calimero, pennarello su carta, mis. 70x50 cm 2. Guido Boni, La Signora Maleci, acrilico su carta, mis. 100x70 cm 3. Marco Biffoli, La Gioconda, tecnica mista su tela, mis. 100x70 cm

 Web 

succedute oltre centocinquanta esposizioni. Nel 2002 è poi nata l’associazione “La Nuova Tinaia Onlus”, per valorizzare passato, presente e futuro di questo particolarissimo luogo, mentre oggi la Tinaia è inserita

la libera espressione artistica viene considerata un momento prezioso del percorso riabilitativo di ogni paziente. Non resta dunque che andare a scoprirla di persona: la Tinaia si trova in via di San Salvi 12.

all’interno della rete dei servizi di salute mentale del Quartiere 2. Sono quindici, attualmente, gli artisti attivi al suo interno, che frequentano i laboratori e si occupano della cura delle opere archiviate. E oggi come allora

latinaia.org Telefono 055.6933578


#Società

Ottobre 2013 | 15

 “Piedelibero ri-cicli”

e Dal carcere escono biciclette di “marca” Creato un brand per rendere unici i mezzi prodotti nelle officine delle strutture penitenziarie fiorentine Ivo Gagliardi

A

“Piedelibero” in bicicletta. Si chiama proprio così (“Piedelibero ri-cicli”) il progetto “salito in sella” in città alla vigilia dei mondiali di ciclismo. Di che cosa si tratta? Di un “Milleunabici 2.0, ovvero la continuazione di un progetto sociale targato Firenze che amplia i propri orizzonti”, ha spiegato il vicesindaco Stefania Saccardi. Il progetto Milleunabici aveva preso vita nell’aprile del 2000 per mano di Istituto penale di Sollicciano, Comune di Firenze e Cooperativa Ulisse: le biciclette abbandonate, provenienti dai depositi comunali, sono state da allora riparate e restaurate dai detenuti nelle officine del carcere fiorentino, per essere poi rimesse in circolazione. Ora il salto di qualità. Ha preso infatti

Tre i modelli in vendita, con prezzi da 40 a 380 euro. E presto arriveranno altri oggetti

vita l’iniziativa che unisce etica ed estetica e che ha visto la creazione di un marchio per rendere uniche e riconoscibili le biciclette prodotte nelle officine del carcere di Sollicciano e dell’istituto penale minorile Meucci: “Piedelibero ri-cicli”, appunto. Attualmente sono tre le officine in funzione: a Solliccianino, al Meucci e nella struttura della cooperativa Ulisse, accanto al ponte della tramvia. Dieci le persone che ci lavorano, fra cui tre minori, e circa seicento le biciclette vendute ogni anno. Laboratori e fucine di creatività dove si assemblano, si creano e si realizzano le due ruote Piedelibero, dove i giovani si

formano, dove si producono artigianalmente mezzi di qualità e dove si “costruiscono”, allo stesso tempo, opportunità concrete per il reinserimento sociale degli ex detenuti. E tre sono anche i modelli di bici “Piedelibero” in vendita: quello base, ovvero le classiche biciclette vendute finora, con prezzi da 40 a 70 euro; il medio, bici nuove assemblate (tre tipi da 180, 240 e 280 euro) e il modello top, biciclette riassemblate con pezzi originali ed esclusivi, prodotti di artigianato dal prezzo di 380 euro. Il sindaco Matteo Renzi è stato fra i primi ad acquistare uno di questi mezzi: ha scelto una bicicletta da uomo blu con ruote rosse.

“Del tema delle carceri – ha sottolineato il primo cittadino – si parla spesso quando ci sono eventi negativi: ma i problemi nazionali non si affrontano con provvedimenti ‘una tantum’ ma con operazioni e sfide culturali ed educative. Per questo siamo felici di promuovere questa iniziativa bellissima con la cooperativa Ulisse che da tanti anni lavora con i ragazzi del carcere e che ora vede la nascita di un brand di prodotti che verranno commercializzati”. E “Piedelibero” non si ferma qua: l’obiettivo è quello di trasformarlo nel brand identificativo di tutti gli oggetti che, in un prossimo futuro, saranno prodotti all’inter-

Una delle biciclette “Piedelibero ri-cicli” in vendita: l’iniziativa nata da poco in città vuol unire etica ed estetica. A sinistra la presentazione del progetto



Web piedelibero.it

no delle strutture penitenziarie fiorentine. A iniziare dai gadget e dagli accessori legati alla bicicletta. Perché i mondiali di ciclismo sono ormai finiti, ma le due ruote a pedali vogliono continuare a essere protagoniste in città.

PATTINAGGIO COVERCIANO A.S.D. Affidati a persone serie e competenti, che dal 2007 sono a Scandicci per offrire alla Clientela la massima quotazione di mercato per il tuo Oro e Argento, con trasparenza ed onestà

Via Antonio D’Orso, 8 - 50135 Firenze pattinaggiocoverciano@email.it

SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER

Corsi Pattinaggio Artistico a Rotelle

BAMBINI (DAI 4 ANNI) - RAGAZZI - ADULTI Martedì e Giovedì dalle 17:00 alle 18:00 (bambini e ragazzi) Orario serale da definire per gli adulti

DUE PROVE GRATUITE PATTINI A NOLEGGIO

E possibile iscriversi in qualunque mese dell’anno. Dal Lunedì al Venerdì 9:30 – 12:30 / 15:30 – 19:00 Sabato 9:30 – 12:30

Un’insegnante per l’inserimento dei nuovi iscritti tutto l’anno

PER INFORMAZIONI: Valentina 339 3858908 328 8260586 Barbara 333 7869598 Simona

Vi aspettiamo!!!

1243801

Via Baccio da Montelupo, 15 Loc. Casellina Scandicci (Fi) www.mporo.it - info@mporo.it


16 | Ottobre 2013

#Cultura

 Teatro Verdi

 Rifredi

I Negrita: “Noi, firenze e i maestri Litfiba” La band aretina si racconta tra passato e presente. Mentre (ri)parte con un album e un tour acustico Enrica Cinaschi

S

ono diventati grandi, i Negrita. Amano ancora i palcoscenici dei festival, le tournée infinite e gli atteggiamenti da rocker navigati, ma hanno anche deciso che era arrivata l’ora di provare un’esperienza nuova, fatta di chitarre acustiche e atmosfere intime, di gente che ascolta in silenzio, di palchi scricchiolanti e arrangiamenti da “adulti”. Dopo il successo di Unplugged, tour nei teatri conclusosi all’Arcimboldi di Milano, la band di Arezzo ha deciso di replicare, ricominciando a girare il bel paese con la stessa formula, a partire da questo mese. Tra le primissime tappe c’è proprio Firenze, dove si esibiranno il 18, al Verdi. “Il rock ci ha sempre dato dei brividi – raccontano i componenti del gruppo a Il Reporter – ma la dimensione acustica è un ottimo banco di prova per noi. Ci sta piacendo molto”. “È diverso anche l’approccio, nei palazzetti guardi dall’alto il pubblico, a teatro sei completamen-

La formazione dei Negrita al completo. I rocker di Arezzo, reduci dal successo dell’ultima tournée, hanno deciso di replicare ripartendo da un tour nei teatri. Saranno a Firenze il 18 ottobre

to immerso, si vede gente fino a molto sopra di te. Si respirano tradizione, classicità, intimità”. Uscito una manciata di settimane fa, ad accompagnare il tour Unplagged c’è anche Déja Vù, album in studio ispirato proprio alla recente esperienza live nelle sale di tutta Italia. Il disco, che contiene anche due inediti, è un viaggio emozionale attraverso i più grandi successi dei Negrita, riarrangiati in versioni inedite semi-acustiche, in grado di esaltare l’energia, il sound, l’atmosfera e la ricercatezza che da sempre contraddistinguono la band. Insomma, di strada ne hanno fatta i ragazzi (tra studi di registrazione e tournée), ma senza abbandonare le loro origini, spostandosi a Firenze di quando in quando. “Noi del nucleo storico (Pau, Drigo e Cesare, ndr) abbiamo studiato Architettura a Firenze. Già all’epoca suonavamo e abbiamo registrato il nostro primo album negli studi dei Litfiba, dei veri e proprio maestri

 Web 

teatroverdionline.it boxofficetoscana.it

per noi. È stato in assoluto uno dei periodi più belli della nostra vita. Abbiamo aperto alcuni dei loro concerti, un grandissimo onore per noi, era come lavorare coi genitori di chi fa rock in Italia”. Amante della sua terra ma sempre alla ricerca di stimoli nuovi, la band di Pau è molto maturata negli ultimi anni. “L’album L’uomo sogna di volare e il singolo Rotolando verso sud (era il 2005, ndr) segnano un po’ uno spartiacque tra il prima e il dopo. Durante il lungo viaggio in Sud America che ha preceduto l’uscita del disco ci siamo lasciati contaminare da influenze nuove, e da quel momento è cominciato un approccio diverso alla musica. Da quel viaggio è cominciato un nuovo corso per la band, che non è più solo i Negrita del rock, ma qualcosa di più”. Qualcosa che ha imparato a fare rima anche con i teatri e con i pubblici molto esigenti che hanno consacrato il loro successo. A suon di un sold out dietro l’altro.

 Pergola

 Lumière

 La mostra

evergreen e Prime nazionali

il coraggio della cultura in scena nel q3

A palazzo Pitti sbarca il mondo fantastico di antonio possenti

P

I

D

iciotto spettacoli, cinque prime nazionali e un fiume di personaggi di prim’ordine. E allora, che Pergola sia. Si alza il sipario sulla stagione 2013-2014 della Fondazione, con un cartellone da non lasciarsi sfuggire. Da quest’anno, poi, la Pergola si accredita anche come luogo di crescita progettuale e prospettica di alcuni spettacoli, che iniziano da Firenze il loro iter produttivo completando e perfezionando in teatro gli allestimenti prima del debutto assoluto. In programma, cinque prime nazionali: I pilastri della società di Ibsen diretto da Gabriele Lavia, che inaugura la stagione il 5 novembre, Giocando con l’Orlando con Accorsi e Baliani, Una pura formalità di Tornatore diretto e interpretato da Glauco Mauri, Servo per due di Pierfrancesco Favino e Ti ho sposato per allegria di Natalia Ginzburg, per la coppia Chiara Francini ed Emanuele Salce. In residenza anche il riallestimento per la nuova tournée della Coscienza di Zeno di Maurizio Scaparro. La stagione, invece, si compone come di consueto delle migliori produzioni del teatro italiano e attraversa spettacoli che leggono con intenzione coraggiosa i classici, come Le voci di dentro di Toni Servillo o RIII - Riccardo III di Alessandro Gassman e il John Gabriel Borkman diretto da Piero Maccarinelli. Spettacoli che riflettono su inquietudini mai sopite del passato recente, come ‘Na specie de cadavere lunghissimo, il Pasolini di Fabrizio Gifuni e il Craxi dipinto da Vitaliano Trevisan in Una notte in Tunisia, con Alessandro Haber. C’è la grande letteratura italiana, con Zeno e le scintillanti Operette morali riviste da Martone. C’è Filippo Timi di ritorno col suo Don Giovanni. C’è un riapprodo pirandelliano per Federico Tiezzi, il Non si sa come con Sandro Lombardi, e l’attesa per Il giuoco della parti di Roberto Valerio. Non manca la commedia con la riedizione de L’importanza di chiamarsi Ernesto di Gleijeses, l’inedito Lo Monaco in Non è vero ma ci credo di Peppino De Filippo ed Eros Pagni e Tullio Solenghi nei panni dei Ragazzi irresistibili di Neil Simon. B.B.

Pierfrancesco Favino sarà a teatro dal 26 novembre al 1° dicembre con “Servo per due”, tratto da “Il servitore di due padroni” di Carlo Goldoni e riadattato dall’attore stesso



Web teatrodellapergola.it Tel 055.22641

iccole realtà crescono, a suon di coraggio e intraprendenza. È il caso del Lumière, “giovane” realtà fiorentina che quest’anno torna con grandi nomi del teatro italiano, tra contemporaneità, impegno e brio. Un cartellone ricco e variegato, fatto di prime nazionali, firme eccellenti e novità assolute. Tra i protagonisti spiccano i nomi di Corrado d’Elia, Mariella Nava, Anna Meacci, Paola Quattrini, Milena Miconi, Ennio Coltorti, Michele. E poi la Ginestra, Marco Morandi, Michela Andreozzi e molti altri. E per il direttore artistico Marco Predieri arriva il debutto in veste di autore. Qualche titolo? “Novecento”, ispirato al capolavoro di Alessandro Baricco e portato in scena da Corrado d’Elia, oppure la performance di Mariella Nava insieme ad Anna Meacci, o anche “Non c’è due senza te”, con i due figli d’arte Marco Morandi e Carlotta Proietti. Per info: www.teatrolumiere.it. L.V.Z.

colori e i personaggi fantastici che popolano l’universo onirico di Antonio Possenti tornano a farsi ammirare dal pubblico. Si svolgerà nella Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, nell’Andito degli Angiolini, dal 26 ottobre al 15 dicembre, la mostra Della magia e dello stupore, con le opere dell’artista lucchese facenti parte della collezione della Banca di Cambiano. La mostra propone un percorso espositivo semplice ma empatico, dove leggere la grammatica della pittura possentiana in un dialogo affascinante tra museo antico e arte contemporanea, sottolineato anche dal design degli arredi e delle cornici, elementi appositamente pensati e realizzati per interagire sommessamente con i fantasiosi linguaggi formali dell’artista. Le opere testimoniano un Possenti che continua a provare stupore verso il bene e il male, che si pone di fronte alle cose come se avesse mantenuto lo stato dell’infanzia. B.B.

cento candeline ricordando monni e cerami

N

on è da tutti arrivare a spegnere cento candeline. A Rifredi succede, e la nuova stagione si apre festeggiando il primo secolo di vita del teatro e i primi dieci anni dal riconoscimento da parte del Ministero dei beni culturali come teatro stabile per l’innovazione per le nuove generazioni. Insomma, questo 110 e lode (come si legge nell’ironico titolo della stagione) è proprio un traguardo meritato. Ne sa qualcosa Giancarlo Mordini, direttore artistico e anima del teatro che da ventotto anni, con la compagnia stabile Pupi e Fresedde, porta avanti un lavoro costante di ricerca e qualità. “Cerchiamo sempre – racconta Mordini – di dare spazio ad attori nuovi, ma anche a presenze ormai rodate del palcoscenico, andando incontro agli interessi di un pubblico molto eterogeneo”. Pubblico che negli anni ha regalato a Pupi e Fresedde grandi soddisfazioni. E, visto l’importante anniversario, il cartellone di quest’anno non poteva che essere molto speciale, con alcune new entry, graditissimi ritorni e momenti (più che dovuti) dedicati al ricordo. Fari puntati sulla memoria di Vincenzo Cerami (che verrà ricordato dalla figlia Aisha insieme a Marco Cocci con una lettura del romanzo Amorosa presenza) e dell’indimenticato Carlo Monni (che a Rifredi era di casa), che “tornerà” sul palco il 22 maggio, in occasione del primo anniversario della sua scomparsa. E poi ci sarann Serra Yilmaz con Hotel Bosforo, Lucia Poli e La grammatica di Dio di Stefano Benni ed Ennio Fantastichini che salirà sul palco per “Beniamino”. E ancora Alessandro Benvenuti e il suo best of e gli spagnoli Yllana con uno spettacolo mai visto prima, Muu!, dedicato a corride e toreri. E poi ancora Nicola Zavagli e il suo omaggio a Vasco Pratolini, Sergio Forconi in Gaetano il mago di San Frediano e la compagnia di danza del teatro con Giselle. L.V.Z.


#Cultura

Ottobre 2013 | 17

 L’anniversario

Un secolo di storie con i ragazzi di pratolini Ludovica V. Zarrilli

C

ento anni fa Firenze era sicuramente una città diversa. E in quella città lontana nacque lo scrittore che più di ogni altro ne seppe raccontare i sapori e gli odori, i vicoli e le miserie, le piccole gioie di quartiere e i grandi drammi del Novecento. Le case, le chiese, gli incroci, i volti della gente. Era questo che faceva di Vasco Pratolini, nato a Firenze il 19 ottobre del 1913, uno scrittore straordinario, con la capacità di dipingere la città come se fosse un affresco, come se dentro le pagine ci fossero fotografie un po’ sbiadite. È per ricordare lui, i suoi personaggi e i suoi luoghi (che sono anche i “nostri” luoghi e che sono ancora tutti lì, magari un po’ sgualciti, cambiati, talvolta migliorati, ma ancora tutti al loro posto) che Il Reporter ha deciso di dedicargli questo spazio. Rubando qualche passaggio ai suoi romanzi più famosi e celebrandone il ricordo tra via del Corno e San Frediano.

CRONACHE DI POVERI AMANTI

METELLO

Il rione di San Frediano è di là d’Arno, è quel grosso mucchio di case tra la riva sinistra del fiume, la Chiesa del Carmine e le pendici di Bellosguardo; dall’alto, simili a contrafforti, lo circondano Palazzo Pitti e i bastioni medicei; l’Arno vi scorre nel suo letto più disteso, vi trova la cura dolce, ampia e meravigliosa che lambisce le Cascine. Quanto v’è di perfetto, in una civiltà diventata essa stessa natura, l’immobilità terribile e affascinante del sorriso di Dio, avvolge San Frediano, e lo esalta. Ma non tutto è oro quel che riluce.

Metello Salani era nato a San Niccolò, ma fino ai quindici anni, non vi aveva mai abitato. La sua famiglia era di quel Rione, e ciascuno ha le discendenze che si ritrova. Suo padre, renajolo, era stato anarchico e tutti, tra piazza de’ Mozzi e la Colonna, l’avevano conosciuto per la sua bassa statura e il suo pugno proibito. Lo chiamavano Caco, e non perché quella gente sapesse di mitologia, ma per via del gruppo di Bandinelli ch’è sotto Palazzo Vecchio, e per dire ch’era uno che soltanto un Ercole l’avrebbe potuto castigare.

Ha cantato il gallo di Nesi carbonaio, s’è spenta la lanterna dell’Albergo Cervia. Il passaggio della vettura che riconduce i tranvieri del turno di notte ha fatto sussultare Oreste parrucchiere, che dorme nella bottega di via dei Leoni, cinquanta metri da via del Corno.

IL QUARTIERE

Noi eravamo contenti del nostro quartiere. Posto al limite del centro della città, il Quartiere (di Santa Croce, ndr) si estendeva fino alle prime case della periferia, là dove cominciava la via Aretina, coi suoi orti e la sua strada ferrata, le prime case borghesi, e i villini.

LE RAGAZZE DI SAN FREDIANO

Vasco Pratolini in uno degli scatti più celebri

 Sulle tracce dello scrittore

A spasso per un giorno nei luoghi di vasco I

l mondo narrativo di Vasco Pratolini è profondamente legato al tessuto urbano di Firenze vista in anni delicati, quelli tra l’inizio del Novecento e il 1950, in cui l’aspetto della città cambia radicalmente e il significato di alcuni quartieri popolari del centro storico muta in maniera profonda. Il Teatro della Pergola propone un itinerario all’insegna dei luoghi di Pratolini (19 ottobre e 2 novembre, ore 10.30, ritrovo in piazza Santa Croce, accanto alla fontana), sfogliando alcune pagine e osservando come nel tempo questi stessi luoghi siano divenuti qualcosa di diverso, pur sen-

Torna la Rassegna LeggeRe peR non DimenTicaRe quest'anno alla sua XiX edizione con il tema de “la responsabilità” BiBLioTeca DeLLe oBLaTe Ore 17.30 Sala Conferenze Piano terra

za perdere l’affascinante impronta originaria. Da Santa Croce, dove si svolge Il quartiere, alla mitica via del Corno, fino al Cestello, dove si ritrovano i compagni di Metello, e a San Frediano, con le sue ragazze. B.B.

Web fondazioneteatrodellapergola.it Tel 055. 2264312 Mail museo@teatrodellapergola.com

ni, segue il 14 ottobre Filosofia e scienza con Paolo Parrini, 21 ottobre essere e divenire nella filosofia antica con Francesco Ademollo, 28 ottobre etica e politica nel medioevo con Gianfranco Garfagnini. 11 novembre Sergio Vitale: in cammino. Una Filosofia Dell’esperienza. mercoledì 16 ottobre Gianluca Bec- 18 novembre sergio givone: Un’altra caria presenta alti su di me. maestri filosofia. Una filosofia dell’altro e metodi, testi e ricordi. Venerdì 18 ottobre Sandra Bonsanti Ciclo di conferenze alle frontiere presenta il gioco del grande potere. dell'aldilà” a cura della Commissione mercoledì 23 ottobre Remo Cesera- Cultura e Ass.Archeofisica. ni e Danilo Mainardi presentano L'uo- Venerdì 11 ottorbe ore 21.00 il Barmo, i libri e altri animali. Dialogo do Thodol Il libro tibetano dei morti tra un etologo e un letterato. con Daniele Corradetti. mercoledì 30 ottobre Arnaldo Benini Venerdì 18 ottobre ore 21.00 il libro presenta La coscienza imperfetta. dell'uscita a giorno Il libro Egiziano dei morti con Franco Naldoni. Dal 7 ottobre al 18 novembre tutti Venerdì 25 ottobre ore 21.00 prei lunedì alle ore 18.00 nella Sala della sentazione del libro di Tommaso PalaColombaria (piano terra) appunta- midessi il libro cristiano dei morti mento con... un'ora con la filoso- con Alessandro Mazzucchelli fia ciclo di incontri promosso dall'Assessorato alla Cultura del Comune di paLazzo STRozzi aLLe oBLaTe Firenze e dall'Università di Firenze a 12 novembre ore 18.00 Sala Concura di Roberta Lanfredini, professore ferenze. Franziska Nori presenta Terdi filosofia teoretica dell'Università di ritori instabili. confini e identità Firenze. Primo appuntamento lunedì nell'arte contemporanea in occasio7 ottobre. Tema dell'incontro mente ne della mostra Avanguardia Russa la e corpo, relatrice Roberta Lanfredi- Siberia e l'Oriente.

oBLaDi' iL SaBaTo Dei BamBini SaBaTo 19 ottobre ore 16,30 in Viaggio VeRSo iL pianeTa panDa Lettura e laboratorio di invenzioni creative a partire da oggetti d'uso comune. Siamo alla ricerca di un pianeta dove gli abitanti vivano in perfetta armonia con la natura! Letture dal libro di Luca Novelli, il professor Varietà. Sostieni il sostenibile, Editoriale Scienza. Per bambini dai 7 ai 10 anni. A cura dell'Associazione Scioglilibro. gioVeDi' 31 oRe 16,30 - SpeciaLe HaLLoWeen! DUe peRSonaLiTÀ, ma Un SoLo TeSoRo Il giorno di fondazione della biblioteca uno strano bibliotecario ha nascosto un ricco tesoro. Per trovarlo dovrai scoprire il suo tremendo segreto: sei abbastanza audace e coraggioso? Gioco letterario basato sul libro di Robert Louis Stevenson, Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, Alia. Per ragazzi dai 12 ai 14 anni. Tutte le iniziative sono gratuite su prenotazione.

BiBLioTeca DeLLe oBLaTe. Via DeLL’oRiUoLo, 26 FiRenze. WWW.BiBLioTecHe.comUne.Fi.iT


18 | Ottobre 2013

#Fiorentina  Il calendario

viola, IL MESE DELLA VERITÀ O

ttobre dirà chi è veramente questa Fiorentina. Un ciclo di gare che misurerà ambizioni e forza della squadra di Montella. A partire dalla Partita con la P maiuscola. Dopo la pausa per le nazionali, si riprende infatti con Fiorentina-Juventus (20 ottobre): nella passata stagione, al Franchi, i viola giocarono una grandissima gara senza trovare la via del gol, non riuscendo così a vendicare il pokerissimo che i bianconeri riuscirono a rifilare nell’annata precedente alla più brutta Fiorentina di sempre. I tifosi chiedono una vittoria, magari da dedicare a chi, un po’ di tempo fa, ha fatto vincere i viola negli ultimi istanti di una gara contro la Vecchia Signora: Stefano Borgonovo, scomparso da pochi mesi ma per sempre nel cuore dei tifosi gigliati. Poi, dopo la trasferta di Verona contro il Chievo, in programma c’è un altro big match, che riporta alla mente la lontana sfida Baggio-Maradona. A trovarsi di fronte, questa volta, saranno Pepito Rossi e Higuain, nel match in programma nel turno infrasettimanale di mercoledì 30 ottobre. Tutta la verità in un mese, dunque. O quasi.

I tifosi viola attendono con trepidazione la sfida alla Juventus, in programma questo mese al Franchi. Ma non è l’unico impegno importante per la squadra di Montella

LOR.MOS.

 L’intervista

“vi racconto come nacquero gli agenti”

Moreno Roggi è stato uno dei primi procuratori italiani Irene Delfino

G

iocatore, direttore sportivo dal ‘78/‘79 e già procuratore nel 1984. Moreno Roggi, anche presidente delle Glorie Viola, ha vissuto da protagonista la nascita della figura dell’agente dei calciatori. Come è nata la figura dell’agente Fifa? Dopo il Mondiale dell’82 vinto dall’Italia, ci fu l’apertura ai giocatori stranieri, che si presentavano qua ognuno con il proprio agente e guadagnavano molto più dei giocatori italiani, che

avevano vinto il Mondiale. Mi venne in mente di fare l’agente, informandomi da alcuni miei ex compagni di Nazionale. All’epoca c’era già chi faceva questo tipo di lavoro, ma non proprio come procuratore. Antonio Caliendo lavorava più a livello di pubblicità e Dario Canovi lavorava per i giocatori come consulente legale, per conto dell’associazione calciatori. Sono stato tra i primi, iniziando ufficialmente nell’84 e mettendo su una società, la Play Ground. La figura del procuratore ha

tante sfaccettature: un po’ avvocato, un po’ assicuratore, manager, comunicatore, anche osservatore. Lei in quale si riconosce? In quelli che lo sanno fare. Passiamo a Massimo Ambrosini. È stata una bandiera del Milan, ma è già molto amato a Firenze. Se lo aspettava? Sì, perché lo conosco non solo come calciatore, ma anche come uomo. Si fa ben volere da tutti e, come tutti i grandi campioni, ha un modo umile di porsi. Perché, fra tutte le offerte, Am-

brosini ha scelto Firenze? Gli è sempre piaciuta questa bellissima città e nelle trasferte con il Milan rimaneva ogni volta impressionato dal grande pubblico viola, che sosteneva la squadra. Quando lei ha iniziato a fare il procuratore eravate in pochissimi. Ora siete ben 1.058 agenti Fifa in Italia, al secondo posto c’è la Spagna con 578 e sul terzo gradino del podio l’Inghilterra (461). Ufficialmente. Poi ci sono gli stranieri, gli avvocati, i commercialisti, i parenti di primo grado, anche loro possono fare l’agente. Concludiamo con la sua breve parentesi da direttore sportivo. Come la giudica? Ho lavorato con grande intensità, perché ai colori viola tengo da sempre. E ho lasciato più di cento giocatori, interrompendo un lavoro che iniziava allora a dare i suoi frutti. Come è cambiato il ruolo del ds? Prima il ds aveva molta forza, con l’inserimento più fattivo dei presidenti e dei dirigenti ha perso di importanza. E con quello dei procuratori ha perso ulteriormente forza, ma rimane fondamentale per professionalità e suggerimenti tecnici.

Direttore Responsabile Matteo Francini Redazione Tabloid soc.coop., Firenze (FI) Tel. 055 6585939 - redazione@ilreporter.it

EDITORE E CONCESSIONARIA PUBBLICITARIA

Bunker s.r.l. Sede Legale | Amministrativa Piazza E. Artom 12, 50127 Firenze Sede operativa Via Giovanni dalle Bande Nere 24, 50126 Firenze

PUBBLICITÀ Tel. 055 6585939 Fax 055 6801567 email: info@edizionibunker.it STAMPA

Nuova Cesat - Firenze (FI)

Periodico d’informazione locale. Anno VII n.37 del 1 Ottobre 2013. N° reg 5579 del 17/05/2007 tribunale di Firenze. Iscrizione al Roc 8551. Spedizione in a.p. Contiene I.P. Prezzo di copertina euro 0,10. Distribuito da TNT Post Italia S.p.A.

Il Reporter del Q4 raggiunge le famiglie del quartiere 4 di Firenze.

DATI NON RACCOLTI PRESSO L’INTERESSATO Si informa che, ai sensi dell’art. 24, comma 1, lett. C, del D.Lgs 196/2003 (codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali, non è richiesto in quanto i dati sono provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art.13 del d.lg 196/2003). La informiamo che i suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da Bunker s.r.l., al solo fine dell’invio presso la Sua residenza del periodico gratuito “il Reporter”. Il responsabile del trattamento è Bunker s.r.l. Potrà in ogni caso richiedere l’eliminazione dei Suoi dati e in contemporanea la sospensione dell’invio della sua copia esercitando l’art. 7 scrivendo a Bunker s.r.l. piazza E. Artom 12 - 50127 Firenze.

 Come tutto iniziò

quando bati era el camion

I

niziò come una scommessa la favola viola di Bati. Una scommessa del suo procuratore Settimio Aloisio, che all’indomani dell’inizio della Coppa America lanciò una sfida a Gabriel Batistuta: segnare sei reti per coronare il suo sogno. Un sogno chiamato Fiorentina. Per il miglior realizzatore viola in serie A (con 152 centri) sei gol in un torneo sono una passeggiata. Come se il biglietto aereo per Firenze fosse già stato staccato. Allora, però, Bati non era ancora Batigol. Aveva un soprannome meno nobile, El Camion, per la sua potenza. Caratteristica che lo ha contraddistinto anche in riva all’Arno. Otto luglio 1991, fischio d’inizio della Coppa America per Bati, fischio d’inizio della sfida con il suo agente: selección contro Venezuela, due reti di Batistuta al 25’ e al

Chi non conosce Gabriel Omar Batistuta, il miglior marcatore viola in serie A? Nessuno, almeno a Firenze. Ma forse non tutti sanno come è arrivato in riva all’Arno...

50’. Poi, nel match contro i padroni di casa del Cile, all’81’ insacca il gol della vittoria argentina. È a metà dell’impresa. Dopo ogni rete rivolge lo sguardo verso Aloisio, in segno di sfida. Un centro con il Paraguay e uno contro la Seleção. Manca l’ultimo gol per prendere l’aereo e Gabriel lo realizza il 21 luglio, nella partita decisiva contro la Colombia. Alza la Coppa America al cielo e vola sopra le nuvole, direzione Firenze. Ancora non sa che presto diventerà il Re Leone. I.D.

152

gol in serie A in maglia viola


#Sport  L’intervista

 Rugby

“favola” san michele, via a un nuovo capitolo

al via la stagione

Alice Rosati carica la squadra: “Qua tutto è possibile”

Ottobre 2013 | 19

R

iparte con rinnovato entusiasmo l’Aeroporto di Firenze Rugby, dopo l’ottavo posto conquistato l’anno scoro in serie A1. Confermati alla guida tecnica Giulio Sordini e Marcelo Segundo, come ogni stagione al gruppo storico si aggiungono le speranze dei giovani provenienti dalle categorie giovanili, nuovi arrivi e graditi ritorni. Il campionato si presenta impegnativo: spiccano le ambizioni de L’Aquila (nobile decaduta dal campionato d’Eccellenza e che riceverà, al debutto nello storico impianto abruzzese, proprio l’Aeroporto Firenze Rugby), di Pro Recco, Piacenza e Colorno, con ben tre retrocessioni rispetto alle due della scorsa edizione. La squadra fiorentina si presenterà ancora una volta come una delle compagini più giovani e con il più alto indice di giocatori provenienti dal proprio settore giovanile. “Spero di non sbagliarmi – commenta Giulio Sordini – ma credo che la qualità di gioco sarà all’altezza di qualsiasi squadra che andremo ad affrontare in campionato”.

Giulio Sordini a bordo campo: sarà ancora lui, insieme a Marcelo Segundo, a guidare l’Aeroporto di Firenze Rugby nella nuova stagione

SIM.SPA.

 Pallanuoto

tante novità in acqua G

Alice Rosati, una delle protagoniste della favola della San Michele, parla a Il Reporter degli obiettivi della squadra nella nuova stagione. La speranza è quella di stupire ancora

Carlo Marrone

È

una delle protagoniste della favola chiamata San Michele: ora Alice Rosati si racconta a Il Reporter, parlando di sé dentro e fuori dal campo. “Ma di tempo libero – sottolinea subito – me ne rimane poco tra università e allenamenti: cerco di sfruttarlo al meglio, tra uscite con le amiche, vacanze (amo viaggiare), il mio cane (ho una barboncina di nome Olivia) e la famiglia”. Come hai iniziato a giocare? Quasi per caso. In quarta elementare ho scoperto di avere dei problemi alla schiena e il mio ortopedico mi ha messo di fronte a una scelta: ginnastica correttiva o pallavolo. Ero disperata perché giocavo a tennis da quando ero molto piccola, ma non appena sono scesa in campo per il primo allenamento sono scoppiati quell’amore e quella passione che provo anche adesso per questo sport. Nella passata stagione è andato tutto bene o quasi: quest’anno sarà difficile ripetersi? La scorsa stagione è stata decisamente grandiosa. Da neopromosse abbiamo affrontato un campionato ai vertici e siamo riuscite ad arrivare ai playoff per la serie A, un sogno che nessuno si sarebbe mai aspettato di raggiungere. Noi, come sempre all’inizio di ogni anno, ci poniamo degli obiettivi umili, anche se ovviamente come giocatrice

spero non solo di ripetere il sogno, ma anche di fare meglio: d’altronde alla San Michele tutto è possibile, sono già due volte che siamo la “squadra rivelazione dell’anno”. Oltre che un gruppo di atlete forti, da fuori sembrate delle amiche: è questo il segreto? Decisamente! Il segreto della nostra squadra è sicuramente l’unione del gruppo, che molto spesso in questi anni ha dato dimostrazione di poter superare le difficoltà tecniche. Io considero ogni mia compagna prima di tutto un’amica, ed è soprattutto per questo motivo che è già il terzo anno che decido di rimanere in questa squadra. Come è il vostro rapporto con l’allenatore? Personalmente ho un rapporto più che pacifico con Luca e in questi tre anni ho avuto la possibilità di conoscerlo e apprezzarlo sia come allenatore che come persona... direi sicuramente che la mia esperienza alla San Michele non sarebbe stata la stessa senza il suo appoggio, e probabilmente senza di lui non avrem-

mo raggiunto gli stessi risultati in questi anni. I sogni tuoi e della squadra? Credo che il mio sogno e quello della San Michele coincidano per la prossima annata. Tutti speriamo infatti di poter fare bene quest’anno e addirittura di migliorare e arrivare a quel traguardo che ci è sfuggito l’anno scorso, anche se sarà dura, tutte le squadre del nostro girone sono ben assortite. C’è qualcosa che vorresti cambiare nella tua carriera? Non cambierei niente, perché ogni piccolo ostacolo che ho affrontato mi ha permesso di arrivare nella squadra dove oggi mi trovo così bene, e inoltre durante il mio percorso ho avuto modo di stringere le amicizie che mi sono più care al momento e che credo mi rimarranno per sempre. Non potrei essere più contenta di così: quindi, forza Sammi!

randi novità per la pallanuoto fiorentina. La Rari Nantes Florentia volta pagina: Leonardo Sottani lascia la panchina e vola in Brasile. Anche per motivi familiari, ha infatti deciso di rimettersi la calottina per giocare nella Fluminense. Il suo sogno è quello di riprendere quanto prima la carriera da allenatore ma, ancora per un anno, tenterà di far gol. Il presidente Andrea Pieri ha chiamato Riccardo Vannini a sostituire Sottani e ha iniziato una campagna acquisti che ha portato a Firenze l’australiano Paul Sindone e il centroboa serbo Nikola Eskert. Acquisto importante anche per la Ngm Firenze Waterpolo, che è riuscita a portare in riva all’Arno Kami Craig, centroboa californiano della Nazionale americana e oro alle ultime Olimpiadi di Londra 2012. Un grandissimo colpo per la squadra fiorentina, che ha acquistato una delle più forti giocatrici della pallanuoto mondiale. Con l’arrivo di Motta, Settonce e del secondo portiere Lavi, la Ngm è la candidata numero uno per lo scudetto. SIM.SPA.

Leonardo Sottani e Riccardo Vannini con la bandiera della Rari Nantes. Sono diverse le novità con cui la pallanuoto fiorentina si presenta quest’anno ai nastri di partenza

Per la tua pubblicità su il Reporter chiama il numero 055 6585939 oppere invia una mail a info@edizionibunker.it


20 | Ottobre 2013

#Rubriche

A zonzo per Firenze BRICIOLE DI STORIA, FRA ANEDDOTI, LEGGENDE E MISTERI

la FESTA DI SAN SIMONE

U

na festa persa nella polvere del tempo. Il Quartiere di Santa Croce esultava festante il 28 ottobre di ogni anno, quando veniva organizzato, all’inizio della stagione invernale, il mercato dei marroni e delle castagne che rallegrava l’affollato rione di San Simone. La fiera-mercato, che durava per tre giorni consecutivi, era l’evento legato alla vendita delle castagne gustate in diversi modi. Questa fiera è rimasta in vita fino alla metà dell’Ottocento. Si svolgeva esattamente in Piazza San Simone, di fronte all’omonima chiesa e nelle vie adiacenti, dove le castagne ed i marroni facevano bella mostra in grandi balle, in canestri o ammonticchiate sui barroccini; la vendita avveniva sia all’ingrosso che al dettaglio perché il prodotto, specialmente in quei giorni, era assai richiesto così come la farina dolce ed i marron secchi. Del resto anche il noto proverbio ha sempre proposto: Per San Simone, ballotte e vin novo! E proprio il frizzante vino appena tolto “dal ribollir dei tini” di carducciana memoria, ben si presta-

va a rallegrare gli animi davanti ad un fumante paiolo di ballotte, cioè di castagne bollite con un rametto di finocchio selvatico o con foglie di alloro, oppure gustando le “ridenti” caldarroste o bruciate, arrostite nell’apposita padella bucata, posta sulla viva fiamma scoppiettante, dopo la preventiva incisione detta “castratura” per evitare che scoppiassero. Altra locuzione che veniva usata a proposito della farina di castagne (che al tempo costava veramente poco) era quella che consigliava: Se saziare il corpo vuoi e spender poco, pan di legno (pattona) e vin di nuvole (acqua)! Ma un tempo, di bruciate e farina dolce si faceva commercio non solo per la festa di San Simone e non solo attraverso lo smercio ambulante; infatti in città esistevano esclusive botteghe di “bruciatai” e “buzzurri”. Quest’ultimi di origine elvetica ma geograficamente italiana, in quanto provenivano dal Canton Ticino. Il Vocabolario della Crusca così definisce “buzzurro”: questo nome suol darsi in Toscana a quegli svizzeri che nella stagione dell’inverno ci vengono ad esercitare la loro industria di

vender castagne, bruciate, marron secchi, ballotte, castagnacci, pattona e farina dolce. Una di queste rivendite, gestita da tal Pietro Giannelli, verso la fine del 1700 era situata al Canto alle Rondini, dove adesso si trova il Palazzo delle Poste in Via Giuseppe Verdi. Lo testimonia la seguente richiesta del 14 febbraio 1783 dell’Archivio preunitario del Comune di Firenze (ASCFi CA. 8651, c.370): Illustrissimi SS. Gonfaloniere e Priori rappresentanti il Magistrato della Comunità Civica di Firenze Piero Giannelli umilissimo servo delle SS. LL. Ill.me, fa riverente istanza volersi degnare di concedergli l’opportuna licenza di poter erigere un tetto amovibile sopra la sua Bottega di Bruciataio posta al Canto alle Rondini. Molti erano i venditori ambulanti di questi prodotti che vivevano alla giornata, spostandosi adagio adagio per la città sollecitando gli avventori all’acquisto, con spassose espressioni: Le bollano, le bollan davvero le mi’ ballotte! Queste le cavo ora …. che arrosti …. le ridano …. che bruciate! Cardo il migliaccio … la lo senta sposa come l’ho cardo … se la un si spiccia ‘un gnene tocca! Un passatempo che veniva praticato dagli adolescenti, era quello di prendere alle mamme i ditali di metallo utilizzati per cucire, che venivano adoperati quali forme a tronco di cono per cuocere piccoli dolci, ottenuti riempiendoli con la farina dolce e poi mettendoli a cuocere negli scaldini, comunemente detti veggi o cecie, colmi di brace infuocata e ben protetti dalla cenere. Il risultato ottenuto, ovvero i bollenti dolcetti, venivano golosamente mangiati da questi “pasticceri in erba”. Il “veggio” a differenza della “cecia” era più stretto e aveva un piedistallo; le donne, in casa lo tenevano sotto la gonna e sulle ginocchia, oppure sotto il grembiule quando uscivano, quale necessario accessorio attaccato alle mani, come oggi fanno con la borsetta. Un vecchio adagio informava: Per Sant’Ansano uno sotto e uno in mano! Allusivo, ben s’intende, al freddo invernale (1 Dicembre - Sant’Ansano) durante il quale occorrevano due scaldini, uno da tenere fra le gambe e l’altro in mano. Alla popolare fiera di San Simone partecipavano, però, anche i rigattieri e i rivenditori di cose usate in genere, che esponevano la loro merce nella vicina Piazza di Santa Croce. In questo “mercatino delle pulci” si potevano acquistare gli oggetti più svariati, dai letti di legno a quelli di ferro, dagli armadi, cassapanche, madie, tavoli e lumi, ai cocci da cucina, dai vestiti, a tante altre cianfrusaglie. Gli acquirenti erano per lo più povera gente e contadini che, per mettere su casa, cercavano di farlo con poca spesa, centellinando i soldi co’gomiti, aspettando con ansia l’occasione propiziata dalla festa di San Simone.

Il Pungiglione

LUCIANO E RICCIARDO ARTUSI  Web artusi.net

In alto a destra: un disegno della chiesa di San Simone In basso: un “buzzurro” al lavoro

e ora largo a miss italia!

A

Firenze si sono appena svolti i mondiali di ciclismo e per l’occasione hanno rifatto le strade della città. L’anno prossimo propongo di organizzare in città Miss Italia, così danno una ritoccatina alle nostre mogli. O meglio ancora, facciamo a Firenze le estrazioni del Superenalotto, così ci aggiustano i conti in banca. Come hanno reagito i fiorentini ai mondiali di ciclismo? Masticando polemiche! Com’è nel nostro dna! Personalmente io mi sono accorto dei mondiali di ciclismo solo quella volta che ho chiamato un taxi per spostarmi in città. È venuta a prendermi un’ammiraglia! Ma per strada nei giorni dei mondiali si sentivano solo lamentele: “Nel ciclismo tutti gli atleti fanno uso di droghe. Infatti, con i mondiali in città sono arrivati 2.000 giornalisti, 120 tv e 6.000 spacciatori” o “per colpa di questo mondiale di ciclismo hanno chiuso tutte le strade. Gli autobus non passano, la tramvia neanche. Con lo scooter non ti fanno passare. Passano solo i ciclisti. Infatti per andare a lavoro m’è toccato iscrivermi alla corsa!”. Al di là di tutto, i mondiali di ciclismo hanno tirato fuori il nostro sport preferito: polemizzare! Noi siamo stata l’unica popolazione capace anche di litigare con se stessa: guelfi e ghibellini. Sappiamo tutti che il cervello dell’uomo è composto da un emisfero destro e uno sinistro. Anche il nostro è fatto così. L’unica differenza è che i nostri due emisferi non si parlano più da anni! Chi nasce e vive a Firenze si porta tatuato per sempre nel cuore l’orgoglio di stare nella città più bella del mondo. Il fiorentino all’estero lo riconosci subito. Al Louvre lo sentirai dire: “In effetti Parigi è bella. A livello artistico è favolosa. Parigi ha dei colori che la rendono poetica. Però Firenze è tutta un’altra cosa!”. ANDREA MUZZI Comico, attore, regista e cabarettista

 Web

andreamuzzi.it


Lettere

Ottobre 2013 | 21

Editoriale dalla prima

Fate sentire la vostra voce: inviate segnalazioni, problemi o proposte a redazione@ilreporter.it IL SENSO DI MARCIA DI VIA ALDEROTTI

oblunga di Piazza Alberti. Non è chiaro infatti se si tratta di una rotatoria vera e propria, o di un semplice grosso svincolo. Chi scende dal Cavalcavia non sa ad esempio se ha la precedenza su chi proviene da via L’Ammirato o se invece deve darla. E viceversa. Sarebbe bene che tale ambiguità fosse eliminata con una segnaletica a terra. Tutt’altra segnalazione riguarda invece la piccola area verde, leggermente sopraelevata rispetto alla strada, sul viale Righi nei pressi dell’Ostello. Personalmente ho rinunciato ad andarvi visto che di fatto è diventata un’area per cani, che vengono lasciati sciolti e quindi liberi di orinare e defecare dove capita. E su questo purtroppo c’è ben poco da fare, considerando che fra i vari problemi che affliggono Firenze c’è quello del rapporto fra gli umani e i loro animali, a partire dall’indecenza dei padroni dei cani, che costringono tutti i pedoni a fare lo slalom, o a sopportare i latrati di uno stesso cane anche per ore. Grazie

Cara redazione, sono un commerciante che insieme a mia moglie ha rilevato un’attività commerciale in via Taddeo Alderotti. Questo nel 2004. Andava tutto bene, si lavorava, si dava del lavoro. Si riusciva a pagare tutto...... fino a quando a qualcuno è venuta la brillante idea di trasformare via Taddeo Alderotti in senso unico solo per il periodo dei lavori su viale Morgagni. Si parlava di pochi mesi, ma invece sono passati anni. Dico tutto ciò perché mai nessuno si è interessato di cosa stava veramente succedendo. Noi ora lavoriamo solo io mia moglie e non si riesce a pagare nulla... stiamo andando avanti con la speranza che cambieranno la viabilità. Ok se non si può rimetterla in doppio senso, almeno la mettessero in senso contrario, mi spiego che vada in su verso l’ospedale, così almeno ci darebbero la possibilità di lavorare... e dare del lavoro. Grazie, Salvatore

PIAZZA ALBERTI E VIALE RIGHI, DUE SEGNALAZIONI Gentile Redazione, mi permetto segnalare - e probabilmente altri lo hanno già fatto - la pericolosità della rotatoria di forma

Riccardo Biffoli

VIA BARACCA, “DIMENTICATO IL TRATTO FRA VIA PRATESE E VIA PISTOIESE” Direttore responsabile Matteo Francini, le scrivo questa email per portarla a conoscenza che questo tratto di strada che purtroppo quasi tutti i residenti di Firenze credono sia via Pratese o via Pistoiese è abbandonata da tutti e siccome nel suo giornale si mettono in evidenza tutte le cose fatte per rendere più vivibile il quartiere 5 dovrebbe porgere uno sguardo in questo tratto di strada. 1) Questo tratto di strada è diventato uno svincolo autostradale per il flusso veicolare che proviene dalla zona industriale e Campi e da Firenze in direzione di via Pistoiese; 2) La corsia preferenziale in direzione di Peretola è transitata da tutti, autorizzati e non; 3) La velocità come attestato dai cartelli posti dovrebbe essere di trenta km ma la pericolosità per due curve cieche è percorsa a velocità eccessiva; 4) Nessun controllo da parte di chi è preposto per valutare la velocità dei mezzi che provengono da via Pratese; 5) Attraversare la strada diventa un problema e an-

I

che camminare sui marciapiedi è pericoloso; 6) A proposito dei marciapiedi pieni di buche, infatti da mesi esistono cartelli che indicano la pericolosità senza che nessuno provveda. Le ricordo che queste abitazioni sono state costruite alla fine del 1800 e classificate al catasto “centro storico minore”, ma quale differenza col “centro storico” dove si fa di tutto per non far transitare alcun automezzo mentre qui siamo pieni di rumore e inquinamento. Una volta abbia il coraggio di dire dopo aver verificato che si farà tanto per il quartiere 5 ma non per questo tratto di strada e di quartiere. Infatti per i campionati di ciclismo “verrà asfaltata via Baracca” ma siccome in questo tratto di strada non transitano i corridori nulla è stato fatto, come forse avveniva in tempi passati. Le sembra giusto? Piero Chiti

“SPORCIZIA E DEGRADO NELLA ZONA DI PIAZZA ADUA” Buongiorno , sono un cittadino che abita in zona piazza Adua e dintorni e costretto a volte a lasciare la macchina parcheggiata per pulizia strade in via Cennini. Volevo far presente a tutte le autorità che la notte sotto il Palazzo degli Affari è un dormitorio e via Cennini una latrina a cielo aperto con escrementi di tutti i tipi tra una macchina e l’altra, mi è capitato di dover scendere dall’auto e pestare una grossa m... umana. Questo non è piacevole. Chiedo al Comune o alla Regione o chi di competenza di voler illuminare con faretti tutto intorno al Palazzo degli Affari (p.za Adua e Via Cennini) in modo da evitare spiacevoli e disgustose esperienze sia di disagio che di cattivo odore anche durante l’intera giornata. La zona è diventata un rifiuto di spazzatura e di degrado indicibile. Spero che questo messaggio venga pubblicato e che venga letto dalle persone competenti di questa città (se ancora esistono)? Inoltre chiedo all’assessore al traffico di prendere un provvedimento del traffico che da Piazza Adua si immette in via Cennini per la Fortezza da Basso dove nelle ore di punta rimane tutto bloccato e nonostante ci sia il cartello Ztl è un varco aperto per tutti. Grazie Sandro

n una veste grafica completamente rivista rispetto al passato. Ma non si tratta soltanto di un cambiamento d’aspetto, perché le novità che vi troverete davanti sfogliando Il Reporter sono diverse. L’obiettivo è quello di parlare della nostra città in modo ancora più approfondito e completo, grazie anche a rubriche, contributi e interventi di personaggi che il capoluogo toscano ce l’hanno nel sangue. Quello che invece non cambierà è l’attenzione per Firenze, per i suoi quartieri, per le sue strade e per la sua gente: è nato per raccontare quanto avviene in ogni rione, fin sotto casa, Il Reporter, per dar voce ai cittadini e per cercare di risolvere quello che non va, per mettere in risalto aspetti, iniziative e persone che caratterizzano e arricchiscono ogni giorno la vita della città. E questo continueremo a farlo. Sempre con il vostro prezioso contributo, se vorrete. In questi anni abbiamo ricevuto con piacere le vostre telefonate, le vostre mail e le vostre lettere, incassando con orgoglio i vostri ringraziamenti quando insieme siamo riusciti a risolvere qualche problema e con attenzione i vostri “rimbrotti” quando è stato il caso. E ora, per cercare di fare del nostro giornale uno strumento ancora più utile per Firenze e per i suoi abitanti, abbiamo deciso di aumentare ulteriormente lo spazio dedicato alla cronaca dei quartieri. Perché insieme possiamo combattere qualche battaglia in più. Perché qualcuno in più possa riuscire a far sentire la propria voce. Perché dopo aver letto il nostro mensile possa essere un po’ più facile e interessante vivere la città. Questo, almeno, è quello che ci proponiamo di fare. Aspettiamo dunque i vostri spunti e le vostre segnalazioni. Perché, non dimenticate, Il Reporter è il giornale di tutti i fiorentini. Di tutti voi. Buona lettura. MATTEO FRANCINI

“USIAMO I TRENI PER SPOSTARSI IN CITTÀ”

IL REPORTER RISPONDE

Buongiorno Reporter, ho deciso di scrivervi quando ho sentito il nostro sindaco Renzi chiedere ai fiorentini di usare il treno durante i mondiali di ciclismo invece delle macchine. Ed è la stessa idea che ho anche io da tanto, da prima ancora che in città si facesse la tramvia. Ci sono tante ferrovie a Firenze e tante stazioni in molti quartieri, anche stazioni piccole che in pochi conoscono ma dislocate piuttosto bene sul territorio della nostra città: le Cure, Rovezzano, Campo di Marte, Rifredi..... E poi si potrebbero anche riaprire le stazioni che si usavano un tempo ma ora non più, come quella delle Cascine mi sembra..... La mia idea che voglio dire al sindaco e alle istituzioni tutte è di non dimenticare questa possibilità una volta finiti i mondiali di ciclismo e una volta tornata Firenze alla sua caotica viabilità. Se si riattivassero tutte le stazioncine, oltre certamente a quelle più grandi Smn e Campo Marte, e se si facessero viaggiare molti più treni durante il giorno, i fiorentini avrebbero un modo in più di muoversi all’interno della città! Sembra strano perché tutti sono abituati a prendere il treno per andare lontano, ma invece potrebbe diventare un modo ottimo per spostarsi tra i quartieri della città, come una grande tramvia.... o passatemi la battuta, come una “tren-via”! Simone

Caro Simone, l’idea di utilizzare il treno per spostarsi (anche) all’interno di Firenze, o almeno in alcune sue parti, è stata avanzata in passato in più occasioni e da più voci. In una città in cui quello della mobilità è un tema assolutamente centrale e in cui le “sorelle” della linea 1 del tram hanno incontrato più di un problema nella loro realizzazione, non è da scartare l’ipotesi di utilizzare per gli spostamenti “interni” i binari che già ci sono. Quelli ferroviari, appunto. Il nodo resta sempre quello di riuscire a organizzare un sistema di trasporto pubblico integrato ed efficiente, che metta insieme i vari mezzi (autobus, tram ed eventualmente anche treni) per offrire ai fiorentini la possibilità di spostarsi più velocemente e capillarmente possibile in lungo e in largo per la città e non solo. Serve, insomma, un “gioco di squadra” che faccia diventare complementari piuttosto che alternativi i diversi mezzi di trasporto. In questo quadro, l’idea dell’utilizzo delle rotaie cittadine è senz’altro da prendere in considerazione. I recenti mondiali di ciclismo hanno dimostrato che una viabilità alternativa, più leggera e meno basata sull’utilizzo dei mezzi privati, è possibile anche a Firenze. Ebbene sì. In tanti, tantissimi, durante i “temuti” giorni della corsa iridata, hanno auspicato che le sorprendenti strade in “versione mondiale” (con meno auto e più biciclette) potessero restare tali anche una volta conclusa la manifestazione. E ora che questa è finita, cerchiamo di non perdere l’occasione. MATTEO FRANCINI

m.francini@ilreporter.it


22 | Ottobre 2013

#Speciale salute

 L’appuntamento

 L’esame

medici di famiglia, una festa la colonscopia per conoscerli meglio si fa virtuale Tante le iniziative in programma: l’obiettivo è far crescere la fiducia Serena Wiedenstritt

C

e ne ricordiamo soltanto quando c’è bisogno di una visita, di una ricetta o di un certificato, ma in realtà il medico di famiglia è l’ancora sanitaria del cittadino, colui su cui maggiormente si ripone la fiducia delle persone per tutto ciò che riguarda la salute, la cura e il benessere. Proprio per rafforzare la relazione di fiducia tra i cittadini e il loro medico al di fuori del contesto del bisogno specifico in cui normalmente i due si incontrano e per parlare di sanità fuori dai classici schemi degli

eventi professionali, torna la “festa del medico di famiglia”. Giunta alla quarta edizione, si terrà quest’anno dal 14 al 20 ottobre, con appuntamenti in tutta Italia e un calendario particolarmente fitto di iniziative in Toscana e a Firenze. Definita dal coordinatore nazionale Giuseppe Orzati “un evento creativo che unisce cittadini e operatori”, la manifestazione comprende incontri con i bambini, i ragazzi delle scuole superiori, serate con i cittadini e i loro dottori e altre iniziative. Nata in Toscana, a Firenze, nel 2010 per ini-

ziativa di un gruppo di medici di famiglia, la festa si è diffusa nel 2011 in Umbria e nel 2012 in diverse regioni e città italiane. Quest’anno diventerà un evento di portata nazionale e vedrà la partecipazione di Ministero della Salute, Fimmg, Simg, Fiaso, Federfarma e giunte regionali. Fra gli appuntamenti fiorentini, il 18 ottobre alcuni medici di famiglia trascorreranno un dopocena con i loro pazienti per discutere di argomenti che interessano la loro salute e il loro benessere, ma anche prevenzione, servizi e disservizi, mentre il 14 ottobre, all’Sms di Rifredi, si terrà un “Caffèscienza” dedicato al futuro della salute, con un focus su invecchiamento della società e conseguente cronicizzazione di molte malattie, personalizzazione della terapia, farmaci generici e biosimilari, assistenza remota e telemedicina. Oltre alle occasioni informali, Firenze ospiterà il 19 ottobre due importanti convegni paralleli: il workshop sulle tecnologie e i servizi per il futuro del sistema sanitario nazionale, in cui si parlerà della riforma sanitaria e delle tecnologie come la telemedicina, la diagnostica a distanza, l’integrazione di tutti gli operatori del sistema e la cartella clinica, e la giornata nazionale del medico di famiglia, che radunerà tutti i responsabili regionali per dibattere su come sta cambiando e cambierà il sistema sanitario.

 Web 

festadelmedicodifamiglia.it

Serena Wiedenstritt

A

rriva per i fiorentini una nuova possibilità di prevenzione del tumore del colonretto attraverso la colonscopia virtuale, una avanzatissima tecnica diagnostica molto meno invasiva della colonscopia tradizionale. Si tratta di un esame radiologico che, attraverso una Tac dell’addome, permette di esplorare il colon previa insufflazione d’aria: l’elaborazione delle immagini attraverso un computer permette una visualizzazione tridimensionale dell’intestino, proprio come se l’operatore stesse effettuando una vera e propria colonscopia. Si tratta di fatto di un esame che arreca poco fastidio a chi vi si sottopone e al tempo stesso molto affidabile per individuare eventuali polipi adenomatosi, che possono essere rimossi prima di una possibile degenerazione, o tumori. In una prima fase all’esame verranno sottoposti cinquemila cittadini nell’ambito di uno studio sui programmi di screening del colon-retto che interesserà in tutto quattordicimila fiorentini. Il progetto, proposto dall’Università di Firenze in collaborazione con l’azienda Im3D e Ispo, l’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica, e finanziato dalla Regione Toscana con il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, si pone tre obiettivi principali: esplorare la resa diagnostica di questo esame d’avanguardia comparando i risultati ottenuti con il test del sangue occulto fecale e con la colonscopia tradizionale, confrontare i diversi livelli di adesione da parte della popolazione e analizzare i costi dell’operazione. Lo studio interesserà uomini e donne di età compresa tra i 54 e i 65 anni. I partecipanti verranno divisi in tre gruppi: cinquemila persone saranno invitate a sottoporsi a una colonscopia virtuale, ottomila a effettuare un test del sangue occulto fecale con cadenza biennale (per sei anni) e mille, infine, a sottoporsi a una colonscopia tradizionale mediante esplorazione con sonda endoscopica del grosso intestino. Lo studio prevede anche di avvalersi della telediagnosi, visto che le colonscopie virtuali saranno effettuate al Dipartimento di diagnostica per immagini di Careggi e alla Radiodiagnostica di Torregalli, mentre le immagini dell’esame verranno trasmesse via rete a un unico centro, dove saranno analizzate e valutate da un pool di radiologi altamente specializzati.

centro zen estetica Trattamenti anti-age e per il corpo, all'avanguardia con metodo DIBI MILANO. Sconto del 20% su tutti i trattamenti per i lettori de Il Reporter Via Paganini n. 28 - 50127 - Firenze tel. 055 4379758 www.centrozen.it - centrozen.fisioterapia@gmail.com


Sgombero appartamenti, Le migliori offerte residenziali, commerciali, stagionali SOLDI solai, SUBITO! cantine. Piccoli traslochi, smontaggio e rimontaggio arredi, trasporti in genere.

SERIETA’ E PREZZI MODICI tuttosvuoto@gmail.com

333 4233131 Per gli inserzionisti privati i costi di pubblicazione di un annuncio immobiliare sulle edizioni cartacee de Il Reporter sono:

30€ per 1 mese 55€ per 2 mesi 80€ per 3 mesi Per informazioni telefonare allo

bilità di personalizzazioni. Euro 330.000 APE 17, 292 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 208 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, luminoso app. di mq 85 con giardino e resede esterno di 65 mq ca. con cucina, sala, 2 camere, doppi servizi. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. In prestigioso complesso residenziale ai piedi di Monte Morello, parte di nuova costruzione, classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazioni, acquisto p. auto o garage. A partire da Euro 299.000,00. APE 24, 103 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 05 055 2335596 – 340 7871696

 055.6585939 o inviare e-mail a: info@edizionibunker.it 1 - 2 VANI FIRENZE

CENTRO STORICO s. ambrogio in palazzo antico vendesi particolare appartamento ristrutturato con arte per amatori mq 50 porta blindata camino in pietra serena nicchie con effetto luci fontana del ‘400 travi a vista rifiniture extralusso aria condizionata rif a 212 055 414545 - 335 7363640 SESTO FIORENTINO, bilocale mq 47, ampio sogg.-cucina, matrimoniale, bagno finestrato, balcone coperto 18 mq ca. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Parte di piccolo edificio ai piedi di Monte Morello costruito con tecniche d’avanguardia, classe energ. A+. No spese di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 185.000. APE 10,591 kWh/ m²anno. RIF. UMI 6 - 106 055 2335596 – 340 7871696

3 VANI FIRENZE

FIRENZE ZONA SAN FREDIANO vendesi piccolo appartamento di 45 mq piu’ 8mq di soppalco completamente ristrutturato con 2 bagni ingresso soggiorno con angolo cottura camera zona guardaroba termo sing. rif a 333 055 414545 - 335 7363640 SESTO FIORENTINO, trilocale al 1° p. nuova costruzione, ampio e luminoso mq 67 oltre balcone abitabile di 20 mq ca, con ampio sogg.cucina, 2 camere e bagno finestrato. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Parte di piccolo edificio ai piedi di Monte Morello costruito con tecniche d’avanguardia, classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 265.000. APE 11, 793 kWh/m²anno. RIF. UMI 6 - 102 055 2335596 – 340 7871696 SESTO FIORENTINO, nuova costruzione, al 1° p. ampio e luminoso trilocale mq 75 oltre balcone abitabile 20 mq ca. Ampio sogg.-cucina, 2 camere, bagno finestrato. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Parte di piccolo edificio ai piedi di Monte Morello costruito con tecniche d’avanguardia, classe energ. A. Nessuna spesa di mediazione, possibilità di personalizzazione, acquisto p. auto o garage. Euro 285.000. APE 22,583 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 101 055 2335596 – 340 7871696 SCANDICCI in strada di poco traffico, al p. piano di palazzina di recente costruzione, delizioso 3 vani con terrazza abitabile, composto da cucina, camera matrimoniale, cameretta singola, bagno finestrato, oltre posto auto. Ottime condizioni. Classe energ. G ape > 175kw. Studio Imm.Dolfi ph 335-7678437

OLTRE 5 VANI FIRENZE

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso immobiliare di nuova costruzione, app. al II ed ultimo p. di 135 mq con cucina abitabile, ampio sogg., 3 o 4 camere, doppi servizi e 2 grandi balconi abitabili. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Classe energ. A+. Euro 460.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 21, 367 kWh/m²anno - RIF. UMI 6 – 202 055 2335596 – 340 7871696

coverciano via Manni in buon palazzo di 4 piani vendesi appartamento ristrutturato al 3° piano con ascensore di mq 80 vani 4 ingresso soggiorno cucina semi abitabile ripostiglio 2 camere matrimoniali 1 bagno con finestra terrazza con lavanderia termo sing aria condizionata impianti a norma richiesta € 269.000,00 con buona trattabilita’ rif a 419 BrUni - iGo immoBiliare 055 414545 - 335 7363640 via respighi zona puccini vendesi elegante

appartamento di vani 6 ristrutturato piano alto con ascensore contesto nel verde con viali giardini e alberi di alto fusto ingresso ampia cucina abitabile con terrazzo salone doppio con terrazzo 2 camere matrimoniali studio ripostiglio 2 bagni con finestra 2 posti auto di proprieta’ esclusiva cantina in opzione richiesta €560.000,00 trattabili rif a 613

BrUNi - igO immOBiliare 055 414545 - 335 7363640

via dell’olivuzzo in contesto verdeggiante vendesi grazioso appartamento di mq 70 oltre a garage piano medio ingresso sala cucina abitabile grande ripostiglio bagno finestrato camera matrimoniale balcone possililita’ camera sing. richiesta € 230.000,00 rif a 401 BRuNi - iGo immoBiliaRe 055 414545 - 335 7363640

5 VANI FIRENZE SESTO FIORENTINO, app. angolare nuova

costruzione, libero su 3 lati, di mq 105, con: cucina abitabile, grande sogg., 3 camere, 2 bagni, rip., oltre 2 ampi balconi. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. In prestigioso complesso residenziale ai piedi di Monte Morello. Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione. Possibilità di rifiniture personalizzate, acquisto p. auto o garage. Euro 410.000. - APE 17, 192 kWh/m²anno RIF. UMI 6 – 107 055 2335596 – 340 7871696

TERRATETTI FIRENZE

PIAZZA DONATELLO vendesi palazzina terra cielo indipendente di mq 600 su 3 livelli oltre a giardino di mq 200 e cantina passo carrabile l’immobile è da ristrutturare categoria a 10 adatto studi medici studi professionali gia’ libero rif ip 103 055 414545 - 335 7363640

VILLE E VILLETTE FIRENZE

bellosguardo in contesto panoramico su firenze totalmente nel verde vendiamo(volendo compreso l'arredo in stile moderno ) prestigioso appartamento in villa storica al piano secondo ed ultimo di mq 220 piu' garage e cantina munito di ogni confort ampio ingresso salone doppio con camino 4 camere ripostiglio lavanderia 2 bagni giardino condominiale stato perfetto richiesta € 1.050.000,00 rif vo 101

FIRENZE PORTA ROMANA via del podesta’ in contesto signorile e riservato vendesi nuova villetta mq 144 su 2 livelli e cantinetta garage di mq 27 collegamento diretto all’abitazione giardino di mq 70 terrazzino a tasca accorgimenti energetici di ultima generazione ogni confort rifiniture di lusso rif vo 113 055 414545 - 335 7363640 bolognese la lastra vendesi antica villa con piscina libera su 4 lati articolata su 2 livelli oltre piano terra 3 ingressi gia’ tre appartamenti indipendenti posizione inncantevole nella soleggiata prima costa di via bolognese vecchia con vista firenze san domenico distinguono la dimora il giallo delle facciate la terracotta , le rifiniture, la pietra serena ,gli archi, le scalette in pietra ,verande soleggiate, terrazze e lo splendido giardino con piante di olivo non distante servizi commerciali e mezzi pubblici rif vo 114 055 414545 - 335 7363640 BAGNO A RIPOLI prima collina su firenze proponiamo in vendita esclusiva villa medicea prestigiosa con vista firenze su 2 livelli piu’ torre mq totali 1.500 giardino all’italiana cantine cappella privata predisposizione alloggio piscina al piano terra si sviluppa la parte giono con saloni di rappresentanza l’accesso al primo piano avviene a mezzo scala museale in pietra di profondo sapore architettonico tutte le camere sono completate con il proprio bagno al corpo centrale si aggiunge una nuova parte attuale dependance . vari pati e logge completano la villa documentazione e ulteriori dettagli verranno forniti presso i nostri uffici vo 122 055 414545 - 335 7363640 PISTOIA

PISTOIA COLLINARE altezza 500 metri versante marliana vendesi porzione di villino indipendente mq 120 stato perfetto giardino mq 200 c/a carrabile terrazza mq 43 cucina abitabile camino cantina ripostiglio 2 camere bagno con finestra .vicinanza paese e con servizio di mezzi pubblici rif gor. 055 414545 - 335 7363640

COLONICHE E TERRENI FIRENZE

CERTOSA FIRENZE contesto panoramico vendesi indipendente porzione di colonica ristrutturata libera su 3 lati con vialetto proprio parcheggio per 5 auto vani 6 su 2 livelli piano terra ingresso cucina tinello salotto bagno ripostiglio aia e giardino di 1200 metri piano 1° 2 camere matrimoniali con cabina armadio e bagno finestrato dependance per ospiti con camerara bagno e giardino di 400 metri rif c 101 055 414545 - 335 7363640 FIRENZE SUD zona bellariva in prima collina vista monumenti firenze vendesi particolare borgo colonico composto da 3 unita’ indipendenti 300 mq corpo centrale 2 livelli 100 mq antiche stalle 50 mq fienile ( da ristrutturare ) terreno ad olivi 2000 piante camini forno area parcheggi loggiati evidenziamo ulteriori mq

300 ex deposito attrezzi in via di sanatoria ulteriori informazioni in studio rif c 109 055 414545 - 335 7363640 1246289

bagno a Ripoli vendesi por-

zione di colonica finemente ristrutturata 80 mq con camera, cameretta, cucina, soggiorno, bagno e lavanderia. 700 mq di giardino, con resede. Euro 340.000.

335 7712450

CAPANNONI AFFITTASI a firenze nova vicinanza autostra da di mq 220 piu 70 mq di uffici e mq 70 di piazzale oppure mq 440 piu 140 di uffici e mq 140 di piazzale rif nf 04 055 414545 - 335 7363640 SESTO ZONA ARTIGIANALE querciola vicinanza strada perfetti ricasoli affittasi capannone artigianale di mq 500 piano terra e mq 200 di soppalco per uffici oltre a piazzale di mq 300 stato generale ottimo richiesta mensile di € 3.900,00 rif n 05 055 414545 - 335 7363640 ALL’USCITA DELLA FI-PI-LI, vicinissimo al casello autostradale di Firenze-Scandicci, affittasi fondi di varie metrature, posti al piano primo e al piano terra, con possibilità di carico/ scarico merci, ottima costruzione, dai 90 ai 1.000 mq. Prezzi a partire da Euro 8/mq. 055 2335596

COMMERCIALI VENDITA POZZOLATICO versante mezzomonte vendesi antica colonica in pietra perfettamente ristrutturata con attenzione ai particolari conservativi mq totali c/a 700 mq con giardino e terrenoad ulivi gia’ 3 unita’ indipendenti l’immobile e’ posto in posizione collinare dominante sulle valli e’ accessoriata con una piscina evidenziamo le rifiniture di pregio con cotto scale in pietraserena travi a vista verende e loggiati rif c 107

BRUNI - IGO IMMOBILIARE 055 414545 - 335 7363640

FONDI E GARAGE 1246288

Firenze Sud vendesi magazzino

195mq con piazzale adatto per carico e scarico merci con bagno di servizio. Possibilità subentro leasing.

RESIDENZIALI AFFITTO FIRENZE

LUNGARNO LE GRAZIE affittasi elegantissimo appartamento arredato di vani 5 con salone doppio 2 bagni cucina abitabile 2 camere matrimoniali ripostiglio termo sing. piano primo con ascensore volendo garage rif af 127 055 414545 - 335 7363640

COMMERCIALI AFFITTO UFFICI E NEGOZI

FIRENZE PONTE A EMA uscita autostrada fi/ sud affittasi palazzina di 2 piani adibita ad uffici gia’ divisa in 4 unita indipendenti per un totale di 400 mq vani 16 bagni 4 gia’ libera possibilita’ di affitto di unita’ separate ampio parcheggio nelle vicinanze rif uf 109 055 414545 - 335 7363640 FONDI E GARAGE

VIA NAZIONALE punto strategico alto passaggio pedonale cedesi negozio di mq 27 con bagno antibagno e cantina di mq 25 cat c1 chiedesi piccola buonauscita l’affitto e’ di € 850,00 mensili con contratto attivo anni otto rif ff 112 055 414545 - 335 7363640 PONTE A GREVE si affitta capannone di 750 mq piu’ piazzale di proprita’ di 1.200 metri impianti a norma 2 bagni riscaldamento autonomo categoria d6 varie altezze da 8 metri a 4,50 richiesta € 5.000 mensile rif nf 03 055 414545 - 335 7363640

335 7712450

MARI E MONTI TOSCANA 1246290

MAREMMA vendesi nel parco naturale

dell'Uccellina a 5km dal mare, n° 2 appartamenti nello stesso complesso di recente costruzione, 1 di 50 mq e l'altro di 70 mq. In ogni appartamento 1 camera, 1 bagno e una cucina-soggiorno. 800 mq di giardino recintato con gazebo, forno per la pizza e barbecue. 2 posti auto. Euro 295.000. 335 7712450

vendere ora ! si conviene ! nuovo sistema di vendita otteniamo in 3 mesi il massimo prezzo per il tuo immobile come: - tre proposte d’acquisto - provvigioni solo 1% - esclusiva - certificazione prioritaria delle proposte depositate presso studio notarile

335-7363640 055-414545

bruNI - Igo ImmobIlIare 055 414545 - 335 7363640

attico ponte vecchio in torre antica vendiamo appartamento di mq 110 ascensore terrazza abitabile di mq 30 con vista monumenti tetti e colline a 360° l’immobile gode di due ingressi e’ composto d sala studio cucinotto 2 bagni 2 camere matrimoniali ripostiglio dispensa rif a 537 BRUni - iGo immoBiliaRe 055 414545 - 335 7363640 bolognese la lastra vendesi antica villa con pi-

scina libera su 4 lati articolata su 2 livelli oltre piano terra 3 ingressi gia’ tre appartamenti indipendenti posizione inncantevole nella soleggiata prima costa di via bolognese vecchia con vista firenze san domenico distinguono la dimora il giallo delle facciate la terracotta , le rifiniture, la pietra serena ,gli archi, le scalette in pietra ,verande soleggiate, terrazze e lo splendido giardino con piante di olivo non distante servizi commerciali e mezzi pubblici rif vo 114

4 VANI

bRUnI - Igo ImmobIlIaRe 055 414545 - 335 7363640

FIRENZE

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso residenziale ai piedi di Monte Morello, app. 95 mq su 2 livelli agli ultimi piani di nuova costruzione con ampio sogg.-cucina, 2 camere e 2 bagni. Molto luminoso con 2 balconi di 18 mq ca. cad. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Classe energ. A+. Nessuna spesa di mediazione, possi-

SESTO FIORENTINO, in prestigioso complesso immobiliare di nuova costruzione, app. 100 mq con ampia cucina/sogg., 3 camere, doppi servizi e 2 balconi abitabili. Ottime rifiniture: portone a tripla blindatura, infissi con triplo vetro, videocitofono, predisposizione climatizzatore, pannelli solari. Classe energ. A+. Euro 375.000 Nessuna spesa di mediazione. APE 14.27 kWh/ m²anno - RIF. UMI 6 – 103 055 2335596 – 340 7871696

coverciano in contesto tranquillo e signorile ven-

desi attico al 3° piano ed ultimo con ascensore di mq 100 al quale si aggiungono mq 30 delle varie terrazze con vista colline di settignano abbiamo un ingresso un soggiorno doppio cucina abitabile ripostiglio bagno con finestra 2 camere matrimoniali cantina possibilita’ garage giardino condominiale richiesta € 395.000,00 trattabili rif a 524

BrUni - iGo immoBiliare 055 414545 - 335 7363640

CASTELLO in contesto unico nel verde vendesi ottima porzione di villino bifamigliare totalmente indipendente mq 190 oltre a giardino di mq 500 privato vani 6 con 2 bagni finestrati balcone dependence inclusa di mq 40 posti auto 4 cancello con ingresso esclusivo richiesta € 695.000,00 trattabili rif vo 110 055 414545 - 335 7363640

Zona San Bartolo a Cintoia-iSolotto

Terratetto 90 mq circa, su due livelli, due bagni, due camere, cucina grande e salotto, ripostiglio, cortile esterno con locale tecnico e tetto terrazzato calpestabile. Riscaldamento autonomo No Condominio - NO AGENZIE - richiesta € 280mila tEl. 3473618993


24 | Ottobre 2013

Il Reporter per il sociale

Per lo studio, la cura, l’assistenza e l’informazione sui tumori cerebrali infantili

Via Ontignano, 44 - 50061 Fiesole [Fi] Tel/Fax 055.695047 • Cell. 335.362203 info@tommasino.org • www.tommasino.org CF 94078280487 • PI 05090750489 • c/c postale 12158531

Il Reporter Q4 - Ottobre 2013  

Edizione di Ottobre 2013 de "Il Reporter" relativa al Quartiere 4 della città di Firenze

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you