Page 1

IL GIORNALE DEL METAURO

FOSSOMBRONE

FANO

Il nuovo Consiglio Comunale

Progetti per la Fano di domani

MONTEMAGGIORE

CARTOCETO

Verdini sul nuovo Bilancio

Gemellaggio tra le scuole

pag. 4

pag. 9

n. 10 maggio - giugno 2011

pag. 6

Quindicinale di informazione locale

pag. 10

www.ilmetauro.it

Anno 3

numero 10

maggio-giugno 2011

copia gratuita

Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale -70% Commerciale Business Pesaro n. 91/2009

Il pescatore fanese che portò in barca Giovanni Paolo II durante la sua visita a Fano nel 1984

Gianfranco e la storia del “Cigalin”

1


2

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

Si vota il 12-13 giugno

PRIMO PIANO Secondo posto per il giovane di Urbino

Quattro Referendum Raphael trionfa all’Eurofestival A per gli italiani Gli elettori sono chiamati ad esprimersi su: gestione dell’acqua, centrali nucleari in Italia, “legittimo impedimento”

ll prossimo 12 e 13 giugno i

cittadini italiani sono chiamati alle urne per esprimersi su 4 referendum popolari. Occorre ricordare che nel nostro Paese i referendum sono “abrogativi” cioè i quesiti posti agli elettori si riferiscono sempre alla volontà o meno di abrogare (cioè cancellare) una legge o parte di essa. Questo significa che per far cancellare la legge occorre votare “SI”, per mantenere invece la situazione esistente occorre votare “NO”. I referendum sono validi solo se si raggiungere il “quorum” cioè se si reca alle urne il 50% più uno degli aventi diritto al voto. Se non si raggiunge il “quorum” la consultazione referendaria è automaticamente nulla. I quattro quesiti referendari su cui i cittadini italiani sono chiamati ad esprimere direttamente il loro parere il 12 e 13 giugno prossimi sono: Referendum 1 “Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione” Referendum 2 “Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abro-

gazione parziale di norma” Questi primi due referendum riguardano la privatizzazione dell’acqua pubblica e le modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Referendum 3 “Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. Abrogazione parziale di norme” Questo quesito chiede se cancellare la norma secondo cui è possibile realizzare centrali nucleari sul territorio nazionale italiano. Referendum 4 “Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale”. Questo quarto referendum chiede se cancellare la legge sul legittimo impedimento la quale consente al presidente del Consiglio o a un ministro imputato penalmente di giustificare la propria assenza a un processo che lo riguardi. I seggi rimangono aperti domenica 12 giugno dalle 8 alle 22 e lunedi 13 giugno dalle 7 alle 15. Buon voto! [a.m]

.

ltro grande piazzamento per il cantante di Urbino Raphael Gualazzi che si è classificato al secondo posto nell’Eurovision Song Contest, il festival europeo della Musica, distanziato di soli 3 punti dai vincitori dell’Azerbaigian. Dopo 13 anni di assenza dalla manifestazione l’Italia è tornata a partecipare con la rivelazione musicale dell’anno. 43 i paesi partecipanti e proprio l’Italia con Regno Unito, Germania, Francia e Spagna faceva parte dei cosiddetti “big five”, il gruppo che andava di diritto alla finale. Gualazzi ha presentato la versione inglese della sua “Follia d’Amore”, la

canzone con cui ha vinto a Sanremo. Nonostante la possibilità di televotare da casa, nello spirito dell’Eurovision Song Contest, che vuole avvicinare attraverso la musica le nazioni in gara, non è stato possibile dare la preferenza alla canzone del proprio Paese di appartenenza.

Nella storia di questo concorso canoro, iniziato nel 1956 ed ispirato al più “anziano” Festival di Sanremo, l’Italia ha ottenuto due vittorie. La prima occasione nel 1964 a Copenaghen con la sedicenne Gigliola Cinquetti con “Non ho l’età”, mentre nel 1990 Toto Cutugno vinse a Zagabria con “Insieme”. Per anni la canzone vincitrice di Sanremo ha rappresentato l’Italia all’Eurofestival, l’ultima volta è successo nel 1997 con i Jalisse. Un secondo posto prezioso per il nostro cantante considerato che la finale è stata seguita da oltre 100 milioni di spettatori! [c.v.]

.

FERROVIA FANO-URBINO

Un convegno sul futuro della ferrovia “Urbino e la Ferrovia: tesori da non

perdere, tesori da riscoprire, tesori da valorizzare” è il titolo del convegno organizzato dal Legambiente di Urbino, dall’Associazione FVM (Ferrovia Valle del Metauro) di Fano e dal FAI di Pesaro. Si è partiti con il descrivere lo scontro tutto italiano tra trasporto pubblico su rotaia e gomma che ha contrapposto gli interessi delle lobbies dell’autotrasporto. Al contrario in Europa, si è mantenuto un concetto più consapevole e maturo del trasporto su ferro. È necessario quindi arrivare ad un sistema che integri i due mezzi. Un simile parallelismo, si è detto, vale anche per la questione “pista ciclabile o ferrovia”: entrambe possono convivere e prosperare a tutto vantaggio della comunità, grazie ad un coordinamento dei sistemi. Tra le riflessioni è emerso che la ferrovia rappresenta un modo semplice e sicuro per far uscire il Montefeltro e la valle del Metauro dall’isolamento nei confronti della rete ferroviaria nazionale. È stata presentata l’esperienza della Ferrovia altoatesina che, dopo anni di chiusura, è stata aperta

nuovamente al traffico sulla tratta Bolzano-Merano-Malles con un successo straordinario: quasi tre milioni di passeggeri nel 2010 in un territorio con soli quarantamila abitanti. La replicazione dell’esperienza sul territorio della Provincia di Pesaro-Urbino avrebbe una forte attrattiva per il turismo d’oltralpe con un deciso aumento delle attuali presenze. Il treno, si è detto, darebbe anche un grande impulso all’Università e al turismo creando posti di lavoro. Per fare questo è necessario però che si creino tavoli di lavoro a cui partecipino soggetti pubblici e privati e dove politici e tecnici si confrontino senza pregiudizi [a.m.]

.


PRIMO PIANO

IL GIORNALE DEL METAURO

Fano 1984: il ricordo di Gianfranco Ghiandoni

«Il papa salì sulla nostra barca» Incontriamo Gianfranco Ghian-

doni, 54 anni, presidente del Consorzio Ittico Fanese. Gli abbiamo chiesto di raccontarci un incontro particolare, avuto 27 anni fa. Era sua infatti la barca che ha portato in mare Giovanni Paolo II durante la sua visita a Fano. Gianfranco è una persona riservata e discreta. Lo ringraziamo quindi per aver voluto condividere con noi e con tutti i lettori un po’ dei suoi ricordi. Ha iniziato a fare il mariano nel 1973 sull’esempio di suo nonno. «Quando arrivò la notizia della visita del Papa tutti attendemmo il “sorteggio”. Era usanza in questi casi che tra la marineria venisse sorteggiata una barca. Noi eravamo tre giovani pescatori, con me c’erano Mauro Riccardi e Daniele Battisti. Avevamo preso una vecchia barca, il Cigalin». C’erano molte imbarcazioni nuove che avrebbero avuto piacere di avere a bordo il Papa. Il giorno del sorteggio Gianfranco era a Cento a comprare un pezzo per il motore. Il caso volle che venisse sorteggiato proprio il Cigalin. «Chiesero due comandanti a guidare la barca: ci fecero fare una prova di attracco nel punto vicino a riva dove avremmo dovuto far salire il papa. L’imbarcazione aveva un motore molto ingombrante: un 300 cavalli dell’Ansaldo. Tutti credevano che non ce l’avremmo fatta. Ma non fu così. Seguì però un’altra prova perché si decise che il Papa avrebbe dovuto salire dalla prua. Anche in questo caso tutto funzionò perfettamente. In pratica ave-

3

n. 10 maggio - giugno 2011

Notizie in breve La Statale 73 bis di Bocca Trabaria riaperta al traffico ...finalmente!

Riaperta al traffico dall’Anas la strada statale 73 bis chiusa per un distacco di un masso nel comune di San Giustino (PG). Da informazioni sembra che l’Anas avesse completato i lavori di sua pertinenza già a gennaio. La chiusura prolungata è invece dovuta ad una prescrizione del Servizio geologico della Regione Umbria in attesa che il comune di S. Giustino completasse i lavori di messa in sicurezza della pendice per scongiurare altri crolli poiché l’area interessata si trovava all’interno di una proprietà privata

.

Fano, 12 agosto 1984 - Il Papa visita la città. A sinistra il giovane pescatore Gianfranco Ghiandoni accoglie sul “Cigalin” Giovanni Paolo II

vamo gli occhi di tutti addosso: eravamo tre giovani con una barca vecchia e ci fu anche chi chiese di annullare il sorteggio». La barca rimase ferma per una settimana per fare tutti i lavori necessari. Anche le loro mogli lavorarono per abbellirla cucendo perfino le tende per i vetri. L’ultima parola sul sorteggio spettò all’Ammiraglio che veniva da Ancona e che Gianfranco conosceva bene perché lì aveva fatto il servizio militare. Al suo arrivo a Fano fu l’Ammiraglio stesso a riconoscerlo e a salutarlo chiamandolo per nome: insomma era destino che dovesse essere proprio il Cigalin a portare il Papa. «Arrivò l’atteso 12 agosto e Giovanni Paolo II salì sulla nostra barca. Di quell’incontro ricordo il suo sguardo che incontrava i miei occhi. Uno sguardo talmente intenso che sembrava sapesse tutto di me». La barca prese il largo. Il Papa si trovava nella parte alta, sopra la prua.

Era stato male durante il tragitto in elicottero da Roma a Fano e aveva il viso pallido. Il pontefice fece chiamare Gianfranco e gli chiese di stringergli le mani: «le sentii molto fredde e gliele tenni strette, una alla volta, per tutto il tragitto. Mentre ammirava il mare, il Papa mi disse: “Tu sai che sei l’uomo più fortunato del mondo?” Rimasi titubante e lui continuò “Guarda che spettacolo che vedi tutti i giorni”. In effetti si riferiva alla bellezza del nostro mare alla quale io non facevo più tanto caso». Al rientro seguì il pranzo e, al termine, Giovanni Paolo II consegnò a tutti una medaglia. «Mi sono reso conto solo con il passare del tempo dell’importanza di quell’incontro. Ricorderò per sempre le sue mani fredde ma anche il suo sguardo e la sua grande tenerezza. Da subito una cosa era stata chiara in me: avevo sicuramente incontrato un uomo davvero speciale» [a.m.]

.

Il 4 giugno a Urbania tutti in zattera sul Metauro

Curiosa iniziativa Sabato 4 giugno dal titolo “The River’s surviors”. Si tratta di una manifestazione nata per valorizzare e riscoprire il fiume Metauro. I vari equipaggi dovranno realizzare una zattera che, costruita secondo criteri ben definiti, sarà valutata da una giuria durante la mattinata. Nel pomeriggio la gara inizia alle ore 15. Il percorso si snoda per 1 km e i vari equipaggi partiranno con un minuto di distacco ciascuno. Vince chi riesce a percorrere il tratto in meno tempo

.

Al Salone del Libro di Torino Premio Fedrigoni per la Traduzione

È Ena Marchi la vincitrice dell’XI edizione di questo ambito premio assegnato ai traduttori che si distinguono per il loro impegno. Ad annunciarlo è stato Ernesto Ferrero, direttore del Salone del Libro di Torino, durante le giornate del salone stesso. Il premio si colloca all’interno delle Giornate della Traduzione letteraria che si tengono ogni anno ad Urbino. La giuria è composta, oltre che dal direttore del Salone, anche da Stefano Pivato rettore dell’Università di Urbino, Ilide Carmignani e Stefano Arduini curatori delle giornate

.


4

IL GIORNALE DEL METAURO

FOSSOMBRONE

n. 10 maggio - giugno 2011

30 maggio: il primo Consiglio

SCUOLA

A Montefelcino

La nuova giunta avrà “L’unione fa la forza” due assessori in meno Fossombrone

Il risultato elettorale del 14-15

maggio scorso ha decretato vincitrice la lista “Unione per Fossombrone” di Maurizio Pelagaggia con il 52,05% dei voti che si appresta così ad iniziare il suo secondo mandato da sindaco. I nuovi consiglieri di maggioranza eletti pertanto risultano essere: Michele Chiarabilli (che con 677 voti ha ottenuto il massimo delle preferenze), Stefano Bonci, Gianluca Saccomandi, Paride Prussiani, Orlando Lustrissimini, Elisa Cipriani, Cristian Amadori e Maria Grazia De Carolis. Durante il primo consiglio comunale, fissato per Lunedì 30 maggio, oltre al giuramento del sindaco, verrà anche annunciata la nuova giunta che passa però da 6 a 4 assessori [a.m.]

.

Il sindaco Maurzio Pelagaggia

Cristian Amadori

Stefano Bonci

Michele Chiarabilli Elisa Cipriani

M. Grazia De Carolis Orlando Lustrissimini

Paride Prussiani

La nuova minoranza di Fossombrone [da sinistra] Alex Zanchetti, Luigi Chiavarelli, Maurizio Mezzanotti (capogruppo), e Nicola Luzi

I

do anno, l’ACS (Associazione Cooperativa Scolastica) L’unione fa la forza, che ha coinvolto le classi III A e B della Scuola Secondaria di I grado dell’Istituto Comprensivo di Montefelcino. Alle insegnanti Emanuelli e Simoncini è subentrata quest’anno la prof.ssa Delfino, la quale ha riproposto il progetto Crescere

nella Cooperazione, promosso e sostenuto localmente dalla BCC del Metauro. Si è organizzato un laboratorio pomeridiano per la creazione di oggetti natalizi, con l’apporto dell’insegnante di arte e immagine, prof.ssa Vincenti, la cui vendita è stata effettuata in occasione del mercatino di Natale. Si è poi giunti alla rielezione delle cariche sociali e alla revisione del-

.

Gianluca Saccomandi

Il nuovo gruppo di minoranza in Consiglio

Fossombrone nuovi consiglieri che compongono la minoranza di Fossombrone: Maurizio Mezzanotti, Nicola Luzi, Luigi Chiavarelli ed Alex Zanchetti e tutti i componenti della lista “Insieme per

Montefelcino

Si è ricostituita, per il secon-

lo Statuto, con l’elezione a presidente, per il secondo mandato consecutivo, di Elia Chiarucci. Gli utili sono stati impiegati per iniziative di solidarietà ed aiuto al centro per disabili “Le Ville”. In occasione del Natale i ragazzi hanno trascorso una mattinata con i disabili, organizzando una festa con merenda nei locali della parrocchia, andando infine a messa tutti insieme. Nell’assemblea del 13 aprile, aiutati dall’esperta Barbara Bertulli, i ragazzi hanno riflettuto sull’esperienza e sul percorso fatto, concludendo che lavorare insieme ha permesso loro di conoscersi meglio, di imparare ad assumersi delle responsabilità, di aiutarsi anche nei momenti di maggior difficoltà. Nel complesso è stata un’esperienza positiva e quasi tutti i “piccoli soci” hanno notato un più alto grado di maturità raggiunto da ciascuno durante lo svolgimento delle assemblee rispetto allo scorso anno [s.c.]

Fossombrone” ringraziano gli elettori per il sostegno e l’ottimo risultato (48%). Si impegnano ad onorare il mandato ricevuto dagli elettori attraverso una politica propositiva e di sorveglianza a servizio di tutti i cittadini [c.v.]

.

I politici ricordano BCC DEL METAURO

Nuovo luogo per il mercato cittadino?

Assemblea n° 100

Fossombrone

Matteo Mainardi, presiden-

te dei Radicali delle Marche e Marco Perduca, senatore del PD, ricordano alla nuova giunta Pelagaggia gli impegni presi da Lustrissimini e Chiarabilli nel cercare una locazione diversa al mercato cittadino che ostacola il lavoro delle guardie penitenziarie. Infatti, questo impedisce il presidio di parte della cinta muraria e soprattutto ostacola, in caso di emergenza, l’entrata o l’uscita di mezzi blindati dal carcere con rapidità [a.m.]

.

Schieppe di Orciano

La centesima Assemblea sociale della BCC del Metauro si è svol-

ta al Dancing Tris. Vi hanno preso parte oltre 700 soci. Dopo la prima parte istituzionale, c’è stata l’assegnazione di 57 borse di studio, per un importo complessivo di quasi 30 mila euro, a ragazzi e ragazze diplomati e laureati. La serata è proseguita all’insegna del divertimento con un ricco buffet e tanta musica [c.v.]

.


FOSSOMBRONE “Civis” replica ad un commento del sindaco Pelagaggia

“Vista Red”: i dubbi del comitato Fossombrone

Diamo voce al comitato “Civis”

di Fossombrone che ci ha inviato una nota sul “Vista Red”, il sistema di rilevamento installato dalla precedente amministrazione guidata dal sindaco Pelagaggia, oggi al suo secondo mandato. Ecco, di seguito, il punto di vista del comitato, anche a commento della risposta sui “Vista Red” che Pelagaggia diede nell’intervista comparsa nel numero 7 di questo giornale.

C

ome tutti sanno, il “comitato Civis” nasce a seguito delle innumerevoli multe inflitte agli automobilisti dal sistema “Vista Red”, non «per difendere chi passa con il rosso» come l’Amministrazione vorrebbe fare intendere, ma per difendere chi, con l’alibi della sicurezza, mette in atto sistemi sui quali gravano non pochi sospetti. Il nostro Sindaco su queste pagine, ad una domanda che riguarda il fare cassa con multe, ha risposto con sicurezza chiudendo l’argomento con un «è falso», senza aver nemmeno la decenza del dubbio, non preoccupandosi di attendere le risultanze dei processi in atto. Poi, per confondere chi legge, appellandosi al Codice della Strada, per minimizzare, accomuna l’infrazione di “sosta in divieto” (che è praticamente

incontestabile perchè rilevata da un vigile) con l’attraversamento di un incrocio con semaforo rosso nel quale a rilevare l’infrazione non è il vigile ma un marchingegno elettronico senza alcun potere di giudizio sulla causa che ha prodotto la presunta infrazione. In questa sede non è il caso di mettersi a disquisire se il “Vista Red” sia o non sia legittimato all’uso, ma preme ribadire come sostenuto da varie e autorevoli fonti, che la sola omologa non è sufficiente a permetterne l’uso. Sarebbe come dire che chi possiede un’arma, per il solo fatto che è regolarmente omologata, sia autorizzato a sparare al primo che gli si pari davanti! Noi non abbiamo la stessa sicurezza del Sindaco ma, a sostegno della nostra tesi , diciamo che il “Vista Red” è contestato in tutta Italia, in alcune zone è sotto sequestro fin dalla sua comparsa, tutte le perizie lo condannano. Anche nell’ultima perizia, eseguita al Politecnico

Il MID manifesta a Roma Fossombrone

Il prossimo 31 maggio a Roma il MID

(Movimento Italiano Disabili) protesta davanti al parlamento per rivendicare i propri diritti. Ce lo segnala Augusto Giorgetti, coordinatore regionale per la tutela dei diritti dei disabili. www.ilmid.it [a.m.] Augusto Giorgetti

.

di Torino dal Prof. Chieberge, 52 pagine attestano le lacune e la totale violabilità del sistema. La ditta “Traffic Tecnology”, noleggiatrice delle apparecchiature, è sotto processo nel veronese per “truffa aggravata e falso in pubbliche forniture”. Vari sindaci si sono costituiti parte civile nei confronti della stessa ditta; il sindaco di Savignano sul Panaro, Germano Caroli, alla naturale scadenza del contratto stipulato con la “Traffic”, rimuove i 17 “Vista Red” installati nel suo territorio senza nulla chiedere a chi aveva il ricorso accolto o respinto, e non è il solo. Noi crediamo che questi fatti la dicano lunga sul caso “Vista Red”. Il nostro sindaco, invece, in controtendenza, si è accanito con veemenza contro chi ha osato esercitare un proprio diritto facendo ricorso. I ricorsi accolti sono stati dal Sindaco appellati e forse è l’unico ad aver riattivato il “Vista Red” e rinnovato o prolungato il contratto con la ditta. Facciamo anche notare che a Pesaro, pur trovandosi nelle stesse condizioni di Fossombrone riguardo al “Vista Red”, non c’è stato alcun accanimento né riattivazione del sistema né rinnovo del contratto. Probabilmente per il nostro sindaco rinunciare a soldi facili è molto difficile. Sul caso noi non diamo giudizi. La gente è abbastanza matura per giudicare da sé e ognuno è libero di pensarla come vuole. Restiamo in attesa delle conclusioni dei magistrati: solo allora potremmo esprimerci; nel frattempo stiamo al gioco dei potenti [giulio pierleoni portavoce del comitato “civis” di fossombrone]

.

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

5

“non avria mai creso” di Elvio Grilli Poesie in dialetto fanese

I GIÒC

(I GIOCHI)

Ògigiórne l’abundànsa c’ha furnìt d’ógni sustànsa, anca quéi che non c’han tant se pòl dì ch’èn benestànt!! Se lavóri e t’dèi da fè, qualcusina pu cumprè... sópratut quand prèndi mói... e pu dòp quand nasc i fiòi !! Fèt un gir dentra le chès... git a véda quant han spés, fèt un gir tle camerét... sóta, sópra... e dentra el lèt!! Na muntagna de badùrle... de giucàtul e strumènt, che da Fan... arìvne al Furle, tra j’atrés e j’indumènt, na valanga de serpènt: càmiòn, mèchin e pupàs, bambulìn... róbót più grand che s’argirne e tirne i ras... tuti sal telecómand!! Certi giòc per purtèi su o sì in dó... o c’vòl la grù, ròba gròsa ...ch’dà impurtànsa pustasión da mèza stansa, machinèri semuvènt... cabinèt... cum fussa gnènt... cas... én vria che l’éréd... crésc... sal trauma... s’èn pusiéd!! Nò en c’avémi tanti mèz... lavurèmi d’fantasia, mica éra cum adès... tuta sta tecnólógia!! Ji m’arcòrd... che sa l’ingégn... se prendéva dó pés d’légn,

se squadrèvne sa la raspa... se liscèvne quanto basta, pianti un chiòd e cume gnènt èc el tub de scapamènt!! Cèrt te còsta un po’ d’sudòr mó era pròpi un bel tratór!! E tra càmión, rusp e grù fèvi quél che vlévi tu! Òg invéc è tut perfèt, guèsi tut mécanisèt: c’è ‘l còmpiùter per giuchè, c’è’l nòte-book... per lavurè, c’è ‘l ròbòt che se trasfòrma che t’asùm qualsiasi fòrma, virelèss, hard disk, blu tut microchìp... ch’èn dapértut... l’elettrònica che avansa... mentr’intant te crésc la pansa!! «Tu vu fè n’upérasión? » Basta ch’tròvi... la funsión... “Tu vu svòlgia na facènda?” C’è’l programma... basta acènda...! Sti pòr fiòi... èn fan più gnènt... cum i pói d’alevamènt: che i se staca l’òs dla còscia tra la carne mèza flòscia!! Nò credén d’èsa più bèi... mó anca nò sin animèi!! Quand èn fèi più’n muvimènt... tut i mùscoli ch’c’avén dvéntne mósci... incunsistènt, o... t’aléni... e fèi bén bén... o ...t’artròvi cum i pói... gras... e ...mósc... anca s’in vòi!!


6

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

FANO

Polistudio vince il concorso “La Darsena nella città”

Il comitato “Carignano Terme Nostre”

Progetti per la Fano di domani «Si per le terme di qualità, no per la colata di cemento» 1 Spartitraffico con strada provinciale

1 FANO

2 Hotel Regina

Due immagini del progetto vincitore (Polistudio): la piazza coperta e la passeggiata con le terrazze sul mare

I risultati di un interessante concorso per collegare centro storico, porto e Sassonia

[sopra] due immagini del progetto coordinato da Davide Cecchi [sotto] due immagini del progetto coordinato da Pasqualino Sacchetti

Fano tilata la classifica definitiva dei vincitori del concorso di idee promosso dalla Fondazione “Fano Solidale” dal titolo “La darsena nella città” per la riqualificazione dell’area che comprende il Lido, la Sassonia, il porto fino al centro storico della città. Primo classificato è stato Polistudio, un pool di architetti di Riccione con il progetto “Hana-bi” che prevede una serie di percorsi pedonali, attività economiche, due parcheggi interrati ed una “pelle multimediale” che riveste gli edifici dei cantieri navali. Il progetto è stato immaginato come fiori (i percorsi) che crescono fra le strade di asfalto e cercano una via nel paesaggio del porto aprendosi verso il mare, portando nuova linfa vitale alla città. Secondo posto ex-aequo per il gruppo guidato dall’ingegner Pasqualino Sacchetti di

S

Jesi e per quello guidato da Davide Cecchi di Lucrezia. Il primo progetto prevede alcune realizzazioni strategiche: il ripristino del museo della marineria nella Darsena Borghese nei pressi della “Liscia”, la realizzazione di un edificio-ponte per l’attraversamento pedonale della ferrovia (oggi c’è solo un sottopasso per le auto), la realizzazione di un doppio ponte, ciclabile e pedonale tra Lido e Sassonia, il “play-box” un’area sportiva sopraelevata nei pressi del ponte del Lido, un centro polifunzionale attraverso la riqualificazione dell’asilo “Manfrini” e la realizzazione di un’area verde (parco marittimo) a ridosso dei cantieri che si colleghi con l’attuale passeggiata del Lisippo. L’altro progetto, presentato dall’architetto Cecchi prevede invece la realizzazione di percorsi ciclabili e pedonali di dimensione variabile, la realizzazione di un nuovo ponte tra Lido e Sassonia, la realizzazione di un sottopasso pedonale in corrispondenza della ferrovia, il recupero dell’edificio dell’ex-genio civile come punto informativo, la realizzazione su piazza dello Squero di un edificio che ospiti il museo della marineria [a.m.]

.

2 L’area delle terme come si presenta oggi

CARIGNANO

L’area delle terme nel progetto di sviluppo

Carignano

Il comitato “Carignano Terme

Nostre” ha commentato l’incontro tenutosi ad Ancona tra i soggetti promotori del nuovo progetto sulle Terme di Carignano e la Soprintendenza in base al quale quest’ultima avrebbe espresso “un giudizio tendenzialmente positivo” sulle parti di progetto “che riguardano le terme e i servizi annessi” mentre avrebbe sospeso il giudizio sulle parti di progetto rimanenti, relative alla ricettività alberghiera e residenziale. Umberto Bernasconi, coordinatore del comitato, sottolinea che in questa dichiarazione si ritrova quello che si continua a ribadire da due anni: è giusto un progetto di sviluppo turistico di qualità, mentre non ha senso la costruzione di palazzi ed una irreversibile cementificazione dell’area. Il comitato evidenzia poi come non sia la prima volta che gli enti a tutela del paesaggio, in questo caso la Soprintendenza, abbiamo espresso dubbi e perplessità sulla parte del progetto che non riguarda direttamente la parte termale ma che prevede invece la realizzazione di aree

commerciali, direzionali e residenziali. «È ormai chiaro a tutti – continua Bernasconi - come lo sviluppo anche economico di una comunità sia legato al suo patrimonio naturale e artistico e che quindi non possa essere ammesso nessun interesse privato che vada a impoverire una delle risorse più importanti su cui contare per uscire dall’attuale crisi economica. È legittimo cominciare a chiedersi se l’interesse collettivo che ha motivato l’accordo tra ben 3 enti pubblici e diversi privati, e cioè lo sviluppo del comparto termale di Carignano quale volano dello sviluppo turistico di Fano e della provincia, resterebbe tra le priorità dei nostri amministratori qualora fosse necessario escludere dal progetto ciò che non è funzionale alle Terme e al turismo termale, ma che si configura piuttosto come una ingiustificata espansione urbanistica della città di Fano». Il coordinatore termina la sua nota augurandosi che anche da parte della provincia ci sia una presa di posizione netta contro la colata di cemento della nuova “città termale” [a.m.]

.


FANO Studenti americani incontrano i giovani del “Torelli”

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

7

La Comunità fanese “Arise and Shine”

«L’Italia: un’esperienza indimenticabile» Ebenezer: un pastore

evangelico a Fano

Fano

“Due settimane fantastiche,

non vogliamo partire!” In un italiano stentato, i ventidue ragazzi americani venuti nel nostro paese grazie allo scambio con il Liceo Scientifico G. Torelli di Fano, hanno espresso tutto il loro amore per la nostra terra. Ad aprile, per tredici giorni, i giovani sono stati ospitati dalle famiglie dei loro partner italiani che in ottobre si erano recati a Norwich, in Connecticut, dove avevano frequentato le lezioni presso la Norwich Free Academy. Qui da noi hanno avuto la possibilità di seguire spiegazioni in italiano ma non solo. Numerose sono state infatti le uscite nei dintorni del nostro territorio e nelle città più affascinanti del “Bel Paese”. Le tipiche gondole di Venezia, la maestosi-

Foto di gruppo durante la visita a Firenze

Il pastore Ebenezer [a destra] con sua moglie e alcuni membri della comunità

tà del David fiorentino e la storia romana rievocata lungo le strade della capitale, gli hanno permesso di venire a contatto con il patrimonio culturale italiano, senza rinunciare però al divertimento. Lo scambio interculturale è stata riconosciuto da parte di tutte le persone coinvolte – studenti,

Ebenezer Osei è originario del

professori e famiglie – come esperienza altamente formativa. Vivere in realtà diverse dalla propria e imparare a farne parte, stringendo legami da mantenere nel tempo, ha sicuramente portato ad un arricchimento dal punto di vista personale ed affettivo [agnese caselli silvia montanari]

.

Concluso il progetto “Crescere nella cooperazione”

Duecento piccoli cooperatori Fano

Duecento ragazzi accompa-

Ghana. È sposato con Charity ed ha tre figli: Saviour, Victoria e Wisdom. Lavora come operaio presso un’azienda di nautica ma è anche il pastore della Chiesa evangelica “Arise and Shine (Sorgi e splendi)” a Fano. Ci racconta che il loro modo di pregare si basa principalmente sulla forza dello Spirito Santo come elemento di discernimento e motore propulsore nella vita di tutti i giorni. La loro comunità, costituita da circa 30 persone, si incontra ogni Domenica mattina a Casa Nazareth, Fano 2. «Quan-

do cercavamo un locale per poter organizzare i nostri incontri abbiamo trovato la disponibilità di don Vincenzo Solazzi della parrocchia “Santa Famiglia” che ci ha concesso l’uso di una sala». Si legge il Nuovo Testamento e soprattutto si dà lode a Dio attraverso il canto, la musica la preghiera spontanea. Molti membri provengono dal Ghana e dalla Nigeria. «I nostri incontri sono aperti a tutti – sottolinea Ebenezer - Il 19 giugno prossimo, alle 10.30, organizzeremo un incontro nel piazzale della chiesa di Torrette a cui invitiamo tutti a partecipare» [a.m.]

.

ANCHE A FANO UN CAMPO DI RUGBY

Rugby: si scende in campo! Fano È tutto pronto: l’erba è falciata, Foto Furlani

gnati dai loro insegnanti hanno presentato al Teatro della Fortuna le attività realizzate nell’anno scolastico 2010-2011 nell’ambito del progetto regionale “Crescere nella Cooperazione”, promosso dalle BCC Marchigiane in collaborazione con Confcooperative e l’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica. Le otto cooperative, che hanno aderito al progetto della BCC di Fano, sono state fondate dai bambini e dai ragazzi di alcuni classi degli Istituti comprensivi “Leopardi” di Saltara, “Marco

Fano

Polo” di Cartoceto, “Nuti” e “Padalino” di Fano. I bambini hanno presentato le attività della loro cooperativa e i risultati raggiunti alla fine dell’anno,

anche in termini di bilancio e destinazione dell’utile. È questo un progetto che mira a gettare le basi per una cittadinanza responsabile e solidale [c.v.]

.

le righe sono evidenti, i pali ben piantati nel terreno. Inaugura il 28 maggio il primo campo di Rugby di Fano che sorge nell’ex campo di atletica del Liceo “Torelli”. Alle ore 10 le autorità cittadine taglieranno il nastro ufficialmente mentre, alle ore 16, seguiranno le dimostrazioni del-

le squadre giovanili. Finalmente anche a Fano un punto di incontro per gli amanti di uno sport in forte crescita [a.m.]

.


8

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

SALTARA

La cerimonia si è svolta a Saltara il 19 maggio

Serie di eventi al Balì e nuovi corsi

Dedicata una via a San Celestino Le “olimpiadi” al museo Saltara del mese di iniziative celestiniane la parrocchia e il comune di Saltara hanno dedicato lo scorso 19 maggio, giorno della festa liturgica di San Celestino V Papa, una via al santo molisano. Alla cerimonia erano presenti oltre al parroco don Alessandro Messina, il sindaco Fabio Cicoli ed

Saltara

Nell’ambito

La targa della nuova via

Il danno risale a novembre 2007

Cartoceto risarcisce Saltara Saltara Nella seduta del 16 maggio

scorso, la giunta comunale di Saltara ha deliberato di accettare la somma di 10.250 euro, proposta dal Comune di Cartoceto quale risarcimento del danno subito per la perdita di un “capannone” costituito da una struttura automontante data in prestito al Comune. Nel novembre 2007 infatti Saltara aveva ceduto ad uso gratuito la struttura in occasione della Mostra mercato dell’olio DOP e, a causa di un violento nubifragio e di vento con notevole intensità, questa andò distrutta [s.c.]

.

Al Museo del Balì ogni scusa è

Giovani animano l’inaugurazione. Il Vescovo Trasarti e il Sindaco Cicoli

il vescovo diocesano Armando Trasarti. Occorre ricordare che la parrocchia di Saltara è stata sede di un antico monastero dei celestiniani. È prevista inoltre per il 27 maggio una proiezione di immagini della Settimana Giubilare Celestiniana tenutasi nel 2010, quando eccezionalmente le

spoglie del santo sono arrivate a Saltara e sono state esposte nell’altare maggiore della chiesa per la venerazione. Il mese di celebrazioni si chiuderà il 2 giugno con un suggestivo pellegrinaggio agli eremi celestiniani di Santo Spirito a Maiella e San Bartolomeo in Legio, entrambi in Abruzzo [s.c.]

.

Semplificare la burocrazia

buona per giocare con la scienza divertendosi. Ultimo appuntamento del ciclo “Le domeniche al Balì”, domenica 29 maggio in cui si mescoleranno scienza, divertimento, adrenalina, ingegno, intuito e un pizzico di fortuna cimentandosi nelle Olimpiadi improbabili. I partecipanti saranno chiamati a mettersi in gioco in una delle specialità “olimpioniche” mai provate al museo: la costruzione dei ponti più stabili utilizzando i giornali. L’evento rientra nell’orario di apertura del museo (15.0019.30) e non necessita di prenotazione (ingresso gratuito sotto i 10 anni). Lunedì 30 maggio, invece, è il turno di un nuovo appuntamen-

to per il ciclo “Scienza, Storia e Società”. Alle 18, il dott. Eugenio Bertozzi terrà una conferenza dal titolo “La scienza come sviluppo critico, luogo di dibattiti e di conflitti”(ingresso: 5 euro; gratuito con tessera “Amici del Balì”). Al via anche i corsi di astronomia per adulti (su prenotazione). Quest’anno “A tutto cielo” si sdoppia in due livelli: base (28, 29 maggio) e avanzato (3, 4, 5 giugno), rispettivamente per approfondire l’osservazione del cielo a occhio nudo e al telescopio. Per chi avesse voglia di proseguire nell’esplorazione del cielo imparando le principali tecniche di astrofotografia, l’appuntamento è per Venerdì 27 maggio (su prenotazione), i partecipanti potranno portarsi anche i propri strumenti da casa [s.c.]

.

Suap: uno sportello edificio comunale a supporto dell’impresa All’asta unSaltara tri quadrati e 13 di scoperto. Saltara per cui chi usufruisce del servi- Il 13 giugno, alle ore 10, pres- È classificato sul vigente PiaSUAP è una sigla che sta per zio dovrà essere dotato di una so il Comune di Saltara, avrà no Regolatore come zona “A” Sportello Unico per le Attività Produttive. Si tratta di un ufficio che offre agli imprenditori la possibilità di avviare o sviluppare un’impresa e ricevere tutti i chiarimenti sui requisiti, la modulistica e gli adempimenti necessari. È quindi uno strumento operativo per lo sviluppo economico del territorio che semplifica e garantisce la conclusione delle pratiche in tempi certi. L’imprenditore così ha il vantaggio di rivolgersi ad un unico ufficio per i suoi adempimenti. Dal prossimo ottobre tutte le pratiche saranno gestite in forma esclusivamente telematica

casella di posta elettronica certificata (PEC) e di firma digitale. Ad oggi alcune pratiche possono essere ancora presentate in forma cartacea. Il SUAP di Saltara è gestito in forma associata dal Comune di Saltara (che ne è l’ente capofila) con i comuni di Barchi, Cartoceto, Montemaggiore al Metauro, Orciano di Pesaro, Piagge, San Giorgio di Pesaro, Serrungarina. Lo sportello si trova a Calcinelli al primo piano della Delegazione Comunale in Via Marconi. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.suapassociatosaltara.it [s.c.]

.

luogo un’asta pubblica per la vendita di un immobile di proprietà comunale sito in Via Uguccioni 5. L’edificio consiste in 4 vani, per una superficie edificata lorda di circa 85 me-

(storico-artistica e di particolare pregio ambientale). L’importo a base d’asta è fissato a 38.500 euro. Il bando completo può essere visionato sul sito del comune

.

25 ANNI INSIEME

Auguri a Nadia e Roberto

Il 18 maggio 1986

Roberto Ceramicoli e Nadia Mencoboni si sono uniti in Matrimonio. Auguri per il loro 25° anniversario dai figli Luca e Matteo

.


MONTEMAGGIORE Il sindaco Verdini su Bilancio, rifiuti e investimenti

IL GIORNALE DEL METAURO

9

n. 10 maggio - giugno 2011

26 maggio - S. Filippo Neri

«Qualche ritocco ma nello spirito Il patrono dei giovani Montemaggiore del principio di sussidiarietà» Festa a Montemaggiore in Il sindaco Verdini replica all’ar-

ticolo della minoranza comparso lo scorso numero e chiarisce alcune scelte sul bilancio. Montemaggiore

L’approvazione del bilancio di

previsione è stata l’occasione per ribadire ancora una volta l’attenzione dell’amministrazione alle esigenze di tutti i cittadini, al miglioramento degli spazi pubblici e dei servizi. Nonostante il perdurare della crisi economica, le incertezze sui trasferimenti dallo stato, la riduzione dei contributi da parte dell’Ente Provincia e Regione, le prospettive del federalismo municipale, l’amministrazione “rimboccandosi le maniche” ha presentato un bilancio che non prevede tagli ma anzi l’implementazione di nuovi servizi e di qualità sicuramente superiore. Nessun aumento dell’aliquota irpef ferma a 0,60 punti percentuali; ritocchi veramente irrisori per servizi a domanda individuale (mensa scolastica, trasporto scolastico, colonia estiva) con l’introduzione delle fasce ISEE che per le situazioni più bisognose prevedono tariffe ben al di sotto di quella base precedente. Per una copertura complessiva del 54% del costo del servizio. SCUOLA

quello che han saputo fare in 10 anni. Siamo preoccupati per l’aumento vertiginoso del conferimento in discarica cosi come del preventivo ASET per il nuovo servizio. Stiamo lavorando per Il sindaco dare un servizio migliore e posTarcisio sibilmente ad un minor costo Verdini di quello proposto da ASET. Nel La logica è molto semplice chi frattempo l’adeguamento si è può aiuta chi non può e la comu- reso necessario per mantenere la nità sostiene tali servizi per quasi copertura in prossimità dell’80% la metà del costo. Una volta tanto in vista anche del fatto che la legi cittadini possono sapere dove ge ci impone la copertura totale va una piccola parte delle loro del costo del servizio. Per queste tasse e sentirsi orgogliosi perché ragioni abbiamo modificato il requesti servizi funzionano. golamento introducendo diverse Una considerazione particolare categorie per poter ripartire in merita l’imposta sulle aree edifi- maniera più equa il costo del cabili i cui valori registrati erano servizio nella logica del chi più un inspiegabile regalo. Nessun produce più deve contribuire. intento “punitivo” ma un serio Sarà necessario cercare di cone responsabile adeguamento in tenere la spesa corrente risparlinea coi Comuni del territorio, miando ove possibile, mentre previsto tra l’altro a piccoli passi. per gli investimenti in opere pubÈ evidente che tanto è più impor- bliche si tratta di individuare motante il salto quanto più erano dalità sostenibili per soddisfare ridicoli i valori ascritti. il quadro del fabbisogno finanDifficile invece accettare lezio- ziario. Nel piano triennale delle ni da questa minoranza sulla opere pubbliche i lavori vengoTARSU, dopo il pasticcio della no finanziati con l’accensione di mancata riscossione dei tre anni nuovi mutui, ma il criterio che ci (2006, 2007 e 2008) che ad oggi siamo imposti è quello di confa registrare solo per il 2006 un tenere il ricorso a nuovi mutui ammanco di circa 30.000 euro cercando di reperire risorse sementre quel 10% di raccolta guendo la linea di valorizzazione differenziata che ad oggi si re- del patrimonio e di altri asset gistra (13% per la verità) è tutto comunali [tarcisio verdini]

.

Realizzato nella scuola media di Montemaggiore

Il Notiziario fatto dai ragazzi Montemaggiore scolastico ci è stato proposto di partecipare al concorso, indetto dalla BCC di Fano, Crescere nella cooperazione, con lo scopo di diffondere tra i giovani lo spirito collaborativo: noi ci abbiamo provato e abbiamo costituito una ACS (Associazione Cooperativa Scolastica); abbiamo eletto il nostro Presidente, un Vicepresidente, dei Sindaci, tre Segretari e infine un Cassiere e il suo Vice. Il 27 gennaio 2011 ci siamo recati alla Sala Consigliare del Comune di Montemaggiore e qui, di fronte ad una rappresentanza della BCC, al nostro Dirigente Scolastico e al Sindaco che ha svolto la funzione di notaio, ab-

Quest’anno

biamo fondato “Il Notiziario dei Ragazzi”. Spinti dall’entusiasmo, ci siamo messi subito al lavoro: la nostra aula si è trasformata in una redazione con tanto di Direttore, Vicedirettore, Capiredattori, reporter e siamo andati alla ricerca di notizie... così è nato “Il

Notiziario dei ragazzi”, uscito con il suo primo numero il 3 maggio 2011. Il bilancio finale? Beh, è stata sicuramente una bella esperienza, abbiamo imparato a lavorare insieme, a condividere le nostre idee anche se non sono mancati momenti di difficoltà… ma ci sono serviti,

occasione del suo patrono, San Filippo Neri. Il culmine delle manifestazioni è previsto per il 26 maggio. Saranno celebrate delle S. Messe alle ore 8, 11, 17 e 20. La mattinata è invece dedicata ai ragazzi delle scuole che incontreranno don Steven, referente diocesano per la pastorale giovanile ed animeranno la messa delle 11 con canti e chitarre. Nel pomeriggio, solenne processione alle ore 17.30. Mentre alle 21 è prevista una festa nella piazza del castello con pesca di beneficenza e spettacolo di danza delle ragazze del gruppo folcloristico “La Pizzica” di Fano. A conclusione della festa lo spettacolo

dei fuochi d’artificio. San Filippo è il santo dei giovani a cui ha dedicato gran parte della sua vita. Si racconta che Filippo passasse tanto tempo in preghiera, specialmente di notte tanto che, nel 1544, sperimentò un’estasi di amore divino. Fu conosciuto anche come importante confessore perché, si dice, avesse il potere di leggere nei cuori [a.m.]

.

MEMORIAL ANDREA TOMBARI E ALESSANDRO LUCERTINI

Aperte le iscrizioni per il torneo Montemaggiore

Anche quest’anno prende il

via il torneo di calcetto a 5 “Villanova 2011” in programma dal 14 giugno al 10 luglio. Tra le novità la sistemazione e il miglioramento delle condizioni generali del campo presso il centro sportivo di Villanova, la presenza di Radio Esmeralda come radio ufficiale del torneo presente il giorno della finale e un punto

ristoro fornito dalla Pro-Loco di Montemaggiore al Metauro. Il torneo organizzato da Luca Lauri, Samuele Sanchioni e Danilo Cavalli, assieme ad altri amici, è dedicato alla memoria di Andrea Tombari “Baghera” e Alessandro Lucertini. Per info e iscrizioni: 392.2294821 (Luca Lauri); 339.6148462 (Danilo Cavalli); 349.1331795 (Samuele Sanchioni) [s.c.]

.

BATTESIMO

per capire che lo sbaglio di uno solo può danneggiare il lavoro di tutto il gruppo e per cercare sempre delle soluzioni possibili. Il bilancio economico non è stato proprio positivo, perché non siamo riusciti a coprire tutte le spese del giornalino con il solo ricavato della sua vendita, ma in cassa abbiamo 400 euro che utilizzeremo per acquistare materiali scolastici, per fare della beneficenza e per organizzarci una gita. Vogliamo allora ringraziare tutte le persone che ci hanno aiutato e che ci sono venute incontro diventando soci sovventori, sponsor e acquistando il nostro giornalino, e tutti coloro che in questi mesi sono rimasti semplicemente a guardarci, con il sorriso in bocca [gli alunni della II AM di Montemaggiore]

.

Augurissimi al piccolo Davide Biagioli

Domenica 22 maggio il pic-

colo Davide Biagioli ha ricevuto il Battesimo. Auguri anche alla mamma Claudia Luzi che nello stesso giorno ha festeggiato il suo compleanno! Nella foto il piccolo Davide con il fratellino Luca

.


10 SCUOLA

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

CARTOCETO Si è concluso “Nati per leggere”

Gli studenti di Cartoceto a Hügelsheim

Il gemellaggio tra le scuole Un libro speciale per San Bernardino

Lucrezia

Anche quest’anno, come le

rondini a Primavera, un gruppo di alunni dell’Istituto Comprensivo “M. Polo” di Cartoceto, è partito per il gemellaggio tra le scuole medie di Lucrezia e Hügelsheim, iniziato nel 2002. Per i ragazzi non è stato solo un viaggio divertente ma una meraviglioso opportunità: scoprire altri Paesi, altre tradizioni, altre lingue, mettersi in relazione e confrontarsi con gli altri per eliminare pregiudizi, barriere, luoghi comuni. Gli alunni hanno condiviso con i compagni tedeschi non solo gli spazi delle case ma anche i loro genitori che con molta premura si sono attivati per ricevere calorosamente questi ospiti.

Cartoceto

Si è concluso con la storia di

I ragazzi, attraverso la lingua inglese, si sono rapportati con spontaneità ai loro coetanei dimostrando che i giovani, nella

.

UNO SCAMBIO CULTURALE IMPORTANTE Lucrezia occasione dell’ottavo anno di gemellaggio tra la scuola media di Cartoceto e quella di Hügelsheim, i giornali locali BNN (Badische Neue Nachrichten) e BT (Badisches Tagblatt) hanno pubblicato l’articolo del dirigente scolastico di cui sotto possiamo leggere la traduzione:

In

IN PROGRAMMA LA NASCITA DI UN COMITATO-GEMELLAGGI Nell’ambito dello scambio culturale tra scuole, un gruppo di docenti ed alunni italiani provenienti dal comune di Cartoceto, gemellato con Hügelsheim, si è trattenuto per l’ottava volta nel paese

loro semplicità e naturalezza, non vedono confini ma semplicemente un mondo aperto da vivere insieme. A settembre saranno i tedeschi ad essere ospitati dalle famiglie di Lucrezia e Cartoceto

L’articolo sulla stampa tedesca

degli asparagi. Gli studenti italiani, accompagnati dalla nuova vice-preside dell’Istituto Comprensivo ”M. Polo” - Rita Carnaroli - e dalle docenti Alesi Manuela e Palella Cristina, sono arrivati nel paese degli asparagi Lunedì scorso. Come di consueto gli studenti italiani sono stati ospitati dalle famiglie degli alunni della 7a classe della scuola “Nikolaus Kopernikus”. “E come d’abitudine non si è verificato nessun tipo di problema”

– ha affermato il dirigente scolastico Werner Bartenbach. Durante la festa di commiato il dirigente scolastico e la vice-preside Rita Carnaroli hanno evidenziato quanto lo scambio culturale tra le due scuole sia diventato negli anni sempre più profondo e un vero e proprio successo. Che questa amicizia non termina con l’uscita dal mondo dell’insegnamento lo conferma Giovanna Ciabotti. L’ex vice-preside, ora in pensione, invitata dal sindaco Reiner Dehmelt, ha accompagnato le sue colleghe nel paese degli asparagi e, durante la festa, ha annunciato che sta collaborando con il comune di Cartoceto alla creazione di un comitato-gemellaggi, che dovrebbe essere inaugurato l’anno prossimo in occasione del decennale del gemellaggio [il dirigente giovanni pelosi]

.

San Bernardino il ciclo di letture per bambini organizzate dall’Assessorato alla Cultura nell’ambito del progetto “Nati per leggere”. I bambini, dopo aver ascoltato il racconto a cura di Tricia Caselli, sono stati impegnati nella elaborazione grafica delle 22 scene. I loro disegni sono così stati composti in un vero e proprio libro, cucito con tanto di ago e filo. Oggi la biblioteca si è quindi arricchita di un volume particolarmente prezioso che racconta la storia del patrono del Comune attraverso un testo originale elabo-

rato per l’occasione e illustrato dai disegni dei ragazzi. Il ciclo di letture si è confermato un progetto estremamente valido ed apprezzato sia dai bambini che dai genitori. Soprattutto, ha permesso di far conoscere la nuova biblioteca e favorire il prestito di volumi, incoraggiando la lettura tra genitori e figli [a.m.]

.

Gesti di solidarietà per Villa Evelina

Una nuova TV per il centro Lucrezia Per i ragazzi del centro di Villa Evelina un nuovo televisore di 42 pollici. È stato donato dalla famiglia Donati Claudio grazie alle offerte raccolte in suffragio di Gemino

.


CARTOCETO SCUOLA

I bambini della “Rodari” incontrano il 15° Stormo

Nella “pancia” dell’elicottero

IL GIORNALE DEL METAURO

11

n. 10 maggio - giugno 2011

La festa di fine campionato

SPORT

Sportland: le premiazioni

Lucrezia

In una primaverile mattina di

maggio i bambini della scuola dell’infanzia “Gianni Rodari” di Lucrezia, con le loro maestre e bidelle, festosi, con gli scuolabus sono partitti alla volta dell’aeroporto di Fano. Qual’era la motivazione didattica? Vivere in prima persona una esperienza unica nel genere e irripetibile: dall’aeronautica militare italiana il 15° stormo, a bordo di un elicottero da soccorso HH37, sarebbe arrivato per noi direttamente da Cervia. Il responsabile dell’aeroporto e il collaboratore signor Ettore, ci hanno accolto con cordialità e davanti ad una fotografia presente in sala delle “Frecce Tricolori”, tutti insieme abbiamo cantato l’inno di Mameli. Non si aspettavano certo che bambini così piccoli sapessero per intero l’inno nazionale! Abbiamo visitato gli hangar e osservato vari modelli di velivoli presenti in deposito o manutenzione. Ma l’attesa stava per finire. La radio rice-trasmittente avvisa dell’arrivo dell’elicottero. Prima vediamo in lontananza un puntino verde, poi sempre più grosso e sempre più vicino. Che emozione! Salutiamo con

I bambini mentre visitano la “pancia” dell’elicottero con i militari del 15° stormo dell’Aeronautica militare all’Aeroporto di Fano

grande enfasi, contraccambiati. Il mezzo è sopra di noi, grandissimo, bellissimo, roboante volteggia nel cielo, dando inizio alla sua dimostrazione. Un militare, l’aereosoccorritore, con un cavo fa scendere una barella e poi se stesso. A terra compie il suo giro di ricognizione, dopo di che dà il via libera per l’atterraggio. Scende e noi tutti ci rendiamo conto di quanto sia maestoso e affascinante. L’equipaggio viene in mezzo a noi, ci racconta, ci spiega, ci insegna cose che di certo i libri non ci avrebbero trasmesso. Sono cordiali, disponibili, attratti anche loro da quei 100 bambini che in ordine e disciplina (quasi mili-

tare) entrano uno ad uno nella pancia dell’elicottero, toccando con mano ciò che sembrava irraggiungibile. I bambini pongono delle domande ai piloti, vorrebbero parlare tutti insieme ma il tempo è tiranno, tutti vorremmo che “quel tempo” non finisse mai. È stata questa una esperienza indimenticabile, forte, carica di coinvolgimento personale. La scuola dell’infanzia di Lucrezia è grata e riconoscente a chi si è prodigato a lungo e con caparbietà, all’organizzazione di questo evento. Grazie al 15° stormo e chissà se tutto ciò favorirà la crescita di qualche “pilota in erba!” [alessandra gerosa]

.

La gita dell’Avulss Lucrezia-Cartoceto

In visita ai gioielli della Tuscia

22 maggio - I volontari dell’Avulss, amici e simpatizzanti al rientro dal viaggio a Bagnoregio e Viterbo

Lucrezia

L’Associazione di volontariato

Avulss, che conta circa 10.000 volontari in tutta Italia, ha tre “pilastri” che la sorreggono. Il primo è la formazione continua dei volontari che inizia con il corso-base e continua negli incontri mensili in cui ci si prepara e ci si confronta insieme per svolgere

al meglio il servizio; il secondo è il tempo che i volontari dedicano all’attività socio-sanitaria in strutture quali ospedali, case di riposo e domicilio. Il terzo aspetto, non meno importante, è quello di creare occasioni di incontro fra i volontari. L’Avulss di Lucrezia-Cartoceto organizza durante l’anno diverse attività aperte an-

che ad amici e simpatizzanti anche per far conoscere all’esterno l’associazione. La gita annuale è ormai un classico. Meta di quest’anno è stata la splendida Civita di Bagnoregio e la città di Viterbo con sosta per il pranzo al centro botanico “Moutan” che ha la più vasta collezione al mondo di peonie [c.v.]

.

Cartoceto

Festa di chiusura, organizzata

da Sportland, del 5° campionato Top Tel e del 4° trofeo JSD Allestimenti navali a Cartoceto nel convento degli agostiniani. Presenti molte autorità politiche fanesi e non solo. Nell’occasione sono state premiate tutte le

squadre che nei tre mesi del torneo hanno coinvolto circa 100 giocatori. La vittoria è andata alla Tecnoimpianti che ha superto in finale la VL Gli Alleati. Ora si guarda all’estate con i tornei di beach tennis, beach volley, bocce, calcio a 5 e volley [a.m.]

.

I ricordi di Ezio di Ezio Ambrosini

La bicicletta del Conte Il Conte, questo era il suo cognome, era un anziano ex-lucre-

ziano residente a Fano che era ritornato a Lucrezia nel tempo di guerra per paura dei bombardamenti. Questi erano in pratica i cosiddetti sfollati. Lui fabbricava le “ventarole”, dei ventagli fatti con le penne grandi di tacchino che venivano agitate per mantenere il carbone acceso. Il Conte partiva con la bicicletta e le andava a vendere a Fano, perché in campagna ognuno le faceva da sé per risparmiare. Gli ultimi mesi dal passaggio del fronte (agosto 1944) andando in bicicletta lungo la via Flaminia se si incontravano i tedeschi, ti requisivano la bicicletta e ti lasciavano a piedi: il guaio era che non c’erano i soldi per ricomprarla. Ma il Conte ebbe una brillante idea. Decise di fare delle ruote di legno alla sua bicicletta da donna e così fece. Io allora facevo il fabbro e gli costruii i cerchi con il ferro a mezza mandorla in modo che avesse meno attrito con la strada. Quando andava a Fano mi ricordo che, passando lungo la Flaminia, faceva un gran rumore, la gente lo guardava e rideva divertita e perfino i tedeschi si fermavano a fotografarlo mentre lui tranquillo continuava a pedalare. Era faticoso andare su una bicicletta di quel tipo ma lui come carburante aveva un bicchiere di vino e faceva rifornimento in ogni osteria che incontrava. Ha usato quella bicicletta per molto tempo. Allora molti erano proprietari di biciclette ma non potevano usarle perché mancavano i copertoni: il Conte questo problema non ce l’aveva proprio! Nell’ultimo anno di guerra infatti non si trovavano più i copertoni per le bici. Ce ne erano pochi. Le aziende che li producevano erano al nord e per andarli a prendere si poteva rischiare di imbattersi in qualche bombardamento. Ma la miseria aguzzava l’ingegno: invece del copertone si usava un tubo di gomma. L’unico inconveniente era che in corrispondenza della giuntura la bicicletta sobbalzava un po’. Pazienza, andare a piedi era peggio!

.


12

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

SERRUNGARINA / PIAGGE

Si tiene il 2 giugno a Tavernelle

A colloquio con don Giuseppe Guiducci

San Cipriano: il ponte sulla Flaminia e la Fiera Serrungarina Il ponte di San Cipriano ha lo

Don Peppe: l’energia a Piagge

stesso nome del Monastero, oggi scomparso, che si trovava nei pressi. Nel 1611 venne rifatto dalle fondamenta, dopo che una piena del fosso omonimo (oggi Rio Maggiore) distrusse il ponte precedente. Era questo allora il confine tra il territorio del Contado di Fano e quello di Fossombrone. In un documento del 1796, a firma di Giuseppe Fabri di S. Ippolito, si legge di un ennesimo rifacimento del ponte. Altri ampliamenti vennero eseguito nel 1879: il transito nel frattempo aveva luogo mediante due calate attraversando a guado il Rio Maggiore. Il Ponte di San Cipriano è descritto dal Montecchini (1879) come formato di tre archi semicircolari, dei quali quello di mezzo aveva la corda di metri 8,90 e i due laterali di metri 6,75 ciascuno.

Il ponte di San Cipriano lungo la via Flaminia

Il ponte attuale è stato ricostruito dopo la seconda guerra mondiale. Dedicata a San Cipriano anche la fiera del 2 giugno, giunta alla decima edizione, in programma a Tavernelle dalle ore 8 alle 20. Saranno presenti circa 120 ambulanti nei settori alimentare e 70 espositori di attrezzi agricoli e prodotti artigianali. È prevista un’area con giochi, giostra e autoscontro [s.c.]

.

Colonia estiva per ragazzi

Tintarella a Torrette Serrungarina l Comune di Serrungarina organizza per i bambini delle scuole elementari e per i ragazzi della scuola media la Colonia Marina 2011, presso i Bagni Ermete a Torrette di Fano. Due i turni di 12 giorni ciascuno: il primo dall’1 al 14 luglio per i ragazzi della scuola elementare, il secondo dal 15 al 28 luglio per i ragazzi della scuola media, con partenza alle 7 e rientro alle ore 12. Il contributo delle famiglie è di euro 60. La quota è ridotta nei confronti di più partecipanti del-

I

lo stesso nucleo familiare. È compresa la merenda con bevande. Le domande di ammissione dovranno pervenire in comune entro il 10 giugno utilizzando i moduli disponibili presso il Comune o reperibili sul sito www. comune.serrungarina.ps.it Per la colonia si cerca anche il personale assistente che verrà selezionato dalla cooperativa sociale “La Macina” di Acqualagna. Il modello per la selezione è disponibile presso il Comune di Serrungarina da presentare entro il 15 giugno [a.m.]

.

Piagge

Se pensate che la Chiesa sia

qualcosa di vecchio e stantio, conoscendo questo prete vi farete un’opinione sicuramente diversa. Don Giuseppe Guiducci, 43 anni «portati bene» come tiene a sottolineare lui, è parroco di S. Lucia, una parrocchia che conta 1.024 fedeli. Sacerdote dal 2001, arriva a Piagge nel 2009. Parlando con lui, si capisce subito che non si ha a che fare con il “solito” prete. Don Giuseppe ci racconta che, in parrocchia, oltre all’attività classica si organizzano feste a tema: western, spagnola ed anche un concorso canoro, “Cantando sotto le stelle”: una specie di karaoke in grande stile che quest’anno si terrà il 18 giugno. Don Giuseppe sottolinea, in modo positivo, l’attaccamento delle persone alle tradizioni. Ma lui è anche convinto che il messaggio cristiano possa passare attraverso tutti gli strumenti disponibili e i nuovi linguaggi apprezzati dai giovani. Ci dice però che è una via faticosa

ma che merita di essere percorsa. Gli piace essere contemporaneo ed anche molto concreto: la sua predicazione è esperienziale per questo la tradizione gli sta un po’ stretta. «È paradossale che spesso siano i ragazzi a dire di voler cambiare, poi li trovi sempre al bar o in partenza per la discoteca» afferma provocatoriamente. Il don Giuseppe “innovatore” è anche quello della messa domenicale delle 11, quella dove ci sono più giovani. È qui che da

ColleMar-athon 2011

Il gusto dell’ospitalità Piagge

La Collemar-athon non è sol-

tanto una importante gara podistica, visto e considerato che supera i 1.000 iscritti, ma è una festa, una di quelle giornate di festa che appena ti svegli e vedi bel tempo salti come un grillo e inizi a prepararti, come se quei 1.000 maratoneti fossero tutti tuoi ospiti. Allora vuoi farti vedere al meglio. Inizi a preparare una bella tavolata con tanti dolci, panini,

APERTO ANCHE A PRANZO

frutta e fiori della tua terra, non in privato, ma nella piazza del tuo paese. Questo entusiasmo fortunatamente non lo vivo solo io, peccato che per qualcuno invece sia solo un impiccio: la strada chiusa per quasi tutta la mattinata. Ognuno fa qualcosa, chi arriva con un dolce, chi con un cesto di frutta, chi con un bel vassoio di affettati. Quest’anno abbiamo coinvolto le nostre ragazze e bambine dei corsi di

sfogo alla sua cultura musicale e ai registri linguistici che i giovani comprendono meglio: si passa da un canto d’inizio di Bon Jovi, al segno della pace con le musiche di Irene Grandi. Celine Dion viene usata per il canto di comunione mentre tra i canti finali c’è anche Waka Waka. Ogni Domenica una colonna sonora diversa in base al messaggio del Vangelo che, tiene a sottolineare, è lo stesso di 2000 anni fa. «La musica riesce a veicolare tanti messaggi - ci dice - e qualsiasi cosa del nostro quotidiano, se letta nel modo giusto, ci parla di Dio». Nel suo predicare prende esempi dai giornali, dalla pubblicità. «E poi è sempre importante essere chiari» sottolinea. Lui lo fa, ad esempio, trattando anche temi scottanti come la pedofilia tra i sacerdoti. Don Giuseppe rappresenta sicuramente il volto di una Chiesa che sta sperimentando forme e linguaggi per portare il messaggio evangelico con nuova linfa vitale nel territorio [a.m.]

.

ginnastica ritmica della società Olimpia Cuccurano sezione Piagge. E così sotto la direzione della maestra russa Inna siamo riusciti a far esibire le nostre 30 atlete venute anche da S.Giorgio e da Montemaggiore. Sulle note di “O Sole mio” ed anche proprio sotto il sole le nostre atlete si esibivano davanti ai maratoneti che partiti da Barchi dovevano arrivare a Fano. È stato bello, ma la cosa che più mi ha fatto piacere è che un po’ del mio entusiasmo è stato trasmesso anche ad altri [elisabetta lucertini]

.


IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

psicologia l’esperto risponde

a cura di Cristina Morbidoni

a cura di Giacomo Pietrucci, psicologo e psicoterapeuta

BAMBINI AGGRESSIVI Salve sono una mamma di

un bambino di 6 anni. È figlio unico e, fin dalle prime settimane di scuola si è comportato in modo molto aggressivo con i suoi compagni, provoca continuamente le insegnanti e gli altri bambini. Il suo rendimento scolastico è sufficiente ma la capacità di attenzione ai compiti è scarsa. Io e mio marito abbiamo due modi diversi di reagire: lui cerca di farlo ragionare, di spiegargli i comportamenti che deve adottare a casa e a scuola, io spesso perdo la pazienza e più duramente chiedo che vengano rispettate le regole. Come posso migliorare la situazione visto che ultimamente è sempre più litigioso e disobbediente? Sembra proprio un caso di aggressività: in questa categoria di disturbi la caratteristica essenziale è un comportamento diffidente, ostile e provocatorio. I bambini e ragazzi con questo disturbo risultano litigiosi verso gli adulti, perdono spesso il controllo, sono spesso arrabbiati, risentiti e infastiditi dagli altri. Sfidano costantemente gli adulti e le regole, tendono a incolpare gli altri per i loro errori o difficoltà. Una componente particolare di tale comportamento è che il soggetto solitamente non si considera provocatorio ne tanto meno oppositivo, ma tende a giustificare il suo comportamento come risposta a circostanze non ragionevoli. Purtroppo cara signora come dice anche il mio maestro Giorgio Nardone, a volte “anche con le migliori intenzioni si possono produrre gli effetti peggiori”, nel senso che qui sembra proprio che il cercare di fare ragionare suo figlio non stia funzionando; probabilmente (ma andrebbe fatta una analisi approfondita) questa “tentata soluzione” sta alimentando e mantenendo il problema, oltre al fatto che lei e suo marito avete due modi differenti di porvi con lui che creano più confusione; non preoccupatevi, è comune a tutti i genitori! Genitori non si nasce,

13

TARTINE ITALIA U

Per saperne di più scrivete a dott.pietrucci@gmail.com 328.4680444 www.giacomopietrucci.it

ma si diventa! In ogni terapia indiretta (personalmente lavoro quasi sempre coi genitori per problemi coi bambini) è fondamentale infatti allineare la condotta dei genitori per potenziarne l’efficacia. La mia è una terapia strategica e si basa anche su prescrizioni, cioè dei compiti che vanno eseguiti tra una seduta e un’altra. Pensando a questo caso, vi consiglio di provare con quella che noi “adetti ai lavori” chiamiamo la connotazione positiva e prescrizione del sintomo: potreste dirgli “fai bene a disobbedire, perchè in questo modo permetti a noi di fare meglio i genitori. Quindi d’ora in avanti ti permetteremo di farlo, anzi ti chiederemo noi di disubbidire.” Capisco che può sembrare assurda come richiesta, ma questa prescrizione paradossale pone al bambino due alternative: 1) se disobbedisce ancora stavolta fa ciò che vogliamo e interrompe il comportamento indesiderato: 2) se continua con i comportamenti indesiderati non li farà più spontaneamente ma solo perchè glieli abbiamo imposti noi e non sarà più la stessa cosa: cambierà il significato di questi, tendendo spontaneamente all’estinzione. Bisognerebbe mantenere per un pò di tempo questa linea a orari regolari; è ovvio che un articolo di giornale non è sufficente per spiegare l’evoluzione dell’intervento che andrebbe messo in atto anche a scuola con la collaborazione degli insegnanti: tante sono le “manovre” che si utilizzano per questo tipo di problemi, considerando anche il fatto che vanno tarate in base a come reagiscono i vari membri dei sistemi coinvolti (famiglia e scuola) e in base ad altri aspetti che potrebbero emergere dall’unicità e originalità del caso

.

na ricetta “sperimentata” nei festeggiamenti dello scorso 17 marzo per i 150 anni dell’Italia e perfetta per il prossimo 2 giugno, festa della Repubblica. Come sempre: per dubbi, commenti, tecniche segrete e quant’altro www.angiolettochecucina.it

V

i siete ripresi dai festeggiamenti? Non riponete le bandiere, la festa continua e, devo dire, che mi piace molto questa cosa. Vicino a casa mia spicca un “bandierone” sul balcone di una casa che mi sono chiesta se fossero tre lenzuoli di colori diversi messi ad asciugare al sole, anche se poi, guardando meglio, ho capito che era una super-bandiera cucita in casa. Come dicevo, io ho cominciato i festeggiamenti con amici dalla sera precedente alla festa, ci siamo poi diligentemente allineati al giorno di festa nazionale a mezzanotte, stappando una bella bottiglia di spumante italianissimo. Tra le altre cose con cui abbiamo festeggiato, c’erano queste ottime tartine tricolori che, ad una prima occhiata, sembravano “innocue”, nel senso che potevano essere buonine, ma niente di che… Sollecitata a provarle da chi aveva già abbondantemente provveduto, mi sono fatta convincere … Wow! Erano buonissime e facevano un po’ l’effetto delle ciliegie: una tirava l’altra! Ho subito però capito tutti gli accorgimenti che l’autore aveva utilizzato per rendere ottima una tartina che, al massimo, poteva essere buona… La base: pane morbido, sia all’interno che all’esterno (panino al latte), il kiwi: morbido al punto giusto, né troppo maturo ma neanche spappolato. Mozzarella: freschissima! Pomodoro: vedi kiwi…Olio: supercalifragilistickextraverginedoliva… Ma, soprattutto, il tocco finale decisivo per dargli un tocco di libidine è stata l’aggiunta di una generosa dose di maionese che le ha rese gustosissime

non appena addentate. Non da sottovalutare anche l’effetto visivo che fa molto Italia: non è che però adesso fino al prossimo 31 dicembre dobbiamo mangiare solo qualcosa che abbia tutti i colori della nostra bandiera?!?! INGREDIENTI filoncino di pane al latte mozzarella pomodori maturi kiwi maionese olio e.v.o. sale, pepe PREPARAZIONE Tagliare il pane a fettine di circa un centimetro di spessore, distribuire sopra uno strato di maionese, mezza fetta di pomodoro un rettangolo di mozzarella e mezza fetta di kiwi. Spargere un pizzico di sale sui tre ingredienti e un po’ di pepe sul pomodoro. Finire con un filo d’olio

.

Musica da “gustare” con il piatto Viva l’Italia [Francesco De Gregori]

chetempofarà a cura di Francesco Cangiotti, geologo

Il mese di maggio finora è trascorso all’insegna

del tempo instabile e a tratti molto fresco, prova ne è stata la discesa di aria artica che ha interessato il nostro territorio fra il giorno 15 e il 17, riportando anche la neve sulle cime più alte del Catria e Acuto e facendo registrare nella mattinata di martedì 17, valori minimi localmente prossimi allo zero nei fondovalle appenninici. In questi ultimi giorni una temporanea rimonta dell’alta pressione delle Azzorre, in espansione verso il Mediterraneo centro-occidentale, ha favorito condizioni di maggiore soleggiamento ed un aumento dei valori termici, che si sono riportati attorno alle medie del periodo. Dal giorno 24 maggio a fine mese, purtroppo l’atmosfera tenderà nuovamente a diventare instabile, a causa di una moderata ondulazione delle correnti, proprio in corrispondenza della Germania, Austria e anche della nostra penisola. Correnti quindi più fresche ed instabili, provenien-

ti dall’atlantico centro-settentrionale, accompagneranno il passaggio di varie saccature depressionarie, che sulle nostre zone determineranno l’alternanza di giornate nuvolose associate a rovesci e possibili temporali, durante il passaggio dei fronti, seguiti da qualche giorno più soleggiato e stabile con clima gradevole. Per il tempo stabile e le belle giornate di stampo estivo, bisognerà quindi ancora attendere l’inizio del mese di giugno

.

Per le previsioni metereologiche aggiornate sulla provincia di Pesaro e Urbino: www.pesarourbinometeo.it


14

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011

AGENDA

NUMERI UTILI EMERGENZA Carabinieri 112 Polizia 113 Vigili del Fuoco 115 Guardia di Finanza 117 Emergenza sanitaria 118 Emegenza ambientale e boschiva 1515 Guardia costiera 1530 POLIZIA MUNICIPALE Cartoceto 0721 897022 Fano 800 094141 Fossombrone 0721 723212 Montemaggiore 0721 895312 Saltara 0721 891133 Serrungarina 0721 896121 SANITÀ Centro Unico Prenotazioni (CUP) Numero Verde gratuito solo da telefono fisso: 800.098798 Da telefono mobile (a pagamento): 199.419891 Ospedali Fano 0721 882211 Fossombrone 0721 7211 Poliambulatori Calcinelli 0721 721490 Lucrezia 0721 899023 Fossombrone 0721 721322 Guardia Medica Fossombrone 0721 721252 Fano 0721 882261 Calcinelli 0721 721485

FARMACIE DI TURNO Fossombrone dalle 8.45 del 21/5 alle 8.45 del 28/5 EMANUELLI (Corso Garibaldi, 66) dalle 8.45 del 28/5 alle 8.45 del 4/6 DEL CORSO (Corso Garibaldi, 10) dalle 8.45 del 4/6 alle 8.45 del 11/6 EMANUELLI (Corso Garibaldi, 66)

ORARIO FESTIVO S. MESSE FOSSOMBRONE Duomo Sabato prefestiva 18.00 8.00 - 11.00 S. Agostino 18.00 S. Maria Ausiliatrice Sabato prefestiva 17.00 Domenica 8.30 - 11.00 S. Antonio Abate al Borgo Domenica 9.30 Cappuccini 10.30 - 17.00 Ospedale Lun. e Ven. ore 17.00 Montecelso 10.00 Bellaguardia 10.00 S. Gervasio 9.00 o 11.00 (alterno) S. Anna 9.00 o 11.00 (alterno) S. Martino dei Muri 11.00 Isola di Fano 11.15 S. Maria della Valle 9.30

BASSA VALMETAURO

Maggio 25 mercoledì 26 giovedì 27 venerdì 28 sabato 29 domenica 30 lunedì 31 martedì Giugno 1 mercoledì 2 giovedì 3 venerdì 4 sabato 5 domenica 6 lunedì 7 martedì 8 mercoledì

LUCREZIA TAVERNELLE CALCINELLI PONTE DEGLI ALBERI SALTARA CUCCURANO VILLANOVA CARTOCETO LUCREZIA TAVERNELLE CALCINELLI PONTE DEGLI ALBERI SALTARA CUCCURANO VILLANOVA

Fano Maggio 25 mercoledì 26 giovedì 27 venerdì 28 sabato 29 domenica 30 lunedì 31 martedì Giugno 1 mercoledì 2 giovedì 3 venerdì 4 sabato 5 domenica 6 lunedì 7 martedì 8 mercoledì

BECILLI via S. Lazzaro 14 VANNUCCI via Cavour 2 CENTRALE C.so Matteotti 143 S. ELENA via Alighieri 59 GIMARRA viale Romagna 133 PORTO via I Maggio 2 GAMBA P.zza Unità d’Itali ERCOLANI via Togliatti 3 S. ORSO via S. Eusebio 1 RINALDI via Negusanti 9 PIERINI via Gabrielli 13 BECILLI via S. Lazzaro 14 VANNUCCI via Cavour 2 CENTRALE C.so Matteotti 143 S. ELENA via Alighieri 59

Santuario Beato Sante Sabato prefestiva 17.00 - 19.00 Domenica 7.30 - 9.00 - 11.00

Calcinelli Sabato (Postavecchia) 20.30 Domenica 8.45 - 10 - 11.15 - 17 Saltara 8.00 - 11.15

BIBLIOTECHE

Villanova

Sabato prefestiva 20.30 Domenica ore 10.00

Montemaggiore 8.30 - 11.15 S. Liberio 16.00

Cartoceto

Chiesa parrocchiale 8.00 - 10.45 - 18.00 Convento S. Maria 10.00 Pieve (cimitero) 9.00 Ripalta 9.30 Pozzuolo 9.45

Lucrezia

Sabato prefestiva 18.00 Domenica 8.00 - 9.30 - 11.00 - 18.00

Serrungarina

Sabato prefestiva 17.00 Domenica 10.30

Tavernelle

Sabato prefestiva 20.00 Domenica 9.00 - 11.30

Bargni

19.00 (giugno - luglio - agosto)

Bassa Val Metauro

Ponte Metauro Domenica 7.30 - 11.00 - 17.30 S. Maria Goretti (S. Orso) Sabato prefestiva 19.00 Domenica 8.30 - 11.00 - 18.00 Chiesa dei Tre Ponti 10.00 Sacro Cuore (Centinarola) Sabato prefestiva 18.00 Domenica 8.00 - 11.00 S. Maria (Rosciano) Domenica 9.00 - 11.00 - 18.00 Eremo di Monte Giove 10.00 Convento Benedettine (Rosciano) 7.30 S. Biagio (Cuccurano) Sabato prefestiva 18.00 Domenica 9.00 - 11.00 S. Sebastiano (Bellocchi) Sabato prefestiva 19.00 Domenica 8.30 - 11.00 - 17.00 S. Cesareo (Carrara) Sabato prefestiva 8.00 Domenica 9.00 - 11.00

FANO S. Cristoforo 8.00 - 10.00 - 11.30 - 17.30 Cattedrale Sabato prefestiva 18.00 Domenica 8.30 - 11.00 - 17.30 S. Paterniano Sabato prefestiva 18.30 Domenica 8.00 - 11.30 - 18.30 S. Maria Nuova Sabato prefestiva 19.00 Domenica 6.30 - 9.30 - 19.00 S. Tommaso 10.30 Cimitero Urbano 9.00 - 10.30 Gran Madre di Dio 7.00 - 8.30 - 11.00 - 17.00 S. Giuseppe al Porto Sabato prefestiva 17.00 Domenica 7.30 - 9.30 11.00 - 17.00 S. Marco (Sassonia) Sabato prefestiva 18.00 Domenica 8.30 - 11.15 S. Marco (via Nolfi) 10.00 S. Paolo in Vallato Sabato prefestiva 18.00 Domenica 8.30 - 10.30 - 18.30 S. Giovanni Bosco Domenica 7.30 - 9.30 S. Teresa 9.00 Ospedale S. Croce 7.30 S. Pio X 8.30 - 11.00 - 17.30 S. Famiglia (Fano 2) Sabato prefestiva 19.00 Domenica 8.00 - 11.00 - 17.30

FOSSOMBRONE Biblioteca “Passionei” Via Torricelli, 2/4 Tel. 0721.723238 Orari di apertura: Dal Lunedì al venerdì 12/13.30 - 15.15/18.15 (in ristrutturazione: possibili solo restituzione e consultazione)

FANO

del Metauro Mostre

Spettacoli PROIEZIONE DEL FILM “MIRACLE” Regia di Gavin O’ Connor LUCREZIA Parco centrale - h. 21 Venerdì 27 maggio Ingresso libero

DI DONNE E D’ALTRO ANCORA GUERCINO A FANO FANO Pinacoteca S. Domenico (Via Arco d’Augusto) fino al 1° ottobre Rassegna delle opere che l’artista Giovanni Francesco Barbieri (detto Guercino) realizzò a Fano su commissione delle famiglie notabili. La mostra, oltre alla pinacoteca, coinvolge altri luoghi della città come il Duomo, S. Pietro in Valle, S. Paterniano, Pinacoteca e Museo Civico Comunale. orari: dalle 18 alle 22 giorno di chiusura: Lunedì info: 0721-802885 www.fondazionecarifano.it

Spettacolo ispirato dagli scritti di Luciana Littizzetto. Regia di Tricia Caselli. LUCREZIA Parco centrale - h. 21 Sabato 28 maggio Ingresso libero

RISATE E COMICITÀ ZELIG IN ANTEPRIMA BARCHI Campo sportivo - h. 21.30 Venerdì 3 giugno Ingresso a pagamento Info: 335.6752436

CONCERTI DI MEZZOGIORNO MEMORIE RISORGIMENTALI DELLA CITTÀ DI FANO

Mediateca Montanari - Memo Piazza Pier Maria Amiani Tel. 0721 887 343 www.mediatecamontanari.it Orari di apertura: martedì, mercoledì 15.00/19.00 giovedì, venerdì, sabato 10.00/19.00 domenica 15.00/19.00 lunedì chiuso

Fino al 30 giugno FANO Palazzo De Cuppis Orario: dal 17 al 27 marzo tutti i giorni 17 - 19 dal 2 aprile al 26 giugno Sab/Dom e festivi 17 - 19 Info: 0721.887412

Biblioteca Federiciana – BiF Via Castracane Tel. 0721 887 473 www.bibliotecafedericiana.it Orario di apertura: Biblioteca - Dal lunedì al venerdì 8.30/13.00 - 14.00/18.30 sabato e domenica chiuso Sala Manoscritti - Dal Lunedì al Venerdì (su prenotazione) T. 0721 887 473

L’ETÀ DI PANDOLFO MALATESTI Fino al 6 novembre FANO Museo Civico (Piazza XX Settembre) Orario: Mar/Dom 9 - 13 Mar/Giov/Dom 15 - 18 Lunedì chiuso

FANO Teatro della Fortuna - h. 12 Domenica 5 giugno Ingresso libero Info: 0721.800750

Incontri STASERA PARLIAMO DI... URBINO Presso Istituto di Medicina naturale - Via dei Gelsi, 2 (Loc. Gadana) Lunedì 30 maggio - ore 20.30

Sopravviere a se stessi. Libertà dal cancro Relatore: Massimo Tosini Lunedì 6 giugno - ore 20.30

Cucina bioenergetica: dolci delizie da gustare Relatore: Maria Assunta Bordon www.istitutomedicinanaturale.it

CARTOCETO Biblioteca “Ciscato” Via delle Mura Tel. 0721 898123 (int. 130) www.comune.cartoceto.pu.it Orari di apertura: mercoledì e venerdì 15.00/19.00

SALTARA Biblioteca Comunale Via Marconi, 1 - Calcinelli Tel. 0721 892969 Orari di apertura: lunedì 16/19 - mercoledì 9/12 venerdì 16/19 Informagiovani Via Marconi, 1 - Calcinelli Orari di apertura: lunedì 16/19 - mercoledì e giovedì 9.30/12.30 Informadonna Via Marconi, 1 - Calcinelli Orari di apertura: mercoledì 9.30/10.30

GABRIELE BASILICO DA ISTANBUL A SHANGHAI Fino al 3 luglio PESARO Centro Arti Visive Pescheria Orario: tutti i giorni 10 - 12 / 17.30 - 19.30 Lunedì chiuso www.centroartivisivepescheria.it

LUDOTECA ITINERANTE Per bambini da 3 a 11 anni h. 16.30 - ingresso libero 28 maggio - Fossombrone 29 maggio - Montemontanaro 5 giugno - Cartoceto 9 giugno - Fossombrone 12 giugno - Montemaggiore Info: 389.5442196


AGENDA

del Metauro Chi volesse segnalare un evento può inviare una mail a: redazione@ilmetauro.it

Sport

SAGRA DEI VINCISGRASSI

OLIMPIADI DEI GIOCHI TRADIZIONALI

CARTOCETO 4 - 5 giugno www.prolococartoceto.com

URBANIA Stadio Comunale e Barco Ducale 28 - 29 maggio www.urbania-casteldurante.it

FARRO FEST

MERCATELLO SUL METAURO 4 - 5 giugno Trofeo “Terra” - campionato 2011 Info: 349.1468682

Tetano è una favola moder-

FESTA RAKU

Dal 27 maggio al 5 giugno Serie di eventi in varie località della provincia. Tra essi: Roberto Benigni (28 maggio - Pesaro, Adriatic Arena) Programma completo su: www.festadellafelicità.it

FIERA DI S. CIPRIANO TAVERNELLE DI SERRUNGARINA 2 giugno

Sapori

MINIERA DI URBINO 2-3 giugno Happening culturale e artistico dedicato al pubblico e pensato per far incontrare artisti accomunati dalla voglia di vivere e far vivere emozioni attraverso la ceramica raku e fondere le loro arti in questa Festa www.cortedellaminiera.it

CAMMINATA STORICA DELL’AVIS

FESTA DELLA CAMPAGNA E DEI PIATTI CONTADINI FENILE DI FANO Dal 27 al 29 maggio Info: 338.9161972

FESTIVAL DEL CAFFÈ ITINERANTE

FESTA DEL VOLONTARIATO LUCREZIA Parco centrale - dalle h. 15 Domenica 29 maggio Animazioni, giochi per bambini, lotteria e “Cena solidale” Ingresso libero

PESARO - luoghi vari Dal 27 al 29 maggio Info: 0721.387103

CANTINE APERTE Domenica 29 maggio Tutte le cantine su: www.movimentoturismovino.it

FERMIGNANO Dal 2 al 5 giugno Info: 0722.332142

IL TEMPO DELLE FAVOLE

Eventi

Fiere

SAGRA DELLA TAGLIATELLA

a cura di Cecilia Di Lorenzo

ISOLA DEL PIANO 28-29 maggio Centro storico Info: 334.3903146

FESTIVAL DELLA FELICITÀ

LA MEZZA NOTTE BIANCA DEI BAMBINI PESARO Centro e zona mare 4 - 5 giugno Spettacoli, giochi per bambini, www.mezzanottebianca deibambini.it

FOSSOMBRONE 2 giugno Camminata organizzata dall’Avis di Cartoceto. Il ritrovo è alle 9.15 al distributore metano a Fossombrone. Camminata fino al santuario dei Cappuccini. Visita guidata al convento. Rientro alle macchine a piedi. Pranzo insieme a Euro 20. Info: 335.5778504

PERO O MELO DIMMI IL VERO SANT’IPPOLITO Frutteto del Casaletto - h. 17.30 Domenica 5 giugno “L’unità della cultura oltre la frammentazione del sapere” Peter Kammerer e Luigi Alfieri, dell’Univeristà di Urbino, conversano con Letterio Gatto del Politecnico di Torino. Portare un plaid o cuscino. Al termine “merenda del pensiero” In caso di pioggia la conversazione si terrà al coperto. Info: 0721.728107

na di avventura e crescita a metà strada tra Huckleberry Finn e Stand by me. Secondo romanzo del marchigiano Alessio Torino, classe ‘75, potrebbe esser letto come un romanzo di avventura. Dietro le storia di quattro ragazzini che costruiscono una zattera per attraversare il fiume si coglie la svolta cruciale: la perdita dell’innocenza e l’iniziazione al mondo degli adulti. Tetano è un personaggio misterioso e strano, rimasto vittima di una grande illusione. Tutti gli fanno credere che il padre, in realtà morto, sia solo in viaggio. Ma così facendo lo caricano di un grande fardello: perché la fede nel ritorno del padre regala a tutti l’illusione inconscia che la morte non esista. Una favola al contrario, che il bambino racconta agli adulti. Il secondo libro è Italia di Marco Lodoli che, con la sua scrittura leggera e pulita, coglie sentimenti con grande precisione. Il romanzo si snoda dagli anni Sessanta ad oggi. L’atmosfera è però come sospesa, come se appartenesse ad un mondo lontano. Protagonista è Italia, cresciuta in un misterioso istituto che la prepara a diventare una cameriera presso una famiglia. A lei toccheranno i Marziali: padre ingegnere, madre sempre dedita alle carte e tre figli che ben rappresentano i momenti della nostra storia. Italia sempre presente, osserva tutto.

Alessio Torino TETANO Minimum Fax Marco Lodoli ITALIA Einaudi Pino Cacucci ¡Viva la vida! Feltrinelli

La storia si legge tutta d’un fiato e alla fine, la sorpresa. Quel che sembra un favola amara e dolce è la nostra vita. Per chiudere con una grande fiaba. La vita di Frida Kahlo, raccontata da Pino Cacucci, inviato in Messico, che ci parla di una donna tanto tenace quanto tenera con il suo ¡Viva la vida! Una biografia che racconta la storia di una grande donna e una grandissima artista. Una donna ingabbiata da se stessa eppure ferocemente attaccata alla vita. Dopo esser stata investita da un tram nell’adolescenza, con il corpo massacrato e decine di operazioni dolorosissime a risanarglielo, Frida comincia a dipingere, per sconfiggere il dolore e la pazzia della forzata immobilità e anche per esorcizzare e stigmatizzare il proprio dolore. Mostrerà i quadri a Diego Rivera che la consacrerà come artista e la chiederà in moglie. Ma questo è solo l’inizio di una grande fiaba

Dove trovi il Giornale del Metauro Fano

Calcinelli

Tavernelle

Edicola Stazione FS

Sara & Telly

Supermercato Sial

Edicola - Via Flaminia

Via dei Pioppi, 10

Edicola - via Buratelli

Stazione IP

Fossombrone Ferri Vilma

Lucrezia Niko’s

Tabaccheria Di Paoli

Cuccurano Delbene Matteo

Edicola-cartoleria Circonv. Kennedy, 45

Via Flaminia, 121

Edicola - Via Flaminia

Montemaggiore

Tabacchi Nobili

Edicola - Piazza Dante

Punto e virgola

Barone

Via Flaminia, 112

Il rifugio di Pinocchio

Edicola-cartoleria Viale della Repubblica, 39

Cartoceto Mosciatti Francesco Edicola - Via Peschiera, 33

Saltara Tabacchi Strenga Corso Matteotti, 47

Bar/edicola - Via Roma

Piagge

Villanova

Edi Betty

Smoke Net

Edicola - Via Roma

Via Ponte Metauro, 38

L’abcdario di Pinocchio Via De Gasperi, 3

Edicola-cartoleria Via Pergamino, 42

Astor bar Via Kennedy, 36

Ponte degli Alberi

Il Papiro

Il Giornalaio

Edicola-cartoleria Viale Oberdan

Via Ponte degli Alberi

15

n. 10 maggio - giugno 2011

ilibrisonoviaggi

LA NOTTE BIO

S. LORENZO IN CAMPO Sabato 11 giugno www.proloco-sanlorenzo.it

RAT RACE MERCATELLO

IL GIORNALE DEL METAURO

...e in molti esercizi commerciali della bassa valle del Metauro

.

Il prossimo numero esce l’ Quindicinale di informazione locale Anno 3 - n. 10 / 25 maggio 2011 Direttore responsabile Cecilia Di Lorenzo Redazione Alessandro Marconi Sandra Di Orazio Simona Campolucci Hanno collaborato Gabriele Vampa Impaginazione Claudio Vagnini Editore e Stampa Conte Camillo - Lucrezia Reg. Tribunale di Pesaro n. 561 del 26/05/2009

Redazione e amministrazione via dell’Artigianato 2/2 61030 Lucrezia (PU)

8

GIUGNO

Tel. 0721 877272 - Fax 0721 876671

E-mail: redazione@ilmetauro.it www.ilmetauro.it Facebook: il giornale del Metauro Pubblicità Tel. 0721 877272 Abbonamento annuale Per ricevere il giornale cartaceo a casa: un anno (26 numeri) > 30 euro Per ricevere il giornale digitale in formato pdf: un anno (26 numeri) > 25 euro c/c postale n. 98726284 intestato a Contecamillo Scarl causale: “Abbonamento il Metauro”

Chiuso in redazione il 23 maggio 2011 Copertina: Gianfranco Ghiandoni

Questo giornale è stampato su carta 100% ecologica certificata


16

IL GIORNALE DEL METAURO

n. 10 maggio - giugno 2011


Il Metauro n. 10 2011  

Quindicinale di notizie della Valle del Metauro, regioneMarche - Italia

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you