Page 1

Anno 1 - Numero 18 16 Maggio 2010

Periodico Diffusione gratuita

la voce del tifoso

di Enzo Tamborra

Sì, meritano l’applauso di tutti. Contro la Fiorentina si chiude il sipario su una stagione che ha regalato emozioni forti e soprattutto la sensazione mai vissuta prima di una Bari capace di vincere contro chiunque. I successi contro Juventus, Sampdoria, Palermo e Lazio, gli straordinari pareggi contro l’Inter e l’incredibile prova di forza al Meazza contro il Milan, sono i fiori all’occhiello di un campionato nettamente al di sopra delle aspettative. Battendo la Fiorentina ,il Bari chiuderebbe a cinquanta punti, stabilendo il record storico in serie A da quando le vittorie valgono tre punti. Eppure, comunque vada oggi, si potrà dire che la squadra di Ventura non avrà raccolto quanto seminato. Almeno una mezza dozzina di punti è stata lasciata per strada tra rigori sbagliati e domini infruttuosi, senza tenere conto di quelle partite di fine campionato nelle quali si è avuta l’impressione di un Bari ormai sazio per la salvezza ormai raggiunta con largo anticipo e quindi meno affamato del solito. Chissà se un anno così capiterà mai più. La storia del Bari non induce ad essere particolarmente ottimisti, ma non è detto che debba andare sempre così. Nel dubbio, salutiamo con affetto e calore questa squadra incredibile ed il suo strepitoso condottiero, Giampiero Ventura, l’uomo che ha fatto della libidine applicata al calcio il suo cavallo di battaglia. E’ stato bello, non ci © Riproduzione riservata sono dubbi. Ora speriamo che duri.

© TODAY


il nuovo Galletto.it

2

Lorenzo Amoruso, già capitano dei Glasgow Rangers ed ex di Bari e Fiorentina, ci racconta le sue emozioni

Vincere in biancorosso? La più grande soddisfazione di Davide Lattanzi

va l’obiettivo di inserirsi tra le big e ci è riuscita. Basti pensare che nei due anni Lorenzo Amoruso, Bari-Fiorentina con- in viola ho conquistato una Coppa Italia terà anche poco per la classifica, ma ed una Supercoppa italiana. In più ho per lei è la partita del cuore. avuto la fortuna di allenarmi con grandi “Assolutamente. Si tratta di un incrocio campioni. Uno su tutti? Batistuta: seche mi porta alla mente tante esperien- condo me tra i primi dieci attaccanti più ze. Bari e Fiorentina non sono soltanto forti di tutti i tempi”. le due principali squadre italiane in cui Quali soni i ricordi più belli che la legaho militato, ma soprattutto sono le città no al Bari? della mia vita. A Bari sono nato, Firenze, “La soddisfazione di essermi conquistato invece, mi ha adottato. Ed ormai risiedo una maglia da titolare dopo essere riin Toscana da diversi anni”. entrato dalla gavetta. In biancorosso ho Sul piano professionale, in che cosa si esordito giovanissimo, nel 1989, a soli distinguono le due esperienze? 18 anni contro l’Inter. Mi sembrava un “Nel Bari ho conosciuto le difficoltà di sogno, ma forse, a causa del mio caratquesto mestiere. Vincere in biancoros- tere un po’ ribelle, decisero di farmi fare so è stata una delle soddisfazioni più le ossa nelle categorie inferiori. Sono grandi della mia carriera. Perché quan- tornato alla base nel ’93 e ho conosciudo si gioca per conquistare la serie A o to l’immensa gioia di impormi con la per salvarsi nel massimo campionato, il squadra della mia città. Alla fine di quel coefficiente di difficoltà è molto più alto. torneo sbarcammo in A con una formaLa Fiorentina di Cecchi Gori, invece, ave- zione giovanissima. Non dimenticherò

mai l’abbraccio del presidente Matar- il gruppo della necessaria convinzione rese durante la festa della promozione per raggiungere un traguardo ancor più al Barion”. prestigioso. Il mio oscar va a Ventura: Oltre Bari e Fiorentina, si è distinto per ha plasmato un gruppo giovanissimo i trascorsi in Inghilterra e, soprattutto, conferendogli una mentalità vincente e Scozia con i Rangers. sempre propositiva”. “A Glasgow ho lasciato un pezzo di cuore. In settimana si è registrato l’addio del Essere stato il primo capitano cattolico ds Perinetti. Una separazione che può dei Rangers è un orgoglio che porterò pregiudicare il progetto Bari? sempre dentro. Gli infortuni, invece, “Senza dubbio è una perdita grave. Ma hanno pregiudicato la mia esperienza la serie A è un patrimonio da difendere in Inghilterra, al Balckburn. Tuttavia, se- ad ogni costo. Magari non solo con le guo sempre il calcio inglese e penso che forze della società e dei tifosi, ma anche oggi sia il più spettacolare del mondo. con il supporto delle istituzioni locali”. Ma il campionato italiano resta il più Che cosa fa oggi Lorenzo Amoruso? difficile”. “Ho conseguito il patentino di tecnico di Che cosa pensa del campionato del prima categoria. Il mio sogno sarebbe Bari? allenare, ma so quanto è difficile otte“E’ stata una stagione esaltante. Ad un nere una chance. Nel frattempo, collacerto punto, ero convinto che il Bari sa- boro con Sky ed altre televisioni toscane. rebbe sbarcato in Europa. Forse la sal- Ma il campo mi manca. Chissà, un giorvezza acquisita con così grande anticipo no potreste anche rivedermi a Bari…”. e alcuni infortuni pesanti hanno privato © Riproduzione riservata


il nuovo Galletto.it

3

Dopo l’addio di Giorgio Perinetti la palla passa al presidente Vincenzo Matarrese

Dipende da lui di Enzo Tamborra Una premessa: al momento di andare in stampa, non si conosce il nome del nuovo direttore sportivo del Bari. Si sa invece perfettamente il vuoto lasciato in gran parte della tifoseria da Giorgio Perinetti, che in molti vedevano come il garante dei sogni. C’è persino chi ha pianto per la sua partenza. Una cosa vista a Bari per alcuni giocatori straordinari, mai per un direttore sportivo. Una reazione legata non solo ai successi ottenuti da Perinetti, ma anche dalla sua capacità di dare ai tifosi l’importanza che meritano. Vogliamo però credere al presidente Matarrese, che anticipando in qualche modo il divorzio, aveva detto nei giorni scorsi che allenatori e direttori sportivi vanno e vengono, l’importante è che resti la società. Con quella frase, peraltro condivisibile, Matarrese si è ripreso in mano tutto il Bari ed ha dimostrato di essere pronto ad una nuova scommessa, con tutti i rischi che comporta. Non osiamo immaginare cosa accadrebbe, se nella prossima stagione

la magia di queste ultime due stagioni dovesse svanire. Un pensiero che avrà sfiorato anche lui e che sicuramente lo aiuterà a trovare le motivazioni giuste per costruire un altro Bari competitivo. Poi occorrerà anche un pizzico di fortuna, ma i sogni dei tifosi sono ora nelle sue mani e non più in quelle di Perinetti. Inizi dando un segnale forte, portando a casa le comproprietà di Almiron e Barreto, due beniamini assoluti del pubblico biancorosso. Sarebbe un gran segnale per una piazza che sente di aver perso la bussola. La nuova sfida di Matarrese è dimostrare come tutti siano utili nessuno indispensabile. Tranne lui. © Riproduzione riservata

© TODAY


il nuovo Galletto.it

5

Il mio galletto

di Tiziana Garofalo

Dalle sfilate di moda alla Serie A Virna Parisi racconta la sua storia con Alessandro Tu e Alessandro... come è nata la volta che devo fargli un regalo è un vostra storia? “dramma”... Ci siamo conosciuti a Messina, durante una sfilata di moda. Il corteggiamento Com’è essere sposata con un calciatoè stato semplice, “nascosto” per un po’, re? perchè mio padre non voleva che stessi Guarda, i calciatori sono dei ragazzi con un calciatore, anche se quando io semplici, “normali”. Per noi, tra l’altro, l’ho conosciuto non sapevo nemmeno la famiglia è al primo posto. chi fosse. Alessandro è stato paziente, ha saputo aspettarmi e al momento Quando Alessandro non è alle prese giusto siamo usciti allo scoperto. con allenamenti e partite cosa vi piace fare? Ti ricordi come ti chiese di sposarti? Innanzitutto viaggiare, ma ci piace anSono cose che non si dimenticano: lui, che andare a trovare parenti e amici. doveva trasferirsi a Genova e dopo cir- Con un bimbo piccolo poi cerchiamo ca otto mesi di fidanzamento mi ha fat- di frequentare famiglie come la nostra. to la fatidica proposta. Siamo persone semplici: ci piace anche stare a casa o magari andare a mangiaChe tipo di uomo è tuo marito fuori dal re una pizza con gli amici. campo? Assolutamente un grande punto di rife- Tu e il calcio che rapporto avete? rimento per me e per nostro figlio. É il Siamo due cose diametralmente all’opnostro braccio destro. Quando non c’è, posto. Cerco di seguire Alessandro, ma la sua mancanza si sente. Poi è un otti- quando è in campo non capisco proprio mo papà, molto giocherellone, si dedica nulla (ride, ndr), tranne i gol! a Leonardo al 100% sia nei giochi, sia nell’educazione. Bari-Fiorentina, l’ultima fatica di una stagione da incorniciare. Sarai al San Se dovessi fare un regalo ad Alessan- Nicola? dro, cosa non gli regaleresti mai? Purtroppo non ci sarò. Sono già tornata Partiamo dal presupposto che abbiamo a Messina, ma seguirò il match dalla TV. gusti totalmente differenti quindi ogni © Riproduzione riservata

IL BIANCO &©ILRiproduzione ROSSOriservata TB SPORT tutti i giorni alle 14.30

IL BIANCO & IL ROSSO ultimo minuto domenica alle 16.30 FM 88,8Mhz


il nuovo Galletto.it

6 Speciale Sud Africa 2010

Il Nuovo Galletto va ai mondiali!

L

’avventura de Il Nuovo Galletto, per la stagione 2009-2010, non si chiude oggi. Tra meno di un mese, infatti, in Sud Africa l’Italia cercherà di difendere il titolo di Campione del Mondo conquistato nel 2006, e quest’anno, per la prima volta, potrà vantare un calciatore del Bari nella rosa dei 22. Leonardo Bonucci, che con ogni probabilità lascerà i biancorossi nella prossima stagione, è stato uno dei protagonisti della strepitosa stagione del Bari, in coppia con lo sfortunato Andrea Ranocchia nella prima parte di stagione, e con Andrea Masiello nella seconda metà del campionato. La rappresentativa dei biancorossi non si ferma, tuttavia, a Bonucci. Il nostro “Alvaretto”, la scheggia imprendibile sulla fascia destra dei galletti,

giocherà con la nazionale dell’Honduras. Dall’11 Giugno 2006, Il Nuovo Galletto partirà con uno speciale dedicato ai mondiali, con numeri straordinari che seguiranno man mano le imprese degli azzurri in Sud Africa, raccontando le gesta degli eroi che già quattro anni fa fecero urlare di gioia una nazione intera. L’appuntamento, quindi, è tra poco più di venti giorni.

Forza Bari e Forza Azzurri! © Riproduzione riservata


il nuovo Galletto.it

7

20

v o i l z a u t i t V Ku

Nome: Vitali Cognome: Kutuzov Nato: il 20.03.1980 a Pinsk (Bielorussia) Stato Civile: Sposato con Olga Idolo d’infanzia: Diego Armando Maradona Il Piatto: Pesce crudo Il Film: Profumo di donna L’Attore: Al Pacino L’Attrice: Sharon Stone Il Colore: Azzurro Il cantante: Toto Cutugno Hobby: Hockey sul ghiaccio Obiettivo: Andare in Europa League con il Bari Sogno nel cassetto: La serenità della mia famiglia

© TODAY

la carriera di Vitali Kutuzov Stagione

Squadra Presenze Reti

2008-10 2007-08 2006-08 2004-06 2003-04 2002-03 2001-02 1997-01

BARI Pisa Parma Sampdoria Avellino Sporting Lis. Milan Bate Borisov

30 37 20 62 42 24 2 99

6 10 0 7 15 3 0 55


il nuovo Galletto.it

8

Arb

4-4-2

BARI

FIORENTINA

47 PUNTI (11°)

IN CLASSIFICA

47 PUNTI (10°)

Bari in casa, 34 PUNTI: Vittorie: 10 Pareggi: 4 Sconfitte: 4 Reti fatte: 28 Reti subite: 15

IL CAMMINO

Fiorentina in trasferta, 17 PUNTI: Vittorie: 4 Pareggi: 5 Sconfitte: 9 Reti fatte: 20 Reti subite: 25

14 GOL: Barreto, 5 GOL: Meggiorini, Almiron; 3 GOL: Alvarez, Allegretti, Castillo 2 GOL: Ranocchia, Masiello A., Rivas, Koman 1 GOL: Kutuzov, Donati, Greco, Bonucci, Masiello S.

I MARCATORI

15 GOL: Gilardino; 6 GOL: Jovetic, Marchionni; 5 GOL: Vargas; 4 GOL: Mutu; 3 GOL: Santana; 2 GOL: Keirrison, Montolivo, Kroldrup; 1 GOL: Castillo, Babacar, De Silvestri.

Ultima vittoria del Bari in casa: 4 marzo 2001: 2-1 Castillo Ventura non ha mai battuto Prandelli

Jean Francois GILLET (media voto 6,23)

Josè Ignacio CASTILLO (media voto 4,91)

LA CABALA GLI EX GLI ALLENATORI

a disposizione: 25 Padelli, 3 Diamoutene, 26 Pisano, 21 Parisi, 16 Donati, 7 Rivas, 30 Allegretti Allenatore Giampiero Ventura

Giancola della s Guardalinee: Ma 4° uomo

Stadio Sa Domenica 16 ore 15

Ultima vittoria dei Viola a Bari: 8 Febbraio 1998: 0-1 Nessuno Ultima vittoria di Prandelli su Ventura: 10 gennaio 2010: Fiorentina-Bari 2-1

Marco ROSSI

IL TOP

(media voto 6,45)

IL FLOP

Salvatore BOCCHETTI (media voto 5,78)

Il precedente Nell’ultimo anno di serie A prima del purgatorio durato ben 8 anni in serie B, i biancorossi, mai protagonisti nel campionato 2000-2001, dopo aver raccolto un insperato pareggio contro la Roma (che si laureò campione d’Italia), riuscì a togliersi una bella soddisfazione in casa con la Fiorentina, battendola per 2-1. Alla rete di Rui Costa al 42’ del primo tempo replicò dopo meno di un minuto Cassano. Allo scadere del match, all’87’ minuto un rigore di Daniel Andersson regalò la vittoria al Bari. Quella vittoria fu una delle 5 dei galletti, che terminarono il campionato all’ultimo posto con pochi primati di cui andar fieri: peggiore difesa, maggior numero di sconfitte e minor numero di vittorie. Dopo oltre 10 anni, i biancorossi si sono ampiamente riscattati delle delusioni iniziate proprio nel 2000. Quell’anno il bottino complessivo del Bari fu di 20 punti, quest’anno siamo a quota 47 con una partita ancora da giocare.

di Maurizio Fontana

BARI-FIORENTINA story Partite Vittorie Bari Vittorie Fiorentina Pareggi

32 17 4 11

Reti Segnate dal Bari Subite dal Bari

34 17


il nuovo Galletto.it

bitra

sezione di Vasto asotti e Costa C. o: Russo

4-2-3-1

Giampiero Ventura

a disposizione: 35 Avramov, 48 Masi, 21 Babacar, 15 Zanetti, 4 Donadel, 39 Keirrison, 45 Carraro Allenatore Cesare Prandelli

il mister

© TODAY

an Nicola maggio 2010 5,00

9

All’indirizzo www.ilnuovogalletto.it troverai notizie, informazioni, curiosità sul Bari e su tutti gli eventi della città. In più, rubriche giornaliere e settimanali su tornei amatoriali di calcio, coppe europee e tutta la serie A. Puoi commentare le notizie, partecipare a sondaggi, ricevere offerte vantaggiose dei nostri partner. Iscriviti alla nostra pagina di Facebook (oltre 3.850 fan) per essere sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore! www.twitter.com/ilnuovogalletto

www.facebook.com/ilnuovogalletto

Nome: Giampiero Cognome: Ventura Nato: il 14.01.1948 a Genova Stato Civile: Sposato con Rosangela Idolo d’infanzia: Mohamed Alì Il Piatto: Lasagne al pesto Il Film: Il silenzio degli innocenti L’Attore: Sean Connery L’Attrice: Susan Sarandon Il Colore: Il bianco Il Cantante: Fabrizio De Andrè Hobby: Turismo Obiettivo: Contribuire alla crescita del progetto Bari Sogno nel cassetto: La salute dei miei cari


il nuovo Galletto.it

11

Il punto sulla 38a di Serie A

di Davide Lattanzi

© TODAY

Ultimo atto La serie A chiude oggi i battenti e manda in archivio una stagione lunga che si chiude nella seconda domenica di maggio per dar modo alle nazionali di preparare al meglio il mondiale. La massima categoria ha ormai emanato quasi tutti i suoi verdetti. Meno il più importante: lo scudetto da assegnare ad una tra Inter e Roma. In ballo anche un posto in Champions League: se lo contendono Sampdoria e Palermo. Per il resto i giochi sono fatti. Ma ecco nel dettaglio la situazione completa. Come due anni fa Inter e Roma si giocano il titolo alla giornata conclusiva proprio come nel torneo 2007-08. Allora i milanesi avevano

un punto di vantaggio sui capitolini, stavolta le lunghezze di margine sono due. Ma cambia poco. Perché oggi come allora soltanto un successo consentirebbe alla Beneamata di mettere le mani sullo scudetto. In caso di arrivo a pari punti (pareggio dell’Inter, successo della Roma) sarebbero i giallorossi a trionfare in virtù degli scontri diretti (un pari ed una vittoria per la truppa di Ranieri). Tuttavia, la corazzata di Mourinho resta la grande favorita. Perché la trasferta con il Siena già in B, malgrado i veleni ed i presunti “premi a vincere” promessi dal presidente dei toscani Massimo Mezzaroma (peraltro romano di nascita), pare tutt’altro che inaccessibile. Non dovrebbero incontrare difficoltà nemmeno Totti e compagni nella tana di un Chievo già salvo, nonché reduce da due ko di fila.

Champions in bilico Oltre Inter e Roma, parteciperà alla più prestigiosa competizione europea per club pure il Milan che chiude il suo cammino in una sorta di derby tra deluse contro la Juventus, condannata ai preliminari per accedere all’Europa League. Il preliminare che vale la qualificazione alla Champions League, invece, andrà alla Sampdoria o al Palermo. I blucerchiati hanno due punti di vantaggio sui rosanero: gli scontri diretti tra le due contendenti sono pari (1-1 sia all’andata, sia al ritorno), ma i siciliani vantano una migliore differenza reti che li avvantaggerebbe in caso di arrivo a braccetto. Per difendere il quarto posto, pertanto, la Sampdoria deve battere il Napoli, ormai qualificato all’Europa League. Per sperare, invece, al Palermo

serve il blitz contro la retrocessa Atalanta (che segue in B Siena e Livorno). La perdente del duello, tuttavia, potrà consolarsi con l’Europa League. Passerella Prive di significato diverse gare. CagliariPalermo, Catania-Genoa, Lazio-Udinese e Parma-Livorno, tutte compagini già sicure della permanenza e fuori dalla zona coppe. Il Bari saluterà i suoi tifosi ospitando la Fiorentina. Con una vittoria, i galletti di Ventura sorpasserebbero i viola (appaiati in classifica) e conquisterebbero il decimo posto, nonché la soddisfazione di terminare il campionato nella parte destra della graduatoria.

© Riproduzione riservata

INTER

79

NAPOLI

59

BARI

47

CATANIA

42

ROMA

77

JUVENTUS

55

UDINESE

44

BOLOGNA

41

MILAN

67

GENOA

51

CHIEVO

44

ATALANTA

35

SAMPDORIA

64

PARMA

49

CAGLIARI

43

SIENA

31

PALERMO

62

FIORENTINA

47

LAZIO

43

LIVORNO

29


il nuovo Galletto.it

12

Un campionato Ripercorriamo con le prime pagine de Il Nuovo Galletto alcuni dei momenti

vs

20 Settembre 2009

1 Bari-Atalanta 4nati, Bellini) varez, Do

(Rivas, Barreto, Al

vs

25 Ottobre 2009

Bari-Lazio 2-0

(Barreto, Meggiorini)

vs

12 Dicembre 2009

1 Bari-Juventusrre3to, Almiron) uet, Ba

(Meggiorini, Trezeg


il nuovo Galletto.it

13

indimenticabile pi첫 belli di una stagione che ha visto i biancorossi strepitosi protagonisti

vs

16 Gennaio 2010

Bari-Inter 2-2

(Barreto, Barreto,

Pandev, Milito)

vs

7 Marzo 2010

Bari-Chievo 1-0 (Castillo)

vs

24 Marzo 2010

Bari-Sampdoria 2-1

(Cassano, Meggiorini, Barreto)


il nuovo Galletto.it

15

L’angolo del tifoso

Non dimentichiamoci che noi abbiamo Giampiero Ventura Nicola, noto panettiere barese, ci racconta la sua passione per il Bari con un coinvolgente ottimismo

N

el quartiere Carrassi - San Pasquale non c’è chi non conosca l’Antica Forneria Milanese, chi non abbia provato almeno una volta i panzerottini alla carne di Nicola Sciacovelli. Il suo locale è uno dei pochi, a Bari, ad aver mantenuto la genuinità delle tradizioni baresi, e lui, grande tifoso del Bari, è una delle memorie storiche dei biancorossi. Quando noi della redazione de Il Nuovo Galletto siamo andati a trovarlo, non ha perso occasione per darci indicazioni su cosa potremmo scrivere nel prossimo numero, e si è sempre lasciato andare in consigli spassionati anche alla dirigenza del Bari. Come tutti, infatti, spera che quest’anno sia solo un trampolino di lancio per una squadra che possa entrare finalmente e di diritto nell’olimpo del calcio italiano. Pur non nascondendo un po’ di delusione per come si è chiuso un campionato

imprese strepitose: se riusciamo a confermare Almiron e Barreto, con qualche innesto di valore potremmo mantenerci a buoni livelli, anche con il nuovo Direttore sportivo. Non dimentichiamoci che noi abbiamo Giampiero Ventura”. Sulla dirigenza Nicola non ha dubbi: “certo, pensare alle ultime stagioni trascorse in B fa male, ma questi ultimi due anni non possono essere un caso. Secondo me il Presidente farà di tutto per evitare un nuovo tracollo, è anche nel suo interesse. Poi che alternative ci sono? Io in gente come Barton non c’ho mai creduto!”.

che ci ha visti al ridosso della zona Champions per tutto il girone d’andata e parte del ritorno, Nicola è fiducioso sul futuro:

“Perinetti è stata la chiave del successo di questi due anni, ma io non trascurerei i ragazzi che hanno realizzato delle

ognigiovedìalle21.00suAntennaSud.

Paulo Vitor Barreto goleador e amico

C

aro Vitor, grazie per ciò che hai fatto in questi due anni al Bari. Hai dato tanto a questa maglia e a noi tifosi, con i tuoi gol, i tuoi dribbling ubriacanti che dall’anno scorso ci hanno quasi costretto ad accostarti a un altro grande, grandissimo brasiliano della storia del Bari: Joao Paulo. Era dai primi anni ‘90, quando quel maledetto infortunio occorso a Joao, che non avevamo in squadra un attaccante come te. Abbiamo avuto Protti, Tovalieri, Cassano, ma in fondo sei riuscito a portare un’intera tifoseria ad inneggiarti anche in occasione di un rigore fallito, perchè negli occhi abbiamo le fantastiche giocate con cui hai deliziato le platee del San Nicola. Io, in particolare, ho avuto la fortuna di conoscerti anche di persona, di stringere con te uno splendido rapporto di amicizia, di condividere anche dei bellissimi momenti fuori dallo Stadio, e di scoprire non solo il “Barreto che fa gol”, ma anche e semplicemente “Vitor”, amico vero. Non so se anche l’anno prossimo sarai

qui a Bari, a lottare con noi per una stagione esaltante come quelle appena trascorse. Spero di sì, e spero soprattutto che queste mie parole possano aiutarti a capire come un’intera Città stravede per te e ti vorrebbe a vita con i colori biancorossi. Colgo l’occasione per ringraziarti comunque per ciò che hai fatto e per la tua amicizia. Sei grande! Angelo Ruggiero É con immenso piacere che pubblichiamo questa tua lettera. Barreto è stato, in questi due anni, il leader indiscusso del Bari che ha saputo riconquistare, anche e forse soprattutto con i suoi gol, la fiducia di una città che per 8 lunghe stagioni aveva vissuto le delusioni di una serie B in cui non era mai stata protagonista. Anche qui in redazione speriamo che il nostro numero 10 venga presto riconfermato almeno per il prossimo anno. Forza Bari e forza Barreto!

Dopo averci donato un dolce dichiarando che “è per la prima colazione prima della partita di domenica” Nicola conclude salutando tutti i tifosi del Bari, augurandosi che la prossima stagione possa regalare quella soddisfazione che è mancata quest’anno: l’Europa League. © Riproduzione riservata

IlfantacalciodiAntennaSud scoprilosuwww.antennasud.com

Società EDITRICE Periodico Diffusiona gratuita

Password s.n.c di Gesù Domenico e Di Summa Antonio via delle Murge, 65/A - 70124 Bari Tel. +39 080 5046293 - fax +39 080 5672586 www.passwordweb.it - info@passwordweb.it

via Di Cagno, 14 - 70124 Bari Tel. +39 339 6042123 - +39 340 9715377 www.blue-box.it - info@blue-box.it

la voce del tifoso

Reg. trib. Bari n. 34 del 14/09/2009 Direttore responsabile: Vincenzo Tamborra www.ilnuovogalletto.it - redazione@ilnuovogalletto.it

SEDIT

STAMPA

Servizi Editoriali S.r.l. Via delle Orchidee 1 A.S.I. - 70026 Modugno Tel. +39 080 5857439 - fax +39 080 5857427 www.sedit.biz - info@sedit.biz

PER LA VOSTRA PUBBLICITÀ: marketing@ilnuovogalletto.it - Tel. +39.0805046293 - +39.3393502705


Il Nuovo Galletto n.18  

Il diciottesimo numero de "Il Nuovo Galletto", giornale distribuito gratuitamente allo Stadio San Nicola di Bari, prima di ogni partita

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you