Issuu on Google+

Mariagrazia Bertarini

ATTENTI al drago

R D

Be

AL

G A

Illustrazioni di

Agnese Baruzzi

9 788896 328217

Euro 12,00

Ristorie

ISBN 978-88-96328-21-7

dai 6 anni

T T A

! O

ia az i gr in ria ar Ma rt

Un drago a Bubano? Tanto tanto tempo fa, in una palude vicino a Bubano, si dice che un terribile drago avesse la sua tana, dalla quale usciva ogni tanto per terrorizzare o addirittura mangiare persone… Poi passano i secoli e, oggi, la palude non esiste più. Tutti dimenticano. Finché un giorno… atterra a Bubano il piccolo Draky, con una missione segreta: salvare il mondo dei draghi.

N E

I T


Indice

2

Il ritorno di Lucilla

Pag. 4

La missione segreta

Pag. 9

Si parte!

Pag. 22

Alla ricerca dell'antidoto

Pag. 34

Draky l'eroe

Pag. 38

LA LEGGEnDA

Pag. 44


ATTENTI AL DRAGO!

Testo di Mariagrazia Bertarini Illustrazioni di Agnese Baruzzi

3


Il ritorno di Lucilla Drakonia, la fantastica terra dei draghi, vagava a mezz’aria, nel cielo illuminato dai primi raggi del sole. Tutti i draghi erano ancora impegnati a russare e sbuffare, accoccolati nelle loro tane, quando all’improvviso… si sentì un gran botto.

L’intera isola tremò e tutti i draghi, i draghini, i draghetti e tutte le dragonesse, le draghine e le draghette si svegliarono di soprassalto. «Che cosa succede?» gridò un enorme drago blu. «Usciamo a vedere» rispose un drago giallo. «Presto, usciamo tutti all’aperto. Dobbiamo avere urtato qualcosa, qualcosa di grosso!». Tutti uscirono di corsa dalle loro tane e preoccupati guardarono il cielo. Due gigantesche ali si stagliavano contro il sole rosso infuocato e un’enorme ombra nera oscurava l’isola. Tutti i draghi prima spalancarono gli occhi dalla sorpresa, poi iniziarono a grattarsi la testa pensierosi. «Chi è quello che sta arrivando?» chiese Draky, un draghetto di dieci anni, a mamma Fiammetta.

4


«Quella!» lo corresse la mamma.» «… ma chi è Quella?» «È nonna Lucilla. La più vecchia e la più saggia di tutti i draghi. È la nonna di tutti noi e l’unica che ha contatti con il mondo degli uomini. Se è qui, deve essere accaduto qualcosa». «Di bello o di brutto?» chiese Draky pensieroso. Ma proprio in quel momento Lucilla, dalle ali enormi e lucenti, atterrò pesantemente, sollevando una gran nuvola di polvere. Si sentirono roboanti colpi di tosse e una lingua di fuoco si alzò enorme, quasi a voler raggiungere il sole.

5


«Draccobacco!» esclamò Lucilla. «Più passano gli anni, più le mie abilità di atterraggio diminuiscono. Al primo tentativo ho sbattuto contro il vulcano. Immagino che abbiate sentito il botto… Prima o poi finirò per rompermi una zampa, me lo sento…». Ma all’improvviso smise di brontolare e di parlare da sola. Si fermò, fissò Draky negli occhi e riprese a camminare lentamente verso di lui. «Mmm… tu devi essere Draky» disse la nonna di tutti i draghi con voce profonda.

6


«Sìììetcì!» starnutì lui. E una linguetta di fuoco gli uscì dal naso. «Che modo di rispondere è questo?» si indispettì Lucilla, quasi offesa. «Sei per caso allergico alle nonne?» «Scusalo» intervenne mamma Fiammetta «non voleva essere maleducato… il mio piccolo è allergico alla polvere». «Draccobacco! Questo è un bel problema» sbottò Lucilla. «Percheetcì?» chiese Draky. «Perché gli starnuti incontrollati possono essere mooolto pericolosi per un draghetto in missione segreta».

7


Tutti i draghi di Drakonia esplosero in un…

Draky cominciò a gridare di felicità. «Sono un agente segreto!» diceva. «Sono un agente segreto!» e intanto starnutiva a più non posso «Etcì, etcì etcì!» e saltellava, piroettava, lanciava linguette di fuoco che bruciacchiavano le code dei draghi tutt’intorno. Lucilla lo guardò per un po’. Poi le iniziarono a girare gli occhi di qua e di là, poi forte forte anche la testa e… gli ordinò di fermarsi. Glielo disse una, due, dieci volte finché non esplose in un terrificante: «Baaastaaaaaaa!» che fece tremare tutta l’isola di Drakonia. Draky allora si fermò all’istante e con il fiatone chiese: «Puff… dove puff… devo puff an… an… puff puff andare?» «Sulla Terra» rispose lei calma. «Sulla Terraaaa?» mormorarono tutti i draghi grandi. 8


La missione segreta «Ma… nonna, Draky è troppo giovane per affrontare gli uomini» disse preoccupata mamma Fiammetta. «Niente affatto. E poi non abbiamo scelta, lui è il predestinato. Guarda!» La nonna di tutti i draghi con una magia fece comparire una pergamena, che si srotolò nell’aria. «Guarda, guardate tutti. Re Breban in persona scrisse il nome di Draky in caratteri dorati e lo indicò come salvatore di Drakonia». «Ohhhh!» esclamarono tutti i draghi. «Ohhhh!». E gli ohhhh continuarono fino a quando Draky non si grattò la testa pensieroso. «Chi è re Breban?» «Già…» sbottò un drago blu. «Chi è re Breban?» «Già…» sbottò anche un drago giallo. «Chi è?»

99


«Già, chi è? Già, chi è?» cominciarono a bisbigliare tutti. «Ora vi spiego» sussurrò Lucilla in tono misterioso. «Tanto tanto tempo fa… esisteva, nei pressi di un villaggio chiamato Bubano, un bosco paludoso. Si era formato in tempi antichissimi, quando noi draghi eravamo ancora i padroni della Terra. E si era formato quasi all’improvviso e proprio nel luogo in cui Breban, il re dei draghi, aveva nascosto il suo tesoro…» «Etcì! Re Breban aveva un tesoro?» la interruppe Draky. «Certamente. Tutti noi ne abbiamo uno» replicò Lucilla. «Io non ce l’ho» borbottò Draky. «Per il momento forse, ma vedrai che crescendo anche tu troverai il tuo tesoro». «E cioè?» «Cioè…» iniziò lei avvicinando il suo enorme muso al musetto di Draky, «…ciò che per te sarà la cosa più importante del mondo, sarà il tuo tesoro». «Anche un sasso?» «Perché no. Se per te la cosa più importante del mondo è un sasso, quello sarà il tuo tesoro. Ma adesso lasciami continuare. Dove ero arrivata? Ah già, al tesoro… Come stavo dicendo, re Breban si ritrovò da un giorno all’altro con il proprio tesoro sott’acqua, sepolto da metri di ghiaia e acqua e per fargli la guardia decise di fare della palude di Bubano la sua casa…»

10 10


11


Mariagrazia Bertarini Narratrice per passione, ha fatto dello scrivere il suo lavoro. Laureata in lingue e letterature straniere, vive a Cremona, dove “gioca” a scrivere testi scolastici, romanzi, fiabe e canzoni per bambini e ragazzi. www.mariagraziabertarini.com Agnese Baruzzi Laureata in Progettazione grafica alI’Isia di Urbino, vive e lavora a Bologna. Dal 2001 ha pubblicato diversi libri per ragazzi in Italia e all’estero. Collabora con agenzie pubblicitarie e svolge laboratori nelle scuole e nelle biblioteche. www.agnesebaruzzi.com ISBN 978-88-96328-21-7 © 2011 Bacchilega Editore, Imola www.bacchilegaeditore.it info@bacchilegaeditore.it Stampato in Italia da:  Graphic Line Faenza Srl (Faenza, marzo 2011) Ideazione, progettazione e coordinamento delle collane di Bacchilega Junior: Il Mosaico società cooperativa sociale onlus www.ilmosaicocooperativa.com Coordinamento e redazione: Emanuela Orlandini - Cooperativa Il Mosaico Progetto grafico e illustrazioni: Agnese Baruzzi

Tempi nuovi per vecchie storie! Ritrovate, rispolverate, rivisitate...

Storie e leggende, fantastiche o reali del territorio emiliano-romagnolo, legate dal filo ininterrotto della memoria, di una tradizione popolare, spesso orale, che arriva fino a noi. 6-10 anni

“Attenti al Drago” fa parte della collana:

dai 6 anni

48

Dello stesso editore:

anni da 0 a0-5 5 anni


Mariagrazia Bertarini

ATTENTI al drago

R D

Be

AL

G A

Illustrazioni di

Agnese Baruzzi

9 788896 328217

Euro 12,00

Ristorie

ISBN 978-88-96328-21-7

dai 6 anni

T T A

! O

ia az i gr in ria ar Ma rt

Un drago a Bubano? Tanto tanto tempo fa, in una palude vicino a Bubano, si dice che un terribile drago avesse la sua tana, dalla quale usciva ogni tanto per terrorizzare o addirittura mangiare persone… Poi passano i secoli e, oggi, la palude non esiste più. Tutti dimenticano. Finché un giorno… atterra a Bubano il piccolo Draky, con una missione segreta: salvare il mondo dei draghi.

N E

I T


ATTENTI AL DRAGO!